Sei sulla pagina 1di 26

Come revisionare il motorino d’avviamento.

Per prima cosa dobbiamo scaricare l’olio motore, onde evitarne spiacevoli fuoriuscite
dalla sede che ospita il motorino, al momento della rimozione dal carter motore,
nonché il liquido di raffreddamento. Per rimuovere il motorino dal carter è necessario
rimuovere almeno la vaschetta del liquido di raffreddamento, sul lato destro della
moto, e il manicotto del radiatore dietro questa. Staccato il cavo d’alimentazione del
motorino, proveniente dal solenoide, svitiamo le due brugole che lo tengono ancorato
al blocco motore, quindi lo sfiliamo dalla sede. Il motorino presenta un Oring che funge
da guarnizione, per evitare trafilamenti dell’olio contenuto nel carter, se presentasse
particolari segni d’usura è bene sostituirlo; altrimenti al rimontaggio basta stendergli
intorno un velo di pasta per guarnizioni, tipo Motorsil Black
Oring motorino avviamento
Prima di procedere all’apertura del motorino, bisogna prendere dei riferimenti per
poterlo rimontare nell’esatta posizione, altrimenti invertendo il piatto portaspazzole, il
motorino tende ad invertire il senso di rotazione e non gira (surriscaldando per via delle
forti correnti in gioco).
Come riferimenti è bene prendere la posizione della targhetta rispetto ai perni di
serraggio e il piccolo incavo, indicato dalla freccia, che serve a tenere in corretta
posizione il piatto portaspazzole; non in ultimo da notare che il perno di collegamento
elettrico è quasi allineato a tale incavo:
Procediamo quindi, con una chiave da 8 mm, a rimuovere i perni di serraggio:
Rimossi i perni, iniziamo a tirare con delicatezza il coperchio posteriore. Vista la
presenza di polvere all’interno prodotta dalle spazzole e della guarnizione presente,
probabilmente opporrà una certa resistenza; insistete con delicatezza e magari
ruotando il coperchio in senso orario/antiorario, in modo da farlo cedere:
Per rimuovere completamente il coperchio posteriore dal piatto portaspazzole, con una
chiave da 10 mm, bisogna rimuovere il dado che blocca il perno di collegamento
elettrico:
Attenzione a non perdere il piccolo Oring che si trova sul perno del contatto elettrico,
dal lato interno del coperchio. Rimosso il coperchio posteriore estraiamo il piatto
portaspazzole:
Per pulire il piatto portaspazzole, soffiatelo per bene col compressore e in caso di
sporco resistente utilizzate uno straccio (o una serie di straccetti) appena inumiditi con
alcol. Attenzione: la parte da pulire con accuratezza (e delicatezza, per evitare distacchi
accidentali dalle trecce in rame) sono le spazzole, specie sul lato dove toccano il
collettore in rame del rotore:
Procediamo con lo sfilare il coperchio anteriore del motore:
Quindi con delicatezza, cercando di vincere la forza magnetica esercitata dai magneti
fissati sulla carcassa (statore) sul rotore, estraiamo quest’ultimo; cercando di non farlo
battere o strofinare con forza sui magneti stessi:
Durante l’estrazione, attenzione a non perdere gli spessori (rondelle) montate sul
codolo del rotore, rimuovetele e pulitele:
Fissiamo il rotore ad un trapano e con una striscia di carta vetrata (o tela smeriglio)
fine, da P 320 in su, provvediamo a levigare finemente la superficie del collettore in
rame, in modo da rimuovere la sporcizia ed eventuali solchi lievi lasciati dalle spazzole,
cercando però di non esercitare pressione eccessiva per evitare di rovinarlo:
Controlliamo il cuscinetto presente sul lato anteriore del rotore, deve scorrere in modo
liscio, senza rumori o attriti anomali, nel qual caso deve essere sostituito (ovviamente
servono pressa ed estrattore). Dopo aver levigato il collettore, bisogna rimuovere con
un oggetto appuntito (ad esempio la punta di un chiodo) le eventuali impurità che
possono essersi depositate tra una lamella e l’altra:

Provvediamo quindi a soffiarlo con aria compressa, rimuovendo eventuale sporcizia


insistente con il solito straccio inumidito con alcol; lucidate bene il collettore con uno
straccio pulito e alcol.
Riguardo i coperchi e lo statore con i magneti, io ho utilizzato la lavatrice ad ultrasuoni,
utilizzando come detergente acqua distillata con un bicchiere di Chante Clair. In
alternativa si possono immergere nel petrolio bianco e strofinarli con un pennellino:
Dopo il lavaggio:
Pezzi prima del lavaggio:
Dopo il lavaggio:
Fatto ciò, provvediamo ad ingrassare i coperchi, nei pressi delle sedi di rotazione del
rotore:
Iniziamo a rimontare, infilando con delicatezza il rotore nello statore e quindi
appoggiamo a quest’ultimo il coperchio anteriore; attenzione: lo statore ha un verso di
montaggio; il lato dove i magneti sporgono di più è il lato del coperchio anteriore:
Trovandoci in questa posizione, cercando di sistemare le spazzole nelle loro sedi,
procediamo a montare il piatto portaspazzole nello statore:
Attenzione: il piatto portaspazzole ha da un lato due sporgenze metalliche, come due
bracci; in mezzo a quei bracci bisogna inserire l’incavo (di cui parlavo prima) presente
all’interno dello statore:
Per concludere, mettiamo le rondelle (o spessori) sul codolo del rotore, rimontiamo il
coperchio posteriore avendo cura di infilarvi il contatto elettrico dove va bullonato il
cavo proveniente dal solenoide:
Allineare i fori di montaggio dei perni di bloccaggio, ruotando il coperchio anteriore e
prima di rimontare il dado che serra il contatto elettrico, mettiamo un velo di pasta tipo
Motorsil Black sulla guarnizione in gomma, sul lato dove poggia sul coperchio
posteriore.
Buon lavoro ;-)