Sei sulla pagina 1di 56

LE GUIDE

Tutte
le regole
e i modelli
coinvolti

LA NUOVA
ECOTASSA
ECOBONUS
AUTO
E MOTO
BONUS IMPIANTI
DI RICARICA

90008 I LIBRI DEL SOLE 24 ORE


Pubblicazione settimanale con Il Sole 24 ORE
€ 2,50 (I Libri del Sole 24 ORE € 0,50 + Il Sole 24 ORE € 2,00)
9 771973 564394 NON VENDIBILE SEPARATAMENTE
AUTO 2019

L’acquisto dell’auto fa i conti


con il bonus-malus ecologico
di Maurizio Caprino

O
ra è il momento della nuto lontani molti acquirenti.
verità. L’ecobonus e Per chi trovasse interessante un’au-
l’ecotassa auto voluti to elettrica, c’è anche un’agevolazione
dal governo Conte so- fiscale sugli impianti di ricarica instal-
no in vigore e le pole- lati sia dai privati sia dalle imprese.
miche di dicembre sulla loro istituzio- Anche chi non è interessato al-
ne devono lasciare il posto ai fatti. Si l’elettrico ha da valutare vari aspetti.
deve vedere se davvero i nuovi incenti- Soprattutto l’ecomalus, che colpisce
vi sono troppo elitari per lasciare un prevalentemente le auto a benzina.
segno nelle scelte di acquisto degli ita- Le quali oggi sono viste da molti co-
liani e quindi nella composizione del me l’unica alternativa concreta al
parco auto. Parallelamente va verifica- diesel. Un paradosso, almeno in ap-
to l’impatto dell’ecotassa sulle vendite parenza: il diesel è sempre più messo
di Fca, il gruppo automobilistico che ha al bando dai Comuni, proprio per ra-
stabilimenti in Italia ed è rimasto in- gioni ambientali.
dietro rispetto alla concorrenza negli Questa pubblicazione nasce per aiu-
investimenti sull’auto “pulita”: tare i clienti a orientarsi tra questioni
l’azienda, i sindacati e parte della poli- nuove e paradossi. Ma anche per chia-
tica hanno paventato conseguenze rire aspetti tecnici che bisogna cono-
molto negative sull’occupazione. scere, per non rischiare di perdere
Come andrà a finire, veramente? La l’ecobonus cui si ha diritto o di dover
risposta passa soprattutto per le scelte pagare l’ecotassa quando invece si
dei clienti. Che si troveranno davanti a pensa di non esserne colpiti.
questioni mai affrontate sinora. Come Gli aspetti tecnici sono spiegati ulte-
l’opportunità di acquistare un’auto riormente per gli operatori: da come
elettrica, visto che il bonus appena gestore l’eventuale usato da rottamare
scattato (fino a 6mila euro) in qualche a come prenotare l’ecobonus e recupe-
caso - se accompagnato da uno sconto rare il suo importo, anticipato dal ven-
robusto da parte del costruttore - può ditore al cliente.
abbattere il muro del prezzo che ha te- © RIPRODUZIONE RISERVATA

2
AUTO 2019

L’offerta del Gruppo 24 ORE

Direttore responsabile
Fabio Tamburini La rivista per i tecnici
Progetto Consulente Immobiliare dedica ampio
e coordinamento
editoriale spazio alle agevolazioni fiscali immobiliari
Maurizio Caprino con casi concreti, schemi riepilogativi e
consigli operativi.
Testi di questo numero
Glauco Bisso www.consulenteimmobiliaredigi-
Luca De Stefani tal.ilsole24ore.com
Nicola Giardino
Giuseppe Latour
Mauro Pizzin
La vita in condominio
Sul Quotidiano del Condominio le notizie
sul mondo condominiale e la gestione
delle locazioni dedicate ad amministrato-
ri, avvocati, termotecnici e impiantisti.
www.quotidianocondominio.ilsole
24ore.com

Per gli amministratori


I Libri del Sole 24 ORE Condominio 24 è lo strumento operativo
Settimanale N.08/2019
– Marzo 2019 per rispondere alle esigenze
Registrazione Tribunale di Milano di informazione specialistica
n. 33 del 22-01-2007
Direttore responsabile: di amministratori di condominio,
Fabio Tamburini agenti e società immobiliari.
Proprietario ed Editore:
Il Sole 24 ORE S.p.A. http://www.condominio.ilsole24ore. com
Sede legale, redazione e direzione:
Via Monte Rosa n. 91, 20149
Milano
Da vendersi in abbinamento L’appuntamento con i trasporti
al quotidiano «Il Sole 24 ORE»
Ogni lunedì alle 13,45 su Radio 24 va in
onda «#Autotrasporti», settore cruciale
CHIUSO IN REDAZIONE per l'economia nazionale, condotto da
IL 27 FEBBRAIO 2019 Andrea Ferro (a cura di Simone Spetia).
http://www.radio24.ilsole24ore.com/
© Riproduzione riservata
Copyright Il Sole 24 Ore Spa
conduttori/andrea-ferro

3
AUTO 2019

Sommario
01. L’ECOBONUS
Sconti fino a 6mila euro per pochi modelli, destinati ad aumentare 6
Dalla scelta del modello alla verifica sulla demolizione 8
Ecobonus aperto anche a imprese e professionisti 9
Chi prenota prima evita il rischio che i contributi si esauriscano 10
Veicolo da targare entro 180 giorni da quando ci si è prenotati 12
Consegna da fare al demolitore entro 15 giorni, ritardi rischiosi 13
Per gli operatori credito d’imposta e obblighi sui documenti 14
La legge si basa sul listino ma non chiarisce che cosa sia 15
Niente bonus supplementare se l’auto è troppo vecchia 16
Moto e motorini: sconti del 30% fino a 3mila euro retroattivi dal 1° gennaio 18
Contributi solo alle auto elettriche e alle ibride più sofisticate 19
Il bonus non basta, le case faranno i loro sconti: i primi esempi 20
Le auto dell’ecobonus 21-22
Catalizzatori Scr e filtri sui benzina fanno comunque alzare i costi 23

02. L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO


Tante sorprese su chi deve pagare e come va fatto 26
Il pagamento non può essere delegato al venditore 28
Diesel esenti quasi sempre, più penalizzate le auto a benzina 30
Tutti i modelli soggetti all’ecotassa 32-42

03. GLI IMPIANTI DI RICARICA


Bonus al 50% sull’acquisto e la posa delle colonnine 44
Beneficio concesso anche ai titolari di un reddito d’impresa 46
Punto di ricarica installabile anche senza il via libera condominiale 49
Nelle rimesse oltre 300 metri quadri dieci prescrizioni da rispettare 50
Per la ricarica di bici elettriche e minimoto va presentata la Scia 51

DOMANDE E RISPOSTE SULL’ECOBONUS 52

4
AUTO 2019 L’ECOBONUS

01
L’ECOBONUS

5
AUTO 2019

01 ECOBONUS
Agevolazione
fino a 6mila euro
per pochi modelli

di Maurizio Caprino

U
n incentivo per pochi e quando l’offerta di modelli con queste
tanto ricchi da non aver- caratteristiche sarà sensibilmente più
ne bisogno, si è detto. ampia di oggi. Infatti, il 2021 è proprio
L’ecobonus riguarda solo l’anno a partire dal quale le case automo-
le auto elettriche e le più bilistiche devono rispettare la soglia di 95
sofisticate e costose tra quelle ibride: le grammi/chilometro di CO2, pagando
plug-in. Ma c’è un limite: il prezzo di listi- penalità su ogni vettura venduta che la
no ufficiale deve essere inferiore a sfori. Bisogna poi considerare gli sconti
50mila euro, Iva esclusa (61mila compre- delle case automobilistiche (si veda l’arti-
sa l’imposta). colo a pagina 20).
Non è detto che la partita dell’ecobonus In ogni caso, per capire bene a chi è de-
resterà per pochi fino alla fine: gli incenti- stinato l’ecobonus occorre fissare in testa
vi all’acquisto di auto a basse emissioni di l’equivalenza tra le emissioni di CO2 (il
CO2 dureranno fino alla fine del 2021, dato considerato dalla legge di Bilancio

6
L’ECOBONUS

Regole di base e definizioni


- L’ecobonus spetta per gli acquisti di veicoli di catego-
ria M1 nuovi di fabbrica, con prezzo risultante dal listino
prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice
inferiore a 50mila euro (Iva esclusa), se sono relativi a
mezzi con emissioni di CO2 tra zero e 70 grammi/chilo-
metri di CO2 e vengono effettuati dal 1° marzo 2019 al
31 dicembre 2021.
- La fascia di emissioni tra zero e 70 g/km è stata
suddivisa in due parti, con differenti importi di bonus:
- per quella tra zero e 20, in cui ci sono solo i veicoli a
trazione esclusivamente elettrica, spettano 4mila euro
(6mila in caso di rottamazione di un vecchio esemplare
di pari categoria);
- per quella tra 21 e 70, in cui rientrano sostanzialmen-
te solo gli ibridi plug-in (quelli con batterie costose e
pesanti, che si possono ricaricare dalla rete elettrica e
permettono di muoversi anche in modalità solo elettri-
ca, sia pure per non più di 20-30 chilometri) spettano
1.500 euro (2.500 in caso di rottamazione).
- Nella categoria internazionale M1 non rientrano solo
le autovetture, ma anche tutti gli veicoli con almeno
quattro ruote e destinati al trasporto di persone, con un
massimo di nove posti a sedere (compreso quello del
conducente). In sostanza, si tratta di camper e pullmini.
per determinare il diritto all’incentivo e il Mezzi che però, date le loro caratteristiche, si prestano
suo importo) e il tipo di vettura cui cia- ancor meno delle autovetture ad avere trazione elettri-
scun livello di emissioni corrisponde. ca, salvo casi particolari di utilizzo su tratte brevi.
I bonus più sostanziosi (4mila euro, che - La rottamazione non sempre fa aumentare l’importo
diventano 6mila in caso di rottamazione) dell’ecobonus. Occorre che quest’ultimo appartenga
sono riservati alla fascia di emissioni 0- alla stessa categoria M1 e abbia classe ambientale Euro
20 g/km, che corrisponde alle auto elet- 1, 2, 3 e 4. Sostanzialmente, si tratta di veicoli immatri-
triche “pure” (quelle che emettono zero). colati per la prima volta dal 1992-’93 al 2008-’09, ma
Infatti, per ora nemmeno le ibride plug- questa è solo un’indicazione orientativa: ciò che fa fede
in stanno dentro i 20 g/km. Ma sono le è il dato riportato sulla carta di circolazione.
uniche vetture che rientrano nella fascia - Il veicolo da rottamare deve essere intestato da
21-70 g/km, per la quale spettano 2.500 almeno 12 mesi allo stesso intestatario di quello acqui-
euro (4mila in caso di rottamazione). stato con incentivo o a un suo familiare convivente.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

7
AUTO 2019

COME MUOVERSI acquistare sia davvero nuovo di fab-


brica o che non sia mai stato immatri-
Dalla scelta colato all’estero;
7 qualora il veicolo sia già stato imma-
del modello tricolato precedentemente all’acqui-

alla verifica
sto (perché in vendita a km zero o per-
ché giunto in Italia con importazione

sulla demolizione parallela dopo essere stato targato per


la prima volta all’estero), si può co-
munque trattare con il venditore, che

Q
potrebbe aver già fruito lui dell’ecobo-
ual è il percorso corretto da nus, per cui potrebbe praticare uno
seguire per avere diritto al- sconto equivalente o comunque ana-
l’ecobonus? Prima di firmare logo al beneficio ricevuto.
il contratto di acquisto, a par- Dopodiché si potrà passare alla firma
te la scelta di un’auto che abbia le ca- del contratto, che dovrà riportare l’en-
ratteristiche giuste (le elenchiamo alle tità dell’incentivo, e farsi mostrare dal
pagine 21 e 22) o comunque di un vei- venditore la ricevuta di prenotazione.
colo leggero passeggeri (cioè di cate- Ma questa non è l’unica cautela da os-
goria internazionale M1, si veda alla servare in sede di firma del contratto:
pagina precedente) che abbia le stesse bisogna stare attenti a far riportare la
emissioni di CO2, occorre essenzial- data di consegna prevista (se supera i
mente: 180 giorni, si perde il diritto al bonus, si
7 verificare che siano ancora disponi- veda l’articolo a pagina 12) e ad aggiun-
bili i fondi destinati all’incentivo; gere una clausola che consenta di rece-
7 rispettare le complicate tempistiche dere nel caso l’incentivo sfumi per fatti
stabilite dalle norme (si vedano i detta- che non dipendono dalla volontà e dal-
gli da pagina 10 in poi); la diligenza del cliente oppure impegni
7 rimanere entro il limite dei 50.000 il venditore a praticare uno sconto
euro Iva esclusa (valore riferito al prez- supplementare equivalente al bonus
zo ufficiale di listino, quindi al lordo di statale eventualmente perduto.
eventuali sconti, non a quello che poi A quel punto, non resta che attende-
LA PAROLA
verrebbe effettivamente praticato dal re la consegna del veicolo nuovo, ver-
Una volta ordi- venditore); sando ovviamente il saldo pattuito con
nata l’auto si è 7 consegnare nei tempi e nei modi il venditore. Ma attenzione: se il con-
certi di ottenere giusti l’eventuale veicolo vecchio da tratto prevedeva la rottamazione di un
il bonus? rottamare (che dà diritto a un bonus veicolo vecchio che dà diritto a fruire
- maggiorato), sempre che abbia le ca- dell’ecobonus maggiorato, occorre la-
No: la consegna ratteristiche richieste dalla legge (si sciarlo al venditore in tempo utile per-
deve avvenire veda a pagina 16); ché lui provveda ad affidarlo a un de-
entro 180 giorni - accertarsi che il mezzo che s’intende molitore. Cosa che deve avvenire entro

gradendo questo quotidiano venga a leggerlo MOLTO PRIMA su: WWW.MARAPCANA.CC troverà anche riviste,fumetti,libri,musica,apps,software,giochi,se
L’ECOBONUS

15 giorni dalla data in cui risulta conse- tamazione, dei demolitori.


gnato il veicolo nuovo, altrimenti si Le case costruttrici devono soprat-
perde il diritto al bonus. tutto rimborsare al venditore il bonus
È poi consigliabile un’ultima opera- che questi ha erogato al cliente .
zione: verificare se il venditore ha Il venditore, oltre ad anticipare il
provveduto a radiare il veicolo dal Pra contributo, deve provvedere alla
(Pubblico registro automobilistico), sua prenotazione e alla relativa con-
pratica espletabile anche attraverso il ferma, oltre a gestire il rapporto col
demolitore cui lo stesso venditore ha demolitore.
affidato il mezzo. Sia le case costruttrici sia i venditori
devono poi conservare la documenta-
Adempimenti degli operatori zione fino al 31 dicembre del quinto
Qui finiscono gli adempimenti che ri- anno successivo a quello dell’emissio-
guardano direttamente l’acquirente ne della fattura di vendita.
del veicolo. Il resto ricade sulle spalle I demolitori hanno l’obbligo di pren-
delle case costruttrici (e delle loro fi- dere in carico il veicolo da rottamare ed
liali italiane), dei venditori, delle eventualmente di radiarlo dal Pra.
agenzie di pratiche automobilistiche I dettagli sono riportati nell’articolo
(che lavorano per questi ultimi) e, nei a pagina 13.
casi in cui il contratto preveda la rot- © RIPRODUZIONE RISERVATA

LA PLATEA
Ecobonus aperto anche a imprese e professionisti
La novità è importante: contrariamente alla renze rispetto agli acquisti delle persone fisiche.
maggior parte delle precedenti campagne statali Però, nel caso piuttosto raro in cui un acquiren-
e locali di incentivo all’auto, l’ecobonus non è te-persona giuridica debba rottamare un vec-
riservato alle sole persone fisiche. Infatti, la chio veicolo, quest’ultimo potrà essere intestato
legge non limita la platea e il decreto intermini- solo allo stesso soggetto che acquista.
steriale attuativo fa riferimento all’articolo 82 Dubbi quando uno dei due veicoli è intestato a
del Codice della strada, che classifica tutti i pos- una società (magari dopo un conferimento) e
sibili usi e destinazioni dei veicoli. l’altro a un socio o ci sono fusioni o cambi di
Quindi possono fruire dell’ecobonus anche le ragione sociale. Forse si farà differenza secondo
persone giuridiche: imprese, professionisti, che le operazioni siano state annotate o no. È
associazioni ed enti pubblici. Ciò rafforza i timo- certo solo che il bonus spetta se il codice fiscale è
ri di chi ritiene che i fondi a disposizione possa- uguale. Nessun dubbio sull’impresa individua-
no esaurirsi prima della fine di ciascun anno. le: non può mail essere intestataria di veicoli.
Nelle procedure, non ci sono particolari diffe- © RIPRODUZIONE RISERVATA

9
AUTO 2019

PER IL 2019, 60 MILIONI tutti si indirizzassero invece su auto ibri-


de plug-in senza alcumna rottamazione,
L’incentivo per cui otterrebbero il contributo statale
minimo). Facendo gli stessi calcoli ri-
si applicherà guardo ai 70 milioni di euro previsti per

fino a esaurimento
ciascuno dei prossimi due anni consenti-
ranno di agevolare da un minimo di

delle risorse 11.666 acquisti a un massimo di 46.666.


Sono pochi o tanti? Premesso che dal
2015 il mercato italiano dell’auto è tor-

P
nato a superare quota 1,5 immatricola-
rima ancora di scegliere un mo- zioni di vetture (1,9 l’anno scorso), nel
dello e di iniziare una trattativa 2018 le vendite sono state circa 10mila
per l’acquisto, chi subordina l’ac- (di cui la metà elettriche pure) e per il
quisto all’ottenimento dell’ecobonus de- 2019 il Governo ha previsto che raddop-
ve verificare sul sito ufficiale del ministe- pieranno. Soprattutto grazie all’ecobo-
ro dello Sviluppo economico (www.mi- nus: almeno per quest’anno, la varietà di
se.gov.it) che i fondi stanziati per ciascun modelli elettrici e plug in a listino non
anno non siano già andati esauriti. Infat- aumenterà in modo netto come farà ne-
ti, contrariamente alla prima tornata di gli anni successivi.
incentivi alla rottamazione (che risale al Tirando le somme, per ora i fondi do-
1997 e si presumeva autofinanziata con vrebbero certamente bastare per soddi-
l’incremento del gettito Iva determinato sfare la domanda ordinaria. Ma l’ecobo-
dalle vendite aggiuntive dovute proprio nus ha lo scopo di stimolare una doman-
al bonus statale),stavolta la legge ha con- da aggiuntiva. E, se da un lato i modelli
fermato la prassi delle ultime campagne incentivabili sono pochi e il loro prezzo di
statali di agevolazioni sull’acquisto di ve- listino è spesso tanto alto da scoraggiare
icoli, stanziando risorse limitate: buona parte degli automobilisti “norma-
e60 milioni di euro per il periodo dal 1° li” nonostante l’ecobonus, dall’altro va
marzo scorso al 31 dicembre prossimo; considerato che noleggiatori e flotte
r70 milioni per tutto il 2020; aziendali in genere potrebbero approfit-
t70 milioni per tutto il 2021. tare del nuovo bonus (sommato a sconti
Tradotti in termini di numero di acqui- superiori a quelli ottenibili dai privati)
sti incentivabili, i 60 milioni di quest’an- per manifestare un forte interesse per
no equivalgono a un minimo di 10mila concretizzare una svolta in senso ecolo-
esemplari (nel caso teorico tutti sceglies- gico più volte annunciata.
sero modelli elettrici, che danno diritto al Così non si può escludere del tutto che
bonus maggiore, e consegnando un vec- si arrivi davvero a esaurire i fondi prima
chio veicolo per rottamazione, che fa della fine di un anno. Perciò il Mise ha
raggiungere l’importo massimo possibi- pensato di spezzettare, in via sperimen-
le di bonus) e a un massimo di 40mila (se tale, gli stanziamenti di quest’anno: ini-

10
L’ECOBONUS

zialmente ha reso disponibili solo 20 dei sposizioni, si desume qual è il criterio di


60 milioni previsti, prevedendo di chiu- priorità per l’assegnazione dei contributi
dere e riaprire l’erogazione con varie fi- in caso di esaurimento anticipato delle
nestre temporali. Quindi i fondi destinati risorse disponibili: l’ordine di prenota-
a ognuna di esse si esauriranno rapida- zione. Dunque, non conta la data di im-
mente e chi avesse intenzione di acca- matricolazione e registrazione al Pra.
parrarseli avrebbe maggiori difficoltà. Va comunque detto che non si dovreb-
Se invece alla fine di un anno una parte be mai arrivare ad avere prenotazioni
dei fondi disponibili restasse inutilizza- che restino inevase: il sistema dovrebbe
ta, andrebbe a incrementare la dotazione essere fermato appena il totale dei bo-
prevista per l’anno successivo. Ciò non è nus già prenotati supera l’entità dei fon-
previsto per il 2021, ultimo anno per il di disponibili.
quale l’ecobonus verrà erogato (salvo È più probabile che si ponga il proble-
proroghe): eventuali somme non spese ma contrario: dovrebbero restare inuti-
tornerebbero al bilancio dello Stato per lizzate alcune risorse, perché qualche
essere utilizzate in altro modo. prenotato potrebbe perdere il diritto a
In ogni caso, va sottolineato che l’inte- percepirle (per esempio, perché l’im-
ra operazione ecobonus auto è del tutti matricolazione del veicolo non avviene
inedita in Italia ed stata definita speri- entro 180 giorni dalla prenotazione, si
mentale dalla stessa legge che l’ha previ- veda l’articolo nella pagina successiva).
sta, per cui potrebbero intervenire modi- Se ciò accadesse, le prenotazioni non
fiche strada facendo. verrebbero riaperte né la graduatoria di
Di sicuro non cambieranno le modalità chi era eventualmente rimasto fuori
di comunicazione su quante risorse ci scorrerebbe in avanti: il decreto inter-
sono ancora a disposizione. Nel momen- ministeriale attuativo dell’ecobonus
to in cui si esaurissero i fondi, il ministero non prevede liste d’attesa, ma solo che i
dello Sviluppo economico lo riportereb- fondi avanzati in un anno vengano re-
be sul proprio sito internet (www.mi- impiegati per aumentare la dotazione
se.gov.it) e bloccherà il sistema informa- dell’anno successivo.
tico di prenotazione degli incentivi. Non Però al momento nulla vieta che a quel
si arriverà a questo improvvisamente: il punto si prenoti anche chi era rimasto
decreto interministeriale attuativo pre- fuori l’anno prima, a patto che nel frat-
vede che sullo stesso sito vengano perio- tempo il veicolo da lui ordinato non sia
dicamente pubblicate informazioni su stato ancora immatricolato. Occorrerà
quanta parte dei fondi viene erogata. comunque vedere se il ministero adotte-
Quando l’erogazione riprende (l’anno rà una linea più rigorosa, impostando nel
successivo), lo renderà noto nello stesso sistema di prenotazione un blocco che
modo, riattivando poi il sistema. impedisca di inserire un’altra volta un at-
Da tutto questo, considerando che fino to di acquisto già rimasto escluso in pre-
alla data di chiusura di questa pubblica- cedenza dall’assegnazione dei fondi.
zione non sono state dettate ulteriori di- © RIPRODUZIONE RISERVATA

11
AUTO 2019

LE TEMPISTICHE nazione della data di acquisto: non c’è


alcuna disposizione che imponga di
Veicolo da targare dare al contratto una data certa, per cui
appare possibile anche modificare
entro 180 giorni quella della firma originaria.

da quando
La questione si pone proprio in que-
sti primi giorni di applicazione degli

ci si è prenotati incentivi: chi avesse già acquistato un


veicolo incentivabile ma non lo avesse
ancora immatricolato precedente-

I
mente al 1° marzo potrebbe ristipulare
l principale vincolo “procedura- il contratto, in modo che nel sistema di
le” stabilito dalla legge di Bilancio prenotazione compaia la data di risti-
(legge 145/2018, articolo 1, com- pula. Del contratto precedente, di soli-
ma 1031) per poter fruire dell’ecobo- to, non resta traccia in alcun archivio
nus è acquistare e immatricolare il ve- rilevante dal punto di vista giuridico.
icolo nel periodo di durata dell’age-
volazione: dal 1° marzo 2019 al 31 di- La conferma
cembre 2021 (salvo proroghe al Più precisa è la disciplina dettata dal
momento non prevedibili e che co- decreto ministeriale attuativo riguar-
munque non dovrebbero essere rese do all’immatricolazione: in sostanza, è
note con molto anticipo, per non tur- stabilito che essa non possa avvenire
bare il mercato). Ciò in prima battuta più di sei mesi dopo la prenotazione.
significa che sia la firma del contratto Infatti, il provvedimento prevede che
sia la targatura devono avvenire du- la prenotazione effettuata debba esse-
rante questo periodo, pena l’impossi- re poi «confermata» entro 180 giorni,
bilità di ottenere l’ecobonus. inserendo il numero di targa del veico-
Ma questo principio generale va poi lo acquistato con bonus (cosa che ov-
LA PAROLA
combinato con altri dettagli, che in viamente presuppone proprio che
certe circostanze possono portare a l’immatricolazione sia avvenuta). Se
Quali documenti conclusioni differenti. non si conferma in tempo, si perde il
occorrono diritto al bonus.
per l’immatrico- «Decide» il sistema Questa disposizione è stata pensata
lazione? Infatti, esaminando il decreto intermi- per evitare che costruttori e venditori,
- nisteriale attuativo, si vede che l’ero- colti di sorpresa dall’introduzione
Carta di identità, gazione dei fondi è regolata dal siste- dell’ecobonus e quindi non ancora
codice fiscale ma informatico di prenotazione crea- pronti a produrre e commercializzare
e certificazione to dal ministero dello Sviluppo econo- alcuni modelli incentivabili, li inseri-
sostitutiva mico sul proprio sito internet scano in listino pur non avendone la
del certificato (www.mise.gov.it). E questo sistema materiale disponibilità. Se ciò acca-
di residenza non appare “blindato” nella determi- desse, i tempi di consegna dei queste

12
L’ECOBONUS

vetture sarebbero molto lunghi e met-


tere un termine massimo di 180 giorni LA ROTTAMAZIONE
può effettivamente evitare abusi, sen- Consegna da fare al demolitore
za penalizzare i costruttori che hanno
difficoltà nei limiti del fisiologico: sei entro 15 giorni, ritardi rischiosi
mesi sono un arco di tempo ragione-
vole, in linea con i processi produttivi Rispettare i tempi fissati consegna. Tanto che,
e logistici attuali. dalla legge è molto impor- nella prassi quotidiana, si
Però i costruttori devono anche tante anche quando il tende a considerare come
stare attenti a programmare la pro- veicolo candidato all’eco- data di consegna quella in
duzione di modelli già presenti nei li- bonus è acquistato con cui è avvenuta l’immatri-
stini e finora regolarmente conse- rottamazione. Ciò alza di colazione, l’unica che è
gnati ai clienti: l’ecobonus italiano va molto l’importo dell’in- documentabile in modo
a sommarsi ad altri fattori che già in centivo (si veda a pagina certo. Ma oggi fare una
altri Paesi stanno facendo aumenta- 7), ma introduce un nuovo verifica è meno complica-
re la domanda di veicoli elettrici e rischio di perdere l’agevo- to: basta consultare il
ibridi plug-in, alla quale potrebbe di- lazione: entro 15 giorni da Portale dell’automobilista
ventare difficile fare fronte. E anche quando il veicolo nuovo è e vedere da quale data
questo potrebbe portare a sforare il stato consegnato, il vec- risulta attivata la polizza
termine dei 180 giorni. chio va affidato a un de- Rc auto. Normalmente, il
Un ulteriore caso di possibile sfora- molitore autorizzato. momento dell’attivazione
mento può verificarsi quando il veico- Altrimenti non c’è il dirit- coincide con quello della
lo arriva al venditore in tempo, ma poi to al contributo. consegna.
si perde tempo nell’immatricolazione. Una condizione analo- Certo, occorre comun-
Di qui l’importanza (per il cliente) di ga a quelle di precedenti que uno sforzo e in tutte le
far inserire nel contratto alcune clau- tornate di incentivi, du- precedenti campagne di
sole per tutelarsi (si veda a pagina 8). rante le quali sono emerse incentivi non risulta siano
interpretazioni disinvol- stati intrapresi controlli
Termine largo alla scadenza te. Alcuni operatori, in rilevanti. Però, almeno in
In ogni caso, il fatto che la conferma ritardo sulla consegna del teoria, l’operatore rischia
della prenotazione (e quindi l’imma- vecchio veicolo al demoli- di vedersi revocare il
tricolazione) debba avvenire nel giro tore, hanno semplice- bonus che ha anticipato al
di 180 giorni significa pure che non sa- mente attestato che la cliente. E per lui non sarà
rà necessario ottenere la targa entro la consegna di quello nuovo nemmeno facile chiedere
data di fine dell’ecobonus (31 dicembre al cliente sarebbe avvenu- a quest’ultimo di resti-
2021): si potrà andare anche oltre, pur- ta a vari giorni di distanza tuirglielo. Tanto più se il
ché ci si mantenga entro i 180 giorni dall’immatricolazione. cliente aveva lasciato la
dalla prenotazione. È quest’ultima che In effetti, non è facile vecchia auto al venditore
dovrà per forza essere effettuata entro per nessuno dimostrare tempestivamente.
il 31 dicembre 2021. quando è avvenuta una © RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13
AUTO 2019

GLI ADEMPIMENTI corrisposto all’acquirente direttamen-


te dal venditore, tramite la riduzione
Per gli operatori (pari al contributo stesso) del prezzo di
acquisto addebitato.
credito d’imposta Il venditore, poi, riceverà il rimborso

e obblighi
dell’importo del contributo dalle «im-
prese costruttrici o importatrici del ve-

sui documenti icolo nuovo», le quali lo recupereran-


no come credito d’imposta, utilizzabi-
le esclusivamente in compensazione,
tramite il modello di pagamento F24
di Luca De Stefani (codice tributo 3500), inviabile tramite

G
Entratel o Fisconline (cioè i servizi te-
li ecobonus su auto e moto sono lematici dell'agenzia delle Entrate),
diversi da molti altri contributi non tramite i servizi bancari o postali.
statali rivolti ai privati cittadini, Considerando che la norma parla di
come quelli per la casa: passano attra- utilizzo del credito esclusivamente in
verso gli operatori (case automobilisti- compensazione, non sarà possibile ri-
che e commercianti), senza coinvolgere chiedere il rimborso dell'importo non
direttamente il cliente. utilizzato in compensazione.
Questi dovrebbe comunque conosce- A questa compensazione non si appli-
re quali pratiche sono richieste, per po- cano né il limite generale dei 700mila
ter seguire le procedure ed evitare brut- euro per le compensazioni annuali in
te sorprese. F24 (articolo 34, comma 1, legge 23 di-
Non che poi non abbia la possibilità di cembre 2000, n. 388), né il limite dei
rivalersi sul venditore, in caso di perdita 250mila euro, previsto per i crediti
del bonus per consegna ritardata del ve- d'imposta indicati nel quadro RU di cui
icolo, irregolarità od omissioni nelle all’articolo 1, comma 53, legge 24 di-
procedure dovute proprio all’operatore cembre 2007, n. 244.
(si veda anche a pagina 8). Ma a quel In base al decreto interministeriale
punto i fastidi diventano inevitabili e c’è attuativo, però, la compensazione in
quindi il rischio di contenziosi. F24 potrà essere effettuata solo per ver-
Quindi è meglio prevenire. E se si co- sare le «ritenute» Irpef «operate in qua-
noscono anche gli adempimenti di lità di sostituto d'imposta sui redditi da
competenza del professionista, è possi- lavoro dipendente», dall'Ires e dall'Iva,
bile accorgersi di eventuali problemi in dovute (anche in acconto) per l'anno «in
tempo utile. cui viene richiesto al pubblico registro
Gli adempimenti non cambiano se- automobilistico l'originale del certifi-
condo il tipo di veicolo da incentivare. cato di proprietà e per i successivi».
Il contributo statale sull’acquisto di Quindi, la compensazione non sarà
veicoli a bassa emissione di CO2 viene possibile e il credito non compensato

14
L’ECOBONUS

non potrà essere richiesto a rimborso


(quindi, nella sostanza, verrà perso) per IL VINCOLO DEL PREZZO
le «imprese costruttrici o importatrici» La legge si basa sul listino
che non versano queste tre imposte (Ir-
pef dei dipendenti, Ires o Iva). ma non chiarisce che cos’è
Si pensi, ad esempio, a un importato-
re, senza dipendenti, costituito in for- Qual è il vero limite di - non c’è certezza di
ma di società di persone o di Srl traspa- prezzo del veicolo oltre quale sia il listino uffi-
rente, che risulta a credito di Iva, per il quale non si ha diritto ciale in vigore al mo-
svariati motivi. all’ecobonus? Il comma mento dell’acquisto,
1031 della legge di Bilan- perché un costruttore
Contratto di acquisto cio stabilisce che è il può in ogni momento
In base al decreto attuativo, «nell'atto di «prezzo risultante dal diramare aggiornamen-
acquisto deve essere indicata la misura listino prezzi ufficiale ti invitando a cestinare
dello sconto praticato in ragione del della casa automobili- anche quello inviato
contributo statale, come risultante da stica produttrice» e che pochi minuti prima,
fattura emessa dall'impresa costruttri- esso deve essere infe- senza che di tutto que-
ce o importatrice del veicolo che identi- riore a 50.000 euro, Iva sto resti traccia (sono
fichi il soggetto beneficiario» (articolo 5, esclusa. Che poi diven- documenti che non
commi 1 e 2, del decreto attuativo). tano 61.000 euro consi- vanno conservati).
L’«atto di acquisto» dovrebbe esse- derando l’Iva (per i pri- Sui listini non ci sono
re il contratto stipulato tra il vendito- vati). Ma questo non norme che garantiscano
re finale (ad esempio, l’eventuale chiarisce tutto. certezze anche perché
concessionario) e l’acquirente finale Infatti, i listini prezzi essi sono solo indicativi:
e non quello tra «l’impresa costruttri- ufficiali non rispondono se fossero vincolanti per
ce o importatrice del veicolo» e il ven- a regole uniformi e non la rete di vendita, ver-
ditore finale. sono registrati presso rebbe lesa la libertà
Poi, non sempre è possibile inserire un’autorità pubblica. imprenditoriale dei suoi
nella «fattura emessa dall’impresa co- Questo ha due componenti.
struttrice o importatrice» l’identificazio- conseguenze: Ma, ora che i listini
ne del «soggetto beneficiario» del contri- - può accadere che un ufficiali sono stati presi
buto (cioè il consumatore finale) e la «mi- costruttore inserisca nel dalla legge come riferi-
sura dello sconto praticato in ragione del proprio listino anche le mento per l’ecobonus, è
contributo statale», in quanto spesso le promozioni tempora- auspicabile almeno una
autovetture vengono cedute al conces- nee, cioè i prezzi scon- circolare ministeriale
sionario prima che quest’ultimo le venda tati che pratica per un che spieghi più detta-
al proprio cliente. Questi dati, invece, po- periodo limitato ai gliatamente che cosa
trebbero essere facilmente inseriti nella clienti che abbiano certe s’intenda per prezzo di
fattura che viene emessa dal concessio- caratteristiche e così listino ufficiale.
nario al «soggetto beneficiario» del con- eluda di fatto la norma; © RIPRODUZIONE RISERVATA

tributo (cioè il consumatore finale).

15
AUTO 2019

In caso di rottamazione deve avviare l’eventuale veicolo usato


In caso di rottamazione, poi, nel con- alla demolizione e deve provvedere di-
tratto deve essere dichiarato espressa- rettamente alla richiesta della cancella-
mente che l’eventuale veicolo conse- zione per demolizione allo sportello te-
gnato è «destinato alla rottamazione». lematico dell’automobilista.
A pena di non riconoscimento del con- Il venditore deve poi consegnare i vei-
tributo, entro 15 giorni dalla data di con- coli usati ai centri di raccolta apposita-
segna del veicolo nuovo, il venditore mente autorizzati, anche per il tramite

IL CASO-ROTTAMAZIONE
Niente bonus supplementare se l’auto è troppo vecchia
Non si sa se sia stata una svista o una precisa per i mezzi elettrici e a 2.500 da 1.500 per gli
volontà del legislatore. Fatto sta che non è ibridi plug in) le auto che non rispettano nem-
possibile fruire dell’ecobonus aumentato in meno lo standard antinquinamento europeo
caso di rottamazione di un vecchio veicolo se che impose per la prima volta - almeno sulle
quest’ultimo è Euro zero. Infatti, la legge di vetture a benzina (per le diesel se ne poté fare a
Bilancio (articolo 1, comma 1031) prevede un meno per qualche tempo ancora) - la marmitta
importo maggiorato solo agli acquirenti che catalitica. La principale direttiva che introdusse
consegnano al venditore per la rottamazione questo standard fu la 91/441, che entrò piena-
un esemplare appartenente alle classi ambien- mente in vigore il 1° gennaio 1993.
tali Euro 1 (che sulla carta di circolazione nor- Questo però non significa che siano escluse
malmente compare con una di queste diciture: dal beneficio supplementare i mezzi che erano
91/441/CEE, 91/542/CEE punto 6.2.1.A o stati immatricolati prima di questa data: già dal
93/59/CEE), Euro 2 (91/542/CEE punto 1991 erano in commercio modelli che rispetta-
6.2.1.B, 94/12/CE, 96/1/CE, 96/44/CE, 96/69/ vano la direttiva.
CE o 98/77/CE), Euro 3 (98/69/CE, 98/77/CE Fino a qualche anno fa, l’esclusione delle
rif 98/69/CE A, 1999/96/CE A, 1999/102/CE Euro zero da misure agevolative avrebbe fatto
rif. 98/69/CE, 2001/1/CE rif 98/69/CE, scandalo: in circolazione c’erano ancora tante
2001/27/CE A, 2001/100/CE A, 2002/80/CE vetture non catalizzate. Ma il tempo è passato e
A o 2003/76/CE A) o Euro 4 (98/69/CE B, le ha decimate. Così già alla fine del 2017 ne
98/77/CE rif. 98/69/CE B, 1999/96/CE B, risultavano ancora un milione e mezzo di
1999/102/CE rif. 98/69/CE B, 2001/1/CE rif. esemplari, appena il 4% del parco circolante
98/69 CE B, 2001/27/CE B, 2001/100/CE B, italiano. Può essere che il legislatore le abbia
2002/80/CE B, 2003/76/CE B, 2005/55/CE escluse per questo. Anche perché, se risultano
B1 o 2006/51/CE rif. 2005/55/CE B1). ancora in servizio dopo circa trent’anni, vuol
In altre parole, sono escluse dal beneficio dire che vengono utilizzate poco.
supplementare (aumento a 6.000 euro da 4.000 © RIPRODUZIONE RISERVATA

16
L’ECOBONUS

delle case costruttrici, al fine della mes- esempio, il concessionario) al consu-


sa in sicurezza, della demolizione, del matore finale, una copia, anche elettro-
recupero di materiali e della rottama- nica, dei seguenti documenti:
zione. Questi veicoli non potranno più e la fattura di vendita emessa dal ven-
essere rimessi in circolazione. ditore al consumatore finale;
r l’atto di acquisto da parte del consu-
Prenotazione del contributo matore finale;
I venditori dei veicoli agevolabili devo- t in caso di leasing, il contratto di loca-
no prenotare i contributi statali, regi- zione finanziaria, la dichiarazione rila-
strandosi ad un apposito sistema infor- sciata dalla società di leasing, attestante
matico presente nel sito www.mi- la tipologia del veicolo concesso in loca-
se.gov.it e inserendo i dati relativi all’or- zione finanziaria e l’ammontare del
dine di acquisto del veicolo, contributo risultante dalla fattura di ac-
comprensivi dell’importo versato a ti- quisto.
tolo di acconto da parte dell’acquirente. Questi documenti dovranno essere tra-
Otterranno, così, una «ricevuta di regi- smessi dal venditore alla casa costrut-
strazione della prenotazione» secondo trice o all’importatore.
la disponibilità di risorse. Nel caso in cui sia prevista la rottama-
Il decreto interministeriale attuativo, zione del veicolo usato, dovranno esse-
poi, prevede che entro 180 giorni dalla re conservati (sempre dalle imprese co-
prenotazione del contributo, i venditori struttrici o importatrici e fino al 31 di-
debbano confermare l’operazione di cembre del quinto anno successivo a
vendita, comunicando il numero di tar- quello in cui è stata emessa la fattura di
ga del veicolo nuovo consegnato. vendita), anche i seguenti documenti:
Per la rottamazione, entro 15 giorni e le copie del libretto, della carta di cir-
dalla consegna del veicolo nuovo (pena colazione e del foglio complementare o
il non riconoscimento del contributo del certificato di proprietà del veicolo
statale), i venditori devono consegnare usato o, in caso di loro mancanza, del-
il veicolo usato a un demolitore, che lo l’estratto cronologico;
prende in carico. r l’originale del certificato di proprietà
Poi, devono richiedere la cancellazione relativo alla cancellazione per demoli-
LA PAROLA
del veicolo per demolizione allo sportello zione, rilasciato dallo sportello telema-
telematico dell’automobilista, diretta- tico dell’automobilista; La classe Euro è
mente o tramite il demolitore stesso. t il certificato dello stato di famiglia, sempre riportata
qualora l’intestatario del veicolo usato sulla carta di
Conservazione dei documenti oggetto della rottamazione sia uno dei circolazione?
Le «imprese costruttrici o importatrici familiari conviventi alla data di acquisto -
del veicolo nuovo» dovranno conserva- del veicolo nuovo; Sì, ma sui veicoli
re fino al 31 dicembre del quinto anno u il documento di presa in carico del ve- più vecchi lo è solo
successivo a quello di emissione della icolo usato da parte del demolitore. con la sigla di una
fattura di vendita del venditore (ad © RIPRODUZIONE RISERVATA direttiva europea

17
AUTO 2019

MOTO E MOTORINI to solo a generare energia elettrica o di un


motore termico che garantisca solo la tra-
Sconti del 30% zione (e può funzionare in modo autono-
mo) o anche la generazione di elettricità.
fino a 3mila euro I veicoli da rottamare devono innanzi-

retroattivi
tutto avere classe ambientale tra Euro ze-
ro ed Euro 2: sostanzialmente, sulla carta

dal 1° gennaio di circolazione non deve apparire alcuna


direttiva europea antinquinamento o la
97/24 o la 2002/51 Fase A o la 2003/77

O
Fase A. Più facilmente, si può verificare il
ltre agli stanziamenti per l’eco- numero di classe, digitando la propria
bonus, la legge di Bilancio ha de- targa sul Portale dell’automobilista.
stinato 10 milioni a contributi Inoltre, il mezzo da rottamare deve ap-
per l’acquisto di moto e motorini elettrici partenere alle «medesime categorie» di
o ibridi, ma solo in caso di rottamazione e quelli acquistati. Ciò sembra significare
per un solo anno. che non occorra che la categoria coincida
La norma (articolo 1, comma 1057) par- (per esempio, che per l’ecobonus su un L1
la di veicoli delle categorie internazionali si possa rottamare solo un altro L1): in ca-
L1 e L3 con potenza inferiore o uguale a 11 so contrario, la norma avrebbe parlato di
kiloWatt, se acquistati dal 1° gennaio al 31 «medesima categoria».
dicembre 2019 (non ci sono vincoli sulla Chiarimenti sono attesi per sapere se ci
data di immatricolazione). Gli L1 sono i ci- saranno istruzioni particolari sugli ac-
clomotori, gli L3 sono sostanzialmente le quisti effettuati dal 1° gennaio a ora: an-
motociclette (veicoli a due ruote con ci- ch’essi danno diritto all’incentivo, come
lindrata superiore a 50 centimetri cubici e stabilisce la legge (articolo 1, commi 1057-
velocità massima superiore a 45 km/h). 1064), ma finora non c’era alcuna possibi-
L’entità del bonus è pari al 30% del lità per erogarlo e molti fra i contratti di
prezzo, con un massimo di 3mila euro. acquisto stipulati non tengono conto del-
Spettano solo a chi acquista (anche in lea- l’importo dell’agevolazione statale. Con
sing) esemplari che siano elettrici o ibridi. l’attivazione della piattaforma telemati-
Quelli elettrici sono definiti dal decreto ca di prenotazione sul sito del ministero
interministeriale attuativo come dotati dello Sviluppo economico (www.mi-
di motorizzazione finalizzata alla sola se.gov.it), diventa teoricamente possibile
trazione di tipo elettrico, con energia per prenotare il bonus anche in questi casi,
la trazione esclusivamente di tipo elettri- essendocene i requisiti di legge. Ma oc-
co e completamente immagazzinata a corre vedere se verrà dettata qualche re-
bordo (batterie). Gli ibridi devono invece gola particolare su come erogare a poste-
avere una motorizzazione elettrica fina- riori al cliente la somma corrispondente
lizzata alla trazione con presenza a bordo all’incentivo.
anche di un motogeneratore termico vol- © RIPRODUZIONE RISERVATA

18
L’ECOBONUS

I MODELLI CON BONUS da centrali a carbone.


Oltre la soglia dei 20 e fino ai 70 g/km
Contributi solo (limite massimo di emissioni per otte-
nere l’ecobonus), fascia nella quale si ha
alle auto elettriche diritto all’incentivo ridotto, ci sono le

e alle ibride
auto ibride plug-in. Cioè nelle quali il
motore termico non solo è affiancato da

più sofisticate uno elettrico, ma può anche restare


spento per brevi tratti (20-30 chilometri
al massimo) perché per tali distanze

O
l’unità elettrica è anche in grado di for-
ltre a essere pochi (almeno per nire la trazione da sola.
ora), i modelli il cui acquisto dà Per godere di questo vantaggio, biso-
diritto all’ecobonus sono an- gna mettere in conto un prezzo più alto
che poco conosciuti dal grande pubbli- rispetto a un’auto ibrida tradizionale e
co. Non solo nell’aspetto, ma anche nel- un maggior peso (svantaggi entrambi
le loro caratteristiche di base: da quando causati da batterie più grandi e pesanti).
l’offerta di auto elettriche e ibride si è Di conseguenza, sui tragitti lunghi il
ampliata, si sono create varie categorie. motore termico potrebbe avere un
Che vanno illustrate, per capire meglio maggior consumo: deve muovere una
le tabelle pubblicate alle pagine 21 e 22. vettura più pesante e, se il guidatore im-
Non è più detto che le auto elettriche posta l’apposito programma di funzio-
“pure” abbiano solo un motore elettrico namento eventualmente presente, e ri-
alimentato da batterie: possono avere caricare in marcia le batterie. Da questo
in più un range extender, cioè un piccolo si deduce che chi utilizza l’auto su tragit-
motore a scoppio che ha la sola funzione ti lunghi provoca emissioni di CO2 ben
di ricaricare le batterie anche in marcia. superiori ai valori omologati che con-
Questo spiega il fatto che nelle tabelle ci sentono di prendere l’ecobonus, perché
sia qualche modello elettrico che figura essi sono misurati a batterie cariche.
non con emissioni zero ma con una cifra Le ibride “normali”, invece, hanno va-
comunque contenuta entro la soglia dei lori di CO2 omologati che non consen-
20 grammi/chilometro, quella che deli- tono di ottenere l’ecobonus. Perciò non
mita la fascia con l’incentivo maggiore. sono presenti nelle tabelle. A tali ibride
A ben guardare, non sono a emissioni si stanno affiancando quelle mild e
zero nemmeno le auto elettriche che fi- quelle micro, nelle quali la parte elettrica
gurano come tali. Salvo che la loro bat- non contribuisce alla trazione o lo fa in
terie vengano sempre ricaricate con modo tanto limitato che qualche Comu-
energia elettrica prodotta da fonti rin- ne potrebbe non riconoscere i vantaggi
novabili. Di qui le polemiche su Stati sulle misure antismog normalmente ri-
(come la Polonia) che continuano ad conosciuti ai modelli ibridi.
avere gran parte dell’energia prodotta © RIPRODUZIONE RISERVATA

19
AUTO 2019

LE STRATEGIE chino una promozione. In altre parole,


la versione elettrica della Up è stata già
Il bonus non basta, venduta con volumi che saturano la li-
mitata produzione attuale.
le case faranno Altri probabilmente si muoveranno

i loro sconti.
prima. Come Mercedes, che aveva già
deciso di rendere la gamma Smart solo

Ecco i primi esempi elettrica dal 2020. Già oggi ai clienti vie-
ne regalata la wall box (montaggio in-
cluso): consente di ricaricare più velo-
cemente l’auto a casa o in garage. In ag-
di Giuseppe Latour e Mauro Pizzin giunta, per la serie speciale top di gam-

N
ma (la Brabus style) saranno offerte
on c’è soltanto l’ecobonus, formule di finanziamento agevolato, in
per le auto elettriche e ibride abbinamento all’ecobonus.
plug-in. L’effetto del nuovo Basta scorrere i listini per verificare
incentivo, in partenza in questi giorni, che molti modelli elettrici, nonostante
sarà probabilmente moltiplicato dalle il bonus massimo da 6mila euro, reste-
offerte che i gruppi automobilistici af- rebbero comunque sopra la soglia dei
fiancheranno all’agevolazione statale, 30mila euro: prezzi che rendono il rag-
in modo da ridurre ulteriormente il gio d’azione degli incentivi ancora
gap di prezzo rispetto a quelle tradi- piuttosto ristretto. Un’ulteriore spinta,
zionali paragonabili per prestazioni e magari di importo pari all’ecobonus,
dimensioni. A dimostrarlo è quanto consentirebbe di scendere sotto questa
avvenuto, in situazioni simili, in altri soglia, rendendo l’elettrico competiti-
Paesi, come quelli del Nord Europa. E, vo con altre forme di alimentazione e
anche se inizialmente molti costrutto- andando davvero a incidere sulle scelte
ri restano abbottonati sulle loro strate- di acquisto degli italiani.
gie, ci si può aspettare un effetto domi- E il discorso potrebbe coinvolgere
no: una volta che qualcuno dei concor- anche l’ecotassa. Il nuovo malus, di
renti avrà attivato gli sconti, saranno importo crescente in base alle emis-
in molti a muoversi. sioni del veicolo, potrebbe penalizzare
Per adesso, ad esempio, Volkswagen alcuni modelli rispetto a concorrenti
non ha intenzione di partire: dal prossi- diretti. La strategia dei costruttori, al-
mo anno - è stato fatto sapere - partirà lora, in molti casi sarà quella di appli-
la vera offensiva sul fronte elettriche care uno sconto che sterilizzi la tassa,
con quattro modelli esclusivi della nuo- per evitare di perdere quote di merca-
va piattaforma ID, i cui lanci sono previ- to. Mercedes, ad esempio, si farà carico
sti dal 2020 al 2022. Solo allora verrà interamente dell’importo del malus
fatta una valutazione; per quest’anno per tutti i suoi van.
mancano, invece, numeri che giustifi- © RIPRODUZIONE RISERVATA

20
L’ECOBONUS

Le auto dell’ecobonus
MARCA MODELLO VERSIONE KW CO2 PREZZO PREZZO BONUS- ECO SUPER
IN EURO* SCONTATO MALUS BONUS- BOLLO
IN EURO** IN EURO MALUS*** IN EURO
Audi A3 Sportback 1.4 TFSI 2e-tron S tronic (PHEV) 110 36 39.000 36.500 -2.500 -6,41% -
1.4 TFSI e-tron S tronic (PHEV) Design 110 36 40.600 38.100 -2.500 -6,16% -
1.4 TFSI e-tron S tronic (PHEV) Sport 110 36 40.600 38.100 -2.500 -6,16% -
BMW i3 i3 125 0 39.150 33.150 -6.000 -15,33% -
i3 Range Extender 153 13 43.850 37.850 -6.000 -13,68% -
i3s 135 0 42.800 36.800 -6.000 -14,02% -
i3s Range Extender 163 14 47.500 41.500 -6.000 -12,63% -
Serie 2 Active Tourer 225xe iPerformance 165 41 38.250 35.750 -2.500 -6,54% -
225xe iPerformance Advantage 165 41 39.250 36.750 -2.500 -6,37% -
225xe iPerformance Business 165 41 40.700 38.200 -2.500 -6,14% -
225xe iPerformance Luxury 165 41 44.050 41.550 -2.500 -5,68% -
225xe iPerformance M Sport 165 41 43.050 40.550 -2.500 -5,81% -
225xe iPerformance Sport 165 41 41.500 39.000 -2.500 -6,02% -
Serie 3 Berlina 330e 185 44 47.350 44.850 -2.500 -5,28% -
330e Business Adv. 185 44 49.350 46.850 -2.500 -5,07% -
330e Luxury 185 44 53.900 51.400 -2.500 -4,64% -
330e MSport 185 44 54.750 52.250 -2.500 -4,57% -
330e Sport 185 44 51.600 49.100 -2.500 -4,84% -
Serie 5 Berlina 530e Business 185 44 58.750 56.250 -2.500 -4,26% -
Citroën Berlingo Multispace E-Berlingo Multispace Full Electric Feel 49 0 33.000 27.000 -6.000 -18,18% -
C-Zero Full Electric Seduction 49 0 30.690 24.690 -6.000 -19,55% -
E-Mehari E-Mehari Hard top 50 0 28.200 22.200 -6.000 -21,28% -
E-Mehari Soft top 50 0 27.300 21.300 -6.000 -21,98% -
E-Mehari Styled by Courrèges 50 0 31.700 25.700 -6.000 -18,93% -
Hyundai Ioniq 1.6 Plug-in Hybrid 6DCT Comfort 104 26 33.750 31.250 -2.500 -7,41% -
1.6 Plug-in Hybrid 6DCT Style 104 26 36.250 33.750 -2.500 -6,90% -
EV 28kWh Comfort 88 0 37.000 31.000 -6.000 -16,22% -
EV 28kWh Style 88 0 39.000 33.000 -6.000 -15,38% -
Kona Kona Electric 39 kWh XPrime 100 0 37.500 31.500 -6.000 -16,00% -
Kona Electric 64 kWh Exellence 150 0 48.000 42.000 -6.000 -12,50% -
Kona Electric 64 kWh XPrime 150 0 42.500 36.500 -6.000 -14,12% -
Kia Niro PHEV 1.6 GDI DCT 104 29 36.700 34.200 -2.500 -6,81% -
Optima 2.0 GDi Plug-in Hybrid 151 37 44.000 41.500 -2.500 -5,68% -
Optima Sportswagon 2.0 GDi Plug-in Hybrid 161 33 45.750 43.250 -2.500 -5,46% -
Soul ECO electric You® Soul 81 0 37.000 31.000 -6.000 -16,22% -
Mini Mini Countryman Cooper S E ALL4 aut. 165 55 39.100 36.600 -2.500 -6,39% -
Cooper S E ALL4 aut. Hype 165 55 42.400 39.900 -2.500 -5,90% -
Mitsubishi i-MiEV i-MiEV 49 0 29.900 23.900 -6.000 -20,07% -
Outlander PHEV 4WD Instyle 149 42 46.850 44.350 -2.500 -5,34% -
PHEV 4WD Instyle Diamond SDA 149 42 52.850 50.350 -2.500 -4,73% -
PHEV 4WD Instyle Plus SDA 149 42 49.850 47.350 -2.500 -5,02% -
Nissan Leaf 3.Zero 40kWh 110 0 42.080 36.080 -6.000 -14,26% -
3.Zero e+ Limited Edition 62kWh 158 0 49.150 43.150 -6.000 -12,21% -
Acenta 110 0 36.360 30.360 -6.000 -16,50% -
Segue a pag.22

21
AUTO 2019

Le auto dell’ecobonus
MARCA MODELLO VERSIONE KW CO2 PREZZO PREZZO BONUS- ECO SUPER
IN EURO* SCONTATO MALUS BONUS- BOLLO
IN EURO** IN EURO MALUS*** IN EURO

Nissan Leaf Enel Edition 110 0 36.160 30.160 -6.000 -16,59% -


N-Connecta 110 0 37.935 31.935 -6.000 -15,82% -
N-Connecta Two Tone 110 0 39.105 33.105 -6.000 -15,34% -
Tekna 110 0 39.790 33.790 -6.000 -15,08% -
Tekna PPP 110 0 40.990 34.990 -6.000 -14,64% -
Tekna PPP Two Tone 110 0 42.160 36.160 -6.000 -14,23% -
Tekna Two Tone 110 0 40.960 34.960 -6.000 -14,65% -
Visia Plus 110 0 34.370 28.370 -6.000 -17,46% -
NV200 Evalia e-NV 200 Evalia 80 0 44.300 38.300 -6.000 -13,54% -
e-NV 200 Evalia Enel Edition 80 0 44.210 38.210 -6.000 -13,57% -
Renault Zoe Q90 Bose 65 0 38.850 32.850 -6.000 -15,44% -
Q90 Flex Bose 65 0 30.850 24.850 -6.000 -19,45% -
Q90 Flex Intens 65 0 28.050 22.050 -6.000 -21,39% -
Q90 Flex Life 65 0 26.250 20.250 -6.000 -22,86% -
Q90 Intens 65 0 36.050 30.050 -6.000 -16,64% -
Q90 Life 65 0 34.250 28.250 -6.000 -17,52% -
R90 Bose 68 0 38.150 32.150 -6.000 -15,73% -
R90 Flex Bose 68 0 30.150 24.150 -6.000 -19,90% -
R90 Flex Intens 68 0 27.350 21.350 -6.000 -21,94% -
R90 Flex Life 68 0 25.550 19.550 -6.000 -23,48% -
R90 Intens 68 0 35.350 29.350 -6.000 -16,97% -
R90 Life 68 0 33.550 27.550 -6.000 -17,88% -
Zoe 68 0 31.050 25.050 -6.000 -19,32% -
Zoe Flex 68 0 23.050 17.050 -6.000 -26,03% -
Smart Forfour Electric Drive passion 60 0 25.593 19.593 -6.000 -23,44% -
Electric Drive perfect 60 0 25.900 19.900 -6.000 -23,17% -
Electric Drive prime 60 0 26.372 20.372 -6.000 -22,75% -
Electric Drive youngster 60 0 24.656 18.656 -6.000 -24,33% -
Fortwo cabrio Electric Drive passion 60 0 28.225 22.225 -6.000 -21,26% -
Electric Drive perfect 60 0 28.532 22.532 -6.000 -21,03% -
Electric Drive prime 60 0 28.840 22.840 -6.000 -20,80% -
Electric Drive youngster 60 0 27.288 21.288 -6.000 -21,99% -
Fortwo coupé Electric Drive passion 60 0 24.857 18.857 -6.000 -24,14% -
Electric Drive perfect 60 0 25.164 19.164 -6.000 -23,84% -
Electric Drive prime 60 0 25.472 19.472 -6.000 -23,56% -
Electric Drive youngster 60 0 23.920 17.920 -6.000 -25,08% -
Tesla Model 3 Dual motor AWD Long Range 258 0 59.600 53.600 -6.000 -10,07% 1.460
Toyota Prius 1.8 Active 90 70 29.250 26.750 -2.500 -8,55% -
Volkswagen Golf e-Golf 100 0 40.100 34.100 -6.000 -14,96% -
up! e-up! 60 0 28.450 22.450 -6.000 -21,09% -
Volvo S60 T8 Geartronic AWD Inscription 288 42 60.400 57.900 -2.500 -4,14% 2.060
T8 Geartronic AWD R-Design 288 42 60.400 57.900 -2.500 -4,14% 2.060
Nota: (*) Prezzo di listino chiavi in mano; (**) Importi massimi con rottamazione altrimenti lo scontoscende da 6.000€ a 4.000€ o da 2.500€ a 1.500€;
(***) Peso percentuale dell’Ecobonus sul prezzo di listino

Fonte: Publieditor

22
L’ECOBONUS

MOTORI TRADIZIONALI Quanto ai costi di gestione, occorre


mettere in preventivo spese aggiuntive di
Catalizzatori Scr manutenzione, che però non appaiono
particolarmente onerose. Piuttosto, ci
e filtri sui benzina saranno da affrontare esborsi notevoli se
occorrerà sostituire alcuni pezzi impor-
fanno comunque tanti. Sono problemi che in realtà toccano

alzare i costi
solo l’acquirente privato: i gestori di flotte
aziendali, soprattutto a noleggio, decido-
no secondo logiche diverse.

di Nicola Giardino I catalizzatori Scr sul diesel

E
I nuovi motori diesel che adottano un si-
cobonus ed ecotassa non sono le stema cosiddetto Scr (Selective Catalyst
uniche novità che in questi mesi Reduction), basato su un catalizzatore a
possono indurre chi acquista monte del quale viene iniettato l’additivo
un’auto a rifare i conti sulla sua reale con- AdBlue o di tipo equivalente. L’additivo è
venienza. Con l’entrata in vigore dell’ulti- una miscela di 67,5% di acqua e 32,5% di
ma evoluzione dello standard europeo urea. Iniettato nel sistema di scarico, per
antinquinamento fissato dopo il diesel- effetto delle alte temperature l’urea si tra-
gate (Euro 6D-Temp ed Euro 6D), sono di sforma in ammoniaca che modifica i NOx
fatto diventati obbligatori nuovi disposi- in innocuo azoto e vapore acqueo.
tivi che fanno aumentare sia i costi di pro- La domanda che ne consegue è «quan-
duzione sia quelli di gestione. Si tratta de- to mi costa?». Per saperlo, è necessario
gli Scr (Selective catalyst reduction), cata- basarsi sull’esperienza delle reti di assi-
lizzatori selettivi a iniezione di urea per stenza autorizzate di alcune case costrut-
abbattere gli ossidi di azoto (NOx) dei trici. Infatti, le auto diesel con Scr per il
motori diesel e dei filtri antiparticolato momento sono in massima parte in ga-
adottati anche sui motori a benzina a ranzia e quindi fedeli al circuito ufficiale
iniezione diretta (le nuove norme pongo- della casa venditrice, a parte la semplice
no ora limiti alle già basse emissioni di operazione di riempimento del serbatoio
polveri sottili di questi propulsori). dell’additivo, che si può effettuare anche
Quanto ai costi di produzione, il loro in molti altri punti di assistenza e distri-
impatto sul prezzo effettivamente paga- butori di carburante.
to dagli acquirenti è difficilmente valuta- I serbatoi sono normalmente di 20 litri
bile, per ora: in molti casi, i costruttori (solo in alcuni casi sono di dimensione di-
hanno preferito non rendere evidenti le mezzata) e assicurano quindi un’autono-
modifiche ai propri modelli, per favorire mia di 20-30mila chilometri, a seconda
lo smaltimento delle scorte. Ma è eviden- del tipo di guida, del tipo di percorso e del-
te che col tempo ripercussioni sui prezzi le condizioni di carico. Il consumo medio
ce ne saranno. in condizioni normali è di 1,5 litri per

23
AUTO 2019 L’ECOBONUS

1.000 chilometri. Si vende nelle officine e Va poi considerato che prima o poi il
nelle stazioni di servizio in taniche da 10 prezzo del gasolio dovrebbe essere portato
litri, al prezzo oscillante tra 15 e 20 euro. allo stesso livello di quello della benzina,
A causa del consumo di urea, si può uniformando le accise. Lo prevede la Sen
quindi preventivare un aggravio nel costo (Strategia energetica nazionale) varata a
di gestione di circa 30 centesimi ogni cen- novembre 2017, che disegna scenari a me-
to chilometri, rispetto a una Euro 6A, 6B dio-lungo termine non vincolanti. Ma le
oppure 6C (gli standard fissati prima del esigenze di cassa dello Stato potrebbero
dieselgate). Considerando gli attuali portare ad accelerare. Comunque, a favore
prezzi del gasolio alla pompa (circa 1,4 eu- del diesel, resterà un consumo inferiore
ro al litro), è un po’ come se gli ultimi pro- del 20-25% rispetto ai motori a benzina,
pulsori avessero un consumo superiore di pur evoluti. Rispetto agli ibridi, dipende da
0,2 litri ogni 100 chilometri. Cioè, consi- dove si circola: in città e sul misto, i consu-
derando un’auto che copre in media 17 mi sono all’incirca equivalenti, ma nell’uso
chilometri con un litro di gasolio, è come autostradale (velocità superiori ai 100 al-
se la percorrenza media fosse scesa a 16,4 l’ora) il diesel afferma sempre la sua supe-
km/l. Uno scarto percentuale inferiore al riorità: in quelle condizioni, l’ibrido è co-
4%, più o meno l’equivalente del viaggiare stretto a sfruttare il motore a benzina, che
col compressore del climatizzatore acce- deve supplire anche all’aggravio di peso
so invece che spento. L’aggravio si può dovuto alla presenza delle batterie. Contro
minimizzare mantenendo lontano dal il diesel giocano invece i futuri divieti di cir-
minimo il livello dell’urea nel suo serbato- colazione nelle principali città. Per ora solo
io. In alcune stazioni di servizio è possibile Milano ha già fissato un calendario preci-
riempire il serbatoio per la quantità stret- so, che vede una messa al bando dal lunedì
tamente necessaria, evitando l’acquisto al venerdì (dalle 7,30 alle 19,30) progressi-
dell’intera tanica. Il sistema a esaurimen- va col tempo, destinata a riguardare anche
to dell’additivo segnala la mancanza, ma gli Euro 6D-Temp e 6D da ottobre 2030.
non ferma la marcia del veicolo su strada.
Dopo la prima fermata, però, ne impedi- I filtri sui benzina
sce la ripartenza. In mancanza di additivo, Sui costi del Fap di nuova applicazione sui
bisogna evitare di aggiungere solo acqua motori a benzina con iniezione diretta, so-
LA PAROLA
o gasolio per evitare costosi danni. no per ora disponibili solo i dati riguardan-
Il catalizzatore Per finire i conti sul diesel, c’è il filtro ti alcune case costruttrici come il gruppo
Scr è sempre Fap di ultima generazione, il cui costo, al- Psa. La manutenzione per il momento è di
obbligatorio l’interno dei programmi di manutenzio- qualche decina di euro. La sostituzione,
sulle diesel? ne ordinaria, non eccede alcune decine di non prevista al momento a chilometrag-
- euro, ma può essere superiore presso le gio certo ma solo in caso di necessità, ha un
Di fatto sì, ma reti ufficiali. La sua sostituzione del filtro, costo di 700 euro tutto compreso, perché
solo sulle nuove che costa più di 500 euro, è richiesta di ra- costituito da un pezzo unico che com-
Euro 6D-Temp ed do e comunque non avviene prima di prende catalizzatore e marmitta catalitica.
Euro 6D 180-200mila chilometri. © RIPRODUZIONE RISERVATA

24
02
L’ECOTASSA:
CHI PAGA
E QUANTO
AUTO 2019

02 ECOTASSA
Tante sorprese
su chi deve pagare
e come va fatto

di Maurizio Caprino

A
ttenzione all’ecotassa: chi prevista (110 grammi al chilometro di
è tenuto a pagarla rischia CO2), si è deciso di far scattare la tassa-
di non adempiere, andan- zione solo oltre i 160 g/km. Significa che
do incontro a sanzioni. sono state esentate quasi tutte le auto
Non per colpa sua, ma medie, anche a benzina (più critici, per-
perché il nuovo tributo è stato varato in ché le emissioni di CO2 sono direttamen-
fretta, con modalità che possono trarre te proporzionali al consumo, che per
in inganno. Se non fosse per questo, a questo tipo di alimentazione è sempre
ben vedere l’ecotassa non avrebbe un superiore rispetto al diesel). E tra i mo-
impatto così pesante com’era stato pa- delli che si salvano non sono pochi nean-
ventato a dicembre. che quelli più grandi, talvolta anche suv.
Infatti, a causa delle polemiche e delle Ma sull’ecotassa non bisogna abbas-
preoccupazioni per l’industria nazionale sare la guardia. Innanzitutto perché si
suscitate dalla soglia originariamente crede che sia dovuta solo da chi acqui-

26
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

Il parametro decisivo
- Tutto il meccanismo dell’ecotassa si basa su un parame-
tro fondamentale: le emissioni di CO2, espresse in grammi
per chilometro (g/km) e misurate secondo il ciclo di omo-
logazione più favorevole (perché consente di ottenere
valori più bassi).
- La CO2 (biossido di carbonio, più noto con il vecchio
nome di anidride carbonica) non è un gas inquinante ma è
nel mirino perché climalterante. Cioè contribuisce ad
assottigliare lo strato di ozono nell’atmosfera, per cui i
raggi del sole hanno maggiori effetti e si verifica il riscalda-
mento globale, che fa cambiare il clima favorendo siccità e
alluvioni. Di qui l’impegno della Ue (che su questo fronte è
in prima linea nel mondo) a imporre tagli nelle emissioni di
CO2. Quelle provenienti dalle auto pesano per il 10-12%
del totale.
- Il limite attuale di emissioni di CO2 fissato dalla Ue per le
autovetture è di 130 g/km. Ciò non significa che sia vieta-
to produrre auto che emettono di più, ma che ci sono
penalità in denaro per ogni esemplare venduto che sfori
questa soglia (sia pure con alcuni correttivi nel calcolo). Dal
2021 il limite sarà abbassato a 95 g/km. Entro il 2030 ci
dovrà essere un ulteriore taglio del 37,5%, ma rispettando
una tappa intermedia del 15% entro il 2025. Sostanzial-
mente questo implica che entro il 2030 sarà impossibile o
sta un’auto nuova e invece, per gli quasi continuare a produrre auto con i tradizionali motori
esemplari che avevano già una targa termici, pur evoluti. A meno di pagare le penalità per chi
estera, va pagata in ogni caso al mo- sfora. In ogni caso, i costi di produzione aumenteranno.
mento dell’immatricolazione in Italia. - Il ciclo di omologazione attuale è il Wltp, in vigore per
Anche quando il proprietario li aveva tutti da settembre 2018. Rispetto a quello precedente
acquistati anni prima. (Nedc), si svolge sempre in laboratorio; ma con accelera-
Inoltre, anche quando un acquirente zioni e velocità più elevate, il che lo rende più realistico. Il
sa di dover pagare può omettere di farlo, valore che conta ai fini dell’ecotassa è il Nedc, quindi il più
in perfetta buona fede. Perché si è abi- favorevole a chi deve pagare. È riportato sulla voce V.7
tuati al prezzo «chiavi in mano», per cui della carta di circolazione. Non si poteva scegliere il valore
materialmente le tasse sull’acquisto le Wltp perché fino a dicembre 2020 potranno essere ven-
paga tutte il venditore. Ma di fatto l’eco- dute anche auto a norma Nedc. Infatti dal 2021 si passerà
tassa va pagata personalmente. al Wltp anche per il calcolo dell’ecotassa e i valori saliranno.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

27
AUTO 2019

LA TASSA SULLA CO2 L’importo che dovrà essere pagato


dipende dall’entità dello sforamento
Il pagamento delle emissioni di CO2 rispetto alla so-
glia fissata dalla legge. Se è compreso
non può essere tra 161 e 175 g/km, l’ecotassa ammon-

delegato
terà a 1.100 euro, se è tra 176 e 200
l’ecotassa sarà di 1.600 euro, tra 201 e

al venditore 250 l’ecotassa sarà di 2mila euro e se


sarà superiore a 250 l’ecotassa sarà di
2.500 euro.
Fino al 31 dicembre 2020 (quindi,
di Luca De Stefani l’anno precedente all’ultimo anno di

D
ecotassa, il 2021), il numero dei
opo la corsa contro il tempo grammi di biossido di carbonio
in febbraio per avere la cer- emessi per chilometro del veicolo sa-
tezza dell’esenzione (causata rà relativo al ciclo di prova Nedc, co-
da dubbi interpretativi), il 1° marzo è me riportato nel secondo riquadro al
scattata l’ecotassa auto. Cioè la tassa punto V.7 della carta di circolazione.
sull’acquisto di esemplari con emis- Dal 2021, dovrebbero essere riportati
sioni di CO2 superiori a 160 grammi valori più alti, perché ottenuti col ci-
per chilometro. Per ora è stabilito che clo di prova Wltp, meno blando per-
il nuovo tributo resterà in vigore fino ché prevede velocità e accelerazioni
al 31 dicembre 2021. maggiori. Quindi, chi volesse tute-
Tutto questo è stabilito dall’ultima larsi da un venditore che gli promette
legge di Bilancio, la 145/2018, all’arti- che il veicolo è esente dall’ecotassa o
colo 1, commi 1042-1046. Più in detta- non paga più di un certo importo de-
glio, l’ecotassa è dovuta da chi acquista, ve far aggiungere sul contratto di ac-
anche in leasing, e immatricola in Italia quisto la clausola che fissa il numero
un veicolo di categoria M1, cioè quelli di grammi/chilometro di CO2 che sa-
con almeno quattro ruote, destinati al ranno riportati su tale punto della
trasporto di persone, con un massimo carta di circolazione.
di nove posti a sedere, tranne che sia a
uso speciale (si veda più avanti in que- Modalità di pagamento
sto articolo). In sostanza, si tratta delle L’ecotassa dovrà essere versata dal-
autovetture, dei pullmini e dei camper. l’acquirente o dal soggetto che richie-
Normalmente il veicolo deve essere de l’immatricolazione del veicolo
«nuovo di fabbrica», ma se è già stato (che di fatto è sempre l’acquirente
immatricolato all’estero (non importa stesso), utilizzando il modello F24. Si
per quanto tempo) è comunque sog- applicano, in quanto compatibili, le
getto alla tassa se viene reimmatricola- disposizioni in materia di accerta-
to in Italia. mento, riscossione e contenzioso in

28
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

materia di imposte sui redditi. quelli usati «importati» dall’estero dal


La norma istitutiva della nuova im- 1° marzo e fino al 31 dicembre 2021.
posta, però, non prevede alcun ter- Il non parlare di «acquisto» di veicoli
mine di scadenza e non è previsto «nuovi di fabbrica», però, comporta
neppure l’emanazione di un decreto che saranno tassati anche i semplici
attuativo per istituirla. Sul punto, si passaggi dalla targa estera a quella ita-
sa soltanto che l’ecotassa dovrà esse- liana di veicoli di proprietà dello stesso
re pagata con l’F24, con il codice tri- soggetto, quindi, senza nessun acqui-
buto 3500. Il legislatore, comunque, sto vero e proprio. Si tratta della cosid-
dovrebbe approvare una norma ad detta «nazionalizzazione» del proprio
hoc relativamente alla scadenza. veicolo (italiani che hanno vissuto
L’F24 da utilizzare per il pagamen- all'estero e ora rimpatriano o persone
to dell’ecotassa dovrà essere sempre che circolavano in Italia con targa este-
intestato al soggetto debitore del- ra e ora devono mettersi in regola per la
l’imposta, cioè l’acquirente o al sog- stretta del decreto sicurezza, si veda Il
getto che richiede l'immatricolazio- Sole 24 Ore del 18 febbraio 2019).
ne del veicolo.
Esenzioni
Veicoli usati esteri L’ecotassa non si applica ai veicoli
L’ecotassa sarà dovuta anche da chi per uso speciale di cui all’allegato II,
immatricola in Italia un veicolo di cate- parte A, punto 5, della direttiva
goria M1, già immatricolato in un altro 2007/46/Ce del Parlamento euro-
Stato. Anche se la norma non lo dice, si peo e del Consiglio, del 5 settembre
presume che il periodo dell’immatri- 2007, come i camper, i veicoli blinda-
colazione in Italia sia sempre quello ti, le ambulanze, le autofunebri, i ve-
che va dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre icoli con accesso per sedie a rotelle, i LA PAROLA
2021. In questo caso, non si parla di caravan, le gru mobili, il rimorchio
«acquisto» (cioè di stipula del contrat- per trasporto eccezionale e così via. Le emissioni di
to), ma solo di «immatricolazione» di © RIPRODUZIONE RISERVATA CO2 sono sempre
veicoli già targati in un altro Stato, per- riportate
tanto, non si pone alcun problema in- sulla carta
Gli importi
terpretativo. Non vi sono dubbi, quin- di circolazione?
di, che si dovrà pagare l’ecotassa anche Importo dell'ecotassa, parametrata al -
numero di grammi di biossido di carbo- Solo sui veicoli
per tutti i veicoli con contratto di acqui- nio emessi per chilometro dal veicolo di
sto all’estero già stipulato al 28 febbra- categoria M1 nuovi. Sugli altri no
io 2019, ma immatricolati dal 1° marzo e ciò ora può cau-
CO2 G/KM ECOTASSA
2019 al 31 dicembre 2021. In questo ca- sare problemi ai fini
161-175 1.100 € dell’ecotassa nel-
so, la norma non pone come condizio-
176-200 1.600 € l’immatricolazione
ne per la tassazione del veicolo il fatto
201-250 2.000 € di esemplari già
che lo stesso sia «nuovo di fabbrica»,
quindi saranno tassati anche tutti Superiore a 250 2.500 € targati all’estero

29
AUTO 2019

LA SCELTA DEL MODELLO al fatto che alcune case hanno utilizzato


questo tipo di propulsione anche per mi-
Diesel esenti tigare il consumo di modelli grandi con
impostazione sportiva, anche per ridur-
quasi sempre, re le penalità in denaro da pagare per

più penalizzate
ogni esemplare venduto che sfora l’at-
tuale limite europeo di 130 g/km di CO2.

le auto a benzina In questi casi, l’ibrido non è regolato per


ottenere la massima economia possibi-
le, ma serve a garantire le stesse presta-

V
zioni di precedenti modelli a benzina
ince il diesel, che però nel giro di consumando meno.
un decennio rischia di essere
bandito dalle grandi città. Basta Chi si salva
una rapida occhiata alle prossime pagi- In generale, le altre ibride rimangono
me, con le tabelle dei modelli soggetti al- esenti dall’ecotassa. Come le diesel,
l’ecotassa, per notare questo paradosso: che però spesso riescono a evitarla an-
le auto a gasolio presenti sono pochissi- che quando hanno una connotazione
me, in genere suv grandi o comunque pe- molto sportiva.
nalizzate dalla trazione integrale. Salta al- Ma i 160 g/km che alla fine la legge di
l’occhio anche la presenza di qualche vet- Bilancio ha posto come limite oltre il
tura ibrida, in barba ai luoghi comuni che quale scatta l’ecotassa consentono di
vedono l’ibrido come una delle scelte mi- evitare l’aggravio anche a molti modelli
gliori per l’ambiente. Questo è comunque a benzina, oggi resi più appetibili dalle
il quadro attuale. Che si evolverà già dai messe al bando annunciate per il diesel.
prossimi mesi, almeno in alcuni dettagli. Restano esenti non solo le utilitarie, ma
anche quasi tutte le medie e qualche
Stranezze spiegate grande, soprattutto dei marchi pre-
Il paradosso del diesel si spiega con il fat- mium tedeschi che hanno investito di
to che l’ecotassa colpisce la CO2 (respon- più per tagliare la CO2, anche perché
sabile dei cambiamenti climatici, si veda possono imporre prezzi più alti.
la pagina precedente), mentre ai Comu- Di contro, alcune medie a benzina con
ni preme ridurre l’inquinamento da pol- prezzi ben più bassi, su cui si è investito
veri sottili (PM10 e PM2,5) e ossidi di azo- meno, sono soggette all’ecotassa. Le al-
to (NOx). I motori a gasolio sono la solu- ternative offerte dalla concorrenza sono
zione più a portata di mano per ridurre la davvero tante e questo dovrebbe spin-
CO2, ma sono anche la fonte principale gere i costruttori a reagire. Aumentando
di PM e NOx in campo automobilistico. gli sconti per compensare l’ecotassa o
La sorprendente presenza di alcuni riomologando le vetture in modo da far-
modelli ibridi fra le vetture colpite dal- le rientrare nella fascia di esenzione.Ma
l’ecotassa, invece, è dovuta soprattutto non è detto che continueranno a esserlo.

30
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

Le riomologazioni essere determinante: per esempio, le


In effetti, quando il livello di emissioni di gomme molto larghe aumentano gli at-
CO2 non è troppo distante da 160 g/km, triti e le barre sul tetto (scelte magari per
la riomologazione è una scelta pratica- ragioni di moda e non per la necessità di
bile. È già accaduto nelle scorse settima- fissarvi un portapacchi) tendono a peg-
ne, per esempio, per la Fiat 500L Cross giorare l’aerodinamica.
col motore 1.4. Al momento, non è possibile scoprire
La riomologazione è una prassi comu- da soli se l’allestimento che si vorrebbe
ne, quando le leggi nazionali possono scegliere fa scattare l’ecotassa o la ren-
cambiare le scelte della clientela. È acca- de più onerosa: il materiale pubblicita-
duto in passato (come quando furono rio e informativo reso disponibile da
introdotti i limiti di potenza per i neopa- costruttori e media non tiene conto di
tentati) e continua a succedere, nono- questi dettagli. L’obbligo legale di ren-
stante il mercato italiano abbia perso dere noto il livello di emissioni di CO2
importanza: gli investimenti possono non si spinge a tanto. Così l’unico modo
essere comunque giustificati dal fatto per conoscere l’effettivo livello della
che bisogna tagliare la CO2 in tutta Euro- vettura scelta sarà leggerlo sulla carta
pa, per cui o si cambiano i motori o si ade- di circolazione, cioè quando ormai è
guano quelli esistenti. troppo tardi perché l’auto sarà già stata
Ma per i clienti ci può essere una con- immatricolata.
tropartita negativa: quando l’investi-
mento del costruttore non è elevato e il Come tutelarsi
motore resta fondamentalmente Ma ci si può tutelare facendo scrivere al
quello precedente, il taglio di CO2 e venditore, sul contratto di acquisto,
consumi può essere ottenuto anche quale sarà il valore di CO2 che verrà ri-
con un semplice allungamento dei portato sulla carta di circolazione e ag-
rapporti del cambio. Ciò penalizza le giungendo che l’esenzione dall’eco-
prestazioni in ripresa, che già di solito tassa è considerato dal cliente come un
non sono esaltanti su motori a benzina elemento essenziale per la scelta di ac-
di concezione datata. quisto. In questo modo, qualora dopo
l’immatricolazione emergesse un va-
Rischio accessori lore diverso, ci sarebbe un difetto di
Quando si sceglie un modello vicino alla conformità, che per l’articoli 129 e 130
soglia dell’ecotassa o al limite oltre il del Codice del consumo costringereb-
quale il tributo diventa più pesante, bi- be di fatto il venditore ad accollarsi
sogna stare attenti a come si scelgono l’ecotassa. Senza contare che si potreb-
gli accessori. Con le attuali regole di be configurare una pratica commer-
omologazione, può accadere che un ciale scorretta (articolo 19 e seguenti
esemplare più “carico” di dotazioni fac- del Codice), che farebbe scattare san-
cia registrare consumi ed emissioni più zioni da parte dell’Antitrust.
alti. A volte anche un solo optional può © RIPRODUZIONE RISERVATA

31
AUTO 2019

Tutti i modelli soggetti all’ecotassa

Autovetture (per marca, modello e allestimento) in listino a febbraio che superano i 160 g/km di CO2
MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %
KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Alfa Romeo
Stelvio 2.0 Turbo AT8 Q4 Executive 148 161 53.550 54.650 1.100 2,05% – –
Stelvio 2.0 Turbo AT8 Q4 Executive 206 161 56.100 57.200 1.100 1,96% 420 0,73%
Stelvio 2.0 Turbo AT8 Q4 First Edition 206 161 57.350 58.450 1.100 1,92% 420 0,72%
Stelvio 2.0 Turbo AT8 Q4 Super 148 161 50.800 51.900 1.100 2,17% – –
Stelvio 2.0 Turbo AT8 Q4 Super 206 161 53.350 54.450 1.100 2,06% 420 0,77%
Audi
A3 S3 310 CV 2.0 TFSI quattro 228 162 40.250 41.350 1.100 2,73% 860 2,08%
A3 Sedan RS3 2.5 TFSI quattro S tronic 294 188 55.700 57.300 1.600 2,87% 2.180 3,80%
A3 Sedan S3 2.0 TFSI 310 CV quattro 228 162 42.650 43.750 1.100 2,58% 860 1,97%
A3 Sportback RS3 2.5 TFSI S tronic quattro 294 189 54.000 55.600 1.600 2,96% 2.180 3,92%
A3 Sportback S3 2.0 TFSI quattro 228 162 42.050 43.150 1.100 2,62% 860 1,99%
Q3 40 TFSI quattro Business Ad. Str. 140 164 44.450 45.550 1.100 2,47% – –
Q3 40 TFSI quattro Business S tronic 140 164 42.950 44.050 1.100 2,56% – –
Q3 40 TFSI quattro S Line Edition S tr. 140 164 46.500 47.600 1.100 2,37% – –
Q3 40 TFSI quattro S tronic 140 164 39.700 40.800 1.100 2,77% – –
Q3 45 TFSI quattro Business Ad. S tr. 169 167 48.500 49.600 1.100 2,27% – –
Q3 45 TFSI quattro Business S tronic 169 167 47.000 48.100 1.100 2,34% – –
Q3 45 TFSI quattro S Line Edition S tr. 169 167 50.550 51.650 1.100 2,18% – –
Q3 45 TFSI quattro S tronic 169 167 43.750 44.850 1.100 2,51% – –
TT Roadster 45 TFSI quattro S tronic 180 164 52.200 53.300 1.100 2,11% – –
Bmw
Serie 1 M140i 3P 250 163 47.700 48.800 1.100 2,31% 1.300 2,66%
Serie 1 M140i 5P 250 163 48.500 49.600 1.100 2,27% 1.300 2,62%
Serie 1 M140i xDrive 3P 250 169 49.700 50.800 1.100 2,21% 1.300 2,56%
Serie 1 M140i xDrive 5P 250 169 50.500 51.600 1.100 2,18% 1.300 2,52%
Serie 2 Cabrio M240i 250 169 58.000 59.100 1.100 1,90% 1.300 2,20%
Serie 2 Cabrio M240i xDrive 250 179 60.000 61.600 1.600 2,67% 1.300 2,11%
Serie 2 Coupé M240i 250 163 53.300 54.400 1.100 2,06% 1.300 2,39%
Serie 2 Coupé M240i M Performance Limited Ed. 250 163 57.900 59.000 1.100 1,90% 1.300 2,20%
Serie 2 Coupé M240i xDrive 250 169 55.300 56.400 1.100 1,99% 1.300 2,30%
Serie 3 Berlina 335dA xDrive 230 162 55.950 57.050 1.100 1,97% 900 1,58%
Serie 3 Berlina 335dA xDrive Business Adv. 230 162 58.100 59.200 1.100 1,89% 900 1,52%
Serie 3 Berlina 335dA xDrive Sport 230 162 60.900 62.000 1.100 1,81% 900 1,45%
Serie 3 Berlina 340i 240 172 49.550 50.650 1.100 2,22% 1.100 2,17%
Serie 3 Berlina 340i Business Adv. 240 172 51.700 52.800 1.100 2,13% 1.100 2,08%
Serie 3 Berlina 340i Luxury 240 172 56.800 57.900 1.100 1,94% 1.100 1,90%
Serie 3 Berlina 340i MSport 240 172 57.450 58.550 1.100 1,91% 1.100 1,88%
Serie 3 Berlina 340i Sport 240 172 54.500 55.600 1.100 2,02% 1.100 1,98%
Serie 3 Berlina 340i xDrive 240 179 52.150 53.750 1.600 3,07% 1.100 2,05%
Serie 3 Berlina 340i xDrive Business Adv. 240 179 54.300 55.900 1.600 2,95% 1.100 1,97%
Serie 3 Berlina 340i xDrive Business Adv. Aut. 240 162 56.500 57.600 1.100 1,95% 1.100 1,91%
Serie 3 Berlina 340i xDrive Luxury 240 179 59.400 61.000 1.600 2,69% 1.100 1,80%
Serie 3 Berlina 340i xDrive MSport 240 179 60.050 61.650 1.600 2,66% 1.100 1,78%
Serie 3 Berlina 340i xDrive Sport 240 179 57.100 58.700 1.600 2,80% 1.100 1,87%
Serie 3 Gran T. 335dA xDrive 230 165 58.350 59.450 1.100 1,89% 900 1,51%
Serie 3 Gran T. 335dA xDrive Business Adv. 230 165 60.650 61.750 1.100 1,81% 900 1,46%
Serie 3 Gran T. 340iA xDrive 240 168 56.900 58.000 1.100 1,93% 1.100 1,90%
Serie 3 Gran T. 340iA xDrive Business Adv. 240 168 59.200 60.300 1.100 1,86% 1.100 1,82%

32
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Serie 3 Touring 335dA xDrive 230 165 57.700 58.800 1.100 1,91% 900 1,53%
Serie 3 Touring 335dA xDrive Business Adv. 230 165 60.050 61.150 1.100 1,83% 900 1,47%
Serie 3 Touring 340iA xDrive 240 168 56.150 57.250 1.100 1,96% 1.100 1,92%
Serie 3 Touring 340iA xDrive Business Adv. 240 168 58.500 59.600 1.100 1,88% 1.100 1,85%
X3 xDrive20i 135 163 48.350 49.450 1.100 2,28% – –
X3 xDrive20i Business Advantage 135 163 51.250 52.350 1.100 2,15% – –
X3 xDrive20i Luxury 135 163 56.750 57.850 1.100 1,94% – –
X3 xDrive20i MSport 135 163 57.550 58.650 1.100 1,91% – –
X3 xDrive20i xLine 135 163 55.150 56.250 1.100 1,99% – –
X4 xDrive20i 135 163 53.850 54.950 1.100 2,04% – –
X4 xDrive20i Business Advantage 135 163 56.550 57.650 1.100 1,95% – –
X4 xDrive20i xLine 135 163 59.550 60.650 1.100 1,85% – –
Z4 Roadster sDrive 35i 225 219 54.500 56.500 2.000 3,67% 800 1,42%
Cadillac
ATS 2.0 AWD Sport Performance AT8 203 174 47.700 48.800 1.100 2,31% 360 0,74%
ATS 2.0 AWD Sport Premium AT8 203 174 51.100 52.200 1.100 2,15% 360 0,69%
ATS 2.0 RWD Sport Elegance AT8 203 174 39.100 40.200 1.100 2,81% 360 0,90%
ATS 2.0 RWD Sport Luxury AT8 203 174 42.700 43.800 1.100 2,58% 360 0,82%
ATS 2.0 RWD Sport Performance AT8 203 174 45.700 46.800 1.100 2,41% 360 0,77%
ATS 2.0 RWD Sport Premium AT8 203 174 49.000 50.100 1.100 2,24% 360 0,72%
CTS Sedan 2.0 Turbo AWD AT8 Elegance 203 193 49.800 51.400 1.600 3,21% 360 0,70%
CTS Sedan 2.0 Turbo AWD AT8 Luxury 203 193 55.200 56.800 1.600 2,90% 360 0,63%
CTS Sedan 2.0 Turbo AWD AT8 Performance 203 193 58.200 59.800 1.600 2,75% 360 0,60%
CTS Sedan 2.0 Turbo RWD AT8 Elegance 203 180 47.200 48.800 1.600 3,39% 360 0,74%
CTS Sedan 2.0 Turbo RWD AT8 Luxury 203 180 52.600 54.200 1.600 3,04% 360 0,66%
CTS Sedan 2.0 Turbo RWD AT8 Performance 203 180 55.700 57.300 1.600 2,87% 360 0,63%
CTS Sedan 2.0 Turbo RWD AT8 Premium 203 180 60.200 61.800 1.600 2,66% 360 0,58%
XT5 3.6L 314 CV AWD AT Luxury 231 229 51.360 53.360 2.000 3,89% 920 1,72%
XT5 3.6L 314 CV AWD AT Premium 231 229 60.160 62.160 2.000 3,32% 920 1,48%
Chevrolet
Camaro 6.2 V8 405CV aut. 298 304 43.283 45.783 2.500 5,78% 2.260 4,94%
Camaro 6.2 V8 432CV 318 329 41.247 43.747 2.500 6,06% 2.660 6,08%
Camaro Cabrio 6.2 V8 405CV aut. 298 304 48.370 50.870 2.500 5,17% 2.260 4,44%
Camaro Cabrio 6.2 V8 432CV 318 329 46.333 48.833 2.500 5,40% 2.660 5,45%
DR
DR5 1.6 Cross Bifuel GPL CVT 93 175 16.980 18.080 1.100 6,48% – –
DR5 1.6 Cross Bifuel Metano CVT 93 175 18.480 19.580 1.100 5,95% – –
DR5 1.6 Cross CVT 93 175 15.980 17.080 1.100 6,88% – –
DR5 1.6 Elegance Bifuel GPL CVT 93 175 16.980 18.080 1.100 6,48% – –
DR5 1.6 Elegance Bifuel Metano CVT 93 175 18.480 19.580 1.100 5,95% – –
DR5 1.6 Elegance CVT 93 175 15.980 17.080 1.100 6,88% – –
DR5 2.0 Cross 4WD 102 185 16.980 18.580 1.600 9,42% – –
DR5 2.0 Cross 4WD Bifuel GPL 102 185 17.980 19.580 1.600 8,90% – –
DR5 2.0 Cross 4WD Bifuel Metano 102 185 19.480 21.080 1.600 8,21% – –
DR5 2.0 Elegance 4WD 102 185 16.980 18.580 1.600 9,42% – –
DR5 2.0 Elegance 4WD Bifuel GPL 102 185 17.980 19.580 1.600 8,90% – –
DR5 2.0 Elegance 4WD Bifuel Metano 102 185 19.480 21.080 1.600 8,21% – –
Fiat
Doblò 1.4 Fire 16v 95 CV Easy 70 165 19.900 21.000 1.100 5,53% – –
Doblò 1.4 Fire 16v 95 CV Lounge 70 165 21.900 23.000 1.100 5,02% – –
Segue a pag.34

33
AUTO 2019

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Doblò 1.4 Fire 16v 95 CV Pop 70 165 18.700 19.800 1.100 5,88% – –
Doblò 1.4 Fire T-Jet 16v 120 CV Easy 88 169 21.300 22.400 1.100 5,16% – –
Doblò 1.4 Fire T-Jet 16v 120 CV Lounge 88 169 23.300 24.400 1.100 4,72% – –
Qubo 1.4 8V 77 CV Easy 57 161 14.140 15.240 1.100 7,78% – –
Qubo 1.4 8V 77 CV Lounge 57 161 15.540 16.640 1.100 7,08% – –
Fiat Professional
Fullback 2.4 154 CV Cabina Estesa 4WD SX 113 180 24.000 25.600 1.600 6,67% – –
Fullback 2.4 154 CV Doppia Cabina 4WD LX 113 180 27.500 29.100 1.600 5,82% – –
Fullback 2.4 154 CV Doppia Cabina 4WD SX 113 180 25.500 27.100 1.600 6,27% – –
Fullback 2.4 180 CV Cabina Estesa 4WD LX 133 186 27.500 29.100 1.600 5,82% – –
Fullback 2.4 180 CV Doppia Cabina 4WD LX 133 180 29.000 30.600 1.600 5,52% – –
Fullback 2.4 180 CV Doppia Cab. 4WD LX aut. 133 196 30.750 32.350 1.600 5,20% – –
Ford
Edge 2.0 EcoBlue Start&Stop AWD Aut. 175 175 56.900 58.000 1.100 1,93% – –
ST-Line
Edge 2.0 EcoBlue Start&Stop AWD Aut. 175 175 54.400 55.500 1.100 2,02% – –
Titanium
Edge 2.0 EcoBlue Start&Stop AWD Aut. 175 175 60.900 62.000 1.100 1,81% – –
Vignale
Mondeo 2.0 EcoBlue DPF S&S AWD ST-Line 132 161 41.900 43.000 1.100 2,63% – –
Business
Mondeo 2.0 EcoBlue DPF S&S AWD Tit. 140 161 39.400 40.500 1.100 2,79% – –
Business
Mondeo 2.0 EcoBlue DPF S&S AWD Vignale 140 161 46.350 47.450 1.100 2,37% – –
Mondeo 2.0 EcoBlue DPF S&S AWD Vignale 140 161 46.350 47.450 1.100 2,37% – –
Mondeo SW 2.0 EcoBlue DPF S&S AWD ST-Line 140 165 43.150 44.250 1.100 2,55% – –
Business
Mondeo SW 2.0 EcoBlue DPF S&S AWD Titanium 140 165 40.650 41.750 1.100 2,71% – –
Business
Mondeo SW 2.0 EcoBlue DPF S&S AWD Vignale 140 165 47.600 48.700 1.100 2,31% – –
Mustang C. 2.3 EcoBoost 231 200 45.500 47.100 1.600 3,52% 920 1,95%
Mustang C. 2.3 EcoBoost aut. 231 211 47.500 49.500 2.000 4,21% 920 1,86%
Mustang C. 5.0 V8 TiVCT aut. GT 331 279 53.500 56.000 2.500 4,67% 2.920 5,21%
Mustang C. 5.0 V8 TiVCT GT 331 285 51.500 54.000 2.500 4,85% 2.920 5,41%
Mustang Fast. 2.3 EcoBoost 231 199 41.000 42.600 1.600 3,90% 920 2,16%
Mustang Fast. 2.3 EcoBoost aut. 231 205 43.000 45.000 2.000 4,65% 920 2,04%
Mustang Fast. 5.0 V8 TiVCT aut. GT 331 270 49.000 51.500 2.500 5,10% 2.920 5,67%
Mustang Fast. 5.0 V8 TiVCT BULLIT 338 277 57.400 59.900 2.500 4,36% 3.060 5,11%
Mustang Fast. 5.0 V8 TiVCT GT 331 277 47.000 49.500 2.500 5,32% 2.920 5,90%
Ranger 2.2 TDCi Cabina Singola 2p 4WD XL 118 171 29.729 30.829 1.100 3,70% – –
Ranger 2.2 TDCi Dop. Cabina 5p 4WD Limit. 118 184 39.001 40.601 1.600 4,10% – –
Ranger 2.2 TDCi Dop. Cabina 5p 4WD Limit. aut. 118 207 40.526 42.526 2.000 4,94% – –
Ranger 2.2 TDCi Dop. Cabina 5p 4WD Wildtrack 118 184 41.746 43.346 1.600 3,83% – –
Ranger 2.2 TDCi Dop. Cabina 5p 4WD Wild. aut. 118 207 43.271 45.271 2.000 4,62% – –
Ranger 2.2 TDCi Doppia Cabina 5p 4WD XL 118 184 33.389 34.989 1.600 4,79% – –
Ranger 2.2 TDCi Doppia Cabina 5p 4WD XLT 118 184 36.134 37.734 1.600 4,43% – –
Ranger 2.2 TDCi Super Cab 4p 4WD XL 118 171 31.559 32.659 1.100 3,49% – –
Ranger 2.2 TDCi Super Cab 4p 4WD XLT 118 171 34.304 35.404 1.100 3,21% – –
Ranger 3.2 TDCi Doppia Cabina 5p 4WD Limit. 147 221 40.831 42.831 2.000 4,90% – –
Ranger 3.2 TDCi Doppia Cabina 5p 4WD Limit. aut. 147 231 42.356 44.356 2.000 4,72% – –
Ranger 3.2 TDCi Doppia Cabina 5p 4WD Wild. 147 221 43.576 45.576 2.000 4,59% – –
Ranger 3.2 TDCi Doppia Cabina 5p 4WD Wild. aut. 147 231 45.101 47.101 2.000 4,43% – –

34
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO

S-Max 1.5 EcoBoost S&S ST-Line Business 121 170 36.200 37.300 1.100 3,04% – –
S-Max 1.5 EcoBoost S&S ST-Line Bus. 7P 121 170 37.700 38.800 1.100 2,92% – –
S-Max 1.5 EcoBoost S&S Titanium Bus. 121 170 34.700 35.800 1.100 3,17% – –
S-Max 1.5 EcoBoost S&S Titanium Bu. 7P 121 170 36.200 37.300 1.100 3,04% – –
Gonow
GA 200 Pick Doppia Cabina benzina 93 260 16.530 19.030 2.500 15,12% – –
Up 4x4
GA 200 Pick Doppia Cabina EcoMode GPL 90 246 18.052 20.052 2.000 11,08% – –
Up 4x4
GA 200 Pick Doppia Cabina EcoMode Metano 93 261 19.151 21.651 2.500 13,05% – –
Up 4x4
Great Wall
Steed 6 2.4 GPL Business 90 283 22.900 25.400 2.500 10,92% – –
Steed 6 2.4 GPL Work 90 283 19.093 21.593 2.500 13,09% – –
Steed 6 2.4 GPL Premium 90 283 24.000 26.500 2.500 10,42% – –
Honda
Civic 2.0 VTEC Turbo Type R 235 176 39.700 41.300 1.600 4,03% 1.000 2,42%
CR-V 1.5 Turbo VTEC CVT 4WD Executive 142 162 42.000 43.100 1.100 2,62% – –
Hyundai
i30 2.0 T-GDI N Performance 202 163 36.400 37.500 1.100 3,02% 340 0,91%
Santa Fe 2.2 CRDi 4WD A/T EXELLENCE 147 193 55.750 57.350 1.600 2,87% – –
Santa Fe 2.2 CRDi 4WD A/T EXELLENCE 7 posti 147 193 57.050 58.650 1.600 2,80% – –
Santa Fe 2.2 CRDi 4WD A/T XPRIME 147 193 50.950 52.550 1.600 3,14% – –
Santa Fe 2.2 CRDi 4WD A/T XPRIME 7 posti 147 193 52.250 53.850 1.600 3,06% – –
Tucson 1.6 GDI-T 4WD 7DCT Sound Edition 130 175 33.800 34.900 1.100 3,25% – –
Tucson 1.6 GDI-T 4WD 7DCT Xpossible 130 175 32.550 33.650 1.100 3,38% – –
Tucson 1.6 GDI-T 4WD Sound Edition 130 177 32.100 33.700 1.600 4,98% – –
Tucson 1.6 GDI-T 4WD Xpossible 130 177 30.850 32.450 1.600 5,19% – –
Tucson 2.0 CRDi 4WD Sound Edition A/T 136 170 36.900 38.000 1.100 2,98% – –
Tucson 2.0 CRDi 4WD Xpossible A/T 136 170 35.650 36.750 1.100 3,09% – –
Infiniti
Q50 S 3.0 t CA Sport 298 206 59.900 61.900 2.000 3,34% 2.260 3,65%
Q60 Coupé Q60 GT 235 246 50.200 52.200 2.000 3,98% 1.000 1,92%
Q60 Coupé Q60 S 235 249 52.435 54.435 2.000 3,81% 1.000 1,84%
Q60 Coupé Q60 S Premium 235 246 56.605 58.605 2.000 3,53% 1.000 1,71%
QX70 30d GT 175 225 55.880 57.880 2.000 3,58% – –
QX70 30d S 175 225 58.910 60.910 2.000 3,40% – –
QX70 37 GT Eu6 235 293 55.730 58.230 2.500 4,49% 1.000 1,72%
QX70 37 S Eu6 235 293 58.760 61.260 2.500 4,25% 1.000 1,63%

Segue a pag.36

35
AUTO 2019

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Jaguar
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto HSE 183 174 57.700 58.800 1.100 1,91% – –
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic Base 183 174 47.450 48.550 1.100 2,32% – –
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic HSE 183 174 60.800 61.900 1.100 1,81% – –
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic S 183 174 52.900 54.000 1.100 2,08% – –
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic S 221 181 58.250 59.850 1.600 2,75% 720 1,20%
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic SE 183 174 56.800 57.900 1.100 1,94% – –
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto S 183 174 49.800 50.900 1.100 2,21% – –
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto S 221 181 55.150 56.750 1.600 2,90% 720 1,27%
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto SE 183 174 53.700 54.800 1.100 2,05% – –
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto SE 221 181 59.050 60.650 1.600 2,71% 720 1,19%
E-Pace 2.0 I4 AWD Auto Standard 183 174 44.400 45.500 1.100 2,48% – –
E-Pace 2.0 ID4 AWD Auto R-Dynamic S 177 162 57.850 58.950 1.100 1,90% – –
E-Pace 2.0 ID4 AWD Auto S 177 162 54.750 55.850 1.100 2,01% – –
E-Pace 2.0 ID4 AWD Auto SE 177 162 58.650 59.750 1.100 1,88% – –
F-Pace 2.0 I4 AWD Auto Prestige 221 174 60.800 61.900 1.100 1,81% 720 1,16%
F-Pace 2.0 I4 AWD Auto Pure 221 174 57.200 58.300 1.100 1,92% 720 1,23%
F-Pace 2.0i4 AWD Auto Prestige 184 170 57.210 58.310 1.100 1,92% – –
F-Pace 2.0i4 AWD Auto Pure 184 170 53.610 54.710 1.100 2,05% – –
F-Pace 2.0i4 AWD Auto R-Sport 184 170 59.910 61.010 1.100 1,84% – –
F-Type Coupé 2.0 I4 RWD Auto F-Type 221 163 59.790 60.890 1.100 1,84% 720 1,18%
XE 2.0 I4 RWD Auto Portfolio 147 179 44.490 46.090 1.600 3,60% – –
XE 2.0 I4 RWD Auto Prestige 147 179 41.240 42.840 1.600 3,88% – –
XE 2.0 I4 RWD Auto Pure 147 179 38.890 40.490 1.600 4,11% – –
XE 2.0 I4 RWD Auto R-Sport 147 179 42.790 44.390 1.600 3,74% – –
XE 3.0 V6 RWD Auto S 280 194 57.570 59.170 1.600 2,78% 1.900 3,21%
XF 2.0 I4 AWD Auto Pure 221 203 59.226 61.226 2.000 3,38% 720 1,18%
Jeep
Cherokee 2.2l Mjt 4WD Active Drive II Overl. 143 179 51.800 53.400 1.600 3,09% – –
Cherokee 2.2l Mjt AWD Active Drive I Bus. 143 175 45.300 46.400 1.100 2,43% – –
Cherokee 2.2l Mjt AWD Active Drive I Lim. 143 175 47.800 48.900 1.100 2,30% – –
Cherokee 2.2l Mjt AWD Active Drive I Long. 143 175 44.300 45.400 1.100 2,48% – –
Cherokee 2.2l Mjt AWD Active Drive I Overl. 143 175 50.800 51.900 1.100 2,17% – –
Cherokee 2.2l Mjt FWD Limited 143 161 46.500 47.600 1.100 2,37% – –
Cherokee 2.2l Mjt FWD Longitude 143 161 43.000 44.100 1.100 2,56% – –
Grand Cherokee 3.0 Diesel V6 Laredo 140 184 56.200 57.800 1.600 2,85% – –
Wrangler 2.8 CRD DPF Automatico Sahara 147 209 42.450 44.450 2.000 4,71% – –
Wrangler 2.8 CRD DPF Automatico Sport 147 209 38.850 40.850 2.000 5,15% – –
Wrangler 2.8 Golden Eagle 147 231 47.750 49.750 2.000 4,19% – –
Wrangler 3.6 V6 Sahara 209 226 42.450 44.450 2.000 4,71% 480 1,08%
Wrangler Unlim. 2.8 Golde Eagle 147 235 51.000 53.000 2.000 3,92% – –
Wrangler Unlim. 2.8 JK Edition 147 235 51.000 53.000 2.000 3,92% – –
Wrangler Unlim. 2.8 Recon 147 235 51.000 53.000 2.000 3,92% – –
Wrangler Unlim. 3.6 V6 Sahara 209 273 45.700 48.200 2.500 5,47% 480 1,00%
Kia
Optima 2.0 T-GDi AT6 GT 180 191 45.000 46.600 1.600 3,56% – –
Sportswagon
Sorento 2.2 CRDi 4WD Rebel 136 162 47.000 48.100 1.100 2,34% – –
Sorento 2.2 CRDi AWD GT Line 147 163 51.000 52.100 1.100 2,16% – –

36
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Sportage 1.6 GDi 2WD Business Class 97 165 24.500 25.600 1.100 4,49% – –
Sportage 1.6 GDi 2WD Energy 97 165 27.000 28.100 1.100 4,07% – –
Sportage 1.6 TGDi AWD DCT7 Energy 130 175 32.000 33.100 1.100 3,44% – –
Sportage 1.6 TGDi AWD DCT7 GT Line 130 175 34.500 35.600 1.100 3,19% – –
Stinger 3.3 T-GDI AT8 AWD GT 272 244 57.000 59.000 2.000 3,51% 1.740 2,95%
Land Rover
Discovery 2.0 I4 4WD Auto S 221 219 57.000 59.000 2.000 3,51% 720 1,22%
Discovery 2.0 I4 4WD Auto SE 221 219 60.000 62.000 2.000 3,33% 720 1,16%
Discovery 2.0D SD4 4WD Auto S 177 168 58.200 59.300 1.100 1,89% – –
Discovery 2.0D TD4 4WD Auto S 132 163 54.200 55.300 1.100 2,03% – –
Discovery 2.0D TD4 4WD Auto SE 132 163 57.200 58.300 1.100 1,92% – –
Discovery Sport 2.0 HSE 177 181 59.300 60.900 1.600 2,70% – –
Discovery Sport 2.0 HSE 213 186 59.300 60.900 1.600 2,70% 560 0,92%
Discovery Sport 2.0 Pure 177 181 42.700 44.300 1.600 3,75% – –
Discovery Sport 2.0 SD4 HSE 177 169 58.800 59.900 1.100 1,87% – –
Discovery Sport 2.0 SD4 SE 177 169 53.000 54.100 1.100 2,08% – –
Discovery Sport 2.0 SE 177 181 47.600 49.200 1.600 3,36% – –
Discovery Sport 2.0 SE 213 186 54.600 56.200 1.600 2,93% 560 1,00%
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic 147 176 48.150 49.750 1.600 3,32% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic 182 180 52.500 54.100 1.600 3,05% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic 220 186 57.200 58.800 1.600 2,80% 700 1,19%
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic S 147 176 53.350 54.950 1.600 3,00% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic S 182 180 57.050 58.650 1.600 2,80% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto R-Dynamic SE 147 176 58.700 60.300 1.600 2,73% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto S 147 176 50.800 52.400 1.600 3,15% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto S 182 180 54.450 56.050 1.600 2,94% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto S 220 186 59.200 60.800 1.600 2,70% 700 1,15%
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto SE 147 176 56.200 57.800 1.600 2,85% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto SE 182 180 59.850 61.450 1.600 2,67% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto Standard 147 176 45.650 47.250 1.600 3,50% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto Standard 182 180 49.950 51.550 1.600 3,20% – –
Range R. Evoque 2.0 I4 AWD Auto Standard 220 186 54.650 56.250 1.600 2,93% 700 1,24%
Range R. Evoque 2.0D I4 AWD Auto R-Dynamic 176 163 53.150 54.250 1.100 2,07% – –
Range R. Evoque 2.0D I4 AWD Auto R-Dynamic S 176 163 57.650 58.750 1.100 1,91% – –
Range R. Evoque 2.0D I4 AWD Auto S 176 163 55.100 56.200 1.100 2,00% – –
Range R. Evoque 2.0D I4 AWD Auto SE 176 163 60.500 61.600 1.100 1,82% – –
Range R. Evoque 2.0D I4 AWD Auto Standard 176 163 50.550 51.650 1.100 2,18% – –
Range R. Velar 2.0 Si4 AWD Standard 184 173 58.800 59.900 1.100 1,87% – –
Lotus
Elise Elise S 162 175 51.390 52.490 1.100 2,14% – –
Mahindra
XUV500 2.2 AWD W10 103 197 27.967 29.567 1.600 5,72% – –
XUV500 2.2 AWD W6 103 197 22.940 24.540 1.600 6,97% – –
XUV500 2.2 AWD W6 N1 103 197 23.336 24.936 1.600 6,86% – –
XUV500 2.2 AWD W8 103 197 25.954 27.554 1.600 6,16% – –
XUV500 2.2 AWD W8 N1 103 197 26.350 27.950 1.600 6,07% – –
XUV500 2.2 FWD W10 103 183 25.985 27.585 1.600 6,16% – –
XUV500 2.2 FWD W6 103 183 19.854 21.454 1.600 8,06% – –
XUV500 2.2 FWD W6 N1 103 183 20.250 21.850 1.600 7,90% – –
XUV500 2.2 FWD W8 103 183 23.880 25.480 1.600 6,70% – –
XUV500 2.2 FWD W8 N1 103 183 24.276 25.876 1.600 6,59% – –
Segue a pag.38

37
AUTO 2019

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Mazda
CX-5 2,0L Skyactiv-G 6MT AWD Exceed 121 163 35.350 36.450 1.100 3,11% – –
CX-5 2,0L Skyactiv-G 6MT AWD Exclus. 121 163 38.500 39.600 1.100 2,86% – –
CX-5 2,0L Skyactiv-G 6MT AWD Signat. 121 163 39.650 40.750 1.100 2,77% – –
CX-5 2,5L Skyactiv-G 6AT AWD Exceed 143 164 38.750 39.850 1.100 2,84% – –
CX-5 2,5L Skyactiv-G 6AT AWD Exclus. 143 164 41.900 43.000 1.100 2,63% – –
CX-5 2,5L Skyactiv-G 6AT AWD Signat. 143 164 43.050 44.150 1.100 2,56% – –
CX-5 2,5L Skyactiv-G 6AT Exceed 143 161 36.450 37.550 1.100 3,02% – –
CX-5 2,5L Skyactiv-G 6AT Exclusive 143 161 38.950 40.050 1.100 2,82% – –
CX-5 2,5L Skyactiv-G 6AT Signature 143 161 40.100 41.200 1.100 2,74% – –
Mercedes-Benz
CLA AMG 45 4Matic 280 162 58.920 60.020 1.100 1,87% 1.900 3,17%
CLA Shooting AMG 45 4Matic 280 162 59.530 60.630 1.100 1,85% 1.900 3,13%
Brake
Classe E berlina 200 Auto Business Sport 135 163 58.774 59.874 1.100 1,87% – –
Classe E berlina 200 Auto Exclusive 135 163 60.238 61.338 1.100 1,83% – –
Classe E berlina 200 Auto Sport 135 163 54.947 56.047 1.100 2,00% – –
Classe E St. Wag. 200 Auto Business Sport 135 163 58.903 60.003 1.100 1,87% – –
Classe E St. Wag. 200 Auto Exclusive 135 163 60.367 61.467 1.100 1,82% – –
Classe E St. Wag. 200 Auto Sport 135 163 55.076 56.176 1.100 2,00% – –
Classe X 220 d 4MATIC Progressive 120 200 39.190 40.790 1.600 4,08% – –
Classe X 220 d 4MATIC Pure 120 200 36.978 38.578 1.600 4,33% – –
Classe X 250 d 4MATIC Power 140 207 47.196 49.196 2.000 4,24% – –
Classe X 250 d 4MATIC Progressive 140 207 41.843 43.843 2.000 4,78% – –
Classe X 250 d 4MATIC Pure 140 207 39.631 41.631 2.000 5,05% – –
Classe X 250 d Progressive 140 192 37.951 39.551 1.600 4,22% – –
GLC 220 d 4Matic Business 125 161 51.634 52.734 1.100 2,13% – –
GLC 220 d 4Matic Exclusive 125 161 58.464 59.564 1.100 1,88% – –
GLC 220 d 4Matic Executive 125 161 50.014 51.114 1.100 2,20% – –
GLC 220 d 4Matic Premium 125 161 58.464 59.564 1.100 1,88% – –
GLC 220 d 4Matic Sport 125 161 53.374 54.474 1.100 2,06% – –
GLC 250 4Matic Business 155 175 52.244 53.344 1.100 2,11% – –
GLC 250 4Matic Exclusive 155 175 59.074 60.174 1.100 1,86% – –
GLC 250 4Matic Executive 155 175 50.624 51.724 1.100 2,17% – –
GLC 250 4Matic Premium 155 175 59.074 60.174 1.100 1,86% – –
GLC 250 4Matic Sport 155 175 53.984 55.084 1.100 2,04% – –
GLC 250 d 4Matic Business 150 166 52.484 53.584 1.100 2,10% – –
GLC 250 d 4Matic Exclusive 150 166 59.314 60.414 1.100 1,85% – –
GLC 250 d 4Matic Executive 150 166 50.864 51.964 1.100 2,16% – –
GLC 250 d 4Matic Premium 150 166 59.314 60.414 1.100 1,85% – –
GLC 250 d 4Matic Sport 150 166 54.224 55.324 1.100 2,03% – –
MINI
Mini Clubman John Cooper Works ALL4 170 168 37.450 38.550 1.100 2,94% – –
Mini Clubman John Cooper Works ALL4 Hype 170 168 39.450 40.550 1.100 2,79% – –
Mini Countryman John Cooper Works ALL4 170 169 39.450 40.550 1.100 2,79% – –
Mini Countryman John Cooper Works ALL4 Hype 170 169 41.550 42.650 1.100 2,65% – –

38
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLL
MALUS O ALL'ANNO

Mitsubishi
L200 Club Cab 4WD HP Mivec Intense 133 180 29.875 31.475 1.600 5,36% – –
L200 Club Cab 4WD Inform 113 180 27.950 29.550 1.600 5,72% – –
L200 Club Cab 4WD Invite 113 180 29.150 30.750 1.600 5,49% – –
L200 Double Cab 2WD Inform 113 180 27.950 29.550 1.600 5,72% – –
L200 Double Cab 2WD Invite 113 180 29.150 30.750 1.600 5,49% – –
L200 Double Cab 4WD HP Mivec Intense 133 180 36.100 37.700 1.600 4,43% – –
L200 Double Cab 4WD Inform 113 180 29.950 31.550 1.600 5,34% – –
L200 Double Cab 4WD Intense 113 180 34.000 35.600 1.600 4,71% – –
L200 Double Cab 4WD Invite 113 180 31.150 32.750 1.600 5,14% – –
Pajero 3.2 Metal Top Instyle 140 216 49.250 51.250 2.000 4,06% – –
Pajero 3.2 Metal Top Intense 140 216 43.750 45.750 2.000 4,57% – –
Pajero 3.2 Metal Top Invite 140 216 41.150 43.150 2.000 4,86% – –
Pajero 3.2 Metal Top Involve 140 216 38.450 40.450 2.000 5,20% – –
Pajero 3.2 Metal Top One/Hundred 140 216 54.300 56.300 2.000 3,68% – –
Pajero 3.2 Wagon Instyle 140 224 52.250 54.250 2.000 3,83% – –
Pajero 3.2 Wagon Intense 140 224 46.750 48.750 2.000 4,28% – –
Pajero 3.2 Wagon One/Hundred 140 224 57.300 59.300 2.000 3,49% – –
Nissan
370Z Coupé 3.7 V6 Lev 1 241 248 34.550 36.550 2.000 5,79% 1.120 3,06%
370Z Coupé 3.7 V6 Lev 2 241 248 37.100 39.100 2.000 5,39% 1.120 2,86%
370Z Coupé 3.7 V6 Nismo 243 248 45.910 47.910 2.000 4,36% 1.160 2,42%
370Z Roadster 3.7 V6 Lev 2 241 262 42.510 45.010 2.500 5,88% 1.120 2,49%
Opel
Corsa 1.6 Turbo 207 CV Coupé 3p OPC 152 174 22.270 23.370 1.100 4,94% – –
Insignia Country T. 2.0 CDTI S&S MT6 AWD 125 172 40.050 41.150 1.100 2,75% – –
Insignia G. Sport 2.0 CDTI S&S AT8 Advance 125 197 34.500 36.100 1.600 4,64% – –
Insignia G. Sport 2.0 CDTI S&S AT8 Innovation 125 197 36.550 38.150 1.600 4,38% – –
Insignia G. Sport 2.0 CDTI S&S MT6 AWD Innovation 125 162 37.050 38.150 1.100 2,97% – –
Insignia G. Sport 2.0 Turbo S&S AT8 AWD Innovation 191 197 41.350 42.950 1.600 3,87% 120 0,28%
Insignia Sports T. 2.0 CDTI S&S MT6 AWD Innovation 125 162 38.050 39.150 1.100 2,89% – –
Insignia Sports T. 2.0 Turbo S&S AT8 AWD Innovation 191 199 42.350 43.950 1.600 3,78% 120 0,27%
Peugeot
Traveller BlueHDi 180 S&S Long EAT6 Allure 130 163 45.800 46.900 1.100 2,40% – –
Porsche
718 Boxster 718 Boxster 220 168 56.213 57.313 1.100 1,96% 700 1,22%
718 Cayman 718 Cayman 220 168 54.139 55.239 1.100 2,03% 700 1,27%
Macan Macan 185 167 58.667 59.767 1.100 1,87% – –
Renault
Alaskan 2.3 dci 160 CV Intens 120 167 32.100 33.200 1.100 3,43% – –
Alaskan 2.3 dci 160 CV Life 120 167 27.600 28.700 1.100 3,99% – –
Alaskan 2.3 dci 160 CV Zen 120 167 30.000 31.100 1.100 3,67% – –
Alaskan 2.3 dci 190 CV aut. Executive 140 183 37.300 38.900 1.600 4,29% – –
Segue a pag.40

39
AUTO 2019

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Renault
Alaskan 2.3 dci 190 CV aut. Intens 140 183 34.900 36.500 1.600 4,58% – –
Alaskan 2.3 dci 190 CV Executive 140 167 35.700 36.800 1.100 3,08% – –
Alaskan 2.3 dci 190 CV Intens 140 167 33.300 34.400 1.100 3,30% – –
Mégane 1.8 TCe 280 4Control R.S. 205 163 35.350 36.450 1.100 3,11% 400 1,10%
Seat
Ateca 2.0 TSI 4Drive DSG 221 168 44.000 45.100 1.100 2,50% 720 1,60%
Leon ST 2.0 TSI 4Drive DSG Cupra 221 164 39.650 40.750 1.100 2,77% 720 1,77%
Tarraco 2.0 TSI 4Drive DSG Style 140 166 40.375 41.475 1.100 2,72% – –
Skoda
Superb Wagon 2.0 TSI 4x4 DSG Laurin&Klement 206 164 47.850 48.950 1.100 2,30% 420 0,86%
Ssangyong
Korando 2.0 2WD bi-fuel GPL Limited 110 195 26.250 27.850 1.600 6,10% – –
Korando 2.0 2WD bi-fuel GPL Plus 110 195 24.000 25.600 1.600 6,67% – –
Korando 2.0 2WD Limited 110 175 24.750 25.850 1.100 4,44% – –
Korando 2.0 2WD Plus 110 175 22.500 23.600 1.100 4,89% – –
Korando 2.0 2WD Value 110 175 20.550 21.650 1.100 5,35% – –
Rexton e-XDi220 2WD Dream 133 199 37.900 39.500 1.600 4,22% – –
Rexton e-XDi220 2WD Road 133 199 35.400 37.000 1.600 4,52% – –
Rexton e-XDi220 4WD Aut. Dream 133 213 42.900 44.900 2.000 4,66% – –
Rexton e-XDi220 4WD Aut. Road 133 213 40.400 42.400 2.000 4,95% – –
Rexton e-XDi220 4WD Dream 133 204 40.400 42.400 2.000 4,95% – –
Rexton e-XDi220 4WD IAut. con 133 213 46.900 48.900 2.000 4,26% – –
Rexton e-XDi220 4WD Road 133 204 37.900 39.900 2.000 5,28% – –
Rodius 2.2 2WD SMART AUDIO 131 189 29.150 30.750 1.600 5,49% – –
Rodius 2.2 2WD SMART AUDIO Plus 131 196 31.350 32.950 1.600 5,10% – –
Rodius 2.2 PELLE 4WD Smart Audio Classy 131 205 35.150 37.150 2.000 5,69% – –
Rodius 2.2 STOFFA 4WD Smart Audio Classy 131 205 33.650 35.650 2.000 5,94% – –
XLV 1.6 Be 94 165 21.600 22.700 1.100 5,09% – –
XLV 1.6 Be Visual AEBS 94 165 23.250 24.350 1.100 4,73% – –
XLV 1.6 bi-fuel Be 94 179 23.550 25.150 1.600 6,79% – –
XLV 1.6 bi-fuel Be Visual AEBS 94 179 25.200 26.800 1.600 6,35% – –
XLV 1.6 bi-fuel Go 94 179 22.200 23.800 1.600 7,21% – –
XLV 1.6 bi-fuel GPL Easy 94 179 21.500 23.100 1.600 7,44% – –
XLV 1.6 Easy 94 165 19.550 20.650 1.100 5,63% – –
XLV 1.6 Go 94 165 20.250 21.350 1.100 5,43% – –
XLV 1.6 Start 94 165 16.850 17.950 1.100 6,53% – –
Subaru
BRZ 2.0i 147 180 32.990 34.590 1.600 4,85% – –
Forester 2.0d Lineartronic Sport Unlimited 108 163 40.990 42.090 1.100 2,68% – –
Forester 2.0i Lineartronic XT 177 197 42.490 44.090 1.600 3,77% – –
Legacy S. W. 2.0 D Comfort 110 161 30.560 31.660 1.100 3,60% – –
LegacyS. W. 2.0 D Dynamic 110 168 36.750 37.850 1.100 2,99% – –
Legacy S. W. 2.0 D Trend 110 161 34.730 35.830 1.100 3,17% – –
Legacy S. W. 2.0i Bi-Fuel Comfort 110 199 30.590 32.190 1.600 5,23% – –
Legacy S. W. 2.0i Bi-Fuel Trend 110 199 34.760 36.360 1.600 4,60% – –
Legacy S. W. 2.0i Bi-Fuel Trend Special Version 110 199 34.760 36.360 1.600 4,60% – –
Legacy S. W. 2.0i Comfort 110 199 28.570 30.170 1.600 5,60% – –
Legacy S.W. 2.0i Trend 110 199 32.740 34.340 1.600 4,89% – –
Legacy S. W. 2.0i Trend Special Version 110 199 32.740 34.340 1.600 4,89% – –

40
L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

MODELLO VERSIONE POT. CO2 PREZZO PREZZO BONUS % ECO SUPERBOLLO %


KW SCONTATO MALUS BONUS SUPERBOLLO
MALUS ALL'ANNO
Levorg 1.6 DIT Lineartronic Sport Style 125 164 31.490 32.590 1.100 3,49% – –
Levorg 1.6 DIT Lineartronic Sport Unlim. 125 164 35.590 36.690 1.100 3,09% – –
Outback 2.5i Lineartronic Premium 129 166 41.990 43.090 1.100 2,62% – –
Outback 2.5i Lineartronic Pure 129 166 36.990 38.090 1.100 2,97% – –
WRX STI WRX STI 221 259 46.590 49.090 2.500 5,37% 720 1,47%
Toyota
GT86 GT86 147 181 29.900 31.500 1.600 5,35% – –
GT86 GT86 aut. 147 164 31.400 32.500 1.100 3,50% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. A/T D. Cab 4X4 Ex. 110 185 38.500 40.100 1.600 4,16% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. A/T D. Cab 4X4 Invinc.50 110 185 44.950 46.550 1.600 3,56% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. A/T D. Cab 4X4 Lounge 110 185 37.000 38.600 1.600 4,32% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T D. Cab 4X2 Lounge 110 177 32.200 33.800 1.600 4,97% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T D. Cab 4X4 Com. 110 185 32.700 34.300 1.600 4,89% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T D. Cab 4X4 Ex. 110 185 36.700 38.300 1.600 4,36% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T D. Cab 4X4 Invinc.50 110 185 43.150 44.750 1.600 3,71% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T D. Cab 4X4 Lounge 110 185 35.200 36.800 1.600 4,55% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T Ex. Cab 4X2 Hilux 110 177 27.000 28.600 1.600 5,93% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T Ex. Cab 4X4 Com. 110 185 31.000 32.600 1.600 5,16% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T Ex. Cab 4X4 Lounge 110 185 33.500 35.100 1.600 4,78% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T Sin. Cab 4X2 Hilux 110 211 24.800 26.800 2.000 8,06% – –
Hilux 2.4L Diesel 6 M. M/T Sin. Cab 4X4 Com. 110 211 28.800 30.800 2.000 6,94% – –
Land Cruiser 2.8 D4-D 3P A/T Lounge+ 130 190 54.300 55.900 1.600 2,95% – –
Land Cruiser 2.8 D4-D 3P Active 130 190 42.400 44.000 1.600 3,77% – –
Land Cruiser 2.8 D4-D 3P Land Cruiser 130 190 41.300 42.900 1.600 3,87% – –
Land Cruiser 2.8 D4-D 3P Lounge 130 190 49.100 50.700 1.600 3,26% – –
Land Cruiser 2.8 D4-D 5P A/T Lounge 130 194 58.500 60.100 1.600 2,74% – –
Land Cruiser 2.8 D4-D 5P Lounge 130 194 55.000 56.600 1.600 2,91% – –
Volkswagen
Amarok 2.0 BiTDI 4Motion Inseribile 132 197 30.936 32.536 1.600 5,17% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Motion Inser. Highline 132 197 36.325 37.925 1.600 4,40% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Motion Inser. Trendline 132 197 34.054 35.654 1.600 4,70% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Motion Permanente 132 197 30.936 32.536 1.600 5,17% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Motion Permanente Aut. 132 211 33.050 35.050 2.000 6,05% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Mot. Perm Aut. Highline 132 211 38.439 40.439 2.000 5,20% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Mot Perm. Aut. Trendline 132 211 36.168 38.168 2.000 5,53% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Mot. Perm. Highline 132 197 36.325 37.925 1.600 4,40% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4Mot. Perm.Trendline 132 197 34.054 35.654 1.600 4,70% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4x2 132 194 28.965 30.565 1.600 5,52% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4x2 Highline 132 194 34.354 35.954 1.600 4,66% – –
Amarok 2.0 BiTDI 4x2 Trendline 132 194 32.083 33.683 1.600 4,99% – –
Amarok 2.0 TDI 4Motion Inseribile 90 192 28.340 29.940 1.600 5,65% – –
Amarok 2.0 TDI 4Motion Inseribile Highline 90 192 33.729 35.329 1.600 4,74% – –
Amarok 2.0 TDI 4Motion Inseribile Trendline 90 192 31.458 33.058 1.600 5,09% – –
Amarok 2.0 TDI 4Motion Permanente 90 192 28.340 29.940 1.600 5,65% – –
Amarok 2.0 TDI 4Mot. Permanente Highline 90 192 33.729 35.329 1.600 4,74% – –
Amarok 2.0 TDI 4Mot. Permanente Trendline 90 192 31.458 33.058 1.600 5,09% – –
Amarok 2.0 TDI 4x2 90 189 26.369 27.969 1.600 6,07% – –
Amarok 2.0 TDI 4x2 Highline 90 189 31.758 33.358 1.600 5,04% – –
Amarok 2.0 TDI 4x2 Trendline 90 189 29.487 31.087 1.600 5,43% – –
Segue a pag.42

41
AUTO 2019 L’ECOTASSA: CHI PAGA E QUANTO

% ECO %
POT. PREZZO BONUS
MODELLO VERSIONE CO2 PREZZO BONUS SUPERBOLLO SUPERBOLLO
KW SCONTATO MALUS
MALUS ALL'ANNO
Volkswagen
Caddy 1.6 102 CV 5p. Comfortline BiFuel 75 189 26.951 28.551 1.600 5,94% – –
Caddy 1.6 102 CV Highline BiFuel 75 189 29.593 31.193 1.600 5,41% – –
Caddy 1.6 102 CV Trendline BiFuel 75 189 24.141 25.741 1.600 6,63% – –
Caddy 2.0 TDI 110 CV 4motion Comf. 81 171 28.260 29.360 1.100 3,89% – –
Caddy 2.0 TDI 110 CV 4motion Highline 81 171 30.902 32.002 1.100 3,56% – –
Caddy 2.0 TDI 110 CV 4motion Trendline 81 171 25.450 26.550 1.100 4,32% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV 4mot. DSG Trend. 103 177 30.836 32.436 1.600 5,19% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV 4motion DSG Comf. 103 177 33.646 35.246 1.600 4,76% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV 4motion DSG High. 103 177 36.288 37.888 1.600 4,41% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV Comfortline 103 161 27.874 28.974 1.100 3,95% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV DSG Comfortline 103 169 30.309 31.409 1.100 3,63% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV DSG Highline 103 169 32.951 34.051 1.100 3,34% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV DSG Trendline 103 169 27.499 28.599 1.100 4,00% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV Highline 103 161 30.516 31.616 1.100 3,60% – –
Caddy 2.0 TDI 140 CV Trendline 103 161 25.064 26.164 1.100 4,39% – –
Touareg 3.0 V6 TDI SCR Style 170 173 61.000 62.100 1.100 1,80% – –
Volvo
S60 T5 Geartronic AWD Inscription 184 163 49.500 50.600 1.100 2,22% – –
S60 T5 Geartronic AWD R-Design 184 163 49.500 50.600 1.100 2,22% – –
V40 T5 AWD Geartronic Momentum 187 185 34.500 36.100 1.600 4,64% 40 0,11%
V40 T5 Geartronic Kinetic 187 185 32.750 34.350 1.600 4,89% 40 0,12%
V40 T5 Geartronic R-design 187 185 35.400 37.000 1.600 4,52% 40 0,11%
V40 T5 Geartronic Summum 187 185 36.800 38.400 1.600 4,35% 40 0,10%
V40 Cross C. T5 AWD Geartronic Kinetic 187 194 34.450 36.050 1.600 4,64% 40 0,11%
V40 Cross C. T5 AWD Geartronic Momentum 187 194 36.200 37.800 1.600 4,42% 40 0,11%
V40 Cross C. T5 AWD Geartronic Summum 187 194 38.500 40.100 1.600 4,16% 40 0,10%
V60 T6 AWD Geartronic Business Plus 228 171 52.470 53.570 1.100 2,10% 860 1,61%
V60 T6 AWD Geartronic Inscription 228 171 55.520 56.620 1.100 1,98% 860 1,52%
V60 T6 AWD Geartronic R-Design 228 171 56.070 57.170 1.100 1,96% 860 1,50%
V90 T5 AWD Geartronic Cross Country 187 169 59.460 60.560 1.100 1,85% 40 0,07%
XC40 T4 AWD Geartronic 140 165 38.250 39.350 1.100 2,88% – –
XC40 T4 AWD Geartronic Business 140 165 39.450 40.550 1.100 2,79% – –
XC40 T4 AWD Geartronic Inscription 140 165 43.870 44.970 1.100 2,51% – –
XC40 T4 AWD Geartronic Momentum 140 165 40.870 41.970 1.100 2,69% – –
XC40 T4 AWD Geartronic R-Design 140 165 44.070 45.170 1.100 2,50% – –
XC40 T5 AWD Geartronic Inscription 182 166 47.220 48.320 1.100 2,33% – –
XC40 T5 AWD Geartronic Momentum 182 166 44.220 45.320 1.100 2,49% – –
XC40 T5 AWD Geartronic R-Design 182 166 47.420 48.520 1.100 2,32% – –
XC60 T5 AWD Geartronic Business 184 169 53.650 54.750 1.100 2,05% – –
XC60 T5 AWD Geartronic Inscription 184 169 59.250 60.350 1.100 1,86% – –
XC60 T5 AWD Geartronic R-Design 184 169 57.750 58.850 1.100 1,90% – –
XC60 T5 Geartronic Business 184 168 51.150 52.250 1.100 2,15% – –
XC60 T5 Geartronic Inscription 184 168 56.750 57.850 1.100 1,94% – –
XC60 T5 Geartronic R-Design 184 168 55.250 56.350 1.100 1,99% – –
XC60 T6 AWD Geartronic Business 228 177 60.350 61.950 1.600 2,65% 860 1,39%
XC90 T6 AWD Geartronic Kinetic 236 186 60.350 61.950 1.600 2,65% 1.020 1,65%
fonte: Publieditor

42
03
GLI IMPIANTI
DI RICARICA
AUTO 2019

03 L’AGEVOLAZIONE
Bonus al 50%
su acquisto e posa
delle colonnine

di Luca De Stefani

A
tutti i contribuenti (per- pio della competenza per le altre impre-
sone fisiche, professio- se, cioè quelle in contabilità ordinaria)
nisti, imprese, società di dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021
persone e di capitali) è ri- relative all’acquisto e alla posa in opera
conosciuta una detra- di infrastrutture di ricarica dei veicoli
zione dall’Irpef o dall’Ires del 50%, fino a alimentati ad energia elettrica - dotate
concorrenza del suo ammontare e da ri- di uno o più punti di ricarica di potenza
partire in dieci quote annuali di pari im- standard non accessibili al pubblico, ai
porto, per le spese, di ammontare com- sensi dell’articolo 2, comma 1, lettere d)
plessivo non superiore a 3mila euro, e h) - del decreto legislativo 16 dicembre
«sostenute» (col principio di cassa per i 2016, n. 257), anche sulle parti comuni
privati, i professionisti e le imprese in degli edifici condominiali (articoli 1117 e
contabilità semplificata, per cassa o col 1117-bis del Codice civile), ivi inclusi i
metodo della registrazione o col princi- costi iniziali per la richiesta di potenza

44
GLI IMPIANTI DI RICARICA

In sintesi
- I soggetti agevolati: tutti i contribuenti, comprese le
persone fisiche, i professionisti, le imprese, le società
di persone e di capitali;
- misura dell’agevolazione: detrazione dall’Irpef o
dall’Ires, fino a concorrenza del suo ammontare del
50% delle spese sostenute;
- ripartizione del bonus: la detrazione va ripartita in 10
quote annuali di pari importo;
-periodo agevolato: rilevano le spese «sostenute» dal
1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021;
- metodo per individuare il sostenimento della spesa:
principio di cassa per i privati, i professionisti e le im-
prese in contabilità semplificata, per cassa o col meto-
do della registrazione ovvero col principio della com-
petenza per le altre imprese, cioè quelle in contabilità
ordinaria;
- tipologia di investimento agevolato: spese relative
all’acquisto e alla posa in opera di infrastrutture di
ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica (dota-
te di uno o più punti di ricarica di potenza standard non
accessibili al pubblico, ai sensi dell’articolo 2, comma 1,
lettere d) e h), del decreto legislativo 16 dicembre
2016, n. 257), anche sulle parti comuni degli edifici
condominiali (articoli 1117 e 1117-bis del codice
addizionale fino a un massimo di 7 kW. civile), ivi inclusi i costi iniziali per la richiesta di poten-
Sono queste le principali regole da za addizionale fino a un massimo di 7 kW;
seguire per beneficiare del nuovo in- - importo massimo delle spese: le spese sono agevola-
centivo, introdotto dalla legge di Bi- te fino a un ammontare complessivo non superiore a
lancio 2019 (articolo 1, comma 1039, 3mila euro;
legge 145/18), che ha aggiunto l’arti- - attuazione: l’agevolazione è stata introdotta dall’arti-
colo 16-ter al Dl 63/13. Un decreto del colo 16-ter del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, ma
ministero dello Sviluppo economico, un decreto del ministro dello Sviluppo economico, di
di concerto con quelli di Economia e concerto con i ministri delle Infrastrutture e dei Tra-
Infrastrutture, deve dettare la disci- sporti e dell’Economia e delle Finanze, deve dettare la
plina applicativa di questa nuova age- disciplina applicativa di questa nuova agevolazione
volazione (articolo 1, comma 1040, (articolo 1, comma 1040,
legge 145/18). legge 145/18).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

45
AUTO 2019

I SOGGETTI AGEVOLATI camente di «detrazione dall’imposta


lorda» del 50-65-70-75% degli impor-
Bonus concesso ti rimasti a carico del «contribuente».
In quella occasione, il decreto at-
anche ai titolari tuativo Mef del 19 febbraio 2007 chia-

di reddito
rì che il termine «detrazione» non
doveva essere riferito solo ai contri-

d’impresa buenti Irpef, ma anche a quelli Ires.


Tra i soggetti agevolati al bonus per il
risparmio energetico «qualificato»,
pertanto, sono tutt’oggi inclusi an-
di Luca De Stefani che tutti i titolari di reddito d’impre-

L
sa. La circolare 36/07, poi, ha preci-
a nuova detrazione Irpef o Ires sato che possono usufruire di questo
del 50% per l’installazione di incentivo tutti i soggetti residenti e
impianti di ricarica dei veicoli non residenti, a prescindere dalla ti-
elettrici agevolerà le spese sostenute pologia di reddito, compresi gli enti
dal 1° marzo 2019 e fino a fine 2021. Ba- pubblici e privati che non svolgono
sandoci sulle regole della norma, l’ar- attività commerciale. Questi chiari-
ticolo 16-ter comma 1 del Dl 63/13, e su menti dovrebbero valere anche per la
norme agevolative che utilizzano ter- nuova detrazione del 50% per gli im-
mini similari, vediamo quali potreb- pianti di ricarica privati, in quanto la
bero essere i soggetti agevolati, la ti- norma che l’ha introdotta usa gli
pologia dell’investimento e il momen- stessi termini (detrazione e contri-
to rilevante. buenti), senza porre altri limiti sog-
gettivi.
I soggetti agevolati
La norma di riferimento dell’agevola- Il sostenimento della spesa
zione per le infrastrutture di ricarica La norma che ha introdotto l’incentivo
dei veicoli elettrici non indica una lista per «l’acquisto» e la «posa in opera»
di soggetti agevolati, ma parla generi- delle infrastrutture di ricarica dei vei-
LA PAROLA
camente di «detrazione dall’imposta coli elettrici prevede che queste spese
Quando si po- lorda» del 50% delle spese «sostenu- siano «sostenute dal 1° marzo 2019 al 31
tranno comprare te» dai «contribuenti» (articolo 16-ter, dicembre 2021» (articolo 16-ter, com-
gli impianti? comma 1, Dl 63/13). Ciò era accaduto ma 1, Dl 63/13). Quindi, come oggi ac-
- anche quando era stata introdotta cade per altre agevolazioni dove si uti-
Saranno agevola- l’agevolazione sui lavori sul risparmio lizza il termine «spesa sostenuta» (pri-
te le spese soste- energetico «qualificato», che oggi ma fra tutte la detrazione Irpef o Ires
nute dal 1° marzo consente una detrazione del 50-65- del 50-65-70-75%), si ritiene che si
2019 al 31 di- 70-75% e che non prevede una lista di debba applicare il principio di cassa per
cembre 2021 soggetti agevolati, ma si parla generi- i soggetti che eseguono gli investimen-

46
GLI IMPIANTI DI RICARICA

ti al di fuori del reddito d’impresa (per- fiscalmente per la parte che viene pa- Il bonus. 
sone fisiche e lavoratori autonomi) e gata nel periodo agevolato, cioè dal 1° 
per le imprese in contabilità semplifi- marzo 2019 al 31 dicembre 2021, anche 
cata, per cassa o col metodo della regi- se i lavori iniziano o terminano in una 
strazione (articolo 18, comma 5, Dpr data non compresa nel suddetto perio- 
600/73). Quindi, l’investimento rileva do. Ad esempio, saranno detraibili dal-

47
AUTO 2019

l’Irpef al 50% i pagamenti di acconti e/o so, si tratta di una spesa condominia-
di saldo, effettuati nel periodo agevo- le e saranno agevolati i condòmini, in
lato, anche per lavori già terminati pri- base alla ripartizione della spesa ef-
ma del 1° marzo 2019 ovvero ancora da fettuata dall’amministratore di con-
iniziare al 31 dicembre 2021. In que- dominio, proporzionalmente ai mil-
st’ultimo caso, comunque, è consiglia- lesimi. Le infrastrutture di ricarica
bile che il contratto con l’impresa, di dei veicoli elettrici devono essere do-
appalto o di fornitura con posa in opera tate di uno o più punti di ricarica di
preveda apposite garanzie per la cor- potenza standard non accessibili al
retta esecuzione dei lavori. Non è ne- pubblico. Per «punto di ricarica di po-
cessario che tutti i pagamenti avvenga- tenza standard» si intende un punto
no tra il 1° marzo 2019 e il 31 dicembre di ricarica, che consente il trasferi-
2021, ma se vi saranno solo alcuni pa- mento di elettricità a un veicolo elet-
gamenti (di acconto o di saldo) al di trico di potenza pari o inferiore a 22
fuori del periodo agevolato, saranno kW (ma non di potenza pari o inferio-
detraibili solo quelli effettuati all’inter- re a 3,7 kW), che sono installati in abi-
no dello stesso. Anche se la norma isti- tazioni private o il cui scopo principa-
tutiva dell'agevolazione non impone le non è ricaricare veicoli elettrici, e
che il pagamento avvenga con un boni- che non sono accessibili al pubblico.
fico cosiddetto «parlante» e non pone Il punto di ricarica di potenza stan-
alcun limite alle relative modalità, la dard può essere a ricarica lenta se pari
bozza del decreto attuativo, in fase di o inferiore a 7,4 kW o accelerata se su-
emanazione, prevede che i pagamenti periore a 7,4 kW e pari o inferiore a 22
debbano essere effettuati con bonifico kW. Invece, per «punto di ricarica
bancario o postale, da cui risultino i se- non accessibile al pubblico» si inten-
guenti dati: de, alternativamente, uno dei se-
ela causale del versamento, cioè l'ar- guenti:
ticolo 16-ter del Dl 63/13; eun punto di ricarica installato in un
ril codice fiscale del beneficiario del- edificio residenziale privato o in una
la detrazione; pertinenza di un edificio residenziale
til codice fiscale o numero di partita privato, riservato esclusivamente ai
Iva del beneficiario del pagamento. residenti;
run punto di ricarica destinato esclu-
Tipologia di beni agevolati sivamente alla ricarica di veicoli in ser-
Come detto, è agevolato l’acquisto e vizio all’interno di una stessa entità,
la posa in opera di infrastrutture di ri- installato all’interno di una recinzione
carica dei veicoli alimentati ad ener- dipendente da tale entità;
gia elettrica, anche se effettuato sulle t un punto di ricarica installato in
parti comuni degli edifici condomi- un’officina di manutenzione o di ripa-
niali di cui agli articoli 1117 e 1117-bis razione, chiusa al pubblico.
del codice civile. In quest’ultimo ca- © RIPRODUZIONE RISERVATA

48
GLI IMPIANTI DI RICARICA

LA PROCEDURA e la valutazione dei rischi redatta da tec-


nico anti incendio.
Punto di ricarica A seguire va invita una raccomandata
all’amministratore secondo quanto pre-
installabile anche visto dall’articolo 17 quinquies della legge

senza il via libera


134/2012. L’assemblea, legalmente co-
stituita, non potrà vietare l’installazione.

del condominio Qualora lo facesse o non decidesse, tra-


scorsi tre mesi dalla richiesta, si potrà in-
stallare comunque il dispositivo di ricari-
ca. L’assemblea potrà invece indicare
di Glauco Bisso modalità per l’installazione non lesive

R
dei diritti degli altri condòmini (articolo
icarica elettrica con bonus fisca- 1102 del Codice civile) o pregiudizievoli
le, senza intoppi in condominio o della sicurezza e del decoro (articolo 1120
in azienda e senza e pratiche edi- del Codice civile). Chi voglia aderire dopo
lizie, ma prima c’è l’antincendio. Per que- potrà farlo, previo rimborso della spesa
sto meglio procedere con cautela. sostenuta, come avviene per l’ascensore
In autorimesse private che superano installato dopo la costruzione dell’edifi-
300 metri quadrati di superficie (attività cio (articolo 1121 del Codice civile). L’al-
75) e quindi soggette a controllo da parte laccio andrà dotato di un contatore per i
dei vigili del fuoco, come prima cosa biso- consumi. Bene stabilire anche, sin dal-
gna far preventivare ad un installatore l’inizio, come ripartire le spese se gli
abilitato gli apparati di ricarica previsti utenti sono più d’uno, con app su smar-
nelle Linee guida pubblicate nella circo- tphone oppure badge, o più, semplice-
lare n. 2 del 5 novembre 2018 prot. mente con un criterio convenzionale.
n.15000 dei vigili del fuoco e gli altri ade- L’installazione di punti di ricarica co-
guamenti previsti. Superato il blocco del- stituisce attività libera (Dm Infrastruttu-
la Nota Dcprev prot. n. 17174 del 1° dicem- re e Trasporti del 3 agosto 2017), per cui
bre 2010, che ammetteva solo la ricarica non occorrono pratiche edilizie purché si
all’esterno, l’installazione di apparati di rispettino gli standard tecnici e di sicu-
ricarica conformi alle Linee guida è ora rezza e l’installatore rilasci la dichiarazio-
considerata «modifica non rilevante ai fi- ne di conformità secondo il Dm 37 /2008.
ni della sicurezza antincendio». Obbliga- I pagamenti vanno effettuati con bonifi-
torio recepire da parte dell’amministra- co “parlante” e causale “articolo 16 Ter del
tore del condominio la documentazione Tuir” secondo l’articolo 1, comma 1039
di conformità dell’installazione da pre- della legge 145/2018 (Bilancio 2019). In
sentare al comando del vigili del fuoco in questo modo si ottiene il diritto alla de-
occasione del rinnovo periodico di con- trazione in dieci quote annuali del 50%
formità antincendio. Se si dovessero della spesa che non superi i 3mila euro.
ospitare veicoli non targati occorra la Scia © RIPRODUZIONE RISERVATA

49
AUTO 2019

LA DIRETTIVA Le linee guide contengono una serie di


indicazione che valgono per ogni stazione
Sistemi di ricarica di ricarica (di seguito Sdr). In particolare:
e deve essere dotata di comando di
con misure sgancio di emergenza segnalato con car-

antincendio
telli e in punto accessibile, in modo da se-
zionare l’alimentazione e l’interruttore

e di sicurezza generale deve agire anche sulla Sdr;


rdeve essere di modo di ricarica 3 o 4:
Con il modo 3 la Sdr è installata con un
contatto di controllo (Pwm) permanente
di Glauco Bisso che testa l’inserimento dei connettori, la

C
continuità del conduttore di protezione e
on la circolare n. 2 del 5 novem- verifica che la funzione di controllo sia at-
bre 2018 i vigili del fuoco hanno tiva. Il modo 4 prevede, invece, che il cari-
fornito le indicazioni pratiche ca batteria non sia sul veicolo ma all’in-
operative per tutti gli impianti di ricarica terno della Sdr;
dei veicoli elettrici. Il documento ha per tdeve essere dotata di estintori portatili
oggetto le stazioni di ricarica collocate idonei all’uso su impianti elettrici anche
nelle autorimesse, anche aziendali, di in tensione, installati almeno uno ogni 5
superficie superiore ai 300 metri qua- punti di ricarica;
drati, soggette a controllo da parte dei vi- ula Sdr va segnalata tramite un cartello
gili del fuoco per i soli veicoli targati. In con grafica riportata nelle linee guida;
esse è possibile effettuare la ricarica an- ise il connettore mobile è sempre allac-
che di veicoli non targati, ma in questo ciato alla Sdr deve esserci cartello che in-
caso serve una valutazione dei rischi di dichi l’obbligo di ispezione prima del-
un tecnico antincendio, che può richie- l’utilizzo;
dere altresì l’aggiornamento della Scia oobbligo di annotare i controlli da effet-
antincendio. tuare ogni settimana sul registro da parte
Questi impianti devono limitare la del gestore se il pubblico ha l’accesso al-
probabilità e la propagazione di un in- l’autorimessa;
cendio, nonchè garantire l’esodo degli pgli interruttori di stacco vanno segna-
occupanti, i soccorsi e la sicurezza di lati con cartello;
chi soccorre. Obiettivi che si realizza- ase ci sono zone con presenza di atmo-
no adottando stazioni di ricarica con- sfera esplosiva (zone Atex) le Sdr devono
formi alle Norme Cei 64-8 parte 7, se- essere dislocate all’esterno di tali zone;
zione 722, norme serie Cei En 61851 e non vi sono problemi per la compresenza
Norme serie Cei En 62196. Va evitato, di auto a gas metano o gpl, purché siano
inoltre, il rischio di interferenza tra al- rispettare le regole specifiche;
tri impianti o depositi di materiali in- si cavi di connessione con la Sdr devono
fiammabili o combustibili. resistere all’usura; il cavo va verificato a

50
GLI IMPIANTI DI RICARICA

vista prima di ogni utilizzo e l’eventuale


schermatura metallica va messa a terra; VEICOLI NON TARGATI
dil veicolo deve essere omologato, effi- Per ricaricare bici elettriche
ciente e revisionato con esito positivo
La documentazione tecnica deve con- e minimoto si presenta la Scia
tenere l’elenco delle caratteristiche tec-
niche delle Sdr, il loro numero, la proprie- La ricarica è possibile considerati velocipedi le
tà di ciascuna, il suo gestore e manuten- anche per i veicoli elettri- biciclette a pedalata
tore, le modalità con cui l’utente viene in- ci non targati (biciclette assistita, dotate di un
formato. Tutto questo come indicato elettriche, minimoto, motore ausiliario elettri-
anche nel Dm Mit del 3 agosto 2017. Deve ecc), ma non rientrando co avente potenza nomi-
essere disponibile la dichiarazione di questi ultimi nel campo nale continua massima
conformità aggiornata dell’impianto di applicazione delle di 0,25 KW la cui alimen-
elettrico ai sensi del Dm 37/2008. linee guida della circolare tazione è progressiva-
Sembrano regole complesse. Certa- n. 2 del 5 novembre 2018, mente ridotta ed infine
mente l’utente deve essere reso consape- qualora la ricarica avven- interrotta quando il vei-
vole che le tensioni elettriche sono eleva- ga in un’autorimessa colo raggiunge i 25 km/h
te ed è per questo che un’apparecchiatura soggetta al controllo dei o prima se il ciclista
attiva durante la notte deve essere suffi- vigili del fuoco (dimen- smette di pedalare».
cientemente sicura. sioni maggiori di 300 I retrofit, i kit per la
L’elemento che ha preoccupato gli metri quadri, attività 75, trasformazione dei vei-
estensori delle linee guida non è il motore Dpr 151/2011) occorre far coli tradizionali ad elet-
elettrico, nato ai primi dell’Ottocento e effettuare la valutazione trici omologati e infine
con una storia di mezzo secolo più lunga dei rischi al tecnico, per- targati con le regole fis-
rispetto al motore a combustione inter- ché può trattarsi di una sate dal Dm 1 dicembre
na, bensì le batterie, che sono però ormai modifica sostanziale ai n.291 - intitolato “Rego-
“intelligenti” perché dotate di Bms (Bat- fini della sicurezza antin- lamento recante sistema
tery Management System) che controlla cendi per la quale occorre di riqualificazione elet-
la carica e la scarica della batteria. presentare la Scia . trica destinato ad equi-
«È stato superato l’empasse dell’indi- Secondo l’articolo 50 paggiare autovetture M e
cazione data in risposta ad un quesito del del Codice della strada, «i N1” - possono essere
2010, il quale indicava che le ricariche do- velocipedi sono veicoli invece caricati nelle au-
vevano avvenire solo in esterno - sottoli- con due ruote o più ruote torimesse, le quali, qua-
nea l’ingegnere Michele Mazzaro, diri- funzionanti a propulsio- lora conformi alle linee
gente dell’ufficio per la prevenzione in- ne esclusivamente mu- guida, non richiedono
cendi e rischio industriale dei vigili del scolare, per mezzo di un’ulteriore valutazione
fuoco -. In questo modo, con lo strumen- pedali o di analoghi di- dei rischi e la presenta-
to flessibile delle linee guida, si è fornito il spositivi, azionati dalle zione della Scia.
modo per l’utilizzo in sicurezza della mo- persone che si trovano —Gl.Bi.
bilità elettrica anche alle porte di casa». sul veicolo; sono altresì © RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

51
AUTO 2019

2030 saranno banditi (dalle 7,30 accordo per parte del Lazio e ne
alle 19,30 dei giorni dal lunedì al sono attesi altri per Campania
venerdì non festivi) tutti i diesel, e Sicilia.
mentre la auto a benzina potranno
Domande circolare solo se di classe ambien- L’ASSEGNAZIONE

e risposte tale Euro 5 o Euro 6. Ci si arriverà


gradualmente , estendendo man
È prevista una lista di attesa per
chi rimane fuori da una tranche di
sui contributi mano i divieti già scattati il 25 ecobonus, in modo che possa
febbraio scorso (in sintesi, diesel rientrarvi in quella successiva?
fino a Euro 3, benzina Euro zero e No: la legge non fa alcun riferimen-
doppia alimentazione diesel-gas to a liste di attesa e il decreto
L’ecoincentivo fino a Euro 2). A fronte di questo, il interministeriale attuativo spez-

non preclude Comune sta per concedere contri-


buti a: famiglie residenti con reddi-
zetta l’erogazione dei fondi nella
fase di avvio degli incentivi, preve-
i bonus locali to Isee fino a 20.000 euro annui dendo uno stanziamento iniziale di
che hanno diesel fino a Euro 4, 20 milioni di euro sui 60 disponibili
DOPPI CONTRIBUTI benzina fino a Euro 1 o motoveicoli quest’anno, in modo da evitare che
L’ecobonus statale è cumulabile o ciclomotori a due tempi Euro qualcuno possa correre a prenota-
con altri tipi di agevolazione zero o Euro 1; micro, piccole e re contributi anche se non ha poi la
all’acquisto di veicoli? medie imprese per l’acquisto di certezza di fruirne. Se ne può
Soltanto con i bonus eventual- nuovi veicoli commerciali; alle dedurre che, per scongiurare
mente messi a disposizione a imprese per la sostituzione degli fenomeni di accaparramento, è
livello locale: la norma che ha autocarri di massa inferiore a 7,5 previsto che si aprano più finestre
istituito l’ecobonus (legge tonnellate (mezzi di categoria N1 o temporali di prenotazione, ciascu-
145/2018, articolo 1) stabilisce N2) e agli Ncc (noleggiatori con na indipendente dall’altra, per cui
che essc «non è cumulabile con conducente) per sostituire le chi resta escluso da una non ac-
altri incentivi di carattere naziona- attuali autovetture con mezzi quisisce una priorità all’apertura
le» (comma 1036). Ciò significa “ecologici” e/o attrezzati al tra- della successiva.
che si può invece fruire dei contri- sporto dei disabili. Una conferma arriva dal fatto che il
buti che Regioni e Comuni stanno Ci sono poi agevolazioni sotto Dm attuativo non prevede alcuna
cominciando a mettere in campo varia forma (contributi ad acquisto procedura di riassegnazione dei
nelle zone dove sono previsti e/o rottamazione, riduzioni o fondi eventualmente avanzati in
divieti di circolazione strutturali esenzioni sul bollo) varate dalle favore di chi fosse stato escluso in
per i mezzi più datati, che quindi di Regioni del Nord, sul cui territorio un primo momento: tali risorse,
qui a qualche anno dovranno di è in vigore l’accordo del 2017 sul alla fine di quest’anno e del 2020,
fatto essere sostituiti. Bacino padano, che attualmente verrebbero aggiunte alla dotazio-
Per esempio, il Comune di Milano inibisce in molti centri la circola- ne già prevista per l’anno succes-
dal 25 febbraio scorso ha istituito zione urbana ai diesel fino a Euro 3 sivo. Quindi andrebbero a soddi-
l’Area B, una zona a traffico limita- e arriverà a quelli fino a Euro 5 sfare la domanda di chi prenota in
to estesa quasi quanto l’intero entro il 2025. Un modello destina- quell’anno e chi è rimasto fuori da
centro abitato dove da ottobre to a ripetersi altrove: c’è già un quello precedente dovrebbe pro-

52
GLI IMPIANTI DI RICARICA

vare a riprenotarsi. formula potrebbe beneficiarne LA ROTTAMAZIONE/1


Quest’ultima possibilità non sem- indirettamente. Infatti, l’ecobonus Che cosa s’intende quando si
bra vietata, con l’unico vincolo che attuale spetta non solo alle perso- dice che il veicolo da rottamare
nel frattempo il veicolo non do- ne fisiche com’era in passato, ma per avere un ecobonus maggio-
vrebbe essere stato immatricola- anche alle imprese. Tra queste, ci rato può anche essere intestato
to. Lo si può desumere dal fatto sono ovviamente anche le società a un familiare convivente del
che la prenotazione, una volta di noleggio, che poi dovrebbero beneficiario?
effettuata, va confermata alla fine riversare almeno in parte il benefi- Conta il fatto che l’intestatario del
di tutto l’iter di acquisto, comuni- cio ottenuto al cliente, diminuen- vecchio veicolo e il beneficiario del
cando entro 180 giorni il numero dogli in misura corrispondente bonus compaiano nello stato di
di targa del veicolo. Dunque non l’importo del canone mensile. famiglia. Questo criterio si era
sembra che l’immatricolazione, Tuttavia non sono obbligate a affermato nella prassi già per i
pur avvenuta nel periodo incenti- farlo. Come sempre, quindi, sarà la primi incentivi alla rottamazione,
vabile (1° marzo 2019-31 dicem- concorrenza a indurre gli operatori quelli del 1997, ed è stato mante-
bre 2021) possa essere preceden- a riconoscere vantaggi ai clienti. A nuto immutato per tutte le campa-
te alla prenotazione. patto che questi s’informino sulle gne successive. La legge precisa
varie offerte presenti sul mercato. che fa fede la situazione esistente
LE KM ZERO al giorno in cui viene stipulato
L’ecobonus spetta anche a chi LA RINUNCIA l’atto di acquisto.
acquista una “chilometri zero”? È possibile recedere dal contrat-
Non direttamente: l’incentivo c’è to di acquisto (per esempio, per LA ROTTAMAZIONE/2
solo su veicoli nuovi di fabbrica. Ma l’allungamento dei tempi di con- Che cosa accade se il veicolo da
teoricamente nulla vieta che ne segna rispetto al previsto o per demolire in cambio dell’ecobo-
fruisca il venditore (salvo future un semplice ripensamento) nus è intestato a due o
interpretazioni restrittive da parte nonostante si sia prenotato più soggetti?
del ministero dello Sviluppo eco- l’ecobonus? Nelle campagne d’incentivazione
nomico), che poi potrebbe riversa- Sì: l’incentivo non viene assegnato precedenti, non è stato imposto
re il vantaggio almeno in parte sul irrevocabilmente al momento della che anche il veicolo acquistato con
cliente. Va comunque detto che prenotazione, ma solo quando incentivo fosse cointestato agli
non è molto probabile che ci siano esse viene confermata. Cosa che stessi soggetti: è stato ritenuto
molte auto elettriche o ibride avviene necessariamente dopo sufficiente che fosse immatricola-
plug-in a km zero: sono ancora l’immatricolazione, alla quale si può to a nome anche di uno solo di essi,
prodotte in quantità limitate, quindi rinunciare senza controindi- ma sostanzialmente a condizione
quindi non c’è molta necessità cazioni legate all’incentivo. Tanto che ci fosse almeno una dichiara-
commerciale di smaltire scorte. più che proprio un ritardo di conse- zione sostitutiva di atto notorio
gna può essere causa di perdita del con cui gli altri rinunciano a tutti i
IL NOLEGGIO diritto al bonus: il decreto intermi- diritti sul mezzo da rottamare.
Oltre al leasing, è previsto che nisteriale attuativo stabilisce che la In linea di massima, il principio
anche il noleggio a lungo termine conferma (e quindi l’immatricola- dovrebbe valere anche in questa
dia diritto all’ecobonus? zione) può essere data al massimo tornata di incentivi. Ma sarebbe
No, ma il cliente che sceglie questa 180 giorni dopo la prenotazione. auspicabile che il ministero dello

53
AUTO 2019

Sviluppo economico lo confer- nisteriale attuativo. Né ce n’erano “goduta” a causa della


masse ufficialmente. nelle precedenti tornate di incenti- rottamazione?
Non è invece possibile una cessio- vi alla rottamazione. Ma potrebbe- In generale, no: la normativa sul-
ne da uno o più cointestatari a uno ro verificarsi abusi, per esempio l’ecobonus non tocca alcun aspet-
solo di essi: la legge impone che il quando si smontano pezzi prima di to legato al bollo auto. Però alcune
veicolo sia intestato al beneficiario consegnare il vecchio veicolo al Regioni (come la Lombardia)
dell’incentivo da almeno 12 mesi. venditore. Tanto più che non ci hanno proprie leggi che normal-
sarebbe la prova che tali pezzi mente consentono di ottenere il
LA ROTTAMAZIONE/3 vengano poi smaltiti correttamen- rimborso dei mesi non goduti o il
Che cosa succederebbe nel caso te. Per questo potrebbe essere riconoscimenti di un equivalente
in cui il veicolo da far demolire adottata un’interpretazione re- credito d’imposta. Occorre quindi
fosse intestato a un familiare strittiva, che ammetta solo veicoli fare riferimento alla normativa
convivente defunto? non marcianti a causa di incidenti della regione in cui si risiede.
Probabilmente si potrà percepire oppure di guasti.
l’incentivo solo se il decesso avve- CASI PARTICOLARI/1
nisse dopo la firma dell’atto di LA ROTTAMAZIONE/6 È possibile ottenere l’ecobonus
acquisto: è necessario che il rap- Per ottenere l’ecobonus maggio- anche su veicoli acquistati al-
porto di convivenza con il benefi- rato, si può utilizzare anche un l’estero o è necessario rivolgersi
ciario del bonus sia in atto al mo- vecchio veicolo che si era appena a rivenditori italiani?
mento dell’acquisto. affidato a un demolitore? Né la legge né il decreto intermini-
No: il decreto interministeriale steriale attuativo affrontano
LA ROTTAMAZIONE/4 attuativo disegna un percorso in questo problema. E, alla luce dei
Si può fruire dell’ecobonus fa- cui il veicolo da rottamare viene princìpi di liberta di circolazione
cendo rottamare un veicolo che affidato al venditore, il quale deve a delle merci e dei servizi all’interno
si trova materialmente in un’altra sua volta consegnarlo a un demoli- della Ue, sarebbe difficile ipotizza-
città? tore autorizzato. Se questo iter re vincoli nazionali. Tuttavia ci
Né la legge né il decreto intermini- non venisse rispettato, è prevista sarebbero difficoltà pratiche nel
steriale attuativo prevedono parti- espressamente la perdita dell’in- far funzionare la procedura di
colari vincoli. Ma assegnano al centivo. Qualora il mezzo fosse già erogazione del contributo, se si
venditore l’onere di provvedere alla stato affidato dal proprietario a un ammettesse la possibilità di in-
demolizione, per cui teoricamente demolitore, questi gli avrebbe già centivare anche chi si reca diretta-
questi potrebbe rinunciare alla rilasciato una ricevuta di presa in mente ad acquistare all’estero: il
vendita, qualora ritenesse troppo carico, annotando il veicolo nei venditore dovrebbe anticipare
difficile o dispendioso gestire la suoi registri. A quel punto, non di sotto forma di sconto l’importo
rottamazione “a distanza”. può più tornare indietro. dell’ecobonus, esattamente come
se fosse un operatore italiano, ma
LA ROTTAMAZIONE/5 LA ROTTAMAZIONE/7 poi per farselo rimborsare dovreb-
È necessario che il veicolo da Il meccanismo dell’ecobonus be rivolgersi al costruttore, che a
demolire sia ancora marciante? prevede che si possa recuperare sua volta lo recupererebbe sotto
Non ci sono vincoli particolari né la parte di bollo auto del vecchio forma di credito d’imposta. Solo
nella legge né nel decreto intermi- veicolo eventualmente non che in questo caso il costruttore

54
GLI IMPIANTI DI RICARICA

da cui si è approvvigionato il vendi- richiama l’articolo 93 (quello sulle una cosa: se ci saranno ecoincen-
tore estero è una filiale del co- immatricolazioni) solo nella se- tivi anche dopo il 2021, saranno
struttore che non opera in Italia e conda opzione. più selettivi rispetto agli attuali.
quindi ben difficilmente potrebbe Inoltre, un’interpretazione di Infatti, proprio il 2021 sarà uno
far valere un credito d’imposta nei questo tipo consentirebbe anche degli anni di svolta stabiliti dalla
confronti dello Stato italiano. di prevenire un possibile abuso da Ue nel percorso di riduzione delle
Tutto questo ragionamento parte di stranieri residenti all’este- emissioni di CO2 che di fatto
non vale nel caso classico dei ro: se la targatura «EE» fosse dovrebbe portare a una diffusio-
veicoli di importazione parallela: considerata un’immatricolazione a ne delle auto elettriche a partire
qui il venditore è un commerciante tutti gli effetti, anche uno stranie- dal 2030.
italiano, che ha importato diretta- ro di passaggio potrebbe venire in Nel 2021, il limite massimo
mente il mezzo o lo ha ricevuto da Italia ad acquistare un veicolo di CO2 scenderà dagli attuali 130
un importatore. Quindi, rientra prendendo l’ecobonus. grammi/chilometro a 95.
di sicuro fra i soggetti previsti Un valore non troppo distante da
dalla legge. IL FUTURO/1 quel 70 che oggi è il limite massi-
Visto che l’ecobonus per ora mo per ottenere l’ecobonus.
CASI PARTICOLARI/2 spetta solo su una ristretta parte Dunque, si può ritenere che a fine
È possibile per un italiano resi- dei modelli attualmente a listino, 2021 saranno disponibili molti
dente all’estero acquistare in è ipotizzabile che a esso più modelli elettrici e ibridi plug-
patria con incentivo e poi utiliz- venga affiancato un contributo in rispetto alla situazione attuale
zarlo nel Paese di residenza? statale anche per i più “puliti” tra e quindi abbia senso premiare
Sì, ma probabilmente solo per chi i veicoli con motore termico solo quelli con emissioni più
sceglie una delle due opzioni pre- tradizionale? ridotte. Anche se certamente le
viste dall’articolo 134 del Codice Al momento non ci sono segni case automobilistiche chiede-
della strada. La norma consente concreti di un’iniziativa del genere. ranno sempre incentivi ad ampio
agli iscritti all’Aire (Anagrafe italia- Certo, ci sono dichiarazioni anche spettro, con la motivazione
na residenti all’estero) sia la tradi- di uomini di governo che segnala- (già utilizzata in passato
zionale procedura del rilascio della no la necessità di prevedere altri e oggi) che va
targa «EE» (Escursionisti esteri) in incentivi, soprattutto per aiutare accelerato lo svecchiamento
esenzione Iva sia una targatura l’industria nazionale che è indietro del parco circolante
normale (dichiarando un domicilio sul fronte delle auto elettriche e per migliorare sensibilmente
legale presso una persona fisica ibride plug-in, ma va pure la qualità dell’aria.
residente in Italia). Per fruire del- considerato che siamo in campa- Il tutto, ovviamente, si basa sul
l’ecobonus, è necessario che il gna elettorale. presupposto che rimanga una
veicolo venga immatricolato in volontà politica di incentivare
Italia e si può ritenere che solo la IL FUTURO/2 l’auto e che ci siano sufficienti
seconda delle due opzioni sia da Si può prevedere una proroga fondi pubblici a disposizione.
considerare come un’immatricola- dell’ecobonus oltre il 31 Questi però sono fattori che,
zione. Infatti, l’articolo 134 consi- dicembre 2021, termine adesso che mancano tre anni alla
dera la targatura «EE» come un attualmente fissato? fine dell’ecobonus attuale,
semplice rilascio di targa, perché Al momento appare certa solo sfuggono a ogni previsione.

55
C’è altro che devo sapere?
Voglio sapere cosa sta succedendo. Sempre.
Voglio notizie di cui potermi fidare. Storie a cui appassionarmi.
Non voglio sentirmi intelligente ascoltando discorsi stupidi.
Voglio cose su cui riflettere, argomenti da contraddire.
Voglio una radio che si senta, forte e chiara.
Voglio Radio 24.

Scarica l’app www.radio24.it Infoline 800.24.00.24