Sei sulla pagina 1di 15

IL.l#b...


l
à.': '{ g
ggg.'

g ..-x

« 8'g +
D

0 0
E
< 0

q
0
«
bn
's!
9'''u

l
l
a.
$:B
0
RO
>
a
0 0
=

a
>
0
0
C
0
\D 0
'f tn ...i (D
L'A R T E
DIST]LLATORIA
0VE R 0
"Billi:':lÈW=$4:=
r
:'
re ilcrovcri odori,& Capori-
N
M
n g.=
Z
< '} oi u.PU=: 'ÌEj)K iU:yi:J'THiOU
0
M
H

g "$
3
#'''u
0
E Ég
U
b 0
0
g] .:'g
.' 'g ga

0
R 0 '''l a
0
>

R
0 0 =

0
0
>

0 0a
IN V E N E T l A l. lb{.DC.llXlxr.
\D 0
oa
Q4 b--l 'Frego Leolìardo Pittori .
Caa Z,franz.adf'.f periirl
MUSEO TRIDENTINO
DI SCIENZE NATURAL

z' TRENTO

0 libri
ant.fabi.
a05 Delmodo dì alpi\late te acqt+eda
t«ttete pìatlte , ecole'uì jt
/B + n /qq' 1 -4 'B l b+'AW

po.fsìù coBFeraaveitoro
oerìòdorì)xfa'Ieri.

o r)
1:=;'-!
t

l
'T

DÌ .À4.Pietro .andrea iUótt.billi. 7

A 4 ron
à debbnnodelculto iralafciarè,& ]nSttere]n
;l:l;Ò;iÈi chefì fanno nel.bagna . {nìpéla"
elle {;fecondo .che 6criue. Galeno , le acqu!
fredde delle fontane,che fcorgong percan?lò
di Pionabo tono. calì no ciuèltlhe fanno la dip
fanteria.à chi continuati bere > tonto male

am=;'iÀl:G:3:E'XE:k,.yM
conlaJ;ldaza , &accueez2a
l:at.oneràdbno
[a fU{ìanza, & ne ];ariporcanò=fecouonuJfruta
nì biaccaja qua-le61connqnaeratrà.It veleniTP
Àlà douendo dire anconadi quanto fretta .di
& ÙÉé;;ii ò. ù.«ki g'i!«s.+?l'Ék'
cate,è da Cadere,chsInalÌno !F viriì+nedeGMè?

àlilÈtg!,U'nin::Ì:nw

ilÈÒHI':Sein:gU:.Hga$

FiorLche ndi;a:eque difìillate. . hlà peEcbe le

g:::Ì=:;::#g=,:Ì:;1:=8H'g
i:i;LIBRI:iéiù Èrehoyfwc,],eacWC,chf k
ii;;ÌlÈ:liÌ'8.; b.lili elli«o gm bbeuahdO
ii;l'à;iè'HléÌI calati pili Weótì à. 'bbfai.
!a .Modo dè (ÌiltiiÌ tre !€ acque Dì2U.Pietro .dndre4 .ZUàttbìoli. il
re al pigliare delle Medicina:. Nii che.fare
f] vi ricerca però ancora la diligenza ) &.fe-
deltà:ilclli Speciali fe vogliono l acquilìar l

btló nome,& buona famb& ehehin nìaggior


graciadei Medici,& delli Anìalati)non in3D-
cando di dilìillare à bagno con ogni loro in- di l.inìonì,nel quale fìeÉ stati..infufb& per al-
dra!toia,& diligenza. Pefciòche lé acqu Q che quanti giorni d;!falci ÌguCcidicere mÌnutif
61dilìillano diligentemente ) & cong.fl qon- Óme,&'bianchìfììme Chioccioline chìlmate
uiene fond veramentemolto utili nella Me-
dicina , di anodo, che nelle coinpoflcion.di
nìolci Medicamenti f] padano !agioneuol-
méceanteporrealledecottìoni.Peich$doug
nelle ardentiRìlne'6ebri ò ne i grandiaìnìi Rughe della faccia,nó la f3.splendida,& ben
caldi dall'E&aces'lìabbida farequalchefor chiara.Il che non rni fon voluto taceroacciò+
te di bevanda , che pana bene fpègnere la fc che fi conosca , che trattando io delle acque
tu & dilettare il Euro delli AÓaÌàli ! ciò per dilìillate , non hò solamente
voluto fodisfa«
il vero meglio,8ipiù felicenìente n] faràlon re,& cotnpiacere à gl'huominilqagncora eln
le acque diitillate accompagnate ò con V+ng lc nobiliÙme, & geatilimrile Madame l che
di Mèlagrani ) ò con Giìilepo Violano ) ò d} fì dilettano di vivere,& policicamenteì&con
fuccho ili Cedri, ò di Linìoni , che con ogni delicatezza.hì)peroche hi perfuado2cbel'ac
dioottione facta quanto fi vogli diligent!» quifìartnela gr;tia loro nail mÌ panafe non
mente.Il inede6lnlo accederàancoraidoue s'- apportare fama p: & honore : .Obdg ve ngo. à
habbi da fare ò collini per gli occhi,ò gpilhi! cbhcludere,che'fia neceaarijmiìo l'v$o nel:l'
me pe! il fegato) & per' il cuore, ò olìrllodlqi acquediRillate appieno.à tutlq le patroni) &:
perìafronci) & pcril capo . Lafciarè Raggi matììma mente apprelRoà quei Medici)i quali
dire quanto {ìa cÒmmodè)l'arti6cio di dilìil- delìderanodi eÈlcitare là Medicina politt-
lare l;acque per far foauiMlni odori) coni per cam€ptq& con lode di tutti-
l'vfo de'Àfedici , come per le.delizie 4e.j corn
Eide ifad jcoine fond que c ) !he.$i fapn9
delle Rare,ae i Fiori d'Aranci,di Mirtb& d'
?IERI.Rifai,'che spirano di foauiHìmo odgrÉ .
Ne dirò quanto'flan Ritnaeedalle gentililììn
nìeMadaihehauendolechein vfo non .fol!.
inenEe per gl'odori)tnà ancora per abbellitlìp
& adornarG.Per il che fare fond eHcacimme
quelle delle Radici dalla FlaHnella , della-»
'©'
'+
Jl4olo di aPttlarele acque

+ }.RIMA 'FORM ACE

quantità d'acqu:L:

:/'

# -"k
ì4 #4do di diP;Ilare le Acque

SECONDAFORNAC.E.

di piombo.
iihiiiiitùintiiittt
E
H

ì& ''' .?Uod:f di di#il'lare re afqKe' l


l
l
TERZ;A FORNACE :
.., )

G
U'] ' .l
i.
B'!

R :

b11#
:q B

l "**'!@g?g=

(»VAR
):'è'murata'
.#
18 .Mode did;ltillarì l€ 4cqHe

QVARTA FORNACE: @
zno fare cosìdi Vetro , cainedi Stagno )ò.dì
Rame ftagnato,mà i cappelli ;bifognà? che
hs:rE:É:i: ilieR i w;

Acqua predetl:;fano ve tamente lé più eccgl-


lentidi tutte , manonfcne puo fangfe non
poca quantKà .

C Qn qucft.o alt.ro Bagno ).G può diai1lale


con 5.. l.ambicchi+. cioè i cui orinali
fanno feÉolti nell'Acqu; lino al collo , & '.&

vno che Ràcollocato'nel Varo infima il :'

quale diRilla con il calore de4 'papale dell'-


Acqua
20
i
Mojo dì ai$1tla'Ìle qM
DÌ 7H.Pietro .andrea ?Uattbìo lì. lì
perchia)cclìe lgferr? à mo.do d'vnà $atcola ;
;ìc14ualBagnonà.dfntfo fn Varo-diStaglia
.QviNTA FORNACE. fabrìc;ato à 'ilì od(i d: ùnolorìnale;nìa
Tliiko.,&véncuafcl,&l'iuhgo
3.bbenespanne,
di f;teo

iT quale'i;ella cón. .il- collo dt fuore :facendo


H
.') u
#fèZJ;l:.?SIKH:i,=,:TIFF:3
4 quale crinale f] pone vn cappello} ouer Lilli
i. bieco fatto .di Stagno 411'inter.no del quale
Ccomequi f] vedeainegó?.to,)è fabricafa yd
è[tinòde.l n]edefìmo tì étillla ,..cònglueinàt(i
bon il.detto , il qual,circoiìda ilpredetto cap;
pp;ló , ouero Lainbicèoli Diodo , che il cit!
ibID dell' opificio del catino è lontano dal
+lappello
dapertuEtó all'intorno 4. bu(iné.i
ii:iÈi; & quero tal catino è facto pèr riceucre
l'Acqua fredda, che vi scendedal Varo ch'è
pong nella più superior partedel Fornello
pef la'canna,che vi f] ycdeila.quale fi può fer-
iale, &;aprire fecondo il bisogno co.ma fua
eliane, èhe.f] gira attorno ; & guera Acqua
fredda G nìette in deccacatino, acciòche ten-
ga tinfrefcato il cappello che vi Ràdentro i
Inìpéroche recando continuanìe:ìte il cap-
pello freddo fà che il vaporedelle piante,cile
vi tale , lì condenfi pili facilmente ) & ni'èon;
uertifca in Acqua.]] che è carafa,che i diltil-
latori cauino aifadpili Acqua,& nìigtiore.Et
colmeguera Acqua freddaper il gran calda
dclcappello f] riscalda , {e ne cauafucre per
lacannacollocara dirotto nella parced=Rra
voltando la chiatte,& fi riempie di fadda, di
cuiè sempre picnò i.IÌVafo ; che {tà in cima

0 Vero è vn Bagno belli6ino: Il fonda=


nìentc} del quale è vn Caldaro grande
di.Rame indaco ùl Fornello con il fio CQ+
della Corre.hià accidche:non lìa tanto fatico-
so di minieri di vocarc,e riempite coG speme
volte il cREinodotte ljAcqua freddacirconda
l
Di àZ.Pietro .4nÉtre4.ÀZ4ttbioli. a3
» '. }ùodo dì delt;Ilare le 4e.4ue

VLTIMA TORN ACE

W
mo'fuoco del Fornello pcr enel !a caffe va:
cualìno al fonda4el i':iCo: La c?nnapoi à
;;l;; 6ìniftra,;che èfcc del catinop cbe cireoq:

:iiÈlHkWHSwh':ia
etICI'3 '+
l

Q VeravltitnaFornaceGvCain Venezia;
ancora in Napoli doughanno copia d!
ca;lelli di Vecrocon la quale Forn?c! Son H
:'t '.}:J W BaiaqqifugcQ! €bS!i li'fà d nt o di(liliana
VETI
cunainail qualitàinetallifé è

r:il N E:J
.on3'J' iiJ i'

[
'q