Sei sulla pagina 1di 6

PREGHIERE LITURGICHE

ORTODOSSE
Patriarcato Ecumenico - Sacra Arcidiocesi Ortodossa di Italia e Malta-
Vicariato arcivescovile della Campania-
Chiesa dei SS. Pietro e Paolo- Napoli

CANONE DELLA CROCE

poema di Teodoro Studita

(mattutino della terza Domenica di Quaresima)


Ode 1: Cantico di Mosè. Tono 1.

Giorno di festa solenne:* con la risurrezione di Cristo


distrutta è la morte,* sorto è lo splendore della vita;* Adamo
risuscitato danza con gioia.* Esplodiamo in acclamazioni,*
cantando l’inno di vittoria.
Giorno di adorazione della croce preziosa:* accorrete tutti
ad essa,* poiché ecco, ora viene esposta,* irradiante gli
splendori della risurrezione di Cristo:* salutiamola con animo
esultante.
Manifèstati, o grande croce del Signore;* mostrami il
divino aspetto del tuo splendore,* rendimi degno adoratore
della tua maestà:* io t’invoco, infatti, e ti abbraccio* come una
realtà animata.
Cielo e terra elevino lode concorde,* perché a tutti è
presentata la croce beatissima,* sulla quale fu corporalmente
immolato il Cristo* ad essa confitto:* salutiamola con animo
esultante.
Gloria.
O Triade per le proprietà personali,* o Monade per la
natura,* Padre, Figlio, e Spirito,* Enade di eguale forza* nel
volere, nel consiglio* e nel principio del potere:* custodisci il tuo
mondo,* concedendo la pace.
Ora e sempre. Theotokìon.
O Vergine, totalmente ignara d’uomo,* senza seme
partorisci un fanciullo;* tu porti una prole immacolata,* il
Creatore di tutte le cose,* il Cristo Dio:* supplicalo di donare
all’universo la pace.
Katavasìa.
Facendo attraversare il Mar Rosso a Israele,* il divinissimo
Mosè prefigurava un tempo la tua croce,* tagliando col bastone
l’umido elemento,* mentre intonava per te, o Cristo Dio,* il
cantico dell’esodo.
Ode 9: Cantico della Madre di Dio e di Zaccaria. Ode 3: Cantico di Anna.

Sei disceso nella tomba,* o datore di vita e Dio,* hai spezzato tutti Venite, cantiamo un canto nuovo,* esaltando la
i serrami e le sbarre* e hai risuscitato i morti acclamanti:* Gloria alla tua distruzione dell’ade:* perché dalla tomba il Cristo è risorto*
risurrezione,* o Cristo Salvatore onnipotente. abbattendo la morte e salvando l’universo.
La tua tomba, o Cristo,* ha fatto scaturire per me la vita:* tu che Venite ad attingere, fedeli:* non acqua corruttibile
hai potere sulla vita, infatti,* sei giunto e hai gridato* a quanti abitano
zampillante da una fonte,* ma la sorgente della luce,* grazie
nei sepolcri:* O voi che siete in catene,* siatene sciolti,* perché sono
all’adorazione della croce di Cristo,* della quale ci gloriamo.
venuto io come redenzione del mondo.
Sussultino e cantino* tutti gli alberi della foresta,* contemplando Abbracciando ora la tua croce,* che un tempo Mosè
un albero come loro,* l’albero della croce a cui oggi si rende onore,* prefigurava con le mani,* noi mettiamo in rotta l’Amalek
l’albero dove il Cristo ha sollevato la testa,* come profetizza il divino spirituale,* o Cristo Sovrano,* e per essa siamo salvati.
Davidea. Con sguardi e labbra pure,* intoniamo una melodia di
Morto a causa dell’albero,* ho trovato in te un albero di vita,* o esultanza,* adorando con gioia, o fedeli,* la croce del Signore,*
mia croce che porti Cristo,* mia indistruttibile difesa,* forza potente e applaudendo tra i canti.
contro i demoni;* oggi adorandoti acclamo:* Santificami con la tua
gloria. Gloria.
Rallègrati, esulta,* Chiesa di Dio,* adorando oggi il legno Adoro un solo Dio senza principio,* in tre ipòstasi,*
felicissimo* della santissima croce di Cristo,* alla quale servono le
indiviso nella forma dell’essenza,* Padre, Figlio e Spirito
schiere angeliche* circondandola con timore.
vivente,* in cui siamo stati battezzati.
Gloria.
Triade nelle persone,* Monade nella natura:* tale ti adoro o Deità
santa,* Padre, Figlio e santo Spirito,* unico principio, unico regno* che Ora e sempre. Theotokìon.
tutti governa. Nel roveto Mosè vide un tempo* in figura il tuo mistero,
Ora e sempre. Theotokìon. o Venerabile:* come infatti la fiamma non bruciò quello,* così il
Tu sei divenuta, o Vergine,* il grande monte dove Cristo ha preso fuoco della divinità* non bruciò il tuo grembo.
dimora,* come il divino Davide proclamab;* per te siamo stati innalzati
fino al cielo,* resi figli mediante lo Spirito,* o beatissima. Katavasìa.
Katavasìa. Con la tua croce, o Cristo Sovrano,* rafforzami sulla
O Vergine Madre,* realmente Madre di Dio,* tu che senza seme roccia della fede,* perché non sia scosso il mio intelletto* dagli
hai partorito il Cristo Dio nostro,* che è stato innalzato sulla croce nella
assalti del nemico ostile:* tu che solo sei santo.
carne,* insieme a lui, tutti noi fedeli,* com’è giusto magnifichiamo te.
a: Sal 95,12
b: Sal 67,16s
Ode 4: Cantico di Abacuc. Tono pl. 4 Ode 8: Cantico delle creature.

Ecco, è risorto il Cristo,* dice l’angelo alle mirofore;* non fate Perché mai tenete unguenti tra le mani?* Chi cercate?* Ecco, il
lamento, ma andate a dire agli apostoli:* Gioite, oggi è la salvezza del giovane apparso nella tomba grida:* E’ risorto il Cristo Dio nostro,*
mondo,* con la morte è stata annientata* la tirannide del nemico. risuscitando la natura dei mortali* dai recessi dell’ade.
Convenendo oggi per la gioiosa adorazione* della tua croce Gioisci, albero felicissimo e divino,* o croce, luce di quanti
vivificante, o Cristo,* facciamo onore alla tua santissima passione* che sono nelle tenebre,* che con la tua luce preannunci ai quattro confini
hai reso salvezza del mondo,* o Salvatore,* nella tua onnipotenza. del mondo* i bagliori della risurrezione di Cristo:* concedi a tutti i
Oggi è gioia in cielo e sulla terra,* perché si manifesta al mondo fedeli di giungere alla Pasqua.
il segno della croce,* la beatissima croce:* esposta, infatti, essa fa In questo giorno l’albero del profumo di vita,* la croce di
sgorgare eterna grazia* per quanti l’adorano. Cristo,* sparge gli aromi della divina teca,* aspiriamone la fragranza
Che cosa ti offriremo, o Cristo,* per averci tu concesso di che divinamente si effonde,* adorandola con fede, per i secoli.
adorare la croce preziosa,* sulla quale è stato versato il tuo santissimo Vieni, profeta Eliseo, dillo chiaramente:* che cos’era quel
sangue* e alla quale fu confitta con chiodi la tua carne?* Salutandola legno che gettasti nell’acqua?* La croce di Cristo,* per la quale siamo
dunque, noi ti rendiamo grazie. stati tratti dal profondo della corruzione,* adorandola con fede, per i
secoli.
Gloria. Giacobbe, prefigurando un tempo la tua croce,* o Cristo,* si
Celebrando le tre ipòstasi di un’unica Deità,* di una natura prostrava all’estremità* del divino bastone di Giuseppe,* vedendo in
semplice che non si divide in parti,* proclamo la divinità del Padre che esso il tremendo scettro del tuo regno:* che noi ora adoriamo con
non ha principio,* del Figlio e dello Spirito santo:* unico trono,* unica fede, per i secoli.
signoria,* eguale regno,* unico eterno potere. Benediciamo il Padre, il Figlio e il santo Spirito.
Glorifico un’unica sostanza* in tre caratteri personali,* non
Ora e sempre. Theotokìon. confondo i tre in un’unica persona,* e neppure divido quanto alla
Sola sei apparsa tra le donne,* o pura,* mirabilissimo prodigio, forma* il Padre e il Figlio insieme allo Spirito:* è infatti un unico Dio
realtà tremenda;* tu hai infatti rinnovato la natura,* generando senza per i secoli,* al di sopra di tutto.
seme e rimanendo quale eri, vergine:* perché è Dio colui che da te è Ora e sempre. Theotokìon.
nato,* o tutta immacolata. Sola tra le madri sei apparsa vergine,* sposa di Dio Maria,*
avendo generato senza concorso d’uomo* il Cristo Salvatore,*
Katavasìa. serbando il sigillo della castità:* e noi fedeli ti proclamiamo beata nei
Vedendoti sulla croce, o potente,* il luminare grande, preso da secoli.
tremore,* ritrasse i raggi e si nascose;* tutto il creato celebrò con Lodiamo, benediciamo ed adoriamo il Signore.
timore la tua longanimità:* la terra si riempì infatti della tua lode. Katavasìa.
Gettato nella fossa dei leoni,* Daniele, grande tra i profeti,*
stese le braccia a forma di croce* e, rimanendo incolume, senza venir
divorato,* benedice il Cristo Dio, per i secoli.
Ode 7: Cantico dei tre fanciulli. Ode 5: Cantico di Isaia.

Come un dormiente, Signore,* sei risorto dalla tomba il terzo Sei sorto dalla tomba,* o luce senza tramonto,*
giorno,* dopo aver abbattuto con potenza divina i custodi rischiarando il mondo con l’incorruttibilità,* dissipando dai
dell’ade* e aver risuscitato i progenitori antichi,* o solo benedetto confini della terra* la tristezza della morte, o Signore,* nella
Dio dei padri,* più che glorioso. tua amorosa compassione.
Facendo coro al suono della lira dei canti,* esultiamo oggi, o Accostiamoci purificati dalla continenza,* fervidamente
popoli,* per l’adorazione della croce,* glorificando colui che su di abbracciamo tra le lodi* l’albero santissimo sul quale il Cristo fu
essa fu confitto,* il solo benedetto Dio dei padri,* più che glorioso. crocifisso* e salvò il mondo, nella sua amorosa compassione.
Tu che hai reso questo strumento di morte,* la tua croce Danzano oggi in festa le schiere angeliche,* per
amata, o pietosissimo,* laboratorio di vita per il mondo,* santifica l’adorazione della tua croce:* con essa hai infatti distrutto* le
quanti l’adorano, o solo benedetto Dio dei padri,* più che falangi dei demoni,* salvando, o Cristo,* il genere umano.
glorioso. Riconosciamo nella Chiesa un secondo paradiso* che ha
O solo pietoso e compassionevole,* illumina, santifica,* o in sé, come il primo, un albero che dà vita,* la tua croce,
unico Gesù,* quanti con fede adorano* la tua croce e i tuoi divini Signore:* toccandola, noi diveniamo partecipi dell’immortalità.
patimenti,* o solo benedetto Dio dei padri,* più che glorioso.
Gloria.
Gloria. Glorifico quale Dio di unica sostanza* le tre persone
Monade in tre ipòstasi celebro la divinità:* luce è infatti il senza principio,* il Padre, il Figlio e lo Spirito,* unica luce di
Padre,* luce il Figlio, luce lo Spirito,* restando la luce indivisa per triplice splendore,* di eguale potere e regalità,* in identità
l’unità di natura,* e risplendendo con i tre raggi delle persone. senza confusione.

Ora e sempre. Theotokìon. Ora e sempre. Theotokìon.


Con molti nomi ti annunciano tutti i profeti:* porta di Dio,* Hai generato per legge di natura,* ma oltre la legge:*
urna d’oro, terra santa,* tu sei divenuta, o Vergine sposa di Dio,* poiché solo tua è la concezione senza seme,* e meraviglioso a
generando nella carne Gesù il Cristo,* il Dio dei nostri padri. dirsi e pensarsi* è il modo del tuo parto, o tutta immacolata.

Katavasìa. Katavasìa.
Colui che ha liberato i fanciulli dalle fiamme,* assunta la Vegliando ai primi albori,* a te inneggiamo, Salvatore del
carne, è venuto sulla terra,* e, inchiodato alla croce, ci ha donato mondo,* noi che abbiamo trovato pace per la tua croce,* con
salvezza,* lui, il solo benedetto Dio dei padri,* più che glorioso. la quale hai rinnovato il genere umano,* guidandoci alla luce
senza sera.
Ode 6: Cantico di Giona. Tono pl. 4 Kondakion idiòmelon. Tono grave.

Sei risorto dopo aver colpito la morte da grande re,* o Cristo,* e La spada di fuoco* non sorveglia più la porta dell’Eden:*
ci hai richiamati dagli atri reconditi dell’ade* per godere del regno dei su di essa è piombato per arrestarla mirabilmente* l’albero
cieli,* nella terra dell’immortalità. della croce. Il pungiglione della morte* e la vittoria dell’ade
Applaudendo tra canti divini, o fedeli,* acclamiamo a Dio, sono stati allontanati* e sei giunto tu, mio Salvatore,* gridando
salutando con timore la sua croce,* poiché essa fa sgorgare una fonte
agli abitanti dell’ade:* Entrate di nuovo in paradiso!
di santità* per tutti gli abitanti del mondo.
Si è compiuta la parola dell’innografo,* perché ecco, noi
adoriamo, onnipotente,* lo sgabello dei tuoi piedi immacolati,* la tua Ikos.
augusta croce,* l’albero desideratissimo.
Baciando la tua croce, o pietoso,* che il profeta gemente aveva Tre croci piantò Pilato sul Golgota,* due per i ladroni* e
visto* come legno gettato nel tuo panea,* celebriamo le tue bende e una per il datore di vita;* l’ade la vide e disse a quelli di laggiù:*
la tua tomba,* la lancia e i chiodi. O miei ministri e miei eserciti,* chi ha conficcato un chiodo nel
Abbracciando la santa croce* che tu hai accettato di portare mio cuore?* Una lancia di legno mi ha trafitto all’improvviso,*
sulle spalle,* o Cristo,* per esservi innalzato* e crocifisso secondo la le mie viscere vanno squarciandosi,* il mio ventre è nei dolori,*
carne,* noi riceviamo forza contro i nemici invisibili. soffrono i miei sensi,* infuria il mio spirito,* e sono costretto a
rigettare Adamo e i nati da lui* che a me mediante un albero
Gloria.
erano stati dati:* un albero li introduce di nuovo nel paradiso.
Celebro la Monade in tre proprietà personali,* e la Triade
adorata in un’unica natura,* Dio e tre ad un tempo,* luce trisolare:*
Padre, Figlio e santo Spirito.
Sinassario del minéo, poi:
Ora e sempre. Theotokion.
Lo steso giorno, terza domenica dei digiuni, festeggiamo
In te si è rivelato il sommo tra i prodigi,* o agnella senza
l’adorazione della Croce preziosa e vivificante.
macchia:* tu hai generato l’agnello che porta il peccato del mondo,*
Per la sua potenza, o Cristo Dio, custodisci anche noi dalle
che ti preghiamo di supplicare con fervore* per quanti a te
insolenze del maligno, facci degni di adorare i tuoi divini patimenti e
inneggiano.
la tua risurrezione vivificante, dopo aver compiuto agevolmente la
corsa dei quaranta giorni; e abbi pietà di noi, perché tu solo sei
Katavasìa.
buono e amico degli uomini.
Nel ventre del mostro marino,* Giona, con le mani tese,* tracciò
la figura della croce divina,* e balzò fuori, salvato dal mostro,* per la
tua potenza, o Verbo.
a: Ger 11,19