Sei sulla pagina 1di 16

John C. Parkin

il metodo

VAFFA

L'uLtima Frontiera deLLa spirituaLità

un approccio molto occidentale alla filosofia orientale

Ebook

Traduzione e Testi: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi

e Impaginazione: Matteo Venturi 2 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin www.MyLifeTV.it

“Quando dici Vaffa, lasci andare la presa sulle cose, e di soli- to si tratta di cose che ti stanno provocando dolore. Quando dici Vaffa, ti arrendi al flusso della vita; smetti di fare ciò che non vuoi, finalmente fai quello che hai sempre deside- rato fare, smetti di dare retta alla gente e ascolti te stesso. Quando dici Vaffa, esegui un atto spirituale (l’ultimo, in effet- ti) perché ti arrendi, lasci andare, smetti di resistere e ti riac- comodi nel flusso naturale della vita stessa (altrimenti nota come Tao, Dio, ecc.).”

Così John Parkin, figlio di un pastore anglicano, apre il suo libro dal titolo provocatorio e accattivante, Fuck it - Il metodo VAFFA: l’ultima frontiera della spiritualità.

Dire Vaffa ti fa stare bene. Dire Vaffa significa smettere di lottare per qual- siasi cosa e finalmente fare ciò che si desidera, senza avere bisogno dell’ap- provazione degli altri, senza avere timore che le cose si mettano male.

Il Metodo Vaffa del resto, è la perfetta espressione occidentale dei con- cetti spirituali orientali di lasciare andare, arrendersi e trovare la vera libertà nella comprensione che le cose a cui teniamo, e a cui ci attac- chiamo, non sono poi così importanti dopo tutto.

poi così importanti dopo tutto. 3 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin

Ed è proprio il grande potere esercitato da questa espressione profana, tipica del nostro tempo, a renderla perfetta per scuotere via da noi occi- dentali lo stress e l’ansia che dominano le nostre vite piene di cose che contano, e che abbiamo paura di perdere.

Scopri come dire Vaffa a tutti i tuoi problemi e alle preoccupazioni, ai “dovrei” che ostacolano il flusso uniforme della tua vita e a fare finalmen- te quello che vuoi veramente, a prescindere da ciò che pensano gli altri.

vuoi veramente, a prescindere da ciò che pensano gli altri. 4 Il Metodo VAFFA - Fuck
da ciò che pensano gli altri. 4 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C.

Tecniche essenziali del metodo Vaffa

Per darti un’idea di cosa consista il metodo Vaffa, Edizioni My Life ha preparato per te un piccolo, prezioso assaggio di alcune delle cinque tecniche su cui si basa questo metodo spregiudicato e controcorrente, fulcro di una nuova prospettiva più libera e positiva.

“Queste cinque tecniche ti aiuteranno a vivere la vita all’in- segna del metodo Vaffa. (…) Come noterai subito, le tecniche confluiscono l’una nell’altra e dipendono l’una dall’altra.”

Vediamone quindi alcune.

Lasciare andare

Forse è perché sappiamo istintivamente che nulla è permanente che ci attacchiamo così disperatamente alle cose. Aggrapparci, è quello che facciamo. Sappiamo che la giovinezza svanisce, che noi e il nostro amato moriremo un giorno, che tutto quello che abbiamo accumulato può facilmente esserci sottratto, che un domani le nostre capacità potrebbero non essere richieste, che potrebbe arrivare il giorno in cui il nostro amore non sarà corrisposto. Ma continuiamo ad aggrapparci.

Ma continuiamo ad aggrapparci. 5 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin www.MyLifeTV.it

Ovunque ci giriamo ci troviamo di fronte all’instabilità. È ottobre men- tre scrivo questo libro, guardo fuori dalla finestra e mi trovo di fronte all’annuale promemoria della natura che mi ricorda come tutto sia destinato ad affievolirsi.

Più ci attacchiamo alle cose – naturalmente – più dolore proviamo quando esse appassiscono, svaniscono, muoiono attorno a noi. E capita che più ci attacchiamo, più si verificano queste circostanze. Prova a pensare a qualcuno che in una relazione si comporta in modo, be’ sì, appiccicoso. Si aggrappa a ciò che pensa di amare con una presa ferrea, è geloso di tutto, passa il tempo spaventato dalle cose terribili che potrebbero accadere invece che godere della relazione così com’è. Come fa sentire tutto questo l’altra persona? Quanto dura la relazione? (Male. E non a lungo. Giusto nel caso che tu te lo stia domandando, mentre te ne stai lì seduto grattandoti il mento).

La chiave per essere capace di lasciare andare tutte le cose alle quali ti stai aggrappando è sapere che starai BENE anche senza. Ed è la verità.

È un buon esercizio: fai un inventario di tutte le cose che vuoi davvero tenere nella tua vita – il partner, il lavoro, la salute, il senso dell’umo- rismo, la famiglia e gli amici, le soap opera alla Tv – e di’ a te stesso che staresti (veramente) BENE anche senza di loro. Puoi sopravvivere con molto poco. E sebbene la scomparsa di persone e cose può essere dolorosa, tu sopravviverai.

essere dolorosa, tu sopravviverai. 6 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin www.MyLifeTV.it

Se sei pronto per farlo, ripeti un paio di volte: “Va BENE che le cose scompaiano e sfumino nella mia vita. Starò BENE a prescindere da quello che accadrà a me e a chi mi sta attorno. Lascio andare la presa sulla vita e permetto alla vita stessa di fluire semplicemente attorno a me e attraverso di me”. Ora accendi una candela e bruciati le sopracci- glia. Noooo. Non fare assolutamente quello che dico.

Osservare in modo imparziale

L’Osservatore non è un qualche pervertito seduto dietro alle tende tira- te, che si mangia con gli occhi la signora Tardywells mentre si slaccia il corsetto nel cuore della notte (prima di passarsi il filo interdentale tra i denti con fare seducente, al chiaro di luna). No, è ciò che quelli di noi che campano mangiando fagioli chiamano l’abilità di osservare cosa accade nella propria testa e nel corpo in modo imparziale. È ciò che talvolta viene chiamato “coscienza” o “consapevolezza” (entrambe queste parole sono usate più spesso dai mangiatori di fagioli che dai filosofi). Ma continuiamo a parlare dell’Osservatore.

Stare seduti per qualche tempo (cosa alla quale di solito ci si riferisce fastidiosamente con il termine di “meditazione”) è una buona occasio- ne per entrare in contatto con il proprio Osservatore interiore. Hai nota- to come attribuirgli la lettera maiuscola O gli abbia conferito già una certa importanza nella tua vita? Siediti lì, e non appena i pensieri ini- ziano a traboccare – come accade invariabilmente – sviluppa una certa

– sviluppa una certa 7 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin www.MyLifeTV.it

sensibilità nella loro osservazione (dall’alto se preferisci), come se non

fossero tuoi. Non lasciarti coinvolgere da essi. Non giudicarli. Accettali

e basta. Potrebbe esserti utile osservarli semplicemente con imparziali-

tà, senza giudicare.

(…) Ecco qui un’altra immagine per te. Potresti pensare all’Osservato- re come a una telecamera a circuito chiuso puntata su una strada prin- cipale molto trafficata. (…) Una telecamera osserva, non giudica né critica. Conosci l’effetto

di questo piccolo dispositivo inanimato? Le persone si comportano

meglio. Ed è più o meno ciò che succede anche nella tua mente/corpo. Più osservi in modo imparziale, accettando quel che vedi così com’è, meglio si comporteranno mente e corpo. Ovviamente, non sono tenuti

a comportarsi meglio: non ci sono i Servizi Segreti a controllare i fil-

mati dei crimini che hai pensato. Ma la verità è che quando accetti i pensieri e i sentimenti così come sono (attraverso l’Osservatore), allora tutto tende lentamente a placarsi almeno un po’.

Le altre tecniche del metodo Vaffa che John C. Parkin illustra nel suo libro sono: l’Accettazione e la Respirazione Conscia. Scopri in cosa consistono direttamente sul libro!

consistono direttamente sul libro! 8 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin www.MyLifeTV.it

L’Autore spiega poi in cosa consista l’applicazione del suo metodo in rela- zione ad alcune aree fondamentali della vita. Per esempio, ti esorta a dire Vaffa al cibo, al denaro, al lavoro, al Paese, all’educazione dei figli, ecc. La sua è sicuramente una prospettiva controcorrente e non potrai fare a meno che esserne affascinato.

Ecco un assaggio:

Di’ Vaffa al fatto di essere una persona serena

Per lungo tempo ho desiderato essere una persona calma e serena. Ricordo di aver scritto, dieci anni fa, una lista delle cose che volevo di più. E in cima alla classifica c’era la Serenità (giusto nel caso te lo stes- si domandando, subito dopo veniva un Chopper originale).

Ho passato anni a cercare la serenità: praticando Chi Kung e la medi- tazione ogni giorno, cercando di lavorare sulle problematiche che mi rendevano inquieto, cercando di conoscere le persone che sembravano vivere in pace. Ho trovato una buona dose di serenità attraverso la pra- tica, soprattutto con il Chi Kung. E pensavo che se mi fossi allenato di più, alla fine sarei entrato per sempre nello stato Chi Kung (un leggero

nello stato Chi Kung (un leggero 9 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C.

stato di trance in cui sei completamente rilassato e il chi fluisce unifor- memente attraverso il tuo corpo).

(…) Mi immaginavo come un monaco taoista, che porta avanti con calma e delicatezza le attività quotidiane nella pace e nella consapevolezza.

Immaginavo di essere come il mio amico Richard, che rimane sempre calmo e sereno a prescindere da ciò che accade.

Immaginavo che se solo mi fossi sforzato un po’ di più a essere sereno lo sarei diventato.

Ma a prescindere da quanto mi impegnassi, a prescindere da quanto mi eser- citassi e da quanto cercassi di risolvere le mie problematiche, continuavo a inciampare sempre nello stesso grande ostacolo sul mio cammino verso la serenità: io. Anche se meditavo per tre ore alla fine sarei ritornato me stesso.

E questo sono io: sicuramente, posso essere calmo e sereno, generoso e gentile, centrato ed equilibrato. Ma posso anche essere stressato e ansio- so, arrabbiato e aggressivo, spaventato e nervoso, egoista e freddo.

Riconobbi, terapeuticamente, che era importante lasciare andare le emozioni “negative”. E immaginai che se le avessi osservate a suffi- cienza, se le avessi sfogate a sufficienza (in un ambiente sano, s’inten- de), alla fine sarebbero sparite.

de), alla fine sarebbero sparite. 10 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin

(…) Ma poi in qualche modo intrapresi il viaggio verso la serenità. E, sì, un giorno compresi che desiderare di essere sereno e simile a un monaco non faceva altro che creare in me dei pregiudizi riguardo alle parti di me che non corrispondono a questo ideale. A mio modo, stavo trasformando il rilassamento, la serenità e la generosità in cose buone e giuste. Trasformando invece lo stress, la rabbia e l’egoismo in cose cattive e sbagliate.

Così dissi Vaffa al tentativo di essere altro da ciò che sono, nel qui e ora. Smisi di giudicare me stesso. E merda, che sollievo è stato! Che sollievo è tuttora!

Ogni emozione che provo va bene assolutamente così com’è. Se provo amore e serenità, è lo stesso che se provassi paura e ansia. Questo è ciò che significa davvero “accettare le cose” e “non giudicare”. Non puoi dire: “Ok, non mi lascerò abbattere dalla rabbia, ma naturalmente è meglio essere sereni.” No. Sono la stessa cosa.

Questo significa non giudicare….

significa non giudicare…. 11 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin www.MyLifeTV.it -

Se vuoi saperne di più su John C. Parkin e il metodo Vaffa, non ti resta che leggere il suo libro: Fuck It – Il Metodo Vaffa, l’ultima frontiera della spiritualità.

Nel libro troverai anche un illuminante vademecum per trasformare le

tue posture quotidiane (stare stravaccato davanti alla televisione, sedu-

to

al computer, in piedi alla fermata dell’autobus), in preziosi momenti

di

attivazione del chi, dell’energia, in tutto il tuo corpo.

Provare per credere.

E buona lettura!

in tutto il tuo corpo. Provare per credere. E buona lettura! 12 Il Metodo VAFFA -
per credere. E buona lettura! 12 Il Metodo VAFFA - Fuck it - John C. Parkin
 
 

Interessi correlati