Sei sulla pagina 1di 14

Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto

NORMA ITALIANA Cordini UNI EN 354

OTTOBRE 2003

Personal protective equipment against falls from a height


Lanyards

CLASSIFICAZIONE ICS 13.340.99

NORMA EUROPEA
SOMMARIO La norma specifica i requisiti, i metodi di prova, le istruzioni per l’uso, la
marcatura e l’imballaggio per i cordini fissi e regolabili.

RELAZIONI NAZIONALI La presente norma è la revisione della UNI EN 354:1993.

RELAZIONI INTERNAZIONALI = EN 354:2002


La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN 354 (edizione maggio 2002).

ORGANO COMPETENTE Commissione "Sicurezza"

RATIFICA Presidente dell’UNI, delibera del 7 luglio 2003

UNI © UNI - Milano


Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
di Unificazione può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
Via Battistotti Sassi, 11B il consenso scritto dell’UNI.
20133 Milano, Italia

Gr. 3 UNI EN 354:2003 Pagina I


PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN 354 (edizione maggio 2002), che assume co-
sì lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione è stata curata dall’UNI.
La Commissione "Sicurezza" dell’UNI segue i lavori europei sull’ar-
gomento per delega della Commissione Centrale Tecnica.
Rispetto all’edizione precedente è stata effettuata una revisione ge-
nerale del testo. Oltre alle modifiche redazionali apportate nei punti
4 e 5 sui requisiti e metodi di prova, sono stati integrati i requisiti per
corde di fibra e cinghie (punto 4.2.2). Sono inoltre state ampliate le
istruzioni per l’uso, la marcatura e l’imballaggio ed è stata aggiunta
l’appendice ZA.

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubbli-


cazione di nuove edizioni o di aggiornamenti.
È importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di es-
sere in possesso dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare l’esistenza di norme UNI
corrispondenti alle norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dell’arte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dell’applicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dell’arte
in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all’UNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terrà in considerazione, per l’eventuale revisione della norma stessa.

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina II


INDICE

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 1

3 TERMINI E DEFINIZIONI 1

4 REQUISITI 1
4.1 Progettazione ed ergonomia .............................................................................................................. 1
4.2 Materiali e costruzione ........................................................................................................................... 2
4.2.1 Generalità ........................................................................................................................................................ 2
4.2.2 Corde di fibra e cinghie ............................................................................................................................... 2
4.2.3 Funi metalliche .............................................................................................................................................. 2
4.2.4 Catene .............................................................................................................................................................. 2
4.2.5 Connettori ........................................................................................................................................................ 2
4.3 Resistenza statica .................................................................................................................................... 2
4.4 Resistenza dinamica dei cordini con dispositivo di regolazione incorporato ........... 2
4.5 Marcatura e informazioni ...................................................................................................................... 2

5 METODI DI PROVA 3
5.1 Prova di resistenza statica ................................................................................................................... 3
5.1.1 Apparecchiatura ............................................................................................................................................ 3
5.1.2 Metodo.............................................................................................................................................................. 3
5.2 Prova di resistenza dinamica dei cordini con dispositivo di regolazione
incorporato ................................................................................................................................................... 3
5.2.1 Apparecchiatura ............................................................................................................................................ 3
5.2.2 Metodo.............................................................................................................................................................. 3

6 MARCATURA 3

7 INFORMAZIONI FORNITE DAL FABBRICANTE 3

8 IMBALLAGGIO 4

APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI I REQUISITI


(informativa) ESSENZIALI O ALTRE DISPOSIZIONI DELLE DIRETTIVE UE 5

BIBLIOGRAFIA 6

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina III


UNI EN 354:2003 © UNI Pagina IV
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto
NORMA EUROPEA Cordini EN 354

MAGGIO 2002

Personal protective equipment against falls from a height Sostituisce


EN 354:1992
EUROPEAN STANDARD Lanyards

Equipement de protection individuelle contre les chutes de hauteur


NORME EUROPÉENNE Longes

Persönliche Schutzausrüstung gegen Absturz


EUROPÄISCHE NORM Verbindungsmittel

DESCRITTORI

ICS 13.340.99

La presente norma europea è stata approvata dal CEN il 12 marzo 2002.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che definiscono le modalità secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modifiche. Gli elenchi
aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali corrisponden-
ti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai
membri del CEN.
La presente norma europea esiste in tre versioni ufficiali (inglese, francese e
tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria respon-
sabilità da un membro del CEN e notificata alla Segreteria Centrale, ha il me-
desimo status delle versioni ufficiali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno
Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comité Européen de Normalisation
Europäisches Komitee für Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

© 2002 CEN
Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono
riservati ai Membri nazionali del CEN.

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina V


PREMESSA
Il presente documento EN 354:2002 è stato elaborato dal Comitato Tecnico CEN/TC 160
"Protezione contro le cadute dall'alto, comprese le cinture da lavoro", la cui segreteria è
affidata al DIN.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o median-
te pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro novembre 2002,
e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro novembre 2002.
Il presente documento sostituisce la EN 354:1992.
Questa nuova edizione contiene il testo precedete della norma ed incorpora alcuni aggior-
namenti urgenti intesi a fornire informazioni aggiuntive e a chiarificare le incoerenze del
testo. Una revisione completa della norma è prevista in futuro.
Il presente documento è stato elaborato nell'ambito di un mandato conferito al CEN dalla
Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio ed è di supporto ai
requisiti essenziali della/e Direttiva/e dell'UE.
Per quanto riguarda il rapporto con la/e Direttiva/e UE, si rimanda all'appendice informativa ZA
che costituisce parte integrante del presente documento.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei se-
guenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimar-
ca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Malta,
Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e
Svizzera.

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina VI


1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE
La presente norma europea specifica i requisiti, i metodi di prova, la marcatura, le
informazioni fornite dal fabbricante e l’imballaggio per i cordini fissi e regolabili. I cordini
conformi alla presente norma europea sono utilizzati come elementi di collegamento o
come componenti nei sistemi di arresto caduta specificati nella EN 363.
Altri tipi di cordini sono specificati nella EN 358.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non
datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli
aggiornamenti).
EN 362:1992 Personal protective equipment against falls from a height -
Connectors
EN 363:2002 Personal protective equipment against falls from a height - Fall
arrest systems
EN 364:1992 Personal protective equipment against falls from a height - Test
methods
EN 365:1992 Personal protective equipment against falls from a height -
General requirements for instructions for use and for marking
ISO 1835 Short link chain for lifting purposes - Grade M(4), non-calibrated,
for chain slings etc.
ISO 2232 Round drawn wire for general purpose non-alloy steel wire ropes
and for large diameter steel wire ropes - Specifications

3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma europea, si applicano i termini e le definizioni seguenti.

3.1 cordino: Elemento di collegamento o componente di un sistema di arresto caduta. Un


cordino può essere costituito da una corda di fibra sintetica, una fune metallica, una
cinghia o una catena [EN 363].

3.2 dispositivo di regolazione: Elemento di un cordino per variarne la lunghezza [EN 363].

3.3 lunghezza del cordino: Lunghezza Ll, in metri, da un punto di supporto del carico all’altro,
misurata in condizioni di mancanza di carico ma con il cordino teso [EN 363].

3.4 terminale: Estremità di un cordino pronta per l’utilizzo. Un terminale può essere per
esempio un connettore, un anello impiombato o un cappio cucito [EN 363].

3.5 connettore: Elemento di collegamento o componente di un sistema di arresto caduta


[EN 363].

4 REQUISITI

4.1 Progettazione ed ergonomia


I requisiti generali per la progettazione e l’ergonomia sono specificati nel punto 4.1 della
EN 363:2002.

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina 1


4.2 Materiali e costruzione

4.2.1 Generalità
Entrambe le estremità di un cordino devono essere dotate di terminali idonei. In caso di
utilizzo di impiombature per la terminazione di corde con guaina, l’impiombatura deve
avere una lunghezza minima di 100 mm e deve essere fissata mediante impalmatura, o
qualsiasi altro metodo che impedisca all’impiombatura di aprirsi durante l’utilizzo.
La lunghezza Ll di un cordino fisso o regolabile che comprende l’assorbitore di energia, se
applicabile, e i terminali, per esempio connettori o anelli, non deve essere maggiore di
2 m.
Le estremità della parte regolabile del cordino devono essere dotate di un fine corsa.
Tutti gli elementi metallici del cordino, ad eccezione delle funi metalliche e delle catene,
devono essere protetti contro la corrosione in conformità alla EN 362.

4.2.2 Corde di fibra e cinghie


Le corde di fibra, le cinghie e i cucirini per i cordini devono essere realizzate da fibre
continue vergini o fibre sintetiche a più fili adatte per il loro utilizzo previsto.
La resistenza a rottura delle fibre sintetiche deve essere nota per essere almeno
0,6 N/tex.

4.2.3 Funi metalliche


Le funi metalliche per i cordini devono essere di acciaio e i manicotti metallici dei terminali
di materiale metallico duttile.
Le funi metalliche che non sono di acciaio inossidabile devono essere zincate in
conformità alla ISO 2232.

4.2.4 Catene
Le catene devono essere conformi ai requisiti per le catene di almeno 6 mm riportati nella
ISO 1835. Le maglie terminali di forma ovale o simile e tutte le maglie di collegamento
devono essere compatibili con la catena sotto tutti gli aspetti.
Nota Dopo la fabbricazione, i cordini costituiti da catene dovrebbero essere sottoposti a prova ai livelli indicati nella
ISO 1834.

4.2.5 Connettori
I connettori per i cordini devono essere conformi alla EN 362.

4.3 Resistenza statica


I cordini di materiale tessile o gli elementi tessili dei cordini, per esempio corde di fibra
sintetica o cinghie, compresi i relativi terminali tessili e, se applicabile, il relativo
dispositivo di regolazione, devono resistere ad una forza di almeno 22 kN senza che alcun
elemento del cordino si separi, si strappi o si rompa, quando sottoposto a prova come
descritto in 5.1.
I cordini interamente di materiale metallico, compresi i relativi terminali metallici o gli
elementi metallici del cordino, per esempio connettori o accessori, devono resistere ad
una forza di almeno 15 kN senza che alcun elemento del cordino si strappi o si rompa,
quando sottoposto a prova come descritto in 5.1.

4.4 Resistenza dinamica dei cordini con dispositivo di regolazione incorporato


Quando i cordini con dispositivo di regolazione incorporato sono sottoposti a prova come
descritto in 5.2, non si deve verificare alcuna rottura.

4.5 Marcatura e informazioni


La marcatura del cordino deve essere conforme a 6.
Le informazioni devono essere fornite con il cordino in conformità a 7.

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina 2


5 METODI DI PROVA

5.1 Prova di resistenza statica

5.1.1 Apparecchiatura
L’apparecchiatura per la prova di resistenza statica deve essere conforme al punto 4.1
della EN 364:1992.

5.1.2 Metodo
La prova di resistenza statica deve essere condotta come descritto nel punto 5.2.2 della
EN 364:1992.

5.2 Prova di resistenza dinamica dei cordini con dispositivo di regolazione incorporato

5.2.1 Apparecchiatura
L’apparecchiatura per la prova di resistenza dinamica deve essere conforme ai punti
4.4.1, 4.5 e 4.6 della EN 364:1992.

5.2.2 Metodo
Nei cordini con un dispositivo di regolazione della lunghezza incorporato, la prova di
resistenza dinamica deve essere condotta come descritto nel punto 5.2.4 della
EN 364:1992 con la modifica seguente:
Regolare il cordino al 60% della sua lunghezza totale. A tale cordino regolato attaccare
una catena in modo che la lunghezza complessiva del cordino e della catena sia uguale
a quella del cordino quando regolato alla sua lunghezza totale.

6 MARCATURA
La marcatura sul cordino deve essere conforme al punto 2.2 della EN 365:1992 e il testo
deve essere nelle lingue del Paese di destinazione. In conformità al punto 2.2 della
EN 365:1992, la marcatura deve inoltre includere quanto segue:
a) sul cordino, un pittogramma per indicare che gli utilizzatori devono leggere le
informazioni fornite dal fabbricante (vedere figura);

b) il marchio di identificazione del modello/tipo di cordino;


c) il numero della presente norma europea, cioè EN 354.

7 INFORMAZIONI FORNITE DAL FABBRICANTE


Le informazioni fornite dal fabbricante devono essere fornite nelle lingue del Paese di
destinazione. Devono essere conformi al punto 2.1 della EN 365:1992 e in aggiunta
devono includere almeno i consigli o le informazioni seguenti:
a) che la lunghezza totale di un sottosistema con un cordino provvisto di assorbitore di
energia, terminali e connettori non deve essere maggiore di 2 m (per esempio
connettore più cordino più assorbitore di energia più connettore);
b) che un cordino senza un assorbitore di energia non deve essere utilizzato in o come
un sistema di arresto caduta;
c) le caratteristiche richieste per un ancoraggio affidabile;

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina 3


d) come effettuare il collegamento ad un punto di ancoraggio affidabile, ad
un’imbracatura per il corpo o ad altri componenti del sistema di arresto caduta;
e) come garantire la compatibilità di tutti i componenti da utilizzare congiuntamente al
cordino, per esempio facendo riferimento ad altre norme europee;
f) il materiale di cui è costituito il cordino;
g) sulle limitazioni dei materiali nel prodotto o i pericoli che possono influire sulle sue
prestazioni, per esempio la temperatura, l’effetto di bordi taglienti, reagenti chimici,
conducibilità elettrica, taglio, abrasione, degradamento da raggi UV, altre condizioni
climatiche;
h) che prima e durante l’utilizzo, si dovrebbe considerare come un eventuale
salvataggio potrebbe essere eseguito in sicurezza e in modo efficiente;
i) che il prodotto dovrebbe essere utilizzato solo da una persona addestrata e/o
altrimenti competente o che l’utilizzatore dovrebbe essere sotto la supervisione
diretta di tale persona;
j) su come pulire il prodotto, disinfezione inclusa, senza effetti negativi;
k) se esistono informazioni, la durata di vita prevista del prodotto (obsolescenza) o
come questa può essere determinata;
l) su come proteggere il prodotto durante il trasporto;
m) sul significato di qualunque marcatura presente sul prodotto;
n) il marchio di identificazione del modello/tipo di cordino;
o) il numero della presente norma europea, cioè EN 354.

8 IMBALLAGGIO
I cordini devono essere forniti avvolti, ma non necessariamente sigillati, in un materiale
che offra una certa resistenza alla penetrazione dell’umidità.

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina 4


APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI I REQUISITI
(informativa) ESSENZIALI O ALTRE DISPOSIZIONI DELLE DIRETTIVE UE
La presente norma europea è stata elaborata nell'ambito di un mandato conferito al
CEN dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio, ed è di
supporto ai requisiti essenziali della Direttiva UE 89/686/CEE.
AVVERTENZA: Altri requisiti e altre Direttive UE possono essere applicabili al/ai
prodotto/i che rientra/rientrano nello scopo e campo di applicazione della presente norma
europea.
I seguenti punti della presente norma europea possono essere di supporto ai requisiti
della Direttiva 89/686/CEE, Allegato II:

Direttiva UE 89/686/CEE, Allegato II Punti della presente norma


1.1 Principi di progettazione 4.1
1.3.2 Leggerezza e solidità di costruzione da 4.2 a 4.4
1.4 Nota informativa del fabbricante 4.5, 6 e 7
2.9 DPI dotati di componenti regolabili o amovibili da parte dell’utilizzatore 4.2
2.12 DPI con una o più indicazioni di localizzazione o di segnalazione riguardanti 6
direttamente o indirettamente la salute e la sicurezza
3.1.2.2 Prevenzione delle cadute dall’alto da 4 a 8

La conformità ai punti della presente norma europea costituisce un mezzo per soddisfare
i requisiti essenziali specifici della Direttiva interessata e dei regolamenti EFTA associati.

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina 5


BIBLIOGRAFIA
EN 358 Personal protective equipment for work positioning and prevention
of falls from a height - Belts for work positioning and restraint and
work positioning lanyards
ISO 1834 Short link chain for lifting purposes - General conditions of
acceptance

UNI EN 354:2003 © UNI Pagina 6


UNI
Ente Nazionale Italiano La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
di Unificazione dell’Industria e dei Ministeri.
Via Battistotti Sassi, 11B Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti.
20133 Milano, Italia

Interessi correlati