Sei sulla pagina 1di 2

FONDAMENTI di MECCANICA STRUTTURALE

Anno accademico 2017/2018 - Esercitazione n° 1

Nota: le risposte relative alle reazioni vincolari sono fornite soltanto in modulo in quanto il segno
dipende dal verso convenzionale scelto; lo studente invece, eseguita la scelta, deve fornire anche
il segno.

1) Sostituire il sistema di forze schematizzato in figura con la sola risultante opportunamente


applicata.
Dati:
y
F
1
F1 = 500 N, F2 = 800 N, F3 = 1000 N;
F F x1 = 5 m, x2 = 7 m, x3 = 8 m.
2 3

O x1 x x x [RF = 700 N, ξ = 7 m (misurata da O)]


2 3

2) Per il sistema di forze schematizzato in figura, calcolare la risultante e determinare la retta


d'azione su cui applicarla ai fini dell'equivalenza.
y
F F Dati:
1 2 F
3 F1 = 100 N, F2 = 200 N, F3 = 50 N;
α2 α3
α1 x1 = 2 m, x2 = 3 m, x3 = 4 m;
y1 = y2 = y3 = 0 m;
O x x x
x1 2 3 α1 = 60°, α 2 = 135°, α 3 = 90°.

[RF = 293 N, α = 108° (misurato da x), ξ = 2.72 m (misurata da O)]

F1 F2
3) L’albero mostrato in figura è vincolato da
un cuscinetto a sfere (assimilabile a una
cerniera) e da un cuscinetto a rulli C F3
(assimilabile a un appoggio). Calcolare le
reazioni vincolari causate dai carichi F1,
F2, C.

Dati:
C = 60 kN⋅mm, a a a
F1 = 2 kN,
F2 = 1 kN,
F1 F2
F3 = 0.5 kN, A B C F3
a = 80 mm.

F1 F2 C F 3F C
[OA = F3 = 0.5 kN, VA = − − = 0.125 kN, RB = 1 + 2 + = 2.875 kN]
2 2 2a 2 2 2a
4) La barra ABC mostrata in figura è vincolata in

q
A da un perno inserito in un foro cilindrico

C
(assimilabile a una cerniera) e in B da un altro
perno inserito in un’asola (assimilabile a un

l
appoggio). Calcolare le reazioni vincolari

B
causate dal carico distribuito q agente sul

B
tratto BC.

3l

3l
1 7
[VA = 0, OA = ql , RB = ql ]
6 6

A
A) Spiegare perché in un sistema a forza risultante nulla il momento risultante è indipendente
dal polo scelto.
B) Per quale scopo si aggiunge un momento “di trasporto”?
C) Quale interpretazione fisica hanno i carichi concentrati?
D) Per un sistema labile soggetto a carichi, è sempre impossibile trovare l’equilibrio?
E) In un sistema piano, avendo scritto due equazioni di equilibrio traslazionale lungo due
direzioni distinte, una terza equazione di equilibrio traslazionale (nello stesso piano) è
combinazione lineare delle precedenti? Perché?