Sei sulla pagina 1di 1011

Manuale d’uso

Sismicad 12.12

Concrete s.r.l. Marzo 2018


Copyright © 2018 by Concrete s.r.l.
Tutti i diritti riservati a norma di legge.
Si ringraziano i numerosi colleghi e collaboratori che nel corso degli anni hanno contribuito con preziosi
suggerimenti alla stesura del programma e alle sue successive correzioni e integrazioni.
Indice

1  INFORMAZIONI GENERALI ...................................................................................................................... 15 


1.1  COPYRIGHT E TERMINI DELLA LICENZA D'USO.................................................................................................. 15 
1.2  RESPONSABILITÀ......................................................................................................................................... 15 
1.3  RICONOSCIMENTI ........................................................................................................................................ 16 
1.4  CONFIGURAZIONE HARDWARE E SOFTWARE RICHIESTA .................................................................................... 16 
1.5  AVVERTENZE GENERALI ............................................................................................................................... 16 
1.6  CAD SUPPORTATI ....................................................................................................................................... 16 
2  INSTALLAZIONE E AVVIO DEL PROGRAMMA ...................................................................................... 19 
2.1  INSTALLAZIONE DA DVD .............................................................................................................................. 19 
2.2  INSTALLAZIONE DA DVD .............................................................................................................................. 19 
2.3  HARDWARE UTILIZZABILE ............................................................................................................................. 19 
2.4  ISTRUZIONI PER L’INSTALLAZIONE E L’UTILIZZO DELLA CHIAVE DI RETE ............................................................... 19 
2.5  AVVIO DEL PROGRAMMA............................................................................................................................... 20 
2.6  CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA .............................................................................................................. 20 
3  DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA .......................................................................................................... 21 
3.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................... 21 
3.2  DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA .................................................................................................................... 21 
3.3  MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA ............................................................................................................... 23 
3.4  PROGETTAZIONE ELEMENTI STRUTTURALI ...................................................................................................... 23 
3.5  MODIFICHE STRUTTURALI A CALCOLI ESEGUITI ................................................................................................ 23 
3.6  ELABORATI DI PROGETTO ............................................................................................................................. 24 
3.7  NORME DI ANALISI E DI VERIFICA ................................................................................................................... 24 
4  AMBIENTE OPERATIVO ........................................................................................................................... 25 
4.1  STRUMENTI ................................................................................................................................................ 25 
4.2  BARRA DI STATO ......................................................................................................................................... 25 
4.3  RIGA DI COMANDO ....................................................................................................................................... 25 
4.4  FINESTRE ................................................................................................................................................... 25 
4.5  SISTEMA DI UNITÀ DI MISURA......................................................................................................................... 32 
5  STRUMENTI DEL MENU FILE ................................................................................................................... 33 
5.1  ASSISTENTE… ............................................................................................................................................ 33 
5.2  NUOVO… ................................................................................................................................................... 35 
5.3  APRI… ...................................................................................................................................................... 36 
5.4  APRI IN WINDOWS ....................................................................................................................................... 36 
5.5  CHIUDI ....................................................................................................................................................... 36 
5.6  SALVA........................................................................................................................................................ 36 
5.7  SALVA CON NOME… .................................................................................................................................... 36 
5.8  IMPORTA .................................................................................................................................................... 37 
5.9  ESPORTA ................................................................................................................................................... 39 
5.10  OPZIONI… ................................................................................................................................................. 42 
5.11  IMPOSTA PAGINA… ..................................................................................................................................... 48 
5.12  STAMPA….................................................................................................................................................. 48 
5.13  ANTEPRIMA DI STAMPA… ............................................................................................................................. 48 
5.14  LISTA ULTIME COMMESSE ............................................................................................................................. 48 
5.15  ESCI .......................................................................................................................................................... 48 
6  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ......................................................................................................... 49 
6.1  ANNULLA .................................................................................................................................................... 49 
6.2  RIPETI........................................................................................................................................................ 49 
6.3  TAGLIA ....................................................................................................................................................... 49 
6.4  COPIA ........................................................................................................................................................ 49 
6.5  INCOLLA ..................................................................................................................................................... 50 
6.6  CANCELLA .................................................................................................................................................. 50 
6.7  SELEZIONA TUTTO ....................................................................................................................................... 51 
6.8  DESELEZIONA TUTTO ................................................................................................................................... 51 
6.9  MEMORIZZA ................................................................................................................................................ 51 
6.10  APPLICA ..................................................................................................................................................... 51 
6.11  COPIA PROPRIETÀ ....................................................................................................................................... 51 
Indice Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

6.12  COPIA IMMAGINE ......................................................................................................................................... 51 


6.13  CREA MARCHIO VISTA .................................................................................................................................. 51 
6.14  TROVA ....................................................................................................................................................... 51 
7  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA......................................................................................................59 
7.1  RIDISEGNA ................................................................................................................................................. 59 
7.2  ZOOM......................................................................................................................................................... 59 
7.3  PAN ........................................................................................................................................................... 59 
7.4  PUNTI DI VISTA 3D ....................................................................................................................................... 59 
7.5  PUNTO DI VISTA PRECEDENTE .......................................................................................................................61 
7.6  PUNTO DI VISTA SUCCESSIVO ........................................................................................................................61 
7.7  LAYER ........................................................................................................................................................ 62 
7.8  VISIBILITÀ ................................................................................................................................................... 63 
7.9  RIEMPIMENTO FACCE ................................................................................................................................... 63 
8  STRUMENTI DEL MENU VISTE ................................................................................................................ 65 
8.1  NUOVA VISTA .............................................................................................................................................. 66 
8.2  MODIFICA VISTA… ....................................................................................................................................... 87 
8.3  CHIUDI VISTA .............................................................................................................................................. 88 
9  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ....................................................................................................... 89 
9.1  PREFERENZE…........................................................................................................................................... 89 
9.2  AZIONI… .................................................................................................................................................. 152 
9.3  QUOTE… ................................................................................................................................................. 163 
9.4  SITO… ..................................................................................................................................................... 167 
9.5  MATERIALI… ............................................................................................................................................ 170 
9.6  SEZIONI C.A… .......................................................................................................................................... 192 
9.7  SEZIONI LEGNO…...................................................................................................................................... 195 
9.8  PROFILI ACCIAIO… .................................................................................................................................... 198 
9.9  RETICOLARI…........................................................................................................................................... 204 
9.10  CERNIERE… ............................................................................................................................................. 207 
9.11  SOLAI… ................................................................................................................................................... 209 
9.12  FONDAZIONI… .......................................................................................................................................... 210 
9.13  TERRENI DI FONDAZIONE….........................................................................................................................213 
9.14  FUNZIONI … ............................................................................................................................................. 214 
9.15  ISOLATORI… ............................................................................................................................................. 215 
9.16  FERRAMENTA PER LEGNO… .......................................................................................................................218 
9.17  TASSELLI… .............................................................................................................................................. 229 
9.18  ELIMINA ELEMENTI INUTILIZZATI DATABASE COMUNE ...................................................................................... 232 
9.19  POLITICA DI CANCELLAZIONE ELEMENTI DAL DATABASE .................................................................................. 232 
10  STRUMENTI DEL MENU DISEGNA ........................................................................................................ 233 
10.1  TRAVE C.A… ............................................................................................................................................ 233 
10.2  PILASTRO… ............................................................................................................................................. 236 
10.3  PIASTRA… ............................................................................................................................................... 238 
10.4  PIASTRA GENERICA… ................................................................................................................................ 241 
10.5  PARETE C.A.… ......................................................................................................................................... 241 
10.6  SCALE C.A. ............................................................................................................................................... 244 
10.7  PARETE MURATURA…................................................................................................................................ 251 
10.8  TRAVE IN LEGNO… .................................................................................................................................... 252 
10.9  COLONNA IN LEGNO… ............................................................................................................................... 254 
10.10  PARETE IN LEGNO… ............................................................................................................................... 255 
10.11  TRAVE IN ACCIAIO… ............................................................................................................................... 259 
10.12  COLONNA IN ACCIAIO… ...........................................................................................................................262 
10.13  RETICOLARE IN ACCIAIO… .......................................................................................................................264 
10.14  TRAVE TRALICCIATA… ............................................................................................................................265 
10.15  PLINTO SUPERFICIALE…..........................................................................................................................265 
10.16  PLINTO SU PALI… ................................................................................................................................... 267 
10.17  PALO… ................................................................................................................................................. 268 
10.18  CARICO CONCENTRATO… .......................................................................................................................269 
10.19  CARICO LINEARE… ................................................................................................................................. 270 
10.20  CARICO SUPERFICIALE… .........................................................................................................................271 
10.21  CARICO TERRENO… ............................................................................................................................... 273 
10.22  VINCOLO… ............................................................................................................................................ 274 
10.23  ANCORAGGIO PARETI IN LEGNO… ............................................................................................................275 
10.24  ISOLATORE SISMICO… ............................................................................................................................276 
10.25  LEGAME RIGIDO… .................................................................................................................................. 277 
10.26  APPOGGIO TRAVE… ............................................................................................................................... 278 
10.27  FINESTRA… ........................................................................................................................................... 278 
10.28  FORO… ................................................................................................................................................ 279 
10.29  FILO FISSO… ......................................................................................................................................... 280 
10.30  FILI IN AUTOMATICO… .............................................................................................................................281 

vi
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso Indice

10.31  RINUMERA FILI… .................................................................................................................................... 281 


10.32  LINEA… ................................................................................................................................................ 282 
10.33  POLILINEA… .......................................................................................................................................... 282 
10.34  GENERA ELEMENTI… .............................................................................................................................. 283 
10.35  GENERA COME QUESTO… ....................................................................................................................... 283 
10.36  COMMENTO…........................................................................................................................................ 284 
10.37  EDITOR PUNTI ........................................................................................................................................ 284 
11  STRUMENTI DEL MENU EDITA .............................................................................................................. 287 
11.1  SPOSTA ................................................................................................................................................... 287 
11.2  RUOTA ..................................................................................................................................................... 287 
11.3  COPIA ...................................................................................................................................................... 287 
11.4  SPECCHIA ................................................................................................................................................ 288 
11.5  SERIE…................................................................................................................................................... 288 
11.6  STIRA ...................................................................................................................................................... 289 
11.7  ESTRADOSSA............................................................................................................................................ 289 
11.8  OFFSET ................................................................................................................................................... 290 
11.9  APPLICA PROPRIETÀ… .............................................................................................................................. 290 
11.10  DIVIDI ................................................................................................................................................... 290 
11.11  ESTENDI RIDUCI ESTREMITÀ ..................................................................................................................... 291 
11.12  INVERTI ................................................................................................................................................. 291 
11.13  CONVERTI ENTITÀ…............................................................................................................................... 291 
11.14  SPOSTA PUNTI FEM IN PIANTA ................................................................................................................. 292 
11.15  SPOSTA PUNTI FEM 3D .......................................................................................................................... 293 
11.16  IMPOSTA PUNTI FEM PREDEFINITI ............................................................................................................ 293 
12  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI.................................................................................................... 295 
12.1  INPUT DA DISEGNO… ................................................................................................................................. 295 
12.2  INPUT DA TASTIERA… ................................................................................................................................ 295 
12.3  CREA MODELLO… ..................................................................................................................................... 296 
12.4  CALCOLO F.E.M. ...................................................................................................................................... 296 
12.5  RISOLUZIONE COMPLETA… ........................................................................................................................ 297 
12.6  TRAVE CONTINUA… .................................................................................................................................. 297 
12.7  INTERROGA .............................................................................................................................................. 298 
12.8  DETTAGLI… ............................................................................................................................................. 299 
12.9  IMPOSTAZIONI ........................................................................................................................................... 299 
12.10  ATTRIBUZIONE CARICHI ........................................................................................................................... 300 
12.11  BANDE DI COLORE .................................................................................................................................. 302 
12.12  RIMUOVI FILE INUTILIZZATI….................................................................................................................... 307 
12.13  PERSONALIZZA… ................................................................................................................................... 308 
13  STRUMENTI DEL MENU VERIFICHE ..................................................................................................... 309 
13.1  VERIFICA TRAVATA C.A…. .......................................................................................................................... 309 
13.2  VERIFICA PILASTRATA… ............................................................................................................................ 309 
13.3  VERIFICA SETTI…...................................................................................................................................... 310 
13.4  VERIFICA PARETI C.A.…............................................................................................................................ 310 
13.5  VERIFICA PIASTRE E PLATEE… ................................................................................................................... 311 
13.6  VERIFICA PLINTO… ................................................................................................................................... 311 
13.7  VERIFICA PALI… ....................................................................................................................................... 312 
13.8  VERIFICA TRAVATA TRALICCIATA… .............................................................................................................. 312 
13.9  DEFINIZIONE TRAVATA ............................................................................................................................... 313 
13.10  DEFINIZIONE PILASTRATA… ..................................................................................................................... 313 
13.11  DEFINIZIONE TRAVATA TRALICCIATA .......................................................................................................... 314 
13.12  PROGETTO AUTOMATICO… ..................................................................................................................... 314 
13.13  ESPORTA SEZIONE TRAVE C.A. IN PRESFLE... ........................................................................................... 315 
13.14  OPZIONI VERIFICA TRAVATE C.A. … .......................................................................................................... 315 
13.15  OPZIONI VERIFICA PILASTRATE… ............................................................................................................. 315 
13.16  OPZIONI PIASTRE E PLATEE… .................................................................................................................. 315 
13.17  OPZIONI VERIFICA PLINTI…...................................................................................................................... 316 
13.18  OPZIONI VERIFICA PALI… ........................................................................................................................ 316 
13.19  OPZIONI VERIFICA SOLAI C.A. ….............................................................................................................. 316 
13.20  DEFINIZIONE AUTOMATICA SUPERELEMENTI IN ACCIAIO ............................................................................... 316 
13.21  DEFINIZIONE SUPERELEMENTO IN ACCIAIO ................................................................................................. 316 
13.22  VERIFICA SUPERELEMENTI IN ACCIAIO ....................................................................................................... 316 
13.23  DEFINIZIONE AUTOMATICA ESTREMI NOTEVOLI ........................................................................................... 317 
13.24  NUOVO ESTREMO NOTEVOLE…................................................................................................................ 317 
13.25  VERIFICA COLLEGAMENTI ASTE IN ACCIAIO................................................................................................. 318 
13.26  PROGETTO AUTOMATICO NODI DI RETICOLARE… ....................................................................................... 318 
13.27  OPZIONI VERIFICA ASTE ACCIAIO… ........................................................................................................... 319 
13.28  PROGETTO AUTOMATICO PARETI IN LEGNO ................................................................................................ 319 
13.29  VERIFICA PARETI IN LEGNO… .................................................................................................................. 320 

vii
Indice Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

13.30  VERIFICA COLLEGAMENTI PARETI IN LEGNO… ............................................................................................ 320 


13.31  DEFINIZIONE AUTOMATICA SUPERELEMENTI IN LEGNO ................................................................................. 321 
13.32  DEFINIZIONE SUPERELEMENTO IN LEGNO ...................................................................................................321 
13.33  VERIFICA ASTE/SUPERELEMENTI IN LEGNO.................................................................................................321 
13.34  VERIFICA ASTA AL FUOCO ........................................................................................................................322 
13.35  VERIFICA COLLEGAMENTI ASTE IN LEGNO...................................................................................................322 
13.36  OPZIONI VERIFICA COMUNI LEGNO… .........................................................................................................323 
13.37  OPZIONI VERIFICA PARETI IN LEGNO… ......................................................................................................323 
13.38  OPZIONI VERIFICA COLLEGAMENTI PARETI IN LEGNO… ................................................................................ 324 
13.39  OPZIONI VERIFICA COLLEGAMENTI ASTE IN LEGNO… ................................................................................... 325 
13.40  OPZIONI VERIFICA SOLAI IN LEGNO… ........................................................................................................326 
13.41  VERIFICA MURATURA… ...........................................................................................................................326 
13.42  VERIFICA MURATURA ARMATA… ...............................................................................................................326 
13.43  VERIFICA CINEMATICA LINEARE.................................................................................................................326 
13.44  OPZIONI COMUNI VERIFICA MURATURA… ...................................................................................................327 
13.45  OPZIONI VERIFICA MURATURA ARMATA… ..................................................................................................328 
13.46  VERIFICA SOLAIO… ................................................................................................................................ 328 
13.47  VERIFICA EDIFICI ESISTENTI .....................................................................................................................329 
13.48  VERIFICA ISOLATORI................................................................................................................................ 329 
13.49  VERIFICA GIUNTO SISMICO .......................................................................................................................329 
13.50  RIVALIDA VERIFICHE… ............................................................................................................................329 
14  STRUMENTI DEL MENU ELABORATI .................................................................................................... 331 
14.1  RELAZIONI ................................................................................................................................................ 331 
14.2  PIANTE E PROSPETTI .................................................................................................................................. 331 
14.3  TAVOLE .................................................................................................................................................... 331 
14.4  COMPUTI .................................................................................................................................................. 331 
15  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ....................................................................................................... 333 
15.1  RISULTATICALCOLO ................................................................................................................................... 333 
15.2  RELAZIONI ................................................................................................................................................ 333 
15.3  PIANTE E PROSPETTI .................................................................................................................................. 334 
15.4  TAVOLE .................................................................................................................................................... 334 
15.5  CRONOLOGIA ............................................................................................................................................ 334 
15.6  PROPRIETÀ ............................................................................................................................................... 334 
15.7  PUNTO DI VISTA ......................................................................................................................................... 334 
15.8  LAYER ...................................................................................................................................................... 334 
15.9  MAPPATURA COLORI .................................................................................................................................. 335 
15.10  NOTE .................................................................................................................................................... 335 
15.11  COMMENTI ............................................................................................................................................. 335 
15.12  SOVRAPPONI.......................................................................................................................................... 335 
15.13  AFFIANCA ORIZZONTALMENTE ..................................................................................................................335 
15.14  AFFIANCA VERTICALMENTE ......................................................................................................................335 
15.15  CHIUDI FINESTRA .................................................................................................................................... 335 
15.16  CHIUDI TUTTO ........................................................................................................................................ 335 
16  STRUMENTI DEL MENU AIUTO..............................................................................................................337 
16.1  INTRODUZIONE A SISMICAD 12 ....................................................................................................................337 
16.2  NOVITÀ .................................................................................................................................................... 337 
16.3  MANUALI .................................................................................................................................................. 337 
16.4  TUTORIAL ................................................................................................................................................. 337 
16.5  VALIDAZIONE SOFTWARE ............................................................................................................................337 
16.6  RICHIESTA DI ASSISTENZA ..........................................................................................................................337 
16.7  CONCRETE SU WEB ................................................................................................................................... 339 
16.8  SUPPORTO SU SITO ................................................................................................................................... 339 
16.9  CONTROLLO AGGIORNAMENTI .....................................................................................................................339 
16.10  DRIVER SCHEDA GRAFICA… ....................................................................................................................339 
16.11  VERSIONE APPLICAZIONE… .....................................................................................................................340 
16.12  ATTIVAZIONE LICENZA… ..........................................................................................................................340 
16.13  MODALITÀ DIMOSTRATIVA ........................................................................................................................340 
16.14  INFORMAZIONI ........................................................................................................................................ 340 
17  COMMESSA E STRUTTURA ................................................................................................................... 341 

18  INPUT DA DISEGNO ................................................................................................................................ 343 


18.1  DISEGNA .................................................................................................................................................. 344 
18.2  EDITA....................................................................................................................................................... 347 
18.3  PREFERENZE COMMESSA ...........................................................................................................................349 
18.4  DATABASE ................................................................................................................................................ 349 
18.5  SCONGELA ............................................................................................................................................... 350 
18.6  SCONGELA SOLO ....................................................................................................................................... 350 
18.7  CONGELA ................................................................................................................................................. 350 

viii
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso Indice

18.8  NASCONDI SELEZIONE ............................................................................................................................... 350 


18.9  VISUALIZZA SOLO SELEZIONE ...................................................................................................................... 351 
18.10  VISUALIZZA TUTTO .................................................................................................................................. 351 
18.11  PUNTI DI VISTA 3D .................................................................................................................................. 351 
18.12  VISUALIZZA TOOLBAR .............................................................................................................................. 351 
18.13  LETTURA DISEGNO.................................................................................................................................. 352 
18.14  CREA DISEGNO DALLA COMMESSA ............................................................................................................ 352 
18.15  RIPRISTINA COLLEGAMENTO .................................................................................................................... 353 
18.16  OPZIONI…............................................................................................................................................. 353 
18.17  MANUALE .............................................................................................................................................. 353 
18.18  CHIUDI CAD .......................................................................................................................................... 353 
19  INTERFACCIA CON CAD 3D ARCHITETTONICI ................................................................................... 355 
19.1  ESPORTAZIONE DELLA STRUTTURA DA REVIT ® ............................................................................................ 355 
19.2  IMPORTAZIONE DELLA STRUTTURA DA FILE IFC ............................................................................................. 361 
20  MODELLAZIONE ..................................................................................................................................... 363 
20.1  PUNTI FEM .............................................................................................................................................. 363 
20.2  INCOLLAMENTO E CONNESSIONE ................................................................................................................. 363 
20.3  CIMATURA ................................................................................................................................................ 367 
20.4  ATTRIBUZIONE DEI CARICHI......................................................................................................................... 367 
20.5  MASSE SISMICHE ...................................................................................................................................... 376 
20.6  DETTAGLI DI MODELLAZIONE ....................................................................................................................... 377 
20.7  ANALISI SISMICHE ...................................................................................................................................... 385 
20.8  ISOLATORI ELASTOMERICI........................................................................................................................... 386 
20.9  ISOLATORI A PENDOLO ............................................................................................................................... 388 
20.10  MODELLO DELLA MURATURA AD ASTE ....................................................................................................... 391 
20.11  MODELLO DELLA MURATURA A PUNTONI DIAGONALI .................................................................................... 394 
20.12  TIPO DI ANALISI EFFETTUATA DAL SOLUTORE ............................................................................................. 397 
20.13  RIEPILOGO ELEMENTI FINITI IMPIEGATI ...................................................................................................... 398 
21  RELAZIONI ............................................................................................................................................... 401 
21.1  NUOVA RELAZIONE…................................................................................................................................. 401 
21.2  AGGIORNA RELAZIONE ............................................................................................................................... 402 
21.3  STILI DI TESTO… ....................................................................................................................................... 402 
21.4  STILI DI TABELLA… .................................................................................................................................... 403 
21.5  MODIFICA CAPITOLO… .............................................................................................................................. 404 
21.6  MODIFICA SCHEMA…................................................................................................................................. 404 
21.7  SCHEMI RELAZIONI… ................................................................................................................................. 405 
21.8  MARCHI VISTE ........................................................................................................................................... 417 
21.9  ESPORTAZIONE DI DATI .............................................................................................................................. 418 
22  CREAZIONE E GESTIONE DELLE PIANTE DI CARPENTERIA E DEI PROSPETTI IN ACCIAIO ........ 425 
22.1  CREA PIANTE IN AUTOMATICO ..................................................................................................................... 425 
22.2  CREA PIANTA… ........................................................................................................................................ 425 
22.3  CREA PROSPETTO ..................................................................................................................................... 426 
22.4  MODIFICA PIANTA/PROSPETTO .................................................................................................................... 426 
22.5  AGGIORNA PIANTA/PROSPETTO................................................................................................................... 427 
22.6  AGGIORNA PIANTE/PROSPETTI .................................................................................................................... 427 
22.7  OPZIONI PIANTE E PROSPETTI….................................................................................................................. 427 
22.8  EDITOR DELLE PIANTE E DEI PROSPETTI ....................................................................................................... 428 
23  CREAZIONE E GESTIONE DELLE TAVOLE .......................................................................................... 433 
23.1  CREA TAVOLE IN AUTOMATICO… ................................................................................................................. 433 
23.2  CREA TAVOLE CON VERIFICHE… ................................................................................................................. 434 
23.3  CREA TAVOLE CON PIANTE/PROSPETTI… ..................................................................................................... 435 
23.4  AGGIUNGI VERIFICHE A TAVOLA ESISTENTE… ............................................................................................... 435 
23.5  AGGIUNGI PIANTE/PROSPETTI A TAVOLA ESISTENTE… ................................................................................... 435 
23.6  AGGIORNA TAVOLA CORRENTE ................................................................................................................... 436 
23.7  AGGIORNA TUTTE LE TAVOLE ...................................................................................................................... 436 
23.8  OPZIONI TAVOLE… .................................................................................................................................... 436 
23.9  SPOSTA ................................................................................................................................................... 437 
23.10  TAGLIA .................................................................................................................................................. 437 
23.11  COPIA ................................................................................................................................................... 437 
23.12  INCOLLA ................................................................................................................................................ 437 
23.13  CANCELLA ............................................................................................................................................. 437 
24  VERIFICA TRAVATE C.A. ....................................................................................................................... 439 
24.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 439 
24.2  SELEZIONE DELLA TRAVATE IN C.A. DA PROGETTARE ..................................................................................... 439 
24.3  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI PROGETTAZIONE ......................................................................................... 448 
24.4  DESCRIZIONE DELLE FUNZIONALITÀ DISPONIBILI ............................................................................................ 450 

ix
Indice Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

24.5  FONDAMENTI TEORICI E NORMATIVI DELLE TRAVI ........................................................................................... 461 


24.6  FONDAMENTI TEORICI E NORMATIVI DEI SOLAI ...............................................................................................462 
25  VERIFICA PILASTRATE C.A. .................................................................................................................. 465 
25.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 465 
25.2  SELEZIONE DELLA PILASTRATA IN C.A. DA PROGETTARE ................................................................................. 465 
25.3  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI PROGETTAZIONE ......................................................................................... 473 
25.4  DESCRIZIONE DELLE FUNZIONALITÀ DISPONIBILI ............................................................................................ 482 
25.5  FONDAMENTI TEORICI E NORMATIVI DELLE VERIFICHE DI PILASTRI .................................................................... 504 
26  VERIFICA SETTI ...................................................................................................................................... 527 
26.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 527 
26.2  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA ....................................................................................................527 
26.3  STRUMENTI DEL MENU FILE ........................................................................................................................528 
26.4  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ................................................................................................................528 
26.5  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA ..............................................................................................................529 
26.6  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ...............................................................................................................529 
26.7  STRUMENTI DEL MENU DISEGNA..................................................................................................................531 
26.8  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI ..............................................................................................................533 
26.9  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ................................................................................................................534 
26.10  VERIFICHE DI SICUREZZA .........................................................................................................................534 
27  VERIFICA PIASTRE E PLATEE...............................................................................................................535 
27.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 535 
27.2  SELEZIONE DELLA PIASTRE DA PROGETTARE ................................................................................................536 
27.3  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI PROGETTAZIONE ......................................................................................... 542 
27.4  DESCRIZIONE DELLE FUNZIONALITÀ DISPONIBILI ............................................................................................ 543 
27.5  MODALITÀ DI VERIFICA ............................................................................................................................... 557 
28  VERIFICA PARETI C.A. ........................................................................................................................... 559 
28.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 559 
28.2  INPUT DEGLI ELEMENTI DA VERIFICARE .........................................................................................................560 
28.3  BARRA DEGLI STRUMENTI ...........................................................................................................................561 
28.4  MENU ...................................................................................................................................................... 565 
28.5  MODALITÀ DI VERIFICA A PUNZONAMENTO ....................................................................................................589 
28.6  SOLLECITAZIONI INTEGRALI .........................................................................................................................592 
28.7  LA VERIFICA DEI SETTI REALIZZATI CON BLOCCO CASSERO IN LEGNO ............................................................... 592 
29  VERIFICA PLINTI ..................................................................................................................................... 595 
29.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 595 
29.2  SELEZIONE DEL PLINTO DA VERIFICARE ........................................................................................................595 
29.3  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA ....................................................................................................603 
29.4  STRUMENTI DEL MENU FILE ........................................................................................................................604 
29.5  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ................................................................................................................604 
29.6  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA ..............................................................................................................604 
29.7  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ...............................................................................................................604 
29.8  STRUMENTI DEL MENU DISEGNA..................................................................................................................605 
29.9  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI ..............................................................................................................611 
29.10  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ..............................................................................................................612 
29.11  STRUMENTI DEL MENU AIUTO ...................................................................................................................612 
29.12  MODALITÀ DI VERIFICA.............................................................................................................................612 
30  VERIFICA PALI ........................................................................................................................................ 617 
30.1  SELEZIONE DELLA PALIFICATA DA PROGETTARE ............................................................................................ 617 
30.2  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA ....................................................................................................620 
30.3  STRUMENTI DEL MENU FILE ........................................................................................................................621 
30.4  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ................................................................................................................621 
30.5  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA ..............................................................................................................621 
30.6  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ...............................................................................................................621 
30.7  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI ..............................................................................................................621 
30.8  STRUMENTI DEL MENU DISEGNA..................................................................................................................622 
30.9  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ................................................................................................................623 
30.10  STRUMENTI DEL MENU AIUTO ...................................................................................................................623 
30.11  SCHEDA PRESSOFLESSIONE ....................................................................................................................623 
30.12  MODALITÀ DI VERIFICA.............................................................................................................................624 
31  VERIFICHE GEOTECNICHE .................................................................................................................... 627 
31.1  FONDAZIONI SUPERFICIALI ..........................................................................................................................627 
31.2  FONDAZIONI PROFONDE .............................................................................................................................642 
31.3  LIQUEFAZIONE SUOLO ................................................................................................................................ 649 
32  VERIFICA SOLAI...................................................................................................................................... 655 

x
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso Indice

32.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 655 


32.2  OPZIONI VERIFICA SOLAI C.A.… ................................................................................................................. 655 
32.3  OPZIONI VERIFICA SOLAI IN LEGNO… ........................................................................................................... 657 
32.4  SELEZIONE DEL TRAVETTO DI SOLAIO........................................................................................................... 659 
32.5  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI PROGETTAZIONE ......................................................................................... 661 
32.6  FONDAMENTI TEORICI E NORMATIVI DEI SOLAI IN LEGNO ................................................................................. 663 
33  PROGETTO AUTOMATICO… ................................................................................................................. 673 
33.1  ARMATURA AUTOMATICA DELLE TRAVI ......................................................................................................... 673 
33.2  ARMATURA AUTOMATICA DEI PILASTRI ......................................................................................................... 674 
33.3  ARMATURA AUTOMATICA DEI PLINTI ............................................................................................................. 674 
33.4  ARMATURA AUTOMATICA DEI PALI ................................................................................................................ 674 
33.5  AVVIO DEL CALCOLO .................................................................................................................................. 675 
34  VERIFICA DEI SUPERELEMENTI IN ACCIAIO ...................................................................................... 677 
34.1  CRITERI ED ASSUNZIONI DI VERIFICA ............................................................................................................ 677 
34.2  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 707 
34.3  PEZZI D’ASTA IN ACCIAIO ............................................................................................................................ 707 
34.4  DEFINIZIONE E PROPRIETÀ DEI SUPERELEMENTI IN ACCIAIO ............................................................................ 707 
34.5  VERIFICA DEI SUPERELEMENTI IN ACCIAIO .................................................................................................... 718 
34.6  ESAME DELLE VERIFICHE DEI SUPERELEMENTI IN ACCIAIO .............................................................................. 718 
35  GLI ESTREMI NOTEVOLI ........................................................................................................................ 721 
35.1  MODALITÀ DI INSERIMENTO AUTOMATICO DEGLI ESTREMI NOTEVOLI ................................................................ 721 
35.2  VERIFICA DEGLI ESTREMI NOTEVOLI DISSIPATIVI IN OPCM 3431 .................................................................... 722 
35.3  ALTRE VERIFICHE PREVISTE DA OPCM 3431 ............................................................................................... 724 
35.4  ESECUZIONE DELLE VERIFICHE CON OPCM 3431 ........................................................................................ 724 
35.5  INVALIDAZIONE DEGLI ESTREMI NOTEVOLI CON OPCM 3431.......................................................................... 725 
35.6  VERIFICA DEGLI ESTREMI NOTEVOLI DISSIPATIVI IN D.M. 14-01-08 ................................................................. 725 
35.7  ALTRE VERIFICHE PREVISTE DAL D.M. 14-01-08 .......................................................................................... 727 
35.8  ESECUZIONE DELLE VERIFICHE CON D.M. 14-01-08 ..................................................................................... 728 
35.9  INVALIDAZIONE DEGLI ESTREMI NOTEVOLI D.M. 14-01-08 ............................................................................. 728 
35.10  VERIFICA DEGLI ESTREMI NOTEVOLI DISSIPATIVI IN D.M. 17-01-18 .............................................................. 728 
35.11  ALTRE VERIFICHE PREVISTE DAL D.M. 17-01-18 ....................................................................................... 730 
35.12  ESECUZIONE DELLE VERIFICHE CON D.M. 17-01-18 .................................................................................. 731 
35.13  INVALIDAZIONE DEGLI ESTREMI NOTEVOLI D.M. 17-01-18 .......................................................................... 731 
36  VERIFICA DEI COLLEGAMENTI IN ACCIAIO ........................................................................................ 733 
36.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 733 
36.2  INPUT DATI ............................................................................................................................................... 735 
36.3  CONTROLLI DI COMPATIBILITÀ ..................................................................................................................... 759 
36.4  AVVIO DEL CALCOLO E SALVATAGGIO DEI DATI .............................................................................................. 759 
36.5  ASSUNZIONI DI CALCOLO ............................................................................................................................ 760 
36.6  IMPORTA DA DB E SALVA IN DB .................................................................................................................. 761 
37  VERIFICA NUOVOCOLLEGAMENTO IN ACCIAIO ................................................................................ 765 
37.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 765 
37.2  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA.................................................................................................... 765 
37.3  STRUMENTI DEL MENU FILE ........................................................................................................................ 765 
37.4  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ................................................................................................................ 765 
37.5  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA .............................................................................................................. 766 
37.6  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ............................................................................................................... 766 
37.7  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI .............................................................................................................. 766 
37.8  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ................................................................................................................ 767 
37.9  STRUMENTI DEL MENU AIUTO ..................................................................................................................... 767 
37.10  COLLEGAMENTO FLANGIA C.A. ................................................................................................................ 767 
38  PROGETTO AUTOMATICO NODI DI RETICOLARE .............................................................................. 775 
38.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 775 
38.2  CRITERI ED ASSUNZIONI DI VERIFICA ............................................................................................................ 775 
38.3  PROGETTO E VERIFICA DI NODI BULLONATI E SALDATI .................................................................................... 776 
39  VERIFICA DELLE ASTE E DEI SUPERELEMENTI IN LEGNO .............................................................. 779 
39.1  CRITERI ED ASSUNZIONI DI VERIFICA ............................................................................................................ 779 
39.2  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 779 
39.3  PEZZI D’ASTA IN LEGNO .............................................................................................................................. 779 
39.4  DEFINIZIONE E PROPRIETÀ DEI SUPERELEMENTI IN LEGNO .............................................................................. 780 
39.5  VERIFICA D’ASTA O DI SUPERELEMENTO IN LEGNO ......................................................................................... 781 
39.6  VERIFICA DELLE ASTE E DEI SUPERELEMENTI IN LEGNO .................................................................................. 781 
39.7  ESAME DELLE VERIFICHE DELLE ASTE E DEI SUPERELEMENTI IN LEGNO ............................................................ 781 
39.8  ULTERIORI CONSIDERAZIONI SUI PEZZI D’ASTA IN LEGNO ................................................................................ 782 
39.9  CRITERI DI VERIFICA IN BASE ALLA NORMATIVA.............................................................................................. 782 

xi
Indice Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

40  VERIFICA DELLE PARETI IN LEGNO .................................................................................................... 787 


40.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 787 
40.2  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA ....................................................................................................787 
40.3  STRUMENTI DEL MENU FILE ........................................................................................................................788 
40.4  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ................................................................................................................789 
40.5  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA ..............................................................................................................789 
40.6  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ...............................................................................................................789 
40.7  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI ..............................................................................................................790 
40.8  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ................................................................................................................790 
40.9  STRUMENTI DEL MENU AIUTO ......................................................................................................................791 
40.10  VERIFICHE DI SICUREZZA .........................................................................................................................791 
41  VERIFICA COLLEGAMENTI DELLE PARETI IN LEGNO ....................................................................... 795 
41.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 795 
41.2  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA ....................................................................................................795 
41.3  STRUMENTI DEL MENU FILE ........................................................................................................................797 
41.4  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ................................................................................................................797 
41.5  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA ..............................................................................................................798 
41.6  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ...............................................................................................................798 
41.7  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI ..............................................................................................................798 
41.8  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ................................................................................................................799 
41.9  STRUMENTI DEL MENU AIUTO ......................................................................................................................799 
41.10  VERIFICHE DI SICUREZZA .........................................................................................................................799 
42  VERIFICA DEI COLLEGAMENTI IN LEGNO ........................................................................................... 811 
42.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 811 
42.2  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA ....................................................................................................811 
42.3  STRUMENTI DEL MENU FILE ........................................................................................................................811 
42.4  STRUMENTI DEL MENU MODIFICA ................................................................................................................811 
42.5  STRUMENTI DEL MENU VISUALIZZA ..............................................................................................................812 
42.6  STRUMENTI DEL MENU DATABASE ...............................................................................................................812 
42.7  STRUMENTI DEL MENU STRUMENTI ..............................................................................................................812 
42.8  STRUMENTI DEL MENU FINESTRE ................................................................................................................812 
42.9  STRUMENTI DEL MENU AIUTO ......................................................................................................................812 
42.10  COLLEGAMENTO CON PIASTRA .................................................................................................................812 
42.11  COLLEGAMENTO CON STAFFA ..................................................................................................................818 
42.12  COLLEGAMENTO DI TRAVE IN LEGNO .........................................................................................................826 
42.13  COLLEGAMENTO CON PORTAPILASTRO ......................................................................................................832 
42.14  COLLEGAMENTO CON VITI INCROCIATE ......................................................................................................835 
42.15  COLLEGAMENTO ARCARECCIO INTAGLIATO ................................................................................................838 
42.16  COLLEGAMENTO CON ANGOLARI ..............................................................................................................842 
43  VERIFICHE DELLA MURATURA.............................................................................................................847 
43.1  IL MASCHIO MURARIO ................................................................................................................................. 847 
43.2  VERIFICA SECONDO IL D.M. 20.11.1987 ..................................................................................................... 848 
43.3  VERIFICA SISMICA SECONDO CIRCOLARE LL. PP. 30-07-81 N. 21745 ............................................................ 856 
43.4  VERIFICA ELASTICHE SECONDO OPCM 3431 ...............................................................................................866 
43.5  VERIFICA SECONDO IL D.M. 14-01-08 .........................................................................................................874 
43.6  VERIFICA SECONDO IL D.M. 17-01-18 .........................................................................................................894 
43.7  VERIFICA DI SICUREZZA CON ANALISI STATICA NON LINEARE ........................................................................... 896 
43.8  VERIFICA DEI PUNTONI DIAGONALI EQUIVALENTI ............................................................................................ 897 
43.9  VERIFICA DELLE MURATURE RINFORZATE .....................................................................................................897 
43.10  VERIFICA DELLE MURATURE DI TAMPONAMENTO ......................................................................................... 913 
44  VERIFICA DELLA MURATURA ARMATA .............................................................................................. 915 
44.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 915 
44.2  DESCRIZIONE DELL’AMBIENTE DI VERIFICA ....................................................................................................915 
44.3  INPUT DELLE ARMATURE METALLICHE ...........................................................................................................916 
44.4  VERIFICHE DI SICUREZZA ............................................................................................................................917 
45  ANALISI STATICA NON-LINEARE..........................................................................................................919 
45.1  CONDIZIONI DI APPLICABILITÀ ......................................................................................................................919 
45.2  APPLICAZIONE DELLA NORMA ......................................................................................................................920 
45.3  LA MODELLAZIONE PER L’ANALISI STATICA NON LINEARE IN SISMICAD .............................................................. 921 
45.4  UTILIZZO DELL’ANALISI STATICA NON LINEARE IN SISMICAD ............................................................................. 929 
45.5  L’AMBIENTE PUSHOVER ..............................................................................................................................930 
45.6  MANIPOLAZIONE DELLA CURVA DI CAPACITÀ..................................................................................................935 
45.7  LIMITAZIONI DELLA ANALISI PUSHOVER IN SISMICAD ....................................................................................... 935 
46  VERIFICA EDIFICI ESISTENTI ................................................................................................................ 937 
46.1  GENERALITÀ ............................................................................................................................................. 937 

xii
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso Indice

46.2  VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA ................................................................................................................. 938 


47  VERIFICA CINEMATICA LINEARE ......................................................................................................... 947 
47.1  ANALISI DI MECCANISMI DI COLLASSO IN EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA (OPCM 3431 ALLEGATO 11.C, D.M. 14-
01-08 E D.M. 17-01-18 SECONDO CIRCOLARE 617 02-02-09 ALLEGATO C8A.4.1): GENERALITÀ .................... 947 
47.2  SCELTA DELLA CATENA CINEMATICA ............................................................................................................ 947 
47.3  ANALISI CINEMATICA LINEARE ..................................................................................................................... 948 
47.4  VISUALIZZAZIONE DEI RISULTATI .................................................................................................................. 952 
48  VERIFICHE DEGLI ISOLATORI .............................................................................................................. 953 
48.1  ISOLATORI ELASTOMERICI........................................................................................................................... 953 
48.2  ISOLATORI A PENDOLO ............................................................................................................................... 954 
49  VERIFICA DEI GIUNTI SISMICI ............................................................................................................... 955 
49.1  ESEMPIO DI STAMPA DI UNA VERIFICA DI GIUNTO SISMICO ............................................................................... 955 
50  PERSONALIZZAZIONE COMANDI APPLICAZIONE.............................................................................. 957 
50.1  PERSONALIZZAZIONE DELLE BARRE DEI MENU E DEGLI STRUMENTI .................................................................. 957 
50.2  TASTI DI SCELTA RAPIDA ............................................................................................................................ 960 
51  APPENDICE A: NOTE DI DISEGNO, MODELLAZIONE E CALCOLO ................................................... 963 
51.1  NOTE DI DISEGNO ...................................................................................................................................... 963 
51.2  NOTE DI MODELLAZIONE ............................................................................................................................. 970 
51.3  ELEMENTI DI FONDAZIONE .......................................................................................................................... 983 
51.4  ANALISI SISMICA ........................................................................................................................................ 990 
51.5  CONTROLLI SUI RISULTATI E NOTE DEL SOLUTORE ....................................................................................... 1004 
51.6  MURATURE ............................................................................................................................................. 1005 
51.7  PUSHOVER ............................................................................................................................................. 1006 
51.8  CONVERSIONE LAVORI DALLA VERSIONE 10................................................................................................ 1008 
51.9  IMPORTAZIONE DATI DA CAD ARCHITETTONICI............................................................................................ 1008 

xiii
1 Informazioni generali
Sismicad è un programma per il calcolo strutturale con modellazione agli elementi finiti, dotato di input grafico
proprio oppure in AutoCAD, AutoCAD LT e IntelliCAD fornito da Concrete, con un proprio solutore
tridimensionale di tipo SAP e con strumenti di progettazione specifici per strutture in c.a., acciaio, muratura e
legno.
Nel presente manuale sono descritte le funzionalità del programma nella versione più completa, comprensiva
di:
• cemento armato;
• acciaio (dedicato alle verifiche degli elementi in acciaio);
• legno (dedicato agli elementi in legno);
• murature (dedicato agli elementi in muratura);
• analisi statica non lineare.
L’utente tralasci le parti non riguardanti il programma in sua licenza.
Il presente manuale è concepito sia come guida dettagliata al programma, sia per fornire il supporto necessario
ad acquisire un’adeguata conoscenza concettuale e pratica delle possibilità offerte da Sismicad.
Per l’installazione ed il primo avvio del programma consultare il relativo capitolo.
Per un primo approccio a Sismicad si consiglia il seguente percorso formativo:
• apprendere i principi di calcolo e l’iter progettuale (capitolo "Descrizione del programma");
• prendere confidenza con gli elementi dell’interfaccia grafica (capitolo "Ambiente operativo");
• sviluppare l’esempio guidato (capitolo "Strumenti del menu Aiuto");
• sviluppare autonomamente esempi propri con l’uso dell’Assistente.
Il resto del manuale rimane a disposizione quale:
• guida dettagliata ai comandi;
• per informazioni dettagliate di specifiche funzionalità;
• per informazioni specifiche sui moduli di verifica.

1.1 COPYRIGHT E TERMINI DELLA LICENZA D'USO


Sismicad è un prodotto intellettuale protetto dalla legge e come tale è solamente concesso in uso all'utente, in
modo non trasferibile e per proprio esclusivo utilizzo su di un'unica stazione.
E' vietata la copia dei dischi originali del prodotto, con la sola eccezione di copie di sicurezza da parte
dell'intestatario della licenza di uso e per soli motivi di sicurezza.
E' altresì vietata la riproduzione del presente manuale in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo senza la
preventiva autorizzazione scritta del produttore.

1.2 RESPONSABILITÀ
Un notevole impegno in termini di tempo, lavoro e risorse è stato profuso affinché il programma sia per quanto
possibile esente da difetti, anomalie di funzionamento e rispecchi fedelmente le prestazioni tecnologiche
esposte nel materiale di documentazione.
Il programma è stato adoperato e testato.
Tutti i materiali costituenti il pacchetto (manuale di uso, chiave di protezione) verranno sostituiti con altri nuovi di
fabbrica nel caso venga accertato, nel termine previsto dalla legge, un qualsiasi difetto di materiale o di
fabbricazione. Oltre a tale garanzia, il prodotto software non è accompagnato da alcuna altra garanzia, implicita
o esplicita.
I produttori ed i rivenditori pertanto non potranno per nessun motivo essere ritenuti responsabili per alcun
danno, diretto o indiretto, per mancati guadagni od altro in conseguenza dell’utilizzazione delle procedure.
Utilizzando il pacchetto il concessionario riconosce ed accetta che rimane di propria esclusiva responsabilità il
corretto impiego dello stesso, la consapevole interpretazione ed il necessario controllo dei risultati delle
elaborazioni.
1Informazioni generali Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

1.3 RICONOSCIMENTI
Acrobat Reader è un marchio registrato di Adobe Systems Incorporated.
Allplan è un marchio registrato di Nemetschek AG.
ARCHline.XP è un marchio registrato di CADLINE Software s.r.l.
AutoCAD, AutoCAD LT, Revit Structure e Revit Architecture sono marchi registrati di Autodesk AG.
IntelliCAD è un marchio registrato di IntelliCAD Technology Consortium.
PriMus e PriMus-DCFsono marchi registrati di ACCA Software s.r.l..
Windowse Excelsono marchi registrati di Microsoft Corporation.
Questo prodotto include software sviluppato da devDept Software S.a.s. (http://www.devdept.com).
This product includes software developed by devDept Software S.a.s. (http://www.devdept.com).

1.4 CONFIGURAZIONE HARDWARE E SOFTWARE RICHIESTA


Sismicad 12 è disponibile per PC compatibile su sistemi operativi Microsoft Windows. I requisiti minimi
necessari per utilizzare Sismicad 12 sono:
• sistema operativo Microsoft (32-bit o 64-bit):
- WindowsVista con Service Pack2
- Windows Server 2008
- Windows 7
- Windows 8
- Windows 10
• processore Pentium IV compatibile;
• memoria centrale (RAM) 1 GB;
• risoluzione minima supportata dalla scheda grafica di 1366 x 768 pixel a 16.8 milioni di colori (32 bit);
• scheda grafica con supporto OpenGL versione 1.1 con driver aggiornati;
• una porta libera USB (per l’alloggiamento della chiave di protezione nel caso di licenza singola).
E’ possibile installare Sismicad 12 anche su computer che non soddisfa tutti i requisiti minimi; ciononostante
l’uso del software può risultare instabile o compromesso in alcune funzionalità.
I requisiti consigliati per utilizzare proficuamente Sismicad 12 sono quelli già elencati tra i requisiti minimi, con le
seguenti modifiche:
• sistema operativo Microsoft Windows 7 o superiore (64-bit):
• processore Intel Core i7;
• memoria centrale (RAM) 8 GB;
• risoluzione minima supportata dalla scheda grafica di 1920 x 1080 pixel a 16.8 milioni di colori (32 bit);
• scheda grafica con 1 GB di memoria dedicarta con driver aggiornati, supporto OpenGL versione 3.3 o
superiore;
• almeno 10 GB di spazio libero su discoSSD per l’installazione e lo spazio di lavoro.
E' indispensabile uno strumento di puntamento (es. mouse Microsoft), preferibilmente dotato di “rotellina”.
Per installare Sismicad, sono necessarie autorizzazioni di amministratore (Administrator). Non sono necessarie
le autorizzazioni di amministratore di dominio. Per informazioni sulle autorizzazioni di amministratore, rivolgersi
all'amministratore di sistema.
Per eseguire Sismicad, non occorre disporre di tali autorizzazioni; il programma può essere eseguito da utenti
con diritti limitati (Utente standard o Power Users).

1.5 AVVERTENZE GENERALI

Il corretto funzionamento ed il supporto del programma nell’interfaccia con AutoCAD ed IntelliCAD è


garantito solo su installazioni originali.

1.6 CAD SUPPORTATI


Dalla versione 11 di Sismicad l’input strutturale può essere realizzato senza l’ausilio di altri programmi CAD,
utilizzando gli strumenti di disegno forniti direttamente da Sismicad; naturalmente rimane la possibilità di
eseguire l’input strutturale mediante i programmi CAD indicati sotto.

16
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 1.6CAD supportati

L’utente deve disporre di IntelliCAD o AutoCAD per Windows nelle versioni riportate nei dettagli di
configurazione del CAD della finestra Opzioni a cui si rimanda per maggiori dettagli. Altri programmi di CAD
non sono attualmente supportati.

17
2 Installa
azione e avviio del program
p mma

2.1 INSTALLA A DVD


AZIONE DA

2.2 INSTALLA A DVD


AZIONE DA

Per installare i programmi Concrete


C si essegua il progra
amma di installazione prese
ente sul DVD.

Nel caso in cui si utilizzzi la chiave e di protezio one collegata a ad una po orta USB, è necessario che
l’installazione dei programmmi sia effetttuata a chiav
ve scollegata.
È necessario eseguire il pro
ogramma di in
nstallazione prresente nel DV
VD. Per fare cciò:
• si inserrisca il DVD nell’apposito le
ettore;
• si selezzioni l’unità DV
VD;
• si eseg
gua il file Lanc
ciami;
Sullo schermo o apparirà una schermata di installazione in cui verra anno elencate tutte le applic cazioni Concrrete.
Si consiglia di
d eseguire l’innstallazione di d quelle di cuui si dispone della licenza d’uso; per le altre, in caso o di
installazione, sarà possibilee l’utilizzo solo
o in versione demo.
d Si proce eda alle installazioni selezio
onandole una alla
volta.
Si proceda inoltre all’installlazione dei prrogrammi Com mputo e Rigen nDXF, che svo olgono funzion ni comuni a molti
m
programmi Co oncrete.
Al termine della procedura di installazione si inserisca la chiave sull’’apposita porta a.
Le applicazionni dovranno essere successsivamente avv viate secondo quando indica ato inAttivazio
one licenza.
Per maggiori dettagli è possibile consulta are la guida on
n-line all’indirizzzo www.conccrete.it/info/ins
stalla.htm.

2.3 HARDWAR
RE UTILIZZ
ZABILE
La chiave di protezione
p harrdware su una a porta USB.
E’ disponibile e a richiesta una
u chiave dii rete che consente l’utilizzzo del progra
amma da quaalsiasi postazione
collegata alla a rete; è posssibile l’utilizzo del programma da più po ostazioni conttemporaneamente nel casoo di
contratti di lice
enza multipli.

2.4 ISTRUZION
NI PER L’IN ZIONE E L’UTILIZZO DELLA
NSTALLAZ D CHIAVE DI RE
ETE

2.4.1 Generalità
G
La chiave di rete permette e di utilizzare
e i programmii Concrete da a più compute er collegati tra di loro avendo
un’unica chiavve, sulla quale
e è impostato il numero di licenze richiestte dal cliente.
La chiave va collegata alla a porta USB di un computerr della rete di cui deve esse ere noto il nomme (consultarre le
pagine segue enti per le modalità
m con cui individuarre il nome di un compute er). Tale nom me dovrà esssere
specificato al primo avvio del
d programma a Concrete.
Il nome del computer
c vien
ne salvato, pe er ogni prograamma, nel file ‘ServerChia ave.ini’ sulla directory
d dei dati
dell’applicazio
one. Qualora si volesse sp postare la chia
ave su di un altro compute er, oppure farre in modo ch he il
programma le egga la chiavee collegata direettamente al computer
c su cui è installato,, basta cancellare il file.
2Installazione e avvio del programma Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

2.4.2 Software SentinelSuperPro


2.4.2.1 Installazione
Per potere essere vista dai vari client, la chiave di rete deve avere installato il software SentinelSuperProServer
per la gestione delle licenze, che viene installato automaticamente durante l’installazione dei programmi
Concrete. L’installazione può essere gestita anche manualmente dal programma SentinelSuperProServer,
utilizzato esclusivamente dal servizio di assistenza Concrete per risolvere eventuali inconvenienti.

2.4.3 Come individuare il nome di un computer in rete


Il nome del computer sul quale sono state fatte queste operazioni, dovrà essere specificato inizialmente al
lancio dei programmi Concrete.
Il “Nome computer” è specificato nelle proprietà di sistema. Ad esempio, in Windows 10 si selezioni Pannello di
controllo\Sistema e sicurezza\Sistema

2.5 AVVIO DEL PROGRAMMA


Lanciando il programma si entra nell’ambiente operativo di Sismicad 12 che permette di creare un nuovo
lavoro, di entrare in ambiente CAD, di configurare il programma e di uscire dallo stesso. Per lanciare il
programma selezionare la voce di menu Sismicad 12 alla voce Programmi Concrete o cliccare sull’icona creata
sul desktop dall’installazione. Inoltre è possibile lanciare Sismicad 12 ed aprire contemporaneamente una
commessa semplicemente facendo doppio click sul file principale della commessa (main.scj).

2.6 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA


Al primo lancio dopo l’installazione Sismicad 12 parte con una configurazione che può essere modificata
successivamente, in qualsiasi momento, mediante il comando Opzioni….

20
3 Descrizione del programma

3.1 GENERALITÀ
Sismicad è un programma per il calcolo strutturale con modellazione agli elementi finiti (FEM), dotato di un
proprio solutore tridimensionale.
Sismicad si propone principalmente come strumento per il progetto di edifici, in zona sismica e non, con
modellazione tridimensionale agli elementi finiti. Sismicad consente la progettazione di edifici in c.a., muratura,
acciaio e legno schematizzati attraverso un modello unico di struttura spaziale composta da elementi
monodimensionali e bidimensionali con fondazioni poggianti su suolo elastico alla Winkler od elastoplastico,
oppure su palificate.
Per progettare una struttura Sismicad prevede sostanzialmente il seguente iter:
• definizione della struttura, anche usando disegni architettonici;
• modellazione automatica agli elementi finiti dell’intera struttura;
• progettazione automatica e/o interattiva di ciascun elemento strutturale;
• produzione automatica di relazioni, disegni esecutivi, piante di carpenteria, prospetti in acciaio, computi.
Le fasi sopra elencate rispecchiano il normale iter progettuale e, in aggiunta, sono rese più flessibili dalla
possibilità di attuare modifiche alla struttura senza perdere l’eventuale lavoro di progettazione degli elementi
strutturali e il lavoro di creazione delle relazioni.
Come accennato sopra con Sismicad viene fornito un evoluto solutore tridimensionale agli elementi finiti di tipo
SAP; per maggiori dettagli si rimanda ai relativi manuali (introduttivo e completo). Il solutore può essere
utilizzato anche al di fuori dell’ambiente Sismicad; possiede infatti un proprio autonomo input ed output. Per
maggiori dettagli si consulti il capitolo dedicato alla modellazione strutturale o il manuale d’uso del “Solutore
Interno”. Il solutore interno consente tra l’altro l’analisi di fenomeni di non linearità geometrica (metodo P-delta)
e di aste non reagenti alla trazione o alla compressione, di fondazioni sia superficiali che profonde in suolo
elastoplastico, elementi bidimensionali parzialmente o non reagenti alla trazione. Il solutore gestisce inoltre
fenomeni di non linearità meccanica attraverso una modellazione ad inelasticità diffusa impiegata nelle analisi
inelastiche..
Non è richiesta all'utente una conoscenza specifica del solutore interno: Sismicad infatti gestisce in modo
automatico i dati forniti ed i risultati prodotti dal solutore. Per chi desidera è però possibile, integrando i file
prodotti dal programma, introdurre con facilità condizioni di carico e di vincolo del tutto generali (es. variazioni
termiche non uniformi, elementi brick, comportamenti non isotropi, ecc.).

3.2 DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA


Per poter calcolare gli elementi di una struttura, tra le altre cose, è necessario avere informazioni precise sulla
geometria dei manufatti; è inoltre necessario conoscere i carichi gravanti su tali manufatti e il tipo di analisi. Nel
seguito si parlerà di struttura intendendo complessivamente gli elementi strutturali, i carichi e quanto necessario
per definire compiutamente l’oggetto del calcolo.
Molte informazioni relative ad una struttura hanno la caratteristica di ripetersi diffusamente anche in altre
strutture: si pensi ad esempio alla forma della sezione o al materiale di una trave. Per poter definire, impiegare
e condividere tra differenti strutture tali informazioni è possibile gestire un archivio comune di definizioni relativo
a:
• materiali;
• sezioni;
• reticolari;
• cerniere;
• solai;
• fondazioni;
• terreni di fondazioni;
• funzioni;
• isolatori;
• ferramenta per legno.
Altre informazioni necessarie a descrivere la struttura hanno invece la caratteristica di ripetersi diffusamente
solo nella struttura in oggetto; si pensi ad esempio alla quota di un impalcato oppure alla descrizione
3Descrizione del programma Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

geotecnica del sito o, ancora, ai valori unitari dei carichi di superficie e alle combinazioni impiegate. È possibile
specificare informazioni relative a:
• preferenze varie;
• azioni;
• quote degli impalcati;
• descrizione geotecnica del sito.
Essendo la descrizione di una struttura un compito piuttosto pesante, Sismicad mette a disposizione del
progettista efficienti strumenti di disegno in ambiente AutoCAD o IntelliCAD oppure direttamente in Sismicad; in
tale fase il progettista, disponendo delle piante architettoniche, può desumere buona parte delle informazioni
geometriche semplicemente “ricalcando” le piante con gli strumenti messi a disposizione da Sismicad con
evidenti vantaggi operativi.
Gli elementi, strutturali e non, che è possibile disegnare sono:
• travi in C.A.: sono previste tutte le sezioni presenti nel database(rettangolare, a T, T rovescio, doppio T,
circolare, anulare e generiche) ma in sede di verifica della travata attualmente è possibile verificare solo
travi con sezione rettangolare, a T, a T rovescia e a doppia T, anche di fondazione;
• pilastri: sono previste tutte le sezioni standard presenti nel database(rettangolare, a T, T rovescio,
doppio T, circolare e anulare); sono previste sezioni di forma generica derivante dalla definizione della
polilinea perimetrale;
• piastre in C.A.: sono previste platee e piastre definite in pianta con forma qualsiasi;
• piastre generiche: sono previste piastre, anche poggianti su terreno, con geometria e materiale qualsiasi;
• pareti in C.A.: sono previste pareti rettilinee, dall’unione delle quali è possibile ottenere sviluppi in pianta
di forma qualsiasi;
• scale in C.A.: sono previste scale in c.a. ad una o più rampe;
• pareti in muratura: come per le pareti in c.a.;
• travi in legno: sono previste sezioni rettangolari, circolari o generiche comunque composte da rettangoli;
• colonne in legno: sono previste sezioni rettangolari, circolari o generiche comunque composte da
rettangoli;
• pareti in legno: analogamentealle pareti in c.a., tipo XLAM e a diaframma;
• travi in acciaio: sono previste sezioni di tipo standard (HE/IPE, INP, UPN, UAP, L, tubi quadri, tubi tondi,
tondi pieni, T a spigoli vivi, T a spigoli tondi, piatti, elettrosaldati, sezioni a cassone, Z, Omega, sagomati
a L, sagomati a C, sagomati a U, sagomati a Z;
• colonne in acciaio: sono previste le stesse sezioni previste per le travi;
• reticolari in acciaio;
• travi tralicciate;
• plinti superficiali;
• plinti su pali;
• pali;
• carichi concentrati;
• carichi lineari;
• carichi di superficie: attraverso i carichi di superficie è possibile inserire i solai che possono essere
orizzontali o inclinati. Ai fini della valutazione della rigidità nel proprio piano i solai orizzontali possono
essere considerati infinitamente rigidi o possono essere schematizzati da elementi membranali.
Eventuali solai inclinati possono essere schematizzati solo da elementi membranali;
• carichi terreno;
• vincoli: possono essere impiegati assieme od in alternativa agli elementi di fondazione;
• ancoraggio pareti in legno;
• isolatori sismici;
• legame rigido;
• appoggio trave;
• finestre: sono previste forature verticali rettangolari agenti su pareti e piastre generiche verticali;
• fori: sono previsti fori di forma qualsiasi agenti su carichi di superficie, piastre e piastre generiche
complanari;
• fili fissi.
Il disegno 3D creato attraverso Sismicad ha la funzione di descrivere compiutamente l’oggetto da verificare per
poterlo schematizzare in un modello matematico e produrre poi gli elaborati esecutivi. Si consiglia, ove
possibile, di introdurre nel disegno semplificazioni in corrispondenza di particolari architettonici strutturalmente
non significativi (ad esempio una lesena in una parete): l’introduzione di questi ultimi può comportare notevole
dispendio di tempo senza apprezzabili vantaggi dal punto di vista strutturale; inoltre la ricerca del particolare
non significativo può facilitare l’introduzione di problemi di modellazione, se non di errori.

22
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 3.3Modellazione della struttura

Una volta disegnata la struttura o acquisite le entità dal disegno realizzato con CAD esterni, la creazione del
modello ad elementi finiti avviene mediante un apposito comando: eventuali problemi presenti nel disegno 3D
vengono preliminarmente segnalati nelle Note di disegno e sono quindi sempre consultabili, anche in
successive sessioni di lavoro.

3.3 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA


La creazione del modello agli elementi finiti (FEM) è una fase del lavoro completamente automatica nella quale
6

l’utente si limita a seguire a video i vari messaggi che segnalano l’evoluzione delle operazioni: le segnalazioni
significative vengono raccolte per categoria nelle Note di modellazione e sono quindi sempre consultabili,
anche in successive sessioni di lavoro.
Nel capitolo Modellazione sono dettagliati i pochi concetti che governano la creazione del modello FEM:
• collegamento elementi;
• cimatura travi e pareti;
• attribuzione dei carichi.
Una volta creato il modello Sismicad permette di accedere ai dati del modello FEM attraverso le visteModello e
Carichi. È inoltre possibile indagare la distribuzione dei carichi superficiali sugli elementi strutturali attraverso la
vista Attribuzione carichi superficiali.
A calcolo eseguitoSismicad permette di accedere ai risultati del calcolo FEM attraverso le visteDeformata,
Reazioni, Sollecitazioni aste, Sollecitazioni gusci, Pressioni sul terreno, Tensioni ideali gusci.

3.4 PROGETTAZIONE ELEMENTI STRUTTURALI


Una volta eseguito il controllo della soluzione ad elementi finiti si può passare alla progettazione degli elementi
strutturali.
Per le strutture in c.a. Sismicad prevede la possibilità di progettazione di travi, pilastri, pareti, scale in c.a.,
piastre, plinti (sia superficiali che su pali) e pali.Sismicad comprende inoltre procedure di CAD per cemento
armato che permettono di utilizzare lo strumento di puntamento per scegliere o correggere, con facilità e
rapidità, forma e dimensione di tutte le armature metalliche dell'edificio. Le operazioni di dimensionamento o
correzione delle armature di travi, pilastri, plinti, piastre, pali e pareti sono caratterizzate dalla possibilità di un
continuo e totale controllo della situazione tensionale dell'elemento strutturale che si sta analizzando.
Per quanto riguarda le pareti in muratura il programma individua maschi murari e travi di connessione
svolgendo le verifiche degli stessi secondo le normative indicate nel seguito.
Nel caso di strutture in acciaio o in legno il programma svolge verifiche a resistenza, instabilità e deformabilità
delle aste.
Sismicad permette inoltre di progettare i travetti dei solai in latero-cemento o pieni: il loro calcolo può essere
eseguito indipendentemente (sia prima che dopo) da quello delle travate. L’importante è eseguire il calcolo dei
solai prima della creazione delle piante di carpenteria in modo da poter inserire nelle piante esecutive le
indicazioni relative ai solai calcolati.

3.5 MODIFICHE STRUTTURALI A CALCOLI ESEGUITI


Capita comunemente di dover operare delle modifiche ad una struttura precedentemente calcolata (es. cambio
della sezione di una trave, spostamento o eliminazione di un pilastro, spostamento o creazione di un’apertura in
una parete, ecc.). In tal caso Sismicad opera nel modo seguente:
• nel caso che la modifica apportata alla struttura sia tale da rendere necessaria una variazione della
consistenza del modello (es. aggiunta o eliminazione di elementi strutturali, variazioni nel database delle
azioni, etc.) Sismicad provvede ad abbandonare il modello matematico esistente ed i relativi risultati
rendendo così necessaria una nuova modellazione ed un nuovo calcolo;
• nel caso invece che la modifica non sia di portata tale da costringere ad abbandonare la modellazione
(es. cambio della sezione di una trave) Sismicad conserva il modello matematico ed i relativi risultati che
però vengono invalidati, cioè memorizza che corrispondono ad una situazione geometrica e di azioni
differente da quella attuale ed evidenzia tale situazione riportano la scritta Modello invalidato in tutte le
finestre contenenti il modello, i suoi risultati o le verifiche;
• Sismicad mantiene in ogni caso le verifiche condotte in precedenza per gli elementi strutturali rimanenti
dopo la modifica e come detto sopra le invalida, cioè memorizza che corrispondono ad una situazione
geometrica e di carico differente da quella attuale ed evidenzia tale situazione colorandole
opportunamente.
• Sismicad fornisce uno strumento che permette di rivalidare in modo automatico le armature di ciascun
elemento invalidato.

23
3Descrizione del programma Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Si sottolinea che l’impiego dei risultati di un modello invalidato è a completa discrezione dell’Utente
ovvero un approccio rigoroso imporrebbe una nuova modellazione ed un nuovo calcolo prima di
procedere con ulteriori verifiche e/o riverifiche.

3.6 ELABORATI DI PROGETTO


Per tutti gli elementi strutturali in c.a. il programma produce i file dei disegni esecutivi tramite la scrittura
automatica di file di trasferimento (dxf).
È inoltre prevista la creazione di file ASCII delle relazioni di calcolo e del computo metrico analitico delle
quantità di ciascun elemento progettato; questi file sono depositati nella cartella della commessa e possono
essere visionati mediante la finestra Elaborati. Per gli elementi in c.a. il computo è gestito dal programma
Computo, che produce file compatibili con PriMus® e può esportare i dati in formato .txt, htm ed Excel®.
Sia i file di stampa che i file di disegno vengono organizzati da procedure previste nel pacchetto per un loro
agevole utilizzo (vedi Computo, Relazioni…) ed in particolare si possono ottenere file di relazione in formato
.RTF, .TXT,. DOC di Microsoft Word® e .PDF di Acrobat Reader® (dalla versione 5.0 in poi).
Si possono inoltre creare le piante di carpenteria e i prospetti in acciaio mediante il comando Piante e prospetti.

3.7 NORME DI ANALISI E DI VERIFICA


La azione sismica può essere valutata in accordo alla vigente normativa nazionale (D.M. 17-01-18) ed in
accordo a precedenti normative (D.M. 16-01-96, OPCM 3431, 3316, D.M. 14-09-05, D.M. 14-01-08).
Le calcolazioni relative al c.a. possono essere condotte in accordo alle vigenti normative nazionali (D.M. 17-01-
18, Eurocodice 2) ed in accordo a precedenti normative(D.M. 14-02-92, D.M. 16-01-96, D.M. 14-01-08).
Per gli utenti di SismicadLegno sono possibili le verifiche con Eurocodice 5, agli stati limite secondo D.M. 14-
01-08 e D.M. 17-01-18 oppure con il metodo delle tensioni ammissibili.
Per gli utenti di SismicadAcciaio sono disponibili le verifiche secondo le vigenti normative (D.M. 17-01-18,
Eurocodice 3) e secondo precedenti normative nazionali (D.M. 16-01-96, D.M. 14-01-08,CNR 10011 e 10022).
Per quanto riguarda le murature ordinarie le verifiche sono svolte secondo varie normative:
• secondo D.M. LL. PP. 20 novembre 1987 svolge le verifiche a schiacciamento; nel caso di analisi
sismica secondo D.M. 16-01-96 svolge le verifiche di resistenza a taglio, presso flessione nel piano e
fuori piano;
• secondo la Circolare LL.PP. n. 21745 30-07-81 svolge le verifiche a taglio, ribaltamento, presso flessione
nel piano e fuori piano ed espone i coefficienti richiesti dalla L61/98;
• secondo OPCM 3431, svolge le verifiche di sicurezza (presso flessione nel piano, taglio e presso
flessione fuori piano) in modelli elastici e verifiche di stato limite di dannosevero e di danno lieve per
modelli inelastici; svolge le analisi dei meccanismi locali di collasso sui singoli mashi murari e su porzioni
di edifici esistenti;
• secondo D.M. 21-10-03 svolge la valutazione degli indicatori di rischio sismico per edifici esistenti sia per
analisi elastiche che anelastiche;
• secondo D.M. 14-01-08 svolge le verifiche di sicurezza (presso flessione nel piano, taglio e presso
flessione fuori piano) in modelli elastici e verifiche di stato limite di salvaguardia della vita e di danno per
modelli inelastici; svolge svolge le analisi dei meccanismi locali di collasso sui singoli mashi murari e su
porzioni di edifici esistenti;svolge la valutazione degli indicatori di rischio sismico per elementi esistenti
sia per analisi elastiche che anelastiche
• secondo D.M. 17-01-18 svolge le verifiche di sicurezza (presso flessione nel piano, taglio e presso
flessione fuori piano) in modelli elastici e verifiche di stato limite di collasso e di danno per modelli
inelastici; svolge svolge le analisi dei meccanismi locali di collasso sui singoli mashi murari e su porzioni
di edifici esistenti;svolge la valutazione degli indicatori di rischio sismico per elementi esistenti sia per
analisi elastiche che anelastiche
• le pareti in muratura riquadrate da telai possono essere analizzate e verificate come puntoni diagonali
equivalenti in accordo alla Circ. 65 M.LL.PP 10-04-07.
Per quanto riguarda le murature armate le verifiche sono svolte secondo D.M. 14-01-08 e secondo D.M. 17-01-
18 analogamente a quanto eseguito per le murature ordinarie.
Per le applicazioni di compositi fibrorinforzati su elementi in muratura e c.a. le calcolazioni relative sono
condotte secondo le “Istruzioni per la progettazione, l’esecuzione ed il controlli di interventi di consolidamento
statico mediante l’utilizzo di compositi fibrorinforzati” CNR-DT 200 R1/2013.

24
4 Ambiente operativo
In questo capitolo si descrive l’interfaccia grafica della finestra principale di Sismicad.

4.1 STRUMENTI
In generale gli strumenti dell’ambiente operativo di Sismicad 12 sono accessibili indifferentemente dalla Barra
dei menu oppure dalle barre degli strumenti. Il raggruppamento degli strumenti in barre permette di individuare
rapidamente un comando appartenente ad un gruppo omogeneo di strumenti.
A commessa aperta e senza alcun comando in esecuzione è possibile ripetere l’ultimo comando eseguito in
precedenza premendo il tasto INVIO o BARRA SPAZIATRICE della tastiera.
Gli strumenti possono essere abilitati o meno a seconda dello stato dell’applicazione e della commessa.
Per la descrizione di ciascun strumento si rimanda all’apposito paragrafo (dal capitolo 5 al 14). L’ordine di
esposizione degli strumenti rispecchia la posizione dello strumento nella barra dei menu così come fornita
dall’installazione, in quanto questa può essere ampiamente personalizzata (si veda il relativo capitolo
Personalizzazione comandi applicazione)
Ad ogni riavvio il programma ripristina dimensioni, posizione e contenuto delle barre e dei menu
precedentemente personalizzati dall’utente.

4.2 BARRA DI STATO


Visualizza in appositi pannelli: la descrizione del comando sopra al quale si trova il cursore, le coordinate del
cursore, nel piano X-Y (con Z=0), l’eventuale congelamento di alcuni layer, l’invisibilità delle entità, lo stato dei
comandi Selezione aggiungi, Ortogonale, Snap ad oggetto,Griglia e Anteprima proprietà, le unità di misura
della finestra principale.

4.3 RIGA DI COMANDO


Nella casella della riga di comando vengono visualizzati i comandi, le opzioni, i messaggi di richiesta ed i
messaggi in genere. Si noti che non è possibile digitare alcun comando, ma solo leggere il contenuto della
casella tramite una barra di scorrimento posta sulla destra: solo in caso di richiesta esplicita da parte del
programma, ad es. inserimento punto, è possibile immettere da tastiera i dati richiesti.
Quando il contenuto della riga di comando supera la massima dimensione ammessa ne viene automaticamente
eliminata la prima metà per lasciare spazio ai successivi comandi.
Il contenuto della riga di comando è accessibile anche attraverso la finestra Cronologia.

4.4 FINESTRE
Le finestre presenti nell’applicazione si distinguono in due gruppi:
• finestre di documento;
• finestre degli strumenti.
Le finestre di documento dell’applicazione sono:
• finestra/e grafica della struttura;
• finestra input da tastiera;
• finestra/e grafica di modello;
• finestra/e grafica delle verifiche;
• finestra animazione;
• finestra risultati calcolo;
• finestra elaborati;
• finestra relazioni;
• finestra tavole.
Tali finestre possono essere ridotte a icona, massimizzate (ancorandole così all’ambiente operativo di
Sismicad), liberamente dimensionate all’interno dell’ambiente operativo oppure arrangiate attraverso gli appositi
comandi.
4Ambiente operativo Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Le finestre degli strumenti dell’applicazione sono:


• finestra di cronologia;
• finestra delle proprietà;
• finestra punto di vista;
• finestra layer;
• finestra di mappatura colori;
• finestra di note di disegno;
• finestra di note di modellazione;
• finestra di note di calcolo;
• finestra di risultati ricerca;
• finestra delle commenti.
Le finestre degli strumenti possono essere lasciate libere e spostabili all’interno dell’ambiente operativo o in
alternativa possono essere ancorate all’ambiente operativo di Sismicad. Nel caso in cui siano ancorate
all’ambiente operativo è possibile “puntarle” attraverso lo spillo presente nella barra superiore della finestra
stessa; in questo modo la finestra rimane sempre visualizzata. In alternativa non puntandole la finestra risulta
visibile quando è effettivamente selezionata. Selezionandone un’altra la prima scompare e resta visibile la sola
etichetta consentendo così di risparmiare spazio. Per rivisualizzare la finestra non puntata è sufficiente
posizionarsi con il mouse sopra all’etichetta della stessa. Nel caso si imposti la finestra a scomparsa la
visualizzazione avviene posizionandosi con il mouse sulla targhetta presente sul lato dell’ambiente operativo in
cui tale finestra è stata ancorata. In questo modo la finestra viene visualizzata fintanto che il mouse è
posizionato al di sopra del suo ingombro. Non appena si sposta il mouse la finestra scompare. Vediamo di
seguito in dettaglio le singole finestre.

4.4.1 Finestra grafica


Contiene la rappresentazione della struttura. È possibile aprire più finestre grafiche e all’interno di ogni finestra
visualizzare viste diverse come spiegato nell’apposito paragrafo. Le finestre e le viste in esse contenute
possono essere relative:
• all’input della struttura e verranno chiamate finestre e viste della struttura;
• al modello ad elementi finiti ed alla visualizzazione dei risultati dello stesso. In tal caso le finestre e le
viste verranno nel seguito chiamate finestre e viste di modello;
• alle verifiche e verranno chiamate finestre e viste delle verifiche.
L’apertura di un numero eccessivo di viste viene segnalata all’utente con un’apposita finestra in cui viene
chiesta conferma dell’apertura di una nuova vista.
4.4.1.1 Finestra della struttura
Contiene la rappresentazione grafica di input della struttura. Il punto di vista e lo stato di visualizzazione può
essere modificato mediante gli appositi comandi.
La finestra della struttura permette di vedere la struttura,di definirla o di modificarla. Selezionando le entità
rappresentate è possibile vederne le caratteristiche nella finestra delle proprietà.
4.4.1.2 Finestra di modello
Contiene la rappresentazione grafica dei risultati del modello ad elementi finiti. Il punto di vista e lo stato di
visualizzazione può essere modificato mediante gli appositi comandi.
6

La finestra di modello permette di vedere i risultati della modellazione della struttura e di interrogare le singole
entità grafiche presenti nella finestra. Non è consentita l’aggiunta, l’eliminazione o la modifica di elementi del
modello.
4.4.1.3 Finestra delle verifiche
Contiene la rappresentazione grafica di input della struttura; in essa gli elementi strutturali sono rappresentati
nello stato di verifica in cui si trovano. Il punto di vista e lo stato di visualizzazione può essere modificato
mediante gli appositi comandi.
6

In tale finestra non è consentita l’aggiunta e l’eliminazione di elementi strutturali.


Specifici comandi permettono di operare sugli elementi strutturali rappresentati per creare, modificare o
eliminare specifiche verifiche; il colore di ciascun elemento strutturale rende conto del suo stato di verifica; le
proprietà di ciascun elemento strutturale, o della sua verifica, sono accessibili nella finestra delle proprietà una
volta selezionato l’elemento; è possibile visualizzare i documenti di ciascuna verifica.
4.4.1.4 Selezione di entità nella finestra grafica
Molti dei comandi disponibili nell’ambiente operativo (relativi al disegno, al modello o alle verifiche) prevedono
la richiesta all’utente di selezionare delle entità nella finestra grafica. Tale selezione può essere eseguita sia
prima che dopo la richiesta del comando. Le entità appartenenti alla selezione sono evidenziate mediante
disegno tratteggiato. Una di queste è però evidenziata con linee continue e spesse: si tratta della prima entità
appartenente alla selezione. La prima entità nella selezione può essere scelta tra quelle appartenenti alla
selezione mediante i tasti freccia della tastiera: questo, nel caso la selezione richieda una sola entità, consente
di indicare quella desiderata.
La selezione delle entità avviene mediante il mouse e la tastiera:

26
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 4.4Finestre

• selezionare con il puntatore direttamente la/le entità interessata/e;


• selezionare per finestra più entità completamente comprese nella finestra di selezione (1° punto alla
sinistra del 2°);
• selezionare per finestra più entità anche solo parzialmente comprese dalla finestra di selezione (1° punto
alla destra del 2°);
• selezionare tutte le entità cliccando il tasto T da tastiera e successivamente premendo INVIO;
• selezionare l’ultima entità selezionata premendo il tasto U da tastiera e successivamente confermando
con INVIO;
• aggiungere entità alla selezione con le stesse modalità sopra descritte; tale possibilità è attiva solo se la
funzionalità di puntamento selezione è attiva. In caso contrario ad ogni selezione vengono deselezionati
gli elementi attivi in precedenza; in tal caso l’aggiunta alla selezione può essere effettuata mantenendo
premuto il tasto SHIFT durante la selezione.
• rimuovere entità dalla selezione con le stesse modalità sopra descritte, avendo cura di premere il tasto
SHIFT durante la loro selezione; tale opzione è attiva indipendentemente dalla funzionalità di
puntamento selezione;
• rimuovere tutte le entità della selezione ad eccezione dell’entità evidenziata cliccando il tasto E da
tastiera e successivamente premendo INVIO.
Il comando di selezione viene terminato con il tasto destro del mouse.
Si può abortire il comando durante la creazione della selezione con il tasto ESC.
4.4.1.5 Immissione di punti
Durante l’esecuzione di comandi di disegno e di modifica nella finestra dellastruttura e nell’editor grafico 2D
delle sezioni è usuale che venga richiesto di specificare uno o più punti nello spazio (3D) ovvero in pianta (2D).
L’utente può rispondere a tale richiesta in due modi; un metodo prevede l’indicazione di punti geometrici
notevoli già esistenti nella struttura, l’altro prevede la fornitura delle coordinate.

4.4.1.5.1 Punti geometrici notevoli


Per punti geometrici notevoli si intendono quei punti definibili in modo preciso riferendosi alle entità già
disegnate (estremità di segmenti, punti medi di segmenti, intersezione di segmenti, ecc.). Per fornire un punto
geometrico notevole si deve:
• specificare la tipologia del punto notevole che si intende indicare (osnap);
• muovere il mouse in prossimità del punto da indicare;
• una volta che viene evidenziato il simbolo corrispondente alla tipologia voluta confermare con il tasto
sinistro del mouse.
Durante la richiesta di un punto l’indicazione della tipologia viene inizialmente fornita dallo snap ad oggetto ma
può essere temporaneamente (per la sola durata della richiesta del punto) bypassata da un‘indicazione più
circostanziata e specifica dell’osnap detta osnap temporaneo.
Durante la richiesta di un punto è possibile, cliccando con il tasto destro del mouse sulla finestra grafica,
accedere ad un menu contestuale che permette di gestire l’osnap temporaneo:
• per attivare un tipo di osnap temporaneo selezionare la voce corrispondente;
• per disattivare un tipo di osnap temporaneo selezionare nuovamente la voce corrispondente;
• per azzerare l’osnap temporaneo selezionare la voce corrispondente.
Tale funzionalità è consentita nel caso in cui si sia impostato l’uso del tasto destro con comparsa del menu a
tendina durante l’esecuzione di un comando nelle Opzioni Mouse.
Invece di utilizzare il menu contestuale è possibile operare in modo del tutto equivalente immettendo da tastiera
le parole chiave corrispondenti e confermando con INVIO:
• FINe
• MEDio
• NODo
• INTersezione
• INSerimento
• PERpendicolare
• VICino
• APParente
• GRIglia
• NESsuno
Il significato di ciascuna parola chiave è desumibile dallo snap ad oggetto; la parte maiuscola di ciascuna
6

parola chiave è la porzione minima da fornire prima di confermare con INVIO.

4.4.1.5.2 Immissione di coordinate

27
4Ambiente operativo Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Le coordinate del punto vengono fornite da tastiera e confermate con INVIO; possono essere espresse come:

Tipo Formato Esempio


Cartesiane 2D X,Y 450.5,-800.5
Polari 2D distanza<longitudine 918.56<-60.63
Cartesiane 3D X,Y,Z 450.5,-800.5,600
Cilindriche 3D distanza<longitudine,Z 918.56<-60.63,600
Sferiche 3D Distanza<longitudine<latitudine 1097.16<-60.63<33.15

• Coordinate e angoli devono essere espressi nelle unità di misura riportate nella barra di stato;
• nel caso il punto richiesto sia 3D e venga fornito un punto 2D è sottinteso che Z=0;
• nel caso si vogliano fornire le coordinate relative al precedente punto fornito, si devono precedere con il
carattere @; questo è valido per tutti i tipi di coordinate;
• un altro metodo per l'immissione di una coordinata relativa consiste nello spostare il cursore per indicare
la direzione e quindi immettere direttamente una distanza. Questo metodo è particolarmente comodo
con il modo ortogonale attivato.

4.4.2 Finestra input da tastiera


Contiene l’insieme completo della struttura di input in forma tabellare.
La finestra permette quindi di analizzare la struttura in maniera analitica, anziché grafica, di definirla o di
modificarla. Selezionando una o più righe delle entità è possibile vederne le caratteristiche nella finestra delle
proprietà.

4.4.3 Finestra animazione


Contiene l’animazione della struttura richiesta attraverso il comando Esporta Animazione.
La finestra permette quindi di visualizzare la struttura in fase di animazione con le modalità richieste con
l’apposito comando. Per interrompere e riprendere l’animazione si clicchi all’interno della finestra o si prema il
tasto ESC. Nella finestra animazione non è possibile selezionare alcuna entità.

4.4.4 Finestra risultati calcolo


Contiene le indicazioni fornite dal solutore relative ai risultati prodotti dallo stesso in fase di calcolo. I risultati
sono divisi per argomento e variano a seconda del tipo di analisi effettuata dall’utente. Saranno sempre
presenti le informazioni relative all’equilibrio della soluzione e alle informazioni del solutore. Le informazioni
relative all’equilibrio sono fornite nelle condizioni elementari in caso di modello lineare. In caso contrario le
indicazioni relative all’equilibrio sono fornite in tutte le combinazioni definite dall’utente. Tali risultati possono poi
essere inseriti nella relazione di calcolo. Si rimanda all’apposito capitolo per maggiori dettagli.

4.4.5 Finestra elaborati


Contiene la rappresentazione degli elaborati grafici prodotti in fase di verifica degli elementi strutturali e
selezionati nella finestra grafica.

4.4.6 Finestra relazioni


Contiene l’anteprima delle relazioni realizzate dall’utente. All’interno di tale ambiente è possibile quindi
analizzare i dati contenuti nella relazione di calcolo ma non è possibile modificare gli stessi. Per maggiori
dettagli sulla realizzazione delle relazioni di calcolo si rimanda all’apposito capitolo.

4.4.7 Finestra tavole


Contiene le tavole realizzate dall’utente relative alle verifiche degli elementi strutturali. All’interno di tale
ambiente è possibile quindi impaginare i disegni in più tavole o modificare le tavole precedentemente
realizzate. Per maggiori dettagli sulla realizzazione delle tavole si rimanda all’apposito capitolo.

4.4.8 Finestra cronologia


Nella finestra cronologia vengono visualizzati i comandi, le opzioni, i messaggi di richiesta ed i messaggi di
esecuzione presenti nella riga di comando. Si noti che non è possibile digitare alcun comando, ma solo leggere
il contenuto della casella o copiarlo.
Quando il contenuto della finestra supera la massima dimensione ammessa ne viene automaticamente
eliminata la prima metà per lasciare spazio ai successivi comandi.

28
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 4.4Finestre

4.4.9 Finestra delle proprietà


Permette di indagare le proprietà degli elementi selezionati nelle finestre grafiche. Nel caso di elementi
selezionati in una finestra della struttura è possibile modificare i valori delle proprietà.
Come si può vedere dalla figura è composta di tre parti.

Nella parte superiore è presente una lista a discesa contenente una voce per ciascuna tipologia di entità facenti
parte della selezione; tramite essa è possibile visualizzare le proprietà di ciascuna tipologia. Una apposita voce
della lista permette di mostrare le proprietà di tutta la selezione e un’ulteriore voce della lista consente di
mostrare le proprietà della entità grafica evidenziata.
Nella griglia centrale sono riportate le proprietà del sottoinsieme della selezione indicato sopra:
• quando è indicata una voce con un’unica entità, come nell’esempio della figura, sono visibili tutti i valori
di tutte le proprietà.
• quando è indicata una voce con più entità della medesima tipologia sono visibili solo le proprietà con lo
stesso valore mentre quelle con valori differenti sono in bianco.
• quando è indicata una voce che comprende entità della selezione di diverse tipologie sono visibili solo le
proprietà comuni ai diversi tipi di entità e, se il valore è il medesimo, è riportato anche il valore.
Nella parte inferiore è riportata la descrizione della proprietà. Contiene anche l’indicazione dell’eventuale unità
di misura adottata per la proprietà in esame.
Variazioni del valore di una proprietà vengono irradiate a tutte le entità appartenenti alla voce indicata nella
parte superiore (ovviamente nel caso la selezione sia stata effettuata in una finestra dellastruttura).
Per variare il valore di una proprietà si deve cliccare con il tasto sinistro del mouse sopra la cella del valore ed
indicare il valore desiderato. Alcune proprietà possono essere raggruppate in un sottoinsieme omogeneo; in tal
caso la modifica può essere apportata selezionando la proprietà raggruppata e modificando il singolo campo
desiderato o, in alternativa, è possibile espandere la proprietà ottenendo una singola cella per ogni
sottoproprietà del gruppo. Alcune proprietà consentono la scelta tra opzioni elencate in un apposito menu a
tendina. In questo caso per impostare il valore è possibile aprire il menu ed effettuare la scelta. In alternativa il
doppio click sulla proprietà consente il passaggio tra le voci proposte nel menu a tendina stesso. Per
confermare si prema il tasto INVIO, si selezioni con il mouse un’altra proprietà. Per abortire si prema ESC.

La modifica delle proprietà tramite la finestra di selezione è uno strumento molto potente che permette
di variare le proprietà di tutte le entità selezionate in maniera immediata; deve essere usato con
attenzione per non modificare accidentalmente entità che non si desidera in realtà variare.

È possibile importare le modifiche nel DWG con il quale si era definita in precedenza la struttura con i
comandi Input da disegno e poi Crea disegno da commessa.

4.4.10 Finestra punto di vista


Permette di impostare il punto di vista della vista attiva, per ottenere un’assonometria generica. È funzionante
nelle viste di disegno e di modello. L’utente può impostare la modalità di funzionamento del punto di vista
scegliendo tra le modalità a compasso, linee, WCS o WCS e compasso. Per effettuare la scelta della modalità
di impostazione è sufficiente cliccare il tasto destro del mouse avendo posizionato il cursore all’interno della
finestra stessa. L’apposito menu a tendina consente la scelta tra le quattro opzioni indicate. Si veda la
descrizione del comando per i dettagli di utilizzo.

29
4Ambiente operativo Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

4.4.11 Finestra layer


Permette di gestire la visibilità dei layer mediante un’apposita finestra che contiene la lista ad albero delle entità
grafiche disponibili per la vista corrente divise per tipologia e per quota di appartenenza.

La lista contiene le entità relative all’input strutturale se è attiva una vista di disegno o di verifica; in questo
secondo caso può contenere, se presenti, anche le entità specifiche della vista verifiche (superelementi,
estremi notevoli…). Nel caso in cui la vista corrente sia relativa al modello la lista è composta dalle entità
utilizzate nella modellazione.
Cliccando sulla voce principale vengono spenti o accesi i layer di tutte le entità appartenenti a quel gruppo; ad
esempio per spegnere i layer di tutte le travi in c.a. si tolga la spunta alla voce Travi c.a. Agendo invece sui
sottogruppi è possibile spegnere i layer di una porzione delle entità scelte (nella finestra riportata sopra sono
spenti i layer di tutte le travi in c.a. a piano 1).

Si sottolinea che attivando o disattivando la voce Tutto a quota vengo spenti i layer di tutte le entità ad
eccezione di eventuali elementi inseriti a quota libera. È questo quindi il modo per spegnere o
accendere tutti i layer (o quasi) in un unico comando.

4.4.12 Finestra mappatura colori


Permette di visualizzare le impostazione delle bande di colore utilizzate nella vista corrente. Ha un significato e
risulta quindi attiva nel caso di viste per la rappresentazione delle sollecitazioni delle shell e delle pressioni del
terreno. Nelle altre viste la finestra risulta vuota. Il settaggio viene descritto nei dettagli di apertura vista. Le
bande di colore visualizzate sono quelle impostate nelle proprietà della vista corrente. A fianco viene riportato
l’intervallo di valori rappresentato dallo specifico colore. Nel caso di numero di bande di colore elevato viene
eseguito dal programma un raggruppamento per l’indicazione dei valori di riferimento. Effettuando un click
destro con il mouse al di sopra della finestra e possibile, con il comando Copia Immagine presente nel menu a
tendina memorizzare un’immagine contenente la scala dei colori che è poi possibile incollare in un documento.

All’apertura di una vista in cui vengono date informazioni tramite l’utilizzo di bande di colore il
programma controlla che sia aperta la finestra Mappatura colori. In caso contrario l’utente viene
avvertito con un apposito messaggio (opzionale in base alle impostazioni delle Opzioni Avanzate);
rispondendo affermativamente la finestra viene aperta automaticamente.

4.4.13 Finestre delle note


Si tratta di finestre contenenti informazioni e note relative alla commessa aperta; esistono note di disegno, note
di modellazione e note di calcolo. Tramite le note Sismicad riesce a comunicare all’utente informazioni che
altrimenti non troverebbero rappresentazione in nessun’altra finestra del programma; inoltre tali informazioni
vengono conservate e rese disponibili nelle successive sessioni di lavoro. Si rimanda all’appendiceper i dettagli
sulle varie tipologie di note.
Una finestra di note contiene una barra superiore ed un riquadro inferiore.

Nel riquadro inferiore sono listate le note raggruppate per tipologiae per ogni tipologia è previsto un grado di
severità indicato attraverso le seguenti icone:
Informazione;

30
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 4.4Finestre

Avvertimento;
Stop.

Per la maggior parte delle tipologie di note è prevista la possibilità di consultare il manuale attraverso l’apposita
icona presente di fianco all’icona di severità. Cliccando su tale icona si apre il manuale in linea,già posizionato
nell’appendicee alla pagina opportuna.

Sempre a livello di tipologia di nota possono esserci delle iconecliccando le qualisi mettono in selezione le
entità grafiche alle quali la nota si riferisce, brevemente saltare. E’ possibile saltare anche facendo doppio clic
sul testo della nota.Ad esempio eseguendo un doppio click in una nota relativa ad un’asta nel modello FEM
viene attivata una vista modello e selezionata l’asta in questione di modo che siano immediatamente accessibili
e indagabili le proprietà dell’asta. In alcuni casi è previsto che invece di saltare su delle entità, si apra un
dialogo con la possibilità di intervenire velocemente sui dati ai quali la nota si riferisce.
Per ogni tipologia di nota sono poi elencate le sottonote specifiche e per ciascuna sottonota l’utente può
decidere se marcare quella sottonota come valutata o non valutata cliccandosull’apposita icona. Nel caso una
sottonota sia stata marcata come valutata è possibile escluderla da quelle elencate (si veda oltre).
Accanto all’icona di valutazionepuò essere presente quella che indica la possibilità di saltare su tutte le entità
che generano tale sottonota.

Infine al di sotto di ogni sottonota sono elencate le singole entità che generano tale nota sempre con la
possibilità di saltare su ciascuna di esse.
La gerarchia tra tipi di note e sottonote è evidenziata da una struttura ad abero e l’utente può compattare o
espandere ciascuna tipologia di nota, o sottonota, cliccando sulle apposite icone presenti all’inizio della riga.
Posizionandosi su una nota, o sottonota, e cliccando il tasto destro del mouse si attiva un menu di scelta rapida
nel quale è possibile:
• effettuare il salto e quindi la selezione automatica dell’entità citata nella nota;
• copiare la riga (per poi incollarla su un documento);
• copiare tutto il contenuto della finestra di note;
• selezionare tutto il contenuto della finestra di note;
• stampare tutto il contenuto della finestra di note.
Nella barra degli strumenti sono presenti due pulsanti che governano le note rappresentate nella parte
sottostante della finestra:
pulsante Valutato: tale pulsante riporta anche il numero di sottonote marcate dall’utente come già valutate.
Cliccando su tale pulsante l’utente può decidere di visualizzare, o meno,le sottonote precedentemente marcate
come già valutate. In questo modo la gestione delle note diventa più agevole consentendo all’utente di decidere
quali sono le sottonote effettivamente significative e quali invece quelle da derubricare. Il pulsante ha due
possibili stati: premuto, con un riquadro attorno, significa che le sottonote marcate come viste vengono
visualizzate mentre sollevato significa che le sottonote marcate come viste non vengono visualizzate;
pulsante Tipologia: permette di filtrare le tipologie di note da visualizzare e riporta il numero di diverse tipologie
di note presenti nella finestra e il numero di tipologie di note che l’utente ha deciso di non visualizzare.
Cliccando sul pulsante si apre una apposita finestra:

In essa è contenuto l’elenco delledifferenti tipologie di note ed è possibile scegliere quali tipologie di note
mantenere visibili e quali rendere invisibili. A differenza del pulsante precedente qui è possibile agire su tutte le
sottonote relative ad un specifico tipo senza doverle analizzare una per una e vistarle.
4.4.13.1 Finestra note di disegno

Al rientro nell’ambiente principale dell’applicazione dopo aver effettuato l’input in ambiente CAD gli eventuali
messaggi di anomalia legati all’input della struttura vengono visualizzati in questa apposita finestra. Nel caso in
cui l’input della struttura venga effettuato nell’ambiente principale tali segnalazioni vengono effettuate nella fase
iniziale della creazione del modello. Se la finestra è chiusa viene automaticamente visualizzata dal programma
6

in caso di necessità di segnalazioni. Nel caso in cui, invece, la finestra sia aperta ma impostata a scomparsa
viene automaticamente visualizzata per qualche secondo. Ogni problema legato alla realizzazione della
struttura viene indicato in una riga con riportato a fianco il grado di severità. Effettuando, se possibile, un doppio
click su ciascuna riga viene visualizzato nell’ambiente di disegno l’elemento indicato nella segnalazione. Nel
caso in cui non ci siano problemi la finestra risulta vuota. Tali messaggi restano nella finestra fino alla

31
4Ambiente operativo Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

successiva uscita dall’ambiente CAD o al successivo lancio della creazione del modello e l’utente li ritrova in
caso di riapertura di un lavoro che riportava anomalie all’atto della chiusura. Le segnalazioni di informazione
possono essere trascurate dall’utente nel caso in cui riscontri che non hanno importanza per il proseguimento
del lavoro. Ad esempio la segnalazione di mancanza dei fili fissi sugli elementi strutturali non pregiudica la
realizzazione del modello ad elementi finiti; il problema che l’utente potrebbe riscontrare in un secondo
momento è legato all’impossibilità di dare un nome in automatico agli elementi strutturali in fase di verifica. Le
note di allerta e i segnali di stop, invece, devono essere eliminati perché denotano una realizzazione non
corretta della struttura.
4.4.13.2 Finestra note di modellazione

Al termine dell’esecuzione del comando di creazione del modello vengono visualizzati in questa apposita
6

finestra i possibili problemi di modellazione riscontrati. Il funzionamento della finestra è analogo a quello delle
note di disegno. Tali messaggi restano nella finestra fino al successivo lancio della creazione del modello e
l’utente li ritrova in caso di riapertura di un lavoro che riportava anomalie all’atto della chiusura.
4.4.13.3 Finestra note di calcolo

Al termine dell’esecuzione del comando di lancio del solutore vengono visualizzati in questa apposita finestra i
possibili problemi di riscontrati. Il funzionamento della finestra è analogo a quello delle note di disegno.

4.4.14 Finestra risultati ricerca

Al termine dell’esecuzione del comando trova vengono visualizzati in questa apposita finestra le entità che
rispettano i criteri indicati per la ricerca. Il funzionamento della finestra è analogo a quello delle note di disegno.

4.4.15 Finestra commenti

In questa finestra vengono elencate i commenti disegnate dall’utente. Facendo doppio click con il tasto sinistro
del mouse sopra un commento è possibile saltare sulla rappresentazione di tale commento in una vista che la
contiene.

4.5 SISTEMA DI UNITÀ DI MISURA


L’ambiente operativo di Sismicad permette di personalizzare il sistema di unità di misura impiegato nel
rappresentare i valori delle grandezze fisiche. Tale sistema di unità di misura viene impiegato dal programma
quando deve interpretare un valore immesso dall’utente oppure quando deve rappresentare un valore numerico
in forma testuale.
È possibile personalizzare il sistema di unità di misura sia della finestra principale che di altri dialoghi (ad es.
quelli del database, quello delle azioni, ecc.): nella finestre in questione è presente, nella parte inferiore destra,
uno strumento che permette di accedere al seguente menu:

In tale menu sono elencate le unità di misura delle grandezze fondamentali trattate da Sismicad; eventuali
grandezze derivate saranno espresse di conseguenza.
Con uno specifico strumento è possibile inoltre resettare, al valore voluto, i sistemi di unità di misura impiegati
in qualunque finestra e dialogo dell’applicazione.

32
5 Strumenti del menu File
Si riporta l’elenco dei comandi del menu File. Al termine di ogni paragrafo di descrizione del comando viene
indicato in quale barra degli strumenti il comando è eventualmente inserito.
Si consiglia una lettura preliminare del concetto di commessa (capitolo Commessa e struttura).

5.1 ASSISTENTE…
Il comando propone una finestra che permette di eseguire le azioni comunemente intraprese all’avvio
dell’applicazione.
Al primo lancio dell’applicazione o selezionando l’apposita voce di menu si apre la seguente finestra.

Il contenuto della finestra è suddiviso in tre colonne (Start, Info e Status).


Nella colonna Start sono disponibili i comandi.
• Apri: permette di aprire una commessa; si veda il comando del menu File->Apri….
• Apri esempio: come Apri, ma si colloca nella cartella degli esempi forniti con l’applicazione.
• Nuovo: permette di creare una nuova commessa, anche a partire da una commessa prototipo; si veda il
comando del menu File->Nuovo….
• Nuovo guidato: permette di creare una nuova commessa dettagliando in modo semplice le informazioni
preliminari al disegno della struttura; al riguardo si veda sotto il paragrafo dedicato Nuovo guidato.
• Nuovo da tipologia predefinita: analogo al precedente, ma permette anche di definire elementi strutturali
e carichi di comuni tipologie di edifici; al riguardo si veda sotto il paragrafo dedicato Nuovo da tipologia
predefinita.
• Recenti: mostra l’elenco delle ultime commesse sulle quali si è lavorato; facendo doppio clic su una voce
dell’elenco si apre la commessa.
La colonna Info rende accessibili i principali file di documentazione forniti con il programma e link a pagine
internet dove è possibile visionare filmati o corsi on-line.
Nella colonna Status sono disponibili i seguenti servizi.
• Licenza: riporta sinteticamente la versione dell’applicazione e gli estremi del licenziatario; tramite il tasto
Cambia è possibile attivare una diversa licenza; si veda il comando Aiuto->Attivazione licenza….
• Aggiornamenti:effettua automaticamenteil controllo dello stato di aggiornamento del programma
installato, e riporta sinteticamente l’esito di tale ricerca. Nel caso ve ne siano di disponibili è visibile il
tasto Aggiorna tramite il quale è possibile scaricare e installare gli aggiornamenti; si veda al riguardo il
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

comando del menu Aiuto->Controllo aggiornamenti.... Questo servizio è disponibile con connessione
internet e per le versioni licenziate, non dimostrative.
• Avvisi: sono elencati messaggi, notifiche e utilità di comune interesse contenuti nell’installazione del
programma e, se è disponibile una connessione, resi disponibili da Concrete s.r.l. su internet. Muovendo
il mouse al di sopra di un avviso ne viene espanso il contenuto, per rendere visibile la porzione di testo
che eccede la larghezza a disposizione; nel testo espanso è eventualmente dettagliatauna azione
associata all’avviso. Selezionando l’apposita voce alla fine della lista, è possibile visualizzare solo gli
avvisi più recenti.

5.1.1 Nuovo guidato


Selezionando tale voce nella prima finestra dell’Assistente, si apre una pagina nella quale viene chiesto di
specificare il percorso su cui creare la cartella della nuova commessa; il programma propone un percorso e il
nome della cartella.L’utente può modificare tale proposta immettendo un nuovo percorso nella casella di testo
disponibile o attraverso l’apposito tasto posizionato accanto che consente di navigare all’interno del computer;
si rimanda al paragrafo relativo all’apertura di una nuova commessa per i dettagli di tale procedura.
Selezionando Avanti il terzo passo consente all’utente di impostare le quote utilizzate nella definizione della
struttura. Per impostarle si clicchi sul tasto Quote. Si apre la finestra per la definizione delle quote al cui
paragrafo si rimanda per i dettagli. Terminando la definizione delle quote l’effettiva impostazione delle stesse
viene riportata nello spazio di testo presente nella finestra.
Selezionando Avanti il quarto passo consente all’utente di impostare le normative adottate. La scelta effettuata
è riportata nello spazio di testo presente nella finestra. Per modificare le norme adottate si clicchi su
Normative. Si apre la finestra Preferenze al cui paragrafo si rimanda per i dettagli.
Procedendo con il tasto Avanti il quinto passo consente all’utente di impostare il tipo di azioni agenti sulla
struttura e le relative combinazioni. Per impostarle si clicchi sul tasto Azioni. Si apre l’apposita finestra al cui
paragrafo si rimanda per i dettagli. Terminando la definizione delle azioni le eventuali impostazioni mancanti
vengono riportate nello spazio di testo presente nella finestra.
Selezionando Avanti si accede all’ultimo passo della procedura guidata nel quale l’utente decide se accedere
all’ambiente principale dell’applicazione per la definizione della struttura in una vista Struttura o se lanciare
l’input da disegno. In questo secondo caso nell’apposita finestra viene indicata la corretta configurazione del
CAD esterno. Per impostarlo o modificarlo si clicchi su Configura. Si accede alla finestra Opzioni a cui si
rimanda per i dettagli. Cliccando su Fine si termina la procedura guidata e si accede alla fase di input degli
elementi strutturali.

5.1.2 Nuovo da tipologia predefinita


Selezionando tale voce nella prima finestra dell’Assistente, si apre una pagina nella quale viene chiesto
all’utente di selezionare la tipologia voluta tra quelle predefinite; è consentita la scelta tra
• telaio tridimensionale;
• capannone in acciaio;
• telaio in acciaio;
• portale piano;
• telaio piano.
Selezionando una delle tipologie a telaio e cliccando su Avanti viene chiesto di specificare il percorso su cui
creare la cartella della nuova commessa; il programma propone un percorso e il nome della cartella. L’utente
può modificare tale proposta immettendo un nuovo percorso nella casella di testo disponibile o attraverso
l’apposito tasto posizionato accanto che consente di navigare all’interno del computer; si rimanda al paragrafo
relativo all’apertura di una nuova commessa per i dettagli di tale procedura. Nel caso l’utente non selezioni
alcuna tipologia la procedura procede nella creazione di un telaio tridimensionale.
Selezionando Avanti nel caso di portale piano vengono richieste:
• l’ampiezza della campata: si digiti nell’apposita casella di testo l’ampiezza desiderata;
• la sezione della trave: la scelta è consentita tra le sezioni precedentemente definite nel database. Nel
caso in cui il database sia vuoto viene creata comunque una sezione;
• l’altezza dei pilastri: si digiti nell’apposita casella di testo l’ampiezza desiderata. Il programma provvederà
a creare automaticamente il livello Fondazione (quota 0, spessore 40 cm), il livello Piano 1 (quota
definita dall’utente spessore 30 cm) ed il tronco Fondazione-Piano 1 su cui verranno inseriti i pilastri.
• la sezione dei pilastri: vale quanto indicato per la sezione della trave.
Nel caso di telaio piano l’utente deve definire, oltre ai dati precedenti, il numero di campate ed il numero di
piani. Il numero di livelli e tronchi definiti nel database delle quote dipende ovviamente dal numero di piani
impostati dall’utente.
Nel caso in cui la scelta dell’utente ricada sul telaio tridimensionale vengono richieste:
• il numero di campate lungo X e la loro dimensione;
• il numero di campate lungo Y e la loro dimensione;
• il numero di piani e l’altezza di interpiano.

34
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 5.2Nuovo…

Attraverso il tasto Fine si termina la procedura e si passa sulla finestra della struttura dell’applicazione del
programma in cui viene riportato il telaio creato dall’utente per mezzo della procedura guidata.
Vale quanto detto per le tipologie precedenti. Selezionando Avanti si accede al quinto passo della procedura in
cui l’utente definisce le sezioni da adottare per travi e pilastri di bordo e interni alla struttura.
Cliccando su Avanti viene richiesta la definizione dei carichi agenti sulla struttura ed in particolare:
• l’entità del carico nella condizione Permanenti e nella condizione Variabili per il piano tipo; si digiti nelle
apposite caselle di testo l’entità desiderata;
• l’entità del carico nella condizione Permanenti e nella condizione Variabili per la copertura (ultimo piano);
si digiti nelle apposite caselle di testo l’entità desiderata;
• la direzione di orditura del carico;
• alla voce Tamponamenti l’utente può impostare il valore del carico lineare da applicare sulle travi di
bordo del piano tipo che discretizza il peso proprio dei tamponamenti.
Attraverso tali passi vengono creati nel database delle azioni, a cui si rimanda per i dettagli, due carichi
superficiali ed un carico lineare. Selezionando Avanti si passa all’ultimo passo della procedura nel quale
l’utente può scegliere di:
• non modellare le fondazioni: la struttura verrà incastrata alla base;
• fondazioni su travi: viene chiesto di effettuare la scelta della sezione da adottare per le travi di
fondazione;
• fondazioni su platea: l’utente deve indicare lo spessore della piastra di fondazione e l’offset delle sue
dimensioni rispetto alle dimensioni del fabbricato in elevazione.
Attraverso il tasto Fine si termina la procedura e si passa sulla finestra della struttura dell’applicazione del
programma in cui viene riportato il telaio creato dall’utente per mezzo della procedura guidata. L’utente può
indagare la struttura realizzata o in alternativa lanciare la risoluzione completa (Strumenti>>Risoluzione
completa) per visualizzare il modello ad elementi e le sollecitazioni agenti sulla struttura.
Se invece, nella prima pagina dell’Assistente l’utente sceglie la tipologia Capannone in acciaio e clicca su
Avanti viene chiesto di specificare il percorso su cui creare la cartella della nuova commessa analogamente a
quanto appena visto. Selezionando nuovamente Avanti vengono richiesti innanzitutto i seguenti dati:
• l’interasse tra le colonne;
• la pendenza della falda;
• il numero di arcarecci per ogni falda;
• il numero delle colonne (che corrisponde al numero di telai);
• il passo delle colonne;
• l’altezza delle colonne;
Cliccando Avanti si visualizza la pagina seguente in cui si chiedono le sezioni delle travi longitudinali e inclinate
in falda, degli arcarecci e delle colonne; con un successivo Avanti si inseriscono i dati dell’eventuale
carroponte; vengono richiesti:
• l’altezza della via di corsa;
• la sezione della trave della via di corsa;
• i carichi da applicare;
Selezionando nuovamente Avanti si visualizza la pagina seguente nella quale si possono settare i dati degli
eventuali controventi:
• la sezione delle aste di controvento;
• la posizione dei controventi nella struttura
Con il successivo Avanti si passa all’ultimo passo della procedura nel quale l’utente può scegliere di:
• non modellare le fondazioni: la struttura verrà incastrata alla base;
• fondazioni su plinti: viene chiesto di effettuare la scelta del plinto da adottare al di sotto delle colonne.

5.2 NUOVO…
Viene visualizzato un dialogo attraverso il quale è possibile creare una nuova commessa.
È sufficiente selezionare il disco o la directory all’interno della quale creare la directory della commessa. È
possibile creare una nuova commessa, dopo avere scelto il percorso desiderato, scrivendone il nome
nell’apposito spazio e premendo Crea. È inoltre possibile selezionare una directory di lavoro già esistente
(contraddistinta dall’icona personalizzata). In tal caso viene segnalato che la directory di lavoro selezionata
contiene già una commessa di Sismicad. L’utente può scegliere di procedere premendo su OK o di annullare
l’operazione. Nel caso in cui decida di proseguire nell’esecuzione del comando la precedente commessa viene
spostata nel cestino e sostituita dalla nuova commessa.
Selezionando il prototipo è possibile creare un nuovo lavoro completamente identico ad uno già realizzato. Per
fare ciò si clicchi sul menu a tendina relativo al Prototipo selezionando Sfoglia e scegliendo la directory di una

35
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

commessa già realizzata. La commessa scelta resterà nella lista dei prototipi selezionabili nelle successive
creazioni di nuove commesse. Tale funzionalità risulta molto utile: l’utente può infatti crearsi alcune commesse
standard in cui settare i parametri principali (ad esempio i carichi, le caratteristiche del terreno, le dimensioni
delle mesh etc,) senza inserire elementi strutturali e poi utilizzarle per creare nuovi lavori. Per creare una
commessa vuota si scelga Nessuno nella lista dei prototipi.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard.

5.3 APRI…
Viene visualizzato un dialogo attraverso il quale è possibile aprire una commessa già esistente.
È sufficiente selezionare la cartella della commessa, che si contraddistingue dall’icona personalizzata come
riportato nell’immagine precedente e premere Apri o in alternativa eseguire un doppio click sulla cartella
prescelta. Nel caso si scelga una cartella che non risulta essere una commessa di Sismicad 12 l’utente viene
avvertito con un apposito messaggio e gli viene riproposta la scelta delle cartella da aprire.
In alternativa l’apertura di una nuova commessa è consentita attraverso un doppio click sul file principale della
commessa (main.scj) o trascinando un file contenuta nella commessa o la commessa stessa sull’icona
dell’applicazione o sull’applicazione stessa nel caso in cui sia stata avviata senza aver aperto alcuna
commessa.
Selezionando invece un file di una commessa compressa, estensione “.scz”, è possibile decomprimerla in una
nuova cartella, avente il nome del file selezionato, e aprire la commessa appena decompressa.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard.

5.4 APRI IN WINDOWS


Consente di aprire in Windows Explorer la cartella del lavoro in modo da poter visualizzare i file di cui la
commessa è costituita. Il comando è attivo solo se c’è una commessa aperta.

5.5 CHIUDI
Chiude la commessa correntemente aperta. Nel caso in cui la commessa non sia stata salvata viene chiesto
all’utente, attraverso un’apposita finestra, se desidera effettuare il salvataggio.
L’utente può effettuare le scelte seguenti:
• Sì: la commessa viene salvata e successivamente chiusa.
• No: la commessa viene chiusa senza essere salvata e le modifiche apportate vengono perse.
• Annulla: si ritorna all’interno della commessa.
La chiusura della commessa può essere effettuata anche chiudendo tutte le finestre di documento
dell’applicazione.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard.

5.6 SALVA
Esegue il salvataggio della commessa corrente.
All’atto del salvataggio tutti i file presenti nella directory del lavoro e creati dal programma vengono eliminati se
ritenuti obsoleti cioè non più utilizzati dall’applicazione. Il file precedente viene mantenuto all’interno della
cartella della commessa e gli viene attribuita l’estensione “.BackUp”. In questo modo la versione precedente
all’ultimo salvataggio effettuato è sempre recuperabile dall’utente.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard.

5.7 SALVA CON NOME…


Consente il salvataggio della commessa corrente in una nuova cartella. Viene visualizzato un dialogo mediante
il quale è possibile indicare il nome della cartella nella quale si intende salvare la commessa correntemente
aperta.
In tale cartella viene ricopiato tutto il contenuto della cartella della commessa (ad eccezione dei file obsoleti) e
viene riscritto il file main.scj; all’interno della nuova commessa viene copiato anche il file con estensione
“.BackUp” che contiene la versione del lavoro precedente all’ultimo salvataggio effettuato. Nel caso in cui
l’utente scelga come cartella di destinazione quella di una commessa esistente viene segnalata l’anomalia e

36
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 5.8Importa

viene chiesto all’utente se desidera continuare. In caso di risposta affermativa la precedente cartella di lavoro
viene spostata nel cestino e sostituita dalla nuova cartella
Nel caso in cui l’utente scelga la stessa cartella l’operazione corrisponde ad un semplice salvataggio.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard.

5.8 IMPORTA

5.8.1 Dxf…

Il comando consente di inserire un file dxf esistente direttamente nell’ambiente di disegno di Sismicad. È quindi
un comando attivo nell’ambiente di disegno di Sismicad.
Cliccando sulla voce di menu o sull’apposita icona si apre il dialogo seguente nel quale è possibile scegliere:

• Nome: attraverso l’apposito tasto è possibile selezionare il file dxf che si desidera importare.
• Punto di inserimento: è possibile selezionare il punto di inserimento del dxf impostando le coordinate X,
Y e Z nel dialogo. Nel caso in cui l’utente non specifichi le coordinate di inserimento del dxf quest’ultimo
verrà inserito a coordinate 0,0,0.
• Proietta in un piano: è possibile selezionare tramite il menu a tendina i livelli o le falde definite nel
database delle quote. Si può inoltre inserire un valore numerico tramite tastiera indicante la quota libera
(la Z nel sistema di riferimento). Del dxf selezionato verranno inserite nell’ambiente di disegno tutte le
linee e polilinee presenti nel dxf proiettate verticalmente nel piano individuato dalla quota selezionata.
Pertanto anche dxf tridimensionali verranno “appiattiti” alla quota selezionata. Non spuntando l’opzione il
dxf tridimensionale resterà tale.
• Fattore di scala: è possibile indicare il fattore di scala con cui il dxf verrà scalato prima dell’importazione.
Nel caso in cui l’utente non specifichi il fattore di scala quest’ultimo sarà assunto pari a 1.
• Angolo di rotazione in pianta: è possibile indicare la rotazione in pianta con cui il dxf verrà ruotato
rispetto al punto 0,0 prima dell’importazione e della traslazione del punto di inserimento. Nel caso in cui
l’utente non la specifichi la rotazione sarà assunta pari a 0.
Se il dxf contiene dei blocchi che si vogliono importare è necessario esploderli prima di eseguire il comando.
Cliccando su OK il dxf viene inserito nella vista di disegno nel caso in cui si sia scelto già il punto di
inserimento. In caso contrario l’utente deve indicare il punto in cui inserire il dxf. Nel caso il punto di inserimento
venga selezionato tramite il mouse e il dxf da inserire non sia troppo grande ne viene visualizzata l’anteprima.

5.8.2 IFC…
Un’altra possibile importazioni è da file IFC. Si rimanda all’apposito capitolo relativo all’interfaccia con i CAD 3D
architettonici per i dettagli sulla procedura di importazione.

5.8.3 Blocco commessa…


Consente di inserire nella commessa correntemente aperta i dati relativi ad un’altra commessa. Selezionado la
voce di menu si apre una apposita finestra:

37
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

In essa è possibile scegliere la commessa di cui si desidera importare i dati, commessa di origine, e specificare
quali di questi effettivamente importare nella commessa correntemente aperta, commessa di destinazione. Le
scelte possibili sono:
• Struttura: importa gli elementi della struttura collocando il suo punto di inserimento alle coordinate del
punto specificate e applicando la rotazione specificata.
• Dati: in particolare
- Metodo di analisi: vedi Metodo di analisi e relativi dettagli nella pagina Generali del dialogo delle
Preferenze;
- Norma di verifica: vedi Norma di verifica e relativi dettagli nella pagina Generali del dialogo delle
Preferenze;
- Suolo: vedi pagina Suolo del dialogo delle Preferenze;
- Carichi di superficie: vedi pagina Carichi di superficie del dialogo delle Preferenze;
- FEM: vedi pagina FEM del dialogo delle Preferenze;
- Informazioni: vedi pagina Informazioni del dialogo delle Preferenze;
- Piante e prospetti: vedi dialogo Opzioni piante e prospetti;
- Tavole: vedi dialogo Opzioni tavole;
- Azioni: vedi dialogo Azioni;
- Quote: vedi dialogo Quote;
- Sito: vedi dialogo Sito;
- Commenti: vedi capitolo relativo.
• Opzioni verifiche: in particolare
- Travate C.A.: vedi dialogo Opzioni Travate C.A.;
- Pilastrate: vedi dialogo Opzioni Pilastrate;
- Piastre e platee: vedi dialogo Opzioni Piastre e Platee;
- Plinti: vedi dialogo Opzioni Plinti;
- Pali: vedi dialogo Opzioni Pali;
- Solai C.A: vedi dialogo Opzioni Solai C.A.;
- Muratura ordinaria: vedi dialogo Opzioni Murature;
- Muratura armata: vedi dialogo Opzioni Muratura Armata;
- Aste acciaio: vedi dialogo Opzioni Aste Acciaio;
- Comuni legno: vedi dialogo Opzioni Comuni Legno;
- Pareti legno: vedi dialogo Opzioni Pareti Legno;
- Collegamenti aste legno: vedi dialogo Opzioni Collegamenti Aste Legno;
- Collegamenti pareti legno: vedi dialogo Opzioni Collegamenti Pareti Legno;
- Solai legno: vedi dialogo Opzioni Solai Legno.
• Verifiche: permette di importare le verifiche presenti. L’importazione di una verifica è subordinata
all’identificazione nella commessa di destinazione degli elementi ai quali la verifica si riferisce; ad es.
l’importazione di una travata c.a., riferita a due travi c.a., è subordinata all’identificazione nella

38
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 5.9Esporta

commessa di destinazione delle due travi c.a. corrispondenti. Nel caso sia stata selezionata anche la
voce Struttura, la rototraslazione specificata viene applicata anche agli elementi di verifica. Gli scenari
nei quali risulta particolarmente utile l’importazione delle verifiche sono i seguenti:
- la commessa di origine contiene una sottostruttura, non presente nella commessa di destinazione,
che si desidera aggiungere e della quale si desiderano importare anche le relative verifiche; ad es.
una scala tipo della quale sono state studiate anche le armature; in questo scenario si dovrà
selezionare nel dialogo sia la voce Struttura che Verifiche;
- la commessa da importare (B) è un clone della commessa correntemente aperta (A), realizzata
copiando la cartella A in B; la copia è stata fatta, una volta eseguito il calcolo FEM di A, allo scopo di
poter procedere in parallelo su più computer alla verifica degli elementi; ad es. un operatore verifica
in A gli elementi dei primi due impalcati mentreun secondo operatore verifica in Bi rimanenti
impalcati. Una volta eseguite le verifiche concordate in B vi è la necessità di riportare tali verifiche in
A per poter proseguire nell’iter progettuale; in questo scenario si dovrà selezionare nel dialogo solo
la voce Verifiche.
Premendo su OK, ed avendo scelto anche la voce Struttura, viene visualizzata una vista struttura e chiesto di
fornire il punto di inserimento e l’angolo di rotazione; questo sempre che nel dialogo precedente si sia
impiegato almeno un campo Usa la coordinata del punto fornito e/o Usa il punto fornito. Tali punti possono
essere forniti da tastiera tramite le coordinate o con il mouse utilizzando, nel caso, i modi di osnap; l’anteprima
di inserimento faciliterà l’operazione.
Se il punto basedella commessa di origine ha quota diversa da quello di inserimento le entità vengono inserite
in posizione altimetrica diversa e vengono creati dei nuovi livelli e/o delle nuove falde.
Terminato il comando le entità vengono disegnate nella vista Struttura e i dati che si è scelto di copiare
vengono automaticamente impostati.

5.8.4 Opzioni…
Consente di importare nell’applicazione attualmente aperta le opzioni di configurazione di un’altra installazione
del programma Sismicad che può essere una precedente versione o un’installazione della stessa versione
presente su un altro computer. Se si decide di importare le opzioni da una precedente versione del programma
verranno importate tutte le opzioni che esistevano in quella versione mentre per quelle nuove verrà imposto il
valore predefinito. Selezionando la voce di menu si apre una apposita finestra:

In essa è possibile scegliere il percorso dove si trova il file di configurazione di cui si vogliono importare le
opzioni e le opzioni da importare. Le opzioni importabili sono elencate nella immagine sopra riportata e sono le
opzioni impostabili attraverso il comando Opzioni presente nel menu File oltre che la visibilità e la posizione
delle barre degli strumenti nell’ambiente Sismicad (non nel CAD esterno).
Per selezionare il file si clicchi sul tasto con i tre puntini. Si apre l’apposito dialogo di sistema per la selezione
del file di configurazione (avente estensione .cfg)
Al primo avvio del programma dopo l’installazione tale schermata si apre in automatico chiedendo all’utente se
desidera importare la configurazione da altre versioni o installazioni.

5.9 ESPORTA

5.9.1 Commessa compressa…

Consente di salvare la commessa aperta in formato compresso (.scz). Il comando è quindi attivo solo nel caso
sia aperta una commessa. Si apre un apposito dialogo che consente di scegliere il nome da assegnare al file
compresso e dove salvarlo.
Viene proposto il nome del file uguale al nome della commessa con aggiunta l’estensione .scz e il salvataggio
all’interno della commessa; l’utente può modificare entrambe le impostazioni. Il programma allega
automaticamente il file di configurazione di Sismicad(main.cfg) ed il file della commessa (main.scj). Ovviamente
è importante che la commessa sia stata precedentemente salvata così da creare un file di backup della
commessa nello stato in cui si trova al momento dell’esecuzione del comando.

39
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Il file di una commessa compressa (.scz) può essere decompresso e la commessa caricata con il comando
Apri….

Si faccia attenzione che la compressione della commessa importa esclusivamente i due file indicati in
precedenza. Decomprimendo il file si ottiene la geometria della commessa, senza soluzione ne
eventuali file relativi alle verifiche degli elementi strutturali.

5.9.2 Blocco commessa…


Consente di esportare le entità selezionate nella vista Struttura creando una nuova commessa di Sismicad.
Una volta selezionate le entità che si vogliono esportare si scelga la voce di menu (o viceversa). Il comando
prosegue quindi identicamente al comando Copia ed alla fine si apre l’apposito dialogo per il salvataggio dei
dati selezionati in una nuova commessa. Si digiti il nome desiderato e si prema su Salva.
Il comando oltre a esportare le entità selezionate esporta anche altri dati della commessa, per i quali si rimanda
sempre al comado Copia.

5.9.3 Esporta travate tralicciate…


Consente di esportare le verifiche di travate tralicciate selezionate nella vista Verifiche.Le travate tralicciate
selezionate devono essere tutte della medesima tecnologia costruttiva. Le pilastrate connesse alle travate
selezionate devono essere state preliminarmente calcolate.
Una volta selezionate le travate tralicciate viene richiesta, mediante una finestra, la cartella in cui depositare i
file da esportare;la cartella indicata deve essere vuota, eventualmente può essere creata ex-novotramite il
bottone Crea nuova cartella.
Nella cartella indicata vengono esportati i file previsti dal protocollo di scambio dati specifico della tecnologia
costruttiva delle travate selezionate.

5.9.4 Esporta dati SISMI.CA…


Consente l’esportazionedei dati richiesti dal “Sistema Informativo per l’analisi strutturale ed il monitoraggio degli
interventi in Calabria” (SISMI.CA), inclusi i dati di eventuali verifiche di pilastrate/travate/pareti in c.a.
selezionate nella vista Verifiche (Fase 4 del SISMI.CA, Elementi di progetto). Le pilastrate selezionate e le
travate a queste connesse devono essere state preliminarmente calcolate.
Nel caso di edifici a telaio si possono selezionare gli elementi costituenti i due telai piani disposti lungo X/Y, la
cui intersezione determina il filo fondamentale; il riconoscimento del pilastro fondamentale e delle travate
connesse a questo è automatico. Una volta scelte le opportune combinazioni sismiche per le direzioni X ed Y,
la procedura esporta nella cartella indicata dall’utente la relazione (Relazione SISMI-CA.rtf) e tutti i file
necessari (in formato .csv) all’inserimento nella procedura informatica del SISMI.CA. Tutti questi dati vengono
esportati anche sotto forma di un unico file di tipo .xml; questo file consente un inserimento nella piattaforma più
rapido, anche se comunque le varie schermate del SISMI.CA vanno ricontrollate e validate con l’apposito
pulsante.
Per i dettagli sulle modalità di esportazione e sulle limitazioni nell’uso di questo strumento consultare il
paragraforelativo.

5.9.5 DOC…

Il comando consente l’esportazione della relazione corrente in formato DOC di Microsoft Word®. Il comando è
attivo quando è aperta la finestra Relazioni ed è stata realizzata almeno una relazione o nella finestra Risultati
calcolo. Ovviamente viene esportata la relazione selezionata. Cliccando sulla voce di menu si apre l’apposito
dialogo attraverso il quale è possibile scegliere dove e con che nome salvare la relazione in formato doc. Il
nome proposto di default dal programma è quello della relazione di calcolo selezionata.

5.9.6 PDF…

Il comando consente l’esportazione della relazione corrente in formato PDF di Adobe Acrobat® (dalla versione
5.0 in poi). Il comando è attivo quando è aperta la finestra Relazioni ed è stata realizzata almeno una relazione
o nella finestra Risultati calcolo. Ovviamente viene esportata la relazione selezionata. Cliccando sulla voce di
menu si apre l’apposito dialogo attraverso il quale è possibile scegliere dove e con che nome salvare la
relazione in formato pdf. Il nome proposto di default dal programma è quello della relazione di calcolo
selezionata.

5.9.7 Excel
Il comando consente l’esportazione di una nuova relazione con lo schema derivante dalla relazione corrente in
formato XLS di Microsoft Excel®. Il comando è attivo quando è aperta la finestra Relazioni ed è stata realizzata
almeno una relazione o nella finestra Risultati calcolo. Cliccando sulla voce di menu si apre l’apposito dialogo
attraverso il quale è possibile scegliere dove e con che nome salvare la relazione in formato xls. Il nome
proposto di default dal programma è quello della relazione di calcolo selezionata. Per maggiori indicazioni e

40
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 5.9Esporta

suggerimenti sull’esportazione in Excel di elementi della relazione di calcolo si rimanda allo specifico paragrafo
del capitolo delle relazioni.

5.9.8 HTML
Il comando consente l’esportazione di una nuova relazione con lo schema derivante dalla relazione corrente in
formato HTML. Il comando è attivo quando è aperta la finestra Relazioni ed è stata realizzata almeno una
relazione o nella finestra Risultati calcolo. Cliccando sulla voce di menu si apre l’apposito dialogo attraverso il
quale è possibile scegliere dove e con che nome salvare la relazione in formato xls. Il nome proposto di default
dal programma è quello della relazione di calcolo selezionata.

5.9.9 XML
Il comando consente l’esportazione di una nuova relazione con lo schema derivante dalla relazione corrente in
formato XML. Il comando è attivo quando è aperta la finestra Relazioni ed è stata realizzata almeno una
relazione. Cliccando sulla voce di menu si apre l’apposito dialogo attraverso il quale è possibile scegliere dove
e con che nome salvare la relazione in formato xml. Il nome proposto di default dal programma è quello della
relazione di calcolo selezionata.

5.9.10 Interscambio ManDOC…


Il comando consente l’esportazione del file di interscambio con il programma Concrete ManDOC che gestisce il
piano di manutenzione della struttura. Cliccando sulla voce di menu si apre l’apposito dialogo attraverso il quale
è possibile scegliere dove e con che nome salvare tale file; si consiglia di salvare il file all’interno della cartella
della commessa così come proposto dal programma.

5.9.11 Immagine…
Il comando consente l’esportazione in formato BMP, GIF, JPEG, PNG, TIFF della rappresentazione della
struttura nella finestra corrente di disegno, di modello o di verifica. Cliccando sulla voce di menu si apre
l’apposito dialogo attraverso il quale è possibile scegliere dove e con che nome salvare l’immagine. È possibile
scegliere attraverso l’apposito menu a tendina il formato del file tra quelli presenti nella lista. Il nome proposto di
default dal programma è quello della vista corrente.

5.9.12 Metafile…
Il comando consente l’esportazione in formato WMF o EMF della rappresentazione della struttura nella finestra
corrente di disegno, di modello o di verifica. Il formato WMF (Windows MetaFile) e il EMF (Enhanced MetaFile)
sono formati di salvataggio per immagini che contengono le primitive grafiche originali impartite all'atto della
prima visualizzazione o della generazione. Sono pertanto da considerarsi formati vettoriali, che preservano la
qualità dei poligoni e delle linee indipendentemente dalla risoluzione finale di visualizzazione o di stampa. E'
possibile infatti incapsulare immagini in formato WMF o EMF in Microsoft Word per una stampa di qualità
superiore, rispetto alla cattura dello schermo. Cliccando sulla voce di menu si apre l’apposito dialogo attraverso
il quale è possibile scegliere dove e con che nome salvare l’immagine. È possibile scegliere attraverso
l’apposito menu a tendina il formato del file tra quelli presenti nella lista. Il nome proposto di default dal
programma è quello della vista corrente.

5.9.13 DXF
Il comando consente l’esportazione in formato DXF della rappresentazione della struttura nella vista corrente di
disegno, di modello o di verifica. Cliccando sulla voce di menu si apre l’apposito dialogo attraverso il quale è
possibile scegliere dove e con che nome salvare il file dxf. Il nome proposto di default dal programma è quello
della vista corrente. Il programma esporta nel file dxf tutti i layer presenti nella vista corrente. Alcuni di essi,
specialmente nelle viste di modello, vengono automaticamente congelati; ad esempio i layer degli indici delle
aste o del numero dei nodi risultano congelati. Aprendo il dxf con un programma esterno l’utente è libero di
congelare e scongelare i layer desiderati avendo la completezza delle informazioni fornite nell’ambiente
Sismicad.

5.9.14 IFC
Il comando consente l’esportazione in formato IFC 2x3 della rappresentazione geometrica della struttura nella
vista di disegno. Non vengono esportati gli elementi IFC di SismiCad ottenuti da una precedente importazione
di file IFC.

41
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Cliccando sulla voce di menu viene richiesto:


• quale porzione di struttura esportare (tutto o una selezione)
• se si vuole esportare le armature delle verifiche relative agli elementi selezionati.
• dove e con che nome salvare il file IFC 2x3.
Ogni entità viene esportata con la stessa geometria solida visibile nella vista struttura, il colore è quello definito
nella scheda Colori delle preferenze di applicazione. Sono esportate come testo le proprietà di ogni entità.

5.9.15 Animazione…

Il comando consente l’esportazione in formato AVI dell’animazione della vista corrente. Il comando è disponibile
solo nelle viste della deformata.

Vengono richiesti:
• nome del file dell’animazione;
• numero fotogrammi: è possibile inserire il numero di fotogrammi che compongono l’animazione;
• frequenza fotogrammi: è possibile inserire il numero di fotogrammi al secondo. Il numero di fotogrammi
effettivamente impiegato potrebbe essere inferiore a quello specificato poiché dipendente dalle
prestazioni grafiche del computer, dalle dimensioni della vista o da un numero troppo elevato di
fotogrammi;
• qualità: determina un compromesso tra la qualità dell’animazione e la dimensione del file sul disco;
• mostra l’animazione generata in player: spuntando l’opzione l’animazione, oltre a venire esportata in un
file di formato AVI, verrà anche riprodotta sul un player. Scegliendo interno nell’apposito menu a tendina
l’animazione sarà visualizzata una apposita finestra Animazione che si aprirà automaticamente
eseguendo il comando. Scegliendo esterno, invece, l’animazione verrà riprodotta con un visualizzatore
presente nel computer che si aprirà in automatico (applicazione associata ai file di tipo AVI).

5.9.16 Opzioni…
Consente di esportare tutte le opzioni di configurazione dell’applicazione attualmente per poi poterle importare
in un’altra installazione di Sismicad. Selezionado la voce di menu si apre l’apposito dialogo di sistema in cui
l’utente sceglie dove e con che nome salvare le opzioni.
Vengono salvate tutte le opzioni disponibili e poi sarà in fase di importazione che l’utente sceglierà quali di
quest opzioni effettivamente utilizzare.

5.10 OPZIONI…
Si apre il dialogo che permette di configurare le opzioni che governano il comportamento di Sismicad.
Tali opzioni sono di competenza di Sismicad e ne governano il comportamento in tutte le commesse.
Di ciascuna categoria di opzioni, tranne che per quelle Generali che sono strettamente dipendenti dal computer
sul quale è installato il programma, è possibile ripristinare i valori di default mediante l’apposito
bottonePredefiniti.

42
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 5.10Opzioni…

Da una sessione all’altra tutte le opzioni sono salvate nel file C:\Users\<Nome utente>
\AppData\Roaming\Concrete\<Cartella di installazione di Sismicad>\CFG\Sismicad.cfg. All’avvio di
Sismicad viene controllato che tale file esista e che contenga informazioni valide. In caso contrario il
programma chiede di essere configurato.

5.10.1 Generali
È possibile specificare:

• Il nome dell’utente che utilizza il programma: tale nome verrà utilizzato per identificare l’autore del
calcolo di un elemento (es. travata) e può risultare utile nel caso più persone eseguano calcoli su una
medesima commessa;
• La cartella dei database comuni: tale percorso individua la posizione del database dell’applicazione che
può essere condiviso con le altre applicazioni Concrete. La posizione di tale file può essere modificata
dall’utente rispetto alla posizione di default indicata all’atto dell’installazione. Per apportare tale modifica
si utilizzi l’apposito tasto che apre una finestra che consente l’esplorazione delle risorse del computer .
• La directory di installazione del CAD utilizzato;
L’immissione dei dati relativi al CAD può essere agevolata cliccando il tasto Cerca….
Si apre una finestra che mostra i CAD installati nel computer. E’ possibile aggiornare lista dei cad
disponibili cliccando sul pulsante Inizia ricerca.

Attraverso il tasto riportante l’icona del punto di domanda è possibile visualizzare attraverso un ulteriore
dialogo la lista dei CAD supportati dall’applicazione.
In alternativa è possibile cercare manualmente la cartella di installazione del CAD attraverso l’apposito
tasto che consente l’esplorazione delle risorse del computer.
• La lingua utilizzata (Italiano, Inglese).
• Se si desidera essere avvisati quando è passato molto tempo dall’ultimo salvataggio; in tal caso è
possibile specificare quanto tempo deve passare, dopo la prima modifica, affinchè venga ricordato di
salvare e quanto tempo deve passare per gli avvisi successivi; praticamente il programma si comporta
come una sveglia con la possibilità di gestire l’intervallo per la ripetizione dell’allarme.

43
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

5.10.2 Grafica
Governa l’uso di funzionalità della scheda grafica nel disegnare le viste.

È possibile specificare:
• Quale accelerazione hardware utilizzare. Le funzionalità disponibili sono: OpenGL 1.1, OpenGL 1.5,
OpenGL 3.3 e sono abilitate solo quelle supportate dalla scheda video. Sono noti casi in cui i driver della
scheda video dichiarano di supportare funzionalità OpenGL, senza effettivamente supportarle: in tal caso
si possono manifestare dei malfunzionamenti o veri e propri errore durante la rappresentazione grafica
della struttura nelle viste; in tali casi si consiglia di aggiornare i driver della propria scheda video ovvero
di utilizzare una funzionalità inferiore. Il comando Driver scheda grafica…permette di identificare la
scheda grafica, i driver con la loro versione e fornisce l’indirizzo dove eventualmente reperire driver
aggiornati.
• Se utilizzare o meno le transizioni vista per passare da un punto di vista all’altro. Attivando l’opzione sarà
possibile vedere la struttura in movimento passando da un punto di vista all’altro altrimenti il passaggio
sarà istantaneo.
• Se impiegare o meno l’antialiasing; nel caso si attivi questa opzione le linee e gli spigoli disegnati nelle
viste vengono rappresentati minimizzando l’effetto di scalettamento delle linee inclinate; l’effetto finale è
di una maggiore nitidezza dell’immagine. Il risultato estetico ottenibile è strettamente dipendente dalle
capacità dei driver della scheda grafica. Sono noti casi di driver della scheda grafica che non forniscono
miglioramenti estetici apprezzabili e addirittura casi nei quali si hanno dei peggioramenti, del tipo
superfici uniformi suddivise in triangoli con linee inesistenti; in tali casi si consiglia di aggiornare i driver
della propria scheda video ovvero di deselezionare questa proprietà. Il comando Driver scheda
grafica… permette di identificare la scheda grafica, i driver con la loro versione e fornisce l’indirizzo
dove eventualmente reperire driver aggiornati.

5.10.3 Mouse
Controlla l'uso del pulsante destro del mouse nell’ambiente operativo di Sismicad; tali impostazioni non sono
attive nell’ambiente CAD, al manuale del quale si rimanda per l’impostazione delle analoghe funzionalità.

È possibile determinare il funzionamento del tasto destro nei tre casi indicati:
• Modalità default: determina il comportamento del programma quando si fa click con il pulsante destro del
mouse all'interno della finestra grafica mentre nessun oggetto è selezionato e nessun comando è in
esecuzione. È possibile scegliere tra:

44
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 5.10Opzioni…

- Ripete l’ultimo comando: disattiva il menu di scelta rapida. L'uso del pulsante destro del mouse nella
finestra grafica quando non è selezionato alcun oggetto e nessun comando è in esecuzione
equivale a premere il tasto INVIO, ovvero a ripetere l'ultimo comando eseguito.
- Attiva un menu di scelta rapida: attiva il menu di scelta rapida.
• Modalità modifica: determina il comportamento del programma quando si fa click con il pulsante destro
del mouse all'interno della finestra grafica mentre almeno un oggetto è selezionato e nessun comando è
in esecuzione. È possibile scegliere tra:
- Ripete l’ultimo comando: disattiva il menu di scelta rapida. L'uso del pulsante destro del mouse nella
finestra grafica quando sono stati selezionati degli oggetti ma nessun comando è in esecuzione
equivale a premere il tasto INVIO, ovvero a ripetere l'ultimo comando eseguito.
- Attiva un menu di scelta rapida: attiva il menu di scelta rapida.
• Modalità comando: determina il comportamento del programma quando si fa click con il pulsante destro
del mouse all'interno della finestra grafica mentre un comando è in esecuzione.
- Equivale a premere INVIO: disattiva il menu di scelta rapida. L'uso del pulsante destro del mouse
nella finestra grafica quando è in esecuzione un comando equivale a premere il tasto INVIO.
- Attiva un menu di scelta rapida: attiva il menu di scelta rapida.
Nella finestra è inoltre possibile impostare l’Apertura Snap: consente di definire la dimensione del cursore.
L’intervallo valido è compreso tra 1 e 51 pixel.

5.10.4 Dimensioni

È possibile specificare le dimensioni delle entità grafiche utilizzate nell’input della struttura e nel modello ad
elementi finiti. Tale dimensione verrà considerata quella di default all’atto di inserimento delle entità grafiche
nella fase dell’input della struttura.
Per variare la dimensione si selezioni la voce desiderata nell’elenco e quindi si digiti la nuova altezza nella
casella interna al riquadro “Dimensione”.
Mediante la proprietà “Limite numero nodi per nodi solidi” è possibile indicare al programma il massimo numero
di nodi del modello F.E.M. entro il quale impiegare una grafica solida (un cubetto) nelle visite del modello; nel
caso il numero di nodi del modello F.E.M. ecceda tale valore allora il programma impiegherà una grafica
simbolica semplificata, un quadratino di dimensione fissa, che richiede un minore uso di memoria, scelta
consigliabile nel caso di grandi modelli. In entrambi i casi la dimensione del simbolo può essere modificata nella
griglia superiore.

45
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

5.10.5 Colori

È possibile specificare i colori utilizzati nell’input da disegno e nelle finestre dell’applicazione per rappresentare
gli elementi strutturali e di carico e gli elementi grafici utilizzati nel modello ad elementi finiti.
Per variare un colore si selezioni la relativa casella colorata nell’elenco: in questo modo si apre la finestra per il
settaggio dei colori.

5.10.6 Caratteri

È possibile specificare i colori e le impostazioni dei font utilizzati nelle viste del modello ad elementi finiti e per i
commenti.
Per variare un colore si selezioni la relativa casella colorata nell’elenco: in questo modo si apre la finestra per il
settaggio dei colori.
Per variare le impostazioni dei font si selezioni la relativa casella della colonna Carattere: in questo modo è
possibile impostare:
• il tipo di carattere;
• lo stile. Tale impostazione è sensibile allo stile normale o grassetto mentre l’opzione corsivo non viene
utilizzata dal programma;
• i punti: si imposta la dimensione del carattere;

46
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 5.10Opzioni…

• gli effetti. È possibile selezionare l’effetto barrato mentre l’opzione sottolineato non viene utilizzata dal
programma;
• il tipo di scrittura.
Per l’elemento commento viene visualizzato un dialogo specificoche permette di impostare:
• il font da utilizzare;
• l’altezza predefinita;
• l’inclinazione predefinita;
• il fattore di larghezza.

5.10.7 Prefisso fili

È possibile specificare il prefisso che il programma utilizzerà quando si eseguirà il comando fili in automatico. I
prefissi predefini sono vuoti. L’utente può personalizzare gli eventuali prefissi che desidera utilizzare
differenziandoli tra gli elementi strutturali inseribili con i comandi di disegno. Ovviamente è necessario
personalizzare i prefissi prima di inserire i fili.

5.10.8 Avanzate

Tramite le Disposizioni è possibile personalizzare il comportamento dell’applicazione; essenzialmente è


possibile governare la messaggistica prevista.
È possibile imporre il sistema di unità di misura da impiegare in tutte le finestre dell’applicazione mediante il
tasto Resetta; si accede ad un apposito dialogo in cui è possibile scegliere le grandezze di default per ogni
unità di misura.

47
5Strumenti del menu File Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

5.11 IMPOSTA PAGINA…


Visualizza il dialogo di impostazione della pagina. Il comando è attivo solo nel caso in cui sia aperta la finestra
Relazioni e in essa sia stata realizzata almeno una relazione o nella finestra Risultati calcolo.
Viene chiesto di impostare il foglio, l’orientamento e i margini. La modifica risulta visibile nello spazio di
anteprima. Cliccando su OK le modifiche apportate vengono applicate a tutte le relazioni realizzate in
precedenza dall’utente e vengono visualizzate a video sulla relazione corrente.

5.12 STAMPA…
Attraverso il comando Stampa è possibile lanciare la stampa della relazione selezionata nella finestra Relazioni
o nella finestra Risultati calcolo. Il comando è attivo solo nel caso in cui tale finestra sia aperta e in essa sia
stata realizzata almeno una relazione.
Viene richiesto all’utente la scelta della stampante da utilizzare e l’impostazione delle proprietà della stampante.
È inoltre possibile scegliere quali pagine stampare. La scelta è consentita tra:
• tutte le pagine del documento corrente;
• un intervallo di pagine: l’utente deve immettere il numero della prima e dell’ultima pagina da stampare.
Verranno così stampate tutte le pagine comprese tra la scelta dell’utente.
È inoltre possibile stampare contemporaneamente più copie dello stesso documento.

5.13 ANTEPRIMA DI STAMPA…


Visualizza l’anteprima di stampa della relazione selezionata nella finestra Relazioni o nella finestra Risultati
calcolo. Il comando è attivo solo nel caso in cui tale finestra sia aperta e in essa sia stata realizzata almeno una
relazione.
Per scorrere le pagine del documento si utilizzi la rotellina del mouse, i tasti freccia della tastiera o in alternativa
l’apposita casella di testo presente nella parte alta a destra della finestra di anteprima. La scelta può avvenire
cliccando sulle due frecce a fianco della casella o inserendo direttamente il numero desiderato.
All’interno del dialogo è possibile mandare direttamente in stampa la relazione utilizzando le impostazioni di
stampa impostate secondo quanto indicato nei paragrafi precedenti. È possibile ottenere l’anteprima di stampa
visualizzando più fogli contemporaneamente (da 1 a 6 fogli) attraverso le apposite icone.
L’utente può impostare uno zoom tra quelli previste nell’apposito menu a tendina. In questo modo è possibile
ingrandire o rimpicciolire la visualizzazione della pagina di anteprima.
Si chiuda la finestra attraverso il tasto Chiudi.

5.14 LISTA ULTIME COMMESSE


All’interno del menu File viene riportata la lista delle ultime cinque commesse aperte con l’applicazione in modo
da consentire all’utente una scelta rapida.

5.15 ESCI
Chiude il programma. Nel caso in cui si esegua il comando con una commessa aperta viene eseguita
automaticamente anche la chiusura della commessa.

48
6 Strumenti del menu Modifica
Si riporta l’elenco dei comandi del menu Modifica. Al termine di ogni paragrafo di descrizione del comando
viene indicato in quale barra degli strumenti il comando è eventualmente inserito.

6.1 ANNULLA
Consente di annullare l’ultimo comando effettuato; l’operazione annullata viene visualizzata alla riga di
comando. Eseguendolo più volte consecutive si ottiene l’annullamento di più comandi eseguiti. I comandi che
possono essere annullati sono quelli relativi alla creazione, modifica o cancellazione di entità di disegno (travi in
c.a., pilastri etc.) e alle modifiche effettuate nelle finestre Preferenze, Azioni, Quote e Sito. La lista dei
comandi annullabili viene svuotata salvando la commessa; quindi una volta che si è salvata la commessa le
operazioni effettuate in precedenza non sono più annullabili. L’icona è disattivata se la lista dei comandi
annullabili è vuota.

6.2 RIPETI
Le operazioni annullate con il comando Annulla possono essere rieseguite attraverso questo comando; anche
in questo caso il comando può essere eseguito più volte consecutive. L’icona è disattivata se la lista delle
operazioni ripetibili è vuota quindi se non si è mai eseguito il comando Annulla, se la commessa è stata salvata
(in tal caso la lista viene svuotata) o se sono state rieseguite tutte le operazioni annullate in precedenza.

6.3 TAGLIA
Il comando è attivo per la finestraTavole (al cui capitolo si rimanda per maggiori dettagli), per alcune finestre di
testo (nelle quali consente di eliminare del testo selezionatomettendolo in Clipboard) e per le viste Struttura.
In quest’ultimo caso il comando è analogo al comando Copia con l’unica differenza che le entità selezionate
vengono eliminate dalla commessa corrente.

6.4 COPIA
Il comando è attivo per la finestraTavole (al cui capitolo si rimanda per maggiori dettagli), per alcune finestre di
testo (nelle quali consente di copiare il testo selezionato mettendolo nella Clipboard) e per le viste Struttura.
In quest’ultimocaso il comando consente di copiare le entità selezionate nella vista Strutturamettendole negli
Appunti di Windows (Clipboard) per poterle poi successivamente incollare sulla stessa commessa in un’altra
posizione o su un’altra commessa. Il comando chiede di selezionare le entità che si vogliono copiare e
successivamentesi apre una apposita finestra in cui vengono richieste le coordinate del punto base della
selezione da copiare.

Premendo su OK viene chiesto di fornire il punto base; questo sempre che nel dialogo si sia impiegato almeno
un campo Usa la coordinata del punto fornito. Tali punto può essere fornito da tastiera tramite le coordinate o
con il mouse utilizzando, nel caso, i modi di osnap.
Il comando Copia, oltre alle entità selezionate, copia in Clipboard anche altri dati della commessa per
consentire un loro successivo utilizzo nel comando Incolla.
6Strumenti del menu Modifica Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

6.5 INCOLLA
Consente di incollare le informazioni presenti negli Appunti di Windows (Clipboard).Si ricorda che il comando
risulta attivo esclusivamente se in precedenza è stato eseguito il comando Taglia o il comando Copia.
Il comando è attivo per la finestraTavole (al cui capitolo si rimanda per maggiori dettagli), per alcune finestre di
testo (nelle quali consente di inserire il testo presente in Clipboard, nella posizione in cui si trova il cursore) e
per le viste Struttura.
In quest’ultimo caso il comando ha efficacia sulla commessa corrente che può essere quella in cui è avvenuta
la copia o una differente. Una volta selezionata la voce di menu si apre una apposita finestra.

Per le opzioni disponibili si vedano le omonime presenti nel dialogo del comando Importa blocco commessa.
Premendo su OK, ed avendo scelto la voce Struttura, viene chiesto di fornire il punto di inserimentoe l’angolo di
rotazione; questo sempre che nel dialogo precedente si sia impiegato almeno un campo Usa la coordinata del
punto fornito e/oUsa il punto fornito. Tali punti possono essere forniti da tastiera tramite le coordinate o con il
mouse utilizzando, nel caso, i modi di osnap; l’anteprima di inserimento faciliterà l’operazione.
Se il punto base specificato durante la copia delle entità ha quota diversa da quello di inserimento le entità
vengono inserite in posizione altimetrica diversa e vengono creati dei nuovi livelli e/o delle nuove falde. Questa
peculiarità è ciò che diversifica tale comando dal comando Copia presente nel menu Edita per il quale la copia
è solo relativa alla posizione in pianta delle entità selezionate
Terminato il comando le entità vengono disegnate nella vista Struttura e i dati che si è scelto di copiare
vengono automaticamente impostati.
Se si desidera copiare in una nuova commessa l’intero contenuto di una commessa precedente realizzata si
consiglia l’uso del comando Importa blocco commessa.

6.6 CANCELLA
Consente di cancellare le entità presenti nelle viste di disegno e verifica. Non è attivo nelle viste di
modellazione. È possibile eseguire il comando e selezionare le entità grafiche che si desidera eliminare o in
alternativa eseguire prima la selezione successivamente cliccare sull’icona o sulla voce di menu. Non è
consentita l’eliminazione dei perimetri delle falde.

Si faccia attenzione che nelle viste della finestra verifica l’utilizzo del comando cancella non elimina
l’elemento strutturale ma solo la sua verifica. Ad esempio se nella vista si seleziona una travata
verificata e si utilizza il comando Cancella la verifica viene eliminata e la trave ritorna nel suo colore di
elemento non verificato. Le uniche entità che vengono anche cancellate utilizzando questo comando
nelle viste di verifica sono quelle generate dall’utente all’interno di tale vista (superelementi in acciaio e
legno, nodi in acciaio, cinematismi in muratura).
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard.
Il comando è attivabile anche da tastiera attraverso il tasto di scelta rapida CANC(opp. DEL).

50
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 6.7Seleziona tutto

6.7 SELEZIONA TUTTO


Consente di selezionare tutte le entità presenti nella vista di disegno, di modello o di verifica corrente.

6.8 DESELEZIONA TUTTO


Consente di deselezionare tutte le entità selezionate nella vista di disegno, di modello o di verifica corrente.

6.9 MEMORIZZA
Consente di memorizzare il punto di vista, le impostazioni di visibilità layer e le impostazioni di visibilità entità
della vista corrente per poi applicarle ad un’altra vista. Per eseguire il comando è necessario selezionare la
voce Memorizza dal menu Modifica e all’apertura del menu a tendina scegliere quale delle tre impostazioni
disponibili memorizzare.

6.10 APPLICA
Consente di applicare il punto di vista, le impostazioni di visibilità layer e le impostazioni di visibilità entità
precedentemente memorizzate da una vista alla vista corrente. Ovviamente l’applicazione di tali impostazioni
sulla stessa vista da cui si sono memorizzate non sortisce alcuna modifica. Per eseguire il comando è
necessario selezionare la voce Applica dal menu Modifica e all’apertura del menu a tendina scegliere quale
delle impostazioni disponibili memorizzare. Le impostazioni sono attive se è stato eseguito in precedenza il
comando di memorizzazione. In caso contrario le voci risultano disattivate.

6.11 COPIA PROPRIETÀ


Consente di copiare nella clipboard le informazioni relative all’elemento o agli elementi selezionati e contenute
e visualizzate nella finestra della proprietà. Il comando non è attivo nel caso in cui la finestra delle proprietà sia
vuota.

6.12 COPIA IMMAGINE


Consente di copiare nella clipboard la rappresentazione della struttura presente nella vista corrente di disegno,
di modello o di verifica.

6.13 CREA MARCHIO VISTA


Consente di salvare la rappresentazione della struttura presente nella vista corrente di disegno, di modello o di
verifica e di memorizzarla in modo da poterla successivamente inserire nella relazione di calcolo. Il comando è
presente anche nel menu contestuale (tasto destro del mouse sopra alla vista). Si rimanda alla sezione del
manuale relativa alla relazione per maggiori dettagli sulla procedura.

6.14 TROVA
Questa voce consente di effettuare ricerche su quasi tutti i tipi di vista dell’applicazione. A seconda del tipo di
vista sono disponibili vari criteri con cui condurre la ricerca, che vengono elencati sotto:
• per proprietà (disponibile in tutte le viste);
• per indice (disponibile nelle viste di modello e risultati);
• per valori (disponibile nelle viste di risultati);
• testo (disponibile nelle viste contenenti e precisamente in Risultati Calcolo, Relazione, Elaborati).
Tipi di ricerca incompatibili con la vista corrente non vengono proposti dall’applicazione: nel caso in cui più di un
tipo di ricerca sia disponibile per la vista, avrà effetto e sarà possibile metterne a punto gli opportuni parametri
solo per quello della pagina corrente.
Per i primi tre tipi di ricerca il dialogo Trova presenta un’area che consente di introdurre i parametri richiesti dai
vari tipi di ricerca ingombra quasi tutta la parte visibile ed è rappresentata da un pannello a più pagine, dove
ogni pagina corrisponde ad un tipo specifico di ricerca descritto nel seguito.

51
6Strumenti del menu Modifica Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Cliccando su OK il programma effettua la ricerca richiesta e provvede a mettere in stato di selezione nella
finestra grafica le entità trovate oltre a inserire la lista nella finestra Risultati ricerca. Nel caso il layer dell’entità
che si vuole ricercare sia congelato l’esecuzione del comando provvederà a scongelarlo. Comportamento
analogo si avrà nel caso l’entità sia stata resa invisibile. Il tasto Annulla consente di interrompere il comando.
Nella parte inferiore del dialogo è sempre possibile tenere sott’occhio una descrizione in linguaggio naturale
della ricerca in via di elaborazione attraverso l’appropriata anteprima, mentre i bottoni Storico e Salva…
consentono di gestire uno storico di ricerche già effettuate in passato che possono essere riutilizzate in fase di
esecuzione del comando Trova o come selezioni da utilizzare per la realizzazione della relazione di calcolo.
Ogni ricerca può essere pertanto salvata in un archivio storico cliccando il bottone Salva…: comparirà il dialogo
di conferma del salvataggio in cui viene indicato il nome assegnato alla ricerca, di norma coincidente col testo
mostrato nell’anteprima.
Il bottone con menu Storico consente invece di accedere alle ricerche memorizzate in precedenza: il menu
contestuale elenca tutte le ricerche dell’archivio, dove le voci abilitate rappresentano le ricerche compatibili con
la vista corrente, mentre la pressione del bottone Storico rimanda all’apposito dialogo Storico ricerche mostrato
qui sotto.

Questo dialogo contiene tutte le ricerche memorizzate con l’applicazione, indipendentemente dalla commessa
aperta: l’utente può così condividere tutte le ricerche tra più commesse.
Le ricerche si possono distinguere per tipo attraverso l’icona, mentre un’indicazione nella terza colonna è data
all’utente per distinguere le ricerche compatibili con la vista dalle altre: basterà un doppio clic veloce sulla
ricerca desiderata per chiudere immediatamente il dialogo Storico ricerche ed avere il dialogo Trova rinfrescato
coi parametri della ricerca prescelta.
Sono a disposizione dell’utente infine i bottoni Elimina ed Elimina tutto che consentono rispettivamente di
eliminare dall’archivio le ricerche selezionate o tutte le ricerche.

6.14.1 Ricerca per proprietà


La ricerca per proprietà è generalmente disponibile in tutte le viste. Si possono condurre ricerche di elementi in
base ai valori delle loro proprietà: tali valori e proprietà sono i medesimi che si possono consultare nella finestra
Proprietà, se si selezionano le entità relative in una qualsiasi delle viste, anche se non tutte le proprietà degli
elementi possono essere ricercate.

52
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 6.14Trova

Spuntando la tipologia di elemento desiderata, compariranno nel riquadro a destra tutte le proprietà di tale
tipologia su cui è possibile effettuare un’interrogazione. Spuntando successivamente una qualche proprietà, il
riquadro “Parametri del criterio” proporrà un filtro appropriato.
A questo punto basterà specificare i parametri richiesti per completare la formulazione della ricerca più
semplice, cioè quella che consente di ricercare una precisa tipologia di elementi che hanno i valori di
un’opportuna proprietà soddisfacente alcuni parametri.
Il riquadro Parametri del criterio può popolarsi di alcuni controlli in funzione della proprietà selezionata in quel
momento. Le proprietà si possono così raggruppare in alcune classi, che hanno filtri opportuni, atti ad
individuare sottoinsiemi tra tutte le entità visualizzate nella vista:
• proprietà che assumono valori reali;
• proprietà che assumono valori interi;
• proprietà che assumono valori testuali;
• proprietà che assumono valori di un insieme predefinito;
• proprietà che possono assumere valori di un insieme o il valore nullo.
Nel caso di valori reali, il riquadro si riempie del filtro per valori numerici reali:

E’ consentito filtrare entità i cui valori della proprietà selezionata ricadono entro un intervallo di valori. Nel caso
in cui non si specifichi l’estremo inferiore o superiore, non avrà luogo il controllo rispettivamente del limite
inferiore o superiore, appunto perché indefinito.
In parecchi casi l’applicazione cerca di aiutare l’utente suggerendo a destra quali sono i valori minimi e massimi
che possono assumere tutte le entità della vista per quella proprietà numerica. Si presti attenzione all’unità di
misura utilizzata nel dialogo, perché generalmente tali valori numerici reali esprimono grandezze fisiche che
possono anche essere dimensionali: il dialogo Trova permette di cambiare al volo l’unità di misura rispetto a cui
sono intesi tali valori numerici, come qualsiasi altro dialogo dell’applicazione.
Nel caso di valori interi poco cambia rispetto ai valori numerici reali:

53
6Strumenti del menu Modifica Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Il filtro consente sempre di selezionare solo le entità i cui valori ricadono dentro un intervallo contiguo. Non si ha
generalmente la complicazione che si presenta per le grandezze fisiche.
Il riquadro Parametri del criterio viene popolato da un controllo visualmente diverso nel caso in cui i valori
possibili che possono essere assunti dalla proprietà appartengano un insieme specifico di elementi, insieme su
cui l’utente ha generalmente il controllo completo:

Vengono elencati tutti i valori che la proprietà può assumere, semplicemente perché provenienti da una tabella
del database della commessa o dal database generale e l’utente può elaborare il proprio filtro specificando uno
o più valori che le entità devono assumere per soddisfare la ricerca.
Alcune proprietà che ricorrono all’interfaccia grafica appena esposta possono anche presentare anche le voci
Nessuno o Qualunque: tali voci ulteriori vengono mostrate nel caso in cui le entità possano assumere anche
nessuno dei valori di una lista di elementi.
Ad esempio nel caso del filtro sui carichi lineari associati alle travi in c.a. in una vista di struttura, se l’utente
spunta il valore Nessuno, l’applicazione andrà a selezionare tutte le travi in c.a. che non hanno associato alcun
carico lineare. Se invece l’utente spunta il valore Qualunque, l’applicazione troverà solo le travi in c.a. che
hanno associato un qualche carico lineare dalla lista delle definizioni di carico lineare, escludendo così quelle
travi che non hanno alcun carico lineare associato.
Esiste in taluni casi la possibilità di specificare i parametri del criterio attraverso il filtro testuale: campi con
descrizioni testuali che non ricadono nei casi precedentemente illustrati possono essere ricercati attraverso un
testo che consente anche l’uso di un carattere jolly, quale il simbolo asterisco (*):

54
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 6.14Trova

Nell’esempio mostrato sopra, è possibile cercare gli elementi il cui campo titolo corrisponde alla stringa che
contiene il testo ‘piano 2’ e che prima e dopo è composta da qualsiasi altro testo, come sta a indicare il simbolo
*. Impostando la stringa desiderata e successivamente modificando il criterio di inserimento nel testo della
stringa (Cerca testo che ) si ottiene la ricerca desiderata.
Disattivando l’opzione Usa wild card (*) vengono cercati i soli elementi che hanno esattamente la stringa
indicata come criterio di ricerca e il menu a tendina Cerca testo che risulta disattivato.
All’inizio del paragrafo abbiamo semplificato il funzionamento della ricerca per proprietà, mostrando come si
possano individuare elementi di un singolo tipo che assumono una determinata proprietà. In realtà è possibile
effettuare selezioni più sofisticate in cui si possono chiamare in causa sia più tipi che più proprietà.
Nel caso in cui, ad esempio, si selezionino più tipologie di entità, il dialogo effettuerà preventivamente
un’intersezione delle proprietà dei tipi e consentirà di effettuare ricerche solo sulle proprietà comuni: è molto
utile ricorrere a questo tipo di ricerca quando si stanno cercando elementi eterogenei che hanno caratteristiche
assimilabili agli stessi valori, come ad esempio il materiale costruttivo di elementi strutturali – cercare tutte le
travi in c.a., i pilastri in c.a. e le piastre in c.a. con materiale RCK300 – o proprietà geometriche – cercare tutti i
carichi superficiali e le travi in acciaio con estradosso maggiore di 10 cm.
Nell’esempio riportato sotto viene mostrata la ricerca di “qualsiasi carico superficiale, trave in c.a. con
estradosso tra 5 e 10”. L’intersezione tra le proprietà ricercabili dei carichi superficiali e delle travi in c.a. vede
solo l’estradosso come proprietà comune.

Altra possibilità prevista dal dialogo è quella di effettuare una ricerca sulle tipologie di elementi tenendo conto di
più proprietà: in questo caso, dopo aver fatto comparire tutte le proprietà di un tipo ben definito o tutte le

55
6Strumenti del menu Modifica Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

proprietà comuni a più tipi, basterà spuntare due o più proprietà: durante la ricerca degli elementi, tutti i filtri per
ognuna delle proprietà utilizzate nella ricerca dovranno essere soddisfatti dagli elementi.
Nella situazione pertanto di due o più proprietà spuntate, l’editazione dei parametri del filtro avviene
selezionando nel riquadro proprietà ad una ad una le proprietà spuntate e modificando opportunamente i
parametri richiesti, come se si trattasse di un’unica proprietà.
Se si seleziona invece una proprietà che non risulta spuntata nel riquadro proprietà, l’applicazione consente
sempre di modificarne i parametri di ricerca, ma il relativo filtro non verrà preso in considerazione: la ricerca a
cui si sta per dare inizio è sempre evidenziata dall’anteprima mostrata nella parte inferiore e si può notare come
il relativo testo non includa come criterio selettivo una proprietà non spuntata.

Si ha invece evidenza del fatto che due o più proprietà siano usate come criterio di ricerca dal fatto che
l’anteprima mostri con un opportuno colore verde la particella “e”, cioè la concatenazione selettiva di entrambe
le proprietà.

6.14.2 Ricerca per indice


Il pannello di ricerca per indice è disponibile solo se la vista su cui si sta intraprendendo la ricerca è una vista di
modello o di risultati.

Si ha la possibilità di cercare tipi diversi di elementi del modello a elementi finiti: quando si sceglie un tipo
specifico di elemento, a destra della casella di testo dell’indice da cercare compare un suggerimento relativo
all’intervallo di valori disponibili.

56
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 6.14Trova

Se la voce di un tipo specifico risulta invece disabilitata, vuol dire che non ci sono elementi di quel tipo nella
vista.
Oltre a ricercare un singolo elemento che ha come indice quello indicato dall’utente, si possono cercare anche
più elementi per indice, specificando i singoli indici separati da virgola o, nel caso di intervalli contigui di indici,
separati dal trattino:
• “1, 8, 12, 15”, verranno cercati elementi gli elementi con indice 1, 8, 12 e 15
• “44-58”, verranno cercati elementi con indice da 44 a 58
• “13, 102-114, 206”, verranno cercati elementi con indice 13, da 102 a 114 e di indice 206.

La ricerca per indice può essere effettuata anche come ricerca per proprietà: basterà selezionare il tipo
interessato tra quelli disponibili nell’area tipi e attivare la ricerca sulla proprietà Indice.

6.14.3 Ricerca per valori


Questo tipo di ricerca è disponibile nelle viste dei risultati ed è contestuale al tipo di vista corrente:
• se la vista è quella degli spostamenti del modello, sarà possibile cercare nodi in base a valori dei loro
spostamenti;
• nella vista sollecitazioni aste, è consentito cercare aste in base a valori assunti dalle loro sollecitazioni,
dove si può considerare una delle sei sollecitazioni che gravano sulle aste;
• nella vista sollecitazioni gusci, i tipi di sollecitazioni su cui cercare sono ben sedici, dove otto riguardano
le sollecitazioni dei gusci verticali e altrettante per tutti gli altri gusci;
• nella vista pressioni sul terreno, l’unica sollecitazione interessata è la misura indiretta relativa ai nodi e il
risultato della ricerca sarà una lista di nodi in fondazione;
• nella vista reazioni, le sollecitazioni nodali che si possono ricercare sono le componenti delle reazioni
traslazionali e rotazionali, mentre il risultato della ricerca è costituito sempre da un insieme di nodi.
Il numero di elementi da ricercare può essere impostato dall’utente: l’applicazione scandaglierà tutti gli elementi
e i relativi valori assunti e proporrà come risultato della ricerca i soli N elementi che soddisfano il criterio
prescelto.
Nel caso in cui si cerchino i valori massimi delle sollecitazioni, gli N elementi che hanno i valori massimi,
verranno elencati nella finestra Risultati ricerca e verranno posti in selezione sulla vista corrente.

Se invece si desidera cercare gli elementi che assumono valori che ricadono entro un opportuno intervallo,
allora non viene posto un limite sugli elementi da cercare, ma tutti quelli che soddisfano il criterio impostato
finiscono nella finestra Risultati ricerca e vengono posti in selezione.
In taluni casi, potrebbe essere che il numero di elementi è troppo elevato e che sia pertanto necessario ridurre
appropriatamente l’intervallo dei valori ammessi.

57
6Strumenti del menu Modifica Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Si noti infine che in parecchie ricerche è offerta la possibilità di circoscrivere l’insieme di contesti di cui tenere
conto nella ricerca dei valori. Il comportamento predefinito forza l’applicazione a scandagliare tutti i valori
possibili, ma l’utente potrebbe voler limitare la ricerca ad una sola famiglia di combinazioni o alle sole condizioni
elementari.

6.14.4 Ricerca testo


Quando la vista corrente contiene informazioni testuali, quindi nelle viste Risultati Calcolo, Relazione, Elaborati,
è possibile effettuare ricerche sul testo visualizzato. Una volta fatto comparire il dialogo Trova attraverso la
combinazione di tasti CTRL-F o la voce di menu Trova… dal menu Modifica, basta specificare, nell’apposito
spazio, la parola che si desidera cercare.

Premendo il bottone Trova è possibile condurre la ricerca della prima occorrenza della parola all’interno del
testo: nella finestra sottostante verrà messa in risalto la parola trovata. Premendo nuovamente il bottone Trova,
si può cercare un’ulteriore occorrenza della stessa parola e così fino alla fine del documento.
E’ possibile svolgere anche la ricerca delle occorrenze in direzione opposta a quella delle pagine, cioè dalla fine
del documento fino all’inizio scegliendo l’opzione Su nel riquadro Direzione. Altra possibilità offerta nella ricerca
del testo è quella di tenere in considerazione le lettere maiuscole rispetto alle minuscole della parola ricercata
rispetto a quelle presenti nel documento attraverso l’opzione Distingui maiuscole/minuscole nel riquadro
Opzioni.
Il bottone Trova tutto consente invece di cercare tutte le occorrenze presenti nel documento e di collocare i
risultati nella finestra Risultati ricerca, nella stessa maniera in cui è possibile condurre ricerche all’interno delle
viste tra gli elementi di input della struttura o gli elementi finiti. La ricerca viene sempre condotta sull’intero
documento.
Dalla finestra Risultati ricerca è sempre possibile saltare ad una qualsiasi occorrenza della parola attraverso un
doppio clic nella riga della suddetta finestra. Le note eventualmente presenti nella finestra Risultati ricerca
consentono di avere un’informazione riassuntiva sul numero di occorrenze trovate e approssimativamente la
pagina e la riga in cui si trovano le singole parole. Nel caso in cui la ricerca trovi più di mille occorrenze della
parola, essa si limiterà alle prime mille.

58
7 Strumenti del menu Visualizza
Si riporta l’elenco dei comandi del menu Visualizza. Quasi tutti i comandi del menu sono attivi nelle viste di
disegno, di modello o di verifica; nei casi in cui un comando non sia attivo in una delle due viste verrà segnalato
nel paragrafo di descrizione del comando. Al termine di ogni paragrafo di descrizione del comando viene
indicato in quale barra degli strumenti il comando è eventualmente inserito.

7.1 RIDISEGNA
Consente di aggiornare la visualizzazione della vista corrente rigenerando il disegno. Normalmente viene
impiegato per “ripulire” la schermata dopo operazioni di selezione nelle modalità Linee nascoste, Senza
spigoli, Con spigoli, Trasparenze senza spigoli, Trasparenze e spigoli.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Zoom.

7.2 ZOOM

7.2.1 Tutto

Esegue uno zoom alle estensioni visualizzando tutte le entità grafiche visibili nella vista corrente.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Zoom.

7.2.2 Finestra

Permette di eseguire uno zoom finestra visualizzando l’area specificata da un riquadro rettangolare: l’utente
deve fornire mediante il mouse il primo e il secondo punto di un rettangolo di zoom. Si può abortire il comando
dopo l’inserimento del primo punto con il tasto ESC.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Zoom.

7.2.3 In

Ingrandisce la vista corrente.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Zoom.

7.2.4 Out

Rimpicciolisce la vista corrente.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Zoom.

7.3 PAN
Permette di eseguire una panoramica muovendo il punto di vista dello spostamento indicato: l’utente deve
fornire mediante il mouse il primo e il secondo punto dello spostamento. Si può abortire il comando dopo
l’inserimento del primo punto con il tasto ESC.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Zoom.

7.4 PUNTI DI VISTA 3D


Attraverso questo sottomenu è possibile impostare un punto di vista generico o un punto di vista predefinito
(ortogonale o assonometrico) per la visualizzazione nella vista corrente. Gli utenti che dispongono di un mouse
dotato di rotellina possono comunque effettuare rapidamente operazioni di zoom, pan, zoom tutto e punto di
vista mediante tale strumento:
• zoom: ruotare la rotellina;
7Strumenti del menu Visualizza Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• pan: trascinare il mouse tenendo premuto il tasto centrale (rotellina);


• zoom tutto: fare doppio click con il tasto centrale (rotellina);
• punto di vista: trascinare il mouse tenendo premuto il tasto centrale (rotellina) e premendo
contemporaneamente da tastiera il tasto CTRL.
Esistono inoltre altre 3 combinazioni di tasti e mouse che consentono sempre lo spostamento del punto di vista:
• trascinando il mouse tenendo premuto il tasto centrale (rotellina) e premendo contemporaneamente da
tastiera il tasto SHIFT si modificare il punto di vista 3D in modo simile a quanto si ottiene con il comando
Punto di vista. Una differenza sostanziale è data dal fatto che se si attiva il comando dopo aver
selezionato un’entità nella vista la rotazione del punto di vista avviene mantenendo come punto fisso
entià selezionata;
• ruotare la rotellina e premendo contemporaneamente da tastiera il tasto SHIFT si ottiene lo spostamento
del punto di vista attorno ad un orbita contenuta nel piano X-Z;
• ruotare la rotellina e premendo contemporaneamente da tastiera il tasto CTRL si ottiene lo spostamento
del punto di vista attorno ad un orbita contenuta nel piano X-Y;

Spesso le impostazioni del mouse attribuiscono una funzionalità diversa alla rotellina (es. Web-Wheel o
altro ancora): è necessario che la rotellina sia impostata come tasto centrale per poter sfruttare le
funzionalità sopraelencate.

7.4.1 Sopra

Imposta una vista ortogonale dall’alto.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.2 Sotto

Imposta una vista ortogonale dal basso.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.3 Sinistra

Imposta una vista ortogonale da sinistra.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.4 Destra

Imposta una vista ortogonale da destra.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.5 Fronte

Imposta una vista ortogonale di fronte.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.6 Retro

Imposta una vista ortogonale da dietro.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.7 NE assonometrico

Imposta una vista assonometrica Nord-Est.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.8 SE assonometrico

Imposta una vista assonometrica Sud-Est.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

60
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 7.5Punto di vista precedente

7.4.9 SO assonometrico

Imposta una vista assonometrica Sud-Ovest.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.10 NO assonometrico

Imposta una vista assonometrica Nord-Ovest.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.4.11 Punto di vista…

Permette, mediante il seguente dialogo, di impostare una vista assonometrica generica. È funzionante nelle
viste di disegno, di modello o di verifica.

L’utente può impostare la modalità di funzionamento del punto di vista scegliendo tra le modalità a compasso,
linee, WCS o WCS e compasso. Per effettuare la scelta della modalità di impostazione è sufficiente cliccare il
tasto destro del mouse avendo posizionato il cursore all’interno della finestra stessa. L’apposito menu a tendina
consente la scelta tra le quattro opzioni indicate.
Nella modalità Compasso viene visualizzata una bussola ed un sistema a tre assi. La bussola è la
rappresentazione bidimensionale di un globo. Il centro corrisponde al polo Nord (vista in pianta da sopra), il
cerchio interno all’Equatore (prospetti) e quello esterno al polo Sud (vista in pianta da sotto). Nella bussola
appare una piccola croce di collimazione spostabile su un punto qualsiasi del globo tramite il mouse. Il
trascinamento della croce di collimazione produce una rotazione degli assi corrispondenti. Gli assi cartesiani
attraggono la longitudine in fase di trascinamento del mouse; diversamente il centro e le due circonferenze
attraggono l’angolo di latitudine. Il funzionamento dell’osnap è visibile dall’evidenziamento, in rosso, della
posizione del cursore.
Nella modalità WCS viene visualizzata un sistema a tre assi. Lo spostamento orizzontale all’interno del
quadrato blu che contiene i tre assi equivale ad una rotazione attorno alla struttura su un piano contenente il
parallelo. Lo spostamento verticale invece equivale ad una rotazione attorno alla struttura su un piano
contenente il meridiano. Gli altri spostamenti equivalgono ad una combinazione dei due movimenti.
La modalità Linee equivale a quella WCS; cambia solo la rappresentazione grafica del sistema di assi nella
finestra.
La modalità Compasso e WCS consente all’utente di scegliere indifferentemente tra le due modalità.
Attivando l’opzione Aggiornamento dinamico presente nella parte inferiore del dialogo il trascinamento della
croce produce la modifica immediata del punto di vista della finestra corrente. Si conferma con il tasto OK.
Tramite il tasto Annulla si torna al punto di vista iniziale.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.5 PUNTO DI VISTA PRECEDENTE


Tutte le viste richieste dall’utente vengono memorizzate ed è possibile reimpostare la vista precedente
mediante questo comando; ripetendo tale comando si possono scorrere, all’indietro, tutte le viste.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

7.6 PUNTO DI VISTA SUCCESSIVO


Imposta come vista quella successiva. Il comando è ovviamente attivo solo immediatamente dopo l’esecuzione
del comando Punto di vista precedente.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Punto di vista.

61
7Strumenti del menu Visualizza Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

7.7 LAYER
Attraverso questo sottomenu e quello successivo è possibile impostare la visualizzazione delle entità grafiche
rappresentanti la struttura. Al proposito si osserva che:
• ogni entità appartiene ad un layer;
• ogni layer può essere congelato/scongelato;
• ogni entità possiede un proprio attributo di visibilità.

Ne consegue che una entità è visibile nella finestra grafica solo se:
• il layer di appartenenza è scongelato;
• l'entità è con attributo di visibilità attivato;
• il colore entità è diverso dal colore di sfondo;
• è stato eseguito un opportuno zoom.
Nel caso in cui, all’interno di una finestra grafica, alcuni layer siano congelati nella barra di stato viene
visualizzata l’icona corrispondente. Cliccando su tale icona tutti i layer utilizzati per la vista attiva vengono
scongelati. Comportamento analogo si ha nel caso in cui alcune entità siano state rese invisibili.

7.7.1 Layer…

Permette di gestire la visibilità dei layer mediante un’apposita finestra che contiene la lista delle entità grafiche
disponibili per la vista corrente. La lista è formata da tutti i layer delle entità relative all’input strutturale se è
attiva una vista di disegno o di verifica; nel caso in cui la vista corrente sia relativa al modello la lista è
composta dai layer delle entità utilizzate nella modellazione. Accanto a ciascun layer è riportata la descrizione
dell’entità grafica a cui si riferisce.

La lista dei layer selezionati, appena visualizzata la finestra, non corrisponde a quelli visibili, ma all’ultima
selezione effettuata nel precedente utilizzo di questo comando.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Visibilità.

7.7.2 Scongela

Il comando è attivo in tutte le viste ad eccezione di quella di attribuzione carichi superficiali. Permette di
scongelare determinate categorie di layer; le possibilità vengono fornite da un sottomenu e sono diverse a
seconda della vista selezionata al momento dell’esecuzione del comando.
Per alcune voci del sottomenu è possibile effettuare un’ulteriore selezione scongelando della categoria
prescelta tutti gli elementi, quelli ad una determinata quota o ad un determinato tronco o quelli a quota libera.
Nel caso in cui si utilizzi il comando nelle viste di modellazione è presente la voce Predefiniti che consente di
visualizzare i layer in modo da ottenere la vista standard che si ha alla prima apertura. Nel caso in cui si
selezione Tutto vengono scongelati tutti i layer.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Visibilità.

7.7.3 Scongela solo

Il comando è attivo in tutte le viste ad eccezione di quella di attribuzione carichi superficiali. Permette di rendere
scongelate solamente determinate categorie di layer. La scelta avviene in modo analogo a quella del comando
Scongela. Tale sottomenu contiene anche la voce Selezione che consente di scongelare solamente i layer a
cui appartengono gli elementi facenti parte della selezione. Nel caso in cui si utilizzi il comando nelle viste di
modellazione è presente la voce Predefiniti che consente di visualizzare i layer in modo da ottenere la vista
standard che si ha alla prima apertura. Nel caso in cui si selezione Tutto vengono scongelati tutti i layer.

62
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 7.8Visibilità

Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Visibilità.

7.7.4 Congela

Il comando è attivo in tutte le viste ad eccezione di quella di attribuzione carichi superficiali. Permette di
congelare solamente determinate categorie di layer. La scelta avviene in modo analogo a quella del comando
Scongela solo.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Visibilità.

7.8 VISIBILITÀ
Si rimanda alla descrizione del sottomenu Layer per i dettagli relativi alle proprietà di visualizzazione delle entità
grafiche.

7.8.1 Nascondi selezione

Permette di rendere invisibili le entità selezionate dall’utente. Il comando è attivo nelle viste di disegno, di
modellazione e di verifica.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Visibilità.

7.8.2 Visualizza solo selezione

Permette di rendere visibili solo le entità selezionate dall’utente. Il comando è attivo nelle viste di disegno, di
modellazione e di verifica.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Visibilità.

7.8.3 Visualizza tutto

Ripristina la visibilità di tutte le entità presenti nella finestra grafica appartenenti a layer scongelati. Il comando è
attivo nelle viste di disegno, di modellazione e di verifica.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Visibilità.

7.9 RIEMPIMENTO FACCE


Permette di gestire la qualità della rappresentazione del disegno.
Si noti che il passaggio dalla modalità Fili di ferro alle modalità Linee nascoste, Senza spigoli, Con spigoli e
Trasparenze senza spigoli e Trasparenze e spigoli può richiedere qualche secondo.

7.9.1 Fili di ferro

Ridisegna la vista corrente in modalità fili di ferro.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Riempimento.

7.9.2 Linee nascoste

Ridisegna la vista corrente eliminando le linee nascoste.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Riempimento.

7.9.3 Senza spigoli

Ridisegna la vista corrente riempiendo le facce visibili.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Riempimento.

7.9.4 Con spigoli

Ridisegna la vista corrente riempiendo le facce visibili e marcando gli spigoli.


Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Riempimento.

63
7Strumenti del menu Visualizza Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

7.9.5 Trasparenze senza spigoli

Ridisegna la vista corrente riempiendo le facce visibili e utilizzando OpenGL (senza marcare gli spigoli).
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Riempimento.

7.9.6 Trasparenze e spigoli

Ridisegna la vista corrente riempiendo le facce visibili, marcando gli spigoli e utilizzando OpenGL.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Visualizzazione completa e in quella Riempimento.

64
8 Strumenti del menu Viste
All’atto della creazione di una nuova commessa l’applicazione si presenta all’utente con una finestra aperta
con nome Disegno. All’interno di tale finestra è aperta una vista avente nome Struttura. Al termine della fase
di creazione del modello ad elementi finiti viene aperta in automatico dal programma una seconda finestra
avente nome Modellazione all’interno della quale è presente una vista avente nome Modello. Quando si
passa alle verifiche degli elementi strutturali si apre una ulteriore finestra che ha nome Verifiche all’interno
della quale è presente una vista che ha anch’essa nome Verifiche. Sono previsti quindi tre tipi di finestre per
l’indagine grafica della struttura realizzata: di disegno, di modellazione e di verifica. Per finestra si intende
quindi un documento (area) su cui è possibile collocare un numero illimitato di viste. L’utente può aprire un
numero illimitato di finestre di ciascuno dei tre tipi. Il nome di tali finestre verrà attribuito automaticamente dal
programma aggiungendo l’indice progressivo della finestra. Ad esempio se è già aperta una finestra contenente
viste di disegno all’apertura di una nuova finestra con una vista di disegno questa verrà chiamata Disegno 2. La
vista è un ambiente grafico a disposizione dell’utente per la definizione dell’input strutturale, per la
visualizzazione del modello ad elementi finiti o per la fase di indagine e controllo dei risultati del solutore ad
elementi finiti; consente quindi un’indagine completa sulla struttura e sul modello ad elementi finiti oggetto di
studio. La vista può essere dei tipi seguenti:
• struttura;
• attribuzione carichi superficiali;
• modello;
• carichi;
• deformata;
• reazioni;
• sollecitazioni aste;
• sollecitazioni gusci;
• pressioni sul terreno;
• tensioni ideali gusci;
• verifiche;
• valori verifiche.

Si consiglia comunque agli utilizzatori del programma di utilizzare un numero limitato di finestre (al
limite le sole tre finestre aperte in automatico dal programma) in modo da poter navigare all’interno
della commessa in modo più veloce.
Per questo motivo l’apertura di un numero eccessivo di viste viene segnalata all’utente con un’apposita finestra
in cui viene chiesta conferma dell’apertura di una nuova vista. La lista delle finestre aperte della commessa è
riportata in fondo al menu Finestre. La finestra attiva è contrassegnata dal segno di spunta. È possibile passare
da una finestra all’altra nei modi seguenti:
• selezionare nella lista del menu Finestre la finestra desiderata;
• tramite tastiera attraverso il tasto di scelta rapida CTRL+TAB;
• nel caso in cui le finestre siano minimizzate posizionare il cursore del mouse sulla finestra desiderata.
All’interno di ciascuna finestra è possibile aprire un numero illimitato di viste. Il tipo della vista deve essere
compatibile con il tipo della finestra. Ad esempio in una finestra Modellazione non è possibile aprire una vista di
tipo Struttura che riguarda la fase di disegno. La modalità di apertura e di modifica delle viste viene spiegata nei
paragrafi successivi che riportano l’elenco dei comandi del menu Viste. L’apertura, la modifica e la chiusura di
viste è anche effettuabile eseguendo un click con il tasto destro del mouse sulla scheda di una vista sul fondo
della finestra. Si apre un apposito menu a tendina che consente la scelta di quale vista aprire o l’eventuale
modifica della vista selezionata. La chiusura della vista selezionata è consentita solo nel caso in cui la finestra
contenga più di una vista. Per passare da una vista all’altra è sufficiente selezionare la scheda della vista sul
fondo della finestra.
Tutti i comandi sono inseriti nella barra degli strumenti Viste.
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

8.1 NUOVA VISTA

8.1.1 Struttura…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente l’apertura di una
nuova vista per la definizione dell’input della struttura. Le preferenze di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Struttura;
• il nome. Di default viene proposto il nome Struttura; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome
della vista; nel caso in cui l’utente abbia personalizzato il nome della vista può reimpostare quello di
default attraverso l’apposita icona presente di fianco al menu a tendina.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Disegno. L’utente può, attraverso l’apposito
menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre già presenti nella commessa, selezionarne un’altra o, in
alternativa, collocare la vista in una nuova finestra della struttura;
• la possibilità di personalizzare i colori adottati per gli elementi; per maggiori dettagli si rimanda al
paragrafo successivo.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista vengono visualizzate in Zoom esteso e vista assonometrica tutte le entità grafiche inserite
che compongono la struttura al momento in cui l’utente ha eseguito il comando.
All’interno della vista Struttura è possibile effettuare l’input della struttura, visualizzare le proprietà di ciascun
elemento o di gruppi di elementi attraverso la finestra proprietà, modificare le proprietà degli elementi ed
effettuare modifiche alla struttura attraverso i comandi del menu Edita.
8.1.1.1 Dettagli sulla personalizzazione dei colori
La vista struttura è dotata della personalizzazione dei colori assegnati alle entità, diversa dalla visualizzazione
predefinita. Le regole principali di assegnazione del colore nel caso di visualizzazione predefinita sono le
seguenti:
• ogni entità viene colorata con un colore assegnato in base al suo tipo;
• se un’entità è dotata di carico lineare (travi in c.a., colonne in c.a., colonne in legno, travi in legno,
colonne in acciaio, travi in acciaio), di carico superficiale o potenziale (piastra in c.a., piastra generica,
parete in c.a., parete in legno, parete in muratura), il colore assunto dall’entità è quello associato al
carico;
• se un’entità è dichiarata di fondazione (trave c.a. o piastra c.a.), essa assume una colorazione specifica,
diversa da quella delle entità dello stesso tipo, ma non dichiarate di fondazione.
E’ possibile stabilire una regola diversa di colorazione delle entità, in base al valore di una qualche proprietà
delle entità presenti nella vista. Sono pertanto definiti alcuni colori:
• colore neutro nel caso in cui un’entità non sia dotata della proprietà scelta;
• un colore specifico stabilito da una mappatura, cioè ad un valore corrisponde un colore specifico;
• colore neutro nel caso in cui un’entità sia dotata della proprietà scelta, ma il cui valore non abbia una
mappatura specifica verso un colore.
Per entrare nel caso pratico, tanto vale esprimere una situazione di utilità di questo strumento di configurazione
della vista:
• visualizza di colore rosso tutte le travi e le colonne di sezione R30x30;
• visualizza di colore arancio tutte le travi e colonne di sezione R30x40;
• visualizza di colore giallo tutte le travi e colonne di sezione R24x24;
• visualizza di colore grigio tutte le altre travi e colonne;
• visualizza sempre in grigio tutte le altre tipologie di elementi della struttura.
Grazie a questa semplice configurazione, si riesce a mettere rapidamente in evidenza nella vista struttura i vari
tipi di sezioni utilizzate nella commessa con grande vantaggio anche nel mostrare eventuali anomalie o errori
commessi nell’inserimento della struttura.

66
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

Nel dialogo Modifica vista l’utente può pertanto configurare questi parametri:
• la proprietà da considerare per la colorazione;
• la mappatura dei valori della proprietà scelta verso i colori;
• il colore neutro per entità non dotate della proprietà scelta;
• il colore neutro per le entità che non hanno una mappatura esplicita.
Si può scegliere la proprietà specifica a partire dal menu a scelta Colora per proprietà. Tale menu propone in
ordine alfabetico tutte le proprietà interrogabili tra le varie entità presenti nella vista. Nel caso in cui alcune
proprietà diverse abbiano la stessa denominazione (cioè il caso in cui due o più proprietà presentino
un’ambiguità sul loro nome, quando invece i valori espressi siano diversi come tipologia) nel menu saranno
presenti più voci ed ognuno indicherà tra parentesi il tipo dell’entità a cui si riferisce la proprietà.
La definizione della mappatura dei colori avviene tramite un’opportuna area in cui sono elencati gli
accoppiamenti già posti in essere, mentre in coda sono mostrati il colore attribuito agli elementi che non hanno
una mappatura specifica (Non assegnati) ed il colore attribuito a tutti gli altri elementi non dotati della proprietà
(Altri).
All’interno dell’area ogni accoppiamento è ben identificato da una riga: nella prima colonna si può scegliere il
valore delle proprietà a partire dall’elenco di tutti i valori presenti nella struttura. Ci sono però dei casi particolari
di proprietà in cui l’elenco è comprensivo di tutti gli elementi presenti nel database e non solo quelli utilizzati
della commessa:
• la lista delle sezioni è costituita dall’unione delle sezioni in c.a., delle sezioni in legno, di quelle in acciaio
e quelle dei solai;
• la lista dei materiali, unione di tutte le tipologie di materiali;
• i tipi di carichi lineari definiti nella commessa;
• i tipi di carichi superficiali definiti nella commessa;
• i tipi di carichi concentrati;
• i tipi di carichi potenziali;
• i tipi di carichi termici.
Nella colonna centrale, cioè la cella rettangolare del colore della mappatura, si può cliccare per modificare il
colore di un accoppiamento. A destra, per comodità, è indicato il numero di entità che hanno la proprietà
coincidente al valore dell’accoppiamento.
Sulla destra sono presenti alcuni bottoni che consentono la gestione degli accoppiamenti:

genera tutti gli accoppiamenti non ancora definiti, ma comunque presenti nella vista a partire dai diversi valori
assegnati alla proprietà scelta;

assegna un insieme di colori casuali alla selezione corrente di accoppiamenti: i colori verranno generati
casualmente, ma saranno comunque diversi dal colore di sfondo e dai due colori neutri;

elimina la selezione di accoppiamenti;

azzera tutti gli accoppiamenti definiti, compresi gli accoppiamenti eventualmente definiti in precedenza anche
per altre proprietà.
Gli accoppiamenti di valore e colore per una proprietà sono diversi rispetto agli accoppiamenti definiti per una
proprietà diversa. Pertanto quando l’utente effettua la commutazione da una proprietà ad un’altra, viene
proposta una nuova mappatura, mentre la precedente viene comunque memorizzata e ricordata, fintantoché
non è l’utente stesso ad azzerarli.

67
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

8.1.2 Attribuzione carichi superficiali…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente l’apertura di una
nuova vista per la visualizzazione dell’attribuzione dei carichi superficiali sugli elementi strutturali. Il comando è
disponibile nel caso in cui sia già stata eseguita e non sia mai stata eliminata l’operazione di creazione del
modello. Le preferenze di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Attribuzione carichi superficiali;
• il nome. Di default viene proposto il nome Attribuzione carichi superficiali nella condizione prescelta; è
consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel caso in cui l’utente abbia
personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto disponibile di fianco al menu a
tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso. L’utente può reimpostare il nome
di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere l’aspetto normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
• nei dettagli viene richiesto, attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad
elementi finiti realizzati per calcolare la struttura, per quale modello si desidera analizzare la modalità di
attribuzione dei carichi superficiali nel caso di strutture e norme che richiedono lo studio di più modelli;
• il fattore di scala per la visualizzazione dei carichi attribuiti agli elementi strutturali; è possibile impostarlo
numericamente o attraverso l’apposita barra, trascinando il quadratino o cliccando sulla posizione
desiderata tramite un posizionamento di precisione;
• la condizione di carico in cui si vuole effettuare l’analisi dell’attribuzione dei carichi.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica i carichi superficiali di una quota
con gli elementi strutturali sostenenti.
All’interno della vista Attribuzione carichi superficiali l’utente può indagare, con l’aiuto dei comandi dell’omonimo
sottomenu o della toolbar, la modalità di attribuzione dei carichi agli elementi strutturali. Tutte le entità presenti
nella vista (sia strutturali sia relative ai carichi) possono essere selezionate e le loro proprietà vengono
visualizzate nella finestra proprietà.
All’interno di questa vista gli unici comandi attivi, oltre a quelli dell’omonimo sottomenu o della toolbar, sono
quelli relativi alle operazioni di visualizzazione presenti nel menu Visualizza o nella toolbar Visualizzazione
completa.
Per un maggiore dettaglio sull’utilizzo della vista si rimanda all’apposito paragrafo.

All’apertura della vista il programma controlla che sia aperta la toolbar contente i comandi da utilizzare
nella vista. In caso contrario l’utente viene avvertito con un apposito messaggio (opzionale in base alle
impostazioni delle Opzioni Avanzate); rispondendo affermativamente la toolbar viene aperta
automaticamente.

8.1.3 Modello…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente l’apertura di una
nuova vista per la visualizzazione del modello ad elementi finiti. Il comando è disponibile nel caso in cui sia già
stata eseguita e non sia mai stata eliminata l’operazione di creazione del modello. Le preferenze di apertura
della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Modello;
• il nome. Di default viene proposto il nome Modello; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome
della vista; nel caso in cui l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del
tasto disponibile di fianco al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine
rosso. L’utente può reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad
avere l’aspetto normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
• nei dettagli viene richiesto, attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad
elementi finiti realizzati per calcolare la struttura, quale modello si desidera visualizzare nel caso di
strutture e norme che richiedono lo studio di più modelli.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica il modello ad elementi finiti.
All’interno della vista Modello l’utente può indagare il modello ad elementi finiti visualizzando le proprietà di tutti
gli elementi che lo compongono nella finestra proprietà.

68
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

8.1.4 Carichi…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista per la visualizzazione dei carichi applicati al modello ad elementi finiti. Il comando è disponibile nel
caso in cui sia già stata eseguita e non sia mai stata eliminata l’operazione di creazione del modello. Le
preferenze di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Carichi;
• il nome. Di default viene proposto il nome del tipo di carico scelto dall’utente nella combinazione o
condizione prescelta; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel caso in cui
l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto disponibile di fianco
al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso. L’utente può
reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere l’aspetto
normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
Nell’area riservata ai dettagli viene inoltre richiesto:
• attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad elementi finiti realizzati per
calcolare la struttura, per quale modello si desidera visualizzare la distribuzione dei carichi nel caso di
strutture e norme che richiedono lo studio di più modelli.
• tipo di carico; è possibile scegliere tra carichi concentrati, carichi lineari e masse.
• l’eventuale fattore di scala per il tipo di carico scelto; è possibile impostarlo numericamente o attraverso
l’apposita barra, trascinando il quadratino o cliccando sulla posizione desiderata tramite un
posizionamento di precisione;
• la condizione/combinazione di cui si vuole la rappresentazione dei carichi; la scelta avviene attraverso i
due menu a tendina che riportano la scelta tra le Condizioni elementari e le Famiglie di combinazioni
definite nella commessa. Le condizioni non sono presenti nella lista nel caso in cui il modello sia non
lineare. In base alla scelta effettuata il secondo menu a tendina consente la scelta tra le condizioni o le
combinazioni della famiglia prescelta.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica il modello ad elementi finiti con i
carichi scelti e i valori del carico (se concentrati o lineari) nel contesto scelto dall’utente. Il colore e il carattere
delle etichette e dei carichi sono quelli scelti nelle Opzioni. Le etichette possono essere eliminate dalla vista
spegnendo il relativo layer nell’apposita finestra.

Si rammenta che i carichi presenti nel modello ad elementi finiti possono essere solo applicati ad aste
(carichi uniformi, trapezi e concentrati) o sui nodi (concentrati). In particolare i carichi di superficie o
lineari applicati su elementi strutturali modellabili con elementi Guscio vengono recepiti nel modello ad
elementi finiti come carichi concentrati applicati negli opportuni nodi.

Nel caso di analisi dinamica (modale) i carichi visualizzati per le condizioni sismiche nella vista carichi
si riferiscono all’analisi statica equivalente condotta preliminarmente alla dinamica; tale vista può
servire per controllo qualora si sia scelta, nelle preferenzeFEM avanzate, l’assegnazione del segno dei
risultati dell’analisi spettrale da analisi statica. Maggiori dettagli si possono trovare alla voce Analisi
sismiche.
All’interno della vista Carichi l’utente può interrogare sia il modello ad elementi finiti che le entità grafiche
rappresentanti i carichi o le masse visualizzando le proprietà di tutti gli elementi che lo compongono nella
finestra proprietà.
Interrogando ad esempio un carico lineare vengono riportate nella finestra Proprietà le caratteristiche del carico
applicato all’asta.

8.1.5 Deformata…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista per la visualizzazione della deformata della struttura. Il comando è disponibile nel caso in cui sia già
stata eseguita e non sia mai stata eliminata la risoluzione completa del lavoro. Le preferenze di apertura della
vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Deformata;
• il nome. Di default viene proposto il nome Spostamenti con specificata la condizione o la combinazione
scelta; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel caso in cui l’utente abbia
personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto disponibile di fianco al menu a
tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso. L’utente può reimpostare il nome
di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere l’aspetto normale.

69
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
Nell’area riservata ai dettagli viene inoltre richiesto:
• attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad elementi finiti realizzati per
calcolare la struttura, per quale modello si desidera visualizzare la deformata nel caso di strutture e
norme che richiedono lo studio di più modelli.
• il fattore di scala per la visualizzazione degli spostamenti; è possibile impostarlo numericamente o
attraverso l’apposita barra, trascinando il quadratino o cliccando sulla posizione desiderata tramite un
posizionamento di precisione;
• mostra anche modello indeformato; cliccando questa opzione viene rappresentato in tratteggio e del
colore scelto nelle Opzioni il modello della struttura allo stato indeformato.
• mostra animazione: cliccando questa opzione è possibile visualizzare anche l’animazione della
deformata del modello ad elementi finiti. Per interrompere l’animazione è sufficiente eseguire qualsiasi
comando o premere ESC.
• numero fotogrammi: è possibile inserire il numero di fotogrammi che compongono l’animazione.
• frequenza fotogrammi: è possibile inserire il numero di fotogrammi al secondo. Il numero di fotogrammi
effettivamente impiegato potrebbe essere inferiore a quello specificato poiché dipendente dalle
prestazioni grafiche del computer, dalle dimensioni della vista o da un numero troppo elevato di
fotogrammi.
• la condizione/combinazione di cui si vuole la rappresentazione della deformata; la scelta avviene
attraverso i due menu a tendina che riportano la scelta tra le Condizioni elementari e le Famiglie di
8

combinazioni definite nella commessa. Le condizioni non sono presenti nella lista nel caso in cui il
modello sia non lineare. In base alla scelta effettuata il secondo menu a tendina consente la scelta tra le
condizioni o le combinazioni della famiglia prescelta.
• alla voce inviluppo è possibile scegliere i contesti all’interno dei quali verranno ricercati i valori estremi
degli spostamenti visualizzati nella finestra delle proprietà, una volta che la vista sia stata aperta.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica la deformata del modello ad
elementi finiti. Nel caso in cui si sia scelto di visualizzare l’animazione l’apertura della vista comprende anche la
fase di creazione del filmato di animazione. Tale fase è indicata all’utente da un apposito dialogo nel quale,
attraverso il tasto Interrompi, è possibile annullare l’operazione di creazione del filmato di animazione.
Oltre a poter visualizzare le proprietà di tutti gli elementi finiti rappresentati nella vista è possibile, selezionando
un nodo del modello, conoscere le componenti di spostamento di tale nodo nella varie condizioni, combinazioni
o modi di vibrare. Sono inoltre riportate le componenti di spostamento estreme. Per interrogare gli elementi che
compongono il modello non bisogna essere in fase di visualizzazione dell’animazione.

8.1.6 Reazioni…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista per la rappresentazione del modello con le reazioni fornite dai vincoli. Il comando è disponibile nel
caso in cui sia già stata eseguita e non sia mai stata eliminata la risoluzione completa del lavoro. Le preferenze
di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Reazioni;
• il nome. Di default viene proposto il nome Reazioni con specificata la condizione o la combinazione
scelta; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel caso in cui l’utente abbia
personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto disponibile di fianco al menu a
tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso. L’utente può reimpostare il nome
di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere l’aspetto normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
Nell’area riservata ai dettagli viene inoltre richiesto:
• attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad elementi finiti realizzati per
calcolare la struttura, per quale modello si desidera visualizzare le reazioni vincolari nel caso di strutture
e norme che richiedono lo studio di più modelli.
• il fattore di scala per la visualizzazione delle forze che compongono la reazione del vincolo; è possibile
impostarlo numericamente o attraverso l’apposita barra, trascinando il quadratino o cliccando sulla
posizione desiderata tramite un posizionamento di precisione;
• il fattore di scala per la visualizzazione delle coppie che compongono la reazione del vincolo; il
comportamento è analogo a quello delle forze ma si consiglia di mantener un fattore di scala più piccolo

70
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

rispetto a quello delle forze per una rappresentazione più leggibile in quanto i valori delle coppie sono
abitualmente molto più grandi di quelli delle forze;
• il fattore di scala per la visualizzazione delle molle interne alle aste che modellano le travi di fondazione;
il comportamento è analogo a quello delle forze;
• selezionando nelle opzioni la voce “riferiti ad una condizione o combinazione” è consentita la scelta della
condizione/combinazione di cui si vuole la rappresentazione delle reazioni; la scelta avviene attraverso i
due menu a tendina che riportano la scelta tra le Condizioni elementari e le Famiglie di combinazioni
8

definite nella commessa. Le condizioni non sono presenti nella lista nel caso in cui il modello sia non
lineare. In base alla scelta effettuata il secondo menu a tendina consente la scelta tra le condizioni o le
combinazioni della famiglia prescelta.
• selezionando nelle opzioni la voce “valori massimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le reazioni
estreme massime nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo.
• selezionando nelle opzioni la voce “valori minimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le reazioni
estreme minime nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo.
• alla voce inviluppo è possibile scegliere i contesti all’interno dei quali verranno ricercati i valori massimi o
minimi sulla base della scelta effettuata nelle due voci descritte subito sopra. Nel caso in cui l’utente non
scelga di visualizzare i valori massimi o minimi la scelta dell’inviluppo è comunque attiva perché viene
utilizzata per l’individuazione dei valori estremi delle reazioni visualizzate nella finestra delle proprietà,
una volta che la vista sia stata aperta.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica il modello ad elementi finiti in
bianco mentre nel colore scelto nelle Opzioni vengono rappresentate le componenti delle reazioni sui vincoli e i
valori delle reazioni nel contesto scelto dall’utente.; lungo l’asse delle aste che modellano le travi di fondazione
vengono rappresentati i parametri di sollecitazione delle molle uniformemente distribuite che modellano il
comportamento del terreno. Si ricorda che il diagramma rappresentato nella vista si riferisce alla sola molla
agente in direzione 2-verticale (valori negativi indicano uno stato di compressione della molla). Le sollecitazioni
delle molle nelle altre direzioni sono visualizzabili attraverso la finestra delle proprietà. Le opzioni di
scongelamento dei layer standard del programma sono tali per cui risultano visualizzate le sole forze mentre i
layer delle coppie risultano congelati. Per scongelarli si utilizzi il comando Layer. Anche le etichette possono
essere eliminate dalla vista spegnendo il relativo layer nell’apposita finestra.
Oltre a poter visualizzare le proprietà di tutti gli elementi finiti rappresentati nella vista è possibile conoscere le
componenti della reazione nella varie condizioni o combinazioni. Sono inoltre riportate le componenti di
reazione estreme.

8.1.7 Sollecitazioni aste…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista per la rappresentazione delle sollecitazioni delle aste del modello. Il comando è disponibile nel caso
in cui sia già stata eseguita e non sia mai stata eliminata la risoluzione completa del lavoro. Le preferenze di
apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Sollecitazioni aste;
• il nome. Di default viene proposto il nome Sollecitazioni aste con specificata la condizione o la
combinazione scelta; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel caso in cui
l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto disponibile di fianco
al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso. L’utente può
reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere l’aspetto
normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
Nell’area riservata ai dettagli viene inoltre richiesto:
• attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad elementi finiti realizzati per
calcolare la struttura, per quale modello si desidera visualizzare le sollecitazioni delle aste nel caso di
strutture e norme che richiedono lo studio di più modelli.
• la tipologia di visualizzazione: è possibile visualizzare i diagrammi classici, gli inviluppi oppure analizzare
le sollecitazioni con una rappresentazione a colori. Effettuando questa terza scelta (a bande) all’apertura
della vista gli elementi asta vengono rappresentati non più come asta fem ma con la rappresentazione
scelta in sede di apertura della vista:
- contenitore: l’asta ha una sezione rettangolare individuata dalla massima altezza e larghezza della
sezione reale;
- sezione reale: l’asta è rappresentata con la sezione reale. Tale scelta può comportare una notevole
lentezza nell’apertura e nel ridisegno della vista nel caso in cui le aste presenti siano molte e
abbiamo sezioni con molti raccordi (quali ad esempio le aste in acciaio);
- 20: l’asta ha sezione quadrata 20 x 20.

71
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Gli elementi vengono colorati secondo una gradazione di colori che individua l’andamento della
sollecitazione scelta. La scala di valori adottata per la colorazione scelta è rappresentata nella finestra
mappatura colori.
• vengono inoltre richiesti i dati per la definizione delle bande di colore e nello specifico il riferimento, la
modalità di interpolazione del colore, il numero di bande e i colori delle bande. Tali dati sono gli stessi
richiesti in apertura o modifca di una vista di sollecitazioni gusci a cui si rimanda per maggiori dettagli.
• il fattore di scala per la visualizzazione della sollecitazione scelta; è possibile impostarlo numericamente
o attraverso l’apposita barra, trascinando il quadratino o cliccando sulla posizione desiderata tramite un
posizionamento di precisione;
• il parametro di sollecitazione:
- F1 (N): sforzo normale nell’asta;
- F2: sforzo di taglio agente nella direzione dell’asse locale 2;
- F3: sforzo di taglio agente nella direzione dell’asse locale 3;
- M1 (Mt): momento attorno all’asse locale 1; equivale al momento torcente;
- M2: momento attorno all’asse locale 2;
- M3: momento attorno all’asse locale 3;
Per la visualizzazione del sistema di riferimento degli elementi asta si utilizzi il comando Layer. Si ricorda
che l’asse rosso equivale all’asse 1, l’asse verde all’asse 2 e l’asse blu all’asse 3 (RGB).
La convenzione sui segni per i parametri di sollecitazione delle aste è la seguente:
Presa un’asta con nodo iniziale i e nodo finale f, asse 1 che va da i a f, assi 2 e 3 presi secondo quanto
indicato nei paragrafi relativi al sistema locale degli elementi frame sezionando l’asta in un punto e
considerando la sezione sinistra del punto in cui si è effettuato il taglio (sezione da cui esce il versore
asse 1) i parametri di sollecitazione sono positivi se hanno verso e direzione concordi con il sistema di
riferimento locale dell’asta 1,2,3 (per i momenti si adotta la regola della mano destra).
Per quanto riguarda invece la rappresentazione grafica la convenzione è la seguente:
- sforzo normale F1 (N): viene rappresentato nel piano individuato dagli assi 1 e 2. Nel caso di sforzo
normale positivo (di trazione) viene disegnato lungo l’asta dalla parte del semiasse 2 positivo;
- F2: viene rappresentato nel piano individuato dagli assi 1 e 2. Nel caso di F2 positivo viene disegnato
lungo l’asta dalla parte del semiasse 2 positivo;
- F3: viene rappresentato nel piano individuato dagli assi 1 e 3. Nel caso di F3 positivo viene disegnato
lungo l’asta dalla parte del semiasse 3 positivo;
- momento torcente M1 (Mt): viene rappresentato nel piano individuato dagli assi 1 e 2. Nel caso di
momento torcente positivo viene disegnato lungo l’asta dalla parte del semiasse 2 positivo;
- momento M2: viene rappresentato nel piano individuato dagli assi 1 e 3. Nel caso di M2 positivo
viene disegnato dalla parte del semiasse 3 negativo;
- momento M3: viene rappresentato nel piano individuato dagli assi 1 e 2. Nel caso di M3 positivo
viene disegnato dalla parte del semiasse 2 negativo.
• selezionando nelle opzioni la voce “riferiti ad una condizione o combinazione” è consentita la scelta della
condizione/combinazione di cui si vuole la rappresentazione della sollecitazione prescelta; la scelta
avviene attraverso i due menu a tendina che riportano la scelta tra le Condizioni elementari e le Famiglie
8

di combinazioni definite nella commessa. Le condizioni non sono presenti nella lista nel caso in cui il
modello sia non lineare. In base alla scelta effettuata il secondo menu a tendina consente la scelta tra le
condizioni o le combinazioni della famiglia prescelta.
• selezionando nelle opzioni la voce “valori massimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le
sollecitazioni estreme massime delle aste nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo.
• selezionando nelle opzioni la voce “valori minimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le
sollecitazioni estreme minime delle aste nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo.
• alla voce inviluppo è possibile scegliere i contesti all’interno dei quali verranno ricercati i valori massimi o
minimi sulla base della scelta effettuata nelle due voci descritte subito sopra. Nel caso in cui l’utente non
scelga di visualizzare i valori massimi o minimi la scelta dell’inviluppo è comunque attiva perché viene
utilizzata per l’individuazione dei valori estremi delle sollecitazioni visualizzate nella finestra delle
proprietà, una volta che la vista sia stata aperta.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica il modello ad elementi finiti con le
sollecitazioni delle aste (nella componente selezionata) e i valori di picco (massimo, minimo, valore iniziale e
finale) della componente di sollecitazione per ogni diagramma visualizzato. Il colore e il carattere delle etichette
e dei diagrammi sono quelli scelti nelle Opzioni. Le etichette possono essere eliminate dalla vista spegnendo il
relativo layer nell’apposita finestra.

All’apertura della vista avendo scelto la modalità a bande il programma controlla che sia aperta la
finestra Mappatura colori. In caso contrario l’utente viene avvertito con un apposito messaggio
(opzionale in base alle impostazioni delle Opzioni Avanzate); rispondendo affermativamente la finestra
viene aperta automaticamente.

72
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

Selezionando un diagramma vengono riportati nella finestra delle proprietà, per ciascun parametro di
sollecitazione e per ciascuna condizione/combinazione, i valori della sollecitazione in varie sezioni dell’asta.
Sono inoltre riportate le sollecitazioni estreme dell’asta.

8.1.8 Sollecitazioni gusci…

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista per la rappresentazione per colori dei valori di sollecitazione nodali degli elementi guscio. Il
comando è disponibile nel caso in cui sia già stata eseguita e non sia mai stata eliminata la risoluzione
completa del lavoro. Le preferenze di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Sollecitazioni gusci;
• il nome. Di default viene proposto il nome Sollecitazioni gusci con specificata la condizione o la
combinazione scelta; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel caso in cui
l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto disponibile di fianco
al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso. L’utente può
reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere l’aspetto
normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
Nell’area riservata ai dettagli viene inoltre richiesto:
• attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad elementi finiti realizzati per
calcolare la struttura, per quale modello si desidera visualizzare le sollecitazioni delle shell nel caso di
strutture e norme che richiedono lo studio di più modelli.
• selezionando nelle opzioni la voce “riferiti ad una condizione o combinazione” è consentita la scelta della
condizione/combinazione di cui si vuole la rappresentazione della sollecitazione prescelta; la scelta
avviene attraverso i due menu a tendina che riportano la scelta tra le Condizioni elementari e le Famiglie
8

di combinazioni definite nella commessa. Le condizioni non sono presenti nella lista nel caso in cui il
modello sia non lineare. In base alla scelta effettuata il secondo menu a tendina consente la scelta tra le
condizioni o le combinazioni della famiglia prescelta.
• selezionando nelle opzioni la voce “valori massimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le
sollecitazioni estreme massime delle shell nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo.
• selezionando nelle opzioni la voce “valori minimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le
sollecitazioni estreme minime delle shell nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo.
• alla voce inviluppo è possibile scegliere i contesti all’interno dei quali verranno ricercati i valori massimi o
minimi sulla base della scelta effettuata nelle due voci descritte subito sopra. Nel caso in cui l’utente non
scelga di visualizzare i valori massimi o minimi la scelta dell’inviluppo è comunque attiva perché viene
utilizzata per l’individuazione dei valori estremi delle sollecitazioni visualizzate nella finestra delle
proprietà, una volta che la vista sia stata aperta.
• il parametro di sollecitazione. L’utente deve scegliere se all’interno della vista vuole visualizzare le
sollecitazioni degli elementi gusci verticali (appartenenti a elementi parete) o degli elementi gusci non
verticali (appartenenti ad elementi piastra o piastra generica).
La definizione delle caratteristiche della sollecitazione ed i relativi segni, in relazione alla giacitura
dell’elemento finito guscio, è la seguente:
Gusci non verticali (normalmente piastre e platee):
Il sistema di riferimento nel quale sono espressi i parametri di sollecitazione è così definito: origine
appartenente al piano dell’elemento, asse x e y contenuti nel piano dell’elemento e terzo asse (z)
ortogonale al piano dell’elemento a formare una terna destrogira. In particolare l’asse x ha proiezione in
pianta parallela ed equiversa all’asse globale X. Nel caso di piastre orizzontali (caso più comune) gli assi
x, y e z locali all’elemento sono paralleli ed equiversi agli assi X, Y e Z globali. Si sottolinea che non ha
alcun interesse collocare esattamente nel piano dell’elemento la posizione dell’origine in quanto i
parametri di sollecitazione sono invarianti rispetto a tale posizione.
In figura è mostrato un elemento infinitesimo di shell orizzontale con indicato il sistema di riferimento e i
parametri di sollecitazione Mxx, Myy, Mxy.

73
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Mxy

Myy

Mxx

Mxy

Si definiscono:
Mxx:momento flettente [Forza*Lunghezza/Lunghezza] agente sul bordo di normale x (verso positivo
indicato dalla freccia in figura che tende le fibre inferiori);
Myy:momento flettente [Forza*Lunghezza/Lunghezza] agente sul bordo di normale y (verso positivo
indicato dalla freccia in figura che tende le fibre inferiori);
Mxy:momento torcente [Forza*Lunghezza/Lunghezza] agente sui bordi (verso positivo indicato dalla
freccia in figura).
Per quanto riguarda le sollecitazioni membranali si faccia riferimento alla figura seguente dove per lo
stesso elemento infinitesimo di shell orizzontale con indicato il sistema di riferimento e i parametri di
sollecitazione Fxx, Fyy, Fxy.

Fyy

Fxy

Fxy

Fxx

Si definiscono:
Fxx: sforzo estensionale [Forza/Lunghezza] agente sul bordo di normale x (verso positivo indicato
dalla freccia in figura che mette in trazione l’elemento);
Fyy: sforzo estensionale [Forza/Lunghezza] agente sul bordo di normale all’asse y (verso positivo
indicato dalla freccia in figura che mette in trazione l’elemento);
Fxy: sforzo di taglio [Forza/Lunghezza] agente sui bordi (verso positivo indicato dalla freccia in
figura).
Vengono riportati inoltre i tagli fuori dal piano dell’elemento shell:

74
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

Vy

Vx

Vx: taglio fuori piano [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela all’asse x (per il
segno si veda l’immagine relativa ai tagli fuori piano nel sistema locale 1, 2, 3 riportata più avanti);
Vy: taglio fuori piano [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela all’asse y (per il
segno si veda l’immagine relativa ai tagli fuori piano nel sistema locale 1, 2, 3 riportata più avanti).
Gusci verticali: pareti e muri
Il sistema di riferimento nel quale sono espressi i parametri di sollecitazione è così definito: origine
appartenente al piano dell’elemento, asse O (ascisse) e z (ordinate) contenuti nel piano dell’elemento e
terzo asse ortogonale al piano dell’elemento a formare una terna destrogira. In particolare
- l’asse O è orizzontale e concorde all’asse X globale o concorde a Y globale se l’insieme di shell è in
un piano parallelo a Y-Z globali;
- l’asse z parallelo ed equiverso con l’asse Z globale.
Si sottolinea che non ha alcun interesse collocare esattamente nel piano dell’elemento la posizione
dell’origine in quanto i parametri di sollecitazione sono invarianti rispetto a tale posizione.
In figura è mostrato un elemento infinitesimo di shell verticale con indicato il sistema di riferimento e i
parametri di sollecitazione Moo, Mzz, Moz.

Mzz
Moz

Moo
Moz

Moo: momento flettente distribuito [Forza*Lunghezza/Lunghezza] applicato al bordo di normale


parallela all’asse O (verso positivo indicato dalla freccia in figura che tende le fibre dalla parte del
semiasse negativo del terzo asse);
Mzz: momento flettente distribuito [Forza*Lunghezza/Lunghezza] applicato al bordo di normale
parallela all’asse z (verso positivo indicato dalla freccia in figura che tende le fibre dalla parte del
semiasse negativo del terzo asse);
Moz: momento “torcente” distribuito [Forza*Lunghezza/Lunghezza] applicato sui bordi (verso
positivo indicato dalla freccia in figura).
Per quanto riguarda le sollecitazioni membranali si faccia riferimento alla figura seguente dove per lo
stesso elemento infinitesimo di shell con indicato il sistema di riferimento i parametri di sollecitazione
Foo, Fzz, Foz sono rispettivamente:

75
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Fzz

Foz

Foz

Foo

Fzz: sforzo tensionale distribuito [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela


all’asse z (verso positivo indicato dalla freccia in figura che mette in trazione l’elemento);
Foo: sforzo tensionale distribuito [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela
all’asse O (verso positivo indicato dalla freccia in figura che mette in trazione l’elemento);
Foz: sforzo tagliante distribuito [Forza/Lunghezza] applicato sui bordi (verso positivo indicato dalla
freccia in figura).
Vengono riportati inoltre i tagli fuori dal piano dell’elemento shell:
Vo: taglio fuori piano applicato al bordo di normale parallela all’asse O (per il segno si veda
l’immagine relativa ai tagli fuori piano nel sistema locale 1, 2, 3 riportata più avanti);
Vz: taglio fuori piano applicato al bordo di normale parallela all’asse z (per il segno si veda
l’immagine relativa ai tagli fuori piano nel sistema locale 1, 2, 3 riportata più avanti).
• è possibile selezionare il tipo di interpolazione grafica da adottare per la rappresentazione dei valori della
sollecitazione nella shell. Scegliendo nel menu a tendina Nessuno la rappresentazione per ciascuna
shell convergente nel medesimo nodo sarà quella reale. Di conseguenza shell concomitanti potrebbero
avere colori diversi avendo nel nodo comune valori diversi per la sollecitazione in esame. Selezionando
Media aritmetica la rappresentazione nelle shell che convergono in un nodo sarà pari a quella ottenuta
facendo la media dei valori della sollecitazione in quel nodo per ciascuna shell. Selezionando Massimo
in modulo il colore per tutte le shell convergenti in un nodo sarà quello del valore assoluto più elevato per
il parametro di sollecitazione in esame.

La modalità di interpolazione delle sollecitazioni è un’impostazione che viene utilizzata solamente per
graficare le sollecitazioni nel modello. Tale impostazione non influisce sulle modalità di interpolazione
delle sollecitazioni utilizzate nei moduli di verifica di piastre e pareti.
• è possibile selezionare quale riferimento utilizzare per rappresentare i valori delle sollecitazioni. La
distribuzione delle bande di colore può avvenire secondo tre diverse modalità. La prima modalità,
cioèriferimento relativo, consente di spalmare le bande di colore su tutto l’intervallo delle sollecitazioni
dinamicamente. Ogniqualvolta viene aggiornata la vista perché cambia un qualsiasi parametro che
regola le caratteristiche della stessa o cambiano semplicemente i valori in gioco a seguito
dell’ottenimento di una nuova soluzione numerica, l’applicazione individuerà il valore minimo ed il valore
massimo di tutte le sollecitazioni significative e assocerà le bande di colore secondo le percentuali
definite tramite l’apposito controllo nel dialogo di proprietà della vista. La seconda modalitàè quella
delriferimento assoluto: gli intervalli associati alle bande di colore vengono stabiliti esplicitamente
dall’utente e sono invarianti rispetto a tutti gli altri parametri. Nel caso in cui le sollecitazioni visualizzate
non siano completamente contenute nell’intervallo completo di tutte le bande, è necessario operare
manualmente alla modifica dei valori delimitatori. La modalità di impostazione dei valori limitatori verrà
descritta nel seguito.
Esiste poi la terza modalità, riferimento ottimale, che tra l’altro è anche l’impostazione predefinita quando
si crea una nuova vista, in cui l’intervallo dei valori delle bande di colore è variante rispetto a tutti i
parametri che caratterizzano la vista, nella stessa maniera del riferimento relativo, solo che questo
riempie esattamente l’intervallo dei valori di sollecitazione, mentre il riferimento ottimale arrotonda la
larghezza delle singole bande in modo che esse siano multiple di potenze di 10 e onora il valore nullo,
come valore delimitatore di due bande contigue, nel caso in cui lo zero sia compreso nell’intervallo dei
valori possibili nella vista.
Un esempio per chiarire la colorazione degli elementi con riferimento relativo: supponiamo che la
nostra vista stia mostrando la componente Mxx delle sollecitazioni ai nodi dei gusci. Se si considerano
tutti i gusci della commessa in un esempio, abbiamo che il valore minimo di Mxx è–259874 daN cm, il
valore massimo è 95363 daN cm.
Con questi due valori si possono distribuire uniformemente o meno tutti i dieci colori ed associare
ognuno di essi ad una frazione dell’intervallo delimitato dai due valori estremi. Se supponiamo che la
distribuzione sia uniforme e che si desiderino 10 bande di colore, la banda del primo colore coprirà il
10% dell’intero intervallo, cioè la banda coprirà i valori da –259874 daN cm fino a –224350 daN cm.
Se si cambia la combinazione di carico per la vista in questione, l’applicazione passerà in rassegna

76
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

nuovamente tutti i valori di Mxx delle sollecitazioni dei gusci allo scopo di individuare il nuovo valore
minimo e massimo, con cui ridefinire gli intervalli da associare ai dieci colori.
Supponiamo che con una diversa combinazione di carico otteniamo un valore minimo di –287561 daN
cm e un valore massimo di 111309 daN cm. La banda associata al primo colore andrà a coprire ora
l’intervallo di valori tra –287561 daN cm fino a –247674 daN cm, conformemente al fatto che abbiamo
richiesto che le bande di colore vengano riferite relativamente ai valori minimi e massimi degli elementi
in questione.
Come si può notare, con una combinazione di carico una banda di colore è associata ad un intervallo
di sollecitazioni (-259874, -224350), mentre con un’altra combinazione di carico lo stesso colore è
associato ad un intervallo di sollecitazioni (-287561, -247674) più o meno differente: non è pertanto
possibile effettuare comparazioni tra combinazioni di carico diverse o viste diverse, facendo
semplicemente affidamento sul colore attribuito agli elementi visualizzati.
Nel primo caso, con riferimento relativo e dieci bande di colore linearmente spalmate nell’intervallo dei
valori possibili, avremmo avuto un intervallo totale di 355237 daN cm, dove ogni singola banda occupa
un intervallo di sollecitazione di 35523 daN cm. Utilizzando invece il riferimento ottimale, la larghezza
delle singole bande viene estesa a 50000 daN cm e si ottengono le seguenti bande sull’intero
intervallo:
Banda 1: da –350000 a –300000 daN cm
Banda 2: da –300000 a –250000 daN cm
Banda 3: da –250000 a –200000 daN cm
Banda 4: da –200000 a –150000 daN cm
Banda 5: da –150000 a –100000 daN cm
Banda 6: da –100000 a –50000 daN cm
Banda 7: da –50000 a 0 daN cm
Banda 8: da 0 a 50000 daN cm
Banda 9: da 50000 a 100000 daN cm
Banda 10: da 100000 a 150000 daN cm
Come si può notare, il riferimento ottimale ha arrotondato i valori delimitatori a valori di più facile
leggibilità ed ha utilizzato lo zero come valore di delimitazione tra due bande contigue. Ciononostante
tale metodo può introdurre bande di colore che possono non essere utilizzate nella visualizzazione, nel
caso sopra la prima e l’ultima banda.

Col metodo del riferimento ottimale, la larghezza ( w ) della singola banda viene allargata ( wallargata ) in
modo da seguire una logica simile a quella dei tagli delle monete o delle banconote:

se 10 n < w ≤ 2,0 x10 n , allora wallargata = 2 x10 n


se 2,0 x10 n < w ≤ 2,5 x10 n , allora wallargata = 2,5 x10 n
se 2,5 x10 n < w ≤ 5,0 x10 n , allora wallargata = 5 x10 n
se 5,0 x10 n < w ≤ 10 n +1 , allora wallargata = 10 n +1

Dopo aver preso in considerazione il riferimento relativo e ottimale per le bande di colore, è d’obbligo
spendere due parole per il riferimento assoluto: se stabiliamo in una ipotetica commessa che le dieci
bande di colore siano definite tramite un riferimento assoluto, questo vuol dire che intendiamo
associare ad ogni colore un ben preciso intervallo di sollecitazione.
Potremmo ad esempio voler imporre che la prima banda di colore sia associata all’intervallo tra –
300000 daN cm fino a –250000 daN cm, la seconda banda all’intervallo tra –250000 daN cm e –
200000 daN cm e così via.
Questa attribuzione degli intervalli alle bande di colore è pertanto invariante rispetto a qualsiasi altro
fattore: se cambiamo la combinazione di carico, o effettuiamo nuovamente la risoluzione numerica, gli
intervalli attribuiti alle bande non risentono di nuovi valori minimi e massimi che si possono desumere
da diversi risultati. Il riferimento assoluto di bande di colore consente pertanto di effettuare
comparazioni visive tra viste diverse, combinazioni diverse, modelli matematici diversi o addirittura
commesse diverse definendo preventivamente le stesse impostazioni delle bande di colori.
• l’interpolazione del colore: gran parte dello spettro visibile può essere rappresentata miscelando luce
rossa, verde e blu (Red, Green, Blue, ovvero RGB) in diverse proporzioni e intensità. La sovrapposizione
di questi colori consente di ottenere il ciano, il magenta e il giallo. La combinazione dei colori RGB
consente anche la definizione del bianco; infatti unendo tutti i colori si ottiene il bianco: in pratica, tutta la
luce viene riflessa e percepita dall'occhio. L’interpolazione dei colori in modalità RGB viene effettuata
interpolando linearmente le singole componenti R (red, rosso), G (green, verde), B (blue, blu) di due

77
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

colori estremi. Supponendo di avere due colori estremi C1 e C2 e di generare un colore Ck con k tra 0 e
1:
RC k = k ⋅ RC1 + (1 − k ) ⋅ RC 2
GC k = k ⋅ GC1 + (1 − k ) ⋅ GC 2
BC k = k ⋅ BC1 + (1 − k ) ⋅ BC 2
Il modello HSL è basato sulla percezione umana del colore e descrive tre caratteristiche principali del
colore:
- la tonalità (Hue) è il colore riflesso o trasmesso attraverso un oggetto. Viene calcolata come una
posizione sulla ruota dei colori standard ed è espressa in gradi, da 0 a 360. In generale, la tonalità è
identificata dal nome del colore, quale rosso, arancione o verde.
- la saturazione (Saturation), o croma, è l'intensità o la purezza del colore. La saturazione rappresenta
la quantità di grigio rispetto alla tonalità ed è calcolata come percentuale da 0% (grigio) a 100%
(saturazione completa). Sulla ruota del colore standard, la saturazione aumenta dal centro al bordo.
- la luminosità (Luminosity o Brightness) è la chiarezza o scurezza relativa del colore ed è
generalmente calcolata come percentuale da 0% (nero) a 100% (bianco).
L’interpolazione dei colori in modalità HSL viene effettuata interpolando linearmente le componenti del
colore secondo un’altra scala cromatica, le componenti H, S, L di due colori sorgenti. Supponendo di
avere due colori sorgenti C1 e C2 e di generare un colore Ck con k tra 0 e 1:
H C k = k ⋅ H C1 + (1 − k ) ⋅ H C 2
S C k = k ⋅ S C1 + (1 − k ) ⋅ S C 2
LC k = k ⋅ LC1 + (1 − k ) ⋅ LC 2
nell’apposita casella di testo si può impostare il numero di bande di colore da utilizzare per la
rappresentazione delle sollecitazioni; è consentito l’inserimento di un numero tra 2 e 99. Tale valore
influisce sulla rappresentazione a bande riportata subito sotto e nella finestra di Mappatura dei colori.
• nella banda dei colori è possibile modificare i colori di ogni banda cliccando sulla casella corrispondente.
Si apre l’apposita finestra di selezione dei colori. La banda di colore modificata dall’utente è riconoscibile
dal contrassegno presente sull’angolo in basso a destra della banda stessa. La prima e l’ultima banda
sono considerate sempre selezionate È possibile inoltre modificare l’intervallo di valori per cui ciascuna
banda di colore viene utilizzata sia in riferimento assoluto che in riferimento relativo. Nel caso in cui il
riferimento sia assoluto è necessario:
- cliccare in prossimità del bordo sinistro del riquadro contenente le bande di colore in modo da
selezionare il primo valore di delimitazione;
- cliccare nuovamente il primo valore di delimitazione per far comparire la casella di testo;
- impostare nella casella di testo appena apparsa l’estremo inferiore della prima banda di colore (ad
esempio –500000 daN cm);
- cliccare ora in prossimità del bordo destro del riquadro in modo da selezionare l’ultimo valore di
delimitazione;
- cliccare nuovamente l’ultimo valore di delimitazione per far comparire la casella di testo;
- impostare nella casella di testo appena apparsa l’estremo superiore dell’ultima banda di colore (ad
esempio 500000 daN cm).
A questo punto la distribuzione di tutte le bande di colore non risulta più essere uniforme, poiché si è
modificato manualmente solo la prima e l’ultima banda di colore tramite i passi da 1 a 7. E’ necessario
forzare la distribuzione uniforme delle bande di colore riscrivendo il numero di bande di colori
nell’apposita casella (ad esempio 10) e premendo TAB.
Nel caso in cui il riferimento impostato sia relativo è possibile impostare gli intervalli di definizione di
ciascuna barra. Per fare ciò è sufficiente selezionare con il mouse la barra delimitatrice tra due bande di
colori e trascinarla. Nella casella di editazione che compare viene aggiornata la percentuale che indica il
limite inferiore della banda di sinistra e il limite superiore della banda di destra. È possibile impostare tale
valore direttamente attraverso la casella di testo.
L’applicazione, su vostra richiesta di cambiare il numero di bande di colore, avrebbe dovuto aver
distribuito uniformemente l’intervallo completo a tutte le singole bande di colore: avete associato pertanto
alla vista corrente una distribuzione uniforme di bande di colore assoluta.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica il modello ad elementi finiti con le
shell colorate secondo le impostazioni fornite a rappresentazione del parametro di sollecitazione desiderato.
Per ottenere una rappresentazione a facce piene si utilizzino i comandi di riempimento facce.
Selezionando una shell vengono riportati nella finestra delle proprietà, per ciascun parametro di sollecitazione e
per ciascuna condizione/combinazione i valori delle sollecitazioni in ciascun nodo ed il valore medio nonché le
sollecitazioni estreme della shell. Tali risultati possono essere indagati, attraverso la proprietà Risultato nel
sistema di riferimento precedentemente illustrato o nel sistema di riferimento locale della shell.
Il sistema di riferimento nel quale sono espressi i parametri di sollecitazione è quello locale dell’elemento
visualizzabile nella vista attraverso il comando Layer (si veda il manuale del solutore per la definizione del

78
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

sistema locale 1,2,3). In particolare gli assi 1, 2 e 3 corrispondono rispettivamente all’asse rosso, verde e blu
del sistema di riferimento locale delle shell. Si sottolinea che non ha alcun interesse collocare esattamente nel
piano dell’elemento la posizione dell’origine in quanto i parametri di sollecitazione sono invarianti rispetto a tale
posizione.
In figura è mostrato un elemento infinitesimo di shell con indicato il sistema di riferimento e i parametri di
sollecitazione M11, M22, M12.

M12

M22

M11

M12

M11: momento flettente distribuito [Forza*Lunghezza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela


all’asse 1 del sistema di riferimento locale 1,2 (verso positivo indicato dalla freccia in figura che tende le fibre
dalla parte del semiasse negativo dell’asse 3);
M22: momento flettente distribuito [Forza*Lunghezza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela
all’asse 2 del sistema di riferimento locale 1,2 (verso positivo indicato dalla freccia in figura che tende le fibre
dalla parte del semiasse negativo dell’asse 3);
M12: momento “torcente” distribuito [Forza*Lunghezza/Lunghezza] applicato sui bordi (verso positivo
indicato dalla freccia in figura).
Per quanto riguarda le sollecitazioni membranali si faccia riferimento alla figura seguente dove per lo stesso
elemento infinitesimo di shell con indicato il sistema di riferimento i parametri di sollecitazione F11, F22, F12
sono rispettivamente:

F22

F12

F12

F11

F11: sforzo tensionale distribuito [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela all’asse 1 del
sistema di riferimento locale 1,2 (verso positivo indicato dalla freccia in figura che mette in trazione l’elemento);
F22: sforzo tensionale distribuito [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela all’asse 2 del
sistema di riferimento locale 1,2 (verso positivo indicato dalla freccia in figura che mette in trazione l’elemento);
F12: sforzo tagliante distribuito [Forza/Lunghezza], contenuto nel piano della shell, applicato lungo i bordi
(verso positivo indicato dalla freccia in figura).
Vengono riportate inoltre i tagli V13 e V23 fuori dal piano dell’elemento shell:

79
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

V23

V13

V13: sforzo tagliante distribuito [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela all’asse 1 ed
agente in direzione 3 (per il segno si veda l’immagine precedente);
V23: sforzo tagliante distribuito [Forza/Lunghezza] applicato al bordo di normale parallela all’asse 2 ed
agente in direzione 3 (per il segno si veda l’immagine precedente).
Sempre attraverso la proprietà Risultato è inoltre possibile visualizzare le reazioni nodali dell’elemento, cioè le
forze che insieme ai carichi applicati (ad esempio il peso proprio) mantengono in equilibrio la shell.
Fx: reazione [Forza] nodale dell’elemento in direzione X (sistema globale X,Y,Z) in un dato nodo;
Fy: reazione [Forza] nodale dell’elemento in direzione Y (sistema globale X,Y,Z) in un dato nodo;
Fz: reazione [Forza] nodale dell’elemento in direzione Z (sistema globale X,Y,Z) in un dato nodo;
Mx: reazione [Forza*Lunghezza] nodale dell’elemento con asse momento in direzione X (sistema globale
X,Y,Z);
My: reazione [Forza*Lunghezza] nodale dell’elemento con asse momento in direzione Y (sistema globale
X,Y,Z) in un dato nodo;
Mz: reazione [Forza*Lunghezza] nodale dell’elemento con asse momento in direzione Z (sistema globale
X,Y,Z) in un dato nodo.
I versi di tali coppie sono positivi se rispettano la regola della mano destra.

8.1.9 Pressioni sul terreno …

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista della struttura con una rappresentazione per colori delle pressioni sul terreno al disotto dei nodi di
fondazione. Il comando è disponibile nel caso in cui sia già stata eseguita e non sia mai stata eliminata la
risoluzione completa del lavoro. Le preferenze di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Pressioni sul terreno;
• il nome. Di default viene proposto il nome Pressioni terreno con specificata la condizione o la
combinazione scelta; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel caso in cui
l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto disponibile di fianco
al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso. L’utente può
reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere l’aspetto
normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione;
Nell’area riservata ai dettagli viene inoltre richiesto:
• attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad elementi finiti realizzati per
calcolare la struttura, per quale modello si desidera visualizzare le pressioni sul terreno nel caso di
strutture e norme che richiedono lo studio di più modelli.
• i parametri per settare la modalità di visualizzazione sono analoghi a quelli della finestra Sollecitazioni
gusci a cui si rimanda per i dettagli.
• selezionando nelle opzioni la voce “riferiti ad una condizione o combinazione” è consentita la scelta della
condizione/combinazione di cui si vuole la rappresentazione delle pressioni sul terreno; la scelta avviene
attraverso i due menu a tendina che riportano la scelta tra le Condizioni elementari e le Famiglie di
8

combinazioni definite nella commessa. Le condizioni non sono presenti nella lista nel caso in cui il
modello sia non lineare. In base alla scelta effettuata il secondo menu a tendina consente la scelta tra le
condizioni o le combinazioni della famiglia prescelta.

80
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

• selezionando nelle opzioni la voce “valori massimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le
pressioni sul terreno estreme massime per l’inviluppo impostato nell’ultima opzione presente nella
finestra.
• selezionando nelle opzioni la voce “valori minimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le pressioni
sul terreno estreme minime per l’inviluppo impostato nell’ultima opzione presente nella finestra.
• alla voce inviluppo è possibile scegliere i contesti all’interno dei quali verranno ricercati i valori massimi o
minimi sulla base della scelta effettuata nelle due voci descritte subito sopra. Nel caso in cui l’utente non
scelga di visualizzare i valori massimi o minimi la scelta dell’inviluppo è comunque attiva perché viene
utilizzata per l’individuazione dei valori estremi delle pressioni sul terreno visualizzate nella finestra delle
proprietà, una volta che la vista sia stata aperta.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica il modello ad elementi finiti con i
nodi delle travi di fondazione o le shell di piastre di fondazione colorate secondo le impostazioni fornite. Viene
inoltre visualizzata l’impronta della trave di fondazione a bande di colore. Per ottenere una rappresentazione a
facce piene si utilizzino i comandi di riempimento facce.

All’apertura della vista il programma controlla che sia aperta la finestra Mappatura colori. In caso
contrario l’utente viene avvertito con un apposito messaggio (opzionale in base alle impostazioni delle
Opzioni Avanzate); rispondendo affermativamente la finestra viene aperta automaticamente.
Oltre a poter visualizzare le proprietà di tutti gli elementi finiti rappresentati nella vista è possibile, selezionando
un nodo del modello appartenente ad elementi di fondazione, visualizzare nella finestra delle proprietà per
ciascuna condizione/combinazione i valori della pressione sul terreno. Sono inoltre riportati i valori di pressione
estremi.
Selezionando l’impronta di una trave di fondazione vengono visualizzate le sollecitazioni per unità di lunghezza
della molla che simula il terreno; i parametri di sollecitazione interrogabili sono le tre forze e la coppia torcente.
Nel caso in cui si interroghi la F2 (forza verticale) vengono anche mostrate la pressione equivalente (rapporto
tra F2 e la dimensione trasversale dell’impronta di fondazione) e le pressioni equivalenti estreme.

In questa sede il valore della pressione visualizzato è inteso come pressione = spostamento verticale *
K di Winkler, con eventuali limiti superiore ed inferiore le pressioni verticali limiti per innalzamento ed
abbassamento (caso di terreno elastoplastico).
Nel caso di nodo con elementi concorrenti aventi ciascuno un proprio K di Winkler, viene impiegato il K di
Winkler maggiore.
Nel caso di nodi dove è presente un plinto i valori puntuali riportati sono solo indicativi; si rimanda alla verifica
del plinto per la valutazione dei valori esatti.

8.1.10 Tensioni ideali gusci

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista della struttura con una rappresentazione per colori dei rapporti σ id σ lim degli elementi shell, a
seconda del criterio di cedimento selezionato, dove σ id è la tensione ideale di confronto e σ lim è la tensione
limite resistente del materiale. Il comando è disponibile nel caso in cui sia già stata eseguita e non sia mai stata
eliminata la risoluzione completa del lavoro. Le preferenze di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Tensioni ideali gusci;
• il nome. Di default viene proposto il nome Tensioni ideali gusci con specificati il criterio di cedimento e la
condizione o la combinazione scelti; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista; nel
caso in cui l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto
disponibile di fianco al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso.
L’utente può reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad avere
l’aspetto normale;
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Modellazione. L’utente può, attraverso
l’apposito menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di modellazione già presenti nella
commessa, selezionarne un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di
modellazione.
Nell’area riservata ai dettagli viene inoltre richiesto:
• attraverso l’apposito menu a tendina che riporta la lista dei modelli ad elementi finiti realizzati per
calcolare la struttura, per quale modello si desidera visualizzare le tensioni ideali dei gusci nel caso di
strutture e norme che richiedono lo studio di più modelli;
• i parametri per settare la modalità di visualizzazione sono analoghi a quelli della finestra Sollecitazioni
gusci a cui si rimanda per i dettagli;
• selezionando nelle opzioni la voce “riferiti ad una condizione o combinazione” è consentita la scelta della
condizione/combinazione di cui si vuole la rappresentazione delle tensioni ideali; la scelta avviene
attraverso i due menu a tendina che riportano la scelta tra le Condizioni elementari e le Famiglie di
9

81
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

combinazioni definite nella commessa. Le condizioni non sono presenti nella lista nel caso in cui il
modello sia non lineare. In base alla scelta effettuata il secondo menu a tendina consente la scelta tra le
condizioni o le combinazioni della famiglia prescelta;
• selezionando nelle opzioni la voce “valori massimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le tensioni
ideali estreme massime nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo;
• selezionando nelle opzioni la voce “valori minimi” si ottiene l’apertura di una vista che riporta le tensioni
ideali estreme minime nell’inviluppo prescelto dall’utente alla voce Inviluppo;
• alla voce inviluppo è possibile scegliere i contesti all’interno dei quali verranno ricercati i valori massimi o
minimi sulla base della scelta effettuata nelle due voci descritte subito sopra. Nel caso in cui l’utente non
scelga di visualizzare i valori massimi o minimi la scelta dell’inviluppo è comunque attiva perché viene
utilizzata per l’individuazione dei valori estremi delle tensioni visualizzate nella finestra delle proprietà,
una volta che la vista sia stata aperta.

• è possibile selezionare il criterio di calcolo della σ id (= criterio di cedimento) e, se previsto dal criterio, il
tipo di confronto. Il tipo di confronto viene utilizzato per la colorazione delle shell che viene realizzata
grafitando il rapporto tra σ ideale e σ limite ricavato dalla trazione o dalla compressione sulla base
della scelta effettuata.
Cliccando su OK si ottiene l’apertura, nella finestra prescelta, della nuova vista che diventa quella corrente.
All’interno della vista viene visualizzato in Zoom esteso e vista assonometrica il modello ad elementi finiti con le
shell colorate secondo le impostazioni fornite per la visualizzazione dei rapporti σ id σ lim degli elementi shell.
La colorazione tiene conto della peggiore situazione in ogni nodo rispetto alle tre facce possibili (positiva,
mezzeria o negativa). Per ottenere una rappresentazione a facce piene si utilizzino i comandi di riempimento
facce.
Si riporta di seguito una tabella in cui sono presenti i valori della tensione limite utilizzata per realizzare i
rapporti di confronti per i diverisi materiali e le diverse normative.

Valori della tensione limite σlim 
Materiale  Spessore  Normativa Compressione Trazione
/  DM96 T.A. 60.0 + (Rck ‐ 150.0) / 4.0 4.0 + (Rck ‐ 150.0) / 75.0 
/ γc
(2/3)
/  DM96 S.L.  0.83 * .Rck / γc 0.7 * 0.27 * Rck
Calcestruzzo 
/  Eurocodice  0.83 * .Rck / γc 0.7 * fctm / γc
/  D.M. 14‐01‐2008  0.83 * .Rck / γc  0.7 * fctm / γc 
≤ 40 mm  DM96 T.A.  σamm≤40 mm in CNR10011 σamm≤40 mm in CNR10011  
> 40 mm  DM96 T.A.  σamm>40 mm in CNR10011 σamm>40 mm in CNR10011  
≤ 40 mm  DM96 S.L. fd≤40 mm in CNR10011 fd≤40 mm in CNR10011
> 40 mm  DM96 S.L. fd>40 mm in CNR10011 fd>40 mm in CNR10011
Acciaio 
Eurocodice,  fy≤40 mm in EC3 / NTC08 fy≤40 mm in EC3 / NTC08
≤ 40 mm 
D.M. 14‐01‐2008 
Eurocodice,  fy>40 mm in EC3 / NTC08 fy>40 mm in EC3 / NTC08
> 40 mm 
D.M. 14‐01‐2008
/  DM96 fk in DM87 fkt in Circ81
Muratura  /  NTC05, O3431 fk in O3431 fkt in O3431
/  D.M. 14‐01‐2008 fk in D.M. 14‐01‐2008 fkt in D.M. 14‐01‐2008

All’apertura della vista il programma controlla che sia aperta la finestra Mappatura colori. In caso
contrario l’utente viene avvertito con un apposito messaggio (opzionale in base alle impostazioni delle
Opzioni Avanzate); rispondendo affermativamente la finestra viene aperta automaticamente.
Selezionando una shell vengono riportati nella finestra delle proprietà i dati del guscio in esame e, per ciascun
nodo della shell selezionata, per ciascun criterio disponibile, i rapporti di verifica per ciascun contesto
selezionato (condizione/combinazione) nonché le valori estremi della shell.

Può occorrere la condizione che il criterio prescelto non sia applicabile a qualche elemento shell a
causa delle caratteristiche del materiale, es. Von Mises per shell in C.A.. In tal caso, per tali elementi,
non viene rappresentato alcun valore.

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona Dettagli… (presente nel menu Strumenti) si apre l’apposita
finestra che consente l’analisi in dettaglio delle tensioni ideali per il guscio selezionato.

82
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

In essa sono riportati:


• per ciascun nodo del guscio i parametri di sollecitazione;
• per ciascun punto in corrispondenza dei nodi le tensioni ideali e i valori di confronto per il criterio
richiesto;
• i cerchi di Mohr;
• i valori estremi.
Nella zona grafica a sinistra è possibile cliccare il punto interessato; sono inoltre presenti gli strumenti per
navigare la vista.
Cliccando con il tasto sx del mouse sopra l’immagine dei cerchi di Mohr è possibile rappresentare nel riquadro
di sinistra la direzione di azione della σ e il piano contenente la τ : la direzione viene graficata con un
segmento di colore magenta mentre il piano con un cerchio di colore ciano.
8.1.10.1 Cenni sulla teoria dei criteri di cedimento
Siano σ Lim.t e σ Lim.c rispettivamente le tensioni limite a trazione e compressione del materiale, in segno
(positiva la prima, negativa la seconda): i criteri di cedimento adottati da Sismicad prevedono il calcolo dei
rapporti fra le tensioni di confronto σ∗ (o altresì denominate σ id ) coi valori limite suddetti.
Le espressioni del tipo

σ ∗ ≤ σ Lim.t

σ ∗ ≤ σ Lim.c
si dicono condizioni di sicurezza.
Siano σ1 , σ 2 , σ 3 le tensioni principali, con la condizione σ 3 ≤ σ 2 ≤ σ 1 .
I criteri di cedimento previsti sono i seguenti:
• Rankine
• Tresca
• Von Mises
• Beltrami
• Grashof
• Mohr-Coulomb
I criteri di Tresca, Von Mises e Beltrami sono applicabili solo a materiali a comportamento simmetrico, ossia
con σ Lim.t = σ Lim.c (a questo punto indicato con σ Limite ); ne consegue la necessità di una sola condizione di

sicurezza (e σ viene anche detta “tensione ideale di confronto”).
Viceversa i criteri di Rankine e Grashof considerano in generale materiali a comportamento non simmetrico
(con σ Lim.t ≠ σ Lim.c ), per cui si hanno due condizioni di sicurezza.
Secondo il criterio di Mohr-Coulomb, previsto anch’esso per materiali a comportamento non simmetrico, le
tensioni principali influenzano il calcolo delle effettive tensioni limite da utilizzarsi per l’unica condizione di
sicurezza.

83
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Tabella delle compatibilità tra criterio di rottura e materiale


Criterio/Materiale  CLS  MURATURA  LEGNO  ACCIAIO 
VON MISES  ‐  X  ‐  X 
BELTRAMI  ‐  X  ‐  X 
TRESCA  ‐  X  ‐  X 
RANKINE  X  X  ‐  X 
GRASHOF  X  X  ‐  X 
MOHR‐COULOMB  X  X  ‐  X 

Si riportano di seguito le condizioni di sicurezza per ciascun criterio previsto (ν = coefficiente di Poisson del
materiale).
Criterio di Rankine:
σ1 ≤ σ Lim.t
σ 3 ≤ σ Lim.c
Criterio di Tresca:
σ1 - σ 3 ≤ σ Limite
Criterio di Von Mises:

σ12 + σ 22 + σ 32 − (σ1σ 2 + σ 2σ 3 + σ 3σ1 ) ≤ σ Limite


Criterio di Beltrami:

σ12 + σ 22 + σ 32 − 2ν ⋅ (σ1σ 2 + σ 2σ 3 + σ 3σ1 ) ≤ σ Limite


Criterio di Grashof:
σ 1 −ν ⋅ (σ 2 + σ 3 ) ≤ σ Lim.t
σ 3 −ν ⋅ (σ1 + σ 2 ) ≤ σ Lim.c
Criterio di Mohr-Coulomb:
σ3 ≤ 0 ⇒ σ1 ≤ 0 ⇒ σ 3 ≤ σ Lim.c

σ Lim.c − σ 3
⇒ σ1 > 0 ⇒ σ1 ≤ σ Lim.t
σ Lim.c
σ3 > 0 ⇒ σ1 ≤ σ Lim.t

8.1.11 Verifiche

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista della struttura destinata alle operazioni di verifica e di indagine dello stato di verifica degli elementi
strutturali. Le preferenze di apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Verifiche;
• il nome. Di default viene proposto il nome Verifiche; è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome
della vista; nel caso in cui l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del
tasto disponibile di fianco al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine
rosso. L’utente può reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto che torna quindi ad
avere l’aspetto normale.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Verifiche. L’utente può, attraverso l’apposito
menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di verifica già presenti nella commessa, selezionarne
un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di verifica;
Nell’area riservata ai dettagli non vengono richieste ulteriori informazioni.
Tale vista è preposta alla creazione, gestione e cancellazione delle verifiche degli elementi strutturali.
A seconda della natura di ciascun elemento strutturale sono rappresentati nella vista le sue sottoporzioni,
l’intero elemento ovvero l’elemento strutturale raggruppato assieme ad altri (superelemento).
Ciascun elemento rappresentato è colorato conformemente al suo stato di verifica; gli stati possibili ed i
corrispondenti colori di default (che possono eventualmente essere personalizzati dall’Utente) sono i seguenti:
• elemento mai verificato (predefinito bianco);
• superelemento mai verificato (predefinito giallo): si tratta di una travata, una pilastrata, un
superelemento in acciaio o legno della quale sono stati specificati gli elementi componenti, ma del quale
non è ancora stata eseguita la verifica; normalmente la definizione di un superelemento è preliminare ad

84
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.1Nuova vista

un’operazione di verifica massiva (es. progetto automatico armature). Si presti attenzione al fatto che la
grafica relativa ai superelementi in legno e in acciaio non utilizza un solido 3D avente per sezione la
sezione effettiva del superelemento in quanto, altrimenti, si avrebbe la sovrapposizione tra il
superelemento e il pezzo d’asta semplice e l’utente incontrerebbe delle difficoltà nel visualizzare e
selezionare le due entità sovrapposte. Si è quindi deciso di adottare una grafica convenzionale
rappresentata da due piani intersecantisi a 90 gradi della lunghezza del superelemento. In questo modo
è possibile visualizzare e selezionare le entità separatamente, senza avvalersi dei comandi di
visualizzazione;
• elemento verificato e con verifiche soddisfatte (predefinito verde);
• elemento verificato ma con verifiche non soddisfatte (predefinito rosso);
• elemento verificato ma con verifiche invalidate (predefinito ciano);
• elemento non verificabile (predefinito magenta): esistono rari casi di elementi non verificabili a causa di
specifiche peculiarità (es. travi C.A. di falda e contemporaneamente di fondazione o pilastri il cui tronco
ha quota inferiore di falda o quota superiore e inferiore generiche).
Selezionando un elemento è possibile indagare le sue proprietà attraverso la finestra proprietà.
Attraverso il comando Elaborati è possibile accedere ai documenti di verifica di qualunque elemento verificato.
9

8.1.12 Valori verifiche

Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la creazione di una
nuova vista della struttura destinata alle operazioni di indagine dei valori delle verifiche. Le preferenze di
apertura della vista sono:
• il tipo: ovviamente il tipo selezionato è Valori verifiche;
• il nome. è consentito all’utente di cambiare a piacere il nome della vista proposto dal programma; nel
caso in cui l’utente abbia personalizzato il nome della vista viene modificato l’aspetto del tasto
disponibile di fianco al menu a tendina che riporta al di sopra del simbolo di default un fulmine rosso.
L’utente può reimpostare il nome di default della vista premendo tale tasto.
• la finestra di destinazione. Di default viene scelta la finestra Verifiche. L’utente può, attraverso l’apposito
menu a tendina che riporta l’elenco delle finestre di verifica già presenti nella commessa, selezionarne
un’altra o, in alternativa, collocare la vista in una nuova finestra di verifica;
Nell’area riservata ai dettagli vengono inoltre richieste:
• il tipo di parametro da visualizzare: esso permette nel riquadro di sinistra la selezione dei diversi tipi di
elementi; contemporaneamente nel riquadro di destra compaiono i tipi di verifica comuni agli elementi
selezionati.
• il tipo di rappresentazione (riservato alle aste in acciaio). È possibile scegliere tra
- parametro: si sceglie il tipo di valore che si vuole rappresentare nella vista. Tale vista è prevista per
la visualizzazione dello sfruttamento delle aste in acciaio e per i coefficienti di sicurezza e gli
indicatori di rischio sismico minimi degli elementi di edifici esistenti;
- contenitore: l’asta ha una sezione rettangolare individuata dalla massima altezza e larghezza della
sezione reale;
- sezione reale: l’asta è rappresentata con la sezione reale. Tale scelta può comportare una notevole
lentezza nell’apertura e nel ridisegno della vista nel caso in cui le aste presenti siano molte e
abbiamo sezioni con molti raccordi (quali ad esempio le aste in acciaio);
- 20: l’asta ha sezione quadrata 20 x 20.
• vengono inoltre richiesti i dati per la definizione delle bande di colore e nello specifico il riferimento, la
modalità di interpolazione del colore, il numero di bande e i colori delle bande. Tali dati sono gli stessi
richiesti in apertura o modifca di una vista di sollecitazioni gusci a cui si rimanda per maggiori dettagli.
8.1.12.1 Vista per valori verifiche
La visualizzazione dei risultati è diversa nel caso di aste in acciaio dalla visualizzazione nel caso di altri
elementi strutturali.

8.1.12.1.1 Aste in acciaio


Gli elementi asta in acciaio di cui si sono preventivamente eseguite le verifiche vengono colorati secondo una
gradazione di colori che individua il valore di verifica associato al parametro selezionato per le varie aste. La
scala di valori adottata per la colorazione scelta è rappresentata nella finestra mappatura colori. Le aste in
acciaio di cui non sono ancora state eseguite le verifiche o le cui verifiche sono state invalidate sono riportate
con la colorazione di elemento non ancora verificato.
In tale vista sono visualizzati i coefficienti di sicurezza degli elementi in acciaio per quanto riguarda la verifiche
a resistenza.
Viene riportata nella finestra proprietà la voce “Sicurezza minima” che rappresenta il valore del coefficiente di
sicurezza minimo tra tutte le verifiche svolte per l’elemento selezionato.
Selezionando un’asta che contiene le informazioni di verificaè possibile indagare le sue proprietà attraverso la
finestra proprietà; oltre alle informazioni relative alla sezione, al materiale e alla lunghezza dell’asta, i dati

85
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

relativi alla sfruttamento (inverso del coefficiente di sicurezza) sono diversi a seconda della norma di verifica
adottata. In generale vengono riportati:
• Il titolo dell’asta
• la lunghezza dell’asta
• lo stato di verifica dell’asta;
• il materiale costituente l’asta
• il coefficiente di sicurezza minimo per l’asta selezionata;
• Per ciascuna tipologia di verifica eseguita per l’asta selezionata vengono poi visualizzati
• il coefficiente di sfruttamento massimo con indicata la sezione e la combinazione in cui si verifica tale
situazione;

8.1.12.1.2 Altri elementi strutturali


Gli elementi strutturali in cemento armato, in muratura, in muratura armata e in legno vengono colorati con un
colore che permette di individuare il valore presente nel range di valori assunti dai risultati per quel tipo di
parametro e riportati nella Mappatura colori.
I tipi di verifiche i cui risultati possono essere visualizzati in questa finestra sono riportati nella finestra di destra
all’interno dei “Dettagli”. Esse dipendonodal tipo di analisi (se lineare o statica non lineare) e dal materiale che
costituisce l’elemento (se nuovo o esistente). Vengono visualizzate solo le verifiche comuni agli elementi
selezionati nel riquadro di sinistra.
A selezione avvenuta vengono visualizzati i risultati relativi a coefficienti di sicurezza e, nel caso di materiali
esistenti anche gli indicatori di rischio sismico. Questi vengono espressi in termini di periodo di ritorno o di
accelerazione di aggancio e sono disponibili nel caso di analisi secondo D.M. 14-01-08, D.M. 17-01-18 ovvero
OPCM3431.
I valori verifica “comuni” a tutti gli elementi sono:
• Sicurezza minima: coefficiente di sicurezza minima relativo all’elemento tra tutte le verifiche eseguite;
• Flessione: coefficiente di sicurezza minima a flessione relativo all’elemento tra tutte le verifiche a
flessione eseguite;
• Taglio: coefficiente di sicurezza minima a taglio relativo all’elemento tra tutte le verifiche a taglio
eseguite;
I coefficienti di sicurezza minimi a taglio e a flessione comuni a tutti gli elementi sono valutati sulla base di una
ricerca tra i valori minimi disponibili per le tipologie di verifiche specifiche che possono essere raggruppate in
verifiche di tipo flessione o di tipo taglio.
Ad esempio per le aste in acciaio in cui le verifiche specifiche a flessione sono rispettivamente
• verifica a flessione deviata con sforzo normale
• verifica a flessione semplice

86
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 8.2Modifica vista…

• verifica a flessione semplice con sforzo normale.


Se richiedo solo la visualizzazione delle aste in acciaio posso selezionare le tre voci. Se assieme alle aste in
acciaio ho selezionato altri tipi di elementi la voce flessione riprodurrà per gli elementi in acciaio il minimo dei
tre valori.
I valori delle degli indicatori di rischio sismico si possono ottenere nei seguenti casi:
• Analisi lineare di edificio esistente secondo OPCM 3431 / N.T.C. 2005;
• Analisi lineare di elemento con materiale esistente secondo D.M. 14-01-08;
• Analisi lineare di elemento con materiale esistente secondo D.M. 17-01-18;
• Analisi pushover di edificio esistente secondo OPCM 3431 / N.T.C. 2005;
• Analisi pushover di edificio nuovo secondo OPCM 3431 / N.T.C. 2005;
• Analisi pushover secondo D.M. 14-01-08;
• Analisi pushover secondo D.M. 17-01-18;
I valori di ogni parametro graficato sono riportati sulla Finestra delle proprietà.
Qualora non fosse presente la descrizione e il valore di un valore di verifica atteso per un dato elemento di
verifica si rimanda all’elaborato dell’elemento per capirne eventualmente le motivazioni.

All’apertura della vista il programma controlla che sia aperta la finestra Mappatura colori. In caso
contrario l’utente viene avvertito con un apposito messaggio (opzionale in base alle impostazioni delle
Opzioni Avanzate); rispondendo affermativamente la finestra viene aperta automaticamente.

8.2 MODIFICA VISTA…


Selezionando la voce di menu o la rispettiva icona si apre l’apposita finestra che consente la modifica della
vista corrente.
È possibile modificare:
• il tipo di vista;
• il nome della vista;
• le caratteristiche proprie del tipo di vista riportate nei dettagli
Il comando è sempre disponibile. Nel caso in cui la vista corrente non abbia alcun significato (ad esempio sia
una vista relativa alla modellazione ma sia stata invalidata la risoluzione del lavoro)a fianco del tipo e della
finestra di destinazione viene riportato un lucchetto chiuso che avverte l’utente dell’impossibilità di effettuare
modifiche alla vista e la parte dei dettagli non è attiva.
Selezionando l’opzione Anteprima ogni modifica di visualizzazione viene immediatamente aggiornata nella vista
corrente. In caso contrario le modifiche vengono rese attive all’atto della chiusura del dialogo tramite il tasto
OK. Selezionando Annulla le modifiche apportate alla vista non vengono eseguite.

87
8Strumenti del menu Viste Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

8.3 CHIUDI VISTA


Attraverso il comando Chiudi è possibile effettuare la chiusura della vista corrente. Il comando non è attivo nel
caso in cui la vista corrente sia l’unica vista nella finestra. Per la modalità di chiusura della finestra e di
conseguenza di tutte le viste della finestra si rimanda al menu Finestre.

88
9 Strumenti del menu Database
Si riporta l’elenco dei comandi del menu Database. Al termine di ogni paragrafo di descrizione del comando
viene indicato in quale barra degli strumenti il comando è eventualmente inserito.
La completa descrizione geometrica, di materiali e di carico della struttura si appoggia alle definizioni dei
materiali, delle sezioni in c.a., legno e acciaio, delle reticolari, delle cerniere, delle sezioni dei solai, degli
elementi e dei terreni di fondazione, delle funzioni, dei riferimenti altimetrici (livelli e solai) e dei valori unitari dei
carichi. Tali definizioni sono parte integrante della commessa e possono eventualmente essere importate da
altri lavori.
Tutte le definizioni, di qualunque tipo, hanno una proprietà Descrizione (è un testo specificato dall’utente) che
viene estesamente impiegata da Sismicad ogni volta che deve indicare, riepilogare od elencare le definizioni; è
buona norma fornire descrizioni:
• concise;
• chiare;
• riepilogative;
• univoche.
Il programma non sindaca sulle proprietà Descrizione fornite dall’utente e non pone limiti alla dimensione di tali
proprietà, ma risulta chiaro che una politica rigorosa di denominazione agevola notevolmente nel prosieguo del
lavoro e nell’interpretazione dei risultati.
Ogni volta che si tenta di variare un valore presente nel Database, il programma verifica se tale informazione
viene impiegata nella commessa e, nel caso lo sia, l’utente viene avvertito delle conseguenze dell’operazione.
Ad esempio se si tenta di modificare o eliminare la sezione usata da una trave, a calcolo già eseguito, il
programma avverte che la modellazione andrà perduta e che le eventuali verifiche saranno invalidate.
I valori numerici sono espressi nell’unità di misura indicata a fianco alla casella di inserimento. Mediante
l’apposita icona eventualmente presente nella parte bassa della finestra l’utente può impostare l’unità di misura.

9.1 PREFERENZE…
Si apre il dialogo che permette di configurare le preferenze della commessa.
Di ciascuna categoria di preferenze è possibile ripristinare i valori di default mediante l’apposito bottone
Predefiniti.
L’indicazione “(default)” che compare su alcune descrizioni specifica che il corrispondente valore verrà
impiegato per quegli elementi in cui all’atto dell’inserimento è stato richiesto dall’utente di utilizzare il valore di
default.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard e in quella DB 1.

9.1.1 Generali
È possibile specificare:
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• il metodo di analisi;
• la norma di verifica.
9.1.1.1 Metodi di analisi
Attraverso l’apposito menu a tendina è possibile selezionare la norma di analisi da adottare per il calcolo della
struttura. È possibile scegliere tra:
• Edificio non sismico
• Analisi statica D.M. 16-01-96
• Analisi dinamica D.M. 16-01-96
• Analisi statica lineare OPCM 3431
• Analisi dinamica OPCM 3431
• Analisi statica non lineare OPCM 3431
• D.M. 14-09-05: Norme Tecniche per le Costruzioni
• D.M. 14-01-08: Norme Tecniche per le Costruzioni
• D.M. 17-01-18: Norme Tecniche per le Costruzioni

9.1.1.1.1 Edificio non sismico


Selezionando Edificio non sismiconon si intende svolgere l’analisi sismica del manufatto. Il tasto Dettagli… è
comunque attivo in quanto è necessario indicare i dati richieste per le verifiche geotecniche.

• Coefficiente di sicurezza portanza fondazioni superficiali: il valore viene utilizzato per la segnalazione di
non verifica geotecnica di capacità portante del terreno; impostando Default viene assunto il valore 3,
contenuto nel D.M. 88.
• Coefficiente di sicurezza scorrimento fondazioni superficiali: il valore viene utilizzato per la segnalazione
di non verifica geotecnica di scorrimentosul terreno; impostando Default viene assunto il valore 1.3,
contenuto nel D.M. 88.
• Coefficiente di sicurezza portanza pali: il valore viene utilizzato per la segnalazione di non verifica per
capacità portante dei pali; il valore da indicare rappresenta il limite massimo tra carico verticale applicato
a ciascun palo e la sua capacità portante ultima;impostando Default viene assunto il valore 2.5,
contenuto nel D.M. 88.
Mediante l’apposito bottonePredefiniti è possibile ripristinare i valori di default consigliati.

9.1.1.1.2 Analisi statica D.M. 16-01-96

90
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

Selezionando Analisi statica D.M. 16-01-96 è possibile effettuare l’analisi sismica del manufatto attraverso il
metodo di analisi statica prescritto nel D.M. 16-01-96. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una
finestra per l’inserimento dei dati di normativa:

• Tipo di struttura: l’utente deve scegliere se la struttura che si va a realizzare è un edificio nuovo o
esistente in muratura o se è un edificio non in muratura. Tale scelta influenzerà la possibilità di effettuare
le verifiche della muratura oltre al controllo del coefficiente di struttura scelto dall’utente;
• Grado di sismicità;
• Coefficiente di protezione sismica;
• Coefficiente di fondazione;
• Coefficiente di struttura;
• Coefficiente di risposta lungo x;
• Coefficiente di risposta lungo y;
• Rotazione del sisma rispetto agli assi: consente di indurre il sisma nel manufatto con direzione diversa
da quella degli assi di riferimento X e Y;
• Quota '0' sismico: le azioni sismiche e i loro valori verranno conteggiate a partire dalla quota indicata. In
particolare le masse al di sotto dello zero sismico non verranno prese in considerazione e nel caso di
analisi statica le altezze per il calcolo dei coefficienti γi verranno computate a partire dallo zero sismico
imposto dall’utente;
• Coefficiente per il controllo degli spostamenti di interpiano;
• Sisma Z: coefficiente sismico verticale; il programma consente l’inserimento di un valore scelto tramite il
menu a tendina. Il D.M. 16-1-96 al punto C.6.1.3. prevede un coefficiente sismico verticale di 0.2 per luci
maggiori di 20 m e strutture spingenti o 0.4 per gli sbalzi; la effettiva considerazione del sisma verticale
verrà indicata dall’utente all’atto dell’inserimento di ciascun elemento strutturale (ove previsto);
• Eccentricità aggiuntive: attraverso le due tabelle presenti nella finestra è possibile impostare le
eccentricità ai piani e alle falde secondo quanto richiesto in C.6.1.2. Nelle apposite tabelle vengono
riportati i livelli e le falde precedentemente definiti dall’utente. Le eccentricità aggiuntive costituiscono
condizioni elementari di carico autonome. Esse vanno combinate con le altre condizioni elementari in
sede di definizione delle combinazioni. Le eccentricità aggiuntive non vengono chieste se il tipo di
struttura è in muratura. Si presti particolare attenzione al fatto che il programma non segnala la necessità
di impostare le eccentricità (cosa che dipende dalle dimensioni della struttura). L’eccentricità di una falda
viene applicata ai nodi geometricamente appartenenti a tale falda secondo il criterio descritto nel
paragrafo Falde;
• Verifiche geotecniche D.M. 11-03-88: vengono richiesti i dati relativi alle verifiche geotecniche. Tali valori
sono gli stessi previsti per l’analisi non sismica al cui paragrafo si rimanda per maggiori dettagli.
Selezionando l’analisi statica e il tipo di struttura in muratura è possibile effettuare l’analisi sismica del
manufatto attraverso il metodo POR; nel caso in cui non sia possibile effettuare l’analisi della struttura con il
metodo POR (ad esempio per assenza di piani rigidi) le verifiche verranno condotte utilizzando l’analisi statica.

91
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Si ricorda che, ai sensi del D.M. 20-11-87 e la circolare LL.PP. n. 65 10-04-97, il coefficiente di struttura
con il metodo POR va posto pari a 4 nel caso di edifici esistenti e pari a 2 nel caso di nuova
costruzione. In questo secondo caso il tagliante statico risulta la metà rispetto al primo caso, ma in
sede di verifica si applica alla resistenza dei materiali un coefficiente riduttivo pari a 3.

9.1.1.1.3 Analisi dinamica D.M. 16-01-96


Selezionando Analisi dinamica D.M. 16-01-96 è possibile effettuare l’analisi sismica del manufatto attraverso il
metodo di analisi dinamica prescritto nel D.M. 16-01-96. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una
finestra per l’inserimento dei dati di normativa:

I primi dati richiesti sono gli stessi appena visti per l’analisi statica; non vengono richieste le eccentricità
aggiuntive ed i coefficienti di risposta. Si attivano le possibilità di selezione relative a:
• Numero frequenze: si imposti il numero dei modi di vibrare da considerare;
• Metodo di Ritz.
I dati relativi alle verifiche geotecniche sono gli stessi appena visti per l’analisi non sismica. Nella finestra è
possibile accedere ad una seconda scheda “Spettro” nella quale è possibile selezionare:
• metodo di combinazione;
• tipo di spettro.

92
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

In essa è possibile, attraverso il menu a tendina, impostare lo spettro di risposta da adottare scegliendolo tra
quelli definiti nel database delle Funzioni.
Per chiarimenti relativi al metodo di combinazione ed al metodo di Ritz si rimanda al manuale in linea del
solutore interno al capitolo “La risposta allo spettro”.

9.1.1.1.4 OPCM 3431: analisi statica lineare, dinamica modale e analisi statica non lineare
I dati relativi alla analisi statica lineare sono comuni anche al caso di analisi dinamica modale e di analisi statica
non lineare.
Selezionando Analisi statica lineare OPCM 3431 o Analisi dinamica OPCM 3431 è possibile effettuare l’analisi
sismica del manufatto attraverso il metodo di analisi statica lineare o dinamica prescritto in OPCM 3431.
Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una finestra per l’inserimento dei dati di normativa che presenta
sette schede:
• Tipologia
• Dati generali
• Dati del suolo
• Dati per analisi elastiche
• Coefficienti azioni variabili
• Spettri
• Verifiche geotecniche
• Dati di torsione accidentale
Selezionando, invece, Analisi statica non lineare OPCM 3431 è possibile effettuare l’analisi sismica del
manufatto attraverso il metodo di analisi statica non lineare prescritto in OPCM 3431. Cliccando sull’apposito
tasto Dettagli… si apre una finestra per l’inserimento dei dati di normativa che presenta schede analoghe agli
altri due casi. In più è presente una apposita scheda per definire i dati per l’analisi statica non lineare.

9.1.1.1.4.1 Tipologia

È possibile selezionare la tipologia strutturale settando i vari parametri necessari. L’utente deve scegliere se la
struttura è un edificio esistente, in cemento armato, acciaio o muratura.
Edificio esistente. Si dichiari se l’edificio è esistente. In questo caso si definisca il livello di conoscenza. Se si è
scelto un metodo di analisi lineare si potrà procedere al calcolo utilizzando lo spettro ridotto dal fattore di
struttura (11.2.2.2). Nel caso in cui si stia eseguendo un’analisi non lineare si utilizzerà lo spettro elastico
(11.2.5.4). Sempre nel caso di analisi non lineare è possibile selezionare, attraverso l’apposito menu a tendina,
la modalità di verifica per stato limite di danno lieve. Selezionando Spostamenti di interpiano il programma
controlla che lo spostamento di interpiano tra punti corrispondenti di piani adiacenti non superi il valore
assegnato dall’utente nel dialogo dei dati generali analogamente a quanto viene controllato in caso di analisi
elastiche. Selezionando Rotazioni alla corda la verifica SLDL consiste nel confronto della rotazione alla corda
valutata alle estremità di ogni superelemento (unione di più aste a formare l’elemento monodimensionale prima
del frazionamento per la modellazione a fibre) con la rotazione ultima per lo stato limite di danno lieve. Tale
scelta non è disponibile in caso di analisi lineare nella quale il controllo è sempre legato agli spostamenti di
interpiano.

93
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Nel caso di scelta di edificio in c.a., acciaio o muratura l’utente deve definire i seguenti parametri per il calcolo
in automatico dei fattori di struttura:
• Tipologia: (punto 5.3.2 e 5.7.2 di OPCM 3431 per edifici in c.a. e punto 6.3.3 per edifici in acciaio) si
definisce la tipologia strutturale dell’edificio che si sta modellando. Alla tipologia è associato il valore “q0”
per il calcolo del fattore di struttura.
• Alfau/Alfa1: (punto 5.3.2 di OPCM 3431 per edifici in c.a., punto 6.3.3 per edifici in acciaio e punto 8.1.3
per edifici in muratura) rapporto di sovraresistenza stabilito da OPCM 3431 per il calcolo del fattore di
struttura in relazione alla tipologia strutturale. Sulla base della tipologia indicata, se necessaria, il
programma propone i valori di sovraresistenza di normativa. È possibile inserire un valore diverso da
quello proposto dalla normativa inserendolo in sostituzione delle proposte fatte attraverso il menu a
tendina. I valori di sovraresistenza proposti dalla norma possono infatti essere superati se il valore è
stato calcolato tramite una analisi statica non lineare.
• Categoria di duttilità delle membrature in acciaio: (punto 6.5.3.1 di OPCM 3431) consente la definizione
della capacità di deformazione plastica delle membrature compresse. L’utente deve definire la categoria
di duttilità delle membrature e in fase di verifica o di lettura dei risultati del solutore il programma
controlla che le aste inserite rispettino effettivamente l’impostazione effettuata.
È possibile selezionare contemporaneamente più di un tipo di struttura (cemento armato, acciaio e muratura)
nel caso in cui la struttura realizzata sia mista. Il calcolo del fattore di struttura q proposto sarà il minore tra
quelli delle varie tipologie.
Nel caso in cui la tipologia impostata sia “Struttura a telaio” o “Struttura Prefabbricata a telaio” in c.a. a valle
della soluzione viene verificato il punto 5.3.1 della OPCM 3431 nella parte dedicata alle strutture a telaio. In
particolare viene valutata la resistenza affidata a telai spaziali nel modo seguente:
• per ciascun livello e per ciascuna combinazione sismica vengono calcolati la risultante delle azioni
orizzontali e la risultante dei tagli al piede dei pilastri;
• viene proiettata la risultante dei tagli al piede dei pilastri sulla direzione della risultante delle azioni
orizzontali;
• la proiezione, divisa per il modulo della risultante delle azioni orizzontali, viene confrontata con l’aliquota
del 65% indicata dalla norma.

La presenza di giunto di dilatazione in un edificio invalida le metodologie di valutazione dei centri di


rigidezza e della tipologia della struttura ai fini della valutazione del fattore di struttura. Le metodologie
implementate hanno senso solo se applicate separatamente su ciascuna porzione individuata dai
giunti. Infatti esse consistono nell’applicare in tre condizioni elementari distinte una coppia e due
carichi orizzontali unitari nel baricentro delle masse dell’ultimo piano rigido ricavando i dati dalle
deformazioni dei piani. In presenza di giunto vi sono tanti baricentri delle masse quanti sono i corpi
separati da giunti. Incastrando in fondazione e mantenendo uno solo dei corpi si ottengono di questo i
centri di rigidezza e il controllo della tipologia. Conviene creare commesse destinate allo scopo.
Volendo risolvere l’edificio in un unico modello collegato in fondazione si assegnerà all’intero edificio
la tipologia che fornisce il minore valore del fattore di struttura.

9.1.1.1.4.2 Dati generali


Attivando la scheda “Dati generali” è possibile selezionare:

94
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Zona sismica: oltre alle quattro zone previste al punto 3.2.1 caratterizzate dal rapporto ag/g è possibile
nel caso di analisi statica e per edifici in zona 4 una analisi semplificata come indicato ai punti 5.8, 6.6 e
8.4 della OPCM 3431. Se si seleziona la voce Zona 4 analisi semplificata le forze di cui alla formula (4.2)
vengono valutate sulla base del valore Sd(T1) inserito dall’utente, non vengono controllati gli
spostamenti di interpiano, le componenti orizzontali della azione sismica vengono considerate non
simultanee e la torsione accidentale viene considerata secondo 4.5.2 (4.3).
• Categoria di importanza (tabella 4.3 della OPCM 3431).
• Amplificazione topografica: (coefficiente St punto 3.2.3 della OPCM 3431) si applica ad edifici con fattore
di importanza maggiore di 1 eretti sopra o in vicinanza di pendii.
• Classe di duttilità: sono inseribili tre valori:
- “NULL” corrispondente all’impiego dello spettro elastico quale spettro di progetto. Selezionando
NULL il programma setta automaticamente ad 1 i fattori di struttura.
- “A” alta capacità dissipativa (con fattori di struttura q>1 la presente versione del programma non
rispetta il punto 5.4.7.1). In un edificio progettato in classe di duttilità ‘A’ le fondazioni vanno
progettate con un nuovo modello in cui in fattore di struttura è posto q=1.
- “B” bassa capacità dissipativa.
• Coefficiente per limitazione degli spostamenti di interpiano (punto 4.11.2 della OPCM 3431).
• Fattore di struttura orizzontale (punto 5.3.2 della OPCM 3431) nel caso in cui sia selezionato Default il
programma propone il valore sulla base dei dati inseriti e lo riporta tra parentesi. In alternativa è possibile
inserire un valore personalizzato.
• Fattore di struttura verticale (punto 3.2.5 della OPCM 3431) come per il fattore di struttura orizzontale.
• Rotazione del sisma rispetto agli assi: consente di indurre il sisma nel manufatto con direzione diversa
da quella degli assi di riferimento.
• Quota dello '0' sismico: le azioni sismiche e i loro valori verranno conteggiate a partire dalla quota
indicata. In particolare le masse al di sotto dello zero sismico non verranno prese in considerazione e le
altezze z nella formula (4.2) per il calcolo delle forze statiche equivalenti verranno computate a partire
dallo zero sismico.
• Moltiplicatore del sisma in direzione X o Y (per default combinazioni): utilizzando questi dati è possibile
incrementare o diminuire i coefficienti di combinazione del sisma in ciascuna delle direzioni proposti in
automatico dal programma quando si utilizza il tasto Default rispetto ai valori previsti dalla OPCM 3431.
• Smorzamento viscoso equivalente (%): secondo OPCM 3431 punto 3.2.3 formula (3.3) lo smorzamento
viscoso ξ ha influenza solo sugli spettri elastici attraverso il coefficiente η.
• Considerazione della torsione accidentale per piani flessibili: nel punto 4.4 OPCM 3431 prevede la
considerazione di un’eccentricità accidentale ottenuta spostando il centro di massa di ogni piano in ogni
direzione considerata di una distanza pari al 5% della dimensione massima del piano in direzione
perpendicolare all’azione sismica. In analisi statica lineare il rispetto della norma è assicurato dalla
introduzione di due condizioni di carico (eccentricità X ed eccentricità Y) nelle quali fare agire coppie
torcenti date dal prodotto della forza statica equivalente per la distanza di cui sopra. L’interpretazione
letterale della norma farebbe escludere la considerazione della torsione accidentale nel caso di piani
flessibili. Attivando la opzione il programma applica nei nodi di piani flessibili coppie torcenti in aggiunta
alle forze derivanti dalla analisi statica.
• Torsione accidentale secondo 4.5.2 (4.3): attivando la opzione il programma non utilizza le condizioni di
carico eccentricità X ed eccentricità Y per il modello SLU, ma solamente per il modello SLD. La
determinazione del baricentro geometrico avviene nella scheda Dati di torsione accidentale: l’utente può
scegliere di far calcolare il baricentrico geometrico dal programma o può definirlo manualmente. Si
segnala che secondo OPCM 3431 è consentito l’impiego di questa modalità semplificata di valutazione
della torsione accidentale sono nel caso di edifici con distribuzione simmetrica della rigidezza laterale e
delle masse. Se la opzione è attiva in sede di verifica le sollecitazioni da sisma sugli elementi verticali
vengono incrementate del coefficiente δ. Tale opzione è comunque sconsigliata.
• Regolarità in pianta ed in elevazione: il controllo deve essere fatto dall’utente. Le opzioni sono inserite
per completezza delle stampe e per effettuare il controllo sulla liceità di adozione della analisi statica.
• Applicazione dello smorzamento viscoso agli spettri di progetto: attivando la opzione viene applicato il
coefficiente η di cui al punto 3.2.3 (3.3) anche agli spettri di progetto. È sconsigliata l’attivazione
dell’opzione senza particolari motivi e conoscenza della dinamica delle strutture.

9.1.1.1.4.3 Dati del suolo


Il riferimento è ai punti 3.2.3 e 3.2.5 della OPCM 3431. Attivando la scheda “Dati del suolo” è possibile
selezionare, attraverso l’apposito menu a tendina, la categoria di suolo della commessa; i valori dei coefficienti
vengono aggiornati dal programma automaticamente. L’utente è comunque in grado di modificarli.

95
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

9.1.1.1.4.4 Dati per analisi elastiche


Attivando la scheda “Dati per analisi elastiche” si attiva un dialogo diviso in due parti.

La prima parte riguarda i dati richiesti nel punto 4.5.2 della OPCM 3431 per il calcolo delle forze orizzontali per
l’analisi statica lineare.
• Altezza: si imposti l’altezza della struttura. Nel caso in cui sia selezionato Default viene calcolata
automaticamente dal programma e posta pari alla differenza tra la zeta della proprietà Punto FEM più
elevata degli elementi verticali inseriti e la quota dello 0 sismico impostato nella scheda Dati generali.;
tale valore viene riportato tra le parentesi e può essere modificato dall’utente. Nel caso in cui i dati
vengano impostati prima di effettuare l’input della struttura l’altezza viene posta pari a 0 e viene valutata
dopo che l’utente ha effettuato l’input della struttura.
• C1: coefficiente previsto in OPCM 3431 dipendente dalla tipologia dell’edificio. Nel caso in cui sia
selezionato Default il valore viene automaticamente calcolato dal programma in base all’altezza e alla
tipologia definita dall’utente nella scheda Tipologia. Nel caso in cui l’utente abbia impostato più tipologie
il valore viene riportato il valore di C1 che restituisce l’accelerazione spettrale più alta.
• T1: (primo periodo di vibrazione) nel caso in cui sia selezionato Default viene valutato automaticamente
a partire dalla altezza e dal coefficiente C1. L’utente può comunque inserire un valore diverso facendo
attenzione al fatto che modificando i valori della altezza o di C1 il programma ripropone il valore in
automatico. La formula (4.1) si applica “in assenza di calcoli più dettagliati”. E’ consentito quindi dalla
norma eseguire una analisi dinamica e ricavarsi così il primo periodo di vibrazione. Il periodo T1 è
utilizzato dal programma per valutare la ordinata dello spettro di risposta di progetto.
• Lambda: coefficiente previsto da OPCM 3431 dipendente dai piani dell’edificio; nel caso in cui sia
selezionato Default viene valutato automaticamente sulla base dei livelli definiti dall’utente e del primo
periodo di vibrazione.
La seconda parte riguarda invece i dati relativi all’analisi dinamica modale ed è presente solo in casi di analisi
dinamica. Vengono richiesti:
• Numero frequenze: numero di modi di vibrare da considerare; il programma in sede di lettura dei risultati
del solutore controlla che la massa partecipante sia superiore all’85% (punto 4.5.3 della OPCM 3431).

Nel caso in cui non si raggiunga l’85% di partecipazione della massa occorre aumentare il numero di
modi.
• Metodo di combinazione: nella incertezza sulle differenze tra i periodi di vibrazione conviene selezionare
sempre il metodo della combinazione quadratica completa (CQC).
• Metodo di Ritz: per chiarimenti relativi al metodo di combinazione ed al metodo di Ritz si rimanda al
manuale in linea del solutore interno al capitolo “La risposta allo spettro”.

9.1.1.1.4.5 Coefficienti azioni variabili

96
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

Attivando la scheda “Coefficienti azioni variabili” è possibile inserire i valori del coefficiente ψ2 previsti al punto
3.3 della OPCM 3431 che non sempre coincidono con gli omonimi valori previsti da D.M. 9-1-96.

I valori di normativa possono essere inseriti automaticamente selezionando la riga della condizione di carico e
attivando un menu contestuale con il tasto destro del mouse.

9.1.1.1.4.6 Spettri
Si veda il punto 4.5.2 della OPCM 3431.
Attivando la scheda “Spettri” è possibile visualizzare gli spettri elastici e di progetto per azioni orizzontali e
verticali.

Scorrendo con il cursore del mouse sopra ad uno spettro vengono visualizzate, sotto lo spettro in esame,
l’ordinata spettrale al periodo selezionato.

9.1.1.1.4.7 Verifiche geotecniche


Attivando la scheda “Verifiche geotecniche” si apre il dialogo seguente:

I dati richiesti sono gli stessi visti per l’analisi di un edificio non sismico. La differenza sta nel valore dei due
coefficienti di sicurezza, ricavati dalla OPCM 3431 al § 5.4.7.4; per la capacità portante viene indicato un valore
pari a 2 per le fondazioni superficiali e 1.7 per i pali; non viene indicato un valore per lo scorrimento, che viene
quindi assunto di default unitario.

9.1.1.1.4.8 Dati di torsione accidentale

97
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Attivando la scheda “Dati di torsione accidentale”, attiva nel caso di analisi statica lineare, di analisi dinamica
modale o di analisi statica non-lineare, si apre il dialogo seguente:

Cambia però il modo di calcolare l’eccentricità; le eccentricità accidentali dei carichi possono essere valutate
automaticamente tramite il pulsante Database. In questo caso i dati sono ricavati dai valori memorizzati nel
database di Sismicad. Se si sta operando all’interno di AutoCAD si attivi preliminarmente la lettura del disegno
con il pulsante relativo.
Nell’inserire i dati si tenga presente il punto 5.6.2 della normativa.
Nel caso l’utente abbia selezionato Torsione accidentale secondo 4.5.2 (4.3) è disabilitata la possibilità di
inserire le eccentricità ai vari livelli ma viene richiesta la definizione del baricentro geometrico dell’edificio.
L’utente, attraverso il menu a tendina, può scegliere se farlo calcolare in automatico dal programma sulla base
dell’input della struttura (baricentro dei carichi superficiali a comportamento rigido) o se definirlo manualmente.
Scegliendo questa seconda possibilità si attivano le due caselle di testo che consentono l’inserimento delle
coordinate geometriche del baricentro.

9.1.1.1.4.9 Statica non lineare (pushover)


Attivando la scheda “Dati per analisi statica non lineare” è possibile selezionare:

• Massimo spostamento del punto di controllo: il valore viene inserito per interrompere la spinta al
raggiungimento di valori non realistici che si possono verificare per la applicazione di fattori di
incrudimento non nulli. Il dato inserito rappresenta lo spostamento raggiunto il quale la prosecuzione
della spinta viene arrestata.
• Numero punti aggiuntivi nel tratto terminale della curva: nella creazione della curva di capacità l’utente
deve definire la spinta cioè deve definire in ordine crescente i valori dei moltiplicatori dei carichi cui
sottoporre l’edificio. Se il collasso si verifica prima della applicazione del valore massimo il programma
procede automaticamente con il metodo della bisezione alla ricerca di ulteriori punti della curva. Se si
indica un numero di punti pari a zero la curva si arresta all’ultimo valore precedente il collasso.
• Massimo errore accettabile nella soluzione(%): la soluzione iterativa può essere affetta da errori di
precisione. Il programma si arresta al superamento del valore qui indicato.
• Sistema forze sismiche: selezionando Da analisi statica lineare il programma assume come
distribuzione di forze proporzionali agli autovettori le forze della analisi statica lineare. Selezionando Da
calcolo autovalori il programma esegue una ricerca degli autovalori relativi al primo modo con masse in
direzione X ed una ricerca con masse in direzione Y; distribuisce quindi le forze orizzontali sulla base dei
relativi autovettori.
Mediante l’apposito bottoneFEM avanzate è possibile accedere alle preferenze avanzate per la modellazione
in analisi statica lineare. Si rimanda all’apposito paragrafo per maggiori dettagli.
Mediante l’apposito bottonePredefiniti è possibile ripristinare i valori di default consigliati.

9.1.1.1.5 Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14-09-05): analisi statica lineare, dinamica modale e analisi statica
non lineare

98
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

Per tutto quello che non è esplicitamente indicato nel D.M. 14-09-05 si fa riferimento alla OPCM 3431. Di
conseguenza nel seguito del paragrafo verranno illustrate solamente le differenze di impostazione tra D.M. 14-
09-05 e OPCM 3431 rimandando al paragrafo precedente per quanto non espressamente descritto in questo.

9.1.1.1.5.1 Tipo di analisi


Attivando la scheda “Tipo di analisi” è possibile selezionare:

• Classe edificio: (2.5) il dato, per quanto concerne la analisi sismica, sostituisce il coefficiente di
importanza della OPCM 3431. Esso influenza l’accelerazione al suolo secondo quanto riportato in
3.2.2.3.
• Tipo di analisi: l’utente può scegliere se effettuare un’analisi statica lineare, dinamica modale o statica
non lineare. A differenza di quanto previsto dal programma per l’ OPCM 3431 e Il D.M.16-01-96 il tipo di
analisi si imposta in questo dialogo e non in quello delle Preferenze.

9.1.1.1.5.2 Tipologia
I dati richiesti all’utente sono gli stessi previsti dall’ OPCM 3431; si rimanda pertanto al relativo paragrafo per
maggiori dettagli.

9.1.1.1.5.3 Dati generali


Attivando la scheda “Dati generali” vengono richiesti i dati presenti nell’immagine seguente:

Le differenze rispetto a quanto richiesto dall’ OPCM 3431 sono le seguenti:


• Zona sismica: l’utente può scegliere tra le quattro zone previste al §3.2.2.1.
• ag/g: i valori stabiliti dalla tabella 3.2.I possono essere modificati in relazione alla microzonazione con
intervalli di valore non minore di 0.025.
A differenze dell’OPCM 3431 non viene più richiesta la categoria di importanza (sostituita dalla classe
dell’edificio descritta in precedenza) e non è più prevista la possibilità di effettuare la torsione accidentale
semplificata.

9.1.1.1.5.4 Dati del suolo


Il riferimento è alle tabelle 3.2.II, 3.2.III, 3.2.IV e 3.2.V. Attivando la scheda “Dati del suolo” è possibile
selezionare, attraverso l’apposito menu a tendina, la categoria di suolo della commessa; i valori dei coefficienti
vengono aggiornati dal programma automaticamente. L’utente è comunque in grado di modificarli.

99
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

9.1.1.1.5.5 Dati per analisi elastiche


I dati richiesti all’utente sono gli stessi previsti dall’OPCM 3431; si rimanda pertanto al relativo paragrafo per
maggiori dettagli.

9.1.1.1.5.6 Coefficienti azioni variabili


I dati richiesti all’utente sono gli stessi previsti dall’OPCM 3431; si rimanda pertanto al relativo paragrafo per
maggiori dettagli.

9.1.1.1.5.7 Spettri
Si veda il §3.2.2.5 per SLU e §3.2.2.6 per SLD.
Attivando la scheda “Spettri” è possibile visualizzare gli spettri elastici e di progetto per azioni orizzontali e
verticali.

Scorrendo con il cursore del mouse sopra ad uno spettro vengono visualizzate, sotto lo spettro in esame,
l’ordinata spettrale al periodo selezionato.

100
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

9.1.1.1.5.8 Dati di torsione accidentale


I dati richiesti all’utente sono simili a quelli previsti in OPCM 3431; si rimanda pertanto al relativo paragrafo per
maggiori dettagli.

Quanto richiesto è del tutto analogo a quanto previsto per OPCM 3431 ad eccezione del fatto che non viene
richiesta la definizione delle coordinate geometriche del baricentro in quanto non è prevista la possibilità di
effettuare la torsione accidentale.

9.1.1.1.5.9 Verifiche geotecniche


Attivando la scheda “Verifiche geotecniche” si apre il dialogo seguente:

I coefficienti per portanza e scorrimento sono analoghi a quanto visto per le analisi precedenti e a cui si
rimanda per maggiori dettagli. Per il coefficiente di sicurezza portanza pali è invece riportata una tabella in cui
vengono richiesti i coefficienti di sicurezza per la portanza di punta e laterale, a compressione e a trazione,
diversi a seconda della tipologia di palo considerato. Il funzionamento di ogni campo della tabella è analogo a
quello del coefficiente di sicurezza portanza fondazioni superficiali.
Il fattore di correlazione della resistenza caratteristica dei pali in base alle verticali indagate (Tabella 6.4.IV) è
un fattore che serve per passare dalla resistenza calcolata a quella caratteristica da attribuire al palo in
funzione del numero di verticali indagate, ovvero sulla base del numero di prove geotecniche eseguite sul sito.

9.1.1.1.5.10 Statica non lineare (pushover)


Attivando è possibile selezionare:
I dati richiesti all’utente nella scheda “Pushover” sono gli stessi previsti da OPCM 3431; si rimanda pertanto al
relativo paragrafo per maggiori dettagli.

9.1.1.1.6 D.M. 14-01-08 (Norme Tecniche per le Costruzioni): analisi statica lineare, dinamica modale e analisi statica
non lineare
La norma contiene numerose novità rispetto alle norme precedenti che verranno dettagliatamente illustrate nei
relativi capitoli del manuale.
Si segnalano in particolare:
• nuove famiglie di condizioni di carico (permanenti non strutturali ed eccezionali) e relative combinazioni;
• diversa formulazione degli stati limite nei confronti della azione sismica;
• diversa valutazione della azione sismica basata su una mappatura dettagliata del territorio nazionale;
• diversi criteri di verifica della sicurezza sismica.
Selezionando D.M. 14-01-08 è possibile effettuare l’analisi sismica del manufatto attraverso i metodi di analisi
statica prescritti nel D.M. 14-01-08. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una finestra per
l’inserimento dei dati di normativa:

101
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

9.1.1.1.6.1 Generali
Attivando la scheda “Generali” è possibile selezionare:

• Tipo di costuzione: (§2.4.1) il dato stabilisce la vita nominale dell’opera VN secondo la tabella 2.4.I.
• Vn: (§2.4.1) si imposta la vita nominale dell’opera strutturale. Lasciando il valore di Default la vita
nominale viene ricavata in automatico dal programma sulla base del dato precedente. VN influenza il
periodi di riferimento per l’azione sismica VR come indicato al §2.4.3.
• Classe d’uso: (§2.4.2) si definisce la classe d’uso della costruzione in riferimento alle conseguenze di
una interruzione di operatività o di un eventuale collasso. La classe d’uso della costruzione influenza il
periodo di riferimento VR dell’azione sismica attraverso il coefficiente CU dato dalla tabella 2.4.II al §2.4.3
e il tipo di verifiche che vengono condotte.
• Località: (§3.2) attraverso l’apposita finestra che si apre cliccando il tasto Dettagli è possibile impostare
longitudine, latitudine ed altitudine della località in cui si realizzerà la costruzione. Sulla base di tali
indicazioni il programma valuterà l’accelerazione al suolo ag, il periodo di inizio del tratto a velocità
costante dello spettro in accelerazione orizzontale Tc* e il valore massimo del fattore di amplificazione
dello spettro in accelerazione orizzontale Fo, utilizzando la tabella dei parametri spettrali allegata al D.M.
14-01-08. L’altitudine viene impiegata nella valutazione delle azioni di vento e neve.

L’impostazione di longitudine, latitudine e altitudine avviene nello stesso modo illustrato al paragrafo
relativo al D.M. 17-01-18.
• Zona sismica: individua la zona sismica in cui viene realizzata la struttura. Per la valutazione della zona
sismica di default sulla base di ag/g si è utilizzata la fonte seguente: “Pericolosità sismica e criteri
generali per la classificazione sismica del territorio nazionale (allegato al voto n. 36 27-07-07). Attraverso
il menu a tendina è possibile impostare una zona diversa da quella individuata in automatico dal
programma. La zona sismica viene utilizzata per la possibilità di eseguire la verifica semplificata (§2.7) e
per la determinazione della necessità di considerare il sisma verticale (§7.2.1).
• Vr: (§2.4.3) è il periodo di riferimento per l’azione sismica. E’ possibile adottare il valore di
Defaultcalcolato secondo il§2.4.3 oppure specificare un altro valore;

102
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Tabella: la tabella presente riepiloga i valori necessari per la definizione del sisma sulla base delle scelte
eseguite alle voci precedenti. In particolare, oltre a quanto già descritto sulla proprietà Località, vengono
indicati:
- PVR: probabilità di superamento del periodo di riferimento (tabella 3.2.I). Il valore standard è quello
riportato in tabella con la scritta Default. Tale valore può essere diminuito dall’utente per ottenere
un’azione sismica più importante come indicato al §3.2.1 della norma;
- Tr: periodo di ritorno.
Tali valori vengono riportati per i 4 stati limite previsti per le azioni sismiche (§3.2.1) e precisamente i due
stati limite di esercizio:
- Stato Limite di Operatività (SLO);
- Stato Limite di Danno (SLD);
e i due stati limite ultimi:
- Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV);
- Stato Limite di prevenzione del Collasso (SLC).

9.1.1.1.6.2 Tipologia

• Classe di duttilità: §7.2.1. Sono inseribili tre valori:


- Non dissipativa corrispondente all’impiego dello spettro elastico quale spettro di progetto.
Selezionando Non dissipativa il programma setta automaticamente ad 1 i fattori di struttura e non
vengono accettati fattori di struttura diversi.
- “A” alta capacità
- “B” bassa capacità dissipativa.
• Regolarità in pianta ed in elevazione: il controllo deve essere fatto dall’utente sulla base del §7.2.2. Le
opzioni sono inserite per completezza delle stampe e per effettuare il controllo sulla liceità di adozione
della analisi statica.

Per quanto riguarda la valutazione della regolarità in elevazione, ed in particolare il §7.2.2 f), il
programma fornisce il valore delle masse afferenti a ciascun piano nel capitolo di relazione “Masse di
piano” e le rigidezze di interpiano nel capitolo di relazione “Rigidezze di interpiano”. Per comodità
entrambi i capitoli sono riportati anche nella finestra Risultati calcolo.
È possibile selezionare la tipologia strutturale settando i vari parametri necessari. L’utente deve scegliere se la
struttura è un edificio in cemento armato, acciaio, muratura o legno e definire i seguenti parametri per il calcolo
in automatico dei fattori di struttura:
• Tipologia: (§7.4.3.1 per edifici in c.a., §7.5.2.1 per edifici in acciaio e §7.8.1.3 per edifici in muratura) si
definisce la tipologia strutturale dell’edificio che si sta modellando. Alla tipologia è associato il valore qo
per il calcolo del fattore di struttura.

103
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Alfau/Alfa1: (§7.4.3.2 per edifici in c.a., §7.5.2.2 per edifici in acciaio e §7.8.1.3 per edifici in muratura)
rapporto di sovraresistenza per il calcolo del fattore di struttura in relazione alla tipologia strutturale. Sulla
base della tipologia indicata, se necessaria, il programma propone i valori di sovraresistenza di
normativa.

In sede di risoluzione, nel caso la tipologia scelta sia quella di edificio in c.a., il programma valuta ad
ogni piano i rapporti tra il taglio totale e i tagli assorbiti dai pilastri e dalle pareti. Valuta inoltre se la
struttura è deformabile torsionalmente. I risultati della ricerca vengono espressi piano per piano nella
finestra delle note di calcolo. Tutti questi controlli non vengono inoltre eseguiti se la struttura è
dichiarata esistente o isolata, se si sta eseguendo un’analisi statica non lineare o se la struttura è in
zona 4 semplificata. È opportuno analizzare con senso critico i risultati della ricerca. In particolare le
valutazioni dovrebbero riguardare interpiani delimitati da piani con ingombri paragonabili trascurando i
controlli riferiti ad interpiani non significativi quali quelli generati da livelli introdotti per utilità di
disegno (es. livelli introdotti per rappresentare pianerottoli di scale o piccole zone ribassate di solaio).
Entità del tipo descritto sarebbe bene rappresentarle attraverso falde orizzontali che non vengono
prese in conto nella valutazione della tipologia.
• Kw: (§7.4.3.2) per strutture a pareti o miste equivalenti a pareti bisogna stabilire il valore del fattore di
riduzione Kw che viene utilizzato per ridurre il valore di q0 per prevenire il collasso delle strutture a
seguito della rottura delle pareti Si tratta di un parametro molto significativo che può portare anche a
raddoppiare l’azione sismica ed è di difficile valutazione automatica.
È possibile selezionare contemporaneamente più di un tipo di struttura (cemento armato, acciaio, muratura e
legno) nel caso in cui la struttura realizzata sia mista. Il calcolo del fattore di struttura q proposto sarà il minore
tra quelli delle varie tipologie.
Nel caso in cui la tipologia impostata sia “Struttura a telaio” o “Struttura Prefabbricata a telaio” in c.a. a valle
della soluzione viene verificato il punto 5.3.1 della OPCM 3431 nella parte dedicata alle strutture a telaio. In
particolare viene valutata la resistenza affidata a telai spaziali nel modo seguente:
• per ciascun livello e per ciascuna combinazione sismica vengono calcolati la risultante delle azioni
orizzontali e la risultante dei tagli al piede dei pilastri;
• viene proiettata la risultante dei tagli al piede dei pilastri sulla direzione della risultante delle azioni
orizzontali;
• la proiezione, divisa per il modulo della risultante delle azioni orizzontali, viene confrontata con l’aliquota
del 65% indicata dalla norma.

9.1.1.1.6.3 Analisi
Attivando la scheda “Analisi” vengono richiesti i dati presenti nell’immagine seguente:

• Tipo di analisi: l’utente può scegliere se effettuare un’analisi semplificata (§7 comma2), un’analisi statica
lineare, dinamica modale, statica non lineare, dinamica modale con isolatori elastomerici o dinamica
modale con isolatori a pendolo. A differenza di quanto previsto dal programma per OPCM 3431 e il
D.M.16-01-96 il tipo di analisi si imposta in questo dialogo e non in quello delle Preferenze.
• Rotazione del sisma: consente di indurre il sisma nel manufatto con direzione diversa da quella degli
assi di riferimento.
• Quota dello '0' sismico: consente di utilizzare una quota di spiccato di fondazione, ai fini del calcolo delle
azioni sismiche, diversa da quella inserita nei livelli; le azioni sismiche e i loro valori verranno
conteggiate a partire dalla quota indicata. In particolare le masse al di sotto dello zero sismico non
verranno prese in considerazione e le altezze z nella formula (7.3.6) per il calcolo delle forze statiche
equivalenti verranno computate a partire dallo zero sismico.

104
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Smorzamento viscoso (%): secondo il §3.2.3.2.1 formula (3.2.6) lo smorzamento viscoso ξ ha influenza
solo sugli spettri elastici attraverso il coefficiente η.
• Limite spostamenti interpiano: (§7.3.7.2) viene impostato il valore limite per la valutazione degli
spostamenti di interpiano. Lasciando il default il valore è valutato in automatico sulla base della tipologia
strutturale scelta. Si faccia attenzione che il valore da impostare è quello delle formule (7.3.16), (7.3.17),
(7.3.18) o (7.3.19). Il programma poi, in sede di controllo degli spostamenti di interpiano, adotterà tali
valori nel caso in cui l’edificio sia di classe d’uso I e II utilizzando la famiglia di combinazioni SLD o i 2/3
di tali valori a se l’edifico è di classe d’uso III e IV utilizzando la famiglia di combinazioni SLO.
• Moltiplicatore del sisma X o Y per combinazioni di default: utilizzando questi dati è possibile
incrementare o diminuire i coefficienti di combinazione del sisma in ciascuna delle direzioni proposti in
automatico dal programma quando si utilizza il tasto Default rispetto ai valori previsti dal D.M. 14-01-08.
• Fattore di struttura per sisma X (§7.3.1) nel caso in cui sia selezionato Default il programma propone il
valore sulla base dei dati inseriti e lo riporta tra parentesi. In alternativa è possibile inserire un valore
personalizzato.
• Fattore di struttura per sisma X (§7.3.1) vale quanto riportato per il fattore di struttura per sisma X.
• Fattore di struttura per sisma Z (§7.3.1) vale quanto riportato per il fattore di struttura per sisma X. Il
sisma verticale deve essere considerato in caso di presenza di particolari elementi nella costruzione e
purchè il sito nel quale sorge la costruzione sia di classe 1 o 2. Per questo motivo, nel caso in cui il sito
sia di classe 3 o 4 tutte le opzioni relative al sisma verticale presenti nelle preferenze dell’analisi risultano
disattivate.
• Applica 1% (§3.1.1): attivando questa opzione, in ottemperanza all’ultimo comma del § 3.1.1, il
programma provvede a generare due sistemi di forze ortogonali tra loro e agenti ciascuno in una
condizione dedicata (1% X e 1% Y). Le forze applicate hanno intensità pari all’1% dei carichi non sismici
e vengono combinate, di default, solo nella famiglia SLU. Si consiglia di valutare la necessità di impiego
di tale opzione in quanto le azioni sismiche possono essere notevolmente più elevate di queste ultime e
l’aggiunta di due condizioni elementari può risultare computazionalmente pesante nell’esecuzione delle
verifiche; è sufficiente eseguire un’analisi senza aver attivato questa opzione e nella finestra risultati di
calcolo stimare l’entità dell’1% delle reazioni non sismiche rispetto alle reazioni sismiche in direzione X.
• Stato limite sismico analizzato in caso di isolatori a pendolo: nel caso sia stata scelta un’analisi lineare
dinamica con isolatori a pendolo, è possibile analizzare un solo stato limite sismico alla volta. Questo
perché lo spostamento di riferimento per il quale è possibile determinare la rigidezza degli isolatori a
pendolo è funzione dello spettro da considerare.In particolare per controllare gli spostamenti di
interpiano si deve scegliere SLD, per eseguire le verifiche degli elementi strutturali (sia non sismiche che
sismiche) della sovrastruttura e della sottostruttura si deve scegliere SLV, mentre per poter verificare gli
apparecchi di isolamento a pendolo si deve scegliere SLC. In particolare per gli isolatori se il fornitore
fornisce a catalogo il valore del carico sismico di progetto solo in SLV si deve eseguire una verifica degli
stessi anche in SLV.

9.1.1.1.6.4 Suolo
Vengono richiesti tutti i dati relativi al suolo legati all’azione sismica. Il riferimento è alle tabelle 3.2.II, 3.2.III,
3.2.IV, 3.2.V e 3.2.VI. Attivando la scheda “Suolo” è possibile selezionare, attraverso l’apposito menu a tendina,
la categoria di suolo della commessa; i valori dei coefficienti vengono aggiornati dal programma
automaticamente. L’utente è comunque in grado di modificarli.

105
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

In particolare vengono richiesti per ogni SL:


• SS: coefficiente di amplificazione stratigrafica (Tab. 3.2.V);
• Tb: periodo corrispondente all’inizio del tratto dello spettro ad accelerazione costante;
• Tc: periodo corrispondente all’inizio del tratto a velocità costante dello spettro;
• Td: periodo corrispondente all’inizio del tratto a spostamento costante dello spettro.
Si ricorda che tali valori sono diversi per i vari SL in quanto Tc e Tb dipendono da Tc* e Td dipende da ag e tali
valori sono diversi nei vari SL.
Vengono poi richiesti:
• la categoria topografica (Tab. 3.2.IV);
• il coefficiente di amplificazione topografica St (Tab. 3.2.VI)

9.1.1.1.6.5 Torsione accidentale


Attivando la scheda “Dati di torsione accidentale”, attiva nel caso di analisi statica lineare o di analisi dinamica
modale, si apre il dialogo seguente:

106
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

Nella prima voce è possibile scegliere tramite, il menu a tendina, come considerare la torsione accidentale.
Scegliendo Aggiunta di coppie torcenti secondo 7.3.3.1 si segue quanto previsto dalla norma che prevede la
considerazione di un’eccentricità accidentale ottenuta spostando il centro di massa di ogni piano in ogni
direzione considerata di una distanza pari al 5% della dimensione massima del piano in direzione
perpendicolare all’azione sismica. In analisi statica lineare il rispetto della norma è assicurato dalla introduzione
di due condizioni di carico (eccentricità X ed eccentricità Y) nelle quali fare agire coppie torcenti date dal
prodotto della forza statica equivalente per la distanza di cui sopra. In analisi dinamica occorrerebbe analizzare
quattro diversi modelli ottenuti traslando nei due sensi in X ed Y il baricentro delle masse. In alternativa la
norma consente di analizzare un unico modello con la massa posizionata nel proprio baricentro e di
considerare l’eccentricità accidentale statica.
Di default tali coppie torcenti sono applicate solo ai nodi di piano rigido, cioè ai piani dove sono stati disegnati
dei carichi di superficie a comportamento infinitamente rigido, e sempre nel caso che sia stata definita una
eccentricità non nulla per tale piano.
Attivando invece l’opzione Torsione accidentale per piani (livelli e falde) flessibili, il programma applicherà tali
coppie torcenti a tutti i nodi giacenti su di un livello o falda per il quale sia stata definita una eccentricità non
nulla.Il programma richiede, per applicare tali coppie aggiuntive, la presenza di almeno un carico di superficie o
di una piastra appartenente ad un livello o falda per il quale è stata definita una eccentricità non nulla.
Le eccentricità sono specificabili tanto per i livelli che per le falde. I valori delle eccentricità, distintamente per le
direzioni sismiche x e y,possono essere imposti dall’utente oppure calcolati in automatico dal programma. Il
calcolo automatico delle eccentricità (voce Default) avviene secondo le indicazioni del §7.2.6 considerando
l’ingombro dei soli carichi di superficie a comportamento infinitamente rigido e giacenti su livelli; nel caso invece
sia stata attivata l’opzione Torsione accidentale per piani (livelli e falde) flessibili, il calcolo in automatico delle
eccentricità considera l’ingombro sia dei carichi di superficie (a comportamento infinitamente rigido o
membranale) che delle piastre, sempre giacenti su livelli.
Il valore delle eccentricità calcolato in automatico per le falde è sempre zero: da una parte la normativa non cita
mai esplicitamente le falde e, soprattutto, in considerazione del fatto che le incertezze sulla localizzazione delle
masse in copertura sono poco realistiche. Nel caso si debba comunque considerare le eccentricità anche per il
tetto, si consiglia di valutare l’entità di tali eccentricità considerando l’ingombro in pianta di ciascuna copertura e
settare per le falde componenti tale copertura un unico valore comune (5% dell’ingombro della copertura). Le
eccentricità di una falda vengono applicate ai nodi geometricamente appartenenti a tale falda secondo il criterio
descritto nel paragrafo Falde.
Nel caso un nodo appartenga spazialmente ad un livello ed anche ad una falda, viene impiegata l’eccentricità
maggiore, per ciascuna direzione.

Il programma considera la torsione accidentale solo se è stata definita, manualmente o in automatico,


una eccentricità non nulla per qualche livello o falda ospitante almeno un carico di superficie avente
comportamento rigido, oppure un carico di superficie con qualunque comportamento o una piastra, ma
con la richiesta di considerare la torsione accidentale per piani flessibili.
Nel caso l’utente abbia selezionato Metodosemplificato secondo formula [7.3.7] §7.3.3.2è disabilitata la
possibilità di inserire le eccentricità ai vari livelli ma viene richiesta la definizione del baricentro geometrico
dell’edificio. L’utente, attraverso il menu a tendina, può scegliere se farlo calcolare in automatico dal

107
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

programma sulla base dell’input della struttura (baricentro dei carichi superficiali a comportamento rigido) o se
definirlo manualmente. Scegliendo questa seconda possibilità si attivano le due caselle di testo che consentono
l’inserimento delle coordinate geometriche del baricentro. Tale opzione è comunque sconsigliata.

In presenza di giunto di dilatazione la valutazione automatica delle eccentricità ai piani così come
implementata dal programma attraverso il tasto Database nella casella Dati per torsione accidentale
della OPCM o delle NTC non è corretta perché il programma valuta la dimensione dell’intero edificio
senza tenere conto della presenza dei giunti. Le eccentricità debbono essere valutate manualmente
dall’utente per ogni singolo corpo separato da giunti. L’utente assegnerà come eccentricità i maggiori
valori tra quelli calcolati per i singoli corpi.

9.1.1.1.6.6 Analisi elastica


La scheda risulta divisa in due parti:

La prima parte riguarda i dati richiesti nel §7.3.3.2 per il calcolo delle forze orizzontali per l’analisi statica
lineare.
• Altezza: si imposti l’altezza della costruzione. Nel caso in cui sia selezionato Default viene calcolata
automaticamente dal programma come indicato nell’analogo paragrafo relativo all’OPCM 3431.
• C1: coefficiente dipendente dalla tipologia dell’edificio. Nel caso in cui sia selezionato Default si rimanda
anche in questo caso a quanto indicato nell’analogo paragrafo relativo all’OPCM 3431.
• T1: (primo periodo di vibrazione) nel caso in cui sia selezionato Default viene valutato automaticamente
a partire dalla altezza e dal coefficiente C1 secondo la formula (7.3.5). L’utente può comunque inserire
un valore diverso facendo attenzione al fatto che modificando i valori della altezza o di C1 il programma
ripropone il valore in automatico. La formula (4.1) si applica “in assenza di calcoli più dettagliati”. E’
consentito quindi dalla norma eseguire una analisi dinamica e ricavarsi così il primo periodo di
vibrazione. Il periodo T1 è utilizzato dal programma per valutare la ordinata dello spettro di risposta di
progetto.
• Lambda SL: coefficiente dipendente dai piani dell’edificio; nel caso in cui sia selezionato Default viene
valutato automaticamente sulla base dei livelli definiti dall’utente e del primo periodo di vibrazione.
Proprio a causa della dipendenza da TC i valori di lambda sono diversi nei vari SL.
• Lambda verticale: viene richiesto un valore particolare per il sisma verticale essendo il valore di TC in
questo caso fissato e diverso dalle altri situazioni.
La seconda parte riguarda invece i dati relativi all’analisi dinamica modale ed è presente solo in casi di analisi
dinamica. Vengono richiesti:
• Numero frequenze: numero di modi di vibrare da considerare; il programma in sede di lettura dei risultati
del solutore controlla che la massa partecipante sia superiore all’85% (§7.3.3.1). Nel caso in cui non si
raggiunga l’85% di partecipazione della massa occorre aumentare il numero di modi.
• Metodo di Ritz: per chiarimenti relativi al metodo di combinazione ed al metodo di Ritz si rimanda al
manuale in linea del solutore interno al capitolo “La risposta allo spettro”.
Il programma, in ottemperanza a quando richiesto dal §7.3.3.1 e successive precisazioni della circolare617 02-
02-09. (§C7.3.3.1), esegue la combinazione quadratica completa (CQC) degli effetti di ciascun modo di vibrare.

9.1.1.1.6.7 Spettri
Attivando la scheda “Spettri” è possibile visualizzare gli spettri elastici e di progetto per azioni orizzontali e
verticali. I vari spettri previsti possono essere visualizzati attraverso il menu a tendina presente nella parte
superiore della scheda.

108
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

Scorrendo con il cursore del mouse sopra ad uno spettro vengono visualizzate, sotto lo spettro in esame,
l’ordinata spettrale al periodo selezionato.
E’ data facoltà al progettista di definire spettri personalizzati ed impiegarli in luogo di quelli prescritti dalla
normativa. Utilizzando spettri personalizzati sono consentite solo la analisi statica lineare e la analisi dinamica
modale di edifici di nuova costruzione. L’unico effetto prodotto dall’utilizzo di spettri personalizzati è la
sostituzione degli spettri di normativa con quelli personalizzati nel file di lancio del solutore.

Si tratta di una prestazione del programma dedicata a professionisti che intendono utilizzare Sismicad
12 per costruzioni da realizzare al di fuori del territorio nazionale con normative diverse dalle NTC. Si
sconsiglia di utilizzare la prestazione per costruzioni da realizzare sul territorio italiano. L’impiego di
spettri personalizzati è riservato a chi possiede una approfondita conoscenza della organizzazione
interna del programma e comunque richiede una particolare attenzione edun controllo molto accurato
dei risultati delle elaborazioni.
Dopo aver selezionato questa opzione diventa accessibile, cliccando il tasto a lato, il seguente dialogo.

In questo dialogo è contenuta una griglia con una riga per ciascuno degli spettri previsti dalla norma per
valutare le azioni sismiche.
In ciascunariga è possibile indicare lo spettro da impiegare, in luogo di quello previsto dalla normativa. Per
indicarlo,nella cella di destra della riga, si deve scegliere tra uno di quelli precedentemente definiti nel database
delle Funzioni….

9.1.1.1.6.8 Statica non lineare (pushover)


Visualizzando la scheda è possibile selezionare:
I dati richiesti all’utente nella scheda “Pushover” sono gli stessi previsti dall’OPCM 3431; si rimanda pertanto al
relativo paragrafo per maggiori dettagli.

109
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Distribuzione forze d’inerzia principali (Gruppo 1): selezionando Da analisi statica lineare il programma
assume come distribuzione di forze proporzionali agli autovettori le forze della analisi statica lineare.
Selezionando Da calcolo autovalori il programma esegue una ricerca degli autovalori relativi al primo
modo con masse in direzione X ed una ricerca con masse in direzione Y; distribuisce quindi le forze
orizzontali sulla base dei relativi auto vettori (§7.3.4.1).Selezionando Da tagli di piano ottenuti da analisi
dinamica il programma distribuisce le forze orizzontali sulla base dei tagli ottenuti da una analisi
dinamica eseguita automaticamente (§7.4.3.1).
• Calcolo fattore partecipazione modale: il fattore di partecipazione modale Γ è il coefficiente mediante il
quale si passa da un sistema a molti gradi di libertà ad un oscillatore bilineare equivalente in caso di
analisi statica non-lineare. Esso nel D.M. 14-01-08 è definito alla formula C7.3.5, e rispetto alla
formulazione di OPCM3431 tiene conto di un “vettore di trascinamento” τ, mediante il quale si
considerano, oltre alle masse traslazionali come avveniva in precedenza, anche le inerzie torsionali.
Le due opzioni presenti in Sismicad consentono di valutare se considerare o meno il contributo delle
inerzie torsionali nella valutazione di tale coefficiente, per cui se si sceglie “Non considerare inerzie
torsionali (OPCM 3431)”, si considererà un fattore di partecipazione modale in cui entrano in gioco le
sole masse traslazionali e gli autovettori corrispondenti alle traslazioni in direzione x e in direzione y,
mentre se si sceglie l’opzione “Considera inerzie torsionali (D.M. 14-01-08)” si terrà conto anche del
contributo delle masse rotazionali e delle corrispondenti componenti di autovettori.
• Coefficiente partecipazione per Gruppo 2: secondo le Norme Tecniche per le Costruzioni del 14-01-08
per analisi statica non-lineare (cfr. §C7.3.4.1) è possibile scegliere come calcolare il fattore di
partecipazione modale per la distribuzione di forze del gruppo 2, se utilizzare lo stesso valore valutato
per il gruppo 1 oppure se calcolarlo indipendentemente dagli auto valori e proporzionale alle forze
applicate.
• Adeguamento edificio esistente: Se si opera secondo le Norme Tecniche per le Costruzioni del 14-01-08
e la struttura è stata dichiarata esistente, sotto la voce “Adeguamento” si può stabilire la percentuale di
adeguamento per cui calcolare lo spostamento di risposta e di conseguenza la relativa soluzione
andando poi a eseguire il comando “Calcolo struttura per gli spostamenti di risposta” (vedasi capitolo
relativo).
• Percentuale di adeguamento: rappresenta la percentuale rispetto all’adeguamento completo della
struttura a cui calcolare lo spostamento di risposta
• Parametro percentuale di adeguamento: rappresenta in relazione a quale grandezza si vuole calcolare la
percentuale di adeguamento che siriferisce all’indicatore di rischio sismico espresso secondo due
grandezze:
- Periodo di ritorno
0.41
⎡ TR ,%adeguamento ⎤
- %adeguamento = ⎢ ⎥
⎢⎣ TR , SL, RIF ⎥⎦
dove TR,SL,RIF è il periodo di ritorno di riferimento relativo allo stato limite preso in esame
- Accelerazione di aggancio dello spettro (PGA)
PGA%adeguamento
- %adeguamento =
PGASL, RIF
dove PGA,SL,RIF è l’accelerazione di aggancio di riferimento che tiene conto anche dei parametri
correttivi relativi alla topografia e alla categoria del suolo, relativa allo stato limite preso in esame.
Mediante l’apposito bottoneFEM avanzate è possibile accedere alle preferenze avanzate per la modellazione
in analisi statica lineare. Si rimanda all’apposito paragrafo per maggiori dettagli.
Mediante l’apposito bottonePredefiniti è possibile ripristinare i valori di default consigliati.

9.1.1.1.6.9 Verifiche geotecniche


Attivando la scheda “Verifiche geotecniche” si apre il dialogo seguente:

110
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Coefficiente di sicurezza portanza fondazioni superficiali: il valore richiesto è un fattore parziale,


maggiore o al più uguale ad 1, che riduce la resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando
Default il valore viene assunto dalla tabella Tab.6.4.I.
• Coefficiente di sicurezza scorrimento fondazioni superficiali: il valore richiesto è un fattore parziale,
maggiore o al più uguale ad 1, che riduce la resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando
Default il valore viene assunto dalla tabella Tab.6.4.I.
• Coefficienti di sicurezza portanza verticale pali: è riportata una tabella in cui vengono richiesti i
coefficienti di sicurezza per la portanza assiale di punta e laterale (a compressione e a trazione) diversi a
seconda della tipologia di palo considerato. Anche questi valori sono fattori parziali che riducono la
resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando Default il valore viene assunto dalla tabella
6.4.II.
• Coefficiente di sicurezza portanza trasversale pali: il valore richiesto è un fattore parziale, maggiore o al
più uguale ad 1, che riduce la resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando Default il valore
viene assunto dalla tabella Tab.6.4.VI.
• Fattore di correlazione della resistenza caratteristica dei pali in base alle verticali indagate: (Tabella
6.4.IV) è un fattore che serve per passare dalla resistenza calcolata a quella caratteristica da attribuire al
palo in funzione del numero di verticali indagate, ovvero sulla base del numero di prove geotecniche
eseguite in sito.

9.1.1.1.6.10 Vento
Visualizzando la scheda è possibile selezionare:

• Zona:si deve specificare la zona definita nella Tab. 3.3.I mediante la selezione, con il mouse o i tasti
freccia della tastiera, dell’area della zona sulla rappresentazione del territorio nazionale. Opzionalmente
il programma è in grado di valutare la zona in automatico basandosi sulla località specificata nella

111
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

scheda Generali: nel caso siano state espressamente fornite le coordinate geodetiche della località, il
programma identifica il comune come quello con distanza minima dalle coordinate fornite;nel caso di
comune al confine tra una zona e l’altra si consiglia di controllare la zona attribuita in automatico ed
eventualmente settarla manualmente avendo prima deselezionato tale opzione.
• Rugosità: permette di definire le classi di rugosità del terreno, così come definite nella Tab. 3.3.III.
• Categoria di esposizione: categoria di esposizione così come definita nelle Fig. 3.3.2, in base alla zona,
alla rugosità e alla distanza dalla costa.
• Vb: permette di settare il valore desiderato della velocità di riferimento; selezionando Default questa
viene calcolata secondo [3.3.1].
• Ct: coefficiente di topografia, secondo § 3.3.7.
• qb: pressione cinetica di riferimento calcolata secondo [3.3.4]; il valore è in sola lettura ed è impiegabile
per il calcolo della pressione del vento, secondo [3.3.2], e più in generale pervalutare le azioni statiche
equivalenti da applicare alla struttura.
• Andamento di Ce con la quota z: il diagramma permette di valutare il valore del coefficiente di
esposizione, Ce, alle varie quote dell’edificio, essendo z l’altezza dal suolo del punto considerato; viene
valutata secondo [3.3.5].

9.1.1.1.6.11 Neve
Visualizzando la scheda è possibile selezionare:

• Zona:si deve specificare la zona definita nel § 3.4.2 mediante la selezione, con il mouse o i tasti freccia
della tastiera, dell’area della zona sulla rappresentazione del territorio nazionale. Opzionalmente il
programma è in grado di valutare la zona in automatico basandosi sulla località specificata nella scheda
Generali: nel caso siano state espressamente fornite le coordinate geodetiche della località, il
programma identifica il comune come quello con distanza minima dalle coordinate fornite; nel caso di
comune al confine tra una zona e l’altra si consiglia di controllare la zona attribuita in automatico ed
eventualmente settarla manualmente avendo prima deselezionato tale opzione.
• Coefficiente di forma per il carico da neve: il diagramma permette di valutare il valore dei coefficienti di
forma µ1 e µ2, in funzione dell’angolo della falda, secondo Tab. 3.4.II e Tab. C.3.4.I.
• Classe topografica: il programma permette di definire la classe topografica in accordo alla Tab. 3.4.I.
• Ce:è possibile specificare il valore desiderato del coefficiente di esposizione oppure adottare il valore di
default come definito nella Tab. 3.4.I in funzione della classe topografica.
• Ct: è possibile specificare il valore desiderato del coefficiente termico del § 3.4.4.
• qsk: è possibile specificare il valore desiderato del valore caratteristico di riferimento della neve al
suolooppure adottare il valore di default calcolato secondo § 3.4.2.
• Carichi da neve: attraverso l’apposita finestra che si apre cliccando il tasto Dettagli è possibile creare e
modificare i carichi da neve calcolati secondo le indicazioni di normativa.

112
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

In questo dialogo sono elencati in una griglia tutti i carichi da neve creati dall’utente. È possibile:
• Aggiungere carichi: mediante il tasto Nuovo, edil menu che esce con il tasto a lato, è possibile creare un
nuovo carico da neve secondo le tipologie previste dalla normativa (§ 3.4.5.2, 3.4.5.3, C3.4.5.4,
C3.4.5.6, C3.4.5.7.1, C3.4.5.7.2 e C3.4.5.7.3). Nel caso siano state definite delle falde l’angolo proposto
di default è quello massimo delle falde. Tutti i valori proposti di default possono essere personalizzati a
piacimento.
• Eliminare carichi: mediante il tasto Elimina, edil menu che esce con il tasto a lato, è possibile eliminare il
carico selezionato nella griglia oppure tutti i carichi assieme.
• Modificare un carico:una volta selezionata un carico nella griglia è possibile modificarne la descrizione,
nella griglia stessa, e gli altri dati nelle caselle di testo riportate nel disegno inferiore. Gli angoli delle
falde, nei casi previsti dalla normativa, possono essere ininfluenti se presenti parapetti, barriere o altre
ostruzioni: in tal caso si selezioni la voce di menù “Impedita di scivolare”. Le caselle di testo ingrigite
presenti nel disegno contengono i valori calcolati dal programma e ne permettono la copia, una volta
cliccato con il tasto destro nella casella di interesse.
Per la tipologia di carico “Copertura adiacente a costruzioni più alte § C3.4.5.6 Circ. 02-02-09 n°617
C.S.LL.PP.”, nel caso che b2<ls, i valori μdx,(ii) e qdx,(ii) sono forniti già interpolati all’estremo destro di b2, in
accordo con l’ultimo comma del § C3.4.5.6.
I valori dei carichi qui definiti possono essere agevolmente copiati durante la definizione/modifica dei carichi
superficiali, si veda al riguardo il capitolo relativo. Si esca dal dialogo attraverso il tasto OK.

9.1.1.1.7 D.M. 17-01-18 (Norme Tecniche per le Costruzioni): analisi statica lineare, dinamica modale e analisi statica
non lineare
La norma di recente introduzione contiene alcune novità rispetto alla norma precedente che verranno
dettagliatamente illustrate nei relativi capitoli del manuale.
Si segnalano in particolare:
• nuova gestione della analisi lineare per edifici a comportamento non dissipativo;
• impiego di fattore di comportamento anche per analisi SLD;
• valutazione analitica dei primi modi di vibrare T1x e T1y per analisi statica lineare;
Selezionando D.M. 17-01-18 è possibile effettuare l’analisi sismica del manufatto attraverso i metodi di analisi
statica prescritti. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una finestra per l’inserimento dei dati di
normativa:

9.1.1.1.7.1 Generali
Attivando la scheda “Generali” è possibile selezionare:

113
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Tipo di costuzione: (§2.4.1) il dato stabilisce la vita nominale dell’opera VN secondo la tabella 2.4.I.
• Vn: (§2.4.1) si imposta la vita nominale di progetto dell’opera strutturale. Lasciando il valore di Default la
vita nominale di progetto viene ricavata in automatico dal programma sulla base del dato precedente. VN
influenza il periodi di riferimento per l’azione sismica VR come indicato al §2.4.3.
• Classe d’uso: (§2.4.2) si definisce la classe d’uso della costruzione in riferimento alle conseguenze di
una interruzione di operatività o di un eventuale collasso. La classe d’uso della costruzione influenza il
periodo di riferimento VR dell’azione sismica attraverso il coefficiente CU dato dalla tabella 2.4.II al §2.4.3
e il tipo di verifiche che vengono condotte.
• Località: (§3.2) attraverso l’apposita finestra che si apre cliccando il tasto Dettagli è possibile impostare
longitudine, latitudine ed altitudine della località in cui si realizzerà la costruzione. Sulla base di tali
indicazioni il programma valuterà l’accelerazione al suolo ag, il periodo di inizio del tratto a velocità
costante dello spettro in accelerazione orizzontale Tc* e il valore massimo del fattore di amplificazione
dello spettro in accelerazione orizzontale Fo, utilizzando la tabella dei parametri spettrali allegata al D.M.
14-01-08, così come prescritto nel § 3.2 del D.M. 17-01-18. L’altitudine viene impiegata nella valutazione
delle azioni di vento e neve.

L’impostazione di longitudine, latitudine e altitudine può essere fatta in tre modi:


• impostando individuazione tramite coordinate e inserendo i tre valori nelle apposite caselle;
• impostando individuazione tramite coordinate e, se il computer è connesso ad Internet, cliccando
sull’apposito link “Vai sul web per individuare il punto sulla mappa…” si accede ad una finestra web che
consente di individuare il punto in cui sorgerà al costruzione dalla mappa. Una volta individuato si utilizzi
il tasto Copia negli appunti e si chiuda la finestra web. Tornati nella finestra del programma ci si
posizione su Longitudine o su Latitudine e da tastiera si digiti CTRL+V in modo da inserire i dati copiati in
precedenza. La descrizione si aggiorna in automatico.

Nel caso si dovesse operare con i parametri della REPUBBLICA DI SAN MARINO, leggermente diversi
da quelli italiani, il programma recepisce quanto riportato nel DECRETO DELEGATO 26 marzo 2012 n.28
della REPUBBLICA DI SAN MARINO, Art. 6, p.to 5. Si ottengono tali parametri sismici semplicemente

114
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

specificando le coordinate convenzionali (43.937474; 12.447677) ED50 corrispondenti alla Statua della
Libertà di Piazza della Libertà, San Marino;
• impostando individuazione mediante località ISTAT viene richiesto all’utente di impostare Provincia,
Comune e Località. In questo modo vengono individuate le coordinate attraverso i dati forniti dall’ISTAT.
Si presti attenzione al fatto che la località così individuata può distare significativamente dal luogo di
edificazione. In tal caso la valutazione di tali parametri può risultare inesatta. Per una precisa valutazione
di tali parametri si consiglia l’individuazione mediante coordinate.
Ogni volta che si varia la località viene aggiornato automaticamente il campo “Comune di” delle Informazioni. Si
esca dal dialogo attraverso il tasto OK.
• Vr: (§2.4.3) è il periodo di riferimento per l’azione sismica. E’ possibile adottare il valore di Default
calcolato secondo il §2.4.3 oppure specificare un altro valore;
• Tabella: la tabella presente riepiloga i valori necessari per la definizione del sisma sulla base delle scelte
eseguite alle voci precedenti. In particolare, oltre a quanto già descritto sulla proprietà Località, vengono
indicati:
- PVR: probabilità di superamento del periodo di riferimento (tabella 3.2.I). Il valore standard è quello
riportato in tabella con la scritta Default. Tale valore può essere diminuito dall’utente per ottenere
un’azione sismica più importante come indicato al §3.2.1 della norma;
- Tr: periodo di ritorno.
Tali valori vengono riportati per i 4 stati limite previsti per le azioni sismiche (§3.2.1) e precisamente i due
stati limite di esercizio:
- Stato Limite di Operatività (SLO);
- Stato Limite di Danno (SLD);
e i due stati limite ultimi:
- Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV);
- Stato Limite di prevenzione del Collasso (SLC).

9.1.1.1.7.2 Tipologia

• Classe di duttilità: §7.2.2. Sono inseribili tre valori:


- Non dissipativa: può corrispondere ad analisi lineari e non lineari. Unitamente alla definizione del
tipo di analisi contribuisce alla determinazione dei fattori di comportamento.
- “A” alta capacità
- “B” bassa capacità dissipativa.
• Regolarità in pianta ed in elevazione: il controllo deve essere fatto dall’utente sulla base del §7.2.1. Le
opzioni sono inserite per completezza delle stampe e per effettuare il controllo sulla liceità di adozione
della analisi statica.

Per quanto riguarda la valutazione della regolarità in elevazione, ed in particolare il §7.2.1e), il


programma fornisce il valore delle masse afferenti a ciascun piano nel capitolo di relazione “Masse di
piano” e le rigidezze di interpiano nel capitolo di relazione “Rigidezze di interpiano”. Per comodità
entrambi i capitoli sono riportati anche nella finestra Risultati calcolo.

115
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

È possibile selezionare la tipologia strutturale settando i vari parametri necessari. L’utente deve scegliere se la
struttura è un edificio in cemento armato, acciaio, muratura o legno e definire i seguenti parametri per il calcolo
in automatico dei fattori di struttura:
• Tipologia: (§7.4.3.1 per edifici in c.a., §7.5.2.1 per edifici in acciaio e §7.8.1.3 per edifici in muratura) si
definisce la tipologia strutturale dell’edificio che si sta modellando. Alla tipologia è associato il valore qo
per il calcolo del fattore di struttura.
• Alfau/Alfa1: (§7.4.3.2 per edifici in c.a., §7.5.2.2 per edifici in acciaio e §7.8.1.3 per edifici in muratura)
rapporto di sovraresistenza per il calcolo del fattore di struttura in relazione alla tipologia strutturale. Sulla
base della tipologia indicata, se necessaria, il programma propone i valori di sovraresistenza di
normativa.

In sede di risoluzione, nel caso la tipologia scelta sia quella di edificio in c.a., il programma valuta ad
ogni piano i rapporti tra il taglio totale e i tagli assorbiti dai pilastri e dalle pareti. Valuta inoltre se la
struttura è deformabile torsionalmente. I risultati della ricerca vengono espressi piano per piano nella
finestra delle note di calcolo. Tutti questi controlli non vengono inoltre eseguiti se la struttura è
dichiarata esistente o isolata, se si sta eseguendo un’analisi statica non lineare o la analisi indicata al
§7.0 per costruzioni caratterizzate nei confronti dello SLV da ag*S<=0.075g. È opportuno analizzare con
senso critico i risultati della ricerca. In particolare le valutazioni dovrebbero riguardare interpiani
delimitati da piani con ingombri paragonabili trascurando i controlli riferiti ad interpiani non significativi
quali quelli generati da livelli introdotti per utilità di disegno (es. livelli introdotti per rappresentare
pianerottoli di scale o piccole zone ribassate di solaio). Entità del tipo descritto sarebbe bene
rappresentarle attraverso falde orizzontali che non vengono prese in conto nella valutazione della
tipologia.
• Kw: (§7.3.1) per strutture a pareti o miste equivalenti a pareti bisogna stabilire il valore del fattore di
riduzione Kw che viene utilizzato per ridurre il valore di q0 per prevenire il collasso delle strutture a
seguito della rottura delle pareti Si tratta di un parametro molto significativo che può portare anche a
raddoppiare l’azione sismica ed è di difficile valutazione automatica.
È possibile selezionare contemporaneamente più di un tipo di struttura (cemento armato, acciaio, muratura e
legno) nel caso in cui la struttura realizzata sia mista. Il calcolo del fattore di comportamento q proposto sarà il
minore tra quelli delle varie tipologie.
Nel caso in cui la tipologia impostata sia “Struttura a telaio” o “Struttura Prefabbricata a telaio” in c.a. a valle
della soluzione viene verificato il §7.4.3.1 nella parte dedicata alle strutture a telaio. In particolare viene valutata
la resistenza affidata a telai spaziali nel modo seguente:
• per ciascun livello e per ciascuna combinazione sismica vengono calcolati la risultante delle azioni
orizzontali e la risultante dei tagli al piede dei pilastri;
• viene proiettata la risultante dei tagli al piede dei pilastri sulla direzione della risultante delle azioni
orizzontali;
• la proiezione, divisa per il modulo della risultante delle azioni orizzontali, viene confrontata con l’aliquota
del 65% indicata dalla norma.

9.1.1.1.7.3 Analisi
Attivando la scheda “Analisi” vengono richiesti i dati presenti nell’immagine seguente:

116
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Tipo di analisi: l’utente può scegliere se effettuare un’analisi statica lineare, dinamica modale, statica non
lineare, dinamica modale con isolatori elastomerici o dinamica modale con isolatori a pendolo. A
differenza di quanto previsto dal programma per OPCM 3431 e il D.M.16-01-96 il tipo di analisi si
imposta in questo dialogo e non in quello delle Preferenze.
• Rotazione del sisma: consente di variare la direzione del sisma orizzontale rispetto a quella del sistema
di riferimento globale; precisamente viene richiesto l’angolo d'ingresso del sisma orizzontale X misurato
dal semiasse positivo delle ascisse globali, in verso antiorario; la direzione del sisma orizzontale Y è
determinata da questo angolo incrementato di 90°.
• Quota dello '0' sismico: consente di utilizzare una quota di spiccato di fondazione, ai fini del calcolo delle
azioni sismiche, diversa da quella inserita nei livelli; le azioni sismiche e i loro valori verranno
conteggiate a partire dalla quota indicata. In particolare le masse al di sotto dello zero sismico non
verranno prese in considerazione e le altezze z nella formula (7.3.7) per il calcolo delle forze statiche
equivalenti verranno computate a partire dallo zero sismico.
• Smorzamento viscoso (%): secondo il §3.2.3.2.1 formula (3.2.4) lo smorzamento viscoso ξ ha influenza
solo sugli spettri elastici attraverso il coefficiente η.
• Limite spostamenti interpiano: (§7.3.6.1) viene impostato il valore limite per la valutazione degli
spostamenti di interpiano. Lasciando il default il valore è valutato in automatico sulla base della tipologia
strutturale scelta. Si faccia attenzione che il valore da impostare è quello delle formule (7.3.6.1a),
(7.3.6.1b), (7.3.6.1c), (7.3.6.1d) o (7.3.6.1e). Il programma poi, in sede di controllo degli spostamenti di
interpiano, adotterà tali valori nel caso in cui l’edificio sia di classe d’uso I e II utilizzando la famiglia di
combinazioni SLD o i 2/3 di tali valori a se l’edifico è di classe d’uso III e IV utilizzando la famiglia di
combinazioni SLO.
• Fattori di comportamento per sisma SLD X, SLD Y, SLV X, SLV Y: (§7.3.1) nel caso in cui sia
selezionato Default il programma propone il valore sulla base dei dati inseriti e lo riporta tra parentesi. In
alternativa è possibile inserire un valore personalizzato.
• Fattori di comportamento per sisma SLD Z, SLV Z (§7.3.1) vale quanto riportato per il fattore di
comportamento per sisma X. Il sisma verticale deve essere considerato in caso di presenza di particolari
elementi nella costruzione e purchè il sito nel quale sorge la costruzione sia caratterizzato da una
accelerazione al suolo >=0.15g.
• Stato limite sismico analizzato in caso di isolatori a pendolo: nel caso sia stata scelta un’analisi lineare
dinamica con isolatori a pendolo, è possibile analizzare un solo stato limite sismico alla volta. Questo
perché lo spostamento di riferimento per il quale è possibile determinare la rigidezza degli isolatori a
pendolo è funzione dello spettro da considerare. In particolare per controllare gli spostamenti di
interpiano si deve scegliere SLD, per eseguire le verifiche degli elementi strutturali (sia non sismiche che
sismiche) della sovrastruttura e della sottostruttura si deve scegliere SLV, mentre per poter verificare gli
apparecchi di isolamento a pendolo si deve scegliere SLC. In particolare per gli isolatori se il fornitore
fornisce a catalogo il valore del carico sismico di progetto solo in SLV si deve eseguire una verifica degli
stessi anche in SLV.
Nell’ultimo riquadro sono riportati i parametri che influenzano la creazione delle combinazioni di default:
• Moltiplicatore del sisma X o Y per combinazioni di default: utilizzando questi dati è possibile
incrementare o diminuire i coefficienti di combinazione del sisma in ciascuna delle direzioni proposti in
automatico dal programma quando si utilizza il tasto Default rispetto ai valori previsti dal D.M. 17-01-18.
• Ometti G2 per combinazioni di default: qualora l'opzione sia attivata, nella definizione delle combinazioni
di default il valore del coefficiente moltiplicativo dei carichi in condizione "Permanenti portati" viene fatto
variare da 0.8 a 1.5 in SLU e viene assunto pari a 1 in SLE. Qualora l'opzione non sia attivata tale
coefficiente varia invece da 0 a 1.5 in SLU e da 0 a 1 in SLE. Tale opzione non influenza il valore dei
coefficienti in combinazione sismica, assunti sempre col valore massimo.

9.1.1.1.7.4 Suolo
Vengono richiesti tutti i dati relativi al suolo legati all’azione sismica. Il riferimento è alle tabelle 3.2.II, 3.2.III,
3.2.IV, 3.2.V e 3.2.VI. Attivando la scheda “Suolo” è possibile selezionare, attraverso l’apposito menu a tendina,
la categoria di suolo della commessa; i valori dei coefficienti vengono aggiornati dal programma
automaticamente. L’utente è comunque in grado di modificarli.

117
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

In particolare vengono richiesti per ogni SL:


• SS: coefficiente di amplificazione stratigrafica (Tab. 3.2.IV);
• Tb: periodo corrispondente all’inizio del tratto dello spettro ad accelerazione costante;
• Tc: periodo corrispondente all’inizio del tratto a velocità costante dello spettro;
• Td: periodo corrispondente all’inizio del tratto a spostamento costante dello spettro.
Si ricorda che tali valori sono diversi per i vari SL in quanto Tc e Tb dipendono da Tc* e Td dipende da ag e tali
valori sono diversi nei vari SL.
Vengono poi richiesti:
• la categoria topografica (Tab. 3.2.III);
• il coefficiente di amplificazione topografica St (Tab. 3.2.V)

9.1.1.1.7.5 Torsione accidentale


Attivando la scheda “Torsione accidentale” si apre il dialogo seguente:

La norma prevede al §7.2.6 la considerazione di un’eccentricità accidentale non inferiore a 0.05 volte la
dimensione media dell’edificio misurata in direzione perpendicolare all’azione sismica. In analisi statica lineare il
rispetto della norma è assicurato dalla introduzione di due condizioni di carico (eccentricità X ed eccentricità Y)
nelle quali fare agire coppie torcenti date dal prodotto della forza statica equivalente per la distanza di cui
sopra. In analisi dinamica occorrerebbe analizzare quattro diversi modelli ottenuti traslando nei due sensi in X
ed Y il baricentro delle masse. In alternativa la norma consente di analizzare un unico modello con la massa
posizionata nel proprio baricentro e di considerare l’eccentricità accidentale statica.
Di default tali coppie torcenti sono applicate solo ai nodi di piano rigido, cioè ai piani dove sono stati disegnati
dei carichi di superficie a comportamento infinitamente rigido, e sempre nel caso che sia stata definita una
eccentricità non nulla per tale piano.
Attivando invece l’opzione Torsione accidentale per piani (livelli e falde) flessibili, il programma applicherà tali
coppie torcenti a tutti i nodi giacenti su di un livello o falda per il quale sia stata definita una eccentricità non

118
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

nulla. Il programma richiede, per applicare tali coppie aggiuntive, anche la presenza nel livello o nella faldadi
una piastra o di un carico di superficie purché a comportamento infinitamente rigido o membranale.
Le eccentricità sono specificabili tanto per i livelli che per le falde. I valori delle eccentricità, distintamente per le
direzioni sismiche x e y, possono essere imposti dall’utente oppure calcolati in automatico dal programma. Il
calcolo automatico delle eccentricità (voce Default) avviene considerando l’ingombro dei soli carichi di
superficie a comportamento infinitamente rigido e giacenti su livelli; nel caso invece sia stata attivata l’opzione
Torsione accidentale per piani (livelli e falde) flessibili, il calcolo in automatico delle eccentricità considera
l’ingombro sia dei carichi di superficie (a comportamento infinitamente rigido o membranale) che delle piastre,
sempre giacenti su livelli o falde.
Il valore delle eccentricità calcolato in automatico per le falde è sempre zero: da una parte la normativa non cita
mai esplicitamente le falde e, soprattutto, in considerazione del fatto che le incertezze sulla localizzazione delle
masse in copertura sono poco realistiche. Nel caso si debba comunque considerare le eccentricità anche per il
tetto, si consiglia di valutare l’entità di tali eccentricità considerando l’ingombro in pianta di ciascuna copertura e
settare per le falde componenti tale copertura un unico valore comune (5% dell’ingombro della copertura). Le
eccentricità di una falda vengono applicate ai nodi geometricamente appartenenti a tale falda secondo il criterio
descritto nel paragrafo Falde.
Nel caso un nodo appartenga spazialmente ad un livello ed anche ad una falda, viene impiegata l’eccentricità
maggiore, per ciascuna direzione.

Il programma considera la torsione accidentale solo se è stata definita, manualmente o in automatico,


una eccentricità non nulla per qualche livello o falda ospitante almeno un carico di superficie avente
comportamento rigido, una piastra oppure un carico di superficie con comportamento rigido o
membranale, ma con la richiesta di considerare la torsione accidentale per piani flessibili.

In presenza di giunto di dilatazione la valutazione automatica delle eccentricità ai piani così come
implementata dal programma attraverso il tasto Database nella casella Dati per torsione accidentale
della OPCM o delle NTC non è corretta perché il programma valuta la dimensione dell’intero edificio
senza tenere conto della presenza dei giunti. Le eccentricità debbono essere valutate manualmente
dall’utente per ogni singolo corpo separato da giunti. L’utente assegnerà come eccentricità i maggiori
valori tra quelli calcolati per i singoli corpi.

9.1.1.1.7.6 Analisi elastica


La scheda risulta divisa in due parti:

La parte superiore riguarda i dati richiesti nel §7.3.3.2 per il calcolo dell’azione sismica mediante forze statiche
equivalenti, principalmente per l’analisi statica lineare e comunque per tenere conto del fenomeno
dell’eccentricità accidentale del centro di massa come richiesto nel §7.3.3.
• T1,x e T1,y: nel § 7.3.3.2 è definito come periodo del modo di vibrare principale nella direzionein
esame(sisma X e sisma Y, ndr). È possibile specificarne il valore numerico, oppure scegliendo la voce
“Da analisi modale” il programma provvede a valutarlo automaticamente mediante l’esecuzione di
un’analisi modale e impiegando il periodo del modo proprio di vibrare con la maggior massa
traslazionale partecipante nella direzione del sisma in esame; in questo secondo caso a fianco del testo
“Da analisi modale”, prima di eseguire l’analisi si legge “Non disponibile”, mentre ad analisi eseguita
viene riportato il valore numerico di T1. I periodi e le masse partecipanti di ciascun modo sono
ispezionabili nel capitolo Risposta modale della finestra Risultati calcolo oppure nell’omologo capitolo di
relazione.Si ricorda che T1 viene impiegato direttamente nella valutazione delle forze sismiche statiche

119
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

equivalenti (§7.3.3.2), nella valutazione del fattore di duttilità in spostamento (§7.3.3.3), nella
valutazione del fattore di duttilità in curvatura (§7.4.4.1.2) e nella valutazione della domanda di taglio
di progetto delle pareti C.A. (§7.4.4.5.1).
• T1,z: periodo del modo di vibrare principale nella direzione in esame (sisma Z, ndr). È possibile solo
specificarne il valore numerico e fintanto che non viene fornito si legge il testo “Non fornito”. T1,z viene
impiegato unicamente nella valutazione delle forze sismiche statiche equivalenti (§7.3.3.2); pertanto è
necessario definirne il valore solo nel caso si debba eseguire un’analisi con sisma Z.La voce è abilitata
solo nel caso siano stati specificati valori delle altre preferenze per i quali sia ammesso lo studio del
sisma verticale.
• λSLO,x, λSLO,y, λSLD,x, λSLD,y, λSLV,x, λSLV,y: coefficiente λ (§7.3.3.2) per ciascun stato limite
sismico e per ciascuna delle due direzioni del sisma X e Sisma Y, dipendente dal numero
diorizzontamenti dell’edificio, da Tc (diverso per i diversi SL), e da T1 (generalmente diverso nelle due
direzioni sisma X e sisma Y); nel caso in cui sia selezionato “Default” viene valutato automaticamente; in
tal caso se il relativo T1 è disponibile (vedi T1,x e T1,y sopra) a fianco del testo “Default” si legge il
valore numerico (0.85 oppure 1), altrimenti viene riportato il testo “Non disponibile”.Ciascuna voceè
abilitata solo nel caso siano stati specificati valori delle altre preferenze per i quali si renda necessario lo
studio del relativo stato limite sismico.
• λZ: coefficiente λ (§7.3.3.2) per sisma verticale, dipendente dal numero di orizzontamenti dell’edificio, da
Tc (uguale per i diversi SL) e da T1,z; nel caso in cui sia selezionato “Default” viene valutato
automaticamente; in tal caso se T1,z è disponibile (vedi sopra) a fianco del testo “Default” si legge il
valore numerico (0.85 oppure 1), altrimenti viene riportato il testo “Non disponibile”. La voce è abilitata
solo nel caso siano stati specificati valori delle altre preferenze per i quali sia ammesso lo studio del
sisma verticale.
La seconda parte riguarda invece i dati relativi all’analisi modale. Vengono richiesti:
• Numero modi: numero di modi di vibrare da considerare; il programma in sede di lettura dei risultati del
solutore controlla che la massa partecipante sia superiore all’85% (§7.3.3.1). Nel caso in cui non si
raggiunga l’85% di partecipazione della massa occorre aumentare il numero di modi.
• Metodo di Ritz: per chiarimenti relativi al metodo di combinazione ed al metodo di Ritz si rimanda al
manuale in linea del solutore interno al capitolo “La risposta allo spettro”.
Il programma, in ottemperanza a quando richiesto dal §7.3.3.1 esegue la combinazione quadratica completa
(CQC) degli effetti di ciascun modo di vibrare.

9.1.1.1.7.7 Spettri
Attivando la scheda “Spettri” è possibile visualizzare gli spettri elastici e di progetto per azioni orizzontali e
verticali. I vari spettri previsti possono essere visualizzati attraverso il menu a tendina presente nella parte
superiore della scheda.

Scorrendo con il cursore del mouse sopra ad uno spettro vengono visualizzate, sotto lo spettro in esame,
l’ordinata spettrale al periodo selezionato.

120
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

9.1.1.1.7.8 Statica non lineare (pushover)


Visualizzando la scheda è possibile selezionare:
I dati richiesti all’utente nella scheda “Pushover” sono gli stessi previsti dall’OPCM 3431; si rimanda pertanto al
relativo paragrafo per maggiori dettagli.

• Distribuzione forze d’inerzia principali (Gruppo 1): selezionando Da analisi statica lineare il programma
assume come distribuzione di forze proporzionali agli autovettori le forze della analisi statica lineare.
Selezionando Da calcolo autovalori il programma esegue una ricerca degli autovalori relativi al primo
modo con masse in direzione X ed una ricerca con masse in direzione Y; distribuisce quindi le forze
orizzontali sulla base dei relativi auto vettori (§7.3.4.2). Selezionando Da tagli di piano ottenuti da analisi
dinamica il programma distribuisce le forze orizzontali sulla base dei tagli ottenuti da una analisi
dinamica eseguita automaticamente (§7.4.3.2).
• Calcolo fattore partecipazione modale: il fattore di partecipazione modale Γ è il coefficiente mediante il
quale si passa da un sistema a molti gradi di libertà ad un oscillatore bilineare equivalente in caso di
analisi statica non-lineare. Esso nella Circolare 617 02-02-09 è definito alla formula C7.3.5, e rispetto
alla formulazione di OPCM3431 tiene conto di un “vettore di trascinamento” τ, mediante il quale si
considerano, oltre alle masse traslazionali come avveniva in precedenza, anche le inerzie torsionali.
Le due opzioni presenti in Sismicad consentono di valutare se considerare o meno il contributo delle
inerzie torsionali nella valutazione di tale coefficiente, per cui se si sceglie “Non considerare inerzie
torsionali (OPCM 3431)”, si considererà un fattore di partecipazione modale in cui entrano in gioco le
sole masse traslazionali e gli autovettori corrispondenti alle traslazioni in direzione x e in direzione y,
mentre se si sceglie l’opzione “Considera inerzie torsionali (Circ.617 02-02-09)” si terrà conto anche del
contributo delle masse rotazionali e delle corrispondenti componenti di autovettori.
• Coefficiente partecipazione per Gruppo 2: secondo la Circolare 617 02-02-09 per analisi statica non-
lineare (cfr. §C7.3.4.1) è possibile scegliere come calcolare il fattore di partecipazione modale per la
distribuzione di forze del gruppo 2, se utilizzare lo stesso valore valutato per il gruppo 1 oppure se
calcolarlo indipendentemente dagli auto valori e proporzionale alle forze applicate.
• Adeguamento edificio esistente: Se si opera secondo le Norme Tecniche per le Costruzioni e la struttura
è stata dichiarata esistente, sotto la voce “Adeguamento” si può stabilire la percentuale di adeguamento
per cui calcolare lo spostamento di risposta e di conseguenza la relativa soluzione andando poi a
eseguire il comando “Calcolo struttura per gli spostamenti di risposta” (vedasi capitolo relativo).
• Percentuale di adeguamento: rappresenta la percentuale rispetto all’adeguamento completo della
struttura a cui calcolare lo spostamento di risposta
• Parametro percentuale di adeguamento: rappresenta in relazione a quale grandezza si vuole calcolare la
percentuale di adeguamento che si riferisce all’indicatore di rischio sismico espresso secondo due
grandezze:
- Periodo di ritorno
0.41
⎡ TR,%adeguamento ⎤
- %adeguamento = ⎢ ⎥
⎢⎣ TR , SL, RIF ⎥⎦
dove TR,SL,RIF è il periodo di ritorno di riferimento relativo allo stato limite preso in esame
- Accelerazione di aggancio dello spettro (PGA)
PGA%adeguamento
- %adeguamento =
PGASL, RIF
dove PGA,SL,RIF è l’accelerazione di aggancio di riferimento che tiene conto anche dei parametri
correttivi relativi alla topografia e alla categoria del suolo, relativa allo stato limite preso in esame.
Mediante l’apposito bottoneFEM avanzate è possibile accedere alle preferenze avanzate per la modellazione
in analisi statica lineare. Si rimanda all’apposito paragrafo per maggiori dettagli.
Mediante l’apposito bottonePredefiniti è possibile ripristinare i valori di default consigliati.

9.1.1.1.7.9 Verifiche geotecniche

121
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Attivando la scheda “Verifiche geotecniche” si apre il dialogo seguente:

• Coefficiente di sicurezza per carico limite (fondazioni superficiali): il valore richiesto è un fattore parziale,
maggiore o al più uguale ad 1, che riduce la resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando
Default il valore viene assunto dalla tabella Tab.6.4.I.
• Coefficiente di sicurezza per scorrimento (fondazioni superficiali): il valore richiesto è un fattore parziale,
maggiore o al più uguale ad 1, che riduce la resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando
Default il valore viene assunto dalla tabella Tab.6.4.I.
• Coefficiente di sicurezza per ribaltamento (plinti superficiali): il valore richiesto è un fattore parziale,
maggiore o al più uguale ad 1, che riduce la resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando
Default il valore viene assunto dalla tabella Tab.6.5.I.
• Coefficienti di sicurezza portanza verticale pali: è riportata una tabella in cui vengono richiesti i
coefficienti di sicurezza per la portanza assiale di punta e laterale (a compressione e a trazione) diversi a
seconda della tipologia di palo considerato. Anche questi valori sono fattori parziali che riducono la
resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando Default il valore viene assunto dalla tabella
6.4.II.
• Coefficiente di sicurezza portanza trasversale pali: il valore richiesto è un fattore parziale, maggiore o al
più uguale ad 1, che riduce la resistenza di progetto (γR) in fase di verifica. Impostando Default il valore
viene assunto dalla tabella Tab.6.4.VI.
• Fattore di correlazione della resistenza caratteristica dei pali in base alle verticali indagate: (Tabella
6.4.IV) è un fattore che serve per passare dalla resistenza calcolata a quella caratteristica da attribuire al
palo in funzione del numero di verticali indagate, ovvero sulla base del numero di prove geotecniche
eseguite in sito.

9.1.1.1.7.10 Vento
Visualizzando la scheda è possibile selezionare:

122
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Zona:si deve specificare la zona definita nella Tab. 3.3.I mediante la selezione, con il mouse o i tasti
freccia della tastiera, dell’area della zona sulla rappresentazione del territorio nazionale. Opzionalmente
il programma è in grado di valutare la zona in automatico basandosi sulla località specificata nella
scheda Generali: nel caso siano state espressamente fornite le coordinate geodetiche della località, il
programma identifica il comune come quello con distanza minima dalle coordinate fornite; nel caso di
comune al confine tra una zona e l’altra si consiglia di controllare la zona attribuita in automatico ed
eventualmente settarla manualmente avendo prima deselezionato tale opzione.
• Rugosità: permette di definire le classi di rugosità del terreno, così come definite nella Tab. 3.3.III.
• Categoria di esposizione: categoria di esposizione così come definita nelle Fig. 3.3.2, in base alla zona,
alla rugosità e alla distanza dalla costa.
• Vb: permette di settare il valore desiderato della velocità di riferimento; selezionando Default questa
viene calcolata secondo [3.3.1].
• Tr: periodo di ritorno espresso in anni da utilizzarsi nella formula [3.3.3].
• Ct: coefficiente di topografia, secondo § 3.3.7.
• qr: pressione cinetica di riferimento calcolata secondo [3.3.6]; il valore è in sola lettura ed è impiegabile
per il calcolo della pressione del vento, secondo [3.3.4], e più in generale pervalutare le azioni statiche
equivalenti da applicare alla struttura.
• Andamento di Ce con la quota z: il diagramma permette di valutare il valore del coefficiente di
esposizione, Ce, alle varie quote dell’edificio, essendo z l’altezza dal suolo del punto considerato; viene
valutata secondo [3.3.7].

9.1.1.1.7.11 Neve
Visualizzando la scheda è possibile selezionare:

123
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Zona:si deve specificare la zona definita nel § 3.4.2 mediante la selezione, con il mouse o i tasti freccia
della tastiera, dell’area della zona sulla rappresentazione del territorio nazionale. Opzionalmente il
programma è in grado di valutare la zona in automatico basandosi sulla località specificata nella scheda
Generali: nel caso siano state espressamente fornite le coordinate geodetiche della località, il
programma identifica il comune come quello con distanza minima dalle coordinate fornite; nel caso di
comune al confine tra una zona e l’altra si consiglia di controllare la zona attribuita in automatico ed
eventualmente settarla manualmente avendo prima deselezionato tale opzione.
• Coefficiente di forma per il carico da neve: il diagramma permette di valutare il valore dei coefficienti di
forma µ1e µ2, in funzione dell’angolo della falda, secondo Tab. 3.4.II e Tab. C.3.4.Idella Circ. 02-02-09
n°617 C.S.LL.PP.
• Classe topografica: il programma permette di definire la classe topografica in accordo alla Tab. 3.4.I.
• Ce:è possibile specificare il valore desiderato del coefficiente di esposizione oppure adottare il valore di
default come definito nella Tab. 3.4.I in funzione della classe topografica.
• Ct: è possibile specificare il valore desiderato del coefficiente termico del § 3.4.5.
• Tr: tempo di ritorno impiegato nella valutazione del qsk. Il valore di Default è di 50 anni, §3.4.2, e solo
per tale valore la normativa fornisce il qsk.
• qsk: è possibile specificare il valore desiderato del valore caratteristico di riferimento della neve al
suolooppure adottare il valore di default calcolato secondo § 3.4.2 per Tr di 50 anni. Nel caso si adotti un
Tr differente la norma non specifica come estrapolare qsk, la cui valutazione è quindi lasciata all’utente.
• Carichi da neve: attraverso l’apposita finestra che si apre cliccando il tasto Dettagli è possibile creare e
modificare i carichi da neve calcolati secondo le indicazioni di normativa.

124
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

In questo dialogo sono elencati in una griglia tutti i carichi da neve creati dall’utente. È possibile:
• Aggiungere carichi: mediante il tasto Nuovo, edil menu che esce con il tasto a lato, è possibile creare un
nuovo carico da neve secondo le tipologie previste dalla normativa (§ 3.4.3.2, 3.4.3.3 e Circ. 02-02-09
n°617 C.S.LL.PPC3.4.5.4, C3.4.5.6, C3.4.5.7.1, C3.4.5.7.2, C3.4.5.7.3). Nel caso siano state definite
delle falde l’angolo proposto di default è quello massimo delle falde. Tutti i valori proposti di default
possono essere personalizzati a piacimento.
• Eliminare carichi: mediante il tasto Elimina, edil menu che esce con il tasto a lato, è possibile eliminare il
carico selezionato nella griglia oppure tutti i carichi assieme.
• Modificare un carico: una volta selezionata un carico nella griglia è possibile modificarne la descrizione,
nella griglia stessa, e gli altri dati nelle caselle di testo riportate nel disegno inferiore. Gli angoli delle
falde, nei casi previsti dalla normativa, possono essere ininfluenti se presenti parapetti, barriere o altre
ostruzioni: in tal caso si selezioni la voce di menù “Impedita di scivolare”. Le caselle di testo ingrigite
presenti nel disegno contengono i valori calcolati dal programma e ne permettono la copia, una volta
cliccato con il tasto destro nella casella di interesse.
Per la tipologia di carico “Copertura adiacente a costruzioni più alte § C3.4.5.6 Circ. 02-02-09 n°617
C.S.LL.PP.”, nel caso che b2<ls, i valori μdx,(ii) e qdx,(ii) sono forniti già interpolati all’estremo destro di b2, in
accordo con l’ultimo comma del § C3.4.5.6.
I valori dei carichi qui definiti possono essere agevolmente copiati durante la definizione/modifica dei carichi
superficiali, si veda al riguardo il capitolo relativo. Si esca dal dialogo attraverso il tasto OK.
9.1.1.2 Norma di verifica
Attraverso l’apposito menu a tendina è possibile selezionare la norma di verifica da adottare per il progetto degli
elementi strutturali. È possibile scegliere tra:
• Tensioni ammissibili D.M. 14-02-92
• Stati limite D.M. 09-01-96
• Eurocodici
• D.M. 14-01-08: Norme Tecniche per le Costruzioni.
• D.M. 17-01-18: Norme Tecniche per le Costruzioni.

9.1.1.2.1 Tensioni ammissibili D.M. 14-02-92


Selezionando Tensioni ammissibili D.M. 14-02-92 è possibile effettuare le verifiche degli elementi strutturali
adottando come normativa il metodo alle tensioni ammissibili italiano. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli…
si apre una finestra per l’inserimento dei dati di normativa per il cemento armato e per l’acciaio. I dettagli
richiesti per il cemento armato sono i seguenti:

125
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Acciaio armature: si scelga il materiale acciaio per le armature da adottare in sede di verifica. Il menu a
tendina propone la lista dei materiali armature precedentemente definiti nell’apposito database;
• Coefficiente di omogeneizzazione: è possibile fissare n = Ea/Ec = 10 o n = Ea/Ec = 15;
• Coefficiente di riduzione della τ per cattiva aderenza: il calcestruzzo viene diviso da tutte le normative in
zone di buona e cattiva aderenza. E' possibile definire il coefficiente con cui penalizzare le τ nelle zone di
cattiva aderenza rispetto al valore adottato nelle zone di buona aderenza (3 τco in tensioni ammissibili). Il
valore proposto di default è 0,7;
• Coefficiente β2 per calcolo ampiezza fessure (0.5÷1): (EC2 4.4.2.4 P(2) Circ. M.LL.PP. 24 giugno 93
n.37406/STC).
I dettagli richiesti per l’acciaio sono relativi alle verifiche dei sagomati a freddo secondo CNR 10022 e
precisamente vengono richiesti:

• Coefficiente di ingobbamento: si imposti il coefficiente di ingobbamento (compreso fra 0.5 ed 1) richiesto


dalla direttiva CNR10011 al punto 7.2.5, a cui rimanda la direttiva CNR10022 al punto 4.4.1 per la
verifica di instabilità flessotorsionale (per default si pone 0.5);
• Verifica di instabilità flessotorsionale: essa abilita la verifica ad instabilità flessotorsionale per le aste
aventi sezione verificabile secondo la direttiva CNR10022 punto 4.4.1. (sagomati a freddo e tubi
quadrangolari di spessore inferiore a 4 mm);
• Rapporto b0/t elementi irrigiditi da anima e piega: si imposti il rapporto massimo ammissibile larghezza
(bo) / spessore (t) per gli elementi di sezione compressi, irrigiditi ad un bordo da un’anima e all’altro
bordo da una semplice ripiegatura, secondo la direttiva CNR10022 - punto 3.1.4.1 (per default si pone
pari a 60).
• Rapporto b0/t elementi irrigiditi da due anime: si imposti il rapporto massimo ammissibile larghezza (bo) /
spessore (t) per gli elementi di sezione compressi, irrigiditi ad entrambi i bordi da un’anima, secondo la
direttiva CNR10022 - punto 3.1.4.1 (per default si pone pari a 250).
• Rapporto b0/t elementi non irrigiditi: si imposti il rapporto massimo ammissibile larghezza (bo) / spessore
(t) per gli elementi di sezione compressi non irrigiditi, secondo la direttiva CNR10022 - punto 3.1.4.1 (per
default si pone pari a 30).
• Rapporto h/t anime inflesse: si imposti il rapporto massimo ammissibile altezza (h) / spessore (t) per le
anime di sezioni inflesse, secondo la direttiva CNR10022 - punto 3.1.4.2 (per default si pone pari a 150).

9.1.1.2.2 Stati limite D.M. 09-01-96


Selezionando Stati limite D.M. 09-01-96 è possibile effettuare le verifiche degli elementi strutturali adottando
come normativa il metodo agli stati limite italiano. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una finestra
per l’inserimento dei dati di normativa per il cemento armato e per il legno. I dettagli richiesti per il cemento
armato sono:

126
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Acciaio armature: si scelga il materiale acciaio per le armature da adottare in sede di verifica. Il menu a
tendina propone la lista dei materiali armature precedentemente definiti nell’apposito database;
• Coefficiente di omogeneizzazione: è possibile fissare n = Ea/Ec = 10 o n = Ea/Ec = 15; viene impiegato
nelle verifiche in esercizio di pilastrate e pareti;
• Coefficiente di riduzione della τ per cattiva aderenza: il calcestruzzo viene diviso da tutte le normative in
zone di buona e cattiva aderenza. E' possibile definire il coefficiente con cui penalizzare le τ nelle zone di
cattiva aderenza rispetto al valore adottato nelle zone di buona aderenza (3 τco in tensioni ammissibili). Il
valore proposto di default è 0,7;
• Fattore di sicurezza parziale per l’acciaio;
• Fattore di sicurezza parziale per il calcestruzzo;
• Limite σ c/fck in combinazione rara;
• Limite σ c/fck in combinazione quasi permanente;
• Limite σ f/fyk in combinazione rara;
I dettagli richiesti per il legno sono:

• γ combinazioni fondamentali massiccio: si deve fornire il coefficiente di sicurezza parziale per


combinazioni di tipo fondamentale;
• γ combinazioni fondamentali lamellare: si deve fornire il coefficiente di sicurezza parziale per
combinazioni di tipo fondamentale;
• γ combinazioni fondamentaliunioni: si deve fornire il coefficiente di sicurezza parziale per combinazioni di
tipo fondamentale;
• γ combinazioni eccezionali: si deve fornire il coefficiente di sicurezza parziale per combinazioni di tipo
eccezionale;

127
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• γ combinazioni esercizio: si deve fornire il coefficiente di sicurezza parziale per combinazioni di


esercizio;
• Kmod che unito al coefficiente γ permette la determinazione delle resistenze di progetto a partire da quelle
caratteristiche secondo la relazione Xd = Kmod‚(Xk/γm);
• Kdef utilizzato per il calcolo delle deformazioni secondo la relazione ufin = uinst‚(1+Kdef);
• Preferenze pannelli gessofibra: cliccando sul pulsante a lato (Dettagli…) è possibile accedere a al
dialogo delle preferenze di verifica dei pannelli di gesso fibra.

In quest’ultimo dialogo è possibile specificare i parametri specificati nell’ETA fornito dal produttore dei pannelli
in gessofibra. Sono il Kmod, per le possibili classi di impiego e per ciascuna durata del carico, e i parametri a,b
e c della formula generalizzata della resistenza caratteristica a rifollamento f h,1,k = a ⋅ d ⋅ t (in N/mm con d il
b c 2

diametro del connettore e t lo spessore del pannelo, entrambi in mm); si veda al riguardo il capitolo di verifica
della pareti in legno a diaframma.

9.1.1.2.3 Eurocodici
Selezionando Eurocodici è possibile effettuare le verifiche degli elementi strutturali adottando come normativa il
metodo agli stati limite previsto dagli Eurocodici. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una finestra
per l’inserimento dei dati di normativa per il cemento armato, per l’acciaio, per il legno e per la lega di alluminio.
I dettagli richiesti per il cemento armato sono i seguenti:
• Coefficiente di omogeneizzazione: rapporto dei moduli di elasticità acciaio/calcestruzzo (Ea/Ec)
impiegato nelle verifiche in esercizio di pilastrate e pareti in C.A.;
Nella scheda C.A. Annessi nazionali sono riportati valori che EC2 consente di modificare a livello nazionale. È
possibile assegnare il default per l’Italia (Appendice nazionale alla UNI-EN 1992-1-1 del 21-11-2007) o i valori
raccomandati dalla norma.

128
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

I dettagli richiesti per l’acciaio sono:

• Coefficiente riduttivo per effetto vettoriale: si imposti il coefficiente riduttivo per effetto vettoriale del
materiale per le verifiche di instabilità a svergolamento (instabilità flessotorsionale) secondo ENV 1993-
1-1:1994 - punti 5.5.3 e 5.5.4 (per default, secondo le specifiche nel D.M. 16-01-96, si pone 0.7).
• Calcolo coefficienti C1, C2, C3 per Mcr: si imposti la modalità di calcolo dei coefficienti C1, C2, C3 per le
verifiche di instabilità a svergolamento (instabilità flessotorsionale) secondo ENV 1993-1-1:1994 -
Appendice F, per il calcolo del momento critico corrispondente. I coefficienti si possono impostare

129
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

indipendentemente dalle combinazioni di carico (C1=1; C2=0; C3=1) selezionando la modalità "non
automatico". Selezionando invece "automatico" il programma calcola autonomamente i valori dei
coefficienti; si rimanda alla fase di verifica delle aste in acciaio per ulteriori delucidazioni.
• Coefficienti α, β per flessione deviata: (EN 1993:1-1: 2005 punto 6.2.9.1(6)) si imposti la modalità di
calcolo dei coefficienti α, β per le verifiche di resistenza in presenza di flessione deviata con o senza
forza assiale per le sezioni di classe 1 o 2. I valori possono entrambi essere impostati ad 1, con l’opzione
“unitari”; in caso contrario il programma ne esegue il calcolo sulla base del summenzionato punto
dell’EC3.
• Verifica semplificata conservativa: si imposti il criterio di calcolo per le verifiche di resistenza in presenza
di flessione deviata con o senza forza assiale, secondo EN 1993:1-1: 2005 - punto 6.2.1 (6.2).
• Riduzione fy per tubi tondi di classe 4: consente di eseguire le verifichedei tubi tondi di classe 4 come se
fossero sezioni di classe 3 andando a ridurre la fy in modo che il profilo rientri nel range delle tabelle di
normativa come profilo di classe 3. Si consulti il capitolo delle verifiche per maggiori dettagli.
• L/e0 iniziale per profili accoppiati compressi: si imposti, secondo EN 1993:1-1: 2005 - punto 6.4.1, il
rapporto da utilizzarsi per tener conto dell'imperfezione geometrica iniziale ai fini delle verifiche delle aste
calastrellate compresse; si propone come default il valore 500.
• Considera taglio resistente estremità sagomati: permette di considerare resistenti al taglio i lati di
estremità dei profili sagomati a freddo non ritenuti da irrigidimento efficace.Si consulti il capitolo delle
verifiche per maggiori dettagli.
• Metodo semplificato (4.5.3.3 prEN 1993-1-8: 2003): attivando l’opzione la verifica dei cordoni di
saldatura viene eseguita utilizzando il metodo semplificato proposto al punto 4.5.3.3.
• Escludi 6.2.6.7 e 6.2.6.8 in 7.5.4.4 e 7.5.4.6 (D.M. 14-01-08):attivando l’opzione la resistenza del giunto
(Eurocodice 3) nei controlli di sovra resistenza del giunto(7.5.4.4 e 7.5.4.6 D.M. 14-01-08) viene
calcolata in base alla resistenza minore tra i componendi di base ad esclusione dell’ala e anima della
trave (colonna nel caso di collegamento di base) a compressione e dell’anima della trave (colonna nel
caso di collegamento di base) a compressione.
• Applica Nota 1 del prospetto 6.2: attivando l’opzione si assmume che, nei collegamenti bullonati trave-
colonna, si sviluppino le forze di contatto.
• Effettua verifica secondo 6.2.8 con irrigidimenti superiori(piastra di base): attivando l’opzione viene
effettuata la verifica del giunto, secondo quanto previsto dal punto 6.2.8 del EN 1993:1-8: 2005, anche in
presenza di irrigidimenti superiori.
• Limite spostamento relativo interpiano e monopiano: limite di deformabilità di interpiano nelle colonne
(EC3 7.2.2, EC0 A1.4).
• Limite spostamento relativo complessivo multipiano: limite di deformabilità complessivo nelle colonne
(EC3 7.2.2, EC0 A1.4).
Nella scheda Acciaio Annessi nazionali sono riportati i valori che EC3 consente di modificare a livello nazionale.
È possibile assegnare il default per l’Italia (Appendice nazionale alla UNI-EN 1993-1-1 del 27-03-2013) o i valori
raccomandati dalla norma.

130
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• γm0: (resistenza sezioni) si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le verifiche di
resistenza delle sezioni secondo l’Eurocodice 3 (per default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-
01-08, si pone 1.05).
• γm1 (resistenza membrature all’instabilità): si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le
verifiche di instabilità delle membrature secondo l’Eurocodice 3 (per default, secondo l’annesso
nazionale e il D.M. 14-01-08, si pone 1.05).
• γm2 (resistenza collegamenti): si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le verifiche dei
collegamenti secondo l’Eurocodice 3 (per default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-01-08, si
pone 1.25).
• αLT Curva a: permette di definire il valore del coefficiente di imperfezione per la curva di instabilità
flesso-torsionale a secondo l'Eurocodice 3 (per default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-01-08,
si pone 0.21).
• αLT Curva b: permette di definire il valore del coefficiente di imperfezione per la curva di instabilità
flesso-torsionale b secondo l'Eurocodice 3 (per default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-01-08,
si pone 0.34).
• αLT Curva c: permette di definire il valore del coefficiente di imperfezione per la curva di instabilità
flesso-torsionale c secondo l'Eurocodice 3 (per default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-01-08,
si pone 0.49).
• αLT Curva d: permette di definire il valore del coefficiente di imperfezione per la curva di instabilità
flesso-torsionale d secondo l'Eurocodice 3 (per default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-01-08,
si pone 0.76).
• λLT,0: permette di definire il valore di λLT,0 per sezioni laminate e saldate a I secondo il punto 6.3.2.3(1)
Nota della EN1993-1-1 per la valutazione dell'obbligatorietà della verifica a instabilità flesso-torsionale
secondo il punto 6.3.2.2(4) (per default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-01-08, si pone 0.4).
• η instabilità a taglio fino S460: permette di specificare il valore di η utilizzato nelle verifiche a instabilità
da taglio per acciai fino S460 secondo EN1993-1-5 punto 5.1(2)Nota 2 (per default, secondo l’annesso
nazionale e il D.M. 14-01-08, si pone 1.2).
• Spessore sagomati min: permette di specificare il valore minimo dello spessore dei sagomati a freddo
(per default, secondo l’annesso nazionale, si pone 0.08 cm).
• Spessore sagomatimax: permette di specificare il valore massimo dello spessore dei sagomati a freddo
(per default, secondo l’annesso nazionale, si pone 1.6 cm).
• Classi di bulloni ammesse: permette di specificare quali sono le classi di bulloni ammesse in verifica (per
default, secondo l’annesso nazionale e il D.M. 14-01-08, si considerano le classi 4.6-5.6-6.8-8.8-10.9).
I dettagli richiesti per il legno sono:

131
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

I dati richiesti sono analoghi a quanto visto per le gli stati limite D.M. 09-01-96 a cui si rimanda per maggiori
dettagli.
I dettagli richiesti per la lega di alluminio sono:

• γm1: si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le verifiche di sicurezza secondo
l’Eurocodice 9 (predefinito il valore 1.15 secondo l’annesso nazionale).
• γm2: si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le verifiche di sicurezza delle sezioni nette
sui fori dei bulloni secondo l’Eurocodice 9 (predefinito il valore 1.25 secondo l’annesso nazionale).

9.1.1.2.4 D.M. 14-01-08 (Norme Tecniche per le Costruzioni)


Selezionando D.M. 14-01-08 è possibile effettuare le verifiche degli elementi strutturali adottando come
normativa il metodo agli stati limite italiano. Cliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una finestra per
l’inserimento dei dati di normativa per il cemento armato e per il legno. I dettagli richiesti per il cemento armato
sono i seguenti:

132
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Coefficiente di omogeneizzazione: è possibile fissare n = Ea/Ec = 10 o n = Ea/Ec = 15; impiegato nelle


verifiche in esercizio di pareti in C.A.;
• Coefficiente di riduzione della τ per cattiva aderenza: il calcestruzzo viene diviso da tutte le normative in
zone di buona e cattiva aderenza. E' possibile definire il coefficiente con cui penalizzare le τ nelle zone di
cattiva aderenza rispetto al valore adottato nelle zone di buona aderenza (3 τco in tensioni ammissibili). Il
valore proposto di default è 0,7;
• Fattore di sicurezza parziale per l’acciaio;
• Fattore di sicurezza parziale per il calcestruzzo;
• Limite σ c/fck in combinazione rara;
• Limite σ c/fck in combinazione quasi permanente;
• Limite σ f/fyk in combinazione rara;
• Dimensione limite fessure w1 §4.1.2.2.4.1;
• Dimensione limite fessure w2 §4.1.2.2.4.1;
• Dimensione limite fessure w3 §4.1.2.2.4.1;
• Fattori parziali di sicurezza unitari per meccanismi duttili di strutture esistenti con fattore q: la tab. C8.4
lascia qualche incertezza interpretativa in particolare se confrontata con il prospetto 4.3 di UNI EN 1998-
3. Suggeriamo di non attivare la opzione.
• Copriferro secondo EC2: permette di valutare la dimensione minima del copriferro secondo quanto
previsto da EC2 4.4.1 e non secondo quanto previsto da D.M. 14-01-08 C4.1.6.1.3. Per classi di
esposizione XF e XA il programma assume per entrare nei prospetti 4.3N e 4.4N:
- XA1 -> XD1
- XA2 -> XD1
- XA3 -> XD3
- XF1 -> XC2
- XF2 -> XD1
- XF3 -> XD1
- XF4 -> XD3
I dettagli richiesti per l’acciaio sono:

133
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• γm0: (resistenza sezioni) si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le verifiche di
resistenza secondo D.M. 14-01-08 (per default, secondo la tabella 4.2.V, si pone 1.05).
• γm1 (resistenza membrature all’instabilità): si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le
verifiche di instabilità delle membrature secondo D.M. 14-01-08 (per default, secondo la tabella 4.2.V, si
pone 1.05).
• γm2(resistenza collegamenti): si imposti il fattore parziale
di sicurezza del materiale per le verifiche dei
collegamenti secondo D.M. 14-01-08 (per default, secondo la tabella 4.2.V, si pone 1.25).
• Coefficiente riduttivo per effetto vettoriale: si imposti il coefficiente riduttivo per effetto vettoriale del
materiale per le verifiche di instabilità a svergolamento (instabilità flessotorsionale) secondo ENV 1993-
1-1:1994 - punti 5.5.3 e 5.5.4 (per default, secondo le specifiche nel D.M. 16-01-96, si pone 0.7).
• Calcolo coefficienti C1, C2, C3 per Mcr: si imposti la modalità di calcolo dei coefficienti C1, C2, C3 per le
verifiche di instabilità a svergolamento (instabilità flessotorsionale) secondo ENV 1993-1-1:1994 -
Appendice F, per il calcolo del momento critico corrispondente. I coefficienti si possono impostare
indipendentemente dalle combinazioni di carico (C1=1; C2=0; C3=1) selezionando la modalità "non
automatico". Selezionando invece "automatico" il programma calcola autonomamente i valori dei
coefficienti; si rimanda alla fase di verifica delle aste in acciaio per ulteriori delucidazioni.
• Coefficienti α, β per flessione deviata: (§4.2.4.1.2 – Presso o tenso flessione biassiale e EN 1993:1-1:
2005 §6.2.9.1(6)) si imposti la modalità di calcolo dei coefficienti α, β per le verifiche di resistenza in
presenza di flessione deviata con o senza forza assiale per le sezioni di classe 1 o 2. I valori possono
entrambi essere impostato ad 1, con l’opzione “unitari”; in caso contrario il programma ne esegue il
calcolo sulla base del summenzionato punto del D.M. 14-01-08.
• Verifica semplificata conservativa: si imposti il criterio di calcolo per le verifiche di resistenza in presenza
di flessione deviata con o senza forza assiale, secondo EN 1993:1-1: 2005 - punto 6.2.1 (6.2).
• Riduzione fy per tubi tondi di classe 4: consente di eseguire le verifichedei tubi tondi di classe 4 come se
fossero sezioni di classe 3 andando a ridurre la fy in modo che il profilo rientri nel range delle tabelle di
normativa come profilo di classe 3. Si consulti il capitolo delle verifiche per maggiori dettagli.
• L/e0 iniziale per profili accoppiati compressi: si imposti, secondo la Circolare 617 02-02-09 C4.2.4.1.3.1
(C4.2.21), il rapporto da utilizzarsi per tener conto dell'imperfezione geometrica iniziale ai fini delle
verifiche delle aste calastrellate compresse; si propone come default il valore 500.
• Considera taglio resistente estremità sagomati: permette di considerare resistenti al taglio i lati di
estremità dei profili sagomati a freddo non ritenuti da irrigidimento efficace. Si consulti il capitolo delle
verifiche per maggiori dettagli.
• Metodo semplificato formula 4.2.76: attivando l’opzione la verifica dei cordoni di saldatura viene eseguita
utilizzando il metodo semplificato proposto dalla norma.

134
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Escludi 6.2.6.7 e 6.2.6.8 in 7.5.4.4 e 7.5.4.6 (D.M. 14-01-08):attivando l’opzionela resistenza del
collegamento nei controlli di sovra resistenza del giunto(7.5.4.4 e 7.5.4.6 D.M. 14-01-08) viene calcolata
in base alla resistenza minore tra i componenti di base ad esclusione dell’ala e anima della trave
(colonna nel caso di collegamento di base) a compressione e dell’anima della trave (colonna nel caso di
collegamento di base) a compressione.
• Applica Nota 1 del prospetto 6.2: attivando l’opzione si assmume che, nei collegamenti vullonati trave-
colonna, si sviluppino le forze di contatto.
• Effettua verifica secondo 6.2.8 con irrigidimenti superiori(piastra di base): attivando l’opzione viene
effettuata la verifica del giunto, secondo quanto previsto dal punto 6.2.8 del EN 1993:1-8: 2005, anche in
presenza di irrigidimenti superiori.
• Limite spostamento relativo interpiano e monopiano: limite di deformabilità di interpiano nelle colonne
(Tab. 4.2.X).
• Limite spostamento relativo complessivo multipiano: limite di deformabilità complessivo nelle colonne
(Tab. 4.2.XI).
• Fattori parziali di sicurezza unitari per meccanismi duttili di strutture esistenti con fattore q: la tab. C8.4
lascia qualche incertezza interpretativa in particolare se confrontata con il prospetto 4.3 di UNI EN 1998-
3. Suggeriamo di non attivare la opzione.
I dettagli richiesti per il legno sono:

I dati richiesti sono analoghi a quanto visto per le gli stati limite D.M. 09-01-96 a cui si rimanda per maggiori
dettagli. L’unica opzione aggiuntiva è la seguente:
• Applica coefficiente riduttivo kcr…: nella verifica condotta in accordo al D.M. 14-01-08 è possibile
considerare o meno il fattore kcr nella verifica a taglio. Tale fattore, introdotto dalla UNI EN 1995 1-1 del
2014, riduce la larghezza d'anima nella verifica a taglio.
I dettagli richiesti per la lega di alluminio, desunti direttamente dall’EC9 non essendo trattata la lega di alluminio
nel D.M. 14-01-08, sono:

135
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

I dati sono i medesimi richiesti negli eurocodici a cui si rimanda per maggiori dettagli.

9.1.1.2.5 D.M. 17-01-18 (Norme Tecniche per le Costruzioni)


Selezionando D.M. 17-01-18ecliccando sull’apposito tasto Dettagli… si apre una finestra per l’inserimento dei
dati di normativa per il cemento armato, l’acciaio, il legno e la lega d’alluminio (questi ultimi parametri sono
necessari per la verifica delle connessioni in legno). I dettagli richiesti per il cemento armato sono i seguenti:

• Coefficiente di omogeneizzazione: è possibile fissare n = Ea/Ec = 10 o n = Ea/Ec = 15; impiegato nelle


verifiche in esercizio di pareti in C.A.;
• Coefficiente di riduzione della tensione tangenziale di aderenza di progetto η1 §4.1.2.11.1.4. Il valore
proposto di default è 0,7;
• Fattore di sicurezza parziale per l’acciaio;
• Fattore di sicurezza parziale per il calcestruzzo;
• Limite σ c/fck in combinazione rara;
• Limite σ c/fck in combinazione quasi permanente;
• Limite σ f/fyk in combinazione rara;
• Dimensione limite fessure w1 §4.1.2.2.4;
• Dimensione limite fessure w2 §4.1.2.2.4;
• Dimensione limite fessure w3 §4.1.2.2.4;
• Fattori parziali di sicurezza unitari per meccanismi duttili di strutture esistenti con fattore q: la tab. C8.4
della circolare 617 02-02-09. lascia qualche incertezza interpretativa in particolare se confrontata con il
prospetto 4.3 di UNI EN 1998-3. Suggeriamo di non attivare la opzione.
• Copriferro secondo EC2: permette di valutare la dimensione minima del copriferro secondo quanto
previsto da EC2 4.4.1 e non secondo quanto previsto da D.M. 14-01-08C4.1.6.1.3. Per classi di
esposizione XF e XA il programma assume per entrare nei prospetti 4.3N e 4.4N:
- XA1 -> XD1
- XA2 -> XD1
- XA3 -> XD3
- XF1 -> XC2
- XF2 -> XD1
- XF3 -> XD1
- XF4 -> XD3
I dettagli richiesti per l’acciaio sono:

136
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• γm0: (resistenza sezioni) si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le verifiche di
resistenza secondo D.M. 17-01-18 (per default, secondo la tabella 4.2.VII, si pone 1.05).
• γm1 (resistenza membrature all’instabilità): si imposti il fattore parziale di sicurezza del materiale per le
verifiche di instabilità delle membrature secondo D.M. 17-01-18 (per default, secondo la tabella 4.2.VII, si
pone 1.05).
• γm2(resistenza collegamenti): si imposti il fattore parziale
di sicurezza del materiale per le verifiche dei
collegamenti secondo D.M. 17-01-18 (per default, secondo la tabella 4.2.VII, si pone 1.25).
• Coefficiente riduttivo per effetto vettoriale: si imposti il coefficiente riduttivo per effetto vettoriale del
materiale per le verifiche di instabilità a svergolamento (instabilità flessotorsionale) secondo ENV 1993-
1-1:1994 - punti 5.5.3 e 5.5.4 (per default, secondo le specifiche nel D.M. 16-01-96, si pone 0.7).
• Calcolo coefficienti C1, C2, C3 per Mcr: si imposti la modalità di calcolo dei coefficienti C1, C2, C3 per le
verifiche di instabilità a svergolamento (instabilità flessotorsionale) secondo ENV 1993-1-1:1994 -
Appendice F, per il calcolo del momento critico corrispondente. I coefficienti si possono impostare
indipendentemente dalle combinazioni di carico (C1=1; C2=0; C3=1) selezionando la modalità "non
automatico". Selezionando invece "automatico" il programma calcola autonomamente i valori dei
coefficienti; si rimanda alla fase di verifica delle aste in acciaio per ulteriori delucidazioni.
• Coefficienti α, β per flessione deviata: (§4.2.4.1.2.8 e EN 1993:1-1: 2005 punto 6.2.9.1(6)) si imposti la
modalità di calcolo dei coefficienti α, β per le verifiche di resistenza in presenza di flessione deviata con
o senza forza assiale per le sezioni di classe 1 o 2. I valori possono entrambi essere impostati ad 1, con
l’opzione “unitari”; in caso contrario il programma ne esegue il calcolo sulla base del summenzionato
punto del D.M. 17-01-18.
• Verifica semplificata conservativa: si imposti il criterio di calcolo per le verifiche di resistenza in presenza
di flessione deviata con o senza forza assiale, secondo EN 1993:1-1: 2005 - punto 6.2.1 (6.2).
• Riduzione fy per tubi tondi di classe 4: consente di eseguire le verifichedei tubi tondi di classe 4 come se
fossero sezioni di classe 3 andando a ridurre la fy in modo che il profilo rientri nel range delle tabelle di
normativa come profilo di classe 3. Si consulti il capitolo delle verifiche per maggiori dettagli.
• L/e0 iniziale per profili accoppiati compressi: si imposti, secondo la Circolare 617 02-02-09 C4.2.4.1.3.1
(C4.2.21), il rapporto da utilizzarsi per tener conto dell'imperfezione geometrica iniziale ai fini delle
verifiche delle aste calastrellate compresse; si propone come default il valore 500.
• Considera taglio resistente estremità sagomati: permette di considerare resistenti al taglio i lati di
estremità dei profili sagomati a freddo non ritenuti da irrigidimento efficace. Si consulti il capitolo delle
verifiche per maggiori dettagli.
• Metodo semplificato formula 4.2.82: attivando l’opzione la verifica dei cordoni di saldatura viene eseguita
utilizzando il metodo semplificato proposto dalla norma.

137
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Escludi 6.2.6.7 e 6.2.6.8 in 7.5.4.3 e 7.5.4.5 (D.M. 17-01-18):attivando l’opzionela resistenza del
collegamento nei controlli di sovraresistenza del giunto (7.5.4.3 e 7.5.4.5 D.M. 17-01-18) viene calcolata
in base alla resistenza minore tra i componenti di base ad esclusione dell’ala e anima della trave
(colonna nel caso di collegamento di base) a compressione e dell’anima della trave (colonna nel caso di
collegamento di base) a compressione.
• Applica Nota 1 del prospetto 6.2: attivando l’opzione si assume che, nei collegamenti bullonati trave-
colonna, si sviluppino le forze di contatto.
• Effettua verifica secondo 6.2.8 con irrigidimenti superiori(piastra di base): attivando l’opzione viene
effettuata la verifica del giunto, secondo quanto previsto dal punto 6.2.8 del EN 1993:1-8: 2005, anche in
presenza di irrigidimenti superiori.
• Limite spostamento relativo interpiano e monopiano: limite di deformabilità di interpiano nelle colonne
(Tab. 4.2.XIII).
• Limite spostamento relativo complessivo multipiano: limite di deformabilità complessivo nelle colonne
(Tab. 4.2.XIII).
• Fattori parziali di sicurezza unitari per meccanismi duttili di strutture esistenti con fattore q: la tab. C8.4
della Circolare 617 02-02-09 lascia qualche incertezza interpretativa in particolare se confrontata con il
prospetto 4.3 di UNI EN 1998-3. Suggeriamo di non attivare la opzione.
I dettagli richiesti per il legno sono:

I dati richiesti sono analoghi a quanto visto per le gli stati limite D.M. 09-01-96 a cui si rimanda per maggiori
dettagli.
I dettagli richiesti per la lega di alluminio, desunti direttamente dall’EC9 non essendo trattata la lega di alluminio
nel D.M. 17-01-18, sono:

I dati i medesimi richiesti negli eurocodici a cui si rimanda per maggiori dettagli.

138
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

9.1.2 Suolo
Selezionando la scheda Suolo è possibile settare tutte le informazioni necessarie alla modellazione del terreno
di fondazione ed alla definizione di alcuni valori di default. Le caselle di scelta presenti consentono di
specificare il tipo di interazione da ottenere tra suolo e struttura ed i relativi parametri geotecnici.

In particolare è possibile specificare:


• Fondazioni non modellate e struttura bloccata alla base: selezionando questa opzione si considera la
struttura incastrata in fondazione. Tutti i nodi appartenenti a strutture di fondazione, alle strutture giacenti
o che spiccano dal primo livello presente nel database delle quote o sotto a tale livello vengono bloccati
nei sei gradi di libertà e le eventuali fondazioni vengono ignorate. Le altre opzioni definibili nella scheda
si disattivano in quanto in questo caso non sono richieste. Si ricorda che nel caso in cui l’utente effettui
questa scelta in fase di modellazione gli elementi di fondazione non verranno modellati.
• Fondazioni bloccate orizzontalmente: selezionando questa opzione tutti i nodi appartenenti alle strutture
giacenti sul livello 0 o a strutture di fondazione vengono vincolati nella direzione orizzontale, mentre in
verticale vengono assegnate le rigidezze stabilite dall’utente. Se non si utilizza questa opzione agli
elementi su indicati viene applicato un sistema di molle orizzontali di rigidezza proporzionale al sistema
di molle verticali, secondo il rapporto descritto in seguito.
• Considera peso sismico delle fondazioni: spuntando questa opzione viene considerato anche il peso
proprio degli elementi di fondazione e dei carichi che gravano sugli stessi. L’opzione è attiva se le
precedenti due opzioni non sono state spuntate e quindi se il suolo viene considerato e la modellazione
a molle del suolo prevede una rigidezza non infinita in direzione orizzontale. Si ricorda che, pur avendo
spuntato questa opzione, gli elementi di fondazione verranno presi in conto solo se la quota dello zero
sismico è inferiore alla quota a cui sono stati inseriti gli elementi di fondazione. La quota dello zero
sismico si imposta nei dettagli del metodo di analisi sismica scelto.
• Fondazioni superficiali e profonde su suolo elastoplastico: spuntando questa opzione viene considerato
un suolo a comportamento elastoplastico perfetto, in caso contrario il suolo è considerato elastico. Con il
suolo elastoplastico il comportamento è inizialmente lineare ma le pressioni limite non possono crescere
indefinitamente.

Questa scelta comporta una analisi FEM di tipo non lineare, la quale non è compatibile con le analisi
dinamiche modali e può risultare estremamente più lenta nel convergere alla soluzione.
Per comprendere appieno il comportamento del modello e poter valutare l’effettiva necessità del calcolo non
lineare è consigliabile eseguire una analisi lineare preliminare.
Nella scheda Suolo sono presenti due sottoschede contenenti parametri per le sole fondazioni superficiali (travi,
plinti o piastre) e una per le fondazioni profonde (pali e plinti su pali).
La scheda Fondazioni superficiali contiene i riquadri Modellazione e Capacità portante.
Il riquadro Modellazione contiene i seguenti parametri:

139
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Coefficiente di sottofondo verticale per fondazioni superficiali (default): questo valore, inteso come
coefficiente alla Winkler, verrà assegnato come default nelle travi di fondazione, nei plinti e nelle piastre
di fondazione per le quali non si sia specificato singolarmente un valore o non si sia richiesto il calcolo
automatico “da stratigrafia”.
• Rapporto coefficiente di sottofondo orizzontale/coefficiente verticale: Determina la rigidezza orizzontale
del suolo in raffronto al valore assegnato in direzione verticale. Assegnando un valore non nullo vengono
inserite molle orizzontali in direzione x ed y di costante pari a quella della molla verticale moltiplicata per
il valore assegnato. Questa opzione non ha effetto in presenza di fondazioni bloccate orizzontalmente.
• Pressione verticale limite sul terreno per abbassamento (default): tensione massima di compressione
degli elementi terreno; ad abbassamenti ulteriori il terreno plasticizza e si deforma a sforzo costante.
Verrà assegnato come default nelle travi di fondazione, nei plinti e nelle piastre di fondazione per le quali
non si sia specificato singolarmente un valore. Il dato è richiesto solo nel caso di fondazioni su suolo
elastoplastico.
• Pressione verticale limite sul terreno per innalzamento (default): tensione massima di trazione degli
elementi terreno; ad innalzamenti ulteriori il terreno plasticizza e si deforma a sforzo costante. Inserendo
un valore nullo si realizza un suolo non reagente a trazione, che quindi non vincola le fondazioni al
sollevamento. Verrà assegnato come default nelle travi di fondazione, nei plinti e nelle piastre di
fondazione per le quali non si sia specificato singolarmente un valore. Il dato è richiesto solo nel caso di
fondazioni su suolo elastoplastico.
• Metodo di calcolo della k verticale: il programma permette di calcolare le rigidezze da attribuire alle molle
verticali delle fondazioni superficiali in modo automatico, sulla base delle teorie geotecniche messe a
disposizione; richiedendo sui singoli elementi il calcolo automatico “da stratigrafia” verrà ricavato il valore
corrispondente alla teoria di default selezionata; l’utente può decidere se accettare tale valore o
modificarlo manualmente.
Il riquadro Capacità portante contiene i seguenti parametri:
• Metodo di calcolo della portanza e della pressione limite: la verifica geotecnica di capacità portante può
essere eseguita con il metodo richiesto dall’utente; nel caso di modellazione su suolo elastoplastico
anche la Pressione verticale limite per abbassamento/innalzamento può essere stimata in base alla
metodologia selezionata; richiedendo sui singoli elementi il calcolo automatico verrà ricavato il valore
corrispondente alla teoria di default selezionata; l’utente può decidere se accettare tale valore o
modificarlo manualmente.
• Trasla sollecitazioni FEM sul piano di posa: questa opzione determina se, ai fini delle verifiche
geotecniche del suolo, si debba traslare la sollecitazione derivante dal modello FEM sul piano di posa
reale dell’elemento di fondazione; praticamente si traduce in un momento aggiuntivo pari al prodotto
della azione tangenziale al suolo per la distanza tra asse FEM e piano di posa; per piano di posa si
intende l’intradosso di travi, plinti e piastre di fondazione. L’effetto di tale voce è chiaramente più marcato
in presenza di azioni tangenziali elevate ed elementi “alti” (come travi a T rovescia o plinti di notevole
altezza), e rende normalmente la verifica più severa. Di default tale voce è spuntata.
• Calcola inclinazione carico secondo EC7: Per i metodi che la prevedono, i fattori correttivi per
l’inclinazione del carico sono calcolati sommando i contributi del carico orizzontale H nelle due direzioni,
secondo l’Annex D dell’Eurocodice 7 (EN 1997-1:2003). Togliendo questa opzione, per impronte in
verifica di lunghezza prevalente sulla larghezza (L>3B), il correttivo viene calcolato con il solo riferimento
allo sforzo orizzontale agente in direzione parallela al lato corto. Per impronte prive di una lunghezza
prevalente il calcolo è sempre condotto secondo Eurocodice 7, considerando le due componenti, e
questa opzione risulta inefficace.
• Calcola carico limite su impronta non parzializzata: Questa opzione consente di calcolare la resistenza di
progetto come prodotto della qLimite, determinata sempre con le dimensioni efficaci, per l’area totale
dell’impronta, cioè considerandola non parzializzata. Questa voce di default non è spuntata, in quanto il
calcolo rigoroso prevede sempre l’utilizzo delle dimensioni efficaci della fondazione, e quindi
ridotte; si attivi questa opzione solo se si ritene troppo oneroso considerare la parzializzazione teorica
dell’impronta dovuta ai carichi. Tale circostanza può accadere se si è lontani dalle ipotesi di fondazione
rigida su suolo elastico, potrebbe accadere ad esempio perché si è in presenza di fondazioni piuttosto
flessibili e terreni molto deformabili in raffronto alla rigidezza della sovrastruttura. Tale scelta andrà
comunque adeguatamente motivata nella relazione.
• Coefficiente di riduzione della aMAX attesa al suolo: Nei metodi che prevedono un correttivo inerziale per
l’azione sismica è possibile indicare la riduzione da applicare alla accelerazione massima attesa al suolo
(aMAX), ai fini del calcolo di tali correttivi. Il valore da utilizzare va scelto dal progettista in funzione
dell’estensione delle fondazioni e delle caratteristiche del sito. La circolare 617 02-02-09, al
§C7.11.5.3.1, indica la possibilità di valutare tale coefficiente facendo riferimento ai valori di normativa
specificati per i pendii (cfr. 7.11.3.5.2). In particolare, in tabella 7.11.I sono riportati i valori del βs,
variabile tra 0.2-0.3 in funzione della categoria di sottosuolo e della ag/g massima attesa al sito.

Le opzioni di questo riquadro permettono di considerare o meno taluni parametri del calcolo e
modificano i valori della verifica di capacità portante; tali scelte devono essere adeguatamente
motivate, in caso di dubbio si consiglia di lasciare l’impostazione di default (Trasla sollecitazioni=si,
Inclinazione secondo EC7=si, carico limite su impronta non parzializzata=no).

140
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

La scheda Pali contiene i seguenti parametri:


• Dimensione massima della discretizzazione del palo (default): il palo viene suddiviso in un numero di
tratti di lunghezza minore o al più uguale al valore qui impostato; per poter cogliere ogni variazione degli
strati o della falda tali tratti possono essere diversi tra loro. Diminuendo questo valore aumenta la
precisione del calcolo ma anche il tempo di risoluzione. Verrà assegnato come default nei pali per cui
non si sia specificato singolarmente un valore.
• Moltiplicatore della coesione per pressione orizzontale limite nei pali: nel caso elastoplastico la pressione
orizzontale limite che si sviluppa nei pali viene mantenuta tra la pressione attiva e la pressione passiva.
Questo moltiplicatore permette di considerare l’aliquota voluta di coesione nel valutare tali limiti, attivi e
passivi; inserendo 0 l’effetto della coesione viene escluso. Il dato è richiesto solo nel caso di fondazioni
su suolo elastoplastico.
• Moltiplicatore della spinta passiva per pressione orizzontale limite nei pali: nel caso elastoplastico la
pressione orizzontale limite che si sviluppa nei pali ha come limite superiore la pressione passiva.
Questo moltiplicatore permette di ridurre l’aliquota di resistenza passiva che si vuole mobilizzare.
Occorre prestare attenzione al fatto che inserendo valori troppo piccoli si annulla la resistenza
orizzontale del palo ed il modello potrebbe non convergere. Il dato è richiesto solo nel caso di fondazioni
su suolo elastoplastico.
• K punta palo (default): si inserisca il valore di rigidezza, inteso in termini di modulo alla Winkler
(forza/volume), da attribuire alla molla presente sulla punta del palo, che schematizza la resistenza alla
punta. Tale valore verrà assegnato come default ai pali in cui non viene specificato un valore distinto.
• Pressione limite punta palo (default): si inserisca il valore limite di pressione da attribuire come default
alla molla presente sulla punta del palo; tale valore di snervamento della molla rappresenta la rottura del
terreno alla punta. Questo valore viene utilizzato anche nella determinazione della capacità portante di
punta del palo.
Viene inoltre richiesto:
• Terreno laterale di riporto da piano posa fondazioni (default): nel valutare la capacità portante del palo e
delle fondazioni superficiali viene considerata la pressione verticale litostatica agente, valutata dalla
sommità del palo o dal piano di posa della fondazione; tale sovraccarico è pari al peso specifico naturale
del terreno scelto, moltiplicato per lo spessore di riporto dichiarato, e contribuisce ad incrementare la
capacità portante. Inoltre, nel caso di plinti, nel creare il modello viene tenuto conto dell’eventuale carico
dovuto al volume di terreno soprastante la suola del plinto. Si presti attenzione al fatto che in versioni
precedenti alla 11.8 lo spessore indicato è contato dall’estradosso della suola, mentre nelle successive è
contato dal piano di posa del plinto, cioè dall’intradosso della suola; in quest’ultimo caso non si genera
nessun carico aggiuntivo sul plinto finchè lo spessore di riporto non supera lo spessore della suola. Il
terreno laterale di riporto può contribuire anche a migliorare la verifica geotecnica di scorrimento delle
fondazioni, in base ai suoi parametri di resistenza, allo spessore ed all’aliquota di resistenza passiva
messa in conto.
• Pressione per verifica schiacciamento fondazioni superficiali: il valore viene utilizzato per la segnalazione
di non verifica per pressioni sul terreno eccessive; questo valore viene diviso per il coefficiente di
sicurezza relativo (e questo rapporto viene chiamato Rd nelle eventuali segnalazioni) e confrontato con
la massima compressione sul terreno (indicata con Ed).
La scheda Cedimenti superficiali contiene i seguenti parametri:
• Calcola cedimenti fondazioni superficiali:permette di attivare il calcolo dei cedimenti teorici delle
fondazioni superficiali; tale calcolo viene eseguito al termine della risoluzione del modello, con le
modalità indicate al capitolo Valutazione dei cedimenti teorici.
• Considera fondazioni compensate:permette di tenere conto nella valutazione del cedimento
dell’eventuale terreno precedentemente sbancato, con le modalità indicate al capitolo Opzioni disponibili
nel calcolo.
• Spessore massimo strato: nel calcolo dei cedimenti la stratigrafia viene suddivisa in un numero elevato
di strati, di cui è possibile specificare l’ampiezza massima; riducendo tale spessore si aumenta la
precisione di calcolo, aumentandolo si velocizza il calcolo; il valore di default è 100 cm.
• Profondità massima:il calcolo dei cedimenti viene condotto fino agli strati più profondi dichiarati nella
stratigrafia, arrestandosi qualora venga raggiunta la profondità massima specificata dall’utente in questa
preferenza.
Il riquadro Valori Ammissibili contiene i valori dei cedimenti che l’utente desidera non superare in fase di
verifica agli stati limite di esercizio, e vanno impostati in modo da assicurare la funzionalità dell’opera. Non
esistono indicazioni prescrittive per questi dati, essendo fortemente dipendenti dal tipo di opera e dalle modalità
costruttive.
La scheda Cedimentipali contiene i seguenti parametri:

141
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Calcola cedimenti teorici pali:permette di attivare il calcolo dei cedimenti teorici dei pali; tale calcolo viene
eseguito al termine della risoluzione del modello su tutti i pali presenti nel modello, con le modalità
indicate al capitolo Valutazione dei cedimenti teorici dei pali.
• Considera accorciamento del palo: include nel cedimento complessivo attribuito a ciascun palo anche la
componente dovuta all’accorciamento del fusto. Questo valore è ricavato dal modello FEM nella
medesima combinazione.
• Distanza influenza cedimento palo: distanza massima fino a dove ciascun palo fa sentire la propria
influenza. Ponendo a 0 tale distanza viene quindi considerato il solo cedimento indotto dal palo stesso
(cedimento del palo singolo), senza l’effetto di reciproca influenza dato dai pali vicini.
• Ripartizione del carico: permette di scegliere come considerare ripartito il carico di progetto del palo tra
laterale e punta. Sono possibili le seguenti scelte:
- Portante solo di punta:l’intero carico è pensato applicato alla punta, e il cedimento teorico dipende
quindi da un solo meccanismo; la componente di cedimento dovuta all’attrito laterale risulterà nulla.
- Portante solo lateralmente:l’intero carico è pensato applicato alla superficie laterale, e il cedimento
teorico dipende quindi da un solo meccanismo; la componente di cedimento dovuta alla punta
risulterà nulla.
- Uguale ripartizione laterale/punta:il carico è pensato suddiviso equamente tra laterale e punta, e il
cedimento teorico avrà due componenti dovute a meccanismi diversi.
- Ripartizione come da capacità portante:il carico è pensato suddiviso come nel caso precedente, ma
con la stessa ripartizione laterale/punta della capacità portante dichiarata per quel palo (ad esempio
capacità portante ultima calcolata: 35000 daN laterale, 15000 daN punta; ripartizione 70%-30%).
- Ripartizione come da modello FEM (default):il carico è pensato suddiviso come nel caso precedente,
ma con la stessa ripartizione laterale/punta trovata nel modello FEM. La ripartizione dipende quindi
dal carico trovato sulla molla posta sul nodo inferiore del palo (punta palo).
Si osservi che dei diversi metodi solo l’ultimo (come da modello FEM) prevede una ripartizione che può
cambiare da combinazione a combinazione, a seconda del carico, mentre le altre implicano una
ripartizione predeterminata.
• Distribuzione attrito laterale: la formulazione adottata permette di considerare il cedimento indotto da
distribuzioni del carico laterale diverse, corrispondenti ad un meccanismo di trasferimento del carico
prodotto da condizioni di attrito diverse.
- Attrito laterale uniforme (default):questa condizione prevede che l’aliquota laterale del carico si
trasferisca al terreno come un carico lineare uniforme lungo la parte infissa del fusto, di valore
costante F/L.
- Attrito laterale linearmente crescente:questa condizione prevede che l’aliquota laterale del carico si
trasferisca al terreno come un carico linearmente crescente lungo la parte infissa del fusto, dal
valore 0 al valore 2F/L.

142
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

- Attrito laterale parabolicamente crescente:questa condizione prevede che l’aliquota laterale del
carico si trasferisca al terreno come un carico parabolicamente crescente lungo la parte infissa del
fusto, dal valore 0 al valore 3F/L.
Le tre diverse distribuzioni del carico forniscono evidentemente cedimenti diversi, dal momento che
vanno ad interessare porzioni di terreno a profondità crescenti; si scelga quindi la ripartizione che si
ritiene più plausibile, viste le condizioni di lavoro e la tipologia del palo e dei terreni attraversati. Per pali
portanti di punta questa opzione diviene praticamente ininfluente.
• Scelta terreno laterale/punta: determina come viene scelto il terreno in cui si considera immerso il palo,
nel caso di più strati coinvolti. Se il terreno laterale/punta è unico questa opzione risulta ininfluente. Si
ricorda che i parametri che entrano direttamente nel calcolo del cedimento sono il modulo elastico E e
quello di Poisson. E’ possibile specificare una scelta distinta per il meccanismo laterale e punta; per
quest’ultimo si considera una zona di influenza che si estende fino ad una profondità di 5 diametri dalla
punta del palo.
- Media pesata degli strati coinvolti (default):viene presa la media dei parametri influenti nel calcolo
(Modulo E e Poisson), pesata sulla base degli spessori degli strati coinvolti.
- Strato con il minore parametro di resistenza:viene considerato come terreno quello dello strato con il
modulo elastico E minore, a prescindere dalla sua estensione.
- Strato coinvolto più esteso:viene considerato come terreno quello dello strato più esteso nel tratto
influente.
- Primo strato incontrato:viene considerato come terreno quello del primo strato incontrato nella zona
di influenza; per il meccanismo laterale sarà quindi il terreno più superficiale, per il meccanismo alla
punta sarà il terreno immediatamente sottostante la punta, a prescindere dalla sua estensione.
Il riquadro Valori Ammissibili contiene i valori dei cedimenti che l’utente desidera non superare in fase di verifica
agli stati limite di esercizio, e vanno impostati in modo da assicurare la funzionalità dell’opera. Non esistono
indicazioni prescrittive per questi dati, essendo fortemente dipendenti dal tipo di opera e dalle modalità
costruttive.
La scheda Spinta pareti contiene i seguenti parametri:
• Condizione di calcolo: è la condizione di calcolo, a breve termine o a lungo termine, da impiegare nel
caso di terreni debolmente coesivi che possiedono entrambe i parametri di resistenza. Si osservi che per
un terreno incoerente tale parametro è ininfluente, in quanto il comportamento in tal caso è comunque
drenato, sia a breve che a lungo termine. Parimenti, un terreno eminentemente coesivo, dichiarato
mediante la sola coesione non drenata (Cu), si considera avere sempre un comportamento non drenato,
sia a breve che a lungo termine.
• Considera l’azione sismica del terreno anche su pareti sotto lo 0 sismico: con questa opzione
l’utente può considerare o meno un incremento di spinta dovuto al sisma anche sulla porzione di parete
che stà al di sotto dello 0 sismico dichiarato per l’analisi. Per la parte di parete sopra lo 0 sismico tale
incremento viene invece sempre considerato. Se questa opzione è spuntata l’azione sismica viene
valutata ed applicata dalla superficie del terreno fino alla base delle pareti coinvolte, viceversa ci si
arresta alla quota dello 0 sismico impostato per l’analisi.
• Considera inclinazione spinta del terreno contro pareti: con questa opzione l’utente può considerare
o meno l’inclinazione della spinta del terreno verso il basso, presa pari all’angolo di attrito all’interfaccia
parete-terreno (delta). Anche la spinta diffusa da sovraccarichi di superficie risente di questo parametro,
mentre la spinta dell’acqua di falda e gli incrementi di spinta sismici sono sempre orizzontali.
Trascurando l’inclinazione della spinta del terreno si opera generalmente in modo cautelativo, in quanto
si massimizzano i contributi instabilizzanti.
Nella scheda Liquefazione è possibile richiedere l’esecuzione della verifica di liquefacibilità del terreno sotto
azioni sismiche. Essa viene condotta a fine calcolo FEM su tutti gli strati definiti nei sondaggi che possiedono i
dati necessari (almeno una prova SPT) e che risultano immersi in falda. E’ possibile scegliere il metodo di
calcolo tra quelli proposti da diversi autori. Per maggiori dettagli si consulti il capitolo relativo alla teoria di teoria
di calcoloLiquefazione suolo.
• Coeff. di sicurezza minimo a liquefazione:le diverse normative non prevedono un valore specifico di
sicurezza ma demandano al progettista la valutazione del margine di sicurezza richiesto; in questo
punto è possibile specificare il valore del coefficiente di sicurezza minimo da raggiungere per
considerare lo strato non liquefacibile. Il valore di default è 1.
• Magnitudo scaling factor per liquefazione: moltiplicatore per riportarsi da un Cyclic Stress Ratio
standard (CSR7.5 a magnitudo 7.5) a quello corretto. Per maggiori dettagli si consulti il capitolo relativo
alla teoria di teoria di calcoloLiquefazione suolo.
Con il pulsante Predefiniti si impostano i valori di default dell’applicazione.

9.1.3 Carichi di superficie


È possibile specificare:

143
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• il metodo utilizzato per la ripartizione dei carichi di superficie inseriti. I metodi previsti sono:
- zone d’influenza: la trave viene caricata dall’area di solaio che le compete;
- schema a trave continua: la trave viene caricata dalla reazione cambiata di segno ottenuta
considerando il solaio come un travetto continuo caricato uniformemente dai carichi permanenti e
variabili eventualmente definiti;
- zone d’influenza + schema a trave continua: il carico attribuito alla trave viene calcolato adottando
entrambi i metodi. L’utente deve quindi definire la percentuale del carico che deve essere calcolata
con lo schema a trave continua; la restante percentuale viene calcolata con le zone di influenza;
• la possibilità di detrarre il peso proprio dei solai nelle zone di sovrapposizione di quest’ultimo con le travi;
• la percentuale di carico calcolato con schema a trave continua;
• la percentuale di carico calcolato con zone d’influenza; tale percentuale non è definibile dall’utente ma
viene calcolata sulla base dell’impostazione data dall’utente alla percentuale di carico calcolato con
schema a trave continua.
Le ultime due opzioni si attivano solo nel caso in cui il metodo scelto per il calcolo della ripartizione è “zone
d’influenza + schema a trave continua”. Impostando il valore della prima di conseguenza viene valutata la
seconda come differenza percentuale.
L’algoritmo di ripartizione dei carichi di superficie, in presenza di situazioni geometriche complesse, genera
degli schemi di carico sulle travi composti da molti trapezi affiancati. Per rendere tali schemi di carico più
leggibili ed intuitivi viene opzionalmente applicata una omogeneizzazione, smoothing, mediante collassamento
dei trapezi contigui. In particolari condizioni geometriche lo smoothing può comportare dei significativi sbilanci
tra i carichi disegnati ed carichi attribuiti. Mediante i seguenti parametri è possibile governare il processo di
smoothing:
• Esegui smoothing diagrammi di carico: attivando l’opzione si sceglie di applicare la omogeneizzazione;
• Tolleranza smoothing altezza trapezi: si imposta la tolleranza del gradino;

Tolleranza gradino

• Tolleranza smoothing altezza media trapezi: si imposta la tolleranza dell’altezza media del gradino.

144
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

Tolleranza altezza
media

9.1.4 FEM
Selezionando la scheda FEM è possibile settare i parametri utilizzati dal programma nella fase di Creazione
modello.

• Dimensione massima ottimale mesh pareti (default): dimensione massima dei lati dei gusci generati da
pareti e muri; in situazioni geometriche particolari il programma può derogare per un massimo del 50%
dal valore indicato al fine di ottenere una mesh quadrangolare di qualità migliore senza necessità di
infittimenti generali eccessivi. Ciascuna parete, o muro, può impiegare questo valore o specificarne uno
proprio.
• Dimensione massima ottimale mesh piastre (default): dimensione massima dei lati dei gusci generati da
piastre; valgono le stesse considerazioni della opzione precedente. Ciascuna piastra può impiegare
questo valore o specificarne uno proprio.
• Tipo di mesh dei gusci (default): geometria dei gusci prodotti dalla modellazione di elementi strutturali
generanti gusci (pareti, piastre, etc.); ciascun elemento strutturale può impiegare questo valore o
specificarne uno proprio.
• Metodo P-Delta: si attiva l’analisi con il metodo P-Delta. Trattandosi di un calcolo iterativo l’analisi P-
Delta può allungare i tempi di soluzione ed anche rendere meno agevole l’interpretazione dei risultati. La
impostazione dei coefficienti di combinazione per l’analisi P-Delta verrà effettuata nel database delle
azioni in cui sarà disponibile la famiglia di combinazioni “P-Delta”.
Il metodo P-Delta non può essere impiegato quando sono presenti tiranti.
Nel caso dell'analisi P-Delta, il bilancio delle forze viene scritto nella configurazione deformata della
struttura. Per gli elementi modellati con aste (FRAME), lo sforzo normale è assunto costante e dalla
conoscenza degli spostamenti di estremità dell'asta è possibile scrivere in modo esatto l'equilibrio
dell'asta. Nel caso delle piastre lo sforzo normale è sostituito dalle tensioni normali planari che sono
assunte costanti e valutate al centro della piastra mentre l'equilibrio deve essere scritto in riferimento alle

145
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

reazioni nodali planari e agli spostamenti dei nodi. Questa è la motivazione per cui nel caso delle piastre
il bilancio delle forze è approssimato pur essendo giunti alla convergenza.
• Analisi buckling: attivando questa opzione nello svolgere la analisi P-Delta il programma produce a
richiesta la valutazione del carico di collasso cioè il moltiplicatore dei carichi nominali che sono stati
fattorizzati attraverso la combinazione P-Delta che produce il collasso della struttura per instabilità.
• Modello elastico pareti in muratura: l’utente può decidere di modellare la muratura mediante una
modellazione a gusci oppure mediante un macroelemento (modellazione ad aste) a comportamento
lineare.
• Parametri modellazione aste: attraverso l’apposita tabella è possibile impostare i moltiplicatori inerziali
per gli elementi strutturali inseriti riducendo i momenti di inerzia e le rigidezze assiali degli elementi
discretizzato nel modello ad elementi finiti con aste.
- J2 e J3: si imposta il moltiplicatore di inerzia flessionale: per default il valore è impostato a 1. Alcune
normative, tra cui la OPCM 3431, richiedono la considerazione della riduzione dell’inerzia
flessionale delle aste nel modello ad elementi finiti per considerare gli effetti della fessurazione.
- Jt: si imposta il moltiplicatore di inerzia torsionale: per default 0.01. E’ possibile, attraverso questo
coefficiente, ridurre il momento d’inerzia torsionale delle aste. Tale riduzione tiene conto
forfettariamente del decadimento della rigidezza torsionale a causa della fessurazione del
calcestruzzo. La riduzione può essere utilizzata per ridurre la sollecitazione di momento torcente
(ovviamente nei casi in cui non sia necessario per l’equilibrio).
- A: si imposta il moltiplicatore della rigidezza assiale; per default 1. E’ possibile, attraverso questo
coefficiente prendere in conto, se pure in maniera approssimata, il fatto che l’accorciamento dei
pilastri dovuto al peso proprio della struttura avviene nel corso della costruzione.
- A2 e A3: si imposta il moltiplicatore delle rigidezze a taglio; per default 1. E’ di impiego non comune e
comunque disponibile.
- Conci rigidi: equivale al fattore di riduzione dei tronchi rigidi ed è principalmente usato per le travi;
impostando 1 il concio di trave interno al pilastro viene considerato deformabile; impostando 0 il
concio viene assunto infinitamente rigido mentre inserendo un valore intermedio la lunghezza della
parte deformabile sarà assunta pari al prodotto del fattore per la lunghezza del concio stesso.
- Moltiplicatore rigidezza molla torsionale applicata a travi di fondazione: il terreno sotto la suola di una
trave di fondazione è in grado di fornire una certa rigidezza alla rotazione attorno l’asse della trave,
torsionale appunto. Il valore teorico di tale rigidezza, per unità di lunghezza della trave, è pari a
B3
K R1 = K w ⋅ , dove K w è la costante elastica verticale del terreno e B è la larghezza della suola.
12
Tramite questa proprietà è possibile ridurre il valore teorico di K R1 .

La presenza di giunto di dilatazione in un edificio invalida le metodologie di valutazione dei centri di


rigidezza. Le metodologie implementate hanno senso solo se applicate separatamente su ciascuna
porzione individuata dai giunti. Infatti esse consistono nell’applicare in tre condizioni elementari
distinte una coppia e due carichi orizzontali unitari nel baricentro delle masse dell’ultimo piano rigido
ricavando i dati dalle deformazioni dei piani. In presenza di giunto vi sono tanti baricentri delle masse
quanti sono i corpi separati da giunti. Incastrando in fondazione e mantenendo uno solo dei corpi si
ottengono di questo i centri di rigidezza. Conviene creare commesse destinate allo scopo.
9.1.4.1 FEM Avanzate
Dalle Preferenze FEM, attraverso il tasto Avanzate è possibile accedere alle preferenze FEM avanzate.

146
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

Nella scheda Generale è possibile impostare le seguenti preferenze avanzate di modellazione:


• Solidi colle e corpi ruvidi (default): governa la forma di default per i solidi impiegati in modellazione per la
determinazione degli incollamenti. E’ possibile scegliere tra Solidi reali e Fil di ferro. Ogni elemento
disegnato può impiegare questo valore oppure può impiegare un suo valore specifico (es. Trave c.a.).
• Tipo di mesh imposta ai gusci: il tipo di mesh espresso dall’apposita proprietà di ciascun elemento
strutturale generante gusci (pareti, piastre, etc.) e dalla preferenza precedente può essere ignorato ed al
suo posto può essere impiegato il valore di questo parametro. Lasciando specifico dell’elemento viene
utilizzato il tipo di mesh impostato in ciascun elemento strutturale inserito nella struttura.
• Rapporto spessore flessionale/membranale gusci muratura verticali: la riduzione dello spessore
flessionale della shell rispetto allo spessore membranale consente di meglio approssimare il
comportamento della muratura. In particolare nella verifica a taglio di murature non comprese tra piani
rigidi per le quali non è applicabile il metodo POR, diminuendo il rapporto in oggetto si diminuiscono i
valori dei tagli ortogonali ai maschi murari ottenendo una situazione di equilibrio delle forze orizzontali
solo attraverso tagli paralleli al piano dei maschi. Valori prossimi allo zero del rapporto possono per
contro determinare spostamenti inaccettabili nel caso di forze concentrate ortogonali al maschio.
• Spessori membranale e flessionale pareti XLAM da sole tavole verticali: nel caso sia stata attivata
questa opzione il programma considera per le pareti in legno XLAM uno spessore membranale
equivalente ai soli strati di tavole verticali ed uno spessore flessionale che fornisce il medesimo
momento d’inerzia dei soli strati di tavole verticali. Nel caso questa opzione non sia stata attivata allora
tali spessori sono uguali e pari allo spessore complessivo di tutti gli strati che compongono il pannello
XLAM. Si rimanda al capitolo che tratta la modellazione per maggiori dettagli.
• Tolleranza di parallelismo: differenza massima tra la direzione di due rette affinché possano essere
considerate come parallele. Si consiglia, a meno di specifiche esigenze, di impiegare il valore
predefinito.
• Tolleranza di unicità dei punti: distanza minima che devono avere due punti affinché siano considerati
come due punti distinti. Si consiglia, a meno di specifiche esigenze, di impiegare il valore predefinito.
• Tolleranza di generazione nodi di aste: distanza massima di un nodo dall’asse di un elemento strutturale
generante aste (travi, colonne, etc.) affinché una, o due, delle aste generate siano definite su tale nodo;
questo parametro permette di governare il disallineamento delle aste rispetto l’asse dell’elemento
strutturale che le ha generate. Nel caso tale valore sia superato le aste generate saranno collocate
esattamente sull’asse dell’elemento strutturale e il nodo verrà collegato mediante un legame cinematico.
Si consiglia, a meno di specifiche esigenze, di impiegare il valore predefinito.
• Tolleranza di parallelismo in suddivisione aste: differenza massima tra la direzione di un’asta e la
direzione dell’asse dell’elemento strutturale (travi, colonne, etc.) che l’ha generata; questo parametro
permette di governare il disallineamento delle aste rispetto l’asse dell’elemento strutturale che le ha
generate. Nel caso tale valore sia superato le aste generate saranno collocate esattamente sull’asse
dell’elemento strutturale ed i nodi che procurano il disallineamento verranno collegati ai nodi delle aste

147
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

mediante un legame cinematico. Si consiglia, a meno di specifiche esigenze, di impiegare il valore


predefinito.
• Tolleranza generazione nodi di gusci: distanza massima tra un nodo e il corrispondente della mesh
affinché il/i guscio/i sia definito sul primo dei due nodi; questo parametro permette di governare la
complanarità dei gusci con l’elemento strutturale (piastre, pareti, etc.) ed i disallineamenti dei bordi dei
gusci perimetrali con i bordi dell’elemento strutturale. Nel caso tale valore sia superato i due nodi
verranno collegati mediante un legame cinematico. Si consiglia, a meno di specifiche esigenze, di
impiegare il valore predefinito.
• Tolleranza eccentricità carichi concentrati: distanza massima tra il punto di applicazione di un carico
concentrato ed il nodo su cui tale carico deve gravare; nel caso tale valore sia superato verrà generato
un nodo esattamente nel punto di applicazione del carico ed i due nodi verranno collegati mediante un
legame cinematico. Si consiglia, a meno di specifiche esigenze, di impiegare il valore predefinito.
• Considera deformazione a taglio delle piastre: gli elementi bidimensionali vengono modellati con un
elemento finito che considera la deformabilità a taglio.
• Concentra masse pareti nei vertici: nella modellazione a gusci la massa degli elementi piani (piastre e
pareti varie) viene modellata con masse concentrate applicate nei nodi di definizione di ciascun guscio;
nel caso delle pareti, sia in C.A. che in muratura, è possibile richiedere che tale massa venga
concentrata nei vertici della parete; questa opzione ottiene come risultato che, per una data struttura con
pareti, il numero di modi di vibrare è minore ed inoltre i primi modi di vibrare sono più energetici; quindi
per raggiungere una certa percentuale di masse partecipantiè necessario studiare meno modi di vibrare.
Per contro concentrare le masse nei vertici porta a trascurare l’effetto dell’azione sismica nell’interpiano,
azione che fa spanciare la parete fuori piano.
• Segno risultati analisi spettrale: è possibile scegliere quale metodo adottare per assegnare il segno ai
risultati dell’analisi spettrale che sono notoriamente privi di segno;le scelte possibili sono:
- Nessuno: si tengono i risultati senza segno (positivi).
- Analisi statica: ogni volta che si esegue un’analisi dinamica del sisma il programma esegue anche
un’analisi statica equivalente, indipendentemente dalla norma di analisi e senza apprezzabili aggravi
di tempo; il segnodi ciascun risultato dell’analisistatica equivalente viene quindi assegnato al
corrispondente risultato dell’analisi spettrale;
- Modo prevalente: perqualunque risultato dell’analisi spettrale può essere individuato il modo di
vibrare nel quale tale risultato assume il massimo valore assoluto, detto modo prevalente; a ciascun
risultato dell’analisi spettrale viene quindi assegnato il segno del corrispondente risultato del
rispettivo modo prevalente .
• Commenti nel file di input: l’utente può scegliere se inserire o meno i commenti nel file di input del
solutore per ottenere una più chiara lettura in sede di eventuale consultazione.
• Metodo di risoluzione della matrice: è possibile scegliere tra i due più affermati codici di risoluzione delle
matrici sparse. Entrambi offrono eccellenti prestazioni, tuttavia il PARDISO è in grado di sfruttare i
moderni sistemi multiprocessore eseguendo il calcolo in parallelo; si noti che tale peculiarità si manifesta
nella sola fase di calcolo agli elementi finiti e in particolare nella sotto fase di risoluzione del sistema di
equazioni. In ambito del calcolo strutturale, la sotto fase di soluzione del sistema di equazioni dura
generalmente pochi secondi. Da simulazioni numeriche effettuate si è visto che il solutore PARDISO
risulta più efficente del solutore MA57 quando il numero di equazione è elevato (dell'ordine di 500.000-
600.000 equazioni) e quindi potrebbe essere utilmente impiegato nei problemi non-lineari (pushover)
dove il sistema di equazioni deve essere risolto più volte nel processo iterativo fino alla convergenza
della soluzione.
• Memoria utilizzabile dal solutore: permette di governare la massima memoria impiegabile dal solutore; si
consiglia di modificare tale valore solo a seguito di specifiche richieste del solutore presenti nelle note di
calcolo e di riportarlo al valore predefinito dopo aver concluso il progetto della struttura che richiedeva
l’impiego di un valore elevato di memoria. Il programma al lancio del solutore andrà ad auto
incrementare tale valore se necessario fino ad un limite massimo posto pari a 120000000 (equivalente a
915.5 MByte); oltre tale valore deve intervenire l’utente anche se non si garantisce che il programma sia
in grado di portare a termine il calcolo.
• Scrivi file di output in formato testo: è possibile scegliere se far scrivere i file di output anche in formato
testo oltre che come file binari. Scegliendo di non scrivere il formato ascii la dimensione della cartella
della commessa risulterà più piccola e la velocità di esecuzione del calcolo FEM aumenterà
notevolmente.
• Modello trave su suolo alla Winkler nel caso di modellazione lineare: nel caso di modellazione lineare è
possibile adottare due diverse formulazioni per la matrice di rigidezza:
- Deformata cubica: la matrice di rigidezza è formulata assumendo una deformata cubica della trave,
metodo approssimato.
- Equilibrio elastico: la matrice di rigidezza è formulata assumendo una deformata della linea d’asse
della trave derivante dalla soluzione del problema dell’equilibrio elastico.
- Nel caso invece di modello non lineare viene sempre adottato il modello Deformata cubica.

148
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

• Moltiplicatore rigidezza connettori pannelli pareti legno a diaframma:permette di fattorizzare la rigidezza


al taglio dei connettori tra pannelli e telaio delle pareti in legno a diaframma. Il valore di base, non
fattorizzato, è determinato secondo §2.2.2 e §7.1 dell’EC5.
Nella scheda Non lineare è possibile definire le preferenze avanzate per le analisi non lineari:

• Metodo iterativo: il programma dispone di due metodi per la soluzione del sistema di equazioni non-
lineare e precisamente il metodo della secante e il metodo della tangente. Il metodo della secante
consiste nell’aggiornare, per ogni iterazione, la matrice di rigidezza in base ai moduli elastici secanti fino
alla convergenza. Il metodo della tangente si basa sul metodo di Newton-Raphson per la risoluzione di
sistemi di equazioni non-lineari. In particolare il metodo prevede la costruzione della matrice di rigidezza
tangente e il vettore dei carichi nodali residuali intesi come differenza tra quelli assegnati e quelli
calcolati. Usualmente a parità di precisione richiesta il metodo della Tangente risulta convergere più
velocemente del metodo della Secante.
• Tolleranza iterazione: durante il processo iterativo quando il rapporto tra il modulo della differenza di una
coppia di vettori spostamento successivi e il modulo del vettore spostamento riferito all’ultima iterazione
è inferiore al valore imposto, il programma termina l’elaborazione. Tale parametro viene utilizzato per
ogni soluzione non lineare per governare l’uscita dai cicli iterativi.
• Numero massimo iterazioni: raggiunto questo numero di iterazioni il solutore uscirà dal calcolo
dichiarando di non aver raggiunto la convergenza.
Nella scheda Pushover è possibile definire le preferenze avanzate per l’analisi pushover.

• Massima lunghezza dei conci di asta agli appoggi: il solutore ad inelasticità diffusa richiede la
suddivisione degli elementi asta lungo l’asse. Più fitta è la suddivisione migliore è la precisione della
soluzione ma più lunghi i tempi di soluzione. Con questa voce si imposta la massima lunghezza agli
appoggi che si consiglia di impostare più piccola rispetto a quella in campata per ottenere una migliore
precisione in quanto nelle estremità delle aste si verificano solitamente le penetrazioni in campo
inelastico.
• Massima lunghezza dei conci di asta in campata: con questa voce si imposta la massima lunghezza dei
conci asta nella campata dell’asta.
• Numero massimo di divisioni per lato per sezioni in c.a.: massima dimensione nel frazionare sezioni in
c.a. Il solutore ad in elasticità diffusa richiede anche la suddivisione in parti delle sezioni trasversali degli
elementi asta. I due dati qui richiesti servono per fornire un criterio nel frazionamento delle sezioni. Le
sezioni sono suddivise in generale in pezzi rettangolari; il numero di colonne ed il numero di righe in cui
dividere i pezzi rettangolari sono assunti come i minori tra i valori forniti dalle due condizioni.
• Massima dimensione nel frazionare sezioni c.a.: qualora la dimensione massima della divisione del lato
prodotta sulla base del precedente valore fosse superiore a quanto impostato in questa casella di testo
la dimensione della divisione viene imposta pari a tale dimensione.

149
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Fattore di confinamento per aste in c.a.: è un coefficiente con il quale viene incrementata la σ nella
curva di comportamento rispetto al valore utilizzato per il calcestruzzo non confinato. Per calcestruzzo
confinato si intende quello situato all’interno delle staffe.
• Deformabilità a taglio delle aste nel modello inelastico: consente di attivare la deformabilità a taglio nella
modellazione ad inelasticità diffusa delle aste.
• fym/fyk (per acciaio): rapporto tra valore medio e valore caratteristico della tensione di snervamento
dell’acciaio (solo per edifici nuovi). OPCM 3431 al punto 4.5.4.1 prevede che, in analisi statica non
lineare, le proprietà degli elementi possano essere basate sui valori medi delle proprietà dei materiali.
• fcm/fck (per calcestruzzo): rapporto tra valore medio e valore caratteristico della resistenza cilindrica a
compressione del calcestruzzo (solo per edifici nuovi). La resistenza a compressione utilizzata nel
modello inelastico è il valore della resistenza cilindrica media.
• fm/fk (per FRP): rapporto tra valore medio e valore caratteristico della resistenza degli FRP
• Inelasticità di aste non in muratura: la inelasticità di aste in c.a., acciaio e legno può essere limitata alle
estremità delle aste dove si ipotizza il verificarsi dei fenomeni anelastici (concentrata opzione
sconsigliata) o estesa alla intera asta (diffusa, opzione consigliata). In particolare negli elementi in c.a. i
risultati ottenuti con le due opzioni possono risultare molto diversi. Con la opzione concentrata non si
prende in conto l’effetto della fessurazione nella deformazione dell’asta; effetto che può essere preso in
conto in modo approssimato riducendo la rigidezza flessionale.
• Elementi C.A. senza armature come elastici: attivando la opzione solo gli elementi in c.a armati al
momento della creazione del modello vengono modellati come inelastici; mentre i restanti elementi
vengono modellati elasticamente.
• Acciaio armature membrane di solaio: nel caso si sia adottato un comportamento dei carichi di superficie
a membrana, questi verrano modellati con gusci armati, dotati di armatura con quantità pari alla rete nel
cappa del solaio associato al carico superficiale e del materiale qui specificato.
• Controllo tolleranza in path following: il controllo sulla precisione raggiunta, in un generico ciclo del
metodo iterativo, può essere effettuato sullo spostamento del punto di controllo, sul moltiplicatore delle
forze sismiche oppure sul più grande tra gli scarti dello spostamento del punto di controllo o del
moltiplicatore delle forze sismiche.
• Matrice rigidezza aste a fibre: governa la tecnica di generazione della matrice di rigidezza delle aste
quando sono modellate a fibre (in analisi pushover ndr); nel caso del metodo degli spostamenti, la
formulazione della matrice di rigidezza dell’elemento si basa sull’assunzione che la deformata della linea
d’asse sia descritta da una funzione di tipo cubico e che le sezioni rimangano piane dopo la
deformazione (ipotesi di Bernoulli); con il metodo misto la formulazione della matrice di rigidezza si basa
sul funzionale di Hu-Washizu. Per maggiori dettagli si rimanda al manuale del solutore completo,
capitolo 3.2.2. e 3.2.7.
Nella scheda Pushover muratura è possibile definire le preferenze avanzate per l’analisi pushover delle parti
strutturali in muratura.

• Elementi inelastici solo per murature: la opzione è riservata ad edifici in muratura nei quali la presenza di
elementi in c.a. non è significativa. Attivando la opzione solo le murature vengono modellate ad
inelasticità diffusa; mentre i restanti elementi vengono modellati elasticamente. La opzione consente una
semplificazione del modello e quindi una più agevole e spedita creazione delle curve di capacità.
• Tipo di modellazione della muratura: sono disponibili tre modalità di modellazione:
- aste elastiche e cerniere: la inelasticità è concentrata alle estremità dei maschi o delle travi di
connessione. La scelta di questa modalità comporta la necessità di definire il fattore di lunghezza
per cerniere in muratura ed il fattore di riduzione della rigidezza della muratua, parametri questi di
difficile valutazione.

150
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.1Preferenze…

- aste inelastiche: Il maschio e la trave di connessione vendono modellati a fibre similmente a quanto
avviene per le aste in c.a e acciaio. La inelasticità non è limitata alle sole estremità delle aste ma
all’intera loro lunghezza
- gusci: la muratura viene discretizzata in elementi di dimensioni minime predefinite. Con questa
modellazione si supera la limitazione insita nella modellazione ad aste del mantenimento della
sezione piana che male si adatta alle strutture in muratura. Per contro le formule di verifica di
normativa riferite ad una modellazione ad aste devono essere adattate alla nuova formulazione.
• Metodi di valutazione della resistenza a taglio dei maschi murari:
- Scorrimento D.M. 14-01-08 o D.M. 17-01-18 [7.8.3]
- Fessurazione diagonale Cir. 617 [8.7.1.1.]
• Percentuale momento torcente e percentuale momento ortogonale: l’elemento dal comportamento
bilineare elastico perfettamente plastico che modella il maschio murario nell’analisi statica non lineare
viene creato con rigidezza torsionale e flessionale nel piano ortogonale di valore ridotto alla percentuale
indicata (es. inserendo come valore 0.01 le rigidezze vengono ridotte di 10000 volte). La presenza di
momenti e tagli nel piano ortogonale è controllata da questi parametri e viene comunque evidenziata in
relazione.
• Fattore riduzione della rigidezza per murature: è utilizzato per prendere in conto l’effetto della
fessurazione (D.M. 14-01-08 §7.2.6 ovvero D.M. 17-01-18 §7.2.6) riducendo la rigidezza flessionale e a
taglio nel piano della muratura. Questo fattore influenza la rigidezza flessionale dell’asta elastica che
collega le due cerniere di estremità. E’ quindi ininfluente nel caso di aste inelastiche o gusci.
• Fattore di lunghezza per cerniere in muratura: Il modello strutturale del maschio murario nel caso di aste
elastiche e cerniere è composto da un’asta elastica e da due cerniere di estremità. Le rigidezze della
cerniera sono costituite da una rigidezza estensionale EA/(αL), da una rigidezza flessionale EJ/(αL) e da
quella di taglio GA/(αL) dove L è la lunghezza del maschio murario e α è un coefficiente che tiene conto
della zona attiva ai fini della plasticizzazione. Da simulazioni numeriche è emerso che aumentando il
fattore di lunghezza si modifica, anche se di poco, la risposta della curva di pushover nel campo elastico
in quanto la pendenza della curva è molto più legata alla rigidezza dell’asta elastica. Un aumento del
fattore ha per conseguenza una diminuzione della rigidezza dell’oscillatore equivalente. Valori più elevati
sono da considerare in relazione a moduli elastici grandi correlati a materiali da usarsi negli edifici nuovi.
Se si hanno problemi di convergenza del metodo numerico è opportuno aumentare il valore del fattore di
lunghezza. Per i particolari del metodo si veda il manuale esteso del solutore. E’ quindi ininfluente nel
caso di aste inelastiche o gusci.
• Modalità di valutazione dello sforzo normale in maschi in muratura:
- Sforzo normale elastico
- Integrazione numerica
• La valutazione dello sforzo normale è determinante per la valutazione della resistenza a taglio nelle aste
in muratura. E’ data facoltà di adottare il metodo dell’integrazione sul piano della sezione il quale correla
tra loro la rigidezza estensionale e quella flessionale disaccoppiando lo sforzo di taglio oppure
considerare lo sforzo normale come derivante da un comportamento elastico dell’asta e accoppiando il
momento flettente e lo sforzo di taglio attraverso un dominio di rottura. Per i particolari del metodo si
veda il manuale esteso del solutore.

9.1.5 Informazioni
Selezionando la scheda Informazioni è possibile settare i parametri utilizzati dal programma nella fase di
Relazione di calcolo per la realizzazione in automatico della copertina.

151
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Vengono richiesti:
• il titolo del lavoro. Esso comparirà nella intestazione delle pagine di stampa;
• alcuni dati utili per la redazione della copertina della relazione; si scriva nella colonna Valore i dati
corretti per la commessa in esame. Se si vuole eliminare od aggiungere una voce personalizzata si
utilizzino rispettivamente i tasti – e + presenti al disotto della tabella. Se si vogliono ordinare
diversamente le voci personalizzate si utilizzino i tasti con le frecce;
• si possono aggiungere i campi nella colonna Nome con il corrispondente nella colonna Valore per poter
poi successivamente essere utilizzati nella realizzazione di un cartiglio personalizzato. Vedi l’apposito
capitolo delle Tavole;
• è inoltre accessibile il punto base: è il punto utilizzato nel caso di importazionedella commessa come
blocco in un’altra commessa.

9.2 AZIONI…
Selezionando la voce di menu o l’apposita icona si apre una finestra per la definizione dei dati di carico.

152
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.2Azioni…

Il tasto OK conferma i dati inseriti nelle schede del dialogo e chiude la finestra.
Il tasto Applica consente la conferma delle modifiche effettuate nelle schede della finestra senza effettuarne la
chiusura.
Il tasto Annulla consente la chiusura della finestra annullando però tutte le operazioni effettuate nelle schede
del dialogo e non confermate tramite il tasto Applica.
È possibile inoltre selezionare l’unità di misura adottata nelle schede del dialogo cliccando sopra l’indicazione di
unità di misura presente di fianco al tasto OK.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard e in quella DB 1.
Le schede presenti nella finestra sono:

9.2.1 Condizioni
Attraverso la scheda Condizioni si definiscono le condizioni elementari di carico attraverso la finestra riportata
sopra.

Sono automaticamente definite le condizioni di carico Permanenti e ΔT e, nel caso di analisi sismica, le
condizioni sismiche. Tali condizioni non possono essere eliminate. Alla condizione Permanenti
vengono automaticamente attribuiti i pesi propri degli elementi strutturali di cui sono definiti
dimensioni e materiali.
Nel caso la analisi venga svolta secondo D.M. 1-1-96 o secondo gli Eurocodici e l’analisi venga svolta secondo
D.M. 16-01-96 l’aspetto della finestra è il seguente:

Attraverso il tasto Nuovo è possibile definire nuove condizioni di carico.


Per ogni condizione è possibile definire:
• la descrizione posizionandosi nell’apposita cella;
• il tipo di condizione(I/II): definizione necessaria per le strutture in acciaio ai sensi delle Istruzioni CNR-
UNI 10011 3.3.1. e per le struttura in legno nel caso in cui la norma di verifica sia l’Eurocodice 5. Il dato
viene quindi utilizzato per le verifiche delle aste in acciaio (solo utenti Sismicad Acciaio). Nel caso di

153
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

modello non lineare, poiché non è possibile separare i contributi delle singole condizioni elementari, in
sede di verifica degli elementi in acciaio col metodo delle tensioni ammissibili, le verifiche sono condotte
sempre con riferimento alle tensioni ammissibili in condizione normale (I). Viene inoltre utilizzato per le
aste in legno per distinguere, in sede di verifica, tra combinazioni fondamentali ed eccezionali; se
all’interno di una combinazione c’è almeno una condizione di tipo II per quella combinazione viene
utilizzato in verifica il γ per combinazioni eccezionali, se invece tutte le condizioni di una combinazione
sono di tipo I il γ adottato in sede di verifica per quella combinazione è quello fondamentale. La scelta
avviene attraverso un menu a tendina che si attiva selezionando l’apposita cella con il mouse o
scorrendo tra le cella con il tasto TAB.
Tale opzione non è presente nel caso si sia scelta come norma di analisi il D.M. 17-01-18: nella verifica
di elementi in legno le combinazioni si considerano eccezionali in funzione del tipo di famiglia a cui
appartengono.
• la durata: definizione necessaria per le strutture in legno in quanto si riferisce solamente ai materiali
lignei eventualmente presenti, secondo il prospetto della normativa Eurocodice 5 al punto 2.2.2.1. Il
parametro selezionato viene utilizzato per la determinazione dei coefficienti Kdef (prospetto 4.1) e Kmod
(prospetto 3.1.7) per il calcolo, rispettivamente, delle deformazioni e dei valori di progetto delle
resistenze relative al materiale impiegato.; la scelta avviene attraverso un menu a tendina che si attiva
selezionando l’apposita cella con il mouse o scorrendo tra le cella con il tasto TAB.
• coefficienti ψ: tali valori possono essere inseriti automaticamente posizionandosi sulla riga della
combinazione ed attivando un menu contestuale con il tasto destro del mouse; vengono così proposti i
coefficienti previsti dalla normativa adottata. I coefficienti delle azioni variabili vengono utilizzati dal
programma per proporre in automatico le combinazioni di carico.
• con segno: la variazione termica può essere introdotta nelle combinazioni di default con il segno inserito
in sede di input o con i due segni positivo e negativo: per impostare tale possibilità si spunti l’apposita
casella nella condizione ΔT.
Attraverso il tasto Elimina è possibile eliminare la condizione selezionata.
Nel caso la analisi sia svolta secondo il D.M. 17-01-18 l’aspetto della finestra di dialogo è il seguente:

In essa manca la colonna relativa al tipo di condizione(I/II) essendo un dato non più utilizzato.
La norma distingue i pesi propri degli elementi strutturali dai pesi degli elementi non strutturali ed introduce
inoltre la nuova famiglia di condizioni di carico eccezionale. La condizione Permamenti portati viene inserita in
automatico dal programma. Nel caso però l’utente l’avesse eliminata e in ogni caso per inserire la condizione di
carico Eccezionali si prema il bottone alla destra del pulsante Nuovo.

9.2.2 Carichi concentrati


Selezionando la scheda Concentratiè possibile effettuare l'input dei carichi concentrati:

154
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.2Azioni…

Per carichi concentrati si intendono carichi agenti su di un punto. Attraverso il tasto Nuovoo cliccando sulla
freccia di fianco e selezionando la voce 'Valori Predefiniti', è possibile definire i valori dei carichi concentrati
nelle condizioni elementari di carico definite. Per ogni carico si definiscono la descrizione del carico, il colore
impostabile dall’utente tramite doppio click e per ogni condizione si possono assegnare tre forze e tre coppie.
I carichi si intendono positivi se agenti secondo la direzione degli assi di riferimento del sistema globale (i
carichi verticali sono diretti secondo Z e hanno valore negativo se diretti dall'alto verso il basso); Mx è positivo
se porta y su z; My è positivo se porta z su x; Mz è positivo se porta x su y.
Oltre ai 6 valori viene chiesto, in caso di analisi sismica, il coefficiente di partecipazione ai fini del calcolo delle
forze sismiche; il coefficienteè relativo alla sola Fz valutata in valore assoluto. Se si analizza il sisma secondo
OPCM 3431 viene chiesto il solo valore Φ; il coefficiente di partecipazione sismica è (Φ*Ψ2) in SLU ed in SLD.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovosi apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi aggiunto nuovo elemento con i dati di quello corrente ad eccezione
della descrizione e del colore che saranno nuovi valori.
Attraverso il tasto Elimina è possibile eliminare il carico concentrato selezionato (dove per selezionato si
intende quello in cui una delle celle ha il cursore attivo).
E’ possibile effettuare anche importazioni ed esportazioni dei carichi concentrati presenti nella commessa
attraverso il bottone espandibile Importa.
Alla selezione del comando modale Esporta dentro il menu contestuale, l’applicazione chiederà il nome del file
e la posizione del file da salvare. Una volta specificato tale percorso, si apre un ulteriore dialogo modale, in cui
è possibile configurare alcuni parametri riguardanti l’esportazione:

L’esportazione dei carichi concentrati consiste nella generazione di un file in formato CSV, che rispecchia
essenzialmente la griglia visualizzata nel dialogo dell’applicazione. Per ogni riga di celle, viene prodotta una
riga di testo, mentre le celle all’interno della stessa riga vengono separate da un simbolo separatore.
Il file in formato CSV può essere aperto con una qualsiasi applicazione basata su foglio elettronico o in
alternativa è possibile lavorare direttamente sul file anche con un editor di testo piano.
Nel riquadro Parametri si possono modificare alcune impostazioni che governano il contenuto del file in formato
CSV che si sta per esportare:
• Separatore valori: è possibile specificare il delimitatore che viene inserito tra un valore ed il successivo in
una riga; è possibile inserire un carattere o un testo diverso da quelli proposti
• Separatore cifre decimali: si può utilizzare quello di sistema o forzare quello preferito; è possibile inserire
un carattere o un testo diverso da quelli proposti

155
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• Ignora le prime righe: consente di specificare un numero di righe vuote da scrivere, prima della
formattazione dei valori
• Ignora i primi campi: consente di specificare un numero di campi iniziali da scrivere prima dei valori
effettivi di ogni riga della griglia in fase di esportazione.
Nel riquadro inferiore, Anteprima, è possibile vedere immediatamente l’aspetto del file CSV in un’area di testo
piano.
L’importazione dei carichi concentrati è in tutto e per tutto analoga all’esportazione. Si procede sempre ad
importare un file in formato CSV che dovrebbe avere lo stesso aspetto della griglia: la prima riga dovrebbe
contenere solo il testo che identifica il carico concentrato. La seconda riga dovrebbe contenere i primi due valori
vuoti, mentre a partire dal terzo valore si dovrebbero specificare i valori Fx da associare alla prima, alla
seconda condizione elementare di carico fino all’ultima; stessa cosa per le altre componenti vettoriali di carico.

I parametri di importazione sono gli stessi visti per l’esportazione: si possono ignorare le prime righe del file o
alcuni valori di ogni riga. E’ possibile specificare anche il separatore tra valori numerici consecutivi ed il
separatore decimale.
Nel riquadro inferiore è possibile vedere la griglia contenente i valori in fase di importazione, tenendo conto dei
parametri di importazione correnti.

Nel caso si effettui un’importazione di carichi concentrati che hanno la stessa descrizione di quelli
presenti nella commessa, essi vengono sostituiti da quelli presenti nel file. Questo consente di
sostituire le forze applicate alla struttura, senza bisogno di reinserirle.

9.2.3 Carichi lineari


Selezionando la scheda Lineariè possibile effettuare l'input dei carichi lineari:

Per carichi lineari si intendono carichi distribuiti trapezoidali nelle tre direzioni principali, agenti su travi, pilastri,
pareti o piastre giacenti sull’impalcato o su una falda o tra piani.
Attraverso il tasto Nuovoo cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce 'Valori Predefiniti', è
possibile definire i valori dei carichi lineari nelle condizioni elementari di calcolo definite. Per ogni carico si
definiscono la descrizione del carico, il colore impostabile dall’utente tramite doppio click e per ogni condizione
si possono assegnare i valori iniziale e finale di tre forze e tre coppie: il sistema di riferimento nel quale sono

156
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.2Azioni…

espresse le forze e le coppie dipende dall’impiego del carico nella fase di input della struttura come indicato
nella tabella seguente:
Tipo di inserimento x/1 y/2 z/3
Carico lineare disegnato Asse globale x Asse globale y Asse globale z
Carico lineare attribuito a Asse globale x O Asse globale y O Asse globale z O
trave o colonna Asse locale 1 Asse locale 2 Asse locale 3

Se in sede di inserimento del carico lineare nella struttura tale carico verrà disegnato attraverso il
comando Carico Lineare il carico va definito considerando il sistema di riferimento globale x, y, z. Se
invece viene inserito nella struttura come attributo dell’elemento (trave in c.a., acciaio, legno, pilastro in
c.a., colonna in acciaio o legno) allora i valori espressi di forza e coppia possono essere intesi nel
sistema di riferimento globale x, y, z o nel sistema locale dell’elemento 1, 2, 3: in quale sistema devono
essere intesi tali valori viene specificato dall’utente nel momento in cui si attribuisce il carico
all’elemento.
I carichi si intendono positivi se agenti secondo la direzione degli assi di riferimento (i carichi verticali sono
diretti secondo Z e hanno valore negativo se diretti dall'alto verso il basso); Mx è positivo se porta y su z; My è
positivo se porta z su x; Mz è positivo se porta x su y.
Oltre a tali valori, in caso di analisi sismica, viene chiesto anche il coefficiente di partecipazione ai fini del
calcolo delle forze sismiche; il coefficienteè relativo alla sola componente verticale valutata in valore assoluto.
Se si analizza il sisma secondo OPCM 3431 viene chiesto il solo valore Φ; il coefficiente di partecipazione
sismica è (Φ*Ψ2) in SLU ed in SLD.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovosi apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi aggiunto nuovo elemento con i dati di quello corrente ad eccezione
della descrizione e del colore che saranno nuovi valori.
Attraverso il tasto Elimina è possibile eliminare il carico lineare selezionato.

9.2.4 Carichi superficiali


Selezionando la scheda Superficiali è possibile effettuare l'input dei carichi superficiali.

Vengono definiti i valori dei carichi ad azione verticale agenti su di una superficie. Sono impiegabili per caricare
travi, pareti e piastre con il carico dovuto, ad esempio per solai o per sbalzi direttamente insistenti.

Si ricorda che nella componente permanente non è necessario valutare il peso proprio del solaio se
all’atto dell’inserimento del carico distribuito viene ad esso associata la tipologia di solaio con il
relativo peso proprio. In caso contrario il peso proprio del solaio deve essere valutato dall’utente e
sommato ai restanti carichi permanenti
Attraverso il tasto Nuovoo cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce 'Valori Predefiniti', è
possibile definire i valori dei carichi superficiali nelle condizioni elementari di calcolo definite. Per ogni carico si
definiscono la descrizione del carico, il colore impostabile dall’utente tramite doppio click e per ogni condizione i
valori unitari di carico.

Contrariamente ai due tipi di carico precedenti il carico superficiale si intende positivo se diretto
dall’alto verso il basso.
Oltre a tali valori viene chiesto il tipo di carico che, nel caso di solaio inclinato, può essere:
• verticale (misurato lungo la lunghezza; es. peso proprio);

157
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• verticale in proiezione (misurato in proiezione; es. neve);


• normale alla superficie (es. vento ortogonale alla superficie).

Tale caratteristica non è definibile per la componente di carico delle condizioni Permanenti e
Permanenti portati che è sempre considerata Verticale.
In caso di analisi sismica secondo D.M. 16-01-96 viene chiesto anche il coefficiente di partecipazione ai fini del
calcolo delle forze sismiche. il coefficienteè relativo alla sola componente verticale valutata in valore assoluto.
Se si analizza il sisma secondo OPCM 3431 viene chiesto il solo valore Φ; il coefficiente di partecipazione
sismica è (Φ*Ψ2) in SLU ed in SLD.
Per definire l’entità del carico in ciascuna condizione elementare è possibile, nel caso si stia eseguendo
un’analisi secondo il D.M. 14-01-08 o il D.M. 17-01-18, copiarne il valore tra i carichi variabili definiti dalla
normativa oppure tra i carichi da neve definiti nelle preferenze di analisi: una volta selezionata la cella del
valore che si intede definire e cliccato sul bottoncino alla destra del valore, apparirà un menu dal quale è
possibile selezionare il valore da copiare.

Si presti attenzione che il valore del carico da neve viene copiato e quindi eventuali variazioni alle
preferenze relative ai carichi da neve non verranno in alcun modo recepite nella definizione dei carichi
precedentemente definiti in questa finestra.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovosi apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi aggiunto nuovo elemento con i dati di quello corrente ad eccezione
della descrizione e del colore che saranno nuovi valori.
Attraverso il tasto Elimina è possibile eliminare il carico superficiale selezionato.

9.2.5 Carichi termici


Selezionando la scheda Termici è possibile effettuare l'input dei carichi termici.

Viene definito il valore della variazione termica da attribuire agli elementi strutturali. Sono assegnabili a tutti gli
elementi strutturali e ai carichi distribuiti con comportamento membranale.
L’andamento della temperatura nello spessore dell’elemento è assunta come variabile linearmente; pertanto è
possibile considerare un andamento uniforme, trapezio, triangolare oppure a farfalla.
Attraverso il tasto Nuovoo cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce 'Valori Predefiniti', è
possibile definire i valori del carico termico,agente sempre nella condizione ΔT. Per ogni carico si definiscano la
descrizione, il colore impostabile dall’utente tramite doppio click e le variazioni di temperatura (in °C)alla faccia
esterna (ΔT faccia esterna) e alla faccia interna (ΔT faccia interna) dell’elemento a cui si attribuirà la variazione
termica.
I valori delle variazioni di temperatura (ΔT faccia esternae ΔT faccia interna) sono da considerarsi relativi alla
temperatura T0 al momento della costruzione; pertanto i valori da immettere per le variazioni di
temperaturasono pari alle temperature attese sulla superficie del manufatto, ridotte del valore T0.
Nel caso si desideri, ad esempio, considerare una temperatura della superficie esterna Test=35°C ed una della
superficie interna Tint= 18°C, assumendo T0 = 15°C, si dovrà immettere il valore ΔT faccia esterna = Test-T0 =
20°C, e ΔT faccia interna = Tint-T0 = 3°C.
Nel caso invece si desideri considerare una distribuzione uniforme della temperatura, pari ad esempio a T =
Test= Tint = 35°C, assumendo T0 = 15°C, si dovrà immettere il medesimo valore ΔT faccia esterna=ΔT faccia
interna = T-T0 = 20°C.
ll caso della distribuzione uniforme della temperatura è quello normalmente prescritto dal D.M. 17-01-18; si
consulti al riguardo il §3.5.5 della norma citata. In particolare la norma prescrive direttamente il valore ΔTu, già

158
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.2Azioni…

decurtato di T0, da impiegare direttamente e con un unico segno per entrambi i campi ΔT faccia esterna e ΔT
faccia interna.
Nel caso siano stati definiti solo carichi termici con distribuzione uniforme della temperatura è possibile
considerare entrambi i casi, +ΔTu e -ΔTu, definendo i carichi con il solo valore positivo e combinando la
condizione elementare ΔT con i coefficienti combinatori +1 e -1.
Nel caso che un elemento strutturale con attribuito un carico termico venga modellato con elementi finiti che
non ammettono la variazione termica, la modellazione avviene comunque, ma la variazione termica verrà
trascurata.
Nel caso che un elemento strutturale con attribuito un carico termico con gradiente (trapezio, triangolare o a
farfalla) venga modellato con elementi finiti che ammettono solo variazione termica uniforme, la modellazione
avviene comunque, mail gradiente della variazione termica verrà trascurato e la variazione termica sarà
modellata come uniforme con il valore baricentrico nella sezione dell’elemento.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovosi apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi aggiunto nuovo elemento con i dati di quello corrente ad eccezione
della descrizione e del colore che saranno nuovi valori.
Attraverso il tasto Elimina è possibile eliminare il carico termico selezionato.

9.2.6 Carichi potenziali


Selezionando la scheda Potenziali è possibile effettuare l'input dei carichi potenziali.

Vengono definiti i valori dei carichi distribuiti potenziali nelle varie condizioni elementari di carico. Per carico
potenziale si intende un carico di tipo pressorio agente ortogonalmente alla superficie di applicazione (es.
spinte orizzontali del terreno, spinte idrostatiche); tale carico viene sempre inserito come attributo di un
elemento piastra o parete.
Attraverso il tasto Nuovoo cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce 'Valori Predefiniti', è
possibile definire i valori dei carichi potenziali: si richiedono la descrizione del carico, il colore impostabile
dall’utente tramite doppio click e per ogni condizione la quota iniziale e finale di applicazione ed il valore unitario
del carico alle quote definite. Non è possibile impostare la quota iniziale uguale a quella finale; qualora ciò si
verificasse verrebbe segnalato da un segnale di allerta nella casella corrispondente e non sarebbe consentita
l’uscita dalla finestra delle azioni.
Questo tipo di carico si può assegnare a pareti e piastre, su cui è pensato agente ortogonalmente all’elemento
strutturale a cui è assegnato con distribuzione lineare stabilita automaticamente dal programma sulla base della
definizione del carico e della quota di inserimento della parete o della piastra su cui viene applicato.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovosi apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi aggiunto nuovo elemento con i dati di quello corrente ad eccezione
della descrizione e del colore che saranno nuovi valori.
Attraverso il tasto Elimina è possibile eliminare il carico potenziale selezionato.

Il carico potenziale non produce massa sismica e quindi azione sismica.

9.2.7 Combinabilità per default


Selezionando la scheda Combinabilità per defaultla finestra di dialogo consente di escludere o di imporre la
concomitanza tra condizioni.

159
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Selezionando la casella di incrocio tra due determinate condizioni viene richiesta la scelta tra standard che
comporta la proposta automatica delle combinazioni secondo le disposizioni normativesenza condizioni
ulteriori, Contemporaneecheobbliga la concomitanza tra le due condizioni escludendo le combinazioni che
prevedono la presenza di una sola delle due condizioni, Incompatibiliche esclude le combinazioni che
prevedono la presenza contemporanea delle due.

9.2.8 Combinazioni
Selezionando Combinazioni si apre una finestra per la definizione dei coefficienti moltiplicatori delle
combinazioni in ciascuna condizione elementare di carico.
Superiormente si trova un menu a discesa con elencate le Famiglie di combinazioni e inferiormente una griglia
riportante tutte, e solamente, le combinazioni della famiglia selezionata nel menu a discesa superiore.
Ciascuna famiglia raggruppa le combinazioni di carico dedicate ad una specifica categoria di verifiche di
sicurezza prescritte dalle norme di analisi e di verifica adottate nelle preferenze. Si osserva che il numero e il
tipo di famiglie elencate può variare per una medesima norma di analisi scelta a seconda dei dati specificati
nella relativa finestra di preferenze. Le possibili famiglie sono:
• Unica: impiegata in tensioni ammissibili o in analisi pushover, indipendentemente dalla norma di analisi.
• Limite ultimo: per verifiche allo stato limite ultimo di resistenza non sismiche e sismiche, con norme di
analisi precedenti a D.M. 14-01-08.
• Esercizio rara: per le verifiche degli stati limite di esercizio irreversibili non sismici, con norme di analisi
precedenti a D.M. 14-01-08.
• Esercizio frequente: per le verifiche degli stati limite di esercizio reversibili non sismici, con norme di
analisi precedenti a D.M. 14-01-08.
• Esercizio quasi permanente: per le verifiche degli stati limite di esercizio a lungo termine non sismici, con
norme di analisi precedenti a D.M. 14-01-08.
• Pressioni sul terreno: per la valutazione delle pressioni sul terreno, con norma di verifica Eurocodice e
con norme di analisi precedenti a D.M. 14-01-08.
• SLU: per verifiche allo stato limite ultimo di resistenza non sismiche, con norme di analisi D.M. 14-01-08
e D.M. 17-01-18.
• SLU eccezionale: per verifiche allo stato limite ultimo di resistenza connessi alle azioni eccezionali, con
norme di analisi D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• SLE rara: per le verifiche degli stati limite di esercizio irreversibili non sismici, con norme di analisi D.M.
14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• SLE frequente: per le verifiche degli stati limite di esercizio reversibili non sismici, con norme di analisi
D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• SLE quasi permanente: per le verifiche degli stati limite di esercizio a lungo termine non sismici, con
norme di analisi D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• SLO: per le verifiche degli stati limite di esercizio (di operatività) sismici per classe d’uso III e IV, con
norme di analisi D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• SLD: per le verifiche degli stati limite di esercizio (di danno) sismici per classe d’uso I e II, con norme di
analisi D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18; impiegata anche per le verifiche degli stati limite ultimi di
resistenza, di salvaguardia della vita, sismici con norma di analisi D.M. 17-01-18, qualora la domanda
SLD sia superiore alla domanda SLV (vedi §7.3.1 D.M. 17-01-18)
• SLD resistenza: per le verifiche degli stati limite ultimi di resistenza, di salvaguardia della vita, sismici per
classe d’uso III e IV con norma di analisi D.M. 14-01-08, qualora lo spettro SLD ottenuto con
2⁄3abbia qualche ordinata superiore a quello SLV (vedi §7.3.7.1 D.M. 14-01-08).

160
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.2Azioni…

• SLV: per le verifiche degli stati limite ultimi di resistenza, di salvaguardia della vita, sismici, con norme di
analisi D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• SLV fondazioni: per le verifiche degli stati limite ultimi di resistenza, di salvaguardia della vita, sismici,
delle fondazioni con norme di analisi D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18. Sono sostanzialmente le
medesime di SLV ma con i coefficienti dell’azione sismica amplificati per 1.1 in CD”B” e 1.3 in CD”A”
(vedi §7.2.5).
• SLV sovrastruttura: per le verifiche degli stati limite ultimi di resistenza, di salvaguardia della vita, sismici
della sovrastruttura di edificio isolato con isolatori sismici, con norma di analisi D.M. 14-01-08.
• SLV sottostruttura: per le verifiche degli stati limite ultimi di resistenza, di salvaguardia della vita, sismici
della sottostruttura di edificio isolato con isolatori sismici, con norma di analisi D.M. 14-01-08.
• SLC: per le verifiche degli stati limite ultimi di collasso sismici, degli isolatori sismici con norme di analisi
D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• Calcolo rigidezza torsionale/flessionale di piano: per valutare se una edificio in C.A. è classificabile o
meno come struttura deformabile torsionalmente secondo §7.4.3.1 D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• Controventi concentrici acciaio A+A-: per la valutazione richiesta dal §7.5.5 di D.M. 14-01-08 o D.M. 17-
01-18 con strutture dissipative in acciaio e controventi modellati a tirante (“La risposta carico-
spostamento laterale deve essere sostanzialmente indipendente dal verso dell'azione sismica” meglio
dettagliata nel § C7.5.5 del D.M. 14-01-08).
• P delta: per la definizione dei moltiplicatori delle condizioni elementari che definiscono la combinazione
nella quale condurre il calcolo non lineare P Delta, nel caso che sia stato richiesto nelle preferenze FEM.
Negli edifici, specie in quelli alti, l’effetto p-delta risulta essere predominante nei pilastri e nelle pareti a
causa dei carichi gravitazionali; infatti pilastri e pareti per effetto dello sforzo normale di compressione
diventano più deformabili e per conseguenza la struttura diventa lateralmente più deformabile. Nella
attuale versione il programma valuta la maggiore deformabilità della struttura dovuta all’effetto p-delta a
partire dagli sforzi normali in pilastri e pareti generati da una combinazione di carico che l’utente deve
definire. In generale la combinazione che massimizza l’effetto p-delta è quella che massimizza gli sforzi
normali in pilastri e pareti. Se la richiesta di impiegare il metodo p-delta deriva da deformazioni eccessive
sotto effetto del sisma (come può avvenire operando con OPCM 3431, D.M. 14-01-08 o con D.M. 17-01-
18) è corretto definire la combinazione con cui valutare la maggiore deformabilità degli elementi verticali
adottando come coefficienti di combinazione dei carichi gravitazionali quelli previsti dalla norma per le
combinazioni sismiche (OPCM 3431, D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18 prevedono il coefficiente 1 per i
permanenti ed il coefficiente ψ2 per i variabili). Per maggiori chiarimenti si consulti il paragrafo relativo
all'analisi non lineare delle strutture sia monodimensionali che bidimensionali (metodo P-Delta) nel
manuale del solutore interno.
Selezionando dal menu a discesa una famiglia di combinazioni si aggiorna la griglia per l’input delle
combinazioni di quella famiglia.

Ogni combinazione occupa una riga nella griglia. La prima colonna contiene la descrizione della combinazione;
le rimanenti colonne sono riferite ciascuna alla condizione elementare specificata nella intestazione della
colonna e contengono il moltiplicatore della combinazione in tale condizione elementare. Si osservi che il
programma provvede a filtrare le colonne in modo da mostrare solamente quelle di interesse per la famiglia
selezionata; ad esempio la famiglia SLU visualizza solamente le colonne delle condizioni elementari non
sismiche mentre, sempre ad esempio, la famiglia SLV visualizza oltre alle condizioni elementari non sismiche
anche le colonne per le azioni sismiche SLV. Per ciascuna combinazione i coefficienti moltiplicatori delle
condizioni elementari prive di colonna nella griglia sono sempre nulli.
Attraverso il tasto Nuovoo cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce 'Valori Predefiniti', è
possibile definire manualmente una nuova combinazione all’interno della famiglia di combinazioni selezionata.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovosi apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento

161
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

correntemente selezionato: viene quindi aggiunto nuovo elemento con i dati di quello corrente ad eccezione
della descrizione e del colore che saranno nuovi valori.
Non vi sono limiti al numero delle combinazioni definibili.
Il tasto Default fornisce una proposta di valori di combinazione che possono essere modificati dall’utente. Per il
funzionamento del tasto Default è necessario che normativa sismica e normativa di calcolo siano congruenti.
Esso prevede tre possibilità:
• Completo: propone le combinazioni previste dalla norma in uso. In particolare nel caso di D.M. 14-01-08
e D.M. 17-01-18 segue le indicazioni contenute nel §2.5.3; vengono scartate le combinazioni sismiche
che prevedono la presenza delle torsioni accidentali di uguale segno. Esse sono infatti non significative
perché producono spostamenti e sollecitazioni inferiori rispetto alle combinazioni in cui le torsioni
accidentali hanno segno opposto.
• Completo con stesso segno delle eccentricità: il programma si comporta come nel caso precedente ma
produce anche le combinazioni con torsioni accidentali dello stesso segno. La opzione è stata introdotta
a seguito della richiesta di alcuni organi di controllo.
• Semplificato: il metodo fornisce una proposta di valori di combinazione in accordo alle formule 2.8(a),
2.8(b), 2.9(d) e 2.9(e) di EC2 - UNI ENV 1992 -1-1 (1993) che non sono recepiti nella più recente UNI
ENV 1992 -1-1 (2004). Essi sono stati comunque lasciati disponibili per le situazioni in cui il numero di
condizioni variabili rende praticamente impossibile la applicazione delle formule (6.10), (6.14b), (6.15b) e
(6.16b) di EN 1990 Sezione 6 o del par. 2.5.3 D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
Per la parte sismica il tasto Default applica la normativa sismica adottata. È inoltre possibile scegliere se far
effettuare la proposta delle combinazioni in automatico dal programma per la sola famiglia di combinazioni
selezionata o per tutte le famiglie definite.

La proposta di default delle combinazioni, oltre che dalla normativa sismica e di calcolo è influenzata
da altri fattori quali:
• presenza di elementi soggetti a sisma verticale;
• presenza di elementi soggetti a variazione termica;
• non linearità della soluzione.
• Nel caso di D.M. 17-01-18 la variabilità dei coefficienti applicati alla condizione "Permanenti portati"
risente della relativa opzione, ometti G2 per combinazioni di default, presente nelle preferenze della
norma di analisi.

In sede di creazione del modello,nel caso in cui una famiglia di combinazioni risulti ancora non definita
(e quindi non ci sia alcuna combinazione per tale famiglia), il programma crea in automatico le
combinazioni di default.

Il programma effettua in automatico un controllo tra le combinazioni definite dall’utente e quelle che
dovrebbero essere impostate in base alle proprietà degli elementi strutturali, alla norma di verifica ed al
metodo di analisi impostati. Se vengono riscontrate delle differenze l’utente viene avvertito con un
messaggio (opzionale in base alle impostazioni delle Opzioni Avanzate) al lancio della creazione del
modello e del solutore.
Tramite il tasto Importa e il relativo menu è possibile importare o esportare le combinazioni di carico da o verso
un file in formato CSV.
Nel caso in cui si scelga di importare le combinazioni, si aprirà il seguente dialogo:

162
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.3Quote…

Esso consente di specificare il file in formato CSV (Comma Separated Values, cioè valori separati da virgola)
nel riquadro Selezione File, che andrà specificato possibilmente appena entrati nel dialogo.
Un file di tipo CSV è caratterizzato dal fatto di essere in testo piano, quindi editabile o visualizzabile con i più
comuni editor di testo e può essere esportato dalla quasi totalità di software come fogli elettronici o gestione di
database, cioè Excel, Access o OpenOffice.
Ogni riga del file CSV individua un elemento caratterizzato da uno o più valori, mentre all’interno della riga i
valori sono elencati sequenzialmente e separati dal carattere separatore.
Nel riquadro in basso, Anteprima, è possibile controllare come verrà effettuata l’importazione. L’importazione è
infatti governata dalle impostazioni presenti nel riquadro Parametri. In esso è possibile specificare:
• separatore valori: è il separatore tra due valori numerici sequenziali all’interno del file da importare. Tale
separatore può essere impostato tra quelli disponibili o si può inserirne uno diverso nel caso in cui non
sia presente nella lista;
• ignora le prime righe: è possibile specificare se ignorare le prime righe del file, nel caso in cui esso
contenga eventuali informazioni descrittive o i nomi dei campi ottenuti da qualche altro software. Nel
caso in cui tale impostazione sia attiva, è possibile specificare anche il numero di righe che vanno saltate
nel file, prima di procedere all’effettiva importazione;
• ignora i primi campi: analogamente alle prime righe, si possono ignorare i primi campi per ognuna delle
righe che si va ad importare. Nel caso in cui questa impostazione sia attiva, è possibile specificare il
numero di campi che vanno saltati per ognuna delle righe, prima di procedere a riconoscere i valori
numerici per la riga in questione.
Nel caso dell’importazione di combinazioni di carico, il primo campo diventerà obbligatoriamente la descrizione
della combinazione, mentre i valori successivi diventeranno i coefficienti combinatori attribuiti alla
combinazione, nell’elenco delle condizioni elementari di carico, così come sono mostrate per la famiglia
corrente.
Nel caso dell’esportazione verso file CSV, vale quanto già detto per l’importazione. La differenza principale è
che si può vedere un’anteprima del file prossimo all’esportazione.
Attraverso il tasto Elimina è possibile eliminare la combinazione selezionata. Cliccando sul tasto a fianco al
tasto Elimina è possibile scegliere attraverso il menu a tendina se eliminare tutte le combinazioni della famiglia
corrente o in alternativa se eliminare tutte le combinazioni in tutte le famiglie di combinazioni definite.

9.3 QUOTE…
Normalmente in Sismicad con il termine Quota si intende non tanto la Z di un punto quanto un piano nella sua
accezione geometrica. Sismicad gestisce tre tipi di quote:
• Livelli: il loro piano geometrico ha la caratteristica di essere orizzontale; normalmente sono impiegati per
specificare la Z degli elementi di un piano di un edificio;
• Falde: il loro piano geometrico ha la caratteristica di poter essere non orizzontale; normalmente sono
impiegati per specificare la Z degli elementi appartenenti ad una parte complanare di una copertura
inclinata.
• Tronchi: si definisce tronco l’intervallo tra due quote altimetriche su cui definire gli elementi verticali.
Pilastri in c.a., pareti e colonne in acciaio e legno infatti sono realizzati con procedimento costruttivo non
necessariamente legato ai livelli del manufatto; un tronco può quindi interessare più piani.
Tramite questo comando è possibile accedere al dialogo di gestione delle Quote di una commessa. Attraverso
tale finestra è possibile definire o modificare le quote dei livelli, delle falde e dei tronchi od eliminare uno o più
livelli, falde o tronchi definiti in precedenza.
Il tasto OK conferma i dati inseriti nelle schede del dialogo e chiude la finestra.
Il tasto Applica consente la conferma delle modifiche effettuate nelle schede della finestra senza effettuarne la
chiusura.
Il tasto Annulla consente la chiusura della finestra annullando però tutte le operazioni effettuate nelle schede
del dialogo e non confermate tramite il tasto Applica.
È possibile inoltre selezionare l’unità di misura adottata nelle schede del dialogo cliccando sopra l’indicazione di
unità di misura presente di fianco al tasto OK.
Con il dialogo attivo, viene mostrata nella finestra struttura la posizione di piani e falde tramite un piano
orizzontale per i livelli e il perimetro per le falde, indipendentemente dalla visibilità dei layer.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti Standard e in quella DB 1.

9.3.1 Livelli
Selezionando la scheda Livelli è possibile effettuare l'input dei livelli utilizzati nella commessa.

163
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Per quanto riguarda i livelli cliccando su Nuovo viene inserito un nuovo livello del quale si possono definire:

• la descrizione: vale quanto detto sopra;


• la quota: è da intendersi la quota (Z nel sistema di riferimento globale) del piano di calpestio a solaio
realizzato (estradosso); la quota del primo piano della lista (normalmente piano terra, ma potrebbe
essere anche un piano interrato) non deve necessariamente essere zero, ma può assumere qualunque
valore in quanto la quota di riferimento è libera;
• lo spessore: è un valore convenzionale in quanto è necessario solo per definire la quota dei nodi
strutturali; il programma infatti assegna ai nodi strutturali la quota del livello diminuita di metà spessore
del livello.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nella dialogo principale delle quote.
Cliccando sulla freccia del tasto Nuovo, appare un menu dal quale si può scegliere
• Quota e spessore: appare il dialogo di nuovo livello come spiegato sopra
• Due punti 3D: con questa modalità viene chiesto nella finestra Struttura uno o due punti 3D dei quali
viene valutata la Z: con tali dati viene proposto il dialogo di un nuovo livello con Quota pari alla più
grande Z fornita, e Spessore dato dalla differenza tra le due Z. Durante la richiesta punti in questa
modalità, viene mostrato vicino al cursore la posizione dei livelli correntemente definiti.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del livello selezionato. Si apre la finestra vista in
precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del livello. E’ possibile variare la quota di un livello ad
input già iniziato. In tal caso il programma adeguerà in automatico il disegno stesso. La modifica di un livello è
consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del livello che si desidera modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del livello selezionato.

9.3.2 Falde
Selezionando la scheda Falde è possibile effettuare l'input delle falde utilizzate nella commessa. Per falda si
intende un piano indefinito inclinato nello spazio.

Rispetto ai livelli le informazioni necessarie per definire una falda sono più numerose. Per definire un piano
genericonello spazio sono necessari almeno 3 punti non allineati appartenenti a tale piano. Inoltre è comune
perimetrare mediante una polilinea una falda al fine di vederne rappresentati i limiti in pianta.

164
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.3Quote…

Per convenzione i punti di definizione e del perimetro sono in senso antiorario in pianta. In fase di definizione,
l’utente può indicare anche il senso orario, ma verranno successivamente riportati in senso antiorario.
Per la definizione sono disponibili tre modalità
• Modalità ‘Tre punti’: si indicano i tre puntidel piano e i successivi per completare il perimetro.
• Modalità ‘Tre punti 3D e punto spessore’: si indicano tre punti per determinare il piano, ed un quarto
punto sotto la falda dal quale si determina lo spessore. I punti successivi completano il perimetro.
• Modalità ‘Pendenza’:si indicano la Z del primo segmento, la pendenza percentuale del piano, la
convenzione con la quale si intende la pendenze e il perimetro.
A fianco del tasto Nuovo è possibile scegliere, tramite un menu a tendina, la modalità. Selezionando il tasto
Nuovo viene utilizzata la modalità ‘Tre punti’
Selezionando la modalità ‘Tre punti’si visualizza il seguente dialogo.

In esso è possibile definire la coordinata z dei tre punti di definizione del piano geometrico; è da intendersi la
quota (Z nel sistema di riferimento globale) del piano di calpestio a solaio realizzato (estradosso). Per le tre
quote è possibile inserire un valore numerico indicante la quota libera (la Z nel sistema di riferimento del CAD).
In alternativa, tramite il menu a tendina, si può selezionare un livello precedentemente definito oppure,
selezionando nella lista “Usa la zeta del punto selezionato”, definire la quota di ciascun punto direttamente
attraverso la selezione del punto nel disegno. Cliccando su OK l’utente può selezionare i punti di definizione
direttamente nel disegno. In tal caso i punti selezionati per la falda saranno automaticamente punti di
definizione del perimetro di visualizzazione e sarà consentita la scelta di un numero di punto maggiore di tre. I
primi tre punti saranno quelli che definiscono il piano e insieme agli ulteriori punti selezionati dall’utente
individueranno il perimetro della falda. Cliccando su Annulla si visualizza la finestra di riepilogo delle
caratteristiche della falda. I tre punti di definizione della falda verranno
Selezionando la modalità ‘Pendenza’si visualizza il seguente dialogo:

Permette di definire la falda quando si vuole crearla a partire dalla pendenza: Nella finestra si devono definire:
• La quota del primo segmento (può essere ad esempio la quota di colmo o di gronda). È possibile
selezionare anche ‘Usa la Z del primo punto fornito’ intendendo che la Z utilizzata sarà quella del primo
punto selezionato nel disegno.
• La pendenza in percentuale relativa al primo segmento.
• Levoci “Falda alla sinistra del primo segmento” o “Falda alla destra del primo segmento” indicano da che
lato rispetto alla direzione del primo segmento è intesa la pendenza indicata.
All’ OK verranno richiesti i punti del perimetro, i primi due verranno intesi come i punti del primo segmento; i tre
punti di definizione della falda corrisponderanno ai primi tre punti nel piano della falda.
Modifica della Falda:

165
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

In questa finestra si possono definire:


• la descrizione: vale quanto detto sopra;
• lo spessore: vale quanto detto per i livelli.
Si possono inoltre modificare:
• le coordinate x, y e z dei tre punti di definizione del piano geometrico (per la z vale quanto detto per i
livelli);
• le coordinate x e y dei punti del perimetro della falda; si sottolinea come tali punti debbano coincidere
con il perimetro della parte di copertura complanare a questa falda, cioè devono delimitare
geometricamente gli elementi appartenenti alla falda. Questo permette di identificare i nodi del modello
FEM appartenenti alla falda come quelli collocati internamente allo spessore e interni al suo perimetro.
Le coordinate dei tre punti definenti il piano della falda possono essere fornite nella finestra inserendo i valori
tramite tastiera. In alternativa attraverso il tasto Tre punti…. si riapre la finestra appena descritta.
Cliccando su Pendenza…. è possibile modificare la falda, indicandone la pendenza. All’apertura verrà indicata
la pendenza della falda corrente rispetto ai primi due punti di definizione alla stessa quota.
Cliccando su 3D e Spessore…. è possibile modificare la falda, si riapre la finestra sopra descritta, all, OK
verranno richiesti 3 punti per il piano ed un quarto per determinare lo spessore.
Nel riquadro perimetro sono riportate le coordinate x e y dei punti appena selezionati che definiscono il
contorno visualizzabile della falda. Nel caso l’utente desideri cambiarli può cliccare su Solo Perimetro…. In tal
caso entra nell’ambiente grafico dove può scegliere i punti (in numero >= 3) di definizione del perimetro.

I tasti Tre punti…3D e Spessore..Pendenza…Perimetro…sono disattivati nel caso in cui la vista attiva
non sia una vista di disegno.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale delle quote.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati della falda selezionata. Si apre la finestra vista in
precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche della falda. E’ possibile variare la definizione di una falda
a disegno già iniziato. In tal caso il programma adeguerà in automatico il disegno. La modifica di una falda è
consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella della falda che si desidera modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione della falda selezionata.

9.3.3 Tronchi
Selezionando la scheda Tronchi è possibile effettuare l'input dei tronchi utilizzati nella commessa.

Selezionando il tasto Nuovo si visualizza il seguente dialogo:

166
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.4Sito…

In questa finestra si possono definire:


• la descrizione: vale quanto detto sopra;
1

• la quota 1: è possibile inserire un valore numerico indicante la quota libera (la Z nel sistema di
riferimento del CAD). In alternativa, tramite il menu a tendina, si può selezionare un livello o una falda
precedentemente definiti; non deve necessariamente essere la quota inferiore. Scegliendo ad esempio il
primo livello definito nel database dei livelli gli elementi inseriti a quel tronco avranno l’estremo alla quota
teorica del primo livello che è data dalla quota del livello meno metà dello spessore del livello.
• la quota 2: la scelta avviene analogamente a quella della quota 2;
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale delle quote.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del tronco selezionato. Si apre la finestra vista in
precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del tronco in questione. E’ possibile variare la definizione
di un tronco a disegno già iniziato. In tal caso il programma adeguerà in automatico il disegno. La modifica di un
tronco è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del tronco che si desidera
modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del tronco selezionato.

9.4 SITO…
Selezionando la voce di menu o l’apposita icona si apre una finestra per la definizione e la caratterizzazione
geotecnica del sito, come richiesto dalle recenti normative. Nel sito andranno inseriti uno o più sondaggi, i
quali contengono i dati del terreno desunti dalle prove geotecniche condotte nei punti noti al professionista. Il
programma utilizza i dati del sito in diverse situazioni, ad esempio qualora venga richiesta la determinazione di
qualche parametro di modellazione “da stratigrafia”, per condurre le verifiche geotecniche, per produrre gli
elaborati e la relazione geotecnica. Nell’inserimento degli elementi di fondazione si potrà indicare a quale
sondaggio riferirsi per determinare la stratigrafia sottostante il piano di posa, oppure considerare in automatico
il sondaggio più vicino in pianta.

Cliccando su Nuovo si apre l’apposita finestra per la definizione di un nuovo sondaggio.


Attraverso il tasto Modifica è possibile modificare un sondaggio già esistente dopo averlo selezionato. La
modifica è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del sondaggio che si desidera
modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del sondaggio selezionato..

Si ricorda che deve sempre essere presente almeno un sondaggio nella commessa, in quanto gli
elementi di fondazione controllano di essere immersi in qualche terreno. Tale situazione viene
segnalata con un apposita finestra.

Cliccando su OK viene eseguito il controllo della quota di sommità del sondaggio e precisamente viene
avvertito l’utente nel caso in cui il valore sia rimasto impostato al valore di ingresso posto pari a 10000
cm. Tale valore è stato scelto per consentire a chi esegue la modellazione normale di non avere
messaggi di elementi di fondazione non a contatto con il terreno. Nel caso in cui però l’utente debba
definire un sondaggio (caso in cui si abbiano fondazioni su pali o che si scelga il calcolo della K
verticale o della pressione limite sul terreno per abbassamento e per innalzamento) le coordinate
planimetriche e la quota della sommità del sondaggio devono essere corrette.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti DB 1.

167
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

9.4.1 Sondaggio

Ogni sondaggio contiene la situazione stratigrafica dei terreni e delle falde acquifere, nonchè le eventuali prove
SPT (Standard Penetration Test) eseguite.
Su ogni strato dichiarato nei sondaggi del sito è possibile specificare se il terreno in falda risulta potenzialmente
liquefacibile. Si può scegliere tra Si/No/Da Verifica; le prime due impongono o meno la liquefacibilità, la terza
lo determina conducendo la verifica per tutte le prove SPT disponibili su tale strato. Qualora anche solo una
prova indichi il pericolo di liquefazione l’intero strato verrà considerato liquefacibile. In assenza di prove SPT
condotte in falda lo strato verrà considerato non liquefacibile. Per uno strato parzialmente in falda la parte
liquefacibile è solo quella immersa. Per maggiori dettagli si consulti il capitolo sulla teoria di calcoloLiquefazione
suolo.
In fase di verifica geotecnica in combinazioni sismiche le parti di strato che risultano liquefatte vengono escluse
dal calcolo. La presenza di porzioni liquefatte nel bulbo di influenza può quindi modificare le verifiche di
scorrimento e capacità portante delle fondazioni superficiali (travi, piastre e plinti), nonché le verifiche di
capacità portante assiale e trasversale dei pali.
Sul dialogo Sondaggio vengono richiesti:
• la descrizione del sondaggio, che permetterà di identificarlo nei dialoghi di scelta;
• le coordinate planimetriche: coordinate x e y di posizione del punto in cui viene eseguito il carotaggio; tali
coordinate sono da intendersi nel sistema di riferimento globale, e consentono di determinare il
sondaggio più vicino ad un elemento di fondazione.
• la quota di sommità del sondaggio: la coordinata Z da intendersi come la quota superiore del terreno su
cui si esegue la perforazione; tale coordinata è da intendersi nel sistema di riferimento globale.
• Vi sono poi le tabelle contenenti l’insieme di strati e le falde acquifere che descrivono l’effettiva
successione stratigrafica trovata; queste tabelle sono spiegate nel dettaglio nei paragrafi seguenti.
La modifica di uno strato o di una falda è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella
dello strato o della falda che si desidera modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione dello strato o della falda selezionati.
Nello spazio dedicato all’anteprima è possibile controllare le modifiche apportate al sondaggio, le quote relative
ed assolute e la collocazione attuale del sondaggio rispetto ai livelli definiti.

9.4.2 Strati
Selezionando la scheda Strati è possibile definire i vari strati del terreno che costituiscono il sondaggio.
Per la definizione degli strati, definibili attraverso il tasto Nuovo o modificabili con il tasto Modifica vengono
richiesti:
• il terreno di cui è composto lo strato; la scelta è consentita attraverso un menu a tendina che riporta la
lista dei terreni precedentemente definiti nel database dei terreni di fondazione. Le due voci sottostanti,
Coesione ed Attrito interno, mostrano l’anteprima di questi due valori per il terreno selezionato.
• lo spessore dello strato: viene inteso come spessore dello strato verso il basso.
• Liquefacibile: indica se lo strato è da considerarsi liquefacibile in fase di verifica. Le voci possibili sono
Si/No/Da Verifica; le prime due impongono o meno la liquefacibilità, la terza lo determina conducendo la
verifica per tutte le prove SPT disponibili su tale strato. Qualora anche solo una prova indichi il pericolo
di liquefazione l’intero strato verrà considerato liquefacibile. In assenza di prove SPT condotte in falda lo
strato verrà considerato non liquefacibile. Per uno strato parzialmente in falda la parte liquefacibile è solo
quella immersa.
Nelle colonne successive sono contenuti dei parametri che non sono prettamente delle proprietà del terreno
costituente lo strato, ma dipendono anche dalla profondità e dalla collocazione dello strato rispetto agli altri; per
questo motivo tali parametri vengono descritti con una coppia di valori superiore/inferiore,che lo rappresenta

168
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.4Sito…

rispettivamente alla quota più alta/bassa dello strato; alle quote intermedie verrà determinato un valore
linearmente interpolato. I parametri richiesti sono:
• le costanti elastiche orizzontali e verticali (intese alla Winkler) alla sommità ed alla fine dello strato.
• I parametri per il calcolo dei cedimenti teorici delle fondazioni superficiali.
Il dialogo Strato che compare inserendo un nuovo strato, o selezionando una riga della tabella e
modificandone uno esistente, appare come in figura:

Il singolo Strato è definito dal terreno che lo costituisce e dal suo spessore. A fianco del menù di scelta vi è un
bottone per accedere al database generale dei terreni che lo contiene, in modo da poter vedere ed editare tale
terreno. Viene mostrata anche una anteprima dei parametri di resistenza del terreno scelto, non modificabili da
questo dialogo.
Vi sono poi due riquadri, contenenti le rigidezze nel punto superiore ed inferiore dello strato per la modellazione
delle molle laterali dei pali, ed i parametri per la valutazione dei cedimenti delle fondazioni superficiali. Questi
parametri sono:
• rigidezza K orizzontale: modulo di reazione (alla Winkler) in direzione orizzontale, utilizzato per la molla
planare del palo che attraversasse questo strato.
• rigidezza K verticale: modulo di reazione (alla Winkler) in direzione verticale, utilizzato per la molla
assiale del palo che attraversasse questo strato.
• modulo elastico per cedimenti: parametro utilizzato per la valutazione dei cedimenti istantanei; per
questo tipo di valutazione si utilizza in genere il valore in condizioni non drenate o comunque un valore
adeguato al livello tensionale previsto. Di default viene preso il valore del modulo elastico E dichiarato
per quel terreno.
• modulo edometrico per cedimenti: parametro utilizzato per la valutazione dei cedimenti edometrici; per
questo tipo di valutazione si utilizza in genere il valore determinato mediante prove edometriche di
laboratorio, condotte ad un livello tensionale confrontabile con la situazione prevista in sito. In assenza
del dato non verrà condotta tale valutazione.
• Coefficiente di compressione vergine CC (chiamato anche Indice di compressione): parametro utilizzato
per la valutazione dei cedimenti di consolidazione primaria; per la descrizione ed il valore da assegnare
a questo dato si consiglia di consultare il capitoloValutazione dei cedimenti teorici. In assenza del dato
non verrà condotta tale valutazione.
• Coefficiente di ricompressione CR (chiamato anche Indice di ricompressione): parametro utilizzato per la
valutazione dei cedimenti di consolidazione primaria di terreni coesivi sovra consolidati (OC); per la
descrizione ed il valore da assegnare a questo dato si consiglia di consultare il capitolo Valutazione dei
cedimenti teorici. In assenza del dato non verrà condotta tale valutazione.
• Indice dei vuoti E0: parametro utilizzato per la valutazione dei cedimenti di consolidazione primaria; per
la descrizione ed il valore da assegnare a questo dato si consiglia di consultare il capitolo Valutazione
dei cedimenti teorici. Per valutare il cedimento in termini di Rapporti di Compressione/Ricompressione
(CR/RR) è possibile porre a 0 questo dato.
• Indice di sovra consolidazione OCR (over consolidation ratio): parametro utilizzato per la valutazione dei
cedimenti di consolidazione primaria di terreni coesivi sovra consolidati (OC); per la descrizione ed il
valore da assegnare a questo dato si consiglia di consultare il capitolo Valutazione dei cedimenti teorici.
Per terreni coesivi normalconsolidati (NC) questo dato è unitario.

169
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

9.4.3 Falde acquifere


Nella scheda delle falde è possibile definire le falde acquifere presenti nel sondaggio. Cliccando su Nuovo o
su Modifica per modificare una falda già esistente, vengono richiesti:
• profondità della superficie superiore della falda dalla quota del punto di riferimento (un valore positivo di
profondità è da intendersi verso il basso).
• carico piezometrico: carico di pressione aggiuntiva espresso rispetto alla superficie superiore della falda
(per falde freatiche si inserisca 0).
• spessore: spessore dell’acquifero. Selezionando “Fino in fondo” si considera che la falda acquifera arrivi
fino al fondo del sondaggio.

9.4.4 SPT (Standard Penetration Test)


La scheda SPT contiene i dati delle prove Standard Penetration Test condotte lungo la colonna stratigrafica. In
particolare viene richiesto:

• Descrizione: una descrizione facoltativa della prova.


• Profondità: la profondità di esecuzione dalla sommità del sondaggio.
• Colpi: il numero di colpi della prova. Si ricorda che la procedura standard prevede di sommare i colpi
della fase 2 + fase 3; quindi, a meno di anomalie incorse, si ha Nspt=N2+N3.
• Passante d50: il diametro del passante granulometrico al 50%, cioè il diametro del vaglio su cui passa
metà del campione. Rappresenta la dimensione media dei granuli del campione.
• FC: (tra 0 ed 1) percentuale di fine nel campione, corrispondente al passante al vaglio standard 200
ASTM.
• Efficienza: efficienza meccanica del sistema di infissione (tra 0 ed 1), comunemente si utilizza una
efficienza standard del 60%.
Le prove SPT così definite compaiono nella relazione di calcolo e vengono utilizzate qualora si richieda nelle
preferenze suolo la verifica alla liquefazione degli strati di terreno. Per maggiori dettagli si consulti il capitolo
Liquefazione suolo.

9.5 MATERIALI…
Selezionando la voce di menu o l’apposita icona si apre una finestra per la definizione dei materiali.
I materiali definibili nella finestra attraverso le schede sono:
• cemento armato;
• armatura;
• muratura;
• legno;
• acciaio;
• FRP;
• pannello di legno;
• lega di alluminio;
• reti di fibra
• intonaco per reti di fibra
Il tasto OK conferma i dati inseriti nelle schede del dialogo e chiude la finestra.
Il tasto Annulla consente la chiusura della finestra annullando però tutte le operazioni effettuate nelle schede
del dialogo.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti DB 2.

170
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

9.5.1 Calcestruzzo
Selezionando la scheda Calcestruzzoè possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai materiali per gli
elementi in c.a.:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti,si
visualizza il seguente dialogo:

in cui vengono richieste:


• la descrizione del tipo di materiale: vale quanto detto sopra;
1

• il modulo elastico E: il modulo elastico longitudinale viene calcolato in automatico sulla base del valore
impostato in RCK attraverso le seguenti formule:
(
f ck = 0.83 ⋅ Rck N mm2 )
(
f cm = f ck + 8 N mm 2
).
E = 22000 ⋅ [ f cm 10] (N
0.3
mm 2 ).
Tali formule sono ricavate dall’EC2 e sono analoghe a quelle riportate nel D.M. 17-01-18 (punti 11.2.10.1
e 11.2.10.3). L’utente può modificare tale valore. In questo caso cambia automaticamente la curva di
comportamento del materiale;
• G: modulo di elasticità tangenziale del materiale;il valore di default viene calcolato con la relazione
G=E/[2*(1+ν)];
• ν: coefficiente di Poisson;
• γ: peso specifico del materiale;
• α: coefficiente di dilatazione termica;
• RCK: la resistenza caratteristica cubica; modificando tale valore cambia automaticamente il modulo
elastico del materiale e la curva di comportamento del materiale;
• Massimo diametro inerte: il massimo diametro dell’inerte, impiegato per il controllo dell’interferro minimo.
• la curva: si consente la definizione della curva di comportamento del materiale. Si rimanda all’apposito
paragrafo per maggiori dettagli;
• il livello di conoscenza: questa proprietà viene utilizzata solo se si opera con D.M.14-01-08 o D.M. 17-
01-18. Viene richiesto il livello di conoscenza previsto al §8.5.4. Il livello di conoscenza dell’edificio,
condiziona il calcolo di verifica, penalizzando i materiali attraverso il fattore di confidenza secondo
quanto esposto al paragrafo C8A.1 di Circ.617 02-02-09.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.

171
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
c.a. è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si desidera
modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale c.a. selezionato. Cliccando sulla freccia a lato del tasto
Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale selezionato,
tutti i materiali c.a., tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa correntemente aperta o
tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione dei materiali c.a. di comune utilizzo.

Nel caso di edifici esistenti (OPCM 3431) o di materiali esistenti (D.M.14-01-08, D.M.17-01-18) i valori
indicati sono relativi ai valori medi rilevati dalle analisi in sito.

9.5.2 Armatura
Selezionando la scheda Armatura è possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai tondini di ferro utilizzati
per armare gli elementi in c.a.:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

in cui vengono richieste:


• la descrizione del tipo di materiale: vale quanto detto sopra;
1

• il modulo elastico E: il modulo elastico longitudinale;


• ν: coefficiente di Poisson;
• γ: peso specifico del materiale;
• α: coefficiente di dilatazione termica.
• fyk: resistenza caratteristica del materiale armatura;
• la σ amm.: tensione ammissibile del materiale armatura;
• il tipo della barra di armatura; è possibile scegliere tra barra liscia o ad aderenza migliorata;
• la curva: si consente la definizione della curva di comportamento del materiale. Si rimanda all’apposito
paragrafo per maggiori dettagli.
• il tipo della barra di armatura; è possibile scegliere tra barra liscia o ad aderenza migliorata;
• il livello di conoscenza: questa proprietà viene utilizzata solo se si opera con D.M.14-01-08 e D.M.17-01-
18. Viene richiesto il livello di conoscenza previsto al §8.5.4. Il livello di conoscenza dell’edificio,
condiziona il calcolo di verifica, penalizzando i materiali attraverso il fattore di confidenza secondo
quanto esposto al §C8A.1 di Circ.617 02-02-09.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento

172
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
armatura è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si desidera
modificare.
Il valore del modulo elastico tangenziale G è calcolato in automatico dal programma sulla base del valore del
modulo elastico longitudinale e del modulo di Poisson definiti dall’utente e non è modificabile dall’utente.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale armatura selezionato. Cliccando sulla freccia a lato del
tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali armatura, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa
correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione dei materiali armatura di comune utilizzo.

Nel caso di edifici esistenti (OPCM 3431) o di materiali esistenti (D.M.14-01-08, D.M. 17-01-18) i valori
indicati sono relativi ai valori medi rilevati dalle analisi in sito.

9.5.3 Muratura
Selezionando la scheda Muratura è possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi alle murature:

Utilizzando il tasto Default viene proposto dal programma l’elenco di murature di figura. La descrizione può
essere preceduta dalla indicazione della norma nazionale dalla quale sono stati desunti alcuni valori contenuti
nel database. Si tratta in particolare nella circolare 21745 del 30/7/81 e nella circolare 617 02-02-09.
Si fa presente che le norme forniscono solo alcuni dei valori riportati dal programma. A partire dai dati di norma,
sulla base di criteri di buon senso, sono stati attribuiti i valori di tutte le altre schede.

Tali valori sono da intendersi puramente indicativi. Prima di assegnare un materiale ad una muratura si
consiglia di controllare i valori suggeriti dal programma. Nel caso di edificio esistente occorre
considerare lo stato delle murature tenendo conto della tabella C8A.2.2. Nel caso di edificio di nuova
edificazione si tenga presente che i dati forniti dalle circolari sono relativi ad edifici esistenti mentre per
murature nuove le caratteristiche meccaniche si dovrebbero ricavare dalle caratteristiche dei blocchi e
della malta.
Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, o
selezionando col cursore una riga e premendo il tasto Modifica si visualizza un dialogo che nella parte
superiore riporta i valori invarianti rispetto alle norme ed allo stato dell’edificio (esistente o di nuova costruzione)
e nella parte inferiore riporta quattro schede attraverso le quali si ha accesso ai dati relativi alla norma di
verifica utilizzata.
I dati comprendono:
• la descrizione del tipo di muratura.
• E: modulo di elasticità longitudinale (D.M. 20.11.1987 Allegato 2 – D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-
18§11.10.3.4). In assenza di dati sperimentali il D.M. suggerisce di assumere tale valore pari a
E = 1000 ⋅ f k . Il valore viene utilizzato per la modellazione in analisi elastiche e per le analisi inelastiche
di edifici nuovi o materiali nuovi rispettivamente secondo le normative OPCM 3431, N.T.C. 2005, D.M.
14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• ν: modulo di Poisson (valore utilizzato nelle modellazioni elastiche). Può essere calcolato tramite la
relazione di Lamé in funzione del modulo di elasticità tangenziale G. Il D.M. 20.11.1987 Allegato 2 e i
DD.MM. 14-01-08 17-01-18§11.10.3.4 suggeriscono, in assenza di dati sperimentali, di assumere il
E − 2G
modulo di elasticità tangenziale con valore pari a G = 0.4 ⋅ E = 400 f k da cui: ν = = 0.25 .
2G

173
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

In funzione di tale valore viene determinato il modulo di elasticità tangenziale utilizzato per la
modellazione inelastica di edifici nuovi o materiali nuovi rispettivamente secondo le normative OPCM
3431, N.T.C. 2005, D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18;
• γ: peso specifico del materiale;
• α: coefficiente di dilatazione termica. Il D.M. 20.11.1987 definisce il valore di detto coefficiente pari a 6
-6 -1
10 °C ;
Nella scheda D.M. 20-11-87 sono presenti:

• Tipo di blocchi: tipologia di blocco utilizzato nella costruzione. Il dato viene utilizzato per la
determinazione del valore di fvk0secondo le tabelle B e C al §2.3.2.1 del D.M. 20.11.1987;
• fbk: resistenza caratteristica a compressione dell’elemento artificiale o naturale; L’allegato 1 del D.M.
20.11.1987 prescrive la modalità di prova per la determinazione di detto valore. Tale resistenza
caratteristica influenza la resistenza della muratura fk secondo quanto previsto nelle tabelle A e D del
D.M. 20.11.1987; il dato dovrebbe essere fornito dal produttore;
• fbk_: resistenza caratteristica a compressione dell’elemento in direzione orizzontale nel piano del muro.
L’allegato 1 del D.M. 20.11.1987 prescrive la modalità di prova per la determinazione di detto valore. Il
dato da richiedersi al produttore viene utilizzato nella verifica a taglio di edifici in muratura ordinaria
(OPCM 3431 §8.2.2.2);
• Malta: classe della malta. Il D.M. 20.11.1987 definisce sei tipi di malte in dipendenza della composizione
in volume ed associa ad esse una classe. La composizione della malta influenza la resistenza della
muratura fk secondo quanto previsto nelle tabelle A e D del D.M. 20.11.1987; in zona sismica sono
consentite esclusivamente malte di tipo cementizio (classe M1 e M2);
• fk: resistenza caratteristica della muratura a compressione Questa resistenza può essere determinata
mediante prove su un numero n (≥6) di provini (muretti) in funzione della resistenza a compressione
media , della stima dello scarto s e da un coefficiente k dipendente dal numero di provini (D.M.
20.11.1987 Allegato 2 § 2.1.1):
fk = fm − k ⋅ s
Per le murature composte da elementi resistenti artificiali o naturali il valore può essere determinato in
funzione della resistenza a compressione degli stessi e della classe di appartenenza della malta (tabella
A D.M. 20.11.1987 §2.3.1.1). Il dato viene utilizzato nelle verifiche di edifici nuovi operando con le norme
di verifica relative al D.M. 16-01-1996;
• fvk0: resistenza caratteristica a taglio della muratura. Viene determinata per via sperimentale su campioni
di muro (D.M. 20.11.1987 Allegato 2) oppure in funzione della resistenza a compressione fbkdegli
elementi e della classe di appartenenza della malta (tabelle B e C D.M. 20.11.1987 §2.3.2.1). Essa
permette di calcolare il valore della resistenza caratteristica a taglio:
f vk = f vko + 0.4 ⋅ σ n
in cui σn è la tensione normale media dovuta ai carichi verticali agenti nella sezione di verifica.
Il tipo di malta ed il valore fbk sono introdotti per motivi di completezza nella descrizione delle caratteristiche
della muratura e per valutare la resistenza caratteristica della muratura a compressione secondo quanto
previsto nelle tabelle A e D del D.M. 20.11.1987. I relativi campi possono essere lasciati vuoti dall’utente che
però deve inserire manualmente il valore di fk.
Nella scheda CIRC. 21745 30/07/81 vengono richieste, tramite l’apposita scheda:

174
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

• σ k: resistenza a compressione della muratura (Circolare LL.PP. n. 2174530-07-81 tabella 1); dato
analogo ad fk ma utilizzato nella verifica di edifici esistenti secondo D.M. 16-1-96;
• τ k: resistenza caratteristica tangenziale (Circolare n. 21745 LL.PP. 30-07-81 tabella 1 istruzioni per la
Legge 14-05-81 n. 219 art. 10); dato analogo ad fvko ma utilizzato nella verifica di edifici esistenti
secondo D.M. 16-1-96;. La resistenza caratteristica tangenziale influenza i valori di E plastico e G
plastico, descritti nei due punti seguenti;
• fkt: resistenza caratteristica a trazione della muratura. Il dato viene utilizzato nelle verifiche di edifici
nuovi;
• mu: fattore di duttilità (Circolare LL.PP. n. 21745 30-07-81 tabella 2 istruzioni per la Legge 14-05-81 n.
219 art. 10). Dato utilizzato nella verifica di edifici esistenti secondo D.M. 16-1-96; rapporto tra lo
spostamento ultimo e lo spostamento al limite elastico:
δu
μ=
δe ;
• E plastico: modulo di elasticità longitudinale per la verifica agli stati limite di plasticizzazione. La Circolare
LL.PP. n. 21745 30-07-81 consiglia di assumere tale valore pari a E = 6 ⋅ G . I dati sono utilizzati nella
analisi di edifici esistenti con il metodo POR;
• G plastico: modulo di elasticità tangenziale per la verifica agli stati limite di plasticizzazione. La Circolare
LL.PP. n. 21745 30-07-81 consiglia di assumere tale valore pari a G=1100*τk (t/m2). Il dato è utilizzato
nella analisi di edifici esistenti con il metodo POR.
Nella scheda OPCM 3431 / N.T.C. 2005 vengono visualizzati:

• Tipo di blocchi: tipologia di blocco utilizzato nella costruzione. Il dato viene utilizzato per la
determinazione del valore di fk (tabella 11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella
11.10.VI e tabella 11.10.VII §11.10.3.1.2 D.M. 17-01-18)
• Categoria blocchi: i blocchi sono definiti di categoria I o di categoria II come descritto in §11.10.1 D.M.
14-01-08 e D.M. 17-01-18; il dato serve per la determinazione del coefficiente parziale di sicurezza per le
verifiche SLU (tabella 4.5.II §4.5.6.1 D.M. 14-01-08e D.M. 17-01-18);
• fbk: resistenza caratteristica a compressione dell’elemento artificiale o naturale; il dato viene utilizzato per
la determinazione del valore di fk (tabella 11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella
11.10.VI e tabella 11.10.VII §11.10.3.1.2 D.M. 17-01-18). Tale valore dovrebbe essere fornito dal
produttore;

175
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• fbk_: resistenza caratteristica a compressione dell’elemento in direzione orizzontale nel piano del muro.
Il dato da richiedersi al produttore viene utilizzato nella verifica a taglio di edifici in muratura ordinaria
(D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18§7.8.2.2.2);
• fm: resistenza media a compressione della malta; il dato viene utilizzato per la determinazione del valore
di fk (tabella 11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella 11.10.VI e tabella 11.10.VII
§11.10.3.1.2 D.M. 17-01-18);
• Tipo di malta: malta a prestazione garantita o malta a composizione garantita; il dato serve per la
determinazione del coefficiente parziale di sicurezza per le verifiche SLU (tabella 4.5.II §4.5.6.1 D.M. 14-
01-08 e D.M. 17-01-18);
• γM:coefficienteparziale di sicurezza utilizzato nelle verifiche allo Stato Limite Ultimo; il dato non può
essere editato e viene ottenuto in automatico considerando il tipo di malta, la categoria dei blocchi, la
classe di esecuzione. Il dato è determinato mediante la tabella 4.5.II §4.5.6.1 D.M. 14-01-08 e D.M. 17-
01-18;
• fk: resistenza caratteristica della muratura a compressione Questa resistenza può essere determinata
mediante prove su un numero n (≥6) di provini (muretti) in funzione della resistenza a compressione
media , della stima dello scarto s e da un coefficiente k dipendente dal numero di provini (D.M. 14-01-08
e D.M. 17-01-18 § 11.10.3.1.1):
fk = fm − k ⋅ s
Per le murature composte da elementi resistenti artificiali o naturali il valore può essere determinato in
funzione della resistenza a compressione degli stessi e della classe di appartenenza della malta (tabella
11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella 11.10.VI e tabella 11.10.VII §11.10.3.1.2
D.M. 17-01-18). Il dato viene utilizzato nelle verifiche di edifici nuovi operando con D.M. 14-01-08 e D.M.
17-01-18. La resistenza caratteristica della muratura a compressione influenza il valore del modulo di
elasticità longitudinale;
• fvk0: resistenza caratteristica a taglio della muratura. Questa resistenza può essere determinata
mediante prove su un numero n (≥6) di provini (muretti) in funzione della resistenza a taglio media, (D.M.
14-01-08 ovvero D.M. 17-01-18 § 11.10.3.2.1):
f vk 0 = 0.7 f vm
Essa permette di calcolare il valore della resistenza caratteristica a taglio:
f vk = f vko + 0.4 ⋅ σ n
in cui σn è la tensione normale media dovuta ai carichi verticali agenti nella sezione di verifica. Il dato
viene utilizzato nelle verifiche di per materiali nuovi;
• fhk: resistenza caratteristica della muratura a compressione in direzione orizzontale nel piano della
parete. Il dato viene utilizzato nella verifica a pressoflessione e taglio di travi in muratura (§7.8.2.2.4D.M.
14-01-08 e D.M. 17-01-18).
• fkt: resistenza caratteristica a trazione della muratura. Il dato viene utilizzato nelle verifiche a taglio con
rottura per fessurazione diagonale di edifici nuovi;
• Livello di conoscenza: questa proprietà viene utilizzata solo se si opera con D.M.14-01-08e D.M. 17-01-
18. Viene richiesto il livello di conoscenza previsto al §8.5.4. Il livello di conoscenza dell’edificio,
condiziona il calcolo di verifica, penalizzando i materiali attraverso il fattore di confidenza secondo
quanto esposto al §C8A.1 di Circ.617 02-02-09.
• Classe di esecuzione: l’attribuzione della classe di esecuzione viene descritta in §4.5.6.1; il dato serve
per la determinazione del coefficiente parziale di sicurezza per le verifiche SLU (tabella 4.5.II §4.5.6.1
D.M. 14-01-08e D.M. 17-01-18);
• f medio (fm): resistenza media a compressione della muratura. Il dato viene utilizzato nella verifica di
materiali esistenti;
• τ medio ( τ 0): resistenza media a taglio della muratura. Il dato viene utilizzato nella verifica di materiali
esistenti;
• E medio: valore medio del modulo di elasticità normale; il dato viene utilizzato nella modellazione per
analisi statica non-lineare (pushover) della muratura di materiali esistenti;
• G medio: valore medio del modulo di elasticità tangenziale; il dato viene utilizzato nella modellazione per
analisi statica non-lineare (pushover) della muratura di materiali esistenti;
• Incrudimento: è il fattore di incrudimento a compressione utilizzato nella modellazione della muratura con
elementi a comportamento bilineare elastico perfettamente plastico per analisi statica non-lineare
(pushover).
Nella scheda D.M. 14-01-08 / D.M. 17-01-18vengono visualizzati:

176
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

La scheda è organizzata per argomenti, per cui vi sono dei parametri relativi ad una voce specifica che sono
raggruppati all’interno di una categoria, le categorie presenti sono:
• Blocchi
• Malta
• Muratura
Rimangono al di fuori di queste categorie il parametro γM e la Curva di comportamento.
Nella categoria Blocchi definiamo i parametri:
• Tipo di blocchi: tipologia di blocco utilizzato nella costruzione. Il dato viene utilizzato per la
determinazione del valore di fk (tabella 11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella
11.10.VI e tabella 11.10.VII §11.10.3.1.2 D.M. 17-01-18)
• Categoria blocchi: i blocchi sono definiti di categoria I o di categoria II come descritto in §11.10.1 D.M.
14-01-08; il dato serve per la determinazione del coefficiente parziale di sicurezza per le verifiche SLU
(tabella 4.5.II §4.5.6.1 D.M. 14-01-08e D.M. 17-01-18);
• fbk: resistenza caratteristica a compressione dell’elemento artificiale o naturale; il dato viene utilizzato per
la determinazione del valore di fk (tabella 11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella
11.10.VI e tabella 11.10.VII §11.10.3.1.2 D.M. 17-01-18). Tale valore dovrebbe essere fornito dal
produttore;
• fbk_: resistenza caratteristica a compressione dell’elemento in direzione orizzontale nel piano del muro. Il
dato da richiedersi al produttore viene utilizzato nella verifica a taglio di edifici in muratura ordinaria (D.M.
14-01-08 e D.M. 17-01-18§7.8.2.2.2).
Nella categoria Malta definiamo i parametri:
• fm: resistenza media a compressione della malta; il dato viene utilizzato per la determinazione del valore
di fk (tabella 11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella 11.10.VI e tabella 11.10.VII
§11.10.3.1.2 D.M. 17-01-18);
• Tipo di malta: malta a prestazione garantita o malta a composizione garantita; il dato serve per la
determinazione del coefficiente parziale di sicurezza per le verifiche SLU (tabella 4.5.II §4.5.6.1 D.M. 14-
01-08e D.M. 17-01-18).
Nella categoria Muratura definiamo i parametri:
• Livello di conoscenza: questa proprietà viene utilizzata solo se si opera con D.M.14-01-08e D.M. 17-01-
18. Viene richiesto il livello di conoscenza previsto al §8.5.4. Il livello di conoscenza del materiale,
condiziona il calcolo di verifica, penalizzando i materiali attraverso il fattore di confidenza secondo
quanto esposto al §C8A.1 di Circ.617 02-02-09.
• Classe di esecuzione: l’attribuzione della classe di esecuzione viene descritta in §4.5.6.1; il dato serve
per la determinazione del coefficiente parziale di sicurezza per le verifiche SLU (tabella 4.5.II §4.5.6.1
D.M. 14-01-08e D.M. 17-01-18).
A seconda della scelta del Livello di conoscenza il programma si posiziona automaticamente in una finestra
specifica che determina i valori dei parametri della muratura nuova ovvero esistente.
In particolare per la muratura nuova definiamo i parametri:

177
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• fk: resistenza caratteristica della muratura a compressione. Questa resistenza può essere determinata
mediante prove su un numero n (≥6) di provini (muretti) in funzione della resistenza a compressione
media , della stima dello scarto s e da un coefficiente k dipendente dal numero di provini (D.M. 14-01-08
e D.M. 17-01-18 § 11.10.3.1.1):
fk = fm − k ⋅ s
Per le murature composte da elementi resistenti artificiali o naturali il valore può essere determinato in
funzione della resistenza a compressione degli stessi e della classe di appartenenza della malta (tabella
11.10.V e tabella 11.10.VI §11.10.3.1.2 D.M. 14-01-08 e tabella 11.10.VI e tabella 11.10.VII §11.10.3.1.2
D.M. 17-01-18). Il dato viene utilizzato nelle verifiche di edifici nuovi operando con D.M. 14-01-08;
• fvk0: resistenza caratteristica a taglio della muratura. Questa resistenza può essere determinata mediante
prove su un numero n (≥6) di provini (muretti) in funzione della resistenza a taglio media, (D.M. 14-01-08
ovvero D.M.17-01-18 § 11.10.3.2.1):
f vk 0 = 0.7 f vm
Essa permette di calcolare il valore della resistenza caratteristica a taglio:
f vk = f vko + 0.4 ⋅ σ n
in cui σn è la tensione normale media dovuta ai carichi verticali agenti nella sezione di verifica. Il dato
viene utilizzato nelle verifiche di per materiali nuovi;
• fhk: resistenza caratteristica della muratura a compressione in direzione orizzontale nel piano della
parete. Il dato viene utilizzato nella verifica a pressoflessione e taglio di travi in muratura ((§7.8.2.2.4D.M.
14-01-08 e D.M. 17-01-18).
• fkt: resistenza caratteristica a trazione della muratura. Il dato viene utilizzato nelle verifiche a taglio con
rottura per fessurazione diagonale di edifici nuovi.
Per la muratura esistente definiamo i parametri:

• tipologia di muratura: rappresenta la tipologia di muratura secondo quanto espresso in Circolare 617 02-
02-09 tabella C8A.2.1;
• miglioramenti: rappresentano i miglioramenti che possono far variare le caratteristiche di resistenza e/o i
parametri meccanici di base di alcune tipologie murarie secondo quanto espresso in Circolare 617 02-
02-09 tabella C8A.2.2;
• f medio (fm): resistenza media a compressione della muratura. Il dato viene utilizzato nella verifica di
materiali esistenti, tale campo risulta editabile solamente qualora il Livello di conoscenza impostato sia
diverso da “Nuovo”;
• τ medio: resistenza media a taglio della muratura. Il dato viene utilizzato nella verifica di materiali
esistenti, tale campo risulta editabile solamente qualora il Livello di conoscenza impostato sia diverso da
“Nuovo”;
• fh medio: resistenza media a compressione in direzione orizzontale nel piano della parete della
muratura. Il dato viene utilizzato nella verifica di materiali esistenti, tale campo risulta editabile solamente

178
Sismicad 1
12.12 – Manuale
e d’uso 9.5Materia
ali…

qualora
a il Livello di conoscenza
c im
mpostato sia diverso
d da “Nu
uovo”. Il dato viene utilizzato nella verificca a
presso
oflessione e ta aglio di travi in muratura ed
d è valutato come
c 0.5xfmeddio secondo qu uanto riportato o in
CNR-DDT 2000 R!/20 013 §5.2.3 ;
• E med dio: valore me edio del mod dulo di elastic
cità normale; il dato viene ella modellazione
e utilizzato ne
inelastica (analisi sta
atica non-lineaare secondo D.M.
D 14-01-08 8e D.M. 17-01--18) della murratura di mate eriali
nti, tale campo
esisten o risulta editab
bile solamentee qualora il Livvello di conosccenza impostaato sia diverso
o da
“Nuovoo”;
• G med dio: valore me edio del modu ulo di elasticittà tangenzialee; il dato viene ella modellazione
e utilizzato ne
inelastica (analisi sta
atica non-lineaare secondo D.M.
D 14-01-088e D.M. 17-01--18) della murratura di mate eriali
nti, tale campo
esisten o risulta editab
bile solamente e qualora il Livvello di conosccenza imposta ato sia diverso
o da
“Nuovoo”;
• I valorii fmedio, τmedio, fhmedio, Emedioo, Gmedio, che denominerem mo ora come vvalori medi de ei materiali, sono
valutati automaticam mente dal prog gramma in fun nzione del Liveello di conosce enza assegna ato, della tipolo
ogia
di murratura scelta e dei migliorramenti contrassegnati, è sempre posssibile comunq que assegnarre a
ciascun no di questi parametri
p un valore
v non va alutato automa aticamente da al programma a ma determin nato
dall’ute
ente. In partico olare in relazio one a quanto riportato nella a tabella C8A.1.1 della Circ colare 617 02--02-
09 il prrogramma asssegna:
- i va alori minimi de ella tabella C8A A.2.1 ai valori medi dei matteriali qualora il livello di connoscenza sia LC1L
e non
n si sia assegnato alcun miglioramento o;
- i va alori medi della a tabella C8A A.2.1 ai valori medi
m dei mate eriali qualora iil livello di con
noscenza sia LC2L
e non
n si sia assegnato alcun miglioramento o;
- i va alori medi della a tabella C8A A.2.1 ai valori medi
m dei mate eriali qualora iil livello di con
noscenza sia LC1L
e non
n si sia assegnato alcun miglioramento o;
In relazione alla
a tipologia di d muratura asssegnata, se questaq è preseente nella tabe ella C8A.2.2, si attiva inoltrre la
possibilità di assegnare dei d “miglioram menti” alla muratura
m corre
ente, i valorii medi dei materiali
m saranno
automaticame ente afflitti dai coefficienti della tabella C8 8A.2.2 in relazzione al tipo d
di miglioramen nto ai paramettri di
resistenza e/o o a quelli mecccanici.

L’attivazione e di uno o piiù miglioramenti applicatti nel databas


se del materriale muraturra non ha alc cun
corrispettivo o con l’assegnazione di in
nterventi di miglioramento
m o in sede di verifica della
a muratura, sarà
s
l’utente a sc cegliere se assegnare
a o meno ad un n elemento contenente u un intervento o di verifica un
materiale mig gliorato.
Al di fuori rimaangono le vocci:
• γM:coeefficiente parziiale di sicurezzza utilizzato nelle verifiche allo Stato L Limite Ultimo;; il dato non può
esseree editato e vie ene ottenuto in automatico o considerand do qualora la muratura sia nuova, il tipo o di
malta, la categoria dei
d blocchi, la a classe di ese ecuzione. Il dato è determiinato mediantte la tabella 4.5.II
§4.5.6..1 D.M. 14-01-08 e D.M. 17 7-01-18. Se la a muratura ha a un livello di conoscenza diverso
d da Nu
uovo
allora il valore imposstato dal progrramma è pari a 3.0;
• la curvva bilineare: consente la definizione de ella curva di comportamento del materiale; si rimanda
all’appoosito paragraffo per maggioori dettagli. Il dato
d modellazione della muratura per
viene utiliizzato nella m
analisi statica non-lineare (pusho over). In particolare nel ca aso di muratu ura ordinaria viene comunque
assunto un comporrtamento bilin neare elastico o perfettamen nte plastico ccon fattore di incrudimento o a
compre essione desun nto dalla curva a. Nel caso in nvece di muratura armata o con miglioram menti, e nel caso
c
sia stato adottato unn modello ad aste equivale enti, viene adoottata integralmmente la curvva qui definita. La
curva, nel caso di materiali
m con livvello di conosc cenza diverso o da Nuovo dip pende dai parrametri fmedio o ed
Emedio o, qualora non sia possibile e assegnare un u valore di default
d in quan
nto non è staato impostata una
Tipologgia di muraturra o perché i valori
v assegna ati sono nulli allora
a non è p olare una curva di
possibile calco
defaultt, pertanto l’utente dovrà à definire manualmente
m tali valori per ottenere e una curva di
compo ortamento.

1
179
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

In Sismicad vi sono tre diversi solutori che gestiscono i valori dei parametri meccanici definiti, in particolare
riassumendo:
• E: modulo di elasticità longitudinale del materiale per edifici o materiali nuovi, è il valore attribuito al
solutore elastico in tutti i casi oppure al solutore inelastico se si opera un’analisi statica non-lineare
(pushover) con le norme OPCM 3431, N.T.C. 2005, D.M. 14-01-08 e D.M. 17-01-18.
• Eplastico: modulo di elasticità longitudinale della muratura per verifiche agli stati limite di
plasticizzazione, è il valore attribuito al solutore POR nel caso si operi con edifici esistenti con le verifiche
secondo Circ. 81 ed analisi secondo il D.M. 16-01-1996.
• Gplastico: modulo di elasticità tangenziale della muratura per verifiche agli stati limite di plasticizzazione,
è il valore attribuito al solutore POR nel caso si operi con edifici esistenti con le verifiche secondo Circ.
81 ed analisi secondo il D.M. 16-01-1996.
• Emedio: valore medio del modulo di elasticità longitudinale utilizzato per materiale esistente in caso di
analisi statica non-lineare (pushover), è il valore attribuito al solutore inelastico nel caso si operi con
edifici esistenti o materiali esistenti rispettivamente con verifiche ed analisi secondo OPCM 343,D.M. 14-
01-08 e D.M. 17-01-18
• Gmedio: Valore medio del modulo di elasticità tangenziale utilizzato per materiale esistente in caso di
analisi statica non-lineare (pushover), è il valore attribuito al solutore inelastico nel caso si operi con
edifici esistenti o materiali esistenti rispettivamente con verifiche ed analisi secondo OPCM 3431,D.M.
14-01-08 e D.M. 17-01-18
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di una
muratura è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si desidera
modificare.
Il valore del modulo elastico tangenziale G è calcolato in automatico dal programma sulla base del valore del
modulo elastico longitudinale e del modulo di Poisson definiti dall’utente e non è modificabile dall’utente.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale muratura selezionato. Cliccando sulla freccia a lato del
tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale

180
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

selezionato, tutti i materiali muratura, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa
correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di un database delle murature che fornisce i valori orientativi delle
murature più comuni.

9.5.4 Legno
Selezionando la scheda Legno è possibile effettuare l’inserimento dei parametri che definiscono i materiali
legno:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

In particolare si devono fornire:


• la descrizione del materiale legno: vale quanto detto sopra;
• E: modulo elastico longitudinale;
• ν: coefficiente di Poisson. In particolare viene utilizzato tale valore in sede di modellazione di elementi
bidimensionali;
• G: modulo elastico tangenziale. In particolare viene utilizzato tale valore in sede di modellazione di aste;
• γ: peso specifico del materiale;
• alfa: coefficiente di dilatazione termica;
• Lavorazione: il tipo di lavorazione, massiccio o lamellare.
Inoltre per il metodo delle tensioni ammissibili vengono richieste, tramite l’apposita scheda:
• Sm,amm: tensione ammissibile per flessione;
• St,0,amm: tensione ammissibile per trazione parallela alle fibre;
• St,90,amm: tensione ammissibile per trazione ortogonale alle fibre;
• Sc,0,amm: tensione ammissibile per compressione parallela alle fibre;
• Sc,90,amm: tensione ammissibile per compressione ortogonale alle fibre;
• τ ,amm: τ ammissibile;
• la curva: si consente la definizione della curva di comportamento del materiale. Si rimanda all’apposito
paragrafo per maggiori dettagli.
Per il metodo degli stati limite (secondo D.M. o EC5) si devono fornire:
• fm,amm: resistenza caratteristica per flessione;

181
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• ft,0,amm: resistenza caratteristica per trazione parallela alle fibre;


• ft,90,amm: resistenza caratteristica per trazione ortogonale alle fibre;
• fc,0,amm: resistenza caratteristica per compressione parallela alle fibre;
• fc,90,amm: resistenza caratteristica per compressione ortogonale alle fibre;
• fv,k: resistenza caratteristica a taglio;
• E0,05: modulo di elasticità parallelo alla fibratura 5- percentile;
• G0,05: modulo di elasticità tangenziale parallelo alla fibratura 5- percentile;
• Essenza: il tipo di essenza, conifera o latifoglie, come richiesto nel § 8.5.1.1 per la valutazione della
formula (8.33);
• la curva: si consente la definizione della curva di comportamento del materiale. Si rimanda all’apposito
paragrafo per maggiori dettagli.
Da tali valori di resistenza caratteristici il programma ricava quelli di progetto in funzione dei dati di
configurazione del legno definiti in fase di verifica nel caso si adotti come norma l’Eurocodice 5.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
I dati riportati sulla tabella di riepilogo sono quelli comuni alle diverse normative. Per visualizzare gli altri
parametri è necessario selezionare il materiale desiderato nella griglia e premere il tasto Modifica. Si apre la
finestra vista in precedenza con tutti i parametri definibili dall’utente visualizzati. In questo modo è possibile
anche modificare i dati del materiale selezionato. La modifica di una materiale legno è consentita anche
effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si desidera modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale legno selezionato. Cliccando sulla freccia a lato del
tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali legno, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa
correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di un database dei materiali legno che fornisce i valori orientativi più
comuni.

9.5.5 Acciaio
Selezionando la scheda Acciaio è possibile effettuare l’inserimento dei parametri che definiscono i materiali
acciaio:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

182
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

In particolare si devono fornire:


• la descrizione del materiale acciaio: vale quanto detto sopra;
• E: modulo elastico longitudinale;
• ν: coefficiente di Poisson;
• γ: peso specifico del materiale;
• alfa: coefficiente di dilatazione termica.
• il livello di conoscenza: questa proprietà viene utilizzata solo se si opera con norma di analisi D.M.14-01-
08 e D.M. 17-01-18. Viene richiesto il livello di conoscenza previsto al pargrafo 8.5.4. Il livello di
conoscenza dell’edificio, condiziona il calcolo di verifica, penalizzando i materiali attraverso il fattore di
confidenza secondo quanto esposto al esposto al §C8A.1 di Circ.617 02-02-09.
Inoltre secondo CNR 10011 vengono richieste, tramite l’apposita scheda:
• il tipo: è la descrizione del materiale nel suo utilizzo in CNR 10011;
• fy: la tensione di snervamento per spessori minori o uguali a 40 mm;
• fy: la tensione di snervamento per spessori maggiori di 40 mm;
• fu: la tensione di rottura a trazione per spessori minori o uguali a 40 mm;
• fu: la tensione di rottura a trazione per spessori maggiori di 40 mm;
• il prospetto di riferimento per la verifica di instabilità delle aste compresse;
• σ amm: la tensione ammissibile per spessori minori o uguali a 40 mm;
• σ amm: la tensione ammissibile per spessori maggiori di 40 mm;
• fd: la resistenza di progetto per spessori minori o uguali a 40 mm;
• fd: la resistenza di progetto per spessori maggiori di 40 mm;
• la curva per spessori minori o uguali a 40 mm: si consente la definizione della curva di comportamento
del materiale. Si rimanda all’apposito paragrafo per maggiori dettagli.
• la curva per spessori maggiori di 40 mm.
Secondo CNR 10022 vengono richieste, tramite l’apposita scheda:
• il tipo: è la descrizione del materiale nel suo utilizzo in CNR 10022;
• fy: la tensione di snervamento;
• fu: la tensione di rottura a trazione;
• fd: la resistenza di progetto;
• il prospetto di riferimento per la verifica di instabilità delle aste compresse per spessori minori di 3 mm;
• il prospetto di riferimento per la verifica di instabilità delle aste compresse per spessori maggiori o uguali
a 3 mm;
• il prospetto di riferimento per la determinazione della σ critica euleriana;
• la curva: si consente la definizione della curva di comportamento del materiale. Si rimanda all’apposito
paragrafo per maggiori dettagli.
Secondo EC3, D.M.14-01-08e D.M.17-01-18vengono richieste, tramite l’apposita scheda:
• il tipo: è la descrizione del materiale nel suo utilizzo in EC3;
• fy: la tensione di snervamento per spessori minori o uguali a 40 mm;
• fy: la tensione di snervamento per spessori maggiori di 40 mm;
• fu: la tensione di rottura a trazione per spessori minori o uguali a 40 mm;

183
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

• fu: la tensione di rottura a trazione per spessori maggiori di 40 mm;


• la curva: si consente la definizione della curva di comportamento del materiale. Si rimanda all’apposito
paragrafo per maggiori dettagli.
Secondo AISC vengono richieste, tramite l’apposita scheda:
• il tipo: è la descrizione del materiale nel suo utilizzo in AISC;
• fy: la tensione di snervamento;
• fu: la tensione di rottura a trazione;
• la curva: si consente la definizione della curva di comportamento del materiale. Si rimanda all’apposito
paragrafo per maggiori dettagli.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
I dati riportati sulla tabella di riepilogo sono quelli comuni alle diverse normative. Per visualizzare gli altri
parametri è necessario selezionare il materiale desiderato nella griglia e premere il tasto Modifica. Si apre la
finestra vista in precedenza con tutti i parametri definibili dall’utente visualizzati. In questo modo è possibile
anche modificare i dati del materiale selezionato. La modifica di una materiale acciaio è consentita anche
effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si desidera modificare.
Il valore del modulo elastico tangenziale G è calcolato in automatico dal programma sulla base del valore del
modulo elastico longitudinale e del modulo di Poisson definiti dall’utente e non è modificabile dall’utente.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale acciaio selezionato. Cliccando sulla freccia a lato del
tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali acciaio o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di un database dei materiali acciaio che fornisce i valori dei materiali
comunemente utilizzati.

9.5.6 FRP
Selezionando la scheda FRPè possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai materiali FRP:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

In esso vengono richiesti:


• descrizione del rinforzo;
• tipo: attraverso il menu a tendina è possibile scegliere la natura della fibra del rinforzo;
• modulo elastico E;

184
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

• tensione caratteristica a trazione fy;


• spessore: spessore del singolo strato del fibrorinforzato;
• quadriassiale: tessuti caratterizzati dalla presenza di quattro diversi ordini di fibre inclinati di 135° l'uno
rispetto all'altro;
• preformato: distingue se si tratta di tessuto o di lamine pultruse;
• produttore.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
FRP è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si desidera
modificare. Cliccando sulla cella Produttore, si apre la pagina internet del produttore del materiale FRP.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale FRP selezionato. Cliccando sulla freccia a lato del tasto
Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale selezionato,
tutti i materiali FRP, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa correntemente aperta o
tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di alcuni materiali FRP disponibili sul mercato.
La curva di comportamento del materiale FRP non è definibile dall’utente. Ai fini delle analisi inelastiche si
ipotizza un comportamento elastico perfettamente fragile in trazione e mancata reagenza del materiale in
compressione.

9.5.7 Pannello di legno


Selezionando la scheda Pannello di legno è possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai materiali dei
pannelli a base di legno:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

In esso vengono richiesti:


• Descrizione: vale quanto detto sopra;
• E: modulo elastico, al momento non impiegato e riservato per usi futuri;
• ν: coefficiente di Poisson, al momento non impiegato e riservato per usi futuri;
• G: modulo elastico tangenziale. In particolare viene utilizzato in sede di modellazione dei fogli delle
pareti in legno a Diaframma;
• γ: peso specifico del materiale;
• Alfa: coefficiente di dilatazione termica;
• Tipo: tipo di materiale conformemente alle alle norme supportate.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.

185
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
pannello di legno è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si
desidera modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale pannello di legno selezionato. Cliccando sulla freccia a
lato del tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali pannello di legno, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella
commessa correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di alcuni materiali pannello di legno disponibili sul mercato.
La curva di comportamento del materiale pannello di legno non è definibile dall’utente.

9.5.8 Lega di alluminio


Selezionando la scheda Lega di alluminio è possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai materiali lega di
alluminio:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

In esso vengono richiesti:


• Descrizione: vale quanto detto sopra;
• E: modulo elastico longitudinale;
• ν: coefficiente di Poisson;
• γ: peso specifico del materiale;
• Alfa: coefficiente di dilatazione termica;
• f0,2: resistenza al limite elastico convenzionale corrispondente alla deformazione residua dello 0,2%;
• fu: resistenza ultima a trazione.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
lega di alluminio è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si
desidera modificare.

186
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale lega di alluminio selezionato. Cliccando sulla freccia a
lato del tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali lega di alluminio, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa
correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di alcuni materiali lega di alluminio disponibili sul mercato.
La curva di comportamento del materiale lega di alluminio non è definibile dall’utente.

9.5.9 Pannello gessofibra


Selezionando la scheda Pannello gessofibra è possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai materiali dei
pannelli in gessofibra:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

In esso vengono richiesti:


• Descrizione: vale quanto detto sopra;
• E: modulo elastico, al momento non impiegato e riservato per usi futuri;
• ν: coefficiente di Poisson, al momento non impiegato e riservato per usi futuri;
• G: modulo elastico tangenziale. In particolare viene utilizzato in sede di modellazione dei fogli delle
pareti in legno a diaframma;
• γ: peso specifico del materiale;
• Alfa: coefficiente di dilatazione termica.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
pannello di legno è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si
desidera modificare.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale gessofibra selezionato. Cliccando sulla freccia a lato
del tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali gessofibra, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa
correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di alcuni materiali pannello gessofibra disponibili sul mercato.
La curva di comportamento del materiale gessofibra non è definibile dall’utente.

187
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

9.5.10 Intonaco rete fibra


Selezionando la scheda Intonaco rete fibra è possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai materiali
costituenti l’intonaco per le reti di fibra, utilizzate per i miglioramenti degli elementi in muratura:

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

In esso vengono richiesti:


• descrizione del tipo di rete;
• modulo elastico E;
• peso specifico del materiale γ;
• resistenza a compressione Fc;
• resistenza a trazione Ft;
• produttore.
Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.
Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
Intonaco rete fibra è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si
desidera modificare. Cliccando sulla cella Produttore, si apre la pagina internet del produttore del materiale
Rete fibra.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale Intonaco rete fibra selezionato. Cliccando sulla freccia
a lato del tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali Intonaco rete fibra, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella
commessa correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di alcuni materiali Rete fibra disponibili sul mercato.
La curva di comportamento del materiale Intonaco rete fibra non è definibile dall’utente né viene utilizzata nelle
analisi inelastiche.

9.5.11 Rete fibra


Selezionando la scheda Rete fibra è possibile effettuare l’inserimento dei dati relativi ai materiali costituenti le
reti di fibra, utilizzate per i miglioramenti degli elementi in muratura:

188
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

Selezionando il tasto Nuovo, o cliccando sulla freccia di fianco e selezionando la voce Valori Predefiniti, si
visualizza il seguente dialogo:

In esso vengono richiesti:


• descrizione del tipo di rete;
• tipo: attraverso il menu a tendina è possibile scegliere la natura della fibra del rinforzo;
• modulo elastico E;
• dilatazione a rottura eU;
• passo verticale della maglia della rete;
• Fu verticale cioè il carico di rottura a trazione verticale per unità di lunghezza;
• passo orizzontale della maglia della rete;
• Fu orizzontale cioè il carico di rottura a trazione orizzontale per unità di lunghezza;
• produttore.
Altri parametri di interesse valutati automaticamente dal software sono
• area di calcolo verticale del singolo filo della rete, valutata come (Fu verticale x passo verticale) / (E x
eU);
• area di calcolo orizzontale del singolo filo della rete, valutata come (Fu orizzontale x passo orizzontale) /
(E x eU)
• diametro del singolo filo verticale della rete valutato come 4· /3.14
• diametro del singolo filo orizzontale della rete valutato come 4· /3.14

Si fa presente inoltre che le verifiche per elementi rinforzati con reti di fibra e intonaco manca una
normativa specifica. Le verifiche vengono condotte dal programma applicando CNR-DT 200 R1/2013 che
sono relative alla applicazione di FRP con matrice epossidica. Alcuni materiali costituenti le reti di fibra
sono definiti come fibre di basalto, essendo tale specifica tipologia non prevista inCNR-DT 200 R1/2013
ci si rifà ai valori definiti per le fibre di vetro per il calcolo dei parametri influenzati da tale voce.

Tramite OK si conferma l’inserimento ritornando nel dialogo principale dei materiali.


Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la voce
'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.

189
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Attraverso il tasto Modifica è consentita la variazione dei dati del materiale selezionato. Si apre la finestra vista
in precedenza e l’utente può modificare le caratteristiche del materiale in questione. La modifica di un materiale
Rete fibra è consentita anche effettuando un doppio click del mouse su una cella del materiale che si desidera
modificare. Cliccando sulla cella Produttore, si apre la pagina internet del produttore del materiale Rete fibra.
Il tasto Elimina consente la cancellazione del materiale Rete fibra selezionato. Cliccando sulla freccia a lato del
tasto Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo il materiale
selezionato, tutti i materiali Rete fibra, tutti i materiali presenti nel database non utilizzati nella commessa
correntemente aperta o tutti i materiali presenti nel database.
Il tasto Default consente la definizione di alcuni materiali Rete fibra disponibili sul mercato.
La curva di comportamento del materiale Rete fibra non è definibile dall’utente. Ai fini delle analisi inelastiche si
ipotizza un comportamento elastico perfettamente fragile in trazione e mancata reagenza del materiale in
compressione.

9.5.12 Curva di comportamento del materiale


A ciascun materiale definito (con esclusione dei materiali FRP, rete fibra, intonaco per rete fibra, lega di
alluminio, pannello di legno e pannello in gessofibra) nelle apposite finestre di input viene automaticamente
assegnato dal programma una curva di comportamento di default le cui caratteristiche sono assunte sulla base
delle caratteristiche meccaniche del materiale stesso.
Tale curva viene reimpostata alla curva di default se l’utente modifica le caratteristiche meccaniche del
materiale stesso.
Le curve di comportamento del materiale vengono utilizzate nel caso di analisi statica non lineare per definire il
comportamento del materiale nelle aste e negli elementi modellati a CONCRETE (cioè con elementi
bidimensionali a comportamento lastra piastra con resistenze limitate, per informazioni più dettagliate
sull’elemento CONCRETE si consulti il manuale del solutore interno).
Il comportamento del materiale prevede la fratturazione per trazione e lo schiacciamento per compressione con
perdita dello sforzo.
In ogni caso è comunque possibile intervenire a modificare i dati proposti modificando la curva assegnata
automaticamente dal programma o definendo una nuova curva.

Premendo sull’apposito bottone presente nei dialoghi di modifica o di inserimento di un nuovo materiale si attiva
il menu per la definizione della nuova curva di comportamento del materiale. Nel caso di materiale c.a. e
muratura è possibile scegliere tra due tipi diversi di proposta automatica (curva di Saenz o curva bilineare).
Viene invece fornito la sola proposta di curva bilineare nel caso del legno, dell’acciaio e delle armature per
cemento armato.
Scegliendo Nuova curva Saenz si apre un’apposita finestra che consente di creare la curva in forma
parametrica. Modificando i valori proposti si aggiorna anche la curva. I punti non sono comunque modificabili,
aggiungibili o eliminabili. Una analoga finestra si apre nel caso la scelta sia relativa ad una nuova curva
bilineare.

190
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.5Materiali…

Attraverso il tasto Modifica presente nei dialoghi di modifica o di inserimento di un nuovo materiale in
corrispondenza della curva è possibile editare le caratteristiche della curva di comportamento del materiale
definita in precedenza per effettuare delle modifiche.
I dati richiesti variano a seconda che l’utente editi una curva bilineare o di Saenz e il comportamento
conseguente del materiale è rappresentato per entrambi i casi nell’immagine seguente:

dove:
• i: incrudimento (diverso a trazione o compressione);
• Ec: modulo elastico a compressione;
• Et: modulo elastico a trazione;
• ec: epsilon elastica a compressione;
• et: epsilon elastica a trazione;
• ecultima: epsilon ultima a compressione;
• etultima: epsilon ultima a trazione;
• sigmacompressione snervamento: il dato viene richiesto solo nel caso di curva di Saenz;
• ef: il dato non viene richiesto all’utente né a compressione né a trazione ma è posto pari alla epsilon
ultima maggiorata dell’1% della differenza tra epsilon ultima ed epsilon elastica la epsilon ultima:
ef=ecultima+0.01(ecultima-ec) e analogamente per la trazione.

191
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Il tratto di curva in rosso (Saenz) viene inserito nel caso la curva scelta dall’utente sia quella di Saenz.
Viene richiesto all’utente se il materiale reagisce a trazione. Nel caso di non reagenza a trazione la parte nel
quadrante in alto a destra non viene considerata. Viene inoltre richiesto all’utente di definire se il materiale ha
comportamento fragile. In caso di comportamento fragile si tiene conto del rilascio delle tensioni (fratturazione)
a causa del raggiungimento in trazione o compressione delle deformazioni limite. In caso di non considerazione
del comportamento fragile la curva continua oltre la epsilon ultima senza riduzioni (tratto tratteggiato della
curva).
Le curve di comportamento influenzano la modellazione delle aste in calcestruzzo intese come sezioni
composite (calcestruzzo e armatura) secondo quanto specificato in Modellazione inelastica di aste in c.a., le
aste in acciaio e quelle in legno, la muratura viene modellata secondo quanto riportato in Muratura e La
modellazione per l’analisi statica non lineare in Sismicad.
In fase di verifica non vengono utilizzate le caratteristiche di resistenza definiti all’interno della curva di
comportamento ma quelle proprie del materiale, al momento della scrittura del presente manuale i parametri
effettivamente utilizzati sono le dilatazioni elastiche ed ultime dei materiali calcestruzzo, armatura ed acciaio
per stabilire se si hanno deformazioni oltre il limite elastico e il valore della deformazione ultima del
calcestruzzo nel momento in cui viene eseguita la verifica di rotazione alla corda, benché le aste in legno siano
modellate con comportamento conforme alla curva di comportamento del materiale, in fase di analisi statica
non lineare si considerano sempre elastiche senza alcuna valutazione del loro stato di penetrazione in campo
inelastico.

9.6 SEZIONI C.A…


Selezionando Sezioni c.a. si apre il dialogo per l’inserimento dei dati relativi alle sezioni in c.a. utilizzabili per
travi, pilastri e pali:

In essa è possibile:
• visualizzare le sezioni esistenti nella commessa, che vengono ordinate in schede diverse in base al tipo
(rettangolare, “T”, “T” rovescia, doppia “T”, circolare, anulare e generiche) e alla larghezza.
• creare una nuova sezione del tipo della scheda corrente attraverso il tasto Nuovo. È inoltre possibile
inserire, attraverso l’apposito menu a tendina, una sezione nel databe utilizzando due modalità
particolari:
- Da selezione: consente di inserire la sezione in c.a. selezionando le linee che compongono la
sezione direttamente nel disegno di input. Si selezionino le linee che compongono la sezione in
modo da individuare un poligono chiuso. Terminando la selezione con il tasto destro del mouse o
con il tasto INVIO si ritorna nella finestra del database delle sezioni e, nel caso in cui la selezione
delle linee sia valida, viene visualizzata la nuova sezione nella finestra relativa alla tipologia della
sezione corretta (rettangolare, “T”, “T” rovescia, doppia “T” e generiche) individuata
automaticamente dal programma. L’utente può così apportare le modifiche desiderate. Se si esegue
questo tipo di definizione in ambiente CAD esterno le linee e polilinee riconosciute dal programma
sono solo quelle inserite con i comandi Linea e Polilinea di Sismicad e non quelle inserite con i
comandi del CAD esterno.
- Da punti: consente di inserire la sezione in c.a. selezionando i vertici della sezione direttamente nel
disegno di input. Terminando la selezione con il tasto destro del mouse o con il tasto INVIO si ritorna
nella finestra del database delle sezioni e, nel caso in cui la selezione dei punti sia valida, viene
visualizzata la nuova sezione nella finestra relativa alla tipologia della sezione corretta (rettangolare,
“T”, “T” rovescia, doppia “T” e generiche) individuata automaticamente dal programma. L’utente può
così apportare le modifiche desiderate.

192
Sismicad 12.12 – Manuale d’uso 9.6Sezioni c.a…

- Valori come corrente dove al posto di 'corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di
quello corrente.
Per i dettagli sulla definizione delle sezioni generiche dalla scheda Sezioni generiche e non con i
comandi di selezione appena illustrati si rimanda al prossimo paragrafo.
• Cliccando sulla freccia di fianco al tasto Nuovo si apre un menu a tendina dal quale si può selezionare la
voce 'Valori come Corrente' dove al posto di 'Corrente' viene visualizzata la descrizione dell’elemento
correntemente selezionato: viene quindi proposto il dialogo di un nuovo elemento ma con i dati di quello
corrente.
• modificare una sezione esistente attraverso il tasto Modifica; la modifica è consentita anche effettuando
un doppio click del mouse su una cella della sezione che si desidera modificare. Per i dettagli sulla
modifica delle sezioni generiche si rimanda al prossimo paragrafo.
• visualizzare i valori statici della sezione selezionata attraverso la scheda Valori statici. La posizione del
baricentro è data rispetto al sistema di riferimento rappresentato nell’anteprima; l’asse rosso va inteso
come asse x , l’asse verde va inteso come asse y.
• eliminare una sezione esistente attraverso il tasto Elimina. Cliccando sulla freccia a lato del tasto
Elimina è possibile decidere, attraverso l’apposito menu a tendina, se eliminare solo la sezione
selezionata, tutte le sezioni c.a. della tipologia corrente, tutte le sezioni c.a. presenti nel database non
utilizzate nella commessa correntemente aperta o tutte le sezioni c.a. presenti nel database.
Tutti i tipi di sezione sono utilizzabili per travi e pilastri in sede di realizzazione dell’input della struttura e del
modello ad elementi finiti. In sede di verifica i tipi di sezioni che il verificatore riconosce per le travi sono le
quattro forme di uso più frequente: rettangolare, a T con ala superiore, a T con ala inferiore, a doppio T.
Attraverso l’imposizione di opportuni valori è possibile utilizzare ulteriori sezioni, quali ad esempio a "L" oppure
a "C". Le sezioni a T e doppio T possono pertanto non essere simmetriche rispetto all'asse verticale. Il
programma controlla che i valori in input siano tra loro compatibili e nella finestra riporta la scala di
rappresentazione delle sezioni visualizzate.

Il copriferro è inteso come la distanza della superficie esterna della staffa dalla cassaforma.
Ovviamente la definizione delle sezioni deve essere preliminare alla definizione di travi o pilastri altrimenti il
programma assegna all’elemento la sezione 30 x 40.
Il comando è inserito nella barra degli strumenti DB 2.

9.6.1 Sezioni generiche in c.a.


Cliccando su Nuovo avendo attiva la scheda delle sezioni generiche si apre l’editor per la definizione di una
nuova sezione. Lo stesso editor si apre nel caso in cui l’utente abbia la necessità di modificare una sezione
esistente e prema su Modifica. All’interno di tale editor è possibile quindi definire una nuova sezione o
modificare una sezione esistente. Tale finestra presenta le seguenti caratteristiche:
• casella di definizione della descrizione della sezione: vale quanto detto sopra;
• bottoniera per l’input della sezione generica che verrà descritta in dettaglio nel seguito;
• editor grafico che consente il disegno e la selezione delle entità disegnate. Nell’editor grafico vengono
disegnati i poligoni e i cerchi che compongono la sezione. La linea tratteggiata interna al poligono o al
cerchio pieno o esterna ai fori rappresenta la posizione dei copriferri che possono essere diversi per ogni
lato.
• riga di comando in cui vengono indicate le operazioni da effettuare;
• editor delle coordinate relative alla posizione del cursore del mouse;
• tabella delle proprietà.

193
9Strumenti del menu Database Sismicad 12.12 – Manuale d’uso

Consente il disegno di un poligono attraverso l’editor grafico; vengono richiesti i punti di definizione del poligono
da assegnarsi nell’ordine secondo uno dei due versi di percorrenza a piacere. I punti, il cui numero è libero,
possono essere forniti da tastiera tramite le coordinate o con il mouse utilizzando, nel caso, i modi di osnap. La
scelta dei punti si conclude con il tasto destro del mouse, da tastiera tramite INVIO o scegliendo il primo punto
selezionato.

Consente il disegno di un cerchio attraverso l’editor grafico; vengono richiesti come primo punto il centro del
cerchio e come secondo punto un punto appartenente al cerchio o tramite tastiera il raggio del cerchio. I due
punti possono essere forniti da tastiera tramite le coordinate o con il mouse utilizzando, nel caso, i modi di
osnap.

Consente di cancellare una o più entità grafiche precedentemente disegnate. È possibile eseguire il comando e
selezionare le entità grafiche che si desidera eliminare o in alternativa es