Sei sulla pagina 1di 452

OTELLO CAOCCI

macchine alternative e turbine a vapore

EDIZIONI CEDAM PADOVA


i
i
ING. PROF. OTELLO CAOCCI

MACCHINE MARINE
TRATTATO TEORICO-PRATICO
PER UFFICIALI DI MACCHINA DELLA MARINA,
ALLIEVI INGEGNERI, TECNICI E PER ISTITUTI NAUTICI

VOLUME SECONDO

Quinta edizione completamente rifatta ed aggiornata con unità SI

MACCHINE ALTERNATIVE E TURBINE A VAPORE


Termodinamica dei gas e vapori - Trasmissione del calore - Complementi
sulle caldaie - Macchine alternative a vapore - Turbine a vapore - Condensatori -
Esercizio dell'apparato motore - Problemi risolti e 491 figure

PADOVA
CEDAM - CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MlLANl
1983
INDICE

CAPITOLO PRIMO

LAVORO - CALORE - TERMODINAMICA

1. Unità SI·...................................................
2. Lavoro .................................................... 4
3. Lavoro compiuto da un corpo che si dilata .................... 7
4. Energia.................................................... 9
5. Calore e suoi effetti ......................................... 15
6. Equazione fondamentale della Termodinamica................... 15
PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA 7. Trasformazioni reversibili .................................... 19
8. Entropia ................................................... 20
9. Diagramma entropico ........................................ 22
© Copyright 1983 by CEDAM - Padova
27
10. Rappresentazione di un ciclo nel piano entropico ...............
11. Entalpia ................................................... 28
12. Diagramma entalpico ........................................ 33

CAPITOLO SECONDO

TERMODINAMICA DEI GAS PERFETTI

·
13. Lo stato gassoso ........................................... . 35
14. Legge di Joule - Effetto Joule Thomson ....................... 40
15. Variazione dell'energia interna nei gas perfetti .................. 42
16. Gas reali .................................................. 43
17. Equazione di Van Der Waals ................................ 47
18. Calori specifici dei gas ...................................... 48
19. Le trasformazioni termiche dei gas perfetti ..................... 54
Stampato in Italia - Printed in ltaly 20. Esponente e calore specifico di una politropica ................. 8,2
21. Coppie di politropiche della stessa famiglia ..................... 83
'(ip. Leonelli - Villanova di Castenaso (Bo) 22. Costruzione grafica di una politropica ......................... 87
- VI -
- VII -
23. Pendenza delle linee politropiche e posizioni reciproche .......... 88
24. Le trasformazioni semplici nel piano entalpico .................. 93 49. Conduzione ................................................ 183
25. Le miscele di gas ........................................... 95 50. Convezione ......................................... • • • • • • • 189
26. Compressibilità ed elasticità di un gas ......................... 101 51. Irraggiamento .............................................. . 191
27. Problemi risolti ............................................. 102 52. Trasmissione del calore da un fluido ad un altro attraverso una parete . 193

CAPITOLO TERZO CAPITOLO SESTO

LA TERMODINAMICA DEI VAPORI COMPLEMENTI SULLE CALDAIE

28. Vaporizzazione a pressione costante ........................... 135 53. La trasmissione del calore nelle caldaie ........................ 199
29. Diagramma del vapor d'acqua pressioni-volumi .................. 137 54. La circolazione dell'acqua nelle caldaie ........................ 205
30. Diagramma del vapore d'acqua termperature-entalpie ............. 139 55. Mezzi per migliorare il rendimento ........................... . 208
31. Entropia dei vapori ......................................... 142 56. Surriscaldatori .............................................. 210
32. Diagramma entropico del vapore d'acqua ....................... 143 57. Desurriscaldatori e attemperatori .............................. 223
33. Diagramma di Mollier del vapore d'acqua ..................... . 146 58. Economizzatori e preriscaldatori............................... 231
34. Entalpia dei vapori......................................... . 150 59. Perdite e rendimento delle caldaie ............................ 242
35. Trasformazione isoentalpica .................................. 152 60. Bilancio termico di una caldaia ............................... 254
36. Le trasformazioni dei vapori saturi ............................ 154 _61. La regolazione automatica delle caldaie ....................... . 255
37. Trasformazioni dei vapori surriscaldati ......................... 161 62. Le tavole del vapore - Problemi risolti......................... 283

CAPITOLO QUARTO CAPITOLO SETTIMO

CICLO DI CARNOT E SECONDO PRINCIPIO CICLI TERMODINAMICI PER MACCHINE A VAPORE

38. Cicli termodinamici ......................................... 169 63. Ciclo di Rankine .......................................... . 333
39. Ciclo di Carnot. ............................................ 169 64. Cicli a surriscaldamenti ripetuti .............................. . 345
40. Secondo Principio della Termodinamica ........................ 171 65. Cicli rigenerativi ............................................ 350
41. Ciclo Carnot di gas perfetto .................................. 172 66. Problemi risolti ............................................. 364
42. Il rendimento del ciclo Carnot................................ 173
43. Il ciclo Carnot nel piano entropico ............................ 174
44. Variazione di entropia nel ciclo Carnot .......................
· . 176 CAPITOLO OTTA VO
45. L'integrale di Clausius ....................................... 178
46. Entropia ................................................... 179 LA MOTRICE ALTERNATIVA A VA PORE
47.· Significato fisico dell'entropia ....................•............ 180
67. Macchina alternativa a vapore ................................ 385
68. Indicatori e potenza indicata ................................. 40ft.
69. Macchine a multipla espansione............................... 410
CAPITOLO QUINTO
70. La distribuzione del vapore .................................. 41/3
LA TRASMISSIONE DEL· CALORE 71. Struttura della macchina a vapore............................. 428
72. Problemi risolti ............................................. 459
48. Propagazione del calore... .... ............. ...... ........ .. . . 183
- VII I - - IX -

CAPITOLO NONO CAPITOLO UNDICESIMO

TEORIA DELLE T UR BINE A VAPORE LA LUBRIFICAZIONE DELLA MACCHINE A VAPORE

73. Moto permanente degli aeriformi .......... : ................... 467 105. Lubrificazione .............................................. 729
74. Efflusso degli aeriformi ...................................... 474 I 06. Lubrificazione delle macchine alternative ....................... 733
75. Trasformazione dell'energia cinetica in lavoro ................... 484 I 07. Lubrificazione delle turbine .................................. 736
76. Turbina elementare di tipo assiale ............................. 495
77. Turbina ad azione a ruota unica............................. . 501
78. Turbina ad azione a salti di velocità .......................... 513 CAPITOLO DODICESIMO
79. Turbina multipla ad azione a salti di pressione ................. 520 POTENZE, RENDIMENTI E CONSUMI DELLE MACCHINE A VAPORE
80. Turbina multipla a salti di pressione e di velocità .............. 526
81. Turbina multipla a reazione ................................. . 532 108. Potenze.................................................... 747
82. Turbina mista ad azione e a reazione ......................... 544 I 09. Rendimenti ...................... , ......................... 749
83. Turbina a flusso tangenziale................................. . 552 110. Consumi di vapore e di combustibile .......................... 756
84. Turbine di marcia indietro ................................... 553 111. Titolo del vapore di scarico .................................. 759
85. Confronto fra turbina e macchina alternativa ................... 554
86. Perdite nelle turbine ........................................ 557
87. Curva di espansione e fattore di ricupero ...................... 566 CAPITOLO TREDICESIMO
CONDENSATORI PER MACCHINE A VAPORE

CAPITOLO DECIMO 112. Importanza del vuoto........................................ 761


113. Regime dei condensatori ............................ , ........ 764
LA STRUTTURA DELLE TUR BINE A VA PORE
114. Mezzi per aumentare il vuoto ................................ 769
115. Condensatori moderni ....................................... 779
88. Generalità ................................................. 571
116. Acqua di circolazione ....................................... 797
89. Cassa della turbina.......................................... 576
117. Superficie refrigerante ....................................... 800
90. Rotore ................................................... . 577
118. Variazioni del regime di un condensatore ...................... 803
91. Diaframmi ................................................ . 581
92. Distributori ...... . ......................................... 585
93. Manicotti di tenuta ........................................ . 587
94. Stantuffi equilibratori ........................................ 592 CAPITOLO QUATTORDICESIMO
95. Sistemazioni vapore ai manicotti ............................. . 593 NOTE SULL'ESERCIZIO DELL'APPARATO MOTORE
96. Espansione della turbina - Giunti elastici ...................... 597
97. Palettatura ................................................ . 600 119. Preparazione al moto della macchina alternativa ................ 811
98. Supporti portanti ........................................... 617 120. Manovra e condotta della macchina ........................... 812
99. Cuscinetto reggispinta ....................................... 619 121. Arrivo in porto ............................................. 814
100. Turbine moderne ........................................... 621 122. Precauzioni di sicurezza ..................................... 815
101. Equilibramento dei rotori .................................... 673 123. Condizioni di emergenza, avarie e rimedi ...................... 816
102. Riduttori di giri ............................................ 687 124. Approntamento al moto delle turbine .......................... 820
103. Rotismi epicicloidali .......................................... 701 125. Turbine pronte, in manovra e in marcia ....................... 823
104. Regolazione delle turbine .................................... 713 126. Manutenzione in porto ...................................... 825
127. Visita interna delle turbine ................................... 829
128. Note sui riduttori .......................................... . 830

2. - CAocc,, Macchine Marine - Voi-. I 1.


-X-

129. Irregolarità di funzionamento delle turbine ..................... 832


130. Avarie più frequenti......................................... 834
131. Servizio di condensazione .................................... 836
Problemi risolti ................................................. 840

Prefazione del Prof. Dott. Ing. GIUSEPPE DENEGRI


già decano dei professori di Macchine marine negli Istituti Nautici

L'amico e collega ing. O. Caocci mi ha riservato l'ambito onore di presenta­


re ai lettori la 2" edizione della sua pregevole opera « Macchine Marine », che
tanto e ben meritato favore ha incontrato presso gli studiosi delle Macchine
Termiche in generale, e di quelle Marine in particolare.
È con vero piacere e con vivo senso di orgoglio che io, decano degli
insegnanti di Macchine marine negli Istituti Nautici Statali, presento questa
opera altamente meritoria che onora, nel collega prof. Caocci, tutta la classe dei
docenti di Macchine.
L'Autore ha saputo contemperare le esigenze della teoria, indispensabile
per uno studio serio e profondo, con le necessità della pratica professionale.
Infatti Egli sviluppa con la dovuta ampiezza, ed in modo esauriente, le parti
teoriche ed illustra compiutamente gli impianti navali più recenti e le relative
sistemazioni.
Con ciò viene a colmare una lacuna non lieve e si rende altamente beneme­
rito nei confronti sia dei docenti che degli allievi. I primi, grazie all'opera
dell'ing. Caocci, non sono più costretti ad un lavoro di aggiornamento che, oltre
a richiedere molto impegno, non è sempre agevole per la mancanza di materiale
a cui attingere; i giovani, dal canto loro, avendo fin dai banchi della scuola
imparato a conoscere i moderni impianti, che saranno chiamati a manovrare,
non si trovano più, all'inizio della carriera, confusi, smarriti e delusi, come
spesso accadeva.
Mentre mi accingo a lasciare l'insegnamento, al quale mi sono dedicato
con amore e passione per un lungo periodo di anni, rivolgo al Collega ing.
Caocci, sicuro di interpretare i sentimenti di tutti gli insegnanti di Macchine
Marine, i più vivi e sentiti ringraziamenti e l'espressione della più viva ricono­
scenza per il lavoro compiuto, che gli ha richiesto molto tempo e gravi sacrifici.
- XII -

Auguro di tutto cuore sempre maggiore successo a questa opera, che


merita la più alta diffusione fra tutti i cultori di macchine, perché completa,
aggiornata e di indiscussa utilità.

Genova, Settembre 1960 Presentazione Opera: MACCHINE MARINE - voi. I/IV - Prof. O. Caocci
Quinta edizione completamente rifatta - CEDAM - Padova
GIUSEPPE DENEGRI

Prof. Ing. GIORGIO PREFUMO


Al Collega ed amico Prof. Ing. Giuseppe Denegri va la mia profonda
riconoscenza per aver voluto presentare questo lavoro con parole di elogio che Ordinario Macchine Marine - Istituto Nautico Statale S. Giorgio - Genova

superano i miei reali meriti. Non è possibile, infatti, creare un lavoro completo
e senza manchevolezze, specie in un periodo di tempo ridotto al minimo: mi
auguro soltanto che la mia fatica incontri benevolenza e valga ad agevolare Io
studio di quanti si dedicano con passione a questa disciplina.
Con vero piacere e soddisfazione ho accolto questa quinta edizione comple­
Genova, Settembre 1960 tamente rifatta dell'Opera « Macchine Marine » del prof. ing. Otello Caocci, sia
perché l'autore è stato per moltissimi anni mio ben illustre predecessore nella
OTELLO GIOVANNI CAOCCI
Cattedra di Macchine marine nell'Istituto Nautico in questo antico Istituto
(fondato nel 1856) confermandone ancora una volta le brillanti tradizioni tecni­
co-didattiche, sia per il valore intrinseco dell'opera praticamente unica nel suo
genere in Italia (e fra le poche esistenti anche in campo internazionale).
È in particolare proprio quest'ultima ragione che mi ha spinto ad essere tra
i più convinti fautori di questa quinta edizione, della quale mi onoro di essere
anche un sia pur modesto collaboratore.
Esistono infatti ottime trattazioni di argomenti particolari a vario livello,
ma non esiste altra trattazione organica e completa teorico prati6a delle macchi­
ne marine e servizi ausiliari come la presente.
È questo, del resto, il motivo del successo delle edizioni precedenti, diffuse
non solo nel mondo della scuola nautica, ma anche in campo professionale e
universitario.
La quinta edizione, grazie a una veramente improba fatica dell'autore e
alla generosità della Casa Editrice CEDAM, è veramente completamente rifatta
ed aggiornata sulla base dei più recenti progressi tecnici, sia come testi ed
esercizi, sia come materiale illustrativo.
Nella nuova edizione è stato introdotto nella trattazione, negli esercizi e
tabelle, il sistema di misure internazionale (SI), il cui impiego è reso obbligato­
rio dal 1978.
- XIV - - xv -
La trattazione teorica dei principi fondamentali è stata riveduta e raggrup­ Mi è stato gradito riportàre la prefazione alla seconda edizione, che risale
pata in modo da consentire una più facile comprensione ed utilizzo didattico, al lontano 1960, per richiamare la memoria di un grande uomo e valoroso
sempre però senza trascurare la chiarezza e rigorosità della esposizione. La docente che ha onorato la scuola nautica con le sue elevate qualità culturali, di
trattazione pratica ed impiantistica è stata riveduta ed aggiornata alla luce della profondo studioso, con la serietà di impegno, la specchiata levatura morale, la
produzione del settore più moderna e qualificata italiana ed estera. grande onestà umana e professionale.
Pertanto gli impianti marini a vapore, in fase di netto calo a causa dei Ora per questa quinta edizione, per la quale rimando alla prefazione del 1 °
maggiori consumi di combustibile (sempre più costoso), sono stati raggruppati, volume, ho il piacere di inserire la presentazione fatta da un giovane professore
insieme alle parti introduttive, alle unità di misura ed alla trattazione della che mi ha sostituito più che degnamente nella cattedra di Genova, che lasciai
termodinamica nei primi due volumi; non bisogna però dimenticare che tali venti anni orsono quando abbandonai l'insegnamento attivo ·per passare al
impianti sono ancora molto diffusi sulle grandi navi mercantili e su gran parte Ministero, dove mi sono sempre interessato particolarmente di quell'Istruzione
del naviglio militare; impianti di caldaie ausiliarie (in certi casi anche di grande Nautica, tanto legata al mio sentimento.
potenzialità) sono sempre presenti sulle motonavi. Nel lavoro di rinnovamento dell'opera l'ing. Prefumo mi è stato molto
I servizi ausiliari di macchina e di bordo, che attualmente rivestono impor­ vicino ed ho potuto così apprezzarne le doti di studioso interessato al continuo
tanza sempre maggiore nelle sofisticate navi degli anni ottanta, formano invece progresso professionale, e questo fa bene sperare per il futuro della scuola
l'oggetto del terzo volume. nautica, come sono sicura garanzia anche molti giovani docenti di ogni parte
Il quarto volume, infine, è dedicato ai motori marini, ormai predominanti d'Italia.
nel naviglio mercantile in grazia di consumi sempre più modesti di combustibile Io mi trovo tra i due, completando un legame ideale fra tre generazioni di
anche molto scadenti, e alle turbine a gas attualmente molto diffuse nel naviglio docenti di Macchine marine, soddisfatto di aver fatto qualcosa di utile dedican­
militare, e ad elementi di automazim1e navale.· do alla scuola un'intera esistenza di lavoro. E gli elogi che mi giungono, se
L'opera, così rinnovata, si presenta quasi come una Enciclopedia della possono soddisfare un'ambizione superficiale, vanno oltre i miei meriti. Unica
Macchine marine e Servizi ausiliari, dove è possibile reperire per ogni impianto soddisfazione pfò essere quella di aver fatto da battistrada per coloro che
moderno i dati fondamentali teorici, di costruzione, di utilizzo. È particolarmen­ seguivano.
te indicata quindi come testo per l'insegnamento delle Macchine marine e dei
Servizi ausiliari di bordo negli Istituti Nautici, dove appunto è richiesta una Roma, Gennaio 1983
conoscenza specifica di tali impianti anche dal punto di vista pratico, oltre che
teorico, e negli Istituti Professionali per le Attività Marinare.
OTELLO GIOVANNI CAOCCI

Sarà ovviamente compito dell'insegnante di selezionare e svolgere quelle


parti dell'opera (chiaramente di tipo generale) più vicine ai programmi di studio
e alle possibilità didattiche delle scolaresche.
È poi di particolare utilità per la preparazione degli esami professionali di
Aspirante Capitano e Capitano di Macchina, per il personale marittimo di
macchina in generale e per quanti si occupano della costruzione, esercizio e
riparazione della macchine marine.
È infine di ottimo complemento alla specifica preparazione degli allievi
ingegneri naval1Peccanici e meccanici.
Un'opern rinnovata, quindi, che ben si colloca nel campo della letteratura
tecnica italiana, purtroppo negletta e abbandonata a scapito di altre produzioni
editoriali più redditizie.
(Errata: a pag. 426 del 1 ° volume è stata stampata erroneamente la fig. 243
Genova, Gennaio 1983 che non corrisponde al testo).
GIORGIO PREFUMO
C A P IT O LO P R I M O

LAVORO - CALORE - TERMODINAMICA

I . UNITA SI. - Nel primo capitolo della q u i nta edizione del primo volu­
me di quest'opera è stato trattato ampiamente l 'i m portanti ssimo argomento delle
grandezze, si stemi ed u n i tà di misura, con tabelle di equi valenza delle principali
unità nei vari si stem i , e corrispondenti fattori di conversione . Si rim anda ad
esso per una revisione generale dell 'argomento, men tre qui di segui to richia­
miamo le grandezze e le u n i tà nel sistema i n ternazionale ( S l ) con l'intento di
contri buire a l l 'unificazione e a l l 'i mpiego corretto delle unità e dei relativi sim­
boli .
Per quanto concerne l 'indicazione delle grandezze non si possono dettare
norme precise, sia per e v i tare facili confusion i , sia perché la risol uzione di
qualche particolare pro b lema può ri chiedere l 'i m p i ego d i al tri simbol i . Perci ò,
rich iamando le principal i gra ndezze meccan iche e term iche, riportiamo i relativi
simbo l i di più comune i m piego.

Grandezze fonda mentali

I G ra ndezza
I
-------
S i m bolo
I U n i tà S i m bolo

M a ssa 111 M c h i l ogra m m o kg


Lu nghezza I L metro 111
Tempo t secondo s
Tempera tura T kelvin K
Angolo a, fJ ' y, ecc . rad i a n te rad
- 2 - - 3 -

Grandezze derivate
Simbolo Grandezza Unità

z
S i m bolo G randezza U n i tà
y y distanza l ineare 111
z d i stanza l ineare m
a accelerazione l i nera re m/s 2
a coefficiente d ilatazione l i n eare l /°C
A m2
B
area rad - o
-
a, (J ' y angolo
b larghezza d i s tanza l i neare m
a accelerazione angolare rad/s 2
c calore speci fico J /kg K N/m'
y peso specifico
Ci r calore latente ) /kg
o
J/K
d variazione infi n i tesima
c capacità termica
6 variazione fin i ta
d D d iametro - distanza m
E a l l u nga mento percentuale
E modulo d i elasticità trazio n e N/m 2 rad/s 2
E accelerazione angolare
E energia J -
p
- rJ rendi me n to
f
N
coefficiente d 'attri to
rJ v i scosità d inamica
f - F forza
acce lerazione gravità (9,80665) m/s 2
0 angolo rad - o
g
N/m 2
0 temperatura Celsius oc
G modulo elasticità tangenziale St
µ v i scosi tà c i n e matica
G peso - forza gra v i taziona l e N
µ coeffi ciente d 'attrito -
h a l tezza distanza l i neare m
TC rapporto ci rcon ferenza/diametro
J p
H
momento i nerzia di area
entalpia kg/m'
massa vol u m i ca o densità
I m•
a s fo rzo d i trazione N/m 2
I L l u nghezza d i stanza l i neare m
sommatoria
I L J
- M ma ssa
lavoro N/m 2
T sforzo d i Lagl i o
cp
117 kg
0 angolo di altri lo - angolo rad o
m M momento di una forza N m
w veloci tà a ngol a re rad/s
Il
N
n umero di giri giri/s
forza normale N

w
N/m 2
p
p pressione

p
peso N
potenza Per quanto concerne al tre grandezze specifiche ri ferite al l 'u n i tà di massa
Pc potere ca lori l'ico ) /kg basterà d i v i dere l e u n i tà relati ve a l l a gra ndezza total e per l a massa i n kg, come
q Q quantità di calore J ad esempio l'entropia specifica ( ) /kg K ) e l'entalpia specifica ( J /kg) ,
r R raggio di curvatura - d i s ta n za m N e l moto dei fl u i d i s i considerano l a portata di massa ( kg/s ) , l a portata di
volume ( m '/s) e la portata in peso ( N /s ) .
R forza di reazione N

s
R forza risultante N
s spazio l i neare d istanza 111 In elettrotecnica è importante i l fattore di potenza coscp, essendo cp l'angolo
s - en tro p i a J/K di sfasamento tra l 'i n ten sità del l a corrente a l ternata e l a ten sion e .
t tempo s
t tempera tura Celsius "C
T temperatura assoluta K
li -·U energia i n terna J
V velocità lineare m/s
V volume speci fico m '/kg
V volume m'
X d istanza l i neare m
- 4 - 5 -

Multipli e sottomultipli L = F s (J = N m)

Prefisso Si mbolo Fattore Prefisso Simbolo Fattore Le grandezze F ed s sono vettor i a l i ed il loro prodotto L è uno scalare . Se
l o spostamento ha l o stesso verso d e l l a forza il lavoro compiuto è positivo
(forza motrice) se, i nvece, ha senso opposto l a forza compi e un l avoro negativo,
tera T 1012 deci d
giga centi
1 0- 1
1 09 e
o resistente ( forza resistente ) .
milli
G
mega
1 0- 2
M lll S e l a forza costante F forma con la direzione dello spostamento un angolo
chilo k mi cro
1 06 10- 1
1 01 µ a il l avoro è dato d a :
etto h nano
1 0- 6

IO pico p
1 02
deca da
Il 1 0-9
1 0- 1 2 L = ( F cos a ) s = F s cos a

Lavora i nfatti soltanto la componente tangenziale d e l l a forza e non quel l a


I prefissi più usati sono quel l i i l cui esponente posi tivo o n egativo è normal e . Questa relazione si p u ò ricavare considerando l e tre componenti nello
multiplo d i 3 . Molto raramen te vengono i m pi egati al tri prefissi con esponenti spazio del l a forza e dello spostamen to, e sommando i tre lavori componenti . Ma
fi n o a 1 8 e a - 1 8 . più sempl icemente basterà con si derare il piano formato d a i due vettori F ed s,
con l 'asse delle ascisse secondo l o spostamento s e quello delle ord inate ad esso
- Equazione fondamentale della forza : perpend icolare .
La forza F si scompone nella norma le F sen a e i n q u e l l a F cos a d i retta
Forza = massa X accelerazione secondo lo sposta m e n to, e soltanto quest'ultima è quella che lavora spostando il
N kg X m/s 2 suo punto d 'appl icazione nella propria d i rezione ( fi g . I ) . S i a vrà cioè :

(F m a) L = ( F cos a ) s = F s cos a

- Forza gravitazionale: essendo F cos a l a pro i ezione. della forza costante nella d i rezione dello sposta-
Peso = massa X accelerazione di gra vità

L
N kg X m/s 2
F
a > 90 °
(P m g) F
a < 90 °
Accelerazione di gravità : al l i vello del m a re ed al 45" di l a t i tudi n e : P, 6 P ,
p :I 0 I
F cos a > 0 F cos a < 0 1
g = 9,80665 m/s 2
Lavoro motore
___.i_ F cos a = 0
Lavoro n u l l o L a voro res istente

2 . LAVORO . - Quando u n a forza F agisce su di un corpo ( p u n t o materia­ Fig. I . - Lavoro di una forza .
le) per spostarlo nella d i rezione della forza stessa d i uno spazio s si produce u n
e ffetto d i rettamente proporzionale a l l 'i n tensità d e l l a forza ed a l l o spostamen to
del suo p u n to d 'applicazi o n e . A questo e ffetto si dà i l nome d i lavoro ( lavoro mento, men tre s cos a è la pro i ezione del l o spazio percorso n e l l a di rezione del l a

oppure ottu s o . Per a < 90" s i ha lavoro pos i tivo, con L < F s; per a = 90 ° , L
mecca n ico) e viene mi surato dal prodotto dei d u e fa ttori del lavoro . N e l caso di forza .
una forza costante F age n te per uno spazio s n e l l a propria d i rezione risulta : Si potranno co1i s idera re tre casi secondo che l 'angolo a s i a acuto, retto,
>
- 6 - 7 -

O ; per a 90 ° il lavoro è negativo, con valore assoluto minore di F s. e per la risoluzione dell'integrale bisognerebbe conoscere la legge di variazione

= = = = -
di F cos a in funzione dello spostamento.
Per a O, L F s per a 1 80 ° , L F s. Si noti che per i punti estremi P 1 e P2 possono passare infinite traiettorie, e
per ciascuna di esse si compirà in genere un lavoro differente. Ciò significa che
Abbiamo supposto che la forza si mantenga costante in intensità e direzio­ la grandezza lavoro non dipende soltanto dagli estremi del percorso, ma anche
ne per tutta la durata dello spostamento. Ciò comporta il caso di moto rettili­ dal cammino, per cui non si tratta di una funzione di stato, e il suo differenziale
neo, uniforme o accelerato secondo che la forza motrice sia uguale o maggiore dL non è un differenziale esatto.
di quella resistente che si oppone al moto. Analogo risultato si ha nel caso di Anche nel caso di una linea chiusa che riporta il punto di applicazione
moto curvilineo, purché la forza si mantenga costante e tangente alla traiettoria della forza nella posizione iniziale il lavoro compiuto in generale non sarà mai
in ogni punto. nullo.
Quando la forza è variabile, pur mantenendosi nella direzione dello spo­ Fanno eccezione i campi di forza conservativi, cioè quei campi nei quali il
stamento, per determinare il lavoro compiuto è necessario conoscere la legge di vettore forza è definito in ogni punto in intensità, direzione e verso. In essi il
variazione della forza in funzione dello spostamento, ed allora si avrà: lavoro compiuto dalla forza dipende esclusivamente dalla posizione dei punti P 1

=
e P2 e non dal cammino percorso, e di conseguenza il lavoro lungo una

J traiettoria chiusa è nullo.


I' ,
L F ds
P, Sono campi conservativi quelli delle forze gravitazionali e quelli delle
forze coulombiane per interazioni tra cariche elettriche o tra masse magnetiche.
Si suppone cioè di suddividere l'intero percorso in tantissimi spazi infinite­ In tali campi il lavoro non dipende dal cammino, trascurando le resistenze
simi ds in ciascuno dei quali agisce una forza costante F . Il lavoro elementare d'attrito o del mezzo che non sono forze conservative. Così, ad esempio, nel
infinitesimo per ogni istante vale dL = F ds, ed il lavoro totale L = ./ dL campo della gravità terrestre, il lavoro di un corpo che cade dal livello h 1 a
corrisponde alla sommatoria di tutti i lavori elementari nel tratto P 1 P 2 , somma­ quello h2 è uguale qualunque sia la traiettoria descritta (ad esempio discesa
toria il cui limite è dato appunto dall'integrale. verticale o lungo un piano inclinato ) , mentre per riportarlo da h 2 ad h 1 si dovrà
Se nell'istante dt , nel quale il percorso è ds, la velocità istantanea è uguale spendere un lavoro uguale e· contrario al precedente, con risultato complessivo
a v si avrà anche: nullo.
Ovviàmente se il cammino corrisponde ad una linea chiusa nel campo
dL = F ds =F v dt conservativo il punto materiale si riporta nella posizione iniziale ed il lavoro
totale sarà nullo, sempre trascurando le resistenze che in ogni caso ,si oppongo­
Ma nel caso più generale la forza applicata al punto materiale può variare no al moto.
di intensità, direzione, e la traiettoria potrà avere andamento qualsiasi. Si
dovrebbe allora considerare il cammino percorso come risultante di infiniti 3. LAVORO COMPIUTO DA UN CORPO CHE SI DI LATA. - Si abbia
tratti rettilinei infinitesimi ds, in ciascuno dei quali la forza agente si mantiene un corpo omogeneo e isotropo che nell'istante considerato presenta il volume V,
costante in intensità e direzione, compiendo il lavoro elementare: superficie esterna di area A su cui agisce una pressione uniforme p, e sommi­

= =
nistriamogli una quantità infinitesima di calore dQ.
dL (F cos a) ds (F cos a) v dt I l corpo si . dilata spostando il suo contorno da A in A ', per una quantità
elementare ds, e l'incremento dV del .volume sarà quello compreso tra le super­

uniforme p, sarà F = p A , ed il lavoro elementare compiuto dal corpo durante


essendo F cosa la componente tangenziale nell'istante dt, e v la velocità istanta­ fici contigue A ed A'. La forza esterna complessiva, dovuta alla pressione
nea. Si avrebbe il lavoro totale:

=
la dilatazione infinitesima risulta:
L J I
\F cos a) ds
dL F ds p A ds p dV
- 8 - - 9 -

Il prodotto della superficie di area A (supposta sviluppata in piano) per lo Il lavoro compiuto dal fluido nell'espandersi dal volume V i a quello Vi
spostamento ds equivale infatti alla variazione di volume dV, e si trova i n ta l sarà i n valore assoluto :
modo una nuova espressione del lavoro elementare come prodotto della pres­
sione per la variazione di volume.
Considerando una dilatazione finita tra il volume iniziale V , e quello
finale V 2 il lavoro totale sarà uguale alla somma di tutti . i successivi lavori
elementari, cioè : e nel caso particol are di press ione costante :

Abbiamo stabilito che la pressione p sia uniforme su tutta la superficie


esterna, ma non costante durante i successivi istanti della dilatazione, per cui la
integrazione non può essere immediata . Caso per caso è necessario conoscere la
legge di variazione della pressione in funzione del volume (Fig . 2 ) .
Nel caso considerato il lavoro è ottenuto per effetto del calore addotto
(trasformazione di calore i n lavoro) e si tratta di un lavoro positivo compiuto
dal corpo che si espande vincendo la pressione esterna (sposta l 'ari a ci rcosta n­

----
te) . Nel caso di diminuzione del volume, dovuta ad una contrazione per raf­

-- �
freddamento, il lavoro sarebbe· negativo, cioè subito dal corpo e compiuto dalla - - - - - v2
pressione esterna .
Se in particolare la pressione si mantiene costante durante la variazione cl i F , ______,
volume da V i a V 2 in tutti i termini dL è fattore comune i l valore p , ed allora si I
I
ricava facilmente :

Infatti la sommatoria del le variazioni elementari dV sarà uguale alla varia­ Figg. 2 e 3 . - Lavoro di d i latazi one .
zione totale V2 - V , . l i lavoro sarà espresso in j oule, la pressione in N/m 2 ed i l
volume in 111 3 ( I = N m) .
Come è noto il lavoro è rappresentato nel pi ano V ,p dall'area compresa tra
- Lavoro compiuto da un fluido . - Quanto detto per il corpo che si
la li n ea di trasformazione, le ordinate estreme e l 'asse del le ascisse . e dipende
dilata vale anche per un fluido contenuto in un cilindro . Siano p la pressione non soltanto dagli estremi (stati i n izi a l e e finale ) ma anche dal tipo di trasfor­
del fluido in un istante generico, A la sezione del cilindro (area dello s tantuffo), mazione (v. I voi . ) .
ds lo spostamento elementare, V i e V 2 rispettivamente i volumi iniziale e finale
del fluido che si espande (fig . 3) . 4 . EN ERGIA. - Di solito si definisce energia l'attitudine posseduta da un
La forza agente sullo stantuffo nell'istante considerato risulta f = p A , ed corpo a compiere lavoro, cioè en ergia e la voro sarebbero si nonimi , tanto che la
il lavoro elementare dL = p A ds = p dV, in quanto A ds = dV è l'incremento stessa e nergia viene m isurata dal lavoro che il corpo è i n condizioni di compie­
di volume del fluido durante lo spostamento ds . re .
Ma in una definizi one più genera le si può definire energia la capacità di
- 10 - - 11 -

un corpo di produrre effetti meccanici, termici, elettrici, acustici, ott1c1, e si sempre con t,· in j oule, mentre sarà I in kg m 2 ed w in rad/s .
possono considerare vari tipi di energia secondo la particolare caratteristica cui Se, ad esempio, consideriamo un corpo di massa m che partendo dalla
si vuol fare riferimento . L'energia non si può né creare né distruggere, e nelle quiete raggiunge, sotto l'azione di una forza F, la velocità v nel tempo t, il moto
diverse trasformazioni da un tipo in un altro vale sempre il principio della sarà uniformemente accelerato con accelerazione a = v/t e lo spazio percorso s
conservazione dell'energia, cioè in ogni processo l'energia totale finale è uguale = at2/2 . Il lavoro compiuto dalla forza, e immagazzinato nel corpo sotto forma
all'energia totale iniziale. di energia cinetica (trascurando le resistenze) sarà:

- Energia Potenziale . - L'energia potenziale dipende dalla posizione del 1


L F s m (at) 2 m v2
corpo nello spazio, oppure dalle sue caratteristiche fisiche o chimiche dello 2 2
stato particolare (energia « in potenza »).
Nel campo della gravità l'energia potenziale posseduta da un corpo di Fermando il corpo tale energia verrà restituita sotto forma di lavoro o di
massa m situato ad un'altezza h dal suolo corrisponde al lavoro che lo stesso calore.
può compiere cadendo fino al suolo :
L'energia termica è una forma di energia cinetica corrispondente ai
Ep = P h = m g h moti di agitazione del le molecole costituenti la materia.

con E in J, P in N, h in m, la massa m in kg l'accelerazione di gravità g in m/s 2 . Energia I nterna . - L'energia interna di un corpo in un dato stato fisico
Si tratta ovvimente del lavoro che potrebbe compiere la forza di gravità percor­ corrisponde al la somma di tutte le energie potenziali e cinetiche delle particelle
rendo la distanza verticale h fino al suolo . costituenti il corpo, mol�cole, atomi, elettroni in relazione ai legami di natura
Quando il corpo cade liberamente l'energia potenziale si converte in cine­ fisica e chimica ed ai loro movimenti . L'energia interna di tipo cinetico è del
tica, e nell'urto contro il suolo si trasforma poi in energia termica . tutto disordinata e non dipende dall'energia cinetica esterna ordinata, eventual­
Energia potenziale dipendente dalla forma è quella di una mol ta compres­ mente posseduta dall 'intero corpo in movimento . La stessa considerazione vale
sa ; energia potenziale chimica è quella dei combustibili che si sprigiona sotto per le energie potenziali interne che dipendono dalle posizioni del le particel le e
forma di calore durante la combustione . dal le forze di aggregazione, del tutto indipendenti dalla energia potenziale
esterna posseduta dal corpo a causa di campi di forza esterni al sistema .
- Energia cinetica . - L'energia cinetica o di movimento, detta anche N on è possibile conoscere il valore assoluto del l 'energia interna U, ma si
impropriamente « forza viva », o energia attuale ( « in atto ») è quella posseduta tratta di un inconveniente di scarsa importanza dato che nel le applicazioni di
da un corpo in movimento a causa del moto stesso . Per un corpo di massa m termodinamica è sufficiente conoscere le variazioni del la grandezza tra due stati
che si muove alla velocità v risulta : fisici noti. I nfatti la U è una funzione termodinamica di stato, cioè ad un dato
stato di equil ibrio corrisponde sempre un medesimo val ore (incognito) di U,
m v2 qualunque sia stata la trasformazione che ha portato il corpo nel lo stato consi­
2 derato . Significa che la variazione infinitesima dU è un differenziale esatto e
che la variazione finita U2 - U , nel passare dal lo stato iniziale A a quel lo finale
con E in J , m in kg e v in m/s , mentre per un corpo rotante con velocità B, rispettivamente di caratteristiche (p , , V , , T , ) e (p2 , Y 2 , T2), non dipende dal la
angolare w intorno ad un asse rispetto al quale sia I il momento d'inerzia di trasformazione seguita, ma soltanto dagli stati estremi .
massa è: Risulta anche che in un ciclo chiuso di trasformazioni, che riporta il corpo
nello stato iniziale, la variazione complessiva di energia interna è nulla.
' cJ Ovviamente anche l'energia interna deve rispettare il principio di conser­
2 vazione dell 'energia, per cui in una trasformazione generica A B dovrà risultare:
- 12 - 13 -

Us - UA = Q - L e si nota che la lunghezza d 'onda è i nversamente proporzionale alla frequenza


del fenomeno v ibratorio .
essendo Q l 'energia ricevuta dal corpo sotto forma d i calore ed L i l lavoro S i distinguono l e onde longitudinali e le onde trasversali secondo che la
compiuto dal corpo stesso durante la trasformazione . Tutte le grandezze sono direzione della v ibrazione coincida o sia perpendicolare alla direzione di pro­
espresse in j oule, ed i valori Q ed L sono intesi positivi quando il calore è pagazione dell'onda . Le onde elastiche e quelle sonore sono di tipo longitudina­
assorbito dal corpo ed i l lavoro compiuto contro una resistenza esterna . J n caso le, mentre le onde elettromagnetiche sono trasversa l i .
contrario i rispettivi termini cambiano d i segno . N e i fenomeni oscil latori d i tipo meccanico si generano le onde elastiche,
A differenza dell'energia i nterna , che è una funzione di stato, la q uantità di generalmente dovute a moti armoni c i , con vi brazioni materia l i d i tipo elastico a
calore Q ed i l lavoro L non sono funzioni termodinamiche di stato e le corri­ bassa frequenza nella direzi one d i propagazi one .
spondenti variazioni o quantità i nfinitesime dQ e dL non sono differenzial i Nei fenomeni acustici l e onde sonore sono di tipo longitudinale e si
esatti, per cui i valori Q ed L dipendono anche dalla l i nea di tras formazion e . Se trasmettono attraverso i l mezzo con successive compressioni e rarefazio n i , cioè
poi l a li nea di trasformazione è chiusa la variazione complessiva d i energia con variazi oni della pressione e della densità del mezzo attraversato .
interna risulterà nulla ( U B = U A ) , e quindi Q = L, cioè il calore assorbito dal La frequenza dell e onde sonore è normal mente compresa fra 1 6_ e 20000
corpo si converte nel lavoro esterno compi uto . hertz ; per frequenze superiori a 20000 s i hanno gli ultrasuoni e inferiori a 1 6
gli infrasuoni .
- Energia elettrostatica . - È quella che com pete a l la carica elettrica L a velocità d i propagazi one d e l suono nel l 'aria secca è d i circa 3 3 8 m / s a
posseduta dé1 un corpo situato i n un campo elettrostatico per interazione con le 20 ° e 1 O 1 3 ,2 5 m bar, nel l 'acq ua i n condizion i norm a l i ci rca 1 500 m / s , nei solidi
altre cariche elettriche che generano il campo . Si tratta d i una forma d i energia da 1 000 a 5000 m/s . Nei gas l a velocità di propagazi one più elevata è quella
potenziale che d ipende dall� posizione del corpo e dalle caratteristiche del n e l l 'id rogeno, ci rca 1 2 70 m / s a O ° C .
campo . La propagazione del suono a ttraverso i l mezzo elastico corr i sponde ad una
trasm issione di energia ( sonora ) , general mente ottenuta da una sorgente sonora
Energia magnetostatica . - È analoga a l l a precedente e si riferisce ad per con versione di altro tipo di energia ( meccanica, term ica, e l ettrica) . Duran te
un corpo magnetizzato (magnete) disposto in un campo magHetico . S i tratta di i l percorso, peral tro, . s i ha una attenuazione del suono, tan to maggiore quanto
una energia potenziale che d i pende dalla posizione e dalle cara tteri stiche del più lontana è la sorgente, a ca usa d e l l e varie resi stenze che danno luogo ad una
campo . I n entrambi i casi s i defini sce intensità del campo i n un punto l a forza di spersione di energia sotto l'orma d i calore .
che sollecita l 'unità di carica (elettrica o magnetica) posta in quel punto, d i retta
secondo la tangente alla linea d i forza passante per i l punto . Le onde ele ttromagnetiche, a differenza di quelle preceden ti , sono di tipo
trasversale, cioè la direzione della v i brazione è perpendicolare alla d i rezione di
- Energia raggiante . - N e i fenomeni vi bratori o osci llatori si generano propagazione del l 'onda . Sono generate dalle variazi oni d i un campo elettroma­
variazioni periodiche di stato fi sico che si trasmettono nello spazio o nella gnetico ed hanno la caratteristica di propagarsi a n ch e nel vuoto con la stessa
materia per mezzo d i osci l lazioni che prendono i l nome di onde, e l a cui forma vel oci tà del la l uce (ci rca 300000 k m / s ) .
p i ù caratteristica è quella s i nusoidal e . Dicesi periodo l 'in terva l lo d i tempo Come è noto esi ste uno stretto legame tra fenomen i el ettrici e fenomeni
(secondi) che compete ad una osci llazione completa , cioè due alternanze succes­ magnetici , con azioni mutue tra correnti elettriche e campi magnetici che costi­
sive, mentre la frequenza corr i sponde al numero d i oscillazioni n e l l 'unità di tui scono campo d i studio del l 'elettromagneti smo . Le correnti elettriche genera n o
tempo, cioè periodi al secondo (cicli / s o hertz) . Lo spazio percorso d a l l 'onda in cam pi m agnetici , e a loro vol ta s o n o soggette ad azioni meccaniche da parte d e i
un periodo è l a· lunghezza d 'o nda . campi magnetici c o n c u i s o n o concaten ate . L e perturbazi on i del campo elettro­
I ndicando con T il periodo, f la frequenza, w la pulsazione, v la velocità magnetico si propagano n e l l o spazio sotto forma di onde, per quanti energeti c i ,
di propagazione dell'onda e À. la lunghezza d'onda si hanno le relazioni : come l a s t e s s a l uce c h e corrisponde a radi azion i elettromagnetiche .
Queste onde, i rradi a te n e l l o spazi o, prendono anche i l nome di radiazioni,
f = 1/T = w/2 n = v/À. w = 2 n f À. = v /f e la corri spondente energia viene perciò di stinta col nome d i energia raggiante .
- 14 - - 15 -

Dalle onde radio, utilizzate nelle radio comunicazioni (lunghissime, medie, I generatori potranno produrre secondo le esigenze corrente continua (di­
corte, ultracorte e microonde), alle radiazioni infrarosse, radiazioni visibili (dal namo) o corrente alternata (alternatori) . In alcuni casi la corrente alternata
rosso al violetto), radiazioni ultraviolette emesse da atomi convenientemente viene raddrizzata per particolari impiegh i .
eccitati, raggi X, generati per urto di elettroni lanciati ad altissima velocità
contro u n supporto di materia, ed infine i raggi gamma ad altissima frequenza - Energia idrica . - L'energia dell 'acqua viene generalmente impiegata
emessi dai nuclei atomici . I raggi y hanno lunghezza d'onda fino a qualche sotto forma di energia cinetica trasformando per caduta l 'energia potenziale di
o o
centesimo di angstrom, raggi X da 0,0 1 a 1 00 A , ultravioletti da 1 00 a 3 700 A , livello lungo condotte forzate, e successivamente l 'energia cinetica in lavoro
raggi visibili da 3 700 (violetto) a circa 8000 A (rosso), raggi infrarossi da 8000 nelle turbine idrauliche ed il lavoro in energia elettrica nei generatori condotti
a 1 2000 A , fino alle onde radio da meno di 1 0 m (cortissime) a qualche dalle turbine . Oppure si potrà generare il movimento sottoponendo il liquido ad
chilometro (lunghissime) . Rammentiamo che 1 A = 1 o- 8 cm . una differenza di pressione da monte (zona ad alta pressione) a valle (zona a
Tutte queste onde elettromagnetiche, la cui lunghezza varia nell'ordine bassa pressione) . Si ottiene così lo scorrimento e la conseguente energia cinetica
indicato,mentre inversamen te aumenta sensibilmente la frequenza nel passare come in un fiume che scorre (per gravità ) . da monte a valle, o canale.
dalle onde radio ai raggi gamma, si propagano nello spazio trasmettendo ener­
gia raggiante il cui valore dipende dalle caratteri stiche elettriche e magrietiche 5 . CALORE E SUOI EFFET T I . - Il calore o energia termica è una
del mezzo e dalle inten sità dei campi elettrico e magnetico . I fenomeni cui può particolare forma di energia, dovuta ai moti di agitazione molecolare, che si
dare origine l'energi a raggiante dipendono dal la frequenza, ed in particolare i manifesta nei passaggi da un corpo ad un al tro, o anche da un punto ad un
raggi infrarossi si converton o facilmente in calore q uando incontrano una su­ altro di uno stesso corpo . La q uantità di calore Q, espressa in j oule come
perficie materiale che li assorbe . qualsiasi altra forma di energia, non è però una funzione di stato ed è ben
distinta dall 'energia interna U.
- Energia elettrica . - L 'energia elettrica è quella trasmessa ad un fl usso Quando si parla di contenuto termico di un corpo si fa riferi mento soltanto
di elettroni li beri che si muovono in un cond uttore generando la corrente all 'energia cinetica molecolare disordinata che può aumen tare o diminuire per
elettrica . Considerando un tratto di conduttore cui sia applicata la differenza di assorbimento o cessione di cal ore, ed il corri spondente l i ve ll o term ico varierà
potenziale V 1 - V 2 , indicando con Q la carica elettrica trasportata da un col cambiare della temperatura (vedere primo volume) .
estremo all'al tro nel tempo t, la corri spondente energia elettrica, o l a voro com­ I l ca l ore s i manifesta soprattutto attraverso i suoi effetti quali i l riscalda­
pi uto dagli elettroni , è : mento ed il raffreddamento dei corpi e la trasformazione in lavoro meccanico _ o
in altra forma di energia . A sua volta il calore può derivare da trasformazione
j oule = coulomb X vol t di altra form� di energia, da lavoro i n calore, da energia elettrica o magnetica,
luminosa, sonora, ecc .
mentre la potenza, o lavoro al secondo, sarà : I principi fondamentali della termodi namicca precisano che in ogni istante
deve essere costante la somma di tutte le energie di un si stema (conservazione
dell 'energia) mentre la quantità di cal ore messa a disposizione di un processo
p I V
E
termodinamico non potrà mai essere tutta convertita in lavoro, cioè il calore è
un 'energia di tipo degradabile, ovvero di seconda specie.
essendo P in watt la potenza, I in ampere (coulomb/secondo) l 'intensità della
corrente e V, i n volt, la d . d . p . o tensione applicata . Ovviamente risulta 1 W = 6 . EQUAZIONE FONDAMEN TALE DELLA T E RMODINAMICA.
1 V X 1 A. Nella sua etrnologia il concetto di termodinamica vorrebbe significare dinamica
I n campo terrestre l 'energia elettrica viene generata nelle centrali d i tipo del calore, cioè studio del calore in movimento, e perciò dei suoi effetti nel
idroelettrico, termoelettrico e nucleari . A bordo è normalmente generata tra­ passare da u n corpo ad un altro . È materia di fondamentale importanza per lo
sformando energia termica in elettrica attraverso generatori condotti da turbine studio delle macchine termiche , per i processi di trasformazione del calore in
a vapore o a gas , o da motori diesel .
- 16 - - 17 -

lavoro e viceversa, di riscaldamento, vaporizzazione e cond_ensazione di fluidi, che dQ e dL non sono differenziali esatti perché dipendono anche dal ti po di
per la conversione i n altro t i po di energia . t rasformazione che congi unge i due stati fi sici estrem i . A rigore la variazione di
Lo s tato di un corpo è caratterizzato dall e proprie grandezze fisiche, i n volume è la medesima a parità di stati fi sici estremi , ma sarà differente il lavoro
particolare pressione, volume e temperatura, cui corri sponde anche u n valore secondo i l cammino percorso .
del la sua energia i nterna (a meno di una costante) . Stabi l iamo di considerare pos i t i vo i l term ine dQ q uando si tratta di calore
Queste grandezze sono generaimente sufficienti a definire lo stato fisico, e addotto, cioè assorbito dal corpo, e n egat i vo se ceduto dal corpo al l 'ambiente. Si
se esse non variano con trascorrere del tempo i l corpo si trova i n e q u i librio . avrà incremen to o dimi nuzione di energia i n terna secondo che dU sia maggiore
Se, i n vece, si considera un sistema materiale costituito da più corp i , come o minore di zero, ed analogamente aumento o di m i n uzione di volume per dV
avviene n e i casi più comun i , diremo che i l si stema è in equi l i brio quando col positivo o negativo (espansione o compressione).
trascorrere del tempo tutte l e grandezze caratteri stiche si mantengono costan t i , Se fosse dQ = O la trasformazione si svolge senza scambi di calore
quando cioè n o n varia lo stato d e i s ingo l i corpi cost i tuen t i i l sistema . (adiabatica) ; per dU = O sarà n u l la in ciascun i stante la variazione di energia
Se , poi , nel sistema avvi e n e una trasformazione di staio fisico sign i fica che i n terna (energia i n terna costante) e per dV = O risul terà nulla la variazione di
qual che caratteri stica vari a . Ad esempio se l a temperatura di un corpo fosse volume ( a volume costante) .
di versa da quel l a de l suo a m b i e n t e vi sarebbe uno scambio di cal ore, si verifi­ Le grandezze p , V , T ed U (ed a l tre che vedremo) sono funzioni di stato i n
cherebbe cioè una trasformazi one sia nel corpo che nel suo ambiente . quanto defin i scon o lo stato fi s ico, i n d ipendenti dal l e i n fi n i te l i nee d i trasforma­
Generalmente faremo ri feri mento ad un solo corpo - gas o vapore - che zione passan ti per il punto che rappresenta lo stato con siderato . Le variazioni
di remo corpo evolvente o corpo opera n te, e con s ideriamo l e sue vari azio n i di c/U e dV sono perta n to differenzia l i esatt i , mentre non si può d i re a l trettanto
stato per effetto di uno squi l i brio tra esso cd il suo ambiente . per il dQ che rappresenta soltan to una quantità i n fi n itesi m a di ca lore scambiata
I n ogn i caso, a presci ndere da even tuali vari azio n i d i ca rattere ch i m ico, in un i stante tra corpo ed ambiente, ma che non corri sponde a l differenzia l e d i
magnetico o el ettrico, quando ad un corpo si forn i sce la quantità di calore Q si u n a grandezza funzione d i stato .
verificano generalmente un aumen to di temperatura e d i volume, una variazione Si spiega così perché non è giusto considerare una qua n t i tà d i ca l ore
di energia i n terna ed un l avoro per effetto del l a d i la tazi o n e . li corpo, infa tti , contenuta in un corpo, va lutandola in senso assoluto a partire da un va lore
ol tre ad aumen tare l a propria en ergia i n terna, dovrà com pi ere un l a voro esterno nullo, come grandezza atta a defi n i rn e lo sta to fisico . li con ten uto term ico
con tro l e forze ( pressi one) su di esso age n ti , ed un piccolo la voro con tro le equi valente al l 'energia cinet ica molecolare è già conglobato nel l 'e nergia i n terna,
forze di aggregazione che peraltro è tanto picco lo che di solito si trascura . che è funzione d i stato . Per quanto concerne la quanti tà di calore l a vedrem o
Se i l calore addotto non si tra s forma in al tro t i po di energia , la qua n ti tà i n vece soltanto sotto forma di energia c h e si trasmette d a u n corpo ad un altro
i n fi n i tesima dO assorbita dal corpo i n un istante della tra s form azione dovrù dando luogo ai suoi effetti ca ratteri stici ri spettando i l princi pio del l a conserva­
ris pettare il pri nci pio fondamentale ( primo pri nci pio ) , cioè : zione del l 'energi a .
Considerando una trasformazione gen erica A B rappresentata nel piano
dQ = dU + d i. dinamico V , p , un elemen to di area del diagramma rappresenta i l lavoro ele­
mentare dL = p dV, e l 'area complessiva AoA B B0 i l l a voro totale compi uto da l
essendo d U l 'i ncremento i n fi n i tesimo di en ergia i n terna e dL i l lavoro esterno corpo nel passare i n espansione dallo stato i n iziale A a quello final e B . Per ogn i
elemen tare compiuto . Le tre grandezze sono i n joule, e se nel l 'istante con s i d e ra­ istante della trasformazione vale l 'equazi one fondamen tale i n termini i n fi n i te­
to il volume V va ria del l 'i n f i n i tesimo c! V, si a v rà anch e : simi, e sommando tutti i term i n i elementari relativi ai successi vi istanti si ricava
l 'equazione fondamentale del la termodi namica in termi n i fi n i t i :
dQ = dU + p dV

Questa rappresenta l 'eq uazione fondamentale d e l l a termod i n a m i ca i n l'or­


Q = (U2 - U , ) + L
ma differenziale,, ed ognuno dei suoi term i n i potrà assumere nel caso p i ù
generale valori pos i t i v i , nul l i o n egati vi . Da n otare, come si è gi�1 l'a tto ri levare, essendo Q ( J ) l a quantità totale di calore scambiata durante l a trasformazione,
- 18 - - 19 -

ed L = f p dV (J) il lavoro esterno compiuto.


( U2 - U , J (J) la variazione totale di energia interna tra i due stati fisici ( 1) e (2)
. 7. TRASFORMAZIONI REVERSIBILI . - Nei sistemi termodinamici si
fa spesso riferimento a casi limiti ipotetici considerando le trasformazioni come
Il lavoro esterno è rappresentato dall'area A0 ABB0 sottesa dalla linea di reversibili o invertibili. Una trasformazione sarebbe invertibile solo quando
trasfprmazione (fig. 4 a) e dipende anche dal cammino percorso. Infatti per i potesse svolgersi in condizioni tali che una volta effettuata in un certo senso il
corpo operante e lo stesso sistema potessero riportarsi nelle condizioni di
equilibrio iniziali, ripercorrendo in senso inverso tutti gli stessi stati fisici sotto
1 'azione dei corpi che hanno preso parte alla trasformazine diretta, e in modo
p p che alla fine dell'operazione sia il corpo evolvente sia quelli dell'ambiente
A esterno si riportino nelle medesime condizioni fisiche iniziali.
P, A

i
P,
a) b) Si tratta di una condizione puramente ideale, non accettabile neanche in
�sp ne) teoria in quanto la reversibilità del fenomeno deve presupporre in ciascun
I i stante equilibrio di temperatura e di pressione tra corpo evolvente ed ambiente
I
I
(sorgente di calore), ed assenza assoluta di resistenze passive. In realtà gli
I
I
I scambi di calore avvengono per differenze di temperatura, e quindi se. in un
p - - - t- - - - - -
1 -<, I dato istante della trasformazione diretta il corpo riceve calore dall'ambiente,
i / · ''
I
I

II significa che questo si trova a temperatura più elevata, per cui nel caso del
I
pctV-;;;:,,1
P2 - - 1 - ·-- - - ·- - - · · - · · - ·=• -- · - percorso inverso il corpo non potrà restituire il calore che aveva ricevuto nel
I

I
P - - r - - -- - ·t':--,,
:;1
2 1 I". · ·1 I 1
' Ao 1; , -1 ' Bo 1 Ao 1 Bo corrispondente istante, perché la sorgente si trova a temperatura superiore.
v, - -- ctv v, V Da questa considerazione deriva che per la trasformazione reversibile si
impone la condizione limite di equilibrio di temperatura tra corpo ed ambiente,
Fig. 4. - Rappresentazione gra fica del lavoro . i stante per istante. L'equilibrio di temperatura , però, impedirebbe gli scambi di
calore (a parte il tempo infinito eventualmente necessario) ed ecco quindi anche
l'impossibilità teorica, oltre che reale, per il compimento di trasformazioni
punti A e B possono passare infinite l inee d i trasformazione, e mentre la reversibili.
variazione di energia interna tra i due stati sarà sempre la stessa, il lavoro Analoghe considerazioni possono farsi per l'esigenza dell 'equilibrio di
esterno varia con la linea di trasformazione seguita. Ad esempio nella figura 4 b pressione, mentre la presenza delle resistenze passive sarebbe già sufficiente da
si può osservare che i l lavoro esterno aumenta nel passare dalla l inea inferiore sola ad impedire il compimento di una trasformazione reversibile.
( 1 ) a quel la superiore (3 ) , ed analogamente la quantità di calore Q. Peraltro il concetto della reversibilità è importante per lo studio teorico
Se si considera un ciclo chiuso di trasformazioni, tale che il corpo operante delle trasformazioni termodinamiche.
si riporti nel lo stato iniziale, la sua energia interna riprende lo stesso valore per Un sistema termodinamico generico è formato da più componenti, ciascuno
cui la variazione compl ess i va sarà nul la e l 'equazione fondamentale assume la con le sue caratteristiche fi siche e chimiche, stato di aggregazione solido, liqui­
form a : do o aeriforme che può essere soggetto a cambiamenti (liquefazione-solidifica­
zione ; vaporizzazione-condensazione), costituzione interna per granuli di mate­
Q = L ria (discontinua), ed uno studio approfondito del sistema e delle sue variazioni
risulterebbe estremamente complesso (particelle materiali - quanti di energia -
Ri sulta perciò che in un ciclo chiuso tutto i l calore netto tra smesso al meccanica ondulatoria).
corpo viene uti l izzato trasformandolo in lavoro esterno, lavoro teorico rappre­ Nelle applicazioni termodinamiche comuni, peraltro, ci si limita ai fenome�
sentato graficamente dall'area del ciclo. Come cal ore netto si intende la diffe­ ni macroscopici, astraendo dalla struttura interna granulare, della quale si tiene
renza tra la quantità di calore O , assorbita dal corpo e la quanti tà 0 2 ceduta conto considerando l'energia interna come funzione di stato fisico, e si conside­
dal lo stesso corpo durante i l ciclo completo, cioè : Q = O , -· 02 . ra la materia come una grandezza continua cui sarà possibile applicare il
20 - 21 -

calcolo differenziale considerando variazioni infinitesime (differenziali) delle


funzioni che ne caratterizzano lo stato fisico, e variazioni elementari degli
scambi di energia.
e si ha la conferma che l'entropia specifica è espressa nella stessa unità di e.
8. ENTROPIA. - Per definire un sistema termodinamico è sufficiente
Considerando il calore specifico medio c 111 supposto costante tra le due
conoscere le grandezze pressi one, volume, temperatura, cui si aggiunge un'altra
temperature si avrebbe:
grandezza , chiamata dal Clausius Entropia, anch'essa funzione di stato . Altre
grandezze si derivano dalle quattro indicàte.
Consideriamo un sistema costituito da un corpo evolvente e dal suo am­
bièntè (sorgente di calore), e supponiamo che si svolga una trasformazione
S2 - S1 =
J
em T , --
T, T
dT =
·
cm lg
T2
-
T1
reversibile tra due stati fisici definiti A e B cui facciamo corrispondere le
I logaritmi sono neperiani, o naturali, in base e , mentre il calore specifico
grandezze con indice ( I ) e (2).
medio è quello definito daWintegrale, e per tutte le trasformazioni reversibili tra
In un istante della trasformazione a temperatura T sia dQ la quantità
A e B dovrebbe avere il medesimo valore.
infinitesima di calore che il corpo riceve o cede. Tra ttandosi di trasformazione
Se si considera un ciclo chiuso reversibile si ritorna nelle condizioni
reversibile la temperatura T (assoluta) è la stessa per il corpo e la sorgente.
iniziali e pertanto la variazione complessi va di entropia è nulla (come per ]a
Consideriamo per tutti i successivi istanti i rapporti dQ/T tra le quantità
variazione di energia interna). Basterebbe considerare due distinte ti:asforma­
elementari di calore scambiate istante per istante e le corrispondenti temperatu­
zioni reversibili percorse in sensi inversi, una da A a B, e l'altra da B ad A,
re T, generalmente diverse , alle quali avvengono gli scambi , e poniamo:
ottenendo:

sll - sA = J. B dQ
-
T
( )/K) sll - sA = j. -
dQ B
·'
A
A T

A questo integrale, calcolato lungo una trasformazione reversibile, si dà il


I due integrali sono opposti e la loro somma è nulla , cioè:
nome di variazione di entropia , e si dimostra che il suo valore dipende soltanto
dalle caratteristiche degli stati estremi A e B e non dal tipo di trasformazione
reversibile che unisce i due . s tati.
Per via puramente matematica è stato così introdotto il concettto di una
nuova grandezza detta Entropia i cui valori dipendono soltanto dallo stato
Questa condizione vale soltanto per cicli reversibili .
fisico e non dal cammino percorso, per cui si tratta di un'altra funzione di stato
Considerando la trasformazione reale del corpo evolvente non valgono più
atta a caratterizzare uno stato fisico e per la quale si può considerare il
le condizioni di reversibilità e le temperature del corpo saranno diverse da
differenziale dS dato dal rapporto tra la quanti tà elementare di calore dQ e la
quelle delle sorgenti , ri spettivamente minori nel caso di calore ceduto dalle
temperatura assoluta T della sorgente e del corpo evolvente nell'istante che si
sorgenti, e maggiori per calore versato dal corpo alle sorgenti. In queste condi­
considera.
zioni calcolando l'integrale in funzione delle temperature del corpo si ricaverà
L'entropia relativa all'intera massa è espressa in J/K, omogenea con una
un vahre sempre maggiore (al limite uguale ) di quello calcolato in funzione
capacità termica , mentre l 'entropia specifica dell'unità di massa risulterà in
delle t<: mperature delle sorgenti, cioè:
) /kg K come un calore specifico.
Considerando l'entropia � peci fica risulterà per I kg di sostanza dQ = c
dT, essendo c il calore specifico del corpo nell'istante corrispondente alla varia­ j
S B - SA � · B -
dQ
-
zione dT di temperatura dovuta al calore dQ . Si avrà allora: A T

Ciò significa che in una trasformazione reale la variazione di entropia nel


- 22 - - 23 -

passare dallo stato A a quello B è sempre maggiore dell'integrale di Clausius tura T sia costante (media tra i due stati infinitamente vicini), per cui il
calcolato in funzione delle temperature delle sorgenti, per cui in un sistema rettangolo elementare tratteggiato rappresenta graficamente la grandezza:
termodinamico soggetto a scambi di calore l'entropia del sistema tende sempre
ad aumentare. È questa una conferma della degradazione dell'energia termica e dg
T dS T dg ( I /kg)
del secondo principio della termodinamica . T
Abbiamo notato che l'entropia è una grandezza funzione di stato i cui
valori dipendono appunto dallo stato fisico, e la variazione di entropia tra due Tale area elementare rappresenta pertanto la quantità elementare di calore
stati è quella che si ottiene considerando una qualsiasi trasformazione reversibi­ scambiata dall'unità di massa della sostanza evolvente nell'intervallo infinitesi­
le che porti il corpo evolvente da uno stato all'altro . Si tratta perciò di una mo, calore che ha determinato la variazione infinitesima dS di entropia.
grandezza per la quale è possibile calcolarne le variazioni, come detto per Risulta quindi che l'area Aa A B Bo Ao compresa tra la linea di trasformazione
l'energia interna, mentre per quanto riguarda i valori assoluti bisognerebbe reversibile, le verticali estreme e l'asse delle ascisse rappresenta la quantità di
conoscere il valore assunto dalla grandezza in corrispondenza dello zero assolu­ calore scambiata da 1 kg di sostanza (o di tutta la massa quando S è espressa in
to. J / K) durante la trasformazione :
D'altro canto per gli usi pra�ici basta poterne calcolare le variazioni, anche
se in base all'ipotesi formulata dal terzo principio della termodinamica l'entro­ = Il 8
pia allo zero assoluto viene considerata nulla .
In queste condizioni il valore assoluto dell'entropia in un dato stato di
area Ao A B B0
JA
T .dS = fA
dg = q

temperatura T sarebbe : Questa particolare proprietà del piano entropico risulta di grande impor­
tanza nella termodinamica tecnica perché permette il confronto del le trasforma-
T dQ
J
s = -
o T
p ( N/m 2 )

� - - - - -- - - ------ --
T {K) a) b)
dove l'integrale dovrà essere calcolato per una qualunque trasformazione rever­ 8 P, _ _ A ( p 1 - v 1 )
sibile che porti dallo zero assoluto allo stato fisico di caratteristiche p, V , T, S .

''
M ' � : '' '' ' ' :
9. DIAGRAMMA ENTROPICO. - La nozione di Entropia consente una
nuova rappresentazione grafica dello stato fisico di un corpo . Esso sarà infatti --
T ·-
definito quando siano noti i valori corrispondenti di T e di S, e perciò nel piano
- · - ·- - . - - .
'

entropico, o di Clausius, si portano in ascisse le entropie S, contate generalmen­

: ' =d q , � '' '' ' '' ;'


: ' o '
T, ·- - - -A ' , ,'� ;'./J, ' ' " ,;
· , T dS�' '
' ' ,,
te a partire da uno zero arbitrario, ed in ordinate le temperature assolute T (fig. :
5). (J /kg K )
L'origine degli assi rappresenta pertanto lo zero assoluto per quanto con­ Ao' , , -.v,, , ' ' · Bo
cerne le ordinate, ed uno zero arbitrario (spesso lo zero centigrado) per quanto
riguarda le entropie. Fig. 5 . - Diagra mma en tropico e d iagramma d i namico.
Considerando le entropie specifiche (S in I/kg K) sia AB una trasforma­
zione reversibile compiuta dal kg di fluido tra gli stati A e B di caratteristiche
zioni in base alle quantità di calore scambiate. I n particolare è di grande utilità
(S 1 , T 1 ) e (S2 , T2). In un istante M di coordinate S e T, ed in un altro N
nello studio dei cicli termodinamici .
infinitamente vicino cui corrisponde l'entropia S + dS e la temperatura T +
Pertanto mentre nel diagramma dinamico V,p (di Clapeyron) le aree rap­
dT si potrà supporre, a meno di infinitesimi di grado superiore, che la tempera-
presentano lavoro, nel diagramma entropico S,T (di Clausius) le aree rappresen­
tano calore (fig . 5).
- 24 - - 25 -

Poiché T è sempre positiva, la variazìone dS avrà sempre lo stesso segno di geometrico alla tangente trigonometrica dell'angolo che la tangente geometrica
dq , e quindi il calore sarà somministrato quando la trasformazione si svolge nel a l l a linea funzione nel punto considerato forma con l'asse delle ascisse (fig. 7
senso delle entropie crescenti , e sottratto nel caso opposto (fig. 6) : 11 ) .
Se nel punto P della curva funzione si portano rispettivamente la tangente
dS � O , dq � O ( I ) e la normale (n) esse incontrano l'asse delle ascisse nei punti H e K, ed i
segmenti HM e KM corrispondono alle proiezioni sul medesimo asse dei se­
gmenti di tangente e di normale compresi tra il punto P e l'asse delle ascisse.

T T

dS > 0 , dQ > O B dS < 0 , dO < O A y T


PM = H M tg a = K M colg a tg a = .2l._ = � ; PM = T
HM
dT > o , dT < 0 dS
I
PM 2 = H M x K M
V /\ a) . H M = Td S = _I_ _c:!.9._
b)
,,. , I dy
= PM = tg a dT dT T
/. , / , I dx HM
// ,,. / ,, I b) H M = _c:!.9._ = e B
/ / / ,, J a) dT
1/ / ( + ) / / I
v / / // / I
A / / ,,. ,,. / , 1
f/ / / / / / / 1
, ,, // / / / / t T

Ao Bo S Bo Ao s y A

H a 90� a K H (J/kgK)
�t :---1_n___ ½
��----,-T1/c
�--.
S1 ,S
T T --- x -' e
dS > 0 , d O > 0 dS < O , dQ < 0
dT < 0 dT > 0 Fig. 7. - Calore :;peci fico nel piano entropico.

e) d)
Questi segmenti prendono in geometria ri spetti vamente i nomi di sottotangen te
e di sottonormale, e per sempl ici relazion i sui triangoli rettangoli si trova

=
faci lmente :

PM = y = HM tg a = K M ctg a KM H M tg 2 a
Ao Bo S Bo Ao S
Fig. 6. - Variazioni di en trop i a . L'ordi nata del punto P ri sulta media proporzi ona le tra l a sottotangente e la
sottonorm a l e , cioè detta y l'ordinata di P si avrà :

HM X K M = y2
� I l calore specifico nel piano entropico . - Rammentiamo che la deriva­
ta di una funzione y = f (x) in un suo punto corri sponde nel suo concetto Ciò premesso sia A B la l i nea di tras formazi one che nel piano entropico

3. - CAocc, , Macchine Marine - Voi . 1 1 .


- 26 - - 27
S - So
rappresenta la funzione T = f (S), e per un punto P di coordinate S,T portiamo S - So c lg _I_
T
lg -
S So
T To e e
il segmento tangente PH che forma con l 'a sse delle ascisse l 'angolo a, e si To To c
proietta nella sottotangente H M . Per quanto detto il coefficiente angolare della
retta tangente corrisponde alla derivata della funzione nel punto considerato, e si vede che nel caso di calore specifico costante la linea di trasformazione
per cui (fig . 7 b) : risulterebbe una curva esponenziale con sottotangente uguàle in ogni punto (fig.
8) .
tg a PM -
dT-
HM dS
T (K) T (K)
a) b)
Sviluppando si avrà : T1 Ì" 11 T 111

- = -· = - = C
tga• tga 11 tga 1 1 1

dS �

''
= T dq _l_

': --- -�
HM PM c O/kg K)
dT T dT dT

Resta così dimostrato che nel piano entropico riferito all'entropia specifica '- I

la sottotangente in un punto della linea di trasformazione rappresenta, nella Te - - - I


stessa scala delle entropie, il calore specifico del corpo nello stato considerato, e I
I
I
relativo al tipo di trasformazione compiuta . ( Se il diagramma fosse riferito I
I
all 'intera massa evolvente la sottotangente rappresenterebbe la corrispondente
(J/kg K)
capacità termica in J /K ) .
Sa s
I l calore specifico risulterà pertanto positivo per a minore di 90 ° , e negati­
Orizzontali : T = cost. ; Vertica l i : S = cos t . ;
vo se a maggiore di 90 ° . Nel primo caso dq e dT hanno lei stesso segno e la PA , Pa , Pc : p = cosi . ; H A , H s , H c : H = COSI .
curva si dirigerà dal basso verso l 'alto nel senso delle entropie crescenti quando
siano entrambi positivi (calore addotto), oppure sarà diretta dall'alto verso il Fig. 8. - Trasformazioni nel piano entropico.
basso, e nel senso della diminuzione dell'entropia quando dq e dT siano en­
trambi negativi (calore sottratto) .
Nel caso di angolo a ottuso il calore specifico è negativo, cioè, dq e dT 1 0 . RAPPRESENTAZIONE D I UN CICLO NEL PIANO ENTROPICO.
avranno segni opposti . La linea s i svolge con diminuzione di T ed aumento di S Sia ABCDA un ciclo termodinamico reversibile diretto rappresentato nel
quando il calore sia somministrato ; si svolge in senso contrario, cioè con piano S,T . Lungo il percorso ABC, compreso tra le verticali estreme tangenti al
aumento di T e di diminuzione di S quando il calore è sottratto . ciclo, il corpo operante riceve calore dalle sorgenti calde e aumenta di entropia,
I n particolare nel piano entropico una trasformazione isotermica (T = mentre percorrendo il tratto CDA versa calore alle sorgenti fredde e la sua
cost .) è rappresentata da una linea orizzontale (calore specifi co infinito ) , mentre cntropia dimin ui sce fi no a riprendere in A il valore iniziale (fig . 9) .
una trasformazione adiabatica reversibile, senza scambi di calore, con tutti i La quantità d i calore ricevuta è rappresentata dal l'area A0 A B C C 0 e quella
punti in condizioni di equilibrio ed in stato di reversibilità, sarà rappresentata versata alle sorgenti fredde dall 'area C 0 C DAA0 . Il cal ore utilizzato, e converti to
da una linea verticale isoentropica, con calore specifico nullo e sottotangente in lavoro esterno , è pertanto rappresentato dall 'area del ciclo, cioè :
uguale a zero in ogni suo punto .
Nell 'ipotesi di una trasformazione reversibile con calore specifico costante, 0 1 - 02 = area Ao ABCC o - area C o CDAAo = area ABCDA
dette S0 e T o le coordinate dello stato iniziale ed S,T quelle di uno stato
generico, si avrebbe per l 'unità di massa : Questa differenza, che nel caso del ciclo diretto (senso orario) è positiva,
- 28 - 29

rappresenta la quantità di calore convertita in lavoro, ed equivale in termini di e s1 ncava la corrispondente variazione di entalpia:
energia all'area del medesimo ciclo nel piano dinamico .
I l rendimento termico del ciclo, o coefficiente di utilizzazione, è dato da :

TJ Poiché non è possibile conoscere i valori assoluti dell 'energia interna non
sarà possibile calcolare neanche i valori assoluti delle entalpie. D'altro canto in
pratica è sufficiente poter calcolare le variazioni che corrispondono appunto
I l piano entropico presenta quindi il grande vantaggio di poter eseguire il alla somma delle variazioni dell'energia interna e dell'energia di pressione
confronto dei dilferenti cicli in base alla utilizzazione del calore e permette di relative ai due stati di equilibrio .
calcolare il ·rendimento termico come rapporto tra aree .
Nel caso di ciclo inverso il corpo operante riceverebbe la quantità di calore
02 dalla sorgente fredda e ne verserebbe una quantità m_aggiore · 0 1 nella T p
sorgente calda mediante la spesa di un lavoro . In questo caso la differenza 0 1 - = 01 - 0 2 A BCDA
'Y/
A 0 A BCC 0
02, corrispondente all'area del ciclo, equivale alla quantità di calore provenien­
01

te dalla __ conversione di lavoro esterno e che insieme ali :.; quantità 02 viene B
pompata nella sorgente calda. N on si può parlare di rendimento termico, peral­
tro si terrà conto di un coefficiente di effetto utile confrontando la spesa in
lavoro con l'effetto term ico realizzato (macch ina frigori fera) .

1 1. ENTALPIA. - Prendiamo in esame una nuova funzione di stato defi­


nita dalla relazione :

H = U + pV (J)
s O V vi V
uguale in un dato stato fi sico alla somma dell'energia interna U e dell'energia di Fig. 9. - Rappresentazione di un ciclo nel Fig. 1 0 . - Energia di pressione
pressione p V. Ovviamente si tratta di una grandezza che rappresenta energia e piano T, S . nel piano p, V .
corrisponde ad una funzione di stato dato che le grandezze U , p e V sono esse
stesse funzioni dello stato fisico. N ella formula saranno U in I , p in N/m 2 e V
in m 3 , con H in J. Si usa, però, fare riferimento all'entalpia specifica relativa
all'unità di massa, ed allora U è l'energia interna specifica in J/kg e V il
volume specifico in m 3 /kg, mentre sarà /-/ in J/kg.
Considerando due stati infinitamente vicini la variazione infinitesi ma di
Spesso per indicare le grandezze specifiche si impiegano le lettere mim1-
entalpia è :
scole; tuttavia si possono mantenere anche le lettere maiuscole tenendo presen­
te che le grandezze interessate sono riferite all 'unità di massa .
Riferendosi a due stati fisici defi niti risulta :
dH = d (U + pV ) dU + d (pV )

e differenziando i 1 prodotto p V :

dH = dU + p dV + V dp

nella quale tutti i differenziali sono esatti dato che le grandezze H , U , p, V sono
- 30 - - 31 -

funzioni di stato, dipendono cioè esclusivamente dallo stato considerato e non Se invece si fa riferimento ad una trasformazione isobarica:
dai tipi di trasformazioni compiute dal corpo per portarsi in tale stato . La
variazione finita di entalpia tra due stati noti corrisponde pertanto al valore
i::, H forni to dalla precedente relazione . dp = O dH T dS dQ T
Nel diagramma dinamico V, p l 'energia di pressione p V è rappresentata dal
rettangolo delle coordinate relative a l punto considerato e per una trasforma­ I n questo caso particolare la variazione di entalpia corrisponde alla quan­
zione elementare (infinitesima) A B il differenziale del prodotto p V è dato tità di calore scambiata dal fluido . Per questo motivo la funzione entalpica
dall'area tratteggiata A0 AA'B'BB 0 e corrisponde all 'incremento subito dall'area viene anche chiamata potenziale termodinamico a pressione costante, o conte­
rettangolare OA'AAo che rappresenta l 'energia di pressione pV (prende anche i l nuto termico a pressione costante .
nome di lavoro d i pulsione) . Quindi per p = cast. si avrà, con riferimento all 'unità di massa :
Si tenga presente che i punti A e B sono infinitamente vicini ed è lecito
trascurare gli infinitesimi di ordine superiore, per cui il differenziale del prodot­
to p V si compone della parte p dV che rappresenta il l avoro elementare dovuto dH dQ Cp dT
alla variazione d i volume dV (Aa ABBa ) e del lavoro elementare V dp dovuto
alla variazione di pressione dp (A'B'BA) (fig. 1 0) . c si potrà scrivere :
S e dQ è l a quantità elementare d i calore scambiata nell 'intervallo infinite­
simo considerato, per l 'equazione fondamentale della termodinamica deve risul­
tare :
avendo posto Cpm il cal ore specifico medio a pressione costante del corpo
dQ dU + p dV evolvente fra T 1 e T2, val ore medio i nteso come rapporto :

T,
e sostituendo :
Cp m = J Cp dT ) /kg K
=
T,
dH dQ + V dp
Per conven ienza pratica l e entalpie si calcolano generalmente come varia­
Si nota perciò che la variazione d i entalpia non coincide con la quantità di zione a parti re da uno zero arbitrario ad una tem peratura T0 , cioè :
calore scambiata lungo la trasformazione . Soltanto nel caso di dp = O, e
quindi p = cost. (isobara) si avrà dH = dQ .
(H - Ha ) = J cp dT J/kg
T

Se dS è la varia,::ione di entropia che compete alla quantità di calore dQ =


scambiata a temperatura T, sarà dQ = T dS, e quind i :
p C OS I . To

Nel campo che ci riguarda si usa fi ssare uguale a zero l 'entalpia H0 a O °C,
dH = T dS + V dp (T = 2 7 3 K ) e se la trasformazione è accompagnata da un cambiamento di
stato di aggregazione (esempi o : vaporizzazione a pressione costante) alla prece­
Considerando in particolare una trasformazione isoentropica (adiabatica dente relazione è necessario sommare il corri spondente cal ore l atente, cioè :
reversibile) risulta :

J/kg
dS o dH V dp V
Riprendiamo in esame una trasformazione generica reversi bile A B rappre-
- 32 - - 33 -

sentata nel piano dinamico, e richiamando la variazione di entalpia si ha: funzione del l 'energia interna, ed una trasformazione a temperatura costante che
segue la legge di Boyle (pV = cost.) è anche a energia interna costante, per cui
in tale caso particolare si avrebbe un salto entalpico nul lo, cioè :

Osserviamo che il primo integrale è rappresentato dall 'area AoA B Bo, men­
tre il secondo corrisponde all 'area A'AB B '. l termini p 1 V 1 e p2V2 corrispondono Nel deriva che la trasformazione isotermica di un gas perfetto è contempo­
ai rettangoli A'AAaO e B 'BBaO. raneamente a temperatura costante, energia interna costante ed entalpia costan­
Tenendo conto dell 'equazione fondamentale risulta : te.

J
P,
H2 - H 1 = Q + j. p , V dp HI H2 = V dp - Q
P,
-

e
P, p H J/kg
, H s - HA H c - HA = Hs - Ho
(P
=
A' A
L'integrale Jr, V dp corrisponde all 'area compresa tra la linea, le orizzon­ P1 7/- B
tali estreme e l 'asse delle ordinate ( lavoro realizzabile in una macchina ideale a
/:/
// � H2
stantuffo con espansione AB), per cui il salto entalpico, o caduta entalpica , fra f P,
/ /
/
/ / /1 / Vd p
lo stato iniziale A e quello finale B è uguale, in termini di energia, all 'equivalen­
)
/ / / :/ //
P2
// /(/ /
te di tale lavoro ideale (area A'A B B ') diminuito del la quantità di calore Q
:i: S=CO S t .
_ / / / V // 1
J
scambiata dal fluido durante la trasformazione (fig . 1 1 ).
Se in particolare si considera una trasformazione adiabatica per la quale
dQ = 0, Q = O si ha :
B H = cost .
H1 - -
A1 :D
I S 2 - S,
A o: : si/kg K
area A'AB B'

s.
V S1 S2 s
Fig. 1 1 . - Variazione d i e n t a l p i a n e l p i a n o F i g . 1 2 . - D i agram m a e n ta l p i co 1-1 ,
e si nota che il lavoro ideale rappresentato dall'area compresa tra la linea d i n a m ico.
adiabatica, le ascisse estreme e l 'asse delle ordinate equivale nel piano dinamico
al salto adiabatico di entalpia tra i due stati fisici estremi . Si noti che il salto
adiabatico, o caduta adiabatica, è inteso come differenza tra le entalpie dello
stato inizialf e di quello finale, e non viceversa come è stato detto per la 1 2. DI AGRAM MA EN TALPICO. - Altro diagramma mol to u t i le nel l e
variazione di entalpia tra lo stato finale e quello iniziale. applicazioni termodinamiche è i l diagramtna entalpico o di Mol lier nel qua le si
Si avrebbe un altro caso particolare per la politropica di esponente n = 1 riportano in ascisse le entropie ed in oi·dinate le entalpie . Le due grandezze
(iperbole equilatera), come sarebbe ad esempio la trasformazione a temperatura sono funzioni di stato, e quindi sufficienti a definire lo stato fisico, ma data
costante di un gas perfetto governata dalla legge di Boyle. Per l'iperbole equila­ l 'impossi bil ità di conoscere il valore del l 'entalpia allo zero assoluto, e anche
tera, infatti, le due area A'AB B ' ed AaABBo sono equivalenti, sarebbe p 1 V 1 = supponendo che l 'entropia si annulli al lo zero assoluto, nel la pratica si trova
p2V2 e quindi : conveniente stabilire uno zero arbitrario sia per le entropie che per le entalpie.
In del'initiva si considerano le variazioni del le due grandezze contate a partire
da uno stato di base prescelto secondo le esigenze delle rappresentazioni e dei
calcoli, e per quanto concerne le entalpie generalmente si conviene di misurarle
D'altro canto, come vedremo, per i gas perfetti la temperatura assoluta è dallo zero ordinario .
- 34 -

Una linea di trasformazione AB diretta nel senso delle entropie crescenti si


svolge con somministrazione di calore, e viceversa . La linea AB in figura è a
somministrazione di calore ed aumento di entalpia, mentre la linea orizzontale è
ad entalpia costante (isoentalpica) e quella verticale ad entropia costante (i­
soentropica - adiabatica reversibile) (fig. 12).
Nel diagramma di Mollier le aree non rappresentano alcuna grandezza di
CA P I TO LO SECONDO
importanza fisica . Vi corrisponde infatti il rapporto fra il quadrato di una
quantità di calore ed una temperatura, cioè J 2 /K .
Se il diagramma è tracciato per l'unità di massa, come si verifica general­
TERMODINAMICA DEI GAS PERFETTI
mente nelle comuni applicazioni, le ordinate sono in J/kg e le ascisse in J/kg K .
Nello studio delle macchine termiche il diagramma di Moll ier risulta di
grande utilità specialmente nel campo delle turbine a vapore in quanto permette 1 3 . LO STATO GASSOSO . - Lo stato gassoso è quello nel quale la
di seguire facilmente l'espansione del fluido nelle varie sezioni della motrice materia presenta la minima coesione e le forze di aggregazione molecolari si
determinando le corrispondenti caratteristiche, sia per quanto concerne l 'espan­ sono allentate in modo che la sostanza non presenta né forma né volume propri ,
sione ideale isoentropica, sia per quella reale. Nel dic:fgramma, infatti, a parte le e d occupa tutto i l volume del recipiente che l a contiene . Tutte le sostanze si
orizzontali (isoentalpiche) e le vertical i (isoentropiche) sono di norma tracciate possono portare nello stato gassoso per mezzo di un adeguato riscaldamento,
anche le linee a pressione costante e quel le a temperatura costante per le zone tale da elevarne la temperatura al disopra di quel la critica che compete al la
del diagramma che interessano il campo di applicazione, e talvolta anche q uel le sostanza ; peraltro si conviene di riservare il nome di gas a quelle sostanze che
a volume costante . si trovano nello stato aeriforme nelle normali condizioni di temperatura e
I n definitiva negl i studi termodinamici del le macchine termiche abbiamo a pressione (gas permanenti) .
disposizione tre importanti rappresentazioni grafiche, ciascuna con le sue parti­ Lo studio sul comportamento dei gas fa riferimento ad una teoria elaborata
colari caratteristiche: da alcun i scienziati, particolarmente dal Maxwell e dal Boltzman, nota come
- diagramma dinamico (V,p), o di Clape yron, nel quale le aree rappre­ teoria cinetica dei gas, la quale ammette che i gas siano costituiti da molecole
sentano lavoro ; animate da elevatissima velocità, molto distanti tra di loro in relazione alle
- diagramma entro p ico (S,T), o di Clausius, nel quale le aree rappre­ proprie dimensioni, tutte ugual i tra loro e di volume trascurabbile rispetto a
sentano calore ; quello del recipiente che le contien e .
- diagramma ental p ico (S, H), o di Mol l ier, nel qual e l e ordinate Per semplificare l a trattazione s i considera i l gas ideale l e cui molecole
rappresentano le ental p ie, ed i salti ental p ici sono misurati da segmenti vertica­ siano piccole sferette perfettamente elastiche, tutte ugual i tra loro (gas omoge­
li. neo) e tali che possono applicarsi le leggi relative all'urto tra corpi elastici, sia
Secondo le particolari esigenze è possi bile servi rsi di al tri pian i di rappre­ per gli urti tra le molecole, sia per quelli tra molecole e pareti .
sentazione combinando a due a due le varie grandezze funzioni di stato . I n Le pareti vengono considerate perfettamente lisce, condizione che ovv ia­
particolare u n altro diagramma entalpico porta i n ordi nate l e e1italpie, ed i n mente non può rispondere alla realtà perch é in relazione alle dimensioni mole­
ascisse le pressioni (o viceversa) anziché l e entropi e, e risulta di grande uti lità colari le pareti risulteranno molto scabrose . Potremo però ammettere che gli
nello studio del le macchine frigorifere . urti delle molecole contro le pareti si verifichino in tutte le di rezioni possibili e
che ne rimbalzino ugualmente in tutte le direzioni .
I n uno stato di regime dovrà esistere un certo equilibrio, cioè il numero di
molecole che urta ogni centimetro quadrato di superficie sarà sensibilmente
costante, come pure la legge che governa tali urti .
La pressione esercitata dal gas s_arà uguale alla risultante delle azioni
normali esercitate dalle singole molecole, e questa, per il· principio delle quan-
36 - - 37

tità di moto relativo all'urto tra corpi elastici con parete fissa, dovrà essere Tali velocità risultano elevatissime. Per l 'idrogeno, ad esempio, i n condi­
uguale alla somma delle componenti normali delle quantità di moto trasmesse zioni normali vale circa 1840 m/s, per l 'elio circa 1 200 m/s e per l 'ossigeno
dalle molecole ad ogni centimetro quadrato di parete nel tempo di un secondo. circa 640 m/s.
Tale somma risulta uguale all 'impulso per secondo.
Poiché si ammette che le molecole siano perfettamente elastiche, nessuna Consideriamo u n cm' d i gas ideale adiacente ad Li°n cm' di parete, formato da molecol'e
tutte uguali, perfettamente elastiche, l i bere di muoversi in l i nea retta con moto u n i forme
energi a s i disperde in deformazion i permanenti, per cui la somma complessiva nell'i ntervallo tra due i ncontri successiv i , e di dimensioni tra scurabi li rispetto al l i bero
dell 'energi a cinetica molecolare sarà costante per un medesimo stato fisico. Ne percorso. Il gas sia in condizioni d i equ i librio e riferiamo il moto delle particelle· ad un
segue che i l valore dell'energi a cinetica totale è indipendente dal numero degli sistema di tre assi ortogonali dei qual i l 'asse x in direzione perpendicolare al cmq d i parete .
urti , e dal l a maggiore o minore concentrazione del gas, mentre dipenderà uni­ Scomponendo la velocità di ciascuna molecola nelle tre direzioni siano Vx , Vy , V z le tre
camente dalla massa del le molecole e dal l a loro velocità media di traslazione. componenti . La forza eserci tata sulla parete è dovuta sol tanto alla componente normale v,, e
poiché dura n te l 'urto elastico la molecola rimbalza con la stessa componente v, in senso
La velocità di ciascuna molecola varia continuamen te di inten s i tà e di re­ opposto, ne deriva che la variazione della quantità di moto dovuta all 'urto di una molecola
zione, ma in corrispondenza ad ogn i stato di equi l i brio si potrà con siderare una sarà 2 m v,, essendo m la massa della molecola .
velocità media per ciascun a di esse, e se N è il numero di molecole con tenute Possiamo sud d i v i dere il numero d i molecole con tenute nell'unità di volume i n vari
nel la massa in esame, m la massa di ci ascun a , uguale per tutte, v la velocità gruppi secondo la veloc ità, per cui la componente v, avrà d iverso valore per ciascun gruppo,
media di una mo'lecola , d i versa per le varie molecole, si ricava l 'energia cinetica mentre sarà uguale per tutte le molecole d i uno stesso gruppo .
I ndichiamo con N il numero di molecol e con tenute nel eme di gas e con 11 il numero d i
molecolare : molecole appartenenti ad un gruppo d i e s s e p e r le q ual i s i a v " la componente della velocità
in direzione normale al cmq d i parete.

I m v2
1
M C2
Consideriamo quindi uno straterello d i gas adiacente alla parete ave n te la base d i un
E = cmq e lo spessore dx . In esso saranno contenute N clx molecole e fra queste 11 dx aventi
2 2
velocità v,. . Suppon iamo i nol tre che i n tale strato elementare non si verifichino urti tra
molecole, men tre la metà di esse muove verso la parete e l 'al tra metà se ne allontana .
n e 1 t a qua l e M = N m corri sponde a l l a massa compl essi va del gas e C 2 è la l i tempo impiegato da ciascuna molecola del gruppo 11 a percorere lo spazio clx sarà dt
media d i tut t i i quadrati del l e vel oci tà medie del l e si ngole molecole. La C 2 = dx/v,. essendo v,. = dx/clt la sua veloc i tà l ungo dx . N e deriva che il numero d 'urti sul
dicesi media quadratica delle velocità, men tre la sua rad ice quadrata, cioè l a C, cmq di parete nel tempo dt sarà uguale a.d / 1/2) 11 dx, e la corrispondente quantità di moto :

=
dicesi veloci tà media efficace del l e mol ecole. Questa, però, non è la veloci tà
media delle molecole, ma quel l a ve locità che dovrebbe avere ciascuna d i esse i n I
- Il dx X 2 m V x m Il V x dx
modo che l a propria energia ci netica fosse ugua le a l l 'energi a cinetica m edia
2

delle varie molecole. ed il prodotto 111 n corrisponde alla massa complessiva delle molecole · appartenenti al gruppo
Dal l a teoria ci netica dei gas risulta che la pressione d i un gas è di rettamen­ 11 .

dt
te proporzionale alla massa del l 'u n i tà di volume e alla med i a quadratica del le La quantità di moto nel l 'u n i tà di tempo risulta quindi, per le molecole del gruppo 11 ;
velocità molecolari. Si d i m ostra, i n o l tre , che i l prodotto p V della pressione per
dx
il volume del l a massa gassosa è uguale ai 2/3 del l 'energi a cinetica di trasl azione m I l Vx m n vt
del le molecole i n essa contenute, men tre ri ferendosi a l l 'un i tà di volume si trova
che l a pressione del gas è numericamen te uguale ai 2/3 dell 'energia cinetica La somma delle quantità di moto dovute a tutti gruppi corrisponde alla pressione p

=
del le molecole contenute nel l 'un i tà di vol ume. esercitata dal gas sulla parete, cioè :
Si ricava ancora che la veloci tà media e fficace ri sul ta di rettamente propor­
zionale a l l a radice quadrata del l a pressione ed i n versamen te alla rad i ce del la
p I m n vi m I I l Vi(

densi tà secondo l a relazione : I n questa relazione m è uguale per t utte le molecole, men tre 11 e Vx potrebbe essere
d iverso per ciascuna molecola ed i n tal caso ogni gruppo sarebbe formato da una sola
molecol a .
e �
- 38 - - 39 -

Potremo quindi porre : Abbìamo supposto che nello spessore elementare dx non si abbiano urti tra molecole, e ·
ciò non è vero . Però, avendo fatto l 'ipotesi d i un gas ideale con molecole perfettamente
p = m N cl = M' d clastiche, senza dimensioni apprezzabili, e con urti istantanei, risulta che la quantità d i moto
dovuta agli · urti elastici sulla parete non subisce variazioni, e quindi le relazioni ricavate
essendo N = L n i , numero di molecole del eme e d la media quadratica delle componenti restano val i d e .
Vx delle velocità . La grandezza M' è i n vece la massa complessiva delle molecole contenute
nell 'unità d i volume .
Rammentiamo che la grammomolecola o mole di un qualunque gas occupa
I ndicando con v la velocità di una molecola e con Vx , V,v , Vz le sue componenti , la v
risul ta la diagonale del parallelepi pedo avente per spigoli le tre componen ti, cioè: nelle condizioni normali di temperatura e pressione circa 2 2 ,4 1 litri e contiene
circa 6,02 X 10 2 3 molecole. Questo numero è noto come numero di Avogadro.
V
2
= vi + v} + vi In tale volume quello occupato come volume proprio delle molecole è piccolis­
simo, tanto che solitamente si trascura.
mentre la media q uadratica, media di tutti i v 2 , sarà :
Si dà il nome di covolume al volume limite che occuperebbero le molecole
C2 = ci + c} + et. qualora il gas venisse sottoposto ad una pressione infinitamente grande, e in
tale ipotesi si può considerare il covolume come volume proprio delle molecole.
Poiché la pressione si trasmette ugualmente in tutte le d i rezion i , il valore del l a p dovrà Peraltro secondo altra concezione si dà il nome di covolume ad un para­
risultare uguale per ogni cmq di parete normale ai tre assi, e q uindi si dovrà avere :

= -I
metro che tiene conto del volume occupato dalle molecole considerando un
valore quadruplo di quello proprio, in considerazione del fatto che mqlto diffi­
c 2y c z2 c2
3
ci ci cilmente si possono prevedere condizioni di molecole ammucchiate in equili­
brio, tra loro tangenti, a causa del continuo movimento e del fatto che avvici­
per cui : nandosi sempre più nascono delle forze di repulsione.

= =
Per quanto riguarda i normali studi termodinamici si potrà tenere conto
I 1
p = m N d - 111 N c 2 - M 'C 2 del covolume nell'eq uazione di Van der Waals assegnando al coefficiente b i
3 3
valori riportati su apposi te tabelle. Ovviamente l'influenza del covolume sull'e­
Si osserva pertanto che la pressione di un gas perfetto è proporzionale a l l a rn a ssa quazione di Boyle sarà tanto più sen t i ta quanto più si riduce il volume del gas.
del l 'unità di volurne ed alla rnedia dei quadrati delle velocità rn ol ecolari . l n dicndo con M Per gas rarefatti si tratta di una influenza trascurabile.
l 'intera massa e con V i l suo vol ume, sarà M ' = M/V p (densità) e quind i : Nelle condizioni ideali supposte dalla teoria (molecole uniform i di volume
2 1
t rascurabile, coesione nulla e dilatabili tà infi n i ta, perfetta elasticità ed incontri
pV M C2 M C2
3 2 3
= �
3 i stan tanei , con tempo d'urto trascurabile rispetto al libero percorso) i gas perfet­
ti dovrebbero seguire le leggi di Boy/e, Gay-Lussac, Da/ton e A vogadro, delle
Questa relazione è nota corne equazione di C/ausius e Kroenig e precisa che i n • un gas quali abbi amo trattato nel primo volum e di quest 'opera. Abbi amo anche trattato
perfetto i l prodotto pV è uguale, secondo l a teoria cinetica, ai 2/3 dell 'energia cinetica di della scala assoluta delle temperature e dell'equazione caratteritica dei gas
traslazione delle molecole i n esso contenute . Dividendo per i l volume V si trova che la
perfetti, ed in particolare abbi amo posto la costante universale per la mole
pressione è_ numericarnente uguale a l l 'energia cinetica del le rnolecole con tenute ne l l 'u n i tà di
volume ottenendo : uguale a 8,3 1 7 1/K (83 1 7 J /K se riferi ta alla chilogrammo-mol ecola). Secondo
altri i l valore sarebbe di 8,3 1 4 1/K mole.
p
Per i gas reali le leggi rigorose dei gas perfetti costi tuiscono delle leggi
l imiti. l i comportamento del gas è tanto più prossimo a quello di gas ideale
quanto più si trova lontano dal proprio punto cri tico, ed in particolare quanto
e saranno p in N/111 2 , p in kg/m 3 e C i n 111/s .
Si ricava la velocità rnedia efficace (y = g p N/111 ' ) : più alta è la temperatura e più bassa la pressione, cioè quanto più è rarefa tto.
Praticamente, però , le relazioni rigorose per i gas perfetti si possono applicare
con buona approssimazione a quasi tutti i gas reali i cui fenomeni fisici interes­
e 111/s
sano problemi termodinamici , •talvolta anche entro campi abbastanza estesi.
- 40 - - 41 -

Vediamo ora un'altra legge valevole soltanto per i gas perfetti e che Nei vari processi termici, pertanto, la variazione di energia interna di un
permette di calcolare con buona approssimazione le variazioni di energia inter­ gas perfetto dipende soltanto dalla variazione della temperatura, e non dal tipo
na nei gas . di trasformazione, per cui la trasformazione isotermica di un gas perfetto è
anche ad energia interna costantè.
, 14 . LEGGE D I JOULE - EFFETTO J OULE THOMSON . - Questa Dall'esperienza di Joule risulta inoltre che la forza di coesione dei gas
legge, rigorosa anch 'essa soltanto per i gas perfetti, afferma che l'e nergia interna perfetti è nulla in q uanto la variazione di volume (allontanamento delle moleco­
di una massa di gas dipende soltanto dalla sua temperatura . le) non ha richiesto alcuna spesa di calore o lavoro .
È classica l'esperienza di Joule : due recipienti A e B uguali erano collegati L'energia interna di un gas perfetto, secondo questa visione, sarebbe quindi
per mezzo di un tubo muni .to di rubinetto : in uno di essi era conten uto un gas tutta del tipo cinetico, e lo stesso J oule enunciò la legge secondo cui il lavoro
compresso (aria) e nell'.altro veniva praticato un vuoto molto spinto . Tutto il interno di espansione di un gas è nullo.
sistema era immerso in un calorimetro ad acqua . Raggiunto l'equilibrio termico I n successive esperienze, separando il calorimetro in tre parti rispettiva­
del sistema si apriva la comunicazione ed il gas, espandendosi, si distribuiva nei mente intorno ai due recipienti e al tubo di collegamento, si notava durante
due recipienti senza compiere lavoro esterno . Dopo tale espansione si notava l 'espansione un raffreddamento dell'acqua nel primo recipi.ente, ed un aumento
che la temperatura dell'acqua del calorimetro non aveva variato . di temperatura intorno al secondo recipiente ed al tubo . Le due variazioni s i
Nel primo recipiente era contenuta aria ad oltre 20 atm, e la temperatura compen savano, e al la f i ne dell 'espansione si raggiungeva u n a temperatura d i
del bagno veniva misurata con un termometro sensibil i ssimo . L 'uguaglianza equi librio uguale a quella in i zial e . N el complesso nel si stema non si verificava
della temperatura, rilevata dopo l 'espansione, doveva quindi essere intesa nel né adduzione n é sottrazione di cal ore .
limite di approssimazione relativo alla sensibilità del termometro . Esperi enze posteriori , eseguite dallo stesso J oule e dal Thonson, con meto­
I risultati di questa prima esperienza si possono così riassumere : l'espan­ di più sen sibili, hanno dimostrato che in realtà l'espansione di un gas rea l e
sione del gas nel vuoto avviene senza lavoro esterno, senza scam bi di calore con senza lavoro esterno è generalmente accompagnata da u n a piccolissima varia­
l'ambiente e senza variazione di temperatura, mentre dimi nui sce la pressione zione di temperatur a .
aumentando il volume.- Praticamente il ga s acqui sta a fine esperienza un vol ume I n particolare a l disotto di una certa temperatura, detta temperatura d i
doppio, con pressione metà di quella iniziale . inversione, l'espan sione adiabatica del g a s senza lavoro esterno è accompagnata
Detti quindi V , e V2 i volumi iniziale e finale, p , e p2 IE: corrispondenti da un piccolo raffreddamen to, tanto meno sentito quanto più i l comportamen to
pressioni, U I e U 2 le energie interne, T I e T 2 le temperature assol ute, dai del gas è prossimo a quello di gas perfetto, ed il raffreddamento è tanto
risultati dell'esperie1iza si ha : maggiore q uanto m i nore è la temperatura in iziale del gas .
Per temperature maggiori di quel le d'inversione l 'espansione brusca del gas
L o Q o è accompagnata, i nvece, da un leggero riscaldamento .
Questo fen omeno è noto come effetto Joule-Thonson, e su ta l e pri ncipio
e quindi : sono basati alcu n i metodi di liquefazione dei gas a temperature bassissime. I n
particolare n e l l e macch ine frigori fere e nella liquefazione del l 'aria ottenuta
median te una serie di espansion i adiabatiche .
S i defi n i sce coefficiente del l 'effetto J oule-Thonson l a vari azione di tempe­
È risultato perciò che essendo l'espansione nel vuoto sen za lavoro esterno ra tura generata dal l a caduta di pressione unitaria ad entalpia costante . Esso
(L = 0), e poiché dall'esperienza non sono stati evidenti scambi di ca lore tra il dipende dalle caratteristiche del gas .
gas e l'acq ua del calorimetro (O = 0) si ha il risultato fi nale di una energia La temperatura di i nversione è generalmente superiore a q uella critica . Per
i nterna uguale a quella ini ziale, pur avendo variato il volume e la pressione . l 'aria, ad esempio, corri sponde a 1 00 "C, per l 'idrogen o a - 80" e per l 'e l io a -
Da questo risultato sperimentale ne è derivata la legge di Joule secondo la 250 ° . Per l'elio e l'idrogeno a temperatura ordi naria l'espan sione senza lavoro
quale l'energia interna di un gas dipende soltanto dalla temperatura, e non dalla esterno è quindi accompagnata da un l i eve riscaldamento, mentre per quasi tu tti
legge di variazio.ne della pressione in funzione del volume . gl i altri gas è accompagnata da un raffreddamento .
- 42 - - 43 -

Nei gas perfetti l 'effetto J oule-Thonson non esiste, e per essi vale la legge maniera venga dato il calore dQ, l 'equazione fondamentale per gas perfetti
di J oule derivata dalla prima esperienza, legge che con buona approssimazione assume la forma :
potremo ritenere valida anche per quei gas reali in condizioni di comportamen­
to prossimo a quello dei gas perfetti. dQ = cv dT + p dV J/kg

1 5. VARIAZIONE DELL'ENERGIA INTERNA NEI GAS PERFETT I . ed essendo per l 'equazione caratteristica : p = RT/V ( V = volume specifico) si
- Abbiamo visto che la variazione di energia interna i n un gas perfetto dipende avrà :
soltanto dalla variazione della temperatura, ed è indipendente dal tipo di
trasformazione seguita per portarsi da una temperatura all 'altra. Consideriamo dV
dQ cv dT + R T J /kg
perciò una trasformazione a volume costante nella quale essendo nullo il lavoro V
esterno la variazione di energia interna risulterà u_guale alla quantità di calore
scambiata. Si ricava così un'altra forma dell 'equazione fondamentale per i gas perfetti ,
Riferendoci all'unità di massa sia C v il calore specifico a volume costante, e nella quale sono combinate le leggi di Joule, Boy le e Gay Lussac .
per un istante della trasformazione si avrà : In termini finiti risulta :

dg = dU = Cv dT · V,
j dV
Q = cv (T 2 - T 1 ) + R T -
. V- J /kg
v,
e nella trasformazione finita da T 1 a T2 :
Il calore specifico è riferito all'unità di massa, e pertanto lo dovranno
J /kg essere anche Q , V ed R, cioè Q in I /kg, V in 111 3 /kg ed R in J/kg K. Ovviamente
per l 'intera massa basterà moltiplicare per i l valore di M in kg.
Quindi la variazione di energia interna risulta uguale alla quantità di
calore ricevuta dal gas nel variare la sua temperatura da T 1 a T2, a volume 1 6. GAS REALI . - I gas reali, come è stato più volte osservato, presenta­
costante. no alcune divergenze rispetto a quelli ideali. l i prodotto di Boyle anziché
Per la legge di J oule questa variazione sarà sempre la stessa, qualunque sia mantenersi costante, a pari temperatura, diminuisce un po' col crescere della
la trasformazione seguita dal gas tra i due stati di temperature T 1 e T2 . E pressione, fino ad un certo valore, e successivamente aumenta.
mentre nell 'isostera la variazione di energia interna è anche uguale alla quantità I coefficiente di dilatazione è per uno stesso gas un po' diverso da quello
di calore ricevuta, o ceduta, dal corpo durante la trasformazione, negli altri casi di tensione, ed entrambi differiscono più o meno da 1 /2 7 3. Inoltre i gas reali
corrisponderà, per l'equazione fondamentale alla differenza tra il calore in gioco non seguono rigorosamente le leggi di Dalton, Avogadro e J oule.
e il lavoro esterno. Quindi in generale si avrà per un gas : Tutte queste divergenze risultano tanto meno sentite g uano maggiore è la
rarefazione del gas e maggiore la temperatura, per cui ad una data temperatura
lo stato sarà tanto più prossimo a quello di gas perfetto quanto più bassa è la
pressione.
l i calore specifico C v sarebbe costante solo per alcuni gas perfetti ; in Sono impiegati alcuni diagrammi tracciati in base a risultati sperimentali ,
pratica perciò conviene fare riferimento al calore specifico medio a volume quali ad esempio quell i di Andrews e d i A magat.
costante ricavando la variazione di energia interna specifica : Per la legge di Bo y le le isoterme sono rappresentate nel piano V ,p da
iperboli equilatere che non hanno punti in comune ; per un gas reale, invece ,
non differiscono sensibilmente da iperboli equilatere solo per temperature e l e­
vate, mentre per temperature relativamente basse le linee presentano punti di
Poiché per un gas perfetto risulta dU = Cv dT (I /kg), i n qualunque flesso (fig. 1 3).
- 44 - - 45 -

Ciò è posto in evidenza nel diagramma di Andrews dove sono tracciate le


Gli ste·ssi tratti orizzontali percorsi in senso inverso rappresentano le fasi
isoterme dei gas reali, e si nota in particolare che l 'isoterma critica T e presenta
isotermobariche cli condensazione .
un punto di flesso con tangente orizzontale .
Notiamo che i l punto critico corrisponde ad un punto triplo i n cui coesi­
Ciascuna delle isoterme al disotto della temperatura critica si compone di
stono, in uno stato limite, lo stato liquido, quello cli vapore e que l lo cli gas, da
tre parti: una prima parte relativa al liquido omogeneo, la seconda formata da
non confondere col punto triplo ne\ quale coesistono i tre stati di aggregazione
un tratto isobarico-isotermico, che corrisponde al cambiamento di stato di ag­
della materia ( v. I volume ) .
gregazione da liquido a vapore (vaporizzazione) ed una terza parte che corri ­
A l punto critico corrispondono l e grandezze critiche Pc , V e e Te , e si nota
sponde alla fase omogenea di vapore surriscaldato, a temperatura costante . La
che ad una pressione maggiore di quella critica il fluido non può ·sussistere
fase intermedia non è omogenea perché si riferisce al sistema bifase composto
nello stato di sistema bifase liquido-vapore . Potrà sussistere sol tanto nello stato
da una miscela di l iquido e vapore (fig. 1 4) .
liquido o in quel lo di vapore surriscaldato .
Possiamo quindi considerare la temperatura critica come quel la tempera­
tura al di sopra della quale è impossibi l e liquefare il il gas comunque grande sia
la pressione cui venga sottoposto, e pertanto a temperatura superiori a quel la
p p

critica corrisponde lo stato di gas . Riferendosi ancora al diagramma di Andrews


si possono distinguere quattro zona caratteristiche: in quella al di sopra dell 'iso­
terma critica T 0 1 'aeriforme è allo stato di gas ; nella zona compresa fra il tratto
superiore del l a Te, la curva l i m i te inferiore e l 'asse delle ordinate si ha il campo
del liquido . Per pression i e temperature superiori al punto critico il passaggio
dallo stato di gas a que l lo cl i l iquido comporta una sublimazione ad altissima
pressione con di m i nuzion e di temperatura .
N e l la zona fra le due linee l i miti si ha i l campo del vapore saturo, e al
limite lo stato del l iquido al l 'i n izio del la vaporizzazion e per i pun ti del le I; , e
( ; l , ; / .._ , ,
vapore saturo secco l ungo la l i nea l i m i te superiore .
/
i I
1 / "ca mpo vapore 1 / ;,o-.;....,... _
, ,, ,
•�1e
• 1 I 1 / saturo / / / 1 1- _
,e'j 1 I / , / 1 ,, / , 7 2s T < Tc
Infine ne l l a zona compresa tra la curva l i m i te superiore e i l ramo in feriore
dell 'isoterma cri tica si ha il campo del vapore surri scaldato .
V \I

Fig. 1 3 . - I soterme dei gas perfetti . Fig. 1 4 . - Diagra m m a di Andrews per gas Un altro diagramma nel quale s i notano meglio le deviazion i del gas reale
rea l i . rispetto a quello perfetto è i l diagramma di Amaga t dove si portano in ascisse
le pressi unt e in ordinate i corrispondenti prodotti di Boyl e .
Ovviamente per u n gas perfetto l e isoterme risul terebbero l i nee paral l e l e
S i ri leva qui ndi i l di verso comportamen to del l 'ac1·i formc secondo che la all'asse delle ascisse (fig. 1 5 a), mentre per un gas reale qual siasi deviazione
sua temperatura sia maggiore o m i nore di quella cri tica , e a questo proposito dall 'andamento orizzontale ·indica di vergenze dalla legge di Boyle, e praticamen­
abbiamo già disti n to i gas dai vagori . te si nota che tali d ivergenze risultano più accentuate quanto più lo stato ci el
N e l campo del vapore saturo, sotto l a T e , gli estrem i elci t1·alli orizzontali - gas si avvicina al punto critico .
che rappresen tano le fasi di vaporizzazione isotermobarichc al l e varie pression­ N ella figura 1 5 b è tracciato approssimati vamente i l diagramma d i Amagat
ni - formano due linee limiti che si congiungono nel punto critico Pc dove per un gas reale, e si vede che le isoterme risultano curve, anziché rettilinee . In
risultano tangenti a l l 'isoterma cri t ica . particolare l'isoterma T e presenta un punto cli flesso, con tangente verticale, in
Le due l inee prendono ri spetti vamente i l nome cli curva limite inferiore e corrispondenza del punto critico Pc e , per temperature minori di quella critica le
curva limite superiore . La pri ma è i l luogo dei pun t i d i i n izio vaporizzazione vari e isoterme presentano un tratto retti l i neo verticale che corrisponde alla fase
al le vari e pressioni e corrisponde nti temperatur e , men tre la seconda è il l uogo di vaporizzazione isotermobarica.
cli tutti i punti cli fi ne vaporizzazione corrispondenti ( vapore saturo secco) . N e l lo stato di gas, fino ad una certa temperatura massima che dipende
- 46 - - 47 -

dalla natura del gas, presentano un punto di m1mmo, cioè un punto i n cui la 1 7 . EQUAZIONE DI VAN DER WAALS. - L 'equazione pV = R T è esatta soltanto
tangente alla linea è orizzontale. Questo punto dicesi punto di Boyle . per i gas perfetti i quali, qualora esistessero, dovrebbero rispettare le condizioni stabilite
Ciascun punto di Boy le divide la corrispondente isoterma in due parti : nel dalla teoria e dalle varie leggi . I n particolare dovrebbero soddisfare la condizione di avere
primo tratto si osserva che aumentando la pressione diminuisce i l prodotto pV , molecole i nfinitamente piccole i n confronto al loro libero percorso e forze mutue di
attrazione nulle.
per cui il gas è più comprimibile di quanto voglia la legge di Bo yl e : nel In u n gas reale q ueste condizioni non sono soddisfatte, ed è evidente che non tutto i l
volume occupato dal gas è di sponibile per le traslazioni molecolari . 1 nfatti i l volume
occupato dalle molecole è sempre una gra n dezza apprezzabile per cui se si vuole calcolare la
pV
diminuzione d i volume determ inata sul g a s da un aumento di pressione occorrerà dedurre
pV
dal volume occupato dal gas quello delle sue molecole .
L 'effetto Joule-Thon son ha i nol tre d i m ostrato che anche n e i gas esi ste un certa coesione,
673 K 400 ° c e quindi ha posto i n evidenza l 'esi stenza d i una energia molecolare di tipo potenziale, oltre a
573 K 3oo 0 c
quella cinetica d i traslazione (si fa riferi mento soltanto alle molecole, e non alle al tre
particelle elementari ) .
473 K 200 °c Le forze di attrazione molecolari agiscono i n modo da opporsi alla espansione del gas, e
373 K 100 ° c
quindi il loro e ffetto si aggiunge a quello della pression e . Per allontanare le mol ecole si
rende perciò necessario anche un piccolo la voro con tro le forze di coesione.
273 K o 0c L'attrazione che una molecola subi sce ad opera di quelle circosta nti di pende dal numero
1 73 K ·· 100 o c
e dalla distanza delle stesse, e preci samente aumenta col numero delle molecole e col
dimin uire delle d i s tanze mutue. Tale forza di pende quindi dalla densi ti1 del gas per due
(a) (b)
moti vi , e perciò si può ri tenere che risulti d i rettamen te proporzionale al q uadrato della
densità, per cui l 'attrazione fra le molecole si potrà con siderare i n versa mente proporzional e
p i Pc p al q uadrato del volume occupato dal gas .
I l V a n D e r Waals, attraverso laboriosi calcol i , d iede l 'eq uazione dello sta to gassoso
Fig. 1 5 . - Diagramma di Amagat. nella forma seguente :

(p + �2) ( V - b) R T

secondo tratto, invece, ad un aumento di pressione corrisponde un aumento del Le costanti a e b hanno valore piccolissimo e d i pendono dalla natura del gas ; la b è
prodotto, per cui nei corrispondenti stati a temperatura costante il gas risulta chiamata covolume e rappresenta la q ua n t i tà da sottrarre al volume del gas per tener con to
meno comprimibile . Soltanto per un piccolo intervallo intorno al punto di del volume delle mo lecol e . Si può considerare come il l i m ite cui tende il volume della mole
Boyle i l gas segue la legge, cioè in quel piccolo tratto in cui la tangente quando fosse sottoposta ad una pressione i n fi n i tamente grande a temperatura costante
( secondo al tri b sarebbe ugua le al quadruplo del volume proprio delle molecole ) . Si hanno
orizzontale si confonde con la curva . tabelle che forn i scono i valori dei parametri a e b.
La linea congiungente tutti i punti di Boyle divide il piano in due regioni: I l term i n e a/V 2 tiene conto, in vece, della d i m i nuzione d i pressione dovuta al fat to che le
quella in cui il gas è più comprimibile e quella in cui è meno comprimibile di molecole che urtano le pareli risultano anche allralle verso l'i n terno dalle forze di attrazione .
quanto stabilisce la stessa legge di Boyle . Questo e ffello sarebbe proporzionale al quadra lo della densità, e q u i n d i i n versamente al
La posizione dei punti di m i n imo, e quindi l'andamento delle curve, di­ q uadrato del vol u m e . La costante a d icesi costante di coesione .
I valori delle grandezze a, b ed R sono di fferenti secondo la massa cui vengono ri feri te .
pende dalla natura del gas : in particolare l'idrogeno, l'elio e i l neon a tempera­ Se la massa con siderata è la mole, R sarà la costante uni versa le dei gas, men tre a rigore i
tura ordinaria risultano sempre meno comprimibili, e soltanto alle bassissime parametri a e b non sono veramente costanti , . ma variano li evemente in fu nzione della
temperature si comportano come gli al tri gas. temperatura e della pressione .
Anche nel diagramma d i Amagat gli estremi dei tratti rettilinei i sotermoba­ Nelle pratiche applicazion i , q uando la temperatura è rel a t i va mente molto elevala, si
rici formano le due curve limi ti che si uniscono nel punto critico e racchiudono trascura spesso i l term ine che tiene conto della coesione, cd all ora si h a :
il campo del vapore saturo . Si potranno distinguere le quattro zone come nel
diagramma di Andrew s . p ( V - b) = R T
- 48 - 49

Quando i gas rea l i si t ro v a n o i n condizioni prossi m e a q ue l l e d i gas perfetto s i mentale al kg di gas che compi e una trasformazione i sobarica aumentando la
ottengono r i s u l t a t i s u fficientemen te a p p rossi m a t i p e r gli usi p r a t i c i a n c h e a p p l i cando l e l eggi
propria temperatura di 1 K, risulta :
re lative ai gas perfe t t i . N a tura l me n te si dovrà tener conto d e l l a variabi l i tà dei calori spec i fici

Cp = Cv + L' Cp - Cv L'
quando essi i n tervengono n e l l e determ i nazioni rich ieste .

1 8 . CALORI SPEC I F I C I D E I GAS. - Ri scaldando l 'uni tà di massa ( 1 kg)


1 11 modo da el evarne in un i s tante la sua tem peratura del va lore dT, sarà : Per la trasformazione i sobarica sarà anche :

dQ e dT L

la quanti tà elementare di calore ricevuta dalla sostanza, a vendo ind icato con c e poiché :
( I/kg. K) i l calore specifico corr i spondente nel l 'i s tante cons iderato . Pera l t ro i l
valore d i c dipende non solo da lla natura del l a sos tanza , m a anche da lla
modali tà del la somm ini strazione, e nei gas in modo particolare bi sogna conside­
rare due calori spec i fi c i fondam enta l i , preci samente il calore specifico a volume si ha in defini tiva :
costante ed il calore specifico a pressione costante . Nel primo caso il calore c,, si
ri trova tutto nel l 'incremento del l 'energia interna del l 'unità d i massa, che aumen­ I /kg
ta la propria temperatura di I ° C , senza compi ere la voro esterno.
e nel ca so particolare d i T 2 - T , 1 K:

= R =
Nel secondo caso i l calore c" si ri trova in parte sotto forma d i energia
interna , per l 'incremento di I "C di temperatura a pressione co�tante, mentre la
parte rimanente s i converte nel l a voro esterno compiuto dal kg d i gas nella sua L L' Cp - Cv = R
dilatazione .
l i calore che vi ene i m m agazzina to sot to forma di energia interna per la Questa importantissima re lazione tra i ca lori specifici fondamenta l i di un
variazione di I °C è uguale in entra m b i i ca si in quanto, per la legge di j oule, gas è nota com e relazione cli Mayer, ed è molto uti l e per la determ inazione d i
l 'energia interna è funzione sol tanto della tem peratura , e va l e appunto C v per 1 una delle sue grandezze quando se ne conoscano l e a l tre due .
kg di gas . C i ò ri sulta anche dal l a : Viene spesso i m p i egata per i l ca lcolo del Cv poiche i l Cp s i ricava più
faci lmente per via speri menta l e . l i M ayer, conoscendo i valori de i ca lori speci fi­
ci e di R per alcuni gas, aveva ca lcolato per q uesta via l 'equi va lente termico del
( I / kg)
lavoro .
quando si ponga T2 - T1 I K. Da questa re lazione ri s u l ta inoltre ben speci fica to i l s i gni ficato della co­
N e deriva che per uno stesso gas si avrà semp re : sta n te dei gas , e precisamente la costante /? rappresenta il la voro esterno com ­

>
piuto eia un kg cli gas quando a pressione costante si dilata aumentando la sua

I ndicando con k i l ra pporto c,, / e,,, e quind i posti e,, = k e,, e c,, = c,,/k , la
Cp temperatura cli I K. Perta n to la R sarà m i sura la in I /kg I< .
Cp Cv
Cv
> 1
re lazione tra i calori speci fici fondamenta l i d i un gas si potrà esprimere anche
ed anzi s i potrà subi to stab i l i re che la di fferenza tra Cp e Cv si converte nel nelle seguenti forme :
lavoro esterno compiuto da I kg di gas quando, a pressione costante, si dilata
per la variazione di 1 ° nella temperatura in segui to a l l a somm inistrazione del Cv R Cp
k - I
(k - I ) R ( I /kg K )
calore Cp . k
Indicando con L ' detto lavoro ( I /kg K) e appl i cando l 'equazione fonda-
Nei gas perfetti s i potrebbe supporre che calori specifici siano indipen-
- 50 - - 51 -

denti dalla pressione, dal volume e dalla temperatura . Tale condizione, però, dalla pressione, per cui risultano funzione sia della temperatura che della
non è necessaria, né giusta . pressione . N el campo pratico, però, le variazion i dipendenti dalla pressione
Un gas perfetto, infatti, può segui re le leggi d i Boyle e di Joule pur avendo sono talmente piccole che generalmente si trascurano, e si tiene conto soltanto
i l proprio calore specifico variabile. Un gas si può infatti considerare perfetto delle variazioni dovute alla temperatura .
quando segua l 'equazione caratteristica pV = R T e la legge di J oule U = f(T ) . Nei gas monoatomici l 'aumento è trascurabile ; negli altri gas, invece, si
Nella teoria cinetica dei gas si dimostra che i calori specifici dei gas nota un aumento tanto più sentito quanto più complessa è la molecola .
perfetti pluriatomici variano con la temperatura, aumentando col crescere d i Si ricorre praticamente a relazioni empiriche . Peraltro b isogna precisare
essa . Ne segue che per tali gas anche i l rapporto k n o n è costante, m a diminui­ che i risultati sperimentali, specie alle alte temperature e pressioni, non sono
sce con l 'aumentare della temperatura . concordanti in quanto i vari metodi impiegati per la determinazione dei calori·
Per i gas perfetti monoatomici, i nvece, si dimostra che i calori specifici specifici presentano rilevanti difficoltà e sono soggetti ad errori dei quali non
fondamentali sono indipendenti dalla pressione, dal volume e dalla temperatura , sempre se ne può tener· conto in modo soddisfacente .
e risulta costante anche il loro rapporto k . Quando la variazione si suppone uniforme i calori specifici ad una tempe­
Questi risultati sono confermati dall 'esperienza, e d infatti s i riscontra che ratura t °C vengono calcolati con formule del tipo :
nei gas reali monoatomici (argon , elio, kripton , mercurio) la variabilità del
calore specifico con la temperatura è trascurabile . Solo alle temperature eleva­ Cp = C po + a t Cv = Cvo + at
tissime le d ivergenze ri sultano sensibili .
I n base ai risultati della teoria il valore ordinario del rapporto k tra i calori nelle quali Cp e e,, sono i calori speci fic i attuali alla temperatura t °C, Cpu e c,,0
specifici fondamentali sono i seguenti : quelli a O °C, ed a un coefficien te sperimentale che di pende dalla natura del
gas . Questo coefficiente è costante ed ha lo stesso valore in entrambe le formule
c
__e_ 5 1 ,666 ( per gas monoatom ici ) ; in quanto ri teniamo valida la relazione di M ayer a qualunque temperatura .
k
Cv 3 Dovrà essere, i nfatti :
� 7
- 1 ,40 (per gas b iatomici ) :
k = = R
Cv 5 Cp - Cv Cpo - _C vo

k � 4 1 ,3 3 3 (per gas triatomici ) . Si nota, i noltre, che essendo e,, m i nore del corri spondente Cp , l'aumento
Cv 3 percentuale del primo risulta maggiore, per cui il rapporto /e tende a diminuire
con l'aumento della tempera tura .
Questi valori differiscono poco da quelli determi nati per via sperimentale Ponendo le = cp/c,,, e lc0 Cp o/c,,o, la precedente formula può scriversi :
in condizioni ordinarie di temperatura e pressione . Per i gas pluriatomici, però,
pur con siderandoli come perfett i , i calori specifi ci aumentano con l'aumentare
Cv (k I) = Cvo ( ko - 1 )

della temperatura, e nei triatomici l 'aumento è più considerevole di quello


relativo ai biatomici . e poiché e,, > c,,o per t > O, risulterà :
Pertanto la quantità di calore che si dovrà somministrare all 'unità d i massa
di un gas per farne aumentare la temperatura di I K risulterà tanto maggiore (k - I ) < ( ko - 1 ) k < ko
quanto più elevata è la temperatura attuale del gas, cioè ogni successivo aumen­
to di un grado richiederà una quantità di calore sempre maggiore . Ciò perché Ammettendo la variazione lineare si calcolerà i l calore specifico medio
una parte del calore andrà ad incremen tare l'energia di vibrazione interna delle come media aritmetica dei valori corrispondenti alle due temperature estrem e .
molecole, parte che aumenta col crescere della temperatura . Si avrà quindi :
Nei gas reali , invece, data la presenza di una energia i ntermolecolare
dovuta alle forze mutue di aggregazione, i calori specifici dipendono anche
52 - 53 -

liJ I + Cp2 Tabella A - Calori specifici Cp e Cc per alcuni gas, nello stato perfetto, in //kg K
Cpm Cpo + � ( t 1 + tJ Cpo + a tm
2 2 (Cp - Cv = R ; Cp : e,. = k )

H, 02 N, .Aria
a =
Cv m Cv o + - ( t 1 + b ) Cv o + a tm T (K)
2 Cp Cv Cp Cv Cp Cv Cp Cv

Nel caso dell 'aria, ad esempio, s1 hanno le seguenti formule empiriche :


300 1 4330 1 0205 9 1 8,5 658,0 1 040, 1 743,0 1 007,7 720,6
Cp = 1 00 9 + 0, 1 5072 5 t Cv = 720 + 0, 1 50725 t J /kg K
400
500
1 4475
1 45 1 6
1 0350
1 039 1
942,0
972, 1
682,0
7 1 2, 1
1 044,6
1 056,5
747,6
759,6
1 0 1 7,8
1 033,7
730,8
746,7
600 1 4558 1 0433 1 003,5 743,5 1 076,0 7 79,0 1 055,4 768,4
i n funzione lineare della temperatura Celsi u s . Per calcol i approssimati s i hanno 700 1 4620 1 0493 1 032,3 7 72,3 1 099,9 803,0 1 080,0 792,9
a disposizione parecchie relazioni empiriche per i gas più com uni, funzioni 800 1 4724 1 0599 1 054,5 794,6 1 1 22,3 825,4 1 1 03,0 8 1 6,0
lineari o quadratiche delle temperature assolute, e altre d i tipo logaritmico che 900 1 4828 1 0703 1 072,8 8 1 2,8 1 1 46,2 849,3 1 1 24,7 837,5
1 000 1 4994 1 0868 1 09 1 ,2 83 1 , 1 1 1 68,6 87 1 ,6 1 1 46,7 859,4
risultano abbastanza approssimate per pression i relativamente basse e tempera­
1 200 1 5389 1 1 264 1 1 1 6,0 855,9 1 204,5 907,6 1 1 79,7 892,5
ture non troppo e levate, di sol i to entro i 1 000 K. Per le temperature elevate 1 400 1 5804 1 1 679 1 1 34,3 874,4 1 232,9 935,9 1 205,7 9 1 8,6
sembrano più attendibili i val ori determ i nati con metodi spettro scopici . 1 600 1 6 1 99 1 2074 1 1 5 1 ,4 89 1 ,3 1 255,3 958,4 1 227,4 940,5
L'aumento del calore specifico con la temperatura i n fluisce sensibilmente 1 800 1 66 1 4 1 2489 1 1 67,0 906,9 1 27 1 ,7 974,8 1 243,3 956,3
nel campo dei motori a combustione interna . I n fatti gli i n crementi di tempera­ 2000 1 6988 1 2863 1 1 8 1 ,5 92 1 ,5 1 285,2 988,3 1 256,3 969,2
2200 1 7300 1 3 1 74 1 1 95,9 935,9 1 295,7 998,7 1 267,9 980,9
tura determinati da una data quantità di cal ore ri sultera n n o i n feriori a q u e l l i
2400 1 7569 1 3444 1 2 1 0,2 950,2 1 304,6 1 007,7 1 278,0 990,8
che si avrebbero n e l caso di calori specifi ci costanti, dato che c o l crescere del la 2600 1 7839 1 37 1 4 1 223.3 963,3 1 3 1 3,6 1 0 1 6,7 1 288, 1 1 00 1 ,0
temperatura aumenta mano a mano l a quantità di cal ore che si deve dare per 2800 1 8068 1 3943 1 235, 1 975,2 1 3 1 9,6 1 022,7 1 295.3 1 008,2
l 'i ncremento di ogni grado . 3000 1 8275 1 4 1 50 1 245,6 985,7 1 324,0 1 027 , 1 1 30 1 , 1 1 0 1 4,0
Purtroppo i calcoli termod i n a m ici risu l tano sensibilmente i n fl uenzati pro­
prio dai calori speci fici, e nonostante molteplici esperienze e studi resta sempre Tabella B - Calori specifici medi a p cosi. per alcuni gas fra 300 K e T, in //kg K
qualche incertezza . D 'altronde non dobbiamo dimen ticare che lo stato di gas
perfetto si riferisce a gas lontani dal pun to cri tico e a pressioni bassissime, per T (K) o, N, Aria
non dire quasi n u l la, cioè allo stato della materia estremamente rarefatta .
Per lo studio dei gas sono state proposte di verse equazioni d i stato le q ual i 400 1 4402,6 929,5 1 042,5 1 0 1 2,0
richiedono l 'impi ego del calcolo d ifferenzial e . La stessa relHzione di M ayer tra i 600 1 4486,3 958,8 1 050,9 1 026,4
calori specifici d i uno stesso gas (c p - C v = R) viene modi fi cata, e la diffcr.e nza 800 1 4528,2 988, 1 1 067,6 1 046,7
assume un valore un po' maggiore del l a costante del gas . 1 000 1 46 1 1 ,9 1 0 1 3,2 1 092,7 1 069,8
1 200 1 4737,5 1 034, 1 1 1 1 3,7 1 090,0
D 'altro canto uno studio· approfondito sull 'argome n to esula dalla nostra 1 400 1 4863 , 1 1 050,9 1 1 34,6 1 1 08,9
trattazione, e perciò ci limiteremo a riportare nelle seguen ti tabelle i calori 1 600 1 5072,5 1 063,4 1 1 5 1 ,4 1 1 26,2
. specifici di alcu n i gas, alla tempera tura assoluta T (tabel l a A), ed i l calore 1 800 1 528 1 ,8 1 076,0 1 1 63,9 1 1 40,7
specifico medio a pressione costante fra 300 K e T (tabe l l a 8) . I valori sono 2odp 1 5449,3 1 088,5 1 1 76,5 1 1 53,7
abbastanza approssimati per le esigenze didattiche fino a I 000 K e pressioni da 2200 1 56 1 6,8 1 096,9 1 1 89,0 1 1 63,8
2400 1 5784,2 1 1 09,5 1 20 1 ,6 1 1 75,3
1 00 a 2000 kN/111 2 • Per temperature e levate, superiori a i 1 000 K, quali si 2600 1 595 1 ,7 1 1 1 7,9 1 2 1 0,0 1 1 84,0
riscontrano nel fun zionamento dei motori a combustione i n terna, i valori ri por­ 2800 1 6 1 1 9,2 1 1 26,2 1 2 1 8,3 1 1 92,7
tati si possono ritenere sufficientemente approssi mati nel campo del l e a l te 3000 1 6244,8 1 1 34,6 1 226,7 1 200,0

Cv m = C p m - R : km = C p ,n : C v m
- 54 - - 55 -

pressioni, da 3000 a 6000 kN/m2 . Riteniamo valida anche la relazione C p - Cv Pertanto in una isostera il calore scambiato dal corpo con l'ambiente è
R. uguale alla variazione di energia interna. Risulta inoltre :

19. LE TRASFORMAZIONI TERMICHE DEI GAS PERFETTI . - Tra Q p1V


le infinite trasformazioni che un corpo può compiere alcune presentano grande Cvm R
semplicità e sono di facile rappresentazione grafica. In particolare facciamo
riferimento ai gas perfetti studiando di norma le trasformazioni relative alla e quindi :
massa unitaria (trasformazioni reversibili).
Q J/kg
1. - Trasformazione a volume costante . - Si abbia 1 kg di gas contenuto
in un recipiente a pareti rigide inestensibili, e riscaldiamo a volume costante
dallo stato A a quello B cui corrispondono le grandezze rispettivamente di Nella trasformazione isocora tutto il calore dato al gas viene immagazzina­
indici ( 1) e (2 ) , con V 2 = V 1 = V = costante. lo sotto forma di energia interna (cinetica molecolare) per cui aumenta la
La trasformazione;che segue· la Legge di Gay Lussac, viene denominata in velocità media delle molecole. Ne deriva un incremento della temperatura e
vario modo (isocora, isostera, isometra, isovolumetrica, isovolumica). Si ha : della pressione, ed anzi, riportandoci alla teoria cinetica, si può dimostrare che
l e due grandezze sono direttamente proporzionali.

p N/m 2
per cui nell'isostera di un gas perfetto le pressioni sono direttamente proporzio­ S 2 - s , = C vm lg _.:!3_ (J/kg K )
nali alle rispettive temperature assolute (legge di Gay- Lussac). P2 - - - - - - - - 8 = ( P2 , V2 , T2 )
T,

- - - - -- - - - - - - - - - - - -
a) b)
N el piano V , p la linea è un segmento parallelo all'asse delle ordinate, e
non forma alcuna area che rappresenti lavoro esterno. Se la trasformazione B
T2
avviene nel senso. AB il gas aumenta di pressione e di temperatura per adduzio­
e 1
Q)

ne di caiore ; nel senso opposto i fenomeni sono contrari per effetto di una t5
d v' = 0 1

sottrazione di calore (fig. 1 6 a).


,1

() V2 = V1 i= 1
0"-· ' ' --11
Essendo V = cost. e dV = O , risulterà :
Il 1
> I-
N
,;, u ' ' ' l
O

' ,,,,i
' '
--.1,, ' ' ' ,:
dL = p dV = O L o P1 - - - - - - - - , A = ( P 1 , V1 , T1 )
A
T1 - - - - - - -1
Cvm (T2 - T1 ) - ' J
I f'
relazione valevole per qualsiasi corpo.
1 m 3/kg ' ' � J/k 9 K
A 0 i'-,
1, , '-. '-. ' , J Bo
Per l'equazione fondamentale si avrà, in ciascun istante : V1 V S2 - S1 s
dQ = Cv dT = dLJ
Fig. 1 6. - Trasformazione a volume costante .

e fra gli stati estremi della trasformazione :


Se, ad esempio, diviene doppia la temperatura assoluta, risulterà doppia
I /kg anche la velocità efficace delle molecole per cui, a parità di volume, risulterà
doppia la quantità di moto al secondo sul cm 2 di parete e, quindi, doppia anche
la pressione.
- 56 - 57

Se un rec1p1ente chiuso contenente un gas sotto pressione viene posto in


un ambiente a temperatura inferiore, si verifica spontaneamente una trasforma­
zione a volume costante, sino a che, cedendo calore all'esterno, il gas non si
per cui a pressione costan te i volumi del gas sono direttamente proporzionali
porti in equilibrio di temperatura con l'ambiente. Ne segue un certo abbassa­
alle corrispondenti temperature assolute ( Legge di Gay-Lussac).
mento della pressione che può essere rilevato da un manometro applicato alla
Si avrà inoltre :
bombola contenente il gas.
Osserviamo ancora che in alcuni casi la velocità di variazione della pres­
sione e della temperatura può risultare molto elevata, come si verifica nei Q Q p V1 p V2
fenomeni rapidissimi di esplosione o scoppio. R R
Per quanto riguarda la variazione di entropia a volume costante s1 ha :
e quindi :

dQ Cv dT dS Cv
dT
S2 - S 1 = .fTT, Cv dT
,
T T Q = _.E._ (V 2 - V 1 ) Cvm J/kg
R
C pm

e supponendo un calore speci fico medio costante :


Rammentiamo che mentre nel l 'isostera il calore scambiato Cv (T2 - T 1 ) è
ugual e al la variazione di energia interna, nell'isobara il calore cp ( T2 - T 1 ) oltre
I g P2 ( J /kg K) a determinare la variazione dell'energia interna, come la precedente, fornisce
p1
Cv m

anche un lavoro esterno.

Si nota che la variazione di entropia è funzione logaritmica del rapporto


P T
fra le temperature assolute o tra le corri spondenti pressioni. N/m 2 K
S2 - S 1 = C pm fg � ( J /kg K )
Se il calore speci fico fosse costante la curva dovrebbe avere sottotangente

- - -- - - - - -- - - -- - - --- -- -
T1
uguale in ogni suo punto ; in realtà essa dovrà aumentare col crescere della a) b)
temperatura. L'area AuA B B0 rappresenta i l calore sommini strato durante la �
B
trasformazione, equivalente alla variazione di energia interna. Se l 'entropia
decresce il calore è sottratto ( fig. 1 6 6).

2. - Trasformazione a pressione costante . - Un gas libero di di latarsi


segue una trasformazi one a pressione costante ( i sobarica) quando per effetto di
scambi di calore varia i l propri o volume in modo che la sua pressione si T,
mantenga in equi l i brio ri spetto al l a press ione esterna costante. Se i l gas è (J/kg K )
racch iuso in un ci l indro, i l cui stantu ffo sia premuto da una forza costante, esso
compi rà una trasformazione i sobarica quando riceve o cede calore. Se i l ci l in­
1
V1 1
1
-+1
1
1 +-- R /P
I.
1 V2 V
1
s, ,_
I
s 2 - s 1 _ 11 8 2 1 s
dro è verticale la pressione costante può essere dovuta a l l o stesso peso de l lo
stantuffo, oltre al la pressione atmosferica . Fig. 1 7 . - Tra s formazione a pressione costa nte
I l kg di gas che si trova inizialmente ne l lo stato A passa nel l o stato B dopo
la sommini strazione del calore Q (l ' ig. 1 7 a). Si ha :
Il lavoro esterno assoluto compiuto dal kg di gas è rappresentato grafica­
p mente dal l 'area rettangolare A0 ABB 0 e vale :

4. · CAocc , . Macchine Marine - Voi. 1 1 .


58 - 59 -

J/kg Supposto costante il calore specifico, ed uguale a C pm ; r isulta :

In funzione del lavoro esterno si avrà anche : J/kg K

L
Q
I n questo caso l'area AaAB Ba rappresenta il calore Cpm (T2 - T , ) (fig. 1 7 b).
C p rn

cp > Cv , la variazione di entropia nell'isobara è maggiore rispetto all'isostera, e


R R
Cvm

Si nota subito che a pari tà di gas e di rapporto tra le temperature, essendo


Si noti, infatti , che essendo la costante R uguale al lavoro compiuto dal kg
di gas nel variare di un grado la sua temperatura, i l rapporto L/R fornisce le due variazioni stanno tra loro nello stesso rapporto k. Pertanto nel piano
entropico la linea a volume costante è più ripida di quella a pressione costante,

e nel senso dell'aumento di entropia. Infatti essendo Cp > Cv l e sottotangenti nel


appunto la variazione di temperatura T 2 - T 1 .
cioè l'isobara si mantiene al disotto dell'isostera che parte da uno stesso punto,

punto comune A saranno H A0 = Cv ed H' Ao = Cp , e sarà a' < a (fig. 1 8).


Tenendo presenti le precedenti relazioni l'equazione fondamentale applica­
ta al l 'isobara di un gas diviene :

Q = Cv (T2 - T 1 ) + p ( Y2 - Y 1 ) = Cv (T2 - T 1 ) + R (T2 - T 1 )

Q = ( Cv + R) (T2 - T 1 ) = Cp (T2 - T 1 ) T (K)

L B B'
Q Cv J:.. + L Cp I /kg T2
R R

Da queste espressioni , nelle quali a bbiamo supposto per semplicità i calori


specifi ci costanti , si può ricavare la rel azione di Mayer tra i calori specifici
fondamental i di un gas : •

Cp = Cv + R Cp - Cv = R I /kg K Bo (J/kgK)

La corrispondente variazione di energia interna è :

J /kg Fig. 1 8 . - Poi sizione recipmca delle linee a V = cos t . e p cost. nel piano T, S .

N e l caso di adduzione di calore tutti i termini dell'equazione sono positivi,


con aumento di volume e di temperatura ; nel senso inverso risultano negativi Ciò risulta anche dal confronto del le variazioni di entropia corrispondenti
per sottrazione di calore. ad una medesima variazione di temperatura , poiché sarà :
La variazione di entropia nella trasformazione isobarica è :

dT dT
s I = .f T, Cp
e quindi Aa B� > Ao Bo per cui i l punto B' dell'isobara starà a destra r ispetto al
dQ dT dS S2 -
T,
Cp Cp
T T

punto B dell'isostera.
- 60 - - 61 -

Le due variazioni di entropia stanno tra loro nel rapporto k, e nello stesso RT
rapporto le aree che rappresentano le rispettive quantità di calore.

3. - Trasformazione a temperatura costante . - Per realizzare una tra­ per cui a temperatura costante le pressioni del gas sono inversamente p roporzio­
sformazione isotermica è necessario che il corpo evolvente resti in continuo nali ai corrispondenti volumi (Legge di Boyle).
contatto con una sorgente di calore. Abbiamo già osservato che per i gas perfetti l'isoterma è anche a energia
Sorgenti di calore o termostati sono quei corpi che hanno la proprietà di interna costante poiché per T = cost. e dT O, r isulterà:
mantenere costante la propria temperatura pur scambiando calore con altri
corpi. Tali sono, ad esempio, i corpi in fus ione, o in fase di vaporizzazione e, dLJ = Cv dT = O U = cost.
praticamente le sorgenti artificiali come un focolare, a regime, o i corpi di
grandissima massa come il mare, l'atmosfera, ecc. Dall'equazione fondamentale si ricava la quantità di calore in gioco :
Si abbia al solito il k g di gas nello stato A che segue una i soterma fino allo
stato B, con T 2 = T 1 = T = cost. (fig. 1 9). L'equazione della linea è:
dQ = A dL = A p dV Q = J
v,
v,
p dV = L J/kg
p V cost.
Pertanto tutto il calore somministrato si converte in lavoro esterno ; oppu­
re, nel caso inverso, tutto il lavoro speso corri sponderà al' calore sottratto,
P N/m 2 T K
mentre resta costante l 'energia interna.
a) b) 1 1 lavoro esterno è rappresentato al sol i to dal l 'area AoABBo e in questo
caso, trattandosi di un'iperbole equi latera tale area è equivalente alla A'ABB'
A1 A
P, compresa fra la linea di trasformazione, le ori zzontal i estreme e l 'asse delle
ordinate.
� ,...\
Se la trasformazione si svolge in senso inverso si tratta di compressione
I \I
I/ 'ò i sotermica, ed il lavoro esegui to dagli agenti esterni sul gas si converte tutto in
I �
(
I
/ calore che vi ene sottratto, i stante per istante, da una sorgente fredda, o refrige­
P' :
/ /
p rante.
p - - -;L -."- .L -"- ,
I -:::: 0
Per il calcolo del lavoro esterno avremo:
r/ L / V
� // / I .O[.,
.
B'- - + ./- /- -J, / / L- - -/
V,
ost
- ,,..- B
J
I
p2 R T dV
I, / / /1 / / 1 p L = p dV RT f v, ( I /k g)
• V,
/ / /
m3/kg
V
/
A0 / ' Po / ,), Bo V v,
1

Lo stesso ri sul tato si otti ene ricavando il valore generico p dal la p


Fig. I 9. - Trasformazione a temperatura costante . p1 Y 1 /V, e quindi:

e quindi nel piano V, p è rappresentata da un'iperbole equilatera. La costante di


Boyle è uguale al prodotto RT e si nota che dipende dalla natura del gas, e che
per uno stesso gas è direttamente proporzionale alla temperatura assoluta. Si Le formule si equivalgono, ed infatti per le proprietà del l 'isoterma dei gas
ha: risulterà:
- 62 - - 63 -

- RT lg � ( I/kg ) In questa trasformazione la sottotangente è infinita, per cui sarebbe al


L
P2 limite infinito anche il calore specifico.

I n queste formule si può sosti tui re i l prodotto di Boyle per un qualunque - T racciamento dell'iperbole equilatera . - Uno dei procedimenti più
stato del l a stessa isoterma, ed i l rapporto tra i volum i speci fici equi vale ovvia­ semplici per tracciare un'iperbole equilatera, e quindi l 'isoterma di un gas
mente a quello tra i volumi totali corrispondenti . perfetto nel piano V, p è i l seguente : sia A un punto noto, ad esempio quello
Si nota che a pari temperatura e per uno stesso gas i l lavoro dipende iniziale, e si traccino per esso due rette, rispettivamente parallele ai due assi, e
soltanto dal rapporto tra i volumi o tra le pressioni , e non dal loro valore su quella orizzontale si porti una successione di punti a piacere, M 1 , M2 , . . . Si
assoluto . Perciò, almeno teoricamente, un gas compresso, o rarefatto, può traccino poi le semirette uscent i dal l 'origine e passanti per detti punti , le qual i
ugualmente servire a produrre lavoro, e crescendo V 2 si avrebbe modo di intersecheranno l a verticale p_assante per A nei punti N 1 , N2, . . . (fig . 20 a) .
ottenere un lavoro grandissimo . Detto lavoro, inol tre, è proporzionale alla tem­
peratura assoluta che com pete al la trasformazione .
Da notare, ancora , che a pari rapporto di espansione, e a pari temperatura, V
il lavoro dipende dal la costante R, e quindi d a l la natura del gas. Ad esempio i l
lavoro per l 'idrogeno risulterebbe circa 1 6 vol te que l lo relati vo al l 'ossigeno,
però nel l a stessa proporzione aumenterebbe l a quantità di calore da somm ini­
strare . Lo stesso lavoro ricavabi le da I kg di 02 si avrebbe i mpiegando circa 63
g di H 2 .
Poiché l a quantità d i ca lore è equivalente a l lavoro esterno l e stesse
formule indicate per i l l a voro servono per i l calcolo dell a quantità di calore. Si
noti che i logaritmi sono neperiani .
La trasformazione isoterm ica è rappresentata nel piano entropico da un
segmento parallelo a l l 'asse del le entropie ( fi g . 1 9 b) . Qualunque sia la natura
del corpo si avrà :

I
V
S2 - S 1 = dQ - -
- I Q
- dQ I/kg K
Jf = COSI. T T T Fig. 20. - Tracc i a mento dell ' i perbole e q u i latera .

e per un gas perfetto :


Per ogni coppia di punti ( M 1 N 1 ) , ( M 2 N 2 ) , . . . s i tracciano l a pa ra l lela a l l 'asse
Q RT lg (Y2
S2 - S 1 Y1)
R lg Y 2 del l e pressioni e que l l a a l l 'asse dei volum i ottenendo n e l l e loro intersezioni i
T T Y1 punti A 1 , A 2 , . . . che appartengono a l l 'iperbole equi l a tera pa ssante per A .
Considerando i n l'atti i d u e tri angoli rettangoli s i m i l l ON I H c d O M I K si
Lo stesso risultato si ricava dall 'equazione data in un precedente paragrafo ha :
essendo T2 = T 1 e lg I = O.
Per qualsiasi sostanza l'isoterma è parallela all 'asse delle ascisse e l'area OH H N1
rettangolare AoABBo corrisponde a lla quanti tà di calore Q = (S2 - S 1 ) T. Per OK K M1
un gas perfetto l 'isoterma è anche ad energia intern a costante, e quindi la
predetta area corrisponde a quella che nel piano dina m ico rappresenta il lavoro
esterno assoluto .
65
- 64 -

= - Rj V ,
e integrando tra i due stati fisici, e supponendo i calori specifici costanti :
essendo :
V,
KM1 = HA = Po C v/_ T ,
T,
dT
T V,
dV
V
= R
I v,
dV
V
Questa relazione verifica l'equazione dell'iperbole equilatera per i punti A T2
C v lg R lg V 1 Cv (k - 1) ]g
Y1
ed A 1 : T1 V2 Y2

In modo analogo si può dimostrare per tutti i punti A2 , A,, A4, . . . conside­
lg
T2
T1
(k - 1) lg Y 1
V2
lg
( �� r - I

rando i triangoli simili corrispondenti .


Volendo tracciare il ramo superiore all'iperbole si segue il medesimo pro­
cedimento . p a) T
A b)
Nella figura a destra è rappresentato un sistema pratico ancora più sempli­ P, k = C p/Cv
-- - - - - - -
r
A
ce . Basterà tener conto che in genere per un'iperbole equilatera x y = cost . e p 1 - p2 = cadut_a d i
T,
dO = 0
quindi le due coordinate sono inversamente proporzionali . Riducendo la pres­ p ressione
dS = 0
sione a metà il volume diventa doppio, per pressione 1/3 , volume triplo, ecc .
0i
i/
I V2 - v, = a u m ento di S = cost.
y/
r/ /
vol u m e .
ti T1 - T2 = caduta di
4 . - Trasformazione adiabatica . - Consideriamo 1 kg di gas contenuto in i/ / /
r///
()
tem p e ratura
un cilindro a pareti perfettamente coibenti, tali cioè che sia impedito qualsiasi
Il

- - - - - --- -
p - - - - - -y-_,•7'- ✓-r
p
(/)

scambio di calore tra il fluido evolvente e l'ambiente . Supponiamo inoltre che


non esistano resistenze passive (moti turbolenti, attriti) e che· la trasformazione
r / / // },' /1 /
.oh"'
� c os
r / /L
I r T2 B
B
/
possa svolgersi in condizioni di reversibilità (fig . 2 1 ) .
I /
P2 - - - - - �� ✓- - - -,r + L- - -,r - - - - -
v / / � / / / / /:
Questa trasformazione, che si svolge senza scambi di calore, col corpo A o, / / / :, / / / / / ' Bo A o = Bo
assolutamente isolato dall'ambiente, prende il nome di trasformazione adiabati­ V, V V2 V s,= s 2 s
ca, ed in ogni istante del percorso da A a B sarà dQ = O. Ciò non significa che
il valore Q è costante in quanto non si tratta di una funzione di stato (il dQ non Fig. 2 1 . - Trasformazione adiabatica .
è un differenziale esatto), ma indica semplicemente una quantità infinitesima di
calore che si trasmette, e che nel cqso considerato è nulla . Pertanto sarà nulla
anche la quantità Q totale, perché somma di tanti valori nulli . Si avrà :
L'equazione fondamentale dei gas perfetti applicata all'adiabatica diventa
quindi : T yk - 1 cost .

cv dT dV o Cv dT
+ R T
V Abbiamo ricavato una prima relazione fra temperature assol ute e volumi, e
sostituendo il valore T l'orr.ito dal l 'equazione caratteristica dei gas risulta :
Dividendo per la temperatura assoluta T dell'istante s1 ha :
P V yk - I cost . Cost .
dT dV R
R
T V
Cv
- 66 - - 67 -

k- I k- I
ottenendo in tal modo l 'equazione di Poisson per l 'adiaoatica di un gas perfetto,
con calori specifici costanti . Si nota, come vedremo, che essa corrisponde ad Pi k ( �� J -
k
una politropica di esponente n = k = cp/cv.
Si hanno pertanto le due relazioni caratteristiche :
Abbiamo così ricavato varie relazioni tra le grandezze caratteristiche di
due stati fisici appartenenti ad una stessa adiabatica, nell 'ipotesi che i ca lori
T k
y -
1 = cost. p Vk = Cost.
specifici siano costanti . Si nota che le temperature e le pressioni decrescono o
aumentano insieme (espansione o compressione) , mentre ciascuna di esse varia
cioè le temperature assolute sono inversamente proporzionali a. i volumi elevati
inversamente rispetto al volume .
all'esponente (k - 1 ) , mentre le pressioni sono inversam ente proporzionali ai
Nel caso di espansione l 'energia i n terna del gas diminuisce, e dimi nuiscono
volumi elevati all 'esponente k.
quindi anche T e p , mentre V aumenta ; nella compressione, invece, si avrà
Combinando le due se ne ricava una terza che lega le tem perature e le
aumento di energia interna, aumento di temperatura e pressione, e dimi nuzione
pressioni :
di volume .
k - I I -k Tutte le relazioni ricavate hanno va lore rigoroso soltanto per i gas perfetti
T p k cost. T p k cost . monoatomici per i quali si possono ritenere costanti i calori specifici . Per gli
altri gas le formule risultano abbastanza approssimate soltanto per piccoli salti
termici .
per cui le temperature assolute risultano d i rettamente proporzionali alle corri­
N otiamo, i nfatti, che i calori specifici aumentano con T e mentre la diffe­
spondenti pressioni elevate all 'esponente (k - 1 )/k . N otiamo che le varie costan­
renza c,,-c,, si mantiene costante il loro rapporto k diminui sce . Ne segue che
ti sono diverse .
lungo la trasformazione adiabatica l 'esponente del l 'equazione di Poisson subisce
Riepilogando si hanno le seguenti importan ti proprietà tra due stati fi sici

Rammentiamo che essendo dQ = O, per l 'equazione fondamentale risulta


una continua variazi one, e in pratica si ottengono risultati abbastanza appros­
di una stessa adi abati ca :
simati assumendo per k un valore medio in relazione ai calori specifi ci medi .
- le pressioni risultano inversamente proporzionali ai corrispondenti vo­
lumi elevati all 'esponente k e, vi ceversa, i volumi sono in versamente proporzio­
che il lavoro esterno è ugua le alla variazione di energi a interna cambiata di
nali alle pression i elevate a l l 'esponente J /k;
segno. Qui ndi :

= -
- l e temperature assol ute sono i n versamente proporzional i ai corri spon­
denti volumi elevati all'esponente (k - 1), ovvero i volumi sono inversamente
dU = f = - J
V
proporzionali alle temperature assolute el evate all 'esponente 1 / (k - 1 ) ; Cv dT p dV U2 - U 1 , Gv dT , pdV
T
- l e temperature assolute sono d irettamente p roporzionali alle pressioni T, V,

elevate alla potenza (k - 1 )/k, ovvero le pressioni sono di rettamente proporzio­ per cui :
nali alle corrispondenti temperature assol ute elevate a l l 'esponente k/(k - 1 ) .
Per due stati fi sici d i indici ( 1 ) e ( 2 ) s i avrà quindi :

Questa relazione espri me c h e tutto il lavoro esterno a ssoluto compiuto in


una espansione adiabatica reversibile equivale alla dimi n uzione di energia in­
terna del gas, che si raffredda passando da T 1 a 72 . Al solito tale lavoro
equivale nel piano dinamico all 'area A o A B B o ( fig. 2 1 a) .
Riferendoci, per semplicità, ai calori specifici costanti, ricaviamo altre for­
mule, essendo :

R R
k - 1
Cv ( k - 1 ) Cv
- 68 - 69

e sostituendo : Per quanto concerne le variazioni di entropia lungo una tra�formazione


adiabatica dobbiamo ancora fare qualche precisazion e . V i sono in proposito
due tendenze, secondo le condizioni i niziali di partenza per quanto concerne la
L defi n izione di trasformazione adiabatica, secondo che si faccia riferimento sol­
k
tanto all'i solamento termico dall'ambiente, o si fi ssi anche la condizione di
Quest'ultima relazione coincide con quella che si ricava per una trasforma­ reversibi lità stabi lendo che non debbano verificarsi moti turbolenti al l 'i nterno
zione politropica di esponente n =. le, e nel caso di un gas si possono impiegare della massa e non si abbiano resi stenze d'attrito, al fi ne di escludere anche
in luogo dei prodotti di Bo yle i corrispondenti prodotti R T. Con semplici scambi di calore all'interno della massa durante la trasformazion e . Sarebbe
passaggi, tenendo conto delle relazioni valevoli per l'adiabatica, si ricavano come dire che una trasformazione può essere con siderata adiabatica per quanto
ancora altre relazioni per iì calcolo del lavoro esterno, n ell 'ipotesi che il rappor­ concerne gli scambi di calore con l 'ambie�te esterno (come nella prima conce­
to le tra i calori specifici si mantenga costante . zione), m entre non lo sarebbe per quanto riguarda gli scambi interni a causa
delle varie resistenze passive .
Da queste diverse concezion i deriva una differenza sostanziale per quanto
L T2 Ì = �
(I - concerne il comportamento entropico , in quanto una adiabatica non reversibi l e
T, ) k - 1
non è a d e ntropia costante , m entre u n a isentropica è sempre adiabatica .
Se i nvece l 'adiabatica viene defin i ta i n condizioni di reversibilità, e quindi
k - I oltre all'isolamento termico si ponga la condizione che siano n ulle le varie

k - 1

k - 1 [
1 - ( �� )-
k ] ) / kg resi stenze (assenza di moti vorticosi e di attriti che darebbero luogo a calore e
quindi ad aumenti di entropia), si può senz'altro stabilire che l'adiabatica rever­
sibile è ad entropia costante . Seguiamo questa concezione che è poi quella più
li senso della tras formazione defi nisce senz'altro il segno del lavoro, che conveniente , perché nello studio delle macchine termiche attraverso i diagram­
sarà negativo nel caso di compressione . I n questo caso tutto il lavoro di com­ mi entropici ed entalpici l'espan sione adiabatica viene convenientemente trac­
pressione prodotto dalle azion i esterne si trasforma in energia interna, per cui il ciata con una linea verticale i soentropica con riferi m ento al caso ideale, tenendo
gas aumenta di temperatura e di pression e . poi conto delle varie cause che i ntervengono con aum enti dell 'en tropia .
L a trasformazione adiabatica non è praticamente realizzabile, perché sa­ D'altro canto la funzione entropica è stata i ntrodotta partendo dai diffe­
rebbe n ecessario poter di sporre di recipienti con pareti assolutamente coibenti renziali dQ e dS, ed il primo è stato trasformato n el differenziale esatto di una
atte ad assicurare un isolamento termico perfetto, oppure la trasformazione funzione di stato S dividendo sempl icemente per· la temperatura assoluta T
dovrebbe svolgersi con tale rapidità da non con sentire gl i scambi di calore con dell'istante corrispondente al dQ . Ma il concetto di entropia è strettamente
l'ambiente esterno. Ci si può avvici nare nei vasi Dewar, mentre si può ritenere legato a quello di reversibilità, dato che le sue variazion i sono funzioni degli
che la propagazione del suono avvenga secondo un processo adiabatico dato stati fisici solo quando si con sider i no trasformazioni reversibili qualunque pas­
che l e variazioni di den sità dovute al le compressioni e rare fazioni successive santi per i due stati, e questa condizione deve valere anche per l'adiabatica, che
sono talmente rapide da non permettere gli scambi di calore . I noltre la picco l i s­ implicitamente deve essere considerata reversibile .
sima conduttività del l 'aria rende di ffici li i passaggi di calore n el l 'ambiente Resta pertanto i nteso che l 'adiabatica reversibile è isoentropica, e vicever­
circostante . sa, essendo in ciascun istante dQ = O e T f. O:
D'altro canto lo studio del la trasformazione adiabatica ideale reversibi le
per la quale sono state ricavate molte relazioni matematiche di faci l e appl ica­
dQ
zione, risu lta di grande ausilio nella trattazion e del l e macchine termiche, n elle dS o s costante
T
quali i processi fan no riferimento proprio ad espan sion i e compression i adiaba­
tiche, anche se in realtà le stesse si svolgono con sensibi l i scambi di calore tra
L'adiabatica reversibile risulta perciò rappresentata nel piano entropico da
fluido operante ed ambiente esterno attraverso pareti buone conduttrici del
una linea ad entropia costante, parallela all'asse delle temperature (fig. 2 1 b) .
calore .
- 70 - - 71 -

Dovrà risultare nulla l a q uantità di calore total e e quella scambiata in ogn i con coefficienti ugu a l i per quanto riguarda i ter m i n i funzione d e l l e T, e q u i nd i :
istante .
Cp - C v = R = a' - a
- Trasformazione adiabatica con calori specifici variabili. - Abbiamo osservato che
anche nei gas perfetti bi atom i c i , o a mol ecola più complessa, i l calore specifico aumenta con
dV o

T
la temperatura ed i l rapporto k d i m i n u i sce con l 'aumen tare d i essa . N e segue che l 'esponente Cv � + R
T V
(a + bT + cT 2 ) � + R
dV
o
della equazione d i Poisson varia durante l a trasformazion e . T V
dT
Supponendo c h e i calori specifici varino i n funzione l i neare con la temperatura si abbia :
a + b dT + c T dT + R
dV o
V
Cv = a + b T Cp a' + bT C p - Cv = R = a' � a

--=-2 + R lg V
I n tegran d o :
Per l 'adiabatica reversi bile vale la relazion e :

T
T,
a lg T + bT + c cos i .
Cv
dT
+ R � o
V
lg T" + lg e bT + lg ec T ' / 2 + R lg V CO S I .

e sostituendo :
cost .
(a + bT) � + R � o dT
a - + b dT + R � o
T V T V
e passando a i n u meri :
I n tegra n d o : T" y R e b T + cT ' / 2
= Costante

a lg T + bT + R lg V = costa nte Combinando con l 'equazione caratteristica si può ricavare un 'a ltra relazione ana loga a
quella precedente in funzione di p e T .
lg T" + lg y R + bT cos t . lg T " y R + bT cosi . Volendo i m p i egare l e formule ricavate occorre prima calcolare i l valore della Costante
sostituendo a T e V i corrispondenti valori dello stato i n iziale noto. Qu i n d i si procede per
tentativi assegnando alla T successivi valori, m i nori d i quello iniziale per l 'espansione, e più
Passando ai numeri, c d essendo i logaritmi iperbol i c i , saril : elevati per la compressione, e si calcolano i corrispondenti valori d i V dopo di che si potrà
bT tracciare la l i nea nel p i a no V , T. Si potra n n o poi calcolare i corri spondenti valori della
b T = lg e 1>T T" y R e Cost .
pressione per mezzo del l 'equazione caratteristica per poi tracciare la curva adiabatica nel
piano V , p.
Questa relazione ra pprcsc-n ta l 'e q uazione della trasformazione abiabatiw di un gas i n Quando sia nota la variazione di energia i n terna ed i l corri spondente lavoro esterno, si
funzione d i T e V , nell 'ipotesi c h e "i calori spec i fici varino c o n la temperatura asso l u ta può d i segnare l a curva adiabatica nel p i a n o d i namico seguendo u n metodo approssi mato
secondo fu nzioni li neari . I n essa il n u mero e corri sponde a l l a base dei logaritmi neperi a n i
ind icato da Hopki n son . S i fissa per ten t a t i v i u n valore medio per l 'esponente k i n modo che
(cioè e = 2,7 1 828 1 8 . . . ) . durante la tras formazione complessiva risulti nullo i l cal ore sca m b i a to e che il lavoro esterno
Com binando con l 'eq uazione cara tteri stica pV = RT si ricava (essendo a' = R + a ) : corri spondente uguagl i la variazione d i e n e rgia i nterna . Si traccerà una curva che non è
esattamente q u e l l a adiabatica ma che sarà l i nea di compenso ri spetto ad essa .
T
T" ( '\ )R e
6T
= Cosi . R i ferendoci a l l 'espansione, e partendo d a l l o stato i n iziale noto, tale curva approssi mata
si svolge i n izialmente sotto la vera adiabatica e poi la i n terseca d i venendo meno ripida . N e l
primo tra t to si h a q u i n d i u n a piccola sottrazione d i calore e n e l secondo tratto, quello
Quest'u l t i m a lega tra loro p e T e la costa n te avrà valore di llcn: n t e .
superiore a l l a l i nea adiabatica, una piccola somm i n istrazione che . compensa quello prima
Se i calori spec i fici sono fu nzione quadra tica di T si procede in modo ana logo :
sottratto. Si può ragg i u ngere una maggiore a pprossimazione a p p l i cando i l metodo più volte
per successi v i p i ccoli tra tti .
cv = a + bT + cT 2 cp = a' + bT + cT 2
Si ri leva pertanto come lo studio de l l 'a d i a batica cons.i derando i calori specifici variabi l i
porti a compl icazi o n i che nelle comuni appl icazion i pratiche non sono giusti ficate, per cui d i
norma s i usa fare r i feriemento alle formule ricavate per l 'adiabatica reversibile a · calori
- 72 - - 73 -

specifici costan ti, ricorrendo ai valori medi, salvo poi a tener conto opportuno delle varie Se consideriamo due politropiche AB ed AB' di differente esponente, le
cause che allontanano dalle condizioni di reversibilità . pressioni p e p' nei punti B e B' sono differenti . Per gli stati A e B risulterà :

( �: r
5. - Trasformazioni politropiche . - Si chiamano trasformazioni poli tro­ � �
piche quelle che seguono una legge del tipo : P2 p; ( �: t
pV" = cost .
p;
( �: r -
>
P2
nella quale n è un esponente compreso tra zero ed infini to che per una data
11 ·

>
trasformazione mantiene uno stesso valore in ciascun punto della stessa. N el
Avendo considerato espansioni è evidentemente V2 V1 e quindi V2/V 1
piano dinamico è rappresentata da un'iperbole di grado n avente per asindoti gli
1 , per cui risul terà :

:§ > >
assi , e che rivolge la sua convessità verso l 'origine degli stessi assi (fig. 2 2 ) .
p; � p 2 secondo che n ' n (con n O ed n ' O).
p
N e deriva c h e l a curva pol i tropica d i esponente minore s i svolge, in
P,
A espansione, al di sopra di quella di esponente maggiore ; viceversa nel caso di
compressione (fig. 23 a ) .
''
I

il pV " = c
:1
iI p p
i I
I I
i I
a) b)
: I ·-- - -
----- n M
P
: I
I
n1 < n
J
'
I
I
I
I (� ) = tg a
dV a
P2 ---- - : - -; - - - - I
I
I
Ao: 1°"{ ' � I
I
V1 I V V I
I
I

Fig. 22. - Trasformazione politropica.


I
p� _ _ _ _ _ ,_ _ n>1

/
I
I

Per due stati ( l ) e (2 ) risulterà :


I

v, v,
I I
I

i Ao \'{' i so
( �� ) 1/n V2 V V
p2 V 1 "
F i g . 2.3 . - Tra s l'ormazioni pol itropich e .

Possia1110 anche eseguire il con l'ron to t ra d u e poli tropiche , una di esponente n = 1 .


per cui le pressioni risultano inversamente proporzi onal i ai rispettivi volumi
elevati all'esponente n, ed i volumi inversamente alle pressioni all a 1 /n .
L a pendenza della curva decresce col di m i nuire del la pressione e con ra ppresenta ta d<1 iperbole eq u i l atera ( i sotcr111a dei gas pcrl'ctti ) e l 'a l tra d i esponente n
l 'aumentare del volume, cioè l'angolo a formato con l'asse delle ascisse dalla generico ( l'ig . 23 b ) . Le due l i nee abbiano le equazioni pV = C , e p V" = C 2 (curve a e b ) .
tangente al la curva in un punto generico N aumenta col crescere del volume.
- 74 - 75 -

Condotte per i l punto comune A le tangenti geòmetriche, esse formano con l 'asse d e l l e per n o p = cost . (isobara)
ascisse gli ango l i o t t u s i a e /3, e p e r n o t e relazioni sarà :
per n pV = cost. T = cost . (i sotermica)
� tg a nel punto p , V , della (a) k
dV per n C p /C v pVk cost. (adiabatica)
dp
tg /3 n e l punto p , Y , della ( b ) per n 00 V = cost. (isostera ) .
dV
Osserviamo che i l rapporto k , supposto costante, assume valori differenti
Per Fiperbole e q u i l a tera risu l t a :
secondo la natura del gas, e quindi quella che può essere un'espansione adiaba­
dp p tica teorica per un dato gas, può rappresentare una politropica n o n adiabatica
p tg a
dV V per u n altro gas .
Per l e poli tropiche di u n gas valgono l e formule ricavate per l 'adiabatica
Analogamente per la l i nea (b) : partendo dal l 'equazione di Poisson . Basterà porre i l parti colare valore di n in
c c, luogo del k. Qui n d i per due stati di una poli tropa si avrà :
= ,

�r � y -
dp
- 11 -­ - Il _I:_ tg /3
dY yn I· 1 V
P V"
I p2 -
11 - 1

( p , ) 11
--
Dal con fronto d e l l e due re lazioni si a vri1 i n fi ne :

tg /3 = Il t g Il. tg /3 : tg a = Il

)_
1
I
T
11
e questa condizione permetteri1 di determ i n a re la poslZlone rec i p roca I ra politropica d i T,
(� )�
I
( pP ,2 ) -
--
esponente n e poli tropica d i esponente I ( i soterma d e i gas perfe t t i - i perbole equi latera ) . Per
11
( T2 11 -

n > I sarà tg /3 > tg /J., ed essendo a e /3 a ngoli ottu s i , cioè a tangente negativa, la
d isuguaglianza sarà verificata per a. > /3 . Perciò le politropiche con n > I sono più ripide
d e l l 'i perbole equilatera , per cu i l 'isoterma sarà p i ù elevata nei punti d i ascissa V > V, e si Per il l a voro estern o :
svolgerà al d i sotto per V < V , _
Se i n vece, s i avesse n < I risulterebbe t g /3 < tg a ed i preced e n t i risultati sarebbero p,V, p2 V2 -R- ( T , - T 2 ) R T,
i n verti t i . L
n - I n - I n - I ( 1 - ;� )

( �: r - I ]
Considerando i n particolare le pendenze d e l l 'adiabatica e d e l l 'i sotermica d i u n gas
perfetto, dalla precedente d imostrazione r i s u l ta che esse stanno tra loro nello stesso rapporto
� � � p2 -
11 - 1
dei calori spec i fi c i fondamentali del gas considerato, cioè : L - 1 - 1 - ( --
n - 1 [ I ;� ] n - 1 [ [
p, )
11
n - 1
Cp =
(. �: ) ad
�-
tg a Cv k = k ( �: ) r
Queste formule coincidono con l e analoghe ricavate per l 'adiabatica ; non
Con gli i n d i c i (ad) e (T) si vuole i n tendere che le due derivate corrispondenti a l l a sono applicabi l i , però, a l l 'isoterma perché per n 1 porta no ad un risultato
pendenza d e l l e due l i nee sono calcolate nel medesimo punto ( i n te rsezione) rispettivame n te i n determinato.
per l 'adiabatica e per l 'i sotermica . L'eq uazion e fondamentale per la poli tropica di un ga s con serva la Forma
generale :
Per un punto del piano potranno passare i n fi n i te poli tropiche, tutte però d i
legge differente i n quanto due trasformazion i della stessa famigl i a , cioè d i
uguale esponente n , n o n potranno avere punti i n comun e . C o n riferimento a i
gas perfetti s i presentano i seguenti casi particolari . e sostituendo al lavoro esterno i l val ore :
- 77 -
- 76 -
Per le politropiche considerate, con O < n < 1 , s i avrà ( 1 - n) > O. per cui ad un
L aumento d i volume (espansione) corri sponde un aumento d i temperatura, mentre l a pressione
d i m i n u i sce, pur aumentando l a temperatura .
N e l l 'eq uazione fondamentale tutti i termini sono posi tivi, cioè le linee di espansione
s1 ottiene : comprese fra l 'isobara e l 'isoterma sono con adduzione di calore, in cremento d i temperatura

Q ( cv - _R_ )
n - 1
(T2 - T 1 ) J / kg
p p
A 11 = 0
P, P,
avendo indicato con e il calore specifico che compete alla politropica, sempre I
neli 'ipotesi di calori specifici costanti .
Si ha pertanto :
I
I
I
R 8
C Cv - Il
11 - P2 -- - ,-II - - - - - - e
I

v, v,
e poiché per l'adiabatica si dovrà avere Q = O , ed essendo T2 - T 1 f. O, per I
I
I
1< n< k
n=k
Ad ' Bo
una trasformazione adiabatica dovrà essere soddisfatta la condizione :
V2 V V2 V
R a) b)
Cv - o n Cv - Cv - Cp + Cv o 11 k
n - 1
p p
Risulta pertanto che nell'adiabatica teorica di un gas perfe tto l'esponente n
è uguale al rapporto tra i calori specifici fondamentali del gas. Da notare,
n =k
inoltre, che l'equazione fondamentale nella forma precedente non è applicabile
al caso di n = 1 (isoterma dei gas) poiché porta ad un valore indeterminato. n =l
Il lavoro esterno è positivo nell'espansione e negativo in com pressione. In P2
particolare si osserva che per una politropica di espansione e per una stessa
variazione di volume, il lavoro esterno decresce con l'aumentare di n , tanto che
al limite si annulla per 11 = cc (isostera). l i massimo lavoro si ha per l'isobara
(n = O). I I
A
' Ao
Per quanto concerne gli scambi di calore si possono presentare diversi casi. B ai 1A
0

V1 V V1 V
Consideriamo le pol i tropiche di espansione uscenti da uno stesso stato fisico i l cui C) d)
esponente sia compreso tra O e I , quindi comprese tra l 'i sobara e l 'isoterma (fig. 24 a ) . Dalla
relazione : Fig. 24. - Trasformazioni politropich e .

T2 = ( � ) n - I
T, V,
T2 = ( Y.3- ) 1 - 11
T, V, e di energia interm1 e prod uzione di lavoro esterno. l'er una ugua le variazione di volume
nella isobara si ha il massimo increm e n to di tem pera t u ra e di energia i n te rn a , i l maggior
risulta che in una politropica di un gas le temperature assolute sono i n versamente proporzio­ la voro e la massima q u a n t i tit di c.a l ore addotto.
n a l i ai corrispondenti volumi elevati a l l 'espon e n te (n - I ) , ovvero direttamente proporzionali
a i volumi elevati alla ( I - n).
- 78 - - 79 -

Tali i ncrementi, i l lavoro ed i l calore vanno decrescendo con l 'aumentare d i n , e per n = = k i l calore scambiato si annulla e tutto il lavoro equivale alla diminuzione dell 'energia
(isoterma) risultano nulle le variazioni di temperatura ed energia interna , m e ntre tutto i l interna (adiabatica ) .
calore si converte in lavoro estern o . I l gruppo d i l i nee di espansione c o n k < n < co si svolge al disotto del l 'adiabatica .
Sono a sottrazione di calore, dimi nuzione di temperatura e d i energia i nterna , N e deriva che
Vediamo ora le poli tropiche d i espansione c o n I < 1 1 < co , comprese fra l 'isoterma e soltanto i l l avoro è positivo e sarà :
l 'isostera (fig. 24 b ) . Per esse essendo 11 > I risulta che la temperatura diminuisce con
l 'aumentare del volume, mentre a pari variazione di volume il lavoro positivo diminuisce col L = C v (T , - T 2 ) - O
crescere di n .
Con l 'aumentare di n l a temperatura T 2 diviene sempre minore, cioè au mentano la essendo O i n valore assoluto la qua n ti tà di calore sottratta .
diminuzione di temperatura e d i energia interna, per cui nelle politropiche con n > 1 il l i lavoro esterno si ottiene a spese dell'energia i n terna e q uesta, però, diminuisce di una
termine relativo a l la variazione d i energia interna è sempre negativo, mentre i l lavoro è q uantità m aggiore ri spetto alla parte eq u i valente al lavoro estern o . L'eccedenza viene sottrat­
sempre positivo (nullo al l imite nell'isostera ), per cui i l calore O risulterà somministrato o ta sotto forma di calore .
sottratto secondo che i l lavoro esterno sia maggiore o m i nore della variazione assolu ta di Trasformazioni di questo tipo (n > k) si verificano i n modo approssimativo nella
energia i n tern a . pratica dei motori a com bustione i n terna, dove i gas cl i combustione si espandono d i m i n uen­
Riferendoci a l l 'equazione fondamentale nel l a forma : do la loro temperatura e producendo lavoro esterno, mentre l 'acqua refrigerante sottrae
calore attraverso le pareti dei c i l indri .
(T2 -
Consideriamo ora le poli tropiche d i compressione con 11 < 1 (fig. 24 c) . I fenomeni
R
O = ( cv - __ ) Til I /kg
n - I
risul teranno opposti ri spetto alle corrispondenti li nee d i espansione, e precisamente si avrà
poiché per 11 > 1 la variazione di temperatura è negativa, i l cal ore O avrà segno contrario a diminuzione d i volume e cl i temperatura , e a pari variazione d i volume nell 'isobara s i avrà
quello del primo fattore, cioè si avrà : un mi nore lavoro in valore assoluto (massimo in va lore relativo) .
Con l 'aumentare cl i 17 aumenta in valore assoluto il lavoro cl i compressione, m e ntre
R diminuiscono le variazion i cli temperatura ed energia interna, sino ad annul larsi nell 'isoterma
Cv
11 - 1 >
O � O, secondo che ,( o
nella quale T ed U sono costanti . Tutti i termini del l 'equazione fonda mentale risultano
negati v i , e le tra s formazioni si svolgono con sottrazione d i calore, quantità d i calore che
R i solvendo la d isuguaglia n za si giunge alla conclusione : ri sulta uguale alla somma della d i m i nuzione cl i energia i n terna e del lavoro esterno.

Le lince cl i compressione con 17 > / sono tutte con aumento cl i temperatura e cl i energia
O > O per n < _'.:E O < O per n > _'.:E
Cv Cv intern a . A pari variazione di volume gli i ncrementi cl i T cd U aumentano col crescere di n,
ed il lavoro esterno aumenta anch'esso i n valore assoluto ( fig. 24 d ) .
Si ha così la conferma che le poli tropiche di espansione che si svolgono al disopra I n particolare le li nee comprese tra l 'i soterma e l 'adiabatica, con / < n < k, si svolgono
dell 'adiabatica sono a som m i n i s trazione di calore, mentre q uelle i n feriori , con k < 11 < co con aumento cl i T ccl U, men tre il calore O viene sottratto dal l 'esterno. li la voro speso si
sono a sottrazione di calore . trasforma parte i n energia i n terna e parte in calore che viene sottratto.
D i stinguiamo perciò le l i nee di espansione con 1 < 11 < co i n due gruppi, quelle Le fasi cl i compressione dei motori a combustione i n te rn a appartengono a q uesto genere
comprese tra l 'i soterma e l 'adiabatica ( I < 11 < kJ e quelle tra l 'adiabatica e l 'isostera 11 > di pol i tropiche in quanto il fl uido com presso aumenta di temperatura ccl energia i n terna,
k . Le pri m e meno ripide e le altre più ripide dell'adiabatica . men tre i l Fluido refrigerante (acq ua dolce) sottrae calore attra verso le pareti .
Quelle con I < n < k, che si svolgono in espansione al di sopra de l l 'adiabatica e sotto Le l i nee cli compressione con n > k sono comprese tra l 'adiabatica e l 'i sostera , e
l 'i soterma risultano a somm in i s trazione di calore e d i m i n uzione di temperatura, dim inu isce anch 'esse si svolgono con aumento cli T e U , mentre d i m i n u i sce il volume cd aumenta la
l 'energia i n terna e si svolge un lavoro positivo. Tali linee presentano la caratteristica di avere pressione. A pari variazione cl i volume i l l avoro d i compressione aumenta in valore assol uto
un calore specifico negativo in quanto a somministrazione d i calore corri sponde diminuzione col crescere d i n escludendo i l caso l i m i te clell 'isostera .
d i temperatura . N e l l 'equazione fondamentale applicata a questo gruppo sono posi tive la quantità d i
D a l l 'equazione fonda mentale risulta : calore e la variazione cl i energia i n terna, e d è negativo i l lavoro esterno . Ne deriva che
l 'i ncremento d i energia i n terna è uguale alla somma del calore addotto e del lavoro di
O = Cv (T 2 - T1) + L L - Q + Cv (T , - T2 ) compressione che si converte i n energia i n terna .
I l calore addotto sarà uguale a l l a d i fferenza tra la q ua n ti t11 immagazzinata sotto forma cl i
e poiché in q ueste trasformazioni è T , > T, risulta che il la voro esterno è uguale alla energia i n terna i l lavoro esterno .
somma del calore som m i n istrato più la dimi nuzione del l 'energia i n terna, cioè i l lavoro è
ricavato utilizzando tutto i l calore som m i n i strato e parte d e l l 'energia interna . Al l i m ite, per 11
- 80 - - 81 -

- le pol i tropiche meno ripide dell 'i soterma ( n < 1 ) si svolgono in


Riassumendo le proprietà delle trasformazioni politropiche risulta in defi­ la linea adiabatica divide i l fascio di politropiche i n due campi, quelle
nitiva (fi g . 2 5 ) : al disopra dell 'adiabatica , cioè dal lato della concavità, che si svolgono con
adduzione d i calore (meno ripide i n espansione e più ripide in compressione) ;
espansione con adduzione di calore, aumento di temperatura, di energia interna le linee al disotto, cioè dal lato della convessità, sono invece a sottrazione di
e volume, e con produzi one di lavoro ; in compressione fenomeni opposti ; calore (più ripide in espansione e meno in compressione) .
Questa proprietà si può facilmente verificare tracciando nel piano V, p un
fascio di adiabatiche, tenendo presente che passando da una adiabatica inferiore
p ad una superiore la linea si svolge con adduzione di calore, e viceversa passan­
do da u n'adiabatica superiore ad una inferiore .

T K T K

T2 - - - -- - - ---- - - - - - -- - --- - B
o o I
/\ /I (I I'
1- o pV n = cost . I
"0 I I
M
"O I
HK = c I
o I I
I - - - - - - -aa==-------1 T = COSI.
I
Il
: d T= O
T
_ _ _ -- - dO >0
I

/
> I I
d a-:.o
'-- }
: --- 0- - � - - d T< O
"O I
I

/
o
1/·
I
}
I

o
I
I
}
I I
: ;Y. o I I I
"O "O I

Ao:
T1 :T I 11 11 : k I
I
v, I
I
I
I I
I
I
(/)

a
I I I
/ '\
I
I ' Bo J /kgK J /kg K
Fig. 2 5 . - Trasformazioni pol i tropichc .
H K s s,

batica ( 1 < n < le ) si svolgono in espan sione con adduzione d i calore,


a) b)
- l e pol i tropiche più ripide del l 'i soterma e com prese tra q uesta e l'adia­
Fig. 26. - Tra s formazioni poli tropiche nel piano T, S .

aumento di volume, diminuzione di temperatura e di en ergia i n terna, e con


produzione di lavoro esterno ; i n com pressione fenomeni opposti ;
- l e poli tropiche p i ù ripide del l 'adiabatica ( n > /e ) com prese fra l 'adia­
batica e l 'i sostera , si svolgono in espansione con sottrazione d i ca l ore, aumento
di vol ume, d i m i n uzione di tempera tura e di energia i n terna, con produzione di Per quanto concerne l a variazione di entropia, sia A B la linea c h e rappre­
lavoro : i n compressione fenomen i opposti ; senta nel piano S, T una politropica d i equazione p V" = cost. Questa equazio­
- l 'i soterma divide i l fascio di p o l itro p i c h e in due campi : l e l i nee che si ne si riferisce ev identemente a l l a rappresen tazione nel piano dinamico, ma
svolgono a l di sopra de l l 'isoterma risul tano con aumento di temperatura (meno esistono metodi che consenton o di effettuare la trasposizione da un piano
ripide i n espansione e più ripide in compressione ) ; q ue l l e al di sotto sono, all'altro .
invece, con diminuzione di temperatura (più ripide i n espan sione e meno ripide La sottotangente H K in un punto corri sponde al calore specifico della
i n compressione ) . Questa proprietà si può dim ostrare fac i l m ente tracciando nel sostanza nelle condizi oni defin ite dal punto di tangenza, e per c costante la
piano d inamico un fascio di i perbo l i eq uilatere, e riscontrando le tem perature curva dovrebbe avere andamento esponenziale .
nei punti d i intersezione del l a poli tropa data con l e successive i soterm e :
- 82 - - 83 -

Sarà : politrope comprese tra l 'isoterma e l 'adiabatica . I n queste trasformazi o n i , cioè, si sommi n i stra
calore e diminuisce l a temperatura , o viceversa .
dT Come casi particolari risulta :
dQ c dT dS c -- ( J/kg K)
per n o c Cvk Cp (isobara )

per n c cx:, (i soterma )


avendo posto in Cm il calore specifico medio lungo la politropica (fig. 26 a) Cv • CJJ

L'entropia aumenta col crèscere dell a temperatura quando il calore specifi­ per n c = o (adiabatica)

negativo ( J < n < k).


k Cv · 0
co è positivo, mentre aumenta col diminuire della temperatura quando c è per n cx:, c = Cv · I = Cv (i sostera )
Confrontiamo diverse linee politropiche a somm1111strazione di calore che Per defi n i re il l i m i te corri spondente a l l 'ultima re lazione la form ula che forn i sce il cal ore
partono da uno stesso stato iniziale A (fig. 26 b). Esclusa l 'adiabatica reversibile c è stata divisa a l nu meratore e al denomin atore per l 'esponente n .
tutte le altre sono ad entropia crescente, e a temperatura crescente o decrescente
secondo che risultino al disopra o al disotto del l 'isoterma che parte dallo stesso 2 1 . COPPIE D I POLI TROPICHE DELLA STESSA FAMIGLIA. - Due
punto. o più politropiche si dicono appartenenti ad una stessa famiglia quando. h a n n o
A pari variazione di entropia , e per c positivo, il rapporto T2/T 1 aumenta uguale esponen te e differiscono soltan to per il va lore del l a costan te. N el piano
col diminuire del calore specifi co. Per le politropich e con n compreso tra 1 e k V , p costituiscono un fascio di iperboli di grado n , senza pun ti in comun e.
la sottotangen te è negativa ed in esse ad un aumen to di entropia corrisponde Si abbiano le due coppie di politropiche, apparte n e n ti a due a due a
diminuzione di temperatura in quan to il l avoro esterno si ottiene utilizzando famiglie distinte, e siano :
tutto il calore somministrato e parte del l 'energia interna.
Per l e linee con n > k a tempera tura crescente, si tratta di linee di p V'" = C1
compressione èon adduzione di calore.
le equazioni delle (a) ed (a') appartenenti alla famiglia di espon ente 111 , e:
20. ESPONENTE E CALORE SPEC I F I C O ,D I UNA POLITROPICA. - L'esponente n
di una pol i tropica passante per due stati noti si determina fac i l m e n te ricorrendo al calcolo
logaritmico . Si avrà :
p yn p V" = C4

p,V," p2V i" lg p , + Il lg V , lg P2 + Il l g V2 le equazioni del le politrope (b) e (b') appartenen ti a l l a famiglia di esponente i1
(fig. 27 a).
Quind i : Indichiamo con ( 1 ), (2), ( 3), ( 4) i pun ti in cui le linee si intersecano due a
due e notiamo che i quattro pun ti individuano i vertici di un ciclo simmetrico
lg P 2 - lg p , lg p , - lg p2
Il formato da quattro trasfo rmazioni appartenenti a coppie a famiglie distin te. Per
lg V , - lg V2 lg V2 - lg V ,
i pun ti 1 e 2 della (a) risu l ta :

(i sostera ), ed n = I per p , V , = p2 V2 (i perbole eq u i l i tcra-isotcrm a ) .


Come casi parti colari s i ha n = O per p , = p2 ( i sobara ) ; n = co per V , = V 2

Per q uanto riguarda i calori speci fici osserviamo c h e la q uanti ti1 di ca lore assorbita o
ceduta dal corpo evolvente dipende a n c h e dal tipo di trasform azione. I n e ffetti la determ i n a­
( �: r
zione del calore specifico relativo ad una po l i t ropica di un gas non presenta grande i n teresse,
però possiamo ricavare ugualmente il suo valore in fu nzione d e l l 'esponente n e dei calori
e per pun ti 3 e 4 del l a (a') :
specifici fondamenta l i , sem pre nell 'i potesi di cal ori speci fi ci costa n ti :

llCv - Cp Il - k
Cv -­
R
=
Il - I Il - I Il - I
c Cv ) /kg K

Si vede subito che per n compreso tra zero cd uno, e per n maggiore di k il cal ore
speci fico c risulta positivo, mentre di v e n ta negativo per n compreso tra I e k, cioè per le
- 84 -
- 85 -

Il prodotto di queste due relazioni è :


Dividendo la seconda per la prima, e tenendo conto dell 'equazione caratte­
ristica dei gas, si avrà anche :

Analogamente per gli stati 2 e 3 della (6) e per quel li 1 e 4 della (b') :
In definitiva si hanno le seguenti importanti relazioni :

( �: r ( �� r
p N /m 2 p
P1 P3 = P2 P4

= T2 T4
V1 V3 = V2 V4
P, c1oe 111 un ciclo simmetrico di un gas perfetto i prodotti delle caratteristiche
omonime dei vertici opposti sono uguali. Questa importante proprietà è anche
T1 T3

nota come regola delle diagonali e risul ta d i grande utilità nello studio dei cicli
simmetrici, quali ad esempio :
ciclo formato da due isobare e due isocore :
ciclo formato da due isoterme e due isobare (Ericson) ;
ciclo formato da due isoterme e due isostere (Stirling) ;
(a)
/a ' ) P3
(b) I I
I
(a )
(a ') ciclo formato da due isobare e due adiabatiche ( J oule) ;
ciclo formato da due isostere e due abiabatiche (Otto) ;
I
I I
(b') I I I
I
ciclo formato da due isoterme e due adiaba tiche (Carnot) .
I I
3
rn /kg A o ' ' Do 1 B0 : co
V V, V4 V2 V3 V Analizziamo ora il caso particolare di una coppia di isoterme (t) e (t') di
b) esponente n = 1 , ed una coppia (a) ed (a') del la famiglia di esponente n (fig.
27 6). Si ha:
F i g . 2 7 . - Pol i tropiche d e l l a stessa fa migl i a . C i c l o s i m metrico.

e dal con fronto :

La quantità di calore necessaria per compiere le trasformazioni AB e DC


sarà :

Poich é si è stabi lito m di verso da n questa re lazione sarà soddisfatta


sol tan to quando :
Risul ta perciò che per tutte le politropiche di uguale famiglia - non
isoterme - è uguale la quantità di calore necessaria per determinare una uguale
variazione di temperatur� a partire da un medesimo valore. Questa proprietà
- 86 - - 87

vale perciò per i cicli s immetrici formati da due isoterme e da due politropiche zione d e l calore le due trasformazio n i si compensano, ed essendo uguali le
d i un'altra famiglia . quantità d i calore scambiate prendono il nome di isodiabatiche.
Essendo uguali le variazioni d i energia interna saranno ugual i anche
lavori esterni , ed i nfatti : 2 2 . COSTRUZIONE GRAFICA DI UNA POLITROPICA. - Per costrui­
re nel piano V , p la curva di equazione p V 11 = C, passante per un punto noto,
si impiega d i solito i l metodo d i Brauer . Si tracciano dall'origine degli assi una
La' J /kg semiretta (a) formante con l 'asse del l e ordinate un angolo acuto a arbitrario
( 1 5 ° -:- 20 ° ) nel secondo quadrante, ed una semiretta (b) nel quarto quadrante
per cui saranno equivalenti le aree Aa A B B a e D a D C C o - che forma con l 'asse delle ascisse un angolo /J tale che :
Quanto d imostrato v a l e q u a n d o si trascurino l e p i ccole variazi o n i d e l
calore specifico del g a s i n funzione d e l l a pressione . 1 n m o d o analogo conside­ (1 + tg /J ) " = 1 + tg a tg a = ( 1 + tg /J)" - t
riamo il ciclo simmetrico ABCDA rappresentato nel piano S , T formato da due
coppie d i poli tropiche a due a due appartenenti ad una medesima fam igli a . Le
variazioni di e n tropia risulta·n o (fi g . · 28 a) : T IK I T (K)

Ti
T2 T,
S2 - S 1 C 1 lg S3 - S 2 C2 lg
T1

, ,,,
T3 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - C
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ..,.B______C

' ,,
C 4 lg 4
I
T3 T

' ' ,:
Sj - S 4
I
C 3 lg S4 - S 1 I
1
I
T4 T1 ' , 1
I , '- i
' ,,

:,"', , ',", ,:"


I
/)
'' ,
'''�
t

Per i l ciclo simmetrico di un gas perfetto è : ' ' ' J


I
" '- '- ' ' ' I
O• , , , , �
t '- , = , , 1

':eo(J/kg K)
li '' -�
' � '- ' '- '- I
A01 Co (J/kg K ) Do:-- , ,' , '
e nell 'ipotesi che sia costante i l calore specifico per politropiche d i uguale s, S3 S
esponente si avrebbe : a) b)

Fig. 28. - Cicli sim metrici .

Se i n particolare si considera u n ciclo simmetrico con due isoterme e due


altre poli trope a ppartenenti ad al tra famiglia risultano ugual i · 1e quantità d i Dal punto n o to A si conduce una parallela al l 'asse d e l l e ord i na te fi no ad
calore scambiate lungo l e politrope A B e C D (di s e g n o opposto) e sara n n o i ncontrare i n N la sem iretta ( 6 ) , ed una paral lela al l 'asse del l e ascisse che
anche ugua l i nel p i a n o en trppico l e aree corrispondenti ( fi g . 28 b ) : i ncon tra in M l 'asse delle ordi nate . Successi vamente dai punti M ed N così
determinati si conducono i segmenti a 45 ° con gli assi cartesian i , ottenendo i
area AoABBa = area Da D C C0 punti M I ed N I rispettivamente sulla semiretta (a) e sul l 'asse delle asci sse (fi g .
29) .
I l calore dato a l fluido operan te per passare da A a B risulta uguale a l l a Dal punto M I si porta la parallela a l l 'asse dei volumi e da N I la parallela
quantità c h e s i d e v e sottrarre p e r passare da C i n D . - Agli effetti della utilizza- all'asse del le pressioni determi nando n e l l a loro intersezione il punto A 1 che
appartiene a l l a curva che si vuole costruire .
- 88 - 89 -

S i opera successivamente per i l punto A 1 come si è fatto per A ottenendo


un altro p u·n to A 2 della politropica, e così di seguito .
( !�) 1
= - n p , Vn, y - n - 1
= - P t Y1
n --
v; +
1
=- Pi
v, =
n - tg a ,

Per n = O si ha tg a, = O, per cui la linea è orizzontale formando u n angolo di 1 80°


Dimostriamo che i punti A 1 e A 2 appartengono a l l a curva di equa­ con l 'asse delle ascisse (isobara) . Per n > O il coefficiente angolare è negativo, cioè l 'angolo
zione p V" = C . a , è ottuso, ma al crescere di n tale angolo diminuisce e la linea diviene più ripida sino a
Dall'esame della figura s i ha : disporsi verticale per a , = 90° ed n = oo (isostera) .
Consideriamo ora u n a medesima curva di esponente n e analizziamo la sua pendenza
nei successivi punti . Essendo p V " = C si avrà :
M'M" = P i - P2
p C y- o
dp
- n
c tg a
p 2 tg a dV V
" + '

e quindi :
p p

P t - P2 P 2 tg a Y2 - Y 1 = Y 1 t g /3 Pi
P2 ( 1 + tg a ) Y2 = Y1 ( 1 + tg /3 )
I
pV" = cast .
l l + tg µ I" = l + tg a
M'
M 1 '- - - - -, - - - - - - - -� A 1
, I
� + V2
+ /" I l
1 tg a 1 tg /3 / M 11l 1
M2 - - - � - - - - - - r r A 2
P2 V1 / I I I
/ 1 I
� - - - - - - - - - � -'- � - A 3
Avendo posto per costruzione ( I + tg a) (I + tg /3 ) " sarà infine :
,/
: : t I
A4

:1 :1 :I :I [I : :
� - - - - - - - - � -1 _ 1 _1-
,/ I I I I
� - - - - - - - + � -L J _ � _ A 5
"- - - - - - - -:-:- � � - !. - � - A s
I I
: I t I I I I
I I J I I I I
I N1N : I I

Resta così di mostrato che i punti A I e A 2 appartengono alla linea proposta,


che è proprio la politropa di costante C in quanto passa per un punto noto di ( b)
e ssa .
l i metodo descritto è valido a n che p er l 'adiabatica teorica ( n k) e per = Fig. 29. - Costruzione grafica d i una poli- Fig. 30. - Pendenza delle l i nee politropich e .
l 'isoterma (n = 1 ) . I n quest'ultimo caso /3 = a e si traccerebbe un'iperbole tropica.
equilatera .
e si osserva che aumentando i l volume col d i m i n u i re della pressione il coeffi ciente angolare
23. PENDENZA DELLE LINEE POLITROPICHE E POSIZIONI RECIPROCHE . - della tangente alla curva d i m i nuisce in valore assoluto men tre aumenta in valore relativo e
Riprendiamo in esame l 'equazione di una politropica p V" = p , V :' = C nella quale p , e V , perciò di mi n ui sce la pendenza .
sono le coord inate d i uno stato generico P , e sappiamo che le pressioni risultano inversamen­ La curva presenta andamento i perbolico con la sua concavità rivolta verso l 'alto, e solo
te proporzional i ai ri spettivi volumi elevati all 'esponente n . per V = cx:, , e quindi p = O, d i viene tangente al l 'asse delle ascisse (tg a = 0), mentre solo
Per i l punto P possono passare infin i te linee d i trasformazione, tutte d i legge differente, per V = O e quindi p = oo essa diviene tangen te a ll'asse delle ord i n a te (tg a = oo ) .
ed in particolare si è visto che per n = O la linea è orizzontale, per n = 1 iperbole Percorriamo q u i n d i le li nee nel senso dell 'aumento dei volumi a partire dal punto
equilatera e per n = cx:, la linea risulta verticale (fig. 30) . Variando l 'esponente n da O a d oo comune P, e raggi ungiamo un medesimo vol ume Y2 . Le pressioni nei punti d i uguale volume
la linea diviene più ripida col crescere di n, e la pendenza di una di tali linee nel punto V, sono diverse, e risulta mi nore quella relativa alla curva di maggiore esponente che in
d'intersezione corrisponde al coefficiente angolare della retta tangente, uguale cioè alla espansione si mantiene al di sotto di quella avente un esponente n mi nore .
derivata della funzione nel punto considerato : Dal confron to delle aree corrisponden ti si ri leva che il lavoro esterno compiuto dal

5. - CAocc1, Macchine Marine - Voi . I l .


- 90 - - 91 -

corpo che si espande tra ugual i l i m i ti di volume, partendo da un medesimo stato fisico, compiuto, nel caso di aumento del volume, è rappresentato dall'area A0 ABB 0 . Per l 'equazione
risulta maggiore l ungo la politropica d i minore esponente . fondamentale si avrà :
Se, invece, si fa riferimento a due compressioni di esponente n di verso, partendo da uno
stesso punto, sino a raggi ungere ugu a l i volumi nel senso della d i m i n uzione, giungiamo a L = Q - (U; - U i )
considerazioni opposte . La curva di m i nore esponente si mantiene al di sotto del l 'a l tra, e
quindi i l lavoro speso per compri mere i l corpo risulta mi nore, a pari variazione di volume, essendo U , ed u; rispettivamente l 'energia interna i n A e B, Q il calore in gioco nella
l ungo la pol itropica di minore esponente . trasformazione ed L i l lavoro esterno equivalente all'area indicata .
Confrontiamo i n particolare due l i nee, una adiabatica (a) (senza scambi di calore) ed
una ad energia i n terna costante (u) (isodinamica) e supponiamo di percorrere l e due l inee in p
espansione partendo dal punto comune P sino a raggiungere u n uguale volume V 2 (fig. 3 1 ) .
p
(a) (a')

Le aree P0 P M M 0 e P0 PNN 0 rappresentano i corrispondenti lavori assoluti compiuti dal


(u) (a)

corpo in espansione .
N e l l 'adiabatica, essendo Q = O, i l la voro è ottenuto a spese del l 'energia interna la q u a l e
dovrà diminuire , men tre nell 'isodinamica l 'en ergia in terna è costante in ogn i s u o punto ed il
lavoro esterno è . ottenuto dal calore Q addotto durante la trasformazione.
Risulta pertanto che nello stato M del l 'adiabatica l 'energia i n terna U 2 è mi nore di q u e l l a
U , relativa a l l o stato P (e a d N ) , e si avrà :

Lu = Q = Pa P N Na

Ai due punti M ed N di ugua le volume corri spondono d i verse energie, e poiché ad


(u)

uguale volume, a maggiore energia in terna corrisponde maggi ore pressione, il punto N si
I (a)

troverà al disopra di M . Questo risul.t ato vale per qualunque coppia di punti di ugual
volume, appartenenti alle due linee, e perciò deriva che l 'adiabatica di espansione si svolge v, V2 V
No c Mo
V
inferiormente a l l a isodinamica di espansione che parte da uno stesso punto . Per portare i l
corpo da M ad N occorrerebbe una quantità di calore ugual e alla variazione di energia Fig. 3 1 . - Confronto tra adiabatica e isodi­ Fig. 3 2 . Trasformazioni con adduzione o
intena U , - U 2 l ungo l 'isovol umetrica M N . Quindi a parità d i stato in iziale e di volume namica . con sottrazione di calore .
finale il lavoro d i espansione ad energia interna costante è maggiore di quello adiabatico, e
la differenza è rappresentata da l l 'area PN M P che val e :
Lungo l 'adiabatica A M , a pari variazione di volume, il lavoro è rappresentato d a l l 'area
Aa A M Bo , e poiché i l punto B dell 'ad iabatica superiore sarà sempre - a pari volume - più
L u - La Q - (U , - U,)
elevato di M (quindi maggiore pressione e maggiore energia in terna) ri sulta che il lavoro
=
Se ora supponiamo di percorrere l e due li nee i n compressione, a partire da P f i n o agl i adiabatico sarà mi nore di q u e l l o relativo alla li nea A B .
stati R ed S di ugual volume, si giunge a considerazioni opposte alle precedenti . L'adiabatica Indicando con U2 l 'energia i n terna d i M si h a :
di compressione si svolge superiormente rispetto all'isodinamica ed il suo lavoro assoluto di
La U , - U2 L La Q ( U; - U, l
compressione risulta mi nore nell 'isod i namica . I n q uesta l 'energia interna i n R è ugual e a = > >
quella in P e tutto il lavoro di compressione si trasforma i n calore che viene sottratto ;
nell 'adiabatica l 'energia interna i n S è maggiore rispetto a P e l 'aumento equivale al lavoro Essendo u; > U2 ri sulta che Q è sempre pos itivo e maggiore della q uantità di calore
speso nella compressione . Ovviamente la l i nea adiabatica è più ripida dell'isodinam ica . che si dovrebbe somm inistra re al corpo per porta rlo a volume costa n te d a l l o stato M a
quello B .
S i può q u i ndi affermare c h e q ualunque linea cli t rasformazione che parte eia u n punto cli
- Trasformazioni con adduzione o con sottrazione di calore . - Sia nel piano V , p l o
stato A d i caratteristiche note p , , V , ed ( a ) la linea adiabatica passante per esso . Tracciamo un 'a diabatica inferiore clirigen closi 11erso un punto cli un 'a diabat ica superiore si s 110/ge con
un'altra adiabatica (a') superiore alla precedente e congruente con essa . Le due linee non
Se la l i nea A'B' partendo da A' raggi unge l 'adiabatica superi ore (a') nel punto B' con
adduzione cli calore.
avranno al fin i to alcun punto i n comune, ed entrambe hanno per asi ndoti gli assi cartesiani
(fig. 32) . dimin uzione di volume (Y 2 < V , ) ed M ' è il punto di ugual volume sulla (a). la li nea risulta
Tracciamo una qualunque linea d i trasformazione che parte dallo stato A della (a) e di compressione ed i l lavoro assoluto speso è ra ppresentato da AbA'B'Bb. e sa rit maggiore di
raggiunge in B l a (a') e fissiamo sulla (a) lo stato M di volume V 2 uguale a quello i n B . quello AbA'M'Bb . La precedente di mostrazione vale anche in questo caso, pur tenendo conto
Percorrendo l a AB dall 'adiabatica inferiore verso l 'adiabatica superiore i l l avoro esterno che i lavori di compressione in val ore re lativo sono negati vi e che l 'energia i n terna in M' è
maggiore di quella in A'.
- 92 -
- 93 -

Percorrendo la linea AB in senso opposto i risultati si invertono per cui una qualunque
linea di trasformazione che parte da una adiabatica superiore dirigendosi verso un'adiabatica 11
e y- " - s tg a - s (- e - )
inferiore si svolge con sottrazione di calore. V" + I
Risulta in definitiva che ogni linea che parte da un punto di una adiabatica dirigendosi
nel verso della sua concavità è ad aggiunta di calore, mentre è a sottrazione di calore se si n s V n
V OH
dirige nel verso della sua convessità. s HK

- Sottotangente i n un punto di una politropica . - Portando in un punto P di una Si trova pertanto che nel piano dinamico l'esponente. n di una politropica è uguale al
politropica di esponente n nel piano V, p la tangente (t) essa incontra l 'asse del ascisse in K rapporto tra il volume V (ascissa) e la sottotangente s nel medesimo punto.
e forma l 'angolo a la cui tangente trigonometrica corrisponde alla derivata della funzione A parità di ascissa quanto più la linea è ripida tanto minore sa_rà la sottotangente, e
nello stesso punto (fig. 33). Sarà H K = s la sottotangente nel punto P. perciò maggiore l'esponente n ; viceversa per linee meno ripide . I n particolare per l 'adiabatica
il rapporto V /s sarà uguale a c p /cv, mentre per l'isotermica dei gas perfetti (iperbole equilate­
ra-i sodinamica) la sottotangente è uguale all 'ascissa nello stesso punto (n = 1 V = s).

p
c n vn - J 24. LE TRASFORMAZIONI SEMPLICI NEL PIANO ENTALPICO. -
tg a
v2n Calcoliamo le variazioni di entalpia relative alle trasformazioni dei gas perfetti
(fig. 34).
p= 6 (- tg a ) = 6 _f_Q_
v n +l
- Trasformazione a volume costante :
�= 6 � n = .Y_ = OH
vn vn+l ◊ HK
Cp m J / kg

( in figura : n � 1 , 30 )
Nel caso di adduzione di calore la linea si svolge con aumento di entropia
e di entalpia e sarà:

p ------ ---- J /k g

La differenza tra la variazione di entalpia e il calore (variazione di energia


interna) equivale al lavoro esterno che si dovrebbe fare a pressione costante da
T , a T2, cioè R (T2 - T , ).
o i------'----·t-
I V H1 ..----"-----•--il K
6
1
V
- Trasformazione a pressione costante :
Fig. 3 3 . - Sottotangente in una politropica .
o J /kg

= e v- "
Risulta :
In questo caso la variazione di entalpia coincide con la quantità di calore
P s tg ( 1 80° - a) - s tg a
scambiata dal gas durante la trasformazione.
e poiché dp/dV tg a: A pari variazione di temperatura corrisponde uguale variazione di entalpia,
mentre la variazione di entropia per l 'isobara è maggiore di quella relativa
n V" - all'isostera. Ne deriva che anche nel piano entalpico l'isostera è più ripida
1
dp n
- C --- - C --­ tg a
y2 "
dV V" + I dell 'isobara.
- 95 -
- 94 -
Trasformazione adiabatica : l 'adiabatica reversibile è isentropica e per­
I n termini infinitesimi sarà : tanto anche nel piano entalpico è rappresentata da un segmento verticale la cui
lunghezza, nella scala delle ordinate, misura direttamente la variazione di ental­
dH
dH dQ T dS T tg a pia . La caduta adiabatica di entalpia sarà :
dS

- T rasformazione a temperatura costante : per u n gas perfetto la trasfor­


mazione i sotermica è anche i sentalpica . I nfatti dalla H = U + pV per le leggi
H , - H2 =
J P,
V dp
P,

H H
v
In luogo d i] , , p dV si potrà sostituire una qualunque delle formule del
H 2 . T2 B lavoro adiabatico:' ln particolare si ha :
1

-t ----- --- ------


H2

I' :I
I

VI
I


I i-.::- Cp

cP
R
:
I 1 · I
- p1
iI 0'-

u
o"" -?
o. ç

_L ----------- �
o. -.!.�" I
U

H , - I- - 1/1-7-- - _ ______ _,:


I I

H;
Af H , , T, a H 1 , T1 :
1 �
: I I I

s, s� s s,
Nel piano dinamico la caduta entalpica adiabatica è rappresen tata in equi­
a) b)
valente meccanico dall 'area compresa tra la linea ad iabatica, le orizzontali
H H (J/kg )
estreme e l 'asse delle pressioni .
H , - - H, , T, ---- A
l Trasformazioni poli tropiche :

A____
T=_co
_ s_
t . __
Ha cost . 1·
-oB
I o. "
'"
o
O +J P,
"'v dp Q -
JP,
P,
V dp J /kg
I u (/)

I H2 J_ ___ _
_ _H , , T, IB
Posto L = R (T2 - T , )/(n - 1 ) si ricava H2 - H , = Cp (T2 - T , ) .

aumento di entalpia quando n < · 1 ; isoentalpica per n = 1 ; mentre sono con


I
(J/kg K)

diminuzione di entalpia per n > 1. N ella precedente relazione i due termini


s Per le linee di espansione il lavoro è positivo, e perciò risultano con
e) d)

Cv (T 2 - �j ed L ( 1 - n) sono en trambi positivi, nulli o negativi secondo che


>
Fig. 34. - Trasformazioni semplici nel piano ·e ntalpico.
risulti n 1 . Possono farsi le stesse considerazioni riferendosi direttamente al
valore di C µ ( T2 - T , ) .
di Joule e di Boyle deriva H = cost ., per T = cost ., per cui l'entalpia di un gas
perfetto è funzione soltanto della temperatura . Si ha : 25. LE M I SCELE DI GAS. - Una miscela di gas i n equilibrio ha praticamente
comportamento analogo a quello di u n solo gas e quindi valgo n o anche per essa le relazioni
o
- 96 - - 97 -

termiche viste per le trasformazioni dei gas . Occorre però determinare le grandezze fisiche Se indichiamo con m la massa molecolare media della misce l a , cioè la massa molecolare
relative al miscuglio i n funzione delle caratteristiche note dei componenti . di un gas omogeneo chè con ugua le numero di molecole presenti una massa complessiva
Supponiamo di. avere un certo numero di gas perfetti, tutti alla stessa temperatura, posti ugua le a quella della miscela, dovrà risultare :
in recipienti distinti di uguale volume V. Siano rispettivamente p , , p2 , p 3 , . . . l e pressioni dei
singoli gas che ad uguale temperatura occupano volumi ugua l i . Siano inoltre M , , M ,, M 3 , . . . le I mi N i
masse corrispondenti .
I mmaginiamo di comprimere- a temperatura costante ciascuno dei gas sino a raggiungere e si ricava la massa molecolare apparente della mi scela :
una pressione uguale alla somma delle pressioni iniziali dei singoli gas, cioè :
I mi N;
p = p, p3 = m
+ P2 + + ·· L Pi �
·l volumi acqui stati dai gas sottoposti a tale pressione saranno per l a l egge di Boyl e : Nella formazione della miscela le mol ecole dei gas componenti si d i ffondono con una
certa u n i form ità nel l 'intero volume, ed ammettendo una distribuzione uniforme i l numero di
p, 2 p3
V V P V molecole di ciascun gas per unità di volume risu lterà :
p p p
V, v3
N, Ni
n2 n3
Se ora si mescolano i gas i n modo che resti costante la pressione comune p , i l volume V V
:· tota le della miscela risulterà ugua le alla somma dei volumi occupati dai singo l i componenti
sottoposti i solatamente alla comune pressione p, e quindi i l volume totale della m i scela sarà : mentre il numero totale di molecole per u n i tà di volume sarà :

I L = L I
p, P> Pi · · N Ni Ni
V, V, Vi V V Vi n, n2 n1
+ +
p
+ + + ...
V V Vi
Il 11 + + + ...
I ll j

e la massa totale ; I n base a l l a teoria cinetica ciascun gas agi sce su l l 'unità di su perficie con una pressione

+ ,,, = L
parziale p; corrispondente ai 2/3 dell'e nergia cinetica di traslazione delle molecole contenute
M = M, + M2 + Mi Mi nel l 'unità di volume, per cui :

= = =
Si è di mostrato che il volume della miscela risulta ugua le al volume primitivo di ciascun 1 1 1
gas (l egge di Dalton sui miscugli di ga s perfetti ) . Occorre però che a l l 'interno d e l l a massa p, P2 p,
3 3 3
non si svolgano fenomeni ch imici .
Le pression i acquistate dai gas componenti qual ora ciascuno occupasse da solo l 'intero avendo indicato con c , , c,, c,, . . . le velocità efficaci delle molecole dei gas costituenti . La
volume della miscela, alla stessa temperatura, diconsi pressioni parziali, e per l a legge di pressione della · miscela sarà la risultante delle azioni determinate sull 'unità di superficie da
Dalton l a pressione totale della miscela, è uguale alla somma delle pressioni parzial i . tutte le moleco l e che vi urtano n el l 'u n i tà di tempo, e si avrà a ncora :
l i volume totale del la m i scela risulta uguale a l l a somma dei volumi parziali dei
compone n t i , cioè dei volumi acquistati qualora ciascuno dei gas ve ni sse sottoposto isol ata­ 1
p I m n c2
mente a l l a pressione p della mi scela, alla stessa temperatura . 3
3
Dalle precedenti re lazioni risulta :

I
essendo c la velocità molecolare efficace apparente per la m i scela, riferita alla massa

I
p Pi molecolare apparente .
V V; Siccome tutti i gas sono alla medesima temperatura , risulta uguale l 'energia cinetica
media per ciascuna molecola, e quindi per la relazione di Maxwell si h a :

= = = .... = =
e perciò risulta ugua le per ciascun costi tuente il rapporto tra pressione parzi a l e e volume
parziale, uguale al rapporto tra la pressione ed il volume de lla misce l a . m , c� m,d m id m;c; 111 c 2

e da l la formula precedente si ha la conferma che n = I: n; .


S i a n o inol tre m , , m,, mi , . . . le masse inolecolari dei componenti ed N , , N 2 , N i . . . i l

molecole della massa complessiva M = I M i sarà evidentemente :


numero di molecole c h e formano le corrispondenti masse M , , M 2 , M , , . . . . l i numero d i

componente, ogni gas preme ugualmente, cioè le pression i parziali saranno ugual i : p, = p,
Se in particolare la miscela viene fatta con numero di molecole uguale per ciascun gas

N N, + N, + Ni + ... I N; = pi = ... = p/z, essendo z il numero dei gas componenti .


- 98 - - 99 -

Yi Mi I (� )
I l rapporto tra il numero di molecole di uno dei gas e quello totale della miscela dicesi :
V mi m;
=
frazione molecolare, e risulta uguale al rapporto tra la corrispondente pressione parziale e
quella totale :
Le grandezze specifiche relative alla m iscela saranno quind i :
Pi
n p M
g p
V p
p V y

come risulta dal confronto delle formule precedenti .


La composizione volumetrica della miscela è data dai rapporti tra i volumi parziali con p in kg/m 3 , volume specifico v in m 3 /kg e peso specifico y i n N/m 3 .
occupati alla pressione totale p ed il volume totale V . Tali rapporti sono uguali a quelli tra I ndichiamo con v , , v 2 , vi, . . . i vol�mi specifici dei gas quando alle corrispondenti
le corrispondenti pressioni parziali e la totale, e quindi uguali alle corrispondenti frazioni pressioni parziali p , , p 2 , p i , . . , occupano in miscela l'intero volume ad ugual e temperatura . Si
molecolari . avrà :
La composizione volumetrica percen tuale risulterà :
V M V M 2Y,
V N essend o :
V N
V2 Y/ M2 V/M i
Le corrispondenti percen tuali si avra n no moltiplicando per 1 00.
La composizione in massa (o quella ponderale) è data dai rapporti tra le masse parziali Risulta :
e quella tota l e , ed in percentuale s 1 avrà :
V V
M, M2 Mi M M Mi
1 00 1 00 1 00 1 00 ( % )
1 00 I
CJ
V

M
+ M + + M + ... M V1
+ V2
+ Vi I
Per dedurre poi l a composizione volumetrica si può procedere n e l rnodo seguente :

m; N; m; V; poiché:
m N m V
V

da cui :
I l volume specifico della miscela risulta perciò ugua le a l l 'inverso della somma dei
f; V; M; m reciproci dei rispettivi volumi specifici dei componenti nelle condizioni precisate, quando
V M m; cioè ad uguale temperatura occupano l 'i n tero volume della m i scela, mentre il peso specifico
della miscela sarà uguale alla somma dei pesi specifici dei singoli costituenti in misce l a .
Per poter i m p iegare questa relazione è necessario conoscere il peso rnolecol are apparente Osserviamo i n fatti c h e ne l l 'unità di volume d e l l a miscela si trova una unità d i volume d i
rn della miscela . Si avrà : ciascun componente, alla corrispondente p ressione parziale .
Se invece, si indicano con v ', v", v ri spettivamente i volumi speci fici dei gas
M; M sottoposti ciascuno alla pressione totale p, cd alla stessa temperatura, 'r isulterà :

I
V; V
m; lll
V V' M, + V
,,
M2 + V
"'
M1 v; M;
e poiché M ; = rn; N ; cd M = rn N , s1 h a :

= I
essendo :
N; M ; /m; N M/m M/m = ( M ;/rn; ) V, Y2 Vi
v·' "
V
"'
M, M, M1
l i rapporto tra la massa di un gas e la sua rnassa rnol ccolare rappresenta il numero di

v, + I
moli prese n t i , per cui la precedente re lazione ind ica che il numero di moli della rn i scela è e:
uguale alla somma del numero di moli presenti per ciascun ga s , l'a tto riferimento a l la massa
V V, Vi +... V;
molecolare apparente . Quindi si ricava :
+
- 1 00 - - 101 -

S i ricavano ancora le grandezze specifiche della miscela nella forma :

y g p
V M avendo indicato con U l 'energia i nterna riferita a l l 'unità d i massa .

I n tutte le formule ricavate si porrà M = I Mi L Vi = 1 m 3


V p

u
M V Risulterà :

I kg, oppure V L M; Ui
J/kg
quando si considerino rispettivamente l 'unità di massa o l 'u n i tà di volume della m i scela .
I ndichiamo con R , , R,, R, , . . . le costanti dei singol i gas e con R quella della m i scela, e
dovrà essere, essendo m R la costante universale della mole : Quando la mescolanza s i effettua partendo da gas aventi differen t i temperature occorre
determinare la temperatura di equi li brio T, e supponendo che la m i scela si formi senza
m , R , = m 2 R2 = m, R, = . . . . . = m R = 83 1 7 J /kmol K scambi di calore con l 'esterno e senza lavoro, l 'energia i nterna totale del s istema resterà
costante, per cui :
da cui :
M , cv 1 (T - T , ) + M2cv2 (T - T2 ) + M,cv3 (T - T,) + ... = O
m; Ri
R ; m Questa relazione esprime che la somma delle variazioni di energia i nterna dei singoli
m R
gas componenti è n u l l a , essendo T , , T,, T,, ... l e temperature i n iziali di ciascuno di essi e T

L L (Mi cv;T ; )
Confrontando con precedenti relazioni risulta : quella di equilibri o . Si è ritenuta valida la legge di J oule per ciascun gas . Si ricava :

L (M i Cvi )
I/kg K T ( L Mi Cvi ) (M i Cvi T i ) T

I (L
L'equazione caratteristica applicata a tutta la massa sarà quin di : Volendo innalzare di I °C la temperatura della miscela i l calore da sommm1strare
risulterà uguale alla somma delle rispettive quantità assorbite dai s i ngoli componenti, per

I L
p V = M R T p ( Vi ) Mi ) R T cui :

Per ciascun componente si avrà : M Cp = M i Cpi M Cv = MiCvi 1/K

I
p ; V = M; R i T Pi V i = R i T p vi = Ri T secondo che si operi a pressione costante o a volume costan te . Quindi :

Nelle precedenti relazioni l 'ind ice i posto ad esponente sta come apice (', ", "', . . . ), e non Mi Cp i

L I
Cp Cv ( ) /kg K ) .
come esponente .

I Mi
Rammentiamo ancora che V i è i l volume che acqui sterebbe i l componente generico
qualora venisse sottoposto da solo alla pressione totale p alla stessa temperatura, e v i il M i (C p i - C v i ) Mi Ri
corrispondente volume specifico . Il volume speci fico V i è i n vece quello acquistato quando il C p - Cv R
componente occupa l 'intero volume V alla pressione parziale P i .
Dall'equazione caratteristica applicata a ciascun componente nelle condizioni i n m i scela
si può determi nare la pressione parziale del gas e quindi calcolare la pressione totale avendo indicato con R la costante della miscela supposta omogenea, e con R i le costanti dei

(L I
applicando la l egge d i Dal ton . Si avrà : gas componenti .

I
Si nota che quasi tutte le grandezze relative alla m i scela sono state ricavate come medie
M ; Ri ponderali delle grandezze corrispondenti dei singol i gas .
V <I Pi ) Mi Ri ) T p <I Pi l
V;
T
2 6 . COMPRESS I B I L ITÀ ED E.LASTICIT À DI UN .GAS. - .Consideriamo una . massa
Vediamo ora d i determinare l 'energia interna della misce l a . N e l l 'ipotesi che tra i gas i n d i gas di volume V sottoposta ad un incremento di pressione dp che provoca una diminuzio­
miscela n o n s i a b b i a affi n i tà ch imica, e trascurando le variazioni c h e possono verificarsi n e l l e ne dV del volume, per cui il nuovo volume sarà V - dV . li rapporto - dV /V rappresenta la
forze d i aggregazione molecolari al formarsi della miscela, si può ri tenere con sufficiente contrazione per unità d i volume, mentre il rapporto tra la contrazione u n i taria e l 'i ncremento
approssimazione che l 'energia in terna totale della miscela i n equ i l i brio sia uguale alla somma di pressione corrisponde al coefficiente di comprimibilità del fluido (- dV /V dp) .
delle energie i n terne dei singoli componen ti . Si avrà cioè :
- 1 02 - - 1 03 -

L'inverso del coefficiente di comprimibilità dicesi coefficiente di elasticìtà del fluido (e volume della sfera:
- V dp/dV), ed i l suo valore dipende d·a lle modalità della compressione . re X 250 3
Trattando della pendenza delle linee poli tropiche nel piano V, p abbiamo v isto che la V 8 1 8 1 230,5 m ml
6
pendenza in u n punto di coordinate V , p (derivata) è data da (par. 23) :
massa della sfera di bronzo :
dp
tg a - n _E_
dV V M = 8 1 8 1 230,5 X 1 0 - 6 X 8,5 69,54 kg

e sarà n = 1 nel caso dell'isotermica d i un gas, ed n = k per l 'adiabatica teorica . Pertanto i calore assorbito :
rapporti tra le due pendenze nel medesimo punto sarà uguale a quello tra i corrispondenti
esponenti n. Q = 69,54 X 360 X 1 20 3004 1 28 J 3,004 MJ
Ciò premesso supponiamo che la compressione del gas venga effettuata a temperatura
costante, per cui il coefficiente di elasticità isotermica del fluido sarà : coefficiente d i l atazione cubica :

- V (�)
dV T
a = 3 X 1 ,82 1 X 1 0- 5 = 5,463 X 1 0- 5 m l /m l K 1/K

I ncremento di volume per la di latazione :


Se, invece, la compressione è adiabatica, senza scambi di calore tra il fluido e l'ambiente,
si avrà l'elasticità adiabatica : 6. V = 8 1 8 1 230,5 X 5,463 X 1 0- 5 X 1 20 53632,87 mm l

- V (�)
dV a
Superficie della sfera :

A = re d 2 = re X 2502 = 1 96349,5 mm2


Dal rapporto delle due relazioni si ha :
• Spessore della dilatazione (incremento del raggio) :

(\ dp l
dp
ea : eT = : r = k : 1 = Cp : Cv 6. r = V : A = 53632,87 : 1 96349,5 = 0,273 1 5 llllll
dV ) a dV ) T

Pertanto i l rapporto tra l 'elasticità adiabatica e quella isotermica è uguale al rapporto tra Aumento del diametro :
i calori specifici fondamentali del gas, e quindi l 'elasticità adiabatica è maggiore dell'elasticità
i sotermica . 6.d = 0,27 3 1 5 X 2 = 0,5463 mm

Si ricava lo stesso risul tato considerando la dilatazione lin eare del diametro :
2 7 . PROBLEMI RISOLTI ( C a p . I e I l )
6. d = 250 X 1 ,82 1 X 1 0- s X 1 20 = 0,5463 mm
1 . - Una sfera di bronzo duro, del diametro di 250 mm, viene riscaldata dalla temperatu­
ra di 20 ° fino a 1 40 °C. Sapendo che il tipo di bronzo ha una densità di 8,5 kg/dm 3 calcolare 2 . - Si vuole riportare la sfera del precedente esercizio nelle condizioni pnm1t1ve,
la quantità di calore assorbita dal corpo e la relativa dilatazione. raffreddandola in un recipiente contenente 60 litri d'acqua . Calcolare la temperatura iniziale
che dovrebbe avere l'acqua per raggiungere le condizioni di equilibrio desiderate.
Dalle tabelle risulta in media :
Supponen.d o che non si abbiano di spersioni la quantità di calore ceduta dalla sfera nel
calore specifico c = 360 J /kg K ra ffreddamento da 1 40° a 20° dovrà essere ugµale a quella assorbita d a l l 'acqua ri sca ldandosi
coefficiente dilatazione lineare = 1 ,82 1 X 1 0- 5 l /°C da t; a 20° . Essendo il calore speci fico d e l l 'acqua circa 4 1 87 ) /kg K dovrà essere :

Ricaviamo : m a Ca (20 - t; ) = 3004 1 28 J

3004 1 28
20 - I; 1 1 ,96 t; -:::: 20 - 1 2 8 °C
60 X 4 1 87
- 104 - - 105 -

3 . - Una massa d 'a cqua cade da un'altezza di 8 metri lungo una tubazione del diametro Trattandosi di acqua dolce, la cui massa specifica si può ritenere uguale ad 1 kg/dm 3 , la
interno di 60 cm. Calcolare le grandezze dinamiche relative al fenomeno, trascurando le portata volumetrica è numericamente uguale alla portata di massa, cioè :
cause di perdite.
M V P 3 54 1 ,6 X 1 3 54 1 ,6 kg/s
Energia potenziale relativa al dislivello di 8 m :
Il peso specifico è :
Ep = m g h = 1 X 9,80665 X 8 = 78,4 5 32 J /kg
y g p = 9,80665 X 1 = 9,80665 N/dm 3 980 6 , 65 N/m'

V2gh
Velocità acquistata dopo 8 metri di caduta :
La portata ponderale risulta quindi :
v = = V2 X 9,80665 X 8 1 2 , 52 6 m/s
G = 3,54 1 6 X 980 6 , 65 = 3473 1 N/s
Energia cinetica corrispondente :
L'energia cinetica disponibile nella massa effluente sarà :
2 2
Ec = v / 2 = ( 1 2 , 526 ) 2 78,453 2 J /kg M v2 3 5 4 1 ,6 x 1 2 , 5 2e
2 77839,7 J /s (W)
2 2
ovviamente uguale alla precedente .
Sarà anche uguale il lavoro di caduta : Per controllo risulta : 78,4 5 3 2 X 3 5 4 1 , 6 2 77849 W , con una piccoli ssima differenza
dovuta all 'approssimazione dei calcoli .
L = G h = 9,806 65 X 8 = 78,4 5 3 2 N m
4. - Una cassa di zavorra della capacità di 120 111 1 è piena di acqua di mare avente la
sempre con riferimento alla massa unitaria di 1 kg la cui forza-peso corrisponde a 9,80665 N
densità di 1,032 kg/dm 3 • Calcolare il lavoro teorico compiuto da una pompa per scaricare
(alla latitudine di 4 5 ° e livello del mare ). l'a cqua fuori bordo ad un livello sopraelevato di 3,80 m rispetto al baricentro della cassa .
I l tempo di caduta è :

= =
M assa da scaricare :
= V2 h : g = V1 6 : 9,80665 = 1 ,2 773 s
M V p 1 2 0 X 1 03 2 1 2 3840 kg

= 6 ,263 m/s
La velocità media del moto naturalmente accelerato è :

= =
O + 1 2 , 526 Peso corrispondente (forza resistente ) :
Vm
2
G M g 1 2 3840 X 9,806 6 5 1 2 1 44 55 N 1 , 2 1 445 5 M N
e si ritorna a : Lavoro teorico della pompa :
t = h/vm = 8 : 6 , 26 3 = 1 ,2 773 s
L = G h = 1 2 1 4455 X 3,80 = 46 1 4930,9 N m = 4,6 1 5 M J
Per ogni unità d i massa che effluisce con continuità alla velocità di 1 2 ,5 26 m/s la
1 n realtà i l vuotamento della cassa richiederà un maggiore lavoro a causa delle varie
corrispondente energia cinetica è uguale al relativo lavoro disponibile, e se il riferimento è
perdite di carico, e l 'energia fornita dal motore sarà ancora più elevata in re lazione al
fatto alla portata di I kg/s si ha la corrispondente potenza in W /kg.
rendimento della stessa pompa .
La sezione della condotta è :
5 . - Un getto di vapore esce da un ugello alla velocità di 700 111/s. Calcolare /'e nerg ia
A = re X 0, 62 4 0, 2 82 74
dispon ibile per unità cli massa.
e l a portata volumetrica : = =
Ec m v2 /2 = 1 X 7002 : 2 = 245000 J /kg 2 45 k J /kg
V = A V 0,2 8 2 74 X 1 2 , 526 3, 5 4 1 6
Lo stesso valore indica la potenza in watt, o in k W , per ciascun chilogrammo che
effl ui sce ad ogn i secondo .
- 1 06 - 1 07 -

6 . - In un cilindro del diametro di 400 mm viene immesso un fluido alla pressione Controllo (legge di Boyle) :
costante di 1 000 kN/m 2, mentre lo stantuffo si sposta per una corsa di 600 mm. Calcolare il
lavoro compiuto. p, v, = P2 V 2 = R T = 287 X 2 93 = 8 40 9 1 J/kg

La superficie dello stantuffo è : 8. - Calcolare la costante dei gas perfetti sapendo che il volume della mole a O "C e
pressione atmosferica normale è di 22,4 1 litri.
A = n X 0 ,40 0
2
4 0 , 1 2 5 66
Dal l 'equazione di stato applicata alla mole (grammomolecola) si h a :
Forza agente :
p V 1 0 1 3 2 5 X 0 , 0 224 1
111 R = ------- = 8 ,3 1 7 55 J /mol K
T 27 3
F = p A = 1 000 X 0 , 1 2 5 66 1 25 ,6 6 kN

Lavoro compiuto dal fluido : Riferendoci alla chilogrammo molecola (kmol) la costante un iversale assume il valore di
8 3 1 7, 5 5
J /kmol K (in pratica si trovano valori compresi fra 8 3 1 4 e 8 3 1 7) .
L = F s = 1 2 5 ,66 X 0 , 60 = 7 5 ,396 kJ
9. - Calcolare l e costanti R per l'unità d i massa d i H2 , 02, N2 , aria sapendo che l e loro
Oppure, indicando con 6. V l a variazione di volume a pressione costante, s i ha : masse molecolari sono rispettivamente, 2,0 1 6 - 32 - 28,0 16 - 28,96.

6. V = 0 , 1 2 5 66 X 0,6 = 0 , 0 7539 6 m3 Si ricava :

L = p 6. V = 1 000 X 0 , 0 7 5 39 6 = 7 5 ,396 kJ R = 83 1 7 : 2 ,0 1 6 = 4 1 2 5,49 6 J /kg K (idrogeno)

7. - In un serbatoio del volume cli 250 litri è contenuta aria alla pressione atmosferica R = 83 1 7 : 32 = 2 5 9,9 06 J /kg K (ossigeno)
normale e 20 "C. Calcolare il volume che occuperebbe il gas se alla stessa temperatura
venisse sottoposto ad una pressione quintupla, e altre grandezze caratteristiche. R = 83 1 7 : 2 8 ,0 1 6 29 6 , 866 J /kg K (azoto)

Stato inizial e : R = 83 1 7 : 28 ,9 6 287 , 1 8 9 J /kg K (aria)

V, = 250 dm3 = 0, 2 5 0 m 3 p, = 1 0 1 3 25 N/m 2 2 93 K 1 0 . - Sapendo che i volumi molecolari determinati per l'idrogeno, l 'o ssigeno e l 'azoto
sono rispettivamente 22,43 - 22,39 e 22,40 dm 3/mol si calcolino i corrispondenti valori della
1 0 1 32 5
= 1 ,2049 5 kg/m 3 costante R.
28 7 X 2 93
1 0 1 32 5 X 22 ,43
R 4 1 2 9,5 J/kg K ( H 2 )
2 ,0 1 6 X 2 73
y, = g P , = 9, 80665 X 1 ,2 049 5 1 1 , 8 1 65 N/m 3

1 0 1 3 2 5 X 2 2 ,39
v, = I : 1 , 2049 5 = 0 , 82 99 1 111
3
/kg R
32 X 273
2 5 9,69 J /kg K ( 0 2 )

M = y,_ p , = 0 ,2 50 X 1 , 2049 5 = 0 ,3 0 1 2 4 kg
R
1 0 1 4 2 5 X 2 2,40
2 96,7 5 I/kg K (N2l
2 8 ,0 1 6 X 273
Stato finale :
N elle formule la pressione è in N/m 2 , la temperatura in K , il volume della kmol in
P2 = 5 X 1 0 1 32 5 506625 N/m 2 T2 = 2 93 K V2 0 , 8 299 1 5
m 1/kmol , e le masse molecolari in kg.
Si rilevano valori u n po' di versi dai precedenti in relazione alle di fferenze tra i volumi
0 , 1 65 9 8 m 3 /kg molecolari .
Y2 0,2 5 0 : 5 = 0 , 050 m3 ; P2 = 0 ,3 0 1 2 4 : 0 , 05 = 6 , 02 4 8 kg/m 3 1 1 . - Calcolare i calori specifici approssimati dell'aria alle temperature di 300 K e 800
K servendosi delle vecchie formule empiriche qui riportate:
Y2 = 9, 80665 X 6 , 02 4 8 = 5 X 1 1 ,8 1 65 = 5 9, 08 3 N/m 3
- 1 08 - - 1 09 -

secondo Mal/ard: l ievemente supenon, mentre la d ifferenza Cp - c v assume valori un po' maggiori d i quello
dell a costante R = 287 J/kg K.
C p = 0,2245 + 0,000042 T Cv O, 1 55 1 + 0,000042 T kcal/kg °C Analogamente per la temperatura · di 800 K si avrebbe:

secondo Langen: I ) Cp 1 080,6 1 Cv 790,05 C p .- Cv 290,5 k 1 ,368

Cp = 0,224 + 0,00004 1 T Cv O, 1 55 + 0,00004 1 T kcal/kg °C 2) C p 1 075, 1 7 Cv 786,28 C p - Cv 288,9 k 1 ,367

secondo Schiile : 3) Cp 1 088,45 Cv 799,56 C p - Cv 288,9 k = 1 ,36 1

C p = 0,24 1 + 0,000036 t C v = O, 1 72 + 0,000036 t kcal/kg °C corrispondenti valori medi nei tre casi risulta no:

Le prime due sono abbast'anza coi ncidenti, in funzione delle temperature assolute ; la C p m = 1 036,6 1 032,2 1 050,7 J /kg K
terza, i n vece, è funzione l in eare della temperatura Celsiu s, e parte quindi dai valori C p
0,24 1 e C v = 0, 1 72 allo zero ord i n ario . Cvm 746,0 743,3 76 1 ,9 ) /kg K
Le formule forni scono i calori specifici in kcal/kg, e risultano abbastanza approssimate
entro campi di temperature e di pressioni non troppo grandi . Le di fferenze tra c p e C v si mantengono le stesse (corrispondono alle differenze tra
Per la nostra eserci tazione numerica potremmo applicarle direttamente nella loro forma primi parametri numerici delle formule) .
originaria, e poi convertire i risultati in u n i tà S I . Può essere utile, peraltro, convertire I n base ai dati calcolati si potrebbero assumere i valori :
direttamente le stesse formule i n ) /kg K moltipl icando per 4 1 86,8, rammen tando che per
convenzione i n ternazionale è stata fi ssata la equi valenza : C p m = 1 040 Cv m = 7 5 1 ) /kg K km = 1 ,384

1 kcal = 4 1 86,8 J Se invece si ricorre alla tabella A si l eggono direttamente i valori :

Si ricava : C p = 1 007,7 Cv = 720,6 ) /kg K k = 1 ,398 (a 300 K)

c p = 939,9366 + O, 1 7 58456 T J /kg K C p = 1 1 03,0 C v = 8 1 6,0 ) /kg K k 1 ,35 1 7 (a 800 K)

C v = 649,37268 + 0, 1 758456 T J/kg K e dalla tabella B, il valore medio fra 300 e 800 K :

C p = 937,8432 + 0, 1 7 1 6588 T ) /kg K C p m = 1 046,7 J/kg K C v m = 759,9 k = 1 ,378

C v = 648,954 + 0, 1 7 1 6588 T ) /kg K I risultati sono abbastanza concordanti e sufficiententemente approssimati . Le differen­
ze sono contenute intorno ali' ! % .
C p = I 009,0 1 88 + O, 1 507248 t ) /kg K
1 2 . - Trascurane/o i diversi elementi contenuti m quantità numme, si determinino le
Cv = 720, 1 296 + O, 1 507248 t J /kg K caratteristiche fisiche dell'unità di massa dell'aria secca nelle condizioni ordinarie di tempera­
tura e pressione, con riferimento alla seguente composizione media approssimata :
Applicando le formule per T = 300 K (t = 27 °C ) si ottiene :
0,23 1 di 02 0, 756 di N2 0,013 di Ar (in massa o peso)
I ) Cp 992,69 Cv 702, 1 26 C p - Cv = 290,5 k = 1 ,4 1 3
0,209 di 02 0, 781 di N2 ; 0,010 di Ar (in volume)
2) C p 989,34 Cv 700,45 C p - C v = 288,9 k = 1 ,4 1 2
pesi molecolari o masse molecolari dei tre componenti sono rispettivamente :
3 ) Cp 1 0 1 3,0 Cv 724,2 C p - C v = 288,8 k = 1 ,40
32 111 2 28,0 1 6 m , =e 39,95
calori specifici sono in ) /kg K, e si nota che la terza formula (Schiile ) porta a risultati
- 1 10 111

e la massa molecolare apparente della m i scela : praticamente coincidente col valore della pressione atmosferica normale.
1 volumi specifici dei gas in miscela sono :
m = l : (
0,23 1
+ 0,756
+ �OE_ ) 28, 9 6
\. 32 28,0 1 6 3 9 ,95 v, 0,7737 0,23 1 3,349 35 m'/kg

La costante R : v, 0,7737 0,756 1 ,0234 1 m'/kg

R 83 1 7 28, 9 6 = 287, 1 7 ) /kg K v, 0,7737 0,0 1 3 5 9 ,5 1 538 m'/kg

Oppure : e le corrispondenti densità :

R =
0,2� I X 25 9 , 9 + 0,756 X 2 9 6,86 + 0,0 1 3 X 208, 1 8 287, 1 7 3,34935 0,2 9 8565 kg/m '
p,
0,23 1 + 0,756 + 0,0 1 3
p, 1 ,0234 1 0, 9 77 1 2 5 kg/m'
Sempre nelle condizioni ordinarie risultano l e seguenti caratteristiche :
p, 5 9 ,5 1 538 = 0,0 1 68 1 kg/m'
v = R T : p = (287, 1 7 X 273) : 1 0 1 325 0,7737 m'/kg
e la densità della miscela :
p = 1 : 0,7 7 3 7 = 1 ,2 9 24 kg/m '
p = 0,2 98565 + 0,977 1 25 + 0,0 1 68 1 1 ,2925 kg/m '
y 9,80665 X 1 ,2 9 24 = 1 2,675
valore che coincide col precedente.
1 volumi specifici dei componenti a O °C e 1 0 1 325 N/m' son o : Ciò significa, in definitiva, che in un li tro di aria, avente la massa di circa 1 ,293 grammi,
sono contenuti nelle condizioni considerate :
v' = ( 25 9 , 9 X 273) : 1 0 1 325 = 0,70025 m '/kg
0,2 9 857 g di O, 0,9 7 7 1 3 g di N , 0,0 1 68 g di Ar
v" = (2 9 6,86 X 273) : 1 0 1 32 5 = 0,79983 m '/kg
Calori speci fici fondamentali :
v "' = (208, 1 8 X 273) : 1 0 1 325 = 0,56090 (Ar)
Cp . = 0,2 3 1 X 9 1 6,9 + 0,756 X 1 03 9 + 0,0 1 3 X 523,35 1 004, 1 6
Per l 'unità di massa d'aria si ha quind i :
0,23 1 X 656,5 + 0,756 X 742,7 + 0,0 1 3 X 3 1 8,2
V = 0,70025 X 0,2 3 1 + 0,7 99 83 X 0,756 + 0,5609 X 0,0 1 3
0,7737
Cv 7 1 7,269 )/kg K

k = 1 004, 1 6 : 7 1 7 ,269 = 1 ,40


e si ritorna al valore calcolato prima .
Le · pressioni parziali risultano : Con riferimento alla composizione volumetrica i volumi parziali dei gas componenti
sono rispettivamente :
· 0,23 1 X 25 9 , 9 X 273
p, = = 2 1 1 84 N/m'
0,7737 0,209 m' V, = 0,78 1 m' ; V, = 0,0 1 0 m '
0,756 X 296,86 X 273
p, = 7 9 1 88
0,7737 Queste frazioni molecolari si potrebbero determinare dalle seguenti relazioni :
0,23 1 28,96
0,20905
p, = 0,0 1 3 X 208, 1 8 X 273 954, 9 32
0,7737
0,756 28, 9 6

r,
e la pressione della misce l a : f, = = O 78 1 4
I 28,0 1 6

p 2 1 1 84 + 79 1 88 + 955 1 0 1 327 N /m' 0,0 1 3 28, 9 6


0,009 4
39,95
- 1 12 - - 1 13 -

risultati dimostrano che i n un metro cubo di aria nelle condizioni di 273 K e 1 0 1 325
N/m 2 si hanno 0 ,2 09 m 3 di 0 2 , 0,7 8 1 m 3 d i N 2 e 0,Q I 0 m 3 di Ar . S i tratta di volumi parziali Co 1 83 8 ,8 � = 46 1 ,5
per ciascun componente preso alla pressione totale della miscela ed alla medesima tempera­
tura . CN 1 8 3 8 ,8 � = 492,9 m/s
La corrispondente massa specifica risulta :

p = 0 ,2 09 X 1 ,42 9 + 0 ,7 8 1 X 1 ,2 5 1 + 0,Q I 0 X 1 ,7 8 1 1 ,2 9 3 kg/m 3 CN 46 1 ,2 � 492, 9

pesi specifici sono : CN 46 1 ,2 v¾. = 49 2, 9

9 , 80 665 X 0 ,2 98 565 2, 927 9 2 N/m' 0 , 0899


1 83 8,8 = 4 84 8 m/s
1 ,2 9 3
9 ,80 665 X 0 , 9 7 7 1 25 9 ,5 8 232 N /m '
Caria 46 1 ,2 � = 4 84, 8
y3 = 9 , 80 665 X 0 ,0 1 68 1 = O, 1 6485 N/m'

Peso specifico della miscel a : Caria 492,9 � = 48 4, 8

y = 2,927 9 2 + 9,5 8232 + O , 1 6485 1 2,675 N/m'


Per l 'aria si tratta ovviamente di una velocità media fra le medie .
I n fatti :
1 4 . - Sapendo che nell 'aria ed in altri gas quasi pe,fetti il suono si propaga con un
y = g p = 9 , 80 665 X 1 ,2 9 25 = 1 2,675 N /m '
processo adiabatico, poiché le compressioni e le dilatazioni del mezzo si susseguono molto
rapidamente, non lasciando praticamente tempo sufficiente per gli scambi cii calore tra le
1 3 . - Calcolare le velocità medie efficaci delle molecole cii alcuni gas nelle condizioni
porzioni che si riscaldano in seguito alla compressione e quelle che si raffreddano nella
dilatazione, e sapendo inoltre che la velocità di propagazione del suono è data eia/la
normali di temperatura e pressione valendosi della formula data dalla teoria cinetica dei gas.
formula:
Per l 'idroge n o : V =
3 X 1 0 ,1 325

CH = 1 8 3 8 ,8 m/s
0 , 0899
essendo k il rapporto tra i calori specifici, p la pressione e p la densità, calcolare il valore del
� coefficiente k per l'aria ed altri gas biatomici, q uasi perfetti.
Per l 'ossige n o :
Assumiamo la velocità di propagazione del suono nell'aria a O °C e 1 0 1 3,25 mbar uguale
3 X 1 0 1 325
Co 46 1 ,2 m/s al valore medio di 3 3 1 ,5 m/s . Si ricava :
1 ,429
k = p v 2 : p = ( 1 ,2 9 3 X 33 1 ,5 2 ) : 1 0 1 325 = 1 ,402
Per l 'azoto :
3 X 1 0 1 325
CN = 49 2 , 9 m/s I l Newton ha dimostrato che la velocità di propagazione delle onde sonore in un fluido
v 1 ,2 5 1
omogeneo è data da y�, essendo e il coefficiente di elasticità . Nel caso dei gas è
Per l 'aria ( s e l e molecole fossero tutte ugua l i ) : opportuno considerare l 'elasticità adiabatica, e si è visto che il rapporto ea : eT = k
3 X 1 0 1 32 5 Essendo :
Caria 48 4,4 m/s
1 ,293

Deve anche risultare :

Co = C H 1 8 3 8 ,8 46 1 ,2
�Po �9
- 1 14 -
- 115 -

e poiché dall'equazione p V = R T risulta :


I l rapporto volumetrico di compressione, cioè rapporto tra volume iniziale e quello
R T p finale è in questo caso uguale al rapporto tra pressione finale e pressione iniziale, cioè :
( :: ) T = cost =
y> V
r = V, V, p, 800000 1 0 1 32 5 7,895386
si ricava :
P2

e per controllo risulterà :


- v ( - �) p
v, 800000
7 ,895386
V, Pi
p, 1 0 1 32 5
P2 Y2

V,
per cui :
V2 Pt y,

Il lavoro di compressione per unità di massa è :


- ea = k e T = k p
0, 1 0762 5
1 = R T l g -2 = 2 87 X 300 lg - 1 77906,5 J/kg
v, 0,84974
V

Ne deriva la formula della velocità del suono su riportata .

1 5 . - Una massa d'aria del volume di 200 dm 3 alla pressione cli 1013,25 mbar e In luogo del rapporto tra i volumi si può porre uno dei rapporti equivalenti, mentre
temperatura 300 K viene compressa isotermicamente fino alla pressione cli 800 kN/m 2 . logaritmi sono neperiani . Si ' h a :

lg 0, 1 0762 5 - l g 0,84974 2 , 2 2 9 1 02 3 + 0, 1 62 8 2 48 2 ,066 2 775


Calcolare le grandezze relative alla trasformazione.
= - = -
Caratteristiche in iziali :
Si ottiene il lavoro di compressione di - 1 77906,5 J /kg . Segno n egativo perché trattasi di
p, = 1 0 1 3 2 5 N/m 2 V, = 0, 2 00 m' T, = 300 K lavoro compiuto sul fluido.
Per tutta la massa :
R T, 287 X 300
0,84974 m '/kg
p, 1 0 1 32 5
=
L = - 1 77906,5 X 0, 2 3 5366 = - 4 1 87 3 f
<,''-
p, 1 : 0,84974 = 1 , 1 7683 kg/111 1 Lo stesso lavoro corrisponde alla quantità di calore sottratta durante la trasformaz ione
per mantenere la temperatura costante . I nfa tti a causa della compressione la temperatura del
y = 9,80665 X 1 , 1 7683 = 1 1 ,5407 N/111 1 fluido tenderebbe gradualmente ad aumentare (O = L ) .
L 'isotermica d e l g a s è anche a d energia i nterna costante e ad entalpia costante, cioè d U
M p , V, = 1 , 1 7683 X 0, 2 00 = 0,2 3 5 366 kg = 2 53,36 g O e dH = O ( U = cosi . ; H = Cosi . ) .
p, V, 1 O 1 3 2 5 X 0,2 L a variazione di en"tropia specifica sarà invece :
M 0, 2 3 5366 kg
q 1 77906,5
= =
R T, 2 87 X 300
S, - S , - 593,02 J /kg K
300
=
T
Caratteristiche finali (p V = cosi . ) :
1 6. - Dalle condizioni raggiunte alla fine e/e/l'isotermica del precedente processo, l'aria
= 800000 N/111 2 T 2 = 300 K viene riscaldata a volume costante fino a raggiungere una pressione quadrupla. Determinare
p, 1 0 1 32 5
P2

/e condizioni finali:
Vi = V , 02 = 0 02 5 3 3 1 2 5 111 '
' 800000 '
Caratteristiche inizial i :
P2

0,02 533 1 2 5 : 0, 2 35366 0, I 0762 5 111 '/kg ( = R T/p 2 )


800 kN/111 2 T, 300 K v , = 0, 1 0762 5 111 '/kg;
V2 = = P2 = =
p i = 0, 2 3 5366 : 0,02 533 1 2 5 = 1 : 0, 1 0762 5 = 9, 2 9 1 5 kg/111
V , = 0,02 533 1 2 5 111 3 M = 0, 2 35366 kg
3

Yi = 9,80665 X 9,2 9 1 5 = 9 1 , 1 1 8 N/111 2


Caratteristiche finali ( � = cost . ) :

P2 800 X 4 3 2 00 kN/m 2 T2 300 X 4 1 2 00 K


- 1 16 - 1 17 -

M
6000000 X 0,05 80, 1 59 X 0,05 4,00 79 5 kg
25 9,9 X 2 88
Dalla tabella ricaviamo i l calore specifico medio a p cost, fra 3 00 e 1 200 K, Cpm 1 09 0
) /kg K, e q u i nd i : Caratteristiche finali :

Cvm = 1 09 0 - 2 87 = 80 3 )/kg K = V, ; = v, ; = p,
Y2 V2 P2

I l calore somministrato per compiere la trasformazione sarà : T2 = 45 + 2 73 = 3 1 8 K . p, = 60 � = 66 ' 2 5 bar


' 2 88
8 0 3 X 900 = 7 22 7 00 J /kg
L'aumento di 4 5 K su 2 88 K, pari a l 1 0 ,4 % , ha determinato un incremento di 6 , 25 bar
Q = 7 22 7 00 X 0 ,2 3 5 3 66 = 1 7 0099 su 60, pari anch'esso al 10 ,4 % .
I calori specifici dell'ossigeno n e l campo che interessa s i possono ritenere all 'incirca :
q 8 0 3 °·
1 07625 2 400000 = 72 2 7 00 ) /kg
2 87 = 918 )/kg = 65 8 ) /kg
Cpn, K Cvm K
Questa quantità d i calore viene i mmagazzinata dal fluido sotto forma di energia i n terna, per cui :
essendo nullo i l lavoro esterno.
Ritenendo validi i valori dei calori specifici anche per i l calcolo delle variazioni di entropi e e q Cvm 65 8 0 ,0 1 247 52 625000 1 9740 J /kg
di entalpia si ha : 2 5 9,9

variazione di entropia specifica : q = Cv 111 (T2 - T , ) = 65 8 X 30 = 1 9740 ) /kg


·
T,
S 2 - S , = Cvm lg - = 8 0 3 lg 4 80 3 X 1 ,38 62943 1 1 1 3, 2 ) /kg K Q M q = 4,00 79 5 X 1 9740 79 1 1 7
T,
=
variazione d i entalpia speci fica :
Non essendovi lavoro esterno tutta la quantità di calore risulta immagazzinata sotto
H2 H1 = Cpm (T 2 T1) 1 0 9 0 X 900 98 1 000 ) /kg forma di energia i n terna .
La variazione di entropia specifica è :
- -

oppure :
T2
S2 S1 = Cv m I g - 658 (lg 3 1 8 - l g 288)
T,
-

= 7 22 7 00 + (3 200000 - 800000 ) 0 , 1 0 7 625 = 98 1 000 ) /kg


55 8 ( 5 ,7 6205 1 4 '- 5 ,6699604) 65 ,20 )/kg K
La differenza di 25 83 00 ) /kg corri sponde al lavoro di pulsione, ovvero alla variazione
dell'energia d i pressione. Variazione d i entalpia specifica :
1 7 . - Una bombola della capacità di 50 litri è piena di ossigeno a 60 bar e 15 "C.
Determinare le condizioni raggiunte in seguito a riscaldamento (es. energia raggiante solare) H2 - H , = (Ù2 - U , ) + (p2 - p , ) v = 1 9 7 40 + ( 625000 X 0 ,0 1 247 5 2)
sapendo che il gas si porta a 45 "C. 2 7 5 3 7 J /kg
Condizioni i n i zia li :
Oppure :
p, = 60 bar = 6000000 N/m 2 = 6000 k N / m 2 6 M N /111 2
H = C pm (T2 - T , ) = 918 X 30 = 27 5 40 )/kg
T , = 1 5 + 27 3 = 288 K ; V , = 50 d m ' 0 ,050 111 3

v, =
R T, 25 9,9 X 2 88
----- = 0 ,0 1 2 4 7 5 2 111 '/kg valore praticamente coincidente con quelle ricavato prima . La differenza tra la variazi one di
p, 6000000 entalpia e la variazione d i energia i n terna corrisponde all 'incremento dell'energia di pressione
(lavoro di pulsione) pari a 779 7 )/kg (7800 ) /kg) .
p, = I : 0 ,0 1 2 4 752 = 80 , 1 59 kg/111 '

y, = 9,80665 X 8 0 , 1 5 9 = 786,0 9 N/111 '


- 1 18 - - 1 19 -

1 8 . - In un cilindro contenente 0,20 kg di aria a 4 MN/m 2 ass. e 560 °C si somministra a 1 900 K : Cp = 1250 J /kg K ; Cv 963 I /kg K
calore a pressione costante fino a raggiungere un volume uguale a 2,3 volte quello iniziale.
Determinare le grandezze relative alla trasformazione. valori medi fra 800 e 1 900 K sono quindi circa :
1 080 + 1 250 793 963
Caratteristiche inizial i : Cpm = 1 1 65 878 J/kg k
+
Cvm =
2 2
p , = 4 MN/m 2 = 4000 kN/m 2 = 4 0 bar = 4000000 N/m 2
l i calore somministrato :
287 X 833
560 273 = 833 K ; v , = ---- = 0,0597677 m 3 /kg
4000000
T, +
q = Cpm (T 2 - T , ) = 1 1 65 X 1 082,9 = 1 2 6 1 578 I /kg
p , = I : 0,0597677 = 1 6,73 1 445 kg/m
Q = 1 26 1 578 X 0,2 = 2523 1 5,7
3

y , = 9,80665 X 1 6,73 1 445 = 1 64,079 N/m 3


La quantità di calore immagazzinata in energia i n terna è :
V, 0,20 X 0,0597677 0,0 1 1 9535 m ; G = 0,20 X 9,80665 1 ,96 1 3 3 N
U2 U , = 1 2 6 1 578 - 3 1 0792 = 950786 J /kg
3
-

G = 0,O H 9535 X 1 64,079 = 1 ,96 1 32 N


e per tutta la massa :
Caratteristiche finali :
M (U2 - U , ) 0,2 X 950786 1 50797
P 2 = p , = 4000000 N/m V2 = 2,3 V 1 = 0, 1 3 74657 m /kg

v,
Sarà a nche :
2 3

T2 = 2,3 T , = 2,3 X 833 1 9 1 5,9 K Y2 = 2,3 = 0,027493 11 13


U2 - U , = Cvm (T2 - T , ) 878 X 1 082,9 950786 I /kg
0,20 1 6,73 1 445
Pi = 7,27457 kg/m 3
0,027493 2,3 Variazione di e ntropia speci fica :

9,80665 X 7,27457 7 1 ,339 N/111 3 .6 S = Cpm lg = 1 1 65 (lg 1 9 1 5,9 - lg 833) 970,34 I /kg K
Y2 T:
Per controll o :

v,
La variazione di e n talpia specifi ca :
V2 Y2 T2 y,
2,3
v, T,
p,
P2 Y2 .6 H = Cpm (T 2 - T , ) = I 1 65 X 1 082,9 1 26 1 578 I /kg

I l lavoro esterno per unità di massa risulta : uguale alla quantità di calore per u n i tà di massa.

I = p (v 2 - v 1 ) = 4000000 (0, 1 374657 - 0,0597677) 3 1 0792 I /kg I nfatti :

= R (T 2 - T , ) = 287 X 1 082,9 = 3 1 0792 I /kg .6 H (U2 - U , ) + p (v2 - v , ) 950786 + 3 1 0792 1 26 1 578 I /kg

Quello totale : essendo p costante.

L = 3 1 0792 X 0,2 = 62 1 58,4 I 9 . - Un cilindro compressore ha il diametro interno di 300 mm e la corsa dello
stantuffo 450 mm. A /l 'inizio della corsa il cilindro è pieno cli aria a 1 00 kN/m 2 e 20 °C, ed
L = p ( V2 - V , ) = 4000000 (0,027493 - 0,0 1 1 9535) 62 1 58 alla fine si raggiunge, a temperatura costante, la pressione di 800 kN/m 2 .
Determinare le caratteristiche della trasformazione.
Dalle tabelle ricaviamo :
Con riferi mento all'unità di massa risultano le seguenti gran dezze fisiche :
a 800 K : cp 1 080 J/kg K Cv 793 J/kg K
- 1 20 - - 12 1 -

costante d i Boyle RT = 287 X 29 3 = 8409 1 )/kg La corrispondente variazione d i entropi a specifica sarà :
1 74862
T, = 20 + 27 3 = 29 3 K p, = 1 bar 1 00000 N/m 2 Ll. S = --9._ = 596 80 J /kg K
T 29 3
v, = 8409 1 : 1 00000 = 0,8409 1 m '/kg
l i volume totale del ci lindro è uguale al volume della cilindrata descritta dallo stantuffo
p, = 1 : 0,8409 1 = 1 , 1 89 1 88 kg/m' pi ù quello del giuoco tra lo stantuffo al punto morto i n terno ed il coperchio (spazio nocivo) .
Nel caso considerato s i tratta della camera d i compressione i l cui volume è 1 /8 di quello
y, 1 , 1 89 1 88 X 9,80665 = 1 1 ,662 N/m 3 totale e quindi 1 /7 d i quello della cilindrata .
Risultano:
Caratteristiche final i : n D2 n X 0, 3 2
4
Yc i l 0 45 0,0 3 1 80 m 3
p2 = 8 bar = 800000 N/m 2 T2 = T, = 29 3 K
Yc = 0,03 1 80 : 7 = 0,004544 111 3 0,036 3 44 m 3
= 8409 1 ---
0,8409 1
8
V2 0, 1 05 1 1 3 7 m 3 /kg
800000
La massa d 'aria che viene compressa sarà :
essendo· ìl ·rapporto volumetrico d i compressione, uguale in questo caso a quello tra le
pressioni finali ed i n i ziale : M = V , p , = 0,0 3 6 3 44 X 1 , 1 89 1 88 = 0,04 3 22 kg
800
8 M = V 2 p 2 = 0,004544 X 9,5 1 5 3 = 0,04 3 22 kg
1 00 e quind i :

I noltre : L = Q = M I = M q = = - 0,04 3 22 X 1 74862 = - 7557,5

P2 = 1 : 0, 1 05 1 1 3 7 = 9,5 1 3 5 kg/m 3 Nel caso ideale considerato l 'aria raggiunge la pressione di otto bar proprio alla fi ne
della corsa di compressio1�e e pertanto non potrà essere pom pata all'esterno. I n queste
Y2 = 9,5 1 3 5 X 9,80665 = 9 3 ,2956 N/m' condizioni i l compressore sarebbe inutile ed il suo eventuale funzionamento si ridurrebbe,
nell'i potesi d i trasformazione reversibile, a successive compressioni ed espansioni della stessa
Per controllo è : aria, con e ffetto utile nullo. I n pratica, poi, s i avrebbe una conti nua d i s persione di energi a .
8
v,
V2 2 0 . - Con riferimento a l cilindro dell 'e sercizio precedente e alle medesime condizioni
iniziali, si consideri il caso cli campressione adiabatica di esponente k = 1,40 fino alla
Lavoro d i compression e : pressione cli manciata di 8 bar.

1 = RT lg Y..3_ RT lg J:.1 8409 1 (lg 1 - lg 8) Cond izioni di fi ne compressi one :


v, P2
P2 = 8 bar = 800 k N /m' = 800000 N/m 2
- 8409 1 lg 8 = - 8409 1 X 2,07944 = - 1 74862 ) /kg
1
V2 = v 1 (p , /p, ) /k = 0,8409 1 : 8 1 : l ,4 = 0, 1 904 m '/kg
I l segno - indica che si tratta di lavoro compiuto sul flu i d o .
L'isotermica di un ·gas perfetto è ad energia i n terna costante e ad entalpia costante e per
mantenere costante la temperatura è necessario sottrarre i stan te per i stante una quantità di
calore equivalente a l lavoro esterno . Sarà quindi, i n valore assoluto : Per controllo si ha :

q = 1 74862 J /kg V2 = R T,/p2 = (287 X 5 3 0,75) : 800000 = 0, 1 904 m 3 /kg

T 2 = T , (v , /v 2 ) k - I = 29 3 (0,8409 1 : 0, 1 904)°'4 = 530,76 K

6. - CAOCCI, Macchine Marine - Voi. I l .


- 122 - - 123 -

Si hanno i n o l tre le seguenti grandezze : ed infi ne l 'al tezza dello spazio nocivo :

p, 0, 1 904 5,252 1 kg/m' y, = 5,252 1 X 9,80665 = 5 1 ,5055 N / m ' s, = 0,004544 0,0706858 0,006428 m

V, = M X v, = 0,04322 X 0, 1 904 = 0,008229 m ' Per verifica deve risultare :

Si nota c h e i l volume alla fine della compressione adiabatica è maggiore di q u e l l o S 1 + S2 == 397,7 . . + 52, 1 3 . . 450 mm (corsa)
raggiunto alla fine d e l l a compressione i sotermica c h e parte d a l l o stesso stato i n i ziale raggiun­
gendo la medesima pressione ( l 'adiabatica d i compressione si svolge al disopra del l 'i sotermica men tre l 'al tezza totale i n terna del c i l i ndro sarà :
di compressione, cioè e più ripida ) . Pertanto il volume V 2 verrà raggiunto prima della fi n e
corsa e resterà d i sponibile l 'ultimo tratto di corsa p e r la fase di man data del l 'aria a l l 'este rn o . h = 450 6,43 = 456,4 mm

v,
+
P e r la l egge di Gay Lussac d e v e risultare :
0,0082 3 Tra lo sta n t u ffo al punto morto i n te rn o ed i l coperch io del c i l i nd ro è sempre necessari o
T, = Te = 293 ---- 5 3 0,67 K lasciare uno spazio m o r t o p e r esigenze m eccaniche (giochi delle articolazioni e sistemazione
Ve 0,004544
delle valvole), che prende appunto i l nome d i spazio nocivo perché agisce come causa di
perd i t a .
valore praticamente coincidente con quello calcolato .
l i volume d 'aria che potrà essere mandato all 'esterno nel tratto residuo di corsa è : 2 1 . - Sia /\ B C D il ciclo teorico di funzionamento cli un compressore altenw t i vo senza
spazio nocivo. La valvola di aspirnzione si apre in I\ e si chiude in /J, men t re la 11al11ola cli
V , - Ve 0,0082 3 - 0,004544 0,003685 m ' mandata si apre in C e ch iude in D. La fase di aspirnzione !l ii e q uella di manciata CD si

cui corri sponde l a massa : politropica il cui esponente 1 1 dipende da lle condizioni di funzionamento ( l'ig. 3 5 a ) .
s 11olgono a pressione costante, mentre la fase di compressione li C si puù ritenere una

m = 0,003685 X 5,252 1 0,0 1 936 kg


li compressore ha il diametro cli 200 111 111 e corsa .340 mm e comprime . / 'a ria dalla
pressione di / 00 k N/111 2 e temperatura 298 I< fino a 1500 k N/m 2 segue11do una politropica cli
esponente 11 = 1 ,30.
men tre nello spazio nocivo resta la q u a n t i tà : Supponendo che l 'a lbero di comando del compressore co111pia 240 giri al minuto si

m e = 0,04322 - 0,0 1 936 = 0,02 386 kg


rnlcoli la potenza assorbita.

Assegnamo gli i n d ici I e 2 agli stato estre m i della compressione, ot tenendo :


m e = 0,004544 X 5,242 1 = 0,02 386 kg
287 X 298
p , = 1 00000 N/m 2 T , = 298 K v, = 0,85526 m '/kg
e si osserva che la massa che può inviarsi a l l 'esterno è meno della metà d e l l 'i n tera massa 1 00000
compressa . La parte che resta nello spazio nocivo durante la corsa d i ritorno si espande
V, l ( rr X 0,02 2 ) : 4 1 0,34 = 0,0 1 068 1 4 m ' P , = I : 0,85 526 = 1 , 1 692 3 5 kg/ m '
occupando buona parte del volume del c i l i n d ro . fi no a che ridotta la pressione ad 1 bar, si
potrà supporre che si apra la valvola d i aspirazione per l 'i m m issione d i nuova ari a .
Torneremo a suo tempo su l l 'argomento, ma i n tanto s i comprende g i à c h e l a presenza M 0,0 1 068 1 4 X 1 , 1 692 3 5 = 0,0 1 068 1 4 : 0,85526 = 0,0 1 2489 kg
dello spa�io riocivo è una causa d i perd i t a .
L a sezione del c i l i n d ro è : v, 0,85526 ( I : 1 5) 1 1
·' = 0, 1 065 1 53 m '/kg

A = rr D'/ 4 = rr X 0,3 2 : 4 = 0,07068 58 111 2 T, = 298 X I 5U,ì/ l ,ì = 556,70 K

e lo spazio descri tto dallo stantuffo d u ra n t e la compressione a d i a batica : T, 298 (0,85526 : 0, 1 065 1 53 )0· 3 = 5 56,70 K

s 1 = ( V , - V , ) : A = 0,028 1 1 5 0,0706858 0,3877 lll T, = ( 1 500000 X 0, 1 065 1 53 ) : 287 556,70 K

l i percorso durante la fase d i mandata : p, = I : O, 1 065 1 5 3 = 9, 3883226 kg/ m '

s, = ( V 2 - Y e ) : A = 0,003685 0,0706858 0,052 1 3 m


- 1 24 - - 1 25 -

Y2 = 0,0 1 2489 X 0, 1 045 1 53 = 0,00 1 330 m 3 Per verifica :


n n
V2 0, 1 068 1 4 (298 : 556, 7 ) 1 /o. 3 0,00 1 3 30 m ' (p , v , - P 2 V 2 ) R (T , - T 2 )
n - 1 n - 1
= =
I l volume Y2 è quello del punto C e poiché n o n esiste spazio nocivo equivale a l volume
di aria mandato per ogni corsa premente nel serbatoio ricevitore alla pressione di 15 bar. = - 1 ,3 X 24 7 489,66 32 1 7 36,55 I/kg/ciclo
Riferendoci all'unità di massa si hanno i lavori :
Il lavoro per ciclo risulta in valore assoluto :
la p,v, = 1 00000 X 0,85526 85526 J /kg
L 32 1 7 36,55 X 0,0 1 2489 = 40 1 8 J/ciclo
la R T, 285 X 298 85526 J /kg ( 1 500000 x 0,00 1 3 30 - 1 00000 X 0,0 1 068 1 4) 1 ,3
L 40 1 7 , 7 J /ci' clo
= =
0,3
------------------ =
R (T , - T2 ) 28 7 (298 - 556, 7 )
l e ----­ 24 7 489 66 J/kg
'
p 1 V 1 - p2V2

n - 1 0,3
= _
n -
I cicli al secondo sono 240 : 60 = 4 e la potenza assorbita :
lm = P 2 (O - V 2 ) = P 2 V2 = - R T2 = - 28 7 X 556, 7 - 1 59 7 72,9 I /kg
P = 40 1 8 X 4 = 1 60 7 2 J/s = 1 6,0 7 2 kW
(il volume zero è i potetico, perché riferito al cilindro vuoto ) .
I l lavoro di aspirazione, c h e si svolge c o n aumento di volume, è positivo, mentre i lavori Da notare che soltanto la l i nea di compressione corrisponde ad una trasformazione di
di compressione e di mandata sono negativi perché compiuti sul fl uido che riduce il volu m e . stato fisico ; le due linee d i aspirazione e di mandata, invece, indicano le fasi di riempimento
e di scarico del cilindro nelle quali si suppone che le caratteristiche di pressione, temperatura
e volume specifico si mantengano costanti per l 'intera fase. ugua li, rispettivamente, a quelle
degli stati B e C. D urante la fase di ammissione si ha un aumento graduale del peso e del
p p volume che occupa il c i l i ndro e viceversa durante la fase di mandata .
I n campo di funzionamenti reali , come si vedrà a suo tempo, le condizioni di funziona­
mento sono ben diverse (in A e in D sono nulli i volumi totali di fluido nel cilindro ) .
a) b)

/ / 2 2 . - Con riferimento al precedente esercizio si valuti / 'effetto dello spazio nocivo, posto
uguale al 5% del volume totale del cilindro, essendo nel diagramma teorico di funzionamento
I
/ /I

/: (fig. 35 bi:

/

/ /
1 . - chiusura valvola di aspirazione:
/:
/ ,{

/ / :/
1 -2. - fase di compressione politropica, con n

/1
2. - apertura valvola di mandata ;
/ /
1,3:

/ / ( / 2-3. - fase di mandata a pressione costante;


L //
/ /)•7
/ /1 /
3. - chiusura valvola mandata ;
/� / / //
·o>o 3-4. - fase d i espansione politropica, con n = 1 ,3;
/ ,.} / / : / / / 4. - apertura valvola apsirazione;
P,
A ), / / / / / B 4- 1 . - fase di aspirazione a pressione costante,
P1 f'--'--i----'-�-�,_..�'--....<...�-=-._,,

Abbiamo considerato un caso ideale nel quale le due linee politropiche hanno uguale
o V1 V o '-v.
.....3__.V._2___..___________.v_1-v►
esponente . Esse rappresentano entrambe linee di trasformazione d i stato fisico, ma si
Fig. 3 5 . - Ciclo di fu nzionamento di un compressore a l ternativo .
riferiscono a quan titativi diversi : quella di compressione a tutta la massa contenuta nel
cilindro nello stato 1, e quella di espansione soltanto alla massa residua contenuta nello
spazio nocivo nelle condizioni dello stato 3 . Possiamo supporre che durante la fase di
I l lavoro del ciclo corrisponde al diagramma tracciato per l 'unità di massa, e quindi : mandata 2-3 le condizioni fisiche dell'aria non cambino, per cui le caratteristiche specifiche
in 3 saranno le stesse di quelle in 2 .
85526 - 24 7 489,66 - 1 59 7 72,9 = - 32 1 7 36, 56 J /kg Avendo inoltre stabilito p e r l a linea di espansione lo stesso esponente n risulterà che a fine
espansione l 'aria si riporterà nel punto 4 nelle medesime cond izioni del punto 1 per cui
durante la fase 4- 1 nel cilindro viene aspirata aria alla pressione d i 1 00 kN/m 2 e 25 °C .
- 1 26 - - 127 -

I l rapporto effettivo di compressione è p 2 / P 1 = 1 5 . e richiede un lavoro supplementare di compressione per essere riportata a 1 500 kN/m 2 ,
I l rapporto volumetrico d i compressione politropica sarà : lavoro che poi restituisce teoricamente in fase di espansione .
l : 1 '3 l i diagramma teorìco di funzionamento preso in esame si presen ta grafi camente analogo
1 5 1 : 1 ·3 8,029444 ad un ciclo simmetrico formato da due i sobare e due pol i tropiche di espone n te 1 ,3 . Non si '
( :2 )
= =
tratta, però, di un ciclo termod i namico (solo le due politropiche corrispondono a l i n ee di
1

trasformazione, ma riferite a pesi diversi ) ; tuttavia vale ugualmente la regola delle diagonali
da cui :
essendo :
V2 0, 1 2454 V 1 V2
V2V•
= v.
Vi Vi
Rapporto geometrico volumetrico del compressore :
come si può verificare agevolmente . È rispettata anche la relazione :
20 V 3 = 0,05 V 1
0,40 1 47 V ,
=
8,02944
v.
Vi 0,05 V 1
---- =
Rapporto volumetrico di espan sione :
V4 1:n (0,5985 V i ) (0,5985 X 0, 1 2454 V , ) 8,02944
= ( _E.! ) 1 5 1 : 1 ,3
8,029444
V, P•

v.
l i lavoro teorico per ciclo risulta :
= 8,02944 V, 0,05 X 8,029444 V , 0,40 1 47 V1
Volume della cili ndrata :
(p , V 1 - 1 5 p , X 0, 1 2454 V , 1 5 p , X 0,05 V 1 - p 1 X 0,40 1 47 V i )
n _ I
+
0,95 v ,

Volume d i aspirazion e : _!_-2. 1 00000 1 ,868 1 0,7 5 - 0,40 1 47 ) 225 1 47 V, ) /ciclo


0,3
(I - + V1

V 1 - V . = ( I - 0,40 1 47 ) V 1 0,5985 V 1
l i volume della c i l i ndrata è V c i l = 0,0 1 068 1 4 m 1 e quello totale del cil indro :
Rapporto volume aspirazione/volume cilindrata :
V, = 0,0 1 068 1 4 : 0,95 = 0,0 1 1 2435 m 1
V , - V. 0,5985 V 1
--- 0,63 63 %
V 1 - V3 0,95 V 1 per cui :

V, 0,05 V 1 225 1 47 X 0,0 1 1 24 3 5 253 1 ,44 I /ciclo


0,40 1 47, da cui V, 0,40 1 47 V 2
L
V2 0, 1 2454 V 1

Si nota che il rapporto è uguale a quello tra V• e V 1 . Come si vede questo la voro corrisponde a ci rca il 60 % di q uello re lativo al caso
I l volume corrispondente alla fase di mandata risulta perta n to : precedente dato che il compressore lavora praticamente sol tanto sul 60 % della massa
presente.
V2 - V , = ( I - 0,40 1 47 ) V 2 = 0,5985 V2 I n fatti la massa presente nel cili n d ro a l l 'inizio della compressione è:

Poiché i l quantitativo d'aria che occupa i l volume V 2 è lo stesso di quello all'inizio della M = V ,p 1 = 0,0 1 1 2435 X 1 , 1 69235 = 0,0 1 3 1 462 kg
compressione, considerando che durante le fasi i sobariche abbiamo supposto che n o n
cambino le caratteri stiche fisiche del g a s , n e deriva che i l compressore agisce utilmente e trattandosi di condizio n i fisiche iniziali ugual i , quella re la tiva al caso precedente dovrà
soltanto sul 59,85 % della massa totale presen te a l l 'i nizio della compressione. La parte essere il 95 % . I n fatti si ha per veri fica :
rimanente del 40, 1 5 % evolve passivamente utilizzando i l 37% della corsa, espandendosi
dallo spazio nocivo fino a 1 00 kN/m 2 , riduce la fase utile di aspirazione al 63% della corsa , M = 0,0 1 2489 : 0,95 0,0 1 3 1 46 kg
- 1 28 - - 1 29 -

I l quantitativo che evolve ad ogni ciclo è : v, = 2 9 0 X 2300 : 4000000 = 0, 1 66 7 5 m 3 /kg

m 0,5 9 85 X 0,0 1 3 1 462 0,00 7 868 kg/ciclo 0, 1 66 7 5 = 5, 997 kg/m 3 y, = 9 ,80665 X 5, 9 9 7 = 58,8 1 N/m 3

ed i l lavoro specifico : M = 0,0005 X 5, 997 = 0,002 99850 '.:'. 0,0030 kg

l = 253 1 ,44 : 0,00 7 868 = 32 1 7 38 I /kg G = 0,002 99 85 X 9 ,80665 = 0,0005 X 58,8 1 = 0,02 9 405 N

valore praticamente coincidente con quello calcolato nel precedente eserc1z10. Le caratteristiche finali per n 1 ,3 sono :
I l rapporto tra i lavori relativi ai due cicli di funzionamento corrisponde a quello tra le
masse : v2 = 7 ,8 X 0, 1 66 7 5 = 1 ,30065 m 3 /kg
253 1 ,44 0,00 7 868
0,63 63 % Y2 7 ,8 X 0,0005 0,002 99 85 X 1 ,30065 0,003 9 m 3
40 1 8 0,0 1 248 9 = =
p2 = 40 : 7,8 1 . 3 = 2, 7 6 9 09 bar 2 7 6 90 9 N/m 2
ed è uguale a quello fra gli spazi percorsi dallo stantuffo, e tra i corrispondenti volum i .
Trattandosi di fluido nelle medesime condizioni di stato fisico tale rapporto è anche uguale a T2 = 2 7 6 9 0 9 X 1 ,30065 : 2 9 0 1 24 1 , 9 7 7 1 242 K t, 969 °C
quello tra le masse e tra i pesi .
La potenza sarà : p, = 1 : 1 ,30065 = 0, 7 6885 kg/m ' y, = 9,80665 X 0, 7 6885 7 ,540 N/m'

P = 2 53 1 ,44 X 4 = 1 60 7 2 X 0,63 = 1 0 1 25 W = 1 0, 1 25 kW M = 0, 7 6885 X 0,003 9 0,0029985 0,0030 kg

L'effetto dello spazio nocivo si traduce teoricamente nella riduzione del quantitativo di Per verifica risultano :
fluido che può essere elaborato ad ogni ciclo, per cui a parità di compressore e di
quantitativo di fluido per unità di tempo è necessario aumentare il numero di cicli a l 7 ,8
V2

secondo, e quindi il n umero di giri ; a pari velocità, invece, sarà necessario aumentare
opportunamente le dimensioni del cilindro .

1 24 1 , 97 . · ~
I l lavoro esterno è :
In pratica le cose vanno diversamente : le linee di compressione e di espansione non
saranno vere politropiche ed i loro esponenti in ogni caso dipendono dalle condizioni d i 1 _ � (i _ T, ) = ----
290 X 2300
( 1 - --- ) - 1 022800 I /kg

~
funzionamento, i n particolare dalla refrigerazione intorno a l l e pareti, men tre le linee di n - 1 T, 0,3 2 300
aspirazione e di mandata non saranno isobariche, risentono della resistenza opposta dalle
4000000 X O, l 6q 7 5 - 276909 X 1 ,30065
valvole e richiedono una caduta di pressione tra ambiente di aspirazione e cilindro e tra 1 022800 J /kg
0,3
cilindro e serbatoio di stivamento .
Vedremo che i n pratica viene impiegata la compressione polifase al fine di migliorare i l
rendimento d e l compressore . Al solito i risultati sono approssimati, e per una verifica si potrà calcolare il lavoro
anche in funzione del rapporto tra le pressioni o di quello tra i volumi .
2 3 . - In un cilindro di motore a carburazione sono contenuti 0,5 litri di gas di l i lavoro per u n i tà di massa molti plicato per la massa M forn i sce il lavoro tota l e :
combustione alla pressione assoluta di 4000 kN/m 2 e temperatura 2300 K.
Essendo il rapporto volumetrico di espansione uguale a 7,8 e la costante dei gas R L = 1 022800 X 0,003 3068 I
290 J/kg K, si considerino i tre casi di linee di espansione rispettivamente con n = 1,3-1,4 ed
1,45. Per quanto concerne la quantità di calore in gi oco rica viamo dalla tabella cal ori
specifici approssimati alle due temperature ponen d o :
Le caratteristiche iniziali sono le stesse nei tre casi :
Cp 1 2 7 2 I /kg K , a 2300 K cp = 1 1 80 J /kg K , a 1 242 K
p, = 4 MN/m 40 bar = 4000 kN/m = 4000000 N/m
9 82
2 2

890 I/kg K, rispettivamente a 2300 e 1 242 K


2

Cv =
T, 2300 K 0,005 m 3
Cv

= t, = 202 7 °C V, = 0,5 dm 3 =
Si hanno i valori medi :
- 1 30 - - 131 -

Cpm = 1 22 6 I /kg K Cvm = 936 I /kg K km = 1 ,3 1

P, - - -- A ·( 40 b a r , 2 300 K ; 0,1 6675 m3/kg I


p
l i calore equivalente alla dimi nuzione di energia i n terna specifica è quindi :

U 1 - U2 = Cvm (T , - T 2 ) = 936 ( 2 300 - 1 242 ) = 9902 88 I /kg

La variazione di energia i n terna è negativa, men tre il lavoro esterno e positivo, per cui i l
calore somm i n i strato risul ta :

q = 1 02 2 8 00 - 990288 = 3 2 5 1 2 I /kg

In base ai calori specifici assegnati e a l l 'esponente n = 1 , 3 la l i nea di tra sformazione è


una pol i tropica d i espansione meno ripida d e l l 'adiabatica che parte dal medesimo pu n t o . 1 1
lavoro esterno compi uto dal gas utilizza tutta l a caduta d i energia i n terna e richiede i n p i ù
u n a piccola quantità di calore . L a trasformazione, peraltro, n e l l e condizioni prestab i l i te è
quasi abiabatica, tanto è vero che i l rapporto tra i calori specifici medi presi a base dei
calcoli porta a l valore 1 ,3 1 di pochissimo superiore all 'esponente 1 ,3 .
L a variazione d i entalpia specifica sarebbe :

H2 - H, = C pm (T 2 - T , ) = 1 2 2 6 ( 1 242 - 2 300) = - 1 2 97 1 08 I /kg

La variazione è negativa in quanto l 'entalpia diminuisce (caduta di e n talpia).


Oppure :

6H U2 - U , + p2 V 2 - p , v , = - 9902 88 + 2 76909 X 1 , 3 0065 -

- 4000000 X 0, 1 667 5 = - 1 2 97 1 22 I /kg

Le condizioni finali nel caso di n = 1 , 40 portano ai medesi m i valori di v,, V 2 , M, P 2


e Y2 , ed inol tre si h a :

P2 = p , ( :� ) " = 40 : 7, 8 1 '4 = 2, 2 549 bar


5.128 bar ; 2 300 K

_ p, V2 _ 22 54 90 X 1 ,3006 5 I
T2 1 0 1 1 ,3 2 K t2 7 3 8 "C ______..J. 2, 69 bar 4 2
R - 2 90 --;::::=========J,, 2,27 55 ba r ;; 11 20 1 1.4KK
I 2, 034 8 bar ; 912, 6 K
-

T2 ) 2 90 X 2300 l _ 1 0 1 1 , 32 1 B0
= � (l _ ( ) 9342 9 1 I /kg
n - 1
=
T, 0, 4 2 300
=
I V1 = 0,16675 : ::=..\ti. 1
1 --�►·1 .J;-I , : V1 = 1 , 40 ,. V1 = 1, 45 V2 = 1 , 30065 111kg
�'. = 1, 30
3 V
4 000000 X O, 1 667 5 - 2 2 5 490 X 1 ,3006 5 Y' �
93 42 9 1 I /kg 1 =V1
0, 4
I

Fig. ,6. - Con fro n t o I ra Ll ive rsc lince Lii espa n sione pol i t ropichc .
Calori speci fici :
Cp = 1 2 7 2 I /kg K Cv = 9 82 (a 2 3 00 K)
Va lori mc<l i :
Cp = 1 1 48 J /kg K Cv = 8 58 (a 1 0 1 I K)
Cpm 1 2 1 0 I /kg K Cvm 9 2 0 I /kg K k , 11 1 ,3 1 5
- 1 32 - 1 33 -

Caduta di energia i nterna specifica : punto . Le altre due sono a sottrazione di calore, e più aderenti alle condizioni di funziona­
mento di un motore a combustione i n terna nel quale l'acqua di raffreddamento provvede
92 0 (23 00 - 1 0 1 1 ,32) 1 1 8 55 8 5 J /kg appunto a sottrarre calore ai gas cald i .
Per u n a verifica d e i calcoli eseguiti possiamo osservare c h e sulla medesima isostera d i
Calore sottratto : volume v, le pressioni debbono risultare d irettamente proporzionali a l l e corrispondenti
temperature assolute, cioè :
q = U2 - U, + l = - 1 1 85 585 + 93429 1 - 25 1 294 I /kg

Caduta di e n talpia specifica :


2,7 6 9 2,255 : 2,0 348 1 242 : 1 0 1 1 ,3 9 1 2, 6
H , - H2 = Cpm (T , - T 2 ) = 1 2 1 0 (23 00 - 1 0 1 1 ,32) = 1 5593 0 3 J /kg
ed infatti risulta :
H , - H2 = U , - U2 + p, v , - P 2 v2 = 1 1 8 55 8 5 + 66 7 00 - 2932 8 3 =
2,7 6 9 1 242 2,7 6 9 1 242 2,255 1 0 1 1 ,3
= 1 5593 0 2 (valore assoluto) 2,255 1 0 1 1 ,3 2, 0 348 9 1 2, 6 2, 0 34 8 9 1 2, 6
1 2 10
H , - H, km ( U , - U , )
1 1 8 55 8 5 = 1 559302
92 0
= = --
Si procede in modo analogo nel terzo caso, con n = 1 ,45 :

P2 = 40 : 7, 8 1 .4 5 = 2,0 348 bar


T2 = 2 3 00 : 7, 8°·45 = 9 1 2, 6 K
T, = 23 00 (2, 0 34 8 : 40 ) 0•45 : 1 .45 = 9 1 2, 6 K
T2 (2 0 34 80 X 1 ,3 006 5 ) : 29 0 9 1 2, 6 K 6 39, 6 °C

==
= = t, =
4000000 X 0 , 1 66 7 5 - 2 0 3480 X _1 ,3 006 5
8940 97 I /kg
0 ,45

290 X 23 00 9 1 2, 608
(l _ ) 8 940 97 J/kg (lavoro esterno)
0 ,45 2 3 00 .

U , - U2 = Cvm (T , - T, l = 92 8 (23 00 - 9 1 2, 608) = 1 2 7 6400

q = 8 940 97 - 1 27 6400 = - 3 8 23 0 3 I /kg (calore sottratto)

H , - H2 = Cpm (T , - T2 ) 1 2 1 0 (23 00 - 9 1 2, 608 ) = 1 6 7 8 744 I /kg

H , - H, = 1 27 6400 + 66 7 000 - 2 646 5 6 = 1 6 7 8 744 I /kg

Ci siamo riferiti alla massa unitaria, e sarà facile calcolare le grandezze relative alla
massa evolvente (M = 0 , 00 3 0 kg) moltiplicando le grandezze specifiche (volume, lavoro,
energia interna, calore ed entalpia) per la stessa massa _ Sarà u n 'utile applicazione per il
discente ripetere l 'esercitazione facendo riferimento ai volumi totali ed alla massa.
Nella figura 3 6 sono tracciate le tre linee politropiche, e si osserva che si svolgono l 'una
sotto l 'altra con l'aumentare dell'esponente. I n base ai calori specifici prescelti soltanto la
prima, con esponente 1 ,3 , richiede somministrazione di una piccola quantità di calore , e si
può ritenere che si svolga lievemente al disopra dell'adiabatica che parte dal medesimo
C A P I TO L O T E RZO

LA TERMODINAM I CA DEI VAPORI

28 . VAPORIZZAZIONE A PRESS I O N E COSTAN T E . - Consideriamo


l a vaporizzazione d i 1 kg di l iquido alla pressione p e temperatura t costanti e_
ri ferendoci agl i stati estremi del cambiamento di stato fi ssiamo la seguente
nomenclatura con si m bologia ed u n i t à d i mi sura relative S I , modifi cando
alcuni simbol i usati nel primo vol ume per adeguarci alle pri ncipa l i norme di
u n i ficazi one :

p' massa volumica del liquido ( kg/m ' ) ;


p "' massa volumica del vapore ( kg/m ' ) ;
v' volume specifico del liquido ( m '/kg) ;
v" volume specifico del vapore (m '/kg) ;
h' entalpia specifiw del liquido ( I /kg) ;
h" entalp ia specifica del vapore ( I /kg) ;
r h " - h ' = calore di vaporizzazione (latente) ( I /kg) ;
calore latente interno ( I /kg)
p ( v " - v') = r - i = calore latente esterno ( I /kg) ;
s' entropia specifica del liquido ( I /kg K ) ;
s" entropia specifica del vapore ( I /kg K ) .

S i a i l l iquido a l l a temperatura i n iziale d i O " C e pressione p e suppon iamo


di ri scaldarlo a pressione costante sino alla temperatura di vaporizzazione t
corrispondente a l l a pressione agente sul fl uido. I l l i quido aumenta gradua lmen­
te di temperatura, da O" a t °C, ed i l volume da v:, a v' compiendo un lavoro
esterno di dilatazion e :

p ( v :, - v') I /kg

Si tratta genera l mente di un l avoro molto piccolo, trascura b i l e .


1 36 - - 1 37 -

Raggiunta la temperatura t le molecole hanno acquistato una energia vapore surriscaldato, quando la sua temperatura è maggiore di quella
cinetica sufficiente a vincere la forza di coesione e la pressione resistente, per di saturazione che compete alla propria pressione . Anche il volume specifico è
cui inizia la fase di vaporizzazione vera e propria ed il titolo del sistema bifase maggiore di quello v " del vapore saturo secco.
liquido-vapore varia da O ad 1.
L'entalpia specifica del liquido all'inizio della vaporizzazione corrisponde 2 9 . DIAGRAMMA DEL VAPOR D'ACQUA PRESSIONI-VOLUMi .
alla quantità di calore che si deve dare a pressione costante da 0 ° a t °C, ed Riprendiamo in esame il diagramma di Andrews riferendoci ad I kg d'acqua, e
essendo Cm il calore specifico medio si ha: tracciamo per punti le linee limiti nel sistema di assi cartesiani v, p (fig. 37).
Un punto A, di coordinate v', p, rappresenta lo stato dell'acqua alla pres­
h' = Cm (t - Ò) = Cm J/kg sione di saturazione p e corrispondente temperatura t. Il volume specifico del
liquido varia pochissimo ed entro un campo di pressioni non troppo elevate la
Successivamente è necessario somministrare il calore di vaporizzazione r : linea limite inferiore risulta quasi parallela all'asse delle ordinate.
Se si considera il riscaldamento a pressione costante a partire da O °C il
r = i + p (v" - v') J/kg corrispondente punto iniziale si troverà un po' a sinistra di A, alla stessa
pressione. Se, invece, il riscaldamento è fatto a pressione variabile, esso segue
essendo i il calore latente interno di disgregazione e p (v" - v ') il calore latente praticamente la curva limite inferiore.
esterno (a rigore non è latente) necessario per il corrispondente lavoro di Raggiunta la temperatura di saturazione corrispondente alla pressione p,
dilatazione a pressione costante da v' a v". riscaldando ulteriormente, a pressione costante, si determina la fase di vaporiz­
L'entalpia specifica del vapore nello stato di saturazione, sempre contata a zazione isotermobarica AB, con A inizio vaporizzazione e B vapore secco alla
partire da O °C, e per vapore asciutto, sarà quindi: stessa pressione.
Le ascisse dei punti A e B sono rispettivamente v' e v", e la distanza AB
h" h' + r = h' + i + p ( v " - v') J/kg rappresenta il volume differenziale (v" - v').
Considerando il kg di acqua e di vapore secco nello stato di saturazione
Per vapore saturo umido a titolo x sarebbe, invece : alle varie pressioni si ottengono due serie di punti come A e B che formano le
due linee limiti, inferiore e superiore. Il volume specifico del liquido aumenta
h" = h' + r X = h' + i X + p (v" - v') X r /kg lievemente e quello del vapore secco diminuisce col crescere della pressione,
per cui il volume differenziale diminuisce con l'aumentare della pressione sino
Se alla fine della vaporizzazione si continua a somministrare calore, sem­ ad annullarsi nel punto critico, dove le due linee si congiungono.
pre a pressione costante, il vapore si surriscalda aumentando di temperatura da La /; si mantiene sensibilmente parallela all'asse delle pressioni per un
t a fs , Risultano le grandezze: certo tratto, e se ne distanzia sempre di più verso le alte pressioni , sino a
raggiungere un'ascissa tripìa di quella relativa alla pressione atmosferica. Im­
( t, t) °C grado di surriscaldamento ; piegando, però, una scala sufficientemente grande per i volumi si può mettere in
evidenza la variazione di v' anche alle pressioni più basse.
q, Cp m (ts - t) } /kg calore di surriscaldamento ; Nella figura 37 si è tracciata a parte la linea superiore per campi di
pressione che interessano le applicazioni pratiche, parti che non risultano visibi­
J/kg K calore specifico medio a p cost .
li nel diagramma più completo.
Cp m
del vapore surriscaldato ;
È stata tracciata l'isoterma critica alla temperatura di 374 °C. La zona
h = h" + q, = h' + r + q, J/kg = entalpia specifica. compresa tra il ramo superiore dell'isoterma critica, la linea 1, e l'asse p corri­
sponde al campo del liquido; quella tra le due linee limiti è il campo del vapore
Pertanto il vapore si può presentare in due forme ben definite: saturo e quella tra la curva limite superiore e l'isoterma critica corrisponde al
- vapore saturo, con titolo da O ad 1 , quando la sua temperatura è campo del vapore surriscaldato. Oltre l'isoterma critica si ha il campo r!el gas,
uguale a quella di vaporizzazione corrispondente alla propria pressione ;
- 1 38 - - 1 39 -

MN 4000 ma i n pratica s i consi dera ugualmente come campo di vapore surri scaldato i n
m2 kN/m 2 considerazione c h e n o n si tratta d i aeriforme nello stato d i gas permanente .
I· :--
I
vt=Vi = 3,18 dm3/kg
U n punto M s u l l a A B i n d i v i dua l o stato di vapore saturo a pressione p:
2 2,5 I 3000 ti tolo x e volume speci fico O M o = v' + ( v" - v') x, per cui :
_ Pc�
___
22,13 I RC
I •
X
(v" - v') x AM
v" - v' AB
20,0
D i videndo i segmenti A M , corri spondenti ai volumi d i fferenziali a l l e varie
pressioni d i saturazione, in uno stesso n umero di parti ugua l i , le l i nee che
congi ungono i punti di d i v i sione omon i m i , e che si di partono dal pun to cri tico,
1 7,5 sono l e linee a titolo costante, o isonome .
100 150 200 250
L 'area Au A B B o rappresenta i l l avoro esterno com p i u to dal kg di fl uido
duran te la vapori zzazione, men tre l 'area Ac,A M M 0 è i l lavoro rel a t i vo alla massa
x vapori zzata , ri spettivamente p ( v" - v') e p ( v" - v') x. Il la voro esterno,
15,0
corri spondente al calore l atente esterno di vaporizzazione, raggiunge i l suo
-f - massimo ad una pressione i n torno a i 2 500 k N / m 2 .

. L.
20 .,__..._+----l-- -- ; - ___j_____ -i - -+----+----1
i Le linee di surriscaldamento a pressione costante corri spondono ai prolun­
gamenti delle i sobare d i vapori zzazione e si svolgono con aumento d e l l a tempi. >
ratura e del volume specifi c o . L'ascissa del punto C , che ra ppresenta lo stato d i

. --+------- i -- -- ---� --
va pore surrisca l d a to a l l a pressione p e tem pera tura ts, corrisponde a l volume
speci fico v i n d i v i duato da tale punto, men tre l 'arca l\, BCC 0 ra ppresenta i l
l avoro esterno com piuto d a l va pore dura n te i l surri sca ldamento i sobarico .
Le linee a temperatura costante del vapore s u rri sca ldato hanno andamento
i perbol ico, simile a quello vi sto per i ga s, per cui ad un i n cremento del volume
corri sponde d i m i n uzione di pressione .
Lo stato del vapore saturo è i n d i v i duato d a l l ' i n tersezione del l 'i sotermoba ri­
ca con l 'isonoma (p ed x) e quel l o del vapore sur r i sca ldato d a l l 'in tersezione

-r ·-.
del l 'i sobara con l 'i soterma (p e ts ) .
5,0 ·l-
3 0 . D I AGRA M M A DEL VAPORE D 'ACQUA T E M PE RAT U RE-E N ­
'
1

T ALPI E . - Ri portiamo i n ordi nate l e tem perature cen t igrade ( C e l sius) ed i n


ascisse l e corri spondenti entalpie contate da O "C . Si traccia p e r punti la l i nea
l i m i te /, che rappresenta i successivi stati del l i quido a l l 'i n i zi o d e l l a vapori zza­
zione a l l e varie tem perature . Per un punto A di i n izio vapori zzazione a pressio­
ne p e temperatura I sarà OA0 = c 111 t = h' ; Au A = t ( fi g . 3 8 ) .
Con tinuando i l ri scaldamento d el l 'acqua si ha l a va porizzazione isotermo­
barica, e l a corrispondente l i nea AB sarà paral lela a l l 'asse d e l l e ascisse, e l a sua
l unghezza , n e l l a sca la presta b i l i ta , rappresenta il calore d i vaporizzazione r
Fig. 3 7 . - Di agramma del vapore d 'acqua nel p i a n o p , V . ( I / kg ) .
- 1 40 -
- 141 -

oc Le coordinate del punto B di fine vaporizzazione sono:


•--------+--_ h� = h� = 2099,ÒO kJ/kg +''-----+---'
374 ------- ------ - - - - - - 0 80 = h' + r h" Ba B = t

mentre per un punto intermedio M, cui corrisponde il titolo x , risulta:

OMo = h h' + rx AM r X

t6 quindi:
3 00 t---t----+-------+----l--lf----<'--+--+-+-'--+--l--'--+---'----4---ll--l-----l

AM
X
r x
AB r

proprietà analoga a quella vista nel precedente diagramma, per cui si potranno
tracciare le linee a titolo costante.
Le due linee limiti l; ( x = O) ed ls ( x = 1 ) si avvicinano col crescere della
temperatura di vaporizzazione in quanto diminuisce r, e si congiungono in
corrispondenza del punto critico dove il calore di vaporizzazione è nullo ,
200 L 'entalpia del vapore saturo asciutto aumenta col crescere della temperatu­
I
t - - - ---
X = AM ra da circa 2500 k J /kg in corrispondenza di O °C e 0 ,6 1 k N /m 2 raggiungendo il

I massimo di circa 280 3 ,9 intorno a 2 3 3 °C e pressione 2955 kN/m 2 ; successiva­


AB
I _T_ _ _ _ mente decresce con l 'aumentare di p e t fino ad assumere il valore di circa 2 1 00
I k J /kg al punto critico ( 3 7 4 , 1 5 °C e 22 1 2 8 ,7 kN/m2 ) , dove h " = h'.
150

# �- ;,:j/·
L'entalpia dell 'acqua aumenta gradualmente con l 'aumentare della tempe­
O'
R

§/ 0R-,, j/ I o.
1 ;
I � ratura dal valore zero, a O °C, fino allo stesso valore relativo al vapore nel

? I 1
//
i'< ;,:
/I Il

I I I !/
;,: ,
punto critico .
//
;,( -
;>: ,
/I //
I
Somministrando calore al vapore saturo secco, a pressione costante, il
100 vapore si surriscalda aumentando la sua temperatura, raggiungendo ad esempio
I I I
il valore ts in corrispondenza del punto C, cui corrispondono:

I I
I
I
I
I
(ts - t) = grado di surriscaldamento ;

50
I
I q, = Cprn (t, - t) ) /kg = calore di surriscaldamento ;
I

I I I I
I I h = h" + qs ) /kg = entalpia specifica del vapore surr . ;
I
I
I I
I
I
I l calore specifico del vapore surriscaldato è minore di quello del l 'acqua,
1
I I I
Mo : : so Co ma più variabile, per cui le linee di surriscaldamento a pressione costante (come
1000 1500 2000 : 2500 3 000 1 kJ/kg la BC) si allontanano sensibilmente dall 'andamento rettilineo e risul tano più
rx I I
h '' 1 -- q1-i
ri pide rispetto alla linea limite inferiore.
Fig. 38. - Diagramma del vapor d 'acqua nel piano I, h. Le coordinate di un punto C sono:
- 142 - 143 -

OCo = h = h" + qs = h' + r + qs J /kg CCo = t s °C con la solita osservazione per quanto concerne i l calore specifico medio.
L 'entropia specifica del vapore surri scaldato sarà :
3 1 . ENTROPIA DEI VAPORI . - Conveniamo di assumere come origine
per i l calcolo del l 'entropia specifica quella corrispondente al lo zero ordinari o , s T,
s" + Cp m lg J/kg K
cioè poniamo s = O per T = 2 7 3 K. T
Supponiamo di far compiere all'unità di massa di fl uido una trasformazi o­
ne a pressione costante partendo da O °C fino allo stato di vapore saturo secco, 32 . DIAGRAMMA ENTROPICO DEL VAPORE D'ACQUA.- Calco­
e calcoliamo le variazi oni di entropia specifica. liamo le entropi e del liquido e del vapore all 'inizio ed alla fi n e delle fas i di
Nel ri scaldamento del l i q u ido la temperatura varia da 273 a T, essendo T vaporizzazione i sotermobari che, e le en tropie del vapore surri scaldato per le
la temperatura di vaporizzazione in kelvin, alla pressione considerata. L'entro­ diverse pressioni e le varie temperature di surri scaldamento. Tracciamo in tal
pia del liquido, contata da 27 3 K, sarà quindi : modo il diagramma s, T portando in ordinate le temperature assolute ed i n

S
, _J
- 27 3
T
dq _
T-
f T

27 3 _T
e dT
__
= C
m
1 g. T
273
J/kg K
ascisse l e entropie contate dal lo zero ordinario (fig. 3 9 ).
Le due curve l i m i ti si incon trano nel punto cri tico Pc , cui corris ponde una
tangente orizzontale alla temperatur a critica Te = 647 , 3 0 K. Le asci sse de lla l;
sono le entropi e s' e quelle della /, rappresen tano le entro p i e s", e al punto
dove con Cm è indicato i l calore specifico medio del l i quido tra le due tempera­ cri tico i due valori coi nci don o :
ture, relativo al l 'integrazione. Per l 'acqua si può ri tenere Cm = 4 1 8 7 J /kg K .
Raggiunta la temperatura di saturazione i l calore r v i ene somministrato a s� s�' = 4.4260 k l /kg K
pressione e temperatura costanti , per cui la variazione di entropia speci fica
durante la completa vaporizzazione del chi logrammo sarà : L 'e n t ropia d e l l 'acqua a O" è per convenzione ugua l e a zero, e que l l a del
vapore secco :

J/kg K Il 2 500,7 7
So 9, 1 5 5 3 k J /kg K
273,1 5
essendo T = costante .
L 'entropia speci fica del vapore secco è : Le l inee di vaporizzazione i sotc rmobariche sono segmenti come la A B i cui
punti estremi stan n o ri spetti vamente s u l l e curve l i m i t i , e la loro lungh ezza, d a ta
r dai rapporti r/T, d imi nui sce col crescere del la temperatura d i saturazione poi­
s" s' + J/kg K
T ché nel rapporto r/T aumenta il d enomi natore e di m inui sce il numeratore.
Anche in questo di agramma il piano risul ta divi so in quattro zon e : que l l a
e per vapore u m ido : del gas sopra l 'i soterma cri tica , l a zona ciel li c; uiclo fra l a l; e l 'asse d e l l e
ordinate, que l l a de l vapore saturo tra l e due l i nee l i m i t i ed i n fi n e la zona ciel
vapore surriscaldato a destra del la /.,.
s s' + r x
J /kg K
T Dividendo tutti i tratti i sotcrmobarici i n uno stesso numero d i pa rti ugua l i
si tracciano l e l i nee a titolo costan te. l n l'a tti è :
Conti nuando i l ri scaldamento a pressione costante i l vapore s 1 surri scalda
da T a Ts e la sua entropia aumenta del valore : AM rx r
X

6s - - 1· Ts Cp
--
T
dT ·
= Cp m lg
Ts
AB T T

Nel ca mpo del surri sca ldato l e linee cli surrisrnlclumento a pressione co-
. T T
- 1 44 - - 145 -

800 stante e temperature crescenti si distinguono nettamente da quelle a temperatu­


K ra costante . Queste sono orizzontali, sul prolungamento delle isotermobariche,
( gas ) ed aumentando l'entropia diminuisce la pressione. Le isobare di surriscalda­
o
() mento, invece, si dirigono verso l'alto con andamento quasi esponenziale e
aumento di temperatura ed entropia.
Il

7 00 1--------+------+�-----+---Q-l---+------+--------I
Per quanto concerne le aree risulta :
Tc = 647 K
OO'A Ao h' (entalpia del liquido) ;
Ao A M Mo r x (calore di vaporizzazione a titolo x) ;
AaA B Bo r (calore di vaporizzazione vapore secco) ;
I vapore s u r risca ldato ) Ba B C Co q, (calore di surriscaldamento) ;
( l iq u ido) OO'AM Mo h' + rx (entalpia vapore umido) ;
OO'A B Bo h" (entalpia vapore secco ) ;
T OO'A B C Co h" + q, (en talpia vapore surriscaldato) .
500 1------+-----:l¼cR"'-+��='1'-P�fX-�-----+-----+----�
�= X
AB

· . . . . . . .. V = cosf

-...
/3?''
·- o
200
� f� Q)

Il I I
� ��''
/ "Q · -
N
o' Il
Il
I I
I I
Q) "'
� N
O N
rou Il I I
��2
/
/

1 I I
i::

� i ::
O

11
Cl.

I I

;, , ',
100 / I I
/// ��'' '!: x/T
'
'1 1
-i /T

Fig. 39. - Diagramma e ntropico del vapor d 'acq u a .

Fig. 40. - Diagramma entropico del vapore .


- 146 - - 147

Nel diagramma entropico si possono tracciare anche le i sostere e le isoen­ mass imo, come negli altri diagrammi , m a s1 trova corrispondenza delle

costante devon o soddisfare la con d izione v = v' + (v" - v') x = cast. ed


111

talpiche (fig. 40). Nel campo del vapore saturo le linee a volume specifico coordinate :

osserviamo che col diminuire della temperatura di saturazi o ne il volume d iffe­ s� = s�' = 4,4260 k J/kg K h� = h�' = 2099,00 k J/kg
renziale aumenta, per cui i l t itolo diminui sce, mentre il volume v' del liquido
varia pochissimo . Per quanto riguarda il valore dell 'entalpia si trovano dati d iscordanti, tra i
Per le isoentalpiche dovrà essere soddisfatta la condizione h = h' + rx = 2 1 00 e 2070 k J /kg, e per l 'entropia fra 4,43 e 4,42 k l/kg K .

= OO'AMMo
costante, e qui n d i per tutti i punt i come M dovrà ri sultare costan te la somma
delle aree :

+
35oo r-----,----,---,---�---r----,-----,---r---...,..,...---,---,-.---,

O O'AAo AoAMMo = cost. kJ/kg

3000
Anche nel campo del surri scal dato si possono tracciare l e analoghe l i nee :
le isostere ri sultano più ripide del le isobare, come per i gas , e per l e isoentalpi­ ' t.cost.
! 100

che dovrà essere soddi sfatta la con d i zione : 2500 1---�--�--�· 'o'..Q... -
----r"---:'3?1,,------!"-

h = h" + q, = h' + r + q, = cos t . h�=h�


2000
I
Per tutti pun ti come C dovrà perciò ri sul tare :

+ + =
I
.1
1500 -· I
OO'AAo Au ABBo Bo B C Co OO'A B C C, = cost. I
I
,I
I I
Per tutte l e l i n ee del piano en tropico vale la proprietà della sollotangen te . 1000 ..; L
I n particolare, nel caso di vapor d 'acqua, si nota ch e lungo la curva l i m i te ;
!
I
I
i n feri ore , e per un primo gru ppo d i i sonome, i l calore speci fico è posi t i vo , ' I
men tre ri sul ta negati vo per la curva l i m i te superi ore e per u n secondo gruppo II
500 -
-1 -· ----, t - ·- ----+----l
di i sonome. ! I II
I
I
3 3 . D I AGRAMMA DI MOLLI E R (ENTALPICO) PER I L VAPOR
D 'ACQ U A . - Questo diagram ma è fra i più i mportan t i d e l l a termodi nam ica,
molto i m p i egato per lo studio d e l l e macchi ne a vapore, speci a l mente d e l l e
turbine. Ha per ascisse le entropie specifiche e per ordinate l e entalpie specifi­
che, entram be con tate , general mente, dal l o zero ordi nari o (l'i g . 4 1 ) . Nel campo del vapore saturo l e i sobare sono anche i soterm e , e per la n ota
Le due curve l i m iti sono tra cciate per pu n t i , ri portando i dati dalle tabe l l e proprietà del le l i n ee a pressione costante esse saran n o rappresen tate da segmen­
d e l vapor d 'acqua . L a / ; si d i parte dal l 'origi ne degli assi e si congiunge n e l ti rettili nei i cui coefficienti angolari , i n tesi come rapporti tra en ta lpie ed
punto cri t ico I\ con la /., , però i n questo caso i l pu n to n o n corrisponde ad u n entropie, m i surano l e corri sponden t i temperature d i satur a z i on e . La l oro pen­
denza aumenta, perciò, con la temperatura, qui ndi esse d i vergono nel d i rigersi
verso la curva limi te superiore .
Pertanto la pendenza del la curva l imite i n feriore a u m e n ta col crescere
della temperatura, e ri sul terà massima in corrispondenza del pun to cri tico. La
- 1 48 - - 1 49 -

curva l; risulta dall'inviluppo di tutte le rette tangent i che rappresentano le 3500


isotermobariche di vaporizzazione (segmenti), e ogni suo punto corrisponde allo k J/kg
stato dell'acqua all'inizio della vaporizzazione, alla corrispondente temperatura
di saturazione. h surr.
Nel campo del vapore surriscaldato le linee di surriscaldamento a pressione 3000 1-------+-----+---
costante si dipartono dalla curva limite superiore, con la stessa inclinazione
dell'isotermobarica corrispondente, e con l'aumentare della temperatura si i n­
curvano verso l'alto poiché aumenta la pendenza. hl l - - - - - - - -- ---- - - - -

Le -isotermiche, invece, piegano verso destra con aumento di entropia e


2500 t------+--�----+­
diminuzione di pressione, e per pressioni molto basse tendono a disporsi oriz­ I AM = X
hu m I AB
zontali , cioè tendono a divenire isoentalpiche. I
I
Per la proprietà delle isobare ciascuna isoterma dovrà tagliare il fascio di I MM1= rx
I
isobare in modo che le tangenti a queste nei punti di intersezione risultino , I B B1 = r
:
parallele tra loro. 2000 1------+----- -+-I-- -+-+--�--.4----··•· -- ' -i--- -- · - ----------1
: I AM1 = �
Le isoentalpiche sono orizzontali e le isoentropiche verticali, mentre le I I T
I I
isostere saranno più ripide delle isobare.
I I AB1 = �
I I

Nel campo del vapore saturo lo stato fisico è determinato dall'intersezione I I T


I
dell'isobara con l'isonoma, e se vi è l'isostera si leggerà anche il corrispondente -r·- . · ' ·--!- - -�- --- � M M I = T : tga
I
1500 __ __ j__ _ _ __ _ I
volume specifico. Per il vapore surriscaldato, invece, lo stato è determinato I I I . AMI
I I I
dall'intersezione dell'isobara con l'isoterma, ed eventualmente anche con l'iso­ I I
I
stera. I
I
I I
I
I I I
Al solito un punto come M sulla AB indica il kg di vapore umido a titolo
x, mentre un punto C sull'isobara di surriscaldamento rappresenta il vapore . 1000 - -- - -- - - - -1 i
I +-I ·- .
I I
_L, -
I
.. .. . ... _ _ _ ____.. .
II I
surriscaldato a pressione p e temperatura T, (fig. 42). Risulta : I I
: I
I I :
AM' = rx/T M M' = rx a i I I I I
AB' r/T B B' = r si : . lei
----1r , _
- - - - - - - - -: - - - - - - - - �' -T - -r - +_-J..____ JI ___ -- - --- -------
Mi i

1 I I I
MM' BB' M M' BB' I I I I
T tg a T = tg a I I I I
AM' AB' AM' AB' I I I I
I I I I
I I I I
I I i I I
Essendo T costante per tutti i punti dell'isotermobarica i due triangoli M0 1 B 01 I C0 I kJ/ kg K
AMM' ed ABB' sono simili , per cui il punto M deve necessariamente trovarsi OI 11 2 4 6 ::lum . I 8 '.J su rr. 10 12
sul segmento rettilineo che congiunge i punti A e B. Questa condizione vale per 011
o l1 -------------=--------------' I

qualsiasi punto M con titolo fra O ed 1, e ciò conferma che le isobare-isoterme


Fig. 42 . - D iagramma h , s del vapore .
del vapore saturo sono rettilinee e che la loro pendenza rappresenta la tempera­
tura assoluta di saturazione.
Le linee a titolo costante verranno tracciate col metodo usuale essendo :
Come si è"-detto la pendenza delle l inee aumenta col crescere della tempe­
AM r X x ratura e sarà massima al punto cri tico dove la tangente forma il massimo angolo
AB r ( � : ;) = Il diagramma di Mollier, che è di grandissimo ausilio nelle applicazioni
- 150 - - 15 1 -

tecniche, viene solitamente tracciato in grandi scale solo per quelle zone adia­ Riferendoci a due stati si avrà :
centi alla linea limite superiore, per le regioni del vapore saturo a titolo non
troppo basso, e per il surriscaldato nel campo di pressioni e temperature più in
uso, ad esempio fino a 1 00 bar e 550 °C .
Nella figura 43 è stata tracciata, in unità S I , sia pure con grossolana
approssimazione, una parte del diagramma per un campo abbastanza esteso. Vi

__
si notano la linea limite superiore fino quasi al punto critico, alcune isotermo­
kJ/kg

bariche ed isonome nel campo del vapore saturo, ed alcune isobare ed isoterme

nella zona del vapore surriscaldato.
3250 - · ...

l i diagramma di Mollier risulta di grandissima utilità per la rapida deter­


minazione del salto adiabatico disponibile tra uno stato iniziale noto e la
pressione finale. I n figura sono indicati tre casi di espansione adiabatica isoen­ 3000

tropica AB, rispettivamente nel campo del vapore saturo ( I ) , vapore surriscalda­
to all'inizio e saturo umido alla fine dell'espansione ( 2 ) , ed un salto nel campo
del surriscaldato ( 3 ). I n corrispondenza dello stato finale B si legge subito il 2750
titolo, oppure la temperatura, e l'entalpia corrispondenti.

34. ENTALPIA DEI VAPO R I . - L'entalpia e l'entropia sono funzioni di


stato ed i loro valori assoluti debbono fare riferimento allo zero assoluto,
2500

mentre nelle pratiche applicazioni vengono generalmente considerati i valori


relativi contati dallo zero ordinario. I relativi calcoli non subiscono differenze

J __
sostanziali, ma è opportuno fare ancora qualche precisazione. 2250 1- -·-
Per l'entropia si è stabilito, in base al terzo principio, di porre uguale a
zero il suo valore allo zero assoluto, mentre la funzione entalpica è posta uguale
ad : 2000

H = U + pV
1 750
relazione nella quale tutte le grandezze fisiche, funzioni di stato, debbono essere
considerate nel loro valore assoluto. D'altro canto non è nota l'energia interna
alla temperatura di O kelvin, e pertanto resta indeterminato anche il valore di kJ/ kg K
H.
5 5,5 6 6,5 8
In quanto diremo in questo paragrafo, al fine di non creare confusione nel
7,5

simbolismo, manteniamo la lettera h per indicare l'entalpia specifica relativa F i g . 4 3 . - D i agra m m a d i M ol l i c r del va pore d 'acq u a .
allo zero ordinario, e poniamo i (lettera mol to usata in passato) l'entropia
specifica totale, o assoluta, contata dallo zero assoluto, di modo che sarà :
essendo rispettivamente :
i = io + h J /kg . ,,
i' = u� + p , CJ ;,

essendo io l'entalpia del liquido a O °C, a pressione costante.


- 1 52 - 1 53 -

le entalpie specifiche a 27 3 K ed alle pressioni p 1 e p2 . Con la lettera O"o ramento del titolo a causa di adduzione di calore , mentre diminuiscono pressio­
abbiamo indicato i corrispondenti volumi specifici del l i q uido, pari a v'. ne e temperatura . Prolungando la linea il vapore diventa secco ad una pressione
I l prodotto p O" non è costante, non essendo valida per i liquidi la legge di m i nore (intersezione dell 'isoentalpica con la linea limite superiore) e successi­
Boyle, né è costante l 'energia interna Uo . Tuttavia, data la piccolissima variazio­ vamente si surriscalda, sempre diminuendo di pressione e temperatura ed au­
ne del volume, la differenza tra u� ed u� è trascurabile, ed ammettendo inoltre mentando di entropia (fig. 4 5 ) .
per semplicità O"� = CJ;; = CJo risulterebbe :
3000
p kJ/kg !
- - - - - - �- - - - - -
-=!!-+--U

e quindi :
2500

I /kg

I /kg

Si nota pertanto che la caduta entalpica relativa ri sulta per un vapore un


po' minore della corrispondente caduta entalpica totale.
Se la linea AB rappresenta una espansione adiabatica, per quanto detto in
k,j/kgK
precedenza l 'ara A'ABB' è equivalente alla caduta ad iabatica totale (assoluta ) , 5 6 8 9
mentre i l termine (p1 - p2 ) O"o equivale al lavoro rappresentato dall 'area appros­
simativamente rettangolare A'M N B'. Ne deriva che la caduta adiabatica relativa Figg. 44 e 4 5 . - E n t a l p i a d e i v a pori e t ra :Jo r m a z i o n c i s o c n l a l p ica .
(h, - h2 ) è rappresentata dall 'area MABN (fig. 44) .
Una volta stabiliti gli stati A e B la caduta entalpica è sempre l a medesima, N e deri va che l 'e n talpia, p ur restando invariata , subi sce una degradazione
qualunque sia la trasformazione che passa per ess i , essendo l 'entalpia una per effetto della d i m inuzione di temperatura cd aumento d i entrop i a . I n fatti se
funzione di stato . Tale caduta, però, equivale all'area A' ABB' solo nel caso in p2 è l a pressione del re frigerante la caduta adiabatica d i spon i b i l e nel caso di
cui la linea A B sia un'adiabatica . va pore n e l l e condizioni A è rappresen tata dal segmento AA', equiva lente ad h 1
I punti M ed N rappresentano gli stati del liquido a O °C, rispettivamente - h2, mentre se i l vapore si trova nel l o stato B, a pressione e temperatura
alle pressioni p 1 e p 2 , e date le piccolissime differenze di volume specifico del mi nori , sia pure con la stessa entalpia, si renderà d i spon ibile una m i n ore
liquido, essi risultano nel campo delle comuni pressioni quasi coincidenti con i caduta , rappresentata da B B' cd eq uivalente ad h 1 - h , , essendo h, l 'enta l p i a
punti corrispondenti sulla linea l i mite i nferiore . I noltre, essendo i l volume del d e l l o stato B ' , a l l a stessa pressione p2 . D a t a l 'incl inazione d e l l e i sobare l 'entalpia
liquido molto piccolo in confronto di quello del vapore, la linea MN risulta h 1 sarà certamente maggi ore di h 2 , cd i l titolo x , > X 2 .
praticamente sovrapposta all'asse delle ordinate, e quindi nei casi ordi nari si Se la t ra s formazione isocn ta l pica parte d a l l a cu rva l i m ite su periore i l
potrà sostituire con buonissima approssimazione la caduta (h, - h2 ) a quella (i, va pore si surri sca lda im mediatamente, d i m i n uendo d i pressione e d i tempera tu­
- i2 ) , trascurando il termine (p, - p2 ) <J che generalmente è molto piccol o .
0
ra , quando il punto i n iziale si trova a destra del massimo del l a curva (press ioni
Questo term ine p u ò corrispondere, ad esempio, al lavoro utile effettuato dal la i n feriori c1 3000 k N /m 2 ) men tre, per va pore secco a pressioni maggiori , tal i che
pompa per i nviare un kg di acqua in caldaia, dalla pressione p2 a quella p 1 . i l punto in izia l e si trovi fra i l massimo d e l l a 1s cd i l pun to critico, il va pore
d i venta subi to umido, salvo a ritrovarsi secco ad una pressione notevolmente
3 5 . TRASFORMAZIONE ISOENTALPICA. - N e l piano entalpico la i n feriore i n corri spondenza del l 'i n tersezi one d c l ! 'isoenta l pica con l 'a l t ro ramo
trasformazione ad entalpia costante è rappresentata da un segmento orizzontale . d e l l ,i curva . Contin uando la tra s formazione segue il surriscaldamento.
Nel campo del vapore saturo essa è generalmente accompagnata da un m iglio- Se, ad esem pio, si con sidera i l vapore secco a ci rca 1 0800 k N /m 2 che

7 . - CAocc1. Macchine Marine - Voi . 1 1 .


- 154 - - 155

venga sottoposto a trasformazione isoentalpica, esso dapprima diminuirebbe di I titoli iniziale e finale sono dati rispettivamente da :
titolo fino a raggiungere un valore di circa 0,94 intorno alla pressione di 3900
kN/m 2 , successivamente migliorerebbe il suo titolo sino a diventare di nuovo
secco a circa 200 kN/m 2 e 1 20 °C .
La trasformazione ad entalpia costante interessa praticamente i fenomeni
di laminazione e di strozzamento che si svolgono senza scambi di calore con e per l 'uguaglianza dei volumi :
l'esterno e senza sviluppo di lavoro o di energia cinetica, come sarebbe il
passaggio attraverso sezioni ristrette o valvole di riduzione .
Si suppone che in tali condizioni il fluido non riceva né ceda calore e che
la sua velocità sia trascurabile a monte ed a valle della sezione ristretta, di
modo che non si verifichi variazione di energia cinetica . p T
a)
Nell 'attraversare la sezione una parte dell'energia termica si converte in b)
moti vorticosi a causa delle resistenze dovute allo strozzamento, ma si suppone
che a valle tali moti si spengano e che la corrispondente energia venga restituita
al fluido .
Ne deriva che l'entalpia a valle è praticamente uguale a quella che il fluido
aveva a monte, e perciò si suppone, con buona approssimazione, che l'entalpia
non subisca variazioni a causa dello strozzamento .
Per un gas perfetto l'isoentalpica è anche isotermica, per cui nella lamina­
zione di un gas non si hanno variazioni di temperatura sensibili . Nel caso dei P,
vapori, invece, lo strozzamento è accompagnato da una diminuzione di tempera­ [ \"1

tura, peraltro molto piccola nel campo del vapore surriscaldato per le basse
pressioni, ed anche per pressioni elevate in quelle zone in cui le isoterme
:'.>, '.)
tendono a disporsi orizzontali .
V V 62

Fig. 46 . - Trasformazione a volume costante d i un vapore saturo .


36. LE TRASFORMAZIONI DEI VAPORI SATURI. - Vediamo anche
per i vapori i principali tipi di trasformazioni semplici, tenendo presente che in
questo caso non sono più valide le leggi relative ai gas. Trascurando la variazione di volume specifico del liquido nel campo delle
a) T rasformazione a volume costante . - Riscaldando il vapore saturo comuni pressioni, si avrà :
contenuto in un recipiente a pareti rigide inestensibili esso compie una trasfor­ (v 'i' vi )
X1
mazione isocora aumentando di pressione e di temperatura in modo che in (v'.f
ciascun · istante pressione e temperatura si corrispondono nei successivi stati di
saturazione. Si ha anche variazione del titolo che normalmente aumenta ed il
vapore diventerà secco quando il punto N verrà a trovarsi sulla linea limite e si nota che nel senso MN il titolo aumenta perché col crescere della pressione
superiore . Continuando il riscaldamento il vapore si surriscalderebbe a volume diminuisce il volume differenziale.
costante (fig . 46) . Nel l'isostera il lavoro esterno è nullo, per cui tutto il calore addotto
Infatti quando i l titolo è alto l a isostera si avvicina alla linea 1 s con corrisponde all 'aumento di energia interna :
aumento dello stesso titolo ; solo quando il titolo iniziale è molto piccolo, nei
pressi della I;, si ha un fenomeno opposto in quanto la linea di trasformazione q ) /kg
tende ad avvicinarsi alla linee limite inferiore (volume minore di quello critico) .
- 1 56 -
- 1 57 -

relazione nella quale è stata trascurata la variazione del volume specifico del
Ri sulterà :
liquido.
La variazione di entropia è ( fig. 46 b) : = T2 T1
AM AN
AB
P2 X1 X2

+
AB

+
Pi

I / kg K V1 ( v" - v') X1 V ' V2 = (v" - v' ) X2 V


' m 3 ,lkg

(v" - v') m 3 /kg


Le varie grandezze relative al liquido ed al vapore secco si ricavano dalle
V2 - V 1 ( X2 - X 1 )

apposi te tabelle i n corrispondenza delle pressioni, o delle temperature, di satu­ In particolare per X 1 O e X1 I la variazione sarà uguale al vol ume
razione relat ive ai due stati fi sici M ed N. differenziale.
Se il senso della trasformazione è inverso i fenomeni sono opposti : per li lavoro esterno, rappresentato dall'area M o MN N o va le:
effetto di sottrazione dì calore diminuiscono pressione, temperature e, in genere,
si avrà condensazione (diminuzione di titolo). ! /kg

- Trasformazione a pressione e temperatura costanti. - La trasforma­ La variazione di energia interna corrisponde al calore di disgregazione prr
zione isotermobarica corrisponde ad una parte della stessa fase di vaporizza­ la parte ( x 2 - x 1 ) che vaporizza :
zione dove per effetto di calore addotto aumentano vol ume specifico e titolo,
mentre nel caso opposto si avrà conden sazione (fig. 47).

1 1 calore sommini strato corr i s ponde al calore latente di vaporizzazione pi.:r


T

+ 1
la parte di liquido ( x 2 - X 1 ) che vapori zza :
p

b)
q = U2 - U I

essendo :

r = i + p (v" - v') ! /kg

Si ricava la variazione di ti tolo :

- _g_
r
V
In particolare per X 1 O e x2 I si ritorna a q r.
Il lavoro esterno s i può ottenere anche in funzione del calore :
Fig. 47. - Trasformazione a pressione costante di un vapore saturo .
1 = p (v" - v') ( x2 - X 1 ) = p (v" - v') _g_ I / kg
r
Le grandezze p, T , v', v", h ' , h", i , r, s', s", sono l e s tesse per tutti gl i stati
appartenent i alla trasformazione in quanto riferiti ad uguali condizioni di satu­ La variazione di entalpia corrisponde al calore somministrato :
razione. Varia soltanto il titolo, che al minimo potrà essere zero in corrispon­
denza del punto A sull a I; , e al massimo uno nello stato B sulla 1,.
- 1 58 - - 1 59 -

La variazione di entropia è : I /kg

Conoscendo il titolo finale X2 si potranno calcolare le altre caratteristiche,


J /kg K la variazione di energia interna, il l avoro esterno, ed il volume specifico finale
sarà :

m 3 /kg
I l calore sommm1strato è rappresentato dall'area rettangolare MoMNNo
(fig . 47 b), di base s2 - S 1 ed altezza T, e quindi :

La caduta di entalpia, che si vede bene nel diagramma di Mollier, risulta :


J/kg K

Ovviamente le formule ricavate valgono anche per la trasformazione in


senso inverso, tenendo presente che i l calore è sottratto ed il titolo diminui sce mentre la variazione di entropia sarà nulla (fig. 48 b) .
col diminuire del volume . I n particolare per il vapore saturo fin dall'inizio dovrà risultare :

- Trasformazione adiabatica . - Consideriamo al solito l 'adiabatica re­


versibile (isoentropica ), cioè senza scambi di calore tra fluido e ambiente, in
recipienti perfettamente isolati , senza resistenze e moti vorticosi . Durante la e si ricava il titolo fi nale:
trasformazione da M ad N variano tutte le grandezze, mentre è nullo in ciascun
istante i l calore dq (fig. 48 ) .

Durante l 'espansione adiabatica decrescono contem poraneamente pressio­


p T
ne e temperatura, e men tre l 'abbassamento della pressione tende a migliorare il
a) b) titolo, la dim inuzione di temperatura tende a produrre condensazione . I due
fenomeni sono simultanei, per cui l 'espansione sarà accom pagnata da un au­
mento o da una dimi nuzione del titolo secondo che prevalga un fenomeno
sull'altro .
L 'aumento o la diminuzione del titolo dipende dal tipo e dalle condizioni
iniziali del vapore saturo . Per i l vapor d 'acqua si nota che l 'espansione è
accompagnata da condensazione quando il titolo iniziale è sufficientemente
I
I elevato (maggiore di 0,60), mentre il titolo aumenta quando quello iniziale è
I
I basso (minore di 0,50) . Questo diverso comportamento si può mettere in evi­
I
I denza tracci ando le linee adiabatiche nel diagramma del vapor d 'acqua (fig. 49) .
I

o L------"C...:....:-"-"'-------- o
M o = No I vapori molto umidi nell 'espandersi migliorano i l proprio titol o . A l limite,
v, v2 V facendo espandere l 'acqua di una caldaia in pressione si nota che essa vaporizza
subito . Se, ad esempio, la pressione in caldaia corrisponde alla temperatura di
Fig. 48 . - Trasformazione adiabatica di un va pore saturo. 200 ° C , l 'acqua che esce si porta in pochi istanti alla pressione atmosferica cui
corri sponde la temperatura di saturazione di 1 00 ° . La temperatura dell'acqua,
La variazione di energia in terna corri sponde in valore assoluto al lavoro però, non può subire contemporaneamente un forte abbassamento, per cui una
c � tcrno che è com piuto a spese della stessa energia, per cui :
- 1 60 - - 16 1 -

parte dell'entalpia del liquido agisce da calore di vaporizzazione per una parte
dell 'acqua che perciò vaporizza alla press ione atmosferica.
l i titolo iniziale al disopra del quale l'espansione è accompagnata da
con densazione, e al disotto da evaporazione, dicesi titolo critico, e il suo valore che però forni sce ri sultati meno approssimati di quelli che s i ricavano m
risulta determinato alle d ifferenti temperature e riportato da apposi te tabelle. funzione dell'energia interna.
Per il vapor d 'acqua, ad esempio, il titolo critico ri sul ta circa 0,50 a 1 20 ° e circa La trasformazione adiabatica si segue molto bene nel diagramma di Mol­
0,60 a 200 ° . Poiché in pratica è difficile che s i impiegh i vapore a titolo minore l ier (entalpico) ed in quello entropico. Nel diagramma entropico di figura 50 si
di 0,70 ne deriva che l 'espansione adiabatica del vapor d 'acqua è generalmente nota, i n particolare, che nel caso d i espansione adiabatica del vapor d 'acqua i l
accompagnata da conden sazione. titolo d i m inuisce quando quello in iziale è suffic ientemente a l to, maggiore d i
quel lo critico, mentre s i avrebbe aumento del titolo se l 'espansione iniziasse con
un titolo m i nore d i q uello cri tico relativo a l la pressione iniziale.

Fig. 49 . - Lince adiabatiche del vapore saturo nel p i a n o p, V .


250 .. .

I n qualche caso s i può ritenere che l a tra sformazion e adiaba tica d i u n


kJ/kgK

7
200 �--�-----'---�--�---�--...,______..___�_
o 2 4 éi 6 8 9
vapore segua una legge pol i tropica del tipo p v " = cast. e per i l vapore d 'acqua ,
3

con ti tolo maggiore d i 0,70, lo Zeuner ha proposto l a rel azi one empi rica c h e Fig. 50. - Liuce adiabatiche del vapore d 'aqua sa't u ro n e l p i a n o T, s.
forn i sce i l valore del l 'esponente :

11 = 1 ,0.3 5 + 0, 1 X1
3 7 . TRASFORM AZION I D E I VAPORI SURRI SCALDAT I . - Rammen­
tiamo che un vapore è surriscaldato qua ndo l a sua temperatura è maggiore cli
essendo x 1 i l titolo in izial e . Per x 1 = 1 sarebbe n = 1 , 1 3 5. Si tratta, ben e que l l a d i saturazione che compete a l l a pro pria pressi o n e . Come è noto l a
i n teso, d i u n esponente che non corri sponde al ra pporto tra i ca lori speci fici pra tica moderna degl i i m p i a n t i a vapore d i m e d i a e grande potenza prevede
fondamen tal i . escl usivamente l 'impiego cli vapore surri scaldato, con modesti gra d i d i s urri sca l ­
Supponendo val ida l a relazione approssimata va lgono l e formule vi ste per damento sol tanto nelle macchine alternative (pera l tro orma i qua s i del tutto
i e poli tropiche di qua l siasi sosta nza derivanti dal l a l egge p v 11 = cast . , cd i n abba ndonate ) e surri scaldamenti molto maggiori , fi no a tempera l ure d i 525 ° C ,
particolare l a formula per i l ca lcolo del lavoro esterno : negli i m pianti a turbina. L'i mpiego d e l va pore saturo , i n vece , e d i quel l o desur-
- 1 62 - - 1 63 -

riscaldato, interessa generalmente le piccole potenze ed in particolare i macchi­ e) per temperature superiori ai 600 °C si può ritenere quasi indipenden­
nari ausiliari a vapore . te dalla pressione, ed aumenta col crescere della temperatura come per i gas .
Il vapore surriscaldato presenta temperature ed entalpie superiori, con Per vapore fortemente surriscaldato si potrà ritenere abbastanza approssi­
sensibile vantaggio per il rendimento dell'impianto, ed entro il suo grado di mata la relazione:
surriscaldamento ha la possibilità di raffreddarsi senza condensare. È anche
minore, rispetto al vapore saturo, il coefficiente di trasmissione del calore, Cp - Cv 460,9 J/kg K
fattore che assume importanza nei riguardi delle perdite per irradiazione .
ed il rapporto tra Cp e Cv :
L'entalpia del valore surriscaldato da O °C è data da:

h = h" + qs = h' r qs J /kg


k = 1,30 ...,... 1,33
+ +
- Energia interna del vapore surriscaldato .. - L'entalpia del vapore
ed essendo noti il calore di surriscaldamento ed il grado di surriscaldamento si
surriscaldato a pressione p e temperatura ts è:
potrà ricavare il calore specifico Cp m :
h = h" + qs h' + r + Cpm (Ts - T) J/kg
Cp m � h - h"
J /kg K
t, - t ts - t
L'equazione fondamentale applicata al surriscaldamento isobarico è:
Lo stato di vapore surriscaldato è di equilibrio sufficientemente stabile, e
qs = lls - u" + p (v, - v") J /kg
lo è tanto più quanto maggiore è il grado di surriscaldamento . Perciò i vapori
molto surriscaldati hanno comportamento prossimo a quello dei gas, e possono dove Us è l'energia interna del vapore surriscaldato ed u" quella del vapore
applicarsi talvolta anche ad essi, con discreta approssimazione, le leggi relative saturo secco, entrambe contate da O °C, ed il termine p (V s - v") è il lavoro
ai gas . esterno compiuto dal kg di vapore durante il surri scaldamento a pressione
Per il vapor d'acqua surriscaldato si ha una speciale equazione caratter isti­ costan te nel d i latarsi da v" a Vs ,
ca empirica, dovuta al Callendar, che fornisce risultati molto approssimati nelle La variazione di energia interna che compete al surriscaldamento sarà
vicinanze dello stato limite, e vale anche per il vapore secco . La sua espressione quindi:
è la seguente:
Us - u" = Cp m (Ts - T) - p (V s - v") J/kg
T - 0,075 2 3 1 0/ 3
V -
47 -
-
v' ( � ) e la variazione di energia interna contata da 0 ° sino allo stato di vapore secco è
p
(trascurando la variazione di voluine del liquido):
nella quale v è il volume specifico del vapore alla temperatura T ed alla
pressione p, mentre v' è il volume specifico dell'acqua alla temperatura di u" - u� = h' + i
saturazione corrispondente. Ne deriva che la variazione di energia i nterna del vapore surriscaldato,
Il calore specifico a pressione costante è funzione della temperatura e della sempre contata da O °C, sarà:
pressione, e la sua determinazione è stata oggetto di molti studi . Sono state
Us - u(, = h' + i + C pm (Ts - T ) - p ( Vs - v") J/kg
proposte alcune formule empiriche, ma generalmente si preferisce ricorrere ad
apposite tabelle o a diagrammi .
Secondo alcuni dati sulla variabilità del Cp risulterebbe: Applicando l'equazione fondamentale alla trasformazione i sobarica che
a) a pari temperatura il Cp aumenta con l'aumentare della pressione ; dal lo stato liquido a O °C e volume v� porta, a pressione costante p, fino allo
b) a pressione costante decresce con l'aumentare della temperatura sino stato di vapore surri scaldato di volume v, e temperatura t, , si ha :
a raggiungere un minimo, per poi aumentare col crescere della temperatura ;
- 1 64 - 1 65 -

h = (Us - u�) + p (Vs - V�) Us - li� = h - p (Vs - V �) tura finale T,2 del vapore surri scaldato . Bisognerà procedere per tentativi in
quanto nel termine relativo alla variazione d i entropi a del surri scaldamento
T rascurando la v ariazione di v� durante il riscaldamento del l iquido si figi.ira il calore specifico, anch 'esso i ncognito.
nota che questa relazione equivale alla preceden te, e considerando due stati di Nelle tabelle del vapor d'acqua è possibile trovare direttamente le grandez-
v a pore surriscaldato, ritenendo costanti u0 e v� alle varie pressioni , si avrà :

P N/m 2 T K
T�1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - --- M

e ne deriva la variazione di energia interna fra i due stati ( 1 ) e (2 ) :

Queste ultime relazioni sono valevoli anche per il vapore saturo ponendo
le . entalpie ed i volumi specifici corrispondenti.
In pratica l'energia interna viene contata dallo zero ordinario, per cui s1
s uppone per convenzione u� O , ed allora s1 ha in generale :

- Trasformazione adiabatica del vapore surriscaldato. - Ci limitiamo a


trattare della sola trasformazione adiabatica che è quell a che presenta maggiore F i g . 5 1 . - T ra s l'orrnazionc a d i abatica d e l vapore surriscal dato .
i mportanza nel campo delle pratiche applicazioni. D'altro canto lo studio delle
altre principali trasformazioni non presenta grandi difficoltà (fig. 5 1 ) .
Nel piano v , p l 'equazione del le curva adiabatica sarebbe analoga a quella ze cntropiche a n c h e per il vapore surr i sca ldato, ma la determi nazione s i esegue
dei gas, e per il vapore d'acqua l 'esponente k assumerebbe il valore 1,3 secondo facilmente per via gra fica sul diagra m m a en tropico e su que l l o d i M o l l i er.
Callendar e Mollier, secondo Zeuner 1,3 3 , mentre secondo ricerche di Kel ler Vediamo ora i l caso di vapore surriscaldato che si espande adiabaticamen­
l'esponente k sarebbe funzione dell a pressione e della temperatura. A pari te fino allo stato d i vapore saturo ad un certo titolo ( fi g . 52 ) . Dura n te l 'espan­
pressione diminuirebbe con l 'aumentare della temperatura , mentre a pari tem­ sione nel campo del surri sca ldato si avrà d i mi n uzione d i pressione e d i tempe­
peratura diminuirebbe col crescere della pressione fino ad un minimo, per poi ratura s ino a che, i n terseca ndo la ls, i l vapore d i v i e n e saturo con press ione e
aumentare rapidamente. Secondo questi d ati, e nel campo di normale impiego, i temperatura d i saturazione corri spo n d e n t i a l p u n to d i i n tersezi one . L 'espa n s i o n e
vaìori di k risulterebbero compresi fra 1,26 ed 1 ,30. continua n e l campo d e l vapore saturo d i m i nue ndo d i tempe ra tura , pressione e
Per il calcolo del lavoro esterno si può applicare la formula delle politrope, t i to l o .
•na .i val ori p i ù approssimati si ottengono ricorrendo a lla variazione di energia Per l 'uguagl i a nza del l e en t ro p i e nei due stati estre m i del l a trasformazi one
: n terna . i soen tro p i c a ri sul ta :
La variazione di e n trop ia è nulla e sarà qui ndi :

,, 1,g Ts t
S1 + Cpm 1
T1 ,,: st r i cava :
( S" i -·· __________
______ � ; ) T.,_
Gcnera lm e n k �· nota l a pressione fi nale p;, per cui l 'i n cogn ita è l a tempera- ,
- 167 -
- 166 -
Lo stato iniziale sarà noto nei suoi vari parametri è conoscendo la pressio­
avendo indicato con S vs t l 'entropia specifica del vapore surriscaldato nello stato ne finale si ricaverà la temperatura finale dall 'uguaglianza delle entalpie per poi
iniziale. Al solito i valori relativi alle due pressioni si ricavano dalle tabelle del determinare, se necessario, l 'entropia finale.
vapor saturo e da quelle del surriscaldato. Nel diagramma s, T risultano equivalenti le aree tratteggiate (fig. 53 b) ;

- Trasformazioni isoentalpiche dei vapori . - Abbiamo già accennato alla


trasformazione ad entalpia costante che nel campo del vapore saturo deve T T
rispettare · 1a condizione:

J/kg

da cui è possibile ricavare il titolo finale che consente poi di ottenere la


variazione di entropia:

)/kg K

a) b)

n T
�, -------------------- M
o L----'----'-----..L..>....:.....1.......J.--l---l.-- o L----'---'--------'--....L..C---'--"--
Pc b)
j1 6) 61 �\' 6 2 j� j� 1) 11' 6 1 j� �2 �

Fig. 5 3 . - Trasformazioni i soen tal piche dei vapori .

peraltro lo studio d i una i soen talpi ca ri sulta più agevole nel d iagramma di

,I1 - - ,II - - - - -
Mollier.
Nel caso d i trasformazione i soen talpi ca d i u n vapore i n izialmente saturo,
I I che poi diviene surri scaldato, si procede nello stesso modo partendo dall'ugua­
I I
I
glianza delle entalp ie, la prima relativa al vapore saturo umido e la finale per il
vapore surri scaldato.
I
I
I
I
I

V 1\

Fig. 52. - Trasformazione adiabatica del vapore i nizialmente surriscaldato .

In figura 53 dovranno risultare equivalenti le aree tratteggiate. Analoga­


mente per isoentalpica del vapore surriscaldato :
CAP I TOLO QU ARTO

CICLO D I CARNOT E SECONDO PRINCIPIO

38 . C I C L I T E RMODINAM I C I . - Un ciclo termodi namico è costituito da


una successione di trasformazion i di stato fi sico tali che il corpo operante si
riporti nello stato i n iziale , dopo una data serie di operazioni .
Durante lo svolgimento del ci clo il corpo riceve la quant i tà di calore 0 1
dalle sorgenti calde, e ne cede la quan tità 02 alle sorgenti fredde, e nel caso di
c iclo ideale invertibile dovrebbe suss i stere in ogni istante equilibrio di tempera­
tura fra il corpo e l'ambiente . Per un ciclo reale, i n vece, la temperatura del
corpo sarà i n ciascun i s tante minore di quelle delle sorgenti calde che gli danno
calore , mentre dovrà essere maggi ore di quelle delle sorgenti fredde cui cede
calore .
l i rendimento termico del ciclo è il rapporto tra la quant ità di calore
utilizzata nel lavoro teorico e quella spesa per il compimento del ciclo

L,
. 'YJ
01

essendo L, il lavoro ideale rappresenta to nel piano V , p dall'area del ciclo e 0 1


- 0 2 l'equivalente quantità di calore rappresentata dall'area del ciclo nel piano
en tropi co S, T .

39. CICLO CARNOT. - Ottenuta l'espressione generica del rendimento è


necessario determinare quale , tra gli i n fi n i t i cicli , può assi curare il massimo
rendimento, e quale i n fluenza possa avere sul rendimento la natura del corpo
operan te .
I primi studi relativi alla conversione di calore i n lavoro sono dovuti a
Sadi Carnot che può essere considera to il fondatore del l a moderna termodina­
m ica . l i Carnot, sebbene ai suoi tempi non fosse ancora noto il pri n cipio della
conservazione dell'energia, enunciò nel 1 824 il principio secondo il quale « per
ottenere il massimo rendimento è necessario che il corpo operante riceva calore
- 170 - - 17 1 -

da una sorgen te calda, ad una temperatura la più alta possibile, e ne versi una saturo le isoterme sono anche isobare e l'esponente k è sensibilmente diverso da
parte in un refrigerante a temperatura la più bassa possibile » attraversando una quello dei gas, mentre per un vapore surriscaldato le linee di trasformazione
macchina nella quale si realizzi un particolare ciclo invertibile . dovranno rispettare le equazioni corrispondenti .
Si tratta di un ciclo di massimo rendimento tra assegnati limiti di tempera­ Durante l'isoterma AB il corpo riceve i l calore Q I e durante le espansioni
tura, ciclo simmetrico formato da due isoterme e due adiabatiche isoentropiche . A B e BC compie il lavoro equivalen te a l l 'area A0 ABCC 0 , somma del lavoro
La sostanza operante, inizialmente nello stato A, riceve il calore 0 1 dalla esterno isotermico pi ù quello adiabatico .
sorgente calda a temperatura T 1 , mentre compie l'isoterma reversibile AB a Lungo la compressione isotermica CD cede il calore 02 , e durante le
temperatura uguale a quella della sorgente, fino a raggiungere un certo stato B compressioni CD e DA effettua u n lavoro negativo rappresentato dal l 'area
(fig . 54) . Quindi il corpo viene isolato dall'ambiente per compiere l'adiabatica C0CDAA0 , somma dei lavori corrisponden ti al le due compression i . Nelle iso­
terme si han no gli scambi di calore, men tre le due adiabatiche sono senza
scambi di calore ed i lavori corrispondono alle variazioni di energia interna.
p p Abbiamo stabilito che il ciclo sia invertibile per cui durante l 'isoterma
superiore il corpo avrà la stessa temperatura della sorgente calda . Per effetto
A
dell 'espansione la temperatura tenderebbe a diminuire, ma non appena si veri fi­
ca uno squilibrio in fini tesi mo la sorgente somministra calore man tenendo il

Pi
fl uido alla stessa temperatura .
Lungo l 'adiabatica di espansione la temperatura dim i nuisce col diminu ire
del la pressione e l'aumento del volu m e , fino a raggi ungere un valore uguale a
P2 quello del refrigerante ; successivamente nell 'isoterma di compressione la tempe­
ratura si mantiene costante . A causa del la compressione la temperatura tende­
rebbe ad aumentare, ma il refrigerante sottrae la corrisponde n te q uantità di

e
P4 P2
calore in modo da mantenere costante la temperatura.
PJ
La compressione adiabatica avviene con aumen to di pressione e di tempe­
: ca ratura, il lavoro speso si trasforma in energia interna, ed il fl uido si riporta nelle
v1 V4 V2 V3 V V condizioni in iziali .
Poiché lungo le adiabatiche non si verificano scambi di calore, l 'energia
Fig. 54. - Ciclo di Carnot nel piano p, V . che genera lavoro teorico sarà 01 - 02 ed il corrispondente rendimento term ico
raggiungerebbe il suo valore massimo.
Trattandosi di un ciclo si mmetrico valgono le relazioni :
reversibile BC sino a raggiungere l a temperatura T 2 del la sorgente fredda, ed il
massimo volume.
Successivamente il corpo viene posto a con tatto termico del refrigeran te
che gli sottrae il calore 02 , duran te la compressione isoterm ica reversibi le CD a
40 . SECONDO PRINCIPIO . - I l primo principio del termodi namica sta­
temperatura T2 , e raggiuntçi lo stato D il corpo viene conve n ien temen te isolato
bilisce la conservazione dell 'energia, e q uindi la conversione diretta di calore in
per compiere la compressione adiabatica reversi bi le DA fi no a riportarlo nel lo
lavoro, e viceversa, ma non precisa in quale misura una certa quantità di calore
stato iniziale A . I l punto D è determinato dal l 'intersezione del l 'adiabatica
disponibile si possa convertire in lavoro, se del tutto o solo in parte .
passante per A con l 'isoterma passante per C .
l i secondo principio, invece, fornisce appunto questa precisazione, e quindi
La rappresentazione grafica del ciclo Carnot nel piano V , p presenta forma
rappresenta un necessario complemento del primo. Si può dire che il secondo
differente secondo la natura del flu ido evolvente : per un gas le isoterme sono
principio, che viene enunciato in modi differenti come già accen nato nel primo
iperboli equilatere e le adiabatiche iperboli di esponente k ; per un vapore volume di quest'opera, costituisce la base della Termodinamica in q uanto preci-
- 1 72 - - 173 -

sa che per convertire calore i n lavoro è necessario avere a d isposizione un salto crioco. dalla massa del fluido operante, dal l avoro del ciclo e dalla potenza della
termico fra due sorgenti, e che non tutto il calore fornito al corpo operante macchina ideale che teoricamente lo reali zza .
potrà essere convertito in lavoro . La frazione di calore convertita in l avoro I lavori corr i spondenti alle due adiabatiche d i uguale esponente sono
sarebbe massima q uando il corpo operasse in una macchina perfetta seguendo ugu a l i e corrispondono i nfatti ad ugu a l i variazioni di energia interna in quanto
u n ciclo invertibile d i Carnot fra l e temperature delle d u e sorgenti, calda e le due isoterme sono anche i sodi n a m iche .
fredda . Per l a l egge d i Boyle è :
li principio d i Carnot-Clausius, che i n altra forma enuncia i l secondo
principio della termodinamica, stabi l i sce che il rendimento di un ciclo invertibi­
le di Carnai è indipendente dalla natura del corpo operante, dipende unicamente
dalla temperatura delle due sorgen ti e non può essere superato dal rendimento
quindi :
di un qualsiasi altro ciclo che si svolga fra gli stessi limiti di temperatura. J / kg
S i tratta d i condizioni puramente teoriche e la m a c c h i n a a c i c l o i nvert i b i l e
dovrà essere considerata come macchina perfetta d a l p u n t o d i vista termod i n a­
Ne deriva che i l l avoro uti l e del ciclo corri sponde a lla d i fferen za dei due
mico . Peraltro neanche i n tale macch i na_ ideale sarebbe possibile trasformare i n lavori i sotermici d i espansione e d i compressione .
lavoro tutto i l calore somministrato a l corpo evolvente .
42 . I L REN D I MENTO DEL C I CLO CARNOT. - I l re n d i m e n to d i u n
4 1 . C I C L O CARNOT D I GAS PERFETTO. - Facendo riferimento a l l a
c i clo qual unque aumenta c o l d i m i n u i re d e l rapporto 0 2 / 0 1 fra l a quantità <l i
macch ina ideale operante con u n ga s perfetto le quantità di calore 0 1 e 02
calore ve rsata al re frigerante e q u e l l a ricevuta d a l l a sOrgcn tc calda . N e l caso
relative a l l 'espa n s i one isoterma a temperatura TI ed alla com pressione i soterma
idea l e di una macc h i n a i n vert i b i l e di Carnot s i è ricavs to :
a temperatura T 2, sono, i n valore a s soluto :

e i l rendimento del ciclo Carnot percorso da un gas : e s i n ota che i l ren d i m ento aumen ta col d i m i n ui re d e l rapporto T2 / T 1 , q u i n d i
RT 2 l g (V 3
c o n l 'aumen tare d i T 1 e c o l d i m i n u i re d i T2 .
RT i lg ( v2/v 1 ) - RT2lg ( v3/V 4 ) V4 )
7] A pari d i ffe ren za (T 1 - T2 ) aumenta col d i mi n u i re d i T 2 . c i oè a pari
RT i lg (v2 / v 1 ) RT i lg (v2 v1)
d i fferenza di tem pera tura tra l e due sorgenti è preferi b i l e d i m i n u i re , ove poss i ­
v,/v4 s 1 avrà : b i l e , l a tem peratur a T2 del refrigera n t e , e q uindi a n c h e l a tempera tura T 1 tlc i l a
Essendo per un ciclo s i mmetrico v 2 / v 1
sorgen te ca l d a , dato che per i potesi i l n um era tore è cos ta n te .
La macch i n a i n verti b i l e cl i Carnot è termod i n a m i ca m e n te pe r fe tt a . c d i l �i li o
r,: n d i mcn t o esprime l a massima frazione ùcl c a l ore forn i to che è teorica m e n te
•� un vcrt i b i l e i n l a v oro, frazione c h e r i s u l terebbe ugu a l e a l l 'u n i ti1 solo n e l caso <l i
Come si vede i l rendi m e n to del ciclo Camo! è fu nzione soltanto ù c i l c
re frigera n te a l l o zero assoluto, caso c h e è pra t icamente i m pos� i b i l c .
temperature assol u te d e l l e sorge n t i , ma per q u a n to detto i n precedenza esso n o n
Supponendo l 'esi stenza d i u n refrigera n te a te m pe ra t u ra i n feriore a l l o O
d i pende d a l l a n a tu ra della sostanza, c o m e poi d i m ostrere m o , e perciò i l ri s u l t :i t o
K el v i n , la T2 s a rebbe n ega t i v a cd i l ren d i m e n to maggiore Jcl l \m i tà . S i tratta d i
otte n u to p e r i l c i c l o d i un ga s perfe t to v a l e per q ua l u n q ue c i c l o C a rn o t c h e -; i
un as� u rdo. contrario a l pri n c i p i o del l a con scrvazi om: del l 'e n e rgia, per c u i
svolge tra i medes i m i l i m iti d i tem peratura . D 'a l tra p a r t e n e l l a form u l a d e l
a nc h e d a l punto d i v i s ta termod i n am i co n o n è conce p i b i l e u n a tem peratura
rendi mento non si nota a l cuna gra n dezza c h e d i penda d a l l a natura d e l fl uido
i n feri ore a l l o zero asso l u to, e c i ò i n d i penden temente d a l l e pro p ri ctù d i una
evolvente . Il ren d i m e n to sarà i n d i pendente anche dalla q u a n t i tà d i calore i:
· 1 u ,1 b i a :; i �osta n za .
D,i l hi rel a z i o n e d e l re n d i m e n to s i ri.:a v a :
1 74 - 1 75 -

Nel piano entropico si dimostra facilmente che il rendimento del ciclo di


Carnot non può essere superato dal rendimento di un qualsiasi altro ciclo che si
svolge fra gli stessi limiti di temperatura. Infatti un qualunque ciclo ABCDA
Lo Zeuner ha chiamato « peso termico » il rapporto 0 1 /T I per l'analogia risulterà iscritto in un ciclo Carnot A'B'C'D'A' le cui isoterme sono tangenti nei
con la formula L = P (h 1 - h 2 ) che fornisce il lavoro fatto nel campo della punti B e D del ciclo dato, rispettivamente al1a massima ed alla minima tempe­
gravità dal peso P che cade dal livello h 1 a quello h 2 . l i peso termico 0 1 /T 1 ratura (fig. 55 b).
passando dal livello termico T I a quello T 2 fornirebbe il lavoro equivalente a1la
quantità di calore utilizzata .
Abbiamo osservato che a parità di T 2 il rendimento del ciclo aumenta col T T
crescere della T 1 , e quindi con la differenza T 1 - T 2 . Per questo motivo nel
campo delle macchine termiche si tende ad aumentare, per quanto possibile, la A BI
T1 = COSI. B A1
differenza fra le due temperature, e poiché la temperatura del fluido non potrà
T1 T1
/ / / / / /
mai essere minore di quella dell'ambiente (in pratica è sempre maggiore), si usa t;0 / // // // / /, // // // / / //
/ /
// / �
/ //
U)
o
elevare la T I mediante l'impiego di vapore fortemente surriscaldato (turbine a u /
Il
// /
/ / // 01 - 02 / / /
u A
vapore), oppure facendo avvenire la combustione all'interno della stessa mac­
Il
/ / / // .
� // / / / // / / /
N

china (motori a combustione interna), o utilizzando gli stessi gas di combustio­


(/) (/)
/ / / / /
--- / / : //
ne a temperatura elevatissima (turbine a gas).
T2
b: e T2
Cl
II
T2 = COSI . D D ,I
l i rendimento del ciclo Carnot è un rendimento del tutto · ideale, non I I
II
I
I a) b)
realizzabile nella pratica de1le macchine termiche. Esso, peraltro, scontata a I
I I

priori la perdita al refrigerante, rappresenta la meta ideale di perfezione cui si


I I
II
I
II
I

deve tendere in campo termodinamico.


Ao i Bo Ao : co

43 . IL CICLO CARNOT NEL PIANO ENTROPICO . - Qualunque sia la


S1 S2 s S1 S2 s
natura del corpo operante il ciclo sarà rappresentato nel piano S, T da un Fig. 5 5 . - Ciclo di Carnol nçl piano T, S.
rettangolo ABCD (fig. 5 5). L'area AaABBa rappresenta il calore 0 1 e quella
BaCDAa il calore 0 2 , mentre l'area del ciclo corrisponde al calore utilizzato 0 1
- 0 2 . Risulta : Per i due cicli sarà rispettivamente :

1)
0; T
77' = 1 - = 1 - 2
o; T1

e dal confronto de11e corrispondenti aree risulta :


(S 2 - S 1 ) (T 1 - T 2 )
(S 2 - S 1 ) T 1
Ovviamente a parità di base il rapporto tra le superfici dei rettangoli è
Resta così confermato che nessun ciclo potrà avere un rendimento superio­
uguale a quello tra le rispettive altezze.
re a quello del ciclo Carnot a pari limiti di temperatura. Osserviamo ancora che
Resta così confermato che il rendimento del ciclo Carnot non dipende
mentre nel ciclo Carnot si ha :
dalla natura del corpo, dall'estensione del ciclo, cioè dalle quantità di calore in
gioco, dalla variazione di entropia, ma dipende soltanto dai limiti di temperatu­
ra , ed a pari limiti, ed a pari rapporto T 2/T 1 , il suo va lore è costante.
- 1 76 - - 1 77 -

nel ciclo qualunque risulta: esempio un vapore saturo, un ciclo Carnot inverso tra gli stessi l i m i t i di temperatura . Le
02 > T 2
aree dei due c i c l i sara n n o equ i v a lenti perché corri sponden t i ad uno stesso lavoro, mentre la

Le due macc h i n e , l 'u n a motrice che real i zza i l ciclo diretto, e l 'al tra operatrice nella
l oro forma dipende d a l l a natura del flu i do operante (fi g . 56) .
01 T1
quale si compie il ciclo inverso, si possono considerare col legate i dealmente i n modo da
44. - VARIAZIONE DI ENTROPIA NEL CICLO CARNOT. - Tutte le poter funzionare l 'u n a i n senso contrario a l l 'a ltra, ed il complesso cost i t u i sce una sola
macch i n a funzionante da sé tra le due sorge n t i , senza alcun ausil i o da l l 'esterno.
trasformazioni che compongono il ciclo Carnot sono invertibi l i e le variazioni di
entropia riguardano soltanto le due isoterme . N e l l 'espansi one a temperatura T 1
il corpo riceve i l calore 0 1 e la sua entropia aumen ta di 0 1 /T 1 , di quando
diminuisce l'entropia della sorgente calda. Durante la compressione i sotermica
a temperatura T2 il corpo versa al refrigerante il calore 02 , per cui la sua
entropia diminuisce del valore 0 2 /T 2 e del la stessa quantità aumenta l 'entropia -B J; c
ft

del refrigerante che riceve il calore.


Le due variazioni di entropia sono uguali e di segno opposto per cui nel uL ' ?,5 »
'' J �{j'-

: t�J; : ;
complesso si ha un trasporto d i entropia dalla sorgente calda a quella fredda ,
mentre alla fine del ciclo i l corpo s i riporta allo stato i n iziale con la medesima A l!I
entropia.
I :
�I I
:I
I
Considerando il s i stema formato dalle due sorgenti e da l corpo operante si
I I
V V
I I

può osservare che l 'entropia complessiva del sistema 11011 è variata, poiché dopo
' I

un ciclo non è variata l 'entropia della sostanza, mentre nel refrigerante aumenta
di una quantità uguale a quel la perduta dalla sorgente calda .
I l ciclo Carnot presenta quindi la proprietà di conservare l'entropia del
sistema, mentre si trasforma in lavoro il calore ( 0 1 - 02 ) .
Se , invece , consideriamo un ciclo non invertibil e che si svolge tra l e
medesime sorgenti , risulta minore l a quanti tà d i calore utilizzata e maggiore
que l la versata al refrigerante, ri spetto al corrispondente cicl o Carnot. Anche ne l
ciclo qualunque quando la sostanza ritorna nello stato i n iziale l'entropia ri­ Fig. 56. - C i c l i di C a rn o t eq u i v a l e n t i , d i re tto cd i n verso .
prende lo stesso valore, ma l 'aumento di entropia del la sorgente fredda risulterà
maggiore della diminuzione di entropia della sorgente calda, per cui nel com­
plesso l 'entropia del sistema aumenta .

Rapprese n tando i l ciclo Carnot nel p i a n o e ntropico abbiamo v i sto che i l ren d i m e n to non I due l'l u i d i forma n o un sistema evo l v e n t e che rispetto a l l 'esterno non cede ni: ricevc
d i pende dalla natura d e l l a sostanza . Può essere utile, pertanto, darne u n a d i m ostrazione p i LI l a voro poiché tutto q u e l l o generato nel c i c l o d i re t to i; impiegato per rea l i zzare q u e l l o i n verso .

Consideriamo u n corpo, ad esempio u n g a s generico, c h e comp i e u n ciclo i nvert i b i l e di


genera l e . Ragioniamo per assurdo e suppon i a m o che i l l'l uido opera n te n e l c i c l u i n verso sca m b i
c o n le sorge n t i q u a n t i tà d i cal ore d i ve rse rispetto a l c i c l o d i rello, e p rec i sa m e n te tolga o ;
Carnot tra l e temperature T, e T, delle sorgenti, ricevendo i l calore Q, e versandone la parte d a l l a fredda e ne v e r s i o; a l l a c a l d a . M a per q w1 n to stabi l i to dov rii risu l tare :
O, nel refrigeran te .
I l la voro teoril:o real izza b i l e e d i l ren d i mento termico teorico sono : - L1 = o; - o ;

Q , - O, Suppon iamo che nel c i c l o i n verso le d u e q u a n t i til s i a n o magg10r1 d i q u e l l e d e l c i c l o


O , - O, T} = di retto, c i oè :
O,

Suppon iamo che i l l a voro utile venga uti l i zzato per far com pi ere ad u n a l t ro corpo, ad
o; o, + q 02 02 + q
- 178 - - 1 79

I flussi 02 e o; sono diretti in sensi opposti tra sistema evolvente e refrigerante, ed i l e si avrà :
loro complesso corrisponderebbe a d un flusso q c h e passerebbe d a l refrigerante al sistem a .
Analogo ragionamento v a l e p e r i flussi opposti o; e O , col risultato di un flusso q c h e dal
o
sistema evolvente si di rige alla sorgente calda, per cui nell 'ipotesi fatta si avrebbe i l passaggio
del calore q dal refrigerante alla sorgente calda senza una corrispondente spesa di lavoro, Per ciascun ciclo elementare Carnot si ha una relazione analoga ed eseguendone la
contro i l postulato di Clausius i l quale stab i l i sce che il calore non può passare « da solo » da somma risul ta :
una temperatura i n feriore ad una superiore .
Supponiamo a l lora che possa essere valida l 'ipotesi che o; e o; siano mi nori di O , e
Q2 , ma sempre con uguale differenza :

o; O, - q + ( d�2 ) + . . . . + ( d�2 ) 11 ] o
2
=
Anche in q uesto caso vale il ragionamento analogo al precedente, con risul tati opposti i n
quanto i due flussi o; e 0 2 darebbero luogo ad un flusso q che d a l si stema evolvente
ove gli indici da I ad n si riferiscono ai successivi cicli elementari .

-J
passerebbe al refrigerante a temperatura T2 , men tre o; e O , equi valgono ad un flusso q
dalla sorgente calda al sistema operante, e nel complesso si avrebbe il passaggio del calore q
�� = f
Trattandosi di cicli i n fi n i tesimi n tende a l l 'i n fi n i to e quindi si avrà :
dalla sorgente calda alla fredda senza la produzione di alcun lavoro e senza alcuna
variazione dell 'energia del sistema, i l che non è possib i l e .
Si potrebbe a n c h e supporre c h e essendo i cicli invertibili le due macch ine in vertano i l
proprio funzionamento, in modo che i corrispondenti cicl i siano percorsi in sensi contrari ai
J dQ,
T,
d02
T2
= O ;
J [ 1
dQ,
T2

Risulta perciò che in un ciclo reversibile la somma di tutti i rapporti c/0/T fra le
precedenti, cioè l a motrice funzioni da operatrice e l 'operatrice da motrice . quantità di calore ricevute <la i corpo e le �orrispondenti temp, rature assolute è uguale alla
I n tal i condizioni si in vertirebbe anche i l senso del fl usso q u l timo cons iderato, non somma degli analogh i rapporti tra le quantità <li cal ore cedute dal corpo a l l e sorgenti fredde
accettabile in base a l postulato di Clau s i u s . e le relative temperature assolute di scambio, men tre risul terà n u l l a la somma algebrica di
Non potendo sussi stere i d u e casi consi derati n e l l a dimostrazione p e r assurdo dovrà tutti i rapporti .
essere necessari amente :

p p
e quindi i rendimenti termici dei due cicli saranno identici , pur operando con sostanze di A
natura diversa .

45. L'INTEGRALE DI CLAUSI U S . - Si abbia un ciclo revers i b i l e qualunque e suppo­


n iamo d i suddividerlo i n un grandissimo n umero di cicli elementari reversibili per mezzo di
adiabatiche revers i b i l i tracciate a di stanze i nfinitesime. A meno di i n fi n i tesimi trascura b i l i di
ordine superiore possiamo anche supporre di sostituire a ciascun arco el emen tare del ciclo
dato i l corrisporidente arco in fi ni tesimo d i isoterma, e in tal modo i l ciclo revers i b i l e

,
qualsiasi si potrà considerare come l 'insieme d i tantissimi cicli elementari di Carnot (fig. 5 7
a).
J]

Abbiamo perciò sostituito al contorno del ciclo un contorno spezzato formato da


moltissimi archetti i nfinitesimi di isotermiche e d i adiabatiche (alternati) e si potrà supporre
che il fluido operante venga successivamente i n contatto con tantissime sorgenti di calore, Fig. 57 a , b. - Cicli revers i b i l i . I n tegrale di C l a u s i u s .
V

ciascuna a temperatura costante uguale a quella del l 'elemento di i sotermica corrisponden t e .


Le sorgenti calde forn iranno l a quantità di calore necessaria p e r i l compimento d e l rispettivo
ciclo e lementare ed il fluido verserà alle corrispondenti sorgenti fredde i l calore non Tenendo conto del segno o - secondo che il calore d Q è addotto o sotti·atto, si può
utilizzato.
+
scrivere :
Per u n ciclo elementare generico sia dQ, la q uantità infi n i tesima di cal ore ceduta a l
fluido dalla sorgente a temperatura T , e sia d Q2 q u e l l a versata a l re frigerante a temperatura
T,. Le temperature T , e T, sono quel l e delle sorgenti durante g l i scambi di calore, ed i l
rendimento termico del ciclo elementare considerato sarà :

ri = I
- 1 80 - 181

estendendo l'integrale a tutto i l ciclo. Sotto q uesta forma la relazione prende il nome d i Perciò la frazione d i calore utilizzata sarà tanto maggiore quanto p i ù elevata è
in iegrale di Clausius per i cicli revers i b i l i , ed i n e s s a le temperature d e l corpo opera nte sono la temperatura della sorgente che forni sce i l calore, e quindi quanto minore è la
ugua l i , istante per istante, a quelle delle corri spondenti sorgenti .
variazione di en tropi a che accompagna l o scambio di calore tra sorgente e
Si conclude che / 'integrale di Clausius per un qualunque ciclo invertibile è 11 1 1 /10.
Confrontiamo ora il ciclo non i nvert i b i l e con uno invert i b i l e ad esso ugual e . cioè fluido operante .
eseguiamo i l confronto a parità di variazioni di stato fisico del corpo evolvente. N e l ciclo Pertanto men tre il pri mo principio stabi l i sce che esiste sempre equi valenza
i n vertibile dovrebbe esiste re i n ogni istante e q u i l ibrio d i temperatura tra il fl uido e le tra calore e l avoro, il secondo principio mette in evidenza che dal punto di vi sta
sorge n t i , e per esso l 'i n tegral e sarebbe nullo: per i l ciclo non i n vertibi l e , i nvece, l e temperatu­ termodi namico due ugual i quantità di calore hanno valore differente, agli effetti
re delle sorgenti calde saranno maggiori e q u e l l e delle fredde m i nori di quelle corri spondenti
del l avoro, se si trovano ad un diverso l ivello termico .
del ciclo invert i b i l e , e pertanto n e l l 'integrale d i C l ausius la somma dei termi n i posi t i v i
risulterà m inore , i n v a l ore assoluto, d e l l a s o m m a dei term i n i nega t i v i . col risultato c h e i n un A parità di refrigerante e di quantità d i cal ore 0 1 i l l avoro che si potrà
ciclo non reversibile / 'integrale di Clausius assume sempre un va lore minore di zero. ri cavare sarà tanto maggiore quanto più a l ta è l a temperatura T , a l l a quale i l
c;:i lore è forn i to a l l a sostanza operante . Se, i n vece, s i avesse a d isposizione l a
46. ENTROPIA. - Siano A e B due stati fisici noti ed (a ) e ( b ) due qualunque stessa quantità a l l a temperatura T2 del refrigerante non se n e potrebbe ricavare
trasformazioni revers i b i l i passanti per essi . I due stati sono i n d i pendenti dal camm ino
alcun l avoro .
percorso dal corpo evolvente per passare d a u n punto a l l 'altro ( fi g . 57 b ) .
Supponiamo c h e i l corpo passi da A a B seguendo la ( a ) e ritorni da B i n A percorrendo La q uantità che non può essere util izzata nel ciclo ideal e di Carnot è 02 =
l a ( b ) . I n tal modo s i comp irebbe un ciclo revers i b i l e per i l quale v a l e l 'equazione cli ( 0 1 /T 1 ) T 2 , e s i nota che, a pari refrigerante, essa sarà tanto minore quanto
Clausius, e q u i nd i : m i nore è l a variazione di en tropia corri spondente a l l 'isoterma superi ore del
ciclo, cioè quanto più a l ta è l a tempera tura del l a sorgen te calda .
Diremo, perciò, che di una data q uantità di calore l a frazi one util izzabile
sotto forma di l avoro risul terà tanto maggiore quanto mi nore sarà l a variazione
N e deriva che l ungo una qualu nque trasformazione revers i b i l e che u n i sce i due stati di entropia che accompagna i l passaggio del cal ore dalla sorgen te al corpo
fi sici è costante l 'i n tegra le di Clausius, per c u i i l suo valore è funzione sol t a n to elci due stati operan te . La variazione di entropia può quindi servire come pietra di paragone
fisici e non d i pende dalla trasformazione rev e rs i b i l e segui ta . Pon i a m o : per con frontare le q uantità di calore in relazione a l l avoro che da esse può
J 2 dQ .2 ricavarsene . In particolare a piccola variazione di en tropia corrisponde grande
JI
- = dS = S2 - S , ( J / K oppure I /kg K l capacità in lavoro, e viceversa .
I T
I l con fro n to va esegu ito a pari tempera tura del refrigerante, genera l m ente
e defi n i amo così una particolare grandeza fi sica S che è funzione soltanto dello s t a t o fisico consi derato a l l a tem peratura ambiente (atmosfera - acqua di mare ) .
(funzione d i stato ) , cioè una grandezza che per u n determ inato corpo cd un dct.: rm i n a to stato Abbiamo osservato che nel sistema forrnato dalla sostanza operante e dalle
fi sico assume sempre il medesimo valore .
d u e sorgenti la som m a delle entropie del l 'intero si stema resta costan te solo
A questa nuova grandezza i l Clausius ha dato i l nome di Entropia, ed una variazione cl i
e n tropi a t r a d u e stati è defi n i ta come q u e l l a grandezza ottenuta calcolando l 'in tegra le di nell 'i potesi che si compia un ciclo reversibile di Carnot.
C l ausius l ungo u n a trasformazione i n vert i b i l e qualunq ue che porta i l corpo evol vente da uno Nel caso di un ciclo reale, invece, i l rendimento è deci samente rni nore , e a
stato a l l 'al tro . Si ri torna così a l concetto di e ntropia che è stato pri m a i n trodotto i n rorma parità di 0 1 sarà rn aggiore la quan t i tà 02 versata al rcl'rigera nte . N e deri va che
più elementare . l 'aurnento del l 'entro p i a del rcl'rigerante sarà rnaggiorc del la dimin uzione che si
Come già acce n n a to il d i fferenziale della funzione en tropica è un d i ffc rcnziak esa tto.
veri fica nel la sorge n te calda, per cui l a sornma del l e en tropie del sistema
men tre non lo è i l dQ i n quanto gli sca m b i di calore di pendono anche dal t i po di
trasformazion e . él Ulllenta .
Questo risul talo ha val ore genera l e c d è appl icabi l e a qualunque sistema
rea l e . I n fatti i l calore passerà dai corpi più caldi a quel l i più freddi subendo
47 . SIGN I FICATO FISICO DELL'ENTROPI A . - L e osservazioni fa tte
una degradazi one, e l 'aumento di entropia nei corpi meno caldi che ricevono
nei precedenti paragra fi permettono di form arsi un concetto fi sico abbastanza
calore sarà maggiore del l a diminuzione che ha luogo i n que l l i che cedono
soddi sfacente del l 'entrop i a . N e l ciclo d i Carnot l a variazione di en tropia del la
calore . Aumenta perciò la somma de l l e en tropie del si stema, ed aumenta la
sorgente calda è direttamente proporzionale al cal ore Q 1 ed i nversamente a l l a
q uantità di cal ore non converti bile in l avoro .
T 1 , men tre i l ren d imento del ciclo è proporzionale a l l a T 1 e cresce con essa .
- 1 82 -

L'energia termica, per la sua particolare natura, tende sempre a degradarsi


passando dai livelli più alti a quelli più bassi (è stata anche chiamata energia di
seconda specie) , e poiché i fenomeni non potranno mai svolgersi in modo
reversibile ne deriva che la somma delle entropie di un qualunque sistema
reale di corpi tende ad aumentare .
Il concetto si può applicare allo stesso Universo per il quale si può ritenere
costante la somma delle energie, mentre l'entropia aumenta continuamente e CAPITOLO QUINTO
tende ad un massimo.
Se in particolare consideriamo soltanto due corpi, uno a temperatura T1 e LA TRASMISSIONE DEL CALORE
l'altro T2 il calore Q passa direttamente dall'uno all'altro senza che se ne utilizzi
alcuna parte. Si avrà la degradazione per l'intera quantità Q, ed agli effetti del
lavoro l'intero salto termico è dissipato . L'entropia del sistema aumenta in
quanto l'aumento O/T2 per il corpo freddo è maggiore del la diminuzione O/T 1 48. PROPAGAZIONE DEL CALORE . - Il problema della trasmissione
relativa al corpo caldo, l:lssendo T 1 > T 2 . del calore è di fondamentale importanza per tutti gli impianti termici, apparati a
vapore e a combustione interna, scambiatori di calore, condizionamento, refri­
gerazione, ecc. Le condizioni di trasmissione possono presentarsi molto diverse
e risultano influenzate da molti fattori : natura e forma del materiale (condutto­
ri, coibenti, refrattari), qualità dei fluidi (liquidi, vapori saturi o surriscaldati,
gas, miscele), fluidi in quiete (stagnanti) e fluidi in movimento, moto laminare
dei fluidi o vorticoso, circolazione natu rale o forzata, senso del moto dei fluidi,
velocità, densità.
In tutti gli apparecchi funzionanti a temperature superiori a quelle del­
l'ambiente (caldaie, tubolature di fluidi caldi, motrici, condensatori, ecc.) vi è
sempre trasmissione di calore dall'interno all'esterno attraverso l'involucro, ca­
lore che costituisce una perdita nel corrispondente bilancio termico .
Rammentiamo che si è riservato il nome di calore all'energia che si tra­
smette da un corpo ad un altro, o attraverso uno stesso corpo, dando luogo a
fenomeni termici individuabili nelle variazioni dell'energia cinetica molecolare
di vibrazione, e che i meccanismi fondamentali di propagazione sono essen­
zialmente la conduzione, la convezione e l 'irraggiamento, o una combinazione
di essi.

49. CONDUZIONE. - La propagazione per conduzione è carattensttca


dei corpi solidi, particolarmente dei metalli che sono i migliori conduttori del
calore (come di elettricità). Nei liquidi e nei gas la conducibilità è trascurabile
(nel mercurio liquido è di tipo metallico).
In un corpo solido in equilibrio termico i moti di agitazione molecolari
tendono a distribuirsi uniformemente attraverso gli urti reciproci e le energie
cinetiche di vibrazione potranno mantenere in ogni punto un valore medio
costante, corrispondente alla temperatura di equilibrio ; se, invece, la temperatu­
ra risulta diversa tra vari punti si determina una trasmissione di energia dalle
- 184 - - 185 -

molecole con maggiore energia a quelle aventi minore energia, cioè si realizza il Il coefficiente di conduttività interna rappresenta pertanto la quantità di
passaggio di calore dalle zone a temperatura più elevata verso que1le a tempera­ calore che passa in un secondo attraverso una parete di un m2 , dello spessore di
tura inferiore. 1 m, quando la differenza di temperatura tra le due facce è di I K, come risulta
Se poi, mediante particolari accorgimenti, si riesce a mantenere costante la
differenza di temperatura, ad esempio mantenere una parete del corpo ad una
data temperatura ed un'altra a temperatura inferiore, si realizzerà la trasmissio­
ne di calore a regime stazionario, regime che dovrà prevedere una sorgente di
calore da una parte ed un fluido che riceve ed assorbe calore dall'altra .
Consideriamo lin corpo solido a generatrice curvilinea di spessore s relati­
vamente piccolo rispetto all'estensione delle pareti che lo delimitano . Immagi­
niamo di isolare nel suo interno due superfici isoterme parallele a distanza
infinitesima ds, e sia d T la caduta elementare di temperatura nel passaggio del
calore dalla superficie a temperatura T a quella di temperatura T - dT (fig . 58
a).
La quantità di calore si può ritenere direttamente proporzionale alla super­
ficie A, al tempo t, al salto di temperatura d T ed al coefficiente di conduttività
interna À del materiale, mentre risulterà inversamente proporzionale allo spes­
sore che oppone resistenza alla trasmissione . Si potrà scrivere:

Q
Q À ..t_ t dT ( I ) À ..t_ dT (W)
ds ds

con Q in J , A in m 2 , s in m, T in K ed il coefficiente À in ) /msK (W/mK). Fig. 58. - Trasmi ssione del calore .
Nel caso di uno strato piano di spessore 6. s, temperatura T1 della parete a
contatto del fluido caldo, T2 nel contatto col fluido meno caldo, il valore A è
dalla precedente formula ponendo uguali all'unità le dette grandezze . N el S I
costante per tutte le superfici isoterme parallele, per cui si avrà:
esso risulta espresso in J/ms K , cioè in W /mK, mentre nel sistema tecnico è dato
Q ds = À A t dT 0 /ds = À At j T , dT
T,
in kcal/mh °C come risulta ancora nei manuali tecnici. Si ha l 'equivalenza:

Q
I kcal/mh °C = 1 , 1 6 3 W /m K (4 1 86,8 : 3600 = 1 , 1 63)
Q
Consideriamo ora la trasmissione attraverso uno strato cilindrico, com e è
il caso di tutti gli scambiatori di calore tubolari . Le superfici a contatto dei due
Nell'integrazione si è tenuto conto che la somma di tutti gli spessori
fluidi non sono uguali ed il valore di A diminuisce gradualmente dal l 'esterno
elementari ds corrisponde allo spessore totale s, ed analogamente la somma di
all 'in terno per le tantissime superfici cilindriche coassiali, supposte isoterm e .
tutte le cadute elementari dT equivale alla caduta totale di temperatura fra le
Per la superficie generica d i raggio r , area A in corrispondenza del la temperatu­
due pareti.
ra T, e per un tratto di tubo di lunghezza L sarà A = 2 n r L, mentre sarà ds =
La quantità di calore che attraversa i n un secondo l'unità di superficie
risulta quindi:
dr lo spessore dello strato cilindrico elementare (fig . 58 b) .
Applicando il calcolo differenziale si avrà:

q ) /m 2 s

8. - CAoc c 1 , Macchine Marine - Voi . I I .


186 - - 187 -

Q
dr
A
= À t dT Q J dr
2 n r L
- À t J dT

Ma:

"
J
e
(!)

dr
2
- cu
r
= lg r2 - lg r 1 ci
I
..e: ..e:
(!)

u .'::2
(!)

�I Jv /:y/,r': /
e in definitiva: I I 1 / 1 / 1 / 1/ E.._ E
.._
o
I I

o
/1 /: /, I

r
(!)

//
I
(!)
:
Q (joule) I I I
(/) -�

o
/1 /:I I I
, ' , :,, y Y
/ I /I I 1
�.._
} ,?' y l .._
'+­
I1
I I ,t /I / I1 / o. o.
(!) (!)

y
I
e la quantità di calore trasmessa nell'unità di tempo per uni tà di lunghezza
/ I /i I
/I / I I
i/ .( 1
I ::J ::J
I I
I
(/) (/)

dello strato cilindrico: / � ,Y ( 1 I I '-.___)


J
.L'l. _ .L _ .L _ L L .L LY-
,f I 1 /1 / I / 1 /
/1 / 1 I I I

Q
1
I
I
t L
( W/m )
!-----��--­
I

!
Quando lo spessore del tubo è piccolo rispetto alla superficie attraversata
I
I
T
si può impiegare con discreta approssimazione la formula della parete piana T
ponendo: ·

S = re - r; A n (r; + re ) L I
I I
I I
I
Nella conduzione attraverso la parete piana la temperatura varia linear­ a)
I
I
I
I
I
b)
mente (fig . 59 a), mentre attraversando le superfici i sotermiche coassiali dello - - - - - - - - 1- --
- - 1- - - - - - - - - T2
I I

strato cilindrico la temperatura presenta andamento logaritmico (fig. 59 b).


1 1

Il coefficiente di conducibilità dipende dalla natura del materiale, dalla


\l I
I
I
I
o I

densità, dalla coesione e dalla temperatura. Il miglior conduttore è l'argento, r


seguito da rame, oro, alluminio, ottone, ecc. Per liquidi e gas , e specialmente per
le sostanze coibenti, il coefficiente è molto basso . Fig. 59. - Trasmissione del calore .
Quando il calore si trasmette attraverso materiali eterogenei la quantità
trasmessa resta costante per ciascuno di essi, ma saranno diverse le successive
cadute di temperatura, ed a parità di spessore il salto risulterà minore per il Le tabelle seguenti forni scono i coefficienti di conduttività per alcuni
corpo miglior conduttore, e sarà più elevato per la sostanza che oppone maggior solidi e liquidi a temperatura ordinaria, per alcuni gas e per alcuni coibenti a
resistenza alla propagazione del calore. Peraltro il salto totale sarà lo stesso, a diverse temperature.
parità di altre condizioni , anche variando la disposizione dei materiali (fig. 60).
- 1 88 - - 1 89 -

Le tabelle sono state ricavate dai manuali per l'Ingegnere « Colombo » e Coefficienti di conduttività À per alcuni gas (in W/m K)
« Malavasi » , riportate in unità SI. Attualmente non si trovano ancora manuali
con le unità del sistema internazionale. Temperatura i n oc
Sostanza
- 1 80 - 50 o 50 1 00 200 300 400 500

An idride carbonica - 0,0 1 1 4 0,0 1 40 0,0 1 68 0,0 1 95 - - - -


Aria - Ossigeno - Azoto 0,0080 0,0 1 98 0,0236 0,0272 0,0307 0,0370 0,0429 0,0485 0,0538
Idrogeno 0,06 1 6 0, 1 465 0, 1 744 0,20 1 2 0,2268 0,2733 0,3 1 75 0,3582 0,3977
Vapore acq ua - - - 0,0200 0,0234 0,0300 0,0366 0,0432 0,0499

------t--1___ dAI i--------r---


'I ' 'I

_ _ i _ _ jd F e !
r
I
Coefficienti di conduttività À per alcuni isolanti (in W/mK)
T

Temperat ure

dT
p 111 oc
Sostanza
'' '' kg/m 1 - 200 - 1 00 o 1 00 200 300 400 500
: Llcu

: -- ---���
Amianto - - - -
-
700 0, 1 558 0,22 1 0 0,2337 -

580 0,0826 0, 1 360 0, 1 5 1 2 0, 1 942 0,2093 0,2 1 63 0,2233 0,2 302


Fig. 60. - Trasmissione del calore . Cotone 81 0,0325 0,0442 0,0558 0,0674 - - - -
Farina fossile 200 - - - 0,058 1 0,0700 0,08 1 4 - -
( i mpasti-k icsclgur) 300 - - 0,0674 0,0790 0,0907 0, 1 390 -
Valori del coefficiente di conduttività in W/mK Fi bre organiche 1 00 - - 0,0384 0,0465 0,0540 - - -
(lana, cotone, seta, ecc .) alla
Materiale À Materiale À ri nfusa 200 - - 0,0465 0,0535 0,0600 - - -
Lana di vetro 50 - - 0,0370 - - - - -
Lana di vetro alla ri nfusa 400 - - - 0,0744 0, 1 000 0, 1 256 - -
Acqua stagnante 0,58 0,60 Muratura mattoni 0,70 1 ,40 Scorie d 'alto forno (grana
Alcool 0,2 1 Muratura pietrame 1 ,4 2,4 grossa) 360 - - 0, 1 390 0, 1 940 - - - -

Alluminio 207 N ichel 58 70 Scorie d 'alto forn o (grana


Amianto 0,232 Oli e petroli 0, 1 1 6 0, 1 74 fine) 360 - - 0, 1 046 0, 1 325 - - - -
Argento 418 Oro 290 300 Seta e cascam i 1 00 0,0256 0,0372 0,0500 0,0604 - - - -

Bronzo 58 Ottone 70 1 16 Sughero polvere 1 60 - - 0,0360 0,0558 0,0640 - - -

Calcestruzzo 0,8 1 0,40 Piombo 35


Cemento 0,93 Platino 70
Feltro 0,058 Porcellana 0,8 1 1 ,04
Ferro, acciaio, ghisa 46 -;-. 80 Rame 302 395 50. CONVEZIONE. - La trasmissione del calore per convezione o tra­
Grafite 4,90 Sabbia asciutta 0,325
sporto è caratteristica dei fluidi (liquidi e gas) e si realizza mediante trasporto
I ncrostazioni caldaie 1,16 3,50 Stagno 64
I n tonaco normale 0,8 1 Sughero (segatura) 0,058 0,093 di materia, ctoe per mezzo di rimescolamenti delle moleco.le. Il fenomeno
Legno 0, 1 4 0,23 Tela 0,046 0,070 dipende da molti parametri, ed ancor oggi non è perfettamente conosciuto a
Marmo 2,32 3 ,49 Vetro 0,50 0,93 causa della sua complessità.
Mercurio 7,56 Zinco 1 10 1 28 Si è visto che la conduzione si manifesta senza trasporto di materia , con
- 190 - - 19 1 -

una trasmissione di urti molecolari tra le zone a temperatura più elevata verso tempo dal fluido che attraversa lo scambiatore, oppure le entalpie all'entrata ed
quelle a temperatura minore, trasmettendo in tal modo energia vibratoria mole­ all'uscita .
colare. Le molecole, peraltro, a causa della notevole forza di coesione si limita­ La trasmissione di calore per convezione e contatto tra fluido e parete, o
no ai movimenti microscopici di agitazione molecolare all'interno del proprio viceversa, si usa spesso indicare col termine di adduzione d i calore, e nello
reticolo di delimitazione. stesso fenomeno può essere compreso il calore proveniente da eventuale irrag­
In una massa fluida, invece, dove la coesione è notevolmente minore, a giamento.
causa delle differenti densità provocate da diverse temperature le molecole La quantità di calore trasmessa nell'unità di tempo sarebbe :
risultano più libere e assumono i ben noti moti convettivi che rimescolando la
massa si traducono nella trasmissione di calore per convezione . È esperienza 1 /s ( W )
comune quella di una pentola dove l'acqua che si riscalda inizia i moti convet­
tivi dal basso verso l'alto ancor prima che si raggiunga la temperatura di essendo A la superficie della parete a contatto, T1 la temperatura media della
ebollizione, come è anche facile osservare i moti convettivi dell'aria che si parete e T2 quella media del fluido refrigerante, ovvero T1 quella media del
riscalda a contatto della lamiera di un autoveicolo esposto ai raggi cocenti del fluido riscaldante e T2 quella media della parete nel caso di passaggio di calore
sole. dal fluido alla parete, mentre a è il coefficiente di convezione in W/m 2 K .
Il caso della pentola corrisponde alla convezione naturale che si verifica Il coefficiente d i proporzionalità a viene talora denominato anche coeffi­
quando un fluido in quiete (stagnante) si trova in contatto di una parete solida ciente di conducibilità per contatto, o di conduttività interna, forse in modo
a differente temperatura. In questo caso i moti convettivi sono provocati dalla improprio . Esso esprime la quantità di calore trasmessa in 1 s ad 1 m 2 di parete,
diretta adduzione di calore, e però si nota che, a causa della viscosità del fluido o viceversa, per la differenza di 1 K fra le temperature medie considerate . Si
e della adesione, a contatto della parete si forma una pellicola di fluido stagnan­ tratta, peraltro, di una concezione molto semplificata del fenomeno in quanto il
te, o tutt'al più dotata di un piccolo moto laminare, attraverso la quale il calore coefficiente di convezione a non è costante ed è di difficile determinazione.
si propaga per conduzione, mentre a valle di essa si generano i moti convettivi Esso dipende da molti parametri perché il fenomeno è influenzato dalle gran­
fino a raggiungere una distanza alla quale la temperatura è praticamente uguale dezze relative alla natura delle sostanze ed allo stato fisico quali densità,
a quella media del fluido . viscosità, calore specifico, coefficienti di dilatazione e di conduttività interna,
Il maggior salto di temperatura, rispetto al totale, si riscontra in corrispon­ convezione naturale o forzata dei fluidi, caratteristiche del moto, laminare o
denza della pellicola fluida aderente alla parete solida . Essa, infatti , oppone una turbolento, condensazione di vapori, vaporizzazione di liquidi .
sensibile resistenza alla trasmissione del calore che si propaga per conduzione . Il caso di convezione naturale con fluidi stagnanti potrebbe interessare, ad
Nei calcoli semplificati si suppone che la quantità di calore trasmessa per esempio, il passaggio di calore dalla superficie di riscaldamento all'acqua delle
convezione nell'unità di tempo e per unità di area della parete sia direttamente caldaie a circolazione naturale, oppure la trasmissione dal vapore di scarico che
proporzionale al salto di temperatura tra la superficie solida e quella media del si condensa a contatto della superficie refrigerante del condensatore . Altro
fluido, secondo un coefficiente di convezione a la cui determinazione è peral­ esempio caratteristico si ha negli impianti di riscaldamento a termosifoni, con
tro molto difficile. circolazione naturale .

Relativamente più semplice è il caso della convezione forzata, quando il 5 1 . IRRAGGIAMENTO. - Il terzo modo di propagazione del calore è
fluido a contatto della superficie solida è tenuto in movimento da un'azione quello dell'irraggiamento, ovvero dell'energia radiante che si trasmette per onde
meccanica a velocità sufficientemente elevata, come si verifica normalmente in elettromagnetiche, senza richiedere un mezzo intermedio di trasporto, cioè
molti scambiatori di calore a superficie, generalmente di tipo tubolare . Anche la senza alcun intermediario materiale, tanto che la migliore trasmissione si realiz­
trattazione risulterà abbastanza semplificata per quanto concerne le esigenze za attraverso il vuoto .
pratiche perché basterà conoscere la portata di fluido, il suo calore specifico e Un corpo caldo, posto ad esempio nell'aria, o nel vuoto, irradia energia in
la differenza di temperatura fra l'entrata e l'uscita dell'apparecchio per calcolare tutte le direzioni, energia generata dalla stessa energia interna del corpo, e nelle
con buona approssimazione la quantità di calore assorbita o ceduta nell'unità di
- 1 92 - - 193 -

condizioni di regime, con temperatura costante, l 'emissione continua con la tempo è proporzionale alla superficie, alla quarta potenza della temperatura
medesima legge . assoluta ed al coefficiente di irraggiamento e; :
La produzione di energia raggiante a spese dell'energia interna del corpo
emittente, tende a ridurre la temperatura del corpo, e per mantenere il regime q = cI· A ( ___!_ ) 4
con la medesima legge è necessario rigenerare l 'energia interna mano a mano 100
che si verifica l 'emissione, e ciò si ottiene praticamente nelle sorgenti di calore .
Nella trasmissione per irradiazione il calore passa spontaneamente dal La quantità di energia trasmessa fra due corpi con pareti parallele rispetti­
corpo caldo a quello freddo, ed il corpo freddo ritrasforma in calore l'energia vamente a temperature T, e T2 , per una superficie A nel tempo t sarebbe
radiante assorbita . A rigore non si può parlare di trasmissione del calore per quindi :

T1 )4 ( 4]
irraggiamento, perché in realtà si ha una trasmissione di energia per onde
elettromagnetiche, e soltanto nell'impatto con un altro corpo tale energia provo­ T2
Q = c; A t [ ( - )
ca un aumento dell'energia cinetica molecolare di vibrazione convertendosi in 1 00 1 00
calore.
In presenza di una sorgente rovente, di una stufa elettrica accesa, di un li coefficiente di irraggiamento per il corpo nero vale circa 5,7685 W /m 2
camino col fuoco acceso, del bruciatore della caldaia e dello stesso radiatore K (circa 4,96 kcal/m 2 h °C), mentre per i corpi che interessano l 'irraggiamento
caldo di una abitazione, si ha subito la sensazione dell'energia radiante e del nelle caldaie si ha in media e; = 4 -,-- 5,25 W /m 2 K .
conseguente calore . Una esperienza molto semplice, che permette di rendersi 1 1 corpo nero alla temperatura di I 000 K irradierebbe quindi circa 49600
conto della propagazione del calore per irraggiamento, si può realizzare in una kcal/m 2 h, cioè circa 57685 l/111 2 s .
stanza di abitazione nella quale, ad esempio, la temperatura media durante la Nella formula il fattore l / 100 4 potrebbe conglobarsi nel coefficiente di
stagione invernale potrà risultare di 18 °C, mentre esponendo un termometro irraggiamento il quale però assumerebbe in tal modo valori numerici piccolis­
all 'azione dei raggi solari la temperatura sale facilmente fino anche a 45 °C . I simi . Risulta in pratica più conveniente elevare alla quarta potenza la centesima
raggi solari si sono propagati attraverso i vetri di una finestra chiusa, senza parte della temperatura assoluta.
alcun trasporto di materia, e colpendo il termometro l'energia assorbita si La legge di Stefan e 13oltzmann è valida anche per le fiamme che presenta­
converte in calore che determina un considerevole aumentò della temperatura . no grande potere irraggiante : per fiamme di nafta si può assumere in media c;
Si definisce potere emissivo di un corpo la quantità di energia irradiata = 4,65, e per fiamme di carbone, specie se polverizzato, fino a 5,25 W/m2 K .
per unità di superficie emittente nell'unità di tempo (J/m 2 s), mentre si dice L a precedente legge non è valida per i gas di combustione i quali hanno
potere assorbente i l rapporto tra la quantità di energia realmente assorbita un grande potere irradiante, specialmente l'anidride carbonica ed il vapor d'ac­
dalla superficie e la quantità di energia raggiante che giunge sulla stessa . qua ad elevata temperatura . Per il calcolo della quantità di energia irradiata dai
Il corpo ideale che assorbe totalmente l'energia su di esso irradiata, senza gas caldi di C02 e H20 è stata proposta la formula sempli ficata :
riflettere alcuna radiazione, dicesi corpo nero assoluto (potere assorbente ugua­
le ad 1 ) . Esso presenta anche il massimo potere emissivo . Q = c; A ( Tg - Tp ) 1 /s
Tutti i corpi che interessano le pratiche applicazioni hanno un potere
emissivo minore, ed in particolare i corpi che costituiscono le pareti irradiant i e essendo Tg la temperatura dei gas e T" quella della superficie irradiata . I l
quelle irradiate delle caldaie si considerano alla stregua del corpo grigio della coefficiente di irradiazione e;, che s i può considerare uguale a lla somma dei
Fisica per il quale il potere assorbente risulta generalmente maggiore di 0 ,5. coefficienti relativi all 'anidride carbonica ed al vapor d'acqua, assume media­
Per uno stesso corpo il potere emissivo è tanto maggiore quanto maggiore mente valori compresi tra 24 e 35 W / 111 2 K .
è il suo potere assorbente, e i limiti estremi corrispondono al corpo nero ideale
ed allo specchio ideale . 52 . TRASMISSIONE DEL CALORE D A U N FLU I D O A D U N ALTRO
Secondo la legge di Stefan e Boltzmann l'energia irradiata nell'unità di ATTRAVERSO UNA PARETE. - La propagazione di calore da un fluido ad
un altro attraverso una parete solida si compone di tre fasi : adduzione da un
- 1 94 - - 195 -

fluido alla parete, conduttività interna attraverso la parete, adduzione dall'altra À coefficiente di conduttività della parete, m W/mK) ;
faccia della parete all'altro fluido. L'adduzione si svolge generalmente per con­ s spessore della parete in m ;
vezione e contatto, cui si può aggiungere l'irraggiamento ; in alcuni casi l'ener­ k coefficiente di trasmissione totale del calore m W/m2 K .
gia raggiante può essere preponderante rispetto alla convezione. Alla differenza delle temperature assolute si può sostituire quella fra le
La quantità di calore trasmessa in condizioni di regime è la medesima temperature Celsius.
nelle tre fasi per cui dovrà risultare : Il coefficiente di trasmissione totale rappresenta la quantità di calore che
passa nell'unità di tempo ( 1 s) dal fluido caldo a quello meno caldo, attraverso
O = a I A t (T 1 T') = J_ A t (T' - T") un m 2 di superficie per la differenza di temperatura di 1 K tra i due fluidi. Caso
s
-

per caso bisognerà impiegare il coefficiente k appropriato e sarà sufficiente


Si ricava :
servirsi, per calcoli approssimati, dei coefficienti sperimentali forniti dai manua­
T 1 - T' = O T' - T"
s o T" - T 2
o li.
a, A À A t La presenza di incrostazioni dal lato acqua aumenta la resistenza al pas­
saggio del calore, riducendo sensibilmente il valore di k, e aumenterebbe note­
e sommando membro a membro : volmente la temperatura della parete a contatto dei gas caldi. Anche la presenza
1 � _!__ O di fuliggine dal lato dei gas riduce il coefficiente di trasmissione, ma non
( + + )
-;-; À a2 A t produce surriscaldamento della lamiera.
Nel caso di pareti sottili di metallo buon conduttore, come rame, alluminio,
Ponendo : ottone, nel calcolo di k si può trascurare il termine relat ivo alla conduttivi tà
1 interna ponendo :
k
k
k W/rn 2 K
risulta :

Per una parete tubolare di spessore relativamente grande non si potrà


In questo modo il calcolo della quantità di calore trasmessa risulta abba­ usare la formula relativa alla parete piana . Nei due termini relativi all 'adduzio­
stanza semplificato in quanto figurano soltanto le temperature dei due fluidi, ne bisognerà considerare le superfici rispettive esterna ed interna, con i corri­
generalmente note, e non quelle delle due facce della parete, generalmente spondenti cofficienti di adduzione, mentre nel termine relativo alla conduzione
incognite. Nella formula sono : interna della parete si impiegherà la formula in funzione del logaritmo naturale
O quantità di calore che attraversa la parete nel tempo t ( I ) ; del rapporto tra i raggi esterno ed interno. Si troverebbero in tal modo due
A superficie della parete piana in m 2 ; coefficienti di trasmissione totale ke e k; riferiti rispettivamente alle superfici
t tempo in s (dividendo per t si avrà l'energia trasmessa in W ) ; esterna ed interna del tubo, coefficienti che risultano inversamente proporziona­
T I temperatura del fluido che cede calore, i n K ; li alle due superfici.
T' temperatura della parete a contatto del fluido caldo, in K ; I coefficienti dipendono essenzialmente dalle caratteristiche dei fluidi a
T " temperatura della parete a contatto del fluido che riceve calore, m contatto, ed in pratica non esiste alcuna norma precisa che fissi quale debba
K ,· essere la superficie di riferimento, se quella esterna o quella interna, anche se
T 2 temperatura del fluido che assorbe calore, in K ; può sembrare che possa essere più razionale riferirsi a quella interna. Talvolta
a 1 coefficiente di adduzione tra il primo fluido e la parete (W /m 2 K ) ; s1 fa riferimento alla superficie media.
a 2 coefficiente di adduzione tra la parete ed il secondo fluido (W /m
2

K) ; Questa semplice trattazione della trasmissione del calore mette in evidenza


- 196 - - 197 -

che in corrispondenza del contatto tra fluido e parete si verifica una variazione b) circolazione inversa, o controcorrente : quando i fluidi percorrono le
brusca di temperatura . Si accetta l'ipotesi che- a contatto di ciascuna faccia superfici di contatto muovendosi in sensi opposti ;
aderisca un velo fluido attraverso il quale la temperatura cade gradualmente dal e) circolazione a correnti incrociate : quando il moto dei due fluidi si
valore medio del fluido a quello della parete (da T 1 a T'), o da quello della svolge in direzioni tra loro perpendicolari o quasi. I fasci tubieri sono in questo
parete all'altro fluido che riceve calore (da T" a T2 ) , come mette in risalto la caso situati trasversalmente rispetto al flusso di uno dei fluidi, e si possono
figura 6 1 a. Nella stessa figura si nota l'andamento della trasmissione attraverso prevedere i corrispondenti casi di circolazione diretta od inversa secondo che i
un tubo vaporizzatore ed un tubo surriscaldatore di caldaia . Le cadute della due fluidi abbiano le entrate e le uscite dalle stesse estremità dello scambiatore,
temperatura nelle pellicole di gas o di vapore aderenti al tubo sono notevolmen­ ovvero da estremità opposte .
te maggiori rispetto alle cadute che interessano il metallo od il velo d'acqua in La temperatura del fluido che cede calore (fluido riscaldante) diminuisce
relazione alle differenti conduttività (fig . 6 1 ) . gradualmente lungo il suo percorso, mentre nel fluido riscaldato aumenta .
Pertanto in una prima approssimazione si potrà tener conto di una differenza
media di tempera tura tra i due fluidi, tale che la quantità di calore così
b) calcolata approssimativamente sia uguale a quella realmente trasmessa .

> T2 ) , T' e T" quelle del fluido riscaldato (T" > T') , in via approssimativa la
T
Se T 1 e T2 sono le temperature iniziale e finale del fluido riscaldante (T 1

differenza media di temperatura risulterà:

T' + T"
2

e se uno dei due fluidi fosse praticamente in quiete si terrà conto per esso di
una temperatura costante .
Per il calcolo della superficie di trasmissione sarà necessario assumere in
modo appropriato il valore del coefficente di trasmissione totale k, in base a
valori sperimentali, ed allora si avrà:
Tu bo vaporizzatore Tu bo surrisca ldatore

o k A t 6 T111 A o
Fig. 6 1 . - Trasmissione del calore .
Spesso, però, occorre considerare la differenza media logaritmica .
Nel caso della circolazione inversa il coefficiente di trasmissione risulta
Fluidi in movimento . - Finora abbiamo supposto che i fluidi che si maggi.ore e perciò, a parità di altre condizioni, si ricava una superficie trasmit­
trasmettono calore attraverso una superficie siano in quiete, e ciascuno a tempe­ tente minore di quella necessaria nel caso di circolazione diretta . Le correnti
ratura costante (quella media) . Ma nei casi pratici i fluidi che cedono o ricevo­ incrociate corrispondono ad un caso quasi intermedio .
no calore sono generalmente in movimento e durante il loro percorso a contatto Nella · circolazione artificiale dei fluidi il moto può essere laminare o
della superficie di riscaldamento sono soggetti a variazioni di temperatura . Si turbolento, secondo la velocità . La formazione di vortici in genere favorisce la
distinguono i seguenti tre casi principali: trasmissione facendo aumentare sensibilmente il valore del coefficiente di tra­
a) circolazione diretta o equicorrente : quando i due fluidi lambiscono smissione .
le facce della parete muovendosi nello stesso senso ; Quando la trasmissione si svolge attraverso tubi di piccolo spessore rispet­
to al diametro, si può fare uso delle formule relative alle pareti piane, tenendo
- 1 98 -

conto del coefficiente opportuno . Come superficie trasmittente in questi casi si


può fare riferimento à quella in contatto del fluido per il quale è minore il
coefficente di adduzione.
Così, ad esempio, per i tubi di fumo si considera il diametro interno, per i
tubi d'acqua quello esterno, per i tubi dei surriscald atori quello medio, in
quanto i coefficienti relativi ai gas ed al vapore surriscaldato sono dello stesso
CAPITOLO SESTO
ordine. Non sempre, però,questa regola viene rispettata .
La formula approssimata è applicabile quando la differenza della tempera­
tura dei fluidi fra l 'entrata e l'uscita non è troppo elevata, e in tal modo il
COMPLEMENTI SULLE CALDAIE
calcolo si riduce a quello del caso di fluidi in quiete con temperatura uguale ai
predetti valori medi. D'altro canto la stessa formula approssimata viene impie­
gata sulla scorta di tantissimi valori sperimentali dei coefficienti di trasmissione 53 . L A TRASMISSIONE D E L CALORE NELLE CALDA I E . - Nel pre­
tra i quali si potrà scegliere di volta in volta, per lo scambiatore di calore in cedente capitolo abbiamo trattato, sia pure in forma elementare, delle principali
progetto, il valore più adatto rilevabile fra i dati sperimentali analoghi a dispo­ nozioni relative alla trasmissione del calore per l'importanza che assunse il
sizione del progettista. fenomeno negli impianti termici in genere, ed in quelli marini in particolare. Si
Il coefficiente di trasmissione può variare, e talvolta anche sensibilmente, potrebbe affermare che non esiste parte di un apparato motore che non sia
lungo la stessa superficie trasmittente. Nei calcoli di progetto è necessario interessata al calore, ed il fatto si rivela nella sua importanza solo fissando
suddividere in parti lo scambiatore, cioè in zone per ciascuna delle quali sia l'attenzione sui vari apparecchi scambiatori di calore. Nel campo delle caldaie,
possibile effettuare il calcolo separato in relazione a peculiari caratteristiche . Si poi, il fenomeno assunse aspetti particolari e complessi che devono interessare
consideri, ad esempio, che nelle vecchie caldaie suborizzontali soltanto le file anche il personale preposto alla loro condotta e manutenzione .
inferiori di tubi più grossi possono trasmettere anche una terza parte del calore L'energia termica che si sviluppa nel focolare di una caldaia si può tra­
che passa attraverso la superficie di riscaldamento totale, e che le superfici smettere alle pareti circostanti in tre modi, e in una combinazione dei tre modi
irradiate delle camere di combustione delle moderne caldaie assorbono una principali di trasmissione del calore :
parte notevole del calore totale disponibile . - per radiazione alle superfici esposte al fuoco ;
- per adduzione dai gas alle superfici di riscaldamento ;
- per conduzione attraverso le pareti metalliche e gli eventuali depositi
di fuliggine da un lato e incrostazioni dall 'altro ;
- per adduzione dalla parete al fluido da riscaldare (acqua da riscaldare
negli economizzatori, acqua da vaporizzare nei tubi vaporizzatori, vapore da
surriscaldare nei tubi del surriscaldatore ; aria da preriscaldare nel preriscalda­
tore a gas) ;
La potenzialità ed il rendimento della caldaia dipendono da molti parame­
tri : l'estensione, la posizione e la forma della superficie di riscaldamento ; il
diametro, la lunghezza, lo spessore, il passo e le file successive di tubi ; il tipo di
combustibile, la forma della camera di combustione, la temperatura dei gas, la
velocità dei gas, la velocità dell'acqua nei tubi, il senso dei flussi dei gas e
dell'acqua, le pareti schermate, l'azione combinata dovuta all 'irraggiamento ed
alla convezione, tutti gli elementi che influiscono sul valore del coefficiente di
trasmissione .
La produzione di vapore e la quantità di calore trasmessa dipendono anche
- 200 - 20 1 -

dall'estensione della superficie di riscaldamento. Nel caso di una caldaia ele­ 830 °C e dopo altre tre file sia uguale a 550 ° , all'uscita dei gas, di modo che la
mentare, con un solo collettore situato direttamente sopra il focòlare, una parte differenza di temperatura tra gas ed acqua nelle tre posizioni sia uguale rispet­
del calore sviluppato nel forno verrà assorbita per irradiazione dalla parete tivamente a 1 150 - 580 - 300 °C.
direttamente esposta, ed un po' di più per convezione e contatto con i gas caldi Aggiungendo un altro gruppo di tre file si potrà avere una temperatura
che lambiscono la seconda parte del collettore e la sua parete terminale in finale di · 430 ° (fig. 63 b ) , mentre aggiungendone sei , cioè raddoppiando la
corrispondenza del condotto del fumo (fig . 62 a). superficie rispetto al primo caso, si avrà una temperatura all'uscita di circa 3 40
°C (fig. 63 c). Evidentemente decrescono le differenze di temperatura tra gas ed
acqua e vapore. I successivi gruppi di tubi, a parità di superficie assorbono
quantità di calore gradualmente decrescenti, e si raggiunge un limite oltre il
- _-:::;;: _ -
;,/ f'umaio l o

quale non risulta più conveniente un aumento della superficie la dove i gas
tt t sono lievemente più caldi dell'acqua e del vapore.
,-------------, t
1
ft

--
_ lwe.Jlo__ '!_C (!'!B_ _ _ _ _ _ _ ___ __ _ _ _11ve110 _ acqua_ _ _ __ __
t t }
� :.' �
I t)' --, 'i
. '.' ) )
.. ► ___,,,
. _
..
)

a) b)
Fig. 62 . - Trasmissione del calore nelle calda i e .

Se, invece, si aumenta l'estensione della superficie inserendo nel collettore


un fascio di tubi scaldatori, mentre praticamente si mantiene pressochè uguale
la parte di calore assorbita per irraggiamento, aumenta sensibilmente quella
assorbita per convezione e contatto, con sensibile aumento della potenzialità
della caldaia e del rendimento, sia pure con pesi e costi maggiori (fig. 62 b). gas gas gas
La temperatura dei gas decresce gradualmente dal forno al fumaiolo se­ a) b) e)
condo una legge che dipenderà dalle caratteristiche dell'impianto . Diminuisce
perciò lungo il percorso dei gas la differenza di temperatura tra gas e acqua da Fig. 6 3 . - T rasmi ssione del calore nelle calda i e .
vaporizzare, e decresce anche la potenzialità specifica della superficie di riscal­
damento.
Consideriamo, ad esempio, una semplice caldaia suborizzontale che debba II diagramma di figura 64 mostra l'andamento della temperatura dei gas
produrre vapore saturo a 250 °C con temperatura di combustione di 1 400 °C. lungo la superficie di riscaldamento, e le aree tratteggiate rappresentano appros­
Confrontiamo diverse soluzioni, con tubi tutti uguali, ciascuna fila con uguale simativamente, in una certa scala, le quantità di calore assorbite per convezione
numero di tubi, per cui l'estensione della superficie di riscaldamento è propor­ e contatto, con eventuale irraggiamento, attraverso i successivi gruppi di tubi a
zionale al numero di file di tubi. parità di superficie (ogni tre file nell'esempio di fig. 63).
Supponiamo, inoltre, che la stessa legge_ di variazione della temperatura dei Un elemento di area del diagramma rappresenta il prodo tto ( T - Ta) dA
gas sia applicabile ai tre casi ipotizzati in figura 63 per cui si potrà supporre, ad che moltiplicato per il coefficiente k, supposto costante, corrisponde alla quan-
esempio, che dopo il primo gruppo di tre file la temperatura dei gas si porti a
- 202 - - 203 -

tità elementare di calore che si trasmette attraverso la superficie elementare dA I ndicando con T la temperatura dei gas in corrispondenza di un elemento di superficie