Sei sulla pagina 1di 12

In collaborazione con

TO SU
PA
Comune di M

STA
SERRASTRETTA

A1 %
00
(Prov. di CATANZARO)

CA

AT
RT
A RICICL

Raccolta
diffeRenziata
poRta a poRta
(Raccolta diffeRenziata domiciliaRe integRata dei Rifiuti)

guida peR il cittadino

MULTILEGGERO VETRO CARTA E UMIDO SECCO NON


PLASTICA - METALLO CARTONE ORGANICO RICICLABILE
INTRODUZIONE
Comune di
SERRASTRETTA

Che cos’è la raccolta differenziata “porta a porta”?


È un metodo di raccolta domiciliare dei rifiuti.
I cittadini separano (ovvero “differenziano”) i rifiuti per tipologia di materiale
e li conferiscono differenziati, presso la propria abitazione, nei giorni e nei
modi stabiliti dal calendario di raccolta.

Perché fare la raccolta differenziata?


Differenziare e incrementare la raccolta differenziata ormai sono diventati una
necessità ed una scelta obbligata per affrontare e cercare di migliorare una
situazione che in tutto il mondo si fa sempre più drammatica: l’aumento
progressivo della produzione di rifiuti e del consumo di risorse naturali.
Alcuni vantaggi:

n I rifiuti differenziati vengono riciclati e diventano risorse ovvero


prodotti, materiali o sostanze da utilizzare;
n Risparmio di nuove risorse e materie prime;
n Meno discariche, inceneritori e meno impatti ambientali;
n Risparmio economico sulla tariffa, perché diminuiscono i costi
di conferimento;
n Paesi più puliti, maggiore decoro urbano;
n Superamento delle emergenze rifiuti.
Differenziare non basta!
L’obiettivo finale deve essere un mutamento delle proprie abitudini di vita e
di consumo, verso uno stile di vita più eco-sostenibile, necessario per lasciare
ai nostri figli un mondo migliore e più vivibile.
Differenziare è fondamentale: bisogna aumentare progressivamente le
frazioni di rifiuti avviate al riciclo e recupero e la qualità del materiale
differenziato, riducendo le frazioni residuali destinate allo smaltimento.
Ma non basta raccogliere in modo differenziato, anzi ciò non è di per sé
nemmeno un obiettivo: la virtuosità di un sistema si misura su quanto viene
realmente evitato o riutilizzato.
Il problema vero è quello della riduzione dei rifiuti stessi.
Dobbiamo imparare a ridurre la produzione di rifiuti e il riuso degli oggetti
ancora utili.
COME SI FA LA DIFFERENZIATA
PORTA A PORTA?

Ogni cittadino, seguendo puntualmente le regole e le modalità di


differenziazione indicate nella presente guida, deve effettuare la separazione
dei rifiuti nella propria abitazione ed occuparsi di esporre, all’esterno della
stessa, ed esclusivamente nei giorni previsti dal calendario, i sacchetti e/o i
contenitori con i rifiuti prodotti, distinti come richiesto, affinché vengano
raccolti dagli operatori.

n I sacchetti e/o i contenitori devono essere sempre ben chiusi per


evitare spargimento di materiale.
n Bisogna esporre i sacchetti e/o i contenitori all’esterno della
proprietà privata, sul ciglio stradale della via pubblica.
n Il conferimento deve avvenire in modo separato, per ogni tipologia
di rifiuto, nei giorni stabiliti nel calendario di raccolta.
n I sacchetti devono essere conferiti solo nei giorni e negli
orari prefissati, in occasione dei passaggi degli operatori, in modo
da rimanere incustoditi il minor tempo possibile.

Alcune regole da seguire:


SEPARA correttamente gli imballaggi in base al materiale di cui sono
fatti e mettili nell’apposito sacchetto per la raccolta differenziata.

RIDUCI sempre, se possibile, il volume degli imballaggi: SCHIACCIA le


lattine e le bottiglie di plastica richiudendole poi con il tappo,
COMPRIMI carta e cartone. Se fai questo, renderai più efficace il
servizio di raccolta differenziata.

DIVIDI, quando è possibile, gli imballaggi composti da più materiali, ad


esempio i contenitori di plastica delle merendine dalla vaschetta di
cartone oppure i barattoli di vetro dal tappo di metallo. Se fai questo,
limiterai le impurità e permetterai di riciclare più materiale.

TOGLI gli scarti e i residui di cibo dagli imballaggi prima di metterli nei
sacchetti per la raccolta differenziata. SCIACQUA i contenitori in
plastica, vetro e tetrapak. Se fai questo, ridurrai le quantità di materiali
che vengono scartate.
MULTIMATERIALE “LEGGERO”:
PLASTICA - METALLO
GIALLO
PLASTICA
COSA SONO
Sono i contenitori e gli imballi con cui vengono confezionati i prodotti finiti che si
acquistano in negozio, sia di tipo alimentare che non. Le tipologie di plastica
riciclabile sono contrassegnate dalle sigle PE, PP, PET, PVC, PS (polistirolo).

Bottiglie (per acqua, bibite, latte e succhi) • Flaconi (per


SI detersivi, detergenti, shampoo, prodotti per l’igiene della
persona e della casa in genere) • Sacchi, sacchetti, buste
(sia per contenere prodotti di qualsiasi genere che per
asporto merci) • Imballaggi flessibili sigillati
automaticamente (per biscotti, patatine, merendine)
• Vaschette, barattoli, tubetti e vasetti (di qualsiasi forma e
misura con qualsiasi tipologia di plastica siano prodotti)
• Tanichette (acqua distillata) • Piatti e bicchieri monouso
in plastica • Posate usa e getta • Coperchi e tappi di plastica.

Giocattoli • Canne per irrigazione • Grucce appendiabiti


NO • CD, DVD e videocassette • Accessori auto • Contenitori
in plastica molto sporchi o pieni • Sacconi per materiale
edile • Imballaggi per colle • Contenitori di vernici e solventi
• Contenitori per liquidi tossici e infiammabili.

COME VANNO CONFERITI


È importante assicurarsi che gli imballaggi non contengano residui evidenti del
contenuto; se regolarmente svuotati, non è di norma necessario lavarli, anche se,
per limitare i cattivi odori, è preferibile sciacquare i contenitori prima di buttarli.
Inoltre, per ridurre il volume e ottimizzare così conferimento e raccolta, occorre,
quando è possibile, schiacciare bottiglie e contenitori preferibilmente in senso
orizzontale, e togliere i tappi di metallo.

Vanno raccolti nell’apposito SACCHETTO GIALLO


insieme al Metallo
MULTIMATERIALE “LEGGERO”:
PLASTICA - METALLO
GIALLO
METALLO
COSA SONO
Sono i contenitori in alluminio o acciaio con cui vengono confezionati i prodotti
alimentari e non.

Lattine per bevande • Contenitori e scatolette per alimenti


SI che hanno contenuto: legumi in genere, conserve, frutta
sciroppata, tonno, sardine, olio di oliva, carne, alimenti per
animali, alcune bevande e caffè • Vaschette e vassoi per la
conservazione, la cottura e il congelamento dei cibi
• Bombolette spray per alimenti (ad es. panna) e prodotti
per l’igiene personale e per la cosmetica (deodoranti,
lacche per capelli) • Tubetti per conserve o prodotti per la
cosmetica • Chiusure metalliche per vasetti di vetro, come
quelle delle confetture, delle marmellate, del miele e delle
passate di pomodoro • Tappi a corona e capsule applicati
sulle bottiglie per acqua, olio, vino e liquori • Scatole in
acciaio utilizzate per le confezioni regalo di biscotti,
cioccolatini, caramelle, dolci e liquori • Foglio di alluminio
per alimenti (involucri per cioccolato, coperchi dello yogurt,
rotolo da cucina).

Oggetti in metallo diversi dagli imballaggi • Bombolette


NO spray non esaurite • Contenitori etichettati come pericolosi
• Tubi • Contenitori per vernici e colle.

COME VANNO CONFERITI


Il metallo da imballaggio va conferito lavato, pulito e pressato per ridurre il volume,
quando possibile.

Vanno raccolti nell’apposito SACCHETTO GIALLO


insieme alla Plastica
VETRO

VERDE

COSA SONO
Sono i contenitori in vetro con cui vengono confezionati i prodotti alimentari e non.

Bottiglie • Vasetti e barattoli • Contenitori di vetro in genere,


SI con i tappi tolti • Bicchieri • Vetri vari.

Lampadine • Neon • Oggetti in ceramica • Porcellana


NO • Specchi • Cristalli • Boccette di profumo • Pirofile in
vetroceramica (Pyrex) • Occhiali • Vetro accoppiato • Vetro
retinato • Confezioni in vetro di farmaci usati.

COME VANNO CONFERITI


Il vetro va conferito lavato e pulito. Pertanto, sciacqua i contenitori prima di buttarli
e puliscili da altri eventuali residui. Togli i tappi di metallo da contenitori e bottiglie
di vetro.

Vanno raccolti nell’apposito SACCHETTO VERDE


CARTA E
CARTONE
BLU

COSA SONO
Oltre agli imballaggi in carta e cartoncino, con la raccolta differenziata si raccolgono
tutti i tipi di carta inclusa quella per usi grafici, la carta da disegno o per fotocopie e
quella per la produzione dei giornali.

Sacchetti di carta • Imballaggi in cartone ondulato • Scatole


SI per alimenti, detersivi e scarpe • Astucci e fascette in
cartoncino • Giornali e riviste, libri e quaderni senza
copertina plastificata, opuscoli, fotocopie e stampati vari
• Brick del latte, succhi di frutta, vino, panna e similari
(Tetra Pack).

Carta e contenitori molto unti • Carta plastificata • Carta


NO chimica • Carta carbone • Carta da parati • Carta vetrata
• Carta con residui di colla o altre sostanze • Bicchieri e piatti
di carta • Cellophane • Nylon • Carta oleata • Carta da forno.

COME VANNO CONFERITI


La carta, non plastificata e non unta, va inserita sfusa all’interno del contenitore blu,
oppure chiusa negli appositi sacchetti di plastica blu.
I cartoni vanno piegati e pressati al fine di ridurne il più possibile il volume; occorre
inoltre togliere le parti plastificate o metalliche (tipo graffette).
SAPPI che la carta sporca di cibo (come i cartoni della pizza), di terra, di sostanze
velenose come solventi o vernici, ecc., i fazzoletti usati e gli scontrini non vanno nel
contenitore della carta: il loro conferimento peggiora la qualità della raccolta
differenziata di carta e cartone.

Vanno raccolti nell’apposito SACCHETTO BLU


OPPURE
sfusi, posti all’interno del contenitore BLU
UMIDO
ORGANICO
BIANCO

COSA SONO
Il rifiuto umido, o frazione organica del rifiuto solido urbano (FORSU), è costituito
da scarti alimentari e di cucina e altri rifiuti facilmente biodegradabili.

Avanzi di cibo in genere (crudi e cotti purché non caldi e


SI non liquidi) • Riso, pasta, gusci di uova • Frutta, noccioli di
frutta, verdura, bucce e altri scarti vegetali • Carne, piccole
ossa, pesce, lische • Pane, dolciumi • Salumi e affettati,
formaggi e latticini in genere • Alimenti avariati e scaduti
• Fondi di caffè, bustine delle tisane • Bastoncini in legno
per gelati • Tovaglioli di carta sporchi di cibo o unti • Fiori
recisi e materiale vegetale (se in piccole quantità) • Lettiere
naturali per animali domestici e loro escrementi • Ceneri
spente (in modica quantità).

Rifiuti non organici • Ossa di grandi dimensioni • Oggetti in


NO tessuto o pelle • Olii vegetali • Erba e ramaglie in grandi
quantità • Assorbenti, pannolini (se non sono del tipo
biodegradabile) • Gusci di cozze o vongole • Inerti
• Salviette umidificate • Filtri dell’aspirapolvere • Piante
infestanti o malate • Legno trattato con prodotti chimici.

COME VANNO CONFERITI


Il rifiuto umido organico va conferito all’interno dell’apposito contenitore, chiuso in
sacchetti biodegradabili.
SAPPI che il verde e le ramaglie, in grandi quantità, vanno conferiti chiusi in sacchi o
legati in fascine. Nel nostro territorio vengono ritirati gratuitamente a domicilio
telefonando al numero 0968.81001. Ti ricordiamo che dovranno essere collocati a
bordo strada, davanti alla tua abitazione, nel giorno indicato dall’operatore.

Vanno raccolti nell’apposito


SACCHETTO BIODEGRADABILE (BIANCO)
posto all’interno del contenitore MARRONE
SECCO NON
RICICLABILE
(INDIFFERENZIATO)
GRIGIO

COSA SONO
Sono tutti quei rifiuti che non sono compresi nelle precedenti categorie e/o non
possono essere avviati al recupero: se mescolati ai rifiuti differenziati ne
comprometterebbero il riciclo.

Piccoli oggetti di uso domestico (nastro adesivo, gomme,


SI penne…) • Carta carbone, carta oleata, carta plastificata
• Sottovasi, bacinelle • Materiali in plastica non di
imballaggio, piccoli giocattoli • Appendiabiti in plastica
• Mozziconi di sigaretta (spenti) • Cassette audio e video,
floppy disk, cd • Pannolini ed assorbenti igienici
• Cosmetici, tubetti di dentifricio, lamette usa e getta,
cerotti, cotone idrofilo • Calze di nylon • Sacchetti
dell’aspirapolvere • Stracci sporchi, ecc.

Contenitori con simbolo T e/o F (tossico e/o infiammabile)


NO • Oggetti voluminosi • Tutti i rifiuti riciclabili • Scarti di
edilizia • Pneumatici • Rifiuti speciali provenienti da attività
produttive.

COME VANNO CONFERITI


Il secco non riciclabile va conferito chiuso in sacchetti.

Vanno raccolti nell’apposito SACCHETTO GRIGIO


PILE - FARMACI - ABITI USATI
OLI VEGETALI

Pile e batterie
Vanno conferite nei contenitori specifici dislocati negli esercizi di
elettronica, foto, supermercati e presso quasi tutte le attività che
commercializzano tale prodotto o presso gli appositi contenitori
presenti sul territorio comunale.

Farmaci e cosmetici
Vanno conferiti negli appositi contenitori per farmaci scaduti
posizionati presso le farmacie o presso studi medici. Verranno poi
smaltiti negli inceneritori.

Abiti e stracci
Da conferire chiusi in sacchetti presso i cassonetti presenti nei
principali centri abitati del comune, per essere avviati al riutilizzo
presso le industrie tessili.

Oli vegetali
Gli oli vegetali di provenienza domestica vanno raccolti nel
contenitore raffigurato a lato presente, nei principali centri abitati
del comune.
È assolutamente vietato versarli negli scarichi o nel terreno.
RIFIUTI INGOMBRANTI - RAEE

Ingombranti
Mobili, materassi e reti, quadri, specchi • Sanitari • Ceramiche,
stucchi e tappezzerie • Rifiuti inerti derivanti da piccole
manutenzioni domestiche (macerie) • Manufatti in ferro e legno
(grate, balaustre, termosifoni, porte...) • Sfalci e potature
• Giocattoli voluminosi, sottovasi, sedie, bacinelle, cassette
• Bombole del gas vuote, cocci, pneumatici e cerchioni, strumenti
musicali, sci, ecc.

RAEE
Cellulari e relativi accessori • Calcolatrici • Elettrodomestici
• Aspirapolveri ed apparecchiature varie per la pulizia • Frigoriferi,
lavatrici • Stereo, walkman • Trapani, saldatori • Seghe elettriche
• Macchine per cucire • Giocattoli elettrici • Apparecchiature
sportive con componenti elettrici o elettronici • Asciugacapelli,
spazzolini da denti elettrici, rasoi elettrici • Sveglie, orologi da polso
• Bilance • Computer, stampanti, fax • Telefoni • Apparecchi radio,
Apparecchi televisivi • Videocamere, videoregistratori, videogiochi,
registratori HI-FI • Apparecchiature di illuminazione, ecc.

I rifiuti ingombranti e i RAEE nel nostro comune vengono ritirati gratuitamente


a domicilio telefonando al numero 0968.81001.
Ti ricordiamo che devono essere collocati a bordo strada, davanti alla tua abitazione,
nel giorno indicato dall’operatore.
In alternativa è possibile conferire tali rifiuti presso l’isola ecologica convenzionata:
Società Ecosan Srl con sede in Feroleto Antico (CZ) in Via Santuario Dipodi, 45,
ogni Sabato dalle ore 9,00 alle 12,00.
Possono conferire rifiuti tutti i cittadini iscritti al ruolo TARI, residenti, domiciliati o
comunque detentori anche a tempo determinato di locali nel Comune.
L’abbandono di rifiuti per strada o nel territorio comunale in maniera
irregolare è considerato alla stregua di un atto vandalico e sarà severamente
perseguito e sanzionato.
Comune di
SERRASTRETTA
(Prov. di CATANZARO)

Cari Concittadini,
la raccolta differenziata dei rifiuti attraverso il metodo del “porta a porta”

RESPONSABILE DELLE ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE LOCALE: ING. FELICE FAZIO.


è una sfida alla quale questa Amministrazione ha deciso di non sottrarsi,
per l’importanza che essa ha in termini di sostenibilità ambientale,
sociale ed economica. La motivazione di tale scelta va, in realtà,
inquadrata in un approccio eco-sistemico, ovvero all’interno di “una
strategia per la gestione integrata della terra, dell’acqua e delle risorse viventi
che promuove la conservazione e l’uso sostenibile in modo giusto ed equo”.
Questo nuovo modello di conferimento dei rifiuti viene infatti proposto,
in conformità a quanto previsto nel programma amministrativo, e con non
pochi sforzi economici ed organizzativi, per salvaguardare le risorse
naturali e l’ambiente in cui viviamo ed in risposta ad un obbligo imposto
da leggi nazionali e comunitarie. È inoltre una necessità per far fronte
all’aumento dei costi di smaltimento che sono diventati molto elevati.
Si tratta di un radicale cambiamento culturale, sociale e ambientale, che
comporterà per una buona parte di noi la modifica di abitudini e qualche
disagio, con l’adeguamento ad un sistema di regole nuove da
sperimentare, ma necessarie per garantire a noi e ai nostri figli uno
sviluppo sostenibile, etico e rispettoso dell’ambiente.
Lo scopo della presente guida è quello di accompagnare il cittadino in
questo cammino.
Ma l’obiettivo potrà essere raggiunto solo con la collaborazione, il senso
di responsabilità e l’amore di tutti per il proprio paese.
Il successo della “conversione ecologica”, che stiamo iniziando, dipenderà
dalla comprensione del valore di una trasformazione dei comportamenti
quotidiani, oltre che dalla comprensione delle corrette modalità di raccolta.
I veri protagonisti di questa svolta saremo tutti noi cittadini, insieme!
Serrastretta, Gennaio 2016
IL SINDACO
Felice M. Molinaro
Comune di Serrastretta
Via Municipio
88040 Serrastretta (CZ)
Tel. 0968.81001
Fax 0968.81143
info@differenziamo.serrastretta.it www.differenziamo.serrastretta.it