Sei sulla pagina 1di 638

Sommario S’i’ fosse foco, arderei ‘l mondo, LXVI -------------42

Tre cose solamente, LXXXVII------------------------42


Dante Alighier, Cecco, ‘l tu’ serv’e amico, CI -----43
PREMESSA--------------------------------------- 8 Dante Alighier, s’i’ so’ begolardo, CII --------------44

LA NASCITA DELLE LINGUE NEO- IL DOLCE STIL NOVO (1274-1294) ----- 45


LATINE------------------------------------------- 10 Guido Guinizelli (1235ca.-1276), Al cor gentil
rempaira sempre amore, 1274 ------------------------45
LE ORIGINI DELLA LETTERATURA
ITALIANA --------------------------------------- 11 GUIDO CAVALCANTI (1258-1300) ------ 48
Voi che per li occhi mi passaste ‘l core -------------48
In un boschetto trova’ pastorella ---------------------49
LA POESIA GOLIARDICA ----------------- 13 Perch’i’ no spero di tornar giammai ----------------50
In taberna quando sumus ------------------------------13
Chume, chume, geselle min! ---------------------------14
Ich was ein chint so wolgetan -------------------------15 DANTE ALIGHIERI (1265-1321) ---------- 52
Vinum dulce gloriosum ---------------------------------16 La Vita nova, 1292-93 ----------------------------------52
Donne ch’avete intelletto d’amore, XIX ------------52
Tanto gentile e tanto onesta pare, XXVI -----------55
LE MAGGIORI CORRENTI DEL Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io ------------------55
DUECENTO------------------------------------- 18 Il Convivio, 1304-07 ------------------------------------56
Il De vulgari eloquentia, 1303-05 --------------------57
LA LETTERATURA RELIGIOSA --------- 18 Il De monarchia, 1313-18------------------------------57
Francesco d’Assisi (1182-1226), Laudes La Divina commedia, 1306-21 ------------------------57
creaturarum, 1224---------------------------------------18
Tommaso da Celano (1190ca.-1260), Dies irae ---20 FRANCESCO PETRARCA (1304-1374) 60
Tommaso d’Aquino (1225-1274), Pange, lingua, Il Canzoniere o Rerum vulgarium fragmenta ------61
1264 --------------------------------------------------------22 Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono, I----------61
Jacopone da Todi (1236ca.-1306), Stabat Mater --23 Era il giorno ch’al sol si scoloraro, III --------------62
Jacopone da Todi, O Segnor, per cortesia ----------25 Movesi il vecchierel canuto e bianco, XVI ---------62
Jacopone da Todi, Donna de paradiso --------------27 Nel dolce tempo de la prima etade, XXIII ----------63
Solo e pensoso i più deserti campi, XXXV ---------64
LA SCUOLA SICILIANA (1230-60) ------ 31 Benedetto sia ‘l giorno e ‘l mese e l’anno, LXI ---65
Giacomo da Lentini (1210ca.-1260ca.), Amor è uno Padre del ciel, dopo i perduti giorni, LXXII -------65
desio --------------------------------------------------------31 Erano i capei d’oro a l’aura sparsi, XC ------------66
Lo viso mi fa andare ------------------------------------31 Chiare, fresche e dolci acque, CXXVI --------------67
Io m’aggio posto in core a Dio servire --------------32 Italia mia, ben che ‘l sperar sia indarno, CXXVIII69
Passa la nave mia colma d’oblio, CLXXXIX -----72
La vita fugge e non s’arresta un’ora, CCLXXII --73
LA SCUOLA TOSCANA (1260-80) ------ 34 I’ vo piangendo i miei passati tempi, CCCLVI ----74
Guittone d’Arezzo (1230-1294ca.), Tuttor ch’eo dirò Canzone alla Vergine, CCCLXVI, 1367-72--------75
“gioi’”, gioiva cosa -------------------------------------34 Le Familiares: La salita a monte Ventoso, 1336 --78
Bonagiunta Orbicciani (1220ca-1290ca.), Voi,
ch’avete mutata la mainera----------------------------35 JACOPO PASSAVANTI (1302CA.-1357)81
Il conte di Matiscona------------------------------------81
LA CORRENTE COMICO-REALISTICA Il carbonaio di Niversa ---------------------------------82
(1260-1310) ------------------------------------- 37 Serlo e lo scolaro dannato -----------------------------84
Il cavaliere che rinnegò Dio ---------------------------85
CECCO ANGIOLIERI (1260CA.-1312CA.)
----------------------------------------------------- 37 I FIORETTI DI SAN FRANCESCO ------- 86
Accorri accorri accorri, uom, a la strada!, I -------37 Della perfetta letizia ------------------------------------86
Oimè d’Amor, che m’è duce sì reo, IV --------------38
La mia malinconia è tanta e tale, X------------------39 GIOVANNI BOCCACCIO (1313-1375) -- 88
Becchina mia! – Cecco, nol ti confesso, XXII -----39 Ser Ciappelletto, I, 1 ------------------------------------89
Anima mia, cuor del mi’ corp’, amore, XXVI ----40 Andreuccio da Perugia, II, 5 --------------------------92
Maledetta sie l’or’e ‘l punt’e ‘l giorno, LI----------40 Introduzione alla quarta giornata --------------------94
Becchin’amor! – Che vuo’, falso tradito?, XLVII 41 Nastagio degli Onesti, V, 8 ----------------------------95
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 1
Federigo degli Alberighi, V, 9 ------------------------98 La storia di Astolfo, re dei Longobardi, e di
Cisti fornaio, VI, 2 --------------------------------------99 Giocondo, XXVIII, 1-74 ----------------------------- 149
Chichibìo e la gru, VI, 4 ----------------------------- 101 Astolfo sulla Luna, XXXIV, 69-87 ---------------- 155
Madonna Filippa e l’amore in eccesso, VI, 7 ---- 102
Frate Cipolla, VI, 10---------------------------------- 103
Il marito geloso ingannato dalla moglie, VII, 5 - 106 NICCOLÒ MACHIAVELLI (1469-1527) 158
La badessa e le brache del prete, IX, 2------------ 107 Il Principe, 1512-13 ----------------------------------- 159
Cap. XV: Le azioni per le quali gli uomini e
soprattutto i principi sono lodati oppure biasimati160
MASUCCIO SALERNITANO (1410CA.- Cap. XVI: La liberalità e la parsimonia ---------- 162
1476) -------------------------------------------- 108 Cap. XVII: La crudeltà e la pietà; se è meglio essere
Maestro Diego, la cavalla e lo stallone, I, 1------ 109 amati o temuti, oppure il contrario----------------- 164
Un frate domenicano, madonna Barbara e il quinto Cap. XVIII: In che modo la parola data debba essere
evangelista, I, 2 ---------------------------------------- 111 mantenuta dai principi-------------------------------- 166
Fra’ Nicolò da Narni e le brache di san Cap. XXV: Quanto può la fortuna nelle azioni umane
Griffone, I, 3 -------------------------------------------- 112 e in che modo possa essere affrontata ------------- 168
Fra’ Girolamo da Spoleto e il braccio di san Cap. XXVI: Esortazione a conquistare l’Italia e a
Luca, I, 4 ------------------------------------------------ 113 ripristinarne la libertà dagli stranieri ------------- 171
La Massimilla è concupita da un prete e da un sarto, Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio
ai quali si era promessa, I, 5 ------------------------ 114 (1513-17), I, 12----------------------------------------- 173
La Mandragola, 1518 --------------------------------- 179
UMANESIMO E RINASCIMENTO (1390-
1530) -------------------------------------------- 116 FRANCESCO GUICCIARDINI (1483-1540)
Giannozzo Manetti (1396-1459), La dignità e ---------------------------------------------------- 182
l’eccellenza dell’uomo, I-IV, 1452-53 ------------- 117 I Ricordi, I-II, 1525, 1530 ---------------------------- 183
Giovanni Pico della Mirandola (1463-1494), La La fortuna ----------------------------------------------- 183
dignità dell’uomo, 1485-86, 1496 ------------------ 119 L’esperienza -------------------------------------------- 185
Giovanni Pontano (1422-1503), Nenia quinta, Il principe, il popolo e lo Stato ---------------------- 186
1469 ------------------------------------------------------ 121 Il principe e la gestione del potere ----------------- 187
Nenia decima, 1469 ----------------------------------- 121 Sudditi e servi ------------------------------------------ 187
De tumulis, II, 2, 1480 -------------------------------- 122 Le ambizioni umane ----------------------------------- 188
Agnolo Ambrogini (1454-1494), I’ mi trovai, L’ingratitudine ----------------------------------------- 188
fanciulle, un bel mattino------------------------------ 123 Simulazione e dissimulazione ----------------------- 189
Lorenzo de’ Medici (1449-1492), Canzona di Bacco Psicologia della politica------------------------------ 190
e Arianna, 1490 ---------------------------------------- 124 La religione, la Chiesa e la corruzione del clero 190
François Villon (1413-dopo 1463), Ballade des
pendus, 1462, 1489 ------------------------------------ 126 GIOVANNI BOTERO (1544-1617) ------ 193
Fabrizio De André-Giuseppe Bentivoglio, Ballata
Della ragion di Stato, 1589 -------------------------- 195
degli impiccati, 1968 ---------------------------------- 127
Che cos’è la ragion di Stato, I ---------------------- 196
François Villon (1413-dopo 1463), Ballade des
La suddivisione dei dominii, I ----------------------- 196
dames du temps jadis, 1460-61, 1489-------------- 128
I sudditi, I ----------------------------------------------- 196
La giustizia, I ------------------------------------------- 199
IL CINQUECENTO -------------------------- 130 Liberare i bisognosi dalla miseria, I --------------- 200
Non introdurre novità, II ----------------------------- 203
Le virtù che conservano l’amore e la reputazione del
LUDOVICO ARIOSTO (1474-1533) ---- 131 principe, II ---------------------------------------------- 204
L’Orlando furioso, 1532 ----------------------------- 131 La religione, II ----------------------------------------- 204
Argomento e dedica, I, 1-4 --------------------------- 132 Alcuni modi di diffondere la religione, II --------- 205
La fuga di Angelica, I, 33-49 ------------------------ 132 La temperanza, II -------------------------------------- 207
Il castello del mago Atlante, IV, 15-40 ------------ 135 Le imprese di guerra, III ----------------------------- 209
Ruggiero nell’Isola della maga Alcina e la storia di Se sia conveniente che il principe vada alla guerra in
Astolfo, VI, 19-47 -------------------------------------- 138 persona, III---------------------------------------------- 210
La maga Alcina, VII, 9-19 --------------------------- 140 I poveri, IV ---------------------------------------------- 211
Angelica e l’eremita, VIII, 47-50 ------------------- 141 Gli infedeli e gli eretici, IV -------------------------- 213
Angelica legata allo scoglio, X, 95-115 ----------- 142 Due modi per accrescere la popolazione e le forze
Olimpia è vista nuda da re Oberto, XI, 64-71 --- 143 militari, VIII -------------------------------------------- 214
Angelica e Medoro, XIX, 33-34 -------------------- 144 L’agricoltura, VIII ------------------------------------ 214
La pazzia d’Orlando, XXIII, 102-136 ------------- 145 L’industria, VIII --------------------------------------- 215
Ricciardetto e Fiordispina, XXV, 67-70 ---------- 149 Il matrimonio e l’educazione dei figli, VIII------- 217
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 2
Gli stratagemmi militari, IX ------------------------- 219 L’ILLUMINISMO (1730-89) --------------- 258

TORQUATO TASSO (1544-1595) ------ 221 L’ILLUMINISMO IN ITALIA (1760-90) - 259


Aminta, atto I, coro ------------------------------------ 221
Le Rime -------------------------------------------------- 221
Aminta, 1573, 1581------------------------------------ 221 CARLO GOLDONI (1707-1793) --------- 260
Al Metauro, 1578 -------------------------------------- 223 La locandiera, 1751 ----------------------------------- 261
La Gerusalemme liberata, 1575, 1581 ------------ 225
Argomento e dedica, I, 1-5 --------------------------- 225 GIUSEPPE PARINI (1729-1799) -------- 265
Erminia tra i pastori, VII, 1-22 --------------------- 226 Il Giorno------------------------------------------------- 266
La morte di Clorinda, XII, 52-70 ------------------- 227 Mattino: Sorge il Mattino in compagnia dell’Alba266
Il giardino della maga Armida, XVI, 9-19 ------- 229 Mezzogiorno: Forse vero non è --------------------- 270
Armida abbandonata da Rinaldo, XVI, 35-44, Mezzogiorno: Pèra colui che primo osò la mano 272
47-60 ----------------------------------------------------- 230
Qual rugiada o qual pianto -------------------------- 233
IL NEOCLASSICISMO (1760-1830)---- 275
IL BAROCCO (FINE CINQUECENTO-FINE
SEICENTO) ----------------------------------- 235 IL ROMANTICISMO (1790-1860) ------- 276

GALILEO GALILEI (1564-1642) -------- 236 LA CULTURA ROMANTICA IN ITALIA


Il Saggiatore, 1623 ------------------------------------ 238 (1795-1865) ----------------------------------- 278
Giovanni Berchet, Lettera semiseria di Grisostomo al
GIAMBATTISTA MARINO (1569-1625)241 suo figliolo, 1816 -------------------------------------- 278
Donna che si pettina ---------------------------------- 241
Per la sua donna, che avea spiegate le sue chiome al UGO FOSCOLO (1778-1827) ------------ 281
sole ------------------------------------------------------- 242 Le ultime lettere di Jacopo Ortis, 1798------------ 281
L’Adone, 1623------------------------------------------ 242 Le Odi---------------------------------------------------- 282
Elogio della rosa, III, 155-160 ---------------------- 242 A Luigia Pallavicini caduta da cavallo, 1802 ---- 282
Il canto dell’usignolo, VII, 32-37------------------- 243 All’amica risanata, 1802-03 ------------------------- 286
Pallidetto mio sole------------------------------------- 244 I sonetti -------------------------------------------------- 289
Alla sera, 1802 ----------------------------------------- 289
A Zacinto, 1802-03 ------------------------------------ 289
NON-SENSE, ANTIPETRARCHISMO E
In morte del fratello Giovanni, 1802-03 ---------- 291
POESIA BAROCCA ------------------------ 245 Il carme De’ Sepolcri, 1807 ------------------------- 292
Domenico di Giovanni, detto il Burchiello (1404-
1449), Nominativi fritti e mappamondi ------------ 245
Francesco Berni (1497-1535), Chiome d’argento fine, GIACOMO LEOPARDI (1798-1837) --- 297
irte e attorte--------------------------------------------- 246 I Canti, 1831 -------------------------------------------- 298
Anton Maria Narducci, Sembran fere d’avorio in L’infinito, 1819 ----------------------------------------- 298
bosco d’oro --------------------------------------------- 246 Alla luna, 1820 ----------------------------------------- 299
Giuseppe Artale (1628-1679), Pulce sulle poppe di La sera del dì di festa, 1820 ------------------------- 300
bella donna---------------------------------------------- 247 Ultimo canto di Saffo, 1822-------------------------- 302
Alla sua donna, 1823---------------------------------- 305
A Silvia, 1828 ------------------------------------------- 307
GABRIELLO CHIABRERA (1552-1638)248 Il passero solitario, 1829----------------------------- 309
Riso di bella donna ------------------------------------ 248 Le ricordanze, 1829 ----------------------------------- 311
La quiete dopo la tempesta, 1829------------------- 316
L’ARCADIA (1690-1750) ------------------ 250 Il sabato del villaggio, 1829 ------------------------- 318
Canto notturno di un pastore errante dell’Asia,
1829-30 -------------------------------------------------- 320
PAOLO ROLLI (1687-1765) -------------- 251 Il tramonto della luna, 1936-37--------------------- 324
Solitario bosco ombroso, 1727---------------------- 251 Le Operette morali, 1827 ---------------------------- 327
Dialogo della Natura e di un Islandese, 1824---- 327
PIETRO METASTASIO (1698-1782)--- 253
La libertà, 1733 ---------------------------------------- 253 ALESSANDRO MANZONI (1785-1873)329
La partenza, 1746 ------------------------------------- 256 La Pentecoste, 1817-22 ------------------------------- 331
L’Adelchi, 1819-22 ------------------------------------ 334
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 3
Adelchi, atto III, coro --------------------------------- 335 GIOSUÈ CARDUCCI (1835-1907) ------ 369
Marzo 1821, 1821 ------------------------------------- 337 Le Rime nuove, 1887 ---------------------------------- 369
Cinque maggio, 1821 --------------------------------- 341 Traversando la Maremma toscana, 1885 --------- 370
I promessi sposi, 1840-42 ---------------------------- 344 Pianto antico, 1871------------------------------------ 371
Il bove, 1872 -------------------------------------------- 372
GIUSEPPE GIOACHINO BELLI (1791- Davanti San Guido, 1874-86 ------------------------ 373
Il comune rustico, 1885------------------------------- 375
1863) -------------------------------------------- 347 Le Odi barbare, 1877, 1889 ------------------------- 376
Li soprani der monno vecchio ----------------------- 347 Dinanzi alle terme di Caracalla, 1887 ------------ 376
Er caffettiere fisolofo---------------------------------- 347 Nevicata, 1881 ----------------------------------------- 378
La golaccia---------------------------------------------- 348 Alla stazione in una mattina d’autunno, 1875 --- 379
L’anima -------------------------------------------------- 348
Er giorno der Giudizzio ------------------------------ 348
Chi cerca trova----------------------------------------- 349 DECADENTISMO E SIMBOLISMO (1885-
S.P.Q.R.-------------------------------------------------- 349 1920) -------------------------------------------- 382
La vita da cane ----------------------------------------- 349 Charles Baudelaire (1821-1867), Spleen, 1857 -- 382
Le risate der Papa ------------------------------------- 350
Er Papa novo ------------------------------------------- 350
IL DECADENTISMO ITALIANO (1890-
1920) -------------------------------------------- 383
I CANTI RISORGIMENTALI (1838-66) 353
Berchet Giovanni (1783-1851), All’armi! All’armi!,
1838 ------------------------------------------------------ 353 GIOVANNI PASCOLI (1855-1912) ----- 384
Verdi Giuseppe (1813-1901), Nabucco, coro, Myricae, 1903 ------------------------------------------ 385
1842 ------------------------------------------------------ 354 Il bove, 1890 -------------------------------------------- 386
Bosi Carlo Alberto (1813-1886), Addio, mia bella, Romagna ------------------------------------------------ 386
addio, 1848 --------------------------------------------- 354 Lavandare, 1894 --------------------------------------- 388
Dall’Ongaro Francesco (1808-1873), La bandiera Novembre, 1891---------------------------------------- 389
tricolore, 1848------------------------------------------ 355 Arano, 1885 --------------------------------------------- 390
Mameli Goffredo (1827-1849), Fratelli d’Italia, Orfano, 1891 ------------------------------------------- 390
1848 ------------------------------------------------------ 355 Patria, 1894--------------------------------------------- 391
Mercantini Luigi (1821-1872), Inno a Garibaldi, Temporale, 1894 --------------------------------------- 392
1858 ------------------------------------------------------ 356 Il lampo, 1896 ------------------------------------------ 393
Giorza Paolo, La bella Gigogin, 1858 ------------- 357 X Agosto, 1896 ----------------------------------------- 393
La stella dei soldati, 1866---------------------------- 358 L’assiuolo, 1897 --------------------------------------- 394
Genise Antonio, L’addio del bersagliere, 1915-- 358 La siepe, 1897 ------------------------------------------ 395
I Canti di Castelvecchio, 1912 ---------------------- 397
Il gelsomino notturno, 1901 ------------------------- 397
L’ETÀ DEL REALISMO (1815-95) ----- 359 Nebbia, 1899 ------------------------------------------- 398
La mia sera, 1899-------------------------------------- 399
LE CORRENTI LETTERARIE DELLA I Poemi conviviali, 1892-1905 ---------------------- 401
SECONDA METÀ DELL’OTTOCENTO IN Poemi di Ate, II. L’etera, 1904 ---------------------- 401
Alexandros, 1895 -------------------------------------- 406
ITALIA ------------------------------------------ 360

GABRIELE D’ANNUNZIO (1863-1938) 409


IGINO UGO TARCHETTI (1839-1869) 360 Canto novo, 1882 -------------------------------------- 410
Memento, 1879 ----------------------------------------- 360 Canto dell’Ospite, 1882 ------------------------------ 410
Epòdo, IV, 1887 --------------------------------------- 410
IL VERISMO (1870-90) -------------------- 361 Le Laudi, 1903 ----------------------------------------- 411
L’incontro con Ulisse, 1900 ------------------------- 411
La sera fiesolana, 1899------------------------------- 413
GIOVANNI VERGA (1840-1922) -------- 362 La pioggia nel pineto, 1902-------------------------- 415
Vita dei campi, 1880 ---------------------------------- 362 Stabat nuda Aestas, 1902 ---------------------------- 418
Rosso Malpelo, 1878 ---------------------------------- 362 La sabbia del tempo, 1903 --------------------------- 419
Fantasticheria, 1878-79 ------------------------------ 364 I pastori, 1903 ------------------------------------------ 420
Cavalleria rusticana, 1880 -------------------------- 365 Nella belletta, 1902------------------------------------ 420
Novelle rusticane, 1883 ------------------------------ 366 Le stirpi canore, 1902 -------------------------------- 421
La roba, 1883------------------------------------------- 366
Il Ciclo dei vinti ---------------------------------------- 367
I Malavoglia, 1881 ------------------------------------ 367
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 4
LA LETTERATURA POPOLARE (1880- Veglia, 1916 -------------------------------------------- 466
1910) -------------------------------------------- 423 San Martino del Carso, 1916------------------------ 466
Carlo Lorenzini, detto Collodi, Le avventure di I fiumi, 1916 -------------------------------------------- 467
Pinocchio, 1883 ---------------------------------------- 423 L’allegria, 1919 ---------------------------------------- 468
Edmondo De Amicis, Cuore, 1886----------------- 428 Solitudine, 1917 ---------------------------------------- 468
Emilio Salgari, La perla nera, 1903 --------------- 432 Mattina, 1917------------------------------------------- 468
Dormire, 1917------------------------------------------ 469
Allegria di naufràgi, 1917 --------------------------- 469
LE CORRENTI LETTERARIE DEL Il Sentimento del tempo, 1933 ----------------------- 469
NOVECENTO (1900-60)------------------- 434 La madre, 1929 ---------------------------------------- 470

GUIDO GOZZANO (1883-1916)--------- 436 EUGENIO MONTALE (1896-1981) ----- 471


La Signorina Felicita --------------------------------- 436 Ossi di seppia, 1925----------------------------------- 471
Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
1923 ------------------------------------------------------ 471
FILIPPO TOMMASO MARINETTI (1876- Gloria del disteso mezzogiorno, 1925 ------------- 472
1944) -------------------------------------------- 440 Non chiederci la parola, 1923 ---------------------- 473
Il Manifesto del Futurismo, 1909 ------------------- 440 Meriggiare pallido e assorto, 1916 ---------------- 474
Spesso il male di vivere ho incontrato, 1923 ----- 474
LUIGI PIRANDELLO (1867-1936) ------ 442 Le occasioni, 1939------------------------------------- 475
Non recidere, forbice quel volto, 1937 ------------ 475
Novelle per un anno, 1937 --------------------------- 443
La casa dei doganieri, 1930 ------------------------- 476
La patente, 1918 --------------------------------------- 443
Il treno ha fischiato, 1922 ---------------------------- 445
Ma non è una cosa seria, 1918---------------------- 446 SALVATORE QUASIMODO (1901-1968)
---------------------------------------------------- 479
L’ANTI-PATRIA: LE CANZONI DEI La raccolta Ed è subito sera, 1942 ----------------- 479
SOLDATI DELLA PRIMA GUERRA Ed è subito sera, 1930 -------------------------------- 479
Alle fronde dei salici, 1946 -------------------------- 479
MONDIALE ----------------------------------- 450 A me pare uguale agli dei ---------------------------- 481
Gori Pietro (1865-1911), Stornelli d’esilio, Plenilunio ----------------------------------------------- 481
1895-98 -------------------------------------------------- 450 Tramontata è la luna ---------------------------------- 481
Monte Nero, 1915 ------------------------------------- 451
Addio padre e madre, 1916 -------------------------- 452
Fuoco e mitragliatrici, 1916------------------------- 452 UMBERTO SABA (1883-1957) ---------- 482
O Gorizia, tu sei maledetta, 1916 ------------------ 453 Il Canzoniere, 1961 ----------------------------------- 482
Ta pum, 1916 ------------------------------------------- 454 La capra, 1909-10 ------------------------------------- 482
Dimmi, bel giovane, 1920 ---------------------------- 455 A mia moglie, 1911 ------------------------------------ 483
Trieste, 1910-12---------------------------------------- 484
Città vecchia, 1910-12 -------------------------------- 484
L’ERMETISMO (1920-1950) ------------- 457 Ritratto della mia bambina, 1920 ------------------ 485
La Malinconia, 1923-24 ------------------------------ 486
VINCENZO CARDARELLI (1887-1959)458 Fanciulle, 1923-24 ------------------------------------ 487
Poesie, 1942 -------------------------------------------- 458 Teatro degli Artigianelli, 1944 ---------------------- 488
Autunno, 1931 ------------------------------------------ 458 Ulisse, 1947--------------------------------------------- 488
Gabbiani, 1932 ----------------------------------------- 459
Adolescente, 1909 ------------------------------------- 459 INNI E CANTI DELLA CHIESA
Passato -------------------------------------------------- 460 CATTOLICA (1950-70) -------------------- 490
Ottobre--------------------------------------------------- 460 Adeste, fideles ------------------------------------------ 491
Sera di Gavinana -------------------------------------- 461 Adoramus te, Christe---------------------------------- 491
Alma Redemptóris Mater ----------------------------- 491
GIUSEPPE UNGARETTI (1888-1970)- 463 Ave, maris stella --------------------------------------- 492
Il porto sepolto, 1916 --------------------------------- 463 Ave, Regina caelorum--------------------------------- 493
Il porto sepolto, 1916 --------------------------------- 463 Christus vincit ------------------------------------------ 493
Fratelli, 1916 ------------------------------------------- 464 De profundis clamavi ad te, Domine, Psalm 129
Fratelli, 1943 ------------------------------------------- 464 (130)------------------------------------------------------ 494
Soldati, 1916 -------------------------------------------- 464 Libera me, Domine, de morte aeterna ------------- 494
C’era una volta, 1916--------------------------------- 465 Miserere mei, Domine, Psalm 51 (50) ------------- 495
Sono una creatura, 1916 ----------------------------- 465 O salutáris hóstia -------------------------------------- 496
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 5
Regina caeli--------------------------------------------- 496 Fabrizio De André (1940-1999), La guerra di Piero,
Salve, Regina ------------------------------------------- 497 1964 ------------------------------------------------------ 530
Te, Deum, laudamus ---------------------------------- 498 Sergio Endrigo (1933-2005), Il treno che viene dal
Veni, creator Spiritus --------------------------------- 499 sud, 1966 ------------------------------------------------ 531
Andrò a vederla un dì --------------------------------- 500 Franco Migliacci-Mario Lusini, C’era un ragazzo che
Astro del ciel -------------------------------------------- 500 come me amava i Beatles e i Rolling Stones, 1966531
Camminiamo sulla strada---------------------------- 500 Paolo Pietrangeli (1945), Contessa, 1966--------- 532
Cristo risusciti in tutti i cuori ----------------------- 501 Barozzi-Lazzarini-Zavanella-Fallisi, La ballata del
Il tredici maggio apparve Maria-------------------- 501 Pinelli, 1969 -------------------------------------------- 534
La mia anima loda il Signore, Lc 1 39-55 -------- 501 Ivan Della Mea (1940-2009), O cara moglie, 1969
Mira il tuo popolo ------------------------------------- 502 ------------------------------------------------------------ 536
Noi vogliam Dio, Vergin Maria--------------------- 502 Giovanna Marini (1937), Monopoli, 1970 -------- 537
O immacolata, Vergine bella ------------------------ 503 Alfredo Bandelli (1945-1994), Non piangere oi bella,
O Maria, quanto sei bella ---------------------------- 503 1972 ------------------------------------------------------ 538
Resta con noi ------------------------------------------- 503 Giuseppe Bentivoglio-Nicola Piovani-Fabrizio De
Quando nell’ombra cade la sera ------------------- 504 André, Il bombarolo, 1973 --------------------------- 540
Tu scendi dalle stelle ---------------------------------- 504 Fabrizio De André-Nicola Piovani-Giuseppe
D’Aria Francesco Saverio (1889-1976), Bentivoglio, Canzone del maggio, 1973 ---------- 541
Dell’aurora tu sorgi più bella, 1959 --------------- 505 Nino Gorio, Maggio ‘68: quel mese di fuoco che
De André Fabrizio (1940-1999), Spiritual, 1967 505 incendiò Parigi, 28.04.2008 ------------------------- 543
De André Fabrizio, Ave Maria, 1970 -------------- 506
LE CANZONETTE ITALIANE DEGLI ANNI
LE CANZONI POLITICHE DEL SESSANTA (1958-72) --------------------- 546
NOVECENTO -------------------------------- 507 Bixio Cesare Andrea-Cherubini Bixio-Concina
Turati Filippo-Mattei Zenone, Inno dei lavoratori, Claudio, Vola colomba, 1952------------------------ 547
1886 ------------------------------------------------------ 509 Bertini Umberto-Falcocchio Eduardo, Tutte le
La lega, 1890-1914 ------------------------------------ 509 mamme, 1954 ------------------------------------------- 547
Pietro Gori (1865-1911), Inno del primo maggio, Migliacci Franco-Modugno Domenico, Nel blu,
1892 ------------------------------------------------------ 510 dipinto di blu o Volare, 1958 ------------------------ 548
Pietro Gori (1865-1911), Addio a Lugano, 1895 510 Modugno Domenico-Verde Dino, Piove, 1959 -- 548
Pietro Gori (1865-1911), Stornelli d’esilio, Tenco Luigi (1938-1967), Ieri, 1959--------------- 549
1895-98 -------------------------------------------------- 511 Celentano Adriano-Fulci Lucio-Vivarelli Piero,
Sciur padrun da li beli braghi bianchi, 1900ca. - 512 24.000 baci, 1961 -------------------------------------- 550
Internazionale, 1871 ---------------------------------- 513 Laforêt Marie (1939), La vendemmia dell’amore,
Internazionale, 1901 ---------------------------------- 515 1963 ------------------------------------------------------ 551
Luigi Molinari (1866-1918), Inno della rivolta, Paoli Gino (1934), Sapore di sale, 1963 ---------- 551
1904 ------------------------------------------------------ 516 Papes Enrico Maria-Di Martino Sergio, Mettete dei
Se otto ore vi sembran poche, 1906 ---------------- 516 fiori nei vostri cannoni, 1964 ------------------------ 553
Bella ciao (canto delle mondine), 1906 ----------- 517 Salerno Nicola-Panzer Mario, Non ho l’età (per
Quando muoio io, 1908------------------------------- 518 amarti), 1964 ------------------------------------------- 554
Carlo Tuzzi (1863-1912), Bandiera rossa, 1908 519 Calabrese Giorgio-Guarnieri Gianfrancesco, Un bene
Nino Oxilia (1889-1917), Commiato, 1909 ------ 520 grande così, 1965 -------------------------------------- 555
Inno degli arditi, 1917 -------------------------------- 520 Guccini Francesco (1940), Dio è morto, 1965 --- 555
E.A. Mario (1884-1961), La leggenda del Piave, Celentano Adriano-Beretta Luciano-Del Prete Miki,
1918 ------------------------------------------------------ 521 Il ragazzo della via Gluck, 1966 -------------------- 556
G. Ferretti, All’armi! All’armi! All’armi siam Pace-Panzeri-Beretta-Del Prete, Nessuno mi può
Fascisti!, 1920------------------------------------------ 522 giudicare, 1966----------------------------------------- 557
Dimmi, bel giovane, 1920 ---------------------------- 522 Mogol-Soffici Piero, Perdono, 1966 --------------- 558
Me ne frego, 1920 ------------------------------------- 524 Ambrosino Armando-Savio Totò, Cuore matto,
Inno squadrista, 1921--------------------------------- 524 1967 ------------------------------------------------------ 559
Giovinezza, inno ufficiale del Nazional-fascismo, Tenco Luigi (1938-1967), Ciao amore, ciao, 1967559
1922 ------------------------------------------------------ 525 Migliacci Franco-Barbata-Kaylan-Nichol-Pons-
Mario Ruccione (1908-1969), Faccetta nera, Volman, Scende la pioggia, 1968 ------------------ 560
1935 ------------------------------------------------------ 526 Romano Franco-Calabrese Francesco, Ho scritto
Bella ciao (canto dei partigiani), 1943------------- 526 t’amo sulla sabbia, 1968 ----------------------------- 560
Felice Cascione (1918-1944), Fischia il vento e Spagna Giorgio-Spagna Ivana, Se perdo te, 1968561
infuria la bufera, 1944 -------------------------------- 528 Argenio Gianni-Panzeri-Conti Corrado-Pace, La
Fabrizio De André-Paolo Villaggio, Carlo Martello pioggia, 1969 ------------------------------------------- 561
torna dalla battaglia di Poitiers, 1962 ------------ 529

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 6


Endrigo Sergio-Bardotti Sergio, Lontano dagli occhi,
1969 ------------------------------------------------------ 562
James Tommy-Rogers Nelson Prince-Lucia Peter,
Soli si muore, 1969 ------------------------------------ 562
Pagani Herbert-Anelli Alberto, L’amicizia, 1969 563
Modugno Domenico-Bonaccorti Enrica, La
lontananza, 1970--------------------------------------- 563
Testa Alberto-Sciorilli Eros, Sono una donna, non
sono una santa, 1971---------------------------------- 564
Guccini Francesco (1940), Libera nos, Domine,
1978 ------------------------------------------------------ 565
Migliacci Franco-Mattone Claudio-De Crescenzo
Eduardo, L’infinità, 1982 ---------------------------- 565

ROMANZI ITALIANI E STRANIERI DEL


NOVECENTO (1890-2010) --------------- 567
Wilde Oscar (1854-1900), Il ritratto di Dorian Gray,
1890 ------------------------------------------------------ 568
Baum L. Frank (1856-11919), Il mago di Oz,
1900 ------------------------------------------------------ 572
Svevo Italo (1861-1928), La coscienza di Zeno,
1923, 1930 ---------------------------------------------- 575
Ambler Eric (1909-1998), La maschera di
Dimitrios, 1939----------------------------------------- 578
Christie Agatha (1890-1976), Dieci piccoli indiani,
1939 ------------------------------------------------------ 582
Buzzati Dino, Il Deserto dei Tartari, 1945 ------- 587
Simenon Georges (1903-1989), Maigret va dal
coroner, 1948------------------------------------------- 592
Asimov Isaac (1920-1992), Prima Fondazione o
Cronache della Galassia o Fondazione, 1951 --- 596
Bradbury Ray (1920-2012), Fahrenheit 451,
1953 ------------------------------------------------------ 600
De Villiers Gérard (1929-2013), SAS a Istanbul,
1965 ------------------------------------------------------ 604
Crichton Michael (1942-2008), Il mondo perduto,
1995 ------------------------------------------------------ 610
Smith Wilbur (1933), Il settimo papiro, 1995---- 612
Preston Douglas (1956) & Child Lincoln (1957),
Mount Dragon. Quando la scienza diventa terrore,
1996 ------------------------------------------------------ 615
Manfredi Valerio M. (1943), L’impero dei draghi,
2005 ------------------------------------------------------ 619
Asensi Matilde (1962), Jacobus, 2000 ------------ 622
Troisi Licia (1980), Cronache del Mondo Emerso,
III: Il talismano del potere, 2005 ------------------- 623
Alten Steve (1959), L’ultima profezia 2012. Il
testamento maya, 2001 ------------------------------- 629
Eco Umberto (1932-2016), Il cimitero di Praga,
2010 ------------------------------------------------------ 633

FINIS CORONAT OPUS ------------------ 638

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 7


Premessa degli appunti è stato scelto e organizzato; e b) inse-
gnare come si impara a imparare.
Questi appunti di italiano contengono tre cose: 1) una Quest’ultimo scopo è forse quello più importante da
storia sintetica della letteratura italiana; 2) i testi più raggiungere in questa come in tutte le altre discipline.
significativi del passato, tradotti nell’italiano di oggi Lo richiede la rapidità dei mutamenti che stanno mo-
e poi riassunti; e 3) brevi commenti ai testi; e osser- dificando radicalmente la società, l’economia e la vita
vazioni varie sui commenti, sulla scelta delle notizie, odierna. Tali mutamenti impongono di dare impor-
su come studiare e su come imparare ad imparare. tanza non più ai contenuti, bensì alla velocità di ap-
Non sono stati riportati i testi originali dei racconti prendere nuove tecniche e nuovi contenuti e alla ve-
per la loro eccessiva lunghezza locità di passare a nuove risistemazioni dei contenuti.
Ma vogliono anche e soprattutto interessare e propor- Lo studio e la conoscenza della letteratura non devo-
re una idea di cultura diversa da quella scolastica: la no portarci a una fuga imbelle nel passato, ma a capi-
cultura è piacevole, è interessante, è utile. Ci costa re le nostre origini e la nostra storia, a incontrare i ri-
denaro e fatica ed è perciò stupido, stupidissimo stu- sultati più grandi della nostra tradizione, ad assapo-
diare per soffrire e per riempirci il capo (se ci va be- rarne gli infiniti sapori e ad affrontare con tale ecce-
ne) di sola erudizione. Perciò si è rifiutata una storia zionale esperienza il nostro tempo.
della letteratura alta, e si sono considerate degne di
attenzione anche opere come i Carmina burana (in Gli appunti sono costantemente semplici e chiari,
latino o in tedesco), i canti religiosi in latino e in ita- perché soltanto così il lettore li comprende subito e li
liano di ieri e di oggi, le ninne nanne di Giovanni può assimilare e discutere immediatamente. Tutto ciò
Pontano, i sonetti in dialetto romanesco di Giuseppe favorisce la memorizzazione di lunga durata e un ap-
G. Belli, le canzoni di protesta contro la guerra (si proccio attivo ai testi. Peraltro essi servono per ridur-
tratta della prima guerra mondiale) e le canzoni di re la fatica, non per eliminarla. Servono sempre la
protesta contro la società costituita e contro lo Stato. partecipazione attiva, l’impegno personale e la fatica
Se chi usa gli appunti si diverte, sorride, urla e sbraita del lettore.
compiaciuto, lo scopo è raggiunto. Ciò non basta: chi studia deve imparare a studiare an-
che in modo efficiente ed efficace. Ciò vuole dire tre
1. I cenni alla letteratura italiana sono schematici ma cose: a) capire il testo; b) memorizzarlo adeguata-
sufficienti; se necessario, si possono integrare con mente; c) divenire capaci di ripeterlo adeguatamente.
storie della letteratura più consistenti. Essi però nella La comprensione facilita enormemente la memoriz-
loro semplicità hanno il pregio di mostrare subito zazione, e viceversa. La sola memorizzazione è inuti-
quali sono le cose essenziali da ricordare e poi da ar- le, anche quando è fatta bene. Per capire e per memo-
ricchire con ulteriori informazioni. Vogliono essere rizzare bene il testo, bisogna essere disponibili verso
insomma un esempio di come si scelgono le informa- il testo stesso. Ed essere anche attivi. Chi non è di-
zioni e di come si organizzano, allo scopo di assimi- sponibile, si complica la vita, perché impiega molto
larle prima e di ricordarle meglio. più tempo sia a comprendere, sia a memorizzare. I-
noltre lo comprende e lo assimila male e lo dimentica
2. I testi prescelti seguono un percorso storico che quasi subito. In tal modo la fatica aumenta e i risultati
non è e non può essere esaustivo (molti testi e molti diminuiscono. Invece, se si è stimolati ed interessati a
argomenti significativi sono rimasti esclusi); e che si ciò che si studia, la fatica è ridotta al minimo, l’ap-
giustifica per due motivi: a) propone testi ormai dive- prendimento è più facile e la memorizzazione dei dati
nuti classici, capaci di rappresentare adeguatamente il dura più a lungo.
passato letterario; b) nel corso dell’anno scolastico è Chi studia poi deve capire quali sono le caratteristi-
materialmente impossibile fare altri autori e altri testi; che della sua intelligenza e della sua memoria, per
c) i testi proposti permettono un confronto tra loro apprendere nel modo più adatto alle sue capacità: chi
(come con il presente) che favorisce la loro compren- ha una buona memoria, può contare di più sulla me-
sione e la loro discussione. In tal modo tale percorso moria; chi non ce l’ha, deve contare di più sulle sue
ci fa crescere culturalmente. capacità di ragionamento. E viceversa. Chi poi non ha
né l’una né l’altra, non deve perdersi d’animo né im-
3. I commenti di vario tipo servono per comprendere precare contro la sorte; deve cercare di essere più ef-
i testi, per indicarne i punti più significativi, per ficiente e più organizzato e deve anche cercare di la-
smontarli nelle loro componenti e per mostrare altre vorare di più.
prospettive. Insomma per insegnare ad essere attivi La memoria in genere funziona così: capisce ed assi-
nei confronti dei testi. Essi però non sono verità indi- mila poco agli inizi, assimila di più e più velocemente
scutibili da memorizzare e da ripetere acriticamente; in seguito, quindi ha un rallentamento. In sostanza
vogliono essere esempi di analisi e stimoli al lavoro agli inizi dello studio si lavora e non si vedono risul-
personale. I commenti ai testi sono talvolta seguiti da tati, poi sorprendentemente compaiono anche se si
osservazioni. Esse si propongono due scopi: a) mo- lavora poco, infine si riducono anche se si lavora
strare come si è lavorato sui testi e come il materiale moltissimo.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 8
Un grafico chiarisce la situazione. volta. Ed ogni volta il testo ricompenserà la nostra
dedizione con scoperte incredibili!
q Ci dobbiamo persuadere che le vittorie e i successi
u non cadono dal cielo, né sono rari colpi di fortuna. Si
a preparano da lontano, con una applicazione costante,
n sistematica e ordinata al nostro ambito di studio e di
t lavoro.
i
t A questo punto possiamo porci una domanda: che
à senso ha studiare il passato, in particolare la produ-
zione letteraria che ha reso grande la nostra civiltà. I
motivi possono essere due: a) conoscere ed apprezza-
re il meglio che il passato ha prodotto; e b) fare di
queste conoscenze la nostra esperienza per affrontare
i problemi del nostro tempo e della nostra vita. Pas-
sano i secoli ma gli uomini, le donne e i problemi re-
0 tempo stano sempre gli stessi. Occorre grande immaginazio-
ne per affrontarli con successo. Noi possiamo ricorre-
Fig. 1. Curva dell’apprendimento re e confrontarci con il nostro grande passato. Così la
nostra fatica è minore e le soluzioni che elaboriamo
La curva poi si rovescia, ed incomincia la dimenti- sono migliori, più adeguate – più utili – per il nostro
canza dei dati appresi. La dimenticanza però può es- presente. Insomma lo studio deve essere interessante
sere ritardata riprendendo in mano il testo o, come si e utile, cosa che le antologie usate dagli studenti non
dice, “rinfrescandosi” la memoria. sono mai: hanno 1.000 pagine quando ne servono 20;
vogliono trasformare il lettore in un letterato, quando
lo studente deve imparare a scrivere e ha altri interes-
q si; dimenticano costantemente la realtà in cui lo stu-
u dente vive e gli interessi che lo studente ha e che sono
a legati all’età e alla cultura giovanile. La conclusione è
n che lo studente studia e spreca il suo tempo, che non
t può usare quello che ha studiato, che alla fine odia la
i cultura e coloro che gliel’hanno propinata.
t
à Da ultimo non nascondiamo che questa fatica serve
c anche a dare quella cultura che la scuola non dà più
ormai dal 1968. La riforma della scuola del 1963 (e le
b successive modifiche) poteva essere l’occasione per
diffondere la cultura umanistica, scientifica e profes-
sionale anche tra i giovani delle nuove generazioni.
a Ma la possibilità non è stata mai considerata. Le ri-
0 tempo forme si proponevano metodicamente di promuovere
gli studenti. E, per farlo, la via maestra è stata ed è
Fig. 2. Curva della dimenticanza quella di rendere la scuola sempre più facile e i pro-
grammi sempre più evanescenti. Così i giovani fini-
La curva a indica la rapida dimenticanza dei dati; la vano sulla scena della vita e sul mercato del lavoro
curva b indica quel che succede se i dati vengono sempre più indifesi, vera carne da macello. La rifor-
“rinfrescati” ogni tanto; la curva c indica che cosa ma dell’esame di maturità, ulteriormente facilitato
succede se i dati vengono programmaticamente e si- (gennaio 2017), corre alla grande in questa direzione.
stematicamente “rinfrescati”. Poiché i dati sono i no- L’apertura finale al presente ha proprio questa fun-
stri strumenti di lavoro e i servizi che noi vendiamo zione, conoscere la cultura effettiva del nostro tempo.
sul mercato, conviene ripassarli e rivisitarli costan- Di qui lo spazio dato ai canti e agli inni della Chiesa
temente, finché non si sono incorporati chiaramente, cattolica, ai canti e agli inni politici, alle canzonette di
ordinatamente, stabilmente e definitivamente nel no- Sanremo e infine a cinque romanzi di successo.
stro tessuto cerebrale.
L’incorporazione stabile si ottiene in un unico modo: L’ignoranza non è mai stata una virtù, nemmeno se è
ripassare, ritornare, ripetere e riflettere infinite volte difesa, patrocinata e imposta dallo Stato, dal governo
su un dato, su una questione, su un passo; e farlo ogni italiano e dalla sedicente “cultura” nazionale, egemo-
volta con lo stesso interesse, con la stessa curiosità e nizzata dalla Sinistra e dai suoi slogan a rima baciata.
con la stessa partecipazione, come se fosse la prima

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 9


La nascita delle lingue neo-latine I due diversi nuclei letterari sono legati a situazioni
storiche e sociali profondamente diverse: le chansons
de geste, più antiche, s’inseriscono nella società feu-
Intorno al Mille in Europa sorgono le lingue neolatine dale, che si sta consolidando militarmente e social-
dalla dissoluzione della lingua latina. Esse sono l’ita- mente, e cantano gli ideali di patria e di fede; i ro-
liano, il francese, lo spagnolo, il portoghese, il rume- manzi cavallereschi del ciclo bretone, più recenti,
no. Accanto ad esse sorgono le lingue anglo-sassoni, s’inseriscono in una società feudale ormai stabile, che
che sono il tedesco e l’inglese. Le lingue neolatine va verso valori borghesi, e cantano l’amore e l’av-
derivano non dal latino dotto, cioè quello scritto e ventura. Il ciclo bretone è seguito da un’ampia produ-
parlato dagli intellettuali e dalle persone colte, ma dal zione lirica, che ha come tema dominante l’“amor
latino popolare. cortese”, cioè l’amore verso la donna-castellana can-
Le prime prove letterarie delle nuove lingue sono ro- tato dai poeti che frequentano la corte del castello,
manzi o poemi di valore nazionale. che costituisce il centro della vita sociale ed econo-
mica (sec. XII e XIII).
In Spagna sorge il Cantar de mio Cid (metà del sec. Infine il ciclo dei cavalieri antichi reinterpreta in
XII), che mescola realtà storica e leggenda. Il prota- chiave cavalleresca e cristiana gli eroi ed i personaggi
gonista è Rodrigo Diaz de Bivar, soprannominato el storici del mondo antico come Enea, Giulio Cesare ed
Cid Campeador (il Signore vincitore), che lotta con- Alessandro Magno.
tro i mori per liberare la Spagna e che ottiene risultati La produzione letteraria francese riesce a condiziona-
significativi come la conquista di Valenza (1086). La re profondamente le letterature dei paesi vicini, in
reconquista spagnola contro gli arabi inizia proprio in particolare la letteratura italiana.
questi anni e termina nel 1492 con la caduta del regno
di Granada. In Germania sorge la Canzone dei Nibelunghi, che
unifica due saghe precedenti (1200-1210). Essa è
In Francia sorgono diversi cicli: ambientata intorno al 436 ed è incentrata sulla figura
a) le chansons de geste, tra le quali emerge il ciclo di Sigfrido, re dei Nibelunghi, e sulle sue avventure;
carolingio, che hanno un carattere epico-religioso poi sulla figura della moglie Crimilde, che ne vendica
(sec. XI); ferocemente la morte. Nel poema compaiono figure
b) i romanzi cavallereschi del ciclo bretone, che can- storiche come Attila (395ca.-453), re degli unni, e
tano l’amore e l’avventura (sec. XI-XII); e, meno Teodosio II (401-450), imperatore dell’impero roma-
importante, no d’oriente. Gli ideali cantati sono un senso estremo
c) il ciclo dei cavalieri antichi. dell’onore e dell’eroismo, e un desiderio insaziabile
di ricchezza e di potenza, che spinge i protagonisti a
Il primo canta Carlo Magno e i suoi paladini. Il poe- sfidare anche il destino, dal quale però vengono spie-
ma più importante è la Chanson de Roland (fine del tatamente travolti. La produzione tedesca presenta
sec. XI), che riprende un fatto storico: l’agguato teso quindi motivi e contenuti molto diversi da quelli can-
dai baschi (non dai mori) tra i Pirenei alla retroguar- tati dalle letterature straniere del suo tempo.
dia dell’esercito di Carlo Magno che rientrava in
Francia dalla Spagna (778). Per vendicarsi di Orlan- In Italia il poema nazionale appare con un notevole
do, Gano rivela a Marsilio, re moro di Saragozza, la ritardo rispetto alle altre nazioni europee. Esso è la
strada che i franchi seguiranno per tornare in patria. Il Divina commedia di Dante Alighieri (1306-1321). Le
paladino Orlando, che guida la retroguardia, è quindi cause di questo ritardo sono comprensibili: il latino,
assalito dai pagani a Roncisvalle e muore combatten- che è la lingua parlata dalla Chiesa, è molto più radi-
do valorosamente con tutti i suoi compagni. L’impe- cato che altrove nella cultura ufficiale, perciò gli in-
ratore torna indietro con l’esercito per soccorrerlo, tellettuali si preoccupano con notevole ritardo di por-
ma può soltanto vendicarlo facendo strage degli assa- re le basi ad una lingua nazionale. Essa racconta il
litori e punendo il traditore. lungo e drammatico viaggio del protagonista, lo stes-
Il secondo canta le avventure di re Artù e dei cavalie- so autore, nei tre regni dell’oltretomba, per ritrovare
ri della tavola rotonda. Le storie più note sono tre: la retta via, che aveva smarrito. Il viaggio si conclude
l’infelice amore di Tristano verso Isotta “la bionda”, con la visione mistica di Dio. In quest’opera i motivi
che porta entrambi gli amanti alla morte; l’amore cor- politici, filosofici, teologici e scientifici hanno la pre-
tese di Lancillotto verso la regina Ginevra, moglie di valenza su tutti gli altri motivi cantati nei poemi pre-
re Artù, un amore che spinge il cavaliere a compiere cedenti.
nobili azioni per la sua donna; e la mistica ricerca del
santo Graal (il vaso in cui Giuseppe d’Arimatea rac- In tutta Europa ancora per secoli la lingua ufficiale
colse il sangue di Cristo) fatta da Perceval, un giova- degli intellettuali e poi delle università resta il latino.
ne dall’animo nobile e puro. ------------------------------I☺I-----------------------------
In questo ciclo la donna svolge un ruolo di primo pi-
ano: essa spinge l’uomo ad elevarsi spiritualmente,
costringendolo ad ubbidirle e facendogli compiere
imprese eroiche.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 10
Le origini della letteratura italiana Fili de le pute, traìte
Gosmari, Albertel, traìte
Falite dereto colo palo, Carvoncelle.
I primi documenti della lingua italiana compaiono
poco prima del Mille e sono: “Figli di puttane, tirate! Gosmario, Albertello, Tira-
te! Spingi da dietro con il palo, Carboncello!”
1. L’indovinello veronese, scoperto nel 1924 e attri-
buibile con ogni probabilità al sec. XI, che presenta Il santo, ormai libero, così apostrofa i suoi persecuto-
un latino profondamente corrotto: ri:
Duritiam cordis vestri
Boves se pareba saxa trahere meruistis.
alba pratalia araba
albo versorio teneba “Per la durezza del vostro cuore meritaste di trasci-
negro semen seminaba. nare sassi.”
Gratias tibi agimus onnipotens sempiterne Deus. Questi sono i primi documenti in volgare. L’Italia pe-
raltro risente in modo particolare dell’influsso della
“Spingeva avanti i buoi (le dita della mano), cultura francese, che a partire dal Mille si irradia in
arava bianchi prati (i fogli di pergamena), tutta Europa e che si diffonde soprattutto nella peni-
teneva un bianco aratro (la penna d’oca), sola grazie alla facilità delle comunicazioni.
seminava un seme nero (l’inchiostro).
Commento
Ti ringraziamo, o Dio onnipotente ed eterno.” 1. Il santo parla in latino, anche se non completamen-
te corretto, mentre il personaggio negativo parla in
I verbi hanno perso la t della desinenza (parebat, a- volgare. Peraltro il latino usato è molto semplice e di
rabat ecc.) e sono scomparsi i complementi. Doveva derivazione popolare. La differenza linguistica e-
essere: album versorium tenebat (accusativo maschi- sprime anche una gerarchia di valori: la lingua nobile
le singolare) e nigrum semen seminabat. Alba prata- è quella antica. Esprime anche una gerarchia sociale:
lia può essere un neutro plurale. Albo versorio è sol- il santo, cioè la Chiesa, è più importante del popolo
tanto un ablativo di mezzo (con un bianco aratro). minuto, che lavora. Il contrasto è ripetuto dai nomi: i
nomi barbari del padrone e dei suoi servi; il nome la-
2. I placiti cassinesi. Si tratta di testimonianze giura- tino del martire. Insomma il documento registra an-
te che alcuni contadini fanno a favore del monastero che un contrasto di classe: la Chiesa e gli ecclesiastici
di Montecassino che rivendica la proprietà di alcuni sono insofferenti dei barbari invasori, che hanno di-
terreni contro chi se ne era abusivamente appropriato. strutto la società e la civiltà romana.
Essi sono scritti in un italiano latineggiante a metà 1.1. L’espressione corretta era: propter cordis vestri
strada tra la lingua del testimone e la lingua del nota- duritiam (accusativo retto da propter) o anche, sem-
io che li stila; e sono inseriti in un documento intera- plicemente, cordis vestri duritiā (ablativo semplice).
mente scritto in latino, il linguaggio ufficiale degli Questa però è soltanto la correttezza grammaticale. In
atti giuridici. Essi sono una formula stereotipata che il realtà un latino classico non avrebbe mai parlato di
testimone deve ripetere e che si trova anche in altri durezza di cuore: il linguaggio è latino, ma il conte-
documenti. Il più antico è il placito di Capua, che ri- nuto è cristiano. La Chiesa opportunamente si era ap-
sale al 960: propriata della lingua dei persecutori, che era la lin-
gua parlata in tutto l’impero. Uno strumento di co-
Sao ko kelle terre per kelle fini che ki contene trenta municazione già pronto ed efficiente.
anni le possette parte sancti Benedicti. 2. È sorprendente notare che i poemi nazionali ri-
specchiano il carattere presente e futuro dei vari po-
“Affermo che questi terreni, per questi confini, che poli. La produzione letteraria successiva, compresa
sono contenuti in questa mappa, per trent’anni furo- quella più recente, ripropone i valori e gli ideali che
no di proprietà del monastero di san Benedetto.” queste opere incorporano. Ma lo stesso discorso si
può fare anche per le altre discipline.
3. L’iscrizione si trova nella chiesa di san Clemente 3. La letteratura italiana si caratterizza, rispetto alle
in Roma ed è di poco posteriore al 1084: il pagano altre, per tre aspetti, tra loro legati: a) l’estrema len-
Sisinnio incita i servi Gosmario, Albertello e Carbon- tezza con cui la lingua cambia; b) il carattere eminen-
cello a portare al martirio san Clemente, colpevole temente letterario della lingua; c) la spaccatura tra
della conversione della moglie. Avviene però il mira- lingua colta e lingua parlata (o popolare). In altre pa-
colo: i servi si trovano a trascinare una pesante co- role gli spagnoli, i francesi, i tedeschi di oggi non rie-
lonna di marmo, mentre il santo è libero. Sisinnio in- scono a leggere e a comprendere i testi letterari scritti
veisce contro di loro, per incitarli a trascinare il santo: dopo il Mille, gli italiani riescono a farlo con una cer-
ta facilità. La lingua non è cambiata. La Chiesa è sta-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 11
ta conservatrice del latino fino al Concilio Vaticano 6. Questi e pochi altri documenti sono tutto ciò che è
II (1962-65), gli intellettuali sono stati rigidi conser- rimasto degli anni introno al Mille. Ciò vuol dire
vatori della stabilità e dell’unità della lingua. Le nuo- che, se non ci sono o se si perdono i documenti (ad
ve parole si inserivano facilmente nel ceppo prece- esempio perché vanno distrutti, per caso o volonta-
dente della lingua. Se ciò non bastasse, ancora nel- riamente), si perde la storia del passato, poiché senza
l’Ottocento c’era chi voleva riportare in auge l’ita- documenti risulta impossibile ricostruire il passato.
liano del Trecento, quello di Dante, Petrarca e Boc- Non è nemmeno detto poi che i documenti rimasti
caccio. I letterati non hanno capito che tempus fugit. siano i più significativi per il loro tempo, come per
noi. Ad esempio:
Osservazioni a) l’indovinello veronese è più importante per gli in-
1. Il testo fornisce in ordine cronologico i documenti teressati (si tratta di semplice letteratura d’intratteni-
più significativi. Le informazioni cioè sono state scel- mento) che per lo storico, che si propone di ricostrui-
te e disposte in base a questi due criteri. Altri tipi di re il passato;
ordine sono possibili. Ad esempio l’ordine alfabetico b) i placiti sono i documenti più abbondanti e più im-
dei dizionari, delle enciclopedie ecc. L’ordine è in portanti, e tuttavia riguardano soltanto un ambito li-
tutti i casi necessario, perché soltanto se sono ordina- mitato, quello giuridico; e
te, le informazioni si possono rintracciare facilmente. c) l’iscrizione di san Clemente è un documento acci-
Quando si mettono in ordine e si organizzano infor- dentale, che si usa in mancanza di altro.
mazioni, bisogna quindi scegliere un ordine, e sce- Della produzione orale o di altre espressioni culturali
gliere quello più adatto. non è rimasto (scritto) niente.
2. La messa in ordine delle informazioni peraltro non 7. Per essere capite, le informazioni presentate pre-
è la prima operazione che si compie. Prima bisogna suppongono altre conoscenze: geografiche, storiche,
scegliere le informazioni e poi bisogna ordinarle. In letterarie ecc. Senza questa cultura di fondo, esse so-
genere il criterio di scelta è dettato dall’importanza no pure frasi senza senso. E risultano difficili ed osti-
delle informazioni, in vista dello scopo che si deve che da assimilare. Ciò che si studia va quindi collega-
raggiungere o del compito che si deve eseguire. Oltre to alla nostra esperienza personale e alle nostre cono-
a ciò bisogna tenere presenti anche altre variabili: lo scenze di storia e di altre discipline.
spazio disponibile per fissare le informazioni (più 8. Ogni epoca ha la sua cultura, ed ogni cultura ha
spazio significa più informazioni, e viceversa), il molteplici scopi: divertire, intrattenere, far evadere,
tempo disponibili per eseguire il compito, i mezzi, il far riflettere, far comunicare. Il confronto della nostra
committente (se c’è), il destinatario (che c’è sempre) cultura con quelle precedenti permette di cogliere
ecc. Anche una raccolta semplice di informazioni si somiglianze e differenze. Ed è particolarmente stimo-
rivela quindi un compito molto complesso da portare lante per noi, lettori di oggi. Non si deve dare per
a termine. scontato che il nostro modo di vedere la cultura e la
3. Il testo non esplicita tutte le informazioni: alcune realtà sia lo stesso degli autori o del tempo che stu-
possono essere facilmente ricavate con un po’ di diamo. È molto probabile che ci siano differenze si-
buona volontà da parte del lettore: gnificative. Noi dobbiamo evitare di commettere
a) la cultura popolare e la cultura ufficiale convivono l’errore di anacronismo, cioè di attribuire le nostre
ma si contrappongono; idee al passato, di proiettare le nostre convinzioni e i
b) la cultura dotta è profondamente ostile verso la nostri valori sul passato, di usare le nostre verità co-
cultura popolare; me sistema di misura per valutare (e, inevitabilmente,
c) c’è quindi anche una contrapposizione di classe tra condannare) il passato. Dobbiamo evitare anche di
chiesa-cultura latina tradizionale da una parte e popo- pensare che quel che hanno detto, fatto, pensato le
lo-cultura popolare – cultura e classi emergenti – epoche e le civiltà precedenti sia sempre sbagliato e
dall’altra. che quello che diciamo e facciamo noi sia sempre
4. Ogni testo quindi presenta due livelli: a) quello che giusto. La realtà è sempre più complessa del previsto.
dice esplicitamente; e b) quello che dice implicita- E dei nostri desideri.
mente. Spesso il secondo livello è più importante del ------------------------------I☺I-----------------------------
primo. Il lettore perciò deve prestare attenzione sia al
primo sia al secondo. Non deve soltanto memorizzare
il contenuto di un testo, deve lavorare attivamente sul
testo.
5. I tre documenti si collocano in ambiti culturali tra
loro molto diversi in cui la lingua subisce cambia-
menti: a) la cultura d’intrattenimento (l’indovinello
veronese); b) l’ambito giuridico (i placiti notarili); e
c) il mondo ecclesiastico (l’iscrizione romana della
chiesa di san Clemente). Anche l’origine geografica
dei documenti è significativa: l’Italia settentrionale,
centrale e meridionale.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 12
La poesia goliardica La raccolta, tutta in latino, è divisa in tre parti: Canti
satirici e morali; Canti d’amore; Canti bacchici e
Nei sec. XI e XII si diffonde in tutta Europa la poesia gioiosi. Essa presenta una ricchezza di motivi quasi
dei clerici vagantes (per la loro vita disordinata e va- del tutto sconosciuta alla poesia italiana: a) i valori di
gabonda) o goliardi (da Golia, il gigante filisteo di onestà e di cortesia ormai dimenticati, l’impegno mo-
biblica memoria; ma il nome è anche una facile asso- rale e civile, la critica al concubinato e alla simonia
nanza con gola). Essi sono intellettuali e studenti che degli ecclesiastici; b) la fortuna, la primavera, l’amo-
rifiutano i valori tradizionali, cantano i piaceri della re istintivo; c) la vita trasgressiva, l’amore sensuale,
vita e propongono una cultura laica fortemente ag- la gioia, il cibo, l’osteria.
gressiva verso le autorità civili e religiose. Alcuni Il primo canto celebra il vino, che rende gli uomini
canti, particolarmente dissacratori, celebrano la vita tutti uguali.
gaudente sull’aria degli inni religiosi. Il secondo è bilingue, alto-tedesco e latino, e parla di
Una raccolta di questi canti si trova nei Carmina bu- una passeggiata nel bosco fatta da un giovane intra-
rana, un codice duecentesco ora nella Biblioteca Na- prendente e da una ragazza ingenua, con sorpresa fi-
zionale di Monaco di Baviera. Esso è noto anche nale.
come codex buranus, poiché proviene dall’abbazia di Il terzo, ancora sul vino, è di area italiana. È scritto da
Benediktenbeuren, l’antica Bura Sancti Benedicti, Morando, maestro di grammatica di Padova (inizi del
fondata da san Bonifazio fra il 730 e il 740 sulle Alpi sec. XIII).
Bavaresi. ---I☺I---
---I☺I---

In taberna quando sumus


Quando siamo all’osteria
I 1.
In taberna quando sumus Quando siamo all’osteria
non curamus quid sit humus non ci curiamo di dove essa sia,
sed ad ludum properamus ma al gioco ci affrettiamo,
cui semper insudamus. per il quale sempre noi sudiamo.
Quid agatur in taberna Quel che avviene all’osteria,
ubi nummus est pincerna dove il denaro paga da bere,
hoc est opus ut queratur. lo dovete proprio sapere!
Si quid loquar, audiatur! Se parlo, ascoltatemi!
II 2.
Quidam ludunt, quidam bibunt C’è chi gioca, c’è chi beve,
quidam indiscrete vivunt c’è chi vive alla giornata.
sed in ludo qui morantur Ma fra quelli che giocano,
ex his quidam denudantur alcuni sono denudati,
quidam ibi vestiuntur altri qui si rivestono,
quidam saccis induuntur. altri si riempiono i borsellini.
Ibi nullus timet mortem Qui nessuno teme la morte,
sed pro Baccho mittunt sortem! ma brindando a Bacco tenta la sorte!
III Litania 3. Litania
Primo pro nummata vini Prima bevono per chi paga da bere,
ex hac bibunt libertini così bevono i dissoluti.
semel bibunt pro captivis Poi bevono per i prigionieri,
post hec bibunt ter pro vivis la terza volta bevono per i vivi,
quater pro christianis cunctis la quarta per tutti i cristiani,
quinquies pro fidelibus defunctis la quinta per i fedeli defunti,
sexies pro sororibus vanis la sesta per le sorelle leggere,
septies pro militibus silvanis, la settima per i cavalieri erranti;
IV 4.
octies pro fratribus perversis l’ottava per i frati perversi,
nonies pro monachis dispersis la nona per i monaci dispersi,
decies pro navigantibus la decima per i naviganti,
undecies pro discordaniibus l’undicesima per i litiganti,

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 13


duodecies pro penitentibus la dodicesima per i penitenti,
tredecies pro iter agenti bus la tredicesima per i pellegrini.
Tam pro papa quam pro rege Tanto per il papa, tanto per il re
bibunt omnes sine lege! bevon tutti senza freno.

V 5.
Bibit hera, bibit herus Beve la padrona, beve il padrone,
bibit miles, bibit clerus beve il soldato, beve il chierico,
bibit ille, bibit illa beve quello, beve quella,
bibit servis cum ancilla beve il servo con la serva,
bibit velox, bibit piger beve il veloce, beve il pigro,
bibit albus, bibit niger beve il bianco, beve il negro,
bibit constans, bibit vagus beve l’indeciso e il costante,
bibit rudis, bibit magnus, beve il dotto e l’ignorante.

VI 6.
bibit pauper et egrotus Beve il povero e l’ammalato,
bibit exul et ignotus beve l’esule e lo sconosciuto,
bibit puer, bibit canus beve il giovane e l’anziano,
bibit presul et decanus beve il vescovo e il decano,
bibit soror, bibit frater beve la sorella con il fratello,
bibit anus, bibit mater beve la nonna con la madre,
bibit ista, bibit ille beve questo, beve quello,
bibunt centum, bibunt mille! bevon cento, bevon mille.

VII 7.
Parum sexcente nummate Durano poco seicento
durant, cum immoderate suffice denari, quando bevon
bibunt omnes sine meta tutti senza limiti, anche se
quamvis bibant mente leta. bevono con animo lieto.
Sic nos rodunt omnes gentes Così la gente ci denigra
et sic erimus egentes. e non ci offre nulla.
Qui nos rodunt confundantur Chi ci disprezza sia castigato
et cum iustis non scribantur! e sia messo tra i disonesti!
---I☺I--- ------------------------------I☺I-----------------------------

Chume, chume, geselle min! Vieni, vieni, o mio amato

Chum, chum, geselle min, (Lei) Vieni, vieni, o amore mio,


ih enbite harte din, ti aspetto ardente di desiderio,
ih enbite harte din, ti aspetto ardente di desiderio,
chum, chum, geselle min. vieni, vieni, o amore mio.

Suzer rosenvarwer munt, (Lui) O mia dolce bocca color di rosa,


chum une mache mich gesunt, vieni e rendimi felice,
chum unde mache mich gesunt, vieni e rendimi felice,
suzer rosenvarwer munt. o mia dolce bocca color di rosa,
----I☺I--- ------------------------------I☺I-----------------------------

Commento 3. Il linguaggio esplicito dei due amanti non ha equi-


1. Lei invita il suo amore a venire da lei, arde già di valente nella letteratura italiana, o forse la maratona
desiderio. A sua volta egli la invita, chiamandola di 232 sonetti scritti da Dante, per conquistare il Fio-
Bocca di Rosa, e la prega di renderlo felice. Le due re (1283-87), cioè la vagina, di una donna. Il vene-
cinquine sono complementari. Anche Fabrizio De ziano Giorgio Baffo (1694-1768), all’anagrafe Zorzi
André recupera il nome Bocca di Rosa. A scanso di Alvise Baffo, scrive in dialetto e canta la mona, cioè
equivoci, l’espressione indica le grandi labbra della la vagina, ma è troppo ripetitivo. L’unico autore si-
vagina. gnificativo è Masuccio Salernitano, Novellino (Napo-
2. È la ragazza che prende l’iniziativa. Ma i due a- li 1476; Sansoni, Firenze 1991), che usa un linguag-
manti desiderano la stessa cosa: l’amore fisico, una gio sicurament pornografico. Una sua novella ispira
semplice, facile e piacevole soddisfazione dei sensi. Romeo e Giulietta di William Shakespeare.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 14
Ich was ein chint so wolgetan Ero una bambina innocente

Ich was ein chint so wolgetan, Ero una bambina innocente,


virgo dum florebam una vergine mentre fioriva,
do brist mich div werlt al, così mi considerava la gente,
omnibus placebam. e piacevo a tutti.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Da wolde ih an die wisen gan, Volevo andare per i prati,


flores adunare, a raccogliere fiori,
do wolde mich ein ungetan allora mi volle un impudente
ibi deflorare. ivi deflorare.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Er nam mich bi der wizen hant, Mi prese per la bianca mano,


sed non indecenter, ma non in modo sconveniente,
er wist mich div wise lanch mi portò lungo il bianco sentiero,
valde fraudulenter. in modo fraudolento.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Er grait mir an daz wize gewant Afferrò la mia bianca veste


valde indecenter in modo molto sconveniente,
er fûrte mih bi der hant mi prese per mano
multum violenter. con molta violenza.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Er sprach: “Vrowe, ge wir baz! Mi disse: “Ragazza, andiamo,


nemus est remotum” il boschetto è lontano!”
dirre wech der habe haz! Questo sentiero dev’essere maledetto!
planxi et hoc totum. Mi lamentai per tutta la strada.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

“Iz stat ein linde wolgetan “C’è un bel tiglio


non procul a via non lontano dalla via,
da hab ich mine herphe lan, dove ho lasciato la mia arpa,
timpanum cum Iyra”. il tamburo e la lira”.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Do er zu der linden chom, Quando è venuto sotto il tiglio,


dixit: “Sedeamus”, mi disse: “Sediamoci!”
– div minne twanch sêre den man – – il desiderio trasformò l’uomo –
“ludum faciamus!” “Facciamo un gioco!”
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 15


Er graif mir an den wizen lip, Mi prese per il bianco corpo,
non absque timore non senza paura da parte mia,
er sprah: “ich mache dich ein wip, mi disse: “Faccio di te una donna,
dulcis es cum ore!” sei dolce con la bocca!”
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Er warf mir uof daz hemdelin Mi strappò via la camicetta,


corpore detecta mi spogliò completamente,
er rante mir in daz purgelin penetrò nel mio castello
cuspide erecta. con la sua lancia innalzata.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!

Er nam den chocher unde den bogen Poi prese l’arco e la faretra,
bene venabatur cacciava molto bene!
der selbe hete mich betrogen Mi ha ingannato,
ludus compleatur. il gioco è finito.
Hoy et oe Hoy et oe
Maledicantur thylie Maledetti siano i tigli,
iuxta viam posite. posti lungo la via!
----I☺I--- ----I☺I---

Commento 4. Il latino si sta trasformando: la forma corretta do-


1. Il carme si inserisce nel genere della pastorella: un veva essere: thyliae e positae. La pronuncia ha pre-
ragazzo o un uomo adocchia una pastorella, preoccu- valso sulla grammatica. Ma si capisce lo stesso. Fa
pandosi che sia vergine. La porta in mezzo al bosco, sorridere la battuta e la maledizione alla fine di ogni
le promette qualcosa e poi se la frulla. La ragazza ci strofetta: la colpa è dei tigli, posti lungo la via. L’han-
sta male ad essere ingannata (o forse lo voleva…). no drogata con il loro profumo. Non è sua.
Ma anche questo fa parte del gioco. 5. Quando arriva al bel tiglio e non vede gli strumenti
2. L’autore apporta al tópos una simpatica variante: il musicali, la ragazza doveva insospettirsi. E invece no.
bilinguismo. Parla alto-tedesco e latino. Le parti più Ascolta ancora il ragazzo, che le dice di sedere, per-
intense ed erotiche sono semi-celate nel latino. ché avrebbero fatto un gioco. E subito dopo le strappa
3. La ragazza crede alle favole dello sfrontato che la i vestiti di dosso e lei non oppone alcuna resistenza.
vuole frullare. Le ragazze sono sempre credulone… o 6. Niente baci e niente carezze. L’amante la possiede
fingono di esserlo? Così si sottraggono a qualsiasi re- subito. Lei dice che sapeva frullare bene, e le credia-
sponsabilità per quanto succede. E da parte sua non mo. Non si lamenta che le abbia fatto male o che ab-
oppone resistenza quanto lui le strappa di dosso la bia fatto le cose in fretta. Forse non era proprio una
camicetta e tutto il resto. Non si mette neanche a stril- ragazza per bene…
lare. Riconosce anzi che cacciava/frullava bene. Co- 7. Il genere della pastorella mostra quel che frulla in
me possa esprimere questo giudizio (aveva inizial- testa ai maschi, e soprattutto apre uno spiraglio
mente detto che era vergine), non si sa. sull’immaginario maschile.
------------------------------I☺I----------------------------- ------------------------------I☺I-----------------------------

Vinum dulce gloriosum Vino dolce e glorioso

Vinum dulce gloriosum Il vino dolce e glorioso


pingue facit et carnosum rende pingui e carnosi,
atque pectus aperit. e apre il petto.

Et maturum, gustu plenum, Quand’è maturo e pien di gusto,


valde nobis est amoenum, ci piace assai,
quia sensus acuit. perché acuisce i sensi.

Vinum forte, vinum purum Il vino forte, il vino puro


reddit hominem securum rende l’uomo sicuro,
et depellit frigora. e scaccia i brividi.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 16


Sed acerbum linguas mordet, Ma, se acerbo, è pungente
intestina cuncta sordet e sporca gli intestini,
corrumpendo corpora. poi corrompe il corpo.

Vinum vero quod est glaucum Il vino chiaro per davvero


potatorem facit raucum rende rauco chi lo beve,
et frequenter mingere. e lo fa spesso mingere.

Vinum vero turbulentum Il vino torbido invece


solet dare corpus lentum è solito rendere pigri
et colorem tingere. e tingere di colore [il viso].

Vinum rubeum subtile Il vino rosso e sottile


non est reputandum vile, non è da disprezzare,
nam calorem generat. poiché dà calore al corpo.

Auro simile citrinum Il vino bianco come l’oro


valde fovet intestinum favorisce l’intestino,
et langores suffocat. e soffoca i languori [di stomaco].

Alba lympha maledicta L’acqua limpida maledetta


sit a nobis interdicta, sia per noi interdetta,
quia splenen provocat. perché provoca la bile.

Amen. Amen
---I☺I--- ---I☺I---

Commento vole, ora spiacevole, ora interessante, ora noiosa. An-


1. La qualità artistica di questa canzone come della che il canto goliardico fa parte della cultura; ed anche
più famosa In taberna quando sumus è modesta. Ma le canzonette dei cantanti e dei cantautori moderni
ciò non è importante. All’osteria non si bada a queste fanno parte della cultura. Anche se durano una sola
quisquiglie. Quel che conta è che esse siano orec- stagione e sono del tipo “usa e getta”.
chiabili, spingano a bere, a cantare e ad aggregare la ------------------------------I☺I-----------------------------
compagnia. Vinum dulce gloriosum ha poi lo stesso
ritmo e la stessa musica degli inni ecclesiastici, come
Pange, lingua, gloriosi corporis. È una parodia e una
blasfemia… Ma agli studenti si permetteva questo ed
altro: erano nobili, erano ricchi, portavano e spende-
vano denaro dove andavano. Venezia non li vuole a-
vere tra i piedi, così l’università sorge in terraferma, a
Padova (1222).
2. Esse sono scritti in latino, la lingua ufficiale della
cultura europea del tempo. Il latino resta la lingua uf-
ficiale della scienza fino a Settecento inoltrato. Carl
Nilsson Linnaeus (1707-1778), italianizzato in Lin-
neo, classifica piante e animali con la terminologia
latina, che è tuttora usata.

Osservazioni
1. Il testo è scritto in latino e appartiene all’area tede-
sca. È ugualmente presentato perché mostra che si
può fare cultura anche cantando i piaceri della vita; e
perché permette di cogliere la differenza tra la cultura
italiana ufficiale e quella straniera. Al tempo peraltro
esisteva una cultura europea che accomunava tutti gli
intellettuali.
2. Esso spinge a fare una riflessione su che cos’è la
cultura; e permette di dare una risposta: la cultura è
tante cose (cultura economica, religiosa, letteraria,
scientifica, giuridica, scolastica ecc.); ed è ora piace-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 17
Le maggiori correnti del Duecento polemiche religiose, che impegnano le sette eretiche
contro la corruzione della Curia romana. Egli vuole
Le maggiori correnti letterarie del Duecento sono: a) riformare restando dentro la Chiesa, perciò chiede ed
la Scuola siciliana (1230ca.-1260ca.), b) la Scuola to- ottiene il riconoscimento della Regola prima verbal-
scana (1260ca.-1280ca.), c) la corrente comico-reali- mente da papa Innocenzo III nel 1209, poi ufficial-
stica (1260ca.-1310ca.), d) il Dolce stil novo (1274- mente da papa Onorio III nei 1223. Muore nel 1226.
1294).
Francesco scrive le due Regole, il Cantico di Frate
Per tutto il secolo poi ha una grande diffusione la let- Sole (o Laudes creaturarum), e il Testamento. Il can-
teratura religiosa. Il termine religioso è soltanto indi- tico, scritto forse nel 1224, riprende due salmi della
cativo perché è inadeguato. La letteratura religiosa è Bibbia (Salmo 148; Daniele III, 52-90), che invitano
quasi tutta la letteratura esistente e gli autori sono per le creature a lodare Dio. Esso presenta una difficoltà
lo più ecclesiastici o, in alternativa, sono laici che di interpretazione: il significato da dare alla preposi-
hanno intrapreso la ben remunerata corriera ecclesia- zione per dei vv. 10, 12, 15, 17 ecc. Per può signifi-
stica ma che in cuore sono rimasti laici o quasi. care da (e allora le creature sono invitate dallo scritto-
------------------------------I☺I----------------------------- re a lodare Dio); o per l’esistenza di (e allora l’uomo
loda Dio perché gli ha donato le creature). Nessuna
delle due soluzioni però va bene per tutti i casi.
La letteratura religiosa L’ambiguità è comprensibile: Francesco usa il lin-
guaggio per comunicare, non si preoccupa di riflette-
I maggiori esponenti della letteratura religiosa sono re sulla lingua come strumento rigoroso e formale di
Francesco d’Assisi (1182-1226), Tommaso da Celano comunicazione. La seconda interpretazione è quella
(1190ca.-1260), Jacopone da Todi (1236ca.-1306). tradizionale dell’Ordine francescano, accolta anche
dalla critica più recente. Vale anche la pena di ricor-
Francesco d’Assisi (1182-1226) è figlio di un ricco dare che al tempo la lingua si stava formando e i ter-
mercante, conduce una vita dissipata, quindi ha una mini avevano un significato oscillante, ora legato al
crisi religiosa che lo porta a convertirsi. Fonda l’ordi- latino, ora legato al volgare. Ed è ragionevole pensare
ne dei frati minori, i cui ideali sono l’umiltà, la pover- che nel testo il significato si modifichi dai primi versi
tà, la castità e una totale fiducia nella Provvidenza di- agli ultimi.
vina. Francesco propone questi valori in una società ---I☺I---
dilaniata dai contrasti politici tra fazioni rivali e dalle

Francesco d’Assisi (1182-1226), Laudes Lode delle creature o Cantico di Frate Sole
creaturarum, 1224
1.
I
O Altissimo, onnipotente e buon Signore,
Altissimu, onnipotente, bon Signore,
tue sono le lodi, la gloria, l’onore
tue so’ le laude, la gloria e ‘honore
e ogni benedizione.
et onne benedictione.
A te solo, o Altissimo, esse spettano,
Ad te solo, Altissimo, se konfàno
e nessun uomo è degno di nominare il tuo nome.
et nullu homo ène dignu te mentovare.
2.
II
Che tu sia lodato, o mio Signore, con tutte le creature,
Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature,
specialmente [per][averci dato] messer fratello Sole,
spetialmente messor lo frate sole,
che è luce del giorno, e tu c’illumini per mezzo di lui.
lo qual è iorno, et allumini noi per lui.
Esso è bello e irraggia grande splendore:
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore,
di te, o Altissimo, è il simbolo.
de te, Altissimo, porta significatione.
Che tu sia lodato, o mio Signore,
Laudato si’, mi’ Signore, per sora luna e le stelle,
per [averci dato] sorella luna e le stelle:
in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.
in cielo le hai create lucenti, preziose e belle.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate vento et per aere
Che tu sia lodato, o mio Signore, per fratello vento,
et nubilo et sereno et onne tempo,
il cielo nuvoloso e sereno e ogni tempo,
per lo quale a le tue creature dài sustentamento.
per mezzo del quale sostieni la vita delle tue creature.
Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua,
Che tu sia lodato, o mio Signore, per sorella acqua,
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
che è molto utile, umile, preziosa e casta.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate focu,
Che tu sia lodato, o mio Signore, per fratello fuoco,
per lo quale ennallumini la nocte,
per mezzo del quale tu illumini la notte:
et ello è bello et iocundo et robustoso et forte.
esso è bello, gioioso, gagliardo e forte.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 18


Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre terra, Che tu sia lodato, o mio Signore, per nostra sorella
la quale ne sustenta et governa, madre terra, che ci nutre e ci governa,
et produce diversi fructi con coloriti flori et herba. e produce diversi frutti, fiori colorati ed erba.

III 3.
Laudato si’, mi’ Signore, per quelli ke perdonano Che tu sia lodato, o mio Signore, per coloro
per lo tuo amore, che perdonano per tuo amore
et sostengo infirmitate et tribulatione. e sopportano malattie e sofferenze.
Beati quelli ke ‘l sosterrano in pace, Beati coloro che le sopporteranno in pace
ka da te, Altissimo, sirano incoronati. che da te, o Altissimo, saranno accolti in paradiso.
Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corpo- Che tu sia lodato, o mio Signore,
rale, per nostra sorella morte del corpo,
da la quale nullu homo vivente pò skappare: dalla quale nessun uomo vivente può fuggire:
guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali; guai a coloro che morranno in peccato mortale;
beati quelli ke trovarà ne le tue santissime voluntati, beati quelli che troverà nella tua santissima volontà,
ka la morte secunda no ‘l farrà male. perché la morte dell’anima non farà loro alcun male.

IV 4.
Laudate et benedicete mi’ Signore Lodate e benedite il mio Signore,
et ringratiate et serviateli cum grande humilitate. e ringraziatelo e riveritelo con grande umiltà.
---I☺I--- ---I☺I---

Commento
1. Il testo può essere diviso in quattro parti: a) l’in- rigine sociale risulta l’unico riferimento alla vita so-
troduzione che loda l’Altissimo; poi b) la lode per le ciale e terrena e agli scontri che caratterizzano la so-
creature date da Dio all’uomo; c) la lode sia per quelli cietà del tempo. Francesco peraltro conosce tali con-
che perdonano e soffrono in nome di Dio, sia per co- trasti e, per disinnescarli, propone valori terreni e
loro che muoiono in grazia di Dio; d) la conclusione ultraterreni alternativi (la sopportazione per amore di
che invita a lodare, riverire e servire il Signore. Dio, l’umiltà, l’importanza della salvezza eterna).
2. Dio è definito come “altissimu, onnipotente, bon 6. La conclusione invita apparentemente a incentrare
Signore”, al quale spettano tutte le lodi: l’uomo è nul- la vita su Dio e sulla salvezza eterna, quindi a una
la davanti a Lui e tuttavia Egli ama l’uomo, per il scelta radicalmente e solamente religiosa: il mondo
quale ha creato la Natura. Dio è padre buono e bene- terreno è in funzione di quello ultraterreno; la vita
fico nei confronti delle creature, alle quali è vicino. sulla terra è in funzione alla vita in cielo. In realtà
Esse possono riporre in Lui tutta la fiducia. dando importanza all’al di là e svalutando l’al di qua,
3. Le creature, che sono al servizio e ad uso dell’uo- Francesco ottiene il risultato di buttare acqua sul fuo-
mo, sono indicate ordinatamente: il sole, simbolo di co, cioè sui contrasti che provocavano gli scontri so-
Dio, la luna, le stelle, l’aria, il fuoco, l’acqua, il ven- ciali e sugli stessi valori dominanti, che si possono
to, il bello ed il cattivo tempo, la terra, che è madre e ignorare a favore di altri valori, più adatti alla convi-
nutrice per gli uomini. Nel cantico sono presenti tutte venza civile: un valore per essere tale deve essere ri-
le creature che fanno parte della natura; sono assenti conosciuto come valore. Nella Divina commedia di
gli animali, ma anche l’uomo e la società umana, che Dante agli inizi del Trecento, indubbiamente un testo
sono dilaniati dai contrasti e che ignorano e rifiutano molto più complesso, esiste un meccanismo simile,
la vita semplice a contatto con le altre creature. che tuttavia mostra in modo molto più visibile il fatto
4. Subito dopo le creature sono nominate le malattie, che l’al di là è in funzione dell’al di qua.
che hanno un’origine naturale, e le sofferenze, che 7. Non deve stupire che la cultura del tempo sia (qua-
invece hanno un’origine sociale. Le une e le altre si) soltanto religiosa: la Chiesa aveva avuto 800 anni
vanno sopportate per amor di Dio. L’invito acquista (476-1225) per conquistare l’intera società europea e
la sua importanza e mostra la sua utilità se si tiene per plasmarla con i suoi valori. Oltre a ciò nel mondo
presente che nel Medio Evo il dolore e le malattie so- antico greco e romano la religione era sempre presen-
no i compagni inseparabili della vita quotidiana. te nelle cerimonie private come nelle pubbliche.
5. Quindi sono nominate la morte del corpo, da cui ------------------------------I☺I-----------------------------
l’uomo non può fuggire, e la morte dell’anima, che
l’uomo deve fuggire morendo in grazia di Dio. La se-
renità del cantico è interrotta all’improvviso e per un
momento dalla minaccia “Guai a coloro che muoiono
in peccato mortale!”. L’accenno alle sofferenze di o-

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 19


Il frate francescano Tommaso da Celano (Abruzzo) ricordandogli che è morto sulla croce proprio per sal-
(1190ca.-1260), che scrive la prima biografia di Fran- varlo dalla dannazione eterna.
cesco d’Assisi, è tradizionalmente considerato l’au-
tore del Dies irae, una delle espressioni più alte ed Il Dies irae non va letto, va cantato o ascoltato in
intense della religiosità medioevale. Dio appare come chiesa e in coro in una fredda giornata invernale, ver-
un giudice terribile, che non lascia nulla di impunito. so il tramonto, quando si accendono le torce per far
Perciò il credente, temendo di finire tra le fiamme luce.
dell’inferno, cerca un difensore e si rivolge a Gesù,

Tommaso da Celano (1190ca.-1260), Dies


irae Il giorno dell’ira divina
Dies irae, dies illa Il giorno dell’ira divina, il giorno supremo,
solvet saeclum in favilla: distruggerà il mondo nel fuoco,
teste David cum Sybilla. come testimonia Davide con la Sibilla.
Quantus tremor est futurus, Quanto tremore ci sarà,
Quando judex est venturus, quando il giudice verrà,
Cuncta stricte discussurus. per discutere tutto severamente.
Tuba, mirum spargens sonum La tromba, spargendo un suono meraviglioso
per sepulcra regionum, tra i sepolcri delle nazioni,
coget omnes ante thronum. spingerà tutti davanti al trono [di Dio].
Mors stupebit et natura, La morte si stupirà e anche la natura,
cum resurget creatura, quando risorgerà la creatura (=gli uomini),
judicanti responsura. per rispondere al suo giudice.
Liber scriptus proferetur, Sarà portato il libro scritto,
in quo totum continetur, nel quale è contenuto tutto ciò
unde mundus judicetur. di cui il mondo sarà giudicato.
Judex ergo cum sedebit, Quando il giudice si sederà,
quidquid latet, apparebit: tutto ciò che è nascosto apparirà:
nil inultum remanebit. niente di impunito rimarrà.
Quid sum miser tunc dicturus? Che cosa io, infelice, allora dirò?
quem patronum rogaturus, quale avvocato chiamerò?
cum vix justus sit securus? quando a stento il giusto sarà sicuro?
Rex tremendae majestatis, O re di tremenda maestà,
qui salvandos salvas gratis, che salvi per tua grazia coloro che salverai,
salva me, fons pietatis. salva anche me, o fonte di pietà.
Recordare, Jesu pie, Ricòrdati, o Gesù pietoso,
quod sum causa tuae viae che sono la causa della tua passione:
ne me perdas illa die. non pèrdermi in quel giorno!
Quaerens me, sedisti lassus, Cercando me, ti sedesti affranto,
redemisti Crucem passus: mi hai redento patendo la croce:
tantus labor non sit cassus. tanta sofferenza non sia inutile.
Juste judex ultionis, O giusto giudice di vendetta (=giustizia),
donum fac remissionis fammi il dono della remissione (=perdono),
ante diem rationis. prima del giorno dei conti.
Ingemisco, tamquam reus, Mi lamento come un reo,
culpa rubet vultus meus per la colpa arrossisce il volto mio:
supplicanti parce, Deus. a chi ti supplica perdona, o Dio.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 20
Qui Mariam absolvisti, Tu che assolvesti Maria Maddalena
et latronem exaudisti, e che esaudisti il ladrone,
mihi quoque spem dedisti. anche a me desti la speranza.

Preces meae non sunt dignae, Le mie preghiere non sono degne,
sed tu bonus fac benigne, ma tu, o buono, fa’ benignamente
ne perenni cremer igne. che io non arda nel fuoco eterno.

Inter oves locum praesta, Fàmmi un posto tra le pecore


et ab haedis me sequestra, e separami dai caproni,
statuens in parte dextra. ponendomi alla tua destra.

Confutatis maledictis, Confutati i maledetti


flammis acribus addictis, e condannati alle fiamme dolorose,
voca me cum benedictis. chiama me fra i benedetti.

Oro supplex et acclinis, Io ti supplico e chino il capo,


cor contritum quasi cinis: il mio cuore è consumato come cenere,
gere curam mei finis. abbi cura della mia fine!

Lacrimosa dies illa, Sarà un giorno di pianto quel giorno


qua resurget ex favilla. in cui risorgerà la creatura (=i morti risorgeranno).

Judicandus homo reus. Se giudicherai l’uomo colpevole,


huic ergo parce, Deus: perdona a lui, o Dio.

Pie Jesu Domine, O pio Gesù, o mio Signore,


dona eis requiem. dona loro la pace eterna.

Amen. Amen.
---I☺I--- ---I☺I---

Commento
1. Il Dies irae è una delle sequenze (=testi poetici che tutta l’umanità sarà sottoposta, è uno dei motivi più
si adattano al canto) più note del latino medioevale, e diffusi nell’immaginario collettivo medioevale. D’al-
ancor oggi è inserita nella liturgia dei defunti. Esso tra parte l’uomo medioevale, che non conosceva né
mostra quanto la spiritualità medioevale sentisse in l’igiene né la medicina né il controllo della natalità né
termini drammatici il problema della salvezza eterna un’alimentazione sufficiente, viveva in costante con-
ed il problema del rapporto dell’uomo con Dio, suo tatto con la morte nella vita quotidiana.
creatore. 4. Il giusto teme di finire nel fuoco eterno. Per evitare
2. Il testo è scritto in latino, la lingua ufficiale della ciò, non si rivolge alla Madonna, il cui culto si stava
Chiesa (e della cultura del tempo). Se si esclude la diffondendo e consolidando, ma ancora a Gesù. Inve-
vasta produzione di Jacopone da Todi, la letteratura ce nella Divina commedia (Pd XXXIII, 1-54; 1317-
religiosa in lingua italiana non presenta testi di uguale 21) Bernardo e tutti i santi si rivolgono alla Madonna.
intensità e valore sino agli Inni sacri di Alessandro 5. Il latino del testo è facile. Per chi studia latino può
Manzoni (1785-1873). essere un’occasione per dimostrare le proprie capaci-
3. La vita umana è vista come un cammino verso il tà di traduttore. Il contatto con il testo è il miglior
ricongiungimento con Dio nell’altra vita. La vita ter- modo per imparare una lingua, soprattutto una lingua
rena quindi è vista e vissuta costantemente in funzio- antica, che non si usa mai parlata. Grammatica e sin-
ne della vita ultraterrena. Il Giudizio Universale, a cui tassi aiutano.
------------------------------I☺I----------------------------- ------------------------------I☺I-----------------------------

Il frate domenicano Tommaso d’Aquino (1225- nei decenni successivi. Si impegna però anche a scri-
1274) è considerato l’autore dell’inno Pange, lingua. vere inni sacri che permettano di esprimere coralmen-
Il teologo si dedica alle questioni dottrinarie e filoso- te la fede. La fede non ha solamente una dimensione
fiche, alla diffusione delle sue tesi e alla costruzione razionale e filosofica, ma ha anche una dimensione
di un sistema di pensiero che la Chiesa farà proprio più semplice e immediata, che si esprime nel canto.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 21


Tommaso d’Aquino (1225-1274), Pange,
lingua, 1264 Canta, o mia lingua

Pange, lingua, gloriósi Canta, o mia lingua,


córporis mystérium, il mistero del corpo glorioso
sanguinìsque pretiósi, e del sangue prezioso
quem in mundi prétium che il Re delle genti,
fructus ventris generósi frutto del grembo generoso,
Rex effúdit géntium. sparse per il riscatto del mondo.

Nobis datus, nobis natus Si è dato a noi ed è nato per noi


ex intácta Vìrgine, da una Vergine rimasta intatta,
et in mundo conversátus, discese nel mondo
sparso verbi sémine, per spargere il seme della sua parola
sui moras incolátus e, finito l’esilio sulla terra,
miro clausit órdine. concluse in modo mirabile la vita.
In suprémæ nocte coenæ Nella notte dell’ultima cena,
recúmbens cum frátribus sedendo a mensa con i fratelli,
observáta lege plene osservata pienamente la legge
cibis in legálibus, sui cibi rituali,
cibum turbæ duodénæ con le proprie mani
se dat suis mánibus. si dà in cibo ai dodici apostoli.

Verbum caro, panem verum La Parola incarnata (=Gesù Cristo) trasforma


verbo carnem éfficit: con la parola il vero pane nella sua carne:
fitque sanguis Christi merum, e il puro [vino] diventa il sangue di Cristo,
et si sensus déficit, e, se i sensi vengono meno,
ad firmándum cor sincérum la sola fede basta per rassicurare
sola fides súfficit. un cuore sincero.

Tantum ergo sacraméntum Un sacramento così grande


venerémur cérnui: adoriamo dunque in ginocchio:
et antìquum documéntum le antiche prescrizioni
novo cedat rìtui: cedano al nuovo rito (=la comunione),
præstet fides suppleméntum e la fede supplisca
sénsuum deféctui. ai limiti dei nostri sensi.

Genitóri, Genitóque Al Padre e al Figlio


laus et jubilátio, sia lode e giubilo,
salus, honor, virtus quoque salute e onore,
sit et benedìctio: potenza e benedizione:
procedénti ab utróque pari lode sia allo Spirito Santo,
compar sit laudátio. che procede da entrambi.

Amen. Alleluja! Amen. Alleluja!


---I☺I--- ---I☺I---

Commento 2. La conclusione è comprensibile: la centralità di


1. Il testo è fedele ai Vangeli, presenta le verità della Dio, uno e trino, serve a contenere i contrasti e le ten-
fede, ma mostra anche una divinità vicina agli uomi- sioni tra gli uomini. Mentre si loda la Santissima Tri-
ni. L’inno è incentrato sul dogma dell’eucarestia: il nità non si ha tempo per litigare. La storia però inse-
pane e il vino si trasformano veramente nel corpo e gna che l’unità e la compattezza di un gruppo sociale
nel sangue di Gesù. Poi la comunione in chiesa e l’a- sono attive soltanto in relazione a nemici esterni (e
gàpe, il pranzo privato, consolidano i rapporti sociali. non sempre).
------------------------------I☺I----------------------------- ------------------------------I☺I-----------------------------

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 22


Jacopone da Todi (1236ca.-1306) studia diritto a ra. È liberato cinque anni dopo da papa Benedetto
Bologna, quindi ritorna a Todi, dove svolge la profes- XlI, che succede a Bonifacio VIII e che lo libera an-
sione di avvocato e di notaio. Nel 1268 durante una che dalla scomunica. Muore nel 1306.
festa gli muore la moglie a causa del crollo del pavi- Jacopone è considerato tradizionalmente l’autore del-
mento della sala. Scopre che, sotto le vesti, indossava la sequenza Stabat Mater, che nel corso dei secoli fu
il cilicio, uno strumento di penitenza. Sconvolto dalla musicata centinaia di volte. Scrive numerose laudi,
scoperta, abbandona la vita mondana e fa dieci anni nelle quali riversa la sua intensa religiosità e la sua
di penitenza, quindi entra nell’ordine francescano. polemica contro la corruzione della Curia romana. La
All’interno dell’ordine si schiera con gli Spirituali più intensa di esse è O Segnor, per cortesia, la laude
contro i Conventuali, che volevano mitigare l’asprez- dell’amore mistico. La più famosa è Donna del para-
za della regola francescana. Si scontra con papa Bo- diso, in cui la passione e la morte di Gesù Cristo è vi-
nifacio VIII, che lo scomunica e nel 1298 lo incarce- sta con gli occhi della Madonna.

Jacopone da Todi (1236ca.-1306), Stabat Stava la Madre addolorata


Mater

Stabat Mater dolorósa La Madre addolorata stava


iuxta crucem lacrimósa, in lacrime davanti alla croce,
dum pendébat Fìlius. dov’era crocifisso suo Figlio.

Cuius ánimam geméntem, Una spada aveva trafitto


contristátam et doléntem la sua anima gremente,
pertransìvit gládius. rattristata e dolente.

O quam tristis et afflìcta O quanto triste e afflitta


fuit illa benedìcta fu quella benedetta Madre
Mater Unigéniti! del suo unico Figlio.

Quae moerébat et dolébat, Quanto si rattristava e si doleva


Pia Mater dum videbat la pia Madre, mentre vedeva le pene
nati poenas ìnclyti. del suo glorioso nato.

Quis est homo, qui non fleret, Chi è l’uomo che non piangesse,
Matrem Christi si vidéret se vedesse la Madre di Cristo
in tanto supplìcio? in tanto supplizio?

Quis non posset contristári, Chi non potrebbe contristarsi


Christi Matrem contemplári nel vedere la Madre di Cristo
doléntem cum Filio? soffrire con il Figlio?

Pro peccátis suae gentis Per i peccati della sua gente


vidit Jesum in torméntis ella vide Gesù nei tormenti
et flagéllis subditum. e sottoposto ai flagelli.

Vidit suum dulcem natum Vide il suo dolce nato


moriéntem desolátum, morire abbandonato,
dum emìsit spìritum. mentre esalava il suo spirito.

Eia, mater, fons amóris, Ti prego, o Madre, fonte d’amore,


me sentìre vim dolóris fa’ che io senta il peso del dolore
fac, ut tecum lúgeam. e che io pianga con te.

Fac, ut árdeat cor meum Fa’ che il mio cuore arda d’amore
in amándo Christum Deum, per Cristo Dio, affinché io sia contento
ut sibi compláceam. dei sentimenti che provo.

Sancta Mater, istud agas, O Santa Madre, fa’ questo:


crucifìxi fige plagas infliggi profondamente le piaghe
cordi meo válide. del crocifisso nel mio cuore.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 23
Tui Nati vulneráti, Dividi con me le pene di tuo figlio
tam dignáti pro me pati, straziato dalle ferite, che ha voluto patire
poenas mecum dìvide. tante sofferenze per me.

Fac me tecum pie flere, Fa’ che io pianga con te, o pia,
Crucifìxo condolére e che io soffra insieme con il crocifisso,
donec ego vìxero. finché io vivrò.

Iuxta crucem tecum stare, Desidero stare con te


et me tibi sociáre davanti alla croce e unirmi
in planctu desìdero. con te nel pianto.

Virgo vìrginum praeclára, O Vergine gloriosa tra le vergini,


mihi iam non sis amára, non soffrire ormai più per me:
fac me tecum plángere. fammi piangere con te.

Fac, ut portem Christi mortem, Fa’ che io porti la morte di Cristo,


passiónis fac me sortem fa’ che io condivida la sua passione
et plagas recólere. e riviva le sue piaghe.

Fac me plagis vulnerári, Fa’ che io sia ferito dalle piaghe,


cruce hac inebriári fammi inebriare della croce
et cruóre Fìlii. e del sangue del Figlio.

Flammis urar ne succénsus, Per non essere bruciato dalle fiamme,


per te, Virgo, sim defénsus o Vergine, io ti chiedo che tu mi difenda
in die iudìcii. nel giorno del giudizio.

Fac me cruce custodìri O Cristo, fa’ che io sia custodito dalla croce,
morte Christi praemunìri, che io sia protetto dalla tua morte,
confovéri grátia. che sia favorito dalla grazia.

Quando corpus moriétur, Quando il corpo morirà,


fac, ut ánimae donétur fa’ che alla mia anima sia data
paradìsi glória. la gloria del paradiso.

Amen. Amen.
---I☺I--- ---I☺I---

Commento 3. Alla fine del Duecento Jacopone da Todi (1236


1. La passione e morte di Cristo è vista con gli occhi ca.-1306) in una lauda propone ancora la passione e
della Madonna o, meglio, tutta la sequenza insiste sul la morte di Cristo in croce vista dagli occhi della Ma-
dolore della Madonna, che vede il Figlio straziato donna, ma punta maggiormente sul dramma della
dalle ferite, che muore sulla croce. Nella sequenza Madonna che diventa una madre qualsiasi, che perde
però compare anche il fedele, che chiede di soffrire il figlio. E insiste sul dolore e sull’angoscia che la
insieme con la Vergine e con il Figlio. Alla fine chie- Madonna soffre da sola e sul rapporto drammatico tra
de alla Madonna di difenderlo nel giorno del giudizio la Madre ed il Figlio, che è condotto a morire sulla
universale, ma si rivolge anche al Figlio, affinché at- croce. Non c’è la figura del credente. C’è però lo
traverso sua Madre lo accolga nella gloria del paradi- spettatore, che partecipa emotivamente al dramma dei
so. protagonisti.
2. La sequenza va confrontata con la visione della fi- 4. Il testo è scritto in un latino semplice, chiaro e
gura femminile che le correnti laiche stavano propo- comprensibile. Ha qualche rima. Vuole presentare le
nendo. Giacomo da Lentini (1210ca.-1260ca.), il sofferenze della Madonna o, meglio, della Madre di
maggiore esponente della Scuola siciliana, dice che Cristo. Non vuole attardarsi a questioni dottrinali. La
vuole andare in paradiso, ma vuole andarci con la sua religiosità proposta è quella che il popolo può capire
donna, non per commettere peccato, ma per vederla e quella più adeguata a un inno che si canta coral-
nella gloria del cielo. mente in chiesa.
------------------------------I☺I----------------------------- ------------------------------I☺I-----------------------------
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 24
Jacopone da Todi, O Segnor, per cortesia O Signore, per cortesia

O Segnor, per cortesia, O Signore, per cortesia,


manname la malsanìa! mandami la malattia (=la lebbra)!

A mme la freve quartana, Che mi venga la febbre quartana,


la contina e la terzana, la continua e la terzana,
la doppla cotidïana la doppia quotidiana
co la granne ydropesia. con la grande idropisia (=ventre gonfio)!

A mme venga mal de dente, Che mi venga mal di dente,


mal de capo e mal de ventre; mal di capo e mal di ventre,
a lo stomaco dolur’ pognenti allo stomaco un dolore pungente,
e ‘n canna la squinanzia. e in gola l’angina;

Mal dell’occhi e doglia de flanco mal di occhi e dolore al fianco


e la postema al canto manco; e un ascesso sul lato sinistro,
tiseco me ionga enn alto mi giunga pure la tisi
e d’onne tempo fernosìa. e a tempo pieno la frenesia!

Aia ‘l fecato rescaldato, Che abbia il fegato riscaldato,


la melza grossa e ‘l ventr’enflato la milza grossa, il ventre gonfiato;
e llo polmone sia ‘mplagato il polmone sia piagato
cun gran tòssa e parlasia. con una gran tosse e la paralisi!

A mme venga le fistelle Che mi vengano le fistole


con migliaia de carvuncilli, con migliaia di pustole,
e li granci se sian quelli e i carcinomi siano quelli
che tutto replen ne sia. di cui io sia tutto pieno.

A mme venga la podraga, Che mi me venga la podagra (=la gota),


mal de cóglia sì me agrava, mi gravi anche il male di ciglia,
la bisinteria sia plaga poi la dissenteria ulcerosa
e le morroite a mme sse dìa. e le emorroidi mi si dia.

A mme venga ‘l mal de l’asmo, Che mi venga il male dell’asma,


iongasecce quel del pasmo; vi si aggiunga quello dello spasimo;
como a can me venga el rasmo, come al cane il prurito rabbioso
entro ‘n vocca la grancia. e in bocca l’ulcera.

A mme lo morbo caduco Che mi venga il mal caduco (=l’epilessia)


de cadere enn acqua e ‘n foco e mi faccia cadere nell’acqua e nel fuoco
e ià mai non trovi loco, e possa non trovare alcun luogo
che eo afflitto non ce sia. in cui io non sia afflitto.

A mme venga cechetate, Che mi venga la cecità,


mutezza e sordetate, la mutezza e la sordità;
la miseria e povertate la miseria e la povertà
e d’onne tempo entrapparìa. e gli arti sempre rattrappiti.

Tanto sia ‘l fetor fetente Tanto sia il fetore fetente


che non sia null’om vivente, che ogni uomo vivente
che non fuga da me dolente, fugga da me dolente,
posto en tanta enfermaria. colpito da una tale infermità.

En terrebele fossato, In quel terribile fossato


che Riguerci è nomenato, che Riguerci (=affluente del Tevere) è chiamato,
loco sia abandonato che io sia abbandonato
da onne bona compagnia. da ogni buona compagnia.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 25


Gelo, grando e tempestate, Che sia colpito da gelo, grandine, calamità,
fulgure, troni e oscuritate; folgori, tuoni, oscurità,
e non sia nulla aversitate, e non ci sia alcuna avversità
che me non aia en sua bailìa. che non mi abbia in sua balia.

Le demonia enfernali I demoni dell’inferno


sì mme sian dati a menestrali, mi sian dati come servitori,
che m’essèrcino en li mali, che mi esercitino i tormenti
ch’e’ ho guadagnati a mea follia. che ho guadagnato a mia follia (=con il peccato).

Enfin del mondo a la finita Fino alla fine del mondo (=fino alla morte)
sì mme duri questa vita mi sia data questa vita,
e poi, a la scivirita, e poi alla partenza [per l’al di là]
dura morte me sse dìa. mi sia data una dura morte.

Allegom’en sseppultura Mi scelgo come sepoltura


un ventr’i lupo en voratura il ventre d’un lupo che mi abbia divorato;
e l’arliquie en cacatura e i miei resti, ridotti a sterco,
en espineta e rogarìa. [siano dispersi] tra cespugli spinosi e rovi.

Li miracul’ po’ la morte, I miracoli dopo la morte:


chi cce vene aia le scorte chi ci (=sul mio sepolcro) viene abbia il compenso,
e le deversazioni forte sia perseguitato fortemente
con terrebel fantasia. da terribili visioni.

Onn’om che m’ode mentovare Ogni uomo che mi sente nominare


sì sse deia stupefare così si debba spaventare
e co la croce sé segnare, e con la croce [si debba] segnare,
che reo escuntro no i sia en via. come chi non vuol fare brutti incontri per strada.

Signor meo, non n’è vendetta O mio Signore, non è vendetta


tutta la pena ch’e’ aio ditta, tutta la pena che ho detto,
ché me creasti en tua diletta perché tu mi hai creato con [un atto d’] amore
et eo t’ho morto a villania. ed io ti ho ucciso con l’ingratitudine.
---I☺I--- ---I☺I---

Commento
1. Jacopone è un grande letterato: la laude ha rime 4. Jacopone vede in termini positivi la sofferenza, i
difficili (i primi tre versi di ogni quartina hanno la tormenti e la distruzione del corpo, purché in funzio-
stessa rima; il quarto rima con i quarti versi di tutte le ne di uno scopo più alto. Contemporaneamente i va-
altri quartine). lori dominanti sono completamente opposti: il potere,
2. Il poeta si augura ogni sofferenza e ogni tormento, la ricchezza, il piacere. Insomma i valori non sono né
fino a giungere all’autodistruzione, perché soltanto unici né assoluti. La scelta dipende dall’epoca in cui
liberandosi del corpo può raggiungere la mistica u- si nasce, dal luogo in cui si nasce, dalla famiglia in
nione con Dio; e perché soltanto in questo modo può cui si nasce e da tante altre circostanze.
infliggersi un’adeguata punizione per i suoi peccati: ------------------------------I☺I-----------------------------
Dio lo ha creato con un atto d’amore ed egli risponde
con la più totale ingratitudine. Proprio questa ingrati-
tudine ha ucciso Cristo sulla croce. Il poeta si sente
responsabile della morte di Cristo: sono stati i suoi
peccati, i peccati degli uomini a ucciderlo sulla croce.
3. I tormenti che il poeta si augura non sono pura fin-
zione letteraria: nel Medio Evo e sino a tempi recenti
l’uomo soffriva effettivamente, anche se non se lo au-
gurava, perché la medicina era impotente anche a cu-
rare le più piccole malattie. Gli analgesici e la peni-
cillina compaiono a metà Novecento. La sofferenza e
la morte erano le compagne quotidiane di ogni uomo
e di tutte le classi sociali.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 26


Jacopone da Todi, Donna de paradiso O Signora del paradiso

NUNZIO Donna de Paradiso, NUNZIO O Signora del paradiso,


lo tuo figliolo è preso tuo figlio è preso,
Iesù Cristo beato. Gesù Cristo beato.

Accurre, donna e vide Accorri, o Signora, e guarda


che la gente l’allide; che la gente lo percuote:
credo che lo s’occide, credo che lo si uccida,
tanto l’ò flagellato. 8 tanto lo han flagellato.

VERGINE Come essere porria, VERGINE Come può essere


che non fece follia, che sia stato catturato
Cristo, la spene mia, Cristo, la speranza mia,
om l’avesse pigliato? che non ha fatto alcun male?

NUNZIO Madonna, ello è traduto, NUNZIO O madonna, egli è tradito:


Iuda sì ll’à venduto; Giuda così lo ha venduto;
trenta denar’ n’à auto, trenta denari ne ha avuto,
fatto n’à gran mercato. 16 ne ha fatto un gran guadagno.

VERGINE Soccurri, Madalena, VERGINE Soccorrimi, o Maddalena,


ionta m’è adosso piena! mi è giunta addosso la piena del dolore,
Cristo figlio se mena, Cristo mio figlio si conduce,
como è annunzïato. come egli stesso ha annunciato.

NUNZIO Soccurre, donna, adiuta, NUNZIO Soccorrilo, o Signora,


cà ‘l tuo figlio se sputa aiutalo, perché a tuo figlio si sputa
e la gente lo muta; e la gente lo scambia con Barabba;
òlo dato a Pilato. 24 lo hanno dato a Pilato.

VERGINE O Pilato, non fare VERGINE O Pilato, non far


el figlio meo tormentare, mio figlio tormentare,
ch’eo te pòzzo mustrare perché io ti posso mostrare
como a ttorto è accusato. come a torto è accusato.

POPOLO Crucifige, crucifige! POPOLO Crocifiggilo! Crocifiggilo!


Omo che se fa rege, Un uomo, che si fa re,
secondo la nostra lege secondo la nostra legge
contradice al senato. 32 si mette contro il senato [di Roma].

VERGINE Prego che mm’entennate, VERGINE Vi prego che mi ascoltiate,


nel meo dolor pensate! al mio dolore pensate:
Forsa mo vo mutate forse così mutate
de que avete pensato. ciò che avete pensato.

POPOLO Traiàn for li latruni, POPOLO Tiriamo fuori i ladroni,


che sian soi compagnuni; che siano suoi compagni:
de spine s’encoroni, di spine si incoroni,
ché rege ss’è clamato! 40 perché si è chiamato re!

VERGINE O figlio, figlio, figlio, VERGINE O figlio, figlio, figlio,


figlio, amoroso giglio! amoroso giglio!
Figlio, chi dà consiglio Figlio, chi dà consiglio
al cor me’ angustïato? al mio cuore angustiato?

Figlio occhi iocundi, Figlio, occhi giocondi,


figlio, co’ non respundi? perché non rispondi?
Figlio, perché t’ascundi perché ti nascondi al petto
al petto o’ si lattato? 48 che ti ha allattato?
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 27
NUNZIO Madonna, ecco la croce, NUNZIO O Madonna, ecco la croce,
che la gente l’aduce, che la gente porta per lui,
ove la vera luce dove la vera luce
déi essere levato. dev’essere alzata.

VERGINE O croce, e que farai? VERGINE O croce, che farai?


El figlio meo torrai? Mio figlio accoglierai?
E que ci aponerai, Come punirai
che no n’à en sé peccato? 56 chi non ha in sé alcun peccato?

NUNZIO Soccurri, plena de doglia, NUNZIO Soccorri, o piena di dolore,


cà ‘l tuo figliol se spoglia; che tuo figlio si spoglia,
la gente par che voglia la gente pare che voglia
che sia martirizzato. che sia martirizzato!

VERGINE Se i tollit’el vestire, VERGINE Se gli togliete i vestiti,


lassatelme vedere, lasciatemi vedere
com’en crudel firire come le crudeli ferite
tutto l’ò ensanguenato. 64 lo hanno tutto insanguinato!

NUNZIO Donna, la man li è presa, NUNZIO O Signora, la mano gli è presa,


ennella croc’è stesa; sulla croce è stesa;
con un bollon l’ò fesa, con un chiodo l’hanno trafitta,
tanto lo ‘n cci ò ficcato. tanto lo hanno conficcato.

L’altra mano se prende, L’altra mano si prende,


ennella croce se stende sulla croce si stende,
e lo dolor s’accende, e il dolore si accende,
ch’è plu multiplicato. 72 e aumenta sempre più.

Donna, li pè se prènno O Signora, i piedi si prendono


e clavellanse al lenno; e s’inchiodano al legno:
onne iontur’aprenno, rompono ogni giuntura,
tutto l’ò sdenodato. lo hanno tutto slogato.

VERGINE Et eo comenzo el corrotto; VERGINE E io comincio il lamento funebre:


figlio, lo meo deporto, o figlio, mia gioia,
figlio, chi me tt’à morto, o figlio, chi ti ha ucciso,
figlio meo dilicato? 80 o figlio mio delicato?

Meglio aviriano fatto Avrebbero fatto meglio


ch’el cor m’avesser tratto, a togliermi il cuore,
ch’ennella croce è tratto, che è trascinato sulla croce
stace descilïato! e vi sta su straziato!

CRISTO O mamma, o’ n’èi venuta? CRISTO O mamma, perché sei venuta?


Mortal me dà’ feruta, Mi dai una ferita mortale,
cà ‘l tuo plagner me stuta, e il tuo pianto mi uccide,
ch’el veio sì afferato. 88 perché lo vedo così angosciato.

VERGINE Figlio, ch’eo m’aio anvito, VERGINE O figlio, perché ne ho motivo,


figlio, pat’e mmarito! o figlio, padre e marito!
Figlio, chi tt’à firito? O figlio, chi ti ha ferito?
Figlio, chi tt’à spogliato? O figlio, chi ti ha spogliato?

CRISTO Mamma, perché te lagni? CRISTO O mamma, perché ti lamenti?


Voglio che tu remagni, Voglio che tu rimanga,
che serve mei compagni, che aiuti i miei discepoli
ch’êl mondo aio aquistato. 96 che ho raccolto nel mondo.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 28


VERGINE Figlio, questo non dire! VERGINE O figlio, non dire questo:
Voglio teco morire, voglio morire con te,
non me voglio partire non mi voglio allontanare
fin che mo ‘n m’esc’ el fiato. finché mi esce il fiato.

C’una aiàn sepultura, Che abbiamo una sola sepoltura,


figlio de mamma scura, o figlio di mamma dolente:
trovarse en afrantura e si ritrovino in un unico tormento,
mat’e figlio affocato! 104 madre e figlio soffocato!

CRISTO Mamma col core afflitto, CRISTO O mamma, con il cuore afflitto
entro ‘n le man’ te metto tra le mani ti metto
de Ioanni, meo eletto; di Giovanni, il mio prediletto:
sia to figlio appellato. sia chiamato tuo figlio.

Ioanni, èsto mea mate: O Giovanni, questa è mia madre,


tollila en caritate, accòglila con amore,
àginne pietate, àbbine pietà,
cà ‘l core si à furato. 112 perché ha il cuore trafitto.

VERGINE Figlio, l’alma t’è ‘scita, VERGINE O figlio, l’anima ti è uscita [dal corpo],
figlio de la smarrita, figlio della smarrita,
figlio de la sparita, figlio della sperduta,
figlio attossecato! figlio avvelenato!

Figlio bianco e vermiglio, Figlio bianco e vermiglio,


figlio senza simiglio, figlio senza simile, figlio,
figlio, e a ccui m’apiglio? a chi mi appiglio?
Figlio, pur m’ài lassato! 120 O figlio, anche tu mi hai lasciato!

Figlio bianco e biondo, O figlio bianco e biondo,


figlio volto iocondo, figlio dal volto giocondo,
figlio, perché t’à el mondo, figlio, perché il mondo ti ha,
figlio, cusì sprezzato? o figlio, così disprezzato?

Figlio dolc’e placente, O figlio dolce e piacente,


figlio de la dolente, figlio della dolente,
figlio àte la gente o figlio, il mondo
mala mente trattato. 124 ti ha trattato male!

Ioanni, figlio novello, O Giovanni, mio nuovo figlio,


morto s’è ‘l tuo fratello. è morto tuo fratello:
Ora sento ‘l coltello ora sento la spada
che fo profitizzato: che fu profetizzata:

Che moga figlio e mate che muoiano insieme figlio e madre,


d’una morte afferrate, presi da una sola morte,
trovarse abraccecate che si trovino abbracciati,
mat’e figlio impiccato! 132 madre e figlio, nello stesso tormento.
---I☺I--- ---I☺I---

Commento
1. La laude si compone di 33 quartine (esclusa la ri- primi tre versi di ogni quartina hanno la stessa rima;
presa) che corrispondono agli anni di Cristo quando il quarto rima con i quarti versi di tutte le altri quarti-
venne crocifisso, mentre la descrizione del suo corpo ne); fa un ampio ed efficace uso delle figure retori-
inchiodato alla croce si concentra nei vv. 64-75, dun- che, in particolare dell’anafora (o ripetizione); e fa
que nelle tre strofe centrali del componimento, con stare il dialogo di ogni protagonista in una o più quar-
una perfetta simmetria e nel rispetto della simbologia tine intere. Il linguaggio è sempre comprensibile ed
religiosa del numero tre. Il testo ha rime difficili (i intenso. I punti oscuri sono pochissimi, son dovuti al

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 29


fatto che la lingua si sta formando. Lo sforzo dell’e- se Giovanni, l’apostolo prediletto, a cui Cristo affida
laborazione letteraria non si sente mai. la madre alla fine del testo) che descrive i momenti
2. I protagonisti sono pochi ed essenziali, e ciò ag- più strazianti del martirio e invita Maria a soccorrere
giunge ulteriore drammaticità alla laude: Vergine, il figlio; interviene poi la voce della folla che incita
nunzio, popolo, Cristo. Pilato è nominato e Giovanni alla crocifissione, secondo la visione medievale del
è presente, ma non parlano. In tal modo il poeta in- popolo ebreo deicida, quindi animato dal desiderio di
centra la laude sulla Madonna e ne aumenta il caratte- martirio verso Cristo.
re drammatico. 6.3. La prima parte della lauda contiene soprattutto la
3. Il testo di Jacopone vuole essere aderente alla pas- descrizione della Via crucis con le urla della folla
sione di Cristo raccontata dai primi tre Vangeli. Il po- all’indirizzo di Gesù e gli oltraggi al suo corpo, men-
eta però introduce due novità: vede la passione con tre nella seconda parte (dopo che Cristo è stato in-
gli occhi angosciati della Madonna; la Madonna si chiodato alla croce) ha grande spazio il dolore di Ma-
comporta come una comune madre, straziata per la ria, che si abbandona a un “corrotto” (un lamento fu-
perdita del figlio. nebre) commovente e straziante: la Vergine si rivolge
4. Nel Duecento compaiono diverse concezioni della direttamente al figlio, sottolinea la sua innocenza e il
divinità e della religione: quella di un Dio sereno che fatto che sia martirizzato senza colpa, ne fa l’elogio
ama e si preoccupa delle sue creature di Francesco con una serie di epiteti esornativi (l’anafora “figlio” è
d’Assisi, quella di un Dio giudice terribile ed impla- ripetuta per quattro quartine consecutive, vv. 112-
cabile di Tommaso da Celano, quella drammatica di 127, poi Maria lo chiama “bianco e vermiglio”,
un Dio che si sacrifica per l’umanità peccatrice di Ja- “bianco e biondo”, “volto iocondo”). Il suo dolore è
copone da Todi. Oltre a queste c’è quella di un Dio quello tutto umano di una donna che vede il figlio
razionale che aristotelicamente infonde il movimento morire e vorrebbe essere uccisa insieme con lui, men-
all’intero universo come fine a cui tutti gli esseri ten- te alla fine rimane in lacrime ai piedi della croce.
dono, proposta da Tommaso d’Aquino (1225-1274),
che è fatta propria da Dante nella Divina commedia e Osservazioni
poi, nei secoli successivi, dalla Chiesa. La tradizione 1. Il testo precedente è stato così costruito: a) si sono
cristiana però conosce ancora il Dio-Signore degli e- indicate le maggiori correnti del Duecento; poi b) si
serciti dell’Antico testamento e il Dio-Amore del passa a parlare della letteratura religiosa (nel seguito
Nuovo testamento (i primi tre Vangeli e le lettere de- delle altre correnti poetiche); quindi c) si presentano
gli apostoli); ma anche il Dio-ó, cioè il Dio- in ordine cronologico i maggiori autori della lettera-
Parola, del Vangelo secondo Giovanni, che risente tura religiosa (dei più importanti c’è un cenno alla vi-
della filosofia ellenistica, il Dio che sconvolge l’ani- ta e all’opera; per il Cantico delle creature poi si de-
mo e che si trova dentro il proprio cuore di Agostino ve chiarire il probabile significato di per).
di Tagaste (354-430), vescovo d’Ippona, poi il Dio 2. I commenti servono a commentare i testi ed anche
dei mistici medioevali e il Dio razionale di Tommaso ad allargare la prospettiva di analisi: Dio, nel corso
d’Aquino (1225-1274). della storia, è stato interpretato in molti modi, tra loro
5. L’immagine della Madonna della sequenza di diversi ed anche contraddittori.
Tommaso d’Aquino e della laude di Jacopone si può 3. I commenti servono anche per indicare la contrap-
confrontare anche con quella delineata da Dante in posizione di valori tra la visione religiosa, che domi-
Pd XXXIII, 1-39, quando san Bernardo invoca la nava la cultura e l’immaginario collettivo, e la visione
Vergine affinché interceda per il poeta presso Dio. laica della vita, che si andava affermando con lo svi-
6. Un esempio di lettura letteraria ed erudita, ma di luppo dei commerci.
buon livello: 4. Il lettore, se vuole, può prendere posizione a favore
6.1. Il testo ha la forma metrica di una ballata di versi o contro ognuna di tali visioni della vita: la cultura
settenari, con una ripresa di tre versi (rima YYX) e 33 non è mai passività davanti al testo né davanti al
strofe di quattro versi ciascuna (rima AAAB). Sono mondo; è scelta motivata delle proprie posizioni e dei
presenti rime siciliane ai vv. 1-2 (Paradiso / preso), propri valori.
vv. 28-29 (crucifige / rege), vv. 37-38 (compagnuni / ------------------------------I☺I-----------------------------
encoroni), vv. 48-49 (croce / aduce), vv. 60-61 (vesti-
re / vedere), vv. 104-105 (afflitto / metto). Una rima
imperfetta è ai vv. 76-77, corrotto / deporto.
6.2. La passione di Cristo è rappresentata nella sua
crudezza e nella sua umanità, poiché Gesù è mostrato
come un uomo che soffre e il cui corpo è flagellato e
sottoposto a crudeli ferite. Altrettanto umana la figura
della Madonna, il cui dolore è quello di una madre
che soffre a vedere il figlio torturato senza colpa
(all’inizio Maria tenta inutilmente di convincere la
folla e Pilato dell’innocenza del figlio). Nelle prime
strofe la sua voce si alterna a quella di un fedele (for-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 30
La Scuola siciliana (1230-60) senza vedere la donna di cui è innamorato;
ma quell’amore che sconvolge con furore
nasce soltanto dalla vista degli occhi:
La Scuola siciliana sorge alla corte di Federico II di
Svevia (1194-1250) verso il 1230 con Giacomo da perché gli occhi rappresentano al cuore
Lentini e si conclude verso il 1260 con la fine della il buono e il cattivo di ogni cosa che vedono,
potenza sveva in Italia (1266, battaglia di Benevento), rappresentano cioè come essa è realmente;
ma già dopo il 1250 dà segni di stanchezza.
I poeti più importanti sono Giacomo da Lentini e il cuore, che accoglie questa idea,
(1210ca.-1260ca.), Giacomino Pugliese (seconda me- si rappresenta ciò, e gli piacere quel desiderio:
tà del sec. XIII), Pier delle Vigne (1190ca.-1269), e questo è l’amore che regna tra la gente.
Guido delle Colonne (1210ca.-dopo il 1289) e lo stes-
so imperatore. Riassunto. L’amore – dice il poeta – è un desiderio
Essa canta una donna stilizzata, che ha i capelli bion- che proviene dal cuore che prova grandissimo piace-
di, gli occhi azzurri, ama truccarsi, ma che non ha una re. In un primo momento l’amore è generato dagli
personalità specifica. Si riallaccia alla cultura proven- occhi. In un secondo momento è nutrito dal cuore.
zale, da cui riprende il tema dell’amore, e polemizza Qualcuno si innamora senza vedere la donna amata.
con il poeta provenzale Jaufré Rudel, che cantava Ma quell’amore che sconvolge nasce soltanto attra-
l’“amore di terra lontana”, cioè l’amore per una don- verso gli occhi, poiché soltanto essi mostrano al cuore
na che non si era mai vista ma di cui si erano sentite gli aspetti belli e brutti di ogni cosa. Il cuore si rap-
lodare le virtù. L’amore che essa canta è un amore presenta l’immagine che riceve, e prova piacere per
fisico, legato alla bellezza della donna. Questo moti- questo desiderio. E questo è l’amore che regna tra la
vo è trattato in particolare da Giacomo da Lentini, gente.
che propone pure un altro motivo: la rivalutazione
della figura femminile, tradizionalmente considerata Commento
dalla Chiesa come causa del peccato e della perdizio- 1. Il poeta polemizza con la concezione provenzale
ne dell’uomo, sulla falsariga di Eva che tenta Adamo. dell’amore cantata da Jaufré Rudel, e propone una
La Scuola siciliana condiziona profondamente la let- concezione che si basa sulla concretezza: egli vede la
teratura italiana successiva, la Scuola toscana come il donna; la visione entra per gli occhi e giunge fino al
Dolce stil novo. cuore; il cuore reagisce e prova piacere nel rappresen-
---I☺I--- tarsi l’immagine della donna. E questo è l’amore
normale, praticato dalla maggioranza delle persone.
Giacomo da Lentini (1210ca.-1260ca.), L’amore passa da una visione aristocratica ed esclu-
Amor è uno desio sivistica ad una visione più vicina alla vita quotidia-
Amor è un desio che ven da core na.
per abbondanza di gran piacimento; 2. L’amore è fisico, e provocato dalla bellezza fisica
e li occhi in prima generan l’amore della donna. La donna è caratterizzata fisicamente,
e lo core li dà nutricamento. non in altro modo. Essa si presenta nella forma di una
bellezza stilizzata e stereotipata: è bionda, ha i capelli
Ben è alcuna fiata om amatore lunghi, si trucca. Non ha alcuna identità psicologica.
senza vedere so ‘namoramento, 3. Giacomo da Lentini è considerato l’inventore del
ma quell’amor che stringe con furore sonetto, un breve componimento di 14 versi di ende-
da la vista de li occhi ha nascimento: casillabi (cioè di 11 sillabe), organizzati in due quar-
tine seguite da due terzine, variamente rimati tra loro.
che li occhi rappresentan a lo core ---I☺I---
d’onni cosa veden bono e rio,
com’è formata naturalmente; Lo viso mi fa andare

lo cor, che di zo è concepitore, Lo viso mi fa andare alegramente,


imagina, e li piace quel desio: lo bello viso mi fa rinegare;
e questo amore regna fra la gente. lo viso me conforta ispesamente,
l’adorno viso che mi fa penare.
L’Amore è uno desidero che viene dal cuore
Lo chiaro viso de la più avenente,
L’amore è un desiderio che proviene dal cuore, l’adorno viso, riso me fa fare:
quando esso prova un grandissimo piacere; di quello viso parlane la gente,
in un primo momento gli occhi generano l’amore, che nullo viso [ a viso ] li po’ stare.
in un secondo momento il cuore lo nutre.
Chi vide mai così begli ochi in viso,
Talvolta qualcuno s’innamora
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 31
né sì amorosi fare li sembianti, Io m’aggio posto in core a Dio servire
né boca con cotanto dolce riso?
Io m’aggio posto in core a Dio servire,
Quand’eo li parlo moroli davanti, com’io potesse gire in paradiso,
e paremi ch’ì vada in paradiso, al santo loco ch’aggio audito dire,
e tegnomi sovrano d’ogn’amante. u’ si manten sollazzo, gioco e riso.

Il suo viso mi riempie di gioia Sanza mia donna non vi voria gire,
quella c’ha blonda testa e claro viso,
Il suo viso mi riempie di gioia, ché sanza lei non poteria gaudere,
il bel viso mi riempie di vita, estando da la mia donna diviso.
il viso mi conforta infinite volte,
il bel viso che mi fa soffrire. Ma non lo dico a tale intendimento,
perch’io peccato ci volesse fare;
Il viso luminoso della più bella, se non veder lo suo bel portamento
il bel viso mi fa sorridere di gioia.
Di quel viso parla la gente, [che dice] e lo bel viso e ‘l morbido sguardare:
che nessun viso gli può stare alla pari. ché lo mi teria in gran consolamento,
veggendo la mia donna in ghiora stare.
Chi ha mai visto occhi così belli da vedere
né occhi che rendano le sembianze così belle Io mi sono proposto in cuore di servire Dio
né bocca che abbia un sorriso così dolce?
Io mi sono proposto in cuore di servire Dio,
Quando io le parlo, le muoio davanti, per poter andare in paradiso,
e mi sembra di andare in paradiso, nel santo luogo, dove (ho sentito dire),
e mi ritengo il re degli innamorati. c’è sempre divertimento, gioco e risate.
---I☺I---
Senza la mia donna non vi vorrei andare,
Riassunto. Il viso della mia donna – dice il poeta – mi quella che ha i capelli biondi e il viso luminoso,
riempie di gioia e di vita, ma mi fa anche soffrire. Il perché senza di lei non potrei essere felice,
viso della mia donna è luminoso, e di esso parla la restando separato da lei.
gente. Chi ha mai visto un viso così bello? Quando io
le parlo, mi sembra di andare in paradiso. E mi consi- Ma non lo dico con questa intenzione,
dero il più fortunato degli innamorati. di voler peccare con lei;
ma per vedere il suo bel portamento,
Commento
1. Il poeta prova un sentimento di ebbrezza estatica il bel viso e il dolce sguardo,
davanti alla sua donna. L’intensità di questa emozio- perché riterrei una grande consolazione
ne è resa ripetendo più volte la parola viso (anafora). I vedere la mia donna stare in paradiso.
versi riescono a riprodurre efficacemente questa esta- ---I☺I---
si terrena e laica. Essa va confrontata con l’estasi mi-
stica di Jacopone da Todi (O Segnor, per cortesia) o Riassunto. Il poeta dice di aver fatto un proponimen-
di Dante (Pd XXXIII, 97-145). to: servire Dio per andare in paradiso. Però non ci
2. Il sonetto si propone di usare il maggior numero di vuole andare senza la sua donna, che è bionda ed ha il
volte la parola-chiave viso: ben 10. Il poeta vuole di- viso luminoso. Egli la vuole in paradiso non per pec-
mostrare la sua abilità in questa sfida difficile. Anche care, ma per poter ammirare il suo bell’aspetto: sa-
Dante, con le rime petrose, si cimenta in questo gene- rebbe una grande consolazione poterla vedere nella
re letterario. gloria dei cieli.
3. In questo sonetto, ma anche negli altri, il poeta po-
lemizza con un’altra concezione dell’amore prove- Commento
niente dalla Francia, quella di Andrea, cappellano del 1. Il poeta trova il modo per rendere compatibili
re di Francia. Nel De amore questi propone la tesi che l’amore per la sua donna e la salvezza ultraterrena.
l’amore è pena ed è tormento, che la natura ha voluto Tradizionalmente la donna era considerata la tentatri-
infliggere all’uomo. Questa concezione si diffonde in ce, che conduceva l’uomo alla dannazione eterna
Europa alla fine del sec. XII. (nella Bibbia essa, istigata dal serpente, tenta l’uomo
---I☺I--- con la mela, e porta il genere umano a una vita di fa-
tiche e di sofferenze). Ora essa diventa l’intermedia-
ria tra l’uomo e Dio: se l’uomo si salva, si salva per
merito della donna, che è una creatura celeste. Inco-
mincia così l’opera di recupero della figura femmini-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 32
le. Contemporaneamente sorge e si diffonde il culto
della Madonna, la Madre di Dio, alla quale il fedele si
rivolge di preferenza per piegare la volontà del Figlio
ed ottenere la grazia.
2. La cultura laica deve fare i conti con la Chiesa, che
da secoli ha il completo dominio della cultura tradi-
zionale. Essa perciò deve trovare il suo spazio pren-
dendo e reinterpretando un motivo del campo avver-
sario: la figura della donna. Per la Chiesa la donna era
sia Eva, la tentatrice, che induceva l’uomo al peccato,
sia la Vergine Maria, che accettava di diventare Ma-
dre di Dio, per salvare l’umanità interra. Per la nuova
cultura la donna è colei con cui si va insieme in para-
diso o colei che si ammira in paradiso. Una volta sot-
tratto all’ambito della cultura ecclesiastica, questo
tema può conoscere numerose variazioni all’interno
della successiva produzione letteraria in campo laico.
------------------------------I☺I-----------------------------

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 33


La Scuola toscana (1260-80) Perciò io, o mia gioia gioiosa, mi ritrovo
così desideroso di voi, che mai gioia non sento
se nella vostra gioia non ripongo in pace il mio cuore.
La Scuola toscana diffonde in Toscana la problemati- ---I☺I---
ca della Scuola siciliana nella seconda metà del Due-
cento. I poeti più importanti sono Guittone d’Arezzo Riassunto. Il poeta vuole parlare della sua donna co-
(1230-1294ca.) e il lucchese Bonagiunta Orbicciani me della gioia che è fonte di gioia e di piacere per lui.
(1220ca-1290ca.), che propongono temi di forte im- Egli prova gioia nel guardare il suo aspetto gioioso e
pegno morale e civile. il suo corpo snello. Prova gioia nel pensare a lei e
La produzione poetica di Guittone, come la sua vita, è nell’ammirarla. Egli potrà provare gioia e trovare pa-
divisa in due parti: la prima, in cui prevale la poesia ce soltanto se il suo cuore potrà riposare in lei. Il rias-
amorosa, sul modello della poesia siciliana e soprat- sunto, che riferisce semplicemente la trama o il con-
tutto provenzale; la seconda, dominata dall’esperien- tenuto, è inadeguato: per il poeta ciò che conta è la
za religiosa, che lo spinge a lasciare la moglie e i fi- capacità di usare il maggior numero possibile di volte
gli, per entrare nell’ordine dei Cavalieri di S.ta Maria, la parola gioia e la capacità di rendere il sentimento
detto anche dei Frati Godenti, che si proponeva di pa- di estasi amorosa che egli prova davanti alla sua
cificare le opposte fazioni politiche, difendere le don- donna, la sua gioia.
ne e i bambini, proteggere i poveri in nome della
Vergine Maria. Commento
Bonagiunta è ricordato da Dante, che polemizza gar- 1. Il poeta ripropone l’estasi mistica che Giacomo da
batamente con lui e difende il nuovo modo stilnovi- Lentini (1210ca.-1260ca.) provava davanti al volto
stico di fare poesia (Pg XXIV, 49-63). della sua donna nel sonetto Lo viso mi fa andare ale-
---I☺I--- gramente. Il poeta siciliano ripeteva all’infinito la pa-
rola viso. Guittone invece ripete la parola gioia o
Guittone d’Arezzo (1230-1294ca.), Tuttor l’aggettivo derivato ben 25 volte. La figura retorica
ch’eo dirò “gioi’”, gioiva cosa adoperata è la ripetizione (o anafora), accompagnata
però da una gradazione ascendente (o climax ascen-
Tutt’or ch’eo dirò “gioi”, gioiva cosa, dente).
intenderete che di voi favello, 1.1. L’anafora ed il climax estatico nascondono l’area
che gioia sete di beltá gioiosa in cui si sviluppa il sonetto: si tratta semplicemente di
de gioia di piacer gioioso e bello; una lode che il poeta rivolge alla sua donna, una lode
che risulta per un certo verso povera, perché il poeta
e gioia in cui gioioso avenir posa, deve preoccuparsi di usare il numero più elevato pos-
gioi d’adornezze e gioi di cor asnello; sibile di volte la parola gioia. Egli ha due possibilità:
gioia in cui viso è gioi tant’amorosa o articola il complimento e la lode o sacrifica l’arti-
ched è gioiosa gioi mirare in ello. colazione della lode per usare una volta in più la pa-
rola chiave. Il climax riesce a controbilanciare ade-
Gioi di volere e gioi di pensamento guatamente l’anafora. Il sonetto va perciò valutato
e gioi di dire e gioi di far gioioso come espressione di abilità, non da altri punti di vista.
e gioi d’onni gioioso movimento. Da altri punti di vista esso potrebbe perdere il suo fa-
scino e il suo impatto sul lettore.
Per ch’eo, gioiosa gioi, sì disioso 2. Guittone si riallaccia alla poesia provenzale del
di voi mi trovo, che mai gioi non sento trobar clus (fine sec. XII), che era la poesia chiusa,
se ‘n vostra gioi il meo cor non riposo. difficile e per pochi eletti. Egli però abbandona i pro-
positi provenzali di una poesia enigmatica, per dare
Ogni volta che io dirò la parola “gioia” prova di bravura e di estrema perizia retorica. Il so-
netto però è anche tutto pervaso da un profondo sen-
Ogni volta che dirò “gioia”, o cosa gioiosa timento di gioia, alla cui origine sta la donna, la sua
intenderete che parlo di voi (=la donna del poeta), bellezza e il piacere che essa riesce a dare e a far pro-
che siete gioia piena di gioiosa bellezza vare al poeta con il suo bell’aspetto fisico e con il fa-
e gioia (=fonte) di piacere gioioso e bello; scino che emana.
2.1. Negli stessi decenni di Guittone Jacopone da To-
E gioia in cui riposa un gioioso avvenire; gioia di (1236ca.-1306) scrive la laude drammatica Donna
che nasce dal bel portamento e dal corpo snello; de paradiso, nella quale usa l’anafora ed il climax.
gioia, in cui il viso è gioia tanto piena d’amore, Egli canta però l’amore mistico o, meglio, il dolore
che è gioia gioiosa fissare gli occhi in esso. della Madonna davanti al Figlio crocifisso. La parola
più volte ripetuta è figlio. E la Madonna è presentata
Gioia di volere e gioia di pensare come una madre comune, che perde il figlio. Il coin-
e gioia di dire e gioia di ogni atto gioioso volgimento non è sognante ed estatico, è violento,
e gioia di ogni gioioso movimento. angoscioso e drammatico.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 34
2.2. Sempre negli stessi anni Dante (1265-1321) af- che [vi] supera e oltrepassa per luce e chiarezza.
fronta il motivo della lode e dell’effetto che la donna
provoca nel sonetto Tanto gentile e tanto onesta pare Così voi oltrepassate ogni uomo per sottigliezza
la donna mia, che ha un livello artistico senz’altro più e non si trova alcuno, che sia capace di spiegarvi,
elevato. Il poeta ha scelto di costruire il sonetto sul tanto è oscuro il vostro modo di parlare.
saluto che riceve dalla sua donna, sull’effetto che essa
fa su chi incontra (gli occhi non hanno il coraggio di E [da tutti] è considerata una grande stranezza,
guardarla) e sull’effetto che la donna ha sull’animo di per quanto il senno venga da Bologna,
chi saluta. Egli sceglie un ritmo lento, che sottolinea far canzoni a forza di studio.
la dolcezza che la donna infonde negli animi di chi la ---I☺I---
ammira. E sceglie anche una struttura più complessa,
le vie della città, il saluto atteso, l’effetto sugli occhi Riassunto. Il poeta se la prende con i poeti stilnovi-
e gli animi, l’aspetto angelicato, l’invito a sospirare. sti, che hanno cambiato il modo di poetare tradiziona-
2.3. Dopo Guittone Petrarca (1304-1374) si cimenta le, impersonato dalla grande poesia di Guittone
nel riprodurre questa ascesi mistica mediante anafora d’Arezzo. Essi sono talmente sottili ed oscuri, che
e climax. Nel sonetto Benedetto sia ‘l giorno e ‘l me- nessuno riesce a capirli ed a spiegarli. Tutte le perso-
se e l’anno (LXI) parla del suo innamoramento per ne di buon senso considerano una stranezza (eppure
Laura, la donna dei suoi pensieri. Egli benedice tutto Bologna, la patria di Guinizelli, ha l’università) voler
ciò che riguarda il suo incontro con la donna (l’anno, fare poesia piena di sapere filosofico come essi fanno.
il mese, il giorno e l’ora in cui l’ha incontrata ed an-
che le pene d’amore), quindi conclude dicendo che Commento
pensa soltanto a lei e che nel suo cuore non c’è posto 1. “Per quanto il senno venga da Bologna”: Bologna
per nessun’altra. è patria di Guinizelli e sede dell’università. Il poeta è
2.4. I diversi poeti quindi costituiscono delle varianti ironico. “A forza di studio”, cioè piene di sapere trat-
sullo stesso motivo letterario. Ciò si può presentare to dai libri.
anche a proposito di molti altri motivi: la donna, il 2. Bonagiunta critica i poeti stilnovisti, che accusa di
dolore, la sera, i valori, l’attesa, la felicità ecc. aver abbandonato la poesia tradizionale in nome di
---I☺I--- una poesia difficile e riservata a pochi. Fa anche
dell’ironia: a Bologna c’è l’università, c’è la cultura,
Bonagiunta Orbicciani (1220ca-1290ca.), ed essi fanno poesia sottile ed incomprensibile, che
Voi, ch’avete mutata la mainera va contro la ragione, contro il buon senso, contro ogni
tentativo di spiegarla.
3. Il poeta toscano muove critiche che in tutto o in
Voi ch’avete mutata la mainera parte si potrebbero anche accogliere. La cosa impor-
de li piagenti ditti de l’amore tante però non è questa, è un altra: egli non riesce a
de la forma dell’esser là dov’era, capire che cosa spinge, anzi costringe i poeti stilnovi-
per avansare ogn’altro trovatore, stici ad abbandonare e a respingere la poesia tradizio-
nale in nome della nuova poesia. Eppure Guido Gui-
avete fatto como la lumera, nizelli, quando nella canzone-manifesto (1274) pro-
ch’a le scure partite dà sprendore,
pone il suo nuovo concetto di nobiltà, è assolutamen-
ma non quine ove luce l’alta spera, te chiaro: la nobiltà non è nobiltà di sangue che si e-
la quale avansa e passa di chiarore. redita, è nobiltà di spirito, che si acquista con i propri
meriti personali. Dietro a questo nuovo concetto di
Così passate voi di sottigliansa, nobiltà – proprio questo sfugge a Bonagiunta – c’è un
e non si può trovar chi ben ispogna,
durissimo conflitto di classe: la borghesia cittadina, di
cotant’è iscura vostra parlatura. cui gli stilnovisti fanno parte, propone una sua cultu-
ra – una nuova cultura – contro le forze sociali tradi-
Ed è tenuta grave ‘nsomilliansa, zionali (la nobiltà e la Chiesa), a cui il poeta appartie-
ancor che ‘l senno vegna da Bologna, ne. La borghesia non ha titoli, non ha sangue, non ha
traier canson per forsa di scritura. niente di cui vantarsi e da opporre alla controparte.
La ricchezza da sola non è sufficiente. Come classe è
O voi, che avete mutato la maniera sorta da poco. Deve pensare a qualcosa che essa ab-
bia e che la controparte non abbia. L’idea escogitata è
O voi, che avete mutato la maniera
semplice e geniale: il merito della mia nobiltà d’ani-
d’[esprimere] i piacevoli detti dell’amore mo e della mia ricchezza è mio – così essa rinfaccia
[abbandonando] la forma e il contenuto tradizionali, la controparte –; tu invece ti puoi vantare soltanto di
per superare ogni altro poeta, ciò che hanno fatto i tuoi avi. Tu sei un inetto, un im-
belle!
avete fatto come la luce, 4. Molti secoli dopo (1730-90) la borghesia francese
che illumina le parti oscure, ma non qui, per bocca e con la penna degli illuministi fa la stessa
dove riluce la grande sfera (=Guittone d’Arezzo?),
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 35
cosa contro clero e nobili: usa la ragione per valutare
il passato e il presente e per chiedere riforme (ponti,
strade, tassazione equa). In tal modo scalza i privilegi
presenti che le altre due classi giustificavano richia-
mandosi ai loro titoli, conquistati nel lontano passato.
In altre parole la cultura è un’arma di offesa e di dife-
sa, proprio come un esercito. L’ambito della cultura
insomma non è così inoffensivo e neutrale come
sembrerebbe a prima vista.
5. Dante ha buon gioco di Bonagiunta, quando lo in-
contra in purgatorio dove con simpatia l’ha messo (un
poeta che scrive un sonetto così modesto non è cer-
tamente capace di commettere crimini da meritargli
l’inferno...). Lo imbroglia dandogli una definizione
post factum – postuma di quasi 30 anni! – di stilnovi-
smo: “Io sono uno che, quando il dio Amore m’ispira,
scrivo; e nel modo in cui mi detta dentro [il cuore],
esprimo in versi” (Pg XXIV, 52-54). Ha ragione Bo-
nagiunta: la poesia stilnovistica non è immediata e
spontanea come qui Dante, ingannando, viene a dire
(già la canzone di Guinizelli è piena di riferimenti na-
turalistici). Eppure soltanto con una grande “forsa di
scritura” – il lavoro sul nuovo contenuto e sulla veste
linguistica dei testi – era possibile per gli stilnovisti
fare una poesia così (apparentemente) spontanea, ca-
pace di aggredire con successo la cultura e le forze
sociali tradizionali.
6. Dante però lo imbroglia anche per un altro verso:
ora (verso il 1314, quindi 20 anni dopo) si presenta
come lo scrittore sacro, che aspetta l’ispirazione dal
dio Amore. Nella giovinezza invece aveva interpreta-
to la corrente in funzione antinobiliare e filoborghese,
poiché sosteneva che la nobiltà non è nobiltà di san-
gue che si eredita, ma nobiltà di spirito, che si con-
quista con i meriti personali. Allora però era giovane
e pieno di speranze per il futuro, ora è in esilio.
------------------------------I☺I-----------------------------

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 36


La corrente comico-realistica ma anda pian, ch’i’ vo’ pianger lo danno,
(1260-1310) ché ti diparti. – C: Con animo rio!
D: Tu abbi ‘l danno con tutto ‘l malanno!
La corrente comico-realistica sorge in Toscana nella C: Or chi m’ha morto? – P: E che diavol sacc’io?
seconda metà del Duecento e si conclude agli inizi
del Trecento. Si chiama così, perché tratta argomenti Accorri accorri accorri, uomo, qui sulla strada!
bassi, che riguardano la vita quotidiana, popolari. Da
riferimento alla teoria dei generi e degli stili: trage- [Cecco ai passanti:]
dia/alto, commedia/medio, elegia/basso. In ogni caso C: Accorri, accorri, accorri, uomo, sulla strada!
le poesie dimostrano grandi capacità letterarie. I poeti [Un passante si ferma.]
più importanti sono il fiorentino Rustico Filippi (1230 P: Che hai, figlio di puttana? – C: Io son derubato!
ca.-1300ca.) e il senese Cecco Angiolieri (1260ca.- P: Chi t’ha derubato? – C: Una che par che rada
1312ca.). Però anche Guido Guinizelli e Guido Ca- come un rasoio, tanto mi ha ripulito!
valcanti si cimentano in questo genere letterario. Lo
stesso Dante scambia tre velenosi sonetti con il co- P: Perché non le hai dato un colpo di spada?
gnato Forese Donati, che ricambia. C: Io lo darei invece a me – P: Ma sei impazzito?
---I☺I--- C: So che non me lo ridà, così mi pare che faccia.
P: Neanche t’avesse accecato, o sciagurato!
Cecco Angiolieri (1260ca.-1312ca.)
[La donna interviene:]
D: Vedi che pensano di te quelli che lo sanno?
Cecco Angiolieri nasce a Siena poco dopo il 1260 e P: Di’ quel che tu mi rubi. – D: Ora va’ con Dio,
muore tra il 1311 e il 1313. Conduce una vita sciope- ma va’ piano, perché io voglio piangere il danno
rata e insofferente verso l’ordine costituito: è multato
due volte per diserzione durante l’assedio del castello
[E con parole sarcastiche lo caccia via:]
di Turi in Maremma, quindi per aver girato con il co- della tua partenza. – C: Con animo addolorato!
prifuoco, infine per aver partecipato ad una rissa. Alla D: Che tu abbia il danno con tutto il malanno!
sua morte i figli devono rinunciare all’eredità, perché [La donna se ne va. Cecco ai passanti:]
gravata dai debiti. Nei sonetti che scrive, raccolti nel- C: Ora chi mi ha ucciso? – P: E che diavolo ne so io?
le Rime, canta la donna, la vita all’osteria ed il gioco
d’azzardo. Sarebbe sbagliato cercare, per questi “ide- Riassunto. Il poeta C chiede aiuto a un passante P,
ali”, riferimenti precisi alla sua vita dissipata, perché
che gli chiede che cos’ha. Risponde che è stato “de-
Cecco vuole porsi su un piano eminentemente lettera- rubato” dalla donna D, lì presente, di cui è innamora-
rio e contrapporre i suoi ideali di vita a quelli tradi- to e che stava corteggiando. Il passante chiede perché
zionali cantati dalla Scuola siciliana e a quelli cantati non le ha dato un colpo di spada. Egli risponde che
al suo tempo dal Dolce stil novo. La sua donna, Bec- piuttosto l’avrebbe dato a se stesso. Il passante chiede
china (diminutivo di Domenica), è una popolana, dal- se è impazzito. Egli risponde che lei non glielo (=il
la lingua sciolta e intraprendente, che egli oppone cuore) avrebbe restituito. Il passante commenta: ne-
consapevolmente alla donna stilizzata siciliana e alla
anche lo avesse accecato! Interviene la donna, che gli
donna-angelo stilnovistica. Cecco dedica a Dante due dici di notare che cosa pensano gli altri di lui. Egli
sonetti velenosi, nei quali si chiede chi dei due possa non risponde, ma le chiede di dire che cosa gli ha ru-
considerarsi migliore dell’altro. bato (=il cuore). Lei ribatte di togliersi lentamente dai
piedi, così lei può piangere il danno della sua parten-
Accorri accorri accorri, uom, a la strada!, za (=è sarcastica). Lui chiede se lei lo piange davvero
I con animo triste. Allora lei rincara la dose (spera di
essere capita) e gli augura il danno del furto con il
C: Accorri accorri accorri, uom, a la strada! malanno della sofferenza. E se ne va. Lui si rivolge
P: Che ha’, fi’ de la putta? – C: I’ son rubato. ancora ai passanti e chiede chi lo ha ucciso (=il furto
P: Chi t’ha rubato? – C: Una che par che rada del cuore o la sofferenza che lei lo ha respinto?). Uno
come rasoio, sì m’ha netto lasciato. gli risponde che lui non sa niente.

P: Or come non le davi de la spada? Commento


C: I’ dare’ anz’a me. – P: Or se’ ‘mpazzato? 1. Il sonetto iniziale della raccolta è ben diverso sia
C: Non so che ‘l dà, così mi par che vada. dal sonetto iniziale delle Rime di Dante, sia da quello
P: Or t’avess’ella cieco, sciagurato! iniziale del Canzoniere di Petrarca (Voi, ch’ascoltate
in rime sparse il suono). Cecco non è poeta comico-
D: E vedi che ne pare a que’ che ‘l sanno? realista, come in genere si dice. È poeta, e grande po-
C: Di’ quel che tu mi rubi. – D: Or va’ con Dio, eta, che sceglie e costruisce consapevolmente il lin-
guaggio e le occasioni. Dante e Petrarca scelgono il
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 37
linguaggio dotto e raffinato, egli sceglie il linguaggio tristezza, che a sentirla non mi vuole ricordare?
sboccato del popolino, il linguaggio sguaiato di stra-
da. Ma si tratta sempre di letteratura. Tristezza, sia maledetto quel momento,
2. Il sonetto è ambientato in una strada. Una strada tristezza, in cui la vidi così bella,
fuori di città o di passaggio, in nessun modo una stra- tristezza, che io ne ho pure malinconia!
da di Firenze. Una strada di malaffare. L’ambien-
tazione rimanda inevitabilmente al sonetto dantesco Tristezza, che pare una rosa novella,
Tanto gentile e tanto onesta pare: il poeta incontra la tristezza, il suo viso: dunque, come può villania,
sua donna per le vie della città, essa è elegante, ma tristezza, correre così tanto dietro di lei?
non superba, saluta e rende muti chi la guarda, infine
fa sospirare l’anima. La selva oscura di Dante è Riassunto. Il poeta è disperato, perché la sua donna lo
senz’altro posteriore (If. I), ma il confronto è veleno- respinge. Egli la ama con tutte le sue forze. Ma lei
so: Dante vuole uscire dalla strada del male e, per far- non reagisce. Così maledice il momento in cui si è
lo, è disposto a muovere mari e monti e a fare un giro accorto della sua bellezza e si chiede come una don-
lunghissimo nei tre regni dell’oltretomba. Cecco in- na, che assomiglia ad una rosa, si possa comportare
vece non ha nessuna intenzione di abbandonare la così villanamente.
strada di una vita dissoluta: ci sta troppo bene.
3. Il motivo di lei che lo maltratta e che gli ha rubato Commento
il cuore o che lo tiene per i vestiti compare anche in 1. Per Andrea Cappellano l’amore è pena. Cecco è
altri sonetti. d’accordo, ma naturalmente esagera: per lui l’amore
4. “Accorri accorri accorri, uomo, qui sulla strada!” Il diventa malattia.
verso iniziale è arioso e a sorpresa: il poeta si mette a 2. Il poeta deride la poesia cortese: abilmente mette in
parlare non con la sua donna, ma con un viandante. E contrasto il suo viso di rosa e l’animo scortese e poi si
il motivo del dialogo non è l’amore, i sospiri e le sve- chiede perché lei lo respinge con tanta villania.... Al
nevolezze, bensì il fatto che è stato ripulito di tutti i suo amore doveva rispondere con altrettanto amore, e
suoi averi. Il sonetto è velenoso e corrosivo. Che si invece no. E prende in giro anche il Dolce stil novo!
consolino gli altri poeti con le donne angelicate, che 3. Ohimè! Il poeta ricorre all’anafora, per esprimere
vivono d’aria e discendono dal cielo! in modo più tangibile le sue pene amorose. In genere
---I☺I--- succedeva il contrario: il poeta andava in visibilio o
addirittura in estasi pensando alla sua donna. I prece-
Oimè d’Amor, che m’è duce sì reo, IV denti sono Giacomo da Lentini che pure ricorre
all’anafora in Lo viso mi fa andare alegramente; ma
anche un autore di un’altra area, quella religiosa, Ja-
Oimè d’Amor, che m’è duce sì reo, copone da Todi, che usa più volte l’anafora per e-
oimè, che non potrebbe peggiorare; sprimere il dolore della Madonna davanti alla croce
oimè, perché m’avvene, segnor Deo? dove è stato crocifisso suo figlio. Il sonetto pero è una
oimè, ch’i’ amo quanto si pò amare, parodia ante litteram di un sonetto posteriore di Pe-
trarca: Benedetto sia ‘l giorno e ‘l mese e l’anno
oimè, colei che strugge lo cor meo! (LXI) , scritto qualche decennio dopo.
Oimè, che non mi val mercé chiamare!
4. Il sonetto dà visivamente l’idea di un Cecco che sta
oimè, il su’ cor com’è tanto giudeo, piangendo a dirotto e che è disperato.
oimè, che udir non mi vol ricordare? 5. Il finale non finisce in gloria, come di consueto nei
sonetti degli altri autori. Finisce in disgrazia: la don-
Oimè, quel punto maledetto sia, na è villana, abita in villa (=paese), e si comporta vil-
oimè, ch’eo vidi lei cotanto bella,
lanamente! Cecco si è innamorato di una donna villa-
oimè, ch’eo n’ho pure malinconia! na... È come se il poeta dicesse: “Tanto villana e tan-
to disonesta pare la donna mia, quand’ella altrui in-
Oimè, che pare una rosa novella, contra, ch’ogni lingua si mette a imprecare...”.
oimè, il su’ viso: dunque villania, 6. Il riassunto è in realtà impossibile: quello che si fa
oimè, cotanto come corre ‘n ella? è uno dei riassunti possibili (o inutili). Cecco impedi-
sce anche di fare quella cosa banale che è il riassunto!
Tristezza d’Amor, che mi opprime così forte Il fatto è che con i versi, con i dubbi, con i dolori che
soffre egli vuole dare un’idea concreta del suo animo
Tristezza d’Amore, che mi opprime così forte,
e delle sensazioni o delle pene che egli prova: Bec-
tristezza, che non potrebbe peggiorare; china non ci sta, né spiritualmente né fisicamente. E
tristezza, perché succede a me, o signore Iddio? si comporta da villana. Ed egli soffre e non sa più
tristezza, che io amo quanto si può amare, come comportarsi verso di lei.
7. Malinconia o melancolia ha significto forte: umor
tristezza, colei che strazia il cuore mio! nero, malumore.
Tristezza, che non mi serve a niente gridar pietà! ---I☺I---
tristezza, il suo cuore com’è tanto bugiardo,
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 38
La mia malinconia è tanta e tale, X ca – in cui il sonetto si pone: esso è il risultato di una
straordinaria abilità retorica.
La mia malinconia è tanta e tale, 2. Nel sonetto la donna e il poeta sono sullo stesso
ch’i’ non discredo che, s’egli ‘l sapesse piano: si amano, litigano, non si amano più, esprimo-
un che mi fosse nemico mortale, no i loro desideri e i loro umori. Alla fine del sonetto
che di me di pietade non piangesse. questo realismo letterario fa il verso ai coevi poeti-
letterati, e si trasforma in ironica e beffarda personifi-
Quella, per cu’ m’avven, poco ne cale; cazione del dio Amore, contro cui Cecco se la prende.
che mi potrebbe, sed ella volesse, 3. Il sonetto sviluppa il motivo contrario di Bec-
guarir ‘n un punto di tutto ‘l mie male, chin’amor!, dove la donna è arrabbiata per essere sta-
sed ella pur: “I’ t’odio” mi dicesse. ta tradita dal poeta. Qui invece il poeta si lamenta
perché si sente ignorato dalla donna che ama.
Ma quest’è la risposta c’ho da lei: 4. Conviene confrontare Cecco, che dialoga e litiga
ched ella non mi vol né mal né bene, con la sua donna, con Dante, che loda e si sottomette
e ched i’ vad’a far li fatti mei; a Beatrice, con Petrarca, che fa girare la sua donna
intorno a se stesso.
ch’ella non cura s’i’ ho gioi’ o pene, 7. Malinconia o melancolia ha significto forte: umor
men ch’una paglia che le va tra’ piei: nero, malumore. Proviene dal taedium latino e antici-
mal grado n’abbi Amor, ch’a le’ mi diène pa lo spleen dei poeti inglesi e poi dei “poeti male-
detti” francesi dell’Ottocento. Charles Baudelaire
La mia malinconia è tanta e tale scrive il sonetto Spleen (I fiori del male, 1857).
---I☺I---
La mia malinconia (=umor nero) è tanta e tale,
che io non dubito che, se lo sapesse Becchina mia! – Cecco, nol ti confesso,
uno, che mi fosse nemico mortale, XXII
piangerebbe su di me per la compassione.
Becchina mia! – Cecco, nol ti confesso.
La donna, che amo, poco si cura di me: Ed i’son tu’. – E cotesto disdico.
ella, se lo volesse, mi potrebbe I’ sarò altrui. – Non vi dò un fico.
guarire in un momento da tutti i miei mali; Torto mi fai. – E tu mi manda ‘l messo.
basterebbe che mi dicesse soltanto: “Io ti odio!”.
Sì, maccherella. – Ell’avrà ‘l capo fesso.
Ma questa è la risposta che ho da lei: Chi gliele fenderae? – Ciò ti dico.
che ella non mi vuole né male né bene Se’ così niffa? – Sì, contra ‘l nimico.
e che io vada a fare i fatti miei, Non tocc’a me. – Anzi, pur tu se’ desso.
che ella non si preoccupa se sono felice o infelice, E tu t’ascondi. – E tu va’ col malanno.
meno di una paglia che le va tra i piedi. Tu non vorresti. – Perché non vorrìa?
Maledetto sia il dio Amore, che mi diede a lei! Ché se’ pietosa. – Non di te, uguanno!
Riassunto. Il poeta è tanto triste, che anche un suo Se foss’un altro? – Cavere’l d’affanno.
nemico mortale avrebbe pietà di lui: la donna che Mal ti conobbi! – Or non di’ tu bugia.
ama non s’interessa di lui. Potrebbe guarirlo da ogni Non me ne poss’atar. – Abbieti ‘l danno!
male anche soltanto dicendogli che lo odia. Invece gli
risponde che non gli vuol né male né bene, e che vada Becchina mia! – Cecco, non te lo confermo
a farsi i fatti suoi. Non si preoccupa se egli è felice o
infelice, meno di una paglia che le vada tra i piedi. Becchina mia! – Cecco, non te lo confermo.
Così il poeta se la prende con il dio Amore che lo ha Ed io son tuo. – Codesto lo rifiuto.
fatto innamorare. Io sarò di un’altra. – Non m’importa un fico secco.
Mi fai torto. – E tu mandami il messo [del tribunale]
Commento (=denunciami).
1. Il poeta si lamenta perché Becchina non lo vuole
più. Si accontenterebbe che la donna gli dicesse an- Sì, [ti mando] una mezzana. – Le romperò la testa.
che che lo odia. Gli dice invece che vada a farsi gli Chi gliela romperà? – Te lo dico io.
affari suoi. Così Cecco impreca contro il dio Amore Sei così disgustata? – Sì, con il nemico.
che lo ha fatto innamorare. Il sonetto riesce a comu- Non sono io. – Anzi, sei proprio lui.
nicare con immediatezza e spontaneità la tristezza e
la solitudine del poeta, che si sente respinto dalla E tu ti nascondi. – E tu prenditi un accidente.
donna che ama. Il riferimento al dio Amore però in- Tu non vorresti. – Perché non vorrei?
dica il livello letterario – non di pura cronaca realisti-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 39
Perché sei pietosa. – Non con te, mai! Benché io non sia degno di trovare
in te compassione né pietà né cortesia,
Se fossi un altro? – Lo leverei dall’affanno. non per questo io cesserò di pregare:
Ti ho mal conosciuta! – Ora tu sei veritiero.
Non posso darmi pace. – Tienti il danno! perché il dio Amore comanda e vuole che sia
sempre lecito amare quella donna,
Riassunto. Il poeta esprime tutto il suo amore per che il suo cuore desidera.
Becchina, che ha tradito con un’altra donna (in realtà
la vuol prendere in giro), ma la donna non ci vuol Riassunto. Il poeta si rivolge alla donna, di cui è
sentire e lo respinge con tabbia.
innamorato, la chiama anima sua, e le chiede di avere
un po’ di pietà verso di lui, che vive con il cuore
Commento
1. Il riassunto è impossibile, perché il sonetto si gioca spezzato dal dolore. Non sarà un onore per lei, se lui
sulle botte e risposte dei due interlocutori. Quel che muore, né potrà, se vorrà, fare ammenda dei suoi
conta è l’atmosfera: egli corteggia la donna, ma la continui rifiuti. Anche se egli non è degno di trovare
donna lo respinge irritata. Più che corteggiarla, Cecco in lei né compassione né pietà né cortesia, non per
la vuole prendere in giro (si sente il suo senso di su- questo cesserà di pregare, perché il dio Amore vuole
periorità, mentre va all’attacco della donna, che in e comanda che sia lecito amare quella donna a cui si
genere è sulla difensiva), perciò lei risponde irritata e dà il proprio cuore.
in malo modo (Non afferra però qualcosa per tirar-
glielo addosso). Questa atmosfera si ripete in altri so- Commento
netti. 1. Il poeta è respinto dalla donna che ama, ma insiste
---I☺I--- ugualmente: lo comanda il dio Amore.
2. Il sonetto ha antecedenti biblici nel Cantico dei
Anima mia, cuor del mi’ corp’, amore, cantici, 3, 1-4:
XXVI
1
Sul mio letto, lungo la notte, ho cercato
l’amore dell’anima mia;
Anima mia, cuor del mi’ corp’, amore, l’ho cercato, ma non l’ho trovato.
alquanto di merzé e pietà ti prenda 2
Mi alzerò e farò il giro della città
di me, che vivo ‘n cotanto dolore, per le strade e per le piazze;
che ‘n ora ‘n ora par che ‘l cuor mi fenda voglio cercare l’amore dell’anima mia.
L’ho cercato, ma non l’ho trovato.
per la gran pena, ch’i’ ho, del tremore 3
Mi hanno incontrata le guardie che fanno la ronda in città:
ched i’ non t’abbi anzi che porti benda; «Avete visto l’amore dell’anima mia?».
4
sed i’ ne muoio, non ti sarà onore: Da poco le avevo oltrepassate,
se vorra’ puo’, non potra’ far l’ammenda. quando trovai l’amore dell’anima mia.
Lo strinsi forte e non lo lascerò,
finché non l’abbia condotto nella casa di mia madre,
Avvegna ch’i’ non sia degno trovare nella stanza di colei che mi ha concepito.
in te merzé, pietà né cortesia,
nïente men lassarò di pregare:
2. Qui come negli altri sonetti in cui la donna lo
respinge Cecco svolge il tema tradizionale del rifiuto.
però ch’Amor comand’e vol che sia Le parole riescono a dare un’idea del suo “dolore”.
licita cosa di poter amare
Questo tema è intercalato con l’altro in cui lui la
in quella donna, che ‘l su’ cor disìa.
tradisce e poi finge di fare la pace e la prende in giro.
---I☺I---
Anima mia, cuore del mio corpo, amore
Maledetta sie l’or’e ‘l punt’e ‘l giorno, LI
O anima mia, cuore del mio corpo, amore,
un po’ di compassione e di pietà ti prenda
di me, che vivo in tanto grande dolore, Maledetta sie l’or’e ‘l punt’e ‘l giorno
che di ora in ora par che il cuore mi si fenda e la semana e ‘l mese e tutto l’anno
che la mia donna mi fece uno ‘nganno,
per la gran pena, che io ho, del tremore il qual m’ha tolt’al cor ogni soggiorno
che io non ti abbia anzi che porti benda;
se io ne muoio, non ti farà onore: ed hal sì ‘nvolto tutto ‘ntorno intorno
d’empiezza, d’ira, di noia e d’affanno
se vorrai puoi, non potrai fare l’ammenda.
che, per mio bene o per mi’ minor danno,
vorrêlo ‘nanzi ‘n un ardente forno.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 40


Però che megli’è mal che mal e peggio, 3. Il sonetto è pieno delle atmosfere notturne di ter-
avvegna l’un e l’altro buon non sia: rore per la dannazione eterna con cui Jacopo Passa-
ma, per aver men pena, il male cheggio. vanti (1302ca.-1357), di poco posteriore, condiva le
sue prediche nello Specchio di vera penitenza.
E questo dico per l’anima mia; 4. Ed ha un’altra imitazione successiva: Benedetto
ché, se non fosse ch’i’ temo la peggio, sia’l giorno e’l mese e l’anno (Canzoniere, LI) di
i’ medesimo già morto m’avria. Francesco Petrarca. Le sue soluzioni stilistiche, i suoi
versi e il contenuto dei suoi sonetti sono quelli di un
Maledetta sia l’ora, il punto e il giorno grande letterato.
---I☺I---
Maledetta sia l’ora e l’attimo e il giorno
e la settimana e il mese e tutto l’anno Becchin’amor! – Che vuo’, falso tradito?,
che la mia donna mi fece un inganno, XLVII
con cui ha tolto al mio cuore ogni tranquillità
Becchin’amor! – Che vuo’, falso tradito?
e lo ha così avvolto tutto intorno intorno Che mi perdoni. – Tu non ne se’ degno.
di empietà, d’ira, di noia e d’affanno Merzé, per Deo! – Tu vien’ molto gecchito.
che, per il mio bene o per il mio minor danno, E verrò sempre. – Che sarammi pegno?
lo vorrei al più presto in un forno ardente.
La buona fé. – Tu ne se’ mal fornito.
Perché è meglio il male che il male e peggio, No inver’ di te. – Non calmar, ch’i’ ne vegno.
anche se né l’uno né l’altro siano buoni,
In che fallai? – Tu sa’ ch’i’ l’abbo udito.
ma, per aver meno pena, chiedo il male. Dimmel’, amor. – Va’, che ti vegn’un segno!
E dico questo per salvare la mia anima, Vuo’ pur ch’i’ muoia? – Anzi mi par mill’anni.
perché, se non fosse che io temo il peggio, Tu non di’ ben. – Tu m’insegnerai.
io medesimo mi sarei già ucciso. Ed i’ morrò. – Omè che tu m’inganni!
Riassunto. Cecco maledice l’attimo, l’ora, il giorno,
Die tel perdoni. – E che, non te ne vai?
la settimana, il merse e l’anno in cui la sua donna lo Or potess’io! – Tègnoti per li panni?
ha ingannato, cioè lo ha fatto innamorare, egli ha Tu tieni ‘l cuore. – E terrò co’ tuo’ guai!
tolto al suo cuore la pace e lo ha avvolto di empietà,
d’ira, di tristezza e di affanni, tanto che, per il suo Becchina, amore! – Che vuoi, bugiardo traditore?
bene o come minore dei mali, egli lo vorebbe mettere
al più presto in un forno acceso. Perché è preferibile Becchina, amore! – Che vuoi, bugiardo traditore?
il male al male e peggio, anche se né l’uno né l’altro
Che mi perdoni. – Tu non ne sei degno.
sono buoni, ma per soffrire di meno chiede il male. Pietà, in nome di Dio! – Tu vieni molto umile.
Dice questo per slvare la sua anima, perché, se egli E verrò sempre. – Che cosa mi dai come pegno?
non temesse il peggio (=la dannazione all’inferno), si
sarebbe già ucciso con le sue stesse mani. La mia buona fede. – Tu ne hai molto poca.
Non verso di te. – Non ingannarmi, ne ho la prova.
Commento Dove ho sbagliato? – Tu sai che lo so.
1. Cecco maledice il momento, l’ora, il giorno e
Dimmelo, amore. – Va’, che ti venga un accidente!
l’anno in cui la sua donna lo ha ingannato, cioè lo ha
fatto innamorare. Ora ha il cuore spezzato e soffe- Vuoi che io muoia? – Me lo auguro da mille anni!
rente per le pene d’amore. E filosofeggia: tra il male Tu non lo dici sul serio. – Ah, parli seriamente tu!
che soffre e il male che soffre e peggio, egli sceglie il Io morirò. – Magari fosse vero!
male semplice semplice, come male minore, anche se
se né l’uno né l’altro sono buoni. Fa questo ragiona- Che Dio ti perdoni. – Perché non te ne vai?
mento e la scelta del male minore, perché vuole
Potessi io farlo! – Ti tengo forse per i vestiti?
salvare la sua anima, altrimenti si sarebbe già dato la Tu tieni il mio cuore. – E lo terrò facendoti penare!
morte con le sue stesse mani.
2. Cecco soffre ancora pene d’amore a causa della Riassunto. Il riassunto è impossibile, perché il sonet-
sua donna, che lo ha fatto innamorare. E tira in ballo to si sviluppa sul dialogo tra Cecco e Becchina, non
la religione: tra le pene d’amore e le penne d’amore e sul contenuto. Cecco ha tradito Becchina con un’altra
peggio, cioè la dannazione eterna, sceglie le pene donna. Becchina è venuta a saperlo ed è arrabbiatis-
d’amore, che sono il male minore. Altrimenti, se
sima. Il poeta se la gode a provocarla. La donna rea-
potesse sfuggire alla dannazione eterna, egli si sa- gisce augurandogli un accidente e mandandolo via.
rebbe già dato la morte con le sue stesse mani. Ma tutto ciò non è sufficiente, perché Cecco ha il
controllo della situazione. Alla fine sulla battuta di
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 41
Cecco la donna si prende una mezza vittoria: farà pe- Se io fossi fuoco, brucerei il mondo
nare il poeta.
Se io fossi fuoco, brucerei il mondo,
Commento se io fossi vento, lo tempesterei,
1. Il poeta dialoga e litiga con la sua donna: Becchina se io fossi acqua, io l’annegherei,
non è lontana, spirituale, passiva e irraggiungibile se io fossi Dio, lo sprofonderei,
come le altre donne della tradizione letteraria. Ri-
sponde, riempiendo le parole dei suoi sentimenti e, in se io fossi papa, allora sarei giocondo,
questo caso, del suo risentimento verso Cecco, che perché metterei nei guai tutti i cristiani,
l’ha tradita con un’altra donna. se io fossi imperatore, farei volentieri questo:
2. Il poeta è contento di averla fatta arrabbiare, e fin- a tutti taglierei il capo con un colpo di scure.
ge di chiederle perdono. Egli però se la gode. Becchi-
na invece è proprio arrabbiata. Né il dialogo né, tanto Se io fossi morte, andrei da mio padre,
meno, il tradimento hanno grande spazio nella lettera- se io fossi vita, fuggirei da lui,
tura italiana. Dante ha un momento di crisi morale la stessa cosa farei con mia madre.
che lascia indeterminato e che trasfigura in termini
letterari (Pg XXX, 22-145). Per il resto è fedelissimo Se io fossi Cecco, come sono e fui,
alla moglie, Gemma Donati, che non nomina mai e prenderei per me le donne giovani e belle,
che lo accompagna pazientemente nell’esilio. e le vecchie e sporche lascerei a voi!
3. Il nome della donna, Becchina, è consapevolmente
antiletterario come tutto il resto. Esso è il diminutivo Riassunto. Il poeta dice che, se fosse fuoco, ardereb-
popolare di Domenica. Forse contiene anche una cer- be il mondo. Se fosse vento, lo tempesterebbe. Se
ta irriverenza verso la Domenica, il giorno del Domi- fosse papa, maltratterebbe i cristiani; se fosse impera-
nus, cioè del Signore. tore, ucciderebbe i suoi sudditi. Se fosse morte, an-
4. Il sonetto è costruito come un contrasto, cioè un drebbe da suo padre; se fosse vita, fuggirebbe da sua
componimento a botta e risposta tra un uomo e una madre. Se fosse Cecco, come è ed è sempre stato, ter-
donna. La spontaneità delle battute è soltanto appa- rebbe per sé le donne giovani e belle, e lascerebbe ai
rente: il poeta è riuscito con grande abilità a tenere la presenti quelle vecchie e sporche.
sua battuta e la risposta di Becchina nello stesso ver-
so, per tutto i 14 versi del sonetto. Commento
5. Il lettore può confrontare la vivace figura di Bec- 1. Il poeta fa minacce terribili e... impossibili davanti
china con le donne finora incontrate e con quelle che ai suoi amici all’osteria, che lo ascoltano intimoriti da
incontrerà. tanta violenza: se io fossi..., farei... Ma alla fine, con
6. La difficoltà di fare un riassunto che sintetizzasse un improvviso e beffardo cambiamento di scena, egli
il contenuto – il sonetto invece è costruito sul dialogo dice che cosa farebbe se fosse Cecco, come è ed è
tra Cecco e Becchina – mostra l’elaborazione e l’in- stato: tiene le donne giovani e belle per sé, e lascia
ventiva letteraria che gli sta dietro. quelle vecchie e sporche agli altri, cioè ai presenti.
---I☺I--- 2. Il sonetto non va letto in un rapporto privato e soli-
tario con il testo, va declamato davanti ad un uditorio
S’i’ fosse foco, arderei ‘l mondo, LXVI che ascolta attento ed interessato e condivide gli stes-
si valori del poeta. Anche in questo caso Cecco si
S’i’ fosse foco, arderei ‘l mondo; vuole contrapporre ai poeti stilnovisti, che cercavano
s’i’ fosse vento, lo tempesterei; un pubblico più acculturato e raffinato e intendevano
s’i’ fosse acqua, i’ l’annegherei; produrre letteratura per pochi iniziati.
s’i’ fosse Dio, mandereil’en profondo; 3. Dante e gli stilnovisti scrivono per se stessi e per i
loro amici. Cecco invece si preoccupa di scrivere per
s’i’ fosse papa, sare’ allor giocondo, i suoi amici di osteria e di declamare i suoi sonetti in
ché tutti cristïani imbrigherei; pubblico, salendo su un tavolo.
s’i’ fosse ‘mperator, sa’ che farei? ---I☺I---
A tutti mozzarei lo capo a tondo.
Tre cose solamente, LXXXVII
S’i’ fosse morte, andarei da mio padre;
s’i’ fosse vita, fuggirei da lui: Tre cose solamente m’ènno in grado,
similemente farìa da mi’ madre. le quali posso non ben ben fornire,
cioè la donna, la taverna e ‘l dado:
S’i’ fosse Cecco, com’i’ sono e fui, queste mi fanno ‘l cuor lieto sentire.
torrei le donne giovani e leggiadre:
e vecchie e laide lasserei altrui. Ma sì·mme le convene usar di rado,
ché la mie borsa mi mett’ al mentire;
e quando mi sovien, tutto mi sbrado,
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 42
ch’i’ perdo per moneta ‘l mie disire. cultura tradizionale e che perciò sono motivi in primo
luogo letterari e soltanto in secondo luogo realistici.
E dico: «Dato li sia d’una lancia!», 6. L’odio per il padre e, in genere, per i genitori è un
ciò a mi’ padre, che·mmi tien sì magro, motivo letterario come la celebrazione della bellezza
che tornare’ senza logro di Francia. femminile, la misantropia, la misoginia, il cuore gen-
tile, la donna angelicata ecc. Tutto ciò fa parte del-
Ché fora a tôrli un dinar[o] più agro, l’immaginario sociale, letterario e collettivo, che ca-
la man di Pasqua che·ssi dà la mancia, ratterizza ogni epoca. In vecchiaia Giovanni Boccac-
che far pigliar la gru ad un bozzagro. cio scrive il Corbaccio (1354-55 o 1365-66), un vio-
lentissimo pamphlet contro le donne, che aveva ama-
Tre cose solamente mi son gradite to per tutta la vita ma che non lo avevano ricambiato
con altrettanta disponibilità.
Tre cose solamente mi son gradite, 7. In seguito saranno presi da malinconia o da umor
che non posso avere nella misura che vorrei, nero o dal taedium vitae o dal semplice tedio: France-
cioè la donna, l’osteria e il gioco d’azzardo: sco Petrarca (la sua accidia o insoddisfazione esisten-
soltanto esse mi riempiono il cuore di gioia. ziale corrisponde al tedium vitae), Leopardi (Canto
notturno di un pastore errante dell’Asia, 1829-30),
Tuttavia sono costretto ad usarle raramente, Charles Baudelaire (Spleen, 1857), Umberto Saba
perché il mio borsellino non me lo permette; (Malinconia, 1923-24).
e, quando me ne ricordo, mi metto tutto a sbraitare, ---I☺I---
perché per il denaro non soddisfo i miei desideri.
Dante Alighier, Cecco, ‘l tu’ serv’e amico,
E dico: “Che si prenda un colpo di lancia!”; CI
lo auguro a mio padre, che mi tiene così a corto,
che tornerei senza dimagrire dalla Francia.
Dante Alighier, Cecco, ‘l tu’ serv’e amico,
si raccomand’a te com’a segnore;
Togliergli un soldo di tasca, la mattina di Pasqua,
e sì ti prego per lo dio d’Amore,
quando si dà la mancia, sarebbe più difficile
il qual è stat’un tu’ signor antico,
che far pigliare una gru a una piccola poiana.
che mi perdoni s’ispiacer ti dico,
Riassunto. Il poeta dice di gradire soltanto tre cose:
ché mi dà sicurtà ‘l tu’ gentil cuore;
la donna, la vita scioperata all’osteria e il gioco d’az-
quel ch’i’ ti dico, è di questo tenore:
zardo. Ma non può averle quanto vorrebbe, perché il
ch’al tu’ sonetto in parte contraddico.
suo borsellino non gliele permette. Perciò se la pren-
de con suo padre, che non allarga i cordoni della bor-
Ch’al meo parer ne l’una muta dice
sa: lo tiene così a corto di denaro, che egli ritornereb-
che non intendi su’ sottil parlare,
be dalla Francia senza dimagrire ulteriormente. Suo
a que’ che vide la tua Beatrice;
padre è talmente avaro, che scucirgli qualche moneta
la mattina di Pasqua, quando si fa l’elemosina, sareb-
e puoi hai detto a le tue donne care
be più difficile che far prendere una grossa gru a una
che tu lo ‘ntendi: adunque, contraddice
piccola poiana.
a se medesmo questo tu’ trovare.
Commento
O Dante Alighieri, Cecco, il tuo servo e amico
1. Il poeta ha le idee chiare su quel che vuole dalla
vita: donne, vita scioperata all’osteria e gioco d’az-
O Dante Alighieri, Cecco, il tuo servo e amico,
zardo, perché soltanto esse lo rendono lieto. Egli però
si raccomanda a te come al suo signore;
si lamenta che le può usare soltanto raramente, perché
e ti prego così in nome del dio dell’Amore,
suo padre non gli passa denaro. Perciò egli, preso
il quale è stato un tuo antico signore,
dall’esasperazione, gli àugura di farsi ammazzare.
Infine precisa l’avarizia del padre: a) egli, Cecco, tor-
che tu mi perdoni se ti dico qualcosa di spiacevole,
nerebbe di Francia senza dimagrire ulteriormente; b)
perché mi dà sicurezza il tuo cuore gentile.
il padre non allarga i cordoni della borsa nemmeno la
Quel che io ti dico è di questo tenore:
mattina di Pasqua, quando si dà in elemosina qualche
che in parte contraddico al tuo sonetto.
moneta di poco valore.
4. L’amore cantato dal poeta è un amore fisico, ses-
A mio parere nella prima terzina [il sonetto] dice
suale. Non è l’amore verso la bellezza fisica della
che non intendi il parlare sottile
donna, cantato dalla Scuola siciliana; né l’amore ver-
di colui che vide la tua Beatrice;
so la donna-angelo, cantato dal Dolce stil novo.
5. Nella poesia il poeta si appropria e rielabora motivi
di trasgressione sociale che appartenevano già alla
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 43
e poi hai detto alle tue care donne E, se di tale materia vuoi dire di più,
che tu lo capisci: dunque, contraddice o Dante Alighieri, io rispondo che ti potrò stancare,
a se medesimo questo tuo sonetto. perché io sono il pungolo e tu sei il bue.

Riassunto. Il poeta si rivolge a Dante, che beffarda- Commento


mente chiama amico, per fargli notare una contraddi- 1. Questo sonetto mostra un altro aspetto di Cecco
zione in un suo sonetto. Prima dice che non intende le letterato: il confronto che fa tra la sua vita e quella di
parole difficili di chi vide Beatrice; e subito dopo dice Dante. La conclusione è malinconica: “Tu ti puoi at-
alle donne che lo intende bene. teggiare a grande intellettuale, ma nella realtà nessu-
no di noi due è migliore dell’altro; la sventura o il po-
Commento co cervello ci fa litigare”. Cecco però si prende una
1. Cecco accusa Dante di essere in contraddizione piccola rivincita (sarebbe stato un errore voler strafa-
con se stesso. Nel sonetto Oltre la spera che più lar- re): “Dante, ricordati che, se mi vuoi rispondere per le
ga gira, attualmente l’ultimo della Vita nova, egli di- rime, ti posso stancare, perché io sono il pungolo del
ce che non capisce il suo pensiero amoroso, tanto è boaro, tu sei il bue”.
sottile (prima terzina), poi dice che capisce qual è il 2. Il sonetto è scritto quando Dante è già in esilio, o-
tema di quel discorso (seconda terzina). spite forse di Bartolomeo della Scala, il “gran lom-
2. In questo sonetto del 1291-92 Cecco si dice amico bardo”.
e servo di Dante: gli esprime in modo beffardo tutta 3. Il sonetto è in genere censurato, perché fa fare
la sua deferenza e sottomissione. Poi lo accusa mali- brutta figura a Dante: lo abbassa ai piccoli, vili e dif-
gnamente d’essersi lasciato andare all’amore. Ben in- ficili problemi della vita quotidiana, quelli di sbarcare
teso, non all’amore celeste, ma agli amoretti volgari. il lunario. E comunque neanche qui, davanti a questo
---I☺I--- sonetto abilmente o ingannevolmente sincero, si deve
dimenticare che il sonetto offensivo è un genere lette-
Dante Alighier, s’i’ so’ begolardo, CII rario, nel quale lo stesso Dante si cimenta, scambian-
do tre sonetti velenosi con il cognato Forese Donati.
Dante Alighier, s’i’ son bon begolardo,
tu mi tien bene la lancia a le reni; Osservazioni
s’eo desno con l’altrui, e tu vi ceni; 1. Anche in questo caso, come nei precedenti, si ri-
s’eo mordo il grasso, e tu ne suggi il lardo; spetta lo stesso schema nel presentare una corrente: a)
il luogo in cui sorge; b) il tempo in cui si sviluppa; c)
s’eo cimo il panno, e tu vi freghi il cardo; gli autori più importanti, la loro vita (se è importan-
s’eo so’ discorso, e tu poco t’affreni; te); d) la loro opera; ed e) la loro poetica. Eventual-
s’eo gentileggio, e tu messer t’avveni; mente anche il loro pubblico ed ogni altra informa-
s’eo so’ fatto romano, e tu lombardo. zione che possa essere considerata importante e carat-
terizzante. Ad esempio i poeti precedenti da cui la
Sì che, laudato Deo, rimproverare corrente prende idee e motivi, i poeti successivi che
poco pò l’uno l’altro di noi due: influenza, lo specifico pubblico a cui essa si rivolge.
sventura o poco senno cel fa fare. 2. Si è dato uno spazio particolarmente ampio a Cec-
co Angiolieri, perché è un letterato forbito che vuole
E se di questo voi dicere piue, fare l’antiletterato e perché in tutta la letteratura ita-
Dante Alighier, i’ t’avarò a stancare, liana ci sono rarissimi esempi di antiletteratura. I cri-
ch’eo so’ lo pungiglione e tu se’ ‘l bue. tici in genere non lo apprezzano e lo mettono da par-
te, preferendogli Dante, Boccaccio e Petrarca. La
O Dante Alighieri, se io parlo a vanvera stessa denominazione della corrente implica un giu-
dizio limitativo e riduttivo su questa produzione con-
O Dante Alighieri, se io parlo a vanvera, sapevolmente antiletteraria.
tu mi tieni la lancia sulla schiena (=tu mi tieni dietro); 3. Si può concludere quindi che la scelta di un’opera
se io desino con altri, tu vi ceni; anziché di un’altra non dipende dal valore intrinseco
se io mordo il grasso, tu succhi il lardo; dell’opera, ma dalle convinzioni, dai valori, dai criteri
adottati da chi la sceglie. Dante, Petrarca e Boccaccio
se io cimo il panno, tu vi freghi il cardo (=il pettine); sono senz’altro grandi e resteranno grandi. Ma anche
se io parlo senza tregua, tu poco ti freni; in questo caso esiste la discrezione: ad esempio si de-
se io faccio il gentiluomo, tu vuoi fare il signore; ve privilegiare la Vita nova o il De monarchia? La
se io scrocco a Roma, tu scrocchi in Lombardia. corrente comico-realistica perciò merita più spazio di
quello che di solito le è riservato: lo stesso Dante non
Così che, che Dio sia lodato!, ben poco si vergogna di scrivere sonetti salaci. Per Dante, Pe-
può rimproverare l’uno all’altro di noi due: trarca e Boccaccio la letteratura non è separata dalla
la sventura o il poco senno ce lo fa fare. vita, non è richiusa nelle biblioteche, come i critici
credono e dove essi la relegano. La letteratura è vita!
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 44
Il Dolce stil novo (1274-1294) colei che conduce l’uomo a Dio.
Questa corrente ha una chiara marcatura sociale: i
Il Dolce stil novo sorge a Bologna con Guido Guini- protagonisti risentono delle trasformazioni politiche
zelli (1235ca.-1276), che nel 1274 scrive la canzone- ed economiche che caratterizzano il loro tempo; e
manifesto Al cor gentil rempaira sempre amore. Da fanno parte della nuova classe emergente, la borghe-
Bologna si diffonde in Toscana, in particolare a Fi- sia cittadina, che si è affermata o si sta affermando
renze, nel decennio successivo, per esaurirsi poco do- contro la nobiltà tradizionale. Perciò essi propongono
po. I maggiori poeti sono Guido Guinizelli, Dante A- un nuovo concetto di nobiltà, basato non più sul san-
lighieri (1265-1321), Guido Cavalcanti (1255-1300), gue ma sui meriti personali. Dante Alighieri, che ap-
Lapo Gianni (1260ca.-1328), Cino da Pistoia (1270- partiene alla piccola nobiltà, è costretto a iscriversi
1336) e Gianni Alfani. formalmente ad un’arte per poter partecipare alla vita
I temi che esso canta sono tre: 1) amore e cuore genti- politica, dopo il successo della borghesia conseguito
le si identificano; 2) la nobiltà non è nobiltà di sangue con gli Ordinamenti di giustizia di Giano della Bella
che si eredita, è gentilezza (o nobiltà) d’animo che si (1294).
conquista con il proprio ingegno; 3) la donna è un Il nome alla corrente è dato soltanto molti decenni
angelo venuto dal cielo per portare l’uomo a Dio. dopo, verso il 1314, da Dante, quando nel purgatorio
Lo Stil novo prosegue l’opera di recupero della don- polemizza garbatamente con Bonagiunta Orbicciani,
na, iniziata dalla Scuola siciliana (alla quale si rial- uno dei maggiori esponenti della Scuola toscana (Pg
laccia anche per altri motivi): essa non è più la tenta- XXIV, 49-63). In quella circostanza però il poeta im-
trice, che porta l’uomo alla dannazione eterna; è anzi broglia Bonagiunta, i critici e noi…
---I☺I--- ---I☺I---

Guido Guinizelli (1235ca.-1276), Al cor


Nel cuore gentile l’amore trova sempre riparo
gentil rempaira sempre amore, 1274
I 1.
Al cor gentil rempaira sempre amore Nel cuore gentile l’amore trova sempre riparo
come l’ausello in selva a la verdura; come l’uccello trova rifugio nella selva tra le fronde,
né fe’ amor anti che gentil core, né la natura fece amore prima del cuore gentile,
né gentil core anti ch’amor, natura: né fece il cuore gentile prima di amore:
ch’adesso con’ fu ‘l sole, non appena ci fu il sole,
sì tosto lo splendore fu lucente, subito rifulse la luce,
né fu davanti ‘l sole; né la luce brillò prima del sole.
e prende amore in gentilezza loco e amore trova dimora in un animo gentile
così propiamente così naturalmente
come calore in clarità di foco. come il calore trova dimora nella fiamma splendente.
II 2.
Foco d’amore in gentil cor s’aprende Il fuoco d’amore si accende nel cuore gentile
come vertute in petra preziosa, come la virtù attiva nella pietra preziosa,
che da la stella valor no i discende e dalla stella non discende in essa tale virtù
anti che ‘l sol la faccia gentil cosa; prima che il sole non l’abbia resa gentile:
poi che n’ha tratto fòre dopo che il sole con la sua energia ha tolto
per sua forza lo sol ciò che li è vile, via da essa tutto ciò che è vile,
stella li dà valore: la stella infonde la sua virtù:
così lo cor ch’è fatto da natura allo stesso modo il cuore, che la natura ha fatto eletto,
asletto, pur, gentile, puro e gentile,
donna a guisa di stella lo ‘nnamora. dalla donna come da stella è fatto innamorare.
III 3.
Amor per tal ragion sta ‘n cor gentile Amore sta nel cuore gentile per lo stesso motivo
per qual lo foco in cima del doplero: per il quale il fuoco risplende liberamente
splendeli al su’ diletto, clar, sottile; chiaro e sottile in cima alla torcia:
no li stari’ altra guisa, tant’è fero. non gli converrebbe altro modo, tanto fiero.
Così prava natura Allo stesso modo un animo vile oppone resistenza
recontra amor come fa l’aigua il foco ad amore come fa l’acqua, per la sua natura fredda,
caldo, per la freddura. con il fuoco che emana calore.
Amore in gentil cor prende rivera Amore prende dimora in un cuore gentile
per suo consimel loco come in luogo affine a sé,
com’adamàs del ferro in la minera. come il diamante nella miniera di ferro.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 45
IV 4.
Fere lo sol lo fango tutto ‘l giorno: Il sole colpisce il fango tutto il giorno: il fango
vile reman, né ‘l sol perde calore; resta vile, il sole invece non perde il suo calore.
dis’omo alter: “Gentil per sclatta torno”; L’uomo altezzoso dice: “Sono gentile per nascita”;
lui semblo al fango, al sol gentil valore: io paragono costui al fango, paragono il cuore gentile
ché non dé dar om fé al sole: non si deve credere
che gentilezza sia fòr di coraggio che la gentilezza prescinda dai meriti personali
in degnità d’ere’ e consista in una dignità che si eredita,
sed a vertute non ha gentil core, se non si ha un cuore gentile incline alla virtù:
com’aigua porta raggio l’acqua è attraversata dal raggio di luce,
e ‘l ciel riten le stelle e lo splendore. ma il cielo conserva inalterati le stelle e lo splendore.

V 5.
Splende ‘n la ‘ntelligenzia del cielo Dio creatore risplende nell’intelligenza motrice
Deo criator più che ‘n nostr’occhi ‘l sole: del cielo più del sole risplenda ai nostri occhi:
ella intende suo fattor oltra ‘l cielo, essa intende il suo creatore, oltre al suo cielo,
e ‘l ciel volgiando, a Lui obedir tole; e, prende ad ubbidirgli, facendo girare il cielo,
e con’ segue, al primero, e consegue subito un felice risultato
del giusto Deo beato compimento, conforme alla giustizia divina:
così dar dovria, al vero, allo stesso modo la donna, che splende negli occhi
la bella donna, poi che ‘n gli occhi splende del suo gentile amante, dovrebbe veramente
del suo gentil, talento infondere in costui il desiderio
che mai di lei obedir non si disprende. di non cessare mai d’ubbidirle.

VI 6.
Donna, Deo mi dirà: “Che presomisti?”, O donna, Dio mi dirà, quando la mia anima sarà
siando l’alma mia a lui davanti. davanti a lui: “Quale presunzione hai avuto?
«Lo ciel passasti e ‘nfin a Me venisti Hai oltrepassato il cielo e sei giunto sino a me
e desti in vano amor Me per semblanti: e mi hai paragonato ad un amore effimero,
ch’a Me conven le laude perché a me e alla Regina del cielo
e a la reina del regname degno, spetta la lode,
per cui cessa onne fraude». perciò lascia frode (=ogni realtà ingannevole)!”
Dir Li porò: “Tenne d’angel sembianza Io gli potrò dire: “La mia donna aveva l’aspetto
che fosse del Tuo regno; di un angelo venuto dal tuo regno:
non me fu fallo, s’in lei posi amanza”. non commisi peccato, se riposi in lei il mio amore”.
---I☺I--- ---I☺I---

Riassunto per strofa. 1. L’amore – dice il poeta – tro- del cielo?”. Io Gli potrò dire che la mia donna asso-
va sempre dimora nel cuore gentile come l’uccello migliava a un angelo disceso dal suo regno, perciò
trova rifugio nel bosco: la natura ha fatto sorgere con- non commisi peccato, se riposi in lei il mio amore.
temporaneamente amore e cuore gentile. 2. Il fuoco
dell’amore si accende nel cuore gentile come la virtù Riassunto sintetico. Il poeta afferma che l’amore e il
attiva si accende nella pietra preziosa. Dal cielo di- cuore gentile sono la stessa cosa. E fa numerosi e-
scende in essa la virtù attiva soltanto dopo che il sole sempi tratti dalla natura (1-3). Quindi critica l’uomo
l’ha purificata. Allo stesso modo il cuore prima è reso che si vanta per la sua nobiltà di sangue. Ed afferma
puro e gentile dalla natura, poi è fatto innamorare dal- che la gentilezza è gentilezza d’animo, non di sangue,
la donna. 3. L’amore dimora nel cuore gentile per lo e che essa non può mai prescindere dai meriti perso-
stesso motivo per cui il fuoco risplende in cima alla nali (4-5). Infine immagina di esser giunto davanti a
torcia: questa è la sua natura. 4. Il sole colpisce il Dio e che Dio lo rimproveri per aver cantato un amo-
fango tutto il giorno, ma il fango resta senza valore. re destinato a durare poco. Gli risponderà che la sua
L’uomo superbo dice: “Io son nobile per nascita”. Io donna sembrava un angelo disceso dal cielo, perciò
paragono lui al fango, perché la nobiltà non può pre- non ha commesso peccato se ha riposto in lei il suo
scindere dai meriti personali. 5. Dio illumina le intel- amore (6).
ligenze angeliche, che muovono i cieli. Esse gli ubbi-
discono e perciò portano a termine felicemente i loro Commento
compiti. Allo stesso modo la donna illumina il suo 1. Il testo non è sempre chiaro, le tesi che caratteriz-
amante, e infonde in lui il desiderio di ubbidirle sem- zano il movimento sono però espresse più volte con
pre. 6. O donna, Dio mi dirà, quando giungerò davan- chiarezza e con determinazione. La prima tesi (amore
ti a Lui: “Come hai osato paragonare l’amore verso e cuore gentile si identificano) è trattata nelle prime
una donna all’amore che devi a me e alla Regina tre strofe. La seconda (la nobiltà non è di sangue né si
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 46
eredita, è di spirito e si conquista con i propri meriti) messi, alla coesistenza, a parziali alleanze o a parziali
è trattata nelle successive due strofe. La terza tesi (la fusioni.
donna è un angelo disceso dal cielo per portare 3. I due riassunti mostrano che non c’è un unico mo-
l’uomo a Dio) è trattata nell’ultima strofa. do per riassumere un testo: si può riassumere strofa
2. L’autore vuole contrapporsi con forza e con deci- per strofa (primo riassunto) o si può fare un riassunto
sione alla cultura aristocratica tradizionale, perciò concettuale (secondo riassunto). Si può fare un rias-
contrappone una nuova forma di nobiltà, quella per- sunto aderente al testo o si può fare un riassunto che
sonale e spirituale, contro quella antica, che è nobiltà porti alla luce il filo conduttore del testo. Le possibili-
di famiglia, di sangue e di titoli. Dietro a questa pro- tà sono molteplici. Ben inteso, si possono fare rias-
posta culturale sta anche la consapevolezza di appar- sunti più lunghi o meno lunghi. E si possono fare
tenere ad una classe diversa – la borghesia –, che è in riassunti in funzione dello scopo o dell’utente a cui
ascesa, deve affermarsi ed ha bisogno di una sua spe- sono destinati.
cifica cultura per farlo. La lotta di classe insomma -----------------------------I☺I-----------------------------
avviene sia sul piano economico sia sul piano ideolo-
gico-culturale.
3. L’ultima tesi (la donna è un angelo disceso dal cie-
lo), per quanto espressa in una sola strofa, è partico-
larmente suggestiva. Almeno in questa strofa il poeta
si pone su un piano ben superiore a quello espresso
da Giacomo da Lentini, che vuole andare in paradiso
con la sua donna.
4. Per spiegare il suo pensiero, il poeta ricorre più
volte ad immagini naturalistiche. L’intera canzone
però condensa una vasta cultura scientifica, filosofi-
ca, astronomica e religiosa, che Bonagiunta Orbiccia-
ni criticava aspramente. Il Dolce stil novo si apre al
sapere, alla filosofia e alla scienza o, meglio, alla fi-
losofia della natura.
5. Nobiltà di sangue vuol dire che il capostipite di
una famiglia si è distinto in qualche impresa civile o
militare (e che è stato ripagato con il titolo) o che ha
acquistato il titolo dal papa o dall’imperatore, che co-
sì rimpinguavano le loro finanze. I titoli poi andavano
dal più basso (conte) al più alto (re).

Osservazioni
1. Anche con il Dolce stil novo si è seguito lo schema
di esposizione usato per le altre correnti: a) il luogo di
nascita; b) la durata; c) gli autori; d) i motivi poetici.
Ogni punto è stato trattato a seconda della sua impor-
tanza. Ad esempio nel punto b) si è data particolare
importanza a Guido Guinizelli, non tanto perché è il
caposcuola, quanto perché nella canzone-manifesto
ha proposto le tesi che caratterizzano la scuola; e a
Dante Alighieri, perché è il poeta più grande del
gruppo. Di quest’ultimo si dà anche estesamente la
vita e l’opera, perché ha un’importanza ben più gran-
de: la produzione stilnovistica è soltanto una parte –
quella giovanile – della sua vasta produzione artisti-
ca. Lo schema quindi è stato “aggiustato” sull’argo-
mento che doveva esporre.
2. Anche il Dolce stil novo, come le altre correnti o
scuole poetiche, ha una specifica matrice sociale: gli
stilnovisti hanno alle spalle la borghesia cittadina, che
ha il potere economico e che deve acquistare spazio
politico e prestigio sociale a spese delle forze tradi-
zionali, la nobiltà e la chiesa. In genere le classi e-
mergenti non riescono mai ad imporsi completamente
sulle classi tradizionali: si giunge ad ampi compro-

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 47


Guido Cavalcanti (1258-1300) considerare ateo, materialista ed eretico. Nel 1300
Dante Alighieri, priore di Firenze, è costretto a man-
La vita. Guido Cavalcanti, figlio di Cavalcante de’ darlo in esilio con i capi delle fazioni bianca e nera.
Cavalcanti, nasce a Firenze nel 1258 in una nobile Cavalcanti si reca a Sarzana, dove contrae la malaria.
famiglia guelfa di parte bianca. Nel 1260 Cavalcante, Però, per le sue cattive condizioni di salute, la con-
padre del poeta, è mandato in esilio in seguito alla danna è revocata. Ritorna a Firenze, dove poco dopo
sconfitta di Montaperti. Ma sei anni dopo può ritorna- muore.
re a Firenze dopo la sconfitta di Manfredi di Svevia e
dei ghibellini a Benevento (1266). Per superare i con- Le opere. Cavalcanti scrive 49 opere, tra cui 36 sonet-
flitti tra guelfi e ghibellini, le due fazioni decidono la ti, 11 ballate, 2 canzoni. Cavalcanti s’inserisce nella
strategia dei matrimoni. Nel 1267 a Guido è promessa corrente stilnovistica, ma non esclude motivi diversi.
in sposa Beatrice, figlia di Farinata degli Uberti, capo Dante gli dedica il sonetto Guido, i’ vorrei che tu e
della fazione ghibellina. Dal matrimonio nascono i Lapo ed io, a cui Guido risponde con il sonetto S’io
figli Tancia e Andrea. fosse quelli che d’amor fu degno. A Dante dedica an-
Nel 1280 Guido è tra i firmatari della pace tra guelfi e che il sonetto I’ vegno il giorno a te infinite volte in
ghibellini e quattro anni dopo siede nel Consiglio ge- cui gli rimprovera la vita dissoluta che conduce.
nerale al Comune di Firenze con Brunetto Latini e ---I☺I---
Dino Compagni. I contrasti tra le due fazioni non si
placcano. È uno dei maggiori esponenti del Dolce stil
novo ma ha anche una formazione filosofica che lo fa
---I☺I---

Voi che per li occhi mi passaste ‘l core Voi che con gli occhi mi trapassaste il cuore b

Voi che per li occhi mi passaste ‘l core O voi, che per gli occhi mi trapassaste il cuore
e destaste la mente che dormia, e risvegliaste la mia mente che dormiva,
guardate a l’angosciosa vita mia, guardate la mia angosciosa vita,
che sospirando la distrugge Amore. che Amore distrugge a forza di sospiri.

E’ vèn tagliando di sì gran valore, E ferisce con una forza così grande,
che’ deboletti spiriti van via: che gli spiriti vitali indeboliti fuggon via:
riman figura sol en segnoria rimane soltanto l’apparenza esterna,
e voce alquanta, che parla dolore. e una voce flebile, che esprime dolore.

Questa vertù d’amor che m’ha disfatto Questa potenza d’amore, che mi ha distrutto,
da’ vostr’occhi gentil’ presta si mosse: si mosse veloce dai vostri occhi gentili:
un dardo mi gittò dentro dal fianco. una freccia mi scagliò dentro il fianco.

Sì giunse ritto ‘l colpo al primo tratto, Il colpo colpì al primo tiro, così
che l’anima tremando si riscosse che l’anima tremando si riscosse,
veggendo morto ‘l cor nel lato manco. vedendo il cuore morto nel lato sinistro.
---I☺I--- ---I☺I---

Riassunto. Il poeta si rivolge alla sua donna, le dice cuore), dalle regole dell’amor cortese di Andrea Cap-
che entrata attraverso i suoi occhi fino al cuore, e lo pellano (l’amore è pena), infine dal Dolce stil novo
ha sconquassato. L’amore che prova gli ha indebolito (l’amore scoppia subito, appena l’ha vista). Ci sono
gli spiriti vitali, e del suo corpo sono rimaste soltanto pure i sospiri, che non esprimono letizia come in
l’apparenza esterna e una voce flebile. La freccia a- Dante (Tanto gentile e tanto onesta pare), ma soffe-
morosa è partita velocemente dai suoi occhi gentili e renza, una sofferenza tanto profonda, che distrugge il
gli è penetrata in profondità dentro il fianco. Il colpo corpo. Nel sonetto c’è il raddoppiamento degli occhi:
fece centro al primo tiro e l’anima fu presa da tremiti gli occhi belli della donna sono entrati per gli occhi
e si riscosse, vedendo che il cuore nella sinistra del del poeta e sono giunti sino al cuore, che hanno scon-
petto era morto. volto.
3. “Parla dolore”: il verbo è usato in modo transitivo.
Commento 4. Il sonetto ha rima ABBA ABBA CDE CDE.
1. Cavalcanti non descrive l’aspetto della sua donna, ---I☺I---
ma gli effetti sconvolgenti che ha avuto su di lui, sul-
la sua mente e sul suo cuore.
2. Il poeta prende dalla scuola siciliana (l’immagine
della donna che attraverso gli occhi giunge sino al
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 48
I’ vegno il giorno a te infinite volte Io vengo a te infinite volte al giorno

I’ vegno il giorno a te infinite volte Io vengo a te infinite volte al giorno


e trovoti pensar troppo vilmente: e ti trovo a pensare in modo volgare:
molto mi dol de la gentil tua mente mi dispiace molto che tu non dimostri più
e d’assai tue vertù che ti son tolte. il tuo animo gentile e le altre tue capacità.

Solevanti spiacer persone molte, Eri solito disprezzare la moltitudine,


tuttor fuggivi l’annoiosa gente; fuggivi sempre le genti fastidiose;
di me parlavi sì coralmente, parlavi di me con un affetto così grande,
che tutte le tue rime avie ricolte. che avrei raccolto tutte le tue rime.

Or non ardisco per la vil tua vita Ora per la tua vita volgare non oso
far mostramento che tuo dir mi piaccia, mostrarti che i tuoi versi mi piacciano,
né in guisa vegno a te che tu mi veggi. né vengo a te in modo che tu mi veda.

Se ’l presente sonetto spesso leggi, Se leggi spesso questo mio sonetto,


lo spirito noioso che t’incaccia lo spirito malefico che ti opprime
si partirà da l’anima invilita. si allontanerà dalla tua anima involgarita.
---I☺I--- ---I☺I---

Riassunto. Guido con il pensiero va a trovare Dante gentile, che ora si è involgarito, il disprezzo per la
più volte al giorno ed è dispiaciuto perché trova moltitudine volgare e per le persone fastidiose, l’af-
l’amico che non dimostra più il suo animo gentile né fetto che l’amico gli ha dimostrato. Adesso Guido
le sue capacità. Era solito disprezzare le persone vuo- non ha più il coraggio di dire che i suoi versi gli piac-
te e fuggiva le persone importune e provava un gran- ciono e va da lui senza farsi vedere. Spera che il pre-
de affetto verso di lui, Guido, tanto che avrebbe rac- sente sonetto allontani dall’amico lo spirito malefico
colto tutte le sue poesie. Ma ora, per la vita volgare che lo opprime e che lo ha reso volgare.
che tiene, non vuole mostrargli che i suoi versi gli 2. Il sonetto di Cavalcanti va letto tenendo presente il
piacciono e va da lui ma senza farsi vedere. Se legge sonetto Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io e il sonet-
spesso questo sonetto, che ha scritto per lui e che gli to irriverente Dante Alighier, s’i’ son bon begolardo,
manda, spera di poter cacciare lo spirito malefico che di Cecco Angiolieri. L’immagine di Dante acquista
opprime e ha involgarito l’amico. una dimensione più concreta e vicina al lettore. Il so-
netto sull’uomo volgare di Cavalcanti fa da contrap-
Commento punto al sonetto di Dante sulla donna angelicata per
1. Dante si dà alle gozzoviglie, e l’amico Guido lo passa per strada.
rimprovera. Gli ricorda l’amicizia passata, l’animo 3. Il sonetto ha rima ABBA ABBA CDE CDE.
-----------------------------I☺I----------------------------- ------------------------------I☺I-----------------------------

In un boschetto trova’ pastorella In uun boschetto trovai una pastorella

In un boschetto trova’ pasturella In un boschetto trovai una pastorella,


più che la stella – bella, al mi’ parere. più bella di una stella – a mio parere.

Cavelli avea biondetti e ricciutelli, Aveva capelli biondetti e ricciutelli,


e gli occhi pien’ d’amor, cera rosata; gli occhi pieni d’amore, il volto rosato;
con sua verghetta pasturav’ agnelli; con la sua verga portava al pascolo gli agnelli;
[di]scalza, di rugiada era bagnata; era scalza e bagnata di rugiada;
cantava come fosse ’namorata: cantava come se fosse innamorata:
er’ adornata – di tutto piacere. era bellissima – e d’aspetto piacente.

D’amor la saluta’ imantenente La salutai subito con amore


e domandai s’avesse compagnia; e le domandai se avesse compagnia;
ed ella mi rispose dolzemente ella mi rispose dolcemente
che sola sola per lo bosco gia, che se ne andava sola soletta per il bosco,
e disse: «Sacci, quando l’augel pia, e disse: “Sappi che, quando l’uccello canta,
allor disïa – ‘l me’ cor drudo avere». allora il mio cuore – desidera avere un amante”.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 49


Po’ che mi disse di sua condizione Dopo che mi disse della sua condizione
e per lo bosco augelli audìo cantare, e poiché sentivo gli uccelli cantare nel bosco,
fra me stesso diss’ i’: «Or è stagione dissi fra me e me: “Ora è tempo
di questa pasturella gio’ pigliare». di prendere piacere con questa pastorella”.
Merzé le chiesi sol che di basciare Le chiesi soltanto la grazia di baciarla
ed abracciar, – se le fosse ’n volere. e abbracciarla , –se lei fosse d’accordo.

Per man mi prese, d’amorosa voglia, Mi prese per mano, con desiderio amoroso,
e disse che donato m’avea ’l core; e disse che mi aveva donato il suo cuore;
menòmmi sott’ una freschetta foglia, mi portò sotto un fresco cespuglio,
là dov’i’ vidi fior’ d’ogni colore; dove vidi fiori di ogni colore;
e tanto vi sentìo gioia e dolzore, e vi provai tanta gioia e dolcezza,
che ’l die d’amore – mi parea vedere. che mi sembrava – di vedere il dio Amore.
---I☺I--- ---I☺I---

Riassunto. Il poeta in un bel bosco incontra una pa- semplice: incontra la ragazza, che canta. Egli le chie-
storella bellissima (1). Era bionda, aveva i capelli ric- de se ha un amante. Lei precisa che è sola e che,
ci e conduceva le pecore al pascolo con un piccola quando canta, è innamorata. Egli chiede con educa-
verga. Era scalza e bagnata di rugiada. E cantava co- zione se la può abbracciare e baciare. Lei non lo inti-
me se fosse innamorata (2). Egli la saluta e le chiede morisce minacciando di chiamare genitori e fratelli,
se avena un amante. Lei risponde che se ne andava da anzi lo prende per mano e lo porta subito dietro a un
sola per il bosco e che, quando l’uccello canta, desi- cespuglio, dove consumano. Qui egli prova tanta dol-
dera avere un amante (3). Dopo la sua risposta e poi- cezza, da pensare di vedere il dio Amore. Non si sa se
ché gli uccelli cantavano nel bosco, il poeta dice tra lei abbia goduto, ma si può pensare di sì, visto il suo
sé e sé che può prende piacere con la ragazza. E le spirito d’iniziativa…
chiede di poterla baciare e abbracciare, se è d’accordo 2. Il poeta fornisce una descrizione accurata dell’a-
(4). La pastorella lo prende per mano, dice che gli ha spetto fisico e del lavoro della ragazza. È bellissima,
donato il suo cuore e lo porta sotto un bel cespuglio, bionda, ricciuta, scalza, accudisce le pecore. Ma gli
dove c’erano fiori pieni di colori. Egli provò tanta animali sono tranquilli e lei si prende una pausa
dolcezza, che credette di vedere il dio Amore (5). d’amore o di sesso. Ma si preoccupa anche del conte-
sto, della scenografia: il bosco è bello, la ragazza è
Commento bella, il cespuglio è bello, ci sono poi molti fiori pieni
1. Guido Cavalcanti (Firenze, 1258-Firenze, 1300), di colori. E la ragazza è come lui o gli uomini la desi-
un guelfo bianco molto rissoso, scrive questa ballata derano: senza remore, senza problemi, disponibile
che si inserisce nel genere provenzale della pastorel- per una frullata
la. Il poeta o il protagonista incontra una pastorella 3. Lo stilnovismo è lontano (il genere è provenzale).
nel bosco, è tutta sola, la corteggia, la ragazza si rifiu- L’amore non è spirituale, è fisico e soltanto fisico, e
ta, ma alla fine cede e si concede. La sua ballata è più senza patemi d’animo o richiesta di matrimonio.
-----------------------------I☺I----------------------------- -----------------------------I☺I-----------------------------

Perch’i’ no spero di tornar giammai Perché io non spero di tornar mai più

Perch’i’ no spero di tornar giammai, Perché io non spero di tornar mai più,
ballatetta, in Toscana, o mia piccola ballata, in Toscana,
va’ tu, leggera e piana, va’ tu, leggera e piana,
dritt’ a la donna mia, diritta alla donna mia,
che per sua cortesia che per sua cortesia
ti farà molto onore. ti farà molto onore.

Tu porterai novelle di sospiri Tu porterai notizie di sospiri


piene di doglia e di molta paura; piene di dolore e di grande paura;
ma guarda che persona non ti miri ma guarda che non ti veda alcuno
che sia nemica di gentil natura: che sia nemico dell’animo gentile:
ché certo per la mia disaventura perché certamente per mia sventura
tu saresti contesa, tu saresti ostacolata [nel cammino]
tanto da lei ripresa e tanto disprezzata da lui
che mi sarebbe angoscia; che io sarei preso dall’angoscia;
dopo la morte, poscia, e poi, dopo la morte, verserei
pianto e novel dolore. lacrime e proverei nuovo dolore.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 50


Tu senti, ballatetta, che la morte Tu senti, o mia piccola ballata, che la morte
mi stringe sì, che vita m’abandona; mi sta alle spalle così, che la vita mi abbandona;
e senti come ‘l cor si sbatte forte e senti come il mio cuore batte forte
per quel che ciascun spirito ragiona. a causa di ciò che ogni mio spirito vitale dice.
Tanto è distrutta già la mia persona, Tanto è già distrutta la mia persona,
ch’ i’ non posso soffrire: che io non posso soffrire [di più]:
se tu mi vuoi servire, se tu mi vuoi servire,
mena l’anima teco conduci la mia anima con te
(molto di ciò ti preco) (ti prego molto di farlo!)
quando uscirà del core (=morirò). quando uscirà dal cuore (=corpo).

Deh, ballatetta, a la tu’ amistate Deh, o mia piccola ballata, alla tua amicizia
quest’anima che trema raccomando: raccomando la mia anima che trema:
menala teco, nella sua pietate, conducila con te, nella sua pietà,
a quella bella donna a cu’ ti mando. a quella bella donna a cui ti mando.
Deh, ballatetta, dille sospirando, Deh, o mia piccola ballata, dille sospirando,
quando le se’ presente: quando sarai alla sua presenza:
“Questa vostra servente “Questa vostra serva
vien per istar con vui, viene per restare con voi
partita da colui ed è partita da colui
che fu servo d’Amore”. che fu vostro servo d’Amore!”

Tu, voce sbigottita e deboletta Tu, o voce sbigottita e ormai fioca,


ch’esci piangendo de lo cor dolente, che esci piangendo dal cuore addolorato,
coll’anima e con questa ballatetta con l’anima e con questa ballatetta
va’ ragionando della strutta mente. va’ a parlarle della mia mente desolata.
Voi troverete una donna piacente Voi troverete una donna piacevole
di sì dolce intelletto, di così dolce intelletto,
che vi sarà diletto che vi sarà molto gradito
starle davanti ognora. starle sempre davanti.
Anima, e tu l’adora O anima mia (=la ballata), tu la devi adorare
sempre, nel su’ valore. sempre, per il suo valore (=virtù).
---I☺I--- ---I☺I---

Commento 3. Il tema che percorre la ballata non è quello dell’e-


1. Cavalcanti scrive la ballata nel 1300, mentre sente silio in terra straniera né quello della lontananza alla
avvicinarsi la morte. È in esilio a Sarzana, ma la con- patria o dalla donna amata, ma quello – davvero in-
danna è revocata per motivi di salute. Muore ad ago- consueto – della morte, che il poeta sente ormai im-
sto dello stesso anno. Egli personifica la ballata e la minente. In questa situazione difficile ed angosciosa
invita ad andare dalla sua donna, a portarle tristi noti- Guido pensa alla sua donna. E la ballata deve fargli
zie, perché le sue condizioni di salute sono ormai da messaggera e portarle la notizia della sua salute
precarie. Essa però deve evitare chi disprezza l’animo ormai minata. Deve andare da lei, restare sempre da
gentile (=animo nobile non per nascita, ma per senti- lei e adorarla sempre per il suo grande valore (o per le
menti) e andare direttamente da lei, che la accoglierà sue grandi virtù). L’ultimo pensiero di Guido è per la
con molto onore. La ballata deve portare un messag- sua donna.
gio alla donna del poeta, deve presentarsi come serva, 4. La ballata propone i consueti temi stilnovistici: 1)
viene a restare per sempre con lei, ed è stata inviata a la nobiltà non è nobiltà di sangue che si eredita, è no-
lei da chi l’ha sempre amata. La ballata (il poeta nel biltà d’animo, che si conquista con i propri meriti
penultimo verso la chiama “anima mia”) deve adora- personali; 2) la donna non è un semplice oggetto di
re la donna per sempre, per il suo valore, cioè per le desiderio o una semplice figura da contemplare, come
sue virtù. per la Scuola siciliana; essa anzi innalza l’animo del
2. La ballata è apparentemente semplice, ha una strut- suo amante e lo rende gentile, lo fa uscire dalla massa
tura metrica assai complessa ed è piena di figure reto- amorfa della moltitudine. La ballata perciò deve re-
riche. È costituita da cinque stanze di 10 versi ciascu- stare lontana da chi non ha l’animo gentile, cioè da
na (la prima è di sei versi), composti da endecasillabi chi non è spiritualmente nobile, che non capisce ed
e settenari, secondo lo schema AB, AB; BCCDDX. anzi disprezza.
La prima figura retorica è la personificazione: il poeta ------------------------------I☺I-----------------------------
si rivolge alla ballata come fosse una persona con cui
parlare e le chiede di svolgere un compito per lui.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 51


Dante Alighieri (1265-1321) cantica della Divina commedia (1316-21). Nel 1318
si trasferisce a Ravenna, ospite di Guido Novello da
Polenta. Qui muore nel 1321.
La vita. Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265 da
una famiglia della piccola nobiltà. Ha una formazione Le opere. Le opere più importanti sono la Vita nova
letteraria accurata e si mette in luce come il maggiore (1292-93); il Convivio (1304-07) e il De vulgari elo-
esponente del Dolce stil novo. Sono stilnovistiche le quentia (1303-05), che rimangono incompiuti; il De
rime, che il poeta in seguito riordina, reinterpreta e in monarchia (1313-18); e la Divina commedia (1306-
buona parte inserisce nella Vita nova (1292-93), de- 21), che è la sua opera maggiore.
dicata a Beatrice (Bice di Folco Portinari), la donna ---I☺I---
ideale di cui si innamora. Nel 1285 sposa Gemma
Donati, da cui ha tre figli. Nel 1290 passa un periodo
La Vita nova, 1292-93
di traviamento spirituale, quando Beatrice muore. Nel
1295, ormai trentenne, entra nella vita politica. Per
far ciò, si iscrive all’Arte degli Speziali, come impo- La Vita nova (1292-93) è un diario spirituale in cui il
nevano gli Ordinamenti di giustizia antinobiliari di poeta parla del suo incontro con Beatrice (Bice di
Giano della Bella (1294). Nel 1266 i guelfi, partigiani Folco Portinari, 1265-1294) nel 1274, quando egli
del papa, avevano cacciato dalla città i ghibellini, par- aveva nove anni, e del rinnovamento spirituale pro-
tigiani dell’imperatore. I vincitori si erano poi divisi dotto in lui dall’amore per lei.
in due fazioni politiche, i Bianchi e i Neri, in conti- Nel cap. XIX il poeta decide di scrivere una canzone
nua lotta tra loro. Egli si schiera con i Bianchi, e rico- rivolta alle donne, ma non a tutte le donne, bensì sol-
pre numerosi incarichi. Nel 1300 diventa priore se- tanto a quelle che hanno l’animo gentile, ad esse vuo-
mestrale della città e proprio mentre è in carica è pre- le parlare di Beatrice, che gli angeli pretendono in
so il provvedimento di allontanare dalla città gli ele- cielo. Egli, pensando alla sua donna, potrà evitare la
menti più rissosi delle due parti, tra i quali il cognato dannazone eterna. La canzone riprende e ripropone i
Corso Donati e l’amico Guido Cavalcanti. Nel 1301 è consueti motivi della poesia stilnovistica.
uno dei tre ambasciatori inviati a Roma per persuade- Nel cap. XXVI il poeta vede Beatrice, che descrive
re il papa Bonifacio VIII a non inviare Carlo di Va- mentre saluta qualcuno e notando l’effetto che la
lois e le sue truppe francesi con il compito di pacifi- donna fa su chi lei saluta.
care la Toscana, in realtà con lo scopo di favorire i Il luogo dell’incontro non è più il cortile del castello,
Neri. Il tentativo fallisce: Carlo di Valois entra in Fi- ma le vie di Firenze.
renze, così i Neri si possono impadronire della città.
Dante è accusato di baratteria e condannato all’esilio. Donne ch’avete intelletto d’amore, XIX
Se non ritornava a Firenze a discolparsi, sarebbe stato
condannato a morte. Il poeta non ritorna. Inizia così il Avvenne poi che, passando per un cammino lungo il
periodo dell’esilio. Nel 1304 i Bianchi cercano di ri- quale se ne andava un ruscello molto chiaro, a me
tornare a Firenze con le armi, ma sono duramente giunse tanta volontà di dire, che cominciai a pensare
sconfitti. Dante non partecipa allo scontro, perché alla forma da usare; e pensai che parlare di lei non si
non condivide la loro strategia, basata sul ricorso alle conveniva che io facessi, se io non parlassi diretta-
armi. Da questo momento si allontana definitivamen- mente alle donne, però non ad ogni donna, ma sola-
te da loro. Nel 1305 gli è rinnovata la condanna a mente a coloro che sono gentili d’animo e che non
morte, che è estesa ai figli al raggiungimento dei 14 sono soltanto femmine. Allora dico che la mia lingua
anni. Incomincia così a vagare per l’Italia centrale e parlò quasi come mossa da se stessa, e disse: Donne
settentrionale. È ospitato in diverse corti: in Lunigia- ch’avete intelletto d’amore. Queste parole io riposi
na presso i Malaspina (1305-06), nel castello di Poppi nella mente con grande letizia, pensando di prenderle
presso Guido di Battifolle (1307-11). In questi anni come verso iniziale; onde poi, ritornato alla sopradet-
compone il De vulgari eloquentia (1303-05) e il Con- ta città (=Firenze), riflettendo per alcuni giorni, co-
vivio (1304-07), che restano incompiuti; e inizia la minciai una canzone con questo primo verso, ordinata
prima cantica della Divina commedia (1306-14). Nel nel modo che si vedrà di sotto nella sua divisione. La
1311 è escluso dall’amnistia promulgata a favore dei canzone comincia: Donne ch’avete.
Bianchi esiliati. Così lascia per sempre la Toscana. È
ospite con i figli presso Cangrande della Scala, signo-
re di Verona (1312-18). In questi anni inizia e porta a
termine la seconda cantica della Divina commedia
(1312-15) e compone il De monarchia (1313-18). A
Verona è raggiunto dalla proposta di amnistia a con-
dizione che pagasse una multa e si riconoscesse col-
pevole (1315). Egli rifiuta, perciò è ribadita la pena di
morte, che è estesa anche ai figli. Intanto cresce e si
diffonde la sua fama di poeta grazie al successo delle
prime due cantiche. Inizia e porta a termine la terza
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 52
Donne ch’avete intelletto d’amore, O donne che avete grande conoscenza dell’amore,
i’ vo’ con voi de la mia donna dire, io voglio parlare con voi della mia donna (=Beatrice),
non perch’io creda sua laude finire, non perché io creda di esaurire la sua lode,
ma ragionar per isfogar la mente. ma perché voglio ragionare per liberare la mia mente.
Io dico che pensando il suo valore, Io dico che, pensando al suo valore,
Amor sì dolce mi si fa sentire, il dio Amore mi si fa sentire così dolcemente
che s’io allora non perdessi ardire, che, se io allora non perdessi coraggio,
farei parlando innamorar la gente. farei innamorare la gente parlando.
E io non vo’ parlar sì altamente, E non voglio parlare in modo così profondo
ch’io divenisse per temenza vile; da diventare per timore vile (=non all’altezza);
ma tratterò del suo stato gentile ma tratterò della sua gentilezza
a respetto di lei leggeramente, in modo leggero rispetto a lei,
donne e donzelle amorose, con vui, con voi, o donne e fanciulle innamorate,
ché non è cosa da parlarne altrui. poiché non è argomento di cui parlare con altri.

Angelo clama in divino intelletto Un angelo si lamenta nell’intelletto di Dio


e dice: “Sire, nel mondo si vede e dice: “O Signore, nel mondo si vede
maraviglia ne l’atto che procede una meraviglia vivente, che si manifesta
d’un’anima che ‘nfin qua su risplende”. in un’anima (=Beatrice) che risplende fin quassù”.
Lo cielo, che non have altro difetto Il cielo, che non ha altro difetto
che d’aver lei, al suo segnor la chiede, se non che manca di lei, la chiede al suo Signore,
e ciascun santo ne grida merzede. e ogni santo ne chiede a gran voce la grazia.
Sola Pietà nostra parte difende, Soltanto la Pietà prende le nostre parti,
che parla Dio, che di madonna intende: perché Dio, che conosce bene la madonna, dice:
“Diletti miei, or sofferite in pace “O miei diletti, ora sopportate con pazienza
che vostra spene sia quanto me piace che la vostra speranza (=Beatrice) resti per il tempo
là ‘v’è alcun che perder lei s’attende, che mi piace là, sulla Terra, dove c’è qualcuno che
e che dirà ne lo inferno: O mal nati, teme di perderla, e che dirà all’inferno: O dannati,
io vidi la speranza de’ beati”. io vidi la speranza dei beati!”.

Madonna è disiata in sommo cielo: Madonna è desiderata nel cielo più alto (=l’Empireo):
or voi di sua virtù farvi savere. ora voglio farvi sapere della sua virtù.
Dico, qual vuol gentil donna parere Dico che qualunque donna voglia apparire gentile,
vada con lei, che quando va per via, vada con lei, che, quando cammina per strada,
gitta nei cor villani Amore un gelo, il dio Amore getta nei cuori incolti un gelo,
per che onne lor pensero agghiaccia e pere; per cui ogni loro pensiero si ghiaccio e muore;
e qual soffrisse di starla a vedere invece chi sopportasse di starla a guardare
diverria nobil cosa, o si morria. diventerebbe nobile o morirebbe.
E quando trova alcun che degno sia E, quando lei trova qualcuno che sia degno
di veder lei, quei prova sua vertute, di vederla, quello mette alla prova il suo valore,
ché li avvien, ciò che li dona, in salute, poiché tutto ciò che lei gli dona diventa beatitudine
e sì l’umilia, ch’ogni offesa oblia. e lo rende così umile che dimentica ogni offesa.
Ancor l’ha Dio per maggior grazia dato Dio le ha fornito anche una grazia maggiore,
che non pò mal finir chi l’ha parlato. che chi le ha parlato non può finire dannato.

Dice di lei Amor: “Cosa mortale Amore dice di lei: “Come può una creatura
come esser pò sì adorna e sì pura?” terrena essere così bella e pura?”.
Poi la reguarda, e fra se stesso giura Poi la osserva e tra sé e sé giura
che Dio ne ‘ntenda di far cosa nova. che Dio intende fare di lei qualcosa di straordinario.
Color di perle ha quasi, in forma quale Ha quasi il colore delle perle, nella forma (= misura)
convene a donna aver, non for misura: che a una donna conviene avere, non fuor di misura:
ella è quanto de ben pò far natura; essa è quanto di bello la natura può fare;
per essemplo di lei bieltà si prova. sull’esempio di lei si misura la bellezza.
De li occhi suoi, come ch’ella li mova, Dai suoi occhi, a seconda di come li muova,
escono spirti d’amore infiammati, escono spiriti infiammati d’amore,
che feron li occhi a qual che allor la guati, che feriscono gli occhi a chiunque allora la guardi
e passan sì che ‘l cor ciascun retrova: e passano così, che ciascuno di essi ritrova il cuore:
voi le vedete Amor pinto nel viso, voi le vedete il dio Amore dipinto nel viso,
là ‘ve non pote alcun mirarla fiso. là dove nessuno può fissarla con lo sguardo.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 53


Canzone, io so che tu girai parlando O canzone, io so che tu andrai a parlare
a donne assai, quand’io t’avrò avanzata. a molte donne, quando io ti avrò resa pubblica.
Or t’ammonisco, perch’io t’ho allevata Ora ti ammonisco, poiché ti ho allevata
per figliuola d’Amor giovane e piana, come una figlia giovane e semplice del dio Amore,
che là ‘ve giugni tu diche pregando: che là dove tu arrivi dica pregando:
«Insegnatemi gir, ch’io son mandata “Indicatemi la strada, poiché io sono mandata
a quella di cui laude so’ adornata». a colei delle cui lodi sono adornata”.
E se non vuoli andar sì come vana, E, se non vuoi muoverti inutilmente,
non restare ove sia gente villana: non restare dove ci sia gente villana (=incolta):
ingegnati, se puoi, d’esser palese ingegnati, se puoi, di mostrarti
solo con donne o con omo cortese, soltanto a donne o a un uomo cortese, che ti
che ti merranno là per via tostana. condurranno là (=da Beatrice) per la via più breve.
Tu troverai Amor con esso lei; Tu troverai il dio Amore insieme con lei;
raccomandami a lui come tu dei. raccomandami a lui come tu devi fare.

Riassunto per stanza. Il poeta si rivolge alle donne no invita la canzone ad andare tra la gente a predicare
che hanno una conoscenza profonda dell’amore, per- la pace.
ché egli vuole parlare della sua donna. Il dio Amore 2. Nella canzone Guinizelli coinvolge la sua donna,
lo ispira a scrivere. Egli però vuole cantare legger- se stesso e Dio. Cavalcanti coinvolge la sua donna, se
mente la sua donna (1). Un angelo si lamenta con Di- stesso e la ballata. Rispetto agli altri autori Dante
o, perché in cielo manca Beatrice. Dio gli risponde coinvolge un numero maggiore di personaggi: Beatri-
che resterà sulla Terra quanto lui vorrà e che laggiù ce, le donne di animo gentile, donne e uomini di ani-
c’è qualcuno che teme di perderla e che grazie a lei mo volgare, se stesso, il dio Amore, Dio e i santi, la
potrà disprezzare l’inferno (2). Quindi il poeta tesse canzone. La differenza più significativa è la presenza
le lodi di Beatrice. La sua donna è desiderata nel- del dio Amore.
l’Empireo, dove si trova la sede dei beati. Quando 3. Dante ripete due volte che grazie a Beatrice eviterà
passa per strada, il dio amore raggela i pensieri delle la dannazione eterna (stanza prima e terza). E in If V
persone villane (=incolte), mentre chi la sta a guarda- con l’episodio di Francesca e Paolo riprende il moti-
re diventerebbe di animo gentile o morirebbe. E chi le vo stilnovistico che il cuor gentile non può respingere
parla non può finire dannato (3). Il poeta descrive poi chi lo ama: “Amor, ch’a nullo amato amar perdona”
il suo aspetto fisico: ha la pelle candida che assomi- (“L’Amore, che costringe chi è amato a riamare”).
glia alle perle, ma il suo candore è nella giusta misu- 4. Il poeta introduce un elemento estraneo alla tradi-
ra. Dai suoi occhi escono spiriti d’amore che colpi- zione cristiana: il dio Amore, che fa innamorare sca-
scono nel cuore chi la guarda (4). Nel congedo il poe- gliando le sue frecce amorose (stanza quarta). Anche
ta invita la canzone a parlare di Beatrice a molte don- Petrarca seguirà questa strada; il dio Amore è da per
ne, di chiedere la strada che la porta da Beatrice, di tutto ed anzi lo perseguita, ma egli è contento (Solo e
evitare la gente volgare, di mostrarsi soltanto a donne pensoso; Chiare, fresche e dolci acque). Anzi egli
e a uomini di animo gentile, che la condurranno da non si salverà con le sue forze, ma perché Laura, ve-
Beatrice per la strada più breve. Con la donna troverà dendo la sua tomba, sparge una lacrima, che gli farà
anche il dio Amore. E il poeta la prega di raccoman- ottenere la salvezza eterna.
darlo a lui (5). 5. Conviene notare il rapporto positivo tra poeta,
donna e salvezza eterna nella Scuola siciliana come
Commento nel Dolce stil novo: la donna ha l’aspetto di un angelo
1. Il poeta riprende e rielabora i consueti motivi stil- venuto dal cielo e porta l’innamorato a Dio, alla sal-
novistici della canzone-manifesto Al cor gentil rem- vezza eterna. In seguito Petrarca vive il rapporto in
paira sempre amore di Guido Guinizelli: a) amore e modo drammatico e conflittuale: la donna è e rappre-
cuore gentile si identificano; b) la nobiltà non è nobil- senta i beni e i valori terreni; egli cerca di liberarsi del
tà di sangue che si eredita, è gentilezza (o nobiltà) suo pensiero, ma invano; e chiede perciò aiuto a Dio
d’animo che si conquista con il proprio ingegno; c) che lo liberi del suo “indegno amore”. È il “dissidio
la donna è un angelo venuto dal cielo per portare interiore”. Peraltro è il poeta che introduce questa
l’uomo a Dio. Ma si riallaccia anche alla Scuola sici- frattura tra terra e cielo, che non ha alcun motivo di
liana: la donna e una creatura concreta, terrena, capa- essere. La donna è stata creata da Dio, da una costola
ce però di portare l’uomo in cielo. Riprende anche di Adamo, per essere la compagna di Adamo, dunque
motivi della ballatetta di Guido Cavalcanti: nel con- è cosa buona. Anche se ha preso gli ordini minori, la
gedo i due poeti invitano la canzone ad andare a par- causa del conflitto non è Laura, ma le altre donne che
lare della propria donna alle altre donne, per dire che incontrava.
è in fin di vita (Cavalcanti), ma non a tutte, bensì sol- 6. In Pg XXIV, 43-63, Dante incontra Bonagiunta
tanto a quelle di animo nobile (Dante). In seguito an- Orbicciani, che si lamenta peché è stata abbandonata
che Petrarca in Italia mia, benché ‘l parlar sia indar- la poesia tradizionale, quella di Guittone d’Arezzo e
sua, e perché le poesie stilnovistiche sono fatte “per
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 54
forsa di scritura”, cioè sono piene di cultura. In chi la prova. E pare che dal suo volto si muova uno
quell’occasione Dante dimentica le tesi stilnovistiche spirito soave, pieno d’amore, che invita l’anima a so-
sulla gentilezza d’animo e si presenta come lo scritto- spirare.
re sacro, ispirato dal dio Amore: “Io son uno che,
quando l’Amore m’ispira, annoto, e nel modo, che mi Commento
detta nell’animo, scrivo in versi” (vv. 52-54). La de- 1. Il poeta incontra la sua donna non più nel cortile
finizione di Dolce stil novo, data oltre 20 anni dopo, è del castello, secondo i moduli della poesia cortese,
sicuramente tendenziosa. Dante non era ispirato dal ma per le vie della città, dove si sono spostate la vita
dio Amore, ma dalla sua classe sociale, la piccola no- economica e la vita culturale. E, come gli altri spetta-
biltà cittadina, legata alla borghesia. Ma, quando tori, è affascinato dalla sua bellezza e dal suo com-
scrive il Purgatorio, i tempi sono cambiati ed egli si portamento. Essa pare un angelo disceso dal cielo,
trova in esilio e senza una classe sociale alle spalle. per stupire gli uomini. Egli è tanto affascinato da ri-
---I☺I--- manere, come tutti i presenti, senza la forza di parla-
re.
Tanto gentile e tanto onesta pare, XXVI 2. Inseriti in un contesto diverso, ci sono motivi sici-
liani: l’amore che entra attraverso gli occhi e giunge
Tanto gentile e tanto onesta pare fino al cuore. Ora però l’amore non è più provocato
la donna mia quand’ella altrui saluta, dalla bellezza fisica della donna ma dalla bellezza
ch’ogne lingua deven tremando muta, spirituale: la donna perde la sua dimensione fisica per
e li occhi no l’ardiscon di guardare. essere trasformata in angelo, che appartiene soltanto
al regno dei cieli.
Ella si va, sentendosi laudare, 3. Il poeta vive una doppia vita spirituale ed affettiva:
benignamente d’umiltà vestuta; quella con l’ideale (Beatrice e il mondo dell’imma-
e par che sia una cosa venuta ginario che essa rappresenta), e quella con la realtà
da cielo in terra a miracol mostrare. (Gemma Donati, giudiziosa e pratica, che lo accom-
pagna nell’esilio senza mai lamentarsi e che costitui-
Mostrasi sì piacente a chi la mira, sce il mondo concreto della vita quotidiana).
che dà per li occhi una dolcezza al core, 4. Beatrice, ulteriormente idealizzata (diviene il sim-
che ‘ntender no la può chi non la prova: bolo della fede e della teologia), guida il poeta nella
parte finale della Divina commedia: dal paradiso ter-
e par che de la sua labbia si mova restre, che si trova in cima alla montagna del purgato-
un spirito soave pien d’amore, rio, sino alla conclusione del viaggio in paradiso, che
che va dicendo a l’anima: “Sospira!”. avviene con la visione mistica di Dio. Anche qui la
moglie è assente.
Tanto gentile e tanto degna di rispetto appare ---I☺I---

Tanto gentile e tanto degna di rispetto appare Le Rime sono i componimenti che il poeta non ha in-
la donna mia quando ella saluta qualcuno, serito nella Vita nova. Uno di essi è dedicato all’a-
che ogni lingua diviene tremando muta mico Guido Cavalcanti.
e gli occhi non hanno il coraggio di guardare.
Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
Ella se ne va, sentendosi lodare,
benignamente vestita di umiltà, Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
e pare che sia una creatura venuta fossimo presi per incantamento
dal cielo in terra a mostrare un miracolo (=lei stessa). e messi in un vasel, ch’ad ogni vento
per mare andasse al voler vostro e mio;
Si mostra così piacevole a chi la guarda,
che dà attraverso gli occhi una dolcezza al cuore, sì che fortuna od altro tempo rio
che la può intendere soltanto chi la prova: non ci potesse dare impedimento,
anzi, vivendo sempre in un talento,
E pare che dal suo volto si muova di stare insieme crescesse ‘l disio.
uno spirito soave, pieno d’amore,
che va dicendo all’anima: “Sospira!”. E monna Vanna e monna Lagia poi
con quella ch’è sul numer de le trenta
Riassunto. La donna del poeta appare tanto gentile con noi ponesse il buono incantatore:
quando saluta qualcuno, che non si ha il coraggio di
risponderle né di guardarla. Ella si sente lodata, ma e quivi ragionar sempre d’amore,
non insuperbisce: sembra una creatura discesa dal e ciascuna di lor fosse contenta,
cielo. E a chi la guarda dà, attraverso gli occhi, una sì come i’ credo che saremmo noi.
tale dolcezza al cuore, che la può intendere soltanto
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 55
O Guido, io vorrei che tu e Lapo ed io ---I☺I---

O Guido, io vorrei che tu, Lapo ed io Il Convivio, 1304-07


fossimo presi da un incantesimo,
e messi in un vascello, che con ogni vento Il Convivio (1304-07), incompiuto, è scritto in italia-
andasse per mare secondo la vostra e la mia volontà, no, poiché si rivolge ad un pubblico laico e borghese.
L’opera vuole essere il “banchetto” che il poeta im-
così che la tempesta o altro cattivo tempo bandisce per distribuire il “pane” della saggezza. Essa
non ci potesse dare impedimento, contiene un proemio e tre canzoni, con il loro com-
anzi, vivendo sempre d’accordo, crescesse mento. In essa Dante spiega quali sono i quattro sensi
il desiderio di stare insieme. delle scritture:
a) il senso letterale è quello che non va oltre le parole
E madonna Vanna e madonna Lagia, del testo della finzione poetica; ad esempio le inven-
con quella che porta il numero trenta, zioni dei poeti;
il buon mago ponesse insieme con noi, b) il senso allegorico è quello che va oltre il testo ed
è nascosto nelle parole della finzione; ad esempio O-
e qui potessimo parlare sempre d’amore vidio, quando dice che Orfeo con la musica rendeva
e ciascuna di loro fosse contenta, mansuete le fiere e muoveva verso di lui gli alberi e
così come io credo che saremmo anche noi. le pietre, vuole dire che il saggio con la sua parola
rende mansueti ed umili i cuori duri, poiché coloro
Riassunto. Il poeta sente il bisogno di un momento di che non hanno una vita guidata dalla ragione è quasi
evasione dagli impegni politici e personali: esprime il come una pietra;
desiderio che un mago ponga i suoi due amici e lui su c) il senso morale è quello che si deve ricavare dal
un vascello che andasse per mare secondo la loro vo- testo per il proprio vantaggio; ad esempio, quando il
lontà. Ma non si accontenta di ciò: desidera anche la Vangelo dice che Cristo andò sul monte, per trasfigu-
presenza delle loro tre donne. Sul vascello parlereb- rarsi, soltanto con tre dei dodici apostoli, si deve in-
bero sempre d’amore, ed egli è sicuro che tutti e sei tendere che le cose segretissime vanno condivise sol-
sarebbero contenti. tanto con pochi intimi;
d) il senso anagogico (o sovrasenso) è quello che ca-
Riassunto. “Guido – dice il poeta –, io vorrei che tu, ratterizza le Sacre scritture, che non sono parole fitti-
Lapo ed io fossimo messi da un mago su un vascello zie, ma sono vere anche in senso letterale; esse attra-
che andasse per mare secondo il nostro volere e con verso le cose espresse nel senso letterale intendono
qualsiasi tempo.” Egli però vorrebbe che il mago po- parlare della realtà spirituale della vita celeste; ad e-
nesse con loro anche le loro donne. Insieme essi pas- sempio, quando il salmo dice che nell’uscita del po-
serebbero il tempo a parlare sempre d’amore. Il poeta polo d’Israele dall’Egitto la Giudea è fatta santa e li-
si dice sicuro che sarebbero contenti loro tre come le bera, si deve intendere che nell’uscita dal peccato
loro donne. l’anima è fatta santa e libera secondo le sue capacità.
Commento Commento
1. Il sonetto mette in primo piano l’amicizia che lega 1. Cercando questi quattro sensi Dante, e con lui ogni
il poeta a Guido, in secondo piano le figure femmini- lettore medioevale, si avvicinava alla Bibbia e ai testi
li e i discorsi d’amore. Poco dopo a sua volta Guido antichi. La Divina commedia va letta in questo modo
rivolge a Dante un sonetto di amichevole sollecitudi- complesso. Questi strumenti di lettura non vanno
ne, per invitarlo ad uscire dalla crisi spirituale che sta considerati né corretti né scorretti: sono semplice-
attraversando: “I’ vegno il giorno a te infinite volte E mente gli strumenti interpretativi che i pensatori me-
trovote pensar troppo vilmente”. dioevali ritenevano validi. Oggi in genere gli stru-
2. Egli indica le donne dei suoi due amici. Per sé vor- menti di analisi sono molto diversi. Ciò non vuole di-
rebbe quella che è al trentesimo posto nella lista delle re che siano migliori, più efficaci, più produttivi, più
donne più belle di Firenze. Beatrice è per un momen- corretti. Vuol dire soltanto che essi sono quelli che
to dimenticata. noi riteniamo validi.
3. I due riassunti sono sostanzialmente uguali. Il pri- 2. Con la teoria dei quattro sensi i pensatori medioe-
mo inserisce il sonetto in un contesto più vasto, che vali intendevano dire che a) il linguaggio (o un testo)
ne indica il significato. Il secondo si limita a riassu- è in sé complesso, polisignificante; e che b) dal no-
merlo in modo chiaro e aderente al testo. Il linguag- stro punto di vista lo possiamo leggere facendogli ri-
gio del primo è più curato ed elegante. Quello del se- spondere a quelle quattro prospettive che a noi inte-
condo è più semplice e piano. Essi vogliono concre- ressano. I quattro sensi indicavano già i punti di ap-
tamente mostrare che un testo si può riassumere o proccio normali che il lettore doveva applicare (e non
sintetizzare in modi diversi, tutti ugualmente validi, doveva far la fatica di inventare). Con la teoria dei
che dipendono dal fine che ci si propone di raggiun- quattro sensi la lettura di un testo esce enormemente-
gere con il riassunto. ne arricchita. È una cosa secondaria se in tal modo un
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 56
testo è forzato: si tratta di una lettura creativa Il De monarchia, 1313-18
dell’originale. Vale la pena di ricordare che Machia-
velli nel Principe (1512-13) riduce i quattro sensi a Il De monarchia (1313-18), cioè Il governo (politico
due: il letterale e l’allegorico. E non è affatto detto e religioso), propone l’utopia dell’impero universale
che ciò sia un progresso nello sforzo di comprendere i in un momento in cui le due maggiori istituzioni me-
testi del passato. dioevali, l’Impero e la Chiesa, sono in crisi e sulla
3. Gli strumenti di oggi derivano dalla tradizione cul- scena politica compaiono con la loro aggressività gli
turale iniziata con l’Umanesimo quattrocentesco, che Stati nazionali. L’opera sostiene che soltanto l’impero
privilegiava un approccio filologico ai testi. Gli uma- garantisce la giustizia e la pace universale. Il potere
nisti, strenui cultori della cultura classica, erano pro- dell’imperatore è indipendente da quello del papa,
fondamente ostili al Medio Evo, alla cultura e alla perché il potere politico e quello religioso hanno due
mentalità medioevale: al volgare essi preferivano il scopi diversi, che si completano a vicenda: la salvez-
latino. Oltre a ciò, e a parte ciò, essi usano la filologia za del corpo e quella dell’anima. Ambedue sono au-
non come strumento fuori della storia, capace di sco- tonomi, poiché provengono direttamente da Dio. Tut-
prire verità eterne; ma come strumento estremamente tavia l’imperatore, come credente, deve “riverenza
efficace per attuare uno straordinario rinnovamento filiale” al papa. In seguito al peccato originale gli
culturale. Questo uso la giustificava ampiamente. uomini non sono più capaci di raggiungere con le loro
4. Oggi l’uso della filologia ha un significato comple- forze i due fini supremi che Dio ha stabilito: quello
tamente diverso. Può costituire lo strumento privile- temporale e quello spirituale. Perciò Dio ha voluto
giato per restaurare e per far (ri)vivere un’opera cor- per essi due guide: l’imperatore, per condurli alla fe-
rotta dai secoli. Può ancora costituire lo strumento licità terrena; il papa, per portarli a quella ultraterre-
accessorio, che permette di inserire un’opera in un’a- na. La difesa dell’autonomia politica e le critiche alla
nalisi e in un contesto più vasti. Ma può anche costi- donazione di Costantino rendono l’opera malvista al-
tuire lo strumento più efficace per uccidere un’opera, la gerarchia ecclesiastica.
per trasformarla in un campo sterminato di esercita- ---I☺I---
zioni filologiche e per renderla appetibile ai necrofili.
5. In conclusione lo stesso strumento può essere pre- La Divina commedia, 1306-21
sente o assente, senza che ci si debba felicitare per la
sua presenza o lamentare per la sua assenza. Inoltre,
La Divina commedia (1306-21) sintetizza in termini
quando è presente, può acquistare un significato e
poetici l’esperienza umana, culturale, religiosa, filo-
un’importanza completamente diversi secondo i con-
sofica e politica di Dante. L’aggettivo divina è ag-
testi in cui è usato. Insomma non c’è una sola verità,
giunto in seguito da Giovanni Boccaccio. Essa è
valida per sempre: ogni volta bisogna rifare l’analisi.
composta di 3 cantiche di 33 canti ciascuna, la prima
---I☺I---
ha un canto introduttivo, per un totale di 100 canti. I
versi sono endecasillabi a rima incatenata (o dante-
Il De vulgari eloquentia, 1303-05
schi) ABA, BCB, CDC... Ogni cantica termina con la
parola stelle.
Il De vulgari eloquentia (1303-05), cioè La lingua L’inferno è un imbuto vuoto, dominato dal buio, che
popolare, incompiuto, si rivolge probabilmente al si discende. Il purgatorio è una montagna altissima,
pubblico ristretto degli “addetti ai lavori”. Di qui immersa in una luce primaverile, che si sale. Il para-
l’uso del latino. Dante difende il volgare contro i suoi diso è fuori dello spazio, immerso in un mare di luce.
detrattori ed indica le caratteristiche che deve avere Tutti e tre i regni risultano poi divisi in dieci parti
per essere una vera lingua, modellata sul latino e par- (antinferno e nove gironi; poi spiaggia, antipurgato-
lata da tutta la penisola. Esso deve essere illustre, rio, sette cornici e paradiso terrestre; ed infine nove
perché è reso nobile dall’uso che ne fanno gli scrittori cieli e l’empireo).
e perché è capace di nobilitare le opere che lo usano; Nel corso del viaggio il poeta incontra personaggi del
cardinale, perché deve costituire il punto di riferi- mondo antico (ebraico, greco, romano); e del suo
mento obbligatorio, intorno al quale ruotano tutti gli tempo. Tra questi ultimi prevalgono i personaggi fio-
altri volgari; aulico, perché deve essere degno di es- rentini. Egli ricorre anche a personaggi mitologici,
sere usato per le attività che si svolgono in un’ “aula”, che trasforma in custodi dei vari gironi dell’inferno:
cioè in una reggia; e curiale, perché deve avere Minosse, Cerbero, Pluto ecc.
quell’equilibrio pratico che caratterizza la vita di cor- La visione dell’universo che il poeta propone deriva
te. dall’astronomia aristotelico-tolemaica e dalla filoso-
---I☺I--- fia di Tommaso d’Aquino (1225-1274): la Terra è al
centro dell’universo e tutti i corpi celesti, compreso il
Sole, girano intorno ad essa; e Dio è il Motore Immo-
bile, “che move il sole e l’altre stelle” (Pd XXX,
145).
Anche i criteri per valutare le colpe derivano da Ari-
stotele e da Tommaso: i peccati sono sempre peccati
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 57
sociali. Le due sole eccezioni sono costituite forse sato (Sordello da Goito, Arnaut Daniel), i poeti della
dagli eretici (If X) e dai bestemmiatori (If XIV), ma sua giovinezza (Bonagiunta Orbicciani, Guido Guini-
certamente non può essere buon cittadino chi non zelli, Forese Donati), il poeta latino P. Papinio Stazio
crede in Dio o non lo rispetta. Per Dante quindi il va- dalla fede cristiana tiepida, che lo accompagna sino al
lore fondamentale a prima vista sembra la salvezza paradiso terrestre. Infine in cima al purgatorio, nel
dell’anima, che si raggiunge nell’altra vita. In realtà paradiso terrestre, Virgilio scompare e Dante incontra
la nostra collocazione ultraterrena è condizionata ra- prima Matelda, la custode del paradiso terrestre, poi
dicalmente dalle nostre azioni terrene: premio e casti- Beatrice (simbolo della fede), che gli farà da guida
go sono i deterrenti che ci costringono a comportarci per tutto il paradiso. Qui il poeta su invito di Matelda
bene e a rispettare le leggi qui sulla Terra. si purifica immergendosi prima nel Lete, che fa di-
Il contenuto e lo scopo dell’opera sono questi: il poe- menticare i peccati commessi, poi nell’Eunoè, che fa
ta immagina di fare un viaggio nell’oltretomba per ricordare le buone azioni compiute, e diventa pronto a
volere di Dio, che attraverso di lui vuole richiamare salire alle stelle.
gli uomini erranti alla via del bene. Il poeta inizia il
viaggio il venerdì santo del 1300 (8 aprile o 25 mar- Il Paradiso. Dante e Beatrice lasciano la terra e pas-
zo), e lo conclude il mercoledì successivo, quindi set- sano di cielo in cielo, dove egli incontra i beati, che
te giorni dopo. hanno lasciato la loro sede – la candida rosa – per
venire da lui. Il poeta incontra l’imperatore Giusti-
L’Inferno. Dante si perde in una selva oscura, simbo- niano, che condanna i guelfi come i ghibellini, Cu-
lo del peccato. Cerca di uscirne da solo, ma senza nizza da Romano e Raab (una ninfomane e una pro-
successo. Chiede aiuto ad un’ombra che gli appare. È stituta), Folchetto da Marsiglia, il vescovo stermina-
il poeta latino Virgilio (simbolo della ragione uma- tore di eretici, i frati Bonaventura da Bagnoregio e
na), mandato in suo aiuto da tre donne: la Vergine Tommaso d’Aquino che parlano dei rispettivi ordini,
Maria, Lucia e Beatrice. I due poeti iniziano il viag- il trisavolo Cacciaguida, che scioglie le profezie che
gio nell’inferno, un’ampia voragine che si apre sotto erano state fatte al poeta nel corso del viaggio e che
Gerusalemme. Varcano il fiume Acherónte sulla bar- indica il senso del suo viaggio ultraterreno: riportare
ca del demonio Carónte. Durante il viaggio incontra- sulla retta via l’umanità errante. Poi san Pietro lo in-
no anime che hanno commesso peccati sempre più terroga sulla fede, Giacomo sulla speranza e Giovan-
gravi, dalla lussuria (primo girone) al tradimento (la- ni evangelista sulla carità. Il poeta supera i tre esami
go gelato di Cocìto). Incontrano Francesca da Rimini con soddisfazione degli esaminatori. Infine Beatrice
e Paolo Malatesta (lussuriosi), Ciacco (golosi), Fari- lo lascia e lo affica a san Bernardo (simbolo della fe-
nata degli Uberti e Cavalcante de’ Cavalcanti (ereti- de mistica). Questi invoca la Vergine Maria che in-
ci), i tiranni (Ezzelino da Romano, Guido da Mon- terceda presso Dio affinché il poeta possa vedere Dio,
tfort), i suicidi (Pier delle Vigne), i sodomiti (il mae- il fine di tutti i suoi desideri. Dante, ormai giunto alla
stro Brunetto Latini, molti chierici e letterati), simo- fine del viaggio, si sprofonda nell’essenza divina,
niaci (il papa Niccolò Orsini, che nomina i papi in ar- quell’Amore che muove il Sole e le altre stelle.
rivo), i traditori (Ugolino della Gherardesca che stra-
zia il cranio del vescovo Ruggieri degli Ubaldini; fra- La Divina commedia in versione italiana si trova in
te Alberigo dei Manfredi e Branca Doria). Nel fondo
dell’inferno vedono Lucifero, che ha tre teste e sei ali, http://www.letteratura- italiana.com/commedia.htm
muovendo le quali gela il lago. Nella bocca centrale
mastica Giuda, traditore di Cristo, nelle bocche late- Commento
rali mastica Bruto e Cassio, traditori dell’impero. 1. Con la Divina commedia Dante attua le tesi formu-
Quindi per un budello escono a riveder le stelle. late nel De vulgari eloquentia (1303-05), arricchisce
il linguaggio e la terminologia, forgiando nuove paro-
Il Purgatorio. Dante e Virgilio continuano il loro vi- le e facendo dell’opera un vocabolario di ben 27.734
aggio nel purgatorio, dove le anime espiano la colpa, parole. Nelle sue opere l’amico Guido Cavalcanti ne
prima di andare in paradiso. Il purgatorio è una mon- usa poco più di 800. In questo modo egli trasforma il
tagna altissima, che si trova agli antipodi di Gerusa- dialetto fiorentino nella lingua nazionale e pone le
lemme. Sulla spiaggia del purgatorio i due poeti in- basi per la lingua italiana. Poco dopo altri notevoli
contrano le anime che aspettano il momento in cui apporti arrivano da Francesco Petrarca (1304-1374) e
possono salire alle cornici loro destinate dalla giusti- Giovanni Boccaccio (1313-1375).
zia divina. Poi salgono alle varie cornici, dove le a- 2. L’opera compare con notevole ritardo rispetto ai
nime espiano i loro peccati. Via via che si sale il poemi nazionali che appaiono nelle altre lingue neo-
monte, il peccato, dalla superbia alla lussuria, diventa latine, poiché in Italia il latino è più radicato nella
sempre più leggero. Il poeta incontra Jacopo del Cas- cultura e nella realtà sociale: è la lingua degli intellet-
sero, un giudice suo amico, Bonconte da Montefeltro, tuali e la lingua ufficiale della Chiesa. Il Quattrocento
suo avversario politico, la dolcissima Pia de’ Tolo- lo ripropone come lingua ufficiale per gli intellettuali,
mei, superbi e invidiosi (Umberto Aldobrandeschi, che abbandonano il volgare. E resta lingua ufficiale
Oderisi da Gubbio; e Sapia da Siena), i poeti del pas- della scienza fino a tutto il Settecento: il naturalista
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 58
svedese Carl von Linné (1707-1778), latinizzato in
Linneus, classifica gli esseri viventi in base a due
termini latini, indicanti il genere e la specie (1751).
La sua classificazione è ancora oggi in vigore.
3. La Divina commedia è un itinerarium in Deum, un
viaggio per incontrare Dio. È una ascesi mistica. Ma
si deve capire bene che cosa sia questa ascesi: è un
progressivo liberarsi degli impedimenti terreni, per
vedere i problemi e la realtà con spirito libero, disin-
carnato e… disincantato. Dante lo dice esplicitamente
in Pd I, quando egli e Beatrice lasciano la Terra e vo-
lano verso il cielo. I problemi però sono i problemi
terreni, che ci riguardano, non problemi insussistenti
(o ultraterreni, dove noi non viviamo). Si può trovare
un precedente classico a questa ascesi: la teoria delle
anime di Platone. Le anime sono cadute dal cielo e si
sono incarnate nel corpo. Ma il loro scopo è liberarsi
del corpo e riacquistare la purezza e l’incorporeità o-
riginaria e ritornare nel mondo delle idee, nell’iperu-
ranio (o oltre-cielo).
4. I peccati sono peccati sociali: sono reati. Anche be-
stemmiatori, atomisti ed epicurei (o atei) si possono
far rientrare tra i reati sociali: non può essere buon
cittadino chi non crede in Dio e chi lo disprezza. Se
non teme Dio, tanto meno temerà e rispetterà le leggi
e gli uomini. Perciò il peccato o il reato più grave è il
tradimento: il tradimento dei familiari, degli amici,
dei concittadini, degli ospiti.
L’opera si conclude con la visione estatica di Dio,
ma… subito dopo il poeta ritorna a casa, sulla Terra:
deve raccontare il suo viaggio ultraterreno. Questo è
anzi lo scopo del viaggio e della missione che lo stes-
so Dio gli ha affidato per bocca del trisavolo Caccia-
guida (Pd XVII). Insomma la Terra e la vita sulla
Terra, quell’ “aiuola che ci fa tanto feroci”, è al cen-
tro di tutte le fatiche di Dante politico, credente e
scrittore. E anche dei suoi contemporanei.
6. Il poema è sicuramente la più grande e articolata
sintesi del pensiero e dei valori medioevali. Tuttavia,
come suggeriva la cultura classica (Q. Orazio Flacco,
65 a.C-8 d.C., dice di scrivere un’opera “più duratura
del bronzo”) e come lo stesso poeta ripete, egli ha
scritto per tutto l’umanità, presente e futura. Insomma
anche per noi posteri. Una lettura che lo inserisca
strettamente nel suo tempo è inadeguata e pure sba-
gliata: vanno rispettate le sue intenzioni di scrivere
per i posteri e per l’umanità intera. Ha infinite cose da
dirci. E giustamente noi continuiamo a leggerlo a set-
te secoli di distanza.
------------------------------I☺I-----------------------------

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 59


Francesco Petrarca (1304-1374) nel 1358), un dialogo tra il poeta e sant’Agostino, in
presenza della verità; i Psalmi poenitentiales (1343 o
1347), una raccolta di inni sacri in latino; il De vita
La vita. Francesco Petrarca nasce ad Arezzo nel solitaria (1346-47), che celebra la vita in solitudine e
1304. Nel 1311 la famiglia si trasferisce a Carpentras, coloro che vissero in solitudine; il De otio religioso
vicino ad Avignone, in quanto il padre svolge un in- (1347, ma completato nel 1357), che esalta la vita
carico presso la corte papale di Clemente V. Nel 1316 monastica, l’ascetismo e la contemplazione di Dio; la
Francesco va all’università di Montpellier a studiare raccolta di dialoghi De remediis utriusque fortunae
diritto. Nel 1320 con il fratello Gherardo, un precetto- (1354-60); l’opera antiaristotelica De sui ipsius et
re e l’amico Guido Sette, si sposta a Bologna per con- multorum ignorantia (1367); diverse raccolte episto-
tinuare gli studi giuridici. Ritorna ad Avignone nel lari; il Canzoniere (1338, redazione definitiva 1373-
1326, forse in seguito alla notizia della morte del pa- 74), a cui si deve la sua immensa fortuna letteraria
dre. Qui il 6 aprile 1327, di venerdì santo, vede per la presso i posteri; e i Trionfi (1356-74, incompiuti).
prima volta Laura (forse Laura de Noves, sposata de
Sade), di cui si innamora. Per tutta la vita essa costi- La poetica. Petrarca scrive più in latino che in italia-
tuirà il suo amore ideale. Nel 1330, costretto ad intra- no, anche se la fama gli deriva dal Canzoniere, una
prendere una professione, non sceglie di mettere a raccolta di sonetti e di canzoni scritta per diletto, nei
frutto i suoi studi giuridici, e preferisce la carriera ec- momenti liberi da occupazioni ben più importanti.
clesiastica. Prende gli ordini minori, obbligandosi al Dalla sua produzione emerge chiaramente l’impor-
celibato, e diventa cappellano del cardinale Giovanni tanza della letteratura e della filosofia classica, ma
Colonna, tenendo l’incarico fino al 1337. Durante anche l’importanza della cultura e della problematica
questi anni fa molti viaggi a Parigi, Gand, Liegi, Co- cristiana. Emerge anche l’importanza della vita priva-
lonia e Lione. Nel 1336 va per la prima volta a Roma, ta e intima del poeta, che passa i decenni ad esamina-
chiamato da Giacomo Colonna, fratello di Giovanni. re il suo amore per Laura e che non sa decidersi tra
Il poeta è colpito dalle condizioni di abbandono della amore sacro ed amore profano. Proprio questo dissi-
città e dalle testimonianze classiche che essa offriva. dio interiore costituisce la fonte costante della sua
Al ritorno da Roma Francesco, ormai famoso, va ad poesia. Emerge ancora la centralità della figura del
abitare a Valchiusa, presso Avignone, sulle rive del letterato, che tratta da un rapporto di forza con i prin-
fiume Sorga. Qui incomincia il De viribus illustribus cipi che lo invitano alla loro corte. La politica non ha
e il poema l’Africa. Nel 1337 gli nasce il primo figlio, più quella preminenza poetica che aveva in Dante.
Giovanni. L’anno seguente incomincia a dar forma al Ora ciò che conta è il mondo ideale della letteratura,
Canzoniere. Nel 1340 riceve l’offerta di laurea poeti- che collega il poeta alla repubblica altrettanto ideale
ca dall’università di Parigi e dal senato di Roma. dei grandi scrittori e dei grandi pensatori del passato,
Sceglie quest’ultima, perché più prestigiosa. Nel da Cicerone a Seneca, dai Padri della Chiesa a
1341 è incoronato con l’alloro poetico in Campido- sant’Agostino. Mondo classico e mondo cristiano e,
glio. Prima di tornare a Valchiusa soggiorna a Parma. ugualmente, amore profano e amore sacro, sono fatti
Nel 1343 gli nasce la figlia Francesca. Nel 1343 è a coesistere, nonostante la loro eterogeneità. La loro
Napoli, poi ancora a Parma, quindi a Verona. A Val- coesistenza peraltro è a vantaggio del mondo e dei
chiusa nel 1342 incomincia il Secretum. Sempre a valori classici – insomma dei valori terreni –, non a
Valchiusa tra il 1345 e il 1347 scrive il De vita solita- vantaggio del mondo e dei valori cristiani. Per Dante
ria e il De otio religioso. Nel 1348, l’anno della pe- la vita terrena era proiettata verso quella ultraterrena;
ste, è di nuovo a Parma, dove forse lo raggiunge la per Petrarca invece la vita terrena ha un valore in se
notizia della morte di Laura. Si reca quindi a Padova stessa, ed è autonoma da quella ultraterrena. Petrarca
e poi a Roma. Passando per Firenze, incontra Gio- quindi si può considerare il primo umanista. Questo
vanni Boccaccio, con il quale stringe una profonda rifugio o questa fuga in un passato ideale o idealizza-
amicizia. Tra il 1353 e il 1361 accetta di fermarsi a to non deve però ingannare, perché è soltanto appa-
Milano sotto la protezione dei Visconti, partigiani rente. Petrarca è un letterato professionista, che vende
dell’imperatore, per i quali svolge numerosi incarichi i suoi servizi, che sa raggiungere la fama e la gloria e
diplomatici in diverse città italiane e straniere. Nel che si fa pagare molto bene. Pochissimi letterati riu-
1361 è a Padova, l’anno successivo è a Venezia, dove scirono a fare altrettanto, prima e dopo di lui. Il poeta
rimane fino al 1370. Nel 1363 fa uscire Boccaccio da non è un debole ed un incerto, come sembrerebbe ad
una profonda crisi religiosa. Nel 1370 si trasferisce ad una prima lettura del Canzoniere. Canta Laura e
Arquà, sui colli Euganei, dove si era fatto costruire l’amore per Laura; ma più concretamente, nonostante
una casa su un terreno ricevuto in dono da Francesco abbia preso gli ordini minori, ha un’amante stabile,
da Carrara, signore di Padova. Qui riordina il Canzo- che gli dà due figli. Anche il suo conflitto interiore, la
niere ed altre sue opere. Muore nel 1374. sua difficoltà di scegliere tra cielo e terra, tra amor
sacro e amor profano, è soltanto una finzione poeti-
Le opere. Petrarca scrive il De viribus illustribus ca, che gli serve come stimolo letterario a scrivere.
(1338, incompiuto), che nell’impianto iniziale com- Egli ha scelto i piaceri terreni e le prebende legate
prendeva 23 biografie; l’Africa, un poema epico in all’incarico ecclesiastico. Non per nulla è lui che nel
latino (1338-42); il Secretum (1342-43, completato
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 60
1363 fa uscire da una crisi religiosa Boccaccio, appa- del vario stile in ch’io piango et ragiono
rentemente così concreto e realistico. Il Canzoniere, fra le vane speranze e ‘l van dolore,
la sua invenzione letteraria di maggiore successo, sa- ove sia chi per prova intenda amore,
rà imitato per secoli e darà vita alla corrente letteraria spero trovar pietà, nonché perdono.
che prenderà il nome di petrarchismo.
---I☺I--- Ma ben veggio or sì come al popol tutto
favola fui gran tempo, onde sovente10
Il Canzoniere o Rerum vulgarium frag- di me medesmo meco mi vergogno;
menta
et del mio vaneggiar vergogna è ‘l frutto,
Il Canzoniere (il titolo latino stabilito dall’autore è e ‘l pentersi, e ‘l conoscer chiaramente
Rerum vulgarium fragmenta) (1338-74) costituisce che quanto piace al mondo è breve sogno.
l’opera di maggiore successo di Petrarca. Soltanto es-
sa gli ha dato la fama presso i posteri. Il testo racco- O voi che ascoltate in rime sparse il suono
glie 365 componimenti (moltissimi sonetti e qualche
canzone), tanti quanti sono i giorni dell’anno. È rivi- O voi che ascoltate in queste rime il suono
sto per tutta la vita e conosce ben nove edizioni: do- di quei sospiri (con i quali io nutrivo il cuore
veva costituire l’opera perfetta e fuori del tempo, che al tempo del mio errore giovanile,
il poeta affidava ai posteri. Esso è incentrato sul- quando ero in parte diverso da quel che ora sono),
l’amore del poeta per Laura. Non mancano però alcu-
ni componimenti a carattere religioso e politico con- per le diverse poesie (nelle quali io piango e ragiono)
tro la corruzione della Curia papale di Avignone fra le vane speranze e il vano dolore,
(CXXXVI-CXXXVIII) e contro i continui conflitti io spero di trovare pietà, nonché perdono, se tra voi
dei principi italiani (CXXVIII), di cui si era lamenta- qualcuno conosce l’amore per esperienza diretta.
to già Dante (If XXVII; Pg VI). Si divide in due parti:
In vita e In morte di madonna Laura. Petrarca raccon- Ma io ora vedo bene come io fui per tutto
ta la sua esperienza amorosa dal momento del suo in- il popolo oggetto di derisione per lungo tempo,
contro con Laura fino alla morte della donna. Si tratta perciò io spesso mi vergogno di me stesso,
però di un amore ideale e letterario, costantemente
incentrato su due motivi: a) l’analisi continua ed esa- e il frutto de mio vaneggiamento è la vergogna,
sperata che il poeta fa del suo animo; e b) il dissidio il pentimento e la chiara coscienza
che tale amore provoca nell’animo del poeta, che non che ciò che piace al mondo dura poco.
sa (né vuole) decidersi tra amore sacro ed amore pro-
fano. Petrarca insomma è preoccupato di esaminare il Riassunto. Il poeta cerca compassione presso il letto-
suo animo, ed usa Laura per attuare questo scopo. re per il suo amore giovanile, che è stato un errore.
Laura quindi gira intorno a lui, proprio come i princi- Perciò si vergogna di essere stato a lungo deriso dal
pi e l’intera realtà. Egli è al centro dell’attenzione di popolo per tale amore. E conclude dicendosi convin-
se stesso ed anche degli altri. Da qui deriva la man- to che ciò che piace al mondo dura poco.
canza di qualsiasi azione che lo avvicini a Laura e la
scelta di un amore concreto per una donna reale. Ad- Commento
dirittura già ai tempi del poeta qualcuno mise in dub- 1. Questo primo sonetto introduttivo contiene tutti i
bio l’esistenza di Laura. A questi Petrarca rispose che motivi del Canzoniere: i sospiri, l’amore, l’errore
una donna irreale non poteva farlo soffrire in quel giovanile, le vane speranze, il vano dolore, la vergo-
modo. Comunque sia, l’esistenza o l’inesistenza di gna, il pentimento, la consapevolezza filosofica, reli-
Laura è di secondaria importanza, perché in ogni caso giosa e letteraria che “ciò che piace dura poco”. Con-
al poeta interessa esaminare il suo animo, con quel- tiene anche tutte le caratteristiche esteriori della poe-
l’atteggiamento che aveva caratterizzato sia i filosofi sia petrarchesca: una estrema cura verso la scelta del-
stoici sia sant’Agostino, che egli considera suoi mae- le parole, verso la grammatica, verso la sintassi, verso
stri di vita e di sapienza. Questo amore per la donna è la punteggiatura (spesso il sonetto è costituito da un
un amore che si realizza nei pensieri e nella memoria unico e lunghissimo periodo) e verso i suoni dei versi
e che fa continui riferimenti alla letteratura preceden- (fino al Quattrocento la lettura dei testi veniva fatta a
te. voce alta). La poesia petrarchesca risulta infine reto-
ricamente elaborata ed intessuta di citazioni filosofi-
Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono, I che e gnomiche di autori antichi – greci, latini e cri-
stiani – e di scrittori italiani e stranieri posteriori al
Mille. Sono frequenti anche riferimenti alla Bibbia.
Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono 2. Il sonetto è lento, meditativo, triste e sconsolato. Il
di quei sospiri ond’io nudriva ‘l core poeta è sempre attento al rapporto tra il suono delle
in sul mio primo giovenile errore parole ed il contenuto emotivo che esse esprimono.
quand’era in parte altr’uom da quel ch’i’ sono, La lentezza e la tristezza del suono dei versi tradu-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 61
cono fonicamente la tristezza espressa dalle parole e rimprovera il dio Amore che non ha fatto innamorare
la tristezza interiore che domina l’animo del poeta. Laura di lui.
3. Il testo è pieno di citazioni letterarie: il poeta usa
figure retoriche della Scuola siciliana: “del mio va- Commento
neggiar, vergogna è il frutto, et il pentirsi” (allittera- 1. Il sonetto è intessuto di citazioni letterarie, e ri-
zione); “di me medesmo meco ragiono” (allitterazio- manda a “gli occhi vedono e generan l’amore” con
ne); “piango e ragiono”, “trovar pietà, non che per- cui Giacomo da Lentini aveva caratterizzato la Scuola
dono” (antitesi). In questo come negli altri testi è dif- siciliana.
fusissima la coordinazione tra due termini, verbi, so- 2. Il poeta fa coincidere la nascita del suo amore con
stantivi o aggettivi che siano. la morte di Gesù Cristo; e i suoi pianti e lamenti per
4. La conclusione sentenziosa riprende la tesi dell’Ec- questo amore si confondono con quelli dei fedeli nel
clesiaste (I, 1): “Vanitas vanitatum, omnia vanitas”. venerdì santo. Qualcuno ha giustamente considerato
Le fonti della poesia petrarchesca sono sempre lette- irriverente questo confronto. Il poeta però è interes-
rarie, e provengono indifferentemente dalla cultura sato unicamente a costruire un sonetto letterariamente
religiosa come dalla cultura laica. accurato; ed è completamente insensibile al carattere
---I☺I--- irriverente di questo paragone. Un altro paragone ir-
riverente si trova in Movesi ‘l vecchierel (XVI).
Era il giorno ch’al sol si scoloraro, III 3. Il dissidio interiore e le continue oscillazioni tra
sacro e profano, cielo e terra, costituiscono il motivo
Era ‘l giorno ch’al sol si scoloraro conduttore di tutto il Canzoniere. Il dissidio però è
per la pietà del suo Factore i rai, soltanto poetico, perché nella vita quotidiana il poeta
quando i’ fui preso, et non me ne guardai, ha sempre dimostrato un grande senso pratico: fa pa-
ché i be’ vostr’occhi, Donna, mi legaro. gare bene i suoi servizi e il prestigio che con la sua
presenza dà alle varie corti; si fa ospitare indifferen-
Tempo non mi parea da far riparo temente da guelfi e ghibellini (con grande scandalo
contra colpi d’Amor; però n’andai per gli amici guelfi); fa uscire da una crisi religiosa
secur, senza sospetto: onde i mei guai l’amico Boccaccio; ottiene in dono il terreno sui colli
nel comune dolor s’incominciaro. Euganei, dove si fa costruire la villa.
---I☺I---
Trovommi Amor del tutto disarmato,
et aperta la via per gli occhi al core, Movesi il vecchierel canuto e bianco, XVI
che di lagrime son fatti uscio et varco.
Movesi il vecchierel canuto et biancho
Però, al mio parer, non li fu honore del dolce loco ov’à sua età fornita
ferir me de saetta in quello stato, et da la famigliuola sbigottita
a voi armata non mostrar pur l’arco. che vede il caro padre venir manco;

Era Venerdì Santo, il giorno in cui il sole si offuscò indi trahendo poi l’antiquo fianco
per l’extreme giornate di sua vita,
Era Venerdì Santo, il giorno in cui il sole si offuscò quanto più pò, col buon voler s’aita,
per la compassione verso il suo creatore, rotto dagli anni, et dal camino stanco;
quando io fui catturato (io non stavo in guardia),
perché, o donna, fui incatenato dai vostri begli occhi. et viene a Roma, seguendo ‘l desio,
per mirar la sembianza di colui
Non mi sembrava il tempo di dovermi riparare ch’ancor lassù nel ciel vedere spera:
contro gli assalti del dio Amore; perciò me ne andai
sicuro, senza sospetti, così nel comune dolore così, lasso, talor vo cerchand’io,
[per la morte di Cristo] incominciarono i miei guai. donna, quanto è possibile, in altrui
la disïata vostra forma vera.
Il dio Amore mi trovò completamente disarmato,
e aperta la strada che va dagli occhi al cuore, Il vecchietto con i capelli bianchi e pallido
che sono divenuti uscio e varco per le lacrime.
Il vecchietto con i capelli bianchi e pallido lascia
Perciò, secondo me, non gli fede onore il dolce luogo in cui ha trascorso la giovinezza
colpirmi con la freccia [mentre ero] in quello stato; e la famiglia smarrita,
e non mostrare a voi armata nemmeno l’arco. che vede l’amato padre venir meno;

Riassunto. Petrarca va in chiesa il Venerdì Santo. Qui quindi, trascinando il vecchio corpo
vede Laura e se ne innamora. Questo amore è però a negli ultimi giorni della sua vita,
senso unico, perché non è corrisposto. Il poeta perciò quanto più può con la buona volontà si aiuta,
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 62
sfinito dagli anni e dal cammino; et anchor de’ miei can’ fuggo lo stormo. 160

e viene a Roma, seguendo l’antico desiderio Canzon, i’ non fu’ mai quel nuvol d’oro
di ammirare il volto di Colui (=Cristo) che poi discese in pretïosa pioggia,
che spera di vedere lassù in cielo. sì che ‘l foco di Giove in parte spense;
ma fui ben fiamma ch’un bel guardo accense,
Allo stesso modo, ahimè, talvolta io cerco, et fui l’uccel che più per l’aere poggia, 165
o donna, quant’è possibile, nel viso d’un’altra donna alzando lei che ne’ miei detti honoro:
il vostro desiderato e vero volto. né per nova figura il primo alloro
seppi lassar, ché pur la sua dolce ombra
Riassunto. Come il vecchietto abbandona la casa e la ogni men bel piacer del cor mi sgombra.
famiglia per andare a Roma a vedere il volto di Cristo
impresso nella Veronica, così il poeta cerca di vedere Nel dolce tempo della giovinezza
nel volto delle altre donne quello di Laura. […]
Fui uno spirito dolente, che vagava (mi ricordo)
Commento per spelonche deserte come un pellegrino,
1. Il poeta fa un paragone la cui prima parte è lunga e piansi per molti anni la mia sfrenata audacia.
ben 11 versi, la seconda soltanto 3: l’elaborazione let- Poi conobbi la fine di quel male
teraria del testo è fuori di ogni ragionevole dubbio. e ritornai nel mio corpo terreno, 145
2. Egli si paragona ad un vecchietto che è mosso da credo per sentire con esso più dolore.
un grande desiderio, se è disposto ad abbandonare ca- Io seguii tanto avanti il mio desiderio
sa e famiglia, nonostante l’età avanzata. che un giorno m’incamminai (come di solito facevo)
3. Egli paragona il volto di Laura al volto di Cristo, per incontrarla; e quella fiera bella e crudele
cioè mescola profano e sacro; il paragone però suona se ne stava tutta nuda in una fonte d’acqua, 150
irriverente verso la religione e anche sproporzionato. quando il sole ardeva più forte.
4. Il sonetto ha un ritmo estremamente lento ed è co- Io, che non m’accontento di alcun’altra vista,
stituito da una sola e lunghissima proposizione. stetti a mirarla, perciò ella provò vergogna.
5. Il poeta, anziché andare alla ricerca concreta di E, per vendicarsi o per nascondersi,
Laura, si limita a cercare nelle altre donne il volto di con le mani mi spruzzò l’acqua sul viso. 155
Laura. Insomma più che di Laura egli è innamorato Dirò la verità (forse essa sembrerà una menzogna):
dell’amore per Laura, e prova piacere ed interesse io sentii di perdere il mio aspetto umano
soltanto nell’esaminare esasperatamente le manife- e mi trasformai in un cervo solitario e bello
stazioni di questo amore dentro di lui, non ad avere che corre veloce di selva in selva,
concretamente, davanti agli occhi, la figura di Laura. per fuggire allo stuolo dei miei cani. 160
6. L’opera riprende il continuo dialogo con se stesso
che sant’Agostino (354-430) fa nelle sue Confessioni. O canzone, io non fui mai quella nuvola d’oro
---I☺I--- che poi discese sotto forma di pioggia preziosa,
così che spense in parte il fuoco di Giove;
Nel dolce tempo de la prima etade, XXIII ma fui ben la fiamma che un bello sguardo accese,
e fui l’uccello che più vola per l’aria, 165
[…] inalzando lei che onoro nelle mie poesie.
Spirto doglioso errante (mi rimembra) Né seppi lasciare il primo alloro per il nuovo aspetto,
per spelunche deserte et pellegrine, perché basta soltanto la sua dolce ombra
piansi molt’anni il mio sfrenato ardire: per sgombrarmi dal cuore ogni piacere meno bello.
et anchor poi trovai di quel mal fine,
et ritornai ne le terrene membra, 145 Riassunto. Il poeta ricorda che da giovane frequentò
credo per più dolore ivi sentire. posti isolati e grotte solitarie, e che pianse per molti
I’ seguì’ tanto avanti il mio desire anni la sua sfrenata audacia, l’amore per Laura. Un
ch’un dì cacciando sì com’io solea giorno cercò la donna lungo il fiume Sorga, come era
mi mossi; e quella fera bella et cruda solito fare. La vide che se ne stava tutta nuda in una
in una fonte ignuda 150 pozza d’acqua a causa della calura. Egli si fermò per
si stava, quando ‘l sol più forte ardea. ammirarla, lei provò vergogna e, per vendicarsi o per
Io, perché d’altra vista non m’appago, nascondere il suo corpo, con le mani lo spruzzò d’ac-
stetti a mirarla: ond’ella ebbe vergogna; qua sul viso. Egli si sentì trasformare in un cervo, che
et per farne vendetta, o per celarse, correva veloce per fuggire i suoi cani che lo insegui-
l’acqua nel viso co le man’ mi sparse. 155 vano. Quindi nel congedo si rivolge alla canzone e le
Vero dirò (forse e’ parrà menzogna) dice che non fu mai la pioggia d’oro con cui Giove
ch’i’ sentì’ trarmi de la propria imago, spense in parte la sua passione amorosa. Fu invece
et in un cervo solitario et vago una fiamma, accesa dallo sguardo di Laura, e fu l’uc-
di selva in selva ratto mi trasformo: cello che passa il tempo in volo, per innalzare lei con
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 63
le sue poesie. Né seppe abbandonare l’alloro poetico sì ch’io mi credo omai che monti et piagge
per acquisire il nuovo aspetto, perché basta soltanto et fiumi et selve sappian di che tempre
l’ombra di Laura, per liberare il suo cuore da ogni sia la mia vita, ch’è celata altrui.
piacere disonesto (o turpe o vergognoso o ignobile).
Ma pur sì aspre vie né sì selvagge
Commento cercar non so ch’Amor non venga sempre
1. La poesia di Petrarca vive del passato e dei ricordi ragionando con meco, et io co·llui.
del passato. In questa canzone egli va indietro nel
tempo e ricorda che da giovane si rifugiava nei boschi Solo e pensoso i più deserti campi
a piangere le sue inclinazioni amorose. Un giorno,
com’era solito fare, cercò Laura. La trovò che se ne Solo e pensoso i campi più deserti
stava tutta nuda in una pozza d’acqua, poiché il sole misuro con i miei passi tardi e lenti,
bruciava forte. Egli si fermò a guardarla. La donna, e rivolgo gli occhi (pronti a fuggire)
presa da vergogna, con le mani gli spruzzò acqua sul dove il terreno mostri qualche orma umana.
viso, per impedirgli di vedere. Egli allora si sentì tra-
sformato in un cervo, inseguito (come Atteone) dalla Non trovo altra difesa che impedisca alla gente
torma dei suoi cani. E poi commenta: egli non fu mai di vedere chiaramente [quanto io sia innamorato],
la nuvola che poi si trasformò in pioggia d’oro, come perché nei miei atti privi di allegria
fece Giove, per calmare in parte il fuoco della passio- di fuori si vede quanto io dentro bruci di passione:
ne amorosa. Egli fu invece la fiamma, accesa da uno
sguardo della sua donna, fu l’uccello, che passò il così che io credo ormai che i monti, le pianure,
tempo a volare per cantarla nelle sue poesie. Né di- i fiumi e i boschi sappiano come
menticò l’alloro poetico perché l’aveva vista nuda: sia la mia vita, che è nascosta agli altri.
bastava l’ombra della sua donna per cacciargli dal
cuore ogni desiderio indegno. Ma non so cercare vie così aspre né così selvagge,
2. Il lettore, se pensa che almeno una volta Petrarca si che il dio Amore non venga sempre
comporti umanamente e faccia il guardone o ne ap- a discutere con me… ed io con lui!
profitti per saltarle addosso, è subito deluso. Il poeta
va subito a immagini letterarie: Atteone trasformato Riassunto. Petrarca cerca luoghi deserti per non mo-
in cervo e inseguito dai suoi cani, perché aveva sbir- strare alla gente quanto è innamorato. Tuttavia, do-
ciato Artemide nuda; Giove che si trasforma in piog- vunque egli vada, il dio Amore viene sempre a discu-
gia d’oro per possedere Danae, che il padre aveva ri- tere con il poeta, ed il poeta con lui.
chiuso in una torre. E a questi riferimenti mitologici
seguono due paragoni: egli è la fiamma di fuoco, ac- Commento
cesa dallo sguardo di Laura, è l’uccello che vola, per 1. Anche qui Petrarca pensa che la gente si preoccupi
cantare Laura. A parte i riferimenti mitologici, Pe- che egli è innamorato. Questo è però ciò che egli pen-
trarca guardone rimanda alla pittura, al tópos di Su- sa; da parte sua non si preoccupa affatto di sapere se
sanna nuda al bagno, concupita e importunata da due la gente è innamorata o meno. In altre parole il poeta
vecchioni. Ad ogni modo un Petrarca guardone, vero fa girare il mondo – compresa Laura – intorno a se
o falso che sia, fornisce un’idea diversa del poeta. stesso e intorno al fatto che egli è innamorato.
3. Petrarca distingue l’amore puro e ideale per Laura, 2. Da una parte sembra che egli voglia fuggire dal dio
e l’amore sensuale e fisico che pratica con diverse Amore, dall’altra dice che egli gli risponde. Ciò vuol
donne, pur essendo un chierico. Esse gli danno dei dire che prova piacere a parlare con lui. Il suo atteg-
figli, i più importanti dei quali sono Giovanni (1337) giamento è quindi contraddittorio, ma proprio questa
e Francesca (1343). contraddizione sta alla base dell’ispirazione poetica
---I☺I--- di tutto il Canzoniere.
3. Il poeta non si accontenta di dire che la gente, se lo
Solo e pensoso i più deserti campi, XXXV incontrasse, vedrebbe subito quanto egli è innamora-
to. Giunge ad affermare anche che tutta la natura co-
Solo et pensoso i più deserti campi nosce questa sua passione amorosa (e questo fatto è
vo mesurando a passi tardi et lenti, ancora più incredibile del primo). Ma egli ritiene che
et gli occhi porto per fuggire intenti tutto il mondo giri intorno a lui, al suo amore e al suo
ove vestigio human l’arena stampi. dissidio interiore.
4. In questo sonetto non è citata Laura, ma il dio A-
Altro schermo non trovo che mi scampi more: l’amore esiste soltanto dentro l’animo del poe-
dal manifesto accorger de le genti, ta, che in proposito strumentalizza anche Laura: la
perché negli atti d’alegrezza spenti donna esiste in quanto egli la pensa e la ricorda. Non
di fuor si legge com’io dentro avampi: ha un’esistenza propria.
---I☺I---

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 64


Benedetto sia ‘l giorno e ‘l mese e tormento di Andrea, cappellano del re di Francia (se-
l’anno, LXI conda metà del sec. XII).
3. L’amore continua ad essere psicologico ed interio-
Benedetto sia’l giorno e’l mese e l’anno re, sacro e profano: il poeta esamina se stesso e le sue
e la stagione e’l tempo e l’ora e ‘l punto reazioni psicologiche davanti al fatto di essere inna-
e’l bel paese e’l loco ov’io fui giunto morato.
da’duo begli occhi che legato m’ànno; 4. Il poeta ricorre alla figura retorica dell’anafora (o
ripetizione) (“Che sia benedetto...”), per esprimere in
E benedetto il primo dolce affanno modo letterariamente efficace, quasi tangibile, la sua
ch’ì ebbi ad esser con Amor congiunto, estasi.
e l’arco e le saette ond’ì fui punto, 5. Anche in questo sonetto il poeta parla con se stes-
e le piaghe che’nfin al cor mi vanno. so: in nessun componimento dialoga con Laura, no-
nostante che la letteratura tradizionale fornisse nume-
Benedette le voci tante ch’io rosi esempi in proposito, dal contrasto di Cielo d’Al-
chiamando il nome de mia donna ò sparte, camo (prima metà del Duecento) a “Becchin’amor!”
e i sospiri e le lagrime e ‘l desio; di Cecco Angiolieri (1260ca.-1312ca.).
6. L’amore di Petrarca per Laura è quindi un amore
e benedette sian tutte le carte letterario, che si compiace di essere tale, che si preoc-
ov’io fama l’acquisto, e ‘l pensier mio, cupa di essere intessuto di citazioni letterarie (Scuola
ch’è sol di lei; si ch’altra non v’à parte. siciliana, Dolce stil novo, Bibbia ecc.), che è soddi-
sfatto di rispecchiarsi in se stesso. Angiolieri voleva
Benedetto sia il giorno, il mese e l’anno fare un’antiletteratura, Petrarca vuole fare una iperlet-
teratura: la realtà è trasformata in un’abile, raffinata e
Benedetto sia il giorno, il mese, l’anno, preziosa (ri)elaborazione letteraria.
la stagione, il tempo, l’ora, il momento, ---I☺I---
il bel paese e il luogo dove io fui raggiunto
dai due begli occhi [di Laura], che mi legarono; Padre del ciel, dopo i perduti giorni, LXXII

e benedetto sia il mio primo dolce affanno, Padre del ciel, dopo i perduti giorni,
che io ebbi congiungendomi con il dio Amore; dopo le notti vaneggiando spese
l’arco, le frecce che mi colpirono, con quel fero desir che al cor s’accese
e le ferite che giunsero fino al cuore. mirando gli atti per mio mal si adorni;

Benedette siano le parole che io ho sparso piacciati omai, co’l tuo lume, ch’io torni
chiamando il nome della donna, ad altra vita et a più belle imprese;
i sospiri, le lacrime e il mio desiderio [di lei]; sì ch’avendo le reti indarno tese
il mio duro adversario se ne scorni.
e benedetti siano tutti gli scritti
(con cui io le procuro fama) e il mio pensiero, Or volge, signor mio, l’undecimo anno
che pensa solo a lei e non ha posto per nessun’altra. ch’i’fui sommesso al dispietato giogo,
che sopra i più soggetti è più feroce.
Riassunto. Il poeta benedice tutto ciò che riguarda il
suo incontro con Laura (l’anno, il mese, il giorno e Miserere del mio non degno affanno;
l’ora in cui l’ha incontrata), quindi conclude dicendo reduci i pensier vaghi a miglior luogo;
che pensa soltanto a lei e che nel suo cuore non c’è rammenta lor com’oggi fosti in croce.
posto per nessun’altra.
O Padre del cielo, dopo i giorni di perdizione
Commento
1. Il poeta esalta il momento in cui ha visto e si è in- O Padre del cielo, dopo i giorni di perdizione,
namorato di Laura. L’esaltazione mistica cede ora il dopo le notti consumate in pensieri vani
posta all’esaltazione amorosa profana. I precedenti con quel crudele desiderio che si accese al cuore,
letterari di questa esaltazione davanti alla figura guardando gli atti [di Laura] per mio male così belli,
femminile si possono rintracciare in Lo viso mi fa an-
dare alegramente di Giacomo da Lentini o in Gioio- ti piaccia ormai con la tua grazia che io ritorni
samente canto di Guido delle Colonne, ambedue del- a un’altra vita e a più belle imprese,
la Scuola siciliana. così che il mio crudele avversario (=il demonio),
2. Questo amore è fatto nello stesso tempo di gioia e avendo teso invano le reti, rimanga scornato;
di affanni. Anche qui Petrarca recupera la tradizione
letteraria: la concezione drammatica dell’amore come ora, o mio signore, sta passando l’undicesimo anno
da quando io fui sottoposto allo spietato giogo
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 65
(=l’amore per Laura), che è più crudele sui più debo- I capelli biondi erano sparsi all’aria
li.
I capelli biondi [di Laura] erano sparsi all’aria,
Abbi pietà del mio indegno affanno; che li faceva ondeggiare in mille dolci nodi,
ricondùci i miei i pensieri erranti verso il cielo; e oltre ogni misura ardeva la luce
ricorda loro come oggi tu fosti crocefisso. di quei begli occhi, che ora sono meno luminosi;

Riassunto. Il poeta si rivolge a Dio, riconoscendo di e mi pareva (non so se era vero o falso)
aver consumato il suo tempo in un amore terreno. Gli che il viso assumesse un aspetto di compassione;
chiede di poter intraprendere una vita più degna con io, che nel petto avevo l’esca amorosa,
l’aiuto della sua grazia, in modo da sconfiggere il che meraviglia c’è se mi innamorai subito?
demonio. Ricorda ancora che da 11 anni è sottoposto
alla schiavitù amorosa, perciò gli chiede di aver pietà Il suo camminare non era da essere mortale,
per il suo indegno affanno e di ricondurre i suoi pen- era quello di un angelo, e le sue parole
sieri verso il cielo. suonavano oltre la voce umana;

Commento uno spirito celeste, un sole vivente fu ciò che io vidi;


1. Petrarca conduce da 11 anni questa vita oscillante e, se anche essa ora non fosse più così,
fra la terra ed il cielo, fra amor sacro ed amor profa- la ferita amorosa non guarisce per l’arco allentato
no. A quanto pare la situazione non è completamente (=perché non è più bella come un tempo).
spiacevole, se egli insiste nel rimanervi irretito. E,
comunque, non intende impegnarsi seriamente ad u- Riassunto. I capelli biondi di Laura erano sparsi all’a-
scirne: chiede a Dio di ricondurre i suoi pensieri er- ria, i suoi occhi erano splendenti. Perciò non c’è da
ranti verso il cielo, ma da parte sua non dimostra mol- meravigliarsi se il poeta si è innamorato subito di lei.
ta buona volontà a dimenticare la terra. La donna camminava come un angelo, aveva una vo-
2. Il poeta ripiega sempre su se stesso. Si tratta però ce sovrumana, era uno spirito celeste, un sole vivente.
di un atteggiamento letterario, che non ha alcun ri- Ed anche se ora non è più bella come un tempo, egli
scontro nella sua vita pratica, dove egli coglie onori e ne è ancora innamorato.
denaro. Ma anche così testimonia le tensioni reali e-
sistenti nella cultura del tempo. Commento
3. Al di là delle scelte letterarie, Petrarca e, con lui, il 1. Il poeta gioca sul termine l’aura (=l’aria e Laura):
Canzoniere, testimonia la frattura dell’universo di va- l’attenzione, quasi esasperata, verso le possibilità e-
lori medioevale: Chiesa ed Impero, vita terrena in spressive date dalle parole è una caratteristica costan-
funzione della vita ultraterrena, salvezza dell’anima e te del Canzoniere. Il gioco di parole costruito su
dannazione eterna, cultura religiosa e cultura laica. l’aura e l’iperbole un sole vivo anticipano il concetti-
Boccaccio, di solo dieci anni più giovane, appartiene smo della poesia barocca (prima metà del Seicento).
già ad una cultura che si è aperta ai valori terreni e li 2. Come altrove, egli riprende motivi stilnovistici da
ricerca. Essa non si sente affatto in colpa per aver ab- Guinizelli (la donna-angelo) e da Dante (la donna-
bandonato i valori ultraterreni tradizionali. angelo, il modo di camminare sovrumano). Le imma-
---I☺I--- gini però risultano rozze e approssimative rispetto al
sonetto dantesco Tanto gentile e tanto onesta pare.
Erano i capei d’oro a l’aura sparsi, XC 3. Il poeta ricorre anche ad un calibrato anacoluto
(“Io... che meraviglia c’è, se...”), per mantenersi al
Erano i capei d’oro a l’aura sparsi centro dell’attenzione e per esprimere il sopraggiun-
che ‘n mille dolci nodi gli avolgea, gere improvviso ed inevitabile dell’amore per Laura.
e ‘l vago lume oltra misura ardea 5. L’amore per Laura è un amore della memoria: il
di quei begli occhi ch’or ne son sģ scarsi; poeta ricorda il suo amore giovanile e ribadisce che è
ancora innamorato. La duplicità temporale (il passato
e ‘l viso di pietosi color farsi, ed il presente) lo spinge a riconoscere e a sottolineare
non so se vero o falso, mi parea: che ora Laura è meno bella di allora, perché ormai
i’ che l’esca amorosa al petto avea, invecchiata. Altrove, citando l’Ecclesiaste, aveva
qual meraviglia se di subito arsi? concluso che “ciò che piace al mondo dura poco” (I).

Non era l’andar suo cosa mortale


ma d’angelica forma, e le parole
sonavan altro che pur voce umana;

uno spirto celeste, un vivo sole


fu quel ch’i’ vidi, e se non fosse or tale,
piaga per allentar d’arco non sana.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 66
Chiare, fresche e dolci acque, CXXVI O chiare, fresche e dolci acque
I 1.
Chiare, fresche et dolci acque, O chiare, fresche e dolci acque (=fiume Sorga)
ove le belle membra (nelle quali immerse il bel corpo
pose colei che sola a me par donna; la sola che a me par donna),
gentil ramo ove piacque o ramo gentile (al quale
(con sospir mi rimembra) – mi ricordo e sospiro –
a lei di fare al bel fianco colonna; ella appoggiò il bel fianco),
erba e fior che la gonna o erba e fiori (che ricoprì
leggiadra ricoverse con la bella veste
co l’angelico seno; e con l’angelico seno),
aere sacro, sereno, o aria sacra e serena
ove Amor co’ begli occhi il cor m’aperse: (dove Amore mi aprì il cuore mostrandomi
date udienza insieme i suoi occhi belli), ascoltate
a le dolenti mie parole estreme. le mie ultime e dolenti parole.

II 2.
S’egli è pur mio destino, Se è mio destino
e ‘l cielo in ciò s’adopra, (e il cielo opera in questa direzione)
ch’Amor quest’occhi lagrimando chiuda, che Amore mi faccia morire piangente,
qualche grazia il meschino spero che per qualche sorte benigna
corpo fra voi ricopra, il mio povero corpo sia sepolto in mezzo a voi
e torni l’alma al proprio albergo ignuda. e che l’anima, separata dal corpo, torni al cielo.
La morte fia men cruda La morte sarà meno dura,
se questa spene porto se porterò con me questa speranza
a quel dubbioso passo; al momento dell’incerto trapasso:
ché lo spirito lasso il mio spirito affaticato
non poria mai in più riposato porto non potrebbe fuggire dal corpo travagliato
né in più tranquilla fossa per trovare riparo in un porto più sicuro
fuggir la carne travagliata e l’ossa. o in un sepolcro più tranquillo.

III 3.
Tempo verrà ancor forse Forse in un tempo futuro
ch’a l’usato soggiorno la crudele bella e mite,
torni la fera bella e mansueta, intenerendosi per me,
et là ‘ ov’ ella mi scorse ritornerà in questo luogo abituale,
nel benedetto giorno e lì, dove mi vide in quel giorno fortunato,
volga la vista disiosa et lieta, volgerà gli occhi desiderosi
cercandomi: et, o pieta!, e lieti di vedermi, volendomi cercare. E, ahimè!,
già terra infra le pietre vedendomi divenuto polvere fra le pietre
vedendo, Amor l’inspiri del sepolcro, il dio Amore le ispirerà
in guisa che sospiri tali dolci sospiri
sì dolcemente che mercé m’impetre, che ella mi farà ottenere
et faccia forza al cielo, la misericordia divina,
asciugandosi gli occhi col bel velo. asciugandosi gli occhi con il suo velo.

IV 4.
Da’ be’ rami scendea Dai bei rami scendeva
(dolce ne la memoria) (mi è dolce il ricordo)
una pioggia di fior sovra ‘l suo grembo; una pioggia di fiori sopra il suo grembo,
et ella si sedea ed ella sedeva
umile in tanta gloria, umilmente in tanta gloria,
coverta già de l’amoroso nembo. ormai ricoperta da una nuvola amorosa.
Qual fior cadea sul lembo, Un fiore le cadeva sulla veste,
qual su le trecce bionde, un altro sulle trecce bionde (quel giorno
ch’oro forbito et perle sembravano oro lucente e perle),
eran quel dì, a vederle; un altro si posava per terra,
qual si posava in terra, e qual su l’onde; un altro sulle onde del fiume,
qual, con un vago errore un altro vagava dolcemente nell’aria
girando, parea dir: “Qui regna Amore”. e sembrava dire: “Qui regna il dio Amore!”.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 67
V 5.
Quante volte diss’io Quante volte io allora,
allor pien di spavento: pieno di stupore, dissi:
Costei per fermo nacque in paradiso. “Certamente costei è nata in paradiso!”.
Così carco d’oblio A tal punto la divina bellezza,
il divin portamento il volto, le parole e il dolce sorriso
e ‘l volto e le parole e ‘l dolce riso mi avevano fatto
m’aveano, et sì diviso dimenticare e separato
da l’imagine vera, dalla realtà,
ch’i’ dicea sospirando: che io dicevo sospirando:
Qui come venn’io, o quando?; “Come sono venuto qui? E quando?”,
credendo esser in ciel, non là dov’era. poiché credevo d’essere in cielo, non là dov’ero.
Da indi in qua mi piace Da allora in poi mi piace tanto quell’erba,
questa erba sì, ch’altrove non ho pace. quel luogo, che non so trovar pace altrove.

VI 6.
Se tu avessi ornamenti quant’ hai voglia, O canzone, se tu fossi bella come vorresti,
poresti arditamente potresti avere il coraggio
uscir del bosco e gir in fra la gente. di uscire dal bosco e andare tra la gente.
---I☺I--- ---I☺I---

Riassunto. 1. O dolci acque del fiume – dice il poeta 3. Il testo è, come di consueto, assai ricercato e assai
–, o ramo gentile, o erba e fiori, o aria serena [dove elaborato sul piano letterario. Agli inizi si rivolge a
Laura è vissuta], ascoltate le mie ultime parole. 2. Se parlare alle acque del fiume Sorga, al ramo, all’erba e
dovrò morire piangendo, spero di essere sepolto in ai fiori. Alla fine personifica anche la canzone, che il
mezzo a voi, che per me siete il luogo più sicuro e poeta invita ad andare tra la gente. Il lettore non deve
tranquillo. 3. Forse in futuro ella tornerà qui e mi cer- preoccuparsi del contenuto, piuttosto semplice, ma
cherà e, vedendomi morto e sepolto, implorerà il cie- delle immagini che il poeta cerca di evocare. Quel
lo ed otterrà per me la grazia divina. 4. Ricordo con che conta sono soltanto le immagini letterarie: il poe-
dolcezza quando sopra di lei e intorno a lei cadevano ta ha perciò saccheggiato la letteratura prima di lui.
fiori, che sembravan dire: “Qui regna il dio Amore”. 4. Petrarca descrive un locus amoenus e vi immerge
5. Quante volte io, stupito, dissi che era nata in para- Laura, l’unica che a lui par donna, cioè domina, si-
diso! La sua bellezza mi faceva dimenticare a tal pun- gnora e padrona. La scenografia è coinvolgente e
to la realtà, che io mi chiedevo com’ero giunto lì, straordinaria.
perché pensavo di essere in cielo. Perciò non riesco a 5. Anche qui tutta la realtà, compresa Laura, gira in-
vivere altrove. 6. O canzone, se tu fossi bella come torno al poeta, che vive dei ricordi del passato, ma
vorresti, lasceresti questo luogo per andare tra la gen- che immagina anche di essere morto nel futuro. Per la
te. prima ed ultima volta si preoccupa di quel che prova
Laura: alla vista della sua tomba la donna verserà
Commento qualche lacrima, che sarà sufficiente per fare andare il
1. Il riassunto, che si limita ad eliminare gli aggettivi poeta in cielo.
e le proposizioni dipendenti superflui, mostra chiara- 6. Questo testo, come tutti i precedenti, mostra quanto
mente quanto (poco) il poeta sia interessato al conte- la poesia di Petrarca sia intessuta di citazioni lettera-
nuto, e quanto (molto) sia interessato alla forma lette- rie precedenti, di riflessioni e di sentenze tratte dalla
raria in cui il contenuto è espresso. Bibbia, dagli stoici, dai Padri della Chiesa, da sant’A-
2. La canzone riprende e rielabora immagini e motivi gostino. Essa è e vuole essere una poesia in cui la di-
della tradizione letteraria siciliana e stilnovistica, a mensione letteraria (fusa con l’egocentrismo del poe-
cui si aggiunge il mai sopito dissidio interiore tra ter- ta) si impone completamente sui contenuti. Il riassun-
ra e cielo. “L’angelico seno” è la piega del vestito o to più sopra lo dimostra.
anche i seni (al singolare). E ad ogni modo è un rife- ---I☺I---
rimento alla donna angelicata del Dolce stil novo.
Quello che conta non è se il discorso ha un senso, ma
il riferimento letterario, con cui il poeta pensa ed e-
sprime i suoi sentimenti. Letteralmente sembra che la
donna si sia spogliata per prendere il sole, abbia mes-
so da una parte il vestito e si sia distesa supina
sull’erba lì vicino. L’immagine rimanda alle figure
femminili a seno nudo – in particolare le statue –, che
riempiono le chiese. Gli angeli sono asessuati o erma-
froditi. Hanno un aspetto effeminato.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 68
Italia mia, ben che ‘l sperar sia indarno, O Italia mia, benché la speranza sia vana
CXXVIII
I 1.
Italia mia, benché ‘l parlar sia indarno O Italia mia, benché le mie parole non possano
a le piaghe mortali guarire le tue piaghe mortali,
che nel bel corpo tuo sì spesse veggio, che così numerose vedo sul tuo bel corpo,
piacemi almen che ‘ miei sospir’ sian quali desidero almeno che i miei sospiri siano
spera ‘l Tevero et l’Arno, come li spera il Tevere, l’Arno ed il Po,
e ‘l Po, dove doglioso et grave or seggio. dove ora, addolorato e pensoso, io mi trovo.
Rettor del cielo, io cheggio O Dio del cielo, io ti chiedo che la compassione,
che la pietà che Ti condusse in terra che ti fece venire sulla terra, ti faccia ora
Ti volga al Tuo dilecto almo paese. guardare il tuo amato paese.
Vedi, Segnor cortese, Vedi, o Signore cortese, come futili motivi
di che lievi cagion’ che crudel guerra; siano causa di guerre crudeli!
e i cor’, che ‘ndura et serra Apri, o Padre, intenerisci e sciogli i cuori,
Marte superbo et fero, che ora Marte (=il dio della guerra),
apri Tu, Padre, e ‘ntenerisci et snoda; superbo e feroce, ha indurito e richiuso.
ivi fa che ‘l Tuo vero, Fa’ che qui la tua verità, anche se io valgo poco,
qual io mi sia, per la mia lingua s’oda. sia detta dalla mia bocca.

2.
II
O voi, che dalla sorte avete avuto il governo
Voi cui Fortuna à posto in mano il freno
de le belle contrade, delle nostre belle contrade, per le quali
non mostrate di avere alcuna compassione,
di che nulla pietà par che vi stringa,
che cosa fanno qui tante armi straniere? Pensate
che fan qui tante pellegrine spade?
davvero che la nostra terra verdeggiante si tinga
perché ‘l verde terreno
del sangue dei barbari? Vi fa piacere sbagliare!
del barbarico sangue si depinga?
Vedete poco e vi sembra di vedere molto,
Vano error vi lusinga:
poiché cercate l’amore e la fedeltà
poco vedete, et parvi veder molto,
in cuori che si vendono.
ché ‘n cor venale amor cercate o fede.
Perciò chi ha più mercenari è anche colui
Qual più gente possede,
che ha più nemici intorno.
colui è più da’ suoi nemici avolto.
Questo diluvio è stato raccolto
O diluvio raccolto
in paesi selvaggi e spaventosi,
di che deserti strani
per inondare i nostri campi fertili!
per inondar i nostri dolci campi!
Se prepariamo con le nostre mani
Se da le proprie mani
la nostra rovina, chi ci potrà salvare?
questo n’avene, or chi fia che ne scampi?
3.
III
La Natura si preoccupò della nostra sicurezza,
Ben provide Natura al nostro stato,
quando pose le Alpi come barriera
quando de l’Alpi schermo
tra noi e la rabbia tedesca.
pose fra noi et la tedesca rabbia;
Ma il desiderio cieco, ostinato
ma ‘l desir cieco, e ‘ncontr’al suo ben fermo,
contro il proprio bene, si è poi tanto impegnato,
s’è poi tanto ingegnato,
che ha procurato la scabbia al corpo sano dell’Italia.
ch’al corpo sano à procurato scabbia.
Ora dentro ad una stessa gabbia si trovano
Or dentro ad una gabbia
belve feroci e greggi mansuete,
fiere selvagge et mansüete gregge
così che il migliore geme sempre.
s’annidan sì che sempre il miglior geme:
E, per nostro maggior dolore,
et è questo del seme,
queste belve discendono dal popolo senza legge,
per più dolor, del popol senza legge,
al quale, come dice la storia,
al qual, come si legge,
Caio Mario inflisse una tale sconfitta,
Mario aperse sì ‘l fianco,
che è ancor vivo il ricordo dell’impresa,
che memoria de l’opra ancho non langue,
quando l’esercito romano, assetato e stanco,
quando assetato et stanco
trovò nel fiume più sangue che acqua.
non più bevve del fiume acqua che sangue.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 69


IV 4.
Cesare taccio che per ogni piaggia Non parlo di Giulio Cesare, che su ogni pianura
fece l’erbe sanguigne fece l’erba rossa con il sangue delle loro vene,
di lor vene, ove ‘l nostro ferro mise. nelle quali intinse le nostre spade.
Or par, non so per che stelle maligne, Ora sembra, non so per quale influsso maligno
che ‘l cielo in odio n’aggia: delle stelle, che il cielo ci odii: ciò è merito vostro,
vostra mercé, cui tanto si commise. o principi, a cui è stato affidato un compito
Vostre voglie divise così grande, quello di governare l’Italia!
guastan del mondo la più bella parte. Le vostre ambizioni contrastanti guastano
la più bella parte del mondo.
Qual colpa, qual giudicio o qual destino
Quale colpa degli uomini, quale giudizio di Dio
fastidire il vicino
o quale fatalità vi spingono ad importunare
povero, et le fortune afflicte et sparte il vicino meno potente, a insidiare i suoi beni
perseguire, e ‘n disparte danneggiati e dispersi, a cercare soldati in paesi
cercar gente et gradire, lontani, e a gradire che spargano il sangue altrui
che sparga ‘l sangue et venda l’alma a prezzo? e che vendano la vita per denaro?
Io parlo per ver dire, Io parlo per dire la verità,
non per odio d’altrui, né per disprezzo. non perché odio o disprezzo qualcuno.

V 5.
Né v’accorgete anchor per tante prove Non vi siete ancora accorti, neanche dopo tante
del bavarico inganno prove, dell’inganno dei mercenari tedeschi,
ch’alzando il dito colla morte scherza? i quali, alzando un dito [in segno di resa],
Peggio è lo strazio, al mio parer, che ‘l danno; si prendono gioco della morte?
ma ‘l vostro sangue piove La beffa è, secondo me, peggiore del danno.
più largamente, ch’altr’ira vi sferza. Il vostro sangue però è versato largamente:
siete spinti gli uni verso gli altri da ben altro odio!
Da la matina a terza
Riflettete un momento sulla vostra situazione,
di voi pensate, et vederete come e capirete che non può avere caro alcuno colui
tien caro altrui che tien sé così vile. che ritiene se stesso così vile, da vendersi per denaro.
Latin sangue gentile, O nobile stirpe latina, allontana da te il peso dannoso
sgombra da te queste dannose some; di questi mercenari, e non trasformare in idolo
non far idolo un nome la loro vuota fama, che non ha riscontro nella realtà!
vano senza soggetto: È colpa nostra, non della natura,
ché ‘l furor de lassú, gente ritrosa, se il furore settentrionale,
vincerne d’intellecto, restio a ogni incivilimento,
peccato è nostro, et non natural cosa. ci supera nelle capacità intellettuali.

VI 6.
Non è questo ‘l terren ch’i’ toccai pria? Non è questa la terra ove nacqui?
Non è questo il mio nido Non è questo il mio nido
ove nudrito fui sì dolcemente? ove fui nutrito così dolcemente?
Non è questa la patria in ch’io mi fido, Non è questa la patria in cui ho riposto
la mia fiducia, la madre benigna e pietosa,
madre benigna et pia,
che ricopre ambedue i miei genitori?
che copre l’un et l’altro mio parente?
In nome di Dio, o principi, questo pensiero
Perdio, questo la mente
penetri qualche volta nella vostra mente,
talor vi mova, et con pietà guardate e, pieni di compassione, guardate le lacrime
le lagrime del popol doloroso, del popolo sofferente, il quale, dopo Dio,
che sol da voi riposo soltanto da voi può sperare protezione.
dopo Dio spera; et pur che voi mostriate E, purché mostriate qualche segno
segno alcun di pietate, di compassione, il coraggio [militare]
vertú contra furore contro la furia [straniera] impugnerà le armi,
prenderà l’arme, et fia ‘l combatter corto: e il combattimento sarà breve,
ché l’antiquo valore perché l’antico valore non è ancora
ne gli italici cor’ non è anchor morto. scomparso dai cuori degli italiani.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 70


VII 7.
Signor’, mirate come ‘l tempo vola, O signori, considerate come il tempo vola,
et sì come la vita come la vita se ne va, e come la morte ci sovrasta.
fugge, et la morte n’è sovra le spalle. Voi ora siete qui su questa terra,
Voi siete or qui; pensate a la partita: ma pensate alla partenza da questa vita,
ché l’alma ignuda et sola quando l’anima, senza corpo e da sola,
conven ch’arrive a quel dubbioso calle. deve giungere a quell’incerto passaggio.
Al passar questa valle Attraversando questa valle terrena,
piacciavi porre giù l’odio et lo sdegno, deponete giù l’odio e lo sdegno,
vènti contrari a la vita serena; che sono venti contrari alla vita serena.
et quel che ‘n altrui pena E quel tempo, che ora consumate ad angustiare
tempo si spende, in qualche acto più degno gli altri, impiegate in qualche azione più degna,
o di mano o d’ingegno, compiuta con la mano o con l’ingegno,
in qualche bella lode, in qualche opera bella e lodevole,
in qualche honesto studio si converta: in qualche proposito onorevole.
così qua giù si gode, Così su questa terra si è felici,
et la strada del ciel si trova aperta. e ci si prepara la strada del cielo.

VIII. Congedo 8. Congedo


Canzone, io t’ammonisco O canzone, io ti esorto
che tua ragion cortesemente dica, a dire cortesemente le tue ragioni,
perché fra gente altera ir ti convene, perché devi andare fra la gente,
et le voglie son piene e gli animi si sono ormai abituati
già de l’usanza pessima et antica, ad ascoltare l’adulazione, che porta rovina
del ver sempre nemica. e che è sempre nemica della verità.
Proverai tua ventura Sarai accolta soltanto dai pochi animi generosi,
fra’ magnanimi pochi a chi ‘l ben piace. che amano il bene pubblico.
Di’ lor: “Chi m’assicura? Di’ loro: “Chi di voi mi protegge?
I’ vo gridando: Pace, pace, pace!”. Io vado a gridare: “Pace, pace, pace!”.
---I☺I--- ---I☺I---

Riassunto per strofa. (1) O Italia mia – dice il poeta – l’Italia la terra dove sono nato e cresciuto e dove sono
, anche se le mie parole non ti possono guarire, parlo sepolti i miei genitori? O signori, abbiate compassio-
ugualmente come ti piacerebbe sentirmi parlare. O ne del nostro popolo, che soffre. Basterebbe un po’ di
Dio, volgi lo sguardo al tuo amato paese, sciogli i compassione a fargli prendere le armi e a fargli cac-
cuori induriti, e fa’ che la tua verità esca dalla mia ciare gli stranieri. Il coraggio dei romani non è ancora
bocca. (2) O signori, che governate l’Italia, perché ci scomparso dal suo cuore. (7) O signori, il tempo vola
sono qui tanti soldati stranieri? Pensate forse che co- e la morte si avvicina: quando arriva, bisogna lasciare
storo si ammazzino per voi? Vi illudete! Essi sono tutto. Perciò, mentre vivete, lasciate ogni odio, che
venuti per distruggere i nostri campi, e noi, chiaman- impedisce di vivere serenamente. E dedicate il tempo,
doli, ci stiamo distruggendo con le nostre mani. (3) che ora perdete ad angustiare gli altri, per imprese più
La Natura ha innalzato le Alpi, per separarci dai tede- degne. Così vivete felici sulla terra, e vi preparate la
schi. Voi invece li avete chiamati qui, ed ora lupi fe- salvezza del cielo. (8) O canzone, esponi con pruden-
roci e pecore mansuete vivono insieme, e chi ci ri- za i tuoi argomenti: devi andare tra gente abituata
mette è sempre il migliore. Eppure questi soldati di- all’adulazione, non alla verità. Poche persone ti ascol-
scendono da quelli che sono stati così duramente teranno. Chiedi la loro protezione, ne hai bisogno,
sconfitti da Caio Mario, che dell’impresa è ancor vivo perché vai a predicare la pace.
il ricordo. (4) Non parlo poi di Giulio Cesare, che li ---I☺I---
sconfisse più volte. Ora, se abbiamo perso la prote-
zione del cielo, è per colpa vostra! Le vostre ambi- Riassunto per strofa ma più breve. Il poeta si rivolge
zioni stanno rovinando l’Italia. Perché importunate il ai signori d’Italia e chiede perché hanno invitato sol-
vicino? Perché cercate soldati stranieri? Perché pro- dati stranieri (1). Essi non sono venuti qui per am-
vate piacere a veder spargere il sangue? Io parlo per mazzarsi tra loro, ma per depredare il nostro paese.
dire la verità, non per odio verso qualcuno. (5) Non (2). La natura ha innalzato le Alpi per dividerci dai
vedete che questi soldati, arrendendosi, evitano lo tedeschi, ed ora lupi feroci e pecore mansuete vivono
scontro, e si prendono gioco di voi? Riflettete un po’: insieme, e chi ci rimette è sempre il popolo italiano.
come può avere caro qualcuno chi ritiene di valere Eppure essi sono i discendenti di quei popoli che so-
tanto poco, da vendersi? O nobile sangue latino, non no stati così duramente sconfitti da Caio Mario (3) e
ammirare la loro fama, che è immeritata. E, se ci su- da Giulio Cesare. Perché i signori d’Italia vogliono
perano, la colpa è nostra, non della Natura. (6) Non è far guerra ai loro vicini (4)? I soldati stranieri fingono
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 71
di combattere e si prendono gioco dei loro datori di tutti, di lì a poco si fanno vedere. Con due secoli di
lavoro. Non possono essere fedeli a nessuno coloro anticipo il poeta invita i signori d’Italia a non com-
che si mettono in vendita per poco prezzo. La loro mettere errori e a cacciare fuori d’Italia gli stranieri!
fama militare è del tutto infondata (5). Quindi il poeta Il potere politico, ignorante e beota, non lo ascolta nel
fa due riflessioni. a) L’Italia è la terra dove egli è na- presente né nel futuro. Contemporaneamente ad Ario-
to, perciò invita i signori ad avere compassione del sto Machiavelli nel Principe (1512-13) si affanna a
popolo italiano e a fargli prendere le armi contro gli convincere Lorenzino de’ Medici a impugnare una
stranieri invasori (6). b) E poi il tempo vola, e si av- bandiera e a mettersi a capo del popolo italiano per
vicina la morte: nel poco tempo che ci rimane è me- cacciare i barbari fuori d’Italia... Insomma la valuta-
glio pensare alla salvezza ultraterrena che a farsi zione che Petrarca dà sulla classe politica italiana del
guerra (7). Infine il poeta invita la canzone ad andare suo tempo non è quella di uno sprovveduto intellettu-
tra la gente a predicare la pace. ale, che è apolitico e rinchiuso nella sua grettezza e
---I☺I--- nel suo egoismo. È quella di un intellettuale che non
può capacitarsi che si possa vivere a livelli così bassi,
Commento così contingenti, così banali.
1. La canzone è l’atteggiamento più politico che Pe- ---I☺I---
trarca riesce ad esprimere in tutta la sua vita. In realtà
egli non è interessato alla politica ed è lontano dalle Passa la nave mia colma d’oblio,
beghe politiche tra fazioni o tra città e città o tra state- CLXXXIX
rello e staterello che caratterizzano l’Italia del Due-
cento e poi del Trecento. Proiettato com’è nel mondo Passa la nave mia colma d’oblio
dei classici, nella repubblica ideale che lo fa incontra- per aspro mare, a mezza notte il verno,
re con i grandi dell’antichità, egli non capisce né può enfra Scilla et Caribdi; et al governo
capire come si possa perdere tempo in conflitti conti- siede ‘l signore, anzi ‘l nimico mio.
nui, inutili ed estenuanti. La guerra o le piccole guer-
re dei signori non sono i suoi valori. Egli ne ha altri. I
suoi valori non sono effimeri, né contingenti, perciò A ciascun remo un penser pronto et rio
guarda con fatica e con poco interesse ai signori che che la tempesta e ‘l fin par ch’abbi a scherno;
sono incapaci di uscire da un momento storico soffo- la vela rompe un vento humido eterno
cante e senza alternative, per attingere a quella vita di sospir’, di speranze, et di desio.
fuori del tempo che unisce i grandi del passato, del
presente e del futuro. Pioggia di lagrimar, nebbia di sdegni
2. Petrarca è radicalmente diverso da Dante, che nella bagna et rallenta le già stanche sarte,
Divina commedia (1306-21) esprime le sue idee poli- che son d’error con ignorantia attorto.
tiche, sociali, religiose, scientifiche, che dedica i canti
VI delle tre cantiche ai problemi politici, che si sca- Celansi i duo mei dolci usati segni;
glia duramente contro i principi locali, contro i papi, morta fra l’onde è la ragion et l’arte,
contro gli imperatori, quasi contro Dio, contro i fio-
tal ch’incomincio a desperar del porto.
rentini (Pg VI), che hanno dimenticato il loro ruolo,
la loro missione, il loro ambito, che hanno dimentica-
Passa la nave mia colma d’oblio
to l’Italia e la funzione delle due grandi istituzioni, il
papato e l’impero. Che vede la conflittualità persi-
Passa la mia nave (=la mia vita) piena d’oblio
stente tra i signorotti locali (If XXVII). Non si può
per un mare aspro, a mezza notte, d’inverno,
dire chi, tra i due poeti, ha più ragione (o più torto),
fra gli scogli di Scilla e di Cariddi; e alla guida
poiché hanno valori diversi e vivono in due dimen-
siede il signore, anzi il mio nemico (=il dio Amore).
sioni diverse. Dante è attaccato alla sua Firenze. Pe-
trarca è un personaggio che ha vita, interessi interna-
A ciascun remo siede un pensiero sfrenato e reo,
zionali, e vive ospite di chiunque lo inviti, paghi i
che pare non curarsi della tempesta né della salvezza;
suoi servizi e gli permetta di dedicarsi ai suoi amati
la vela è battuta da un vento umido, continuo,
autori latini. In cambio egli dà lustro con la sua pre-
fatto di sospiri, di speranze e di desideri [vani].
senza e svolge incarichi diplomatici. Giustamente gli
umanisti si ricollegano a lui: hanno gli stessi valori,
La pioggia delle lacrime e la nebbia degli sdegni
gli stessi interessi, la stessa cultura e la stessa menta-
bagna e rallenta le sàrtie ormai stanche (=logore),
lità.
che sono fatte di errore intrecciato con ignoranza.
3. Qui Petrarca si chiede perché i signori d’Italia han-
no invitato milizie straniere per combattere per essi.
Si celano i miei due dolci e consueti segni (=gli occhi
Nel Cinquecento Ariosto si chiede meravigliato come
di Laura); è morta fra le onde la scienza e l’arte
sia possibile che Ludovico il Moro, signore di Mila-
di navigare, tanto che comincio a disperare del porto.
no, abbia potuto chiamare in Italia il re di Francia
contro il re di Napoli: le conseguenze, disastrose per
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 72
Riassunto. Il poeta paragona la sua vita a una nave, veggio fortuna in porto, et stanco omai
che con il mare in tempesta e in una notte d’inverno il mio nocchier, et rotte arbore et sarte,
attraversa uno stretto pericoloso. Al timone siede il e i lumi bei che mirar soglio, spenti.
dio Amore, che è il suo signore, ma anche il suo ne-
mico. Ai remi stanno pensieri sfrenati e colpevoli. E La vita fugge e non si ferma un momento
la vela è spinta dal vento irresponsabile delle passio-
ni. Non ci sono più gli occhi di Laura a guidarlo. È La vita fugge e non si ferma un momento
scomparsa fra le onde la scienza e l’arte di navigare, e la morte le vien dietro a grandi passi;
tanto che ormai egli dispera di raggiungere il porto. e le cose presenti e le passate
mi tormentano, e anche le future;
Commento
1. Il sonetto potrebbe risalire al 1343, quando il poeta e il ricordo e l’attesa mi angosciano
attraversa una profonda crisi spirituale: gli nasce da una parte e dall’altra, così che in verità,
Francesca, la seconda figlia naturale, e il fratello se non avessi pietà di me stesso,
Gherardo si fa monaco, nonostante che egli fosse sarei già fuori di questi pensieri (=mi sarei suicidato).
contrario. Laura poi è lontana da lui, perché egli si
reca a Napoli. Mi torna in mente se il mio cuore infelice ebbe mai
2. Il sonetto è fatto con la consueta abilità letteraria e qualche dolcezza; e poi, dall’altra parte (=al futuro),
con il consueto uso di figure retoriche: il paragone tra vedo i venti scatenati contro la mia navigazione:
la nave e la vita, l’accumulo di situazioni negative nei
primi 11 versi, la lentezza dei versi che con la loro vedo tempesta nel porto (=alla morte), è ormai stanco
gravità accentuano il carattere drammatico della si- il timoniere, sono rotti l’albero e le sàrtie, e spenti
tuazione, l’uso di termini pregnanti già indicati nel i begli occhi (=di Laura), che solevo ammirare.
sonetto iniziale (lacrimar, sdegni, error, ignorantia,
desperar), l’antitesi (signore-nemico), i consueti due Riassunto. Il poeta vede la vita passare in gran fretta e
termini congiunti (“Scilla et Caribdi”, “pronto e rio”, la morte avvicinarsi. Il presente ed il passato lo tor-
“bagna et rallenta”, “la ragion et l’arte”). mentano ed ugualmente il futuro, tanto che egli, se
3. La presenza massiccia, qui come altrove, della re- non avesse pietà di se stesso, si sarebbe già suicidato.
torica anche in questo sonetto che sembrerebbe più Il passato non gli ha dato gioie, il futuro si presenta
sincero di altri pone il problema se il Canzoniere sia minaccioso. Vede la sua vecchiaia sconvolta ancora
sincero o sia una semplice finzione letteraria. Una ri- dalle passioni, egli è ormai stanco e gli occhi di Laura
sposta potrebbe essere questa: il poeta ritiene che sol- si sono spenti.
tanto l’uso estesissimo della retorica sia capace di e-
sprimere adeguatamente i suoi sentimenti. La retorica Commento
è quindi l’abito letterario con cui egli vuole e deve 1. Il sonetto sembra avere un contenuto maggiore di
necessariamente rivestire e travestire i suoi pensieri altri (il riassunto è più lungo della media). In realtà il
ed i suoi sentimenti. E noi siamo costretti a rispettare poeta dimostra di aver raggiunto un controllo ancora
questa sua concezione della retorica e tenerla presente più raffinato del linguaggio, che ora controbilancia
quando leggiamo il Canzoniere. con il contenuto. Le figure retoriche sono numerose,
---I☺I--- ma non si avvertono, in tal modo il contenuto acqui-
sta più spazio e appare in primo piano.
La vita fugge e non s’arresta un’ora, 2. Il sonetto è pieno di figure retoriche: antitesi (fug-
CCLXXII ge/s’arresta, vita/morte, cose presenti/passate, ri-
membrar/aspettar, or quinci/or quindi ecc.); litote
(Non s’arresta); ripetizioni (il secondo verso ripete il
La vita fugge, et non s’arresta una hora, concetto espresso nel primo); metafore (i lumi, cioè
et la morte vien dietro a gran giornate, gli occhi di Laura) ecc. Ricompare la metafora della
et le cose presenti et le passate vita come di una nave e, di conseguenza, del vivere
mi dànno guerra, et le future anchora; come di un navigare, e della morte come del porto.
Addirittura il poeta medita una cosa reale come il sui-
e ‘l rimembrare et l’aspettar m’accora, cidio. Si tratta, come di consueto, di un atteggiamento
or quinci or quindi, sì che ‘n veritate, letterario.
se non ch’i’ ò di me stesso pietate, 3. I motivi del sonetto sono i consueti della poesia pe-
i’ sarei già di questi penser’ fòra. trarchesca: il passato angoscioso, il ricordo del passa-
to, il presente doloroso; il futuro incerto e sconvolto
Tornami avanti, s’alcun dolce mai dalle passioni; l’amore per Laura che non conosce
ebbe ‘l cor tristo; et poi da l’altra parte momenti di debolezza; la vita che passa, che è come
veggio al mio navigar turbati i vènti; una nave, che si dirige verso il porto della morte.
4. Il poeta recupera il motivo classico della vita o del
tempo che fugge. “A gran giornate” è un calco di ma-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 73
gnis itineribus, espressione militare che significa a lettura un po’ attenta mostra il lavoro letterario alle
marce forzate. Sulle meridiane medioevali era scritto spalle: “mali indegni et empi”, “a l’alma disvïata et
tempus fugit o tempus semper fugit. frale”, “in guerra et in tempesta”, “in pace et in por-
5. Il verso finale è riservato abilmente a Laura, che è to” e le diverse e facili contrapposizioni.
in cima a tutti i pensieri del poeta. Il sonetto sembra 2. Il sonetto va confrontato con la canzone di Guido
più sincero di altri proprio perché l’ars dicendi è me- Guinizelli Al cor gentil rempaira sempre amore. Nel-
no visibile, e perciò più efficace. Ed anche perché, la strofa finale il poeta immagina di esser davanti a
diversamente dal solito, gli aggettivi adoperati sono Dio che gli rimprovera di aver amato un essere terre-
pochissimi. no ed effimero, la sua donna, e non Lui e la Regina
---I☺I--- del Cielo. Ed egli risponde che la sua donna aveva
l’aspetto di un angelo disceso dal cielo, perciò non
I’ vo piangendo i miei passati tempi, commise peccato, se l’ha amata. La donna stilnovisti-
CCCLVI ca porta l’uomo a Dio, la donna di Petrarca lo porta
invece al dissidio interiore (la terra e i beni terreni o il
cielo) e al peccato. La salvezza può venire soltanto
I’ vo piangendo i miei passati tempi dalla grazia divina.
i quai posi in amar cosa mortale, ---I☺I---
senza levarmi a volo, abbiend’io l’ale,
per dar forse di me non bassi exempi.

Tu che vedi i miei mali indegni et empi,


Re del cielo invisibile immortale,
soccorri a l’alma disvïata et frale,
e ‘l suo defecto di tua gratia adempi:

sì che, s’io vissi in guerra et in tempesta,


mora in pace et in porto; et se la stanza
fu vana, almen sia la partita honesta.

Io rimpiango la mia vita passata,

Io rimpiango la mia vita passata,


che spesi nell’amare qualcosa di mortale
senza alzarmi in volo, pur avendo le ali,
per dare forse di me esempi elevati.

Tu, che vedi i miei mali indegni e malvagi,


o Re del cielo invisibile e immortale,
soccorri la mia anima deviata e fragile,
e colma i suoi difetti con la tua grazia:

cosicché, se io vissi in guerra e in tempesta,


possa morire in pace e in porto; e se la mia vita
terrena fu vana, almen la partenza sia onorevole.

La tua mano si degni di essere sollecita


a quel poco di vita che mi resta:
tu sai bene che non ho speranza in nessun altro.

Riassunto. Il poeta rimpiange la sua vita passata, per-


ché ha amato qualcosa di mortale e non si è alzato in
volo, pur avendone le capacità. Perciò si rivolge a
Dio e gli chiede di soccorrere la sua anima, attratta
dai beni terreni e fragile. In tal modo, se visse lottan-
do contro le tentazioni, possa morire in pace e sal-
vando l’anima. E, se la vita terrena fu mal spesa, al-
meno la partenza sia onorevole.

Commento
1. Il sonetto sembra avere un contenuto maggiore di
altri, perché fa un uso misurato di aggettivi. Ma una
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 74
Canzone alla Vergine, CCCLXVI, 1367-72 Canzone alla Vergine

I 1.
Vergine bella, che di sol vestita, O Vergine bella (che splendente come il sole
coronata di stelle, al sommo Sole e coronata di stelle, piacesti al sommo Sole (=Dio)
piacesti sì, che ‘n te Sua luce ascose, a tal punto, che racchiuse in te la sua luce),
amor mi spinge a dir di te parole: l’amore mi spinge a parlare di te:
ma non so ‘ncominciar senza tu’ aita, ma non so iniziare senza il tuo aiuto e quello
et di Colui ch’amando in te si pose. di Colui che per amore s’incarnò nel tuo ventre.
Invoco lei che ben sempre rispose, Invoco colei che sempre rispose
chi la chiamò con fede: a chi la chiamò con fiducia;
Vergine, s’a mercede o Vergine, se mai a pietà
miseria extrema de l’humane cose ti mosse la misera condizione
già mai ti volse, al mio prego t’inchina, della vita umana, ascolta la mia preghiera,
soccorri a la mia guerra, soccorri ai miei affanni,
bench’i’ sia terra, et tu del ciel regina. benché io sia fango e tu regina del cielo.

II 2.
Vergine saggia, et del bel numero una O Vergine saggia, che fai parte del bel numero
de le beate vergini prudenti, delle beate vergini prudenti,
anzi la prima, et con più chiara lampa; anzi sei la prima, e con luce più luminosa;
o saldo scudo de l’afflicte genti o forte scudo delle genti afflitte
contra colpi di Morte et di Fortuna, contro i colpi della Morte e della Fortuna,
sotto ‘l qual si trïumpha, non pur scampa; sotto il quale non solo ci si salva, ma si trionfa;
o refrigerio al cieco ardor ch’avampa o refrigerio al cieco desiderio che brucia
qui fra i mortali sciocchi: qui tra gli sciocchi mortali;
Vergine, que’ belli occhi o Vergine, quei begli occhi
che vider tristi la spietata stampa che videro sofferenti l’impronta crudele delle ferite
ne’ dolci membri del tuo caro figlio, sul corpo del tuo amato figlio,
volgi al mio dubbio stato, volgi al mio incerto stato, che smarrito
che sconsigliato a te vèn per consiglio. viene a te per aver consiglio.

III 3.
Vergine pura, d’ogni parte intera, O Vergine pura, immacolata in ogni tua parte,
del tuo parto gentil figliola et madre, figlia e madre del tuo nobile parto,
ch’allumi questa vita, et l’altra adorni, che illumini questa vita e abbellisci l’altra,
per te il tuo figlio, et quel del sommo Padre, per mezzo di te e del sommo Padre, tuo figlio,
o fenestra del ciel lucente altera, o finestra del cielo luminosa e superba,
venne a salvarne in su li extremi giorni; venne a salvarci negli ultimi giorni del mondo;
et fra tutt’i terreni altri soggiorni e fra tutte le altre donne
sola tu fosti electa, tu sola fosti prescelta,
Vergine benedetta, o Vergine benedetta,
che ‘l pianto d’Eva in allegrezza torni. che tramuti in allegria il pianto d’Eva.
Fammi, ché puoi, de la Sua gratia degno, Rendimi, poiché tu puoi, degno della sua grazia,
senza fine o beata, o infinitamente beata,
già coronata nel superno regno. già coronata in paradiso.

IV 4.
Vergine santa d’ogni gratia piena, O Vergine santa, piena di ogni grazia,
che per vera et altissima humiltate che grazie alla tua sincera e nobilissima umiltà
salisti al ciel onde miei preghi ascolti, salisti al cielo, da dove ascolti le mie preghiere,
tu partoristi il fonte di pietate, tu partoristi la fonte di pietà
et di giustitia il sol, che rasserena e il sole di giustizia, che rasserena
il secol pien d’errori oscuri et folti; il secolo pieno d’errori, oscuri e numerosi;
tre dolci et cari nomi ài in te raccolti, tre dolci e cari nomi unisci in te,
madre, figliuola et sposa: madre, figlia e sposa;

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 75


Vergina glorïosa, o Vergine gloriosa,
donna del Re che nostri lacci à sciolti signora del Re che ha sciolto i nostri vincoli
et fatto ‘l mondo libero et felice, e fatto il mondo libero e felice,
ne le cui sante piaghe ti prego, o vera beatrice, di appagare
prego ch’appaghe il cor, vera beatrice. il mio cuore nelle sue (= di Cristo) sante ferite.

V 5.
Vergine sola al mondo senza exempio, O Vergine unica al mondo e senza uguali,
che ‘l ciel di tue bellezze innamorasti, che facesti innamorare il cielo della tua bellezza,
cui né prima fu simil né seconda, a cui fu uguale né prima né seconda,
santi penseri, atti pietosi et casti santi pensieri, atti pietosi e casti
al vero Dio sacrato et vivo tempio fecero nella tua verginità feconda
fecero in tua verginità feconda. un tempio vivente consacrato al vero Dio.
Per te pò la mia vita esser ioconda, La mia vita può essere gioconda, o Maria,
s’a’ tuoi preghi, o Maria, o Vergine dolce e pietosa,
Vergine dolce et pia, se grazie alle tue preghiere,
ove ’l fallo abondò, la gratia abonda. dove l’errore abbondò, la grazia abbonda.
Con le ginocchia de la mente inchine, Con le ginocchia della mente inchinate
prego che sia mia scorta, ti prego di essere la mia scorta
et la mia torta via drizzi a buon fine. e si rivolgere la mia vita a buon fine.

VI 6.
Vergine chiara et stabile in eterno, O Vergine luminosa e stabile in eterno,
di questo tempestoso mare stella, stella per questo mare tempestoso,
d’ogni fedel nocchier fidata guida, guida fidata di ogni navigatore,
pon’ mente in che terribile procella rivolgi il pensiero alla terribile tempesta
i’ mi ritrovo sol, senza governo, in cui io mi ritrovo solo, senza timoniere,
et ò già da vicin l’ultime strida. e ho già vicine le ultime parole [della mia vita].
Ma pur in te l’anima mia si fida Ma la mia anima peccatrice
peccatrice, i’ no ‘l nego, si affida a te, io non lo nego,
Vergine; ma ti prego o Vergine; ma ti prego
che ‘l tuo nemico del mio mal non rida: che il tuo nemico non rida della mia dannazione:
ricorditi che fece il peccar nostro, ricordati che i nostri peccati
prender Dio, per scamparne, fecero che Dio s’incarnasse
humana carne al tuo virginal chiostro. nel tuo grembo virginale, per salvarci.

VII 7.
Vergine, quante lagrime ò già sparte, O Vergine, quante lacrime ho già versato invano,
quante lusinghe et quanti preghi indarno, quante lodi e quante preghiere, solamente
pur per mia pena et per mio grave danno! per accrescere la mia pena e il mio grave tormento!
Da poi ch’i’ nacqui in su la riva d’Arno, Da quando io nacqui sulla riva dell’Arno,
cercando or questa et or quel’altra parte, percorrendo ora questa, ora quell’altro paese,
non è stata mia vita altro ch’affanno. la mia vita non è stata altro che affanno.
Mortal bellezza, atti et parole m’ànno Bellezza, atti e parole mortali mi hanno
tutta ingombrata l’alma. ingombrato l’animo completamente.
Vergine sacra et alma, O Vergine sacra e vivificante, non tardare,
non tardar, ch’i’ son forse a l’ultimo anno. poiché io forse sono alla fine della mia vita.
I dì miei più correnti che saetta I giorni se ne sono andati più velocemente
fra miserie et peccati che una freccia, tra miserie e peccati,
sonsen’ andati, et sol Morte n’aspetta. e mi aspetta soltanto la Morte.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 76


VIII 8.
Vergine, tale è terra, et posto à in doglia O Vergine, una donna terrena pose
lo mio cor, che vivendo in pianto il tenne il mio cuore nel dolore e in vita lo tenne nel pianto
et de mille miei mali un non sapea: e non sapeva affatto dei miei mille affanni:
et per saperlo, pur quel che n’avenne e, se lo avesse saputo, sarebbe accaduto
fôra avenuto, ch’ogni altra sua voglia quel che poi è avvenuto, perché ogni suo desiderio
era a me morte, et a lei fama rea. era per me mortale, per lei d’infamia.
Or tu donna del ciel, tu nostra dea Ora tu, che sei signora del cielo, tu nostra dea
(se dir lice, e convensi), (se è lecito e conveniente parlare così),
Vergine d’alti sensi, o Vergine di doti eccelse, tu vedi
tu vedi il tutto; e quel che non potea tutto; e quel che [Laura] non poteva
far altri, è nulla a la tua gran vertute, fare, [cioè] porre fine al mio dolore [terreno],
por fine al mio dolore; è nulla per le tue grandi capacità,
ch’a te honore, et a me fia salute. e per te sarà motivo d’onore, per me di salvezza.

IX 9.
Vergine, in cui ò tutta mia speranza O Vergine, in cui io ripongo tutta la mia speranza,
che possi et vogli al gran bisogno aitarme, ti prego, aiutami nel momento del grande bisogno,
non mi lasciare in su l’extremo passo. non abbandonarmi nel passaggio estremo!
Non guardar me, ma Chi degnò crearme; Non guardare me, ma Chi si degnò di crearmi;
no ‘l mio valor, ma l’alta Sua sembianza, non il mio valore, ma la Sua infinita sembianza
ch’è in me, ti mova a curar d’uom sì basso. che è in me, ti spinga a curare un uomo così misero.
Medusa et l’error mio m’àn fatto un sasso Un amore insano e i miei errori mi hanno trasformato
d’umor vano stillante: in sasso che versa un inutile pianto:
Vergine, tu di sante o Vergine, riempi il mio cuore stanco
lagrime et pïe adempi ‘l meo cor lasso, di lacrime sante e pietose,
ch’almen l’ultimo pianto sia devoto, così che almeno l’ultimo piano sia devoto,
senza terrestro limo, libero da inquietudini,
come fu ‘l primo non d’insania vòto. come il primo non fu privo di follia.!

X 10.
Vergine humana, et nemica d’orgoglio, O Vergine benevola e nemica dell’orgoglio,
del comune principio amor t’induca: ti convinca l’amore per la comune origine:
miserere d’un cor contrito humile. abbi pietà di un cuore pentito e umile.
Che se poca mortal terra caduca Che se son solito amare con così mirabile fedeltà
amar con sì mirabil fede soglio, un po’ di terra mortale di breve durata (=Laura),
che devrò far di te, cosa gentile? che cosa dovrò fare verso di te,
Se dal mio stato assai misero et vile che sei creatur così nobile?
per le tue man’ resurgo, O Vergine, se mi risollevo dalla mia condizione
Vergine, i’ sacro et purgo assai misera e vile grazie al tuo aiuto,
al tuo nome et penseri e ‘ngegno et stile, io consacrerò al tuo nome e purificherò pensieri,
la lingua e ‘l cor, le lagrime e i sospiri. ingegno e stile, lingua, cuore, lacrime e sospiri.
Scorgimi al miglior guado, Guidami al passaggio migliore
et prendi in grado i cangiati desiri. e gradisci i miei desideri ormai cambiati.

XI 11.
Il dì s’appressa, et non pòte esser lunge, Il giorno si avvicina e non può essere lontano,
sì corre il tempo et vola, perché il tempo corre e vola,
Vergine unica et sola, o Vergine unica e sola, ora il rimorso,
e ‘l cor or coscïentia or morte punge. ora il pensiero della morte tormentano il mio cuore.
Raccomandami al tuo figliuol, verace Raccomandami a tuo figlio, vero
homo et verace Dio, uomo e vero Dio,
ch’accolga ’l mïo spirto ultimo in pace. affinché accolga il mio spirito nella pace del cielo.
---I☺I--- ---I☺I---

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 77


Riassunto. Il poeta ha dimenticato i bene terreni e ha Vergine e la implora di intercedere presso suo Figlio,
cambiato i suoi desideri, così si rivolge alla Vergine e in modo che egli possa salvarsi.
la prega di intercedere a suo favore presso suo Figlio, 7. Neanche in questo drammatico frangente egli rie-
in modo che egli possa salvare l’anima. sce a dimenticare la letteratura: compare la Medusa
(strofa IX), un mostro della mitologia greca, che pie-
Commento trifica chi la guarda. Egli è stato pietrificato dagli oc-
1. La canzone va letta con riferimento al sonetto ini- chi e dalla bellezza di Laura.
ziale del Canzoniere: Voi ch’ascoltate in rime sparse 8. Ogni strofa ripete due volte la parola “Vergine”, il
il suono. Il poeta si rivolge alla Madonna, per avere la congedo una volta. Oltre a una aggettivazione esaspe-
grazia, in modo da salvarsi e salire in cielo. rata, la canzone presenta infinite invocazioni alla
2. Poi va letta con riferimento alla Preghiera alla Vergine.
Vergine rivolta da san Bernardo (Pd XXXIII, 1-39), 9. “ Corre il tempo et vola” e “Vergine unica et sola”
che intercede a favore di Dante: 137 versi lunghi di (strofa XI): due versi e due verbi/aggettivi coordinati.
Petrarca contro 39 densi versi di Dante. I contesti so- Ma l’intera canzone è piena di queste soluzioni reto-
no del tutto diversi. San Bernardo si rivolge alla Ver- riche.
gine affinché Lei si rivolga a Dio a favore di Dante, ---I☺I---
che vuole avere la visione mistica di Dio. Lo fa alla
presenza di tutti i beati del paradiso. Petrarca invece è Le Familiares: La salita a monte Ventoso,
in un rapporto solidario con la Vergine, a cui chiede 1336
di intervenire in suo aiuto e fargli avere la salvezza
eterna. Dante vuole conoscere le verità di fede, tor- Petrarca scrive all’amico Dionigi da Borgo San Se-
narsene a casa e raccontare il suo viaggio oltremon- polcro, che gli aveva regalato una copia delle Confes-
dano. Petrarca non ha alcuna di queste pretese. Vuole sioni di sant’Agostino, una lettera – la più famosa
scrivere un testo lunghissimo in cui esamina se stesso della raccolta – sulla sua salita sul monte Ventoso con
e la sua vita e che intesse di infiniti riferimenti lette- il fratello Gherardo. La lettera, scritta in latino, porta
rari. la data 26 aprile 1336, che coincide con il Venerdì
3. Ma anche con riferimento al Dies irae. La sequen- Santo, giorno di pentimento, che precede la Pasqua di
za propone una religiosità del tutto diversa. Dio è Redenzione. Per Petrarca la salita diventa l’occasione
“rex trenendae majestatis” (“Re di tremenda mae- per delineare la propria vita spirituale. E la conquista
stà”) e un giudice terribile, che non lascerà niente della cima diventa la metafora della conquista della
d’impunito. salvezza o almeno dei suoi sforzi in quella direzione.
4. E ancora con riferimento a una predica di Jacopo Il fratello Gherardo sale in modo sicuro, invece egli
Passavanti, Il cavaliere che rinnegò Dio (1354). Un incontra continue difficoltà e cerca una strada più a-
cavaliere dissipa le sue ricchezze e diventa povero. gevole che lo porti in cima al monte. Ma non la trova.
Stanco della sua vita miserabile, vuole ritornare ricco. Infine, giunto in cima alla vetta, legge ad alta voce un
Così accetta il consiglio del suo fattore e una notte si brano delle Confessioni scelto a caso, che sembra ri-
reca nel bosco per fare un patto con il diavolo. Rin- ferirsi proprio alla sua condizione.
nega Dio, ma non ha il coraggio di rinnegare la Ma-
donna e si pente di quel che stava facendo. Si reca in A Dionigi da Borgo San Sepolcro, dell’ordine di
una chiesetta, dove c’è la statua della Madonna e sant’Agostino, professore della sacra pagina.
chiede perdono. Le sue lacrime di pentimento spin-
gono la Madonna a chiedere a suo Figlio di perdonar- Oggi, spinto dal solo desiderio di vedere un luogo ce-
lo. E suo figlio lo perdona. La devozione alla Madon- lebre per la sua altezza, sono salito sul più alto monte
na ha anche un sèguito positivo: un cavaliere che as- di questa regione, chiamato giustamente Ventoso. Da
siste per caso alla scena decide di restituirgli le ric- molti anni mi ero proposto questa gita. Come sai, per
chezze che aveva comperato da lui e in più di dargli quel destino che regola le vicende degli uomini, ho
sua figlia in moglie. Indubbiamente tutti i salmi fini- abitato in questi luoghi fin dall’infanzia e questo
scono in gloria. E le coincidenze sono del tutto fortui- monte, che a bell’agio si può ammirare da ogni parte,
te. mi è stato quasi sempre negli occhi. […]
5. L’aggettivazione esasperata e retorica della canzo- Partimmo da casa il giorno stabilito e a sera eravamo
ne petrarchesca non ha spazio nella canzone dedicata giunti a Malaucena, alle falde del monte, verso set-
alla Madonna di Francesco Saverio D’Aria (1889- tentrione. Qui ci fermammo un giorno ed oggi, final-
1976), Dell’aurora tu sorgi più bella (1959). mente, con un servo ciascuno abbiamo cominciato la
6. C’è un abisso tra il testo lunghissimo e il riassunto salita, e con molta fatica. La mole del monte è sasso-
cortissimo. Il poeta si ripete ad oltranza: ancora la vi- sa e assai scoscesa e quasi inaccessibile, ma ben disse
ta peccaminosa e l’errore giovanile, ancora l’amore il poeta che “l’ostinata fatica vince ogni cosa [Virgi-
terreno verso una donna destinata a trasformarsi in lio, Georg. I, 145-146.]”.
polvere. Ma ora, vicino alla morte, ha cambiato pen- Il giorno lungo, l’aria mite, l’entusiasmo, il vigore,
sieri e desideri, o almeno lo dice. Così si rivolge alla l’agilità del corpo e tutto il resto favorivano la nostra
salita; ci ostacolava soltanto la natura del luogo. In
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 78
una valletta del monte incontrammo un vecchio pa- gradi. Sulla cima è la fine di tutto, è quel termine ver-
store che tentò in mille modi di dissuaderci dal salire, so il quale si dirige il nostro pellegrinaggio. […]
raccontandoci che anche lui, cinquant’anni prima, C’è una cima più alta di tutte, che i montanari chia-
preso dal nostro stesso entusiasmo giovanile, era sali- mano il “Figliuolo”. Non so dirti per quale motivo. Se
to sulla vetta, ma che non ne aveva riportato che de- non forse per ironia, come talora si fa, perché sembra
lusione e fatica, il corpo e le vesti lacerati dai sassi e il padre di tutti i monti vicini. Sulla sua cima c’è un
dai pruni, e che non aveva mai sentito dire che altri, piccolo pianoro e qui, stanchi, riposammo. E dal
prima o dopo di lui, avesse ripetuto il tentativo. Ma, momento che tu hai ascoltato gli affannosi pensieri
mentre ci gridava queste cose, a noi – così sono i gio- che mi sono saliti nel cuore mentre salivo, ascolta,
vani, sordi ad ogni consiglio – il desiderio cresceva padre mio, anche il resto e spendi, ti prego, una sola
per il divieto. Allora il vecchio, accorgendosi dell’i- delle tue ore a leggere la mia avventura di un solo
nutilità dei suoi sforzi, si inoltrò un bel po’ tra le roc- giorno.
ce, ci mostrò con il dito un sentiero tutto erto e ci die- Dapprima, colpito da quell’aria insolitamente leggera
de molti avvertimenti, ripetendoceli alle spalle, men- e da quello spettacolo grandioso, rimasi come istupi-
tre noi ci allontanavamo. Lasciammo presso di lui le dito. […] Ma ecco entrare in me un nuovo pensiero
vesti e gli oggetti che ci potevano intralciare. Tutti che dai luoghi mi portò ai tempi. «Oggi – mi dicevo –
soli ci accingiamo a salire e ci incamminiamo con si compie il decimo anno da quando, lasciando gli
passo spedito. Ma, come spesso avviene, a un grosso studi giovanili, hai abbandonato Bologna. Dio im-
sforzo segue rapidamente la stanchezza, così facem- mortale, eterna Saggezza, quanti e quali sono stati nel
mo una sosta su una rupe non lontana. Ci rimettiamo frattempo i cambiamenti della tua vita! Così tanti che
in marcia, avanziamo di nuovo, ma più lentamente. Io non ne parlo. Del resto non sono ancora così sicuro in
soprattutto, che mi arrampicavo per la montagna con porto da rievocare le trascorse tempeste. Verrà forse
passo più faticoso. Invece mio fratello, per una scor- un giorno in cui potrò enumerarle nell’ordine stesso
ciatoia lungo il crinale del monte, saliva sempre più in cui sono avvenute. Vi premetterò le parole di Ago-
in alto. Io, più fiacco, scendevo giù, e a lui che mi ri- stino: “Voglio ricordare le mie passate turpitudini, le
chiamava e mi indicava il cammino più diritto, ri- carnali corruzioni dell’anima mia, non perché le ami,
spondevo che speravo di trovare un sentiero più age- ma per amare te, Dio mio” [Agostino, Conf. II, 1, 1].
vole dall’altra parte del monte e che non mi dispiace- Troppi sono ancora gli interessi che mi producono
va di fare una strada più lunga, ma più piana. Preten- incertezza ed impaccio. Ciò che ero solito amare, non
devo così di scusare la mia pigrizia e, mentre i miei amo più; mento: lo amo, ma meno; ecco, ho mentito
compagni erano già in alto, io vagavo tra le valli, di nuovo: lo amo, ma con più vergogna, con più tri-
senza scorgere da nessuna parte un sentiero più dolce. stezza; finalmente ho detto la verità. È proprio così:
La via invece cresceva e l’inutile fatica mi stancava. amo, ma ciò che amerei non amare, ciò che vorrei o-
Mi annoiai e mi pentii di questo girovagare, e decisi diare; amo tuttavia, ma contro voglia, nella costrizio-
di puntare direttamente verso l’alto. E, quando, stan- ne, nel pianto, nella sofferenza. In me faccio triste e-
co e ansimante, riuscii a raggiungere mio fratello, che sperienza di quel verso di un famosissimo poeta: “Ti
si era intanto rinfrancato con un lungo riposo, per un odierò, se posso; se no, t’amerò contro voglia” [Ovi-
po’ di strada procedemmo insieme. Avevamo appena dio, Amori III, 11, 35]. Non sono ancora passati tre
lasciato quel colle che già io, dimentico del primo er- anni da quanto quella volontà malvagia e perversa
rabondare, sono di nuovo trascinato verso il basso e, che tutto mi possedeva e che regnava incontrastata
mentre attraverso la vallata, vado di nuovo alla ricer- nel mio spirito cominciò a provarne un’altra, ribelle e
ca di un sentiero più agevole, ma ricado subito in contraria; e tra l’una e l’altra da un pezzo, nel campo
gravi difficoltà.Volevo rimandare la fatica della sali- dei miei pensieri, s’intreccia una battaglia ancor oggi
ta, ma la natura non si piega alla volontà umana, né durissima e incerta per il possesso di quel doppio
può accadere che qualcosa di corporeo raggiunga uomo che è in me». […]
l’altezza scendendo verso il basso. Insomma, in poco
tempo, tra le risa di mio fratello e con mio avvilimen- Mentre ammiravo questo spettacolo in ogni suo a-
to, ciò mi accadde tre volte o più. Deluso, sedevo spetto ed ora pensavo a cose terrene ed ora, come a-
spesso in qualche valletta e lì, trascorrendo rapida- vevo fatto con il corpo, levavo più in alto l’anima,
mente dalle cose corporee alle incorporee, mi impo- credetti giusto dare uno sguardo alle Confessioni di
nevo riflessioni di questo genere: “Ciò che hai tante Agostino, dono del tuo affetto, libro che in memoria
volte provato oggi salendo questo monte, si ripeterà, dell’autore e di chi me l’ha donato io porto sempre
per te e per tanti altri che vogliono accostarsi alla con me: libretto di piccola mole ma d’infinita dolcez-
beatitudine. Se gli uomini non se ne rendono conto za. Lo apro per leggere quello che mi cadesse sott’oc-
tanto facilmente, ciò è dovuto al fatto che i moti del chio: quale pagina poteva capitarmi che non fosse pia
corpo sono visibili, mentre quelli dell’animo sono in- e devota? Era il decimo libro. Mio fratello, che aspet-
visibili e nascosti. La vita che noi chiamiamo beata è tava di udire dalla mia bocca una parola di Agostino,
posta in alto e, come dicono, stretta è la strada che vi era attentissimo. Lo chiamo con Dio e testimonio che,
conduce [Mt VII, 14]. Inoltre vi si frappongono molti dove dapprima gettai lo sguardo, lessi: “Gli uomini
colli, e di virtù in virtù dobbiamo procedere per nobili vanno a contemplare le cime dei monti, i vasti flutti
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 79
del mare, le ampie correnti dei fiumi, l’immensità ma. La conquista del monte è accompagnata dalla let-
dell’oceano, il corso degli astri e trascurano se stessi” tura di un brano delle Confessioni di Agostino, che
[Agostino, Conf. X, 8, 15]. Mi stupii, lo ammetto. invita a non andare lontano. La cosa più importante è
Pregai mio fratello, che desiderava udire altro, di non vicinissima, è l’anima. E riflettendo su questo passo,
disturbarmi e chiusi il libro. Ero sdegnato con me che certamente lo riguarda, Petrarca scende in silen-
stesso per l’ammirazione che ancora provavo verso zio il monte.
cose terrene quando già da tempo, dagli stessi filosofi 4. La lettura metaforica della salita mostra in altra lu-
pagani, avrei dovuto imparare che niente è da ammi- ce anche la figura del pastore: è salito sulla cima, ma
rare tranne l’anima, di fronte alla cui grandezza non non ha apprezzato ciò che ha visto: non aveva gli oc-
c’è nulla di più grande. chi predisposti ad apprezzarlo. E presso questo uomo
Soddisfatto oramai, e persino sazio della vista di quel meccanico, rozzo e insensibile e tuttavia premuroso e
monte, rivolsi gli occhi della mente in me stesso e da sollecito, Petrarca e il fratello lasciano tutto ciò che
allora nessuno mi udì parlare per tutta la discesa. può rallentare il loro viaggio.
Quelle parole tormentavano il mio silenzio. Non po- 5. Come di consueto e come era prevedibile, Petrarca
tevo certamente pensare che tutto fosse accaduto per intesse la salita di letteratura e pensa ai suoi autori
caso. Sapevo anzi che quanto avevo letto era stato preferiti: il Vangelo, Ovidio e Agostino. Sullo sfondo
scritto per me, non per altri. è il suo dissidio interiore: il desiderio di salire al cielo
e l’attrazione che i beni terreni esercitano su di lui.
Riassunto. Petrarca in una lettera racconta all’amico Ma il dissidio non è espresso con toni perentori e le
Dionigi de’ Roberti, frate agostiniano, la sua salita a riflessioni sono espresse con tono garbato e con un
monte Ventoso con il fratello. Partono di buon matti- linguaggio letterario assai curato. Laura è lasciata
no. Strada facendo incontrano un pastore che li dis- giustamente a casa a fare la calza o a farsi i primi ba-
suade dal continuare, perché non c’è niente da vede- gni nel fiume…
re. Ma essi non lo ascoltano e continuano la salita. 6. Alla lettera filosofica di Petrarca si può accostare
Gli lasciano però i bagagli che possono ostacolare la un’altra famosa lettera, quella che Jacopo Ortis scrive
salita. Il fratello procede dritto, egli invece tende a all’amico Lorenzo Alderani per raccontargli il primo
girovagare alla ricerca di una strada più agevole, che bacio di Teresa (Ultime lettere di Jacopo Ortis,
non c’è. Infine si rassegna a procedere per la strada 1798). Quel bacio lo ha fatto divino e lo ha spinto ad
irta e sassosa in salita. Il poeta allora si mette a riflet- andare su e giù per i colli Euganei per tutta la notte.
tere: la salita al monte è una metafora della sua vita Foscolo-Ortis però svolge le riflessioni in un’altra di-
spirituale. È attratto dai beni terreni, cerca di disfar- rezioni: l’uomo ha bisogno di ideali e di illusioni, per
sene, ma non vi riesce. Deve fare uno sforzo maggio- vivere, per contrastare quel mondo vuoto di valori
re. Ma almeno sa che quella è la direzione giusta. che comporta la sua visione materialistica della real-
Giunti in cima, apre le Confessioni di Agostino rega- tà.
lategli da Dionigi. Il passo che legge dice che gli uo- 7. Alla lettera filosofica di Petrarca si può accostare
mini hanno girato il mondo ed hanno dimenticato la anche il più famoso quadro romantico: Caspar David
cosa più vicina e importante: l’anima. Il passo riguar- Friedrich (1774-1840), Viandante sul mare di nebbia
dava certamente lui. Poi scendono in silenzio, mentre (1818, Amburgo, Kunsthalle). Un viandantee, visto di
il poeta continua a riflettere sul passo di Agostino. spalle, ammira le montagne e il mare di nebbia sotto
di lui.
Commento 8. Anche il lettore può farsi un giro in montagna, me-
1. Dionigi de’ Roberti da Borgo San Sepolcro, frate glio se in compagnia, poi ritornare a casa e descrivere
agostiniano, fu professore di teologia e di filosofia a le emozioni che ha provato. Così capisce meglio il
Parigi, dove il poeta lo conobbe forse nel 1333. testo di Petrarca.
2. Monte Ventoso è il Mont Ventoux nel Comune di ------------------------------I☺I-----------------------------
Malaucène, non lontano da Valchiusa. È alto quasi m
2.000. Nella lettera il monte è presente-assente. Il po-
eta non si sofferma mai a descriverlo con precisione;
la cosa non lo interessa, non è un esploratore né un
botanico né un geologo. È detto erto e sassoso e con
più cime. Ma ben presto diventa metafora della vita
interiore difficile e contrastata del poeta. I due fratelli
sono accompagnati dai servi, che però non disturbano
mai con la loro presenza.
3. La lettera è semplice e garbata, mescola note sul
percorso con riflessioni di altro tipo, che riguardano
la vita spirituale del poeta. La salita del monte diven-
ta una metafora della sua vita spirituale e dei suoi
continui tentennamenti. Ma, anche se girovagando e
perdendo tempo, alla fine riesce a raggiungere la ci-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 80
Jacopo Passavanti (1302ca.-1357) tarselo via proprio quando è più felice e si sente più al
sicuro.
3.2. La sorte del conte cambia all’improvviso: il de-
Jacopo Passavanti nasce a Firenze nel 1302ca. da una monio viene a prenderselo quando egli meno se
famiglia nobile. Entra ancora adolescente nell’Ordine l’aspetta perché più si sente al sicuro: gode di ottima
domenicano nel convento di S.ta Maria Novella, dove salute ed è circondato dai più importanti cittadini. Il
inizia gli studi teologici, che poi completa a Parigi frate sa costruire e sa introdurre con abilità il colpo di
(1330-33). È priore in numerosi conventi toscani. Dal scena, che sia capace di colpire il suo pubblico.
1345 torna a Firenze come priore di S.ta Maria No- 3.3. Prima di portarlo all’inferno, il demonio mostra il
vella. Nella Quaresima del 1354 tiene una serie di conte a tutti i cittadini per ricordare che la morte è
prediche, che poi raccoglie nello Specchio di vera pe- sempre in agguato, che la giustizia divina punisce
nitenza. L’opera fa di lui il più grande predicatore del sempre i peccatori; e soprattutto per invitare i presenti
Trecento. Essa è scritta in uno stile conciso ed effica- a non comportarsi così e per mostrare che fine fanno
ce, attento alla psicologia degli ascoltatori. E diviene coloro che peccano. Qui c’è però una contraddizione:
uno dei testi medioevali più letti e diffusi, tanto che così facendo, il demonio si fa cattiva pubblicità, per-
ben presto se ne traggono antologie di exempla. Muo- ché mostrando che fine fa il conte spinge i cittadini a
re nel 1357. comportarsi diversamente, e quindi a salvarsi l’ani-
---I☺I--- ma. Ma questo è proprio lo scopo che il predicatore
vuole raggiungere. La contraddizione è così sanata.
Il conte di Matiscona Peraltro essa è invisibile: emerge soltanto con una at-
tenta riflessione a posteriori sul testo.
Riassunto. A Matiscona – racconta Elinando – c’era 3.4. La contraddizione presente nel comportamento
un conte ricco, superbo e peccatore. Bestemmiava del demonio si spiega in questo modo: il frate vuole
Dio e non voleva morire. Il giorno di Pasqua, mentre indicare ai presenti come non si devono comportare:
sta festeggiando con le persone più importanti della essi non si devono comportare in modo arrogante e
città, entra un cavaliere, che gli ordina di salire sul superbo come il conte; non devono essere ricchi co-
cavallo. Quindi lo fa volare sopra la città, e la gente me il conte, perché la ricchezza porta all’inferno. In
lo vede. Egli chiede aiuto, ma invano. Poi il demonio altre parole non devono lamentarsi se sono poveri,
lo porta all’inferno. perché così sono sicuri di andare in paradiso. Indi-
cando come non si devono comportare, Passavanti
Commento indica e converso come essi si devono comportare. Il
1. La predica è breve, perché deve colpire subito comportamento e la strategia del frate a prima vista
l’immaginazione del pubblico. Non presenta aggettivi possono sembrare contorti. Non lo sono: la strategia
superflui, non ha fronzoli, è essenziale, chiara, sche- indiretta risulta più efficace dell’indicazione diretta e
matica, ad effetto. Il pubblico è il popolo, che non sa immediata del comportamento corretto da tenere per
leggere né scrivere né ascoltare con spirito critico. salvare l’anima. L’indicazione diretta sarebbe stata
D’altra parte il frate si dimostra abilissimo a costruire poco interessante, non coinvolgente e banale; quella
una storia avvincente, credibile e persuasiva, capace indiretta invece fa provare un brivido di emozione e
di superare qualsiasi resistenza e qualsiasi dubbio da di eccitazione, perché gli ascoltatori – come spettatori
parte degli ascoltatori. Per raggiungere il suo scopo, – partecipano a fatti e ad eventi dai quali sono quoti-
egli usa con estrema sapienza le conoscenze psicolo- dianamente esclusi ed incontrano personaggi superio-
giche che ha del suo pubblico e dell’animo umano. ri alla loro modesta o modestissima condizione socia-
2. I personaggi sono pochi, messi ben in rilievo, de- le.
scritti in modo essenziale, stilizzati, senza caratteri- 4. La morale della predica è che bisogna essere buoni.
stiche fisiche o psicologiche. Proprio per questo sono Essa è espressa con un esempio concreto che incor-
immediatamente riconoscibili. pora un ragionamento: se non si è buoni, quando si
3. Il conte è potente e ricco e gode di buona salute, muore il demonio viene a prenderci per portarci
perciò ignora Dio, dimentica la morte ed è spietato all’inferno; dunque conviene esser buoni.
con i sudditi. Per il frate quindi chi è ricco è per forza 5. Il frate raggiunge i risultati voluti con una sceno-
cattivo, malvagio, superbo, irreligioso, peccatore, grafia attenta (Matiscona, il cavaliere misterioso, i ca-
quindi destinato all’inferno. In questo modo dà una valli che volano), con un imparabile richiamo all’au-
sensazione di rivincita sui ricchi ai suoi ascoltatori, torità della fonte e con la paura della morte.
che nella maggior parte dei casi appartengono al po- 5.1. Matiscona (Maçon) è una città della Francia che
polo. Ma contemporaneamente spinge il popolo a non effettivamente esiste. La sua esistenza – con un salto
protestare, a non rivendicare diritti, ad accontentarsi logico – diventa anche garanzia della veridicità del
della misera vita che conduce. Essa lo porta però alla fatto raccontato. Peraltro chiunque volesse andarvi
salvezza eterna. potrebbe farlo. E quindi potrebbe andare a controllare
3.1. Il conte è cattivo e indifferente verso i suoi sud- che la città esiste. Di conseguenza (ma è un errore di
diti, quindi è pronto per il demonio, che viene a por- ragionamento) anche il fatto raccontato, ivi ambienta-
to, è veramente accaduto. Questa possibilità teorica di
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 81
controllo si trasforma in convinzione dell’inutilità del inseguita da un cavaliere che la raggiunge, la colpisce
controllo stesso. Oltre a ciò i luoghi lontani hanno un al petto con un pugnale e la getta nella fossa dei car-
particolare fascino sulla fantasia e sull’animo dell’a- boni ardenti. Quindi la afferra, la getta sul cavallo e
scoltatore, ieri come oggi. Passavanti sa tutto questo, corre via. La stessa cosa avviene la seconda e la terza
e su queste raffinate conoscenze psicologiche costrui- notte. Il carbonaio allora racconta la visione al conte
sce molti dei suoi exempla. Egli è un persuasore oc- del luogo, con cui aveva buoni rapporti. Il conte va e
culto ante litteram! assiste con il carbonaio alla stessa visione delle tre
5.2. Nella predica ci sono elementi irreali (i cavalli notti precedenti. Il cavaliere sta per andarsene, quan-
che volano), che tuttavia il frate fa passare per veri, do il conte lo ferma e gli chiede di spiegare la visio-
citando l’autorità della fonte, Elinando. Essi però so- ne. Il cavaliere dice che in vita era divenuto l’amante
no di secondaria importanza, sono cioè solamente co- della donna, la quale, per peccare meglio, aveva ucci-
reografici, rispetto all’effettivo messaggio che il frate so il marito. Poi, in punto di morte, prima la donna e
vuole trasmettere: si limitano a rafforzare l’effetto poi lui si pentono e confessano il loro peccato. Evita-
persuasivo dello stile e delle immagini retoriche e a no così l’inferno e vanno in purgatorio. Tuttavia, per
soddisfare la sete di immaginario e di meraviglioso, espiare il loro peccato, devono infliggersi sofferenze
che è presente in ogni individuo, soprattutto delle l’un l’altra, come in vita si sono dati reciproco piace-
classi inferiori. re. Prima di andarsene il cavaliere invita a pregare, a
5.3. L’episodio riferisce fatti realmente accaduti: ciò fare l’elemosina e a far dire messe in loro suffragio,
è garantito dall’autorità della fonte, Elinando, croni- così Dio avrebbe alleggerito le loro pene.
sta francese del sec. XII, quindi di due secoli prima. Il
predicatore sfrutta abilmente l’autorità della fonte Commento
(“L’ha detto Elinando”) ed anche il fatto che il popo- 1. I personaggi della predica sono poco numerosi e
lo è ignorante ed analfabeta e ascolta il religioso (co- facili da riconoscere: il carbonaio, il conte, il cavalie-
me l’uomo di lettere o di scienza) da una situazione re e la donna. Così possono essere subito identificati
di inferiorità intellettuale e psicologica: il pulpito con e memorizzati. Sono poi individuati per classe socia-
il predicatore è in alto, il popolo è seduto in basso. le: il popolo e la bassa nobiltà. Non ci sono altre clas-
5.4. Il frate usa la morte per spaventare il suo pubbli- si perché nella visione che il popolo ha della società
co e indirizzarlo sulla retta via, cioè a salvarsi l’ani- non ci sono altre classi o, meglio, le altre classi sono
ma. Egli quindi spinge sulla via del bene non sottoli- troppo lontane, inattingibili, perciò inesistenti. Il car-
neando il valore del bene, ma spaventando con le pe- bonaio non ha nome (che importanza ha il nome di un
ne che si provano all’inferno in conseguenza del pec- carbonaio?). Neanche il conte ha un nome (in questo
cato. caso però il nome non è importante: il titolo e il ruolo
6. A questo punto, davanti a queste estesissime cono- sociale sono più che sufficienti a identificarlo e a far
scenze di retorica, di psicologia e di sociologia, è fa- sì che incuta rispetto). Il cavaliere ed anche la donna
cile capire che gli ascoltatori erano del tutto indifesi hanno un nome, così attraggono subito l’attenzione e
di fronte alla predica, alla intelligenza e alla capacità sono subito identificati e memorizzati. Il frate, perfe-
persuasiva del predicatore. Però, quasi per consolarci zionista all’eccesso, è attento anche a questi minusco-
davanti a questo implacabile persuasore occulto, non li particolari: fa in modo che gli ascoltatori prestino
si deve dimenticare che nel Trecento c’era anche un attenzione soltanto a ciò che egli ha deciso e nella
uso della retorica, una religiosità ed una sensibilità misura in cui egli ha deciso che essi prestino atten-
politica e sociale ben diverse e articolate: quelle e- zione.
spresse da Dante nella Divina commedia (1306-21). 1.1. Il frate descrive con precisione ciò che lo interes-
5. Per i più coraggiosi della letteratura un compito sa e su cui vuole che si concentri l’attenzione del suo
difficile, confrontare con le prediche di Passavanti pubblico: la dolorosa punizione a cui è sottoposta la
autori che compariranno soltanto secoli dopo: gli donna. È sommario e ricorre a stilizzazioni quando
scrittori statunitensi di fanta-horror Edgar Allan Poe descrive l’aspetto fisico dei personaggi, che nell’eco-
(Boston, 1809-Baltimora, 1849), Howard Phillips nomia della predica ha poca o nessuna importanza.
Lovecraft (Providence, 1890-Providence, 1937), Ste- Ciò è comprensibile: l’aspetto diventerebbe un inutile
phen King (Portland, 1947-). L’Europa ha sfornato diversivo, e non avrebbe alcuna funzione all’interno
soltanto Frankenstein o il moderno Prometeo (1818, della predica. Egli poi mette in secondo piano e fa
1831) della britannica Mary Shelley (Londra, 1797- scomparire i personaggi e gli elementi, via via che
Londra, 1851) e Dracula (1897) dell’irlandese Bram questi non servono più, via via che essi hanno esauri-
(Abraham) Stoker (Clontarf, 1847-Londra, 1912). to la loro funzione: il carbonaio occupa la prima parte
---I☺I--- della predica (è causa del racconto e introduce il con-
te), poi cede lo spazio al conte (è la figura sociale che
Il carbonaio di Niversa può prendere in mano la situazione), il conte a sua
volta interroga il cavaliere, quindi cede il posto al ca-
Riassunto. A Niversa viveva un carbonaio povero, valiere (è colui che parla, che spiega e che invita a
buono e timorato di Dio. Una notte sta facendo il car- non peccare e a fare le elemosine). Con il discorso del
bone, quando sente delle grida. Vede una donna nuda
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 82
cavaliere la predica raggiunge la catarsi e la conclu- somma egli è attentissimo che le sue parole non ab-
sione. biano effetti collaterali indesiderati.
2. Il carbonaio è di umili condizioni sociali, è buono e 4. Il cavaliere racconta la sua storia, che provoca la
timorato di Dio. Lavora anche di notte e senza lamen- catarsi nei presenti. Essa riproduce la mentalità degli
tarsi. Ed è totalmente passivo davanti alla visione in- ascoltatori. Diventa l’amante della donna, non per sua
fernale: non pensa, non agisce, non prende decisioni. scelta, ma perché la donna ha preso l’iniziativa verso
Si limita ad assistere alla visione. Poi, dopo tre notti, di lui (non sta incolpando la donna, sta riconoscendo
pensa che sia giunto il momento di rivolgersi al con- la sua passività e la sua incapacità di gestire gli even-
te: soltanto il conte sapeva prendere delle decisioni, ti). Poi, in punto di morte, ha fatto quel che la donna
sapeva come comportarsi, sapeva che cosa dire e che ha fatto: si è pentito ed ha evitato l’inferno (anche qui
cosa fare. Egli è povero e inevitabilmente rimarrà po- sta riconoscendo la sua passività e la sua incapacità di
vero... Nel corso della visione non interviene in al- capire, di prevedere e di gestire gli eventi). È un og-
cun modo. Egli non rivolge la parola al cavaliere, getto sessuale nelle mani della donna, ma non sembra
perché era impensabile che un inferiore rivolgesse la affatto accorgersene. Non si capisce nemmeno se gli
parola ad un superiore. Né, tanto meno, si rivolge alla ha fatto piacere divenire l’amante della donna! Con
donna, che socialmente è ancor più inaccessibile. Egli lei ha avuto rapporti sessuali freddi, non accompa-
anzi, semplicemente, scompare... Il dialogo avviene gnati da adeguato piacere e da adeguata soddisfazio-
sempre e soltanto tra il conte e il cavaliere. Il conte ha ne: il frate non ha esperienza diretta in proposito, i-
ormai dimenticato il suo suddito, il cavaliere non lo noltre vuole assolutamente evitare di dire che i rap-
vede nemmeno. Per lui non esiste. Ugualmente il po- porti sessuali sono piacevoli, altrimenti i suoi ascolta-
polo, che si identifica nel carbonaio, non esiste. Non toti potrebbero essere tentati di provare.
esiste, perché non attribuisce a se stesso alcuna esi- 5. La donna è sempre silenziosa, come il carbonaio,
stenza. Ha paura di esistere, ha paura di fare ombra perché come il carbonaio non ha alcun prestigio so-
all’erba che calpesta. Il frate ribadisce al popolo che ciale. Essa è presentata come tentatrice e l’uomo co-
non esiste. Così il popolo continua a non esistere e a me debole di volontà ed anche piuttosto stupido, per-
restare sottomesso nella gerarchia sociale. E conti- ché subisce passivamente l’iniziativa di lei, dall’ini-
nuerà ad avere bisogno del conte. Il frate però lo con- zio alla fine del rapporto, cioè fino al momento della
sola dicendo che, vivendo – passivamente – come vi- morte. La donna è costantemente attiva ed accorta:
ve, avrà nell’altro mondo la ricompensa eterna, men- prende lei l’iniziativa verso di lui, uccide lei il marito
tre i nobili, che sono ricchi, superbi, presuntuosi e per peccare meglio, usa lei l’amante come un oggetto
peccatori, vanno spesso all’inferno. La salvezza ol- sessuale. In fin di vita si dimostra accorta: si pente dei
tremondana dell’anima si accompagna quindi alla peccati commessi e si salva l’anima. Non dice all’a-
completa sottomissione e passività sociale. mante di imitarla. Così l’uomo si salva perché imita
3. Il conte è disponibile nei confronti del carbonaio, la donna, non per merito proprio.
perché ha deciso di avere un atteggiamento paternali- 5.1. È presentata poi come affamata di sesso: il mari-
sta verso dei suoi sudditi. Così accetta di seguire di to è pigro nei doveri coniugali, allora lei cerca un
notte e a mezzanotte il suo suddito, che gli dice di a- uomo che soddisfi i suoi appetiti sessuali. O meglio
vere visto una visione infernale. Un comportamento cerca un rapporto fisico che la sazi: l’affetto recipro-
psicologicamente credibile nella predica, impossibile co è del tutto assente nel rapporto. Per il frate vale il
nella realtà. (Ma l’autore ha ormai fatto entrare i pre- binomio: sesso uguale a peccato. Nella cultura del
senti – anima e corpo – nella predica, nel mondo del- predicatore peraltro sono presenti paure maschili an-
l’immaginario: la realtà è stata ormai abbandonata.) cestrali (l’incapacità di soddisfare gli insaziabili ap-
Davanti alla scena infernale egli è attivo, anche se a- petiti femminili, il timore della “vagina dentata”, che
spetta l’ultimo momento per chiedere spiegazioni al minaccia fisicamente l’organo maschile). Queste pau-
cavaliere (Il frate ha proiettato su di lui le incertezze, re però non sono completamente ingiustificate: per
la passività e la paura di agire del suo pubblico). individui che avevano una scarsa nutrizione l’atto
Chiede ed ottiene spiegazioni: ha il ruolo sociale e sessuale doveva essere più un onere che un piacere.
l’autorità per farlo. È ricco e attivo, e continuerà ad 6. La predica vuole proporre un insegnamento mora-
esserlo. Per il frate queste sono le differenze sociali le: spingere il fedele a vivere in grazia di Dio con la
che esistono per natura o per volontà di Dio. Esse minaccia che, se pecca, è condannato alle pene del-
perciò sono immutabili e non possono essere infrante. l’inferno o del purgatorio. Il predicatore però, attra-
3.1. In questa predica il conte è buono ed ha un atteg- verso le parole del cavaliere, invita i presenti a prega-
giamento paternalistico verso il carbonaio, a differen- re per le anime purganti del purgatorio, ma invita an-
za della predica precedente in cui il conte era ricco, che a fare le elemosine (probabilmente alla Chiesa) e
superbo e cattivo. Il frate si preoccupa di mostrare a far dire messe. In tal modo ottiene anche un torna-
che la classe dominante non è fatta soltanto di gente conto personale e di classe (il denaro va al convento).
peccatrice, ma anche di gente buona. Egli vuole asso- Come il santo frate di Ser Ciappelletto (I, 1).
lutamente evitare che sorgano odii e invidie contro i 6.1. La predica è facile, perché si rivolge a popolani,
nobili e i ricchi, che normalmente coincidevano. In- poco istruiti e per lo più analfabeti. Con intelligenza,
intuito ed abilità il predicatore adatta il linguaggio, il
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 83
contenuto, il profilo fisico e psicologico dei vari per- fisico-sessuale che lega la donna ed il cavaliere. Tale
sonaggi in base alle caratteristiche psicologiche, intel- amore è un amore psicologico che sorge dalla lettura
lettuali e sociali del suo pubblico. Soltanto se fa così di un romanzo del tempo (e quindi, se non ci fosse
coinvolge gli ascoltatori e riesce a convincerli ad ese- stata la cultura – il libro –, essi non si sarebbero in-
guire le richieste che concludono la predica. namorati). Il popolo però poteva capire soltanto
7. Il predicatore presenta il fatto come vero: cita an- l’amore della bassa nobiltà, a lui socialmente vicina e
che qui l’autorità di Elinando. Indica realisticamente perciò conosciuta; non poteva capire l’amore intessu-
anche la città in cui avviene. Insomma sottolinea ogni to di cultura e complesso, fisico e soprattutto psicolo-
elemento che può contribuire a rendere credibile e gico ed estetico, praticato dall’alta nobiltà. Da parte
concreto il racconto. Il peccato commesso è quello di sua il frate ricostruisce l’amore del cavaliere e della
lussuria, che è, con il desiderio di ricchezza e con la dama sul tipo di amore conosciuto e praticato dal po-
ricerca del sapere, uno dei tre peccati contro i quali polo: tale amore è una proiezione sulla bassa nobiltà
più si scaglia il predicatore. Ben diversi sono il nume- dell’amore fisico e carnale praticato dal popolo.
ro e la tipologia dei peccati puniti da Dante nel- 11. Petrarca gonfia di parole i suoi versi e riempie le
l’Inferno. Per di più il peccato di lussuria sembra una sue poesie di frasi ai nostri occhi superflue. Passavan-
prerogativa delle classi nobili, quindi un peccato che ti invece è stringato sino all’osso: è quasi impossibile
non è commesso dagli ascoltatori, che si identificano riassumere le sue prediche, perché risultano già brevi
nel carbonaio, buono e timorato di Dio. Insomma il come un riassunto. Esse sono essenziali ed efficaci
frate dice ai presenti: guardate che vita peccaminosa come uno spot televisivo.
fanno i nobili; voi non siete come loro, voi siete timo- 12. La caccia infernale è un motivo molto diffuso nel
rati di Dio, voi non peccate, voi siete superiori ai no- Medio Evo. Boccaccio la inserisce in un contesto
bili, voi eviterete le pene dell’inferno e del purgatorio amoroso e nobiliare e la piega verso una direzione
e salverete l’anima (i presenti allora tirano un sospiro laica ed edonistica (Decameron, V, 8).
di sollievo e di contentezza). E, comunque, lascia un ---I☺I---
filo di speranza di salvezza anche ai nobili, purché si
pentano. Serlo e lo scolaro dannato
8. La prerogativa di peccare sembra che appartenga
soltanto alla nobiltà (anche se non a tutta). Il popolo Riassunto. A Parigi fu un maestro di nome Serlo, che
non pecca, nonostante il cattivo esempio dei nobili. Il insegnava logica e filosofia ed aveva molti scolari.
frate indica i “cattivi”, che nell’altra vita avranno la Uno di essi, abile nelle discussioni ma vizioso, morì.
meritata punizione. Ed invita il popolo a non compor- Una notte gli apparve. Il maestro gli chiese se era sal-
tarsi così, anzi elogia il popolo che continua a non vo o dannato. Lo scolaro gli rispose che era dannato.
peccare. I nobili peccano, e vanno all’inferno. Il po- Allora il maestro gli chiese se era vero che le pene
polo invece è buono e timorato di Dio. È povero, ma dell’inferno fossero così dolorose come si diceva. Lo
è sicuro di andare in paradiso. scolaro rispose che lo erano molto di più: la cappa,
9. La situazione di Francesca da Polenta e Paolo Ma- che aveva addosso, pesava più della maggiore torre di
latesta, descritta da Dante (If V), è completamente di- Parigi ed era foderata di fuoco ardente. Quindi, per
versa: i due amanti, anche se sono finiti all’inferno, dargli una prova concreta delle sue parole, fece cade-
sono ancora legati dal loro intenso amore. Il cavaliere re una goccia di sudore sulla mano del maestro, che
e la donna invece hanno soltanto rapporti sessuali e in venne forata. Poi scomparve. Il giorno dopo il mae-
purgatorio si infliggono sofferenze. Ma anche il pub- stro raccontò l’apparizione ai suoi scolari e mostrò la
blico è diverso: Dante si rivolge alle classi sociali mano bucata, che non guarì più. Quindi, per non ri-
medio-alte, che hanno e che apprezzano la cultura. Il schiare di finire tra le fiamme dell’inferno, decise,
frate si rivolge al popolo che non sa né leggere né davanti a loro, di abbandonare la vita mondana e di
scrivere. Oltre a ciò Francesca e Paolo si innamorano farsi religioso. Così visse santamente fino alla morte.
per la loro bellezza fisica, spinti dalla lettura di un li-
bro d’intrattenimento. Qui invece i due personaggi si Commento
innamorano per semplice attrazione fisica, si innamo- 1. I protagonisti della predica sono pochi, come in
rano di un amore carnale, quasi animalesco. Peraltro tutte le altre prediche: il maestro, lo scolaro che fini-
soltanto se è descritto in questi termini, il popolo può sce all’inferno, il pubblico degli ascoltatori (gli altri
capire che tipo di amore lega il cavaliere e la donna. studenti).
10. Dante e Passavanti sono due credenti. Tuttavia 2. Il frate dice che lo scolaro è intelligentissimo e vi-
vedono l’amore in due modi opposti. Passavanti ridu- ziosissimo; in tal modo gli ascoltatori capiscono che
ce l’amore ad un amore fisico, che è solamente atto anche l’intelligenza e la pratica dell’intelligenza sono
sessuale: la donna non ha alcuna moralità ed usa la un vizio che porta alla dannazione eterna. Lo scolaro
ragione per soddisfare le sue voglie sessuali. Dante poi impiega la sua intelligenza per scardinare le idee
invece insiste sul fatto che Francesca e Paolo si sono degli altri e per dimostrarsi superiore agli altri. E que-
innamorati perché sono belli e sul fatto che il loro sti sono altri peccati, contro l’umiltà e di superbia. E
amore è più forte delle pene dell’inferno. L’amore dei anche contro la stabilità sociale.
due dannati è molto più ricco dell’amore puramente
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 84
2. Il maestro doveva amare molto la cultura e l’in- lo segue e gli rivela che ha visto e udito tutto. Quindi
segnamento, se va nello studio anche di notte. Tutta- gli dice di volerlo aiutare: ha una figlia, gliela vuole
via egli non si distingue certamente per coraggio, se dare in sposa; gli vuole rendere ciò che ha comperato
lascia l’insegnamento e i suoi scolari per timore di da lui e farlo suo erede. Il cavaliere ringrazia Dio e la
finire all’inferno. Pur di conseguire “virtute e cano- Vergine Maria, quindi accetta. Da quel momento fu
scenza”, l’Ulisse dantesco è disposto ad abbandonare sempre devoto della Vergine Maria e morì santamen-
la famiglia e a compiere il folle volo oltre le colonne te. La Vergine quindi va sempre ringraziata, poiché
d’Ercole, per esplorare il mondo senza gente (If prega sempre suo figlio per i peccatori, e non lascia
XXVI, 85-142). Subito dopo Dante è caustico verso perire chi ha devozione in lei.
Francesco d’Assisi, santo ma ignorante, che si fa sot-
trarre l’anima di Guido da Montefeltro, frate france- Commento
scano, da un diavolo logico (If XXVII). 1. Il protagonista è nobile, ed appartiene ai ranghi più
3. Il frate conclude implicitamente che è meglio esse- bassi della nobiltà, quella di cui il popolo ha espe-
re ignoranti e andare in paradiso, piuttosto che essere rienza. Sperpera le ricchezze, vuole recuperarle in
sapienti e andare all’inferno: la cultura rende perico- fretta ricorrendo al demonio, ma poi si pente. Si ri-
losamente superbi, e la superbia porta inevitabilmente volge alla Madonna, che intercede per lui presso il
alla dannazione. Oltre a ciò la cultura provoca cam- figlio. Con il pentimento ritorna anche la ricchezza,
biamenti sociali, che danneggiano le forze sociali tra- con gli interessi: il cavaliere che ha acquistato i suoi
dizionali, la Chiesa come il potere feudale o signorile beni glieli restituisce e gli dà anche in moglie la fi-
costituito. glia. La morale della predica è che conviene rivolger-
4. A metà Trecento Passavanti propone una visione si alla Madonna, e che conviene economicamente es-
del mondo ancora medioevale, mentre Boccaccio e sere credenti: il cavaliere recupera la ricchezza perdu-
Petrarca sentono già l’approssimarsi dell’Umanesimo ta e, in più, si trova anche una moglie. Dedicandosi
quattrocentesco. alla famiglia, non ha più tempo di fare spese pazze...
5. Anche in questa predica il frate insiste sul peccato 2. Per il popolo Gesù Cristo e la Madonna sono due
di lussuria, sulle pene infernali, costituite dal fuoco, statue viventi, dediti a tempo pieno a fare grazie ai
sul fatto che il paradiso non è un bene da ricercare per fedeli. Ma contemporaneamente vale anche il detto:
sé: ci si va perché è meglio evitare le terribili pene “Aiutati, che Dio ti aiuta!”.
dell’inferno. 3. La suspense impedisce di porsi due domande: a)
6. Il Dio del frate è vicino al Deus tremendae maje- che cosa faceva il secondo cavaliere fuori di casa a
statis, che è giudice implacabile, di Tommaso da Ce- mezzanotte? Le persone per bene a quell’ora sono con
lano piuttosto che all’Altissimu, onnipotente, bon Si- la moglie ed i figli...; e b) doveva avere una vista par-
gnore di Francesco d’Assisi, che crea e che governa ticolarmente acuta, se riusciva a vedere di notte, anzi
con amore le sue creature. di mezzanotte... Qui il frate dimostra tutta la sua abili-
---I☺I--- tà nel plasmare secondo i suoi scopi il mondo imma-
ginario dell’ascoltatore.
Il cavaliere che rinnegò Dio 4. La predica può essere confrontata con la novella
Federigo degli Alberighi del Decameron (V, 9). An-
Riassunto. Un cavaliere sperpera il suo patrimonio in che Federigo sperpera la sua ricchezza in tornei,
tornei e in molte spese inutili. Poiché non poteva pranzi e cene, per corteggiare, ma senza successo,
comparire davanti agli altri cavalieri, diventa triste e madonna Giovanna. Ritorna ricco non per merito suo,
disperato. Un suo fattore gli dice che poteva ritornare ma per un caso fortunato: i fratelli costringono la
nuovamente ricco, se l’avesse ascoltato. Una notte lo donna a risposarsi e lei sceglie Federigo, colpita dalla
conduce in una selva oscura. Qui invoca il demonio, sua generosità.
che compare. Il demonio si dice disposto a restituirgli 5. Per i più coraggiosi della letteratura un compito
le ricchezze, se avesse rinnegato Dio. Il cavaliere si difficile, confrontare con le prediche di Passavanti
rifiuta, ma alla fine cede. Il demonio quindi chiede autori che compariranno soltanto secoli dopo: gli
che rinneghi anche la Madre di Dio. A questo punto il scrittori statunitensi di fanta-horror Edgar Allan Poe
cavaliere, aiutato dalla Vergine Maria, si rifiuta e (Boston, 1809-Baltimora, 1849), Howard Phillips
fugge. Pentitosi del peccato commesso, entra in chie- Lovecraft (Providence, 1890-Providence, 1937), Ste-
sa, dove era una statua della Vergine Maria con il fi- phen King (Portland, 1947-). L’Europa ha sfornato
glio in braccio, e chiede perdono per il suo peccato. soltanto Frankenstein o il moderno Prometeo (1818,
Contemporaneamente un altro cavaliere, che aveva 1931) della britannica Mary Shelley (Londra, 1797-
comperato le ricchezze del primo, entra in chiesa e si Londra, 1851) e Dracula (1897) dell’irlandese Bram
mette dietro una colonna ad ascoltare. La Vergine (Abraham) Stoker (Clontarf, 1847-Londra, 1912). Uf-
Maria si rivolge al figlio e lo prega di perdonarlo. Il ficialmente il genere horror nasce con i racconti del
figlio però si rifiuta. Allora la Vergine mette il figlio terrore e dell’incubo di Poe.
sull’altare e si inginocchia davanti a lui. Alla fine il ------------------------------I☺I-----------------------------
figlio cede alle preghiere della Madre e perdona il ca-
valiere, che esce contento di chiesa. L’altro cavaliere
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 85
I Fioretti di san Francesco la retorica e sa piegarla abilmente per catturare le
simpatie del suo pubblico: il fioretto ha una struttura
simmetrica, consistente in cinque definizioni negati-
I Fioretti di san Francesco sono un’anonima tradu- ve, che suscitano la curiosità di frate Leone e, con il
zione degli Actus beati Francisci et sociorum ejus, frate, degli ascoltatori; seguono tre definizioni che si
che appare verso la fine del Trecento. Il traduttore è capiscono subito perché costituite da tre esempi con-
un abile letterato, che riesce a tradurre in un toscano creti, disposti in crescendo; alla fine, e soltanto alla
semplice ed efficace lo spirito di Francesco e dei suoi fine, c’è una definizione teorica generale, che non
primi compagni. perde mai di vista la concretezza e che si inserisce in
---I☺I--- un contesto più ampio e più significativo, quello del
rapporto dell’uomo con Dio.
Della perfetta letizia 3. Le cinque definizioni negative hanno lo scopo di
stimolare la curiosità di frate Leone e contemporane-
Riassunto. San Francesco e frate Leone stanno an- amente dell’ascoltatore. L’ascoltatore, se non capisce
dando verso Santa Maria degli Angeli, quando san da solo, si trova davanti alla reazione di frate Leone,
Francesco dice: “Se i frati minori dessero esempio di deve soltanto imitarla, ed esprimere la sua curiosità.
santità, ebbene non è ivi la perfetta letizia”. Poco do- Le tre definizioni positive, che si contrappongono a
po il santo riprende: “Se il frate minore facesse mira- quelle negative, riescono così a colpire meglio l’im-
coli, ebbene non è ivi la perfetta letizia”. Poco dopo il maginazione, l’intelligenza e la memoria dell’ascol-
santo riprende ancora: “Se il frate minore sapesse tut- tatore. Lo scrittore non avrebbe colpito in maniera
te le lingue e tutte le scienze, ebbene non è ivi la per- così efficace, se avesse dato subito la definizione teo-
fetta letizia”. Poco dopo il santo riprende ancora: “Se rica di perfetta letizia, anzi si sarebbe perso in una de-
il frate minore convertisse tutti gli infedeli, ebbene finizione astratta, senza collegamenti con la vita rea-
non è ivi la perfetta letizia”. le, una definizione perciò incomprensibile e indigesta
A questo punto, incuriosito, frate Leone chiede al per l’ascoltatore. Per lo stesso motivo ricorre agli e-
santo in che cosa consista allora la perfetta letizia. sempi sia nelle definizioni negative sia in quelle posi-
Il santo risponde: “Quando noi arriviamo a Santa Ma- tive.
ria degli Angeli tutti bagnati e infreddoliti, se il frate 4. La perfetta letizia, di cui parla lo scrittore, è la
guardiano, non riconoscendoci, ci caccerà, ebbene ivi forma di felicità più completa di cui si possa godere
è perfetta letizia. Se noi insisteremo ed egli ci caccerà qui sulla terra. Essa è ben diversa della felicità ultima
in malo modo e noi sopporteremo tutto ciò paziente- che si raggiunge in cielo e che consiste nella visione
mente e con gioia, ebbene ivi è perfetta letizia. Se noi di Dio. Lo scrittore sa che questa felicità – la visione
insisteremo ancora, ed egli ci bastonerà, e noi soppor- mistica di Dio come è immaginata ad esempio da
teremo tutto ciò pazientemente e con gioia, pensando Dante (Pd XXXIII, 67-145) – è lontana e per i suoi
alle sofferenze di Cristo, ebbene ivi è perfetta letizia. ascoltatori incomprensibile. Perciò, pieno di buon
Insomma, perfetta letizia è vincere se stessi e per a- senso, delinea una felicità che è terrena, che è facil-
more di Cristo sopportare volentieri pene, ingiurie, mente, anzi quotidianamente raggiungibile, che dà un
obbrobri e disagi. Noi non ci possiamo gloriare di tut- senso alle sofferenze, alle malattie e alle offese rice-
ti gli altri doni di Dio, perché provengono da Lui, non vute. Insomma Francesco si apre all’altro mondo, ma
da noi. Ma delle sofferenze noi ci possiamo gloriare, senza nessuna fretta teologica. E con fraterno buon
perché sono nostre”. senso indica il modo per affrontare positivamente i
dolori e le sofferenze della vita quotidiana, senza che
Commento essi ci travolgano. E senza trasformare la propria vita
1. Ci sono cinque definizioni negative di ciò che non terrena in un inferno di odii, di invidie, di rancori, di
è la perfetta letizia; poi c’è la reazione di frate Leone, frustrazioni e di insoddisfazioni.
che, finalmente incuriosito, chiede una definizione 5. Francesco d’Assisi e, sulle sue orme, l’ordine fran-
positiva di perfetta letizia. Segue la risposta: “Se noi cescano rifiuta i valori della società del tempo, incen-
fossimo respinti, se noi fossimo offesi, se noi fossimo trati sul benessere, sul potere e sulla ricchezza. Ma
picchiati dal frate guardiano, questa è perfetta leti- contemporaneamente riesce a dare un senso e una
zia”. E la conclusione finale: “La perfetta letizia con- giustificazione agli aspetti negativi e più penosi, che
siste nel piegare la nostra volontà e la nostra superbia caratterizzavano costantemente la vita quotidiana
alla volontà di Dio, e per amore di Lui sopportare do- dell’ascoltatore.
lori, offese e disagi”. La perfetta letizia perciò consi- 6. Il Duecento e il Trecento (ma anche quelli succes-
ste nell’imitazione di Cristo e della sua passione: co- sivi) sono secoli impregnati di cultura religiosa per-
me Egli ha sofferto sulla croce per la nostra salvezza, ché gli scrittori sono religiosi o perché parlano di ar-
così noi accettiamo le sofferenze della vita per amore gomenti religiosi. Tale cultura è il frutto di una accu-
verso di Lui e per amore verso il prossimo. ratissima assimilazione della retorica antica. A sua
2. Il fioretto è semplice, facile, lineare, essenziale. volta essa sarà assimilata o semplicemente imitata
Sotto l’apparente semplicità e ingenuità, rivela però dalla cultura laica del Trecento e del Quattrocento.
la mano di un grande letterato, che conosce l’arte del- L’assimilazione avviene senza traumi perché molti
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 86
ecclesiastici sono letterati e molti letterati hanno pre- 11. La proposta, espressa nel fioretto, di accettare tut-
so i voti minori, per poter godere di prebende, in to ciò che proviene da Dio si trova già nel Cantico di
cambio di una sottomissione formale alla Chiesa. Per Frate Sole o Laudes creaturarum di Francesco
il Trecento l’esempio più tipico è F. Petrarca (1304- d’Assisi (1182-1226) e nella laude O Segnor, per cor-
1374), che passava per la parrocchia di Santa Giusti- tesia di Jacopone da Todi (1236ca.-1306). Francesco
na (Padova) soltanto per incassare le sue spettanze. invita ad accettare da Dio “infirmitate et tribulatio-
7. Il ricorso ad esempi facili e immediati caratterizza ne”. Jacopone si augura ogni male perché ha corri-
la retorica religiosa sia del volgarizzatore dei Fioretti sposto con ingratitudine all’amore che Dio gli ha ri-
sia di Passavanti. Ambedue gli autori avevano lo stes- volto: “O Signore non è una punizione adeguata Tut-
so pubblico popolare. Eppure la semplicità e l’imme- ta la sofferenza che io mi sono augurato, Perché tu mi
diatezza sono soltanto apparenti: alle spalle esse han- creasti per tuo amore, Ed io ti ho ucciso per ingratitu-
no una lunga tradizione culturale, costantemente ar- dine”.
ricchita e messa alla prova dei fatti, che rivela espe- 12. Il Fioretto riesce a tradurre tutti i discorsi fatti sul
rienza, capacità di persuadere, conoscenza dell’animo male e sul dolore dalla filosofia antica e cristiana in
umano e dei suoi meccanismi. Le tecniche della per- una semplice e chiara ricetta, facile da applicarsi ogni
suasione o i persuasori occulti esistevano già nel giorno: sopportare in silenzio, pensando alle soffe-
mondo antico e nel Medio Evo: ai nostri giorni sono renze di Cristo sulla croce, ritenere che la sofferenza
stati soltanto riscoperti e banalizzati da studiosi im- ci accomuni a Cristo e che sia uno speciale segno di
provvisati e da pubblicitari privi di cultura e senza distinzione riservato da Dio per noi. Nel mondo anti-
fantasia. co gli epicurei (sec. III-II a.C.) avevano elaborato il
8. Il fioretto costituisce anche uno straordinario e- tetrafarmaco (le quattro medicine): a) gli dei non si
sempio di come si possa insegnare coinvolgendo e occupano degli uomini e passano il tempo in cielo a
interessando l’ascoltatore. Ma costituisce anche uno banchettare; b) un male intenso è di breve durata; c)
splendido esempio di farmacopea: la logoterapia. Il un male lungo è facilmente sopportabile; d) la felicità
mondo antico è costretto a sviluppare quel sistema di è facile da raggiungere. Gli stoici (sec. III-II a.C.) a-
lenimento del dolore costituito dalle parole di confor- vevano parlato di indifferenza, di imperturbabilità e
to, dalle parole incoraggianti, dalle parole che mini- di insensibilità come tecniche efficaci per combattere
mizzano il male e richiamano i pensieri al bene. In il male. Da parte sua Agostino d’Ippona (354-430)
attesa della morte a cui era stato condannato, Anicio aveva sostenuto che il male era pura assenza di bene,
Manlio Severino Boezio (481ca.-526) scrive il De era semplice non essere. Ciò non lo rendeva però più
consolatione philosophiae. piacevole.
9. I Fioretti si rivolgono al popolo, parlano con la 13. Dopo Francesco d’Assisi la figura più importante
semplicità che il popolo capisce e offrono al popolo dell’ordine è sant’Antonio da Padova (1195-1231),
la visione dell’al di qua e dell’al di là che il popolo ma nato a Lisbona. La Chiesa li ha proclamati santi.
capisce. Non c’è niente del titanico e del sublime Grazie alla costruzione della basilica del Santo Pado-
mondo terreno e ultraterreno tratteggiato da Dante va (1233-1310) diventa un centro economico di pri-
nella Divina commedia. L’al di là non è nemmeno maria importanza. Oltre alla basilica ci sono altre
accennato. La visione mistica di Dio è impensabile. chiese significative: il duomo (ricostruito nel 1522-
Tutti gli Itineraria mentis in Deum escogitati dai mi- 82), la basilica di santa Giustina (ricostruita nel 1501-
stici medioevali sono completamente assenti. C’è in- 1506), la cappella degli Scrovegni (1303-05), affre-
vece una semplice, chiara e utile fede in Dio, con la scata da Giotto, la chiesa degli Eremitani, la chiesa di
quale l’uomo comune rende più tollerabile la sua esi- santa Maria dei Servi, la chiesa della Madonna del
stenza quotidiana, immersa nei dolori, nelle sofferen- Carmine, la chiesa di Ognisanti, la chiesa di santa So-
ze e nella carenza di tutto. fia e altre chiese minori. I palazzi laici di Padova me-
10. La lingua italiana è forgiata senz’altro da Dante e dioevale sono pochi: il Palazzo della Ragione (1218,
molti secoli dopo anche da Manzoni, ma non si devo- 1306) con la piazza delle Erbe e della Frutta e la torre
no dimenticare tutti i frati che portavano l’insegna- con l’orologio “Dondi” (1344). Il palazzo comunale,
mento della Chiesa e un po’ di cultura con le loro il Caffè “Pedrocchi”, il palazzo dell’università o del
prediche semplici e coinvolgenti, declamate con voce Bo sono costruiti secoli dopo, per lo più nell’Otto-
chiara e scritte in un italiano facile da comprendere. cento. In altre parole fino a metà Ottocento l’econo-
Questo italiano per il popolo era inevitabilmente e mia girava intorno alla Chiesa e alle chiese.
fortunatamente forgiato sul latino, la lingua ufficiale ------------------------------I☺I-----------------------------
della Chiesa. Il latino ecclesiastico era vicino al latino
di Giulio Cesare, non al latino retorico e letterario (o
avvocatesco) di Cicerone. Manzoni aveva sempre gli
umili (o i popolani) in testa, ma certamente non li
amava: costruisce un italiano moderno che è un ita-
liano letterario, ciceroniano, non un italiano che serva
alla vita quotidiana e alla comunicazione.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 87


Giovanni Boccaccio (1313-1375) in prima persona la sua storia; il Ninfale fiesolano
(1344-46), un poemetto che spiega l’origine dei due
fiumi Africo e Mensola; il Decameron (1349-51), una
La vita. Giovanni Boccaccio nasce a Certaldo nel raccolta di 100 novelle; il Corbaccio (1354-55 o
1313. Nel 1327 segue a Napoli il padre, che lavora 1365-66), una durissima invettiva contro le donne; il
alle dipendenze della Compagnia dei Bardi. Qui con- Trattatello in lode di Dante (1357), una biografia e-
tro la volontà paterna trascura la pratica della merca- logiativa di Dante, a cui si aggiunge il commento dei
tura e si dedica allo studio del diritto canonico. Fre- primi 17 canti dell’Inferno.
quenta lo Studio napoletano, dove tra il 1330 e il
1331 insegna Cino da Pistoia, il poeta amico di Dan- La poetica. L’opera di Boccaccio si inserisce nel con-
te. Le opere di questo periodo sovrappongono temi testo politico, culturale ed economico di metà Trecen-
classici a motivi cortesi. Cerca di inserirsi, ma senza to: la borghesia finanziaria e commerciale italiana ed
successo, tra la nobiltà della corte angioina. Resta a europea vede arrestarsi quello sviluppo economico
Napoli fino al 1341, quando il fallimento della Com- iniziato dopo il Mille; le epidemie sfociano nella pe-
pagnia lo costringe a ritornare a Firenze. Qui svolge ste nera del 1348-51; la cultura e la politica conosco-
qualche incarico diplomatico per la città. I tentativi di no una involuzione e ritornano a posizioni conserva-
trovare una sistemazione economica prima a Ravenna trici. Boccaccio si forma alla corte angioina – una
(1345-46), poi a Forlì (1347), infine a Napoli (1348), corte legata a valori tradizionali, costantemente in po-
dove vorrebbe ritornare, falliscono. Nel 1349-51 scri- lemica con la Chiesa – e fa suoi gli ideali nobiliari,
ve il Decameron, la sua opera maggiore. Nel 1350 che poi propone nelle sue opere. Egli si schiera reci-
conosce Petrarca, che gli fa visita, mentre sta andan- samente con la nobiltà e con la monarchia angioina,
do a Roma. Tra i due scrittori sorge una viva amici- che esprimono valori economici e sociali arretrati;
zia. Sotto il suo influsso Boccaccio inizia a studiare le non si schiera con la borghesia fiorentina, di cui egli
opere classiche, e diventa un punto di riferimento per fa pure parte, con i suoi valori di intraprendenza e di
tutti quegli intellettuali che in quegli anni si orientano rinnovamento. Nello stesso tempo inizia studi lettera-
verso interessi di carattere filologico-erudito. Porta ri, che soddisfano i suoi interessi intellettuali ma che
alla luce gli Annali di Tacito, le Metamorfosi di Apu- lo fanno rimanere in condizioni economiche sempre
leio e diversi codici di Cicerone e di Varrone. Pro- precarie. Nelle sue opere, in particolare nel Decame-
muove l’introduzione dello studio della lingua greca ron, emergono alcuni motivi precisi:
nell’università di Firenze. Negli ultimi 10 anni di vita a) lo studio ed il recupero del mondo classico, che
lo scrittore assume atteggiamenti moralistici ed ha fanno dell’autore un anticipatore dell’Umanesimo
scrupoli religiosi, che lo spingono a condannare il quattrocentesco;
Decameron. Le opere di questo periodo mostrano una b) il proposito di costruire una prosa volgare model-
profonda evoluzione nell’autore: si ritira nei suoi stu- lata sul latino classico;
di eruditi e preferisce l’uso del latino al volgare. Que- c) la produzione di una letteratura che propone valori
sto nuovo atteggiamento fa di Boccaccio un anticipa- nobiliari, come la cortesia, la liberalità, la prodezza, e
tore dell’Umanesimo quattrocentesco. Nel 1363 Pe- che ha nella nobiltà il suo pubblico privilegiato;
trarca lo fa uscire da una crisi religiosa provocata da d) il rifiuto di qualsiasi valutazione morale della real-
un frate che gli aveva preannunziato la dannazione tà e del comportamento degli individui.
eterna per le sue opere licenziose. Negli ultimi anni
svolge ancora qualche incarico per il comune di Fi- Boccaccio abbandona quindi l’idea dantesca di una
renze; e cerca ancora, sempre inutilmente, di ritornare letteratura impegnata sul piano politico e religioso, e
a Napoli. Per risolvere le sue difficoltà economiche la sostituisce con quella di una letteratura d’intratte-
prende gli ordini minori. Nel 1373 per il comune ini- nimento e che celebra i valori tradizionali della nobil-
zia la lettura ed il commento della Commedia dante- tà. I temi dominanti quindi non sono più il rapporto
sca, che porta avanti per circa due mesi. Muore nel tra uomo e Dio, la salvezza dell’anima, e una visione
1375. trascendente dell’uomo. Sono invece quelli relativi al
variegato mondo terreno e a quanto vi succede: i per-
Le opere. Boccaccio scrive il Filocolo (1336-39), che sonaggi sono uomini e donne di tutte le classi sociali,
rielabora la leggenda di Florio e di Biancofiore, due presentati realisticamente come sono, mentre cercano
giovani che dopo varie peripezie coronano il loro so- di soddisfare i loro desideri naturali o sociali e mentre
gno d’amore; il Filostrato (1336), ambientato durante vivono i loro valori di classe. L’autore scopre la vita
la guerra di Troia, che narra l’infelice storia di Troilo, terrena nella sua autonomia, e tale vita ai suoi occhi
innamorato di Criseida; il Teseida (1339-40), che rac- risulta completamente separata da ogni tensione ultra-
conta la guerra di Teseo contro le amazzoni, conclu- terrena. Egli racconta la vita terrena e la variegata
sasi con il matrimonio con Ippolita, la loro regina; la umanità che presenta: i nobili, verso cui vanno co-
Commedia delle Ninfe o Ameto (1341-42), un diario stantemente le sue simpatie, il clero, criticato non per
spirituale costruito sul modello della Vita nova di i suoi comportamenti immorali ma come concorrente
Dante; l’Amorosa visione, che cerca di imitare la Di- della nobiltà, il popolo, ignorante ed assetato di mira-
vina commedia; l’Elegia di madonna Fiammetta coli. Oltre alle classi sociali, che già caratterizzano gli
(1343-44), un romanzo in cui la protagonista racconta
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 88
individui, ci sono gli individui nella loro concreta re- Nell’Introduzione alla quarta giornata lo scrittore
altà: quello che si è formato a contatto con l’espe- giustifica la sua opera e il suo amore per le donne. Si
rienza e quello che si è formato a contatto con i libri, dimentica però di dire che con le donne gli andava
lo stupido e l’intelligente, il paziente e l’irascibile, il sempre male e che persino una vedova lo ha respinto.
giovane ed il vecchio, le donne, verso le quali vanno
costantemente ed inevitabilmente i desideri maschili. Ser Ciappelletto, I, 1
L’ideologia filonobiliare dell’autore si stempera
quindi nell’attenzione disincantata che egli dimostra Riassunto. Musciatto Franzesi, un ricchissimo mer-
verso la realtà. In sintonia con la scoperta della realtà, cante, deve lasciare la Francia e ritornare in Toscana
il linguaggio diventa linguaggio realistico, capace di per desiderio di papa Bonifacio VIII. Prima della par-
individuare e presentare la realtà del mondo terreno. tenza pensa perciò di sistemare i suoi affari. A tutti
---I☺I--- trova una persona a cui affidarli, tranne che per uno:
la riscossione di crediti fatti a dei borgognoni, gente
Il Decameron. Boccaccio scrive il Decameron nel litigiosa e sleale. Alla fine si ricorda di ser Ciappellet-
1349-51, quando a Firenze infuria la peste. Egli im- to, un uomo che poteva essere all’altezza della mal-
magina che dieci giovani (3 uomini e 7 donne) si riti- vagità dei debitori. Lo fa venire e prende accordi con
rino in una villa fuori della città e si raccontino 10 lui. Ser Ciappelletto era da Prato e faceva il notaio. Si
novelle ogni giorno per 10 giorni. Le novelle quindi preoccupava con la massima cura di fare atti notarili
sono cento. Ogni giorno è eletto un re o una regina, falsi e di farli scoprire. Se richiesto, faceva giura-
che stabilisce l’argomento delle novelle. L’ultima no- menti falsi. Si applicava per far sorgere inimicizie tra
vella di ogni giornata è di argomento libero; sono pu- parenti ed amici. Partecipava volentieri ad omicidi, e
re di argomento libero le novelle della prima e della senza chieder compensi. Bestemmiava Iddio e i santi
nona giornata. Le novelle sono collegate fra loro dalla per qualsiasi motivo e non andava mai in Chiesa, pre-
cornice costituita dai 10 giorni durante i quali i gio- ferendo le osterie e gli altri luoghi disonesti. Amava
vani si intrattengono piacevolmente per sfuggire e per le donne come i cani amano il bastone. Avrebbe ruba-
dimenticare la peste, per vivere nobilmente nonostan- to con quella coscienza con cui un santo avrebbe fatto
te la presenza della peste. Gli argomenti delle novelle le elemosine. Era golosissimo, grande bevitore ed an-
sono vari: la beffa, la battuta di spirito, l’intelligenza, che baro. Insomma era il peggiore individuo che mai
l’avventura, l’amore a lieto fine, l’amore tragico, fosse al mondo. Egli va in Borgogna, ospite di due
l’astuzia ecc. Il pubblico a cui lo scrittore si rivolge è usurai fiorentini. Qui incomincia a riscuotere i crediti
quello borghese di Firenze, ma idealmente è un pub- con le buone maniere, quasi si riservasse in seguito il
blico nobile, che è profondamente legato ai valori no- ricorso alle cattive. All’improvviso però si ammala. A
biliari del passato e allo stile di vita praticato alla cor- nulla valgono gli interventi dei medici fatti venire dai
te. Lo scrittore è di estrazione borghese; tuttavia fa due fratelli, perché ormai è vecchio ed ha il fisico mi-
interamente sua l’ideologia nobiliare e abbraccia nato da una vita dissoluta. I due usurai perciò si pre-
senza incertezze questa classe sociale. Egli usa un occupano: non possono allontanarlo di casa dopo a-
linguaggio concreto e realistico, e pone le basi per la verlo fatto curare con sollecitudine, perché i borgo-
prosa italiana. Oltre all’ideologia nobiliare nell’opera gnoni li avrebbero biasimati. Tuttavia, se restava, era
compaiono anche un grande amore per le donne e la vissuto così malvagiamente che non si sarebbe voluto
polemica contro i costumi corrotti del clero. Per il re- confessare; e, anche se si fosse confessato, per i suoi
sto l’autore non dà mai alcuna valutazione morale, né gravissimi peccati nessuno l’avrebbe assolto. Così sa-
positiva né negativa, dei suoi personaggi. Ser Ciap- rebbe stato sepolto in terra sconsacrata. I borgognoni
pelletto, l’uomo più malvagio che forse è mai esistito, li avrebbero accusati di ospitare gente non di chiesa e
è apprezzato perché in uno scontro d’intelligenza vin- ne avrebbero approfittato per derubarli e forse anche
ce un santo ma poco intelligente frate (la novella è la per ucciderli. Ser Ciappelletto sente i loro discorsi e li
prima che si incontra, perciò deve dare la chiave di fa venire, riconoscendo che sarebbe successo come
lettura dell’intera opera). Frate Cipolla è apprezzato essi avevano immaginato. Egli però ha fatto tante in-
perché riesce a parare una beffa che poteva conclu- giurie a Dio che fargliene ora una in punto di morte
dersi con suo danno ed anzi la rovescia a suo vantag- non avrebbe fatto differenza. Li prega perciò di far
gio; contemporaneamente sono derisi i certaldesi cre- venire il frate più santo e valente che potevano, ed e-
duloni. gli avrebbe sistemato le cose con reciproca soddisfa-
zione. Viene un vecchio frate, di santa e buona vita,
Boccaccio scrive alcune novelle erotiche, che merita- maestro nelle Scritture, venerato in tutta la regione. Il
no uno spazio a sé. Vale la pena di leggerle, almeno frate, appena giunto, consola ser Ciappelletto, quindi
in riassunto, e meditarle: gli chiede se vuole essere confessato. Ser Ciappelletto
risponde affermativamente. Il frate allora gli chiede
http://www.letteratura-
da quanto non si confessa. Il notaio, che non si era
italiana.com/pdf/letteratura%20italiana/19%20Boccaccio%20erotico.pdf
mai confessato in vita, risponde che ha l’abitudine di
confessarsi una volta alla settimana, ma che a causa
della malattia non si confessava da otto giorni. Però
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 89
ogni volta che si confessa ha l’abitudine di confessare cui era sempre vissuto. Ma, avendo risolto il loro
tutti i peccati che ha commesso fin da piccolo. Il fra- problema, non si curano di altro. Ser Ciappelletto di lì
te, contento della risposta, incomincia a confessarlo, a poco si comunica, riceve l’estrema unzione e muo-
partendo dai peccati meno gravi e proseguendo con re. Il giorno dopo il frate confessore viene in proces-
quelli più gravi. Chiede perciò se ha commesso pec- sione con tutti i frati del convento a prendere il corpo
cati di lussuria. Ser Ciappelletto si può veramente del morto per portarlo in chiesa, seguiti da quasi tutto
vantare, perché è vergine come quando è uscito dal il popolo. E, salito sul pulpito, racconta la confessio-
grembo materno. Il frate si entusiasma della risposta e ne del moribondo, parla dei suoi digiuni, della sua pu-
lo elogia; quindi chiede se ha commesso peccati di rezza, della sua santità, e sottolinea il timore di non
gola. Ser Ciappelletto risponde che è solito digiunare venire perdonato da Dio per il suo peccato più grave,
tre giorni alla settimana, oltre i digiuni comandati, ma l’offesa alla mamma. Quindi rimprovera la folla che
che alcune volte, dopo un digiuno, ha mangiato con per un niente bestemmia Iddio e tutta la Corte del pa-
troppo gusto certe insalatuzze. Il frate è contento del- radiso. Dopo la cerimonia funebre i presenti fanno
la risposta; quindi chiede se ha peccato in avarizia. calca per baciare le mani ed i piedi al morto, e gli
Ser Ciappelletto gli risponde che ha diviso con i po- strappano le vesti di dosso per farne reliquie. Prima di
veri la ricca eredità paterna, che gli affari, grazie a notte il corpo di ser Ciappelletto è sepolto in un’arca
Dio, gli sono sempre andati bene e che ha sempre di- di marmo. Il giorno dopo la gente comincia ad andare
viso con i poveri i suoi guadagni di mercante. Il frate ad adorarlo e a votarsi a lui. Ser Ciappelletto, ormai
lo elogia ancora; quindi gli chiede se si è adirato. Ser da tutti considerato santo, incomincia a fare miracoli.
Ciappelletto gli risponde di sì, e molto spesso anche, Forse – commenta il narratore – egli si è pentito
contro gli uomini che tutto il giorno fanno cose scon- all’ultimo istante e quindi è andato in paradiso. O for-
ce, non osservano i comandamenti di Dio e seguono se, molto più probabilmente, è morto com’era vissuto
le vanità del mondo. Il frate gli risponde invece che ed è finito all’inferno. E tuttavia non ci dobbiamo
questa è buona ira; quindi gli chiede se ha offeso, in- meravigliare se Dio fa miracoli anche se ci si rivolge
giuriato o ucciso qualcuno. Ser Ciappelletto protesta ad un suo avversario, perché guarda la sincerità di chi
vivamente: come può porgli una tale domanda? se prega, non a chi la preghiera è rivolta.
avesse fatto così, poteva pensare che Iddio l’avrebbe
aiutato? Quindi il frate gli chiede se ha testimoniato il Riassunto minore. Musciatto Franzesi, un ricco mer-
falso o se ha sparlato di qualcuno. Ser Ciappelletto cante, deve lasciare la Francia e tornare in Italia. Af-
riconosce d’averlo fatto: ha riferito ai parenti che un fida il compito di recuperare i crediti che ha con i
suo vicino batteva la moglie. Il frate gli chiede quindi borgognoni a ser Ciappelletto, un individuo che pote-
se, come mercante, ha imbrogliato. Ancora una volta va stare alla pari con la malvagità dei debitori. Ser
l’ammalato risponde affermativamente: per sbaglio Ciappelletto è il peggiore individuo che mai fosse e-
ha trattenuto alcuni spiccioli e, poiché non ha potuto sistito: era notaio e faceva documenti falsi, amava
restituirli, li ha dati in elemosina ai poveri. Ser Ciap- provocare discordie, partecipava volentieri ad omici-
pelletto quindi si accusa di aver sputato in chiesa. Il di, era goloso, baro e omosessuale. In Borgogna è o-
frate lo scusa: essi, che sono religiosi, lo fanno tutto il spite di due usurai fiorentini. Qui all’improvviso si
giorno. Ser Ciappelletto allora rimprovera il frate: ammala. I due usurai temono di avere guai dai borgo-
non ci si deve comportare così nel tempio in cui si gnoni, se l’ospite muore in casa loro. Ser Ciappelletto
rende il sacrificio a Dio. Poi si mette a sospirare. Il li rassicura: devono fare venire il frate più santo della
frate chiede che cos’ha. Ser Ciappelletto continua a regione, ed al resto pensa lui. Il frate giunge ed inco-
sospirare. Il frate insiste. Egli infine cede alle insi- mincia la confessione. Il moribondo dà risposte false
stenze. Ha un peccato che non ha mai confessato: ha alle domande del frate e descrive la propria vita come
bestemmiato contro sua madre quand’era piccolino. Il quella di un santo: non ha mai avvicinato le donne,
frate gli risponde che non è un gran peccato: gli uo- digiuna almeno tre volte la settimana, divide i suoi
mini bestemmiano Iddio tutto il giorno, ma Egli per- guadagni con i poveri. Il frate crede a tutto ciò che il
dona sempre volentieri; e, anche se fosse uno di quel- moribondo dice, tanto che dopo l’assoluzione gli
li che l’avessero crocifisso, Egli lo avrebbe perdona- chiede se vuole essere sepolto nel loro convento. Ser
to. Non restando nient’altro da confessare, il santo Ciappelletto accetta. Durante la cerimonia funebre il
frate gli dà l’assoluzione, convinto di trovarsi davanti frate tesse l’elogio di ser Ciappelletto, che nell’opi-
ad un santo; quindi gli augura di guarire. Gli chiede nione di tutti diventa un santo e incomincia a fare mi-
però, qualora Iddio lo chiamasse a Lui, se vuole esse- racoli.
re sepolto nel convento. Ser Ciappelletto risponde af-
fermativamente. I due fratelli, temendo che l’ospite li Riassunto minimo. Ser Ciappelletto è forse l’uomo
ingannasse, si erano posti in una stanza vicina ad ori- più malvagio che sia mai vissuto. Con una falsa con-
gliare. Essi non sapevano quasi trattenere le risate, fessione inganna un pio frate, e muore in fama di
sentendo la confessione, ed esprimono ammirazione santità. Dopo la morte incomincia a fare miracoli.
verso il moribondo, che né la vecchiaia né la malattia
né la paura della morte né l’imminente giudizio di
Dio erano riusciti a distoglierlo dalla malvagità con
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 90
Commento fargli cambiare gli ultimi istanti di vita e a fargli rin-
1. Il tema della novella è tipicamente medioevale, ma negare la vita passata. Fare denaro non lo interessa,
la conclusione è rovesciata: grazie a una confessione poiché è troppo e radicalmente preso da questo ideale
blasfema il protagonista con la sua intelligenza laica e di malvagità: dona atti notarili falsi e partecipa gratui-
terrena inganna il frate credulone, toglie dagli impicci tamente ad omicidi. In fin di vita egli gioca la sua
i due usurai che lo ospitano e si fa seppellire in chie- beffa suprema: non più agli uomini, ma a Dio stesso,
sa. Non si prende gioco però soltanto del frate, ma attraverso il suo intermediario, il frate credulone. Tra
attraverso il frate sembra che voglia prendersi gioco ser Ciappelletto ed il ministro di Dio non c’è però
anche di Dio, di cui il frate è modesto ministro. La possibilità di confronto, perché è troppo grande la lo-
scelta dell’argomento e la conclusione della prima ro distanza intellettuale e l’uso che essi fanno delle
novella forniscono probabilmente la chiave di lettura loro capacità intellettuali: il notaio si è formato a con-
per l’intero Decameron: elogio della nobiltà mercan- tatto con l’esperienza e la vita; il frate si è formato a
tile produttrice di ricchezza, elogio dell’intelligenza contatto con i libri, che ha capito poco e che si diletta
laica, per quanto proveniente da un losco individuo, a citare a memoria. Perciò ser Ciappelletto può rim-
critica durissima al clero e al popolo superstiziosi, proverare a più riprese il frate per questa superficiale
amoralità sia religiosa sia politica per quanto riguarda religiosità.
il giudizio sulle azioni e sui comportamenti dei per- 5. Il frate crede a tutto ciò che il moribondo dice, par-
sonaggi. Manca soltanto il tema dell’amore e del ses- tendo dal presupposto che in punto di morte nessuno
so, che tuttavia appaiono marginalmente (il protago- può avere il coraggio di mentire. Ma, oltre a ciò, il
nista è omosessuale). L’autore non mette più l’altro frate vuole credere a quello che gli si dice, e il notaio
mondo e la condanna dantesca dei peccati al centro gli dice proprio ciò che il religioso vuole sentirsi dire.
dei suoi interessi: non scrive per indicare la via del Egli è intellettualmente cieco: non cerca mai di con-
bene, ma per intrattenere l’allegra brigata aristocrati- trollare se quanto gli dice il moribondo è vero. Eppu-
co-borghese. re poteva farlo, esaminando il viso, l’espressione del
2. I personaggi sono pochi ed essenziali, come in tutte viso e degli occhi, lo stato del corpo, i vestiti ed il
le novelle: a) Musciatto Franzesi è il deus ex ma- profumo usati, le mani, i gesti, il modo di pensare e di
china, che, assolto il suo incarico nell’economia della parlare del moribondo. Egli non lo fa, non lo vuole
novella, scompare; b) ser Ciappelletto, il protagoni- fare, non lo sa fare, perché si fida, è abituato a fidarsi
sta, giganteggia con la sua malvagità fredda e funzio- e a credere a quanto gli è detto. È abituato ad una vita
nale e con la sua grande esperienza di vita; c) il frate quieta e regolare, in cui fa i suoi piccoli interessi: usa
vive superficialmente la sua fede, è credulone e si fa una scaletta con i peccati dai più leggeri ai più gravi;
ingannare, ma pensa anche ai vantaggi materiali del e si preoccupa del prestigio che otterrà il convento se
convento; d) i due usurai sono intelligenti a metà: ve- potrà seppellirvi la salma di un santo. La sua religio-
dono il guaio che sta loro capitando, ma non riescono sità è superficiale e da individuo mediocre: sputa in
a trovare una soluzione; e, quando ser Ciappelletto li chiesa, non vive con intima convinzione le sue scelte
ha tolti dai guai, sono soddisfatti e non ci pensano religiose, non sa affrontare da solo la vita e perciò si
più; e) il popolo di Borgogna, che è credulone, super- appoggia alla forza del convento.
stizioso, facile da ingannare e assetato di miracoli. 6. I due fratelli sono a livelli umani ed intellettuali
3. Musciatto Franzesi è nobile e ricco e vuole recu- ben più bassi rispetto a Musciatto Franzesi e a ser
perare i suoi crediti, prima di ritirarsi dagli affari. E- Ciappelletto: vedono il guaio in cui stanno precipi-
gli conosce molti individui e sa scegliere opportuna- tando, ma non sanno trovarvi rimedio; ascoltano, dif-
mente quello più adatto ad affrontare le circostanze. fidenti, la confessione blasfema del loro ospite, e alla
Egli è onesto, almeno finché può esserlo; quando non fine si sganasciano dalle risate; ma, quando vedono di
può più esserlo, è amorale: usa gente per bene, quan- essere usciti dai guai, non ci pensano più. Invece frate
do può risolvere i suoi affari ricorrendo a gente per Cipolla (VI, 10) si preoccupa di parare la beffa che
bene; usa gente malvagia come ser Ciappelletto, gli è stata giocata; ma contemporaneamente si preoc-
quando non può fare altrimenti. Insomma gli affari cupa anche di piegarla a suo vantaggio. E vi riesce.
sono sacri, e il denaro deve assolutamente ritornare La funzione dei due usurai è quella di sottolineare, in
indietro: se, per ottenere ciò, servono persone oneste, vece del lettore, la grandezza del malvagio, davanti
va bene; ma, se servono persone disoneste, va ugual- alla quale ci si deve sbalordire. A condizione però
mente bene. L’importante è che l’affare abbia il rien- che si sia intelligenti e che la si capisca.
tro economico. I mezzi, onesti o disonesti che siano, 7. Il popolo, qui come nelle altre novelle, è presenta-
sono semplicemente strumentali, ed hanno valore nel- to come credulone, superstizioso, stupido, ignorante
la misura in cui servono a raggiungere lo scopo. ed assetato di miracoli. Oltre a ciò capisce quello che
4. Ser Ciappelletto si dedica a fare il male come altri vuole capire e non crede nemmeno a ciò che vede con
si dedicano a fare il bene, sceglie la trasgressione i suoi occhi. Crede invece a tutto ciò che il frate dice
come altri scelgono l’ordine, la legge. Egli è mo- e si getta irrazionalmente sul corpo di ser Ciappelletto
struosamente malvagio e nello stesso tempo è mo- per strapparne le vesti e farne reliquie. Sembra pro-
struosamente intelligente: nemmeno la paura della prio che voglia farsi ingannare. A più riprese l’autore
morte e dell’imminente giudizio divino riescono a condanna le classi inferiori, che per natura sembrano
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 91
incapaci sia di pensare sia di comportarsi in modo so- lume. Per la paura si rifugia in un casolare. I due si
cialmente decoroso: i servi sembrano individui infe- dirigono proprio in quel luogo e a causa della puzza
riori sia perché si trovano nel gradino più basso della lo scoprono. Egli racconta ciò che gli è capitato. Essi
gerarchia sociale sia perché poco dotati di capacità ridono e gli dicono che è stato fortunato, perché con
dalla natura. In un’altra novella, quella di frate Cipol- la borsa poteva perdere anche la vita. Quindi gli pro-
la, l’autore deride anche i suoi compaesani (VI, 10). pongono un affare: derubare il vescovo sepolto la
8. Boccaccio introduce la novella con la figura di mattina stessa con un anello preziosissimo. Andreuc-
Musciatto Franzesi, perché rappresenta la classe so- cio, consigliato più dal desiderio di recuperare il de-
ciale che egli ammira; quindi fa fare una brevissima naro che dal buon senso, accetta. Strada facendo i due
entrata ed una altrettanto breve uscita ai fratelli usu- ladri lo calano in un pozzo per togliergli la puzza di
rai, per non togliere spazio a ser Ciappelletto, che con dosso. Andreuccio è in fondo al pozzo quando arriva-
la confessione occupa la maggior parte della novella. no due guardie assetate per aver inseguito due malan-
Egli passa quindi al gran finale in cui il frate impreca drini. Alla loro vista i due ladri fuggono. Esse deposi-
contro il popolo peccatore, che ascolta in silenzio, e tano l’armatura e tirano la corda, per far salire il sec-
lo spinge a baciare i piedi del morto e a strappargli i chio. Quando vedono apparire due mani, si spaventa-
vestiti per farne reliquie. Alla fine interviene vivace- no e fuggono. Andreuccio esce dal pozzo e si mera-
mente per bocca del narratore: spiega perché Dio fa viglia di non trovare nessuno. Di lì a poco però ritro-
miracoli anche se noi preghiamo un suo avversario. va i due ladri e insieme ricostruiscono l’accaduto. I
9. Nella novella c’è il piacere di raccontare ed il pia- tre entrano in chiesa e aprono il sepolcro. Nessuno
cere di ascoltare. Chi ascolta appartiene alla classe dei due ladri però vi vuole entrare, non fidandosi
borghese e nobiliare, che ama intrattenersi con questi l’uno dell’altro; perciò costringono Andreuccio a far-
racconti che celebrano l’intelligenza di vecchia data lo. Il giovane, temendo di essere ingannato, prende
(Musciatto Franzesi, nobile e ricco) e l’intelligenza l’anello per sé, quindi porge gli altri paramenti. Non
più recente (i due usurai, ser Ciappelletto). Boccaccio vedendo arrivare l’anello, i due ladri, maliziosi, lo
però non nasconde l’origine delittuosa della ricchez- rinchiudono nel sepolcro. Andreuccio si dispera, per-
za, soprattutto della ricchezza più recente. In questa ché o muore di fame con il cadavere del vescovo o,
celebrazione sono esclusi gli ecclesiastici (il frate e il scoperto, è giustiziato. Ad un certo punto sente un
suo convento), ed il popolo credulone, che hanno po- tramestio in chiesa. Sono altri ladri venuti a derubare
ca o nessuna intelligenza. La novella quindi fornisce il morto. Essi aprono il sepolcro, ma nessuno vuole
uno spaccato realistico della società italiana e delle entrarvi. Allora un prete li rimprovera: i morti non
classi sociali di metà Trecento. hanno mai mangiato nessuno. E sale sul sepolcro.
---I☺I--- Quando entra, Andreuccio finge di afferrarlo per i
piedi. Il prete è preso dallo spavento, lancia un urlo e
Andreuccio da Perugia, II, 5 fugge di chiesa con gli altri ladri. Andreuccio può co-
sì uscire di chiesa e raggiungere la locanda, dove gli
Riassunto. Andreuccio da Perugia è un giovane ine- altri commercianti lo stavano aspettando preoccupati.
sperto, figlio di un sensale di cavalli. Va a Napoli con Qui racconta la sua storia e mostra l’anello. L’oste gli
altri mercanti per fare acquisti. Qui gira il mercato consiglia di abbandonare al più presto la città. An-
mostrando una borsa di 500 fiorini, ma senza compe- dreuccio parte. Ritorna così a Perugia con un anello
rare niente, per non farsi vedere inesperto. Una gio- che vale più dei 500 fiorini perduti, e soprattutto – la-
vane prostituta siciliana lo vede e pensa a come im- scia intendere il narratore – con un’esperienza di vita
possessarsi della borsa. Vede per caso la sua serva che non ha prezzo: una sola notte passata a Napoli è
incontrare il giovane e fargli grande festa. Ella la in- bastata a fargliela avere.
terroga, nascondendo però il motivo del suo interesse.
Scopre che la donna ha servito in casa del giovane. Si Commento
fa perciò raccontare tutto di lui e della sua famiglia. 1. I personaggi sono molto più numerosi di altre no-
Manda quindi una giovane serva che inviti Andreuc- velle: Andreuccio, la prostituta siciliana, la vecchia
cio a casa sua. Quando il giovane giunge, si fa passa- serva, la giovane serva, i vicini della prostituta, i due
re per sua sorella, raccontando una storia verosimile, ladri, i due gendarmi, il prete e i suoi compagni,
basata sulle notizie raccolte. Quindi lo invita a cena e l’oste e i compagni di Andreuccio. Tutti i personaggi
lo intrattiene fino a notte tarda per costringerlo a ri- sono descritti con grande precisione psicologica.
manere. Dopo cena Andreuccio va nella sua stanza e 2. Andreuccio si mette subito nei guai a causa della
si spoglia per andare a dormire. La cena abbondante sua inesperienza, ma un po’ alla volta si sveglia, tanto
lo costringe ad andare ai servizi: due assi appoggiate che la novella ha un lieto fine: ha perso una borsa di
su due travi a mezz’aria sul vicolo. Un’asse però è 500 fiorini, ma ha guadagnato un anello che vale di
schiodata ed egli precipita nel liquame, salvandosi la più e soprattutto ha fatto esperienza. Una notte passa-
vita. Esce dal vicolo e bussa alla porta di casa della ta a Napoli è stata sufficiente a maturarlo. Andreuccio
presunta sorella, ma nessuno gli apre, anzi è intimidi- però è giovane, ma non è stupido: sa imparare dall’e-
to dai vicini di casa ed egli, nudo e sporco, è costretto sperienza. Non capisce che non può avere fatto inna-
ad andarsene. Per strada vede due individui con un morare di sé una giovane sconosciuta; non capisce
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 92
che Fiordaliso è il nome d’arte che la giovane prosti- no mai mangiato nessuno!”. La sua fede in Dio e
tuta si è messa. Non capisce che non deve avere fidu- nell’altro mondo lascia molto a desiderare. Qui, come
cia nei due ladri né accettare la loro proposta di deru- altrove, Boccaccio rivela la sua antipatia verso la
bare il vescovo. Si accorge però, una volta costretto Chiesa e gli ecclesiastici in genere. La vita però si
ad entrare nel sepolcro del vescovo, che deve prende- prende gioco di lui: la corte napoletana lo respinge a
re le sue precauzioni, se non vuole essere ingannato più riprese; ed egli in vecchiaia ha una crisi religiosa
dai due ladri. Ed è quello che fa. La novella sottolinea ed è pure costretto a prendere gli ordini minori per
la sua maturazione psicologica. I cambiamenti sono avere delle entrate.
lenti, perciò sono verosimili e credibili. 6. I mercanti che sono stati compagni di viaggio di
3. La prostituta siciliana è intelligente ed esperta della Andreuccio si dimostrano giustamente preoccupati e
vita, perciò ha subito la meglio sull’inesperto An- passano la notte in bianco, in attesa che ritorni. Ma
dreuccio. Vede la borsa con i 500 fiorini e pensa subi- soltanto l’oste oltre alla preoccupazione ha una im-
to a come impossessarsene. Elabora un piano artico- pennata d’intelligenza, che condensa in pochissime
lato, che richiede a) la ricerca di informazioni su An- parole: consiglia Andreuccio a lasciare immediata-
dreuccio (l’interrogatorio fatto alla serva); b) l’elabo- mente Napoli. I motivi del consiglio sono lasciati im-
razione teorica del piano in funzione delle informa- pliciti sia dall’oste sia dal narratore sia da Boccaccio,
zioni raccolte (“Sono tua sorella, tuo padre e mio è e devono essere scoperti dall’ascoltatore (o dal letto-
venuto a Palermo ed ha amato mia madre...”); c) re), se è intelligente. Essi sono questi: il prete, una
l’investimento economico per l’esecuzione del piano volta passato lo spavento, sarebbe ritornato in chiesa,
(l’acquisto di fiori e di cibo abbondante e costoso per poiché, come aveva detto, i morti non mangiano i vi-
rendere credibile quanto racconta); d) l’esecuzione vi. Avrebbe scoperto che il vescovo era stato deruba-
fredda e magistrale del piano (il racconto che è sua to e avrebbe immaginato ciò che era successo: dentro
sorella, le domande su tutti i componenti della fami- la tomba c’era qualcuno che aveva derubato il vesco-
glia, la costrizione a rimanere a cena, la costrizione a vo o che sapeva chi l’aveva derubato. Perciò si sareb-
rimanere per la notte); quindi e) il furto finale. Ad be messo alla caccia, chiedendo informazioni alla
ogni momento potevano sorgere imprevisti, che do- malavita napoletana. Contemporaneamente si sarebbe
vevano essere risolti subito, senza incertezze, con diffusa tra la malavita la voce del colpo fatto da ma-
immediata capacità d’inventare la soluzione giusta, donna Fiordaliso a spese di un giovane, che girava
altrimenti il piano sarebbe fallito. La donna ha grandi nudo per la città, e il colpo fatto dai due malandrini a
capacità intellettuali ed ha fiducia estrema in esse: è spese del vescovo e lasciando il giovane collaboratore
abituata a vivere così, sull’improvvisazione e sull’in- rinchiuso nella tomba del vescovo. Perciò qualcuno
venzione. Poteva ricorrere anche a piani più semplici (il gruppo di madonna Fiordaliso, i due malandrini
e meno elaborati (attirare Andreuccio nel quartiere o che hanno proposto l’affare ad Andreuccio, il gruppo
in casa sua e farlo uccidere; attirarlo in casa sua e fin- del prete) sarebbe riuscito in qualche modo, o prima o
gersi innamorata di lui; ecc.). Ricorre invece ad un poi (ma era questione di pochissimo tempo: mezz’o-
piano che richiede grandissima attenzione fino alla ra, un’ora al massimo), a ricostruire l’accaduto, e a
conclusione. Fino alla fine esso è incerto: forse ha mettersi in caccia di Andreuccio e del suo anello da
pensato di uccidere o di fare uccidere Andreuccio nel 500 fiorini: la preda era facile, perché tutti capiscono
sonno, come pensano i due ladri, o forse ha schiodato che è giovane, inesperto e perciò indifeso. E per di
intenzionalmente l’asse del gabinetto. Sta di fatto che più si muove su un terreno – Napoli – a lui sconosciu-
Andreuccio perde la borsa, ma, cadendo nel liquame, to. Così Andreuccio, senza saperlo, si trovava tre
sfugge fortuitamente alle sue mani e salva la vita: la gruppi di malavitosi che gli davano la caccia. E il più
fortuna, l’incertezza, le circostanze, l’imprevisto stan- pericoloso è quello della prostituta siciliana, che sa
no sempre in agguato nella vita umana. dove alloggia. L’oste, napoletano ma amico dei mer-
4. I due ladri scoprono Andreuccio per la puzza, si canti che hanno l’abitudine di pernottare da lui, vede
fanno raccontare la storia, ridono e gli dicono che è in un attimo tutte queste cose, e comunica ad An-
stato anche fortunato: ha perso 500 fiorini ma ha sal- dreuccio la conclusione: deve andarsene da Napoli,
vato la vita. Escludono che egli possa recuperare ciò perché prima lo fa, meglio è.
che ha perso e, cinicamente, gli propongono un affa- 7. Andreuccio da Perugia è uno dei giovani che si in-
re, in apparenza per generosità verso il giovane, in contrano nel Decameron. Altri giovani sono Nastagio
realtà per il loro tornaconto: pensano già di costringe- degli Onesti (V, 8) e Federigo degli Alberighi (V, 9).
re Andreuccio ad entrare nella tomba del vescovo, Rispetto agli altri giovani Andreuccio risulta essere
poiché non si fidano l’uno dell’altro. Essi non si fan- figlio di un sensale di cavalli, di estrazione sociale
no problemi ad ingannare chi era stato appena ingan- piuttosto bassa (non ha alcun nome di famiglia, è “da
nato: vedono la possibilità di trarre un vantaggio dal- Perugia”), anche se ricco o in via di arricchimento (ha
lo spontaneo ma poco sensato desiderio di Andreuc- un giro d’affari che da Perugia giunge sino a Napoli).
cio di recuperare quanto ha perso, e cercano di appro- Egli non ha avuto alcuna formazione dal padre né
fittare dell’occasione. dalla madre né dalla scuola; ed è mandato in compa-
5. Il prete non si fa problemi a derubare il vescovo, gnia di mercanti amici a Napoli a fare un po’ di espe-
anzi deride chi ha paura del morto: “I morti non han- rienza. Il padre non sa fare altro per educare il figlio.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 93
Lo manda allo sbaraglio ad affrontare il mondo. I padre di poter portare nella loro celletta una di quelle
mercanti a cui affida il figlio sono fidati, ma si lascia- papere, che egli le darà da beccare. Il padre si rifiuta,
no sfuggire il ragazzo. Che la colpa sia loro o di An- dicendo che egli non sa dove si imbeccano. E in quel
dreuccio è secondario: così il giovane è abbandonato momento sente che la forza della natura era più forte
a se stesso contro un mondo pericoloso com’è Napoli. dell’educazione che egli aveva impartito al figlio; e si
Se in qualche modo sopravvive allo scontro, ed anzi pente di averlo condotto a Firenze.
guadagna un anello, vuol dire che ha capacità e che A questo punto Boccaccio interrompe la novelletta
ha intelligenza, seppure ancora da affinare. D’altra affermando che proprio la natura lo spinge verso le
parte è giovane e non ha avuto una educazione ade- donne e verso la loro bellezza; e alla natura non si
guata; ed è figlio di una famiglia e di una classe so- può resistere. D’altra parte anche Guido Cavalcanti e
ciale – la borghesia – che sta emergendo. Dante Alighieri, già vecchi, si sono preoccupati di
8. Con questa novella Boccaccio vuol dire che soltan- compiacere le donne. Oltre tutto è vero che si deve
to a Napoli possono succedere certe cose. Lo dice a restare con le Muse in Parnaso; ma è anche vero che
ragion veduta e per esperienza diretta, perché è vissu- non possiamo restare sempre con le Muse, né esse
to per 14 anni in quella città (1327-41). con noi. E poi le Muse sono donne e le donne asso-
9. Qui come altrove – fin dalla novella iniziale Ser migliano alle Muse. Quindi non si dimenticano le
Ciappelletto (I, 1) – l’autore alla formazione dell’in- Muse se talvolta ci si diletta un po’ con le donne.
dividuo fatta sui modelli astratti ed immutabili propo- ---I☺I---
sti dai libri contrappone la formazione continua nel
contatto quotidiano dell’intelligenza con l’esperienza. Commento
---I☺I--- 1. Boccaccio afferma che la cultura, cioè l’educazio-
ne, non può modificare né reprimere la natura e le
Introduzione alla quarta giornata inclinazioni naturali. Quarant’anni prima Dante aveva
sostenuto la tesi opposta in If V: grazie a un libro –
Riassunto. Boccaccio vuole difendersi da quei critici alla cultura – Paolo e Francesca scoprono l’amore, il
che lo hanno accusato di pensare troppo alle donne e piacere che si possono dare l’un l’altra, la bellezza
troppo poco alle sue entrate economiche. Vista l’età dei loro corpi e la loro sessualità. La donna riconosce
che ha, farebbe bene a pensare a cose più concrete e a che “Galeotto fu ‘l libro, e chi lo scrisse”. Soltanto la
seguire le Muse. A sua difesa egli racconta una favo- cultura riesce a dare una forma precisa ai desideri
letta. confusi ed inespressi, che turbavano i loro cuori. A
Un tempo a Firenze viveva Filippo Balducci, di mo- questo punto si può discutere quale dei due autori ab-
desta estrazione sociale, ma ricco e bene avviato. A- bia ragione o se il problema vada posto in altro modo:
veva una moglie, che amava e da cui era ricambiato. ogni individuo ha le sue reazioni particolare e perciò
Un giorno però la moglie muore, lasciandogli il figlio non si può generalizzare. In tal modo nella società ci
di circa due anni. Sconsolato dalla perdita, Filippo sono individui come Paolo e Francesca e individui
decide di lasciare il mondo e di dedicarsi al servizio come Filippo Balducci e il figlio. E la varietà fa gli
di Dio. Perciò con il figlio si ritira a vivere in una cel- interessi di tutti.
letta sul monte Asinaio. Qui vive di elemosine, pre- 2. I personaggi della novelletta sono, come di consue-
gando e digiunando. Al figlio non parla mai di cose to, pochi: Filippo Balducci, la moglie, il figlio e le
terrene, affinché esse non lo distraessero dal servizio “papere”.
divino. Ogni tanto scendeva a Firenze per essere aiu- 3. Filippo Balducci impernia la vita sull’amore e
tato da persone pie. Un giorno avviene che il figlio, sull’affetto verso la moglie. Quando essa muore, egli
ormai diciottenne, chieda al padre, ormai vecchio, entra in crisi, perché non ha altri valori a cui attaccar-
dove va. Il padre glielo dice. Allora il figlio lo prega si. Non si proietta nemmeno nel figlio, che ha una vi-
di prenderlo con sé, di fargli conoscere gli amici che ta davanti e che potrebbe dargli delle soddisfazioni.
lo aiutavano, così poi sarebbe sceso soltanto lui in cit- Perciò abbandona la vita sociale e si ritira in un ere-
tà. Il padre acconsente. I due scendono in città. Il gio- mo, per dedicarsi al servizio di Dio. La reazione al
vane vede palazzi, case, chiese e le altre cose che si lutto familiare è irrazionale: il dolore accompagna i-
vedono nelle città; si meraviglia, e chiede al padre nevitabilmente la vita di ogni individuo; quindi egli
come si chiamano. Il padre glielo dice. Per caso in- non poteva pensare di vivere per sempre con la mo-
contrano una brigata di donne, che tornavano da un glie né sperare di morire contemporaneamente ad es-
matrimonio. Il giovane chiede che sono. Il padre gli sa. Oltre a ciò coinvolge anche il bambino nelle sue
dice di abbassare gli occhi, perché sono mala cosa. Il scelte: lo sottrae alla vita comunitaria e non gli parla
figlio insiste. Allora il padre dice che si chiamano pa- mai di cose terrene, affinché non lo distraessero dal
pere. Il figlio, che non le aveva mai viste, dimentica i servizio divino. Non si dimostra capace di prevedere
palazzi, il bue, il cavallo e l’asino; e prega il padre di quello che sarebbe successo con il passare degli anni:
fargliene avere una. Il padre insiste nel dire che sono suo figlio sarebbe cresciuto ed egli sarebbe invecchia-
mala cosa. Il figlio ribatte che egli non ha mai viste to. Di qui l’insuccesso dell’educazione che impartisce
cose così belle e che esse per lui sono più belle degli al figlio: essa non era in grado di rispondere alla si-
angeli dipinti che il padre gli ha mostrato. E prega il tuazione che si sarebbe presentata in futuro. Il termi-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 94
ne con cui indica le donne, cioè papere, non risolve il na nuda inseguita da due mastini e da un cavaliere
problema di distogliere l’interesse del figlio per loro armato di spada. Afferra subito un bastone per difen-
(ciò che conta non è il nome usato, ma se una cosa derla. Il cavaliere lo chiama per nome e gli ordina di
attrae o non attrae), e lo spinge su un terreno ambiguo non intervenire. Ma il giovane intende difendere la
e involontariamente osceno. donna. Il cavaliere allora gli racconta la sua storia: è
4. La moglie è del tutto simile al marito e non sembra Guido degli Anastagi; ed era innamorato della donna
capace d’imporsi o d’imporre al coniuge altri valori più di quanto egli non lo sia della figlia dei Traversa-
oltre all’amore reciproco. Marito e moglie sembrano ri. La donna provava piacere a respingerlo, così egli
più occupati ad amarsi l’un l’altra, che a dedicarsi ad un giorno si uccise. Essa ne fu contenta, e non si pentì
educare e a far crescere il figlio. Nessuno dei due è della sua crudeltà. Perciò ambedue furono condannati
interessato alla vita sociale ed ai valori che essa pro- all’inferno, e la loro punizione è questa: ella fugge,
pone. La donna ricorda la dantesca Pia de’ Tolomei egli la insegue, la raggiunge, la uccide con la spada
(Pg V, 130-136). con cui si è ucciso, dà il suo cuore e le sue viscere in
5. Il figlio non è certamente né viziato né soffocato pasto ai cani, quindi essa si rialza, e da capo inizia il
dall’eccessivo amore dei genitori verso di lui. È ri- doloroso inseguimento. Ogni venerdì è in quel luogo,
spettoso del padre, ne assimila i valori, e si preoccupa e ne fa lo strazio che vedrà; gli altri giorni fa la stessa
di aiutarlo, vedendolo ormai vecchio. L’educazione cosa in altri luoghi. La punizione divina dura tanti
però non è riuscita a sopire la sua intelligenza e le sue anni quanti sono stati i mesi in cui la donna lo ha re-
inclinazioni naturali: è curioso verso la realtà scono- spinto. È inutile perciò che Nastagio cerchi di opporsi
sciuta e prova un’inclinazione naturale verso le don- alla volontà divina. Quindi il cavaliere raggiunge la
ne. Il suo cervello non è stato rovinato dall’educa- donna, la uccide e ne dà le viscere ai cani. Poco dopo
zione: era contento della vita nell’eremo (non cono- la donna si rialza ed il cavaliere riprende l’insegui-
sceva però altre possibilità); ma, quando si presenta mento. Nastagio resta a lungo spaventato da ciò che
l’occasione, non fa fatica a spostare i suoi interessi su ha visto, ma alla fine pensa al modo in cui gli possa
altri valori, senza dover superare resistenze morali. tornare utile. Prega gli amici di un ultimo favore, e
6. Le papere suscitano interesse più dei palazzi, più poi avrebbe dimenticato la ragazza: per il venerdì se-
del bue e più dell’asino. Esse attirano immediatamen- guente devono invitare a pranzo da lui Paolo Traver-
te con la loro bellezza naturale e sociale: sono giova- sari, la moglie e la figlia, e tutte le donne di Ravenna
ni, belle, allegre, eleganti, accaldate, perché vengono che vogliono. Gli amici acconsentono. Il venerdì suc-
da un matrimonio. Il giovane, come lo scrittore quasi cessivo gli invitati fanno un pranzo magnifico proprio
quarantenne, non può resistere al loro fascino, né può nel luogo in cui il cavaliere fa strazio della donna,
evitare di sentirsi spinto dalla natura a cercarle. Per- dove Nastagio aveva fatto preparare le tavole. Ormai
ciò ne vuole una da portare nell’eremo. Qui come al- alla fine del pranzo si sentono le grida, ed appare la
trove Boccaccio proietta l’uomo non verso il cielo, ragazza inseguita dai cani e dal cavaliere. I presenti
ma verso i valori ed i piaceri terreni. cercano di intervenire a difesa della ragazza, ma il
---I☺I--- cavaliere li ferma, e ripete ciò che aveva già detto a
Nastagio. Tutti i presenti sono molto colpiti, anche
Nastagio degli Onesti, V, 8 perché molti di loro avevano conosciuto la donna e
l’infelice amore del cavaliere. Quindi il cavaliere uc-
Riassunto. Nastagio degli Onesti è un giovane nobile, cide la donna, come aveva fatto davanti a Nastagio, e
che vive a Ravenna. Diviene ricchissimo per la morte ne dà le viscere ai cani. Poi riparte. I presenti, spaven-
del padre e di uno zio. È innamorato della figlia di tati, si mettono a parlare del fatto. Si spaventa moltis-
Paolo Traversaro, una ragazza di straordinaria bel- simo anche la donna amata da Nastagio, che capisce
lezza, più nobile di lui. Egli la corteggia, spendendo che il fatto riguardava lei più che le altre donne. Per-
molto e facendo grandi feste, ma senza successo. ciò la sera stessa invia da Nastagio una serva, a dirgli
Sembrava che tutto ciò che a lui piaceva, a lei non che è disposta a fare tutto ciò che egli vuole. Nastagio
piacesse. Perciò egli pensa talvolta al suicidio o al- le dice che la vuole sposare. La ragazza porta lei stes-
meno a doverla odiare. Ma senza risultato, perché la sa la notizia ai genitori, che ne sono contenti. Le noz-
ama più di prima. Vedendo le spese eccessive, gli ze sono fatte la domenica seguente. I due giovani vi-
amici ed i parenti gli consigliano di lasciare la città, vono per lunghissimo tempo felici. Il fatto però ha
così grazie alla lontananza poteva dimenticare la ra- anche un’altra conseguenza positiva: da quel momen-
gazza. Nastagio rifiuta più volte, ma alla fine accetta to le donne di Ravenna, per timore di fare la stessa
il consiglio. Fa grandi preparativi, come se dovesse fine, diventano più arrendevoli alle richieste degli
recarsi in Francia. Invece si ferma un po’ fuori di Ra- uomini di quanto non lo erano prima.
venna, a Chiassi, dove continua a fare la vita consue-
ta, invitando gli amici e dando grandi feste. Un ve- Commento
nerdì agli inizi di maggio sta pensando alla ragazza e, 1. I personaggi della novella sono relativamente po-
per pensare meglio, ordina alla servitù di lasciarlo so- chi: Nastagio degli Onesti e la bellissima figlia di Pa-
lo. Senza accorgersene si addentra nella pineta. Ad un olo Traversaro; quindi gli amici ed i parenti di Nasta-
certo punto sente delle grida. Vede una giovane don- gio; Guido degli Anastagi, la donna da lui amata ed
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 95
i mastini; infine le donne di Ravenna, dove la novella gio, o almeno dice di odiarlo. In realtà non lo odia,
è ambientata. come dopo forse non lo ama. È giovanissima e deve
2. Nastagio degli Onesti è giovane, nobile di antica ancora crescere: non può ancora sapere che cosa ve-
nobiltà, ricchissimo ed innamorato. È anche bello o ramente sia l’odio e l’amore. E per ora ama contrad-
almeno simpatico, se è pure benvoluto da amici e da dire tutto e tutti. Non ha ancora raggiunto l’età in cui
parenti. Egli è quindi un buon partito. Ciò però non è provare sentimenti veri. Per ora pratica la strategia di
sufficiente per fare innamorare la figlia di Paolo Tra- contraddire ad oltranza la controparte. L’unico senti-
versaro. Ed anche lui deve affaticarsi come una ma- mento sincero di cui è capace sembra essere la grande
schio normale che corteggia una donna. Gli amici e i paura che prova quando assiste all’uccisione della
parenti si preoccupano nel vedere che sta spendendo donna che aveva respinto Guido degli Anastagi. Poi,
(e invano) il suo patrimonio; perciò lo invitano a di- una volta sposata, grazie anche al marito, poteva di-
menticare la ragazza che lo respinge abbandonando ventare una moglie contenta e vivere un rapporto a-
per qualche tempo Ravenna. Egli alla fine ascolta il moroso felice.
consiglio, ma non lo mette in pratica alla lettera: si 4. Gli amici ed i parenti di Nastagio vogliono bene a
allontana soltanto un po’ dalla città e continua a fare Nastagio, gli danno buoni consigli e si preoccupano
la bella vita, circondato dagli amici. A Chiassi un ve- quando vedono che spende troppo per la donna di cui
nerdì, immerso nei suoi pensieri, cioè pensando alla è innamorato. A quanto pare gli vogliono bene o per-
ragazza che ama, entra nella pineta ed assiste all’in- ché Nastagio suscita simpatia e benevolenza o perché
seguimento infernale. Egli è nobile e coraggioso, si sentono un po’ i suoi protettori o perché si identifi-
quindi la sua prima e spontanea reazione è quella di cano nelle sue doti e nella sua posizione sociale di
difendere la donna. Perciò afferra un bastone per far- nobile e ricco. Il rapporto però non è univoco: se essi
lo, anche se si trova davanti un avversario armato di danno, anche Nastagio dà, e si dimostra generoso nei
spada. Non attacca in modo impulsivo, ma ascolta le loro confronti. Le feste ed i banchetti lo dimostrano.
parole del cavaliere (prima si discute; poi, se necessa- Il rapporto tra loro e Nastagio non è quindi un sem-
rio, si passa ad altre e più convincenti argomentazio- plice e brutale rapporto di dare e di avere economico.
ni), che lo persuadono a desistere dal suo proposito È qualcosa di diverso: ci sono di mezzo l’affetto reci-
(un nobile potrebbe ingannare forse un altro nobile?). proco, la generosità e gli ideali nobiliari di liberalità e
Assiste poi allo scempio della donna e resta a lungo di prodezza, che caratterizzano idealmente la cultura
spaventato, dopo che il cavaliere se ne va. Non resta e la mentalità degli uni come del giovane. Insomma,
però a lungo inattivo: la sua formazione lo spinge ad di mezzo c’è uno stile di vita e dei valori che acco-
agire e a sfruttare per i suoi fini quanto ha visto. E or- munano gli amici, i parenti e Nastagio.
ganizza il piano per far cedere la donna: se la strate- 5. Guido degli Anastagi si è innamorato e si è ucciso,
gia del corteggiamento dolce mediante pranzi e feste perché respinto. Non ha usato mezzi coercitivi contro
non ha funzionato, si può, anzi si deve cambiare stra- la donna, per persuaderla del suo amore. Ha fatto in-
tegia, e ricorrere ad una strategia dura, quella di spa- vece violenza su di sé, e si è ucciso per amore. Ades-
ventare la ragazza. La cosa importante è non fossiliz- so, nell’altro mondo e per volere di Dio, la insegue e
zarsi su una strategia che si è dimostrata perdente. La la punisce per il modo crudele con cui lo ha respinto.
nuova strategia risulta efficace: la ragazza si spaventa Poteva sì respingerlo, ma non doveva provare piacere
e cede senza condizioni. Egli però non ne approfitta: di respingerlo. Non era un atteggiamento consono al
non per niente è della famiglia degli Onesti. E le dice suo stato. La novella non fa capire se egli prova pia-
per l’ennesima volta che la vuole sposare. D’altra cere a punire la donna. La risposta però dovrebbe es-
parte perché approfittare della donna? È bellissima, sere negativa: un cavaliere non può usare violenza a
nobilissima, ricchissima. Anche viziata dalla fami- una donna. Nastagio lo dimostra chiaramente, poiché
glia. Ed è giovanissima, perciò impulsiva e con poco non usa violenza verso la donna che ama e perché
cervello. Egli si dimostra responsabile a pensare an- cerca di difendere l’altra donna dalla violenza del ca-
che per lei. Tocca a lui fare il marito ed il padrone di valiere. In altre novelle però, come quelle tragiche
casa. L’odio della donna verso di lui è soltanto appa- della quarta giornata, Boccaccio mostra che anche i
rente. Forse è apparente anche l’amore successivo. nobili sono capaci di usare violenza sulle donne. La
Ma non è questo il problema: la ragazza è troppo gio- realtà – egli riconosce – è spesso diversa da quello
vane per capire sia l’amore sia la vita sia il mondo. E che dovrebbe essere o da come vorremmo che fosse.
comunque la sua bellezza straordinaria da una parte 6. La donna amata da Guido degli Anastagi ha poco
l’ha resa superba, dall’altra spinge all’indulgenza. Es- cervello: si accontenta di respingere Guido e di gode-
sa quindi non ha proprio tutte le colpe. Per vivere per- re per la sua morte. Non si accorge nemmeno che ciò
fettamente la sua nobiltà Nastagio aveva bisogno sol- è peccato. Così senza volere finisce all’inferno. Lei si
tanto di una donna bellissima. E riesce a conquistarla. comporta come si sta comportando la figlia di Paolo
3. La figlia di Paolo Traversaro è bellissima e si sente Traversaro, ma non è fortunata come quest’ultima,
più nobile di Nastagio. Ciò la rende anche superba. perché Guido non riesce ad aggirare le sue resistenze
Probabilmente è figlia unica e perciò è stata anche vi- ed anzi si uccide. Eppure le due donne sono uguali:
ziata. È stata abituata a fare tutto quello che voleva e giovanissime, bellissime e perciò viziatissime. La so-
a vedere soddisfatti tutti i suoi capricci. Odia Nasta- cietà le spinge a curare la bellezza e a mostrarla; non
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 96
si preoccupa invece di dare loro una educazione affet- centro del racconto e dà gli insegnamenti morali). Il
tiva e sentimentale. Poi però le condanna, le colpevo- carbonaio è passivo; il conte è discretamente attivo; il
lizza o le punisce. Dovrebbero cedere al più presto ai cavaliere in vita è passivo e subisce l’iniziativa della
desideri maschili e mettere in secondo piano le loro donna; in morte soffre insieme con la donna. La don-
esigenze, la loro immaturità e la loro sessualità. La na, e soltanto la donna sembra attiva: prende il cava-
prima finisce all’inferno e poi deve espiare un’or- liere come amante, uccide il marito per peccare me-
ribile punizione. La seconda è più fortunata, perché glio, si pente a tempo debito per evitare l’inferno. Il
incontra Nastagio, che le vuole bene e che si rifiuta di cavaliere si fa strumentalizzare per soddisfare i desi-
trattarla come una donna-oggetto. Ciò la sottrae deri della donna, e non se ne accorge nemmeno. Nella
all’ideologia ed ai valori dominanti, che vogliono la novella la donna è bella, passiva ed oggetto di deside-
donna succuba all’uomo. rio e di piacere maschile. Nella predica essa invece è
7. Dopo aver visto la caccia infernale, le donne di la tentatrice, che può portare l’uomo alla perdizione
Ravenna cedono più facilmente alle richieste maschili eterna, ed è affamata di sesso. Essa però è anche si-
nel timore di finire all’inferno. Ci potrebbe essere lenziosa – le regole sociale la costringono a tacere e a
un’altra possibilità: con il pretesto del timore di finire subire –, ma è più intelligente dell’uomo, che piega ai
all’inferno, esse soddisfano le loro esigenze femmini- suoi desideri e alla sua volontà. Boccaccio pone
li e strumentalizzano l’uomo. Questa seconda ipotesi all’inferno i due amanti, perché non è interessato al
è assai remota: la conclusione della novella è troppo problema della salvezza dell’anima; Passavanti inve-
rapida per capire come stanno le cose; ed anche per ce li pone in purgatorio, perché vuol dire al suo pub-
capire se è soltanto ironica e maliziosa. Tutto il rac- blico che la salvezza dell’anima è difficile ma possi-
conto però evita il termine violenza e tutto ciò che es- bile, anche se non al primo tentativo. L’amore della
sa implica: le donne non sono costrette con la forza a novella è un amore-piacere, è il gioco in cui si cimen-
cedere ai desideri maschili. Guido punisce la donna, tano i giovani; quello della predica è una semplice
ma perché lo vuole la giustizia divina; Nastagio spa- soddisfazione sessuale.
venta la ragazza, ma non usa altre armi per fare pres- 10. Nastagio è uno dei giovani del Decameron. Altri
sioni su di lei. Boccaccio non si preoccupa mai delle sono Andreuccio da Perugia (II, 5) e Federigo degli
specifiche esigenze affettive e psicologiche delle Alberighi (V, 9). Rispetto agli altri egli rappresenta
donne. l’ideale perfetto di nobiltà di lunga data e di ricchezza
8. Boccaccio rovescia le conclusioni di un motivo ti- sovrabbondante, di vita dedita ai pranzi, alle feste ed
picamente medioevale, la caccia infernale: la paura al culto della bellezza femminile. Egli è anche corag-
dell’inferno è utilizzata non per spingere l’ascoltatore gioso, pronto di mente e capace di sfruttare l’occa-
verso una vita senza peccato, ma a rendere più dispo- sione favorevole. Andreuccio invece proviene da una
nibili le donne alle richieste maschili. Il timore famiglia non nobile, senza tradizioni educative, che
dell’inferno non spinge l’uomo verso il paradiso, co- ha raggiunto da poco la ricchezza. Non è stupido, è
me succede contemporaneamente nelle prediche di soltanto inesperto; e promette di imparare dall’espe-
Jacopo Passavanti (1302ca.-1357); lo spinge con più rienza della vita. Federigo invece è il nobile di misu-
forza verso i piaceri ed i valori terreni. D’altra parte rata ricchezza, senza amici e senza parenti che si pre-
proprio la caccia infernale è l’argomento di una pre- occupino per lui. Si innamora della persona sbagliata,
dica del frate: Il carbonaio di Niversa. Il contesto è una donna sposata, che corteggia senza successo e
diverso: religioso e trascendente nella predica; laico e sempre allo stesso modo, senza cambiare la strategia
terreno nella novella. E la conclusione è ugualmente che si è dimostrata incapace di dare risultati. Per que-
diversa: la predica esorta l’ascoltatore a pregare, a fa- sta donna si rovina. Ritorna in possesso della ricchez-
re le elemosine e a far dire messe; la novella invece za per motivi indipendenti dalle sue capacità e dalla
esorta ad una vita più lussuriosa. Anche il pubblico è sua intelligenza. Oltre a questi giovani nel Decame-
diverso: il popolo minuto da una parte; la nobiltà e la ron ci sono personaggi di mezza età, come Geri Spi-
borghesia emergente, che presta denaro e che si de- na e Cisti fornaio (VI, 2), Currado Gianfigliazzi (VI,
dica con successo ai commerci dall’altra. 4) e frate Cipolla (VI, 10); e vecchi come ser Ciappel-
9. Il confronto tra la novella di Boccaccio e la predica letto e il santo frate (I, 1). Tutte le età umane sono
di Passavanti è anzi molto istruttivo, perché mostra rappresentate.
sia come i due autori vedono la realtà (ma anche con 11. Questa, come le altre novelle che parlano dei rap-
quali valori e con quali scopi la vedono e la valuta- porti tra uomini e donne, pone una serie di problemi,
no), sia come si svolge la dinamica della trama. Nel che si possono così indicare: a) com’era la condizione
laico e filonobiliare Boccaccio il protagonista è il reale della donna nella società italiana del Trecento?
giovane, nobile e ricchissimo Nastagio, che attiva- b) com’era la condizione della donna nell’imma-
mente sfrutta la caccia infernale per piegare la volon- ginario collettivo o, almeno, nell’immaginario dei let-
tà della donna che ama. Nel religioso Passavanti il terati e dei poeti? c) com’era il rapporto di Boccaccio
protagonista è il carbonaio (che per primo assiste alla con le donne? Alla prima domanda si può rispondere
caccia infernale e con cui si identifica il pubblico), così: la donna era subalterna all’uomo e poteva rag-
ma anche il conte (che rappresenta la regola, la legge giungere una qualche libertà e avere una qualche e-
e l’autorità), ma anche il cavaliere (che si pone al ducazione soltanto se apparteneva a classi sociali ele-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 97
vate. Alla seconda si può rispondere così: l’immagi- bia bisogno di denaro, piuttosto che denaro che abbia
nario collettivo presentava una donna bellissima ed bisogno di un uomo. Essi riconoscono la generosità
angelicata, che contrastava completamente con la d’animo di Federigo e accettano. Federigo sposa così
donna reale. All’ultima si può rispondere così: i rap- la donna che amava e che ora è divenuta anche ric-
porti di Boccaccio con le donne non devono essere chissima, diviene accorto amministratore delle ric-
stati facili, perché nel Decameron fa loro fare quasi chezze acquisite e con la donna termina felicemente
sempre brutta figura; egli le ama e le cerca, ma poi gli anni della sua vita.
scrive il Corbaccio, che è una durissima invettiva
contro le donne – che l’hanno respinto –. Commento
12. Anche Dante 50 anni prima aveva affrontato il 1. I personaggi della novella sono anche qui pochi:
tema dell’amore nell’episodio di Paolo e Francesca Federigo degli Alberighi, madonna Giovanna, il ma-
(If V). La sua analisi è molto articolata: come creden- rito e il figlio, i due fratelli di Giovanna, infine il fal-
te e, ugualmente, come cittadino condanna i due a- cone.
manti (i tradimenti minano i rapporti dentro la fami- 2. Federigo è giovane, ricco, innamorato, spendac-
glia e nella società), ma come uomo li capisce e forse cione. S’innamora di una donna sposata, che ha un
li assolve, perché essi non potevano resistere alla for- marito ed un figlio. Per essa spende senza risultati
za della passione, fatta emergere dalla lettura di un tutta la sua ricchezza sino a diventare povero. Ma,
libro, uno dei poemi cavallereschi che giravano per le una volta divenuto povero, non sente la povertà, né si
case dei nobili. La passione è talmente forte, che i pente di ciò che ha fatto. Non dimostra però né gran-
due cognati saranno uniti per l’eternità. de ricchezza (la spende in breve tempo), né particola-
---I☺I--- re intelligenza, poiché sceglie una donna sposata (la
riteneva forse una facile preda, dal momento che ave-
Federigo degli Alberighi, V, 9 va un marito vecchio? ma non aveva paura del marito
e di chi il marito poteva pagare per tenerlo lontano?)
Riassunto. Federigo degli Alberighi è un giovane e e soprattutto perché corteggia una donna che non è
nobile fiorentino. Ama madonna Giovanna e per essa interessata né alla vita sociale né ai corteggiamenti.
spende tutto il suo patrimonio, ma senza alcun risulta- Se ciò non bastasse, insiste nel corteggiarla sempre
to. Così è costretto a ritirarsi in un suo piccolo podere allo stesso modo, anche se vede che la donna non re-
fuori di Firenze. Qui si procura da vivere cacciando agisce e continua a non reagire alle spese che fa per
con un falcone, e sopporta pazientemente la sua po- lei. Poteva cambiare tecnica, corteggiarla scrivendo
vertà. Il marito della donna si ammala e, vedendo la poesie per lei; poteva fare come aveva fatto Dante:
morte vicina, fa testamento a favore del figlio e quin- sposare una donna buona massaia e cantare per tutta
di a favore della moglie che egli aveva molto amato, la vita un’altra donna. Non fa niente di tutto questo,
se questi fosse venuto meno. Di lì a poco muore. Ri- perché ha un modo di pensare rigido. Poteva cercare
masta vedova, Giovanna porta il figlio fuori di Firen- di scoprire qual era il punto debole della donna, e at-
ze in una proprietà vicina a quella di Federigo, del traverso di esso arrivare al suo cuore. Non si pone la
quale anzi diventa amico. Un giorno il ragazzo si domanda e non cerca la risposta. Eppure la donna ha
ammala. La donna gli dice che è disposta a dargli un punto debole: è il figlio, che ama teneramente e
qualsiasi cosa, pur di farlo guarire. Il ragazzo allora per il quale è disposta a tutto. Federigo non se ne ac-
dice che vuole il falcone di Federigo. La donna resta corge né quando la corteggia né quando la sorte gli
incerta, sapendo che il falcone era l’unico sostenta- “getta” il bambino tra le braccia: il bambino si affe-
mento di Federigo, ma alla fine l’amore di madre ha ziona al falcone e per esso va a trovare il giovane. In
la meglio. Va da Federigo e si fa invitare a pranzo. questo caso le circostanze sono favorevoli: attraverso
Federigo solo allora si accorge di quanto era divenuto il ragazzo poteva tentare di arrivare al cuore della
povero, non avendo nulla da offrirle; così, per onora- donna. Non lo fa: egli non è Nastagio che, passata la
re l’ospite, fa uccidere il falcone. Dopo il pranzo la paura, si preoccupa subito di sfruttare la visione in-
donna gli dice il motivo della visita. Federigo si di- fernale. Non è nemmeno Andreuccio da Perugia, che
spera di non poter accontentarla, e mostra le penne e alla fine guadagna un anello che vale più di 500 fiori-
le ossa del falcone, che hanno appena mangiato. La ni e l’esperienza. Alla fine ottiene la donna e, con la
donna lo rimprovera perché ha sacrificato per lei un donna, anche una nuova ricchezza, che lo restituisce
falcone così bello, e tuttavia dentro di sé ammira la al suo antico stato sociale. Ma non per merito suo.
generosità dell’uomo, che nemmeno la più estrema Per merito della sorte, che talvolta è favorevole anche
povertà era riuscita a incrinare. Quindi se ne va delu- verso chi non lo merita. Federigo è l’esponente di una
sa. Pochi giorni dopo il figlio muore. Lei diventa così società nobiliare legata agli antichi valori, che tutta-
ricchissima. I fratelli insistono che si risposi, poiché è via non ha saputo trovare nuove fonti economiche nel
ancora giovane e bella. Giovanna dice che starebbe passaggio da un’economia curtense ad un’economia
bene anche così, ma che, se vogliono vederla rispo- mercantile. Egli è socialmente ed economicamente
sarsi, accetterebbe soltanto Federigo. Essi la derido- uno sconfitto e, consumando il suo patrimonio cor-
no, facendole notare che è completamente povero. La teggiando Giovanna, cerca la “bella morte” nel suici-
donna allora risponde che preferisce un uomo che ab- dio sociale. Soltanto un tale suicidio – morire per la
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 98
propria donna come si usava un tempo – è degna se è più anziano di lei e forse è contento che resti a
conclusione dei suoi ideali, della sua classe sociale, casa con il figlio. Forse vede la corte di Federigo e
della sua vita e della sua morte. Egli è legato al passa- lascia fare: sua moglie è giovane ed egli è vecchio. O
to anche in questa scelta: la sua intelligenza non è sta- forse, conoscendo la moglie, sa che Federigo perde il
ta capace di rettificare vita e valori, trovare un impie- suo tempo e il suo denaro. Oppure vede che Federigo
go presso il comune o presso le forze tradizionali (le è inoffensivo e che anzi si sta distruggendo con le sue
numerose corti, la Chiesa), per continuare con altre mani. Non ci sono elementi per capirlo. Comunque
entrate economiche la vita di un tempo. Contempora- sia, non si lamenta mai del comportamento della don-
neamente altri nobili e non nobili sciamavano e si ar- na. Quando muore, non risulta che la donna abbia
ricchivano in Europa: Musciatto Franzesi, Geri Spina, sparso lacrime per lui.
ser Ciappelletto, Cisti fornaio, frate Cipolla. Il suo 5. I fratelli sono brutalmente concreti, e disprezzano
“vicino di casa”, Currado Gianfigliazzi, dimostra in- la povertà di Federico, anche se poi, per intervento
vece ben altra tempra, ben altra volontà e ben altro della donna, riconoscono in lui una estrema coerenza
spirito. di vita e di valori, che nemmeno la povertà è riuscita
3. Madonna Giovanna è bella, sposata, con un marito a piegare. Insistono perché Giovanna si risposi, ma
e un figlio. È corteggiata ma respinge il corteggiatore. non hanno né forza di volontà né autorità tali, da riu-
Anzi non lo degna di uno sguardo. Il motivo di questo scire ad imporsi alla donna, che alla fine si sposa, ma
rifiuto non è un atteggiamento di onestà o la fedeltà al con chi ha deciso lei. In un mondo dominato dall’uo-
marito, bensì il fatto che non è interessata né alla vita mo Giovanna si dimostra indifferente ed insensibile
di società né ai corteggiamenti. Peraltro più che il ai valori proposti dall’uomo: ricchezza, corteggia-
marito ama il figlio. Nonostante ciò il marito la ama mento, amore, prestigio sociale ecc. Non appartiene e
molto e l’ha scelta per continuare la sua famiglia. A non vuole appartenere a questo mondo. Appartiene
parte l’amore per il figlio, la donna non sembra capa- soltanto al proprio mondo, dove esiste solamente
ce di provare altri sentimenti. Quando il figlio si am- l’amore per il figlio e, per un attimo, un sentimento di
mala, è disposta a fare qualsiasi cosa per lui, anche ammirazione verso la coerenza di vita e di valori di
andare a chiedere il falcone a Federico. La donna sa Federigo.
di non avergli mai dato nulla, neanche uno sguardo; 6. Il falcone è l’unico disgraziato che ci perde in que-
ha presente anche il fatto che ha assistito con indiffe- sta storia. Non ha nessuna colpa, anzi è il migliore
renza alla sua rovina; e che il falcone è l’unica fonte falcone che esisteva. Ciò però non gli vale a salvarlo.
di sussistenza e l’unico divertimento rimasto a Fede- La sorte è ingiusta con lui. E, comunque, con il suo
rigo. Ma il suo amore di madre è ancora più forte. sacrificio il padrone ritorna ricco ed ottiene la mano
Perciò va da Federigo e si autoinvita a pranzo. Dopo di Giovanna. Il lettore, impietosito, può almeno con-
il pranzo esprime il motivo della sua visita e, davanti solarsi dicendo che Federigo non sapeva fare la corte
alle penne del falcone, rimprovera il giovane per aver ad una donna, ma almeno sapeva addestrare ottima-
sacrificato il suo bel falcone per una femminetta in- mente un falcone.
degna come lei. Dentro di sé però lo ammira per esse- 7. Il motivo della ricchezza recuperata si trova anche
re rimasto fedele ai suoi ideali di generosità anche nell’exemplum Il cavaliere che rinnegò Dio di J. Pas-
nell’estrema povertà. Questo è il primo sentimento savanti (1302ca.-1357). Un cavaliere sperpera il suo
diverso dall’amore di madre che essa prova. Poi se ne patrimonio. È disposto a vendere l’anima al diavolo
va delusa. Avrebbe dimenticato Federigo se i fratelli per ritornare ricco. Poi si pente. Un altro cavaliere as-
non l’avessero invitata a risposarsi: è giovane, bella e siste di nascosto al pentimento, e decide di dargli in
ricca. Ella sta bene anche così: a quanto pare, il ma- moglie la figlia e di restituirgli le ricchezze che ave-
trimonio, l’amore, la presenza di un uomo non la inte- va comperato da lui. I due contesti sono però diversi:
ressano. Per non sentirsi annoiata dai fratelli, accetta terreno in Boccaccio, religioso nel frate.
di risposarsi; però decide lei chi sposare. È una donna ---I☺I---
volitiva. E sceglie Federigo, ricordando la sua nobiltà
d’animo e il suo disinteresse per il denaro. Non si Cisti fornaio, VI, 2
sposa per amore, ma neanche per obbedire ai fratelli.
Si sposa perché nella società medioevale l’uomo co- Riassunto. Geri Spina ospita alcuni ambasciatori
manda la donna, il fratello comanda la sorella. Gio- mandati a Firenze da papa Bonifacio VIII. Ogni mat-
vanna obbedisce, senza sentire troppo grave questa tina egli, con i suoi ospiti, passa davanti a Santa Ma-
obbedienza, ed obbedisce come vuole lei: i fratelli ria Ughi, dove Cisti fornaio ha il suo forno ed eserci-
non sarebbero certamente riusciti a piegare la sua vo- tava personalmente la professione. A Cisti la fortuna
lontà. Non c’era riuscito neanche Federigo con tutte aveva dato una condizione umile, ma l’aveva anche
le sue spese. Giovanna vive nel suo mondo ed ha un fatto molto arricchire, perciò egli poteva vivere
atteggiamento di indifferenza verso chi la circonda. splendidamente. Era famoso per avere i migliori vini
4. Il marito ama Giovanna, ma non sembra che sia bianchi e rossi che si trovavano a Firenze o nel con-
altrettanto riamato. Però non può lamentarsi per alcun tado. Cisti, vedendo Geri Spina e gli ambasciatori
motivo del comportamento della moglie. Forse la vo- passare ogni giorno davanti al suo forno, pensa che
leva più interessata alla vita mondana o forse no. For- sarebbe stata una grande cortesia offrir loro del suo
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 99
buon vino bianco. Poiché non gli sembra opportuno gerarchia sociale. Geri pensa di concludere degna-
invitarli direttamente a causa della sua umile condi- mente il pranzo di addio con un bicchiere del buon
zione, cerca il modo di spingere Geri stesso ad invi- vino di Cisti, e manda un servo. Egli però viene meno
tarsi. Perciò ogni mattina, quando Geri Spina passa, si alla sua classe e alla sua educazione (cioè alla corte-
fa trovare sull’uscio ad assaporare con gusto un bic- sia che deve improntare ogni azione della classe nobi-
chiere del suo vino. Dopo averlo visto due o tre mat- le), quando non controlla il comportamento del servo.
tine, Geri chiede a Cisti se il vino è buono. Cisti ri- E di tale comportamento egli è e si sente responsabi-
sponde di sì, ma soltanto assaggiandolo si poteva ca- le. Ugualmente Cisti lo sente responsabile. Così il
pire quanto lo era. Allora Geri e, con lui, gli amba- servo si presenta da Cisti con un fiasco spropositato
sciatori accettano di assaggiare il vino. Così ogni Cisti non può non rimproverare il servo e quindi, at-
mattina, prima di andare a trattare i loro affari, Geri traverso il servo, il padrone. Geri non è stupido ed è
Spina e gli ambasciatori si fermano da Cisti a bere un all’altezza della sua classe: non pensa che Cisti si ri-
bicchiere di vino. Finite le trattative, Geri Spina dà fiuti di dargli il vino, indaga, e scopre il comporta-
una festa, ed invita anche Cisti. Cisti però non accetta mento scortese del servo. Lo rimprovera e corre ai
l’invito per nessun motivo. Allora Geri invia da Cisti ripari, facendogli prendere una bottiglia di grandezza
un servo a prendere un fiasco di vino. Il servo, forse conveniente. Il nobile non può che ammirare il com-
indispettito per non aver mai potuto assaggiare quel portamento cortese del fornaio, e a questo punto va
vino, va da Cisti, portando un gran fiasco. Quando lo oltre il comportamento tenuto fino a quel momento.
vede, Cisti gli dice che il suo padrone non lo manda Ringrazia Cisti nel modo dovuto, lo tiene in grande
da lui. Il servo allora torna da Geri, che lo rimanda da considerazione e lo ha per amico. Ben inteso è il no-
Cisti: se Cisti gli dà la stessa risposta, deve chiedergli bile che prende l’iniziativa di rompere le barriere di
da chi lo manda. Cisti risponde ancora che il suo pa- classe, non il fornaio. Cisti non ci avrebbe nemmeno
drone non lo manda da lui. Il servo allora gli chiede pensato né lo avrebbe nemmeno voluto. Indubbia-
da chi lo manda. Cisti gli risponde che lo manda ad mente con cittadini come Cisti quanti conflitti sociali
Arno. Allora Geri, insospettito, chiede al servo di si potevano evitare!
mostrargli il fiasco. Vedendolo, Geri rimprovera il 4. Cisti cerca un sotterfugio per superare la barriera
servo e lo rimanda da Cisti con un fiasco più piccolo. di classe che lo divide dalla nobiltà. A suo avviso la
Cisti glielo riempie volentieri. Quindi fa riempire una diversa condizione sociale non gli permetteva di ri-
botticella dello stesso vino e la porta personalmente a volgersi direttamente a Geri Spina. Egli quindi rispet-
Geri, dicendogli che non aveva avuto paura del gran ta e non vuole infrangere questa barriera: sta al suo
fiasco, ma che, come in tutti quei giorni gli aveva di- posto, e come inferiore ammira colui che gli è supe-
mostrato bevendo piccoli orcioletti, quel vino non era riore. Neanche la ricchezza che ha giustifica ai suoi
vino per servi. Egli quel giorno glielo aveva voluto occhi l’infrazione delle regole sociali. Con la strate-
ricordare. Ora glielo regala tutto. Geri gradisce mol- gia dell’invito a gustare un bicchiere di buon vino, il
tissimo il dono, ringrazia Cisti nel modo dovuto, e da fornaio si mette in contatto ed entra nel mondo della
quel momento lo tiene in grande considerazione e lo nobiltà. Fa assaggiare alla nobiltà un po’ della sua
ha per amico. ricchezza, e mostra il valore e le capacità della nuova
classe sociale. Ma non va oltre. Il comportamento
Commento maldestro del servo gli permette di mostrare chiara-
1. Per Boccaccio esistono i nobili di antica data, che mente che la nuova classe non ha soltanto ricchezza,
sono la classe principale della società, e, vicino ad es- ha anche cortesia, la stessa cortesia che caratterizza la
si, coloro che sono usciti dal popolo diventando ric- nobiltà. Così egli dà una lezione di buon comporta-
chi. Insomma esiste Geri Spina da una parte, Cisti mento al nobile proprio nell’ambito che deve caratte-
fornaio dall’altra. Le due classi sono chiuse e non rizzare la nobiltà: la cortesia. Tuttavia non diventa ar-
permettono a chi appartiene alla classe inferiore di rogante né presuntuoso, perché fa a gara con il nobile
passare alla classe superiore. Oltre ad esse c’è il clero in quanto a cortesia: riempie la bottiglia al servo e
(alto e basso) ed il popolo minuto dei servi. subito dopo porta personalmente una botticella di vi-
2. I personaggi sono, come al solito, pochi e ben deli- no. Oltre che cortese egli si dimostra quindi anche
neati: Geri Spina, Cisti fornaio, il servo sfrontato, gli generoso e liberale. Insomma Cisti riesce ad imper-
ambasciatori. Come per altre novelle Boccaccio inizia sonare il modello tradizionale di generosità e di libe-
parlando di un nobile, anche se questi non è il perso- ralità molto meglio di Geri, che fin dalla nascita era
naggio principale. Gli ambasciatori sono silenziosi e stato educato ad impersonare questo modello. La cor-
fanno da sfondo. Con la loro presenza però nobilitano tesia e la nobiltà d’animo di Cisti rompono le barriere
l’atmosfera. di classe e i due, pur nelle rispettive posizioni sociali,
3. Geri Spina è una persona importante, e non può diventano amici. Per Cisti la nobiltà è la classe socia-
che svolgere incarichi importanti. Il nobile accetta le più elevata e costituisce per tutte le altre classi il
l’invito di bere un bicchiere di vino che gli viene dal punto di riferimento ed il modello di comportamento.
ricco borghese. E, a tempo debito, cerca di sdebitarsi Comunque sia, qualcosa ha cambiato l’antica opposi-
invitando Cisti al pranzo con gli ambasciatori. Cisti zione tra nobili e borghesi, se Geri Spina accetta di
però rifiuta l’invito: vuole rimanere al suo posto nella bere insieme con il ricco fornaio: la classe borghese
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 100
emergente non ha tradizioni di sangue alle spalle, ma altà per favorire il colpo di Stato dei Neri, che sareb-
ha il denaro ed il potere connesso al denaro. Il denaro be costato l’esilio a Dante.
accumulato e la libertà che ad esso è collegata per- 10. Nella società medioevale, come in tutte le altre
mettono a Cisti di avvicinarsi alla nobiltà. società, è un valore e una distinzione sociale poter
6. Il servo, come tutti gli altri servi del Decameron, avere ospiti, soprattutto ospiti importanti, a pranzo.
non partecipa né del mondo della ricchezza, né del L’importanza è intellettuale (il prestigio dato dall’o-
mondo della cortesia, né del mondo dell’intelligenza: spite importante, le novità portate dall’ospite, i di-
va da Cisti con una bottiglia troppo grande, non capi- scorsi e lo scambio di esperienze), ma anche sociale
sce il comportamento né la battuta di Cisti, è giusta- (la disponibilità di cibo e la possibilità di offrirlo in
mente rimproverato dal padrone. Ed è costantemente abbondanza e di qualità).
stizzito perché non ha potuto gustare il vino del for- ---I☺I---
naio, uno dei tanti beni materiali da cui è escluso e
che suscitano i suoi desideri. Cisti non ha alcuna con- Chichibìo e la gru, VI, 4
siderazione di lui. Dice esplicitamente che il suo vino
non è vino da servi. Riassunto. Currado Gianfigliazzi ama andare a cac-
7. Gli ambasciatori esistono, ma stanno sullo sfondo, cia. Un giorno cattura una giovane e grossa gru. La
per non turbare e per non togliere spazio alle azioni di dà al suo cuoco, Chichibìo, per cucinarla. Chichibìo,
Cisti e agli affari importanti che Geri Spina tratta con un veneziano sciocco ma molto bravo come cuoco, la
loro. Essi sono “invisibili” come gli ospiti di Currado prepara. Il profumo si spande per tutta la via. Una ra-
Gianfigliazzi (VI, 4). gazza di nome Brunetta, che piaceva al cuoco, entra
8. Un personaggio a parte è il papa Bonifacio VIII, il in cucina e gli chiede una coscia. Chichibìo non vuole
deus ex machina della novella. Il papa appare con la dargliela, ma la ragazza insiste e ricorre alle minacce:
stessa funzione anche in Ser Ciappelletto (I, 1), dove se non gliela dà, neanche lei gli avrebbe più dato quel
richiama in Italia Musciatto Franzesi. Boccaccio lo che a lui piaceva. Chichibìo allora cede. Quando por-
presenta non come il rappresentante di Dio in terra, ta in tavola la gru, Currado si accorge che manca una
ma come un grande principe, che ha molti affari da zampa. Chichibìo risponde che le gru hanno una
sbrigare o da far sbrigare: non sta bene che un nobile gamba sola. Il padrone, per rispetto verso gli ospiti,
sbrighi certe faccende in prima persona. Ben diverso non insiste; ma, frenando l’ira, gli dice che il giorno
è il giudizio – positivo – che egli ne dà, rispetto al dopo avrebbero controllato se le gru hanno una gam-
giudizio molto negativo espresso da Dante, che accu- ba sola. Il giorno dopo il padrone, a cui non era pas-
sa il papa di simonia e lo condanna alle pene sata l’ira, e il cuoco, spaventato a morte, vanno a ca-
dell’inferno prima ancora di essere morto (If XIX, 52- vallo verso un lago lì vicino, solitamente frequentato
57). dalle gru. Quando arrivano vedono numerose gru che
9. La novella è breve e gira intorno al concetto di no- stavano dormendo appoggiandosi ad una sola gamba,
biltà: alla nobiltà di sangue tradizionale si affianca un come sono solite fare. Il cuoco, tutto contento, lo fa
nuovo tipo di nobiltà: la nobiltà d’animo. Peraltro notare al padrone, pensando di cavarsela. Il padrone
l’apertura di Boccaccio non va oltre: Cisti può dare allora fa un verso, che spaventa le gru, le quali abbas-
una lezione di cortesia ad un nobile, ma soltanto per- sano la zampa e spiccano il volo. Currado in questo
ché dietro di sé non ha il vuoto, ha il potere che deri- modo pensa di aver sconfitto il cuoco. Ma Chichibìo,
va dal denaro. In tal modo può diventare legittimo ed con un colpo di genio che neanche lui sa da dove vie-
accettabile che un ricco fornaio si avvicini alla nobil- ne, risponde che Currado ha ragione, ma la sera pre-
tà. In ogni caso il popolo di servi è e resta escluso da cedente non aveva spaventato la gru; se l’avesse fatto,
questi nobili di sangue o d’animo, forti di prestigio o essa avrebbe abbassato la gamba. Currado scoppia a
di denaro. Anche in questo caso Boccaccio si schiera ridere e si rappacifica con il cuoco.
con i nobili. Ciò dipende sia dalla sua esperienza alla
corte di Napoli, dove dominava la nobiltà legata al Commento
sovrano o la nobiltà latifondista, sia dal fatto che nel 1. I protagonisti della novella, come al solito, sono
Trecento la società e l’economia italiane perdono poco numerosi: Currado Gianfigliazzi, il cuoco Chi-
slancio e ritornano a modelli del passato: la rifeuda- chibìo, la serva Brunetta, la gru.
lizzazione. In tal modo egli fa un passo indietro ri- 2. Currado è l’ideale perfetto della nobiltà: ama la
spetto a Dante, che con i poeti del Dolce stil novo 60 caccia, ama la buona cucina, ama avere ospiti, è edu-
anni prima aveva contrapposto la nobiltà d’animo alla cato e rispettoso verso gli ospiti (non litiga con il ser-
nobiltà di sangue ed aveva disprezzato quest’ultima. vo davanti ad essi), ha un preciso ideale di giustizia e
Comunque sia, per Boccaccio tra la vecchia nobiltà di una idea precisa di come si devono comportare coloro
sangue e la nuova nobiltà di denaro non ci sono con- che non sono nobili, cioè i servi; ma è anche litigioso,
flitti sociali. La cosa è curiosa, perché la novella è collerico ed irascibile. E tuttavia non vive né applica
ambientata nel 1300, quando Dante era uno dei priori, meccanicamente i suoi ideali nobiliari e i canoni che
Geri è un Nero e gli ambasciatori del papa erano an- informano la sua vita. Egli è garante della legge o,
dati a Firenze per rappacificare Bianchi e Neri. In re- meglio, delle norme sociali che stabiliscono la supe-
riorità dei nobili sulle altre classi. Ma è talmente sicu-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 101
ro di questa superiorità che può permettersi di essere di mantenerla, ma perché sa di poter pagare il cuoco
indulgente e di ascoltare anche le ragioni della con- soltanto con le parole. Essa ricorda, ad un livello di
troparte. Così dà una possibilità al servo, riservandosi normalità, l’incredibile serva del cuoco, che è corteg-
di arrabbiarsi in seguito. Un ulteriore motivo di que- giata da Guccio Imbratta (VI, 10); e, più in generale,
sta disponibilità può essere la consapevolezza, detta- ricorda molte altre donne del Decameron – dalla gio-
tagli dalla sua esperienza, che nel mondo ci sono più vane dei Traversari alle donne di Ravenna –, a cui
ragioni di quanto possa prevedere la mente umana; e Boccaccio fa fare brutta figura ed accusa di non pen-
che è conveniente fare professione di flessibilità intel- sare con il cervello (V, 8). Ad ogni modo anche qui
lettuale e di curiosità. In questo modo si potevano l’autore fa delle eccezioni: la giovane siciliana, che
scoprire cose interessanti. E poi che vale una coscia con un piano abilissimo deruba Andreuccio da Peru-
di gru davanti alla possibilità di scoprire qualche altro gia (però è una prostituta...) (II, 5); e la Giovanna, che
aspetto del mondo reale? Il prezzo da pagare è mini- restituisce al suo antico lignaggio il povero e balordo
mo; la possibilità di guadagnare è massima. In nome Federigo degli Alberighi (ma è frigida...)(V, 9). Boc-
di questa flessibilità intellettuale Currado accetta an- caccio ama le donne, e si vendica come può quando
che la non-risposta: egli chiede al servo una dimo- esse non lo ricambiano con lo stesso trasporto...
strazione scientifica che le gru hanno una gamba sola. 7. La gru svolge una funzione di primaria importanza
Il servo gli risponde prendendolo invece in contro- nell’economia della novella. Altrove la stessa funzio-
piede, con una risposta che è una battuta di spirito. ne era stata svolta dal falcone di Federigo. Su un ba-
Currado sa che il mondo – come l’uomo – non è fatto nale comportamento di un animale, quello di dormire
soltanto di dimostrazioni e di verità astratte, e si met- con una gamba alzata, Boccaccio sviluppa una storia
te a ridere. Fa la pace con il servo che sa molto bravo garbata ed interessante.
(il profumo che esce di cucina attira Brunetta), ma ---I☺I---
anche di poco cervello. E poi, se avesse cacciato Chi-
chibìo, era sicuro di trovare un altro cuoco così bra- Madonna Filippa e l’amore in eccesso, VI,
vo? 7
3. L’intelligenza, la versatilità e l’irascibilità di Cur- A Prato una legge imponeva di bruciar viva la donna
rado ben si contrappongono con l’immagine fallita sposata o la prostituta che era stata scoperta con
della nobiltà impersonata da Federigo degli Alberighi l’amante. Avvenne che una notte Madonna Filippa,
(V, 9), il quale deve contare sulla fortuna, per ritorna- una donna gentile e bella ed anche innamorata, fu
re a quella ricchezza che la sua intelligenza con il pa- trovata dal marito Rinaldo de’ Pugliesi nelle braccia
raocchi e meccanica gli aveva fatto perdere. Ma Boc- di Lazzarino de’ Guazzagliotri, un giovane nobile e
caccio mostra anche altri nobili, e ben diversi: bello, che la amava. Il marito trattenne la rabbia ma
l’esperto Musciatto Franzesi (I, 1), che ricorre a cri- denunciò la donna, potendo portare testimonianze si-
minali per recuperare dei crediti, e il giovane e inna- cure dell’adulterio. Contro la volontà del parentado,
morato Nastagio degli Onesti (V, 8). la donna decise di affrontare il processo, piuttosto che
4. Gli ospiti di Currado sono pure ombre, come altro- fuggire in modo vile. Si presentò davanti al giudice,
ve gli ambasciatori di Geri Spina (VI, 2). mentre tutti la invitavano a negare il fatto. Il giudice
5. Chichibìo è un cuoco bravo, ma ha poco cervello: la vide bellissima e provò compassione per lei. Te-
dà una coscia in cambio di una promessa di paga- meva che le risposte della donna lo costringessero a
mento e dimenticando di avere un padrone irascibile condannarla a morte. Ma alla fine dovette chiedere
e capace di controllare con occhio vigile il compor- chiaramente se aveva tradito il marito, avvisandola
tamento e le malefatte dei servi. Cede al presente e che la confessione lo avrebbe costretto a condannarla
dimentica quel che gli può capitare in futuro. Anche a morte. La donna confessò che aveva tradito il mari-
quando il padrone lo interroga, ricorre alla stessa stra- to più volte. Ma aggiunse anche che le donne hanno
tegia: uscire dalle difficoltà presenti. Non si accorge la capacità di soddisfare più uomini. Questa è la loro
che, così facendo, non risolve il problema, lo sposta natura. Quindi chiese al marito se lei si era concessa
soltanto nel futuro ed anzi lo aggrava. Per caso gli e- tutte le volte che egli aveva voluto. Il marito rispose
sce di bocca quella battuta che lo fa uscire dai guai. di sì. A questo punto la donna chiese al giudice che
Probabilmente quella è stata l’unica battuta che in tut- cosa doveva fare di quello che era rimasto: doveva
ta la vita gli è uscita dal cervello. Tale mancanza forse buttarlo ai cani o servirlo a un altro uomo, gio-
d’intelligenza caratterizza, secondo Boccaccio, quasi vane e bello, che l’amava? I presenti tra le risate si
tutti gli esponenti delle classi inferiori. Chichibìo si è misero ad urlare che la donna aveva ragione e che la
trovato un padrone ben diverso da Geri Spina, che legge andava riservata alle mogli che si concedevano
manda a prendere il vino da Cisti fornaio e non si per denaro. Così il marito fu costretto a tacere e la
preoccupa di controllare il fiasco del servo! donna se ne tornò felicemente a casa.
6. La Brunetta va da Chichibìo non perché innamora-
ta, ma perché sente il profumo di arrosto. È guidata Commento
dai desideri del ventre, non da un qualche barlume 1. La novella e le altre più sotto sono novelle boccac-
d’intelligenza. Quindi minaccia Chichibìo, che poi cesche, come vuole la vulgata che ha fatto di Boccac-
paga con una promessa, non perché non fosse capace cio uno scrittore erotico o licenzioso. È indubbio che
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 102
la trama riguarda la soddisfazione degli istinti sessua- stiche. L’avrà bastonata o avrà preso polvere di corno
li del protagonista o delle ragazze, ma è anche vero di rinoceronte, per soddisfarla? O ha fatto bastonare
che lo scrittore abbina costantemente sesso e intelli- l’amante che disturbava la sua quiete familiare? Lo
genza. L’intelligenza è usata in modo funzionale ed scrittore si dimentica di dirlo. Magari c’era materiale
efficace per soddisfare i propri desideri sessuali. La per un’altra novella…
ragione è sì usata soltanto come semplice strumento 5. Più che quelle con protagonisti nobili o che vanno
per conseguire il fine voluto. Tuttavia deve fare uno a Napoli a comperare cavalli questa novella è calata
sforzo estremo di creatività, per superare gli ostacoli sulla vita dei giovani lettori, arrappati di sesso: essi
che si interpongono tra il desiderio sessuale e la sua vanno all’osteria, Cecco Angiolieri li intrattiene con i
soddisfazione. L’ambito del sesso quindi è soltanto suoi sonetti accompagnati dalla musica, poi qualcun
uno degli ambiti in cui si esplica e si realizza la ra- altro inizia a raccontare novelle salaci. Non c’è nes-
gione del mercante, che pervade tutto il Decameron. I suna donna presente, a parte l’ostessa, che possa a-
protagonisti delle novelle erotiche sono compagni di scoltare. I giovani maschi tirano fuori le loro idee sul-
vita e di avventura di Andreuccio da Perugia (II, 5), le donne: vogliono frullarle, e basta. Magari il giorno
Nastagio degli Onesti (V, 8) e Federigo degli Alberi- dopo o una settimana dopo andranno a cercarsi una
ghi (V, 9), tre giovani che colgono altri aspetti donna da frullare o si rivolgeranno al sensale di ma-
dell’amore e della donna e, ugualmente, dell’intel- trimoni affinché procuri loro la moglie ufficiale.
ligenza. Nelle novelle invece tutti i personaggi, ma- 6. Nella Divina commedia, addirittura in paradiso, ci
schili e femminili, sono assatanati dal sesso. E agi- sono una ninfomane e una prostituta: Cunizza da
scono unicamente per calmare e raffreddare i loro Romano e Raab (Pd IX). La prima non si faceva ne-
bollenti spiriti. anche pagare, bastava chiedere cortesemente e lei si
2. Lo scrittore cambia registro e cambia pubblico: si concedeva; la seconda sì: univa l’utile al dilettevole
rivolge al giovane lettore comune, che pensa al rap- e… pensava alla vecchiaia. Addirittura Gesù Cristo,
porto sessuale (più che al sesso) e pensa semplice- appena risorto, va a prendersi Raab nel limbo e se le
mente a soddisfare la fame che lo divora, senza tante porta in paradiso, nel cielo degli spiriti amanti! I pia-
sovrastrutture intellettuali. A suo avviso l’uomo è ni di Dio sono veramente imperscrutabili. Sono in
sempre un membro in resta, alla costante ricerca di compagnia di un vescovo assassino, ex cantautore
vagine da impalare e la donna è una vagina bollente, fallito…
sempre affamata di membri maschili. Tutto qui: si 7. Anche questa novella è una proiezione dei desideri
tratta di un amore tra organi genitali, che non ha an- maschili o femminili. Nella realtà succedeva che il
cora conosciuto né le schermaglie sociali né i riti di marito picchiava o uccideva la moglie fedifraga. Co-
accoppiamento, che esistono anche tra gli animali. Un me dimostra tra le altre Pia de’ Tolomei, uccisa dal
amore davvero povero e pure che dura un momento, marito (Pg V). E le corna fanno male anche da morti,
il tempo dell’orgasmo. Questa novella come le altre si come dimostra il giudice Nino Visconti, che prova un
riallaccia a quanto lo scrittore aveva detto nella no- “giusto risentimento” – parole di Dante – verso la
velletta delle papere (Introduzione alla quarta gior- moglie, che si è subito risposata (Pg VIII). In prece-
nata): l’educazione non può far dimenticare il sesso e denza Gianciotto Malatesta non aveva apprezzato le
l’istinto sessuale. Basta l’occasione e l’istinto sessua- corna della moglie Francesca con il fratello Paolo,
le si risveglia e vuole essere soddisfatto. L’autore pe- anche se tutto avveniva in famiglia ed anche se egli
rò dimentica che nel corso dei secoli le società ave- alla moglie preferiva la caccia con il falcone e i ca-
vano trasformato l’accoppiamento inventando riti e valli (If V).
schermaglie ed anche un itinerarium hominis ad co- 8. Quel che colpisce della novella è il carattere voliti-
pulandam formina, pr rendere più perfette ed eccitan- vo della donna, che vuole soddisfare i suoi desideri
ti le azioni. Il Kamasutra è un esempio. sessuali, ma che usa anche la sua intelligenza, una
3. I protagonisti della novella sono, come al solito, buona intelligenza, per farlo. Una donna di polso e di
pochi e ben delineati: la donna, il marito, il giudice cervello.
preoccupato e, sullo sfondo, l’amante e il pubblico ---I☺I---
che sghignazza.
4. Madonna Filippa è una ninfomane e il marito non Frate Cipolla, VI, 10
riesce a soddisfarla completamente. Lei allora si con-
cede all’amante, che è nobile, giovane e bello. Il ma- Riassunto. Frate Cipolla era piccolo, buontempone e
rito la porta in tribunale: corre il rischio di essere abile parlatore. Ogni anno era solito andare a Certal-
condannata a morte. Essa rischia la condanna e si do a raccogliere le elemosine fatte dagli sciocchi. Una
presenta. È sicura, con le sue argomentazioni, di ave- volta, dopo la messa promette ai presenti che il pome-
re il pubblico che si schiera con lei contro la legge. E riggio avrebbe mostrato la penna che l’angelo Gabrie-
così è. Il pubblico è comprensibilmente interessato, le aveva perso quando era andato nella camera della
perché spera di poter apprezzare anche lui le grazie Madonna a Nazareth. In chiesa tra i presenti ci sono
della donna. E così essa vince la causa e poi se ne ri- due suoi amici, Giovanni del Bragoniera e Biagio
torna a casa dal… marito a testa alta. Non sappiamo Pizzini, che pensano di giocargli una beffa: sottrargli
che cosa fece poi il marito al riparo delle mura dome- la penna. Decidono di sottrargliela mentre è occupato
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 103
a pranzare. Devono però superare l’ostacolo del servo Commento
del frate, il quale era variamente chiamato: Guccio 1. I protagonisti della novella sono, come al solito,
Balena, Guccio Imbratta, Guccio Porco, che era brut- pochi e ben delineati: frate Cipolla, il servo Guccio
tissimo, sempre pronto a dare consigli non richiesti e Imbratta (o Guccio Porco o Guccio Balena), i due
che corteggiava tutte le donne che incontrava. Il pia- amici burloni, la serva dell’oste, i certaldesi credulo-
no è semplice: uno intratteneva il fante, l’altro rubava ni.
la penna. Essi però non devono preoccuparsi del fan- 2. Il frate è basso, grosso, dai capelli rossicci, gran
te, perché è occupato in cucina a corteggiare una parlatore e dalla mente sveglia. Considera la religione
donna grassa e grossa, piccola e mal fatta, con un pa- come una merce da piazzare presso il popolo credu-
io di poppe che parevano due cestoni da letame, tutta lone, che ama e che vuole essere stupito. Quando si
sudata, unta ed affumicata. Entrano nella stanza del trova in difficoltà (apre la borsa e trova carboni anzi-
frate, trovano la cassetta che contiene la penna, pren- ché la penna dell’angelo Gabriele), non si perde
dono la penna e, per non lasciar la cassetta vuota, la d’animo e non se la prende con il servo, che sa irre-
riempiono con i carboni che erano in un angolo della sponsabile e pieno di cattive qualità. Prima se la
stanza. Il pomeriggio la chiesa è piena di gente, ac- prende con sé, perché si è fidato di Guccio, che sa i-
corsa anche dai paesi vicini, per vedere la penna naffidabile. Poi cerca una soluzione. Per poterla tro-
dell’angelo Gabriele. Dopo una lunga predica prepa- vare ha bisogno di tempo, perciò incomincia a fare un
ratoria, frate Cipolla apre la cassetta e vede i carboni. lungo discorso senza capo né coda. Contemporanea-
Non pensa che sia stato Guccio Imbratta, né se la mente pensa per trovare la soluzione, e la trova: i car-
prende con il servo inaffidabile. Maledice se stesso boni sono quelli serviti ad arrostire san Lorenzo, e lo
per aver affidato le sue cose al servo che sapeva esse- scambio di cassette è stato voluto da Dio, poiché di lì
re inaffidabile. Sul suo viso però non compare alcuna a qualche giorno è la festa del santo... Il frate non si
emozione e, dopo aver lodato Dio, richiude la casset- accontenta di parare la beffa che gli è stata giocata.
ta e incomincia a raccontare dei suoi viaggi in mezza Cerca anche di volgerla a suo vantaggio. E, raccon-
Europa (in realtà attraverso i quartieri di Firenze), in tando la storia di san Lorenzo, vi riesce. Probabil-
India, dove aveva visto volare i pennuti, a Gerusa- mente la soluzione non gli è costata grande fatica:
lemme, dove Maso del Saggio gli aveva mostrato le l’imbroglio quotidiano costituisce il suo modo di vi-
sue reliquie (il dito dello Spirito Santo, il ciuffetto del vere normale. Non si sente nemmeno colpevole di
serafino che era apparso a san Francesco, l’unghia di ciò: egli dà al popolo quel che il popolo chiede. Ed il
un cherubino, una costa del Verbun-caro-fatti-alle- popolo, che ha fame di miracoli, è contento, e lo rin-
finestre). Con costui egli scambia alcune reliquie. In grazia concretamente abbondando in elemosine. Il
cambio riceve la penna dell’angelo Gabriele e i car- frate non si preoccupa di non riuscire a trovare una
boni con cui fu arrostito san Lorenzo. Egli è solito soluzione: ha davanti a sé un popolo credulone e ha
portare le due reliquie con sé in due cassette uguali, e una fiducia totale nel potere persuasivo della parola.
molto spesso è successo che le ha confuse. Questa Ed egli sa parlare e sa dire ciò che l’interlocutore
volta però non è stato un errore, è stata la volontà di vuol sentirsi dire. Se l’interlocutore è stupido – egli si
Dio a fargli prendere la cassetta sbagliata, visto che di può sempre giustificare – non è certamente colpa sua.
lì a qualche giorno era la festa di san Lorenzo. Prima Boccaccio aveva tratteggiato un’altra figura di frate
di mostrare i carboni frate Cipolla ricorda ai fedeli in Ser Ciappelletto (I, 1): un santo frate, che si era
che essi sono miracolosi: chi è segnato da un segno di formato sui libri, che crede a quello che vuole sentirsi
croce fatto con quei carboni, può stare sicuro che per dire da ser Ciappelletto moribondo, e che pensa anche
tutto l’anno il fuoco non lo brucerà che non si senta. agli interessi economici del convento. La polemica
La gente li guarda con riverenza; quindi, facendo of- contro i religiosi è un motivo conduttore del Decame-
ferte molto maggiori del solito, prega il frate di se- ron.
gnarla con quei carboni. Il frate allora fa grandi croci 3. Il servo Guccio Imbratta o Guccio Porco o Guccio
sui vestiti degli uomini e delle donne, affermando che Balena è degno compare del frate. Di religioso non ha
i carboni più si consumavano, più ricrescevano nella nemmeno l’apparenza. È pura materia. Si crede anco-
cassetta. Così segna tutti i certaldesi, con grande tor- ra più saccente del padrone, ed è una copia ancora
naconto personale, e beffa coloro che, prendendogli peggiore del padrone, perché non è illuminato nem-
la penna, pensavano di schernirlo. I due amici, ve- meno dal più piccolo barlume di intelligenza. Usa la
dendo il modo in cui il frate aveva parato la loro bef- ragione e la parola per soddisfare i suoi appetiti fisici.
fa, ridono tanto che temono di smascellarsi. Quando E corteggia indiscriminatamente tutte le donne che
la gente se ne va, vanno da lui e gli restituiscono la incontra, a cui fa promesse sconclusionate di matri-
penna, che l’anno seguente al frate rende non meno di monio. Corteggia con grandi discorsi la serva, che è
quanto avevano reso quel giorno i carboni. un mostro di bruttezza. Eppure il suo degrado morale
e la sua vita soltanto istintuale colpiscono il suo dato-
re di lavoro, che ne elenca con puntiglio e quasi con
orgoglio tutti i difetti. Per poco la sua figura non
sfugge di mano allo stesso autore, che ne è affascina-
to e che gli sta dando più spazio del dovuto.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 104
4. La serva è una donna bruttissima, grassa e grossa, nobiliare, che egli ha scelto come classe putativa. Gli
piccola e mal fatta, con un paio di poppe che pareva- scontri fra nobiltà e clero sono molto più violenti nel
no due cestoni da letame, tutta sudata, unta ed affu- napoletano, che ha un’economia agricola ed arretrata,
micata. Sembra sprovvista anche di parola, quindi piuttosto che a Firenze, dove domina la borghesia fi-
non ha la minima scintilla di intelligenza. Essa è ma- nanziaria e commerciale, ed è maggiore la ricchezza
teria vivente e fascio di istinti animaleschi. È domina- da dividere tra le varie classi sociali.
ta dalla cieca necessità di soddisfare i suoi istinti an- 8. Boccaccio non esprime alcuna valutazione morale
cor più del servo Guccio Imbratta, che la corteggia. È su frate Cipolla, come non la esprime sugli altri per-
un corpo che vive, uno stomaco che divora. Guccio sonaggi. Ben inteso, sa anche usare una lingua ta-
invece è un corpo dominato dai sensi e dagli istinti, gliente, quando è necessario. Ma in questo caso è e-
ed usa la ragione e la parola per ottenere tutto ciò che quanime, è ugualmente critico verso nobili, ecclesia-
può soddisfare i suoi appetiti animaleschi. Essa fa stici e borghesi. Neanche il popolo è valutato con cri-
parte dei livelli più bassi dei servi e del popolo. Boc- teri morali. Tuttavia è sempre presentato in termini
caccio aveva già descritto altri servi, come Chichibìo negativi. Nel testo spunta la polemica, costante nel
e Brunetta (VI, 4) e come il servo senza nome che va Decameron, contro il commercio e il culto delle reli-
da Cisti fornaio con un grande fiasco (VI, 2). Egli li quie, già criticati fin dalla novella iniziale di Ser
colloca sempre nei gradini più bassi della società, at- Ciappelletto (I, 1). Ma essa non acquista troppo spa-
tribuisce loro scarse capacità intellettuali e li fa do- zio: alla fine i due giovani consegnano al frate la
minare dagli istinti. Insomma sembra dire che, se si penna rubata e ridono alle spalle del popolo credulo-
trovano nelle parti più basse della gerarchia sociale, ne. Lo scrittore è sensibile alla polemica antieccle-
c’è un motivo: la loro poca intelligenza e il fatto che siastica, perché la nobiltà trova nella Chiesa una te-
sono dominati dal puro istinto. Ben altra cosa sono gli mibile concorrente nelle attività che portano a mettere
aristocratici – dallo spregiudicato Musciatto Franze- le mani sulla ricchezza prodotta dall’economia. A
si (I, 1) al giovane Nastagio degli Onesti (V, 8), Napoli la polemica antiecclesiastica è più vivace che
dall’ambasciatore Geri Spina (VI, 2) all’irascibile altrove a causa delle pretese della Curia romana sul
Currado Gianfigliazzi (VI, 4) –, il cui potere è legato regno, giuridicamente vassallo della Chiesa. Tale po-
proprio al fatto che sono i migliori. lemica conosce livelli di estrema durezza nel Quat-
5. I due amici giocano spensieratamente uno scherzo trocento con Lorenzo Valla (1405-1457), che dimo-
al frate, senza preoccuparsi delle conseguenze che es- stra la falsità della Donazione di Costantino (1440),
so poteva avere. Ad esempio i certaldesi si potevano con cui la corte papale rivendicava il possesso di
sentire imbrogliati o presi in giro, e trattare il frate di Roma e dei territori circostanti. Quindi nella seconda
conseguenza. Essi giocano la beffa, perché a quel metà del secolo con Masuccio Salernitano (1410-
tempo e in quella società la beffa era uno dei pochi 1475), che ne Il novellino (1476), una raccolta di 50
divertimenti possibili. Essi costituiscono la “spalla” o novelle, attacca sia l’immoralità e l’avidità di denaro
i deuteragonisti del personaggio principale, come in del clero, sia la concorrenza che esso fa alla classe
altre novelle (i due usurai fiorentini che ospitano ser nobiliare nell’intascare denaro. Per il suo carattere
Ciappelletto, i due malandrini che incontrano An- osceno e blasfemo l’opera è data alle fiamme subito
dreuccio da Perugia ecc.). Ma non hanno, né possono dopo la morte dell’autore. Insomma la corte napole-
avere, uno sviluppo artistico autonomo. tana schiera gli intellettuali per difendersi e per con-
6. I certaldesi sono creduloni, ignoranti, superstiziosi, trattaccare il clero locale e le pretese di Roma.
hanno fame di religione e di miracoli. Boccaccio di- 9. L’opera di Masuccio Salernitano permette peraltro
sprezza anche in questa novella il popolo in quanto di confrontare il mondo nobiliare di cui parla Boc-
tale: egli vuole cantare l’intelligenza, non la stupidità. caccio con il mondo nobiliare di cui parla lo scrittore
In questa occasione egli si prende pure gioco dei suoi napoletano. Il mondo di Boccaccio è già un mondo
compaesani, sui quali riversa la sua lingua velenosa: umanistico, un mondo umanistico fiorentino e roma-
il frate ritorna un anno dopo, ed essi continuano a no. Un mondo – sia laico sia religioso – che ha una
fargli abbondanti elemosine. Il tempo non era servito fiducia estrema nella forza e nel successo della ragio-
ad insegnare loro qualcosa. ne. Il mondo nobiliare di Masuccio risente invece del-
7. La polemica contro il popolo credulone che si fa le forti tensioni che esistevano tra i baroni e il sovra-
imbrogliare dai religiosi è presente fin dalla prima no ed anche del rapporto di sudditanza che esisteva
novella, quella di Ser Ciappelletto (I, 1). In essa un tra il regno e la Curia romana. Gli attacchi al clero
santo frate pensa agli interessi del convento e rim- napoletano vanno intesi in genere come attacchi di-
provera la folla, che non rispetta i comandamenti e fensivi nei confronti di Roma, che chiede tributi che
che, contemporaneamente, ha sete di religione e di non si possono negare e che può contare su una quin-
reliquie. Anche qui Boccaccio polemizza con i reli- ta colonna, il clero napoletano. Il regno di Napoli era
giosi, ma non con i personaggi delle sue novelle, ben- costantemente sulla difensiva rispetto allo strapotere
sì con i religiosi concreti che vivono nella società e di Roma, che era totale: sia politico, sia economico,
che sfruttano la credulità popolare. La polemica però sia culturale. E, in questa lotta, la monarchia napole-
non è del tutto disinteressata: i denari che il popolo tana (iniziata nel 1266 quando la casa d’Angiò accet-
versa alla Chiesa non vanno ad arricchire la classe ta l’incoronazione al regno in cambio di tributi alla
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 105
Chiesa e riesce a sconfiggere prima Manfredi di Sve- il marito, il prete che amava. Non si era forse travesti-
via e poi Corradino) riesce ad alienarsi prima le sim- to da prete? Lo rimproverò di aver voluto sapere quel
patie dei nobili a causa delle pressioni fiscali a cui li che lei voleva dire soltanto in confessione. Lo invitò
sottopone, poi le simpatie della cerchia nobiliare più a non essere più geloso e lo minacciò: se lei voleva
ristretta, quella di cui fa parte lo stesso Masuccio, che tradirlo, lo avrebbe fatto anche se lui aveva cento oc-
alla fine si schiera con l’opposizione. Così nel 1282 chi. E non se ne sarebbe neanche accorto. Il marito si
la Sicilia si stacca e finisce nelle mani della monar- sentì preso in contropiede. Riconobbe che la moglie
chia aragonese. Nel 1458-62 scoppia la prima rivolta era saggia e aveva ragione e da quel momento cercò
dei baroni, soffocata nel sangue, e 20 anni dopo la se- di controllare la sua gelosia. Dopo quel giorno la
conda (1485-86). Nel 1494 il regno è invaso dalle donna continuò a vedere l’amante. Non lo fece più
truppe francesi, chiamate contro di esso da Ludovico venire per il tetto, lo faceva entrare discretamente per
il Moro, signore di Milano. la porta. I due giovane si videro e si amarono con re-
---I☺I--- ciproco piacere per lungo tempo.

Il marito geloso ingannato dalla moglie, Commento


VII, 5 1. I protagonisti della novella sono, come al solito,
pochi e ben delineati: Il marito geloso, la moglie fedi-
Ad Armino viveva un mercante ricco di denaro e di fraga, poi in secondo piano il giovane amante e il pre-
proprietà, che aveva una moglie bellissima. Era però
te.
molto geloso e non permetteva alla donna di uscire di 2. Anche questa novella è calata sulla vita del giova-
casa. La donna era molto infastidita, tanto più che si ne lettore che pensa soltanto al sesso e che si diverte
sentiva innocente. Non potendo uscire di casa né ad ascoltare racconti salaci, in cui le donne sono
guardare alla finestra, decise di fare un buco nel mu- sempre affamate di membri maschili e sempre dispo-
ro, poiché nella casa vicina viveva un giovane molto nibili all’avventura sessuale, sia prima di sposarsi, sia
bello. Voleva parlargli e confessare il suo amore, in e soprattutto dopo sposate. Ovviamente si innamora-
attesa che il marito smettesse di essere geloso. Attra-
no di maschi che sono sia giovani sia belli sia abili
verso il buco nel muro la donna si mise a parlare con nell’arte di amare.
il giovane. Lo allargò quanto bastava affinché le loro 3. Il marito si è preso una moglie bella, che non sa
dita si sfiorassero. Di più non potevano fare a causa gestire o, in alternativa, la donna si è presa un marito
della vigilanza del marito. Arrivò il giorno di Pasqua. ricco, che non può pensare di frullarla a tempo pieno,
La donna disse al marito che voleva andare in chiesa deve anche lavorare.
a confessarsi. Il marito si insospettì, le negò il per- 4. Nella novella la donna si dimostra più astuta del
messo ma alla fine fu costretto a cedere. Doveva però
marito, che pure doveva avere l’intelligenza acuta del
andare a confessarsi in una chiesetta lì vicina. Il gior- commerciante. Ma si tratta della bassa astuzia, l’in-
no convenuto egli precedette la moglie e si sostituì al telligenza del popolino o delle donne, non si tratta
confessore. La donna se ne accorse subito, perché si dell’alta e nobile intelligenza di Nastagio degli Onesti
era travestito male. La donna disse che era innamora- o dell’intelligenza da mercante di Andreuccio da Pe-
ta di un prete, che veniva ogni notte e giaceva con lei. rugia, che si fa ingannare ma che un po’ alla volta
Il confessore chiese come poteva succedere, se il ma- impara a cautelarsi e alla fine recupera il denaro per-
rito era in casa. La donna rispose che il prete diceva
duto.
alcune parole, che facevano subito addormentare il 5. Anche questa donna è attiva e vogliosa di sesso
marito. La donna chiese l’assoluzione. Il confessore come madonna Filippa (VI, 7).
rispose che non gliela poteva dare, ma che avrebbe 6. Boccaccio ha calato questa e le altre novelle eroti-
pregato per lei: avrebbe mandato poi un chierichetto a che sulla vita del suo giovane lettore assatanato di
casa, per sapere se le preghiere facevano effetto. La
sesso e voglioso di rapporti sessuali “prendi e scap-
donna gli disse di non mandare nessuno, perché il pa”. Ma nelle trame qualcosa stride. In questa novella
marito era gelosissimo. Il confessore rispose che il
ad esempio è immediato pensare che la donna sia stu-
marito non se ne sarebbe accorto e le diede la peni- pida a mettere a rischio il benessere conquistato con il
tenza. A casa la donna notò che il marito non riusciva matrimonio per soddisfare le esigenze della sua vagi-
a nascondere la brutta sorpresa che aveva avuto. na: a) lei aveva piazzato bene la sua bellezza e la sua
Quella notte il marito si mise a guardia della porta di bellezza non era eterna; b) il marito poteva brutal-
casa, nascondendosi in una cameretta. La donna disse mente dirle che l’aveva comperata, che facesse la sua
al giovane che il marito era di guardia al pianterreno parte e che non dimenticasse che la bellezza è di bre-
e che egli poteva raggiungerla per i tetti. Il giovane la
ve durata, mentre i suoi suoi fiorini no; c) il marito
raggiunse e passarono la notte insieme. Il marito poteva cacciarla fuori di casa o batterla, senza pro-
mandò un giovane a chiedere alla moglie se il prete blemi, e nessuno avrebbe messo in discussione il suo
era venuto. Lei rispose di sì. Così il marito per più diritto di bastonare la moglie adultera. Ma ai giovani
notti vigilò la porta di casa, mentre i due giovani pas- ascoltatori queste quisquiglie non venivano in mente
savano la notte ad amarsi. Alla fine il marito volle sa- neanche in mille anni. Il solo pensiero di una donna
pere dalla donna chi era il prete che lei amava. La
donna negò di amare un prete e aggiunse che era lui,
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 106
che cercava rapporti sessuali fuori del matrimonio li sessualità vi svolgono funzioni assai diverse. In Boc-
eccitava. caccio esse celebrano il rapporto sessuale, che i gio-
---I☺I--- vani chiamano pomposamente amore. In Masuccio
celebrano il rapporto sessuale, ma inserito in una vi-
La badessa e le brache del prete, IX, 2 sione più vasta: il corpo femminile è uno dei pochi
In Lombardia c’era un monastero pieno di santità e di beni da arraffare, che tutte le classi sociali (nobili e
religiosità. Qui c’era una monaca nobile e bellissima clero e popolo alto) cercano di arraffare. L’altro valo-
di nome Isabella. Un giorno un suo parente venne con re è la ricchezza. Il popolo minuto è escluso dalla ric-
un giovane. Lei si innamorò di lui e lui la ricambiava. chezza e anche dall’uso dei di corpi femminili. Quan-
Lui trovò il modo di raggiungerla di notte. Così fece do pensa alle donne per frullarle, entra in concorrenza
più volte. Una notte però una monaca lo vide. Lo dis- con il clero, ma mai con i nobili.
se alle altre monache. Insieme decisero di dirlo alla 5. Masuccio riesce quindi a controbilanciare la mono-
badessa, che era reputata una santa donna. Poi pensa- tonia dei rapporti sessuali, che poi sono soltanto ac-
rono che era meglio che i due giovani fossero colti cennati. Ad esempio, trasforma la corte a madonna
mentre erano insieme. Così una notte in cui il giovane Barbara in uno spettacolo di bravura teatrale, che
era venuto, una monaca si mise a guardia della porta raggiunge il culmine nel momento della deflorazione,
di Isabella, un’altra andò dalla badessa. La badessa quando accende due torce ai lati della ragazza: le om-
stava con un prete e, temendo che la monaca aprisse bre create dalle fiamme provocano una esplosione di
la porta, si vestì in fretta e al buio. Sul capo però non erotismo (I, 2). Nella novella delle brache di san Gri-
si mise il velo, ma le brache del prete. Nessuna si ac- fone (I, 3) c’è la duplice frullata (la donna e la serva, i
corse di quel che si era messo in capo. Isabella e due frati), ma la novella non si ferma all’amplesso, e
l’amante furono colti di sorpresa. Isabella fu portata continua perché uno dei due frati aveva dimenticato
nel salone del monastero. Il giovane intanto si rivesti- le mutande e bisognava recuperarle. Di qui l’idea ge-
va pensando che poteva sempre portar fuori la ragaz- niale della processione.
za dal monastero. Nel salone la badessa si mise a 6. Le novelle erotiche di Boccaccio fanno pensare
rimproverare duramente Isabella, accusandola di aver che il sesso sia apprezzato soltanto quando è difficile
infangato il buon nome del monastero. La giovane se da raggiungere, quando fa provare il brivido del ri-
ne stava zitta, piena di vergogna, sentendosi colpevo- schio, quando è vietato, quando la donna è di proprie-
le. Il suo silenzio spinse le altre monache a provare tà altrui, quando è ninfomane e non è soddisfatta dal
compassione per lei. La badessa continuava i rimpro- legittimo consorte. E infine che il matrimonio riduca
veri. Ad un certo punto Isabella alzò il capo e vide le nell’uomo la libido, anche se potrebbe scatenarsi,
brache. Allora invitò la badessa ad annodarsi la cuf- perché la donna è sua moglie o di sua proprietà.
fia. La badessa non capiva. Isabella ripeté l’invito. 7. In nessuna novella erotica Boccaccio entra nei par-
Soltanto allora le altre monache si accorsero delle ticolari. Non sappiamo se i due giovani si baciano, si
brache. Finalmente la badessa capì. Allora, vedendo abbracciano, si accarezzano, si spogliano lentamente
che tutte le monache se n’erano accorte, cambiò di- o velocemente, se parlano o non parlano, se si fanno
scorso e disse che non si poteva resistere agli stimoli reciproci complimenti sulla bellezza reciproca, se si
della carne, invitò le monache a fare quel che fino ad frullano subito e tutto finisce in pochi secondi. Nel
allora avevano fatto, quindi licenziò la giovane e se caso di Francesca e Paolo le cose vanno per le lunghe
ne tornò dal suo prete. Isabella continuò a vedersi con (If V): c’è in primo luogo il pre-riscaldamento menta-
l’amante, suscitando qualche invidiata. Quando sep- le, la lettura del libro e la trasformazione delle parole
pero come stavano le cose, le monache senza amante in immagini mentali che danno sicuramente piacere.
si diedero da farne per procurarsene uno. Poi i due amanti si spogliano ed apprezzano la reci-
proca bellezza. Magari la commentano verbalmen-
Commento te… “Amor mio, sei il primo bronzo di Riace!” “E tu
1. La novella è ambientata in un convento femminile. sei Venere quando aveva 20 anni e usciva nuda dal
Per Boccaccio anche le suore sono donne e sono do- mare!” Infine pensano ad usare i loro corpi in un caos
minate dall’istinto sessuale, che tendono a soddisfare. indescrivibile di membra, di posizioni, di acrobazie e
Dio è lontano, irraggiungibile, e non disturba con la di gemiti.
sua presenza la vita dentro le mura del convento. 8. Masuccio Salernitano (1410ca.-1476) riprende
2. Conviene confrontare le novelle erotiche di Boc- questa novella nel Novellino (1476): Fra’ Nicolò da
caccio tra loro, per sottolineane diversità ed elementi Narni e le brache di san Griffone, I, 3. Masuccio
comuni. E anche la visione del sesso e dei rapporti coinvolge due frati e poi tutto il convento in una sto-
maschio-femmina che propongono. ria oscena di corna e di donne affamate di sesso.
3. La novella è stata ripresa 120 anni dopo da Masuc- ------------------------------I☺I-----------------------------
cio Salernitano (Novellino, Fra’ Nicolò da Narni e le
brache di san Griffone, I, 3): conviene confrontare le
due versioni. Ed anche i due autori.
4. Più in generale conviene confrontare tutte le novel-
le erotiche di Boccaccio e di Masuccio. Il sesso e la
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 107
Masuccio Salernitano (1410ca.- viene anche sul piano ideologico e culturale: la Chie-
sa usa le prediche, Masuccio le novelle.
1476)
La poetica. L’economia arretrata, i conseguenti con-
La vita. Tommaso Guardati, detto Masuccio Saler- flitti tra monarchia e nobili, tra nobili ed ecclesiastici,
nitano (Salerno, 1410ca.-Salerno, 1476) è imbevuto tra monarchia e Chiesa romana permettono di capire
di cultura religiosa ed è una figura solitaria dell’Uma- meglio i suoi attacchi polemici e le sue ossessioni.
nesimo napoletano, poiché non è un letterato di pro- Tuttavia nelle novelle egli fa sentire la sua formazio-
fessione. Lavora come funzionario alla corte di Al- ne sia religiosa sia teatrale. D’altra parte la Chiesa
fonso d’Aragona a Napoli, dal 1463 entra al servizio aveva il monopolio della cultura e del teatro che era
del principe di Salerno Roberto Sanseverino. Ha cin- nato con le sacre rappresentazioni… In una società
que figli, tre dei quali prendono gli ordini religiosi. povera i premi in palio sono pochi: un po’ di ricchez-
za e un po’ di sesso, rappresentato dal corpo di una
L’opera. Masuccio Salernitano scrive il Novellino, donna, che appaiono ossessivamente e in modo ripeti-
una raccolta di 50 novelle che dissacrano il mondo tivo da una novella all’altra. L’amore poi è povero, è
ecclesiastico e celebrano la nobiltà. La stesura è len- soltanto fisico, è soltanto sesso: il maschio possiede e
tissima, inizia nei primi anni Cinquanta e termina nei usa la femmina per soddisfare i suoi appetiti sessuali
primi anni Settanta. Subito dopo la morte il mano- che culminano nell’orgasmo. L’amore sessuale non
scritto è bruciato dall’inquisitore. La prima edizione s’innalza mai al livello letterario, emotivo, sentimen-
critica dell’opera è curata dal patriota napoletano tale, ideale, come proponevano la Scuola siciliana
Domenico Settembrini, che si propone di recuperare (1230-60) e il Dolce stil novo fiorentino (1275-95),
la letteratura meridionale del passato. Masuccio divi- che avevano inventato la donna-angelo, che porta
de le novelle in dieci gruppi, introdotti da un Prologo, l’uomo a Dio. E oltre al sesso con c’è altro, non ci
che trattano uno specifico argomento. Alla fine sono altri valori. Il sesso che travolge il lettore non è
dell’opera pone un Parlamento, insomma una Post- quindi una ricerca del piacere che soddisfa e realizzi i
fazione. A sua volta ogni novella ha l’Argomento, personaggi. È la fuga in un mondo turpe e degradato,
cioè il riassunto in 5-6 righe, il nome dell’autore a è un auto-stordimento, per protestare contro il mondo
cui è dedicata, l’esordio, che è una specie di premes- reale in cui si vive.
sa, la Narrazione, cioè il testo della novella, infine il Basta confrontare le cinque novelle erotiche di Ma-
commento finale intitolato Masuccio e fatto dallo succio con le sei novelle erotiche di Boccaccio e si
stesso autore. Ogni decade di novelle tratta poi lo coglie la diversa prospettiva dei due autori. Boccac-
stesso argomento. Lo scrittore cerca in qualche modo cio apprezza l’ironia, la battuta di spirito, l’amore
di ripetere l’organizzazione del Decameron di Boc- sentimentale, l’amore romantico, l’amore tragico. A
caccio: per allontanarsi dalla peste, 10 giovani si riti- tutto questo lo scrittore salernitano contrappone la ri-
rano in una villa fuori di Firenze e si raccontano una cerca continua e ossessiva di amplessi, ricercati dai
novella al giorno per 10 giorni con argomento indica- nobili cavalieri e da tutte le donne, presentate come
to dal re o dalla regina. L’ultima novella della giorna- voraci vagine affamate di membri maschili. Il popolo
ta e alcune giornate hanno argomento libero. In tal invece è sessualmente anoressico (gli uomini) o ter-
modo i due autori salvano unità e varietà, ed evitano reno di caccia per nobili e clero (le donne) o altri es-
la noia e la ripetizione. I due mondi, quello di Boc- seri mostruosi affamati di sesso (i nani). Lo scrittore
caccio e quello di Masuccio, sono però molto diversi, propone insomma, e consapevolmente, un’estetica del
perciò i risultati sono completamente diversi. Anche brutto, un’estetica pre-barocca, incentrata sulla cele-
gli scopi sono diversi: Boccaccio vuole serenamente brazione dell’osceno, del deforme e di una umanità
divertire, anche quando racconta novelle licenziose. degradata.
Masuccio non dimentica mai lo scopo pubblicitario e L’opera è molto apprezzata dalla nobiltà del tempo,
politico delle sue novelle: la difesa della classe nobi- ma è osteggiata dalle autorità ecclesiastiche ed è pre-
liare contro il clero e i vari ordini frateschi, che insi- sto dimenticata, poiché propone un mondo deforme e
diano le donne e la ricchezza alla nobiltà. Il popolo grottesco che si contrappone sia al mondo ideale e al-
per lui è semplice carne da macello, che si fa imbro- la nobiltà di Boccaccio sia ai valori classicheggianti
gliare dai frati, e le sue donne sono territorio di caccia dell’Umanesimo e perché è ferocemente antiecclesia-
per i nobili lombi. I disprezzo per il clero non gli im- stica. Masucccio, blasfemo e pornografico, è risco-
pedisce di piazzare i suoi figli e le sue figlie proprio perto soltanto da Domenico Settembrini (1813-1876),
nella gerarchia ecclesiastica. L’eventuale contraddi- un patriota napoletano, che ripubblica il Novellino nel
zione passa però in secondo piano se si tiene presente 1874. Il Salernitano però subisce la condanna morali-
che egli si schiera con i principi napoletani contro stica dei critici di ispirazione crociana, che propone-
l’esosa fiscalità del sovrano, che ne deve domare le vano un’estetica del bello. E la sua “cattiva fama”
due rivolte. Firenze era ricca e produceva ricchezza, permane anche dopo le edizioni critiche di Alfredo
il Regno di Napoli no. Di qui la lotta di tutte le parti Mauro (1940) e di Giorgio Petrocchi (1957) e, a par-
sociali per strappare ricchezza alle altre. La lotta av- te qualche rara eccezione, anche con la critica succes-
siva.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 108
Commento ta per lui. Egli diventa invece importuno e la segue
1. Masuccio mostra un aspetto della cultura meridio- ovunque. Caterina pensa di avvisare il marito prima
nale ben diverso da quello normalmente conosciuto, che altri lo avvisino. Il marito le dice di farlo venire
prima la Scuola siciliana e poi all’Umanesimo napo- di notte, al resto avrebbe pensato lui. Diego entra, una
letano. Vale la pena di leggerlo proprio per questo serva lo conduce in una stanza buia. Qui il marito e
motivo. È uno scrittore anomalo, che non cerca clas- un servo lo strangolano. Il marito si pente subito
sici greci e latini da pubblicare, e che porta la cultura dell’omicidio (teme il re e il convento). Con il servo
in ambiti originali, del tutto sconosciuti. Conviene lo porta in convento e lo mette a sedere in una stanza
confrontarlo con il Decameron (1349-51) di Giovanni su una sedia (è la latrina del convento). Quindi ritorna
Boccaccio, a cui si ispira, e anche con lo Specchio di a palazzo. Un giovane frate va nella stessa stanza per
vera penitenza (1354) di Jacopo Passavanti, scrittore sgravarsi di corpo. Riconosce Diego seduto e si mette
di prediche, che scopre le atmosfere notturne. La cosa ad aspettare. Tra i due non correva buon sangue. Ma
curiosa è che il suo moralismo (ma filonobiliare) su- Diego non si muove. Allora il frate, pensando che lo
pera di gran lunga quello del frate domenicano. voglia prendere in giro, afferra una pietra e lo colpi-
1.1. La corte napoletana peraltro offre anche un’altra sce sul capo. Diego cade. Egli pensa di averlo ucciso
e ben diversa visione dell’Umanesimo: quello di Lo- e, temendo d’essere incolpato a causa della loro ini-
renzo Valla (1407-1457), di Giovanni Pontano (1422- micizia, lo prende e lo trascina davanti alla porta del
1503) e di Iacopo Sannazaro (1455-1530), tre gran- palazzo di Roderigo, poiché sapeva che il frate ne
dissimi umanisti. Valla, un professionista della cultu- corteggiava la moglie. Non contento, va dal padre
ra, fa la spola tra Napoli e Roma e dimostra che la do- guardiano e gli chiede di poter andare a Medina con
nazione di Costantino è un falso del sec. VII (1440). una cavalla a prendere le elemosine che aveva raccol-
Pontano e Sannazaro scrivono splendide opere in la- to. Il padre lo loda e gli dà il permesso. Roderigo pas-
tino. sa la notte in bianco, finché decide di mandare un
2. Masuccio può essere confrontato proficuamente servo ad ascoltare se i frati hanno scoperto il morto. Il
con Jacopo Passavanti per diversi motivi: Passavanti servo esce e trova subito il cadavere. Ritorna dal pa-
proietta l’uomo sull’al di là dove i peccati sono du- drone, che non si arrabbia affatto. Manda il servo a
ramente puniti; Guardati lascia interamente l’uomo prendere uno stallone, sul quale legano il morto, gli
sulla terra, un infermo non meno peggiore. I due au- mettono una lancia in mano e lo portano davanti al
tori puntano sull’orrido, su atmosfere cupe e maligne convento. In quel momento dal convento esce il frate
in cui i personaggi sono immersi. Per il frate la ric- con la cavalla. Sentendo l’odore della femmina, lo
chezza è un dis-valore e fa perdere l’anima. Per stallone cerca di montarla. Il frate le spinge gli spero-
Guardati è una dei due valori, l’altro è l’amore fisico ni nei fianchi, la cavalla si mette a correre, inseguita
con una donna. Per il frate la cultura fa andare all’in- dallo stallone. Il frate chiede aiuto. Ormai è primo
ferno (Serlo e lo scolaro dannato), per il Salernitano mattino, la gente guarda dalla finestra, vede i due frati
è un valore, ma lontanissimo e non si accorge che che si inseguono e ride. Alla fine i due sono fermati
grazie ad essa i frati predicatori riescono a tessere con ad una porta della città. Gli abitanti volevano sapere
successo i loro imbrogli. Peraltro egli è più vicino a che cosa era successo. Il morto è sepolto, il vivo è
Passavanti (1354) che a Boccaccio (1349-51). Ma portato in convento, poi sarebbe stato portato in car-
Guardati non riesce mai a staccarsi dal suo mondo tra cere con l’accusa di omicidio. Il podestà lo avrebbe
Napoli e Salerno e da una visione grossolanamente giudicato e impiccato. Intanto era giunto il sovrano, il
materialistica della realtà. Il passato pesa sulle sue i- quale, sentendo la storia, da una parte ride, dall’altra
dee. Non capisce che l’uomo e la donna hanno biso- è dispiaciuto di aver perso un frate così stimato. Ma
gno di sogni e di illusioni per vivere. Lo dirà poi Ugo la giustizia doveva seguire il suo corso. Allora Rode-
Foscolo, un altro materialista, in un romanzo (1798). rigo, per evitare che il frate fosse ingiustamente im-
In quegli stessi anni Firenze, Roma e Venezia cono- piccato ed essendo in buoni rapporti con il sovrano,
scono i fulgori dell’Umanesimo e poi del Rinasci- decide di confessare in pubblico quanto era successo.
mento. E la lingua ufficiale è il latino. Però è disposto a raccontare la storia soltanto se il so-
---I☺I--- vrano perdona preventivamente colui che ha giusta-
mente ucciso il frate. Il sovrano concede il perdono e
Maestro Diego, la cavalla e lo stallone, I, il nobile racconta la storia. Il frate insidiava e impor-
1 tunava sua moglie, così egli ha pensato di farlo venire
di notte e di strangolarlo. Poi l’aveva portato in con-
Riassunto. A Salamanca viveva un frate minore con- vento, ma se l’era ritrovato davanti alla porta il matti-
ventuale di nome Diego de Revalo. Era esperto in san no dopo. Allora l’aveva messo sullo stallone e ripor-
Tommaso come in Duns Scoto. Teneva lezione all’u- tato al convento. Il re aveva già sentito qualche voce
niversità. Era bello e leggiadro e sentiva il fuoco sull’intraprendenza di Diego verso le donne. Perciò fa
dell’amore. Si innamora di Caterina, moglie di Rode- venire il frate guardiano, il frate incriminato e gli altri
rigo d’Angiaja, un notabile della città. Le scrive una confratelli, che ascoltano il racconto di Roderigo e
lettera, che fa portare da un chierichetto. La donna è confermano il comportamento riprovevole di Diego.
lusingata, ma gli risponde che suo marito la vuole tut- Così il sovrano fa liberare il frate, ingiustamente ac-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 109
cusato, e oltre al perdono loda il cavaliere per quanto 6. Masuccio non dimentica mai lo scopo pubblicitario
ha fatto. e politico delle sue novelle: la difesa della classe no-
biliare contro il clero e i vari ordini frateschi, che in-
Commento sidiano le donne e la ricchezza alla nobiltà. Il popolo
1. Il punto forte del racconto è la cavalcata infernale per lui è semplice carne da macello, che si fa imbro-
che avviene sul far dell’alba. Il punto debole è che gliare dai frati, e le sue donne sono territorio di caccia
non si spreca uno stallone così, per scopi poi non per i nobili lombi. Il disprezzo per il clero non gli im-
molto chiari. Che dovevano dire o fare i frati davanti pedisce di piazzare i suoi figli e le sue figlie proprio
al morto legato allo stallone? Sicuramente non si era nella gerarchia ecclesiastica. L’eventuale contraddi-
legato da solo… Comunque sia, la storia è movimen- zione passa però in secondo piano se si tiene presente
tata e piena di colpi di scena. Arriva anche il sovrano, che egli si schiera con i principi napoletani contro
senza farsi annunciare, che serve come e diventa il l’esosa fiscalità del sovrano, che ne deve domare le
deus ex machina, che risolve la situazione, con soddi- due rivolte.
sfazione di tutte le parti in causa. La morale della fa- 7. La novella va paragonata alle novelle di Boccaccio
vola – c’è anche una morale! –, espressa dal sovrano, incentrate sui giovani (Andreuccio da Perugia, Na-
è che non si va a pascolare impunemente l’erba altrui stagio degli Onesti, Federigo degli Alberighi) e sul-
e che il nobile ha fatto bene a strangolare il frate. Il l’erotismo (Masetto da Lamporecchio, Re Agilulfo e
sovrano dà un perdono preventivo e oltre al perdono il palafreniere, Madonna Filippa). La conclusione è
loda il cavaliere che si è fatto giustizia da solo. I frati immediata: i due mondi sono lontanissimi. Un con-
del convento davano però il loro consenso: Diego de fronto efficace è anche con un altro scrittore del terro-
Revalo esagerava nell’essere intraprendente verso le re: Jacopo Passavanti, che spaventa i fedeli per por-
donne. E non capiva che doveva restare a pascolare le tarli a vivere in grazia di Dio.
sue popolane e non insidiare mogli di nobili. 8. La novella iniziale dà un’idea soddisfacente del
2. I personaggi sono poveri di tratti. I frati o i preten- Novellino. È un mondo degradato, che pensa unica-
denti sono giovani, belli e innamorati. Tutto qui. Le mente al sesso e alle soddisfazioni sessuali. Ma le
donne sono belle o bellissime e concupibili o normal- novelle successive aggravano (se così si può dire)
mente vogliose di rapporti sessuali. E, almeno in que- questo degrado: compaiono le donne dalla vagina ar-
sto caso, sono oneste soltanto per timore delle conse- dente, sempre affamate di sesso, i mariti anoressici e
guenze. Normalmente non si preoccupavano neanche tanti nani dal pene sovradimensionato, che esistono
di esserlo: farsi possedere era il loro unico ideale di unicamente per soddisfare le voglie femminili.
vita. Avevano una particolare predilezione per i nani 9. Una degli aspetti che più colpiscono di questa co-
a causa della fama che essi avevano di avere un pene me delle altre novelle è la sua costruzione teatrale:
sovra-dimensionato. Concedersi a un altro nobile si non è scritta per essere letta, è scritta per essere rap-
poteva anche capire, ma concedersi a un frate no: i presentata. L’autore pensa e scrive in termini di rap-
frati avevano già la loro pastura tra le popolane che presentazione teatrale ed è sempre attento all’am-
andavano in chiesa. Quindi risulta del tutto giustifica- biente in cui l’azione si svolge. In questa fa compari-
ta l’irritazione del nobile. re in scena anche gli spettatori: la gente che si sveglia
3. Non deve sfuggire il modo sbrigativo di farsi giu- all’alba e assiste alla cavalcata infernale. Seicento
stizia: il frate è scocciato che Diego de Revalo resti anni prima della comparsa del cinema… Un esempio
troppo a lungo a sgravarsi le budella e gli tira un sas- può essere istruttivo: Il mondo perduto – Jurassic
so. Non si accorge della testa a penzoloni del morto Park (1995) di Michael Crichton (1942-2008) non è
(era stato strangolato) e lo porta davanti alla porta di un romanzo da leggere, è già la sceneggiatura &
casa del potenziale assassino. Nessuno poi nota il col- montaggio di un film, che poi si farà (1997).
lo spezzato del frate o, almeno, l’effetto dello stran- 10. La novella della cavalcata infernale sul far
golamento. Il collo doveva ritornare al suo posto, per dell’alba dà inizio alla letteratura nera, alle atmosfere
la sceneggiata successiva. piene di paura, ai morti viventi, agli zombie, al rac-
4. Lo strangolamento del frate non dà luogo ad alcuna conto e al romanzo gotico o del terrore, che esplode-
catena di vendette. Tutte le parti riconoscono che fra’ ranno nell’Ottocento. Le penne più illustri sono lo
Diego de Revalo meritava di essere punito per aver statunitense Edgard Allan Poe (1809-1949), lo statu-
corteggiato una donna, una donna sposata, e sposata nitense Howard Phillips Lovercraft (1890-1937) e lo
a un nobile. Il nobile insomma ha per tutti il diritto di statunitense Stephen King (1947). La produzione ita-
strangolare l’invasore, l’intruso. Oggi la legge italia- liana ed europea è insignificante. E l’Italia vive di
na punisce il padrone di casa o il gioielliere che spara cultura americana e inglese importata. Basta scorrere
al ladro per legittima difesa e/o per difendere la sua gli autori delle collane della “Mondadori”.
proprietà! Paese che vai, diritto che trovi. ---I☺I---
5. Il re di Spagna svolge la funzione di deus ex ma-
china della tragedia antica: incanala la novella verso
la soluzione che accontenta tutte le parti. È chiaro poi
che le decisioni di un re sono non si possono discute-
re e sono sempre giuste…
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 110
Un frate domenicano, madonna Barbara e madre, la quale le dice che è stata ingannata. Adirato,
il quinto evangelista, I, 2 il duca manda soldati per tutta la regione ad ammaz-
zare frati. Infine dà la figlia in moglie a un piccolo
Riassunto. In Germania viveva un ricco signore, il barone. Egli e la moglie terminano amareggiati i loro
duca di Lanzhueta, che aveva un’unica figlia, molto giorni.
bella, di nome Barbara. La ragazza si fissa di fare vo-
to di castità e nulla le può far cambiare idea, tanto che Commento
alla fine i genitori si rassegnano. Essa pregava e face- 1. Per entrare nel mondo dello scrittore napoletano
va digiuni tanto che la sua fama si diffuse in tutta la bisogna tener presente che nel Basso Medio Evo la
Germania e poi anche in Italia. Così, per vederla, ini- Chiesa attirava i giovani di tutte le classi sociali, for-
ziano i pellegrinaggi, non sempre ispirati da buone niva loro cultura, chiedeva loro soltanto di esserle fe-
intenzioni. Un frate domenicano, bravo predicatore, deli. In cambio concedeva prestigio, denaro e la mas-
girava il paese con false reliquie e faceva spessissimo sima libertà sessuale. I giovani, soprattutto delle clas-
miracoli. La sua fama giunge alle orecchie della ra- si più povere, trovavano quindi nella Chiesa una ec-
gazza, che lo vuole vedere per chiedergli consiglio e cezionale occasione per abbandonare la loro povertà,
lo invita. Il frate era giovane e robusto e, quando vide per avere cultura, prestigio, denaro, cibo in abbon-
la ragazza, se ne innamora. Fa fatica a controllare i danza, soddisfazioni sessuali con maschi come con
suoi desideri, ma loda la scelta di Barbara di restare femmine. Soltanto la Chiesa garantiva una vita eco-
vergine. Anzi persuade la famiglia a costruire un mo- nomica soddisfacente. E gli ordini religiosi hanno
nastero per la figlia e le altre donne che volevano vi- uno sviluppo esponenziale: francescani e domenicani
vere come lei. In breve il monastero è costruito. È ecc., che sottraggono ricchezza alla classe nobiliare.
dedicato a santa Caterina da Siena. In poco tempo si Di qui gli attriti fra mobilità (o Stati) e Chiesa di Ro-
riempie di giovani figlie dei nobili della regione. Egli ma. Francesco Petrarca, il maggior poeta del Trecen-
le convince che il modo migliore di lottare contro il to, prende gli ordini minori per convenienza e per la
maligno è quello di confessarsi. Così diventa il loro sua parrocchia di Santa Giustina (Padova) passa sol-
padre spirituale. A questo punto mette in atto la se- tanto per intascare le decime. Convive con una donna
conda parte del piano. Una sera prende il messale di che gli dà due figli. Nessuno gli rimprovera questa
Barbara e vi infila un biglietto scritto a lettere d’oro: vita. Soltanto il concilio di Trento (1545-63) pone or-
“Tu concepirai il quinto evangelista e rimarrai vergi- dine alla vita sessuale dei parroci: in giro per la cano-
ne”. Poi lo rimette al suo posto. Quando lo prende e nica potevano andare soltanto donne che avevano
legge la frase, la ragazza si preoccupa non poco e va compiuto 40 anni, che erano un vero orrore.
a chiedergli consiglio. Il frate dice che non deve cre- 2. Lo scrittore racconta una storia dolente: anziché
dere a quelle tentazioni del maligno. Lei se ne va con- pensare al matrimonio, la ragazza si intestardisce a
tenta. Allora egli dà al suo chierichetto altri santini voler restare vergine e a passare la vita tra preghiere e
simili da lanciare nella stanza della ragazza. Essa al- digiuni. E poi arriva un giovane e santo frate e si fa
lora ritorna dal frate, il quale risponde che potevano ingannare. Una vergogna per la famiglia. Anche i no-
provenire da Dio come no. Ma doveva restare nella bili risultano creduloni: una vergogna doppia
decisione precedente. Sarebbe venuto però nella sua 3. Ovviamente la costruzione del monastero è troppo
cella a celebrare una messa. Il giorno dopo va. Per rapida. Ma quel che conta è la storia, non le difficoltà
tutta la messa il chierichetto continua a lanciare san- tecniche o i punti inverosimili della trama, che non
tini. Alla fine la donna chiede come potrà obbedire a interessano al lettore. Il lettore si può porre anche
Dio se non conosce uomo. Quindi pensa che il frate, un’altra domanda: valeva la pena di fare tutta quella
uomo buono e pio, sia la persona giusta. Egli rispon- fatica per conquistare la ragazza? Non era troppa?
de che ha fatto voto di castità, ma, per non permettere Non conveniva pensare a un altro modo per conqui-
che le carni della ragazza siano contaminate da altre starla, ad esempio rapirla e violentarla? O, addirittura,
mani, è disposto a sacrificarsi. Si sarebbero preparati non era meglio lasciar perdere? O semplicemente an-
pregando fino a sera. Giunta l’ora, entra nella cella dare in un bordello o, al limite, consolarsi con un al-
della ragazza. Ma non ha fretta, anche se il desiderio tro frate? Molto spesso neanche i grandi romanzieri
lo prende. La vuole prima vedere nuda. Mette due di massa si pongono queste semplici domande.
torce ai lati e le dice di spogliarsi. È bellissima. Per 4. La formazione teatrale di Masuccio si vede nella
poco egli non sviene dall’emozione. Quindi inizia a scena in cui fa spogliare Barbara tra due fiaccole. I
baciarla. La possiede per tutta la notte tante volte movimenti delle fiamme creano e ricreano ombre
quanti i doni dello Spirito Santo. Barbara ci prende sensuali sul corpo della donna e sulle pareti della
gusto, anche se lo faceva per obbedienza. Alla fine stanza, e aumentano a dismisura l’effetto erotico.
rimane incinta. Il frate allora si preoccupa. Le dice 5. Si può confrontare il meccanismo di questa novella
che sarebbe andato dal Santo Padre e sarebbe ritorna- con il meccanismo ben più elaborato di Andreuccio
to a prenderla con i cardinali. La ragazza gli crede. Il da Perugia (II, 5), che ha per deuteragonista una pro-
frate ritorna in Italia e si perde in Toscana, dove con- stituta siciliana. La novella è ambientata nei quartieri
tinua a imbrogliare chiunque incontrava. Poiché i di Napoli. Il meccanismo della novella di Boccaccio è
cardinali non arrivano, Barbara confessa tutto alla più scorrevole e credibile.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 111
6. Un confronto si può fare anche tra il voto di castità te è d’accordo. Aggiunge che avrebbe portato un suo
di Lucia Mondella (Promessi sposi) e quello di Bar- confratello, che si sarebbe fatta la serva. Agatha rife-
bara. I due contesti sono radicalmente diversi. I con- risce tutto alla serva, che è contenta della notizia. Il
fronti si possono allargare ad altri personaggi del ro- giorno dopo il marito deve uscire di casa. Agatha si
manzo e dei racconti. Possono riguardare le figure finge ammalata e manda la serva a chiamare il frate.
degli ecclesiastici nel Novellino e nei Promessi sposi, Come d’accordo, il frate viene con il confratello.
ad esempio la figura di don Abbondio, di fra Galdino Giunto a casa della donna, dice che le reliquie fanno
(quello delle noci), di fra’ Cristoforo, del padre pro- più effetto se precedute dalla confessione. Così nella
vinciale, di Federigo Borromeo ecc. Un altro confron- stanza rimangono le due donne e i due frati. Per cac-
to può riguardare i nobili di Manzoni e i nobili di Ma- ciarla meglio, fra’ Nicolò si toglie le mutande e le
succio. È possibile tirare fuori anche un terzo inco- getta in capo al letto. Era già arrivato alla terza lepre,
modo: fra’ Timoteo, il cinico frate della Mandragola quando sente arrivare maestro Ruggero. Si risistema
(1518), che pensa a fare i suoi interessi e gli interessi in fretta e furia, fa entrare i servi, ma dimentica le
del convento, e che non resiste alla tentazione di sa- brache. Il marito non è contento di vedere i frati.
pere come la storia andrà a finire. I confronti servono Agatha gli dice che l’avevano guarita con le reliquie
per vedere come un argomento, un tema, una figura di san Griffone. Allora il marito, credulone, ringrazia
sono visti in modi diversi e magari contrapposti da Dio, san Griffone ed anche il frate. Andandosene, il
scrittori diversi e di società diverse. Per derubare la frate si accorge che il suo cane sbatte ora di qua, ora
Chiesa e gli ordini religiosi prima la Rivoluzione di là. Gli viene in mente che ha dimenticato le brache.
francese (1789), poi Napoleone (1805) sciolgono i Il compagno lo rassicura: le avrebbe trovate la serva,
monasteri e ne incamerano i beni. Erano arrivati i che poi le avrebbe nascoste. Fra’ Nicolò si augura che
predoni e i bottegai, nati dalle idee e dalla penna cau- non ne seguisse uno scandalo. L’altro aggiunge che i
stica degli illuministi, che dicevano che tuti gli uomi- frati domenicani vanno in giro a cacciare senza mu-
ni erano uguali e che anche la borghesia aveva il di- tande. Poi si confidano: fra’ Nicolò era alla terza
ritto, come nobili e clero, di arraffare.. starna, l’altro al secondo chiodo. Invece maestro Rug-
---I☺I--- gero si accorge delle brache, le riconosce del frate e
chiede spiegazione. La donna risponde prontamente
Fra’ Nicolò da Narni e le brache di san che il frate aveva lasciato da lei la reliquia, per pro-
Griffone, I, 3 lungarne l’effetto benefico. Aveva chiesto lei di la-
sciargliela. Il marito si rasserena. Le crede o finge di
Riassunto. Tempo addietro a Catania viveva Ruggero crederle. Conoscendo il marito, Agatha pensa bene di
Campisciano, dottore in medicina. Da vecchio prende togliergli ogni sospetto mandando la serva al conven-
moglie. Si chiamava Agatha. Era molto bella. E di- to. Doveva dire di tornare a prendersi la reliquia. La
viene geloso anche degli amici. Le impone di guar- serva corre e trova subito fra’ Nicolò. Il frate va dal
darsi sia dai laici sia dai religiosi, anche se egli era padre guardiano, racconta la storia e chiede aiuto. Il
tesoriere dei frati minori. Un giorno in città viene un padre guardiano si rabbuia, gli chiede perché non è
frate, ipocrita e imbroglione come tutti gli altri, ma stato più attento. Facendo così portava discredito
giovane e bello. Si chiamava fra’ Nicolò da Narni. sull’ordine e poi toccava a lui aggiustare gli errori.
Aveva studiato a Perugia, era bravo predicatore ed Poi chiama a raccolta i frati e dice del miracolo fatto
era stato compagno di san Bernardino. Un giorno, da san Griffone. Li mette in ordine per due, poi in
mentre predica, la vede e comincia a fissarla. La don- processione, preceduti dalla croce, vanno alla casa del
na lo guarda, gli pare bello, e pensa di andare a con- loro tesoriere. A Ruggero il padre guardiano dice che
fessarsi da lui. Finita la predica, gli si fa incontro. i frati portavano di nascosto le loro reliquie a casa di
Lui, per nascondere il suo desiderio di possederla, di- chi ne aveva bisogno e poi di nascosto le riportavano
ce che non poteva confessarla. Ma poiché è la moglie al convento, per non far venir meno la fede nei mira-
del loro procuratore, l’avrebbe fatto. Alla fine della coli, se non avevano fatto effetto. Ma ora, davanti al
confessione la donna chiede al frate se c’è un modo miracolo, aveva pensato bene di venire a riprenderle
per eliminare la gelosia del marito. Magari con im- con una grande processione pubblica. Il marito, ve-
piastri d’erbe. Il frate è contento: si vede aperta la dendo davanti a sé tutto il capitolo dei frati, pensa che
porta di casa. Ma risponde che la causa di tutto era la mai essi avrebbero coperto un’azione poco pulita. Si
bellezza della donna e un uomo saggio doveva essere persuade delle parole del padre guardiano, prende per
per forza geloso. Lei chiede l’assoluzione. Il frate le mano lui e il predicatore e li porta in camera della
risponde che non poteva dargliela senza l’aiuto di lei. moglie. Il padre guardiano bacia le brache, le fa ba-
La donna, sicura che il frate fosse gallo e non cappo- ciare al marito, alla moglie e a tutti i presenti, quindi
ne, dice che voleva concedergli il suo amore. Il frate le depone nel tabernacolo che aveva portato con sé.
risponde che insieme avrebbero gustato la loro giovi- Poi, cantando il Veni Creator Spiritus, se ne ritorna in
nezza. Lei dice che ogni mese ha un momento di de- processione al convento tra due ali di folla. Qui le de-
bolezza ed ha bisogno del medico. Un giorno in cui il pone in chiesa sull’altar maggiore. Dovunque andas-
marito è assente si finge ammalata, così il frate pote- se, maestro Ruggero parla del miracolo che aveva fat-
va andare da lei con la reliquia di san Griffone. Il fra- to guarire la moglie e aumenta la devozione popolare
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 112
verso l’ordine francescano. Mentre egli incrementa la no e cerca un passaggio su una nave. Fra’ Girolamo
fama del convento, fra’ Nicolò e l’altro frate conti- con alcuni suoi compagni prende invece una barca di
nuano la caccia. Citando il medico arabo Avicenna, la Amantea. Sulla barca fingono di non conoscersi, co-
donna dice con saggezza che un rimedio saltuario me fanno gli imbroglioni nelle fiere. Una tempesta
giova, ma un rimedio continuo guarisce. E il rimedio però manda tutti su una spiaggia vicino a Sorrento. Il
del santo frate l’avrebbe fatta guarire. brutto tempo li avrebbe trattenuti per qualche giorno
in quei luoghi. Perciò fra’ Girolamo pensa di mettere
Commento subito alla prova la falsa reliquia del cavaliere. In-
1. Lo scrittore descrive uomini e donne, nobili e reli- forma del suo piano frate Mariano, chiede al vescovo
giosi, tutti affamati di sesso e sempre a caccia di pre- di poter fare una predica il giorno dopo che era do-
de. I frati di tutti gli ordini insidiano anche le tasche menica. Durante la predica avrebbe mostrato una re-
dei nobili e del popolo. Lo scrittore dileggia la credu- liquia. Il vescovo fa diffondere la notizia per il conta-
lità del pubblico, il culto dei miracoli e delle reliquie. do. Il frate fa una lunga predica preparatoria: sicura-
La polemica contro le reliquie si trova ampiamente mente per volontà divina erano finiti sulle loro spiag-
anche nel Decameron di Boccaccio e in altri scrittori. ge. Come premio della loro devozione Dio aveva vo-
2. In greco “tà agathà” significa “le cose buone”, A- luto che mostrasse loro una reliquia miracolosa: il
gatha quindi è “la bona”. Gli scrittori stanno sempre braccio e la mano destra di san Luca. Essi avrebbero
attenti ai nomi e ai suoni dei nomi. Alberto Pincherle ottenuto indulgenze, se facevano offerte alla reliquia
non avrebbe mai avuto successo, neanche se scriveva secondo le loro capacità. Poi bacia la cassetta e mo-
un Decameron bis. Ma, divenuto Alberto Moravia stra il santo braccio ai presenti. Dal fondo della chie-
(prende il cognome della madre), entra nel paradiso sa fra’ Mariano, fattosi domenicano, si mette a urlare
degli scrittori laici ed è adorato e santificato. La stes- che la reliquia era falsa ed egli un bugiardo. Il vesco-
sa cosa vale per Italo Svevo, che all’anagrafe non si vo e gli altri prelati gli dicono di tacere. Invece egli
chiamava così. Molti scrittori professionisti si firma- urla ancora più forte. A questo punto fra’ Girolamo
no con uno pseudonimo, che addirittura possono chiede silenzio, si rivolge a Dio e gli chiede di fare un
cambiare a seconda del genere di romanzi che scrivo- miracolo. Allora fra Mariano comincia ad urlare e a
no. contorcersi, diviene balbuziente e poi muto del tutto,
3. La novella può essere confrontata con la novella di fino a cadere a terra morto. Il popolo inizia a mormo-
Boccaccio in cui compaiono le brache: La badessa e rare di stupore. Il frate allora lo fa deporre davanti
le brache del prete (IX, 2). La badessa per errore si all’altar maggiore. L’avrebbe resuscitato e gli avreb-
mette in testa le brache del prete con cui stava forni- be ridato la parola, affinché la sua anima non finisse
cando. Una novizia, colta in fragrante con il suo ra- all’inferno. Con un coltellino gratta in un bicchiere
gazzo, glielo fa notare. La badessa smette di rimpro- pieno d’acqua un po’ d’unghia della mano del santo,
verarla e se ne ritorna dall’amante. Il tempo dell’a- fa bere l’acqua al morto che subito si rialza e si rimet-
more è prezioso e non va sprecato. La giovinezza è te a parlare e a invocare Gesù. Fra’ Girolamo fa poi
bella, ma “si fugge tuttavia”, fugge via rapidamente, mettere la cassetta sull’altare in modo che la gente
parola di Lorenzo de’ Medici. passasse e lasciasse l’elemosina. Alcune donne dona-
---I☺I--- no i gioielli che hanno addosso. Per tutta la giornata
la reliquia rimane esposta. A sera il frate fa raccoglie-
Fra’ Girolamo da Spoleto e il braccio di re tutto e con gli altri frati se ne va. Fa anche certifi-
san Luca, I, 4 care i miracoli che la reliquia ha fatto. Il giorno dopo
i frati partono per la Calabria, dove con i loro imbro-
Riassunto. Al tempo di Giacomo di Borbone (1415) a gli raccolgono molto altro denaro. Fanno la stessa co-
Napoli giunge fra’ Girolamo da Spoleto, un abile sa in altre città d’Italia e all’estero, tanto che diven-
predicatore, che acquista ben presto una vasta fama. gono ricchissimi. Infine ritornano a Spoleto. Qui fra’
Un giorno ad Aversa in un convento di frati predica- Girolamo con la mediazione di un cardinale compera
tori gli è mostrato il corpo, ancora intatto, di un nobi- un vescovado, non per simonia, come si faceva un
le cavaliere. Egli immagina subito come far denari tempo, ma per procura, come si diceva al presente. E
con qualche reliquia del morto. Così poi si sarebbe con fra’ Mariano vive nell’abbondanza e nell’ozio per
dato alla bella vita e forse avrebbe anche comperato il resto della vita.
qualche carica ecclesiastica. Molti religiosi vivevano
imbrogliando i creduloni: vendevano assoluzioni in Commento
cambio di denaro e si riempivano le budella di quat- 1. Nel Medio Evo esiste la libertà di pensiero e di pa-
trini, anche se la regola dell’ordine lo vietava. Fra’ rola. Le porno-novelle di Masuccio lo dimostrano.
Girolamo corrompe il sacrestano del convento ed ot- Neanche l’onnipotenza della Chiesa cattolica riesce
tiene il braccio e la mano del cavaliere. Poi ritorna a ad imporre un pensiero unico. Tommaso d’Aquino è
Napoli. Ritrova il suo compagno fra’ Mariano da Sa- accusato di eresia dal concilio di Parigi (1274), poi
vona, abile artista quanto lui, e insieme vanno in Ca- diventa il maggiore teologo della Chiesa. Oggi un
labria, una provincia abitata da gente ignorante. Per Novellino o la stessa Divina commedia manderebbero
prudenza fra’ Mariano si traveste da frate domenica- all’ergastolo per l’eternità i loro autori. Dante mette
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 113
all’inferno i sodomiti, cioè i culatoni (If XV). Essi dice che, non appena il marito fosse uscito di casa, si
sono tutti ecclesiastici e grandi letterati. Invece mette sarebbe concessa a lui. Anche un altro vicino di casa
in paradiso, nel cielo degli spiriti amanti, Cunizza da si innamora della ragazza. Si chiama Marco, fa il sar-
Romano (un paese presso Treviso), che era una nin- to ed è giovane e bello. Corteggia con garbo e intelli-
fomane, e Raab, che era una prostituta democratica, genza la ragazza che a un certo punto gli promette di
che si vendeva ad amici e a nemici, e che era pure sua spontanea volontà che si sarebbe concessa a lui.
una traditrice, perché consegna i suoi concittadini agli Alcuni giorni dopo il marito della donna deve partire
ebrei, che li sterminano (Pd IX). per Palermo. Marco incontra Massimilla ad una festa
2. Per lo scrittore i religiosi di tutti gli ordini usano la e ne è molto contento. I due si divertono. Alla fine
religione per fare i loro interessi economici e per sod- della festa le chiede di mantenere la promessa. La ra-
disfare i loro istinti sessuali, che dovrebbero control- gazza gli dice di seguirla con discrezione. Il marito
lare. Così il mondo risulta vuoto, squallido e senza della donna aveva una casetta dove lavorava o ripo-
ideali. I nobili dovrebbero riempirlo con i loro ideali, neva gli attrezzi. Massimilla pensa che sia un luogo
ma anch’essi risultano di poco conto. Con le critiche discreto per passare tutta la notte insieme. Sapendo
ai religiosi Masuccio tocca sul vivo una classe socia- che il marito è partito, il prete va a casa della donna e,
le, che allora era potentissima. Oggi non provoche- non trovandola, va a vedere se era nella casetta del
rebbe le stesse reazioni, perché il clero ha perso sia marito. Appena arrivato, si mette a bussare, pensan-
importanza sia prestigio. Lo scrittore potrebbe allora do che sia sola. Il sarto invece ha appena iniziato a
parlare dei politici? È pericoloso. I politici italiani ri- baciarla. Egli le ricorda la promessa, ma la donna non
tengono calunniose e offensive anche le vignette sati- gli vuole aprire. Allora egli passa alle minacce. La
riche. Essi fanno intervenire subito l’accusa di vili- donna, sapendo che il prete non sentiva ragione, dice
pendio. Invece incassare tangenti fino al 15% (insom- al sarto di nascondersi in soffitta e di tirare su la sca-
ma più del pizzo della mafia) per loro è naturale, è il la. Avrebbe risolto il problema in poco tempo. Marco
loro stauts symbol. Bettino Craxi (1934-2000), segre- accetta, anche perché non aveva il cuore di leone. La
tario del PSI, inventa il socialismo delle tangenti. E, donna fa entrare il prete, che senza ritegno si mette
scoperto, scappa in Tunisia per evitare la galera. Gli subito a baciarla e a nitrire come un cavallo. Sapendo
altri partiti prendono esempio da lui. di essere guardata dal sarto, la donna cerca di difen-
3. La novella può essere confrontata con la novella di dersi, ma debolmente. Il prete però vuole concludere
Boccaccio in cui compaiono reliquie: Frate Cipolla e grida che vuole mettere il Papa a Roma. E la scara-
(VI, 10). Il frate vuole mostrare la penna dell’angelo venta sul letto. Marco soffre a vedere la scena, ma
Gabriele e poi per uno scherzo che subisce mostra i non ha più paura, perché le battute di spirito sono il
carboni di san Lorenzo… Un errore voluto dal cielo, suo pane quotidiano. Perciò pensa che a Roma il Papa
perché di lì a poco era la festa di san Lorenzo, marti- non poteva andare senza un accompagnamento di
rizzato sui carboni accesi! Le due prediche preparato- musica. E, tirata fuori la piva dalla cintura, si mette a
rie sono simili. Oggi i laici deridono la creduloneria suonare una entrata in porto, facendo con i piedi un
del popolino medioevale. E dimenticano che i laici gran rumore. Il prete, pensando che sia il marito o i
sono assidui frequentatori di cartomanti, maghi e im- parenti della donna, prende le sue cose e si dà precipi-
broglioni di ogni tipo. Gli economisti di fama che nel tosamente alla fuga per la porta rimasta aperta. Marco
1929 giocavano in borsa a New York non erano di- scende con più coraggio di quanto era salito e trova la
versi da Pinocchio che si era fatto convincere di se- Massimilla che si stava sbellicando dalle risate. Ri-
minare le sue monete nel Campo dei Miracoli, perché prende il bacio interrotto, aggiungendo che, se il Papa
si sarebbero moltiplicate senza che lui dovesse lavo- non poteva entrare in Roma senza musica, il Turco
rare e far fatica… non può entrare senza balli a Costantinopoli.
4. Il lettore, se ha voglia, può confrontare il clero dei
Promessi sposi con il clero descritto da Masuccio. E Commento
chiedersi chi ha ragione… 1. Lo scrittore è anticlericale e filonobiliare. Ma, al di
---I☺I--- là di queste scelte, non ci sono in nessuna classe so-
ciale figure idealizzate. La sua visione del mondo e
La Massimilla è concupita da un prete e della cultura è troppo limitata. E le sue storie oscene
da un sarto, ai quali si era promessa, I, 5 sono troppo povere e troppo ripetitive. Il sesso non è
mai liberatorio né è l’esplosione degli istinti vitali. È
Riassunto. In passato, quando la città era ricca, vicino soltanto la droga più efficace per ubriacarsi e dimen-
ad Amalfi viveva un prete, don Battimo, che era gio- ticare una realtà economica e sociale del tutto insod-
vane e bello e si era dato al servizio delle donne più disfacente, che porta la nobiltà a ribellarsi due volte
che a quello di Dio, tanto che a molti compaesani a- contro la monarchia napoletana.
veva posto in capo la corona con le corna. Una sua 2. La novella di Massimilla, bella, sposata, ma dispo-
vicina di casa, Massimilla, moglie di un falegname, nibile con i vicini di casa, può essere confrontata con
era orgogliosa della sua bellezza, ma proprio per que- la Mandragola (1518) di Niccolò Machiavelli. L’o-
sto non si era mai degnata di guardarlo. Allora egli nestissima Lucrezia, moglie di Nicia, un avvocato
iniziò a importunarla, tanto che alla fine la donna gli fiorentino, è ingannata e persuasa o costretta a conce-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 114
dersi a Callimaco, un bello e ricco trentenne, che si è nima, è stata realizzata nel 1566 dallo scultore fiam-
innamorato di lei e della sua bellezza (in altre parole, mingo Jean de Boulogne, italianizzato in Giambolo-
la vuole semplicemente possedere), e lascia Parigi, gna, è una delle attrazioni artistiche della città ed è lì
per realizzare il suo proposito. Lo scrittore, che non da 450 anni. I laici bacchettoni ridevano quando il
era del tutto privo di cervello, alla fine scopre che tut- papa fece coprire gli enormi membri maschili dipinti
ti sono contenti (Nicia ha un figlio, Callimaco ha da Michelangiolo Buonarroti a casa sua, nella Cap-
un’amante, Sostrata ha un nipotino, fra’ Timoteo un pella Sistina. Nel 2016 Facebook aveva censurato la
po’ di denaro). Ma che il prezzo da pagare è troppo foto della bambina vietnamita che corre nuda in se-
elevato: lo scardinamento dei valori che stanno alla guito a un attacco americano al napalm, scattata dal
base della società. E tutto per frullare una donna spo- fotografo Nick Ut nel 1972 e divenuta un’icona dei
sata, che era bella e onesta, e che – parola del marito crimini statunitensi in Vietnam, ed è costretto a cam-
– aveva pure i piedi freddi. Ne valeva la pena? Gli biare idea in seguito alle proteste ricevute.
errori si scoprono sempre dopo. Oltre a ciò Lucrezia, 2. Dovrebbe essere chiaro che ogni società e ogni cul-
sentendosi raggirata da marito, madre, confessore, tura sono chiuse in se stesse e che storicamente non
scopre il potere della vagina sugli uomini, impara a fanno i conti con le altre società, fino all’avvento di
usarlo e ne approfitta per dominarli. Internet e della globalizzazione (1990-2000). E che i
3. La battuta finale fa parte della cultura del tempo. Si valori di ogni società sono conflittuali in modo irri-
trova anche nella Mandragola (1518) di Niccolò Ma- mediabile con quelli delle altre società e civiltà. La
chiavelli: “Io so che la Pasquina entrerà in Arezzo” Chiesa cattolica e la pittura italiana ed europea non
(IV, 8). La Pasquina è il pene, Arezzo è la vagina. La hanno paura del nudo. La cultura araba invece vieta
battuta oscena ha alle spalle una macchina da guerra sia il nudo, sia la figura vestita e privilegia gli arabe-
prima romana e poi medioevale, l’ariete, usato per schi. La soluzione dei conflitti può essere la censura
sfondare le porte delle città assediate. del cosiddetto politically correct e l’eliminazione
4. Ovviamente la novella e l’opera si possono con- preventiva di tutto ciò che potrebbe offendere qualche
frontare con i personaggi nobili del Decameron ed fascia sociale (l’ipotesi è considerata da Ray Bra-
anche con i giovani nobili (i servi non fanno testo) di dbury in Fahrenheit 451, 1953), ma può essere anche
Romeo e Giulietta (1597) di William Shakespehare. una semplicissima e banalissima avvertenza, hic sunt
Per chi osa, anche con i personaggi veneziani di leones (“Qui ci sono i leoni”), da mettere ai margini
Bilόra (1530). Venezia era il Meridione del nord, i della propria cultura, quando ci si allontana. Insom-
canali una fogna all’aria aperta, perciò i veneziani ma, se vai a vedere, se metti il naso fuori della porta o
vanno in villa nel retroterra, lungo la Brenta. O di della finestra o della tua cultura, la responsabilità è
Stephen King. tua, perché puoi trovare cose per te offensive e scan-
dalose. In India si lasciano andare le mucche per le
Osservazioni strade, nel resto del mondo no. La censura – dovrebbe
1. Dopo aver incontrato Masuccio il lettore può ri- risultare subito – eliminerebbe dalla circolazione qua-
scontrare più che mai l’enorme varietà di prospettive si tutta la produzione pittorica e buona parte della
culturali finora incontrate e arricchite da quelle che scultura antica, greca e romana, e moderna, italiana e
seguiranno. Noterà il loro radicale e inconciliabile europea. Un costo e uno spreco insostenibile.
contrasto. E dovrà riflettere sui rapporti tra cultura e ------------------------------I☺I-----------------------------
amore, cultura e sesso, letteratura e amore, letteratura
e sesso, letteratura-amore-sesso-passione-morale pub-
blica-e-privata. Si divertirà anche con un nuovo ar-
gomento: la pornografia. E si chiederà in che cosa
consiste la pornografia… In un corpo nudo di donna
(ma ce ne sono tanti nelle chiese!) o di uomo (ugual-
mente ce ne sono tanti nelle chiese, piselli compresi,
e nelle piazze italiane, piselloni compresi!) o negli
occhi impuri di chi guarda. Paolo di Tarso o, se si
preferisce, san Paolo scrisse che “omnia munda mun-
dis” (“Tutto è puro per i puri!”) (Lettera a Tito, I, 15).
Il comune di Londra costringe gli organizzatori della
mostra a ritirare i manifesti con una Venere nuda
(1529) di Lucas Cranach il Vecchio dalla metropoli-
tana di Londra (2008). Facebook censura la statua di
Nettuno a Bologna (2017), l’accusa è “per contenuti
sessualmente espliciti”. Da parte sua Google censura
L’origine del mondo (1866) di Gustave Courbet
(2016) per gli stessi motivi: una mano con il pollice
in giù esprime il suo giudizio sul quadro incriminato.
La fontana di Nettuno, che si trova nella piazza omo-
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 115
UMANESIMO E RINASCIMENTO prima della caduta di Costantinopoli in mano ai turchi
(1453). A Roma sono portate alla luce e studiate sta-
(1390-1530) tue romane o d’influsso greco, che provocano una ri-
presa originale della statuaria antica. Il latino diventa
Tra la fine del Trecento e gli inizi del Quattrocento in la lingua ufficiale degli umanisti; e l’eloquenza di-
Italia inizia un ampio processo di rinnovamento, che venta il fine ultimo della cultura e della pedagogia
investe tutta la cultura. Esso ha le sue radici in quegli umanistiche.
intellettuali che ammirano il mondo latino e che per-
ciò cercano sistematicamente codici antichi, li raccol- 2. Una nuova visione dell’uomo e dei suoi rapporti
gono, li copiano e li diffondono. A inaugurare questa con la natura e con Dio. L’uomo, come nel mondo
pratica è Francesco Petrarca (1304-1374), seguito da antico, diventa il centro di attenzione sia per la lette-
Giovanni Boccaccio (1313-1375). In ambito letterario ratura sia per le altre arti. Ed è celebrato per le sue
questa rinascenza prende il nome di Umanesimo; in capacità intellettuali e civili, grazie alle quali può co-
ambito artistico prende il nome di Rinascimento. struire la città ideale qui sulla terra ed essere l’artefice
L’Umanesimo si conclude alla fine del Quattrocento; del suo destino. Gli studia humanitatis, cioè lo studio
il Rinascimento invece prosegue fin oltre il 1530. della letteratura e soprattutto degli autori classici, ol-
Le città più importanti in cui questo rinnovamento si trepassano i limiti dell’erudizione e della conoscenza
sviluppa sono Firenze, Roma, Venezia, Milano e fine a se stessa, come pure del semplice godimento
Napoli, ma anche altri centri come Urbino, Ferrara e estetico. E diventano gli strumenti e il modello di un
Modena. Gli umanisti della prima metà del secolo so- processo di educazione totale dell’uomo, il cui fine
no Coluccio Salutati (1331-1406), Giannozzo Manetti non è tanto quello di fornire abilità specialistiche,
(1369-1459), Leonardo Bruni (1370-1444), Poggio quanto quello di formare un uomo equilibrato, capace
Bracciolini (1380-1459), Leon Battista Alberti (1404 di confrontarsi con se stesso, ed aperto al mondo e-
-1472) e Lorenzo Valla (1405-1457). sterno e alla vita sociale con gli altri. Le humanae lit-
Gli umanisti della seconda metà del secolo sono terae, cioè la letteratura, la parola scritta ed il discor-
Giovanni Pontano (1422-1503), Luigi Pulci (1432- so eloquente, parlano dell’uomo nella sua totalità; e
1484), Matteo Maria Boiardo (1441-1494), Lorenzo tendono a mettere in luce e a celebrare la nobiltà
de’ Medici (1449-1494), Agnolo Poliziano (1454- dell’uomo, che è stato messo da Dio al centro dell’u-
1494), Iacopo Sannazaro (1455-1530) e Giovanni Pi- niverso, e la sua eccellenza, sia intellettuale sia prati-
co della Mirandola (1463-1494). ca. La vita terrena non è più in funzione della vita ul-
Il Rinascimento delle arti si sviluppa per tutto il Quat- traterrena. Essa acquista una sua totale autonomia,
trocento, e raggiunge il suo massimo sviluppo alla fi- anche se il fine della vita continua ad essere la sal-
ne del Quattrocento e nel primo trentennio del Cin- vezza dell’anima. L’uomo però non ha fretta di anda-
quecento. Esso coinvolge tutte le arti: la pittura, la re in paradiso: ritiene di dover prima esprimere le ca-
scultura, l’architettura, l’urbanistica. Gli artisti più pacità che Dio ha messo in lui. Perciò gli umanisti
importanti sono Filippo Brunelleschi (1377-1476), danno grande importanza alla pedagogia, che serve a
Lorenzo Ghiberti (1378-1455), Donatello (1386- educare e a potenziare le capacità intellettuali e mora-
1466), Leon Battista Alberti (1404-1472), Piero della li dell’individuo, e propongono una formazione inter-
Francesca (1410ca.-1492), Sandro Botticelli (1445- disciplinare. Allo stesso modo acquista una totale au-
1510), Leonardo da Vinci (1452-1519), Michelangio- tonomia la natura, che è riscoperta e studiata non in
lo Buonarroti (1475-1564) e Raffaello Sanzio (1483- quanto simbolo della divinità, come succedeva nel
1520). Medio Evo, ma come espressione di bellezza e di per-
Molti artisti, come Brunelleschi, Alberti, Leonardo e fezione e come luogo in cui l’uomo attua la sua vita
Michelangiolo, danno contributi significativi in due o terrena.
più discipline. La maggior parte di essi opera a Roma,
alla corte di papi mecenati e umanisti, e a Firenze alla 3. La nascita della filologia. Gli umanisti si avvicina-
corte della famiglia de’ Medici. no in modo nuovo anche ai testi antichi. Vogliono e-
I temi dell’Umanesimo e del primo Rinascimento liminare gli errori dei copisti ed anche le interpola-
spesso coincidono. Essi sono: zioni introdotte nel Medio Evo. Essi vogliono leggere
i testi come sono usciti dalle mani dei loro autori (o
1. La riscoperta della letteratura e dell’arte antica. almeno il più possibile secondo la loro stesura origi-
La lingua e la letteratura latina erano sufficientemente nale) e nel preciso senso che i loro autori davano ad
conosciute anche nel Medio Evo. Ora però la cono- essi. La filologia, le cui basi sono poste da Valla, Er-
scenza della cultura classica migliora sia in termini molao Barbaro (1453-1493) e Poliziano, serve per ri-
qualitativi sia in termini quantitativi grazie alla sco- pristinare i testi che si sono corrotti nel corso del
perta di nuovi manoscritti. Si diffonde anche la cono- tempo. Applicando la filologia Valla mostra che la
scenza della lingua e della cultura greca con l’arrivo così detta Donazione di Costantino, con cui la Chiesa
in Italia di numerosi intellettuali greci in occasione rivendicava il potere su Roma e sui territori limitrofi,
del concilio di Ferrara (1439-1442), che doveva riuni- è un falso, che risale al VII sec. circa, perché usa il
ficare la Chiesa romana e quella bizantina, e poco latino che si parlava in tale periodo. Oltre a ciò i testi
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 116
vengono storicizzati: sono letti ed interpretati dal dominio dell’uomo sulla natura e di continuare in tal
punto di vista della cultura e dell’ambiente in cui so- modo l’opera di Dio. La magia diviene una scienza
no stati composti, non in base alle aspettative del let- operativa, capace di modificare la realtà; ed è con-
tore. Il mondo classico quindi non è più visto come trapposta alla fisica insegnata nelle università, che è
precursore del mondo cristiano e completato dalla ri- capace soltanto di descrivere la realtà.
velazione; è visto in modo autonomo, dal suo punto 6. La stampa. Un aiuto straordinario alla diffusione
di vista. Anzi un po’ alla volta si diffonde una valuta- delle idee e delle opere degli umanisti proviene dalla
zione negativa dei secoli precedenti: il Medio Evo di- stampa a caratteri mobili, inventata in Germania da
venta l’età di mezzo che separa il presente dalla gran- Johann Gutenberg (1394/99-1468) verso il 1445 (i
dezza del mondo antico. testi apparsi prima dell’anno 1500 si chiamano incu-
naboli). In tal modo la diffusione dei libri aumenta
4. La riscoperta della natura e l’elaborazione della per quantità e migliora per qualità. Diminuiscono gli
prospettiva. La natura acquisisce una sua autonomia e errori: ogni edizione è più corretta delle precedenti.
una sua dignità. Non è più il simbolo della divinità o Diminuiscono notevolmente anche i costi tipografici
una fonte di tentazioni per l’uomo. Essa è colta per la e i prezzi di vendita, perciò nuove classi sociali si
sua bellezza e per il suo splendore. Alcuni autori la possono aprire alla cultura. Nasce l’editio princeps,
considerano come il luogo in cui si esprime la poten- cioè l’edizione di un testo approntata con criteri filo-
za creatrice di Dio. Essa quindi è studiata in modo logici e derivata dal confronto dei migliori mano-
nuovo: non più con la logica, di origine aristotelica, scritti di un testo, al fine di emendare errori e interpo-
ma con la matematica, di cui Platone (427-347 a.C.) lazioni e ripristinare il testo com’era uscito dalle mani
aveva indicato le capacità conoscitive. Gli Elementi del suo autore. L’Italia, con l’Olanda, diventa il paese
di Euclide appaiono in traduzione nel 1475. Insomma che ha il maggior numero di stamperie. A Venezia, il
non è più l’uomo che si proietta verso Dio; è Dio che centro più importante, opera Aldo Manuzio (1450-
si manifesta all’uomo sulla terra e attraverso lo 1515), che introduce un formato più maneggevole per
splendore della natura. La riscoperta della natura e i libri (l’in-8°, cioè cm 20-28 di altezza), e caratteri in
della realtà avviene anche in ambito artistico con tondo e in corsivo, la cui eleganza decreta il successo
l’elaborazione della prospettiva: lo spazio della pittu- della stampa italiana nel resto dell’Europa.
ra non è più uno spazio schematico, idealizzato, gros- ------------------------------I☺I-----------------------------
solanamente empirico, costruito in funzione della fi-
gura umana. È uno spazio autonomo, che il pittore Giannozzo Manetti (1396-1459), La dignità
conosce, apprezza e ricostruisce con cura grazie e l’eccellenza dell’uomo, I-IV, 1452-53
all’uso della geometria. Nasce così la prospettiva,
cioè la visione geometrica dello spazio, che permette
I piaceri del corpo
all’artista di vedere lo spazio, le cose, le figure, non
I dottori della nostra fede co confermano che il corpo
esteriormente ed approssimativamente, ma dal loro
umano, che, come dicemmo più sopra, è stato fatto
interno, a partire dalla loro struttura, e nella loro con-
con il fango della terra da Dio onnipotente, fu forma-
creta corporeità. Lo spazio diventa tridimensionale e
to in modo che fosse in parte mortale, se quel primo
caratterizzato dal punto di vista prescelto dall’osser-
vatore; ugualmente diventano tridimensionali i corpi parente (=Adamo) avesse peccato, come sappiamo
che fece, e che in parte potesse divenire immortale, se
che in esso appaiono. L’uomo e le cose stabiliscono
non avesse peccato. [...] Perciò ogni debolezza del
un nuovo rapporto con lo spazio in cui vivono: prima
corpo, e le malattie e gli altri incomodi sopra indicati,
lo spazio era povero e in funzione delle figure e della
non furono contratti da natura, ma dalla macchia del
storia raccontata; ora diventa l’ambito in cui le cose e
peccato. Perciò i malanni che si ritiene che attualmen-
le figure inseriscono la loro concretezza e la loro esi-
te l’uomo abbia, non si devono attribuire alla natura,
stenza.
ma piuttosto al peccato originale, come sopra si disse.
Conviene quindi che cessino del tutto i lamenti e i
5. La magia. L’Umanesimo non si sviluppa nelle uni-
pianti degli scrittori profani e sacri, innalzati per loda-
versità, dominate dalla logica e dalle dottrine aristote-
re la morte e i suoi vantaggi, e innalzati per lodare gli
liche. I motivi sono molteplici: gli umanisti predili-
altri malanni, poiché tutto ciò non è derivato affatto
gono gli incarichi politico-amministrativi; ritengono
da Dio né dalla natura, ma dal peccato. [...]
che la cultura sia incompatibile con un incarico sti-
E, anche se noi concedessimo questo e altro, tuttavia,
pendiato, e soprattutto sentono la forte attrazione del-
se non fossimo troppo inclini a lamentarci e troppo
le corti. Ciò non vuole dire che l’Umanesimo sia osti-
ingrati, ostinati e delicati, dovremmo riconoscere e
le o indifferente alla scienza, poiché propone un’idea
dichiarare che in questa nostra vita quotidiana posse-
di natura e di scienza assai diversa da quella professa-
diamo un numero molto più grande di piaceri che di
ta nelle università. Esso si riallaccia alle correnti pla-
molestie. Non c’è alcun atto umano (ed è una cosa
toniche e neoplatoniche, e dà grande importanza alla
mirabile, basta che ne consideriamo con cura e atten-
magia, all’astrologia, all’alchimia. La natura è vista
zione la natura), dal quale l’uomo non tragga almeno
come un grande organismo, retto da forze spirituali e
un piacere non trascurabile. In tal modo attraverso i
provvisto di anima. La magia permette di realizzare il
vari sensi esterni, come la vista, l’udito, l’odorato, il
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 117
gusto, il tatto, l’uomo gode sempre di piaceri così peccato, non da Dio né dalla natura. E, se non fossi-
grandi e intensi, che alcuni appaiono a volte super- mo troppo inclini a lamentarci, dovremmo riconosce-
flui, eccessivi o troppi. Sarebbe difficile o, meglio, re e dichiarare che in questa vita proviamo un numero
impossibile dire quali godimenti l’uomo ottenga dal- ben maggiore di piaceri che di molestie. I nostri sensi
la visione chiara e aperta dei bei corpi, dall’ascolto di (la vista, l’udito, l’odorato, il gusto, il tatto) ci fanno
suoni, di sinfonie e armonie varie, dal profumo dei provare piaceri così grandi e intensi, che alcuni ap-
fiori e di simili cose odorose, dalla degustazione di paiono superflui o eccessivi o troppi. È impossibile
cibi dolci e soavi, e infine dal toccare cose molto dire quali e quanti godimenti possiamo provare con i
molli. E che cosa diremo degli altri sensi interni? Non nostri sensi. Oltre ad essi abbiamo i sensi interni, ad
possiamo dichiarare a sufficienza con le parole quale esempio quello che i filosofi chiamano senso comune,
diletto porti con sé quel senso che i filosofi chiamano che determina la differenza tra le cose sensibili, la
comune nel determinare le differenze tra le cose sen- rappresentazione mentale delle sostanze e degli acci-
sibili; o quale piacere ci dia la molteplice rappresen- denti, poi l’atto di giudicare, di ricordare, e infine di
tazione mentale delle diverse sostanze e accidenti, o comprendere. Ed anche i sensi interni ci danno un
l’atto di giudicare, di ricordare, e infine di compren- grandissimo piacere, quando li usiamo. Perciò gli
dere, quando ci dedichiamo a rappresentarci mental- uomini, se si dedicassero ai piaceri dei sensi esterni e
mente, comporre, giudicare, ricordare e intendere le dei sensi interni, non avrebbero più motivo per la-
cose già apprese mediante qualche senso particolare. mentarsi. Per di più la natura ha fornito numerosi
Perciò gli uomini, se nella vita gustassero quei piaceri mezzi per combattere il freddo, il caldo, la fatica, i
e quei diletti, piuttosto che angustiarsi per le molestie dolori e le malattie. E questi rimedi sono piacevoli e
e gli affanni, dovrebbero rallegrarsi e consolarsi inve- sicuri, non sono affatto amari o molesti come i far-
ce di piangere e di lamentarsi, soprattutto perché la maci che assumiamo contro le malattie. Tra le varie
natura ha fornito con grande abbondanza numerosi percezioni quella che dà maggior diletto è il gusto,
rimedi contro il freddo, il caldo, la fatica, i dolori, le che ci spinge a mangiare e a mantenerci in vitò. Ma il
malattie. E questi rimedi sono sicuri antidoti per quei piacere più forte e violento è quello che uomo e don-
malanni, e non aspri, molesti o amari, come spesso na provano nel compiere l’atto sessuale. E ciò è com-
accade con i farmaci, ma piuttosto molli, graditi, dol- prensibile: la natura si è preoccupata anche della con-
ci, piacevoli, tanto che, quando mangiamo e beviamo, tinuazione della specie. Di conseguenza tutte le ar-
godiamo in modo mirabile nel soddisfare la fame e la gomentazioni che celebrano la morte e le angustie
sete. E ugualmente provia modiletto, quando ci ri- della vita appaiono superficiali e inconsistenti. Per
scaldiamo, ci rinfreschiamo e ci riposiamo. Tuttavia scoprirlo, basta esaminare i problemi con un po’ di
le percezioni del gusto per un certo verso appaiono attenzione.
molto più dilettose di tutte le altre percezioni tattili,
escluse quelle attinenti al sesso. E la natura, che è Commento
guida sommamente solerte ed abile e senza dubbio 1. Con intelligenza e abilità Manetti porta il discorso
unica, non ha fatto ciò a caso, ma (come dicono i filo- sul campo avversario e propone argomentazioni che
sofi) per motivi chiari e cause evidenti, in modo che gli avversari, coloro che cantano la morte e le malat-
si traesse un godimento di gran lunga maggiore nel tie, non possono respingere. E parte dalla creazione
nell’atto sessuale che non nel mangiare e nel bere, dell’uomo da parte di Dio. L’uomo era mortale e po-
poiché essa intendeva innanzitutto conservare la spe- teva divenire immortale. A causa del peccato è dive-
cie piuttosto che gli individui. E la specie si conserva nuto mortale e ha conosciuto la morte e le malattie.
con l’unione del maschio e della femmina, l’indi- Perciò la colpa della morte è da imputare all’uomo e
viduo invece con l’assorbimento del cibo che (per dir al peccato originale, non a Dio né alla natura. Il corpo
così) recupera ciò che si perde. In tal modo tutte le è quindi buono e come tale va visto. Egli a questo
opinioni e le sentenze sulla fragilità, il freddo, il cal- punto parla dei sensi (la vista, l’udito, il tatto ecc.),
do, la fatica, la fame, la sete, i cattivi odori, i cattivi che ci danno grandissimi piaceri, talvolta anche su-
sapori, visioni, contatti, mancanze, veglie, sogni, cibi, perflui o eccessivi. Ma oltre ai sensi esterni abbiamo
bevande e simili malanni umani, insomma tutte que- anche i sensi interni (il senso comune, la rappresenta-
ste argomentazioni appariranno frivole, vane, incon- zione mentale, la memoria ecc.), che ci danno ulterio-
sistenti a quanti considereranno con un po’ di dili- ri piaceri. Oltre a ciò la natura ci dà moltissimi mezzi
genza e di attenzione la natura delle cose. per combattere i disagi della vita, malattie comprese.
Il piacere più grande è legato al gusto: mangiamo e
Riassunto. I dottori della Chiesa confermano che il così continuiamo a vivere. Il piacere più intenso e vi-
corpo umano fu creato da Dio in parte mortale (se olento è però legato all’atto sessuale, che permette
Adamo non peccava) e in parte immortale (se Adamo all’uomo di riprodursi. E anche qui la natura ha spin-
non peccava). Perciò la fragilità del corpo umano e le to nella direzione di salvaguardare la vita umana nel
malattie derivano dal peccato originale, non dalla na- tempo. E conclude affermando che le argomentazioni
tura. Perciò deve cessare l’elogio della morte e delle a favore della morte e delle sofferenze, addotte dagli
disgrazie fatto da scrittori sacri come di scrittori pro- avversari, sono superficiali e fatte con poca attenzio-
fani. La debolezza del corpo deriva dall’uomo, dal ne.
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 118
2. Quel che colpisce del discorso di Manetti è il lim- somma egli argomenta con sovrabbondanza di cultu-
pido impianto argomentativo e l’uso di argomenta- ra. Il popolino invece si limita a una semplice frullata.
zioni teologiche che spiazzano gli avversari. In tal A questo proposito si presenta un paradosso o altri-
modo l’autore dimostra di aver bene assimilato gli menti la storia è maligna e maliziosa. Anche l’amore
insegnamenti della retorica classica, greca e latina. di Francesca e Paolo era pervaso di cultura (“Galeotto
3. Il corpo umano è al centro del discorso. C’è il cor- fu il libro e chi lo scrisse”, If V), mentre le frullate
po umano visto nella prospettiva teologica (Dio ha delle novelle erotiche come della novelletta delle pa-
creato l’uomo dal fango, l’uomo ha peccato e ha per- pere di Boccaccio, più vicino all’Umanesimo, sono
so l’immortalità), ma c’è anche il corpo umano con- istintuali e semplici e banali soddisfazioni fisiche.
creto, reale, empirico, quale noi lo vediamo. È forma- ------------------------------I☺I-----------------------------
to dai sensi esterni (la vista ecc.) e dai sensi interni (il
senso comune ecc.). Sia gli uni sia gli altri ci forni- Giovanni Pico della Mirandola (1463-
scono un numero elevatissimo di piaceri. Oltre a ciò 1494), La dignità dell’uomo, 1485-86, 1496
la naturaci ha dato le capacità e i mezzi per lottare
contro i disagi della vita, e i farmaci per lottare contro
Già Dio, sommo padre ed architetto del mondo, ave-
le malattie e i dolori. Il piacere quindi domina la no-
va costruito, secondo le leggi della sua segreta e mi-
stra vita. E ciò è comprensibile: grazie al piacere più
steriosa sapienza, questo universo che noi vediamo,
intenso, legato al gusto, noi sopravviviamo come in-
dimora e tempio della sua divinità, aveva abbellito
dividui. E grazie all’altro piacere, ancora più intenso
con le intelligenze angeliche la regione che è sopra il
e violento, legato all’atto riproduttivo, compiuto da
cielo (=l’empireo, sede di Dio, degli angeli e dei bea-
maschio e femmina, noi facciamo sopravvivere e
ti), aveva dato anima eterna ai corpi celesti, aveva
continuare a vivere la specie umana nel tempo.
popolato con ogni specie di animali le parti putre-
4. Conviene confrontare il testo di Manetti con i testi
scenti e fermentanti del mondo inferiore. Ma, com-
medioevali in proposito più significativi: le Laudes
piuta la sua opera, l’Artefice sentiva il desiderio che
creaturarum di Francesco d’Assisi (1225-26), il fio-
ci fosse qualcuno che comprendesse il motivo, amas-
retto Della perfetta letizia di fine Duecento, Segnor,
se la bellezza e ammirasse la grandiosità di un’opera
per cortesia di Jacopone da Todi (1236ca.-1306), che
tanto meravigliosa. Perciò, quando ormai tutto l’uni-
canta l’autodistruzione mistica, le prediche terroriz-
verso era stato portato a termine (come testimoniano
zanti (1357) di Jacopo Passavanti. Vale però la pena
Mosè nella Bibbia e Platone nel Timeo), pensò di cre-
di ricordare che Manetti è un laico e che andrebbe più
are l’uomo. Però negli archetipi (=modelli originari e
correttamente confrontato con la produzione laica del
ideali delle cose, presenti in Lui) non c’era nulla da
Due-Trecento più che con la produzione religiosa. In-
prendere come modello per una nuova stirpe, nei te-
somma i laici dovrebbero essere confrontati con i lai-
sori nulla da attribuire come dote personale al nuovo
ci, i religiosi con i religiosi. Una volta individuato il
figlio e in nessuna parte del mondo una sede partico-
comportamento metodologicamente corretto, possia-
lare per questo contemplatore dell’universo. Ogni
mo rettificare le nostre osservazioni. In altre parole
spazio era già pieno: tutto era già stato distribuito tra
non soltanto Dante, Jacopone da Todi e Jacopo Pas-
gli ordini delle varie creature, quelle elevate, quelle
savanti, ma anche Boccaccio e Petrarca appartengono
al Medio Evo. Normalmente lo si dimentica e si met- medie, quelle basse. Non sarebbe stato degno
dell’Onnipotenza del Padre rinunciare al suo proget-
tono Boccaccio e Petrarca fuori del loro tempo e della
to, al termine della creazione, quasi per esaurimento,
loro società. Oltre all’area religiosa o laica, un’altra
né della sua Sapienza esitare in una cosa necessaria
variabile è importante: il pubblico nobile, intellettuale
per mancanza di idee, né del suo benefico Amore che
e borghese di Manetti, il pubblico popolare analfabeta
la creatura destinata a lodare la generosità divina fos-
di Passavanti. Per la cronaca anche i medioevali ap-
se costretta a rammaricarsene per quello che lo ri-
prezzavano i piaceri del sesso, sia secondo natura sia
guarda personalmente. Alla fine l’ottimo Artefice sta-
contro natura, come sottolinea Dante in If V e XV.
bilì che a colui, al quale non si poteva dare nulla di
Petrarca era un ecclesiastico e lo apprezzava secondo
proprio (=le caratteristiche che fossero sue e di nes-
natura. Ha frullato diverse donne. Boccaccio voleva
suna altra creatura), fosse comune tutto quello che di
frullare, ci prova con una vedova, ma lei lo respinge
particolare era stato attribuito alle altre creature. E
ed egli scrive un pamphlet fortemente misogino. La
così accolse l’uomo come opera di natura non defini-
costruzione delle cattedrali trasformava le stesse in un
ta (=l’uomo, essendo libero, può decidere della pro-
gran bordello. Per secoli. Gli operai e le fedeli si a-
pria sorte, nel bene e nel male, mentre le altre creatu-
mavano con furore, le une sugli altri, come suggeriva
re hanno già un comportamento determinato dalla na-
il Vangelo (“Amatevi gli uni gli altri, come io ho a-
tura stessa), lo pose nel cuore dell’universo e così gli
mato voi!”), ma è prevedibile anche in altro modo.
parlò: «O Adamo, non ti ho dato né una sede deter-
5. La differenza tra i piaceri delineati da Manetti e
minata, né un aspetto tuo particolare, né alcuna pre-
quelli praticati dal popolino è però enorme: lo scritto-
rogativa (=capacità) a te solo peculiare, perché quella
re individua metodicamente le fonti di piacere, i pia-
sede, quell’aspetto, quella prerogativa che tu deside-
ceri (legati ai sensi esterni e ai sensi interni) e la loro
rerai, tu te le conquisti e le mantenga secondo la tua
funzione in relazione all’individuo e alla specie. In-
volontà e il tuo giudizio. La natura degli altri esseri,
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 119
stabilita una volta per sempre, è costretta entro leggi vano caratteristiche specifiche e il loro spazio dove
da me fissate in precedenza. Tu invece, da nessun an- vivere. Ma la creazione gli sembrava incompleta:
gusto limite costretto, determinerai da te la tua natura mancava qualcuno che apprezzasse la sua opera. pen-
secondo la tua libera volontà, nel cui potere ti ho po- so di creare l’uomo, ma ormai aveva distribuito tutto
sto. Ti ho messo al centro del mondo perché di lì, e non aveva più niente di specifico da dargli. Allora
guardandoti intorno, tu possa vedere più agevolmen- pensò di dargli tutte le caratteristiche degli altri esseri
te tutto quello che nel mondo esiste. Non ti ho fatto e tutti i luoghi delle altre specie. Poi creò Adamo e
né celeste né terreno, né mortale né immortale, per- subito gli disse che non gli aveva dato né una sede né
ché tu, come se di te stesso fossi il libero e sovrano capacità specifiche. Così egli poteva conquistarsi
creatore, ti plasmi (=modelli te stesso) da te secondo quelle caratteristiche che voleva e mantenerle secon-
la forma che preferisci. Tu potrai degenerare abbas- do la sua volontà e il suo giudizio. Lo ha messo al
sandoti sino agli esseri inferiori che sono i bruti centro del mondo in modo che egli potesse vedere più
(=creature prive di ragione e dominate dall’istinto), facilmente tutto ciò che nel mondo esisteva. E poteva
oppure, seguendo l’impulso del tuo animo, rigenerarti abbassarsi al livello degli animali bruti, senza ragio-
elevandoti agli spiriti maggiori che sono divini». ne, e ugualmente innalzarsi al livello delle intelligen-
O somma liberalità di Dio padre, o somma e mirabile ze divine. L’uomo è quindi un camaleonte che può
fortuna dell’uomo, al quale è concesso di avere ciò diventare quel che vuole. L’anima razionale gli per-
che desidera e di essere ciò che vuole. I bruti, non ap- mette di diventare animale celeste. L’anima intellet-
pena nascono, recano dal seno materno ciò che per tuale gli permette di diventare angelo e figlio di Dio.
sempre avranno. Gli spiriti superiori (=gli angeli) o Ma, se non è contento della sorte di nessuna creatura,
già dall’inizio o poco dopo furono quello che saranno potrà raccogliersi in se stesso e unirsi con il suo spi-
per l’eternità. Invece nell’uomo, al momento della rito a Dio. Perciò, se siamo nati nella condizione di
nascita, Dio pose i semi di ogni specie e i germi di essere ciò che vogliamo, è nostro dovere avere cura
ogni vita: a seconda di come ciascuno li coltiverà, di questa nostra capacità e di svilupparla e farla frut-
questi si svilupperanno e produrranno in lui i loro tare nella nostra vita.
frutti. E se saranno vegetali sarà pianta; se sensibili,
sarà bruto; se razionali, diventerà animale celeste; se Commento
intellettuali, sarà angelo e figlio di Dio. Ma se, non 1. Anche Pico della Mirandola fonda le sue analisi e
contento della sorte di nessuna creatura, si raccoglierà le sue argomentazioni partendo dalla Bibbia, come
nel centro della sua unità, fatto uno spirito solo con aveva fatto Manetti. Ed erano passati 33 anni (1453-
Dio, nella solitaria caligine del Padre colui che fu po- 1486). D’altra parte le argomentazioni a carattere re-
sto sopra tutte le cose starà sopra tutte le cose. Chi ligioso erano comprensibili: la cultura ecclesiastica
non ammirerà questo nostro camaleonte? Chi dunque pervadeva intimamente la società e molti intellettuali
non ammirerà l’uomo? Che non a torto nell’antico e erano chierici che non facevano propriamente una vi-
nel nuovo Testamento è chiamato ora con il nome di ta da chierico, come Petrarca insegnava e come Lute-
ogni essere di carne, ora con quello di ogni creatura, ro (1517) condannava.
poiché foggia, plasma e trasforma la sua persona se- 2. Le argomentazioni degli umanisti, di Manetti come
condo l’aspetto di ogni genere, il suo ingegno secon- di Pico della Mirandola come degli altri, sono curio-
do quello di ogni creatura. Perciò il persiano Evante, se. Per i medioevali, Dante compreso, Dio era in cielo
là dove spiega la teologia caldea, dice che l’uomo e da lassù non si muoveva. E l’uomo doveva compie-
non ha una propria immagine nativa, ma molte estra- re l’itinerarium verso di Lui. Per gli umanisti Dio
nee ed avventizie. Di qui il detto caldeo, che l’uomo è scende sulla terra e si incarna nell’uomo, che acquista
animale di natura varia, multiforme e cangiante. Ma a fiducia in sé e nelle sue capacità e che dimostra di sa-
che scopo ricordare tutto ciò? Perché comprendiamo, per usare la scintilla di intelligenza e il libero arbitrio
dal momento che siamo nati nella condizione di esse- (o libertà di scelta), che lo rende partecipe all’essenza
re ciò che vogliamo, che è nostro dovere avere cura divina. E, se Dio è in sé non contraddittorio e neces-
specialmente di questo: che non si dica di noi che es- sariamente soddisfatto di quel che fa, anche l’uomo
sendo in onore non ci siamo accorti di essere diventa- deve provare uguali sentimenti divini, e diventare fa-
ti simili a bruti e a stolte giumente, ma di noi si ripe- ber, creatore, faber suae fortunae, costruttore del suo
tano piuttosto le parole del profeta Asaph: “siete idii e destino.
tutti figli del cielo”. Tanto che, abusando dall’indul- 3. Vale la pena di insistere su questo punto: per il
gentissima liberalità del Padre, non ci rendiamo noci- mondo antico (mesopotamici, egizi, ebrei, greci, lati-
va invece che salutare la libera scelta che egli ci con- ni, romani, cartaginesi, arabi ecc.) vita religiosa e vita
cesse. Ci afferri l’animo una santa ambizione di non politica si compenetravano e si completavano. Per gli
contentarci delle cose mediocri, ma di anelare alle più umanisti succedeva la stessa cosa. La situazione
alte e di sforzarci con ogni vigore di raggiungerle, dal cambia parzialmente quando Marx (1818-1883) e i
momento che, volendo, è possibile». suoi seguaci si sono inventati che la religione è
l’oppio dei popoli. E quando in Italia, la patria del
Riassunto. Dio aveva creato l’universo e l’aveva po- Cristianesimo, qualche bello spirito si è messo a gri-
polato con creature elevate, medie e basse, che ave- dare “libera Chiesa in libero Stato!”. Traducendo lo
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 120
slogan: la religione, i preti e i credenti devono andare gli occhietti languidi chiude e nasconde
fuori dalle palle e dallo Stato, cioè fuori della società: Lucio, e il sopore sul roseo viso si è diffuso.
possono parlare soltanto i laici, i credenti sono citta- Vieni, o venticello, e placido accarezza il mio
dini di serie B, che si devono tenere la pratica religio- figlioletto. Non odo forse un fruscio
sa nel loro ambito privato o, ancor meglio, mettersela di fronde? Sì, ecco, il venticello viene lieve
in culo. Il fallimento della lotta alla religione in lieve. O grazioso fanciullo, o dolce
URSS e la frammentazione dell’URSS dovrebbero bambino, o figlio mio unico, dormi;
far riflettere. Ma chi si è riempito la testa di slogan ti accarezza il venticello con il suo soffio,
fumosi e, per sicurezza, si è messo il triplo paraocchi ti accarezza la mamma nel suo seno.
non può capire e nemmeno vedere i diritti altrui o i
valori altrui. Magari non sarebbe una brutta idea quel-
la di parlare di cose che si conoscono e che si capi- La mamma canticchia (traduzione poetica)
scono e lasciar perdere i discorsi sulla religione, su
cui si è preventivamente sicuri che si tratta di super- Dormi, mio bene, figlio unico, dormi!
stizione: basta cercare argomentazioni adatte o ad Chiudi, piccino, gli occhi, posa il viso
hoc, per “dimostrarlo”. sul cuscino. Ecco il sonno che ti dice:
4. Per una visione complessa ma sintetica della Chie- “Non celi ancora, non chiudi gli occhietti?”
sa cattolica si può vedere Il tópos della Chiesa catto- Vedi Luscula stanca, la cagnetta,
lica: dorme ai tuoi piedi. Gli occhi languidetti
http://www.letteratura- – va bene così! – Lucio nasconde e chiude,
italia- sul roseo viso già il sopore si effonde.
na.com/pdf/letteratura%20italiana/13%2050%20topoi%20 Vieni, su, venticello, ed accarezza
della%20letteratura%20italiana.pdf lieve il piccino mio. Fruscian le fronde?
------------------------------I☺I----------------------------- Si alza così soave il vento! Bimbo
mio bello, mio tesoro, mio unico bene,
Giovanni Pontano (1422-1503) scrive in latino liri- dormi! Ti culla il vento con il suo soffio.
che d’amore e di affetti familiari, ma anche liriche Dormi! Ti culla mamma stretto al seno.
che cantano la bellezza di Napoli. Nel De amore co- ---I☺I---
niugali (1461-86) scrive numerose ninne nanne per il
figlio Lucio. Nel De tumulis scrive l’epicedio di per- Nenia decima, 1469
sone morte (ed anche immaginarie). Uno è dedicato
alla figlia Lucia (1465ca.-1479), morta a 14 anni. La Nenia decima
prima ninna nanna è data in due versioni, una lettera- mater blanditur catellae, ac somnun invitat.
le, l’altra poetica.
Ne latra, ne pelle bonum, bona Luscula, somnum.
Giovanni Pontano (1422-1503), Nenia Et tibi iam somnus, Luscula, gratus erit.
quinta, 1469 Ingredere, o bone somne, nihil bona Luscula latrat:
Luscula Luciolo, Luscula blanda tibi est.
Nenia quinta Innuit insa oculis tibi Luscula; Lucius ipse
ad somnum inducendum mater cantitat. Innuit, et dicunt: somnule lenis, ades.
Luscula iam dormit, stertit quoque bella catella,
Scite puer, mellite puer, nate unice dormi, Et suo Luciolo lumina fessa cadunt.
Claude, tenelle, oculos, conde, tenelle, genas. Dormi, Luciole, Luci dilecte, quiesce:
Ipse sopor, non condis, ait, non claudis ocellos? En canit ad cunas garrula Lisa tibi.
En cubat ante tuos Luscula lassa pedes. Mulcet languidulos, saturat quoque somnus ocellos.
Languidulos, bene habet, conditque et claudit ocellos Somnus alit venas, corpora somnus alit.
Lucius, et roseo est fusus in ore sopor. Et sedat curas, requiemque laboribus affert:
Aura veni, foveasque meum placidissima natum: Odit tristitiam: gaudia semper amat.
An strepitant frondes? tam levis aura venit. Somne bone o cuncts, assis mihi, candide somne:
Scite puer, mellite puer, nate unice, dormi, Somne bone et pueris, somne bone et senibus.
Aura fovet flatu, mater amata sinu. Ipse mihi tumidas satura, bone somne, mamillas,
Ubera Luciolo quo mea plena fluant.
La mamma canticchia (traduzione letterale) Luciolus, dormitque et ridet, et optat,
Et mammas digitis prensitat usque suis.
O grazioso fanciullo, o dolce bambino, Euge puer, sitibunde puer, cape, lassule, somnos,
o figlio mio unico, dormi; chiudi, o tenerello, Mox tibi iam vigili lacteus amnis erit.
gli occhi, nascondi, o tenerello, le guance.
Il sonno stesso: “Non chiudi, ti dice, non La mamma accarezza la cagnolina e invoca il sonno
chiudi gli occhietti?”. Ecco anche Luscula
stanca dorme ai tuoi piedi. Bravo! bravo! Non abbaiare, non cacciar via il buon
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 121
sonno, sta’ buona, o Luscula! Anche a te, ti cerco, o figlia, e gli occhi in alto volgo.
o Luscula, ormai ti sarà gradito il sonno. E tu il padre non guardi? O il padre finge
Entra, o buon sonno: Luscula, buona, non vani fantasmi a consolare il cuore?
latra più. Luscula ama Lucietto, ed anche a te, Questo sepolcro che ti copre è il solo
o Sonno, Luscula vuol bene. Luscula stessa segno che mi solleva dal pensiero
t’invita con gli occhi. Lucio pure t’invita, di tua misera fine, o figlia, e il freddo
e dicono: “Vieni, o dolce sonnellino!”. tuo corpo non più scalda alcun affetto.
Luscula già dorme, anzi già russa la bella Se qualche parte di te viva è ancora,
cagnolina, e a Lucietto gli occhi ormai stanchi confessi esser felice, perché la prima
si chiudono. Dormi, o Lucietto, mio caro giovinezza sottrasse te dal mondo,
Lucietto, riposa. Ecco, canta per te vicino mentre noi nelle tenebre e nel pianto
alla culla la garrula Lisa (=la nutrice). trasciniamo la vita. È questo il premio,
Il sonno accarezza gli occhietti languidi, per me padre, d’averti generata.
ed anche li colma di sé. Il sonno ristora
il sangue, il sonno ristora il corpo Commento
e placa gli affanni e dà riposo ai dolori, 1. Le ninne nanne sono scritte in latino perché esso
odia la tristezza, ama sempre la gioia. era divenuto la lingua ufficiale per gli umanisti. Essi
O buon sonno, o sonno a tutti caro, vieni a me, ritengono che soltanto il latino sia capace di esprime-
o candido sonno, o buon sonno, gradito re adeguatamente i sentimenti dell’animo umano e le
ai bambini e gradito anche ai vecchi. molteplici espressioni, letterarie e civili, di una socie-
Tu stesso riempi a me, o buon sonno, tà. In tal modo dimenticano gli sforzi per costruire un
i seni di latte sì che colmi fluiscano italiano letterario e interclassista compiuti nel Trecen-
per il mio Lucietto. Lucietto se ne accorge, to da Dante, Boccaccio e Petrarca. D’altra parte an-
e dorme e sorride e li chiede e con i ditini che Petrarca scriveva in latino le opere che riteneva
cerca di stringere i seni di mamma. importanti e usava l’italiano soltanto per un’opera
Suvvia, o mio piccolo mai sazio, dormi, privata come il Canzoniere. L’Umanesimo quindi
sei stanco. Per te, non appena sarai sveglio, presenta questi aspetti contraddittori: da una parte
sarà pronto un ruscello di latte! rinnova la cultura, la arricchisce di nuove problemati-
---I☺I--- che e la porta ad interessarsi dell’uomo, della sua di-
gnità e della sua eccellenza, della natura e della socie-
De tumulis, II, 2, 1480 tà. Dall’altra vuole recuperare una lingua – il latino –
che esclude la maggior parte della popolazione. Sche-
tumulus Luciae Pontanae filiae. matizzando, esso è insieme progressista e rivolto ver-
Pontanus pater ad sepulcrum queritur so il presente, e reazionario e rivolto verso il passato.
Forse questo è il prezzo che gli umanisti hanno voluto
Liquisti patrem in tenebris, mea Lucia, postquam pagare e che la società del loro tempo ha dovuto pa-
E luce in tenebras, filia, rapta mihi es. gare, per avere nel presente e nel futuro quell’incre-
Sed neque in tenebras rapta es; quin ipsa tenebras dibile e mai più ripetuta fioritura delle lettere, delle
Liquisti, et medio lucida sole micas. scienze e delle arti che ha caratterizzato l’Italia dal
Coelo te natam aspicio: num nata parentem 1400 al 1530 e oltre.
Aspicis? An fingit haec sibi vana pater? ------------------------------I☺I-----------------------------
Solamen mortis miserae te, nata, sepulcrum
Hoc tegit; haud cineri sensus inesse potest; Agnolo Ambrogini (1454-1494), che prende il nome
Siqua tamen de te superat pars, nata, fatere di Poliziano, da Mons Politianus, cioè Montepulcia-
Felicem quod te prima iuventa rapit. no, dove era nato, si trasferisce a Firenze nel 1464.
At nos in tenebris vitam luctuque trahemus: Qui si dedica agli studi letterari. Nel 1470 entra nella
Hoc pretium patri, filia, quod genui. cerchia dei letterati che frequentano la corte di Lo-
renzo de’ Medici, il quale nel 1475 gli affida l’educa-
Le tombe zione di Piero, il figlio maggiore. Nel 1478 si allonta-
na da Firenze, per andare a Venezia, quindi a Manto-
La tomba di Lucia, figlia di Pontano. va. Nel 1480 rientra a Firenze e è nominato lettore
Pontano, suo padre, si lamenta presso il sepolcro nello studio fiorentino. Muore nel 1494. Scrive le
Stanze (1475-78, incompiute), in onore di Giuliano
O mia Lucia, lasciasti il padre tuo de’ Medici, le Rime e numerose canzoni. Nella sua
nelle tenebre, quando nelle tenebre canzone più famosa, I’ mi trovai, fanciulle, un bel
discendesti dal regno della luce, mattino, canta la giovinezza e la bellezza, che fuggo-
a me rapita. Ma non già nel buio no e che perciò vanno colte prima che sfioriscano.
fosti rapita: il buio della vita L’atmosfera della canzone è magica ed evanescente,
abbandonasti ed ora in pieno sole come la rosa e la giovinezza che canta.
luminosa risplendi. Su nel cielo
Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 122
Agnolo Ambrogini (1454-1494), I’ mi tro- Io le osservai: non vi potrei mai dire
vai, fanciulle, un bel mattino quanto erano belle allora quelle rose:
una stava per sbocciare, altre erano un po’
I’ mi trovai, fanciulle, un bel mattino appassite, altre appena fiorite.
di mezzo maggio in un verde giardino. Il dio Amore allora mi disse: “Va’, cogli di quelle
che più vedi fiorire sul loro gambo spinoso”.
Eran d’intorno violette e gigli Io mi trovai, o fanciulle, un bel mattino...
fra l’erba verde, e vaghi fior novelli
azzurri gialli candidi e vermigli: Quando la rosa ha aperto tutti i suoi petali,
ond’io porsi la mano a côr di quelli quando è più bella, quando è più gradita,
per adornar e’ mie’ biondi capelli allora è il momento per metterla nelle ghirlande,
e cinger di grillanda el vago crino. prima che la sua bellezza possa fuggir via.
I’ mi trovai, fanciulle, un bel mattino… Così, o fanciulle, mentre è più fiorita,
dobbiamo cogliere la bella rosa del giardino.
Ma poi ch’i’ ebbi pien di fiori un lembo, Io mi trovai, o fanciulle, un bel mattino…
vidi le rose e non pur d’un colore:
io colsi allor per empir tutto el grembo, Riassunto. Una fanciulla si rivolge ad altre fanciulle,
perch’era sì soave il loro odore e racconta di essersi trovata un mattino di maggio in
che tutto mi senti’ destar el core un bel giardino pieno di fiori. Essa incomincia a rac-
di dolce voglia e d’un piacer divino. coglierli, ma quando vede le rose è affascinata dal lo-
I’ mi trovai, fanciulle, un bel mattino... ro profumo e nel cuore prova il dolce desiderio ed il
divino piacere dell’amore. E, mentre le guarda, il dio
I’ posi mente: quelle rose allora Amore sembra che la inviti a cogliere le rose più bel-
mai non vi potre’ dir quant’eran belle; le. Ed essa le coglie, prima che la loro bellezza sfiori-
quale scoppiava della boccia ancora; sca. E, come si coglie la rosa, così si deve cogliere il
qual’eron un po’ passe e qual novelle. fiore della propria giovinezza, prima che passi.
Amor mi disse allor: «Va’, co’ di quelle ------------------------------I☺I-----------------------------
che più vedi fiorite in sullo spino».
I’ mi trovai, fanciulle, un bel mattino... Lorenzo de’ Medici, detto il Magnifico (1449-
1492), deve assumere il governo della signoria di Fi-
Quando la rosa ogni suo’ foglia spande, renze nel 1469, dopo la morte prematura del padre.
quando è più bella, quando è più gradita, Nel 1478 sfugge fortunosamente ad una congiura or-
allora è buona a metter in ghirlande, ganizzata dalla famiglia de’ Pazzi, mentre il fratello
prima che la sua bellezza sia fuggita: Giuliano rimane ucciso. Fa giustiziare sommaria-
sicché fanciulle, mentre è più fiorita, mente i congiurati, tra cui il vescovo della città. Il pa-
cogliàn la bella rosa del giardino. pa reagisce lanciando l’interdetto su Firenze e prepa-
I’ mi trovai, fanciulle, un bel mattino… randosi a marciare sulla Toscana con il re di Napoli.
---I☺I--- Lorenzo ottiene l’appoggio degli Sforza, signori di
Milano, e del re di Francia, quindi con un audace vi-
Io mi trovai, o fanciulle, un bel mattino aggio a Napoli riesce a convincere il re Ferdinando
d’Aragona ad abbandonare le ostilità contro Firenze.
Io mi trovai, o fanciulle, un bel mattino Da quel momento diventa l’“ago della bilancia” della
di metà maggio in un verde giardino. politica italiana, e riesce a impedire l’esplosione dei
conflitti esistenti tra i numerosi staterelli italiani.
Intorno vi erano violette e gigli Muore nel 1492. Dopo la sua morte l’equilibrio ita-
in mezzo all’erba, bei fiori novelli, liano è spezzato e le tensioni esplodono: gli Sforza di
di colore azzurro, giallo, bianco e rosso. Milano invitano in Italia il re di Francia contro il re-
Perciò io allungai la mano a coglierli, gno di Napoli (1494). Con la spedizione di Carlo
per adornare i miei capelli biondi e cingere VIII, re di Francia, iniziano le invasioni dell’Italia,
con una ghirlanda i miei lunghi capelli. che perde rapidamente le libertà comunali e diventa
Io mi trovai, o fanciulle, un bel mattino... terreno di conquista per gli Stati stranieri.
Lorenzo scrive numerose opere, tra cui le Rime, la
Ma dopo che io ebbi riempito un lembo della veste, Nencia da Barberino e alcuni Canti carnascialeschi
vidi le rose e non soltanto di un colore: per il carnevale del 1490. Ad essi appartiene la Can-
io allora corsi per riempire tutto il grembo, zona di Bacco e Arianna, una ballata che si caratte-
perché il loro profumo era così soave, rizza per una ripresa malinconica, disperata e sugge-
che mi sentii risvegliare tutto il cuore stiva.
da un dolce desiderio e da un piacere divino.
Io mi trovai, o fanciulle, un bel mattino...

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 123


Lorenzo de’ Medici (1449-1492), Canzona Canzona di Bacco e Arianna
di Bacco e Arianna, 1490
1. Quant’è bella la giovinezza,
Quant’è bella giovinezza,
che fugge continuamente.
che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, lo sia,
Chi vuol esser lieto, sia: perché del futuro non vi è certezza.
di doman non c’è certezza.
2. Questi sono Bacco ed Arianna,
Quest’è Bacco e Arianna, sono belli e innamorati l’uno dell’altra.
belli, e l’un dell’altro ardenti: Poiché il tempo fugge ed inganna,
perché ‘l tempo fugge e inganna,
stanno contenti sempre insieme.
sempre insieme stan contenti. Queste ninfe e queste altre genti
Queste ninfe ed altre genti sono continuamente allegre.
sono allegre tuttavia. Chi vuol essere lieto, lo sia,
Chi vuol esser lieto, sia: perché del futuro non vi è certezza.
di doman non c’è certezza.
3. Questi lieti satiretti,
Questi lieti satiretti,
innamorati delle ninfe,
delle ninfe innamorati, per caverne e per boschetti
per caverne e per boschetti tendono ad esse mille agguati.
han lor posto cento agguati; Ora, riscaldati da vino,
or da Bacco riscaldati, ballano e saltano continuamente.
ballon, salton tuttavia. Chi vuol essere lieto, lo sia,
Chi vuol esser lieto sia: perché del futuro non vi è certezza.
di doman non c’è certezza.
4. Queste ninfe amano essere
Queste ninfe anche hanno caro da essi ingannate: non può
da lor essere ingannate: ripararsi dall’Amore
non puon fare a Amor riparo, se non gente rozza ed insensibile.
se non genti rozze e ingrate: Ora, mescolate con essi,
ora insieme mescolate ballano e cantano continuamente.
suonon, canton tuttavia.
Chi vuol essere lieto, lo sia,
Chi vuol esser lieto, sia: perché del futuro non vi è certezza.
di doman non c’è certezza.
5. Questo peso, che vien dietro
Questa soma, che vien drieto sopra l’asino, è Sileno:
sopra l’asino, è Sileno: è vecchio, ubriaco e contento,
così vecchio è ebbro e lieto, ed è ormai pieno di carne (=grasso) e di anni.
già di carne e d’anni pieno;
Se non può star dritto, almeno
se non può star ritto, almeno ride e gode continuamente.
ride e gode tuttavia. Chi vuol essere lieto, lo sia,
Chi vuol esser lieto, sia: perché del futuro non vi è certezza.
di doman non c’è certezza.
6. Il re Mida viene dietro a costoro:
Mida vien drieto a costoro: ciò che tocca diventa oro.
ciò che tocca, oro diventa.
E che giova avere la ricchezza
E che giova aver tesoro, se poi uno non si accontenta?
s’altri poi non si contenta? Che piacere vuoi che senta
Che dolcezza vuoi che senta chi ha sete continuamente?
chi ha sete tuttavia? Chi vuol essere lieto, lo sia,
Chi vuol esser lieto, sia: perché del futuro non vi è certezza.
di doman non c’è certezza.

Genesini Pietro, Letteratura italiana 123, Padova 2017 124


Ciascun apra ben gli orecchi, 7. Ciascuno apra bene le orecchie (=mi ascolti bene),
di doman nessun si paschi; nessuno si pascoli di speranze future.
oggi siam, giovani e vecchi, Oggi devono essere, giovani e vecchi,
lieti ognun, femmine e maschi; tutti contenti, femmine e maschi.
ogni tristo pensier caschi: Ogni pensiero triste dev’essere allontanato.
facciam festa tuttavia. Facciamo festa continuamente.
Chi vuol esser lieto, sia: Chi vuol essere lieto, lo sia,
di doman non c’è certezza. perché del futuro non vi è certezza.

Donne e giovìnetti amanti, 8. O donne e giovani innamorati,


viva Bacco e viva Amore! viva il dio del vino e viva il dio dell’amore!
Ciascun suoni, balli e canti! Ciascuno suoni, balli e canti!
Arda di dolcezza il core! Arda di dolcezza ogni cuore!
Non fatica, non dolore! Non pensiamo alla fatica, né al dolore!
Ciò c’ha a esser, convien sia. Ciò che deve succedere, dovrà succedere.
Chi vuol esser lieto, sia: Chi vuol essere lieto, lo sia,
di doman non c’è certezza. perché del futuro non vi è certezza.
---I☺I--- ---I☺I---

Riassunto. Il riassunto della ballata è impossibile. O destino o, meglio, della fortuna è affrontato di lì a po-
meglio esso è già sintetizzato nella ripresa: “La gio- co da Ludovico Ariosto (1474-1533) nell’Orlando
vinezza è bella, ma fugge via. È meglio coglierla nel furioso (1503-32), che parla del carattere imprevedi-
presente, perché il futuro è incerto”. Tutto il resto del bile e paradossale della vita umana, e da Niccolò Ma-
contenuto è accessorio, ha valore soltanto come ulte- chiavelli (1469-1527) nel Principe (1512-13), che ri-
riore e coinvolgente ripetizione e dimostrazione della fiuta ogni fatalismo e invita all’azione virile ed ir-
ripresa, che altrimenti risulterebbe una semplice ed ruenta contro tutti gli ostacoli che si frappongono alla
astratta enunciazione. Oltre alla ripresa e al resto del- volontà del principe.
la canzone (Bacco, Arianna, le ninfe ed i satiri), che ------------------------------I☺I-----------------------------
la illustra, la canzone è costituita dal senso di malin-
conia e di disperazione che i versi riescono ad emana- François Villon (1413-dopo 1463) ha una vita assai
re e ad infondere nel lettore (o nell’ascoltatore). Il movimentata che lo porta più volte in galera e a una
contenuto vero della ballata è proprio questo senso condanna a morte che evita grazie ai protettori. Dopo
disperato di malinconia. La ripetizione della ripresa il 1463 fa perdere le sue tracce. Data la vita spericola-
lo rende ossessivo ed esasperato: diventa un ango- ta, che lasciava tracce negli archivi dei tribunali, è
scioso (e non liberatorio) invito a godere finché c’è probabile che sia morto poco dopo. Le sue opere so-
tempo, prima del diluvio imminente. Questo è un ef- no pubblicate nel 1489 ed hanno un grandissimo suc-
fetto inconsueto della figura retorica dell’anafora (o cesso. Se ne fanno moltissime edizioni. Può essere
ripetizione). considerato l’antesignano dei “poeti maledetti” del-
l’Ottocento: Charles Baudelaire e i suoi seguaci.
Commento Scrive il poema giovanile Le lais e Il testamento, che
1. Lorenzo de’ Medici invita a cogliere la giovinezza, s’inseriscono nei filoni culturali e poetici del tempo.
poiché non si può riporre alcuna speranza nel futuro. Le sue poesie più fa