Sei sulla pagina 1di 9

Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):

MISURE RILIEVO PROGETTO 2(ED. 2006)


- MODULI DI TOPOGRAFIA PER IL
TRIENNIO ITG PROCEDURE DI
RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO
Autori:
CANNAROZZO RENATO CUCCHIARINI
LANFRANCO MESCHIERI WILLIAM
Editore: ZANICHELLI
Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):

1) Un angolo è stato misurato quattro volte ottenendo i seguenti valori:


𝛼1 = 45𝑔 , 4610
𝛼2 = 45𝑔 , 4740
𝛼3 = 45𝑔 , 4560
𝛼4 = 45𝑔 , 4580
Calcolare il valore più probabile dell’angolo.

2) Un angolo è stato misurato sei volte ottenendo i seguenti risultati:


𝛼1 = 92𝑔 , 1315
𝛼2 = 92𝑔 , 1344
𝛼3 = 92𝑔 , 1348
𝛼4 = 92𝑔 , 1336
𝛼5 = 92𝑔 , 1329
𝛼6 = 92𝑔 , 1342

Scartare le misure che eventualmente non rientrano nella tolleranza e calcolare il valore più probabile dell’angolo.

3) Un angolo è stato misurato sei volte ottenendo i seguenti valori:


𝛼1 = 70°52′ 35′′
𝛼2 = 70°52′ 29′′
𝛼3 = 70°52′ 27′′
𝛼4 = 70°52′ 35′′
𝛼5 = 70°52′ 25′′
𝛼6 = 70°52′ 32′′
Calcolare il valore più probabile dell’angolo.
Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):
4) Un angolo è stato misurato sei volte ottenendo i seguenti risultati:
𝛼1 = 43°35′22′′
𝛼2 = 43°35′24′′
𝛼3 = 43°35′20′′
𝛼4 = 43°35′28′′
𝛼5 = 43°35′25′′
𝛼6 = 43°35′20′′
Calcolare il valore più probabile dell’angolo.

5) Un angolo è stato misurato sei volte con un teodolite elettronico ottenendo i seguenti risultati:
𝛼1 = 105𝑔 , 8256
𝛼2 = 105𝑔 , 8246
𝛼3 = 105𝑔 , 8249
𝛼4 = 105𝑔 , 8251
𝛼5 = 105𝑔 , 8252
𝛼6 = 105𝑔 , 8243
Accertare che lo scarto quadratico medio rientra nella tolleranza (0𝑔 , 0010) e determinare il valore più probabile
dell’angolo.

6) Un angolo è stato misurato sei volte con la stessa precisione ottenendo i seguenti risultati:
𝛼1 = 98𝑔 , 140
𝛼2 = 98𝑔 , 135
𝛼3 = 98𝑔 , 130
𝛼4 = 98𝑔 , 140
𝛼5 = 98𝑔 , 130
𝛼6 = 98𝑔 , 132
Calcolare lo scarto quadratico medio e il valore più probabile dell’angolo.
Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):
7) Per la misura di un angolo viene utilizzato un goniometro che presenta uno s.q.m. di 20’’: determinare il numero
di letture che si devono eseguire per ottenere un errore medio della media uguale a 4’’. [n=25]
8) Una distanza è stata misurata cinque volte ottenendo i seguenti valori:
60.48 m
60.57
60.51
60.46
60.50
Calcolare il valore più probabile della distanza.
9) Calcolare il valore più probabile di una distanza misurata sei volte dallo stesso operatore con un distanziometro
elettronico e accertare se le misure rientrano nella tolleranza (5 mm+5 mm/km); i valori delle misure sono i
seguenti:
1342.288 m
1342.283
1342.286
1342.292
1342.230
1342.282

10) Una distanza è stata misurata dieci volte ottenendo i seguenti valori:
91.887 m 91.989 m
91.999 91.999
91.845 91.795
91.899 92.003
91.995 91.997
Calcolare lo s.q.m e l’intervallo nel quale il vero valore della distanza ha più elevata probabilità di essere contenuto
Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):
11) Una distanza è stata misurata otto volte dallo stesso operatore con un distanziometro elettronico ottenendo i
seguenti valori:
875.256 m 875.265 m
875.262 875.264
875.247 875.235
875.260 875.260
Verificare che le misure rientrano nella tolleranza (5 mm+10 mm/km) e calcolare il valore più probabile della
distanza.
12) Una distanza è stata misurata con la cordella metrica dallo stesso operatore 12 volte ottenendo i seguenti
valori:
56.05 m 56.00 m
56.10 56.00
56.11 56.10
56.14 56.00
55.99 56.00
55.09 56.00
Verificare che tutte le misure rientrino nella tolleranza e calcolare l’intervallo di valori che ha elevata probabilità
di comprendere il vero valore della distanza.
13) Sono state effettuate 12 misurazioni di una distanza con la stessa precisione ottenendo i seguenti valori:
88.473 m 88.573 m
88.499 88.483
88.498 88.578
88.495 88.673
88.498 88.499
88.465 88.696
Calcolare la media aritmetica e l’errore medio delle singole osservazioni. Verificare, inoltre, che le misure
rientrino nella tolleranza e calcolare l’errore medio della media.
Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):
14) Supponiamo di avere misurato 12 volte la distanza tra i punti A e B impiegando i triplometri e di avere
ottenuto i seguenti valori:
48.30 m 49.26 m
48.34 48.28
48.31 48.29
48.36 48.27
48.24 49.50
48.33 48.34
Calcolare il valore più probabile della distanza e l’errore relativo.

15) Di un triangolo ABC sono stati misurati il lato a e gli angoli 𝛼 𝑒 𝛾. Si sono ottenuti i seguenti valori con i
relativi errori medi:
𝑎 = 64.36 𝑚 𝑚𝑎 = ±0.04 𝑚
𝛼 = 53°27′00′′ 𝑚𝛼 = ± 2′
𝛾 = 72°14′00′′ 𝑚𝛾 = ±1′ 20′′

Calcolare il lato c e il suo errore medio.

16) Di un triangolo ABC sono stati misurati due lati e l’angolo compreso. Si sono ottenuti i seguenti valori con i
relativi errori medi:
𝑎 = 102.60 𝑚 𝑚𝑎 = ±0.05 𝑚
𝑏 = 86.30 𝑚 𝑚𝑏 = ± 0.03 𝑚
𝑔
𝛾 = 64 , 75 𝑚𝛾 = 0𝑔 , 0100

Determinare l’area del triangolo e il suo errore medio


Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):

17) Di un appezzamento di forma rettangolare sono stati misurati la base b e l’altezza a ottenendo i seguenti
valori:
𝑏 = 128.10 𝑚 𝑚𝑏 = ± 0.05 𝑚
𝑎 = 82.70 𝑚 𝑚𝑎 = ±0.03 𝑚
Determinare l’area e il suo errore medio

18) Sono state rilevate le coordinate polari 𝑑 e 𝜃 di un punto A. Si sono ottenuti i seguenti valori:
𝑑 = 85.60 𝑚 𝑚𝑑 = ±0.10 𝑚
𝑔
𝜃 = 37 , 4100 𝑚𝜃 = 0𝑔 , 10

Calcolare le coordinate cartesiane del punto A e il loro errore medio nel caso in cui le origini dei due sistemi
coincidono.

19) Di un appezzamento di forma triangolare ABC sono state misurate le lunghezze dei lati ottenendo i seguenti
valori e i relativi errori medi:
𝐴𝐵 = 72.36 𝑚 𝑚𝐴𝐵 = ±0.04 𝑚
𝐵𝐶 = 81.74 𝑚 𝑚𝐵𝐶 = ± 0.01 𝑚
𝐶𝐴 = 60.15 𝑚 𝑚𝐶𝐴 = ± 0.03 𝑚

Calcolare l’intervallo di valori in cui è compreso molto probabilmente quello del perimetro dell’appezzamento
triangolare.
20) Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):

21)
Esercitazione 1 (Teoria degli Errori):
22) Per determinare il dislivello tra due punti A e B, si effettua una livellazione tacheometrica. I dati misurati e i
relativi errori medi sono i seguenti:
𝐷𝑟 = 87.73 𝑚 𝑚𝐷 = ±0.18 𝑚
z= 89°35′ 𝑚𝑧 = ±30"
s = 1.58 𝑚
h= 1.95 𝑚
Determinare il dislivello tra i due punti e il suo errore medio.

23) La distanza tra due punti è stata misurata direttamente più volte con lo stesso strumento, ottenendo quattro
gruppi di misure i cui diversi valori medi sono i seguenti:

𝐿1 = 85.40 𝑚 media di 6 misurazioni


𝐿2 = 85.15 𝑚 media di 4 misurazioni
𝐿3 = 84.95 𝑚 media di 5 misurazioni
𝐿4 = 84.80 𝑚 media di 3 misurazioni
Determinare il valore più probabile della distanza
24) La distanza tra due punti è stata misurata direttamente con tre diversi strumenti ottenendo i seguenti valori
con i relativi errori medi:

𝐿1 = 88.536 𝑚 𝑚𝐿1 = ±1.24 𝑐𝑚


𝐿2 = 88.527 𝑚 𝑚𝐿2 = ±0.8 𝑐𝑚
𝐿3 = 88.513 𝑚 𝑚𝐿3 = ±0.95 𝑐𝑚
Determinare il valore più probabile della distanza
25) Di un appezzamento di forma rettangolare sono stati misurati la base B e l’altezza H ottenendo i seguenti
valori:
𝐵 = 70.32 𝑚 𝑚𝐵 = ± 0.03 𝑚
𝐻 = 48.15 𝑚 𝑚𝐻 = ±0.01 𝑚
Determinare il perimetro e il suo errore medio