Sei sulla pagina 1di 137

1

Sommario
1) IL PRIMO PERIODO DELLO STATO BIZANTINO (324-610) ............................................................................. 10
1.1) L’IMPERO ROMANO CRISTIANO ........................................................................................................ 11
1.2) L’ETA’ DELLE INVASIONI BARBARICHE E DELLE CONTROVERSIE CRISTOLOGICHE ...... 16
1.3) LA RESTAURAZIONE GIUSTINIANEA E IL SUO FALLIMENTO ................................................... 23
2) LOTTA PER L‟ESISTENZA E IL RINNOVAMENTO DELLO STATO BIZANTINO (610-711) .............................. 29
2.1) LA GUERRA COI PERSIANI E AVARI E L’OPERA RIFORMATRICE DI ERACLIO ................... 29
2.2) L’ INVASIONE ARABA ; GLI ULTIMI ANNI DI ERACLIO. COSTANTE II .................................... 33
2.3) LA DIFESA DI COSTANTINOPOLI E LO SVILUPPO DEL NUOVO ORDINAMENTO .
COSTANTINO IV E GIUSTINIANO II . ............................................................................................................ 38
2.4) LA CADUTA DELLA DINASTIA DI ERACLIO..................................................................................... 40
3) L‟ETA‟ DELLA CRISI ICONOCLASTICA (711-843).............................................................................................. 42
3.1) LA LOTTA PER IL TRONO ..................................................................................................................... 43
3.2) LA CONTROVERSIA ICONOCLASTICA E LE GUERRE CONTRO GLI ARABI : LEONE III ....... 44
3.3) L‟ICONOCLASTIA E LE GUERRE CONTRO I BULGARI : COSTANTINO V ......................................... 46
3.4) IL DECLINO DELL’ICONOCLASTIA E IL RITORNO ALLA VENERAZIONE DELLE ICONE .... 49
3.5) LE RIFORME DI NICEFORO I E LE DIFFICOLTA’ IN POLITICA ESTERA : BISANZIO E
KRUM 52
3.6) LA REAZIONE ICONOCLASTICA ......................................................................................................... 55
4) L‟ETA‟ D‟ORO DELL‟IMPERO BIZANTINO (843-1025) ..................................................................................... 58
4.1) L‟INIZIO DELLA NUOVA ETA‟ ................................................................................................................ 58
4.2) IL PERIODO DELLA CODIFICAZIONE DELLE LEGGI : BASILIO I E LEONE VI ...................... 60
4.3) BISANZIO E SIMEONE DI BULGARIA ................................................................................................ 64
4.4) LA LOTTA DEL POTERE CENTRALE CONTRO I FEUDATARI E LA FIORITURA DELLA
CULTURA ALLA CORTE IMPERIALE . ROMANO LECAPENO E COSTANTINO PORFIROGENITO ... 65
4.5) L’EPOCA DELLE CONQUISTE : NICEFORO FOCA E GIOVANNI ZIMISCE ............................... 67
4.6) L’APOGEO DELLA POTENZA BIZANTINA ; BASILIO II ................................................................. 71
5) IL DOMINIO DELL‟ARISTOCRAZIA BUROCRATICA DELLA CAPITALE ......................................................... 77
5.1) IL DISSOLVIMENTO DEL SISTEMA STATALE DEL PERIODO BIZANTINO DI MEZZO ................ 77
5.2) LA DECADENZA IN POLITICA INTERNA ED ESTERA ........................................................................ 87
6) IL DOMINIO DELL‟ARISTOCRAZIA MILITARE (1081-1204) ............................................................................. 93
6.1) RINASCITA DELL’IMPERO BIZANTINO : ALESSIO I COMNENO (1081-1118) ................................. 93

6.2) NUOVA ESPANSIONE DELL’IMPERO BIZANTINO GIOVANNI II COMNENO (1118-1143)


............................................................................................................................................................................... 100

6.3) MANUELE I COMNENO (1143-80) : I PRIMI CONTRACCOLPI .............................................. 103


6.4) IL TENTATIVO DI REAZIONE DI ANDRONICO I COMNENO (1183-1185) ........................................................ 112
6.4) IL CROLLO........................................................................................................................................................ 115

2
7) L’IMPERO LATINO E LA RESTAURAZIONE DELL’IMPERO BIZANTINO (1204-82) ..................................................... 120
7.1) BALDOVINO I E L'IMPERO LATINO DI COSTANTINOPOLI .............................................................................. 120
7.2) TEODORO I LASCARIS (1204-22) : NASCITA DELL’IMPERO DI NICEA ............................................................. 121
7.3) LA RINASCITA DELL’IMPERO BIZANTINO ; MICHELE VIII PALEOLOGO .......................................................... 123
7.4) DESPOTÌA D’EPIRO ......................................................................................................................................... 126
7.5) IMPERO DI TREBISONDA (1204-1461) ................................................................................................... 128
8) CADUTA DELL’IMPERO BIZANTINO (1282-1453).................................................................................................... 129
8.1) DECADENZA DELL’IMPERO ................................................................................................................... 129
8.2) CADUTA DI COSTANTINOPOLI (1453) ............................................................................................................ 134
8.3) EREDITA’ BIZANTINA ...................................................................................................................................... 135

Imperatori

Luogo e
Period
Luogo e data Luogo e data
Nome Padre Madre o di Note
nascita data morte incoronazio
regno
ne

Dinastia costantiniana
Augusto
25.VII.306,
Augusto
unico
Nicomedia, Costanzo 324-
Costantino I Naisso 273-274 Elena d’Occidente
22.V.337 Cloro 337
312,
Imperatore
unico
19.IX.324
Mopsucrene,
Costantino 337- Cesare
Costanzo II 7.VIII.317 Cilicia, Fausta 9.IX.337
I 361 8.XI.324
3.XI.361
Ucciso in
Costantinopoli, Presso
Giulio 361- combattiment
Giuliano Ctesifonte, Basilina
Costanzo 363 o contro i
V-VI.332 26.VI.363
Persiani
Dadastana,
Singidunum, 363-
Gioviano Bitinia, Varroniano
331 364
17.II.364

3
Presso Caduto in
Cibale, 364-
Valente Adrianopoli, Graziano 28.III.364 battaglia
Pannonia, 328 378
9.VIII.378 contro i Goti

Dinastia teodosiana
Cauca, Galizia, Milano, Teodosio il 379-
Teodosio I 19.I.379
11.I.347 17.I.395 Vecchio 395
Costantinopo
li,
Costantinopoli, Aelia Flavia 395- Augusto dal
Arcadio Teodosio I
377/378 Flacilla 408 383
1 maggio
408
Costantinopo
li,
Costantinopoli, Aelia 408- Augusto dal
Teodosio II Arcadio
10 aprile 401 Eudossia 450 10.I.402
28 luglio
450
Costantinopo
li,
[Illiria o Tracia 450-
Marciano 25.VIII.450
?] 392 457
27 gennaio
457
18 gennaio 457-
Leone I Balcani, ca. 401 7.II.457
474 474
[17 ?]
Leone II ca. 467 novembre Zenone Ariadne 474
474
[Rusumbla 474-
Zenone Isauria, … 9.IV.491 Lallis
da ?] 491
Fratello di
Limnae,
Verina
Cappadocia, 475-
Basilisco [Balcani ?], … (moglie di
dopo agosto 476
Leone I);
476
usurpatore
Papyrios, 484- Tarso,
Leonzio I Dalisandos usurpatore
488 488 19.VII.484
Sposa
Dyrrachium
491- Ariadne,
Anastasio I [od. Durazzo], 9.VII.518 11.IV.491
518 vedova di
ca. 430
Zenone

Dinastia giustinianea
Bederiana,
518-
Giustino I Dardania, ca. 1.VIII.527
527
435
Bederiana,
dardania, c/o 527-
Giustiniano I 14/15.XI.565 Sabbatius Vigilantia
Skopje, 565
11.V.483
Costantinop
565-
Giustino II 4-5.X.578 Dulcidio Vigilantia oli,
578
15.XI.565

4
Costantinopo
578-
Tiberio II Tracia, ca. 550 li,
582
14.VIII.582
Calcedonia,
Cappadocia, ca. 582- Deposto e
Maurizio 27
539 602 assassinato
Novembre
602
Tracia o
Costantinopo 602- Giustiziato da
Foca Cappadocia, ca. 23.XI.602
li, 5.X.610 610 Eraclio I
547

Dinastia eracliana
Eraclio,
610- Costantinop
Eraclio I ca. 575 11.II.641 esarca di Epifania
641 oli, 5.X.610
Cartagine
Deposto,
Eraclio II Costantinopoli,
Rodi? Eraclio I Martina 641 mutilato ed
Eracleona 626
esiliato
Costantino III
20/24.IV.641 Fabia Coimp. da
Eraclio 3.V.612 Eraclio I 641 11.I(?).641
o 26.V.641 (Eudossia) 613
Costantino
Costantinopoli, Siracusa, Costantino 641- settembre
Costante II Gregoria Assassinato
7.XI.630 15.IX.668 III 668 641
Costantinopo
668- Coimp. da
Costantino IV ca. 650 li, Costante II Fausta
685 IV.654
10.VI(?).685
685- Deposto e
Giustiniano II Asia Minore, Costantino 695 e mutilato nel
669 Anastasia
Rinotmeto 711 IV 705- 695, ucciso
711 711
695-
Leonzio II Isauria, …
698
Tiberio III Costantinopo 698- Deposto e
Apsimaro li 15.II.706? 705 giustiziato
Filippico Niceforo, 711-
Armenia, … 20.I.[ca. 714]
Bardane patrizio 713
Vero nome:
713-
Anastasio II 1.VI.719 4.VI.713 Artemio.
715
Abdica
Abdica
25.III.717
Efeso, dopo Tiberio 715-
Teodosio III
754 III? 717
Poi vescovo
di Efeso

Dinastia siriana
Leone III Germanicea, ca. Costantinopo 717-
Isaurico 680-685 li, 18.VI.741 741
Coimp. dal
Costantinopoli, Strongilo, 741-
Costantino V Leone III Maria 720. Detto
718 14.IX.775 775
Copronimo

5
Irene, f.
Leone IV il Costantinopoli, Costantino 775- Coimp. dal
8.IX.780 khagan dei
Cazaro 25.I.750 V 780 751
Cazari
Moglie di
Leone IV.
Lesbo, 797-
Irene Atene, ca. 752 Reggente
9.VIII.803 802
780-792/792-
797
Deposto e
Costantinopoli, Prima del 780-
Costantino VI Leone IV Irene accecato
14.I.771 805 797
19.IV.797
Seleucia, ca. Pliska, 802- Ucciso in
Niceforo I
760 26.VII.811 811 battaglia
11 gennaio Abdica
Stauracio Niceforo I 811
812 11.X.811
Sposa
Procopia
Isola di
Michele I 811- figlia di
Prote, Teofilatto 2.X.811
Rangabé 813 Niceforo I.
11.I.844
Abdica
11.VII.813
Costantinop
Leone V Costantinopo 813-
Bardas oli, Assassinato
l’Armeno li, 24.XII.820 820
22.VII.813

Dinastia amoriana
Michele II Amorium, ca. Costantinopo 820- Detto anche
25.XII.829
l’Amoriano 770 li, 2.X.829 829 Psellus
Coimp.
829-
Teofilo 812-813 20.I.842 Michele II Tecla primavera
842
821
Costantinopo
842- Assassinato
Michele III 19.I.840 li, 23- Teofilo Teodora
867 da Basilio I
24.IX.867

Dinastia macedone
Tracia o
Basilio I il 867-
Macedonia 830- 29.VIII.886 Coimp. 866
Macedone 886
836
Leone VI il Eudocia 886- Coimp. da
19.IX.866 11.V.912 Basilio I 30.VII.886
Saggio Ingerina 912 6.I.870
Costantinopoli, Costantinopo Eudocia 912- Coimp. da
Alessandro Basilio I
ca. 870 li, 6.VI.913 Ingerina 913 879
Costantino
Zoe 913- Coimp.
VII 17-18.I.905 9.XI.959 Leone VI
Carbonopsina 959 15.VI.908
Porfirogenito
Sua figlia
Elena sp.
Romano I Prote, 920-
Lakape, ca. 870 Teofilatto 17.XII.920 Costantino
Lecapeno 15.VI.948 944
VII. Deposto
20.XII.944
Romano II Costantinopoli, Costantinopo Costantino Elena 959- 9.XI.959 Coimp.

6
939 li, 15.III.963 VII Lecapena 963 6.IV.945
Niceforo II Costantinopo 963-
ca. 912 Barda Foca Assassinato
Foca li, 11.XII.969 969
Coana,
Giovanni I Costantinopo N. 969-
Armenia, ca. N. Focena
Tzimisces li, 10.I.976 Kourkouas 976
925
Costantinopo
976-
Basilio II 958 li, Romano II Teofano Coimp. 960
1025
15.XII.1025
Costantino 976- Coimp.
960 15.XI.1028 Romano II Teofano
VIII 1028 30.III.962
Costantinopo Sp. Zoe figlia
Romano III 1028-
968 li, di Costantino
Argiro 1034
11.IV.1034 VIII
Costantinopo Costantinop Sp. Zoe figlia
Michele IV 1034-
li, oli, di Costantino
Paflagone 1041
10.XII.1041 12.IV.1034 VIII
Nipote di
Michele IV.
Michele V 1041-
24.XII.1042 Stefano Deposto e
Calafato 1042
accecato
21.IV.1042
Costantinopo 1042 e
Costantino
Teodora 981 li, Elena 1055-
VIII
31.VIII.1056 1056
Costantino
Zoe ca. 978 1050 Elena 1042
VIII
Costantinop Sp. Zoe figlia
Costantino IX Costantinopo 1042-
ca. 1000 oli, di Costantino
Monomaco li, 11.I.1055 1055
12.VI.1042 VIII
Costantinop
Michele VI 1056-
Ca. 995 1057 oli, Detronizzato
Stratiotico 1057
22.VIII.1056
Manuele
Isacco I Costantinopo 1057-
ca. 1015 Comneno 1.IX.1057 Abdica
Comneno li, 1061 1059
Erotico
Costantinopo Costantinop Sp. Eudocia
Costantino X Andronico 1059-
1007 li, 22- oli, 23- Macremboliti
Ducas Ducas 1067
23.V.1067 24.XI.1059 ssa
Eudocia
22-
Macremboliti Dopo 1078 1067
23.V.1067
ssa
Sp. Eudocia
Romano IV Prote, Costantino 1067-
ca. 1032 1.I.1068 Macremboliti
Diogene 4.VIII.1072 Diogene 1071
ssa
Detto
Eudocia Parapinace,
Michele VII Costantinopo Costantino 1071-
ca. 1050 Macremboliti abdica
Ducas li, ca. 1090 X 1078
ssa 31.III.1078,
poi monaco
Niceforo III 1078- 2.VI- Abdica
1001-1002 ca. 1081
Botoniate 1081 VII.1078 4.IV.1081

7
Dinastia comnena
Costantinopo
Alessio I Giovanni Anna 1081- Costantinop
1057 li,
Comneno Comneno Dalassena 1118 oli, 4.X.1081
15.VIII.1118
Presso
Giovanni II Costantinopoli, Alessio I 1118-
Anazarbo, Irene Ducena
Comneno 13.IX.1087 Comneno 1143
8.IV.1143
Piroska
Costantinopo Giovanni Costantinop
Manuele I Costantinopoli, (Irene) degli 1143-
li, II oli,
Comneno 28.XI.1118 Arpadi 1180
24.IX.1180 Comneno 28.XI.1143
d’Ungheria
Costantinopo
li,
Coimp. 1171.
Alessio II 10.VIII.1183 Manuele I Maria di 1180-
10.IX.1069
Comneno o fine Comneno Poitiers 1183
Assassinato
settembre
1183
Costantinopo
Andronico I Isacco 1183-
ca. 1118-1123 li, Irene Linciato
Comneno Comneno 1185
12.IX.1185

Dinastia degli Angeli


1185-
Eufrosina Costantinop Accecato e
Isacco II Costantinopo Andronico 1195 e
ca. 1155 Kastamonitiss oli, imprigionato
Angelo li, 28.I.1204 Angelo 1203-
a 12.IX.1185 1195-1203
1204
Eufrosina
Alessio III m. Nicea, d. Andronico 1195- Fuggito
1153 Kastamonitiss
Angelo 1211 Angelo 1203 18.VII.1203
a
Irene Costantinop
Alessio IV Costantinopo Isacco II 1203- Con Isacco II
1182/83 Paleologina oli, inizio
Angelo li, 8.II.1204 Angelo 1204 Angelo
Comnena? agosto 1203
Alessio V Costantinopo
Isacco Eudossia
Ducas li, dicembre 1204 ucciso
Angelo Branaina
Murzuflo 1204

Dinastia dei Lascaridi di Nicea


Nicea,
Teodoro I Manuele Giovanna 1204-
ca. 1175 [agosto ?] Marzo 1208 A Nicea
Lascaris Lascaris Karatzaina 1222
1222
Ninfeo,
Giovanni III Basilio Anna 1222-
ca. 1192 30.X/3.XI.12 A Nicea
Vatatzes Vatatzes Angelina 1254
54
Giovanni
Teodoro II Ninfeo, 16 Irene 1254-
inizi 1222 III 3.XI.1254 A Nicea
Lascaris agosto 1258 Lascarina 1258
Vatatzes
A Nicea
Giovanni IV
Ninfeo, 1274 o Italia, Teodoro II 1258-
Vatatzes Elena Asen
25.XII.1250 1305 Lascaris 1261 Deposto e
Lascaris
accecato

8
Dinastia dei Paleologi
Michele VIII Pacomios, Andronico Teodora 1259- Ninfeo,
1225
Paleologo 11.XII.1282 Paleologo Paleologina 1282 1.I.1259
Coimp.
Michele
Andronico II Costantinopo Teodora 1282- 8.XI.1272
1260 VIII
Paleologo li, 13.II.1332 Ducena 1328
Paleologo
Deposto
Michele IX Tessalonica, Andronico Anna 1295-
1277 21.III.1295 Coimp. 1281
Paleologo 12.X.1320 II d’Ungheria 1320
Costantinopo Ribelle a
Andronico III Costantinopoli, Michele IX Rita-Maria 1328-
li, Andronico II
Paleologo 25.III.1297 Paleologo d’Armenia 1341
15.VI.1341 da 1321
Giovanni V Andronico Anna di 1341-
18.VI.1332 16.II.1391
Paleologo III Savoia 1391
Adrianopoli
21.V.1346
Giovanni VI Mistra, ? gov. Teodora 1347- Coimp.
ca. 1292
Cantacuzeno 15.VI.1383 Morea Paleologina 1354 Costantinop 26.X.1341
oli
21.V.1347
Matteo Mistra, ca. Giovanni 1353-
ca. 1325 Irene Asan
Cantacuzeno 1383 VI 1357
Andronico IV Costantinopoli, Selimbria, Giovanni Elena 1376-
18.X.1377
Paleologo 11.IV.1348 28.VI.1385 V Cantacuzena 1379
Maria- Reggente a
Giovanni VII Tessalonica, Andronico
1370 Kyratza di 1390 Costantinopol
Paleologo 22.IX.1408 IV
Bulgaria i 1399-1403
Andronico V Giovanni Irene
1400? 1407? ?
Paleologo VII Gattilusio
Costantinopo Giovanni
Manuele II Costantinopoli, Elena 1391-
li, V Coimp. 1373
Paleologo 27.VII.1350 Cantacuzena 1425
21.VII.1425 Paleologo
Costantinop
Giovanni VIII Costantinopo Manuele II 1421-
17.XII.1392 Elena Dragaš oli, Coimp. 1408
Paleologo li, 31.X.1448 Paleologo 1448
19.XII.1421
Costantino XI
Costantinopo Manuele II 1448- Mistra, Ucciso dai
Paleologo 8.II.1404 Elena Dragaš
li, 29.V.1453 Paleologo 1453 6.I.1449 Turchi
Dragazes

Imperatori latini di Costantinopoli

Baldovino Conte
Valenciennes, Trnovo, prima Margherita 1204- Costantinopoli,
V di Baldovino IX
Baldovino 1172 VII.1206 di Fiandra 1205 16.V.1204
Hainault di Fiandra e

9
I di VI di
Fiandra Hainault;
imprigionato
a Adrianopoli
14.IV.1205
Baldovino
Enrico di Valenciennes, Tessalonica, Margherita 1206- Costantinopoli, Reggente
V di
Hainault 1274 11.VI.1216 di Fiandra 1216 20.VIII.1216 1205-1206
Hainault
Elisabetta Mai salito al
Pietro di Roma,
1165 1219? Pietro di 1217 trono, rapito
Courtenay 9.IX.1217
Courtenay dagli Epiroti
Baldovino Sorella di
Costantinopoli, Margherita 1217-
Iolanda V di Baldovino I
IX.1219 di Fiandra 1219
Hainault ed Enrico
Roberto
Clarenza, Pietro di 1221-
di Iolanda
I.1228 Courtenay 1228
Courtenay
Erardo III
Giovanni Costantinopoli, 1231- Costantinopoli, Già re di
1148 di
di Brienne III.1237 1237 autunno 1231 Gerusalemme
Brienne
Baldovino
Costantinopoli, Foggia o Pietro di 1228- Costantinopoli,
II di Iolanda
1217 Trani, 1273 Courtenay 1261 1240
Courtenay

1) IL PRIMO PERIODO DELLO STATO BIZANTINO (324-610)

FONTI

La nostra conoscenza della storia bizantina si basa su fonti bizantine e non ; opere di storici , e dei cronisti
bizantini , biografie degli imperatori e in particolar modo la vita dei santi , poiché la Chiesa d‟Oriente era
molto forte . La storiografia bizantina comincia con Eusebio vescovo di Cesarea , autore della cronaca fino
al 325 e della storia della Chiesa in 10 libri , scrisse anche la vita di Costantino il Grande . Il più
importante storico del IV sec è Ammiano Marcellino che scrisse in latino . A parte Marcellino tutti gli altri
scrivevano in greco , poiché la lingua dell‟ impero non era solo il latino ma anche il greco . Grandi storici
successivi sono EUNAPIO di SARDI , OLIMPIODORO di TEBE , ZOSIMO , PRISCO , e soprattutto i padri
della Chiesa come ATANASIO di ALESSANDRIA , GREGORIO NAZIANZENO , BASILIO di CESAREA ,
GREGORIO NISSENO e GIOVANNI CRISOSTOMO . Il maggiore storico dell‟età di Giustiniano è Procopio

10
di Cesarea (Palestina) che era il segretario di Belisario . La nostra conoscenza dell‟ ordinamento giuridico
e amministrativo del primo periodo si basa soprattutto sul Codex Theodosianus e sul monumentale Corpus
Juris di Giustiniano ; importante anche il manuale militare di Maurizio lo Strategicon .

1.1) L’IMPERO ROMANO CRISTIANO

Struttura statale romana , cultura greca e religione cristiana sono le fonti culturali principali dello sviluppo
dell‟ impero bizantino . Se si prescinde da uno di questi 3 elementi ci si preclude la comprensione della
cultura bizantina . Questa sintesi (strutt. Stat. Romana + cultura greca + cristianesimo) è stata resa
possibile dallo spostamento del baricentro dell‟impero romano verso Oriente determinato dalla crisi del III
secolo , dove le conseguenze furono la cristianizzazione dell‟impero e la fondazione della nuova capitale sul
Bosforo. La storia bizantina è in primo luogo un nuovo periodo della storia romana e lo Stato Bizantino
nient‟altro che una continuazione dell‟antico impero romano . Il termine «bizantino» sorgerà solo molto più
tardi e i veri «bizantini» non lo conoscevano . Essi continuavano a chiamarsi Romani , infatti gli imperatori
bizantini si consideravano imperatori romani , successori ed eredi dei Cesari dell‟antica Roma . In quanto
erede dell‟impero romano ,Bisanzio vuole essere l‟unico impero sulla terra : rivendica il proprio diritto al
governo di tutti i paesi che una volta appartenevano all‟ «orbis» romana e che ora non sono che parti
dell‟ecumene cristiana . Però con l‟andare del tempo l‟impero bizantino si allontanerà sempre di più dalle
sue origini , tra i primi passi c‟è la lingua greca che dall‟ imperatore Eraclio I fu la lingua ufficiale
dell‟impero.

Il punto di partenza della storia bizantina è l‟impero romano quale uscì dalla crisi del III secolo . L a crisi
economica ebbe effetti particolarmente disastrosi nella parte Occidentale dell‟impero ; mentre l‟Oriente
mostrerà maggiore capacità di ripresa . Il crollo economico fu accompagnato da gravi sconvolgimenti
sociali e politici , diminuzione della popolazione , decadenza delle città , regresso dell‟industria e del
commercio e ci fu anche il crollo della antica cultura cittadina accompagnata dallo sviluppo del latifondo .
Infatti le grandi proprietà private crebbero a dismisura a scapito della piccola proprietà , così ci fu lo
sviluppo della servitù della gleba.

Il principato romano fu travolto dalla crisi del III secolo e fu sciolto sotto il dominio assoluto di Diocleziano
, punto di partenza dell‟autocrazia bizantina . Tutta l‟amministrazione dello Stato si concentrava nelle mani
dell‟imperatore perché gli antichi municipi erano in decadenza . L‟imperatore non è più il magistrato
massimo ma è il depositari di un potere dispotico . Anche se restavano vive le altre forze politiche come il
senato , la popolazione cittadina organizzata in demi e l‟esercito ,che nel primo periodo erano un limite
all‟imperatore ; successivamente i loro poteri vennero assorbiti nel potere assoluto dell‟imperatore . Mentre
nella vita spirituale la Chiesa cristiana acquista una potenza sempre più grande . Nel primo periodo l‟
imperatore controllava la Chiesa , ma nel Medioevo la Chiesa con il suo forte potere divenne il più grande
limite dell‟imperatore . Ma caratteristica di Bisanzio non è la tensione tra imperium e sacerdotium come in
Occidente bensì uno stretto e intimo legame tra Stato e Chiesa . L‟imperatore dal canto suo non è solo il
comandante supremo dell‟esercito , il sommo giudice e l‟ unico legislatore ; egli è anche il protettore della
Chiesa e della vere fede . Egli è l‟eletto di Dio e in quanto tale non solo il signore e il capo , ma anche

11
l‟immagine vivente dell‟impero cristiano affidatogli da Dio . La civiltà bizantina non solo deriva
dall‟ellenismo , ma è strettamente imparentata con esso da una profonda affinità . Grande merito storico dei
bizantini l‟amorevole conservazione dei capolavori del mondo classico , lo studio del diritto romano e della
cultura greca . Le due cime più alte della civiltà antica , la grecità e il romanesimo , crescono insieme sul
suolo bizantino . I due prodotti più eccelsi della civiltà classica , l‟ordinamento statale romano e la cultura
greca si unificano in una nuova concezione della vita e si fondono col cristianesimo.

La potenza e il prestigio di Bisanzio si basano sulla sua ricchezza monetaria : nei suoi periodi migliori la
moneta sembrava inesauribile . Però la ricchezza dell‟impero e l‟alto livello culturale a cui era giunto
venivano pagati dalla miseria delle masse popolari , prive di diritti e di libertà .

La nuova situazione creata dalla crisi del III secolo , ebbe la sua espressione nella grande opera
riformatrice di Diocleziano . Egli ristrutturò tutto l‟ordinamento statale romano e divise l'impero in quattro
parti (tetrarchia), due delle quali affidate ai Cesari Galerio e Costanzo Cloro e le altre due affidate agli
Augusti, Diocleziano e Massimiano. Tale prima suddivisione ebbe tuttavia finalità esclusivamente
burocratiche, amministrative, o legate a una più razionale difesa delle frontiere .

La riforma diocleziana venne completata e perfezionata da Costantino il Grande e nacque così un nuovo
sistema amministrativo , che fu il punto di partenza del sistema bizantino . Infatti l‟ordinamento dioclezianeo
– costantiniano restò intatto per tutto il primo periodo bizantino . Lo scopo di tutte le misure prese da
Diocleziano e Costantino erano quelle di rafforzare l‟autorità e il potere dell‟imperatore che erano stati
violentemente scossi nel periodo della crisi . Diminuì di conseguenza il potere del senato e si delimitarono
le singole autorità di governo soprattutto a livello locale per evitare ogni possibile accumulo di potere . I
diversi rami dell‟amministrazione vengono tenuti insieme dall‟imperatore che sta al vertice della piramide
gerarchica e dirige da centro tutto lo Stato . Data l‟enorme ampiezza dell‟ impero , per permettere un più
efficace controllo dell‟imperatore , si procede ad una divisione del territorio e del potere governativo .
Diocleziano creò un collegio imperiale di 4 persone due Augusti e due Cesari . Un Augusto doveva
governare la parte Orientale , l‟altro la parte Occidentale ; accanto a ognuno di loro c‟era un Cesare , che
doveva essere vincolato al suo Augusto non da legami di sangue , ma dall‟adozione , e doveva essere scelto
unicamente in base alle sue capacità personali . Quando gli Augusti abdicavano (sulla carta dopo 20 anni) ,
dovevano essere sostituiti dai Cesari e la tetrarchia doveva continuare mediante la creazione di una nuova
coppia di Cesari . Questo sistema doveva facilitare l‟impero , invece creò problemi e conflitti e
un‟interminabile serie di guerre civili . La tetrarchia ebbe termine quando nel 324 Costantino, figlio di
Costanzo Cloro, riunificò nuovamente la carica imperiale nelle sue mani, dopo essere riuscito a
sconfiggere Massenzio, figlio di Massimiano, presso ponte Milvio.

12
Costantino uscì cosi vittorioso dalle guerre civili e divenne l‟unico imperatore , ma creò nuovamente un
sistema collegiale e procedette ad una nuova divisione dell‟impero però tra i suoi figli . Ciò però non evitò
che dopo la sua morte nascessero nuove sanguinose guerre civili tra i suoi figli e successori .

La posizione privilegiata dell‟Italia diminuì sotto Diocleziano che viene divisa in più province e sottoposta
a tributi come tutto il resto dell‟impero . Le province aumentarono infatti sotto Diocleziano se ne contano
100 successivamente 120 ; poi l‟impero fu diviso anche in 12 diocesi . Infine sotto Costantino l‟impero venne
diviso in prefetture in modo che ogni prefettura comprendesse più diocesi e ogni diocesi più province . Le
prefetture erano 4 : Prefettura delle Gallie (Britannia meridionale , Gallia , penisola iberica , Mauritania) ,
Prefettura d’Italia ( Italia , Africa romana , Dalmazia , Pannonia , il Norico e la Rezia) , Prefettura dell’
Illirico ( Grecia , Macedonia , penisola balcanica , Dacia ) e ultima è l‟enorme Prefettura d’Oriente
(Egitto,Ponto,Libia,Tracia) . A capo di ogni prefettura c‟era un prefetto del pretorio , ma spesso la carica
era tenuta collegialmente da due prefetti . Il prefetto del pretorio per l‟Oriente che risiedeva a Bisanzio e il
prefetto del pretorio per l‟Italia erano i massimi funzionari dell‟impero . Sotto Costantino acquista molto
potere la carica di magister officiorum che controllava tutto l‟apparato amministrativo , compresi i prefetti
del pretorio . In pratica controllava tutti i funzionari dei singoli organismi amministrativi dell‟impero , che
sono le rotelle della grande macchina dello Stato . Il magister officiorum aveva anche il compito di
provvedere alla sicurezza personale dell‟imperatore e comandava quindi il reggimento delle guardie del
corpo ; è anche maestro delle cerimonie e di tutti i riti della corte ; riceveva gli ambasciatori stranieri e
conduceva negoziati . Il più importante funzionario dell‟amministrazione centrale sotto Costantino accanto
al magister officiorum è il quaestor sacri palatii che dirigeva l‟amministrazione della giustizia , preparava
le leggi e controfirmava i decreti imperiali . L‟amministrazione delle finanze era affidata agli addetti del
fiscus e alle res privatae , però la loro potenza era limitata dal fatto che la tassa più importante delle
province , l‟annona , veniva riscossa dal prefetto del pretorio . Poi c‟era il Senato di Costantinopoli
istituito da Costantino , che viveva all‟ ombra del vecchio Senato Romano anche se svolgerà ancora un
ruolo considerevole nella vita politica bizantina . Chi decideva su tutto era l‟imperatore , ma tuttavia il
Senato contribuiva all‟opera legislativa e appariva a volte come l‟organismo che promulgava le leggi ( dopo
essere state approvate dall‟imperatore) ; inoltre su autorizzazione dell‟imperatore , il senato poteva anche
agire come suprema corte di giustizia . Ma la cosa più importante è che nella successione imperiale il senato
aveva il diritto di votare e di ratificare l‟elezione . Quando l‟imperatore era in vita il Senato non era tanto
importante ma alla sua morte e soprattutto nel caso di vacanza del trono la sua importanza è notevole .
Membri del Senato di Costantinopoli erano in linea ereditaria i discendenti delle famiglie senatoriali
romane. L‟equiparazione giuridica del senato di Costantinopoli con il senato romano avvenne solo sotto
Costanzo , ma già Costantino il Grande trasferì in gran numero i rappresentanti dell‟aristocrazia
senatoriale romana a Costantinopoli .

Grazie alle riforme di Diocleziano e Costantino la struttura dello Stato sembrava riordinata e la sua
autorità rafforzata . Ma le grandi masse della popolazione si trovavano nella stessa miseria di prima . I
coloni ( contadini) cadevano sempre più al rango di servi della gleba . La riforma tributaria di Diocleziano
non fa che aggravare e accelerare questo processo . Ci fu la svalutazione della moneta e così fu istituita
l‟annona , che fu il più importante dei tributi e la principale fonte d‟entrate dello Stato .

Costantino il Grande creò un nuovo sistema monetario molto stabile ; base di questo sistema era il solidus
aureo e durò circa un millennio .

Anche nell‟organizzazione militare Diocleziano e Costantino introdussero riforme sostanziali . Diocleziano


cominciò col rafforzare l‟esercito di frontiera . Ma quello che soprattutto mancava e che era

13
particolarmente necessario era un forte esercito mobile che agisse all‟interno e che potesse servire sia come
armata di riserva contro l‟attacco di nemici esterni , sia come difesa del potere imperiale contro ogni
tentativo di rivolta all‟interno , questi era l‟esercito dei comitatensis . Sotto Costantino però ebbe maggiore
forza le truppe SCHOLA PALATINA (guardie del corpo dell‟imperatore) posti sotto gli ordini del magister
officiorum .

Caratteristico dell‟esercito romano – bizantino è il suo progressivo imbarbarimento . La parte più


combattiva e più apprezzata è costituita da barbari , soprattutto Germani e Illiri . Il numero di mercenari
stranieri era in aumento anche tra gli ufficiali .

Lo spostamento del baricentro dell‟impero verso Oriente fu determinato da un lato – e soprattutto – dalla
maggiore vitalità economica della più densa popolazione della metà orientale dell‟impero , dall‟altro anche
dai nuovi compiti militari , che l‟impero si trovava a dover affrontare in Oriente : sul basso corso del
Danubio , dove la pressione dei barbari che venivano dal Nord si faceva sempre più forte ; e in Asia Minore
in cui si faceva sempre più grave la minaccia dell‟impero persiano dei Sasanidi . Quest‟ultimi erano
avversari molto più pericolosi del vecchio regno dei Parti che essi avevano abbattuto . Come gli imperatori
bizantini si consideravano gli eredi dei Cesari romani , così i Sasanidi si consideravano gli eredi degli
antiche Achemenidi e rivendicavano a sé tutti i territori che avevano appartenuto all‟antico impero persiano
.

Già Diocleziano – che si era attribuita la parte orientale dell‟impero e risiedeva per lo più a Nicomedia ,
lasciando al suo collega Massimiano la parte occidentale - tenne conto della mutata situazione .

Ma soltanto Costantino diede alla parte orientale dell’impero un forte centro politico , ricostruì l’antica
colonia greca sul Bosforo , Bisanzio , e ne fece la capitale . I lavori di costruzione cominciarono nel
novembre del 324 , subito dopo la vittoria su Licinio , che aveva rafforzato la sua autorità sull’Oriente , e
già l’11 maggio del 330 la nuova capitale venne solennemente inaugurata col nome di “NUOVA ROMA”
o COSTANTINOPOLI . Ben poche fondazioni di città ebbero una tale importanza storica . La scelta del
luogo era geniale . Al confine tra due continenti , bagnata ad est dal Bosforo , a nord dal Corno d‟oro , a
sud dal Mar di Marmara e accessibile da un solo lato per via di terra , la nuova capitale si trovava in una
nuova posizione strategica eccezionale . Controllava il commercio tra l‟Europa e l‟Asia e il transito
marittimo dal Mar Egeo al Mar Nero , e divenne ben presto il più importante centro commerciale e
marittimo di tutto il mondo allora conosciuto . Per un millennio Costantinopoli fu la capitale politica ,
economica e militare dell‟impero bizantino , il suo centro spirituale e religioso .

Mentre Roma diminuiva costantemente d‟importanza e anche di popolazione , la nuova capitale cresceva
ininterrottamente . Appena un secolo dopo Costantinopoli aveva già una popolazione superiore a quella di
Roma . Era la nuova Roma , costruita su modello dell‟antica Roma e vennero portate tutte le tradizioni ; i
privilegi che aveva Roma c‟è li aveva anche Costantinopoli . Costantino ornò la città di sontuose costruzioni
e monumenti con particolare sollecitudine costruì sontuose chiese . Fin dall‟inizio Costantinopoli ebbe
un‟impronta cristiana e la lingua fin dall‟inizio era greca .

Uno dei problemi più discussi e più controversi della storiografia è quello della posizione di Costantino nei
confronti del cristianesimo . Alcuni pensano che Costantino era indifferente al cristianesimo ma che lo
appoggiavo solo per meri scopi politici ; altri invece credono alla sua conversione e attribuiscono ad essa la
grande svolta nella politica religiosa dell‟impero . Qualsiasi sia la vera tesi , è evidente che gli scopi politici
erano per Costantino determinanti . Ormai era chiaro a tutti , che la politica di persecuzione dei cristiani
praticata da Diocleziano era fallita . Nel 312 , se non prima , Costantino accettò il cristianesimo e da

14
allora in poi venne sempre difeso da lui . Con l'editto di Milano del 313, che concedeva la libertà di culto
ai cristiani, ed il forte appoggio dato da Costantino stesso alla nuova religione, l'Impero si trasformò
rapidamente da pagano a cristiano; la stessa Costantinopoli fu subito abbellita da stupende chiese. Però i
riti pagani continuavano e li permetteva . Il fatto che infine la religione cristiana sia diventata l‟unica
religione dell‟impero romano – bizantino , non era che l‟inevitabile conseguenza della politica religiosa
inaugurata da Costantino . Non solo Costantino ma anche i suoi successori fino al 379 mantennero il titolo
di pontefice massimo .

CONCILIO DI NICEA (325) : il primo di quella serie di concili ecumenici che posero le basi dogmatiche e
canoniche della Chiesa Cristiana . Fu Costantino a convocare il concilio e a dirigerne i lavori ; non solo ,
ma ne influenzò fortemente le decisioni . Lui di fatto era il capo della Chiesa ( anche se fu battezzato solo sul
letto di morte ) . Tema centrale del concilio era la dottrina del presbitero alessandrino Ario , che rifiutava
di credere compatibile col monoteismo l‟uguaglianza tra il Padre e il Figlio , e quindi negava la natura
divina del Cristo . La dottrina ariana venne condannata e si stabilì il dogma della consustanzialità del Padre
e del Figlio ; venne così formulato quell‟articolo di fede che poi rappresenterà il credo della Chiesa
Cristiana .

La decisione del concilio di Nicea non aveva fatto scomparire l‟arianesimo ; Costantino che ne aveva
sottovalutato la forza , cambiò tattica e impose la riammissione di Ario nella comunità della Chiesa . Ma
questo lo mise in conflitto con il clero ortodosso e soprattutto con Anastasio , che dal 328 ricopriva la
carica di vescovo di Alessandria e che passando da un „esilio all‟altro lotterà fino alla morte (373) per
l‟ortodossia .

Le dispute teologiche portarono contrasti e conflitti dopo la morte di Costantino ( 337 ) , infatti i figli di
Costantino , Costanzo II che governava la metà orientale si pronunciò in favore dell‟arianesimo , mentre
Costantino(figlio) (morto molto presto 340) e Costante cui era spettata la parte occidentale appoggiarono la
dottrina di Nicea . La maggiore potenza di Costante , obbligò Costanzo II a cedere alle sue pressioni , e così
l‟arianesimo fu politicamente battuto . Ma poi le cose cambiarono nuovamente quando Costante morì nella
guerra contro l‟usurpatore Magnenzio (350) , che poi venne sconfitto in una sanguinosa battaglia da
Costanzo II (351) . Così fu la parte orientale a trionfare e Costanzo II seguì l‟esempio del padre ed
equiparò ufficialmente Costantinopoli con Roma , il che significava che la nuova capitale cristiana prendeva
il posto della vecchia Roma ancora semipagana . Costanzo II fece togliere dall‟aula senatoriale romana
l‟altare della Vittoria (segno tangibile della fine del mondo antico) . Poi Costanzo II schiacciò gli oppositori
ortodossi che aveva alla sua testa Atanasio e proclamò l’arianesimo religione di Stato (359) .

In questo periodo fu importante la conversione al cristianesimo dei Goti , nel 343 ULFILA che tradusse la
Bibbia in gotico fu consacrato vescovo .

GIULIANO L’APOSTATA (361-363) : il periodo dei conflitti religiosi di Costanzo fu seguito dalla
reazione pagana di Giuliano l‟Apostata . Con Giuliano giunse a un punto critico uno dei problemi centrali
della cultura bizantina , e cioè quello della convivenza della vecchia cultura con la nuova fede . L‟amore per
il mondo classico che si avviava al tramonto , per la sua arte , la sua cultura e la sua saggezza , portò
quest‟ultimo rappresentante della dinastia di Costantino a dichiarare guerra alla nuova religione . La
cultura pagana era ancora molto forte nella parte occidentale dell‟impero e soprattutto nell‟esercito (dove
ormai era fortemente barbarizzato) , e l‟aristocrazia pagana dei filosofi e retori neoplatonici . Giuliano
incontrò gravi delusioni anche se aveva raggruppato un forte partito pagano ; copiò l‟organizzazione della

15
Chiesa Cristiana nel formare il nuovo clero pagano . Durante una campagna contro i persiani egli fu ferito
da un colpo di lancia e morì sul campo . E la sua opera morì con lui .

1.2) L’ETA’ DELLE INVASIONI BARBARICHE E DELLE CONTROVERSIE


CRISTOLOGICHE

Le numerosissime controversi interne indebolirono l‟impero nei confronto delle altre potenze .

Il cristianissimo Gioviano (363-364) successore dell‟imperatore pagano Giuliano , concluse con i Persiani
un trattato di pace col quale l‟impero perdeva l‟Armenia e una considerevole estensione di territorio in
Mesopotamia . Con l‟inizio delle invasioni barbariche , l‟impero si trovò a dover affrontare nuovi problemi .
Nella parte orientale dell‟impero la frontiera settentrionale e la parte più orientale furono teatro di
sanguinosissime guerre . Il primo che affrontò questa lotta sui due fronti fu l‟imperatore VALENTE (364-
378) . Valente che aveva la parte orientale appoggiava l‟arianesimo , mentre il fratello Valentiniano I (364-
75) che aveva la parte occidentale appoggiava la dottrina di Nicea . L‟impero che oltre ai conflitti religiosi
era sull‟orlo di una crisi senza precedenti per via delle numerosissime invasioni barbariche : Sassoni ,Pitti e
Scoti occuparono la Britannia , sul Reno arrivarono Alamanni , Sarmati e i Quadi sul Danubio . E si giunse
ad un punto cruciale quando i Visigoti apparvero sul Danubio e occuparono la diocesi della Tracia . Ad essi
si aggiunsero gli Ostrogoti e gli Unni . Valente che seguiva da Costantinopoli gli avvenimenti sul fronte
persiano , accorse immediatamente ad affrontare l‟esercito barbaro presso Adrianopoli . Qui si giunse il 9
agosto 378 ad una battaglia memorabile , dove l’esercito romano persero e fu distrutto dai Visigoti ,
appoggiati dagli Ostrogoti , e lo stesso imperatore vi perse la vita .

Le conseguenze della catastrofe furono disastrose ; la parte orientale dovrà combattere per circa un secolo
su questo fronte mentre la parte occidentale vi soccomberà .

GRAZIANO (375-83) figlio e successore di Valentiniano I nominò Augusto nella parte orientale
TEODOSIO I nel 379 e adottò una politica estera di compromesso pacifico con i barbari .

Dopo aver ricacciato i Goti al di là dei Balcani , i Cesari conclusero con essi un foedus , in base al quale gli
Ostrogoti si sarebbero insediati in Pannonia e i Visigoti nella Tracia settentrionale , e venivano considerati
dei foederati dell‟impero e avrebbero prestato servizio militare in difesa dell‟impero .

Una conseguenza fu la crescita della germanizzazione dell‟ esercito che ora raggiunse il massimo di
intensità : la grande maggioranza delle truppe era costituita da Germani e ben presto anche i più importanti
posti di comando caddero nelle loro mani .

Dopo la caduta di Valente ci fu la definitiva sconfitta dell‟arianesimo . La vittoria dell‟ortodossia venne


sancita dall‟Editto di Tessalonica (380) e dal secondo concilio di Costantinopoli (381) che riconfermò e

16
integrò la dottrina di Nicea dando così la sua forma definitiva al credo cristiano e inoltre Teodosio
proclama la religione cristiana ortodossa religione ufficiale dell’impero . Fu quindi sotto il regno di
Teodosio che venne completata la cristianizzazione dell‟impero anche perché tutte le altre religioni o
confessioni erano poste fuori legge . Dopo una lunga guerra civile in Occidente Teodosio riuscì a riunire di
nuovo l‟impero nelle sue mani . Ma sul letto di morte (395) procedette ad una nuova divisione dell‟impero
che con tanta fatica aveva riunificato . Assegnò la parte orientale al figlio maggiore Arcadio e la parte
occidentale a Onorio .

Significativo che a partire da questo momento fino alla caduta della parte occidentale la divisione
dell‟impero in due parti sarà un fatto ormai definitivo , stabile . Ma l‟idea dell‟unità dell‟impero venne
mantenuta .

La politica nei confronti dei Goti inaugurata da Teodosio attraversò una grave crisi quando i Visigoti
capeggiati da Alarico si ribellarono e invasero tutta la penisola balcanica fino alle porte di Costantinopoli .
L‟antagonismo tra i due imperatori paralizzò ogni pronta controffensiva da parte romana . Arcadio così per
ottenere la pace concesse ad Alarico la carica di magister militum per Illyricum .

Così facendo però si creò un partito antigermanico molto forte che all‟inizio del V secolo prese il potere e i
germani a piano a piano venivano esclusi dall‟esercito e si procedette ad una nuova organizzazione
generale dell‟esercito . La parte orientale si liberò di Alarico che si spostò con le sue truppe in Italia e dopo
3 tentativi riuscì ad occupare e saccheggiare Roma (410) . Così mentre l‟occidente affondava , l‟oriente
attraversò un periodo di tregua , infatti in questo periodo sotto il debole imperatore TEODOSIO II (408-50)
viene fondata l‟università di Costantinopoli e promulgato il CODEX THEODOSIANUS (438) . Si tratta
della più importante codificazione di leggi prima del Corpus iuris Justinianeus e consiste in una raccolta di

17
tutti gli editti imperiali dai tempi di Costantino in poi . Il nuovo codice pose l‟amministrazione della giustizia
su più salde basi e venne promulgato anche in occidente .

Intorno alla metà del V secolo l‟impero d‟Oriente attraversò una nuova crisi dovuta alla minaccia degli
Unni di ATTILA . Incursioni e saccheggi si alternarono a trattati di pace di breve durata , che imponevano
all‟impero condizioni ogni volta più dure ed umilianti . Tutta la penisola balcanica era stata devastata e
saccheggiata quando infine Attila , dopo aver imposto all‟impero dure condizioni finanziarie , si diresse
verso l‟Occidente . Invase la Gallia e fu sconfitto dal capo dell‟esercito romano d‟Occidente , EZIO, nella
battaglia dei Campi Catalaunici (451) . L‟ anno successivo gli Unni devastarono l‟Italia , ma già nel 453
Attila morì e con la sua morte andò anche in frantumi il suo regno gigantesco . Però la situazione
peggiorava continuamente . Dopo l‟assassinio di Ezio (454) e di Valentiniano III (455) in Italia regnava il
caos .

Da qui in poi ci fu la creazione dei regni germanici ; le più importanti province si trovavano in mano ai
barbari : Vandali in Africa , e i Visigoti in Gallia e Spagna .

Dal caos in cui era precipitato l‟impero romano d‟Occidente , emerse una potenza : la Chiesa romana .
Essa riuscì a fare di nuovo della vecchia capitale dell‟impero , il centro spirituale del mondo . Infatti papa
LEONE MAGNO (440-461) riaffermò il primato della Chiesa romana come nessun‟altro aveva fatto .

Però dopo la sconfitta dell‟arianesimo , nacque un nuovo problema teologico , quello del rapporto tra la
natura divina e quella umana del Cristo . La scuola teologica di Antioca sosteneva che le due nature erano
distinte , mentre la scuola di Alessandria sosteneva la dottrina dell‟«uomo-dio» in cui le 2 nature sono
unificate . Nestorio esponente della scuola di Antiochia divenne nel 428 vescovo di Costantinopoli e si battè
con il patriarca di Alessandria , Cirillo che era fedelmente sostenuto dal potente monachesimo egiziano e da
Roma . Ci fu così il terzo concilio ecumenico di Efeso (431) dove Cirillo ottenne una grande vittoria e
Nestorio fu dichiarato eretico . Il potere del patriarcato di Alessandria si rafforzò maggiormente e raggiunse
l‟apogeo . Alla morte di Cirillo (444) il suo successore Dioscoro insieme ad Eutiche archimandrita
(superiore del monastero) di Costantinopoli portarono all‟estremo la dottrina di Cirillo affermando che le
due nature di Cristo erano diventate una sola natura divina con l‟incarnazione . Così mentre con la dottrina
di Nestorio si veniva a negare la natura divina del Cristo , Eutiche giungeva a negare la natura umana del
Cristo : nasceva così la dottrina monofisita . Il patriarcato di Costantinopoli e papa Leone I dichiararono
eresia il monofisismo e papa Leone I pubblicò il suo famoso tomus dove sosteva che nel Cristo erano
presenti due perfette nature distinte in una sola persona ,ma essendo forte il potere di Alessandria al
cosidetto concilio dei briganti di Efeso (449) Dioscoro ottenne una vittoria con la violenza .

La svolta ci fu dopo la morte di Teodosio II nel 450 , era salito al trono un abile ufficiale , Marciano , che
aveva sposato Pulcheria , l‟energica sorella di Teodosio II .

18
MARCIANO (450-457)

convocò nel 451 il IV concilio ecumenico a Calcedonia , in cui venne formulato il dogma delle due nature
di Cristo , ambedue perfette , indivisibili , ma distinte . Venne condannato il monofisismo e il nestorianesimo
; fu pubblicato il famoso canone XXVIII della Chiesa , e la completa equiparazione tra i vescovi di Roma e
Costantinopoli .

Il concilio di Calcedonia spaccò in due l‟impero orientale nelle questioni teologiche , poiché le province
come l‟Egitto o la Siria rimasero fedeli uno al monofisismo e l‟altro al nestorianesimo e ripudiarono la
dottrina calcidonese . A questo punto l‟antagonismo tra le chiese che riconoscevano la dottrina calcidonese
e quelle che la ripudiavano , sarà il problema più scottante ecclesiastico e politico del primo periodo
bizantino.

Intanto l‟alano Aspar si conquistò una notevole influenza sul governo di Costantinopoli , infatti deve a lui il
trono Marciano e poi Leone I suo successore .

LEONE I (457-74)

fu il primo imperatore che ottenne la corona dalle mani del patriarca di Costantinopoli. Questa fu un „
innovazione poiché tutti gli imperatori ricevevano la corona da un generale o acclamato dal popolo ,
dall‟esercito , dal senato ; d‟ ora in poi sarà il patriarca a consegnare la corona all‟imperatore e questo
significava la potenza accresciuta dell‟episcopato di Costantinopoli .

Leone I decise di liberarsi di Aspar e degli Ostrogoti e così si alleò con il capo degli Isaurici Terasicodissa ,
che entrò nella capitale con un forte seguito , assunse il nome greco di Zenone e sposò la figlia maggiore
dell‟imperatore Ariadne (466) . Nel 468 per aiutare l‟Italia , fu fatta una spedizione contro i Vandali del
grande Genserico ; nonostante la superiorità numerica dei bizantini la spedizione fallì miseramente .

Così spuntò nuovamente il prestigio di Aspar che fu riaccolto a Costantinopoli e concesso al figlio in sposa
la figlia dell‟imperatore . Ma ben presto nasce un movimento antigermanico che sfociò nel 471 in una
rivolta in cui Aspar e suo figlio furono assassinati . Nel 474 morì Leone I e gli successe al trono suo nipote
Leone II (ancora fanciullo) figlio di Zenone che divenne co- imperatore . Però nello stesso anno il piccolo
imperatore morì e così divenne unico imperatore Zenone .

ZENONE (476-91)

primo imperatore di popolazione isaurica ; gli isaurici a differenza dei goti non erano considerati barbari ,
ma sudditi anche se erano visti come stranieri da Costantinopoli . Zenone mantenne il trono dopo 15 anni di
guerre civili e congiure . Egli prendeva il potere quando l‟impero romano d‟Occidente giungeva al suo
crollo definitivo .

Nel 475 Basilisco fratello dell'imperatrice Elia Verina, moglie di Leone I, riuscì a ottenere la fiducia
dell'imperatore infatti fu il capo della spedizione fallimentare contro i vandali a Cartagine. A causa
dell'origine "barbarica" di Zenone, Basilisco riuscì ad usurpare il trono, sfruttando l'ostilità della
popolazione. Una volta ottenuto il potere però, Basilisco si alienò in breve tempo il sostegno della chiesa,

19
promuovendo la posizione cristologica monofisita in opposizione alla più diffusa posizione calcedonica. Alla
fine fu tradito dai suoi alleati, che restituirono Costantinopoli a Zenone che lo manderà in esilio in
Cappadocia internato in una cisterna a morire di fame (476) .

Nel 476 Odoacre, re degli Eruli, depone l'ultimo imperatore d'Occidente, Romolo Augustolo, e restituisce
le insegne imperiali all'imperatore d'Oriente Zenone, in segno di sottomissione. Da tale momento l'Impero
d'Oriente sarà l'unico a sopravvivere, considerandosi unico e legittimo erede dell'intero orbe romano. Così
l'imperatore bizantino Zenone ricevette da Odoacre le insegne imperiali dell'Occidente, come
riconoscimento esplicito della propria autorità sull'intero mondo romano; Odoacre venne nominato
magister militum per Italiam. Tale atto di sottomissione ebbe soprattutto un valore simbolico e non fu il
preludio di un'effettiva riunificazione dell'Impero. Agli imperatori bizantini bastava che i sovrani dei
nuovi regni romano-barbarici riconoscessero la propria superiorità gerarchica e morale, disinteressandosi
delle aree occidentali occupate dalle tribù germaniche, impoverite e ormai periferiche. Preferirono pertanto
rafforzarsi nella zona orientale, spostando in tal modo di fatto il baricentro degli interessi economico-
politici dell'Impero verso est.

Invece l‟Oriente si andava a liberare delle ultime infiltrazioni germaniche . Aspar e figli eliminati , però in
Tracia gli Ostrogoti di Teodorico Strabone e in Mesia gli Amali di Teodorico stavano creando enormi
problemi ; così nel 481 Teodorico Strabone morì e Teodorico l‟amalo venne mandato in Italia nel 488
contro Odoacre . La dura lotta tra i due capi germanici terminò con la vittoria di Teodorico che uccise di
propria mano tutti i suoi rivali e diventò padrone d‟Italia (493) . Sorse così il Regno d’Italia di Teodorico il
Grande .

L‟oriente si liberò definitivamente dei germani con la partenza dei Goti verso occidente . Però l‟influenza
Isaurica nell‟impero diventò molto forte , dove ci furono varie lotte tra i loro capi . Infatti Zenone dovette
affrontare una guerra contro il suo ex luogotenente Illo e il conterraneo Leonzio , che si era proclamato
imperatore .

Poi Zenone doveva affrontare un „altro enorme problema , cioè quello religioso , poiché le Chiese orientali
rifiutavano il concilio di Calcedonia . Così Zenone pensò ad un compromesso tra i monofisiti e i duofisiti e
pubblicò insieme al patriarca di Costantinopoli Acacio nel 481 l‟Henotikon , dove si accettava le
conclusioni dei tre concili e si aggirava il problema della natura di Cristo . Ma invece di risolvere i
problemi , li complicò , infatti si crearono tre partiti : il partito monofisita che rifiutava Calcedonia ; il
partito duofisita oppure ortodosso ; e il partito moderato che accettava la formula dell‟imperatore .

20
Il papa così condannò l‟Henotikon e scomunicò il patriarca di Costantinopoli .

Zenone morì nel 491 e il popolo chiedeva un imperatore ortodosso e romano . Così la scelta cadde su un
anziano funzionario di corte , Anastasio .

ANASTASIO I (491-518)

Si rivelò un energico amministratore e rivelò notevoli capacità nella riorganizzazione del sistema
finanziario. Perfezionò il sistema monetario organizzato da Costantino il Grande . Ma l‟pera fondamentale è
la riorganizzazione del sistema delle tasse che favorì la crescita dell‟economia , e alla sua morte si
accumulò nelle casse dello Stato l‟enorme somma di 320 000 libbre d‟oro .

Anastasio inoltre sconfisse gli Isaurici e nel 498 li deportò in gran massa in Tracia . Poi riguardo al
problema religioso , egli si dichiarò ortodosso ma in verità era un seguace del monofisismo . Anastasio però
con l‟andar del tempo fece capire che era un vero monofisita e così provocò grande soddisfazione per i copti
e i siri , ma grande scontento a Bisanzio . Infatti nella capitale si scatenò un‟enorme lotta e agitazione nei
demi che raggiunse un grado d‟acutezza senza precedenti . I demi bizantini erano rappresentati da due
partiti sportivi e politici gli AZZURRI e i VERDI . Questi due partiti popolari , i cui capi venivano nominati
dal governo , avevano anche importante funzioni pubbliche ; infatti fungevano da milizia cittadina ,
prendevano parte ai lavori di costruzione e di riparazione delle mura di cinta della città . Essi erano
l‟espressione e la volontà del popolo .Gli AZZURRI erano in mano alla vecchia aristocrazia senatoriale
greco romana ed erano sostenitori dell‟ortodossia greca ; mentre i VERDI erano in mano alla borghesia
commerciale e industriale ed erano sostenitori del monofisismo . Il popolo decideva se stare con uno o con
l‟altro .

Di solito uno dei partiti appoggiava il governo mentre l‟altro stava all‟opposizione ; ma a volte ambedue i
partiti si univano in una lotta comune contro il governo imperiale , per difendere la propria libertà contro
l‟assolutismo del potere centrale . Infatti nell‟organizzazione dei demi sopravviveva la tradizione di libertà
propria delle antiche città greche . L‟imperatore Anastasio condusse una politica economica di appoggio al
commercio e all‟industria e una politica religiosa di aperto appoggio al monofisismo , e così appoggiava i
verdi . Di conseguenza gli azzurri lo attaccarono incendiando edifici sue statue abbattute e nell‟ippodromo
fu insultato e perfino gli furono lanciate pietre . Nel 512 scoppiò a Costantinopoli una rivolta contro la
versione monofisita del Trisagion (tre volte santo della liturgia) che per poco non costò il trono
all‟imperatore . Ma il momento di maggiore crisi si ebbe con la rivolta di Vitaliano ( comandante delle
truppe in Tracia ) che arrivò con l‟esercito fin sotto le mure di Costantinopoli . Vitaliano si dichiarava
campione di ortodossia e questa era la forza della sua ribellione . Nel 516 Vitaliano attaccò aiutato da
un‟orda di Unni e così Anastasio ordinò allora al suo generale Marino il Siriano di attaccare gli invasori
via mare: Vitaliano accettò lo scontro, ma fu sconfitto nei pressi di Bytharia, perdendo gran parte della
flotta.

Nel 518 Anastasio I morì .

GIUSTINO I (518-27)

Giustino fece carriera tra i ranghi dell'esercito dell'Impero Bizantino e divenne infine imperatore,
nonostante il fatto che fosse analfabeta e avesse quasi settant'anni all'epoca della sua ascesa al trono. Il suo

21
regno è importante perché vide la fondazione di una dinastia che comprese il suo eminente
nipote Giustiniano I e che portò a leggi che tolsero enfasi all'influenza della vecchia nobiltà bizantina.
Giustino nacque nella provincia romana dell'Illyricum, da parenti umili, nel 450. Giustino ben presto entrò
nell'esercito, e a causa della sua abilità, salì nei ranghi fino al grado di generale e comandante della
guardia di palazzo, sotto l'imperatore Anastasio I, dopo quasi cinquant'anni di carriera. Grazie alla sua
posizione (era il comandante delle uniche truppe della città) e a doni in denaro, Giustino fu in grado di
assicurarsi l'elezione a imperatore nel 518.
Militare di carriera, con poca conoscenza della conduzione dello stato, Giustino, saggiamente, si circondò
di consiglieri fidati. Il più importante di questi fu, naturalmente, suo nipote Flavius Petrus Sabbatius, che
egli aveva adottato come suo figlio e a cui diede il nome di Giustiniano.
Nel 525, Giustino abrogò una legge che in pratica proibiva ai membri della classe senatoriale di sposare
una donna di classe sociale inferiore, comprese le attrici di teatro, che all'epoca erano considerate
scandalose. Questo editto permise a Giustiniano di sposare Teodora, una ex attrice di mimo (secondo lo
storico Procopio di Cesarea), e alla fine risultò in un grosso colpo assestato alla vecchia distinzione in
classi della corte imperiale.
Dal punto di vista delle lotte religiose, che tanto influenzavano la vita politica e sociale dell'Europa, una sua
dura persecuzione contro ariani e monofisiti, sebbene andasse incontro alle scelte del patriarca d'Occidente
(il papa romano), causò le ire di Teodorico, che iniziò una dura persecuzione contro i cristiani del
credo niceno-efesino nei territori italiani controllati dagli Ostrogoti.
Gli ultimi anni del suo regno vennero segnati dalla lotta dell'impero con gli Ostrogoti e i Persiani. Nel 526,
la salute di Giustino iniziò a declinare ed egli nominò formalmente Giustiniano come co-imperatore e suo
successore il 1º aprile 527. Il 1º agosto dello stesso anno, Giustino morì e gli successe Giustiniano.
La città di Anazarbus venne ribattezzata Giustinopoli in suo onore nel 525.

22
1.3) LA RESTAURAZIONE GIUSTINIANEA E IL SUO FALLIMENTO

GIUSTINIANO I (527-565)

Nonostante l‟amministrazione separata delle due metà dell‟impero , l‟idea della sua
unità era rimasta viva ; e analogamente conservava forza , nonostante le conquiste germaniche in Occidente
, l‟idea dell‟universalità dell‟impero romano . I territori che avevano appartenuto una volta all‟impero
romano erano considerati come suo eterno e irrevocabile possesso , anche se erano amministrati da re
germanici . Ma del resto questi re riconoscevano la sovranità dell‟imperatore romano e non esercitavano
che un potere delegato da questi . Era un diritto naturale dell‟imperatore riconquistare l‟eredità di Roma .
Era una sacra missione quella di liberare il territorio romano dal giogo dei barbari stranieri e degli eretici
ariani , per riportare ai suoi antichi confini l‟unico impero romano e cristiano ortodosso . Infatti
Giustiniano I pose la sua politica al servizio di questa missione . Si deve a Giustiniano la rottura con il
monofisismo e di Anastasio I e il ristabilimento dell‟unità ecclesiastica con Roma , che era una premessa
necessaria all‟attuazione dei grandi progetti politico in Occidente . Giustiniano così figlio di un contadino
proveniente dalla provincia dei Balcani , divenne lo spirito più raffinato e colto del secolo . Giustiniano si
circondò di una corte fantastica , infatti furono BELISARIO e NARSETE a condurre le grandi guerre di
conquista ; fu TRIBONIANO a dirigere la grande codificazione giuridica ; fu il prefetto del pretori
GIOVANNI di CAPPADOCIA a prendere le più importanti misure amministrative . Ma Giustiniano fu
l‟ispiratore di tutte queste grandi imprese della sua grande epoca . La politica di restaurazione dell‟impero
romano universale di Giustiniano fu l‟espressione più grandiosa di questa aspirazione .

Nel 533 Giustiniano trovò un pretesto per dichiarare guerra ai Vandali: nel 530 il loro re Ilderico, di fede
cattolica, era stato infatti rovesciato dal cugino (di fede ariana) Gelimero, che assunse il potere.
Giustiniano, in buoni rapporti con Ilderico, intimò a Gelimero di restituire il trono al legittimo re, ma al suo
rifiuto, dichiarò guerra ai Vandali. Belisario ottenne il comando della spedizione e, sbarcò in Africa con 18
mila uomini . Belisario in poco tempo riuscì a infliggere una seria sconfitta alla popolazione barbarica
presso Ad Decimum, poco distante da Cartagine.Due giorni dopo Belisario entrò a Cartagine e, infliggendo
un'altra sconfitta ai Vandali a Tricamaro, li costrinse infine alla resa. L'Impero ritornò così in possesso
dell'Africa vandalica, Sardegna, Corsica e Isole Baleari. Nel 534 Belisario con il re Vandalo Gelimero
(prigioniero) entrò a Costantinopoli come trionfatore .

Guerra gotica (535-555) : Ma già nel 535 Belisario intraprese la campagna contro il regno ostrogoto .
Belisario avanzò in Sicilia, conquistandola in breve tempo, mentre contemporaneamente il generale
bizantino Mundo riuscì a soggiogare la Dalmazia. Allarmato per i primi successi bizantini, il re goto
Teodato avviò le trattative di pace con Giustiniano promettendo di consegnare il regno ostrogoto all'Impero
in cambio di una pensione annuale. Tuttavia una vittoria in Dalmazia dei Goti sulle truppe imperiali fece

23
recuperare le speranze a Teodato che cambiò idea, decretando il proseguimento delle ostilità.Nel 536
Belisario attraversò lo stretto di Messina, sottomise senza trovare quasi alcuna opposizione l'Italia
meridionale e si diresse a Roma, che conquistò.
Nel frattempo i Goti, insoddisfatti della passività di Teodato, lo uccisero per eleggere re Vitige, il quale
preparò la controffensiva gota che si manifestò nell'assedio di Roma protrattosi per un anno. Durante
l'assedio di Roma del 537-538, l'assediato Belisario chiese, ottenendoli, nuovi rinforzi all'imperatore. Il
comandante dei rinforzi, Narsete, non era tuttavia disposto ad obbedire agli ordini di Belisario e, sentendosi
legittimato dalla discrezionalità accordatagli da Giustiniano, intraprese la conquista dell'Emilia nonostante
il disaccordo di Belisario. La conseguente disunione dell'esercito imperiale, diviso in una fazione fedele
a Belisario e l'altra al seguito di Narsete, comportò la riconquista gota di Milano, in seguito alla quale
Giustiniano richiamò Narsete a Costantinopoli. Senza più Narsete ad ostacolarlo, Belisario poté riprendere
la riconquista dell'Italia, impadronendosi con l'inganno della capitale dei Goti Ravenna e facendo
prigioniero il re Vitige, che portò con sé a Costantinopoli.
Belisario era in disaccordo con Giustiniano sul che fare dei territori riconquistati: Giustiniano avrebbe
voluto lasciare che gli Ostrogoti governassero uno Stato a nord del Po, mentre Belisario avrebbe preferito
fare dell'intera Italia un territorio imperiale romano-bizantino. Deluso da Belisario, Giustiniano inviò
quest'ultimo ad oriente, a difendere l'impero dai rinnovati attacchi dei Persiani.
Dopo aver stabilito una nuova pace sul fronte orientale, Belisario fece ritorno in Italia (544), dove gli
Ostrogoti, condotti dal loro nuovo re Totila , avevano recuperato terreno. Lo scarso numero di truppe
fornitegli dall'imperatore impedì però al generale bizantino di contrastare efficacemente Totila: per tale
motivo, egli non osò mai avventurarsi nell'interno della penisola, ma piuttosto preferì spostamenti marittimi
navigando lungo le coste. Nonostante tali difficoltà, Belisario riuscì a riconquistare Roma, riuscendo perfino
a resistere ad un tentativo di riconquista della città da parte di Totila. Infine, Giustiniano, su richiesta
della consorte di Belisario, lo richiamò a Costantinopoli, dove lo accolse con grandi onori (548).
Dopo la partenza di Belisario dall'Italia, Totila riconquistò Roma e altre città, giungendo a invadere persino
la Sicilia e la Sardegna. Giustiniano, a questo punto, inviò in Italia il generale Narsete per cercare di
concludere una volta per tutte la guerra gotica. Il geniale stratega e scaltro diplomatico Narsete ,
supportato da truppe adeguate allo scopo, riuscì a sconfiggere definitivamente i Goti (uccidendo
prima Totila e poi il suo successore Teia), e a conquistare tutta l'Italia (553); la conquista non si rivelò però
salda, dal momento che la parte settentrionale della penisola venne invasa dai Franchi e Alamanni mentre
alcune fortezze gote ancora resistevano. Narsete riuscì a superare anche questi nuovi ostacoli, e nel 555
l'ultima fortezza gota a sud del Po capitolò.
Le grandi conquiste vennero concluse dalla guerra contro i Visigoti in Spagna . Anche qui Costantinopoli ,
intervenendo nelle contese dei signori locali , riuscì a far sbarcare in Spagna un‟armata e ad occupare la
parte sud orientale della penisola iberica (554) . L‟antico impero sembrava risorto .

24
Ma ben presto si vide il rovescio della medaglia di tutti questi successi. Le guerre in Occidente avevano
sguarnito la frontiera in Oriente dove i Persiani pressavano da molto tempo . Nel 532 Giustiniano concluse
un trattato di pace «eterna» con il re persiano COSROE I (531-79) e si assicurò libertà di movimento in
Occidente a prezzo del pagamento di tributi all„ impero persiano . Ma già nel 540 Cosroe ruppe la pace e
invade la Siria devastando Antiochia avanzando fino alla costa del mare . Nel nord devastò l‟Armenia e
l‟Iberia . Così da questo momento i Persiani a poco a poco prendevano maggior potenza in Oriente .

Ma conseguenze ancora più gravi ebbero gli avvenimenti nei Balcani . Si era appena conclusa la grande
invasione dei Germani , quando nuove popolazioni apparvero ai confini dell‟impero . Particolare
importanza aveva l‟avanzata degli Slavi . Giustiniano aveva creato delle grandi fortificazioni ai confini , ma
ben poco potevano se mancavano le truppe , visto che erano quasi tutte impegnate in Italia e in Spagna .

Gli Slavi si riversarono nei Balcani devastando le fortificazioni bizantine arrivando fino al golfo di Corinto ;
così mentre i bizantini celebravano le loro vittorie nel lontano Occidente , le migliori terre dell‟impero
venivano devastate . I Slavi però si accontentarono di saccheggiare la regione e tornare con il bottino al di
là del Danubio .

RIVOLTA di NIKA (532) : ai pericoli esterni si aggiunsero pericoli interni . Ci fu una terribile rivolta .
Giustiniano , sotto il regno di suo zio , aveva favorito gli azzurri che appoggiavano la sua concezione dello
Stato e della politica ecclesiastica . Ma quando giunse al potere cercò di liberarsi del tutto dell‟influenza dei
demi e prese dure misure contro l‟irrequietezza dei partiti popolari . Le misure repressive che colpirono
ambedue partiti , inimicarono l‟imperatore sia gli azzurri che i verdi , e questa ostilità era aggravata dagli
oneri imposti al popolo per finanziare le grandi imprese che prevedeva la sua politica . Ambedue i demi si
unirono quindi in una lotta coomune contro il potere centrale . La rivolte assunse proporzioni allarmanti : la
capitale era in fiamme , un nipote di Anastasio I venne proclamato imperatore . A salvare la vita di
Giustiniano furono Belisario e Narsete . Quest‟ultimo riuscì a rompere l‟unità degli insorti per mezzo di
negoziati con gli azzurri ; Belisario a sua volta irruppe nell‟ippodromo con truppe fedeli all‟imperatore ,
fece massacrare gli insorti che erano presi alla sprovvista e con questa terribile carneficina , che costò la
vita a migliaia di persone , si pose fine all‟insurrezione . Per volere della moglie (di Giustiniano) Teodora,
la basilica di Santa Sofia, incendiata e distrutta durante la rivolta, venne ricostruita in maggiori dimensioni,
occupando anche parte dello spazio dell'Ippodromo, nel quale aveva avuto luogo la rivolta. I lavori, iniziati
nello stesso anno della rivolta, terminarono nel 537.

CORPUS IURIS CIVILIS : l‟opera più grande e duratura del regno di Giustiniano fu la codificazione del
diritto romano . Sotto la direzione di Triboniano l‟opera venne compiuta in un tempo eccezionalmente breve.
Prima venne fatta una raccolta di tutti gli editti imperiali in vigore , a partire dai tempi di Adriano , sulla
base del Codex Theodosianus , delle raccolte private dei tempi di Diocleziano , del Codex Gregorianus e del
Codex Hermogenianus . Questa raccolta venne pubblicata nel 529 col titolo di Codex Justinianus e 5 anni
dopo venne pubblicata un‟edizione più completa . Più importante è il Digesto (Pandette) pubblicato nel 533,
una raccolta degli scritti dei giuristi classici romani che , accanto agli editti imperiali , rappresentano il
secondo gruppo di leggi vigenti . Poi furono pubblicate le Istitutiones , concepite come un manuale per lo
studio del diritto , che contengono estratti delle due opere principali . Tutto il Corpus Iuris Civilis è infine
completato dalla raccolta delle Novellae , cioè le leggi promulgate dopo la pubblicazione del Codex .
La codificazione del diritto romano servì di base giuridica unitaria allo stato bizantino centralizzato , ed è
espressione di insuperabile chiarezza di pensiero e pregnanza ; stabilisce le regole per tutta la vita pubblica

25
e privata , per la vita dello Stato come dell‟individuo e della sua famiglia , le relazioni reciproche tra i
cittadini, i rapporti economici e di proprietà . Il codice giustinianeo proclama la libertà e l‟eguaglianza di
tutti gli uomini , ma nella pratica si era lontani dall‟applicare questo principio .

Giustiniano fu l’ultimo imperatore romano sul trono bizantino .

Nel 529 chiuse l‟accademia di Atene che da circa 900 anni era la culla del platonismo e del neo platonismo
pagano . Così a Bisanzio la vecchia religione era ormai morta e con questo si chiudeva un‟intera epoca
della storia umana . La Chiesa cristiana ebbe in Giustiniano non solo un protettore , ma anche un capo . La
politica di conquista di Giustiniano in Occidente esigeva un accordo con la Chiesa romana e questo
implicava una posizione antimonofisita . Ma questo accentuava l‟ostilità con l‟Egitto e la Siria . Così
Giustiniano era chiuso tra due fuochi e cercò invano una via d‟uscita da questo dilemma .

V CONCILIO ECUMENICO DI COSTANTINOPOLI (533) , dove fece condannare i cosiddetti «tre


capitoli» sospetti di tendenze nestoriane , cioè gli scritti di Teodoro , Teodoreto e Iba di Edessa . Ma questo
fatto riuscì solo ad aumentare la tensione già esistente e non riuscì a placare nemmeno gli stessi monofisiti .

Ma nonostante tutti questi fallimenti , l‟impero di Giustiniano dimostrò di avere raggiunto una grande
potenza e autorità . Per l‟ultima volta il vecchio impero romano spiegò tutte le sue forze e visse il suo ultimo
periodo di grandezza , sia dal punto di vista politico , che da quello culturale (letteratura e arte) . Come
estensione riuscì di nuovo ad abbracciare tutto il Mediterraneo . Però dopo tutti i suoi grandiosi successi
Giustiniano lasciò ai suoi successori un impero internamente esausto , e in completa rovina economica e
finanziaria .

La peste che colpì lo Stato bizantino e più in generale, l'intero mondo mediterraneo durante il suo regno
segnò la fine di un'epoca di splendore. Giustiniano morì nel 565 .

GIUSTINO II ( 565-578 )

Dopo soli tre anni dalla morte di Giustiniano , l‟impero subì il suo più grave colpo in Italia , la regione più
importante fra quelle riconquistate , che era costata un ingente spiegamento di forze e gravissimi sacrifici .
Nel 568 venne invasa dai Longobardi e in breve tempo una gran parte del paese era caduta nelle loro mani .
In Spagna si scatenò la controffensiva dei Visigoti e Cordova , il più importante centro bizantino in Spagna
cadde una prima volta nel 572 e poi definitivamente
nel 584 ; quarant‟anni dopo anche gli ultimi residui
della conquista giustinianea nella Spagna meridionale
caddero in mano dei Visigoti .Il baricentro della
politica bizantina si sposta nuovamente e
necessariamente in Oriente .

Il successore e nipote di Giustiniano , Giustino II si


preoccupò quindi di mantenere il potere in Oriente e si
rifiutò di pagare i tributi dovuti al re persiano . Con

26
questo atto si veniva a violare il trattato e così scoppiò una lunga e dura guerra la cui posta era il possesso
dell‟Armenia , che per la sua importanza strategica ed economica rappresentava il pomo della discordia tra
i due imperi . Dopo due campagne disastrose, nelle quali i Persiani travolsero la Siria, Giustino comprò
una pace precaria dietro pagamento di un tributo annuo. Nel 573, a causa della perdita di Dara,
conquistata dai Persiani, Giustino II divenne folle . Le temporanee crisi di follia nelle quali precipitava gli
suggerirono di nominare un successore. Scavalcando i suoi parenti scelse come Cesare, su consiglio di
Sofia, il generale Tiberio, nel dicembre 574. Giustino abbandonò la carica e si ritirò a vita privata per gli
anni che gli restavano. Morì nel 578 .

TIBERIO II COSTANTINO (578-582)

Generale di Giustino II, Tiberio II Costantino ascese al trono sposando la vedova di Giustino II, Sofia
(confermando, de iure, il ruolo di imperatore che deteneva come reggente fin dal 574). Tiberio II era amato
dal popolo perché diminuì le tasse ed elargiva soldi ai poveri sperperando così i soldi accumulati da
Giustino II. Pare che l'Augusta Sofia lo rimproverasse per aver ridotto l'Impero in povertà. Estremamente
prodigo, Tiberio II cercò di riparare al crollo delle difese militari italiane, ma morì prima di risolvere la
questione.

Intanto all‟interno dell‟impero persiano scoppiarono gravi disordini e l‟energico successore di Tiberio II ,
Maurizio seppe ben approfittare della situazione .

MAURIZIO (582-602)

In questo momento di crisi dell‟impero persiano , Cosroe II (590-628) nipote del grande Cosroe , per
assicurarsi una tregua concluse un trattato di pace con Maurizio , in base al quale una gran parte
dell‟Armenia cadeva in mano dei bizantini (591) .

Maurizio è uno dei più importanti imperatori bizantini . Il suo regno rappresenta una tappa fondamentale
nella trasformazione della struttura statale del vecchio impero tardo – romano nel nuovo , più vitale ,
ordinamento dell‟impero bizantino medievale . Con le importanti misure organizzative di Maurizio , si riuscì
a conservare all‟impero per lungo tempo almeno una parte dei suoi possedimenti occidentali .
Raggruppando i resti dei possedimenti giustinianei , creò gli esarcati di Ravenna e di Cartagine e con una
rigorosa organizzazione militare cercò di renderli capaci di autodifendersi . Questo tipo di organizzazione
preannunciò il sistema dei temi . Egli viene tradizionalmente ritenuto l'autore del trattato
militare Strategikon , che viene considerato negli ambienti militari come la prima ed unica teoria sofisticata
sull'impiego combinato di diverse tipologie di soldato.

La situazione nei Balcani diventava sempre più critica . All’invasione slava si aggiunse un’ invasione del
popolo degli Avari , che preoccupò i bizantini . Dopo un lungo e duro assedio nel 582 il khan degli Avari
Baian entrò in Sirmio . Il sistema difensivo bizantino era infranto ed ora l’orda slava – avarica si
riversava su tutta la penisola balcanica . Così è da questo momento che gli Slavi si insediarono

27
definitivamente nei Balcani e con ciò iniziava quel processo che porterà più tardi alla formazione di stati
slavi sul territorio bizantino .

Nel 592 cominciò la controffensiva dei bizantini che avrebbe dovuto decidere della sorte dei Balcani . In un
primo momento le cose parvero mettersi bene per i Bizantini . Ma questi singoli successi ebbero scarsi
effetti sulle potenti masse slave e la guerra si trascinò a lungo .

Così il prestigio dell‟impero calava e si manifestava un profondo scontento , infatti verdi e azzurri in questo
periodo erano sempre in lotta . Lo scontento si diffuse anche nell‟esercito che era stanco e demoralizzato
dalla lunga guerra senza prospettive . Quando nel 602 l‟esercito ricevette l‟ordine di svernare di nuovo nelle
sue posizioni oltre il Danubio , la rivolta scoppiò . Foca , un sottufficiale semibarbaro venne portato sugli
scudi e marciò su Costantinopoli alla testa dei soldati ammutinati . A questo punto la rivolta scoppiò anche
nella capitale dove i due partiti rivali scesero in lotta contro il governo imperiale . Maurizio venne abbattuto
e Foca eletto imperatore con l‟approvazione del senato .

FOCA (602-610)

Negli anni del regno di Foca il vecchio Stato tardo romano , ormai già quasi privo di vita, combattè la sua
ultima battaglia mortale .

Il regime terrorista di Foca rappresentò la cornice esterna entro cui avvenne la fase conclusiva del crollo
del regime statale e sociale tardo romano . L‟imperatore Maurizio dopo essere stato deposto venne ucciso e
prima di morire fu costretto ad assistere all‟uccisione dei suoi figli . A questi omicidi seguì un‟ondata di
uccisioni di massa : il terrore colpì maggiormente le famiglie più eminenti . L‟aristocrazia reagì con tutta
una serie di congiure che finivano ogni volta con massacri .

Soltanto a Roma Foca riscosse approvazione . Tra Costantinopoli e Roma c‟era da un secolo la
controversia in seguito alla violenta protesta di Gregorio I contro il titolo di patriarca ecumenico di
Costantinopoli .

Foca appoggiò una politica filoromana , che culminò nell‟editto indirizzato a papa Bonifacio III nel 607 , in
cui riconosceva la Chiesa di Roma come capo di tutte le Chiese . Ma a Bisanzio Foca venne sempre più

28
odiato e soprattutto in Asia minore dove fece tremende persecuzioni contro i monofisiti . In primo momento
il partito dei verdi appoggiò Foca , ma poi gli divenne ostile . Così venne appoggiato dagli azzurri e la lotta
nei demi raggiunse un‟acutezza estrema . Sull‟impero divampò l‟incendio della guerra civile .

A questo punto si abbattè una grande catastrofe sull‟impero , si giunse cioè ad uno stato di guerra sia nei
Balcani che in Asia . Cosroe II volle vendicare la morte di Maurizio così scatenò una grande offensiva
contro Bisanzio . Si combattè molto duramente ma i bizantini subivano sconfitte su sconfitte , così l‟armata
persiana ruppe le difese bizantine e nel 605 occupò la fortezza di Dara e di Cesarea .Nello stesso tempo
aumentò l‟invasione degli slavi e degli avari : l‟impero era sull‟orlo della caduta .

A salvare l‟impero fu un intervento proveniente dalla periferia : Eraclio esarca di Cartagine si ribellò al
regime terroristico di Foca e anche l‟Egitto si unì a lui . Eraclio inviò suo figlio – Eraclio figlio - a
Costantinopoli a capo di una grande flotta e nelle isole e nei porti in cui passò fu accolto entusiasticamente
dalla popolazione . Il 3 ottobre 610 Eraclio (figlio) entrò a Costantinopoli e venne accolto come un
salvatore ponendo fine al regime terroristico di Foca e il 5 ottobre 610 ricevette la corona imperiale . Il
tiranno venne deposto e ucciso .

Gli anni dell‟anarchia sotto il regno di Foca rappresentano l‟ultima fase della storia dell‟impero tardo
romano e del primo periodo bizantino .

Dalla crisi uscì un‟altra Bisanzio liberata dall‟eredità del decadente stato tardo romano , e alimentata da
nuove forze .

A questo punto ha inizio la storia bizantina propriamente detta , cioè la storia dell‟impero greco medievale .

2) LOTTA PER L’ESISTENZA E IL RINNOVAMENTO DELLO STATO BIZANTINO (610-711)

FONTI

Le fonti più importanti per il periodo di Eraclio e le uniche greche dei suoi successori sono le due cronache
di Teofane e del patriarca Niceforo .Il monaco Teofane scrisse la cronaca tra l‟810 e l‟814 e racconta la
cronaca universale da Diocleziano fino all‟ascesa al trono di Leone V e quindi abbraccia un periodo che va
dal 284 fino all‟813 . La cronaca di Niceforo è meno dettagliata di quella di Teofane , ma ha un valore
storico quasi altrettanto grande e si distingue per la sua obiettività .

2.1) LA GUERRA COI PERSIANI E AVARI E L’OPERA RIFORMATRICE DI ERACLIO

ERACLIO I (610-641)

L‟impero era in rovina quando salì al trono uno dei più grandi imperatori della storia bizantina , Eraclio . Il
paese era economicamente e finanziariamente esaurito , l‟invecchiata macchina amministrativa si era

29
incagliata . L‟organizzazione militare , basata sul reclutamento dei mercenari non funzionava più , perché
mancava il denaro e le vecchie fonti d‟entrate dell‟esercito erano esaurite . Solo una rigenerazione interna
poteva salvare l‟impero dalla fine. E la salvezza giunse : Bisanzio riuscì a trovare in se stessa la forza per
un profondo rinnovamento sociale , politico e culturale .

L‟invasione slava – avarica continuava incessantemente , arrivando a Tessalonica circondandola e si


riversò sulla Tessaglia . Altre incursioni minacciose furono in Dalmazia dove nel 614 Salona , importante
centro romano – bizantino , venne distrutta . Caddero altre città come Singiduno (Belgrado) , Viminacio
(Kostolac), Naisso(Nis) , Serdica (Sofia) .

In tutta la regione balcanica avvenne una radicale trasformazione etnica , tanto più che la migrazione
continuava . Però a poco a poco il governo bizantino riuscì a riprendere il controllo sulla Grecia e sugli
altri territori costieri , e così queste regioni riuscirono a preservare o riacquistare il loro carattere greco .

Nel frattempo in Asia Minore avanzava l‟invasione persiana . Si riuscì a cacciare i persiani da Cesarea
(611), ma il tentativo di una controffensiva bizantina in Armenia e in Siria fallì miseramente . Nel 613
l‟armata imperiale subì una grave sconfitta ad Antiochia . Poi i persiani occuparono Damasco e si aprirono
la strada verso la Cilicia occupando la l‟importante fortezza di Tarso . Contemporaneamente i bizantini
venivano cacciati dall‟Armenia . Nel 614 la città santa di Gerusalemme , dopo tre settimane di assedio ,
cadde nelle mani dei Persiani , e questo rappresentò un colpo durissimo per il morale dei cristiani .

I Persiani arrivarono fino sul Bosforo : la capitale era chiusa contemporaneamente da due parti ;
dall‟Oriente avanzavano i Persiani , dal nord gli Slavi e gli Avari .

Nel 619 ci fu la conquista persiana dell’Egitto , cadeva così la provincia più ricca dell’impero e
l’approvvigionamento di grano per la capitale bizantina veniva messo in pericolo . Quasi tutta l’Asia
minore era sotto il dominio dei Persiani ; l’antico impero Persiano degli Achemenidi sembrava ormai
restaurato .

Ma per la Persia la decadenza e il crollo avvennero rapidamente e violentemente . Infatti nel momento di più
grande crisi l‟impero bizantino raccoglieva tutte le sue forze e l‟ordinamento dell‟esercito e
dell‟amministrazione subì un‟enorme cambiamento . Nacquero così i temi che andavano a sostituire gli
esarcati . A capo dei temi sono gli strateghi . La parola tema indica un corpo d‟armata però venne da questo
momento usato per designare le nuove circoscrizioni militari . I primi temi erano quelli dell‟Asia Minore .

30
Il sistema dei temi in questo periodo è limitato solo al territorio dell‟Asia Minore . L‟organizzazione dei temi
costituì il fondamento per la formazione di un forte esercito locale e rese l‟impero indipendente dal costoso
arruolamento di soldati stranieri . Il nuovo esercito dei temi era composto dagli stratioti (soldati – contadini
locali) , che traevano dai fondi militari i mezzi per il proprio sostentamento ed equipaggiamento .

La creazione del fondo militare costituì un rafforzamento della piccola proprietà libera . Il potere della
prefettura pretoriana una delle caratteristiche principali dello Stato nel primo periodo , giunge alla sua fine
, sostituita dal sistema dei temi .

RISCOSSA BIZANTINA NELLA GUERRA ROMANO-PERSIANA (622-628)

Nella guerra con i Persiani si manifesta un totale capovolgimento . Ci furono successi favolosi . L‟impero
cadente si risollevò e ottiene lottando una strepitosa vittoria sui nemici . A questi successi contribuì molto
l‟appoggio della Chiesa che aveva posto i suoi contributi a disposizione dello Stato , per combattere una
guerra contro gli infedeli . Si trattava della prima guerra tipicamente medievale , un‟anticipazione delle
future crociate . Eraclio stesso si pose alla testa dell‟esercito lasciando il governo in mano al patriarca
Sergio e al patrizio Bono .

Nel 619 Eraclio aveva concluso una pace con il khan degli avari al prezzo di gravosi tributi . Quindi ora
poteva partire per l‟Asia . Il 5 aprile 622 , il giorno di Pasqua , dopo aver assistito alle solenne cerimonie ,
lasciò la capitale . Giunto in Asia Minore si stabilì nel territorio dei temi , dove radunò il suo esercito e
passò tutta l‟estate addestrando le nuove truppe . In settembre iniziò la vera spedizione ; Eraclio con
un‟accorta manovra riesce ad aprirsi la strada verso l‟Armenia . Questo costrinse i Persiani ad arretrare
.Lo tra le due armate avvenne in territorio armeno , e si chiuse una splendida vittoria per i Bizantini sul
grande generale Shahrbaraz .

Ma l‟atteggiamento minaccioso del khan degli Avari costrinse Eraclio a tornare indietro ; e così i tributi
agli Avari vennero aumentati . Nel marzo 623 Eraclio poteva riprendere la guerra con i Persiani .
Nonostante la sconfitta subita l‟anno prima , l‟ imperatore persiano Cosroe II inviò una lettera colma
d‟insulti ad Eraclio e alla fede cristiana . Nel 624 Eraclio, accompagnato da Martina e dai figli, lasciò
Costantinopoli guidando personalmente l‟esercito bizantino contro i Persiani. All‟inizio gli storici
paragonavano questa campagna militare ad una crociata: nella realtà, se è vero che la tensione religiosa fu
altissima, è altrettanto vero che l‟Impero Romano d'Oriente lottava per la sua stessa sopravvivenza, nella
convinzione che Iddio avrebbe battuto i barbari per il tramite del suo terreno rappresentante. I Bizantini

31
attraversarono l‟Armenia e l‟Azerbaigian, penetrarono in territorio persiano, e, dopo aver incendiato il
tempio del Fuoco di Gandža (624), distrussero tre armate persiane (625).

Per allontanare da sé il pericolo, Cosroe strinse alleanza con gli Avari spingendo i Persiani nel luglio
del 626 ad attaccare Costantinopoli, appoggiati da Slavi, Bulgari e Gepidi, mentre Shahrvaraz aggirava a
nord i Romani andando verso il Bosforo, fermandosi in Calcedonia. Eraclio non si lasciò perdere d‟animo:
distaccò parte delle sue truppe, che, affidate al fratello Teodoro, sconfissero un esercito persiano di
appoggio guidato da Shahin, che morì poco dopo, mentre altri uomini li inviò in soccorso a Costantinopoli
assediata, dove le imbarcazioni slave che dovevano trasportare i Persiani furono incendiate, determinando
la sconfitta degli assedianti e la liberazione della città, la cui resistenza era stata ammirevolmente guidata
dal Patriarca Sergio.

La grande vittoria del 10 agosto 626 determinò la fuga dei persiani da Costantinopoli, ma soprattutto la fine
degli Avari, il cui predominio sui popoli Slavi crollò. Eraclio riuscì abilmente a dividere Shahrvaraz, il più
abile generale persiano, dal suo re, e nel frattempo si assicurò l‟alleanza e gli uomini del re
dei Cazari(popolazione turca di religione ebraica), quindi nel 627 riprese l‟offensiva, vincendo il nemico
in Iberia e penetrando in Mesopotamia. Il 12 dicembre, presso l’antica Ninive, Cosroe fu annientato
durante la battaglia di Ninive e nel gennaio del 628 Eraclio ne incendiò la residenza preferita, Dastagerd. I
Persiani erano sconfitti: l‟imperatore venne imprigionato e fatto uccidere dal figlio maggiore, Kavadh II
Shiroe. Nella primavera del 628 il nuovo re persiano offrì la resa in cambio della cessione delle terre
occupate, della restituzione dei prigionieri e della cessione della Vera Croce. L‟Impero Persiano era in
collasso: dopo pochi mesi Kavadh II morì. Eraclio, vincitore, tornò a Costantinopoli ed il 14 settembre
del 628 vi celebrò un trionfo, quindi, ottenute Siria, Palestina ed Egitto da Shahrvaraz , consegnò al Santo
Sepolcro di Gerusalemme la Vera Croce (630) , che in quegli anni era stata mantenuta intatta tra i
Persiani .

I due nemici che prima terrorizzavano la potenza bizantina erano completamente disfatti . Infatti mentre la
battaglia di Ninive aveva scosso fino alle fondamenta la potenza persiana , l‟assedio di Costantinopoli aveva
disfatto la potenza degli Avari . Infatti tutte le tribù slave si staccarono dal dominio degli Avari e alcuni anni
dopo il principe bulgaro Kuvrat con l‟appoggio dei Bizantini si liberò definitivamente degli Avari .

In questo periodo si registrò un‟altra migrazione slava nei Balcani ; arrivarono i Serbi e i Croati , che
riconobbero tuttavia la sovranità dell‟impero bizantino .

L‟età di Eraclio rappresenta nella storia bizantina una svolta non solo nella vita politica ma anche in quella
culturale . Con Eraclio si chiude la fase romana e si apre quella bizantina nel vero senso della parola . La
completa grecizzazione e la forte clericalizzazione di tutta la vita pubblica danno una nuova fisionomia a
tutto lo Stato . Eraclio pose fine al bilinguismo che c‟era nell‟impero , e la lingua greca divenne la lingua
ufficiale dell‟impero bizantino . Eraclio inoltre rinunciò a insignirsi dei complicati titoli imperiali latini
(imperator, caesar , augustus ) e prese la denominazione del vecchio titolo regale greco , Basileus.

Basileus divenne così il titolo ufficiale dell‟imperatore bizantino .

32
La riconquista delle province orientali pose il nuovo problema del monofisismo . Il patriarca Sergio cercò in
tutti i modi di ristabilire la pace religiosa , e trovò una soluzione nella dottrina sorta in Oriente , secondo la
quale alle due nature di Cristo corrisponderebbe un‟unica forza agente . Questa posizione sembra costruire
un ponte tra il dogma di Calcedonia e il monofisismo . Anche Eraclio aderì alla dottrina monoenergetica .

La riunificazione con le Chiese Orientali (Siria , Egitto , Armenia ) si ebbe sotto il patriarca Ciro nel 631 e
anche papa Onorio approvò la visione di Sergio e Ciro . Ma ben presto il partito ortodosso(che aveva a
capo il patriarca di Gerusalemme Sofronio) e il partito monofisita ritornarono in contrasto . Nel 634
Sofronio denunciò e ripudiò la dottrina monoenergetica . Così Sergio modificò le proprie posizioni ed
eliminò l‟energia sostituendola con la volontà ; così ora la nuova dottrina monotelita sosteneva che accanto
alle due nature di Cristo c‟era una sola volontà . Questa dottrina venne pubblicata nell‟editto imperiale
redatto da Sergio , con il titolo di Ekthesis nel 638 . La nuova dottrina fu respinta sia dagli ortodossi , sia
dai monofisiti, sia da Roma . Così il monotelismo fallì miseramente . Oltre a tutto ciò nel 638 Siria ,
Palestina ed Egitto caddero sotto la dominazione araba .

Le controversie religiose , così come in passato avevano facilitato la conquista persiana , così ora
facilitarono quella araba .

2.2) L’ INVASIONE ARABA ; GLI ULTIMI ANNI DI ERACLIO. COSTANTE II

Esattamente quando Eraclio celebrava i suoi trionfi contro lo storico nemico dei Bizantini, nei lontani
deserti dell‟Arabia quelle tribù di beduini nomadi uscivano definitivamente dalla Jahiliyya, sotto la guida
di Maometto .
Si narra che già prima del 629 il Profeta aveva inviato ai maggiori re del mondo, tra cui Eraclio, delle
missive nelle quali chiedeva l‟adesione all‟Islam e, comunque, già in quell‟anno un paio di incursioni di
predoni arabi venivano bloccate dagli alleati Ghassani dei Bizantini a Muʾta. Nessuno diede peso a tali
avvenimenti, frutto della più volte asserita indisciplina delle tribù desertiche, ma la realtà era ben diversa.

Gli Arabi nell‟autunno del 633 penetravano in Transgiordania ed in Palestina con tre colonne di 3.000
uomini ciascuna. I primi scontri sul mar Morto e nei pressi di Gaza si risolsero in vittorie arabe.Di fronte
alla nuova invasione l‟Impero si rese conto del pericolo ed Eraclio, radunò un esercito al comando del
quale pose il fratello, Teodoro.

Nel 634 Khālid ibn al-Walīd lasciò Hīra, che assediava insieme al generale al-Muthannā ibn Hāritha, e con
una marcia prodigiosa unì le sue truppe, ma soprattutto il suo genio militare, alle truppe arabe in Palestina
che la controffensiva bizantina metteva in difficoltà. Teodoro investì le forze avversarie presso Ajnādayn, a
sud-ovest di Gerusalemme, il 30 luglio del 634, riportando una grave sconfitta: il governatore della
Palestina cadde e lo stesso Teodoro si salvò solo grazie alla fuga. Grazie alla velocità negli spostamenti ed
alla compattezza delle sue truppe, Khālid, la Spada di Dio, portò i musulmani ad una vittoria dopo l‟altra: il
nuovo comandante bizantino, l‟armeno Baanes, fu vinto a Pella e a Marj al-Ṣuffar, a sud di Damasco, e la
stessa Damasco si trovò assediata nel marzo del 635. Il 10 settembre Damasco aprì le porte a Khālid.

33
Eraclio, da Antiochia, preparava la riscossa, ed affidò un imponente esercito al sakellarios Teodoro, a
Baanes e al ghassanide Jabala ibn Ayham. Di fronte a tale spiegamento di forze Khālid preferì ritirare le
sue truppe, sgomberando i territori e le città conquistate fino ad allora, e ripiegando in cerca del luogo
ideale allo scontro, che individuò sulle rive del fiume Yarmūk, un affluente del Giordano a sud del lago
di Tiberiade. Qui infuriò una lunga e sanguinosa battaglia, dall‟esito incerto fino all‟ultimo, che si risolse il
20 agosto del 636 in una netta vittoria degli Arabi. I resti dell‟armata bizantina batterono in ritirata ed
Eraclio fece sgomberare la Palestina e la Siria, approntando la difesa. Gli Arabi, ora guidati da Yazīd ibn
Abī Sufyān e da suo fratello Muʿāwiya, rioccuparono rapidamente quanto precedentemente sgomberato e
posero il blocco a Gerusalemme, da cui il basileus prudentemente aveva fatto portar via la Vera
Croce. Nel 638, dopo sette mesi d‟assedio, la città santa si arrendeva ai musulmani.
Sicuramente era convinzione dei cristiani che, come anni prima, il loro Imperatore li avrebbe liberati
dai musulmani, con l‟aiuto di Dio e, probabilmente, ritirando le truppe restanti; questa era anche
l‟intenzione di Eraclio, che però non era più il guerriero d‟un tempo. L‟uomo che, dopo aver sgomberato
parte delle terre trionfalmente riacquistate all‟Impero poco tempo prima, tristemente ritornava a
Costantinopoli, era un uomo stanco, molto malato e forse non del tutto padrone di sé; a causa di una fobia
per l'acqua non osava riattraversare lo stretto del Bosforo per tornare a Costantinopoli e solo un tentativo
d‟usurpazione a Costantinopoli, nel 637, lo costrinse a rientrare a palazzo attraversando il Bosforo su un
ponte di barche coperte da sabbia. La reazione fu molto dura: i rivoltosi, tra i quali comparivano il figlio
illegittimo Atalarico ed il nipote Teodoro, ebbero nasi e mani amputate. Questo fatto legò ancor più
il basileus alla moglie Martina , ed il figlio Eracleona venne incoronato coimperatore, rinfocolando antiche
polemiche e convincendo ancor più molti ambienti che i guai dell‟Impero altro non erano che i frutti della
punizione divina per i peccati del basileus.
Nel frattempo l‟ondata musulmana, abbattutasi violentemente sui Persiani, si riversava sull‟Armenia e
sulla Mesopotamia bizantina ed alla fine del 639 si affacciava alle porte dell‟Egitto provenendo dalla Siria -
Palestina. Dopo alcuni insuccessi, 4.000 cavalieri arabi, all‟inizio del 640, occupavano Pelusio e, in luglio,
vincevano i difensori bizantini presso la fortezza di Babilonia, ponendo l‟assedio alla stessa fortezza.
Intanto, più lontano, l‟Armenia fu invasa.
Il patriarca d'Alessandria, Ciro, che esercitava funzioni politiche simili a quelle governatoriali, chiese ad
Eraclio di poter trattare la resa di Babilonia con ʿAmr . Il basileus rifiutò, imponendo la continuazione della
resistenza, e depose Ciro, in seguito sospettato di intesa con gli Arabi a causa delle sue simpatie monofisite.
Mentre Babilonia viveva stretta d‟assedio, la stessa sorte si profilava per la ricca Alessandria, che pareva
tuttavia ben più decisa a resistere.
Eraclio ebbe la ventura di non dover assistere alla resa di Babilonia nell'aprile del 641, né di venire a
conoscenza della caduta di Alessandria, l'anno successivo, ceduta ad ʿAmr da Ciro, reintegrato nel
frattempo da Martina. Reso irriconoscibile dalla malattia, distrutto dall'idropisia, l'11
febbraio 641 l'imperatore si era spento.

34
COSTANTINO III (641)

Era anche il fratellastro più grande di Eracleona, il figlio avuto da Eraclio I con la seconda moglie Martina.
Per motivi politici, Eraclio considerava Martina come la madre di entrambi. Costantino divenne co-
imperatore assieme al fratellastro, alla morte di Eraclio, nel 641, e durante il loro regno
gli Arabi conquistarono l'Egitto.
Costantino morì di tubercolosi dopo soli quattro mesi di regno, lasciando Eracleona come unico imperatore;
la voce secondo cui Martina ed Eracleona lo avevano fatto avvelenare portò a rivolte durante il regno del
fratellastro.

ERACLIO II (641)

Imperatore troppo debole , poiché dietro di lui c‟era sua madre Martina , che tutti odiavano ( senato popolo
esercito ) . Il sospetto che lui e Martina avessero assassinato Costantino portò presto ad una rivolta
dell'esercito e alla biforcazione della lingua ed esilio sull'isola di Rodi dei presunti colpevoli. Questa fu la
prima volta in cui un imperatore regnante venne sottoposto a mutilazione, una pratica probabilmente presa
a prestito dai Persiani; in questo caso, a Martina venne tagliata la lingua, mentre a Eracleona fu tagliato
il naso. Null'altro si sa di Eracleona dopo la sua rimozione.
L'esercito acclamò come imperatore Costante II, figlio di Costantino III. Così il Senato conferì ufficialmente
il titolo di basileus a Costante II

COSTANTE II (641-668)

Il regno di Costante II iniziò con un serio problema , cioè quello della continua avanzata degli Arabi . Nel
642 l‟armata del vittorioso generale arabo Amr entrò ad Alessandria . Nel 643 gli Arabi presero la città di
Tripoli . Con la morte del Califfo Omar , i Bizantini ripresero coraggio e Costante II mandò una grande
flotta alla guida del generale Manuele , che conquistò temporaneamente Alessandria , finchè non tornò in
Egitto il generale Amr che sconfisse Manuele presso Nikiu (646) ed entrò ad Alessandria dove la
popolazione copta e il suo patriarca monofisita Beniamino si sottomisero spontaneamente . La città di
Alessandro Magno da questo momento resterà per sempre sotto dominazione musulmana .

Nel 647 il generale arabo Mu awiya irruppe in Cappadocia e occupò Cesarea ; poi si diresse in Frigia e
percorse tutta la ricca provincia e tornò a Damasco con un ricco bottino e con un gran numero di
prigionieri .

35
Il generale Mu awiya fu il primo arabo a capire che per battere una grande potenza come i Bizantini
avevano bisogno di una grande flotta , neanche Omar il Conquistatore capì questa esigenza . Così creò una
forte flotta che nel 649 fece la sua prima spedizione nell‟isola di Cipro , conquistando la capitale dell‟isola .

Nel 654 gli Arabi espugnarono Rodi e il famoso colosso di Rodi (crollato per un terremoto nel 225 a.C. ma
che rimaneva una delle sette meraviglie del mondo) fu venduto ad un mercante ebreo .

Costante II così si mise alla testa di una grande flotta e nel 655 diede battaglia agli Arabi presso la costa
lidia. Questa prima battaglia navale fu una vera e propria disfatta per i Bizantini , e così l‟egemonia
bizantina nel Mediterraneo era scossa .

L‟obiettivo di Mu awiya era di arrivare a Bisanzio ma alla fine gli Arabi non attaccarono Bisanzio perché
era appena scoppiata una lotta per la successione nel califfato islamico tra Muʿāwiya e ʿAlī, dalla quale
uscì sostanzialmente vincitore Muʿāwiya. Dopo aver sventato momentaneamente il pericolo musulmano,
Costante II nel 659 si volse contro gli Slavi, che avevano invaso i Balcani; lo scopo di questa spedizione non
era quello di riconquistare le province illiriche perdute ma piuttosto quello di difendere la Grecia bizantina
dagli Slavi indebolendoli. Gli Slavi subirono una schiacciante sconfitta, e molti di questi vennero fatti
schiavi e trapiantati in Asia per essere utilizzati contro gli Arabi. Dopo aver pacificato le province europee,
il basileus si preparò di nuovo a affrontare gli Arabi; e nel 659 Muʿāwiya, che aveva bisogno di tutte le sue
truppe per combattere ʿAlī, cugino e genero di Maometto, accettò una tregua ventennale coi Bizantini,
assoggettandosi a versare a Costante un migliaio di pezzi d'argento e a fornire al basileus uno schiavo e un
cavallo al giorno per tutta la durata della tregua.
Dopo essersi liberato del pericolo in Oriente , Costante II potè dedicarsi alle province occidentali , anche a
causa delle controversie religiose provocate dal monotelismo . Le conseguenze erano particolarmente
disastrose nell‟Africa latina , che dopo la conquista araba dell‟Egitto si sentiva seriamente minacciata .
L‟Africa latina era la culla dell‟ortodossia contro il monotelismo e il capo dell‟ortodossia era Massimo
Confessore , il più grande teologo del tempo . Su sua iniziativa si tennero vari sinodi dove la dottrina
monotelita veniva ritenuta eretica (ancora sostenuta dal governo bizantino) . L‟esarca cartaginese Gregorio

36
si ribellò al governo bizantino ma la ribellione fu soffocata dagli Arabi , che poi si ritirarono portandosi
dietro un ricco bottino . Così Cartagine rimase Bizantina .

Costante aveva bisogno di una pace religiosa così nel 646 pubblicò il Typos , in cui decideva la rimozione
della Ekthesis (di Eraclio I) dal narcete di Santa Sofia . Venne proibita , sotto minaccia di punizione ogni
discussione riguardo l‟energia o la volontà di Cristo .

Papa Martino I salì sul trono papale il 649 senza il beneplacito dell‟esarca imperiale , e nello stesso anno
tenne un grande concilio dove condannava sia l‟ Ekthesis che il Typos , ma non attribuisce la colpa al
governo bizantino bensì ai suoi patriarchi Sergio , Paolo e Pirro che furono scomunicati .

Ma a questo punto Costante II intervenne autoritariamente e ordinò all‟esarca di Ravenna Olimpio di


arrestare il papa che non era stato riconosciuto dall‟imperatore quando fu eletto . Olimpio giunse a Roma e
in questo momento di tensione altissima tra Costantinopoli e Roma ne seppe ben approfittare staccando
l‟Italia dall‟impero per assumere lui stesso il governo . L‟usurpatore si recò in Sicilia col suo esercito e il
governo bizantino non fece niente a causa della guerra contro gli Arabi . Ma nel 652 Olimpio morì di morte
naturale e così la ribellione morì con lui .

Il suo successore Giovanni Calliopa, nominato nel 652, ricevette l'ordine di arrestare Papa Martino. Giunto
a Roma il 15 giugno, si recò dal Papa con un grosso esercito, e gli comunicò che per decreto imperiale era
stato deposto e arrestato; il clero avrebbe potuto opporsi ma il Papa, che non voleva spargimenti di sangue,
ordinò che nessuno si muovesse. Il Papa venne condotto segretamente sull'isola di Nasso dove restò
prigioniero per alcuni mesi. In seguito venne condotto a Costantinopoli dove fu processato con l'accusa di
aver tradito l'Impero in quanto aveva congiurato con Olimpio contro l'Imperatore e si era schierato dalla
parte dei Saraceni. Il Pontefice rischiò la condanna a morte e fu solo per intercessione del Patriarca Paolo
che la pena capitale gli venne condonata in esilio.

Nello stesso anno venne deportato come prigioniero Massimo il Confessore, con l‟accusa di aver causato la
perdita delle province africane, cedute agli Arabi. Massimo aveva condannato l‟imperatore dicendo che non
si poteva pronunciarsi in questioni di fede .Il processo fu molto lungo e alla fine, nel 659, Massimo venne
condannato al taglio della lingua e delle mani.
Nel frattempo il successore di Martino, Papa Eugenio I, tentò la riconciliazione con l'Imperatore, inviando
dei legati a Costantinopoli; essi incontrarono il Patriarca Pietro, che tentò di giungere a un compromesso
con i nestoriani sostenendo che nel Cristo ci fossero due volontà per ciascuna natura, più una relativa
all'ipostasi, trasformando quindi il monotelismo in un tritelismo. Anche questa nuova dottrina, che tentava di
conciliare monotelismo e cattolicesimo, venne però rigettata dal Papa, a causa dell'aperta contestazione del
clero e del popolo romano. Costante II era pronto a rovesciare il Papa per punirlo, ma la morte improvvisa
di quest'ultimo precedette la sua vendetta. Il nuovo Papa, Vitaliano, tentò ancora la riconciliazione.
L'Imperatore rispose a questi tentativi di riconciliazione rinnovando i privilegi concessi da Giustiniano e
Foca alla Chiesa Romana in modo da ingraziarsi il clero romano e recuperare consenso in occidente.
Il 1º marzo del 666 Costante promulgò un decreto che concedeva a Ravenna l'autocefalia ecclesiastica, che
concedeva al vescovo ravennate di venire eletto senza la ratifica papale.
Nel 660 dopo aver nominato i suoi due figli co – imperatori , condannò suo fratello Teodosio che secondo
lui avrebbe avuto il diritto alla coreggenza mentre Costante voleva regnare da solo e per questo motivo
avrebbe deciso di farlo fuori. Comunque i motivi reali del fratricidio non sono ancora ben chiari agli storici.
Quel che è certo è che a causa dell‟assassinio del fratello la sua popolarità calò di molto, al punto che il
popolò iniziò a chiamarlo “caino”.
Da questo momento Costante decise di abbandonare Costantinopoli e partì prima ad Atene , dove si
trattenne per molto , poi partì per Taranto , dove cominciò una lunga guerra con i Longobardi . Scelse
Napoli come nuova residenza , ma la guerra non andava tanto bene infatti dopo le prime vittorie bizantine ,

37
l‟imperatore non poteva continuare per mancanza di fondi . Da Napoli si diresse a Roma dove fu accolto
solennemente da papa Vitaliano nell‟antica capitale che dell‟antico splendore conservava solo il ricordo .
Poi partì per la Sicilia per difenderla dagli attacchi arabi e scelse come nuova residenza Siracusa nel 665 .
Nel 668 venne ordita una congiura tra i suoi più stretti collaboratori , e venne ucciso nel bagno .

2.3) LA DIFESA DI COSTANTINOPOLI E LO SVILUPPO DEL NUOVO ORDINAMENTO


. COSTANTINO IV E GIUSTINIANO II .

COSTANTINO IV (668-685)

Dopo la morte di Costante II , gli successe sul trono il suo giovane figlio Costantino IV . Il suo regno
inaugurò un periodo di importanza fondamentale sia per la storia universale che per quella bizantina : il
regno durante il quale si avrà la svolta decisiva nella lotta bizantino araba .

Nel 670 un generale di Mu awiya occupò la penisola di Cizico , nelle immediate vicinanze della capitale
bizantina ; così il piano del califfo di occupare la capitale era molto vicino .

Nel 672 gli Arabi presero Smirne e si impadronirono della Cilicia .

Nel 674 ebbe iniziol‟azione decisiva : una squadra imponenente apparve di fronte alle mura di
Costantinopoli . La battaglia durò per tutta l‟estate e nell‟autunno la flotta araba si ritirò a Cizico . L‟anno
successivo la flotta araba assediò di nuovo la capitale e stessa cosa negli anni successivi . Ma tutti i tentativi
arabi di espugnare la più salda fortezza del mondo fallirono ; furono costretti ad abbandonare l‟impresa e
nel 678 lasciarono le acque bizantine dopo aver subito enormi perdite . Allora i Bizantini usarono per la
prima volta il fuoco greco che da allora in poi sarà l‟arma vincente dei bizantini .Fu un invenzione
dell‟architetto greco Callinico , il segreto era l‟esplosivo la cui produzione era noto solo ai Bizantini .

La flotta araba quando partì subì altre perdite a causa di


una tempesta che distrusse la flotta . Così il vecchi califfo si
vide costretto a concludere una pace trentennale , col quale
si impegnava a pagare all‟imperatore un tributo di
trentamila monete d‟oro all‟anno , più cinquanta prigionieri
e cinquanta cavalli .

38
Questa vittoria fu molto importante ; il khan degli avari riconobbe la grandezza dell‟imperatore e gli rese
omaggio.

Per la prima volta era stata fermata l’avanzata araba .

Ma l‟impero si trovò nuovi pericoli a causa dell‟irruzione nei Balcani del popolo turco dei Bulgari .

Costantino IV si accorse del pericolo e si preparò per la spedizione . Nel 680 la guerra iniziò .

Una grande armata bizantina attraversò il Mar Nero e approdò a nord della foce del Danubio ; i Bulgari
evitavano sempre lo scontro , e il terreno era anche ostico , così l‟armata bizantina esaurì senza successo le
proprie forze e dopo che l‟imperatore si era ammalato e aveva dovuto abbandonare le proprie truppe , iniziò
la ritirata . Così tra il territorio dell‟antica provinci Mesia , tra il Danubio e la catena dei Balcani , venne
così a formarsi un impero slavo – bulgaro .

In politica ecclesiastica , dopo la perdita delle province orientali , a questo punto era inutile restare fedeli
alla dottrina monotelita . Dopo essersi consultato con Roma , Costantino IV convocò un concilio che
avrebbe dovuto farla finita con il monotelismo . VI CONCILIO ECUMENICO A COSTANTINOPOLI
(680-81) : elevò a dogma la dottrina delle due energie e delle due volontà di Cristo , il monotelismo venne
condannato e i seguaci scomunicati . L‟imperatore partecipò attivamente ai lavori e alla fine fu acclamato
dall‟assemblea ecclesiastica come il protettore e anche l‟interprete della vera fede .

Nel 681 Costantino IV ebbe, perché i suoi fratelli volevano anche loro il diritto imperiale che aveva lasciato
loro il padre ; così ci fu una ribellione nel tema di Anatolia e Costantino IV intervenne subito. Fece tagliare
il naso ai fratelli e i ribelli di Anatolia furono uccisi .

Però all‟età di 33 anni Costantino IV morì nel 685 . Gli successe suo figlio Giustiniano II .

GIUSTINIANO II (685-695 , 705-711)

Egli non possedeva né l‟astuzia né la prudenza né l‟equilibrio del padre ; era un tipo passionale come il
nonno . La sua passione sfociò in un dispotismo sfrenato che non conosceva ostacoli e opposizioni .

La sua sete di gloria lo portarono a compiere azioni che gli procurarono cattiva fama , anche se aveva
grandi doti e una chiara visione dello Stato .

Grazie alle vittorie del padre sugli arabi , egli stipulò un nuovo trattato di pace che avvantaggiò di molto
l‟impero, infatti ottenne enormi tributi derivanti dall‟ entrate del Cipro , dell‟Armenia e dell‟Iberia .

Nel 688 intraprese una grande campagna contro i Bulgari e nel viaggio sottomise grandi quantità di slavi e
riuscì ad entrare a Tessalonica . Fu un grande successo , infatti celebrò la vittoria con una sollenne entrata
nella città e con donazioni alla chiesa di San Demetrio , protettore di Tessalonica . Giustiniano II trasferì gli
slavi sottomessi (circa trenta mila) in Asia minore nel tema degli Opsiciani come stratioti . Poi fece altre due
deportazioni , cioè i Mardaiti (popolo cristiano che aveva aiutato l‟impero contro gli Arabi) li trasferì nel
Peloponnesso , e gli abitanti di Cipro li trasferì nel territorio di Cizico .

39
La deportazione dei ciprioti fece infuriare il califfo . Così nel 691 si andò alla guerra . I Bizantini subirono
una pesante sconfitta a Sebastopoli e la parte bizantina dell‟Armenia passò nuovamente agli Arabi .

Questa politica colonizzatrice serviva a sviluppare l‟organizzazione dei temi , rigenerare l‟impero e
rafforzare economicamente il paese .

Giustiniano II fu un sovrano molto religioso . L'imperatore convocò a Costantinopoli il cosiddetto concilio


in Trullo, o Quinsesto, così detto perché pensato come completamento del Quinto Concilio Ecumenico del
553 e del Sesto Concilio del 680; esso, oltre a vietare i residui riti pagani (come la festa dei Brumalia e il
cantare inni in onore di Dioniso durante la vendemmia), prese decisioni in contrasto con la Chiesa di Roma,
come ad esempio che i già sposati che decidevano di diventare sacerdoti potevano continuare la loro vita
coniugale, e il divieto di digiunare il sabato. Le decisioni del concilio causarono un aperto scontro con
la Chiesa di Roma e Giustiniano inviò Zaccaria a Roma per arrestare papa Sergio I. Ma l'uso della forza
fallisce, perché impedito dalla ribellione delle truppe romane,ravennati e della Pentapoli: narra il Liber
Pontificalis, l'inviato dell'Imperatore, temendo di essere linciato dall'esercito si nascose sotto il letto del
Papa implorandogli pietà. È la prima volta che un imperatore romano non riesce a far valere la sua forza su
di un pontefice.

Un‟ altro problema riguardava la sua politica interna , che fece della piccola proprietà degli stratioti e dei
contadini liberi il pilastro fondamentale dell‟impero e non poteva essere accettata dall‟aristocrazia
bizantina .

L‟indirizzo antiaristocratico e l‟atteggiamento brusco e provocante dell‟imperatore portò la tensione al


massimo . Il fiscalismo spietato provocò l‟odio della popolazione contro i funzionari delle finanze .

Alla fine del 695 scoppiò la rivolta contro il governo e il partito degli azzurri elevò al trono imperiale
LEONZIO , lo stratega del nuovo tema dell‟Ellade . I funzionari dell‟imperatore perirono travolti dalla
furia della folla e all‟imperatore venne tagliato il naso . Giustiniano II venne esiliato a Cherson .

2.4) LA CADUTA DELLA DINASTIA DI ERACLIO

ESILIO E SECONDO REGNO DI GIUSTINIANO II

Mentre nella capitale il breve regno di Leonzio veniva rovesciato nel 698 da Tiberio Apsimaro, ammiraglio
della flotta, acclamato imperatore come Tiberio III, Giustiniano riusciva ad acquisire sempre maggiore
influenza su Cherson, suo luogo di relegazione. Secondo i cronisti Teofane e Niceforo, nel corso del 702-703
le pubbliche dichiarazioni di Giustiniano di voler diventare di nuovo imperatore preoccuparono i
proprietari terrieri locali che, timorosi che ciò potesse davvero accadere, progettarono di ucciderlo o
inviarlo all'Imperatore. Avvisato dei loro piani, Giustiniano fuggì riparando presso i Kazari, venendo
entusiasticamente accolto dal khan Ibusirus Glibanus, che gli diede in sposa la sorella, che assunse il nome
bizantino di Teodora.

40
Giustiniano si trasferì quindi nella città di Fanagoria, sulle rive del mar d'Azov. Da Costantinopoli, però,
l'imperatore Tiberio sobillò Busir(cognato di Giustiniano), in cambio di molti presenti, a consegnargli
Giustiniano, o vivo o, in caso contrario, la sua testa, e questi accettò di tradirlo. Busir inviò quindi due
ufficiali, Papatzys e Balgitzin, con l'ordine di assassinare il cognato. Questi, però, avvisato dalla moglie
Teodora, strangolò con le proprie mani i due e raggiunse quindi a Cherson i suoi sostenitori, da dove ripartì
diretto a Ovest attraverso il mar Nero.
Si presentò quindi ai Bulgari, suoi antichi nemici, venendo accolto dal khan Tervel, che gli fornì tutta
l'assistenza necessaria a riguadagnare il trono di Bisanzio, in cambio della promessa del titolo e
dell'appannaggio di Cesare, della mano della figlia di Giustiniano, Anastasia, e di cessioni territoriali.
Nella primavera del 704, dunque, Giustiniano fu in grado di presentarsi sotto le mura di
Costantinopoli forte di 15000 cavalieri bulgari. Non potendo però sperare di prendere la città con la forza,
penetrò con pochi uomini le difese attraverso un condotto idrico che passava al disotto delle fortificazioni,
congiungendosi con i suoi sostenitori all'interno della città. Nella notte le porte furono aperte e Giustiniano
prese il controllo della città.
Rompendo la tradizione che impediva l'incoronazione di chi portasse mutilazioni fisiche, Giustiniano
indossò un naso d'oro e riprese il diadema imperiale. Tiberio e il predecessore Leonzio, prelevato dalle
prigioni, vennero giustiziati assieme ad un gran numero di loro sostenitori. Il patriarca Callinico I, reo di
aver incoronato Leonzio e Tiberio, venne accecato ed esiliato a Roma. L'intero impero è pervaso da
un'ondata repressiva.

Tornato imperatore, Giustiniano incoronò Tervel quale Cesare, ottemperando a tutte le clausole del loro
accordo. Contemporaneamente, stando alle cronache di Teofane Confessore e al Chronographikon
syntomon del patriarca Niceforo I, inviò nel 705una flotta nel mar d'Azov per ottenere con la forza dal
cognato Busir la restituzione della moglie Teodora, che egli ancora teneva in custodia. Una tempesta
disperse però le navi di Giustiniano, ma Busir rispose comunque che egli era libero di reclamare la moglie,
senza bisogno di guerra, semplicemente inviando degli emissari per scortarla. Quando la moglie giunse a
Costantinopoli nel 706 recava con sé il figlio di Giustiniano, Tiberio: l'imperatore incoronò quindi la moglie
col titolo di Augusta e pose il figlio quale co-imperatore, per assicurargli la successione.
Nel 708 Giustiniano ruppe l'accordo con Tervel, muovendo guerra ai Bulgari, apparentemente per
riprendere i territori ceduti al momento dell'incoronazione; venne però sconfitto e bloccato ad Anchialo e
quindi costretto a ritirarsi. La pace con Tervel venne rapidamente ricostruita, ma nel 709-711, però, gli
Arabi attaccarono l'Asia minore, occupando la Cappadocia e molte fortezze della Cilicia, tra cui la città di
Tiana, ma la resistenza di Giustiniano fu blanda, essendo l'imperatore più interessato a punire i suoi nemici
a Cherson e soprattutto in Italia e a Ravenna. Ordinò a papa Costantino di piegarsi alle decisioni del
concilio di Trullo e contemporaneamente scatenò nel 709 una spedizione punitiva su Ravenna che si risolse
in un massacro. L'anno successivo il papa giunse quindi a Costantinopoli accogliendo alcune delle richieste
dell'imperatore e ristabilendo le relazioni con la corte.
L'imperatore si rivolse quindi alla riorganizzazione dello Stato, gettando le basi dell'organizzazione
tematica dell'impero e appoggiando i diritti dei contadini liberi e dei piccoli proprietari, che costituivano il
principale bacino di reclutamento per l'esercito.
Il governo tirannico di Giustiniano provocò però una nuova rivolta contro di lui, partita da Cherson, dove
era stato esiliato il generale Filippico Bardanes, sostenitore dei monoteliti. La città resistette contro le
truppe inviate a reprimere la rivolta, che passarono in massa dalla parte dei ribelli. Filippico mosse quindi
su Costantinopoli, assediandola. Giustiniano, che, dopo aver chiesto aiuti a Tervel contro l'usurpatore
(3.000 soldati bulgari furono inviati come rinforzi), si trovava in quel momento con le truppe in marcia
verso il Ponto, marciò quindi a tappe forzate per soccorrere la città, ma non riuscì a raggiungerla in
tempo. Forte dell'appoggio degli oppositori di Giustiniano, terrorizzati all'idea del ritorno dell'imperatore,
Filippico era entrato in città, venendo proclamato nuovo basileus.
Giustiniano venne arrestato e giustiziato ancora fuori dalla città nel dicembre del 711 e la sua testa
mozzata consegnata come trofeo a Filippico. Quando seppe dell'accaduto, la madre di Giustiniano cercò di
portare al sicuro il nipote sedicenne e co-imperatore Tiberio, nel santuario di Santa Maria delle Blacherne,

41
ma gli emissari di Filippico li raggiunsero e trascinarono il ragazzo, che si era disperatamente aggrappato
all'altare, fuori dalla basilica, uccidendolo e ponendo così fine alla dinastia dei discendenti di Eraclio. La
testa mozzata di Giustiniano venne in seguito inviata a Roma e Ravenna per essere esposta alla vista del
popolo.
Con la morte di Giustiniano II finisce così la dinastia di Eraclio . Quest‟epoca fu ricca di guerre eroiche ,
però è povera in fatto di vita culturale , di attività letteraria e artistica . Infatti con la scomparsa del vecchio
ceto aristocratico si estingue anche la vecchia cultura da essa incarnata , e dopo lo splendore e la ricchezza
della letteratura e dell‟arte al tempo di Giustiniano , segue nel VII secolo un periodo di aridità culturale . La
vita bizantina assume un carattere mistico ed ascetico .
L‟impero romano universale appartiene ora al passato . Mentre in Occidente si formano regni germanici ,
Bisanzio , pur restando sempre aderente alle idee statali ed alle tradizioni romane , diviene un impero
medievale greco . La cultura e la lingua ( che raggiunse la vittoria definitiva in Oriente dopo la romanità
artificiosa dell‟epoca transitoria paleo bizantina) dà a questo impero un suo proprio sigillo e ne indirizza lo
sviluppo in una nuova direzione .

3) L’ETA’ DELLA CRISI ICONOCLASTICA (711-843)

42
3.1) LA LOTTA PER IL TRONO

FILIPPICO BARDANE (711-13)

Filippico, in quanto sostenitore del monotelismo, si oppose alle decisioni prese nel VI concilio ecumenico in
cui era stata condannata l'eresia monotelitica; a testimonianza della sua opposizione distrusse un dipinto
nel suo palazzo raffigurante il VI concilio e scrisse al Papa una lettera intrisa di accenti monoteliti .
Allora Papa Costantino, infuriato, stabilì che il nome dell'imperatore non venisse più nominato nelle
datazioni e nelle funzioni religiose e, in risposta alla distruzione del dipinto, collocò nella Chiesa di San
Pietro opere d'arte che raffiguravano i primi sei concili.
Il re dei Bulgari Terbel tentò di vendicare il suo amico Giustiniano II, e per questo, dopo aver saccheggiato
la campagna circostante, i Bulgari arrivarono fino alle porte di Costantinopoli nel 712. Nel frattempo
i Musulmani invasero l'Asia Minore. Per respingere i Bulgari, Filippico chiamò in suo soccorso le truppe
del tema di Opsikion, ma queste si rivoltarono e lo rovesciarono. Il conte del tema Opsiciano imprigionò
Filippico e lo fece accecare (3 giugno 713). Il conte fu sopraffatto dal protoasekretis Artemio, che lo accecò
a sua volta con l'accusa di tradimento e si fece proclamare imperatore con il nome di Anastasio II.

ANASTASIO II (713-15)

Gli opsiciani proclamarono imperatore un civile Anastasio II . Come primo provvedimento fu la revoca delle
azioni di Filippico e quindi il solenne riconoscimento del VI concilio ecumenico .

Poi dovette occuparsi degli Arabi che continuavano a pressare . Come punto di raccolta delle forze
bizantine l‟imperatore scelse l‟isola di Rodi ; ma appena i soldati di Opsikion vi giunsero , inalberarono di
nuovo la bandiera della ribellione . Invece della guerra con gli Arabi si giunse ad una nuova guerra civile
che durò ben 6 mesi , finchè gli Opsiciani con l‟appoggio dei Gotogreci (ostrogoti grecizzati) riuscirono
verso la fine del 715 a porre il loro candidato , l‟esattore dei tributi Teodosio (che in un primo momento era
fuggito , non voleva assumere questo importante incarico) , sul trono di Costantinopoli , mentre Anastasio si
ritirò a Tessalonica .

TEODOSIO III (715-717)

Teodosio III fu un imperatore molto debole , infatti accettò l‟incarico solo per paura della morte . Nel suo
regno però si fece tanta strada Leone lo stratego del tema anatolico . Infatti gli fu dato questo incarico da
Anastasio II . L‟Anatolia era una delle province più grandi e importanti dell‟impero e così Leone si servì di
questa carica come del trampolino di lancio per impossessarsi del trono . Dopo la caduta di Anastasio II si

43
sollevò contro il debole Teodosio . Si alleò con Artavasde , lo stratego del tema armenico , promettendogli
la mano della figlia . L‟esito della lotta era scontato tanto più che Leone possedeva forze maggiori . Leone
attraversò il tema dell‟Opsikion e prese in ostaggio il figlio dell‟imperatore . Così vennero aperte le
trattative tra il debole imperatore e l‟usurpatore . Dopo aver ottenuto per sé i propri figli , Teodosio III
depose la corona e si ritirò ad Efeso .

Il 25 marzo 717 Leone entrò a Costantinopoli e venne incoronato imperatore a Santa Sofia .

Così si concludeva il periodo delle lotte per il trono in cui in 20 anni l‟impero aveva assistito a 7 violenti
cambiamenti di governo .

3.2) LA CONTROVERSIA ICONOCLASTICA E LE GUERRE CONTRO GLI


ARABI : LEONE III

LEONE III (717-741)

44
Il primo e più urgente compito del nuovo imperatore fu la difesa contro il pericolo arabo .

Nell‟agosto del 717 Maslam fratello del califfo era già sotto le mura di Costantinopoli .

I Bizantini riuscirono come 40 anni prima a vincere dopo una lotta accanita e riuscirono ad incendiare la
flotta araba per mezzo del fuoco greco . Nel 718 l’assedio sotto le mura di Costantinopoli fu tolto , causa
anche un‟insopportabile carestia che causò numerosissime vittime . Ben presto la guerra ricominciò .

Nel 726 gli Arabi irruppero ogni anno in Asia minore , occuparono Cesarea e Nicca . Solo nel 740 ci fu la
grande vittoria di Leone III presso Akroinos , e riuscì a porre fine a questa calamità .

Ad aiutare l‟impero fu il popolo dei Kazari , infatti Leone III per saldare l‟alleanza nel 733 preparò le nozze
del figlio Costantino con una figlia del khan dei Kazari .

Questa lotta contro gli Arabi aveva messo in serio pericolo l‟esistenza dell‟impero e per questo motivo la
vittoria di Leone III fu molto importante .

Leone III perfezionò il sistema amministrativo dei temi : il tema anatolico fu diviso in due parti e nacque
così il tema dei Trachesi ; il tema dell‟Opsikion fu diviso anch‟esso in due parti e nacque così il tema dei
Bucellarii . Questa divisione dei temi portò ad una maggiore elasticità dell‟apparato amministrativo e
quindi anche ad un perfezionamento del sistema .

Nel 726 Leone III pubblicò l‟Ekloge che segna una svolta nella storia della codificazione giuridica
bizantina. L‟Ekloge ci offre una selezione delle più importanti norme vigenti in diritto privato e penale con
particolare attenzione al diritto familiare ed ereditario . Lo scopo era di offrire al giudice un manuale di
diritto che per esigenze pratiche potesse sostituire i vasti e difficili libri di Giustiniano I .

La controversia iconoclastica aprì un nuovo _ affatto caratteristico _ capitolo della storia bizantina .
L‟opposizione di Leone III al culto delle immagini diede inizio alla crisi che segna della sua impronta tutto
questo periodo e che fa dell‟impero il teatro di lotte intestine durate più di un secolo . La crisi si preparava
lentamente . Il fatto che essa abbia assunto la forma di una controversia sulle immagini è determinato dal
particolare valore simbolico che i Bizantini attribuivano ad esse . Nella Chiesa greca il culto delle
immagini dei santi aveva raggiunto negli ultimi secoli , particolarmente nell‟età post – giustinianea , una
sempre maggiore diffusione ed era diventata una delle forme principali in cui si esprimeva la religiosità
bizantina .

Da molto tempo nelle province orientali erano già contrarie al culto delle immagini e si sviluppò la setta dei
pauliciani che era contraria a ogni culto ecclesiastico . Ma fu solo il contatto con il mondo arabo e le
influenze ebre a far divampare l‟opposizione al culto delle immagini . Il fatto che Leone III aveva
perseguitato gli ebrei costringendoli a fare il battesimo, non esclude la possibilità che egli sia stato
influenzato dalla religione mosaica e dal loro rigoroso divieto delle immagini . L‟influenza araba fu molto
importante , poiché da decenni percorrevano in lungo e largo l‟Asia minore , non portarono solo la spada
ma anche la loro cultura . La lotta contro il culto delle immagini ebbe il suo primo annunzio nel regno degli
Omayyadi , che parecchi anni prima dei tumulti iconoclasti in Bisanzio aveva preso misure contrarie al
culto iconico . Contemporaneamente in Asia minore si rafforzò la corrente anticonica e si formò un partito
iconoclasta . Alla sua testa stavano alti rappresentanti del clero orientale come Tommaso di Claudiopoli e
soprattutto il vescovo Costantino di Nacolea .

Così Leone III cominciò ad associarsi a questo movimento .

45
Nel 726 Leone III si pronunciò per la prima volta pubblicamente contro il culto iconico . Ciò fu dovuto alla
pressione che facevano su di lui i vescovi d‟oriente , ma l‟ultima spinta a deciderlo sembra essere stato un
forte terremoto che egli considerò come un segno dell‟ira divina .

Così fece cacciare l‟immagine di Cristo sopra la Porta Bronzea del palazzo imperiale .

Il popolo della capitale si infuriò e uccisero l‟ufficiale imperiale incaricato . Ma più importante fu la
reazione in Grecia . Infatti il tema Ellade nominò un antimperatore e mandò la sua flotta a Costantinopoli .
L‟imperatore però riuscì subito a reprimere l‟insurrezione . Questi anni per Leone III erano anni di
trattative con i più importanti capi religiosi , ma papa Gregorio II e il patriarca di Costantinopoli Germano
rifiutarono la sua teoria . Altro maggiore avversario fu Giovanni Damasceno , il più grande teologo del suo
secolo , che pubblicò un‟opera costituita da tre orazioni in difesa del culto delle immagini .

Quindi per Leone non restò altra via che quella della forza .

Emanò un editto col quale si ordinava la distruzione di tutte le immagini di culto . Il 17 gennaio 730
convocò un‟assemblea con tutti i capi religiosi , il silentium , e sottopose l‟editto alla sua approvazione .
Germano si rifiutò e così fu deposto e salì al seggio patriarcale Anastasio che era disposto ad aderire alla
teoria dell‟imperatore . Così le icone vennero distrutte e i loro adoratori perseguitati . Leone III non riuscì
però a far aderire la lontana Italia . Il successore di Gregorio II , Gregorio III si vide costretto a
condannare l‟iconoclastia bizantina . Così ci fu l‟inevitabile rottura .

Così nonostante la gloria che Leone III si era conquistata con la vittoria sugli Arabi , gli eccessi
dell‟iconoclastia avevano distrutto la sua popolarità .

Nel 741 Leone III morì e gli succedette al trono Costantino V .

3.3) L‟ICONOCLASTIA E LE GUERRE CONTRO I BULGARI : COSTANTINO V

COSTANTINO V (741-775)

Non era passato neanche un anno dalla sua ascesa al trono , che un antimperatore si sollevò contro di luie
gli usurpò il trono per parecchi mesi . Questi era Artvasde , lo stratega del tema armeno che aveva aiutato
Leone III a diventare imperatore e che in ricompensa aveva ricevuto la mano della figlia e il comando di
tutte le forze militari . Egli si presentò come campione del culto delle immagini .

Nel 742 Costantino , durante una campagna contro gli Arabi , mentre attraversava il tema Opsikion , venne
improvvisamente attaccato da Artavasde e fu sconfitto . Così Artavasde si fece proclamare imperatore e
venne appoggiato da quasi tutti i funzionari della Capitale . Artavasde marciò con la sua armata a
Costantinopoli e ottenne la corona da Anastasio e nominò co – reggente suo figlio maggiore Niceforo e
comandante delle forze armate suo figlio minore Niceta e lo mandò nel tema armeno . Intanto Costantino V

46
era fuggito ad Amorio dove ricevette un‟accoglienza entusiastica . Anche il tema anatolico si mise dalla
parte del giovane imperatore . I due temi dell‟Opsikion e Armeno erano con l‟antimperatore e così
attaccarono l‟imperatore. Dopo un breve assedio Costantino V sconfisse duramente l‟antimperatore a Sardi
nel 743. Artavasde e i suoi figli vennero accecati nell‟ippodromo . I loro sostenitori in parte uccisi , in parte
accecati o mutilati .Il patriarca Anastasio fu umiliato nell‟ippodromo , fu messo su di un asino , ma potè
conservare la sua carica . Costantino V così fu un generale e un iconoclasta più convinto e più deciso del
padre . La smisurata crudeltà con cui perseguitò e torturò i nemici non derivava da rozzeria primitiva ma
dalla sua morbosa ipertensione . Fu però un grande stratega e molto astuto , pieno di coraggio ,tanto che
successivamente diventò l‟idolo dei soldati grazie alle vittorie sugli Arabi e sui Bulgari .

La dinastia araba degli Omayyadi era in crisi e si avviava verso il tramonto , infatti ci fu una dura guerra
civile e così nel 750 presero il loro posto la dinastia degli Abbasidi . Ci fu anche il trasferimento della
capitale da Damasco alla lontana Baghdad .

Nel 746 Costantino V cominciò l‟offensiva , occupando Germanicea in Siria settentrionale .

Anche in mare ottenne una grande vittoria , nel 747 annientando la flotta araba presso Cipro . Ancora più
importanti furono le vittorie in Armenia nel 752 dove furono occupate le fortezze confinarie , Teodosiopoli e
Melitene . Così dopo diversi secoli Bisanzio in Oriente non era più l‟aggredito ma l‟aggressore .

Importante fu il concilio che convocò nel palazzo imperiale di Hiera nel 754
dove erano presenti 338 vescovi che si dichiararono tutti favorevoli
all‟iconoclastia . Si dichiarava che i sostenitori del culto delle immagini
cadevano fatalmente nella eresia monofisita o nestoriana , in quanto
nell‟immagine , o vedevano la sola natura umana di Cristo , o la sola
natura divina . Così vennero resi pubbliche le risoluzioni del sinodo che nel

47
modo più severo vietava le immagini di culto , ordinava la distruzione di tutte le statue di culto e infliggeva
la scomunica ai sostenitori del partito ortodosso , tra cui il patriarca Germano e Giovanni Damasceno .
L‟imperatore si dispose a espletare questo compito col ferro e col fuoco .

Ma la sua fanatica volontà di distruzione incontrò un‟opposizione altrettanto fanatica . Ne nacque una lotta
molto dura . Il partito d‟opposizione si schierò attorno all‟abate Stefano del Monte Auxentios che conquistò
molti seguaci . I tentativi dell‟imperatore di convincere Stefano fallì , e così fu ucciso nel 767 crudelmente
dal popolaccio infuriato . I monaci vennero perseguitati e molti monasteri vennero chiusi , sostituiti da
caserme militari . Molti monaci fuggirono nel sud Italia dove fondarono molti monasteri e scuole , creando
così nuovi centri di cultura greca .

Un nuovo problema per i bizantini era costituito dall‟occidente infatti , l'esarcato bizantino di Ravenna era
in grave pericolo, minacciato dal re dei Longobardi Astolfo. Questi, riorganizzato e rafforzato
l'esercito, passò immediatamente all'offensiva contro i territori italiani ancora soggetti (anche se più di
nome che di fatto) all'Impero bizantino. Nel 750 invase da nord l'Esarcato occupando Comacchio e Ferrara;
nell'estate del 751 riuscì a conquistare l'Istria e poi la stessa Ravenna, capitale e simbolo del potere
bizantino in Italia. Si insediò nel palazzo dell'esarca, che venne parificato al palazzo regio di Pavia come
centro del regno longobardo. Costantino V tentò di recuperare l'esarcato con la forza della diplomazia
inviando ambasciatori presso Astolfo nel tentativo di spingerlo a restituire i territori conquistati all'Impero,
ma ovviamente l'ambizioso re longobardo non era disposto a rinunciare alle sue conquiste e ambiva a
conquistare anche Roma, minacciando apertamente il Papa; il Pontefice allora decise di rivolgersi ai
Franchi, all'epoca governati da Pipino il Breve. Il re franco accettò la richiesta di aiuto del pontefice e
discese due volte in Italia (754 e 756), sconfiggendo Astolfo e costringendolo a cedere Esarcato e Pentapoli
al Papa invece che all'Impero. Costantino V ovviamente protestò e inviò due messi presso il re franco,
pregandolo di restituire l'Esarcato al legittimo padrone, ovvero l'Impero d'Oriente; ma Pipino rispose
negativamente, congedando i due ambasciatori. Nacque così il potere temporale dei Papi e lo Stato della
Chiesa.
Successivamente l'Imperatore tentò di convincere il re franco a rompere l'alleanza con il Papa, restituire
l'Esarcato ai Bizantini, e dare sua figlia Giselle in sposa al figlio di Costantino Leone. Di fronte al rifiuto di
Pipino, che rimaneva fedele al Papa, l'Imperatore cercò di accordarsi con il nuovo re dei
Longobardi Desiderio per riprendersi l'Esarcato, ma nonostante l'accordo si fosse raggiunto, l'impresa fallì.
In compenso i Bizantini riuscirono a riconquistare Otranto (758). La caduta del Regno longobardo ad opera
di Carlo Magno (774) fece definitivamente tramontare i progetti bizantini di riconquista della penisola
italiana. Adelchi, il figlio dell'ultimo re longobardo, si rifugiò a Costantinopoli dove ottenne il rango di
patrizio e il nome greco di Teodato.

Mentre il pericolo arabo diventava sempre meno grave , il problema che venne a porsi in primo piano fu
quello bulgaro. Così cominciavano le grandi guerre tra Bisanzio e la Bulgaria .

Costantino V, nel corso del suo regno, condusse ben nove campagne contro i Bulgari, che nel 756 avevano
invaso l'Impero. Il casus belli di questa prima invasione bulgara fu la decisione di Costantino V di costruire
nuove fortezze al confine con la Bulgaria, cosa che ovviamente danneggiava gli interessi dei Bulgari; il khan
intimò quindi all'Imperatore di distruggere le nuove fortezze e al suo rifiuto invase la Tracia bizantina.

Nel 762 venne eletto khan dei Bulgari Teletz, fortemente anti-bizantino, che riprese le ostilità con l'Impero,
invadendo la Tracia bizantina. L'imperatore rispose a quest'irruzione conducendo di persona un esercito nel
territorio nemico; qui il 30 giugno 763 inflisse una pesantissima sconfitta ai Bulgari: la vittoria venne
celebrata dall'Imperatore con un ingresso trionfale a Costantinopoli e con giochi e feste all'Ippodromo. In
seguito alla morte di Teletz in una rivolta, la Bulgaria cadde nell'anarchia, e l'Imperatore cercò di
approfittarne intraprendendo due spedizioni contro la Bulgaria, nel 764 e nel 765: se la prima spedizione fu

48
vittoriosa, la seconda fu un fallimento a causa del vento avverso che causò la distruzione di quasi tutta la
flotta imperiale.

La Bulgaria si risollevò dall'anarchia solo nel 770, quando, con l'ascesa al potere di Telerig, divenne di
nuovo una temibile minaccia. Telerig invase la Macedonia nell'ottobre del 773 ma venne duramente
sconfitto dai Bizantini. La vittoria fu festeggiata con grande fasto a Costantinopoli. Nonostante questi
trionfi, Costantino non riuscì mai a imporre al nemico una pace perpetua. Fece un ulteriore tentativo
nel 775, ma mentre si apprestava alla partenza per la campagna, fu colpito da una forte febbre e da un
gonfiore che colpì le gambe; preoccupato per le sue condizioni di salute, l'Imperatore si recò ad
Arcadiopoli, dove comprese che non sarebbe sopravvissuto a questa malattia; morì infatti il 14
settembre 775 di malattia e la sua morte venne considerata dagli avversari come un segno divino.

Nonostante la controversia iconoclastica, le sue vittorie contro i Bulgari non vennero mai dimenticate:
quando, all'inizio del IX secolo, Costantinopoli si trovò nuovamente sotto la minaccia dei Bulgari, il popolo
della città si raccolse attorno alla tomba di Costantino V, implorandolo di uscirne per salvare nuovamente
l'Impero.

3.4) IL DECLINO DELL’ICONOCLASTIA E IL RITORNO ALLA VENERAZIONE


DELLE ICONE

LEONE IV (775-780)

Il breve regno di Leone segna il periodo di transizione tra l‟apogeo dell‟iconoclastia di Costantino V e la
restaurazione del culto delle immagini sotto Irene .
Nel 777 Thumama, figlio del califfo omayyade al-Walī I, invase l'Anatolia, da cui si ritirò con molti
prigionieri. L'anno successivo, però, Leone reagì con una controffensiva: un esercito bizantino - si dice
addirittura di 100.000 uomini - condotto da Michele Lecanodracone e da altri strateghi, invase la Siria e
pose assedio a Germanicea, che sarebbe caduta se Lecanodracone non avesse ricevuto presenti dagli Arabi
per ritirarsi. Devastò i suoi dintorni, e catturò numerosi eretici giacobiti, sconfiggendo e uccidendo in una
battaglia 2.000 arabi. L'Imperatore, soddisfatto, concesse ai generali il trionfo, e deportò gli eretici siriani
in Tracia. L'anno successivo gli Arabi condussero una controffensiva in Anatolia, ma l'Imperatore si era
premurato di rinforzare le fortezze con forti guarnigioni, così gli Arabi furono costretti a ritirarsi per
mancanza di rifornimenti senza aver ottenuto nulla. Nel 680 però compirono un altro raid, invadendo
l'Armeniakon e impadronendosi di una fortezza, anche se Michele Lecanodracone riuscì a ottenere una
vittoria su un piccolo esercito arabo.
Nel 777 Telerigos, re dei Bulgari, cercò rifugio presso l'Imperatore, che lo fece battezzare, lo nominò
patrizio e lo fece sposare con un cugino di sua moglie Irene.
Contrattaccò i Bulgari nel 777 e combatté gli Arabi dal 778 al 779 espandendo sempre più la potenza
dell'Impero bizantino.

49
Come prima di lui per il padre e per il nonno Leone III, uno dei problemi maggiori da affrontare era sempre
quello religioso: egli fu nei primi anni iconoclasta moderato, reinstaurando anche il Patriarca di
Costantinopoli e smettendo le persecuzioni contro i monaci (anzi molti monaci ottennero sotto il suo regno
cariche ecclesiastiche di prestigio).

La sua politica moderata sembra essere dovuta all'influenza della moglie Irene, sposata nel 768, che era
iconodula e quindi contraria all'iconoclastia. Nominò come coimperatore e successore il figlio Costantino il
24 aprile 776, dopo aver obbligato senato, esercito e ceti cittadini a giurare lealtà al figlio.

Nel 780 tuttavia riavviò le persecuzioni contro gli iconoclasti, anche se rispetto a quelle del padre fu una
persecuzione moderata. Nello stesso anno scoprì che alcuni suoi funzionari avevano procurato delle icone
alla moglie iconodula Irene e reagì con ira destituendo i funzionari rei di tale atto e smettendo di dormire
nello stesso letto della moglie. Morì apparentemente per un malore l'8 settembre 780, mentre provava una
corona che originariamente era custodita in Santa Sofia; probabilmente era stato avvelenato dalla moglie
Irene e dagli altri iconoduli. Gli succedette il figlio Costantino, di soli 9 anni, sotto la reggenza di Irene.

COSTANTINO VI (780-797) , IRENE (797-802)

Nominato dal padre coimperatore il 24 aprile 776, alla sua morte gli succedette. Avendo soli 9 anni, fu posto
però sotto la reggenza della madre Irene. Il suo trono fu subito minacciato dai cinque fratelli
dell'Imperatore Leone IV: Niceforo, Cristoforo, Niceta, Antimo e Eudocimo. Essi erano delusi per il fatto
che erano stati scavalcati nella successione dal nipote Costantino dopo essere stati illusi dalla nomina
a Cesare o Nobilissimi. Essi dunque, dopo soli due mesi dall'ascesa di Costantino VI, si rivoltarono
appoggiando le pretese di Niceforo al trono. La rivolta, a quanto pare appoggiata dagli iconoclasti, fallì e
Irene punì i cinque cognati costringendoli a farsi preti.
Irene nel frattempo affidò l'esercito al logoteta postale Stauracio e nel 781 lo mandò contro gli Arabi che
avevano invaso l'Anatolia nordoccidentale. Tuttavia, a causa di un tradimento, Stauracio venne fatto
prigioniero dai Musulmani per poi essere riscattato da Irene, che non intendeva rinunciare a lui. I Bizantini
furono costretti a pagare tributi agli Arabi. Successivamente Irene inviò il suo fido Logoteta contro gli Slavi,
e ben presto Stauracio riuscì a conquistare alcuni territori nella Tracia che permise a Irene di creare un
nuovo tema di Macedonia nei territori appena conquistati.
Nel 784 Irene diede inizio al suo piano per abolire l'iconoclastia. Convinse il patriarca Paolo a dimettersi
(31 agosto 784) e lo sostituì con uno fedele a lei, Tarasio (25 dicembre 784). Appena eletto, il nuovo
patriarca iniziò subito a fare i preparativi per un nuovo concilio che avrebbe condannato l'iconoclastia, che
si tenne il 31 luglio 786. Tuttavia il Concilio fu sospeso per l'irruzione nella Chiesa dove si teneva il concilio
di truppe iconoclaste che, disperdendo l'assemblea riunitosi, rese impossibile lo svolgimento del concilio.
Irene non si demoralizzò e, con il pretesto di una guerra contro gli Arabi, inviò le truppe iconoclaste in Asia
Minore in modo che non potessero più rovinare i suoi piani, mentre trasferì nella capitale quelle iconodule.
Nel 787 dunque si tenne il settimo Concilio Ecumenico a Nicea, che condannò l'iconoclastia.
Nel 787 Irene stipulò un'alleanza con Carlo Magno e progettò il matrimonio tra la figlia di costui, Rotrude,
e il proprio figlio, ma il piano fallì e Costantino sposò Maria, la figlia di un piccolo nobile bizantino.
Nonostante Costantino VI avesse raggiunto la maggiore età, Irene continuava ad amministrare al suo posto
gli affari di stato, cosa che Costantino non accettava più. Dando la colpa di ciò a Stauracio, nel 790
Costantino ordì una congiura contro di lui ma Irene riuscì a soffocare la congiura e fece arrestare il figlio.
Irene tentò quindi di convincere l'esercito a legittimarle il potere assoluto sullo stato (anche se Costantino

50
VI, nei piani di Irene, sarebbe rimasto comunque coimperatore), ma pur ottenendo l'appoggio delle truppe
della capitale, l'opposizione delle truppe anatoliche (favorevoli all'iconoclastia e dunque a Costantino VI) le
impedì la realizzazione dei suoi piani, anzi nominò unico imperatore Costantino VI (ottobre 790)
costringendo l'ambiziosa imperatrice ad abbandonare il palazzo imperiale. Due anni dopo tuttavia, grazie
all'appoggio dei suoi partigiani, Irene riuscì di nuovo a ottenere il titolo di imperatrice, regnando insieme al
figlio.
A partire dal 789 Costantino VI condusse alcune campagne contro i Bulgari. Nel 792 l'Imperatore subì un
umiliante sconfitta contro i Bulgari a Marcellae, nella quale l'Imperatore fu costretto alla fuga e molti dei
più importanti generali bizantini vennero catturati. Costantino VI fu costretto a pagare tributi ai Bulgari, e
la sua popolarità diminuì. Ne approfittò lo zio Niceforo, che provò a usurpare il trono al nipote: ma
Costantino VI riuscì a sventare la congiura punendo con severità gli zii: a Niceforo vennero cavati gli
occhi mentre agli altri zii paterni venne tagliata la lingua. A rendere più difficile la situazione contribuì una
rivolta del tema armeno (primavera del 793), che Costantino VI riuscì comunque a sedare: punì i ribelli con
estrema crudeltà, procurandosi l'ostilità di quei temi.
A contribuire a un calo di popolarità anche tra gli ortodossi, vi fu anche la decisione di divorziare dalla
prima moglie per sposare Teodota, che era divenuta la sua amante. Costantino cercò di convincere il
Patriarca a concedergli il divorzio sostenendo che la moglie avrebbe tentato di avvelenarlo e mostrandogli
un liquido che spacciava per veleno come prova del fatto. Il patriarca però si accorse della falsità
dell'accusa e si rifiutò di annullare il matrimonio, minacciando l'Imperatore di scomunica se avesse
divorziato e sposato Teodota. Tuttavia Costantino non diede ascolto al patriarca e divorziò da Maria, che
venne spedita in un monastero, per poi sposare Teodota (settembre 795). Il patriarca si rifiutò di celebrare il
matrimonio, affidando tale compito ad un altro ecclesiastico, ma decise opportunisticamente di non
scomunicare il basileus. Il matrimonio di Teodota suscitò soprattutto l'opposizione degli Zeloti, un gruppo
monastico radicale, alla quale l'Imperatore reagì con la scomunica dei suoi capi. Gli Zeloti criticarono il
Patriarca per il suo atteggiamento opportunistico con Costantino VI, rompendo ogni rapporto con il
patriarcato.
Sembra che tutti questi provvedimenti che avevano reso Costantino VI inviso all'opinione pubblica fossero
dovuti all'influenza della madre Irene, che aveva fatto in modo, tramite cattivi consigli e intrighi, che il figlio
prendesse decisioni impopolari perdendo così l'appoggio di tutti i suoi sostenitori: fu infatti lei a spingere
Costantino a ordinare l'accecamento del generale Mosele, provocando la rivolta delle truppe armene di cui
sopra; ma fu anche Irene a suggerire al figlio di punire con estrema crudeltà gli zii ribelli, come fu sempre
lei a suggerirgli di divorziare per sposare Teodota (damigella d'onore di Irene), rendendolo impopolare
anche tra gli Ortodossi.
Nel ottobre del 796 Costantino VI, all'epoca a Prusa, raggiunse la moglie, che aveva appena partorito un
figlio nel Sacro Palazzo di Costantinopoli, lasciando la madre sola e permettendole di ordire una congiura
con i principali ufficiali di guardia. Nel marzo del 797 Costantino VI intraprese una spedizione contro gli
Arabi; la madre e gli altri congiurati non potevano permettere però che il figlio riguadagnasse popolarità
con un successo militare, quindi con intrighi vari fecero in modo che la campagna fallisse.[4]
In un momento in cui Costantino VI era estremamente impopolare, Irene ne approfittò per deporlo conscia
che non avrebbe trovato opposizioni. Il 17 luglio 797 Costantino VI venne aggredito mentre tornava nel
Palazzo Mamante dai cospiratori che tentarono di arrestarlo; l'Imperatore riuscì però a fuggire e a bordo di
un battello riuscì a raggiungere la sponda asiatica. Qui venne però arrestato e portato a Costantinopoli
dove il 15 agosto 797 venne accecato nella stessa sala dove era stato battezzato; morì poco dopo per le
conseguenze del trattamento subìto. Irene continuò a governare come unica imperatrice.
Essendo la prima imperatrice bizantina ad essere imperatrice regnante e non imperatrice consorte, assunse
il titolo di basileus (imperatore/re) al posto di quello di basilissa (imperatrice/regina).
Per non perdere popolarità Irene mitigò l'imposizione fiscale, abolendo la tassa cittadina a Costantinopoli
(che era molto alta), riducendo i dazi che i mercanti erano tenuti a pagare nei porti di Costantinopoli e
favorendo i monasteri, che appoggiavano la sua politica. Questa politica fiscale, pur garantendole
popolarità, danneggiò il sistema erariale bizantino.

51
Irene dovette affrontare il problema della successione al trono, che alla sua morte sarebbe rimasto vacante:
dei figli di Costantino VI, l'unico maschio ancora in vita era nato dopo l'accecamento del sovrano e dunque
era considerato bastardo e in quanto tale impossibilitato a succedere a Irene. I due eunuchi che
consigliavano Irene, Stauracio ed Ezio, si contesero la successione, ambendo entrambi a porre sul trono di
Bisanzio uno dei loro parenti. Ezio e Stauracio erano acerrimi nemici e ognuno cercava di provocare la
caduta in disgrazia dell'altro, con intrighi vari.
Il fatto che il trono "romano" fosse occupato da una donna spinse il Papa a considerare il trono "romano"
vacante, nominando "Imperatore dei Romani" il re dei Franchi e dei Longobardi Carlo Magno, il giorno di
natale dell'anno 800. La nascita di un nuovo Impero d'Occidente non fu ben accolta dall'Impero d'Oriente
che tuttavia non aveva i mezzi per intervenire. Così mentre in Occidente salì al trono uno degli imperatori
più forti e importanti del Medioevo , Bisanzio era governata da una donna e 2 eunuchi . Nell'802 Carlo
Magno tentò di risolvere il problema inviando dei messi a Costantinopoli per proporre a Irene di sposarlo in
modo da «riunificare l'Oriente e l'Occidente». Tuttavia le negoziazioni non andarono a buon fine perché
nello stesso anno l'Imperatrice Irene fu detronizzata da una congiura che pose sul trono Niceforo I. Mentre
Irene si trovava in villeggiatura nel palazzo di Eleuterio, i congiurati approfittarono della sua assenza per
presentarsi al Sacro Palazzo con ordini contraffatti dell'Imperatrice che intimavano di nominare Imperatore
Niceforo affinché le fosse di aiuto nel combattere Ezio. I soldati a guardia del palazzo non dubitarono
dell'autenticità dell'ordine e consegnarono il palazzo ai congiurati, che sparsero la voce della
proclamazione a Imperatore di Niceforo I, mentre Irene veniva arrestata e segregata nel Sacro Palazzo.
Nonostante le promesse di Niceforo, che le aveva garantito che l'avrebbe trattata «come si addice a una
basilissa», Irene venne segregata dapprima in un monastero nell'Isola dei Principi e poi (novembre 802)
nell'isola di Lesbo e quivi morì il 9 agosto 803.

3.5) LE RIFORME DI NICEFORO I E LE DIFFICOLTA’ IN POLITICA ESTERA :


BISANZIO E KRUM

52
NICEFORO I (802-811)

Con Niceforo I , l‟impero ebbe di nuovo un sovrano capace alla sua testa . Rimase fedele alla politica
iconodulia di Irene . Tuttavia la sua politica suscitò sia il risentimento dei monaci (danneggiati dalla sua
politica fiscale) sia degli Zeloti, che non avevano approvato la nomina da parte dell'Imperatore del letterato
laico Niceforo a patriarca volendo come patriarca il loro capo Teodoro Stilita. La decisione imperiale di
riconoscere legittimo il matrimonio tra Costantino VI e Teodota non fece altro che peggiorare i già aspri
rapporti tra Imperatore e Zeloti, e questi ultimi finirono per essere perseguitati.

Il compito principale dell‟imperatore era quello di riordinare l‟economia dell‟impero e di riequilibrare le


condizioni finanziarie scosse dalla politica irresponsabile dei governi precedenti . I provvedimenti fiscali
intrapresi da Niceforo furono criticati da Teofane che li chiama i "dieci misfatti di Niceforo":

1. costrinse gli abitanti dei temi dell'Asia Minore a vendere i loro possedimenti e a trasferirsi nelle
Sclavinie.
2. costrinse gli abitanti dei villaggi a pagare una tassa di 18,5 numismata che serviva allo stato per
comprare l'equipaggiamento ai soldati poveri che non se lo potevano permettere.
3. l'imposizione di una tassa di due keratia per l'iscrizione nell'elenco dei contribuenti
4. annullò tutti gli sgravi fiscali stabiliti da Irene
5. costrinse i monasteri e agli istituti di beneficenza a pagare una tassa, il focatico
6. gli uomini diventati ricchi all'improvviso venivano esaminati dagli ufficiali e oppressi
7. tutti coloro che nei precedenti 20 anni avevano scoperto tesori venivano privati del loro denaro
8. tasse sull'eredità e l'imposizione agli schiavi di una tassa di due nomismata
9. l'imposizione da parte dei soldati dei temi marittimi di comprare della terra "per tassarli"
10. costrinse gli armatori di Costantinopoli a contrarre prestiti con lo stato di 12 libbre d'oro con un
tasso di interesse di 4 keratia per nomisma (16,66 %) .

Prese importanti misure per migliorare il sistema militare il cui fondamento erano gli stratioti , contadini
soldati . La proprietà dei soldati , che costituiva la loro base economica di sostentamento , doveva
ammontare ad un valore di almeno 4 libbre d‟oro , giacchè lo stratiota quando veniva chiamato a prestare
servizio militare doveva presentarsi equipaggiato e con un cavallo . Siccome non tutti avevano tale proprietà
Niceforo fece prestare servizio militare anche ai contadini più poveri per cui l‟equipaggiamento doveva
provvedere la comunità di villaggio .Questo sistema ebbe il perfezionamento del sistema militare . Lo scopo
secondo Teofane era quello di creare queste fattorie in cui Niceforo avrebbe poi costretto i marinai dei
territori costieri , gente che non si era mai dedicata all‟agricoltura , a riscattare degli appezzamenti al
prezzo da lui fissato .

Nell‟803 le forze dell‟impero vennero dilaniate da una guerra civile in estremo oriente provocata
dall‟usurpazione del comandante supremo di tutti i temi dell‟Asia minore , Bardane il Turco .

53
Ne approfittarono gli Arabi e nell‟806 ricominciarono a fare incursioni nei territori dell‟impero con una
poderosa armata guidata da Harun ar – Rashid , che conquistò molte fortezze di frontiera . L‟imperatore
dovette implorare la pace ,sottoporsi al pagamento di tributi e inoltre anche all‟umiliante condizione di
pagare al califfo , per sé e suo figlio , un‟imposta capitaria di tre pezzi d‟oro all‟anno .

Ma ben presto la morte di Harun (809) e i disordini scoppiati nel califfato immediatamente dopo ,
determinarono un alleggerimento da questa parte . Il baricentro si spostò verso i Balcani .

La distruzione del regno avaro da parte di Carlo Magno aveva liberato i Bulgari della Pannonia dal giogo
avaro . Questo fatto provocò una notevole estensione e rafforzamento dell‟impero bulgaro , che così a
confinare con l regno Franco . Sul trono bulgaro salì Krum , un guerriero primitivo assetato di guerre e di
conquiste , che ben presto divenne il terrore dei Bizantini .

Per difendersi dall‟impero Bulgaro Bisanzio aveva eretto una fitta linea di fortificazioni , le cui roccaforti
più importanti erano Debelt , Adrianopoli , Filippopoli e Serdica . Poi furono trasferiti stratioti dall‟Asia
nei Balcani . Nella primavera 809 Serdica venne travolta , la fortezza distrutta e la guarnigione annientata .

Niceforo intervenne immediatamente , avanzò su Pliska e dopo questa dimostrazione si diresse su Serdica
per ricostruire la fortezza . Nel 811 Niceforo , alla testa di una forte armata , attraversò il confine bulgaro e
, senza curarsi delle offerte di pace di Krum , marciò su Pliska , distrusse la capitale e fece incendiare il
palazzo del khan . L‟imperatore vittorioso rifiutò nuovamente la pace , era fortemente deciso a farla del tutto
finita con l‟impero bulgaro e inseguì il khan , che col suo seguito si era rifugiato tra le montagne . Ma qui lo
raggiunse il destino : sui passi montani l’armata bizantina venne circondata da Krum e annientata fin
quasi l’ultimo uomo (26 luglio 811) . Lo
stesso imperatore perse la vita e il khan
vittorioso si fece fare una coppa col suo
teschio . Le conseguenze di questa
catastrofe inattesa furono incalcolabili .
Ancor più grave del crollo militare era la
perdita di prestigio che né derivò a
Bisanzio . Per l‟impero si apriva un
periodo oscuro e angoscioso .

Così morto Niceforo , il successore era suo figlio Stauracio che era rimasto gravemente ferito nella battaglia
, così , visto che non aveva figli , nominò imperatore suo cognato Michele Rangabe . A questo punto si
oppose la moglie di Stauracio che voleva fare come Irene . Ma in un periodo così instabile all‟esterno
(bulgari , arabi) non si voleva un interregno . Così ci fu un colpo di stato : il 2 ottobre Michele Rangabe
venne proclamato imperatore dall‟esercito e dal senato .

MICHELE I RANGABE (811-813)

Fu un sovrano debole , si lasciava facilmente influenzare da temperamenti più forti e non aveva nemmeno il
coraggio – che aveva contraddistinto l‟imperatore Niceforo – di prendere provvedimenti impopolari .
L‟imperatore in ogni occasione distribuiva denaro all‟esercito , alla corte e soprattutto al clero . Michele I
era un ardente sostenitore del culto delle immagini e un fedele servitore della Chiesa . Gli studiti vennero
richiamati dall‟esilio e si riconciliarono con le autorità ecclesiastiche . L‟influenza di Teodoro Studita

54
divenne enorme : la sua energia inesauribile e il suo vigore straordinario affascinarono il debole imperatore
; anche nelle questioni di guerra e di pace l‟ultima parola spettava al grande Studita .

Nei confronti dell‟impero d‟Occidente , Niceforo I che non aveva riconosciuto il titolo imperiale a Carlo
Magno , e giunse al punto di vietare al patriarca l‟abituale invio al papa dei sinodi . Intanto la potenza di
Carlo Magno aumentò ancor di più , fino a toccare i territori dell‟impero (810 presa di Venezia) . Così
Michele I era pronto a riconoscere a Carlo Magno il titolo di imperatore in cambio della restituzione dei
territori occupati ; nell‟812 ad Aquisgrana Carlo venne salutato basileus dall‟ambasciatore bizantino . Così
ora esistevano due imperi sia di fatto che sulla giustizia . D‟altra parte Carlo fu incoronato solo imperatore
e non imperatore dei Romani , titolo che Bisanzio lo teneva solo per sé .

Intanto Krum nella primavera dell‟812 conquistò e distrusse la fortezza di Debelt ;la resistenza bizantina fu
debole e così Krum deportò la popolazione nella sua patria . Krum offrì la pace ai bizantina in forma di
ultimatum e siccome Michele I esitava di accettare , Krum occupò l‟importante città portuale di Mesembria .
Così Michele I , incoraggiato da Teodoro Studita , attaccò .

Nel giugno 813 un grande esercito bizantino si scontrò con i Bulgari a Versinikia , presso Adrianopoli . Ma
le truppe dello stratego anatolico sotto il comando di Leone l‟Armeno non lo seguì . Così Krum vinse
nuovamente la battaglia . La dura sconfitta dell‟imperatore ortodosso Michele I scosse il suo prestigio e
preparò il terreno per una nuova svolta e un ritorno all‟iconoclastia .

L‟11 luglio 813 Michele Rangabe venne deposto e Leone l‟Armeno salì al trono .

3.6) LA REAZIONE ICONOCLASTICA

LEONE V L’ARMENO (813-820)

Il suo programma era la restaurazione della potenza militare dell‟impero e del movimento iconoclasta .

Krum dopo la vittoria di Versinikia , aveva scatenato una grande offensiva e apparì con il grosso delle sue
truppe alle porte della capitale bizantina .Ma Krum era impotente di fronte alle mura di Costantinopoli ,
contro le quali si erano infranti gli attacchi arabi , e chiese quindi all‟imperatore un incontro personale per
fissare le condizioni di pace . Krum fidandosi della parola dell‟imperatore bizantino andò all‟incontro

55
disarmato , ma i Bizantini gli tesero un perfido agguato . Krum , riuscì a fuggire con una fulminea fuga .
Infuriato Krum devastò tutti i dintorni della capitale , poi entrò ad Adrianopoli e deportò tutta la
popolazione al di là del Danubio . Krum tornò poi a marciare su Costantinopoli , ma fu il destino a salvare
Bisanzio ; Krum morì improvvisamente per un’emorragia celebrale (13 aprile 814) .

Così si stabilì la pace con il popolo bulgaro che durò per un lungo periodo . E anche dalla parte del
califfato , che dopo la morte di Harun ar – Rashid si dibatteva in lotte interne , l‟impero non aveva nulla da
temere .

Leone V approfittò di questa situazione per procedere alla realizzazione dei suoi piani iconoclastici . Così
incaricò il dotto Giovanni Grammatico (capo del movimento iconoclastico) di raccogliere il materiale per la
dimostrazione teologica delle tesi contrarie al culto delle immagini , per l‟imminente concilio . Teodoro
Studita e molti suoi seguaci furono esiliati e sottoposti a gravi maltrattamenti . Il patriarca Niceforo
(contrario all‟iconoclastia) venne deposto e salì al seggio patriarcale nell‟815 Teodoro Melisseno .

Così si aprì il sinodo in Santa Sofia a Costantinopoli , fu sconfessato il concilio di Nicea e riammesso il
concilio del 754 , quindi si ordinò la distruzione delle immagini . Questo tentativo di reazione era di tipo
imitativo , infatti si ripetevano le vecchie argomentazioni . Leone V non aveva nemmeno lontanamente
l‟appoggio di cui godevano gli imperatori iconoclastici dell‟VIII secolo . La notte di Natale dell‟820 venne
ucciso dai seguaci del suo vecchio compagno d‟armi , Michele l‟Amoriano .

MICHELE II (820-829)

Fondatore della dinastia amoriana , era un rozzo soldato , mancava sia di energia , che di buon senso e di
moderazione . Sotto il suo regno le dispute teologiche ebbero un periodo di tregua . Assunse al riguardo un
atteggiamento riservato : non riconobbe ne il concilio di Nicea , ne i sinodi iconoclastici . Tuttavia essendo
originario della Frigia , roccaforte iconoclasta , non c‟era dubbio che era contrario al culto delle immagini
.

L‟avvenimento più importante di politica interna del suo regno , fu l‟aspra guerra civile provocata da
Tommaso , uno slavo d‟Asia , che era stato compagno d‟armi dell‟imperatore . Tommaso raccolse molti
popoli sotto la sua bandiara (arabi,persiani,armeni,iberi,slavi) , si pronunciò a favore del culto delle
immagini e arrivò a spacciarsi per Costantino VI , l‟imperatore illegittimamente deposto . Il movimento
acquistò un carattere di rivoluzione sociale e Tommaso apparve come il protettore dei poveri . Tommaso
venne incoronato imperatore dal patriarca d‟Antiochia , il che non poteva avvenire senza il consenso del
Califfo .

Nell‟ 821 iniziò l‟assedio di Costantinopoli , che durò più di un anno . Ma la forza ribelle si ruppe contro la
resistenza della città . Michele II fu aiutato anche dal khan dei bulgari , Omurtag ,che intervenne contro i
ribelli e ne disperse le truppe . Nell‟823 Tommaso tolse l‟assedio e si rifugiò ad Arcadiopoli dove cadde
nelle mani dell‟imperatore che lo fece uccidere .

Approfittando delle discordie tra i bizantini , gli Arabi occuparono Creta e nell‟827 sbarcarono in Sicilia .

Il prestigio bizantino nel Mediterraneo ebbe un forte scossone .

56
Nell‟829 Michele II morì , gli successe il figlio Teofilo .

TEOFILO (829-842)

Mentre Michele II non era che un villano rozzo e sapeva appena leggere e scrivere , il figlio Teofilo ebbe
un‟educazione completa e dimostrò vero interesse per l‟arte e le scienze . Teofilo era aperto anche all‟arte
araba , che gli derivò dal suo dotto maestro Giovanni Grammatico . Il periodo del suo regno fu l‟ultima
ondata iconoclastica e fu l‟epoca della più forte influenza della cultura araba sul mondo bizantino .

Era un personaggio interessante , molto acculturato , era un romantico , amava il senso della giustizia ed
esprimersi in forme teatrali .

Teofilo creò nuovi temi , quello della Paflagonia , Chardia , Crimea ; inoltre creò delle nuove circoscrizioni
militari di frontiera nel Charsian , Cappadocia e Seleucia , questi vennero chiamati passi di montagna .
Nonostante era un estimatore della cultura araba , Teofilo dovette fronteggiare contro gli Arabi . Il califfo
al-Ma‟mun (813-833) che aveva superato delle lotte interne , intraprese la guerra contro Bisanzio e nell‟831
cadeva nelle loro mani Palermo . Teofilo cominciò a contrattaccare in Asia minore e vinse alcune battaglie
ma , subito dopo gli Arabi ripresero in mano la situazione e Teofilo impaurito mandava ambascerie al
califfo con ricchi doni e proposte di pace . La situazione divenne più seria quando salì sul trono di Baghdad
il fratello del califfo , al-Mu tasim che con una grossa armata attaccò i bizantini e nell‟838 vinse presso
Dazimon in una battaglia sanguinosa e occupò Ancira . Contemporaneamente espugnò Amorio . Questo
avvenimento provocò a Bisanzio una forte domoralizzazione :Amorio era infatti la più importante roccaforte
del tema anatolico e città d‟origine della casa regnante .Teofilo cercò aiuti perfino in Occidente presso i
Franchi e Venezia .

Sotto Teofilo ci fu l‟ultima ondata iconoclastica . Nell‟837 salì sul trono patriarcale Giovanni Grammatico
ed iniziò nuovamente una dura persecuzione dei veneratori di icone . La lotta culminò contro il
monachesimo .

Ma per quanto l‟imperatore e il patriarca si sforzassero con tutti i mezzi di far rivivere il movimento
iconoclastico , la loro impotenza si manifestava sempre più chiaramente . La sua sfera d‟influenza si
limitava praticamente alla capitale ed era solo la volontà dell‟imperatore e dei suoi pochi fedeli
collaboratori ad assicurare autorità a questa politica .

Alla morte di Teofilo (842) l‟iconoclastia crollò e così si concluse anche la grande crisi che si era espressa
in questo movimento .

57
4) L’ETA’ D’ORO DELL’IMPERO BIZANTINO (843-1025)

4.1) L‟INIZIO DELLA NUOVA ETA‟

Iniziava per Bisanzio una nuova era , dovuta alla vittoria sull‟iconoclastia , sulla religiosità asiatica e
quindi un ritorno alla spiritualità greca . Si apriva un‟ età di grande risorgimento culturale , cui seguì ben
presto anche uno sviluppo politico . Non fu la dinastia macedonica , bensì il movimentato regno dell‟ultimo
degli Amoriti , Michele III ad aprire la nuova età .

Alla morte di Teofilo , il suo figlio Michele III aveva tre anni e la reggenza in suo nome venne assunta dalla
vedova imperiale Teodora e dalla più vecchia sorella dell‟imperatore fanciullo , Tecla . Primo
provvedimento del nuovo governo fu la restaurazione del culto delle icone , in verità dietro le azioni di
Teodora , c‟erano i suoi fratelli Barda e Petronas , il magister Sergio Niceriate e soprattutto il suo favorito ,
il logotete Teoctisto.

Dopo che Giovanni Grammatico venne deposto e il trono patriarcale affidato a Metodio , un sinodio
proclamò nel marzo dell’823 la solenne restaurazione del culto delle immagini .

In memoria di questo avvenimento la Chiesa greco – ortodossa celebra ogni anno la festa dell‟ortodossia ,
per commemorare la vittoria sull‟iconoclastia e allo stesso tempo la sconfitta delle più antiche eresie.

Ben presto la direzione di tutta la politica cadde nelle mani del logotete Teoctisto , che aveva messo da parte
il suo rivale principale Barda ed era diventato l‟unico consigliere dell‟imperatrice .

Teoctisto , uomo di grande erudizione , favorì a Bisanzio lo sviluppo della cultura e preparò la futura
rinascita culturale dell‟impero . La sua accorta politica finanziaria assicurò allo Stato grandi riserve auree .

In politica religiosa Teodora , Teoctisto e Metodio agirono con prudenza riguardo agli ex seguaci
iconoclasti . Questo scatenò una dura lotta tra il patriarca e gli zeloti e così i monaci furono scomunicati .
Ma il 14 giugno 847 Metodio morì e sul trono patriarcale salì Ignazio figlio di Michele Rangabe , che dopo
la caduta del padre fu castrato e indossò l‟abito monacale . Egli era vicino agli ideali zeloti .

Dopo la restaurazione del culto delle immagini , venne subito intrapresa la guerra contro gli arabi . Dopo le
prime vittorie dei bizantini (843-44) , gli Arabi schiacciarono i Bizantini nel Mauropotamo . Ma lotte
all‟interno del califfato , costrinsero gli arabi a trattare la pace .

Teodora poi fece tremende persecuzioni dei pauliciani e li deportò in massa nella Tracia .

L‟epoca del grande slancio sia politico , sia culturale dell‟impero , cominciò però solo dopo il colpo di stato
dell‟856 , che portò il giovane imperatore Michele III in persona alla gestione dei suoi diritti imperiali e
pose la direzioni degli affari dello Stato nelle mani di suo zio Barda .

58
MICHELE III (842-867)

Michele III doveva sopportare la tutela di sua madre , che non solo lo escludeva dal governo ma si
intrometteva pure nella sua vita intima . Barda all‟insaputa dell‟imperatrice tornò alla corte . Teoctisto
venne ucciso nel palazzo imperiale sotto gli occhi di Michele III , che venne quindi proclamato autocrate dal
senato. Teodora dovette cedere il potere , mentre sua figlia veniva rinchiusa in un monastero . Michele III
veniva visto dalla storiografia antica come un “ubriacone” , ma egli pur non essendo un‟ esempio di grande
imperatore , si preoccupò seriamente dell‟impero e più volte condusse personalmente la sua armata sul
campo di battaglia . Nelle grandi gesta , di cui il suo regno fu straordinariamente ricco , l‟iniziativa non era
la sua . Non lui , ma la sua età fu grande – l‟età di Barda e Fozio .

Un‟importante centro della scienza e della cultura bizantina divenne l‟Università che il cesare Barda fondò
nel palazzo Magnaura . Barda chiamò i migliori studiosi del secolo , e anche Fozio il più grande insegnante
e studioso del suo secolo , lavorò qui .

Il 25 dicembre 858 il dotto Fozio salì sul trono patriarcale . Per la Chiesa bizantina si aprì un‟età agitata ,
ma al tempo stesso l‟età più grande che essa abbia mai vissuto . Fozio fu lo spirito più significativo .

Ma gli studiti con a capo l‟abate Nicola contestarono la sua elezione , e si formarono due partiti , uno
appoggiava il patriarca deposto Ignazio , l‟altro era con Fozio .

Ma molto importante fu la battaglia che Fozio dovette sostenere con Roma . Era una necessità storica che
Bisanzio si liberasse della sovranità della Chiesa romana , dopo che l‟Occidente si era sottratto alla
supremazia dell‟impero bizantino . Il passo decisivo in questo senso venne compiuto da Fozio .

Sul trono papale salì l‟energico Niccolò I che rifiutò l‟elezione di Fozio e appoggiò Ignazio . Così Niccolò
dichiarò deposto Fozio nell‟863 . Ma Fozio capì che il tempo era favorevole per distaccarsi da Roma poiché
era ormai da secoli che il patriarcato di Costantinopoli aveva affermato il suo potere e il suo prestigio e
aveva concluso vittoriosamente le lotte interne contro le eresie e alle sue spalle aveva una direzione statale
ortodossa forte e cosciente dei suoi scopi .

Intanto Michele III appoggiato dai suoi energici generali aveva condotto con grande vigore la guerra contro
gli Arabi . Anche se in Sicilia perdette una posizione sull‟altra e non si riuscì ad evitare né la conquista
dell‟isola né l‟avanzata araba nel sud Italia .

Intanto in Asia minore si combatteva molto duramente. I Bizantini sconfissero gli Arabi diverse volte ;
questi successi risollevarono la combattività di Bisanzio , ma non riuscirono a dare un vantaggio tangibile
all‟impero : le controffensive arabe non cessavano e la guerra veniva ripetutamente interrotta da provvisori
trattati di pace . M nell‟863 i Bizantini respingendo l‟attacco dell‟ emiro Omar di Melitene , ottennero una
grande e decisiva vittoria . Omar aveva attraversato il tema armeno occupando l‟importante porto di Amiso
; gli venne incontro un grande esercito bizantino alla guida dell‟energico Petronas che in un‟accanita
battaglia sconfisse e distrugge l‟intera armata araba e lo stesso Omar perse la vita . Così dall‟863 la
situazione si rovescia , mentre prima i bizantini erano sulla difensiva , d‟ora in poi passarono all‟offensiva .

Nell‟860 si registrò l‟avanzata del nuovo popolo dei Russi che circondarono la città e devastarono i dintorni
. L‟imperatore impegnato contro gli Arabi tornò subito indietro e diresse la difesa della città .

59
Da qui inizia il rapporto tra Bisanzio e l‟impero russo che proprio allora si stava formando . E con questo
popolo iniziò un‟opera missionaria grandissima che i bizantini portarono avanti con legittimo orgoglio .
Così si sviluppò la necessità per Bisanzio di cristianizzare anche il popolo bulgaro e iniziarono traducendo
la Bibbia in slavo e così il successo della missione era assicurato . Il primo popolo cristianizzato fu il popolo
della Moravia e così la Bulgaria non poteva più sottrarsi alla necessità di dare una base più solida alla
propria esistenza statuale con l‟accettazione del cristianesimo . Ma mentre la Moravia si rivolse subito a
Bisanzio , il principe bulgaro Boris si rivolse ai franchi . Ma Bisanzio intervenne subito inviando un esercito
al confine bulgaro e una flotta alla loro costa . Così Boris nell‟864 ricevette il cristianesimo da Bisanzio e
adottò il nome di Michele , il nome dell‟imperatore bizantino che fu suo padrino al battesimo . Il clero greco
procedette subito all‟organizzazione della Chiesa bulgara . Ma il neo convertito Boris – Michele voleva la
piena dipendenza della Chiesa bulgara con un suo patriarca ma le sue richieste non venivano accolte , così
Boris si rivolse a Roma .Così Roma portò sotto la sua giurisdizione la Bulgaria e Bisanzio dovette assistere
a come il vicino impero slavo gli sfuggiva di mano e come la sfera d‟influenza romana si estendeva fin quasi
al cuore dell‟impero . Il conflitto tra Roma e Costantinopoli giunse al culmine . Oppositore di Roma , Fozio
divenne non solo campione dell‟indipendenza della Chiesa bizantina , ma anche il campione degli interessi
vitali dell‟impero bizantino . Senza riserve il cesare Barda e l‟imperatore Michele III si schierarono dietro il
grande patriarca . Fozio mandò una lettera contro il papa dove esprimeva con orgoglio l‟indipendenza e
della superiorità di Bisanzio infatti egli si eresse come supremo giudice della Chiesa Occidentale
accusandola di errori in problemi liturgici e disciplinari e soprattutto attaccò la dottrina occidentale del
Padre del Figlio e dello Spirito Santo .

Ma in questo momento di estrema tensione nel conflitto ebbe luogo a Costantinopoli una rivolta di palazzo ,
che mescolò tutte le carte . Infatti per sua sfortuna Michele III si fece amico di Basilio il Macedone . Egli da
contadino povero della Macedonia , divenne stalliere della corte imperiale per la sua eccezionale forza
fisica e poi divenne amico intimo dell‟imperatore e suo preferito . Con ferrea decisione , voleva giungere al
potere supremo. Così si dovette scontrare con il cesare Barda . Convinse l‟imperatore a far cadere Barda e
accumulando spergiuri su spergiuri portarono il grande statista nella trappola : durante una campagna
contro Creta , Basilio lo uccise (21 aprile 865) . Il premio fu la corona di co – imperatore . Ma Michele III
cambiò improvvisamente atteggiamento nei confronti di Basilio . Così nella notte del 23 settembre 867
Basilio fece uccidere l‟imperatore ubriaco .

4.2) IL PERIODO DELLA CODIFICAZIONE DELLE LEGGI : BASILIO I E


LEONE VI

BASILIO I (867-886)

Per assicurare la successione al trono nell‟868 egli incoronò suo figlio maggiore Costantino a co –
imperatore ; un anno dopo veniva incoronato il secondo figlio Leone e anche il terzo figlio Alessandro ,
mentre l‟ultimo Stefano intraprese la carriera ecclesiastica .

Come ogni imperatore bizantino , Basilio si occupò molto intensamente delle questioni ecclesiastiche e
inaugurò una linea contraria alla politica ecclesiastica di Barda e Michele III . Fece rinchiudere Fozio in un

60
convento , inferendo così al grande patriarca un colpo alle spalle nel momento decisivo della sua storica
lotta. Richiamò al trono patriarcale Ignazio nell‟867 e riprese i rapporti con Roma .Nell‟870 , alla presenza
dei legati di papa Adriano II , si tenne a Costantinopoli l’ VIII concilio ecumenico , nel quale Fozio venne
scomunicato . Ma mentre per il legati del papa la questione era stata decisa dalla condanna del papa ,
all‟imperatore premeva di esporre nuovamente la questione al sinodo da lui diretto e di far dipendere la
decisione da sé . Inoltre il sinodo ebbe un epilogo del tutto diverso . E prima che si chiudesse il sinodo
arrivarono messaggeri bulgari a Costantinopoli , perché erano stati ignorati anche da Roma . Così la
Bulgaria cadde nella giurisdizione della Chiesa bizantina che gli concessero un arcivescovo e più vescovi e
una certa autonomia , anche se riconoscevano la sovranità della Chiesa bizantina .

Proseguì anche l‟opera missionaria in Russia e inoltre portò al cristianesimo , e quindi sotto influenza
bizantina , gli Slavi della parte occidentale della penisola balcanica . Sorse allora un regno serbo
indipendente sotto il principe Vlastimir .

Intanto gli Arabi apparvero sulla costa adriatica e dopo l‟attacco a Budva e Kotor nell‟867 la flotta araba
apparve davanti a Ragusa e pose la città sotto assedio . Gli assediati chiesero soccorso a Costantinopoli .
L‟arrivo di una forte squadra bizantina costrinse gli Arabi a desistere dall‟assedio – che era durato 15 mesi
– e a tornare in Italia meridionale . Così l‟influenza bizantina nei Balcani si rafforzò soprattutto dopo la
cristianizzazione dei serbi e dei croati. Basilio I progettò di cacciare gli Arabi dall‟Italia , ma in Sicilia non
si concluse nulla e gli Arabi nell‟870 occuparono Malta . Nell‟871 l‟imperatore occidentale Ludovico II
occupò Bari .

Intanto in Asia minore si diffondevano dappertutto i pauliciani . Cristoforo , fratello dell‟imperatore ,


conseguì una vittoria decisiva sui pauliciani , distruggendo la loro roccaforte di Tefrice e distrusse il loro
esercito in una sanguinosa battaglia in cui il Chrysocheiros , il capo dei pauliciani , perse la vita . Questa
vittoria rese possibile un‟avanzata Bizantina in Oriente . Nell‟873 Basiliò penetrò nella regione dell‟Eufrate
e si impadronì di Zapetra e Samosata . Ma l‟obiettivo di occupare la fortezza di Melitene fallì .
L‟indebolimento arabo rese possibile lo sviluppo dell‟Armenia con Asot I capo della dinastia di re nazionali
dei Bagratuni , fu riconosciuto sia dagli arabi che dai bizantini . Anche in Italia la posizione dei bizantini
venne consolidata . Infatti il principe di Benevento si ribellò a Ludovico II e si mise sotto il protettorato
bizantino , stessa cosa fece Bari . Ma subirono un duro colpo in Sicilia dove cadde Siracusa nell‟878 in
mano agli Arabi . Ma negli ultimi anni di regno di Basilio I , ebbe inizio un‟energica e fortunata offensiva
bizantina, sotto il comando del generale Niceforo Foca e l‟Italia meridionale tornò nuovamente sotto
dominio bizantino .

Basilio I però si rese conto che la politica ecclesiastica intrapresa con Roma fallì , dovuta alla questione
bulgara . Nell‟875 fece tornare Fozio e gli affidò l‟educazione dei figli . Quando morì Ignazio (877) , Fozio
tornò al trono patriarcale . Papa Giovanni VIII riconobbe a questo punto Fozio e gli venne solennemente
revocata la condanna dell‟870 .

Come legislatore Basilio I aspirò ad un rinnovamento del diritto romano . Progettò un‟ampia raccolta di
leggi , una revisione dei libri giustinianei , completati con leggi più recenti . Questa grande opera la chiamò
la «Purificazione delle vecchie leggi» , ma rimase incompiuta e non pubblicata anche se sta alla base dei
Basilika di Leone VI .

A noi ci sono rimasti due libri giuridici minori ma importanti , il Procheiron (manuale per l‟uso pratico di
vita quotidiana basato sull‟Ekogle di Leone III e venne tradotto in slavo) e l‟Epanagoge( manuale per le

61
azioni degli imperatori e patriarchi ; si sosteneva che l‟imperatore e il patriarca si elevano come i due capi
dell‟ecumene che provvedono in stretta e pacifica relazione)

Nell‟879 ci fu la prematura morte di Costantino figlio di Basilio I e i diritti di successione al trono


passarono a Leone . Basilio non riuscì mai a consolarsi della prematura morte del suo primogenito e passò i
suoi ultimi anni in una profonda depressione . Il 29 agosto 886 ebbe un incidente mortale mentre andava a
caccia .

LEONE VI (886-912)

Appena salito al trono Leone VI depose subito Fozio e affidò il trono patriarcale al suo giovane fratello
Stefano . Fozio scompare ora definitivamente dalla scena della storia : morì in esilio in Armenia .

Leone VI fu un imperatore molto acculturato , scrittore fecondo e un retore ispirato . Ebbe un importante
attività letteraria che gli procurò in vita l‟onorato nome di Sophos ( Saggio).

Durante il primo e più fruttuoso periodo del suo regno , il più importante consigliere dell‟imperatore fu
l‟armeno Stiliano Zautse (morto nell‟896) . Egli era padre di Zoe , prima amante e poi moglie
dell‟imperatore . Più tardi si svilupparono delle leggende sull‟imperatore saggio e fecero del tanto favoloso
imperatore un profeta , un mago , un astrologo . Fu un imperatore pio , con forti interessi ecclesiastici e
teologici .

Leone il Saggio fu anche senza dubbio il più produttivo legislatore dai tempi di Giustiniano . La
rielaborazione del diritto giustinianeo , intrapresa sotto Basilio I , trovò il suo compimento nelle Basilika di
Leone VI . Le legge imperiali di Leone il Saggio , riunite in 60 libri e sei volumi , rappresentano la più
grande raccolta di leggi dell‟impero bizantino medievale .

I Basilika sono una raccolta sia del diritto canonico che di quello civile e pubblico. La legislazione di Leone
VI rappresenta la conclusione di un importante processo storico , che riunisce tutto il potere dello Stato
nelle mani dell‟imperatore e affida tutte le questioni statali alla cura dell‟apparato dei funzionari
imperiali.L‟onnipotenza dell‟imperatore e la burocratizzazione della vita dello Stato giungono sotto la
dinastia macedone a pieno sviluppo . Il senato , composto dei più alti funzionari , conduce ora un‟esistenza
apparente e ha ormai perso , non solo le sue vecchie funzioni , ma anche quel significato che aveva nel VII e
VIII secolo . Lo Stato si identifica con l‟imperatore e il suo apparato militare e burocratico . L‟imperatore è
l‟eletto di Dio , e sta sotto la protezione divina . Egli è il capo supremo di tutta l‟amministrazione imperiale ,
capo supremo dell‟esercito , giudice supremo e unico legislatore , protettore della Chiesa e custode della
fede ortodossa . Sotto Leone VI l‟organizzazione dei temi si concluse e così l‟impero contava i seguenti temi
: in Asia ci sono i temi degli Opsiciani , Bucellari , Ottimati , di Paflagonia , Armenia , Caldia , Colonea ,
Carsianon , Anatolia , Tracia , Cappadocia , Mesopotamia , Sebastea , Licando , Leontocomios , Seleucia ; e
il tema marittimo dei Ciberrioti ; nel mare i temi di Samo e di Aigion Pelagos ; in Europa : Tracia ,
Macedonia , Strymon , Tessalonica , Ellade , Peloponnesso , Cefalonia , Nicopoli , Durazzo , Dalmazia ,
Sicilia , Longobardia e Cherson .

A differenza di Basilio I , Leone VI non ebbe alcun preciso programma di politica estera . Nelle relazioni
bizantino – bulgare , dopo un lungo periodo di pace , subentrò una svolta . Dopo che il primo sovrano

62
cristiano Boris , ebbe deposto la corona (889) , e dopo che il suo primogenito Vladimiro cedde vittima di un
tentativo di reazione pagana (893) , il potere cadde in mano del figlio minore di Boris , Simeone (893-927) ,
il più grande sovrano del regno bulgaro medievale . Poco dopo la sua ascesa al trono scoppiò una
controversia di tipo commerciale tra Bisanzio e la Bulgaria . Il diritto monopolio per il commercio bulgaro
fu conferito a due commercianti bizantini e questo su incarico di Stiliano Zautse trasferirono il mercato da
Costantinopoli a Tessalonica e aumentarono considerevolmente i dazi . Gli interessi commerciali della
Bulgaria apparvero così pregiudicati , e poiché le proteste bulgare restavano senza effetto , Simeone irruppe
nel territorio bizantino e sconfisse l‟armata bizantina (894) . Bisanzio le cui truppe nei Balcani erano
insufficienti , cercarono aiuto agli Ungari . Essi piombarono alle spalle di Simeone , gli inflissero varie
sconfitte e devastarono la parte settentrionale del territorio bulgaro . Intanto il generale bizantino Niceforo
Foca occupava la frontiera meridionale della Bulgaria e un‟altra armata bloccava la foce del Danubio .
Simeone concluse un armistizio con Bisanzio e così guadagnò tempo e si rivolse al bellicoso popolo dei
Peceneghi della pianura della Russia meridionale . Con l‟aiuto di quest‟ultimi riuscì a sconfiggere gli
Ungari e poi attaccò nuovamente i Bizantini e ottenne una vittoria decisiva presso Bulgarophigon (896) .
Con la pressione dei Peceneghi , gli Ungari si mossero verso occidente e
si stanziarono nella loro attuale terra tra gli slavi del sud e quelli del
nord . Contemporaneamente gli Arabi attaccarono e avanzava in Cilicia
accompagnate da vaste operazioni navali . Nel 900 Niceforo Foca
conseguì un importante vittoria sugli Arabi presso Adana . Mentre in
Occidente e sul mare l‟impero subiva una catastrofe dopo l‟altra . Nel
902 cadde Taormina , l‟ultima roccaforte dell‟impero bizantino in
Sicilia , che era così praticamente perduta , dopo 75 anni di dure lotte e
di grandi sacrifici .

Poi gli Arabi sbarcarono nell‟arcipelago del Peloponneso e della Tessaglia sotto il generale greco
rinnegato , Leone di Tripoli , nel 902 fu distrutta la ricca città di Demetriade . Il suo piano era quello di
arrivare alla capitale , ma improvvisamente cambiò piano e si diresse a Tessalonica , il più grande centro
culturale e commerciale e più ricca città dell‟impero dopo Costantinopoli . Dopo un assedio di tre giorni ,
nel 904 Tessalonica cadde e ci fu un orribile bagno di sangue , dopodiché ripartirono con numerosi
prigionieri e un‟enorme preda . Il governo bizantino fece così costruire fortificazioni più resistenti a
Tessalonica , e prese energiche misure per il rafforzamento della flotta . Il successo non tardò a presentarsi
: nel 908 conseguirono una splendida vittoria nell‟Egeo sulla flotta araba . Due anni più tardi sbarcarono a
Cipro e di là invasero la costa siriana e distrussero Laodicea . Ma la più grande impresa ebbe luogo nel 911
. Nelle fonti storiche , nella flotta bizantina , contro gli Arabi , erano presenti 700 marinai russi. La
partecipazione dei Russi ad una campagna militare bizantina è una conseguenza dei nuovi rapporti russo
bizantini. Il principe russo Oleg , che si era stabilito a Kiev , era apparso nel 907 con una potente flotta
davanti a Costantinopoli ed era riuscito a strappare al governo bizantino un trattato che garantiva la
posizione giuridica dei mercanti russi che andavano a Bisanzio . Questo trattato , che venne ufficialmente
ratificato nel settembre del 911 , segna l’inizio di regolari rapporti commerciali tra Bisanzio e la Russia.

Agli insuccessi in politica estera si aggiunsero complicazioni interne provocate dai quattro matrimoni di
Leone VI .

Infatti dopo che nei primi due matrimoni non riusciva ad avere eredi al trono , quindi si sposò per la terza
volta , e creò scandalo nell‟impero poiché per la Chiesa del tempo non ci si poteva sposare per la terza volta
. Così fu condannato dal patriarca a non entrare in Chiesa ; doveva rinunciare alla terza moglie anche
perché il bambino che nacque morì al parto insieme alla madre . Leone però conobbe la bella Zoe

63
Carbonospina , e per non creare ulteriori problemi se la tenne come amante e gli diede un figlio. Per
legittimare suo figlio alla successione fece un compromesso con il patriarca , in quanto dopo il battesimo del
figlio Leone doveva lasciare Zoe . Ma tre giorni dopo il battesimo Leone VI sposò Zoe e fu condannato
nuovamente dal patriarca Nicola Mistico ; Leone VI a questo punto si rivolse al papa e ottenne una
dispensa . Ma questo fatto sottolinea che l‟imperatore aveva scavalcato il suo patriarca riconoscendo la
superiorità della Chiesa di Roma e ottenne le dimissioni del patriarca .

Nel 912 Leone il Saggio morì lasciando così i contrasti con il patriarcato.

4.3) BISANZIO E SIMEONE DI BULGARIA

Alla morte di Leone VI il governo passò nelle mani del fratello Alessandro poiché Costantino (figlio di
Leone) era seienne. Fece rinchiudere l‟imperatrice Zoe e sollevò i più eminenti collaboratori dai loro
incarichi per sostituirli con uomini propri .Nella sua leggerezza Alessandro rifiutò di pagare alla Bulgaria i
tributi che Bisanzio era impegnata a dare annualmente , secondo il trattato di pace dell‟896 .Subito dopo lo
scoppio della guerra da lui provocata , il 6 giugno 913 Alessandro morì . Unico rappresentante della
dinastia macedone restava il settenne Costantino e così assunse la reggenza il patriarca Nicola Mistico . il
patriarca era combattuto , poiché si formò un opposizione che volevano il ritorno a corte dell‟ex imperatrice
Zoe, e in più era alla reggenza di un fanciullo la cui nascita egli non considerava legittima e la cui
incoronazione non considerava legale . La confusione aumentò quando un usurpatore Costantino Ducas
voleva il comando supremo . Così senza incontrare resistenza Simeone attraversò il territorio bizantino e
nell‟agosto 913 si trovava già sotto le mura della capitale bizantina .Quello che voleva Simeone non era
una semplice conquista o una semplice scorreria . Il suo obiettivo era la corona imperiale romana .

Quel che voleva Simeone non era la fondazione di un impero bulgaro nazionale e regionalmente limitato ,
accanto all’impero bizantino , bensì la creazione di un nuovo impero al posto della vecchia Bisanzio.

Così arrivò alle porte di Costantinopoli con obiettivi diversi da quelle che avevano avuto finoragli altri
nemici dell‟impero , e condivise lo stesso destino degli altri e cioè si rese conto dell‟inespugnabilità delle più
resistenti fortificazioni del mondo di allora .Entrò così in trattative con il governo bizantino e , alla presenza
del giovane Costantino VII , venne accolto con grande solennità nella capitale dal patriarca Nicola Mistico .

Il risultato dei colloqui tra Simeone e l‟intimorito governo bizantino furono concessioni di una gravità senza
precedenti . Il governo bizantino aveva capitolato di fronte al grande sovrano bulgaro . La figlia del sovrano
bulgaro avrebbe dovuto diventare la moglie di Costantino VII , mentre egli stesso riceveva la corona
imperiale dalle mani del patriarca . Anche se con ciò Simeone non era ancora riconosciuto come co –
imperatore di Costantino VII , ma solo come basileus di Bulgaria , sembrava essere ad un passo dalla meta :
insignito del titolo di basileus , egli aveva in mano , come suocero dell‟imperatore minorenne , il potere su
Bisanzio .Però dopo la sua partenza ci fu una rivolta ; l‟imperatrice madre Zoe tornò nel palazzo e prese il
governo nelle proprie mani . Il matrimonio bizantino bulgaro venne respinto come l‟incoronazione di
Simeone . Così come conseguenza Simeone invase la Tracia , occupò Adrianopoli e devastò i territori di
Durazzo e Tessalonica . Il comando dell‟esercito bizantino venne assunto da Leone Foca , figlio del famoso
Niceforo Foca, mentre alla testa della marina c‟era Romano Lecapeno . Nel 917 l‟esercito bizantino venne

64
sorpreso da Simeone e annientato . E seguì poi un‟altra sconfitta presso Catasvrtae . Simeone era così il
padrone dei Balcani . Nel 918 invase la Grecia e avanzò fino al golfo di Corinto .

La situazione era disperata e l’impero esigeva un regime militare forte e l’unico capace di questo era
Romano Lecapeno . Nel 919 la figlia di Romano fu data in sposa al giovane Costantino VII e nel 920 suo
genero lo nominò co – imperatore . Per Simeone l‟ascesa di Romano Lecapeno fu un colpo tremendo .

Anche se Simeone continuava ad attaccare i territori dell‟impero , padrone della situazione era colui che
aveva Costantinopoli e Simeone lo sapeva benissimo . Ma per l‟espugnazione della capitale gli mancava una
potente flotta così concluse un‟alleanza con gli Arabi d‟Egitto . Ma si rese nuovamente conto che
Costantinopoli non si poteva espugnare e così entrò nuovamente in trattative con il governo bizantino .

Anche se contro voglia Bisanzio accettò che il sovrano bulgaro portasse il titolo imperiale , alla condizione
che la validità di questo titolo restasse limitata ai territori bulgari .

Un problema era costituita dall‟egemonia nei Balcani , dove prima Simeone la deteneva e poi Romano I
riuscì a sconfiggere l‟armata bulgara in Serbia ; ma poi Simeone inviò forze maggiori e riuscì a sottomettere
la Serbia nel 926 . Ora restava la Croazia : nell‟invasione l‟armata di Simeone subì la sua più grande
sconfitta ; essa venne duramente battuta (926) e Simeone dovette concludere la pace con i Croati .

Il 27 maggio 927 Simeone morì improvvisamente .

Insieme con lui morirono tutti i suoi obiettivi . Infatti suo figlio e successore Pietro fu riconosciuto solo come
zar di Bulgaria ; ma la Bulgaria ottenne il patriarcato.

Così chi vinse alla fine fu Romano Lecapeno .

4.4) LA LOTTA DEL POTERE CENTRALE CONTRO I FEUDATARI E LA


FIORITURA DELLA CULTURA ALLA CORTE IMPERIALE . ROMANO
LECAPENO E COSTANTINO PORFIROGENITO

ROMANO I LECAPENO (920-944)

Romano Lecapeno ormai aveva in mano il potere e così divenne lui il vero imperatore , mentre il giovane
Costantino VII divenne il co – imperatore . Anche i figli di Romano I furono incoronati co – imperatori e
così fondò accanto alla dinastia legittima macedone la dinastia dei Lecapeni .

Nel 927, ci fu una terribile carestia, dovuta a cambiamenti climatici sfavorevoli, che portarono molti
contadini a cedere la loro terra ai grandi proprietari terrieri o ai conventi, che avevano grandi scorte
di grano e quindi potevano superare la carestia. Le grandi famiglie accumularono in questo modo grandi
patrimoni, che usarono per offrire protezioni più efficaci di quelle dell'imperatore ai contadini-soldati,
conquistando così la loro fiducia.
Così nacque una vera e propria guerra tra i grandi proprietari terrieri e l'imperatore; Romano I Lecapeno
nel 934 affrontò la questione decretando una legge a sfavore dei latifondisti. Con essa obbligava questi

65
ultimi a restituire le proprietà ai contadini senza ricevere in cambio denaro se la terra era stata acquistata
pagando una somma inferiore alla metà del suo vero valore.

Romano Lecapeno riportò importanti vittorie contro i saraceni sfruttando il periodo di crisi che gravava in
quel tempo sull'impero abbaside e l'abilità dei suoi generali, in particolare Giovanni Curcuas e Barda Foca.
Nel 942 i bizantini riconquistarono Edessa, che era musulmana addirittura dal641, recuperando reliquie
preziose come il Mandylion, la tela su cui era rimasta impressa l'immagine del volto di Gesù, ed una sua
lettera; nella lotta contro gli arabi, l'impero bizantino fece degli enormi passi avanti.
Nel 941, Costantinopoli fu attaccata da una flotta del principato russo di Kiev; i Russi furono sconfitti, ma
attaccarono di nuovo tre anni dopo e questa volta Romano preferì ricorrere alla diplomazia, stringendo con
il principe Igor di Kiev un trattato di pace che durò oltre 25 anni.

Il 16 dicembre 944 Romano Lecapeno fu deposto dal trono dai suoi figli naturali e si fece monaco; morì
dopo 4 anni. Gli usurpatori ebbero però vita breve al trono, venendo immediatamente detronizzati a furor di
popolo; fu incoronato definitivamente imperatore Costantino VII, che provvide ad esiliarli.

COSTANTINO VII (912-959)

Nel 945, all'età di 39 anni,Costantino VII poté finalmente governare in modo autonomo. Attuò alcune
riforme, come quella sulla scuola superiore. La sua importanza come imperatore fu molto limitata, dato che
la sua azione di governo fu, a differenza del suo energico e abile predecessore, incerta e non sempre
coerente. Ciononostante riuscì a mantenere intatta la forza dell'impero, cogliendo i frutti della politica
iniziata dal suocero Romano, come l'avvicinamento dei Rus' di Kiev alla comunità cristiana di Bisanzio,
dopo le battaglie del 941 contro Romano.
Nel 947 venne redatta una legge che ordinava l'immediata restituzione delle terre sottratte dai potenti ai
contadini liberi senza nessun indennizzo. Un'altra legge regolamentava i beni dei soldati e stabiliva
l'ammontare del patrimonio inalienabile dei contadini-soldato. Questi editti, che ricalcavano precedenti
legislazioni di Romano I, non sortirono gli effetti sperati a causa dell'aspra opposizione degli aristocratici.
Costantino VII era conosciuto come scultore, musico, pittore, scrittore. Sotto il suo regno venne promossa
un'intensa attività compilatoria a carattere enciclopedico, con l'intento di perpetuare le tradizioni religiose e
civili che avevano reso grande l'impero prima del periodo dell'iconoclastia. Tra le opere di cui ordinò la
raccolta, una particolare fortuna ebbe una "enciclopedia" delle conoscenze agrarie la Geoponica. Nel '500
fu appunto stampata attribuendone la "paternità" a Costantino VII.
Egli stesso redasse due importanti trattati sulla società e sulla storia bizantina, il De cerimoniis aulae
byzantinae e il De Administrando Imperio.
Nel mese di settembre del 959 si accorse di essere molto malato; sperando nella guarigione si sottopose
all'effetto benefico delle famose acque termali di Brussa. La cura non ebbe però effetto e, resosi conto che la
sua malattia era mortale, partì per Bisanzio. Morì il 9 novembre del 959; gli succedette il figlio Romano II.

66
4.5) L’EPOCA DELLE CONQUISTE : NICEFORO FOCA E GIOVANNI ZIMISCE

ROMANO II (959-963)

Nel 946 viene associato al trono e il 9 novembre del 959, alla morte del padre, Costantino VII, Romano
diviene imperatore all'età di 20 anni.

Lo cronache del tempo lo descrivono come inetto, corrotto e del tutto disinteressato alle questioni di
governo.

Il merito di aver retto l'impero durante il suo regno va a Giuseppe Bringa, che prese in pratica in mano le
redini dello stato, al generale Niceforo II Foca, che sarà imperatore in seguito, che riconquistò Creta,
Aleppo e la Cilicia agli Arabi ed a Giovanni Zimisce che sconfisse gli Arabi in Mesopotamia.

Niceforo Foca , figlio del generale Barda Foca il vecchio, nipote del condottiero Niceforo Foca il vecchio e
fratello del generale Leone Foca il giovane, entrò a far parte giovanissimo dell'esercito, e sotto Costantino
VII diventò comandante al confine orientale. Iniziò la guerra contro i musulmani subendo una pesante
sconfitta nel 956, che però compensò con le vittorie in Siria negli anni seguenti.

Nel 960 condusse una spedizione a Creta, durante la quale espugnò Candia dopo un assedio di dieci mesi,
strappando ai musulmani l'isola intera. Dopo aver ricevuto l'insolito onore di un trionfo, ritornò all'est con
un esercito grande e ben equipaggiato. Nelle campagne militari del 962 e del 963, conquistò Aleppo in Siria
con brillanti strategie, ma non furono conquiste durature.

Romano II morì il 15 marzo 963, all'età di 25 anni, due giorni dopo la nascita della figlia, Anna. Secondo un
cronista del tempo, dietro la morte del basileus, ci sarebbe stata la mano della moglie, che poi sposerà
Niceforo Foca, ma ciò pare essere un'accusa ingiusta, infatti questa dichiarazione è smentita da altri
cronisti del tempo, che non vedono un motivo per cui Teofano dovesse uccidere suo marito, visto che era lei
a detenere il potere. Lo stesso cronista che accusa la basilissa di aver avvelenato l'imperatore, poi si
smentisce dicendo che lo stesso era morto dopo una lunga cavalcata, che gli aveva causato dei disturbi
interni. Questa morte, fu probabilmente causata dagli eccessi compiuti da Romano II, che lo portavano a
vivere una vita sregolata.

I figli di Romano Basilio e Costantino, minori alla sua morte e sottoposti alla tutela della madre
giungeranno al trono solamente dopo l'usurpazione di Niceforo II Foca e di Giovanni I Zimisce.

NICEFORO II FOCA (963-969)

Alla morte inaspettata dell'imperatore Romano II sul campo di Cesarea, tornò a Costantinopoli per
difendersi dagli intrighi del ministro Giuseppe Bringa. Con l'aiuto di Teofano, vedova dell'imperatore, e del

67
Patriarca di Costantinopoli Polieucte, ricevette il comando supremo sull'esercito orientale. Marciò quindi
verso Costantinopoli, dove i suoi sostenitori nel frattempo avevano fatto cadere il suo nemico Bringa. Per la
sua popolarità nell'esercito, Niceforo II fu incoronato Imperatore, insieme ai figli di Romano II, e sposò la
loro madre Teofano nonostante l'opposizione del Patriarca.

Due aspetti di Niceforo condizionarono la politica dell'imperatore: la professione (Niceforo fu il primo


militare a salire al trono, dai tempi di Leone V) e l'origine familiare (favorì la ricca aristocrazia fondiaria a
scapito dei piccoli proprietari terrieri). Durante il suo regno, continuò la sua politica bellicosa. Dal 964 al
966 conquistò la Cilicia, espugnando Mopsuestia (oggi Massisa) e riducendo l'intera popolazione in
schiavitù. Mentre il patrizio Niceta riconquistava Cipro nel 965, Niceforo II travolse nuovamente la
Mesopotamia e la Siria. Nel 968 s'impadronì della maggior parte delle fortezze in Siria, e dopo la caduta di
Antiochia e Aleppo si assicurò le sue conquiste con un trattato di pace.

Alla frontiera settentrionale cominciò nel 967 una guerra contro i Bulgari, ai quali i Bizantini dovevano un
tributo. Durante un attacco da parte dei Rus' di Kiev sotto il comando di Sviatoslav I, riuscì a richiamare la
loro attenzione su altre mete con successo.

Niceforo II ebbe meno fortuna con le sue guerre occidentali. Dopo aver rinunciato al suo tributo all'Imam-
Califfo dei Fatimidi, inviò una spedizione in Sicilia sotto il comando di Nicetas (964-965), ma fu costretto a
evacuare completamente l'isola a causa delle sconfitte riportate. Nel 967 fece pace con i musulmani di
Qayrawan e decise di ricostruire Taranto, distrutta quarant'anni prima dai musulmani stessi. Nello stesso
anno cominciò a difendersi dall'imperatore Ottone I, che aveva attaccato il patrimonio bizantino dell'Italia
meridionale, ma dopo alcuni successi iniziali i suoi generali furono sconfitti e respinti verso le coste
meridionali.

Niceforo fu l'autore di un trattato sulle tattiche militari bizantine, che contiene informazioni preziose
riguardanti sulle strategie di guerra dell'impero bizantino, e quelle dei suoi nemici principali (arabi,
bulgari, longobardi): De velitatione bellica.

A causa delle alte spese dell'esercito, Niceforo II fu costretto a risparmiare in altri settori. Diminuì così gli
sprechi della corte riducendo l'immunità del clero e proibì la fondazione di nuovi monasteri, nonostante
avesse tendenze ascetiche. In seguito, con l'introduzione di tasse opprimenti e per la svalutazione delle
monete bizantine, Niceforo II perse completamente la sua popolarità, fornendo le motivazioni per lo scoppio
di alcune rivolte. Lasciato anche dalla moglie, la quale ordì una cospirazione con l'amante Giovanni
Zimisce, altro valente generale. Niceforo II fu assassinato nella sua camera da letto del castello di Bukoleon
a Costantinopoli. Alla sua morte, la sua famiglia insorse ma la rivolta fu sottomessa prontamente.

Il ricordo fra i greci del grande imperatore condottiero Niceforo II Foca, non si è ancora spento, infatti il 19
novembre 2004, la marina militare greca ha chiamato la sua decima fregata Kortenaer, F-466 Nikiforos
Fokas (ex HMNLS Bloys Van Treslong F 824), in onore proprio di questo imperatore bizantino. Inoltre nella
prefettura di Rethimno a Creta, vi è un comune che si chiama Niceforo Foca, chiamato così proprio in suo
onore, ed è inoltre da ricordare che anche molte città greche posseggono una "via Niceforo Foca".

GIOVANNI I ZIMISCE (969-976)

Parlare di Giovanni Zimisce vuol dire ricordare il protagonista di tre delle maggiori imprese militari di
quella che è definita l‟epopea bizantina e cioè la spedizione nel cuore del Califfato abbaside che vide
l‟esercito romano giungere a pochi chilometri da Bagdad, la spedizione in Siria e Palestina che portò
Zimisce alle porte di Gerusalemme e la campagna contro i Russi che portò la frontiera imperiale a
coincidere col corso del Danubio, cosa che non accadeva dal regno di Maurizio.

68
Giovanni Zimisce era l‟amante dell‟imperatrice Teofano, donna molto bella e molto più giovane di Niceforo
Foca; inoltre i rapporti tra i due uomini dopo la campagna in Cilicia si erano guastati e Zimisce era stato
messo da parte da Niceforo. Alla morte del suo predecessore Zimisce si trovò in una situazione molto
delicata. Si era inimicato la potente famiglia dei Foca la quale sino alla fine del regno di Basilio II non
perse la speranza di riconquistare il trono. Il Patriarca e la Chiesa posero tre condizioni per incoronarlo:
che esiliasse l‟imperatrice Teofano, che Zimisce non avesse ucciso personalmente Niceforo e che abrogasse
le leggi di Niceforo che limitavano l‟aumento delle proprietà ecclesiastiche. Zimisce accettò le condizioni
del Patriarca e fu incoronato il giorno di Natale del 969. Giovanni Zimisce discendeva dalla famiglia che
aveva dato le origini al gran generale Giovanni Curcuas, era un armeno nato in una piccola città del
distretto di Khozan e in prime nozze aveva sposato una sorella di Barda Sclero. Il suo primo atto fu di
esiliare Leone Foca e suo figlio Niceforo a Chio e di ordinare all‟altro figlio di Leone, Barda, stratego dei
temi di Chaldia e di Colonea, di non mettere piede fuori d‟Amasea. Giovanni incaricò il cognato Barda
Sclero di tenere a bada i Russi e questi li affrontò ad Arcadiopoli obbligandoli ad evacuare la Tracia. Nel
970 Barda Foca si proclamò Imperatore e Giovanni gli inviò contro Barda Sclero, che si dimostrò un abile
diplomatico, convincendo i generali del seguito di Foca a passare dalla parte del legittimo Imperatore.
Barda Foca fu esiliato anche lui a Chio. Il pronunciamento della famiglia Foca fece decidere l‟imperatore a
sposare una principessa porfirogenita per rafforzare la sua posizione, e la scelta cadde su Teodora, una
figlia di CostantinoVII. Giovanni, rafforzata la sua posizione, decise di affrontare i Russi. Inizialmente egli
tentò la via diplomatica ma Svjatoslav rispose in maniera tale da obbligare Giovanni a cominciare le
operazioni militari: ”Se i Romani non vogliono pagare, non resta loro che ritirarsi dall‟Europa, dove non
hanno alcun diritto di restare, e andarsene in Asia”. Nel 970 una flotta di 300 navi fu inviata sul Danubio
allo scopo di tagliare la ritirata russa. Giovanni invase la Bulgaria e conquistò Preslav scacciandovi i Russi
e catturando lo zar dei Bulgari, Boris. Alla notizia della caduta di Preslav, Svjatoslav andò incontro
all‟Imperatore che il 23 aprile 971, dopo una terribile battaglia, lo sconfisse obbligandolo a trincerarsi a
Dorystolum. Mentre l‟Imperatore era impegnato davanti a Dorystolum, Leone e Niceforo Foca entrarono
segretamente nella capitale ma fortunatamente grazie alla fedeltà del drungarios Leone e del
parakoimomenos Basilio vennero catturati e questa volta entrambi accecati e deportati nell‟isola di Prote.
Nel luglio del 971 Svjatoslav cercò di rompere l‟assedio, ne seguì una tremenda battaglia che si concluse
con la disfatta dei Russi. Il trattato di pace offerto da Zimisce a Svjatoslav fu più che onorevole e i Russi
abbandonarono la Bulgaria per ritornare a Kiev, ma sulle rapide del Dnepr furono attaccati da Kurja Khan
dei Peceneghi, ex alleato dei Russi, e qui trovò la morte Svjatoslav il cui teschio divenne la coppa con cui
Kurja brindava assieme ai suoi boiari. Il trionfo nella capitale fu splendido, sul carro trainato da quattro
cavalli bianchi c‟era un‟icona della Vergine, Boris seguiva a piedi il carro e giunto nel foro venne deposto
dal titolo di Zar e nominato magister. La perdita dell‟indipendenza politica portò anche alla soppressione
del patriarcato bulgaro e tutta la diocesi bulgara passò sotto l‟autorità del patriarca di Costantinopoli.
Zimisce riuscì anche a riappacificarsi con Ottone I dando in sposa al figlio del sovrano tedesco sua nipote
Teofano. Il matrimonio venne celebrato a Roma il 14 aprile del 972 ponendo fine ad una pericolosa frattura
tra i due imperi.

Zimisce libero da ogni problema in occidente partì per l‟oriente per rafforzare la posizione dell‟impero.
Antiochia era stata assediata per 5 mesi da un esercito egiziano e per rompere l‟assedio si rese necessario
l‟intervento delle forze dei temi orientali. Zimisce nel 972 attraversò l‟Eufrate e il 12 ottobre prese Nisibi,
poi puntò su Martinopoli (Mayyafariqin) ma non riuscì a prenderla, quindi rientrò nella capitale. Il
comando delle operazioni in oriente fu affidato ad un armeno, Mleh, che il 4 luglio del 973 fu sconfitto nei

69
pressi d‟Amida da Hibat Allah, fratello dell‟emiro di Mossul. Zimisce nel 974 raccolse un grande esercito in
oriente e prima di dirigersi verso l‟Eufrate puntò verso l‟Armenia, la sua patria, sempre divisa a causa di
una nobiltà bellicosa e indipendente. Nel 973 l‟Armenia aveva trovato l‟unità attorno ad Ashot III forse per
paura di un attacco romano dopo l‟annessione della provincia armena di Taron. Proprio a nord di Taron,
Ashot aveva raccolto un enorme esercito di 80.000 uomini. Zimisce prima di addentrarsi in territorio
mussulmano decise di incontrare i suoi compatrioti per rassicurarli delle sue intenzioni e una volta
riconfermato il trattato di amicizia tra i due popoli ottenne anche 10.000 guerrieri da Ashot. Da Mus,
capoluogo del Taron, Zimisce scese su Amida e Martinopoli che si arresero, poi raggiunse Nisibi che trovò
deserta. Addentrandosi sempre più a sud, giunto alle porte di Bagdad tornò indietro. Il perché abbia
rinunciato ad occupare Bagdad rinunciando alle sue immense ricchezze, non è chiaro, lo storico Leone
Diacono dice che i mussulmani praticarono la tattica della terra bruciata e l‟esercito romano privo di
vettovaglie dovette ritirarsi, mentre Matteo d‟Edessa dice che un grosso esercito egiziano partendo da
Damasco occupò Tripoli e Beirut e puntò verso Antiochia minacciando le retrovie dell‟esercito
dell‟Imperatore, obbligandolo a ritirarsi.

Zimisce portò il suo grande esercito a svernare ad Antiochia nel 974 e rientrò a Costantinopoli carico di
bottino per celebrarvi l‟ennesimo trionfo. Nel 975 tornò ad Antiochia e invase la Siria, seguendo l‟Oronte
occupò Emesa ed Eliopoli (Baalbek) e giunto a Damasco la città gli si arrese. Da Damasco proseguì per
Tiberiade e quindi Nazareth, infine occupò Acri e Cesarea. Ad Acri fu raggiunto dalle delegazioni di
Gerusalemme e Ramaleh che gli offrivano la resa e chiedevano l‟invio di una guarnigione e di un
governatore. Giovanni Zimisce avrebbe potuto essere il primo imperatore dopo Eraclio a pregare sul Santo
Sepolcro, eppure egli ancora una volta rinunciò. Prima di occupare Gerusalemme voleva occupare tutte le
città della costa: Beirut, Sidone, Biblo caddero nelle sue mani, solo davanti a Tripoli questo gran generale
subì uno scacco. Risalendo verso nord occupò ancora Balamea e Gabala, poi rientrò ad Antiochia. Tutta la
costa da Cesarea alla metropoli siriana, tranne Tripoli, era romana, in più all‟interno i due grandi castelli
di Burzuya e Sahyum che dominavano la valle dell‟Oronte erano saldamente in mano romana. Zimisce
rientrò nella capitale con l‟intento di marciare sulla città Santa la primavera successiva, ma la morte lo
colse improvvisa e inaspettata il 10 gennaio 975: aveva solo 51 anni.

70
4.6) L’APOGEO DELLA POTENZA BIZANTINA ; BASILIO II

BASILIO II (976-1025)

Morto Giovanni Zimisce che non lasciava eredi, non ci furono più ostacoli per l'avvento al potere di Basilio
II di diciotto anni e Costantino di sedici. Erano ambedue figli di Romano II.

I due fratellastri erano completamente diversi, Costantino non aveva nessun interesse per lo stato mentre
Basilio aveva una mente rapida come il lampo e un'energia inesauribile, ma nessuna inclinazione per le
lettere, non era un intellettuale come Leone il Saggio o Costantino Porfirogenito.

Guerre civili

Quando salì al trono decise sin da subito non solo di regnare ma anche di governare, suo fratello e
coimperatore, non lo intralciò in alcun modo, era felicissimo di essere sollevato da ogni responsabilità e di
godersi i piaceri della vita a corte. Subentrarono però due ostacoli , il primo era suo prozio eunuco Basilio

71
figlio illegittimo di Lecapeno, e il secondo era all'interno della difficile prassi della successione al trono. Il
trono non era ereditario e anche se questa prassi veniva usata molte volte, non aveva nessuna base
giuridica. Negli ultimi sessant'anni si erano spartiti il diadema imperiale, ben tre generali che furono
probabilmente i più forti della storia dell'Impero, e che con il loro coraggio e con la loro bravura si erano
ritagliati il loro spazio fino a raggiungere il grado massimo di Basileus.

Il regno di Basilio non potè nascere sotto peggiori auspici, i primi nove anni si svolsero all'ombra del
grande ciambellano, poi altri tredici combattendo una guerra intestina e fratricida contro due generali. Uno
dei due era Bardas Foca , nipote dell'Imperatore Niceforo,e l'altro era Bardas Sclero, domestico delle
armate d'Oriente, ossia comandante supremo. Il primo a colpire su Sclero che si fece proclamare Basileus
dalle sue truppe e nell'autunno del 977 aveva già al suo attivo due vittorie significative e l'appoggio della
flotta meridionale. Dopo pochi mesi, conquistò Nicea e sferrò un attacco anfibio verso la capitale. Sul mare
l'esito fu deciso dalla fretta, la flotta del Corno d'Oro era fedele all'imperatore che impiegò pochissimo
tempo a respingere gli attacchi. Il problema maggiore proveniva ora dall'eventuale attacco di terra , si
decise cosi di affidare la contropartita imperiale nelle mani di Bardas Foca. La notizia apparse subito
strana anche al diretto interessato che però si tolse il saio e reclutò un esercito a Cesarea in Capadocia. La
guerra civile durò tre anni. La battaglia finale si combattè nella primavera del 979. Bardas Foca, vedendo
che le cose si mettevano male, sfidò a duello il rivale. Sclero accettò, e fu coraggioso, perché Foca era un
gigante. Cominciò una contesa che sembrava tratta di peso dall'Illiade: all'improvviso Sclero fu visto
piegarsi in avanti sulla sella e scivolare a terra con la testa coperta di sangue. La guerra era finita.

Almeno per poco perché Sclero guarito si rifugiò presso il califfo di Baghdad e Bardas Foca più forte che
mai era in attesa, questo periodo di transizione permise al giovane Basilio II di studiare da Imperatore,
conobbe i meccanismi che regolavano l'esercito, la marina, la Chiesa, i monasteri e tutti i dipartimenti. Nel
985 era pronto riuscì con uno stratagemma a liberarsi del prozio che fu arrestato. Ora Basilio II era
padrone in casa propria, ma neppure un anno passò che altri problemi sorsero all'orizzonte, Samuele,
autoproclamato Zar dei Bulgari, aveva invaso la Tessaglia. Egli aveva approfittato della guerra civile a
Bisanzio per aumentare il territorio bulgaro e reinsediare il patriarcato. Aveva dato una continuità ai
governi precedenti associando al proprio trono, Romano fratello del defunto zar Boris. Nel 980 Samuele
effettuò la prima incursione in Tessaglia, questa forma di guerriglia perdurò ogni anno finchè nel 986
espugnò la sua capitale Larissa. Questa notizia costrinse Basilio ad armarsi e alla testa del suo esercito
colpire l'invasore, ma aspettando la retroguardia, alle Porte di Traiano le truppe romane s'infilarono in
un'imboscata e furono decimate. Basilio che ambiva ad essere l'Imperatore più efficiente della storia di
Bisanzio fu preso dalla collera e dalla vergogna. Mentre tornava a Costantinopoli giurò solennemente che
tutta la Bulgaria l'avrebbe pagata cara e fu di parola.

Quando Bardas Sclero seppe della disfatta contro i bulgari, armato dal califfo con uomini e mezzi, si
autoproclamò Basileus per la seconda volta ma giunto in Anatolia capì che i nobili avrebbero appoggiato
Bardas Foca. Era cosi popolare che anche lui si proclamò Basileus, e propose a Sclero di dividere l'impero,
una parte l'occidente compresa Costantinopoli e dall'altra l'oriente comprensiva di tutte le province al di là
del Bosforo. Sclero accettò ma fù arrestato e rinchiuso.

72
Foca decise di colpire e divise in due tronconi il suo esercito, uno lo inviò a Ovest ad Abido sull'Ellesponto,
con l'altra si trincerò a Crisopoli. Basilio non si scompose, l'unico suo bisogno immediato era un alleato e lo
trovò in Vladimiro, principe di Kiev figlio di Svjatoslav. Egli mandò un contingente di seimila variaghi in
perfetto assetto da guerra. L'unica cosa che chiese in cambio fu la mano della sorella dell'Imperatore cioè la
principessa porfirogenita Anna. La corte romana venne sconvolta da questo piano, mai una figlia nato nella
porpora aveva sposato un principe barbaro che come le leggende dicevano aveva già più di ottocento
concubine. L'unico suo lato positivo, oltre al fatto di essere un matrimonio politico, era un sentimento
religioso. Vladimiro, che poi divenne santo, stava cercando una religione per il proprio popolo e dopo aver
sondato sia nell'islam sia in quella cattolico romana, sia in quella ebraica, non era rimasto convinto di
nessuna delle tre. Cosi mandò degli emissari che entrati in Santa Sophia e avendo assistito alla divina
liturgia furono cosi entusiasti che non sapevano più se erano in terra o in paradiso. Basilio acconsentì al
matrimonio alla sola condizione che il Principe di Kiev si facesse ortodosso.

L'attesa durò quasi un anno, alla fine del dicembre del 988 le vedette imperiali del Mar Nero intravidero a
settentrione le prime di una lunga serie di navi vichinghe e a gennaio tutta la flotta kieviana gettò l'ancora
nel Corno d'Oro. Sbarcarono seimila enormi giganti, che al comando dell'Imperatore qualche settimana
dopo colpirono di notte nell'accampamento di Foca, distruggendo e ammazzando tutti, tre sottufficiali
consegnati all'Imperatore furono uno impiccato, uno impalato e l'altro crocifisso. Bardas Foca ritornò con
l'altra metà dell'esercito e assediò Abido che resistette, Basilio mandò una spedizione di soccorso con a
capo sul fratello Costantino. All'alba di sabato 13 aprile l'imperatore diede l'ordine di attacco, le schiere di
ribelli furono scompaginate, e trucidate, poi la leggenda parla di Foca che vedendo Basilio II cavalcare
avanti e indietro fra le file dei suoi variaghi con a fianco suo fratello Costantino, spronò il suo cavallo con
la spada sguainata verso l'imperatore. Basilio rimase immobile stringendo con la mano destra la spada e
con la sinistra un'icona miracolosa della Vergine. Ad un tratto il generale vacillò e cadde preso da vertigini,
quando la compagine imperiale arrivò lo trovò morto, il suo esercito si dissolse come neve al sole. Ora
rimaneva solo un altro pretendente Bardas Sclero ma vecchio e stanco il generale era innocuo e acconsentì
alle condizioni di pace estremamente generose che Basilio gli offrì. Poi gli chiese “ Come mi devo
comportare affinché non accada nulla di tutto questo?” e il vecchio disse “Bisogna tenergli la briglia
(riferito ai nobili) sul collo, tassarli senza pietà, strozzarli con le tasse, perseguitarli anche ingiustamente
perché cosi sarebbero stati troppo occupati per inseguire le loro trame ambiziose. Quei consigli Basilio non
li dimenticò mai.

Basilio Imperatore e distruttore dei Bulgari

L'imperatore preso dai problemi in patria si dimenticò della promessa fatta con Vladimiro. Basilio fece
partire subito la sorella che si imbarcò per Kiev. Mai in tutta la storia russa, cerimonia fu più fatidica, la
conversione del principe segnò infatti l'ingresso della Russia nella comunità cristiana. La chiesa russa fu
cosi fin dalla sua creazione subordinata al patriarcato di Costantinopoli e la sfortunata Anna non trovò la
sua nuova vita meno insopportabile di quanto avesse temuto. Vladimiro cambiò e divenne un difensore della
cristianità in odore di santità. Nel 989 Basilio aveva trentuno anni ora la pace regnava nell'Impero e poteva
dedicarsi al suo compito che si era prefisso: annientare l'impero bulgaro. Quando arrivò la primavera del
991, l'imperatore partì per Tessalonica. Da quel momento e per i suoi successivi quattro anni non allentò
mai la presa sulla Bulgaria. Il suo nuovo esercito che lui stesso aveva addestrato non soffriva né il caldo né

73
il freddo, Basilio riconquistò molte città, altre furono assediate altre addirittura rase al suolo. Non fece
grandi avanzate e neppure grandi ed epiche battaglie, era sua convinzione che il successo dipendesse dalla
capacità organizzativa. La disciplina era tutto per questo tipo di tattica, e quindi i soldati dovevano
rimanere sempre nei ranghi, mai eccedere con atti eroici. La strategia di Basilio garantiva progressi lenti
ma sicuri e non sorprende che all'inizio del 995, quando l'imperatore dovette partire per la Siria, le
conquiste erano relativamente poche. Ma anche se la sua tattica era cosi lenta e magari poco spettacolare,
Basilio dimostrò di essere anche un combattente veloce e spietato. Quando l'emiro di Aleppo lo chiamò,
costituì un esercito di quarantamila uomini e mosse verso Antiochia, data la lunga distanza e la cronica
mancanza di tempo, fece montare sul dorso di muli, tutto l'esercito che arrivò appena in tempo per difendere
Aleppo dagli attacchi dei Fatimidi. Lo sconforto che colpì le truppe nemiche fu grande, si ritrovarono a
combattere in netta inferiorità numerica, e di li a poco furono costretti a scappare incalzati da Basilio.

Sistemata la situazione in Oriente, il grande Basileus, tornò verso la Capitale e attraversando l'Anatolia si
accorse di quanti poderi erano stati confiscati dai nobili a discapito dei piccoli proprietari terrieri che
formavano il nerbo del suo esercito. Molti patrizi commisero l'errore fatale di riceverlo con grandi onori e
grande sfarzo che insultò profondamente il Basileus, cosi avverso alla dimostrazione sfrontata di ricchezza.
Il 1° Gennaio 966 Basilio emanò un editto molto importante “La Novella” : i diritti sulla terra per esseri
validi dovevano risalire almeno a sessantun anni prima, al regno di Romano I. Tutti i possedimenti
posteriori a quella data dovevano essere restituiti immediatamente al proprietario precedente o alla sua
famiglia, senza nessun obbligo di indennizzo per le migliorie effettuate. Tutte le crisobolle imperiali,
comprese quelle firmate dallo stesso imperatore, erano considerate decadute e venivano annullati tutti i
conferimenti di terra effettuati dal ciambellano Basilio, a meno che non fossero riconvalidati dal sovrano.
Questo provvedimento fu preso, perché la piccola proprietà terriera era troppo oppressa e i temi che Eraclio
aveva inventato erano diventati più deboli per colpa del latifondismo. Moltissime famiglie nobili, divennero
improvvisamente povere , altre caddero in rovina, invece per i piccoli proprietari si prospettava un periodo
si possibilità di riacquistare le terre avite. Basilio costrinse di pagare l'allenlengyon per i poveri al
latifondista, cosi non si scaricava più sul villaggio insolvente o a quello vicino ma direttamente al magnate.
Questa misura ebbe un duplice effetto da un parte infliggeva un nuovo potente colpo ai magnati, dall'altra
dava maggiore sicurezza al fisco per le entrate dell'allelengyon.

Pochi mesi dopo arrivò una ambasceria di Ottone III che voleva in sposa una nobildonna romana, Basilio
non chiedeva di meglio, un futuro matrimonio avrebbe contribuito a mantenere la pace nell'Italia
Meridionale (dopo la guerra fatta dal padre Ottone II). Dopo vari tentativi il progetto andò in fumo per
colpa principalmente di un certo Crescenzio, capostipite della famiglia più influente di Roma. Intanto lo zar
Samuele aumentava il suo potere, aveva occupato Durazzo e aveva cominciato una vittoriosa campagna
all'interno della Dalmazia penetrando fino in Bosnia. Le coste e le città romane chiesero aiuto e Basilio
chiamò Venezia. Il doge Pietro Orseolo trovò allettante l'offerta promessa dal Basileus e a capo della
flotta veneziana salpò per ricevere il nuovo titolo Dux Dalmatiae (governava per conto dell'impero). Nel
1001 Ottone III con forte determinazione chiese di nuova una sposa romana, Basilio optò per Zoe la più
bella delle sue nipoti, ma una volta partita per Bari, dove doveva incontrarsi con il suo futuro sposo, una
brutta notizia arrivò, l'Imperatore era morto per una febbre improvvisa. Povera Zoe, se lei ed Ottone
avessero avuto un figlio, quel figlio avrebbe governato, senza eredi maschi, dalla Siria alla Francia. Fra
l'anno 1000 e il 1004 Basilio con un susseguirsi di campagne militari riconquistò tutta la parte orientale
della penisola balcanica. Samuele era ora alle prese con un nemico che sapeva muoversi con velocità, tra
boschi, pianure e monti. Le truppe romane non soffrivano ne il caldo ne il freddo, combattevano su tutti i

74
terreni, colpivano e fuggivano. L'avanzata romana fu lenta fino alla battaglia di Cimbalongo, nell'angusta
gola che dal Serrai conduce alla valle dell'alto Struma. Più che una battaglia campale fu un'imboscata,
caddero nella trappola quindicimila bulgari che furono presi prigionieri. Qui tutta la rabbia repressa,
esplose e Basilio potè vendicarsi e mantenere la sua promessa. Di ogni centuria, accecò novantanove
uomini, e al centesimo risparmiò un occhio perché potesse condurre i compagni alla presenza del loro Re.
Ai primi di ottobre la triste processione si trascinò fin dentro la fortezza dello zar a Prespa: vedendo i miseri
resti della sua gloriosa armata, Samuele già ammalato morì. La guerra continuò fino al 1018 quando
Basilico espugnò la loro capitale. Per la prima volta dalla caduta degli slavi, tutta la penisola balcanica
era tornata sotto il controllo di Bisanzio.

Epilogo

Basilio oltre che essere spietato e brutale in guerra, era anche un ottimo amministratore e si dimostrò molto
compassionevole con i suoi nuovi sudditi.

Pretese contributi modesti pagabili anche in natura, ridusse il patriarcato ad arcivescovado, ma lasciò la
chiesa bulgara autonoma. La Bosnia e la Croazia furono amministrate dai principi locali sotto la protezione
imperiale. L'aristocrazia bulgara si integrò presto in quella romana, ricoprì importanti incarichi e divenne
parte integrante della società imperiale.

Ad Oriente dopo l'ultima spedizione attuata nel 1023, Basilio II istituì otto nuovi temi, disposti in un grande
arco che, partendo da Antiochia si dispiegava verso est. Era il sovrano assoluto di domini che andavano
dall'Adriatico all'Azerbajan. Si sentiva ancora pieno di forze quando progettava l'invasione della Sicilia

75
allorché nel 1025 una decina prima di natale morì all'età di sessantasette anni. Basilio era stato un
imperatore eccezionale, primo tra i generali, sicuramente brillante nel campo amministrativo, governo con
saggezza Stato e Chiesa.

Le sue campagne non erano esaltanti ed epiche ma come un fiume di lava in piena che tutto sommerge.
Basilio era brutto, sporco, rozzo, goffo ,incolto e di un'avarizia quasi patologica.L'unica cosa che gli stava a
cuore era la grandezza di Bisanzio. Non meraviglia dunque che sotto di lui Bisanzio abbia raggiunto
l'apogeo. In una cosi fallì: non lascio eredi. Ancora nel XIII Secolo uno scrittore chiamerà Eraclio e Basilio
II i più grandi imperatori di Bisanzio. In effetti questi due nomi, i più grandi della storia bizantina,
simbolizzano l'età eroica di Bisanzio, che l'uno dei due inaugurò e l'altro la concluse.

Basilio chiuse gli occhi il 15 Dicembre 1025 . Il 16 il declino era già cominciato.

76
5) IL DOMINIO DELL’ARISTOCRAZIA BUROCRATICA DELLA
CAPITALE

5.1) IL DISSOLVIMENTO DEL SISTEMA STATALE DEL PERIODO BIZANTINO DI MEZZO

La morte di Basilio II segna una svolta nella storia bizantina . Essa fu seguita da un‟epoca in cui , mentre
nella politica estera l‟impero vive del prestigio acquistato nel period precedente , all‟interno lascia via
libera al processo di dissolvimento . Dopo le grandi gesta degli ultimo tre imperatori Bisanzio sembrava
invincibile , ed ebbe inizio un period di relativa pace quale l‟impero non aveva quasi mai vissuto . Questo
periodo di pace non fu però per Bisanzio un‟epoca di raccoglimento e consolidamento , bensì un‟epoca di
rilassamento interno . Ha inizio la dissoluzione del sistema che Eraclio aveva creato e che Basilio II aveva
per ultimo mantenuto . I deboli successor di Basilio II non avevano la capacità di portare avanti la lotta
contro i signori feudali. Lo sgretolamento delle proprietà dei contadini e dei soldati procede a passi da
gigante e porta alla decadenza della forza militare e del sistema tributario dello Stato bizantino . Il potere
imperial di Bisanzio rinuncia non solo alla lotta contro l‟aristocrazia feudale , ma diventa esso stesso il
rappresentante di questa classe sempre più forte . L‟aristocrazia fondiaria ha vinto la partita e ci si
domanda solo quale parte di questo settore conquisterà il predominio : l‟aristocrazia burocratica o quella
militare .

COSTANTINO VIII (1025-28)

L‟erede al trono di Basilio II è Costantino VIII , il vecchio fratello dell‟imperatore , che non si era mai
interessato al governo quando era co – imperatore , perchè schiacciato dalla potenza del fratello .

Non gli mancavano le capacità , bensì il carattere e il senso di responsabilità . Lasciava ad altri la cura
dello Stato e trascorreva più tempo tra banchetti e spettacoli dell‟ippodromo , dilapitando spensieratamente
i tesori dello Stato accumulate sotto Basilio II . Il problema più importante era che il vecchio imperatore
non aveva eredi maschi .

E‟ memorabile il fatto che solo sul letto di morte Costantino VIII si sia ricordato di maritare e di designare
un marito degno per sua moglie e la scelta cadde su Romano Argiro .

ROMANO III ARGIRO (1028-1034)

Costui era un burocrate di rango senatorio, già sessantenne, nato da famiglia di proprietari terrieri
anatolici, e ricopriva l'altissimo incarico di Eparca della Città. Era questa una altissima dignità che
permetteva al suo detentore di gestire la polizia urbana, i mercati, l'esercizio di talune professioni quali

77
quelle dei banchieri, dei notai o degli avvocati, i servizi giudiziari delle quattordici regioni, l'illuminazione,
la rete idrica, l'annona, gli accessi degli stranieri. Era, insomma, il padrone di Costantinopoli, e a lui
spettava l'onore di sposare Zoe figlia di Costantino VIII.Il 15 novembre del 1028 Romano III e Zoe venivano
incoronati.

Il nuovo Imperatore non era affatto uno sciocco, ma aveva senz'altro una eccessiva considerazione di se
stesso. Egli tendeva a ritenersi un grande condottiero, presentandosi come un novello Traiano o Adriano, se
non un redivivo Alessandro Magno, e così cominciò a concepire piani d'aggressione verso ogni popolo
confinante.

Contro l'opinione dei suoi generali attaccò dunque Aleppo con gran spiegamento di forze. Ad Antiochia,
ricevette gli ambasciatori dell'emiro che ribadivano la loro volontà di proseguire la pace, ma ne respinse le
proposte, e si mise in marcia con l'esercito verso Aleppo. Il 2 di agosto del 1030 un distaccamento di
cavalleria aleppina attaccò le truppe romane: l'effetto sorpresa fu sconvolgente, la Guardia imperiale si
mise in fuga e con quella l'intero esercito, che venne annientato. L'Imperatore si salvò a stento. Fu l'ultima
campagna che condusse: saggiamente affidò ad altri il compito di guidare gli eserciti imperiali, ed ebbe il
merito di individuare un giovane generale, Giorgio Maniace, ed inviarlo in oriente. Maniace riscattò la
sconfitta del 1030, nel 1031 invase l'emirato di Aleppo, ne batté gli eserciti e lo costrinse ad accettare
nuovamente la sovranità romana. L'anno successivo, spingendosi più oltre, conquistò la città confinaria di
Edessa, che non apparteneva all'Impero dai tempi di Basilio II. Inoltre fondò una nuova città che, quale
celebrazione del nome del sovrano, venne battezzata Romanopolis, a difesa ulteriore dei territori sottomessi.

La situazione confinaria non mutò più finché visse Romano: l'Impero aveva probabilmente raggiunto le sue
frontiere naturali, e, ad Oriente, risolti i problemi di Aleppo ed Edessa, non aveva più senso cercare altre
avventure militari, che avrebbero posto enormi problemi gestionali; e del resto anche in Italia la
dominazione imperiale restava apparentemente stabile, mantenendo un atteggiamento offensivo.

L'Impero dei burocrati

Pareva dunque che la realtà statuale bizantina proseguisse senza scossoni, nella gloria e nella potenza
lasciate da Basilio II: la moneta era forte come prima, l'economia in piena fioritura, l'esercito potente, i
confini sicuri. In realtà non era per caso che Romano Argiro fosse salito al trono: a coloro che avevano
avuto l'opportunità di imporre un loro candidato parve evidentemente giunto il momento di risolvere a loro
favore l'annoso conflitto che contrapponeva il potere imperiale all'aristocrazia fondiaria. Con Romano,
potente possidente anatolico e burocrate, parve fondersi il potere di questa con la forza nascente dell'alta
burocrazia della Città.

Pareva, comunque, che a Costantinopoli si ritenesse di essere giunti ad una nuova era di pace e prosperità
tale da permettere lo smantellamento di quanto approntato precedentemente per l'emergenza. Lo stesso
Romano, come già il suo predecessore, si diede a dilapidare il patrimonio accumulato dai Macedoni, e lo
fece per opere pie. Era in effetti molto interessato alla religiosità, discuteva di argomento sacri e si mostrava

78
molto pio, come del resto la sorella, Pulcheria, fondatrice del monastero di Esfigmenou, sul monte Athos. La
sua più grande – e dispendiosa- opera fu la costruzione dell'enorme chiesa della Madre di Dio di
Peribleptos, presto affiancata da un gigantesco monastero.

Il tradimento

In fin dei conti Romano Argiro, pur non essendo riuscito a dar vita ad una sua dinastia, non aveva motivi
per temere per il futuro suo e dell'Impero: in effetti il pericolo era molto più vicino di quanto potesse
immaginare, ed era rappresentato da colei cui doveva il trono, Zoe Porfirogenita. Lui sperava in un erede,
ma, oltre alla sua età, c'era da fare i conti con l'età della moglie, giunta, al momento del matrimonio, a 48
anni. La coppia si sottopose a pratiche d'ogni genere, giungendo al punto di utilizzare arti magiche, ma
senza esito di alcun tipo. Quando comprese la verità, Romano s'allontanò da Zoe, anche fisicamente, e
l'allontanò anche dalle stanze del potere e soprattutto dal Tesoro, concedendole nulla più d'un appannaggio
fisso. Zoe, frustrata e furiosa, cominciò a meditare vendetta, e questa giunse nei panni e nell'astuzia d'un
monaco eunuco, Giovanni l'Orfanotrofo.

Costui era un uomo d'umile origine, proveniente dalla Paflagonia, e di famiglia dedita a commerci non
propriamente ortodossi. Sotto Basilio II era giunto all'incarico di protonotario, e successivamente, con
abilità mista a totale assenza di scrupoli, s'era fatto strada nelle stanze del potere, occupandosi tra l'altro
d'opere pie, giungendo ad una certa confidenza con l'Imperatore. La crisi della coppia imperiale non passò
certo inosservata alla sua mente, che elucubrò un piano diabolico. L'occasione fu, nel 1033, la
presentazione di suo fratello all'Imperatore: Michele era un gran bel ragazzo, e Zoe ne restò fulminata. La
matura innamorata non visse più che per il suo giovane Michele: cercò in ogni modo di frequentare
l'Orfanotrofo, per incontrare il fratello, e quando aveva l'occasione diveniva sempre più pressante,
incoraggiandolo a cedere. Ben ammaestrato dall'eunuco, Michele cedette alla passione dell'Imperatrice,
poiché si rendeva conto che questa era la via per giungere alla gloria, ed in breve la tresca giunse ad esser
nota a tutti. Meno che a Romano, che fu l'ultimo a sapere e comunque, anche quando ne venne a
conoscenza, non volle prestarvi credito. E non volle neppure prestar fede anche a chi, come Pulcheria
sorella di Zoe, lo metteva in guardia: prima o poi la moglie infedele e l'amante avrebbero cercato di
eliminarlo.

Cominciarono con il veleno, lentamente. Romano cominciò a deperire, la sua pelle si ricoprì di ulcere,
cominciò a perdere i capelli, non dormiva più, il suo umore diveniva sempre più instabile, perdeva appetito,
gonfiava senza alcuna ragione apparente. Tuttavia l'azione del veleno appariva evidentemente troppo lenta,
e l'Imperatore affidandosi a medici resisteva, ragion per cui Michele ed i suoi compari concepirono
l'assassinio: mentre Romano si riposava in una delle piscine vicino ai quartieri imperiali del Palazzo,
preparandosi alle cerimonie del Venerdì santo, alcuni uomini lo assalirono e lo annegarono. Estratto dalla
piscina agonizzante, l'Imperatore si spense l'11 aprile del 1034. Il giorno dopo il Patriarca Alessio I Studita
era costretto da Zoe ad unirla in matrimonio con Michele. Romano, secondo le sue volontà, venne sepolto
nella chiesa della Peribleptos.

79
MICHELE IV IL PAFLAGONE (1034 – 1041)

All‟età di cinquantasei anni Zoe si sposò per la seconda volta con un ragazzo epilettico di quasi
quarant‟anni più giovane. Zoe pensava di aver trovato un marito remissivo, invece, dopo pochi mesi,
Michele cessò d‟interessarsi a lei; inoltre, l‟Orfanotrofo, memore della fine di Romano, la pose sotto stretta
sorveglianza nel gineceo del Palazzo. Michele intanto era agitato dai rimorsi di coscienza (per la fine di
Romano e il trattamento riservato a sua moglie), così si dedicò incessantemente alla preghiera e alla
fondazione di chiese e conventi. Michele scoprì di essere un buon sovrano, affidò la gestione delle finanze al
fratello l‟Orfanotrofo, e lui si dedicò alla politica estera e alla guerra. Nel 1038, sotto il comando di Giorgio
Maniace e di Stefano il Calafato (parente del sovrano), partì la grande spedizione che doveva riconquistare
la Sicilia. Messina e Siracusa furono prese poi però Maniace fu arrestato per contrasti con il Calafato, e in
breve la Sicilia fu perduta (tranne Messina).

Intanto l‟Orfanotrofo aumentò le tasse e i gravami fiscali, questo spinse gli Slavi alla rivolta, Michele partì
per domare l‟insurrezione e ci riuscì; tornò a casa in trionfo ma gravemente malato agli inizi del 1041.
Prevedendo la fine, l‟Orfanotrofo si mise in azione per garantire alla sua famiglia il trono: introdusse a
Palazzo suo nipote Michele, figlio di Stefano il Calafato, e lo fece adottare da Zoe che gli diede il titolo di
cesare. Il 10 Dicembre, Michele IV si fece trasportare nel monastero dei Santi Cosma e Damiano, che lui
aveva fondato, e si fece monaco; quella sera morì.

80
MICHELE V IL CALAFATO (1041 – 1042) ; ZOE ,
TEODORA (1042)

Dopo poco tempo anche Michele V iniziò a compiere iniziative autonome e per prima cosa fece esiliare lo
zio Orfanotrofo e sistemò i cortigiani che lo avevano osteggiato. Michele pensò di essere abbastanza forte
da sbarazzarsi di Zoe e mandarla in esilio; il 18 Aprile del 1042, giorno di Pasqua, la vecchia sovrana fu
messa agli arresti con l‟accusa di tentato regicidio. Con l‟appoggio di falsi testimoni, Zoe fu condannata e le
furono tagliati i capelli, quindi, quella stessa notte, fu condotta in un monastero sull‟isola del Principe nel
mar di Marmara.

Il 19 Aprile Michele convocò il Senato che, per paura, approvò l‟esilio della basilissa. Quindi il prefetto
della Città comunicò al popolo riunito nel foro di Costantino che l‟imperatrice Zoe era stata bandita per
aver tentato ripetutamente di uccidere il suo collega basileus. Allora accadde una cosa imprevista, il popolo
iniziò a gridare che Zoe doveva essere rimessa sul trono e Michele cacciato; la Città insorse per difendere
la nipote del Bulgaroctono, discendente della dinastia dei Macedoni che aveva riportato l‟Impero agli
antichi splendori. Per prima cosa la folla distrusse i palazzi della famiglia di Michele, poi puntò sul Gran
Palazzo; qui si trovava l‟imperatore che, terrorizzato, ordinò di riportare Zoe in Città. Mentre una nave
andava all‟isola del Principe, il basileus e i suoi uomini si asserragliarono nel Palazzo difendendolo dagli
assalitori. Quando la difesa era ormai al limite ecco tornare Zoe; la basilissa era provata ma acconsentì a
riprendere il suo posto e ad apparire nell‟Ippodromo al fianco di Michele. La mossa però non ottenne il
risultato sperato: vedendo la vecchia sovrana affacciata dal Kathisma, il popolo pensò che fosse prigioniera
di Michele e divenne ancor più rabbioso, Michele doveva essere esiliato. Sembrava che per Michele la fine
fosse prossima: i capi della rivolta temevano, però, che, con al suo fianco Zoe, Michele sarebbe riuscito a
domare la folla, quindi pensarono di procurarsi anche loro un vessillo per aizzare le masse. Visto che
Eudocia era ormai morta da tempo, si pensò di incoronare Teodora (che viveva ancora nel monastero dove
era stata rinchiusa quindici anni prima) imperatrice per usarla contro Michele ormai visto come un
usurpatore. Quel pomeriggio una delegazione si recò al convento per prelevare la donna, Teodora non
voleva saperne e fu necessario farla uscire con la forza; quindi fu rivestita degli abiti imperiali e condotta a
S. Sofia, dove la sera di quel Lunedì, 19 Aprile, fu incoronata imperatrice dal patriarca Alessio Studita.

A Palazzo la situazione era andata peggiorando, per ore Michele e suo zio Costantino cercarono di far
ragionare la folla usando anche Zoe, ma quando iniziarono a volare sassi e frecce, dovettero desistere;
rientrati a Palazzo furono raggiunti dalla notizia dell‟incoronazione di Teodora.

Martedì 20 Aprile, la Città fu sconvolta per tutto il giorno da violenze e stragi, si contarono 3.000 vittime;
prima dell‟alba del 21 Aprile Michele e suo zio, il gran domestico Costantino, vista l‟impossibilità di
recuperare la situazione, si fecero trasportare da una barca al monastero di S. Giovanni in Studio e si fecero
monaci.

Nelle prime ore di Mercoledì 21, la folla ruppe i portoni del Gran Palazzo e dilagò al suo interno
devastando e saccheggiando tutto col proposito di trovare Michele e ucciderlo. Gli insorti trovarono invece
Zoe terrorizzata, la sollevarono in alto e la posero sul trono, la sua gioia durò poco: quando seppe che
Teodora era stata incoronata ebbe l‟impulso di rispedirla in convento ma fu dissuasa dai consiglieri che le

81
spiegarono che la folla adorava Teodora, così la vecchia sovrana dovette rassegnarsi a condividere il trono
con l‟odiata sorella.

Michele e Costantino pensavano di avere scampato l‟ira della folla, ma si sbagliarono; i due furono accecati
e ricondotti in convento.

La situazione era instabile, l‟odio che le due donne provavano reciprocamente, iniziò a dividere i cortigiani
in due schieramenti, era necessaria una forte figura maschile che prendesse in mano la situazione; era
necessario che una delle due basilisse si sposasse. Teodora, dopo cinquant‟anni di castità, inorridiva solo
all‟idea, al contrario Zoe, nonostante i suoi sessantaquattro anni e l‟incertezze della Chiesa davanti un terzo
matrimonio (cosa vista molto male dalle autorità ecclesiastiche) era ben felice di sposarsi di nuovo. Si
vagliarono i pretendenti, fu convocato a corte Costantino Dalasseno (che già una volta era stato pensato
come sposo di Zoe, e che poi era finito relegato in un convento); questi però non parve adatto per il suo
modo di fare e per le idee che professava e fu scartato. Fu scelto allora Costantino Artocline (ex segretario
di Romano III) che fu introdotto a Palazzo per fare la conoscenza della sua promessa sposa; dopo qualche
tempo però Costantino si ammalò e repentinamente morì (alcuni dissero che sua moglie, memore della sorte
toccata alla prima sposa di Romano III, lo avvelenò). Alla fine la scelta cadde su un nobile aristocratico
della Città, Costantino Monomaco, di quarant‟anni, che era stato esiliato a Lesbo dall‟Orfanotrofo. Ai primi
di Giugno, Costantino giunse a Costantinopoli; l‟11 di quel mese, nella chiesa palatina della Nea Ekklesia,
Costantino e Zoe furono uniti in matrimonio. Il patriarca Alessio, però, per protestare contro queste terze
nozze (non solo di Zoe, ma anche di Costantino) non partecipò alla funzione e diede il suo abbraccio agli
sposi solo dopo l‟incoronazione.

COSTANTINO IX MONOMACO (1042 – 1055)

Il 12 Giugno, Costantino IX Monomaco fu incoronato imperatore dei Romei. Il nuovo sovrano non solo era
assolutamente inetto nelle questioni militari (l‟Impero cominciò a perdere parte dell‟Italia per mano
normanna), ma era un uomo gaudente, spendaccione e donnaiolo. Iniziò a spendere a piene mani il denaro
del tesoro imperiale, Zoe, non solo fu molto comprensiva su questo fronte (aiutandolo nelle spese folli), ma
chiuse gli occhi anche sulla tresca che il marito aveva con Maria Sclerena, donna affascinante che era stata
sua amante anche durante il matrimonio precedente.

Intanto l‟Impero scivolava nel baratro: il denaro, accumulato da Basilio II, spariva in acquisti folli e
insensati; nel 1043, spinto dalle calunnie del fratello della Sclerena, Giorgio Maniace si era ribellato e
causò vari lutti all‟Impero; in Sicilia restava solo la città di Messina in mano imperiale, mentre i Normanni
avanzavano speditamente nell‟Italia meridionale. Il 17 Luglio di quell‟anno i Russi, rotto il vassallaggio che
la dinastia Macedone aveva imposto loro, attaccarono per l‟ultima volta Costantinopoli; nelle acque del
Bosforo si svolse una grande battaglia navale che vide i Bizantini vincitori. Di tutto ciò la corte non si
curava, l‟evento che maggiormente colpì la Città avvenne nel 1045. In quell‟anno Maria Sclerena morì di un
male incurabile, Costantino ne soffrì fortemente (forse sperava, un giorno, di sposarla).

Il 1047 vide la rivolta di Leone Tornicio che dopo aver vinto gli Imperiali il 21 Settembre sotto le mura della
Città, non sfruttò la vittoria e fu sconfitto. Il regno di Costantino era salvo.

82
Nel Giugno del 1050, l‟imperatrice porfirogenita Zoe morì all‟età di settantadue anni, dopo aver dominato
la vita di corte per ventidue anni.

Gli anni seguenti furono segnati da un fallito attentato perpetrato da Romano Boila (1051); e da vari eventi
luttuosi per l‟Impero.

Il 16 Luglio 1054, vide anche il Grande Scisma d’Oriente che, nato per piccole beghe tra gli inviati papali e
il patriarca Michele Cerulario (succeduto, il 20 Febbraio 1043, ad Alessio I Studita), dividerà per sempre la
Chiesa d‟Oriente da quella d‟Occidente. Saliti al soglio patriarcale di Costantinopoli Michele Cerulario
(1043) e a quello pontificio Leone IX (1049), le divergenze investirono quasi subito il terreno dogmatico e
liturgico, sul quale entrambe le parti non erano disposte a venire a patti. Si trattava di vecchie questioni che
avevano già diviso gli animi ai tempi di Fozio (IX secolo): la dottrina occidentale della duplice processione
dello Spirito santo, il digiuno romano del sabato e il divieto del matrimonio dei preti, l'uso del pane lievitato
o di quello azzimo e in ultimo , la più importante riguardava l'autorità papale: il papa romano reclamava la
propria autorità sui quattro patriarcati orientali (Costantinopoli, Alessandria, Antiochia e Gerusalemme,
che con Roma formavano la cosiddetta pentarchia), disposti a concedere al patriarca di Roma un primato
solo onorario e a lasciare che la sua autorità si estendesse solo sui cristiani d'Occidente. La situazione
precipitò con l'arrivo a Costantinopoli della legazione papale guidata dal cardinale Umbero di Silvacandida
che, il 16 luglio 1054, consegnò la bolla di scomunica per il patriarca. Michele rifiutò di sottomettersi e
convocò un concilio di capi della Chiesa orientale (da allora proclamatasi ortodossa) che scomunicarono i
legati pontifici.

L‟11 Gennaio del 1055 Costantino IX Monomaco si spense nel palazzo dei Mangani e fu poi sepolto accanto
a Maria Sclerena. Prima della morte il basileus aveva scelto come suo successore Niceforo Proteuon,
governatore della Bulgaria, ma i cortigiani, fedeli alla dinastia Macedone, non attesero che il sovrano
morisse, richiamarono Teodora, che era stata messa in ombra dall‟incoronazione di Costantino, e la fecero
proclamare basileus autokrator dalla guardia variaga.

TEODORA (1055 – 1056)

Per la prima volta Teodora era unica sovrana assoluta dell‟Impero; la corte la spingeva affinché si sposasse
e desse un sovrano al suo popolo, ma la basilissa si rifiutò e decise di governare da sola con l‟aiuto del
nuovo primo ministro, il protosincello Leone Paraspondila. Nei primi tempi ebbe al suo fianco anche
Michele Psello (a cui era legata da antica amicizia) che poi, per le calunnie di cortigiani invidiosi, fu
costretto ad allontanarsi dalla basilissa. La sua attività non fu negativa: promulgò leggi; si dedicò con
assiduità alle nomine ecclesiastiche, inserendo uomini di sua fiducia nelle cariche più importanti (anche se
di questa attività non sappiamo molto, tranne un breve e negativo accenno in Psello); ricevette ambascerie
(tra cui una dal papa Vittore II, che però non conseguì i risultati sperati) e sempre respinse i tentativi del
patriarca di prendere in mano il governo dello stato. Anzi, nei confronti di Michele Cerulario (che pure in
passato aveva avuto in simpatia) cominciò a nutrire un forte astio e forse lo avrebbe pure sostituito se la
morte non l‟avesse colta prima (probabilmente la mutata situazione religiosa, dovuta allo Scisma, aveva
reso più intraprendente il patriarca, che, secondo Psello, aveva preso il titolo di Patriarca dell‟Ecumene
tutta, portandolo a cozzare con la volontà dell‟imperatrice).

Restava ancora il problema della successione che, praticamente, si trascinava da quando Basilio II era
morto senza figli maschi; Teodora aveva ormai settantasette anni, a chi lasciare il trono? Nei primi tempi

83
nessuno si curò di questo problema, si iniziò quasi a pensare che la sovrana, ultima rappresentante dei
Macedoni, sarebbe vissuta in eterno (di ciò Psello accusa degli individui che, sebbene monaci, facevano il
male piuttosto che il bene e che avevano convinto la sovrana della sua immortalità); invece non fu così,
nell‟estate del 1056: “la coglie una malattia davvero crudele: essendosi degradata la funzione defecatoria,
l‟appetenza fu compromessa ed ella andava sgravandosi per via orale. Poi, colta da diarrea improvvisa, tale
che per poco non espulse tutte le viscere, ella fu ridotta allo stremo” . Davanti all‟aggravarsi della
situazione, i consiglieri si riunirono per decidere a chi affidare il regno; la scelta cadde su un anziano
patrizio, Michele Bringa, che era detto lo Stratiotico (aveva diretto, infatti, l‟amministrazione militare);
Psello (che lo considera un inetto) sostiene che fu scelto perché “rimanesse legato loro e non mutasse animo
e garantisse loro immutata l‟attuale situazione di privilegio” .

Quando ebbero deciso si presentarono alla sovrana moribonda e le chiesero di dare il suo assenso, Teodora
accettò con il solo cenno delle ciglia e così facendo adottò Michele come figlio. Secondo alcuni il patriarca
(secondo Psello la stessa Teodora) pose la corona sulla testa di Michele VI Stratiotico che divenne il nuovo
imperatore dei Romei, poche ore dopo la porfirogenita Teodora morì, era il 31 Agosto del 1056, vigilia della
nuova indizione: la dinastia dei Macedoni si era estinta.

MICHELE VI BRINGA (1056-1057)

Dovette far fronte all'avanzata dei Turchi ed all‟opposizione interna propugnata dal patriarca di
Costantinopoli Michele Cerulario.

I primi giorni di regno furono difficili: nel Settembre del 1056 i Normanni vinsero i Bizantini a Taranto
annettendo tutto il territorio tra questa città e Otranto; da questo momento Roberto il Guiscardo iniziò a
occupare stabilmente sempre più ampie fette di territorio imperiale senza che i Bizantini facessero nulla;
poco dopo Teodosio Monomaco, cugino del defunto imperatore, si ribellò pretendendo il trono ma, grazie
anche all‟energico intervento del patriarca Michele Cerulario, la rivolta fu ben presto domata. I mesi
seguenti trascorsero senza alcun evento degno di rilievo; nel corso di quell‟anno il cugino dell‟imperatore,
Michele Urano, sostituì il generale Cecaumeno al comando ad Antiochia.

A causa del suo favoritismo verso i burocrati di corte, a spese dell'esercito, fra il giugno e l'agosto del 1057
fu dichiarato decaduto e quindi costretto a rinunciare al trono da una rivolta militare che proclamò
imperatore Isacco I Comneno, rappresentante dell‟aristocrazia bizantina. Risparmiato dal suo successore,
assunse la tonaca e morì poco dopo, intorno al 1059.

ISACCO I COMNENO (1057-1059)

Quando Isacco Comneno si trovò di fronte i Senatori della Città per la prima volta, poco dopo aver preso
possesso della Capitale, molti di loro furono presi da gran timore, di fronte alla freddezza con cui vennero
accolti. In realtà tutto era stato ben combinato da coloro che già da tempo gestivano il potere nell'Impero,
ma era pur vero che da decenni un soldato non vestiva la porpora. E poteva rivelarsi foriero di sorprese
sgradite a quel Senato che si godeva quanto accumulato dalle vittorie precedenti.

84
L'Imperatore ed il Patriarca

Pareva che si realizzasse l'ambizione di quella combinazione tra aristocrazia civile e la Chiesa che aveva
agevolato l'ascesa al trono di Isacco: costui avrebbe tenuto a bada l'aristocrazia terriera militare ma
avrebbe dovuto tenere in debito conto chi gli aveva assicurato la corona. Ed in effetti il basileus inizialmente
si mosse con discrezione: trattò alquanto freddamente il Senato, verso il quale non aveva alcun rispetto, ma
senza gli eccessi che il suo predecessore aveva avuto nei suoi confronti, Psello venne insignito dell'alta
dignità senatoriale di proedro e Licude riottenne la carica di mesazon , ed inoltre concedette molto al
Patriarca: l'amministrazione di Santa Sofia venne ceduta al Patriarcato, e per la prima volta il suo Grande
economo non fu più di nomina imperiale. Tuttavia Isacco si rendeva conto che i suoi progetti necessitavano
di un giro di vite deciso, e che la salvezza dell'Impero doveva necessariamente prevedere lo scontro con i
poteri che lo avevano accettato.

Non era del resto uomo che poteva essere manipolato con semplicità. Infaticabile, lavorava
ininterrottamente, senza prender riposo. L'unico suo svago era la caccia, e ciò gli sarà fatale. Risolse
diplomaticamente i contrasti con i Selgiuchidi, intimoriti dalle dimostrazioni di forza romane, ed i Magiari;
tuttavia in Italia, dove oramai anche la Calabria stava cadendo nelle mani del Guiscardo, Reggio venne
rafforzata e per la prima volta da anni si sentì l'intervento imperiale, e, soprattutto, non appena fu possibile
Isacco dispiegò l'esercito contro i barbari Peceneghi, che traversando costantemente il Danubio creavano
enormi problemi all'Impero. La campagna si risolse con il dissolvimento dell'orda pecenega, che in pratica
non accettò neppure lo scontro, ma lungo la strada per il ritorno l'armata imperiale venne investita da una
tempesta di inusitata violenza, che causò non poche vittime.

Una politica di rafforzamento militare presupponeva comunque denaro, ed Isacco non esitò a reperirlo
rompendo con le tradizioni ormai invalse da anni. Soppresse i donativi in denaro, sospese ed abrogò le
molte esenzioni fiscali, aumentò la tassazione e, soprattutto, assicurò la certa riscossione delle entrate.
Abrogando le esenzioni, richiese la restituzione di molte delle terre imperiali a suo tempo concesse a nobili e
clero, rendendo nulli provvedimenti antecedenti la sua incoronazione, e con tale provvedimento confiscò
molte proprietà agli aristocratici, alla Chiesa, ai monasteri, suscitando ovviamente l'ira dei soggetti colpiti.
Comunque tutto ciò creò un grave clima di insoddisfazione da parte di chi, dopo aver agevolato l'ascesa al
trono di Isacco, si aspettava da lui gratitudine, ed in particolare si aprì una situazione particolarmente
conflittuale con il Patriarca, Michele Cerulario, che non esitò ad accusare il basileus di ingratitudine,
minacciando di deporlo, giungendo persino a calzare i pedila purpurei all'Imperatore riservati, sostenendo
che era ben poca la differenza tra il sacerdozio e la sovranità, avendo già probabilmente in mente di farli
calzare, quegli stivaletti, al suo parente Costantino Ducas.

In effetti raggiungeva in questi anni il suo apice l'annoso conflitto tra le due autorità, le due spade, quella
temporale e quella spirituale, che da Basilio I e da Leone VI si stava risolvendo lentamente a favore della
seconda. Scomparsa la dottrina della homoiosis , della assimilazione divina del basileus, oramai si
sosteneva con sempre maggior forza che , è la Legge il vero basileus che sta sopra i basileis, e che è il

85
Patriarca la vera immagine vivente ed animata di Dio. Il clero –insieme all'aristocrazia- limitarono sempre
più la basileia, e si giunse ad una netta separazione delle funzioni, dove il Patriarca era il signore delle
anime ed il basileus il signore dei corpi. Ma a Michele Cerulario ciò non bastava, ed il suo tentativo di
prevaricare la potestà imperiale, come già in parte gli era riuscito con Costantino Monomaco, si scontrò
con la ferrea volontà di Isacco Comneno, che della basileia aveva un altissimo concetto, quello che poi
porterà i suoi discendenti a riportarne la visione ai pristini splendori, tanto che Eustazio di Tessalonica
potrà dire di Manuele Comneno che “regna con Dio come un dio in terra”.

Il conflitto tra l'Imperatore ed il Patriarca scoppiò violento, ed il secondo ebbe la peggio. Isacco l'8
novembre del 1058 depose ed esiliò Cerulario, che però rifiutò di abdicare alle sue funzioni. L'Imperatore a
questo punto convocò un sinodo per accusare il Patriarca d'eresia, ed incaricò Psello di redigere l'atto
d'accusa. Il sinodo venne convocato fuori dalla Città per evitare tumulti popolari, ma non servì: l'indomito
Michele Cerulario nel frattempo si spense, da una parte liberando Isacco da un pericoloso avversario,
dall'altro lasciando l'alone del martirio, che sull'Imperatore venne a pesare come un macigno. Il raffinato,
astuto ed accorto Costantino Licude venne eletto al soglio patriarcale, dimostrando in tal modo quello che
sarebbe stato il futuro.

La riscossa della nobiltà

Il basileus aveva ottenuto una vittoria importante, con la sconfitta del Cerulario. Ora era del tutto solo,
osteggiato dalla Chiesa, aborrito dai dynatoi , abbandonato dal popolo, che non gli perdonava quello che
riteneva un attacco alle istituzioni religiose. Il suo regno non poteva non avere le ore contate, e Chiesa e
poteri civili si allearono nuovamente per affrettare un doveroso cambio di timoniere. L'occasione giunse
dopo una lunga giornata di caccia, nel novembre del 1059, al termine della quale Isacco risentì d'una forte e
perniciosa infreddatura. In breve tale malanno si aggravò, portando con sé febbre e tremiti convulsi, tali da
far pensare al basileus di trovarsi in pericolo di vita. L'Imperatrice, la combattiva e volitiva Caterina, figlia
di Ivan Vladislav di Bulgaria, cercò in ogni modo di dissuadere il marito da tale volontà, invano, e venne
deciso che il successore sarebbe stato il nobilissimo e vacuo Costantino Ducas, presidente del Senato, con
gran gioia dei dynatoi costantinopolitani, poiché Isacco non aveva figli, al di là di Manuele, oramai morto
da tempo, e di Maria, che sarebbe entrata in convento con la madre di lì a poco, ed il fratello, Giovanni,
aveva manifestato di non avere alcuna aspirazione al trono. Tuttavia la salute di Isacco parve migliorare,
causando grave preoccupazione nell'Imperatore designato e nell'aristocrazia, che partì all'attacco, cercando
di costringere all'abdicazione con le buone e con le cattive il Comneno, la cui malattia del resto riprese,
tanto che, solo e pieno di sconforto, in dicembre vestì definitivamente l'abito monacale e si ritirò nel
monastero di San Giovanni in Studio, ove trascinò la sua esistenza ancora per un paio di anni, fino al 1061.

86
5.2) LA DECADENZA IN POLITICA INTERNA ED ESTERA

COSTANTINO X DUCAS (1059-1067)

Costantino Ducas non era certo un homo novus. Nato nel 1007, proveniva da una famiglia che vantava un
albero genealogico incredibilmente illustre. I Ducas provenivano certamente dall'Anatolia, e, come
solitamente accadeva alle famiglie originarie di quell'area, si erano contraddistinti nell'attività militare.

Eppure cotanta stirpe, pur da lui vantata, non produsse in Costantino Ducas alcuna attitudine militare, ed
egli preferì seguire le sue tendenze, che erano quelle dell'uomo di lettere. Fu parte integrante di quei circoli
intellettuali e filosofici che rendevano illustre Costantinopoli e, insieme a Costantino -poi Michele- Psello,
Costantino Licude e Giovanni Xifilino, rappresentò quel “governo dei filosofi” che giunse ad avere un peso
preponderante nel governo di Bisanzio. La sua preminenza nell'aristocrazia civile e senatoriale ed il suo
stretto collegamento con il potente clero bizantino venne simboleggiata dall'incarico di presidente del
Senato che a Costantino venne affidato e dal suo matrimonio con la bellissima, intelligente e nobile Eudocia
Macrembolitissa, nipote del Patriarca Michele Cerulario. E fu proprio il potente Patriarca a ipotizzare il
trono per Costantino Ducas. L'insurrezione dei militari che portò Isacco Comneno a cingere la corona
parve bloccare sul nascere questa ambizione, ma Michele Cerulario aveva in mente il suo pupillo, quando
minacciava Isacco di scalzarlo dal trono ed indossava lui stesso i pedila purpurei al basileus riservati.

L'occasione giusta coincise con la malattia di Isacco Comneno che, per l'Imperatore, si aggiungeva ad un
crollo psichico frutto della solitudine e dell'ostilità comune di chi lo circondava. Nel novembre del 1059
Isacco decise l'abdicazione e optò per la pace del monastero, non senza pensare al futuro dell'Impero che,
certo su insistenza di consiglieri tutt'altro che disinteressati, mise nelle mani di Costantino Ducas. La
momentanea ripresa dalla malattia parve far mutare opinione al basileus che, comunque, venne posto di
fronte al fatto compiuto. Psello racconta: “Feci sedere (Costantino Ducas) sul trono imperiale, calzando ai
suoi piedi i sandali di porpora… ed il Senato gli concesse la sua approvazione unanime”. Tanto bastò a far
comprendere ad Isacco che una ulteriore dilazione avrebbe posto a rischio non solo il trono ma la vita
stessa, sua e dei suoi cari, e Costantino, il 26 dicembre, venne acclamato Imperatore. Isacco, ottenuta
sicurtà per la moglie, la figlia, il fratello ed i nipoti, si ritirò tra le mura dello Studio.

Il regno dei filosofi

La basileia di Isacco Comneno venne all'istante cancellata nella sua interezza, e Costantino X si collegò
direttamente al regno di Costantino Monomaco.

87
Il nuovo imperatore non era uno sciocco, ma era quanto di più lontano ci si potesse aspettare in quel
momento. Era fondamentalmente un amministratore, un burocrate, ed il continuatore di Scilitze, legato agli
ambienti della nobiltà militare, ci dice che egli stesso ammetteva apertamente di preferire d'esser conosciuto
come buon retore piuttosto che come grande Imperatore. Ed in effetti piuttosto che alle cure dell'Impero
volle dedicarsi alle sue due grandi passioni, l'oratoria e gli studi giuridici, una passione che accomunava
l'Imperatore a colui cui era stata affidata la cattedra della nuova facoltà di giurisprudenza sotto Costantino
Monomaco, Giovanni Xifilino, e che, divenuto nel frattempo abate a Trebisonda, lo stesso Costantino X
Ducas vorrà quale successore di Costantino III Licude sul seggio patriarcale, perpetuando così la tradizione
dei Patriarchi potenti ed espressione della nuova ed influente classe colta.

Con tutto ciò, e proprio per l'ambiente da cui proveniva, la situazione dello Stato continuò lungo la via che i
successori di Basilio II aveva tracciato. Gli uomini che assunsero la guida dell'Impero erano gli stessi che
l'avevano retto fino ad allora, i rappresentanti della nobiltà civile e del clero come Psello, Licude e Xifilino.
Michele Psello giunse ai vertici del potere in virtù dell'amicizia intima che lo legava al basileus, e che lui
stesso vanta con grande intensità: “diventammo così intimi l'uno con l'altro”, scrive, “che ci scambiavamo
visita frequentemente, rivelando in ciò una dilettevole amicizia”. Ritornarono in auge gli eunuchi, ed iniziò
la sua ascesa politica quell'eunuco Niceforo, più conosciuto col soprannome di Nicefotitze che gli fu
attribuito per la sua bassa statura, che diverrà onnipotente sotto Michele VII Ducas, dopo esser stato
cacciato in prigione alla fine del regno di Costantino X per il suo inetto e corrotto governo di Antiochia. Le
impopolari riforme di Isacco vennero abrogate e si riprese ad elargire donativi ed immunità alla nobiltà
civile ed al clero. Divenne sempre più appariscente il fenomeno dell'espansione dell'aristocrazia
burocratica, che si impinguava con l'ingresso nei suoi ranghi della nuova borghesia mercantile, il Senato si
espanse a dismisura ed ebbe la tendenza a democraticizzarsi: si assisteva alla fusione tra l'aristocrazia
civile e la classe media, fenomeno che arricchiva la prima ma che andava, ovviamente, a discapito della
seconda, bloccandola sul nascere. La compravendita delle vuote ma prestigiose cariche onorifiche, è logico,
divenne la norma, come lo divenne nuovamente la concessione in appalto dell'esazione fiscale.

Per coprire i costi derivanti dalle molte prebende connesse alla smisurata espansione delle cariche concesse
e per ovviare al crollo delle entrate nelle casse dello stato vennero tagliati in modo allarmante gli effettivi
militari, e ciò in connessione con l'ostilità del basileus e dei suoi sostenitori alla nobiltà militare ed alla
stessa parsimonia naturale dell'Imperatore. Ovviamente la dissoluzione dell'esercito rese necessario
l'utilizzo di forze mercenarie, riempiendo l'armata imperiale di Uzi, Peceneghi, Variaghi, Normanni,
Franchi, che pesavano non poco sulle casse statali, insieme ai tributi che sempre più spesso divenivano
necessari per allontanare il pericolo dalle frontiere.

Frontiere che divenivano sempre più insicure, tanto sui Balcani, quanto ad Oriente, quanto in Italia, lasciate
sguarnite e prive d'adeguata difesa.

La presenza imperiale in Italia era prossima alla scomparsa, ridotta pressoché alla sola città di Bari, ed il
colpo finale lo diede papa Niccolò II concedendo a Roberto il Guiscardo il titolo di Duca di Puglia,
Calabria e Sicilia. Costantinopoli tuttavia non accettò passivamente la scomparsa della sua secolare
permanenza in Italia, e nel 1060 inviò truppe che riuscirono a liberare Taranto, Brindisi ed Otranto; nel

88
frattempo Costantino X avviava trattative con l'imperatore tedesco Enrico IV e con l'allora antipapa. Tutto
vano. L'anno successivo le città appena riconquistate tornavano sotto il dominio normanno, ed un ulteriore
invio di truppe, nel 1066, servì solo a ritardare il crollo definitivo, favorendo la temporanea ripresa di
Taranto e Brindisi.

I Balcani, già tormentati da quei Peceneghi che Isacco aveva ricacciato oltre il Danubio, videro l'affacciarsi
dell'orda degli Uzi, spinti dai Cumani a valicare, in numero di ben 600.000, le frontiere imperiali. Le truppe
romane e bulgare vennero distrutte dall'assalto barbaro, e gli stessi comandanti, Basilio Apocapa e Niceforo
Briennio, caddero nelle mani dei nemici, che dilagarono senza alcun freno, saccheggiando Tracia,
macedonia e Grecia. Costantino, del tutto alieno alle armi, decise di intervenire con un ritardo che lo stesso
Psello stigmatizza, approntando un esercito di 150.000 uomini, ma venne prevenuto da una terribile
pestilenza che infuriò tra i barbari, decimandoli e costringendoli a valicare nuovamente il Danubio, nel
1065. Quelli tra gli Uzi ed i Peceneghi che non erano tornati sui loro passi entrarono al servizio di Bisanzio.

Il fronte più drammatico era quello orientale. I Turchi Selguchidi di Togrul Beg con velocità impressionante
avevano invaso i paesi arabi e, con la conquista di Baghdad, si erano posti quali strenui difensori
dell'ortodossia sannita, dilagando, con altrettanta rapidità, verso le terre dei Fatimidi egiziani e dei Romani.
I quali, con chiaro istinto suicida, avevano appena eliminato l'unico stato cuscinetto, il regno armeno di Ani,
ed avevano smobilitato le truppe tematiche confinarie d'Armenia, terra che storicamente era stata un reale
baluardo per l'Impero, per forza, per lealtà e per uomini. Costantino X Ducas non fece altro che rendere più
grave la situazione, continuando la politica di repressione della Chiesa armena che aveva iniziato il
Patriarca Michele Cerulario, mentre i Selgiuchidi attuarono una politica di grande liberalità religiosa, tanto
che Matteo di Edessa si produrrà in grandi elogi per Malik Shah, successore di Alp Arslan. Il risultato fu
che i Selgiuchidi di Alp Arslan conquistarono Ani nel 1064 e, senza incontrare resistenza apprezzabile, si
spinsero fino a saccheggiare Cesarea nel 1067, attestandosi a poco più di cento km da Ancyra.
Costantinopoli, che fino ad allora non si era resa conto del pericolo, cominciò a tremare.

Epilogo

L'Imperatore non fece in tempo ad assumere altre iniziative perniciose: nell'ottobre del 1066 aveva
cominciato ad accusare i primi sintomi di quella malattia che entro pochi mesi l'avrebbe portato alla tomba.
Certo della sua volontà di creare una dinastia duratura, fin dal comparire del male volle assicurare la sua
discendenza, ed affidò al fratello Giovanni, in cui riponeva grande fiducia e che aveva nominato Cesare, i
suoi figli, Costantino e Michele, proclamati coimperatori fin dal 1060, Andronico, scomparso presto, la
bella Zoe, che sposerà Adriano, fratello di Alessio Comneno, e Teodora, che entrerà in convento con il nome
di Arete. In effetti tali precauzioni apparivano necessarie, a causa della situazione politica e militare
fortemente compromessa: già nel 1060 era stato scoperto e sventato un complotto, di cui faceva parte anche
l'Eparca della Città, destinato a rovesciare Costantino mentre rientrava a palazzo, cui del resto non
seguirono atrocità, poiché i ribelli vennero solamente privati dei beni ed esiliati. Era comunque un segnale
di debolezza del potere imperiale che seguiva i complotti che avevano contrassegnato il regno di Costantino
Monomaco, in particolare.

Il male che colpì l'Imperatore attraversò fasi alterne, che, talora, parvero concedergli speranza, ed in una di
queste Costantino cambiò le sue ultime disposizioni, affidando, certo non senza più o meno velate pressioni,
la sua discendenza al Patriarca Giovanni VIII Xifilino ed alla moglie Eudocia, la quale dovette sottostare al
voto di non contrarre più matrimonio. Tale decisione fu, comunque, quella definitiva, poiché il 21 maggio
del 1067 Costantino X si spense. Venne sepolto nel monastero di Molibotos, nei pressi della Porta d'Oro.

89
Eudocia assunse la reggenza per i figli, ma ben presto le drammatiche notizie provenienti da Cesarea
spinsero lei ed il Patriarca ad infrangere il voto fatto al morente Costantino: giungeva il momento di
Romano IV Diogene.

ROMANO IV DIOGENE (1068-1071)

Romano Diogene era il figlio di Costantino Diogene e un componente di una famiglia molto in vista della
Cappadocia. S'era messo in mostra all'interno dell'esercito bizantino, fin quando nel 1067 non fu convinto
da membri del senato e del "partito civile" e, forse, dai figli di Costantino X Ducas a partecipare a una
fallita cospirazione mirante a impadronirsi del trono imperiale. Mentre attendeva la sua esecuzione, fu
portato alla presenza dell'Imperatrice reggente, Eudocia Macrembolitissa, e sembra che egli l'affascinasse a
tal punto che la reggente gli garantì la grazia e - dopo la morte di Costantino X suo marito, che l'aveva
indicata come reggente - la mano il 1º gennaio 1068, nonostante l'opposizione del figlio maggiore di
Eudocia, Michele Ducas, e del fratello dell'Imperatore, il Cesare Giovanni Ducas.

Durante il suo regno il potere dell'esercito aumentò, anche se questo lo fece entrare in contrasto con
Eudocia e il senato, entrambi ostili alla sua politica militaristica. Raccolse un esercito mercenario di
Franchi, Normanni, Uzi e Peceneghi e con queste armate ottenne due vittorie contro i Turchi selgiuchidi tra
il 1068 ed il 1070, riuscendo a contenere l'avanzata di quelle popolazioni in Anatolia. Nel frattempo però
l'impero bizantino perdeva l'ultima roccaforte in Italia: Bari nell'aprile del 1071 veniva conquistata dai
Normanni.

La sua sconfitta più grave fu tuttavia quella subita nella battaglia di Manzicerta (contro i Selgiuchidi del
Sultano Alp Arslan), maturata a causa del tradimento sul campo di battaglia di Andronico Ducas e delle
truppe mercenarie franche guidate da Roussel di Bailleul (26 agosto 1071). Fu fatto prigioniero ma il
Sultano selgiuchide - preoccupato da quello che ai suoi occhi rappresentava un pericolo imminente e assai
maggiore, quello dei Fatimidi in Siria - gli concesse condizioni di pace incredibilmente lievi, che
prevedevano lo smantellamento della fortezza di Mantzikert e l'abbandono della regione da parte delle
truppe imperiali.

Tornato in patria per convincere aristocrazia e clero ad addivenire all'accordo impostogli da Alp Arslan, fu
accolto invece dal fedifrago Andronico Ducas che lo aveva nel frattempo detronizzato, appoggiato dalle sue

90
truppe, scampate al disastro. Nel confronto le truppe di Romano IV, raccolte in tutta fretta tra la
popolazione indigena vennero facilmente sconfitte e Romano si arrese, dietro la promessa che gli sarebbe
stata risparmiata la vita.

Andronico non mantenne invece la parola data e sull'isola di Proti lo fece accecare. Morì nell'estate per le
torture ricevute.

MICHELE VII DUCAS (1071-1078)

Michele Ducas fu acclamato Imperatore dopo la sconfitta nella battaglia di Manzikert di Romano IV contro
i Turchi nell'agosto del 1071. Durante il suo regno, Romano IV tentò di rovesciarlo per riprendersi il trono
ma dopo vari tentativi dovette arrendersi e fu fatto uccidere.

Michele non era un condottiero, infatti delegò il controllo dell'esercito ai suoi generali. Gli Slavi
avanzarono sulla costa adriatica orientale e i Bulgari irruppero oltre il confine danubiano. Vi fu inoltre la
rivolta dei mercenari Normanni, guidati da Roussel di Ballieul che minacciò Costantinopoli giungendo ad
incendiare Crisopoli (l'odierna Uskudar), dopo aver battuto un esercito comandato da Alessio Comneno (il
futuro Alessio I), e che vennero sbaragliati solo dopo l'intervento di truppe turche, corrotte dallo stesso
Alessio. Anche i Turchi Selgiuchidi avanzarono in Anatolia.

Michele VII fu il primo a ricevere, dopo lo Scisma d'Oriente, un delegato papale inviatogli da Papa
Alessandro II nel 1071 per tentare una riconciliazione fra la Chiesa cattolica e quella ortodossa, tentativo
che non ebbe tuttavia successo.

Gli succedette Niceforo III, mentre Michele VII dopo aver abdicato si dedicò alla vita monastica, giungendo
dopo alcuni anni ed esclusivamente per merito alla carica di vescovo.

Michele VII sposò Maria d'Alania, figlia del re di Georgia Bagrat IV, da questo matrimonio nacque almeno
un figlio, Costantino Ducas, co-imperatore dal 1075 al 1078 e dal 1081 al 1087; Michele morì nel 1090.

91
NICEFORO III BOTANIATE (1078-1081)

Di nobile famiglia che pretendeva di discendere dalla gens Fabia romana e dalla famiglia bizantina Focas,
Niceforo servì come generale sotto Costantino IX Monomaco e Romano IV Diogene. Durante il regno di
Michele VII Ducas (1071-1078) fu nominato governatore del thema dell'Anatolikon e comandante
(Domestikos) delle forze militari bizantine in Asia Minore.

Nel 1078 si ribellò a Michele VII e al suo ministro delle finanze, Nikephoritzes, e con la connivenza dei
turchi selgiuchidi, marciò su Nicea, dove proclamò se stesso Imperatore. Di fronte all'altro generale ribelle,
Niceforo Briennio (padre o nonno dell'omonimo Cesare), la sua azione fu ratificata dall'aristocrazia e dal
clero, mentre Michele VII abdicava e diventava monaco. Nel marzo o nel giugno del 1078, Niceforo III
Botoniate entrò trionfalmente a Costantinopoli e fu incoronato dal Cosma I. Con l'aiuto del suo generale
Alessio I Comneno, sbaragliò Briennio e altri rivali ma non riuscì a impedire che i Turchi invadessero
l'Anatolia né che gli Armeni s'insediassero al di là del Tauro, in Cilicia.

Per rafforzare la sua posizione, Niceforo III pensò di sposare Eudocia Macrembolitissa, madre di Michele
VII e vedova di Costantino X e di Romano IV. Il piano fu fatto fallire dal Cesare Giovanni Ducas e Niceforo
sposò invece Maria d'Alania, vedova di Michele VII, contravvenendo alle norme della Chiesa. Ciò
nonostante Niceforo non riconobbe i diritti successori del figlio di Maria, Costantino Ducas, cosa che lo
espose al sospetto e ai complotti di parti superstiti della fazione di corte favorevole ai Ducas.

92
L'amministrazione di Niceforo non lo aiutò molto, dal momento che i suoi cortigiani contavano assai meno
della vecchia burocrazia di corte, e fallì quindi nell'arrestare la svalutazione della moneta bizantina.

Niceforo divenne sempre più dipendente da Alessio Comneno, che ebbe successo nello sconfiggere la
ribellione di Niceforo Basilakes nei Balcani (1079) e che fu incaricato di frenare quella di Niceforo
Melisseno in Anatolia (1080). L'Impero Bizantino fronteggiò anche invasioni straniere, come quella del
normanno Roberto il Guiscardo, duca di Puglia che gli aveva mosso guerra col pretesto di difendere i diritti
del giovane Costantino Ducas, e che era stato ingaggiato dalla sorella di Roberto, Elena. Visto che ad
Alessio erano state affidati sostanziosi contingenti armati per combattere la minaccia dell'invasione
normanna, la fazione dei Ducas, guidata dal Cesare Giovanni, cospirò per rovesciare Niceforo e
rimpiazzarlo con Alessio. Non riuscendo ad assicurarsi l'aiuto né dei Selgiuchidi, né di Niceforo Melisseno
(entrambi suoi tradizionali nemici), Niceforo III fu forzato ad abdicare da un colpo di mano incruento nel
1081. L'Imperatore deposto si ritirò in un monastero che egli stesso aveva provvisto di donativi e morì più
tardi, nel corso di quello stesso anno.

6) IL DOMINIO DELL’ARISTOCRAZIA MILITARE (1081-1204)

6.1) RINASCITA DELL’IMPERO BIZANTINO : ALESSIO I COMNENO (1081-1118)

Il 4 aprile del 1081, giorno di Pasqua, Alessio Comneno veniva solennemente incoronato basileus a
Costantinopoli. Non sappiamo quanti avrebbero scommesso sulla permanenza al trono di questo giovane
generale -forse solo chi lo conosceva bene-, né forse sulla sopravvivenza fisica stessa dell'Impero. Ma gli
eventi avrebbero dimostrato che quell'uomo sarebbe stato in grado di guidare la nave romea in acque che
per molti altri sarebbero state fatali.

LA FAMIGLIA E LA GIOVINEZZA

Alessio non era un uomo nuovo. La sua famiglia era originaria del villaggio di Komne, in Tracia, o nei
dintorni di Kastamonu, in Asia Minore, e dall'epoca di Basilio II questi agiati proprietari terrieri
ricoprivano cariche militari di sempre maggiore importanza, legandosi a importanti famiglie aristocratiche,

93
fino a raggiungere il trono imperale con Isacco, nel 1057, sia pur brevemente. Il di lui fratello, Giovanni,
assunse la carica di domestikos delle scholai ed un suo figlio, Manuele, sotto Romano IV Diogene fu
kuropalates e protostrator. Alessio stesso, probabilmente nato intorno al 1054, figlio del domestikos
Giovanni e della nobile Anna Dalassena, combatté sotto Romano e proseguì la scalata ai vertici militari al
servizio di Michele VII Ducas, facendosi notare per le capacità militari ed organizzative.

Il suo momento giunse nel 1078, in occasione delle rivolte che portarono alla caduta di Michele VII. Postosi
al servizio dello stratega del tema anatolico, Niceforo Botaniate, Alessio eliminò sul campo gli altri
pretendenti al trono, il doux di Durazzo Niceforo Briennio e Niceforo Basilacio, ed agevolò l'abdicazione di
Michele e l'intronizzazione del Botaniate. Durante il tormentato regno dell'anziano Niceforo III Alessio
preparò la sua scalata, con quell'astuzia e quella pazienza che erano tra le sue principali qualità.
Proclamatosi basileus a Nicea alla fine del 1080 Niceforo Melisseno, che tra l'altro dell'ambizioso generale
era cognato, avendone sposato la sorella Eudocia, Alessio non prese accortamente posizione, e nel
contempo in una riunione a Tzurullon stipulò un accordo di potere con la potente famiglia Ducas, siglato
tramite le sue nozze con Irene, nipote del cesare Giovanni Ducas e di Costantino X, con l'adozione da parte
di Maria d'Alania, moglie di Michele VII e poi di Niceforo III, e con l'assicurazione della salvaguardia della
posizione d'erede imperiale del di lei figlio Costantino Ducas. Tale alleanza, insieme all'uscita di scena del
Melisseno, abilmente convinto a mettersi da parte in cambio del titolo di cesare, aprì ad Alessio la via per il
trono.

Nella primavera del 1081 gli uomini di Alessio s'attestarono di fronte alla capitale e, grazie all‟avidità del
capo dei mercenari tedeschi di guardia ad una delle porte, Costantinopoli potè essere occupata dalle truppe
del Comneno, le quali, per lo più composte di mercenari difficilmente governabili, si diedero ad un feroce
saccheggio, durato ben tre giorni. Lo stesso Alessio, racconterà la figlia Anna, volle espiare tale misfatto
con digiuni e penitenze. L'obiettivo era comunque raggiunto: Niceforo III Botaniate fu costretto ad abdicare
e a ritirarsi nel monastero della Peribleptos, ed Alessio I venne incoronato.

LOTTA PER LA SOPRAVVIVENZA. I NORMANNI

Lo scenario che si parava di fronte ad Alessio era quanto mai tetro. L'Impero era esausto, e la situazione era
aggravata dal crollo militare, economico ed amministrativo. Il sistema tematico non funzionava più, e
Alessio si vedeva circondato da ogni parte da potenze in attesa di buttarsi sulle terre romee per
contendersele, Turchi, Peceneghi, Normanni. L'Asia minore era ormai persa, Suleiman aveva creato il
sultanato di Rum ed altri emiri turchi occupavano isole e città costiere, ed ad occidente i Normanni, che solo
dieci anni prima avevano definitivamente eliminato ogni presenza romea in Italia, guardavano a
Costantinopoli, irritati tra l‟altro dalla forzata monacazione di Olimpia, figlia del Guiscardo, promessa a
quel Costantino Ducas che del destituito Michele VII era figlio ed erede.

Non appena giunto al trono Alessio si trovò scomunicato da Gregorio VII e sotto la minaccia del normanno
Roberto il Guiscardo, che, sventolando un falso Michele VII Ducas quale pretendente ed i diritti sovrani
della figlia e spalleggiato dalla scomunica papale , non perse tempo nell‟attaccare le romee Corfù e
Durazzo. Alessio corse subito ai ripari, intavolò trattative ad oriente con i Selgiuchidi, legittimandone il

94
dominio, prese contatti con l‟imperatore occidentale Enrico IV, acerrimo nemico del Guiscardo, e s'assicurò
l'alleanza con quella potenza navale, a Costantinopoli legata storicamente, che gli poteva assicurare la lotta
ai Normanni sul mare, Venezia. Quest'ultima svolse bene il suo compito, davanti a Durazzo la flotta
normanna venne distrutta, ma sulla terraferma le ancora deboli ed eterogenee forze bizantine vennero
annientate e, dopo un lungo assedio, nel febbraio 1082 Durazzo cadde. Le armate normanne avanzarono
velocemente in Epiro, in Macedonia ed in Tessaglia, fino a quando l'abilità diplomatica del Comneno
raggiunse il suo scopo ed il Guiscardo dovette tornare in Italia, ove il suo regno era scosso da rivolte e
minacciato dall'avanzata di Enrico IV, lasciando il comando delle truppe al figlio Boemondo. Costui si trovò
a dover fronteggiare la riscossa romea e di conseguenza a ripiegare, mentre la flotta veneziana, nonostante
perdite tali da costringere all'abdicazione il doge, riprendeva Durazzo. Il ritorno sulla scena del Guiscardo,
carico di vittorie e stragi accumulate in Italia, parve ridar fiato all'offensiva normanna, ma la sua morte nel
luglio del 1095 determinò la fine dell'attacco.

L'impero s'era salvato dalla minaccia più micidiale degli ultimi tempi, ma il necessario aiuto veneziano ad
Alessio, del tutto inerme sul mare, era costato caro, anche se gli effetti della crisobolla in favore di Venezia
da lui emanata probabilmente nel maggio del 1082 si sarebbero fatti sentire nella loro interezza solo ben più
tardi. Alessio comunque concedeva al doge ed ai suoi successori il titolo e gli onori di protosebasto; a
Venezia spettò in Costantinopoli : case, magazzini, botteghe a Pera e tre moli; libero commercio ed
esenzione totale da dazî nella Città ed in località, soprattutto portuali, scelte con oculatezza nei territori
imperiali in base agli interessi commerciali della Repubblica, particolarmente nell‟Egeo e nei Balcani. Il
solo Mar Nero era escluso dalle trattative. Si è soliti sostenere che Alessio, sia pure spinto da eventi di
gravità tale da non poter offrire alternative, con quella crisobolla svendette all‟estero gli interessi e, in
prospettiva, il futuro stesso dell‟Impero. Senz‟altro tale incremento produttivo fu di gran giovamento a
quelle regioni, situate in particolar modo nei Balcani, che gravitavano sulle rotte commerciali, oltre
ovviamente alla stessa Costantinopoli, ed in prospettiva anche alle casse imperiali, tanto da ovviare
ampiamente ai mancati introiti derivanti dagli abbattimenti o dalle riduzioni dei dazî.

Liberatosi dell'incubo normanno, il basileus dovette far fronte a ben altra minaccia, che questa volta era
rappresentata dall'orda di stirpe turca dei Peceneghi. Costoro devastavano da anni le frontiere imperiali,
s'erano spinti entro i territori romei ed erano alle porte di Costantinopoli. Il fattore di maggiore gravità era
dato dalla loro alleanza con l'emiro di Smirne Chaka, la cui flotta giunse ad assediare la capitale. L'esercito
romeo si mosse contro i barbari ed Alessio ebbe buon gioco nello spingere contro di loro un'altro popolo di
lingua turca, quello dei Cumani. Il 29 aprile del 1091, alle pendici del monte Levunion, sulla Maritza, le
forze congiunte dei Romei e dei Cumani annientarono letteralmente i Peceneghi. Nel contempo l'emiro di
Smirne veniva attaccato dall'emiro di Nicea, su istigazione dello stesso Alessio, determinando la sconfitta
della residua flotta turca di stanza a Costantinopoli.

I recenti successi avevano galvanizzato il morale romeo, ed Alessio spinse le sue truppe in Rascia, con lo
scopo di sottomettere i Serbi ribelli di quella regione. Si dovette accontentare della sola dichiarazione di
fedeltà del re Vukan, poiché all'improvviso fu necessario fronteggiare una pericolosa incursione dei già
alleati Cumani, guidati da un pretendente al trono romeo. Eliminato il pretendente, i Cumani vennero
facilmente sconfitti.

95
I CROCIATI

A questo punto il rafforzamento delle posizioni imperiali pareva indiscutibile, ed Alessio ben poteva
guardare alla riscossa in Asia minore, tanto più che il sultanato selgiuchide era scosso al suo interno. In
tale ottica aprì trattative con il nuovo vescovo di Roma, Urbano II, ed inviò legati al concilio di Piacenza
per riaprire i colloquî con la Chiesa e chiedere un aiuto fattivo nella sua lotta contro gli Infedeli. La risposta
fu del tutto inattesa, tanto più che il basileus aveva limitato la sua richiesta a delle truppe mercenarie, e
giunse dopo gli appelli papali del 18 di novembre del 1095 a Clermont, nella forma della torma
indisciplinata di Pietro l'Eremita e dei suoi seguaci, contadini, donne, bambini, "un movimento di tutti i
barbari compresi tra Adriatico e le colonne d'Ercole", testimonia Anna Comnena. Dal momento che secondo
le intenzioni degli organizzatori l‟incontro delle truppe crociate avrebbe dovuto avvenire a Costantinopoli,
Alessio s'affrettò a trasportarli in Asia Minore, una volta che questa folla fu giunta in territorio imperiale, ed
i Turchi ebbero facile gioco nello sterminarli.

Il problema fu quando a Costantinopoli giunsero i grandi capi feudali franchi con i loro seguaci, a partire
dalla fine del 1096. L'impero li accolse con timore e diffidenza, conscio delle intenzioni di molti di loro, "un
popolo che alla prima occasione infrangeva disinvoltamente i trattati", sottolinea Anna. L‟abile ed accorto
basileus, consapevole di dover garantire i diritti e la protezione dell‟Impero e, nel contempo, di non potersi
in alcun modo scontrarsi con i Crociati e l‟Occidente, pretese che i capi crociati gli facessero giuramento di
fedeltà e si dichiarassero suoi vassalli, offrendo in cambio vettovagliamento, armi, le guide necessarie in un
territorio che alcun Franco conosceva ed una successiva partecipazione bizantina alla spedizione, ma
pretendendo la cessione delle città e dei territori già appartenuti all'Impero. Giurarono tutti ad eccezione di
Raimondo di Tolosa e del nipote del normanno Boemondo, Tancredi, perché al momento non presente.

La spedizione ebbe un buon inizio, le armate crociate, accompagnate da un contingente romeo,


s‟impadronirono di Nicea, permettendo ad Alessio di riportare all'Impero Smirne, Efeso, l'intera Lidia,
quindi la marcia proseguì in Anatolia verso la Cilicia e quindi Antiochia. In breve, tuttavia, i dissidi tra i
Romei ed i Franchi si palesarono, già dal momento in cui Nicea s‟era arresa ad Alessio e non ai Crociati,
che dunque s‟erano visti sfuggire il frutto d‟un ricco e sicuro saccheggio, per giungere al momento in cui
Baldovino, fratello di Goffredo di Buglione, ed il normanno Tancredi si separarono dalle armate crociate e
s'insediarono in Edessa e nella già romea Cilicia. Ma la crisi definitiva si ebbe al momento della caduta di
Antiochia, dopo lungo e drammatico assedio, il 3 giugno del 1098, quando Boemondo, proclamatosi
principe della città, si rifiutò di cederla ad Alessio, in spregio agli accordi, che del resto egli riteneva non
più validi, dal momento che il basileus non era mai giunto a dar man forte ai Crociati. In effetti Alessio ben
difficilmente avrebbe affrontato personalmente un così lungo periodo di tempo lontano dalla sua capitale,
sia per motivi politici che per l‟impossibilità di poter mantenere il controllo su un così ampio scacchiere,
stante la ancora relativa debolezza delle forze imperiali, tuttavia all‟Imperatore erano giunte da fonti sicure,
quali Stefano di Blois, notizie secondo cui ad Antiochia tutto per i Crociati era perduto. Quale ulteriore
dimostrazione di distacco, le armate superstiti franche proseguirono verso la Città santa senza attendere
l'arrivo degli alleati romei.

96
Il basileus ritenne inaccettabile l'affronto e, con l'insperato aiuto di Raimondo di Tolosa, defraudato prima
d'Antiochia e poi di Gerusalemme, s‟impose di rendere il più difficile possibile l'esistenza a Boemondo,
impadronendosi delle città costiere siriane fino a Tripoli, tra le quali l'attuale Lattakia, nel 1104, e di
importanti fortezze cilice quali Tarso ed Adana. Antiochia rimase una spina nel fianco d‟Alessio finché fu in
vita, e l‟Imperatore finché poté non lasciò nulla d‟intentato, tuttavia si rendeva perfettamente conto che non
era assolutamente possibile recidere ogni legame con i Crociati, perché ciò avrebbe significato rendere
ancor più tesi i già difficili rapporti con un Occidente con il quale oramai era necessario fare i conti. Resosi
conto di non poter combattere sia Bisanzio che i Turchi, Boemondo lasciò Antiochia al figlio Tancredi e
partì per l'occidente in cerca d'aiuto, contribuendo a scatenare un'ondata di odio verso Costantinopoli che
avrebbe generato frutti avvelenati per lungo tempo. L'obiettivo primario era l'attacco diretto all'Impero, e
Boemondo sbarcò in forze a Valona nel 1107, seguendo le orme del padre Roberto. Ma la condizione era
molto diversa, ed Alessio costrinse alla resa presso Durazzo le forze Normanne: Boemondo fu costretto a
giurar fedeltà al basileus, del quale divenne “vassallo ligio”, ed in un trattato stipulato a Deabolis, o Devol,
in Albania, il cui testo è riportato da Anna Comnena, il normanno si impegnò a cedere Antiochia, che gli
sarebbe stata lasciata quale feudo fino alla morte, quando sarebbe tornata all‟Impero. Agli eredi erano
serbati il resto del principato. Ovviamente al momento il vero padrone della città era Tancredi, che si
riteneva svincolato dal giuramento paterno, perciò la vittoria bizantina parve risolversi in un reale
insuccesso, tuttavia l‟orgoglio normanno era calpestato ed Alessio nella sua magnanimità si riscattava di
fronte all‟Occidente, dimostrando di non essere affatto ostile agli stati crociati.

97
LO STATO

Il crollo organizzativo e burocratico dello stato che Alessio dovette affrontare rese necessaria una profonda
riforma del sistema, che spesso divenne una vera ricostruzione. Per giungere al potere ma, soprattutto, per
restarvi saldo e, possibilmente, per lasciarlo agli eredi, dovette fare il possibile per unire tra di loro e a sè le
fazioni aristocratiche in lotta tra loro, e vi riuscì, oltre che in virtù della propria impressionante abilità
politica e diplomatica, grazie ad una accorta e sagace politica matrimoniale che unì ai Comneni le
principali famiglie aristocratiche romee. Alessio non distrusse né bloccò la realtà sociale romea,
semplicemente la mutò: invece di porsi in contrapposizione o al di sopra delle fazioni o delle famiglie
magnatizie, il basileus entrò a farne parte e ne divenne il capo, in modo che ogni grande famiglia era parte e
partecipe del genos imperiale. La necessità di provvedere a soddisfare l'allargamento delle sfere del potere
alle grandi famiglie aristocratiche provinciali e civili legate alla casa imperiale provocò l'inflazione dei
titoli e la creazione di nuovi. Nacquero moltissimi titoli derivati dalla combinazione di titoli più antichi ma
svalutati, innovazione che Anna Comnena loda alquanto: sopravvissero il cesare ed il kuropalates, ma
superati dal più importante sebastokrator, concesso ad Isacco, fratello prediletto di Alessio, derivante dallo
svalutato sebastos, che del resto originò anche altri titoli quali protosebastos, pansebastos hypersebastos,
concesso, ad esempio, al cognato Michele Taronita. Ridotti d'importanza e di dimensione i temi, sparì lo
stratego e si svalutò il titolo di doux.

L'esercito -che, detto per inciso, Alessio amava guidare personalmente- ora è comandato dal megas
domestikos, affiancato da altri comandanti militari; la flotta, cui l'imperatore, con la lungimiranza che lo
contraddistingueva, aveva dato grande importanza, cercando di riportarla agli antichi fasti, era comandata
dal megas doux, successore del drungario della flotta.

A riguardo, la necessità di dover fronte al massiccio impiego di truppe mercenarie richiese l'aumento della
tassazione, con i conseguenti disagi, gli arbitrî degli esattori, la svalutazione della moneta (che da allora
verrà chiamata iperpero). A quel punto, allo scopo di ricostituire forze locali, visto che l'antico sistema delle
piccole proprietà dei soldati era pressoché scomparso, la proprietà fondiaria della pronoia divenne la base
dell'organizzazione militare. Il sistema è noto, e si basava sul concetto che ogni pronoiario doveva
provvedere al proprio equipaggiamento militare ed impegnarsi a fornire truppe. Così come furono costretti
a farlo anche le proprietà ecclesiastiche. La pronoia inizialmente non era ereditaria e non poteva essere
alienata, tanto più che dipendeva dal favore imperiale, in un sistema che anticipava di molto la Versailles
del Re Sole e dove un‟aristocrazia centralizzata non doveva mai restare troppo lontano dalla corte.

E non solo di questo Alessio volle o dovette occuparsi. Venne ristrutturata l'antica università della Capitale
e, approfittando della caduta in disgrazia del suo responsabile, Giovanni Italo, condannato per empietà,
l'istruzione venne affidata alla Chiesa. E proprio alla Chiesa il basileus prestò molta attenzione,
appoggiando l'ascetismo monastico e dando grande valore alle istituzioni dell'Athos. Dopo un lungo periodo
di confronto anche duro tra i poteri, Alessio riuscì a stabilire un controllo tanto forte sulla Chiesa da
indurre il potente Patriarca Cosma alle dimissioni e a giungere a modifiche durature. Volle e seppe gestire e
guidare sinodi, nomine e riforme interne alla Chiesa, trattando direttamente con Roma e con le comunità
armene. Tanto derivava, oltre che da esigenze politiche, dalle sue tendenze religiose, che si estrinsecarono
nella creazione di opere monastiche e nella realizzazione di opere pie, quali l‟Orfanotrofio di

98
Costantinopoli, che ristrutturò in grande stile, come del resto suo fratello Adriano eresse il monastero della
Vergine Pammakaristos e sua madre Anna Dalassena quello del Cristo Pantepoptes, sempre nella Città.

Uomo ambizioso, abile, astuto, lungimirante, profondo conoscitore dell‟animo umano, compì per lo più per
necessità errori fatali, che ebbero ripercussioni successive forse inattese; tuttavia lasciò ai successori uno
Stato forte, sicuro, rispettato, e grazie alla sua opera, alla sua pazienza, alla sua brillante intelligenza ed
alle sue lotte estenuanti, l'Impero potè vivere una stagione di gloria -l'ultima- quale da tempo non godeva.

GLI ULTIMI ANNI

Ormai carico di gloria, allontanata la tempesta latina, ad Alessio gli ultimi problemi vennero da Ungheresi,
Pisani e Turchi. I primi vennero vinti, ed Alessio siglò la pace sposando il figlio ed erede Giovanni con
Piroska, ribattezzata Irene, figlia di re Coloman. Con i secondi concluse nel 1111 un trattato nel quale
concedeva alla repubblica marinara benefici a Costantinopoli simili nella forma a quelli a suo tempo
concessi a Venezia, seppur inferiori e con dazi doganali ridotti dal 10 al 4 per cento. I terzi attaccarono le
frontiere imperiali nello stesso anno, rimediando prima una sconfitta a Nicea e poi a Filomelion, nel 1116,
disfatte che li convinsero a deporre le armi.

Ormai anziano ed afflitto dalla malattia che l'avrebbe portato alla morte, dedicò gli ultimi tempi allo
sradicamento delle eresie che a suo parere minavano l'Impero. Già aveva combattuto una dura lotta contro i
manichei; nei suoi ultimi giorni si dedicò alla lotta contro l'eresia bogomila, erede di quei pauliciani che già
dal X secolo erano presenti in oriente. La lotta avvenne tramite conversioni più o meno sincere e non senza
l'uso delle armi, ed il loro capo, Basilio, nel 1118 finì sul rogo, nell'Ippodromo della Capitale.

LA SUCCESSIONE

Dopo una vita spesa a lottare contro i nemici che l'assediavano da ogni parte, ad Alessio toccò ancora
lottare nelle ultime ore di vita per assicurare al figlio la successione imperiale. In effetti il suo primo erede
era stato Costantino Ducas, figlio di Michele VII e di Maria d'Alania, e l'unione tra il principe e la
porfirogenita Maria Comnena aveva sancito tale scelta. Ma la nascita di un figlio maschio, Giovanni, aveva
mutato tale situazione, risolta del resto dalla scomparsa prematura di Costantino, e la sua incoronazione nel
1092 a coimperatore aveva tolto ogni dubbio. Né Anna, che aveva sposato Niceforo Briennio, poi nominato
cesare, né tanto meno la madre Irene accettarono mai questa scelta, e fino alla fine si schierarono a favore
del cesare, fino al punto di tormentare Alessio sul letto di morte. E l'ostinazione dell'anziano basileus a
favore del porfirogenito Giovanni fu forse uno dei doni più preziosi che lasciò al suo Impero. Alessio I morì
il 15 agosto del 1118, e venne sepolto nel monastero del Cristo Filantropos, fondato dalla moglie.

99
6.2) NUOVA ESPANSIONE DELL’IMPERO BIZANTINO
GIOVANNI II COMNENO (1118-1143)

IL RAFFORZAMENTO DELL'IMPERO, TRA ORIENTE E OCCIDENTE

Se non invidiabile, l'eredità di Giovanni II era potenzialmente positiva, e nella scelta del suo custode Alessio
I dimostrò grande acume, compiendo la mossa migliore che potesse fare. La situazione era discreta: Alessio
aveva riorganizzato e dato nuova linfa all'esercito, le sue riforme economiche avevano dato frutti, e le
frontiere erano meno minacciate d'un tempo. A est i Selgiuchidi di Iconio erano in crisi, come ad Ovest lo
erano i Normanni. Inoltre gli Ungheresi erano occupati in Dalmazia, e Papa ed Imperatore di Germania
erano impegnati nella lotta per le investiture. A questo punto Giovanni pensò di rafforzarsi ulteriormente in
Asia Minore, dove era il suo maggiore interesse e, già tra il 1119 ed il 1120, con due campagne contro la
potenza emergente del tempo, i Danishmenditi di Melitene, recuperò Laodicea, presso l'attuale Denizli, e
Sozopoli, ora Uluborlu. Ma una serie di problemi lo distolse dall'Asia Minore e lo riportò ad Occidente.

Nel 1119 il doge di Venezia, Domenico Michiel, salutando il nuovo basileus aveva richiesto il rinnovo della
crysobolla di Alessio Comneno. A tale richiesta Giovanni oppose un rifiuto, non tanto per motivi economici,
quanto perché i Veneziani avevano creato, a Costantinopoli, problemi d'ordine pubblico. Secondo lui una
crysobolla non era vincolante per il successore. Venezia se la prese, tanto che, approfittando d'una
provvidenziale richiesta d'aiuto da parte degli stati crociati in Levante, approntò una flotta di un centinaio
di navi che, però, invece di salpare per la Siria, fecero vela per la romana Corfù, che fu posta sotto assedio.
La resistenza dell'isola fu superiore alle aspettative, perciò i Veneziani furono costretti a levar l'assedio ed a
compiere il loro dovere verso i regni latini, ma al ritorno, saccheggiarono Rodi, Chios, Kos, Samo, Lesbo,
Andros e Modone! Quando saccheggiarono Cefalonia, piuttosto vicina alla capitale, Giovanni infastidito
ritenne di dover cedere, e nell'agosto del 1126 emanò una crysobolla che ricalcava quella del padre, senza
ulteriori concessioni, dal momento che se un accordo per Costantinopoli risultava necessario, lo era ancor
più per Venezia, tagliata fuori dalle rotte e dai mercati bizantini. Certamente la crisi mise in luce un errore
che, tuttavia, fu una costante nella storia bizantina, e che fu rappresentato dallo storno in favore dell‟erario
delle somme destinate allo sviluppo ed al mantenimento della flotta voluta da Alessio, ritenuta superflua ed
eccessivamente onerosa .

Nel frattempo un altro pericolo si profilava. A distanza di oltre trent'anni dal massacro loro inflitto da
Alessio, i Peceneghi, nuovamente ai confini dell'impero, avevano sconfinato e devastato Macedonia e
Tracia. Giovanni, radunato l'esercito, intervenne e sconfisse abilmente, con una tattica ben narrata da
Niceta Coniate, il nemico, nel 1122, dalle parti di Stara Zagora. Molti Peceneghi vennero inquadrati

100
nell'esercito romano ed altri deportati come coloni, ed il basileus volle che venisse istituita una "Festa
pecenega".

Pochi anni dopo, secondo Niceta Coniate nel 1123, al sovrano toccò intervenire contro i Serbi di Rascia,
che furono battuti, costretti a cedere un ricco bottino, a riconoscere l'autorità romana e a trasferirsi in buon
numero in Asia Minore, dalle parti dell'odierna Izmit. Quindi toccò agli Ungheresi, nonostante Giovanni
avesse preso in moglie una figlia di re Ladislao d'Ungheria, tal Piroska, ovviamente ribattezzata Irene.
Stefano II d'Ungheria, in barba ai trattati con i romani, invase i territori dell'impero e rase al suolo alcune
città. Giovanni dovette intervenire trasportando truppe per terra e, dal Mar Nero, sul Danubio, attaccò il
ribelle che, sconfitto, si arrese e riconobbe l'autorità romana.

IL SOGNO: L'ORIENTE

Risolti i problemi di confine ad Occidente Giovanni potè finalmente dedicarsi anima e corpo -e non è un
modo di dire- al suo sogno di restaurazione imperiale in Oriente. Prima, però, gli premeva ancora tenersi le
spalle coperte dall'avversario peggiore che l'Impero potesse avere, i Normanni, tanto più che, dopo un
periodo di crisi, a Palermo nel 1130 era stato incoronato un re forte, Ruggero II(nasceva il Regno di
Sicilia), e, cosa di non poco conto, cugino di Boemondo II di Antiochia e figlio di Adelaide, moglie di
Baldovino I di Gerusalemme, seppur ripudiata. Contro costui Giovanni dispiegò la sua attività diplomatica,
accordandosi con Lotario II di Germania e con Pisa. Era il momento atteso, e Giovanni attaccò in forze
l'emirato danishmendita, conquistando l'importante città di Kastamonu. L'impresa meritò un trionfo che
Giovanni celebrò nel 1133 in una giornata memorabile. Il carattere di crociata impresso dal basileus era
testimoniato dal fatto che sul carro d'argento non troneggiava Giovanni, bensì l'icona della Madre di Dio.
L'anno successivo, dopo la morte della madre, Giovanni era di nuovo sul fronte, deciso a sconfiggere l'emiro
Muhammad, successore di Ghazi III di Danishmend. Nonostante il tradimento di Masud di Iconio, con il
quale il basileus s'era alleato, la campagna fu vittoriosa.

Era ora la volta, sistemati i Danishmenditi al nord dell'Asia Minore, di puntare al sud, verso la Cilicia, ed
alla fine del 1136 l'esercito romano puntò verso la Piccola Armenia, dove, arroccata sulle loro fortezze sul
Tauro, era insediata una dinastia, quella dei Rupenidi, il cui sovrano, Leone, s'era espanso ai danni di
territori dell'Impero. L'esercito imperiale, con l'aiuto della flotta, occupò Adana, Tarso, Mopsuestia, Vihka e
Anazarbo, Leone fuggì sulle montagne e Giovanni, con un obiettivo ben preciso, decise di interrompere
l'offensiva e di puntare a sud, verso la Siria.

Lungo la via caddero altre città, tra cui Alessandretta, ed il 29 agosto del 1137 le forze romane erano
davanti all'obiettivo, Antiochia. La città, secondo gli accordi a suo tempo presi, era dell'Impero, ma tale
accordo non era stato rispettato. Inoltre, morto Boemondo II, la vedova, Alice, figlia di Baldovino di
Gerusalemme, aveva proposto l'unione tra la figlia, Costanza, e Manuele, figlio quartogenito di Giovanni.
Ovviamente i Franchi avevano rigettato la proposta, Alice era stata deposta e la reggenza era stata affidata
prima a re Baldovino stesso e poi al suo successore, Folco d'Angiò, che aveva chiamato a reggere Antiochia
Raimondo di Poitiers, cadetto di Guglielmo d'Acquitania. La situazione ora era resa ancora più pericolosa
dalla presenza oppressiva dell'atabek di Mosul e Aleppo, Imadaddin Zengi. Giovanni, davanti ad Antiochia,
ne chiese la resa incondizionata. Raimondo oppose un netto rifiuto ma, demandata a lui la decisione, re
Folco accettò la resa della città e la cessione all'impero se l'esercito romano, affiancando le truppe latine,

101
avesse conquistato le città siriane in mano musulmana, cedendole ad Antiochia. Giovanni accettò le
condizioni, entrò ad Antiochia ove Raimondo fece atto di vassallaggio e ripartì in breve, ma non per la
campagna in Siria, bensì nuovamente in Cilicia ove, questa volta, catturò Leone d'Armenia ed i suoi e li
spedì a Costantinopoli. Rientrato ad Antiochia, organizzò l'esercito con l'ingresso di truppe templari, di
Raimondo e del conte d'Edessa, Jocelin de Courtenay e, in ottemperanza ai patti, nel marzo del 1138 si
diresse a sud. Dopo brevi assedi caddero in mano cristiana villaggi e città ma, in breve, la totale
inaffidabilità degli alleati, principalmente di Jocelin, se non addirittura l'ostilità marcata, provocarono il
rallentamento delle operazioni militari, situazione aggravata dall'avvicinarsi delle forze dell'atabek Zengi.
Aleppo fu solo sfiorata dalle truppe imperiali, e Giovanni preferì assicurarsi il controllo dell'area
circostante, occupando centri minori. Posto l'assedio a Shaizar, importante fortezza sull'Oronte, di fronte
alla sempre maggiore ostilità latina ed all'approssimarsi delle forze musulmane, Giovanni si accontentò di
riceverne la resa, accompagnata da ricchi doni offerti dai dignitari, tra cui spiccava una preziosissima croce
che, secondo Coniate, era quella che Romano IV Diogene portava a Manzicerta, mentre, secondo Cinnamo,
essa risaliva addirittura a Costantino I. Il ritorno dell'esercito, lungo l'Oronte, fu tormentato da continui
attacchi alle retroguardie e, ad Antiochia, Giovanni, di fronte all'esplodere di tumulti popolari fomentati da
alcuni capi latini, si dovette accontentare del semplice giuramento di fedeltà dai principi della città, per poi
riprendere la via per Costantinopoli.

Ovviamente, per Giovanni, non era che il principio. L‟Imperatore non scordò di assicurare tranquillità ad
Occidente rinnovando gli accordi con l‟impero tedesco, retto da Corrado III, successore di Lotario II, ed
intavolando trattative con il Vescovo di Roma, cui scrisse in maniera molto conciliante, né scordò le
Repubbliche marinare, sempre in funzione antinormanna. Con lo scopo di rafforzare l‟alleanza germanica
promise al quartogenito Manuele la sorella della moglie di Corrado, Bertha di Sulzbach, che giunse a
Costantinopoli nel 1142. Quindi, dopo una relativamente infruttuosa campagna contro i Danishmenditi ed il
ribelle dux di Trebisonda, Costantino Gabras, Giovanni, accompagnato come al solito dai suoi quattro figli,
nella primavera del 1142 si diresse alla volta di Attalia, che oramai era un'isola romana circondata da un
mare turco. Condotte incursioni vittoriose, a pochi chilometri da Iconio, il basileus riprese la marcia verso
la Cilicia. Ora l'obiettivo era molto chiaro: si trattava di prendere definitivamente Antiochia e farne una
base d'operazioni per il totale controllo degli stati crociati e della Terra Santa. La creazione di un
protettorato bizantino contiguo ai regni crociati, autonomo ma sostenuto dall‟Impero, retto da un giovane
principe ai Latini non ostile, avrebbe da una parte permesso a Giovanni di atteggiarsi a protettore del fulcro
della Cristianità, dall‟altra avrebbe svuotato d‟ogni senso qualsiasi intervento occidentale in Oriente. Ma
l'impresa non partì sotto buoni auspici. Nell'agosto del 1142 moriva di malattia Alessio, primogenito del
basileus, il quale incaricò gli altri due figli, Andronico ed Isacco, di accompagnare a Costantinopoli il
feretro. Purtroppo lungo la strada anche Andronico venne a mancare. Giovanni non si perse d'animo, e
continuò il suo compito, con a fianco Manuele. Giunto in Cilicia, posto il campo tra Anazarbo e Mopsuestia,
il basileus inviò messaggeri ad Antiochia con l'ordine di consegnare a lui la città, creando il panico in una
comunità già preoccupata per la presenza di Zengi. Comunque, ovviamente, Raimondo rispose con un secco
no. L'esercito romano si preparò all'attacco, ma, poiché l'inverno si approssimava, Giovanni decise di
attendere una stagione più propizia all'attacco. E qui avvenne l'inatteso. Agli inizi della primavera del 1143
il basileus era impegnato nel suo sport preferito, la caccia al cinghiale -attività nella quale, in effetti, erano
già malamente incappati Teodosio II e Basilio I-, quando, per un brusco movimento, la sua faretra si
rovesciò ed una freccia avvelenata lo ferì ad una mano. L'infezione, mal curata, si propagò rapidamente, e

102
Giovanni il 4 aprile del 1143 proclamò Manuele suo erede, rivestendolo della porpora, preferendolo
all'altro, figlio, Isacco. Il giorno 8 spirò.

EPILOGO

Giovanni fu un sovrano molto amato, i cronisti che descrissero il suo regno hanno scritto parole di lode e
ammirazione, e furono -e sono- tutti concordi a definirlo il migliore dei Comneni. Non era bello di aspetto, a
differenza del padre e del figlio, ma i contemporanei gli affibbiarono l'appellativo, con cui è passato alla
storia, di Giovanni il Bello, Kalojannis, perché bello lo era dentro. Fu giusto, mite, generoso, prudente,
moderato e -cosa rara all'epoca- assai temperato e di retta moralità, e nel contempo fu energico, inflessibile,
forte. Fu un grande politico, un abile diplomatico ed un valoroso soldato. Lasciò un impero potente e
rispettato a Manuele .

6.3) MANUELE I COMNENO (1143-80) : I PRIMI CONTRACCOLPI

Manuele I si rivelò un sovrano brillante , versatile e dotato . Era un generale nato e un guerriero coraggioso
che non temeva nessun pericolo personale : ma soprattutto era un diplomatic genial e un uomo di stato dai
programmi ambiziosi e coraggiosi . Era inoltre un vero bizantino , pervaso dall‟idea dell‟universalità
dell‟impero e posseduto dalla passion per le discussion teologiche . Il suo stile di vita era quello di un
cavaliere di tipo occidentale e da questo punto di vista egli rappresenta un nuovo tipo di sovrano nella
storia bizantina . In lui si può vedere quanto profondamente il contatto con I crociati abbia influito sul
mondo bizantino .

La campagna d'Antiochia

Agli inizi del 1144 Manuele I Comneno riuscì ad espugnare i castelli e saccheggiò le campagne intorno ad
Antiochia. La marina bizantina distrusse tutte le navi nemiche e prese gli abitanti che vivevano nei pressi
della città, deportandoli nell'Impero.

A Natale del 1144 l'atabeg turco Zengi ibn Aq Sunqur al-Hājib accorpò la contea crociata di Edessa al suo
Sultanato, causando la reazione di tutti gli Stati crociati. Raimondo d'Antiochia fu costretto a chiedere
perdono a Manuele; quest'ultimo gli elargì un sussidio regolare, acconsentendo a concedergli soldati solo
dopo che Raimondo si fu inginocchiato sulla tomba di Giovanni II Comneno.

103
La seconda crociata

I problemi per Bisanzio, però, si acuirono ben presto; nello stesso Natale del 1145 Luigi VII di Francia, di
appena venticinque anni, annunciò che sarebbe partito alla testa della seconda crociata. La sera del 31
marzo del 1146 egli partì da Vézelay verso Oriente. Manuele I Comneno sapeva benissimo quali problemi
avesse avuto suo nonno, Alessio I Comneno, cinquant'anni prima, con la prima crociata. Per non rischiare
la guerra si comportò quindi allo stesso modo del suo avo, riempiendo i depositi imperiali di vettovaglie per
l'esercito crociato che stava sopraggiungendo, evitando così l'esplodere di rivalità con i contadini che, in
genere, venivano sottoposti a sequestri di cibo senza alcun risarcimento da parte dei crociati latini.

La prima armata che arrivò fu quella tedesca, guidata da Corrado III, che era partita da Ratisbona nel
maggio del 1147. Di quella armata facevano parte tra gli altri fanatici religiosi, soldati senza scrupoli e
criminali, convinti all'impresa anche dalle assicurazioni dal papa che chiunque fosse partito per la Terra
Santa avrebbe ricevuto il perdono di ogni suo peccato.

Manuele chiese a Corrado III di giuragli fedeltà e che ogni città che avrebbe conquistato doveva tornare
all'impero bizantino, Corrado III acconsentì alle richieste di Manuele. Il 4 ottobre arrivò anche Luigi VII
con la sua armata, ben più esperta ed ordinata di quella tedesca. Manuele chiese anche a Luigi VII di
giurargli fedeltà; quest'ultimo, dopo un iniziale rifiuto, accettò. Manuele affrontò tutti questi problemi con
grande astuzia, tanto più necessaria in quanto i crociati rappresentavano una minaccia peggiore dei turchi,
essendo in grado di spodestarlo in qualunque momento coalizzando le loro forze. Manuele fece in modo che
i crociati fossero riforniti di viveri, poi consigliò loro di tenersi in prossimità della costa anatolica, dal
momento che quelle zone dell'Asia Minore erano ancora sotto controllo bizantino, e di stare attenti a non
sprecare acqua perché in quelle zone sarebbe stato difficile trovarne dell'altra.

Dopo qualche giorno Manuele ricevette due rapporti. Il primo lo informava che l'esercito crociato tedesco
era stato affrontato dai turchi, il 25 ottobre 1147 nei pressi di Dorileo, e sterminato. L'altro diceva che la
flotta del re Ruggero II di Sicilia, stava per arrivare a Costantinopoli. La flotta siciliana era comandata da
Giorgio d'Antiochia, un bizantino che era stato al servizio degli Arabi prima di passare sotto il comando di
Ruggero II. Egli era riuscito a salire, nella corte palermitana, alla suprema carica di generalissimo, ed era
di fatto il primo ministro del regno.

In pochissimo tempo i siciliani espugnarono Corfù (1147)e là lasciarono una guarnigione, così da poter
difendere l'isola da attacchi bizantini e in seguito razziarono Atene e Corinto, giungendo fino a Tebe, centro
dell'industria serica bizantina. In tale città, oltre a rubare pezze e broccati, furono rapite tutte le migliori
tessitrici dell'impero, in seguito obbligate a lavorare per la nascente industria serica del regno Normanno.
Quando Giorgio d'Antiochia tornò a Palermo da trionfatore, Manuele si adirò enormemente e, capendo di
aver urgente bisogno di alleati, pensò di rivolgersi ai veneziani. Nel mese di marzo del 1148 Venezia
promise di prestare aiuto a Bisanzio con la sua marina per sei mesi, in cambio di più privilegi commerciali.
In aprile Manuele era pronto per la spedizione, ma la situazione precipitò all'improvviso: i cumani
(popolazione turcica residente nella regione balcanica) entrarono in territorio bizantino e le navi veneziane
furono fermate a causa della morte del doge e di una violenta tempesta che aveva spezzato gran parte dei
remi della flotta. Soltanto in autunno le marine bizantina e veneziana riuscirono a effettuare il blocco
marittimo di Corfù.

104
Nello stesso periodo Manuele dovette andare da solo a Tessalonica, per incontrare un ospite molto
importante, Corrado III di Hohenstaufen, che stava tornando dalla Terra Santa. Si era appena conclusa la
seconda crociata (che era stata un totale fallimento tattico e, ancor più, strategico), quando l'imperatore
germanico Corrado si ammalò ad Efeso. Manuele portò con sé Corrado a Costantinopoli e lo fece curare,
tanto che nel marzo del 1148, Manuele gli fornì le navi per raggiungere la Palestina.

I francesi riuscirono, con continui scontri armati, ad attraversare l'Anatolia. Luigi ormai odiava i bizantini e
non tenne conto del consiglio di Manuele di tenersi vicino alle coste, cosicché fu varie volte attaccato da
scorrerie turche. Luigi ne attribuì invece la colpa ai bizantini, che a suo dire lo avevano tradito a causa del
trattato di pace stipulato in precedenza coi turchi. Si vide costretto pertanto ad abbandonare i crociati suoi
compatrioti al loro destino e ad imbarcarsi in Attalia. I resti di quella grande armata raggiunsero Antiochia
nei giorni di Pasqua del 1148.

I preparativi per la campagna in Italia

Manuele e Corrado erano da tempo diventati buoni amici. In quel giorno di Natale Teodora, nipote di
Manuele, sposò il duca Enrico II d'Austria, fratello di Corrado; dopo questo matrimonio i due imperatori si
accordarono per compiere una campagna in Italia. Tale campagna sarebbe iniziata in breve tempo.

Dopo la partenza di Corrado da Costantinopoli Manuele si spostò a Corfù. L'assedio alla città, in mano
normanna, era durato per tutto l'inverno e si concluse con la resa degli assediati solamente nel settembre
del 1149.

Dopo questa vittoria Manuele si fermò, aspettando l'arrivo del bel tempo per iniziare la campagna in Italia
insieme a Corrado. Poco tempo dopo la vittoria a Corfù, però, egli ebbe la notizia che i serbi erano in
rivolta. Dopo pochissimo tempo, ricevette anche un altro rapporto con cui gli veniva comunicato che
quaranta navi normanne guidate da Giorgio d'Antiochia - considerato dai bizantini un traditore - erano
arrivate sotto le mura marittime di Costantinopoli ed avevano saccheggiato numerose ville patrizie lungo la
costa del Bosforo, lanciando a mo' di provocazione diverse frecce sull'area del Grande Palazzo imperiale.

Manuele non dimenticò questo oltraggio (il secondo che riceveva) ma prima di tutto dovette occuparsi della
rivolta in Serbia, anche perché pensava (giustamente) che dietro ad essa vi fosse l'opera di Ruggero II di
Sicilia. Quest'ultimo fra l'altro bloccò lo stesso Corrado in Germania, fornendo aiuti ai bavaresi, a
quell'epoca in rivolta contro l'Imperatore germanico, per impedirgli di intraprendere la campagna in Italia.

Luigi e Ruggero formarono una lega contro l'Impero Bizantino, il cui scopo era di minare il potere di
Manuele. Il sovrano francese riteneva Manuele responsabile del fallimento della seconda crociata,
sostenendo l'accusa (falsa) che l'imperatore bizantino avesse fornito informazioni cruciali ai turchi.

Ruggero rivendicò Antiochia e Gerusalemme, ma i serbi ed i bavaresi furono nel frattempo sconfitti,
cosicché la campagna in Italia di Corrado poté iniziare.

Venezia aveva promesso il suo appoggio marittimo all'Impero bizantino, e anche il Papa, Eugenio III
sarebbe stato pronto ad appoggiare la missione (probabilmente per timore di un attacco allo Stato
pontificio). Per fortuna di Ruggero si affacciò un nuovo problema: il 15 febbraio del 1152 Corrado III morì
a Bamberga all'età di cinquantacinque anni. A Corrado succedette il nipote Federico I di Svevia, poi

105
soprannominato Federico Barbarossa, il quale ricevette dal padre morente la raccomandazione di
rispettare il patto con Manuele.

Federico intendeva non perdere ulteriore tempo per iniziare la campagna in Italia ma dovette invece
rinviarne l'inizio a causa di problemi in Germania, dove ancora doveva essere riconosciuto Imperatore dai
suoi sudditi. Egli però non desiderava combattere a fianco dei bizantini e tanto meno accordarsi con essi per
la spartizione dei territori eventualmente conquistati, non accettando che potesse esistere un altro
Imperatore oltre a lui. Dopo un solo anno Federico firmò un trattato col Papa, che sanciva la comune
spartizione delle terre conquistate dell'Italia meridionale.

In un anno gran parte dei protagonisti dell'epoca morirono. L'8 luglio del 1153 papa Eugenio III morì a
Tivoli e gli succedette papa Anastasio IV; sei mesi dopo morì Bernardo di Chiaravalle, fautore della
Seconda crociata. Il 26 febbraio del 1154 morì a Palermo Re Ruggero e il suo successore fu Guglielmo il
Malo. Infine morì lo stesso Anastasio IV e gli succedette papa Adriano IV (l'unico Papa inglese nella storia).
Federico iniziò una campagna punitiva contro i comuni italiani del nord e, dopo aver superato altri
problemi, fu incoronato Imperatore a Roma dal Pontefice.

La campagna in Italia

Manuele si trovò in una situazione delicata: sapeva di non potersi più considerare alleato del Sacro Romano
Impero e che l'Italia avrebbe potuto essere ripresa dall'Impero solo con la guerra.

Se Federico avesse attaccato il Regno di Sicilia, occorreva che l'Impero bizantino fosse rappresentato per
far valere i propri diritti sulle terre dell'Italia del sud. Se invece Federico non fosse entrato in azione, il farlo
sarebbe toccato allo stesso Impero bizantino.

Poco tempo dopo a Manuele arrivò una notizia importante: i baroni di Puglia, che non avevano mai visto di
buon occhio gli Altavilla, avevano intenzione di ribellarsi e di tornare sotto la protezione dell'aquila
bizantina.

Quindi l'imperatore nel 1155 spedì in Italia i suoi due migliori generali: Michele Paleologo e Giovanni
Ducas. La loro missione era mettersi in contatto con i baroni pugliesi e, se Federico fosse stato ancora in
Italia, cercare di incontrarlo e chiedergli se avrebbe appoggiato l'impero bizantino contro il regno di Sicilia.
Appena i due generali arrivarono in Italia vennero a sapere che Federico si trovava ad Ancona ed era
pronto a riceverli.

L'Imperatore germanico era disposto a schierarsi coi bizantini, ma i suoi baroni si rifiutavano di continuare
la campagna in Italia. Il clima assai caldo aveva fiaccato le truppe, afflitti da un gran numero di insetti cui
non erano abituati e da varie malattie che le avevano colpite. Federico con rammarico si vide costretto a
dire di no ai due inviati bizantini.

Manuele non si disperò. La rivolta contro gli Altavilla si stava allargando a tutto il sud Italia. Verso la fine
dell'estate del 1155 il conte Roberto di Loritello, a capo della rivolta, incontrò a Vieste Michele Paleologo. I
due strinsero un rapido accordo: i nobili che si erano rivoltati agli Altavilla avrebbero goduto di vantaggi
economici e di potere a Costantinopoli, e il Regno di Sicilia sarebbe tornato a far parte dell'Impero
bizantino.

106
Dopo questo accordo i bizantini si unirono agli eserciti dei baroni pugliesi, pronti ad attaccare. La prima
tappa fu Bari che si arrese velocemente, avvezza com'era alla presenza greca, cui apparteneva del resto la
maggioranza dei suoi abitanti. L'esercito siciliano di Guglielmo I di Sicilia fu decimato nei pressi di Andria.

Papa Adriano IV seguiva soddisfatto il procedere dei bizantini nel Regno di Sicilia. Il Papa preferiva assai
più come confinanti i bizantini piuttosto che gli Altavilla, pensando di poter estendere più facilmente i
confini dello Stato Pontificio. Le trattative per unirsi in guerra ai bizantini contro il Regno di Sicilia furono
avviate verso la fine dell'estate del 1155; il Papa arruolò a tal fine mercenari campani.

Il 29 settembre 1155 il Papa si mise in marcia col suo esercito. Questo fu un momento storico perché, un
secolo dopo lo scisma d'Oriente, un Imperatore bizantino aveva formato una lega con il Papa. I vassalli
pugliesi promettevano fedeltà all'Imperatore di Bisanzio con gioia, e lo ringraziavano per gli aiuti che
avevano ricevuto. In pochissimo tempo i bizantini ed il Papa conquistarono tutta la Puglia e la Campania.

Se la campagna in Italia fosse continuata con tale intensità, i bizantini avrebbero annientato gli Altavilla e
riconquistato tutto il sud Italia. Il Papa avrebbe avuto la dimostrazione che i bizantini erano riusciti dove
l'Impero germanico aveva mancato e Manuele avrebbe realizzato il suo sogno: essere incoronato dal Papa
Imperatore di tutto l'Impero Romano, svuotando di significato in questo modo la corona imperiale di
Federico Barbarossa.

Ma Guglielmo non si era ancora rassegnato: aveva perso le prime battaglie ma non la guerra, e riorganizzò
il suo esercito. Ai primi del 1156 egli attraversò lo stretto con le sue forze terrestri e la sua marina che puntò
su Brindisi, dove i bizantini stavano assediando la città.

Quando si sparse la notizia che Guglielmo stava avanzando, qualche barone della Puglia scappò con i suoi
uomini e i mercenari campani scelsero il momento più difficile della campagna per chiedere il raddoppio
dello stipendio. Quando questi ultimi ricevettero una risposta negativa disertarono in massa. Anche Roberto
di Loritello disertò, mentre Michele Paleologo era già morto in battaglia. Giovanni Ducas si trovò, con un
esercito drasticamente ridotto, ad affrontare un esercito molto più numeroso del suo. Fu sconfitto e fatto
prigioniero con i suoi bizantini e i ribelli normanni che non avevano disertato.

La basilica di San Nicola fu l'unica costruzione che rimase in piedi a Bari dopo il 1156.

Le navi dei bizantini furono catturate con le grandi quantità d'oro ed argento conquistate. Con una sola
battaglia persa per i bizantini (28 maggio 1156), tutto
quello che era stato fatto in un anno fu vanificato.
Guglielmo ebbe pietà dei prigionieri bizantini ma non dei
suoi sudditi ribelli. I mercenari normanni furono uccisi
perché avevano tradito la loro patria, Brindisi fu
risparmiata per la sua efficace resistenza e Bari fu rasa al
suolo compresa la cattedrale. Fu risparmiata solo la
Basilica di San Nicola e gli abitanti ebbero in tutto due
giorni per mettersi in salvo con i propri averi. Le altre città
della Puglia furono punite duramente, anche se non con
l'asprezza di Bari.

Manuele aveva capito che bisognava cambiare strategia.


Sebbene l'Impero bizantino ed il Sacro Romano Impero non

107
fossero riusciti a conquistare il Regno di Sicilia, era convinto che Federico Barbarossa avrebbe ritentato
l'impresa. Se ciò fosse avvenuto, il Barbarossa avrebbe potuto mirare alla conquista dell'Impero bizantino,
per riunificare l'antico impero romano. Manuele si convinse che erano molto meglio gli Altavilla nel sud
Italia di Federico, e per questo doveva trovare un modo per accordarsi con il Re di Sicilia.

Egli inviò alla corte di Guglielmo, Alessio Axuch, figlio del suo Gran Domestico Giovanni Axuch.
Ufficialmente aveva l'incarico, come prima di lui Michele Paleologo, di prendere contatto con eventuali
ribelli, di reclutare mercenari e di soffiare sul fuoco dei tumulti. Contemporaneamente i suoi ordini erano di
contrattare la pace con Gugliemo. I due comandi sembrano contraddittori ma non lo erano, perché quanto
maggiori fossero state le difficoltà per Guglielmo, tanto più Bisanzio sarebbe stata avvantaggiata nelle
trattative.

Alessio portò in porto le sue due missioni facilmente. Due mesi dopo il suo arrivo, Roberto di Loritello
saccheggiò la Sicilia, mentre una grossa banda di briganti conquistava Capua per poi arrivare a
Montecassino. Il 6 gennaio del 1158 i briganti riuscirono a sconfiggere un esercito degli Altavilla in uno
scontro corpo a corpo. All'inizio della primavera del 1158 l'Impero bizantino concluse una pace segreta con
il Regno di Sicilia.

I baroni normanni ribelli, che di punto in bianco si trovavano senza più finanziamenti da parte dell'Impero
bizantino, si videro costretti ad abbandonare le conquiste fatte e a cercare un signore più affidabile.

La riconquista di Antiochia

Manuele Comneno era Imperatore bizantino ormai da quindici anni e aveva combattuto in tutte le parti
dell'Impero bizantino, tranne che in Cilicia. Nell'autunno del 1158, Manuele I si incamminò quindi verso
questa regione con un grande esercito.

Manuele era furibondo, perché un certo Thoros II d'Armenia (Teodoro) figlio di Leone I d'Armenia, era
evaso dalla prigione di Costantinopoli nel 1143, e nel 1151 aveva assassinato il governatore imperiale di
Mamistra/Mopsuestia, e sette anni dopo quel delitto era ancora impunito. Ma il problema principale di
Manuele era Rinaldo di Chatillon, che era principe d'Antiochia.

Rinaldo era secondogenito di un nobile francese, si era arruolato nella seconda crociata nell'esercito di
Raimondo d'Antiochia e aveva deciso di crearsi un feudo in Oriente, e lo aveva ritrovato in Antiochia. Nel
1153 Rinaldo sposò Costanza d'Antiochia, vedova di Raimondo. Rinaldo aveva promesso a Manuele, in
cambio del suo riconoscimento come Principe d'Antiochia, di consegnare Thoros alla giustizia, e invece
dopo essere stato riconosciuto principe, Rinaldo insieme a Thoros attaccò Cipro dove francesi e armeni si
abbandonarono a devastanti saccheggi. Quindi non c'era da meravigliarsi che Manuele partisse con un
esercito desideroso di vendetta.

Thoros intanto fu costretto a ripararsi tra le montagne, per salvarsi dai bizantini, che avevano sconfitto i
suoi eserciti più volte, e avevano riassoggetato tutta la Cilicia sotto l'Impero. Thoros si riappacificherà con
l'imperatore, solo grazie alla mediazione del re Baldovino III di Gerusalemme.

Rinaldo era in preda al panico. L'esercito bizantino era molto forte e non poteva minimamente pensare di
resistere, con la prospettiva di essere spazzato via, insieme ad Antiochia, dai nemici. L'unica speranza di
salvezza per lui era la sottomissione. Quando Manuele lo ricevette nella sua fastosa tenda imperiale,
l'Imperatore pose tre condizioni a Rinaldo, accettando le quali egli avrebbe avuto salva la vita: Antiochia
doveva arrendersi immediatamente, doveva diventare un thema dell'impero bizantino e fornire una

108
guarnigione a Bisanzio. Antiochia doveva inoltre mandare via il suo patriarca latino e insediarne uno
ortodosso. Soltanto quando Rinaldo giurò di accettare tutto ciò, il conte fu congedato da Manuele.

La pace fruttuosa con Norandino

Quando Manuele partì da Antiochia, i rapporti tra Bisanzio e i crociati erano buoni come non mai, e
sarebbero rimasti tali se Manuele avesse attaccato Aleppo. Quando invece Manuele arrivò col suo esercito
alla frontiera tra Impero bizantino e il mondo musulmano, gli vennero incontro gli ambasciatori dell'Emiro
Norandino che offriva la pace, impegnandosi nel caso a liberare tutti i prigionieri cristiani in sua mano - il
cui numero assommava a circa seimila - e ad avviare una campagna contro i turchi selgiuchidi. Manuele
accettò l'offerta e ripartì con il suo esercito, per tornare a Costantinopoli. I crociati presero l'accaduto
molto male, perché avevano accolto Manuele Comneno come un salvatore, mentre egli aveva percorso tutta
l'Asia minore con un grande esercito, senza però combattere, concludendo invece la pace con i musulmani,
lasciando i crociati in balìa della loro sorte. La situazione vista da Manuele era però assai diversa. La Siria
per i crociati era una terra importante, mentre per i bizantini sarebbe stata solo una regione lontana, e
Manuele non si poteva permettere di rimanere così tanto tempo lontano dalla sua capitale, perché nel
palazzo imperiale si parlava già di una sua possibile deposizione, e si affacciavano problemi tutt'altro che
lievi alle frontiere europee.

Il trattato con Norandino era a tutto favore di Bisanzio, perché i crociati di Antiochia si sottomettevano
all'Impero bizantino solo quando erano in grave pericolo e il pericolo costituito da Norandino li avrebbe
mantenuti perciò fedeli all'Impero. Grazie infatti a questo patto con Norandino del 1161, il sultano
selgiuchide di Rūm, Qilij Arslan II, dovette firmare un trattato che prevedeva che, in cambio della pace con
Norandino, avrebbe restituito all'Impero bizantino tutte le città di popolazione greca da lui conquistate in
precedenza, la fine delle incursioni delle bande di turcomanni nell'Impero bizantino e l'impegno di fornire
un contingente di soldati ogni volta che Bisanzio lo avesse richiesto. L'accordo fu suggellato nella capitale
bizantina.

La pace con Qilij Arslan II

Nella zona orientale dell'Impero bizantino, Bisanzio era al massimo della sua potenza, dopo la catastrofica
battaglia di Manzicerta del 1071. Il sultano aveva firmato la pace con Bisanzio e gli versava tributi annuali,
come pure l'atabeg di Aleppo. La via verso la Terra Santa per i pellegrini era di nuovo aperta. Gli unici
cristiani scontenti erano i crociati, a causa del mancato impegno bellico di Manuele contro i musulmani.

All'inizio 1160 era intanto morta l'imperatrice Irene, lasciando soltanto due figlie a Manuele che voleva a
tutti i costi un erede maschio che un giorno potesse reggere l'Impero. A Natale del 1161, Manuele sposò
allora la bellissima figlia che Costanza d'Antiochia aveva avuto da Raimondo di Poitiers. Sei mesi dopo
morì Baldovino III di Gerusalemme a Beirut e, quando la notizia arrivò a Costantinopoli, Manuele pianse
sinceramente l'amico defunto.

La riappacificazione tra il Papa e Federico Barbarossa

109
Il 24 luglio 1177 il nuovo Doge di Venezia, Sebastiano Ziani, organizzò la riconciliazione tra papa
Alessandro III e Federico Barbarossa; il disaccordo dei due, nato nel 1160 per l'intenzione di Federico di
dominare i comuni del nord Italia, era sfociato in seguito in guerra aperta.

Il Papa chiese appoggio economico a Manuele e questi fu ben felice di accordarglielo. In seguito, nel 1166,
Manuele propose al Papa di porre fine allo Scisma d'Oriente in cambio della corona romana riunificata ma
si rese conto che il progetto era inattuabile per via del parere fortemente contrario dei suoi sudditi e, inoltre,
per la sua cattiva fama in Occidente.

La guerra contro i veneziani

Il 31 maggio del 1162 morì il re di Ungheria, Geza II, non lasciando alcun erede; la guerra per la
successione durò fino al 1167, anno in cui Manuele mosse contro la Dalmazia, la Bosnia e la Croazia,
conquistandole, andando così poi in trionfo a Costantinopoli l'8 luglio del 1167. Di ciò pagò le conseguenze
Venezia, che reagì con forza, sentendosi trascurata in campo commerciale dalle buone relazioni che
Bisanzio intratteneva con Genova, Pisa e Amalfi.

Manuele aveva però le sue ragioni a tenere Venezia fuori dai suoi ultimi affari. A Costantinopoli ormai
vivevano 80.000 latini che godevano di grandi privilegi, e di questi i veneziani erano la comunità più
numerosa e la più ricca, infatti il commercio bizantino era ormai un monopolio dei mercanti delle tre grandi
repubbliche marinare che si stavano contendendo il monopolio del Mediterraneo Orientale, contesa che alla
fine vinsero i Veneziani. L'imperatore decise di punirli all'inizio del 1171, quando il quartiere genovese
vicino a Costantinopoli, a Galata, fu attaccato e in gran parte incendiato da alcuni cittadini veneziani e
dalla malavita di Costantinopoli. Ordinò infatti di imprigionare tutti i veneziani che si trovavano in
territorio bizantino, confiscandone le navi, i beni e le proprietà. Soltanto a Costantinopoli furono
imprigionati 10.000 veneziani.

Il Doge si infuriò, pensando che l'accaduto e la susseguente punizione fossero stati organizzati a bella posta
dai bizantini. Chiese perciò a tutti i veneziani all'estero di rimpatriare e li arruolò nell'esercito. Nel
settembre del 1171 salparono da Venezia 150 navi, comandate dal doge stesso, Vitale II Michiel. In Eubea
questi trovò ambasciatori bizantini che offrivano la riconsegna dei beni e degli antichi privilegi ai veneziani,
a patto che si recassero nella capitale. Vitale Michiel acconsentì alla proposta degli ambasciatori recandosi
a Costantinopoli, mentre la marina veneziana aspettava a Chio. Durante il viaggio però sulle navi veneziane
scoppiò la peste e a primavera i morti erano migliaia. Poco tempo dopo ritornarono gli ambasciatori
veneziani con la notizia che l'Impero bizantino non aveva fatto loro alcuna concessione. A Vitale Michiel
non restò altro che tornare a Venezia, dove però portò con sé anche la peste e venne perciò linciato dalla
popolazione, in quanto considerato colpevole della fallita spedizione punitiva contro Bisanzio.

La battaglia di Miriocefalo

Il 15 maggio 1174 Norandino morì e i turchi danishmendidi rimasero senza un protettore, esposti alla
potenza dei turchi selgiuchidi. Il Sultano selgiuchide di Rūm, Qilij Arslan II aveva conquistato già molti
territori prima della morte di Norandino e così due principi danishmendidi si recarono a Costantinopoli per
chiedere la protezione di Manuele. Nell'estate del 1176 questi si mise in marcia per raggiungere Iconio, ma
fu quasi subito raggiunto dagli inviati del sultano Qilij Arslan, con proposte di pace vantaggiose per

110
Bisanzio. Nonostante il parere favorevole dei suoi ufficiali, Manuele si fece convincere da una piccola
minoranza di giovani ufficiali smaniosi di coprirsi di gloria e comandò che la campagna proseguisse.

Dopo la fortezza di Miriocefalo il sentiero proseguiva in una gola lunga e stretta fra i monti, dalle cui
sommità i Selgiuchidi prepararono la loro trappola, bloccando tanto l'uscita quanto l'entrata. Nella stretta
vallata si riversarono i pesanti carriaggi carichi di rifornimenti e le armi d'assedio, intasando il passaggio.
A quel punto le forze turche caricarono con la cavalleria giù sulle inermi truppe bizantine, massacrandole
senza quasi incontrare resistenza fin quando ci fu luce. A nulla valse un tentativo di caricare con truppe
fresche effettuato dall'Imperatore. Sebbene la disfatta di Manuele fosse quasi scontata, il sultano turco offrì
la pace a condizioni assai vantaggiose, chiedendo la semplice distruzione delle fortificazioni di Dorileo e di
Subleo (il cui rafforzamento era stato completato nel 1174). Manuele ovviamente accettò, perdendo però
così ogni speranza di riprendere il controllo dell'Asia minore, facendo mestamente ritorno a Costantinopoli
a capo della sua invitta guardia imperiale, recando con sé i miseri resti dell'esercito. Questa sconfitta può
essere considerata, assieme alla battaglia di Manzicerta, una delle più gravose per l'impero bizantino.
Sebbene infatti Manuele I poté ancora disporre di truppe sufficienti a guarnire i confini dell'impero ed
ottenere ancora in seguito successi minori, la macchina bellica creata da suo nonno e rafforzata dal padre
era praticamente andata in fumo, non potendo più in alcun modo le perdite subite essere compensate, anche
a seguito dello smantellamento del sistema di reclutamento causato dalle devastazioni turche in Anatolia,
che avevano distrutto l'economia agricola della regione, cardine della struttura amministrativa dell'Impero,
basata sui cosiddetti themata.

Ultimi anni e morte

Nel 1180 Manuele colse un ultimo


successo diplomatico prima della
morte: in quell'anno vennero
celebrate le nozze di suo figlio
Alessio II Comneno, di dieci anni,
con la principessa francese Agnese
di Bisanzio, di nove. Due mesi
dopo Manuele si ammalò
gravemente e morì il 24 settembre
dello stesso anno.

Manuele, nonostante le sue indiscutibili doti politiche e militari lasciò le casse dell'Impero bizantino a secco.
Dopo la sua morte, venne a mancare la principale guida e il collante che teneva unite e fedeli le potenti
famiglie che da secoli occupavano i quadri di comando dell'impero. Una serie di circostanze sfavorevoli
fecero in modo che nessun imperatore asceso al trono negli anni successivi, mostrasse l'energia necessaria
per contenere le spinte centrifughe, solo apparentemente sopite durante l'epoca Comnena, preparando il
terreno all'indebolimento e alla caduta di Costantinopoli durante la famigerata Quarta crociata del 1204,
evento difficilmente immaginabile per i bizantini soltanto una generazione prima.

111
6.4) IL TENTATIVO DI REAZIONE DI ANDRONICO I COMNENO (1183-1185)

Le debolezze dello Stato bizantino apparvero con tutta chiarezza quando , dopo la morte di Manuele , salì
sul trono suo figlio dodicenne Alessio II e l‟imperatrice madre Maria di Antiochia assunse la reggenza
.L‟imperatrice concesse la sua fiducia ad un nipote del defunto imperatore , il protosebastos Alessio
Comneno , che assunse il controllo degli affari . Ma la scelta fu poco felice e la preferenza accordata da
Maria a quest‟uomo vano e insignificante provocò un vivo risentimento tra gli altri membri della dinastia
dei Comneni. La occidentale Maria e il suo favorite erano ugualmente odiati dal popolo . Era nella natura
delle cosec he sotto questa reggenza venisse accentuate la politica filolatina e a questo fatto il cittadino
bizantino attribuiva il rapido deterioramento della situazione interna ed internazionale . Il risentimento
contro I Latini cresceva : sia contro I commercianti italiani che si arricchivano a Bisanzio , sia contro i
mercenari occidentali , che rappresentavano il principale sostegno della reggenza . Più volte gli esponenti
della dinastia dei Comneni , tentarono di abbattere il governo con un colpo di mano . Ma tutti i tentativi
fallirono . A costantinopoli l‟opposizione mancava di un capo . Il ruolo decisive venne svolto da Andronico
Comneno , un cugino di Manuele , che allora risiedeva , in qualità di governatore , nel territorio del Ponto .

Andronico Comneno è una delle figure più interessanti della storia bizantina . Giunto ormai 60enne aveva
già alle spalle una vita movimentata .

Ambizioso e scaltro, per salire al trono Andronico si atteggiò a salvatore di Alessio II, dicendo che questi
veniva soggiogato dalla madre e dal di lei amante, il protosebasto Alessio Comneno. Dopo di che cominciò
a muoversi in direzione di Costantinopoli, sicuro dell'appoggio popolare. La Paflagonia ben prestò passò
dalla sua parte e, nella capitale, Andronico trovò subito due alleati nelle persone della kaisarissa Maria,
sorellastra di Alessio II, e del marito, il cesare Ranieri di Monferrato, esclusi dal Consiglio di reggenza. La
ribellione popolare scoppiò e, vista l'impossibilità di pervenire ad una risoluzione pacifica, il protosebasto
lanciò l'attacco nel maggio del 1181: si combatté edificio per edificio, sulle soglie della Chiesa grande, ma
alla fine gli Imperiali prevalsero. Il protosebasto decise a questo punto di attaccare la flotta ribelle ma
Andronico Contostefano decise di passare, con tutte le sue navi, dalla parte di Andronico, che ora aveva
davvero vinto e da Calcedonia si preparò la strada per il Palazzo imperiale. Il protosebasto Alessio venne
arrestato ed imprigionato, per esser poi accecato -un vezzo molto caro ad Andronico- e venne scatenata la
popolazione, ben fomentata ed appoggiata da mercenari paflagoni, contro tutti i Latini presenti in città,
soprattutto Pisani e Genovesi, accusati d'esser la rovina del popolo e d'appoggiare il regime
dell'imperatrice madre e del protosebasto. Ora Andronico poteva entrare nella città.

Intanto Andronico, pur impadronendosi delle leve del potere, desiderava porsi come campione della
legittimità imperiale e a maggio del 1182 fece nuovamente incoronare Alessio II a Santa Sofia. Inoltre, al
fine di liberarsi dell'ultimo ostacolo alla sua corsa al potere supremo, allontanò Maria d'Antiochia dal figlio
e cominciò contro di lei una campagna persecutoria, accusandola presso il popolo di voler sottomettere
l'Impero ai propri voleri. Alla fine, nel settembre 1182, Maria fu uccisa.

Uccisa l'imperatrice madre, la strada di Andronico I era spianata: il potere sarebbe stato suo e raggiunto
marciando sui cadaveri della famiglia dell'odiato cugino. Comunque, contro il possibile usurpatore, s'armò
una congiura, ma venne scoperta e duramente punita: alcuni vennero soppressi, altri fuggirono e ad
Andronico I Contostefano ed ai quattro figli vennero tolti gli occhi. Nella primavera del 1183 toccò alla

112
kaisarissa Maria ed al cesare Ranieri, avvelenati entrambi. Di fronte a tanti eventi il patriarca stesso,
Teodosio Boradiota, preferì ritirasi a vita privata. Restava un solo passo da fare: all'inizio del settembre del
1183 gente a lui fedele fece in modo che Andronico I venisse acclamato Imperatore per le vie della capitale,
ed Alessio II fu tratto fuori dal palazzo affinché lo pregasse di regnare con lui. L'incoronazione avvenne a
Santa Sofia: il nome d'Andronico I venne pronunciato prima del nome dell'autocratore legittimo, Alessio II.
Il quale aveva firmato la sua condanna a morte: non era più necessario, ormai. Pochi giorni dopo infatti il
giovane sovrano, non ancora quattordicenne, fu strangolato mediante una corda d'arco, il suo cadavere
dileggiato, decapitato e buttato in mare chiuso in un vaso.

Su di un Impero che, tuttavia, andava a pezzi. Già da tempo Kilidj Arslan di Iconio, , aveva ripreso ad
attaccare le frontiere imperiali che, sguarnite, non offrivano resistenza, e così erano cadute Sozopoli,
l‟attuale Uluborlu, Cotieo, l‟attuale Kütahya, ed Antalya si trovava in stato d‟assedio. Nei Balcani, poi,
l‟intera costruzione così faticosamente eretta da Manuele I si sgretolava rapidamente: Stefano Nemanja,
prese a devastare periodicamente i territori imperiali, saccheggiando Belgrado, Braničevo, Niš e Sofia,
insieme a Béla III d‟Ungheria, che a sua volta, rotta l‟alleanza con Bisanzio, aveva conquistato Dalmazia,
Croazia e la regione di Sirmio. Ma anche le province davano segni di fermento: già durante la reggenza
d‟Andronico il megas domestikos Giovanni Comneno Vatatze, duca dei Tracesi, si era reso protagonista
d‟una ribellione che aveva visto l‟esercito regolare, comandato da Andronico Laparda, sconfitto davanti a
Filadelfia, l‟attuale Alaşehir, e che si era esaurita solo dopo la morte del Vatatze, seguita dalla vendetta e
dalle repressioni d‟Andronico. Ma questo episodio non era destinato a restare isolato. Nella prima metà del
1184 si ribellarono Isacco Angelo e Teodoro Cantacuzeno a Nicea, Teodoro Angelo a Prusa, ora Bursa, e
Lopadio, attualmente Ulubad. Andronico non esitò a mettersi in marcia e, mentre Alessio Brana riportava
alla ragione Lopadio, strinse d‟assedio Nicea. Le operazioni furono lunghe e contraddistinte da episodi di
efferata brutalità, ma, ucciso il Cantacuzeno, Nicea decise di arrendersi: Isacco Angelo venne risparmiato
ed inviato a Costantinopoli, ma la città venne punita ferocemente, come in seguito accadde a Prusa, presa
d‟assalto. Nel frattempo, tuttavia, Costantinopoli perdeva definitivamente il controllo su Cipro. Le ribellioni
non risparmiarono Costantinopoli e videro protagonisti quei settori dell‟aristocrazia comnena che avevano
inizialmente appoggiato Andronico: venne alla luce una congiura che pareva ordita dal megas doux
Andronico Contostefano e da Andronico Angelo, ed in seguito fallì un tentativo di ribellione promosso da
quell‟Andronico Laparda sconfitto dal Vatatze. Tutti soffocati nel sangue, questi complotti erano comunque
spie d‟un diffuso malessere cui l‟Imperatore rispose con l‟unica cura che pareva conoscere: il terrore.
L‟Impero venne avviluppato in un manto di sangue, in uno scenario degno dei più truculenti racconti
dell‟orrore. Le repressioni promosse da Andronico non risparmiarono alcun settore sociale, ed investirono
con crudeltà inusitata oppositori reali o presunti, insieme alle loro famiglie ed ai loro conoscenti.

Tutto quello che Alessio, Giovanni e Manuele avevano creato si stava rovinando, né, del resto, sarebbe stato
nelle possibilità d‟Andronico di porre un freno al crollo che investiva l‟Impero. Scioltosi il sistema di
alleanze e di intrecci familiari tra l‟aristocrazia civile, quella militare ed il clan dominante dei Comneni,
drasticamente ridotto in parte a causa di Miriocefalo ed in parte grazie alle purghe promosse da Andronico;
l‟Impero si chiuse in un pericolosissimo isolamento, ribaltando completamente la tradizionale politica
comnena.

Ciò che determinò la fine del regime di Andronico e, in ultima analisi, il crollo di Bisanzio fu, molto
probabilmente, il ribaltamento dei principî fino ad allora rispettati in politica estera dai predecessori. Se la
reggenza di Maria e del protosebasto aveva cessato ogni iniziativa politica fuori dai confini imperiali,

113
condannando l‟Impero all‟isolamento, Andronico distrusse scientemente tutto il delicato edificio che i
predecessori avevano faticosamente costruito con lo scopo di allontanare i nemici, quando non con quello
di passare all‟attacco.

Sotto pressione in Asia minore e nei Balcani, Andronico non vide altra soluzione che attuare una politica
esclusivamente difensiva ma, soprattutto, decise di optare per una scelta orientale in quella millenaria lotta
tra una gravitazione verso occidente ed una verso oriente che, come è noto, afflisse Bisanzio lungo tutto
l‟arco della sua storia. Nel frattempo si realizzava il peggiore incubo dei basileis, ciò che per tutta la sua
vita Manuele aveva cercato, con successo, di evitare: l‟unione tra il regno normanno e l‟impero tedesco,
realizzatasi tramite le nozze tra Enrico VI, figlio del Barbarossa, e Costanza, zia ed erede di Guglielmo II.
Consapevole del pericolo, Andronico non vide altra strada percorribile che stringere un‟alleanza con il
Saladino, un‟operazione che, nelle intenzioni delle due parti, avrebbe lasciato mano libera al sultano nelle
sue operazioni contro gli Stati crociati, ed avrebbe dato respiro in Asia minore all‟Impero.

Fu dunque facile per il normanno Guglielmo II accondiscendere alle richieste d‟intervento giunte presso la
sua corte da esuli provenienti da Costantinopoli, costretti alla fuga dalle persecuzioni del tiranno. Erano un
parente di Manuele I, tal Alessio Comneno, con il suo seguito, ed un ragazzo, accompagnato da un monaco,
che si spacciava per lo stesso sfortunato Alessio II, cui in effetti somigliava tanto nel fisico quanto
nell‟atteggiamento. Lo sforzo bellico fu enorme. Andronico era solo, senza alleati, senza una flotta e senza
alcuna capacità difensiva, tanto più che neppure Venezia, legata ai Normanni da un trattato stipulato nel
1175, sarebbe intervenuta in sua difesa. Nel giugno del 1185 cadde nelle mani dei Normanni Durazzo. Nel
frattempo la flotta occupava senza problemi Corfù, Cefalonia, Zante. L‟obiettivo era la città di Tessalonica,
che venne investita per terra e per mare. Non vi fu alcun coordinamento tra i difensori, decisamente male
organizzati dall‟incapace governatore della città assediata, Davide Comneno, e le truppe tardivamente
mandate in soccorso da Andronico, e così dopo breve assedio Tessalonica, il 24 agosto del 1185, capitolò e
la città fu devastata e i cittadini massacrati . I Normanni, non appena si sentirono sazi del bottino e del
sangue versato, ripresero la loro marcia lungo la Egnazia, diretti verso Costantinopoli .

Evidentemente confidava nella mitica imprendibilità di Costantinopoli e, perciò, con lo scopo di eliminare
qualsiasi residua opposizione che avrebbe potuto rendere poco sicura la Città, decise la morte di tutti coloro
che fossero stati anche solo sospettati di tradimento. Tra questi vi era Isacco Angelo. Ma dopo aver ucciso il
mandante, Isacco cavalcò euforico verso la Chiesa Grande, dove cercò rifugio. Era l‟11 settembre del 1185,
ed il giorno successivo Isacco era già divenuto il simbolo vivente della ribellione contro il regime instaurato
da Andronico, fino al punto da essere acclamato Imperatore. Andronico cercò brevemente d‟opporsi, ma
valutata la drammaticità della situazione ben presto decise di cedere la corona e non già al successore
designato, Giovanni, ma a quel Manuele che spesso aveva contestato le azioni paterne. L‟abdicazione
tardiva, tuttavia, si rivelò del tutto inutile, ed Andronico decise di fuggire dalla Città, imbarcandosi. Questa
volta la fuga all‟abile ed astuto Andronico non riuscì: arrestato mentre tentava di raggiungere la salvezza
presso i Turchi dagli uomini di Isacco Angelo, Andronico venne gettato in catene nella prigione di Anema,
donde venne tirato fuori solo per essere sottoposto ai più atroci ed inenarrabili supplizî.Né miglior destino
venne riservato al coimperatore Giovanni il quale, catturato mentre era alla testa delle truppe che, con
scarsi risultati, si opponevano ai Normanni, venne accecato in modo tanto brutale che morì per le ferite
subite. La stessa pena venne riservata al fratello, Manuele.

Già altre volte un sovrano era stato deposto ed anche massacrato; altre volte una situazione difficile, se non
disastrosa, era stata anche brillantemente superata. Ma mai nel passato Bisanzio si era trovata in un simile

114
clamoroso vuoto di potere e, soprattutto, nel passato un incapace era stato sostituito da sovrani brillanti e
capaci. Ora, quasi per caso, giungevano al trono Isacco II e Alessio III.

6.4) IL CROLLO

ISACCO II ANGELO (1185-1195 e 1203-04)

ALESSIO III ANGELO (1195-1203)

ALESSIO IV ANGELO (1203-04)

ALESSIO V DUCAS (1204)

I primi giorni Isacco li dedicò a consolidare il suo potere: così fece catturare Andronico II, che venne
massacrato, ed in seguito i suoi figli, Giovanni, che s'era proclamato imperatore, e Manuele. Entrambi
vennero accecati. Anche il patriarca, legato al precedente regime, venne defenestrato.

Tuttavia la situazione interna ed esterna era disastrosa: lo Stato era al collasso, ed i Normanni, che già
tenevano Tessalonica e dominavano i mari, erano in marcia verso la Città. Isacco riorganizzò le truppe, e le
scagliò contro i Normanni, sotto l'abile guida di Alessio Branas. Gli invasori vennero battuti presso
Mosinopoli e presso Anfipoli, quindi Branas nel novembre del 1185 li battè definitivamente a Dimitritza,
l'attuale Siderocastro. La disfatta normanna era completa, Tessalonica venne abbandonata ed i superstiti
fuggirono. La stessa flotta normanna, che nulla aveva potuto fare, lasciò le Isole dei Principi dove aveva
attraccato. Nella primavera del 1186 Isacco riprese anche il controllo di Durazzo e di Corfù.

Ovviamente l'impresa aveva necessitato di più ampie alleanze, e così Isacco s'era assicurato la tranquillità
delle frontiere orientali, concludendo un trattato con Kilidj Arslan di Iconio, e chiuse definitivamente le
ostilità con Venezia, con trattative che, nel 1187, sfociarono nella emissione di ben tre crisobolle,
testimonianza, comunque, dei nuovi rapporti tra la Repubblica e l'Impero. Nello stesso tempo Isacco
normalizzò i rapporti con l'Ungheria, ed in modo proficuo e duraturo, con un trattato che, insieme a
questioni territoriali, prevedeva le nozze tra il basileus stesso, rimasto vedovo della prima moglie, Irene
Paleologina Comnena, e la figlia di Bela III d'Ungheria, la piccola Margherita, ribattezzata Maria.

115
Il matrimonio venne celebrato con gran fasto, e le spese ricaddero, tramite una pesante tassazione
aggiuntiva, sulle provincie, in particolare su alcune aree bulgare (che si ribellarono). Il casus belli sarebbe
stata la negata cessione di una pronoia a due fratelli bulgari, Teodoro -in seguito ribattezzato Pietro- e
Asen. Infastiditi da tale rifiuto, i due fratelli decisero di porsi a capo di quanti tra Bulgari, Cumani e
Valacchi intendevano liberarsi del giogo imperale, e presto crearono una loro enclave attorno a Tarnovo,
attaccando i territori romani.

Isacco rispose alla ribellione bulgara marciando personalmente contro i rivoltosi, che si ritirarono oltre il
Danubio. Non essendo stato tuttavia raggiunto alcun risultato duraturo, tra la fine del 1186 e l'inizio
dell'anno successivo Isacco tentò più volte di soggiogare i ribelli, con campagne mai dall'esito risolutivo.
Giovanni Ducas conseguì successi; Giovanni Cantacuzeno si fece battere; Alessio Branas, il vincitore dei
Normanni, parve giungere alla vittoria finale, quando decise di proclamarsi imperatore e di marciare contro
Costantinopoli, che nel 1187 venne posta sotto assedio. In questo frangente Isacco trovò l'appoggio del
cesare Corrado, figlio del marchese del Monferrato, che era lì giunto a sposare Teodora, sorella del
basileus: Isacco e Corrado affrontarono l'usurpatore fuori dalla Città e lo sconfissero. Subito dopo
l'imperatore decise di marciare alla testa delle truppe imperali contro i Bulgari ed i Valacchi. Isacco ottenne
rilevanti successi, ma dovette accontentarsi di stipulare una tregua con Pietro ed Asen, richiedendo quale
ostaggio il loro fratello Kalojan, poiché la rivolta di Teodoro Mancafa, nel 1188, lo costrinse ad accorrere
in Asia Minore, a Filadelfia.

Mancafa l'anno dopo venne espulso dalla città assediata e costretto a rifugiarsi presso i Selgiuchidi, che lo
consegneranno a Bisanzio, tuttavia questa rivolta ebbe conseguenze fatali. Costrinse Isacco ad abbandonare
la lotta contro i Bulgari in un momento cruciale, ed essi ne approfittarono per rinforzarsi e costituirsi in
Stato, con Asen quale zar; ed allontanò Isacco dalla capitale proprio quando giungeva il Barbarossa.

L'Impero, tra Crociati e Bulgari

La caduta del Santo sepolcro nelle mani del Saladino, tra l'emozione della Cristianità, aveva portato alla
Terza Crociata. Uno dei suoi duci fu il grande nemico di Manuele Comneno, Federico Barbarossa, che, alla
testa di un possente esercito, nell'estate del 1189 fu in territorio romeo. L'assenza del basileus dalla capitale,
i ritardi nelle comunicazioni e reciproche incomprensioni provocarono gravi tensioni tra i Tedeschi ed i
Romei, aggravate dalle fortissime diffidenze reciproche. Isacco fece arrestare degli ambasciatori crociati,
un fatto inaudito, e rinnovò il trattato con il Saladino, facendo inorridire i Crociati. Che del resto, dal canto
loro avevano stipulato un trattato con il sultano di Iconio... Fatto sta che le truppe romee cercarono in ogni
modo, invano, di contrastare l'avanzata crociata, facendosi anche sconfiggere alle porte di Filippopoli. La
decisione del Barbarossa -il cui pensiero, ormai, era quello di occupare la stessa Costantinopoli- di
avanzare su Adrianopoli costrinse Isacco a scendere a patti e, nel febbraio del 1190, venne raggiunta
un'intesa con i Crociati, che a marzo poterono passare in Asia Minore e procedere senza eccessivi problemi
da parte romea verso la loro meta, restata un sogno, poiché a giugno Federico Barbarossa sarebbe
annegato nel fiume Göksu.

116
Le spedizioni di Riccardo Cuor di Leone e di Filippo Augusto non riguardarono Bisanzio, se non per
l'occupazione da parte di Riccardo di Cipro, nel giugno del 1191, e la conseguente prigionia di Isacco
Comneno. Cipro non sarebbe ritornata mai più ai Romei.

L'uscita di scena del Barbarossa per Isacco fu la fine di un incubo, ma non la fine di una serie ininterrotta di
sventure, per questo sovrano davvero sfortunato. L'impero pareva relativamente solido all'apparenza, in
realtà la catastrofe era alle porte, anche per responsabilità di Isacco, dei suoi sperperi, della corruzione
imperante per la crisi economica che costrinse il governo ad una decisa svalutazione, per la tassazione.
Ciononostante Isacco si dimostrava un sovrano religioso e generoso, concedendo donativi ai poveri,
costruendo e restaurando chiese, monasteri, ospizi ed ospedali. Tuttavia il suo problema era la debolezza
nel governo, e la cessione di ampie prerogative imperiali a consiglieri dissennati si rivelò esiziale. Così
questi anni videro una serie ininterrotta di ribellioni ed usurpazioni, tra le quali si segnalarono quelle dei
Pseudoalessi: il più pericoloso di costoro, personaggi che sostenevano d'essere il vero Alessio II, figlio e
successore dell'ormai già mitizzato ed indimenticato Manuele Comneno, con l'appoggio di Iconio tenne in
scacco per anni le truppe imperiali fino a quando non venne ucciso a tradimento, nel 1192.

Intanto i Bulgari ed i Valacchi dilagavano. Isacco, passato il Barbarossa, nel 1191 decise di farla finita e si
lanciò contro il nemico, ma la sua armata, cacciatasi in una stretta gola nei pressi di Beroe, l'odierna Stara
Zagora, venne annientata e lui stesso si salvò a stento. Caddero Anchialo, Varna, Sofia, ed i Serbi di Stefano
Nemanja insorsero contro Bisanzio. L'imperatore reagì velocemente e rioccupò e ripristinò le fortezze
cadute, mentre concertava l'azione con l'alleata Ungheria. Sulla Morava Stefano Nemanja venne battuto, ed
in seguito i Bulgari vennero contenuti. Tuttavia, nel 1194, l'esercito romano venne nuovamente annientato
ad Arcadiopoli, l'odierna Lüleburgaz, nella Turchia europea, grazie al tradimento d'uno dei comandanti.
L'Imperatore decise di mettersi nuovamente alla testa delle sue truppe e, dopo un intenso arruolamento, si
preparò a marciare, nel marzo del 1195. La campagna non ebbe neppure inizio: a Cipsello, sulla Maritza, il
sebastokrator Alessio, fratello di Isacco, si proclamò Imperatore e l'8 1195 aprile fece arrestare il
congiunto. Ad Isacco vennero cavati gli occhi, e gli venne imposto di dimorare nel monastero di Bera, in
Tracia.

L'agonia del secondo impero di Isacco

Il figlio di Isacco riuscì a fuggire e, imbarcato su di una nave pisana, sbarcò ad Ancona nel settembre del
1201, colmo di desiderio di vendetta. Presto fu in Alsazia, presso Filippo di Svevia, che era suo cognato, e
qui incontrò Bonifacio di Monferrato, appena giunto alla guida della nuova Crociata che in quei giorni
andava preparandosi. Per il giovane Alessio si apriva la strada alla vendetta ed al trono. Papa Innocenzo III
non gli offrì aiuto, ma molti Crociati sì, allettati dalle sue offerte, e nell'aprile del 1203, a Zara, l'accordo
tra Alessio Angelo ed i cavalieri era pronto.

117
Durante le ore convulse del primo assedio a Costantinopoli, nella notte tra il 17 ed il 18 luglio del 1203,
Alessio III fuggì e dalla prigionia in cui languiva venne tratto Isacco II, che, nonostante la sua cecità, venne
nuovamente posto sul trono: si toglieva così ai cavalieri franchi ogni pretesto d'intervento per motivi di
legittimità di potere. Ciononostante ad Isacco venne imposta la coreggenza del figlio, affinché costui
onorasse le promesse fatte, ed il primo di agosto Alessio IV fu incoronato coimperatore. Ovviamente
nessuno dei due Imperatori potè pagare interamente il debito ai cavalieri, nonostante la pressione fiscale,
gli espropri di patrimoni, le razzie, che non ebbero altro esito che l'esacerbare ulteriormente l'animo dei
sudditi romei. Si creò inoltre una forte tensione tra i due imperatori, ed Alessio, appoggiandosi ad alcuni
settori della corte, riuscì ad isolare dal potere il padre. Già malato, Isacco crollò mentalmente e si rifugiò in
un mondo tutto suo, occupandosi solo più di pratiche magiche e di astrologia, sperando in tal modo di
recuperare il vigore perduto.

Odiato dal popolo, da gran parte dell'aristocrazia, inviso a gran parte della corte, il 28 di gennaio del 1204
Alessio IV venne arrestato ed imprigionato dal protovestiario Alessio Ducas Murzuflo, che in seguito
l'avrebbe fatto strangolare. Isacco II, nuovamente deposto, ritornò in prigione, ma pochi giorni dopo morì.

La popolazione di Costantinopoli non appoggiò subito l'usurpatore. Anche i latini in effetti sospettavano che
Alessio V fosse il responsabile della morte di Alessio IV, e lo accusavano di avere usurpato il trono. Dopo
essere diventato imperatore, Alessio V chiuse i negoziati con i crociati e con la Repubblica di Venezia,
rifiutandosi di rispettare le promesse di aiuti e finanziamenti alla spedizione che il suo predecessore aveva
fatto ai capi della crociata per ottenerne l'appoggio al fine di diventare imperatore.

Al contrario, il nuovo sovrano fece rinforzare le mura, e fece alzare la guardia sulle mura di Costantinopoli.
Queste misure, insieme alle posizioni assunte nei confronti dei latini da Alessio, che era contrario alla
riunificazione tra la chiesa ortodossa e quella cattolica promessa dal suo predecessore e considerava i
crociati nemici dell'Impero, gli fecero guadagnare credito tra i suoi sudditi.

Dopo questi avvenimenti, i capi latini, tra cui si distinse per la determinazione soprattutto l'anziano doge di
Venezia, Enrico Dandolo, pianificarono la conquista della città e la spartizione dell'impero. Scoppiò la
guerra: lo scontro più importante fu quello tra Enrico di Fiandra e Alessio V. Enrico aveva armato un
esercito per razziare Filea, sul Mar Nero; mentre i crociati tornavano all'accampamento, lungo la strada
furono attaccati in un'imboscata da Alessio V: la retroguardia comandata direttamente da Enrico fu presa di
sorpresa. Fu una battaglia aspra il cui esito fu tuttavia una sconfitta per i bizantini, che oltre a essere battuti
persero anche il vessillo imperiale ed un'icona d'oro della Vergine portata sempre in battaglia come
protezione; l'icona, che era arricchita da pietre preziose incastonate, fu portata a Citeaux.

Quando Alessio V tornò a Costantinopoli, disse ai suoi sudditi che aveva vinto contro i crociati, e a coloro i
quali gli domandavano dove fosse l'icona e il vessillo, lui rispose che li aveva messi al sicuro. Quando
queste voci giunsero al campo dei crociati, costoro non la presero bene, e caricarono quindi il vessillo e
l'icona su una nave veneziana, l'issarono in modo che gli abitanti di Costantinopoli potessero vederli, in
modo da far capire ai bizantini che il loro imperatore era un bugiardo.

La presa di Costantinopoli (1204)


I crociati attaccarono Costantinopoli il venerdì 9 1204 aprile, non riuscendo a conquistarla; la città fu presa
il 13 aprile successivo, e sottoposta ad un saccheggio di tre giorni. Una commissione composta da tre
rappresentanti dei crociati e tre della Repubblica di Venezia pose sul trono del nuovo Impero Latino
d'Oriente Baldovino IX di Fiandra, con il nome di Baldovino I di Costantinopoli.

118
Alessio V fuggì da Costantinopoli insieme a Eufrosina, che era la moglie di Alessio III Angelo, e prese con
sé anche sua figlia Eudocia. Andò in Tracia, dove sposò Eudocia, e iniziò ad arruolare truppe per la
controffensiva. Ma Alessio III Angelo che si considerava ancora il vero imperatore bizantino, distrusse
l'esercito di Alessio V, mentre questi rimaneva accecato. Poi fu catturato in Tracia dai crociati, che lo
riportarono a Costantinopoli, dove fu fatto scagliare giù dall'obelisco di Teodosio, per ordine del Doge di
Venezia Enrico Dandolo.

Così la città che dai tempi di Costantino il Grande era rimasta sempre inespugnata , che aveva resistito ai
poderosi assalti dei Persiani e degli Arabi , degli Avari e dei Bulgari , era diventata la presa dei crociati e
dei Veneziani . Per tre giorni il saccheggio e la strage regnarono in Costantinopoli . I tesori più preziosi del
più grande centro di cultura del mondo di allora vennero distribuiti tra i conquistatori e in parte
barbaramente distrutti . «Dalla creazione del mondo non è mai stato fatto un tale bottino in una città».
Perfino i musulmani sono “umani e benevoli” in confronto a questa gente che porta la croce di Cristo sulle
spalle . Alla divisione del bottino seguì la divisione dell‟impero bizantino , che suggellò il crollo e confinò
per più di mezzo secolo le forze restauratrici di Bisanzio fuori del centro , nelle province periferiche .
Sorsero così l‟Impero di Nicea (Lascaris) , l‟Impero di Trebisonda (Comneni) , e il Despotato d‟Epiro
(Ducas) .

119
7) L’IMPERO LATINO E LA RESTAURAZIONE
DELL’IMPERO BIZANTINO (1204-82)

7.1) BALDOVINO I E L'IMPERO LATINO DI COSTANTINOPOLI

Il 16 maggio 1204 Baldovino venne incoronato a Santa Sofia. La sua titolatura fu quella di Balduinus, Dei
gratia fidelissimus in Christo imperator a Deo coronatus, Romanorum moderator et semper augustus,
Flandrie et Hainonie comes .

Compiuta la spartizione del bottino l'imperatore decise di render sicuro ed ampliare il suo dominio. Il
problema era la povertà demografica latina nell'impero, ed a tal fine Baldovino scrisse ad Innocenzo III ed
alla Cristianità per chiedere aiuto, affinché il papa si facesse promotore di una emigrazione di cavalieri e
religiosi nel nuovo impero latino. Del resto, sosteneva, la spedizione aveva avuto quale scopo l'accettazione
del primato pontificio agli scismatici greci e la fine dell'odio tra questi ed i Latini. Altro scoglio fu la nomina
del patriarca. Secondo il pactum, la scelta spettava ai Veneziani, ed un capitolo di canonici riunito a Santa
Sofia elesse il monaco Tommaso Morosini. La nomina venne tuttavia cassata da Innocenzo III, che, pur
ponendo l‟impero latino sotto la protezione della cattedra di Pietro, non accettava l'eccessiva ingerenza
veneta negli affari ecclesiastici dell'Impero, ma i suoi tentativi di limitarne il potere restarono lettera morta.
Il problema maggiore tuttavia per Baldovino fu, agli inizi, Bonifacio. Con l'appoggio del doge il marchese
chiese all'imperatore di sostituire l'Asia minore, a lui spettante, con Tessalonica, che, del resto, apparteneva
alla sua famiglia, secondo l‟interpretazione occidentale tendente ad accomunare il concetto di pronoia con
quelli di honor o regnum. Baldovino temporeggiò, poiché non poteva esser certo sua intenzione avallare la
creazione di signorie feudali eccessivamente potenti nella parte dell‟impero non spettante a Venezia, e
decise di partire con il fratello Enrico alla riconquista della Tracia e della Macedonia, dove erano insorti
Alessio V ed Alessio III. Caddero nelle loro mani Adrianopoli, Filippopoli e Didimotichon, ed in breve
l'imperatore fu alle porte di Tessalonica, che s'arrese. A questo punto Bonifacio insorse e, con l'appoggio
dell'aristocrazia romea, pose l'assedio ad Adrianopoli e proclamò basileus il figlio della moglie Maria e di
Isacco II, Manuele Angelo. Il doge propose un arbitrato, che fu accettato dai contendenti e che servì anche
alla definitiva assegnazione dei feudi nell'Impero, stravolgendo comunque i patti originali: a Bonifacio
venne assegnato il regno di Tessalonica con l'Eubea centrale, la Morea e Creta, che venne subito ceduta a
Venezia . Molti erano territori da riconquistare, ed in questo senso le forze latine ebbero notevoli successi,

120
nonostante i gravi problemi interni ed esterni. Nel dicembre 1204 Baldovino sconfisse il pretendente
Teodoro Lascaris, che si era insediato a Brussa, presso Poimanenon; nel marzo del 1205 il fratello Enrico
battè Teodoro Mancaphas, che si era insediato a Filadelfia, a Adramittion; i Veneziani conclusero
l'occupazione dei territori a loro assegnati, Creta, le isole, Corone e Modone nel Peloponneso; Bonifacio
procedette all'occupazione della Beozia, dell'Attica, dell'Eubea e del Peloponneso, con l'unica eccezione di
Corinto, ove erano insediati Leone Sguros e Alessio III, che precedentemente aveva fatto proditoriamente
accecare Alessio V.

LA CADUTA

Non erano altro che apparenza, tali successi. Baldovino aveva fatto l'errore di sopravvalutare le sue forze,
ed ora ne avrebbe pagato le conseguenze. Aveva rifiutato le proposte di trattati ed alleanze con il sultano di
Iconio, Kaykhusraw, e con il sovrano della rinata Bulgaria, Ioannitza detto Kalojan, nonostante questi fosse
stato recentemente incoronato da inviati di Innocenzo III stesso, nel novembre del 1204 a Trnovo. A ciò
s'aggiungevano forti tensioni nel tessuto sociale romeo, causato dalle vessazioni dei cavalieri,
dall'usurpazione di terre arcontali, dalla latinizzazione del clero, dalle confische delle terre ecclesiastiche.

La popolazione romea della Tracia agli inizi del 1205 insorse in massa, e venne chiamato in aiuto Kalojan,
che non si fece certo pregare ed invase le terre latine, portando con sè distruzione e rovina. Baldovino,
accompagnato da Geoffrey de Villehardouin e da rinforzi richiamati dall'Asia minore, decise il contrattacco
e raggiunse le mura di Adrianopoli, già in mani bulgare. Il 14 di aprile l'imperatore ingaggiò battaglia
contro i Bulgari di Kalojan, il cui esercito era rafforzato da Valacchi e Cumani: fu un disastro. Le truppe
latine vennero disfatte, molti cavalieri caddero sul campo, come Luigi di Blois e Rinaldo di Montmirail, il
doge Enrico Dandolo venne ferito gravemente e lo stesso imperatore fu preso prigioniero. Il Villehardouin
s'occupò di far ripiegare i resti dell'esercito sconfitto a Rodosto, ove fu raggiunto da Enrico di Hainaut che,
come fratello del sovrano, assunse l'onere della reggenza. Kalojan continuò la sua opera devastatrice, tanto
da essere appellato Romeoctono e da spingere gli insorti romei ad avvicinarsi ai Latini, e solo la morte lo
fermò, nell'ottobre del 1207. Baldovino, rinchiuso in una torre di Trnovo, la capitale bulgara, l'aveva
preceduto già da tempo: nell'agosto del 1206 giungeva a Costantinopoli la conferma della sua morte,
permettendo così l'incoronazione di Enrico, poiché Baldovino dalla moglie Maria, a lui premorta, aveva
avuto una sola figlia, Margherita, in tenera età alla morte del padre .

7.2) TEODORO I LASCARIS (1204-22) : NASCITA DELL’IMPERO DI NICEA

Teodoro Lascaris era fratello di quel Costantino a cui era stata offerta la corona la notte in cui Alessio V
Murzuflo aveva abbandonato la capitale; era un ottimo soldato e assieme al fratello e alla sua famiglia si
era rifugiato in Asia Minore, cercando rifugio invano prima a Nicea e poi con successo a Brussa; qui
raccolse un esercito e nel dicembre del 1204 affrontò nei pressi di Poimanemon l‟esercito di Enrico di
Fiandra venendone sconfitto. Enrico proseguì la sua marcia battendo nel marzo del 1205 ad Adramitto

121
Teodoro Mancafa, che sembrava il più potente degli arconti microasiatici. Fortunatamente per i Romani
Kolojan, zar dei Bulgari, entrò in guerra con i Latini e nel giro di tre anni eliminò l‟imperatore latino
Baldovino, il sovrano di Tessalonica Bonifacio ed il Doge veneziano Dandolo dando la possibilità ai
Romani di riorganizzarsi. Anche in Europa vi erano dei focolai di resistenza: quello che appariva più
consistente era capeggiato dall‟arconte di Corinto Leone Sguros, il quale cercò di sbarrare la strada invano
a Bonifacio, re di Tessalonica. Al seguito di Bonifacio vi erano anche dei Romani fra cui un certo Michele
Ducas Angelo Comneno, cugino d‟Isacco II e d‟Alessio III, che ricevette una richiesta d‟aiuto dal
governatore di Nicopoli d‟Epiro, Sennacherim: immediatamente sparì fra le montagne del Pindo. Giunto ad
Arta trovò il governatore morto, ne prese il posto e ne sposò la vedova dando così origine sin dal 1204 al
terzo polo di resistenza romana, il despotato d‟Epiro.

Teodoro intanto riusciva a fermare in Asia Minore l‟avanzata di David di Trebisonda a Eracla Pontica, ad
entrare a Nicea ed ad eliminare tutti gli arconti ribelli. Morto il Patriarca Giovanni Camatero nel 1206
Teodoro riunì a Nicea gli esponenti della gerarchia ortodossa microasiatica e impose loro di nominare un
nuovo Patriarca. La scelta cadde su Michele Autoreiano e fu lui che unse e incoronò imperatore Teodoro
nel 1208. Il nuovo imperatore latino Enrico (figlio di Baldovino), impegnato in Europa, strinse un‟alleanza
col sultano d‟Iconio Kay Khusraw inviandogli un contingente di truppe affinché attaccasse Teodoro. Il
sultano aveva accolto alla sua corte il deposto Alessio III e decise di attaccare il Lascaris facendosi
campione del deposto imperatore. Nella primavera del 1211 presso Antiochia sul Meandro Teodoro riuscì a
battere l‟esercito selghiucide-latino, ad uccidere il sultano e a catturare Alessio III. Il successore del sultano
morto in battaglia, Kay Kawus I, venne a patti con Teodoro ed egli poté dedicare tutte le sue attenzioni
contro i Latini. Visto il fallimento del suo alleato Enrico intraprese personalmente una campagna contro il
Lascaris e il 15 ottobre 1211 sul fiume ottenne una clamorosa vittoria sul Rindaco presso Brussa che gli
aprì le porte di Pergamo e di Ninfeo. Enrico si rese conto che con le poche forze di cui disponeva non poteva
controllare tutte le terre conquistare, perciò firmò un trattato di pace con Teodoro con cui era stabilito che
ai Latini spettasse la costa nord occidentale dell‟Asia Minore sino a Adramitto, e il resto sino al confine
selghiucide fosse romano. Il trattato era il riconoscimento esplicito dell‟esistenza dell‟impero di Nicea e il
Lascaris rivolse subito le sue armi contro l‟impero rivale di Trebisonda strappando al nemico Amastri e
raggiungendo Sinope che però si arrese ai selghiucidi, i quali uccisero David Comneno obbligando l‟impero
pontico a pagare un tributo. Questo frammento di civiltà romana continuerà a vivere per altri 250 anni
isolato sulle rive del Mar Nero, sviluppando un‟interessante entità culturale ma rimanendo escluso dalle
vicende dell‟impero.

Teodoro rafforzò la sua posizione cercando di allacciare rapporti con il papa Innocenzo III, ma i tempi non
erano favorevoli al dialogo tra le due chiese; l‟imperatore capiva che un riavvicinamento avrebbe favorito
la riconquista di Costantinopoli e da questo momento inizia la polemica fra i fautori di un accordo con
Roma e chi assolutamente non vuole nessun tipo di compromesso con gli odiati Latini: sino alla conquista
turca tale polemica non cesserà mai.

Il successore di Michele d‟Epiro, Teodoro, nel frattempo aveva ottenuto una spettacolare avanzata in
Europa divenendo assieme ai prelati Giovanni Apocauco e Demetrio Comaziano il paladino della totale
chiusura verso i Latini e della purezza dell‟ortodossia nei confronti degli errori dogmatici e teologici di
Roma e si contrapponeva con decisione alla politica di Teodoro Lascaris che cercava di convincere il
patriarca di Nicea a un riavvicinamento con i latini. Nel 1218 Teodoro rinnovava con l‟imperatrice latina
Jolanda, reggente per il figlio appena nato, il trattato che aveva finito con il defunto Enrico, e per
rafforzarlo prese in sposa una figlia di Jolanda, scelta non gradita ad una parte del suo seguito. L‟anno
dopo firmò un trattato con il podestà veneziano di Costantinopoli di durata di cinque anni accordando ai

122
mercanti veneti piena libertà d‟accesso ai suoi domini, impegnandosi inoltre a non avvicinare le sue navi da
guerra a Costantinopoli.

Nel 1222 Teodoro I Lascaris moriva senza eredi e succedergli fu chiamato suo genero Giovanni Ducas
Vatatze, marito della sua figlia maggiore Irene. A Teodoro va il merito di aver salvato l‟Asia Minore
dall‟occupazione Latina dall‟anarchia ponendo le basi per uno stato solido e capace di divenire una copia
fedele di quello caduto nel 1204.

7.3) LA RINASCITA DELL’IMPERO BIZANTINO ; MICHELE VIII PALEOLOGO

Alla morte di Teodoro I , nel 1222, alla guida dell‟Impero niceno, ormai prima e solidissima potenza
dell‟Asia Minore da un punto di vista militare e politico, subentrò Giovanni III Ducas Vatatzes, in prime
nozze coniugato ad Irene, figlia del predecessore. Con condotta energica ed illuminata, egli sanò le finanze
attraverso entrate regolari garantite da provvida difesa delle frontiere; efficace legislazione; incisivo
potenziamento dell‟ agricoltura e del commercio. Nel 1225 sconfisse a Poimanenon i pretendenti Latini al
suo trono ed occupò, con Adrianopoli, molti dei loro possedimenti dell‟Asia Minore in danno degli interessi

123
veneziani. Spostato il suo interesse in Europa; presa Gallipoli e coalizzatosi con i Bulgari e gli Epiroti, nel
1235 cinse d‟assedio Costantinopoli con l‟ambizione di ricostruire l‟antico Impero bizantino. Gli attacchi,
tuttavia, fallirono per l‟intervento congiunto di Genovesi, Pisani e Veneziani a favore di Baldovino II. Nel
1245, strinse rapporti con il S.R.I. sposando in seconde nozze Costanza, diletta figlia di Federico II.
Parallelamente negoziò con Innocenzo IV la riconquista della vecchia capitale. Nel 1246, liberato dalla
minaccia dei Turchi dall‟ invasione dei Mongoli che li annientarono, intervenne in Epiro e prese
Tessalonica conseguendo rilevanti successi anche in Macedonia ed in Tracia ed ampliando, grazie al
sostegno di Ivan Asen II, la propria influenza anche nell‟Egeo. Nel 1248, infine, affrancatosi dell‟ngerenza
dei Bulgari, circondò l'Impero Latino combattendolo fino alla morte (1254).

Nel 1254, il controverso figlio Teodoro II Lascaris, stroncato a trentasei anni da una grave forma di
epilessia e titolare di una solida eredità politico/economica, pur contrastando con successo i Bulgari in
Tracia e sottraendo Durazzo e varie terre albanesi e macedoni al Despota d‟Epiro Michele II e, pur
rendendo la sua Corte un pregevole ed attivo centro di studi, avviò un duro regime autoritario e, malgrado
la protezione del patriarca Arsenio, perse gran parte delle conquiste paterne; si alienò il favore
dell‟Aristocrazia e compromise irreversibilmente la successione.

Indifferente all‟esigenza dell‟Impero di un referente autorevole e credibile, contro la minaccia espressa da


Manfredi di Sicilia che, occupate Durazzo e Corfù, aveva sottoscritto accordi di lunga durata
col Despota d‟Epiro Michele II e col Principe franco d‟Acaia Guglielmo II di Villehardouin, egli aveva
indicato alla Reggenza il Ministro /favorito Giorgio Muzalon. A nove giorni dall‟insediamento del giovane
Giovanni IV, costui fu assassinato e, nel 1259, una sommossa spianò la via al Generale Michele VIII
Paleologo che, impostosi co/Imperatore e tutore del sedicenne Sovrano, lo fece accecare e confinare in
convento.

MICHELE VIII PALEOLOGO (1259-1282)

Nella decisiva battaglia di Pelagonia, del settembre del 1259, suo fratello Giovanni Paleologo sconfisse
duramente le truppe del Sovrano di Sicilia e prese prigioniero lo stesso Guglielmo II di Villehardouin.
Malgrado la vittoria, Michele VIII comprese che l‟ambìto ampliamento dei domini niceni esigeva enormi
mezzi economici e militari per condizionare il ricompattamento dei nemici: i Latini; il Re di Sicilia; il
Papato, più che mai determinato a restaurare il Patriarcato cattolico; i cugini greci di Occidente con i
Regni dell'Epiro e di Tessaglia; i Veneziani, sparsi nell‟Egeo; i Regni balcanici serbi e bulgari.

In mancanza di concrete risorse, si affidò ad una equilibrata politica diplomatica: opposti ai Veneziani i
Genovesi, con essi concludendo il 31 marzo del 1261 il Trattato di Ninfeo, guardò all‟Impero Latino di
Costantinopoli ridotto ad un territorio limitrofo alla stessa città; fissò attenzione al peso espresso dalla
Chiesa Romana sullo scenario internazionale; prese contatto con Urbano IV prospettandogli l'unificazione
delle Chiese e, nel giugno del 1261, marciò sulla vecchia capitale, con un colpo di mano da essa spazzando
i Latini; mettendo a fuoco lo storico quartiere veneziano; cacciando Baldovino e, sull‟onda dell‟ entusiasmo
popolare, facendosi solennemente incoronare secondo rito bizantino a santa Sofia.

L‟Impero d‟Oriente, così restaurato, abbracciava solo una parte degli antichi possedimenti: in Europa, la
Tracia con Adrianopoli e Selmbria, parte della Macedonia con Salonicco, la penisola calcidica e quella di
Gallipoli, alcune isole dell‟Egeo; in Asia, l‟Anatolia occidentale. Venezia, invece, manteneva il possesso di
Albania e Morea e parte delle isole dell‟Egeo, alcune delle quali ricaddero sotto il controllo dei Genovesi
che si insediarono nei sobborghi della capitale a Galata e a Pera e presero Lesbo e Chio, fondando ricche
colonie sul mar Nero. Sussistevano, ancora in Europa, la Despotìa d‟Epiro con capitale a Gianina; il
Ducato di Atene; il Ducato di Neopatra o Principato della Grande Valacchia; in Asia, il Regno di
Trebisonda e il Sultanato di Iconio. In sostanza, al suo interno l‟edificio imperiale non disponeva più della
sicurezza di un tempo e la popolazione era indebolita e disgregata da etnìe slave, bulgare, valacchie afflitte

124
dal degrado economico, poiché i vecchi centri di florido commercio erano controllati dalle Repubbliche
italiane.

In definitiva la restaurazione geografica, rischiando di non corrispondere ad un‟adeguata rinascita politica,


spianò la via all‟ineluttabilità del declino.

Il Papa inizialmente aveva sostenuto il dominio franco in Grecia censurando l‟accordo genovese/bizantino;
ma, pur di sabotare Manfredi, ricambiò l‟interesse di Michele anche se non in direzione a lui favorevole.

Verso la fine del 1261, intanto, Guglielmo di Villehardouin fu liberato; riprese il potere in Acaia previo
giuramento di fedeltà all'Imperatore bizantino; revocò tale impegno col conforto della Chiesa romana ed
ottenne l‟appoggio di Venezia, risentita dal crollo dei suoi affari commerciali.

Inevitabile fu la guerra.

Dopo la prima e inefficace offensiva bizantina, i malpagati mercenari disertarono causando alla flotta
genovese una cocente disfatta nella primavera del 1263, nel golfo di Napaulia. L‟evento indusse il Basileusa
disimpegnare i Liguri e a riaprire negoziati con i Veneziani cui, il 18 giugno del 1265, un accordo
riconfermò i privilegi fruiti in passato. Ma il Senato veneto non ratificò l‟atto, costringendo Michele nel
1267 a rilanciare l‟alleanza con Genova che, pur ancora battuta a Taranto, accettò di buon grado previo
riconoscimento della base di Galata.

La circostanza, nel 1268, orientò i Veneti al recupero della vecchia proposta sprezzante della pur pretesa
esclusione della città marinara rivale. Il duplice impegno con le due Repubbliche permise alla Corona di
sfruttarne l‟antagonismo ma, per converso, indebolì la consistenza della Marina bizantina.

In Occidente, intanto, Carlo I d‟Angiò era stato investito del Regno di Sicilia; aveva liquidato Manfredi a
Benevento, il 26 febbraio del 1266; col consenso di Clemente IV a Viterbo il 27 marzo dell‟anno successivo
aveva concluso un‟intesa con lo spodestato Imperatore Latino Baldovino II, col quale fissò un piano di
conquista dell‟Impero bizantino, garantito dall‟alleanza di Serbi, Bulgari e di Guglielmo II di Villehardouin.

Per guadagnare tempo, Michele aveva appena accettato l‟invito di Clemente IV a riunificare le due Chiese,
quando costui si spense. Insperatamente si fece avanti un formidabile alleato: Luigi IX, che nell‟ estate del
1270 condizionò i progetti espansivi del fratello coinvolgendolo nella Crociata contro Tunisi.

125
Nel settembre del 1271, al soglio pietrino ascese Gregorio X, acceso sostenitore della ricucitura dello
strappo fra Chiese. Nel frattempo, il Basileus fece sposare l‟erede Andronico alla figlia del Re d‟Ungheria;
dette in moglie al Gran Khane Nogai la figlia illegittima Eufrosina e concesse allo Zar Costantino di
Bulgaria la nipote Maria, sicchè quando nel 1272, a causa del possesso delle roccaforti di Anchialo e
Mesembria sul mar Nero, i Bulgari fecero irruzione nel territorio bizantino, i Tartari dell‟Orda d’Oro li
misero in fuga.

Il Pontefice, intanto, mirando a velocizzare la soluzione del nodo scismatico, esortò i Veneziani a non
rinnovare patti con i Bizantini e favorì la fitta attività negoziale di Carlo d'Angiò nei Balcani. La pressione
portò all‟auspicato risultato: pur contro il parere della sua Chiesa, nel 1273 l‟allarmato Michele persuase
parte degli Ortodossi ad accettare l‟atto stilato nel Concilio di Lione del 6 luglio del 1274, ove veniva
sancita la supremazia del Papa e della sua fede. In cambio egli otteneva un armistizio biennale col quale
Carlo d‟Angiò rinunciava a velleità egemoni. Anche Venezia, infine, nel marzo del 1275 rinnovò gli impegni
contratti con Costantinopoli.

In definitiva, per paralizzare l‟offensiva vittoriosa dell‟Angiò in Epiro, il Basileus aveva dovuto subìre
l‟asserita superiorità romana a condizione che i Latini non appoggiassero il Sovrano di Sicilia, già alleato
di Venezia, dei Bulgari e dei Serbi. Il pedaggio pagato a questa scelta fu drammatico: una pesante crisi
politica interna coinvolse il Patriarca Arsenio Autoreianus che lo scomunicò per aver fatto accecare
l'Imperatore legittimo Giovanni Lascaris.

Il nuovo Primate Giuseppe I Galesiotes fu altrettanto deciso nel respingere i termini conciliari, rendendo
necessaria una ulteriore e violenta sostituzione con Giovanni XI Bekkos.

I sudditi insorsero.

Nel frattempo, morto Gregorio X, a Roma il rafforzamento del potere angioino sfasciò il precario sodalizio
romano/bizantino: l'elezione del francese Martino IV nel 1281 fece del Papa uno strumento utile agli
interessi di Carlo d‟Angiò. L‟uno, infatti, imputando all‟ambiguità di Michele il fallimento della riunione fra
Ortodossi e Latini, condannò come scismatico l'accordo conciliare del 1274 e rinnovò la Crociata; l‟altro
concluse ad Orvieto un trattato per la restaurazione dell'impero romano usurpato sotto la guida di Filippo,
figlio di Baldovino II; tutte le potenze occidentali e balcaniche, infine, si coalizzarono contro il
Basileus cominciando con l‟occupare Skopje.

Al Sovrano non restò che allearsi con l‟Imperatore di Trebisonda Giovanni II Comneno, cui dette in sposa
una figlia, mentre l‟Angioino riprendeva quella minacciosa offensiva provvidenzialmente interrotta dai
Vespri Siciliani: il 31 marzo del 1282 esplose l‟insurrezione palermitana, finanziata dai Bizantini d‟intesa
con Pietro III d‟Aragona. Nello stesso anno, al trono bizantino indebolito anche dalle lacerazioni con
Genova e Venezia, ascese Andronico II Paleologo, sotto il cui governo crebbe nei Balcani la potenza serba e
in Asia quella turca di Otman I, fondatore dell‟Impero ottomano con capitale a Brussa.

Da quel momento, Costantinopoli non avrebbe più prodotto gli Imperatori vigorosi e carismatici che
avevano arricchito la storia del passato!

7.4) DESPOTÌA D’EPIRO

Nella Despotìa d‟Epiro s‟avvicendarono la Dinastia Ducas e la Dinastia Orsini. L‟una fu rappresentata da
Michele I, dal 204 al 1214; Teodoro, dal 1214 al 1230; Michele II, dal 1230 al 1271; Niceforo I, dal 1271 al

126
1296; Tommaso, dal 1296 al 1318. L‟altra, da Nicola, dal 1318 al 1323; Giovanni, dal 1323 al 1335;
Niceforo II, dal 1335 al 1359.

Sorta anch‟essa sulle macerie del vecchio Impero bizantino, nel 1204, consisteva dell‟antica Provincia di
Nicopoli nella quale Michele I prese sotto la sua protezione Greci della Tessaglia e del Peloponneso.

Malgrado ogni insistenza, il Patriarca di Costantinopoli Giovanni Camatero non volle riconoscerlo
Imperatore preferendogli Teodoro di Nicea; provocandone l‟adesione alla fede cattolica e spingendolo
verso il sodalizio con Enrico di Fiandra, al cui fratello Eustachio nel 1209 dette in sposa la figlia. Quando,
però, i parenti di Bonifacio avanzarono pretese sulla regione, Michele strinse alleanza con i Veneziani per
assalire Tessalonica e fu tanto spietato con i suoi prigionieri da crocifiggere anche alcuni preti latini,
incorrendo nella scomunica di Innocenzo III.

Enrico di Fiandra lo costrinse ad un nuovo sodalizio, ma egli si dedicò alla conquista di città strategiche
poste sotto sovranità latina: Larissa, Durazzo, Ohrid, assicurandosi il controllo della via Ignatia in
direzione di Costantinopoli; occupando i porti sul golfo di Corinto e sottraendo, nel 1214, Corfù ai
Veneziani finché fu assassinato dal fratello Teodoro. Dopo aver contrastato i Bulgari, nel 1217 costui fece
catturare ed uccidere Pietro di Courtenay e nel 1224 conquistò Tessalonica, profittando dell‟interesse della
Corona Latina verso la potenza nicena. Nel 1225, inoltre, sottrasse Adrianopoli a Giovanni III; nel 1226 si
alleò con i Bulgari e scacciò i Latini dalla Tracia. Nel 1227, infine,indossò la tiara imperiale bizantina
contro il consenso dei sudditi e del Patriarcato niceno. Ma la tregua ebbe breve durata: nel 1230 Teodoro
infranse il sodalizio con la Bulgaria, mirando a detronizzare Ivan Asen II che lo sconfisse nella battaglia di
Klokotnitsa; lo arrestò e ne ordinò l‟accecamento per poi rilasciarlo e consentirgli di governare Tessalonica
come vassallo insieme al fratello Manuele.

L‟establishment epirota non si riebbe mai del tutto dalla sconfitta: Michele II perse Tessalonica a favore di
Nicea nel 1246; si alleò con i Latini contro essa, ma fu costretto, nel 1248 a riconoscere Imperatore
Giovanni III ottenendone in cambio il titolo di Despota d'Epiro; nello stesso anno suo figlio sposò Maria,
nipote di Giovanni, e la sua primogenita andò a nozze col Principe d‟Acaia Guglielmo II di Villehardouin;
infine, si alleò con Teodoro II, titolare di Durazzo ed i loro rampolli, promessi fin da bambini, si sposarono
nel 1256.

Tuttavia l‟irrequieto Despota, nel 1257 contestandogli il possesso della città, ingaggiò battaglia contro
Teodoro e lo battè ma, mentre marciava su Tessalonica, subì un‟aggressione di Manfredi di Sicilia che prese
Albania e Corfù. Costretto ad una estemporanea alleanza con costui, la sancì facendogli sposare la figlia
Elena e, morto il rivale, con Manuele e Guglielmo II si dette a contrastare il nuovo Imperatore di Nicea
Michele VIII Paleologo.

L‟alleanza risultò precaria e nella infausta battaglia di Pelagonia, nel 1259, Guglielmo di Villehardouin,
suo alleato, fu catturato mentre Michele VIII seguitava a battersi per conquistare Arta lasciando a Michele
II le sole città di Giannina e Vonitsa: Arta fu presa nel 1260, quando Michele II era impegnato contro
Costantinopoli.

Restaurato il potere imperiale Michele VIII, che considerava l‟Epiro uno Stato vassallo, nel 1261 prese ad
aggredirlo sistematicamente finché Niceforo, figlio di Michele II, sposò sua nipote Anna Cantacuzena
mentre Michele II e Niceforo seguitavano a tenere relazioni d‟intesa con i Principi d‟Acaia e coi Duchi di
Atene. Nel 1267, a sorpresa, Corfù e gran parte dell'Epiro furono occupati da Carlo d‟Angiò e nel 1271
Michele II morì: Michele VIII non annesse la Despotìa, ma consentì a Niceforo di salire al trono e di
trattare con l‟Angioino che prese Durazzo nello stesso anno. Con costui, nel 1279 Niceforo si alleò contro
Michele accettando il vassallaggio e perdendo, dopo la sua sconfitta, l'Albania a favore dei bizantini.

Sotto Andronico II, Niceforo rinnovò l'alleanza con Costantinopoli; tuttavia sodalizzò nel 1292 con Carlo II
di Napoli, poi sconfitto dalla flotta di Andronico ed al cui figlio Filippo I di Taranto diede in sposa la
propria figlia.

127
Dopo la morte di Niceforo, però, l'influenza bizantina aumentò sotto Anna, Reggente per l‟erede Tommaso.
Nel 1306 ella in favore di Andronico contrastò Filippo, cui dovette restituire alcuni territori ed egli, nel
1312, sospese le pretese sull‟Epiro rivendicando l‟inesistente Impero latino. Anna fece sposare Tommaso
con una figlia di Andronico, ma egli fu assassinato nel 1318 da Nicola Orsini che ne sposò la vedova e prese
il controllo dello Stato. Riconosciuto da Andronico, egli fu detronizzato nel 1323 dal fratello Giovanni, a sua
volta avvelenato nel 1335 dalla moglie che tenne la reggenza per il figlio Niceforo II. Nel 1337 Andronico
III, pronto a supportare gli Albanesi contro gli Ottomani, riconquistò tutto l'Epiro. Niceforo II si rifugiò in
Italia, dove Caterina di Valois, vedova di Filippo di Taranto, lo pose a capo di una rivolta in Epiro.
L‟insurrezione fallì ed egli sposò Maria Cantacuzena, figlia di Giovanni VI Cantazuzeno.

L'Impero cadde presto in una guerra civile tra Giovanni V Paleologo e Giovanni VI e l'Epiro finì in mano
serba. Niceforo II riuscì a riconquistarlo nel 1356, assieme alla Tessaglia. Niceforo morì sedando una
rivolta albanese nel 1359 e la Despotìa fu reintegrata nell'Impero e nuovamente perduta nei decenni
seguenti a favore della famiglia Tocco di Cefalonia, che successivamente dovette lasciarla agli Ottomani.

7.5) IMPERO DI TREBISONDA (1204-1461)

Mentre il Despotato d'Epiro visse soli sessant'anni e l'Impero di Nicea mirò a riconquistare Costantinopoli
eliminando l‟improbabile Impero Latino, fagocitato nel 1453 dagli Ottomani, Trebisonda durò fra alterne
vicende circa duecentocinquantasette anni mantenendosi in costante conflitto col Sultanato d‟Iconio, con gli
Ottomani, con la stessa Costantinopoli e con le Repubbliche marinare. Fino al 1461, anno del crollo dell‟
edificio istituzionale dapprima consistente del territorio ubicato sulla costa a Sud del mar Nero, con le
attuali Province turche di Sinop, Ordu, Giresun, Trabzon, Bayburt, Gumushane, Rise e Artvin e nel XII
secolo di Perateia nella quale ricadevano Cherson e Kerch in Crimea, i i suoi Regnanti ebbero il titolo
di Megas Komnenos.

Nipote del Basileus Andronico I e discendente del Re di Georgia Davide il Costruttore attraverso la nonna
Katay, proclamatosi autocrate Alessio I reclamò la legittimità ereditaria dell‟Impero Bizantino col fratello
David col quale divise il trono fino al 1214, succedendogli alla morte, nel 1222, il figlio Andronico I. Da
allora, e fino alla fine, la difesa del territorio fu variamente garantita dall‟abile contrapposizione dei nemici
e da contratti nuziali; ma la complessiva insufficienza politica ed economica ne radicalizzò la precarietà
rendendolo tributario dei Mongoli, dei Tartari, dei Turchi e dei Bizantini medesimi, malgrado lo sviluppo
dei suoi porti, avvantaggiato dalla distruzione di Baghdad per opera del mongolo Hulegu Khane nel 1258,
rendesse lo Stato, già florido per le sue miniere d‟argento, estrema propaggine occidentale della Via della
Seta procurandogli enormi ricchezze.

Alessio III rese l‟Impero nodo internazionale di commercio e cultura, sollevando l‟attenzione dei Genovesi
tesi ad imporre il monopolio del commercio del mar Nero.

Figlio di Giovanni II, egli affrancò lo Stato dalla soggezione bizantina e ritenne che, lungi dal disperdere
energie in guerre impossibili, fosse più proficuo intrecciare reti commerciali con altri Popoli sfruttando la
posizione naturale che rendeva Trebisonda sbocco di un retroterra comprendente buona parte dell‟Asia
Minore. Pertanto, assegnò a Genovesi e Veneziani agevolazioni tali da garantirsi un ottimo livello di
floridezza. Ma la minaccia turca si stagliava sempre più netta e i suoi successori furono troppo deboli per
risolverla. Suo figlio Manuele III, insediatosi nel 1390, sodalizzò con Tamerlano avvantaggiandosi della
vittoria di costui sugli Ottomani nel 1402, a margine della Battaglia di Ankara. Il suo erede Alessio IV sposò
due figlie rispettivamente a Jihan Shah, Khane dei Kara Koyunlu e ad Alì Beg, Khane degli AK Koyunlu,
concedendo la primogenita Maria all'Imperatore bizantino Giovanni VIII Paleologo.

128
Fu Giovanni IV ad assistere all‟inizio del declino imperiale quando il Sultano ottomano Murad II tentò di
prendere la capitale dal mare nel 1442 e quando il Governatore di Amiso la attaccò mentre Maometto II, nel
1456, assediava Belgrado ed il suo Luogotenente Chidr- Beg, pur sconfitto, devastava la città segnata da
una epidemia di peste.

Allarmato, il Sovrano inviò il fratello David alla corte turca per manifestare la disponibilità a pagare un
tributo annuo di duemila ducati, elevati da Maometto a tremila; favorì le nozze di sua figlia col figlio di
Uzun Hasan, Khane degli Ak Koyunlu in cambio dell‟impegno a difendere Trebisonda; guadagnò la
protezione degli Emiri di Sinope e Karamania e dei Sovrani di Georgia; impegnò i suoi ultimi giorni nel
progetto di una lega dei Principi Asiatici ed Occidentali sotto l‟ègida di Papa Niccolò V per contrastare
l‟avido Sultano. Asceso al trono nel 1459, quale tutore del minore Giovanni, Davide fu incapace di
amministrare la complessa eredità: l‟Impero andava riducendosi alla sola città ed era sempre più urgente
adottare provvedimenti adeguati: egli offrì per una nuova Crociata ventimila uomini e trenta biremi, ma
l‟ipotesi di collegare tante realtà diverse e distanti rese l‟impresa improbabile e neppure il nuovo Pontefice
Pio II riuscì ad avvicinare le posizioni di Sovrani divisi da reciproche diffidenze. Informato delle iniziative
ed irritato dalla revoca dei tributi accettati dal predecessore, Maometto II mosse da Bursa alla testa di una
imponente armata e devastò Sinope e poi l‟Armenia: isolata Trebisonda, la assediò e ne ottenne la resa il 15
agosto del 1461, riducendone in schiavitù gli abitanti sopravvissuti al massacro.

David che pure avrebbe potuto resistere, grazie alla poderosa fortificazione muraria, fu tradotto in Tracia
ove, nel 1563, fu decapitato per l‟acccusa di cospirazione e di tentata evasione.

Così cessava di esistere il piccolo Impero di Trebisonda.

8) CADUTA DELL’IMPERO BIZANTINO (1282-1453)

8.1) DECADENZA DELL’IMPERO

Figlio di Michele VIII e di Teodora Ducas, il nuovo Sovrano Andronico II Paleologo (1282-1328)
contrastò senza successo i Turchi dilagati in Asia Minore, dopo il tradimento dei catalani Almogavari che,
ingaggiati proprio contro costoro, concorsero alla devastazione di molte regioni dell‟Impero. Nel 1295,
associò al trono il figlio Michele IX. Dopo un paio di lustri di guerra civile, tuttavia, la morte stroncò il
giovane e presto, malgrado gli sforzi di Giovanni Cantacuzeno e di Alessio Apocauco, l‟Impero andò in
rovina perdendo l'influenza politica e commerciale nel Mediterraneo a causa dello strapotere delle
Repubbliche marinare e di un oppressivo sistema fiscale. L‟indebolimento istituzionale favorì una serie di
conquiste ottomane in Asia Minore: nel 1326 cadde Brussa, nel 1331 Nicea, nel 1337 Nicomedia e, pur fatti
valere diritti sull‟Epiro e recuperata la Tessaglia, il Basileus fu messo in ginocchio dai Serbi. Infine, benché
avesse con successo riformato l‟ordinamento giudiziario e favorito la rinascita letteraria ed artistica
affidando la politica interna ai Ministri Teodoro Muzalone e Teodoro Metochito, non riuscì a sanare la
frattura con la Chiesa di Roma né a prevenire lo scisma arsenita: dopo una decennale guerra civile, fu
soverchiato dal nipote Andronico III (1328-1341) e confinato in un convento, ove si spense nel
1341.

129
Al successore toccarono le più cocenti disfatte di quel periodo, per mano del Re serbo Stefano Duscian.
Figlio di Michele IX, egli combatté vigorosamente Bulgari e Serbi ma non seppe opporsi ai Turchi che gli
sottrassero Nicea e Nicomedia. Dette, tuttavia, impulso ai cantieri navali; avversò la pirateria navale;
sottrasse l‟isola di Chio ai potenti genovesi Zaccaria; riaffermò il suo dominio su Lesbo e Focea; tentò col
Papato un riavvicinamento vanificato dallo scisma degli esicasti.

Gli successe il novenne Giovanni V Paleologo (1341-76 ;1379-90 ; 1390-91) , asceso al trono
nella cornice degli intrighi accesi dall‟ Imperatrice/madre Anna: l'Impero crollò definitivamente, poiché la
regione balcanica venne perduta a vantaggio dei Bulgari; i Turchi conquistarono Gallipoli, assicurandosi il
controllo dei Dardanelli; la capitale turca fu spostata ad Adrianopoli, con grave pregiudizio degli interessi
di Costantinopoli.

Il co/Imperatore Giovanni Cantazuzeno, esicasta ed incline all‟Aristocrazia, entrò in aperto conflitto con la
Reggente che sosteneva l‟Ortodossia; riorganizzò l‟Impero sulla base dell‟esercizio collettivo della
sovranità da parte della Dinastia; fu costretto a cedere ai Genovesi Selymbria ed Eraclea e, dal 1351,
affrontò una nuova guerra civile contro Giovanni V che, pretendendo di governare in autonomia, occupò
Adrianopoli ma fu battuto e messo in fuga dai Turchi Osmanli. A quel punto, l‟usurpatore associò al trono il
proprio primogenito Matteo mentre gli Osmanli, avvantaggiati dalle posizioni conquistate, prendevano
Gallipoli. L‟anarchia fu risolta alla fine del 1354 quando, con un colpo di mano, Francesco Gattilusio
assegnò Costantinopoli a Giovanni V ed obbligò Cantacuzeno a ritirarsi in un monastero a Mistra.

Fra il 1369 ed il 1371, il Basileus si rivolse a Roma e Venezia per una Crociata antiturca: la barattò con la
riunificazione delle Chiese, ma alla fine accettò di rendersi tributario dei Sultani Murad I e Bajezid I.

Dopo un ventennio di instabilità, nel 1391 Giovanni V si spense e nel torbido quadro della successione,
s‟inserì il figlio Manuele II (1391-1425), associato fin dal 1379: coniugato ad Elena Dragasˇ, per
l‟intera durata del mandato egli tentò di salvare i resti dell'Impero che l‟inarrestabile avanzata turca aveva
ridotto a Costantinopoli ed alla Morea; riuscì a difendere il trono dalle rivendicazioni del nipote Giovanni
VII, cui affidò la capitale dopo il quinquennale assedio cui la sottopose Bajezid I; si imbarcò verso
l‟Occidente per sensibilizzare le Monarchie di Inghilterra, Francia, S.R.I. ed Aragona sul problema
ottomano.

130
Nel frattempo la crociata anti-turca di Sigismondo di Lussemburgo fallì in conseguenza dell‟infausto esito
della Battaglia di Nicopoli del 25 settembre del 1396: gli Ottomani tennero così il fronte occidentale, ma
furono solennemente battuti da Tamerlano nella Battaglia di Ankara del 1402.

Nel perdurare dell‟interregno causato dalle lotte per la successione fra i figli di Bajezid I, a Giovanni VII fu
possibile recuperare la fascia europea del mar di Marmara e di Tessalonica sicché, tornato in Oriente nel
1403, Manuele lo ricompensò nominandolo Governatore di Tessalonica. Nello stesso periodo, furono
potenziate le difese della Despotìa di Morea, ove fu eretta in difesa del Peloponneso la muraglia
Hexamilion. Tuttavia, nel 1422, Murad II condusse un nuovo assalto contro Costantinopoli.

Da quel momento, Manuele si sfiduciò; prese a trascurare i suoi impegni istituzionali delegandoli al figlio e
nel 1424 accettò un trattato col quale s‟impegnava a pagare un tributo annuo ai Turchi.

Il 21 luglio del 1425 si spense e Giovanni VIII (1425-1448) . Per ottenere aiuti contro l'espansione
ottomana Giovanni VIII si avvicinò al papato e manifestò il suo consenso all'unione della Chiesa ortodossa
con la Chiesa cattolica. Nel 1438 e 1439 partecipò al Concilio di Ferrara e Firenze convocato da Papa
Eugenio IV. In questa missione venne accompagnato da un seguito di 700 persone .

L'unione delle due chiese venne proclamata alla conclusione del concilio, ma rimase un nulla di fatto, a
causa dell'avversione nei confronti dei latini di gran parte del clero bizantino.

131
Al concilio di Ferrara era presente anche Pisanello, artista italiano, testimone del Concilio tra Giovanni
VIII e papa Eugenio IV.Quando l'imperatore andò a Firenze, la popolazione restò strabiliata, affascinata
dal suo modo di vestire: infatti Giovanni condizionò la moda fiorentina per oltre un secolo, pur non essendo
amato dalla popolazione, che lo considerava una persona cattiva e sarcastica, semplicemente perché era un
bizantino.

In aiuto di Costantinopoli furono inviate truppe occidentali al comando del re di Polonia e Ungheria
Ladislao III Jagellone. Queste però, dopo alcuni successi iniziali, vennero sconfitte nella battaglia di Varna
nel 1444 e Giovanni VIII fu costretto a sottomettersi ulteriormente al potere ottomano.

In politica interna Giovanni cercò con ogni mezzo di riorganizzare l'impero e di ridargli prestigio: utilizzò
l'oro del palazzo reale per armare un esercito che poi spedì in Morea, istituì imposte doganali e cercò di
migliorare le difese dell'Impero costruendo una flotta di 48 galee e promuovendo leve militari per la difesa,
licenziando gli infidi mercenari e ci riuscì, ma ormai era troppo tardi. Privo di eredi, alla sua morte gli
succedette il fratello Costantino XI Paleologo (1449-1453), che sarà l'ultimo imperatore

132
bizantino, anche se Giovanni fu l'ultimo imperatore ad essere ufficiale, in quanto incoronato dal patriarca di
Costantinopoli.

Giovanni VIII guidò il governo per ventitrè anni, battendosi strenuamente in difesa di Costantinopoli; ma i
suoi progetti fallirono ed il successore ereditò una situazione disperata.

Ultimo Imperatore d‟Oriente, Costantino XI Dragazes era stato designato Reggente della Morea nel
novembre del 1423. Quando Giovanni era andato in Italia ed Ungheria per cercare aiuti contro gli
Ottomani, aveva stipulato un trattato di pace con Murad II e, investito della Despotìa, aveva avuto il
controllo della costa del mar Nero e dell‟Acaia, in mano occidentale dalla quarta Crociata.

Nel 1428 aveva sposato Maddalena, figlia di Leonardo Tocco spentasi a meno di un anno dalle nozze.
L‟evento non aveva condizionato i suoi piani di espansione: nel 1430 aveva preso Patrasso e la sua
avanzata era stata fermata in Beozia da Turachan Bey. Tornato a Costantinopoli, aveva continuato ad
esercitare la funzione di Reggente del fratello, impegnato in Occidente nel tentativo di riunificare le Chiese
onde riceverne in cambio aiuti contro la valanga ottomana. Con la madre Elena aveva fatto fronte alle
tensioni della popolazione, ostile all‟iniziativa e, in più occasioni, aveva ancora sostituito Giovanni tornato
in patria nel 1440, assai debilitato. Giunto in Morea per riassumere il controllo dei suoi territori, già
vedovo, Costantino era passato a nuove nozze con Caterina, figlia di Dorino Gattilusio di Lesbo, ma il
convoglio della sposa era stato attaccato dai Turchi di Murad e dalle truppe del cognato Demetrio
Paleologo ad essi sodale nella speranza d'impadronirsi di Costantinopoli. L'assedio della città era stato
respinto e Costantino era tornato in Morea, presto riconquistando l‟Attica ma non riuscendo a prendere le
veneziane Corone e Modone. Approfittando della temporanea vittoria cristiana contro i Turchi, aveva
ancora tentato di espandersi, ma la sconfitta di Varna del 10 novembre del 1444 aveva consentito al Sultano
Murad II di devastare la Morea, costringendolo ad accontentarsi dei territori residui.

Il 31 ottobre del 1448 Giovanni VIII si spense ed Elena Dragaš difese Costantinopoli dai tentativi di
usurpazione di Demetrio: il 6 gennaio del 1449 a Mistra, Costantino XI fu incoronato Basileus dall‟esercito,
in assenza del Patriarca, e il 12 marzo successivo entrò nella capitale ove la madre gli consegnò le insegne
e le chiavi delle tesorierie bizantine.

La situazione religiosa si manteneva critica: il Concilio di Firenze cui aveva partecipato Giovanni VIII
aveva approvato l'unione delle Chiese, rimettendo l’Impero bizantino alla potestà spirituale del Papa;
tuttavia, i sudditi rifiutavano la decisione.

All‟epoca era Patriarca l‟inviso Gregorio III il cui impegno di mediazione con Roma, degenerato
nell‟accusa di tradimento, gli valse l‟esilio mentre al Sovrano non rstavano alternative per proteggere la
capitale dall‟affondo turco se non il ricorso al sostegno latino, subordinato proprio alla pacificazione.

La sua scelta fu pagata a caro prezzo: la ferma opposizione popolare impedì l‟incoronazione ufficiale;
nondimeno, insediatosi, impose dazi sulle merci nella convinzione di ripianare il debito pubblico inasprendo
Venezia, alle cui proteste cedette quando la minaccia turca si fece concreta per la morte del sultano Murad
II e la salita al trono del figlio Maometto II, la politica del quale verso i Bizantini era vaga malgrado il
rinnovo del trattato di pace già stipulato dal padre.

Diffidando di lui, Costantino inviò il Legato Leontari Briennio a Venezia, Ferrara e Roma per ottenere
appoggi finanziari e militari; ma anche gli Occidentali restarono generici: Niccolò V assicurò il suo
impegno previo immediato reintegro del Patriarca Gregorio III e snellimento procedurale per la
controversa riunificazione. La sua cautela fu confermata nell‟aprile del 1451, quando Mehmet II avviò la
costruzione di una nuova fortezza contigua a Costantinopoli nel punto più stretto del Bosforo, così
sorvegliando il passaggio di tutti i transiti ed effettuando violenti saccheggi culminati nel massacro di
Epibation che provocò una massiccia insurrezione: il Sovrano ordinò l'arresto di tutti i Turchi risiedenti a
Costantinopoli e la chiusura delle porte, prima di inviare due Ambascerie sollecitanti nel Sultano il rispetto
del trattato vigente. Mehmet le liquidò seccamente e fece giustiziare una terza delegazione.

133
Il 31 agosto del 1451 Boghaz-Kesen fu completata: il Sultano poteva avviare il piano di perquisizione di
tutte le navi in transito e l‟isolamento della Morea.

Costantino allora rivolse pressanti appelli all‟Europa sollecitando l'arrivo del Cardinale Isidoro di Kiev:
venerdì 12 dicembre del 1452 a santa Sofia, fu solennemente proclamata l'unione della Chiesa d'Oriente con
la Chiesa d'Occidente così attuando le risoluzioni proposte da Giovanni VIII nel Concilio di Firenze.

La città reagì con violenti torbidi, pur nell‟ansia di un imminente attacco ottomano al quale l‟Imperatore
oppose il rafforzamento delle mura e il blocco delle navi occidentali nei porti, mirando ad indurre i
Veneziani a pretendere l'aiuto della madrepatria.

8.2) CADUTA DI COSTANTINOPOLI (1453)

Imperturbabili, i Turchi nel marzo del 1453 a Gallipoli, radunarono una enorme flotta: duecentocinquanta
unità si schierarono di fronte alla capitale bizantina, mentre un‟armata terrestre di circa centomila uomini
fra cui ventimila bashi-bazouk si attestò avanti alla città dalla parte di terra.

Maometto II disponeva di un enorme cannone costruito dal tedesco Urban ed in grado di sparare proiettili
di sei quintali dalla distanza di un chilometro e mezzo, ogni novanta minuti.

Il 5 aprile egli inviò un asciutto ultimatum ai residenti: o la resa, o la morte.

Costantino non rispose.

Nelle prime ore del 6, fu aperto il fuoco ma tutta la popolazione era già impegnata sotto le mura per
tamponarvi le crepe e apprezzabile fu l‟impegno del governatore del quartiere veneziano Girolamo Minotto.
In rada v‟erano imbarcazioni provenienti da Galata e dalla Repubblica di Genova e due galere con
settecento volontari dell'esercito privato di Giovanni Giustiniani Longo, esperto in Poliorcetica. In
definitiva, Costantino disponeva di dieci navi bizantine, otto veneziane, cinque genovesi, una anconetana,
una catalana ed una provenzale; cinquemila soldati e poco più di duemila Latini: decisamente esigue
risorse, per far fronte alle tante decine di migliaia di Ottomani. Di fatto, la mattina del 6 aprile tutti erano ai
posti di combattimento sotto la sua guida, a difesa della parte più vulnerabile delle mura.

134
Il Sultano aprì i bombardamenti dal lato di terra con una violenza terrificante: a sera, era stata demolita
gran parte delle fortificazioni di Porta Carsio, malgrado le brecce fossero state sistematicamente
ricomposte. Maometto II sospese, allora, l'assedio ed attese l'arrivo di rinforzi che giunsero l‟11 aprile, nel
numero di ulteriori cinquantamila uomini.

In quelle drammatiche e convulse ore, dall‟Ellesponto comparvero tre navi genovesi di Niccolò V e un
natante da trasporto carico di grano, dono di Alfonso d‟Aragona.

Dopo un mese di eroica resistenza, Costantino ebbe coscienza che la fine era vicina. Tuttavia neppure prese
in considerazione le pressioni dei Ministri che lo scongiuravano d‟abbandonare la capitale e salvarsi.

Il 26 maggio Maometto II riunì il Consiglio di Guerra e fissò al 29 successivo l‟affondo finale.

Nell'occasione il Basileus arringò i suoi, investendoli della difesa dell‟onore cristiano.

Greci e Latini accantonarono le antiche ruggini e fecero devotamente sfilare le icone più venerate: egli ad
esse raccomandò i sudditi e poi si disse pronto al sacrificio della vita in difesa dei valori della fede, della
patria, della famiglia, contando sul Dio comune per la salvezza della città e dei suoi abitanti. A santa Sofia
fu celebrata l'ultima liturgia cristiana e certamente la più dolorosa della storia dell'Impero bizantino.

Nella notte, assieme al fedele Girogio Sphrantzes il Sovrano ispezionò per l‟ultima volta le mura.

Puntuale, nella livida alba fissata, Maometto II diede l'ordine di attaccare: le campane delle chiese presero
a suonare per avvertire dell‟inizio della fase finale: per due ore e mezza i bashi-bazouk implacabilmente
imperversarono; poi fu impegnata una seconda schiera, che Costantino riuscì ad annientare.

Gli ultimi ad intervenire furono i Giannizzeri: da quel momento, per i Bizantini non ci furono più speranze.
Il Capitano Giovanni Giustiniani Longo fu ferito e gran parte dei combattenti si dette alla fuga ma, rincorsi
e accerchiati, furono sterminati.

Il Basileus cadde eroicamente lottando: Maometto ne fece seppellire le spoglie in una fossa comune per
evitarne la venerazione ma memoria indiscussa della sua leggendaria figura resta testimoniata nella statua
di fronte alla cattedrale di Atene ed in quella ubicata a Mistra.

La sua tragica fine in battaglia, assurta a simbolo della lotta della Cristianità contro i Turchi, gli valse la
definizione di martire e la santificazione della Chiesa Ortodossa.

L‟Impero di Costantinopoli era annegato nel suo sangue, confuso a quello di migliaia di sconosciuti eroi.

8.3) EREDITA’ BIZANTINA

Maometto II entrò solennemente nella città conquistata . Costantinopoli divenne la capital dell’impero
ottomano . L’impero bizantino non esisteva più . Con la fondazione della capital sul Bosforo sotto
Costantino il Grande era cominciata l‟esistenza dell‟impero bizantino , con la sua caduta sotto l‟ultimo
Costantino , l‟impero moriva . Tuttavia la Morea meridionale greca e anche l‟impero di Trebisonda
sopravvissero per alcuni anni alla caduta di Costantinopoli . Ma la loro conquista non era più un problema
per i turchi . La conquista di Costantinopoli aveva gettato un ponte tra i possedimenti asiatici e quelli
europei degli Ottomani , creò l‟nità dell‟impero ottoman e diede nuovo slancio alla sua espansione .
L‟impero turco assorbì rapidamente i residui possedimenti greci , come pure latini e slavi nei Balcani . Nel
1456 Atene cadde nelle mani degli Ottomani , e il Partenone , che da un millennio era una chiesa dedicate

135
alla Santa Vergine divenne una moschea turca . Nel 1460 la bizantina Morea cassava di esistere ; Tommaso
il Despota fuggì in Italia , mentre Demetrio , che era ostile ai latini si recò alla corte del sultano . Nel
settembre 1461 cadeva anche l‟impero di Trebisonda e così l‟ultimo limbo di territorio Greco cadeva sotto
il dominio turco . Il despotato di Serbia era stato conquistato già nel 1459 e nel 1463 la stessa sorte toccò al
regno bosniaco e , prima della fine del secolo anche gli altri territori slavi e albanesi finno alla costa
adriatica caddero in preda ai conquistatori . Esisteva nuovamente un impero che andava dalla Mesopotamia
fino all‟Adriatico , e che aveva il suo centro natural in Costantinopoli : l‟impero turco che , nato sulle rovine
dell‟impero bizantino per molti secoli seppe riunire ancora una volta in un unico Stato gli antichi territori
bizantini .

Costantinopoli cadde nel 1453 , ma la sua tradizione spirituale e politica sopravvisse . La sua fede , la sua
cultura e la sua concezione dello Stato continuarono a vivere , influenzando e fecondando la vita politica e
cultural dei popoli europei sia sull‟antico territorio bizantino , sia oltre gli antichi confine dell‟impero . La
religion Cristiana nella sua specifica forma greca , come manifestazione della spiritualità bizantina e allo
stesso tempo come antitesi del cattolicesimo romano , restò la cosa più sacra sia per i Greci che per i Slavi
meridionali e occidentali .

Nei secoli della dominazione turca , la fede ortodossa fu per i greci e gli Slavi meridionali l‟espressione
della loro individualità spiritual e nazionale ; essa preserve i popoli balcanici dall‟assorbimento nell‟ondata
d‟immigrazione turca e rese così possible la loro rinascita nazionale nel secolo XIX .

L’ortodossia fu anche la bandiera sotto la quale ebbe luogo l’unificazione delle regioni russe e il Gran
principato di Mosca raggiunse la sua posizione di grande potenza .

Poco dopo la caduta di Costantinopoli e dei regni slavi meridionali , Mosca si ribellò al giogo tartaro e
divenne , quale unica potenza indipendente di fede ortodossa , il centro naturale del mondo ortodosso .
Ivan III il grande unificatore e liberatore delle regioni della Russia, sposò la figlia del
despota Tommaso Paleologo , nipote dellìultimo imperatore di Bisanzio , assunse l‟insegna bizantina
dell‟aquila bicipite , introdusse a Mosca costumi bizantini , e ben presto la Russia svolse nell‟Oriente
cristiano il ruolo di guida che in passato era stato dell‟impero bizantino .

136
Se Costantinopoli era stata la nuova Roma , Mosca divenne la terza Roma.

L‟eredità spirituale di Bisanzio , la sua fede , le sue idée politiche e i suoi ideali spirituali continuarono a
vivere per secoli nell‟impero degli zar russi .

Una forza d‟irradiazione ancora più grande ebbe la cultura bizantina , che giunse a penetrare di sè
l‟Oriente e l‟Occidente . Anche se l‟influenza bizantina nei paesi neolatini e germanici non fu così ampia
come in quelli slavi , ciò nondimeno la cultura bizantina influì e fecondò anche la vita dell‟Occidente . Lo
Stato bizantino era stato lo strumento attraverso il quale la cultura dell‟antichità Greco romano aveva
continuato a vivere attraverso i secoli . Per questo Bisanzio era la parte che dava , l‟Occidente la parte che
riceveva . Soprattutto nell‟età del Rinascimento , in cui così forte era la passione per la cultura classica , il
mondo occidentale trovò in Bisanzio la fonte attraverso la quale attingere ai tesori culturali dell‟antichità .
Bisanzio conserve l‟eredità classica e adempì in questo modo ad una missione storica di importanza
universal . Salvò dalla distruzione il diritto romano , la poesia , la filosofia , e la scienza greche , per
trasmettere questa inestimabile eredità ai popoli dell‟Europa occidentale , divenuti ormai mature per
riceverla .

137