Sei sulla pagina 1di 4

TECNICA



Roberto
Lombardi


Come
 reagireste
 se
 vi
 dicessero
 che
 il
 rovescio
 a
 due
 mani
 é
 più
 facile
 di
 quello
 a
 una
 sola

mano?
 E
 se
 leggeste
 che
 c'è
 solo
 una
 piccola
 differenza
 nell'allungo
 tra
 i
 due
 rovesci

(ovviamente
 a
 favore
 di
 quello
 a
 una
 sola
 mano)?
 Tutto
 vero,
 anche
 se
 i
 tradizionalisti

pensano
il
contrario.
A
dimostrarlo
sono
i
progressi
compiuti
dalla
scienza
applicata
al
tennis.

Il
 rovescio
 a
 una
 sola
 mano
 é
 stato
 usato
 Din
 dalla
 nascita
 del
 gioco,
 nel
 1870.
 Il
 rovescio

bimane
 é
 stato
 introdotto
 da
 Vivien
 McGrath
 nel
 1930.
 Poi
 sono
 stati
 i
 giocatori
 che
 hanno

sfruttato
 la
 tecnica
 del
 rovescio
 bimane
 Dino
 al
 1970,
 quando
 é
 diventato
 popolare
 con
 l'

avvento
 di
 Chris
 Evert,
 Bjorn
 Borg,
 Jimmy
 Connors
 e
 Tracy
 Austin.
 Come
 giustiDicare
 la

micidiale
ribattuta
possibile
con
il
rovescio
bimane?

Gli
 esperti
 adducono
 varie
 ragioni
 per
 dimostrare
 la
 superiorità
 del
 rovescio
 a
 due
 mani.

Alcuni
sostengono
che
i
giocatori
di
oggi
hanno
cominciato
a
usarlo
da
bambini,
perché
non

avevano
 abbastanza
 forza
 per
 controllare
 la
 racchetta
 con
 una
 sola
 mano.
 Altri,
 invece,
 che

propongono
 il
 rovescio
 a
 una
 mano,
 pensano
 che
 quello
 bimane
 sia
 un'affettazione
 e

ritengono
 che
 non
 sia
 ortodosso
 lo
 slancio
 della
 racchetta
 con
 le
 due
 mani.
 Entrambi
 i

sostenitori
 dei
 due
 tipi
 di
 rovescio,
 comunque,
 propongono
 di
 preferire
 il
 colpo
 che
 più

assomiglia
al
diritto.
Ma
quel
colpo
é
proprio
il
rovescio
a
due
mani.


L'
IMPUGNATURA


In
generale,
nel
diritto
viene
consigliata
una
impugnatura
Western,
Eastern
o
Continental;
il

contatto
 con
 la
 palla
 dovrebbe
 avvenire
 di
 solito
 sopra
 al
 piede
 avanzato.
 Nel
 colpire
 con
 il

rovescio
 a
 una
 sola
 mano,
 é
 necessario
 cambiare
 l'
 impugnatura
 partendo
 da
 alcune
 delle

prese
di
diritto
per
ottenere
un
impatto
della
palla
ancora
sopra
al
piede
davanti.
Inoltre,
nel

colpire
 di
 rovescio
 a
 una
 sola
 mano,
 si
 coinvolge
 un
 sistema
 muscolare
 completamente

diverso
rispetto
al
diritto
per
queste
ragioni:


1‐il
diritto
é
molto
più
simile
al
rovescio
portato
a
due
mani;


2‐per
giocare
il
rovescio
a
due
mani
si
possono
adottare
due
impugnature
Eastern
di
diritto

(la
mano
guida
può
essere
cambiata
in
un'impugnatura
Continental,
se
preferita)
e
il
contatto

con
la
palla
avviene
normalmente
sopra
il
piede
davanti,
come
nel
diritto.


Sono
in
molti
ad
affermare,
con
una
buona
parte
di
ragione,
che
usare
il
rovescio
a
due
mani
é

un
po'
come
portare
il
diritto
dalla
parte
opposta.



L’ALLUNGO



Poiché
nel
rovescio
bimane
si
usano
entrambe
le
mani,
i
sostenitori
del
rovescio
a
una
mano

hanno
più
volte
denunciato
la
carenza
di
allungo.
In
un
Dilm
studio
ad
alta
velocità,
girato
negli

Stati
Uniti
sui
movimenti
di
36
giocatori
di
vertice,
non
si
sono
rilevate
differenze
nell'allungo

tra
 i
 due
 colpi,
 quando
 i
 giocatori
 avevano
 il
 tempo
 di
 preparare
 il
 movimento
 nel
 modo

corretto.
 In
 questo
 studio
 si
 é
 rilevato
 che,
 quando
 il
 giocatore
 non
 doveva
 correre
 per

raggiungere
 la
 palla,
 il
 contatto
 con
 la
 palla
 richiedeva
 circa
 la
 stessa
 distanza
 dal
 corpo:
 si

veriDica
quindi
che
nelle
fasi
statiche,
in
cui
si
ha
tutto
il
tempo
per
preparare
ed
eseguire
un

colpo
completo,
non
c'
é
differenza
di
allungo
fra
le
due
impostazioni.





2
CONTENIMENTO


Quando
 il
 giocatore
 si
 deve
 allungare
 per
 ribattere
 una
 palla
 lontana,
 la
 situazione
 cambia.

L'allungo,
 in
 un
 colpo
 portato
 con
 una
 sola
 mano,
 é
 maggiore.
 Ma
 il
 colpo
 che
 si
 effettua
 in

queste
condizioni
di
stress
non
può
essere
offensivo.


Si
 tratta
 per
 lo
 più
 di
 un
 colpo
 in
 back
 spin
 o
 di
 un
 pallonetto
 per
 tentare
 di
 contenere
 la

pressione
dell'avversario.
É
molto
meglio
che
un
giocatore
che
ha
un
rovescio
bimane
efDicace

impari
a
colpire
le
palle
in
allungo
a
una
sola
mano
e
a
sviluppare
soluzioni
difensive
in
back

spin.
Non
é
razionale
evitare
il
rovescio
a
due
mani
per
una
supposta
carenza
di
allungo
nelle

situazioni
di
massimo
impegno,
in
cui
ci
si
può
arrangiare
con
una
sola
mano.



PALLE
BASSE


La
 situazione
 di
 gioco
 che
 di
 solito
 causa
 i
 maggiori
 problemi
 agli
 interpreti
 del
 rovescio

bimane
si
manifesta
quando
si
deve
colpire
una
palla
bassa
di
fronte
al
corpo.
Naturalmente

con
entrambe
le
mani
sulla
racchetta
ci
si
deve
piegare
di
più
se
si
vuole
rispondere
con
un

colpo
offensivo
mentre
nel
colpo
ad
una
sola
mano
il
piegamento
richiesto
é
inferiore.
D’altra

parte,
il
giocatore
bimane
deve
raggiungere
la
palla
il
più
rapidamente
possibile
per

tentare

di
colpirla
nel
punto
più
alto
della
traiettoria
oppure
non
gli
resta
che
adattarsi
a
colpire
con

una
 presa
 ad
 una
 sola
 mano.
 Tutte
 queste
 osservazioni
 accademiche
 e
 un
 po’
 teoriche

diventano
obblighi
imprescindibili
ad
alto
livello.
Cioè,
i
colpi
di
approccio
si
devono
giocare

ad
 una
 sola
 mano
 per
 mettere
 il
 corpo
 in
 condizione
 di
 recuperare
 la
 posizione
 ideale
 per

ribattere
il
colpo
successivo.


IL
RUOLO
DELLO
SFORZO
MUSCOLARE


É
 ormai
 normalmente
 accettato
 che
 il
 rovescio
 ad
 una
 sola
 mano
 richieda
 un
 maggiore

impegno
 muscolare
 perché
 lo
 sforzo
 viene
 sopportato
 dall’azione
 di
 un
 solo
 braccio
 nello

slancio
e
perché
non
c’è
supplemento
di
spinta
generata
dall’azione
del
tronco
cosa
che
invece

si
 veriDica
 nel
 colpo
 bimane.
 Un
 principiante
 che
 gioca
 il
 rovescio
 ad
 una
 sola
 mano
 spesso

blocca
 il
 gomito
 portandolo
 molto
 vicino
 al
 corpo
 per
 le
 ragioni
 descritte.
 Infatti,
 non

possedendo
 le
 capacità
 Disiche
 per
 maneggiare
 la
 racchetta,
 tenta
 di
 farne
 un
 tutt’uno
 con
 il

corpo.
 Diversamente,
 il
 blocco
 del
 gomito
 non
 é
 comune
 in
 un
 rovescio
 bimane
 perché
 il

movimento
 di
 rotazione
 del
 tronco
 obbliga
 i
 gomiti
 ad
 avvicinarsi
 al
 corpo.
 In
 generale,

comunque
dovrebbe
risultare
più
semplice
ruotare
la
racchetta
con
2
mani
piuttosto
che
con

una
 sola.
 Un
 movimento,
 quello
 della
 rotazione
 della
 racchetta,
 in
 cui
 si
 possono
 generare

problemi
nel
controllo
della
testa
della
stessa
portando
di
conseguenza
a
difDicoltà:

- nel
piazzamento
del
colpo

- nell’imprimere
il
top
spin

- nel
controllo
durante
e
dopo
il
colpo

- nel
tempo
sulla
palla.


LO
SPIN


La
 forza
 impressa
 gioca
 un
 ruolo
 fondamentale
 nella
 produzione
 del
 top
 spin.
 É
 spesso

difDicile
 colpire
 in
 top
 spin
 usando
 un
 rovescio
 ad
 una
 sola
 mano
 a
 causa
 dello
 sforzo

supplementare
 richiesto
 per
 ruotare
 la
 racchetta
 con
 il
 piatto
 corde
 disposto
 con
 un
 angolo

acuto
superiore.
Al
confronto,
produrre
il
top
spin
con
un
colpo
bimane
é
semplice
perché
lo

sforzo
 muscolare
 viene
 sopportato
 in
 tal
 caso
 anche
 dalla
 seconda
 mano
 e
 dal
 tronco.
 I
 3

distretti
 muscolari
 congiunti
 infatti
 permettono
 con
 maggiore
 facilità
 il
 movimento
 della

racchetta
dal
basso
verso
l’alto
necessario
per
il
top
spin.
Per
contro,
i
giocatori
bimani
hanno

3
difDicoltà
 nel
 manovrare
 la
 racchetta
 in
 un
 colpo
 dall’alto
 verso
 il
 basso
 o
 per
 un
 taglio

laterale.
 In
 tal
 caso,
 é
 necessaria
 una
 compensazione
 preparando
 il
 colpo
 a
 2
 mani
 ma

accompagnando
ad
una
sola
mano
facilitando
l’azione
della
racchetta
dall’alto
verso
il
basso.


PALLE
ALTE


I
 sostenitori
 del
 rovescio
 bimane
 notano
 come
 sia
 più
 facile
 colpire
 le
 palle
 alte
 in
 modo

efDicace.
Ciò
si
basa
sulle
capacita’
Disiche
del
giocatore
e
sul
tipo
di
colpo
che
si
deve
giocare.
É

estremamente
difDicile
giocare
con
un
rovescio

ad
una
sola
mano
su
di
una
palla
che
rimbalza

all’altezza
del
capo.
Il
back
spin
in
tal
caso
é
raccomandato,
quasi
obbligatorio
e
comunque
la

palla
non
può
essere
colpita
ad
alta
velocità.
Per
contro,
un
colpitore
bimane
può
giocare
in

modo
aggressivo
usando
un
colpo
piatto
oppure
il
top
spin
imprimendo
alla
palla
una
velocità

decisamente
superiore.


MASCHERAMENTO
DEL
COLPO


Il
rovescio
bimane
é
consigliato
anche
ai
giocatori
incapaci
di
mascherare
i
colpi.
Si
osserva

infatti
come
la
“seconda
mano”
consenta
di
manovrare
la
testa
della
racchetta
Dino
all’ultimo

istante
con
facoltà
di
dirigere
la
palla
in
zone
insospettabili
per
l’avversario.
Peraltro,
la
stessa

cosa
 si
 può
 dire
 per
 un
 giocatore
 in
 grado
 di
 manovrare
 molto
 bene
 il
 rovescio
 ad
 una
 sola

mano
ma
si
deve
trattare
di
un
giocatore
molto
evoluto.


CONSIDERAZIONI
DI
SCIENZA
DELLO
SPORT


Se
si
ricorda
il
Dilm
studio
discusso
in
precedenza
in
cui
sono
state
analizzate
le
tecniche
del

rovescio
per
36
giocatori
di
livello,
ci
si
accorge
che
,afDinché
il
giudizio
sia
attendibile,
la
palla

deve
 seguire
 una
 traiettoria
 simile
 in
 entrambi
 i
 rovesci.
 Ciò
 signiDica
 che
 la
 racchetta
 deve

fare
la
stessa
cosa
all’impatto.
Ci
si
accorge
anche
che
un
risultato
signiDicativo
ha
a
che
fare

con
 il
 numero
 di
 parti
 del
 corpo
 usate
 per
 ciascun
 movimento
 e
 come
 tali
 parti
 siano

coordinate
 tra
 loro.
 Per
 esempio
 ci
 sono
 giocatori
 che
 eseguono
 la
 stessa
 tipologia
 di
 colpo

effettuando
 un
 piccolo
 movimento
 circolare
 nella
 fase
 di
 preparazione(ovalizzazione).
 Cio’

permette
 loro
 di
 ottenere
 una
 velocità
 della
 testa
 della
 racchetta
 sensibilmente
 superiore

all’impatto
rispetto
a
coloro
che
adottano
una
apertura
diretta.
Per
un
rovescio
ad
una
mano,
i

ricercatori
hanno
veriDicato
che
si
usano
5
parti
distinte
del
corpo
prima
dell’impatto.
Dopo

che
 si
 é
 effettuato
 il
 piazzamento
 delle
 gambe,
 l’anca
 si
 gira
 leggermente
 trasferendo
 la

quantità
 di
 moto
 al
 tronco
 che
 inizia
 a
 ruotare.
 Indi,
 si
 muove
 insieme
 alla
 spalla
 la
 parte

superiore
 del
 braccio.
 Il
 movimento
 della
 parte
 superiore
 del
 braccio
 é
 trasferito
 all’azione

dell’avambraccio
 che
 ruotando
 consente
 alla
 mano
 e
 alla
 racchetta
 di
 posizionarsi
 per

l’impatto.
Il
contatto
con
la
palla
deve
avvenire
perlopiù
ad
una
quarantina
di
cm
davanti
al

piede
più
avanzato
per
assicurare
il
trasferimento
della
quantità
di
moto
attraverso
tutte
le

parti
 del
 corpo
 coinvolte
 e
 per
 orientare
 la
 faccia
 della
 racchetta
 in
 posizione
 verticale

rispetto
alla
traiettoria
della
palla.
É
la
coordinazione
delle
5
parti
del
corpo
menzionate
che

crea
ai
giocatori
di
rovescio
ad
una
sola
mano
tante
difDicoltà.
Solo
i
giocatori
evoluti
sono
in

grado
di
coordinare
bene
le
5
parti
del
corpo
coinvolte
ma
anche
a
loro
succede
che
talvolta

nel
momento
di
trasferire
la
quantità
di
moto
all’avambraccio
attraverso
il
gomito
perdono
il

controllo
e
portano
avanti
il
gomito
stesso.
Si
vedono
altri
di
questi
errori
come
ad
esempio

quelli
 commessi
 dai
 giocatori
 che
 trasferiscono
 bene
 la
 quantità
 di
 moto
 ma
 hanno
 il
 polso

debole
e
tendono
ad
abbassare
troppo
la
testa
della
racchetta.

Il
rovescio
a
2
mani,
invece,
presenta
uno
scenario
del
tutto
differente.
Nel
rovescio
a
2
mani,

infatti,
 si
 utilizzano
 solo
 2
 parti
 distinte
 del
 corpo
 per
 lo
 slancio
 della
 racchetta
 verso

4
l’impatto.
 Dopo
 che
 il
 giocatore
 inizia
 il
 trasferimento
 della
 quantità
 di
 moto
 e
 si
 muove
 in

avanti
 verso
 il
 punto
 di
 contatto
 con
 la
 palla,
 l’anca
 comincia
 a
 ruotare
 e
 si
 porta
 dietro
 la

rotazione
 del
 tronco.
 Le
 braccia
 ruotano
 entrambe
 con
 il
 tronco
 mentre
 ne
 il
 gomito
 ne
 il

polso
 sono
 costretti
 a
 movimenti
 supplementari
 Dino
 all’impatto.
 Cioé
 il
 tronco
 e
 le
 braccia

ruotano
come
un
corpo
unico.
Dopo
l’impatto,
si
veriDicano
molte
contorsioni
che
dipendono

dalle
 idiosincrasie
 individuali
 dei
 giocatori
 ma
 l’accompagnamento
 del
 colpo
 più
 comune

consiste
nel
bloccare
il
braccio
e
la
racchetta
sopra
la
spalla.


IL
MOVIMENTO
DEL
POLSO


Nel
rovescio
ad
una
sola
mano
si
riscontra
di
solito
un
sensibile
movimento
del
polso
mentre

nel
rovescio
bimane
l’azione
é
ridotta.
Nello
studio
preso
in
esame,
tutti
i
giocatori
peraltro

sono
 impegnati
 a
 colpire
 in
 lungolinea
 e
 quindi
 é
 probabile
 che
 ,se
 sollecitati
 a
 giocare
 un

colpo
 incrociato,
 costringano
 il
 polso
 ad
 una
 azione
 più
 importante.
 Il
 consiglio
 comunque

resta
quello
di
evitare
il
più
possibile
l’azione
del
polso
in
entrambi
i
casi.


QUALE
SI
IMPARA
CON
PIÙ
FACILITÀ


Sembra
 che
 i
 giocatori
 imparino
 con
 più
 facilità
 il
 rovescio
 bimane.
 Ciò
 dipende
 in
 sostanza

dal
 fatto
 di
 dover
 usare
 solo
 2
 parti
 del
 corpo
 distinte
 contro
 le
 5
 del
 rovescio
 ad
 una
 sola

mano.


RISULTATI
A
RETE


Nel
 gioco
 a
 volo
 non
 ci
 sono
 dubbi:
 le
 2
 mani
 rappresentano
 un
 problema
 per
 cui
 deve

sconsigliare
l’uso
della
presa
bimane.
C’é
solo
un
caso
in
cui
ci
si
può
arrangiare
con
la
presa

bimane;
quando
si
deve
ribattere
una
palla
più
alta
della
spalla
,ma
non
troppo,
e
abbastanza

lenta.
In
tal
caso,
il
movimento
bimane
consente
di
esercitare
una
maggiore
spinta.


RISULTATI
FINALI


Entrambi
 i
 rovesci
 sono
 caratterizzati
 da
 aspetti
 che
 comunque
 sono
 propedeutici
 per
 la

prestazione
per
cui
bisogna
saper
scegliere
in
funzione
del
tipo
di
gioco
e
delle
qualità
Disiche

.Si
 tratta
 perciò
 di
 una
 scelta
 individuale
 dopo
 aver
 bene
 valutato
 le
 peculiarità
 di
 ciascuna

tecnica.
 In
 deDinitiva,
 si
 deve
 tener
 presente
 che
 il
 rovescio
 bimane
 rappresenta
 un’arma

incredibilmente
 potente
 e
 può
 essere
 imparato
 con
 maggiore
 facilità.
 Anche
 le
 critiche
 ai

limiti
di
allungo
lasciano
il
tempo
che
trovano
perché,
comunque,
si
tratta
di
colpo
difensivo
e

il
fatto
di
utilizzare
una
presa
ad
una
sola
mano
non
può
cambiare
la
sostanza
della
situazione

tattica.
In
aggiunta,
il
rovescio
bimane
non
solo
consente
di
produrre
il
top
spin
con
una
certa

facilità
 e
 giocare
 in
 modo
 agevole
 palle
 alte
 difDicili
 da
 controllare,
 ma
 anche
 di
 usare
 la

rotazione
del
tronco
per
tirare
più
forte.
E
ancora
il
movimento
bimane
consente
di
assorbire

meglio
 lo
 shock
 dell’impatto
 perché
 questo
 di
 distribuisce
 sulle
 2
 braccia.
 C’é
 qualcuno
 che

addirittura
pensa
che
il
rovescio
bimane
sia
una
sorta
di
cordone
ombelicale
che
da
sicurezza.

Senza
 giungere
 a
 questi
 estremi
 tipici
 della
 psicologia
 da
 supermarket,
 é
 doveroso
 peraltro

considerare
 che
 il
 rovescio
 bimane
 esiste
 e
 non
 si
 vede
 perché
 non
 lo
 si
 possa
 utilizzare

sfruttandone
i
vantaggi
come
fanno
praticamente
tutti
i
più
forti.