Sei sulla pagina 1di 30

- Luca Sclafani -

CATIA V5
per la progettazione 3D

Personalizzazione dell'ambiente di lavoro e gestione delle proprietà >>


I principali ambienti di lavoro, da Sketcher a Assembly Design >>
I segreti del relational design >>
Con tanti esempi e applicazioni pratiche >>
CATIA 3a bozza-senza 7.indb 1 27/06/16 13.35
CATIA V5
per la progettazione 3D

Luca Sclafani

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 3 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

Autore Luca Sclafani

Collana:

Editor in Chief: Marco Aleotti


Progetto grafico: Roberta Venturieri
Immagine di copertina: @ nmcandre | Thinkstock
Realizzazione editoriale e impaginazione: Studio Dedita di Davide Gianetti
Redazione: Stefano Andreini

© 2016 Edizioni Lswr* – Tutti i diritti riservati


ISBN: 978-88-6895-239-6

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (com-
presi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere
effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della
legge 22 aprile 1941 n. 633.
Le fotocopie effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da
quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Centro Licenze e
Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali, Corso di Porta Romana 108, 20122 Milano, e-mail autorizzazioni@clearedi.org
e sito web www.clearedi.org.
La presente pubblicazione contiene le opinioni dell’autore e ha lo scopo di fornire informazioni precise e accurate. L’elaborazione
dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità in capo all’autore e/o all’edi-
tore per eventuali errori o inesattezze.
L’Editore ha compiuto ogni sforzo per ottenere e citare le fonti esatte delle illustrazioni. Qualora in qualche caso non fosse riuscito
a reperire gli aventi diritto è a disposizione per rimediare a eventuali involontarie omissioni o errori nei riferimenti citati.
Tutti i marchi registrati citati appartengono ai legittimi proprietari.

Via G. Spadolini, 7
20141 Milano (MI)
Tel. 02 881841
www.edizionilswr.it

Printed in Italy
Finito di stampare nel mese di luglio 2016 presso “LegoDigit” Srl, Lavis (TN)
(*) Edizioni Lswr è un marchio di La Tribuna Srl. La Tribuna Srl fa parte di .

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 4 27/06/16 13.35


Sommario
1 Introduzione a CATIA v5....................................................................... 9
1.1 Finalità e panoramica del manuale................................................................................ 9
1.2 Accesso a CATIA e informazioni preliminari.............................................................. 11
1.3 Elementi presenti nella schermata di CATIA..............................................................13
1.4 Utilizzo del mouse, della toolbar View (Visualizza) e di Show/No Show.......... 16
1.5 Struttura di un file Part: Body e Geometrical Set.......................................................21
1.6 Relation Design e legame Padre/Figlio.......................................................................25
1.7 Gestione delle impostazioni di CATIA........................................................................28
1.8 Toolbar Measure (Misura)..............................................................................................31
1.9 Ulteriori considerazioni generali...................................................................................34
1.10 Approccio al disegno mediante CATIA.......................................................................37

2 Ambiente Sketcher...................................................................................39
2.1 Genesi di uno Sketch (Schizzo).....................................................................................39
2.2 Gestione delle impostazioni dello Sketcher...............................................................42
2.3 Elemento standard ed elemento di costruzione.......................................................43
2.4 Toolbar Sketch tools (Strumenti dello Sketcher)......................................................45
2.5 Toolbar Profile (Profilo).................................................................................................. 46
2.5.1 Profile (Profilo)......................................................................................................... 46
2.5.2 Predefined Profile (Profilo predefinito).............................................................. 49
2.5.3 Circle (Cerchio).........................................................................................................76
2.5.4 Spline (Spline).......................................................................................................... 84
2.5.5 Conic (Conica)........................................................................................................... 91
2.5.6 Line (Linea)................................................................................................................ 99
2.5.7 Axis (Asse)...............................................................................................................109
2.5.8 Point (Punto).............................................................................................................110
2.6 Toolbar Operation (Operazione).................................................................................118
2.6.1 Corner (Raccordo)...................................................................................................118
2.6.2 Chamfer (Smusso)................................................................................................. 122
2.6.3 Relimitations (Relimitazioni)............................................................................... 126
2.6.4 Transformation (Trasformazione)......................................................................134
2.6.5 3D Geometry (Geometria 3D)............................................................................149
2.7 Elementi protetti............................................................................................................. 152
2.8 Constraints (Vincoli)..................................................................................................... 153
2.8.1 Vincoli dimensionali e vincoli geometrici.........................................................154
2.8.2 Applicazione di vincoli, SmartPick e Toolbar Cons­traint.............................. 155
2.8.3 Diagnostica dello Sketch mediante colori degli elementi............................. 159
2.8.4 Modifica di vincoli....................................................................................................161
2.9 Sketch Analysis (Analisi dello schizzo)..................................................................... 162

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 5 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

2.10 Change Sketch Support (Cambia il riferimento dello schizzo)...........................164


Elenco delle feature.................................................................................................................166

3 Ambiente Part Design........................................................................... 169


3.1 Accesso al Part Design e informazioni preliminari................................................169
3.2 Elementi di riferimento per le feature del Part Design...........................................171
3.3 Toolbar Sketch-Based Features (Feature basate su schizzi)............................... 172
3.3.1 Pads (Prismi)............................................................................................................ 173
3.3.2 Pockets (Tasche)..................................................................................................... 182
3.3.3 Shaft (Albero)...........................................................................................................191
3.3.4 Groove (Linguetta)................................................................................................. 193
3.3.5 Hole (Foro)...............................................................................................................196
3.3.6 Rib (Costa)............................................................................................................... 203
3.3.8 Advanced Extruded Features (Feature di estrusione avanzate)................209
3.3.9 Multi-sections Solid (Solido multi-sezione).................................................... 213
3.3.10 Removed Multi-sections Solid (Solido multi-sezione rimosso)................. 216
3.4 Toolbar Dress-Up Features (Feature di dettagliatura).......................................... 219
3.4.1 Fillets (Raccordi).................................................................................................... 220
3.4.2 Chamfer (Smusso)................................................................................................ 237
3.4.3 Drafts (Sformi)....................................................................................................... 239
3.4.4 Shell (Svuotamento)............................................................................................. 246
3.4.5 Thickness (Spessore) .......................................................................................... 247
3.4.6 Thread/Tap (Filettatura/Maschiatura)............................................................ 249
3.4.7 Remove/Replace Face (Rimuovi/Sostituisci faccia)..................................... 251
3.5 Toolbar Surface-Based Features (Feature basate su superfici)......................... 254
3.6 Toolbar Transformation Features (Feature di trasformazione).......................... 259
3.6.1 Transformations (Trasformazioni).....................................................................260
3.6.2 Mirror (Specchio).................................................................................................. 265
3.6.3 Patterns (Matrici).................................................................................................. 266
3.6.4 Scaling (Scala)........................................................................................................ 276
3.7 Operazioni booleane..................................................................................................... 277
3.8 Assegnazione del materiale........................................................................................280
3.9 Approccio in funzione della tecnologia produttiva............................................... 282
Elenco Features........................................................................................................................284

4 Ambiente Generative Shape Design............................................ 287


4.1 Accesso al Generative Shape Design e informazioni preliminari...................... 288
4.2 Input multipli e output a sub-elementi disconnessi............................................. 289
4.3 Toolbar Wireframe (Wireframe)...............................................................................290
4.3.1 Points (Punti)........................................................................................................... 291
4.3.2 Line-Axis (Linea-Asse)......................................................................................... 297
4.3.3 Plane (Piano)........................................................................................................... 305
4.3.4 Project-Combine (Proietta-Combina)..............................................................308
4.3.5 Intersection (Intersezione)...................................................................................314
4.3.6 Parallel Curve (Curva parallela).......................................................................... 316
4.3.7 Circle-Conic (Cerchio-Conica)............................................................................ 319
4.3.8 Curves (Curve)....................................................................................................... 329
4.4 Toolbar Surfaces (Superfici).......................................................................................340
4.4.1 Extrude-Revolution (Estrusione-Rivoluzione)................................................340

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 6 27/06/16 13.35


Sommario

4.4.2 Offset (Offset)........................................................................................................346


4.4.3 Sweep (Sweep)....................................................................................................... 349
4.4.4 Fill (Riempimento)................................................................................................. 355
4.4.5 Multi-sections Surface (Supericie multi-sezione)........................................ 358
4.4.6 Blend (Connessione).............................................................................................. 361
4.5 Toolbar Operations (Operazioni)..............................................................................364
4.5.1 Join-Healing (Unione-Composizione)..............................................................364
4.5.2 Trim-Split (Relimita-Taglia)..................................................................................376
4.5.3 Extracts (Estrai)......................................................................................................384
4.5.4 Fillets (Margini)...................................................................................................... 388
4.5.5 Transformations (Trasformazioni).....................................................................403
4.5.6 Extrapolate (Estrapola).........................................................................................414
4.6 Ripetizione di oggetti..................................................................................................... 417
Elenco delle feature................................................................................................................420

5 Ambiente Assembly Design............................................................... 423


5.1 Accesso all’Assembly Design e creazione di un Product.................................... 423
5.2 Part Number e Instance............................................................................................... 427
5.3 Gestione dei Link...........................................................................................................430
5.4 Operazioni elementari sulle Instance........................................................................431
5.5 Interazione tra ambiente del Product e della Part................................................. 433
5.6 Visualizzazione in CGR e Design Mode...................................................................434
5.7 Toolbar Constraints (Vincoli)..................................................................................... 437
5.8 Toolbar Move (Sposta).................................................................................................451
5.8.1 Manipulation (Manipolazione)...........................................................................451
5.8.2 Snap (Snap)............................................................................................................. 453
5.8.3 Explode (Esplodi)...................................................................................................456
5.8.4 Stop manipulate on clash (Interruzione su interferenza)............................458
5.9 Spostamento di un’Instance mediante l’utilizzo
del Compass (Manipolatore).....................................................................................458
5.10 Analisi di un Product......................................................................................................461
5.10.1 Analisi dei vincoli e dei gradi di libertà..............................................................461
5.10.2 Clash (Interferenze)..............................................................................................463
5.10.3 Sectioning (Sezioni)..............................................................................................465
5.10.4 Bill Of Material........................................................................................................468
5.11 Copy and Paste tra le Instance e le Publication.....................................................469
5.11.1 Differenze tra Paste e Paste Special..................................................................469
5.11.2 Publication e legame tra le Instance................................................................. 472
5.12 Save Management (Gestione Salvataggio)............................................................ 476
5.13 Creazione di un AllCATPart........................................................................................ 478
Elenco delle feature................................................................................................................480

6 Ambiente Drafting................................................................................481
6.1 Accesso al Drafting e creazione di un Drawing......................................................481
6.2 Toolbar Views (Viste)...................................................................................................485
6.2.1 Projections (Proiezioni)........................................................................................485
6.2.2 Sections (Sezioni)..................................................................................................489
6.2.3 Details (Dettagli)...................................................................................................490
6.2.4 Clippings (Mascheratura)................................................................................... 492

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 7 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

6.2.5 Break view (Vista spezzata)................................................................................494


6.2.6 Wizard (Creazione guidata)................................................................................499
6.2.7 Modifica del profilo di definizione di una Section, di un Detail
o di un’Auxilary View..............................................................................................501
6.3 Proprietà di una View................................................................................................... 503
6.4 Gestione dei link............................................................................................................505
6.5 Creazione di una vista slegata dal 3D e geometrie isolate.................................506
6.6 Posizionamento delle View......................................................................................... 507
6.7 Toolbar Dimensioning (Quotatura)..........................................................................508
6.7.1 Dimensions (Quote).............................................................................................508
6.7.2 Dimension Edition (Modifica della quota)....................................................... 513
6.7.3 Tolerancing (Tolleranza)....................................................................................... 516
6.8 Proprietà delle quote...................................................................................................... 518
6.9 Toolbar Annotations (Annotazioni)........................................................................... 519
6.10 Toolbar Dress-up (Dettagliatura).............................................................................. 523
6.10.1 Axis and Threads (Assi e filettature)................................................................ 523
6.10.2 Area Fill (Tratteggio)............................................................................................. 525
6.10.3 Arrow (Freccia)...................................................................................................... 527
6.11 Overload Properties (Proprietà di arrangiamento)............................................... 527
Elenco delle feature................................................................................................................. 531

G Glossario.....................................................................................................533
C ............................................................................................................................................ 533
D ............................................................................................................................................ 535
E ............................................................................................................................................ 535
F ............................................................................................................................................ 536
G ............................................................................................................................................ 538
L ............................................................................................................................................ 539
M ............................................................................................................................................ 539
O ............................................................................................................................................. 541
S ............................................................................................................................................. 541
T ............................................................................................................................................ 542

Indice analitico............................................................................................. 545

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 8 27/06/16 13.35


1
Introduzione a CATIA v5

IlCATIA (Computer Aided Three dimensional Interactive


Application) è un software sviluppato dall’azienda francese
Dassault Systèmes e venduto tramite l’IBM. Specializ-
zato nella realizzazione di componenti 3D, è in grado di sup-
portare la creazione del prodotto in tutti i suoi stadi, dalla pro-
gettazione (CAD, Computer Aided Design) alla produzione
(CAM, Computer Aided Manufacturing).

Rispetto agli altri software concorrenti, il CATIA V5 è in grado di progettare mediante


Relational Design, ovvero tramite legami in forma parametrica sia tra elementi di uno
stesso file sia tra file diversi e, quindi, con un approccio prettamente ingegneristico.
Inoltre, il CATIA V5 è in grado di interagire con altri software, tra cui software FEM
(Finite Element Method) per l’analisi strutturale e software PLM (Product Lifecycle Ma-
nagement) per l’archiviazione e la gestione di prodotti ingegneristici.
Grazie a questi suoi punti di forza, il CATIA V5 è ormai leader incontrastato nell’ambi-
to della progettazione in campo aeronautico e largamente diffuso nei settori automo-
tive, navale e ferroviario.

1.1 – Finalità e panoramica del manuale


Questo manuale ha due scopi. Innanzitutto, fornire padronanza dei comandi principali
di CATIA V5, mediante una descrizione dettagliata di ogni singola feature degli am-

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 9 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

bienti fondamentali di tale software. Inoltre, si propone di guidare l’utente nella scelta
del comando stesso da impiegare, in funzione del tipo di lavorazione fisica necessaria
per la realizzazione finale del componente che si sta progettando.
Per quanto concerne quest’ultimo aspetto, il tutto risulterà più semplice per chi è già in
possesso di nozioni sia di disegno tecnico sia di lavorazioni meccaniche. In ogni caso,
si cercherà di dare sostegno a chi ha deciso di utilizzare tale software prettamente
tecnico senza essere supportato da studi pregressi specifici. Si forniranno, pertanto,
anche nozioni di base che vadano al di là del semplice utilizzo di CATIA V5.
In dettaglio, il percorso di tale manuale si strutturerà nella maniera seguente:
1. ambiente Sketcher, mediante cui impareremo a disegnare profili piani;
2. ambiente Part Design, mediante cui impareremo a disegnare geometrie 3D;
3. ambiente Generative Shape Design, mediante cui impareremo a disegnare
superfici;
4. ambiente Assembly Design, mediante cui impareremo ad assemblare com-
plessivi;
5. ambiente Drafting, mediante cui impareremo a disegnare nel 2D.

Figura 1.1 – Output tipici dei principali ambienti CATIA V5.

In ognuno di tali capitoli è descritta la quasi totalità dei comandi corrispondenti a cia-
scun ambiente, entrando, nella maggioranza dei casi, nei dettagli di ogni singola op-
zione a essi associata e di ogni singolo campo delle loro finestre di dialogo, che spesso

10

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 10 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

appariranno una volta attivata la feature corrispondente. Finestre all’interno delle qua-
li l’utente potrà gestire tutti gli input e, di conseguenza, gli output dei comandi stessi.
Si coglie l’occasione per osservare che nel corpo di tale manuale si è preferito imposta-
re la descrizione di CATIA riportando la nomenclatura utilizzata dal software, qualora
esso sia settato in lingua inglese; tra parentesi è sempre indicata anche la nomencla-
tura equivalente in lingua italiana.
Inoltre, in accompagnamento al manuale è prevista la possibilità di scaricare all’in-
dirizzo web www.catiav5guida.it la directory CATIA V5 - Examples, contenente sia
esempi pratici, ottenuti mediante feature appartenenti agli ambienti suddetti, sia un
capitolo che spiega le modalità mediante cui consultare tali file.

1.2 – Accesso a CATIA e informazioni preliminari


Il software può essere avviato sia con doppio click del mouse sulla relativa icona, general-
mente inserita sul desktop al momento dell’installazione del software e illustrata in Figura
1.2, sia attivando in sequenza sulla barra delle applicazioni di Windows Start à Programmi
à CATIA à CATIA V5R17, qualora per esempio sia stata installata la release R17.

Figura 1.2 – Icona programma CATIA V5.

Bisognerà attendere qualche secondo prima che il programma si avvii, tempo d’attesa
direttamente proporzionale alle performance del personal computer in uso. Qualora
tale tempistica dovesse prolungarsi, al fine di ottenere la certezza di aver effettiva-
mente richiesto l’avvio del programma, sarà sufficiente verificare in Gestione attività
del PC che risulti attivo il CNext, ovvero il processo associato all’applicazione CATIA.
All’avvio del programma, di default si aprirà una finestra di lavoro corrispondente a un
Product nuovo, ovvero il file tipico dell’ambiente Assembly Design, che, come abbia-
mo detto, rappresenta lo strumento mediante cui assemblare singoli dettagli. Qualora
invece l’utente decida di generare un file nuovo di tipo Part all’interno del quale defini-
re la geometria di un singolo dettaglio, egli potrà seguire diverse strade. La più imme-
diata consiste nell’attivare in sequenza sulla barra multifunzione del software File à
New (File à Nuovo): si aprirà la finestra di dialogo New (Nuovo), all’interno della
quale bisognerà selezionare la riga Part, così come illustrato in Figura 1.3, e premere
sul pulsante OK.

11

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 11 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

Si creerà quindi una nuova Part e verrà attivato l’ultimo ambiente impiegato dall’uten-
te specifico per la definizione di tale tipologia di file, per esempio il Part Design e il
Generative Shape Design. Al primo accesso al software, di default si attiverà il Part
Design.
Fondamentalmente, sono tre le tipologie di file gestite da CATIA, di seguito schema-
tizzate in Tabella 1.1, in cui viene indicato per ciascuna di esse il legame con gli am-
bienti analizzati nel manuale, i quali risultano essere quelli più diffusi, ma non gli unici
utilizzabili per tali tipologie.

Tabella 1.1 - Legame Tipo file/ambiente CATIA.


Tipo file Estensione Ambiente
Sketcher
Part *.CATPart Part Design
Generative Shape Design
Product *.CATProduct Assembly Design
Drawing *.CATDrawing Drafting
NOTA

I tre ambienti Sketcher, Part Design e Generative Shape Design lavorano in


simbiosi tra loro per definire la geometria finale di un singolo dettaglio.

L’ambiente attivo viene visualizzato, mediante l’icona a esso corrispon-


dente, all’interno della toolbar Workbench (Workbench in uso), di default
posta nella parte superiore della barra di destra, dedicata alle toolbar (vedi
NOTA

Sezione 1.3). Qualora la toolbar Workbench sia stata preventivamente


oscurata, l’utente potrà comunque intuire in quale ambiente si trovi a ope-
rare dalle icone dei comandi presenti, le quali saranno diverse a seconda
dell’ambiente attivo.

Una volta terminate le operazioni sulla geometria di un file specifico, l’utente potrà
eventualmente decidere di salvarlo, cliccando nella barra multifunzione prima su File
e poi attivando una delle tre operazioni di salvataggio possibili, ovvero Save (Sal-
va), Save As (Salva con nome) o Save Management (Gestione salvataggio). Quest’ultima
opzione rappresenta un mezzo mediante cui gestire tutte le operazioni di salvataggio
connesse a tutti i file aperti nella sessione corrente di CATIA, operazione che assume
un’importanza rilevante soprattutto qualora si maneggino degli assiemi di dettagli; per
un suo approfondimento si rimanda alla Sezione 5.12.

12

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 12 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

Figura 1.3 – Finestra New.

Qualora, invece, si voglia aprire un file precedentemente creato e salvato su PC, si pro-
cede come per qualsiasi altro software, attivando per esempio in sequenza sulla barra
multifunzione File à Open (File à Apri); per effetto di tale azione si aprirà la
finestra File Selection (Selezione file), mediante la quale sarà possibile navigare all’inter-
no dell’hard disk alla ricerca del file da caricare.

1.3 – Elementi presenti nella schermata di CATIA


Una volta avuto accesso a CATIA V5, la sua finestra di lavoro apparirà così come ri-
portato nell’esempio di Figura 1.4, nella cui struttura si individuano i seguenti elementi
standard, indipendentemente dall’ambiente attivo:
1. l’albero logico – esso rappresenta una struttura ad albero in cui verranno pro-
gressivamente posizionati i risultati dei comandi applicati. Questi andranno a
costituire i singoli nodi di tale struttura, a cui verranno associate delle icone
grafiche e una prima nomenclatura identificative della feature che li ha generati.
La nomenclatura di logico deriva dalla caratteristica fondamentale di CATIA V5
di riuscire a legare tra loro le singole operazioni che andranno a definire le ge-
ometrie finali, mediante legami genealogici Padri/Figli (vedi Sezione 1.6), la cui
sequenza è, in generale, rispecchiata dall’ordine con cui i singoli nodi andranno
a disporsi sull’albero. Si ragiona, quindi, per certi versi in maniera analoga a
quanto avviene nei diagrammi di flusso, in cui un dato processo viene schema-
tizzato attraverso una sequenza logica di singole operazioni da compiere, che
costituiscono i singoli nodi dell’intero flusso. Qualora si voglia ingrandire/rim-
picciolire l’albero sullo schermo, sarà sufficiente procedere così come spiegato

13

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 13 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

di seguito per un generico elemento, cliccando però preventivamente sul suo


scheletro di colore bianco o sulla terna di riferimento, posta nel vertice basso
dello schermo. Invece, mediante il tasto F3 della tastiera sarà possibile farlo
scomparire completamente dallo schermo o riportarlo in vista;

Figura 1.4 – Schermata di lavoro di CATIA V5.

2. la barra delle applicazioni – tale barra assume un aspetto che non risente
dell’ambiente attivo, riportando sempre le otto voci illustrate nell’immagine; ciò
che varierà sarà l’elenco di azioni attivabili presente sotto ciascuna di esse. In
dettaglio, particolarmente importanti risulteranno le due voci:
− Start (Avvia), attraverso cui è possibile accedere a tutti gli ambienti di CA-
TIA connessi al pacchetto di licenze installato;
− Insert (Inserisci), attraverso cui si accede a tutti i comandi tipici dell’am-
biente attivo;
3. le toolbar – esse rappresentano collettori di feature appartenenti tutte a una
medesima famiglia di comandi e attivabili cliccando sull’icona corrispondente.
In dettaglio, le toolbar relative all’ambiente attivo sono ubicate nelle barre po-
ste sui bordi superiore, inferiore e di destra della porzione di schermo dedicata
alla visualizzazione delle geometrie. Mediante l’uso del tasto destro del mou-
se su una locazione libera di tali barre, si accede all’elenco di tutte le toolbar

14

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 14 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

corrispondenti all’ambiente attivo, elenco che consente sia di inserirne altre


a schermo sia di rimuovere momentaneamente alcune di quelle già presenti,
identificate dal simbolo del visto, così come riportato in Figura 1.5.

Figura 1.5 – Elenco toolbars dell’ambiente attivo.

Di default, al primo avvio del software, sono inserite tutte le toolbar principali di
ciascun ambiente, i cui comandi sono comunque attivabili anche attraverso la
sezione Insert della barra multifunzione, in cui essi sono raggruppati in maniera
analoga a quanto fatto nelle corrispettive toolbar.
Inoltre, trascinando le toolbar per il loro vertice superiore, identificato dal sim-
bolo , l’utente potrà spostarle a proprio piacimento sia sempre all’interno
delle zone a esse dedicate sia nella parte centrale dello schermo, dove assume-
ranno la tipica forma illustrata in Figura 1.6;

Figura 1.6 – Toolbar Sketch-Based Features del Part Design.

4. il Manipolatore – esso consente di visualizzare rapidamente l’orientamento della


finestra attiva rispetto al sistema di riferimento assoluto, in generale, o rispetto
al sistema di riferimento specifico di una parte, qualora il Manipolatore sia stato
associato a essa. Inoltre, consente di modificare rapidamente e a mano libera il
posizionamento e l’orientamento su schermo della geometria visualizzata. Infatti,
sarà sufficiente trascinare il Manipolatore dopo averlo afferrato o per uno dei suoi

15

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 15 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

assi, al fine di ottenere una traslazione lungo di esso, o per l’arco congiungente
due di essi, al fine di ottenere una rotazione attorno al terzo, così come esplicato
in Figura 1.7, spostamenti che avranno effetto solo sul punto di prospettiva da
cui osservare la parte e non sulla sua reale posizione. Infine, il Manipolatore, una
volta associato a un singolo dettaglio o a un assieme, consente di applicare a esso
degli spostamenti generalizzati, sia traslazionali sia rotazionali, sia a mano libera
sia definendone in maniera precisa il modulo (vedi Sezione 5.9);

Figura 1.7 – Spostamenti della geometria mediante Manipolatore.

5. gli assi di riferimento – quello che viene visualizzato di colore bianco in basso a
destra della finestra di lavoro è sempre il sistema di riferimento assoluto di CATIA.
Essendo quest’ultimo un software ragionante direttamente nel 3D, esso neces-
sita obbligatoriamente di una terna di riferimento (X, Y, Z), che gli consenta di
posizionare correttamente ogni singolo oggetto nello spazio.

La terna di riferimento assoluta di CATIA (X, Y, Z) non dovrà necessariamente


NOTA

coincidere con le terne di riferimento (U, V, W) associate ai singoli dettagli


disegnati.

1.4 – Utilizzo del mouse, della toolbar View (Visualizza)


e di Show/No Show
Per poter impiegare il software in maniera corretta è necessario essere in possesso
di un mouse a tre tasti o provvisto di scroll centrale cliccabile che possa svolgere le
funzionalità del terzo tasto.

16

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 16 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

Infatti, solo attraverso un’opportuna combinazione di tutti e tre i tasti sarà possibile
eseguire rapidamente tutte le operazioni relative al posizionamento e alla visualizza-
zione delle geometrie sul monitor.
Prima di proseguire in tale descrizione, in Figura 1.8 vengono riportate le simbologie
impiegate nel corpo del manuale al fine di indicare le modalità di pigiata sui singoli
tasti del mouse, a ciascuna delle quali è stato associato un colore differente.
Fatte tali premesse, di seguito, in Tabella 1.2, vengono schematizzate tutte le operazio-
ni eseguibili mediante l’utilizzo dei tasti del mouse o una loro opportuna combinazione
con quelli della tastiera.

Figura 1.8 – Associazioni colore/utilizzo per i tasti del mouse.

Figura 1.9 – Menu Contestuale.

17

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 17 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

Tabella 1.2 - Utilizzo del mouse in CATIA V5.


Operazione ed elemento impattato

su elemento 3D o su sua icona nell’albero logico


EFFETTO: selezione dell’elemento impattato

+ su elementi 3D o su loro icone nell’albero logico


EFFETTO: selezione multipla semplice

+ su icone nell’albero logico


selezione multipla di tutti gli elementi compresi nell’albero logico
EFFETTO:
tra i due selezionati

+ selezione rettangolare nel 3D


selezione multipla di tutti gli elementi 3D compresi nel rettangolo
EFFETTO:
tracciato

su elemento 3D o su sua icona nell’albero logico


apertura del menu contestuale delle operazioni rapide eseguibili su
EFFETTO:
elemento impattato

in locazione qualsiasi dello schermo


traslazione dell’inquadratura in maniera tale che il punto
EFFETTO:
s­ elezionato diventi il centro della schermata di CATIA

+ direzione qualsiasi
EFFETTO: traslazione dell’inquadratura su monitor nella direzione desiderata

+ + mouse verso su
EFFETTO: zoom In

+ + mouse verso giù


EFFETTO: zoom Out

+ + direzione qualsiasi
rotazione dell’inquadratura su monitor attorno il centro
EFFETTO:
della schermata di CATIA

18

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 18 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

è importante osservare che, così come indicato in tabella, mediante cliccata con il tasto
destro del mouse su un elemento qualsiasi sia nel 2D/3D sia nell’albero logico, l’utente
accederà al menu contestuale associato all’elemento selezionato, mediante cui potrà
eseguire rapidamente su di esso delle operazioni standard, del tipo illustrate in Figura 1.9.
Inoltre, tutte le operazioni riportate in tabella e inerenti allo spostamento o all’orienta-
zione del punto di prospettiva da cui osservare le geometrie sul monitor sono esegui-
bili anche mediante alcune delle feature appartenenti alla toolbar View (Visualizza),
illustrata in Figura 1.10.

Figura 1.10 – Toolbar View.

Analizziamo in dettaglio i comandi maggiormente impiegati di tale toolbar:


• Fit all in (Adatta allo spazio) – setta lo zoom e trasla l’inquadratura in ma-
niera tale che tutte le geometrie presenti nella finestra di lavoro siano visibili e
centrate nella schermata;
• Pan (Panoramica) – cliccando in una locazione qualsiasi e mantenendo il
tasto sinistro del mouse pigiato, consente di traslare l’inquadratura lungo una
direzione qualsiasi, definita dallo spostamento del mouse;
• Rotate (Ruota) – cliccando in una locazione qualsiasi e mantenendo il tasto
sinistro del mouse pigiato, consente di ruotare l’inquadratura attorno il centro
della schermata di CATIA;
• Zoom in (Ingrandisci) e Zoom out (Riduci) – consentono di passare a una
percentuale di zoom maggiore e minore, rispettivamente;
• Normal view (Vista normale) – in generale, cliccando su un elemento geo-
metrico identificativo di una data direzione, consente di posizionare l’inquadra-
tura della finestra di lavoro normale per essa; nel caso specifico in cui ci si trovi
all’interno di uno Sketch, posiziona in automatico la visuale normale al supporto
dello Sketch stesso;
• Quick view (Vista rapida) – cliccando sul triangolo posto nel vertice basso
dell’icona, si accede a un menu a tendina in cui poter selezionare una delle viste
principali del disegno tecnico (Isometric View, Front View ecc.) da cui osservare
le geometrie presenti nella finestra di lavoro;
• View mode (Modalità vista) – cliccando sul triangolo posto nel vertice bas-
so dell’icona, si accede a un menu a tendina in cui poter selezionare una delle

19

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 19 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

modalità (Wireframe, Shading with Edges ecc.) con cui visualizzare i bordi delle
geometrie presenti nella finestra di lavoro;
• Hide/Show (Nascondi/Visualizza) – selezionando gli elementi desiderati,
consente di spostarli dallo spazio Show allo spazio No Show e viceversa;
• Swap visible space (Scambia spazio visibile) – consente di passare dalla
visualizzazione dello spazio Show a quella dello spazio No Show e viceversa.

Tutte le operazioni connesse al punto di vista da cui osservare le geometrie,


a meno del Fit all in, è sempre buona norma che vengano eseguite mediante
NOTA

l’utilizzo dei tasti del mouse, in quanto, essendo esse frequentissime durante
la disegnazione di un qualsiasi componente, ciò consente di ridurre drasti-
camente le tempistiche.

Per quanto concerne i due ultimi comandi sopra descritti, si fa riferimento agli spazi
Show e No Show, per i quali si rendono necessarie ulteriori considerazioni.
Tutti gli elementi generati mediante il CATIA vengono suddivisi in questi due spazi,
i quali rappresentano due layer distinti e tali da contenere tutte le geometrie o gli
elementi generici che l’utente desidera o non desidera visualizzare. è importante os-
servare che tutto ciò che viene inserito in No Show semplicemente non verrà visualiz-
zato a monitor, ma ciò non significa che non esista. Inoltre, l’appartenenza di un dato
elemento al No Show viene indicata graficamente anche sull’albero logico mediante
oscuramento dell’icona associata, così come illustrato in Figura 1.11.

Il trasferimento di un dato elemento dallo spazio Show allo spazio No Show


NOTA

o viceversa può essere attivato anche cliccando con il tasto destro del
mouse sull’elemento in oggetto, o nel 3D o sull’albero logico, e attivando la
riga comando Hide/Show (Nascondi/Visualizza).

Nel caso specifico in cui si clicchi con il tasto destro del mouse su un conte-
nitore di più elementi, Body o Geometrical Set (vedi Sezione 1.5), è possibile
attivare in sequenza nel suo menu contestuale Elemento object à Show
NOTA

Components (Oggetto Elemento à Visualizza Componenti) o Elemento object


à Hide Components (Oggetto Elemento à Nascondi Componenti), righe
comando che consentono, rispettivamente, di porre in Show o in No Show
contemporaneamente tutti gli elementi presenti nel contenitore stesso.

20

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 20 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

Figura 1.11 – Icona di un elemento in Show/No Show.

1.5 – Struttura di un file Part: Body e Geometrical Set


Una volta attivato un nuovo file di tipo Part, il suo albero logico apparirà così come
illustrato in Figura 1.12, in cui si evince la presenza di:
1. Icona superiore della parte, accompagnata dall’indicazione del Part Number
associato al file (vedi Sezione 5.2);
2. Tre piani definenti il sistema di riferimento assoluto di CATIA;
3. PartBody, ovvero il contenitore che andrà ad accogliere la sequenza di tutte le
feature appartenenti all’ambiente Part Design, che definiranno poi la geometria
del solido finale, ed eventualmente anche elementi wireframe, solo qualora sia
stata attivata la modellazione ibrida, di seguito descritta;
4. Geometrical Set, ovvero il contenitore che andrà ad accogliere tutte le geo-
metrie wireframe o in generale create con ambiente Generative Shape Design.

Figura 1.12 – Struttura dell’albero logico della Part al momento della sua creazione.

In realtà, all’interno della struttura di una Part non è obbligatoria la presenza


di Geometrical Set, i quali, pertanto, potranno essere completamente elimi-
nati dalla struttura del file, qualora la loro presenza non dovesse risultare
NOTA

necessaria. Inoltre, è possibile eventualmente evitare la genesi di default di


un primo Geometrical Set al momento della creazione stessa di un nuovo
file, settando opportunamente le impostazioni che gestiscono un file di tipo
Part (vedi Figura 1.23).

21

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 21 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

Pertanto, volendo schematizzare in maniera molto esemplificativa, è possibile affer-


mare che tutto ciò che verrà creato di tipo “solido”, ovvero ottenuto mediante Part
Design, verrà automaticamente inserito nel PartBody; mentre tutto ciò che verrà
creato di tipo “non solido” (piani, superfici, curve e punti), ovvero ottenuto mediante
Generative Shape Design, verrà automaticamente inserito in Geometrical Set, i quali
svolgono funzionalità analoghe a quelle delle cartelle di Windows. Un discorso a parte
lo meritano gli Sketch, ottenibili mediante ambiente Sketcher e che potranno essere in-
seriti indifferentemente sia sotto PartBody sia sotto Geometrical Set; si otterrà, quindi,
una struttura finale dell’albero logico del tipo illustrato in Figura 1.13.

Figura 1.13 - Struttura finale dell’albero logico della Part.

Tutto quanto finora affermato in merito al posizionamento degli elementi creati sull’al-
bero logico è completamente veritiero solo nel caso in cui sia stata disattivata la Mo-
dellazione Ibrida. Infatti, se attivata, tale modalità consente di inserire gli elementi
derivanti da feature del Generative Shape Design anche sotto al PartBody, ottenendo
così all’interno di esso una combinazione “ibrida” di elementi di tipo solido con altri
che non lo sono.

22

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 22 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

La modellazione ibrida potrà essere abilitata o disabilitata settando opportunamente


le impostazioni che gestiscono un file di tipo Part (vedi Figura 1.23).
L’aggiunta di un nuovo Body o Geometrical Set avviene attivando in sequenza nella bar-
ra multifunzione Insert à Body (Inserisci à Body) o Insert à Geometrical Set
(Inserisci à Gruppo geometrico), rispettivamente.
È molto importante osservare che, mentre tutti i Geometrical Set creati in una Part
sono equivalenti tra loro, tra i Body ne verrà invece definito uno come il principale, il
PartBody appunto, che non potrà mai essere eliminato dalla struttura del dettaglio in
definizione. Anche da un punto di vista grafico tutti gli altri Body, che non risultino es-
sere quello principale, verranno identificati dall’icona , descrittiva della condizione
di essere in aggiunta rispetto all PartBody.
Qualora si decida di trasformare in principale uno dei Body aggiuntivi, sarà sufficiente
cliccare con il tasto destro del mouse su di esso e attivare in sequenza nel suo menu
contestuale la riga comando Body object à Change Part Body (Oggetto Body à Modifica
Part Body), con conseguente inversione dei ruoli.
Qualora sull’albero logico siano stati generati più contenitori consoni alla tipologia di
elemento che si andrà a creare, l’utente potrà decidere in quali di essi inserire tale
nuovo elemento mediante il cosiddetto Define In Work Object (Definisci in oggetto di
lavoro), attivabile cliccando con il tasto destro del mouse sul contenitore desiderato,
sia esso un Body o un Geometrical Set, e selezionando nel suo menu contestuale la
voce corrispondente. In questo modo si renderà attivo il contenitore prescelto, il quale
verrà identificato mediante una sottolineatura del suo nome sull’albero logico.

Figura 1.14 - Change Geometrical Set.

Inoltre, sempre qualora sull’albero logico siano stati creati più Geometrical Set, es-
sendo la posizione sull’albero di un dato elemento di tipo “non solido” del tutto in-
dipendente dall’ordine logico con cui essi sono stati creati e tale da non influire sui

23

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 23 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

suoi figli, tale elemento potrà essere spostato da un contenitore all’altro, attivando
nel suo menu contestuale la sequenza Elemento object à Change Geometrical Set
(Oggetto Elemento à Modifica gruppo geometrico), così come indicato in Figura 1.14.
Per effetto di ciò, si accederà alla finestra Change Geometrical Set (Modifica gruppo
geometrico), nel cui campo Destination (Destinazione) è riportato il Geometrical Set
corrente di appartenenza dell’elemento in oggetto, destinazione che potrà essere va-
riata cliccando sul nuovo contenitore e infine sul pulsante OK della finestra di dialogo.
Un’altra operazione, sempre inerente al posizionamento di elementi all’interno di
Geometrical Set, è il cosiddetto Reorder Children (Riordina figli), il quale consente
di riordinare tutti gli elementi presenti all’interno di un contenitore di tale tipo, altri
Geometrical Set compresi, secondo un ordine qualsiasi. Quest’ultimo non dovrà es-
sere necessariamente coincidente con quello di creazione, ma potrà essere definito
dall’utente all’interno dell’omonima finestra di dialogo, a cui si ha accesso attivando in
sequenza nel menu contestuale del Geometrical Set in modifica l’operazione Geome-
trical set object à Reorder Children (Oggetto Gruppo Geometrico à Riordina figli), così
come riportato in Figura 1.15. I singoli elementi potranno essere spostati selezionando
la riga a essi corrispondente, cliccando su una delle due frecce laterali e premendo sul
pulsante OK della finestra di dialogo.

Figura 1.15 - Reorder Children.

Un discorso diverso vale per gli elementi di tipo “solido”, per i quali bisogna tener con-
to che, man mano che si applicheranno le feature del Part Design, la loro combinazio-
ne andrà a definire la geometria finale del Body oggetto di lavoro. Tale geometria sarà
legata non solo al tipo di feature utilizzate, ma anche all’ordine con cui esse sono state
applicate, ordine coincidente con quello in cui risultano disposte sull’albero logico.
In tal caso, pertanto, i singoli elementi dell’albero non potranno essere spostati da un
Body all’altro, ma solo eventualmente ricollocati in un’altra locazione del Body corrente,

24

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 24 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

andandosi così a inserire in una posizione differente all’interno della sequenza logica di
operazioni che definiscono la geometria finale. Per ottenere ciò sarà sufficiente cliccare
con il tasto destro del mouse sul comando da spostare e attivare nel suo menu conte-
stuale l’operazione Elemento object à Reorder (Oggetto Elemento à Riordina), acce-
dendo così alla finestra Feature Reorder (Riordina feature), come illustrato in Figura 1.16.
All’interno di tale finestra viene visualizzato nel campo Reorder (Riordina) il comando
che si sta spostando ed è possibile scegliere nel corrispondente menu a tendina se
inserirlo After (Dopo), Before (Prima) o Inside (Interno) rispetto a un’altra feature da
selezionare sull’albero e appartenente al medesimo Body. Il software, in base alla scel-
ta effettuata, evidenzierà in giallo tutti gli elementi eventualmente non selezionabili.

Figura 1.16 - Reorder feature Part Design.

1.6 – Relation Design e legame Padre/Figlio


Il punto di forza di CATIA V5 è rappresentato dalla possibilità di progettare mediante
Relational Design, ovvero mediante legami in forma parametrica sia tra elementi di
uno stesso file sia tra file differenti.
Pertanto si verranno a creare, a meno che l’utente non decida di operare diversamente,
dei legami tra gli elementi generati, definiti appunto di tipo Padre/Figlio: un dato ele-
mento sarà “figlio” di quelli che lo hanno generato e “padre” di quelli da esso derivati.
A tal proposito, l’operatore ha la possibilità di interrogare il sistema per conoscere
tutti i legami di questo tipo che impattano un dato elemento, attivando nel suo menu
contestuale la riga comando Parents/Children (Padri/Figli), mediante cui si aprirà la
finestra Parents and Children (Padri e figli), illustrata in Figura 1.17 e costituita da un
diagramma di flusso in cui l’elemento in esame sarà quello evidenziato e i suoi padri e
figli posizionati, rispettivamente, a monte e a valle di esso.

25

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 25 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

Figura 1.17 - Finestra Parents and Children.

Qualora l’utente decida di disegnare senza creare tali legami, è in grado di romperli o
nel momento stesso della genesi di un nuovo elemento, cliccando preventivamente
sull’opzione Create Datum (Inserisci un riferimento) della toolbar Tools (Strumenti), o
successivamente, cliccando sull’elemento in questione con il tasto destro del mouse
e scegliendo l’operazione Elemento object à Isolate (Oggetto Elemento à Isola), così
come illustrato in Figura 1.18.

Figura 1.18 - Isolate.

In alcuni casi, tuttavia, tale voce non risulta essere presente nel menu contestuale, per
cui, una volta creato l’elemento che si vuole isolare, l’unica soluzione perseguibile con-
siste nel copiare e incollare isolato l’elemento in oggetto (vedi Sezione 1.9) e nell’elimi-
narlo, dopo aver trasferito eventualmente i suoi figli alla copia isolata.
Tale procedura è obbligatoria nel caso in cui si voglia isolare una geometria di tipo
solido, per la quale si dovrà copiare e incollare isolato un intero Body, attivando il Paste

26

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 26 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

Special nel menu contestuale corrispondente all’icona superiore della Part (non vi è
possibilità di isolare una singola feature di tipo Part Design).
Un’altra opzione molto importante fornita da CATIA è quella che consente di trasfe-
rire rapidamente tutti i figli di un dato elemento a un altro mediante la cosiddetta
operazione di Replace (Sostituisci), attivabile attraverso la corrispettiva riga coman-
do presente nel menu contestuale dell’elemento che si vuole sostituire. Per effetto di
ciò, si aprirà la finestra Replace (Sostituisci), illustrata in Figura 1.19, la quale riporta
nell’omonimo campo l’elemento che si deve sostituire con quello da selezionare una
volta aperta tale finestra di dialogo e che verrà così inserito nel campo With (Con).
Qualora l’elemento di partenza abbia dei figli legati solo ad alcune delle sue porzioni,
quali per esempio vertici, spigoli o facce, tali sub-elementi verranno riportati nel riquadro
inferiore e si aprirà la finestra addizionale Replace Viewer (Visualizzatore di sostituzioni),
sempre illustrata nell’immagine. All’interno di questa finestra l’utente potrà definire la
corrispondenza necessaria tra il sub-elemento da sostituire e quello sostitutivo.
Inoltre, è bene cercare di definire la normale che il software associa all’elemento sosti-
tutivo, cliccando sulla freccia verde identificativa di tale verso, in maniera tale che essa
risulti concorde con la normale associata all’elemento da sostituire e identificata dalla
freccia rossa. Altrimenti gli elementi figli, che si stanno trasferendo al nuovo elemento
e che sono comunque legati alla normale associata all’elemento padre, potrebbero
subire variazioni indesiderate e difficilmente gestibili a valle dell’operazione di Replace.
Infine, flaggando l’opzione Delete replaced elements and exclusive parents (Elimina ele-
menti sostituiti e padri esclusivi), verrà richiesto al software di eliminare sia l’elemento
da sostituire sia i suoi padri esclusivi, contestualmente all’operazione di Replace stes-
sa, la quale si concluderà una volta premuto il pulsante OK.

Figura 1.19 - Finestra Replace e Replace Viewer.

In base a quanto finora detto, risulta ovvio che un’eventuale modifica o eliminazione di
un elemento padre determinerà una variazione o una cancellazione a cascata di tutti

27

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 27 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

gli elementi figli da esso derivati. Tenendo conto di ciò, nei limiti del possibile bisogna
sempre tentare di generare, durante la progettazione di un qualsiasi componente, un
“albero genealogico” Padri/Figli che sia quanto più schiacciato possibile.
Al fine di comprendere meglio tale concetto, si faccia riferimento alle due diverse
strutture di flusso riportate in Figura 1.20: la prima è relativa al caso in cui tutti gli ele-
menti siano stati creati in successione l’uno dell’altro; la seconda, invece, corrisponde
al caso in cui si sia creata una sequenza più articolata, prestando attenzione a legare
un elemento nuovo a un padre posto quanto più in alto possibile nella struttura stes-
sa. Ora, per esempio, una modifica o un’eliminazione dell’Elemento 2 determinerà nel
primo caso l’aggiornamento o la cancellazione di tutti gli altri elementi a valle di esso,
mentre nel secondo caso verrà impattato il solo Elemento 5.
Naturalmente, una struttura come quella riportata nella parte destra dell’immagine
richiede all’operatore maggiore attenzione e dispendio di tempo iniziale, ma poi si
tradurrà in una serie di vantaggi, tra cui un più rapido aggiornamento delle geome-
trie in gioco, maggiori probabilità di operazioni di Replace completate con successo
e così via.

Figura 1.20 - Tipologie di strutture dell’albero genealogico Padri/Figli.

1.7 – Gestione delle impostazioni di CATIA


Si parta innanzitutto dal presupposto che, qualsiasi impostazione venga in mente di mo-
dificare, inerente all’utilizzo generale del software o a quello specifico di un dato ambien-
te (dal colore di sfondo della finestra di lavoro ai colori di default, dalle unità di misura
impiegate alla lingua di interfaccia e così via), essa può essere controllata scavando op-
portunamente nella miriade di personalizzazioni e impostazioni che gestiscono il CA-
TIA, a cui l’utente può avere accesso attivando in sequenza nella barra multifunzione
Tools à Customize (Strumenti à Personalizza) o Tools à Options (Strumenti à Opzioni).
Infatti, nel primo caso si aprirà la finestra Customize (Personalizza), suddivisa in vari

28

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 28 27/06/16 13.35


Introduzione a CATIA V5 Capitolo 1

sheet: nei primi quattro sarà possibile gestire le barre di contorno legate alle toolbar e
ai loro comandi; nell’ultimo, definito Options (Opzioni) e illustrato in Figura 1.21, si po-
trà per esempio settare la lingua di interfaccia desiderata, la quale diverrà attiva solo
al prossimo avvio del software.

Figura 1.21 - Finestra Customize (Options).

Invece, mediante la richiesta Tools à Options si accederà alla finestra di dialogo che
gestisce tutte le proprietà di CATIA e che risulta strutturata in varie sezioni, a loro vol-
ta suddivise in più sheet e alle quali si potrà accedere mediante la struttura ad albero
posta sul lato sinistro della finestra di dialogo.
A titolo di esempio, in Figura 1.22 si riporta la schermata in cui gestire tutte le imposta-
zioni relative alle unità di misura utilizzate, mentre la Figura 1.23 illustra la schermata
specifica per l’ambiente Part Design in cui richiedere sia la creazione di un Geometri-
cal Set al momento dell’attivazione di un nuovo file di tipo Part, sia la disabilitazione
della modellazione ibrida.

Tutte le impostazioni presenti negli sheet costituenti la sezione Part Infra­structure


NOTA

consentono non solo di settare opportunamente l’ambiente Part Design, ma più


in generale tutte le impostazioni connesse alla gestione di un file *.CATPart.

29

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 29 27/06/16 13.35


CATIA V5 | per la progettazione 3D

Figura 1.22 - Finestra delle opzioni General/Parameters and Measure (Units).

Figura 1.23 - Finestra delle opzioni Infrastructure/Part Infrastructure (Part Document).

30

CATIA 3a bozza-senza 7.indb 30 27/06/16 13.35