Sei sulla pagina 1di 34

CORSO DI COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA

PROGETTO E VERIFICA DI UN EDIFICIO IN ZONA SISMICA

2° ESERCITAZIONE CON SAP2000 - ANNO ACCADEMICO 2018-2019 -


PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Analisi modale e dinamica


lineare:
Struttura a 2 GDL
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione della
griglia:

Scegliendo l’opzione
«Grid only» definiamo
l’ubicazione delle
linee della griglia
nonché la loro
distanza reciproca

Materiale:

Inserimento delle
proprietà del CLS (E,
v, γ)
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione delle
sezioni degli
elementi strutturali:

Attribuendo il
materiale
precedentemente
definito, si procede
con la definizione
delle tre tipologie di
sezioni:
PIL 1 (pilastri del
piano 1)
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione delle
sezioni degli
elementi strutturali:

Attribuendo il
materiale
precedentemente
definito, si procede
con la definizione
delle tre tipologie di
sezioni:
PIL 1 (pilastri del
piano 1)
PIL 2 (pilastri del
piano 2)
TRA (travi)
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Verifica del corretto


posizionamento degli
elementi strutturali:

Una volta disegnati


gli elementi tramite il
comando «draw-
frame», è possibile
controllare che le
sezioni siano state
correttamente
attribuite ad ogni
elemento spuntando
la casella «sections»
dal menu delle
opzioni
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Sullo schermo
verranno mostrate,
per ogni elemento
disegnato
precedentemente, le
sezioni ad esso
assegnate,
individuate con il
nome ad esse
attribuito durante la
definizione delle
sezioni.
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Applicazione dei
carichi:

Nella sessione
dedicata alle
tipologie di carico,
viene individuata una
sola tipologia che
identifica tutti i
carichi considerati
(COMPRESO IL PESO
PROPRIO)
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Assegnazione dei
carichi:

Ancora una volta i


carichi agiscono
esclusivamente sulle
travi del primo e del
secondo impalcato.

Tramite assign –
frame loads si
procede con
l’inserimento dei
valori dei carichi per
unità di lunghezza.
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione delle
sorgenti di massa:

Define – Mass
Sources

L’analisi modale
necessita delle
proprietà di massa e
di rigidezza della
struttura. Tramite
questo comando è
possibile comunicare
da quali sorgenti
determinare la
matrice delle masse
In questo caso il programma considera i carichi precedentemente definiti come unica
sorgente dalla quale determinare la massa della struttura
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Condizioni al
contorno:

Assegnazione dei
vincoli di incastro alle
estremità inferiori dei
pilastri del piano 1
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione degli
impalcati rigidi:

Assign – Joint
constraints

Questo comando
permette di vincolare
reciprocamente i GDL
di due o più nodi,
simulando un
collegamento rigido
tra gli stessi
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione degli
impalcati rigidi:

Assign – Joint
constraints

In questo caso la
condizione di
impalcato rigido è
imposta vincolando
gli spostamenti lungo
x dei due nodi dello
stesso impalcato
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione degli
impalcati rigidi:

Assign – Joint
constraints

Per ogni piano verrà


impostato un new
constraints,
individuato da un
diaframma che
vincolerà
reciprocamente i
nodi selezionati nella
direzione x del
sistema di
riferimento globale
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Imposizione delle
ipotesi: Telaio Shear-
Type

Tornando su: Define-


frame Sections ,
occorre ora imporre
che l’impalcato abbia
rigidezza infinita
rispetto alle colonne.
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Imposizione delle
ipotesi: Telaio Shear-
Type

L’elemento che
secondo la
modellazione
effettuata identifica
l’impalcato è
esclusivamente la
trave; selezionando
la sezione di
interesse, scegliere
«set modifiers»
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Imposizione delle Per rendere la trave


ipotesi: Telaio Shear- infinitamente rigida occorre
Type quindi incrementare
notevolmente il fattore
Questo comando moltiplicativo della rigidezza
permette di flessionale e dell’area
modificare delle resistente a taglio.
caratteristiche di
rigidezza che il
software determina
automaticamente in
relazione ai parametri
geometrico-
meccanici definiti
dall’utente
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Imposizione delle Per rendere la trave


ipotesi: Telaio Shear- infinitamente rigida occorre
Type quindi incrementare
notevolmente il fattore
Questo comando moltiplicativo della rigidezza
permette di flessionale e dell’area
modificare delle resistente a taglio.
caratteristiche di
rigidezza che il Eseguendo la stessa
software determina operazione sulla superficie di
automaticamente in taglio dei pilastri si ottiene un
relazione ai parametri comportamento shear-type in
geometrico- quanto l’unico parametro che
meccanici definiti inciderà sulla rigidezza globale
dall’utente sarà la rigidezza a taglio dei
singoli pilastri (funzione
dell’inerzia della sezione)
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Definizione della
condizione di telaio
piano:

Analyze – Set
analysis options

Selezionando «XZ
Plane» in questa
schermata
disattiveremo tutti i
GDL che non sono
necessari, ovvero
spostamenti e
rotazioni fuori dal
piano.
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Analisi modale:

Analyze – Run
Analysis

Selezionando analisi
modale scegliere
quindi RUN NOW

In questo modo il
software considererà
i carichi definiti
esclusivamente per
la determinazione
della matrice delle
masse
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000
Risultati dell’analisi
modale:

Deformate:

Essendo il sistema a
2 gdl le deformate
modali di interesse
saranno quelle
relative al 1 ed al 2
modo

Visualizzazione dei
parametri dell’analisi
modale:

Display – Show
Mode 1: Massa partecipante pari Mode 2: Massa partecipante pari Tables – Structure
all’88.8%; periodo T = 0.222 s all’11.1%; periodo T = 0.111 s Output – Modal
Information
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Spettri NTC

Foglio di calcolo
fornito dal Ministero
che permette di
ottenere i parametri
degli spettri di
risposta per ogni
località sul territorio
italiano

1° Step: Definizione
della località –
Reggio Calabria (Zn
http://www.cslp.it/cslp/index.php?option=com_docman&task=doc_details&gid=3 1)
280&&Itemid=165
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Spettri NTC

Foglio di calcolo
fornito dal Ministero
che permette di
ottenere i parametri
degli spettri di
risposta per ogni
località sul territorio
italiano

2° Step: Periodo di
riferimento (funzione
della vita nominale e
classe d’uso
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Spettri NTC

3° Step:
Caratteristiche del
terreno di
fondazione, della
struttura (qo) e
definizione dello
stato limite.
In questa fase viene
selezionato lo spettro
allo stato limite di
danno
esclusivamente a
titolo di esempio
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Spettri NTC

I parametri dello
spettro di risposta
vengono ottenuti in
formato tabella; Per
importare lo spettro
su SAP è necessario
copiare la tabella
identificante i valori
di Sa(T) su un file
.dat o .txt
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Import dello spettro


su SAP

Define – Functions –
Response Spectrum
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Import dello spettro


su SAP

Aggiungere una
nuova funzione da un
file esterno
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Import dello spettro


su SAP

Aggiungere una
nuova funzione da un
file esterno

Cliccare su Browse e
scegliere il file su cui
è stato salvato lo
spettro esportato da
SPETTRI NTC
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Import dello spettro


su SAP

Occorre definire le
grandezze riportate
sugli assi x ed y del
grafico (nel caso in
esame sono
rispettivamente
Period vs Value)
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Definizione della
tipologia di carico per
lo spettro

Define – Load
Patterns

In questo caso
bisogna comunicare
al software che i
valori del grafico
importato sono
adottati per la
definizione di un
carico orizzontale
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione all’analisi dinamica:

Definizione dei casi di carico per lo spettro

Define – Load Cases – Modify Load case

In questa sessione è possibile definire la


tipologia di analisi (Dinamica con spettro di
risposta) da effettuare. I carichi vengono
quindi applicati ricavando una accelerazione
lungo la direzione U1 dalla funzione Spettro
precedentemente definita

La combinazione dei modi di vibrare viene


effettuata con il metodo complete quadratic
combination (§ 7.3 – NTC 08)
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000
PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione all’analisi dinamica:

Definizione delle combinazioni di carico

Define – Load Combinations

Secondo quanto prescritto dalla


normativa al § 2.5.3, in combinazione
sismica gli effetti del terremoto devono
essere sommati ai carichi verticali
agenti in combinazione q.p. (Nel caso
in esame sono tutti inclusi in «q»)

Linear Add – Spettro + q


PROGETTO E VERIFICA PER AZIONI SISMICHE DI UN EDIFICIO IN C.A. CON SAP 2000
MENU DEL SAP 2000

Introduzione
all’analisi dinamica:

Analisi

Analyze – Run
Analysis – Run Now

Moment 3-3 – Spettro: I Moment 3-3 – Spettro + q: All’inviluppo


diagrammi delle sollecitazioni delle sollecitazioni sismiche si somma
vengono automaticamente il diagramma del momento flettente dei
inviluppati per le azioni sismiche carichi gravitazionali