Sei sulla pagina 1di 24

GEOTECNICA

 
 
LEZIONE  2  
CLASSIFICAZIONE  DELLE  TERRE  
 

1
Ing.  Alessandra  Nocilla  
TERRENO  

Sistema   mul+fase   cos=tuito   da   par=celle   dis=nte   o   grani   di   varia   forma   e   dimensioni,   in   generale   non   legate   o   cementate   fra   loro,   e  
da  un  fluido  inters=ziale  (aria  e/o  acqua).  Nei  terreni  le  par=celle  solide  tuKavia  non  possono  muoversi  liberamente,  ma  scambiano  
mutue  azioni  l una  con  le  altre.    
Fase  solida:  cos=tuita  dall’insieme  delle  par=celle  solide,  grani.    
Fase  liquida:  cos=tuita  dal  liquido  che  può  riempire,  completamente  o  parzialmente,  tuR  gli  spazi  vuo=  fra  i  grani.  
Fase  aeriforme:  cos=tuita  da  un  elemento  aeriforme  che  può  riempire,  completamente  o  parzialmente,  tuR  gli  spazi  vuo=  fra  i  grani.  

3  FASI   2  FASI   2  FASI  

PROPRIETÀ  DETERMINABILI  
aria  
 SINGOLI  GRANI   Peso  specifico  γs  
Composizione  mineralogica   aria   liquido  
Contenuto  di  sostanza  organica  
Dimensioni     liquido  
Forma  
Grado  di  arrotondamento  
 
INSIEME  DI  GRANI   Composizione  granulometrica  
Porosità  n,  e  
Solido   Solido   Solido  
Peso  dell’unità  di  volume  γd  
Grado  di  addensamento  Dr  

INSIEME  DI  GRANI   Contenuto  d’acqua  w  


CON  ACQUA   Peso  dell’unità  di  volume  γ  ,  γsat  
Grado  di  saturazione  S  
Plas=cità     Elemento   di   E l e m e n t o   d i   ASCIUTTO      SATURO  
ARvità   v o l u m e   d e l   volume   con   le  
terreno  reale   fasi  concentrate  
2  
TERRENO  

VOLUMI   PESI  

Va   FASE  
AERIFORME  
Pa=  0   VTOT = Va +Vw +VS
VV   VTOT = VV +VS
Vw   FASE   Pw   VV = Va +Vw
VTOT   LIQUIDA  

Vs   FASE    
SOLIDA   Ps   PTOT = Pw + PS

E l e m e n t o   d i  
volume   con   le  
fasi  concentrate  
3  
PROPRIETA  DEI  SINGOLI  GRANI  

●  Peso  specifico  dei  grani  γs:  si  definisce  come  il  rapporto  tra  il  peso  della  sola  sostanza  
solida   e   il   volume   della   stessa   sostanza   solida.   E   indipendente   dallo   stato   di   Ps
saturazione   e   addensamento   di   un   terreno.   Si   misura   in   laboratorio   con   il   γs =
volumenometro  o  il  picnometro.  Ha  valori  variabili  con  la  mineralogia  e  indica=vamente   Vs
variabili  tra  25  e  29  kN/m3  e  più  comunemente  tra  26.5  e  27.5  kN/m3,    

●  Massa  specifica  rela+va  Gs:  si  definisce  come  il  rapporto  tra  il  peso  specifico  dei  grani  
e  il  peso  specifico  dell acqua.   γs
Gs =
γw
●  Dimensioni:  variabili  tra  il  micron  (0.001mm)  e  i  decimetri.     d  >  60mm    Blocchi  
2mm<  d  ≤  60mm  Ghiaia  
0,06mm<  d  ≤  2mm  Sabbia  
0.002mm<  d  ≤0.06mm            Limo      
 d  ≤  0.002mm    Argilla  
●  Composizione  Mineralogica:  Natura  organica  (terreni  torbosi,  terreni  ricchi  di  humus  o  filamen=  e  radici    Natura  Inorganica:  
composizione  chimica  (carbona=,  fosfa=,  ossidi…)  

●  Forma  dei  grani:  


Viene   definita   mediante   la   massima   distanza   tra   due   qualsiasi   pun=   del   grano,  
lunghezza    a,  la  larghezza  b  e  lo  spessore  c.  I  risulta=  si  rappresentano  su  un  diagramma  
(c/b;  b/a)  

 ●  Grado  di  arrotondamento:  Si  definisce  qualita=vamente  dall’osservazione    degli  spigoli  e  degli  angoli.  

4
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  

●   Analisi   Granulometrica:   operazione   di   scomposizione   di   un   campione   di   terreno   in   una   serie   di   classi,   in   ciascuna   delle   quali  
ricadono  grani  con  dimensioni  comprese  in  determina=  intervalli.  Serve  a  determinare  la  distribuzione  delle  dimensioni  delle  
par=celle   che   compongono   un   dato   terreno.   Si   rappresentata   a   scala   semilogaritmica   per   consen=re   una   rappresentazione  
sufficientemente  accurata  anche  per  piccoli  valori  di  d.  

Ogni   punto   della   curva   ha   come   ascissa   il   generico   diametro   di   e   come   ordinata   pi   la  
percentuale   in   peso   del   materiale   cos=tuito   dal   soKoinsieme   di   par=celle   aven=  
diametro  minore  di  di.  Pi  è  la  percentuale  di  passante  in  peso.  
5
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  

http://www.youtube.com/watch?v=8ADpp_eqJ6I 6
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  

ASTM   :   American   Society  


Standard    Material  
 

A S S T H O   :   A m e r i c a n  
Associa+on   of   State   Highway  
and  Transporta+on  Officials  
 

USCS   :   Unified   Soil  


Classifica+on  System  

BS:  Bri+sh  Standard  


MIT:   Massachuse[s  
Ins+tute  of  Technology    

7
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  

●   Sigle   ASTM   (American   Society   Standard   Material):   sigla   dei  


setacci   e   diametri   equivalen=   dei   setacci   impiega=   per   l’analisi  
granulometrica.   Il   setaccio   più   piccolo   u=lizzato   è   il   setaccio   n
°200  corrispondente  ad  un’apertura  delle  maglie  di  0,074  mm.    

●  Denominazione:  Siano  A,  B,  …  i  nomi  delle  frazioni  principali  (argilla,  limo,  sabbia  e  ghiaia).  Siano  p1,  p2,  ..  le  percentuali  di  A,  B,  …  
presen=   nella   roccia   in   esame.   Se   ad   es.   p1>p2>p3   la   roccia   viene   denominata   col   come   della   frazione   A,   seguito   dai   nomi   delle  
frazioni  B  e  C  precedu=  dalla  congiunzione  con  se  il  corrispondente  p  è  compreso  fra  il  50  e  il  25%;  segui=  dal  suffisso  oso  se  p  è  
compreso  fra  il  25  e  il  10%  ed  infine  segui=  dal  suffisso  oso  e  precedu=  da  debolmente  se  p  è  compreso  fra  il  10  e  il  5  %. Esempio:  
limo  con  sabbia  argilloso  debomente  ghiaioso  (L=55%,  S=27%,  A=  12%,  G=6%)  

8
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  
●   Curva   granulometrica:   si   definisce   come   la   rappresentazione   grafica   della   distribuzione   delle   dimensioni   delle   par=celle  
che  compongono  un  dato  terreno..  E  una  curva  di  accumulazione  e  come  tale  non  presenta  minimi.  Può  presentare  traR  
sub   ver=cali   che   indicano   la   presenza   di   materiale   monogranulare.   Le   terre   ricos=tuite   ar=ficialmente   possono   presentare  
traR  suborizzontali  che  indicano  un  GAP  (lacuna  granulometrica).  

●  Analisi  per  sedimentazione:  per  il  materiale  con  diametro  minore  di  0,074mm;  si  traKa  di  una  procedura  basata  sulla  
misura  della  densità  di  una  sospensione,  oKenuta  miscelando  il  materiale  all’acqua  con  l’aggiunta  di  sostanze  disperden=  
per   separare   le   par=celle,   la   cui   interpretazione   si   basa   sulla   legge   di   Stokes,   che   lega   la   velocità   di   sedimentazione   di   una  
par=cella  in  sospensione  al  diametro  della  stessa  e  alla  densità  della  miscela.  

Limo  argilloso  di  Venezia-­‐  Marghera  


Deposito  ghiaioso  del  Piave          
Sabbia  dell Adige   Argilla   di   Venezia-­‐  
  Marghera  
 

9
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  

●  Denominazione:  una  volta  determinata  la  curva  granulometrica  di  un  terreno,  si  riportano  i  valori  delle  percentuali  delle  
frazioni  prevalen=  e  si  adoKa  un  sistema  di  classificazione  per  la  nomenclatura  (vedi  sistemi  di  classificazione).  

●   Coefficiente   di   uniformità:   Per   caraKerizzare   l andamento   della  


curva   granulometrica   si   adoKa   il   coefficiente   di   uniformità     definito   dal  
rapporto   fra   il   diametro   che   ha   percentuale   del   60%   e   quello   che   ha  
percentuale  del  10  %.  Un  materiale  monogranulare  è  caraKerizzato  da   d 60
U  =1.  Si  parla  di:   U=
-­‐  materiale  pra=camente  uniforme  per  U  fino  a  2   d10
-­‐  materiale  poco  graduato  per  U  fino  a  6  
aria  
-­‐  materiale  ben  gradato  per  U  >  6  
-­‐  materiale  decisamente  ben  graduato  per  U  >  15  
2
●  Coefficiente  di  cuvatura  C:  se  C  non  è  compreso  tra  1  e  3,  indica  la   d 30
mancanza   di   certe   dimensioni   ovvero   di   bruschi   cambiamen=   di   C=
  pendenza  nella  curva  granulometrica.   d60 ! d10
●   Peso   dell’unità   di   volume   secco:   rappresenta   il   peso   dell’unità   di   Ps
volume   nell’ipotesi   che   i   vuo=   siano   riempi=   integralmente   da   aria   γd =
(S=0).   V
●   Porosità   e   indice   di   porosità:     n   esprime   la   percentuale   di   vuo=  
ASCIUTTO   presen=   nel   volume   totale.   Più   spesso   si   fa   riferimento   all indice   dei   Vv Vv
vuo=  e,  per  il  quale  il  denominatore  risulta  costante.  Per  i  materiali  a   n= e=
grana  grossa  spesso  si  fa  anche  riferimento  alla  densità  rela=va.   V Vs

10
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  

●   Densità   rela+va   o   grado   di   addensamento:     dipende   dalla   forma   dei   grani,   dalla  
distribuzione  delle  dimensioni  delle  par=celle  (granulometria),  dall’azione  dei  carichi  esterni  o  
di  vibrazioni  e  dal  faKo  che  la  deposizione  sia  avvenuta  con  acqua  in  movimento  o  in  quiete.    

emax − e
Dr =
emax − emin

11
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  CON  ACQUA  
●   Contenuto   d’acqua   w   :   è   una   delle   più   importan=   proprietà   dei  
terreni,  specialmente  delle  terre  a  grana  fine.  Rappresenta  il  rapporto   Pw
tra   il   peso   della   sola   acqua   in   un   campione   di   terreno   e   il   peso   del   w=
materiale   essiccato   a   105°,   temperatura   alla   quale   evapora   Ps
completamente  l’acqua  libera  o  inters=ziale.  

●  Peso  dell’unità  di  volume  γ:  rappresenta  il  peso  dell’unità  di  volume  
nell’ipotesi  
  che  i  vuo=  siano  riempi=  sia  da  aria  che  acqua.   Ps + Pw
!=
V
●   Grado   di   saturazione   S:     La   maggior   parte   terreni   soKo   falda   sono  
allo  stato  saturo,  ovvero  i  vuo=  sono  riempi=  integralmente  da  acqua.   Vw
La   maggior   parte   dei   terreni   sopra   falda   sono   non   saturi,   ovvero   i   vuo=   S=
sono   riempi=   in   parte   da   aria   e   in   parte   da   acqua.   Esistono   le   eccezioni   Va +Vw
ad  entrambi  i  casi.  S  %  può  essere  pari  a:  
NON  SATURO    -­‐100%  se  i  vuo=  sono  riempi=  solamente  da  acqua  Vv=Vw    (TERRENO  SATURO  D’ACQUA)  
 
-­‐0%  se  i  vuo=  sono  riempi=  solamente  da  aria  Vv=Va    (TERRENO  SATURO  D’ARIA  o  ASCIUTTO)  
 
 

Fase  
liquida   ●  Peso  dell’unità  di  volume  γsatse  i  vuo=  sono  integralmente  riempi=  da  acqua  (S=1)  si  ha  un  elemento  di  
volume  saturo  d’acqua:
Ps + P *w
! sat =
 Fase  
Solida  
V
Il  peso  dell’acqua  Pw*  viene  indicato  con  l’asterisco  per  differenziarlo  dal  caso  
precedente:  questo  è  un  peso  di  acqua  che  permea  tuR  i  vuo=  Vv!
P *w = ! wVv
12
   SATURO  
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  CON  ACQUA  
 Relazioni  tra  le  proprietà  indice,  in  funzione  dell’indice  di  porosità:  

aria  
aria   liquido  
liquido  

solido   solido   solido  

ASCIUTTO   NON  SATURO      SATURO  

13
quanto permette di definirne lo stato di addensamento; può variare tra 0 e 100%, e la dif-
ferenzaCapitolo
che compare
1 al denominatore
RELAZIONI   è una
TRA  PESI  SPECIFICI   E  Pcaratteristica delDI  terreno,
ESI  DELL’UNITA’   VOLUME  mentre il numerato-
ORIGINE E STRUTTURA DEI TERRENI

re dipende dallo stato in cui il terreno si trova. Con un mezzo ideale costituito da particel-
le sferiche di ugual diametro si ha un assetto che corrisponde al massimo indice dei vuoti
La densità relativa rappresenta un parametro importante per i terreni a grana grossa in
(reticolo cubico, Figura 1.9a) e un as-
quanto permette di definirne lo stato di addensamento; può variare tra 0 e 100%, e la dif-
ferenza che compare al denominatore è una setto che
aria  caratteristica delcorrisponde
terreno, mentre al minimo (retico-
il numerato-
re dipendearia  
dallo stato in cui il terreno si trova. Con lo un
tetraedrico,
mezzo ideale Figura
liquido  1.9b).
costituito da particel-
liquido  
le sferiche di ugual diametro si ha un assetto che corrisponde al massimo indice deisivuoti
Nel caso di reticolo cubico ha n #
46%, nelcubico,
(reticolo caso diFigura reticolo1.9a)tetraedrico
e un as- si
Liquido   a)
solido  
b)
≤ setto
≤che
ha n # 26%.corrisponde
lo tetraedrico, Figura 1.9b).
solido   Ovviamente persolido  
al minimo
<(retico-
un terreno reale, in cui
Nel caso di reticolo cubico si ha n #
solido  

Figura 1.9 – Reticolo cubico (a) e tetraedrico (b) le particelle hanno forma irregolare e
46%, nel caso di reticolo tetraedrico si
a) b) dimensioni
ha n # 26%. variabili, la porosità massi-
ma può essere
Ovviamente per un maggiore del 46%,
terreno reale, in cui e la
porosità
SOLA  FASE  LIQUIDA  
minima
Figura 1.9 – può
Reticoloessere inferiore
cubico al 26%.(b)
(a) e tetraedrico le particelle hanno forma irregolare e
ASCIUTTO   NON  SATURO      SATURO  
dimensioni variabili, la porosità massi-SOLA  FASE  SOLIDA  
I valori tipici di alcune delle proprietà sopra definite masono
può riportati
essere maggiore del 46%,
nelle tabelle 1.2eela1.3.

!w
porosità minima può essere inferiore al 26%.
! d ! ! ! ! sat < ! s
Tabella 1.2. Valori tipici di alcuni parametri del terreno
I valori tipici di alcune delle proprietà sopra definite sono riportati nelle tabelle 1.2 e 1.3.
n (%) e Jd (kN/m3) J (kN/m3)
Tabella 1.2. Valori tipici di alcuni parametri del terreno
GHIAIA 25-40 0.3-0.7 14-21 18-23
n (%) e Jd (kN/m 3 J (kN/m3)
V a l o r i   d i   SABBIA 25-50 0.3-1.0 13-18 ) 16-21
riferimento   LIMO GHIAIA 25-40
35-50 0.3-0.7
0.5-1.0 14-21
18-23
13-1916-21
SABBIA 25-50 0.3-1.0 13-18
16-21
per   alcuni   ARGILLA 30-70 0.4-2.3 7-18 14-21
terreni   TORBALIMO 35-50
75-95 0.5-1.0
3.0-19.0 13-19
16-21
1-5 10-13
ARGILLA 30-70 0.4-2.3 7-18 14-21
TORBA 75-95 3.0-19.0 1-5 10-13
Tabella 1.3. Valori tipici del peso specifico dei costituenti solidi di alcuni materiali
Tabella 1.3. Valori tipici del peso specifico dei costituenti solidi 3
di alcuni materiali
Js (kN/m )
SABBIA QUARZOSA 26 3)
Js (kN/m
Pesi   specifici   dei   LIMISABBIA QUARZOSA 26
26.3-26.7
cos=tuen=   solidi   di   LIMI
ARGILLE 26.3-26.7
23.9-28.6
alcuni  materiali   ARGILLE 23.9-28.6 14
BENTONITE
BENTONITE
23
23
UNITA’  DI  MISURA  ?  

Massa  =  kg  
Lunghezza  =  m  
Tempo  =  s  
Forza  =  N                      1kN  =  103  N    1MN=  106  N  
Una  forza  unitaria  (1N)  deriva  da  una  massa  unitaria  e  da  un accelerazione  unitaria.  
L accelerazione  dovuta  alla  gravità  terrestre  è  g  =  9,81  m/s2  per  cui  la  forza  prodoKa  
da  una  massa  di  1  kg  in  stato  di  quiete  è  di  9,81  N.  
1  kg    ~  10  N  
1t  ~  10  kN  
σ, τ =Tensione  =  kN/m2  =  kPa  
γ  =  Peso  dell unità  di  Volume  =  kN/m3  

15
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  GRANI  CON  ACQUA  (TERRENI  A  GRANA  FINE)  
   LIMITI  DI  ATTERBERG  

●  Limi+  di  A[erberg:  sono  dei  contenu=  di  acqua  determina=  in  laboratorio  con  procedure  standardizzate  che  rappresentano  
passaggi  cri=ci  del  comportamento  del  terreno.  Vengono  determina=  sulla  frazione  di  passante  al  setaccio  40  (0,42mm).  

●   Plas+cità:   proprietà   di   molte   rocce   sciolte   a   grana   fine   di   lasciarsi   lavorare   e   modellare   in   un   certo   intervallo   del   contenuto  
d’acqua.   L’origine   di   questa   proprietà   è   da   ricercarsi   nella   par=colare   cos=tuzione   fisica   e   mineralogica   della   frazione   più   fine   del  
terreno.  I  limi=  di  consistenza  sono  contenu=  di  acqua  che  si  assumono  convenzionalmente  per  delimitare  lo  stato  plas=co.  

●   Il   limite   di   liquidità   wL:   è   il   valore   del   contenuto   d’acqua   per   il   quale   un   solco  
eseguito   con   un   utensile   di   dimensioni   normalizzate   su   un   campione   contenuto  
nella  coppa  dell’apparecchio  di  Casagrande  si  richiude  per  la  lunghezza  di  13  mm  
dopo   25   cadute   della   coppa   dall’altezza   di   1cm.   Indica   il   passaggio   dallo   stato  
plas=co   a   quello   liquido.   Ne   consegue   che   per   un   contenuto   d’acqua   pari   al   wL  
tuR  i  terreni  hanno  uguale  (ma  molto  piccola)  resistenza  alle  sollecitazioni  esterne.  
Il   Cucchiaio   di   Casagrande   non   è   l’unica   apparecchiatura   u=lizzata   per   la  
determinazione  del  limite  di  liquidità  (esempio:  penetrometro  a  cono).  

●  Il  limite  di  plas+cità  wP:  è  il  valore  del  contenuto  d’acqua  minimo  con  cui  un  materiale  si  
può   modellare   a   mano   in   bastoncini   di   circa   3mm   di   diametro   senza   sgretolarsi   ed   è   il  
contenuto  d’acqua  corrispondente  al  formarsi  delle  prime  screpolature.  Indica  il  passaggio  
dallo  stato  plas=co  a  quello  semisolido.  
●  Il  limite  di  ri+ro  wS:  è  il  valore  del  contenuto  al  di  soKo  del  quale  una  perdita  d’acqua  non  
comporta  più  alcuna  riduzione  di  volume.  Si  determina  su  campioni  di  terreno  indisturbato.  

stato   stato   stato   stato  


Terreno   Miscela  fluida  
solido   semisolido   plas=co   liquido  
secco   terreno-­‐acqua  
Ic  >  1   Ic  =  1    0  <  Ic  <  1   Ic  =  0   Ic  <  0      

wS   w  
wP   wN   wL  
IP   16
NON PLASTICO 0-5
POCO PLASTICO 5 - 15
P LASTICO
PROPRIETA  DI  UN  INSIEME  DI  G RANI  CON  ACQUA  (TERRENI  A  GRANA  FINE)   15 - 40
MOLTO PLASTICO > 40
 INDICI  DI  CONSISTENZA  
Tabella 1.6 - Suddivisione dei terreni basata sui valori dell’indice di consistenza
CONSISTENZA
●   Indici   di   consistenza:   u=lizzando   i   limi=   di   AKerberg   si   possono   oKenere   degli   indici   rappresenta=vi  Idella  
C consistenza   dei  
terreni  coesivi.     FLUIDA 0
FLUIDO-PLASTICA 0 – 0.25
●  Indice  di  Plas+cità  IP:  indica  il  campo  di  variazione  dMel  OLLE
contenuto  
-PLASTICAd’acqua  all’interno  del  quale  il  terreno  
0.25h–a  0.50
un  comportamento  
plas=co,  cioè  può  essere  deformato  o  rimaneggiato  senza   PLASTICA cambio  di  volume  e  senza  fessurarsi.    
SOLIDO-PLASTICA
0.50 – 0.75 I = w !w
P 0.75 -L1 P
Il    valore  di  IP  dipende,  in  un  dato  campione,  dalla  percentuale   d i   a rgilla,   d
SEMISOLIDA (W ! WS) O SOLIDA (W  WS)
al   = po   d i   a rgilla   e   d alla   n atura   d ei  
!1
ca=oni   a ssorbi=.  
Indice  di  Plas=cità  IP  Terreno  
Tabella 1.7 - Valori tipici di WL, WP e IP dei principali minerali argillosi
0-­‐5    Non  plas=co                 MINERALE ARGILLOSO wL (%) wP (%) IP (%)
5-­‐15    Poco  plas=co   MONTMORILLONITE 300-700 55-100 200-650
ILLITE 95-120 45-60 50-65
15-­‐40      Plas=co   CAOLINITE 40-60 30-40 10-25
>40      Molto  plas=co  
1.7 Sistemi di classificazione
●  Indice  di  agvità  A:  l’indice  di  plas=cità  cresce  con  la  percentuale  di  argilla  e  per  ogni  =po  di  materiale  la  relazione  è  data  da  
I sistemi di classificazione sono una sorta di linguaggio di comunicazione convenzionale
una   reKa   che   ha   pendenza   differente   a   seconda   del  
perminerale  
identificarepresente.  
attraverso unTale  
nome pendenza  
(o una sigla) è   ilstata  
tipo didefinita  
materiale,da  
in Skempton  
modo da fornirne (1953)  
indice  di  aRvità:   indirettamente, almeno a livello qualitativo, delle indicazioni sul comportamento. In pra-

 
Indice di plasticitàtica, individuano I P alcuni parametriTerreni  
significativi e distintivi dei vari tipi  Adi<  terreno
inaRvi   0,75      in
       modo
       
A= da poterli = raggruppare in classi e stabilire così dei criteri universali, convenzionali, di ri-
Terreni  normalmente  aRvi    0,75  <  A  <  1,25  
% in peso < 0, 002mm conoscimento. CF% Terreni  
Data l’estrema variabilità dei terreni naturaliaRvi      
e le diverse  A  >ingegneristiche,
possibili finalità  1,25    
non è pensabile di poter creare un unico sistema di classificazione. Per questo motivo, si
●  Indice  di  consistenza  Ic  e  indice  di  liquidità  IL:  misurano   la  consistenza  
sono sviluppati nel tempo di  diversi
un  terreno  
sistemiddiotato   di  contenuto  
classificazione, d’acqua  
che possono wN  utilizzati
essere
per scopi e finalità diversi. Consistenza  fluida  IC<  0  
 
Tuttavia, alcuni aspetti fondamentali Consistenza  fluido-­‐plas=ca  di
accomunano i diversi sistemi 0  <classificazione
 IC  <  0,25   nella
scelta delle proprietà di riferimento. In particolare tali proprietà:
wL ! w N wN ! wP - devono essere significative eConsistenza   facilmente
molle-­‐plas=ca  0,25  <  IC  <  0,50  
misurabili mediante procedure standardizzate;
IC = IL = = 1! I C Consistenza  plas=ca  0,50  <  I  <  0,75  
IP IP - non devono essere riferite ad uno stato particolare, ossia devono essereCindipendenti
dalla storia del materiale, dalle Consistenza  
condizionisolido-­‐plas=ca
di sollecitazione o  0da,75   altre <  ICcondizioni
 <  1,0   al
contorno. Consistenza   s emisolida   IC   >   1  
Per quanto visto fino ad ora, i parametri che possiedono queste caratteristiche sono quelli
precedentemente definiti proprietà indici, e riguardano la composizione granulometrica e
17
16
SISTEMI  DI  CLASSIFICAZIONE  

●  I  sistemi  di  classificazione  sono  una  sorta  di  linguaggio  convenzionale  per  iden=ficare  aKraverso  un  nome  (o  una  sigla)  il  =po  di  
materiale,  in  modo  da  fornirne  indireKamente,  almeno  a  livello  qualita=vo,  delle  indicazioni  sul  comportamento.  
 
Data  l’estrema  variabilità  dei  terreni  naturali  e  le  diverse  possibili  finalità  ingegneris=che,  
 
 
 
 
 NON  È  PENSABILE  DI  POTER  CREARE  UN  UNICO  SISTEMA  DI  CLASSIFICAZIONE  
 
 
 
 
 
 A  prescindere  dal  sistema  di  classificazione,  le  proprietà   che  vengono  valutate  devono  essere  significa=ve  e  facilmente  misurabili  
mediante   procedure   standardizzate;   non   devono   essere   riferite   ad   uno   stato   par=colare,   ossia   devono   essere   indipenden=   dalla  
storia  del  materiale,  dalle  condizioni  di  sollecitazione  o  da  altre  condizioni  al  contorno.    
Per   quanto   visto   fino   ad   ora,   i   parametri   che   possiedono   queste   caraKeris=che   sono   quelli   precedentemente   defini+   proprietà  
indici,  e  riguardano  la  composizione  granulometrica  e la  composizione  mineralogica.    
 
I  sistemi  di  classificazione  più   vecchi  sono  basa+  unicamente  sulla  granulometria  come  quelli  vis=  nella  slide  7  .  Insufficiente  per  
terreni  a  grana  fine  (limi  e  argille)  ,  il  cui  comportamento  è  legato  sopraKuKo  alla  composizione  mineralogica.                                                                                                              

18
SISTEMI  DI  CLASSIFICAZIONE  :  CASAGRANDE  1948  

Sistema  di  classificazione  di  Casagrande  (1948):  basato  sui  limi=  di  AKerberg  ,  noto  come  “carta  di  plas=cità   di  Casagrande”  nel  
quale  si  individuano  sei  zone,  e  quindi  sei  classi  di  terreno,  in  funzione  del  limite  liquido  e  dell’indice  di  plas=cità.  
 
La  suddivisione  è  rappresentata  da  una  reKa  inclinata  e  due  reR  ver=cali  di  equazione  rispeRvamente:  

I p = 0,     73 ( wL ! 20 ) wL = 30 wL = 50
 
Le  classi  che  si  trovano  sopra  la  reKa  inclinata  includono  le  argille  inorganiche,  quelle  soKo  i  limi  e  i  terreni  organici.    
NOTA   BENE:   la   presenza   di   materiale   organico   in   un   terreno   può   essere   rilevata   aKraverso   la   determinazione   del   limite   liquido  
prima  e  dopo  l’essiccamento.  L’essiccamento  provoca  infaR  nei  materiali  organici  dei  processi  irreversibili  con  riduzione  di  wL;  se  
tale  riduzione  è  maggiore  del  75%,  il  materiale  viene  ritenuto  organico.    

1.  Limi  inorganici  di  bassa  compressibilità  


2.  Limi  inorganici  di  media  compressibilità  
e  limi  organici  
3.  Limi  inorganici  di  alta  compressibilità  
e  argille  organiche  
4.  Argille  inorganiche  di  bassa  plas=cità  
5.  Argille  inorganiche  di  media  plas=cità  
6.  Argille  inorganiche  di  alta  plas=cità  

19
SISTEMI  DI  CLASSIFICAZIONE:  SKEMPTON    (1957)  
CARTA  DI  ATTIVITA’  

Sistema   di   classificazione   delle   Argille   di   Skempton   (1957):   basato   sull’indice   di  


ARvità.  

20
SISTEMI  DI  CLASSIFICAZIONE  

Esistono   poi   sistemi   che,   facendo   riferimento   sia   alla   caraKeris=che   granulometriche   sia   a   quelle   mineralogiche,   possono   essere  
u=lizza=  per  la  classificazione  di  qualunque  =po  di  terreno.  I  due  sistemi  più  comunemente  u=lizza=  sono:  

sistema  USCS   USCS  :  Unified  Soil  Classifica=on  System  

sistema  HRB                     HRB:   Highway   Research   Board   (1942)   e  


(AASHTO-­‐  CNR_UNI  10006)   successivamtne   revisionato   da   ASSTHO   :  
American   Associa=on   of   State   Highway  
and  Transporta=on  Officials  
 

21
setaccio 200 maggiore del 50%), limi (simbolo
i di alta compressibilità
che M), argille (simbolo C) e terreni organici (sim-
SISTEMI  DI  CLASSIFICAZIONE  
iche di bassa plasticità
bolo O). Ciascun SISTEMA  gruppo
USCS   è a sua volta suddiviso
iche di media plasticità
in sottogruppi, in relazione ad alcune proprietà
Il  sistema  USCS  (Unified  Soil  Classifica=on  System),  sviluppato  originariamente  da  Casagrande  e  successivamente  modificato  negli  
iche diUSA,  
alta èplasticità
 il  sistema  più  u=lizzato  per  classificare  i  terreni  di  fondazione.  
indici, secondo quanto indicato nello schema di
Secondo  tale  sistema,  i  terreni  vengono  suddivisi  in  cinque  gruppi  principali:  
Carta di plasticità di Casa- Figura 1.17.
2  a  grana  grossa  (con  percentuale  passante  al  setaccio  200  minore  del  50%),  ghiaie  (simbolo  G)  e  sabbie  (simbolo  S),    
In particolare i terreni a grana grossa vengono
3  a  grana  fine  (con  percentuale  passante  al  setaccio  200  maggiore  del  50%),  limi  (simbolo  M),  argille  (simbolo  C)  e  terreni  organici  
(simbolo   O).   Ciascun   gruppo   è   a   sua   classificati
volta   suddiviso  sulla basein  dei
in   soKogruppi,   risultati
relazione   ad   alcune   dell’analisi
proprietà   indici:   U=coefficiente   di  
a in ghiaie
Uniformità,   (G) e sabbiedi  (S)
C=   coefficiente   a seconda
curvatura,   Quan=tà   di  che passante  la percentuale passante
al   setaccio   n.200   (fine),   aldi  setaccio
PI=   indice   plas=cità,   Limi=   di   AKerberg.  
Secondi   simboli   sulla   qualità   del   fine:   W=   ben   gradato,   P=   poco   gradato,   M   =   limo,   C=   argilla,   L=   con   bassa   plas=cità,   H=con   alta  
ivamente
plas=cità.  minore o maggiore del 50%. Quindi viene analizzata la compo-
l materiale
setaccio

ulta minore
ora si con-
o l’assorti-
l materiale
dei valori
ciente di u-
U, e di
C (se U>4
3, per le
U>6 e
22
r le sabbie,
SISTEMI  DI  CLASSIFICAZIONE  
SISTEMA  USCS  
I  terreni  a  grana  fine  vengono  classifica=  per  mezzo  della  carta  di  plas=cità  di  Casagrande  modificata      

23
Colombo  &  Colleselli,  figura  2.10  
SISTEMI  DI  CLASSIFICAZIONE  
ASSHTO  (CNR_UNI  10006)  
Il  sistema  ASSHTO  è  un  sistema  di  classificazione  che  
viene   u=lizzato   principalmente   nel   campo   delle  
costruzioni  stradali,  o  comunque  per  terreni  u=lizza=  
come  materiali  da  costruzione.  
In   base   alla   granulometria   e   alle   caraKeris=che   di  
plas=cità,   i   terreni   vengono   suddivisi   in   o[o   gruppi,  
indica=   con   le   sigle   da   A-­‐1   ad   A-­‐8,   alcuni   dei   quali  
(A-­‐1,  A-­‐2  e  A-­‐7)  suddivisi  a  loro  volta  in  soKogruppi.  
  I   materiali   granulari   sono   inclusi   nelle   classi   da   A-­‐1  
ad   A-­‐3   (con   percentuale   passante   al   setaccio   200  
minore  o  uguale  al  35%),  i  limi  e  le  argille  nelle  classi  
da   A-­‐4   ad   A-­‐7   (con   percentuale   passante   al   setaccio  
200   maggiore   del   35%),   mentre   la   classe   A-­‐8  
comprende  i  terreni  altamente  organici.  
Per  i  terreni  granulari  si  considera  nell’ordine:  
−  la  percentuale  passante  al  setaccio  N.10  
−  la  percentuale  passante  al  setaccio  N.40  
−  la  percentuale  passante  al  setaccio  N.200  
e  quando  disponibili  si  considerano  anche  i  valori  del  
limite  liquido  e  dell’indice  di  plas=cità  
determina=  sul  passante  al  setaccio  N.40.  
Per  i  limi  e  le  argille  la  classificazione  viene  faKa  solo  
sulla   base   dei   valori   misura=   del   milite   liquido   e  
dell’indice  di  plas=cità.  

Colombo  &  Colleselli,  figura  2.8   24