Sei sulla pagina 1di 9

OBLIO VII, 26-27

Enrica Maria Ferrara


Elena Ferrante e la questione dell’identità1

In una recente analisi de I giorni dell’abbandono di Elena Ferrante2 ho messo in


evidenza come Olga, la protagonista del romanzo, inauguri un nuovo approccio
epistemologico ai concetti di soggetto e di realtà che poi si evolverà ulteriormente nel
ciclo de L’amica geniale. Traumatizzata dall’abbandono del marito, Olga vede la
materia disintegrarsi, perdere i suoi solidi contorni, uscire dai margini. Si tratta di un
processo di decomposizione che riguarda un po’ tutti: soggetti umani e animali,
oggetti inanimati, dispositivi tecnologici. La mia opinione in proposito è che tale
processo – tra la «frantumaglia» degli scritti teorici e la «smarginatura» dei romanzi
napoletani – suggerisca una nuova configurazione della realtà nella quale, come
afferma la filosofa Barad «matter is substance in its intra-active becoming – not a
thing, but a doing […] a stabilizing and destabilizing process of iterative intra-
activity».3 In questo nuovo mondo di fenomeni dinamici ed intra-attivi, l’agente
umano non ha più il controllo del processo di conoscenza perchè quest’ultimo è il
prodotto dell’intra-azione fra soggetti umani e animali, oggetti inanimati, dispositivi
tecnologici: tutti dotati di un’agenzialità [agency] equipollente. Le tradizionali
logiche causali utilizzate dal soggetto per dare ragione dei fenomeni, sono pertanto
inutilizzabili.
Come ne I giorni dell’abbandono, anche ne L’amica geniale accadono fenomeni che
sono inesplicabili dal punto di vista della logica tradizionale. Mi riferisco, ad
esempio, all’esplosione della pentola di rame, episodio che accade poco dopo il
famoso Capodanno nel quale Lina si accorge per la prima volta di soffrire del male
della «smarginatura». Se a Capodanno Lina aveva cominciato a vedere le persone
fuoriuscire dai loro confini corporei e mescolarsi con la materia circostante, in
un’orrida mistura di sangue, carne e materia inerte, l’esplosione della pentola di rame
avviene indipendentemente da un agente umano e dunque costituisce un passaggio
fondamentale nella rappresentazione della «smarginatura»: la prova che quell’orrenda
realtà senza confini nè margini effettivamente esiste, senza bisogno di un soggetto
che la pensi.
                                                            
1
Il nucleo originario di questo articolo è una comunicazione nell’ambito della tavola rotonda su Elena Ferrante da me
organizzata alla Conferenza della Society for Italian Studies, aprile 2016. Lo studio sull’identità postumana di Elena
Ferrante rientra in un progetto più ampio sull’identità postumana nella letteratura e nel cinema italiani la cui
pubblicazione si prevede per il 2018.
2
E. M. Ferrara, ‘Performative Realism and Posthumanism in The Days of Abandonment’, in The Works of Elena
Ferrante. Reconfiguring the Margins, a cura di G. Russo Bullaro and S. Love, New York, Palgrave Macmillan, 2016,
pp. 129-157. Il romanzo cui faccio riferimento è E. Ferrante, I giorni dell’abbandono, Roma, E/O, 2002.
3
K. Barad, ‘Posthumanist Performativity: Toward an Understanding of How Matter Comes to Matter’, Signs,
University of Chicago Press, 28.3, 2003, pp. 801–831 [822]. Si veda anche, della stessa autrice, Meeting the Universe
Halfway: Quantum Physics and the Entanglement of Matter and Meaning, Durham, North Carolina, Duke University
Press, 2007. Per una bibliografia sull’opera di Ferrante, si fa riferimento al citato volume a cura di G. Russo Bullaro e S.
Love. Si ricorda inoltre il numero 73 della rivista online Allegoria, una sezione del quale è dedicato al ciclo de L’amica
geniale: http://www.allegoriaonline.it/index.php/i-numeri-precedenti/allegoria-n-73 [28 settembre 2017].

47
OBLIO VII, 26-27
 

Lei, insomma, stava sola in cucina a fare i piatti ed era stanca, proprio senza forze,
quando a un certo punto c’era stato uno scoppio. S’era girata di scatto e s’era accorta
che era esplosa la pentola grande di rame. Così, da sola. Era appesa al chiodo dove
normalmente si trovava, ma al centro aveva un grande squarcio e i bordi erano
sollevati e ritorti e la pentola stessa s’era tutta sformata, come se non riuscisse più a
conservare la sua apparenza di pentola.4

Non potendo essere attribuita ad alcun intervento umano,5 l’esplosione della pentola
di rame diventerà nel corso del romanzo il simbolo ed il significante di una realtà in
cui gli oggetti interagiscono l’uno con l’altro e producono effetti su esseri umani ed
oggetti inanimati indipendentemente dal fatto che esista o meno un soggetto di
conoscenza in grado di conferire un senso a tali fenomeni. L’accartocciarsi della
pentola è anche l’emblema di una mutazione della personalità, di un farsi e disfarsi
dell’identità che acquista una nuova forma grazie alla rottura della precedente: «Era
un’immagine che ormai utilizzavo di continuo, ogni volta che avvertivo una frattura
dentro di lei o dentro di me».6 Ma la pentola ha soprattutto valenza esplicativa ed
emblematica di una più vasta «intra-azione» che dalla materia – non più inerte ma
pulsante e viva – dell’ambiente e della città si estende ai soggetti umani che vengono
a trovarsi invischiati e co-implicati in essa.7 Si veda ad esempio nel terzo volume,
Storia di chi fugge e di chi resta, il racconto del ritorno di Elena a Napoli dopo il
periodo idilliaco degli studi alla Normale di Pisa. La donna appare sopraffatta dal
caos, dal chiasso dei movimenti studenteschi, dalla ressa dei turisti e conferisce alla
città stessa una sua agenzialità nel processo di de-formazione di oggetti e soggetti
immersi nel suo divenire.

In quel periodo di piogge, la città si era ancora una volta crepata, un intero palazzo si
era crepato su un fianco come una persona che si appoggia al bracciolo tarlato di una
vecchia poltrona e il bracciolo cede. Morti, feriti. E grida, mazzate, bombe carta.
Pareva che la città covasse nelle viscere una furia che non riusciva a venir fuori e
perciò la erodeva, o erompeva in pustole di superficie, gonfie di veleno contro tutti,
bambini, adulti, vecchi, gente di altre città, americani della Nato, turisti d’ogni
nazionalità, gli stessi napoletani.8

Questo erompere della materia dal profondo e il suo propagarsi a mo’ di contagio,
sconfinando nell’alterità umana, animale ed inanimata come un «veleno» o come una
sostanza purulenta, prelude alla famosa rappresentazione del terremoto napoletano
                                                            
4
E. Ferrante, L’amica geniale, Roma, E/O, 2011, p. 224.
5
Alla madre che l’accusa di averla rotta, Lina replica che una pentola, «anche se cade, non si spacca e non si deforma a
quel modo» (Ibidem).
6
Ivi, p.261.
7
Sulla «porosità» di Napoli e del suo territorio - organismo dotato di corporeità ed agenzialità cognitiva – che
agevolerebbe l’interscambio gnoseologico tra esseri umani, altri esseri viventi e materia inanimata, determinando quello
che Hayles definisce «cognitive embodiment», si veda il saggio di S. Iovino, ‘Bodies of Naples. A Journey in the
Landscape of Porosity’, in Id., Ecocriticism and Italy. Ecology, Resistance and Liberation, London-New York,
Bloomsbury Academic, 2016, pp. 13-46. Si veda anche N. K. Hayles, How We Became Posthuman: Virtual Bodies in
Cybernetics, Literature and Informatics, Chicago and London, The University of Chicago Press, 1999.
8
E. Ferrante, Storia di chi fugge e di chi resta, Roma, E/O, 2013, p. 19.

48
OBLIO VII, 26-27
 

del 1980: il momento in cui il concetto di «smarginatura» viene concettualizzato ed


esemplificato nella maniera più esaustiva. Colte di sorpresa dal sisma, fra le due
amiche, che si trovano insieme per le strade del «rione», Lina ha una reazione
spropositata, come quella di una persona affetta da grave malattia cognitiva: «Gridò
ansimando che l’auto si era smarginata, anche Marcello al volante si stava
smarginando, la cosa e la persona zampillavano da loro stesse mescolando metallo
liquido e carne».9 Nei momenti drammatici che seguono a questa sua rivelazione,
Lina confessa ad Elena che «per lei era così da sempre, una cosa si smarginava e
pioveva su un’altra, era tutto uno sciogliersi di materie eterogenee, un confondersi e
rimescolarsi».10 Potremmo essere tentati di liquidare l’intero episodio di Lina e la sua
«smarginatura» come un’affezione psichica, una malattia della percezione, se la
narratrice Elena non avesse seminato tracce di una sua condivisione dell’approccio
cognitivo di Lina in vari punti del romanzo, alcuni dei quali ho citato in precedenza.
Un ulteriore esempio di radicale trasformazione della materia si verifica ne La storia
del nuovo cognome, durante l’accesa discussione tra Rino, Gigliola, Pinuccia e
Michele Solaro che non concordano se affidare o meno a Lina la gestione del negozio
di scarpe in Piazza dei Martiri. In questo caso, l’improvviso cambiamento molecolare
riguarda l’auto-combustione del famoso pannello raffigurante Lina in abito da sposa,
pannello su cui Elena e Lina erano intervenute rendendo irriconoscibile la foto
originaria:

All’improvviso, non si sa come, il pannello [...] emise un suono rauco, una specie di
respiro malato, e s’incendiò con una sfiammata alta. Pinuccia era di spalle alla foto,
quando successe. La vampa le si levò dietro come da un focolare segreto e le lambì i
capelli, che crepitarono e le sarebbero bruciati tutti in testa se Rino prontamente non
glieli avesse spenti a mani nude.11

Varie spiegazioni, alcune delle quali di sapore decisamente magico-realista – come


l’intervento diabolico o le fatture di Lina - vengono ipotizzate dagli astanti per questo
episodio. A mio parere, però, ci troviamo di fronte ad un altro esempio del fatto che,
nella realtà di Elena Ferrante, la materia è una cosa viva dotata di una propria
finalità.12
Che cosa c’entra tutto questo con la questione dell’identità? In che modo l’identità
del soggetto ferrantiano può essere messa in relazione con l’esplosione di una pentola
o l’improvvisa auto-combustione di un quadro?
Proviamo a rispondere con un’altra domanda. Se non esiste un soggetto umano a cui
possano essere imputate queste azioni, è proprio necessario, in linea generale, un
                                                            
9
E. Ferrante, Storia della bambina perduta, Roma, E/O, 2014, p. 161.
10
Ivi, p. 162.
11
E. Ferrante, Storia del nuovo cognome, Roma, E/O, 2012, pp.139-40.
12
C’è da dire che l’agenzialità dell’oggetto, manifestantesi nell’improvvisa auto-combustione del pannello, è co-
implicata con quella del soggetto. Ricorderemo infatti che l’incendio spontaneo avviene in un momento successivo
rispetto alla creativa deformazione e «scancellazione» della propria immagine in abito da sposa che Lila mette in atto
con l’aiuto di Elena. Sul valore epistemologico del pannello di Lila e la sua rappresentazione ecfrastica, si veda adesso
l’ottimo saggio di Stiliana Milkova, ‘Elena Ferrante’s Visual Poetics: Ekphrasis in Troubling Love, My Brilliant Friend,
and The Story of a New Name’, in The Works of Elena Ferrante. Reconfiguring the Margins, cit., pp. 159-182.

49
OBLIO VII, 26-27
 

soggetto che abbia agenzialità? Se è la pentola ad essere responsabile della propria


esplosione, perchè cerchiamo a tutti i costi un agente umano che dia ragione di tale
fenomeno?
Se applichiamo questo paradosso all’annoso dibattito sull’identità di Elena Ferrante e
ci chiediamo se è necessario individuare un autore empirico dietro l’atto di scrittura,
pare facile concludere che un libro non si scrive da solo. Nessuno mai avallerebbe
una simile ipotesi. Un libro che si scrive da solo contravviene al principio di
autorialità, a quella convenzione solidamente affermatasi più o meno dal tempo in cui
Gutenberg inventò la stampa, nella seconda metà del Quattrocento: convenzione per
la quale il nome dell’autore sul frontespizio corrisponde all’immutabile identità di un
volume non più affidato alla fluida tradizione manoscritta che modificava il testo in
dipendenza da vari fattori, ivi compresa la disposizione umorale e fisiologica dello
scriba. Insomma, dal Cinquecento in poi, all’immodificabile volume tipografico
corrisponde la solida identità di un soggetto (anche multiplo) che lo licenzia per la
stampa e così afferma: questo volume è mio, ne sono l’autore.13
Se Elena Ferrante ha deciso di sfidare questa convenzione ci sono almeno tre
possibili ragioni, probabilmente tutte valide. Primo: il libro si è scritto da solo, ovvero
non può essere attribuito ad un singolo autore ma è il frutto di una collaborazione tra
individui (un team di specialisti, gli editori, un marito e una moglie). Secondo: il
libro, dopo essere stato scritto, diviene un’entità autonoma, dotata di una propria vita
separata da quella del suo autore. Questo è quello che Ferrante ha predicato da
sempre: «Ho scoperto, pubblicando, che un certo sollievo viene dal fatto che il testo,
nel momento in cui diventa libro stampato, se ne va altrove. [...] Desidero poter
pensare che, se il mio libro entra nel circuito delle merci, niente sia in grado di
obbligarmi a fare il suo stesso percorso».14 Terzo: l’autore ritiene che in questa nostra
era digitale, socio-mediatica e postumana, non possiamo continuare ad onorare un
principio codificato seicento anni fa, quando la stampa rappresentava quella
rivoluzione copernicana che consentiva di collegare un individuo determinato,
l’uomo vitruviano della tradizione umanistica, o almeno il suo nome, all’oggetto
libro. Per meglio dire, questo principio potrebbe essere ancora avallato se l’autore
non fosse costretto dalle nuove prassi di comunicazione ed informazione a mettere in
atto una «performance mediatica» che cancella la distanza tra l’autore e l’oggetto
libro. Secondo Ferrante, i media «fanno sì che l’uno si spenda a favore dell’altro,
impastano il primo con i materiali del secondo e viceversa».15
Se prendiamo per buona questa terza ipotesi, che non esclude le altre, le conseguenze
che ne derivano sono esattamente quelle che poi, in fin dei conti si sono verificate. E
cioè che l’autore, lungi dal volersi realmente nascondere, ha voluto semplicemente
giocare a nascondino con il lettore, istigandolo ad interrogarsi sulla questione
dell’identità. E quale sarebbe la motivazione profonda del comportamento di

                                                            
13
Sulla transizione dall’oralità alla scrittura, cfr.: G. Alfano, Nelle maglie della voce. Oralità e testualità da Boccaccio
a Basile, Napoli, Liguori, 2006.
14
E. Ferrante, La frantumaglia, Roma, E/O, 2014, p. 54.
15
Ivi, p. 56.

50
OBLIO VII, 26-27
 

Ferrante? Quale imperscrutabile istinto l’avrebbe portata a collocare davanti al lettore


una pentola che esplode da sola, un quadro che va in fiamme, un libro senza autore?
A me pare che la risposta a questa domanda sia ancora una volta abbastanza semplice
e per questo, forse, generalmente trascurata. Se l’obbiettivo di Ferrante è quello di
separare il fenomeno dal soggetto umano e conferire agenzialità all’oggetto, ciò che
davvero preme all’autrice è che il lettore si chieda nel corso della lettura: chi è il
soggetto? Esiste un soggetto? E se esiste, è un ente o un simulacro? E insomma: che
cos’è quest’identità?
Un altro scrittore che poneva insistentemente la medesima questione e che Ferrante
non a caso cita come modello di reticenza quando spiega in un’intervista la ragione
per cui preferisce non dare una descrizione di sè, è Italo Calvino. Alla domanda del
giornalista («É disposta a dare una breve descrizione – e se vuole anche fisica – di se
stessa?»), Ferrante risponde seccamente:

No. E mi permetta di rifarmi, per questa risposta un po’ brusca, a Italo Calvino che,
convinto che di un autore contano solo le opere, nel 1964 scriveva a una studiosa dei
suoi libri: “... dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di
cambiarli da una volta all’altra. Mi chieda pure quel che vuol sapere e glielo dirò, ma
non le dirò mai la verità, di questo può star sicura”. Questo passo mi è sempre piaciuto
e almeno parzialmente l’ho fatto mio. Potrei dirle che sono bella e atletica come una
star, o che sono inchiodata fin dall’adolescenza su una sedia a rotelle [...] e altre
frottole. Il problema è che, a differenza di Calvino, detesto rispondere a una domanda
con un rosario di bugie.16

Che sia vero o meno ciò che Ferrante scrive riguardo alla sua repulsione per la bugia
– affermazione facilmente confutabile se si prende per buona la sua identificazione
con la traduttrice Anita Raja, perchè in quel caso molti dei racconti personali
contenuti ne La frantumaglia sarebbero appunto «un rosario di bugie» – da non
sottovalutare è l’indicazione fornita a lettori e critici che associa il nome di Calvino
alla questione della reticenza a parlare di sè. Non bisogna dimenticare infatti che, nel
caso di Calvino, è probabile che il pudore celasse ragioni profonde, le stesse che lo
portavano a moltiplicare le immagini di sè, creando di volta in volta maschere
autoriali diverse: una sorta di frenesia performativa che spiega il costante
trasformismo stilistico nel corso della sua trentennale carriera. É stata Carla Benedetti
a individuare fra le cause del «malessere d’identità» calviniano la paura di «essere
definito, giudicato e così pietrificato – come Perseo – dallo sguardo dei lettori, dei
critici e degli “addetti ai lavori”».17 Benedetti fa riferimento alla Prefazione al
Sentiero dei nidi di ragno, scritta a posteriori nel 1964, nella quale Calvino afferma
che il primo libro sarebbe stato meglio non averlo scritto. Perchè essere definiti e
incasellati, per così dire, in una determinata tipologia di autore costringe lo scrittore a
profondere tutte le proprie energie nel tentativo di confermare oppure demolire

                                                            
16
Ivi, p. 80.
17
C. Benedetti, Pasolini contro Calvino. Per una letteratura impura, Torino, Bollati Boringhieri, 1998, p.25.

51
OBLIO VII, 26-27
 

quell’immagine che il pubblico ha inevitabilmente creato.18 La soluzione per cui


Calvino sembra optare è quella di una moltiplicazione delle immagini autoriali,
processo agevolato dalla sua lucida consapevolezza che «la condizione preliminare di
qualsiasi opera letteraria è questa: la persona che scrive deve inventare quel primo
personaggio che è l’autore dell’opera».19 Altro è l’autore empirico – quello di cui
Calvino si rifiuta di concedere i dati autobiografici (o li dà falsi); altro è l’istanza
autoriale creata dall’autore empirico nell’atto di scrittura: «L’autore è autore in
quanto entra in una parte, come un attore, e si identifica con quella proiezione di se
stesso nel momento in cui scrive».20
Ebbene, ciò che interessa sottolineare in quest’analisi contrastiva dell’atteggiamento
che i due autori, Calvino e Ferrante, manifestano sulla questione dell’identità, è che
entrambi tengono a mantenere ben separati l’autore empirico dall’istanza autoriale.
Se Ferrante rifiuta in assoluto di rimanere invischiata nella «performance mediatica»,
Calvino decide di stare al gioco ma dettando le proprie regole, e cioè costruendosi
«addosso negli anni un’immagine d’autore» che è una sorta di «identità
controllata»21 e, al tempo stesso, consapevolmente mettendo in scena l’autore come
giocoliere, impostore e mistificatore.
Il Calvino che negli anni Settanta si trova a fare i conti con la depotenziazione del
principio di autorità ed autorialità dell’artista a seguito dell’annunciata morte
dell’uomo,22 e che approderà alla scrittura di quel capolavoro acclamato della
postmodernità che è Se una notte d’inverno un viaggiatore, ha in realtà covato
l’intero processo di frantumazione performativa dell’istanza autoriale già a partire
dalle sue prime prove, spinto dall’ansia di essere definito della Prefazione al Sentiero.
In tal senso, l’autrice Elena Ferrante parrebbe l’incarnazione ironica e ludica di quel
mito dell’impersonalità cui inneggia lo scrittore in crisi Silas Flannery dal nucleo
pulsante di Se una notte: «Come scriverei bene se non ci fossi! [...] Se fossi solo una
mano, una mano mozza che impugna una penna e scrive...».23 Dall’impersonalità alla
falsificazione, il passo è breve, come insegna lo stesso Flannery quando allude alla
proposta fattagli dal sedicente traduttore Ermes Marana secondo cui «la letteratura
vale per il suo potere di mistificazione», e ritiene che Flannery «abbia le doti
necessarie per essere un grande falsificatore, per creare degli apocrifi perfetti»:

Ha continuato a espormi le sue teorie, secondo le quali l’autore di ciascun libro è un


personaggio fittizio che l’autore esistente inventa per farne l’autore delle sue finzioni.

                                                            
18
L’arcinoto brano cui faccio riferimento è il seguente: «Finchè il primo libro non si è scritto, si possiede quella libertà
di cominciare che si può usare una sola volta nella vita, il primo libro già ti definisce mentre tu in realtà sei ancora
lontano dall’esser definito; e questa definizione poi dovrai portartela dietro per la vita, cercando di darne conferma o
approfondimento o correzione o smentita, ma mai più riuscendo a prescinderne» (I. Calvino, ‘Prefazione 1964 al
Sentiero dei nidi di ragno’, in Id., Romanzi e Racconti, vol. I, a cura di M. Barenghi e B. Falcetto, 1991, p. 1202).
19
I. Calvino, Saggi, tomo I, a cura di M. Barenghi, collezione «I Meridiani», Milano, Mondadori, 1995, p. 390.
20
Ibidem.
21
C. Benedetti, Pasolini contro Calvino, cit., p. 24.
22
Il riferimento è, naturalmente a M. Foucault, Les mots et les choses: une archéologie des sciences humaines,
Gallimard, Paris, 1966.
23
I. Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore, in Id., Romanzi e Racconti, vol. II, Milano, Mondadori, a cura di
M. Barenghi e B. Falcetto, p. 779.

52
OBLIO VII, 26-27
 

[...] Potrei dunque incarnare quello che per lui è l’autore ideale, cioè l’autore che si
dissolve nella nuvola di finzioni che ricopre il mondo del suo stesso involucro.24

Raccogliendo l’eredità lasciata da Calvino e dal suo avatar Silas Flannery, Ferrante
da un lato mette in scena la dissoluzione dell’autore nella «nuvola di finzioni» che
ammanta di mistero la questione della sua identità. Dall’altro, nei romanzi napoletani
intraprende un processo di ricerca che conduce alla scoperta della perdita di centralità
del soggetto tradizionalmente inteso e lascia il passo al nuovo soggetto postumano,
relazionale e vitalistico, emerso nella post-modernità con la fine
dell’antropocentrismo.25 Vediamo come.
In principio l’identità, per Elena Ferrante e per il suo avatar Elena Greco, è l’io
scritto, o ciò che di esso si consegna alla pagina. La narrazione conferisce un tempo,
un significato ed una forma ad un «paesaggio» interiore «instabile» e frammentario:
«La frantumaglia è [...] una massa aerea o acquatica di rottami all’infinito che si
mostra all’io, brutalmente, come la sua vera e unica interiorità. La frantumaglia è il
deposito del tempo, senza l’ordine di una storia, di un racconto».26
Nei romanzi napoletani, Elena Greco riesce a rimanere stabile e centrata grazie alla
sua incrollabile fede nel potere della lingua scritta sulla materia informe e
frammentaria che da lei viene letteralmente ricomposta e imbrigliata nella griglia
della scrittura. Tramite un atto di auto-determinazione che ha le sue radici nel potere
performativo della lingua, Elena Greco trasforma il cogito cartesiano – «penso
dunque sono» – nell’audace enunciato performativo: «scrivo dunque sono».27
Viceversa, Lina è sopraffatta dalla paura di disintegrarsi in un’identità liquida nella
quale i confini tra soggetto e oggetto, identità e alterità, non sono chiaramente
definiti.28 Quella che Ferrante chiama «smarginatura» è appunto una peculiare

                                                            
24
Ivi, p. 788.
25
Quando parlo di soggetto postumano mi riferisco a quella convergenza di umano e non-umano cui ho alluso in
precedenza riferendomi alla filosofa Barad. Secondo le teorie di Barad – oltre che di Haraway, Marchesini, Latour,
Braidotti ed altri – umano e non-umano sono categorie performative e non ontologiche in senso essenzialista. Lo stesso
essere umano è la risultante dell’intersezione fra vari processi di interazione agenziale e significazione culturale. Si veda
a tale proposito: Donna J. Haraway, Simians, Cyborgs and Women: The Reinvention of Nature, New York, Routledge,
1991, e inoltre, When Species Meet, Minneapolis, University of Minnesota Press, 2008; Roberto Marchesini, Post-
human: verso nuovi modelli di esistenza, Torino, Bollati Boringhieri, 2002, e dello stesso autore, Il tramonto dell’uomo:
la prospettiva post-umanista, Bari, Dedalo, 2009; Andrew Pickering, The Mangle of Practice: Time, Agency, and
Science, Chicago, University of Chicago Press, 1995; Rosi Braidotti, ‘Animals, Anomalies, and Inorganic Others: De-
oedipalizing the Animal Other’, in Publications of the Modern Language Association of America (PMLA), 124: 2, 2009,
pp. 526-32; Nomadic Theory: The Portable Rosi Braidotti, New York, Columbia University Press, 2011; e infine, The
Posthuman, Cambridge, Polity Press, 2013
26
E. Ferrante, La frantumaglia, cit., p. 95.
27
Che l’identità sia un costrutto sociale e performativo piuttosto che un insieme di qualità radicate nell’essenza
dell’individuo o della specie, è un concetto che risale almeno a Judith Butler: «Identity is performatively constituted by
the very ‘expressions’ that are said to be its results» (J. Butler, Gender Trouble: Feminism and the Subversion of
Identity, New York, Routledge, 2nd edition, 1999, p. 33). A sua volta, l’idea che l’identità sia il prodotto di
un’iterazione di atti e discorsi sociali è fondata sulla teoria degli speech-acts di Austin; in particolare su quello che
Austin chiama il performativo linguistico. Si veda: J. L. Austin, How to Do Things with Words, Oxford, Clarendon
Press, 1962, e James Loxley, Performativity, London, Routledge, 2007.
28
L’ansia generata in Lina dal suo sentirsi senza forma, un’ansia che Elena cerca di placare tramite la scrittura, può
considerarsi rappresentativa di un generale malessere dell’identità che è tipico della modernità «liquida» di cui parla
Zygmunt Bauman. Lo smascheramento del concetto di identità come costrutto sociale e i processi di globalizzazione
hanno condotto, fra le altre cose, all’indebolimento di quelle categorie sociali che contribuivano a definire ed ancorare

53
OBLIO VII, 26-27
 

affezione del soggetto cognitivo e senziente per la quale l’individuo esperisce la


realtà circostante non come un oggetto di conoscenza che è esterno al soggetto
umano, ma come un «fare» o un «divenire» in cui soggetto e oggetto sono
radicalmente invischiati e co-implicati.29 Dal flusso performativo di questa realtà che
si comporta come un conglomerato di attività agenziale in cui tutti gli enti possiedono
la stessa responsabilità nella produzione dei fenomeni, Lina è simultaneamente
respinta e fatalmente attratta, tanto da arrivare a desiderare la propria cancellazione.
Ecco perchè Elena deve dare a Lina una forma scritta: «io che ho scritto mesi e mesi
e mesi per darle una forma che non si smargini, e batterla e calmarla, e così a mia
volta calmarmi».30
Se Elena «scrive» Lina perchè l’identità della sua amica geniale non venga
sopraffatta dall’intrusione della materia umana, animale, vegetale ed addirittura
elettronica (il computer che da un certo momento in poi rappresenta il suo alter ego)
che preme ai confini, qual è l’alterità da cui Elena si difende, la «frantumaglia» che
scongiura attraverso la parola scritta?
Naturalmente quella di Lina, dalla cui identità si sente assediata perchè rischia
continuamente di confondersi con la sua: «E la sua vita si affaccia di continuo nella
mia, nelle parole che ho pronunciato, dentro le quali c’è spesso un’eco delle sue, in
quel gesto determinato che è un riadattamento di un suo gesto, in quel mio di meno
che è tale per un suo di più, in quel mio di più che è la forzatura di un suo di meno».31
Sostenitrice della filosofia della differenza,32 Ferrante pare avallare con la sua epica
narrazione dell’identità, un principio fondamentale predicato da Gilles Deleuze
secondo il quale l’identità non può considerarsi come un concetto primario al quale il
principio di differenza si opporrebbe come antinomico. Capovolgendo il paradigma
dell’identità e sostituendolo con quello della differenza, Deleuze finisce per negare
che l’essenza del soggetto possa consistere nella sua identità e postula il principio di
differenza come elemento primario nella definizione dell’identità. Dunque, l’identità
è il prodotto della relazione tra due (o più) elementi differenziali.33
Qual è la conseguenza di questa complessa speculazione filosofica se la utilizziamo
come chiave di lettura dei romanzi napoletani di Elena Ferrante? Se applicata ai due
personaggi di Lina ed Elena, la nozione deleuziana di differenza ci porta a dedurre
che nè Elena nè Lina hanno una propria identità primaria. Sono invece due
differenziali che producono la rispettiva identità: un’identità che vive in bilico sui

                                                                                                                                                                                                     
in maniera forte l’idea di identità (genere, nazionalità, famiglia, classe sociale). Sul concetto di «identità liquida» si
veda almeno: Z. Bauman, Identity. Conversations with Benedetto Vecchi, Cambridge, Polity Press, 2004.
29
Come ho già accennato, la mia impostazione teorica si basa sul realismo performativo o agenziale di Barad secondo
cui «things do not have inherently determinate boundaries or properties, and words do not have inherently determinate
meanings» (K. Barad, ‘Posthumanist Performativity’, cit., p. 813).
30
E. Ferrante, Storia della bambina perduta, cit., p. 466.
31
E. Ferrante, Storia del nuovo cognome, cit., p. 337.
32
«Di femminismo ho letto abbastanza e con passione, tuttavia non ho nessuna esperienza militante. Ho molta simpatia
per il pensiero della differenza» (E. Ferrante, La frantumaglia, cit., p. 72).
33
Si veda Gilles Deleuze, Différence et répétition, Presses Universitaires de France, Paris, 1968. Un valido strumento di
supporto nella decodifica del complesso linguaggio di Deleuze, si trova in James Williams, Gilles Deleuze's difference
and repetition : a critical introduction and guide, Edinburgh, Edinburgh University Press, 2013.

54
OBLIO VII, 26-27
 

margini, in una zona anonima percorsa dalla traccia della scrittura, proprio come
quella dell’autrice il cui nome compare in copertina.34
Quella che i lettori finiscono col trovare nei romanzi napoletani è allora un’identità
postumana che emerge dalla dissoluzione del soggetto tradizionale, quel soggetto che
– come Elena Greco – è tenuto insieme da un consapevole atto di auto-riflessione
fondato su un pensiero di stampo dualistico («penso dunque scrivo»).
Mi sembra opportuno concludere questa riflessione con una citazione di Rosi
Braidotti sul soggetto postumano che potrebbe essere stata scritta per l’amica geniale
Lina Cerullo e lo scrittore dall’ «identità liquida» Silas Flannery:

What we humans truly yearn for is to disappear by merging into this generative flow
of becoming, the precondition for which is the loss, disappearance and disruption of
the atomized, individual self.35

                                                            
34
L’identità della diade Elena-Lina che sopravvive sull’orlo della scrittura ci ricorda quella del Barone Cosimo
Piovasco di Rondò ne Il barone rampante che abita sospeso sul labirinto della scrittura grazie allo sforzo performativo
di suo fratello Biagio. Si veda, a tale proposito, il mio articolo dal titolo ‘Calvino, Posthumanism and Sterne’, Carte
Allineate, 54, 2017 (21-02-2017). Sul postumanesimo di Calvino, si veda il bel saggio di S. Iovino, ‘Hybriditales:
Posthumanizing Calvino’, in Thinking Italian Animals: Human and Posthuman in Modern Italian Literature and Film,
a cura di D. Amberson and E. Past, New York, Palgrave Macmillan, 2014, pp. 215-232.
35
R. Braidotti, The Posthuman, cit., p. 136.

55

Potrebbero piacerti anche