Sei sulla pagina 1di 3

IL PENTAGRAMMA E LE NOTE

La musica è un linguaggio universale.Le stesse note che leggo e posso suonare io, le possono
leggere e suonare un tedesco o un coreano. Imparare questo nuovo linguaggio può aprirti tantissimi
orizzonti.

La prima cosa che devi sapere è che cos’è un pentagramma.Il pentagramma è un insieme di 5 linee
parallele all’interno delle quali si creano 4 spazi.

C’è una parte del nostro corpo che ricorda la forma del pentagramma. Pensaci bene. Qual è quella
parte del tuo corpo che ha 5 parti che fra di loro formano 4 spazi?

La mano! Se provi a posizionare la tua mano destra come in figura noterai che questa assomiglia
molto al pentagramma. Fra le tue 5 dita si vengono a creare 4 spazi.

Le note musicali vengono inserite all’interno del pentagramma, quindi o sulle righe o negli spazi.
Le note musicali non sono altro che dei segni che rappresentano i suoni. Per rappresentare la loro
durata si parla di figure. Esistono diversi tipi di figure musicali e a seconda della figurazione
cambia la durata della note (il valore).

Che differenza c’è per esempio tra la nota più bassa (prima riga) e la nota più alta (ultima riga)?
Cambia l’altezza del suono. L’altezza è quella caratteristica che rende un suono grave piuttosto che
acuto.

LE 7 NOTE MUSICALI E LA CHIAVE DI VIOLINO

Le note musicali sono 7 e sono: DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI e ora vediamo come
riconoscere queste note sul pentagramma.
Su una stessa linea o spazio possono esserci note diverse quindi abbiamo bisogno di una chiave di
lettura che ci indichi con precisione quali note leggere. La prima chiave musicale (in totale sono
sette) che si incontra nei propri studi di musica è la chiave di Violino (o di Sol o di Canto) che è una
delle chiavi più utilizzate

Questa chiave ha questa forma:

Perché si chiama “chiave”? Perché ti offre una chiave di lettura. Ogni chiave ti dice come decifrare
le note all’interno del pentagramma ed è come se fossero una lingua a sé. Immagina la chiave di
violino come l’italiano, la chiave di basso come l’inglese, la chiave di baritono come il francese e
così via. Ci sono 7 lingue da imparare, ma la principale, quella che ti dà le basi è l’italiano, ovvero
la chiave di violino.
Vediamo quindi come sono disposte le note all’interno del pentagramma:

In questa figura qui sopra, hai uno schema dei nomi delle note posizionate sulle diverse righe e nei
diversi spazi. In rosso trovi sottolineata la seconda riga quella del Sol. Proprio sulla seconda riga
nasce il “ricciolino” della chiave di Sol, e per questo lì c’è il Sol.

Man mano che si sale dal Sol si procede seguendo la scala musicale (Sol, La, Si, Do, Re ecc…),
man mano che si scende dal Sol si procede in senso inverso (Sol, Fa, Mi, Re, Do, Si ecc…).