Sei sulla pagina 1di 79

a cura di Luana Guerrieri

Art. 3 lett. vvvv) del D. lgs. 50/2016:


«Servizi di architettura e ingegneria e altri servizi tecnici:
I servizi riservati ad operatori economici esercenti una
professione regolamentata ai sensi dell’articolo 3 della
direttiva 2005/36/CE»

Luana Guerrieri 2
Art. 3 della direttiva 2005/36/CE:

«Relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali»

Tali servizi devono essere affidati secondo le modalità indicate nel


Codice

Luana Guerrieri 3
Art. 1 co. 1 lett. oo)

Luana Guerrieri 4
art. 23, commi 2 e 12 - Livelli della progettazione per gli appalti, per le
concessioni di lavori nonché per i servizi;

art. 24, commi 4 e 8 – Progettazione interna e esterna alle amministrazioni


aggiudicatrici in materia di lavori pubblici;

art. 31, comma 8 - Ruolo e funzioni del responsabile del procedimento negli
appalti e nelle concessioni;

art. 46 - Operatori economici per l’affidamento dei servizi di architettura e


ingegneria e gli altri servizi tecnici;

art. 83 - Criteri di selezione e soccorso istruttorio;

art. 93, comma 10 - Garanzie per la partecipazione alla procedura;

art. 95 comma 3, lett. b) – Criteri di aggiudicazione dell’appalto;

art. 157 – Altri incarichi di progettazione.


Luana Guerrieri 5
Art. 23 co. 3:
3. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e trasporti, su
proposta del Consiglio superiore dei lavori pubblici, di concerto
con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del
mare e del Ministro dei beni e delle attività culturali e del
turismo sono definiti i contenuti della progettazione nei tre
livelli progettuali.
progettuali Fino alla data di entrata in vigore di detto
decreto, si applica l'articolo 216, comma 4.

Art. 24 co. 2:
2. Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti,
da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore
del presente codice, sentita l’ANAC, sono definiti i requisiti che
devono possedere i soggetti di cui all'articolo 46, comma 1.
Fino alla data di entrata n vigore di detto decreto, si applica
l'articolo 216, comma 4.

Luana Guerrieri 6
Luana Guerrieri 7
Redatto sulla base dell’art. 213 co. 2 del D. Lgs. 50/2016 in

considerazione dell’abrogazione cha ha interessato il DPR

207/2010.

Linee Guida Anac n° 1 (Delibera n° 973 del


14 settembre 2016)

Luana Guerrieri 8
«Le linee guida si applicano ad ogni ipotesi di
affidamento dei servizi di pianificazione,
progettazione, direzione lavori, collaudo ecc., a
prescindere dall’oggetto dei medesimi (quindi
anche se si tratti di impianti e sistemi elettronici,
di automazione e di generazione, trasmissione ed
elaborazione delle informazioni).

Luana Guerrieri 9
Art. 23: Livelli di progettazione per gli appalti, per le concessioni di
lavori nonché per i servizi

Tre livelli di progettazione in materia di lavori pubblici:

1. Progetto di fattibilità tecnica ed economica;

2. Progetto definitivo;

3. Progetto esecutivo.

Luana Guerrieri 10
DECRETO sui livelli di progettazione

BOZZA

CONSIGLIO DI STATO:
PARERE N° 22/2017

Luana Guerrieri 11
Obiettivi della progettazione (art. 23 co. 1):

Lettere da a) a l)

Luana Guerrieri 12
Progetto di fattibilità tecnico-economica
co.5:
• Individua tra più soluzioni quella che presenta il
miglior rapporto tra costi e benefici;

• Comprende tutte le indagini e gli studi necessari per


la definizione degli aspetti di cui al comma 1 (art. 23);

• Schemi grafici per l’individuazione delle


caratteristiche dimensionali, volumetriche,
tipologiche, funzionali e tecnologiche, le stime
economiche;

• Il progetto di fattibilità (se necessario) deve garantire


l’avvio della procedura espropriativa
Luana Guerrieri 13
Progetto di fattibilità tecnico-economica è
redatto (co.6):

• Sulla base dell’avvenuto svolgimento di indagini


geologiche e geognostiche;

• Comprende tutte studi preliminari di impatto


ambientale;

• Indica le caratteristiche prestazionali;

• Le specifiche funzionali;

• Tracciato dell’infrastruttura;
Luana Guerrieri 14
Progetto definitivo:

• Individua i lavori da realizzare ;

• Contiene tutti gli elementi necessari ai fini del rilascio


delle autorizzazioni e approvazioni;

• Quantificazione del limite di spesa per la


realizzazione;

• Cronoprogramma.

Luana Guerrieri 15
Progetto esecutivo:

• Determina in ogni dettaglio i lavori da realizzare;

• Il costo previsto;

• Il cronoprogramma coerente con il definitivo;

• Corredato da un piano di manutenzione dell’opera e


delle sue parti;

Luana Guerrieri 16
Primo elemento cardine

Art. 157 co. 3


Non sono consentite modalità di
affidamento dei servizi di cui al
predetto art. 3 lett. vvvv diverse da
quelle indicate dal Codice

Luana Guerrieri 17
Secondo elemento cardine:
Art. 23 co.12:
«Le progettazioni definitiva ed esecutiva sono,
preferibilmente, svolte dal medesimo soggetto,

onde garantire omogeneità e coerenza al procedimento

In sede di verifica della coerenza tra le varie fasi della progettazione, si applica quanto
previsto dall’articolo 26, comma 3».

Luana Guerrieri 18
Accentuato nel codice il profilo di continuità per cui:

Chi ha redatto lo studio di fattibilità può partecipare alla procedura


di gara per il servizio di progettazione definitiva ed esecutiva
Fermo restando
Il divieto di cui all’art. 24 co. 7

«Gli affidatari di incarichi di progettazione non possono essere affidatari degli


appalti o delle concessioni di lavori pubblici, nonché degli eventuali subappalti o
cottimi, per i quali abbiano svolto la suddetta attività di progettazione».

Luana Guerrieri 19
Non possono altresì partecipare:

Un soggetto controllato, controllante o collegato all’affidatario di incarichi di


progettazione;

I divieti di cui al presente comma sono estesi:

1. ai dipendenti dell'affidatario dell'incarico di progettazione;


2. ai suoi collaboratori nello svolgimento dell'incarico e ai loro dipendenti;
3. agli affidatari di attività di supporto alla progettazione e ai loro dipendenti.

Tali divieti non si applicano laddove i soggetti ivi indicati dimostrino che
l'esperienza acquisita nell'espletamento degli incarichi di
progettazione non è tale da determinare un vantaggio che possa
falsare la concorrenza con gli altri operatori.

Luana Guerrieri
COME?????
20
A tal fine è almeno necessario (2.2 Linee Guida):

1. Informare;

2. prevedere termini adeguati, nella gara relativa


all’appalto dei lavori

Ciò vale anche nel caso di partecipazione dell’autore


del progetto di fattibilità tecnico economica
Luana Guerrieri 21
1. In caso di affidamento della progettazione disgiunto il
nuovo progettista deve accettare l’attività progettuale
svolta in precedenza;

2. Se l’affidamento disgiunto riguarda progettazione


definitiva ed esecutiva l’accettazione avviene previa
validazione (art. 23 co. 12);

3. In caso di affidamento disgiunto della progettazione


definitiva ed esecutiva, in sede esecutiva non è necessaria
la relazione geologica quando le soluzioni progettuali
individuate in tale livello non comportino attività di tipo
geologico.

Luana Guerrieri 22
Non è consentito il subappalto, in SPECIE della
relazione geologica;

Sì subappalto per:
Indagine geognostiche;
Prove geotecniche e sismiche, sondaggi, rilievi;
Predisposizione di elaborati specialistici;
Redazione grafica elaborati progettuali.

Luana Guerrieri 23
Quarto elemento cardine
(art. 93 co. 10)

In caso di affidamenti di servizi tecnici non si richiede cauzione provvisoria in


caso di incarichi :
Redazione progettazione;
Piano di sicurezza e coordinamento;
Compiti di supporto alle attività del RUP.

Luana Guerrieri 24
(art. 59 co. 1)

Luana Guerrieri 25
INDICAZIONI OPERATIVE
Operazioni preliminari
In via preliminare la stazione appaltante verifica se i servizi presentano o meno le
caratteristiche indicate dall’art. 23 co. 2, ovvero trattasi di lavori di particolare
rilevanza sotto il profilo:
• Architettonico;
• Ambientale;
• Paesaggistico;
• Agronomico e forestale;
• Storico-artistico,
• Conservativo;
• Tecnologico

In tal caso occorre verificare la presenza di professionalità interne purchè in


possesso di idonea competenza nelle materie.

Luana Guerrieri 26
INDICAZIONI OPERATIVE

Operazioni preliminari

In caso di assenza di professionalità


interne per tali categorie dovrà essere
utilizzata la procedura del concorso di
progettazione

Luana Guerrieri 27
Fuori dai casi citati dall’art. 23 co. 2 la
verifica interna non è obbligatoria
Ai sensi dell’art. 24 co. 1:
• La progettazione di fattibilità tecnico economica, definitiva
ed Esecutiva;
• La direzione lavori
• Gli incarichi di supporto tecnico al RUP;
• Gli incarichi di supporto al dirigente nella programmazione.

Sono espletate:

Luana Guerrieri 28
INDICAZIONI OPERATIVE
Operazioni preliminari

Per gli incarichi e i servizi di progettazione, relativi a lavori che non rientrano tra
quelli di cui all’art. 23 co. 2, una volta stabilite la classe/i e la categoria/e
di appartenenza
Poi effettuare le seguenti operazioni:

1. la determinazione del corrispettivo da porre a base di gara;

2. la definizione dei requisiti di carattere speciale che devono possedere i


concorrenti per poter partecipare alla gara;

3. la specificazione per le gare di importo pari o superiore a 40.000 (che devono


svolgersi mediante il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa
secondo il miglior rapporto qualità/prezzo) del contenuto dell’offerta da
presentare, ai fini della dimostrazione della professionalità e della adeguatezza
dell’offerta.

Luana Guerrieri 29
INDICAZIONI OPERATIVE
Determinazione del corrispettivo

1. Far riferimento al Decreto del Ministero della Giustizia 17 giugno 2016;

2. Obbligatorio riportare nella documentazione di gara il procedimento adottato


per il calcolo dei compensi posti a base di gara = elenco dettagliato delle
prestazioni e dei relativi corrispettivi,

CONSENTE

Verificare la congruità
dell’importo fissato,
cc eventuali
errori di impostazione o calcolo

Luana Guerrieri 30
INDICAZIONI OPERATIVE

Identificazione delle opere per la definizione dei requisiti

Indicare le opere cui appartengono gli interventi oggetto di incarico tecnico


(secondo tavola Z-1 del d.m. 17 giugno 2016 e alle corrispondenti classi e
categorie)

Il ricorso a questa Tavola :


CONSENTE di

Richiedere il possesso del requisito professionale consistente nell’aver


svolto servizi tecnici per interventi nelle specifiche classi e categorie;
cc
Secondo le modalità indicate nelle Linee Guida

Luana Guerrieri 31
AFFIDAMENTI

fino a €. 40.000,00 affidamento in via diretta secondo quanto previsto


dall’art. 31 co.8 e art. 36 co. 2 lett. a) (suggerita l’acquisizione di due preventivi);

da €. 40.000,00 a €. 100.000,00 procedura negoziata senza bando Indagine di mercato

ai sensi dell’art. 36 co. 2 lett. b) Selezione operatori

Elenco operatori
superiore a €. 100.000,00 con procedura aperta e ristretta
ai sensi dell’art. 60 e 61 (art. 157 co. 2 ultimo periodo)

Luana Guerrieri 32
AFFIDAMENTI

Fino a €. 40.000,00 art. 36 co. 2 lett. a):

1. Non frazionare (vedi art. 23 co. 12: in caso di motivate ragioni di


affidamento disgiunto per progettazione definitiva ed esecutiva…)

2. Selezione operatori (consultazione preliminare di mercato)

Luana Guerrieri 33
< 40.000,00 affidamento diretto COME FARE
Determina a contrarre
1. L’indicazione dell’interesse che si intende soddisfare ;
2. Le caratteristiche dell’acquisto;
3. I criteri di selezione;
4. La procedura che si intende eseguire con sintetica indicazione
ragioni
5. L’importo massimo stimato dell’affidamento e le principale
condizioni contrattuali;

In ordine alla richiesta adeguata motivazione il Consiglio di Stato suggerisce di


sostituire l’avverbio «adeguatamente» con «sinteticamente» se la determina a
contrarre è separata dall’aggiudicazione…

Luana Guerrieri 34
< 40.000,00 affidamento diretto
COME FARE

Criteri di selezione

• Possesso dei requisiti di ordine generale di cui all’art. 80 del D. Lgs. 163/2006;

• Idoneità professionale (iscrizione C.C.I.A.A o albo..);

• Requisiti che devono possedere gli operatori economici di cui all’art. 46 per
l’affidamento dei servizi di architettura ed ingegneria (in corso di redazione il
D.M. competente per detta definizione come stabilito dall’art. 24 co.2)

• Capacità economico finanziaria;

• Capacità tecniche e professionale.

Luana Guerrieri 35
< 40.000,00 affidamento diretto
COME FARE

REQUISITI DEGLI OPERATORI ECONOMICI

La bozza di decreto di cui all’art. 24 co. 2 è stata sottoposta al


parere del Consiglio di Stato che si è espresso con parere n°
2285 del 3.11.2016 esprimendo parere sostanzialmente
favorevole con alcuni aggiustamenti….

Luana Guerrieri 36
< 40.000,00 affidamento diretto (lavori, servizi e forniture)

COME FARE
Scelta del contraente e obbligo di motivazione

Per assicurare massima trasparenza e in ottemperanza degli obblighi


motivazionali la stazione appaltante motiva in ordine:
a) Alla scelta dell’affidatario;
b) Da dettagliatamente conto del possesso da parte dell’operatore
economico dei requisiti richiesti nella determina a contrarre;
c) Da conto della rispondenza all’interesse pubblico da soddisfare;
d) Da conto di eventuali richieste migliorative;
e) Congruità del prezzo e rispetto del principio di rotazione;

Luana Guerrieri 37
< 40.000,00 affidamento diretto (lavori, servizi e forniture)

COME FARE

Stipula del contratto e pubblicazione

1. Stipula mediante corrispondenza (scambio di lettere)


facoltà di effettuare lo scambio attraverso posta elettronica certificata

2. Non si applica lo stand still;

Luana Guerrieri 38
40.000,00 e fino a €. 100.000,00 ( soglia servizi tecnici) Art. 36 co.
(procedura negoziata con almeno 5 operatori) 2 lett. b)

Luana Guerrieri 39
Art. 36 co. 2 lett. b)

COME FARE
Determina a contrarre ( sempre)

1. L’indicazione dell’interesse pubblico che si intende


soddisfare ;
2. Le caratteristiche dell’acquisto;
3. I criteri di selezione;
4. La procedura che si intende eseguire con sintetica
indicazione ragioni
5. L’importo massimo stimato dell’affidamento e le
principale condizioni contrattuali;

Luana Guerrieri 40
Art. 36 co. 2 lett. b)

COME FARE
La procedura si articola in tre fasi:

1. Svolgimento di indagini di mercato o consultazione


di elenchi per la selezione di operatori economici da
invitare;

2. Confronto competitivo tra gli operatori economici


selezionati e invitati;

3. Stipulazione del contratto;

Luana Guerrieri 41
Art. 36 co. 2 lett. b)

COME FARE

Indagine di mercato

Indagine di mercato attraverso avviso (art. 216 co.9)

Luana Guerrieri 42
Art. 36 co. 2 lett. b)

COME FARE
Indagine di mercato
Cosa contiene avviso:
1. Valore dell’affidamento;
2. Gli elementi essenziali del contratto;
3. I requisiti di idoneità professionale;
4. I requisiti minimi di capacità economico finanziaria e capacità
tecnico professionale;
5. Il numero minimo ed eventualmente massimo di operatori da
invitare;
6. Il criterio di selezione;
7. I contatti, il nominativo del RUP;
8. Riservarsi sul sorteggio pubblicizzando data e luogo e al fine di
evitare eventuali cartelli , tenere riservati i nominativi estratti.

Luana Guerrieri 43
Art. 36 co. 2 lett. b)

COME FARE

Indagine di mercato

Dove pubblico l’avviso per almeno 15 giorni:

• Amministrazione
trasparente;
• Sito istituzionale;
• Albo Pretorio
• Altro…(anche ordini professionali)

Luana Guerrieri 44
Art. 36 co. 2 lett. b)

ELENCHI

COME FARE
L’avviso per la formazione dell’elenco contiene:
1. Richiesta del possesso dei requisiti di cui all’art. 80;
2. Requisiti di idoneità professionale;
3. Correlazione dell’esperienza pregressa con le tipologie
progettuali programmate dall’Amministrazione
(corrispondenza con le classi e categorie di lavori da
realizzare);
4. Predeterminazione di criteri oggettivi, non discriminatori e
proporzionati )(Criterio di rotazione ) Divieto di cumulo
degli incarichi oltre un certo importo totale (Soglia
comunitaria) in un arco temporale certo;

Luana Guerrieri 45
Art. 36 co. 2 lett. b)

ELENCHI

COME FARE
Articolazione elenco:

• Classi e categorie dei lavori da progettare;

• Fasce di importo in cui si intende suddividere l’elenco

Luana Guerrieri 46
Art. 36 co. 2 lett. b)

COME FARE

Elenco fornitori

L’elenco si forma previo avviso pubblico


(idonea pubblicità)
• Amministrazione trasparente;
• Sito istituzionale;
• Albo Pretorio
• (osserva Anac parte IV Linee Guida punto 1.2) opportuno l’invio

dell’avviso agli ordini professionali nazionali e


territoriali.

Luana Guerrieri 47
Servizi Tecnici:
• da €. 100.000,00 e fino alla soglia comunitaria di €.
209.000,00 (settori ordinari)
• Da €. 100.000,00 fino a €. 418.000,00 (settori speciali)
si utilizza:

Procedura aperta (art. 60)

oppure

Procedura ristretta (art. 61)

I requisiti di partecipazione sono gli stessi per gli


affidamenti superiori alla soglia di rilevanza comunitaria

Luana Guerrieri 48
Servizi Tecnici:

Incarichi superiori alla soglia comunitaria (art. 157 co.1)


Si applica agli:
Se la somma di
• Incarichi di progettazione che non rientrano questi affidamenti
supera la soglia
nell’applicazione dell’art. 23 co. 2 primo periodo; comunitaria,
• Direzione lavori; l’affidamento diretto
della direzione lavori
• Coordinamento della sicurezza in fase di e del coordinamento
della sicurezza in
progettazione; fase di esecuzione è
• Direzione dei lavori; consentito per
particolari ragioni e
• Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione; deve essere previsto
nel bando di gara.

• Collaudo.

Luana Guerrieri 49
«Criteri di selezione» (art. 83)
…l’art. 157co. 1 richiama la parte
generale..
Requisiti di idoneità professionale;
• Capacità economica finanziaria;
• Capacità tecniche e professionali.

Per sapere cosa chiedere ci si riferisce


all’art. 86 (mezzi di prova) e all’allegato XVII al Codice
«..i requisiti vanno stabiliti in funzione della natura,
quantità o importanza o dell’uso dei lavori, delle forniture
e dei servizi»
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE
Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Capacità economica finanziaria


• il fatturato globale per servizi di ingegneria e di architettura, di
cui all’art. 3, lett. vvvv) del Codice, espletati nei migliori tre
esercizi dell’ultimo quinquennio antecedente la pubblicazione del
bando, per un importo massimo pari al doppio dell’importo a
base di gara;
alternativa
• un “livello adeguato di copertura assicurativa” contro i rischi
professionali per un importo percentuale fissato in relazione al
costo di costruzione dell'opera da progettare,

Luana Guerrieri 51
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Capacità Economica finanziaria/tecnica

Espletamento negli ultimi dieci anni di servizi analoghi relativi a


lavori appartenenti ad ognuna delle classi e categorie dei lavori cui
si riferiscono i servizi da affidare;

Luana Guerrieri 52
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Capacità Economica finanziaria/tecnica

Avvenuto svolgimento negli ultimi dieci anni di due servizi


cosiddetti di punta

Luana Guerrieri 53
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Capacità Tecnica

Numero medio di personale tecnico utilizzato negli ultimi tre anni


per gli operatori in forma societaria e il numero di unità minime di
tecnici per i professionisti singoli o associati

In misura proporzionata alle unità stimate per


l’appalto e comunque non superiore al doppio
Luana Guerrieri 54
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Capacità Tecnica

Vengono ricompresi nel concetto di servizi resi anche quelli relativi


a studi di fattibilità effettuati anche per opere pubbliche da
realizzarsi tramite finanza di progetto e ogni altro servizio
propedeutico alla progettazione effettuato nei confronti di
committenti pubblici o privati

Luana Guerrieri 55
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Capacità Economico finanziaria /Tecnica

Il requisito dei servizi svolti non deve essere inteso


nel senso di limitare il fatturato ai soli servizi posti
a base di gara

Luana Guerrieri 56
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE
Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Requisiti di Capacità in caso di

Raggruppamenti o Consorzi stabili

Art. 46 co. 1 lett. f)


«i consorzi stabili di società di professionisti e di società di
ingegneria, anche in forma mista, formati da non meno di tre
consorziati che abbiano operato nei settori dei servizi di
ingegneria ed architettura».

Luana Guerrieri 57
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE
Individuazione dei requisiti (ANAC linee guida 2.2.2)

Classi categorie e tariffe professionali

Ai fini della qualificazione le attività svolte per opere analoghe a


quelle oggetto dei servizi da affidare (non necessariamente di
identica destinazione funzionale) sono da ritenersi idonee a
comprovare i requisiti quando il grado di complessità sia almeno
pari a quello dei servizi da affidare.

In relazione alla comparazione, ai fini della dimostrazione dei


requisiti, tra le attuali classificazioni e quelle della l. 143/1949, le
stazioni appaltanti devono evitare interpretazioni eccessivamente
formali.
Luana Guerrieri 58
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE
Comunicato ANAC del 14.12.2016

Considerata la nuova definizione di servizi tecnici possono


essere spesi i seguenti requisiti:

1. servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria;


2. servizi di consulenza aventi ad oggetto attività accessorie di
supporto alla progettazione che non abbiano comportato la
firma di elaborati progettuali;
3. attività accessorie di supporto per la consulenza specialistica
(relativa agli ambiti progettuali strutturali e geotecnici)

CONDIZIONE

Luana Guerrieri 59
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE
Comunicato ANAC del 14.12.2016
1. attività svolta nell’esercizio di una professione
regolamentata per la quale è richiesta una determinata
qualifica professionale, come indicato dall’art. 3 della
direttiva 2005/36/CE;
e
2. purché l’esecuzione della prestazione, in mancanza della
firma di elaborati progettuali, sia documentata mediante
la produzione del contratto di conferimento dell’incarico
e delle relative fatture di pagamento;

Luana Guerrieri 60
REQUISITI DI PARTECIPAZIONE
…segue

Possono essere qualificati come servizi di architettura e


ingegneria ai sensi dell’art. 3, lett. vvvv) del codice anche :

1. le prestazioni di ingegneria relative alle sole verifiche


strutturali e/o verifiche sismiche, in assenza di
progettazione;
2. I servizi di supporto alla progettazione consistenti in
varianti predisposte dai progettisti indicati dalle imprese
di costruzioni nel caso di partecipazione ad appalti
integrati; (aggiungerei nei limitati casi di cui all’art. 59 co. 1)

Ricordiamo che siamo comunque in attesa del D.M.


per la definizione dei requisiti di cui all’art. 24 co. 2
Luana Guerrieri 61
APPLICAZIONE DELL’OEPV
L’attuale quadro normativo non contiene
più riferimento per i servizi tecnici:

1. Elementi di valutazione dell’OEPV;

2. Criteri motivazionali;

Intervento di ANAC

Luana Guerrieri 62
APPLICAZIONE DELL’OEPV
a) professionalità e adeguatezza dell’offerta;
b) caratteristiche metodologiche dell’offerta;
c) ribasso percentuale unico indicato nell’offerta
economica;
d) riduzione percentuale indicata nell’offerta economica
con riferimento al tempo;
e) (attuazione art. 95 co.13) prestazioni superiori ad alcuni o tutti i

criteri ambientali minimi ovvero soluzioni progettuali


che prevedano l’utilizzo di materiale rinnovabile, di
cui all’allegato 1 al Decreto del Ministero dell'ambiente
e della Tutela del Territorio e del Mare 24 dicembre
2015, come modificato dal DM 24 maggio 2016, (punteggi
premianti).

Luana Guerrieri 63
Determinazione fattori ponderali

a) professionalità e adeguatezza dell’offerta = da 30 a 50


b) caratteristiche metodologiche dell’offerta = da 30 a 50
c) ribasso percentuale unico indicato nell’offerta
economica = da 0 a 20
d) riduzione percentuale indicata nell’offerta economica
con riferimento al tempo = da 0 a 10
e) (attuazione art. 95 co.13) prestazioni superiori ad alcuni o tutti i

criteri ambientali minimi = da 0 a 5

SOMMA = 100
Luana Guerrieri 64
OBIETTIVO QUALITA’
Il criterio della professionalità e adeguatezza
quando si tratta di progetti integrati
(architettonica, strutturale, impiantistica) il
criterio dovrebbe prevedere sub-criteri e/o
sub-pesi…

Luana Guerrieri 65
CRITERI MOTIVAZIONALI
Qualità del concorrente: (verificare che i progetti
redatti dal concorrente rispondono meglio agli
obiettivi della stazione appaltante);

Qualità della proposta: (verificare che la


proposta progettuale, la struttura tecnico
organizzativa, nonché i tempi complessivi sono
coerenti tra loro e offrono elevata garanzia nella fase
attuativa);

Luana Guerrieri 66
CRITERI MOTIVAZIONALI
Qualità del concorrente: migliore
professionalità se i progetti non solo sono
stati realizzati nella stessa classe e categoria
ma strumentali alla prestazione dello
specifico servizio.

Luana Guerrieri 67
CRITERI MOTIVAZIONALI
Qualità della proposta individuata
attraverso la relazione giudicando migliore
quella che illustra:

1. le caratteristiche principali della prestazione;


2. Le proposta migliorative;
3. Le soluzioni che si intendono adottare per
risolvere problematiche specifiche;
4. I Tempi di realizzazione
5. Le Modalità di esecuzione anche con riguardo
all’articolazione temporale;
6. Il team del progetto;

Luana Guerrieri 68
CRITERI MOTIVAZIONALI
Se l’affidamento riguarda solo la direzione
lavori i criteri motivazionali dovranno
interessare:
1. La struttura dell’ufficio di direzione, le
attività di direzione e sicurezza in
cantiere;
2. Le modalità di interazione/integrazione
con la committenza;
3. La consistenza e qualità delle risorse
umane;

Luana Guerrieri 69
CRITERI MOTIVAZIONALI

Se l’affidamento riguarda progettazione e


direzione lavori i criteri motivazionali
dovranno essere costruiti tenendo conto di
quanto disciplinato per entrambe le
fattispecie.

Luana Guerrieri 70
OBIETTIVO QUALITA’

a) Soglia sbarramento;

b) Riparametrazione punteggio tecnico


attribuito a ciascun criterio;

c) Riduzione ribassi con utilizzo formule


bilineari

Luana Guerrieri 71
Art. 26 co. 3

«Al fine di accertare l'unità progettuale, i soggetti di cui al comma 6,


prima dell'approvazione e in contraddittorio con il progettista, verificano
la conformità del progetto esecutivo o definitivo rispettivamente, al
progetto definitivo o al progetto di fattibilità. Al contraddittorio partecipa
anche il progettista autore del progetto posto a base della gara, che si
esprime in ordine a tale conformità. ».

Quindi:

Il progetto Definitivo Progetto di fattibilità

Il progetto Esecutivo Definitivo

Luana Guerrieri 72
a) la completezza della progettazione;
b) la coerenza e completezza del quadro economico in tutti i suoi aspetti;
c) l’appaltabilità della soluzione progettuale prescelta;
d) presupposti per la durabilità dell'opera nel tempo;
e) la minimizzazione dei rischi di introduzione di varianti e di contenzioso;
f) la possibilità di ultimazione dell'opera entro i termini previsti;
g) la sicurezza delle maestranze e degli utilizzatori;
h) l’adeguatezza dei prezzi unitari utilizzati;
i) la manutenibilità delle opere, ove richiesta.

Luana Guerrieri 73
I soggetti di cui al comma 6 dell’art. 26

Tali soggetti non devono aver svolto attività di progettazione ,


coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, direzione
lavori e collaudo.
«Il RUP, che può effettuare le verifiche sotto un milione di euro, può svolgere tali funzioni
solo se non abbia svolto il ruolo di progettista»

Luana Guerrieri 74
Atto formale sottoscritto dal RUP

Si basa sugli esiti delle verifiche e sulle eventuali


controdeduzioni del progettista

Luana Guerrieri 75
L’affidamento all’esterno della verifica preventiva avviene in modo unitario per
tutti i livelli di progettazione (non verificati già all’interno);
Si applicano le regole degli affidamenti di servizi di ingegneria;
Requisiti:
1. fatturato globale realizzato negli ultimi cinque anni o adeguata
copertura assicurativa;
2. Avvenuto svolgimento negli ultimi cinque anni di almeno due appalti di
servizi di verifica di progetti, relativi a lavori di importo almeno pari,
ciascuno, al 50% di quello oggetto dell’appalto da affidare.

Luana Guerrieri 76
,.
PROGETTAZIONE DI SERVIZI E FORNITURE

1. La progettazione è in genere effettuata in un unico


livello;
2. Predisposta dalla stazione appaltante

Luana Guerrieri 77
Cosa deve contenere un progetto di servizi:

1. la relazione tecnico-illustrativa;
2. il calcolo degli importi per l'acquisizione dei servizi;
3. le indicazioni e disposizioni relative alla sicurezza;
4. il capitolato speciale descrittivo e prestazionale, comprendente le
specifiche tecniche;
5. l'indicazione dei requisiti minimi che le offerte devono
comunque garantire.

Luana Guerrieri 78
I materiali saranno disponibili su:

www.fondazioneifel.it/formazione

@Formazioneifel Facebook Youtube