Sei sulla pagina 1di 312
Prof. TULLIO [LEVL-CIVITA J Lezioni di (caleolo differenziale) assoluto 2 > RACCOLTE E COMPILATE DAL Dott. ENRICO PERSICO MCMXXV ALBERTO STOCK - EDITORE ROMA PREFAZIONE La metrica generale di RIEMANN e una formula del CHRISTOFFEL costituiscono i presupposti del caleolo differenziale assoluto, il quale tuttavia fu concepito solo posteriormente quale organismo sistema- tico dal Rrcct, e da lui corredato nel decennio 1887-1896 di tutti quegli eleganti e comprensivi algoritmi.che ne assicurano l’agile adattamento a svariate questioni analitiche, geometriche e fisiche. Il Ricct stesso, in una memoria comparsa nel T. XVI del Buil- letin des Sciences Mathématiques (1892) fece una prima esposizione dei suvi metodi e ne diede qualche applicazione alla geometria dif- ferenziale e alla fisica matematica. Pit tardi altre applicazioni inte- ressanti, fattene da lui e dai suoi scolari diretti, alla cerchia dei quali mi onoro di appartenere, consigliarono di raccogliere, in una esposizione sommaria, metodi, risultati e indicazioni bibliografiche. Da cid la memoria intitolata Méthodes de calcul différentiel absolu et leurs applications, che, per cortese invito del Kirin, fu redatta in collaborazione dal Prof. Ricct e da me, e apparve nel volume 54 dei Math. Ann. (1901). Un capitolo sui fondamenti del caleolo assoluto, con speciale rignardo alla trasformazione delle equazioni dinamiche, si trova nel volumetto del Wricut: Invariants of quadratic differential forms (Cambridge: University Press, 1908); del resto si pud dire che, pur continuandosi, dopo il 1901, da un ristretto numero di studiosi ri- cerche speciali basate sull’impiego di quei metodi, l’'attenzione ge- nerale vi fu richiamata soltanto dal grandioso rinnovamento ein- steiniano della filosofia naturale, che appunto nel calcolo differen- ge aziale assoluto trovo i mezzi necessari per la formulazione matematica e per Pulteriore sviluppo quantitativo. Nella celebre nota Zur allgemeinen Relativitdtstheorie (+) la sco- perta delletquazioni gravitazionali fu dall’ENsTEIN annunciata colle parole: «...sie bedeutet einen wahren Triumph der durch Gauss, RIEMANN, CHRISTOFFEL, Ricci... begriindeten Methode des allge- meinen Differentialkalculus ». In una memoria anteriore lo stesso EINSTEIN aveva fatto una nuova esposizione di quegli elementi e di quelle formule di calcolo assoluto che pil specificamente servivano ai suoi fini. Analogo cri- terio fu in seguito adottato dai pik insigni trattatisti della relativita generale, in particolare dal WEYL (?), dal Laus (?), dall’EppineTon (‘), e dal Birxuorr (°), i quali apportarono cospicuo contributo di pen- siero e di sviluppi originali alle teorie fisiche, nonché utili, eleganti complementi anche alle premesse di calcolo tensoriale. E lo stesso fe- cero — per citare, nella vasta letteratura, soltanto i libri che ho avuto occasione di consultare — CARMICHAEL (*), MARCOLONGO (7), Koprr (°), BEcQUEREL (*), mentre il DE Donper (") ha evitato Valgoritmo del calcolo assoluto, ricorrendo alla teoria degli invarianti integrali. Recenteniente fu dedicata al calcolo assoluto anche qualche opera d’insieme: ricorderd i volumi del Juver ("), del GALBRUN (), (@) Sitzungsberichte der Preuss. Ak. der Wissenschaften, 11 novembre 1915, pp. 778-786. ) Raum, Zeit, Materie (5* ediz.), Berlin: Springer, 1923, (8) Die Relativitdtstheorie, B. II, Braunschweig: Vieweg, 1921. (+) The mathematical theory of relativity, Cambridge: University Press, 1923. (8) Relativity and modern physics, Cambridge (Mass.): Harvard University Press, 1923. (8) The theory of relativity (2% ediz.), New York: Wiley, 1920. (*) Relativita (2° ediz.), Messina: Principato, 1923. (8) I fondamenti della relativita einsteiniana (ediz. italiana con prefazione di G. ARMELLINI), Milano: Hoepli, 1923. (8) Le principe de relativité ot la théorie de la gravitation, Paris: Gauthier-Vil- lars, 1923. : : (°) La gravifique cinsteinienne, ibidem, 1921. (*) Introduction au caloul tensoriel et au calcul différentiel absolu, Paris: Blan- chard, 1922. (2) Introduction géometrique al étude dela relativité, Pai Gauthier- Villars, 1923

Potrebbero piacerti anche