Sei sulla pagina 1di 24

ISSN n.

1974-7144

SMART MANUFACTURING TECNOLOGIA

MODULI AUTOPORTANTI LA SICUREZZA BIOLOGICA


DI STRUTTURE CELLULARI NEI LABORATORI DI RICERCA
Progetto MASC per l’Industry 4.0 compliance: Le cappe di sicurezza, fondamentali per la tutela
una tecnologia manifatturiera avanzata che dell’ambiente e degli operatori e della competi-
permette di godere dei benefici fiscali tività scientifica

PAG. 17 PAG. 23

IN CONVENZIONE CON

PERIODICO D’INFORMAZIONE PER GLI ORDINI TERRITORIALI

Fondato nel 1952

N.1/2019 gennaio febbraio

EDITORIALE | RPT | RICOSTRUZIONE POST-SISMA 2016 TERRITORIO


La storia A due anni dal sisma del Centro Italia, la BOLOGNA |

siamo noi Rete fa il punto con il nuovo Commissario


Intervista a 360° al Presidente Gnudi

di Gianni Massa LAVORI PUBBLICI |


76mila edifici danneggiati, solo 42mila La Regione Sardegna contro tutti
Nel 1985 la poesia in musica di Fran- nelle Marche, e oltre 59.652 edifici privati
cesco De Gregori, nell’album “Scacchi con danni lievi LAZIO |
e Tarocchi”, esplora il confine tra il noi Troppo pochi i cantieri aperti dall’avvio dei lavori, Il caso di Onlus Seniores Italia
e la storia. Lo stesso confine in parte solo 30mila le schede AeDES redatte nelle Marche.
negato, quasi quindici anni prima, dal La RPT si è riunita a dicembre per un confronto
premio nobel Eugenio Montale. con il nuovo Commissario del Governo, Farabol-
Il prima e il dopo. lini. Solo 6500 richieste di contributo a fronte di
Per quanto sia fondamentale una potenziale richiesta per 59mila edifici dan-
studiare il mondo che ci circonda, neggiati. Zambrano: “La ricostruzione marcia a
non c’è paragone con l’interrogarsi ritmi lenti, è una situazione di evidente emer-
sulla storia della genesi delle scoper- genza”
te. Cioè sulla sovrapposizione di C ONTINUA A PAG. 2
competenze, talenti, intuizioni, eventi
casuali o fortissimamente voluti.
Sugli incroci di forze economiche, FOCUS ANTINCENDIO |
politiche, individuali, collettive, di
intelligenze, di necessità, di coinci- Per le attività senza RTV sarà il Codice
denze, di errori, che hanno generato
un dopo rispetto a un prima. Per
la norma di riferimento
esempio, prima del frigorifero come
si conservava il cibo? E come ci è Intervista a Fabio Dattilo, nuovo Capo
venuta l’idea del rasoio bilama? E del Corpo Nazionale dei VV.F.:
le grandi e piccole infrastrutture? “Le norme presenti sono sufficienti,
Opere d’arte frutto dell’ingegneria ma vanno rispettate”
e dell’architettura italiana – spina PAG. 8
dorsale del Paese nel dopoguer-
ra – oggi, purtroppo, al centro FIBRA OTTICA |
dell’attenzione politica amministra- MANIFESTAZIONI PUBBLICHE |
tiva e tecnica, dopo cinquant’anni di Lucca Comics & Games: Agevolare i lavori della
frammentazione delle competen-
ze e di mancanza di una cultura Gestire la trasformazione in banda larga
EFFEMERIDI |

della manutenzione e della gestione sicurezza L’Ingegnere


che verrà
PAG. 4
scientifica del processo: progettazio- Dal C3i alcune soluzione per il Piano Nazionale
ne, realizzazione, gestione. BUL, un’opportunità che coinvolge tutti i settori
RIFLESSIONI | LA DIFESA DELL’AMBIENTE
Quando qualcosa c’è – esiste – non si dell’ingegneria. Dal coordinamento delle attività Se dovessi indicare l’evento che ha

Rifiuti, un binario morto


pensa a come fosse il mondo prima. al rapporto con gli amministratori di condomini. segnato per noi il 2018, senza scon-
O a come, proprio quell’oggetto o Essenziale una corretta pianificazione finare in quell’ambito politico che
quella determinata scoperta abbia- PAG. 6 dal marzo o giugno scorso sta por-
no poi modificato il mondo. Come si Economia circolare, raccolta differen- tando l’intero paese ad attraversare
è arrivati a inventare il “volo”? ziata, materie prime seconde, riciclo. territori oscuri o comunque scono-
Cosa sta succedendo? sciuti, indicherei senza esitazioni il
crollo del ponte sul Polcevera
CONTINUA A PAG. 6 PAG. 12 PAG. 12

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
a cura della Redazione

DIREZIONE
CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI
Via XX Settembre, 5 RICOSTRUZIONE La RPT a Camerino
00187 Roma
POST-SISMA 2016 Si è svolto lo scorso dicembre a Camerino nel Centro Benedetto XIII,
in provincia di Macerata, il convegno della RPT “A due anni dal Sisma
DIRETTORE RESPONSABILE del Centro Italia. Il Punto delle Professioni Tecniche” sul tema della
Armando Zambrano Ricostruzione. Presenti i Direttori degli Uffici Speciali di Ricostruzio-
Presidente Consiglio Nazionale
degli Ingegneri
ne, Cesare Spuri (Marche), Alfiero Moretti (Umbria), insieme con il
Commissario Straordinario per la ricostruzione, Piero Farabollini e
DIRETTORE EDITORIALE l’on. Tullio Patassini; e ancora, Armando Zambrano, Presidente del
Gianni Massa CNI e Coordinatore della RPT, Massimiliano Pittau Direttore del il Cen-
VIce Presidente Vicario Consiglio Nazionale
degli Ingegneri
tro Studi CNI, e i rappresentanti nazionali della RPT: Walter Baricchi
(arch.), Ezio Piantedosi (geom.), Giampiero Giovannetti (p. ind.), Fran-
DIREZIONE SCIENTIFICA cesco Violo (geol.), Stefano Villarini (agro.), Marco Orsini (p. agrari),
Eugenio Radice Fossati, Davide Luraschi,
Mauro Bocciarelli (Fed. Naz. Chimici e Fisici).
Massimiliano Pittau

PUBLISHER
Marco Zani

COORDINAMENTO EDITORIALE
Antonio Felici

DIREZIONE
CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

La Rete fa il punto con


Stefano Calzolari, Giovanni Cardinale, Gaetano
Fede, Michele Lapenna, Ania Lopez, Massimo Per rendere più concreti i dati, solo
Mariani, Gianni Massa, Antonio Felice Monaco, 1/4 delle pratiche negli USR sono
Roberto Orvieto, Angelo Domenico Perrini, Luca diventate cantieri per la ricostru-

il nuovo Commissario
Scappini, Raffaele Solustri, Angelo Valsecchi,
Remo Giulio Vaudano, Armando Zambrano
zione privata.

COMITATO DI REDAZIONE PROPOSTE DAGLI


Augusto Allegrini, Mario Ascari, Sandro Catta, “INGEGNERI DEL CRATERE”
Donatella Cristiano, Gerlando Cuffaro, Valen-
tina Cursio, Achille Dall’Aglio, Sebastiano Flo- Armando Zambrano: “Dobbiamo capire perché nonostante il consistente Sono poco più di 30mila le sche-
ridia, Luca Gioppo, Salvatore La Grotta, Simo- de AeDES redatte, denuncia l’ing.
ne Monotti, Elena Moro, Alberto Romagnoli
lavoro svolto – soprattutto dagli USR – il processo di ricostruzione marcia a ritmi Spuri, Direttore USR Marche: “È
REDAZIONE, SEGRETERIA
lenti o non del tutto adeguati a una situazione che è di evidente emergenza” inaccettabile che a fronte di oltre
Silvia Martellosio, Vanessa Martina, Federi- 105mila sopralluoghi siano state
ca Orsini, Eleonora Panzeri redatte poco più di 30mila schede
Palazzo Montedoria AeDES”. La regione Marche infatti –
Via G.B. Pergolesi, 25 - 20124 Milano
sottolinea Spuri – tiratasi fuori “da
tel. +39 02.76011294 / 02.76003509
fax +39 02.76022755 questa palude a gennaio” ha avuto
redazione@giornaleingegnere.it modo di riscontrare che sono oltre
http://www.giornaleingegnere.it 60mila gli edifici da mettere a po-
Filomena Petroni
sto. Tralasciando poi la non corret-
Consiglio Nazionale degli Ingegneri
Via XX Settembre, 5 - 00187 Roma ta retribuzione per le prestazioni
tel. 06 69767040 dei professionisti che “svilisce”, ri-
rivista@cni-online.it prendendo le parole del Direttore,
Testata registrata - Tribunale di Milano
n. 229 - 18/05/2012
il mondo delle professioni: “Per chi
gestisce la ricostruzione è impor-
HANNO COLLABORATO IN QUESTO NUMERO tante tutto quello che inizia dalla
M. Abate, G. Benzoni, M.A. Caponero, P. Caporel- presentazione del progetto”.
lo, A. Cella, P. Corvaglia, C. Crosti, A. De Marco, D.
Franzoni, P. Freda, A. Largo, O. Manni, G. M. Mar-
Tra le criticità riportate dagli Inge-
giotta, S. Monotti, A. Marino, A. Pellegrino, P. Ra- gneri del Cratere al Farabollini ci
nieri, M. Salis, S. Sapienza, G. Tonelli, A. Zambrano sono anche delle soluzioni opera-
tive per migliorare la situazione.
COMITATO D’INDIRIZZO
A partire dalla stessa progetta-

A
Il Comitato d’Indirizzo, in fase di costituzione,
sarà composto dai Presidenti degli Ordini de- zione degli interventi che gli in-
gli Ingegneri d’Italia. più di due anni dall’ultimo ai terremoti che si verificheranno ricostruzione, dobbiamo capire gegneri auspicano possa essere
sisma del Centro Italia, la in futuro senza perdere l’agibilità. perché nonostante il consistente regolamentata dal DPR 380/2001,
EDITORE:
QUINE Srl situazione non sembra es- Quindi, bisogna ripartire cambian- lavoro svolto – soprattutto dagli semplificando le procedure buro-
Via Spadolini 7 - 20141 Milano sere cambiata. Nonostan- do prima di tutto il pensiero in USR – il processo di ricostruzione cratiche e il numero degli elaborati
Tel. 02 864105 - Fax 02 72016740 te i fondi stanziati e gli sforzi dei seno al concetto di ricostruzione. marcia a ritmi lenti o non del tutto progettuali; così come avere indi-
Iscrizione R.O.C n. 12191
professionisti, si stenta a giungere Non più cercare di “ricreare” quel- adeguati a una situazione che è di cazioni precise sulla cosiddetta ge-
Pubblicità: QUINE Srl
Via Spadolini 7 - 20141 Milano a una definitiva ricostruzione de- lo che era, ma stabilire un com- evidente emergenza”. Parole chia- rarchia delle decisioni – basta con
Realizzazione grafica gli immobili (anche privati) forte- penso idoneo per tutti i lavori e re quelle di Armando Zambrano, la messa in discussione di qualsi-
Fabio Castiglioni mente danneggiati. Inutile ribadire “guardare al futuro”. Presidente del CNI e Coordinato- voglia proposta – e soprattutto di
Progetto grafico
Stefano Asili e Francesco Dondina
che i tempi burocratici sono lun- Ma come raggiungere questo re della RPT. Dati parziali, certo, Linee Guida sulla Ricostruzione
Stampa: Grafica Veneta S.p.a. (PD) ghi: troppo pochi i cantieri aperti obiettivo? Quali sono le principali che devono essere integrati con il precise con altrettanti manuali
Proprietà Editoriale: dall’avvio dei lavori da parte del problematiche che impediscono completamento delle schede Ae- esplicativi chiari, anche sulla scor-
Società di Servizi del Collegio Commissario Straordinario per la ancora una volta di poter proce- DES. Più nel dettaglio, grazie allo ta di prove di laboratorio, studi e
degli Ingegneri e Architetti di Milano S.r.l.
Via G.B. Pergolesi, 25 - 20124 Milano
Ricostruzione nelle zone interes- dere? Sicuramente, la mancanza studio compiuto dal Centro Studi ricerche approfondite sulle tipolo-
© Collegio degli Ingegneri sate, considerando anche i sopral- di un disegno strategico e di una CNI su commissione della RPT, si gie degli edifici esistenti nelle zone
e Architetti di Milano luoghi effettuati dal Dipartimento “vera regia” che possa guidare è riusciti a fare un punto della si-
Gli articoli e le note firmate esprimono l’opi-
per la Protezione Civile. Aspetti verso scelte più condivise, segna- tuazione (si veda box Il Punto del- Insieme per il
nione dell’autore, non necessariamente quel-
questi che sono emersi dall’ulti- lano nel paper gli Ingegneri del le Professioni Tecniche). Ricorda
la della Direzione del giornale, impegnata a
garantire la pluralità dell’informazione, se mo convegno tenutosi a Camerino, Cratere. Si ripone fiducia, dunque, sempre Zambrano: “Oggi abbiamo
Centro Italia
rilevante. Essi non impegnano altresì la Reda- e organizzato dalla RPT (Reti Pro- nel Comitato Tecnico di Concer- circa 6500 richieste di contributo Il Gruppo degli Ingegneri per la
zione e l’Editore. L’invio, da parte dell’autore,
fessioni Tecniche) da tempo ormai tazione almeno per raccogliere a fronte di una potenziale richie- ricostruzione del cratere Centro
di immagini e testi implica la sua responsabi-
lità di originalità, veridicità, proprietà intellet- in prima linea per la ricostruzione le istanze stesse dei territori. È sta per 59mila edifici danneggiati. Italia è composto dalle quattro
tuale e disponibilità verso terzi. Esso implica delle città colpite. Bisogna recupe- ancora troppo ampio il gap tra il E tale cifra è molto prudente. La regioni colpite:
anche la sua autorizzazione alla loro pubbli- rare quel clima di “collaborazione numero di edifici danneggiati e situazione può cambiare solo se,
cazione a titolo gratuito e non dà luogo alla
e fiducia” per la ricostruzione, que- quelli con Richiesta Contributi ripercorrendo norme e procedure Abruzzo: Ordini di Teramo e L’A-
loro restituzione, anche in caso di mancata
pubblicazione. La Redazione si riserva il diritto sto l’appello del Gruppo Ingegneri Ricostruzione (RCR); dal 2016 gli legate al riconoscimento e alla li- quila e la Federazione Ingegneri
di ridimensionare gli articoli pervenuti, senza per la Ricostruzione del Cratere edifici danneggiati sono 76mila quidazione del danno riusciamo a Abruzzo;
alterarne il contenuto e il significato. che per l’occasione ha presentato (42mila solo nelle Marche) e oltre individuare criticità o colli di botti- Lazio: Ordine di Rieti e la Federa-
Assicurati di ricevere con continuità tutti i
al nuovo Commissario di Governo, 59.652 edifici privati con danni lie- glia che, con uno sforzo aggiuntivo zione Ingegneri Lazio;
fascicoli il prof. geol. Piero Farabollini, una vi stimati dagli USR (Uffici Speciali rispetto a quanto indubbiamento Marche: Ordini di Ancona, Ma-
PUBBLICITÀ: sintesi delle problematiche relati- per la Ricostruzione) nelle quat- è stato fatto fino a oggi, possiamo cerata, Fermo, Ascoli Piceno e la
dircom@quine.it ve ai ritardi accumulati nei lavori tro regioni interessate del Centro rimuovere”. I cantieri aperti per le Federazione Ingegneri Marche;
PER ABBONAMENTI:
Tel. 02.76003509 - Fax 02.76022755
di recupero. A partire proprio dalla Italia (Marche, Umbria, Abruzzo, opere di ricostruzione sono più di Umbria: Ordini di Perugia e
redazione@giornaleingegnere.it vera urgenza: restituire al territo- Lazio). “Attraverso il confronto tra 1500 (a cui dovrebbero aggiungersi Terni e la Federazione Ingegneri
www.giornaleingegnere.it rio fabbricati in grado di resistere le parti coinvolte nel processo di successivamente altri 100 cantieri). Umbria.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
3

IL PUNTO DELLE PROFESSIONI TECNICHE


I DATI SULLA RICERCA POST-SISMA A CURA DEL CENTRO quanto previsto dal nuovo comma 7-bis introdotto con la
STUDI CNI Legge 130/2018 cd. Decreto Genova che prevede l’emissio-
ne di un primo Acconto a copertura delle spese sostenute
A due anni dal sisma che ha colpito il Centro Italia, i dati dai tecnici ai fini della presentazione dei progetti (rilievi,
rilevati attraverso le schede AEDES – 79.364 quelle redatte indagini, verifiche) e demanda a ordinanza commissariale
a ottobre 2018 nelle quattro regioni interessate (Abruzzo, al fine di definire le modalità di pagamento delle prestazioni.
Marche, Umbria, Lazio), di cui l’84% con esito definito –
mostrano un numero di edifici pubblici e privati inagibili SOLUZIONI PROPOSTE
pari a 75.955, di cui la maggior parte (42.265) nelle Marche. Per rendere più rapida l’opera di ricostruzione delle aree
59.652 invece gli edifici agibili, ma con danni lievi o gravi, colpite dal sisma, il 78,8% dei rispondenti propone una
di cui si stanno occupando gli USR, Uffici Speciali per semplificazione delle procedure per la predisposizione e
la Ricostruzione (Grafico 1 e 2). Al momento, le pratiche la gestione delle RCR; seguono una limitazione dei casi di
trattate dagli USR rappresentano solo l’11% (Grafico 3) richiesta di chiarimenti e revisione (44,8%); l’attribuzione GRAFICO 1. Dati rilevati attraverso Schede AEDES
degli edifici privati con danni lievi o gravi, per un totale di ai professionisti della responsabilità di certificare la con- (Fonte: Dipartimento Protezione Civile)
6.439 pratiche di Richiesta Contributo Ricostruzione (RCR). formità della RCR, secondo il principio della sussidiarietà
Quelle concluse con emissione di un decreto contributo, a (39,3%); il miglioramento, anche tramite attività formative
novembre 2018, sono 1.659: il 25,8% delle pratiche presen- e di training, delle competenze dei responsabili degli USR.
tate, per appena il 2,8% degli edifici privati danneggiati. I
cantieri aperti per la ricostruzione sono in totale 1563: 1172
nelle Marche, 227 in Umbria, 121 nel Lazio e 43 in Abruzzo.

I PROFESSIONISTI
Secondo i professionisti tecnici abilitati alla pre-
sentazione delle RCR, la mancanza di un contributo
GRAFICO 2. Edifici danneggiati
economico per la RSL (Risposta Sismica Locale) è (Fonte: Relazione Commissario Straordinario Ricostruzione
alla base delle criticità individuate (100% da parte Sisma 2016 – Dati USR Abruzzo, Marche, Umbria, Lazio*)
dei geologi), oltre alla mancanza di anticipi per le
*dati stimati attraverso informazioni del Dip. Protezione Civile
spese necessarie da sostenere (95,2%). Ma soprat-
tutto, l’impossibilità di inserimento nel MUDE per il
caricamento e l’ inoltro delle RCR di più ditte (83,3%)
mette d’accordo la categoria: l’inefficace modalità
di immagazzinamento delle pratiche si riscontra dai
GRAFICO 3. Pratiche tratte dagli
tempi medi troppo lunghi per caricare una domanda USR (Fonte: Dati USR Abruzzo,
RCR (20 giorni), oltre che da un’interfaccia poco Marche, Umbria, Lazio)
intuitiva e poco responsiva. Si attende l’attuazione di

5,7 pratiche RCR per edilizia priva- anni e mesi interi per le sole pra- ricostruzione, a partire dai profes-
— “È inaccettabile che a fronte di oltre 105 ta con danni lievi (4051 in totale) e tiche cartacee e/o digitali. Ma le sionisti, dai sindaci e tutti gli enti.
4,3 pratiche per edilizia privata con piattaforme non riescono a comu- Anche il CTS, in questo momento,
mila sopralluoghi siano state redatte poco danni gravi (2370 in totale). Per la nicare tra di loro. sta ultimando le Linee Guida per i
più di 30 mila schede AeDES” — presentazione e la gestione del- danni gravi, prima citate dagli in-
le pratiche di delocalizzazione (in LAVORARE IN SINERGIA gegneri, che richiederanno un ulte-
totale 673) sono stati necessari 277 Da parte sua, il Commissario Fa- riore confronto tra le RPT e gli USR.
colpite, nonché dei criteri istrut- nistrativamente) venissero invece giorni, per la ricostruzione dell’e- rabollini ha accolto tutte le criti- Troppo tempo è stato sprecato, oc-
tori per gli USR. respinti ben 10 mesi dopo la con- dilizia privata con danni lievi 314 cità sollevate nel corso del con- corre che la semplificazione delle
segna per parere contrario della giorni, e addirittura 365 giorni per vegno. La volontà c’è ed è quella pratiche e la riduzione dei tempi
PRATICHE SU PRATICHE E IL Commissione per la qualità archi- quelle di ricostruzione in presenza di iniziare un lavoro sinergico tra diventi il prima possibile effettiva
MUDE “UNO STRUMENTO CHE tettonico e il paesaggio del Comu- di danni gravi. Si parla dunque di i vari protagonisti coinvolti nella per poter risollevare il Centro.
NON AIUTA” ne competente. Necessaria una di-
Si tenga conto poi della comples- minuzione dei tempi di rilascio del
sità, anzi, della cospicua modu- contributo. Non contando poi che,
listica da presentare all’USR per all’insoddisfazione dei tempi buro-
l’Istanza RCR (circa 15 moduli per cratici, contribuisce anche quella
una sola istanza) e l’USR che fun- per la Piattaforma MUDE, Modello
ge da “sportello unico” regionale, Unico DIgitale per l’Edilizia – siste-
interfacciandosi con i vari Enti ma condiviso per l’inoltro alle PA
territoriali. Perché non dare allo- delle pratiche edilizie messo a di-
ra, suggeriscono gli ingegneri, la sposizione per la ricostruzione dei
possibilità ai cittadini e ai tecnici territori colpiti dal sisma del 2016.
stessi di acquisire autonomamen- La piattaforma stenta a risponde-
te – prima dell’invio dell’istanza re alle esigenze dei professionisti:
– le autorizzazioni degli enti com- ben 20 giorni per scaricare per
petenti necessarie? Inviando suc- una Richiesta di contributo rico-
cessivamente insieme all’istanza struzione. Nello specifico, solo il
un progetto già approvato? Una 27% dei professionisti abilitati è
questione spinosa, dal momento riuscito a elaborare una RCR con
che è capitato per esempio che accesso al MUDE (su un campione
progetti (autorizzati dal punto di di 3051 professionisti). In media,
vista sismico e conformi ammi- ogni professionista ha elaborato

Le proposte degli ingegneri del cratere


✔ PROGETTAZIONE REGOLAMENTATA SECONDO DPR 380/2001 edizione
✔ GERARCHIA DELLE DECISIONI EXPOTORRE UN EVENTO UNICO
✔ LINEE GUIDA TECNICHE 4 SETTORI MERCEOLOGICI
✔ CRITERI ISTRUTTORI PER USR
✔ SEMPLIFICAZIONE MODULISTICA DI CORREDO ALL’ISTANZA RCR
✔ REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA
✔ NUOVO PREZZIARIO DEL CRATERE
✔ TEMPI DI GARA ADEGUATI ALLA SCIA
✔ ACQUISIZIONE AUTONOMA DELLE AUTORIZZAZIONI DAGLI ENTI TERRI-
TORIALI ORARI:
✔ CONTROLLI SULLE STRUTTURE AGLI ESPERTI Venerdì dalle 10.00 alle 20.00 numero verde
✔ ANTICIPO PROGETTAZIONE COME DA “DECRETO GENOVA Sabato dalle 10.00 alle 20.00
✔ MODIFICA PIATTAFORMA INFORMATICA (MUDE)
Domenica dalle 10.00 alle 18.00 800-577385

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
EVENTI MANIFESTAZIONI PUBBLICHE E DI SPETTACOLO | LUCCA COMICS & GAMES

Gestire la trasformazione Operativo Comunale di Prote-


zione Civile che, attraverso spe-
cifica disposizione del Sindaco, è

in sicurezza aperto in occasione della mani-


festazione”.

Solo la pianificazione e il coordinamento di tutti i soggetti coinvolti nell’organiz- Che misure vengono adottate
per assicurare la sicurezza
zazione di Comics & Games permette di governare senza intoppi lo svolgimento di partecipanti, espositori e
dell’evento e l’afflusso dei partecipanti dell’apparato scenico?
A.P. “Il contesto, come si pre-
di Federica Orsini elevato di partecipanti, in una metteva, può essere aperto al
città dalle dimensioni contenute? pubblico solo una volta che
Nei cinque giorni di Lucca Comics A.P. “Le criticità possono essere sia stato approvato l’apparato
& Games la città vive una vera rappresentate sia da situa- documentale che ne forma-
e propria trasformazione. Nel zioni emergenziali interne, quali lizza la gestione in termini di
centro storico si passa repenti- princìpi di incendio, black-out sicurezza e che, a ridosso della
namente dai circa 8000 residenti elettrici, cedimenti di elementi manifestazione, è sottoposto a
alle quasi 800.000 presenze citta- strutturali che compongono gli specifico sopralluogo da parte
dine. Tutto questo comporta un ambienti visitati dagli spettatori, degli organi di controllo riuniti
enorme lavoro di gestione e pre- piuttosto che esterne, anche con- in sede di Commissione di Vigi-
venzione della sicurezza, curato siderati gli scenari internazionali lanza. La sicurezza, in questo
in sinergia tra loro da tutte le in conseguenza dei quali l’at- senso, nasce da un concorso di
Forze dell’Ordine e coordinato in tenzione deve essere la più alta elementi che vanno dalla soli-
diversi tavoli di lavoro da prefet- possibile. Il panico, anche ingiu- dità delle strutture temporanee
tura, questura e Vigili del Fuoco. stificato, risulta uno degli ele- alla regolarità degli impianti
Dopo i fatti di Torino, le norme in menti più critici in assoluto”. elettrici, dalla definizione di
materia di sicurezza si sono fatte misure di safety inerenti alla
ancor più stringenti, “ma l’ema- Come è articolata la logistica gestione dei rischi relativi agli
nazione della Circolare Gabrielli dell’evento per far sì che i flussi affollamenti degli ambienti di
– spiega Mario Pardini, Pre- In quei giorni, il lavoro OPERARE IN SICUREZZA di persone e strutture tempo- fiera e all’eventuale evacuazione
sidente di Lucca Crea – dell’amministrazione Abbiamo chiesto all’Ing. Andrea ranee “viaggino” per direttrici dei medesimi e di security, tesi
che racchiude tutte le comunale mira a ren- Pellegrini, Responsabile della parallele? questi ultimi alla prevenzione
procedure da mettere dere il meno impat- Sicurezza, e a Duccio Signorini, D.S. “L’organizzazione è centraliz- di eventuali comportamenti atti
in atto per garantire la tante possibile il Responsabile Logistica, di illu- zata sul Coordinatore della logi- a offendere da parte di terzi. In
sicurezza in occasione di disagio per la città e i strarci come vengono gestiti i stica e dei servizi per il pubblico, ogni caso, queste modalità sono
manifestazioni pubbliche suoi cittadini. “Grazie a rispettivi aspetti, fondamentali che svolge un’opera di ottimizza- preventivamente concordate con
Mario Prandini,
e di spettacolo, non ci ha Presidente una gestione manageriale nella gestione di un evento di zione dei rapporti fra necessità, i diversi organi di controllo con i
colti impreparati. Per acco- Lucca Crea dell’evento – sottolinea così ampia portata in termini sia richiesta e risorse disponibili”. quali si lavora in sinergia prima
gliere il grande afflusso Pardini – il ritorno per di flussi di merci sia di parteci- e durante il corso della manife-
di persone che la fiera richiama Lucca sia in termini di immagine panti. Quali sono le figure tecniche stazione”.
ogni anno e scongiurare qual- sia economico è molto importante, coinvolte nell’organizzazione
siasi tipo di problema, già da ed essendo la società che ne cura Quali sono gli elementi che pos- dell’evento e deputate a garan- A suo parere, la normativa ita-
tempo abbiamo adottato tutta l’organizzazione di proprietà del sono rappresentare una criti- tirne lo svolgimento in sicurezza? liana è sufficientemente chiara
una serie di criteri contemplati Comune, gli introiti vengono reinve- cità in termini di sicurezza per A.P. “Esiste uno specifico organi- per decretare ruoli e responsa-
nella Circolare Gabrielli ”. stiti anche in attività culturali di cui un evento come Comics, che gramma che viene ufficializzato bilità all’ interno della manife-
Ulteriori aspetti che sono oggetto poi tutta la comunità può godere”. richiama un numero alquanto in sede di Commissione Provin- stazione?
di attenzione e studio – per assi- ciale di Vigilanza sui Luoghi di A.P. “La normativa inerente la
curare un’equilibrata convivenza Trend visitatori Pubblico Spettacolo ove a capo sicurezza dei luoghi di Pubblico
con la routine cittadina – sono la del meccanismo è il cosiddetto Spettacolo è piuttosto datata,
viabilità e le condizioni meteoro- Gestore della sicurezza. Questi, considerando che la Regola Tec-
logiche: la prima per evitare che, nel caso specifico, è supportato nica di Prevenzione Incendi di rife-
soprattutto nei giorni lavorativi, da un coordinatore della vigi- rimento risale al 1996. Negli ultimi
la città si blocchi; la seconda, lanza antincendio interna e dal anni, a valle di quanto occorso
invece, per garantire la massima coordinatore dello staff dell’or- presso Piazza S. Carlo in Torino,
fruibilità dell’evento anche in ganizzazione il quale, a sua volta, sono state poi emanate alcune
caso di pioggia, cosa che spesso gestisce i servizi di security che Circolari dagli organi preposti che
accade dato che la manifesta- operano in campo. La gestione riportano, o meglio, ribadiscono
zione si tiene ogni anno a cavallo operativa del meccanismo si specifici oneri e responsabilità in
tra ottobre e novembre. oggettiva all’ interno del Centro capo all’organizzatore”.

Carta D’Identità
Fondata nel 1966, Lucca Comics disposizione della manifestazione stiva cornice rinascimentale della la cornice scenografica che solo a coloro che già nel 1966 visitavano
& Games è una fiera dedicata al si è ampliato attestandosi su circa città, all’interno degli stessi palazzi una città come Lucca può offrire, la fiera, e che oggi hanno circa set-
fumetto, all’animazione, ai giochi 55.000 m² espositivi. Vi parteci- antichi lucchesi. Uno dei motivi del rispetto ai convention centre dove tant’anni e continuano a non man-
(di ruolo, da tavolo, di carte), ai pano tutti i più importanti operatori successo di questa manifestazione abitualmente si svolgono questo care l’appuntamento.
videogiochi e all’immaginario fan- del settore e un numero sempre è l’aver sempre intercettato in anti- tipo di eventi. L’unico padiglione
tasy e fantascientifico che si svolge crescente di negozi specializzati, cipo, rispetto ad altre fiere a tema, i all’esterno, a ridosso delle mura, è Comics 2018
a Lucca, annualmente. Giunta alla fumetterie e associazioni ludi- nuovi trend di settore e averli incor- quello dedicato ai giochi e al Fan- in numeri
52esima edizione, è considerata la co-culturali. Durante i giorni della porati all’interno della manifesta- tasy, che si tiene in una tenda di
più importante rassegna del settore, mostra mercato si svolgono svariati zione stessa. 9.000 m2 e che quindi richiede il Partecipanti: 251.000 biglietti;
prima d’Europa e seconda al mondo, eventi tra cui, concerti, proiezioni, rispetto di tutta una serie di norme 500.000 visitatori unici nella città
dopo il Comiket di Tokyo. incontri con gli autori, presentazioni, NEL CUORE DELLA CITTÀ di sicurezza. nei 5 giorni
L’evento viene organizzato dalla tornei di giochi di ruolo dal vivo e Un’altra scelta risultata vincente è Espositori: oltre 700
Società a responsabilità limitata di cosplayer e spettacoli dedicati al stata quella di riportare la manife- IL TARGET DEI VISITATORI Personale di supporto: oltre 800
Lucca Crea, istituita nel 2016 in settore fumettistico e d’animazione stazione, come in principio, all’in- Un ulteriore aspetto tenuto in persone
seguito alla fusione fra la prece- in generale. Sia nell’ambito di Lucca terno delle mura di Lucca. Dal 2006 considerazione nell’organizza- Personale dedicato alla sicurezza:
dente organizzatrice Lucca Comics & Comics che di Lucca Games si pos- a oggi si è così passati da circa zione della fiera è la trasversalità 200 persone circa gestite attra-
Games e la Lucca Fiere e Congressi. sono inoltre trovare mostre e per- 100.000 visitatori a oltre mezzo dei partecipanti: il target è multi- verso l’organizzazione, fatta ecce-
In precedenza la manifestazione era corsi espositivi dedicati ai principali milione. E anche le Major di produ- generazionale; a Lucca Comics & zione delle Forze dell’Ordine, dei
curata direttamente dal Comune di artisti mondiali o titoli di opere pre- zione, così come i tanti espositori Games partecipano gruppi e per- Vigili del Fuoco, del volontariato e
Lucca. senti al festival. Alcune di queste nazionali e internazionali presenti, sone di tutte le età: dalle famiglie della Protezione Civile
Nelle ultime edizioni, lo spazio a mostre sono allestite nella sugge- hanno dimostrato di apprezzare con bambini, anche di pochi anni,

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
5

SPEAKing RICONOSCIMENTI
Giuseppe M. Gaspari nominato
Young Tunneler of the Year
Il giovane ingegnere premiato per l’eccezionalità dell’innovazione nel tunneling agli
ITA-AITES 2018 Awards in Cina
Una laurea in Ingegneria Civile e ben due Master in geotecnica e in tunneling
and TBMs, Giuseppe M. Gaspari è sempre stato appassionato di scavi in roccia
e in terreni tradizionali. Passione comprovata da oltre un decennio di lavori
realizzati in Europa, Asia e in America, oltre che dall’appartenenza e leadership
nelle associazioni di settore in ambito internazionale, come membro del consi-
glio direttivo di ITA-YM dal 2016, membro del comitato esecutivo del WTC 2019,
co-fondatore e coordinatore degli YM sia presso la SIG
sia presso l’AGI, membro di CGS, TAC, ISRM,
ISSMGE, e vicepresidente YLC per l’Eu-
ropa di SME-UCA.
Lo scorso 7 novembre, durante una
cerimonia tenutasi a Chuzhou, in
Cina, Giuseppe M. Gaspari è stato
nominato “Young Tunneler of
the Year” agli ITA-AITES 2018
Awards, premi dedicati
dall’International Tunneling
Association ai vincitori di
una competizione interna-
zionale, che dal 2015 cerca
e premia l’ innovazione e
Prego, si accomodi! l’eccezionalità’ nel tunneling
e gonna che ha visto tempi migliori. E ora e nell’utilizzo dello spazio
di Antonello Pellegrino sono qui. Mentre mio fratello è in Nuova sotterraneo.
Diretta verso il portone di un grigio Zelanda e cercherà di prendere un paio di
edificio con grigie finestre, sotto un sole settimane per tornare a darmi una mano
meraviglioso. con mamma, appena il nuovo capo com-
I sacchi multicolore di mondezza non prenderà la situazione, ha detto. Papà
raccolta li schivo agevolmente, mi ci sono mi chiamerà stasera per sapere del col- LIBRI | RECENSIONI
abituata come un’aragosta che nell’acqua loquio, le voci squillanti dei miei giovani Errare humanum est!
tiepida non percepisce il lento variare fratellastri a far da sottofondo ovattato
dell’entalpia, e con me tante di quelle ai suoi opachi sensi di colpa, capisco la di Antonio De Marco
aragoste, ognuna nella sua pentola, che tua situazione ma devi essere ottimista,
le torri di incubazione di Matrix sembrano andrà meglio. Io non credo che capiscano L’errore è cosa umana, come dice il noto adagio latino
un centro benessere per selezionati milio- realmente la mia situazione. Come la vivo errare humanum est!
nari, a confronto. Neanche i due gabbiani io. Il mio vecchio capo invece l’ha capita È segno di grande vanità (irresponsabilità) credere di
che si strappano di becco in becco quanto al volo, una volta informato che non sottrarvisi e di essere infallibili: secondo un proverbio
rimane di un grasso ratto mi turbano più potevo più fare lunghe missioni all’estero toscano anche il prete sbaglia all’altare. “Il bello di fal-
di tanto. Atarassia, un asintoto duro da mi ha convocata per congedarmi e fare lire” è stato il titolo e il tema della settima Convention
focalizzare e cui tendere ma da tempo tanti auguri, confortandomi sulla qualità annuale dell’associazione ALUMNI del Politecnico di
cerco di impormela, per andare avanti. del mio lavoro e dicendo, cosa che sapevo Milano, svoltasi presso il Teatro Dal Verme, lo scorso
Entro. Un usciere svogliato solleva mezza già, che i miei giovani collaboratori erano 10 novembre 2018. L’interessante dibattito, condotto e
palpebra e mi indica l’ascensore, quattro molto dispiaciuti nel vedermi andar via, animato brillantemente dal Prof. Enrico Zio, ha visto
dita della mano destra alzate. Chissà che non sarebbe stato semplice sostitu- la partecipazione del Rettore del Politecnico, Ferruccio
quante ne sta vedendo come me, in questi irmi sia in progettazione che in cantiere, Resta, e di affermati alumni che hanno portato la
giorni, dirette al quarto piano. Quante che d’altronde capiva la situazione. E propria esperienza professionale e di vita evidenzian-
e non quanti perché l’annuncio parlava nei suoi occhi la muta domanda essere do ancora come la “risorsa umana”, che caratterizza
chiaro, preferenza per personale fem- donna in Italia non deve essere semplice l’ingegnere italiano, è sempre alla base del successo
minile, e so già cosa vuol dire. Significa col peso della famiglia che alla fine e/o dell’insuccesso.
che vogliono gente da poter pagare di cade quasi solo sulle vostre spalle, lo In entrambi i casi, ma soprattutto nel caso di fallimen-
meno perché sa, signora, mettiamo già so, ma sei proprio sicura di quello che to di una iniziativa o di un progetto, la risorsa umana
in conto che possa andarle meglio un stai facendo? Che ti stai facendo? Forse deve capire e gestire la situazione in modo che l’errore Massimiano Bucci – Sbagliare da
professionisti, Storie di errori e
orario flessibile e parziale, veniamoci lui l’ha compresa davvero, la situazione, di ieri, non si ripeta e sia maestro di oggi.
Fallimenti memorabili, Rizzoli.
incontro. Dottoressa o ingegnere no, eh. nonostante tutto. Ma ora basta, non devo Proprio in tema con questa convention è la recente
Signora. Tattica neurolinguistica da primo pensare alle mie storie, devo sgombra- pubblicazione di Massimiano Bucci, Sbagliare da professionisti (Rizzoli). Il libro espone
semestre dell’università della vita che re la mente, giusto? Non è così che si fa la storia di alcuni fallimenti industriali, commerciali, scientifici, professionali, medici,
in questi anni va tanto di moda, ma così prima dei colloqui, soprattutto se quel sportivi, di comunicazione e di errori e incidenti.
tanto che mi chiedo sempre più spesso lavoro, forse prima o poi retribuito, ti Il filo conduttore è la questione se gli errori servano e cosa imparare dagli stessi.
perché non l’abbia frequentata pure io. serve subito, almeno per pagare qualche Dagli errori di Enrico Fermi e di altri scienziati Nobel, a quello di Francesco Bacone che
Tailleurino giacca e gonna che ha visto giorno in più alla signora delle pulizie nel tentativo di surgelare un pollo avrebbe contratto la polmonite, e sul letto di morte
tempi migliori, chiazze di colore sobrie che rispetta le tue foto di ragazza alle pare abbia detto: “l’esperimento è perfettamente riuscito, peccato che io stia morendo”,
annodate al collo e sulla borsa, un filo pareti e le spolvera con attenzione nella o l’accidentale scoperta di Pasteur, fanno invece dire che sbagliano anche i migliori.
di trucco, vedo me stessa osservarmi cameretta in cui sei tornata a vivere, coi Così come il tragico incidente del 1977 presso l’aeroporto di Tenerife, addebitabile agli
levigare con l’ indice gli angoli della boc- libri nelle scatole di cartone sopra gli incidenti organizzativi, in base alla teoria dei buchi allineati come quelli del tipico
ca mentre il segnapiano dell’ascensore armadi? Ma sì, andrà meglio. Prima o poi formaggio svizzero. Nella correlazione rischio-incidente, quest’ultimo avviene quando
scandisce i suoi numeri spigolosi. Esco e dovrà andare meglio. Purché non succeda “buchi” diversi si allineano contemporaneamente e le fette allineate possono essere
mi dirigo a una minimale area d’attesa come negli altri colloqui, iniziati con uno trafitte da una parte all’altra, così da trasformare il rischio in incidente. Per prevenire gli
incubata sotto una delle grigie finestre, squillante Prego, si accomodi! E finiti col incidenti moltiplicando quindi i livelli di controllo – le “fette sovrapposte” – progettando
quattro sedie in neutro tessuto blu sotto classico Le faremo sapere. Non ditelo, sistemi e procedure per ridurre la possibilità di errori individuali e segnalare quando
una stampa riquadrata di nero. Siedo e vi prego, cambiate lessico, accoglietemi “i buchi”, ovvero gli errori, si stanno allineando.
attendo, il mormorio di voci mi raggiunge con un Benvenuta oppure con un finto e Se l’errore medico è definito in diversi modi tra cui “atto non intenzionale o che non
dalla porta avorio la cui targhetta leggo ipocrita La stavamo aspettando o meglio ottiene il risultato atteso”, l’errore ingegneristico, invece ha origine da un dettaglio che
rapidamente, anche se ho tempo. Oggi ancora niente, meglio niente, e mentre innesca una “catena”. L’autore riporta la frase dell’ingegnere Carlo Emilio Gadda nel
ne ho più del solito perché mamma ne mi costringo sul viso un sorriso garbato dialogo de L’egoista: “Se una libellula vola a Tokio, innesca una catena di reazioni che
avrà a lungo col nuovo tipo di chemio, e la porta si apre ed esce una ragazza più raggiungono me”. Sotto questo aspetto, l’ingegnere oltre a conoscere la cultura della
io ho dovuto lasciarla sola nella piccola giovane di me nel suo tailleurino giacca regola deve essere anche cultore e “cacciatore” di dettagli.
sala d’attesa della clinica, quattro sedie e pantalone cui io, sorellina maggiore di La lettura del libro corre fondamentalmente lungo tre traiettorie:
in neutra eco-finta pelle blu. L’ infermiera questi anni stralunati, auguro con tutto il – individuare, conoscere e valorizzare l’errore e il fallimento;
che in queste settimane ci accoglie mi cuore che veda tempi migliori. Mi affaccio. – evidenziare che l’analisi dell’errore o del fallimento fa parte del modo di “guardare
ha detto di andare tranquilla, che alla agli errori”, riconoscerli e definirli come tali;
signora ci avrebbe pensato lei, quando «Buongiorno, posso?» – mettere in discussione la “mitologia” dell’errore da non inquadrare più come tabù che
mi ha vista stretta nel tailleurino giacca «Prego, si accomodi!» può ostacolare e precludere, ma come fattore correttivo e di miglioramento.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
EDITORIALE |
FIBRA OTTICA
SEGUE DA PAG. 1
di Gianni Massa

Studio e memoria.
Conoscere. Valgono per tutte
le conquiste della civiltà. Gli ingegneri
per agevolare i lavori
La prima: la libertà.
I progressi significati-
vi (quelli che cambiano la
vita dell’uomo) avvengono

della banda larga


spesso ponendo obiettivi più
grandi e ambiziosi dalle forti
motivazioni, stimoli per delle
reazioni a catena.
All’incirca così si è espresso nel
1970, Ernst Stuhlinger (inge-
gnere e Direttore del Marshall
Space Flight Center della NASA) Il Comitato Italiano Ingegneria dell’Informazione (C3i) sta analizzando alcune tematiche del Piano
nella famosa lettera in risposta
a Suor Maria Gioconda (missio-
Nazionale Banda Ultra Larga (BUL) in fase di attuazione. Le opportunità di lavoro nei numerosi cantieri
naria operativa in Zambia) che, sono considerevoli ma finora sono stati coinvolti pochi ingegneri
riferendosi alle ricerche per le
missioni su Marte, chiedeva:
“perché spendere miliardi di FTTS, FTTG E GPON
dollari per la ricerca spaziale FTTS: Fiber To The Street o “Fibra
quando ci sono tanti bambini mista rame”, collegamenti in cui la
che muoiono di fame?”. Fibra Ottica mantiene il doppino di
Se pensiamo al nostro mondo, rame nel solo tratto cabinet-abi-
l’ingegneria, quanti noi, con tazione (lunghezza inferiore ai 250
le loro vite, con le loro scelte, mt)
hanno contribuito a costruire FTTH: Fiber To The Home, collega-
la storia di questo Paese? menti in cui la Fibra Ottica copre il
Ha ragione il prof. Salvatore tratto centrale-cabinet-abitazione
D’Agostino, che ringrazio per FIG 1. CONNESSIONE FTTH: Dalla centrale con un minor utilizzo di rame per garantire una linea più performante. (FIG. 1)
la passione e il talento della tecnica all’appartamento GPON: Gigabit Passive Optical Network o “Rete Ottica Passiva in Gigabit”, tecnologia che utilizza
ricerca e della narrazione. Pas- FTTH che consente un’elevata velocità grazie a una configurazione ramificata del modello OLT (Ter-
sioni e talenti che ho incrocia- minale ottico di linea) per il trasferimento dei dati nel tratto centrale-più abitazioni con la ONU
to e continuo a incrociare tante (Unità ottica di rete). (DA VERIFICARE)
volte in questa mia esperienza.
Come quelle del compianto
Sergio Poretti e di tantissi- di Diego Franzoni*
mi altri pionieri e visionari il

L
cui racconto diviene esso La riduzione dei tem-
stesso parte della storia. Gli pi di realizzazione è
Ordini Professionali, come fondamentale per gli
dico spesso, possono essere utenti che attendono
luogo di incroci. Di miliardi di avere collegamen-
di miliardi di incroci in cui ti a Internet con pre-
le molteplici forme dell’inge- stazioni superiori a 100Mbps e
gneria (disciplina che, insieme fino a 1Gbps. Imprese, Pubbliche
ad altre tesse il filo che lega amministrazioni e liberi profes-
l’idea alla sua realizzazione) sionisti hanno già oggi la neces-
possono sovrapporsi generan- sità di connessioni al Web affi-
do miliardi di altri incorci. dabili e veloci per poter operare
Quando partecipo agli incontri efficacemente. La maggior parte
nei nostri Ordini, attraverso il degli applicativi software girano
racconto di chi ha vissuto gli in modalità webservice ed è fon-
FIG 2. Rete GPON
ultimi cinquant’anni dell’inge- damentale che ogni postazione di
gneria di questo Paese, sento lavoro possa operare con alta velocità e senza interruzioni. AutoCAD e con altri software di CAD, con sistemi GPS e con software
forte l’emozione, l’orgoglio (in- Ridurre i tempi di realizzazione significa anche ridurre i costi e per- per la contabilità di cantiere (FIG. 3)
dividuale e collettivo) dell’es- mettere a parità di investimenti, di fornire la connessione FTTH a un
sere parte della storia. E in maggior numero di utenti. Chi si occupa di servizi tecnici di proget- ESSENZIALE UNA CORRETTA PIANIFICAZIONE
quelle emozioni ci sono incroci tazione, di Walk-In (sopralluoghi interni), di Walk-Out (sopralluoghi Nella fase iniziale si dovrebbe prevedere la implementazione della
di generazioni e di esperien- esterni), e di direzione dei lavori in questo settore, si è imbattuto in centrale POP: dal momento che la centrale è attiva, potrebbero es-
ze, di conoscenze, di sacrifici. una serie di problematiche di cui occorre fare tesoro per sviluppare sere realizzati lotti di connessioni utente pari a un PFP (1000 uten-
Incroci di talenti che spesso un un percorso che accorci i tempi di progettazione esecutiva, di ti), fase attuabile in tempi stretti che una volta terminata permet-
hanno lavorato e lavorano ottenimento permessi, e di realizzazione. terebbe l’avvio delle vendite dei servizi di connessione utente. La
nell’ombra. Incroci di dubbi e rete FTTH prevede l’ installazione di apparati all’ interno degli edi-
di scelte che, a volte, hanno CARATTERISTICHE DELLE RETI IN FIBRA OTTICA fici, nelle aree condominiali in cui sono
cambiato il corso della storia. Le reti in fibra ottica in fase di realizzazione secondo il Piano Na- già presenti gli armadi degli impianti di
zionale BUL sono le GPON (Gigabit Passive Optical Network, FIG. 2), telecomunicazioni e contatori di energia
Più che un editoriale questo reti conformi alle Recommendation ITU-T, serie G.984. La centrale di elettrica. Gli apparati da installare non
vuol essere un invito. Un invito connessione che copre una parte del territorio di una grande città, sono invasivi e spesso i cavi in Fibra Ot-
rivolto ai nostri Ordini per o di un’ intera città (100mila abitanti), è indicata con la sigla POP – tica possono essere passati in conduttu-
costruire insieme un progetto Point of Presence (Punto di terminazione della rete di accesso). La re esistenti di telecomunicazioni o elet-
di narrazione di quelle storie centrale – che può mettere a disposizione l’ infrastruttura in Fibra triche.
che spesso il senso di concreta Ottica fino a 5 operatori Retail – è poi connessa attraverso colle- I tecnici devono svolgere dei sopral-
umiltà nasconde. Perché il rac- gamenti ad anello con dei PFP (Punti flessibili primari) in grado di luoghi all’ interno degli edifici, rilevare
conto genera miliardi di altri coprire fino a 1024 unità immobiliari. Se gli edifici hanno almeno 4 l’esistente e proporre soluzioni di pas-
incroci nel filo che lega il prima unità immobiliari, si installa al loro interno il PTE (Punto di Termi- saggio dei cavi in fibra ottica e di instal-
al dopo. nazione di Edificio, talvolta indicato come ROE). Mentre negli edifici lazione dei PTE. In FIG. 5 è rappresentato
con meno di 4 U.I. si installa, nelle vicinanze, un PTA (Punto di Ter- un esempio di elaborato da presentare
minazione Arretrato) che può connettere circa 3 edifici. all’amministratore condominiale per
PS. Per lavorare al progetto La progettazione delle infrastrutture di rete territoriale è in genere l’accordo definitivo alla realizzazioni
scrivete a: realizzata con l’ausilio di applicativi software sviluppati dagli ope- delle opere necessarie per l’ installazio-
FIG 4. PTE
massa@storiaingegneria.it ratori del settore che consentono l’ interazione e l’ integrazione con ne dei PTE.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
7

RAPPORTO CON AMMINISTRAZIONE E CONDOMINI


I sopralluoghi necessari per poter attuare l’installazione sono diversi, almeno tre per
edificio. Uno degli ostacoli da superare per espletare tali attività è la diffidenza dei
condomini. Affinché si possano espletare le fasi necessarie alla realizzazione dell’al-
laccio FTTH in tempi ragionevoli, è necessaria una campagna di informazione da par-
te delle amministrazioni comunali e degli operatori e il coinvolgimento degli ammini-
stratori condominiali. Nelle città in cui si è operato non seguendo queste linee guida,
l’impegno sostenuto per convincere i condomini a far eseguire l’installazione è stato
il doppio rispetto ai casi in cui vi era stata un’informazione. Inoltre, la percentuale
delle installazioni andate a buon fine è stata molto inferiore agli obiettivi nei tempi
programmati. In alcuni casi chi presta servizi tecnici è anche minacciato legalmente
dagli amministratori e dai condomini.

FIG 5. I tecnici devono svolgere dei sopralluoghi all’interno degli edifici, rilevare l’esistente e
proporre soluzioni di passaggio dei cavi in fibra ottica e di installazione dei PTE. In è rappre-
sentato un esempio di elaborato da presentare all’amministratore condominiale per l’accordo
definitivo alla realizzazioni delle opere necessarie per l’installazione dei PTE.

COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ


Un aspetto importante è il coordinamento delle attività tra l’impresa che
ha l’incarico di realizzare l’infrastruttura FTTH, i subappaltatori, e chi pre-
sta i servizi tecnici.
Altri aspetti da non sottovalutare per la riduzione dei costi e dei tempi di
realizzazione sono:
1. Le convenzioni con le Amministrazioni comunali per l’uso delle infra-
strutture già disponibili, come le tratte della pubblica illuminazione
o i cavidotti già usati per posa di Fibra Ottica nel territorio che hanno
spazi disponibili per la posa di ulteriori cavi in fibra;
2. la collaborazione con la Soprintendenza ai beni archeologici per
concordare e monitorare gli scavi e le perforazioni orizzontali del ter-
reno e le installazioni aeree negli edifici.

COMPENSI
Un altro tema è quello dei compensi previsti per le imprese e per i tecnici
che devono operare. Negli ultimi anni, i compensi nei lavori di realizzazio-
ne di infrastrutture di telecomunicazioni si sono abbassati notevolmente:
spesso avviene il ritiro dei service tecnici o delle imprese dagli appalti già
in corso di esecuzione. Ciò accade perché economicamente le imprese non
riescono a coprire i costi che devono sostenere. È necessaria un’analisi dei
prezzi precisa sia per i servizi tecnici sia per i lavori, altrimenti si rischia di
sottovalutare le attività e i tempi necessari. Poiché generalmente le impre-
se incaricate a eseguire i lavori spesso arrivano da fuori regione, devono FIG 3. Particolare del PFP, con in primo Nei prossimi due anni dovranno essere realizzate reti GPON in larga scala,
piano la denominazione 04e2, i PTE
sostenere anche costi di trasferta che incidono non poco. installati, le salite dei cavi, gli scavi in mediamente oltre 100 milioni di euro per regione, e con grande capilla-
mini-trincea e trincea. rità territoriale, perciò il coinvolgimento di ingegneri liberi professionisti
QUALE RUOLO PER I PROFESSIONISTI TECNICI potrebbe essere molto utile per supportare i committenti e le imprese in
Gli ingegneri possono essere molto utili sia per una corretta definizione tutte le fasi della realizzazione della rete Banda Ultra Larga italiana. Pro-
dei costi delle opere che per superare impatti autorizzativi con i vari enti: gettazione, project management, direzione lavori, coordinamento della
conoscono il territorio in cui operano, hanno esperienza e possono svol- sicurezza, sono tutte attività richieste per la sua realizzazione.
gere attività di supporto importanti considerando la capillarità prevista Purtroppo dalle nostre informazioni risulta che sono rari i colleghi iscritti
per la rete FTTH. Sia per la realizzazione delle reti nelle città per cui è all’albo incaricati a svolgere attività tecniche in questo piano che coinvol-
previsto un ritorno di mercato, sia nei territori più rurali rientranti nei ge trasversalmente i tre settori dell’ingegneria.
Cluster C e D definiti nel Piano Nazionale BUL, saranno necessarie corrette
pianificazioni dei lavori, progettazioni e servizi tecnici di elevata qualità. *Delegato C3I Ordine Ingegneri della provincia di Ancona

Prevenire le epidemie con la


simulazione numerica.

Applicare la matematica all’analisi della diffusione delle


malattie epidemiche non è un’idea nuova. Uno dei primi
modelli compartimentali di epidemiologia matematica risale
al 1760 ed è stato introdotto da Daniel Bernoulli per studiare
il tasso di mortalità del vaiolo. Oggi, ricercatori medici
e operatori sanitari si affidano ancora alla modellazione
matematica e alla simulazione per prevenire e controllare la
diffusione delle epidemie nel nostro mondo.
Il software COMSOL Multiphysics® permette di simulare
progetti, dispositivi e processi in ogni ambito tecnologico,
dall’industria alla ricerca. Scopri i vantaggi che può portare
Visualizzazione del movimento all’analisi della diffusione epidemica.
delle particelle batteriche in una
comsol.blog/epidemiology-simulation
stanza dotata di un sistema a
ventilazione forzata.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
FOCUS
ANTINCENDIO

INTERVISTA | INNOVARE SFRUTTANDO L’ESPERIENZA TERRITORIALE Il 7 dicembre 2018, a Corinaldo (Ancona), 6 persone sono morte e altre
7 sono rimaste ferite in modo grave all’interno della discoteca Lanterna

Per le attività senza RTV Azzurra, nella calca provocata forse da uno spray al peperoncino.
Le vittime e i feriti sono rimasti travolti a causa del cedimento di una
rampa fuori dall’unica uscita di sicurezza disponibile (in foto, Fonte: Ansa

sarà il Codice la norma


2018). La Procura di Ancona ha aperto un’indagine per omicidio colposo
plurimo, che al momento conta 10 indagati, tra cui i proprietari e i gestori
del locale, oltre al minorenne accusato di aver utilizzato lo spray.

di riferimento anche di “irrigidimento” di alcune


procedure o regole tecniche. Poi
Fabio Dattilo
Classe 1956, dopo la laurea in
Dal 1° dicembre, Fabio Dattilo è il nuovo Capo del Corpo Nazionale puntualmente il legislatore inse- ingegneria a Padova nel 1981, nel
dei VV.F.: “Le norme presenti sono sufficienti, ma vanno rispettate” risce lo slittamento dell’entrata in 1984 entra a far parte del Corpo
vigore. Si riuscirà a delineare un Nazionale VV.F. in qualità di Ispet-

P
quadro preciso? tore. Nominato prima Comandante
artiamo dalla recente tra- con la precedente gestione? “Qui è una questione di strategie. Provinciale di Venezia (2006) e
gedia di Corinaldo: 6 gio- “Sì, senza dubbio, ma con delle Intanto ritengo che le norme in Dirigente generale del Corpo Na-
vani persone hanno perso innovazioni che vorrei mettere in uscita non siano complicate: anzi, zionale poi (2009), dal 2014 è stato
la vita. Cosa si può fare per campo sfruttando proprio la mia se vengono percepite come tali il Direttore regionale del Veneto e
evitare che accadano in futuro an- esperienza territoriale. Amo defi- c’è qualche problema. Sono più del Trentino Alto Adige.
cora tragedie di questo genere? nirmi un parroco di campagna e flessibili perché sono norme che Dal 1° dicembre 2018 è il nuovo
Soprattutto nell’ottica della pro- non uomo di Roma, ancorché io a offrono un ventaglio di soluzioni Capo del Corpo Nazionale dei VV.F.
gettazione e messa in sicurezza? Roma ho fatto un pezzo della mia per un unico problema, mentre Dattilo afferma che metterà in
“È opportuno dire che le norme carriera. Ritengo che coniugando prima c’era una sola soluzione campo “proprio la sua esperienza
presenti sono già sufficienti a pre- l’esperienza centrale con l’espe- per un problema. Il punto è caso- territoriale, coniugando l’esperien-
venire questa tipologia di incidenti. rienza periferica si possano capire mai è metabolizzare questo nuovo za centrale con quella periferica”
Si potrebbe approfondire, però, il meglio i problemi che i Vigili del metodo, studiando le nuove norme: per affrontare meglio i problemi
discorso sull’esodo delle masse in fuoco hanno nel soccorso e quindi, forse si confonde l’esser complicate dei “nostri” Vigili in Italia.
caso di panico, ma anche in questo ad esempio, riuscire a dare mag- con il fatto che invece bisogna fare
caso sono stati effettuati degli giore incisività al soccorso tecnico l’aggiornamento anche dei profes- diverso: bisognerà essere progres-
studi mirati sufficienti. Ci si chiede norma a risolvere i problemi. Le urgente tenuto conto del nuovo sionisti. Uno magari è abituato a sivi nell’applicazione della norma,
come mai sia potuto capitare. È norme in Italia ci sono, sono suf- D.Lgs. del 2 gennaio 2018 sul Codice non farlo, e continua a non farlo. in modo che anche gli investimenti
capitato – purtroppo – perché ficienti, però bisogna che siano di protezione civile. Ovviamente, E questo vale tanto per i profes- vengano spalmati nel tempo, par-
mancano i controlli: un conto è applicate”. poi c’è il campo della prevenzione sionisti quanto per noi Vigili. Le tendo da livelli di sicurezza minimi
costruire un edificio destinato al in cui si vorrebbe ulteriormente norme sono orientate a essere più per arrivare al top, compatibilmente
pubblico spettacolo (o una piazza A chi viene demandato il con- semplificare. A noi interessa la flessibili, allineate con quello che con la sostenibilità degli interventi”.
attrezzata al pubblico spettacolo), trollo dei locali? sostanza: a parità di sostanza, e succede nel mondo e in Europa,
un conto è osservare scrupolo- “Il controllo dei locali di pubblico quindi di sicurezza, se potessimo e ad avere un substrato ingegne- Come giudica il permanere del
samente tutto ciò che il progetti- spettacolo è affidato alle autorità snellire ulteriormente le procedure ristico piuttosto che un substrato doppio regime di applicazione
sta aveva pensato dovesse essere di pubblica sicurezza, che nel caso sarebbe ancora meglio. Inoltre, vor- ragionieristico. Riassumo con una del Codice?
rispettato. Non sono necessarie dei Comuni è appannaggio dei remmo fare anche un percorso cul- battuta: non si può essere ragio- Il fatto che ancora ci sia un “doppio
nuove norme, sono necessari più sindaci. Ciò significa fare poi dei turale in cui preparare i nostri vigili nieri della sicurezza confrontando binario” imbriglia lo sviluppo
controlli: i gestori devono appli- controlli insieme – polizia, polizia al confronto con tutti i professioni- una norma di cui non si conosce del Codice. Noi vorremmo levare
care un sistema di gestione della municipale, sindaco, ATS, Vigili del sti, individuando crediti formativi il valore aggiunto con l’ingegnere almeno per le attività soggette
sicurezza in maniera coscienziosa. Fuoco – in maniera che congiunta- per la progressione di carriera, da della sicurezza che, invece, perce- non normate il doppio binario, che
Nel caso in questione, sembre- mente si verifichino le prescrizioni fare anche in maniera condivisa con pisce il problema, dalla valutazione doppio non è perché poi ognuno fa
rebbe che ci fossero molte più per- impartite dalla commissione di la rete delle professioni tecniche, del rischio fino all’eliminazione”. le proprie valutazioni del rischio. Per
sone rispetto all’effettiva capacità vigilanza o contenute nei progetti. favorendo lo scambio di opinioni”. fare ciò occorre un nuovo Decreto
dell’edificio, e per evitare che ci Se queste prescrizioni non doves- Eppure per quanto riguarda gli che stiamo cercando di mettere in
potessero essere delle situazioni di sero essere rispettate, si dovrà Questo è un momento di grande alberghi si assiste a un costante cantiere. Il ché significa che per le
rientro di persone senza biglietto, cercare di porre dei rimedi. Il più fermento per la normativa antin- slittamento dell’entrata in vigore... attività che sono soggette al con-
i presenti siano stati indirizzati drastico è quello di chiudere le atti- cendio: si stanno discutendo “Le norme antincendio che hanno trollo dei Vigili del fuoco – e non
tutti lungo una sola via d’esodo. vità. Oggi quando parliamo di sicu- alcune modifiche e tante regole delle proroghe, come per gli alber- hanno una regola tecnica verticale
Ma sono aspetti che devono essere rezza dobbiamo tener conto che tecniche sono state aggiornate. ghi, durano dal 1980. Il problema (RTV) – sarà il Codice a diventare
accertati dell’autorità giudiziaria. ci rivolgiamo a una materia vasta Chiaramente è un processo di non può essere solo delle norme la norma tecnica. Sulle aree com-
Questa tipologia di incidenti non che necessita di diverse professio- semplificazione, ma alcune volte che, tra l’altro, in questi qua- merciali, invece, perdurerà ancora
deve e non può accadere se si nalità: sicurezza elettrica, esodo, rant’anni sono state modificate in questo doppio binario, dunque ci
rispettano le piccole precauzioni antincendio etc. Ecco perché i con- maniera anche incisiva, diversa, saranno sia le regole vecchie che
che in ambienti di questo tipo, trolli sono di natura collegiale: a
— “Non sono anche riunendo al tavolo le catego- il D.Lgs. 27 luglio del 2010; il Codice
invece, non vengono rispettate: partire dalla Commissione di vigi- necessarie nuove rie degli albergatori. Un paese che viene compendiato con una RTV
superare i limiti di massimo affol- lanza che è comunale fino a una norme, sono neces- fa del turismo una bandiera non che dovrebbe in qualche misura
lamento non aiuta l’esodo, così certa complessità delle attività, poi può pensare di avere delle strutture rendere più veloce e più snella
come una pessima gestione dell’u- provinciale quando la complessità
sari più controlli: le ricettive che diano un livello minimo l’attuazione. Già da tempo è stata
tilizzo delle stesse vie di uscita. Se aumenta”. norme in Italia ci di garanzia di sicurezza. Qua- salutata con favore da parte degli
poi c’è qualche superficie di facile sono, sono sufficien- rant’anni di proroghe vuol dire che operatori per i grandi supermercati
cedimento, in questo senso allora Come nuovo Capo del Corpo uno si abitua a non fare quello che perché indicava più soluzioni a dei
la tecnica progettuale potrebbe nazionale dei VV.F.: la sua sarà
ti, però bisogna che deve fare. Sulle scuole, sugli ospe- problemi che altrimenti dovevano
risultare più utile. Non è una nuova un’organizzazione in continuità siano applicate”— dali, invece il percorso da fare è andare in deroga”.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
9

PREVENZIONE | STRUMENTI DIAGNOSTICI

L’importanza della manutenzione


Dalla sorveglianza al controllo periodico: una programmazione corretta per mantenere gli impianti sicuri

di Mario Abate* dimenti necessari.


In base alla norma UNI 10779 le
Tutte le normative tecniche fasi del controllo dell’ impianto
in materia di sicurezza hanno idranti comprendono la sorve-
sempre attribuito un’ importanza glianza dell’ impianto, la manu-
fondamentale agli aspetti gestio- tenzione periodica, la verifica
nali dei sistemi e degli impianti periodica dell’ impianto. La sorve-
aventi rilevanza ai fini della pro- glianza come da norma UNI 10779
tezione antincendio. La gestione consiste nella verifica anche
degli impianti, e i conseguenti visiva delle apparecchiature
interventi di manutenzione e quanto a integrità, completezza
tenuta in efficienza degli stessi, dell’equipaggiamento e possi-
ha però rappresentato, soprat- bilità di accesso agli idranti, nei
tutto nel passato, un aspetto mar- periodi compresi tra due manu-
ginale rispetto alla progettazione tenzioni periodiche.
e alla realizzazione delle attività La manutenzione degli idranti a
civili e industriali. Tale atteggia- muro UNI 45 deve essere effet-
mento, poco attento riguardo alla tuata almeno due volte all’anno
necessaria perfetta funzionalità da parte di personale compe-
“in ogni tempo” degli impianti ha tente e qualificato, anche in con-
spesso comportato conseguenze formità alle istruzioni contenute
in termini di perdite di beni e, nel manuale d’uso e manuten-
purtroppo, anche di vite umane. zione predisposto dal fornitore
In realtà l’obbligo di effettuare dell’ impianto (il manuale d’uso e
controlli periodici agli impianti manutenzione è prescritto anche
e ai presidi antincendio era già di protezione antincendio nel L’attività di controllo periodico e di uso corrente e consiste in dall’Allegato al D.M. 20.12.2012,
perfettamente vigente dal 1955, rispetto delle disposizioni legi- la manutenzione devono sempre riparazioni di lieve entità con l’e- punto 2.3).
come previsto dall’articolo 34 del slative e regolamentari vigenti, essere eseguite da personale ventuale impiego di materiali di Tutte le tubazioni flessibili e
D.P.R. n. 547 riportante “Norme nonché delle norme di buona competente e qualificato, per- consumo corrente o nell’ordina- semirigide devono essere verifi-
per la prevenzione degli infortuni tecnica emanate dagli organismi fettamente a conoscenza delle ria sostituzione di parti di ordi- cate annualmente sottoponen-
sul lavoro” che vale la pena di di normalizzazione nazionali o norme di manutenzione vigenti. I nario ricambio. dole alla pressione di rete per
ricordare: “Nelle aziende o lavo- europei (art. 4 DM 10.03.1998). lavoratori, d’altronde, sono tenuti verificarne l’ integrità. Le tuba-
razioni in cui esistono pericoli In assenza di dette norme, il a segnalare ogni anomalia e/o MANUTENZIONE STRAORDINARIA zioni non perfettamente inte-
specifici di incendio: […] devono datore di lavoro è tenuto a effet- situazione di potenziale pericolo È un intervento più complesso gre devono essere sostituite o
essere predisposti mezzi di estin- tuare gli interventi di manuten- rilevata o comunque conosciuta. della manutenzione ordinaria almeno collaudate alla pressione
zione idonei in rapporto alle par- zione in conformità e secondo le e richiede mezzi di particolare di 1,2 MPa. In ogni caso ogni
ticolari condizioni in cui possono istruzioni fornite dal fabbricante SORVEGLIANZA importanza oppure attrezzature cinque anni deve essere eseguita
essere usati, in essi compresi gli delle attrezzature e secondo le Consiste dell’ insieme di con- o strumentazioni specifiche; può la prova idraulica delle tubazioni
apparecchi estintori portatili indicazioni dell’ installatore. trolli, prevalentemente visivi, consistere della sostituzione d’in- flessibili e semirigide come previ-
di primo intervento. Detti mezzi L’attività di controllo e manuten- atti a verificare che sistemi, pre- tere parti d’impianto o della com- sto dalla UNI EN 671-3.
devono essere mantenuti in effi- zione deve intervenire su qualsiasi sidi e impianti antincendio siano pleta revisione o sostituzione di La manutenzione dell’attacco
cienza e controllati almeno fattore che possa pregiudicare normalmente operativi, fruibili apparecchi per quali non sia pos- autopompa, dispositivo sempre
una volta ogni sei mesi il corretto funzionamento e non presentino anomalie; la sibile o conveniente la riparazione. necessario per un impianto
da personale esperto e l’uso dei presidi sorveglianza può essere posta idranti in base alla norma UNI
[...]”. Pertanto già dal antincendio. Pertanto in essere dal personale presente UN ESEMPIO PRATICO: 10779, dovrà prevedere, con
1955 il legislatore tutti i sistemi, pre- nell’attività opportunamente LA MANUTENZIONE DI UNA cadenza semestrale, almeno la
impone un controllo sidi e impianti previsti informato in merito agli adempi- RETE IDRANTI UNI45 verifica della manovrabilità delle
periodico semestrale devono essere oggetto menti previsti. Ai soli fini esplicativi si riporta valvole, con completa chiusura e
agli impianti di prote- di accurata sorveglianza, di seguito un esempio pratico apertura delle stesse e l’accer-
zione attiva e agli estin- di controlli periodici e di CONTROLLO PERIODICO di programmazione degli inter- tamento della tenuta della val-
Mario Abate
tori installati nei luoghi di regolare mantenimento in È costituito dall’ insieme delle venti di manutenzione e tenuta vola di ritegno. Al termine delle
lavoro. efficienza. operazioni necessarie per veri- in efficienza di un impianto idrico operazioni si dovrà ovviamente
Tali concetti sono stati ripresi dal ficare la completa e corretta antincendio interno a idranti UNI verificare che la valvola prin-
D. Lgs. 626 del 1994 e più recen- LA PROGRAMMAZIONE funzionalità delle attrezzature e 45, come specificato dalla norma cipale d’ intercettazione sia in
temente anche dal D.Lgs. 81 del PER UNA MANUTENZIONE degli impianti; è caratterizzato da tecnica di riferimento, la UNI posizione aperta.
09.04.2008 che all’Allegato IV, CORRETTA frequenza almeno semestrale. 10779:2014. La verifica periodica dell’ im-
punto 4.1, ribadisce letteralmente Quattro punti principali su cui La norma UNI 10779 costituisce pianto deve essere affidata dal
il medesimo testo dell’art. 34 del riflettere: sorveglianza, controllo MANUTENZIONE ORDINARIA come noto la norma per l’ in- responsabile dell’attività (o da
citato DPR 547/1955. Inoltre, lo periodico, manutenzione ordina- La manutenzione in generale stallazione e l’esercizio degli suo delegato) a un tecnico avente
stesso D.Lgs. 81/2008 conferma ria e manutenzione straordinaria. consiste nelle operazioni neces- impianti idrici antincendio per- le necessarie competenze, e
all’art. 64 che: “Il datore di lavoro Il datore di lavoro dovrà piani- sarie per mantenere in efficienza manentemente in pressione, consiste in un controllo atto ad
provvede affinché: […] i luoghi di ficare l’esecuzione di controlli e in buono stato sistemi, presidi destinati all’alimentazione di accertare la funzionalità e la con-
lavoro, gli impianti e i dispositivi periodici finalizzati ad accertare e impianti antincendio. La manu- idranti e naspi. formità dell’ impianto alla norma
vengano sottoposti a regolare la normale funzionalità delle tenzione ordinaria è posta in Il punto 10 “Esercizio e veri- UNI 10779. La verifica periodica
manutenzione tecnica e vengano misure di sicurezza antincendio. essere con strumenti e attrezzi fica dell’ impianto” precisa che deve comunque essere espletata
eliminati, quanto più rapida- il responsabile del sistema, e ogni qualvolta modifiche all’atti-
mente possibile, i difetti rilevati quindi il titolare dell’attività (o vità, all’ impianto o eventi straor-
che possano pregiudicare la sicu- il suo delegato), deve provve- dinari la rendano necessaria.
rezza e la salute dei lavoratori”. dere al mantenimento dell’effi- Il responsabile dell’attività
Anche il D.M. 10.03.1998 inerente cienza dell’ impianto prevista dal (o il suo delegato) dovranno
“Criteri di sicurezza antincendio progetto, anche nel caso in cui aggiornare un apposito regi-
e per la gestione dell’emergenza sia stato affidato a terzi un ser- stro, riportando i lavori svolti
nei luoghi di lavoro”, al momento vizio di manutenzione periodica. sull’ impianto, le prove eseguite,
vigente ma in fase di revisione, Il manutentore dovrà informare i guasti e, se possibile, le rela-
ha stabilito ormai vent’anni fa il responsabile sulla condizione tive cause, nonché l’esito delle
l’obbligo per il datore di lavoro dell’ impianto con comunicazioni verifiche periodiche effettuate
di assicurare gli interventi di scritte, affinché lo stesso respon- sull’ impianto.
manutenzione e i controlli sugli sabile del sistema possa adottare
impianti e sulle attrezzature o comunque autorizzare i provve- * Dirigente - Comando VVF Milano

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
FOCUS
ANTINCENDIO

La valutazione della
secuzione di prove al fuoco con- ra dei gas caldi o flusso termico
dotte nel rispetto di numerose nell’ intorno degli elementi strut-
regole contenute in diverse nor- turali, nonché la conseguente
me tecniche, al fine di garantirne trasmissione del calore dell’ in-

resistenza al fuoco delle


standard, regolarità e ripetibilità, cendio stesso nella struttura.
mediante le quali si perviene alla Le strutture che meglio si pre-
definizione della classe (tempo di stano a essere modellate agli

strutture con metodi


resistenza in minuti) da attribuire elementi finiti sono quelle in
a un elemento (anche non por- acciaio, calcestruzzo armato e
tante) con caratteristiche proprie precompresso, miste acciaio
di resistenza al fuoco, sancendo- calcestruzzo e alluminio; sono

analitici La resistenza al fuoco delle strutture, consistente nella valutazione delle


la nei relativi rapporti di classifi-
cazione, oppure alla valutazione
del contributo di protettivi, che
da soli non hanno caratteristiche
disponibili modellazioni specifi-
che anche per quelle in legno. Le
strutture in muratura, anche per
via del loro peculiare comporta-
proprie di resistenza al fuoco, at- mento, sono certamente di più
loro prestazioni quando sottoposte a un’azione termica rappresentativa di un traverso campagne sperimentali, difficile valutazione, soprattutto
incendio convenzionale o naturale, è certamente materia non di ampia diffusione le cui risultanze sono contenute quelle voltate.
nei rapporti di valutazione; Il processo logico generale per
nel nostro paese. Attualmente in Italia è disciplinata dai D.M. 16.02.2007 e D.M. – Analitico, consistente in varie una corretta e completa valuta-
09.03.2007, o in alternativa dal capitolo S.2 del D.M. 03.08.2015, nonché dalle valutazioni strutturali di differen- zione delle prestazioni di resi-
te complessità (si passa da mo- stenza al fuoco di una struttura
NTC 2018. Queste ultime, nell’oggetto, stabiliscono che le NTC “definiscono i dellazioni semplificate su singoli può essere ben sintetizzato dal
principi per il progetto, l’esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi elementi a valutazioni complesse diagramma di flusso in FIG 1.
sull’ intera struttura) per l’attri- Pertanto le analisi termiche e
delle prestazioni loro richieste in termini di requisiti essenziali di resistenza mec- buzione della prestazione appro- strutturali dovrebbero essere ac-
canica e stabilità, anche in caso di incendio, e di durabilità” priata agli elementi portanti e, in coppiate e procedere congiunta-
alcuni casi, a quelli non portanti. mente nel tempo: ciò rappresen-
ta una notevole tortuosità che,
di Chiara Crosti* sentato da una curva nominale mancanza di collasso fino a che Tralasciando i primi due metodi però, può essere evitata nella
e Andrea Marino** (normalmente sempre crescente l’ incendio non comporta effetti – piuttosto semplici a fronte di pratica applicativa eseguendo

L
asintoticamente e pertanto non strutturali significativi o, in al- importanti limitazioni in meri- prima quella termica e succes-
e valutazioni di resistenza rappresentativa di un incendio cuni casi, fino a un certo istan- to al loro campo di applicazione sivamente utilizzarla come input
al fuoco sono certamente reale), oppure semplicemente (si te temporale compatibile con la – si illustrerà a seguire il modus in quella strutturale. Nonostante
obbligatorie quando si trat- fa per dire) si valuta il raggiungi- salvaguardia della vita umana), è operandi relativo alle valutazio- tale importante semplificazio-
ta di costruzioni che ospi- mento o meno del loro collasso, possibile valutare le prestazioni ni analitiche avanzate condotte ne, l’ implementazione numerica
tano attività soggette ai controlli qualora l’ incendio sia rappresen- di resistenza al fuoco di un ele- su parti di strutture o sull’ intera mediante codici di calcolo resta
del Corpo Nazionale dei Vigili del tato da una curva naturale (mo- mento strutturale o costruttivo struttura, le quali vengono por- alquanto complicata ed è ne-
Fuoco, elencate nell’allegato I al dellazione di un incendio reale utilizzando uno tra i tre seguenti tate avanti mediante il metodo cessario affidarsi a codici di tipo
D.P.R. 151/2011 e s.m.i.; negli altri mediante l’accurata individua- metodi: agli elementi finiti in campo non generale molto avanzati, quali
casi, in base a quanto enunciato zione di scenari di incendio di – Tabellare, consistente nel con- lineare (sia geometrica che mec- Ansys, Abaqus, Straus7, oppure di
nelle NTC 2018, dipende da quali progetto nell’ambito della Fire frontare alcune dimensioni geo- canica) in regime di grandi spo- tipo specifico, quali SAFIR, VUL-
sono le prestazioni loro richieste Safety Engineering, FSE). metriche significative di elementi stamenti e tenendo conto della CAN, etc., quasi tutti di non facile
in funzione della destinazione In generale, individuato il livel- portanti e non portanti con valori variabilità nello spazio e nel tem- utilizzo.
d’uso. lo di prestazione necessario in contenuti in tabelle determinate po dell’azione termica.
Le prestazioni di resistenza al fuo- funzione di una serie di criteri sulla base di prove reali e valuta- CENNI SULLA MODELLAZIONE
co di singoli elementi o di intere di attribuzione e stabilita la per- zioni analitiche con ipotesi forte- CENNI SULLA MODELLAZIONE DELL’AZIONE DELL’INCENDIO
strutture si esprimono in minuti, formance da perseguire (clas- mente conservative; AGLI ELEMENTI FINITI L’ incendio è classificato come
qualora l’ incendio sia rappre- se minima espressa in minuti o – Sperimentale, consistente nell’e- Le strutture soggette all’azione un’azione eccezionale dalle NTC
del fuoco manifestano diversi ef- 2018 e pertanto le costruzioni
DEFINIZIONE INCENDIO DI PROGETTO: FASE 1 fetti: la perdita di materiale; la di- devono possedere un adeguato
- Tipologia costruttiva, layout, compartimen-
tazione, aerazione
MODELLO
DI INCENDIO
AZIONE minuzione nel tempo – al variare grado di robustezza nei suoi con-
- Tipologia attività, materiali combustibili (convenzionale, TERMICA della temperatura – di resistenza fronti, ossia la “capacità di evita-
e/o infiammabili, distribuzione materiali etc. parametrico, e rigidezza; l’ insorgere di solleci- re danni sproporzionati rispetto
- Misure di protezione attiva, gestione naturale) tazioni indirette per effetto delle all’entità” dello stesso.
dilatazioni termiche impedite o La combinazione di carico ecce-
ANALISI TERMICA DELLA STRUTTURA: del secondo ordine, la cui model- zionale da utilizzare nelle valu-
- Schematizzazione termica della struttura lazione numerica non può certa- tazioni di resistenza al fuoco è
- Proprietà termiche dei materiali FASE 2 TEMPERATURA
- Presenza di eventuali protettivi MODELLO DI E GRADIENTI mente essere quella adottata per quella definita nel pt. 2.5.3 delle
- Caratteristiche della trasmissione TRASMISSIONE TERMICI SULLA le strutture a freddo, per le quali NTC 2018: G1+G2+P+Ad+Ψ21 · Qk1+ Ψ22
del calore DEL CALORE STRUTTURA
le analisi lineari in regime di pic- · Qk2+…
coli spostamenti possono in mol- in cui Ad rappresenta l’azione ec-
ANALISI TERMICA DELLA STRUTTURA: ti casi essere più che sufficienti cezionale. In caso d’ incendio Ad
- Schematizzazione termica della struttura
- Proprietà termiche dei materiali FASE 3 ed esaustive. potrà essere una curva che de-
- Presenza di eventuali protettivi MODELLO CAPACITÀ Altra complicazione aggiuntiva scrive la temperatura dei gas, al
- Caratteristiche della trasmissione
del calore
DI CALCOLO
STRUTTURALE PORTANTE non da poco è la necessità di mo- variare del tempo, nell’ intorno
dellare l’ incendio, normalmente dei vari elementi strutturali, op-
FIG 1. Flusso logico per la verifica delle prestazioni strutturali di resistenza al fuoco in termini di curve temperatu- pure il flusso termico, al variare

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
11

FIG 2. Output di FDS che riproduce il propagarsi di un incendio all’interno di un capannone FIG 3. Confronto tra curve nominali e naturali agenti sugli elementi di un capannone industriale
industriale in acciaio associate a uno specifico scenario d’incendio generalizzato di progetto

del tempo, agente sempre sugli potendosi escludere che curve


stessi elementi. Per semplicità naturali – associate a incendi in
si fa riferimento unicamente alle compartimenti con carico d’in-
curve temperatura gas-tempo, cendio specifico molto elevato,
che possono classificarsi in due condizioni di ventilazione poco fa-
grosse categorie: vorevoli e caratteristiche termiche Tabella 1. Tempi di resistenza al fuoco e relativa classe di resistenza a seconda dei metodi analitici usati per calcolarla
– curve nominali: rappresentati- dell’involucro del compartimento
ve di un incendio convenzionale, poco disperdenti – possano es- caso in esame, un tempo di resi- tempo di almeno 30 minuti. Non importanti e non trascurabili per
descritte normalmente da una sere anche più gravose di quelle stenza di circa 6 minuti: il livello da meno c’è il risparmio in termini le strutture in acciaio; il grado di
espressione analitica che lega la nominali, quantomeno per dura- di prestazione II non è rispettato di costi e di future manutenzioni utilizzazione dei singoli elementi
temperatura unicamente al tempo; te comparabili alle classi definite e pertanto si deve procedere al per non dover applicare protettivi strutturali riferito alla situazione
– curve naturali: ricavate a val- nelle norme citate in premessa. dimensionamento di opportu- sugli elementi strutturali. a inizio incendio (quindi a fred-
le di una complessa e articolata ni protettivi per poter garantire Le modellazioni sinteticamente do, ma con differenti valori dei
analisi, sia quantitativa che qua- ESEMPIO APPLICATIVO la prestazione dei 30 minuti.Con illustrate hanno dato un’ idea del- coefficienti parziali di sicurezza
litativa, secondo i metodi della Si prenda ad esempio il caso di una modellazione analitica avan- la complessità cui si va incontro sia per le azioni che per i mate-
FSE, associate a uno specifico un capannone in acciaio con zata invece, basata sulla costru- quando si vuole valutare in ma- riali); le capacità di ridistribu-
scenario d’ incendio di progetto, destinazione d’uso di deposito zione di un modello a elementi niera analitica il comportamento zione delle sollecitazioni in caso
si veda ad esempio FIG 2. di legname, attività 36 del D.P.R finiti, le analisi raggiungono 14 di una struttura sottoposta a un di fallimento di singoli elementi
In FIG 3 si riporta il confronto tra 151/2011. Non essendoci Regole minuti nel caso di applicazione dato incendio. Innanzitutto, dal che non comportano il collasso
curve nominali e naturali agenti Tecniche Verticali (RTV) da segui- della curva nominale ISO834 e punto di vista termico, si osserva dell’ intera struttura; le non line-
sugli elementi di un capannone re, si è deciso di seguire quanto vanno oltre i 30 minuti nel caso quanto possa influire una corret- arità geometriche (grandi spo-
industriale in acciaio, associate a prescritto nel nuovo codice (D.M. di applicazione di curva naturale ta e più avanzata modellazione stamenti e conseguenti solleci-
uno specifico scenario d’ incendio 03.08.2015) per la valutazione del- opportunamente calcolata con il del cimento termico: con l’utiliz- tazioni aggiuntive) e di materiale
generalizzato di progetto. la resistenza al fuoco. Una volta codice di calcolo di fluido-dina- zo della curva nominale ISO834 (degrado di resistenza e rigidez-
Tenendo conto della combina- definiti i relativi profili di rischio mica FDS. si sottopone la struttura a un in- za).In conclusione, le valutazioni
zione di carico eccezionale, delle (Rvita = A2; Rbeni = 1; Rambiente = 1), si La scelta di voler modellare l’a- cendio non reale, completamente della resistenza al fuoco delle
specifiche ulteriori delle NTC 2018 può optare, per il caso specifico, zione dell’ incendio nella sua slegato da quello che potrebbe strutture con modelli di calcolo
e delle possibili curve d’ incendio, per il livello di prestazione II, le completezza, tenendo quindi verificarsi all’ interno della strut- a elementi finiti, sia per l’azione
si osserva che: cui soluzioni conforme e alterna- conto del combustibile effetti- tura in termini di materiale, di termica sia per quella strutturale,
– i carichi agenti diversi dall’ in- tiva richiedono rispettivamente vamente presente, della venti- ventilazione, di caratteristiche permettono di ottenere risultati
cendio sono prevalentemente di una classe minima di 30 minuti lazione e della geometria della termiche dell’ involucro, della certamente meno approssima-
tipo gravitazionale; e il mantenimento della capacità struttura, si è rivelata fondamen- conformazione geometrica del tivi rispetto a quelli derivanti da
– non ci sono fattori di contempo- portante per un tempo in minuti tale per poter garantire il livello compartimento, etc., sempre cre- valutazioni tabellari, sperimen-
raneità con le azioni accidentali pari a [100% ∙ RSET; 30]. di prestazione richiesto. Inoltre, scente e quindi senza raffredda- tali e analitiche semplificate, riu-
dovute a vento e sisma, mentre il Si è proceduto alla valutazione la corretta modellazione ter- mento, con temperature, nella scendo a cogliere in maniera più
carico neve ha una contempora- della resistenza strutturale al mo-strutturale ha permesso di maggioranza dei casi, da subito realistica l’effettiva resistenza al
neità solo per le costruzioni oltre fuoco in maniera analitica. Nella valutare e monitorare come si alte e superiori a quelle reali. fuoco dell’ intera struttura.
i 1000 s.l.m.; Tabella 1 si riportano i risultati comporta la struttura in caso Un incendio naturale, derivante La scelta se utilizzare tali me-
– i coefficienti parziali di sicurezza in termini di resistenza al fuoco di incendio. In FIG 4 si riporta il invece da una complessa, com- todologie avanzate può essere
su azioni e materiali sono inferiori in funzione del metodo analitico modello tridimensionale FEM, petente e articolata modellazio- necessaria qualora le valutazio-
rispetto ad altre azioni accidentali; adottato per calcolarla. In par- nel quale è possibile visualizzare ne mediante i metodi della FSE, ni tabellari e quelle analitiche
– le curve nominali raggiungono ticolare, si nota che nel caso di cosa succede nel momento in cui conduce a una rappresentazione avanzate abbiano restituito pre-
in pochi secondi valori prossimi ai metodo analitico semplificato, il solutore diverge, non riuscendo dell’ incendio certamente più vi- stazioni insufficienti per il ri-
loro massimi, sono asintotiche e definito nell’Eurocodice 3 par- più a trovare la soluzione. Il col- cina a quella che potrebbe veri- spetto della norma, oppure de-
non hanno fasi di raffreddamento, te 1.2, essendo la travatura reti- lasso strutturale avviene, infatti, ficarsi nella realtà, consentendo rivare da considerazioni di tipo
a differenza di quelle naturali; colare composta da elementi in a seguito della plasticizzazione e pertanto di valutare le presta- economico, quali ad esempio il
– l’energia e la potenza termica rila- classe 4, il tempo di resistenza è successiva instabilità degli ele- zioni di resistenza al fuoco della potenziale risparmio di protetti-
sciate nel corso dell’incendio sono dettato dal raggiungimento del- menti componenti la travatura struttura costituente il comparti- vi (vernici intumescenti, intonaci,
maggiori con le curve nominali. la temperatura critica di 350 °C principale. Prima che questo av- mento in maniera più appropriata controsoffitti, etc.) su strutture di
Tali osservazioni sono valide nella degli elementi soggetti a com- venga, i controventi e parte degli e funzionale rispetto alle neces- dimensioni medie e grandi, che
grande maggioranza dei casi, non pressione. Questo comporta, nel arcarecci hanno già raggiunto il sità. In tale ultima fattispecie, la si rendessero necessari a segui-
loro limite plastico e di instabi- valutazione di resistenza al fuoco to di valutazioni sperimentali e
lità, ma grazie a una buona ridi- è consistita nel verificare, nel do- analitiche semplificate su singoli
stribuzione delle sollecitazioni, minio del tempo, se la struttura è elementi. Pertanto il loro utilizzo,
l’analisi continua finché la strut- in grado di resistere per tutta la a fronte di maggiori complessità
tura diventa labile. A quel punto durata dell’ incendio o fino all’ i- e oneri computazionali, consente
il solutore si blocca e il proget- stante in cui gli effetti dell’azione in molti casi di risolvere proble-
tista è in grado di identificare il termica dell’ incendio sono rite- matiche di natura tecnica e di ot-
tempo di resistenza al fuoco della nuti dal progettista non signifi- tenere consistenti e davvero mol-
struttura nella sua globalità. cativi in termini di valutazione to significativi risparmi in termini
Applicare la FSE comporta ovvia- temporale delle caratteristiche di protettivi da utilizzare e quindi
mente uno sforzo aggiuntivo per della sollecitazione e degli spo- notevoli benefici economici per
il progettista che deve saper usa- stamenti. Inoltre, dal punto di vi- la committenza.
re e soprattutto valutare i risul- sta strutturale, è possibile tenere
tati di complesse analisi sia flui- conto dell’ influenza, sia positiva
do-dinamiche sia non lineari, ma che negativa, di alcuni parametri
ha ovviamente il beneficio, come e fattori quali le azioni indirette; * Ingegnere Civile Strutturista, PhD,
in questo caso specifico, di aver i fenomeni di instabilità, sia per Libero Professionista
garantito la prestazione minima elementi compressi o pressoin- ** Ingegnere Civile Strutturista,
FIG 4. Localizzazione degli elementi plasticizzati e di quelli che hanno richiesta dal Livello di prestazio- flessi che per quelli soggetti a PhD, Funzionario CNVVF, andrea.ma-
raggiunto il loro limite di instabilità termica ne II di resistenza al fuoco per un flesso torsione, particolarmente rino@vigilfuoco.it

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
RISORSE EFFEMERIDI | LA BIBLIOTECA DEL CONSIGLIO NAZIONALE

L’Ingegnere che verrà ponte” è forse la scelta più rapida


ma, a dispetto delle archistar che
lo firmeranno, sarà comunque
sistema-Italia. Parlare alla poli-
tica, ad esempio, di città intelli-
genti, di Smart City o di OpenData,
(Transito molto serio dal 2018 al 2019) progettato da ingegneri. Negli e più semplicemente di “proget-
stessi anni in cui Morandi realiz- tazione” dei sistemi informativi,
di Giuseppe Maria Margiotta zava quella meraviglia assoluta, sembra piuttosto uno spot o un
il lancio del primo satellite San esercizio accademico, mentre la
Il disastro, una tragedia immane Marco il 15 dicembre 1964, ideato radicale innovazione nel rapporto
per Genova e per l’Italia, è stata dal prof. Luigi Broglio (un inge- fra impresa e Pubblica Ammini-
per un attimo anche il dramma gnere, cos’altro?), sanciva all’Italia strazione, tra Stato e cittadino,
dell’ ingegneria italiana. Il ponte il terzo posto nell’ideale sfida dello tanto predicata e malamente pra-
di Riccardo Morandi, costruito fra Spazio, dopo Unione Sovietica e ticata, passa soltanto dal “pro-
il 1963 e il 1967, è stato uno dei Stati Uniti; lo sforzo eccezionale getto” organico e integrato delle
grandi esempi del rinascimento dell’industria meccanica, chimica, reti di comunicazione dei dati e
dell’ ingegno italiano, un riferi- elettronica e degli ingegneri che la non da un semplice assemblaggio
mento eccezionale dal punto di gestivano, ci hanno proiettato tra i occasionale di componenti.
vista concettuale, estetico e tec- primi dieci paesi più industrializ- I recentissimi rapporti del Centro
nico, che è ancora più rilevante se zati al mondo. Studi del CNI sui laureati in inge-
rapportato ai tempi in cui la strut- Oggi, come ormai ieri l’altro, la gneria e sull’accesso alla profes-
tura venne concepita e realizzata. sfida della tecnologia e dell’ in- sione di ingegnere profilano uno
Ingegno che è stato messo in telligenza sottesa è l’unica che scenario in continua evoluzione
dubbio dalla violenza comunica- può renderci nuovamente con- per la categoria, che pone dei
tiva e giustizialista che si è sca- correnziali nel panorama mon- problemi al sistema ordinistico
tenata in quei giorni, attribuendo diale, dove gli strumenti che noi che deve e si sta infatti attrez-
al grande maestro errori e super- stessi abbiamo inventato sono zando in senso più pragmatico e
ficialità, al punto che qualsiasi alla portata di tutti e a costi asso- programmatico.
viadotto progettato dal grande lutamente inavvicinabili per noi Perché è nella giovane ingegne-
maestro è stato messo subito (pensate ai termoplastici o agli ria italiana che possiamo basare
sotto inchiesta. strumenti informatici). La nostra il nostro futuro, è attraverso
L’Europa è piena, da secoli, di risorsa, allora, è ancora una le branche dell’ingegneria che
“ponti del diavolo”, dove arditezza volta umana ed è inconcepibile spesso chiamiamo innovative, ma
e occulto si mescolano in una sin- non sfruttarla al meglio e, anzi, che sono semplicemente quelle
tesi di turismo e superstizione. che disprezza la competenza. rici che attribuivano a un errore cederla gratuitamente ai paesi più specialistiche, che possiamo
Ma la filosofia medioevale anti- Negli stessi anni Sessanta Bruno del Buonarroti i dissesti iniziali concorrenti. incidere più profondamente
scientifica dovrebbe essere defi- Zevi, nelle sue “Cronache di della cupola di San Pietro, dovuti I nostri giovani ingegneri aerospa- nella struttura e nell’immagine
nitivamente tramontata da secoli architettura”, scriveva che era invece agli interventi successivi ziali sono accolti a braccia aperte complessive dell’Italia dei pros-
per cui non si comprende come stata “frodata l’ inderogabilità del Maderno. Sembrano passati dai nostri partner europei e inter- simi decenni. Perché, a dispetto
mai, da qualche tempo, l’Ita- michelangiolesca”, accusando mille anni e non poco più di cin- nazionali; i nostri ingegneri biome- dell’onda che vuole l’ignoranza al
lia sembra diventato un paese la superficialità di critici e sto- quanta da quell’articolo e altri dici sono fra i più esperti e creativi potere (“quella che i francesi chia-
improvvisati ingegneri e ispettori al mondo nel campo dei supporti mano les incompétents” secondo
— “Perché è nella giovane ingegneria ita- e scienziati fai-da-te hanno pre- tecno-sanitari; le nostre intelli- una battuta di “Mamma ho perso
liana che possiamo basare il nostro futuro, teso di capire d’acchito le ragioni genze eccellono nel campo della l’aereo”, film che fa parte delle
del crollo. L’opera d’arte (perché modellazione matematica dei mie solide radici culturali assieme
è attraverso le branche dell’ingegneria che tale era) è così complicata dal sistemi strutturali, e via di questo ai cartoon di Walt Disney), certe
spesso chiamiamo innovative, ma che sono punto di vista meccanico e della passo, meravigliando anche noi cose le sanno fare solo gli inge-
semplicemente quelle più specialistiche, complessità strutturale che invece che siamo pur sempre ingegneri! gneri e – scusate la presunzione
sarà arduo individuare le tante Ma vi sono dei settori, come – spesso solo gli ingegneri sono
che possiamo incidere più profondamente concause e gli altri fattori tut- quello dell’ ingegneria dell’ infor- in grado di capirle appieno, realiz-
nella struttura e nell’immagine complessive tora da indagare. Che poi un via- mazione, che più di altri sono da zarle concretamente e in maniera
dell’Italia dei prossimi decenni” — dotto così così dovrà sostituire “ il valorizzare e rendere centrali nel scientificamente corretta.

RIFLESSIONI | LA DIFESA DELL’AMBIENTE

RIFIUTI, UN BINARIO MORTO


DI GIANFRANCO BENZONI* – la conseguente impossibilità tore – ma nemmeno uno smalti- che hanno accumulato – e fino a vano in Italia uno smaltimento a
di smaltimento dei rifiuti assi- tore finale, accumulati nei centri ieri smaltito – su mercati esteri, prezzi accettabili. Manca un dise-
Economia circolare, raccolta diffe- milabili industriali lombardi che per fare cassa senza pensare al ora negati, o in centri di recupero gno complessivo che sappia cosa
renziata, materie prime seconde, non trovano spazi liberi se non a domani (senza volere nominare la dalla capacità limitata. La parte produrremo e dove potrà essere
riciclo, tante parole per un grande prezzi insostenibili, e molte volte parola malaffare organizzato). indifferenziata del rifiuto, insieme veramente riciclato e recuperato,
progetto che rischia di imboc- costretti ad andare all’estero a quella chiamata furbescamente serve una politica industriale del
care un binario morto. Le notizie (specialmente in Germania); Ma cosa sta succedendo? Sempli- CSS (Combustibile solido secon- rifiuto nella sua complessità. Serve
recenti compongono un quadro – l’aumento generalizzato dei cemente vengono al pettine pro- dario), proveniente da tutta Italia, che si facciano impianti veri in ogni
allarmante: costi di smaltimento per ogni tipo blemi già noti agli addetti ai lavori, è costretta a finire negli incene- regione per evitare trasporti folli
– il blocco del mercato cinese per di rifiuto; ma non noti al grande pubblico ritori esistenti, in primis quelli che incidono sui costi e sulla vivi-
smaltire le plastiche e la carta di – il ridotto ricavo per la cessione e specialmente trascurati dalla lombardi, ma la coperta è corta bilità delle nostre strade ma alla
recupero indifferenziate che ora dei rifiuti ai consorzi di recupero politica. La politica dei rifiuti si è per mancanza di nuovi impianti fine serve una politica a monte che
si accumula senza trovare sbocchi legati al Conai (il vetro, es. da un sviluppata come un grande treno e i rifiuti si accumulano nelle limiti il rifiuto e cerchi di renderlo il
nuovi; valore di 30 € a 1t a meno di 5 €, avviato su binari che non hanno città. I rifiuti differenziati aumen- più possibile recuperabile. Difficile
– la emergenza per lo smaltimento la carta da 100 a 30 €) con conse- una stazione di arrivo finale reale. tano, ma gli impianti finali sono ma non impossibile, ora non resta
dei fanghi da depurazione delle guente buco nei bilanci dei comuni I Comuni virtuosi hanno imboc- sempre quelli: pochi e senza un che affrontare la emergenza che
acque, il cui costo è passato da 80 che si vedono ridotte le entrate cato la strada della raccolta diffe- disegno preciso che sia in grado già stiamo vivendo, meno parole,
€ la tonnellata fino a 250 €, risolta per la differenziata. Anche carta renziata, i cittadini attenti si sono veramente di riciclare quanto meno slogan e più progettualità
tramite un provvedimento tam- e vetro che sembravano essere le attrezzati, i rifiuti differenziati prodotto. E intanto il mondo si concreta, chiedendo alla classe
pone che alza i limiti degli idrocar- materie prime più facili da recupe- sono aumentati, ma la struttura attrezza e non vuole più i nostri politica di fare la sua parte.
buri per lo spandimento su suolo rare non trovano spazio in un mer- ricettiva, quello sbocco virtuoso scarti. Il ciclo non è stato chiuso,
agricolo la cui logica ambientale è cato saturo e non ricettivo; che doveva ricevere quanto si pro- mancano veri impianti finali coor- * Presidente della Commissione
tutta da dimostrare; – incendi a raffica negli impianti duceva, non è stato realizzato. dinati, manca anche una vera dif- Ambiente Ordine Ingegneri di Ber-
– il sovraccarico degli inceneri- di stoccaggio delle materie pla- Si sono creati tanti centri di rac- ferenziata che qualifichi il rifiuto e gamo – Componente della Con-
tori lombardi che sono diventati stiche, ultimo quello di Milano, colta, generalmente autorizzati non ne faccia un mix informe (vedi sulta Sezione Ambiente dell’Ordine
i centri di smaltimento di tutta la unico modo per disfarsi di migliaia sulla base di documenti carta- la plastica) impossibile da riuti- Ingegneri Lombardo – Consulente
penisola grazie al decreto Sblocca di tonnellate di rifiuti che non cei con tante promesse e poca lizzare. Anche i rifiuti industriali del Comune di Bergamo per l’Igiene
Italia; trovano – non dico un compra- sostanza, gestiti senza controllo, assimilabili molte volte non tro- Urbano

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
CON ARIAPUR DI VALSIR
NON SENTIRAI PIÙ CATTIVI ODORI
abbinato alla cassetta tRoPea s:
silenZiosa, aFFiDabile e Di GRanDe QUalitÀ

aRiaPUR
Aspirazione combinata dal vaso WC
e dall’ambiente

Estremamente silenzioso

Dotato di motore brushless di ultima generazione*


per garantire consumi ridotti

m 3/h 80-100* m3/h di ricambio aria garantiti

Disponibile anche con lampada


led integrata*

tRoPea s
Cassetta silenziosa grazie al contenitore
realizzato in materiale fonoassorbente
Componenti interni realizzati con materiali
che ostacolano la formazione del calcare
Self
cleaning

Risparmio idrico grazie alla regolazione


dello scarico a 6/3 - 4,5/3 - 4/2 litri
Componenti interni certificati secondo la
UNI EN 3822 in classe silenziosità I a 3 e 5 bar

Oltre 270 modelli di placche disponibili

* Versione AriApur100Led

ARIAPUR80
Ariapur è la soluzione di areazione per il bagno,
l’innovativo sistema combinato con la cassetta WC
silenziosa Tropea S. Cattura i cattivi odori direttamente dal
WC aspirandoli ed eliminandoli prima che si diffondano
nell’ambiente e, grazie al sistema di ventilazione della
placca aspirante, elimina anche il vapore della doccia.

www.valsir.it

PAG-PUBB_ARIAPUR_265x388_IT.indd 1 29/10/18 14:56


T
a cura della Redazione e Roberto Di Sanzo

TERRITORIO BOLOGNA | INTERVISTA

“Siamo ambasciatori presentare i vantaggi connessi alla


cultura della prevenzione”.

dell’innovazione”
Bologna e l’ingegneria: quanto è
importante diventare ingegneri
nel capoluogo felsineo al giorno
d’oggi?
Intervista al Presidente dell’Ordine di Bologna, Andrea Gnudi: “Bologna continua anche oggi a gio-
una panoramica sulle principali tematiche legate alla professione care un ruolo centrale nel sistema

D
dell’Italia centro-settentrionale, sia
alle competenze degli inge- percorsi formativi e con differenti essere ricondotte principalmente sione sulle infrastrutture: il territo- per la sua vocazione in ambito di
gneri alle tematiche legate background. La nostra iniziativa è in due ambiti strettamente con- rio soffre i cambiamenti climatici e studio e formazione con la Scuola
alle infrastrutture e alla quindi finalizzata a rimarcare ed nessi tra loro: l’obsolescenza media l’attività antropica che spesso non di Ingegneria, ottimamente posi-
necessità di maggior evidenziare le competenze del sistema infrastrutturale italiano è stata adeguatamente pianificata zionata nei ranking europei, sia per
sicurezza nel Paese; dalla degli ingegneri, che, in – e quindi la sua inadeguatezza e curata. In questo caso la cultura le eccellenze industriali del nostro
cultura della prevenzio- virtù dei vari percorsi alla domanda attuale – e la spesso della prevenzione è fondamentale territorio, che vedono in particolare
ne alle questioni più di studio sostenuti, carente manutenzione effettuata. e va perseguita in maniera capil- nell’automotive e nelle macchine
locali e concentrate risultano essere Quest’ultima si ricollega inevitabil- lare e trasversale coinvolgendo automatiche le punte di diamante.
alla discussione attua- spesso trasversali, mente alla sicurezza effettiva: ecco tutti i cittadini, a partire dai ragazzi Anche il sistema infrastrutturale
le nel settore ingegne- abbracciando disci- che diventa quindi prioritaria. delle scuole. Il nostro territorio va è importantissimo, sebbene non
ristico. Ecco l’intervista pline anche diverse Se infatti è difficile ipotizzare un tutelato, protetto e curato: deve abbia avuto investimenti significativi
a 360 gradi al Presidente tra loro, e comunque capillare ammodernamento delle passare la consapevolezza che un negli ultimi decenni. Gli ingegneri
dell’Ordine degli Inge- estremamente duttili. reti stradali, autostradali e ferrovia- investimento di 10 oggi permette con tutte le loro specializzazioni
Andrea Gnudi, Presidente
gneri di Bologna, An- Ordine degli Ingegneri della La nostra lettera non rie, per le ovvie difficoltà connesse un risparmio di 20 o più domani, possono trovare un ruolo impor-
drea Gnudi, una pano- Provincia di Bologna deve pertanto essere all’iper-burocratizzazione dei pro- quando si verificherà un evento tante nel sistema economico felsi-
ramica su tutto ciò che intesa in senso nega- cessi e al reperimento delle risorse, eccezionale. La tecnologia ci offre neo, questo non è in discussione.
è “ingegneria”. tivo né equivocata come un attacco ecco che rimane indispensabile oggi la possibilità di mettere in Anzi, mi pare fondamentale sotto-
alle altre professioni tecniche, curare al meglio il patrimonio esi- campo evoluti sistemi di monito- lineare come gli ingegneri possano
Competenza, valutazione del bensì come una volontà di assu- stente. Gli ingegneri possiedono raggio in tempo reale, che potreb- essere visti come gli ambasciatori
merito e professionalità sono mersi appieno le proprie respon- le qualità e le competenze adatte bero permettere risposte rapide dell’innovazione che a Bologna può
tematiche ricorrenti nella Pubblica sabilità, garantendo la totale e per un impegno attivo, fattivo e ed eventualmente attuare azioni permettere alle sue eccellenze di
Amministrazione: a tal proposito, incondizionata disponibilità a lavo- concreto e a nostro parere dovreb- preventive a tutela di persone e rimanere al passo con i tempi”.
recentemente l’Ordine degli Inge- rare in sinergia. Riteniamo quindi bero anche impegnarsi per ricor- cose. Bisogna trovare il coraggio
gneri di Bologna  ha inviato una che sia un’ottima occasione da dare a tutti i decision maker che gli di rendere questi temi attuali e di Ingegneria e politica: se potesse
nota a commento della pubblica- proporre e perseguire per innovare investimenti infrastrutturali sono programmare la sicurezza ambien- chiedere una misura al Governo
zione in Gazzetta Ufficiale  (n° 70 e adeguare la PA alle esigenze con- essenziali per la crescita del Paese tale del domani”. a favore dei professionisti, quale
del 4 settembre 2018) del concorso temporanee”. in vari settori, oltre a essere fonda- sarebbe la sua priorità?
per il reclutamento di 123 dirigenti mentali per i risvolti occupazionali. È forse un problema di forma- “Cercare di favorire al massimo gli
per la Pubblica Amministrazione Dal crollo del Ponte Morandi all’in- Gli Ordini possono farsi parte attiva zione? Bisognerebbe coinvolgere investimenti nelle opere pubbli-
Centrale. Una lettera al Mini- cidente causato da un Tir proprio a per informare adeguatamente maggiormente i professionisti in che e nelle infrastrutture, che sono
stero competente per chiedere, in Bologna, sull’autostrada A14: è dav- i cittadini al fine che il dialogo settori strategici? sempre un volano virtuoso per
sostanza, più dirigenti ingegneri vero una priorità la sicurezza delle mediatico non sposti l’attenzione “Più che un problema di forma- tutto l’indotto, e quindi anche dei
nel Pubblico: se ne sente davvero infrastrutture nel nostro Paese? dell’opinione pubblica dalla realtà zione secondo me è una que- professionisti, cercando di valoriz-
la mancanza? “Le infrastrutture in generale, sotto contingente alla troppo facile pole- stione di comunicazione corretta: zare in particolare la qualità delle
“Abbiamo avuto occasione di rile- vari aspetti e non solo sotto quello mica fine a se stessa, o a qualche la prevenzione va sollecitata in prestazioni professionali offerte e
vare che nel nostro territorio, in della sicurezza, sono prioritarie ristretta nicchia di interessi”. maniera sistematica nei vari dia- fuggire quindi dalla logica, talvolta
diversi casi, importanti funzioni tec- nello sviluppo del Paese e riteniamo loghi. Essa deve essere parte del perversa, della vita e dei servizi ‘low
niche nella Pubblica Amministra- che tali debbano rimanere in ogni Rischi e dissesti idrogeologici: confronto tra amministratori e cost’ orientata unicamente al mas-
zione, ove peraltro le competenze agenda politica. Gli eventi tragici di quanto conta la cultura della pre- cittadini, coinvolgendo il mondo simo ribasso. È necessario ridare la
degli ingegneri sono indiscusse e questa estate hanno evidenziato venzione? dell’informazione. Dovremmo dignità alla professione, che troppe
indiscutibili, sono talvolta svolte in maniera sicuramente brutale “Altro tema di enorme importanza, quindi riuscire a comunicare, volte è svalutata a livelli di bassa
da dirigenti provenienti da altri alcune vulnerabilità, che possono collegato alla precedente rifles- bene e a fondo, l’importanza di manovalanza”.

EVENTI | UNO SGUARDO AGLI U.S.A

UN’OCCASIONE PER CREARE CONTATTI CON IL MERCATO STATUNITENSE


L’Ordine di Torino al “II Workshop Internazionale” della Fondazione Inarcassa a Chicago guidato per Chicago e ad
alcuni edifici del distretto
di Paola Freda* sione per raccogliere informazioni di oltre 400 start-up digitali in prima successivo, sempre presso finanziario, di partico-
e Stefano Sapienza** sulle dinamiche del mercato ameri- fase e ad alta crescita, è il luogo in l’Istituto Italiano di Cultura, lare valore architetto-

D
cano, interagire con importanti studi cui designer, ingegneri e imprendi- il Workshop è proseguito nico, si è svolta una visita
opo la prima edizione a tecnici, partecipare a visite – ad alto tori digitali di Chicago lavorano per con l’incontro di istituzioni presso l’Illinois Institute
Dubai, nel novembre 2017, contenuto professionale – delle dare forma alle nuove tecnologie. e testimonial del “Bel Paese”, of Technology, nato nel
la Fondazione Inarcassa ha costruzioni simbolo di Chicago e di Da menzionare anche la partecipa- tra i quali Vincenzo Centi- Stefano Sapienza 1940 dalla fusione
organizzato a Chicago, a fine una prestigiosa mostra. zione all’inaugurazione della mostra naro, architetto presso lo dell’Armor Institute e
ottobre scorso, il II Workshop Inter- La prima giornata di lavoro ha pre- del Premio Internazionale Dedalo studio Gensler, che ha sot- del Lewis Institute. Il
nazionale, con l’obiettivo di offrire visto un incontro con esperti di Minosse alla Committenza, allestita tolineato come nella mentalità Workshop organizzato da
ai professionisti, che preferibilmen- promozione e sostegno di impresa presso l’Istituto di Cultura Italiana organizzativa statunitense le Fondazione Inarcassa ha
te abbiano maturato un’esperienza presso la law firm Nixon Peabody: di Chicago. Fondazione Inarcassa ha persone vengano concreta- rappresentato un’espe-
all’estero e con una buona cono- tra i temi affrontati, l’andamento da tempo stretto un rapporto di col- mente poste al centro del rienza intensa e ricca di
scenza della lingua inglese, l’oppor- generale del mercato statunitense, i laborazione con ALA Assoarchitetti, progetto. La situazione eco- soddisfazione, per chi
tunità di stabilire un contatto con il criteri per ottenere incentivi in tale promotore del Premio, per cui, nel nomica statunitense è stata scrive, sia in termini di
mercato statunitense, le istituzioni contesto e lo scenario del comparto reciproco rispetto dei diversi com- invece illustrata da Marco “bagaglio culturale” sia
locali e gli operatori esteri. Va ricor- immobiliare a Chicago. Di particolare piti, la Fondazione ha riconosciuto Saldini e Andrea Ferrari, Paola Freda per il forte potenziale
dato che la città di Chicago rappre- interesse la successiva tappa al Mer- nel Dedalo Minosse un raffinatis- Direttori dell’ICE – Agenzia che i rapporti instaurati
senta una realtà in costante crescita chandise Mart, edificio punto di rife- simo veicolo di promozione sui mer- per la promozione all’estero e l’in- potranno generare in futuro.
per i servizi di ingegneria e architet- rimento per la vendita al dettaglio e cati esteri. Il Premio Internazionale, ternazionalizzazione delle imprese
tura, nonché un punto di riferimento all’ingrosso: qui un gruppo ha visitato infatti, premia clienti e architetti di italiane – rispettivamente a Chicago * Consigliere Ordine degli Ingegn-
della professione negli Stati Uniti per alcuni showroom delle aziende che tutto il mondo, andando poi a “visi- e Miami. È intervenuto alla giornata eri della Provincia di Torino e Pres-
il mondo accademico e culturale. vi operano, mentre altri partecipanti tare” i premiati nei rispettivi Paesi, anche il Direttore della Camera di idente FIOPA
Il Workshop, che ha raccolto una al Workshop hanno incontrato un portando così in quei luoghi un mes- Commercio del Midwest, Fulvio Cal- ** Consigliere Ordine degli Ingegn-
buona partecipazione di liberi pro- responsabile dell’incubatore “1871”, saggio di elevatissima qualità sull’ar- cinardi. eri della Provincia di Torino e Dele-
fessionisti, ha rappresentato l’occa- situato all’interno del Mart: oggi casa chitettura messa in opera. Il giorno L’ultimo giorno, dopo un percorso gato Inarcassa

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
15

T
TERRITORIO URBANISTICA | NUOVE FRONTIERE

Una nuova penisola artificiale dalla massima attenzione agli

nel Principato di Monaco


aspetti eco-friendly del progetto,
seppure di matrice antropica.
Questo aspetto è talmente sen-
tito nelle intenzioni progettuali
da aver portato alla definizione di
Nuove frontiere di urbanizzazione, tra difesa e sfruttamento del territorio “isola ecologica” per Porter Cove.
Le ragioni di una realizzazione
di Simone Monotti* lato una delle perle della Costa così complessa sono fin troppo

I
Azzurra, dall’altro una continua evidenti: è risaputo che il Prin-
l binomio “tutela e/o sfrut- esigenza di compromesso tra i cipato sia in esubero di richieste
tamento del territorio” è da concetti sopra citati. Tutto questo di immobili rispetto alla attuale
sempre croce e delizia del pro- si inserisce peraltro nel contesto disponibilità. Da un lato, come
fessionista pianificatore ur- delle note politiche ambientali- spesso accade, si ricerca la dire-
banista. In effetti non è semplice ste del Principato, che da anni si zione verticale, con grattacieli
far coesistere due concetti che batte per la tutela ambientale e quali la Torre Odeon; dall’altro si
apparentemente sembrerebbero in particolare marina, ad esempio è scelto di espandersi contem-
in antitesi. Se da un lato la tutela in difesa dei cetacei che abitual- poraneamente in orizzontale. Da
del territorio parrebbe richiedere mente stazionano o transitano nei questo punto di vista la proget-
la massima conservazione priva tratti di Mediterraneo antistanti tazione ha previsto di limitare
di antropizzazione, dall’altro lo Monaco. L’esigenza di aumen- l’altezza degli immobili che sor-
sfruttamento da parte dell’uo- tare la superficie utile edifica- geranno sulla penisola: non ci
mo per le sue esigenza vitali ne bile ha portato recentemente a saranno grattacieli, al fine di non
richiede una trasformazione o un faraonico progetto – iniziato impattare in maniera eccessiva
quantomeno un adattamento. da pochi mesi – di estensione e sullo skyline. La viabilità (altro
Quando questa disputa concet- ampliamento della superficie, tema delicato in un territorio
tuale, oltre che operativa e prag- con l’obiettivo di realizzare una gettazione è assai vasto e vede ha rivestito un ruolo determinante così tanto urbanizzato) sarà
matica, si concretizza in vasti ter- vera e propria penisola artificiale. ai vertici due noti progettisti di in tutta la pianificazione proget- dedicata soprattutto a percorsi
ritori, il problema sembra essere Questo tipo di soluzione è abi- calibro internazionale: il polacco tuale, fermo restando che ora ciclopedonali, ma senza natu-
di più semplice soluzione anche tuale da diverso tempo in estremo naturalizzato statunitense Daniel sarà onere e onore dei realizzatori ralmente dimenticare i veicoli
in chiave di compromesso “salo- Oriente, ma anche in alcuni paesi Libeskind e il giapponese Arata attuarne appieno le intenzioni. La a motore. In un’ottica che, da
monico”, con ampie zone conser- arabi. In tali ambiti tuttavia si è Isozaki. È evidente comunque nuova penisola, o isola se non si quatto punto di vista, potrebbe
vate alternate a zone urbanizzate. soliti estendere il territorio con che un’opera di tale complessità considera il collegamento, come richiamare per certi versi la
Al contrario, quando ci si trova di terreno vero e proprio, prelevato deriva da un articolato lavoro amano definirla in sito, costerà nostra Venezia, saranno pre-
fronte a location di estensioni li- dai fondali o importato da altri siti di concerto tra professionalità all’incirca 2 miliardi di euro e si senti anche canali e “vie acqua-
mitate la tematica diviene assai vicini. Nel caso di Monaco, invece, diverse, da quella strutturale a chiamerà “Porter Cove”. L’esten- tiche” da percorrere in barca
complessa o comunque di difficile la penisola è del tutto artificiale: quella geotecnica passando per sione prevista è di circa 60.000 m² con numerosi punti di approdo.
soluzione. il progetto prevede infatti la posa la navale e impiantistica. A ben e prevederà tra l’altro 1.100 alberi I lavori, iniziati mesi fa, dovreb-
Un esempio eccellente da questo in opera di 18 enormi piattaforme vedere i tre settori in cui l’Albo da piantare, piste esclusivamente bero terminare del 2025 e le valu-
punto di vista è rappresentato di calcestruzzo armato da pog- degli Ingegneri è suddiviso (Civile ciclabili per oltre 3 km e percorsi tazioni di mercato degli immobili
dal Principato di Monaco. Con giare sul fondale dopo averlo dra- e Ambientale, Industriale, dell’In- prettamente pedonali per oltre che sorgeranno nel nuovo quar-
una superficie di poco più di 2 gato, appositamente trasportate formazione) hanno avuto pieno 7 km. La nuova costa “artificiale” tiere si prevedono assai elevati,
km², con un dislivello da 0 a 163 sul posto via mare (ciascuna con e simultaneo coinvolgimento, raggiungerà la lunghezza di 3.5 km. ma comunque in linea con gli
m s.l.m. e una densità di popo- massa di circa 10.000 tonnellate). rendendo il progetto e la futura Ogni volta che si sottrae territorio standard montecarlini.
lazione di quasi 18.000 abitanti/ Da questa caratteristica deriva opera un esempio mirabile di al mare è inevitabile una certa pre-
km², il secondo Stato più piccolo l’appellativo informale di “ice- scienza applicata e tecnica inge- occupazione ambientalista, che si * Presidente Ordine degli Ingegneri
del mondo rappresenta da un berg di cemento”. Lo staff di pro- gneristica. La tutela ambientale auspica possa essere bilanciata della provincia di Terni

LAVORI PUBBLICI | L.R. n.8/2018

La Regione Sardegna contro tutti


Dopo la delibera 63/1 del 20 dicembre 2018, nasce la Centrale di Progettazione in house.
Patrizia Sini “Come RPT abbiamo ribadito assoluta contrarietà. Nessun beneficio per l’isola”
di Michele Salis dalla società civile: addirittura, a bliche in Sardegna. cazione e attuazione dell’opera stessa società avrebbe la coin-

N
dicembre, è nato un vero e pro- “L’assessore, nel corso dell’ in- pubblica. Ha senso – si domanda cidenza, tra l’altro, del ruolo di
on sono stati solo i tec- prio comitato contro la società di contro, ha escluso il blocco della il Presidente Sandro Catta – chie- controllore (R.U.P.) e di control-
nici sardi, riuniti nella progettazione regionale. delibera, ma si è detto disponi- dere loro di occuparsi di progetta- lato (progettista e D.L.)”.
Rete delle Professioni Tutto ciò non è bastato. Con la bile ad attivare tavoli tecnici di zione quando c’è un mercato del
Tecniche a criticare delibera 63/1 del 20 dicembre lavoro sul piano industriale della lavoro popolato da professionisti — “Un organico
aspramente e a opporsi alla deci- 2018 la Regione ha dato vita a società – spiega la Sini. Dal canto di livello e colpito da una crisi così esiguo non
sione di costituire una società di “Opere e Infrastrutture della nostro, come Rete delle Profes- senza precedenti?”. Tanto più dal
progettazione delle opere pub- Sardegna srl”, dando seguito a sioni abbiamo ribadito asso- momento che, come si apprende, può sostituire le
bliche gestita in house dall’am- quanto previsto dall’art. 7 della luta contrarietà a una società la società inizierebbe l’attività professionalità
ministrazione regionale isolana. Legge Regionale sugli appalti (n. di progettazione che in primo con soli otto tecnici in organico multidisciplinarie
Nelle scorse settimane anche il 8 del 2018). luogo andrebbe contro corrente e con il compito di gestire opere
Consiglio Nazionale degli Inge- Dopo un dibattito interno e la rispetto a quanto accade a livello per un valore complessivo di sva- necessarie”—
gneri ha diffuso una nota molto riunione plenaria di Rete dell’8 globale, dove ci si affida sempre riate decine di milioni di euro e
critica su questa scelta, definita gennaio, nei giorni scorsi, la più a professionalità differenti di varia natura, accentrando in Sandro Catta,
“anacronistica” dal Presidente Presidente della Rete delle Pro- per una progettazione integrata sé proprio quelle fasi progettuali Presidente
Ord.Ingegneri
Armando Zambrano. Una presa fessioni Tecniche della Sarde- per garantire opere di qualità, e, che dovrebbero essere frutto di Cagliari
di posizione netta, ma, come ha gna, Patrizia Sini (architetti) ha in secondo luogo, non porterebbe procedure concorsuali, pensate
messo in luce il Vicepresidente incontrato l’assessore regionale nessun beneficio al tessuto eco- espressamente per mettere in
vicario Gianni Massa “la com- dei Lavori Pubblici, Edoardo nomico isolano, anzi, andrebbe concorrenza i migliori professio-
plessità delle opere pubbliche Balzarini per chiedere, in primo a incidere pesantemente su un nisti. “Appare evidente – con-
richiede caratteri di multi e inter- luogo, la sospensione immediata mercato già in crisi”. clude Catta – che un organico
disciplinarietà che è impossibile della delibera 63/1, quindi l’atti- “La Pubblica Amministrazione così esiguo non possa sostituire
trovare in una struttura pubblica vazione di un tavolo tecnico per sarda ha grandi professionalità, le professionalità multidiscipli-
come quella che viene ipotizzata”. una programmazione partecipata con specifica formazione per la nari necessarie per gestire opere
Le censure sono arrivate anche della gestione delle Opere Pub- gestione del processo di pianifi- di tale entità e per le quali la

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
T
TERRITORIO COSENZA | SEMINARIO DI APPROFONDIMENTO
Progettazione culturale
Sono intervenuto al dibattito

Gli ingegneri e la “grande bellezza”


Francesco Buranelli, Presidente
della Commissione per la Tutela
dei Monumenti Storico Artistici
della Santa Sede; il dott. Aldo Di
Progettazione culturale: un nuovo modo di “fare cultura” partendo dall’ingegneria Russo, esperto in progettazione

L’
culturale; il prof Maurizio Muzzu-
ingegneria e l’arte non Chiesa di Santa Maria Patirion, pappa della società spin off nata
sono mondi così distanti. ricostruzione in 3D nell’Università della Calabria
La valorizzazione dei beni Le fasi di acquisizione immagini avviene in (che applica la ricerca tecno-
diverse fasi: prima attraverso un 3D data
culturali a partire dal ruolo capture, a seguire l’anali dei dai, per poi
logica e ingegneristica a campi
degli ingegneri è stato il focus del passare al 3D Modelling. Per finire il pro- come quello dei beni culturali);
seminario organizzato dall’Ordine cesso di Texturing, con la correzione del l’avv. Andrea Falzone, esperto in
degli Ingegneri di Cosenza insieme modello ottenuto nella precedente fase diritto dei contratti pubblici.
alla Fondazione Mediterranea per del modelling. Nel primo blocco in fig. a) il In apertura lavori i saluti istituzi-
modello acquisito mediante laser scanner;
l’Ingegneria, dal titolo “Il ruolo in fig. b) il modello acquisito mediante fo-
onali di Menotti Imbrogno, Pres-
dell’ingegneria nel grande affre- tografia stereo multi vista; in fig. c) la com- idente della Fondazione Mediter-
sco della progettazione culturale”, posizione dei due modelli. Terminata l’ac- ranea per l’Ingegneria, al quale
che si è svolto il 23 novembre 2018. quisizione, il modello viene arricchito con sono seguiti quelli del Direttore
Patrocinato dal Ministero per i Beni le informazioni delle Texture per renderlo del Segretariato Regionale del
realistico (secondo blocco).
e le Attività Culturali, dalla Regione MIBAC per la Calabria, dott.
Calabria e dall’Università della Cala- Salvatore Patamia, e quelli del
bria. Già a partire dall’ ‘800 la figura prevenire gravi situazione di disse- affermato il dott. Aldo Di Russo. foto); l’esame della mano di uno dei rettore dell’UNICAL, Gino Mirocle
dell’ingegnere viene riconosciuta sto idrogeologico, di inquinamento, I luoghi di cultura, infatti, generano bronzi di Riace per stabilire cosa e in Crisci e del delegato dell’Ordine
come importante per le tecnolo- di sisma, di pressione antropica, di cultura, e la valorizzazione dei beni che posizione tenesse l’oggetto ori- degli ingegneri di Cosenza, il
gie applicate ai beni culturali, come espansione urbanistica nel territo- culturali ha senso solo se chi ne ginariamente, nonché il restauro dei prof. Vittorio Ferraro.
tutela e conservazione delle opere rio, ecco tutto questo deve essere fruisce acquista poi coscienza. E beni sottomarini. Anche la Pubblica
d’arte. Lo ha spiegato il Prof. Fran- ulteriormente approfondito definito continua Di Russo: “non si tratta di Amministrazione deve contribuire idea per la valorizzazione dei beni
cesco Buranelli. È proprio grazie alle e la tecnologia soprattutto i controlli costruire l’ennesimo nuovo inge- in questo processo: è fondamentale culturali può partecipare al bando
nuove tecnologie e all’utilizzo della da satellite possono fornire a chi gnere, si tratta di cambiare il modo una corretta formazione dell’ammi- per offrire il servizio vero e proprio,
diagnostica che le opere continuano gestisce il territorio uno strumento di approcciare questo settore da nistrazione per l’utilizzo delle norme sostituendosi all’amministrazione
a “sopravvivere”, dal momento che indispensabile”. Tre le parole chiave parte di quelli che già concorrono (soprattutto quelle contenute nel che oggigiorno pare non avere più
necessitano di un clima stabile per che vedono gli ingegneri in questo nella realizzazione di eventi cultu- codice dei contratti pubblici che quelle competenze specifiche nel
la loro conservazione. senso, insieme a storici, antropo- rali”. E allora quali sono gli strumenti riguardano l’acquisizione, da parte settore dei beni culturali.
“La vera emergenza è il territorio”, logi, archeologi, i sociologi: tutela, innovativi? Illustrati dal prof. Muzzu- di terzi, degli strumenti per poter Dunque, il bene culturale non
sottolinea Buranelli: non c’è un valorizzazione e fruizione. “Si tratta pappa, l’esempio dell’esame termo- procedere a valorizzazione e tutela). adempie la sua valenza sociale e
piano di controllo nazionale, non di progettare e saper progettare grafico eseguito per il restauro della È l’esempio del cosiddetto “concorso costituzionale fin quando non è cor-
c’è un protocollo di intervento per in maniera meta-disciplinare”, ha cattedrale del Patire di Rossano (in di idee”, cioè chi fornisce una buona rettamente fruito dai cittadini.

LAZIO | VOLONTARIATO

Promuovere il dialogo intergenerazionale tra professionisti: il


caso della Onlus Seniores Italia Lazio
A livello locale, nazionale e internazionale, Seniores Italia Lazio Onlus opera per sostenere l’inserimento lavorativo dei giovani
di Anna Zambrano

S
e dell’inserimento nel mondo del (Today and Not Tomorrow) è inter-
eniores Italia Lazio On- lavoro: questa è la principale ma venuto sui NEET (Not in Education,
lus  (www.senioresitalia.it) non la sola mission che la Onlus Employment or Training), offrendo
rappresenta un modello di svolge ormai da molti anni. a 90 giovani, disoccupati o inoccu-
volontariato professionale Seniores Italia Lazio rappresenta pati, tre laboratori gratuiti integrati
utile alla società, in particolare ai dal 2014 l’associazione della sede in un percorso fondato sulla auto-
giovani che, in una realtà lavorativa regionale del Lazio di Senio- valutazione e l’esperienza pratica.
così complessa e fluida come quel- res Italia Partner per lo sviluppo Il principio ispiratore delle azioni
la attuale, sono alla ricerca di un Onlus, che è stata la maggiore di Seniores Italia Lazio potrebbe
percorso formativo e professionale organizzazione italiana di volonta- riassumersi nel suo impegno a
in grado da un lato di soddisfare riato professionale senior, istituita costruire una società di uguali
i propri desideri e potenzialità, e nel 1994 per sostenere i Paesi in via zioni di volontariato distribuite sul ambito scolastico, per  facilitare opportunità. Per questo, i membri
dall’altro di rispondere alle richie- di sviluppo attraverso brevi consu- territorio italiano. La missione di la conoscenza delle varie realtà della Onlus seguono, nelle proprie
ste  del mercato del lavoro, nazio- lenze professionali. Ora Seniores Seniores Italia Lazio consiste nella lavorative e favorire, anche in azioni, un sistema di valori inelu-
nale e internazionale. Italia Lazio opera in ambito locale promozione della solidarietà inter- collaborazione con altre Onlus dibili, rappresentati da 5 principi
Bisogna ammettere che, spesso, promuovendo molteplici azioni generazionale e nella realizzazione italiane ed europee, un corretto fondamentali: solidarietà, inte-
l’uscita dal mondo del lavoro localizzate nella Regione Lazio; di incontri e collaborazioni tra i approccio al mondo delle imprese grità, rispetto, responsabilità e,
viene vissuta dai professionisti a livello nazionale, sviluppando volontari Senior e le comunità/ e del lavoro.  Seniores Italia Lazio soprattutto, tanta tanta passione.
in generale e da gran parte degli attività in rete con omologhe asso- organismi impegnati nello svi- è impegnata anche in progetti Valori che vengono illustrati e
ingegneri come un vero e proprio ciazioni italiane presenti in quasi luppo dei giovani, per sostenerne nei  Paesi in via di sviluppo come integrati con un apposito percorso
trauma. Mancano, una volta pen- tutte le regioni italiane; a livello l’inserimento nel mondo del lavoro il Madagascar, dove sta comple- di introduzione alle  attività di
sionati, quelle attività che, legate internazionale, attraverso progetti e contribuire all’applicazione della tando alcune iniziative:  sono stati volontariato professionale, avva-
direttamente allo sviluppo lavo- in Paesi in via di sviluppo o condi- nuova normativa sull’alternanza costruiti impianti irrigui in aree lendosi dei risultati di un apposito
rativo e alla carriera, fanno parte videndo con partner europei pro- scuola/lavoro. Al momento sono con carenze idriche per favorire lo progetto europeo: “volunteering
dell’identità stessa di ciascuno di getti sostenuti da fondi europei stati formati circa 900 studenti con sviluppo di alcuni villaggi malgasci and learning in later life”.
loro e costituiscono, per questo, (ad.es. Erasmus Plus). il progetto “Giovani ed Impresa” e realizzati progetti a favore della
uno status esistenziale al quale si Attualmente Seniores Italia Lazio (G&I), 100 con il progetto “Azienda piccola imprenditoria femminile. Sostenere Seniores
rinuncia con sofferenza. conta tra i suoi iscritti un numero adotta una scuola” e 424 nel pro- La Onlus Seniores, sostiene, in Onlus
È pur vero che, nella nostra società rilevante di ingegneri/manager getto “Alternanza nella Nuvola”. Lazio,  anche progetti di sviluppo È possibile diventare membro
occidentale, caratterizzata da una provenienti da compagnie inter- Non solo: Seniores Italia Lazio è a livello locale per assicurare una attivo della Onlus scrivendo a
percentuale molto alta di anziani, nazionali, che contribuiscono alle coinvolta, a Roma, in progetti di maggiore vivibilità e integrazione home@senioresitalia.it oppure
occorre lasciare spazio affinché i attività della Onlus, insieme agli sviluppo sostenibile attraverso la di coloro che cercano una collo- telefonando: 0039/389.0011234.
giovani trovino finalmente una col- altri membri/professionisti, con formazione di giovani, migranti e cazione all’interno della realtà Nel caso in cui si risieda in altre
locazione. una quota di 35 euro all’anno. appartenenti a gruppi svantag- cittadina: il progetto Orti Urbani, regioni italiane, Seniores Italia
Ed è proprio in questa ottica che Vale la pena ricordare che, attual- giati, per facilitarne l’integrazione finanziato dal Comune di Roma, Lazio sarà lieta di fornire tutte le
Seniores si è impegnata e continua mente, la rete nazionale delle nella società italiana. In pratica ha consentito di formare alcuni informazioni utili per contattare
a impegnarsi per aiutare le nuove Onlus che perseguono le stesse questo significa promuovere pro- migranti alla cura degli orti e dei le associazioni omologhe che
generazioni nella fase della scelta finalità è costituita da 16 associa- getti e attività socio-educative in giardini, mentre il progetto TNT operano sul territorio nazionale.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
17

TECH INDUSTRY 4.0 | SMART MANUFACTURING

Moduli Autoportanti
ASC
di Strutture Cellulari data :9/10/2017

Il Progetto MASC offre un percorso progettuale e costruttivo


che si completa con la fabbricazione interamente robotizzata di
moduli prefabbricati in acciaio, caratterizzati da elevati fattori di
auto-portanza
Robot di Roboteco SpA FIG 4. Rotazione flessionale a cerniera plastica sviluppata sotto carico ultimo
(www.roboteco.it) in un giunto saldato con parametri di Qualità. I risultati numerici prodotti
da CASoft riproducono accuratamente la relativa curva sperimentale.
Si notino i grandi valori degli spostamenti, indicati dalla tratteggiata in bianco
della
Fig. 2.1piastra indeformata.
- Rotazione flessionale a cerniera plastica sviluppata sotto carico ultimo
in un giunto saldato con parametri di Qualità. I risultati numerici prodotti
da CASoft riproducono accuratamente la relativa curva sperimentale.
L’assemblaggio
Si notino idel modulo
grandi prefab-
valori degli localmente
spostamenti, su giunti
indicati dalla saldati,
tratteggiata in sia
bricato bianco
vienedella
interamente realiz-
piastra indeformata. sulla struttura assemblata.Vedasi
zato da robot di saldatura, pilotati la precedente esperienza del
da una interfaccia software. progetto WAM (Welding Ansaldo
Marina) [Rif. 6] , FIG 4.
MODULO PROTOTIPO Per ovvie necessità dimensionali,
Questa
CASoft tecnologia viene dimo- le prove di carico saranno eseguite
su un modulo ridotto (FIG 4.1), in
7
strata su un modulo proto-
tipo di struttura cellulare: una cui però si conserva la scala 1:1
soletta autoportante assemblata nello spessore, onde mantenere la
con blocchi “scatolari” (FIG 2 e dimensionalità delle saldature.
3). Le strutture cellulari hanno
un elevato rapporto rigidezza/ SISTEMA ESPERTO DI NUOVA
peso. Sono molto usate in aero- GENERAZIONE
nautica (ad esempio, i cassoni Il Progetto MASC si fonda sull’ap-
alari [Rif. 4]), su alluminio e con plicazione di un Sistema Esperto di
giunzioni rivettate. Sono molto nuova generazione detto Cellular
FIG 1. Moduli di strutture
metalliche a topologia
meno usate su acciaio, a causa Algorithms Software (CASoft) [Rif. 1].
regolare viste dall’alto delle incertezze sulla resistenza CASoft fornisce in un unico pro-
[Rif. 4]. delle saldature. Come in ogni dotto Software, accessibile da
La regolarità agevola
la costruzione e dis-
progetto innovativo, il progetto un’unica interfaccia grafica:
tribuisce in modo uni- MASC prevede la validazione con
Progetto MASC data :9/10/2017
- le analisi strutturali;
forme carichi e tensioni. prove di carico sperimentali, sia - la progettazione ottimale delle
strutture;
- il calcolo dei processi di saldatura;
- la resistenza ultima dei giunti saldati;
A. Cella* e G.Tonelli** tabile sui mercati internazio-Il Progetto MASC si rivolge a - l’interfaccia con i robot di saldatura.
nali, pilotando la fabbricazione
moduli strutturali in acciaio con Al completamento del progetto
Il Progetto MASC è un progetto remota via rete. giunzioni saldate. MASC, le aziende fruitrici si tro-
Industry 4.0 compliance, potendo La tecnologia del Software CASoft
Ai due precedenti obiettivi si veranno ad aver compiuto un
garantire l’accesso alle premialità alla base del progetto MASC è deve ora aggiungere: salto tecnologico generazionale,
fiscali offerte dal piano Nazionale italiana ed è esclusiva. 3. l’esecuzione di saldature di resi- proiettandosi nell’Industry 4.0;
Industria 4.0 (Legge di Bilancio stenza qualificata. Infatti, nella ottenuto il know-how necessa-
1.1 - 2017 e circolari
Moduli ministeriali).
di strutture Le
metalliche SMART MANUFACTURING
a topologia regolare [Rif.progettazione
4]. si devono applicare rio per impostare nuove filiere
aziende che adottano tale pro- Il Progetto MASC
La regolarità agevola la costruzione, e distribuisce in modo rientra nei dei fattori di sicurezza alla resi- FIG 4.1. Il Modulo MASC_2 (2.4 *2.4 *0.2) industriali rivolte alla prefab-
getto andranno ad acquisire una paradigmi di Industria 4.0, la stenza delle saldature; questi pos- m è il modulo ridotto in pianta su cui Fig. 2.2 - Il Modulo MASC_2 (2.4 *2.4 *0.2) m è il modulo ridotto in pianta su cui
bricazione completa di moduli
uniforme carichi e tensioni.
tecnologia manifatturiera avan- quarta rivoluzione Industriale, sono incidere sul peso totale fino a
Progetto MASC si andranno a effettuare le prove speri-
data :9/10/2017
si andranno ad effettuare le prove sperimentali a carico ultimo.
Viene conservato lo spessore, per mantenere le saldature in scala 1:1.
strutturali di elevata efficienza.
mentali a carico ultimo. Viene conserva-
zata, appartenente alla quarta nel settore denominato Smart un 30%, vanificando così l’ottimiz- to lo spessore, per mantenere le salda-
rivoluzione Industriale, e che Manufacturing (SM). SM è una zazione di cui all’obiettivo 1. ture in scala 1:1. * CASoftware, Roma
permette di godere dei benefici tecnologia digitale che ottimizza CASoft ** Fincantieri, Genova
fiscali messi a disposizione dallo il valore aggiunto della mani-
8

Stato. La costruzione di grandi fattura mediante integrazione


strutture metalliche viene effet- avanzata di progettazione, auto-
tuata da sempre mediante un mazione, e controllo di processo.
assemblaggio di moduli prefab- Applicata alla prefabbricazione
Riferimenti
bricati; i moduli hanno una topo- di moduli strutturali metallici, [1] Cellular Algorithms: An Expert
logia regolare che consente di SM ha come obiettivi: System for Analysis and Design,
distribuire uniformemente i cari- 1. la progettazione ottimale della in MCAE, Presented at the World
chi applicati (FIG 1). rigidezza; 2 Engineering Forum, Rome, 28
Nel Progetto MASC si indica come 2. l’automazione completa della Nov 2017 (www.casoftware.eu)
modulo di riferimento, su cui prefabbricazione.
Progetto MASC data :9/10/2017 [2] CASoft - Benchmark Manual
validare la tecnologia, un’ innova- The Cellular Algorithms Software
tiva soletta a struttura cellulare Company, Viale Liegi 7, Roma.
(FIG 2). Il Software CASoft [Rif. 1] [3] Manual of Steel Construction
progetta moduli di qualità otti- 14th Edition, 2011 American In-
male per: peso, rigidezza e resi- stitute of Steel Construction, 101
stenza dei giunti saldati. Inoltre, Park Avenue, New York, N.Y.
lo stesso Software pilota i robot a [4] E.F. Bruhn (ed,) Analysis
eseguire le saldature in modalità and Design of Flight Vehicles
interamente automatizzata. Structures Version 1973 Jacobs
Il risultato complessivo è di Publishing Inc., USA.
dotare il prodotto finale di un [5] Boiler and Pressure Vessel
valore aggiunto determinante in FIG 2. Il modulo prototipo è una strut- FIG 3. Traccia delle linee di saldatura (in rosso) entro la metà simmetrica
Fig. 1.2 - Il modulo prototipo è una struttura cellulare prefabbricata :
Code, 2015 American Society of
termini di peso, qualità, costi e tura cellulare prefabbricata: MASC_1 del modulo base con cui si genera tutta la soletta. Per la modularità della
MASC_1 (4.8 *4.8 *0.2) m , una soletta autoportante in acciaio
soggetta a carichi crescenti, a partire da un carico industriale. Mechanical Engineers, 2 Park
(4.8 *4.8 *0.2) m, una soletta auto- struttura, l’estensione ai moduli generati richiede solo traslazioni. Il Sistema
Le linee in blu indicano nervature di rinforzo sulle giunzioni.

tempi di fabbricazione. Il valore Fig. 1.3 - Traccia delle linee di saldatura (in rosso) entro la metà simmetrica Avenue, New York, N.Y.
portante in acciaio soggetta a cari- Esperto CASoft piloterà
del modulo base icon
robot
cui di
si saldatura
genera tuttaattraverso un file
la soletta. Per digitale conte-
la modularità
aggiunto diventa determinante chi crescenti, a partire da un carico nente, per ogni
della linea dil’estensione
struttura, saldatura, la ai geometria
moduli generatie i dati termici
richiede della
solo sorgente
traslazioni. [6] Guida al progetto WAM
per il mercato nazionale; questa industriale. Le linee in blu indicano termica. IlSiSistema
noti che la piastra
Esperto CASoft inferiore
piloterà inon
robotverrà saldata,
di saldatura per esigenze
attraverso un file di Cellular Algorithms Software,
nervature di rinforzo sulle giunzioni. assemblaggio e
digitale di manutenzione:
contenente, per ogniverrà
linea montata
di saldatura,a mezzo bulloni.
la geometria ed i dati
tecnologia 4.0 è anche espor- luglio 2016.
CASoft
3
termici della sorgente termica.
Si noti che la piastra inferiore non verrà saldata, per esigenze di
assemblaggio e di manutenzione: verrà montata a mezzo bulloni.
© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione

CASoft
UNI ACUSTICA | ART. 844 C.C.

Una normale “tollerabilità”


La lettura dell’Ordinanza della Corte Costituzionale n.103 del 2011, in merito
all’interpretazione dell’art. 6-ter della L. 13/2009, propone alcuni spunti che, forse,
agli occhi di chi non è avvezzo non sono così scontati così come per gli addetti ai
lavori, al punto da poter suggerire qualche idea utile
un solo numero) non possa in
nessun modo essere conside-
rato né adatto né sufficiente alle
aspettative, essendo per sua
natura incapace di conformarsi a
tutte le situazioni che si presen-
tano nella pratica.
Ma vi è di più: ricordiamo, pur
senza entrare in dettagli riser-
vati ai tecnici, che a tutti gli
effetti pur sembrando di trattare
di un unico, univoco criterio, si
è invece di fronte a una nutrita
serie di metodi, imperniati sul
confronto di parametri i più
diversi, e talvolta disomogenei
tra loro, ottenuti con metodi
non normati. Circostanza questa
che contribuisce ad aumentare
la confusione. Che questo cri-
terio, nelle sue attuali forme di
indicatore unico, sia inadeguato,
si palesa meglio considerando
quanto sia complesso il nostro
sistema uditivo, e quali siano le
sue effettive capacità e potenzia-
lità: qualche esempio può essere
illuminante. Pensiamo al cosid-
detto “effetto party”: in una sala
affollata, dove molte persone
di Paolo Caporello* tire un’adeguata tutela contro spostandoci su però dal punto gruppo di soggetti aventi carat- parlano, è spesso facile riuscire
i fenomeni di disturbo di cui al di vista semantico al punto di teristiche omogenee secondo a intendere un dialogo tra per-
Quando in giurisprudenza si suddetto art. 844, nella sua fat- vista tecnico e di sostanza, pren- parametri specificamente definiti sone che si trovano a una certa
ragiona di “normale tollerabilità” tispecie qui di interesse, cioè dendo spunto dall’analisi fornita (per esempio, residenti in aree distanza, nonostante il brusio
si fa riferimento a un enunciato nell’ambito acustico. dal Giudice Converso durante il densamente popolate, di una sia molto più intenso rispetto
dell’art. 844 del Codice Civile in Convegno del 2010. certa fascia di età, aventi un certo alla loro conversazione. Ciò è
cui si introduce, a livello intu- APPLICAZIONE DEL Come si può interpretare la livello culturale e/o sociale, e così dovuto alla capacità del nostro
itivo, un principio indiscutibile PRINCIPIO parola “normale”? La prima idea, via). Purtroppo, finora, nessuno sistema uditivo e cognitivo (che,
– in apparenza molto semplice Il contesto in cui ci si muove è in conseguenza del fatto che ha approcciato in questa forma è utile ricordare, non possono
– oggetto della trattazione di molto complicato. In prima bat- l’articolo è rivolto alla persona, il problema, continuando invece essere scissi) di “sintonizzarsi”
innumerevoli lavori di esperti, tuta esso origina dal fatto che quindi all’ individuo, porta al con- ad analizzarlo con metodi inade- su un contenuto informativo che
come l’ottima interpretazione i tecnici, chiamati a supportare cetto di “soggetto normoudente”, guati, limitandosi ad aspetti pura- interessa, “tagliando fuori ” in
del significato semantico scritto tecnicamente la Magistratura, categoria facilmente individua- mente “fisici” legati a proprietà qualche modo i rumori masche-
dal Giudice Angelo Converso il non hanno avuto ai tempi la bile mediante verifica strumen- del segnale acustico, interpretati ranti. Alla stessa stregua si può
quale, in un convegno di “Mis- perspicacia di dare precise indi- tale delle capacità uditive, per con ragionamenti fuorvianti, con immaginare che un soggetto
sione Rumore” nel 2001, descrive cazioni sulla formulazione dei mezzo del confronto con curve la conseguenza che in numerose possa avvertire disturbo da un
l’etimologia dei termini. Sfor- quesiti tecnici. Così ci si trova di di sensibilità ben note agli spe- situazioni il giudizio ha prodotto suono avente specifiche carat-
tunatamente, il solo significato fronte a richieste come: “Dica il cialisti. Limitarsi ai soli aspetti sentenze che non rispecchiavano teristiche, pur avendo un livello
etimologico e semantico non tecnico se sono superati i limiti uditivi, però, non è sufficiente: è l’effettivo stato della situazione. anche molto inferiore a quello
aiuta molto chi voglia applicare della normale tollerabilità”. Una opportuno che la verifica della degli altri rumori a contorno.
il concetto stesso. Nel suddetto domanda che pone il tecnico presunta “normalità” si estenda SUL CRITERIO VALUTATIVO DEL- Quindi, ecco che un metodo di
articolo (che vale la pena ricor- non a dare supporto al Giudice, anche alla “normalità di rea- LA NORMALE TOLLERABILITÀ valutazione “onnicomprensivo e
dare risale al 1942) si introduce ma in pratica a sovrapporsi a zione individuale” – dal punto di Passiamo ora ad approfondire categorico”, come il criterio com-
in una forma intuitiva il con- esso in una inaccettabile sosti- vista emotivo generale – al fine quello che si indica come “crite- parativo, in questi casi darebbe
cetto di “normale tollerabilità”, tuzione di ruoli. di escludere, ad esempio, quelle rio comparativo” o, in soldoni, il risultati incoerenti, non eviden-
che però, sfortunatamente, non In seconda battuta, dal fatto nevrosi che alterano lo stato “criterio dei 3 dB”, indispensa- ziando un disturbo che però è
ebbe mai il suffragio di una defi- che da questo concetto rimasto reattivo dell’ individuo, ponen- bile per fissare bene quelle che del tutto reale. Purtroppo, vi
nizione precisa, di cui si avverte indefinito deriva da un criterio dolo in una situazione che non è possono essere (e sono) le con- sono resistenze notevoli all’a-
pesantemente l’assenza. Quella valutativo (denominato “crite- possibile considerare “normale”. seguenze dell’uso di un metodo dozione di approcci più “scien-
carenza mai colmata pesa in rio comparativo”) che costitu- La seconda parola, “tollerabi- non adatto. tifici ” al problema, giustificando
modo determinante sulla cor- isce un ulteriore elemento di lità”, presenta aspetti più diffi- È noto che esso si fonda sulla il mantenimento dello statu quo
retta interpretazione e applica- confusione in quanto è spesso coltosi. Infatti ci si orienta sulla stima della differenza tra due per mezzo del passato trascorso,
zione del principio stesso. È utile “ impastato” col concetto stesso, capacità di accettare (Converso livelli sonori: quello del rumore dedotto dai testi giurispruden-
ricordare che in ogni materia entrando in un groviglio ine- arriva a dire “sopportare”) una percepito è confrontato col ziali e dalle sentenze che si
non è possibile ragionare senza stricabile, nel quale si rimane sollecitazione (che può avere rumore “di fondo” e questo con- rifanno a questa metodologia –
le definizioni di base: a questo avviluppati senza via d’uscita. diverse caratteristiche) da parte fronto deve risultare inferiore si ripete – non suffragata da ade-
assioma non sfugge nemmeno la Emerge, dunque, la necessità di una persona che rientra in un a 3 dB (ciò in base all’asserto, guati sostegni scientifici e tecnici
giurisprudenza. L’assenza di una impellente di elaborare una del tutto corretto ma non con- di alcun genere. In tutta since-
definizione oltremodo necessa- definizione di questo concetto nesso alla sensazione uditiva, rità, questo somiglia molto alle
ria per poter elaborare un per- cardine dell’art. 844, elemento – — “Come si può secondo cui un incremento di argomentazioni usate contro le
corso logico che conduca a delle come detto – fondamentale per interpretare la 3dB corrisponde a un raddoppio tesi di Galileo-Copernico: i soste-
conclusioni ha generato una porre un ordine logico e sensato della componente energetica nitori del metodo detto “criterio
situazione ingarbugliata da cui alla materia. A questo punto, è parola normale?”— del segnale acustico). È subito comparativo” adducono a pro-
occorre assolutamente uscire. opportuno un ragionamento chiaro che un indicatore così prio favore la citazione di un’an-
Pena l’ impossibilità di garan- sulle due parole che lo formano, scarno e categorico (basato su tica Raccomandazione ISO del

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
19

1971 [la ISO R 1996/1971] su cui teri specifici per la valutazione ai tecnici nell’ambito delle peri- – è non solo opportuno, ma alla determinazione dei parame-
è ormai tempo di chiarire a tutti delle situazioni di disturbo, e zie d’ufficio. L’invenzione, senza impellente un cambio di orienta- tri valutativi, superando l’attuale
le idee, per impedire che se ne suggerendo espressamente (e dubbio animata dalle migliori mento che superi l’ impasse in cui situazione di anarchia operativa,
parli per sentito dire (o, peggio dedicando a esso una apposita intenzioni, purtroppo innescò un ci troviamo ora nel nostro Paese, tanto deleteria, quanto dan-
ancora, a sproposito), essendo a appendice) il metodo di con- percorso che non può oggi essere dove (è necessario ricordarlo) si nosa. Si potrebbero produrre a
tutti noto che quel documento è fronto dello spettro con le curve condiviso da chi voglia invece rifiuta anche solo di esaminare questo punto della trattazione
stato ritirato e quindi, nei fatti, NR (Noise Ratings) elaborate da attenersi a un necessario rigore metodologie in uso corrente in moltissimi altri ragionamenti di
non solo abrogato, ma annullato, Leo Beranek. A questo punto la scientifico. Dunque, non essendo altri Paesi. Certamente, non è il carattere puramente tecnico a
nel 1984 e oggi introvabile. domanda sorge spontanea: da definiti e strutturati né i metodi di caso di rigettare tout court per sostegno della tesi di una riforma
In sostanza, al tempo attuale, quali considerazioni è stato tratto rilevazione e neppure i parametri iniziare daccapo: è sicuro però sostanziale dei criteri valutativi
esso semplicemente non esiste, il “criterio comparativo” basato utili alla valutazione, ciò che si che occorrerà rifondare tutto per la stima della “normale tol-
sostituito dalla ISO 1996, attual- sulla differenza di 3 dB, visto che ottiene è affidato al “modus ope- l’ impianto sulla base degli studi lerabilità”. Unico punto impor-
mente vigente nella sua ver- il documento normativo che si usa randi” dello specifico soggetto che sul sistema uditivo e sulle spe- tante è l’uso non accidentale del
sione del 2016. Per prima cosa, come riferimento nemmeno lo esegue le valutazioni, con ovvia cifiche modalità di percezione plurale, in quanto non sarà pos-
si deve ricordare che la richia- cita? L’unica spiegazione plausi- aleatorietà del risultato finale. di gruppi omogenei di persone. sibile operare con un solo criterio
mata Raccomandazione ISO non bile (e qui occorre dare atto all’in- In primis si potrebbe pensare di onnicomprensivo, bensì saranno
aveva veste di norma: la Racco- ventiva di chi lo ha proposto per PROPOSTE OPERATIVE mantenere l’attuale criterio (che necessari una serie di metodi e
mandazione, infatti rivestiva il primo) riguarda la considerazione A questo punto – rifacendosi deve però essere rivisto e cor- procedimenti che daranno una
ruolo di ciò che adesso assume che all’epoca non vi era suffi- alle bozze degli studi pubblicati retto) per una prima indicazione, descrizione accurata delle varie
la denominazione di Specifica ciente letteratura tecnica a dispo- da OMS alla fine del 2018, che senza però dargli una veste di tipologie di disturbo.
Tecnica, cioè un testo cui fare sizione, e che si doveva in qualche amplieranno notevolmente l’o- dogma. Si ritiene necessario indi-
riferimento in via sperimentale modo ovviare alla sua mancanza rizzonte delle conoscenze riguar- care l’opportunità di normare i * Esperto CNI presso UNI,
al fine di verificarne sul campo dovendo far fronte ai quesiti posti danti gli aspetti qui di interesse procedimenti tecnici finalizzati Commissione acustica
le effettive utilità e funzionalità,
per portarlo al rango di norma
qualora detti attributi fossero
riconosciuti.
Però, se proprio si vuole prose-
guire nell’esame del testo citato,
occorre considerarne il conte-
nuto nella sua interezza, prima-
riamente riferendosi al titolo per
comprenderne appieno i conte-
nuti. Il titolo, infatti era: “Stima
della rumorosità in relazione alle
reazioni della collettività”. Frase
quanto mai chiara e inequivo-
cabile. Questo, senza ulteriori
commenti, chiarisce l’evidente
interpretazione fuorviante che
è stata data a quel testo, poi
(usato impropriamente) alla
base di tutto l’ impianto del
“criterio comparativo”: come è
pensabile usare un documento
“normativo” che si riferisce alle
“reazioni della collettività” per
andare a disquisire sulle rea-
zioni del singolo individuo?
Volendo poi essere perfezionisti
al massimo, visto che in seguito
all’emanazione della L. 447/1995 C

e dei conseguenti decreti attua- M

tivi, si sono distinti nettamente


due ambiti applicativi, l’uno alla
Y

tutela del singolo (ambito pri- CM

vatistico) e l’altro alla gestioneMY

delle questioni amministra- CY

tive (ambito pubblicistico) per


i quali si applicano criteri valu-
CMY

tativi diversi, sarebbe il caso di K

avere riferimenti tecnico scien-


tifici appropriati in ciascuno dei
due ambiti. Invece si scopre che
in entrambi i casi si usano basi
“teoriche” orientate alla tutela
della collettività, con ovvia con-
fusione. Non solo il titolo di quel
documento del 1971 evidenzia
aspetti importanti, ma all’ in-
terno del testo non si trova alcun
accenno alla circostanza per cui
un incremento di 3 dB debba
essere considerato a tutti gli
effetti “disturbante”, anzi.
In una tabella di graduazione
del livello di lamentela si indica
semplicemente che un diffe-
renziale di 5 dB provoca scarsi
eventi nell’ambito della collet-
tività (nella lettura scientifica si
indica che per provocare un rad-
doppio della sensazione uditiva
in una persona è necessario un
incremento di 10 dB). Ma quel
documento, molto proiettato
in avanti dal punto di vista tec-
nico, non si limitava a questo, TEKNA CHEM S.p.A. - via Sirtori, 20838 Renate (MB) - tel. 0362 918311 - www.teknachem.it - info@teknachem.it
consigliando invece l’uso di cri-

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
INFRASTRUTTURE

Monitorare in modo
continuo lo stato di
salute delle strutture
Migliorare le prestazioni nel prossimo futuro: il sistema SHM
a supporto delle decisioni critiche nell’industria di settore

“L
“Le infrastrutture di ingegneria civile sono centrali per Qual è il vantaggio di questi sistemi?
lo sviluppo socioeconomico di un Paese.” Esordisce “La capacità dei sistemi SHM di rilevare, localizzare e pronosticare un dan-
così nel suo paper “I sistemi SHM per la manutenzione no con metodi NDE (Non-Destructive Evaluation) di tipo statico o dinami-
e sicurezza delle infrastrutture” (2018) l’Ing. Giovanni co, rende possibile l’individuazione e la conseguente rimozione di errori di
Manco, esperto dell’ICT e membro DI SGI-Stati Genera- progettazione e/o realizzazione, l’introduzione di possibili miglioramenti, la
li dell’innovazione, già membro del G.L. dell’ingegne- gestione di diversi livelli di allerta e la predeterminazione della vita residua
ria dell’informazione del CNI (2012-2016). Cosa si intende per sistemi SHM? in sicurezza (Safe Lifetime). Il tutto a vantaggio della sicurezza, dei costi e
In che modo essi contribuiscono una migliore ed efficiente manutenzione? della vita utile della parte strutturale di un’opera. Ovviamente le tecniche
E soprattutto, quanto possono aiutare lo sviluppo economico di un Paese e e i metodi usati nei sistemi SHM sono destinati a contribuire anche allo svi-
quindi la qualità di vita dei cittadini? “I sistemi SHM (Structural Health Mo- luppo della manutenzione degli impianti e dei prodotti dell’Industria 4.0. Per
nitoring) che hanno lo scopo di monitorare h24 lo stato di salute dell’infra- quanto riguarda il settore dell’ingegneria civile si sta assistendo, sia pure
struttura, consentendo una migliore ed efficiente manutenzione e, più lentamente, all’impiego dei risultati dell’ingegneria della manutenzione
soprattutto, segnalando in tempo utile le condizioni che pos- del settore industriale. Certamente l’uso dei sistemi SHM può contribuire al
sono portare a un crollo.” Dall’analisi fornita dall’ing. Manco trasferimento di questi risultati, soprattutto in chiave di Damage Tolerance.
(così come riportato nel dettaglio dal box integrativo Archi- La loro introduzione consente di individuare in modo anticipato errori di
tettura di un sistema SHM), nella società odierna è assolu- progetto o di esecuzione, controllare lo stato di salute della struttura anche
tamente necessario evitare che il danneggiamento di una sulla base dell’andamento dinamico del carico a cui è sottoposta (lavoro
struttura civile provochi disastri con perdite di vite umane. I a fatica), localizzare problemi/difetti, produrre i dovuti allarmi e, anche se
sistemi SHM risultano idonei non solo per una manutenzione resta ancora molto lavoro da fare, valutare la vita residua dell’opera”.
efficace. “Dal punto di vista realizzativo – prosegue Manco – va
ribadito che essi non possono essere ancora considerati una commodity, ma I sistemi SHM consentono l’adozione di una nuova strategia basata sul mo-
vanno disegnati e configurati opportunamente per la specifica applicazione. nitoraggio continuo e la possibilità di automatizzare le ispezioni visuali?
Il che richiede uno sforzo multidisciplinare che attiene a diverse discipline, “Ovviamente si possono sempre fare controlli con prove in situ eseguite
in particolare dall’ingegneria civile ed elettronica all’ICT”. a cura di operatori. La realizzazione di un tale sistema richiede uno sfor-
Per chiarire questi punti, abbiamo sentito l’ing. Manco (in foto). zo multidisciplinare perché non si tratta solo di posizionare sensori/attua-
tori e raccogliere ed elaborare dati, ma di conoscere il modello strutturale
Qual è il ruolo dei sistemi SHM nella manutenzione e gestione delle infra- dell’opera stessa, le sollecitazioni, i meccanismi di degrado e i criteri per la
strutture di ingegneria civile? valutazione del suo stato. Il monitoraggio dello stato di salute di una strut-
“Da tempo le attività di manutenzione hanno subito, soprattutto in ambi- tura di ingegneria civile, come quello di un ponte, comporta la valutazione
to industriale, una profonda trasformazione dando vita alla cosiddetta in- dell’effetto di azioni di tipo fisico, meccanico e chimico che incidono sulla
gegneria della manutenzione (oggetto anche di norme ISO/EN/UNI): il suo sua durabilità, ad esempio: i sovraccarichi, le azioni del vento, i cicli termici
obiettivo è quello di realizzare in modo efficace e al minimo costo tutte naturali gelo-disgelo, gli agenti chimici ambientali come quelli che compor-
quelle attività da svolgere durante il ciclo di vita di un’opera (in generale di tano la corrosione delle armature del cemento armato da carbonatazione/
un’entità) per mantenerla o riportarla in uno stato in cui possa eseguire la cloruri, i terremoti, le esplosioni, gli incendi, etc”.
sua funzione. In base alle normative tecniche vigenti, le attività di manuten-
zione seguono le seguenti politiche o strategie: Come è composto un sistema SHM?
– Manutenzione incidentale (Break Maintenance o manutenzione a guasto); “Per quanto riguarda le modalità operative, un sistema SHM deve avere sen-
– Manutenzione preventiva predeterminata (TBM Time-based maintenance sori in grado di monitorare le reali condizioni d’impiego e la presenza di un
o programmata); danno (FIG 1). Inoltre può operare un controllo cosiddetto statico, ovvero
– Manutenzione preventiva secondo condizione (CBM Condition-based monitorare solo i parametri variabili lentamente durante un periodo di os-
maintenance detta anche predittiva); servazione e valutarne la tendenza (ad. es. uno spostamento assoluto o re-
– Manutenzione migliorativa (o proattiva)”. lativo), o dinamico, ovvero monitorare le caratteristiche dinamiche (come le
vibrazioni) della struttura. I dati così raccolti consentono l’impiego di metodi
“intelligenti” di rilevamento e gestione di un eventuale danno e possono
popolare una banca di dati storici della struttura”.

Ci sono delle norme di riferimento?


“La norma UNI/TR 11634:2016 fornisce le linee guida per il monitoraggio
strutturale. In concreto un sistema SHM è in grado di fornire al responsabile
della gestione della manutenzione un supporto molto oggettivo sullo stato
dell’opera. Il che è di rilevante importanza quando si tratta di intraprendere
azioni di manutenzione critiche o di decidere di limitarne l’uso (per esempio
chiusura del traffico di un ponte). Un sistema di monitoraggio può essere
impiegato anche durante la fase di costruzione, consentendo così di veri-
ficare le ipotesi progettuali e di controllare le operazioni di realizzazione.
A questi obiettivi possono contribuire anche le tecniche di simulazione e
quanto prima, per le nuove costruzioni, l’impiego del BIM (Building Informa-
tion Modeling). In particolare quando si diffonderà anche l’utilizzo del BIM
to Field, il dialogo con il relativo SHM contribuirà maggiormente a realizzare
strutture sempre più sicure e una ottimizzata manutenzione. Per le nuove
costruzioni la maggior parte dei sensori/attuatori possono essere immersi
FIG 1. Schema operativo di un sistema SHM direttamente (embedded) negli elementi della struttura, dando vita a quella

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
21

che può essere considerata una SMS (Smart Materials and Structures). Per cultura del progetto a quello della manutenzione e gestione. Il tutto tenendo
le costruzioni esistenti i sensori/attuatori sono tipicamente sistemati sugli sempre presente che il ruolo della ricerca e delle professioni tecniche resta
elementi esistenti. I costi di realizzazione e gestione di un sistema SHM in- quello di utilizzare le innovazioni scientifiche e tecnologiche per far crescere
cidono in minima parte su quello della struttura da monitorare. Da alcune il Paese attraverso la gestione del rischio. Esiste tutto un mondo del costrui-
esperienze di utilizzo per ponti risulta che essi consentono di ridurre il costo to, a volte anche datato, che solo in minima parte potrà beneficiare di questi
dell’intero ciclo di vita dell’opera di c.a. il 10%. Il sistema SHM può integrarsi sviluppi. Ma per esso le tecnologie alla base dei sistemi SHM già possono
anche con sistemi per la gestione funzionale dell’infrastruttura, come quelli apportare il loro determinante contributo per un controllo in tempo reale
che gestiscono il traffico su un ponte autostradale in base anche alle condi- del loro stato di salute e quindi per un loro utilizzo in sicurezza”.
zioni ambientali”.
L’attività di ANAS: “Per i ponti approcci innovativi”
Come pensa che evolverà il monitoraggio strutturale?
“Appare evidente che per la messa in sicurezza delle infrastrutture di un’in- Almeno in carica per il prossimo triennio, fino al 2020 quando sarà prevista la nuova
tera regione o paese si assisterà all’integrazione dei sistemi satellitari con Assemblea di approvazione di bilancio, Massimo Simonini è il nuovo AD e Direttore
quelli terrestri. In futuro certamente sarà conveniente l’impiego dei sistemi Generale di ANAS eletto nell’ultimo CdA. In un suo recente intervento, durante il
Massimo Simonini, nuovo AD
SHM lungo tutto il ciclo di vita di un’opera. Convegno “Proposte per il Sud”, svoltosi lo scorso novembre a Lecce, Simonini ha e Direttore Generale di ANAS
affermato: “Abbiamo già avviato in parte e aggiudicato circa 500 milioni di euro di
Non possono poi mancare il contributo alla ricerca e l’utilizzo dei materiali gare e stanno per partire – entro l’anno – altri 1100 milioni. L’attività di ANAS consiste anche nell’organizzare
innovativi... e programmare questi soldi e queste spese: abbiamo cercato di rendere più al passo con i tempi la PA. Ci
“Bisogna dire che la UE e il nostro Paese, seguendo l’esempio degli USA, siamo dotati di un sistema RAM che sulla base dello stato dei ponti stila un elenco e definisce le priorità di
devono essere meno conservativi nel consentire l’uso dei nuovi materiali. intervento. A questo affianchiamo un’analisi visiva della struttura del ponte, a cui stiamo affiancando un ul-
A tal scopo è opportuno che si investa sulle attività relative allo loro spe- teriore approccio innovativo: stiamo iniziando a utilizzare la sensoristica – attività ancora in fase di sviluppo,
rimentazione e qualificazione. Non da meno la formazione degli addetti al ma che ovviamente hanno la necessità del primo approccio, cioè di un approccio visivo”.
settore perché la stessa ingegneria civile deve accelerare il passaggio dalla

L’Architettura di un sistema SHM

Un sistema SHM ha una architettura Tomografia SAR. È recente l’ interesse


di tipo distribuita per monitorare del Governo di utilizzare le compe-
una o più strutture, specifica l’ ing. tenze ASI (Agenzia Spaziale Italiana)
Giovanni Manco. Può impiegare soli e del CNR (Consiglio Nazionale delle
dispositivi e apparati sistemati a terra Ricerche) per la realizzazione di un
(SHM terrestre) e/o di sensori allog- sistema satellitare per il monitorag-
giati come payload su satelliti per la gio delle infrastrutture del Paese. Per
Earth Observation o su aerei (impiego i sistemi aerei, la soluzione basata su
di elicotteri o droni). SAPR (Sistema Aeromobili a Pilotaggio
Remoto), che fa uso di APR (droni), è
Le macrofunzioni: quella che si sta maggiormente affer-
- acquisizione dati; mando. I vantaggi e i limiti di questi
- elaborazione dei dati acquisiti per sistemi sono in buona parte comuni a
individuare l’esistenza di danni con la quelli di tipo satellitare.
relativa localizzazione e gravità;
- indicazioni di manutenzione e di SHM terrestri
FIG 2. Architettura generale sistema SHM integrato
eventuali limitazioni d’uso. Possono essere realizzati per ef-
fettuare sia il monitoraggio statico
LE TECNICHE DI ELABORAZIONE e sia quello dinamico: i sensori/
I sistemi soltanto satellitari sfrut- attuatori impiegati costituiscono il
FIG 3. Architettura generale sistema SHM integrato con
tano i servizi di Earth Observation sistema “nervoso” che monitora gli sistema SAT
di costellazioni a ciò dedicate con spostamenti e le deformazioni della
dispositivi e apparati a terra in grado struttura legate all’azione di tutti gli
di ricevere ed elaborare i dati raccolti agenti meccanici, chimici e fisici che
dai satelliti. In aree poco coperte da comportano un suo degrado presta-
reti TLC terrestri si possono utilizzare zionale (estensimetri, accelerometri,
i servizi TLC satellitari, che con costi inclinometri, misuratori di parametri
di realizzazione e gestione sostenibili ambientali o chimici).
presentano diversi vantaggi: Per quanto riguarda le tecnologie
- monitorare una struttura di grandi di- utilizzate, oltre a quelle resistive, pie-
mensioni o tutte quelle di un’intera area; zoresistive e piezoelettriche, si vanno
- operare in zone di difficile accesso sempre di più diffondendo le MEMS,
e anche in presenza di eventi come Micro Electro-Mechanical Systems e
frane e terremoti; le FOS (Fiber Optic Sensing) del tipo
- realizzare e operare in modo poco FBG, Fiber Bragg Grating (utilizzate
invasivo rispetto alla struttura moni- per estensimetri, accelerometri, misu-
torata e alle sue funzionalità; ratori temperatura, etc.).
- disporre anche di dati satellitari
precedenti all’attivazione del sistema; L’architettura di un SHM può preve-
- ricevere ed elaborare altri dati satel- dere uno o più sottosistemi locali di
litari per monitorare altri rischi che acquisizione/concentrazione. Per la
possono danneggiare la struttura di connessione dei vari sensori/attuatori FIG 4. Architettura generale sistema SHM integrato con
sistema SAT
interesse, come quello idrogeologico. a tali sottosistemi si tende ormai a
utilizzare delle WSN (Wireless Sensor
LIMITI Network Std IEEE 802.15.4x), anche
La natura e la tempistica di acquisi- se non mancano casi di collegamen-
zione (anche diversi giorni) dei dati ti LAN e WLAN, o seriali multipoint
consentono solo un monitoraggio di RS485. Essi sono connessi al sot-
tipo statico. Si riescono a valutare tosistema centrale dove avviene la
bene i fenomeni di deformazione raccolta e l’elaborazione centralizzata
localizzata, ma non si possono, ad dei dati. Dotato di varie postazioni
esempio, valutare le vibrazioni a cui di lavoro locali e remote, può essere
la struttura è soggetta. Per queste connesso ad altri sistemi.
ragioni, recentemente si tende a inte- Nel caso di integrazione con un siste-
grarli con sistemi SHM terrestri. ma SHM satellitare o SAPR, è tipica-
mente connesso rispettivamente alla
Sensori payload Service Station (a sua volta connessa
La tecnologia su cui oggi sono basati a una Ground Station) o alla Stazione
i sensori dei payload è la InSAR (In- di Controllo (v. FIG 2, 3 e 4).
terferometric Syntetic Aperture Radar)
che rende possibile anche la

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
MONITORAGGIO REAL-TIME

“Smart Patch” in FRP di strain. In una prima fase, le


smart patch sono state realizza-
terventi di Consolidamento Stati-
co mediante l’utilizzo di Compositi
con sensori in Fibra Ottica te mediante la tecnica del lay-up
manuale, opportunamente modi-
Fibrorinforzati Materiali, strutture
di c.a. e di c.a.p., strutture mura-
ficata per consentire l’embedding rie”, esplicitamente richiamata
Una valida alternativa agli strain gage tradizionali: l’applicazione a una strut- del sensore, utilizzando un tes- dalla citata OPCM (Di Ludovico
tura pilota sulla Salerno-Reggio Calabria suto in fibra di vetro con matrice et al., 2007).
epossidica (Corvaglia et al., 2005). Sulla base dell’analisi di calcolo
a cura di A. Largo*, I buoni risultati ottenuti hanno strutturale sono stati individuati
P. Corvaglia**, O Manni** confermato la validità dell’ idea i punti in cui installare i sensori
e M.A. Caponero*** e suggerito di passare a utiliz- per il monitoraggio delle defor-
zare una tecnica che consentisse mazioni del ponte. Più in detta-
I sensori in Fibra Ottica (FOS) han- un miglior controllo sulla qualità glio, sfruttando la simmetria ge-
no fatto il loro ingresso nel campo del manufatto. Si è, quindi, inte- ometrica e di carico, sono state
del monitoraggio strutturale grazie grato il lay-up manuale con una installate (FIG. 4):
ai numerosi vantaggi (immunità fase di compattazione mediante – cinque smart patch alla base
alle interferenze elettromagneti- la tecnica del sacco a vuoto (FIG. delle prime tre pile visibili a sini-
che, stabilità del segnale, ridot- 1), adottando opportuni accorgi- stra in FIG 4. (una per monitorare
tissimo ingombro, durabilità) che menti per garantire il tesaggio e il la deformazione lungo l’asse del-
presentano rispetto a sensori di corretto posizionamento del sen- le fibre, le altre quattro, a gruppi
tipo tradizionale. Al tempo stesso, sore nell’FRP e la sua protezione di due, disposte simmetricamen-
però, i FOS sono particolarmente nei punti di uscita dal tessuto. te lungo due assi perpendicolari
fragili. Il che, insieme al costo ele- FIG 3. Immagine del viadotto prima dell’intervento di adeguamento sismico Una volta inglobato il sensore della pila); alla base della prima
vato, costituisce oggi il più grande in una struttura in FRP, questa è pila è stata installata una patch
ostacolo alla loro diffusione nel considerabile a sua volta un nuo- non aderente alla struttura per
settore dell’ingegneria civile. La vo sensore, da caratterizzare de- misurare la deformazione indotta
compatibilità morfologica tra la fi- terminandone la pe. Problematica da variazioni termiche (tale valo-
bra ottica e le fibre di rinforzo dei fondamentale è quella della per- re viene sottratto alla misura delle
materiali compositi a matrice po- fetta aderenza tra il sensore FBG patch installate sulla struttura, per
limerica (Fiber Reinforced Plastics, e la struttura “ospitante” in FRP, depurarle dagli effetti termici);
FRP), sempre più utilizzati per il ri- e tra la smart patch nel comples- – quattro smart patch sul pulvi-
pristino/rinforzo/adeguamento di so e il substrato in calcestruzzo no, fra la prima e la seconda pila,
strutture e infrastrutture civili, ha su cui viene applicata, al fine di di cui due disposte a ±45° e due,
suggerito lo sviluppo di una nuova avere un corretto trasferimento di rispettivamente, all’ intradosso e
tipologia di sensore (smart patch), deformazione. all’estradosso, per misurare de-
in cui il FOS è ingoblato in una pa- formazione indotte da carichi di
tch di FRP, con la duplice finalità di VALIDAZIONE IN SITU taglio e flessione. In FIG 5a sono
rinforzo e monitoraggio strutturale I risultati positivi della validazio- visibili alcune fasi dell’ installazio-
real-time. Il sistema è stato valida- FIG 4. Schema di applicazione dei sensori sul ponte ne in laboratorio hanno consen- ne delle patch. I sensori sono stati
to in situ su un ponte dell’Autostra- tito, quindi, di proporre i sensori quindi cablati (FIG 5b) e collegati
da A3, adeguato sismicamente con delle caratteristiche più interes- La costante fotoelastica dipende sviluppati per la validazione sul a un sistema di monitoraggio lo-
materiali FRP e strumentato con santi, quali durabilità, stabilità, anche dalla temperatura che, se campo poiché hanno permesso cale, in grado di acquisire i dati
22 smart patch per il monitoraggio insensibilità alle perturbazioni da un lato consente di utilizzare il l’ identificazione metrologica del ottici e trasferirli alla consolle di
dello stato tensionale e deformati- elettromagnetiche e ambientali. sensore anche per la misura della nuovo sensore, la caratterizzazio- monitoraggio remoto, localizzata
vo nei punti di maggiore criticità. La parte sensibile della fibra ot- temperatura stessa, dall’altro im- ne meccanica e fisica e la verifica presso il Consorzio Cetma. Qui i
tica risulta, infatti, protetta dalla pone la necessità di compensare del corretto funzionamento, per dati sono stati convertiti in valori
L’INTEGRAZIONE TECNOLOGICA struttura in composito, che ne gli effetti termici per le misure applicazioni sia statiche che dina- di deformazione, elaborati, ridotti
Lo sviluppo di questa nuova tipo- facilita anche l’applicazione sul miche, in caso di applicazione su ed analizzati, in real-time.
logia di sensore, di deformazione campo, rendendola simile a un substrati in calcestruzzo o in FRP. In FIG 6 si riporta, a titolo di
e di temperatura, si basa sull’ in- sensore tradizionale. La soluzione sviluppata in labora- esempio, un diagramma delle de-
tegrazione della tecnologia delle torio è stata applicata quindi – in formazioni rilevate, su un arco di
fibre ottiche con quella degli FRP. CONFIGURAZIONE E forma prototipale – su un ponte tempo di circa 6 minuti, da due
Un sistema “smart” costituito da PREPARAZIONE DEI CAMPIONI dell’Autostrada A3 Salerno-Reggio smart patch posizionate alla base
una placchetta in FRP con inglo- Un sensore FBG è costituito da un Calabria, in prossimità di Lamezia della pila 3 e dedicate alla misu-
bato un sensore di deformazione reticolo, fotoinciso su un piccolo Terme (FIG. 3). La struttura in que- razione di deformazioni assiali (il
in fibra ottica del tipo FBG (Fiber tratto di fibra ottica, in grado di stione è stata sottoposta a inter- picco corrisponde al passaggio
Bragg Grating) e che può consen- filtrare un fascio incidente di luce vento di adeguamento alla nuova di un autoarticolato). Il sistema,
FIG 5a. Applicazione smart patch
tire, allo stesso tempo, il rinforzo a larga banda, tagliandone, in tra- classificazione sismica italiana, gestito da remoto, è rimasto in
strutturale e il monitoraggio in smissione, una ben determinata introdotta dall’OPCM 3274/2003 funzione in maniera pienamente
real-time dello stato deformativo lunghezza d’onda, dipendente Norme tecniche per il progetto, operativa per oltre sei mesi.
della struttura. Un tale sistema dallo stato di strain del reticolo. la valutazione e l’adeguamento Il lavoro descritto ha consentito di
consente di superare quello che La funzione di trasferimento, in sismico degli edifici. L’ intervento, definire e validare, in uno scena-
è stato fino ad oggi il maggiore condizioni isoterme, è del tipo: attuato con materiali composi- rio reale, questa nuova tipologia
ostacolo alla diffusione dei FOS ti, è stato progettato e realizzato di sensore, proponendola come
nel settore dell’ ingegneria civile, secondo le indicazioni della re- valida alternativa agli strain gage
cioè la notevole fragilità, consen- cente normativa tecnica italia- tradizionali, superando quello
tendone, invece, lo sfruttamento FIG 5b. Cablaggio del sistema na, Documento CNR DT 200/2004 che, ad oggi, è stato fino il mag-
di monitoraggio “Istruzioni per la Progettazione, giore ostacolo alla diffusione dei
dove λBragg è la lunghezza d’onda, l’Esecuzione ed il Controllo di In- sensori a fibra ottica nel settore
caratteristica del sensore, tagliata dell’ingegneria civile, cioè la no-
a strain nullo; ∆λBragg è lo shift di tevole fragilità, consentendone,
lunghezza d’onda tagliata in con- invece, lo sfruttamento delle ca-
dizioni deformate; ε lo strain ap- ratteristiche più interessanti, qua-
plicato; pe la costante fotoelastica li durabilità, stabilità, insensibilità
del sensore (Bennion et al., 1996; alle perturbazioni elettromagneti-
Davis et al., 1997). che e ambientali.

* Cetma, Brindisi
** RINA Consulting S.p.A. sedi di Lecce
e Roma
** C.R. ENEA, Frascati
FIG 1 e 2. Realizzazione delle smart patch mediante sacco a vuoto (in alto) FIG 6. Deformazioni assiali rilevate da smart patch
e smart patch finita (in basso)

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
23

RICERCA TECNOLOGIA | CAPPE DI PROTEZIONE

La sicurezza biologica nei laboratori di ricerca


Le cappe di sicurezza biologica svolgono un ruolo fondamentale non solo a tutela dell’ambiente,
dell’operatrice/ore e del prodotto in lavorazione ma anche in termini di competitività scientifica
di Arrig El Gazey * d’aria. Il vantaggio di generare un
Utilizzo Tipo di protezione Cappa biologica di sicurezza
e Paolo Ranieri** aerosol è l’ottenimento di elevate
Impieghi confinati a basso rischio
Protezione operatore Classe I (0% aria ricircolata, concentrazioni di particelle entro
e ambiente 100% aria espulsa)
A tutti noi risulta ben chiaro l’im- un intervallo dimensionale relati-
menso valore della Ricerca in vista Impieghi confinati a basso rischio o
Protezione operatore, Classe II A1 e A2 (70% aria ricircolata, vamente stretto. La misura delle
di nuove possibilità diagnostico-te- moderato, piccole quantità di agenti particelle presenti nel flusso d’aria
ambiente e prodotto 30% aria espulsa)
chimici tossici, radionuclidi in tracce
rapeutiche. Affidiamo il raggiungi- viene effettuata, sia a monte che
mento di sfidanti obiettivi scientifici Quantità maggiori di agenti chimici Protezione operatore, Classe II B1 (30% aria ricircolata, 70% aria a valle del filtro, tramite contatore
alla preparazione dei nostri ricerca- tossici volatili o radioattivi ambiente e prodotto espulsa), Classe II B2 (0% aria ricircolata, 100% aria espulsa) di particelle oppure fotometro. Il
tori, coadiuvati da tecnologie che contatore di particelle è in grado di
particelle misura le variazioni di concentrazione a monte ed a valle, saggiando
Impieghi confinati ad alto rischio
Barriera totale tra op- Classe III (cappa con guanti) (0% aria così le
costituiscono uno dei principali, eratore e area di lavoro ricircolata, 100% aria espulsa) fornire in tempo reale la quantità di
prestazioni del filtro.
e dei più costosi, driver di crescita particolato nanometrico nell’aria,
non solo del mercato sanitario ma sfruttamento pratico, in ambito rilevando eventuali perdite nei filtri.
anche delle scoperte in ambito cli- ospedaliero, delle conoscenze già Esso dispone pure di sensori per
nico-scientifico. Gli Istituti di Rico- acquisite in laboratorio, allo scopo misurare la temperatura e l’umidità
vero e Cura a Carattere Scientifico di individuare le migliori Cure per relativa nell’aria, così caratterizzan-
(I.R.C.C.S.) incarnano l’eccellenza i Pazienti. Si tratta, conseguente- dosi come strumento multiuso. Un
italiana nell’erogazione di pre- mente, dell’ “ultimo miglio” dell’in- generatore (Figura 1) viene utilizzato
stazioni sanitarie e nella spiccata tero processo di Ricerca. per produrre un aerosol ad olio, poi
vocazione alla Ricerca scientifica. Si Il presente contributo si focalizza introdotto nell’atmosfera e indotto
contano oggi 49 I.R.C.C.S. nazionali: sull’attività di laboratorio, peculia- all’attraversamento del filtro sotto
21 sono di diritto pubblico, mentre rità della Ricerca di base. esame; il contatore di particelle
i restanti 28 sono di diritto privato.
particelle misura le variazioni di concentrazione a monte ed a valle, saggiando così le
misura le variazioni di concentra-
Tali Ospedali costituiscono l’avam- IL LABORATORIO DI RICERCA E zione a monte e a valle, saggiando
posto della Ricerca sanitaria, prin- LE CAPPE PER LA SICUREZZAprestazioni del filtro. così le prestazioni del filtro.
cipalmente finanziata dal Ministero BIOLOGICA I fotometri, invece, si basano su una
FIG 1. Test di filtraggio mediante contatore di particelle
della Salute. All’interno dei Laboratori di Ricerca, procedura di dispersione o di estin-
Figura 1: test di filtraggio mediante contatore di particelle
Missione di ciascun Ente, sia esso risulta sovente necessario maneg- zione per determinare la concen-
riconosciuto tale per una singola giare sostanze di origine biologica, fibre polimeriche, destinati a trat- – non indispensabile a livello di trazione in massa delle particelle
materia (I.R.C.C.S. monotematico) o
I fotometri,tenere
tra le quali si annoverano micror-
invece,le siparticelle
basano su una procedura
meno sottili,
di dispersione o di estinzione per
biosicurezza 1.
determinare la
di aerosol. L’aria o il gas (Figura 2)
per più aree biomediche investigate ganismi geneticamente modifi- concentrazione in massa delle
con efficienza maggiore del 95% particelle di aerosol. L’aria od il
Le cappe sono classificate in tre gas (figura 2) vengono
vengono fatti attraverso la
fatti scorrere
(I.R.C.C.S. Politematico), è la rapida cati (MOGM). A fianco dello scorrere
studio attraverso
per particellela camera
di diametrodi dispersione,
maggiore con misure
categorie, fotometriche
a seconda sia a monte
della prote- camera che a valle
di dispersione, con misure
trasposizione di valide innovazioni del
delle migliori condizioni di lavoro filtro. Il rapporto tra le due rilevazioni
o uguale a 0,5 μm. In secundis, un fornisce il valore percentuale
zione offerta (v. Tabella 1). della massa catturata
fotometriche sia a monte che a
verso la pratica diagnostico-tera- dal filtro, ma
in sicurezza possibili (procedure, filtrononHEPAfornisce indicazioni
(High Efficiency né sul numero di particelle né sulla loro
Parti- valledistribuzione
del filtro. Il rapporto tra le due
peutica. Dalla Cardiologia all’On- dimensionale.
spazi idonei, etc.), la disponibilità A differenza del
culate Air) in microfibre di vetro sufotometro, che individua
COME SALVAGUARDARE la distribuzione di massafornisce
rilevazioni delle il valore percen-
cologia, dai Trapianti d’organo alla di tecnologia adeguata èparticelle,
decisiva iltelaio contatore ne rileva
di alluminio, conlaefficienza
distribuzione numerica.DELLA
L’EFFICIENZA I picchiCAPPAdelle curvetuale non della
esprimonomassa catturata dal
Neurologia, sono circa 20 i settori di in termini di tutela del Lavoro la medesima
ma nominaledimensione
del 99,999%delle particelle.
per particelle Perciò, verifica
La periodica i contatori
di integritàparticellari
dei forniscono
filtro, ma non fornisce indicazioni
Ricerca definiti dal Ministero della inevitabilmente
anche di competitività scientifica; valori differenti
con diametro maggiore od’efficienza
uguale a filtrante.
filtri HEPA riveste, intuitivamente, né sul numero di particelle né
Salute. La Ricerca scientifica viene senza entrare nel merito, la velocità 0,3 μm; si tratta del sistema più effi- una particolare rilevanza nella sulla loro distribuzione dimensio-
solitamente declinata in alcune e la qualità delle scoperte e delle cace per la captazione di polveri e di manutenzione dell’efficienza della nale. A differenza del fotometro,
categorie, qui presentate in ordine relative pubblicazioni impattano aerosol (originabili dalle lavorazioni cappa e, quindi, nella sicurezza che individua la distribuzione di
crescente di prossimità all’applica- considerevolmente sulla capacità sotto cappa). FiguraSecondo
1: test di filtraggio
la tabella mediante contatore
di lavoro; di particelle
a tal fine, si sonda l’as- massa delle particelle, il conta-
zione all’interno dei nosocomi: di attrarre finanziamenti. La scelta contenuta nell’allegato IV del D.Lgs. senza di difetti e di piccole fughe. tore ne rileva la distribuzione
– La Ricerca di base, detta anche della cappa di sicurezza I fotometri,
biologicainvece,
206/01,sichebasano
illustrasu una procedura
le misure di con- Ildi dispersione
principio o di estinzione
fondamentale prevede per determinare
numerica. I picchi la
delle curve non
pura o fondamentale, mira al pro- è basata sul rischio concentrazione
potenziale in massadidelle
tenimento, particelle
prevenzione di aerosol.
e altre la produzioneL’aria od il gas
di aerosol (figura esprimono
artificiale, 2) vengono fatti
la medesima dimen-
gresso della Conoscenza teorica, dell’agente utilizzato,scorrere attraverso
sull’eventua- misureladicamera
protezione di per
dispersione,
le attività con misure fotometriche
sufficientemente presente nel sia gas a monte che aparticelle.
sione delle valle Perciò, i
attraverso lo studio dei fenomeni, lità che le operazioni di laboratorio di laboratorio, l’utilizzo delle cappe di prova da permettere una altret-
del filtro. Il rapporto tra le due rilevazioni fornisce il valore percentuale dellacontatori particellari forniscono
massa catturata
dei meccanismi e delle mutue rela- possano generare aerosol e sulla di sicurezza biologica si ritiene: tanto adeguata concentrazione nel inevitabilmente valori differenti
zioni. Essa trae origine dalla curio- necessità di proteggere dall’operatore,
filtro, ma non fornisce nei
– necessario indicazioni
laboratori né chesul fluido
numero a valle didei
particelle né sulla
filtri esaminati. Le loro distribuzione
d’efficienza filtrante.
sità e dall’amore per il sapere, a l’ambiente o il prodotto dimensionale.
da conta- A differenza
manipolano MOGM delconfotometro,
livello di che sostanzeindividua
più impiegate la distribuzione
sono oli di di massa
Inoltre, dellesono general-
i fotometri
prescindere da un immediato scopo minanti aerotrasportati. particelle, il contatore ne
biosicurezza 3 e 4;rileva la distribuzione numerica. I picchi
sintesi: DOP, DEHS (DOS) o Emery delle curve non esprimono
mente meno accurati dei contatori.
applicativo. la medesima – dimensione limitato solo addelle alcuneparticelle.
opera- 3004.Perciò, i contatori
Gli oli vengono portati particellari
allo Tuttavia,forniscono
entrambi i metodi sono
– La Ricerca traslazionale, con- DEFINIZIONE inevitabilmentezioni valori differenti
nell’ambito d’efficienza
della soglia di filtrante.
stato di gocce ultra-fini, mediante appropriati per l’individuazione di
centrata in uno stadio pre-clinico, E CLASSIFICAZIONE biosicurezza 2; Figura 2: test di filtraggio mediante fotometro
un generatore, e immessI nel flusso perdite su filtri posizionati in una
ipotizza la valenza diagnostica o Le cappe di sicurezza biologica conduttura, poiché tutto ciò che
FIG 2. Test di filtraggio medi-
terapeutica di una determinata sco- Inoltre, i fotometri
sono dei dispositivi di protezione sono generalmente meno accurati dei contatori.
ante fotometro serve è rilevare una concentra-
perta e ne prevede un’iniziale valu- collettiva, secondo il D. Lgs. Tuttavia,
81/08 entrambi i metodi sono appropriati per l’individuazione di perdite su zione filtri posizionati
locale in eccesso nel flusso
tazione sperimentale nei reparti. (Testo Unico in materia diinsalute una econduttura, poiché tutto ciò che serve è rilevare una concentrazione locale a valleinrispetto
eccessoalla concentra-
– La Ricerca clinica prevede lo nel flusso a valle rispetto alla concentrazione a monte. Le perdite nei filtri HEPA
sicurezza sul lavoro), a responsabi- zione aforniscono
monte. Le perdite nei filtri
lità del Datore di Lavoro egeneralmente
a tutela valori elevati, pertanto facilmente individuabili. HEPA forniscono generalmente
Un breve glossario dell’ambiente, dell’operatrice/ore valori elevati, pertanto facilmente
e del prodotto in lavorazione. Esse individuabili.
Biosicurezza: l’insieme delle sono caratterizzate da un flusso uni-
misure (fisiche-tecniche e proce- direzionale laminare di aria sterile,
durali) adottate sia per impedire generalmente alla velocità di 0,5
l’esposizione accidentale di per- m/s, che allontana potenziali con- SITOGRAFIA:
sonale ad agenti biologici sia per taminanti dall’area di lavoro. Tale http://science.sckcen.be/en/Servi-
ostacolare il rilascio non intenzio- flusso, ottenuto mediante appositi ces/Filtertests
nale nell’ambiente esterno. motori a bordo dello strumento, Integrità filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air) http://golighthouse.nl/en/filterte-
Biocontenimento o Conteni- viene costantemente immesso Figura 2: test di filtraggio mediante fotometro stequipment
mento: l’insieme delle misure nell’area di lavoro e aspirato da una TABELLA 1 https://www.aerofeel.com/info-so-
(fisiche-tecniche e procedurali) griglia alla base della Inoltre, i fotometri
medesima. Classi sono Ariageneralmente
ricircolata Aria meno accuratiLivelli
espulsa dei contatori.
di biosicurezza luzioni/en-1822-test/2/
ideate per confinare microrga-
Tuttavia, entrambi i metodi sono appropriati per l’individuazione di perdite su filtri posizionati
Ciò consente, in frazioni variabili, I 0% 100% 1, 2, 3
nismi all’interno di uno spazio di garantire sia l’espulsione d’aria II A1 70% 30% 1, 2, 3
delimitato, allo scopo di impedire
in una conduttura,
all’esterno (tramite canalizzazione) II A2
poiché
70%
tutto ciò che 30%
serve è rilevare 1, 2, 3
una concentrazione locale in eccesso
* Dott. Ing. – Tesista I.R.C.C.S. San Raffa-
l’esposizione non intenzionale di nel flussouno
sia un ricircolo, attraverso a valle
II B1 rispetto
30% alla concentrazione
70% a monte. 1, 2, 3 Le perdite nei filtri HEPA ele, Unitàforniscono
di Ingegneria per la Ricerca
personale e il rilascio accidentale generalmente
stadio di filtraggio. Quest’ultimo, in valori
II B2 elevati,
0% pertanto facilmente
100% individuabili.
1, 2, 3 ** Ing. – I.R.C.C.S. San Raffaele, Unità di
nell’ambiente esterno. primis, è costituito da pre-filtri di III 0% 100% 1, 2, 3, 4 Ingegneria per la Ricerca
PREZZARI
PER L’EDILIZIA dal 1959

IMPIANTI NUOVE ARCHITETTURA


TECNOLOGICI COSTRUZIONI E INTERIOR
DESIGN

GENNAIO FEBBRAIO MARZO


LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE

RECUPERO URBANIZZAZIONE IMPIANTI


RISTRUTTURAZIONE INFRASTRUTTURE ELETTRICI
MANUTENZIONE AMBIENTE

APRILE MAGGIO GIUGNO


OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE

Ogni mese, tutti i prezzi del mercato delle costruzioni,


oltre 80.000 descrizioni e prezzi a carattere NAZIONALE

Tutti i prezzari sono disponibili su Cloud

www.build.it
Tel. 064416371

Interessi correlati