Sei sulla pagina 1di 6

CAPITOLO V

LA RIVELAZIONE DEL PECCATO NELLA SCRITTURA

Che cosa è il peccato?


In che modo segna l’identità dell’uomo?

E’ un tema di antropologia teologica.


Tocca tutti gli uomini e in modo così profondo che abbiamo bisogno di salvezza.

5.1 SALMO 51: UNA “FENOMENOLOGIA” DEL PECCATO

[3] Misericordia, o Dio, per la tua bontà,


per la tua immensa compassione cancella la mia colpa,
[4] lava completamente il mio delitto,
purificami dal mio peccato.

[5] Poiché io riconosco la mia colpa


e ho sempre presente il mio peccato.
[6] Contro te solo ho peccato,
ho commesso il male che riprovi;
i tuoi argomenti ti rendano giustizia
e risulterai innocente nel giudizio.

[7] Ecco, colpevole nacqui,


peccatore mi concepì mia madre.
[8] Ecco, tu vuoi sincerità interiore
e nell’intimo mi inculchi saggezza.

[9] Purificami con issopo dal peccato,


lavami fino a che sia più bianco della neve.
[10] Annunziami gioia e letizia,
si rallegrino le ossa triturate.

[11] Copriti il volto dinanzi ai miei peccati,


e cancella ogni mia colpa.

[12] Crea in me, o Dio, un cuore puro,


rinnovami dentro con spirito fermo;
[13] non scagliarmi lontano dal tuo volto,
non togliermi il tuo santo spirito;
[14] ridammi la gioia della salvezza,
rafforzami con uno spirito generoso.
2

[15] Insegnerò ai tra trasgressori le tue vie


e i peccatori a te ritorneranno.
[16] Dall’omicidio liberami, o Dio,
Dio mio Salvatore,
la mia lingua acclamerà la tua giustizia.
[17] Signore mio, aprimi le labbra
e la mia bocca proclamerà la tua lode.
[18] Un sacrificio non ti soddisfa;
se t’offro un olocausto, non lo gradisci.
[19] Per Dio sacrificio è uno spirito affranto,
un cuore affranto e triturato
Tu, Dio, tu non lo disprezzi.

[20] Degnati di favorire Sion


e ricostruisci le mura di Gerusalemme;
[21 allora gradirai sacrifici legittimi, offerte ed olocausti,
allora sul tuo altare, si immoleranno giovenchi.

1) Realtà che riguarda Dio. Argomento di fede. Questione teologica.

2) Riguarda l’io che l’ho fatto. Coscienza e responsabilità dei miei atti.

“Poiché la volontà è una certa inclinazione, essendo un certo appetito, non può accadere che
la volontà voglia qualcosa senza esservi inclinata; e cosi non può accedere che la volontà
voglia qualcosa in modo coatto o violente.” (T. d’Aquino, De ver., q.22 a.5)

3) Peccatore lo sono per nascita. Il peccato mi precede.

4) La salvezza è opera di Dio misericordioso e giusto. Non vuole sacrifici ma conversione.

5) Al peccatore tocca “tornare” a Dio con cuore ferito e sincerità, sapienza, spirito fermo.

5.2 IL RACCONTO DEL PRIMO PECCATO (GN 3)

1 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla
donna: "È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?". 2
Rispose la donna al serpente: "Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3
ma del frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e
non lo dovete toccare, altrimenti morirete". [4] Ma il serpente disse alla donna: "Non morirete
affatto! [5] Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e
diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male".

[6] Allora la donna vide che l'albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile
per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che
era con lei, e anch'egli ne mangiò. [7] Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero
di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.

[8] Poi udirono il Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno e l'uomo
con sua moglie si nascosero dal Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. [9] Ma il
3

Signore Dio chiamò l'uomo e gli disse: "Dove sei?". [10] Rispose: "Ho udito il tuo passo nel
giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto". [11] Riprese: "Chi ti ha
fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non
mangiare?". [12] Rispose l'uomo: "La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato
dell'albero e io ne ho mangiato". [13] Il Signore Dio disse alla donna: "Che hai fatto?".
Rispose la donna: "Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato".

[14] Allora il Signore Dio disse al serpente: "Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di
tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai
e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. [15] Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra
la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno".
[16] Alla donna disse: "Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai
figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà".
[17] All'uomo disse: "Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell'albero, di
cui ti avevo comandato: Non ne devi mangiare, maledetto sia il suolo per causa tua!
Con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita. [18] Spine e cardi produrrà per te
e mangerai l'erba campestre. [19] Con il sudore del tuo volto mangerai il pane;
finché tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere tornerai!".
[20] L'uomo chiamò la moglie Eva, perché essa fu la madre di tutti i viventi.
[21] Il Signore Dio fece all'uomo e alla donna tuniche di pelli e le vestì.
22] Il Signore Dio disse allora: "Ecco l'uomo è diventato come uno di noi, per la conoscenza
del bene e del male. Ora, egli non stenda più la mano e non prenda anche dell'albero della
vita, ne mangi e viva sempre!". [23] Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché
lavorasse il suolo da dove era stato tratto. [24] Scacciò l'uomo e pose ad oriente del giardino
di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via all'albero della
vita.

Situazione: paradiso (Gn 2).

Struttura: 2 centri:

1) A vv.1-5: serpente e donna


B vv. 6-7: donna e uomo (peccato)
C vv. 8-13 D e la coppia

2) vv. 1-6 mangiare


v.6b mangiare
v.7 nudità
v.8 sentire la voce
v.9 Dio chiama l’uomo e dice
v.10 sentire la voce
v. 11 nudità
v.12 mangiare
v.13 mangiare

v. 1: I tre slittamenti
Gn 2,16-17 “Il Signore Dio disse all’uomo: Di ogni albero del giardino mangiare mangerai,
ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non ne mangerai…”
Gn 3,1 “Dio ha detto: Non dovete mangiare di ogni albero del giardino”.
4

v. 2-3 Il cambiamento di senso del limite posto da Dio


v.4-5 Il cambiamento nella relazione a Dio
Logica del serpente?
1) Padri: orgoglio.
2) Wénin: bramosia (egoismo)
3) Beauchamp: perdita di fiducia in Dio.
v.6-7 Il primo peccato (comunità e divisione)
v. 8-13 La venuta di Dio: amico o giudice?

v.14-19 Rottura di relazione fra l’uomo e la dona e con la terra


“Ognuno è punito per mezzo di quella cosa con cui pecca” (Sap 11,16).
1) Una pena che colpisce il corpo
2) Una pena che colpisce la relazione

v.22-24 Dio caccia l’uomo del paradiso…


“Ecco: l’umano è diventato come uno di noi, conoscendo bene e male...” o “Ecco, l’umano
era come uno di noi per conoscere bene e male”?

“Custodire (shamar) il cammino dell’albero della vita”.

5.3 ASPETTI DEL PECCATO “DOPO” IL PRIMO PECCATO

5.3.1 Il cuore del peccato

Il peccato è una realtà molteplice, pluridimensionale.


“Mi chiamo Legione, gli rispose, perché siamo in molti” (Mc 5,9//Lc 8,30).

1) Gelosia/odio: Gn 4: Caino e Abele.

2) Idolatria: Es 32: il vitello d’oro.

5.3.2 Il serpente e la libertà umana

1) Il serpente non è ancora il diavolo.


“In spirito Cristo andò ad annunziare la salvezza anche agli spiriti che attendevano in
prigione” (1 P 3,19).
“Dio ha creato l'uomo per l'immortalità; lo fece a immagine della propria natura. Ma la morte
è entrata nel mondo per invidia del diavolo; e ne fanno esperienza coloro che gli
appartengono” (Sap 2,24).
2) Laterano IV (DS 800).
CDF, Fede cristiana e demonologia (1975).
3) Il demonio non ha la capacità di influire sulla volontà e l’intelligenza.
“Il demonio è causa del peccato non in maniera diretta ed efficace; ma solo come
patrocinatore, o presentatore dell'oggetto appetibile.” (T. d’Aquino, ST I-II, q.80 a.1 resp.; cfr.
aa.1-3).
5

“Il diavolo esercita sui peccatori solo una influenza morale, nella misura in cui ciascuno
acconsente alla sua ispirazione: liberamente essi ne eseguono i ‘desideri’ e fanno ‘la sua
opera’” (CDF, Fede cristiana e demonologia, 4).
4) Tutti i peccati dipendono della tentazione del demonio?
T. d’Aquino, ST, I-II, q.80 a.4

5.3.3 Peccato personale e peccato della comunità

1) Il peccato si situa nel quadro dell’alleanza.


2) Esiste un peccato di tutto il popolo: Es 32,1-5; Nm 14,12 ss.
3) Il peccato di uno ha delle conseguenze per tutta la comunità: “colpa”.
Es 20,5; 34,7; Nm 14,18
1 Sam 2,31-36; 2 Sam 21,5; 1 Re 11, 9 ss.
4) La misericordia, la benedizione, la salvezza hanno anche una dimensione comunitaria.
Gn 12,3; Es 32,10.14.30-32.
Is 42,4;45,18-25; 49,1 ss.; 55,3-5. “La salvezza viene dai giudei” (Gv 4,22).
5) I profeti Geremia ed Ezechiele insistono sulla responsabilità personale di ognuno, ma nel
quadro dell’alleanza con tutto il popolo.
“Perché andate ripetendo questo proverbio sul paese d'Israele: I padri han mangiato l'uva
acerba e i denti dei figli si sono allegati? Com'è vero ch'io vivo, dice il Signore Dio, voi non
ripeterete più questo proverbio in Israele. Ecco, tutte le vite sono mie: la vita del padre e
quella del figlio è mia; chi pecca morirà. (Ez 18,2-4). (cfr. Ger 31,12 s)
Influsso interiore nella libertà degli altri. Ger 2, 5-8; 3, 25; 7,22 ss.; 11,10; 14,20; 23,27; 44,9
ss.; Ez 2,3 ss.; 16,44; Os 10,9; 12,4. 13; Am 2,4; Sal 106,6; ecc.
6) NT:
Mt 16,4; 12,28ss e //; Lc10,13-15; Mt 11,21-24; 23,33ss
Giovanni: “peccato del mondo”.

5.3.4 Peccato “dell’origine” (inizio del peccato, della sua universalità, della morte)

Il peccato implica una situazione oggettiva nuova, irreparabile dal punto di vista dell’uomo.
1) Dopo il primo peccato la storia di peccato e di morte continua.
Gn 4: Il peccato contro Dio implica il peccato contro l’uomo
“Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno
concepito dal loro cuore non era altro che male” (Gn 6,5).
2) Letteratura sapienziale:
“Chi può dire: ‘ho purificato il cuore, sono mondo dal mio peccato?’” (Pr 20,9); “Non c’è
infatti sulla terra un uomo così giusto che faccia solo il bene e non pecchi” (Qo 7,20); cfr.
anche Gb 4,17; 14,4; Sal 143,2. Sir 25,24 e Sap 2,23s
La morte come conseguenza di Gn 3: Gn 3,19; Sap 2,23-24; Si 25,24.
Il peccato proviene dalla prima coppia: “Dalla donna ha avuto inizio il peccato, per causa sua
tutti moriamo” (Si 25,24).
3) NT:
“Se uno non rinasce dall'alto, non può vedere il regno di Dio” (Gv 3,5).
“Dio infatti ha rinchiuso tutti nella disobbedienza, per usare a tutti misericordia” (Rm 11,32).
Cfr. 3,23; Gal 3,22; Ef 2,3.
Paolo accenna a Eva sedotta dal serpente: 2 Cor 11,3; 1 Tm 2,14.
Ma soprattutto peccato di Adamo: “Quindi, come a causa di un solo uomo il peccato è entrato
nel mondo e con il peccato la morte, così anche la morte ha raggiunto tutti gli uomini, eph’hôi
6

(perché/in lui?) tutti hanno peccato. Fino alla legge infatti c'era peccato nel mondo e, anche se
il peccato non può essere imputato quando manca la legge, la morte regnò da Adamo fino a
Mosè anche su quelli che non avevano peccato con una trasgressione simile a quella di
Adamo, il quale è figura di colui che doveva venire” (Rm 5,12-14)

Lettura per lo studio

L. F. LADARIA, Antropologia teologica, pp. 228-241.

Lettura di approfondimento

L. GINZBERG, Le leggende degli Ebrei, vol. I, Dalla creazione al diluvio, Milano 1995.

Per il Salmo 51: traduzione e commento di A. SCHÖKEL, I Salmi, I, Roma 1999, p. 802-835.

A. WENIN, Da Adamo ad Abramo o l’errare dell’uomo. Lettura antropologica della Genesi,


I: Gen 1,1-12,4, Bologna 2008, pp. 63-117.