Sei sulla pagina 1di 72

z ia le

p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
i ri
Finestrepoedsistemi di schermatura solare
gn i ti
too
V ieta
...potenziare il riscaldamento... ...o il raffrescamento...

...o migliorare l'isolamento dell'involucro?

Arch. Rodolfo
Relatore: Arch. Zancan
Rodolfo Zancan rodolfozancan@yahoo.it
Redazione: M. Benedikter & R. Zancan

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

in inverno è piacevole godere del calore che irraggia una stufa

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
una superficie fredda sottrae calore al corpo e provoca sensazioni sgradevoli
z
1. Criterio di valutazione benessere: asimmetria di temperatura d. superfici radianti
ia le
p a r
e n te
∆≤ 2,5 °K he sol am
a n c
z io ne
o d u
i ri pr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Comfort: la differenza di temperatura fra lato destro e sinistro non supera i 2,5 °C

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
i e
VLa finestra da buco nero energetico ad
elemento di riscaldamento ad energia solare!
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

T +V=S + I +R

z ia le
p a r
e n te
s o lam
hec
uz i o[1]
n e a n VETRO
p ro d
di ri
tip o
ogni
et a to
Vi
z ia le
Vetro p a r
e n te
“isolante”
s o l am
n che
ne a
u z io
2
pro d
d i ri float
o
1

i ti p
3
gn4

t ato5 o
V i e
1 Distanziale
2 Intercapedine
3 Sali dessicanti
4 Sigillatura butilica Trattamento e assemblaggio a produrre:
5 Seconda sigillatura stratificato, temperato, basso emissivo…

Il valore Ug


z ia le
p a r
radiazione
e n te
s o l am
conduzione
n che
ne a
io
convezione
d u z
ripro
d i
i ti po
gn
t oo
t
èasufficiente
1 [W/m²K]
V i
non e U g= 
UNI EN 673 calcolo
1/αi + Σ (s/λ) + 1/α a
UNI EN 674 misura
z ia le
Dal vetro singolo al doppio... p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
nte
Il cammino verso i nuovi vetri termoisolanti
m e
sola
he
n c
n e a Ug=3.0
d u zio
rip ro Ug=2.3
d i
i tipo
gn
t atoo Ug=2.2
V i e
Ug= da 1.3 a 1.0
Ug= da 0.9 a 0.5
EN 673

Coating: controllo qualità

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
ente
Il vetro basso emissivo
m
s o la
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

Fattore solare (FS) o “g”


Il fattore solare secondo la norma UNI EN 410

z ia le
interno Definizione:
p a r
te
esterno

e n
am
• Il fattore solare é il

s o l
rapporto in percentuale fra

n c he l‘energia solare globalmente

ne a trasmessa attraverso il vetro e

u z io l‘energia incidente su di esso

pro d
di ri
• Il fattore solare é la somma

tip o tra la trasmissione energetica

gni
diretta (TED) e la parte di

to o assorbimento energetico (AE)


et a
Vi
reirradiato verso l‘interno del
3 AE locale
1+2+3= TED + AE = FS = 59%
Riflessione 41%
z ia le
p a r
ente
La trasmissione luminosa (TL o τ)
o la m
Definizione:
he s
a n c
ne
La trasmissione luminosa é il rapporto fra la quantitá di luce
z io
che passa attraverso il vetro e la luce incidente su di esso.
u
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo Bilancio termico
gn
t atoo della vetrata:
V i e quanto perdo vs.
quanto guadagno
z ia le
Caratteristiche energetiche del vetro basso emissivo
p a r
e n te
Riflessione
100% 79%
s o l am Trasmissione

he
luminosa luminosa

a n c
ne
Passaggio di 13%
io

Coating
calore
d u z
ri
40%
pro Riflessione di calore

d i 60%

i ti po
Energia

gn solare
oo
100%

i et at Calore
V prodotto
100%

Riflessione Fattore
AE solare
41%
59%

Caratteristiche energetiche del vetro isolante selettivo

Riflessione 73%
Trasmissione
100%
le
luminosa luminosa
13%
a r z ia
Passaggio di
te
Riflessione di calore p
e n
am
calore 40% 60%

s o l
he
Energia
solare 100%
a n c
z io ne
o d u
pr
Calore

d i ri prodotto

ti po
Coating

100%

gni
o Riflessione
et a to
Vi 56%
Fattore
solare
AE 44%
z ia le
p a r
Valori a confronto e n te
s o lam
n c he Trasmissione
a
Valore Ug Fattore

z ne
io5,8 W/m²K
luminosa solare

o d u
pr
1) Float 4mm monolitico 90% 85%

d i ri
po
2) Vetro isolante 2 x Float 4mm 2,7 W/m²K 81% 76%

gn i ti
Vetro isolante b.e 2 x 4mm
oo
1,1 W/m²K 79% 59%

i et at isolante triplo 3 x 4mm


V • Vetro
0,5 W/m²K 71% 48%

• Vetro isolante sel.70/40 2x4mm 1,1 W/m²K 73% 44%

Ma il gas quanto dura…?


• La parte piú „importante“ della vetrata é il giunto.

z ia le
• Un giunto „a regola d‘arte“ non permette
p a r
all‘umiditá di entrare e nemmeno al gas di
e n te
uscire…
s o lam
n c he
a
• Dal 01.03.2007 é obbligatoria la marcatura CE
ne
u zio
sulle vetrate isolanti (norma UNI EN 1279-5)

pro d
d i ri
• La norma UNI EN 1279-3 „Vetro per edilizia – vetrate isolanti –
i ti po
n
parte 3: Prove d‘invecchiamento e requisiti per la velocitá di
g
t a t o o di gas e per le tolleranze di concentrazione di gas
perdita
V ie „stabilisce che la percentuale di perdita di gas (Li) deve essere
inferiore all‘ 1% l‘anno“: Li < 1,00 in % a
z ia le
p a r
2014 2034
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
4 – 16 Argon – 4be 4 – 16 Argon – 4be
Ug = 1,1 W/m²K Ug = 1,2 W/M²k

dopo 20 anni,
Grado riempimento 90% Grado riempimento 72%

2014 2034

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
po
ti Ar – 4 – 16 Ar – 4be
i-16
gn
o o U = 0,58 W/m²K (0,6)
4be 4be -16 Ar – 4 – 16 Ar – 4be

i et at g Ug = 0,61 W/m²K (0,6)


V dopo 20 anni, grado di
Grado di riempimento gas: 90% riempimento gas: 72%
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
e
 Intercapedine ideale in base al gas
V i
Gas Intercapedine ottimale (mm)
Aria 16
Argon 16
Krypton 10 - 12

Variazione della trasmittanza


nei vetri doppi
z ia le
p a r
te
Composizione della vetrata Spessore tot. Valore Ug
e n
Float 4 - 10Ar - b.e. 4 18
s o am
l 1,3 W/m²K
1,5 W/m²K
Float 4 - 12Ar - b.e. 4 20
n c he
Float 4 - 16Ar - b.e. 4
ne
24 a 1,1 W/m²K

u zio 28
Float 4 - 20Ar - b.e. 4
pro d 1,2 W/m²K

d i ri
i poKr - b.e. 4
Float 4 -i10
t 18 1,0 W/m²K
o g n 4 - 12 Kr - b.e. 4
t ato Float 20 1,1 W/m²K

V i e Float 4 - 16 Kr - b.e. 4 24 1,1 W/m²K


Float 4 - 20 Kr - b.e. 4 28 1,1 W/m²K
z ia le
Variazione della trasmittanza te p a r
m e n
nei vetri tripli sola
ch e
e a n
u z ion
p ro d
r
Composizione della vetrata
i
di- 10Ar - b.e. 4
Spessore tot. Valore Ug

t i p o
b.e. 4 - 10Ar - Float4 32 0,8 W/m²K
b.e.o4g- n
i
o
12Ar - Float4 - 12Ar - b.e. 4 36 0,7 W/m²K

i et at b.e. 4 - 14Ar - Float4 - 14Ar - b.e. 4


V 40 0,6 W/m²K
b.e. 4 - 16Ar - Float4 - 16Ar - b.e. 4 44 0,6 W/m²K
b.e. 4 - 18Ar - Float4 - 18Ar - b.e. 4 48 0,5 W/m²K

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
z ia le
Vetri isolanti a confronto: doppite p a r
m e n
s o la
n c he
n e a
d u zio
ri p ro
p o di
gn i ti
a to o
Viet

tripli

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
r z i ale
te pa
selettivi
men
s o la doppi
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

selettivi
tripli

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo sicurezza
gn
t atoo
V i e
r z i ale
v.
e a
pfono-
en t
o la m isolanti
he s
a n c doppi
zio ne
o d u
i ripr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Fonoisolamento: vetri tripli

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

Arch. Rodolfo Zancan rodolfozancan@yahoo.it

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
di ri
Bolzano

t i
Doppio vetro isolante
i po
Ug = 1,1 ogn
et a to
Vi
g = 62%

Arch. Rodolfo Zancan rodolfozancan@yahoo.it


z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
i e
Bolzano
VTriplo vetro isolante
Ug = 0,7
g = 60%

Arch. Rodolfo Zancan rodolfozancan@yahoo.it

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
ri
Bolzano
o di
V. selettivo doppiop35/70
Ug = 1,1 ogn
i ti
et a to
Vi
g = 35%

Arch. Rodolfo Zancan rodolfozancan@yahoo.it


z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Vacuum
la ricerca sul
“sottovuoto” z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
gn i tipo [2] DISTANZIALE
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn Il vapore condensa

t atoo prima nel punto più


V i e Distanziatore freddo e col tempo
con disidratante rovina la struttura
ALLUMINIO “GIUNTO CALDO”
z ia le
p a r
• „Warm Edge“ nel vetro isolante significa „giunto caldo“, od
e n te
am
profilo distanziatore termicamente migliorato
s o l
c
• „Termicamente migliorato“ = distanziatore con minore
n he
ne a
conduttivitá termica rispetto all‘ alluminio, che é il distanzia-
tore tradizionale
d u zio
ri p ro Inox
Distanziatore
i
Distanziatore Distanziatore Pvc
alluminio
ti po d (Chromatech)
gni
(Thermix, TGI, Swisspacer)

to o
et a
Vi

Lamdba = 160 Lambda = 14,6 Lambda pvc = 0,23


Lambda inox = 14,6

47
02.10.08

5,7° celsius
con –15° C all’esterno
z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
oo
In un soggiorno di 30m² con facilità si

i et at genera un‘umidità equivalente ad una


V quantità di condensa pari a 1/4 di litro
di acqua.
Passaggio a distanziale con “lambda” minore r z i ale
te pa
m e n
ALLUMINIO PVC
s o la
c h e
e n
a di
Migliora
n
o 4-5°C
zi∆t
ro d u
ri p
p o di
gn i ti
t a t oo
V ie

Modifiche locali a geometria e materiale

z ia le
p a r
Migliora di
e n te
∆t 0,5°C
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
I vantaggio del “giunto caldo” r z i ale
te pa
• Temperatura superficiale del bordo del vetro
m e n
s
Miglioramento di circa 2-5 ° C della temperatura superficialeo ladel bordo del vetro
c h e
e a n
n
• Riduzione della condensa

d u zio superficiale del


ro
La maggiore omogeneita‘ della temperatura
i ri p
vetro interno riduce considerevolmente il rischio di formazione di condensa sui
bordi della vetratao d
n i t ip
• Riduzione
o o g delle muffe
i e t atriduzione della condensa riduce la formazione delle muffe e prolunga
V La
la vita del telaio, soprattutto se di legno
• Di quanto migliora il valore Uw?
L‘utilizzo del „giunto caldo“ migliora di circa 1/10 il valore Uw della finestra. Per
ottenere un simile miglioramento, agendo sul telaio, devo migliorare di almeno il
30% il valore Uf

z ia le
p a r
e n te
s o l am
c he
uz i
[3]
o n e a n TELAIO
p ro d
di ri
tip o
ogni
et a to
Vi
i al e
...le finestre di una volta: vetri e
pa r z
telai
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
ente
Uf - trasmittanza del telaio
am
s o l
Tre metodi ammessi per la sua h
c e
determinazione
e n
a 68 in legno
Applicazione a telaio
zio n IV
ro d u
i ri p
po d U f

t i
1. i Determinazione
n del valore Uf con metodo tabellare
g
o o secondo EN ISO 10077-1 allegato D
at
ca. 1,8

V i et
2. Determinazione del valore Uf tramite calcolo
secondo EN ISO 10077-2 allegato E ca. 1,5

3. Determinazione Uf tramite misurazione di laboratorio


con Hot Box (camera calda) secondo EN 12412-2 ca. 1,3

Metodo tabellare
Applicazione a telai in legno

z ia le
p a r
Legno duro
e n te
am
peso sp. 700kg/m3

s o l
λ = 0.18 W/(mK)

n he
cLegno tenero
ne a
io
duz
peso sp. 500kg/m3

ro
λ = 0.13 W/(mK)
ri p
o di
tip
ogni
et a to
Vi
z ia le
Finestre con uso di Finestre con uso di
r
Finestre con uso di materiali
p a
materiali sintetici materiali naturali
e te
sintetici e naturali
n
s o lam
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
68mm e oltre…
z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Esempio di telai ad elevato isolamento termico: legno e alluminio

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Esempio di telaio ad elevato isolamento termico: solo legno

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo


z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Es. di telaio ad elevato isolamento termico: materiali naturali e sintetici

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Esempio di telaio ad elevato isolamento termico: materiali misti naturali

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo


z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Esempi: finestre in legno combinato con materiali isolanti


Uf: 0,70-0,75 W/mqK altissimo isolamento termico

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Esempio di telaio ad alto isolamento per struttura a montanti e traversi

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo


z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Esempi: portoncini
ad alto isolamento

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo

Sostituzione di serramenti senza opere murarie

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
[4] LAripFINESTRA
ro d u zio NEL
od i
o gn i tSUO COMPLESSO
i p
t ato IL VALORE Uw
V i e
TENUTA AD ARIA E ACQUA

Le finestre e i loro componenti


Ag Ug + Af Uf + Ψd Ld
Uw =
z ia le
Ag + A f p a r
Ψ d Ld e n te
s o lam
he
Miglioramento delle caratteristiche termoisolanti

a n c A g Ug
Ug Vetrocamera g => glazing
ne
zio
[W/(m2K)]

d u
ro [W/(m K)]
Uf Telaio
r i p 2

di
f => frame

tipo
gni
ψd Distanziale [W/(mK)]

t o o
t a
VUie Finestra nel w => window [W/(m2K)] A f Uf
w
suo complesso
z ia le
p a r
La tenuta delle finestre...
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Proposta per capitolati ed elenchi prestazioni


Prestazioni dei serramenti Caratteristiche per serramenti idonei per CasaClima
secondo EN 14351-1 Tenuta all‘aria – Classi prestazionali a secondo UNI EN 12207

le
1 2 3 4

a r z ia
p
Tenuta all’acqua battente- Classi prestazionali a secondo UNI EN 12208

e n te
am
3B 4B 5B 6B 7/B

s o l
he
3A 4A 5A 6A 7A 8A 9A

a n c
ne
Resistenza al vento - Classi prestazionali a secondo UNI EN 12210

d u zio
1A 2A 3A 4A 4A

rip ro 1B 2B 3B 4B 5B

d i 1C 2C 3C 4C 5C

i tipo
gn
oo
Trasmittanza termica –Uw a secondo UNI EN 10077-1 o EN 10077-2

i et at 1,4 1,3 1,2 1,1 1,0 0,9 0,8

V Abbattimento – Classi prestazionali a secondo UNI EN ISO 717-1: 2007


e legge 447/95 D.P.C.M 5/12/97
dB 37 dB 38 dB 39 dB 40
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
te
[5] LA POSA
e s o l am e n

LA GIUNZIONE a n ch FRA
io n e
d u z
ripro
SERRAMENTO E PARETE
o d i
n i tip
oo g
i et at
V
z ia le
p a r
Ug* A g +Uf* Af+Ψdist*Ldist +Ψposa*Lgiunto dinposa
e te
Uw=  s o lam
n c he
e a
A finestra
n
d u zio
ri p ro Uf
Il valore Uwomesso
p di in opera U W
n i ti
o g
o è una costante che
Ψ posato = non
t
ietadalla
Vbensì
dipende dal materiale

Ψdist
posa in opera [W/mK]
Questi valori Ψ nel programma di
calcolo PHPP vengono calcolati Ψposa
come „Fensterblatt“, come
vetratura completa

Ψposa = 0,15 W/mK


Posa molto svantaggiosa Uw posato = 1,19 W/m2K
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z i a le
pa
Ψposa = 0,005 W/mK r
Posa ottimizzata e te
n W/m2K
o la
Uw posatom= 0,78
he s
a n c
zio ne
o d u
i ripr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Soluzione
piú
z ia le
p a r
sfaorevole

e n te dal punto di

am
vista
s o l termico!
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri Soluzione

i tipo più
gn
oo
semplice

i et at da
V realizzare.
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e Soluzione
ideale dal
punto di
vista
termico!

Finestra su muro con


Finestra su parete Finestra a filo interno con
isolamento esterno e
monolitica isolamento termico
isolamento spalletta

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
oo
Isolamento

i et at spalletta

V esterno isolamento isolamento


esterno
esterno
z ia le
Isolazione interna: risky business!! p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Non interrompere la continuità dell’isolante

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
r z i ale
nel piano dell’isolante
te pa
m e n
senza falso
s o la telaio…
n c he
n e a Fissaggio puntuale con
ro duzio degli angolari metallici
i p
o di r
n i tip
oo g Nastro adesivo per
t a t
Vie
completa tenuta all‘aria

Legno squadrato come


supporto meccanico

81
Fonte: [PHD]
02.10.08

Giunto finestra-parete

z ia le
p a r
e n te
so lam
e telaio
senza falso
c h
a n
z io ne
o d u
i ri pr
po d
gn i ti
t atoo
V i e
con falso telaio
z ia le
p a r
Giunto finestra-parete
e n te
o l a m
e s
a n ch
n e
d u zio
rip ro
d i
i tipo
gn
t atoo
V i e

Attacco a
Muratura
monolitica z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
r z i ale
Le schiume da sole non garantiscono la sigillatura!
te pa
m e n
la
Riempimento del
s o
poliuretanica nche
giunto con schiuma

n e a
d u zio
ri p ro
o d i o materiale

n i tip + naturale

o o g
i et at
V
Nastro interno:
tenuta all’aria e al
vapore

Nastro esterno:
tenuta a pioggia e
vento

Sigillatura all’aria : nastri adesivi ed autoespandenti

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
i al e
pa r z
Sigillatura all’aria: giunto
en
controtelaio vs. te
muratura
o la m
he s
a n c
zio ne
o d u
i ripr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
po
i ti
g n
Soglie
t a t o oa taglio termico
Vie
Il “4. lato”

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo


z ia le
Il “4. lato”: bancale p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
[5] SCHERMATURE
che
s o l am
e a n
PER OMBREGGIAMENTO
u z ion
p ro d
ri
Edi PROTEZIONE SOLARE
tip o
ogni
et a to
Vi
le
Bilancio termico estivo: apporti solari parzia
te e n
m
e sola
a n ch
n e
d u zio
rip ro
d i
i ti po
gn
t atoo
V i e

Qcool= (Qi+ Qs) - ɳ (QV + QT)

Surriscaldamento ambiente
Nella stagione calda, la notevole quota
di energia che investe le superfici
esposte all’irraggiamento solare va
z ia le
p a r
gestita evitando che penetri negli
e n te
ambienti interni attraverso le partizioni

s o l am
trasparenti (e in parte anche opache)

n c he
ne a
u zio
pro d
Per quanto riguarda le
d i ri
i ti po
partizioni trasparenti
gn
la gestione può esser fatta

t atoo
prevedendo un adeguato
V i e
sistema di
“schermature”
z ia le
Fattori che determinano gli apporti solari
p a r
e n te
s o lam
he
1
a n c
ne
4
3
u zio
pro d
2 d i ri 6
po
5
gn i ti
t atoo
V i e
1 – irraggiamento (dipendente dalle condizioni climatiche del luogo
2 – orientamento d.superficie (orizzontale o verticale vs. punto cardinale)
3 - elementi esterni (ombreggiamento da parte di elementi del contesto)
4 – aggetti orizzontali o verticali (es. setti, tettoie, balconi)
5 – schermature integrate (es. veneziane o tende parallele alla vetrata)
6– tipo di vetrata (caratteristiche e dimensioni della vetrata)

Diagrammi solari
ostruzioni da parte di rilievi
o edifici nelle vicinanze le
rzi a
p a
mente
s o la
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
a le
arzi
Irraggiamento e clima locale
p
e n te
o la m
Costante solare
he s
1367 W/m2
a n c
z ione
o d u
i ri pr
po d
gn i ti
t at oo
V i e

La costante solare esprime l’intensità media del flusso


energetico al margine dell’atmosfera. Sulla superficie
terrestre l’intensità del flusso è minore perché parte viene
assorbito e diffuso e infine riflesso dalla superficie
terrestre.

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t at oo
V i e
z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t at oo
e
valori tipo di località
i
diretta|diffusa

VKWh/m²
italiane DICEMBRE MAGGIO LUGLIO
N S E|O H N S E|O H N S E|O H
0,55|0,55 2,2|3,5 2,2|4,1
Bolzano 0,4 2,1 0,9 1,1 2,2 2,9 3,8 5,7 2,5 3,0 4,1 6,3

Milano 0,4 1,5 0,7 0,9 2,2 2,8 3,7 5,6 2,2 2,8 3,7 6,7

Roma 0,5 2,6 1,2 1,5 2,3 3,0 4,3 6,5 2,7 4,2 4,9 7,5
settembre

Due stagioni un
solo vetro?
z ia le
p a r
Esigenze invernali:
e n te
s o lam
minimizzazione dispersioni termiche Ug basso

c h e
massimo sfruttamento apporti solari g elevato

a n
modulazione/massimizzazione luminosità τv elevata

z ione
o d u
i ri pr
po d
gn i ti
t at oo
V i e Esigenze estive:
minimizzazione scambi termici vs. esterno Ug basso
max riduzione apporti solari esterni g elevato
modulazione/massimizzazione luminosità τv elevata
z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

…amongotherthingsshading…

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Schermature fisse z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

Schermature orizzontali ed aggetti: efficacia in relazione all’esposizione

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
atoo
Un aggetto orizzontale, come per esempio al sporgenza di un balcone, quando è esposto a
t
V i e
SUD ha un effetto efficace nell’ombreggiare nella stagione estiva, mentre in quella invernale
lascia penetrare una bella quantità di energia grazie al fatto che il sole è basso all’orizzonte.
Qualora sia applicato su esposizioni verso EST o OVEST non presenta gli stessi vantaggi
perché il sole è basso in entrambe le stagioni.
le
rzia
Fattore di ombreggiamento geometrico di sbalzo orizzontale
pa
en te
o la m
he s
a n c
zio ne
o d u
i ripr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Ombreggiamento di sbalzo orizzontale


vs. Sud

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Ombreggiamento di sbalzo orizzontaleziale
p a r
vs. Ovest nte me
e sola
a n ch
n e
d u zio
rip ro
d i
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
r
Trasmissione di calore attraverso schermo + vetro.z i ale
a p
e n te
o la m
he s
a n c
z io ne
o d u
i ri pr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Coefficienti (schermo + vetrata)


Il fattore solare totale gtot(total
solarenergytransmittance*) è il rapporto
r z
fra il flusso termico trasmesso attraverso i alile
e
pacchetto schermo+vetrata e tquello pa
m e n della
s o la
incidente sulla superficie esterna
he
combinazione stessa.
c
a n
z io ne
τe,B fattore di trasmissione solare dello schermo (solartrasmittanceofthe blind)

d u
è la parte di radiazione solare incidente sullo schermo trasmessa per via diretta
o
ri pr
ρe,B fattore di riflessione solare dello schermo (solarreflectanceofthe blind)
i
d
è la parte di radiazione solare incidente sullo schermo riflessa dallo schermo
po
gn i ti
αe,B fattore di assorbimento solare dello schermo (solarabsorptanceofthe blind)

oo
è la parte di radiazione solare assorbita dallo schermo:

i et at
che poi riemetterà in parte verso l’interno (qi) pari alla componente secondaria
V τe,B + ρe,B+ αe,B = 1 gtot = τe,tot + qi,tot
* Il fattore solare totale si calcola secondo normativa solo per schermature parallele alla vetrata
Trasmissione di luce attraverso schermo + vetroziale
p a r
m ente
s o la
n che
ne a
u z io
pro d
d i ri *

i ti po
gn
t at oo
V i e

Coefficienti (schermo + vetrata)


La trasmissione luminosa totale τv,
tot(total light transmittance) è il rapporto
r z i ale
pa
fra il flusso luminoso trasmesso attraverso
il pacchetto schermo+vetrata
e n tee quello
o
incidente sulla superficie m
la esterna della
e s
combinazione
*
a n chstessa.
τv,B
ion e
fattore di trasmissione luminosa dello schermo (light trasmittanceof the blind)
d u z
o
è la parte di flusso luminoso incidente sullo schermo trasmessa per via diretta
p r
di ri
ρv,B fattore di riflessione luminosa dello schermo (light reflectanceof the blind)

tip o
è la parte di flusso luminoso incidente sullo schermo riflessa dallo schermo

gni
Ρ’v,B fattore di riflessione luminosa dello schermo (light reflectanceof the blind)

to o
riferito alla faccia dello schermo opposta a quella della radiazione solare incidente
et a
Vi
αv,B fattore di assorbimento luminoso dello schermo (light absorptanceof the blind)
è la parte di flusso luminoso assorbito dallo schermo: non è riemesso
Sono tutti coefficienti adimensionali il cui valore varia fra 0 e 1 (ovvero 0-100%)
z ia le
Schermature parallele alla vetrata: 3 posizioni
p a r
e n te
La posizione della schermatura rispetto alla vetrata è determinante nell’efficacia nel
s o l am
ridurre gli apporti solari (gtot) e il grado di oscuramento relativo. Il calcolo dei relativi
c he
coefficienti può essere fatto secondo EN 13363-1 o EN-13363-2.
n
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

esterno in intercapedine interno

Schermatura esterna

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
r
Scuri/persiane esterni z i ale
a p
e n te
o la m
he s
a n c
z ne
ioBaumschlager&Eberle, Wohnsiedlung in Innsbruck (A)
o d u
i ripr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Scuri/persiane esterni: lamiere


traforate

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Veneziane integrate esterne rziale
a p
e n te
o la m
he s
a n c
zio ne
o d u
i ripr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Teli screen
esterni

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
le
rzia
Teli screen esterni
pa
en te
o la m
he s
a n c
zio ne
o d u
i ri pr
po d
gn i ti
t at oo
V i e

Interpretazioni particolari: lamelle orientabili in vetro

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t at oo
V i e
Finestradi casa d’abitazione a Cuba

Torre AgbarBarcellona (Jean


Nouvel)
z ia le
Schermatura in intercapedine
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Schermatura all’interno del


vetrocamera

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Schermatura all’interno del vetrocamera z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Schermatura all’interno del vetrocamera

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
“soluzioni ibridearzial
e
te p
e
complesse”nm
s o la
n che
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e

Jean Nouvel, Institutedu monde arabe, Paris (F)

“soluzioni ibride”

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u z io
pro d
d i ri
Nelle facciate a doppia pelle solitamente il
i ti po
frangisole viene applicato all’interno
gn
oo
dell’intercapedine ventilata che si viene a
i et at
creare: così sarà meno visibile all’esterno
V
e più protetto dagli agenti atmosferici.
Similmente questo può avvenire anche
per facciate a cellule o singoli serramenti,
laddove però è assente l’effetto camino
naturale.
le
rzia
“soluzioni ibride complesse”
pa
en te
o la m
he s
a n c
z io ne
o d u
i ri pr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Il fattore solare previsto di 30% è stato


raggiunto grazie alla combinazione di una
serigrafatura a sfumare sulla lastra più esterna
(faccia 2) e l’applicazione di vetri selettivi sui lati
sud e ovest
Roland Baldi, Parco aziendale Syncom a
Bressanone (BZ)

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i ti po
gn
t atoo
V i e
Fotovoltaico integrato

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo


le
rzia
Shadecalc: calcolo di gtot e τv secondo EN 13363/1 (metodo
pa
semplificato)
en te
o la m
he s
a n c
zio ne
o d u
i ripr
po d
gn i ti
t atoo
V i e

Ombreggiatura: prescrizioni della direttiva CasaClima


Schermature mobili
Regime estivo CasaClima consiglia di dotare ogni vetrata esposta
z ia le
a r
all’irraggiamento solare (con orientamento Nord-
p
n te
Est, Est, Sud-Est, Sud, Sud-Ovest, Ovest, Nord-
e
am
Ovest, orizzontali o variamente inclinata) di un
s o l
sistema di ombreggiamento mobile esterno, come

n c he
veneziane, tapparelle, tende completamente

ne a
opache. In questi casi non si richiede nessuna

u zio
verifica particolare.

pro d
ri
Ai fini della protezione termica estiva, CasaClima
d i
po
non accetta nessun tipo di sistema oscurante o

gn i ti filtrante interno o posizionato all’interno delle

oo
vetrate o delle finestre. Casi particolari saranno

i et at vagliati dall’Agenzia.
V Nel caso in cui le vetrate siano prive di qualsiasi
sistema di schermatura si fa riferimento a quanto
previsto per le schermature fisse.
z ia le
p
Ombreggiatura: prescrizioni della direttiva CasaClima a r
e n te
Regime estivo s o l am
he
Schermature fisse

a n c
I sistemi di ombreggiamento esterni fissi devono

io ne
garantire, per ogni orientamento degli elementi vetrati
z
o d u(verticali, orizzontali o variabilmente inclinati), una

i ripr riduzione dell’irradianza solare massima estiva

po d
i ti
definita come segue:

gn per ogni elemento vetrato l’irradianza massima

t atoo estiva (durante le ore del giorno in quella

V i e determinata località), deve risultare inferiore ai


valori di irradianza massima estiva intercettati da
una vetrata uguale a quella considerata (quindi
nelle medesime condizioni di inclinazione), priva
di elementi oscuranti o filtranti orientata a Nord. *
vedi tabella F della direttiva CasaClima
L’irradianza massima estiva viene definita dalla
norma UNI 10349/1994 con i relativi aggiornamenti.

Ombreggiamento a impacchettamento nascosto

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
z ia le
Veneziana esterna: applicazione
p a r
e n te
s o l am
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Case a schiera, Lana (BZ)


Progetto Arch. Manuel Benedikter

Veneziana esterna: applicazione

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Case a schiera, Renon (BZ)
Progetto Arch. M. Benedikter
z ia le
Veneziana esterna: applicazione
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t at oo
V i e

Sopelevazione di un edificio
residenziale, Val d’ultimo (BZ)
Progetto Arch. M. Benedikter

Progetto di casa passiva ad


Aldino a struttura in legno

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
Progetto: Arch. Manuel Benedikter | Arch Rudi Zancan

u zio
pro d
d i ri
i ti po
gn
t at oo
V i e
z ia le
p
Edificio IPES realizzato: CasaClima a r
Gold
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

z ia le
p a r
e n te
s o lam ?
n che
ne a
u zio
Il cassonettori pro d
o d i
tip
dimenticato?
gni o
et a to
Vi
z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Cassonetto (ispez. ext.) e monoblocco

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Cassonetto (ispez. ext.) e architrave

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo


z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Il cassonetto e la ristrutturazione prog. Arch. Benedikter

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo

Il cassonetto e la ristrutturazione prog. Arch. Zancan

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u z io
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo


z ia le
Cassonetto per il risanamento
p a r
Fonte: www.roma.de

e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Cassonetto per risanamento

z ia le
p a r
e n te
s o lam
n che
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e
Fonte: posaclima renova
z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e

Il cassonetto e la ristrutturazione prog. Arch. Zancan

I prodotti sono sono stati scelti esclusivamente a scopo didattico ed esemplificativo

Grazie per
l’attenzione

z ia le
p a r
e n te
s o l am
n c he
ne a
u zio
pro d
d i ri
i tipo
gn
t atoo
V i e