Sei sulla pagina 1di 9

Sete di Parola

Philippe de Champaigne, Annunciazione, 1644, Metropolitan Museum of Art, New York

24/03/2019 – 30/03/2019
III settimana di Quaresima
Anno C

Vangelo del giorno,


commento e preghiera
Domenica 24 marzo 2019
III DI QUARESIMA – ANNO C

+ Dal Vangelo secondo Luca 13,1-9


Se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.

In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato
aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro:
«Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No,
io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone,
sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli
abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso
modo». Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua
vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni
che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve
sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli
avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no,
lo taglierai”».

SPUNTI DI RIFLESSIONE (don Luca Orlando Russo)

La prima domenica di quaresima ci ha presentato le prove che ci attendono durante il


percorso, la seconda ci ha incoraggiato a camminare sulla via di Dio, così diversa dalla via degli
uomini.
Questa terza domenica ci pone una serie di domande cui non possiamo esimerci dal
rispondere: desideriamo veramente la conversione? siamo fino in fondo persuasi che è ora di
cominciare a produrre frutti per la vita? la vita, ricevuta in dono dal Signore, intendiamo
impiegarla per lo sviluppo della Vita stessa, oppure abbiamo scelto di sfruttare tutto e tutti,
finché ci è possibile, senza mai fare la nostra parte?
Proviamo ad immedesimarci nel fico e chiediamoci: sono tre anni che il mio padrone mi mette
a disposizione questo terreno e tutto ciò che è necessario per farmi produrre dei frutti, e così
permettermi di realizzare la mai vita, di non essere sterile, e io in questi tre anni che ho
combinato? Ogni volta che il padrone, nella stagione dei raccolti, mi si è avvicinato per
raccogliere i frutti, come ho vissuto il suo disappunto? E il suo rimandare l'appuntamento
all'anno successivo? Ce l'ho messa tutta per fare qualche frutto oppure in fondo ho deciso che
frutti io non ne farò? Sono tre anni che me la cavo, spero di cavarmela sempre?
Il nostro camminare nella vita vorrebbe sempre evitare i momenti in cui siamo chiamati a
render conto di come stiamo impiegando quanto ci viene messo a disposizione. Il tempo di
quaresima è il tempo delle scelte da fare con grande decisione nella certezza che non possiamo
sempre rimandare.
Ma dobbiamo ammetterlo: ogni volta che abbiamo fatti i migliori buoni propositi di produrre i
fichi più belli, alla fine il risultato è stato sempre lo stesso: la sterilità. A salvarci è l'intervento
del vignaiolo.
Egli promette al fico di fecondare la sua sterilità. Il vignaiolo è simbolo di Gesù e la sua fatica
nello zappare e nel concimare è la fatica dell'amore che porta il peso della sterilità dell'uomo. Il
concimare il vignaiolo il terreno intorno al fico è simbolo del perdere Gesù la propria vita, al
servizio dell'uomo. Irrigare la vita dell'uomo con il sudore della propria fatica e della fatica
dell'amore. Concimare la vita dell'uomo con il dono della propria vita, con il proprio sangue. Il
vignaiolo, per farsi carico della sterilità del fico, è disposto a perdere la vita.
Sarà l'accoglienza delle cure del vignaiolo a convertire la sterilità in fecondità, e il fico vivrà di
questa fecondità donata. Questo fico, che dopo il primo, il secondo, il terzo smacco, è
condannato alla sua sterilità, può ancora sperare in una vita rigogliosa e feconda grazie al dono
delle cure che riceverà da parte di quel vignaiolo, disposto a morire per riscattare la sua
sterilità.

PER LA PREGHIERA (Dietrich Bonhoeffer)

Io, in realtà sono ciò che gli altri dicono di me?


O sono solo ciò che io so di me stesso?
Inquieto,
2
nostalgico,
malato come un uccello in gabbia,
bramoso di un respiro vivo, come mi strozzassero la gola,
affamato di colori, di fiori, di voci d'uccelli,
assettato di parole buone, di presenza umana,
tremante di collera davanti all'arbitrio e alla più meschina umiliazione,
roso per l'attesa di grandi cose,
impotente e preoccupato per l'amico ad infinita distanza,
stanco e vuoto per pregare, per pensare, per creare,
esausto e pronto a prendere congedo da tutto.
Chi sono io?
Domandare solitario che m'irride;
chiunque io sia tu mi conosci, tuo sono io, o Dio !

3
Lunedì 25 marzo 2019
Annunciazione del Signore
+ Dal Vangelo secondo Luca 1, 26-38

Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.


In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata
Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe.
La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è
con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto
come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed
ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato
Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre
sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come
avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà
su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà
santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha
concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è
impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la
tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

SPUNTI DI RIFLESSIONE (Paolo Curtaz)

A nove mesi dal Natale la liturgia apre una parentesi gioiosa nell'austero cammino di
quaresima. Celebrando la festa dell'annunciazione mettiamo insieme i diversi misteri che
stiamo per celebrare.
Il Gesù che sta per essere consegnato, quel Gesù che, consapevole di essere un chicco di
frumento, è disposto a morire pur di rivelare all'umanità confusa il vero volto di Dio, è il Verbo
di Dio che ha scelto di diventare uomo per rendere accessibile l'immensità di Dio. L'uomo fatica
ad immaginare Dio e, quando lo fa', spesso se lo immagina come la somma delle proprie paure
inconsce, un essere supremo indifferente al nostro destino da tenere buono con i riti e le
preghiere... Anche l'esperienza di Israele, pur avendo cambiato radicalmente questa idea, ha
confuso la rivelazione genuina con visioni approssimative di Dio, contribuendo a crearne
un'immagine misteriosa e scostante. Nemmeno i profeti sono riusciti a cambiare questa
ambiguità che permane nel cuore degli uomini. No, l'uomo non è capace ad avere una corretta
rappresentazione di Dio e, perciò, Dio ha deciso di incarnarsi, di diventare uomo per diventare
accessibile. In questa giornata in cui facciamo memoria dell'istante dell'incarnazione, già
vediamo e celebriamo la volontà di un Dio disposto a tutto pur di farsi riconoscere...

PER LA PREGHIERA (Benedetto XVI)

Vergine obbediente, Madre di Cristo


che, con il tuo docile "sì" all'annuncio dell'Angelo,
sei diventata Madre dell'Onnipotente,
aiuta tutti i tuoi figli ad assecondare
i disegni che il Padre celeste ha su ciascuno,
per cooperare all'universale progetto di redenzione,
che Cristo ha compiuto morendo sulla croce.
Vergine di Nazareth, Regina della famiglia
rendi le nostre famiglie cristiane fucine di vita evangelica,
arricchite dal dono di molte vocazioni
al sacerdozio e alla vita consacrata.
Mantieni salda l'unità delle nostre famiglie,
oggi tanto minacciata da ogni parte,
e rendile focolari di serenità e di concordia,
dove il dialogo paziente dissipi le difficoltà e i contrasti.
Veglia soprattutto su quelle divise e in crisi,
Madre di perdono e di riconciliazione.

4
Martedì 26 marzo 2019
s. Emanuele
+ Dal Vangelo secondo Matteo 18, 21-35
Se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello, il Padre non vi perdonerà.

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe
contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti
dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette. Per questo, il regno dei cieli è simile a un
re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu
presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire,
il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così
saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con
me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli
condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento
denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo
compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma
egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito. Visto
quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro
padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo
malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu
aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede
in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto. Così anche il Padre mio
celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

SPUNTI DI RIFLESSIONE (Paolo Curtaz)

Quanto è difficile perdonare! Il mondo lo considera un gesto di debolezza, noi, spesso, come
un atto umiliante, che ci disonora. E, invece, il perdono cristiano è uno dei pilastri della nostra
vita interiore. non perdoniamo gli altri perché ci sentiamo migliori, né lo facciamo pensando
che l'altro cambi grazie al nostro perdono. A volte, addirittura, il perdono che usiamo ci viene
rinfacciato, ci si ritorce contro. Perdoniamo perché noi abbiamo bisogno di farlo, perché
vogliamo liberarci dal rancore. Il perdono è un gesto di volontà più che di emozione, può
accadere, e accade, che anche dopo avere perdonato una persona che ci ha fatto molto male,
"sentiamo" una fitta al cuore quando la incrociamo. E il perdono non è neppure un'amnesia,
non si riesce a dimenticare, si sceglie di non pensarci, di affidare a Dio chi ci ha ferito
brutalmente. Gesù svela a Pietro e a noi la ragione del perdono: siamo chiamati a perdonare
perché perdonati, perché noi per primi abbiamo bisogno di essere perdonati. Perdoniamo
perché figli di un Dio che ci usa misericordia senza misura, senza castigo. Proviamo, oggi, a
vivere una giornata all'insegna del perdono dato e ricevuto...

PER LA PREGHIERA (Madre Teresa di Calcutta)

Signore, tu sei la vita che voglio vivere,


la luce che voglio riflettere,
il cammino che conduce al Padre,
l'amore che voglio amare,
la gioia che voglio condividere,
la gioia che voglio seminare attorno a me.
Gesù, tu sei tutto per me,
senza Te non posso nulla.
Tu sei il Pane di vita che la Chiesa mi dà.
È per te, in te, con te che posso vivere.

5
Mercoledì 27 marzo 2019
s. Augusto
+ Dal Vangelo secondo Matteo 5,17-19
Chi insegnerà e osserverà i precetti, sarà considerato grande nel regno dei cieli.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge
o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico:
finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della
Legge, senza che tutto sia avvenuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti
e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece
li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

SPUNTI DI RIFLESSIONE (Casa di preghiera San Biagio)

La Legge data da Dio a Mosè, non solo è al centro del culto di Israele ma anche della gestione
politico/sociale del popolo. Infatti, è la Legge che ha plasmato il popolo come nazione.
Attraverso i secoli, un cumulo di costumi e tradizioni si sono aggiunti alla Legge, oscurando la
verità. Sono queste leggi umane a cui Gesù si oppone, non alla Legge in sé. Ci sono molti
momenti nei Vangeli in cui Gesù esprime palesemente il suo rispetto per la Legge. Gesù è il
compimento della Legge, nel senso che questa era piuttosto indicativa, mirando all'unificazione
del popolo, senza però la possibilità di salvarlo dal peccato. Gesù, mandato dal Padre per
compiere la sua volontà, adempie l'Antica Alleanza con la Nuova Legge dell'Amore: amore di
Dio che si fa Uomo e si sacrifica per salvarci. Amore che vuole che tutta l'umanità accolga il
suo amore e si unisca liberamente a lui: amando lui e il prossimo. L'amore è l'energia che apre
il cuore ad abbracciare la volontà di Dio nella sua totalità: "Chi ama, compie tutta la Legge"
(Rm13,10). Quindi, la nostra appartenenza al Regno dipende non dalla Legge mosaica ma dal
comandamento nuovo dell'Amore.

PER LA PREGHIERA (don Angelo Saporiti)

Signore, aiutaci a fidarci di te,


della tua Provvidenza.
Guardando a ciò che siamo e a ciò che abbiamo,
fa' che ci sentiamo dei privilegiati,
appagati e pieni di gratitudine.
Fa', o Signore,
che arriviamo a comprendere
che nel tuo amore c'è tutto ciò
di cui abbiamo bisogno per vivere
e per essere felici.
A noi, che desideriamo possedere sempre di più,
fa' comprendere che il tuo amore
è la ricchezza più grande che possiamo avere
e che il sentirci amati da te
è il tesoro più prezioso che possiamo desiderare.
Donaci di capire che
non serve essere invidiosi di chi ha più di noi,
non serve essere tristi
se agli altri le cose vanno meglio che a noi.
Se noi abbiamo te,
se tu sei con noi,
noi abbiamo tutto.
Ma veramente tutto!
E questo ci deve bastare e… avanzare,
perché, Tu, Signore,
sei il massimo che noi possiamo avere!
Tu sei il nostro bisogno appagato,
il nostro cuore riposato,
il nostro sogno realizzato.

6
Giovedì 28 marzo 2019
s. Sisto III
+ Dal Vangelo secondo Luca 11,14-23
Chi non è con me è contro di me.

In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto
cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di
Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli
domandavano un segno dal cielo.
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una
casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo
regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per
mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri
giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro.
Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne
spartisce il bottino. Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde».

SPUNTI DI RIFLESSIONE (Paolo Curtaz)

Il gesto e le parole di Gesù ci mettono in guardia da una sicurezza che non sia fondata su di
lui. Appare chiaro che in questo contesto - il brano di oggi - il muto, reso tale dal demonio,
rappresenti la mancanza della parola di Dio, della fede, della lode a Dio e la sua guarigione è
l'avvento della parola risanatrice di Dio. L'atteggiamento della folla, a miracolo avvenuto, "fu
presa da meraviglia", è riconoscere la presenza di Dio. Inizia così il suo Regno, che viene sulla
terra quando la lingua "dei poveri" è in grado di sciogliersi nella lode del suo Nome. A questo
episodio l'evangelista ha unito il serrato confronto di Gesù con alcuni astanti intorno al suo
potere di scacciare i demoni. L'animata discussione è motivata da due diversi atteggiamenti: o
Cristo è egli stesso indemoniato che può scacciare se stesso dagli ossessi, o ha un potere
divino che dovrebbe dimostrare. Gesù chiarisce il secondo atteggiamento, rispondendo al
primo. Contro l'insinuazione di essere indemoniato, ossia schiavo del nemico di Dio,
stupendamente egli risponde che inutilmente annunzierebbe la venuta del Regno di Dio,
quando questa venuta si prestasse a questo falso gioco. Ne valeva la pena? "Ma se scaccio i
demoni in nome di Beelzebul, i vostri figli in nome di chi li scaccia?" Sono anch'essi
indemoniati? La conseguenza è incalzante: è all'opera il dito di Dio. Gesù annuncia che sta per
realizzarsi tra loro il Regno di Dio. Ormai si richiede una scelta intransigente fra il più forte e il
più debole. Cristo è molto chiaro: "O con me o contro di me". Nella vita personale c'è questo
gioco di scelte continue dove il male e il bene si osteggiano; e il credente deve saper cogliere il
bene e respingere il male.

PER LA PREGHIERA (Giovanni Paolo II)

Padre misericordioso,
Signore della vita e della morte.
Il nostro destino è nelle tue mani.
Guardaci con bontà e guida la nostra esistenza
con la tua Provvidenza, piena di sapienza e di amore.
Ravviva in noi, o Signore, la luce della fede
affinché accettiamo il mistero di questo immenso dolore,
e crediamo che il tuo amore sia più forte della morte.
Guarda, o Signore, con bontà l'afflizione di coloro
che piangono la morte di persone care:
figli, padri, fratelli, parenti, amici.
Sentano essi la presenza di Cristo
che consolò la vedova di Naim
e le sorelle di Lazzaro, perché egli è la risurrezione e la vita.
Trovino il conforto dello Spirito,
la ricchezza del tuo amore,
la speranza della tua provvidenza
che apre sentieri di rinnovamento spirituale
e assicura a quelli che lo amano
un futuro migliore.

7
Venerdì 29 marzo 2019
s. Secondo
+ Dal Vangelo secondo Marco 12,28-34
Il Signore nostro Dio è l’unico Signore: lo amerai.

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i
comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico
Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la
tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te
stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». Lo scriba gli disse: «Hai detto
bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con
tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso
vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù
gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

SPUNTI DI RIFLESSIONE (padre Lino Pedron)

La domanda che lo scriba pone a Gesù non è oziosa. Data la molteplicità delle prescrizioni della
legge (se ne contavano 613, ripartite in 365 proibizioni - quanti sono i giorni dell'anno - e 248
comandamenti positivi, quante si credeva fossero le parti del corpo umano), ci si poteva
legittimamente interrogare sul loro valore e chiedersi quale fosse il comandamento più grande.
La risposta di Gesù che pone nell'amore di Dio e del prossimo il centro della legge, non è una
novità assoluta: lo insegnavano anche i rabbini di allora. La novità consiste nell'avere unificato
il testo del Dt 6,4-5 con il testo del Lv 19,18. Ma per cogliere questo centro sono necessarie
due precisazioni. La Bibbia insegna che il nostro amore per Dio e per il prossimo suppone un
fatto precedente, senza il quale tutto resterebbe incomprensibile: l'amore di Dio per noi. Qui è
l'origine e la misura del nostro amore. L'amore dell'uomo nasce dall'amore di Dio e deve
misurarsi su di esso. E qui si inserisce la seconda precisazione: chi è il prossimo da amare? La
Bibbia risponde: ogni uomo che Dio ama, cioè tutti gli uomini, senza alcuna distinzione, perché
Dio si è rivelato in Gesù come amore universale.
La nostra vita è amare Dio e unirci a lui (Dt 30,20), diventando per grazia ciò che lui è per
natura. Il nostro amore per lui è la via per la nostra divinizzazione, perché uno diventa ciò che
ama. Chi risponde a questo amore passa dalla morte alla vita, mentre chi non ama Dio e il
prossimo rimane nella morte (1Gv 3,14). Dio è amore più forte della morte (Ct 8,6). La sua
fedeltà dura in eterno (Sal 117,2). Quando noi moriamo, egli ci ridà la vita. "Riconoscerete che
io sono il Signore quando aprirò le vostre tombe e vi risusciterò dai vostri sepolcri" (Ez 37,13).
Dio ha creato tutto per l'esistenza, perché è un Dio amante della vita (cfr Sap 1,14; 11,26).
L'amore per l'uomo non è in alternativa a quello per Dio, ma scaturisce da esso come dalla sua
sorgente. Si ama veramente il prossimo solo quando lo si aiuta a diventare se stesso,
raggiungendo il fine per cui è stato creato, che è quello di amare Dio sopra ogni cosa e il
prossimo come se stesso. Alla luce di questa verità, dobbiamo rivedere radicalmente il nostro
modo di amare: molto del cosiddetto amore, che schiavizza sé e gli altri, è una contraffazione
dell'amore, è egoismo. Quanta purificazione, quanta grazia di Dio occorrono perché l'amore sia
vero amore!

PER LA PREGHIERA (san Pier Damiani)

Signore Gesù Cristo, che sei la luce vera,


illuminaci con la luce della tua presenza.
Tu che hai dato la vista al cieco nato, illuminaci.
Tu che hai guarito il lebbroso, purificaci.
Tu che hai risuscitato Lazzaro, rinnovaci.
Tu che hai custodito Daniele dai leoni, conservaci.
Tu che hai liberato i tre fanciulli dal fuoco, liberaci.
Tu sei il padre della luce, dal quale proviene
ogni cosa buona, ogni dono perfetto.
Tu sei la fonte della vita e l'autore della salvezza.

8
Sabato 30 marzo 2019
s. Giovanni Climaco
+ Dal Vangelo secondo Luca 18,9-14
Il pubblicano tornò a casa giustificato, a differenza del fariseo.

In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione
di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio a pregare: un’era
fariseo e l’altro pubblicano.
Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli
altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla
settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”. Il pubblicano invece, fermatosi a
distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio,
abbi pietà di me peccatore”. Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua
giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

SPUNTI DI RIFLESSIONE (mons. Vincenzo Paglia)

Gesù continua ad ammaestrare i discepoli su un altro aspetto della preghiera. Oltre la


perseveranza e la fiducia "quando ci si rivolge a Dio" è necessaria l'umiltà. È facile invece che
ci poniamo davanti al Signore come quel fariseo che presumeva di essere giusto e confidava
solo in se stesso. La fiducia in se stessi soppianta quella in Dio e fa diventare cattivi e duri
verso gli altri. Il fariseo saliva al tempio non per chiedere aiuto o per invocare misericordia,
bensì per elogiarsi e mostrare quindi a Dio i suoi diritti. Il pubblicano, pur essendo benestante
e riverito oltre che temuto nella vita, si sentiva, al contrario, bisognoso e saliva al tempio a
mani vuote, non per offrire ma per chiedere. Era un mendicante di perdono, e il suo
comportamento invita ciascuno a confessarsi debole e peccatore. Per Gesù solo il secondo è
esempio del credente, perché non confida in se stesso, nelle proprie opere, nei suoi beni o
nella propria reputazione, bensì solo in Dio. È ancora il paradosso evangelico: chi si innalza
sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato. Sta scritto, infatti, nel salmo: "Chi è povero, cerca il
Signore".

PER LA PREGHIERA (Padre Augusto Gianola)

Signore, ti adoro,
anche se non so che cosa vuol dire.
Ti ringrazio, anche se solo a parole.
Ti chiedo perdono, anche se senza una lacrima.
Ti offro tutto, anche se non ho niente.
Ti voglio amare, anche se ne sono assolutamente incapace.

Da:
www.qumran2.net
riveduto e ampliato
Sete di Parola
631
Laus Deo
2019