Sei sulla pagina 1di 14

Test di ripasso

PREGUNTAS
Domande

Oftalmologia
1. Rispetto l’anatomia ed all’embriologia dell’occhio, è vero 4. L’innervazione del muscolo costrittore della pupilla dipen-
che: de da:

A) l’umor acqueo si sintetizza nell’endotelio corneale e si ri- A) Fibre postgangliari dipendenti dal ganglio giugulare.
assorbe nel trabecolato. B) Fibre postgangliari che provengono dal ganglio ciliare.
B) La camera posteriore è la più voluminosa dell’occhio e C) Fibre postgangliari che vengono dal ganglio cervicale
contiene l’umor vitreo. superiore.
C) Nel glaucoma acuto ad angolo stretto si blocca la fuoriu- D) Fibre postgangliari che provengono dal ganglio stellato.
scita dell’umor acqueo dalla camera posteriore a quella E) Nessuna delle precedenti.
anteriore.
D) La retina dell’adulto è costituita da sette strati. 5. Un giovane di 26 anni, praticante Karate, presenta ptosi,
E) La regione equatoriale del cristallino presenta la più bas- miosi ed enoftalmo nell’occhio destro e si presenta in pron-
sa attività mitotica. to soccorso per un episodio di amaurosis fugax nell’occhio
destro con dolore cervicale. Qual è la diagnosi più proba-
2. Sul riflesso fotomotore, segnala la risposta corretta: bile?

A) L’arco afferente forma parte della via ottica fino ad arriva- A) Infarto occipitale.
re alla radiazione ottica. B) Tireotossicosi.
B) Il riflesso di Marcus-Gunn si evidenzia in occhi affetti da C) Tumore di Pancoast.
cataratta. D) Aneurisma dissecante l’arteria carotide destra.
C) L’arco efferente è costituito dal simpatico oculare. E) Lesione ipotalamica.
D) L’illuminazione dell’occhio destro con una sorgente lumi-
nosa produce esclusivamente una miosi ipsilaterale se le 6. In un bambino di 2 anni che presenta nell’occhio sinistro
vie che integrano il riflesso fotomotore sono intatte. miosi, ptosi palpebrale di 1,5 mm, eterocromia iridea. Quale
E) La somministrazione di anticolinergici topici produce mi- sarà la diagnosi?
driasi.
A) Glaucoma congenito.
3. Segnala la risposta giusta riguardo l’accomodazione: B) Uveite anteriore cronica.
C) Retinoblastoma.
A) Dipende dal SN simpatico. D) Paralisi simpatica oculare.
B) Il muscolo ciliare si contrae per poter mettere a fuoco E) Paralisi del III paio di n.c.
meglio le immagini lontane.
C) L’accomodazione induce un appiattimento della superfi- 7. Un paziente presenta in maniera simultanea nell’occhio
cie anteriore del cristallino destro coinvolgimento del III, IV, VI nervo cranico con of-
D) La zonula è costituita da fibre muscolari liscie. talmoplegia completa risultante, così come sindrome di
E) Con l’età, il meccanismo va perdendo efficacia e questo è Horner per coinvolgimento simpatico, ipoestesia della zona
responsabile della presbiopia. innervata dal primo ramo del trigemino e dilatazione della
vena orbitaria superiore.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

1
Oftalmologia • Domande
Test di ripasso
L’acuità visiva rimane stabile e non c’è deficit pupillare affe- E) Maggiore incidenza di aree degenerative della retina pe-
rente relativo. A che livello si potrebbe localizzare la lesione riferica.
che causa questo quadro?
12. Rispetto alla patologia delle palpebre, segnali la risposta
A) Fessura sfenoidale orbitaria maggiore. corretta:
B) Forame infra-orbitario.
C) Fossa pterigopalatina. A) La trichiasi favorisce l’insorgenza di uveite anteriore.
D) Fessura transfenoidale o canale ottico. B) L’infiammazione acuta di una ghiandola di Meibomio ri-
E) Fessura sfenomascellare orbitaria minore. ceve il nome di calazio. Quando si cronicizza e si fa granu-
lomatosa, si chiama orzaiolo.
8. Quale dei seguenti nervi non si anestetizza in seguito ad C) Gli xantelasmi quando appaiono nei pazienti giovani non
una puntura di anestetico retrobulbare? hanno nessun significato.
D) Il tumore maligno più frequente è il basalioma, che suole
A) Secondo paio. apparire sulla palpebra superiore.
B) Terzo paio. E) Nell’ectropion è tipica l’apparizione di epifora.
C) Rami del Quinto che veicolano la sensibilità dell’occhio.
D) Settimo paio. 13. Rispetto all’anatomia dell’orbita, si segnali la risposta FALSA:
E) Nessuna delle precedenti
A) La sua forma si può approssimare a quella di una pirami-
9. Rispetto alla vascolarizzazione del globo oculare, si segnali de quadrangolare con vertice posteriore.
l’affermazione FALSA: B) E’ in comunicazione con la fossa cranica media.
C) Il sacco lacrimale è alloggiato sopra l’osso con lo stesso nome.
A) Tutta la vascolarizzazione del globo oculare arriva dall’ar- D) Le fratture più frequenti sono a livello della parete infe-
teria oftalmica, che è uno dei rami della carotide interna. riore e laterale.
B) L’arteria oftalmica è un ramo della carotide interna. E) La lamina papiracea dell’etmoide partecipa alla costitu-
C) La vascolarizzazione dell’uvea anteriore è a carico del zione della parete mediale.
sistema vascolare chiamato “circolo arterioso maggiore
dell’iride”, che si forma dall’ anastomosi delle arterie ciliari 14. Maschio di 25 anni che, dopo aver ricevuto un pugno sulla
anteriori con le posteriori lunghe. regione oculare sinistra, presenta all’esame obiettivo legge-
D) Le arterie ciliari posteriori corte irrigano la testa del nervo ro enoftalmo, edema palpebrale enfisematoso e diplopia
ottico e formano, ramificandosi, la coriocapillare. con limitazione del movimento verticale. Quale prova sarà
E) La fovea è vascolarizzatat dai rami maculari dell’arteria la più utile per stabilire la diagnosi di questo quadro?
centrale della retina.
A) RM orbitaria.
10. Le fibre del nervo ottico sono gli assoni di uno dei seguenti B) Ecografia bulbare
tipi cellulari retinici: C) TC orbitaria.
D) RX del cranio laterale e PA.
A) Coni e bastoncelli. E) RX cranica con proiezioni di Waters.
B) Cellule bipolari.
C) Cellule orizzontali. 15. Quali delle seguenti affermazioni sull’oftalmopatia di Gra-
D) Cellule ganglionari. ves è falsa?
E) Cellule di Muller.
A) E’ la causa più frequente di esoftalmo nell’adulto.
11. Un suo amico un pochino ipocondriaco, è preoccupato B) Può apparire retrazione palpebrale.
per- ché ad una visita gli hanno detto che ha una miopia C) Esiste un ingrossamento della muscolatura oculare estrin-
impor- tante. All’ultima valutazione il valore era di circa -12 seca.
diottrie in OD e -12.75 in OS. Rispetto al rischio di soffrire di D) Per stabilire la diagnosi è necessario constatare una fun-
determinate patologie oculari segnali l’opzione falsa: zione tiroidea alterata.
E) Il tabagismo aumenta il rischio di oftalmopatia nei sog-
A) Ha un aumentato rischio di distacco retinico. getti affetti da morbo di Graves.
B) E’ probabile che veda delle “mosche”.
C) In alcune occasioni i miopi hanno problemi maculari. Può 16. Sull’orbitopatia distiroidea è FALSO che:
prodursi un sanguinamento nella macula come con- se-
guenza di una membrana neovascolare sottoretinica. A) Produce esoftalmo assiale, abitualmente bilaterale.
D) Ha un rischio moderato-alto di sffrire di un glaucoma acu- B) La chirurgia decompressiva è una modalità terapeutica
to, per il quale sarebbe necessario praticare una iridotomia. dell’esoftalmo maligno.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

2
Test di ripasso

Oftalmologia • Domande
C) Come conseguenza dell’attività degli ormoni tiroidei, au- 21. Una donna diabetica di 27 anni che ha presentato malesse-
menta la frequenza delle fotopsie. re e febbre da 5 giorni presenta occlusione dell’arteria cen-
D) Esiste retrazione palpebrale per iperfunzione del musco- trale della retina e paralisi del V e del VI paio di nervi cranici
lo di Muller (segno di Dalrymple). OD. Che quadro si deve scartare immediatamente?
E) La neuropatia ottica non è una complicanza frequente.
A) Miastenia gravis.
17. Un maschio di 55 anni, con esoftalmo destro da un mese, con B) Tromboflebite del seno cavernoso.
edema palpebrale e limitazione della motilità oculare estrinseca, C) Mucormicosi.
riferisce dolore e diplopia intermittente. Alla RM non si vede una D) Meningite basale.
massa ben definita, ma un ingrossamento diffuso di tutte le strut- E) Idrocefalo.
ture orbitarie. Con che quadro sono compatibili questi reperti?
22. Un bambino di 7 anni che presenta dolore e tumefazione
A) Pseudotumor orbitario. localizzata al canto esterno della palpebra superiore dell’oc-
B) Varicocele orbitario. chio destro da due giorni, presenta da una settimana un qua-
C) Infiltrazione orbitaria da metastasi. dro catarrale con febbricola. La diagnosi più probabile è?
D) Cellulite orbitaria.
E) Dacriocistite sub-acuta. A) Dacriocistite acuta.
B) Dacrioadenite acuta.
18. Sulla patologia orbitaria indica la risposta FALSA: C) Calazio.
D) Blefarite ulcerosa.
A) L’apparizione di esoftalmo di brusca insorgenza ci deve E) Congiuntivite batterica acuta.
far sospettare la presenza di un’emorragia orbitaria.
B) L’apparizione in un bambino di un esoftalmo severo, in- 23. Un bambino di 8 anni presenta una tumefazione doloro-
termittente ed unilaterale, che aumenta con il pianto, è sa al canto esterno della palpebra superiore sinistra da un
proprio di un varicocele orbitario. giorno. Quale di questi quadri sistemici è più probabile che
C) Una fistola carotido-cavernosa è caratterizzata da esoftal- sia in corso?
mo assiale e pulsatile con dilatazione dei vasi episclerali.
D) Il glioma del nervo ottico, tumore benigno più frequente A) Sindrome di Sjogren.
dell’infanzia, produce abitualmente un severo esoftalmo B) Malattia celiaca.
di rapida insorgenza. C) Diverticolo di Meckel.
E) Le varici orbitarie causano proptosi intermittente non as- D) Dacriocistite acuta.
sociata a segni esterni. E) Morbillo.

19. Un bambino di 10 anni con perdita progressiva di vista 24. Donna di 40 anni che presenta uveite e parotite, oltre che
nell’occhio sinistro da vari mesi all’esame obiettivo rivela un quadro di tumefazione dolorosa a livello della regione
una AV di 2/10 nell’occhio sinistro, c’è un difetto pupillare supero esterna dell’orbita. La paziente esegue una radio-
afferente relativo ed un leggero esoftalmo sinistro. Qual è la grafia del torace dove si osserva l’esistenza di un’adenopa-
diagnosi più probabile? tia ilare bilaterale. Segnali l’ipotesi corretta:

A) Emangioma orbitario. A) La paziente presenta tubercolosi.


B) Cellulite orbitaria. B) La paziente presenta la sindrome di Mikulics.
C) Rabdomiosarcoma. C) La paziente presenta la sindrome di Heerfordt.
D) Varici orbitarie. D) La paziente ha la granulomatosi di Wegener.
E) Glioma del nervo ottico. E) Nessuna delle precedenti.

20. Un maschio di 5 anni ha un importante edema con tumefa- 25. Un bambino di otto mesi presenta dalla nascita epifora
zione della palpebra destra, esoftalmo, paralisi della musco- continua con episodi di secrezioni purulente ed irritazione
latura estrinseca e chemosi congiuntivale purulenta. Come oculare. Quale delle seguenti misure possono risolvere il
unico antecedente la madre riferisce catarro da un settima- problema?
na. Quale diagnosi si sospetta?
A) Uso per un anno di eritromicina topica.
A) Congiuntivite batterica acuta. B) Rimozione del sacco lacrimale.
B) Cellulite presettale. C) Ipotensivanti topici.
C) Cellulite orbitaria. D) Impianto di punctum plug perforati.
D) Fistola carotido-cavernosa. E) Sondaggio della via lacrimale.
E) Cheratite erpetica.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

3
Oftalmologia • Domande
Test di ripasso
26. Una donna di 60 anni con epifora continua ed episodi di 31. Un paziente di 68 anni arriva al pronto soccorso con sen-
dacriocistite acuta ogni due mesi, che si risolvono con il sazione di corpo estraneo ed abbondante secrezione. Il
trattamento sistemico. Che trattamento è maggiormente problema iniziò nell’occhio destro e dopo poco ha colpito
indicato? anche l’occhio sinistro. All’esame obiettivo ritroviamo AV di
9/10 n OD e di 8/10 in OS. L’iperemia congiuntivale è più
A) Sondaggio della via lacrimale. marcata al fondo del sacco e ci sono follicoli sulla palpebra
B) Antibioticoterapia orale cronica (tetracicline). inferiore. Riferisce che 5 giorni prima era venuto al pronto
C) Corticosonici topici e sistemici ad ogni episodio acuto. soccorso perché vedeva mosche volanti e in quell’occasio-
D) Antibiotici ed antinfiammatori sistemici ad ogni episodio ne gli era stato praticato del laser sopra un rottura retinica
acuto. che presentava sulla retina. Rispetto alla sua patologia si
E) Ricostruzione chirurgica della via di drenaggio del sacco segnali l’opzione corretta:
lacrimale alla cavità nasale mediante osteotomia.
A) Uveite anteriore bilaterale
27. Un maschio di 78 anni riferisce epifora bilaterale. Qual è la B) Congiuntivite virale.
causa più probabile del suo problema? C) Congiuntivite allergica. Si tratta di una reazione da iper-
sensibilità ritardata al collirio midriatico.
A) Blefarite. D) Sclerite scatenata dal laser.
B) Ostruzione congenita della via lacrimale. E) Probabilmente presenta un distacco di retina bilaterale.
C) Dacriocistite cronica.
D) Entropion palpebrale. 32. Una donna di 30 anni, di professione prostituta, presenta da
E) Miastenia gravis. 5 giorni prurito senza dolore, sensazione di corpo estraneo
e secrezione oculare bilaterale. All’esplorazione si apprezza
28. Una donna di 50 anni che arriva in pronto soccorso con un iperemia congiuntivale, abbondante secrezione sierosa e
quadro di dolore, arrossamento e tumefazione del canto follicoli congiuntivali. All’anamnesi riferisce essudato bian-
interno ed inferiore dell’occhio. Il trattamento d’elezione è: castro vaginale. Qual è l’ipotesi corretta?

A) Antibiotici ed antinfiammatori topici e sistemici. A) Si tratta di una congiuntivite gonococcica che necessi-
B) Antibiotici ed antinfiammatori topici. terà di trattamento antibiotico betalattamico topico e
C) Iniezione intra-lesionale di corticosteroidi. sistemico.
D) Estirpazione chirurgica della ghiandola colpita. B) E’ una congiuntivite da inclusi, quindi sarà necessario trat-
E) Sondaggio delle vie lacrimali tamento topico con tetraciclina.
C) Allo striscio appariranno i germi inclusi nel citoplasma
29. Sulla dacriocistite del neonato è FALSO che: delle cellule epiteliali.
D) Si tratta di una congiuntivite ad eziologia immune, quindi
A) Si produce per una mancata perforazione congenita del sarà necessario un trattamento con corticosteroidi topici.
condotto nasolacrimale. E) Infezione da Herpes Simplex tipo 2.
B) A pochi giorni dalla nascita il bambino presenta fotofobia
e secrezioni purulente. 33. Si segnali l’opzione falsa in relazione alla patologia della
C) Può apparire epifora. cornea:
D) Se questo processo non funziona si dovrà realizzare una
dacricistorinostomia. A) Le ulcere fungine solitamente appaiono di colore grigia-
E) La pressione sul sacco lacrimale determina reflusso di stro con lesioni satellitari e presentano poco dolore e ar-
materiale purulento. rossamento oculare lieve.
B) L’aspetto di una striscia orizzontale bianca di aspetto
30. Un paziente di 10 anni con prurito oculare bilaterale, arros- granuloso nella cornea centrale è chiamato cheratopatia
samento, assenza di dolore, secrezioni mucose biancastre bollosa ed è associata con le uveiti anteriori ricorrenti.
ed appiccicose, lacrimazione e papille a livello della con- C) La cheratite neuroparalitica solitamente compare dopo
giuntiva tarsale, presenterà con maggior probabilità una di la lesione del nervo trigemino ed è tipicamente indolore.
queste entità: D) Il 95% delle ulcere erpetiche sono dovute ad herpes sim-
plex e solo il 5% ad herpes zoster.
A) Cheratocongiuntivite epidemica emorragica. E) Pseudomonas aeruginosa è tra i più comuni patogeni
B) Congiuntivite vernal. Gram- responsabili di cheratiti in pazienti portatori di len-
C) Febbre adenofaringocongiuntivale. ti a contatto.
D) Congiuntivite herpetica.
E) Blefarocongiuntivite squamosa.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

4
Test di ripasso

Oftalmologia • Domande
34. Rispetto al cheratocono quale delle seguenti affermazioni 39. Se un paziente arriva da voi con un arrossamento acuto del
è sbagliata? quadrante infero-esterno nell’occhio di destra, che si riduce
con adrenalina e non ci sono antecedenti traumatici, cosa
A) È caratterizzato da deformità ed assottigliamento corne- sospetti?
ale paracentrale.
B) La clinica inizia alla pubertà con l'instaurazione di un A) Congiuntivite.
astigmatismo irregolare. B) Pinguecola.
C) I'incidenza è maggiore nei pazienti con sindrome di C) Pterigium.
Down, Turner, Marfan e di Ehlers-Danlos. D) Episclerite.
D) È di solito risolto con una LASIK. E) Emorragia sub-congiuntivale.
E) E’ quasi sempre bilaterale.
40. Luisa è una donna di 77 anni che presenta progressiva dimi-
35. Il trattamento delle ustioni oculari dello sciatore causate nuzione dell'acuità visiva bilaterale da anni. Tuttavia, ora è
dalle radiazioni ultraviolette è, in prima istanza: in grado di leggere senza gli occhiali che aveva a causa della
presbiopia. Qual è la diagnosi più probabile?
A) Lavare con acqua abbondante.
B) Instillazione di collirio anestetico. A) Guarigione spontanea del difetto visivo.
C) Instillazione di collirio corticosteroide. B) Miopia assiale.
D) Utilizzo di sostituti lacrimali C) Cataratta.
E) Unguento antibiotico più occlusione. D) Degenerazione maculare (DMLE).
E) Distacco della retina.
36. Maschio di 75 anni che arriva in pronto soccorso con oc- chio
rosso doloroso da 3 giorni, visione offuscata, secrezioni, ipe- 41. SI decide di operare Luisa di cataratta nell'occhio di destra
remia pericheratica ed una macchia biancastra sullo spessore con la tecnica della facoemulsificazione. Per quanto riguar-
paracentrale della cornea, rotonda, che colora con fluorescei- da questa tecnica chirurgica, scegliere la risposta FALSA:
na. Ha qualche grado di miosi reattiva e cellule in camera an-
teriore. Che processo è? A) Si pratica un'incisione minima, che riduce l'astigmatismo
post- chirurgico.
A) Congiuntivite batterica acuta. B) Da questa incisione viene introdotto un terminale di ul-
B) Attacco di glaucoma acuto. trasuoni che scolpisce e frantuma la cataratta.
C) Cheratite erpetica. C) In molti casi non è necessario suturare l´incisione prati-
D) Ascesso corneale batterico. cata.
E) Nessuna delle precedenti. D) Si introduce una lente intraoculare pieghevole attraverso
l’incisione secondaria.
37. Rispetto al caso precedente, quale approccio si pensa sia E) Si aspira nucleo e corticale del cristallino preservando la
più corretto? capsula

A) Antibiotici e corticoidi topici. 42. Luisa si presenta in pronto soccorso 3 giorni dopo l'inter-
B) Raccogliere un campione per la coltura ed eseguire un vento chirurgico di facoemulsificazione, perché presenta
antibiogramma attendendo il risultato per poi eseguire improvvisamente occhi rossi, mal di testa e importante
il trattamento. diminuzione della visione che aveva recuperato dopo la
C) Unguento antibiotico più occlusione. chirurgia. All’esame obiettivo presenta iniezione ciliare,
D) Topici e sistemici antibiotici ad ampio spettro. secrezione, Tyndall molto intenso con ipopion e presenta
E) Trattamento intensivo con antibiotici topici ad ampio torbidità vitreale tanto che non è possibile distinguere le
spettro, in attesa dei risultati degli studi di microbiologia. strutture del fundus. Che complicanza postoperatoria è in
corso?
38. Un paziente che arriva in pronto soccorso con un'ulcera cor-
neale di aspetto dendritico, con grande reazione nel seg- A) Glaucoma causato da sinechie iridocorneali.
mento anteriore all'interno dell'occhio. Tutte queste misure, B) Cheratopatia bollosa.
eccetto una, sono corrette: C) Distacco di retina.
D) Endoftalmite batterica.
A) Pomata di aciclovir topico. E) Neuropatia ottica ischemica anteriore.
B) Collirio antibiotico.
C) Collirio miotico. 43. Una signora di 80 anni è stata operata di cataratta
D) Disepitelizzazione dei bordi dell'ulcera. nell’occhio destro mesi fa; come antecedente la pazien-
E) Collirio midriatico. te presentava una conta delle cellule endoteliali corneali

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

5
Oftalmologia • Domande
Test di ripasso
inferiore alla norma. Dopo l'intervento chirurgico non ha C) I beta-bloccanti sono particolarmente adatti in pazien-
riguadagnato visione, ma piuttosto il contrario, ed all’e- ti broncopatici, dato che la loro applicazione migliora il
same obiettivo presenta torbidità corneale con impor- controllo dell’asma allergico.
tante edema corneale stromale ed epiteliale, così come D) Le prostaglandine schiariscono il colore dell'iride.
formazione di alcune piccole vescicole che si rompono, E) L’acetazolamide per os è il farmaco di prima scelta.
danno luogo a erosioni epiteliali. Quale complicazione ha
il paziente? 48. Si segnali l’opzione FALSA per quanto riguarda gli effetti se-
condari che producono i farmaci ipotensivanti oculari:
A) Endoftalmite infettiva.
B) Il glaucoma da cattivo posizionamento della lente. A) Gli agonisti colinergici, come la pilocarpina, producono
C) L'opacità della capsula posteriore. miosi ed il loro uso continuato può portare a cataratta
D) Cheratopatia bollosa. precoce.
E) Cheratite erpetica. B) Gli agonisti alfa-adrenergici, come l’epinefrina, produco-
no midriasi, ipertensione, aritmie ed extrasistoli.
44. Per quanto riguarda l'epidemiologia della cecità nel mon- C) I beta-bloccanti topici possono causare bradicardia, ipo-
do, scegliere l’opzione falsa: tensione e broncodilatazione.
D) Gli inibitori dell'anidrasi carbonica, che includono l’ace-
A) Trovare un rimedio per la degenerazione maculare legata tazolamide, producono: parestesie, debolezza, spasmi
all'età è una delle priorità del who per l'anno 2020. addominali e favoriscono la formazione di calcoli renali.
B) La cataratta è la più importante causa di cecità reversibile. E) Tutte le precedenti sono corrette.
C) La patologia infettiva (tracoma e oncocerchisi) resta re-
sponsabile di milioni di casi di cecità nel terzo mondo. 49. Quale delle seguenti non è una tipica alterazione campime-
D) Il deficit di vitamina A (Xeroftalmia) rappresenta una pri- trica del glaucoma?
orità importante.
E) Il glaucoma è la principale causa di cecità irreversibile nel A) Scotoma isolato paracentrale.
mondo. B) Scotoma arciforme che si lega al punto cieco.
C) Salto nasale di Rønne.
45. Una di queste dichiarazioni circa l'epidemiologia del glau- D) Scotoma centrale o centrocecale.
coma semplice cronico (GCS) è falsa: E) Scotoma anulare.

A) Si verifica con maggiore frequenza in pazienti oltre 40 50. Un uomo di 55 anni si presenta con dolore all'occhio di de-
anni e la sua prevalenza è di circa l'1%. stra e diminuzione dell'acuità visiva da 24 ore. È ipermetro-
B) La storia familiare è un fattore di rischio del glaucoma pe ed ha avuto precedenti episodi di dolore retrobulbare,
cronico semplice, con eredità autosomico dominante. emicrania e diminuzione dell'acuità visiva transitoria. All’e-
C) E’ il glaucoma di più frequente riscontro. same obiettivo, presenta iperemia periciliare e midriasi are-
D) Il diabete è un fattore di rischio. attiva. Qual è la tua diagnosi?
E) La miopia maggiore anche.
A) Ascesso corneale.
46. Tra le manifestazioni del glaucoma cronico semplice (glau- B) Uveite anteriore acuta.
coma primario ad angolo aperto), non aspettatevi di trovare: C) Congiuntivite ricorrente.
D) Glaucoma acuto ad angolo stretto.
A) Alterazione della papilla del nervo ottico. E) Glaucoma cronico semplice.
B) Alterazioni del campo visivo.
C) Alti valori della pressione intraoculare. 51. Quale dei seguenti farmaci non è efficace nel trattamento
D) Pazienti adulto-anziani. del glaucoma acuto ad angolo stretto?
E) Assenza di fluttuazione o variazione diurna della pressio-
ne intraoculare. A) Diuretici osmotici.
B) Acetazolamide.
47. Rispetto ai farmaci anti-glaucomatosi segnali la risposta C) Corticosteroidi.
corretta: D) Betabloccanti.
E) Stimolanti adrenergici topici.
A) La pilocarpina rimane di scelta in quasi tutti i casi di glau-
coma cronico. 52. Un bambino di 7 mesi presenta storia di lacrimazione, fo-
B) Oggi i farmaci di prima scelta sono i betabloccanti e le tofobia e blefarospasmo bilaterale da settimane, all’esame
prostaglandine. obiettivo presenta cornea granulosa ed opaca. La diagnosi
più probabile sarà:

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

6
Test di ripasso

Oftalmologia • Domande
A) Congiuntivite neonatale. A) La maggior parte sono idiopatiche. Ecco perché, dopo un
B) L'atresia bilaterale delle vie lacrimali. primo episodio, non bisogna chiedere ulteriori test.
C) Cheratite erpetica bilaterale. B) Se interessa un giovane maschio, devi indagare su pro-
D) Glaucoma congenito. blemi di dolore di spalla o schiena.
E) Cheratocongiuntivite primaverile C) Per iniziare si dovrebbe procedere con i corticosteroidi
orali per evitare la comparsa di complicanze (glaucoma
53. 4 mesi fa, una donna di 74 anni ha manifestato una perdita per sinechie, cataratta).
di visione indolore, ma grave e permanente da un occhio. D) Se si sono formate sinechie, bisogna romperle, utilizzan-
Da 3 giorni, presenta dolore oculare molto grave e la PIO si do un midriatico.
è alzata a 62 mm Hg. La pupilla è in miosi. Quale sarebbe la E) Se c’è ipertensione oculare, si deve prescrivere un ipoto-
diagnosi? nizzante

A) Un’emorragia vitreale. 58. Un paziente riferisce visione offuscata e miodesopsie nell’


B) Un ipoema. occhio destro, non presenta dolore nè fotofobia. Il segmen-
C) Un glaucoma neovascolare. to anteriore è normale ma troviamo torbidità nel vitreo,
D) Distacco di retina infiammazione vascolare ed edema retinico. Qual è la dia-
E) Un attacco di glaucoma acuto ad angolo stretto. gnosi più probabile?

54. Per quanto riguarda la causa di tale perdita di visione che ha A) Distacco della retina regmatogeno.
subito pochi mesi prima, è probabile sia stata dovuta a: B) Uveite posteriore.
C) Distacco Posteriore di Vitreo
A) Occlusione dell'arteria retinica centrale. D) Occlusione dell'arteria centrale retinica.
B) Occlusione della vena centrale retinica. E) Neurite ottica anteriore.
C) Endoftalmite
D) Neurite. 59. Un paziente arriva al pronto soccorso con dolore, arrossa-
E) Glaucoma acuto ad angolo stretto. mento e diminuzione dell'acuità visiva nell'occhio di destra.
Iperemia pericheratica, materiale infiammatorio in camera
55. Una donna di 30 anni è venuta in pronto soccorso a causa anteriore che si deposita nel quadrante inferiore (ipopion),
di dolore ed arrossamento dell'occhio, con perdita della vi- IOP aumentata, la pupilla è in miosi e presenta sinechie e l'i-
sione da due giorni. All’esame obiettivo, l'occhio presenta ride è protrusa in avanti. Che cosa è indicato somministrare
iperemia pericheratica, torbidità in camera anteriore, miosi al paziente?
e una PIO di 35 mmHg. Qual è la diagnosi?
A) Antiipertensivo, pilocarpina e corticosteroidi topici.
A) Attacco acuto di glaucoma ad angolo stretto. B) Antiipertensivi e midriatici.
B) Uveite anteriore acuta. C) Iridotomia YAG.
C) Occlusione della Vena Centrale della Retina(VCR) D) Corticosteroidi topici, ipotensori e midriatici.
D) Ulcera corneale erpetica. E) Coticosteroidi topici
E) Distacco della retina.
60. Quale dei seguenti segni clinici non è tipico di un'uveite an-
56. Un paziente di 30 anni si presenta in ambulatorio per epi- teriore acuta?
sodi ripetuti di occhio rosso doloroso e visione offuscata.
Presenta lieve iperemia pericheratica, precipitati retrocor- A) Depositi sull’ epitelio corneale.
neali a grasso di montone, noduli dell'iride, sinechie po- B) Infiammazione Vascolare.
steriori e lieve Tyndall. Quale sarebbe il trattamento più C) Fenomeno di Tyndall.
appropriato? D) Miosi reattiva.
E) Iniezione pericheratica.
A) Antibiotici e midriatici.
B) Corticosteroidi. 61. Quale di questi microrganismi produce una retinopatia con
C) Corticosteroidi topici e midriatici. abbondanti essudati ed emorragie, colpendo esclusiva-
D) Antibiotici e corticosteroidi per os mente i pazienti immunodepressi?
E) Farmaci ipotensivi oculari topici, miotici e corticosteroidi
topici. A) Candida albicans.
B) Citomegalovirus.
57. Riguardo la gestione di un’uveite anteriore acuta, qual è C) Virus Herpetici
l’opzione falsa?: D) Toxocara canis.
E) Treponema pallidus.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

7
Oftalmologia • Domande
Test di ripasso
62. Per quanto riguarda l'uveite nell’artrite reumatoide giovani- 67. Qual è il trattamento di scelta per la retinopatia diabetica
le, si segnali l’alternativa falsa: proliferante?

A) È più frequente nella forma oligoarticolare. A) Trattare le zone di essudazione retinica con fotocoagu-
B) È tipica l'associazione con gli ANA. lazione.
C) Si dovrebbero rassicurare i genitori, perchè è un infiam- B) Panfotocoagulazione o vitrectomia.
mazione che in 24 ore si riduce. C) Monitoraggio Mensile per 12 mesi
D) La cataratta ed il glaucoma sono complicanze tipiche. D) Monitoraggio trimestrale e fotocoagulazione localizzata
E) Il paziente può presentare dolore oculare e tyndal posti- a livello dei neovasi che interessano la papilla.
tivo E) Direttamente intervento chirurgico di vitrectomia.

63. Un uomo anziano di 60 anni ha visto comparire nel suo 68. Un paziente di 40 anni è venuto in pronto soccorso per una
campo visivo delle miodesopsie da 2 mesi nell'occhio di perdita indolore di acuità visiva nell'occhio sinistro. Ha il
destra, che aumentano guardando una lampadina. L'acuità diabete mellito da più di 20 anni con scarso controllo meta-
visiva è conservata e non presenta lampi o scotomi nel suo bolico. Qual è la diagnosi più probabile?
campo visivo. Qual è la diagnosi più probabile?
A) Glaucoma neovascolare.
A) Distacco posteriore di vitreo. B) Neurite retrobulbare.
B) Distacco della retina. C) Emorragia vitreale.
C) Uveite posteriore. D) Uveite anteriore acuta
D) Uveite anteriore E) Papilledema diabetico.
E) Massiccia emorragia vitreale.
69. Un diabetico non insulino-dipendente, da 12 anni va dall'ocu-
64. Se si esplora la retina di un paziente e si vede una rottura lista per la prima volta. L'acuità visiva nell'occhio destro è 1/10
retinica, qual è l’atteggiamento migliore?: e si apprezzano al fundo oculare essudati lipidici ed edema
retinico in area maculare. L’atteggiamento più accurato sarà:
A) Panfotocoagulazione.
B) Fotocoagulazione intorno alla rottura. A) Aspettiamo il riassorbimento spontaneo dell’edema.
C) Iniezione intravitreale di antibiotici. B) Somministrare corticosteroidi sistemici.
D) Applicazione di midriatici e corticosteroidi. C) Eseguire panfotocoagulazione retinica.
E) Vitrectomia. D) Fare un FAG(fluorangiografia) per individuare le aree
ischemiche e fotocoagularle in maniera selettiva.
65. Per la gestione abituale del distacco di retina regmatogeno E) Monitoraggio trimestrale dell’edema in attesa di risolu-
è falso che: zione spontanea.

A) Prima di essere operato, il paziente deve mantenere una 70. Una delle seguenti affermazioni relative alle emorragie vi-
determinata posizione. treali è falsa, quale?:
B) Si può posizionare una banda di silicone sul piano equa-
toriale, che indenta la zona della rottura. A) Il paziente riferisce perdita di visione.
C) Si può applicare crioterapia sulla rottura. B) Non c'è perdita del riflesso pupillare.
D) La vitrectomia non è mai indicata. C) Le cause più frequenti sono: la retinopatia diabetica, le
E) Si può applicare laser terapia ab interno intorno alla rottura. rotture retiniche e le trombosi venose retiniche.
D) Il trattamento esclusivo è l’attesa.
66. Un uomo di 72 anni di età, ha una riduzione del visus da E) Se sono molto dense, l’ecografia è utile per scartare la
3 settimane nell’occhio destro. Al fundus oculi si apprezza patologia retinica.
una massa nodulare non pigmentata che provoca un distac-
co essudativo della retina nel quadrante supero-temporale 71. Un diabetico va per la prima volta dall’oculista, inviato
e un'altra massa, di diametro inferiore, ma con le stesse ca- dal medico di medicina generale. La PIO è 28 mmHg e alla
ratteristiche nel quadrante nasale infero-posteriore. La dia- gonioscopia si apprezzano neovasi che chiudono per 180°
gnosi più probabile è: l’ angolo iridocorneale. In questa situazione, è indicata:

A) Melanoma coroideo. A) Trabeculectomia urgente.


B) Angioma coroideale. B) Trabeculoplastica urgente.
C) Metastasi. C) Iridotomia urgente.
D) Occlusione della VCR D) Panfotocoagulazione urgente.
E) Glioma. E) Fotocoagulazione selettiva

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

8
Test di ripasso

Oftalmologia • Domande
72. Riguardo l'occlusione dell'arteria centrale retinica si segnali 77. Una membrana neovascolare subretinica è una complica-
il falso: zione tipica:

A) Al fondo oculare è presente la macchia rosso ciliegia. A) Della degenerazione maculare legata età.
B) La visione centrale è conservata. B) Del distacco posteriore di vitreo
C) L’eziologia per lo più è di origine embolica. C) Dell’occlusione della vena central della retina.
D) La fibrillazione atriale è un fattore predisponente. D) Del distacco di retina.
E) È di utilità diagnostica un ecocolor- doppler carotideo ed E) Della retinite pigmentosa.
un ECG.
78. Quale malattia causa emeralopia ed una progressiva dimi-
73. Una donna di 62 anni, ipertesa e con storia di PIO elevata, nuzione del campo visivo periferico bilaterale dall'età scola-
accede in pronto soccorso riferendo un’importante riduzio- re, con restringimento arterioso, atrofia della papilla e ciuffi
ne indolore dell'acuità visiva nell’occhio sinistro. All’esame di pigmento nero sulla retina?
obiettivo del fundo presenta abbondante emorragia, essu-
dazione cotonosa, ingorgo venoso, tortuosità vascolare e A) Malattia di Tay - Sachs.
papilledema. Qual è la diagnosi più probabile tra le seguenti? B) Lupus eritematoso sistemico.
C) Distrofia dei coni.
A) Massiccia emorragia vitreale. D) Retinite pigmentosa.
B) Distacco di retina. E) Retinopatia diabetica
C) Neurite ottica retrobulbare.
D) Trombosi della vena centrale retinica. 79. Antonio gioca con la squadra di basket della scuola. La sua
E) Occlusione dell’arteria centrale retinica grande statura e le sue lunghe dita fanno di lui un gran-
de giocatore, anche se ha avuto molte distorsioni. Viene in
74. Per quanto riguarda lo sviluppo della degenerazione macu- pronto soccorso accompagnato dal suo allenatore. Riferi-
lare associata all'età(DMLE) indichi la risposta corretta: sce dolore e visione doppia nell'occhio di destra dove ha
ricevuto un colpo. All’esplorazione si osserva che la visione
A) È la più comune causa di cecità irreversibile nei paesi oc- doppia riguarda solo l’occhio destro. Indicare l'opzione più
cidentali. probabile:
B) Ci sono due forme: essudativa ed emorragica
C) La drusen è un deposito di materiale di scarto che com- A) Lesione del IV nervo cranico (questa è il paio che si lesio-
pare all'interno delle cellule ganglionari. na più frequentemente).
D) Il consumo di una dieta ad alto contenuto di vitamina C B) Lesioni del III nervo cranico, bisogna chiedere una TAC
ne previene l’insorgenza. urgente, poiché è possibile che stia soffrendo di un’ernia
E) Ci sono due forme: atrofica ed ipertrofica. dell’uncus.
C) Distacco della retina regmatogeno.
75. La comparsa di drusen nella zona maculare può precedere D) Diplopia monoculare. È probabile che abbia subito una
lo sviluppo di una patologia caratterizzata da metamorfop- sublussazione della lente.
sie, riduzione dell'acuità visiva ed è la più comune causa di E) Lesione del VI nervo cranico
cecità irreversibile nel mondo occidentale; segnalatela tra
le seguenti opzioni: 80. Un paziente di 25 anni improvvisamente presenta un qua-
dro di intensa cefalea e diplopia con limitazione dell’eleva-
A) Retinopatia diabetica non proliferante con edema macu- zione, della depressione e dell’adduzione dello sguardo, ha
lare. la pupilla midriatica, il riflesso diretto e con- sensuale sono
B) Occlusione dell'arteria centrale retinica. torpidi nell’occhio interessato, ma il riflesso consensuale è
C) Retinite pigmentosa. conservato nell'occhio controlaterale. Quale atteggiamen-
D) Degenerazione maculare. to ti sembra più appropriato?
E) Distacco di retina
A) Valutazione del fundus oculi e se non c'è nessun papille-
76. Quale alterazione campimetrica in genere accompagna dema, eseguire la puntura lombare.
questa malattia? B) Valutazione del fundus oculi e se c’è papilledema esegui-
re una TC.
A) Scotoma centrale. C) Richiedere TC o MRI direttamente, se non migliora entro
B) Emianopsia eteronima bitemporale 48 ore.
C) Emianopsia altitudinale. D) Effettuare un'angiografia cerebrale appena possibile.
D) Emianopsia omonima. E) Inviare all’unità di strabismo per valutare l’evoluzione in
E) Aumento della macchia cieca. un mese.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

9
Oftalmologia • Domande
Test di ripasso
81. Donna di 67 anni, operata quattro anni fa di un adenocar- 85. Riguardo la cataratta congenita, sottolineare ciò che è falso:
cinoma del seno, presenta da 1 mese continui mal di testa
e da 2 settimane diplopia; all’esame obiettivo notiamo l’im- A) Se è densa e colpisce l'asse visivo, deve essere operata
possibilità di eseguire la lateroversione con entrambi gli il prima possibile per prevenire lo sviluppo di ambliopia.
occhi. Quale sarebbe il vostro primo sospetto diagnostico? B) Se è unilaterale, dobbiamo rassicurare i genitori, dato che
in questi casi l'ambliopia è rara.
A) Una paralisi paraneoplastica di entrambi i retti esterni. C) Se è densa ed avanzata può essere utile una biometria
B) Una paralisi del VI paio di nervi cranici bilaterale, di proba- per valutare le condizioni della retina
bile eziologia ischemica. D) È la causa più frequente di leucocoria.
C) Una metastasi occupante spazio. E) È necessario escludere l'esistenza di galattosemia, dato
D) Ipertensione endocranica secondaria ad una metastasi. che trattando la malattia, la cataratta può regredire.
E) Sublussazione del cristallino
86. Lavorate in un ospedale pediatrico e venite chiamati dal ne-
82. Un paziente di 60 anni dopo un TCE moderato, riferisce di- onatologo affinché si valuti una bimba appena nata, dato
plopia (guardando il suo polso vede due orologi, uno sopra che ha le pupille molto grandi. All’esame obiettivo, si rileva
l'altro). Non presenta alcuna alterazione pupillare o ptosi l'assenza dell'iride. Si devono informare i genitori che:
ma ha il torcicollo, dato che ha l’ atteggiamento della testa
deviato verso la spalla destra. Quale alterazione neuroftal- A) Ci sia la probabilità che abbia l'epilessia.
mologica presenta? B) Può avere un difetto nel metabolismo del rame, per il
quale dovrebbe essere valutata da un endocrinologo.
A) Coinvolgimento del IV nervo cranico. C) Può esserci l’associazione con la lussazione congenita
B) Coinvolgimento parcellare del III nervo cranico dell'anca.
C) Completo coinvolgimento del III craniale. D) Ha l’aniridia, ed esiste un’associazione con il tumore di
D) Coinvolgimento del VI nervo cranico. Wilms.
E) Oftalmoplegia internucleare. E) Dobbiamo rassicurare i genitori, dato che è una situa-
zione molto frequente senza alcuna conseguenza per lo
83. Riguardo il torcicollo da causa oftalmologica si segnali l’op- sviluppo del visus
zione falsa:
87. Per quanto riguarda queste associazioni, indicare quella
A) Nella ptosi si produce un’elevazione del mento. falsa:
B) Nella paralisi del IV nervo cranico, il paziente devia la testa
verso la spalla omolaterale alla lesione. A) Wilms - aniridia.
C) Nella paralisi del VI, avviene una rotazione orizzontale ver- B) Marfan - sublussazione del cristallino.
so il lato della lesione. C) Oftalmopatia distiroidea - ipertrofia dell'epitelio pigmen-
D) In caso di nistagmo, cercare la posizione di blocco. tato della retina.
E) La 1 e la 4 D) Epatite - ittero.
E) Diabete-cataratta precoce
84. Un bambino di 9 anni ha prurito ed arrossamento dell’oc-
chio sinistro quando fa i compiti. I suoi genitori non hanno 88. Circa il retinoblastoma, non è vero che:
notato nessuna alterazione visiva e incolpano il bambino
di essere un cattivo studente. L’esame obiettivo mostra A) È il tumore maligno intraoculare più comune nei bambini
acuità visiva normale nell'occhio di destra (10/10), mentre e la sua incidenza è di circa 1/20.000.
è diminuita nell'occhio sinistro (2/10). Praticando lo studio B) Senza trattamento è quasi sempre letale.
della rifrazione sotto cicloplegia l’occhio di destra risulta C) Nel 60% dei casi sono unilaterali, bilaterali nel 40%. Inol-
emmetrope, mentre a sinistra c'è una miopia di 3 diottrie e tre, in alcuni casi sono trilaterali.
un astigmatismo di 2 diottrie. Inserendo questa correzione D) Non ha mai diffusione metastatica.
all’occhio sinistro, l'acuità visiva non migliora dai 2/10. Ciò E) Può avere espansione endofitica o esofitica
può essere perché:
89. Una donna di 21 anni ha diplopia intermittente e ptosi pro-
A) La rifrazione non è corretta. In questo caso non bisogna gressiva durante tutta la giornata. Riferisce anche fatica da
misurarla con la cicloplegia perché si paralizza l’accomo- un paio di settimane. Quale test diagnostico sembrerebbe
dazione. il meno urgente tra i seguenti per la diagnosi?
B) Il bambino è un cattivo studente e sta simulando.
C) Retinoblastoma. A) Tensilon Test.
D) Ambliopia anisometropica. B) Determinazione di anticorpi anti recettore ACh.
E) Il bambino ha un ritardo cognitivo C) Elettromiografia.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

10
Test di ripasso

Oftalmologia • Domande
D) TC o MRI orbitarie. C) Controllo di fattori di rischio cardiovascolare.
E) Determinazione di anticorpi diretti contro il recettore chi- D) Ossigenoterapia al 100%.
nasico muscolo-specifico, MuSK. E) Correzione del difetto refrattivo

90. Riguardo la NOIA arteritica Indichi la risposta falsa: 95. In quale di queste condizioni non si produce papilledema?

A) Può associarsi a claudicazio della mandibola, A) Meningioma della guaina del nervo ottico.
B) La papilla assume aspetto bianco perlaceo per un’ische- B) Neuropatia ottica virale.
mia intensa, C) Avvelenamento da alcool metilico.
C) Al campo visivo si presenta con emianopsia altitudinale. D) Atrofia ottica ereditaria dominante.
D) Risponde a boli di metil prednisolone E) Neuropatia ottica ischemica anteriore
E) Può associarsi a doloti articolari della pelvi o scapolo-
omerale, iperalgesia cutanea e perdita di peso. 96. A una donna di 30 anni è stata diagnosticata una neurite ot-
tica retrobulbare. Quale malattia sistemica dovrebbe essere
91. Un paziente di 25 anni presenta: perdita dell’ acuità visiva sospettata per la frequente associazione?
unilaterale, alterazione della percezione dei colori e della
sensibilità luminosa, difetto pupillare afferente relativo e A) Sclerosi multipla.
edema papillare in un occhio. Qual è l’eziologia più frequen- B) S. Marfan
te per questa patologia? C) Artrite reumatoide.
D) Diabete mellito.
A) Virosi. E) Spondilite anchilosante.
B) Sclerosi multipla.
C) NOIA arteritica 97. Che manifestazione neuro oftalmologica accompagnereb-
D) Alterazione aterosclerotica delle arterie ciliari posteriori. be il quadro precedente?
E) Patologia ipofisaria.
A) Normale acuità visiva.
92. Un paziente con un difetto campimetrico centrale unilate- B) Dolore che aumenta con i movimenti oculari.
rale, e che all’esplorazione non mostra alcuna alterazione C) Alterazione campimetrica altitudinale
retinica, presenterà sicuramente: D) La papilla dell'occhio coinvolto offuscata ai bordi.
E) Alterazione campimetrica «canna di fucile».
A) Un glaucoma cronico semplice.
B) Un distacco della retina. 98. Un paziente di 25 anni dice di aver perso improvvisamente gran
C) Una neuropatia ottica posteriore. parte della sua visione nell'occhio destro durante il servizio mi-
D) Una lesione della via ottica unilaterale. litare. Sostiene che poche settimane fa qualcosa di simile è ac-
E) Maculopatia atrofica caduto nel suo occhio sinistro, dopo una lunga notte in cui ha
consumato una notevole quantità di alcol e tabacco. L'AV è di
93. Un maschio di 82 anni di età ha detto di aver notato una per- 1/10 in OD e 2/10 in OS. L’esame del segmento anteriore è nor-
dita di visus da circa 3 giorni. Questa perdita di visione è male. AL fondo mostra i bordi del disco ottico sfumati e qual-
stata preceduta da mal di testa ed un certo disagio nel masti- che dilatazione dei capillari peripapillari. Per quanto riguarda la
care. All’esame obiettivo troviamo una papilla a bordi sfuma- gestione di questo paziente, scegliere la risposta giusta:
ti. Per quanto riguarda la malattia del paziente indichi la falsa:
A) Sicuramente simula per ottenere un permesso supple-
A) È tipico trovare un grave difetto del campo visivo. mentare, ignorare i suoi sintomi.
B) È necessario iniziare il trattamento con corticosteroidi i.v. B) Potrebbe essere affetto da una neuropatia ottica di Leber,
C) Malgrado il trattamento con corticosteroidi la prognosi una malattia ereditaria.
visiva è negativa. C) Potrebbe essere affetto da maculopatia miopica
D) Il paziente può presentare iperalgesia cutaneae perdita D) Potrebbe essere affetto da una neuropatia ottica autoso-
di peso. . mica dominante (tipo Kjer).
E) E’ necessario iniziare un trattamento con ipotonizzanti E) È probabile che esso abbia subito un episodio di neuro-
topici. patia ottica ischemica anteriore arteritica.

94. Se nel caso precedente trovavamo solo un calo visivo ma 99. La conferma diagnostica del caso precedente si realizza
con una VES normale, qual era l’atteggiamento corretto? con:

A) Stabilire la terapia anticoagulante (dicumarolici). A) Con un campo visivo.


B) Trattare con fans invece di steroidi. B) Con una tomografia a coerenza ottica.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

11
Oftalmologia • Domande
Test di ripasso
C) Con un test genetico. 104. Un paziente di 45 anni presenta un'alterazione campimetri-
D) Con un’angiografia con verde indocianina ca omonima superiore sinistra. Quale delle seguenti è l’ezio-
E) Con una risonanza magnetica. logia e la posizione più probabile della lesione?

100. Si è effettuato il test genetico, che è risultato positivo. Quin- A) Tumore nel lobo temporale di destra.
dici anni dopo il paziente chiede una consulenza genetica. B) Ematoma parietale sinistra.
Quale delle seguenti affermazioni è giusta?: C) Ematoma parietale di destra
D) Contusione cerebrale parietale di sinistra.
A) Il 100% dei suoi figli soffriranno la malattia. E) Infarto del corpo genicolato laterale di destra.
B) Si stima che c’è la probabilità del 50% per i suoi figli di
avere la malattia. 105. Il chirurgo cardiovascolare è stato chiamato perché un pa-
C) Si stima che c’è la probabilità del 25% per i suoi figli di ziente ha avuto un lungo intervento (sostituzione valvolare
avere la malattia. con by pass coronarico) e riferisce un’importante perdita
D) La cosa più probabile è che nessuno dei suoi figli con- visiva dopo il risveglio dall'anestesia. All’esame obietti-
tragga la malattia. vo si osserva un’alterazione campimetrica che colpisce l’e-
E) Si stima che c’è la probabilità del 50% per le sue figlie di micampo destro con conservazione della visione centrale.
avere la malattia. I riflessi pupillari sono normali. Ci si aspetterà di trovare alla
TC cerebrale:
101. Riguardo la patologia pupillare, scegliere la risposta falsa:
A) Infarto ACA destra.
A) La pupilla tonica di Adie è caratterizzata dalla riduzione o B) Infarto ACA sinistra.
abolizione del riflesso fotomotore.. C) Infarto della ACP destra.
B) Il segno di Argyll-Robertson è quasi sempre bilaterale e D) Infarto della ACP sinistra.
consiste nell’abolizione del riflesso miotico alla stimola- E) Infarto che colpisce simultaneamente i lobi temporali e
zione luminosa, con conservazione della miosi all’ acco- parietali.
modazione e convergenza.
C) Nell’anisocoria essenziale la differenza tra entrambi i dia- 106. Una delle seguenti affermazioni riguardanti la retinite da
metri pupillari aumenta al buio. CMV è errata:
D) Nella pupilla tonica di Adie durante l’accomodazione la
pupilla si restringe diventando più piccola di quella nor- A) Può presentarsi nei pazienti HIV+
male e impiega un tempo maggiore per dilatarsi. B) Rimane molto comune nei pazienti HIV+ nei paesi indu-
E) Le dimensioni pupillari sono il risultato dell’interazione strializzati.
del muscolo sfintere e dilatatore della pupilla C) Si presenta con essudati ed emorragie retiniche
D) Appare quando il numero dei linfociti CD4 è molto basso.
102. Un paziente arriva in pronto soccorso riferendo amau- E) Si tratta con ganciclovir o foscarnet.
rosi improvvisa bilaterale di rapida insorgenza. Il riflesso
fotomotore è conservato in entrambi gli occhi. Quindi l'al- 107. Rispetto ad i traumatismi oculari, una delle seguenti affer-
terazione deve essere: mazioni è corretta:

A) A livello di entrambi i cristallini. A) In un paziente con un'ustione causata da calore o radia-


B) A livello delle due retine. zioni ultraviolette è molto importante lavare rapidamen-
C) A livello di entrambi i nervi ottici. te con abbondante soluzione fisiologica.
D) A livello della corteccia occipitale. B) Quando il paziente presenta un corpo estraneo corneale
E) A livello del chiasma ottico è necessario rimuoverlo ed applicare pomata antibiotica.
C) Se si sospetta la presenza di un corpo estraneo intra-
103. Dove localizziamo una lesione che produce una emianopsia oculare metallico è fondamentale fare una RM per la
omonima sinistra con rispetto maculare? pianificazione corretta della vitrectomia.
D) In caso in cui un agente chimico venga a contatto con
A) Lobo temporale di destra. l’occhio è fondamentale un’ attenta anamnesi per cer-
B) Lobo parietale di sinistra. care di capire la natura dell’agente caustico e utilizzare il
C) Lobo occipitale di destra. neutralizzante più adatto
D) Lobo parietale di destra. E) La frattura orbitaria interessa principalmente la parete
E) Lobo occipitale di sinistra. temporale dell'orbita.

108. Un paziente con lupus eritematoso sistemico in trattamen-


to da 10 anni, si reca in Pronto Soccorso con una significa-

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

12
Test di ripasso

Oftalmologia • Domande
tiva riduzione dell'acuità visiva, iperpigmentazione della
fovea che appare circondata da una zona di colore chiaro
ipopigmentata, che a sua volta è circondata da un'altra
area depigmentata. Quale dei seguenti farmaci assunti dal
paziente potrebbe essere la causa di queste lesioni?

A) Acido acetilsalicilico.
B) Ibuprofene.
C) Clorochina.
D) Cortisone.
E) Prednisone.

109. Un paziente di 74 anni, è programmato per il trattamento


chirurgico di una cataratta nucleare. L'AV è 4/10 in OO. Il
fondo oculare è normale. Il paziente afferma di non avere
malattie, tuttavia quando gli viene chiesto se prende far-
maci, il paziente riconosce che prende alcune pillole. Da 4
anni è in terapia con enalapril per controllare la pressione
sanguigna. Prende metformina anche da pochi mesi, poi-
ché non è diabetico, ma ha la glicemia leggermente eleva-
ta. Non ha sintomi a livello polmonare, ma per aver fumato,
ha una piccola bronchite, quindi quest'inverno ha utilizzato
un inalatore di cui non ricorda il nome, inoltre da anni pren-
de una piccola pillola bianca per la prostata. Ha consumato
anche il sildenafil, non perché ne abbia bisogno, ma solo
per «aiutare». Il paziente deve operarsi di cataratta nell’oc-
chio destro. All'inizio dell'intervento chirurgico presenta
una dilatazione pupillare intermedia, che si perde durante
la chirurgia. Si nota anche una tendenza molto importante
dell'iride a prolassare attraverso le incisioni. Si segnalino le
circostanze riferite che abbiano verosimilmente relazione
con quello che è successo:

A) Diabetico da più tempo di quello che crede.


B) La colpevole è probabilmente la piccolo pillola bianca
per la prostata..
C) Questo effetto collaterale è dovuto alla tossicità del ta-
bacco sul muscolo dilatatore pupilla.
D) È un tipico effetto collaterale di alcuni inalatori.
E) E’ una problematica tipica di tutti I diabetici.

CTO Italia • www.ctomedicina.it • Tel.: (0039) 800 797 120 • E-mail: informazioni@ctomedicina.it

13