Sei sulla pagina 1di 234

MANUALE

CORSO UGS NX5 BASE

Rev. NX 5.0.5.3 MP2

A cura della Training Unit Product Development

Manuale corso Unigraphics Base


Design History
Rel. 0 UG ver. 16.0 Feb 2001 Nicola Iacovone,
Renzo Bardo
Rel. 1 UG ver. 18.0.3.3 Sett 2002 Corrado Galaverna

Rel. 2 UG ver. NX 1.0.3.3 Ott 2003 Carlo Carughi, Vanni


Vannozzi, Ketty Failla
Rel. 3 UG ver. NX 2.0.2 Apr 2004 Vanni Vannozzi,
Lanzone Claudio
Rel. 4 UG ver. NX 2.0.3.1 Mag 2004 Vanni Vannozzi
Lanzone Claudio
Rel. 5 UG ver. NX 3.0.2.3 MP5 Dic 2005 Vanni Vannozzi,
rev. C Renzo Bardo
Rel. 6 UG ver. NX 5.0.5.3 MP2 Mag 2009 Vanni Vannozzi

This document contains information which in proprietary to Fiat Sepin Neither this
document nor the information contained herein shall be used, duplicated nor
communicated by any means to any third part, in whole or in party, except with the prior
written consent Fiat Sepin.

Pagina 2 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


INDICE
PREMESSA.......................................................................................................................... 8
Modalità di utilizzo......................................................................................................... 8

INTERFACCIA UTENTE....................................................................................................... 9
Box di dialogo dei comandi.............................................................................................. 11
Ruoli ............................................................................................................................... 11
Menu File ........................................................................................................................ 13
File New (Templates) ................................................................................................. 14
File Close.................................................................................................................... 14
File Open .................................................................................................................... 15
File Save As................................................................................................................ 16
Differenze nel comando File tra UG Integrato ed UG locale ............................................. 17
Creazione nuova parte................................................................................................ 17
Apertura di una parte esistente.................................................................................... 18
Selezione dell’ambiente di lavoro .................................................................................... 18
Barra dei menu ............................................................................................................... 19
Personalizzazione dei Menu e delle Toolbar .................................................................... 19
Comandi rapidi (“shortcut”) da tastiera......................................................................... 21
Personalizzazione delle Icone sulle tool bar ................................................................ 21
Drag and Drop dinamico ............................................................................................. 22
Radial Popup .................................................................................................................. 24
Finestre Grafiche Multiple................................................................................................ 25
Ulteriori informazioni sull’interfaccia utente ...................................................................... 25

GESTIONE E MANIPOLAZIONE DELLE VISTE................................................................. 27


Popup Menu su Entità ..................................................................................................... 30
Ingrandimento, Rotazione e Centratura ........................................................................... 31
Salvataggio delle impostazioni di visualizzazione ........................................................ 33

PART NAVIGATOR ............................................................................................................ 34

SISTEMI DI RIFERIMENTO IN UG...................................................................................... 37


Riferimento secondo terna d’assi..................................................................................... 37
Modalità per definire un nuovo WCS ........................................................................... 38
Riferimento secondo features.......................................................................................... 41
Datum Plane ............................................................................................................... 41
Datum Axis ................................................................................................................. 42
Datum Csys ................................................................................................................ 43

SNAP POINT ...................................................................................................................... 45

GESTIONE DELLA SELEZIONE: TOOLBAR DI SELECTION E SELECTION INTENT. ..... 46

LAYERS ............................................................................................................................. 49
Layer Setting................................................................................................................... 49

INSERIMENTO ENTITA’ WIREFRAME ( Linee, Archi, Cerchi, Punti) ............................... 51


Creazione di Linee .......................................................................................................... 53
Creazione di Archi e Cerchi ............................................................................................. 56

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 3 di 234


Punti ............................................................................................................................... 57

MODIFICA DELLE ENTITA’ WIREFRAME ......................................................................... 58


Menu di Edit .................................................................................................................... 58
Edit curve.................................................................................................................... 58
Trim Curve.................................................................................................................. 60

PIANI .................................................................................................................................. 61
Creazione di piani ........................................................................................................... 61

Curve di sezione................................................................................................................ 62

SKETCH (Schizzatura)....................................................................................................... 63
Creazione di sketch......................................................................................................... 64
Entità di sketch ........................................................................................................... 66
Creazione di profili ...................................................................................................... 66
Creazione di linee ....................................................................................................... 66
Creazione di archi e cerchi .......................................................................................... 67
Linee Derivate............................................................................................................. 68
Fillet............................................................................................................................ 69
Quick Trim .................................................................................................................. 69
Quick extend............................................................................................................... 69
Costraints (Vincoli): ......................................................................................................... 70
Show/Remove Constraints: ......................................................................................... 72
Convert To/From Reference........................................................................................ 72
Posizionamento dello sketch. .......................................................................................... 72
Operazioni all’interno dello sketch ................................................................................... 73
Add Existing Curve...................................................................................................... 73
Intersection Point ........................................................................................................ 73
Intersection Curve....................................................................................................... 73
Projection Curve ......................................................................................................... 73
Mirror: ......................................................................................................................... 73
Offset Extracted Curve: ............................................................................................... 73

INSERIMENTO DELLE FEATURE...................................................................................... 74


Menu Insert (Ambiente Modeling) ................................................................................... 75
Inserimento Block ....................................................................................................... 79
Inserimento cilindro..................................................................................................... 80
Inserimento Cono........................................................................................................ 81
Inserimento Sfera........................................................................................................ 81
Extruded Body ............................................................................................................ 82
Revolve (Solidi ottenuti per Rivoluzione) ..................................................................... 83
Feature di Sweep........................................................................................................ 84
Per generare una feature di scorrimento lungo una guida seguire I passi:.................... 84
Feature Tube .............................................................................................................. 85
Feature Hole............................................................................................................... 85
Feature Boss .............................................................................................................. 87
Feature Pocket ........................................................................................................... 88
Feature Pad................................................................................................................ 91
Feature Slot ................................................................................................................ 92
Feature Groove........................................................................................................... 95
Feature Dart................................................................................................................ 97
Cut, Copy, Paste, Delete............................................................................................. 98

Pagina 4 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


OPERAZIONI SULLE FEATURE ........................................................................................ 99
Edge Blend (Raccordo sul bordo).................................................................................... 99
Face Blend (Raccordo sulle facce) ................................................................................ 103
Chamfer (Smusso) ........................................................................................................ 105
Draft (Sformatura) ......................................................................................................... 106
Body Taper (Sformatura)............................................................................................... 107
Offset Face ................................................................................................................... 108
Shell (Svuotamento)...................................................................................................... 110
Trim Body ..................................................................................................................... 112
Split .............................................................................................................................. 113
Instance (Repliche associative di feature)...................................................................... 114
Mirror Feature ............................................................................................................... 116
Mirror Body ................................................................................................................... 116
Thread (Filettature) ....................................................................................................... 117
Operazioni Booleane..................................................................................................... 119
Unite......................................................................................................................... 119
Subtract .................................................................................................................... 120
Intersect.................................................................................................................... 121

MODIFICA DELLE FEATURE........................................................................................... 122


PlayBack................................................................................................................... 123
Edit Feature .............................................................................................................. 124

SEZIONI DINAMICHE SUI MODELLI................................................................................ 129

CONFRONTO TRA MODELLI .......................................................................................... 134


Model Compare ........................................................................................................ 134

GESTIONE DEI PESI........................................................................................................ 136


Determinazione del peso specifico ................................................................................ 136
Calcolo del peso............................................................................................................ 137
Analysis Measure Solid............................................................................................. 137
File  Properties  Weight ...................................................................................... 138

ASSEMBLY ...................................................................................................................... 140


Assembly Navigator .................................................................................................. 141

LAVORARE NELL’ASSIEME ........................................................................................... 143


Menù Assemblies.......................................................................................................... 143
Navigazione nel Assembly Navigator............................................................................. 145
Reference Set ............................................................................................................... 146
Reposition..................................................................................................................... 148
Mate Component........................................................................................................... 149
Wave Geometry Linker.................................................................................................. 149
Arrangements ............................................................................................................... 152
Mirrored Assemblies...................................................................................................... 155

ANALISI DELLE INTERFERENZE.................................................................................... 156


Check Clearance ...................................................................................................... 156
Simple Interference................................................................................................... 157
Assembly Clearance ................................................................................................. 157

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 5 di 234


AMBIENTE DRAFTING .................................................................................................... 160
MODALITA’ OPERATIVE NELLA GENERAZIONE DEL DISEGNO 2D.......................... 164
Comandi relativi al foglio (sheet).................................................................................... 165
GENERAZIONE VISTE................................................................................................. 166
Base View (Vista importata di base) .......................................................................... 166
Menu delle Base View............................................................................................... 168
Orientamento della vista............................................................................................ 168
Projected View (Viste ottenute per ribaltamento rispetto ad un piano)........................ 169
Detailed View (Viste di dettaglio) ............................................................................... 171
Section View (Viste di sezione) ................................................................................. 171
Part Navigator in ambiente Drawing .............................................................................. 173
Raster Image ................................................................................................................ 173
Quote e Annotazioni...................................................................................................... 174
Inserimento di testi, quote, entità' draw...................................................................... 174
Comandi per operazioni su viste.................................................................................... 176
Integrazione draw e model ............................................................................................ 178
Impostazione delle preferenze....................................................................................... 179
Preferences  View ................................................................................................. 179
Preferences  Annotation ........................................................................................ 180
Preferences  Section Line Display.......................................................................... 181
Per modificare quote e note........................................................................................... 182
Operazioni di editing su entità draw ............................................................................... 183

OPERAZIONI DI MODIFICA DELLE VISTE...................................................................... 184


Sketcher nella vista................................................................................................... 185
L’ambiente di sketch è lo stesso che si può utilizzare nel 3D ..................................... 185
Part List .................................................................................................................... 185
Autoballoon............................................................................................................... 186
Tabular Note............................................................................................................. 186

MESSA IN TAVOLA DI ASSIEMI DI GROSSE DIMENSIONI............................................ 187

FREE FORM..................................................................................................................... 188


Curve base ................................................................................................................... 188
Smooth Spline .......................................................................................................... 190
Curve avanzate......................................................................................................... 190
Curve di offset........................................................................................................... 191
Curve di collegamento .............................................................................................. 192
Unione ...................................................................................................................... 193
Offset in Face ........................................................................................................... 194
Superfici base ............................................................................................................... 195
Trough Curves .......................................................................................................... 196
Swept ....................................................................................................................... 197
Transition.................................................................................................................. 198
Law Extension .......................................................................................................... 200
Sew .......................................................................................................................... 201

CENNI DI GENERAZIONE/MODIFICA DI SUPERFICI UNPARAMETRIZED .................... 203


Edit Freeform ............................................................................................................ 203
Surface by Four Points.............................................................................................. 204
Xform........................................................................................................................ 204
Refit Face ................................................................................................................. 206
Match Edge............................................................................................................... 207

Pagina 6 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


FIAT TOOLKIT ................................................................................................................. 209
Required Categories ..................................................................................................... 211
Reference Set ............................................................................................................... 211
PreCheck ...................................................................................................................... 212
QualityCheck................................................................................................................. 212
CheckMate.................................................................................................................... 213

PLOTTAGGIO .................................................................................................................. 216

Appendice A) Rappresentazioni Alternative - UgAltrep ................................................ 223

Appendice B) Deformable Part ....................................................................................... 230

Appendice C) Riposizionamento componenti su assembly di studio .......................... 232

NORME DI RIFERIMENTO ............................................................................................... 234

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 7 di 234


PREMESSA
Il sistema CAD NX5 è un sistema di modellazione tridimensionale
Parametrico/Associativo. La società che lo commercializza è Siemens PLM
Software, in origine denominata Unigraphics o UGS-PLM Solutions che era
la società di servizi e supporto informatico del gruppo GM.

La revisione del software a cui faremo riferimento nel presente manuale è la


NX 5.0.5.3 MP2

Modalità di utilizzo.
L’ambiente di lavoro del progettista CAD è composto essenzialmente dal
CAD stesso e dal PDM (Product Data Management). Il PDM di riferimento
sarà TCAE nella versione 2007 con interfaccia "Portal" (2 livelli) oppure Web
(4 livelli).
Il CAD NX5 può essere utilizzato in due modalità di lavoro: in modo "nativo"
ed in modo "integrato".
Il primo si riferisce all’ambiente standard che viene installato sulla macchina
del progettista e non ha alcuna interazione con il PDM; crea e salva i modelli
CAD direttamente sul disco della macchina stessa, oppure su file system
condiviso in rete.
Il modo integrato, invece come si evince dal nome, è un tutt'uno con TcAE,
per cui la generazione di nuovi modelli CAD, la ricerca e l’attivazione di quelli
già esistenti, la denominazione (naming), la gestione degli assiemi; rientrano
tra le attività gestite attraverso il PDM.
Questo fa sì che alcuni comandi, come verrà spiegato in seguito, assumano
delle connotazioni diverse a seconda che vengano attivati in una modalità
piuttosto che nell'altra.
La selezione delle modalità avviene durante la fase di avvio del programma,
che, per quanto riguarda FIAT Auto e Isvor, avviene (nelle Workstation Unix)
attraverso il menu contestuale ottenuto premendo il tasto destro del mouse
sul desktop, sulle Technical Workstation (PC), invece attraverso il menu
start  Applicazioni CAD

In FGAT l'ambiente di riferimento è quello integrato, pertanto


nell'espletamento delle normali mansioni operative, i progettisti
debbono attivare tale modalità. Questo naturalmente vale anche per
fornitori Fiat che devono eseguire la progettazione di componenti e/o
complessivi.

Pagina 8 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


INTERFACCIA UTENTE
La seguente figura rappresenta l'interfaccia utente del Sistema CAD NX5.

Identifichiamo le principali aree in cui è suddivisa e il loro utilizzo:

Clip di ancoraggio dei menu

Assembly Navigator

Part Navigator
Selezione entità (filtering, entità
nascoste, trappola) Internet Explorer

Cronologia
Snap point (compare solamente
con i comandi che li richiedano)

Ruoli

Messaggi
Indicatore di avanzamento
Status

Clip di ancoraggio dei menu


(con box di dialogo del
comando Arc/Circle aperto)

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 9 di 234


Notare che le icone rappresentanti i comandi non sono sempre costanti, in
effetti esiste una serie di Toolbar comuni sempre presenti e una serie di
Toolbar proprie per ogni applicazione scelta, ad esempio la funzione di
MODELING..

I menù laterali chiamati Resource Bar (Assembly Navigator, Part


Navigator, History, ecc.) sono disponibili in Windows e in Unix; risulta
possibile crearne di nuovi (personalizzazione) e gestirne la visualizzazione
attraverso il comando PreferencesPalettes.
Il menù laterale contenente le features (Model Navigator) si chiama Part
Navigator ed include la possibilità di vedere le features aggregate in funzione
del solido generato.

Le seguenti due finestre si trovano inoltre all’interno del Part Navigator:


- Dependencies: mostra l’elenco delle feature e delle geometrie
collegate alla feature evidenziata.

- Details: mostra i parametri della feature evidenziata che possono


essere modificati.

La cartella Unused Item contiene le features e geometrie che non concorrono


alla formazione del modello solido.

Pagina 10 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Simbologia: il segno di spunta rosso permette di gestire blank(nascondi) o
unblank(mostra) della geometria del modello.
Il segno di spunta verde permette di gestire soppressione e attivazione
delle feature.

Box di dialogo dei comandi

Per facilitare maggiormente l’utilizzo dei vari comandi, sono state uniformate
tutte le finestre di dialogo. Si presentano con un flusso di selezione “top-
down”, con tutti vari modificatori e le possibili selezioni visibili. Le selezioni
obbligatorie sono indicate con un asterisco di colore rosso *: quando queste
vengono soddisfatte, viene apposto un marker verde . Le opzioni avanzate
sono attivabili previa espansione della zona di menu dedicata.

Selezione obbligatoria
già effettuata (marker Selezione obbligatoria da
effettuare (asterisco

Opzione di menu
standard (espansa)
Opzione di menu
avanzate (compressa)

Ruoli
I ruoli rappresentano una funzionalità utile finalizzata al filtraggio
dell’interfaccia utente.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 11 di 234


Esistono Ruoli predefiniti che permettono di focalizzarsi solo sul set di
comandi utilizzato in una particolare attività.
Il ruolo non filtrato è chiamato “Advanced with full menus”.
In qualunque momento l’utente, aprendo la Palette dei Ruoli, può passare da
un ruolo all’altro.
E’ possibile anche creare ruoli personalizzati aggiungendo/togliendo Toolbars
tramite il comando Tools Customize Roles . Qui è possibile generare,
salvare e richiamare ruoli salvati.
In un file di ruolo posso salvare le mie impostazioni di interfaccia.

Ruolo standard per utenti


FGA

Pagina 12 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Menu File

Dal menu FILE è possibile accedere ai vari menu di creazione, apertura e


salvataggio modelli.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 13 di 234


File New (Templates)

Con il comando File  New c’è la possibilità di attivare una parte che abbia
un riferimento (template). In esso possono comparire sia i settaggi legati al
menu preferences, sia la presenza di Datum CSYS, Griglia, ecc…..

Standard FGA

File Close

Salva e chiudi

Salva con nome e chiudi

Salva tutto e chiudi

Salva tutto ed esci

Pagina 14 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


File Open

Se disponibile viene
visualizzata una anteprima

Do not load component:


si usa quando si apre un assembly e si
vuol caricare solamente la struttura
(più veloce)

Load Options : opzioni di


caricamento dei componenti di
un assembly

As Saved: individua i componenti nella


posizione in cui sono stati salvati con
l’assemby
From Folder:i componenti vengono
ricercati nella stessa cartella
dell’assembly
From search Folder:vengono ricercati
nelle cartelle di search definite
dall’utente (Add --> Folder to Search).
Nota: salvare con Save as Default

Se disponibile viene
visualizzata una anteprima

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 15 di 234


File Save As

E’ anche possibile salvare automaticamente la versione tassellata del


modello, impostando il check di attivazione dell’opzione Save JT Data
all’interno delle “Save Options”.

Options
Esse si definiscono in File Save Options.
Ad ogni salvataggio del file .prt il sistema procederà a salvare una versione
con lo stesso nome, in formato .jt.

Da sottolineare che esiste la possibilità di aprire più parti in contemporanea nella stessa
sessione di lavoro. Se su tutte queste parti vengono effettuate delle modifiche il comando SAVE
ALL permette di effettuare il salvataggio contemporaneo di tutte le parti aperte. Questo evita il
dover attivarle una per una e quindi salvarle singolarmente.

Pagina 16 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Differenze nel comando File tra UG Integrato ed UG locale

Nella modalità UG integrato i menu File  New e File  Open sono


differenti. Difatti nella modalità integrata il sistema interagisce
automaticamente con TcAE. Qui di seguito vengono evidenziate le
procedure per la creazione di una nuova parte e per il caricamento di una
parte esistente.

Creazione nuova parte

Verranno visualizzati i templates FGA di riferimento, e quindi, tramite il tasto


Assign nella parte inferiore, si potrà staccare un ItemID per la nuova parte.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 17 di 234


Apertura di una parte esistente
Verrà visualizzato l’ambiente My TeamCenter dell’utente. In questo caso si
dovrà selezionare l’Item da aprire o ricercarlo mediante il codice ItemID nella
finestra inferiore (Number).

Il sistema CAD NX5 è composto da più ambienti di lavoro.


All'apertura del sistema, per default, si attiva la modalità GATEWAY. Questo
ambiente permette di visualizzare la parte attivata senza possibilità di
inserimento e/o modifica di entità.

Selezione dell’ambiente di lavoro

Possiamo selezionare l'ambiente di lavoro dal


menu START .

Nella realtà di progettazione sono utilizzati


prevalentemente gli ambienti di
MODELING per la modellazione
tridimensionale di solidi e superfici e
DRAFTING per le procedure di messa in
tavola.

Nota: per le parti generate in NX5 la selezione


dell’ambiente di lavoro sarà automaticamente
definita all’apertura del file stesso.

Pagina 18 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Barra dei menu

Il menu si presenta in questo modo:

Barra del menu FGA (Si aggiungono rispetto a quella standard i menu FGA-
FPT Toolkit e Toolkit disegno Fiat)

MODELING DRAFTING

Gestione parti Gestione parti


File Plottaggio Plottaggio
Uscita dal Sistema Uscita dal Sistema
Modifica entità Model (solidi, superfici
Edit Modifica entità Draw
e curve)
Operazioni di gestione della Operazioni di gestione della
View
rappresentazione grafica e della vista rappresentazione grafica e della vista
Inserimento entità Model (solidi, Inserimento entità Draw (curve di base),
Insert
superfici e curve) viste e fogli di disegno

Format Gestione Layer e terna di assi (WCS) Gestione Layer

Strumenti e accessori per la gestione Strumenti e accessori per la gestione


Tools
della parte della parte (forma ridotta)

Assemblies Generazione e gestione di assiemi Generazione e gestione di assiemi

Report sulle caratteristiche degli Report sulle caratteristiche degli


Information
oggetti oggetti

Analysis Analisi dimensionali degli oggetti Analisi dimensionali degli oggetti

Preferences Impostazione parametri della parte Impostazione parametri della parte

Application Scelta ambiente di lavoro Scelta ambiente di lavoro

Windows Gestione della finestra Gestione della finestra

Help Manualistica on-line Manualistica on-line

Personalizzazione dei Menu e delle Toolbar

E’ possibile personalizzare l’ambiente di lavoro attraverso il comando:

Tools  Customize

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 19 di 234


Durante l’esecuzione di questo comando è possibile anche con una manovra
“drag and drop” spostare le icone sulla toolbar nella posizione preferita.

La barra indica il punto di rilascio

Il comando può essere anche lanciato mediante la selezione della freccia


laterale di una toolbar  Add or Remove Buttons  Customize (vedi oltre)

Posso attivare e disattivare le toolbar


(Toolbars)

Ridefinire il contenuto dei menu dei Il menu Layout salva le


modifiche apportate
comandi (Commands).
precedentemente

Il menu Option presenta alcune possibilità relative alle dimensioni


delle icone e delle toolbar.

Rende visibili tutte le Save Layout : salva


opzioni del menu. Di le modifiche.
default sono visibili Reset Layout:
solamente le più riporta le condizioni
utilizzate all’ultima situazione

Cue/Status e Selection Bar


Position: posizione delle
aree di messaggi e di
selezione (Alto e basso dello
screen)

Pagina 20 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Comandi rapidi (“shortcut”) da tastiera
.
Con ToolsCustomize Keyboard si potranno assegnare dei comandi a
delle combinazioni di tasti (oltre a quelle già presenti di default).

Tasto Report

Il tasto Report permette una rapida visualizzazione della lista degli shortcut
correnti.

Personalizzazione delle Icone sulle tool bar

E’ possibile organizzare velocemente le icone sulle toolbar, in modo da


crearsi il proprio ambiente di lavoro.

1) Selezionare la
freccia accanto ad
una qualsiasi toolbar

2) Add or Remove
Buttons

3) Selezionare la toolbar desiderata. NB


vengono presentate tutte quelle attive
sulla riga o colonna. Nell’esempio ne
abbiamo quattro : Utilità, Curve, Snap
Point e Analysis
4) Selezionare o deselezionare l’icona
desiderata

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 21 di 234


Se ho aggiunto più icone di quelle potenzialmente visibili, nella parte laterale
destra delle toolbar interessate comparirà la doppia freccia

Significa che alcuni comandi della


toolbar non sono visibili a causa della
mancanza di spazio disponibile

Selezionando in qualsiasi toolbar della


riga o colonna interessata, la freccia,
appariranno le icone nascoste di tuttre le
toolbar della riga o colonna stessa

Drag and Drop dinamico

Nella selezione “Add or Remove Buttons” è


possibile richiamare direttamente l’opzione
Customize, corrispondente al comando Tools
 Customize, che consente di spostare le
icone sulle toolbar mediante operazione “Drag
and Drop” (Trascina e Rilascia)

Pagina 22 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Come già visto in precedenza in questo ambiente è possibile trascinare le
icone per spostarle sulle varie toolbar, ma anche copiare dei comandi dalla
barra dei menu e inserirli come icone sulle toolbar

Mentre la funzione Tools


Customize è attiva, trascinando
il comando....... ....inserirò l’icona corrispondente sulla
toolbar indicata

Selezionando una icona od un comando del menu, con il tasto destro del
mouse, apparirà il menu dinamico di gestione.

Rimuove l’icona dalla toolbar


od il comando dal menu
Riporta i valori all’ultima
definizione salvata

Copia il comando o l’icona


Nome del comando
Incolla il comando o l’icona
Resetta l’immagine del comando

Cambia l’immagine del comando

Gestisce lo stile dell’icona

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 23 di 234


Radial Popup

Selezionando preventivamente un elemento nella finestra grafica, è possibile


selezionare le opzioni disponibili attraverso le icone rappresentate. Questa è
un’alternativa al menu di popup preesistente.

Naturalmente le opzioni possibili varieranno a seconda del tipo di entità


selezionata e del contesto di lavoro.

L’attivazione del menu avviene attraverso la pressione prolungata del terzo


tasto del mouse (DX mouse), dopodichè, mantenendo premuto il tasto si
selezionerà l’icona interessata.

Le icone variano a
seconda del tipo di
entità e del contesto
di lavoro

Il menu delle viste è


sempre disponibile,
premendo CTRL+DX
Mouse

Nb. Per l’attivazione dei comandi è sufficiente lo spostamento del


cursore nella zona dove apparirà l’icona per causarne il lancio.

Questa opzione è molto utile, ma necessita di una certa pratica operativa


(il comando Delete è sempre presente…..)

Pagina 24 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Finestre Grafiche Multiple

Con questa opzione è possibile attivare più viste contemporanee dello stesso
oggetto. Ognuna di esse può avere differente orientamento e scala.
Il comando si attiva sotto il menu Windows  New Window.

1) Window  New
Window

2) Seleziono
Per ordinare le finestre : l’orientamento
Cascade (a cascata)
Tile Horizontaly (ordina
orizzontalmente)
Tile Vertically (ordina
verticalmente)

Per modificare la work view corrente è anche possibile utilizzare i tasti


CTRL + F6.

Ulteriori informazioni sull’interfaccia utente

- Durante l’esecuzione di feature il tasto centrale del mouse è associato


al pulsante di Apply.
- Nell’area grafica sono sempre visibili le etichette di ciascun parametro
della feature legate al proprio manipolatore. Si può attivare la modifica
del parametro, semplicemente cliccando l’etichetta corrispondente.
- Le etichette sono anche riposizionabili dinamicamente con il mouse

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 25 di 234


La figura seguente mostra un esempio di parametri accessibili in modifica in
una feature di Edge Blend.

Parametro attivo in
modifica

Pagina 26 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


GESTIONE E MANIPOLAZIONE DELLE VISTE

Cliccando il tasto destro del Mouse all’interno della finestra grafica


compare il menù per la gestione della visualizzazione

Operazioni di Refresh, Zoom, Pan e Rotazione


della finestra di visualizzazione ( le ultime tre
operazioni si possono ottenere anche
dinamicamente con il mouse, vedi pagine seguenti)

Modifica la visualizzazione del


modello completo (anche
possibile tramite “Radial popup”)

Permette di orientare
la vista secondo i
punti di vista canonici

Permette di impostare
la vista di default della
parte (“Work View”)

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 27 di 234


Le operazioni descritte in precedenza nel menù contestuale della
finestra grafica si trovano anche nel menù VIEW

View Orient , View  Layout e View 


Camera (vedi pagina seguente)

View Visualization

View Operation

Gestione dell’immagine con


materiali, effetti fotorealistici e
animazioni

Stesse funzioni del menù contestuale


con in più la possibilità di salvare e
richiamare delle viste definite dall’utente

Definizione e gestione delle sezioni


dinamiche (vedi spiegazione nelle
pagine seguenti)

Restore: riporta la vista nelle condizioni iniziali di visualizzazione


Regenerate Work: rigenera la grafica della vista Work (IMPORTANTE: da usarsi
nei casi in cui la grafica appaia molto degradata e non fosse sufficiente il semplice
refresh del menu contestuale)

Salvataggio e cancellazione di viste


definite dall’utente
Pagina 28 di 234 Manuale corso Unigraphics Base
View  Orient: definisce l’orientamento della vista secondo i piani di lavoro. Nota: con View
 OrientOk (tasto centrale) la vista viene orientata sul piano XY del WCS corrente

Le varie opzioni (Type) definiscono il


piano di orientamento

Opzioni di selezione rapida dei piani

1 2 3 4 5
1. Dedotto dalla selezione(Inferred)
2. Dynamics (come WCS Dynamics)
3. Offset CSYS (rototraslazione da un CSYS ad un
altro)
4. Asse X, Asse Y, Origine
5. Origine, Punto per l’asse X, Punto per l’asse Y

View  Layout : gestisce la presenza di più viste contemporanee sulla


finestra grafica

Layout con sei


viste

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 29 di 234


Gli stessi comandi si trovano anche nella barra del menù a icone

Manipolazione grafica della vista Viste


canoniche
Visualizzazione in Shading e Partial Shading

Visualizzazione degli spigoli nascosti


Popup Menu su Entità

Per attivare il popup menu di modifica su un elemento è sufficiente


posizionarsi sull’elemento desiderato e premere il tasto DX.

Pagina 30 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Ingrandimento, Rotazione e Centratura
Per le operazioni di Zoom, Pan e Rotazione è possibile utilizzare i pulsanti del
mouse secondo la tabella seguente:

Operazione • Tasto sx del mouse

Rotazione • Tasto centrale

Zoom • Tasto centrale + tasto sx


• Eventualmente solo rotella
• Tasto centrale + tasto Ctrl
Pan • Tasto centrale + tasto destro
• Tasto centrale + tasto Shift

Tasto End : Passa in vista Isometrica


Tasto Start: Passa in vista Trimetrica
F8: per passare sulla vista ortogonale più vicina, oppure in seguito alla
selezione di un datum plane o una faccia per portare la vista sul piano
selezionato.

Quando si effettua l’ingrandimento mediante la rotella del mouse, oppure


con la pressione simultanea del tasto Centrale e SX, il centro dell’immagine
sarà quello della posizione del mouse stesso.

Durante la rotazione del modello attraverso il tasto Centrale, avviene anche


la nuova definizione del centro di rotazione. Per attivare tale funzione, è però
necessario attendere l’attivazione del centro di rotazione temporaneo con il
tasto centrale premuto.

Centro
temporaneo
di rotazione

Definizione permamente del centro di rotazione:

Per cambiare il centro di rotazione della vista è anche possibile

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 31 di 234


attivare col terzo tasto del mouse sull’area grafica il comando Set Rotate
Point, quindi selezionare un punto sul modello avvalendosi delle funzionalità
di Snap Point.
Per riportare il centro di rotazione al centro del modello: destro mouse
nell’area grafica e selezione del comando Clear Rotate Point.

- E’ possibile avere la visualizzazione a spessore maggiorato di ciò che


è in preselezione o in selezione attivando l’opzione tramite il comando
Preferences Selection e spuntando la voce “Highlight with thick
width”.
- E’ disponibile la modalità di visualizzazione in dinamico delle linee
nascoste in modalità Wireframe. La gestione della visualizzazione,
attivabile con il destro mouse sull’area grafica, mostra il menù
Rendering Style contenente queste modalità grafiche.

Rendering Style

Pagina 32 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Salvataggio delle impostazioni di visualizzazione

La Resource Bar può contenere dei template (mappe) di visualizzazione


salvate applicabili a qualunque modello.
La procedura per creare una di queste mappe è la seguente:
1. si procede caricando in sessione la parte dalla quale si vuole ereditare lo
sfondo, quindi con il comando Preferences Palettes si attiva la finestra
sottostante.

Freccia su e giù
permettono di
cambiare la posizione
della paletta nella
Resource Bar.
La chiave inglese
permette di modificare
il nome della palette.

2. Con il comando New Palette si crea una nuova palette che si andrà ad
aggiungere alla Resource Bar.
3. Ora nella Resource Bar sarà presente la nuova palette chiamata
nell’esempio gestione visualizzazioni.
4. Si aprirà tale palette e col destro
mouse è possibile salvare, selezionando
New Entry Visualization Template.
diverse caratteristiche di
Rappresentazione/Visualizzazione.

Il template così generato sarà disponibile ad ogni nuova sessione di lavoro e


applicabile, tramite selezione, a qualunque modello attivato.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 33 di 234


PART NAVIGATOR
Il Part Navigator rappresenta graficamente, tramite una struttura ad albero,
le relazioni padre – figlio e le operazioni eseguite sulle Feature utilizzate per
la generazione della parte.

Su ogni Feature in elenco (solidi o curve associative) permette di eseguire


una serie di operazioni di editing aggiornando in modo automatico e
immediato il modello risultante.

Part Navigator

Visualizzazione Timestamp Order

Quando una Feature è evidenziata


dal simbolo di “spunto” significa che
esiste come operazione ed è visibile
graficamente
In caso contrario, la Feature esiste come
operazione ma graficamente non è visibile il
risultato. Queste Feature non vengono considerate
nella fase di rigenerazione del modello. Queste
sono dette “Feature soppresse”

Pagina 34 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Con il tasto destro sull a barra di intestazione del
Part Navigator è possibile accedere alle
funzionalità della navigazione. Le stesse
funzionalità sono presenti sotto Tools-> Part
Navigator

Esistono due modalità di


visualizzazione: Default (non-
timestamp order) e Timestamp
Order. La prima permette di
visualizzare i Solid Body con le varie
Feature correlate e sue dipendenze. È
utile in molti casi e fondamentale per il
funzionamento di certi comandi. La
seconda visualizza invece l’ordine
cronologico delle Feature create

Visualizzazione di Default
Evidenziando un’operazione
immediatamente viene segnalata
nello spazio geometrico

La selezione di una Feaure con dipendenze da come


risultato visivo l’evidenziazione di altre Feature: in blu
verranno segnalate le Feature “figlie” e in magenta le
Feature “madri”

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 35 di 234


Altre operazioni disponibili sul Part Navigator sono:
Find Current Feature: trova l’operazione corrente;
Update To The End: esegue l’aggiornamento di tutte
le operazioni sul Part Navigator;
Find Object: ricerca una Feature;
Clear Information Alert: cancella gli alert legati ad
una determinate Feature;

È possibile filtrare la visualizzazione del Part


Navigator in maniera da gestire alcune
operazioni più agevolmente o per escludere
alcune Feature ripetitive che rallenterebbero
la lettura

Il Part Navigator contiene altre informazioni


importanti

Viste principali del modello

Telecamere utente

Formule utente

Elementi che non sono necessari per il


completamento del solido finale
N.B. qui sono presenti anche gli
elementi non associativi

Elementi tassellati facenti parte dello


specifico ReferenceSet

Pagina 36 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


SISTEMI DI RIFERIMENTO IN UG
Secondo le norme di modellazione di Fiat Auto (07243), l’origine dei modelli
CAD 3D non è definita, come avveniva in passato, sull’origine assoluta della
vettura (mezzeria asse anteriore), bensì stabilita in base alla geometria del
componente stesso (origine relativa).

Per quanto riguarda il posizionamento del componente in vettura, esso verrà


definito durante la realizzazione dell’ assembly.

Solamente alcuni componenti di carrozzeria (ad es. fiancata) dovranno


essere posizionati a reticolo, quindi rispettando le origini vettura.

Riassumendo, i componenti della vettura sono suddivisi in due macro-


categorie:

• Riposizionabili (tutto ciò che potrebbe essere ad esempio riutilizzato


in altri progetti)
• Non riposizionabili (tutto ciò che è specifico per un
progetto/allestimento)

In caso di dubbio, cioè non si conosca ancora se il componente che ci si


accinge a progettare appartenga ad un gruppo oppure ad un altro, si
consiglia di considerarlo riposizionabile.

Riferimento secondo terna d’assi

Innanzi tutto è da sottolineare il fatto che UG adotta preferenzialmente il piano


di lavoro bidimensionale Xc, Yc.

Sono utilizzati due sistemi di coordinate:

• ABS (coordinate assolute)


• WCS (coordinate relative o sistema di coordinate di lavoro). Significa:
Work Coordinate System
• CSYS(nome dei sistemi di coordinate in generale)

Poiché il sistema di coordinate ABS non è mobile, per poterne definire uno
alternativo, orientato e posizionato secondo le nostre esigenze, è necessario
ricorrere al WCS.

Questa nuova terna d’assi può essere definita secondo le modalità di


costruzione date dal menu WCS. Il sistema ABS è lo stesso per qualsiasi
sessione di lavoro.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 37 di 234


Modalità per definire un nuovo WCS

Format  WCS

1. WCS origin (spostamento origine WCS)


Questa opzione mi permette solo di riposizionare
nello spazio il WCS, mantenendo le stesse
direzioni “X, Y, Z” del WCS attivo in quel momento.

2. Rotate WCS (rotazione


WCS)
In questo caso si può
ruotare il WCS sugli assi,
tenendo ferma la sua
posizione
Pagina 38 di 234 Manuale corso Unigraphics Base
3. WCS dynamics (WCS dinamico)
Permette la creazione di un WCS in modo dinamico
controllandone la posizione e l’orientamento tramite il
trascinamento dei punti di controllo sull’area grafica Punti di controllo per la
traslazione lungo le direzioni
NB. Si può passare alla modalità WCS dynamics anche degli assi X, Y e Z.
mediante la selezione del WCS con il doppio click del
mouse. Punti di controllo per la
. rotazione degli assi.

Punto di controllo per il


posizionamento dell’origine
del WCS.

Imposta l’angolo di
rotazione. Utilizza Tab per
passare a Snap.

Imposta il valore angolare


di snap. Utilizza Tab per
passare a Angle.

Toolbar Utility per la gestione del WCS.

Visualizza il WCS
Salva il WCS
WCS Dinamico
Riporta il WCS sull’ABS CSYS
WCS Orient

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 39 di 234


4. Orient WCS (rototraslazione del WCS)
Combina le due precedenti opzioni, quindi trasla e ruota
contemporaneamente con altre varie opzioni

Dynamic: come Format  WCS


Dynamic

Inferred : Selezioni dedotte dalla selezione


col mouse

Origin, X-Point, Y-Point


X-Axis, Y-Axis Definisce il piano mediante selezioni di
X-Axis, Y-Axis, Origin entità
Z-Axis, X-Point

CSYS of Object : Orienta il WCS su una entità selezionata (es. su una faccia
planare, l’asse Z sarà normale alla faccia stessa)

Point, Perpendicular Curve Definisce il piano mediante selezioni di


Plane and Vector entità
Three Planes

Absolute CSYS: riporta il WCS nella posizione 0,0,0 e nell’orientamento del


sistema di riferimento Assoluto (ABS Csys)

CSYS of Current View: Allinea gli assi X ed Y alla vista del piano schermo,
con la Z uscente verso l’operatore

Offset CSYS: Rototrasla il WCS dalla posiziona corrente ad un altro WCS


salvato (entità Coordinate system)

Pagina 40 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Riferimento secondo features

Queste feature sono denominate Datum Plane e Datum


Axis, permettono di definire dei riferimenti di lavoro utili
e talvolta indispensabili per potervi costruire su di essi la
nostra geometria.

Come per tutte le feature i parametri di definizione sono


modificabili.

Datum Plane

È una feature associativa piana, definibile secondo le varie selezioni offerte dal
pannello di costruzione. All’atto della selezione si aprirà il seguente menu:

Inferred : Selezioni dedotte dalla selezione col mouse


At Angle: Con angolo rispetto ad un piano e passante per una linea
At Distance : Parallelo ad un piano ad una distanza data
Bisector : Piano mediano tra due selezionati
Curve and Points : Radiale su un punto appartenente ad una curva
Two Lines: passante per due linee (utilizzare l’opzione Alternate Solution per
ottenere il risultato desiderato)

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 41 di 234


Tangent: Tangente rispetto ad una o più facce cilindriche
Through Objects: Relativo all’oggetto selezionato (se è una faccia planare sarà
parallelo ad essa, se è una curva planare sarà il piano di giacenza)
Coefficent: Determinazione matematica del piano
Point and direction: passante pr un punto ed orientato nella direzione selezionata
On Curve: Radiale su un punto selezionato su una curva (dinamico). Permette le
selezione esatta delle sole voci % ed arclength, non è possibile selezionare un punto
preciso di passaggio (utilizzare Curve and Points)

YC-ZC plane
XC-ZC plane Definisce il piano dall’orientamento del
XC-YC plane WCS

Il Datum Plane è utilizzato:

• per definire un piano sketch


• come piano d’appoggio planare per la creazione di altre feature
• come riferimento orizzontale/verticale per posizionamento di
feature
• come piano di simmetria
• per sezionare in modo associativo

Questa feature risulta completamente ridefinibile, ovverosia è possibile con comando


di Edit  Feature  Edit Parameters, selezionare nuovamente geometria e vincoli
di creazione del Datum Plane.

Datum Axis

È una feature lineare costruibile secondo le opzioni offerte dal suo pannello di
definizione. All’atto della selezione si aprirà il seguente menu :

Pagina 42 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Inferred : Selezioni dedotte dalla selezione col mouse
Intersection: Intersezione tra due oggetti selezionati
Curve/Face Axis : A seconda dell’entità selezionata, può essere ad es. il centro
raggi di una faccia cilindrica
On Curve Vector : Vettore su una curva, può essere Normale, Tangente o bi-
Tangente
Point and Direction: passante pr un punto ed orientato nella direzione selezionata
Two points: Passante per due punti

XC- Axis
YC -Axis Definisce il piano dall’orientamento degli
ZC- Axis assi del WCS

Il Datum Axis può essere utilizzato come:

• asse di rotazione per feature di rivoluzione


• asse di rotazione per repliche circolari (ARRAY)
• asse cardine per Datum Plane
• riferimento direzionale
• riferimento dimensionale per posizionamento di feature

Per cancellare Datum Plane e Datum Axis occorre utilizzare il menu Edit e quindi il
comando Delete. È importante ricordare che Datum Plane e Datum Axis possono
essere utilizzati per la creazione di altre entità; gli oggetti così creati diventano
associativi al piano che, pertanto, non può essere cancellato.

Questa feature risulta completamente ridefinibile, ovverosia è possibile con comando


di Edit  Feature  Parameters, selezionare nuovamente geometria e vincoli di
creazione del Datum Axis.

Datum Csys

E’ rappresentato come in figura.


Le entità che lo compongono si possono spegnere
(blank) singolarmente. Le new part contiene il
Datum Csys com sistema visibile di riferimento
standard

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 43 di 234


.Metodi standard di creazione

Le opzioni cambiano in base


alla modalità di creazione
scelta

Pagina 44 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


SNAP POINT
La funzionalità di snap point permette di sensibilizzare il cursore durante la
selezione di punti dalla grafica.

Il controllo degli snap point attivi avviene attraverso una apposita toolbar.

Gli snap point che si vogliono attivare devono essere premuti. Quindi questa
toolbar conviene tenerla attiva e usarla come un pannello di controllo.

Le voci disponibili sono nell’ordine:

1) Punto estremo
2) Punto medio
3) Punto di controllo
4) Punto di intersezione
5) Punto di centro
6) Punto quadrante
7) Entità punto
8) Punto lungo una curva
9) Punto su una superficie
10) Comando di Point constructor.

Questa toolbar, introdotta in NX su alcuni comandi, risulta da ora disponibile


per ogni comando che necessita la selezione di un punto.

Per disabilitare temporaneamente lo Snap Point:

- in Windows: premi ALT;


- in Unix: premi CTRL+ALT.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 45 di 234


GESTIONE DELLA SELEZIONE: TOOLBAR DI
SELECTION E SELECTION INTENT.

Toolbar di Selection

Questa toolbar permette di avere visivamente sotto controllo quale tipologia di


selezione è attiva in ogni momento.
Tre tipologie di selezione sono disponibili in modeling corrispondenti alle
prime tre icone della toolbar e sono:
- geometria (il mouse si sensibilizza per selezionare linee, archi,
facce,solidi, ecc., nell’area grafica)
- feature (il mouse si sensibilizza per selezionare feature
znell’area grafica)
- componenti (il mouse si sensibilizza per selezionare
componenti nell’area grafica: utile in ambiente di assembly).

La lista a discesa di fianco alle 3 icone permette di filtrare la selezione per


facilitare la selezione stessa.

- Scorciatoie da tastiera utili per cambiare la modalità di selezione:

G: selezione di Geometria.

F: selezione di Feature
C: Selezione di Componenti

Pagina 46 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Selection Intent

Si tratta di una modalità di selezione delle geometrie “con memoria” presente


in diversi comandi di modellazione che richiedono la selezione di edge e/o
facce.
Quando il Selection Intent è disponibile il cursore si presenta come in figura:

Per la selezione di edge/bordi Per la selezione di


facce/ superfici

La toolbar di Selection Intent si attiva automaticamente all’attivazione dei


comandi che la prevedono (ad esempio comandi di raggio, estrusione,
sformo)

Le due figure sopra mostrano le possibili regole di selezione.

Per le facce:
- Single Face: viene portata in selezione solo la faccia selezionata.
- Add Region Boundary: viene selezionato il set di facce delimitato.
- Add Tangent Faces: vengono selezionate le facce tangenti alla faccia
selezionata.
- Add Body Faces: vengono selezionate tutte le facce del solido.
- Add Feature Faces: dalla faccia selezionata si seleziona il set di tutte le
facce della feature comune.

Per gli edge:

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 47 di 234


- Single: viene portato in selezione solo l’edge selezionato.
- Add Connected: vengono portati in selezione tutti gli edge connessi
all’edge selezionato.
- Add Tangent Chain: vengono selezionati tutti gli edge in tangenza con
l’edge selezionato.
- Add all of Face: vengono selezionati tutti gli edge appartenenti alla
faccia selezionata.
- Add Edges of Body: vengono selezionati tutti gli edge appartenenti al
body selezionato.

La regola di selezione può essere modificata anche direttamente col dx


mouse sulla selezione eseguita.

Il grande vantaggio di questa modalità di selezione è che ad ogni


rigenerazione delle feature che la utilizzano avviene il nuovo calcolo del set di
edges che devono sempre soddisfare la regola di selezione.

Pagina 48 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


LAYERS
 Vedere riferimento Norma FIAT 07245
UG prevede 255 layers, uno dei quali deve essere sempre il layer di lavoro
(work layer). Essi sono denominati numericamente da 1 a 256.

I comandi per la gestione sono tutti racchiusi sotto il menu principale Format:

Layer Setting

Layer Settings: in questo pannello si vanno a


definire i parametri d’impostazione. In
particolare si possono utilizzare i filtri per
categorie (vedere paragrafi successivi).
Ogni layer o gruppo di layer si può assumere
caratteristiche diverse.
Selectable: le entità appartenenti sono visibili
e selezionabili
Make Work: definisce il layer di lavoro che è
sempre visibile
Invisible: le entità appartenenti non sono
visibili
Visibile Only: le entità appartenenti sono visibili
ma non selezionabili.

Seleziona il layer attivo

Categorie standard
della Start-Part-Fiat 3D
(Vedi compliancy DCS)

Genera/Modifica le
categorie (alternativo a
Format  Layer Category)

Situazione dei layers. Lo status può essere:


Wrk attivo
Sel visibile con entità selezionabili
Vis visibile con entità NON selezionabili (in Catia
NoPick)
Nullo non visibile

Le seguenti due voci devono essere abilitate:

Il Count segnala il numero di entità presenti su


quel layer
Abilitano nel riquadro La Category di appartenenza
superiore le voci Count e
Category Nel riquadro superiore,
visualizza solamente i
layer che contengono
entità
Manuale corso Unigraphics Base Pagina 49 di 234
Visibile in View: permette di visualizzare e non, i layers nella vista
selezionata

Layer Category: permette di definire e gestire delle categorie da associare


ai layers o gruppi di layer (es. categoria che racchiude il WIRE-FRAME,le
superfici etc.).
Per le parti Fiat Auto, esiste la norma di riferimento 07245, che definisce
univocamente tali associazioni.

Move to Layer: sposta le entità selezionate sul layer specificato


Copy to Layer: copia le entità selezionate sul layer specificato

N.B. Il colore che viene associato alle entità non risente dalla sua posizione sul layer.
Ovvero la discriminazione entità-colore è indipendente dai layer.

Bisogna altresì annotare che lo stesso menu di Format è il medesimo per qualsiasi ambiente
di lavoro (Modeling, Drafting, Sheet Metal….)

Pagina 50 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


INSERIMENTO ENTITA’ WIREFRAME ( Linee, Archi,
Cerchi, Punti)
Insert  Curve e Insert Arc/Circle sono i comandi che permettono
l’inserimento di linee, archi e cerchi in modalità associativa ed esplicita.
Nell’esecuzione del comando vengono richiesti i vincoli costruttivi che
determineranno la geometria costruita.

Ad es. una linea perpendicolare ad un’altra avrà il vincolo associativo con


quest’ultima, in caso di sua variazione, anche la prima sarà automaticamente
modificata.

Nota: Il comando è utilizzato anche per costruire le linee e gli


archi in modalità esplicita

Modifica della
linea di riferimento
Comando di linea
perpendicolare

linea di riferimento

Nuova linea

La linea sarà
sempre
perpendicolare

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 51 di 234


Dove si trovano i comandi:

Sotto il menu Insert  Curve  Line


Insert  Curve  Arc/Circle
Insert  Curve  Lines and Arcs

Pagina 52 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Creazione di Linee

Definizione del primo punto


Definizione del secondo punto

Selezione effettuata con successo

Point constructor

Comportamento della
linea nelle estremità

Linea infinita

Selezione della modalità del punto:


Inferred (usa gli snap point attivi in quel
momento)
Point (XYZ),
Tangent il punto è tangente ad un'altra curva

Selezione del piano di supporto


della linea:
automatico (WCS),
Bloccato ,
Piano selezionato

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 53 di 234


La selezione della modalità sul secondo punto varia funzionalmente alla
selezione del primo punto, permettendo di costruire linee tangenti a superfici,
parallele agli assi principali, angolate etc.

è possibile ottenere le stesse funzioni lavorando con il tasto destro


direttamente nel 3D

Pagina 54 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Manuale corso Unigraphics Base Pagina 55 di 234
Creazione di Archi e Cerchi

Selezione del tipo di 'arco

Selezione dei tre punti (caso


three Point Arc)

Inserimento dell'eventuale valore


del raggio

Piano di costruzione dell'arco

Comportamento dell'arco nelle


estremità e possibilità di avere un
cerchio completo

Pagina 56 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Punti

Questa funzione permette la generazione di punti associativi ed espliciti


nell’ambiente di modellazione.
Per la selezione è possibile riferirsi agli “snap point”.

 Nota: Il comando è utilizzabile anche per l’inserimento dei punti


non associativi (espliciti)
Dove si trova il comando : Menu Insert  Datum/Point  Point

Modalità di creazione utilizzate Possibilità di creare un punto


anche nella funzione Snap Point associativo o non associativo
cin l'aggiunta del metodo
Between Txo Points

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 57 di 234


MODIFICA DELLE ENTITA’ WIREFRAME
Menu di Edit

Si attiva selezionando il Undo e Redo.


bottone Edit sulla barra Permettono di navigare
del menù principale a indietro e avanti lungo le
tendina operazioni effettuati (a
patto di non effettuare
alcuna modifiche la
navigazione)
Show and Hide:
Consente di gestire la
visibilità degli oggetti

Edit  Show and Hide  Hide :Nasconde le entità selezionate. E’ anche


possibile utilizzare i tasti CTRL + B

Edit  Show and Hide  Show: Rende di nuovo visibilile entità selezionate
Si può anche utilizzare da tastiera CTRL + Shift + K

Edit curve
Selezionando la voce All comparirà il menu illustrato nella prossima pagina.

Le altre voci possono essere anche selezionate direttamente.

Consente di entrare nella finestra di modifica del wireframe associativo.

Pagina 58 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Edit Arc/Circle By:

• Parameters: modifica per archi/cerchi,


potendo agire sui parametri
• Dragging: modifica per archi/cerchi
trascinando la curva con il mouse

1-Edit Curve Parameters

2-Trim Curve (vedi pagina seguente)

3-Trim Corner Non permette la


selezione delle entità da trimmare, ma si
effettua selezionando la locazione più
vicina allo spigolo delle entità. La parte delle entità
oggetto della selezione (in pratica quelle toccate
dalla circonferenza del puntatore) verranno rimosse
Qui è possibile il trim
perché le entità sono
sufficientemente vicine

In questo caso non è


possibile trovare lo spigolo e
pertanto non è possibile
eseguire il comando

4-Divide Curve

Viene richiesto il numero di segmenti che si vogliono


ottenere secondo una divisione parametrico o
lunghezza d’arco

Permette di dividere l’entità selezionata secondo una


costruzione per punti, linee o piani

Divisione dell’entità secondo la lunghezza


assegnata.

5-Edit Modifica principalmente il valore del raggio

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 59 di 234


Trim Curve

Dove si trova : Edit  Curve  Trim

Curva da tagliare (prima


selezione)

Curva di taglio (seconda e tarza


selezione) o piano costruibile
sul momento

Mantenimento dell'associatività
dell'operazione e altre opzioni:
tipo di estensione della curva
(naturale o tangenziale); trim
della curva di taglio

Pagina 60 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


PIANI
Creazione di piani

Insert  Datum/Point  Datum Plane

I piani servono per la costruzioni


degli sketcher e per Trimmare o
Splittare i solidi (fondamentali per
la metodologia Chunky)- La
costruzione prevede una serie di
metodi molto intuitivi che
prevedono la selezione di uno o
più elementi 3D e l’inserimento di
alcuni parametri. La finestra si
adatterà in funzione del metodo
scelto

È possibile determinare se il
piano sarà di tipo associativo o
no, direttamente in fase di
creazione

le dimensioni (visive e geometriche)


sono modificabili direttamente nello
spazio geometrico tramite i
manipolatori verdi e le finestre di
inserimento parametri

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 61 di 234


Curve di sezione
Insert  Curve from Bodies  Section

Sezioni attraverso
piani paralleli

Sezioni attraverso un
piano

Sezioni attraverso
piani radiali Sezioni attraverso
piani perpendicolari
ad una curva

Associatività o meno
tra le entità sezionate
e le curve di sezione

Selezione oggetti da
sezionare

Piani paralleli Piani radiali Piani perpendicolari a curva

Selezionare la curve per la


Selezione il primo piano di definizione dei piani di sezione e
sezione e, rispetto a Definire, mediante ‘Vector specificare:
questo, specificare: Method’, l’asse di • il criterio di spaziatura tra i
Step distance appartenenza dei piani. piani sulla curva (Spacing
Start distance Along Curve)
End distance • il numero di piani
Specificare un punto per (Number)
definire il piano di • in quale posizione
riferimento. percentuale della curva si
Rispetto a questo piano trovano il primo e l’ultimo
specificare: piano (Start Percentage
Step angle ed End Percentage)
Start angle
End angle

Pagina 62 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


SKETCH (Schizzatura)

Si attiva dal menu principale Insert  Sketch

INTRODUZIONE: uno sketch è una feature


destinata a contenere entità di base (linee, curve,
archi, punti) bidimensionali.
Per definizione lo sketching è parametrico, quindi
alle entità create è possibile associare dei vincoli
dimensionali e/o geometrici modificabili.

Su tali profili così definiti si possono creare delle


feature di estrusione e rivoluzione, o utilizzati come
sezioni attraverso le quali si definisce il solido o la
superficie di scorrimento.
Se si modificano i vincoli assegnati, si modificano
anche le entità (solidi o superfici) costruite sopra il
profilo di sketch. Pertanto l’utilizzo di tale strumento
non deve essere indiscriminato, ma valutato volta
per volta.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 63 di 234


Creazione di sketch
Selezionare il comando Insert  Sketch, oppure l`icona corrispondente
Appare la finestra che permette la selezione del piano di sketch.
È possibile creare il piano “al volo” con l'apposita opzione.
Selezionare il riferimento planare dello sketch (faccia planare o piano)

Il piano xy del CSYS è il


piano predefinito quando
si inizializza il comando

1-Selezione di Piano/Faccia dove attaccare lo sketch

2-Selezione entità per definire il riferimento orizzontale

Opzioni alternative di orientamento

XC-YC su piano X, Y
XC-ZC su piano X, Z
YC-ZC su piano Y, Z

una volta scelto il piano si entra in un ambiente bidimensionale diverso da


NX5. Qui è possibile disegnare con comandi diversi dall'ambiente di
Modeling.

Pagina 64 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Toolbar specifiche dello sketch:

Selection: permette di impostare la selezione tramite snap point e filtri su


geometria sketch (linee e quote) oppure vincoli geometrici.

Sketcher: permette di uscire dallo sketch (bandiera a scacchi) di attivare un


altro sketch attraverso la lista. Fornisce inoltre funzioni di orientamento del
piano di sketch nella finestra grafica.

Sketch Constraints: funzioni di gestione dei vincoli dimensionali e geometrici


(inserimento, visualizzazione, modifica).

Sketch Curve: Funzione di creazione profili di sketch (poligonali, archi,


cerchi, bisettrici, rettangoli e spline più funzioni di trim, extend e fillet).

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 65 di 234


Sketch Operations: varie funzioni di utilità nello sketch (specchiatura, offset,
modifica curve, copia di curve esplicite)

Entità di sketch

Riquadro opzioni

Tipologia di oggetto
disegnato (cerchio/linea)

Posizionamento del
Creazione
punto di profili
in coordinate
polari. Lo scambio
Posizionamento del
avviene cliccando
punto in coordinate
cartesiane

Creazione di linee

Sono possibili due modalità di creazione

Coordinate Cartesiane

Lunghezza e Angolo

Pagina 66 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Creazione di archi e cerchi

Start, End, Point on Arc

Center , Endpoints

Il pannello permette di selezionare le due modalità per l’inserimento di archi:

- Start, End, Point on Arc


Dove è possibile creare un arco che passa attraverso tre punti o che
passa attraverso due punti ed è tangente ad un oggetto selezionato.

- Center, Endpoints
Si definisce il centro e l’angolo di apertura e di chiusura.

I valori numerici possono essere


inseriti nei riquadri XC e YC

Oppure usando il valore del raggio

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 67 di 234


Per i cerchi è richiesto il centro

Linee Derivate

Permette di inserire linee derivate


da geometria esistente: linee
parallele o bisettrici a seconda se si
seleziona una sola linea o due.
N.B. Selezionando due parallele
permette di inserire una terza linea
tra le selezionate equidistante da
loro

Pagina 68 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Fillet

Il raccordo tra due curve si


inserisce selezionando le curve e
poi inserendo il valore del raggio.
È possibile che il trim venga fatto
in automatico o no

Visualizzazione delle
possibili soluzioni
alternative
Cancellazione della terza
curva (tritangenza)

Quick Trim
Permette di accorciare una linea o
una curva fino all’incrocio con una
entità esistente. Riconosce in
automatico l'elemento di trim, ma
è anche possibile selezionarla
manualmente

Quick extend

Permette di allungare un’entità


fino all’incrocio con un’altra
entità preesistente.
Riconosce in automatico
l'entità limite, ma è anche
possibile selezionarla
manualmente

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 69 di 234


Costraints (Vincoli):
Una volta disegnato il profilo sketch è possibile assegnargli dei vincoli
(constraints). Essi possono essere di due tipi :dimensionali (quote
parametriche) e geometrici(vincoli di forma).

VINCOLI DIMENSIONALI

1- Vincolo”dedotto” a seconda dell’entità e della


selezione
2- Vincolo orizzontale
3- Vincolo verticale
4- Vincolo di parallelismo
5- Vincolo di perpendicolarità
6- Vincolo sui diametri
7- Vincoli sui raggi
8- Vincoli su angoli

Si deve fare attenzione al fatto che il riferimento per i vincoli,


è dato dalla direzione orizzontale data al momento della
creazione dello sketch

L’opzione “Text Height”, permette di poter assegnare


l’altezza del carattere delle quote

Pagina 70 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


VINCOLI GEOMETRICI

All’apertura del sottomenu, non sono elencati i vincoli geometrici da assegnare, in quanto questi
dipendono dalle entità che saranno selezionate. Fatta la selezione, quindi il sistema elencherà i
vincoli possibili da associare.

I principali di essi sono visibili a lato e descritti da sinistra a destra e dall’alto in basso:

1. Horizontal:
2. Vertical:
3. Perpendicolar: condizione di perpendicolarità
4. Parallel:
5. Collinear:
6. Midpoint:
7. Tangent:
8. Coincident: due o più punti con stessa posizione
9. Point on curve : Punto su curva
10. Point on string: Punto su una stringa
11. Concentric: archi e cerchi con stessa origine

Qui di seguito viene illustrato il menu dei constraints


geometrici che appare dopo la selezione di due
segmenti di linea :

Questo, invece dopo la selezione di un cerchio e di un segmento:

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 71 di 234


La simbologia viene visualizzata sulle entità interessate quando è attivata la
funzione di “Tools -> Create Constraints -> Show all constraints”

Show/Remove Constraints:
permette di gestire in modo interattivo i vincoli.
Qui si possono vedere tutti i vincoli assegnati alle entità dello sketch
selezionato, ed eventualmente rimovibili

Convert To/From Reference


Nell’ambiente di sketch, quando si deve ricorrere ad entità che non devono
essere associative, perché, per esempio, utilizzate come linee di simmetria
ecc, queste deve essere convertite in entità reference. Automaticamente il
sistema nel modifica la loro apparenza grafica diventando grigie e
tratteggiate.

Posizionamento dello sketch.


Può essere ottenuto secondo due metodi:
1. Positioning Dimension: questo comando mi permette di posizionare
l’entità di sketch (secondo le modalità sotto elencate) rispetto alla faccia del
solido sulla quale poggia lo sketch

Posizione Orizzontale

Posizione Verticale

Posizione Parallelo

Posizione Perpendicolare

Posizione Parallelo con Distanza

Posizione Angolare

Posizione Punto su Punto

Posizione Punto su Linea

Posizione Linea su Linea

Pagina 72 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


2. E’ possibile posizionare uno sketch anche utilizzando i comandi
dell’opzione constraints (attraverso i vincoli geometrici e dimensionali).

Operazioni all’interno dello sketch

Add Existing Curve


Le entità selezionate (punti, linee, archi, curve) vengono fatte appartenere allo
sketch e quindi trattabili come entità di sketch

Intersection Point
Crea un punto di intersezioni tra una curva nello spazio e il piano di sketch

Intersection Curve
Crea una curva di intersezioni tra una superficie o piano nello spazio e il piano
di sketch

Projection Curve
Crea una curva proiettando elementi nello spazio lungo la normale del piano
di sketch

Mirror:
possibilità di rendere simmetriche le entità di sketch mantenendone
l’associatività

Offset Extracted Curve:


Possibilità di generare una curva sketch come offset di un profilo esterno.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 73 di 234


INSERIMENTO DELLE FEATURE
La modellazione “by feature” rappresenta un’altra delle peculiarità
caratteristiche di NX5.

Essa permette di generare delle forme di tipo standard (corrispondenti alle


più comuni figure geometriche), ma anche di tipo più complesso.

Le feature quindi possono essere paragonate a degli utensili (tools) che sono
generabili e riutilizzabili più volte semplicemente agendo sui loro parametri
di definizione.

L’elenco delle feature utilizzate nel modello è visionabile nella finestra “Part
Navigator” attivabile mediante l’icona sul lato dx. Di norma, l’albero che in
essa è rappresentato non è altro che l’insieme delle feature generate e delle
operazioni ad esse correlate.

Esistono principalmente due tecniche di modellazione :

• Generazione delle features mediante estrusione o scorrimento di un


profilo (anche generato tramite Sketch) con le operazioni di
ESTRUSIONE, RIVOLUZIONE e SWEEP.

• Mediante inserimento di primitive solide e operazioni di modifica


delle stesse.

Naturalmente le due tecniche possono essere utilizzate


contemporaneamente, a seconda delle esigenze.

Pagina 74 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Menu Insert (Ambiente Modeling)

I menu è stati organizzato in modo che esso si


presenti all’utente in ordine di complessità
crescente.

Il menu di Insert nell’ambiente modeling. Come si


può notare i comandi primari sono situati in alto,
mentre quelli più complessi in basso.

Di seguito l'elenco dei contenuti del menù Insert

1) Sketch
2) Datum/Point

Generazione di Piani e Punti:


Datum Plane, Datum Axis, Datum CSYS, Punti e
Set di Punti

3) Curve
Come si evince dal nome, è il menu di generazione di tutte le
tipologie di curve:

Linee, Archi, Cerchi, Rettangoli, Poligoni, Spline, ecc

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 75 di 234


4) Curve from Curves

Sono le curve derivate da altre curve.

Offset, Offset in Face, Bridge, Project, Join

5) Curve from Bodies

Sono le curve derivate dai


bodies (mediante sezione
od intersezione)

Intersect, Section, Extract

6) Design Feature

Tutte le feature di tipo elementare

Extrude, Revolve
Block, Cylinder, Cone, Sphere
Hole, Boss, Pocket, Pad
Slot, Groove

Dart, Thread
User Defined Features

7) Associative Copy

Copie associative di feature (Instance, Wave


geometry linker)

Extract Feature,
Instance

8) Combine Bodies

Operazioni tra bodies (booleane, ecc)

Unite, Subtract, Intersect


Sew, Unsew

Pagina 76 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Assembly Cut, Emboss Sheet

9) Trim

Operazioni di trim per tutti i bodies (solidi e superfici):

Divide Face, Join Face


Trim Body, Trimmed Sheet
Split
Trimmed Sheet,Trim and Extend, Untrim

10) Offset/Scale

Offset Surface, Offset Face,


Thicken , Shelll

11) Detail/Feature

Tutte le tipologie di feature di “finizione”:

Raccordi : Edge Blend, Face Blend, Soft Blend, Styled


Blend, Fillet

Smussi : Chamfer

Sformi : Taper e Body Taper

12) Surface
Superfici semplici
Superfici passanti per punti (Through Points,
From Poles)

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 77 di 234


13) Mesh Surface

Superfici ottenute per riempimento di sezioni di


curve:

Ruled, Through Curve, Trough curve Mesh


Section

14) Sweep

Superfici e/o solidi ottenuti per scorrimento:


Swept, Variational Sweep, Sweep along
guide
Tube

15) Flange Surface

Alette rettilinee:
Law Extension,
Silhouette Flange

Pagina 78 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Inserimento Block
Selezionando Insert->Design
Feature->Block il sistema visualizza
comando con 3 icone relative al tipo
di costruzione del blocco.

Gli Snap Point si


attivano non appena si
inizializza il comando
I 3 metodi sono:

1. Blocco per 3 lati.


2. Blocco per 2 punti e l’altezza.
3. Blocco per 2 punti diagonali.

Per posizionare l’elemento ci si potrà avvalere dell’utility di Snap Point (vedi


toolbar in figura)

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 79 di 234


Inserimento cilindro

Insert  Design Feature  Cylinder


Selezionando l'icona il
sistema visualizza il menù
di scelta per il metodo di
inserimento.

Si deve specificare il
vettore di direzione e il
punto centrale di
costruzione

Inserimento dei
parametri del cilindro

Possibilità di
inserimento della
operazione Booleana
in fase di creazione
I metodi esistenti per creare il
cilindro sono:
1) asse, diametro, altezza;
2) arco e altezza

Pagina 80 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Inserimento Cono

Insert  Design Feature  Cone

La procedura per inserire la feature cono è simile a quelle viste in


precedenza, ovvero, dopo aver selezionato il modo di inserimento il sistema
richiuderà l'identificazione di un vettore e tutti i parametri necessari alla
generazione della feature riferiti alla scelta fatta.

Inserimento Sfera

Insert  Design Feature  Sphere

Anche per inserire la feature Sfera il procedimento è simile a quelli già


descritti in precedenza.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 81 di 234


Extruded Body

Insert  Design Feature  Extrude

Il comando di estrusione può essere applicato attraverso l’uso dei


manipolatori.
• I parametri controllati tramite i manipolatori sono:
Profondità dell’estrusione.
Taper angle.
Valori di Offset
Operazione Booleana implicita.
Simmetria.
• E’ possibile estrudere profili multipli che danno origine a body multipli
(anche di tipo diverso) in una unica feature.
• Non è più un problema ricordarsi di aver impostato le preferenze di
modellazione su Solid o Sheet. Queste possono direttamente essere
impostate nella feature o anche cambiate in fase di modifica.
• E’ possibile definire uno sketch “al volo” durante il processo di
estrusione. Questo sketch verrà registrato internamente alla feature di
estrusione.

Selezione delle curve


di base o creazione al
volo dello sketch

Selezione del vettore


o creazione al volo
dello stesso

Parametri dell'estruso

Si può definire una


Booleana o lo sformo del
solido direttamente in
questa fase ma non è
consentito dalla
metodologia

Tipologia di Body
risultante: si può
decidere
immediatamente se si
utilizzerà un solido o
una superficie
Pagina 82 di 234 Manuale corso Unigraphics Base
Revolve (Solidi ottenuti per Rivoluzione)

Anche in questo caso è possibile gestire direttamente, tramite il mouse, i


valori degli angoli di rivoluzione e degli eventuali offset.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 83 di 234


Selezione della sezione
di rivoluzione o
creazione al volo dello
sketch

Specificare il vettore ed
eventualmente il punto
di costruzione

Limiti e parametri della


feature

Booleana , offset in
fase di costruzione

Tipologia di feature
risultante: solido o
superficie

Feature di Sweep
Insert  Sweep  Sweep along guide
Per generare una feature di scorrimento lungo una guida seguire I passi:

1) selezionare la sezione di
scorrimento e confermare il
comando;
2) selezionare la curva guida
e confermare il comando;
3) immettere I valori
dell'eventuale offset (è
opzionale questo
passaggio)

Pagina 84 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Feature Tube
Insert  Sweep  Tube

Selezione delle curve di


scorrimento del Tube.
Attenzione! Le curve
devono essere
continue in tangenza

Parametri di Diametro
interno ed esterno del
Tube

Booleana in fase di
costruzione

Feature Hole
Insert  Design Feature  Hole

Foro semplice
(Simple)

Con lamatura
(counterbore)

Con svasatura
(Countersink)

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 85 di 234


Il comando permette di creare tre tipologie di fori:
Simple, Counterbore, Countersink. Ad ogni modalità corrisponde un tipo
diverso di finestra

Analizziamo i parametri richiesti dai menu:

i parametri Diameter e Depth sono comuni a tutte e tre le finestre

C-Bore Diameter diametro dell'incasso


cilindrico
C-Bore Depth profondita' dell' incasso
cilindrico

C-Sink Diameter diametro della svasatura


C-Sink angle angolo della svasatura

Tip Angle angolo di svasatura fine foro (non


richiesto per foro passante)

Dopo la scelta della faccia o Datum plane e del


tipo di foro da generare si presenta il menu che
ne permette il posizionamento sulla faccia
prescelta:

Opzione per generare un


foro passante (Thru face)

Pagina 86 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Crea una quota di
posizionamento tra due Crea una quota di
Crea una quota di punti allineati rispetto a un posizionamento fra due punti,
posizionamento tra due riferimento verticale parallelamente al piano di
punti allineati rispetto a un lavoro
riferimento orizzontale
Crea una quota di distanza
perpendicolare fra un lato
del solido e un punto della
feature

Crea una quota di


posizionamento uguale a
zero fra due punti rilevati Crea una quota di posizionamento
dalle entita' uguale a zero tra un punto rilevato
sulle entita' e un lato lineare

conseguentemente alla scelta del metodo di posizionamento il sistema


presenta, per ognuno di essi, ulteriori menu di scelta e/o filtri di selezione.

Feature Boss

Insert  Design Feature  Boss

Selezionare la faccia
su cui generare la
Feature ed inserire i
parametri visualizzati
nella finestra

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 87 di 234


Il sistema richiederà il posizionamento della feature come visto nel comando
precedente.

Attenzione nel definire l'angolo di sformo della feature (Taper Angle), nel caso
di valori di angolo elevati, comunque sempre in riferimento al valore di
diametro e altezza impostati, potrebbe succedere che il diametro superiore,
calcolato automaticamente dal sistema, divenga negativo (il solido si auto-
interseca) in questo caso avremo una segnalazione di errore.

Feature Pocket

Insert  Design Feature  Pocket

É possibile creare tre tipi


di tasche: cilindriche,
rettangolari e con una
forma generica

Il sistema richiederà, solo per le Pocket


Cilindriche e Rettangolari, di selezionare la
faccia o il Datum di aggancio

Sarà necessario quindi effettuare il


posizionamento rispetto alla faccia
selezionata, come già descritto in
precedenza.

Pagina 88 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Quindi si potranno impostare i parametri in base alla tipologia di Feature
richiesta.
Analizziamo i parametri richiesti dai menu per l'inserimento di una Pocket
cilindrica e rettangolare:

• Pocket Diameter diametro della


pocket cilindrica
• Depth profondità della pocket
cilindrica
• Floor Radius valore per il raggio di
raccordo della base inferiore della
pocket
• Taper Angle angolo di sformo per la pocket
• Length lunghezza lato parallelo alle
X
• Width lunghezza lato parallelo alle Y
• Depth lunghezza lato parallelo alle Z
• Corner Radius valore per il raggio
di raccordo degli spigoli interni della
pocket
• Floor Radius valore per il raggio di
raccordo della base inferiore della
pocket
• Taper Angle angolo di sformo per la pocket

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 89 di 234


La scelta di una GENERAL POCKET permette di creare una pocket la cui
forma è data da un profilo esistente. E' possibile specificare sia un profilo
superiore che uno inferiore, non necessariamente uguali o paralleli.

PLACEMENT OUTLINE
selezione del profilo FLOOR FACE
superiore
faccia o Datum Plane su
cui giace il profilo inferiore

PLACEMENT FACE
FLOOR OUTLINE
faccia o Datum Plane su cui
selezione del profilo
giace il profilo superiore
inferiore

PLACEMENT OUTLINE
Valore dell'angolo di spoglia PROJECTION VECTOR
per le pareti laterali della FLOOR OUTLINE
Pocket PROJECTION VECTOR
permettono di specificare il
vettore di proiezione per il
profilo superiore o inferiore
Valore del raggio di raccordo nel caso in cui non
del profilo con la faccia su giacciano sulla faccia. Si
cui e' posizionato attivano solo nel caso in cui
i profili non siano sulla
faccia
Valore del raggio di raccordo
della parte inferiore della
Pocket

Valore del raggio di


raccordo degli spigoli interni
della Pocket

Pagina 90 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Feature Pad
Insert  Design Feature  Pad

Il sistema richiederà, solo per i Pad Cilindriche e Rettangolari, di selezionare


la faccia o il Datum di aggancio

Sarà necessario quindi effettuare il


posizionamento rispetto alla faccia
selezionata, come già descritto in
precedenza.

Quindi si potranno impostare i parametri in base alla tipologia di Feature


richiesta come visto in precedenza per il comando Pocket.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 91 di 234


Feature Slot

Insert  Design Feature  Slot

Selezionando il comando il sistema


visualizza il menù di scelta per la
realizzazione della feature Slot

Selezionare quindi la
faccia dove generare lo
Slot

Selezionare il bordo per definire


il riferimento orizzontale

ATTENZIONE:
il valore di lunghezza dello Slot
avra' la stessa direzione del
riferimento orizzontale

Pagina 92 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


ATTENZIONE: la lunghezza di tutti i tipi di Slot NON è riferita ai due centri
raggio ma è riferita agli estremi delle circonferenze.

Rectangular Slot

Genera uno Slot la cui sezione ha la forma rettangolare.

Ball-End

Genera uno Slot la cui parte inferiore è completamente raccordata con un


raccordo sferico.

ATTENZIONE: Il valore di profondità dello Slot deve essere maggiore del


valore di raggio del raccordo sferico

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 93 di 234


U-Slot

Genera uno Slot la cui sezione ha la forma di “U” con la possibilità di


raccordare la base con le pareti laterali.
ATTENZIONE: a profondità dello Slot deve essere maggiore rispetto al valore
del raggio inferiore.

T-Slot

Genera uno Slot la cui sezione ha la forma di una “T” rovesciata.

Pagina 94 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Dove-Tail

Genera un raccordo la cui sezione ha la forma della “coda di rondine“.

Feature Groove

Insert  Design Feature  Groove

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 95 di 234


È possibile generare una Feature Groove solo su facce Cilindriche o coniche.

Dopo aver inserito i parametri per la generazione di Groove prescelta, il


sistema visualizza in grafica temporanea, il solido di generazione per la
feature groove.

A questo punto inizia la fase di posizionamento della feature.

Selezionare la faccia
del solido. Questa
sarà il riferimento sul
solido per la quota di
posizionamento
della feature

Selezionare la
faccia del solido, in
grafica
temporanea, di
generazione per la
feature. Questo
sarà il riferimento
per la quota di
posizione della
feature

Inserire il valore di quota per


la posizione della feature

Pagina 96 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Feature Dart

Questa comando permette di creare delle feature di nervatura o


alleggerimento sulla figura.
Design Feature
Il comando si attiva attraverso il menù Insert Dart.

Le icone indicano i passi necessari alla creazione della


feature:
- Primo set di facce
- Secondo set di facce
- Curva rispetto alla quale far correre la nervatura
(opzionale)
- Piano di posizionamento (opzionale)
- Piano di orientamento del profilo della nervatura
(opzionale)

Col metodo Along Curve si posiziona la nervatura


rispetto all’edge comune.

I parametri di angolo, profondità e raggio controllano la forma


della nervatura.
L’opzione di Preview Dart permette di vedere in anteprima il
risultato.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 97 di 234


Cut, Copy, Paste, Delete

Le funzioni di cut (CTRL-X), copy (CTRL-C), paste (CTRL-V), delete (CTRL-


D) velocizzano le operazioni di trasformazione e di copia di geometria e la
cancellazione.

Queste funzioni possono costituire una alternativa al comando di


Transform che permette di rototraslare geometria esplicita nello spazio
Edit
del modello.

Le operazioni di Paste avvengono rispetto al WCS corrente, quindi per


rototraslare la geometria selezionata col Cut o col Copy si deve prima
movimentare il WCS (basta fare doppio click su di esso per attivare il
Dynamics) e quindi eseguire il Paste.

Per movimentare la geometria selezionata su un altro layer oppure per


utilizzare una terna di destinazione arbitraria si può usare il comando
Paste Special.
Edit

Pagina 98 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


OPERAZIONI SULLE FEATURE
Edge Blend (Raccordo sul bordo)

Il comando Insert->Detail Feature->Edge Blend a livello di novità presenta


la possibilità di anteprima mediante
l’opzione Preview con tasto Show Result.

Esso esegue un precalcolo della feature


mostrando direttamente le modifiche
applicate all’elemento.
Questa funzionalità è anche disponibile per
i comandi di Face Blend, Draft, Chamfer,
Trim Body, Shell, Offset Surface ed
Emboss.

Ogni set rappresenta un valore di raggio


differente

Dove si trova il comando : Insert  Detail Feature  Edge Blend

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 99 di 234


Selezione dello spigolo o degli
spigoli

Genera raggi con valori diversi e


non costanti

Possibilità di creare corner


“lisciati” che non abbiano una
superficie triangolare sullo
spigolo

Serve a far sì che il raccordo non sia


propagato lungo tutto lo spigolo
selezionato.
E’ necessario selezionare il punto
estremo del lato interessato e definire
la distanza sulla quale terminerà il
raccordo.

Pagina 100 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


A) Esempio di utilizzo modificatore StopShort

B) Esempio di utilizzo modificatore Variable Radius

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 101 di 234


C) Esempio di utilizzo modificatore Setback

Pagina 102 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Face Blend (Raccordo sulle facce)
Questo comando permette di creare un raccordo fra due set di facce, il
numero di facce per ogni set può non essere uguale. È possibile anche creare
raccordi con profilo conico. Eredita le opzioni dal comando Edge Blend

Insert  Detail Feature  Face Blend


Selezione del tipo
di profilo del
Selezione primo raccordo
set di facce

Selezione secondo Scelta del tipo di


set di facce profilo del raccordo e
relative opzioni di
controllo

Selezione del Cliff


Edge (ovvero la curva
Trim automatico o
sulla faccia dove il
manuale delle
raccordo non rispetta
superfici controllabile
direttamente la tangenza)
all'interno del
comando
Selezione della curva
di scorrimento del
raggio

Comportamento di È possibile anche in


propagazione del Face Blend
raccordo lungo i teorici interrompere il
calcolati raccordo su un piano
o su una superficie
selezionata

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 103 di 234


Menu di controllo dell’estensione e del trim

Trim All Input Faces Trim to Short Input


Faces

Trim to Long Input Facesl Do notTrim Blend


Faces

• Il comando permette la selezione delle facce, mediante la loro


selezione sul “Selection Intent” (es. selezione di un set di facce
tangenti tra di loro).
• Esiste la possibilità di controllare l’eventuale auto-intersezione del
raccordo generato. Se questa opzione non viene abilitata il raccordo
non verrà creato.

Pagina 104 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Chamfer (Smusso)

Insert  Detail Feature  Chamfer


Selezionare gli spigoli o
le facce su cui creare lo
smusso

Scegliere il metodo
e i parametri dello
smusso

I metodi sono tre:


Symmetric cioè Lx45°
Asymmetric dove bisogna inserire due misure L1 e L2
Offset and Angle dove si può specificare sia L che Angolo

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 105 di 234


Draft (Sformatura)
Dove si trova : Insert  Detail Feature  Draft

Selezionando l'icona il
sistema visualizza il
menu' di scelta per il
metodo di generazione
dello sformo

Seleziono le facce
da sformare

Tangente
Seleziono gli
spigoli da dove
partirà lo sformo

Relativo alla linea di divisione


stampo (NB. E’ necessario che
le facce siano divise sulla linea
in oggetto, eventualmente
possibile con Edit Face 
Subdivide Face)

Angolo di spoglia
Pagina 106 di 234 Manuale corso Unigraphics Base
Esempio: From Edges.
Specificare il vettore (asse di
stampo)
Indicare gli
spigoli da dove
inizierà lo sformo

I passi di creazione dello sformo per Edge (Bordi)sono


identificati tramite le icone:
- Selezione del piano di divisione stampo
- Selezione della direzione di formatura
- Selezione degli edge da sformare sopra il piano
- Selezionare gli edge da sformare sotto il piano
- Selezione degli edge per i quali non applicare la
funzione di Match taper
- Selezione degli edge da sformare secondo una
direzione opposta (carrelli).

L’opzione Match Taper fa sì che il solido sformato non


presenti dei salti.
L’opzione Highest Reference Point permette di
determinare il piano neutro in automatico.

Possibilità di creare
uno sformo ad
angolo variabile
Metodo per il Draft:
Isocline Draft o True
Draft

Body Taper (Sformatura)


 Detail Feature Body Taper
Insert
Le opzioni sono quelle presentate dal seguente menù:

Metodo per Edge


Metodo per Facce

Questo comando permette eseguire un doppio Taper simulando il caso in cui


la divisione stampo si trovi a metà di un particolare ed abbia una forma
regolare (piano) o una forma non planare (superficie).

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 107 di 234


Analogamente al comando di Taper permette
di usare il metodo di selezione per Edge o per
Facce da sformare ma a differenza di questo
I passi dinon
creazione
devo averdello sformo per Facce
precedentemente sonoil
diviso
identificati tramite
solido. le icone:
- Selezione del piano di divisione stampo
- Selezione della direzione di formatura
- Selezione delle facce da sformare
- Selezione delle facce alle quali non applicare
la funzione di Match taper
- Selezione delle facce da sformare secondo
una direzione opposta (carrelli).

La funzione di Body Taper permette due modalità di modifica:

1. Edit Parameter: si può modificare l’angolo di spoglia.


2. Edit with Rollback: si può ridefinire completamente il comando di
Body Taper. Tale modalità riporta il modello allo stato precedente il
comando di Body Taper durante la modifica. Al termine della modifica
verrà rigenerato tutto il modello.

Offset Face
Insert  Offset/Scale  Offset Face Selezionando l'icona il
sistema visualizza il menu'
per la generazione dell’offset
di una o più facce

Pagina 108 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


ATTENZIONE: se generiamo l’offset di una faccia in cui la Feature sia inserita come
risultato avremo la variazione del parametro della Feature avente la stessa direzione
dell’offset

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 109 di 234


Shell (Svuotamento)
Insert  Offset/Scale  Shell

Selezionando l'icona il sistema


visualizza il menu' per la
generazione dell’offset di una o più
facce generando un solido svuotato

Valore di
svuotamento

Opzione per inserire un


valore aggiuntivo di
spessore pareti

Sono presenti due modalità. Remove faces, then


shell, dove si possono selezionare le facce da
eliminare e Shell All Faces, che crea un guscio del
solido selezionato

Pagina 110 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Il valore di spessore del bordo è calcolato rispetto alle facce esterne, quindi
un valore positivo genera lo svuotamento interno del solido senza alterarne
le dimensioni fisiche.
Un valore negativo,viceversa, genera sempre lo svuotamento interno del
solido, ma ispessisce le pareti esterne modificando la dimensione fisica del
solido.

quando si esegue il comando di shell è possibile visualizzare immediatamente


il preview quando l'operazione è possibile. Quando la selezione delle facce
risulta essere erronea il sistema visualizza una finestrella di Alert in basso a
destra.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 111 di 234


Trim Body
Insert  Trim  Trim
Questo comando permette di tagliare i solidi in maniera associativa
utilizzando una superficie o una datum plane. È possibile, se non se
ne possiede alcuno, costruire una datum plane direttamente all'interno
del comando

Preview in fase di
completamento del
comando

Il versore sulla
geometria indica quale
parte del solido verrà
tagliata

Pagina 112 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Split
Insert  Trim  Split
Selezionando l'icona il sistema
visualizza il menu' per
l’operazione di Split di un
solido

Il comando perciò sembra molto simile al Trim,


ma è sostanzialmente differente: interrompe la
storia della matematica sul
Part Navigator

Selezionare l’oggetto su cui


applicare l’operazione di Split

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 113 di 234


Scelta dell’elemento di Split: Piano,
Superfice cilindrica, sferica, conica e
toroide. Per ognuna delle possibili scelte il
sistema visualizzerà un menù con le
specifiche funzioni e parametri.

Il sistema avverte che, dopo


l’operazione di Split, agli oggetti
risultanti sono stati eliminati i
parametri

Instance (Repliche associative di feature)


Instance
Insert  Associative Copy  Instance

Il comando viene utilizzato per eseguire copie di elementi associativi.

Rectangular Array: array di


Feature secondo le coordinate
cartesiane
Circular Array: array di
Feature secondo le coordinate
polari
Pattern Face: Array di
Feature usando le Facce

es. Rectangular Array


elenco delle feature cui
si può applicare l'array

Pagina 114 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Dopo aver scelto la
Feature è necessario
scegliere il metodo di
trasformazione ed
inserire i parametri

es. Pattern Face. Funziona


come il comando precedente
ma permette la selezione
delle facce anziché delle
Feature

L’array generato è composto da Instance legate fra di loro, ovvero non è possibile
modificare singolarmente ogni Instance. Anche la Feature che ha generato l’array
diventa una Instance .
Nel caso si voglia apportare una modifica ai parametri delle Features è necessario
agire sui parametri della Feature generatrice dell’ instance

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 115 di 234


Mirror Feature

Permette di specchiare una


Feature rispetto ad un piano.
È possibile far riconoscere al
sistema le feature dipendenti
da quella selezionata

Mirror Body

Consente di specchiare un
Body completo rispetto ad un
piano. La copia risulterà
associativa e rispecchierà la
condizione del Body
un'operazione prima rispetto al
Mirror. Le operazioni effettuate
dopo non verranno specchiate

Pagina 116 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Thread (Filettature)

Insert  Design Feature  Thread

Serve per visualizzare la filettatura su perni e fori. Essa può essere


rappresentata in due modalità :
• Symbolic. Fornisce la classica rappresentazione simbolica in uso nel
disegno tecnico. Nb. Questa è la modalità da prediligere

Parametri della filettatura

Selezionare la faccia
cilindrica su cui generare la
filettatura

Scelta dello Standard


La tabella riporta i valori
unificati rispetto allo
Standard prescelto
Lunghezza della filettatura

Permette la scelta del verso


della filettatura (sinistrorso
o destrorso)

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 117 di 234


• Detailed. Costruisce il modello matematico della filettatura.
Appesantisce molto il modello 3d.
Definizione dei parametri della
filettatura:
Diametro minimo
Lunghezza della filettatura
Passo (distanza fra due spirali
successive)
Angolo di inclinazione del filetto

Permette la scelta del verso della


filettatura (sinistrorso o destrorso)

Selezionare la faccia da
cui inizia la filettatura

Permette di invertire
il verso di
generazione del
filetto rispetto alla
faccia di partenza

Estende la
filettatura di un giro
completo oltre il
piano di partenza

Pagina 118 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Operazioni Booleane

Le operazioni permesse sono: Unione, Sottrazione, Intersezione.

Unite

Insert  Combine Bodies  Unite

Il comando serve per unire due o più solidi separati logicamente nello spazio
geometrico in modo che come risulatato ce ne sia uno solo

Unione

Sottrazione

Intersezione

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 119 di 234


Body principale
(Target Body)

Body secondario (Tool


Body). Questo body eredita
le caratteristiche visive del
Body principale. Nel caso in
cui si selezionino più Tool
Body, sul Part Navigator
compariranno tante
operazioni Booleane quante
sono i Tool Body
selezionati.

Subtract

Insert  Combine Bodies  Subtract

Il comando serve per sottrarre dal Target Body selezionato uno o più Body
che vengono chiamti Tool Body.
Body principale
(Target Body)

Body Sottratto
(Tool Body)

Pagina 120 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Intersect

Insert  Combine Bodies  Intersect


Esegue un’intersezione matematica tra le geometrie selezionate nello spazio
3D. il solido risultante viene generato solo nella parte in cui risultano esistenti
entrambe i solidi

Body secondario
(Tool Body)

Body principale
(Target Body)

Body risultante

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 121 di 234


MODIFICA DELLE FEATURE
Edit  Feature

Le operazioni di modifica delle feature si possono selezionare nei seguenti


modi.

Modalità alternative:

• facendo doppio click sulla feature interessata sulla finestra grafica


• idem sul Part Navigator
• Attraverso il pop up menu (tasto destro del mouse sulla feature
interessata)
• Attraverso il radial pop up (tasto destro del mouse sulla feature
interessata

Menù a tendina
relativo
all'applicazione di
Editing delle
Feature Permette
di eseguire
operazioni sui
parametri degli
oggetti.

Operazioni sulle Feature nel menù a icone

Parameters: Modifica parametri del solido


Positioning: Modifica posizionamento della
Feature
Move: Modifica “ drag and drop “
Reorder: Riordinamento delle operazioni
Replace: Sostituisce Feature
Suppress/Unsuppress: Soppressione e
riattivazione Feature
Remove parameters: Rimozione dei
parametri
Playback: Visualizzazione storia del solido

Pagina 122 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


PlayBack

Dal menù EDIT FEATURE è possibile


selezionare la funzione di PLAYBACK

La funzione PlayBack permette di riesaminare la


sequenza di operazioni step by step eseguite
durante la creazione del modello.

Durante il riesame sequenziale delle Feature è


possibile eseguire operazioni di editing su quella al
momento attiva.

Esiste la possibilità di rendere parziale la


rigenerazione del modello specificando la Feature
rispetto alla quale iniziare la rigenerazione.

Permettono di avanzare e/o


Mark della Feature e retrocedere la sequenza di
delle successive. operazioni eseguite
Ignora la Feature /
successive che genera
il problema e porta a
termine la
rigenerazione

Sopprime le Feature
successive
Cancella e/o sopprime la Feature
corrente.

La finestra di PlayBack compare anche nelle quotidiane operazioni di


inserimento Feature se l’oggetto inserito genera conflitti o incongruenze
sul modello. Si ha quindi la possibilità di modificare i parametri della
Feature al momento della sua rigenerazione valutandone così il risultato.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 123 di 234


Edit Feature

Le funzioni di editing delle Feature, qui descritte sono anche disponibili nel menù a tendina attivabile con
il tasto destro nel Part Navigator. Le funzionalità sono pressoché identiche, come si può notare
cambiano sensibilmente i menù.

Scegliendo la feature il
sistema rimanda alla
finestra di costruzione del
menù Insert

Edit Positioning funziona per


le feature che prevedono il
posizionamento rispetto ad
una geometria 3D esistente

Le Feature che sono


soggette a Move Feature
sono soprattutto i solidi
Primitivi.

Feature che si possono


sopprimere. Attenzione che
sopprimendo Feature
all’inizio della lista si
possono verificare modifiche
su molte dipendenze Area della finestra nella quale
sono elencate le eventuali
dipendenze (figli) della Feature
selezionata

Pagina 124 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Sono tre i passi per rimpiazzare
una Feature con un’altra. 1)
selezionare le Feature da sostituire
2) selezionare le Feature da
sostituire 3) reinstradare gli
eventuali profili che generano solidi
o altre Feature

Elenco di Feature
selezionate

Elenco di Feature che possono


essere riattivate all’interno del
flusso di generazione del solido

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 125 di 234


Le principali funzioni di Edit Feature le possiamo trovare anche nel menu a
icone come descritto nel seguente schema. I menu successivi alla scelta
effettuata sono uguali a quelli descritti in precedenza.

Modifica dei parametri della Feature


Modifica con Rollback la Feature

Riposizionamento della Feature

Muove la Feature
Riordino della Feature
Sostituzione della Feature

Soppressione della Feature


Ripristino della Feature soppressa
Rimuove i parametri della Feature
Modifica del valore di densità del solido

Aggiornamento del solido indiretto

Riesame sequenza operazioni eseguite

Pagina 126 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Riassumiamo brevemente le funzioni disponibili sulla Feature o
sull’operazione selezionata nel Part Navigator :

Visualizza i parametri dimensionali della Feature


Nasconde gli elementi di costruzione della Feature
o dell’operazione

Rende l’operazione quella corrente – aggiorna le


operazioni fino alla Feature selezionata

Seleziona tutto il ramo indicato (non funziona nella


modalità TIMESTAMP ORDER)

Modifica i parametri della Feature selezionata

Modifica i parametri con il Rollback

Sopprime la Feature

Elenco di Feature rispetto alle quali è possibile


eseguire lo spostamento della Feature selezionata
prima o dopo

Rimpiazza la Feature selezionata


Rende lo sketcher visibile nel Part Navigator nel
caso in cui sia stato costruito “al volo” all’interno di
un solido di costruzione

Modifica lo sketcher

Copia la Feature e Cancella la Feature

Nasconde il Body (modalità Non Timestamp)

Cambia il nome della Feature o dell’operazione

Naviga all’interno delle dipendenze Padri/Figli


della Feature
Visualizza le informazioni generali della Feature

Elenco di informazioni supplementari della


Feature

La disponibilità delle funzioni varia, di volta in volta, a seconda delle


caratteristiche della Feature o dell’operazione che viene selezionata, in
pratica, durante l’utilizzo del sistema alcune voci sopra descritte risulteranno
visibili ma non attivabili.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 127 di 234


CREAZIONE DIRETTA DI FEATURE
Dalla versione NX è stata introdotta la possibilità di operare la creazione di alcune
feature direttamente attraverso la selezione di geometria dalla finestra grafica.

1. Selezionando un edge si può: raggiare e smussare e creare un Datum Axis.


2. Selezionando una faccia piana o un datum plane si può: creare un datum
plane di offset, fare un offset della faccia oppure crearle sopra uno sketch.
3. Se la faccia è cilindrica si può creare un Datum Axis.

Procedura per creare una feature direttamente sulla selezione

1. Col tasto destro del mouse premuto sulla selezione si attivano i comandi di
creazione diretta di features . La figura sotto mostra un esempio di pressione del
tasto destro in seguito alla selezione dell’edge sul blocco.

2. Si seleziona quindi il comando (feature) desiderata. Nell’esempio di figura il


comando Blend.

La input box può ricevere il valore di raggio desiderato.


Inoltre la funzione di Edge Blend permette di vedere in anteprima la superficie di
raggiatura risultante.
Le icone che appaiono in alto a sinistra nella finestra grafica permettono di attivare il
comando completo di edge blend, confermare la creazione o annullare.

Pagina 128 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


SEZIONI DINAMICHE SUI MODELLI
View  Operation  Section

Il comando permette di creare delle sezioni dinamiche sui modelli


tridimensionali.
La particolarità di questa funzione è quella di rendere la vista “spaccata”
(clipping) del modello in corrispondenza del o dei piani di sezione.

Attiva la modalità
Sezioni Dinamiche

Attiva la finestra
Sezioni Dinamiche

Selezione di 1, 2, 6
piani di sezione.

Selezione del piano


principale di sezione: è
possibile riferirsi ad un
piano principale, invertire
la direzione del piano
taglio

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 129 di 234


Trigger che sposta il piano in
maniera dinamica

Crea un piano in corrispondenza


della posizione nello spazio che il
piano dinamico occupa in quel
momento

Gestisce la visuale della sezione:


Section taglia la parte e visualizza
la sezione. Slice visualizza solo la
sezione

Orienta il piano di vista rispetto


alla sezione

Visualizza il riempimento della


sezione

È possibile assegnare un colore


desiderato al riempimento della
sezione o mantenere il colore del
Body sezionato

Evidenziazione dell’eventuale
interferenza tra solidi e selezione
del colore per la visualizzazione

Visualizza le curve dinamiche al


momento del sezionamento e
permette la selezione del colore

Crea le curve che vengono


visualizzate in quel determinato
piano di sezione

Pagina 130 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Sezione 1 piano

Sezione 2 piani

La finestra generale cambia


permettendo la gestione dei
parametri relativi al secondo piano

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 131 di 234


Piani di sezioni

Curve di sezioni
visibili

Sezione Box

La finestra generale cambia


permettendo la gestione dei
parametri relativi ai piani.
Questa sezione permette di gestire
l’offset del piano del box attivo in
quel momento sul 3D. per cambiare
piano di riferimento è sufficiente
selezionarlo nella geometria

Pagina 132 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Box di piani

Piano attivo in questo


momento. Gestibile tramite il
manipolatore o il trigger della
finestra

Tramite la funzione evidenziata


il sistema genera le curve di
sezione rispetto alla posizione
del piano di sezione.
Le curve di sezione sono tutte
inglobate in un gruppo e non
sono associate al solido che le
ha generate.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 133 di 234


CONFRONTO TRA MODELLI
Model Compare

Questo comando permette di eseguire un confronto tra revisioni differenti di


un modello matematico.
Il confronto avviene tramite la generazione di colorazioni in grado di
evidenziare le zone oggetto della modifica.
Questo comando già disponibile in Vismockup è stato portato anche in UG.
Per attivare il comando è necessario aver caricato in sessione (non devono
necessariamente appartenere ad un assembly) le parti da confrontare.

Model Compare.
Il comando si attiva con Analysis
Quindi si devono selezionare in sequenza i body da confrontare.

Le 3 icone permettono di stabilire le colorazioni


nella finestra dei risultati:
- Identical: colorazione delle geometrie
invariate.
- Change: colorazione delle geometrie
modificate.
- Unique: colorazione delle geometrie
proprie (geometrie aggiunte o tolte)

Cliccando qui si attivano le


opzioni che permettono di
gestire la trasparenza.

L’esempio sottostante mostra la finestra risultato che si ottiene in seguito


all’applicazione del comando. Si possono notare 3 finestre distinte:
- Geometria della parte 1.
- Geometria della parte 2.
- Geometria sovrapposta.

Pagina 134 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


La geometria colorata in rosso (facce) e nero (edge) nella finestra PART2
evidenzia le modifiche portate rispetto alla PART 1.

Nota per gli utenti TcAE (TcAE): è possibile usare il Model Compare su
differenti revisioni in TcAE mediante il comando :

TeamCenter Integration
Tools Revision Compare.

Questa funzione permette di caricare in sessione due diverse revisioni dello


stesso Item.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 135 di 234


GESTIONE DEI PESI
E’ possibile, per un modello generato con i solidi, ricavare le informazioni
relative al peso. Esso viene determinato in base alla densità (peso
specifico), in quanto al sistema è noto automaticamente il volume.

Determinazione del peso specifico

• Esso può essere assegnato direttamente alla feature

Dove si trova : Preferences  Modeling

Ogni feature generata,


assumerà questo valore di
peso specifico

• Assegnato al Solid Body,


tramite il menu di Tools 
Material  Properties

1) Si seleziona l’icona del


materiale dalla libreria

2) Si sceglie la tipologia:
metallo, plastica od altro
(vetro, ecc)

3) Si seleziona il materiale

4) Successivamente si
assegna al Solid Body

Pagina 136 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Calcolo del peso
Anche in questo caso vi sono diverse possibilità:

Analysis Measure Solid

E’ un comando dedicato ai Solid Bodies. Le informazioni rese saranno relative


al volume, alla massa, all’area globale ed al raggio giratorio

E’ possibile
salvare la misura

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 137 di 234


File  Properties  Weight
No weight data: significa che il peso non
è stato ancora calcolato. Viene segnalato
cnahe quando il modello varia
geometricamente

Update data on save: quando


selezionato, ricalcala automaticamente il
peso ad ogni salvataggio della parte

Effettua il calcolo del peso

Cliccando…….
….si ottiene il valore

Questo dato, dopo il salvataggio, diventa parte integrante del modello 3d.
Esso è utilizzato anche negli assembly, in quanto il sistema rileva il peso dei
singoli componenti e li somma, in modo da fornire una indicazione del peso
del complessivo.

Pagina 138 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Nota Bene: Per un ulteriore approfondimento è possibile consultare il
Bollettino #21 “Gestione pesi per modelli UG”

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 139 di 234


ASSEMBLY
Un’Assembly si può definire come un file che contiene un insieme di
componenti e sottocomponenti. Il nostro complessivo deve essere
organizzato con una struttura ad albero che ricorda l’albero del File System.
Questo permette, all’interno di un progetto, una divisione in parti e
un’organizzazione più capillare delle informazioni prese in considerazione. La
suddivisione in assieme, sotto-assiemi e parti diventa necessaria quando la
quantità di dati e parametri da gestire diventa considerevole e quando si
individuare immediatamente un parametro che si vuole modificare o
condividere. Infatti è possibile lavorare su vari livelli di componenti nidificati.

L’Assembly non deve contenere geometria, la geometria si trova nei


componenti che costituiscono l’assembly.

In un Assembly troviamo solamente informazioni elementari come: i Puntatori


,che identificano il percorso per caricare le singole parti caricate , le
informazioni di posizionamento delle singole part o sotto-assembly all’interno
del contesto di assembly principale, le impostazioni grafiche assegnate nel
contesto principale (colore, trasparenza) .

Una delle principali prerogative nel lavorare con un assembly è che quando si
modifica un componente (Parte), la modifica si ripercuote su tutti gli altri
componenti dell’assembly, condizione necessaria per ottenere ciò è che tutti
i componenti siano messi in relazione.

Vediamo quali differenze esistono nel lavorare in un Assembly con approccio


di Modellazione Bottom-Up e Modellazione Top-Down:

• Modellazione Bottom-Up utilizzo componenti esistenti, questi


sono solo inseriti nell’assembly

• Modellazione Top-Down i componenti vengono modellati


direttamente all’interno dell’assembly.
In questo caso posso tener conto dei
vincoli di ingombro.

È possibile e consigliato utilizzare una modellazione contestuale, ovvero una


combinazione di entrambe delle modellazioni.

Per poter lavorare correttamente con gli Assembly è necessario definire che
cosa è la Work Part e la Displayed Part.

Pagina 140 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Work Part parte sulla quale è possibile creare e modificare la
geometria, ovvero la parte attiva

Displayed Part la parte o le parti visualizzate. Parte visualizzata e


Parte di lavoro possono essere coincidenti.

Salvataggi

Il menù File contiene il nuovo comando Save Work Part Only utile per
salvare solamente l’assembly work in quel momento senza salvare anche le
eventuali parti modificate all’interno dell’albero.
Il comando Save salva invece l’Assembly e tutte le Parti componenti
modificate durante la sessione di lavoro.
Il comando Save All salva tutti i file modificati e caricati in sessione di lavoro.

Assembly Navigator

La gestione dei componenti dell’assembly avviene tramite la finestra


dell’Assembly Navigator.
Questa finestra divisa in 3 parti contiene:
1. La struttura dell’assieme:
2. L’anteprima del
componente selezionato
3. Le dipendenze del
componente selezionato

Assieme

Parte
Preview
Panel

Dependencies
Panel

La simbologia dell’Assembly Navigator mostra i componenti con un


simbolo di cubetto e assieme e sottoassiemi con un simbolo a tre
cubetti.La colorazione dei cubetti significa.
Colore Giallo = componente attivo, quindi modificabile
Colore Bianco = componente solo visualizzato
Colore Grigio = componente non caricato

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 141 di 234


Permessi di
Numero di oggetti
scrittura/lettura sul
file

Gradi di libertà Reference Set in uso


della parte per questa parte

Le colonne dell’Assembly
Navigator sono attivabili con il
tasto dx e si può decidere
quante e quali colonne
rendere visibili

Preview Panel e Dependencies Panel

Introdotte in NX2 troviamo all’interno dell’assembly navigator


queste due nuove finestre:
Preview Panel: utile per vedere in anteprima i componenti
dell’assieme anche se questi non sono ancora caricati.
Dependencies Panel: selezionando un qualunque
componente vengono mostrati gli altri componenti dai quali
sono stati creati legami di tipo Wave Geometry Linker e le
condizioni di accoppiamento attive eventualmente presenti.
Nella foto seguente si vede un esempio del contenuto
informativo del nuovo assembly navigator.

Pagina 142 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


LAVORARE NELL’ASSIEME

Menù Assemblies
Il menù Assemblies si presenta come segue:

Il Menù Assemblies contiene diversi


sottomenu importanti:
• Context Control (Lavoro in modalità
contestuale)
• Components (Gestione dei singoli
componenti)
• Exploded View (Viste esplose)
• Sequencing (Sequenze di
montaggio/smontaggio)
• Advanced (Generazione di inviluppi e
rappresentazioni semplificate)

Context Control contiene:


Il menù Assemblies

Funzioni di ricerca di componenti, più


due importanti funzioni:
• Isolate Components: spegne
tutti i componenti tranne quelli
selezionati
• Show Only: permette di
nascondere tutte le parti tranne
il componente selezionato.
• Open by Proximity: permette di
aprire tutti e soli i componenti
nell’intorno del componente

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 143 di 234


Components contiene:
Il menù Assemblies

La prima sezione del menù contiene


comandi di aggiunta componenti (Add
Existing) e creazione nuovi componenti
(Create New).

La seconda sezione contiene comandi di


sostituzione di componenti e le due
importanti funzioni di posizionamento di
componenti:

Reposition Component.
Mate Component
Mirror Assembly

Check Clearances: Effettua una semplice e


veloce analisi sulle eventuali interferenze tra i
componenti dell’assembly

Add component permette di aggiungere all’assieme una parte o un


sottoassieme.
Create New aggiunge una parte nuova all’assieme. Il comando permette di
trasferire anche dei solidi nella parte che si va a creare.
Create New Parent aggiunge una nuova parte Padre all’assieme o parte
esistente. Si pone praticamente a primissimo livello

Pagina 144 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Navigazione nel Assembly Navigator

Per attivare la gestione di tutte le funzioni di assembly è necessario che il


modulo Assembly sia attivo. Start Assemblies per attivarlo oppure con il
tasto “A”

Per modellare all’interno dell’assieme diventa utile e necessario poter


navigare tra i vari livelli dell’assieme. Il metodo più semplice è utilizzare il tasto
destro sulla parte o sottoassieme nell’Assembly Navigator

Col tasto destro del mouse su un componente si può provvedere ad eseguire


diverse operazioni

Rende la parte attiva per lavorare

La parte diventa l’unica parte visibile

Visualizza l’assieme superiore

Chiude la parte o l’assieme intero

Aggiorna l’assieme

Pop up menu sull’Assembly Navigator

Dove si trova: Selezionando col tasto destro del


mouse un componente nel Assembly Navigator.

Le operazioni riguardano l’attivazione del componente come parte attiva o


visualizzata. Per operare in maniera più approfondita si utilizzano la seconda
serie di comandi del tasto dx
.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 145 di 234


Attiva il reference set della parte o
del sotto-assieme

Sostituisce la parte caricata con


un'altra parte

Permette il posizionamento della parte


all’interno del contesto di assieme
utilizzando i vincoli associativi

Permette il posizionamento della parte


all’interno del contesto di assieme
utilizzando il manipolatore

Sopprime la visualizzazione della parte


o del sotto-assieme dal 3D e
dall’Assembly Navigator

Attiva l’Arrangement sull’assieme

Reference Set

Il reference set rappresenta una modalità di visulizzazione della parte


all’interno del contesto di Assieme. In NX5 è possibile decidere se una parte,
all’interno dell’assieme, può essere visualizzata completamente,
parzialmente o può essere nascosta utilizzando i Reference Set. Di fatto si
tratta di un vero e proprio filtro per i file che vengono caricati all’interno
dell’Assembly per facilitarne la gestione.

La gestione dei Reference Set avviene seguendo la metodologia ed è


preferibile non aggiungere altri Reference Sets.
Quelli di default sono:

• Entire Part . visualizza la parte completa con curve sketch e solidi


• Empty. Non visualizza nulla ma la parte rimane nell’Assembly
Navigator

In FIAT ne vengono utilizzati due:

• REP. Visualizza la parte tassellata, cioè una rappresentazione


tridimensionale priva di spessore e parametri, quindi notevolmente
alleggerita
• PART. Rappresentazione del modello 3D privo di curve e superfici di
costruzione

Pagina 146 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Quando è attivo il Reference Set Empty
passando il puntatore sull’Assembly Navigator
viene visualizzato l’ingombro massimo della
parte presa in considerazione

Quando è attivo il Reference Set Entire


Parte vengono visualizzati sia i solidi che
le curve di costruzione del modello

Quando è attivo il Reference Set Part


vengono visualizzati solo i solidi che
rappresentano i modelli

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 147 di 234


Reposition
Components
Assemblies Reposition Component.

Analisi delle collisioni in


tempo reale (durante la
fase di reposition)

Manipolatore su parte
selezionata allo
spostamento

E’ il comando di riposizionamento esplicito di componenti nell’assieme.


Un componente può essere riposizionato con questo modo attraverso:
1. L’uso del manipolatore: si possono compiere traslazioni e rotazioni .
2. L’uso dei comandi da toolbar:
a. da punto a punto.
b. Traslazione
c. Rotazione attorno a un punto
d. Rotazione attorno a un asse
e. Reposition (Rototraslazione attraverso i CSYS)
f. Rotazione tra due assi.
g. Rotazione tra punti

Pagina 148 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Mate Component

Il comando di Mate permette di ottenere


il posizionamento di componenti
nell’assieme in modalità associativa.
I componenti vengono assemblati
attraverso la selezione di geometrie di
accoppiamento che danno origine a
vincoli registrati nel file di assembly.
I vincoli sono di tipo:
1. Mate
2. Align
3. Angle
4. Parallel
5. Perpendicular
6. Center
7. Parallel at distance
8. Tangent.

Qualora al termine del posizionamento


col mate le condizioni di accoppiamento
vengano cancellate, i componenti non
perdono la posizione assunta.

Nota Bene: Nello standard Fiat, alla fine del posizionamento dei
componenti, le relazioni di tipo MATE vanno ELIMINATE. Questo per
evitare ogni problema conseguente all’esistere delle relazioni di tipo
associativo tra i componenti .

Wave Geometry Linker

Quando si ha un componente attivo, definito come Work Part, tutti gli altri
componenti dell’assembly sono solo visualizzati ma non selezionabili a livello
di geometria (L’assieme risulta in passivo con il componente Work come parte
attiva).

Il comando di Wave Geometry Linker permette di copiare geometria da


qualunque componente dell’assieme all’interno della parte attiva.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 149 di 234


La geometria copiata appare nel Part Navigator come una feature LINKED.
Il comando si attiva con Insert  Associative Copy
Wave Geometry
Linker.

Le geometrie copiabili sono:


1. Curve
2. Point
3. Datums
Se selezionata, la geometria 4. Facce
copiata risulterà legata 5. Regioni
dall’originale rispetto al 6. Body
Timestamp Order 7. Solidi speculari

Nel caso si voglia inserire nella Work Part della nuova geometria,
appoggiandosi o basandosi sulla geometria esistente di un componente
visualizzato, diventa necessario utilizzare questo comando.
Il comando permette due modalità di copia:

1. Associativa: la geometria copiata rimane legata all’originale (utile nel


caso di parti speculari).
2. Non associativa: la geometria copiata è slegata dall’originale (utile
negli studi).

I legami associativi possono essere rotti o nuovamente associati editando le


feature Linked presenti. La metodologia di impostazione degli studi di
progettazione, utilizza questa tecnica basata sull’utilizzo del comando “Wave
Geometry Linker”

Pagina 150 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Edit della Solid Wave
Geometry legata in maniera
associativa e rispetto al
Timestamp

Gli step individuati sono :


• Generazione di un assembly di
studio (anche non legato ad una
situazione di complessivo presente
nella Struttura Funzionale Standard di
TCAE)
• Caricamento nell’assembly di studio
degli elementi di prossimità
necessari (vincoli, ingombri, fissaggi,
ecc.)
• Creazione di un ulteriore file
componente nell’assembly
sopraccitato il quale sarà l’elemento da progettare
• Selezionare il suddetto file come “Work Part”
• Copia, mediante “Wave Geometry Linker” degli elementi utili per la
progettazione (wireframe, Body ed altro). In questo caso è bene
utilizzare la copia con l’opzione “Create non associative” (Broken
Link). Questo per evitare di mantenere legami associativi con gli
elementi di origine. In ogni caso, è comunque possibile ripristinare tali
legami, per poter aggiornare eventualmente le entità copiate in seguito
a modifiche fatte all’originale.
Per ulteriori approfondimenti si suggerisce la consultazione, nella bacheca di
metodologie del documento : Metodologie CAD  Unigraphics  Best
Practices Using UG  Gestione degli Studi  Definizione della struttura

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 151 di 234


Arrangements
Questa funzionalità si attiva attraverso il comando di
Assemblies Components Edit Arrangements e permette di salvare
differenti configurazioni di un complessivo non dovendo costruire diversi
Assembly. È inoltre possibile stabilire e salvare diverse posizioni di montaggio
di uno o più componenti all’interno dell’assieme.

Ogni nuovo assieme generato in NX5 o salvato presenta in automatico


un’arrangement che rappresenta il default.
Successivi posizionamenti differenti dei componenti possono essere registrati
nell’assieme attraverso la creazione di nuovi arrangements.
Per creare un Arrangement è necessario crearne uno con l’apposita finestra.
Esso non è nient’altro che un contenitore vuoto che deve essere riempito di
Parts.
L’elenco delle Parts che faranno parte del contenitore deve essere definito
puntualmente su ogni singolo elemento o sottoassieme con l’opzione
Suppress
N.B. Questa informazione viene salvata sul file di assembly e non nel
componente.
Usa la configurazione
d’assieme selezionata

Rende default la configurazione


d’assieme selezionata

Paletta per creare e gestire


nuovi Arrangiamenti

Con il comando Suppress posso


decidere in quale Arrangement
sopprimere un determinato Componente
Qui di seguito si può vedere un esempio di una doppia configurazione di
posizionamento degli stessi componenti nell’assembly.

Pagina 152 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Permette di editare e
creare un Arrangement

La funzione si attiva con il tasto destro


sull’assieme principale o su un sottoassieme

Configurazione attiva

Ad un Arrangement fa riferimento una


determinata configurazione del Assembly
Navigator, questo perché le parti
soppresse di default non vengono inserite
in elenco

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 153 di 234


Con il tasto dx nello spazio bianco
dell’Assembly Navigator si può
attivare l’opzione per poter vedere in
elenco anche le parti soppresse (in
blu). Si nota quindi la potenzialità
dell’Arrangement che evita la
proliferazione degli Assembly
concentrando in un’unica struttura
tutte le vari possibilità di
posizionamento e montaggio che
offre un progetto complesso

Arrangement alternativo al
precedente: si modificano i sedili e
compaiono parti che prima non
figuravano né sulla geometria né
sull’Assembly Navigator

Pagina 154 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Mirrored Assemblies

Il comando Assemblies Components Mirror Assembly attiva un utile


Wizard che permette l’inserimento in assieme di componenti con
caratteristiche speculari.

Due tipi di riflessioni speculari vengono gestite:

1. Si può procedere all’aggiunta di uno stesso componente ripetuto in


posizione di specchiatura.

2. Si può procedere alla creazione di un nuovo componente in posizione


di specchiatura contenente una feature di Linked Mirror che lo lega
associativamente alla geometria originale (Questa modalità è quella
che viene utilizzata nel caso parte destra e parte sinistra differiscono
ma hanno geometria in comune). Il nuovo componente viene
effettivamente generato ed infatti in questo caso viene richiesto il nome
file e la directory di destinazione.

Procedura:
1. Si attiva il comando.
2. Si seleziona il componente da specchiare (deve essere in sessione).
3. Si seleziona il piano di specchiatura.
4. Si seleziona il tipo di riflessione speculare richiesta come visto sopra.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 155 di 234


ANALISI DELLE INTERFERENZE
L’analisi delle interferenze tra i componenti di un assembly può essere
effettuata in NX5 attraverso l’utilizzo di diversi comandi, due di essi contenuti
nel menu di Analysis, uno nel menu di Assembly

• Assembly  Component  Check Clearances


• Analysis  Simple Interference
• Analysis Assembly Clearance

Check Clearance

Viene richiesto di selezionare un componente, del quale verrà analizzata


l’eventuale interferenza con il resto dell’assembly.

Il risultato verrà evidenziato nella finestra sottodescritta

Pagina 156 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Esistono tre tipologie di status:
Hard. I componenti sono compenetranti
Touch. Essi si toccano ma non esiste
compenetrazione
Soft. I componenti si compenetranto
all’interno sell’area di rispetto (clearance)
definita per ognuno di essi.

Simple Interference

Il risultato di questa operazione, nel caso di interferenza esistente, può


essere:

1. L’evidenziazione delle facce che vanno in interferenza.


2. La creazione di un solido di interferenza (UNPARAMETRIZED
FEATURE)

Sul solido di interferenza generato è


possibile eseguire delle misure per valutare
l’entità dell’interferenza. Chiaramente
mostrerà solo interferenze di penetrazione.

Assembly Clearance

Il risultato di questa operazione, la quale avviene tra componenti di un


assieme, è un rapporto in cui tutte le interferenze riscontrate vengono
segnalate. E’ l’analisi più completa che si può effettuare

Assembly Clearance contiene il seguente sottomenù


con tutte le funzionalità necessarie a creare liste di
interferenza e verificare i risultati.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 157 di 234


 New
Per generare una analisi si parte dalla voce di menù Clearance Set

Appare la finestra sottostante che permette di impostare i criteri di analisi:

Nella finestra Basic si imposta il nome dell’analisi che vogliamo generare (ad
esempio SET1).

Clearance Set Type: identifica se l’analisi deve essere eseguita tra


componenti di un assieme o tra Body (solidi e/o sheet).

List to Check: permette di impostare il tipo di analisi:


- One List: analisi tutti contro tutti (si inseriscono i componenti da
analizzare in una unica lista e l’analisi sarà eseguita tra tutte le
combinazioni di coppie della lista).

- Two Lists: analisi uno contro tutti (si inserisce in una lista un insieme di
componenti e nell’altra lista altri componenti. L’analisi sarà eseguita tra
tutti i componenti di una lista con tutti i componenti dell’altra lista).
In List One e List Two si eseguono gli assegnamenti di componenti da
analizzare.

Pagina 158 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Default Clearance Zone permette di impostare un valore di Luce minima per
l’analisi (interferenza virtuale). Per default è impostato a zero quindi si
rileveranno solo contatti e penetrazioni.
Analysis Mode stabilisce quale modalità di calcolo utilizzare. Use Solids
where available permette di avere precisione maggiore. Facet based fa uso
del reference set REP.

Definite le caratteristiche dell’analisi questa viene eseguita attraverso il


comando Analysis Assembly Clearance Perform Analysis.

I risultati appaiono nel Clearance Browser che mostrerà al termine


dell’analisi tutte le coppie di interferenze rilevate.

Attraverso questa interfaccia sarà possibile attivare in visualizzazione


ciascuna coppia che abbia dato origine ad interferenze per procedere allo
studio della stessa (mediante misure e sezioni).

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 159 di 234


AMBIENTE DRAFTING
Per iniziare è necessario entrare nell'ambiente
Drafting attivando la funzione Start  Drafting.

I comandi di creazione del foglio e delle viste si


trovano nel menù Insert

Esistono altre modalità di attivazione delle viste :


• Attraverso il tasto destro del mouse sul
contorno di una vista già esistente
• Attraverso il tasto destro del mouse
nell’ambiente Part Navigator
Attraverso la toolbar “Drawing Layout”

Pagina 160 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


I comandi di modifica foglio e viste si trovano all’interno del menù Edit

Anche in questo caso le opzioni alternative di attivazione sono:


• Attraverso il tasto destro del mouse sul contorno di una vista già
esistente
• Attraverso il tasto destro del mouse nell’ambiente Part Navigator
• Attraverso la toolbar “Drawing Layout” e “Drafting Edit”

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 161 di 234


Le viste possono essere selezionate come General Objects attraverso la
selezione del frame della vista.

Maggiore operatività sulla grafica è rappresentata dalla possibilità di


movimentare le viste all’interno del foglio semplicemente trascinando col
primo tasto del mouse il frame della vista selezionato.

Inoltre durante lo spostamento dinamico della vista sul foglio appaiono delle
simbologie utili ad ottenere il riallineamento immediato rispetto ad un’altra
vista.

Su una vista selezionata è inoltre possibile attivare diversi comandi di


modifica col tasto di destra del mouse. (Per attivarlo accertarsi di avere
posizionato il mouse sul bordo della vista stessa)

Style serve a definire tutte le modalità di


rappresentazione di una vista (es.
rimozione linee nascoste)

Di seguito si possono osservare le suddivisioni delle preferenze della vista


secondo l’organizzazione di NX5. Notare comunque che queste informazioni
dovranno essere modificate solo a ragion veduta in quanto sono da ritenersi
valide come default quelle fornite con la start_part_fiat_2D.

Pagina 162 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


La sezione “General” controlla le caratteristiche generali
della vista:
• la scala
• l’angolo di inclinazione della vista
• la possibilità di estrarre i bordi (edge) utile per
produrre una “fotografia” del drawing
• Il tasto di Load Defaults permette di resettare le
impostazioni globali al default di sistema.

La sezione “Hidden Lines” serve alla gestione delle linee


nascoste.
Nell’esempio in figura le linee nascoste verranno calcolate e
rese non visibili.

La sezione “Smooth Edges” serve alla gestione delle linee


di tangenza.
Nell’esempio in figura le linee tangenti ai raccordi verranno
calcolate e quindi visualizzate.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 163 di 234


MODALITA’ OPERATIVE NELLA GENERAZIONE DEL
DISEGNO 2D
La metodologia Fiat Auto richiede che il modello e la sua corrispondente
messa in tavola siano gestiti secondo la logica del “Master Model”; avremo
quindi sempre due files diversi: uno per la messa in tavola (2D) ed uno per il
modello 3D.

Master Model (3D)

Pagina 164 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Comandi relativi al foglio (sheet)
Insert  Sheet

Unità di misura del Formato del nuovo


nuovo draw foglio

Nome del nuovo foglio

Nome del nuovo foglio

Sistema di proiezione

• La creazione di un nuovo foglio di lavoro è anche possibile con


il tasto destro all’interno del Part Navigator sul nome del
Drawing Insert Sheet.
• Per cancellare il foglio appena creato: tasto destro sulla scritta
Drawing del Part Navigator Delete Sheet
• Per modificare i parametri del foglio appena creato o quelli di
un foglio esistente Edit  Sheet oppure tasto destro sulla
scritta Drawing del Part Navigator Edit Sheet

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 165 di 234


GENERAZIONE VISTE
Il comando si trova sotto : Insert  View

Oppure selezionando il bordo del foglio con il


terzo tasto del mouse

La prima vista inserita dovrà essere di tipologia


Base view. Le viste di proiezione successive
vengono automaticamente proposte dal sistema in
base alla posizione del mouse.

In ogni caso, dopo aver inserito la prima Base


view, sarà possibile generare qualsiasi tipologia di
vista (proiettata, di dettaglio, sezione)
semplicemente utilizzando il comando
sopraccitato , oppure col terzo tasto del mouse sul
bordo di una vista o nella sua definizione nel Part
Navigator

Base View (Vista importata di base)

 Comando “Add Base View”. Inserita la prima Base View (determinata


in base all’orientamento della vista in 3d), verrà richiesto di inserire
altre viste generate mediante proiezione ortografica dalla precedente

Dopo aver inserito la prima Base View, il sistema passa automaticamente alla
procedura di inserimento della Projected View

Pagina 166 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Base View rispetto al piano
TOP . La preview può essere
settata anche in modalità
Wireframe mediante terzo
tasto mouse  Preview Style
 Shade, Wireframe, Hidden
Line o Borders

La seconda vista
viene ribaltata
secondo il piano
dedotto dalla
posizione del mouse

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 167 di 234


Menu delle Base View

Seleziona la vista di Attiva il menu di


riferimento, tra le quelle di “ViewStyle” E’ anche
default e le altre, Fattore di scala della
eventualmente definite vista possibile utilizzare il
dall’utente con “View- tasto “S”
Operation Save” nel 3d

Permette la selezione
della parte che verrà
rappresentata nella
vista base Per gli assembly: non
rappresenta nella vista il
componente indicato

Per gli assembly:


Non effettua il tratteggio
per i componenti indicati

Orientamento della vista


Orientamento della vista (vedi). E’ anche possibile
utilizzare il tasto “O”
E’ ottenibile:
1. Durante la definizione della “Base View”, con l’icona

oppure con il tasto “O”.


2. Tramite le funzionalità dinamiche del tasto centrale del mouse, di
rotazioni, zoom, scroll.
3. Selezionando una faccia del modello

Pagina 168 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Ruota la vista di 180° rispetto
all’orizzontale
Orienta la vista mediante
un piano
Resetta l’orientamento alle
condizioni originali

Orienta la vista mediante un


vettore (diventa l’asse Rende associativo
orizzontale della vista) l’orientamento su vettore o
piano

Projected View (Viste ottenute per ribaltamento rispetto ad un piano)

Definisce la vista da Per gli assembly: non Attiva il menu di


sezionare rappresenta nella vista il “ViewStyle” E’ anche
componente indicato possibile utilizzare il tasto
“S”

Modalità Hinge Line Move


dinamica

Definisce la “Hinge line”, ossia


la linea di riferimento per il
ribaltamento. E’ anche Per gli assembly:
possibile utilizzare il tasto “H” Non effettua il tratteggio
per i componenti indicati

Inverte il vettore di ribatlamento

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 169 di 234


Menu dinamico (terzo tasto
del mouse) durante
l’inserimento di una Base
View

Menu dinamico (terzo tasto


del mouse) durante
l’inserimento di una
Projected View

Pagina 170 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Detailed View (Viste di dettaglio)

Fattore di scala della


vista Attiva il menu di
“ViewStyle” E’ anche
possibile utilizzare il
Determina la forma
tasto “S”
rettangolare della finestra di
dettaglio
Determina la presenza o meno
del limite e del nome del
dettaglio sulla vista origine.
NB: funziona solo con forma
circolare
Determina la forma circolare
della finestra di dettaglio

Section View (Viste di sezione)


Prima di aver selezionato
la parent view la finestra e
in formato compatto

• Creazione della
linea di sezione
dinamica • Stile della linea di
• Creazione della sezione
linea di sezione • Stile della vista
• Inversione del verso
della sezione
• Anteprima della
• Aggiunta di un piano di sezione vista
• Eliminazione di un piano di sezione • Sposta la vista
• Sposta una linea tra due piani di
sezione

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 171 di 234


Opzione section View

Serve ad avere una anteprima della sezione. Essa può comprendere la vista
delle entità dietro al piano di sezione (background) ed il piano di sezione
stessa (multipli nel caso di sezioni a più segmenti

Esegue il comando di cut (crea


l’anteprima della sezione)

Visualizza il piano di sezione Definisce il tipo di


(come da figura)
visualizzazione: Shading,
Wireframe e a Linee nascost
Visualizza le entità in background
(è necessaria che sia attiva la Blocca l’orientamento della
voce analoga su “View Style”)
vista in preview. Uscendo co
MB2, la vista risultante avrà

Anteprima di sezione multi segmento, generata col comando cut

Pagina 172 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Part Navigator in ambiente Drawing
E’ l’equivalente del Part Navigator in ambiente Modeling. Le differenze sono
date dalle entità che vengono riconosciute: difatti si potrà operare a livello di
fogli e viste del disegno attivo.

Col tasto di destra


sull’elemento
selezionato si
attivano i comandi di
gestione

Raster Image

Si può inserire una immagine di tipo raster (es. foto digitale) come vista
all’interno del foglio.

Attenzione: tale vista può essere plottata solamente su plotter di tipo


aster, che quindi supportino tale formato grafico!

Image
Il comando è Insert

La foto può essere traslata, scalata e ruotata facendo uso del manipolatore.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 173 di 234


E’ possibile utilizzare i comandi di
Quote e Annotazioni Curve, Point, Datum e Sketch,
per generare della geometria che
Inserimento di testi, quote, entità' draw. avrà rilevanza solo nell’ambito del
Selezionare il menu Insert foglio su cui è stata creata.

DIMENSIONS: inserimento quote


lineari, radiali, angolari con tutte le
opzioni previste

Per semplficare la selezione dei


punti, è attiva la toolbar degli snap-
point

TEXT:
inserimento testi
semplici, label, simboli
vari e simboli di
UTILITY SYMBOL lavorazione
inserimento interassi,
assi fori

Pagina 174 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


L’interfaccia di quotatura permette contestualmente all’inserimento della quota
la gestione delle informazioni dello stile delle quote presenti nel menù
Annotation.
Preferences
Attivando il comando di Inferred
Dimension appare la toolbar
come da figura.
Le opzioni disponibili permettono
nell’ordine di:
- Stabilire lo stile della
quota che andiamo a
inserire.
- Stabilire quante cifre
decimali deve avere la
quota.
- Il tipo di quota (nominale,
con o senza tolleranza,
ecc.).
- Entrare nel menù di
annotation per
aggiungere o modificare il
testo appeso alla quota.
- Tasto Reset per ritornare
ai default di quotatura.
Premere il tasto centrale per
uscire dal comando.
.

La toolbar interattiva di quotatura si attiva anche con il destro mouse sulla


quota già inserita e il comando Edit

Selezionando nuovamente la quota in Edit col destro mouse appare inoltre un


menù dettagliato che permette ogni genere di modifica.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 175 di 234


Comandi per operazioni su viste
Define view boundary Modifica il frame della vista selezionata
Nome della vista da
modificare

Tipo di boundary da
applicare alla vista

Break-out section Esegue una sezione parziale

Creazione, modifica o
eliminazione della Selezione dei
sezione parziale parametri di
riferimento per la
creazione della
sezione parziale

Pagina 176 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Broken view Crea vista interrotta

Nome della vista da


interrompere

Parametri di
definizione
dell’interruzione

Tipo di linea
dell’interruzione

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 177 di 234


Integrazione draw e model

Display drawing
Permette di passare dalla
visualizzazione del draw alla
visualizzazione del modello
e viceversa

Update Views

Permette di aggiornare la vista


sincronizzandola con il
tridimensionale. Questa operazione
è possibile anche con il tasto destro
sulla vista che si vuole aggiornare
nell’elenco del Part Navigator. Per
aggiornare tutto il draw è possibile
farlo con il tasto destro sul foglio

Pulsanti per la
selezione/deselezione
Lista delle viste delle viste da
presenti. Appaiono aggiornare
evidenziate quelle da
aggiornare (stato “Out-
of-Date”)

Pagina 178 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Impostazione delle preferenze
Si attivano per mezzo del menu Preferences

Per utenti Fiat, che utilizzino la Start_part_Fiat , normalmente i valori


presenti sono quelli standard.

Preferences  View

Esso è praticamente di menu di View Style. La differenza è che, in questo


caso, le impostazioni avranno validità su tutte le viste generate da questo
momento in poi.

Non semplifica il
disegno

Semplifica gli elementi di


dimensione percentuale
inferiore al valore specificato

Nasconde gli elementi di


dimensione percentuale
inferiore al valore specificato

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 179 di 234


Preferences  Annotation

Annotation Preferences
Dimension: impostazioni parametri per la
quotatura
Line Arrow: impostazioni delle caratteristiche
per linee e frecce
Lettering: impostazione dei testi
Symbols: impostazione simbologia drafting
Units: unità di misura e rappresentazione
delle quote
Radial: impostazione quote radiali e
diametrali
Fill/Hatch: campitura

Pagina 180 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Preferences  Section Line Display

Section Line Display


Si vanno a definire i parametri per la
rappresentazione delle frecce e della linea di
sezione, quali dimensioni o tipo di freccia, spessore
e testo associato.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 181 di 234


Con NX5 è possibile modificare quote e note direttamente dalla selezione
grafica. Nel riquadro dell’immagine vengono mostrate le operazioni
eseguibili sulla quota.

Per modificare quote e note

- si seleziona con il tasto sinistro del mouse la quota o la nota da modificare;


- destro mouse sulla selezione per far apparire il menu di modifica.

Per spostare quote e note in qualsiasi momento:


- drag and drop con il tasto sinistro del mouse premuto.

In alcuni casi il disegno si può presentare con delle quote troppo ravvicinate,
tali da rendere impossibile la lettura dei valori.
Con UG si ha la possibilità di spostare il testo della quota rispetto alla sua
linea attraverso l’opzione Narrow.
Si ottiene così una migliore leggibilità.
Occorre selezionare le quote da spostare, selezionare il menu Preferences,
il comando Annotation, quindi il tasto Dimensions.

Pagina 182 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Operazioni di editing su entità draw

Selezionare dalla barra menu Edit->Annotation

Origin: questo comando permette di traslare


una entità draw (testi, note, simboli).

Annotation Object: questo comando permette


di modificare tutte le apparenze grafiche degli
oggetti di tipo Drafting (quote, annotazioni, ecc).
Equivale a fare doppio click sulla entità

Text: Serve per editare i testi inseriti

Drafting Object Associativity: Serve per


modificare tutte le tipologie di relazioni
associative degli oggetti draw (linee di mezzeria,
assi, quote, ecc)

Component: permette di spostare o cancellare


componenti.

Leader: permette di modificare la


rappresentazione della label (etichetta)
selezionata.

Crosshatch Boundary: permette di ridefinire i


contorni di una campitura.

Image: modifica
una immagine
raster

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 183 di 234


OPERAZIONI DI MODIFICA DELLE VISTE.
E’ possibile entrare in modifica sulle viste con il Comando di Expand.

Attraverso questo comando è possibile inserire geometria 2D appartenente


alla vista.
Procedura: cliccare col tasto di destra del mouse sulla vista da modificare e
selezionare la voce Expand.

Il risultato sarà il seguente: la vista viene visualizzata a tutto schermo e si


possono utilizzare i comandi del menu (es. Insert Basic Curve potrà essere
utilizzata per creare curve all’interno della vista).

Per tornare ad operare sul foglio di disegno (e uscire quindi dalla vista) sarà
sufficiente richiamare con la pressione del tasto di destra del mouse sulla
vista la voce di Expand.

Pagina 184 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Sketcher nella vista

E’ possibile aggiungere elementi bidimensionali sulle viste con il Comando di


Sketch

L’ambiente di sketch è lo stesso che si può utilizzare nel 3D

Part List

Il comando InsertPart List permette di generare in automatico una tabella


contenente i nomi dei componenti di un assieme e la quantità. Tale tabella
può essere inserita nel disegno ed essere personalizzata.

Il menù di fianco si attiva dopo aver


selezionato la tabella (part list) creata e
cliccando col tasto di desta del mouse.
- Edit Levels permette di definire
il dettaglio della tabella rispetto
alla struttura di sottoassembly
eventualmente sottostante.
- Autoballoon permette di
ottenere la pallinatura in
automatico dei componenti
all’interno di viste selezionate.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 185 di 234


Autoballoon

Con questo comando si ottiene la generazione di pallinature sulle viste in


associazione con la lista appena creata.
E’ interessante notare che selezionando dalla tabella il componente è
possibile zoomare sul componente pallinato e selezionando il pallino è
possibile essere rimandati immediatamente alla lista.

Tabular Note

Il comando Insert Tabular Note permette di creare delle tabelle sul foglio di
disegno.
Questa funzionalità permette di importare/esportare il contenuto da un foglio
elettronico, ridefinire il numero di celle, ridimensionare le celle, unire più celle
in una unica cella e salvare la tabella come template per poterla riapplicare in
altri disegni.

Tutte queste funzioni e diverse altre possono essere richiamate attraversa la


toolbar chiamata Drafting Tables.
La procedura consiste prima nel creare la Tabella col comando
InsertTabular Note, quindi selezionare la tabella creata e con i comandi
della toolbar, oppure con i comandi attivati col destro mouse sulla selezione,
di modificarla.

Pagina 186 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


MESSA IN TAVOLA DI ASSIEMI DI GROSSE
DIMENSIONI

Utilizzando i comandi sopradescritti, per la generazione di viste e sezioni di


assiemi comprendenti un numero elevato di componenti od, in ogni caso,
avente delle dimensioni complessive molto rilevanti, si dovrà far ricorso a
delle pratiche alternative.

Sinteticamente si potrà utilizzare:

Viste principali Come Svantaggi


Modalità Faceted Selezionare il reference set “REP” Non è utilizzabile direttamente per la
Representation sul componente. realizzazione di sezioni
Extracted Curves all in In Application Modeling, Insert  • Il numero di entità presenti
work view Curve from body  Extract  All aumenta significativamente
in Work View • Utilizzo contemporaneo
dell’ambiente Modeling e Drafting
e gestione layer diversi per ogni
vista

Vedi comandi nelle pagine Tempo elevato di caricamento e di


Canonica associativa
precedenti gestione delle viste

Sezioni Come Svantaggi


Generate in 3D e ribaltate in 2D In Application Modeling, • Utilizzo contemporaneo
Insert  Curve from body dell’ambiente Modeling e
 Section Drafting e gestione layer
diversi per ogni sezione
• Le sezioni non sono
associative (in caso di
modifica non vengono
aggiornate
automaticamente)

Canoniche associative Vedi comandi nelle pagine Tempo elevato di calcolo e di


precedenti gestione

Per avere maggiori dettagli e delucidazioni, si consiglia di prendere visione


del documento, sito nella bacheca di metodologie :

http://fgaonline.fiat.com  Corporate  Functional Area  Engineering &


Design  Area documentale Innovation&Pre-Program Concepts 
02-Meth  Cad_plm_dmu  CAD  Unigraphics  Best Practices
using NX  Regole per la messa in tavola  Classificazione comandi
per la messa in tavola in base alla velocità

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 187 di 234


FREE FORM

Curve base
Il tipo di curve previste per NX5 sono di tipo Nurbs (Non Uniform Rational B-
Splines).

Questa famiglia di curve grazie all’algoritmo di calcolo utilizzato per la


creazione, permettono di costruire profili dalle più svariate forme.

Il grado massimo per le spline previsto da NX5 è pari a 24.

È comunque preferibile rimanere con un grado il più basso possibile affinché


le spline:

• siano più flessibili


• non appesantiscano il sistema nel dover gestire calcoli e
visualizzazioni;
• non permettano “oscillazioni” indesiderate perché si minimizza il
numero di flessi;
• siano facilmente traducibili verso altri sistemi

Matematicamente le curve Nurbs sono composte da segmenti trasparenti


all’operatore, il cui grado minimo della curva è dato dal grado più alto dei
segmenti, questo vuol dire che impostando il grado pari a tre, un segmento
potrebbe anche avere grado inferiore.

Menu principale Insert Curve Spline

In questo menu si seleziona la


modalità di inserimento della
curva

Pagina 188 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


By Poles: I punti dati sono le posizioni del Poligono di controllo della curva

La curva viene La curva è


matematicamente suddivisa in matematicamente
segmenti. Tale suddivisione è composta da
trasparente per l’operatore in singolo segmento.
quanto comunque si tratterà di In questo caso si
curva unica disattiva la
possibilità di dare
un grado alla curva

Eventualmente caricare: punti


di definizione della curva da un Grado della curva
file (in genere proveniente da
tastatori)
a3
a2 a4

a1

a5
Da notare che si avrà sempre il passaggio per a1 e an (a5 in questo caso) e
che a1 a2 è il vettore per la tangenza iniziale an an-1 è il vettore per la
tangenza finale

Through Points: i punti dati sono quelli attraverso i quali effettivamente


passerà la curva
a5
a4
a2 a
a1

In questo caso il vettore a1 a2 non determina la


tangenza di partenza (come an an-1 per quella di
arrivo) Ciò è dovuto al fatto che comunque le
curve sono regolate da Polinomio di controllo e
che il sistema si crea al momento della definizione
della spline

Fit: viene creata una spline che si adatta ad una serie di punti generalmente
campionati con tastatore. È necessario puntualizzare che questo metodo è

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 189 di 234


un’approssimazione, più o meno “vicina” ai punti dati a seconda dei valori di
tolleranza specificati

Perpendicular to Planes: Lo spline passa secondo la normale al piano


definito. Vi sono vari metodi per definire il piano di passaggio, secondo
quanto qui elencato. Se i piani sono stati preventivamente costruiti, si
ricorrerà all’opzione “Existing Plane”

Smooth Spline

Curve
Il comando Edit Smooth Spline permette una rapida lisciatura
della spline.

Il tipo di lisciatura può avvenire in


continuità di curvatura (G2) o
continuità di accelerazione della
curvatura (G3).
Si possono imporre delle condizioni di
continuità al contorno.

Nota: questo comando elimina tutti i dati di definizione della spline originale.

Curve avanzate
Questa serie di comandi permettono di ottenere delle curve attraverso
l’interazione con altre entità, quali solidi, superfici, curve.

Extract (curves)

Menu principale Insert  Curve from Body Extract

Selezionando questa icona, estraggo le


curve o l’edge del solido selezionato.
Le entità così estratte sono associative

Pagina 190 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Curve di offset

Insert  Curve from Curves  Offset


Permette di creare curve di offset secondo varie modalità. Come di seguito
descritto

Selezione della curva di base

Punto Base offset

Valore di offset

-Associatività ON: Si tengono le


entità di origine
-Hide: Si spengono le entità di
origine

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 191 di 234


Curve di collegamento

Insert  Curve from Curves  Bridge

Con questo viene creata una curva di collegamento ha due curve continue
La modalità con cui tale curva dovrà unire le due curve è regolata dalle
condizioni di tangenza o curvatura

Seconda curva
Prima curva
Any: qualsiasi entità
Curve: solo curve
Edge: solo bordi di facce

Si stabilisce la
continuità, in tangenza
e curvatura Possibilità di dare come
elemento di continuità una
faccia

Si utilizza una terza curva Si dà un “peso” al valore


per regolare la forma della della tangenza per la prima
curva di collegamento o la seconda entità. In
questo modo la curva
risultante sarà più o meno
“allungata” rispetto all’entità
a seconda dei pesi
assegnati per ognuna

Associatività

Pagina 192 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Condizioni standard del comando

Magnitudine in tangenza su prima curva


pari a due

Con Peak Point e Bridge Depth pari a zero


Con Peak Point e Bridge Skew pari a
zero

Unione

Dal menu principale:


Insert  Curve from Curve  Join

Associatività o meno
tra le entità origine e
quella unita Tipo di curve
risultante la
polinomiale è
preferibile perché
ridurre al minimo di
poli risultanti

Piani paralleli Piani radiali Piani perpendicolari a curva

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 193 di 234


Offset in Face

Curve from Curves


Insert Offset in Face
Questo comando permette di realizzare curve associative di offset di
qualunque profilo rispetto ad una faccia e di gestirne l’eventuale trim
automatico.

Questo comando fa uso del Selection Intent.

Le caratteristiche principali sono:

1. Viene generata una feature.


2. Si possono usare i manipolatori.
3. Si possono avere offset differenziati.
4. Funzionalità di preview del risultato.

Pagina 194 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Set di curve
selezionate: è
possibile avere diversi Selezione della curva
set di curve con diversi
valori di offset

Lista delle curve Selezione della


superficie di appoggio

Comportamento delle
curve polilinea

Associatività della
curva risultante

Superfici base

Le superfici previste da UG sono gestite da algoritmi di calcolo di origine


Nurbs.
In analogia alla gestione delle curve, le superfici sono regolate da due gradi,
che definiscono la complessità che la superficie deve presentare lungo le due
direzioni di definizione. Tali direzioni assumono la nomenclatura di ‘u’ e ‘v’.
V U

Il grado massimo che la superficie può assumere lungo le due direzioni è 24.
È comunque raccomandabile l’uso del grado 3.
Le superfici possono inoltre essere a patch singola, quando queste sono
costituite da una sola patch, o a patch multiple, costituite cioè da un insieme
rettangolare di patch singole.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 195 di 234


Trough Curves
Insert  Mesh Surface  Through Curves

Oppure attraverso l’icona

Permette di creare una superficie o un solido mediante una serie di profili


(String) di curve lungo una direzione. I profili delle curve vengono definiti
stringhe di sezione (section string).
Una stringa di sezione può essere costituita da elementi singoli o multipli.
Le stringhe di sezione e la feature creata sono associativi.
Per creare la feature occorre selezionare le stringhe e scegliere i parametri di
creazione nella seguente finestra:

Scelta delle curve di


passaggio (max 256)

Continuità della superficie


in prossimità delle curve
iniziale e finale

Scelta del metodo di


allineamento delle
isoparametriche

Scelta del tipo di patch:


singola o multipla

Per le patch multiple, se la


feature sarà chiusa nella
direzione ‘V’

Scelta del grado lungo la


direzione ‘V’

Scelta della tolleranza nel


calcolo della feature

Pagina 196 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Swept
Insert  Sweep  Swept

Oppure attraverso l’icona

È una feature di forma generata dallo scorrimento di un profilo di curve


(section string) lungo un percorso di curve guida (guide string).
Una stringa guida può essere costituita da una o più ‘segmenti’. Tali segmenti
possono essere curve, edge di solidi o facce di solidi. Tutti i segmenti
costituenti la singola stringa devono essere lisciati ed in continuità. Possono
essere presenti da una a tre stringhe guida.
Una stringa di sezione può essere costituita da uno o più oggetti (curve, edge
di solidi o facce di solidi).

Le stringhe di sezione non devono essere


necessariamente lisciate. Si possono utilizzare da
1 a 150 stringhe di sezione nella singola swept
feature.
Se tutte le stringhe guida selezionate formano dei
loop chiusi, la prima stringa di sezione può essere
selezionata come ultima stringa di sezione.

Selezione curve di sezione

Selezione curve guida

Per controllare ulteriormente l’orientamento


delle stringhe di sezione si può utilizzare la
stringa spine. La stringa spine è efficace
quando viene definita in modo da essere
perpendicolare ad ogni piano di appartenenza
delle stringhe di sezione.

Selezione del metodo di


allineamento

Selezione del metodo di controllo


dell’orientamento delle “fibre” della superficie

Metodo di scalatura della


superficie

Se nella generazione della Swept Feature si


selezionano più di una stringa di sezione, si può
scegliere il metodo d’interpolazione tra lineare e
cubico

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 197 di 234


Prima Section String Seconda Section String
Geometria origine

Guide String

Lineare

Risultati

Cubica

Transition

Insert  Surface  Transition


Con questa feature è possibile creare una superficie di giunzione tra tre profili
convergenti.

I profili possono essere composti da un numero di curve diverso.

Per creare la giunzione è necessario specificare ciascun profilo quindi


confermare con OK per inserirlo nel comando.

Posso connettere da 2 a n profili disgiunti. E’ una sorta di comando di Bridge


Surface generalizzato.

L’esempio seguente mostra un esempio di connessione.

PRIMA DOPO

Cliccare sul triangolo verde per ottenere il menù completo.

Pagina 198 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Stringhe di sezione inserite nel
comando.
Si può stabilire per ogni
superficie da collegare il tipo di
continuità (G0, G1 o G2)

Punti di accoppiamento: è
possibile stabilire un
allineamento delle
isoparametriche per punti

In questa sezione si può alterare la


forma di ciascuna transizione.

Le due icone permettono di:


- Avere l’anteprima della superficie
generata
- Invertire la normale alla superficie
qualora si attorcirgli.
L’opzione Create Surface è molto
importante.
Se selezionata crea la superficie e la
feature, altrimenti si creano solo le curve
di collegamento.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 199 di 234


Law Extension
Insert  Flange Surface  Law Extension.
Il comando serve per creare alette variabili e fa uso dei manipolatori
(L’opzione General identifica il vecchio comando, l’opzione Dynamic permette
l’uso dei manipolatori).

Attraverso i manipolatori è possibile modificare il valore di angolo e di


lunghezza della superficie da estendere.
Questo comando si avvale della funzionalità di Selection Intent.

Completa il comando la funzionalità di preview.

Manipolatore dinamico

Definisce l’angolo
dell’aletta

Definisce la lunghezza Definisce la posizione


dell’aletta di controllo

Pagina 200 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Sew
Dal menu principale:

Insert  Combine Bodies  Sew

Oppure l’icona
Il comando permette di creare una superficie unica cucendo insieme due o
più superfici o un unico solido cucendo assieme due o più solidi
Questa è la procedura per unire le superfici:

Tipologia di risultato della feature


finale

Selezione del ‘Target Sheet

Selezione del ‘Tool Sheet

Tolleranza di unione

• Selezionare Sheet come filtro Type;


• Selezionare la superficie di destinazione (Target);
• Selezionare la superficie da unire a quella di destinazione (Tool);
• Specificare la tolleranza di unione;
• Premere OK.

Nota Bene: Questo comando e’ particolarmente utile nel caso di elementi


derivanti da conversione. In questi casi si avranno molte entità di tipo
“Unparameterized Feature”.
Con una procedura di “Sew”, e successivamente eliminando la
parametrizzazione all’entità “sew” stessa mediante il comando Edit 
Feature  Remove Parameters, il tutto si ridurrà ad una sola entità
“Unparameterized”.
Questo comporterà un notevole beneficio nei termini di semplificazione e
snellimento della parte.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 201 di 234


Trim Sheet

Dal menu principale:


Insert  Trim  Trimmed Sheet

Oppure selezionando l’icona della barra Surface


Comando che consente di delimitare superfici proiettando gli elementi
delimitanti sulle superfici da delimitare.

Selezione del ‘Target Sheet Body’

Oggetti che relimitano la


superficie target

Opzioni di proiezione
Opzioni di scelta della ‘region’
da mantenere (kept) o da
rimuovere (discarded)

Selezione della ‘Region’ da


mantenere (kept) o da
rimuovere (discarded)

• Selezionare la superficie da delimitare e premere OK


• Selezionare il filtro e l’ opzione di proiezione. (il vettore di proiezione
dovrà essere orientato dagli elementi delimitanti verso la superficie da
delimitare
• Selezionare un boundary, questo verrà proiettato sulla superficie.
Proiettare gli altri boundary fino a completamento. Se si seleziona un
poligono i suoi lati vengono proiettati contemporaneamente. Premere
OK.
• Selezionare la regione da mantenere (keep) o da rimuovere (discard)

Nota Bene: Per recuperare la superficie originale (cosiddetta “madre”):

• Eliminando la feature di “Trimmed Sheet”


• Nel caso in cui a quest’ultima fossero stati rimossi i parametri
(Unparameterized Feature), attraverso il comando Edit  Surface 
Boundary

Pagina 202 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


CENNI DI GENERAZIONE/MODIFICA DI SUPERFICI
UNPARAMETRIZED

Edit Freeform

E’ possibile impostare il sistema in modo che tutte le modifiche eseguite sulle


superfici non parametriche (Unparameterized features) freeform siano visibili
nel part navigator.

Questo è utile perchè consente di poter rapidamente visualizzare la


situazione antecedente alla modifica semplicemente attivando/disattivando la
feature relativa alla modifica creata nell’albero del modello.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 203 di 234


Surface by Four Points

Questo commando permette di generare una superficie di grado 1x1


attraverso 4 punti.
Il risultato è una UNPARAMETERIZED FEATURE. Può costituire la base di
partenza per la definizione di una superficie Classe A.

Surface
Il comando è Insert Surface by 4 points.

La superficie così generata può essere modificata ad esempio con il seguente


comando:

Xform

Attraverso il comando EditSurface X-form è possibile modificare la forma


e la complessità di qualunque superficie andando ad agire sui poli.

Apparirà il seguente menù:

Pagina 204 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Si deve selezionare la superficie da modificare. Appariranno dei manipolatori
in corrispondenza dei poli della superficie.
La sezione Movement Type determina il tipo di movimento che deve
compiere il polo selezionato.

La sezione Translation Direction permette di stabilire la direzione di


movimentazione.

La sezione Advanced permette di stabilire eventuali modifiche di grado da


apportare alla superficie originale, l’aggiunta di punti nodali, la creazione di
concavità o convessità (falloff).

L’esempio sottostante mostra un esempio di modifica: la superficie originale è


stata modificata di grado. Da 1X1 è diventata 3X3 con 3 patch in U e 3 in V.
Inoltre è stata creata una concavità in corrispondenza del polo evidenziato
attraverso la movimentazione del suo manipolatore.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 205 di 234


Refit Face

Il comando di REFIT FACE permette di approssimare una qualunque


superficie andando ad operare sul grado in U e in V, sul numero di patch in U
e V oppure sulla tolleranza di scostamento.
Permette di avere un preview immediato della modifica.
E’ molto utile nel caso si voglia approssimare superfici troppo complesse
provenienti ad esempio da conversioni o create sulla base di una scansione di
punti.

Selezione della superficie

Parametri modificabili in funzione


del metodo di approssimazione
selezionato

Direzioni di modifica
della superficie

Grado della superficie

Pagina 206 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Match Edge

Questo è utile per mettere a posto superfici non correttamente connesse


.
Le caratteristiche principali sono 3:
1. Il comando attiva una finestra attraverso la quale poter controllare tutte
le opzioni.
2. Sono presenti dei manipolatori sull’edge della superficie da
movimentare.
3. E’ disponibile l’anteprima immediata del risultato.

Vediamolo in un esempio.
Si vogliono collimare le seguenti superfici:

Il manipolatore può essere portato fino al termine della superficie per produrre
un accoppiamento completo.
Nota: questo è possibile grazie al fatto che i manipolatori possono fare uso
degli snap point.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 207 di 234


Sopra si può osservare il risultato finale.

Pagina 208 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


FIAT TOOLKIT

Vengono presentate le funzioni fondamentali per la gestione delle parti.

L’uso delle funzioni è OBBLIGATORIO per il rilascio delle parti in


TCAE. Vedi Norma FIAT 07243.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 209 di 234


L’ordine in tabella è quello normalmente utilizzato nell’esecuzione della
procedura.

Ordi Programma Icone Descrizione


ne

1 Required Categories Costruisce le categorie obbligatorie

2 Reference Set Costruisce i reference set obbligatori


(PART e REP)
Automatizza una serie di attività
3 PreCheck propedeutiche alla fase di validazione

Esegue una serie di controlli sulla qualità


4 Quality Check del modello

Verifica che la parte sia idonea al rilascio e


5 Check - Mate ne esegue il salvataggio

Pagina 210 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Required Categories

Questo programma crea le categorie obbligatorie per la norma FGA

Per l’uso dei layer e delle categorie occorre far riferimento alla norma 07245.

Reference Set
Questa funzione crea i reference set obbligatori.

I reference set obbligatori per la normativa FGA sono "Part" e "Rep", destinati
a contenere rispettivamente il modello matematico (a solidi o a superfici) e la
sua rappresentazione semplificata.
Il reference set PART è molto importante in quanto i dati in esso contenuto
verranno utilizzati per generazione del modello tassellato (formato .jt) utile per
le attività di DMU (Digital Mock Up).
Il reference set REP, è utilizabilt ogniqualvolta si renda necessario avere un
visione di massima dell’elemento senza appesantire troppo la sessione di
lavoro (es. assembly complessi, messa in tavola).

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 211 di 234


PreCheck
Il modulo FTK_Pre-Check automatizza una serie di attività propedeutiche alla
fase di validazione.

Operazioni eseguite dal Pre-Check:

Il tool esamina un singolo componente o tutti i componenti di un assieme


(solo se con permesso in scrittura) in maniera ricorsiva partendo dalla work
part

• Tutte le viste vengono impostate in modalità Static WireFrame


• Viene impostata la vista TFR-TRI come work view e viene applicato un
Fit alla vista
• I layers della categoria PART vengono impostati come Selectable
mentre tutti gli altri sono Invisible
• Viene eseguito un Part Cleanup
• Il WCS viene posizionato sul CSYS absolute
• Viene impostata la tolleranza di visualizzazione
• Viene impostata la modalità di faceting

L’icona File Checker controlla la correttezza dei layer, categorie, reference set
ed attributi della parte.
N.B. Se, dall’ultimo pre-check, non sono state eseguite modifiche alla parte,
la procedura di pre-check viene saltata e settata in automatico come eseguita.

QualityCheck

Il comando Quality-Check esegue una serie di controlli sulla qualità del


modello. Esso non esegue il salvataggio della parte.

Controlli inclusi nel Quality Check Profile FGA-FPT:

• Controllo sulle categorie, layer e Reference Set (errore bloccante)

• Controllo sulla geometria (warning, attualmente non bloccanti):


Bodies – Consistency, Bodies - Data Structures, Bodies - Face-Face
Intersection, Faces - Self Intersection, Faces Smoothness, Tiny
Objects, Bodies - Sheet Boundaries, Faces Spikes/Cuts, Edges -
Smoothness, Edges - Tolerances, Large Objects

• Controllo sulla congruità dei dati (warning, attualmente non


bloccanti):
No Drawing Data Checker, Check Existence of Suppressed Features,
Out-of-Date Features, Check For Blanked Entities, Broken Wavelink

Pagina 212 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Checker, Out-of-date Wavelink Checker, Wavelink to a part in a native,
Prep Tool Flag Checker

NB. Attualmente la procedura non permette l’ottenimento della conformità


finale in presenza dei soli errori bloccanti. I warning servono all’utente per
avere la consapevolezza di dover eseguire degli eventuali ulteriori controlli.
Potrebbe essere deciso in futuro di aumentare la qualità delle parti archiviate
e rilasciate, dichiarando bloccanti anche gli attuali warning.

CheckMate

Il comando CheckMate verifica che la parte sia idonea al rilascio e ne esegue


il salvataggio
Il Check-Mate è il comando che verifica che la parte sia idonea al
rilascio e ne esegue il salvataggio (come il vecchio “check and
save”).
E' necessario selezionare il test FGATK-Common Profile (vedi

Nella scheda Parts si può impostare se eseguire


il Test sulla parte corrente o su tutte le parti

Cliccare per eseguire il check-mate

N.B.Se il tasto non fosse acceso verificare


di avere nella seconda scheda “Tests” il
profili di test FGATK-Common Profile

Il profilo di test FGATK-Common Profile contiene tutte le verifiche che FGA


ritiene indispensabili per poter archiviare una parte in modo corretto secondo
norma. Nei passaggi precedenti il sistema fornisce gli strumenti per poter
arrivare al test finale nelle condizioni idonee per poter acquisire la conformità
finale.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 213 di 234


Report finale del CheckMate

Mostra i test non aggiornati In caso di errore il sistema lo


Filtri per la visualizzazione dei evidenzia nella tabella dei risultati
risultati del test Ricordiamo che i Warning in
Mostra i test aggiornati questo momento non sono
bloccanti.
Mostra i test superati

Mostra i test superati


con informazioni

Mostra i warning

Mostra gli errori

Mostra i test saltati

Mostra i test disabilitati

Se non emergono errori vengono


settati i flag e la parte viene salvata.

Per eventualmente ripristinare le voci corrette nella scheda Run Options

N.B. La scheda Run Options e’ già


impostata correttamente.
Nel caso di modifica accidentale utilizzare la
seguente immagine per impostare i valori
corretti.

Pagina 214 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Risultato della procedura in ambiente TcAE2007. Validation Result Summary

Le informazioni generate dal Check-Mate


vengono create in TcAE sotto forma del
Validation Result Summary, che segnala il
risultato “Passed” e il flag “Up-to-date”.
Questa informazione viene mantenuta
anche in caso di “Revise”

N.B. Per effettuare un rilascio il Check-


Mate deve essere eseguito prima sugli
eventuali ALTREP poi, per ultimo, sul
GEO_FIN.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 215 di 234


PLOTTAGGIO
Dove si trova : File  Plot

Il sistema provvede a creare un file in formato .cgm (Common Graphics


Metafile). Esso è uno standard grafico di fatto, oramai riconosciuto anche a
livello ANSI.
Questo file .cgm, viene poi inviato al sistema di plottaggio configurato sulla
macchina.
Quest’ultimo è un software commerciale che è stato integrato con il CAD UG
NX.

La sorgente dei dati può essere ciò che


è visibile a monitor (Display) oppure un
drawing sheet (foglio drawing)

Scelta del plotter

Intestazione da poter inserire sul


plottato
Made by Vannozzi Vanni – Fiat Sepin scpa

Pagina 216 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Selezionando Plot Using a Layout,
abbiamo la possibilità di ottimizzare la
disposizione di più plottaggi ….

……selezionando Add to Plot Layout

……posso disporre i plottaggi


ruotandoli e/o scalandoli in modo da
ottimizzare l’output finale

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 217 di 234


Posso salvare il file in formato .cgm

Funzioni di gestione del plottaggio


(vedi figura seguente)

Gestione del colore e dello spessore


delle linee

N° di copie

Plot Raster Images in Drawing: plotta le


eventuali immagini in formato raster (.jpg,
.png, .tiff), inserite sul disegno mediante
il comando Insert  Images

Pagina 218 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Advance plot: Printer
Elenco dei plotter
configurati. Parametri correnti di
NB. Sono sempre configurazione del plotter
disponibili :
CGM, JPG, TIFF, EMF e
PNG export file.

Plotter configurato di
default
Caratteristiche del file .cgm

Esegue la stampa Anteprima del file .cgm

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 219 di 234


Advance plot Print Setup : Gestisce le opzioni della stampante

Orientamento della
carta

Formato della
carta
Colore/Scala di
grigi/Bianco Nero

Scalatura.
Fit To Width (scala
alle dimensioni della
carta)

Stampa in bianco lo
sfondo nero.
Inverte le eventuali
entità bianche

Pagina 220 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Advance plot Print Layout : Gestisce la disposizione delle informazioni sul
foglio

Anteprima Orientamento
della
disposizione
del foglio

Scalatura

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 221 di 234


Advance plot Queue : Visione e gestione delle code relative ai processi di
stampa

Stampe completate

Stampe in coda (in via


di esecuzione)

Annulla le stampe in
coda selezionate Annulla tutte le
nella finestra Queued stampe in coda
Jobs

Pagina 222 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Appendice A) Rappresentazioni Alternative - UgAltrep

Lavorando con NX5 integrato è possibile avere differenti rappresentazioni


dello stesso particolare mantenendo la stessa codifica TcAE e Revisione.

Questa possibilità permette di rappresentare due o più particolari nelle


rispettive condizioni di utilizzo.

Ad esempio, in una rappresentazione le alette di flangiatura del rivestimento


esterno porta saranno chiuse, nella seconda rappresentazione saranno
aperte.

Queste due rappresentazioni potranno essere utilizzate in momenti diversi:


la prima, alette chiuse, in ambito di Verifiche Virtuali – DMU, la seconda,
alette aperte, per lo stampaggio.

TcAE all’interno di un Item Revision, oltre ai Dataset di tipo UgMaster e


UgPart, permette di creare il Dataset di tipo UgAltrep dedicato al caso di
rappresentazioni alternative

Nota Bene: la procedura di tassellazione automatica genera il tassellato


sempre dal
modello matematico contenuto nel Dataset di tipo UgMaster.

Vediamo ora come procedere per creare il dataset di tipo UgAltrep in


modalità non associativa, ovvero con due modelli matematici distinti e
modificabili indistintamente.

Apriamo il dataset
UgMaster e modelliamo
il rivestimento esterno
porta con alette chiuse.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 223 di 234


…..ottenendo il risultato

Al termine, dopo aver salvato il nostro lavoro, lo salviamo una seconda volta
con la modalità Save As……

…..selezionare il
comando

Pagina 224 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Generiamo un Altrep

In TcAE verrà generato un nuovo dataset di


tipo UgAltrep, contenente la matematica
originale
Il dataset di tipo UgAltrep avrà un valore
numerico progressivo dopo il suffisso
GEO_FIN. (GEO_FIN002, GEO_FIN003…)

Il dataset di tipo UgAltrep

Il dataset di tipo UgMaster

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 225 di 234


Il Dataset di tipo UgAltrep appena creato contiene una copia del modello
matematico presente nel dataset UgMaster.

Sarà quindi necessario aprire in NX5 il dataset UgAltrep e apportare le


necessarie modifiche al modello matematico per rappresentare la
configurazione desiderata.

…..ottenendo il risultato

I dataset di tipo UgMaster e UgAltrep possono essere utilizzati come


componenti dello stesso assieme.

Pagina 226 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Vediamo ora come procedere per creare il dataset di tipo UgAltrep in
modalità associativa, ovvero in grado di recepire le modifiche eseguite sul
modello matematico presente nel dataset UgMaster per la parte comune.

Ne consegue che la modellazione dell’oggetto dovrà essere eseguita solo per


le zone non soggette a configurazioni differenti.

Il dataset di tipo UgAltrep creato quindi non conterrà alcun modello


matematico, tramite le procedure NX5 di WAVE GEOMETRY LINKER si
crea una copia del modello matematico in modalità associativa.

Analizziamo i passi per creare un dataset di tipo UgAltrep in modalità


associativa:
Apriamo il dataset
UgMaster e modelliamo
il rivestimento esterno
porta con alette chiuse.

…..ottenendo il risultato

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 227 di 234


Selezioniamo la Revision in cui
creare il dataset UgAltrep

……….selezioniamo il
comando File New 
Dataset per creare un nuovo
oggetto di tipo UgAltrep

Il dataset di tipo UgAltrep avrà un valore


numerico progressivo dopo il suffisso
GEO_FIN. (GEO_FIN002, GEO_FIN003…)

Al termine di questa operazione il sistema disporrà di un dataset di tipo


UgAltrep.

Pagina 228 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Aprendo l’UgAltrep appena creato in ambiente
UG integrato si dovrà fornire la seed part di
riferimento “FGA Altrep Seed part”.

Il risultato finale sarà di disporre del file UGMaster inserito come componente
del file UGAltrep. Questo facilita l’utilizzo delle procedure di Wave Geometry
Linker.

Il risultato sarà di disporre di un Assembly


costituito dall’UgAltrep come non-master part,
e dal UGMaster come componente.
Questo faciliterà il successivo utilizzo del
Wave Geometry Linker,

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 229 di 234


Appendice B) Deformable Part
Con la gestione delle Deformable Part è possibile inserire più istanze dello
stesso oggetto in un assembly modificandone, però, alcuni parametri
opportunamente definiti al momento della modellazione.

A titolo di esempio si immagini la modellazione di una fascetta fermacavo,


modellata con un diametro medio che verrà variato in funzione del diametro
dei cavi che le diverse istanze della molletta andranno a fissare una volta
inserite nell’assembly di installazione.

E’ possibile approfondire l’argomento in oggetto consultando il Bollettino #14


“Deformable Part” e il Bollettino #14.1 “Utilizzo e Modellazione Anelli
Elastici di Sicurezza Deformabili”

Il modello matematico costruito per l’esempio citato nel bollettino è reperibile


con item id. AHY53392

Il processo si articola in tre fasi che sono descritte nei tre capitoli di questo
documento:
1. Modellazione del componente deformabile.
2. Definizione dei parametri modificabili all’atto dell’inserimento in un
assembly
3. Applicazione del particolare nell’assembly con la scelta del valore da
assegnare al Parametro

Pagina 230 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Il risultato finale sarà di avere un particolare che si adatterà a dei parametri
indotti dall’ambito progettativi (in questo caso il diametro del fascio cavi).

Questo con il vantaggio di gestire il tutto tramite un unico file.

Chiaramente la modellazione del particolare parametrico deve essere molto


accurata in quanto deve garantire che, per tutti i valori ammessi nel parametro
di deformazione, la rigenerazione sia possibile ed il modello non degeneri.

Lo scopo della procedura questo documento è anche di utilizzare le modalità


di definizione di una parte deformabile che (nei soli casi in cui sia possibile
descrivere la deformazione tramite pochi parametri di modellazione) può
essere alternativa all’utilizzo dell’Altrep.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 231 di 234


Appendice C) Riposizionamento componenti su
assembly di studio
Questa attività è necessaria quando venga impostata la progettazione di un
componente a partire da un assieme di studio contenente le parti di
prossimità. Queste sono utilizzate per problemi legati ad ingombri, vincoli,
fissaggi, ecc..
La problematica nasce quando un componente, sviluppato nel contesto di
un’assembly, ne deriva da quest’ultimo la sua origine (punto con coordinate
0,0,0).
Com’è noto (ed anche trattato in precedenza) in alcuni casi (particolari
riposizionabili), l’origine del modello del componente, è necessario che sia
locale; in altri termini, non deve essere legata ad un particolare tipo di
allestimento o vettura. Questo ne permetterà un successivo carry-over in altri
complessivi, semplicemente attivando le procedure di posizionamento
all’interno dell’assembly stesso.

Per ulteriori delucidazioni sull’argomento, è possibile consultare il Bollettino


#1 “Suggerimenti per l'impostazione della struttura di uno "STUDIO" in
UG”e il Bollettino #23 “Riposizionamento di un’oggetto reale”

Le procedure schematizzate sono le seguenti:

Nello studio utente


1. Si attivi lo studio (o comunque l’oggetto che ha l’informazione del
posizionamento del componente corrispondente all’oggetto reale).
2. Si riporti il WCS nella posizione di origine assoluta (Format  WCS 
ORIENT  Absolute CSYS)
3. Si salvi il WCS.
4. Si ponga in work part l’item dell’oggetto reale, e si tenga il resto dello
studio come displayed part.
5. Avendo in precedenza salvato il csys all’interno dello studio utente si
avrà ancora l’informazione della posizione assoluta del WCS dello
studio stesso.
6. Si sposti quindi il WCS dell’item reale in modo che coincida in origine e
orientamento col csys creato nell’oggetto ideale. (Format  WCS 
ORIENT  Offset from CSYS e scegliere quello precedentemente
salvato)
7. Si salvi il WCS nell’oggetto reale.
8. Con questa procedura abbiamo l’informazione grafica all’interno
dell’oggetto reale del suo posizionamento all’interno del corrispettivo
oggetto ideale.

Pagina 232 di 234 Manuale corso Unigraphics Base


Nella struttura di prodotto

1. Verificare di avere le credenziali di scrittura sull’item corrispondente


all’O.I. selezionato e di operare sulla revisione “In Work”
2. Si attivi ora l’oggetto ideale (L’oggetto reale deve essere caricato con
reference set “ENTIRE PART”)
3. Si riporti il WCS nella posizione di origine assoluta.( Format  WCS
 ORIENT  Absolute CSYS)
4. Saranno ora visibili sia il WCS assoluto dell’oggetto ideale sia il csys
salvato all’interno dell’oggetto reale.
5. La differenza di posizione e orientamento dei due WCS rappresenterà
la differenza di posizionamento dell’oggetto reale tra lo studio
dell’utente e lo stesso nella struttura di prodotto.
6. Si proceda quindi con i comandi di “Assemblies  Component 
Reposition component  Reposition.

Manuale corso Unigraphics Base Pagina 233 di 234


NORME DI RIFERIMENTO
Argomento Norma
Sistemi di riferimento 07243
Layers 07245
Sketching 07245
Assembly 07243
07243-07245 (layer-viste)-07264 (linee-tipi
Drafting
carattere)
Free Form 07243
07243
Cleanup e gestione
07247 (Disegni CAD Autocertificazione
delle parti
della qualità delle parti CAD).
07226 Sistema TcAE e gestione delle parti
TcAE CAD in ambito di sviluppo
prodotto/processo

Per tutte le informazioni relative alle norme Fiat ricordiamo di consultare il


sito http://norme.orange.fiat.it

Per ulteriori approfondimenti relativi a NX5 ci si può avvalere dei seguenti


strumenti messi a disposizione in FIAT:

1. Sul sito http://plm.fiat.com attraverso il link Help Manuals  UGNX


è possibile accedere alla manualistica completa di NX5.

2. Da NX5 tramite il menu Help è possibile consultare la documentazione


ufficiale (se questo non dovesse funzionare è altresì valida la modalità
1).

3. Documenti “bollettini” presenti sul sito della bacheca con informazioni


utili sul CAD. Seguire i link sulla intranet FIAT: http://fgaonline.fiat.com
 Corporate  Functional Area  Engineering & Design  Area
documentale  Innovation&Pre-Program Concepts  02 – Meth
 Cad_plm_dmu  CAD  Unigraphics  Bollettini

4. I bollettini sono disponibili anche per tutte le applicazioni della suite UG


(CAD/PDM/Vis) con il seguente collegamento : :
http://fgaonline.fiat.com  Corporate  Functional Area 
Engineering & Design  Area documentale Innovation&Pre-
Program Concepts  01doc  02-Meth  Cad_plm_dmu 
Documentazione_di_supporto  TipoCadUnigraphics-PdmTcae-
VisFiat  Bollettini Metodologici

Pagina 234 di 234 Manuale corso Unigraphics Base

Potrebbero piacerti anche