Sei sulla pagina 1di 182

V

OPUS
ARCHITECTONICUM
.

EQUITIS FRANCISCI BOROMINI


EX EJVSDEM EXEMPLARIBUS PETITUM;
Oratorium nempe , ZEdefque Romana; RR. PP. Congregationis Oratorii

S. PHILIPPI NERII.
ADDITIS
Scenographia , Geometricis proportionibus , Ichnographia , Profpechbus
integris , obliquis , interioribus , ac extremis partium lineamentis .

ACCEDIT
Totius /Edificii Delcriptio , ac ratio auctore eodem Equite Boromino
nunc primum edita.

D I C A. T V M
EMINENTISSIMO ET REVERENDISSIMO PRINCIPI
,

JOSEPHOC ARENATO S.'R. E. R D.


imperiale

SEBASTIANUS GIANNINUS EDIDIT


Ac Excudit ad Anchoras Infigne in Foro Agonali.

^ 0 M /E t M, DCC. XXV- Superiorum PermiJJu


AC P RIFILEGIO PONTIFICIO.
° ' .

Avere Io r.putato non poter meglio onorare


il frontiftizio di
Ita Upera, quale le
que-
prefento, cbe coi nome di V.E. eftatoillblc
,

... motivo d implorare alia medefima il benigno luo


rr patrocinio tan-
o pm che e flendo quefta un parto della mente P
.
,

dei Cavalier Francefco Bo romino


teuo cos. celebre, e d.ftmto fra rfaltri della fua irdfl-
eta, ed anche eflendo indriz™ ta a bene-
fizio de profeflon,
e intendent, delle belle arti,
parea in un certo modo, che doveffe nre
Icieglierli aproteggerla la ft.mabiliffima Perfona
dell’ E. V. , che intendentiflimrdelebdle
arti largamente le favonfce e protegge , rendendofi di piu diftinta
,
virtu nel r.fplendere nella Corte m Carica principale dei Governo delloStato
per le fingo lari le
e per effere flata cont.nuamente impiegata de"fa Chiefa
ne’ pif, importanti affari della s! Sede
poi congiunta all altezza de i animo una L’ av«
fingolar benignita , mi da Iperanza
, che fla per
gradire 1 E. V. queft atto dei mio umile

po« 'ripoS'
0 “ b%ra
offequio , e ricevere a grado quefto
• b * dan,i “ ' >
i '™
picciolo do
b° «i. Sig» ri

Vmihjjimoi Druotiffimo , ed ObligatiJJirruo Servitore


Sebaftiano Giannini
EminentiJJimo , & ReverendiJJimo Principi
JOSEPHO RENATO
CAR S. R, E. D»
IMPERIALI.

S EBJSTUNUS GldNNINUS.

N hoc opere edendo , quod Tibi , Eminentifs. Princeps


humillimi offero, illud mihi in
,
Ut awPl‘tudme dominis ornatum
S*
"'ii©,' emo

rilZ non parum auBoritatis
tui
,
ei, ac pretii accejjurum-, idem
ptum, prolatumque ab Equite Francifco Boromino
exiret
putavi enim ex tanto patro
quoque Opus mente conce

In, eorumque, qui ArchiteBuram profitentur, vel


inter egregios fui Ji ArchiSZZt
ed delcBantur , beneficio
unice patronum , ac vindicem pfiulare defiinatlm Te
videbatur , utpote qui ingenuarum
mus eafdem foves , ac protegis ; Emines infuper in Urbe arLTfckntm
rerum domina tum proTdZf'
ZfcVf '/"? mmera
,

dlffiallbuS fortius feliciter obita, tum


e k quia
fiajhcce ditionis populorum bono totus incumbis-.
que gravitatem , clementia, ac humanitate
Cum autem magnitudinem
exornes, non ingratum fore Tibi fuero
an^
morum-
r
um hoc , quod m obfervantia erga Te mea , acceptorumque
beneficiorum num “
cramque tuam Vefiem venerabundus exofculor. ^ J fignum
J & defero
aejero
,
]a-
fa
*•


. . . . .. .. . .. . . . . . . . . . . . . . .. .

INDICE DI TUTTA L’ OPERA* INDEX TOTIUS OPERIS*


TAVOLA I. TABULA I.

Ffigie dell’Autorc della prefente Opera Cavalier Francefco Boro- I Con eximii JrchiteEli Equitis Francifci Boromini e Bijfone.
mini da Biflone diocefi di Como ,
infigne Architetto mortoin Ro- Comenjts Dicecefeos ,
qui Roma obiit anno 1667., itatis fua
ma nelFanno 1 66~j. in era d’anni 68. 68 .

TAVOLA II. TABULA II.

Pianta di rntta 1’Ifola continente Fintiera Fabrica de’ Padri della Chie- Sciagraphia totius infulae cedifici i P atrum , vulgo della Chiefa No-
fa Nuova con la Pianta accennata delle cafe vecchie demolite per compire_, va , cum ichnographia domorum ejufdem cedifeii perficiendi caufa diru-
Ia medefima Fabrica tarum .
TAVOLA III.
TABULA III.
Pianta generale di tutta la nuova Fabrica che fi contiene nella pre-
,
fente Opera Sciagraphia univerfi cedificii novi in hoc opere deferipti •

TAVOLA IV.

Facciata pro/petica delFOratorio come fi trova al prefente , che


TABULA IV.
,
fa profpeno hi la Piazza Faciei Oratorii qualis nunc orthographia qua platea
efi , ref-
pondet
TAVOLA V.
.

Facciata profpetica dei medcfimo con I' aggiunta di varj orna-


TABULA V.

menti non efeguiti Faciei ejufdem orthographia ,


cum ornamentis quibufdam no?L^>
TAVOLA VI. exactis .

Facciata geometrica dei medcfimo, come fi trova ai prefente. TABULA VI.


TAVOLA VII. Facies eadem geometrica , ut exacta efi

trova
Porta della detta Facciata
al prefente
dell’ Oratorio verfo la Piazza come fi TABULA VII.

TAVOLA VIII. ‘Janua Oratorii plateam verfus, ut nunc efi.

1. Modinatura dell’ architrave, fregio, e cornice della porta an- TABULA VIII.

tecedente. 1. Forma fuperlimi naris ornamenti ja-


, , coronce ejufdem
2. Sotto architrave delli pilaftri della medefima. nuce .

3. Sotto architrave delle colonne della medefima . 2. Subepifiylium pilarum ejufdem .

TAVOLA IX. 3. Subepifiylium columnarum ejufdem'.


4. Capitello compofto di nuova invenzione dei Cavalier Boro- TABULA IX.
m ino con fua Pianta ,
e delle colonne ,
e pilaftri della fopradctra porta .
Capitulum compofitum , ex ingenio Equitis Boromini
ipfius ac
5
T A V O L A X. ienographia , etiam columnarum , pilarumque ejufdem januce
Altra idea dei medcfimo per la detta porta non efeguita TABULA X.
TAVOLA XI. Inventum aliud ejufdem diEi ce januce non exaltum.
Capitello compofto della porta antecedente TABULA XI.
Bafe della medefima uniforme ali’ altra efeguita .
Capitulum compofitum ipfius januce ex ejufdem ingenio .

TAVOLA XII. Ejufdem bafis exaEhe conformis


primo ordine con fua Pianta della Facciata dclFOra-
Fineftra dcl TABULA XII.
torio con la fottofineftra, che corrifponde ne fott erranei con ferrate
, e i

1. Modinatura della cornice, chegira, e fa frontefpizio fopra Ia_,


Fenefira primi ordinis faciei Oratorii cum ichnographia inferioris

medefima fnefirg clatris ferreis munitee ad fubterranea illufiranda .


1. Forma corong fuper ipfam dulice, frontemque efficientis.
2. Cornice fotto Fimpofta dell’ areo della medefima
2. Corona fub incumba arcus ejufdem .
^ 3. Cornice fopra il zoccolo della medefima
3 . Corona in ima ejufdem parte .
4. Bafe delli pilaftri della detta facciata
4. Bafis pilarum ipfius faciei
TAVOLA XIII.

Porta laterale della facciata delFOratorio ingreffiva alia Portaria_,


TABULA XIII.

de’ Padri Janua lateralis frontis Oratorii ad vefiibulum ducens.


T A V O L A XIV.
1. Modinatura della cornice ,
che forma il frontefpizio fopra 1’ovato TABULA XIV.
della porta antecedente.
1. Forma corong qu<e fontem fupra « vale ipfius janua con-
2. C ornice ,
che ricorre lateralmente al detto frontefpizio
,

format .

3 . Stipite con fua pianta della medefima .


2. Corona quee e lateribus in eam dem concurrit frontem
TAVOLA XV. 3. Ejufdem
,

fiipes cum ichnographia .

Fineftra con fua pianta fopra la porta di


con alcuni ornamenti non
mezzo della detta facciata-. TABULA XV.
efeguiti
Ichnographia fenefiree fupra januam in medio ejufdem frontis fit<e
TAVOLA XVI. cum quibufdam non exaltis ornamentis .

menfola
1. Modinatura dei frontefpizio
che foltiene detta cornice .
dell’ antecedente fineftra 5 con la_. TABULA XVI.
,
Forma frontis ejufdem fenfirg una cum mutulo , qui coronam
Pianta con 1’elevazione dello ftipite, che ricorre attorno alia fo-
2.
pradetta. fufiin !

2. Ichnographia , £5^ orthographia fiipitis ipfam ambientis


3. Cornice fopra il zoccolo della medefima.
3. Corona fupra ejus plintidem .

TAVOLA XVII.
TABULA XVII.
Fineftra laterale dei fecondo ordine con fua pianta della detta faccia-
ta delFOratorio.. Fenefira lateralis fecundi ordinis frontis Oratorii cum ipfius ichno-
graphia .
1 Modinatura dcl frontefpizio con il profilo della menfola Iaterale_,
della detta fineftra
1. Forma frontis , dire Ei io mutuli lateralis ipfius fenefiree .

Menfola
2. Mutulus fulciens eamdem frontem
2- ,
che foftiene nel mezo detto frontefpizio '.

3. Corona plinthidis ejufdem


3. Cornice dei zoccolo della medefima
4. Bafis ipfius plinthidis
‘ .
4* Bafe dei detto zoccolo
5 . Ichnographia fiipitis ejufdem fenefirg .
5* Pianta dello ftipite della detta fineftra
TAVO- A TABU-
Q
• . . . . . . . . .. ... . ... .. .. . . .. .

T A V O L A XVIII.
TABULA XVIII.

ordine con fua pianta della fabrica unita_, Icbnographia fenef rg in fecundo adificii ordine conjur.Bi cum fron-
Fineftra dei fecondo
.

Oratorio te Oratorii .
alia detta facciaca dell’
1. Modinatura della cimafa della detta fineftra. 1. Forma cimatii ipfus fenefrg .

Cornice , che fa ftipite , e ricorre attorno alia medefima con fua 2. Icbnographia corong , qug eidem feneflrg infar fipitis ef , eam-
2.
que circuit.
pianta
Cornice fopra il zoccolo dell^ medefima 3. Corona fupra ejufdem plinthidem •
3.

T A V O L A XIX. TABULA XIX.

Fineftra con fua pianta vicina alfantecedcnte. Icbnographia fenef rg antediBg proximg

r.Modinatura dei frontefpizio della detta fineftra. 1 . Forma frontis ipfus feneflrg .

e ricorre attorno 2. Corona qug eidem ef infar fipitis , eam que circuit •
2. Cornice con fua pianta , che fa ftipite ,
al- ,

ia medefima 3 . Corona fupra loricam ipfus .

3. Cornice fopra il parapetto della ftefla TABULA XX.


T A V O L A XX. Magnum loculamentum cum fenefra , feptoque , pilifque fecundi
Nicchia grande con fineftra balauftrata e pilaftri hei fecondo ordinis Oratorii , additis quibufdam non ex aciis ornamentis .
, ,

ordine della detta facciata delPOratorio ,


cop 1 ’aggiunta d alcuni orna- TABULA XXI.
menti non efeguiti
1 Forma eorum qu<e fub fronte ipfus fenefra •
T A V O L A XXI.
. ^
2. Icbnographia 5 Orthographia fipitis ejufdem fenefra .

1. Modinatura fotto li frontefpizj dell’ antecedente fineftra.


3. Icbnographia totius fepti .

2. Pianta ,
ed elevazione dello ftipite della medefima .
4. Orthographia partis unius fepti ejufdem feneflrg •

3. Pianta dell' intiera balauftrata.


5 . Corona fuperior ,
inferiorque ejufdem fepti •
4. Pianta colPalzata d’un balauftro della medefima.
5. Cornice fopra, e fotto la detta balauftrata. TABULA XXII.

T A V O Icbnographia feneflrg in fupremo faciei ordine .


L A XXII.
1 Icbnographia corong ipfas ambientis •
Fineftra delPultimo ordine con fua pianta della detta facciata .

Pianta della cornice ,


che ricorre attorno alia medefima TABULA XXIII.

T A V O L A XXIII. Icbnographia feneflrarum tertii ordinis adifeii cum facie proximi


Oratorii .
Fineftre dei terzo ordine con fue piante della Fabrica unita alia
1. 2. Icbnographia coronarum ipfam ambientium •

detta facciata dell’ Oratorio


1. 2. Pianta delle cornici ,
che ricorrono attorno alie medefime .
TABULA XXIV.
T A V O L A XXIV. 1 . Forma major corong primi ordinis ejufdem faciei
1. Modinatura in grande della cornice dei primo ordine della-, 2. Fpiflilium ipfus corona noviter inventum ftper capitula folum
facciata antecedente dell’ Oratorio .
produtto .

2. Architrave fotto Ia detta cornice che per nuova invenzione 3. Corona fupra fecundum fenefl rarum ejufdem lateralium ordinem .
,

rifalta folamente fopra li capitelli 4. Corona continuatio , fed paulo diverfa .


Cornice fopra il fecond’ordine delle fineftre laterali alia medefima. 5. Corona fub bafbus pilarum fecundi ordinis t
3 .

4. Cornice che feguita , ma in parte diverfa .


TABULA XXV.
5. Cornice fotto le bafi de’pilaftri dei fecondo ordine.
6 Forma corona fecundi ordinis qug ejufdem faciei frons ef
TAVOLA XXV. 7.
.

Ipfus corona epifylium .


, .

6 Modinatura
. della cornice dei fecondo ordine ,
che fa ronte- 8. Tiafs pilarum fecundi ordinis .

fpizio alia detta facciata 9. Corona ,


qua fenef rarum ipfus ordinis frons ef •

7. Architrave fotto la detta cornice 1 o. Corona > qua earundem fenef rarum fipitem conformat .

8. Bafe delli pilaftri dei detto


ordine
fecondo ordine
TABULA XXVI.
p. Cornice , che fa.frontefpizio alie fineftre dei detto •
Capitulum , CjF bafis pilarum fecundi ordinis faciei ipfus .
io. Cornice, che forma lo ftipite delle dette fineftre.
TAVOLA XXVI. TABULA XXVII.

Capitello e bafe de i pilaftri dei fecondo ordine della detta facciata ProfpeBus geometrice exattus, obliquufque novarum adium RR. PP.
,

TAVOLA XXVII. ad plateam Montis Jordanis cum orthographia Turris Horologium fufi-
nentis .

Facciata geometrica per longo di tutta la nuova abitazione.de


Rll. PP. verfo la piazza di Monte Giordano con 1’alzata deH’orologio. TABULA XXVIII.

TAVOLA XXVIII. Pracipua ipfus Horologii ad eamdem plateam pofti facies > ut
exafta ef.
Facciata principale dcl dett’ orologio verfo Ja piazza di Monte.,
Giordano ,
come fi trova in opera al prefente TABULA XXIX.
TAVOLA XXIX. 1. Forma eorum ,
qug infra , fupraque loricam funt fuprcmunz*
1. Modinatura fopra , e fotto il parapetto, che gira ali’ ultimo Horologii ordinem ambientem

piano dell’ antecedente orologio . 2. Corona , & epifylium ejufdem .

Cornice cd architrave dcl medefimo 3. Capitulum , ipfus icbnographia .


2. ,

3. Capitello, e pianta dello ftcffo . 4. Corona fylobatis pilarum ejufdem .

4. Cornice dei piedeftallo fotto li pilaftri dei fopradetto TABULA XXX.


TAVOLA XXX. Aliud Horologii inventum non exaBum
Diverfo penfiero per 1

antecedente orologio non efeguito
TABULA XXXI.
TAVOLA XXXI.
Aliud rurfus non exaBum
medefimo orologio non efeguito
Altro diverfo penfiero per il
TABULA XXXII.
TAVOLA XXXII.
1. Icbnographia capituli horum inventorum .

Capitello con fua pianta delli detti due penfieri dell’ orologio
r.
2. Icbnographia Horologii , uti exaBum ef , fupra quam orthogra-
non efeguiti
duplicis inventi ad diBum horologium confruendum noti^
phia vifitur
2. Pianta dell’ orologio efeguito, fopra la quale e fatta 1’ eleva-
exaBi
zione degi’ altri due penfieri non efeguiti

TAVOLA XXXIII.
TABULA XXXIII.

Ora- Icbnographia oft ii quo 'e vefibulo, feu prothyro in Oratorium ingref-
Porta con fua pianta per cui fi entra dalla Portaria nell’ ,

fus patet e confpeBu arce majoris .


torio in faccia ali’ altare

TAVO- TABU-
. . . , .

T A V O L A XXXIV. TABULA XXXIV.


1. Modinatura dei frontefpizio dell’ antecedente porta . i • Forma frontis ejufdem ofii .

2. Pianta dello ftipite della medefima. 2. Ichnographia fipitis ejufdem .

capitulum pilarum in porticibus circa idem


3. Cornice, e capitello delli pilaftri ne i portici attorno alia me- 3. Corona , C3° ftarum .

defima .

T A V O L A XXXV. TABULA XXXV.

Porta con fua pianta per do ve fi cala ali’ Oratorio dalle Iogge_, Ichnographia ofii ,
qua ex inferioribus ambulacris in Oratorium1»
defcenfus ef.
terrene de i Padri

T A V O L A XXXVI. TABULA XXXVI.

1. Modinatura dcl frontefpizio dell’ antecedente porta.


1. Forma frontis ejufdem ofii .

Comice della medefima.


2. Corona ejufdem .
2.
3. Ichnographia CS^ orthographia ejufdem .
3. Pianta con 1 ’alzata dello ftipite della medefima. ,

laterali della medefima-


4. Capitulum £5° bafs pilarum ejufdem lateralium .
4. Capitello, e bafe delli pilaftri ,

T A V O L A XXXVII. TABULA XXXVII.


Porta, che piano nobile per dove s’ entra 1 ’appartamento
fta al , Janua in prima contignatione ad ea ducens cubicula in quibus
,
nel quale fi rrattengono i Signori Cardinali , che vanno ali’ Oratorio folent Cardinales Muficos Oratorii concentus expellar e
, unde in podium
e di dove poi palfano alie loggc dei medefimo Oratorio. ej ufdem fe conferunt .

T A V O L A XXXVIII. TABULA XXXVIII.


1. Modinatura della cornice , che foftiene 1’ornamento in cima_ i* Forma corona fulcientis ornamenta in memorata janua,
aH’anreccdente porta . 2. Corona fupra ejufdem fentflram .

2. Cornice fopra la fineftra della medefima. 3. Corona , £5» ornamentum fupra ejufdem fiipitis .

3. Cornice, e fregio fopra li ftipiti della medefima. 4 - Ichnographia , £S>° orthographia ejufdem fipites .

4. Pianta con ’alzata dello ftipite della medefima


1 .
5 * Capitulum , ZS 3
bafs pilarum ambulacri dicla prima conti-
5. Capitello, e bafe delli pilaftri delle loggie dei fopradetto pia- gnationis .

no nobile
TABULA XXXIX.
T A V O L A XXXIX.
Exhibetur interior profpetlus ( nofri fpaccatum dicunt
) Oratorii
Spaccato in profpettiva dell’ Oratorio verfo 1

altare , e della Li- aram verfus , z? fupra idem ‘Bibliotheca .
braria alzata fopra detto Oratorio

T A V O L A XL.
TABULA XL.
Interior alter profpetlus , ejufdem Oratorii ofiium verfus
Altro fpaccato in profpettiva dcl detto Oratorio verfo la porta_,
e della Libraria alzata fopra il medefimo. TABULA XLI.
MM
Orthographia geometrica frontium ara ofii cum ejus hypogeis 3
T A V O L A XLI. '

Bibliotheca .
, ZS

2.
geometriche delle antecedenti
Elevazioni
4.
con fuoi fotterranei , e Libraria.
facciatc dell’ altare , e-,
TABULA XLII.
della porta
Interior profpetlus lateralis geometrica in oblongum Oratorii cum
T A V O L A XLII. atrio, quod refpondet ofio quod ad F lateam , ef prothyro adb.rens an-
Oratorio con 1 ’atrio , che te dictum Oratorium 3
ZS fiperius addita ef delineatio partis interio-
Spaccato geometrico per longo di detto
,

ris obliqua ‘Bibliotheca


riguarda fu la piazza unito alia Portaria_ •

corrifponde alia porra , che


e fopra il longo della Libraria
avanci detto Oratorio ,
.

TABULA XLIII.

T A V O L A XL 11 I. Ambulacrum in medio ftum fupra aram Oratorii .

altare dell’ antecedent» Oratorio.


raezzo fopra 1'
Loggla di

XLIV.
TABULA XLIV.
T A V O L A
Ambulacrum ad latus praditli .

Loggia laterale ali’ antecedente dei detto Oratorio.

T A V O L A XLV. TABULA XLV.


le pallate laterali ali’ altare’ con fua pianta dcl me- Ambulacrum fub duabus ad latus ara Oratorii
Loggia fotto hifce
, cum ejus
ichnographia
defimo Oratorio. .

T A V O L A XLV 1 .
TABULA XLVI.
corniix architravata che gira intorno a tut-
,. Modinatura della
,
1. Forma qua in epifilii modum Sacrarium totum ambit
corona , .

t° il fop^etto^ Oratorio 2. Corona fupra frontem ditiorum ambulacrorum ad latus ara.


dcl!c antecc denti logge laterali
3. Corona fupra feptum eorumdem ambulacrorum .

4. Alia corona eadem fulciens ambulacra .


Cornice fopra la balauftreta di dette logge-
medefime logge.
Altra cornice, che foftiene
le
TABULA XLVII.

T A V O L A XLVII. Ichnographia , ztt forma fuggefi in dextro latere Sacrarii.


mezzo
Pianta ,
ed elevazione dei Pulpito ,
che fta nel della fac-
TABULA XLVIII.
ciata deftra di detto Oratorio.
Laquear ‘Bibliotheca •

T A V O L A XLV 1 II.

TABULA XLIX.
Soffitto della Libraria.
Atrium ante fcalas majores in folo primorum ambulacrorum .'

T A V O L A XL 1 X.

Atrio ingreffivo alie fcale nobili nel primo delle loggie terrene. TABULA L.

TAV O L A L. primi impluvii prope /aerarium cum triplicibus


Interior profpetlus
ambulacris circa ditium impluvium .
Spaccato profpetico dei primo cortile doppo 1 Oratorio con le_.

loggie a tre ordini ,


che gli girano d’ intorno . TABULA LI.

TAVOLA LI, Interior profpetlus impluvii geometrice exhibitus cum fcalis ma-
e della fcala nobile joribus .
Spaccato geometrico dei medefimo cortile ,
.

TAVO- B TABU-
. .. . . . . . . ^ ^

T A V O L A LII.
TABULA LII.

mezzo con fua pianta ncll’ ultimo piano della fae- Ichnographia fenefirce fit<£ in medio fupremi ordinis faciei ipfus
X. Fineftra di
cata deli' antecedente cortile .
Impluv
frontefpizio alia medefima in proporzione- 2. Corona , qua eidem frons majori eum proportione pilarunt
2. Cornice, che fa efl ,

maggiore de i pilaftri laterali • lateralium

3. Pianta della medefima. 3. Ejufdem iclmographia .

T A V O L A LIII. TABULA LIII.


Sagreftia con_.
Spaccato profpetico dei feccndo cortile doppo la
Interior profpeBus fecundi impluvii pojl Sacrarium cum triplici-

loggc aperte a tre ordini , che lo circondano . bus ambulacris circa illud.
T A V O L A LIV. TABULA LIV.
Spaccato geometrico della facciata dell’ antecedente cortile con_>
Interior profpeBus faciei ipfus impluvii geometrice exhibitus cunjl,
parte dell’ abitazione e alzata dell’ Orologio .
,
adium parte , £$° Horologii orthographia .

T A V O L A LV.
Spaccato geometrico dell’ abitazione , efcala, che porta a tutti li
TABULA LV.
dell an-
piani , c alzata per di dentro dell’ Orologio -dictro la facciata Interior profpeBus cedium geometrice exhibitus cum fcala ad omnes
tecedente cortile* contignationes perducens , £5° orthographia interior turris ad Horologium
T A V O L A LVI. exadverfo profpeBus procedentis impluvii •

Spaccato geometrico , che moftra tutta


altare dell
1 Ifola della Fabrica
Oratorio e pro-
di
TABULA LVI.
dentro per longo, principiando dietro 1’ ,

primo Cortile , e Sa- Interior profpeBus obliquus geometrice exhibens adificium integrum
feguendo per 1’ingrelTb delle fcale nobili per il

greftia, con tutto il fecondo Cortile, Orologio , c Abitazione


. ab ara Oratorii fecus fcalas majores per primum impluvium ,
£2° Sacra-

rium , una cum fecundo impluvio , Horologio , cubiculifque


T A V O L A LV1I.

Modinatura delfarchitrave ,
capitello ,
e bafe de’ pilaftri degi' an- TABULA LVII.
tecedenti cortili •
Forma epifylii ,
capituli , £2° bafis pilarum ejufdem impluvii .
T A V O L A LVI1I.

Altro fpaccato geometrico per longo di tutta la fabrica , princi- TABULA LVIII.
piando dietro 1’ altare dell’ Oratorio , e profeguendo per lo fpaccato
Alter profpeBus interior in oblongum integer cedificii pof aram _>

delle fcale nobili, e dell’ abitazione de’RR. Padri •

Oratorii , fc alarum majorum cfp cubiculorum RR.PP •

T A V O L A LIX.

Pianta dell’ atrio , c fontane de lavamani avanti 1’ingreffo dei TABULA LIX.

Refcrtorio .
Ichnographia atrii ante triclinium.
T A V O L A LX.
TABULA LX.
Facciata deU’ingrefib al Refettorio nel detto atrio con le due_,
Frons ingrejfus triclinii cum duobus ejus atrii fontibus
fontane laterali

T A V O L A LXI. TABULA LXI.

Pianta dei Refettorio Triclinii ichnographia .

T A V O L A LXII.^ TABULA LXII.

Elevazione per longo di detto Refettorio •


Ejufdem triclinii in longum forma 'orthographica .

T A V O L A LXIII.

Pianta della Sala, dove fanno la ricreazione i Padri.


TABULA LXIII.

Ichnographia exhedra in quam recreandi animi gratia Patres con •


T A V O L A LX1V. ,

veniunt .

Spaccato per longo della detta Sala di ricreazione , con


1’ alzata

dei camino, parte come fi trova al


prefente , c parte con diverfi or- TABULA LXIV.

namenti non efeguiti Interior ejus profpeBus cum camino , & ornamentis non exaBis .

T A V O L A LXV.
1 . Modinatura dei cOrnicione ,
che gira fotto 1 impofta della vol-
TABULA LXV.

ta dell’ antecedente ftanza di ricreazione.


1. Forma corona fub fornicis incumba in exhedra circumduB<e.
2. Cornice che corre fopra Ia luce , e pilaftri dei camino 2. Corona fupra caminum , £9° ejufdem pilas duBa .

e facciata de’ pilaftri fcannellati dei detto 3. Ichnographia cum bafe , fronte friatarum ipfus camini pi-
3. Pianta con la bafe ,

camino larum •

TAVOLA LXVI. TABULA LXVI.


Proporzione maggiore dei detto camino con fua pianta di nuo-
Proportio major diBi camini cum ejufdem ichnographia noviter ex-
va invenzione cogitata
TAVOLA LXVII.
.

TABULA LXVII.
Veduta in profpettiva delle facciatc della Chiefa , Oratorio ed

abitazione de’ Padri verfo la piazza di Monte Giordano , che in an-


,

Orthographia facierum Templi , Oratorii , adium ad plateam &


golo compone meta la di tutta 1’ Ifola della Fabrica , che fi contiene- Montis "Jordani , cujus angulus Infula totius in hoc opere deferipta di-
nella prefente Opera . midium conficit.
. . . , . ' ,
. -,

RELAZIONE
Delia prefente Opera , comporta dal rne-
notitia 5

Prasfentis , ab ipfomet D. Franci-


Operis
defimo Cavalier Francefco Boromino fco Equite Boromino compofita juflix
per commando dei Signor Marche- D. Marchionis Caftri Rodriquez
fe di Caftel Rodriguez ,
e copia- & ab ejufdem autographo
ta dal fuo originale inedito inedito exferipta
AU' lllujlrijjimo , ed Eccellentijfimo Signor
lllujlrijjimo , ExcellentiJJimo Domino
MARCHESE DI CASTEL RODRIGUEZ. MARCHIONI CASTRI RODRIQUEZ.
i E i cenni de i pari di V. Eccellenza hanno forza di com-
T nutus eorum , qui eadem , qua tu , Excellentiffime Do-
mandamenti ftefll , confeflo ali’ E. V. che non ci voleva
mine , pollent aulloritate , pro jujfo furit , ingenue fateor
meno ,
poiche ella e troppo gran mio Signore e Pa-
,
, hoc me tantum detinuiffe , cum addillijfmus tibi cliensfm
drone per ifcufarmi dal non accingermi, alfimprefa di ,
ne recufarem opus aggredi , exaliam nempe tibi notitiam
—________ un efatta relazione, come ella moftra di defiderare della tranfmittendi cujus dejiderio teneri fignificas
Fabrica de PP. , , sEdificii
i della Congregazione dell’ Oratorio di Roma , non Patrum Romance Congregationis Oratorii , non quia me deterreret linea-
perche mi {paventi numero de diTcgni di ciafchedun membro di
il i
mentorum numerus cujufvis AEdificii ejufdem partis
efla Fabrica, come ella m impone, ma perche trattandofi d’un parto , qua facienda
imponis ; Sed quoniam , cum agatur de ingenioli mei foetu vereor ne
dejla mia debolezza , dubito, che coi fino giudizio, di che Dio ,
l’ha tu Excellentiffime Domine , ea quam a Deo fortitus es , mentis
dotato polTa ella conolcere anche piu d’ogn’altro
, perfpi-
quanto fia informe,
, facile pra quocumque alio pojfis , quam ille informis ft
, cacitate
depre-
ma giache per efperienza nel tempo , che fui onorato di lervirla in
hendere cum autem fenferim eo tempore , quo in hac Urbe meam tibi
:

quefta Citta nel dilegno della Regia Fabrica cominciata da’ fuoi Ante-
operam impendi in delineatione Regii VEdificii a tuis majoribus incoe-
nati , e de i fepolchri de i fuoi Eroi conobbi , che mi amava piu da
, pti , ac monumentorum familia tua Heroibus excitandorum me
Figlio , che da Servo , fpero che non folo con raffetto fcufara le , filii
mie potius quam
clientis , ac famuli loco a te habitum
, , fpero , quod non
imperfezioni , ma
che con la lingua della fua grazia dara forma a que-
tantum adfchi , quo foles imbecillitatem operis hujus condonabis > ve-
eo
fto parto niente meno di quello raccontano gli naturali delFOrfa verfo
rum etiam , quod de informi Vrfe partu ajunt , qui phyfica fer utantur,
i dunque 1’obedifco , la fupplico ad ifcufaie la baf-
fuoi Figlij mentre
tua clementia lingua lambendo perficies , caterum , dum tuis juffibus pa-
fezza dei mio
fervendomi dello ftile piu per difegnare, che per
ftile ,
reo , flyli ruditatem excufatam velim , cum eo utar , aptiore ad deli-
fcrivere; con che ali' E. V. umilmente m’inchino. Roma io. Mag- neandas res ,
quam ad deferibendas , te que Excellentiffime Domine hu-
eio i6 ,)6.
millime veneror . Roma IV. Id. Maii MDCLVL
Pj V s E.
Vmilijfimo , ed Obligatijfmo Servo
Humillimus , C5P ObfirilliJJimus Servus
Francefco Boromino
Francifcus Borominus

Alii benigni Lettori


Le&oribus Benevolis..
Vendo voluto 1’ Eccellentiflimo Signor Marchefe di Caftel
Vm hoc in votis fuerit Excellent ijfimo D. meo Cajlri Rodri-
Rodriguez mio Signore una piena relazione della Fabrica
que^ Marchioni , ut notitiam ^E,dificii Patrum Oratiorii
de’PP. della Congregazione dell’ Oratorio di Roma, ed Romana Congregationis ei tranfmitterem cumque pro viri-
eflendomi ingegnato di fcriverla al meglio che ho fapu-
, bus eidem defervire Jiuduerim , nunc mibi dignatur
injun-
to , mi commanda ora , che procuri darla alie Stampe, gere ut eam typis curem demandari quod iniquo faciam
, ,
cofa che io faro mal volontieri , temendo di me medefimo , e dclla_, animo plus mei ipfius, meaque imbecillitatis , quam alienarum pavidus
mia debolezza piu che dell’ altrui cenfura , ben fapendo, che e natu- cenfurarum , cum mihi compertum fit , familiare virtute pr aditis
de’Virtuofi eflercirare virtu anche nelle cofe d’ altri con ifcu- ejf_,
rale le
virtutem adhuc in aliorum operibus ofiendere
, excufationem illis pra
farle, dove pero puo giungere la fcufa . Di quelli poi, che non fono texendo , ubi tamen excufatiom locUs fit De illis autem , qui nequa- .

virtuofi , ma maledici , poco devo cominciando dall’ offen- far conto , quam virtuti , fed mal-.dicentits incumbunt , nulla efi habenda ratio
j
dere fe medcfimi L’ invidia Fratel
lacera
:
Prego dun- mio fe ftefto :
Nam hi priufquxm alios , incipiunt ladere fmetipfos Invidus ipfe fua :

que chi leggera quefte mie dicerie a riflettere, che ho avuto a fervire Jcinditur invidia : A
Legente igitur hafce meas nugas enixe peto
, ut
una Congregazione d’ animi cosi rimefH , che nell’ ornare mi hanno hujus meminerit , me Congregationi infer uijf virorum eo moderationi
tcnuto le mani , e confeguentemente mi e convenuto in piu luoghi
fiudentium , ut in operis exornatione meas mihi manus pene devinxe-
obedire piu voler loro, che alFarte, e prcgoli ricordarfi
al quando
, rint : Vnde in pluribus coaftus fum eorum potius arbitrio quam artis
,
tal volta giipaja, che io mallontani da i communi difegni, di quello, praceptis ohfc undare . Precor infuper meminijfe , cum aliquando videa-
che diceva Michel Angelo Prencipe degi’ Architetti , che chi fegue al- tur ab Ideis me fecedere communibus ,
,
,
quod Michael Angelus illius
tri non gli va mai innanzi , ed io al certo non mi farei pofto a quefta
ArchiteBorum Princeps dicere folebat , alios videlicet fequutum num-
profeiffone , coi fine d' efler folo Copifta, benche fappia, che nell’in- quam illis procedere : Et equidem non huic profffioni fluduijfem ad hoc
ventare cofe nuove , non fi puo ricevere il frutto della fatica fe non dumtaxat , ut purus evaderem imitator : quamvis me non lateat i)i_,
,
tardi ficcome non lo ricevette 1’iftefto Michel Angelo, quando nel rebus novi ter inventis non , nifi ferum
,
, pofihumum , laboris fructum
riformare 1’ Architettura della gran Bafilica di S. Pietro veniva lace- percipi pojfe , quod eidem contigit Michaeli Angelo
, qui dum Architettu-
rato per le nuove forme, ed ornati, che da’ fuoi emoli venivano cen- ram Vaticanz "Bafihcce
reformaret , fe Invidorum lanienae expofitum fen-
furate fegno che procurarono piu volte
a di farlo privare della carica ad novam formam
, ornatufque novos ,
,
fit , contra quos ejus temuli eo
d’Architetto di S. Pietro , ma in darno , e il tempo poi ha chiarito malignas machinabantur cenfuras , ut non femel eumdem illius Hafilica
che tuttele cofe fue fono ftate reputate degne d’ imitazione , ed am- Ar chi te Ili munere deturbari curaverint 5 quamvis frufira : (jr eventus ,
mirazione, e Dio vi falvi. ac temporum vicijfitudo ofiendit ejus opera imitatione Jimul , ac admira-
tione digna fuijfe . Valete .

Introduzione al racconto della nuova Fabrica Intro du&io ad relationem recentis ZEdificii
Cap. I. Cap. 1.

i
A Congregazione dell’ Orarorio di Roma detta la Chiela Ratorii Congregatio Romana communi appellata vocabu-
i
nova, ha il fuo pofto nel meditulio di effa Citta gia fo- lo : La Chiefa nova : in Vrbis medio Jita plufquam
efi ,
no fettanta anni e piu per 1’ elezione di S . Filippo Neri hinc ab annis feptuaginta quod alium f Phi-
, , efi ele Ilione S.
Fondatore di erta , quale avendo prefo per iftituto d’ in- lippi Nerii ejufdem Congregationis Authoris qui cum hoc
,
, ,
drizzare cogFertarcizj della parola di Dio , e frequenza vitee genus elegijfet > ut Verbi Divini pabulo Sacramento-
e
acramentl tutte le forti d’ Uomini Cielo, cleffe il centro di effa rumque frequentia ad aterna Heatitudinis metam
al homines cujufcum-
Q .^a x

e fe fabricare
>
un’ ampla Chiefa proporzionata al concorfo ,
che que conditionis manu ve luti duceret , ejufdtm Vrbis centrum d.fgnavit ,

da ibi-
. . ,, .

6
da tali effercizj fi poteva /perarff nella qoale fpcfc (per quello dico- ibi que 'Templum aedificari curavit augurium , aptumque populi fiequen- i

^
no duecetito mila fcudi di varie elemofine con «n piccolo, ma efficace tia ,
qua ex pus hujufnodi futura non abs re fperabatur pro
exercitiis :
)
principio. di fcudi dueeento diede S. Carlo Borromeo intrinfeco cujus cmfiruMv-ne bis centena nummum aureorum millia. ( prout fama^ :

, che
refert ) infumpft ex pia collata flipe , parvo , fd efficaci
principio du-
di elTo qual Chiefa fu piantata fra Parione , e il Pellegrino ,
Santo ,

le piii celebri, e frequentate ftrade. di Roma , volrando la faccia verfo centorum tantum nummum quos Divus Carolus Boromeus ejufdem^ ,

il Pellegrino, dalla qual ftrada fino a detra facciata fu, non molti an- S- Philiippi amantifimus primus omnium ef elargitus . Templum hoc in-
ni fono,' aperta una larga via con un poco di piazza con grofla fpefa ter duas hafce vias Parionis , £T Peregrini, ut ajunt , qua funt Ur-
habet ad ha -
de’PP. ficcome dalla parte di Parione vi fi arriva per un ftretto vico- bis frequentiores celebrior e que poftum efl , profpeBumque
, f ,

Ietto,
e fe bene la facciata di effa Chiefa e bella affai , e con difegno rum alteram ex qua ad profatum ufque profpeSlum RR. PP* ingenti
,

di Paolo Rughefe tutta di travertino , nondimeno la Chiefa benche_ pretio latam viamy modicamqne plateam aperuere fcut ex altera Pa- :

ornata di dieci Cappelle compagne , e due maggiori nel Braccio della rionis eodem per anguftum vicum accejfus patet Et quamvis Ecclefia .

Croce, oltre ali’ Altar Maggiore ,


e la Cappella di S. Filippo tutta di frons praenobili forma fit , &
ex idea Pauli Rughefi tota ex lapidibus
ma-
gioje, e con pitture de* piu celebri Pittori dell’ eta noftra potrebbe effer Tiburtinis ; attamen Ecclefia decem licet fimillimis ornata Sacellis ,

di meglior difegno , ed Architcttura . joribufque duobus , quee Crucis formam efficiunt praeter Majorem Aram ,
Ma quanto piu commoda, e bella e detta Facciata , e Chiefa_>, Sanclique Philippi Sacellum , quod fere totum pretiofi exornant lapides ,
tanto piu fcommoda , brutta , ed infelice era 1’ abitazione de i Padri £9
*» celeberrimorum hujus temporis decorant P illorum Icones , adhuc ta-
quali al numero di cinquanta in fcffanta comprefi gli Laici occupati men perfriiori idea potuiffet , Architecluraque conflrui .
in continuo efercizio di ftudj , confeflioni , e fermoni quotidiani al Po- Sed quo majoribus commodo , ac forma frons , £9° Ecclefia infgnes
polo erano privi non folo d’un poco di verdura di Giardino , ma di erant , eo maris incommoda , viles , ac deformes erant Patrum , ades , qui
aria di Cortili , di Loggie con Sale , Corridori , e Camere ofcure_ , una cum Laycis , ut vocant ,
quinquagenarium ,
vel fexagenarium nu-
merum aquant , ac perpetuis audien-
piccole, baffe, ed infelici per effere una congerie di cale, e cafuppo- fudiorum exercitationibus intenti ,

le piene di mille foggezzioni difdicevoli alio ftato di efli difque Confefftonibus , & erudiendo quotidie Populo Concionibus occupati ;

Si sforzarono nondimeno di ftare ivi con 1’animo quieto fino che non modo ad animum a curis fublevandum puro viridarii aere carebant ,
viddero finita la Chiefa, e la detta ftrada con un poco di piazza per fed Compluviorum , Porticuum Scalis adjacentium , ambulacrorum , CST
commodita delle Carrozze quali per prima da niuna parte fi poteva- cubiculorum tum anguflia tum humilitate , ac luminis deficientia infe-
,
,
no accoftare . licius refpirare cogebantur cum effent congeries domorum , £3° cafarum
,

Ma dato fine a quefto ,


cominciorono a penfare ad un vafo di innumeris frvitutibus , Patrum flatum dedecentibus , obnoxiarum .

Sacriftia proporzionata alia Chiefa ,


ed al numero delle Meffe ,
non_. Paffi. tamen funt illic animo quieto morari quo ufque viderint ab-
meno di cento ogni mattina per ii concorfo di molti Sacerdoti , si per folutam Ecclefiam ,
atque viam cum plateola pro curribus excipiendis ,

la devozione verfo il Santo , come per la pulizia incomparabile , che quibus numquam illuc aditus ,
antea patebat .

ufano nelle cofe {acre, e confiderando , che il fito , nel quale effi Pa- Cum fuiffet igitur opus hoc abfolutum ,
animum applicuere confii-

dri abitavano fotto la Chiefa verfo Levante era piccolo per far vafi tuendo Sacrario quod fatis foret Miffarum numero qu£ faltem quotidie
,

centies ibi celebrantur ob frequentiam Sacerdotum , eo , tum


devotionis
cosi grandi , come era quello della Sagreftia , ed Oratorio , che coi
tempo anche fi farebbe dovuto fare , ne fi poteva molto ampliare^ ergo in B. Philippum tum incredibili attracti munditie , quam
C Udem ex-
rilpetto a certe ftrade molto opportune nel fito ove fono drizzorono hibent Patres , confluentium. Et cum animadverterent aedium aream ,, .

il penfiero al fabricare nella parte fuperiore , cioe verfo Ponente fino quam ad Ecclefiam ipfi Patres ad Orientem incolebant , haud fatis, futu-
alia piazza di Monte Giordano , abbracciando appunto tutto quel fito , ram , in qua tam amplum pofjet aedificari Sacrarium , fpatio quoque re-
liHo Oratorio conflruendo quod oportebat exinde fieri : Area
come pr<eterea
che dalla Chiefa s’ eftende fino a detta Piazza , fi vede dalla_,
viis y ad-
Pianta al num. 2 . illa nequiverat ulterius proferri , utpote quibufdam circumfepta
modum loco y quo funt opportunis , mens omnium tandem fuit adificare
in fuperiori latere , quod refpicit ad occafum ufque
ad plateam Montis
plateaeque-
Jordanis , totum illud concludentes fpatium , quod Ecclefia ,
praefiabat confinia ,
quemadmodum in vefiigio num. 2 . videre licet ,

Sito della nuova Abitazione Solum novarum .ZEdium


Cap.II. Cap. 11.

U dico rifoluto di abbracciare tutto detto fito ponendo Tatutum igitur efl ,
omne illud ample Pii fpatium , ££*
,
jun trium ab aliis domibus fejungere , cir-
in ifola la Fabrica con la detta Chiefa ,
mediante la piaz- aedificium Ecclefia
ad Occafum Via
cumfepientibus platea Montis Jordanis •
za di , Monte Giordano
verfo Ponente la ftrada di Pa-
rione, daTramontana una ftrada, che termina al Palaz- ad Aquilonem y altera quoque via , qua ducit ad
Parionis
zo de’ Signori Boncompagni verfo il Pellegrino da mez- s£des Dominorum de 'Boncompagnis , ad Peregrini viam ad

Z.o giorno, ed una nuova ftrada da farfi di la dalla Chiefa per il lun- meridiem , iSP tilia tandem via trans Pxclefam ad Orientem aperienda
go di effa verfo Levante per reftituire al publico una ftrada, che dal- populi commodo alterius loco , quam neceffe erat occludere ad Montem
la parte di Monte Giordano fi aveva a levare. Jordanis
Nel tirare le prime linee s’incontrorono quelle difficolta , che fi Primas ducendo lineas eadem obviam fuere difficultates , quapaffim
con-
;

fogliono incontrare ben’ ipeffo nelle Fabriche ,


che fi fanno. di nuovo ingruunt cum adificia noviturin locis ubi frequentes ades funt conflrui

ne i fiti abitati di ufeire fuori di fquadra , ne mette conto coi riqua- tingit y
exigi nonpoffunt’ nec utile putatur fi reiria dimen-
qua ad amuffim
drarfi in effo lafciare il rimanente al Publico per non perdere fito tan- faque efficere area partem Populo relinquere : utpote magni afliman-
velis ,

to preziofo , come fi ftima nella Citta di Roma, maffime in mezzo dam Roma , ^
precipue in Urbis medio , ut hac efl ades , de qua
nunc fer -

di effa Citta , dove e quello, dei quale trattiamo, e nel quale difor- monem inflituimus'. in quem fane errorem incidere ii a quibus extrurium fuit
dine fono incorfi nel piantare il Collegio Romano , che e tutto fuori Collegium Romanum , quod totum ,prater normam efl fi murorum craf- y&
di fquadro ,
febbene nelle groflezze de’ muri hanno procurato di naf- fitie quod imperfelrium erat occultare fluduerint } Profeffa quoque S. I. do-
,

condere 1’ imperfezioni, nel piantare la CafaProfeffa, chi per di fuori, mus y qua tum interna , tum externa oflendit non ad regulam exalta adificii
latera , haud eft immune ab his P alatium quoque DD.
Burgheforum 5 archi-
e per di dentro moftra le fue irregolarita j Nel Palazzo de’ Signori
che con le facciate ftorte lono accommodati alie ftrade, e tecii enim profpettus detortos obliquis
aptavere viis . Nullus igitur , aut
Borghefi , fi

cosi tutti ,
0 quafi tutti ,
che hanno voluto piantare nuove Fabriche_. eorum fere nullus y qui in media urbe , frequentibus adibus impedita ex-
non citare nova voluere adificia , hujufmodi valuerunt
incommoda decimare :
nell’ abitato fono ftati foggetti a tali imperfezioni ’>
e fra gfantichi
££» ex prifeis Nerva quoque Trajanus
Imperator eidem fuccubuit incom-
ne fu efente 1’ Imperatore Nerva Trajano nella Fabrica , che anche fi
vede fuori di fquadro a’Catecumeni , c pero trovatofi nella Fabrica_, modo y dum confiruere conflituit adificiumy quod £^ ipfum cernitur apud
della quale trattiamo ) .che la ftrada di Parione uno de’ confini del- Catbecumenos proster normam ; i deo que eum fuerit in adificio ( de quo lo-
(
di mezzo quimur compertum ex via Parionis qua unus adificii noviter erelrii
la nuova Fabrica , che notabilmente torce ali’ incontro ) ,

della Fabrica, che fi aveva a fare oltre 1’ inegualita , che vi fi fcorge- terminus efl utrinque a medio profpeciu adium poflmodum extruendarum
va da per tutto erano sforzati a lafciare un gran fito al publico eon_» admodum inclinare , prater inequalitates undique confpiciendas , non exi-
drizzare una linea dalTangoIo della ftrada , che fi deve fare di nuovo guum area opus erat dimittere publico ufui ducendo lineam ex angulo Vt a y
per il lungo della Chiefa lino ali’ angolo dei cantone di Monte Gior- qug noviter aperienda efl ad Ecclefia latus ad angulum ufque Montis Jor-
dano , overo di far’ un gomito , come fi e fatto dove Ia detta ftrada_, danis , aut ad cubiti formam opus extruere 7 quod £f^ fatrium efl ubi prg-
coraincia a torcere fata via primo deflellit .

E fe bene il perdere un pezzo di fito cosi preziofo difpiaceva Et quamvis non modicam areg portionem Patribus defpliceret dimit-

Padri ed anguftiava alcune delle officine neceffarie quali non fi tere y ac in anguflum neceffarias aliquot redigere officinas qua commode
a’. , ,.

pote» nequi-
i
. , . , , . ,
:,

potevano ben fituare in altro luogo, nondimcno per ilgufto univerfa- nequibant alibi fundari ; qua tamen Populo rem gratam exhiberent ac-
le delPopolo farebbeno accommodati , mailmalefu, ciie mentre
ci fi
quievifferit [ane • Sed majus erat in eo incommodum , nam cum animus
fi sfuggiva la deformita per di dentro non in un luogo folo , ma in tutte tenderet ad interiores effugiendas deformitates , non uno tantum loci ; fed in
Ic Camere, e parti della F-abbrica rilpondenti in detta ftrada che tutte omnibus profeBo , cubiculis , cunBifque AEdificii partibus ad pr fatam -viam ,
venivano fuori di fquadro, ed effendo quattro ordini, uno fopra 1’ al- fitisomnia prgter regulam normamque formanda erant : cum effent
tro di diccifette ftanze l’uno , fu fiimato non contrapefare 1’ un difor-
dinc ali’ altro, ma effer grandemente maggiore, quefto di quello, che
quatuor gdium partes in cubicula difiributa una fuper aliam , unaqueque &
pars decem feptem contineret Cubicula , judicatum efi, alterum ex in-
pero fu ottenuto dalla S. Me. di Urbano VIII. di poter prender dei fi- commodis non ejufdem effe ponderis cum alio ; fed longe majoris Quare con - .

to publico quello chc fi vede rinchiufo ncllc linee de punti nella detta ceffonem obtinuerunt ab Vrbano VIII. fel. rec. ut fibi liceret illud
via pu-
pianta al num. 2. blicg adificio occupare quod cerni tnr in lineis interpunBis vefligii n. 2.
,
Maffime nei difeutere diligentemente quefto punto ,
furitrovato, Et maxime , quam mature difcuffa re inventum ejl , adificii , quod ,

che la Fabrica principale veniva tutta in fquadro in un paralello gram- pr^cipuum ejl ad amujjim fieri poffe fub figura paralello grammatis nullam
mo fenza veruna imperfezione, facendofi primo angolo rerto a can-
il irregularitatem admittente , dum fi proximus Ecclefia primus reBus duce-
to la fabrica della Chiefa con le duc linee, una per il longo della Chic- retur angulus duabus lineis , altera in oblongum ad Ecclefig latus , altera
fa, e 1’altra verfo il
,
cantone delfOratorio
ed il fecondo angolo ret- ad Oratorii angulum Secundus quoque reB angulus oriebatur ex fecunda
.

to formava con la detta feconda linea , e qnella, che guarda la piaz-


fi
pr filiarum linearum , tS3 ex ea, qua refpicit adplateam Montis Jordanis
za di Monte Giordano . II terzo angolo retto fi componeva dalla det- Tertium angulum C5P quidem reBum conflituebant hac ultima linearum
ta linea verfo Monte Giordano , e quella verfo Parione II quarto an-
5 CSP altera ad Parionem quartus denique formari poterat modo diBa Pario -
:

golo da detta linea di Parione con quella che fi figura per il lungo nis linea cum altera, qua efformatur adoccafum in oblongum Ec ckfi'ce, an-
,
della Chiefa verfo Ponente , e ben vero ultimo angolo
, che quefto gulus quidem ifie non efi omnino reBus , fed aliquantulum obtufus , quod
non e perfettamente retto , ma un poco ottufo per guadagnare tre pal-
f alium efi ad occupandum trium palmorum fpatium [pro una ex officinis in
mi per un vafo dell’ officine dietro ad effo , che fenza li detti tre pal- ejufdem Jpatii tergo , cuifi jam di Ili non acceffiffent palmi , incommoda eva-
mi averebbe patito , ma ,
e cofa infenfibile
un pezzo . Reftava e refta
fifiet ; Sed vix efi , ut percipiatur Supererat , zjy adhuc fuperefi quoddam
:

di fito irregolare, e fuori di fquadto dietro Ia Tribuna della Chiefa,


fpatium irregulare , ISE extra normam in exteriori hemi cyclo Templi Hoc .

quefto come rifiuto fu deftinato alie Cucine


, e bifogni di effa, di ma- utpote fuperfiuum Coquina £9^ huic opportunis commodis datur Cum ita- .

niera che trovatofi coi fare il gomito tre palmi verfo Parione
, chc que repertum fuerit , quamvis trium fieret cubitus palmorum ad Parionis
la .

Fabrica principale veniva tutta in fquadro , della meno principale, e per viam , adhuc adificii pracipua pars ad normam e? at j minus prgcipug partis
non
ufi baffi

rcftaffe inutile,
fi tenne conto , benche procuroffi che niun palmo di fito
offervando fempre, che dentro Y abitazione deTadri vi
& eorum , qua inferioribus dicata funt minifieriis ratio negleBa efi , quam-

foffero tutti commodi


vis omnis adbibita cura fuerit , ne quid minimum oli remaneret inutile . f
, tra’ quali ftimai neccffariffimo Orologio per
i 1'
Et in primis illudfuit pra oculis,, ut interiora Patrum Cubicula commodis
Ia diftribuzione dell' ore che collocai nell' angolo della detta nuova
, redundarent , inter qug opportunum ad horarum , temporis difiribut to-
abitazione in faccia la piazza di Monte Giordano come vede nella
, fi
nem Horologium effe duxi , quod in angulo recentium adium confiitui ad
Facciata per longo della detta abitazione de’ PP. con molte modina-
plateg Montis Jordanis confpelium , ut videre efi in obliquo profpeliu adium
ture principali della medema dalle tavole num. 27. finoainum.32.
Patrum cum prfipuis iifquenon paucis modulis ejufdem ex tabulis a n. 27.
ad num. ufque 3 2.

Della Sagreftia nuova De novo Sacrario


Cap. 111. Cap. III.

Ovrci per feguire con ordine ragionare prima dellc cofc Ecia quidem exigeret methodus ut nonnifi pofiquam univer-
univerfali , e poi difccnderc alie particolari
, ma pcrclic al fiill.t ad particularia defenderem , fed quo-
principio dato da
, mi paremc trovai fatta Ia Sagreftia niam primam admovi manum , ordinem non prgterire puto ,
conveniente anche di qucfta almeno rilpetto al fico dire de hoc aliqua , faltem quoad locum , innuam priufquam
fi ,
prima di dar principio alie mie debolezze.
alcijna cofa
mea hac qualiacumque exponere incipiam ..

Impetrata pero, chc ebbero i PP. facolta dal Papa di aftringere Vt ergo Summus Pontifex Patribus indulfit , ut domorum in ea-
i Padroni delle cale in detto diftretto fituate a venderglelc a ftima dem infula fitarum Dominos cogere jus effet ad eas afiimato fibi pretio
, ,
cominciorono ad acquiftare quel
che rifguarda
fito , e diedero principio da quello
il publico , e fpiritual fervizio cioe della Sagreftia
vendendas, illius dominium quafivere loci, ab eo , quod publicum.
Divinumque fervitium refpiciebat , ab Sacrario videlicet , voluerunt
&
,
‘ E
perchc era fervita in quel tempo la detta Congrcgazione d’Ar- incipiendum
chitetto dal Signor Mario Arconio, a cui fubentro il Signor Paolo Ma-
Et cum eo temporis Architefti munus ejufdem Congregationis exer-
rufcclli ftabiiirono coi configlio difegno di quefti Ia detta Sacri-
, , e ceret D. Marcus Arconius, cui D. Paulum Marufcellum fiiffecere , amborum
ftia in quella forma , e lito che oggi fi vede con tre Camere conti-
, confiliis , ac idea Sacrarium flatuerunt eadem prorsus, qua nunc cernitur -
gue dalla parte di effa Sagreftia verlo Tramontana due Camerini per forma tribus additis ad Aquilonem cubiculis , binifque minoribus fuperiore
fervizio de Prelati in tefta, e due altri per Lavamano rendimento
c loco Prfulum commodo infervituris
, aliifque duobus ingreffui contiguis
,
di grazie in pie di effa fenza ftabilire ( ch' io fappiajnel medemo tem- e quibus alterum abluendis manibus, alterum gratiis peragendis
defiina -
po rimanente dei difegno della Fabrica
il
il che ha caufato qualche tum fuit nihil [quod fciam ) de reliqua tunc cedificii idea fiatuentes :
, t :

fconcerto nella corrifpondenza dellc fineftre, e nclli piani di tutte l’abi- Ex quo in fnefiris , areifque <edium ortum traxit improportio ut fuo
tazioni come (
fi dira a fuo luogo, avendo
effi tenuto.alto il pavimen- dicetur loco ) cum Oratorii folum quatuor circiter prominentius
pal-
to della Sagreftia fopra quello della Chiefa circa quattro palmi forfi
, mos illo Ecclefitc locarint , ob id fortajf , quia locus ille utpote platea
per effer quel fito
piu alto di tutti,
,
chc rifponde nella piazza di Monrc Giordano il
come che fe fi aveffe con la porta della nuova abita-
Montis Jordanis magis proximus , fic
eadem fere difpofitiom ac
&
Ecclefue folo fublimior erat

fi novarum ingrejfus ASdium ad hanc foret


zione ad ufeire in piazza, ma di quefto membro di grandczza non or- aperiendus plateam De hoc Sacrario ingentis amplitudinis , tEE equa
.

dinaria, e di altezza ftraordinacia ornato con belliffimi Credenzoni di


latitudinis pulcherrimis ex nuce decorato armariis fummo delineatis
? in-
noce difegnati con nuovi , ed ingegnofi modi per la difpolizione delle genio novis
, , variifque modulis per quemdam ejufdem Congregationis
Sagre rirrovati da un Laico della medefima Congregazio-
Suppellettili
Laycum excogitatis , ut Sacret fierent accommoda fuppellelhli , 3
ne, ed illuftrato dal Signot Pietro di Cortona con la pittura di un zs a
D. Petro Cortonenfi Sancit Arch angeli Michaelis in medio tholi exaci a
S. Michelc Archangelo di tutta la bellezza nel mezzo della volta
e , decorato Icone: nec non d D. Alexandro Algardi duorum ex unico mar-
dal Signor Alefiandro Algardi con un gruppo di due ftatue di
S. Fi- more Simulacrorum S. Philippi Nerii , ZSE unius Angeli ad palmos duo-
lippo Neri, e di un Angelo di dodici palmi di altezza ftimate non
in- decim inter celebriores noflri
avi fiatuas nulli pofi habenda ,
feriori a verun altro dell’ eta noftra
, qua
collocati nella tefta di detta Sa-
, fimulacYa funt Oratorii prgeipuo loco in quidam Sacello li-
confiituta
greftia in una Cappella fatta ornare dal
Signor Pietro Boncompagni con beralibus extruBo donariis D. Petri de ‘Boncompagnis qug cernere efi
,
liberaliflima mano , vedendofi in un lato dello fpaccato al num. 55., in uno ex interioribus profpeBibus num. 5 5. nihil inquam de hoc Sacra-
e come fattura di altri non diro
fopra la altro nella qual Sagreftia
:
rio, quod me non recognofcit Authorem , ultra dicam . Super hujufmet
porta dalla parte di dentro fu con modcllo 'dei medemo Signor Alef-
interiori Sacrarii vefiibulo pulcherrima ex ejufdem D. Alexandri Algar-
iandro Algardi gettata di metallo una belliifima tefta di GrcgorioXV.
di Prototypo anca Gragorii XV. Protome cernitur junBis ante peBus
con Je mani giunte in atto di venerare Ia dicontro effigie di marmo
manibus , ac fi oppofitum S. Philippi Simulacrum veneraretur proxima-
di S. Filippo con le feguenti parole in pietra di paragone.'
que leguntur verba Lydio infculpta lapidi
GREGORIO XV. PONT. MAX. GREGORIO XV. PONT. MAX.
OB PHILIPPUM NERIUM OB PHILIPPUM NERIUM
INTER SANCTOS RELATUM. INTER SANCTOS RELATUM.
Divi* D Ahio-
. . . . , . . . . . -

8 .

Divifione generale di tutta Ia Fabrica Abloluta totius aedificii partitio


Cap. IV. Cap. IV.

Inita dunque la Sagveftia ,


cd introdotto ^ che. io fui al OnflruBo itaque Sacrario , cum me Patres ArchiteBi Con-
fervizio dc’ PP.. per Architctto della. detta Congregazione gregationis munere decoraffent occafione Ichnographice novi
con 1’ occafione dei difegno dell' Oratorio novo ,
come Oratorii , ut mox de hoc traBaturus explicabo , vefiigium
ivi raccontero trovai , ftabilito ii difegno fatto dal Signor inveni confiitutum a D . Paulo Marufcelli , qui affabre cum
Paolo Marufcelli ,
quale prudentementc ncl difcgnare il Oratorio reliquum fimul adificii delineaverat , fed quia mi-
nuovo Oratorio, difegno anche il rimanente della Fabrica , ma cficn- hi ad Oratorium confiruendum aliqua immutare neceffe fuit , ob refidui
domi convenuto rifpetto ali’ Oratorio mutare alcune cofe , che aveva- adificii commodum , eadem ex necejfitate Ichnographiam ex integro confeci ,
no relazione ai rimanente della Fabrica , fui forzato anche a mctter fpe fretus , primam in multis perfeBiorem reddendi primumque illud
mano al difegno dei tutto con credenza di poterio mcgliorare in mol» in mente fuit , ut , quantum fieri pojfet ab incommodis PP. eximerem :
te parti , ed il mio primo fcopo fu il tener lontane Ic foggezzioni quapropter cedificium fuit a me in tria difiinBum impluvia
alii Padri quanto potevo , che pero divifi la Fabrica in t.re atrj ,
o, Horum circa primum
, receptacula conflitu f qua fo-
cubicula
Cortili rent externis communia ad expedienda negocia , videlicet .

al primo Cortile fituai tutte le Camere ,


Intorno e vafi , nclli Januam maximam domus
quali ponno aver che fare li Forafticri, cioc. Cubicula , in qua quilibet fefe recipit cum Patribus Congregatio-
La porta principale dell’ abitazionc nis negocia- traBaturus
Lc ftanze per ritirarfi chi vuol trattarc , e negoziarc co’ Padri Oratorium quo Exteri conveniunt .
,
della Congregazione . Sacrarium •
L’ Oratorio, dove vengono li Foraftieri. Scalas latiores
La Sagreftia. Hofpitium , pro his qui ad Oratorium conveniunt •
Le Scale principali *

Bibliothecam .

La Foreftaria per occafione degi’ Oratorj '


.
tamen ut appofitis fufdeque utrique ex impluviis cancellis ; ex-
Ita
La Libraria.
In manicra che pofto
Ii Cancelli fotto
, c fopra li due Cortili
terorum neutiquam quis poffit Patrum ades ingredi : quamvis ad
Oratorium Magnates , aut Purpurati noBu confluant Ecclefia Princi-
&
primo, fecondo, niun Foraftiere per qualfifia titolo ha occafione d’in-
e
pes ; non ideo Aulicorum cuivis libera facultas fit , ambulacra
, vel
ternarfi nell’ abitazione de’ PP. , e venendo Cardinali
,
o altri Princi- P atrum cubicula pervagandi , quod integrum Congregationis catum gra-
pi ali Oratorio di notte non per quefto puo alcun Cortegiano andar
, vi liberat a fervitute ; £9° c um frequentia ad Oratorium toto Jit anni
fcorrendo per li Corridori Loggie, o Camere de’ Padri, il che libe-
, circulo , non parvi -momenti fuit hoc incommodum evitandi : quamvis
ra tutto il corpo della Congregazione da una gran foggezione ed ef-. modo non omnino perfluantur hoc ‘Beneficio , cum non adhuc latiores
,
fendo 1 occafione continua tutto 1 anno e ftato un gran ripiego per adificata fint fcala .

fuggirla fe bene di prefente non fi gode affatto quefto beneficio , non Impluviofum fecundum Patrum habitationi datum efi-, {3* ex hoc
effendo ancora fatte le fcale principali
porticus, ac omnia fere cubicula Patrum habent ingreffum .
Il fecondo Cortile ferve per I9 Camere ,'
'ed abitazione de’ Padri Tertium impluvium Jitum efl in ea parte , quam adificii prgeipui fu-
rifpondendo in efto le,
Camere de’ Padri. loggie e quafi tutte le
, perfluitatem nominavi , quodque r efpondet exteriori Templi femiciclo , cu-
terzo Cortile e in quella parte , che abbiamo battezzato
Il
ri- jus Janua , quam Vehiculariam appellant , efformanda efl in via , quee
fiuto della Fabrica principale quale rifponde dietro la Tribuna della
, recens aperienda efl ad latus Ecclefia ad Orientem : refpondent huic im-
Chlefa , ed ha una porta
che chiamano delleCarrette che fara nel-
, , pluvio cunBce domus officina , in quod ingrediuntur Cifliferi bajulan-
la.ftrada da fiirfi per il longo della Chiefa verfo levante. In quefto tes cibaria , cadofqnc , vehicularii , cunBique hujufmodi necejfiaria pra-
Cortile rifpondono tutte 1 ’ officine di ca/a, ed in quefto entrano li Spor-
ftare faliti . In fubterraneo hujus impluvii circuitu confiruBa funt hy
taroli con le robbe per il vitto, i Barilari, i Carettieri
per fimili bifogni
, ed ognaltro
Intorno a quefto Cortile fotto terra fono le Can-
.
pogaa
fuperficie
, Doliaria
Fontes
, Lignaria
Doliarium
, Crypta , Hydrotheca , Putei , in fioli
Coquin <t , Promptuarium , Triclinium ,
&
, ,
tinc da Legna , da Vino , Grotte, Cifternc , Pozzi, e fopra terra Fon- omne que aliud receptaculum quod oporteat inducere exteros , aut
in
,

tane, Tinello , Cucine, Difpenfe, llefettorio, ed in effetto tutto quel- merces ut melius ac diflinftiuf patebit ex recentis adificii vefiigio
, ,
,
lo ,
dove fi.hanno ad introdurre perfone foraftiere, e mercenarie, co- num. 3.
me meglio fi vedra diftintamente ii tutto dalla Pianta della nuova
Fabrica al num. 3.

Dell’ Oratorio in generale De Oratorio univerfim accepto


Cap. V. Cap. V.
A prima
oltre c ncceflfario
,
di paffar piu
che io avvcrti- Ntequam ad ulteriora procedam , monitum LeBorem velim ,
fca il Lcttore
che fra lc Regole ftatemi preferitte da’ , inter cetera mihi d Patribus praferipta , hoc fuijfie , ut mo-
Padri, una fu , che volcvaDo la pofitivez.za , «naffime nel-
derationi , prafertim in iis , qua proprium commodum ref-
le cofe di loro fervizio rallentandomi folo alquanto Ia
, picerent , omnino confulerem : expeditas aliquantulum mi-
briglia nellc cofe appartenenti al culto Divino
, come £ hi manus , relinquentibus dumtaxat in illis
,
qua ad Dei
la Sagreftia, T Oratorio, le Cappelle, e cofe fimili, a firgno
chc trat- cultum attinerent ,
qualia funt Sacrarium , Oratorium , Sacella , cum fi-
tandofi della Facciata della loro abitazione non vollero confentire, chc mi libus , ita ut , cum ageretur de perfpscliva domus induifere nequa-
,
fi faceffc di cortina di
mattoni tagliati, non cordoni , o fafeie di tra- quam , inciforum laterum operiri teBorio : interdicentibus ut quinque_
vertmi, non ftipiti ornati, anche con un folo ovolo
, tutte cofeprat- zonas Tyburtinorum , vel Carrariorum lapidum , flipites , vel oviculis
ticatc nel Collegio Romano, nella Cafa Profeffa
de’ Padri Giefuiti, nell’ exornatos , hac omnia licet adjunBa confpiciantur in Collegio Romano
,
abitazione de' Padri Tcatini per non dire
deiMonaci di S. Eenedetto, Domo Profeffa Patrum Societatis ,
ac Theatinorum
ut Monachos S ‘Be- : •
ed altri , dicendo , chc le Fabriche di quefti fono
ftate fatte da’ Prcn- ne diBi ad hoc refpondentibus , pr afatorum cedes d
, aliofque pr eter eam ,
cipi , a' quali convicnc far cofe
grandi , ma facendo loro medemi la Principibus ,
quos magnificentia decet , fuiffe conflruBas At cum cedifi-
propria Fabrica premevano fopra tutte le cofe
nella modeftia, baftan- cium hoc propriis conflrueretur impenfis , pree omnibus attendebant mo-
dolt avet 1'occhio alia proprictd che pero fi , contentarono , che fi fa- derationf eo tantummodo fatisfaBi , fi proprietati provifum foret qua- :
celfc la Facciata di cortina rudica fino alia
prima fafeia , nual fiffeia propter acquieverunt , Hortographiam rudi velari fuperficie , ad primam
Vollero d, mattoni e non
, di travertino , come ogn'uno coftuma , il ufque Zonam , quam nequaquam ex profatis lapidibus , ut moris , efl
rimanente della Facciata di muro fchietto atricciato con un folo gu- fed ex lateribus confici voluere j Reliquum vero faciei fimplici , fcabro-
fao fotto .1 tetto , e con li tclari fempliei di travertini per le fcne- que patere muro , parvo prope teBum foramine , ac feneflralibus ex mo-
tre, anzi non vollero ne meno
di Travertino, oPepcrino
le porre ne de
camini dellc loro Camere
li ftipiti

ma di mattoni ,
i
dcl- lari lapide , plane tantum Igvigatis telariis quinimmo januarum ,
, &
volte
,
,
hanno fotto un femplice dado fenza alcun’
di cfle
e lc Caminorum in Habitaculis laborandorum flipites quaquam ex Cana- m
ornato e fe fed ex lateribus fieri placuit : harum For-
m alcuna cofii eccedei qualche poco Ia regola
preferittami , per un^
riis , molaribufue lapidibus ,

pezz.o udi; de i brontoh


nices cubum in interioribus habent fimplicem , quolibet ornatu fepofit&".
, e perd devo eller compatito
, fe non corrif- 13* fi quid vel minimum d preeeeptis excefji diuturnas eorum querimo-
pondono tutte lc, parti a quello ,chc peraltro ,
convcrrebbe. nias excepi Quare venia dignus ero quod con-
. , fi cunBce partes ei ,
gruit ,
minime confonare dignofeuntur

Deli' De
. . , --
,,

Dell’ Oratorio nuovo De Oratorio novo


Cap. VI. Cap. VI.
R tornando ali* origine della mia infroduzzionc al fervi- D initium redeundo , ex quo prafat? ccepi Congregationi fa-
zio della prefata Congregazione , dico, che finita, chc fu mulari : cum jam abfolutum ejfet Sacrarium , zy Patrum
la fagreftia, continuando i Padri neldefiderio, che fi ter- f
adhuc de der ia vigerent , ne privatis rebus prima manus
minaffero tutre le cofe publichc prima di cominciare le apponeretur , nifi pojtquam publicis appofta fuijfet fupre-
private commodita li applico 1 ’animo alTOratorio, ed aven- ma , converfus ejl animus ad Oratorium , defgnatoque pla-
do gia ftabilito il fito, nel quale lo defideravano, fecero fare diverfi no , in quo cupiebant aedificari , varias tum proprio tum aliis Ichnogra-
,

, e da altri, ma poco fi fodisfeccro,


difegni, e dal proprio Architetto phias conficere jujferunt Architectis . Sed non plene voti compotes efielli
perche bifognando obbedire ad una loggia per di dentro non fi tro- fiunt, nam cum opus ejfet interiori cuidam attendere Porticui j bgc ve-

vava modo di regolare le fineftre , che aveiiero la debita fimetria ,


e tabat Symetrice Fenefiras , £9° Januam apto loco difiponere
: zy pofi diu-

che la porta di effo venifle in luogo conveniente , e dopo lungo* Au- turna fludia , complures Ichnographias , zy Confultationes , conclufium
dio ,
difegni , Congregazioni , fi trovo , che il megliorc , o manco
e e
ft > meliorem , aut minus fialtem incongruam Icbnographiam ejfe D. Pau-
cattivo fofle un difegno dei Signor Paolo Marufcelli , c febbene fi co- li Marufcelli
; zy quamquam nullus ejfet , cui non apparerent irregula-
nofcevano 1

imperfezioni nella fituazione della Porta , e feneftre fenz* ritates tum (itus janua tum inordinatarum £5° irregularium fenejlra-
, ,
ordine, c regola alcuna, e con i fguinci ineguali , nondimeno fi cre- ru m , adjunllis detorfionibus inaequalibus ,
attamen omnibus perfuafum
dette non poter fare altrimenti eft ,non aliter fieri pcjfe .
In quefta pofitura di cofe fui antepofto io al P. Prepofito della In boc rerum diferimine aliqui me prehabuerunt apud Patrem ejuf-
Congregazione , che era in quel tempo il P. Angelo Saluzzi , quale dem Congregationis Prgpofitum quem gerebat eo temporis P. Angelus Salu^-
febene non aveva difegno ,
nondimeno era di buon giudizio , ne fpa- Kf j qui licet Ichnographig prgeepta minime calleret , acri tamen pullebvt
ragnava,fatica ne applicazione per trovare il buono, ed il migliore
, ingenio nec ullis , aut labori , vel Jludio
: quo bonum aut melius nanci
,
e dichiarandomi il fentimento fuo volfe che io mi poncfli ad inven- furetur , parcebat : zy cum fuam mihi mentem aperuifiet , infimul im -
,
tare nuovi penfieri , e febbene incontravo le medeme difficolta della pofuit , ut nova reperirem excogitata quamvis eadem offenderem ob-
zy :

obedienza ad una loggia interna , e gl' archi della loggia


neceflaria Jl acula, cum cogerer obfecundare interna Porticui cujus arcus cequita-
,
non eflendo uguali perche il pilaftro dei cantone maggiore degi’ altri tem inter fe non fervarent , eo, quod maxima ceterarum angularis Pa-
,
faceva, che il mezzo deirultimo areo dei Cortile rellafle piu lontano dal rafladum hujus Jiebat abfurdi necejfitas , ut medium extremi arcus ma-
mezzo deir areo dei braccio della loggia, che volta , che non era dal gis difiaret ab arcu brachii Porticus infleftentis quam medium alterius
,
mezzo delTaltro areo dei Cortile , c confeguentemente pareva che le arcus atrio proximioris. Ex quo providebatur fore , ut ab interioribus
fineftre in mezzo alii detti archi non poteffero aver buona regola fra Oratorii fneflra nequirent in mediis arcubus ordinem ad invicem fer-
di loro nella parte di dentro dell’ Oratorio nondimeno doppo averci
, vare , zy pojlquam diu laborarim , zy plures ,
ac plures confecerim Ich-
faticato un pezzo , e fatti molti difegni cenfurati fempre dal P. Vir- nographias , omnefque cenfura fubjecerim P. Virgilii Spada tunc ejufdem
,
gilio Spada Sacerdote della medefima Congregazione oggi elemofinie- Congregationis Sacerdotis hodie vero Secreti SS. Domini Nofiri Papa Elee-
,
ro fegreto di Sua Santita , dei quale fi valeva detto P. Prepofito mofynarii
, co- , cujus utebatur opera idem Prapojitus ,
utpote qui fludia fo-
me che fi dilettava ,
e fi diletra dell' Architettura , finalmcnte ne feci vebat , zy adhuc fovet architeclonicce . Tandem unam cunilis placitam
uno a fodifazione, di tutti coi quale reftorono fuperate tutte le dificol- adinveni in duobus exprejfam difcijfis num. 39. zy 4o- qua cunila di-
ta elpreffo nellidue fpaccati al 0.39.040. mediante ducloggie,o por- luit obflacula , medio duarum porticuum , alterius ingrejfui fuperpofitee
ticiin capo , ed a piedi dell' Oratorio
, le quali ficcome fervirono a alterius autem huic contrapofita zy ha non modo fenefiris improportio-
:

render regolate le fineftre , cosi fu crcduto dover cfler di molto fervi- nem obfiulcre , fed zy admodum hac Mujicis , illa Cardinalibus Orato-
zio quella a'pi edi per Ii Signori Cardinali , quando vengono ali’ Oratorio , rium frequentaturis adjudicata fiunt accommoda quinimmo probatum :
e quella in tefta per li Mufici, e I’ efpcrienza ha moftrato cfler ftate non ejl experientia non utiles tantummodo > verum etiam extitijfe necejfa-
folo utili, ma neceflarie. rias .

E fe bene con cfler detto Oratorio un terzo maggiore delTOra- Et quamvis Oratorium hoc tertiam excederet partem altus quo
torio , che fi ufava ncll’ Abitazionc primiera fi ftimo di conveniente in adibus antiquis utebantur ; amplitudinis tamen exifiimatum ejl con
grandezza al bifogno di quelli eflcrcizj , che ivi fi devono fare con- fentanea funllionum exigentiis inibi peragendarum juxta ritus £9° in-
,
, ,
forme alfolito, cd Iftituto della Congregazione, nondimeno, perche flituta Congregationis j verum quia , conjluentiam in dies augeri compe-
fempre fi era veduto augumentarfi il concorfo , fi penso di fare ( come riebatur , aliud Oratorium fieri fimile fubterraneum
fi fece) un fimil vafo fotterraneo con una fcala ovata a lumaca com- animus applicuit
quod alium ejl)
in quod haberetur defcenfus per fcalas cviculariter
( f
,
modifiima, che fi vede nelTaltro fpaccato, che fegue al num. 39., ac- coclites, zy : zy ba conjpiciuntur in alio , quod fequitur di-
aptijfimas
cio in giorni di gran concorfo alfOrazione, c Difciplina, come e la
fcijfo num. 39*, ut in diebus frequentioris concurfus ad orationem,
Settimana Santa , e fimili tempi , non baftando il vafo di fopra, fi fuppliffe
zy
flagellationem , quales fiunt mHebdomad<£ Sanlhs fimiliumque temporum
,
con Ia parte di lotto , che pero furono fatte due rote di metallo nel pa-
, cum fupernum haud fatis ejl Oratorium , inferiore fuppleatur
dies
vimento di effo , per communicare la voce fra gl’uni, e gl’altri nel recita- quapropter in pavimento duo confita fiunt rotarum ane a per qua
, pojfet
mento, che fi faogni giorno feriale dellc Letanie, ed altre Orazioni vox unorum ab aliis audiri in quotidiana Litaniarum aliarumqut_ ,
11 luogo dunque e riufcito capaciflimo, Iuminofo, e vago,
ef- precum recitatione .

fendo fcompartito recinto intorno con molti pilaftri che reggono una
il
Locus inquam apprime capax lumine refertus ac deleUabilis
, in-
gran cornice , dalli quali pilaftri nafeono fafeie
, che tirando al centro ventus efi , eo quod interior ambitus multis partitus ejl Pilis
della volta terminano in un gran ovato contornato da un cornicione
magnam
, regentibus coronam , ex quibus procedunt Zona
qua Tholum verfus ,
tutto dorato, fatto di materia incorporata con Ia volta, dentro il qua- protendentes in amplum delinunt Orbem aurata circumdatum undique co-
le hadipinto il Signor Gio: Francefco Romanello la Coronazione della ronide cementis compofitum
, , laqueari concorporatis
, in quo V. Er anci
Beatifilma Vergine, e fopra cornicione fono quattro fineftroni per il cus Rom anellus fi-
Deiparam Corona redimitam depinxit , zy coronidi pr
/-
parte, e tre in faccia, olrre uno nel portico per i Signori Cardinali, quatuor ex utroque latere 5 Tres autem ex fronte
fiunt ftnejlrj
, prgter
che danno grandiffimo lume, e la grofiezza delle muraglie, etale, che illam porticus 'Cardinalibus infervientis ex quibus
, clarijfima lux cful-
ricevono in fe li fufti delle fineftre di legno , oltre li rifiilti , ed ornati zyea
get : murorum crajfities , ut ligneos exgquent fanejlrarum 0 -
ejl
di efle anco dalla parte di dentro
, e
per chiuderle , e per aprirle , fi ca- haud attallis interioribus prominentiis , p
fies zy ornatibus , ad quas oc-
mina fopra cornicione fudetto, girando per le due Joggie di Mufi-
il
cludendum , vel refervandum iter facere quifque potejl per
cornices ,
ci, e Cardinali, eflendofeli fatto un riparo di ferro rado, e gentile,
duas circumeundo porticus Muficorum zy Cardinalium nam coronides , 5
ed inverniciato di bianco , accio fi fcorga da baffo il meno che fia
, ferreo fuerunt circumdat cs fipto, raro fubtilique albaque tello fanda-
,
pofTibile , e fe bene fu creduto e detto da alcuni Architetci, che era
, raca, ut quominus pojfet perciperetur obtutibus intuentium ex plano. Et
impoffibile , che fineftre di quella grandezza poteffero capire nelle lu-
quamvis Architellorum complures nequaquam
, fieri pofie dixerint , zy
nette di quella volta
, nondimeno Telperienza ha moftrato il contrario, crediderint ejus amplitudinis fenefiras illius
, pofe lunulis laquearis in-
e perche fi veda anche Tornato di dentro, mi e parfo bene di far
ve- tercipi, contrarium tamen probavit eventus, zy quo pateat interior or-
dere li fpaccati di tutti lati di detto vafo, come al num. 39.40.
li
natus, opere pretium duxi , cunila lateralia hujus aulce
aperire difciC-
4r., c 42. : nel mezzo dei quale da una parte e un nicchio con la fa , ut numeris 39. 40. 41. zy 42. cujus in medio ex una parte Jemi-
fedia, dove fi fanno li Sermoni ; nelT altro nicchio di contro e la fta- circulus efi , in quo fedes pro Sermonibus habendis :
In altero huic con-
tua di S. FiIippo,e detto nicchio e qucllo appunto che ha fatto dar re-
, trapofito Jimulacrum adefi S. Philippi ; equidem Hemicyclum hoc illud
gola alie fineftre , riipondendo a quel pilaftrone dei cantone della loggia,
efi, per quod fenefiris regula data ejl cum refpondeat pilee maxima
, in
, che i mezzi degi archi non fiano tutti Iontani egualmente, co-
clie fa
angulo porticus, ex quo fit media arcuum non a que
me , inter fe di are ,
offervarai T elevazione di derta fedia per fare fi
i Sermoni al num.47. ut videbis in dilhe Jedis elevatione num.
47.
Ma E At,
. . , , . -

Ma
avendo offervato , che ne i vafi grandi fituati ne cantoni i At mihi perfpeHo in amplis angulis angularibus laquear mini-
delle Fabriche non reggon*-le volte per non aver contrafto da due parti, me fubfiineri quod obfifientiam e duobus lateribus non habeat ,
,
in-

e Fangolo i folato cede , come e fucceduto nel Palazzo d’Aleffandrino fulatum angulum cedere , quemadmodum contigit <edibus Alexandrini
nella Piazza a’SS. Apoftoli, mi rifolvei con laver fatto in quella par- in platea SS. duodecim Apoflolorum , id coepi conflii , ut cum odeum
|

te Ia loggia per li Mufici , d’ingrofTare il cantone ifolato undici palmi ibi confituerim , infulatum angulum palmis undecim rude facerem., ,

ilche ha pofto in ficurezza detta Fabrica , ed oltre la ficurezza ha da- quod £9» aedificio tutamen , binas locum fecit extruendi manfiun &
to commodita di fare diverfi camcrini , uno al piano dell’ Oratorio culas ,
quarum in altera in plano Profeucbce fermocinaturus morare-

per ftare ivi ritirato chi deve fcrmoneggiare lino che etempo di falire tur quoad ufque ibiproximam afeenderet fidem, altera prope Odeum
nella fedia ivi vicina,ed un’aItro nel coro de* Mufici per riporre i li- libris , (S
3
compofitionibus muficalibus inferciret cufiodiendis , ^
bri, e compofizioni muficali, eperchc anche quefti fono fatti con qual- cum hce perpolite fint extrufhe ,
digna funt , que confiderentur i?u>

che delicatezza poflono avertirfi nello fpaccato al num. 5 8. fijfo num. 5 8.

E fu tale il timore, che io ebbi di appoggiare un voltone longo Et id me timoris corripuit ingentem fiuperimponendi Tefiudinem 83.5
palmi 83., e largo palmi 53. ad una muraglia, che non avcva con- protenfam 53. cero palmos extenfam parieti obnitentia defiituto , utpote
traito , come quella , che corrilponde in piazza , che oltre 1’aver fatta piate $ refpondenti , ut non fatis mihi fuerit parietem palmorum feptem
la muraglia groffa palmi fette , m’ ingegnai nel mczzo di farvi come crajfitie confiruxife , fied adjungere fiuduerim , ce [ut anteridem , &
un fperonc fatto nafcerc dalFornato dclla Facciata , come diro a luo quam fategieprofpeHus ornatu fuboriri , ut opportune dicam : adhuc &
luogo, e non contento di quefto, volfi feguire in qualche parte le pe- minime antiquorum flatui aliquatenus incedere ciam , qui
qui.fcens
date dcgl’Antichi, quali non ofavano di piantare le volte fopra lemu- fiuperimponere non audebant parietibus laquearia , fied er e His in angulis
raglic, ma alzando negl’ angoli delle Camere, o Sale, che facevano Cubiculorum , aut Aularum cedificandarum pilis , vel columnis , bas te-
colonne, o pilaftri, fopra quali gettavano le volte a crociera, c tutto fiudinatis fiubfiernebant fornicibus , omneque pondus adjacebat eifdem^
il pefo fopra quelle ripofava muraglie contigue folamen-
, fervendo le quibus proximi dumtaxat erant muri fulcimento , ut prope Tybur vi-
te d’ appoggio a detti pilaltri, come
vedc nella Villa d’Adriano vi- fi dere Adrtano rure , in Templo SanHce Mari<e Angelorum ad Ther-
efi
cino a Tivoli, in S. Maria degi’ Angeli nelle Terme Diocleziane , ed mas Diocletiani \ novijfime tamen cernes in quadam fodina Illuflriffi-
altrove , ed ultimamente offervai quefto in una Cava fatta fare dalFillu- mi Domini Marchionis ‘Bubali aperta juffu prope Nofocomium Dici Jo-
ftriflimo Sig. Marchele dei Bufalo vicino 1 ’Olpedale di S. Gio: Laterano, annis in Laterano , in qua cum terram effodientes Panum quoddam re-
dove inunTempio ritrovato fotto terra ncgFangoli erano pilaltri , che perierint , incentum efi 5 hujus laquear inniti parafiatis angulorum .
rcggevano Ia volta , mi rifolfi dunquc nelli quattro angoli interni dei Ex bis ergo deliberavi quatuor obliquas in angulis inferioribus Oratorii
detto Oratorio piantare quattro pilaltri per sbiefcio, come fi vede nel- jam prcefati pilas conflituere , quee fornicem
regendo coadjucarent , quod
la pianta, che ajutaflfero a reggere Ia volta per faticare meno le mura- r videre efi in cefiigio , ut externi parietes minus opprimerentur . Et cum
glie cftcrne, ed eflendo otto anni, che fu finito, non vi fi vede pure ex quo perfeHum efi adificium ,
0H0 jam effluxerint anni nulla , cel
un minimo pelo capillaris rimula confpicitur .
Alfincontro poi dei cantone deirOratorio ingroffato , non cflendovi Cum cero contrapofitum crafiis Oratorii cerfuris fulcimento non
bifogno di fortezza per effer unito al refto della Fabrica, fi e cavata Ia com- indigeat quod innitatur , eo
dificii ^ refiduo ,
deduHum efi profatarum
modita della d. Scala alumaca con una porticella , cherilponde verlo il coclitum commodum Scalarum , ac Oflioli refpondentis in atrium , ex
Cortile per il bifogno de'Mufici per falire alii Cori fcnza pallare per FOra- quo Mufici pojfint in Odeum afeendere , quin Oratorium confluentibus
torio^ mentre e pieno diPopolo, per li Sagreftani , c per chi fermoncg- repletum pertranfire cogantur , quo tum Sacrifice , tum Sermocina-
gia, valendofi tutti di detta porticella fegreta per cntrare , ed ufcircfenza turus uterentur ad ingrediendum , cel egrediendum quandocumque fine
folia ad ogn'ora, benche fia pieno 1’Oratorio ,
avendo anche commo- proprio ,
cel aliorum gracaminc .

dita dictro 1* Altare di paffare fenza incommodo loro, ne d’altri. Et cum ufius obtinuerit aliquando ^ cel Hymnum aliquem ,
aut
E pcrche li c coftumato alcuna volta ne i giorni feriali di can- Antipbonam Sfice Regina feriatis diebus decantari in fine Serotinorum
tare un Hinno, o Ia Salve Regina nel fine deel eflerciYJ
?
deu^Tera 7 fe- exercitiordrn , duos parcos inferius prominentes confli tui CborOS , quibus ,
ci far«t due Coretti bafli , che Iporgelfero anche in fuori , e fopra di CS^ Arce amplam fuperimpofui porticum , quee frequen-
pro fefiicis diebus
efli , una fpaziofa loggia pq* gFOratorj delle Fefte capace
e dell’ Altare ti cantorum numero , ut pr^diHis confpicitur fijfis num. 39*
fatis foret
d*ogni gran numero de’Cantori , come li vede nelli fopradetti fpaccati £5*41. , in hujus medio confpicitur Ara , ac imago S. Cacilice , cujus
al num. 39., e 41., nel mezzo dei quale fi vede difegnato 1 Altare *
nomini dicatum efi Oratorium .
con 1 imagine di S.Cecilia , al cui nome e dedicato detto Oratorio .

Sed admodum amplior efi contrapofita Cardinalium porticus qua i'

Ma molto piu capace e la dicontro loggia per i Sig. Cardinali, quale refpondet Hofpitio , ita ut Principes ad Oratorium confluentes pojfint in
maniera che poffono trattenerfi i Prencipi , che
riefee nella Forefteria in contiguis accept aculis demorari , cum fit Oratorium Principum in Por-
vengono alFOratorio nelle camere ivi contigue, c cominciando 1 ’Oratorio, ticum quee ciginti ,
ultra Principibus fatis efi fe recipere ; Cumque
,

paffare a detta loggia capace di venti ,


e piu Prencipi , ed eflendo quattro, quatuor , cel fex (ut moris efi) non excedant , pofiquam bi confederent
o fei come non fogliono effer piu per 1’ ordinario , poftifi efli a federe , nell’ in arcu medio , duo fuperfunt laterales arcus , qui Prcefulibus , Au-
areo di mezzo reftano li due archi laterali p^r Ii Prelati , e loro Corte licis conceduntur
In quefta loggia diftinta in tre archi , ftimai bene di architravare In hac porticu tribus in arcubus difiinHa optimum exifiimaci
in piano fra 1’ un’ areo, c 1'altro per fortificare la muraglia , che reg- fiatuere planum inter unum , (£*•> alium arcum ad roborandum parie-
ge la tefta della gran volta dell’ Oratorio ,
venendo tali architravi , co- tem , cui frons magni fornicis innititur Oratorii , cum hac Hypertyrx
me puntelli appoggiati ad un’ altro muro maeftro a incontrare la forza quibufdam roborata , £9° magnis fubfient ata mutulis , alteri incumben-
della volta, foftenuti', edajutati da certi menfoloni, c nelle due tcfte_, tia muro , non fecus ac fulcra propendentia fornicis obnitantur
Et e :

feci due gran nicchioni, c nel mezzo d’ uno de’ quali cavai una fene- duabus frontibus ingentes binos eduxi femicirculos , in quorum altero
Arcui cujufdam
ftra ,
e nell’ altro una porta, che rifponde nell’ areo di mezzo d’ una fenefiram , in altero autem portam medio refpondentem
loggia contigua, accio volendo andare alcuno a godere della mufica
,
porticus contigua aperui , ut cui placuerit huc accedere ad obleHan- fi
ed effercizj dell’ Oratorio fenza paffare per la Foreltaria fi poffafare. dum mufica , uel intereffendum exercitiis Oratorii , Hofpitio declinato ,

Ed avertafi, che in detti nicchi ho voluto piu tofto imitare gli per hanc portam obtineat .

Antichi, che i Moderni, dando nell’ imboccatura di efli minore la lar- Animadvertendum , in prgdiHis Hemicyclii me potius antiquos ,

ghezza , che nel di dentro, ne fenza miftero ho fatto i balauftri tri quam recentiores imitatum ejfe , cum illorum
recefui majorem fecerim
angolari , e piantatoli uno contrario ali* altro perche ledendo i Signo- quam ori latitudinem : nec fine providentia triangularia
inverfo ordine
,
ri Cardinali dietro a quelli fei balauftri foflero (come fi ufa) coi fuo compofui balaufiria nam cum hac pone fex balauflria Cardinales con-
5
acce-
piedeftalluccio, o zoccoletto a baffo, accoftandofi quelli aflieme lc- fideant ut flet ,fua parva fiylobata, ac bafi vicifiim
, , fi fierent ,
varebbe la vifta per quanto poteffe 1’altezza di detti zoccoli dove_ derent £9° infpeHum pro bafium elevatione
prohiberent , ubi juxta for-
, ,
nella forma me, venendo i contorni paralelli fra l’uno, e l’al-
datali da mam d me , praferiptam cum verfura fiant P aralella , ex eorum inter-
tro da’ piedi lino a cima fi fcuopre egualmente da per tutto e Feller medio d fummo ufque deorfum defpicere cuique licet : £9° ex eo ,
quod fint
,
triangolari fa quello a punto, che fanno le cannoniere
,
quali per i fguin- triangularia Toxicis affimilantur , qua per detorfiones , quibus confiant ,
,
.ci che hanno danno campo, che fi fcuopri da per
tutto, e pero ch locum faciunt , ut quolibet dirigantur obtutus: idtoque refidens intuetur
fede, vede facilmente tutto quello che fi £1 a baffo , come fe avellero commode quidquid agatur in plano , ac fi pra oculis perforatam habeat
avanti gFocchi una carta forata, cofa ,
che non fuccederebbe fe avel- c artam , quod nequaquam obtineretur , fi balaufiria forent
Cylindrica, vel
fero corpo tondo, o quadrato, c per maggior intclligenza Foffervarai quadrata , quod pro majori captu notabis numero 43., cum acceperim
alia tavola al num. 43. Sapendo che molti , che non fanno inventare credidijfe paucos quibus invenire negatur
non hoc nudum ejfe excogi- ,
,
hanno crcduto elsere ftato mero capriccio , ed elscr improprio che_^ tatum a
ac improprietatem olere, fi balaufiriorum dimidia cr afflor fie-
, ,
una parte di efli balauftri fia piu grofla di fopra che da’ piedi
, , non_ rent in fummo , quam infimo } immemores naturam , cujus duHum de-
avvertcndo , che la natura, quale dobbiamo imitare, ficcomc produce cet imitari quemadmodum arborum fuperiora magis lata ,
quam infe-
,
gFalberi affai piu grofli da’ piedi, che di fopra, cosi ha fatto Fuomo eundem fervavit in hominibus ordinem.
riora produxit , fic ^
piu groffo di fopra, che da’ piedi. I
. . - . . . -.

Siccome non e ftato mero capriccio ildifegno delle gelofie ricche


Vt nec merum fuit adinventum tranfennarum Archethypum mul-
d’ oro dentro, e fuori che fi reggono in piedi impiombate neila cimafa
, to forinfecus ac interienfecus auro te Harum
, qua plumbeo confiflunt ,
di marmo fenza appoggiarfi alii pilattri
,
poiche la bellezza de i pilaltri , e glutino in fummitate marmoris , quin Pilis adh areant , cum Pilarum ,
parti dell’ ornato e che li fpigoli caminino fenza intoppo, o interrompi-
,
3 ornatu partium venufias in eo fit , ut prominentig expedite , £5^ con-
Z *
mento, come fiegue ora neH’averlc tenute Iontane, nel fcompartimento tinuate circumeant , ficut hic faHum efi per illarum abflinentiam , in
pero delle quali mi e parfo di potere ufeire lodtvolmente dalfufo commu-
quarum tamen partitione mihi rvifum efi ah eo , quod indificriminatim
me, come dalle tavole al num. 43. 44., e 45»
difcedendum ut ex tabulis numeris 43. 44. ,
fit laudabiliter effe , 45.
Mi riufci anche duro favere a fituare Ia porta dell’ Oratorio in un Nec minus datum
agre mihi efi , ut Oratorii januam in angulo-
cantone ,
ma mi parve di aver fuperata ogni difficolta
,
quando confiderai, rum aliquo confiruerem . Sed quid quid obfiaret longe fecijfe credidi ,
che detto luogo fi faceva perche ferviffc a tre Torte diperfone, prima, e_ cum animadverterem eumdem confirui locum , quo triplicis generis ho-
,
principalmente per li Fratelli dell’Oratorio , fecondo per li Padri della_.
mines uterentur fed pra omnibus primo fodales Oratorii , fecundo Pa-
,
Congregazione , terzo per ogn’altro , ftando patenti a tutti pero rilolli
,
di farvi treporte, la prima, e Ia principale quafi ordinata peri Fratelli
la
tres Congregationis ceteri tandem omnes : &
Ideo tres deliberavi ja- •

nuas aperire , primam-, ac prgeipuam , quafi Sodalibus defiinatam con-


feci nclla tetta da baflo delFOratorio , che rifponde al luogo della Portaria, fiitui in fronte Profeuche Prothyro refpondentem in quo Sodales , ut
dove fi fogliono trattencrc e radunare li Fratelli
, e quefta hainfaccia
,
plurimum adunati morentur , £5^ hac Ara contrafiat Oratorii , Ly dio-
1 Altare dell Oratorio ed e ornata dipietra diparagone, lavoro fenza
,
que decoratnr lapide ,
opus quidem in Vrbe fingulare . Dedit autem,
paragone in Roma , avendo a punto fotto di effa nel cavare i fondamenti
fumme Deus providus , ut in effodiendis hujus janua fundamentis
fatto ritrovare Ia providenza divina quantita grande di detta pietra
, e la multum purum artificium feptingentis
fe pradiHi lapidis offerret , £5°
fattura fola importo fopra fcudi fettecento e la fua tavola fara
, al num. 3 3 fietit aureis , cujus tabula erit num. 33 . cum modulis in ea , quee fe-
con le modinature in quella che fiegue
quitur .
La feconda per i Padri e nella tefta dei Portico dentro ['Oratorio a Secunda pro Patribus efi in capite Porticus ab interioribus Orato-
man dritta della detta principale, e rifponde nel mczzo della loggia dei rii ad dexteram prafata januce principalis , refpondetque medio Porticus
primo Cortile, per la quale i Padri hanno commodita di entrare elfendo atrii ,
per quam Patres ingrediuntur , eo quod adjacet fcalis latioribus ,
vicina alie fcale principali per difeendono dalle loro ftanze co-
le quali
, per quas defendunt ex fiuis cubiculis , ut in tabula numero 3 5 . ,
me nella tavola al num. e fue modinature al num.
3 5. , 3 6 La terza , che c .
fuis modulationibus num. 3 8. Tertia ,
qua cuique patet , refpondet
per ogn’ altro cfpofta a tutti rifponde inpiazza, cs’apre alie ore debite
, platea , £5° horis referatur opportunis , quam exprcfse pono in duabus
poncndola clp reffa in due tavole, una al num.
7., come fu cfeguita , e tabulis , altera num.
quomodo fuerit exeeutioni demandata7. $ alter*-,
1’altra al num. 1 o. piu vaga con le loro modinature fino
al num. i 2. num. 10. formofiori cum fuis modulis ad numerum ufque 12.

Della Facciata dell’ Oratorio Oratorii Facies


Cap. VII. Cap. VJI.
A Ia difficolta maggiorc
Orato- fu il fare la Facciata dei det to
Lus in eo laboris fuit ut Oratorii Facies confirueretur
, ;
ri° mentre la facciata reale e
congiunta per di dentro coi
,
nam fubfiantialis Facies interius adneHitur reliquo cedifi-
refto della Fabrica
, ed in piazza riefee folo uno de i lati per
il longo dell Oratorio, e
pure venne ftimato ncceffario il
cii , & uno tantum latere in oblongum Oratorii plateae
refpicit j Adhuc tamem opus eff'e judicatum efi , ut fieret ,
farla , perche denominandofi quefto Iftituto Congregazione
eo quod cum Infiitutum , hoc ab Oratorii Congregatione_
dell Oratorio , parve , che dovefle quefto luogo per tanti pij cflcrcizj effere
nomen fumat , communi judicio ,
locus ifie propter tot exercitia omnium
il piu colpic.uo di tutti ed eflere a vifta di tutti e confcguentcmente con
, , excellenti[fimus futurus erat , £5* cunHorum oculis expofitus quare no-
aver facciata particolare indicare a tutti effer quefta la gemma :

preziofa biliore decoratus facie ofienfurus erat


dell'? anello della Congrcgaz ionc . , fe annularem , ejfc ,
pretiofiorem-
tjuc Iqptdcjn Co ngregatio nis .

Mi rifolfidunque d'ingannare Ia vifta 'dei PaflaggTere , e fare la Fac- Oculos igitur tranfeuntium eludere flatui , Cfr profpeHum in pla-
ciata in piazza , come fc 1

Oratorio cominciaffe ivi , e che 1 ’Altare folle al tea ita confiruere , ac primum ibi foret extremum Oratorii , Arceque
fi
dirimpetto della porta ponendo quefta
manicra che la meta a mezzo
, ,
in contrapofita janua cum hanc in medio flatuiffem , ita tamen , ut faciei
della Facciata fofie fituata in parte dei fianco dell' Oratorio e 'altra meta
,
1 dimidium ad latus fieret Oratorii : reliquum vero dimidium extra Ora-
fuori di effo Oratorio , dove lono camere della Foreftaria occupando tan-
, torium , ubi fiunt Hofpitii receptacula , illud occupans utrinque fitus ,
ta parte di qua , e di la , quanto ftimai proporzionata ali’ altezza che di-
, quod profpeHus elevationi , quam concedere decrevi , congruere duxi
fegnai darii , ed appunto termina la parte verfo Oratorio al mezzo di 1’
Et primum quidem dimidium in Oratorii medium definit , ac cum ul-
efio, e venendo innanzi quefta parte eftrema della Facciata con un grofio tra protendat b§c extrema Faciei pars ingenti pila
, magnum adjungit ,
pilaftro fa gran fervizio alia volta delFOratorio fortificandola a guila d’un fulcimen Oratorii laqueari , quod roborat adinftar magna Cimbg Ja-
.
Barcone , e la porta , che e ncll’ eftrema parte della Iunghezza dclFOrato-
nua vero , qua in ultimo fita efi Oratorii , cernitur in medio , ut jam
rio apparifee ( come ho detto) in mezzo , e nel dar forma a detta facciata dixi :
ipfi mihi dum hunc effbrmarem profpeHum , humanum propo-
mi figurai il Corpo Urnano con le braccia aperte , come che abbracci ogn' fui corpus extenfis brachiis ac fi quemquam introeuntium ampleHtre,

uno ,
che entri ,
qual corpo conbraccia aperte fi diftingue in icinque par-
le
tur , quod corpus ita difpofitum in quinque partes difiribuitur peHus
,
ti ,
cioe il petto in mezzo
braccia cialcheduno in due pezzi dove fi
, e le
, videlicet inmedio , duoque brachia , quorum quodlibet in bina figmen-
fnodano , che pero nella Facciata vi e la parte di mezzo in forma di petto, torum ubi enodantur ; unde rr. edi a pars faciei peHus , lateralia vero imi-
e la parti laterali informa di braccia difiinte ciafcuna in due parti me tantur brachia in duas dijfeHa partes , quibufdam intercedentibus Fa-
,
diante certi pilaftri , che rifaltano nel mezzo di elTi come riconofce
fi e medio brachiorum promanantibus
, ut x in eadem Facie di-
, rafladis ,
num. 4.» 6
neil
num.
iftefla

5.
facciata al
con maggiori ornamenti non cfeguita.
e .
, avendoci aggiunta anche 1 'altra al gnoficiturnum- 4. , &
6 cum aliam addidiffem num. 5. formofius orna-
.

tam 5 fed minime traditam effeHui


Ma perche 1 ’Oratorio e figlio della Chiefa , e con le Confclfioni ,
e At quoniam Oratorium abLcclfia pendet , ty? exomologefi, ac Sa-
frequenza de’Sacramenti ricevono molti lo Ipirito di frequentare 1 'Orato- cramentorum , frequentia fpiritum non pauci fumunt Oratorium
fre-
fi ftimo bene
, che Ia facciata delFOratorio fufie, come figlia della^,
rio, quentandi , perfiuafum efi , arridere proportioni ,
fi Facies Oratorii Tem-
facciata della Chiefa, cioe piu piccola , meno ornata , e di materia infe- pli Faciem , ut parentem recognofieret , videlicet minor infriorique fi ,
riore, e
c dove quella
dove quella e di trayertino furifoluto far quefta di terra cotta,
ordine Corintio
formet materia fieret :
, cum illa fit Tyburtino confiruHa lapidr, ^
e di ,
far quefta con 1
'
ofiatura folo di buon’
fi
ai ut umhanc lateritiam ejformandam . Ac ubi prima Corinthii efi
efi
ordine ,
ed indicare piu tofto i membri , e parti dell' Architetiura, che or- ordinis , hujus Texturam reHo quidem fed fimphei ordine confici
, , £5°
narli e perfezzionarli che pero capitelli hanno folo la campana lenza
, , i ArchiteHur / partes , ac membra potius indicare quam exornare , {jp3
,
foglie e le bafi con pochi membri
,
perficere : Quapropter Epyfiilia campanas quidem habent , fed 'BraHeis
£d effendomi venuto a memoria d’ aver veduto fuori della Porta dei exutas autem pene
: bafies fiunt emembratee
Popoloun forrione antico con le cortinedi pianelle tagliate nfappigliai
, Cumque fuccurrerit , extra Flaminiam Portam magnam , ac vetufiam
a quella materia ftimando con molto giudizio, perche le
, cller ftato fatto occirrijfe Turrium incifis teHam laterculis prgelegi materia genus
, , ratus
1 edificio fi poteik.fare di robba. corra tutta di un pezzo lenza alcuna com- illud quam mature faHum effe nam
millione e certo che farebbe cola
fi pofflt cedificium fieri ex terra coHa ,
:

,bcllilfima , orche tal cofa non e fattibi- qua foret tota fimul compaHa , £53° cujufivis expers junHura , indubie
le,almeno coli adoprare robba minuta fi rende tanto meno vifibile la
, pulcherrima res effit Sed cum hoc humanas pr- tergrediatur vires , minus
.

commillione , e pero fatte tagliare, e fquadrare le pianelle, feci tutta la


erit [altem ) ut junHura percipiatur ,
fi res exigua molis componantur ,
facciata di elfe ornandola conforme
, le fopradette ravolc al num. 4. ,
e tf., ideo fieHis , quadratij,que lateribus integrum confeci profpeHum quem ex-
,
e per maggior ftudio
, e diligenda , ho ftimato bene mettere geometrica ornavi , ut in pradiHis tabulis n. 4., £5^ B , £f° ad exaHiora fludium , ac .
mente ogni loro parte con le modinature,
come fi vede dalla tavola n. 7. diligentiam , geometrice delineare partes cum fuis modulationibus dignum
uno alFaltra num. z 6.
exifiimavi , ut cernitur in tabula d num. 7. ad ufque alterius 2 6.
Ne’ F In
,,, *
-.

12
Ne’ quali difegni fufficientementc apparifce tale quale e un fcherzo In his prothotyporum fujficienter apparet , quacumque fit Idea ,
che vi ho fatto poiche dove da baffo in mezzo fi rapprefenta un petto quam excogitavi nam ut in inferiori cernitur peBus , quod curve pro-
;
,

chc viene in fuora arcuato , a mezzo la Facciata fopra il primo cornicione minet a media facie fuper prima coronice , medium fuperius hoc pe Rore
l
la parte di mezzo fopra detto petto rientra in dentro arcuato in contrario per eppofitum ad interiora propendet , ac ovatum facit fitum fatis am-
e lafcia un fito ovato affailpaziofoper una ringhiera della Libraria, come fi plum , ut fiat folarium in plano "Bibliotheca , quemadmodum cerni po-
vede colfaggiunta d’alcuni ornamenti non eleguita nella tavola n. 20. tefi , adjunftis quibufdam ornatibus opere non completis in tabula ,

Vi fono parimente quattro Nicchi non tanto per ornato , quanto per num. 20.
cavare inefli. i lumi per alcune ftanze da baflo, e fono di maniera nuova Sunt zy , alia quatuor hemicyclorum j non tam ornatus grati<e_> \
con la cortina parimente di pianelle tagliatc , Iavorate con gran diligenza , quam ut ex eis in inferiores lux effulgeat manfiones hi funt non adhuc :

dellc quali ini e riufcito di farne fappreflo difegno unitamente con le fue vifa confirucli idea , tectorio fcilicet lapidum itidem inciforum fumma
modinature al num. 1 2. levigatorum fedulitate : ex quibus mihi libuit eam ,
qua fequitur cum
Ed effendofi detto ,
che fotto quefto vafo d’Oratorio ci e un fimil va- fuis modulationibus num . 1 2. conflruere .

fo iotterranco per il medemo fine , ellendo ftato neccffario illuminarlo , c Et cum fupradixerim fubtus hoc Oratorium fubterraneam fimi-
parendo poco conveniente nelle facciate dclle Chiefe far apparire fineftre lem amplitudinem eidem defiinatam intentui , quam neceffe fuit
effe

di cantine pigliai per ripiego fare certi fori con certe ferrate forma diffe-
di illuminare cumque non admodum convenire vifum fuerit , ut in Ec-
:

rente dal folito per diftinguere i fori della facciata dalfOratorio da gl' altri clefiarum profpeBibus , doliariorum fenefiris cernerentur , quaedam deli-
fori nel refto dei contorno di effo Oratorio feci diverfe ferrate ,
come fi ve- beravi aperire foramina , quibus crates apponerentur ferre % peculiari fi-
de a piedi della fopradetta tavola num. 12. gura ,
quo fecernerentur Oratorii foramina d caeteris reliqui ambitus ejuf-
Come anco nelfornare le fineftre ufai diverfi difegni in quello , chc dem Oratorii , ut videri potefi in calce tabulg prgdiBg num. 12.
rapprefentano effer fineftre delfOratorio da quelle , che pajono effer fine- In exornandis pariter fenefiris varias Hycnographias conceffi illis ,

ftre della Cafa , con tutto che effettivamente alcune, che pajono delfOra- quae Oratorii ,
quam quae domus effe creduntur : & fi re ipfa quaedam ,
torio fiano della Cafa , ed alcune , che pajono della Cafa fiano delfOrato- quae cenfentur Oratorii , domus fint , £5° e contra , ut ex prgdiBis patet
rio, come apparifce dalle fopradette facciate, e dalle diftinte feneftre della hortographiis ,
variifque ejufdem fenefiris , numeris 15. 17. 18. 15. 22.
medefima al num. 15. 17. 18. ip- 22., e 23. ty*3-
Gran penfiero mi diede al certo ilftabilire il piano di detto Oratorio, Non parva quidem res mihi fuit Oratorii planum conflituere , eo
perche riuftendo nella medefima piazza la facciata di effo , e della Chiefa quod cum , £5° hujus , y
E c defice faciem platea refpiceret , nimis impro-
pareva troppo improprio , che la porta di quello foffe piu alta della porta prium fapere videbatur illius oflium altius d Templi janua patere j fed
di quefta ,
e nondimeno la Sacreftia , come fi e detto , era gia pcrfezziona- cum Sacrarium , ut fupra tradidimus ,
jam abfolutum fuiffet , £5° qua-
ta, c tenuta quattro palmi piu alta della Chiefa, di maniera che fe aveffi tuor ab Ecclefia palmos promineret , opus erat , fi
tum Sacrarii , tum^
voluto tenere il piano delfOratorio al pari dei piano della Sagreftia , con- Oratorii folum gquare placuiffet , Oratorii januam Ecclefia janua emi-
veniva tenere piu alta la porta delfOratorio, che quella della Chiefa, ma nentius attollere . Sed pofi varias collationes , ac fludia , Templi , &
dopo molte confiderazioni , e difeorfi mi rifolfi di tenere il piano delfOra- Oratorii planum aequata reddere fiatui , ratus , ejufdem ea ordinis effe .

torio conforme quello della Chiefa , parendomi effer della medefima cate-
, Et quemadmodum nemini indecorum vifum fuit plano Templi Sacrarii
goria, e ficcome non era ftato ftimato difdicevolc, che Ia Chiefa foffe piu planum altius gminere , fic non aliter videtur de Oratorio fentiendum ,
baffa della Sagreftia ,cosi non poteva formarfi giudizio diverfo rifpetto alf quod cum Ecclefia naturam fortitur eamdem Addendum , quod cum .

Oratorio, quale partecipa della natura della Chiefa, oltre che eflendo f Ora- Oratorium Sacrario latius pateat , ac utriufque fornices aequam firva-
torio piu largo affai della Sagreftia , e convencndo far caminare le volte_ turi forent altitudine rp » admodum opportune dabatur hos quatuor eleva-
delfuno, e delfaltro vafo al medefimo piano , veniva molto in acconcio tionis palmos Oratorio lucrari ,
planum hujus deprimendo , zy quidem
guadagnare alf Oratorio quefti quattro palmi d’altezza con tenerlo tanto elevationis proportio eo formofior apparuit , ut omnium vota compleve-
piu baffo , e veramente la proporzione delfaltezza e riufcita tanto bella rit , ubi Sacrarii loquear nimis elevatum adjudicatur : y in eodem.*
chc piu non /i puo defi derare , dove quella della Sagreftia apparifce tanto *efie plarTo cnriSlsts prothyra matTponeS , ut domus janua. , qua duos inter
alta c 1 ’efferfi tenute coi medefimo piano tute? le ftanze deliti Portariaper jacet profpeBus , Ecclefiafiicas novi excederet , bina fecit emolumenta
,

fare chc la porta dellaCafa fituata fra dette due facciate non foffe piu alta Primum quod ex hoc Prothyra cum per aliquot gradus adaltiora pree-

dclle porte Ecclefiaftiche, ha cagionato due beni , uno, che paffandofi da beatur acceffus ,
graduum oppofitio externos quodammodo prohibet , ne
quefto quarticro piu baffo al piu alto per mezzo di alcuni fcalini , f impedi- tranfgrediantur , Alterum ?
ut cefferit , ubi Cubiculum Janitori con

mento di tali fcalini ferve per untalritegno alie genti forafticre, che non firueretur ,

paflino piu oltre 11 fecondo , che fi e avuta maggior commodita per cava-
.

re un mczzanino per la camera da dormire il Portinaro .

Delie Cappelle nell’abitazione de’ Padri De Sacellis in ajdibus Patrum


Cap. VIII. Cap. VIII.

Pcrchc ii numero de’ Sacerdoti concorrenti alia divozione di Ed quia magnus confluit Sacerdotum numerus S. Philippi
S. Filippo e grande ,non puo baftare f Altare di detto San-
e gratia , nec una fatis omnibus efi ejufdem SanBi Ara ,
qug
to ,
che riefee in Chiefa a fupplire a tutti , e fuggendo i Padri, refpondet Ecclefite , Patrefque pro viribus exterorum ab-
per quanto poffono, lafoggezione deTorafticri nella propria horreant in propriis aedibus , adhuc in Sacellis celebrantium
abitazione (
anche di celebrare nelle Cappelle a parte ) fi tro- femotioribus gravamina
efi , ut hi
,
: huic quoque provifum
vo modo di fodisfare a quelli ,
e non foggcttare quefti ,
con fare un quar- fierent voti compotesj , fejunttim
Illi vero frvitutem effugerent
aedifi-

tiero a parte per quefto effetto, che fta feparato dallabitazione de’ Padri cando manfionum brachium , quod minime reliquo domus Patrum com-
mediante una porta chiufa achiave,e di quefto piccolo quartiero fta la_, municaret , interpofita janua ferreo claufa repagulo , zy hujus parvi
porta vicino la Sagreftia con un bel piccolo Cortiletto , c-per un Corridore brachii prope Sacrarium janua refpondet exigua quidem , fed venufla.
coperto li conduce ad una buona Camerotta in volta dipinta dal Sig. Nico- Areola ,
perque tettam coriam aperitur acceffus ad pulchrum receptacu-
16 Tornioli Senefe per fua divozione al Santo , al valor dei quale fe corrif- lum ,
cujus Fornicem haud allettus pecunia , fed Religionis ergo depin-
pondeffe la fortuna ,
gia fi fentirebbe volar la fama alie piu remote parti xit D. Nicolaus Tornioli Sencnfis ,
cujus Excellentia fi fortuna refpon-
dei noftro Emisfero j a canto la quale c una Cappella ornata di marmi futta, deret ^
jamnomen per omnium ora ad ufque fines hujus Emifpherii
ejus
fare dal Sig. Giulio Donati
, chc ha f Altare fopra il Corpo di S.
Filippo advolaret , juxta quod Sacellum adeft pario conflruftum lapide mini -
Neri, ficcome ha f Altare di Chiefa non effendoci altro frafuno , e 1 ’altro ftratis d D. Julio Donato fumptihus , ubi efi Ara fub qua Corpus quie-
Altare , che la muraglia diviforia, e per un Corridorello dentro il d. Cor- fcit Divi Philippi Nerii , quod pariter jacet fub altera Ara eidem San-
tiletto fi paffa da una Cappella alf altra a fegno che anche le Donne fenza fto in Ecclefia dicato ,
cum inter utrafque non mediet , nifi dyatichifma ,
entrare nell’ abitazione de’ Padri poflono andarvi , febbene non vi fi am- ac p.r Coriolam in atriolo prcedifto ab altero in alterum Sacellum
mettono fe , c Signore di gran qualita , e falendofi per una
non rare volte tranfitus obtinetur ita ut quoque mulieres , quin Patrum cedis intrent ,
:

commoda lumaca ovata, fi trova un’altro Corridore, in capo al quale


fcala a poflint ex hoc ad aliud accedere i quamvis nonnifi raro , matronifqus dum-
e un Camerotto in volta fimile , e fopra. il detto di fopra con un Iftoria nel taxat concedatur : zy per coclites afeendentibus oviculares alia fit obvia
mezzo della volta dipinta dal Sig. Pictro di Cortona di ftupore conforme ccriola , cujus receffus in aliud fimile definit Recepraculum laqueatum ,

alie altre cofe fue, intorno vi fono molte reliquie dei Santo ripofte deccn- cui fupradittum perpendiculariter fubefi . In hujus tholo D. Petrus de
tementein credenze dorate , ed in mezzo di una delle pareti vi feci fare Cortona admiratione dignam , ficut in cgteris operibus Hifioriam depinxit ,
una porta , che introduce in una terza Cappella parimente di detto Santo , circa quod inauratis Armariis ejufdem SanBi non paucg Reliquiarum de-
con una Ifcrizione fopra la medefima , quale traferivero appreffo in fine dei center affervantur-tZy ex unius medio parietum aperiendam curavi januam,
prefente capitolo , la d. Cappella fu portata intiera dalfabitazione vecchia qu.e in tertium ducit. Sacellum eidem Sanfto itidem dicatum , addita Epi-
al detto luogo della nuova, per aver in efla tanti anni celebrata rneffa il graphs fuper eadem janua , cujus tenorem infra tranficribam in calce pree-
mede- fentis
. . . . . . ,,-
,
,.

13

medefimo Santo Conforme ftava prima , avendo con li-


c fu fituata (entis capitis Integrum hoc facellum a veteribus ad novas ades translatum
. ,

beral mano fupplito i tutta !a fpefa il Padre Nicolo Vifconti Sacer- efl, eo quod inibi
multos annos idem SanBus aerum fecerit , eodem que f
dote di detta Congregatione , non inferiore nelf cfempio alia fua na- (itu , quo prius h)c locatum efl , cum impendia fuffeciflet F ater Nicolaus

fcita Vicecomes ejufdem Congregationis Sacerdos , cujus probitas exemplaris ge-


Qtial Cappella viene ad effer fopra lapredetta, e confeguentemente neris claritatem excequat .

perpendicolare vicina al Corpo dei Santo in maniera, che fenza foggezio- Sacellum hoc incumbit memorato : unde perpendiculariter refpondet
ncalcuna de’ Padri, e! della loro abitazione
,

fiponno celebrare tre meffc prope Corpus Sancii , ita ut exemptis Patribus , horum habitaculis a &
nel medefimo tempo tutte fopra Corpo dei Santo , ed
il i Setvidori dePre- quocumque incommodo , tria fimul pojjint facra fieri, omniaquefuper Cor-
giu , non hanno campo di veder cofa alcu- pus ejufdem SanBi : Prafulumque celebrantium Famuli
dum afcendunt,
lati celebranti colfandare su , e
ac defeendunt quidquam in adibus Patrum intuendi locus occluditur
abitazione de’Padri , e quello quartiero per mezzo di detta fcala
.
na dell’

ferve anco per i Mufici, quali dovendo li giorni di fefta mattina , e fera Hujufce membri fcalis utuntur , &
Mufici , qui eJl is diebus mane Mi f- f
andare ne i cori , c do ve fono gl’ organi a cantare le Meffe , e Vefpri , vi fi j am , pojl
meridiem Vefperas cantaturi poflunt accedere , Patrum adi-
conducono per d. fcala fenza paffarc per Pabitazione de’Padri il che riefee mus declinatis ad Choros , es* ubi funt Organa pneumatica , quod
,

con molta commodita di effi , e fenza veruna foggezione de’Padri , ed ol- iifdem commodum , Patribus vero libertatem proflat. Aliud, pr<eter di-
tia, que contraBa funt , ut fuppleretur
magno confluentium numero
tre le dette Cappelle inventate per lupplire alia divozione grande di molti
Concorrenti , fi e fatta un altra Cappella nel cuore delfabitazione de’Padri Sacellum edificatum efl in mediis edibus Patribus valetudinariis , de quo
per li loro convalefcenti ,
della quale fi fara menzione in altro luogo tamen alibi .

ISCRIZIONE. EPIGR APHE.


SACELLUM IN QUO S. PHILIPPUS NERIUS POSTREMIS SUjE VlTtf. SACELLUM. IN QUO S. PHILIPPUS NERIUS POSTREMIS SU/E V1T/E
ANNIS OUOTIDIE SACRUM FACERE, ET DIU SOLUS CUM DEO
,

ANNIS QUOTIDIE SACRUM FACERE, ET DIU SOLUS CUM DEO


AGERE CONSUEVIT, UT OMNIUM PIETATI ESSET EXPOSITUM AGERE CONSUEVIT, UT OMNIUM PIETATI ESSET EXPOSITUM
IN AMPLIOREM HUNC LOCUM INTEGRIS PARIETIBUS
TRANS-
IN AMPLIOREM HUNC LOCUM INTEGRIS PARIETIBUS TRANS-
LATUM EST ANNO MDCXXXV. LATUM EST ANNO MDCXXXV.
Della Portaria De Protbyro
Cap.IX. Cap. IX.

A ripigliando la prima parte dell’abitazione de’Padri, che e la D primam habitationis Patrum redeundo partem , Prothy-

Portaria, dico che quefta ha tutte le commodita defidera- rum fcilicet , dico , nihil commodi ,
quod quifque cupiat
,

bili , e prima fra la porta inftrada, e Pantiporta di noce vi huic deejfe . Et in primis Diathyron ex nuce dividit rece-
un ricetto per chi vuole entrare capace di molte perfone li-
e ptaculum ingrejfuris extruBum , multorum capax hominum ,
no, che ilPortinaro apre 1 'antiporta, paffata la quale a man ujque dum janitor Diathyrum pandat , quod varia dextror-

drittafono molti Cortiletti, primo , e fecondo , ci fono tutte le commo- fum fequuntur quorum duo priora cunBa preflant Exteris op-
atriola ,

dita , che poffono occorrcre a i forallieri , con aequa viva che lij fempre portuna aquis redundantia perennibus , que loco munditiem faciant , pu-
fpurgato tal luogo, e non vi refti fetore Nel terzo vi e un pozzo di aequa . toremque depellant • In tertio puteus efl aque fane fltientibus expofltus
buona per chi avelle fete , e vi pendono le corde d’ una Campana , che da ubi pendet funis tintin nabuli , quo Nofocomi , & Aromatarii advocan-
fegno ali’ Infermiere , e Spe ziale quando vengono li Medici per alcun’ln- tur advenientibus Medicis invifum aliquem Congregationis egrotum , ac
,

fermo di Congregazione , come anche da fegno a’ ricevitori de’Forallieri, etiam exterorum receptores > aliquo Magnatum adveniente • Conduntur
quando viene alcun Prencipe . Nel quarto vi fono ripofte fcope , & altro in quarto fpatule fcope , aliaque 'janitori nec eflari a • In quinto janua,
,

bifogno per il Portinaro . Nel quinto vi £ Ia porta per andare di fopra per quo per datur ad altiora confcendere , qua communi peflulo re-
iter breve

una fcala fcvj.Xdi.uta , che Ix apre per chiave commune, cd allinconjro al Jeratur : in aduerjo plano loca funt P atrum exeuntium , aut redeuntium
piede vi e per bifogno de’Padri nelfandare, o ritornare Ia debita commo- indigentiis aptata, perennibus, ty bgc redundantia fluentis'.

dita , con fontana parimente di aequa viva Secus Prothyrum efl mefaula oblique detorquens ad inflar dolii

Vicino 1 ’Antiporto e un’andito per traverfo voltato a botte , ed or- laqueata , np ornata cryfite S. Filippi capite , feu protome in profpeBu
nato, che inveftifce la porta principale delfOratorio ornata di paragone in voti folutionsm d quodam Suflno celebri ArcbiteBo Florentino delato •

con una tefta, o bullo di S. Filippo nel frontefpizio portata per voto da In hac Mefaula quatuor aqualia refpondent receptacula 5 unum , in quo
un Sufini di Firenze eccellente fcultore, nel quale andito rilpondono quat- Janitor commoretur ; Tria vero communibus obflruBa clavibus , ubi Pa-
tro Camerini eguali , uno per il Portinaro t e tre altri per dare udienza a’ tres alloquantur exteros . Cumque foret hac mefaula fubobfcura cum tri-

Forallieri, chiudendofi con chiave commune . E perche detto andito riu- bus ex latere patulis circumfpiatur muris per quos lumen ingrediatur
,

fcirebbe alquanto ofeuro effendo circondato da Fabriche vi fono aperture al jam dd. receptacula qua cum ad hoc tantummodo fint , in quibus au-
,

numero di tre per le quali li communica il lume delli tre Camerini fudet- diantur exteri admodum patentia faBa funt quinimmo inter duos dya- :
,

ti non fervendo , che per udir Forallieri li fono tenuti aflai sfogati ,
quali tichifma conflruBum efl 1^. palmos elevatum , omneque reflduum , quod
,

anzi fra due li e fatto un femplice tramezzo alto palmi quindici , e tutto il efl elevatum palmos triginta tres eodem clarefcit lumine, quod mefaula
rimanente fino a palmi trenta tre d’altezza, gode dcl medefimo lume , e lo communicat, ut fupra
communica alPandito , come fopra . Hanc interfecat elevationem Janitoris Cubiculum ,
qui diurno tem-
Detta altezza pero e tramezzata nel camerino dcl Portinaro , liando pore tenet inferius receptaculum noBu vero cubat in fuperiori , in quo
;

quello nelle parti da baffo il giorno , e dormendo nella parte alta la notte , toxicam aperui , unde confpiciatur quicumque noBu pulfet ab exterio-
nel qual Camerino fuperiore fe gl’e fatto una feritora , che fcuopre chi buf- ribus domus ,
parvamque feneflram , qua diBam refpicit ab interioribus
fa Ia notte per fuori di cala , ed un fenellrino ,
che rimira il fu detto andito mefaulam , omnemque depofeentem egredi
per chi di dentro facefle motto per ufeire . Ad hujus parvi Cubiculi afcenfum cochlidem fubflruximus . Ve-
E per falire al detto Camerino ,
a baffo a quello fi e fatta una fcaletta rum ne tuba in altero angulo pofita refpondens nulla eflet , tubam in al-

a lumaca ma perche non rellaffe fenza compagna quella tromba fituata in tero pariete, d: albato ligno , flmilem collocavimus , in qua velut in Arma-
,

un’ angolo una tromba fimile nelPaltro angolo di legno , ma im-


,
li e fatto riomulta reponuntur ad oflium ,flve d Patribus, feve ab aliis reliBa
biancato , che pare muraglia , e ferve di Credenzone per riporre molte_ Iliaque feneflra , qua in uno e frontis Sacrarii loculamentis latet utri-
robbe, che vengono lafciate alia Porta da quello, o da quei Padre , o da que cubiculo , inferno fcilicet , fupernoque lucem afler t
altri, c Ia medefima fenellra nafcolla in un dc’nicchi della facciata delPOra- Ab oflio Domus reBe progredienti , antequam ad ambulacra pri-
torio ferve per dar lume al camerino da ballo , ed a quello di fopra . mum impluvium tribus e partibus circumdantia accedas , fex magni fe
E
caminando Jalla porta delfabitazione per dentro prima di giugncr fe ofl.runt gradus longitudine palmorum 0B0 , confentanea latitudi-
alie logge dei primo Cortile, che lo circondano per tre parti , fi trovano ne aditum exaquantes . Sunt ii monolithi ; eorumque extrema in bina
fei gran fcalini longhi quanto e Pandito, e la loggia, cioe palmi 18. lar- utrimque fdilia converfa opportunam Famulis quidpiam afferentibus
ghi a proporzione tutti d'un pezzo , che gli ellremi fi convertono in quat- quietem exhibent . Non invenuflum prgtered ingreflum faciunt , nec am-
tro feditori ,
quali fervono, come per limite della Portaria, e dannoa Staf- bulacri ( cujus longitudo efl palmorum 413.) afpeBum ullatenus immi-
fieri , o a chi porta alcuna cofa commodita di ripofarfi , e di collocare ivi nuunt j quatuor enim tantummodo palmos plano veflibuli altius efl
quella tal cofa, oltre che alPingreffo rende magnificenza, e non leva la planum Domus univerfe Vt plurimum tamen afpeBum hunc eri-
.

villa di tutto il corfo della loggia per dritto ,


quale e palmi 113., perche piunt clatbri , quibus atrium prope adytum clauditur , ut infra dice
non alzandofi il piano univerfale delfabitazione piu, che quattro palmi fo-
pra quello della Portaria, refta campo alfocchio di veder tutto . E’ ben ve-
ro, che
ordinariamente non fi lafcia vedere fe non fino ad un cancello di
noce, che rinchiude un andito innanzi allaSagreilia , come fi dira piu a
baffo .

Il Ad
. . . --

Del primo Cortile De primo Impluvio


Cap. X. Cap. X.
L primo Cortile e deftinato , come fi e detto per li Foraftieri, D Ofpitium ut diximus extruBum eft primum Impluvium
,
.
ede longo palmi 100. largo palmi 36., ha unaloggiaper Longum palmos 100., latum 63 . qua longum
efi eft ^ am-
lungo divifa in cinque archi , in tefta della quale ha princi- bulacrum habet quinque arcubus diftinBum , cujus in
fine
pio la fcala principale, occupando quefta con la fua Iunghez- fcala majores longitudine ejufdem impluvii latitudini aqua-
za la larghezza dei detto Cortile , ma fra. efla per il longo , les 5 e quo tamen eas difierminat ambulacrum interjacens
,
ed il Cortile vi e una loggia ,
che pallando dietro la Sagreftia fi va ad uni- quod reBa pofi. adytum cum fecundi impluvii ambulacro conjungitur :

re a dirittura con la loggia dei fecondo Cortile, fi come dalfaltra parte del- eademque ratione e regione ab eod.m primo impluvio aliud ambulacrum
la larghezza vi e parimente un’altra loggia , quale pallando innanzi fra la reBa adytum inter , Templum procurrens fecundi impluvii ambula-
Sagreftia ,
e la Chiefa fi va ad unire con la loggia pure dei fecondo Cortile, cro jungitur . Hac que omnia ambulacra inferius fuperiufque eadem
,
e tutte quefte loggie fono tanto di fopra , quanto difotto . funt .

quarto lato dei Cortile in lunghezza e terminato dalla Sagreftia


Il Quartum impluvii latus in adytum definit , quod ZD3 ab eodem
,
quale ricevelume da quefto Cortile con tre feneftre,oltre i lumi dei came- lumen ducit preeter lucem duarum cellularum utrinque Prafulum
,
rini nelle due tefte di efla per Ii Prelati , e lavamani ma non eflendo quelli commodo in fine adyti , £9° alterius abluendis manibus pofitarum. Ex
,
camerini uguali di grandezza , ha cagionato, che le tre feneftre fudette non ingquali harum cellularum magnitudine faBum
efi ,
ut tres Fenefira *

corrifpondono almezzo delli cinque archi della loggia, il che rendeva., quinque ambulacri arcubus minime refponderent , quod inconcinnum
grandiffimo feoncerto , e dopo lungo Audio , e dtfcorfo fu ritrovato che prorfus erat Re diu accurateque perpenfa , cujufque arcum medium
.
,
il mezzodi ciafcun areo rifpondeva nello ftipite vicino alia luce quattro quatuor digitis in fiipite luci proximo refponderi cum deprahenderim
,
deta pero fu prefa rifoluzione di dupplicare ciafeuna feneftra cioe ag-
e
, , fingulas fenefiras duplicare confiitui , nimirum cuique fenefira interval-
giungere a ciafeuna feneftra vera altrettanto fpazio con feneftra finta or- lum fiBa fenefira dferiptum adjungendo , ZS3 utrimque fpatium ornan-
,
nando 1W e 1’altro fpazio , come
fe fofie una fola feneftra
,
ed alzando le do non ficus ac
fi una tantummodo ejfet fenefira In pariete pr cetere a .

muraglie fopra la fagreftia per fare camere per li Padri, nel mezzo feci fare fupra adytum cubiculis adificandis fublato peramplam , ornatamque-,
un feneftrone ornato che rifpondc in luogo publico per commodita di
, fenefiram aperui. Hcec locum publicum, refpiciens Patribus iis cubiculis
quelli Padri , che ftanno in quel quartiero nel rifpondere al Portinaro utentibus , Z33 nola ab F. Ofiiario vocatis commoda efi : cum vero c cete-
,

quando da una campanella ciafcuno e chiamato, qual feneftrone abbrac- elegantem pr defiat fpeciem
ris fiBis ., verifve fuperflet fenefiris . Atqui ita ,
ciando il vero ed il finto fotto di lui finifee di fodisfare la vifta, e di rime- memorata confultum
,
efiquod flatim univerfi
inconcinnitati inde orta ,
diare baftantemente a detto difordine nato dal nqn avere da principio for- adificii ichnographia nec fimul nec perfeBe delimata efi j Sed antequam
mato il difegno di tutta la Fabrica , e dal non averlo formato perfettamen- fiupradiBa exhibeam ^necejfe duco longe , majorem proponere difficultatem ,
te . Ma prima di portare il difegno di quanto fi e detto e neceflario di rap- cui tollenda plures ArchiteBi Patris PrafeBi jujfu in confilium adhi-
prefentare un’altra difficolta maggiorc che fcce fudare a molti Architetti
, nec revera ab eo , quod ii in medium attulerunt rece-
, biti defudarunt
la fronte per trovarvi rimedio , ellendo ftati confultati dordine dei P. Pre- dendum fuit
pofito ,
ed in effetto non fi pote ufeire da quello , che fu ad efti propofto .
La Sagreftia finita molti anni prima ha come fi e detto due came- Adytum multos ante annos faBum quatuor adjunBas
, , ,
,
uti diximus,
rini per parte, cioe due da piedi due da capo, ed eflendo piccoli ne fono
e habet cellulas in fingulis angulis diflributas
, iifique quatuor alia fuper
,

ftati fatti fopra di quelli altri quattro , cioe due per parte . Quefti quattro Porro quatuor illis , qua ad primum impluvium funt
firuBa .
,
qua-
camerini dalla parte dei primo Cortile non ponno ricevere lume fe non que nonnifi ab ipfo lumen ducere pojfunt , lumen prorfus adimebat pro-
,
dal detto Cortile , e fe fi fofle feguitato con Ia loggia fino alia muraglia_ duBo tribus arcubus ufque ad parietem adyti ambulacro , pyla ejufdem
della Sagreftia con tre archi il pi laftro dei canrone di Jetra loggia avereb- angularis •

be levato il lume a detti camerini


In oltre la Sagreftia ha da una parte verfo
Cortile maggiore una fi- il Adyto infuper qua impluvium majus refpicit continuata cubicu-
’>

la di Camere , primo Cortile non ha cofa


e dalfaltra parte ,
cio£ verfo il lorum feries adjunBa eft , nulla vero e regione qua fcilicet primum
, ref-
alcuna , ficche abbracciando la lunghezza della Sagreftia tre archi , e le Ca- picit impluvium. Vnde adyti latitudo tres arcus
, celluU unum occu-
mere uno , la porta di efla , che ha alFincontro una fimile porta , che con- pant : ejufque janua janua in templum ducenti oppofita in medio fecun-
duce in Chiefa e fituata nel fecondo areo dopo il primo Cortile , ed ellendo di pofi primum impluvium arcus fita efi
( quam ambulacri partem ady-
ftato ftimato neceflario chiudere quefto andito fra Ia Chiefa e Sagreftia tum inter zy3 Templum claudere opportunum vifium efi , tum decoris
, , si
per decenza ,
accio non fi avellero a vedere dalla porta della cafa i Sacerdo- gratia , ne Sacerdotes facris vefiibus induBi , ZS3 Calicem manu
,
defe-
ti apparati pallare coi Calice in mano , come per riparare e Ia Chiefa ,
c la rentes ab ofiio domus profpicerentur , tum etiam ut a Templo adytoque ,
Sagreftia dall’aria, eventi, che dalle loggie delli due cortili farebbe irn- aer ex impluviis , 3
Z
3
ambulacro perflans arceretur ) . Abfurdum vero
boccata veniva molto in ifconcio che dette due porte grandi ad ornate videbatur has januas leucophas lapide antiquo ornatas
, , ,
^ medium non te-
di bigio antico non foffero nel mezzo nere .

Fu dunque penfato , che il pilaftro dei cantonc della loggia 'non fi.fa-
contiguo alia Sagreftia , ma nel fine dei fecondo,
ceffe al fine dei terzo areo Hoc itaque excogitatum : quarta ambulacri pila in tertio arcu
ed in luogo dei terzo areo fi giraffe nel Cortile a ufo di Teatro addolfo la adyto contiguo minime flatuta , tertioque ipfo arcu omiffo pofi tertiam,
Sagreftia, occupando dalla muraglia di efla la larghezza eguale ad un’arco, pylam in Theatri modum adytum verfus in impluvio gyrum duci pojfe
,
ed in quella parte arcuata fi facelle un grandilTimo nicchione , nel quale_, qui latitudinem parietis arcui ce qualem occuparet , apertoque quia ca-
prendeffero lume due camerini
i fotto ,
e fopra, anzi fi defle lume per mez- vus ejfet ille gyrus amplo loculamento non (olum duabus cellulis inferis ,
zo di effo anche nell’ andito, coi quale ripiegoponendofi il cancello al pi- fiiperifque fd ambulacro fuppeditari lumen pojfe Quo
, ipfi . confilio af-
laftro dei cantone piantato al fine dei
fi veniva fecondo areo della loggia, ambulacro quod efi inter adytum , Templum
fixis tertia pile clathris in
a chiudere nelFandito fra la Chiefa , e Sagreftia un’ areo di piu verfo il pri- que alius ad primum impluvium claudebatur arcus , eoque paBo utra-
mo cortile , talche le due porte della Sagreftia , e Chiela venivano nel ter- que janua in tertio quinque arcuum locum obtinebat Sic igitur fa- .

zo areo, che e in mezzo delli cinque, c cosi fu rifoluto, epofto in efecu- ciendum , conflituimus , ficque faBum efi fiumma impluvii elegantia-, .
zione con belliffimo garbo dei Cortile con tutto quel lume chcfipoteva Totum inde cellulis , quod optabamus lumen aquifivimus , collocateque
defiderare per i camerini, e con aver mello in mezzo le porre
della Sagreftia, in medio Templi , ZS3 adyti janua alteram utrimque deambulatione??^
c Chiefa con due fpafleggi uno per parte di d. porte per commodita di chi relinquunt facrificium prafi olant ibus peropportunam : quam a frigore ,
vuole afpettar mella, riparati dal freddo
,
e vento con duegran cancelli di ventoque tuentur nucei clathri vitreis lamellis infiruBi . His quando-
noce pieni di vetriate per dar lume al detto andito, quali cancelli pero fi pof- que aut afiate , aut cum vir aliquis Princeps excipitur , expanfis patet
fono aprire totalmente , o in tempo di eftate , o nel ricevimento di qualefte
ab ofiio domus 400* fere palmos longum ambulacrum .

grati Perfonaggio , nel qual cafo dalla porta fi vede una tirata di loggia e
,
andito longo poco meno di palmi 400.
Ne lafeiero di fraporre fra le cofe grandi anco le minime Come e un . Magis interferere minima non omittam inufitatum videlicet con-
j
ripiego non piuufato d’ impedire che per li cornicioni dove rifpondono
, filium impediendi furta , ubi cubiculorum fenefiris corona prominentes
le fincftre di ftanze , non fia facile a ladri , e mala gente di caminare
, e rub- fubfunt . Solent alii in fuperiori coronarum plano ferrea fepta , aut pa-
bare, e dove altri hanno attraverfato il piano fuperiore defeornicioni con
rietes in transverfum ponere 5 Sed ea cum
invenufiiffimam pr?fient fpe-
ferri e con
muraglie, che fanno bruttiflima vifta ; Io penfai che baftaffe
,
, ciem , fatis mihi vifum efi juxta cubiculorum fenefiras aurantiorum ma-
porvi vafi di merangoli vicino alie fineftre delle ftanze per poterii
adaqua- lorum vafa ponere , qua far tranfitunis , aut pedem vafi infert , nec fieri
re , e volendo il ladro pallare fe vuol porre il piede
, fopra il vafo e impoffi- poterit , quin cadat , aut vas dejiciet , ejufque fragor inhabitantium , _•

bile che non cadi . Se vuol gettarlo giu , fa tal rumore che tutta
, la cafa prafertim fi ut hic plures fint-, auris perfonabit . Sic communem parie-
lo tum ,
. . . . . . . . -:

Io Tente maflime doyc Tono molti come in untalluogo ficche mi parve tum
,
, aut ferreorum fiptorum deformitatem , venuflo , deleRabilique ad-
non fo'o cTaver fcanfato le vafte deformita di
muri , e ferri , ma d’ aver ri- bibito confilio declinavi .

mediaro con una dilettevole , e guftofa medicina


Illud prgtermiferam in primo impluvio fontem collocandum cu-
,
Ho lafciato di dire , che
in quefto primo Cortile vi deve effere una_> jus aqua quippe a Montis ‘Jordanis Palatio defendens in quamlibet al-
fontana,. che gittara 1’ aequa tanto alto, quanto fi vorra, fpiccandofi dal
titudinem exiliet. Fons hic ab ofio Sacrarii ad plateam pofiti profpicie-
Cortile dei Palazzo di Monte Giordano quale verra alia dirittura della tur
,
fi ofiium aliud e regione in arcu medio ambulacri juxta Sacrarium
porta delT Oratorio dipiazza, che ha il fuo riicontro nelfarco di mezzo
pofitum aperiatur . Qua omnia in primi , 0
fecundi impluvii Tabb.de -
della loggia per lungo 1’Oratorio , in maniera che aperte le detteporte fi
vedra nel pallare avanti quella della fontana, come il tuttoe efpreffone i
feripta funt , 0 in fequenti proportione intermedia fenefirg cum ejus fir-
ma, modulis num. 5 2.
due fpaccati dei detto primo Cortile colle tavole n. 5 o. , e 5 1. e nella pro-
porzione che fegue della fineftra di mezzo con fua pianta, e modini al n. 2.
5

Della Scala principale De Scalis majoribus


Cap. XI. Cap. XI.
Efta folo nel primo Cortile da deferiverfi la Scala principale
principiata si , ma non finita quale principiando dal fine dell’
N primo impluvio deferibenda funt Scala majores ,
qua a
, latere Sacrarii ajfurgentes in latus adyti recle pergunt , ea-
Oratorio per lato termina alia dirittura delfianco della Sa-
rum que area interjacens fpatium , latitudinem videlicet
greftia , abbracciando Ia larghezza della loggia e dei primo ,
jj
ambulacri , £5° primi impluvii occupans . Duobus ordini-
cortile, c falira in
ai primo piano , ed in altri duedue branchi
bus ad primam contignationem , duobufque aliis ad hypa-
alie loggie feoperte ,
ne lanima della fcala paflara piu oltre ter-
,
e Libraria
,
minando con gl ultimi fcalini , in maniera che gl’ ultimi branchi non ave-
tras , 0
Bibliothecam conjcenditur . Non altius furgunt , nec tholo ,
fed fornice in dolii modum tefiudinato , 0° parieti Montis Jordani pla-
ranno fopra tromba, ma un voltone abotte appoggiato alia muraglia
verfo team verfus , parietique ambulacri innixo operta funt Idem in fcalis .

la piazza di Monte Giordano da un lato, e alia


muraglia della loggia dall’ , Collegii Romani cernimus , idemque nuper a me in fcalis longe amplio-
copriralun, e l’altro branco, come fi vede nelle fcale dei Collegio
altro
ribus palatii Legati Hyfpanici non fine dignitate exattum efl . Percom-
Romano, ed io ultimamente ho pratticato nel Palazzo dclTEccellentiffi-
mo Sig. Ambafciadore di Spagna con fcala afiai maggiore riefee di gran
mode funt , 0
luminofa , utrimque enim lumen abunde fuppetit . In
, e earumdem aditu quatuor columna ex antiquo lapide , quem granitunjl,
magnificenza , ficche fara commodifllma e luminofa ricevendo lume
, , ,
vocant , laquear fufiinentes , 0» duo in fronte gradus ad afeendendum
dalfuna , e 1’altra parte abbondantemente 1* ingreffo e gia fatto con quat-
, quodammodo illiciunt , ibique fcalas ejfe indicant. Hifce columnis licet
tro colonne di granito che foftengono un foffitto di materia in piano con
, non admodum longis , uti cum oporteret ( Patrum enim erant ) placuit
due fcalini infacciata, che da lontano invitano afalire, indicando effer
ingeniofum fequi exemplum , quod antiquis in monumentis animadver-
quella la fcala , e pcrche le colonne erano de i Padri ma corte mi valfi di , , teram Supra bafes igitur qugdam folia confiitui , e quibus enafei co-
.

una bizzarria offervara fra le cole antiche, e portai fopra le bafi alcune fo-
lumna videntur . Qui fub primo , fecundoque fcalarum ordine locus efi
glie circa un palmo , dalle quali pare che nafchino le colonne , e fotto il
, Sacrario contiguo perutilis efl . In altero etiam fedilia reponuntur , qui-
primo branco della fcala , e molto piu fotto il fecondo fono per cavare dei—
bus feflis diebus cum vefpertini Mufici concentus habentur uti folent
le commodita per 1 ’Oratorio ivi contiguo valendomi di uno di quelli fot-
, ex altero adytum ejufdim Sacrarii conformabimus Imo e dimidia _> . .

to fcala per riporre i banchi


, che fervono la fera delle fefte per 1’ Oratorio
, utriufque parte cellulg odoeis Sacrarii aquiplana perficientur , ubi Mu-
e f altro
faccio conto che debba fervire per la Sagreftia dei medefimo Ora-
fici fuorum concentuum tentamen facere quandoque pojfint , quas ad cel-
torio, anzi fopra il primo ricetto della fcala, e nella meta fuperiore dei fe-
condo fottofcala cavo duc camere alparo
lulas parvis cochlidibus ipfas inter 0 J odoea pofitis afeenditur . Cum-,
delli primi cori di muficadell’ commoda cum
vero tot venuflate conjungere non potuerimus harum fca-
Oratorio per fervizio delli Mufici in provare alcune volte le compofizioni, larum atrium in Tab. 49. exhibui prater ichnographicas eedificii deferi
alie quali flanze fi fale per Ia fcala a lumaca dell’ Oratorio in mezzo fra li ptiones ,
in quibus omnia h<tc confpiciuntur •
cori , c dette ftanze , eperche non e ftato facile 1’accompagnare tante com-

modita con la bellezza ho pofto latrio ingreflivo alie dette fcale nobili al-
ia tavola num.49. oltre gli fpaccati della Fabrica
,
ne’ quali diftintamente
fi vedono tutte le medefime .

Dell’ altre Scale ,


che fono nella Fabrica De exteris eedificii Scalis
Cap. XII. Cap. XII.

L numero delle fcale nelle gran Fabbriche bene confumano T fi Scalarum numerus in magnis eedificiis non medio-
fe
di gran fito , fono nondimeno di tutto commodo , che puo cre fpatium impediat , talem nihilominus
fi bene dige-
fi

dire ben fpeffo rifparmiano denaro e molti pafli nelPan-


, flo confilio pofitee fint , commoditatam afferunt , ut im-
dare da una parte alPaltra, quando fono con giudizio ben
penft paffuumque compendium faciant . Frequens autem
difpofte. L effer commode a falirle c di
grande importan- earum ufus lenem afcenfum requirit
za poiche fpeffo fi hanno da ufare
Illud in hac habitatione cavi , tum ut ne fuperfluas
, tum vero
,

In quefta abitazione dunque ebbi avvertenza a


quefto, cioe a non etiam , ut nulli parcendo loco , fumptuique , qua viderentur utiles col-
farne fenza bifogno , e a non guardare a fpefc e fito ove
, , confiderai poter locarem .

effer proficue , e per far cio mi propoli tre bifogni


principali Quem in finem alias domo exeuntibus , alias a cubiculis Pa-
Il primo dclPandar fuori di cafa , fecondo nelPandare dalle camere
il trum ad Templum , adytumqut , alias denique triclinium adeuntibus
de’ Padri alia Chiefa e Sagreftia terzo dcllandare alia menfa ed al luo-
, , il
, neceffarias duxi.
go di ricreazionc ,
dopo effa pero difegnai tre fcale . Pr^cipuas domo exeuntibus , feu potius hofpitibus opportunas de^>
La fcala principale deftinata alPufcire di cafa
,
della quale ho difeor- quibus fnperiori capite inter primum impluvium , 0° fontem domus ,
,
fo in capitolo a parte la feci nel primo Cortile nella facciara verfo la piazza qua plateam Montis Jordani refpicit , amplas quam maxime potui , ma-
di Monte Giordano vicino
porta quanto fupoflibile ampla, e magnifi-
alia
ca confiderandola piu per i Foraftieri che per i Padri
f
gnifica que confiitui
, , Eas quibus ad Templum , adytumque defenditur , de quibus ubi de
La feconda per andare in Chiefa , e Sagreftia quale feci ovata pari-
,
adiculis habitationis Patrum locuti fumus , ovales feci , lenijfimoqut
mentedeferitta nel capitolo delle Cappelle nelPabitazione de’Padri, quale
afcenfu , cum earum gradus fex unciarum altitudinem non
, feptemve
ficcome e commodiffima al falire non effendo gli fcalini alti piu di oncie
, excedant , nec brevis fit eorundem retraftio etiam qua pilee in medio
fei in fette d altezza
, c di commoda pedata anche vicino alPanima cosi e fulciminis caufa
, pofitee propior efi : percommoda propterea Patribus
di gran fervizio a Padri, conducendo dal piano nobile e dalla loggia_,
, funt', e nobiliori enim contignatione bypgtraquc ad Templum , adytum-
fcoperta alia Sagreftia , e Chiefa que ducunt •

La tcrza per Refettorio, e Ricreazione e commodiffima per tutti


il
Qua vix dici potefi quam utiles fint
tridinio exhedryque inferviunt
1 conti c cominciando dal pian terreno
, s’ inalza fino al tetto , paffando cum ex imo flo ad fupremam ufque contignationem perducant Atque .
per tutti quattro i piani e confeffo
che di niuna cofa in quefta Fabrica mi
, , ut vera fatear quemadmodum nulla alia in re majus fludium collocavi
,
fon fodisfatto piu che di quefta ficcome
, in effa vi feci maggior ftudio ita in toto hoc adificio ipfi mihi nil aque placuit •
Quefta Scala e fituata verfo Parione dalla quale ftrada riceve il prin-
, Adviam P arionis fita funt ha fcala , unde prgeipuum lumen fu-
cipale Iume, e forfe fenza efempio
, non oftante che fia alta circa 100. pal-
mi da terra > non fconcertano punto
munt : 0 J
nullo forfan prgvio exemplo licet alta fint palmos fere cen-
glordini delle fineftre della facciata , tum , nec fnefirarum ordinem perturbant nec ulla earum pars lumine
e nondimeno non ci e veruna parte di effa, che non luminofa abbon-
fia non abundat , aut certe lumen non defiderat ,
nec ufquam ipfarum ordi-
dan- H nem
. . ,,
. . . ,

luminis excipiendi gra-


coi farla in alcum laogh nem perverti , modove lenes feci , modo prgeipites ,

dantemente ne per far cio ho ftroppiato la fcala fex , nullus major fep- unciis
,
fino al tia ; Sed graduum 144 . nullus minor efi
rincontrare luim , ma dal primo fcalmo
ripida, in altridolcc per
i

oncie fei , muno epiuako di oncie


tem imo, nec hujufmodi afcenfus lenitas tubarum peper it depreffionem ,
:

ultimo, cfono 144 niuno t meno di -


auce ubique altitudinem obtinent fumma
proportione exattam : ita ut
fcttc , n= con tanta agevolezza
ho caufato baffezza nelle trombe , cliendo
oculi fidem faciant vix ipfe credam tot ibi ejfe perati a , nimirum
proporzionatiffima , alegno , chc io fi ,
>n tutti luoghi le trombe con altczza
i
retraBionem graduum , tubarum altitudinem , lumenque abun-
potute lenitatem
fteffo duro fatica a credcr ,
benche la veda ocularmente , chc li fiano ,

dans ab[que ulla fenefiranim frontis inconcinnitate


.

larghezza di pedate , altezza di trom-


avere tante cofe,conie agevolezza ,
facciata . Non efi tamen filentio prgtereundum , cum parietes cYaffi fint > e fi-
ba ,Iume, e non ifconcerto delle feneftre della me
groffe, 6 conlchneftre di un nefirisunius ipfarum contignationis , aperto foramine , in inferiorem
E’ ben vero , chc avendo le muraglie lumen ferreo in inferiori contignatione fepto
contignationem infudijfe
dove ne ho avuto bifogno , ,
ripiano participato il lume al ripiano inferiore am-
parapettodi ferro fcguito objeBo Apertis infuper quibufdam in fuperioribus , inferioribufque
avendo sbicegato il muro per l’in giu , e con un
.

bulacris fenefiellis , lumen inde duxi : quodque mirum efi ea-


il recinto della fcala
Ed in oltre ho prefo illune con duc mezze fineftre
rum beneficio tota profpicitur ambulacrorum longitudo palmorum vide-
.

c dalle fuperiori ed oltre il lume fi vedono


dalle logge a pian terreno , ,

palmi 1'una, che rende maragiglia. licet 4°°*


quellc due tirate di logge di 400. e piu
fette fcalini fi trovano e A m alluvio initium habent b te fcaleper feptem gradus afeenditur ad
Principia detta fcala al Iavamano , c faliti
alto fi ritrovano 1 corridori prima ambulacra , tum ad primam contignationem , procediturque ad
'

prime logge , ‘e poi fi trova il piano nobile , piu ad tertium


logge fcoperte , poi il terzo fecundi ordinis ambulacra , ubi Patrum cubicula , ad hypgtras ,
dei fecondo ordine diftanze de'Padri , poi le
communi , quali per eiler cubiculorum ordinem , ac tandem ad latrinas , de quibus alio capite di-
ordine di ftanze , e finalmente termina a i luoghi
deferitti, comefiremo fiinBe loquendum , multa enim arte exaBe funt .

fatticonmolta arte, meritano che fiano anchefli inter nullius ufus parietes
Prceter hafce tres fcalas in quodam , duos
in capitolo a parte r qu<£ licet non ita lenes , uniufque tantum or-
. .

cafualmentc in un lito loco alias firuere contigit


Oltre dette tre fcale , ne venne fatta un’altra ,

tanto agevole , ed e tutta in dinis fint domo tamen exeuntibus , aut ad cubicula redeuntibus fre-
fra due muraglie , quale febbene non e
,
perduto
quent iores funt j ad primum enim impluvium exeunt , ty quocumque
3 _>
ufeiredi cafa , e ritornare_.
una tirata, nondimeno e la piu frequentata per inplures ordines di-
cortile , ne fi getta paffo , poi- eas , hac pajfuum compendium facis , quod in fcalis
alie proprie ftanze , poiche riefee nel primo
la perfona piu vi- fiributis minime evenit , iturus enim ad
Orientem , longo itineris circuitu
che tanto andando , quanto rirornando ogni pallo rende
non fuccede nella fcala a bran- ad Occidentem pergas nec ejfe efi
cina al termine , al quale e inviato , cofa che
fare molti pafli verfo ponente . Mie fcaU parv<e in altero triangulo falarum,
infuper cochlides
chi , che per andare verfo levante , conviene
alis concionatoris cubicula afeendunt ,
una fcaletta alumaca fituatain uno deitriangoli della_, pofitee funt , que ad quadrageftm
Vi e anche
camere dei Predicatore, gia che non vi e al- nulla alia ad eas rsBa via ducente
fcala fatta folo per andare alie
Alias cochlides fcalas dapibus e culina ad eundem concionatorem
tro acceflo al coperto .

lumaca pure per fervizio dcl Predicatore fatta_ deferendis adfignatas , alibi memoravimus .
Dall’ altra fcaletta a
ftanze, ne abbiamo altrove Gjue a Sacrario ad hyp cetras ducunt , de quibus alibi verba feci-
per portare le vivande dalla cucina alie di lui

fatta menzione •
mus , Cantoribus faBcefunt , ut per eas ad odoea confcendant , quin Pa-
La fcala , che dalFOratorio conduce alie logge fcoperte, delle
quali trum habitationem ingrediantur •
ReliBce ibi funt , qu£ prius erant cochlides fcalce qu<e a nobilioris
fatta menzione altrove, fu fatta per il bifogno
deVMufici per falire a i co- ,
fi

ri
e

fuperiori ,
ed inferiori fenza pallare per 1’abitazione de Padri
contignatione fupra "templi teftudinem , ^ ad ambulacra circa fornicem

quale dal piano ducunt


Un’altra fcala alumaca vi era prima, e fi e lafciata ,

logge d’intorno alia cupola Prcetermitto loqui de fcalis quee ex uno ad aliud cubiculum , aut
il volrone della Chiefa, e
,
nobile conduCe fopra
domus membrum ducunt cujufnodi funt quibus ad fuum paruum cu-
Tralafcioprivate da una camera, o appartamento alPaltro
le fcalette
, ,

biculum janitor afendit ac qu£ in hofpitio fita funt , quarum alite


come la fcala a lumaca dei Portinaro per falire al fuo mezzanino , una fi- ,
eae ,

branchi, che con- ad parva cubicula alig ordinibus difiinB* quibus itur e nobilioris
mile nella Foreftaria pure per andare a’ mezzanini ; una a
, ,

fopra la Sagreftia, alie quali contignationis ambulacris ad cubicula fupra adytum , que non nif fub
duce dalle lbggie dei piano nobile alie camcre
tandem cochlides , quibus ad cubicula Coquorum,
fenza farebbe potuto andare, che a fcoperto . La fcala a luinaca ,
efle non fi
dio adiri poterant ,

ftanze de’ Cuochi e fimili che non fono uni- aliceque hujufmodi ,
que cum non fint ufui publico , nec prgeipuam me-
che dalla Cucina porta alie , ,

non meritano particolar deferizione rentur deferiptionem .

vcrfali ,
e confeguentementc

Del fecondo Cortile, o Giardino De fecundo Impluvio feu Viridario ,

Cap. XIII. Cap. XIII.

Ecundum Impluvium in fuperiori parte cubiculis circum-


L fecondo Cortile circondato di fopra da ftanze de i Padri ,
datum Patrum Viridarii loco erit iifque qui magis al-
dovrafervire per Giardino con quel numero di fontane , che
,
,

lubebunt ornabitur fontibus eaque difiributione , qug ap-


piupiacera , e con quei compartimenti che fi ftimara conve-
,

tior videbitur : Non abfimili forma , C5T architeBura


pri-
nire . Quefto e circondato da tre logge fimili di difegno ,
ed
architettura a quella dcl primo Cortile , cioe da due per lun-
mi impluvii cingitur hoc etiam tribus ambulacris , duobus
godiotto archi 1’una , eduna intefta di cinqucarchi, e fervendo lalon-
fcilicet in longum latum in quinque arcus
in 0 B0 arcus ,
tertioque in
menfura fit latitudinis
Cumque primi impluvii longitudo
ghezza dei primo Cortile per larghezza dei fecondo , nel quarto lato fono difiributis .

e mi danno an- fecundi, quartum hujus latus tria in longum adyto junB a occupant
tre camere per longo della Sagreftia , quali mi hanno dato ,
per cubicula , qug meas -cogitationes multum exercuerunt $ Cum enim his ni-
cora da penfare , poiche non avendo dette camere altra cofa fopra di fe
lume alia Sagreftia da quefta parte, che e volta a tramonta- hil fiperfiruBum fit, 13* primi ambulacri altitudine multo demifiiorau,
non togliere il
prgfertim vero earum adytique
na anzi eflendo ftate tenute per il medefimo rifpetto a fegno, che
aiTai bafTc fint , totum hoc impluvium deturpant ,
,
que medium arcuum qui ibi quinque funt , non tenent Vt .

non unifeano di gran lunga con Talzato della prima loggia deturpano tutto fenefire , ,

confonantia aliqua adejfet fuf eptum quatuor in eo pariete


quefto Cortile maflime che le feneftre delle dette tre camere , e parimente ‘
, confilium efi

quelle della Sagreftia


,

,
feompartendofi quella teftata in cinque archi forti prominentes pilas collocandi , & duas dimidiatas, que quinque Jufline-
anus fornice fuperantes bypetram fuper hgc cubicula confonantie
come fi e fatto non rifpondono in mezzo a gli archi j Fu prefo pero per
,
rent
Quamvis autem cgter? hujus impluvii pile altitudine ad
ripiego, e per dare qualche accompagnamento di fare rifaltare in detta mu- gratia fuam .

ad primum tantum
raglia quattro pilaftri ,
e due mczzi , che fofteneflero cinque archi ,
il foro fecundum hypgtfdrum ordinem pertingant , be tamen
etiam adytum ver-
de quali refta fuperiore della loggia fcoperta ,
che e fopra dette ftanze per ordinem ajfurgunt . Cumque cymatium fupra arcus ,
fecimus compendit vie gratia, ut
accompagnamento . E con tutto , che gl’ altri pilaftri dei Cortile s’inalzino fus projeBum fit , latum efi, idque
ambulacris ad Templum pofitis ad ea, que
fino alfecondo ordine delle logge , furono quefti tenuti alti folo fino al pri- tranfitum brevem prefiet ex
ibi prfrtim climaces fcale
mo ordine , ed eflendofi alia cimafa fopra gl’archi dato aggetto anche verfo e regione funt ad Montem Jordanum cum
la Sagreftia , e rimafto fito largho , con animo che poffa fervire di tranfito pofite crebrioris fint ufus
Veruntamen vix placet hujufmodi confilium ,
.

imponemus erunt
dalle logge , e corridori , che fono verfo !a Chiefa a quelli, che fono verfo ^ fortajfe cum manum pofiremam edificio , attollende

ordinis , videlicet ad hyp^tr as', licet


Monte Giordano, per ifparmiare a chi fofle in mezzo alia larghezza di tutta ad fafiigium fecundi ambulacrorum
um, cum exaBa erit ea pars domus , qug ad plateam
Montis Jordani vergit
la fabrica ,
e volelfe tranfitare alFaltra loggia di contro ,
1’aver a fare
hunc percommodum fimus amiffurt . Memoratorum
cubicu-
circuito fino alia loggia per traverfo a canto fOratorio, o altra teftata verfo tranfitum
Parione, maflime che ivi rifponde la fcala a lumaca, che conduce alia Chie- lorum teBum aquam verfus parietem adyti deiiciebat ,
quod faBum erat
partem haberet ac-
fa, che eaffai frequentata: Ma in effetto non finifee di piacere
,
e credo , ne ejufdem fineftras obftrueret , fi totam in oppofitam
auratij-
che quando fi avera a terminare tutta la Fabrica converra alzare i detti pi- clivitatem Sed magnum detrimentum , quod vefiibus ferias ,
.

aqua,- licet magnis


laftri fino alia fommita delle due logge, cioe fino alia loggia fcoperta, ma que, que in adyto afervantur , afferebat pluvialis
teBum illud tollere compulit . Hypgtram itaque
fi perdera detto tranfito ,
quale e per effere di molta commodica fatta che greis excepta canalibus ,

fi a
e
. . . ..,

fiala Fabrica vcrfo Monte Giordano . E’ ben vero , chc dovc dette tre ca- ibi ftruxi e9* amurcam calce permifeui ne fornicem aqua penetra-
, y

mere della Sagreftia erano copertc di tetto la meti dei quale pioveva ver- quod adhuc exiguam quam
, ret ; f nec fatis erit oh
, huic te flo , ferian-
fo le muraglie della Sagreftia, per non accrelcercle fineftre di efla, colfalza- di adyto luminis caufa , inclinationem dedimus plumbeum pavimentum.,
,
reda quella parte tutto il tetto , vedendo ildanno grave , che recava al!e_, fuperinducam . Hujus porro hypgtra beneficio brevis , uti diximus tran-
,
robbe di Feta, ed oro , che fi
confervano in detta Sagreftia per la molta_, fitus erit , cumque J'olis radiis numquam percutiatur , frigidioribus quee
,
umidita, chc recava detta aequa piovana, benche fi ricevefie in canali gran- a feptentrione fpirant auris , etfiivo tempore frui licebit . Demijfior ill*->
di dirame , mi rifolvei di levare il tetto ,e farviloggia fcoperta con mefcc- quidem e
fi
aliquot palmos pavimento ambulacrorum , fed aptum in eam
lare morchia di oglio nella calce per aflicurarmi, che 1’acqua non penetraf- dejcenfum reperi •

fela volta. E fc nonbaftera per il pocopendio che g]'e convenuto dare Fenefiris eorum cubiculorum , quy in arcuum medio fit.-e non funt
per non levare Iume a dette fineftre di .Sagreftia, converra coprirlo di
piom- plafiico aliquo invento profpicere meditor . Fencfirarum vero adyti defe-
bo ,
con mattonato , o di piombo , ferviri pes tran-
e detta loggia fcoperta ftus vix apparet , diffitt enim arcus funt palmos fre triginta.
fitare alia loggia , o corridore di contro , come fi e detto per godere 1’eftate Licet vero h& piij altiores futury fint fnefiris adyti , hujus lumen
il frefeo di tramontana, non avendo niai fole , efebbene e piu balla alcuni non impedietur j fpatium enim interjacens majus palmis 30. tfl infiar
palmi dal piano deile dette logge , o corridori y nondimenc* ritrovai fito via, a qua lateralia gdificia lumen ducunt , quod eo clarius erit , quod
molto a propofito per feendervi ••
aperti funt oppofiti arcus impluvium refpicientes . Ggterum , animadver-
Circa poi le fineftre di dette Camere ,
che non nTpondono in mezzo tas velim , amice leffor, quanti interfit adificii partem firuere priufquam
agl’archi,fi penfa con un poco di profpettiva dafarfi di ftucco di apportarvi totum delimatum fit , quod ut perfpeclius tibi fit , fchemata ichnographi-
qual che rimedio ,
e rifpetto alie fineftre della Sagreftia , come che gl' archi ca infra exhibeo . Interea non pr permittam dicere , iis adyto junRis cu-
reftano lontani da 50. palmi non fi conofcecosi facilmente ilmancamento. biculis fubejfe hypogga vilioribus adyti reponendis utenfilibus apta > ad
Non fi puo dubitare lumi della Sagreftia con alza-
di pregiudicarealli qua opportunis ex impluvio fcalis defenditur.
re quefti pilaftri piu alti di detti lumi ,perche reftando un vano fra detti ar- Impluvium hoc viridarii loco futurum diximus ; ea propter in uno
chi , e la Sagreftia di 3 ct. e piu palmi y fi fara conto , che quella fia una ftra- e quatuor triclinii triangulis parvam cellulam firuxi in unum ex am-
da, dalla quale ricevono Iume le fabriche laterali, mallime, che cflendo bulacris refpicientem , in qua fuam topiarius fuppellettilem reponat Hac •

cinque archi vuoti ali' incontro,parteciparanno,non folo 1’aria dclfimagi- omnia deferipta habes in icbnograpbicis febematibus n. 5 3 5 4o £5* 5 •

nata ftrada ,
ma ancora dcl Cortile- grande . Conofca pergrazia il Lettore,
quanto importi il cominciare una parte della fabrica fenza aver prima fta-
bilito il dilegno dcl tutto meglio , porro gl’ infraferitti
, c perche s’intenda
difegni,- non reftando di dire, che fotto dette camerc di Sagreftia , alle_
quali fi e dato 1 ’adito in una fcaletta , che rilponde in quefto fccondo Cor-
tile aflai vicina, e commoda per riporreivi molti materiali ,, clicfcrvono
per la Sagreftia , che ingombrano aflai -

E perche fi e detto, chc quefto fecondo Cortile deve fer vire per Giar-
dinc, fi e bufeato un camerino in uno de i quattro triangoli dei Refectorio,
come diremo a fuo luogo , che rilponde in una di quefte logge per commo-
dita dcl Giardiniero in riporre i ferri, ed altri ordegni neceflarj per 1 ’orto,
olfervandofi tutto Telpofto nelli Ipaecati alnumv 53. 54. 5 6-

D’ altre cote pia neceflarie Dc qulbufclam rebus aliis magis neceffariis


Cap. XIV. Cap, XiV.
r
Ra 1

opere grandi degl antlchi Romani non Ia minore fu Nter magna antiqnorum opera poflremum fane locum non
quella, che anco fi conferva dellecloache per tenere netta la obtinent cloacg tanta arte excogitata ,
tantoque fimptu ,

cirta , avendo con ranta Ipefa., ed artificio trovato maniera di publicis -

,
privatifque urbis locis purgandis exlrufia • Sua
efpurgare tuite la parti publiche ,
e private ; Non refta pero tamen laude fruflrandi non funt, qui nunc in privatis ydi-
fenza lode, chi a properrzione ne i luoghi privati ha quefto in id rn contendunt , quod mihi feliciter in hac domo
ficiis
medefiuiO riguardo: e mi pare fia ftata graziadr Dio , che inquefta Fabri- ;
contigijfe, divini numinis ope
, f
alium puto Non h)c tamen loquor de la- .

ca mi fia riuicito ,non pario deile private commodira,che ciafeun de'Padri trina , quam finguli Patres in fuo cubiculo fieri voluerunt , pro qua nil
ha defiderato nelle proprie camere , per le quali non ho faputo trovare al- confultius vifum efl fpiraculo ad tellum ufque produflo . Optaverant
tro rimedio , che di lafciare un sfiatatore 2 crafcuno
to Avrei defiderato
,
chc arriva fino al tet-
appunto una cloaca, quale paffandoper tutti
cloacam per Jingula hypogga ducere qua illuviem , pluviales ,
,
fontanas
aquas excipiens , omnes fimul fordes abriperet: y fed magnitudine impenfa
&
. di fare
ivafi fotterranci fatti per ricevcrc le brutture con 1’acqiie deile piogge , e Patres abflerriti funt
fontane portafle via ogni fozzura, ma conveniva entrare in una gran Ipefa In duabus latrinis qua omnium commodo funt pracipuam operam
,
per giungere ai Tevcre , quale non abbracciavano i Padri collocavi . Altera ad januam domus Jita fontanis pluvialibufque aquis
Que Ili , ne'quali premei furono due luoghi communi a tutti-, uno a facile purgatur. Altera fit a efl in fuprema falarum parte , quibus ad
pian terreno vicino la porta , quale appunto con 1'acque deile fontane , e_ exhedram , triclinium defenditur
piogge fi tiene efp urgaro , nc mi fu difficile per effer poco frequentato, 1’al- Circumeunt ha fcala vacuum fpatium in medio poftum , quod
tro , ed univerfile della cafa quale e nella parte piu alta della fcala che animam ,feu tubam dicunt , altum palmos 17. , 9. latum £5° fubtus ter-
, ,
conduce al Refettorio, e Ricreazione . , ram fordes excipit. In id primo animum in latrinarum adificationtl*
Detta ,
che girano intorno ad un’anima longa pal-
fcala e in branchi intendi , ut ne frequenti evacuatione indigerent quod farte pofi multa
,
mi 7. larga 9. quale per di dentro e
vuota , e riceve curte le brutture fotto lufira vix continget . Deinde ne parietes, uti
terra
1

mira principale, che io ebbi fu , che non fi avefle a vuotare molto


Ia
pe evenit, putrefierent
propterea foricis in pariete faciis uti nolui , fid in vacuo illo fpatio
f
;
j

fpcflo, ed £ certo, che ci vorranno decinc , e decine d’anni . Secondaria- fu tuba intra quatuor parietes quatuor fornices conflruxi , ay in bis
fhente,che non infraeidalfe le muraglie ,come ordinariamente fuccede , c juxta parietum longitudinem tres fornices ejufdem altitudinis cum craf-
pero non volfi valermi de’condotti murati nelmuro, ma nel vano delfani-
ma
fitie f
fornicum , duorum ilice t triumve palmorum j Sed duorum tantum
fudetta a canto le quattro muraglie ,
per di dentro feci gettare quattro palmorum , ubi fornices brevioribus infidmt parietibus. Difpofitis fuper
archi nella fommica di detia fcala , nelli quali a canto le muraglie longhc bafiefricas fedilibus decidentes fordes in vacuum illud per amplam*
feci murare trecondotti alti folo quanto e la groflezza dclfarco, cioedue fpatium parietes nullatenus confpurcant . Tertio illud'fummo fiudio cavi,
in tre palmi, e due nepofi nelli due archi a canto le muraglie piu corte, fo- ne fetor percipi pojfit, cujus rei gratia in fupremo falarum ordine duas
pra a quali condotti avendo fatto accommodare il luogo dei federe, vengo-
no a cadere le brutture in quel
. e januas flatui fponte
ligno
f
fi claudentes , quo fit , ut fetor omnis
vano luogo ,
e largo molti palmi fenza toc- cohibeatur , altera enim aperta, altera fimper claufa efl. Lumen pryte-
care le muraglie . In terzo luogo pofi ogni ltudio che non fi fentifle feto- rea duxi , non ab interiori fid ab exteriori cedificii parte fitpra te£l*_,
, , ,
re e pero nelFultimo corfo di fcala pofi duc porte di legno, una in princi- enim vaporarium infiar camini
,
efl . Scalas itaque confcendens pofi
pio e 1 altra nel fine
f-
, , 1’una , e 1’altra , chc fi chiude da fua pofta , ed apren- cundam januam ex altera parte cellulam invenies , tum d;fle ciens tres
dola prima per falirc, non puo ufeire male odore per eflerchiufa la fe- alias , ad quas uno gradu infiar pavimenti, preeflrato devenies
fingulis
,
conda , dopo la quale principiano i camerini, ed aprendo la feconda il mal’ E regione par cellularum numerus. Simul ollo funt , parietibus difltnflce
,
odore non puo ufeire dalla prima per effer gia chiufa. In oltre non volfi Abfque te flo funt , ut ibi legere facile pofis , pofta noflu candela i>t_>
dar Iume verfo Ia Fabrica ma folo verfo la ftrada e fopra i tetti Di piu clavo fingulis infixo , cum aliis commodis cbartg , aut hujufmodi detinen-
, , .

feci fopra il modo


un camino, accio il mal’ odore, chc afccnde
tetto a di dis rebus aptis In quatuor intra latera harum cellularum angulis y mar-
.

facilmente fi portafle fopra il tetto Seguitando dunque a falire Ia fcala , e . morea vaja ad mejendum pofti , ty in fuprema falarum parte fine-
paflata la feconda porta fi trova
un camerino ii) una deile teflate,poi fi vol- firam puteum verfiis , unde infirmitatis occafone dejici fordes pojfunt ,
ta, I fallo
. . . , »

i8
ta, c nclla.longhcxxa fcne trovano trc, ed uno c piu alto dcll’aItro un folo fatto etiam ad tergenda vafia pavimento . Da veniam Lettor , fi aures
fcalino doicemcnte , che ogni camerino ha avanti di fe un_
falcndofi cosi tuas offendi hac narratione , cceteroqui non fupervacanex ; fi enim ali-
,

ripiano di cgual longhezza,unonell’aItra teftata, c rre altri nell’aItro lato cubi bujufinodi exxttitudo dfiderctur , nullius fiunt ufius domus alioqui
longo , ficche fono in tutto otto camerini , e ciafcuno vicn clivifo daH‘altro non illaudabiles
con muro, c con porta da poterii chiuderc, fenza coperta di fopra per poter
veder i ume, e leggere bifognando, con un ferro in ciafchcduno per tenervi
candela accefa in tempo di notte con altre commodita per carta , e cofe fi-
mili . Ne i quattro angoli fra i lati delli camerini feci porre certi vafi di

marmo per far aequa , ed in capo di tutta la fcala fopra il primo camcrino
vi feci lafciare una feneftrella verfoil pozzo, o anima della fcala per vota-
re vafi di brutturc in occalione d’infermita ,
o altro, con un ripiano ivi per
lavare, e pulire detti vafi . Scufi il lettore fe gl’ho imbratrato 1 ’orecchie

con sifatta deferizione, maanche in fimili materie non e inutile la notizia,


eflendo bifogno communemenre atutti , e per mancanza. di tali diligenze
fi rendono molte volte impratticabili i luoghi per altro degni di ftima

Dell’ altezza della Fabrica , Logge , e Camere contigue De altitudine aedificii , ambulacrorum. St cubiculorum
Cap. XV. Cap. XV.

Randiflima > che fupero tutte 1’altre, fu la difficoltil , che ebbi Iffcultatem longe omnium maximam expertus fum in con-
in ltabilire i piani delle Camere di tale abita7.ionc ,
perche fiituendis cubiculorum planis : huic enim cedificio manus
ficcome trovai fatra Ia Sagreftia ,
cosi ritrovai fatto il Corri- applicui cum perfiettus jam effiet adytus , inter ipfium ,

dore fra Ia Chiefa, e la Sagreftia fopra , e fotto, ciafcuno in Templumque fiuperiora , inferiora ambulacra fornicata ,
3 2 • coi mattonato , c volta , e fra tutti due
altezza di palmi 1$* pavimento firata , utraque alta palmos 3 2. altitudini
eguali alfaltezza della Sagreftia, il che mi neceflitava a feguirarc della me- adyti aqualia . Ab hac altitudine reliquis in ambulacris recedere non li-

defima altezza rimanente della loggia il , e febbene tale altezza riufciva_, cebat . Et fi autem hac ambulacrorum altitudo latitudini ( palmorum 18.)
proporzionata alia larghezza di e fle, che e di palmi i 8. nondimeno mi ve- confientiret , non mediocrem tamen creabat angufiiam tribuenda contiguis
, quam altitudini ambulacrorum aquare in animo erat ,
devo molro angufliato nel dare la debita altezza alie camerc contigue a cubiculis altitudo
dette logge
,
perchc fe volevo dare tutti li palmi 3 2. alie camere dei piano Jed ea nec humilitati ,
Patrum
nec mediocri cubiculorum magnitudi-
nobile non pareva conveniente alfumilta de’ Padri,e farebbe riufcitatale
,
ni confientanea nullamque voluptatem ibi dormituris allatura
fiuijfiet ,

altezza poco proporzionata alie camere tenute conforme il loro bifogno di erat • Si vero hanc altitudinem duas in partes divififfiem > utraque in-
mediocre grandezza, ne fi farebbero potute godere per la troppa altezza , formis futura erat , prafertim cum Patribus fornicata perplacerent cu-
rifpetto maflimc ai dormirvi Se anche fi volevano in tale altezza cavare . bicula , ut minus rnolefiia afferret firepitus , qui e laqueatis exaudiri
i mezzanini fi ftroppiava Puna gl’altri con la baflczza , maflime volen- folet
, e
.

do li Padri le camerc in volta per fcanfare il rumore, che fi fente nelle ca- P-tfi autem hac altitudo fatis utrifque cellulis fuiffet , aut fupe-
mere a folaro . riores ipfis Patribus facienda erant , ficque opplenda erant falis , ficalu-
E quando anche vi fofle flata altezza fufficiente per l’uno , e per l’al- lifque cubicula , aut Laici , qui vocantur , ea inhabitarent , qua porro
tro effetto , fe i mezzanini fi avevano a godere da quclli , che avevano lc adituri erant ? Si vero fecunde contignationis cubiculis jungerentur ,fin-
camere da baflo , tutto il fito andava in fcale , e in fcalette , convcncndo gulis cataratta neceffaria erant
,
quibus ad inferiorem cellulam non fine
ad ogni camera fare Ia fua fcala, fefi davano a’Laici, per qualftrada vi ave- incommodo defeenderent Quodcumque revera confilium adhiberem , nec
.

vano ad andare ? Se fi davano alie camere dcl fccondo piano nobile , bifo- incommodo , nec deformitate carebat Deo tandem afpirante fattum e , .
fi
gnava ad ogni camera fare una cataratta percalargiu almezzanino con ut animas erigeretur , &
animadverterem duplicem , ut plurimum eflfi.
ifeommodita di chi 1 ’aveva a godere . In cftetto tutti i ripicghi riufcivano ambulacrorum finem , prabendi fcilicet ambulationem , aditum ad cu-
fcommodi * e brutti ;
finalmente piacque alia bonta di Dio darmi cuore coi bicula , ut alia aliis ne officiant Ab bac tamen lege recedunt bypgtrt , .

confiderare* che i fini delle Ioggic communemcnte fono duc ,


il pafleggio in quibus ambulatio quidem inefi , non tamen aditus ad cubicula ejus pa-
cd il condurre alie ftanze fenza foggettarc una Ma quefta regola ali’ altra . vimenti femper expeditus , cum non raro fol , pluvia , notturmfique aer
ha una eccczione nelle logge fcoperte , quali hanno il primo fine dei paf- interturbent •

feggio ma non il fccondo dei condurre alie camere di quel piano ivi con-
,
Res ita cum fe haberent > firmumque effit hypetrarum in fecundz
tiguo, poiche Iepioggie ,il vento, il fole ,1’aria della notte in tutti li rem- contignatione , confilium , alius neceffario aditus ad hac cubicula erat
pi diftojgono dal fervirfene per mezzo necellario alfufo delle contigue ca- excogitandus t nulla autem me nec.JJitate adigente hac contignationi hy-
mere , poichc a quefte conviene potervi andare in tutti i tempi ,
ed in tutte p et rarum cequiplana relinquendi , libera erat facultas , ubi opportunius
1’
ore effit , ad ea aditum faciendi.
altiorem, depreffioremve
Poflo quefto, e fuppofto la refoluzione di voler fopra Ic logge dcl pia- Hac veritate perfpetta omni me rnolefiia liberavi Confiituta enim •

no nobile loggie fcoperte , come diremo , ne feguiva neceflariamente ,


che cubiculis altitudine palmorum 22. fupra cubicula primee contignationis
per lc camerc fuperiori a quclle dei piano nobile, conveniva penfare ad al- ambulacrum feptem latum palmos , ordinemque cubiculorum palmos fi-
tro mezzo, che di logge fcoperte per andarvi • Dovendo dunque inven- militer 22. altum , ^
in fuperiori iterum contignatione ambulacrum ,
tare altro mezzo, non vedevo neceflita veruna di tenere queile al pari delle iS paria cubicula defcripfi , nulla habita hypgtrarum plani ratione , qvy
3

logge fcoperte ,
e potevo inventario dove piu mi veniva commodo , o piu infiar penfilis Horti
, viretique futura fiunt opportunis inter fecundum ,
alto , o piu bailo CSP tertium quam in altero cubiculorum ordine fitafunt , ex utroque enim
,

Conofciuta quefta verita ufeij di tutti li faftidij


,
pcrche ftabilita 1

al- pari facilitate , aut afccndenti ,
aut defendenti paucis gradibus p.rvia
tczza delle camerc con la groflezza delle volte in palmi 22. fopra le ftanze funt . Confilium faciendi ambulacra feptem palmos lata , quibus ad cu-
dei piano nobile difegnai un corridore largo palmi 7. e formai fecondo bicula iretur optimum commodiora enim fiunt ,
il fuiffi rts monfirat ,

ordine di ftanze pure di palmi 22. , e fopra quefto nel terzo ordine ftabilij a frigore hiberno munitiora ,
fxaginta quandoque hic contubernales fue-
un’altro corridore , e ftanze fimili a queile dei fecondo , non avendo alcun runt tot que bujufce catus exercitia requirere videntur. Vt itaque hu-
•,

riguardo al piano della loggia fcoperta


,
quale dovendo fervire, come di jus numeri habitatio capax effit prater ordinem imi fili , tres cubiculo-
orto penfile pieno di vafi ,
e verdure , mi riufci piu commodo che fofTe in rum ordines neceffiarii vifi fiunt , non mediocre enim fpatium Coquin-i—-^
mezzo fra 1’altezza dei fecondo, c terzo ordine di ftanze, che al piano d’uno, triclinium , exhedra ,
aliaque hujufmodi cella ereptura erunt . Quum ve-
partecipandonein quefta forma l'uno, c 1’altro ordine con eguale commo- ro cubiculis fornicatis non minor 22. palmorum altitudo deberetur , «f*
dita , c cosi quelli dei fecondo ordine falendo , e quelli dei terzo fcendendo triginta palmis cellarum imi foli adjungendi effient palmi 66 totius adi-
.

pochi fcalini , vanno ivi a fpafleggiare, ed i corridori di 7. palmi , che fer- ficiialtitudo ad centum palmos excedebat , quod metum injicere coepit ,
vono al condurre ciafcuno alia fua rtanza riefeono piu commodi, e piu di- ne impluviorum aer pragravis effit , pejorque antiquo haberetur , cum
fefi dal freddo 1’Inverno , c refperienza dimoftra efler ftata rifoluzionc otti- melior conquifitus effiet re mature , diligenter que exagitata , conflitutum
,
ma . E perche fu confiderato , che per far numero conveniente di camere adificio altitudinem tribuendam qua publicam viant,
fi neceffariam
e ,

ed officine publichc proporzionato a 6a. foggetti , che tanti ha avuto piu refpicit , qua vero impluvia duos tantummodo ambulacrorum ordines,
volte laCongrcgazione, e tanto dicono bifognare veramente per gl’ efer- pro tertio hyp.etras ita faciendas , ut lorica fiptuaginta palmorum alti-
Congregazione, erano aer ,
cizj di neccftarj tre ordini di camerc fenza queile tudinem non excederent. Hoc patto abundans lumen, apertiorque
hortum-
dcl pian terreno , in riguardo dei molto fito,
che erano per occupare le pu- non modo interius xdificium Istius reddit , fied ambulationem ,
ratione utrim-
bliche officine, ed altri vafi publici
, e le camerc volendole in volta non fi que penfilem omnium pulcherrimum conformavimus , qua
par-
potevano farmeno alte di palmi 22. conveniva alzare palmi 66 . oltre li 30. que adificium confintaneam obtinet altitudinem . Supremam adfien
c piu palmi delle camere dcl pian terreno dfiinaveram,
,
di maniera che 1’altezza di tutta iem , qu£ ad viam publicam vergit , cellulis cum finefiellis
la
quas
. , . f

fi avvicina alii cento palmi


Ia fabrica , fi comincio a temere , che i Cortili quas plures e Patribus liberioris afpettus ,'
aerifque gratia incolere cu-
farebbero daria colata, e in luogo di megliorarc d’aria con la fabrica nuo- piebant Tum animum ^ gener ofum
. profetto confilium fubiit ,
cujus ta-
va in fito migliore , fi farcbbe pcggiorato . Dopo varj difeorfi e conf Ite men periculum feceram in Palatio Domini Horatii
, Falconerii Cardina-
fopra cio, fu rifoluto, che verfo la ftrada tenelle alta la fabrica quanto
fi
fi lis ejufdem ejufmodi fuit Et fi 15 .ad
nominis Fratris. Id . fummam
era detto bifognare ,,
ma
Cortili non fi faceflero che due ordini di verfo li
altitudinis palmi conficiendis laqueatis hifcc cubiculis fuppeterent, quin-
logge con maniera, che con il parapecto della loggia_,
la terza fcoperta in que palmos cum dimidio fi ea fornicarem altiora confici poffe dep ra-
,
,
fcopertanon eccedelfe palmi 70. in circa, il che, ficcome ha rallcgrato tut- bendi . Nam omne illud fpatium quod tecli inclinatio trabes inter fi
, ,
ta !a fabrica nella parte interna rifpetto a
formato un pafleggio , ed un Giardino penfile il piu bello, che fi fia mai
i lumi , ed aria aperta , cosi fi e quntta ,
tigna ,
£9° alia bujufinodi auferunt , fornici tribui , & junttis
fipra coemento tegulis ejus crafiitiei eamdem quee tetto filet, inclinatio-
veduto , e cosi dalfuna , e dalfaltra parte refi la fabrica con 1’altczza pro-
porzionata : Avendo tenuto 1 ’ultimo ordine verfo ftrada, come di mezza-
nem . Nec me deterruit fornicum pondus , breves enim funt , & parie-
tes aque craffi in ima ,
ac fuprema parte ( quod mibi folemne efi ,
ut
nini con le mezze fineftre, e fapendo, che molti dc’Padri la defideravano
aftivo tempore calorem , hiberno frigus arceant ,
ut que in iis fores ab-
per la bellezza della vifta e miglior aria piegai il penfiero ad una animo-
,
, ficondantur ,(res enim turpi/fima videtur fupra cubiculorum ornamenta
fa rifoluzione efperimentata pero prima nel Palazzo dei Ulmo Sig. Orazio produci , zSF impedimento ejfi ) cogitavi prgterea coron / projetturam for-
Falconicri Fratello dellTmo di quello cognome, e fu, che febbene non ave- nicis lateri ita % quipon diam facere ut urgere nullatenus queat . Hoc
,
vo, che circa palmi di altezza per farela camcre a folaro, trovaimodo
palmorum 600
1 5. fliciter exeeutus fum in longitudine . in hoc gdificio ,
nec
di farle venti e mczzo in volta ,
poiche quello fpazio , che rubba il pendivo rima ulla in fornice apparuit . Inde aufus fum idem tentare in ampla
dei tetto con le corde , paradoffi c pianc tutto lo diedi al refto della vol- Pontificii Palatii aula palmos 90. longa quam
, ,
, £3° 35. lata , facere
ta, alia quale feci mafliccio con quellapendenza medefima
confli tuerant, cum parietes , juxta communem faciendi modum ,
il
, che fi fuol laqueatam
dare al tetto . Ne mi fpavento la forza della volta poiche oltie che fono
, ad altitudinem fornici neceffariam attolli non poff.nt , ne lumen impluviis
piccole volte , e le muraglie fono groffe tanto al pian terreno quanto fotto eriperetur , contra multorum fintentiam , a quibus etiam Cicmentarii ex-
,
al tetto ,
u fando quefta regola in tutte le mie fatiche , perche difendano dal timulabantur ad fi profitendos e quocumque finifiro eventu a damnis
caldo Feftate ,
e dal freddo 1’inverno ; e perche nella groffezza di quclla fi exemptos , tanta fuit de me apud benigniffimum Pontificem Innocen-
nafeondano i fufti delle porte,parcndomi troppo brutta cofa il vedere avan- tium X. fiducia , ut me operi manum admovere permiferit , exarmatu
zare i legni fopra gPadobbi ,
ed-efler di troppo impedimento , confiderai que fornix nullam rimam egit , nec inpoflerum atturum fpero ; Qnod
che 1'aggetto dclcornicionefacotrapefoalfianco della volta, in maniera, che
fiupeas e fnefiris antememoratorum hujus cedificii cubiculorum fufpiciens
non puo fpingere , con averla pratticata con felicita nel corfo di 600., e piu tuo capiti imminentia fubgrundia ac vsluti interiora cubiculis
, ipfis ,
palmi longhezza in quefta fabrica , fenza che fi fia fcoperto un minimo
di
qui non modo fubgrundis
fornicibufque , , fed tetto ipfi altiores viden-
pelo nelle volte , preli tanto animo , che ho avuto ardire di proporre fimil tur , multo majori abriperis admiratione , fi illam Pontificiam aulam in-
penfiero alia Santita di Noftro Signore Papa Innocenzo X. in un falone dei grediare , ibi enim altiorem videris fornicem externa parietum altitudi-
fuo Palazzo di palmi 90 longo , e palmi 53. largo quale difegnava fare a
.
ne quomodo id vix verum tamen tu-
, , fieri potuerit , intelliges , efi
foffitto, non potendofi alzare le muraglie laterali quanto era neceffario per tioris fornicis reddendi caufa parvas quaf- ,
hoc etiam me ufum confilio ,
faltezza della volta fecondo ’ufo commune per non levare Paria alii Corti- 1
dam pilas parietibus infirvi paris cum fornice altitudinis Supra for- .

li ,e contro Popinionc di molti, che volevano anco che i Muratori prote-


, nicem ipfum ferreas catenas palulis ferreis intra parvas pilas la-
ftaflero de i danni, ed interdii trovai tanta fede preffo benigno Pontcfi- Ab
, il tentibus vinxi . ipfispr ater e a parvis pilis ad pofitas e regione par-
ce ,
che me la lafcio porre in effecuzione , e difarmata che fu , non fece al- vos fupra fornicem tettumque duxi parietes pr<e pilarum craffitie non
,
cun motivo, ficcome fperoinDio, che non fara in avvenire , c ficcome apparentes quibus ita muniuntur efism pilee , ut catenarum vim etiam
,
pare maraviglia a chi s’affaccia alie fineftre delle dette camcre de’Padri il
fi valde fornix urgeret , fufiinere valeant , fed quantum ego conjicio mi-
vederfi legronde dei tetto fopra il capo , e le camere con le volte,
dentro nimum urget
che pajono piu alte dei tetto , non che delle gronde , cosi con maraviglia., Sed ut plenius tibi lettor fatisfaciam , hac oculis deprehendes in
maggiore rcfta ,
chi entrando nella fala fudetta di Noftro Signore, vedcle interiori icbnograpbicorum totius cedificii febematum parte ( quam nos
muraglie aflai piu baffe di fuori di quello, che fi fcorge Paltezza della volta fpaccatum dicimus Tab. 5 $.
)
per di dentro ,
non potendo capire, come cio polia cficre . E’ ben vero, che
per maggior ficurezza della volta di detta fala , Itante la grandezza , fti-
mai bene applicarvi anche un rimedio di certi pilaftretti fopra i vivi delle_.
muraglie in forma tale , che fono di ornamento tanto alti, quanto eia fom-
mita della volta , fopra la quale poficatcne di ferro con braccioli ,epaletti
nafeofti dentro detti pilaftretti, e fra i pilaftretti di una muraglia , e i pila-
ftretti delPaltra dicontro , tirai pezzi di muro fopra la volta ,
e fopra il tet-

to ,
quali pero vengono nafeofti dalla groffezza di detti pilaftretti
,
quali
muri fanno tale forza a detti pilaftretti ,
che li rendono abili a refifterc alia

forza di dette catene , quando anche la volta le fpingelfe gagliardamentc.


Ma a mio credere la volta fpinge poco , e per curiofita il Lettore po-
tra tutto cio riflettere negli fpaccati di tutta la fabrica alie tavole num. 5 5.

5
6. e 58.

Delle Logge di detta Fabrica De aedificii ambulacris


Cap. XVI. Cap. XVI.
Re forti di Logge abbiamo in quefta fabrica Logge aperte, . Ria in hoc aedificio ambulacrorum habemus genera Aper-
Logge ,
Logge fcoperte . Tutte quelie,che fono a
chiufe ta , Aperta funt , quee in imo folo
claufa , £9° hypetras .

pian terreno fono Logge aperte , cosi nel primo Cortile, co- utrumque impluvium ambiunt • Quibus impluvia jun-
me nel fecondo, e Ia parte, che unifee le une, e le altre logge, ambulacrorum nomen vix mereantur , am-
guntur , licet

quale e da una parte fra Chiefa ,


e Sagreftia, e dalfaltra parte bulacra tamen nominabimus
• Aperta quoque funt fit a in
dietro la Sagreftia merita piu tofto nome di corridori , ma avendo tutto un nobiliori contignatione , ubi non cubicula P atrum , fed xenodochium efi ,
corfo feguito, le chiamaremo tutte logge . Al piano nobile dei primo Cor- in quo Viri nobiles excipiuntur , cum ad cantiones muficas cum in Sa-
dove non fono ftanze de’Padri , ma folo vi e la Forafteria per occafione
tile, crario fiunt audiendas adveniunt Cetera ambulacra , quibus Patres ad .

degfOratorj fono aperte perche chi fi fcommoda di fcendere di carrozza fiua cubicula triclinium , exhedram , aliafque hujufmodi cellas adituri
,

in piazza per venire alFOratorio funt. Sed


,
non isfugge di paflare per una loggia frequentius utuntur ,
ab aere , ventis ,
f
r adii que folis claufa
aperta dieci archi fra fotto, e fopra. Tutte le altre al piano nobile frequen- ne ex ambulacris apertis in claufa aer influat , ubi cum iis junguntur
tate da i Padri per andare alie loro ftanze, al Refettorio, alia Congregazio- clathros palmorum duodecim, tela fuper eos indutta , appofuimus , quibus
ne delle coipe , alia fcala delle ricreazioni e fimili luoghi a tutte fore dei ambulacra percluduntur. Et poffunt ferreis fornici aptatis infirumentis
,

giorno ,
e di notte
, fono chiufe per difefa delfaria , deVenti , e dei fole , e clathri hi a periri , c laudique , ceflate vero ita aperiuntur , ut plicatis ju-
perche abbiamo detto , che quelle di quefto nobile fono aperte , e commu- xta parietes telis ,
nullum afferant impedimentum •

nicando con le reftanti communicarcbbe anche 1’aria fi e fatto nel luogo


, ,
ove confinano un femplice Cancello alto 12. palmi in circa, e fopra certe
tele fangalle ,
che occupano tutta f apertura della loggia con commodita di
aprirle, e ferrarie facilmente quando fi vog lia con certi ferri, che fecondano
il fefto della volra e 1 ’ eftate il d. Cancello fi apre in forma, che non lafcia
,
verun impedimento, e le tele fi avviluppano reflando a canto le muraglie
Del- K De
. . ,

20
Delie Logge chiufe De ambulacris facris
Gap. XVII. Cap. XVII.
Ia fi logge dei pri-
e rapprefentata la necelHta di chiudcre Ie Vr ambulacra, primee contignationis claudere oportuerit ,
jam
mo piano nobile, quali fervendo non ranto di fpafleggio memoravimus : nunc qua ratione id faHum Jit dicemus .

quanto di neceffario mezzo per andare alie Camere , ed altri Non modo deambulationi , fed adeundis etiam cubiculis ,

Iuoghi publici di qucl piano, convcniva fjrle godibili in tutte aliifque ejufdem contignationis cellis infervire , nec lu-
Poccafioni, edore, e dovendo effer illuminate non folo per men ipfa recipere folum , fed aliquibus etiam contiguis cu-
ilproprio bifogno , ma anco per conimunicarlo a qualche camera, o came- biculis impartiri debebant . Hujus res gratia arcum claudere conjlitui
rino contiguo , fi penso di chiudcre con muro folamente dalfimpofta dell’ ab incumba deorfum , zy3 in ejufdem femicirculo furfum immobiles vi-
areo in giu
, chiudendo ii femicircolo dalPimpofta in fu tutto di vetriate treas fenefras ponere , C5^ deinde etiam ab incumba deorfum ne/iras f
immobili, anzi dalPimpofta in giu mi rifolfi di farci feneftre aperibili in facere conjlitui ,
qug cefiivo , noHurnoque tempore , diebus , borifque um-
tempo di eftate , dinotte, e di giorno inore di ombra ,
e perche i pilaftri bra teli is aperiri pojfcnt . Quia vero pile arcubus interjacentes parieti
3
fra un’arco , e jPaltro fi erano difegnati groffi nel vivo palmi quattro , e__ inferende palmos 4. -J*
crajfe deferipte erant > Z3 paries unius lateris
mezzo , ed il muro di claufura efiendo fufficiente per quel bifogno di una_» ei rei aptus erat juxta aliorum exemplar in extrema impluviorum-,
5

tefta di mattone
dovevo conforme che hanno pratticato gPaltri piantarlo
, verfus parte fundare debebam , fed confelium mutavi , zy3 in extrema.
nelPeftremo dcl i Cortiii, raami rifolfi ai contrario , cioedi
pilafiro verfo pila ambulacrorum verfus fundavi , idque quatuor de caufs Primo , .

piantarlo nelP eftrcmo verfo la loggia per quattro ragioni


;
prima per elTer quia id magis architeHura preeeeptis confentaneum , cuim enim e parvis
piu conforme alia buona architettura poiche avendo dalla parte delle ca- pilis , membrifque projeHura unius palmi cubilia verfus habeatur ,
ratio
,
merc rifalti dalli membretti , e pilaftri fuori dei vivo dei muro di mezzo poflulabat , v.t ex altera parte f
mi lis projeHura ejfet , non vero trium ,
palmo in tutto , il dover volea , che dalPaltra parte il rifalto fofle fimile , aut plurium palmorum , qualis futura erat fi in altera parte fatlus paries
e non di tre palmi, e piu , come farebbe ftato fe fi fofie fatto il muro nelPal- Secundo , quia fpatium , quod
fuijfet , £5^ nonnulli revera facere fiolent
.

tro eftremo , come fenza tale occafione pare, che prattichino altri Secon- . in ambulacro inter pilas fuperabat , non folum a refpondente fpatio di-
do , perche quello ipazio , che reftava nella loggia fra un pilaftro , e Paltro verfum fed fupervacuum etiam fuijfet , illud vero extra ambula-
erat ,
non folo fi differenziava dal fuo rincontro , ma reftava inutile , doveche_, cra claudendo , infiar moeniani efi , ubi vafa virentibus plantis ornatu_»
chiudendolo fuori della loggia,
agrumi di bella vifta nelli Cortiii
refta quel fito ad ufo di ringhiera capace di poni pofiunt 1 pulchrum podio , ^
ambulationi afpeftum proflantia j4d .

vafi di , e nel pafleggio , epergodere_. bgc podia ingrejfum fici aperta porta , cujus inferior pars lorica loco e
dette ringhiere bafto, che alie feneftre defignate levaffi il parapetto, e le fa- ligno ejfet fiuperior vero vitrea fineflra induta • Tertio ,
quia fi pilee
,
cefli divenir porte , e fineftre , coi fare di legno il parapetto , ed il r eftante interjetfo pariete jungerentur ,
parva aut nulla cum projeHura
, ut face-

di vetriate . Terzo ,
perche i pilaftri fe fofiero uniti tra di loro per mezzo re quidam , fluam
confiueverunt pulchritudinem amitterent , vixque difpi-
di detto muro con poco , o niente di rifalto ,
.come hanno fatto altri
,
per- cerentur 5 e pariete autem tres palmos expoirreHa multa oculorum volu-
derebbero Ia loro bellczza ,
non fi difcernerebbero, dove vedendofi rilaltati ptate afpiciuntur .
Quarto tandem cogitavi , fi ea podia ofiiis claufif-
tre palmi dal vivo un gran rompimento conmoltogufto
di detto muro fa fem , qua e regione cubiculorum fiunt , his utentium Patrum commodo
delfocchio Quarto , confiderai , che facendo dette ringhiere chiufe con
. futura , ibi nempe, canonicas horas recitare , eaque vafis , aliifque hujuf-
porte , e riufcendonc molte dirimpetto alie camere de’Padri,farebbero ftate modi rebus ornare pro libito fuo pojfent His itaque de caufis ad e*-> .

di qualche commodita a’Padri , che godevano dette ftanze lavere qualche claudenda adduHus fum , refque ea animi fententia ejfeHa efi Hoc non .

poco di ringhiera chiufacon chiave per ftarvi a dire Toffizio, tenervi vafi di pratermittam cum in inferiori , ^9° fiuperior i ambulacrorum parti , quam
fuogufto, ecofc fimili Per dette ragioni dunque mi rifolvei a chiuderle
.
adytum inter £9° Templum faHam inveni » fub incumba fornicis cima-
come fopra, e mi e riufcito conforme, che mi figurai . Non tralafciando di tium difeurreret abfque fulcimine , nec aliud nifi pila fornicis pedem-,
dire ,chc icorridori, o parte di logge, che trovai fatte frala Chiefa , e Sa- fufiinentes exporrigerentur ,
dubitavimus per illam lineam non modo af-
greftia Ibtto, e fopra la cimafa correva fotto fimpofta della volta per tutto peHui injucunda futura , fed deprejfa vifiura ambulacra Cimatium ita- .

nonrctta da alcunacofa, non rifaltando fenon i pilaftri, che rcggono il que tollere conjlitui , zs? folummodo in pedibus fornicis reli nquere , ju-
pcduccio della volta , e dubitando , che poteffe quclla linea cosi feguita , ol- xtaque pilas parva membra efficere , quo vere confilio fornicis altitudo
tre il tedio, far parer bafle Ie logge , mi rifolvei romperla con fare folo ne i apparere videtur apta .

peducci delle volte la cimafa, e lafciar sfogare ilrimanente, edacantoil


pilaftro fare de i membretti , veramente mi parve di far buon acquifto rif-

petto al far apparire 1’altezza conveniente

Delle Logee fcoperte De Hypstris


cap. ikviu; Cap. XV III.
E logge fcoperta fono tutte unite fenza verun' impedimento Tpatrarum abfque ullo impedimento junHarum , totumque
abbracciando ii lito delle logge inferiori dei primo
, e fecon- ambulacrorum primi , ftcundi impluvii fpatium am-
do Cortile, e de i corridori fra la Chiefa , e Sagreftia, a fegno, pleHentium circuitus ad mille palmos accedit , idque
che il giro , e fpafleggio e di vicino a
palmi mille nel piu abi- frequentiori Vrbis regione , ubi faluberrimus aer exijlimatur
rato di Roma, e dove Paria e tenuta ottima ed eflendofi fo- fupra fingulas pilas fiylobatem collocavimus , in ejus cor-
,
pra ciafchedun pilaftro formato un piedeftailo , e nel corpo di eflo murato pore magna vafa cum malis aur antiis ccemento vinximus , ZSP complu-
ungran vafo con unapianta dagrume con fcolatori pafcoftiperl’acqua,che via intus abfeondimus , id quod jucundijfimum prceflat afpeHum Inter .

fe li da , rende una belliffima vifta , e fra la groflezza di un piedeftailo c utrumque fiylobatem duo fedilia e piperino marmore utrinque pofui aqua-
,
1’altro dalla parte di dentro fi fono pofti due feditori di peperino, uno per lia duobus gradibus intermediis , quibus ad lorica profpeHum afeenditur .

parte che uguagliono due fcalini collocati nel mezzo con li quali fi falifee
, Ibi plures fidere ZS3 finguli , aut bini horas canonicas recitare pojfunt ,
,
al profpetto del parapctto y in maniera, che puo numero grande di perfone quin fibi invicem impedimento fint . Infra fupraque fpondas permulta-,
fiunt vafa fiumma proportione difiributa , que fummam iis
'
dir 1 offizio a federe foli, o due per due, fenza che gPuni impedifeano gl'al- jucunditatem
tri ; Ed eflendovi in oltre quantita grande de’vafi a baflo, e fopra i parapet- afferunt qui ftudiis aut laboribus difienti domo exire nequeunt liberio-
, ,
ti riefcedi vifta, e di amenita proporzionatlfiima a chi occupato in continui ris aeris captandi gratia . Illud porro utilius efi , quod parietes ambula-
ftudj, edefercizj faticofi, non ha tempo d’andar cum fint fingula ex bis ambulacris certis horis
fuori a cercare aria aperta , crorum alti 2,0. palmos ,
ed a ricevere la vifta
, e quel che e piuconfiderabile e che avendo d. loggie quotidue percutiuntur certis viceverfa non percutiuntur , unde quolibet
,
verfo Ie ftanze la muraglia piu di zo. palmi alta ne fegue ,che dej’4.corfi diei horis potcjl quifpiam fole , umbraqut-,
omnibus
, anni tempore , zy*
di logge, ve n uno, chc ha
e non la fera , un^altrojche Exifiimant aliqui temporis injuriis cejfuras aliquando hypetras ,
e-fle il fole la mattina, e gaudere .
,
ha il fole la fera, e non
mattina, un akro,che ha il fole la mattina, e la fera,
la
ruinamque faHuras , verum facile efi principiis levi fiumptu obfiart_ ,
un altro non ha fole, ne la mattina, ne la fera • Sicche in tutto Panno, ed in Deinde quamvis humid<e Jierent , quod nondum dignovimus , iis non ha-
tutte Pore delgiornoha laperfona commodita di fole, e di ombra confor- Tot vafis abundans aqua i
, bitata cubicula , fid alia fubfunt ambulacra .

me, che piu defidera,c conforme il bifogno delle ftagioni e fe benele logge tempore neceffaria revera abundat non modo
, dtflivo prcefirtim efi ,
fcoperte fono communemente ftimate pericolofe a lungo andare per 1’ingiu. qu<e e puteo inter duo Templi Sacel-
d teHis colligi
pluvialis quee , fed
,
rie dei tempo ,nondimeno non e gran cofa andar riparando, quando Fontem deinde in plano primee contignationis
fi vede la effoffo hauriri potefl .

principiare il bifogno in alcun luogo con pochi giulj,


e quado rendefle anco flatuimus aquam ad majorem altitudinem projicientem 5 unde perquam
qualche umidita, il chc fin ora non fi fcorge, fotto di efle non vifono camere,
facile ad has hypptras pertrahi poterit .
che fi abitano , ma parimente logge, e perche tanta quantita de vafiricerca
abbondanza dacqua Peftate, oltre quclla, che nclle medefime logge fi puo rac-
coglierc dai tetti d aequa piovana,dallc medefime logge fi tira Pacqua d^ un
pozzo , che e fra due cappclle della Chiefa , e finita che fara la Fabrica
, fi c
difegnato di fare una fontana nella loggia dei piano nobile fin dove fi puo
zare Pacqua,dalla quale fi rirara con facilita grande a qucfta fcoperta De
. , ,
. , . :.

Dell’ alzato della Loggia verfo i Cortili


De ambulacri impluvia verius altitudine
Cap. XIX.
Cap. XIX.
Onv'e cofa in qucfta Fabrica, -della quale
io refii maggior. Ibil eflquod me in hoc adificio tantopere deleRet
mente iodisfarto, che delTavere con un’ordine folo ,
, quam

abbracciatc tutte duc


depilaftri um pilarum ordine utrumque ambulacrorum ordinem
le loggc , che febbene fu inventato tal
af-
modo da Micher Angelo fecutum effe. Et quamvis Micbael Angelus in
nel Palazzo Capitoli-
di Campidoglio , tutta- no Palatio id primus invenerit
via non i liato pratticato da alcuno , nullus tamen adhuc in
, e verameme con man- ambulacris
cho cofe , c fenza tant. pilaftri c pilaftretti
effecit , (y abfque tot pilis magnis parvifque,
, , c moltiplicar di bafi capitelli ,
c cornici, nefee
, tot bajium , , capitulorum coromdumque
multiplicatione majorem id pre-
maggiormente macftofo, parendo pilaftri fra
Ii gFarchi Jlat majejlatem videntur enim pile inter arcus
tanti Giganti, che il cornicionc fi alzino a foftenere ;
inflar Gigantum pfe_
, che cinge li cortili attollere ad fulciendam coronam ambientem impluvia
quali avendo fopra linimento dei parapetto della loggia fcoperta
ii ,
qug cum definant
con le in hypptrarum fpondas plantis virentibus i pilis
piante d agrumi , che fi vedono forgere ipff enafeentibus or-
fopra li pilaftri, rendono vaghifli-
mavifta, e febbene Tornato pare, che ecceda natas
,
pulebemmum reddunt afpcBum . (ffuamvis autem hujufmodi or-
Ia preferittami modeftia de i
Padn , a fegno che ne fui riprcio pii, d'una natus priferiptos mihi modf/it fines videatur excedere,
rem tamen fi-
volta, nondimcno.fc fi confidc- dulb perpendenti patebit , pulchritudinem
rano dlftintamentc le parti di cffo,fi pulchra proportione 'e
nen ma-
troveri, che il piacimcnto nafce piu dal
'a

difcgnc rmfcito vago


teria , ornatuve exoriri . Capitula enim quinque tantum
1
che dalla materia, o dalTornato effendomi
,
fimplicibus fo-
, conten- liis ornavi abfque cfatura, volutis
tato d, fare li capitcll, con cinque , alioque operis pretio, fed maenis ,
femplici foglie lifcic fenza intagli fenza
volute , e fenza veruna ricchezza di
, praterea pilarum projeRuris in pariete claudenti ambulacrum
lavoro , ma Ii rifalti grandi depilaftri in extre-
ri/petto ai muro , che chiude Ic logge,
ma parte ,
qua ambulacrum cum podiis refpicit quo fit , ut vafa fupra
fatte nelTcftrema parte verfo Ia lo«- ,
podia extern priftantemque fpeciem efficiant non aliter hominis corpus
gia le nnghiere, che pcrcib reftano fuori :
i vafi fopra ipiedeftalli in ciafcuna ornat magis vefiis e viliori tela quam preciofa , ftd inficite
ringhiera,tanno gran rumore , fed apte
, nella maniera, che un vellito ben ,
tagliato c fatla. Hac omnia exhibentur in Tab. ;q.,
ben eunto ' di tela fangalla
comparifce moltopiu, che uno di drappomal iy 57 ubi praecipuos am-
.

atto indollo d un omaccio,ed il tutto


buUcri modulos defcripji.
fi rappreseta alia tavola
n.j-fcon Tal-
tra , chc leguc al n.5
7., do ve lio pofto li principali modini della fopradetta.

Delii Lavamani De malluviorum loco


Cap. XX.
Cap. XX.
L Lavamano al certo e riufcito commodo
, c vago , commo- Ommodus , eleganfque factus
do.paflandofi per mezzo di effo nel efl malluviorum locus . Com-
calare da gTappartamenti modus , quia per illum tranfeunt qui e fuperioribus cubi-
di iopra Refectorio, e vago per effervi due fontane
al ,
d’acqua culis defendunt . Elegans quia duobus ornatur jugis aqua
viva, alia quale coopero laprovidenza ,
divina coi far rirro- fontibus quibus faciendis apta marmora Deo dante, in ejus
Var ' marm
P ro pofito per ‘ a efii ne i fondamenti dcl mede-
, ,
r r , , e fundamentis excavandis reperta funt
liino vafo ; e divifo detto Lavamano in due . In duas locus ille
parti , uno che tira a drittura_ dividitur partes, in
deile Cucme fenza
quarum altera malluvium aquam reti* ad culinas
mpedimento, Taltro dovefono le fontane, quale i fud-
dferens altera funt fontes
, (y hae ipfa tribus arcubus fubdividi-
:
dnnio con tre archi quello di mezzo
, ha incontro la porta dcl Refettorio tur quorum medius triclinii janua
neglaltrt due vi fono le duc fontane in ifoia , eft oppofitus . 7» duobus aliis in in-
una per iato fula modum
utrimque fontes pofiti funt
fontane rapprefentano il fiote detto
Tulipano aperto , nel mezzo Fontes tulifpa florem referunt
dei quale s ltwlza 1 aequa, e cade , cujus medio profilit aqua i (y 'e

nelmedefimo fiore capace di molta aequa, m eumdem fatis amplum florem recidit Quatuor trunco
e lotto il fronto di cfloefeono fe exerunt 'e
fuori quattro rami di metallo con una .
tazza e metallo rami quibus labrum
fubjeRum efl ; fi vertantur , qua in ver-
incontro a ciafcuno fopra i quali
rami
effendo alcuni animalctti, cioe in_
,
ttee ramorum funt animacuU aut
uno un uccclletto in un'aItro una infitla , exilit am* ad tergendas
, Iuccrtola , nellaitro unape c cofa fi-
,
mile, con volgere quel tale animaletro,fi
riccve Pacqua per lavar Ic mani
E perche I aequa viva di dette fontane alcune volte Quandoque deficit jugis aqua ; cujus rei gratia puteum
in uno e
manca , fi penso triangulis tnchmo proximis reliquimus, qui dirutis in domibus repertus
al rimedio con lafciare in uno di det ti triangoli
dcl detto Refettorio vicini unde bauflro aneo cito hauriri aqua
a dette fonti un pozzo che era nelie efl, potefl qua in amplum vas
cafe ivi demolite , ef-
, nel quale effendo- , fuja altius fontibus in triangulo pofitis in fontes ipfis fefi infundit.
viii accommodata una tromba di rame con ,
effa affai facilmente puo trat
fi Vt expeditior malluviorum locus
duo qua conterminis ei loco tri -
e jftt
iu aequa ahbondantemente per il bifogno dei
I
,
lavar le mani quando man- angulis inerant, loculamenta reliRafunt ubi
ca aequa viva , e per dar maggior campo ai
1
,
, duo oflilia in triangula ipfa
fito de lavamani , furono adeuntia
cavat, due graninicchioni neil. triangoli
i
Vtnmque pendent quatuor manutergia , iyoRo fimiliter
.

confinami con detto filo , incia- funt


aqua fifuncult , ita ut citiffime ante,
icun de quali nicchiom e una porticella
per entrare nelli detti triangoli
gy pofl convivium Patres , Fra-
di qua , e di Ia da dette porticelle
, e trifque manus abluant . In altero malluvii pariete ffo. Capfulas feci,
dentro i nicchioni ftanno appefe le tova‘- ubi a convivio folent Patres
gl.e per aiciugarfi mappulam cum cultraria theca reponere
, in modo che con orto fpilli dacqua dellc due fontane
, Ot minus
, id appareret non nuce, ut in animo erat,
e quattro tovagl.c ne i mcchi dicontro in un tratto tutti li Padri c Fratelli
ligno dealbata us ofliola
'e
fd e communi
fiponno lavar le mani prima, c dopo
,
fici, ty in horum medio flellulam nuceumque
menfa ; E perche' ufano i Padri di globulum
di dena Congregazioneriporre , ne manu ipfa quotidie ofliola attreft arentur .
ciafcuno la falvietta con forcina e coltello
finita Ia menfa in un caffettino
, Numeros areos fngulis obfixi ut fuam
di dove Ia levano nell’
, unufquifque vel coecus ,
, entrare in Refetto- aut obfiuro tempore
r.o fcc, fare n una delle parcti dei
manu dignofat . Omnia itaque percommoda funt
,
lavamano ffo. caffettini per ffo. fra e contignationibus enim fuperioribus defendentes
,
Padri , e Fratelli, e perche dena parere non pareffe tagliara fe facevo fpor- Patres falis ad tricli-
i nium ducentibus, fiatim ad malluvia veniunt,
telh d, deni caffettini di noce , ebbi per bene di farli di legno ordinario cd mappulam e fimflro la-
, tere fumum , manus a dextro abluunt,
imbiancarl, conforme muraglia fotto , e fopra ; ma perche facilmente
Ia
caterifque affluentibus fiatim loco
fi cedunt . Lumen ibi defuturum metuebam
larebberoinfucciditi peni continuo aprirli, e , tribus enim partibus cellas 'e
ferrarii , feci fare in mezzo habet locus ille communibus. Triclinii
de i iportelli una ttellctra con una pallina
di noce, accioche quelio che toc-
ufibus adfgnatas , zy ex una^
, tantummodo parte ambulacra. Nihilominus i duabus amplis ex hac
cava Ia mano fi rimaneffc fempre nel fuo
effere .
parte feneftns , iy i quibufdam etiam
£d accioche ciafcuno poffa riconofcere il fuo caffettino ufanoporvi quadratis , (y ornatibus in pa-
riete contigua cella viam Parionis
iopra un numero, ma non riufcendo refpicientis lumen duxi. Sufficiens
alcuna volta , o per 1'aria ofeura, o per tamen
mancanza efl ,
quod e duabus fumitur fimfiris ut videbis in Tab. tp.,
di vflta veder il numero , feci fare i numeri di metallo e li con-
,
, ubi bcec omnia deferipta .
hccai fopra gli fportelli di detti
cafTettini ,
in maniera che con Ic fole mani
i P°j C c
5 °.
ricono ^cere
>
e pero riufcito il tutto commodifUmo perche
,
cen en o Padri Ia fcala, che dalli piani fuperiori
i
conduce al Refettorio
lmmediatamente ritrovano il lavamano
, e prendendo la falvietta a mano
manca, hanno le fontane a
mano drirta , e dando luogo a gli altri pifi oltrc
rovano vicine e tovaglie ,
da afciugarfi ; Ii maggior mancamento, che io
preve evo in etto luogo
era il Iume , avendo da due lati altre officine e
,
a
g a tri ucati, parte officine c parte
, logge , tuttavia m’ingegnai oltre
due gran feneftrenelle logge
dalTuna parte , e dalTaltra di fate nella mu-
,
g ia ver o una ftanza contigua alia ftrada
di Parione certe riquadrature
,
’ PC qUa 1 fi P rende lun>e anche da detta
bene”?UmC j 1 U ™ e non< ‘, ftrada di Parione , feb-
* ^ ime no ajuta fufficientemente
. il Iume dellc dette
COn> da a ianta
P 1 c fpaccato con fue fontane della detta ftanza_
deMavan
e ^vaniam ^ i!
alie Tavolc num. j 9 c ffo. .
Del De
. . . . . ,, . •. t . ^

22

Del Refettorio, e d altre officine De Triclinio ,


aliifque officinis

Cap. XXI. Cap. XXI.


dal- Z)m triclinio arcam felegimus ,
curavimus , ut a publicis
El dar fito al Refettorio fi cbbe riguardo tenetlo lolitano

publichcftrade, cosi in riguardo deileggere a tavola, e_.


viisfemotum ejfit cum ob legendum , proponendafque inter
Ic
conforme 1’inftituto della Congregazio- comedendum qucejliones , tum ob exhedram , quam fupra tri-
de! proporre i dubj ,
che in vafo fimile clinium facere par vifum ejl Situm ejl igitur fecundum
.

ne ,
come in riguardo della ricreazione ,
tertium impluvium dubia ab Oriente potiori lu-
inter
ftimo conveniente doverfi fare ; fu
fopra dei Refettorio, fi

percio fituato trail fecondo, e tcrzo cortile con i Iumi vivi dalla
parte di ce , & ex ambulacro ab Occidente . ‘Brevis illa videbatur area , cum fe-

Levante , ed i lumi con la loggia avanti dalla parte di Ponente , e fe


bene cundum eamd m
ejfe deberet malluvii locus , ait g
que commoditates . P e-

alia medefima dirittura fare il rum omnia efficere curavi Parionem verfus parietem tres palmos ultra
il fito pareva corto al bifogno , dovendofi

lavamano ed altre commodita nondimeno m'ingegnai coi tirar la mura-


, ,
[comma producendo , & parietem intermedium cum anticubiculo au-
aliumque fubtiliorem faciendo Et revera voto res ipfa ref-
palmi fopra fquadro, c coi fcavarc un muro divifo-
ferendo ,
.
glia verfo Parionc tre
di cavarvi tutto , pundit '

rio colfanticamera dei Santo , ed andar fottile dall altro


che bifogna , come Dio grazia e riulcito tutto a propofito .
Una dellc difficolta,che s’incontravano fu la ballczza,ftimandofi bene Ab imo pavimento ad primam contignationem fummumqus tricli-
non guaftare piani di fopra , edovendo il vafo eiler longo , e largo , c 1 al-
i
nii fornicem 3 2. tantum palmorum altitudo erat , parva nimis nec &
2. com- longitudini , par videbatur , nec altior fieri nfi perturbato fuperiorunz-.
tezza dei primo piano come fi e detto non elfendo piu di palmi 3
prefala volta, e mattonato
contignationum ordine poterat Non mediocrem id faciebat difficulta-
.

che
, . .

le officine neccffarie
^ tem.
Dopo molto ftudio , e difeorfi fi confidero ,

Refettorio e che dovevano farfi vicino ad effio , e nel quartiere bat-


per il ,
bifogno d’una por- Re diu , multumque perpenfa , animadvertimus faciendas triclinio op-
tezzato di fopra rifiuto della fabrica principale, vi era di
prima abitazione portunas officinas in loco quem fupra cedificii repudium nominavimus -
ta per le Carrette , e Sportaroli , conforme fi aveva nclla ,

januam uti erat in veteri habitatione ibi epithedys bajulis apea


per introdurre le carrette con le legna , i cavalli coi vino , gli acquaroli con
,

1’acqua Iportaroli con le robbe per cucina


, ed i
riendam, &
multos preeterea palmos depreffiorem effe viam P arionis are-
ambulacri , nec non januam in eam exeuntem , ut epithe-
ftrada di Parione erapiubaffa molti palmi piu dei piano della
Che la &dificii ,

equis facilior effet ad ejufdem vi a planum eccedere debere . Vn-


fabrica , e delle logge , confeguentemente dovendo la porta , che riufciva.,
dis ,
de locum illum quatuor palmis ambulacris depreffiorem facere conflitui-
in detta ftrada avvicinarfi al piano di effa per agevolczza alia carrette, e ca-
valli fu rifoluto di fare detto Quartiero piu ballo delle logge 4.
palmi, con mus . Sed licet nj.ulta altitudini acceffio ita faPla fit , nondum tamerp^
,

la qual maggior baffiezza di 4. palmi fi guadagno affiai , non baftava ma longitudini palmorum 83*5 C5^ latitudini 4 °* » altitudinis 34 ffficlf
*

bant llludque difficultatem augebat , quod etiamfi altitudo quanta optae


trattandofi di un vafo longo palmi 83., e largo palmi 40. , alie quali lon-

ghezza e larghezza non potevano baftare palmi 3 4. d’altezza , che refta- batur adfui (fe , oculis , non auribus confulebatur . Sciendum enim ,
,

che era peggio quando anco aveftimo potuto dargli Santti Fundatoris prgfcripto pofi facram lettionem inter prandendum ,
vano d'aria ,
e quel ,

occhio, ma non c cenandum circa finem folere unum e Patribus per vices duas qu&-
tutta Taltezza defiderabile, averelfimo fibene fodisfatto ali ,

udito Per che e da faperfi che coftumano i Padri di effa Congre- fiionts , alteram de rebus confcientiA , alteram de Sacra Scriptura pro-
ali' . il ,

, ad quee poffunt , iSF folent finguli


Sacerdotes refpondere . Tum->
gazionc per iftituto dcl Santo Fondatore, oltrela lezzione Ipirituale nel ponere

tempo della menfa , nel fine , cioe vcrlo li due tcrzi di effa far proporre ad qui qucejliones movit de utraque fententiam fuam explicat . Porro pa-

uno de*Padri per turno ogni giorno , mattina , e fera due dubj , uno de cafi bulum hoc fpirituale colloquentis voce prolatum non aque facile audi-
tur ac leclio e ftggeflo firmiori fafta Inde quod fi altum fit tri-
Sacerdoti per ordine poffiono
.
fit ,
di cofcienza, 1’altro di cofe morali ,
e tutti i >

vox non audiatur ab Arcbiteftur* legibus rece-


e logliono rilpondere ad ed in fine il Proponente con-
uno delli due dubj ,
clinium , fi deprejfum
Or quefto pabolo Ipirituale detto in datur .
clude coi fuo parere 1'uno, e 1'altro .

tuono familiare non fi ode cosi facilmente , come la lezionc , la voce


della_,
conleguen-
quale con tuono alto fi Ipicca di fopra una catedra, o pulpito , c
ode Verum fupremus omnium conditor , a quo animatus in hoc adifi-
temente, fe il vafo dei Refettorio ealto , Ia voce piu difficilmente fi ,
fe
cio vifus fum-> e malo bonum elicuit , Z2* difficultatem abflulit inufi-
e baffo difdice all'Architettura .

mi parve , che mi am- tata quidem , fid omnium aptiffima ratio , qua pro hoc inftituto excogi-
Ma il Sovrano Fondatore ,
che in tutte le cofe

maffie in detta fabrica, fece nafcere il bene dal male, e fi rimedio con modo tari poffet

non piu ulato, ed il piu proprio, che fi poteffe mai inventare per d. inftituto.
Litem agitabant Patres-) inanibus compertis pacatis agendi viis , con-
Litigavano i Padri con un vicino , che non voleva vender loro una_.
1'affittava, e non oftante un Breve tra vicinum quemdam qui domum fuam-) quam locabat , non incolebat
fua cafa , nella quale efio non abitava,ma ,

a eis vendere nollet , licet Pontificio ‘Brevi quod plure s ante annos obti-
Papale di potere sforzare i Padroni delle cale di quell Ifola a vendergliele ,

prima , mai con_, nuerant , adigere poffent domorum in illa infula Dominos ad illius fibi
ftima de'Periti per detta fabrica impetrato decine d’anni
h<ec parvis co-
loprafatti dalla necellita , afiimato pretio vendendas. Contermina erat domuncula
le buone Tavevano potuto avere, .e finalmente
chlidibus fcalis in angulo area triclinio defiinata . Sed hominis afperitas
cominciarono la lite , detta cafa terminava con una picciola fcala a lu-
dubitationem injecit , ne cavillationibus litem , fimulque adificationem^
maca in un angolo dei fito deftinato per detto Refettorio , ed effendo il Pa-
drone di efla Uomo duro affiai, e cavillofo, fi dubito , come in effetto fucce-
protraheret .

tanto non fi farebbe


dette , che la lite farebbe durata longo tempo, ed in
potuto fabricare.
His angufiiis adduHus fum ad excogitandam ovalem triclinii for-
Queftaanguftia mi conduffie a penfare di dar forma tale al Refettorio,

dove era detta fcala a lumaca,


sfuggiffe quella parte della cala, e cosi mam que non folum domum illam fuperfluam redderet , fed plurimas
,
che fi palmorum 40.
qual forma mi diede la vita infuper afferret utilitates . Primo quamvis longitudo effet
fui necelfitato a prender una-forma ovata , la oculus qut
qup fere 44. altitudinis requiret , nullatenus
cum introeuntis
perche non folo mi fervi a detto effetto, ma mi causo mille altri beni , e ^
minori altitudine-,
in oppofitam fertur partem , qn£ minor fenfim fit
primo fe bene nel mezzo dell' ovato refto la larghezza detta di fopra faciendum fuerit tricli-
contentus fit , palmos tantum 34- altum
di palmi 40- ,la quale richiedeva un' altezzadi
palmi 44. in circa , nondi- fi
confmtanea tames
nium , ne prima contignationis ordo abrumperetur,
.

meno terminando la vifta di chi entra ncUeftrema parte dei vafo, che fem-
proportione pryfertim in lunuU modum fpir aculis exa-
circumpofitis
pre va minorandofi , refta detta vifta appagata con minore altezza,
che pe-
valde futu-
nobile piu che pal- Hum Sivero forma par ale Ilo grammi fujfet , deprejfum
ro non effendofi potuto alzare per non guaftare il piano efi.

mi come fi e detto ad ogni modo fi e refo proporzionato , maflime rum erat


3 4. , ,

coi sfogo di molte lunette intorno ,


dove in forma pararallo gramma farcb-
Secundo proponentis qucejliones-, aut refpondentis , ut diximus, vox
be riufcito baffio affiai

11 che effendo proprio di quefto inftituto proporre i


fccondo bene e facilius ad aures perfertur .
,

dubj a tavola , come fi e detto cou tale baffiezza fi ode piu facilmente la
vo-
Tertio affert Patribus , Fratribufque fe—
quamdam jucunditatem
ce di chi propone, e di chi rifponde , che fe foffe alto
in eos inaicem intueri imo par didetur Prxpofitum deluti parentem Fi-
terzo e gran fodisfazione di vederfi tutti i Padri , e Fratelli in faccia
Il
;

mentre fi mangia , anzi e conveniente affiai , che il Superiore abbia innanzi lios fuos ob oculos habere , quod ovalis forma mirifici pneftat

aglocchi tutti i fuoi Figli , il che riefee benifiimo figura ovata loquentem .
Il ,
che ajuta grandemente ali' udire chi difeorre il vedcrlo
quarto e Quarto magnopere facit ovalis forma ad audiendum
nec fe in-
in faccia che fuccede nella figura ovata, dove prima nelfabitazionc vec-
il Ajunt enim in priftina habitatione cum fefe non obtuerentur ,
,

vicem audiviffe , qui ex una fimul parte adfidebant


.

chia dicono , che quelli , che fedevano nel medefimo


lato , e confeguente-

mente non fi vedevano in faccia , ne meno fi udivano ordinariamente Quin-


. . . . . , . . .

II quinto e , chc negl’angoIi fi fono cavati mille fervizj ,


c bifogni dei Quinto vix dici potefi quot ex hac forma habeantur in angulis
,
Refettorio ,
che recano commodita incredibili , delle quali farebbero flati triclinii commoditates , quibus utique quadrata forma caruijfet •
privi fe Ia figura folle ftata quadra
Dal male dunque della lite fe ne cavo quefto bene , e fe e cofa fingo- Hoc itaque boni e lite natum efi . Ceterum fi fingulare quiddam.,
lare , e non ufata da altri , e anche fingolare non ufato da altri il dilcorrere hoc videatur , nec ufiu receptum illud etiam peculiare fermones in
, menfa
virtuofamente a tavola de virtute infiituere .
Aggiungo , che quella fcala a Iumaca, che per impedimento neccfllto
a mutar difegno
, rcftd nella
fabrica nuova nelfangolo della fcala di fopra Id addam cochlides illas j qup ad mutandum confilium impule-
e fu neceffaria perche 1 ’appartamento dei Predicatore non ha altro acceflo runt , in angulo exbedrp fiuperioris adificii novi remanfijfe , ty necejfarias
,

copertoper il tempo di pioggia , che quefto .


fuijfe , cum nequeat aliunde condonator decidente pluvia fua cubicula_
A quefto vafo ovato feci la porta in una tefta , e fituai nella dicontro adire .

teftauna tavola, infaccia della quale per laloro modeftia i Padri non fi
fervono , ma la rifervano per li Prelati , Prencipi , e Cardinali , da’quali di Ad hoc ovale triclinium janua ducit in altero capite pofita offeren-
quando in quando vengono favoriti* te qua modeftia quadam addudi Patres non
fe flxtim in altero menfa
,
Nel mezzo della lunghezza delfovato fituai il Pulpitino per il Letto- utuntur
, fed Cardinalibus , Prafulibus , virifque Principibus , quos exci-
re, cavando nella groffezza dei muro una picciola fcaletta di travertino per piunt quandoque , fervat am habent
falirvi , la cui porta ovata fotto il Pulpito e coperta con una portiera di In medio longitudinis paruum Lectoris fuggefium , fallis ad illud
panno verde in ipfa parietis crajfitie parvis fcalis e tyburtino marmore £cp
, fub fug-
Alfincontro feci unaltra porta , cherilponde inunCortile, come_, janua cortina panno viridi obteda
gefio ovali e .

piu a baflo diremo i accanto alia qual tavola de’Prclati lafciai un Ipazio
commodo per andare ad uno de i triangoli nati dalla forma ovata , quale e januam , de qua infr <z_,
E’ regione aliam in impluvium exeuntem
maggiore degi’ altri rifpetto ad altra fabrica ivi contigua delle cappelle dei loquemur Juxta Preefulum menfam vacuum fpatium reliquit quo fa-
.
Santo , qual lito deftinai per il fervizio de’ Prencipi quando ivi mangino , itur ad alterum , ex triangulis ab ovali forma enatis
, cile
, quod fpa-
a’quali dandofi bere con fottocoppa ,
detto fito ferve per farvi la Bottiglie- tium Principum commodo deftinavi j Si enim ibi ajfideant , infirui men-
ria, in fimile 1« frutta , vi fi tengono piatti da mu-
occafione vi fi preparano fx potefi vinofrudibus , patinis ypocrateribus , aliifque hujuficemodi
, .

tare con pochi pafli , e fenza fccrrere il Refettorio innanzi , e indietro


e cumque hoc in loco oftium fit
, unde brevi ambulacro itur ad culinamt
,

vengono puntualmenre lerviti , maffime, che detto camerino ha una por- facile omnia proflo fiunt , (jt3 dici vix potefi , quot afferat triangulum
ta verlo il corriJe della Cucina , dalla quale per uu corridore
, o loggetta_, illud commoditates , prffirtim pofi incommoda qua experti Patres funt
,
coperta fi va in Cucina , o dove bifogna, fenza mai pallare per il Refetto-
in veteri quadrato triclinio •

rio , ed e incredibile la commodita , che fi riceve da detto triangolo maf-


,

fime avendo provato i Padri il difturbo , che lolevano ricevere in fimili oc-
cafioni nel Refettorio vecchio fatto all’ufo commune quadro .
Inter primam illam menfam , fuggefium ex una parte oppofi-
tamque januam , ex alia , tres utrimque menfie quatuor Patribus fingulce
&
Fra detto Capotavola porta dicontro fituai tre tavo-
, ed il Pulpito ,
collocata funt , firvata utrimque in menfis ipfis ovali forma
, Dubita-
e
le per parte per quattroTadri per ciafcheduna mantenendo fempre per di
, veram ab initio non bene iis aptandas mappas , fed oppofitum effedus
fuori e per di dentro nel giro delle tavole Ia figura ovata, e fe bene dubitai
, probat . Vna menfa ao alia apto ingreffui fpatio fimulque percommo-
,
malamente vi fi acconciaflero le tovaglie , nondimeno non e ftato vero , do divi a e f
fi
poiche curto riefee cosi dolce, che le tovaglie vi fi adattano lenza veruna
il

manifattura , fra una tavola, c 1’altra, lafciai Ipazio per 1’ingrelTo, ed


Inter idem fuggefium ex una parte , oppofitamque januam ex alia ,
egreffo ,
che e riufcito afifai commodo iSP januam triclinii , tres item utrimque prioribus non obfimile s men-
Dal Pulpitetto dei LettoYe ,e porta dicontro fino alia porta principa- fxs collocavi Sed duabus pofierioribus fex , feptemve adfidere poffunt
;
le di detto vafo, fituai tre tavole per parte-, le prime vicino al pulpitetto Ita triclinium hoc 5 <T., aut 58. di[cumbentium capax
efi .
conforme le altrc per quattro perfone , le tcrze ed ultime vicine alia por-
, In faciendis triclinio fenefiris , quee odo fiunt quatuor ficilicet du-
,
ta per Ici, edanco per fette perfone per i Laici,dimanicra che in tutto pon- plices e triangulislumen infundentes , quatuor extra eamdem fu
no cap ire comprela la prima tavola de’Prelati 5 6- perfone , ed anche 5 8. fe obtulit difficultas. Aut enim has altas facerem , turbabatur ordo
Ebbi anche alcune difficolta nelle fcncftre, quali fono otto, cioe quat-
.

tro doppic, che danno lumealli quattro triangoli, e paffano nel Refetto-
corona , juxta fornicis incumbam a
fit , aut depreffds , poterat in ex-
timis ambulacris obambulans introfpicere . Cito tamen opportunum fiubiit
&
rio c le altrc quattro fuori delli triangoli, Ia difficolta confifte nelfaltezza,
,
confilium \ extra enim altas , intus depreffas conformavi , idque rationi
o parapetto , perche fe le faccvo alte rompevo la cornice ali’ impofta della confentaneum videtur , lumen , quod e coelo ducitur veluti defendendo
volta, fe bafle poteva da chi fpaffeggiava per logge di fuori rimirar
fe fe immittere . Quod optime eveniffe videmus in ea parietum crajfitie
fi le
,
dentro, ma aflai prefto preli ripiego di fare di fuori 1'apcrture alte, e quel- cujus fpatium non devexum ( licet contra omnium confuetudinem
)
le di poiche avendo il lume dal ciclo e aflai proprio , chc dall’
dentro bafle
, fed planum facere placuit. Sic pulvis
, pulvere obfitum fiepe videretur
ingreflo aU’egrefio fi defeenda , ed eflendo le muraglie grofle e riufcito be- non
oculis fe offert , £9° pr ce ter ea fcandi facilius potefi , cum vitreg fene-
nillimo , e fra l’uno , e 1’altro foro ftimai meglio far un ripiano, che venire indigent . Totum triclinium deferiptum habes in Tab. 6i.
firee y 61.
a sbiefeio, come altri fogliono ufare
perche quefto sbielcio riempiendofi ,

di polvere , ne fa continua , e brutta moftra , dove il ripiano non fi vede , e


da in olere commodita di falire , bifognando per qualche bifogno delle ve-
triate , o legname , eflendo la pianta ,
e lpaccato dcl detto Refettorio alle_
Tavole num. 61 . , e 6z.

Dell’altre commodita adjacenti al Refettorio De aliis Triclinio adjacentibus, opportunifque Cellis


Cap. XXII. Cap. XXII.
Eliiquattro triangoli, chereftano fuori dcl Refettorio ovate, Num quatuor triangulis ovali triclinio adherentibus men-
e
abbiamo gia detto uno lervire per tavola de’Signori Foraftie- fa exterorum ibi forte ajfidentium infirvire jam dixi-
ri, quando vi mangiano ; un’altro che rifponde nella loggia mus ^ aliud , quod exit in ambulacrum viridarium verfus
,
verfo ilGiardino, fu deftinato per fervizio dei medefimo ipfi met viridario. Catera duo ad malluvii locum funt
,
Giardino . Gfaltri due rifpondono nel lavamano ed hanno er ofiia in antedittis loculamentis
,
habent . In altero ex his
leporticelle nelli nicchioni fudetti, come fi £ detto In un di elli vi e puteus , haufirumque
. il
, funis nolx ad prandium , canamque vocantis
pozzo con la tromba per le fontane , come parimente e detto, ed in oltre quod
,
fi ipfi triclinii miniflro commode cadit ,
nec ab ullo cum fonat con-
vi pende la corda, con Ia quale fi fuona Ia campana, quando e ora dipranzo, fpicitur . In altero linteamina ad ufum triclinii reconduntur .
o cena, che non pud effer piu commoda al Refettorio, ne e vifto da alcuno
Nell altro vi fi ripongono le biancarie ed altri bifogni per il Refettorio . E regione tricliniorum religioforum culina
, ut plurimum fita
,
Nella maggior parte dei Refettorj Religiofi a dirimpetto di effo vi e efi ,
cujus odor , calor afpcElufve non modo tranfuntium nares
, fed ajfi-
,
la Cucina , la vifta , il calore 1 ’odore della quale, non folo offende chi paffa dentium quoque menfe vifum
,
afficit . Ab hoc vitio , nec femota culina-,
per il Lavamano ma aneor , fa brutto vedere a chi fede a tavola procurai declinavi , ut mox dicemus. £
, ’ regione triclinii prompta cella efi ad
pero di sfuggire quefto difetto fenza pregiudizio della vicinanza di effa, co- viam Parionis pertingens : hanc non culina fed alii neceffario ufui
me piu a baflo diremo, ed alfincontro rimanendovi un buon camerotto
, ef
, formavi , ac propterea nec firepitu difplicet nec deformitate
che arriva alia ftrada di Parionc, vi accommodai un fervizio neceffario, che
, ;
, fed fi-
le-, itio? venufiateque placet. Fontem ibi cum vafe porphyretico flatui tri-
non folo non porta ne rumore ne bruttezza ma quiete e bellezza feci
, , , , clinii janua oppofitum , affidentibus principi menfe Pr afuiibus , aut aliis
una fontana a quefto camerotto ali’ incontro della porta
dei Refettorio , nobilibus viris afpcttabilem. Fas porphyreticum (illud Patres habebant)
in M exun-

v
. . . . ,, . . . -

x undantem aquam in aliud vas in pavimento pofitum effundit Vtrim


ed Perfonaggi alia tavola in tefta
in maniera ,
che fedendo i Prclati ,
altri ,
ut totam illam cellam , tricli-
que marmoreas menfas collocavi , eafque ,
drittura detto camerotto ed in fine di efio nella parete-,
di cffo vedono a ,
,

vafo di Porfido , che avc- nii ufibus dejlinavi •

che arriva a Parione una fontana fatta con un be! m


.

In eo fonte ponuntur lagena majores ,


dum minores vinum di-
d’intorno la commu-
vano i Padri , quale riernpito d’acqua con la pioggia
nica ad un vafo, che termina con un cordone
di marmo al piano dei matto- flribuatur , acetarium , fruBus , &
alia ejufmodi cum a cella penvaria

e regione fit a exprompta ejufdem fontis


unda luuntur.
fontana pofi due gran tavole
nato , e dalluna , c dalfaltra parte della detta
.

diverfi bifogni dei Refettorio ObjeBa eidem cella funt menfa alia e nuce , inferiori earum parte
di marmo , deftinando detto camerotto a
^
.

in promptuariola conformata fupr a quas


acetaria fruBus , c at er a in
che fi riempino ,
In detto fonte fi ripongono le bocce dei vino, fino hac lenibus fcalis in vina-
e fimili cofe, quando fi le- iis promptuariolis ajfervata parantur , e cella
i boccali, in eflo fi ripongono i’infalate,frutti ,

riam defenditur , ex eadem finifira itur in proximam cellam penua-


Vano di difpenfa per preparare il Refettorio . In una delle due tavole di
boccali, e bicchieri per li quali riam , dextra ad locum ubi patina luuntur , ZSP inde in culinam
marmo filavano leinfalate, nelfaltra i i
,

vieinfacciaunaCredcnzachiufa, ricevendo 1’ aequa da detto fonte per juxta efi malluvium cum cellulis linteorum , C9° hujufmodi rerum ,
^ej>» e regione triclinium • Unde cella hac td ibi efficit > quod in bellis
i detti bifogni
Ali’ incontro della camera fono tavole di noce con credenze fotto per Urbs ab armis nomen naBa
le frutta e fimili cole delle quali al -
imbandire in dette tavole 1’infalata , , ,

Da detto camerotto fcende per una


cune fi chiudono in dette credenze . fi

commoda
fcala allacantina per i vipi ,
fi va alia Difpenfa ivi contigua ,
a

mano manca , fi dove ftanno , e fi


entra nel luogo ,
a mano lavano i piatti
,

dritta , e fucccflivamente in Cucina .

Innanzi fi ha ii lavamano con li ftanzini per le biancarie, e cofe fimili,


ed alfincontro il Refettorio , ficchc quefto camerotto fa il
medefimo effet-
to ne i bifogni di Cucina ,
che la Piazza darme nelli bifogni dejla guerra

Dell’ altre officine fopra terra De reliquis fupra folum officinis

Cap. XXIII. \ Cap. XXIII.

Ue cofe fono confiderabili nelle Cucinc per i conviti di gran Ua res in culinis ,
magno convivarum numero faBis , ma-
numero di perfone, la vicinanza al Refettorio per potere con xime in pretio funt ,
ut pauci difcumb entibus minifira-

poche perfone fupplire al fervizio necellario di portare , e le- fimul ab eodem difiantia , ne odor ,
re facile valeant , £5°

vare di tavola, la lontananza per non fentire il caldo, il fumo, calor , fumus , clamorque pervadat Cum vero utram- .

l’odore, ed il rumore, c perchc quando due cofe fonoim- que fimul commoditatem habere non poffumus , illam ple-
pratticabili per ordinario fi elegge il minor male, che e la vicinanza , ma rumque eligimus , quee minus incommodi adjunBum habet. In hoc ta-
,

in qucfta fabrica e riufcito d‘aver l’una , e 1’altra cofa unitamente Abbia- . men cedificio utrumque fimul fortiti fumus jam dixi cum totam adi- .

ficii aream deferiberem , viam Parionis verfus


cubitum facere oportuiffe ,
mo di fopra, nel deferiver il fito di tutta Ia fabrica, detto, che verfo la ftrada
di Parione fu neceflario fofle ungomito nella facciata in luogo appunto , ubi cedificii quadratum cum ipfius repudio pofi tholum jungitur Scien- .

dove e il quadro della fabrica principale fi unifee coi rifiuto della detta fa- dum nunc efi , cellam ante triclinium fitam ad angulum cubiti illius per-
brica dietro la tribuna . Ora e da fapcrfi , che la camera paragonata di fopra tingere pofi quem repudium , locufque luendarum patinarum , qui licet

alia piazza d’arme e nel quadro principale, e giunge fino alfangolo dei det- qua viam Parionis refpicit latus fit , qua tamen impluvium refpicit cu-
to gomito , di la dal quale il rifiuto vi e il Lavapiatti., quale lebbene verfo linarum perangufius efi y quo fit , ut qua parte a malluviis difiermina-
Ia ftrada e largo al bifogno, nondimeno nella tefta dicontro verfo il cortile t y.r , prope accedat ad latus cum culinis ei commune . Unde licet mal-

delle cucine fi riduee in pochi palmi, ficchefuno de i lati, che 1 o divide dal luvia inter , £9° culinis fit luendarum patinarum locus tamen ita bre-
Lavamani fi accofta aflai allaltro lato , che e commune alia Cucina ,
fic- vis efi tranfitus , ut conjunBa dici pofiint , atque ita , qua in eum fef^
,
effundunt fumus , calor , odor , is firepitus in malluvium , multoque
3
chc febbene e vero ,
chc fra il Lavamano , e Cucina vi e in mezzo il La-
la

vapiatti nondimeno nel luogo , dove fi palla e cosi poco fpazio , che fi puo minus in triclinium pervadunt .
,

dir congiunto c nondimeno il fumo , il calore , lo ftrepito , ed odore , tro-


,

vando prima lo sfogo della ftanza per lavare i piatti, non trapaflano cosi fa-
cilmente il molto meno il Refettorio
Lavamano , e . Pofita igitur juxta culina januam menfa , in qua fercula paren-
Ponendofi dunque nella Cucina accanto la porta uria tavola do ve_, tur , atque alia in tranfverfum in malluviorum loco vix hoc prgter-
s’imbandifcono.le vivande, ed una nel Lavapiatti per il traverfo riefee gireffoqui menfulas geflatorias ferunt exonerant , aliafque dapes in tri-
,

molto commodo a chiefce dei Refettorio con le tavolette cariche di piatti, clinium afferendas ab introitu culina fufeipiunt . Efi b?c peramplae ,
e frutti il fcaricarli fubito paflato il Lavamano , e caricarle d’altre vivande ejufdemque cum triclinio altitudinis , adeoque habent exhalationes , qua
nel primo ingreflo della Cucina, la qual Cucina efiendo aflai grande, cd fe effundant Magnus in ea focufa pavimento fublimis , cui fubjetta efi
.

uguale alfaltezza dei Refettorio, riefee sfogata ,e conticne un gran focola- fornacula ahenum coemento adflriBum , clibanus hic paflillarius , fed in-
re alto da terra con lafornacella fotto con laCaldaja murata, con un’ for- frequentis ufus , inde lapidea fcamilla carni , pifcibufve torendis Fumum .

no per parte, da una parte, benche rare volte s’adopri, b di pietra per omnem excipit grandis caminus duabus fultus lapideis columellis.
gfarrofti dalfaltra ,
ricevendo il fumo di detti edificj una gran cappa di ca-

mino foftenuta da duc colonnette di marmo


Nel Lavapiatti poi fono due gran tavole di Ia mura- marmo a canto In loco patinarum extergendarum ,
du<e juxta parietem viam ver-
glia verfo la ftrada, in mezzo della quale e una fontana con due cannoni fus marmorea infunt menfa , tSf inter illas fons ,
£9° utrimque fifuncu-
per parte per commodita di lavar la carne in una di efle , e le pile , e piatti lus abluendis carnibus emundandis ollis , patinifque ,
qua a minifiran-
nelfaltra, quali venendo lafciati in una tavola dicontro da chi ferve a tibus triclinio in objeBa menfa reliBa , altera manu prah enduntur , £9°
menfa , con una mano fi levano da efla , e con 1’altra fenza muover paflo fi immoto vefiigio altera fupra marmoream perpolienda transferuntur . Ubi
pongono fopra la tavola di marmo per lavarli, che pero non jfi puo defide- plures expeti nequeunt commoditates
rare maggior commodita
Di la dalla Cucina fono due buonc camere in volta , una per lavorar Duo pofi culinam funt fornicata cubicula alterum crufiulis fa- ,'

°
di pafte, e 1’altra per altri bifogni , cd in quefta fono tre piccoli camerini ciendis ,
alterum aliis ufibus . In hoc tres cellula faBa funt , £9

in uno dc’quali fi portano da’Padri , c Fratelli Ii loro panni lini brutti per unam ex his deferunt Patres , Fratrefque dealbanda linteamina fitum*
Un altro di e allata , dum eam
farli imbiancare, ciafchcduno in una faccoccia feparata . fi- unufquifque intra facculum . In alio caro e macello
li ferve per tener la carne ,
portata che e dal macello , fino che il Cuoco ne Coquus paret . In tertio denique fervantur coBa obfonia in vefperam ,
abbia di bifogno. Il terzo per riporre cofe cottc per la fera, e giorno feguente. vel in fcquentem diem .

E’ tanto due Camere , quanto la Cucina , benche da unlato


le dette

abbiano la ftrada di Parione , ricevono lume folo verfo il cortile detto delle Quamvis £9° hac cubicula ad viam
culina ,
Parionis fit a fint lu- ,

cucine , che fe bene non e abbondante , nondimeno e tanto che bafta, eflen- men tamen non abundans quidem , fid fujficiens ab impluvio folum du-
odor-
dofi ftimato minore inconvcniente quefto , che nella ftrada 1’averfi a fentire cunt , idque minus obfonum vifum efi , quam fi culina firepitus ,
gli ftrepiti , c odori di Cucina Ma le due ftanze fe bene fono in volta fi
.
que e via perciperetur . Fornicata quidem funt hac cubicula , fd no?/-,

fono tenute piu bafie delle cucine, c cosi fopra di efle , come fopra il fito eamdem habent cum culina altitudinem Supra hanc quemadmodum^ , .

dcl principio d'una gran fcala per andare in Cantina con li Cavalli carichi quibus onerariis equis
£5t* fupra eum locum ubi magna incipiunt fcala >
come fi dird , fi fono cavati tre mczzanini parimente a volta , alii quali fi cubicu a
inCellam vinariam defenditur tria parva fornicata pariter •,

Pri-
faleper una fcala a lumaca cavata in falfo di una muraglia, e di detti tre effecimus
,
ad qug ducunt cochlides fcala extra parietes faBa .

mezzanini , uno ferve per il Cuoco , mfaltro per 1’Ajutante di cucina, quali mer-
mo ex hifce cubiculis utitur . Coquus j fecundo ejus Minifier
fono
. . . ,
. . -

M
fono mercenarj , eu il terzo , chc ha una feneftrella, per la quale fi vede^ cede uterque condubli ,
tertio coetus frater ,
qui inde fpeculatur quid-
quanto fi fa in Cucina perunLaico di Congregazionc , accioche cosidi quid in culina fit ,
prcefertim cum d ccetera habitatione femota pars il-

giorno , come di nocte li detti mercenarj poffano effer offervati da perfone la fit .

di Congregazione , maffime itando in unquartiere alfai lontano da tutti


1

gl’ altri Ex altera parte cella ante culinam pofita contigue fiunt fcala in

Dalfaltro lato della Camera affomigliata gia ad una Piazza d’arme fta Vinariam cellam ducentes ,
qug triclinio opportunior efie nequit , nam ex

contigua una fcala , che va in Cantina , che non puo eiTcr piu commoda al ea vinum adferenti fiatim fiefe offert menfa illa marmorea lagenis abluen-
Refettorio per andare su , e giu per il vino preftamente , e giunto su con ef- dis , opplendifque vim diflinata , quam memoravimus . Pofi hafice ficalas
fo, in faccia fi puo dire della fcala, e quella tavola di marmo , che diceifimo bene capax efi cella penvaria , qug d via Parionis d fieptentrione ficili
di fopra per i boccali , dove , riempiono di vino ; e paffata det- fi lavano e fi cet lumen fiumit . Et fi fornicata fit , ejufdemque cum triclinio , tabula-
ta fcala vi c la difpenfa, ehe e un vafo capace , e proporzionato al bifogno, mento tamen dividitur In fuperiori ejus parte mala , pira , . legu- &
e qucfta riceve lume dalla ftrada di Parione , che e a tramontana E fe bene . mina ajfervantur , £9° ea omnia , qu$ in imo pavimento inconfulto de-
c in volta alta ,
come il Refettorio ,
nondimeno fi e fatto un tramezzo di tineas Hujus oflium in unum fcalarum ordinem exit , qua e triclinio
.

legno per guadagnare un mezzanino di fopra per confervare mele , pere , ad primam ducunt contignationem Quoniam vero in penvaria cella-, .

e legumi , ed in effetto tutte quelle cofe , che non ftanno bene a pian terre- nonnulla humiditatem non abhorrentia affervantur , ut oleum , cafeum ,

no ,
c la porta di quella riefee in un ripiano della fcala , che dal Refettorio herbg , £S
J
alia hujufmodi fub eadem caveam fuffbdimus , cujus penes y
conduce al primo piano nobile 5 E perche nelle difpenfe confervano anche promum clavis . Nihil igitur optabilius penvaria cella in tres cellas ita

de" che hanno piu tofto bifogno di umido , come oglj , caci,er- difiributa
baggi , e fimili Sotto la difpenfa fi e fatta una cantina , della quale tiene
.

la chia ve il Difpenfiere, ficchc quefto fervizio dillribuito in tre vali ha tut-


to quello ,
che fi puo defiderare per elfo Superefi complanum hifce officinis impluvium , extra ordinem qui-
Rcfta il ii quale, come fi e detto e fuori di fqua-
Cortile a quefto piano, dem , uti diximus , ac velutt eedificii totius repudium , culinis tamen per-
dro ,
elfendo come un rifiuto di tutta la Fabrica principale, riefee nondi- utile, vino fervando accommodatum efi brumali
£«y triclinio pracipue
meno di gran commodita alie Cucine , e Refettorio , rifpondendo Puno, e tempore , quo Romg in hypoggis condi non affolet , d meridie folem ar-
1'altro vafo in parte , e d’Inverno, che in Roma fi tengono i vini fopra ter- cet Templi altitudo , ab accidente triclinium fupraque exhedra , ve- &
ra , e fquifito per tale effecto, venendo riparato dal fole di mezzo giorno fiiarium y unde paucas ei horas matutinus fol irradiat aliquantum etiam
dalla grande altezza della Chiefa ; da ponente vi e il Refettorio con la Sala ad gdificii latere impeditus .

fopra ,
e Guardarobba , di maniera che non ha fole, fe non un poco Ia mat-
tina ,
riparato anco per molte ore dal lato della Fabrica verfo quella parte
Quefto cortile ha una porta ben grande, che efce nella ftrada di Pa- Ampla in hoc impluvio janua in viam Parionis aperta deferen-
rione, e ferve per i Carrettieri , che conducono legna , e per Barilari i tibus res ad vicium pertinentes ,
epithedis ligna , bajulifque vini cados ge-
che portano vino fiantibus .

Dalla deta porta della Cucina ,


e Lavamano vi e una ftretta Ioggetta
per potervi pratticare commodamente anche in tempo di bifogno , e per il E
, £9* malluviorum
culina loco paruum ^ angufiumque efi ambu-

longo dei Refettorio vi e parimente un portichetto ,


tanto alto , che vi fi lacrum , juxta triclinium non abfimilis porticula facile pervia cujus
£9°
palla fenza fcommodita ,
e nondimeno faltczza non trapafla le foglie delle altitudo ad triclinii , fenefiras non pertingit , qug etiam plumbo teli a efi
fineftre dei Refettorio ,
e per occupare meno fito coi pendio dei terto-, fi e ne majori inclinatione fpatium majus exciperet .

coperto quefto di piombo .

Detto portichetto ferve mirabilmente a piu fervizj , ma prima e da_. Pluribus ea porticula ufibus efi • Prius tamen fidendum hoc , in
faperfi , che in
quefto Cortile fi e fatto un gran vafo per conferva di aequa impluvio fallam fervandj aque cifiernam , quantg fieri poterat profun-
profondo quanto fi e potuto , il fondo dei quale e laftricato di marmo per ditatis in ima parte marmore [iratam frigida caufa , ipfumque forni-
i confervare maggiormente facqua fredda , la volta che copre detto vafo e cem , quo Ciflerna obtegitur folo quinque fubeffe palmos , ut d matuti-
fotto terra cinque palmi perripararc maggiormente facqua dal caldo dei nis folis radiis , maxime vero ab cefiivo calore tuta fit . In tria ma-
fole , fe bene raggi per poco tempo Ia mattina vi arrivano , e dal calore-,
i .
gnum hoc receptaculum vafa , tribus e lapide tenuibus cortinis difperti-
delf ariafEftate E’ divifo tutto il vafo grande con cortine di mattone af-
. tum efi , quorum unumquodque aquam integrum in annum continet .
fai fottile in tre vafi ,
ciafcheduno de’ quali e capace d’acqua perii bifogno Unde tribus annis in hac cifterna fufficiens aqua recipitur In primum .

della Congregazione per un’anno abbondantemente , in maniera che fra vas decidit pluvialis per tubas dtmiffa , eo purificationis caufii
e teblo

tutte tre puo baftare facqua tre , e piu anni . Uno fu deftinato per facqua, plures paffus per lithofiratum circumducta . In fecundo Tyberina un-
che piove ricevendola dal tetto per tromba , con fuoi purgatoj , che girano da onerariis equis comportata. In tertio aqua Trebia , quam virginem
alcune canne fopra la breccia , e finalmente cade in detto primo vafo 11 fe- . dixere .

condod’acqua di Tevere da portarfi da’ ca valli , il rerzo d’acqua di Trevi


detta aequa vergine.
Ciafcheduno de’ tre vafi ha di fopra la fua bocca per tirare facqua , e Unicuique e tribus vafibus os fitum contiguum efi antedidee por-
tutte tre le bocche fono contigue al detto portichetto , in maniera che fot- ticu Ice , unde abfque ulla cadentis pluviie molefiia hauriri aqua potefit
to di elfo benche piova fi puo cavar facqua fenza bagnarfi , e perche ufano dum de triclinio loquerer , de ofiio illo dicere prgtermifi ,
quod LeEloris
i Padri fcftate
,
giacche bevono fenza neve , mutar facqua a mezzo la ta- fuggefio oppofitum efi . En ejus ufius . -r^flivo tempore non utuntur Patres
vola , lafciai come diili nella deferizione dei Refettorio, una porta in mez- vino glacie confiritto , fed
aqua bis inter comedendum recens haufia y Id
zo di effo per il longo incontro al Pulpito delle lezzione , qual porta rif- porro pr &fiare facile poffunt menfie Minifiri ( illud enim oflium in fiepe
pondendo fotto detto portichetto ,ha d’incontro una delle dette bocche., laudatam porticulam exit) ex objefio ore cifiernce ftatim aquam tra-
per cavar facqua dalla Cifterna, c confeguentemente tutta feftate al pran- hunt , quod miram utilitatem , facilitatem , munimenque d pluvia Mini-
zo , cd alia cena , chc fempre e di notte, e riufcito tutto cio di gran commo- ftris ipfis attulit .

dita per Ia facilita preftezza ,


difefa delle pioggie per chi ferve .
,

Ed una fontana d’acqua


oltre le dette cifterne,o conferve d’acqua,vi e Pr<eter hafce cificrnas fuppetit fons alius ex aqua Paula non equi-
Paola ,
bene non e buona da bere , nondimeno e molto neceffaria
quale fe dem potabili fed aliis ufibus neceffaria Ex ea plumbeo duliu ma-
, .

per altri bifogni , che occorrono , e da effa per un condotto di piombo fi ri- gnum impletur ahenum fub culinp camino ccemento vinttum , ubi ad
empic un gran caldaro , che fta al fuoco murato fotto il camino di Cucina patinas extergendas calefit Sumi etiam inde aqua potefi. ex operto loco,
.

perlavari piatti, ed altri bifogni , c da quefto fi puo parimente prender parvulo nempe ambulacro quod juxta culinam effe jam diximus Re-
, .

facqua al coperto riufcendo coi fuo principio fotto la Ioggetta detta di fo- liEius infuper efi eo in impluvio optima aqua puteus ,
,
, frigidijfimpque
pra, chc e accanto alia Cucina, e vi fi elafciato ancora nel Cortile un- ex quo ad cubicula Patrum afpergenda , abluenda , aut ad alios
pozzo aequa buoniffima , e frefchiflima , quale fi tira anche dalle came-
di ufus hauritur ; imo e tribus contignationibus haurire e fontis labro qui-
re di fopra per il bifogno de’Padri per adaequare le loro ftanze con occafio- libet potefi Quinque itaque funt aquarum in eo impluvio genera d
.
fi_.
ne di fpazzarle , o per altro fervizio , che puo occorrere , anzi dalii Corri- invicem diverfa.
dori delli tre piani fuperiori fi pub cavare facqua dal vafo delle fontane fe
alcuno la voleffe , ficche in d. Cortile vi fono cinque forti di aeque diverfe.
Il detto portichetto ferve in oltre per un tranfito di giorno , c di notte Fabius efi ideoque pervius diu nobtuque porticulus cum viri Prin-
,
al coperto, quando
menfa vi fi trovino Pcrfonaggi,per fervizio de’quali
alia cipes menft accumbunt , qua occafione cellula juxta fita uti folent } du-
s’adopra il camerino a canto la loro tavola poichc conducendo dal detto cit enim ad culinam , patinas , £9° obfonia deferentes , quin d triclinio
,

camerino alia Cucina , fi va innanzi , c indietro con piatti , vivande , ed al- confpiciantur . Hofpites itaque abfque firepitu ac perturbatione exci-
,
tri bifogni, fenza che in Refettorio rende ogni
fia veduta cofa alcuna, e fi piuntur .

gran fervizio a’ Foraftieri fenza ftrepito 0 confufionc •


,

Serve N Infer-
. .. . ,

Infirvit prgterea porticulas ille quadrageflmali concion atori ex


Serve ancora detto portichetto per fervizio dei Predicatorc
foraftic- j eo

quarefima , poiche dal loro appartamento per una fcala a Iumaca_ , enim cochlidibus fcalis defendunt famuli ad culinam , nec a quoquam
re , la
vivande, ed ogn* afpiciuntur ; in penitiori enim cedifleii parte /itus e/l .

che e in tcfta di detto portichetto fi cala alia Cucina per le


altro bifogno come fi dira altrove fenza effer veduto da alcuno , edendo
,

nelle piu intime parti dell’ abitazionc'

Delie Sotterranee De hypogaeis


Cap. XXIV. Cap. XXIV.

un vafo folo di Nimefum conjilium faciendicaveam in plures indiflin-



Aver prela una rifoluzione animofa di fare

cantina nel braccio verfo Parione dal cantone della ftrada da Elam in ea regione ad viam Parionis fita e/l , ejuf-
, quee

farfi da Parione alia facciata fino al gomito dove abbiamo dem fornicem in modum dolii falium onerando in tranf-
detto cominciare la fabrica principale coli aver caricato il verfum intermediis fuperiorum cubiculorum parietibus
voltone a botte fopra il detto vafo per il traverfo con i tra- multas peperit commoditates , non folum quia lignorum.,
rnezzi delle ftanze che vi fono fopra ha cagionate molte commodita, non tmnium capax efl , qua per annum confumuntur , £9J culinis fube/l , ve-
,

folo per effer capace detto vafo di tutta la legna , che vi


fi prende d anno in rum etiam , quia cum conflitui/femus equos vino onuflos ad cellam uf-
anno per la Congregazione , e commodo per effer fotto le Cucine, ma per- que vinariam deducendos ,
nec per plura oflia , £9° ofliola tranfeundum ,

che avendo difegnato di dar commodita a Barilari di condurre liCavalli res ad votum effeSla efl j ingrediuntur januam Bajulorum , cfF Epice-
carichi fino alia Cantina delle botti , quale e fotto il Refettorio ,
e riufcito J
diorum , £9 fecus lignariam cellam palmos 1 1 o. longam , pratereundo

affai bene il non aver a paffare per tante porte ,


eporticclle, ma entrando etiamfl congefa ligna fnt expedite ad vinariam perveniunt Sube/l qui- .

con li cavalli carichi per la porta de’ Sportaroli , o Carrette , che vogliamo dem triclinio ovali , veruntamen quadrati paralello grammatis formam,
dire fipaffa per longo tutta la Cantina delle legne, che fara longa pal- habet Longa efl palmos 80., lata 100. eorumque omnium capax qui-
.

mi i io. ed effendo accataftate verfo il Cortile refta largo tranfito verfo bus coctus indiget . Lumen ducit ab Oriente , adeoque ab Occidente
ille
,

la ftrada di Parione, e s’arriva commodamente a quella delle botti ,


qual claufa imo ex ea plaga ambulacrum fupra folum magis ab ea folis
e/l ,

Cantina delle botti fe bene e fotto il Refettorio, che e ovato , nondimeno ardorem arcet , quem minus etiam d meridie perpetitur non modo enim,
effa e quadra pararellogramma longa palmi 80. , e larga palmi i oo. capace efl fed obflat alti/fimum Templum , ejufque janua in
aggefia terra fepta
abbondantemente per tutto il bifogno della Congregazione , e ricevendo aliam caveam exit lucem d feptentrione ducentem .
lume verfo Oriente , refta chiufa verfo Occidente , anzi vi e una loggia da Summam h<e duee magnee cella , carbonaria praterea i aliaque-,
quella parve fopra terra ,
che tanto maggiormente tiene lontani i raggi dei hujufmodi commoditatem pr aflant necejfarias enim res continent ,
'•> in ^
fole, e moltomeno puo patire verfo mezzo giorno , effendo tutto terrapie- eas flatim ab ingreffu cadofori defendunt E’ cella etiam triclinio con-
.

nato , e fopra vi e la Chiefa altiflima, c la porta di effa riiponde in uffaltra tigua cochlidibus fcalis ad vinariam , £9* penvariam itur , £9J inde fa-
camina , che piglia lume , ed aria da tramontana . cileCoquus , £9* culinarius Minifter ligna afferunt .

Con quefti due gran vafi , e pochi altri per il carbone , e co fe fimili , Sub cadoforerum fcalis latrinas , £9* in angulo palmi feli earun-
fi ha tutto quello, chebifogna alia neceffita ,
e commodita, quale per Ba- i dum fcalarum miftorium locum ipforum culinariorum commodo confe-
rilari e grande fcendendo fubito alfingreffo della porta i Per il Refettorio cimus .

e grandiflima , avendo una fcala particolare contigua al luogo dove fi pre- Fino praterea aftivo tempore fervando crypta ejufdem cum vina-
parano i bifogni dei Refettorio , e che conduce immediatamente come fi e ria fub triclinio cella longitudinis , dimidia latitudinis fere ad fun- &
detto alia cantina delle botti, e dilpenfafoterranea , e ficcome e commoda damenta ufqueboc 30. palmos fub folo effojfa eft , nec parietibus novis
al Cuoco ed Ajutante il pigliare la legna per Cucina .
,
opus fuit fundamentis enim triclinii e tribus lateribus uti fat fuit ,
,

h fotto la fcala de’BariIari fono luoghi communi per Ic genti di Cu- quartum longum fuppeditavit antiquus paries 1 z. palmos latus ibi
in
cina, ed al pian terreno nel bifeanto della detta fcala fi e cavato anche buo- repertus Supra hos parietes fornicem crypta jecimus , cujus fummitas
.

na commodita di far aequa planum Cellg vinaria eft , in cujus ingreffu ampla fcala , aptgque doliis
In oltre per la confervazione dcVini Peftate fi una grotta Iun- e fatta emittendis , £9° educendis . Si doliorum opplendorum commodum fpc cie-
ga quanto c il Cantinone fotto il Refettorio , e largo quafi chela meta , e fi tur depr efflor aliquanto contigit ea crypta , £9» male c cernent ar iis fabri-
e andato piu poco meno della profondita de’fondamenti , che e circa pal- cata , qua parte munimen ccementitium furgenti aqua adftruxerunt .
mi o. dal pian terreno, ne fi ebbero a fare muri novi , perche il fondamen- Ferum moleftum quidem dolia opplere ,
£9* alter defiftus remedio no?*-,
3
to dei Refettorio perii lungo, e delle dueteftate fervirono per il recinto caret Optima cateroqui eft } non modo enim rerum catui opportuna-
.

della grotta da tre parti , e per 1 ’altro lato per il JuDgo della Cantina fi trovo rum capax eft , fed d radiis folis femoti/flma eft , adeoque frigidijflma 5
un muraglione antico longo quanto il Refettorio groffo circa 1 z. palmi d meridie enim objeci a funt Templum , ejufque bracchia hypoggis caren-
ficche fopra detri quattro muri fu gettata la volta della grotta , la cui fom- tia ; ob Oriente dimidia cella vinaria ,
ab Occidente fecundi impluvii am-
mita fa il piano della cantina , nelfingreffo della quale fi trova una fcala_ , bulacrum ,
£9° aditus d Septentrione .

che difeende a detta grotta tenuta larga per il bifogno dei mandare su , e_, , crypteeque perutilis effo/fus eft pu-
In angulo Cella vinaria eidem
giu dette botti Detta Grotta febbene e riufcita un poco baffa rifpetto alia
. teus ore in uno e triclinii angulis poflto , ut diximus Fenejtrella aper- .

commodita di riempire le botti ,


e mal lavorata da'JVIuratori nel darie il ta hauriri ex eo aqua poteft , vinumque aftivo tempore demitti propte-

calafruzzo per difefa delPacqua forgente, nondimeno non effendo impof- rea frigiditas , commoditas , facilitafque exoptari major nequit.
fibile il riempire le botti , ma folo un poco fcommodo , ed il fecondo difet-

to effendo rimediabile riefee per altro buoniffima ,


poiche oltre 1’efler ca-

pace di tutto bifogno della Congregazione , e lontaniffima da raggi dei


il i

Sole , e confeguentemente riefee frefchififima , poiche verfo mezzo giorno


vi £ la Chiefa , che non
,
hanno fotterranei , da levante vi re-
e parti di effa

fta la metaCantina, per lato da ponente vi eia loggia dei fccondo


della
Cortile , e Pingreflo e da tramontana
- E per commodita e della Cantina , c della Grotta vi e un pozzo nel
cantone della Cantina grande delle botti , che e quello che ha la bocca in_,
uno de’triangoli dei Refettorio come fi e detto, ed ha una fineftrella per ca-

var Pacqua che e affai vicina alPuno ,


e alPaltro vafo , e Peftate per effa fi-
,

neftrella vi fi cala ilvino per la menfa,in maniera che,nemaggior frcfchez-


za , ne maggior commodita , c facilita fi poteva , e fi puo defiderarc

Della Sala della Ricreazione De exhedra in quam relaxandi animi gratia Patres
Cap. XXV. conveniunt Cap. XXV.

Vendo per iftituto i Padri della Congregazione dopo la men- Elaxandi animi gratia ad integram fere horam mane , £9^
fa tanto la mattina quanto la fera litrovarfi tutti infieme , e vtfpere folent ex inflituto pofl menfam Patres convenirt
,

trattenerfi circa un’ ora in ricreazione , confiderai che non_ cui rei aptior nullus vifus efl locus eo , qui fupra tricli-
,

ci poteffc effer luogo piu a propofito,che fopra il Refettorio, nium efl t ex hoc enim in illud fcalarum tantummodo iter
poiche dalPuno , cPaltro vafo non cie altro camino , che di efl
. Cum vero nihil ejus obflaret altitudini ,
nec depref-

una commoda fcala, ne ricevendo impedimento alcuno nclfaltezza , mi fum ut triclinium audienda leHionis caufa facere opus e/fet , altum,
,

rifolfi di dargli una dovuta proporzione , maflime che non ero premuto a exigere quantum proportio poflulartt conflitui . Duabus propterea conti-

tenerlo baffo come il Refettorio per Pudito della lezione ,


e pero giudicai gnationibus ad id ufus fum quarum altitudo cum fornicis cra/ftie eft
,
pal-
. , . . . ,.

27
.

bene abbracciare con faltezza due appartamenti , che fra Tuno, efaltro palmorum 44. Vnde opus non fuit fpir aculis in lunet modum ,
qua in

Tono palmi 44. , comprefa la groflezza della volta , c dovc nclla volta dcl triclinio nece/faria vifa funt . Exhedra fornix fupra coronam incumbit
flcfettorio feci le luncttc, non avendo bilbgno di maggior sfogo impoftan-
J
quy corona in/lar jungitur Pulcherrima igitur proportione , (S quam.,
.

dola fopra una cornice , chcla cinge corae una corona , ed e riufcita apro- maxime liiminofa quatuor utrimque apertis finefris eJfcBa ef Sub qua- .

porzione bclliflima , e luminofiifima con otto fcneftre , quattro per parte_, tuor fenejlris pofitis in triangulis quatuor ojlia aperuimus Primum .

colla debita fimetria, e fotto quattro di e fle ne i triangoli fono quattro por- ducit in ambulacrum claufum prime contignationis , breviufque inde 've-

tieelle, unachepalfa nclla loggia chiufa dei piano nobile, che abbrevia il nienti iter reddit in hypetras per cochlides falas in triangulo occur-

camino a chi vienc da quella parte, e nel triangolo trovai una fcala a lumaca, rentes, in concionatoris ,
ut , jam diximus
, ofium cubicula huic op-

che conduce alia loggia fcoperta ,


cd alie ftanze dcl Predicatore, come fi pofitum Conv alefc entium commodo facium adfacellum ducit , efque in tri-
e detto altrove . Un’altra dicontro da 1 ’adito ad una cappclla per Conva- i
angulo ceteris majore pryter ediculam proximam S. Philippi Tertium .

lefccnti ed e quel triangolo , che per rifpctto della Cappella. di S. Filippo


,
ducit in triangulum illud quo fe confert externus Ratiocinator facri
,

ivi contigua e maggiore degfaltri . La tcrza entra in un triangolo , dove ccetus rationes fubduBurus , chartafque fervaturus . Quartum denique
un Computifta eftraneo vienc a ragguagliare , e tenere la ferittura , e conti in triangulum ducit , in quo fafciculi , ligna conduntur ( proxi-

della Congregazione La quarta entra in un’aItro triangolo, dove firipon-


. mus eft enim
caminus ) In eodem triangulo feneflram ad hauriendam ex
gono la legna , e fafeine per il fuoco di fala, edendo ivi contiguo il camino, eo qui in Cella vinaria ef effio/fas puteus aquam reliquimus . Pendet in
,

ed in quelto triangolo Ii c lafciato un foro per cavar 1’acqua da quel pozzo, eo prgterea funis nola, qua triclinii Minifer ai menfam vocat , quoque
che abbiamo detto riufcire incantina. E perchc in quella fala fi tengono vocantur Patres in eamdem exhedram ad conventum , quam culparum
anchc le Congregazioni , che chiamano delle coipe , e per le quali fi radu- appellant , feu ad generalia comitia , aut negotia Domus agitanda . />z_.
nano ogni quindici giorni , e la Congregazione generale de’ negozj radu- hujus exhedrg capite ambulacra verfus caminum fici , in quo exornan-
nandoli a fuono di campanella riefee alfai commodo il Tonare detta campa- do profer iptos mihi madefit fines tranfilijje me diffiteor In fundamen- .

nella con la fune che palla per detto triangolo, e cala nelfaltro di Totto, do- tis efodiendis maxima, (s3 pulcherrima faligni marmoris fragmina in-
ve IU a fuonare il Rcfettoriere. In mezzo dei longo di quella fala verfo le venimus ,
e quibus magnum facere caminum conflitui quo multi hiber- ,

logge feci un camino, nclf ornato dei quale confeffo, che paflai limiti i no tempore uti pofent , e cujus corona velut tabernaculum defenderet
preferittimi da’ Padri , poichc avendo trovato ne fondamenti di quel vafo i Latera pendula e 'marmore feci , 3
in craffitie parietis caveam inter o
pezzi di colonna di marmo faligno grollilfirni , cbellillimi, difegnai un_. convexamque partem , qua ex ipfo pariete fe exerit , velut ovale mul-
gran Camino, che potelfe fervire a molti Padri nel medefimo tempo, quan- torum fiub camino , (S3 extra eumdem affidentium capax fpatium confor-
do nella Ricrcazione dinverno fi fa il fuoco , e quafi chc dalla cornice ca- mavi . Et fi Patrum modefia pr<e nimia pulchritudine minime laudan-
laflc giu un padiglione , feci di marmo i pendoni di detto padiglione , e fra dus vifus ef , viris tamen ArchiteBis probatus ef . Ejus ichnographiam
la parete concava nella grolfezza della muraglia , e laconvcrfa , che efce— oculis fubjicio Tab. 6 3 , interiorem exhedra partem , feu fpaccatum in
.

fuori della muraglia, forma quafi un’ovato capace di molte perfone fotto il longum cum camino in medio , partim ut nunc vifitur , partim cum-,
Camino medefimo , e fuori ,
e perche e ftato lodato da’ virtuofi ,
con tutto quibufidam non exaElis ornamentis num. 6r\. , integer num. 66., iy3 ^
che alii Padri per la loro medeftia fia parfo troppo formofo , mi fo lecito prgeipuas tandem ejus formas num. 6^. Animadvertas velim epyfilium
porvi fotto 1 ’occhio Ia pianta inticra alia Tavola num. 63 . , lo fpaccato per e faligno marmore , £5° curvum , folidum tamen effie , ty* maculis af-
f
longo dclla detta fala di camino , la meta come refta^
Ricreazionc con il pettu jucundiffimis difinttum , ornata ef exhedra b?c imaginibus Cle-
efeguito , e 1’altro con 1’aggiunta d’alcuni ornamenti non cfeguiti al n.64. mentis VIII S. Philippi necefarii Juvenalis Ancinp Epifcopi ,
.
Vi- &
e intiero al n. 66•, e finalmente le fue principali modinature al n. 6 5. , e no- cecomitis , ‘Paroni i , (St3 Tarugii Cardinalium , quos ex hoc S. Coetu ad
tifi con tutto che farchitrave fia arcuato , nondimeno e tutto d’un
pezzo id honoris fafigium idem Pontifex evexit
e le macchie non polfono effer piu belle Quella Sala e
di quefto faligno .

ornata dei ritratto di Papa Clemente VIII. , e di tre Cardinali , cd un Ve-


fcovo ftati di Congregazione, creati da detto Papa, che fu intrinfeco di
S. Filippo, cioe Vifconti , Baronio, eTarugi, c
Monfignor Giovcnale_,
Ancina, di cui fi tratta Ia Beatificazione .

Della Forafteria De Xenodochio


Cap. XXVI. Cap XXVI.
Vamvis Infituto fiervando conducere minime putent Patres
Enche per mantenimento ,e confervazione delPIflituto ftimi-
Hofpitum frequentiam nonnumquam tamen excipiendos
no Padri non effer a propofito aver fpello forafticri per cafa,
i
,

nondimeno portando li accidenti dei mondo,alcuna volta ne- efe contingit,


prpfertim cum ufu inveBum fit Purpuratos
morale d'ammctterli , ed elfendofi introdotto , che gli Patres ad Muficos Sacrarii concentus per hiberna fefla con-
ce flira
Cardinali odano le mufiche degfOratorj delle fefte d'in- venire , aliqua in id cubicula fligenda vifum ef . Sed
Emi
quantum quidem in nobis fuit in mediocritatem inclinavimus , ne aliter
verno luogo appartato , e itato necelTario nella nuova Fabrica deftinare
in

alcune ftanze per tal bifogno , ma fi c fcarfeggiato quanto e itato poilibile ,


Principes viros invitare videremur . Cum itaque concentibus faerarii in-

fervire deberet, peropportunus vifus ef locus qui ef fupra ejufd.m ille


perche la niolta commodita non lerva di richiamo a ritiramento ivi de ,

Sacrarii vefibulum , ei enim proximus ef , (SA juxta primum implu-


Prencipi grandi , e come che il principale , e piu continuo vafo di qucfta_,
forafteria , deve eifer per gPoratorj della fera , e ftato neceifario , ed c ve-
vium , qua horis omnibus excurri potef abfique ullo reliqua domus in-
nuto molto in acconcio applicarvi quel fito , che e di fopra la portaria per commodo , ut alibi diximus

efler contiguo alfOratorio , e perche rifponde nel primo cortile , quale


puo
eifer frequentato a tutte le ore fenza porre in
fuggezione il rim^nente dell'

, come e
abitazione ftato detto altrove .

dovranno condurrc Accedentibus itaque viris Principibus ad primam contignationem^


Venendo dunque Perfonaggi alfOratorio fi al

della loggia , majoribus in heee deducuntur cubicula , ubi prfonga ejl cdla in
piano fuperiore per la fcala principale, fatta che fara nel fine
fcalis

e per ij longo dei primo cortile fi trova Ia


porta dell appartamento, dei qua- xyfi modum in qua , fifit nobilior eorum familia ,
viliore in imo pavi-
di gallaria per trattenimento de mento fi continente
le parliamo con una camera longa ad ufo

Gentiluomini de’Sig.Cardinali,giache Parafrenieri


devono reftarc a baifo. i

Ha detta Galleria una feneitra in tefta, che guarda la piazza innanzi


della Chiefa , a mezzo In hujus cella , feu xyfi capite plateam verfus fimefra ef duyque
la Chiefa
,
e due fineftre a levante fopra le cappelle
cediculis Templi vicini altiorcs ; in longitudinis medio
della longhezza di effa vi e una porta , che da 1’ingreflo in un camerotto ab Oriente

grande , dove fi trattengono i Foraftieri , e la viita a drittura palfando


per ofium, alterius cella , fieu cubiculi , in quo Hofpites confabulantur . In-
di palmi 1 8o- , in una de autem medium per Oratorium reBa firtur vifus in fenefiram pal-
il lungo a mezzo delfOratorio termina in diftanza

fineftra di efto , detta camera e quali in quadro perfetto , ed


lati fono cir- i mos 1 80. diffitam Quadratum ejl hoc cubiculum ejus latera palmos 35.
.

alta funt . Simul cum fornicis craffitie aqualis Sacrarii fornici , ac


ca palmi 3 5. con la grolfezza della volta , terminando la fommita
di efla_.

al pari della fommita di quellodelfOratorio , fopra de quali vali vi e il pia- fupra planum ‘Bibliotheca ZJt afpeBum fallerem , neve depreffium ap-
.

pareret , coronam fub fornice ad angulum pertingere non fini , fid pal-
no della Libraria , e per ingannare per quanto potei , e feppi la vifta , per-
mos aliquot longe ab angulo circumduxi , (S 0B0 faciebus quatuor ma-
3
che non apparifte tanto balla feci che le cornici fotto la volta non giun-
,

ma rivoltandole per sbiefeio alcuni palmi lontano da)l joribus , quatuor minoribus difinxi , quo fit , ut corona majori ad al-
geflero alfangolo ,

di otto facciate cioe quattro titudinem proportione videantur exaBa ,


jucundiorque fit ajpicienti ea-
angolo ,
diedi forma alia cornice , e volta ,

grande e quattro piccolc , il che cagiona , che terminando la vifta nelle_, rum difinBio.
,

alfaltezza della volta ap-


cornici non tanto longhc per Ia relazionc di elfe ,

parifee quella piu proporzionata oltre che detti rompimenti danno va-
ghezza
,
O In
. . . ,
- . -
,

28
In detta ftanza vi c un Camino con un telaro dipietra di paragonc In eo preeterea cubiculo caminus J
cujus anterior pars ex lapide
affai nobile 5 ed ivi li trattengono i Prencipi, fino che principia lamufica_> lydio ,
ibi morantur Diri Principes ,
dum Mufici concentus incipiant , tum
deir Oratorio , nelqualtempo pafiano ad una Ioggia ivi contigua ,
che e vero in illud procedunt ambulacrum ,
quod alibi defcripfmus •

membro dell’Oratorio deferitta quando li e pariato di eflo .

Accanto detto Camcrone fono due camerini piccoli, ma commodi , e ^uxta majus , fed
commo-
hoc cubiculum duo funt minora quidem
vaghi con la volta lavorata affai diligentemente , e fcantonati , come la gia da , afpeBuque jucunda faBus corona , ut fupra-
. Fornix in iis affabre
detta , fe bene con lavoro diverfo , ed il feantonamento di quefte e Itato ca- diBa , per angulos circumduBa , fed paulo diverfa Alia nimirum .ratio- .

gionato daaltro bifogno ,


come li dira ; In uno di quefti vi e un letto per ne adduBi fumus , ut mox dicemus In horum altero IcBus efi , ysP fu- .

chi avelle apernottare, e fopra detti camerini vi fono due mezzanini per pra h^c parva cubicula duce celluU una cum camino , altera cum qui-
unCameriere con un camino per un poco di cucina ,
ed altre cofe necefia- bufdam aliis culina commodis , quee omnia ibi forte exceptus hofpss pa-
rie, accio alloggiando alcun Foraftiere,poffaivi trovare tutcele commodita rata habeat
fenza avere a girare per l’abitazione de' Padri
Ma per falirc a detti
mezzanini non li trovava luogo per la fcala fenza Afcenfum ad has cellulas invenire difficillimum erat abfque rerum
far dei male, onde fantafticando penfai dentro la groflezza di uaa muraglia perturbatione , fed rem animo agitando tres cochlidum fcalarum partes
in un cantone dei Camerino dei letto cavare tre quarti della pianta d’una_. intra parietis in angulo craffitiem in cubiculo , ubi leclulus , efficere con-
fcala a lumaca ,
gia che non vi poteva entrare tutto il tondo della fcala , con flitui totam enim rotunditatem intus abfeondere non licebat , ftc ad
,

quali tre quarti mi riufci inalzarmi tanto con li fcalini che giunti alfimpo- , fornicis incumbam, feu cubiculi coronam perveni Tum e pariete exi- .

fta della volta , dove e la cornice , che recinge il Camerino , e pero ufeendo vi , quadrantem circuli in eo angulo duxi , 0° fupra coronam eamdem
ivi dai dritto della muraglia con la cornice formai con elfa un quarto di un cochlidum girum conficere perrexi quoad in ipfas cellulas perveni . Hia-
,
circolo nelfangolo dei Camerino fopra . il quale quarto di circolo feguitan- tum fcalularum teBurus , album pannum fub corona fufpendi qui pa-
,
do a voltare la fcala a lumaca , che finij di dare tutto il tondo fin che sarri- rietem ipfum cernulatur . Ibi plura condi poffunt indeque ofiiolo aperto
,

I va alii mezzanini a coprirc il fpaccato , fotto la cornice vi appefi un panno ad pergulam ante memoratam itur . Vnde hero in leBo collocato , potefi
bianco ben tirato , che fo parere elfer tutta muraglia , e fotto detta fcala co
perta da detto panno vi fi ripongono diverfi bifogni per chi vi pernottaffe
cubicularius ad cellulas afeendere , mane defendere , eidem hero ^ &
-
invifus exire . Confinantice deinde gratia in omnibus angulis circuli
anzi fi puo d’indi paffare alia Galleria fopradetta per mezzo d’una porci quadrantem effeci magna fane cum afpeBus jucunditate .
cella privata ,
che vi ho fatta, di maniera che pofto a letto il Padrone puo
il Cameriere falir fopra alii fuoi mezzanini ,
e la mattina puo calar giu , ed in pergula e regione janua prioris
Sed prgter hafce commoditates
,

ufeire fenza effer veduto dal Padrone . Quefto ripiego per Ia detta fcala a cubiculi janua par
ad fcalas quafdam fornice adiculp Templi inni-
eft
lumaca fu caufa ,
che in tutti gfangoli de' camerini per accompagnamento xas ducens , indeque ad ambulacrum palmos 150. longum , (St3 in fcalas
la cornice faceffe un quarto d’ un circolo , il che rende anche vaghezza_,
alias ad ambulacra primi impluvii ducentei detinens. Utrimque oflio
ali’ occhio clauditur hoc ambulacrum , unde folitariam , jucundiffimamque hofpiti-

tra nel
le dette commodita nella Galleria incontro alia porta , che en-
Oltre
primo Camerotto vi e una fimil porta , che introduce ad una fcala
bus deambulationem probet Hofpitii januam j vide in Tab. 65.,
• 66. &
tSP procipuas ejus formas.
foftenuta dalla volta di una delle cappelle della Chiefa , quale per paffeggio
non puo effer piu commoda , effendo remota da quellc , per le quali pratti-
cano li Padri, ed altre genti aventizie, qual Ioggia e lunga circa palmi 1 5 o-,

ed ha un’altra fcala * che rifponde in una delle loggc dei primo Cortile , e
l’una , e 1 ’altra fcala ha porta , che fi chiude con chiave , ficche il Foraftiere
la puo godere fenza difturbo , aggiungendo folamente la fopradetta porta

ingreffiva al detto appartamcnro della Foraftcria alia tavola n. 37. conia


feguente al n. 38. delle fue principali modinature .

Delle ftanze dei Predicatore De cubiculis Concionatoris


Cap. XXVII. Cap. XXVil.
Oftumano Padri
Congregazione delPOratorio di valer-
i della Icetex Infiituto fingulis ferialibus diebus , Sabbatho exce-
fi al Popolo Ia Quare
de’Predicatori Capuccini per predicare pto quater ad duas horas , ter Dominicis diebus conciones
fima , con tutto che il principale Iftituto della Congregazio- de verbo Dei ad Populum habeant Patres , humilitate ta-
nc fia il miniftrare la parola di Dio, a fegno che tutti giorni i men aBi , £9° uberioris fruBus fpe quadragefimales Concio
feriali dcITanno , eccetto Sabbati, fanno il doppo pranfo i Capuccina gente fligere folent Illud tamen prg-
natores e .

quattro fermoni , o ragionamenti fpirituaii.di mezz’ota Puno , e le fefte_ cipue profpiciunt , ne ullum afferat , ntve ulli obnoxius fit incommodo •

ne fanno tre fra la Chiefa, e ’Oratorio , nondimeno, come fi e detto, per la


1
Non parum propterea perquifivi , quo potijffmum loco ejus cubicula ad
loro umilta fi contentano di valerfi d’altri nel tempo di maggior frutto, co- voluntatem Patrum collocarem Illum tandem flegt , qui cum reliqua .

me e ordinariamente laQuarefima Premono nondimeno di non dare, e .


habitatione communis noneffet , quique Templo , ‘Bibliotheca , culina &
di non riceverc foggezione , che pero non fu piccolo penfiero il fituare le_ proximus effet , tSP undique vice compendium foret Dei auxilio , .

ftanze di detto Predicatore con il fudetto fine , e dopo qualche applicazione Divi Philippi patrocinio faBum efi > ut omnia hac ad votum c effer int ,
penfai di porlo in luogo ,
che non aveffe alcuna communicazione con i Pa- eaque cubicula , etfi parva , Capuccina tamen humilitati perapta fue-
dri ,
che fofle vicino alia Libraria per andare in Chiefa ,
o ricevere vifite rint .

non fi aveffe a girare per 1 ’abitazione de’Padri , e che aveffe facile la com-
municazionc conia Cucina per doverfeli portare il cibo in camera , coli'
ajuto di Dio , ed afliftenza di S. Filippo mi venne tutto bene , e fe bene_,
1 ’appartamento e piccolo , nondimeno alia modeftia ed umilta de’Capuc-
,

cini mi parve , che fi poteffe adattare . Omnia fere ambulacra ,


in quibus pofitafunt P atrum cubicula > aut
Quafi tutti i corridori ,ne’quali rifpondono le ftanze de’ Padri fono altiora funi hypatris aut depreffiora i
procoeton tamen sedicula S. Phi-
,
piu alti , o piu baftl della Ioggia feoperta , 1 ’anticamcra pero della Cappella lippi in prima contignatione pofita ,
altitudine hypgtras aquat , nec mo-
dei Santo al piano nobile giunge colfaltezza al piano della Ioggia feoperta, do nullum habet contiguum cubiculum , fed ituris ad Patrum cubicula
e non non ha niuna camera contigua , ma per andare alii corridori, do-
folo hypptra multa excurrenda efl , pluribufque gradibus , aut afendendum ,
ve fono le camere de’Padri , conviene comunicare un lungo fpazio di log- aut defendendum •

gia feoperta , e per la maggior parte afeendere , e difeendere molti fcalini


Sopra detta ftanza dunque fituai Tappartamento dei Predicatore, al-
zando fopra 1 'anticamera dei Santo , un Camerotto, quale divifi indue_ Supra hunc procoetonem duo Concionatoris cubicula cedificavi , cu-
ftanze , una per mangiare , 1’altra per dormire , c calando circa dieci fcalini bando alterum , alterum comedendo Infra decem gradus in triangulo .

cavai uno ftanzino per dormire fopra uno de’triangoli della fcala ovata del- exhedree parvulum efi cubiculum , ubi Concionatoris comes cubari folet j
laRicreazionc, nel quale fuoi dormire il Compagno dei Predicatore , e a Juxtaque illud parvam hypetram confeci fupra S. Philippi cediculam^
canto detto ftanzino feci una Ioggia feoperta fopra un camerino , che e fo- in qua claudi eum poffit , fcotulam , ut vocant , Capuccini facere^ .

pra la Cappella di S. Filippo con commodita di chiuderfi ivi per mez- hoc efi excutere >
5
eit emundare percommode vefiimenta poffunt •
zo di certo riparo d’ una fcala a lumaca , 'che fi apre , c fi ferra_-
per non effer veduti ,
per la fcotola de' loro veftimenti , che cosi chia-
mano i Capuccini ,
una tal diligenza ,
che ufano ,
per mantener la

polizia.
Da E par-
. . . . ,, . . . . . , .

19
fcemk per una fcala a lumaca al Cortile delle^ E parvulis htfce cubiculis cochlide ad culinam defeenditur , unde
Da quefti camerini (i

legna fuoco Ia rivanda, ed ogn’altro bifogno, ligna ignis fercula , £9° cetera adferuntur > Ad hujufce cochlidis me-
Cucine ,
portando per efla , , , ,

bifogni nc- dium reliqua funt opportuna commoda


e a radio la dccta fcala a lumaca vi feci ogni coramoditi per i

ceflarj^
3n)x fupe riori vi e una porta , cbe riefee nelle Iog-
due (i
E' duobus Concionatoris cubiculis in hypgtras communes exitur ,

fcoperte con una fcaletta a lumaca , che difeen-


communi a tutti inde cochlide in primam contignationem , tum in adytum , Templumque
ge
qucllo a ballo alia Chie- defeenditur
corridori dcl primo piano nobile , e da
.
de alii

^ ’
6
bene Ex Condonator ad bibliothecam , quamvis prcefio ha-
jjji| a loggia fcoperta fi paffa alia Libraria con pothipafli ,
fe fe hypgtris it
Sic deambulationem falubrem habet ,