Sei sulla pagina 1di 16
art. 125 Tuir, la quale specificava che il patrimonio netio doveva essere quello risultante dul’ ultimo bilancio regolarmente epprovato, In assenza di altr> interpretaziont ulficjali, quanto indicato dalla relazione ministerale citata deve ritenersi tutora valide anche con riferimento allattuate articolo 172 Tuir. Oceorte,tuttavia, evidenziare che, sotto questo profilo, la pos- sibifita ora concessa dallart. 2501 -quater del codice civile di rinun- are all unanimita alla situazione patrimonile intermedia potrebbe prestarsi a manovte elusive, laddove i soci omettessero la predispo- sizione di una situazione patrimoniale infrannuale che rechi un patrimonio netto inferiore « quello risultante dallultimo bilancio, e cid al fine di fruire diun importo pit clevato di perdite fiscal riportabil Inolire, come espressamente chiavito dal settimo comma del: Fart. 172, nel caso in cui Vato di fusione preveda la tetrodatazione degli effetti comtaili, si vende necessario applicare il test di vitalita anche alle eventuai perdite realizzate nel periodo intermedio com= reso tra Vnizio del periodo di imposta e la dats (anteriore) di efficacia contabife,¢ cid al fine di testare il riporta di tai perdite in capo allincorporante (286); perultro, trattandosi di un periodo infrannuale, ammontare dei ticavi e dei proventi nonché dei costi del lavoro deve essere ragguagliato ad anno, onde pater confrontare termini omogenei riferit al biennio precedente. Tale norma presenta cevidenti finalta ancelusive, dal momento che consente di applicare alle perdite in corso il medesimo trattamento, in termini di accerta- ‘mento di vitalita, a prestindere dalla retradatazione o meno degli elfetsi (287), A quanto illustrato in materia di test di vitaita, occorre pot aaggiungere che, con un’altra norma a chiaro contenuto antielusivo, Fart. 172 specifica che ai fini della determinazione del pateimonio netto non si tiene canto det conferimentie dei versamenti fatti negli ultimi ventiquattro mesi anteriori alla data eui si rferisce la situa zine patrimoniale In particolare, la ratio di tale disposizione va ricercats nell'intenzione di neutralizaare le ricapitalizzavioni strc ‘mentalmente operete dalle societa al solo scope di far levitare i limite del riporto delle perdite, Sul punto é stato rilevato in dottrina (286). Sul toma, rv lla RE Min, 10 apie 2008 n, 4578 (287). inowdine dl portal ania dela lspsiione normative sin ala Cie. 4 agorto 2006, 28 che la ricepitaligzazione di una societa persegue fa finalita di dotare fa tessa di un’adeguata struttura finanziaria, con conseguente as- sunzione da parte dei soci dei rischi connessi, ivi compreso quello di pordere il capitale conferite: le finalita della capitalizzazione Fassunzione def rlativi rischi vengono meno se inuovi conferimenti sono eseguiti in prossimith di una operazione di fusione: in tale ‘ultimo caso, infati, specialmente laddove tra incorporante e incor porata sussista un rapporto di controle totaltario, incorporate, ‘mediante la fusione ¢ Vaggregszione dei patrimoni, potrebbe age- vyolmente deliberate il rimborso dei conferimenti*effettuati nella controllata dotata di perdite fiscali riportabili. Ne consegue un clevato rischio che le ricapitalizzazione sia stata operate esclusiva- ‘mente per far Fievitare il patrimonio netto aumentando il limite ‘massimo dell'ammontare delle perdite fiscal riportabili Si pone a tal punto lesigenza di chiarire il significato dei termini «