Sei sulla pagina 1di 155

Laboratorio di   geodesign

&

Corso di GIScience
Prof. Michele Campagna

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio 

Laboratorio di 

geodesign
Prof. Michele Campagna

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di Dottorato in Ingegneria Civile e Architettura Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie della Terra e dell’Ambiente

Corso di

GIScience
Michele Campagna

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
 50 ore /3 CFU
 Lavoro in Aula
 Prova finale: presentazione 
lavoro 
 Senza voto
 Obbligo frequenza

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
 20 ore /4 CFU
 Lavoro in Aula
 Senza prova finale
 Obbligo frequenza

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Struttura del Corso

 Parte I: GIScience (20 ore) ‐ per tutti gli studenti

La parte I del corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti le conoscenze di base di 
principi, metodi e strumenti delle GIScience per l’utilizzo dei Geographic Information 
Systems (GIS) a supporto delle attività progettuale e di ricerca scientifica

 Parte II: Geodesign Studio (30 ore) – Per gli Studenti del CdS IAT

Applicazione ad un caso di studio progettuale complesso delle tecniche apprese nella 
prima parte

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Michele CAMPAGNA © password: AMB2019GD CdL M IAT
Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Solo Studenti LM IAT
• Creare una cartella con nome: «cognome nome matricola»
• Condividere con campagna@unica.it in lettura scrittura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Patti chiari, amicizia lunga:
In Aula si lavora (tutti!)

Puntualità

Sulle slide…e sugli appunti

Sull’inglese…

Cellulari spenti!

Non si mangia!

Buttare i rifiuti nel cestino

Massima serietà (tutti!)

Contatti e comunicazioni

Ricevimento

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Some social rules for collaboration:
If you don’t understand, ask a question.
If you say you’ll do it, do it.
If you can’t do it, ask for help.
If asked for help, give it.
No idea is a bad idea, but not all ideas are equally good.
All ideas are public property.
An idea becomes a good one when adopted by others.
Nothing is worth more than five minutes of discussion.
When in doubt, vote.
A good design is a finished design.
It’s “our” design. I did this part.

By  Carl Steinitz
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Students’ background – course level

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
What’s all about?

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
A «Geo+design» timeline
 Workshop on landscape change (NCGIA, 2001)
 Specialist meeting on spatial concepts and design (NCGIA, 
2008)
 First GeoDesign Summit USA (ESRI, 2010)
 First Geodesign Summit Europe (VU Amsterdam, 2013)
 First Geodesign Summit Asia (Peking University, 2013)

+ Geodesign Summit Europe 2014/6 TU Delft – 2015 Salzsburg – GeoBIM 2017


+ Digital Landscape Architecture 201x + AESOP2017 T17 CUPUM 2017

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Pioneers 
I. McHarg F. Lloyd Wright R. Neutra

Carl Steinitz, 
Professor of Design
Harvard  Michael F Goodchild, 
Professor of GIScience
UCSB

Jack Dangermond, CEO ESRI 

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GeoDesign: possible definitions 1 

 GeoDesign is changing geography by design (Steinitz)

 An urban planner who use GIS daily to its full potential  (I know 

none) is probabily a GeoDesigner (Entchev) 

 GeoDesign is both an old and a new idea (Dangermond)

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GeoDesign: possible definitions 2 
 Geodesign is a design and planning method which tightly couples 
the creation of design proposals with impact simulations 
informed by geographic contexts.

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GeoDesign: possible definitions 3 
 Geodesign is 
a set of techniques and enabling technologies 
for planning built and natural environments 
in an integrated process, 
including project conceptualization, analysis, design specification, 
stakeholder participation and collaboration, design creation, 
simulation, and evaluation ….(among other stages).
Geodesign make the relationships between
design and its geographical context explicit.

The design is dynamically related to a multi-scale


computational representation of the environment
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Impact assessment or informed design?

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
2012 2014 2014 2016
2017

2012 2014 2015 2016‐2017

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
New curricula in Geodesign
 Northern Arizona University
 Penn State
 Philadelphia University
 University of Georgia
 University of Southern California
 University of Wisconsin
+ other programs starting in USA, EU (Uni.Copenhagen) 

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Why Geodesign?
10K geodesign specialists needed in the next decades
(Carl Steinitz)

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Strategic Environmental Assessment SEA
Apply to Regional/Land‐use/Urban/local/landscape/sector Planning
Start at the very beginning of the planning process (!)
Produce Environmental Report (ER)
Public Participation/involvement (e.g. information/consultation)
Develop “informed” alternatives 
Evaluate impacts (ex ante)
Monitoring
Information about decision

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Environmental Report
Plan(s) objectives
State of the environment (current and evolution)
Resources, risks and vulnerabilities
Environmental protection objectives/targets
Possible impacts (on natural and anthropogenic environment)
Mitigation measures
Motivation of the choice of the development alternatives incl. do‐
nothing
Non‐technical synthesis….+ […]
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Pitfalls and issues in current SEA practices
ER not‐complete Campagna, 2014 rif. SIU
Campagna and Di Cesare,  2014
Campagna and Di Cesare,  forthcoming
 No (informed) alternatives 

 Difficulties in quantitative impact assessment

 Difficulties in Public Participation

 Wrong focus on data not on design/decision

Need for new methods and approaches

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Impact assessment or informed design?

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Courtesy of Carl Steinitz, 2015

Steinitz C, 2012, A framework for Geodesign, Esri Press
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Steinitz C, 2012, A framework for Geodesign, Esri Press

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DIKW Pyramid

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Geodesign is multidisciplinary team‐work

Adapted  from
Steinitz C, 2012, A framework for Geodesign, Esri Press

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
What’s all about?

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

GIScience CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

 Data collection, measurement, capture


 Data modelling & theories of spatial data
 Data structures, algorithms, and processes
 Spatial statistics
 Display, representation
 Analytic tools
 Institutional, managerial, and ethical issues

GIScience CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

geodesia
 Data collection e measurement
matematica
 Data capture
informatica
 Spatial statistics
 Data modelling & theories of spatial data geografia
 Data structures, algorithms, and processes
Scienze sociali
 Display
 Analytic tools
Scienze cognitive
 Institutional, managerial, and ethical issues
.....

GIScience CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

GIScience CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © GIScience Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Argomenti
 rappresentazione geografica e “spatial thinking”;
 data-modelling;
 qualità e descrizione dei dati (metadati);
 basi di dati territoriali (geodatabase);
 analisi spaziale;
 architetture GIS;
 campi applicativi dei GIS;
 aspetti socio-organizzativi (cenni);
 problema dell’incertezza (se c’è tempo)
 Infrastrutture di Dati Territoriali e geo-spatial web (cenni)
 Volunteered Geographic Information & Social Media Geographic Information

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

http://www.spatialanalysisonline.com/ CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
1. Intro: basic definitions

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM

WHAT IS A GIS?
IN GENERAL
GIS is an acronym for Geographic Information System, the computer
technology for managing, manipulating, analysing geographic spatial data

Brauer

IN PRACTICE
A GIS is a computer program for storing, analysing and displaying
cartographic data

Itami & Raulings


ORGANIZATIONAL P. of V.

A GIS is a Spatial Information Technology which has integrated and explicit


functions for storing, manipulating and displaying spatial data where the
spatial dimension is the key to each of these functions

Batty & Densham

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Informazione Informazione geografica/territoriale
I= f( C )  GI= f [C , (x, y, z, t)]

Esempio:
Temperatura t=18° t=18° nella posizione (Lat=x Long=Y Elevation=Z) il giorno t=ddmmyyyy

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DEFINIZIONE
In generale
GIS1 =SISTEMA INFORMATICO ATTO A MEMORIZZARE, INTERROGARE,
RAPPRESENTARE, ELABORARE, ANALIZZARE DATI GEOREFERENZIATI
In Italia
GIS2 = SOFTWARE ATTO A MEMORIZZARE, INTERROGARE,
RAPPRESENTARE, ELABORARE, ANALIZZARE DATI GEOREFERENZIATI
SIT = ? ……SIT = GIS1

PSS = SISTEMA INFORMATIVO PER IL SUPPORTO LA PIANIFICAZIONE

PIANIFICAZIONE = GESTIONE DELLE TRASFORMAZIONE DEGLI USI


DEL TERRITORIO (E DELLE SUE RISORSE) FATTA DI ANALISI,
PROGETTO, VALUTAZIONE, DECISIONE, GESTIONE.

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Studenti LM IAT 
Valutazione continua

Geodesign / GIScience CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © 2019 Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Corso di GIScience

PERSONE

PROCEDURE-ANALISI

GIS
DATI

SOFTWARE HARDWARE

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
1. Dati

Come rappresentare la realtà territoriale in modelli digitali?

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
L’INFORMAZIONE TERRITORIALE: LE ORIGINI

INCISIONE SU RAME " INSUL UND KONIGREICH SARDINIEN "


CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © GABRIEL BODENEHR, 1704 Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
L’INFORMAZIONE GEOGRAFICA DIGITALE

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
L’INFORMAZIONE GEOGRAFICA DIGITALE

Differenti formati digitali consentono di


strutturare in differenti modi
l’informazione geografica digitale

Esempi:
Cartografiaimmagini raster
CartografiaCAD
Dati GISvettoriali, raster, etc.

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GIScience 2013 CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
L’INFORMAZIONE GEOGRAFICA STRUTTURATA: I DATABASE GEOGRAFICI

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Dal sistema informativo analogico al “Sistema Informativo Territoriale” (SIT)

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
2. I formati dei dati

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM

BECAME
(GEOGRAPHIC) DATA INFORMATION
UNORGANISED ORGAZISED
UNEVALUATED REPRESENTED
GEOREFERENCED ANALYSED
MATERIAL
INTERPRETED
USEFUL FOR A DECISION
PROBLEM

USEFULL FOR

DECISION MAKING

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Domanda

Quali modelli concettuali possiamo utilizzare per codificare i


dati che rileviamo nell’osservazione della realtà territoriale?

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DATA MODELING IN GIS: Livelli di astrazione della realtà

REALTA’ NATURA

MODELLO
CONCETTUALE UOMO
ASTRAZIONE

MODELLO LOGICO

MODELLO FISICO COMPUTER

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
ESEMPI:
COORDINATE
LUNGHEZZA
AREA
ID S1 Si.. SN

E.. E1 v11 .. V1n

E.. .. .. ..

E1 En Vn1 .. Vnn

En
ATTRIBUTI SPAZIALI

ID A1 A.. An

MAP E1 v11 .. V1n

ENTITA’ SPAZIALI
E.. .. .. ..

En Vn1 .. Vnn

A = ATTRIBUTO
ESEMPI:
E = ENTITA’
SHAPE FILE
V = VALORE
SHAPE FILE + MDB FILE
geodatabase ATTRIBUTI TEMATICI
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Vector GIS

Primitive principali

POINT LINE POLIGON

POINT LINE POLYGON


W ELLS R OA D S PA R C ELS
B U S ST OPS R A ILR OA D S C OM M U N ES
SHOPS SEW ER S ELEC T OR A L D IST R IC T S
SC HOOLS IN F R A ST R U C U T R E LA N D U SE
HOSPIT A LS N ET W OR KS Z ON IN G

…B U T IT D EPEN D S ON T HE SC A LE

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM

VECTOR GIS

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM

DATABASE

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM
QUERY

DATABASE QUERY BY GRAPHICAL SELECTION

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM
QUERY

SPATIAL FEATURE SELECTION BY ATTRIBUTE VALUE

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM
QUERY

THEMATIC MAPPING

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM
SPATIAL ANALYSES

ANALYSES EXAMPLE

POINT IN POLYGON How many shops (points) are there within the district (polygon)

LINE IN POLYGON How many miles is the Route 71 (line) long within the Blair County
(polygon)

POLYGON IN POLYGON How many blocks (polygons) are there within the Villanova
neighbourhood (polygon)

RADIUS/BUFFER SEARCH Find all shops (points) one kilometer far from the railway station (buffer
around a point) / Via Roma (buffer around a line)

NETWORK SEARCH Find the next bus stop / Find the nearest intersection

ADIACENCY QUERY Find all parcells bordering the selected site for the new hotel building

ALLOCATION Assign students to the nearest school (according to street network


distance)

ROUTING Find the shortest path / the fastest route from here to the cinema

OVERLAY ANALYSIS Find all communes (polygons) belonging to the Cagliari Province
(polygon) within the Geominerario Park border

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Query e analisi
esempio

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Esercizio data modelling
Notazione standard UML‐like

Nome della classe, tipo entità (point, line, polygon)
Class entity, type
+ attribute 1 Nome attributo: tipo attributo , dimensione 
attributo
+ …
INT = numero intero
+attribute n
LONG = numero intero lungo > +/‐ 32.767
Operation/methods
Double = numero reale
Text = testo
Date = data

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Domanda

Quali modelli concettuali possiamo utilizzare per codificare i 
dati che rileviamo nell’osservazione della realtà territoriale?

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM

RASTER GIS

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DIGITAL ELAVATION MODEL

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DIGITAL ELAVATION MODEL

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DIGITAL ELAVATION MODEL

TIN

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
3. Data modelling in GIS

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
1. I modelli di dati

2. La Classificazione dei dati

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DATA MODELING IN GIS

I software GIS si riferiscono a modelli formali per la rappresentazione della realtà territoriale 
(geografica)

Un modello formale può essere definito come un sistema di concetti astratto e ben definito.
Esso definisce una sorta di “vocabolario” attraverso cui è possibile descrivere e ragionare su una realtà 
territoriale

Un Sistema Informativo Territoriale si riferisce a specifici modelli di dati opportunamente progettati in 
funzione degli obiettivi e delle procedure cui il SIT deve assolvere.

In generale, i modelli formali sono dipendenti dall’applicazione.

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DATA MODELING IN GIS: Astrazioni formali della realtà

altura

edificio
parking

..sviluppo di un modello concettuale


CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
DATA MODELING IN GIS: Livelli di astrazione della realtà

REALTA’ UOMO

MODELLO
CONCETTUALE
ASTRAZIONE

MODELLO LOGICO

MODELLO FISICO COMPUTER

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS

DATI VETTORIALI
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS

DATI e Immagini RASTER


CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS

TIN – TIRANGULATED IRREGULAR NETWORKS


CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS: SCOPO DEL MODELLO

VECTOR RASTER TIN

I modelli di dati vettoriali sono I modelli di dati raster sono I TIN sono utilizzati per
utilizzati per rappresentare utilizzati per rappresentare rappresentare
entità discrete con forma e fenomeni continui e efficacemente superfici
contorni precisi immagini telerilevate tridimensionali riferite alla
quota del terreno o ad altre
qualità come densità,
concentrazione etc.
Esempio: Esempio: Esempio:
Fermata del bus – puntuale Concentrazione di inquinanti Modello digitale di elevazione del
terreno
Strada – lineare Distribuzione delle temperature
Densità di popolazione
Edificio - poligonale Copertura nuvolosa
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS: fonte dei dati

VECTOR RASTER TIN

 Vettorializzazione foto aeree –  Interpolazione  Elaborazione di foto aeree


A/SA
 Rasterizzazione di dati  Rilievo GPS
 Rilievo GPS/mobile vettoriali
 Importazione punti quotati
 Digitalizzazione da mappa  Fotografia aerea
 Conversione da curve di
cartacea
 Immagine satellitare livello
 Digitalizzazione a monitor
 Scansione di mappe,
 Vettorializzazione dati raster immagini o fotografie
 Rilievo topografico
 Importazione dati CAD

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS: formato di memorizzazione

VECTOR RASTER TIN

 I punti sono memorizzati come  A partire da una coordinata  Sono memorizzate le


copie di coordinate x,y nell’angolo in basso a coordinate dei vertici del
sinistra del quadrante del triangolo
 Le linee come archi di
raster, e dall’altezza e dalla
connessione tra punti
larghezza della cella, ogni
 I poligoni come linee chiuse cella è localizzata dalla sua
posizione per righe e
colonne

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS: rappresentazione delle entità

VECTOR RASTER TIN

 I punti rappresentano entità di  Le entità puntuali sono  Il valore della quota del
dimensioni trascurabili rappresentate da una punto determina la forma
singola cella della superficie
 Le linee rappresentano entità
l’importanza della dimensione  Le linee sono rappresentate  Le break-line definiscono
longitudinale prevale su quella da celle adiacenti con un discontinuità della
trasversale valore comune superficie come strade o
 I poligono rappresentano entità  I poligono sono ruscelli
la cui superficie è rilevante rappresentati da regioni di  Le aree di esclusione
celle di valore comune rappresentano superficie di
quota costante

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS: rappresentazione delle entità

VECTOR RASTER TIN

1
PUNTO X, Y

1 2, 3
1 2

A
3 B
1 4
LINEA X, Y X, Y

1 1 \ 2, 3 3, 1

C
2

1
\

TRIANGOLO NODI VICINI

POLIGONO X, Y X, Y X, Y X, Y

A 1,2,3 -, B, -
1 2, 3 3, 1 4, 5 5, 4

B 2,3,4 A, C, -

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS: Associazioni topologiche

VECTOR RASTER TIN

 La topologia lineare tiene conto  Celle adiacenti possono  Ogni triangolo è associato
della connessione tra archi e essere localizzate con i triangoli adiacenti
nodi incrementando la riga o la
colonna
 La topologia poligonale tiene
conto della posizione reciproca
tra poligoni
Definizione: 
La topologia definisce le relazioni spaziali tra entità 
Si usa per finalità analitiche avanzate e per garantire la qualità dei database geografici

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS: Analisi geografiche

VECTOR RASTER TIN

 Map overlay  Prossimità  Calcolo di elevazione,


 Buffer  Analisi superfici pendenza, insolamento

 Geoprocessing (split, union,  Dispersione  Creazione di curve


dissolve, etc) equipotenziali
 Percorsi minimi
 Query spaziali e logiche  Calcolo di volumi
 Map Algebra
 Geocodifica di indirizzi  Profili verticali
 Spatial Multicriteria
 Analisi di rete Analysis  Linee di visibilità

 Statistica spaziale

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
3. I SIT

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GIS: vita breve ma intensa

 Desktop GIS dedicati su piattaforme workstation


1970 (mainly spatial)

1980  Inizio integrazione GIS/IT Systems (sistemi


locali)
1990  First generation of SDI
 Diffusione personal computers  inizio
democratizzazione dei GIS

 Diffusione G-RDBMS

2000  Diffusione di massa di Internet e sviluppo di


Distributed GI
 Second generation of SDI
 Geo-web 2.0

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
PERSONE

PROCEDURE-ANALISI

GIS
DATI

SOFTWARE HARDWARE

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SOFTWARE DESKTOP
opensource commerciali

GRASS

E tanti altri
commerciali / opensource
GEODA CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SOFTWARE web/mobile app
…..Including geobrowsers

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SOFTWARE (funzioni)

FUNZIONI PER LA CREAZIONE DI DATI

FUNZIONI PER LA GESTIONE DI DATI

FUNZIONI PER LA RAPPRESENTAZIONI DEI DATI

FUNZIONI PER LA INTERROGAZIONE DEI DATI (QUERY)

FUNZIONI DI ANALISI SPAZIALE (SEMPLICI)

FUNZIONI DI ANALISI SPAZIALE (AVANZATE)

FUNZIONI DI COMUNICAZIONE

FUNZIONI DI PERSONALIZZAZIONE DELL’INTERFACCIA

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SOFTWARE (INTERFACCIA)

MENU principale

Legenda 
interattiva
Gestione  Display cartografico 
layer  Tools menu
+
Data 
Manager 

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SOFTWARE (INTERFACCIA)

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Persone

Alcune categorie di utenti
Utenti I: esperti di dominio (es: planner)
Utenti II: utenti generici (es. cittadini)
Geoinformatici: esperti di progetto GIS

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
VISIONE DEL GIS TIPOLOGIA DI UTENTE FUNZIONI PREVALENTI

CONTENITORE DI MAPPE IN FORMATO 
UTENTE GENERICO FONDAMENTALI
DIGITALE

STRUMENTO INFORMATICO PER RISOLVERE  DECISION‐MAKERS, GRUPPI DI INTERESSE,  FONDAMENTALI E 


PROBLEMI GEOGRAFICI PLANNERS AVANZATE

SISTEMA DI SUPPORTO ALLE DECISIONI  RICERCATORI GESTIONALI O DI RICERCA  FONDAMENTALI E 


SPAZIALI OPERATIVA AVANZATE

CATALOGO DIGITALE DI OGGETTI  MANAGER DI RETI E INFRASTRUTTURE, 
FONDAMENTALI
GEOREFERENZIATI DEI TRASPORTI etc.

STRUMENTO PER RILEVARE FENOMENI 
ALTRIMENTI NON RILEVABILI  SCIENZIATI, RICERCATORII AVANZATE
DALL’INFORMAZIONE GEOGRAFICA

STRUMENTO PER ESEGUIRE OPERAZIONI SU 
DATI GEOGRAFICI CHE SAREBBERO TROPPO 
MANAGERS, PLANNERS, CARTOGRAFI FONDAMENTALI
NOIOSE, ANTIECONOMICHE, O INACCURATE 
SE ESEGUITE CON PROCEDIMENTI ANALOGICI

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
HARDWARE

COMPUTER E SISTEMI OPERATIVI + NEW! SMARTPHONES/tablet

RETI E COMUNICAZIONI

DISPOSITIVI DI INPUT
DIGITALIZZATORI (ES: TAVOLETA GRAFICA)
SCANNER
Latest news: pen digitizer & interactive displays
DISPOSITIVI DI OUTPUT
MONITOR
STAMPANTI
PLOTTER
“MEMORIA FISICA (locale) E RETE (cloud)”

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
HARDWARE (architetture)

Desktop GIS
Collaborative (o Department) GIS
Enterprise GIS
Internet GIS
Location Based Services (LBS)
Spatial Data InfrastructureS (SDI)
Cloud GIS
Service Oriented Architectures (SoA)

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GIS ONLINE

DIFFERENT ARCHITECTURES FOR DIFFERENT USERS

THIN CLIENT
SIMPLE INTERACTION DISTRIBUTED GIS
MAP
FAT CLIENT

GIS DATA GIS DATA GIS DATA


MANAGEMENT MANAGEMENT MANAGEMENT

GIS DATA GIS DATA


MANAGEMENT MANAGEMENT NETWORK
BOUNDARY

GIS DATA GIS DATA


MANAGEMENT MANAGEMENT

GIS DATA GIS DATA


MANAGEMENT MANAGEMENT

WEB WEB WEB


BROWSER BROWSER BROWSER

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
PROCEDURE
TRANSACTION-BASED INFORMATION SYSTEMS

INPUT TRANSACTION PROGRAM OUTPUT

FILE

A computer program reads data from an input transaction, retrieves data from a file, perform calculations, write new
data back to the file, and then prints an output document.

STRENGHT •EFFICIENCY IN PROCESSING INFORMATION


•EASY TO COST-JUSTIFY (REDUCTION OF GOVERNMENT COST)
•QUICK TO DEVELOP (DESIGNED TO SERVE A PORPUSE)
•EASY TO USE (RELATIVELY SIMPLE DESIGN; ROUTINARY TASKS)

WEAKNESS •DESIGN BASED ON SINGLE FUNCTIONS

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
PROCEDURE
DATA-BASED INFORMATION SYSTEMS

DATABASE
PROGRAM 1 PROGRAM 2

PROGRAM 3

STRENGHT •ENHANCE DATA SHARING


•REDUCE MAINTENANCE SIGNIFICATIVELY
•BETTER CONTROL OVER UPDATE CYCLES

WEAKNESS •EXPENSIVE
•TIME CONSUMING TO DEVELOP
•REQUIRE HIGH LEVEL OF SOPHISTICATION TO USE
•INDIRECT ADVANTAGE  HARD TO COST-JUSTIFY

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
applications
Clients

Accesso a elaborazioni di
dati, immagini, mappe, reports, contenuti multimediali

Service chaining:
Ricerca metadati, e retreiving ricerca, display,
di dati e servizi accesso, e-
commerce, Middleware
….

services geo-processing
Accesso diretto ai dati
Catalogs
Aggiornamento metadati

data
Es: Amministrativi, statistici,
indicatori ambientali Coverages Features Servers

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
http://eu-geoportal.jrc.it/

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
http://www.sardegnageoportale.it/

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM

BECAME
(GEOGRAPHIC) DATA INFORMATION
UNORGANISED ORGAZISED
UNEVALUATED REPRESENTED
GEOREFERENCED ANALYSED
MATERIAL
INTERPRETED
USEFUL FOR A DECISION
PROBLEM

USEFULL FOR

DECISION MAKING

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
4. Classificazione dei dati

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

INTRODUZIONE

La classificazione consiste nell’attribuire simboli rappresentativi dei valori degli attributi
tematici di un’entità (il discorso vale sia per dati vettoriali che per i dati raster, TIN)

Il valore di un attributo rappresenta la misura dell’attributo stesso

La scala di una misurazione rappresenta le variazioni secondo le quali i valori sono
assegnati alle entità rispetto ad un attributo

Esistano quattro livelli fondamentali di misurazione (tipo di scala):


Nominale, ordinale, ad intervalli e secondo un rapporto

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

Scala nominale

Una scala nominale è una lista di categorie o classi descrittive tali che sia possibile
determinare se due entità con lo stesso valore sono uguali rispetto ad un attributo

Esempio: zona del PUC = A scala = a, b, c, d, e, f, g, h

Scala ordinale

Una scala ordinale è una lista di valori ordinali, tale che sia possibile determinare se il
valore di un attributo di un’entità sia > < = a quello di un’altra entità

Esempio:
stato di conservazione di un edificio= buono scala= pessimo, medio, buono

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

Scala ad intervalli

Una scala ad intervalli consente non solo di ordinare le entità in base ai valori di un
attributo ma anche di sapere quale è la distanza tra i valori

Esempio:
temperatura acqua del mare = 18° scala => temperatura = t con 10°<t<30°

Scala secondo un rapporto

Una scala secondo un rapporto si distingue dalla precedente per tenere conto del valore
zero (assoluto) corrispondente all’assenza di misurazione (diverso per esempio da t=0° che
è una misura)
Esempio:
Prezzo di A = 2 prezzo di B scala = qualunque valuta

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

Scala nominale Scale qualitative discrete


Scala ordinale
Scala ad intervalli
Scala secondo un rapporto Scale quantitative continue

SCALA CARATTERISTICA OPERATORI

NOMINALE CLASSIFICAZIONE SECONDO UNA TASSONOMIA  =
NON ORDINATA

ORDINALE CLASSIFICAZIONE CON ORDINE RELATIVO SENZA  > = <


DISTANZA

INTERVALLI MISURAZIONE CONTINUA A PARTIRE DA UNO  ADDIZIONE, SOTTRAZIONE, SCALATURA 


ZERO ARBITRARIO SECONDO INTERVALLI UGUALI SECONDO COSTANTE

RAPPORTO MISURAZIONE CONTINUA CON INTERVALLIO  MOLTIPLICAZIONE, DIVISIONE


UGUALI RELATIVAMENTE AD UNO ZERO 
ASSOLUTO

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

Scala nominale Simbolo (puntuale, lineare, riempimento)

Scala ordinale Simbolo o colore graduato

Scala ad intervalli Gradazione di colore, dimensione proporzionale

Scala secondo un rapporto Gradazione di colore, dimensione proporzionale

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

Census 2001 Total Population in Sardinian Municipalities
Popolazione Totale nei comuni della Sardegna (ISTAT, 2001)
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Thematic Mapping (Classification)
Mappatura tematica (Classificazione)

Natural Breaks  Equal Intervals Standard  Quantile


(Jenk’s) Deviation
Intervalli uguali Quantile
Intervalli Naturali Deviazione 
Statdard
Census 2001 Total Population in Sardinian Municipalities
Popolazione Totale nei comuni della Sardegna (ISTAT, 2001)
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Natural Breaks (Jenk’s) Natural Breaks (Jenk’s)
Intervalli Naturali Intervalli Naturali
Normalized
Normalizzato (superficie)
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Natural Breaks  Ampiezza degli intervalli calcolata secondo una formula statistica
(Jenk’s) Va bene per distribuzioni non uniformi
Intervalli Naturali

Equal Intervals Ampiezza degli intervalli costante

Intervalli uguali Va bene per distribuzioni uniformi

Standard  Ampiezza degli intervalli calcolata secondo una formula statistica 
Deviation Va bene per distribuzioni simmetriche
Deviazione 
Statdard

Quantile Creazione di intervalli ad ugual numero di entità
Va bene se si vuole rappresentare un ordinamento di valori (tutti i valori 
Quantile sono rappresentati

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Raster

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
SPATIAL DATA REPRESENTATIONS

VECTOR RASTER TIN

I modelli di dati vettoriali sono I modelli di dati raster sono I TIN sono utilizzati per
utilizzati per rappresentare utilizzati per rappresentare rappresentare
entità discrete con forma e fenomeni continui e efficacemente superfici
contorni precisi immagini telerilevate tridimensionali riferite alla
quota del terreno o ad altre
qualità come densità,
concentrazione etc.
Esempio: Esempio: Esempio:
Fermata del bus – puntuale Concentrazione di inquinanti Modello digitale di elevazione del
terreno
Strada – lineare Distribuzione delle temperature
Densità di popolazione
Edificio - poligonale Copertura nuvolosa
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – IL MODELLO DATI …ulteriori nozioni

 I raster sono costituiti da celle, che rappresentano unità uniformi riferite ad un area sulla superficie terrestre

 Ad ogni cella è attribuito un valore può rappresentare un riflettanza spettrale o un’altra caratteristica in
quella posizione, come il tipo di suolo, una zona censuaria, o una classe di vegetazione (etc.)

 È opportuno che la dimensione della cella sia piccola abbastanza da rappresentare la distribuzione spaziale
del fenomeno o dell’oggetto con sufficiente accuratezza ma grande abbastanza da non richiedere al
computer eccessivo carico di calcolo (ottimizzazione della taglia della cella)
 MAGGIORE è L’UNIFORMITA’ DELLA DISTRIBUZIONE  MAGGIORE PUO’ ESSERE LA TAGLIA DELLA CELLA
SENZA PERDERE ACCURATEZZA
 Il valore della cella è in generale un numero: integrale o con punto a virgola mobile
 Attraverso un valore integrale è possibile esprimere un codice riferito ad una serie di attributi

ESEMPIO:
Il valore “4” attribuito ad una cella può essere riferito ad una catergoria specifica
USO DEL SUOLO = “4” = [CATEGORIA] PARCELLE RESIDENZIALI
Ad essa possono essere associati anche altri valori: densità abitativa, reddito medio pro-capite, etc.
In questo caso può esistere una relazione di tipo 1-a-molti tra il valore ed il numero di celle
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – IL MODELLO DATI …ulteriori nozioni

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – IL MODELLO DATI …ulteriori nozioni
Anche nei raster il valore della cella può appartenere ad una scala delle seguenti:
 Nominale
 Ordinale
 Intervallo
 Ratio

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – OPERATORI RASTER
Una peculiarità del formato raster è che è possibile calcolare nuovi raster a partire da raster di
input attraverso l’uso di operatori matematici o logici.

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
RASTER CALCULATOR

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – FUNZIONI RASTER
Oltre agli operatori matematici o logici esistono una serie di funzioni che accettano raster dataset
come input e permettono di ottenere un nuovo dataset come output

Funzioni applicate sulla singola cella. Il risultato è indipendente dal valore delle altre celle.
Funzioni locali
Possono essere applicate ad uno o più raster sovrapposti
ESEMPI: funzioni trigonometriche, esponenziali, logaritmiche, di ri-classificazione,
selezione, e statistiche

Funzioni applicate sulla singola cella e su quelle adiacenti. L’intorno può essere
rettangolare, circolare ad anello etc.Queste funzioni restituiscono valori statistice
Funzioni focali relativamente al valore della celle e di quelle dell’intorno.
ESEMPI: media, somma, etc

Le funzioni zonali sono applicate su regioni (continue o discontinue) di celle a ugual valore.
Funzioni zonali Queste funzioni possono essere statistiche o geometriche.
ESEMPI: area, perimetro, baricentro, somma etc.

Funzioni globali Le funzioni globali calcolano valori sul raster considerato nel suo insieme
ESEMPI: distanza euclidea, distanza a costo pesato, etc.

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Esercizio 1: Analisi preliminare dei dati e creazione del progetto GIS
 Caricamento dati territoriali
 Analisi preliminare attributi tematici
 Join tematico
 Visualizzazione etichette attributi (labels)
 Query tematica
 Geoprocessing: Dissolve
 Calcolo di campi
 Classificazione tematica
 Impostazione trasparenza layer
 Spatial query – query complesse
 Analisi Buffer
 Layout cartografico: creazione di mappe tematiche

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Esercizio 1: Analisi preliminare dei dati e creazione del progetto GIS
continua
 Analisi Buffer
 Layout cartografico: creazione di mappe tematiche

Esercizio 2: Georeferenziazione mappe raster e creazione dataset vettoriali


 Georeferenziazione
 Digitalizzazione da raster
 Creazione dataset da vector

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Esercizio 3: Geovisualizzazione
 Creazione TIN
 Visualizzazione modello 3D

Esercizio 4: Analisi geomorfologiche


 Calcolo “Hillshade”, “slope”, “aspect”
 Riclassificazione raster
 Analisi delle visuali (viewshed)

CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Analisi morfologiche

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Ambiente Naturale e risorse fisiche: Aspetti morfologici

La morfologia, ossia la forma, l’altimetria, la clivometria, l’esposizione di un territorio possono 
imporre direttamente una serie di limiti all’utilizzo del territorio possono costituire fattore di 
attenuazione o di accentuazione delle sue caratteristiche geolitologiche, geotecniche, e 
idrologiche; pertanto l’analisi dell’ambiente naturale inizierà necessariamente dalla 
morfologia.

Dato un ambito territoriale di riferimento consideriamo:

 Altimetria

 clivometria

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Ambiente Naturale e risorse fisiche: Aspetti morfologici

 Altimetria: la q.l.m. può imporre una serie di vincoli in sede di progettazione urbana ed 
edilizia, di cui si terrà conto soprattutto nella redazione di piani e regolamenti edilizi. In 
particolare essa, anche in relazione alla latitudine, contribuisce a determinare le 
temperature e quindi la necessità e la misura del riscaldamento e dell’isolamento termico. 
Ciò può tradursi o in dati necessari alla buona progettazione degli edifici e/o in vincoli 
normativi sia di legge (statali e regionali), sia regolamentari (norme tecniche di attuazione, 
regolamenti edilizi). 

La q.l.m. e l’esposizione dei versanti partecipano a determinare il cingolo vegetazionale e quindi 
la scelta delle specie arboree e delle coltivazioni ammissibili.

La morfologia incide anche su altri aspetti: es: le piste aeroportuali devono essere allungate del 
7% ogni 300m s.l.m. a causa del diminuire della densità dell’aria in funzione della 
temperatura…

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Ambiente Naturale e risorse fisiche: Aspetti morfologici

 Altimetria: si rappresenta attraverso le isoipse (curve congiungenti punti  ad eguale quota) 
attraverso cui è possibile individuare fasce altimetriche.

esempi

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Ambiente Naturale e risorse fisiche: Aspetti morfologici

 Clivometria: la pendenza dei terreni si misura in percentuale o più raramente in gradi 
sessagesimali. Nella pianificazione è un elemento che condiziona differenti aspetti:

 In funzione delle natura geologica del suolo la pendenza costituisce fattore di stabilità dei 
versanti;

 Nei territorio soggetti a nevicate la pendenza elevata può portare a formazione di valanghe 
e slavine;

 Boschi e colture agricole possono essere impiantati (se la natura del terreno lo consente) su 
terreni sciolti sino all’angolo di riposo di questi sino ad una pendenza del 50%. Le pendenze 
tollerate dalle coltivazioni agricole dipendono dalle modalità colturali;

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
Ambiente Naturale e risorse fisiche: Aspetti morfologici

 Per quanto concerne l’edificabilità si possono stabilire i seguenti limiti (economici e di 
fattibilità):

1‐2% impianti sportivi ed grandi edifici industriali

5‐7% piccoli edifici industriali, edifici residenziali, e terziari pluripiani

10‐15% edifici residenziali mono‐familiari

<30% edifici a corpo doppio (10‐12 m.) con affaccio unico a primo piano

<50% edificio a corpo semplice con affaccio unico a primo piano

 Le infrastrutture cinematiche ammettono pendenze (livellette) massime in funzione della 
categoria;

 La pendenza limita la viabilità ciclabile e pedonale;

 Etc etc etc 

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – Utilizzo dei dati raster – Analisi sulla morfologia

Altri esempi

 Analisi morfologiche
Attraverso funzioni di hillshading è possibile simulare l’ombreggiatura di un rilievo aumentando il realismo 
della rappresentazione.

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – Utilizzo dei DEM – Analisi sulla morfologia

DEM
SLOPE

HILLSHADE
ASPECT
CdL M IAT
Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura
TIPI DI RASTER – Utilizzo dei DEM – Analisi sulla morfologia

DA AREA VERDE = VISIBILE
DA AREA NERA = NON VISIBILE

DEM

GIScience 2013 CdL M IAT


Michele CAMPAGNA © Dottorato  in Ingegneria Civile e Architettura