Sei sulla pagina 1di 80

Domenico Massaro

Luoirvoiruhsedette
Ut;>»~;a/iOStiIn-thfo UftitC,eGhtitfjtiìti.tié*.
_ f^ tln S O 4lA h£flA .t £ o h o .
Favvd In tJee bosifi/e piihrti ¿ elle ht^tifUt.
te s e nt'pvpicfrc ! ¿hiV^o d i ^iArìA-Mb^^jGhe e dehetdU ù he
< v Uv’pt-e. fr&ov'e, etuthU piti sortì» fa - ti il*h%o s ì r ile tt e sa etti d ì
essn : ìfc ìe /a sh u n to sojuhti diton i e Iti U f/it W sitile dehfo o d i ime.
J jlu o h O ehtió è U COSÒ ÌM e^ h o ¿ is t r t ìù tifc t h e ! U vùhJ.Ò .
L u -■Uso--.* è se* i t t i .}< « ¡ , * s h ¿MtcsAtoA ìù-rc ci-*, ¿tetti tit io h h tb z . n ,J: ¿ a iti l i ¡‘■•se ÌU ii/ e i se l
■ti b e h . * p u ò P i ’ U f>t>h*ti b e h :. ‘¡ b -p s h .i ¿t th ìr h J f.* i n / b a s iti *- c o h o W , -, ( t i t i f a n h i anni,

u u fìe . È . 4 s '¿itifi. :h ¿hfikt ttutifeUbtificti, •■ Ctiitiitth v i* f/.tihficl, aticnt, ichzti . putii ¡vtzz.
y. t/essiLA ti :h.lthtir‘ hr nyi nhtihvx'bft ptii siti-, sehzti ¿¡•es?< r ;•* t e r >ni ; p,-, uh oceu/o /tilen hfe.

V o i frG fr tihdititn nO J Sititene fr tiS & G h ftifi, cola * /e CGSft c l? fìtilk i) £ Ìt ih G .

¿dii IaOVwVh discutane, U ìntifohtiU£iSCt.


rvnnti Iti rthifk rt\ti frtb'doM i erhoht.
Oifìt CGhczezhzM iswtiM cotrvjhciti. coh ilntuiziobi.
"Le tttife è Iti /etihzztiziobe ¿eliti ìiLt/fk.
E sS tbdo !\k h ih fifih Z J enn lA 'btiizti ¡ ’notivi, SU f o t ' J t t i ¡fu
•>s a n S ih s ild i. ? ¡¡J: Jnt f o t t i Iti supine/>fti c n t i d i t i

Sopiti loto, ti seti ^ schzti tiu k h o Uh ti/-i\Oin-tihfo c!v>


Uvf>/ lit i Lenir cne hai a tipf>licfatiuvo ti ih d ti^ ti/ù .

LS^hi Sj>ìth4i4o autitito htisce


tifutiSt uni ilttiffo citi S; fini./ ¿UtilitiÌ*-Ultifiti
tht'icMp eie ùy-tif J u-schtic / etile J .d L d iti!.
U n » ; r. i-h fa i.JÌ 'lti/jfa /e è sd ttib frlissev zti
I t i S. coir.'¡/¡’ iti w e ii.tip it l i suo sutiuppc.

LA MERAVIGLIA
DELLE
IDEE

QUADERNO DEL PENSIERO LOGICO


I ragionamenti induttivi

paravia
uesto volume, dedicato all’analisi dei ragionamenti induttivi,
si pone come l’ideale continuazione del Quaderno delpensiero
logico 1, incentrato sulla deduzione.
Induzione e deduzione costituiscono le due articolazioni essenziali
della logica; non meno importante della deduzione sul piano teoretico,
l’induzione si rivela estremamente utile anche in ambito pratico,
poiché è una forma di ragionamento che orienta molte scelte della
nostra vita. Infatti, anche se il più delle volte in modo inconsapevole,
pianifichiamo i nostri comportamenti futuri sulla base delle
esperienze passate, oppure operiamo generalizzazioni partendo
da osservazioni e fatti pregressi; in breve, ci fidiamo dell’inferenza
induttiva, benché essa non porti a conclusioni necessarie ed
inconfutabili ma soltanto probabili.
Il fatto che la conoscenza induttiva sia probabilistica non
rappresenta un limite, ma in qualche modo costituisce uno stimolo
alla ricerca, la quale risulta essere perfettibile e confutabile,
necessitando della continua verifica e conferma dei suoi risultati. Si
tratta di una caratteristica tipica della scienza, che infatti si fonda
perlopiù su procedimenti induttivi, in cui hanno grande importanza
l’osservazione e l’esperimento.

In questo volume procediamo gradualmente alla scoperta delle regole


essenziali dell’inferenza induttiva. Cerchiamo quindi di chiarire la
differenza tra i ragionamenti deduttivi e quelli induttivi, definiamo
il ruolo che l’analogia, la causalità e la probabilità rivestono
nell’ambito del ragionamento induttivo e portiamo alla luce lo stretto
legame fra induzione e scienza moderna. Nella trattazione
ci avvaliamo di numerosi esempi ed esercizi con un livello di
difficoltà progressiva.
Il volume è corredato di quattro batterie di test di logica volti
ad affinare le competenze relative alla logica linguistica, alla logica
numerica, al ragionamento critico e alla comprensione di testi.

Domenico Massaro
INDICE GENERALE
Capitolo 1 3 L ’e m p iris m o c o n tro il p rin c ip io
di c a u s a lità 39
Le c a ra tte ris tic h e
4 Le c ritic h e a H u m e 41
d e ll’in d u zio n e 4
5 L a p ro d u ttiv ità d e lla c a u s a 42
1 Due diversi m o d i di ra g io n a re 4
6 U na c a u s a lità lib e ra 44
2 A che c o s a s e rv e l’in d u z io n e ? 6
7 L a c a u s a lità nella s p ie g a z io n e
3 L’e s p e rie n z a c o m e p u n to s to r ic a 45
di p a rte n z a 7
4 B a c o n e : il te o ric o d e ll’in d u z io n e 8 M E T T IT I a lla P R O V A 49
5 La rifo n d a z io n e m o d e rn a
d e ll’in d u z io n e 10
6 V e rs o il m e to d o s c ie n tific o 12 Capitolo 5
M E T T IT I a lla P R O V A 13
In d u zio n e e p ro b a b ilità 50
1 Eventi c a s u a li... m a p re v e d ib ili 50
2 Le re g o le d e lla p ro b a b ilità 51

Capitolo 2 3 L a s c o m m e s s a di P a s c a l 53

L’a ttiv ità in d u ttiv a e P“a r te ” M E T T IT I a lla P R O V A 55


d el p e n s ie ro 14
1 La L o g ic a d i P o rt-R o y a l 14
2 II rifiu to d e lla lo g ic a v u o ta e Capitolo 6
fo rm a lis tic a della tra d iz io n e 16
In d u zio n e e s c ie n z a 56
3 J o h n S tu a rt Mill e il S is te m a 1 L a s c ie n z a c o m e fo rm a più a lta
d i lo g ic a d e d u ttiv a e in d u ttiv a 18 di c o n o s c e n z a 56
4 I c a n o n i d e ll’in fe re n z a in d u ttiv a 22
2 II n a tu ra lis m o rin a s c im e n ta le 57
M E T T IT I a lla P R O V A 25 3 L a s c ie n z a dei m o d e rn i 58
4 L a c ritic a a lla c o n c e z io n e “ in g e n u a ”
d e l m e to d o s c ie n tific o 61
Capitolo 3 5 Le ta p p e d e ll’in d a g in e s c ie n tific a 62

In d u zio n e e a n a lo g ia 26 M E T T IT I a lla P R O V A 65
1 II ra g io n a m e n to a n a lo g ic o 26
2 Gli usi d e ll’a n a lo g ia 27
3 Lo s c h e m a g e n e ra le d e ll’a n a lo g ia 29
4 I c rite ri di v a lid ità d e ll’in fe re n z a T E S T di L O G IC A 67
a n a lo g ic a 30
L o g ic a linguistica 68
5 L ’im p o rta n z a d e ll’a n a lo g ia
p e r lo s v ilu p p o d e lla s c ie n z a 32 L o g ic a n u m e ric a 70

M E T T IT I a lla P R O V A 34 R a g io n a m e n to critico 72

C o m p re n s io n e di te s ti 75

Capitolo 4
In d u zio n e e c a u s a lità 36
In d ice dei nom i 79
1 II p ro b le m a della c a u s a z io n e 36
2 D alle c a u s e a lla c a u s a 38 In d ice dei le ssici filo s o fic i 80
CAPITOLO 1

dell'induzione

D ue diversi m odi di ra g io n a re

I ragionamenti logici si distinguono in due grandi categorie: quelli di


tipo deduttivo e quelli di tipo induttivo. In questo capitolo spieghere­
mo innanzitutto che cos’è l’induzione e in che senso si differenzia dal­
la deduzione, e mostreremo l’importanza del ragionamento induttivo
nell’ ambito sia della scienza sia della vita quotidiana.

Conclusioni n ecessarie e conclusioni probabili


La prima e più vistosa differenza tra i due tipi di ragionamenti con­
siste nel fatto che, mentre le conclusioni dell’argomentazione dedut­
tiva sono necessarie, quelle dell’argomentazione induttiva sono più
unesempio praticoA o meno probabili.|IÌ fatto che l’attività fisica svolta regolarm enteìi-
: miti il pericolo di malattie cardiache è una verità della scienza ed è
i anche opinione comune: la casistica finora osservata lo dimostra.
: Tuttavia, tale verità non si presenta con i caratteri della necessità: non
iogni persona che pratica sport è esente dal rischio di infarto. Ciò si­
g n ifica che, se vogliamo sconsigliare a qualcuno una vita sedentaria,
non possiamo sostenere che l’inerzia provocherà senz’altro (neces-
: sariamente) problemi cardiaci nel corso della vita, ma che vi è una
Iragionevole probabilità che c d possa avvenire.
A differenza dell’ induzione, la deduzione conduce a conclusioni
necessarie. Se sostengo che tutti gli uccelli sono animali, e che la ron­
dine è un uccello, devo per forza concludere che la rondine è un ani­
male. Da premesse corrette, collegate validamente (ossia in modo ta­
le da non infrangere le regole della logica deduttiva), possiam o
ottenere una conclusione certa e vera.
1 Due diversi modi di ragionare 5

Anche la logica induttiva si basa sull’inferenza (inferenza indut­


tiva), ma la connessione tra le premesse e la conclusione non dipen­
de dalla legge della necessità, bensì da quella della probabilità:
quanto maggiore è il grado di certezza delle premesse, tanto maggio­
re sarà il grado di probabilità della conclusione. Il ragionamento in­
duttivo, per sua natura, ammette sempre la possibilità che, rispetto a
tutti i casi considerati, si dia anche un solo caso contrario che inficia
il valore assoluto e necessario della conclusione. Dunque, sebbene
ad esempio la nostra osservazione costante e ripetuta ci mostri r e s i­
stenza di corvi soltanto neri, tuttavia non possiamo sostenere con as­
soluta certezza che “tutti i corvi sono neri”, perché la presenza anche
di un unico esemplare bianco potrebbe sempre falsificare la nostra
affermazione.

Conclusioni particolari e conclusioni gen erali


A lcu n i lo g ici distinguono la deduzione e l’ induzione anche sulla
base del procedimento a esse sotteso e affermano che, m entre la de­
duzione muove da premesse universali e perviene a conclusioni
particolari, l’ induzione opera al contrario: muove da premesse par­
ticolari per arrivare a conclusioni generali. In realtà ciò non è sem­
pre vero, perché l’induzione può anche condurre da premesse par­
ticolari a una conclusione particolare, com e nel seguente esempio:
ia notte appena trascorsa non sono riuscito a prendere sonno, fatto f UNESEMPIOPRATICO
insolito per me, perciò analizzo che cosa può averlo causato. Consta­
to che la mia giornata non è stata in nulla differente rispetto a quelle
precedenti se non per una tazzina di caffè che ho bevuto dopo la mia
consueta cena a base di zuppa di verdure. Inferisco che sia stato il caf­
fè a causare l’ insonnia. Se valutiamo questo caso, osserviamo come
nella conclusione non si pervenga a una legge universale (del tipo “il
caffè provoca l’insonnia”).

Lessico filo so fico


inferenza induttiva duttiva, quella induttiva non consente di
L’inferenza induttiva è un procedimento lo­ ottenere conclusioni necessarie; tuttavia,
gico grazie al quale, date determinate pre­ quanto m aggiore è il grado di certezza
messe, è possibile trarre una conclusione delle premesse, tanto m aggiore sarà ¡1
probabile. A differenza dell’inferenza de­ grado di probabilità della conclusione.
6 C apitolo 1 Le c a ra tte ris tic h e dell’ induzione

A ogni modo, l’induzione è caratterizzata da un accrescimento


di informazione rispetto alle premesse (nel nostro esempio, la
consapevolezza che il caffè bevuto a tarda sera può, in alcuni casi e
con un certo grado di probabilità, provocare l’insonnia): l’obiettivo
dell’inferenza induttiva consiste proprio nell’ottenere una genera­
lizzazione che, pur congruente con i dati di partenza, consenta un
ampliamento della conoscenza iniziale. Dalla conclusione del ra­
gionamento induttivo ci attendiamo, in altre parole, una spiegazio­
ne dei fenomeni osservati.

2 A c h e c o s a s e rv e l’induzione?

O rientarsi nella vita quotidiana


Per quanto non provvista dello stesso grado di necessità dell’inferenza
deduttiva, l’induzione è una pratica logica legittima, oltre che utile.
UNESEMPIO 'RAUCO Àd esempio, sapendo che statisticamente la padronanza dell’ingle­
se favorisce l’inserimento nel mondo del lavoro, è ragionevole iscri­
versi a un corso per approfondire la conoscenza dell’inglese, ed è
logico, basandosi sull’ esperienza passata, munirsi di ombrello se ve­
diamo il cielo coperto di nuvole perché, come abbiamo imparato ma­
gari a nostre spese, c’è la concreta possibilità che si metta a piovere.
Dunque, possiamo orientare la nostra vita mettendo a frutto il
nostro intuito induttivo. Se non lo facessimo ci sarebbe impossibile
compiere anche le azioni più banali, come prendere l’autobus, orga­
nizzare la giornata, stabilire degli orari, comprendere la condotta de­
gli altri e adeguarvi la nostra ecc.

E lab o rare te o rie scientifiche


L’ induzione si basa su un certo numero di casi in cui un fenomeno si
è verificato e avanza la legittima pretesa che tale fenomeno si verifichi
anche nel futuro: nel fare ciò essa presuppone il principio dell’unifor­
mità della natura, cioè la convinzione che, in linea di massima, natura
saltus nonfacit, “la natura non fa salti", e che quindi il comportamento
dei fenomeni naturali è regolare. In effetti, ragioniamo in termini indut­
tivi se diciamo che il Tirreno è salato, l’Adriatico è salato, il Baltico è sa­
lato, e, dunque, tutti i mari sono salati. Insomma, la logica induttiva non
solo è utile nella vita quotidiana, ma è anche il metodo più produttivo
nella ricerca scientifica, per quanto essa si presenti sempre congiunta
con procedimenti deduttivi (> cap. 6, pp. 63-64).
3 L’esperienza come punto di partenza

3 L’es p e rie n za c o m e punto


di p a rte n za

Dalla sp ieg azio n e dei fatti o sservati...


L ’induzione si basa sull’osservazione dei fatti, di cui propone una
spiegazione.-Se m i vengono i crampi dopo aver corso per un’ ora inin­
terrottamente, posso legittimamente inferire che la corsa m i abbia
provocato i crampi. Se un automobilista viene fermato dai carabinie­
ri, che gli ritirano la patente, possiamo immaginare che abbia com ­
messo qualche grave infrazione. Se il professore di filosofia, che è
sempre puntuale e arriva a scuola con il treno, oggi è in ritardo, pos­
siamo supporre che il treno non sia arrivato in orario.; Il procedim en­
to induttivo, in tutti questi casi e in tantissim i altri analoghi, offre
ipotesi di spiegazione delle situazioni problem atiche descritte - i
crampi, il ritiro della patente, il ritardo del professore... facendoci
apprendere qualcosa circa le loro cause o ragioni - la contrattura dei
muscoli, la violazione del codice stradale, il ritardo del treno...
pertanto, possiamo considerare tali ipotesi affidabili, anche se non in
modo assoluto e incontrovertibile.

... alla g e n e ra lizza zio n e di s c e lte


e co m p o rtam en ti
L’induzione consente di compiere generalizzazioni ancora più am ­
pie: se, ad esempio, decido di trascorrere una vacanza aNewYork, ve­
rificherò senz’altro che la mancia al cameriere è un atto dovuto, da cui
non posso esimermi; se poi vado in un paese straniero e affitto un au­
tomobile, dovrò osservare con attenzione il senso di marcia delle vet­
ture, adeguandomi nella guida (a destra o a sinistra) per non incorre­
re in incidenti e sanzioni. Si tratta di casi “registrati” dall’esperienza
personale diretta e da cui si possono trarre opportune conclusioni
sulle consuetudini e sulle regole vigenti in altri paesi: in particolare,
il fatto che negli Stati Uniti è obbligatorio dare la mancia al camerie­
re perché il servizio del personale non è incluso nel costo della con­
sumazione, e che in certe nazioni (ad esempio l’Inghilterra) occorre
guidare tenendosi a sinistra perché questo comportamento è previsto
dal codice stradale locale.
C ’ è dunque una stretta connessione tra ragionam ento induttivo
ed esperienza: quest’ultima condiziona il nostro presente e, in qual­
che modo, fornisce lo schem a per poter agire in modo opportuno
nel futuro.
8 C apitolo 1 Le c a ra tte ris tic h e d e ll’induzione

B acone: il te o ric o d e ll’induzione

M a che cosa si intende veramente per “esperienza”? Il term ine allu­


de a una serie di osservazioni e atti concreti mediante i quali si acqui­
sta la conoscenza di cose particolari; il discorso scientifico, dunque,
si deve basare su proposizioni che possono essere verificate tramite
il ricorso diretto ai fatti.

La critic a al sillogism o aristotelico


L’appello all’esperienza è stato privilegiato nell’età moderna da Fran­
cesco Bacone (1561-1626), considerato il migliore interprete della ri­
voluzione scientifica e il teorico dell’induzione. Di Bacone è celebre la
polemica contro il sillogismo aristotelico (o ragionamento dedutti­
vo), accusato di sterilità e vuoto formalismo logico, visto anche come
causa principale dell’arretratezza in cui versava la conoscenza scienti­
fica prima della rivoluzione astronomica di Niccolò Copernico ( 1473-
1543), Giovanni Keplero (1571-1630) e Galileo Galilei (1564-1642). Il
sapere dei Greci, basato sul ragionamento deduttivo o sillogistico, se­
condo Bacone rappresenta l’infanzia della scienza, con tutte le caratte­
ristiche tipiche del modo di pensare dei fanciulli: «pronto a ciarlare, è
immaturo e incapace di generare» (F. Bacone, Instauratio magna, in
Scritti filosofici, a cura di P. Rossi, utet, Torino 1975, p. 522). Lalogica
deduttiva serve soltanto a spiegare le nozioni già acquisite, ma non
consente passi avanti sulla via della scoperta della natura:

Noi respingiamo la dimostrazione per mezzo di sillogismo perché


essa non produce che confusione e fa sì che la natura ci sfugga dalle
mani. Quantunque inf atti nessuno possa dubitare che due cose che
si accordano con un termine medio si accordino anche fra di loro
(che è una specie di certezza matematica), tuttavia qui è nascosto un
inganno: perché il sillogismo consta di proposizioni, le proposizioni
di parole e le parole sono le etichette e i segni delle nozioni.
(F. Bacone, Instauratio magna, in Scritti filosofici, cit., p. 533)

Lessico filo sò fico ______


esperienza diante i quali si acquista la conoscenza di
Si tratta di un termine che deriva dal latino cose particolari. I n ambito scientifico il ter-
e xperientia, a sua vo lta d erivante da mine è in relazione con proposizioni che
expérior, “provo”, “tento” , e allude a una implicano la possibilità di essere verificate
serie di osservazioni e atti concreti me- con il ricorso diretto a fatti.
4 Bacone: il teorico dell’induzione 9

L’appello all’e s p e rie n za


Poiché le parole sono astratte, ossia sganciate dall’esperienza, non pos­
sono dare alcun contributo alla comprensione della realtà concreta. Da
ciò deriva l’invito ad abbandonare le sottigliezze sillogistiche e ad ac­
cettare il metodo sperimentale, caratterizzato appunto dall’induzione,
la quale sa analizzare efficacemente l’esperienza ed è più adatta a sco­
prire le leggi della natura: «Pensiamo infatti che l ’ induzione sia quella
f orma di dimostrazione che sostiene il senso, stringe da presso la natu­
ra ed è vicina alle opere, quasi mescolandosi con esse» {ivi, p. 543).
La nuova scienza deve produrre conoscenza, non mere discussio­
ni. Aristotele è stato un grande filosofò, ma i suoi concetti non permet­
tono di progredire nel sapere. Egli è paragonabile al ragno, che intesse
la tela con materiali che genera da sé e poi la identifica con il mondo;
fuor di metaf ora, il filosofo deduttivo elabora una rete di relazioni lo­
giche astratte che pretende di far coincidere con la realtà concreta,
mentre si tratta solo di una costruzione artificiale, di uno schema ra­
zionale che non può rappresentare la varietà e la ricchezza del reale.

L’e s ig e n z a di un m e to d o c h e “fa c c ia p a rla re ”


la n atu ra
La natura non si rivela f àcilmente né spontaneamente, ma va interpre­
tata, stimolata e messa alla prova. Se il filosof ò deduttivo, simboleggia­
to dal ragno, non è in grado di farci scoprire fatti nuovi sul mondo,
neppure ci può soddisf are la ricerca dell’uomo “empirico”, il quale, co­
me la f òrmica, accumula dati senza filtrarli criticamente né elaborarli.
In altre parole, come non ci serve la logica astratta, così è insufficiente
il puro e semplice metodo empirico, che registra osservazioni in m o­
do casuale e indiscriminato. Di qui la conclusione che l’osservazione
della natura è importante, ma deve essere condotta con metodo: oc­
corre mettere alla prova la natura, interrogarla e obbligarla a darci ri­
sposte utili. Insomma, il sistema per capire e costringere la natura a ri­
velarsi è il metodo induttivo: «Alle scienze è necessaria un’induzione
di f orma tale da risolvere e analizzare l’esperienza e concludere neces­
sariamente mediante legittime esclusioni ed eliminazioni» {ivi, p. 535).
Non il ragno né la f òrmica, dunque, ma l’ape rappresenta la nuova
metafora della ricerca: essa, infatti, succhia il nettare dai fiori su cui
si posa (ossia osserva e raccoglie), ma poi produce il miele, cioè qual­
cosa di nuovo e originale. All’induzione com’era stata concepita da
Aristotele, consistente nell’«enumerazione completa» dei fenomeni,
Bacone contrappone una «nuova induzione», fondata sull’ esperi­
mento e capace di operare legittime eliminazioni.
IO C apitolo 1 Le c a ra tte ris tic h e d ell’ induzione

5 La rifondazione m oderna dell’induzione

D all’e s p e rie n z a all’e s p e rim e n to


Come abbiamo visto, per Bacone l’intera costruzione logica di A ri­
stotele e, ancor più, degli aristotelici e degli scolastici, va demolita. A
suo avviso, da una parte - cioè per quanto riguarda il ragionamento
deduttivo - gli antichi peccavano di astrattismo, dall’ altra - cioè per
quanto concerne il loro m etodo induttivo - concedevano troppo alla
realtà, erano troppo dipendenti dai fatti, verso cui non riuscivano a
esercitare l’indispensabile vaglio critico.
La vaga nozione di “esperienza” deve cedere il posto al vero metodo
scientifico, che si f onda sull’esperimento, cioè sulla f ormulazione di
ipotesi circostanziate e suffragate da una «collezione ordinata di fat­
ti», e sulla loro verifica empirica. Un nuovo edificio logico deve esse­
re eretto: un sistema che non si pongapiù l’obiettivo di insegnare agli
uomini come argomentare, m a come progredire nella conoscenza e
nella sua applicazione.
Per Bacone tale edificio deve essere costruito innanzitutto sconfig­
gendo «l’informazione ingannevole e fallace offerta dal senso»:

l’osservazione poco accurata, ineguale e procedente a caso; la tradi­


zione vana e derivante da voci popolari; la pratica servilmente inten­
ta alle opere; e finalmente la storia naturale superficiale e povera
[che] ha fornito all’intelletto [...] un materiale corrottissimo.
(F. Bacone, Instaurano magna, in Scritti filosofici, cit., p. 538)

L’intreccio di o ss erv azio n e e riflessione


Qual è dunque il fondamento del metodo induttivo proposto da B a ­
cone? Secondo il filosof ò occorre innanzitutto partire da un materia­
le idoneo, cioè conferire ordine e criterio alla raccolta delle osser­
vazioni; è infatti inutile «pulire lo specchio» (quindi, dal punto di
vista di Bacone, affrancarsi dalla credenza nella magia, dai falsi pre­
giudizi dell’opinione com une e dalle filosofie del passato), se poi le
immagini su cui si riflette sono caotiche e confuse. Per quanto riguar­
da l’oggetto dell’indagine, bisogna preparare una «storia non solo

Lessico filo so fico _________


esperimento scientifico esso richiede la riproduzione di
L’esperim ento è la realizzazione di una un fenom eno naturale In laboratorio o In
prova empirica con cui si intende convali­ condizioni ambientali ben determ inate e
dare o confutare u n ’Ipotesi. In am bito controllabili.
5 La rifondazione moderna dell’induzione 11

della natura libera e sciolta (che fluisce cioè spontaneamente e porta


avanti l’opera sua)», m a principalmente «una storia della natura co­
stretta e tormentata, che è cioè rim ossa a forza dal suo stato ordina­
rio, e premuta e forgiata mediante l’arte e il ministerio umano» {ivi,
p. 539). La natura delle cose, infatti, si rivela «più quando è vessata
dall’arte [l’esperimento] che quando è lasciata in libertà» {ivi). Non
basta dunque limitarsi alla semplice enumerazione dei casi in cui un
fenomeno è presente, m a occorre costruire la “storia naturale” di ta­
le fenom eno, coniugando l’osservazione e la riflessione sulle situa­
zioni in cui si è verificato, su quelle in cui non compare, sull’intensi­
tà con cui si manifesta ecc. Il nuovo edificio della conoscenza deve
unire m entalità em pirica e m entalità razionale, esperienza e teoria.
In un celebre aforisma del Novum Organum, tracciando la distinzio­
ne tra l’induzione aristotelica e la propria, Bacone scrive:

Entrambe le vie muovono dal senso e dai particolari e hanno term i­


ne nei principi più generali, ma differiscono enormemente fra loro:
l’una tocca appena di volo l’esperienza e i fatti particolari, l’altra vi si
sofferma con metodo e con ordine; lu n a stabilisce fin dall’inizio
principi generali astratti e inutili; l’altra assurge gradatamente alle
cose più note per natura.
(F. Bacone, Novum Organum, in Scritti filosofici, cit., aforisma 22, p. 556)

L’induzione baconiana va oltre la mera osservazione della natura,


procedendo a organizzare e interpretare razionalmente i dati raccol­
ti. Ciò che viene considerato in modo indefinito e vago f ornisce inf at­
ti informazioni fallaci e confuse. Alcuni, nota l’autore, riterranno in­
giuste le critiche ad Aristotele, dato che egli «ha com posto la sua
accurata Storia degli animali, alla quale altri hanno aggiunto molte
cose con maggior diligenza (anche se con strepito minore), mentre al­
tri ancora hanno poi scritto storie e copiose descrizioni delle piante,
dei metalli, dei fossili» {ivi, aforisma 98, p. 610). M a chi giudica in que­
sto modo non si rende conto del nuovo compito che ora compete alla
logica: «Una cosa infatti è una storia naturale che è composta per se
stessa; altra cosa è quella che è raccolta allo scopo di fornire all’intel­
letto le inf ormazioni atte a f ondare la filosofia» ( ivi). La vera differen­
za tra le due modalità di ricerca, conclude il filosofo, è che la prima
contiene una grande abbondanza di osservazioni sulla natura (le pian­
te e gli organismi viventi), ma è povera di esperimenti e quindi non
co n sen te co n clu sion i e anticipazioni utili in v ista della previsione dei
fenomeni e dell’utilizzo pratico delle conoscenze; la seconda invece
interpreta la natura alla luce dell’intelletto, dunque giunge a genera­
lizzazioni feconde per la scienza e per lo sviluppo della tecnica.
12 C apitolo 1 Le c a ra tte ris tic h e d e ll’ induzione

6 V erso il m e to d o scientifico

U na re g is trazio n e o rd in ata dei fen o m en i


Il procedimento di Bacone m ira a esaminare i fatti e a vagliare i dati
ottenuti mediante il metodo di esclusione. Se si indaga, ad esempio,
il fenomeno del calore, su cui Bacone si soffermò a lungo, bisogna in­
nanzitutto annotare tutti i casi in cui si constata la sua presenza; par­
tendo dal calore del Sole e della fiamma fino al calore dovuto allo sfre­
gamento dei corpi e al calore animale, Bacone ne registra ventisette.
Egli chiama tale raccolta «tavola delle assenze e delle presenze»: una
doppia tavola che comprende sia le circostanze in cui il fenomeno è
presente sia quelle in cui è assente. C ’è poi una terza tavola, che con­
fronta le variazioni di grado con cui il calore si manifesta, in senso cre­
scente o decrescente, dato che in alcuni corpi esso è più intenso, in al­
tri meno: si tratta della «tavola dei gradi o comparativa».

U n’ipotesi di sp ieg azio n e


Le tavole hanno il compito di dare ordine al materiale dell’indagine e
di permettere di avanzare una prima ipotesi (vindemiatio prima, lette­
ralmente “prima vendemmia”) circa la natura dell’oggetto studiato, che
deve poi essere sottoposta a verifica con maggiore attenzione. Così Ba­
cone riteneva si potesse giungere a compiere inferenze affidabili (che
possiamo chiamare “ipotesi”) per risalire alla causa dei fenomeni, os­
sia, nel nostro esempio, al movimento delle particelle dei corpi come
origine del calore. Ecco come Bacone argomenta la sua ipotesi:

In tutte le istanze e in ciascuna, la natura di cui il calore è una limita­


zione, sembra essere il movimento. Questo è soprattutto chiaro nella
fiamma che si muove sempre e nei liquidi riscaldati e bollenti che
anche si muovono sempre. E ciò si mostra anche nello sviluppo e
nell’aumento di calore che è provocato dal movimento come nei
mantici e nei venti. E lo stesso in altri modi di moto. Si vede anche
nell’estinzione del f uoco e del calore per qualunque fòrte compres­
sione che freni e fàccia cessare il movimento. Si vede anche in ciò, che
ogni corpo si distrugge o almeno si altera sensibilmente per qualsiasi
fuoco o calore fòrte e violento; sicché sembra evidente che dal calore
sorge un tumulto, perturbazione o fòrte movimento nelle parti inter­
ne del corpo, che a poco a poco tende alla sua dissoluzione.
(F. Bacone, Novum Organum, in Scritti filosofici, cit., pp. 681-682)

Le indicazioni m etodologiche di Bacone, ancora ingenue sotto


qualche aspetto (ad esempio nella sottovalutazione dello strumento
matematico, che invece rappresenta un’ altra grande conquista della
6 Verso il metodo scientifico 13

scienza moderna, come dimostra l’esempio di Galileo e di Newton),


sono un prim o passo im portante sulla via del m etodo scientifico.
La registrazione ordinata e razionale dei dati dell’osservazione, in­
fatti, è la base indispensabile per elaborare un approfondita ed esau­
stiva spiegazione degli eventi naturali.

METTITI alla PROVA


Identifica la tip o lo g ia dei se gu en ti ragionam enti, d istin g u e n d o quelli d ed uttivi da
quelli induttivi.
a. A Elisa non piacciono i quadri dei pittori astrattisti; Paul Klee è una figura eminente dell’astrat­
tismo; pertanto i quadri di Paul Klee non possono essere apprezzati da Elisa.
b. Mentre lavoravano agli scavi archeologici di una necropoli, Franco si è rotto il menisco, a Ele­
onora è stata rubata l’attrezzatura e Paolo, dopo un litigio con il sovraintendente, è stato eso­
nerato. I tre colleghi ne hanno dedotto che le necropoli sono funeste.
c. In ragione del fatto che:
- di alcune malattie infettive epidemiche, come ad esempio il vaiolo, da quando si usano i
vaccini non si registrano più casi
- grazie alle coperture vaccinali si segnala una diminuzione dell’incidenza di alcune malattie
tipiche dell’infanzia, come pertosse, morbillo e rosolia
- di recente è stata sperimentata l’efficacia di vaccini che prevengono malattie infettive con un
grave decorso clinico, come la meningite
il Ministero della Salute ha stabilito che alcune vaccinazioni debbano essere obbligatorie.
d. In genere, le abitazioni fornite di allarme antifurto non vengono scassinate; la mia abitazione è
provvista di un allarme antifurto, quindi è improbabile che venga presa di mira dai ladri.
e. Non si può coltivare un hobby se non si ha un po’ di tempo libero. In questo periodo dedico
tutto il mio tempo al lavoro, pertanto non posso coltivare un hobby.
f. Approfondite ricerche hanno dimostrato che il consumo di tabacco aumenta il rischio di con­
trarre tumori. Questo rischio è ancora maggiore se al consumo di tabacco si unisce quello
dell’alcol. Di conseguenza, per preservare un buono stato di salute è meglio non fare uso né di
tabacco né di alcol.
14

CAPITOLO 2

induttiva
e 1'"arte"
del pensiero

L a Logica di Port-Royal

I logici dell’età moderna, a partire da quelli di Port-Royal, hanno in ­


trodotto l’idea della logica non più soltanto come attività deduttiva
(o arte del sillogizzare), ma anche come “arte” del pensiero, che im ­
plica l’attività induttiva, ovvero la capacità di inferire una conclusio­
ne da un insieme di fatti o circostanze particolari.

II «disegno g en erale» d ella nuova logica


La Logica di Port-Royal dei due teologi giansenisti Antoine Arnauld
(1612-1694) ePierre Nicole (1625-1695), pubblicata a Pariginel 1662
con il titolo di Logica o arte del pensare, rimase a lungo il manuale uni­
versitario più seguito e utilizzato. L’importanza di tale opera risiede nel
suo carattere innovativo e anti-scolastico: Arnauld e Nicole, infatti,
pur riservando ancora qualche attenzione alla teoria sillogistica e sco­
lastica, intendono la logica non più come tecnica formale di costruzio­
ne dei ragionamenti deduttivi, m a come l’arte dellascoperta e dell’in­
venzione, cioè l’arte razionale di inferire conclusioni innovative ed
esplicative - anche se soltanto probabili - dei fenomeni, a partire da
premesse particolari e verificabili. Essi mirano a stabilire regole m eto­
dologiche utili ai fini della ricerca della verità e dell’estensione della
nostra conoscenza: un obiettivo comune alla scienza dell’età moderna.
Fin dal Primo discorso di tale opera, in cui si delinea il «disegno
generale» della nuova logica, gli autori precisano che non vi è nul­
la di più stimabile del «buon senso» (ossia della ragione) e del suo
uso corretto per discernere il vero dal falso: un tema condiviso dal
1 La Logica di Port-Royal 15

Discorso sul metodo (1637) di Cartesio (> manuale, Unità 3, p. 102).


Utilizzata in modo opportuno, la ragione serve infatti in tutte le cir­
costanze, e discriminare verità ed errore è importante sia nelle scien­
ze sia nelle situazioni della vita quotidiana:

Quasi in ogni campo vi sono delle strade diverse, le une vere e le altre
false, ed è compito della ragione fare la scelta. Scelgono bene coloro
che usano in modo giusto la loro intelligenza; operano una scelta sba­
gliata coloro che hanno un’intelligenza incapace di discernimento;
questa è la prima e più importante differenza che possiamo stabilire
tra le qualità intellettuali degli uomini.
(A. Arnauld - P. Nicole, La Logica o arte di pensare, in Grande antologia
filosofica, trad. it. di R. Crippa, Marzorati, Milano 1968, voi. IX, p. 944)

L’im p o rta n za del m e to d o


I logici di Port-Royal ritengono che l’arte di pensare non sia qualco­
sa che si possiede in modo spontaneo e naturale, m a qualcosa che si
deve apprendere. La logica richiede studio e m etodo: «Ci serviamo
della ragione come di uno strumento per possedere le scienze, e do­
vremmo invece servirci delle scienze come di uno strumento per per­
fezionare la ragione: la rettitudine dell’intelligenza è infatti infinita­
mente più importante di tutte le conoscenze speculative che possiamo
acquistare grazie alle scienze più veritiere e più solide» (ivi).
Il nostro maggiore impegno teorico, quindi, deve consistere nell’e-
ducare il pensiero, in modo da m etterlo in grado di giudicare retta-
mente; tutto deve essere subordinato a tale scopo. Ecco che cosa scri­
vono gli autori, elencando con acum e e puntigliosità un’ampia
casistica delle cause che possono indurre in errore l’intelletto:

Dappertutto incontriamo degli spiriti che non possiedono quasi nes­


sun discernimento della verità; che af frontano qualsiasi cosa dal pun­
to di vista sbagliato; che si appagano delle ragioni più errate e vogliono
convincerne gli altri; che si lasciano prendere dalle minime apparenze;
che cadono sempre negli eccessi e negli estremi; che non sanno tener­
si saldi nelle verità che conoscono perché sono legati ad esse più dal
caso che da una solida luce dell’evidenza; oppure che si ostinano tal­
mente su ciò che ritengono vero che non ascoltano nulla di quanto
potrebbe disingannarli; decidono con audacia su ciò che ignorano, su
ciò che non comprendono e che forse nessuno ha mai compreso; non
fanno nessuna distinzione tra discorso e discorso, o giudicano della
verità delle cose dal solo tono della voce; ha ragione colui che parla
facilmente e con gravità; colui che ha difficoltà a spiegarsi o che appa­
re accalorarsi troppo, ha torto; non sanno andare oltre nel loro sapere.
(A. Arnauld - P. Nicole, La logica o arte di pensare,
in Grande antologia filosofica, cit., voi. IX, p. 944)
16 C apitolo 2 L’a ttività induttiva e l’“ a rte ” del p e nsiero

La m aggior parte degli errori, dunque, dipende non dalla stupi­


dità degli uomini, m a dall’uso di un m etodo sbagliato o dall’assen­
za totale di qualsiasi m etodo: sono la «precipitazione dello spirito»
e la «mancanza di attenzione» a far sì che gli uomini «giudichino in
m aniera avventata su ciò che conoscono solo in form a confusa ed
oscura» (ivi, p. 945).
Secondo gli autori di Port-Royal gli uomini incorrono in due abi­
tudini tanto comuni quanto fuorvianti:
■ da un lato si affidano a credenze e opinioni non verificate, sulla
base delle quali giungono a conclusioni sbagliate;
■ dall’altro tendono ad assumere un atteggiam ento scettico, ne­
gando l’esistenza della verità e affermando la necessità di dubitare
di ogni cosa.
Si tratta di posizioni negative, aggravate dalla vanità e dalla pre­
sunzione, che im pediscono di valutare serenamente e umilmente,
sulla base dei fatti, le proprie conoscenze. Sebbene la convinzione di
possedere la verità e la negazione dell’esistenza di quest’ultima sem ­
brino atteggiamenti opposti, essi sono in realtà “sbandamenti intel­
lettuali” analoghi, che hanno un’origine comune: la m ancanza di re­
gole su cui fondare la ricerca della verità.

2 Il rifiuto della logica v u o ta e


fo rm alis tic a della trad izio n e

Le o perazio ni p e r c o n o s c e re in m o d o distinto
La logica tradizionale, deduttiva, essendo soltanto f ormale e dunque
non fondata sull’esperienza, non è in grado di farci evitare gli errori
né di farci procedere con sicurezza sulla via della verità. Nelle inten­
zioni dei suoi autori, la logica di Port-Royal, invece, è funzionale alla
conoscenza, in quanto è m etodologica: il suo oggetto non è costitui­
to dalla struttura del ragionamento o dai term ini del discorso (og­
getti rispettivamente della logica aristotelica e di quella medievale),
m a dalle operazioni che compie lo spirito nell’atto del pensare.
Queste operazioni sono:
■ concepire;
■ giudicare;
■ ragionare;
■ ordinare.
Vediamole in modo analitico.
Si definisce “concepire” «la semplice visione che noi abbiamo del­
le cose che si presentano alla nostra intelligenza, come quando ci rap-
2 II rifiuto della logica vuota e formalistica della tradizione 17

presentiamo un sole, una terra, un albero, un quadrato, il pensiero,


l’essere, senza f ormulare su di loro alcun giudizio espresso; e la forma
m ediante cui ci rappresentiamo queste cose si chiam a idea» {ivi,
p. 948). N el concepire, dunque, si ottiene l’ im m agine intuitiva delle
cose che si m ostrano alla n ostra mente in modo diretto, senza la
mediazione del ragionamento.
Si dice “giudicare”, poi, «l’atto del nostro intelletto, per cui, unen­
do insieme diverse idee, esso afferma dell’ una che è l’altra, o nega che
l’una sia l’altra, come quando, avendo l’idea della terra e l’idea del
rotondo, affermo che la terra è rotonda, o nego che essa sia rotonda»
{ivi). N ell’ attività del giudicare, dunque, l ’ in telletto stabilisce la
com patibilità tra un soggetto e il suo attributo, affermando o negan­
do una qualità (o proprietà) del soggetto medesimo.
Si dice “ragionare” «f uso del nostro intelletto, per cui questi formu­
la un giudizio da vari altri giudizi: come quando avendo giudicato che
la virtù deve venir riferita a Dio, e che la virtù dei pagani non gli era ri­
ferita, ne conclude che la virtù dei pagani non era una vera virtù» {ivi,
p. 949). Con il ragionamento siamo al momento culminante dell’attivi­
tà logica, perché in esso non si tratta di considerare le proposizioni sin­
golarmente (ossia nel rapporto del soggetto con il suo predicato, come
nel giudicare), ma di collegarle tra loro, mettendole in relazione e fa­
cendo inferenze in modo da ottenere una proposizione (o conclusione)
dal contenuto conoscitivo nuovo, più ampio e più generale.
Si dice “ordinare”, infine, «l’atto dell’intelletto con cui questi di­
spone nella f orm a più adatta per far conoscere un oggetto le varie
idee, giudizi, ragionamenti che possiede su tale oggetto, ad esempio
sul corpo umano. Ciò va anche sotto il nome di m etodo» {ivi), ter­
mine con cui gli autori intendono appunto il m odo in cui viene or­
ganizzato e ordinato il m ateriale conoscitivo al fine di ottenere una
conoscenza chiara e distinta.

Le re g o le del p en siero
Dal momento che la verità non sempre si m anifesta con evidenza,
ma deve essere ricercata attraverso il ragionamento, per procedere
con profitto sulla strada della conoscenza la mente umana ha biso­
gno di regole. Proprio a questo deve servire la logica: essa «è l’arte di
ben guidare la propria ragione nella conoscenza delle cose, sia per
istruire se stessi che per istruirne gli altri» {ivi, p. 946).
Gli autori di Port-Royal pongono alla base della nuova logica m e­
todologica le seguenti otto regole inferenziali:
1. definire sempre tutti i term ini oscuri o equivoci;
2. usare nelle definizioni solo termini perfettamente noti o già spiegati;
18 C apitolo 2 L’attività in d u ttiva e P“ a rte ” del p e n siero

3. accogliere come assiomi unicamente concetti evidenti;


4. accettare come evidente soltanto ciò che può essere riconosciuto
immediatamente come vero;
5. chiarire tutte le proposizioni oscure, impiegando a questo sco­
po definizioni già note, assiomi già accettati o proposizioni già
dimostrate;
6. non consentire mai l’equivocità dei termini, preoccupandosi di
circoscriverne o spiegarne il significato;
7. trattare le cose, per quanto è possibile, nel loro ordine naturale,
cominciando dalle più generali e più semplici e spiegando tutto
ciò che appartiene alla natura del genere prima di passare alle
specie particolari;
8. suddividere, per quanto è possibile, ogni genere in tutte le sue
specie, ogni insieme in tutte le sue parti e ogni difficoltà in tutti i
suoi casi.

3 John S tu a rt Mill e il S is t e m a d i lo g ic a
d e d u ttiv a e in d u ttiv a

Dagli in d iz i alle ipotesi


L’interesse p erle procedure metodologiche del pensiero e per l’infe­
renza induttiva si approfondisce e si rafforza nell’ Ottocento, con
Joh n Stu art M ill (1806-1873), secondo cui la logica è «la scienza che
tratta delle operazioni dell’ intelligenza umana nella ricerca della ve­
rità» ( J. S. Mill, Sistema di logica deduttiva e induttiva, in Scritti scelti,
a cura di F. Restaino, Principato, Milano 1969, p. 23). Rispetto a tale
fine ultimo, per Mill tutte le altre funzioni - la classificazione dei ter­
m ini e dei concetti, la loro definizione, l’analisi e la sintesi... - sono
secondarie; non è considerata compito principale della logica nem ­
meno la ricerca delle forme più efficaci di trasmissione dei pensieri,
cosa che riguarda la retorica o, più precisamente, la tecnica della co­
municazione. L’unico vero obiettivo della logica per Mill è stabilire
le regole del pensiero ottenendo il controllo delle operazioni che
possono condurci a compiere inferenze generali.
Sotto questo profilo essa ha molto in comune con l’ attività inve­
stigativa, la quale muove da indizi (spesso pochi e incerti) per avan­
zare ipotesi di spiegazione degli eventi indagati. Proprio come un
buon investigatore, il logico avveduto deve saper soppesare, analiz­
zare, controllare i dati, in una parola deve riuscire a interpretarli alla
luce della ragione.
3 John Stuart Mill e il Sistem a di logica deduttiva e induttiva 19

. J È c c o che cosa lo scrittore britannico Sir A rthur Conan Doyle I UNESEMPIOPRATICO


(1859-1930) fa dire a Sherlock Holmes nel Segno dei quattro :

La cosa è di una semplicità elementare; è così ridicolmente semplice


che ogni spiegazione è superflua. [...] L’osservazione mi dice che
sulla tomaia della sua scarpa c e una piccola impronta rossastra. Pro­
prio di fronte all’Ufficio Postale di Wigmore Street hanno buttato
all’aria il selciato e rimosso il terriccio in modo che è diff icile evitar­
lo nell’entrare. Quel terriccio è di una tinta rossastra inconfondibile
e lo si trova, per quel che ne so, solo in quelle parti della città. Questo
per quel che riguarda l’osservazione: il resto è deduzione.
(A. Conan Doyle, Il segno dei quattro, in L’Infallibile Sherlock Holmes,
Mondadori, Milano 1994, p. 134)

Il reperimento e l’analisi delle tracce, la scoperta degli indizi e la


formulazione di ipotesi devono essere considerati come strum enti
fondamentali nella ricerca della verità.

D ue strad e p e r c e rc a re la v e rità
Ora, quando parliamo di ricerca della verità lo facciamo almeno in
due sensi.iSe ho assistito personalmente a una rapina in banca e ho UNESEMPIOPRATICO
riconosciuto il malvivente che con la pistola ha minacciato il cassiere,
posso dire di conoscere la verità in modo diretto. In questo caso ho
coscienza diretta della verità e non ho bisogno di mettere in campo
processi inferenziali.;Come hanno sottolineato i logici, tali verità in­
tuitive sono le premesse originarie da cui vengono tratte tutte le altre
inferenze. Esse, dunque, non appartengono all’ambito della logica.
Ecco che cosa scrive M ill a proposito della conoscenza diretta:

Qualsiasi cosa sia nota a noi per via di coscienza, è nota oltre ogni
possibilità di dubbio. Quel che uno vede o sente, fisicamente o men­
talmente, non può non essere sicuro di vederlo o sentirlo. Nessuna
scienza è necessaria allo scopo di stabilire verità di tal genere [...].
(J. S . Mill, Sistema di logica deduttiva e induttiva, in Scritti scelti, cit., p. 24)

Consideriam o ora la seconda m odalità di ricerca della verità.


Riprendendo f esempio di prima, se non ho assistito di persona alla UNESEMPIOPRATICO
rapina e voglio conoscere chi sia l’aggressore del cassiere, lo devo in ­
ferire dalle testim onianze di chi era presente sul luogo del reato o
dalle tracce lasciate dal colpevole. Partendo da tali indizi, collegan­
doli opportunamente tra loro e con le altre conoscenze di fondo che
possiedo sul fatto, posso iniziare ad avanzare ipotesi, che devono es­
sere confermate da prove e verifiche. ;La logica induttiva procede in
20 C apito lo 2 L’attività induttiva e l’“ a rte ” del p e nsiero

modo analogo: da alcuni dati particolari, confermati dall’esperienza,


trae una conclusione che accresce la conoscenza iniziale, cioè la no­
stra informazione semantica. Questa espressione designa il conte­
nuto di informazione (o significato) di una proposizione, m a si deve
stare attenti a non confonderla con la verità: l’informazione semanti­
ca può infatti risultare falsa e l’induzione, di per sé, non ci offre garan­
zia della verità della conclusione, m a soltanto della sua probabilità.
Tuttavia, la logica suggerisce le regole perché possiamo compiere
inferenze valide, cioè procedere correttamente e legittimamente da
elementi noti (dati, percezioni o osservazioni) a una verità probabi­
le, più ampia e prima ignota. Ciò deve avvenire scientificamente, os­
sia secondo un procedimento rigoroso:

La logica non è la scienza della credenza, ma la scienza della prova o


evidenza. Nella misura in cui la credenza ammette di essere fondata
su prove, il compito della logica è di fornire un criterio per accertare
se la credenza è correttamente fondata o no. Con la pretesa che una
proposizione abbia di essere creduta sulla base della coscienza, cioè,
senza che ci sia evidenza nel senso proprio del termine, la logica non
ha nulla a che fare.
(J. S. Mill, Sistema di logica deduttiva e induttiva, in Scritti scelti, cit., p. 26)

La logica c o m e «scienza delle scienze»


Il com pito principale della logica è quello di stabilire se le relazio­
ni tra i dati, le ipotesi e le conclusioni sono corrette. In questo sen­
so la logica è «scienza delle scienze», lo strumento essenziale di cui
unesempiopraticoB nessuna scienza può fare a meno.lÉssa, ad esempio, non suggerisce
al m edico quali siano i sintomi dell’ influenza, che egli deve già co­
noscere in virtù del proprio studio specialistico, ma gli mostra come
collegare correttamente tali sintomi con il caso particolare che si tro­
va di fronte in vista dell’elaborazione di una diagnosi.:Dice Mill: la
logica «non insegna che un fatto particolare ne prova un altro, ma
indica a quali condizioni tutti i fatti debbano conformarsi affinché
possano provare altri fatti» {ivi, p. 27).

Lessico filo so fico _________


informazione semantica to ind uttivo allude a ll'Increm ento di c o ­
Questa espressione designa il co nte nu ­ noscenza che si verifica quando si p a s ­
to di inform azione (o significato) di una sa d alle p re m e s s e alla c o n c lu s io n e
proposizione. Nel caso del ragionam en­ (inferenza).
3 John Stuart Mill e il Sistem a di logica deduttiva e induttiva 21

Non solo la scienza, ma anche la vita quotidiana ha bisogno della


logica:

Trarre inferenze è il grande lavoro della vita. Ognuno ha bisogno,


ogni giorno, ora e momento, di accertare fatti che non ha osservato
direttamente; non per il f ine generale di arricchire la sua quantità di
conoscenze, ma perché quei fatti hanno importanza per i suoi inte­
ressi o le sue occupazioni.
(J. S. Mill, Sistema di logica deduttiva e induttiva,
in Scritti scelti, cit., pp. 26-27)

La vera difficoltà del ragionamento consiste nel compiere corret­


tamente l’inferenza, ossia nel passare da un contenuto informativo
dato a uno nuovo. Scrive ancora Mill:

Noi diciamo di un fatto o enunciato che è provato quando lo credia­


mo vero in ragione di qualche altro fatto o enunciato dal quale esso
è detto seguire. La maggior parte delle proposizioni, affermative o
negative, universali, particolari o singolari, che noi crediamo, non
vengono credute in base alla loro evidenza, ma a causa di qualcosa
precedentemente accettato, da cui quelle son dette essere inferite. In­
ferire una proposizione da una o più proposizioni precedenti, dare
credenza ad essa, o chiedere credenza per essa, in quanto conclusio­
ne di qualcos’altro, è ragionare, nel senso più ampio del termine.
(J. S. Mill, Sistema di logica deduttiva e induttiva, in Scritti scelti, cit., p. 40)

A riprova della condivisibilità di quanto sostenuto da M ill, pos­


siamo osservare che non sono m olti i casi di conoscenza per intui­
zione diretta che ci capita di riscontrare: la maggior parte del nostro
sapere trae origine da fonti e testimonianze indirette, che noi sele­
zioniamo, colleghiamo e organizziamo in una tram a più o meno co­
erente. Tutte le verità non evidenti, dunque, sono ottenute per in­
duzione o per interpretazione di induzioni; di qui il grande rilievo
teoretico e pratico-esistenziale della logica induttiva, dal momento
che è necessario scegliere correttam ente e in modo appropriato le
induzioni con cui costruire i n ostri ragionam enti.¡À d esempio, UNESEMPIOPRATICO
neÌÌ’ argomentare su una questione di fatto dubbia, la bravura dell’av­
vocato davanti a una giuria si misura sulla capacità o meno di conferire
agli indizi di cui dispone “il carattere” di prova sufficiente per sostenere
la propria tesi.jL’inventiva e l’abilità rivestono certamente una fun­
zione di rilievo rispetto agli obiettivi che si vogliono raggiungere, ma
n o n s o n o decisive: la conclusione dell’ argom entazione non potrà
che dipendere dalla validità delle induzioni compiute e, dunque, dal
fatto che il passaggio dagli indizi o dalle prove alla scoperta della
causa o dell’agente è stato condotto nel rispetto delle regole logiche.
22 C apito lo 2 L’attività induttiva e l’“ a rte ” del p e nsiero

canoni d ell’in feren za induttiva

Nel suo Sistema di logica deduttiva e induttiva Mill ha formulato cin­


que metodi validi dell’ inferenza induttiva; si tratta di criteri logici
di carattere intuitivo e semplice, ma efficaci e utili ancora oggi. Li il­
lustriamo con qualche esempio.

Il m e to d o d ella d iffe re n za
UNESEMPIOPRATICO ; Poniamo il caso di due lampade a olio identiche: mentre nella prima
I (A) abbiamo provveduto a mettere l’olio, nella seconda (B) non l’ab­
b iam o fatto. Proviamo ad accenderle con un fiammifero: la lampada
; A si accende, la B no. Possiamo concludere che, con un altissimo gra-
j do di probabilità, la mancanza di olio è la spiegazione (e la causa) dei-
ila m ancata illum inazione della lampada B.j Ragionando in questo
modo, secondo Mill, abbiamo applicato correttam ente il metodo o
criterio della differenza, che può essere esposto nel modo seguente:
se il caso in cui un fenom eno (effetto) investigato accade e quello
in cui non accade hanno tutte le circostanze in com une, tranne una,
quest’ u ltim a sarà la causa del mancato ottenimento dell’effetto.
Questo criterio è particolarmente indicato nell’individuazione delle
UNESEMPIOPRATICO cause delle malattie.: Citiam o ad esempio F esperimento che alcuni
ricercatori fecero per dimostrare come la febbre gialla, diffusa soprat­
tutto in Sudamerica e in Africa, fosse trasmessa dalle zanzare e non da
altri fattori. Infatti, un gruppo di persone che era stato rinchiuso in
stretta quarantena in una casa dove erano stati portati abiti e stoviglie
infetti, ma al riparo dalle zanzare, non contrasse l’infezione. L’assenza
degli insetti (in presenza di materiale infetto) era l’elemento che diffe­
renziava la situazione dell’esperimento da quella in cui si era verificato
un contagio.

Il m e to d o d ella co n c o rd a n za
Un altro m etodo è quello della concordanza, in virtù del quale, se tut­
ti i casi del fenomeno indagato hanno solo una circostanza in comu-
unesempio praticoA ne, tale circostanza è la causa del fenomeno dato.jSe alcuni allievi dii
¡un istituto scolastico presentano il medesimo disturbo di stomaco do- j
■pò aver mangiato tutti il medesimo dolce alla mensa comune, mentre;
; altri allievi, nella stessa circostanza e alla stessa tavola, non lo hanno;
imangiato e non accusano disturbi, pur avendo adoperato le stoviglie;
; fornite dalla scuola e mangiato le altre portate come gli studenti col-;
.¡piti dal malore, si può legittimamente inferire che il dolce sia stato lai
; causa di quest’ultimo.
4 I canoni dell’inferenza induttiva 23

Il m e to d o congiunto d ella c o n c o rd a n za
e d ella d iffe ren za
A ben vedere, abbiamo adoperato non solo il m etodo della concor­
danza, ma anche quello della differenza, perché abbiamo riscontrato
che il gruppo che non ha mangiato il dolce non ha accusato il mal di
stomaco. In tal modo si ottiene uno schema di inferenza molto effi­
cace, ch eM ill classifica com e terzo criterio: il metodo congiunto del­
la concordanza e della differenza.

Il m eto d o dei residui


Il quarto metodo, denominato metodo dei residui, consiste nel sot­
trarre da un fenom eno quella parte che, in virtù di precedenti in ­
duzioni, sappiamo essere l’ effetto di determ inati antecedenti che ci
sono noti: il residuo del fenomeno sarà l ’effetto degli antecedenti che
rimangono. ;Un esempio di tale procedimento è il metodo impiegato UNESEMPIOPRATICO
iih’tempo per calcolare la quantità di m erce caricata su un camion.
L’autocarro veniva pesato da vuoto (antecedente noto) e poi nuova­
mente quando era carico; si sottraeva, poi, al peso del camion carico
quello da vuoto: la differenza rappresentava il peso della merce. La cau­
sa della differenza tra i due pesi - ossia tra la lettura del peso f inale e
quella iniziale (l’antecedente noto) - è evidentemente attribuibile al
carico. Quest’ultimo costituisce il valore “residuo” tra i due fenomeni.

Il m e to d o d elle variazioni con co m itan ti


L’ultimo metodo di Mili è denominato metodo delle variazioni con­
comitanti e consiste nella legge secondo cui al variare di un fenom e­
no Y si avrà la variazione di un altro fenom eno collegato “y”. Es­
so risulta di larga applicazione sia nella scienza sia nell’esperienza
quotidiana. Ad esempio, nel cam po sanitario si è osservato un rap­
porto stretto fra l’alimentazione e l’insorgenza (o la prevenzione) di
alcune malattie.; Si prenda il caso della variazione concomitante fra UNESEMPIOPRATICO
l’ abitudine a cibarsi di pesce e la significativa riduzione nella fre­
quenza degli attacchi cardiaci. Da tale osservazione l’Organizzazione
Mondiale della Sanità è giunta alla conclusione che un pranzo a base
di pesce alla settimana riduce fino al cinquanta per cento il rischio di
attacco cardiaco. ;Nel campo deÜ’econ mia questo metodo è molto
applicato: ad esempio, è attestabile l’incidenza della pubblicità sul
tasso di incremento delle vendite di un prodotto. La legge della va­
riazione concomitante si verifica anche in negativo, quando ad esem­
pio alla crescita nella disponibilità di un bene (il petrolio greggio)
corrisponde la diminuzione del suo prezzo.
ZA C apitolo 2 L’a ttività induttiva e l’“ a rte ” del p e nsiero

Naturalmente, da tale legge dobbiamo escludere quelle che sono


semplici coincidenze e non vere e proprie cause. Il seguente esempio
bizzarro - riportato da Irving M. Copi e Cari Cohen nell’Introduzio­
ne alla logica - non è però una coincidenza fortuita:

Uno studio recente [gli autori scrivono riferendosi a un’indagine del


1991] ha rivelato che c e un alto grado di correlazione tra il numero di
cicogne che fanno il nido nei villaggi inglesi e il numero dei bambini
nati in ciascuno di quei villaggi: più cicogne più nascite. Di sicuro non è
possibile che... No, non è possibile. Le comunità con un’alta natalità
hanno un maggior numero di coppie sposate da poco, e pertanto un
maggior numero di case appena costruite. Le cicogne, così risulta, pre­
feriscono costruirsi il nido sui camini che non sono stati usati in prece­
denza da altre cicogne. Risalendo le catene causali dei fenomeni che
variano in modo concomitante possiamo trovare legami comuni, che è
ciò che intende Mill quando dice che possono essere «connessi median­
te un qualche fatto di causazione». Siccome il metodo delle variazioni
concomitanti permette di prendere in considerazione, in evidenza, va­
riazioni nel grado in cui circostanze e fenomeni si presentano, esso è un
importante arricchimento del nostro insieme di tecniche induttive.
(I. M. Copi - C. Cohen, Introduzione alla logica,
a cura di G. Lolli, Il Mulino, Bologna 1999, p. 512)

rìfitncli riell’intfirffirenza

1) metodo il fattore o la circostanza, la cui assenza distingue


della differenza tutti i casi In cui II fenomeno che si sta Indagando
accade da quelli In cui non accade, è probabilmente
la causa, o parte della causa, di quel fenomeno

2) metodo della il fattore o la circostanza, comune a tutti


concordanza I casi riscontrati nell’analisi del fenomeno che
si sta Indagando, è probabilmente la causa
di quel fenomeno

3) metodo congiunto la combinazione, nella stessa Indagine, del metodo


della concordanza della concordanza e del metodo della differenza
e della differenza conferisce una maggiore probabilità alla conclusione
Induttiva

4) metodo la causa di un fenomeno viene Individuata


dei residui sottraendo dal fenomeno stesso quella parte che,
In virtù di precedenti induzioni, si sa essere l’effetto
di determinati antecedenti noti

5) metodo quando le variazioni di un fenomeno sono altamen­


delle variazioni te correlate con le variazioni di un altro fenomeno, è
concomitanti probabile che uno dei due sia la causa dell’altro,
oppure essi possono essere Intesi quali prodotti di
un terzo fattore che è causa di entrambi
Mettiti alla prova 25

METTITI alla PROVA


1. S ulla b a s e del n u o v o m e to d o In d ic a to d a g li a u to ri di P o rt-R o y a l, In d ic a a q u a le d e lle
o p e ra z io n i d a lo ro s u g g e rite p e r p ro c e d e re c o n s ic u re z z a s u lla v ia d e lla v e rità
c o rris p o n d o n o I s e g u e n ti p a s s a g g i logici.
a. Avendo giudicato che il movimento appartiene all’essere umano e che la pietra non è dotata di
movimento, concludo che la pietra non è un essere umano.
b. Senza formulare alcun giudizio esplicito su di esso, mi rappresento l’Idea del movimento, a
partire dalla semplice visione che ricavo dalla mia esperienza.
c. Affermo che l’uomo è un essere dotato di movimento, mentre nego che lo sla la pietra.

2. A n a lizza i s e g u e n ti a rg o m e n ti in d u ttiv i e in d ic a q u a li m e to d i di M ill s o n o u s a ti in


c ia s c u n c a s o .
a. Blaise Pascal (1623-1662) dimostrò “per induzione’’, che l’aria pesa: è ben noto - egli osserva
nel Trattato sulla pesantezza della massa dell’aria, scritto nel 1654, da cui traiamo liberamente
la seguente argomentazione - che un pallone è più pesante quando è gonfio rispetto a quando
è vuoto. Ciò prova che l’aria è pesante, perché, se essa non avesse peso, quanto più II pallone
venisse gonfiato, tanto più sarebbe leggero, in quanto conterrebbe più aria. Poiché, al contra­
rio, quanta più aria viene introdotta tanto più II tutto diviene pesante, ne consegue che ogni
parte ha un suo peso proprio e che, di conseguenza, l’aria ha un peso.
b. SI è scoperto che le frane e gli smottamenti risultano pressoché assenti in quelle zone che non
sono state soggette a un indiscriminato diboscamento e ad un’eccessiva cementificazione.
Infatti, dagli studi condotti su un determinato numero di aree a rischio, si è riscontrato che, a
parità delle altre condizioni ambientali, quelle in cui è presente una folta vegetazione sono più
protette nel corso di forti nubifragi.
c. Verso la fine del Medioevo, alcuni teologi (gli “scienziati” del tempo) convinsero il re di Francia
a permettere loro di fare un esperimento che era stato vietato dalla Chiesa. Così, pensarono di
calcolare il peso dell’anima di un criminale, pesandolo prima e dopo l’impiccagione, e giunse­
ro a formulare una risposta precisa: l’anima pesava un’oncia e mezzo.
d. Tutti i giorni, ad eccezione del mercoledì, dopo la scuola Pietro si allena con la sua squadra di
basket. Nonostante studi con impegno, è raro che non gli rimangano compiti da ultimare dopo
cena. Al termine del primo quadrimestre, Pietro constata che l’unico giorno della settimana in
cui non fa fatica a “carburare” In classe è il giovedì: dopo aver osservato che tutti I giorni in cui
ha dovuto studiare dopo cena ha giocato a basket nel pomeriggio, mentre neH’unica sera in
cui non c ’erano allenamenti non si è “allungato” con i compiti, conclude che il basket Interferi­
sce con la sua attività scolastica.
e. Carola ripete con insistenza da tempo: «Se si vogliono evitare danni alla pelle, quando si va in
montagna è indispensabile spalmarsi la crema solare sulle parti del corpo che rimangono
esposte al sole. Mio fratello, la sua fidanzata e i loro amici sprovveduti tornano sempre con
l’eritema solare dalle loro escursioni: nessuno di loro mette la crema».
26

CAPITOLO 3

e analogia
Il rag io n a m e n to analo gico

Le “a s p e tta tiv e ” d ella vita quotidiana


L’analogia è alla base di molti ragionamenti di tipo induttivo che
unesempio pratico compiamo nella nostra vita quotidiana.Ili mio nuovo computer, ad:
jesempio, è della stessa marca di quello che avevo acquistato la prima;
Evolta, ormai tanti anni fa, seguendo il consiglio di un amico di cui mi:
Ifidavo: era affidabile, robusto e aveva un costo ragionevole. Da allora;
;l’ho sostituito varie volte senza mai cambiare marca. La scelta è statai
: motivata dall’inferenza analogica: se nel passato io e il mio amico ci;
; siamo sempre trovati bene con un pc di una marca particolare, è ra-i
Igionevole im m aginare che anche in futuro saremo soddisfatti di;
; quella stessa marca.¡Moltissime altre volte nella vita ci capita di for­
mulare un ragionamento simile, che è un ragionamento per analogia:
a proposito dell’acquisto dell’automobile o delle scarpe, del televisore
o, addirittura, del romanzo o del libro di poesie da leggere o regalare
a Natale (in quest’ultimo caso ci fidiamo dell’autore che abbiamo im ­
parato a conoscere e apprezzare per i libri pubblicati in precedenza).

U na definizione di “a n a lo g ia ”
Se riflettiamo sugli esempi sopra riportati, troviamo che in tutti ab­
biamo colto una somiglianza tra due o più aspetti di determinati

Lessico filosofico
inferenza analogica tra oggetti e situazioni di cui abbiamo già
L’inferenza analogica è un ragionamento avuto esperienza; essa, dunque, legittima
che spiega la relazione tra oggetti o situa- una certa ragionevole “anticipazione” di
zioni nuovi mediante una relazione simile ciò che possiamo riscontrare nel futuro.
2 Gli usi dell’analogia 27

oggetti o situazioni. La nostra esperienza passata ha dato ripetute


conferme di questi aspetti, e dunque possiamo ragionevolmente in ­
ferire che sarà così anche in futuro per quanto riguarda oggetti o si­
tuazioni simili. L’analogia quindi è una somiglianza, o meglio una
“somiglianza di rapporto” o, ancora, una “similitudine di struttura”:
noi paragoniamo tra loro non tanto due oggetti (i vecchi computer e
quello da acquistare), ma il rapporto qualità-prezzo dei pc di una de­
terminata marca acquistati nel passato e quello del pc della medesi­
ma marca che intendiamo comprare e che, speriamo, avrà lo stesso
rendimento soddisfacente.

2 Gli usi d e ll’analo gia

D efinita l’analogia, possiamo ora passare a considerarne i due usi


principali:
■ l’uso letterario, detto anche “metafòrico” o “illustrativo”;
■ l’uso argomentativo, che permette di realizzare inferenze indut­
tive nei ragionamenti quotidiani, ma di cui si serve molto spesso
anche il discorso scientifico.

L’uso “m e ta fo ric o ” o “illustrativo”


L’uso letterario dell’analogia, diffuso nei testi narrativi o poetici ma
anche in quelli f ilosofici e scientifici, è fondamentale per def inire il
“campo metafòrico”, che ha la f unzione di alludere, con immagini ed
esempi noti (o di senso com une), a concetti e idee più profondi o
meno evidenti. L’analogia costituisce un potente mezzo espressivo
per lo scrittore e il poeta. Si può dire che gran parte del valore di
un’opera risieda proprio nell’uso consapevole e sapiente delle analo­
gie, delle metafore e delle similitudini.
Meno scontata è invece l’applicazione in chiave esemplificativa o
illustrativa dell’ analogia che incontriam o nei testi f ilosofici e scien­
tifici. Certo, f ilosofi e scienziati hanno attinto anch’ essi con abbon­
danza - i f ilosofi in particolare - all’immenso patrimonio delle m eta­
fore e similitudini, con un intento non dimostrativo né argomentativo,
ma per rendere più agevole la comprensione di concetti difficili.
Le opere di Cartesio sono a tal proposito estremamente illuminanti.
Il suo celebre Discorso sul metodo è sapientemente intessuto di meta­
fore e analogie, che si intrecciano con le notizie autobiografiche e i
concetti del nuovo m etodo. -Air inizio delia seconda parte del Discorso, UNESEMPIOPRATICO
ad esempio, quando il filosofo comincia a demolire il vecchio edificio
della filosofia scolastica per costruire il nuovo sistema incentrato
28 Capitolo 3 Induzione e analogia

sul cogito, incontriam o un’ efficace m etafora, rip resa dal cam po
dell’ edilizia:

Presi a considerare che spesso non si dà tanta perfezione nelle opere


composte da parecchie parti e costruite dalla mano di differenti m a­
estri quanta in quelle alle quali uno solo ha lavorato. Così si vede che
le costruzioni iniziate e concluse da un solo architetto sono di solito
più belle e ordinate meglio di quelle che molti hanno cercato di ri­
strutturare, servendosi di vecchi muri che erano stati costruiti per
altri fini. Così quelle città antiche che all’inizio erano solo dei borghi
e poi successivamente sono divenute delle grandi città, sono per lo
più così disordinate, in confronto a quelle piazze regolari che un in­
gegnere progetta seguendo la propria ispirazione in una pianura. E se
anche i singoli edifìci, presi uno ad uno, presentano uguale o maggio­
re arte di quelli delle suddette piazze regolari, tuttavia a vedere come
sono disposte, uno grande qua, uno piccolo là, e come essi rendono
le strade curve e ineguali, si finirà per pensare che sono stati così di­
sposti dal caso anziché dalla volontà di un uomo dotato di ragione.
E se si considera poi che in ogni tempo ci sono stati dei funzionari
incaricati di sorvegliare le costruzioni private per farle servire al
pubblico abbellimento, si capirà bene che non è facile fare delle cose
pienamente soddisfacenti lavorando solo sulle opere altrui.
(Cartesio, Discorso sul metodo, II, 1, in E. Lojacono - D. Massaro,
Tra utopia e realtà. Il progetto metodico di Descartes dalle “Regulae”
ai “Principia”, Loffredo, Napoli 1996, pp. 63-64)

In questo testo è rintracciabile un doppio livello espositivo:


■ il livello razionale, il più profondo, che costituisce il f ilo rosso che
attraversa tutta l’opera e tende a motivare la necessità del nuovo
metodo nella ricerca della verità;
■ il livello delle immagini, più visibile ed evidente, che stabilisce
continue connessioni di significato tra i dati dell’esperienza e la
verità filosofica. Per quanto quest’ultimo livello, di carattere il­
lustrativo, non abbia funzione dimostrativa, concorre tuttavia
fortemente alla struttura argomentativa e concettuale dell’opera,
facilitando la com prensione del lettore.
Le metafore usate dai filosofi, quindi, sono utili sul piano concet­
tuale, perché m ettono in relazione il livello superf iciale, cioè la parte
nota e familiare dell’ esperienza, con quello meno noto e meno f ami­
liare della teoria, e innescano meccanismi mentali creativi a partire
dall’accostamento di aspetti diversi della realtà. Insomma, le m eta­
fore non hanno m ai solo un significato retorico o illustrativo: sono
anche produttive di nuove connessioni di senso e, dunque, sempre
anche fonte di conoscenza.
3 Lo s c h e m a g e n e ra le d ell’a n alo g ia 29

Esse rivestono una funzione simile nel campo del discorso scien-
tifìco.;Ad esempio, il paragone tra le onde sonore e quelle dell’acqua I UNESEMPIOPRATICO
non è soltanto un esemplificazione didattica, ma suggerisce anche un
modello teorico per avere un idea di quanto succede quando le onde
sonore si scontrano fra loro o colpiscono una superficie solida (si
pensi allo scoglio contro cui si infrangono le onde del m are).;Per
chiarire ulteriormente fu so scientifico dell’analogia possiamo citare
il paragone tra la Terra e una nave in movimento che Galileo ado­
però per sostenere la teoria copernicana. Laddove i suoi oppositori
dimostravano l’im m obilità della Terra affermando che un oggetto
lanciato da una torre cade al suolo perpendicolarmente, Galileo ar­
gomentava nel modo seguente: se un sasso viene fatto precipitare dal­
la cima di un pennone di una nave in movimento, esso cade alla sua
base, proprio come quello lanciato dalla torre. In questo caso l’ana­
logia è più di una m etafora letteraria, perché stabilisce una somi­
glianza di rapporto che conduce a una conclusione scientifica; dun­
que, siamo già rinviati al secondo uso dell’ analogia, quello che
supporta un ragionamento induttivo.

L’uso a rg o m e n ta tiv o
L’uso argomentativo dell’ analogia ha una funzione importante in di­
verse discipline, come ad esempio la giurisprudenza, che molto spes­
so fonda le sue inferenze induttive proprio su ragionamenti analogi­
ci estremamente rigorosi.
Nella prassi giuridica anglosassone, in cui nel dibattimento dei
casi il confronto con le sentenze precedenti assume un ruolo predo­
m inante rispetto al ricorso alla legislazione codificata, gli avvocati
utilizzano con molta frequenza l’analogia; se quindi, ad esempio, in
passato si è riconosciuto il diritto al risarcimento per i famigliari del­
le vittime di un disastro ambientale, ne consegue che tale risarcimen­
to potrà essere richiesto anche per altri casi analoghi.

3 Lo sch em a g e n e ra le d ell’an alo gia

Poiché l’inferenza analogica si basa sulla somiglianza di due o più


oggetti, per giungere a inferire la presenza di proprietà in comune è
n ecessario ch e si stabilisca con rigore q u an do l’inferen za è legittim a.
Ed è appunto quello che cercherem o di fare, dopo aver indicato lo
schema generale dell’ inferenza analogica.
30 C apito lo 3 Induzione e analogia

Se a, b, c, d sono entità e P, Q e R sono proprietà, la form a di un


argom ento analogico è la seguente:
■ a, b, c, d hanno le proprietà P e Q;
■ a, b, c hanno la proprietà R;
■ quindi probabilm ente d ha la proprietà R.
UNESEMPIOPRATICOM •Un esempio, che desumiamo da introduzione alla logica di Irving!
M. Copi e Cari Cohen, potrà illustrare meglio l’argomento:

Un uomo - si legge in un testo del Settecento - non dovrebbe darsi;


importanza per il fatto di essere più saggio di una donna, se egli deve!
il suo vantaggio a una migliore istruzione, non più di quanto do-!
vrebbe vantarsi del suo coraggio per aver picchiato un uomo con le!
mani legate [... ] l’analogia qui delineata è tra il picchiare un uomo !
quando le sue mani sono legate ed essere più saggio di una donna;
come conseguenza di una migliore istruzione, in quanto una delle!
due parti ha in entrambi i casi un enorme svantaggio. Nel primo!
caso, è chiaro che chi è in vantaggio non dovrebbe vantarsi del suo !
coraggio; nel secondo caso (è questa la conclusione dell’argomento), !
è ugualmente inappropriato per chi gode di un vantaggio simile!
vantarsi della sua relativa saggezza.
(M. Astell, An Essay in Defence ofthe Female Sex, 1721,:
in I . M . Copi - C . Cohen, Introduzione alla logica, !
a cura di G. Lolli, Il Mulino, Bologna 1999, p. 467) •

I criteri di validità d e ll’in fere n za


a n alo g ica

Passiamo ora ad analizzare i criteri di validità dell’inferenza analo­


gica. Naturalmente, si tratta di criteri in virtù dei quali l ’analogia vie­
ne a rivestire un certo grado di probabilità, perché - come abbiamo
sottolineato più volte nel corso della trattazione - l’induzione, a dif­
ferenza della deduzione, non è dotata di necessità logica, nel senso
che la sua conclusione non segue dalle premesse con necessità, ma
solo ed esclusivamente con probabilità.

Il prim o criterio
Il primo criterio da esaminare in riferimento all’induzione analogica
è il num ero dei casi su cui costruiam o l’ analogia. N ell’ esempio
dell’acquisto del computer riportato a p. 26, è evidente che, quanti
più casi di pc della marca prescelta abbiamo avuto modo di esamina­
re, tanto più saremo sicuri che il nuovo acquisto potrà confermare la
previsione. Se la previsione si basasse su pochi casi o su uno soltanto,
avrebbe una minore probabilità di essere corretta.
4 I criteri di validità dell’inferenza analogica 31

Il s e c o n d o criterio
Il secondo criterio da prendere in considerazione riguarda le carat­
teristiche che rendono gli oggetti o le situazioni analoghi. Nell’e-
sempio del computer, la probabilità che la nostra previsione si verifi­
chi è tanto più alta quanto maggiori sono gli elementi omogenei tra
i casi messi in relazione, cioè se analoghi sono non soltanto la marca
e il prezzo dei PC confrontati, ma anche il tipo, le caratteristiche tec­
niche ecc.

Il te rz o criterio
Il terzo criterio si riferisce al numero di aspetti per cui gli oggetti sono
considerati analoghi: se il pc dell’esempio si è rivelato valido in molti
e diversificati m ercati - in Italia, in Francia, in Inghilterra, in Spa­
gna e poi in America, presso giovani e meno giovani, e dunque pres­
so un pubblico vasto e differenziato quanto a gusti e capacità in cam­
po inform atico - , è molto probabile che le m ie aspettative positive
non andranno disattese. Tale criterio risponde a una richiesta di ge­
neralizzazione che nell’analogia induttiva non può mai raggiungere
un livello di completezza assoluta, essendo pressoché infinite le situa­
zioni da tenere sotto controllo: si tratta di un criterio che potremmo
definire “test di universalizzazione debole”, cioè un parametro che
ha un valore limitato, più o meno attendibile a seconda della quanti­
tà di fattori presi in considerazione.

Il q u a rto criterio
Infine, il quarto criterio è quello della rilevanza degli aspetti esami­
nati. È forse il criterio più importante, perché un argomento potreb­
be basarsi anche su un solo caso di analogia per essere convincente,
purché questo sia davvero rilevante e decisivo. Dunque, ancora in ri­
ferimento all’esempio precedente, per giudicare la validità del pc non
possiamo affidarci unicamente al design o al colore o a qualche aspetto
di secondaria im portanza, ma dobbiamo fare riferim ento all’ affi­
dabilità tecnica, alla potenza e alla funzionalità. Queste ultime ca­
ratteristiche, infatti, sono fondamentali in un computer ed è prin­
cipalm ente su di esse che dobbiamo basare le nostre valutazioni.
Allo stesso modo un dottore, per decidere se somministrare la stessa ■ UNESEMPIOPRATICO
medicina a pazienti af fetti dalla medesima patologia, deve tener con­
to del fatto che in passato essa ha avuto effetti benefici contro tale
malattia, e non del fatto che gli ammalati abitano nel medesimo quar­
tiere, calzano le stesse scarpe o prendono lo stesso autobus per recar­
si al lavoro.
32 Capitolo 3 Induzione e analogia

La disanalogia
M entre l’ analogia dà origine all’inferenza induttiva con una con ­
clusione probabile, la disanalogia o diversità, ossia l’ insorgere di
elementi rilevanti di differenza rispetto al caso in esame, costituisce
la principale tecnica di falsificazione dell’induzione analogica.
UNESEMPIOPRATICO■ Pertanto, se scopro che la marca del computer che sto per acquistare
è stata ritirata dal commercio a causa di un difetto di fabbricazione,
ne ricavo una differenza rilevante rispetto all’ esperienza precedente,
che annulla sostanzialmente la possibilità di avanzare una previsione
positiva.

5 L’im portanza d e ll’analogia


p e r lo sviluppo della scie n za

Dalla te rra al cielo


I filosofi ricorrono spesso all’ analogia. In particolare, Cartesio nei
Principi di filosofia argomenta le sue ipotesi sull’universo (il cielo e i
corpi celesti) muovendo dal comportamento dei corpi terrestri.
Questo fatto riveste un significato importante per lo sviluppo della
storia delle idee scientifiche: è infatti una vera e propria rivoluzione
riconoscere ai corpi celesti, prima ritenuti incorruttibili e divini, le
medesime caratteristiche dei corpi terrestri, corruttibili.
Inoltre, Cartesio attribuisce all’ analogia una tale fòrza dimostrati­
va da giungere a porla come base della costruzione di modelli fisici.
Egli spiega il movimento circolare della materia adoperando l’im m a­
gine del “vortice”, cioè il movimento a spirale che si crea ad esempio
nei torrenti in corrispondenza di una depressione del fondo. Più in
generale, i “modelli” cartesiani, a differenza di quelli attuali, non de­
rivano da elaborazioni matematiche, ma in genere sono tratti dall’e­
sperienza quotidiana: è infatti l’osservazione che permette di para­
gonare il moto dei pianeti a quello dei fluidi.

L’uniform ità delle leggi della n atu ra


Alla base della fisica cartesiana c’è dunque un’intuizione che ritrove­
remo altre volte nella scienza dell’ Ottocento e del Novecento, quella
dell’uniformità delle leggi naturali; a partire da tale presupposto si
può affermare che con ogni probabilità le particelle della materia che
si trovano, ad esempio, nel vortice celeste si comportano allo stesso
modo di quelle di un fenomeno che ci è dato osservare ogni giorno,
quale è appunto il mulinello di un torrente.
5 L’importanza dell’analogia per lo sviluppo della scienza 33

: Per esemplificare ulteriormente i concetti esposti, leggiamo il pas­ I UNESEMPIOPRATICO


so in cui Cartesio argomenta la sua tesi sul Sole, partendo dall’ ana­
logia con la fiamma:

In secondo luogo poiché il Sole ha questo in comune con le Stelle


Fisse e con la fiamma, di emettere autonomamente luce, stimiamo
pure che con la fiamma abbia in comune il movimento e con le Fisse
la posizione. È certo che qui, sulla terra, non osserviamo nulla che
sia più mobile della fiamma, tant’è che, posta vicino ad altri corpi, a
meno che essi non siano particolarmente solidi e duri, li dissolve in
particelle e li trascina con sé. Il moto della fiamma tuttavia avviene
solo secondo le parti, e di solito non si trasferisce tutfintero da un
luogo all’altro, a meno che non sia trasportato da qualche altro cor­
po cui aderisce; nello stesso modo possiamo anche stimare che il
Sole consti di una materia affatto fluida e mobile, che trascina via
con sé tutte le parti del cielo che lo attornia, ma nondimeno ha que­
sto in comune con le Stelle Fisse, che non migra da una parte all’altra
del cielo. Non si deve credere che il paragone tra il Sole e la fiamma
sia incongruo per il fatto che qui non osserviamo nessuna fiamma che
non abbisogni di alimentarsi senza sosta, mentre - come vediamo -
non è così per il Sole. Infatti, secondo le leggi di natura, la fiamma,
come qualsiasi altro corpo, una volta che esiste, continua sempre a
esistere, a meno che non venga distrutta da qualche causa esterna;
tuttavia, giacché è composta di materia massimamente fluida e m o­
bile, è continuamente diffusa qui sulla terra dalla materia che l’attor­
nia. Per questo deve alimentarsi, non perché si mantenga quella che
già esiste, ma soltanto perché, nel tempo stesso in cui si estingue, sia
sostituita da altra sempre rinnovantesi. Il Sole invece non è così di­
strutto dalle parti del cielo che lo circondano e - quindi - non ha
alcun bisogno di alimentarsi per ricostruirsi.
(Cartesio, Principi di filosofia, trad. it. di E. Lojacono,
in Opere filosofiche, u t e t , Torino 1994, voi. II, pp. 152-153)
34 Capitolo 3 Induzione e analogia

METTITI alla PROVA


1. D istin g u i nei s e g u e n ti brani le a n a lo g ie le tte ra rie d a q u e lle che h a n n o una fu n z io n e
a rg o m e n ta tiv a .

a. [Tutti i popoli onorano i saggi]: Per esempio, i Parii hanno onorato Archiloco anche se
blasfemo, e quelli di Chio, Omero, anche se non era loro concittadino, e quelli di Miti­
lene, Saffo anche se era una donna; e gli Spartani, Chilone [...] anche se essi non erano
per nulla amanti delle lettere.
(Aristotele, Retorica, II, 23, X, 1398b)

b. A dire anche una parola sulla dottrina di come dev’essere il mondo, la filosofia arriva
sempre troppo tardi. Come pensiero del mondo, essa appare per la prima volta nel
tempo, dopo che la realtà ha compiuto il suo processo di formazione ed è belle fatta.
[...] Quando la filosofia dipinge a chiaroscuro, allora un aspetto della vita è invecchia­
to, e, dal chiaroscuro, esso non si lascia ringiovanire, ma soltanto riconoscere: la notto­
la di Minerva inizia il suo volo sul f ar del crepuscolo.
(G. W. F. Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto,
a cura di F. Messineo - A. Plebe, Laterza, Bari 1965, p. 17)

c. La ruota, le molle, il meccanismo sono nascosti; d’un orologio non appare altro se non
la lancetta che insensibilmente si muove e compie il suo giro: immagine del cortigiano,
tanto più perfetta in quanto, dopo aver f atto abbastanza strada, ritorna al punto stesso
da cui è partito.
(J. de La Bruyère, I caratteri, trad. it. di G. Cecchini, u tet , Torino 1955, p. 235)
d. Invero, come qualcuno da una nave, in mezzo al mare, quando il tempo è calmo, guar­
di da lontano altre navi che mutano le loro posizioni, spesso può chiedersi a quale di
esse attribuire il moto da cui deriva tale cambiamento di posizione, e può pensare an­
che che possa dipendere dalla sua, così i moti dei Pianeti, osservati dalla Terra, appaio­
no in modo tale che, muovendo solo da quelli, è impossibile stabilire a quali corpi
debbano propriamente essere attribuiti.
(Cartesio, Principi di filosofia, in Opere filosofiche, cit., voi. II, pp. 149-150)

e. Possiamo osservare una grande somiglianza tra questa terra che noi abitiamo e gli altri
pianeti, Saturno, Giove, Marte, Venere e Mercurio. Essi girano tutti intorno al Sole,
come f a la terra, sebbene a distanze diverse e con periodi diversi. Ricevono tutti la loro
luce dal Sole, come la terra. Si sa che molti di essi girano intorno al loro asse come la
terra, devono avere quindi una simile successione del giorno e della notte. Alcuni di
essi hanno delle lune che servono a dare loro luce in assenza del Sole, come fa per noi
la nostra luna. Essi sono tutti, nel loro m oto, soggetti alla stessa legge di gravitazione,
come lo è la terra. Date tutte queste somiglianze, non è irragionevole pensare che questi
pianeti possano, come la nostra terra, essere abitati da vari ordini di creature viventi.
C e qualche probabilità che questa conclusione per analogia sia vera.
(T. Reid, Essays on thè Intellectual Powers ofMan, 1785,
in I. M. Copi - C. Cohen, Introduzione alla logica, cit., p. 464)
M e ttiti alla p ro v a 35

f. Immaginammo una statua organizzata internamente come noi, e animata da uno spi­
rito privo di ogni specie di idee. Supponemmo anche che l’esterno, tutto di m arm o, non
le permettesse l’uso di nessuno dei suoi sensi, e ci riservammo la libertà di aprirli, a
nostro arbitrio, alle differenti impressioni delle quali sono suscettibili.
Credemmo di dover cominciare con l’odorato, perché fra tutti i sensi è quello che sem­
bra contribuire di meno alle conoscenze dello spirito umano. Gli altri furono oggetto
delle nostre ricerche in seguito, e dopo averli considerati separatamente e insieme, ve­
demmo la statua diventare un animale, capace di vegliare sulla propria conservazione.
Il principio che determina lo sviluppo delle sue f acoltà è semplice, lo racchiudono le
stesse sensazioni: infatti, essendo tutte necessariamente piacevoli o spiacevoli, la statua
è interessata a godere delle une e a sottrarsi alle altre. Ora, ci si convincerà che questo
interesse basta per dar luogo alle operazioni deH’intelligenza e della volontà. Il giudizio,
la riflessione, i desideri, le passioni, ecc., sono soltanto la sensazione stessa che si tra­
sforma differentemente. Perciò ci è sembrato inutile supporre che l’anima derivi imme­
diatamente dalla natura tutte le f acoltà delle quali è dotata. La natura ci dà organi per
avvertirci col piacere di ciò che dobbiamo cercare e col dolore di ciò che dobbiamo
evitare. Ma si ferma là e lascia all’esperienza la cura di farci contrarre abitudini e di
terminare l’opera che ha cominciato [...].
(É. B. de Condillac, Opere, trad. it. di G.Viano, u tet , Torino 1976, pp. 341-342)

g. Supponiamo dunque che lo spirito sia per così dire un fòglio bianco, privo di ogni ca­
rattere, senza alcuna idea. In che modo verrà ad esserne fornito? Da dove proviene quel
vasto deposito che la f antasia industriosa e illimitata dell’uomo vi ha tracciato con una
varietà quasi infinita? Da dove si procura tutto il materiale della ragione e della cono­
scenza? Rispondo con una sola parola: dall’esperienza.
(J. Locke, Saggio sull’intelletto umano, a cura di M. e N. Abbagnano,
u t e t , Torino 1971, p. 133)

In d iv id u a i c rite ri d e ll’in fe re n z a a n a lo g ic a c h e non s o n o s ta ti ris p e tta ti nei


ra g io n a m e n ti s e g u e n ti.
a. Sono certa che a Cinzia piacerà moltissimo il bagnoschiuma idratante aH'aroma di bergamotto
che le ho comprato per Natale, perché è una grande estimatrice della marca che ho scelto.
b. Massimo ha trovato su un sito di vendite online un cavo che gli permetterebbe di collegare il
computer direttamente al televisore: sebbene sia un po’ rischioso acquistare un prodotto sen­
za poterlo visionare direttamente, Massimo procede sereno all'acquisto perché in una prece­
dente occasione analoga non ha avuto di che pentirsi.
c. Dopo l’ennesimo cortocircuito avvenuto nel mio palazzo, si vocifera che si tratti di un vero e
proprio sabotaggio ad opera di uno dei condomini. L'amministratore ha motivo di credere che
il colpevole sia il signore dell’ultimo piano perché ogni volta che succede il misfatto non ricam­
bia il suo saluto.
d. Un'iniziativa molto utile patrocinata dal nostro istituto scolastico è stata l'attivazione di corsi di
musicoterapia: quasi tutti i ragazzi che vi hanno partecipato ne hanno ricavato un profondo
beneficio. È evidente che si tratta di un metodo di indubbia efficacia che andrebbe esteso a
tutte le scuole del paese.
36

CAPITOLO 4

e causalità

Il p ro b le m a della c a u s a zio n e

Un concetto che riveste fondamentale importanza in relazione all’in­


ferenza induttiva è quello di causalità. Per la scienza, come per l’opi­
nione comune, tutto ciò che accade ha una causa, la quale rappresen­
ta la condizione del suo verificarsi. La causazione assume un duplice
significato, perché può intendersi:
■ in senso ontologico, con riferimento alla derivazione di un feno­
m eno da un altro;
■ in senso epistem ologico, con riferimento alla connessione che
noi postuliamo tra due eventi della realtà.
Nel primo caso si attribuisce alla causalità un valore oggettivo (in
sé), nel secondo un valore m etodologico (per noi).
In questo capitolo tratteremo il problema della causazione da en­
trambi i punti di vista, mostrando come la scienza si sia sempre posta
il problema del nesso tra causa ed effetto.

U n a definizione di “c a u s a ”
Poiché l’induzione si basa in larga misura sul principio di causalità,
cerchiamo innanzitutto di definire il concetto di “causa”: in linea ge­
nerale, essa è la condizione che provoca un determ inato effetto.

causa dove troviamo “eziologia” ad indicare ap­


Nel suo significato più generale, il termine punto l’insieme delle cause di una patolo­
“ca usa ” (di origine latina, che in greco gia) indica d ò da cui dipende l’essere di
corrisponde alla parola àìtìon, la cui radice una cosa o d ò a cui si può imputare ¡1ve­
si è conservata nella terminologia medica rificarsi di un evento.
1 II problema della causazione 37

Gli studiosi distinguono tra condizione necessaria e condizione


sufficiente del yerificarsi di un fenomeno.:Ad esempio, il fatto che io I UNESEMPIOPRATICO
sia iscritto all’esame di guida è condizione necessaria perché possa
prendere la patente, ma non sufficiente; perché tale evento accada
occorre che, oltre ad essermi iscritto, io passi l’esame. Allo stesso m o­
do, il fatto che siano stati stanziati fondi a favore delle popolazioni
colpite dal terremoto è condizione necessaria ma non sufficiente del­
la ricostruzione; perché si realizzi questa eventualità, oltre ai soldi,
servono un impegno concreto e progetti seri da parte delle istituzio­
ni e delle am ministrazioni locali.
Essendo il termine “causa” usato spesso in modo equivoco, per in­
tendere, cioè, ora la condizione necessaria ora quella sufficiente, è
opportuna molta cautela per evitare che la conf usione tra le due tipo­
logie di condizioni conduca ad argomentazioni fallaci.
Posta questa premessa, non possiamo fare a meno di riconoscere il
grande significato che riveste la ricerca delle cause. Ecco che cosa
scrive Mill: «Essendo il concetto di causa la radice dell’intera teoria
dell’induzione, è indispensabile che quest’idea, proprio all’inizio
dell’indagine, venga fissata e determinata con il massimo grado di
precisione» ( J. S. Mill, Sistema di logica deduttiva e induttiva, in Scrit­
tiscelti, a cura di F. Restaino, Principato, Milano 1969, p. 71). Pertanto,
è necessario secondo lui porre termine alle lunghe controversie fra le
scuole f ilosofiche circa l’origine e l’analisi dell’idea di causa. Fedele al
suo stile semplice e pragmatico, M ill chiarisce che la “sua” causa è da
intendersi come un fatto fisico, e non metafisico:

L’unica idea di una causa richiesta dalla teoria dell’induzione è un’idea


tale quale può essere acquisita dall’esperienza. La legge di causazione,
il riconoscimento della quale è il fondamento principale della scienza
induttiva, non è altro che la familiare verità che l’invariabilità di suc­
cessione si trova, tramite l’osservazione, tra ogni fatto della natura e
qualche altro fatto che l’ha preceduto, indipendentemente da tutte le
considerazioni riguardanti il modo ultimo di produzione dei fenome­
ni e da ogni altra questione relativa alla natura della “cosa in sé”.
(J. S. Mill, Sistema di logica deduttiva e induttiva,
in Scritti scelti, cit, p. 72)

Lessico filo sofico


condizione necessaria condizione sufficiente
È la condizione senza la quale un evento È una condizione tale che il suo accadere è
non può accadere. sufficiente per l’accadere di un altro evento.
38 Capitolo 4 Induzione e causalità

La le g g e universale della c a u sa zio n e


Mill rileva che a certi fatti succedono, e continueranno a succedere nel
f uturo, altri fatti determ inati; l’antecedente che non varia è def inito
“causa”, il conseguente similmente invariabile è def inito “effetto”. Da ciò
è possibile ricavare una legge universale della causazione, la quale af­
ferma che per ogni evento che si realizza c’è sempre qualche combina­
zione di oggetti o eventi che lo causa.
La f iducia nella presenza di una legge di causazione universale non
è però unanime nella storia della filosofia. Ad esempio, presso i G re­
ci il caso e la spontaneità erano riconosciuti come importanti fattori
agenti nella natura; al contrario, la scienza elabora i suoi concetti e le
sue leggi proprio f acendo affidamento sulla regolarità o uniform ità
del corso della natura, un principio che è posto anche da M ill alla
base del metodo induttivo. Senza questo presupposto, che è esso stes­
so f rutto di induzione e generalizzazione dell’ esperienza, non si po­
trebbe confidare in alcuna legge naturale.

2 D alle c a u s e alla c a u s a

A ristotele
F in dall’ antichità Aristotele, raccogliendo le idee di Platone e dell’Ac­
cademia, si era interessato al problema della connessione causale, che
appare come uno dei più spinosi della storia del pensiero scientifico
e filosofico. Alla scuola peripatetica si deve il principio - codificato
come tale dai logici medievali che si rifacevano ad Aristotele - om ne
q u o d m ovetur a b a lio m ovetur, “tutto ciò che si muove è mosso da
altro”, che costituisce il fondamento della dottrina della causalità. In
base a esso nulla può subire un cambiamento senza la presenza di una
causa che lo giustifichi. Aristotele aveva anche osservato come, per
spiegare tutti i possibili effetti che si producono nella realtà, non ba­
stasse ammettere un solo tipo di causa, ma occorresse riconoscerne
quattro: la causa materiale, la causa formale, la causa efficiente e la
causa f inale. Eccone una breve definizione:
■ la causa m ateriale è la m ateria di cui una cosa è costituita: se il
letto è fatto di metallo, sarà il metallo la sua causa materiale;
■ la causa form ale è la form a, la qualità o essenza della cosa; nel
nostro esempio, la forma compiuta del letto;
■ la causa efficiente o forza m otrice è, nel nostro caso, l’artigiano o
il mobiliere che ha costruito il letto;
■ la causa finale è lo scopo per cui il letto è stato realizzato.
3 L’empirismo contro il principio di causalità

Per Aristotele e per la filosofia medievale, la causa finale era con­


siderata la più im portante, perché rappresentava il senso dell’ intero
processo produttivo, ciò in vista del quale si creava qualcosa.

La scien za m o d e rn a
All’ alba dell’età moderna, con l’ avvento della rivoluzione scientifica,
fu proprio la causa finale, insieme a quella formale, a essere esclusa per
prima come principio esplicativo dei fenomeni, in quanto non suscet­
tibile di verifica sperimentale: l’essenza e il fine di un oggetto infatti
sono elementi non misurabili né quantif icabili. La causa materiale ven­
ne considerata ovvia, e quindi la sua indagine sostanzialmente inutile.
Non restava che la causa efficiente, la sola tra le quattro che potesse
essere espressa in term ini m atem atici e valutata empiricamente. Es­
sa, infatti, venne intesa com e un “evento”, in genere un movimento, o
come una “fòrza” o “energia” misurabile, controllabile e verif icabile.
Si deve a Galileo una delle più chiare formulazioni del concetto di
causalità. Lo scienziato pisano parla della causa efficiente come del­
la condizione necessaria e sufficiente perché qualcosa accada: “cau­
sa” è ciò a cui fa costantem ente seguito un effetto e la cui assenza
comporta la cessazione dell’effetto medesimo.

3 L’em pirism o c o n tro il principio


di c au salità

U n a congiunzione co s ta n te
Lo studio della relazione tra causa ed effetto in età moderna ha visto
l’impegno e il coinvolgimento di molti filosofi. Nell’ ambito dell’em ­
pirismo inglese del Settecento spicca la posizione di D avid Hume
( 1711 -1776), il quale intese la causalità com e connessione costante
di due fenom eni e non come derivazione di un fenomeno dall’altro.
Si tratta di una specif icazione importante, che, mentre restringe la
genericità del concetto di causa galileiano, approda a esiti scettici.
Precisiamo meglio la posizione di Hume. M entre Galileo vedeva
nel rapporto causale un nesso ontologico, oltre che metodologico, in
virtù del quale E (effetto) deriva da C (causa), Hume vi vede solo una
congiunzione costante. Si consideri la fòrmula seguente:
1. Se C, allora sem pre E.
Essa, f ino alla critica empirista, non aveva soltanto un significato
epistemologico (per noi), ma anche ontologico (per le cose stesse);
dopo H um e conserva unicam ente un significato epistemologico.
40 Capitolo 4 Induzione e causalità

La formula precedente si può anche esprimere più sinteticamente


grazie alla seguente simbolizzazione:
2. C - > E
Essa suppone la priorità della causa rispetto a ll’effetto e la co­
stanza della relazione: C precede sempre E e, se C ha luogo, ne con­
segue inevitabilmente E (da cui l’operatore “sempre”). Il nesso cau­
sale risulta, pertanto, asimmetrico (C ha la priorità su E) e necessario
(dato C, si darà sempre E).
L a novità della posizione d i Hume consiste nell’ aver messo in lu­
ce che il nesso causale C -> E non ha valore ontologico, ma è sempli­
cemente il frutto della nostra abitudine ad associare sempre C a E.
Si consideri infatti la proposizione seguente:
3. Se C, allora (e soltanto allora) sempre E.
Per Hume (e in genere per l’empirismo) tale proposizione enuncia
soltanto un’associazione estrinseca, dovuta all’intelletto umano. Il
nesso causale non dice nulla sulla natura produttiva di C, ma dice
m olto sulla nostra natura soggettiva, di persone che fondano la pro­
pria vita sull’ abitudine, in virtù della quale collegano sempre e co ­
stantemente E a C.

Un se m p lic e a n te c e d e n te
Rifacendoci a un esempio riportato da Hume, possiamo affermare
che la fiamma m i brucia la mano non perché in essa vi sia una forza
intrinseca che causi tale effetto, ma perché noi riscontriamo sempre
e costantemente che i due fenomeni sono l’uno antecedente dell’al­
tro. La causa si riduce quindi all’ antecedente e l ’effetto al conse­
guente, in una relazione che è di mera congiunzione costante. Tale
congiunzione è dotata del carattere non già della necessità, bensì del­
la probabilità. A tal proposito Hume scrive:

noi ci ricordiam o di aver avuto f requenti esempi dell’esistenza di


una specie di oggetti, e rammentiamo anche che certi esponenti di
un’altra specie di oggetti li hanno sempre accompagnati con una
regolarità costante di contiguità e successione. Così, ricordiamo di
aver visto quella specie di oggetto che chiamiamo fia m m a , e di aver
sentito quella specie di sensazione che chiamiamo calore. Noi ri­
cordiamo parimenti il loro costante congiungimento in tutti i casi
passati. Senza tante cerimonie chiamiamo la prima ca u sa e il se­
condo effetto, e inferiamo l’esistenza di questo dall’esistenza di
quella. In tutti i casi particolari di quel congiungimento, tanto la
causa quanto l’effetto furono percepiti dai sensi e insieme presenti
alla memoria. Ma quando ci m ettiamo a ragionare su essi, noi per-
4 Le critiche a Hume 41

cepiamo o ram m entiam o soltanto uno dei termini, e supponiamo


l’altro in conf orm ità dell’esperienza passata. Pian piano siamo così
arrivati a scoprire - quanto meno ce lo aspettavamo - una nuova
relazione fra causa ed effetto: la relazione, dico, di un congiungi­
mento costante.
(D. Hume, Trattato sulla natura umana, trad. it. di A. Carlini,
in Opere filosofiche, Laterza, Roma-Bari 1992, voi. I, pp. 102-103)

U na “m e ra ” co in cid en za
Secondo la dottrina humiana, empirista o fenomenista, la nostra co­
noscenza non va oltre i limiti dell’esperienza e in tali limiti non ci è
dato scorgere alcuna connessione intrinseca tra la causa e l’effetto.
Anche dopo Hume, i neo-empiristi hanno sempre considerato valida
la posizione del filosofo scozzese loro ispiratore e hanno ritenuto che
la causalità esprimesse soltanto una coincidenza invariabile, una
m era contiguità spaziale e tem porale. A questo punto è necessario
chiederci se la soluzione empirista sia soddisfacente o meno.

Le c ritic h e a H um e

La posizione di Hume nega alla causalità il carattere di “produtti­


vità”; in altre parole, egli sostiene che l’effetto non sia prodotto dalla
causa, ma che sia soltanto congiunto a essa con regolarità. Si tratta di
una dottrina che presta il fianco a varie critiche.

La d iffe re n za tra c a u s a zio n e e co rrela zio n e


Innanzitutto, risulta sbagliato - come osserva l’epistemologo argen­
tino Mario Bunge (nato nel 1 9 1 9 )- identificare la causazione con la
correlazione. I due bracci di una leva sono sempre associati tra loro,
eppure nessuno si sognerebbe di dire che li lega un nesso causale.
Analogamente, i lati e gli angoli di un triangolo sono in relazione re­
ciproca, ma non in modo causale. Quasi tutte le formule matemati­
che sono del tipo “se... allora (sem p re)...”, ma non denotano una
connessione causale.

La d iffe re n za tra c a u sa zio n e e


co n tig uità sp aziale
Un’ obiezione ancora più forte alla posizione dell’ empirismo è rappre­
sentata dal concetto di causalità in relazione alla contiguità spaziale,
da Hume intesa m eccanicisticam ente come “azione per con tatto”,
42 Capitolo 4 Induzione e causalità

ossia come trasmissione continua di azioni attraverso lo spazio. C o­


m e è noto, anche Cartesio riteneva che, essendo il mondo fisico un
tutto pieno, il movimento avvenisse per urto e contatto. La causalità
humiana come dipendente dalla contiguità spaziale appare, dunque,
arretrata rispetto agli stessi sviluppi della scienza settecentesca, che,
invertendo la tendenza m eccanicistica, accede con Isaac Newton
(1642-1727) all’idea di causazione a distanza. A questo proposito
Mario Bunge scrive:

È strano che Hume abbia sostenuto questa tesi [della causalità come
contiguità]. Scrisse infatti in un’epoca in cui, oltre a trionfare in In­
ghilterra l’idea di azione a distanza (indubbiamente contraddittoria
di quella di contiguità), cominciava ad affermarsi nel continente eu­
ropeo prevalendo a poco a poco sulle tesi cartesiana e leibniziana
dell’azione risultante da forze in contatto entro un mezzo sottile e
sul principio democriteo in base a cui l’interazione fra i corpi è pos­
sibile solo mediante collisione. Ciò contribuisce ad avvalorare il so­
spetto che, di fatto prenewtoniana, la filosofia della scienza di Hume
sia stata in ritardo sui suoi tempi.
(M. Bunge, La causalità. Il posto del principio causale nella scienza moderna,
trad. it. di E. A. Panaitescu, Boringhieri, Torino 1970, pp. 80-81)

Restringere il concetto di causazione alla sola contiguità spaziale


significa rendere tale principio del tu tto inapplicabile al di fuori
della fisica, nel cui ambito, peraltro, non risulta neppure esaustivo.
Infatti, come si può definire la causalità in campo biologico o in cam­
po ecologico, in cui le reazioni causali non solo necessitano di tempi
lunghi, ma possono anche riguardare eventi caratterizzati da una
grande distanza spaziale? Com e è stato osservato da alcuni studiosi,
secondo il noto principio chiamato “effetto farfalla” il battito d’ali di
una farfalla in Brasile potrebbe scatenare un uragano in Texas: fuor
di metafora, da cause piccole e insignificanti possono derivare effet­
ti sorprendenti, ritardati nel tempo e tali da influire su altri fenomeni
anche a moltissimi chilom etri di distanza.

5 La produttività della c a u s a

U na co n nessio n e onto lo g ica ed


ep iste m o lo g ic a
Abbandonata la posizione empirista, che limita la conoscenza all’ am­
bito della sfera della verità soggettiva, è lecito affermare il valore pro­
duttivo della causalità, la quale trova la sua più com pleta formula­
zione nella proposizione seguente:
5 La p roduttività d ella c a u s a

Se C ha luogo (e soltanto allora), E è sempre prodotto da C.


In tale def inizione la relazione tra causa ed ef fetto è espressa nella
sua connessione ontologica, oltre che epistemologica. La causazione
viene a rivestire i seguenti caratteri:
■ innanzitutto, è condizione (necessaria e sufficiente) del verifi­
carsi di un evento;
■ in secondo luogo, è produttiva dell’effetto, e quest’ultimo risulta
dipendente in modo unilaterale dalla causa.
Condizionalità, produttività, dipendenza unilaterale sono, dunque,
i tratti essenziali della causalità, di cui dobbiamo tener conto nel ragio­
namento induttivo se vogliamo sf uggire al fatalismo o all’ accidenta-
lismo, che costituiscono le due form e estreme di “illegalità” logica.

Fatalism o e ac cid en talism o


La prospettiva fatalistica sostiene che gli eventi sono il prodotto di
un fattore trascendente, cioè accadono indipendentemente da spe­
cifiche circostanze, essendo preordinati da una sorta di destino ine­
luttabile.-Pertanto, se ad esempio sono inciampato mentre stavo sa­
lendo le scale, ciò non è dipeso dalla particolare condizione in cui mi
trovavo in quel momento, rappresentata dalla mia distrazione o stan­
chezza, ma dal destino.:In quest’ottica la ricerca scientifica finaliz­
zata al controllo dei fenom eni naturali si rivela inutile, dal m om en­
to che tutto è già stabilito e dunque non può essere condizionato
dall’intervento umano.
Parimenti inutile risulta la scienza anche in una prospettiva acci-
dentalistica, la quale sostiene che gli eventi del mondo non hanno
una causa che li determini, ma sono accadim enti assolutamente ca­
suali e perciò im prevedibili e incontrollabili.

La leg ittim azion e d ella ric e rc a scientifica


Al contrario, la causazione com e viene descritta dalla fòrmula prece­
dente giustif ica la ricerca scientif ica e la capacità di previsione che ne
deriva, cioè consente di ragionare e fare inferenze logiche. Essa, infat­
ti, da una parte evita lo scoglio del fatalismo e dell’ accidentalismo, in
quanto dà peso alle condizioni oggettive ed empiriche che produco­
no un certo ef fetto; dall’ altra evita lo scoglio del determinismo, perché
non sostiene che qualcosa accadrà necessariamente e inevitabilmen­
te, a p rescin d ere da ogni circostanza presente o futura, bensì che si
verificherà se, e soltanto se, si realizzeranno certe condizioni.
44 Capitolo 4 Induzione e causalità

6 Una cau s a lità libera

Il co n co rs o delle ca u s e
La presenza di condizioni nell’ambito della causazione comporta che
le cause interferiscano le une con le altre e che il risultato f inale sia
diverso da quello che ci si può attendere qualora le cause siano tenu­
te distinte. Poiché ogni causa può venire contrastata o neutralizzata
da un altra, il processo di causalità non deve essere inteso come qual­
cosa di inevitabile:

Stando alla dottrina della causalità non esistono, è vero, eventi non
causati. Non ogni causa però deve “riuscire” a produrre l’effetto pre­
visto; per quanto riguarda la produzione dei loro effetti (altrimenti
normali), un dato insieme di cause può risultare ostacolato dall’in­
terposizione di altre cause. [...] Perché una causa possa produrre il
proprio effetto normale, è necessario il concorso di altre cause (cause
concomitanti o condizioni): l’interferire di nuove circostanze, un
cambiamento nelle cause concomitanti può impedire che una connes­
sione causale abbia luogo e pertanto costituire una fonte di possibilità.
(M. Bunge, La causalità. Il posto del principio causale
nella scienza moderna, cit., p. 125)

Tale visione della causalità come possibilità (e libertà) implica che


la causazione sia un processo non lineare, bensì caratterizzato da una
ricca rete di interconnessioni: le relazioni, infatti, sorgono all’inter­
no di un insieme di f attori più o meno numerosi e non tra eventi sin­
goli e isolabili. Il fatto che si ricorra prevalentemente a fòrmule sem ­
plificate del tipo C -> E per descrivere una catena causale è dovuto
all’esigenza di tenere sotto controllo singoli aspetti del reale, ben sa­
pendo che tali aspetti sono assunti solo per rispondere a un bisogno
metodologico e non perché la realtà sia effettivamente così. L’isola­
m ento di alcuni elem enti all’ interno della fitta rete di interconnes­
sioni causali è una sorta di finzione teorica per astrarre alcuni even­
ti disgiungendoli da una totalità più articolata e complessa.

A u to d e te rm in azio n e e d estino
Naturalmente questa visione della causalità è di grande rilievo anche
nel campo delle scienze umane, della m orale e del diritto. Infatti, se
è in nostro potere modificare le condizioni alla base degli eventi, vuol
dire che possiamo esercitare la nostra libertà e qualificare i nostri at­
ti come positivi o negativi e le nostre azioni come virtù o vizi.
7 La c a u s a lità nella s p ie g a zio n e sto rica 45

Ancora una volta il fatalismo, affermando una necessità incondi­


zionata e trascendente, rende illusorio ogni discorso sul libero arbi­
trio: la condotta morale di un uomo discenderebbe in modo lineare
e meccanico da un destino insondabile e incomprensibile.
Ciò vale anche per la spiegazione dei fatti storici, che per Bunge
non sono inevitabili, in quanto hanno luogo solo se si verificano de­
terminate congiunture. E se anche queste non sono conosciute dagli
storici, in ogni caso si può sempre ammettere che potranno esserlo,
cioè che ogni effetto abbia comunque, in linea di principio, delle cau­
se conoscibili. Per concludere, il causalismo non im plica il fatali­
smo, anzi costituisce la sua più aperta confutazione:

Affermare che le cose accadono conformemente a leggi ossia che,


date certe condizioni, si sviluppano conformemente a configurazio­
ni ben definite, costituisce l’indispensabile premessa in base a cui
[... ] sfuggire all’inevitabilità del fatalismo. Lungi dal costituire la ne­
gazione della determinazione, la libertà ne è una delle forme: rap­
presenta la vittoria dell’autodeterminazione conforme a leggi sulle
costrizioni e coazioni esterne soggette, a loro volta, ad altre leggi.
(M. Bunge, La causalità. Il posto del principio causale
nella scienza moderna, cit., pp. 128-129)

La cau salità nella s p ieg azio n e


s to ric a

All’origine degli eventi


Lo storico britannico Edward H. C arr (1892-1982), attento studioso
di storia diplomatica europea e della Rivoluzione russa, nelle Sei le­
zioni sulla storia del 1961 scrive:

Definire un “incidente” un fatto è uno dei modi migliori per sottrar­


si al fastidioso compito di indagare la causa del fatto stesso: così
quando qualcuno mi viene a dire che la storia è un susseguirsi di
eventi accidentali, sono incline ad attribuirgli una certa pigrizia o
una scarsa energia intellettuale.
(E. H. Carr, Sei lezioni sulla storia, trad. it. di C. Ginzburg,
Einaudi, Torino 1966, p. 110)

I fatti storici, dunque, sottostanno anch’essi - analogamente ai fe­


nom eni naturali - alla legge della causalità. Certo, individuare le
cause degli avvenimenti non è un impresa facile né immediata, e ri­
chiede accurate analisi da parte dello storico.
46 Capìtolo 4 Induzione e causalità

A pprocci storiografici
Erodoto e Tucidide, considerati i padri della storiograf ia, ponevano
come com pito dell’indagine storica quello di ricercare le m otiva­
zioni alla base degli eventi. Il primo non distingueva ancora con pre­
cisione le cause reali e dimostrabili da quelle favolose e magiche, ma
già con Tucidide il “fantastico” viene circoscritto grazie ad un m eto­
do di ricerca più razionale.
Il problema della ricerca storica, però, si è posto per la prima volta
in modo rigoroso con Niccolò M achiavelli (1469-1527). Nel Sette­
cento, poi, M ontesquieu (1689-1755), autore dello Spirito delle leggi,
esclude con decisione il fato dalla spiegazione scientif ica degli avve­
nim enti storici e dei costumi dei popoli. Il filosofò illuminista, infat­
ti, segue l’esempio di Newton, il quale si era rifiutato di basare la sua
indagine naturale sulle ipotesi avulse dall’osservazione e dall’espe­
rienza. Con M ontesquieu la storiografia com incia ad avvalersi del
metodo scientifico nella ricerca razionale delle cause dei fatti umani.

La selezio n e delle c a u s e
Uno dei problemi fondamentali della storiograf ia è che difficilmente
un evento può essere ricondotto a una singola causa. Ecco come Carr
esemplifica il problema, elencando le cause della Rivoluzione russa:

Se si chiede allo storico di indicare le cause della suddetta rivoluzio­


ne potrebbe citare le continue sconfitte militari russe, il crollo dell’e­
conomia russa sotto il peso della guerra, l’incisiva propaganda dei
bolscevichi, il fallimento del tentativo del governo zarista di risolve­
re il problema agrario, la concentrazione nelle fàbbriche di Pietro-
grado di un proletariato immiserito e sfruttato, il fatto che Lenin, a
differenza di tutti i suoi avversari, sapeva che cosa voleva - in breve,
un miscuglio di cause economiche, politiche, ideologiche e indivi­
duali, di cause a lungo e a breve termine.
(E. H. Carr, Sei lezioni sulla storia, cit., p. 96)

La pluralità delle cause implica un particolare lavoro di organiz­


zazione e di selezione da parte del ricercatore. Come sosteneva Ba­
cone quando criticava l’induzione per «semplice enumerazione»
(> cap. 1, pp. 10-11), anche nel campo della spiegazione storica il la­
voro della “formica”, per quanto meritorio e diligente, non è sufficien­
te: occorre l’interpretazione dello storico, che metta ordine nel gro­
viglio delle cause, ne elimini alcune, concentri l’ attenzione su altre,
privilegi le principali.
7 La cau salità nella sp ie g a zio n e sto rica 47

U inevitabilità del p a s s a to
Un’ altra questione problematica nella prospettiva storiografica è rap­
presentata dal determinismo. La domanda è ad esempio: la Rivolu­
zione russa era inevitabile? Carr ammette che gli storici spesso si
fanno prendere dall’ enfasi di parole dal fòrte impatto retorico.
Ricordando i suoi studi, scrive:

Ho riletto di recente la storia della Russia sovietica da me scritta alla


ricerca del famigerato termine: in un certo punto scrivevo che, dopo
la rivoluzione del 1917, lo scontro tra i bolscevichi e la chiesa orto­
dossa era “inevitabile”. Certo sarebbe stato più opportuno scrivere
“estremamente probabile”: ma spero di non essere biasimato se dico
che questa correzione mi pare un po’ pedantesca. In pratica, gli sto­
rici non suppongono che gli eventi siano inevitabili prima che si
siano verificati. Spesso analizzano le alternative che si presentavano
ai protagonisti della vicenda, partendo dal presupposto che essi aves­
sero la possibilità di compiere una scelta, anche se poi, molto giusta­
mente, si preoccupavano di spiegare perché di fatto si optò per una
alternativa anziché per un’altra. Nella storia non vi è nulla di inevi­
tabile, tranne nel senso puramente formale che, perché le cose si
svolgessero in un altro modo, anche le cause avrebbero dovuto esse­
re diverse.
(E. H. Carr, Sei lezioni sulla storia , cit., p. 103)

La sua conclusione è perentoria: «In quanto storico, sono pronto


a rinunciare a parole come “inevitabile”, “necessario”, e perfino “ine­
luttabile”; la vita sarà più m onotona, ma lasciamole pure ai poeti e ai
metafisici» (ivi). A nche in ambito storico, e forse a maggior ragione
rispetto alle scienze naturali, le cause in virtù delle quali gli eventi
accadono sono m olteplici, e l’avvenimento avrebbe potuto essere
diverso se, anziché prevalere certe condizioni, ne fossero prevalse
altre di segno opposto.
Tuttavia, quando i fa tti si sono verificati, per quanto difficile, è
sempre possibile ricondurli a una serie ragionevolm ente lim itata
di cause o condizioni. Ciò vale in modo particolare per i fatti molto
lontani nel passato, dato che a essi si può guardare con maggiore og­
gettività e distacco. Più complesso è il discorso per la storia a noi vi­
cina, dal m om ento che «la gente si ricorda del tempo in cui tutte le
alternative erano ancora aperte, e diffìcilm ente riesce ad assumere
l’atteggiamento dello storico per cui ogni alternativa è stata defini­
tivamente bloccata dal fatto compiuto» (ivi, p. 105).
48 Capitolo 4 Induzione e causalità

La le g g e del “naso di C le o p a tra ”


Tirando le f ila della nostra analisi della spiegazione storica, non pos­
siamo fare a meno di notare che la storia non è un susseguirsi di fatti
accidentali o casuali. A questo proposito, Georg Wilhelm Friedrich
Hegel (1770-1831) sosteneva che il reale ha una sua razionalità, e
così pure la storia. Non è possibile, tuttavia, eliminare completamen­
te il problem a del fortuito e del caso: nella storia spesso si registrano
situazioni in cui agisce una legge def inita del “naso di Cleopatra” (si
allude alla sconfitta subita ad Azio da Marco Antonio nel 31 a.C., do­
vuta, secondo tale teoria “psicologica”, all’inf atuazione di Antonio
per Cleopatra). In relazione a questa legge è opportuno chiedersi se
la storia possa davvero essere condizionata da elementi quali le pas­
sioni, l’ amore, la fortuna e la sfortuna. Se così fòsse, non verrebbe
meno la legittimità della spiegazione causale? Nell’ autunno del 1923,
in una delle f asi decisive della lotta per il potere nella Russia uscita
dalla rivoluzione leninista, Trotzkij, uno degli aspiranti alla leader­
ship dopo Lenin, si ammalò per un raf freddore contratto durante una
partita di caccia alle anatre, cosa che lo mise f uori gioco, avvantag­
giando i suoi oppositori Zinov’ev, Kamenev e Stalin. L’episodio pone
in evidenza com e una circostanza accidentale possa influire sul cor­
so degli eventi, ma non consente di ridurre la spiegazione storica al
caso: quest’ ultimo esiste, ma, nella misura in cui non è né prevedibi­
le né razionalmente spiegabile, non può f ar parte dell’ interpretazione
dello storico né essere ammesso accanto alle altre cause possibili.

Il peso d e irim p o n d e ra b ile


D ’altronde lo storico, come qualsiasi altro scienziato, non pretende
di fornire una spiegazione totale dei fatti, ma si lim ita più sem pli­
cem ente a riconoscere le cause che sono verificabili razionalmente.
L’im ponderabile, pur essendo presente nelle vicende umane, non
può costituire oggetto di ricerca, proprio per il suo carattere in co­
gnito: «Le cause accidentali - nota C arr - non possono essere gene­
ralizzate, e, dal momento che sono letteralmente irripetibili, non for­
niscono nessun insegnamento e non portano a nessuna conclusione»
{ivi, p. 115). Pertanto, non ha rilevanza storica la questione del “naso
di Cleopatra”, perché «non ha alcun senso affermare [... ] che i gene­
rali perdono le battaglie [allusione ad Antonio] perché si innam ora­
no delle belle regine [Cleopatra] » {ivi, p. 113), o che i politici perdo­
no il potere a cui aspirano a causa di un raffreddore.
M e ttiti alla p ro va 49

METTITI alla PROVA


1. In d iv id u a s e nelle fra s i s e g u e n ti è p re s e n te una c o n d iz io n e s u ffic ie n te o u n a
c o n d iz io n e n e c e s s a ria .
a. Affinché la caldaia funzioni occorre che cl sla flusso di acqua nei tubi.
b. Il contatto diretto con fluidi corporei infetti causa la trasmissione dell’ebola.
c. Per mangiare bene bisogna andare in un buon ristorante.
d. Per segnare un goal bisogna che il calciatore tiri nello specchio della porta.
e. Bisogna essere nati in Italia se si vuole essere riconosciuti cittadini italiani.
f. È multabile l’automobilista che guida senza permesso in una corsia riservata.

2 . V a lu ta le s e g u e n ti a rg o m e n ta z io n i e s p ie g a in ch e c o s a ris ie d e la lo ro s c o rr e tte z z a
dal p u n to di v is ta lo g ic o .
a. Perché ci sia combustione è necessario che ci sia ossigeno neH’ambiente. È scoppiato un in­
cendio nella nostra classe: la causa è da ricercarsi nella presenza di ossigeno nell’ambiente.
b. «Jones, tornando da una festa, durante la quale ha ingerito una quantità di alcol maggiore del
solito, su una macchina con i freni in cattive condizioni, giunto a una svolta dove la visibilità è
notoriamente scarsa, investe e uccide Robinson, che stava attraversando la strada per com­
prare delle sigarette al negozio all’angolo. Cessata la confusione, ci rechiamo al commissariato
di polizia più vicino per indagare sulle cause dell’incidente. Esso fu dovuto forse alla condizione
di semintossicazione del guidatore, nel qual caso si potrebbe arrivare al processo? Oppure alle
cattive condizioni dei freni, nel qual caso ci si potrà rivolgere al garage che fece revisionare la
macchina soltanto una settimana prima? Oppure alla cattiva visibilità della svolta, nel qual
caso potremmo invitare l’assessore alla viabilità ad occuparsi della cosa? Mentre stiamo esa­
minando questi problemi pratici, irrompono nella stanza due distinti signori - mi guarderò bene
dall’identificarli - che cominciano a spiegarci, con grande eloquenza e copia di argomenti,
che, se Robinson non fosse uscito in cerca di sigarette quella sera, non avrebbe attraversato
la strada e non sarebbe stato ucciso; che pertanto la causa della morte di Robinson fu II fatto
che avesse avuto voglia di sigarette, e che ogni indagine che trascuri questa causa sarà
soltanto una perdita di tempo e porterà a conclusioni inutili e assurde» (E. Carr, Sei lezioni
sulla storia, cit., p. 112).
c. Anna è una violoncellista di successo. Una sera, al ritorno dal cinema, è vittima di un incidente
domestico: scivola sul tappeto del bagno e, nel tentativo di evitare la caduta, si aggrappa a una
mensola di vetro. Questa, spaccandosi per il peso, le recide il nervo della mano. Purtroppo per
Anna sarà impossibile tornare a suonare come prima: non avrebbe mai dovuto andare a vede­
re quel film!
d. Quando fa molto caldo il nostro corpo suda copiosamente per favorire la termoregolazione.
Ieri, durante il compito in classe a sorpresa per il quale non ero affatto preparato, mi sono co­
perto di sudore: evidentemente, anche se siamo in pieno inverno, faceva molto caldo.

3 . P ro v a a ric o s tru ire la m o lte p lic ità d e lle c a u s e di un a v v e n im e n to d e lla s to ria


m o d e rn a ch e s ta i s tu d ia n d o in q u e s to p e rio d o . C o m p ila una ta b e lla in cui
d is tin g u e re le c a u s e a c c e s s o rie d a q u e lle d e te rm in a n ti. C o n fro n ta la tu a ric e rc a c o n
i c o m p a g n i e v e rific a s e la tu a p ic c o la in d a g in e s to rio g ra fic a è d a lo ro c o n d iv is a .

4. “ R iscrivi” un e p is o d io im p o rta n te d e lla tu a v ita rie la b o ra n d o lo a lla lu c e d e lla “ le g g e


d e l n a s o di C le o p a tra ” , o s s ia im m a g in a n d o un e v e n to fo rtu ito , m a c re d ib ile , c h e
a v re b b e p o tu to m o d ific a rn e il c o rs o .
50

CAPITOLO 5

e probabilità
Eventi casuali... m a prevedibili

Nella vita di tutti i giorni non è infrequente trovarsi di fronte a m ol­


tep lici alternative, senza avere elementi sufficienti per stabilire con
precisione quale di esse si realizzerà. Il grado di possibilità che un de­
terminato evento si verifichi si definisce probabilità. In linea di mas­
sima, in ambito scientifico o matematico è possibile tradurre la pro­
babilità con un coefficiente num erico, m entre negli altri casi si fa
comunemente riferimento alla m inore o maggiore “ragionevolezza”
dell’ aspettativa che si nutre nei confronti di un evento o di una si­
tuazione.

Il calco lo statistico
Nonostante le apparenze, anche il caso può sottostare a calcoli p ro­
liN esempio pratico A babilistici.;Se riflettiamo su ciò che accade quando tiriamo in aria ima
¡monetina, ci accorgiamo che la previsione del risultato “testa” o “cro-
jce” può avvalersi di un sistema di regole che, in qualche modo, circo-
iscrivono l’accidentalità pura del fenomeno. Il gioco “testa o croce”,
¡infatti, richiede innanzitutto che ci sia una persona che lanci una mo-
jnetina e che quest’ultima ricada in terra, ossia presuppone la presen-
jza della legge della gravità: tale gioco non potrebbe avere luogo, ad
iesempio, a bordo di una navicella spaziale, dove la gravità è assente.

Lessico filo so fico


probabilità supporre come vero, anche se non se ne
È il grado di possibilità che un evento ab­ possiede la certezza. È p ro ba bile un
bia luogo. SI dice “p ro ba bile ” (letteral­ evento che, data una serie di condizioni,
mente “degno di approvazione”, dal latino verosimilmente - ma non necessariamen­
probabilis) qualcosa che è ragionevole te - dovrebbe verificarsi.
2 Le regole della probabilità 51

Inoltre, il gioco non può portare a esiti indefiniti e indeterm inati,


ma deve per fòrza arrivare al risultato di “testa” o “croce”, il quale è
conform e alle leggi statistiche, secondo cui, se la m onetina non è
truccata, nel lungo periodo il numero di occorrenze in cui uscirà “te­
sta” sarà approssimativamente uguale a quello in cui uscirà “croce”,
ìn aÌtre paroìe, nel gioco deììa moneta, come in tutti i giochi d’azzardo,
si possono individuare delle condizioni e delle leggi, definite leggi
statistiche, che consentono di avanzare previsioni.

La d escrizio n e “q u a n titativa” dei fen o m en i


Tali leggi hanno generalmente a che fare con i grandi numeri, ossia
con il comportamento di un cospicuo insieme di soggetti. Le medie,
le dispersioni e le correlazioni - cioè gli indici quantitativi che descri­
vono l’andamento del fenomeno collettivo osservato - sono tanto
più stabili quanto più alto è il numero dei componenti del campio­
ne esaminato.! Si prenda l’esempio degli exit poli, cioè dei sondaggi M UNESEMPIOPRATICO
effettuati all’uscita dei seggi elettorali, grazie ai quali riusciamo a sa­
pere con buona probabilità chi ha vinto e chi ha perso le elezioni a
poche ore dalla chiusura delle urne. Le loro previsioni sono tanto più
attendibili quanto più ampio e signif icativo è il campione di dati su
cui si basano.
Si può parlare di probabilità in molti sensi, che variano a seconda
dei contesti: ad esempio, si parla di “errore probabile” nella m isura­
zione a vista della dimensione di un oggetto o della distanza che in­
tercorre tra due persone; se invece lancio una m onetina in aria, si di­
ce che la probabilità che esca “testa” è del 50%.

2 Le re g o le della probabilità

La “fre q u e n z a di b a s e ”
Com e abbiamo detto più volte, l’inferenza induttiva ha carattere
probabilistico. Prendiamo in considerazione un esempio lampante:
la previsione dell’ esito di una partita di calcio.

Lessico filo sofico


leggi statistiche
Sono quelle leggi che consentono di predire frequenze, medie, deviazioni dalla media
e, In generale, la tendenza più o meno probabile di un corso di eventi. Esse non si ap­
plicano al casi singoli, ma a fenomeni collettivi.
52 C apitolo 5 Induzione e p robabilità

unesempio pratico■ j All’ inizio della partita lo spettatore si formerà un idea circa il suo
i andamento, sulla base dei risultati conseguiti dalle squadre nelle pre­
ced en ti partite. Il suo ragionamento si potrà fondare su quelle che i
•teorici della probabilità definiscono in fo rm azio n i desunte dalla
¡“frequenza di base”, ossia dal calcolo della media di vittorie e scon-
i fitte ottenute in precedenza dalle squadre. Poniamo che a metà della
¡competizione la previsione si riveli sbagliata, in quanto la squadra
¡favorita è sotto di due reti: quale sarà il comportamento razionale da
¡tenere? Quale nuova inferenza bisognerà avanzare? È logico conti-
ìnuare a puntare sulla vittoria della squadra favorita? Oppure è ragio­
n ev o le rovesciare l’aspettativa e ipotizzare la vittoria dell’altra squa-
jdra? Secondo la logica della probabilità si dovrebbe tenere una
•posizione intermedia, dando il giusto peso sia alla “frequenza di ba-
;se” sia al risultato provvisorio.

I motivi ex tra -lo g ic i d ell’in fe re n za induttiva


È interessante notare come molto spesso gli individui non ragionino
in base alle logiche e sensate regole della probabilità, ma si facciano
f uorviare da altri elementi di carattere pragmatico o psicologico. Ec­
co un esempio di com e m otivi extra-logici possano influenzare le
scelte umane; due ricercatori statunitensi sottoposero al loro gruppo
di indagine il seguente profilo:

Linda ha 31 anni, è nubile, schietta e molto brillante. È laureata in


filosofia. Da studentessa si è molto interessata ai problemi della di­
scriminazione e della giustizia sociale, e ha partecipato a manifesta­
zioni antinucleari.

Al gruppo di indagine venne chiesto di mettere in ordine di pro­


babilità decrescente le asserzioni seguenti, assegnando a ciascuna un
punteggio compreso tra 1 (più probabile) e 8 (meno probabile):

a) Linda insegna in una scuola elementare;


b) Linda lavora in una libreria e frequenta un corso di yoga;
c) Linda è attiva in un movimento femminista;
d) Linda è un’assistente sociale psichiatrica;
e) Linda appartiene alla lega delle donne elettrici;
f) Linda è un’impiegata di banca;
g) Linda è un’agente delle assicurazioni;
h) Linda è un’impiegata di banca ed è attiva nel movimento femminista.

Il 90% degli intervistati rispose affermando che (h) era più proba­
bile di (f ). Da notare che (h) contiene una congiunzione e (f) rappre­
senta una delle proposizioni coordinate dalla congiunzione. Ora, è
3 La scommessa di Pascal 53

un principio basilare del calcolo della probabilità che nessuna con ­


giunzione possa essere più probabile di uno dei suoi congiunti.
Tale principio appare evidente se si considera il seguente esempio:
tra le due asserzioni “Tu supererai l’esame finale” e “Tu supererai l’e­
same finale e otterrai il massimo dei voti”, la prima è più probabile.
Infatti, ogni situazione in cui “si supera l’esame e si ottiene il massi­
mo dei voti” è anche una situazione in cui “si supera l’esame”, mentre
può darsi una situazione in cui si superi l’esame, ma non con il m as­
simo dei voti. La seconda condizione non può essere più probabile
della prima. Nell’esempio riportato sopra, però, la descrizione inizia­
le della ragazza, in cui si dichiara che è nubile e interessata ai proble­
mi della discriminazione razziale e della giustizia sociale, ha deter­
minato la formazione di una sua immagine molto emancipata, che
ha evocato, inconsapevolmente, l’idea del suo probabile attivismo
femminista: motivi extra-logici hanno influenzato l ’inferenza indut­
tiva compiuta per ricostruire l’identità della donna.

3 La s c o m m e s s a di P ascal

Le origini della te o ria d ella probabilità


Si ritiene comunemente che la teoria della probabilità - cioè lo stu­
dio matematico con cui si calcola il maggiore o minore grado di pro­
babilità che un evento si verifichi in determinate circostanze - sia
stata introdotta da B laise Pascal (1623-1662) e P ierre de Ferm at
(1601-1665). Più in particolare, essa sarebbe stata elaborata nel cor­
so di una corrispondenza epistolare tra i due studiosi a proposito di
un problema posto dal nobile parigino Antoine Gombaud, cavaliere
di Mèrè, professionista del gioco d’ azzardo; il problem a era il se­
guente: “è più facile ottenere alm eno un sei lanciando quattro vol­
te un dado o ottenere alm eno un dodici lanciando ventiquattro
volte due dadi?”.

U na d ec is io n e rag io n evo le e v a n ta g g io s a
La teoria della probabilità è anche alla base della celebre scom m es­
sa su D io proposta da Pascal nei Pensieri. Con questa argomentazio­
ne il filosofo intendeva convincere il pubblico libertino del suo tem ­
po, che aveva un atteggiam ento scettico, della convenienza di
convertirsi al cristianesim o, “scommettendo” a favore dell’esistenza
di Dio. Ma perché dovrebbe risultare ragionevole e vantaggioso rico­
noscere l’esistenza di Dio, e di conseguenza agire come se Dio esi-
54 C apitolo 5 Induzione e p ro b a b ilità

stesse? La ragione non sa che cosa rispondere, anche perché la distan­


za che separa l ’uom o da Dio è in fin ita e quindi, in realtà, non
possiamo pronunciarci con certezza sulla sua esistenza o non esisten­
za. Pascal analizza la questione nel modo seguente:

Alla estremità di quella distanza infinita si gioca un gioco in cui


uscirà testa o croce. Su quale delle due puntereste? Secondo ragione,
non potete puntare né sull’una né sull’altra, e nemmeno escludere
nessuna delle due. [... ] Sì, ma scommettere bisogna. [... ] Poiché sce­
gliere bisogna, esaminiamo quel che vi interessa meno. Avete due
cose da perdere, il vero e il bene, e due cose da impegnare nel gioco:
la vostra ragione e la vostra volontà, la vostra conoscenza e la vostra
beatitudine; e la vostra natura ha da sfuggire due cose: l’errore e l’in­
felicità. La vostra ragione non patisce maggior offesa da una scelta
piuttosto che dall’altra; dacché bisogna necessariamente scegliere.
Ecco un punto liquidato. Ma la vostra beatitudine? Pensiamo il gua­
dagno e la perdita, nel caso che scommettiate in favore dell’esistenza
di Dio. [...] Valutiamo questi due casi: se vincete, guadagnate tutto;
se perdete, non perdete nulla. Scommettete, dunque, senza esitare,
che egli [Dio] esiste.
(B. Pascal, Pensieri, trad. it. di P. Serini, Mondadori, Milano 1973, p. 126)

Un rischio ca lco la to
A questo punto l’ interlocutore esclama: «Ammirevole! Sì, bisogna
scommettere, ma forse rischio troppo»; ed ecco la risposta del filosofo:

Siccome c e uguale probabilità di vincita e di perdita, se avete da


guadagnare solo due vite contro una, vi converrebbe già scom mette­
re. Ma se ce ne fossero da guadagnare tre, dovreste giocare [...] e,
dacché siete obbligato a giocare sareste imprudente a non rischiare
la vostra vita per guadagnarne tre in un gioco nel quale c’è uguale
probabilità di vincere e di perdere. Ma qui c e un’eternità di vita e di
beatitudine. Stando cosile cose, quand’anche ci fòsse un’infinità di casi,
di cui uno solo in vostro favore, avreste pur sempre ragione di scom ­
mettere uno per avere due; e agireste senza criterio se, essendo ob­
bligato a giocare, rifiutaste di arrischiare una vita contro tre in un
gioco in cui, su un’inf inità di probabilità, ce ne fosse per voi una sola,
quando ci fòsse da guadagnare un’infinità di vita infinitamente bea­
ta. Ma qui c’è effettivamente un’infinità di vita infinitamente beata
da guadagnare, una probabilità di vincita contro un numero f inito di
probabilità di perdita, e quel che rischiate è qualcosa di f inito. Questo
tronca ogni incertezza: dovunque ci sia l’infinito, e non ci sia un’infi­
nità di probabilità di perdere contro quella di vincere, non c e da esita­
re, bisogna dar tutto.
(B. Pascal, Pensieri, cit., pp. 126-127)
3 L a s c o m m e s s a di P a s c a l

Non siamo di fronte a una dim ostrazione dell’ esistenza di Dio


condotta con argomentazioni razionali, ma appunto a una scommes­
sa su Dio, la cui logica consiste nel puntare su ciò che presenta più
vantaggi che svantaggi: ammettendo l’esistenza di Dio, in caso di
vincita si guadagna l’infinito (la beatitudine eterna), in caso di p er­
dita si perde qualcosa di finito e lim itato (i beni e i piaceri materia­
li). La conclusione è evidente: lo scettico, che non crede in Dio, deve
convincersi che è assolutamente ragionevole scomm ettere su di lui
(l’infinito che ci fa guadagnare l’infinito): in caso di perdita, infatti,
il rischio è m inim o, o comunque di gran lunga inferiore alla posta
che toccherebbe in caso di vincita.

1. S ta b ilisci q u a le , tr a i q u a ttro ris u lta ti che il c a m p io n e o lim p ic o A n d y M u rra y p o tre b b e


c o n s e g u ire al p ro s s im o to r n e o di W im b le d o n , è il più p ro b a b ile .
a. Andy Murray perderà il primo set ma vincerà il match.
b. Andy Murray vincerà il match.
c. Andy Murray vincerà il primo set ma perderà il match.
d. Andy Murray perderà il primo set.
(adattato da Pensieri lenti e veloci di Daniel Kahnema)

2. A p p lic a la s tra te g ia di a n alisi d e l ris c h io ai c a s i p ro p o s ti (o p e ra s e c o n d o il m o d e llo


d e lla s c o m m e s s a di P a sca l), in d ic a n d o q u a le d e c is io n e o c c o rr e re b b e p re n d e re .
a. Martina ha appena concluso gli studi di scuola secondaria. Ora deve scegliere che cosa fare
del suo futuro: Iscriversi all’università o cercare un lavoro?
- Martina non è una studentessa modello;
- 1lavori al momento disponibili non sono entusiasmanti;
- Martina è molto intelligente.
b. Dopo una brillante carriera accademica, Alessandro ha trovato lavoro dall’altra parte del mon­
do: a Wall Street. SI tratta di un’ottima opportunità, ma il ragazzo deve decidere se abbando­
nare la vita che conosceva fino ad ora.
-Alessandro ha una bella storia d ’amore con Aurora, che però non ha i mezzi per seguirlo in
America;
-Alessandro in Italia non avrà mai un’occasione professionale di questa portata;
- il Governo italiano sta valutando una manovra con cui incentivare l’occupazione giovanile.
56

CAPITOLO 6

La s c ie n za c o m e fo rm a più alta
di c o n o s c e n za

Dedichiamo il capitolo conclusivo di questo volume all’analisi del


rapporto tra induzione e scienza: un rapporto molto importante,
poiché la scienza moderna è nata e si è sviluppata all’insegna dell’os­
servazione e dell’ esperimento, tanto che alcuni hanno considerato il
metodo scientifico come un processo teso a stabilire leggi generali a
partire dall’osservazione attenta e m etodica dei fatti.
La scienza riveste per noi un grande significato che non è soltanto
di carattere pratico o utilitaristico, ma anche teoretico. Come soste­
neva il fisico Albert Einstein (1879-1955), nell’uomo c’è una passione
per la comprensione analoga alla passione per la musica; la scienza
soddisfa il nostro bisogno naturale di conoscenza.
Dalle prime conquiste della scienza antica alle acquisizioni della
scienza moderna fino alle recentissime e sorprendenti scoperte nel
campo della genetica umana, i progressi della scienza sono stati de­
cisivi e indiscutibili. Essa ha indubbiamente contribuito al migliora­
mento delle condizioni di vita degli uomini e, se a causa della tecnica
e dell’insensato sfruttamento delle risorse naturali l’ambiente rischia
di essere irrimediabilmente compromesso, tuttavia è proprio alla co­
noscenza scientifica che dobbiamo fare appello per ricercare le m i­
sure idonee a fronteggiare tali danni.
Ciò che ci preme mettere in luce è che la scienza, per quanto non
assoluta né onnipotente, anzi proprio perché probabilistica e rivedi­
bile, è la form a più alta di conoscenza a cui possiamo aspirare.
2 II naturalismo rinascimentale 57

2 Il naturalism o rin ascim en tale

La scienza m oderna, a partire dal Seicento, si è posta in term ini di


d iscontinuità rispetto alla magia, alla superstizione e alla stessa co­
noscenza comune. Nel lungo periodo compreso tra l’Umanesimo e
il Rinascim ento, la m agia, l ’alchim ia e l’ astrologia hanno avuto
una grande im portanza, configurandosi come dottrine che propo­
nevano una visione unitaria della natura e del cosmo, detta anche
“naturalism o”.

Il C o rp u s H e rm e tic u m
Nel Quattrocento e nel Cinquecento si scoprirono testi antichi in cui
si intrecciano sapere m istico ed elementi di f ilosofia naturale; celebri
a tal proposito i quattordici trattati del C orpus H erm eticu m , che
M arsilio Ficino (1433-1499) tradusse in latino e attribuì erronea­
m ente al leggendario e m isterioso Erm ete Trism egisto, collegato
dalla tradizione al dio egiziano Thot, fondatore di una sapienza divi­
na, inventore della scrittura e indirettamente maestro di Pitagora e
Platone. In tali opere - che risalgono in realtà (come si è poi scoper­
to) al II-III secolo d.C. e che ebbero una larga diffusione in Europa
f in quasi alla metà del Seicento - la conoscenza della natura, sottrat­
ta a ogni forma di giudizio critico, ha il carattere di un sapere magico.
Nella prospettiva della magia la natura è considerata com e un tutto
vivente, animato da dèi e demoni, di cui il mago deve cercare di im ­
brigliare le fòrze per indirizzarle a vantaggio dell’uomo.

I c a ra tte ri distintivi e il fine d ella m a g ia


Benché in tale visione si celi una prima e rudimentale forma di cono­
scenza e una fiducia nella possibilità di sfruttare le immense potenzia­
lità della natura, tuttavia si tratta di un sapere che è occulto, riservato
a poch i esperti e non com unicabile né oggettivo. Per quanto non
escluda il ricorso all’ esperienza, la magia non guarda le cose come so­
no in se stesse, ma le vede come simbolo di fòrze misteriose e divine.
Così scrive Paolo Rossi, noto studioso di storia della scienza:

Gli alchimisti non parlano mai dello zolfo concreto o dell’oro con­
creto. L’oggetto non è mai completamente se stesso: è sempre anche
segno di altro, di una realtà che supera il piano dell’esistenza e che è
ad esso stesso irriducibile.
(P. Rossi, Il fascino della magia e l’immagine della scienza,
in Storia della scienza moderna e contemporanea,
diretta da P. Rossi, u t e t , Torino 1988, voi. I, p. 34)
58 C apitolo 6 Induzione e scienza

In breve, la visione m agica della natura presenta i seguenti carat­


teri, diametralmente opposti a quelli della scienza:
1. il carattere segreto del sapere;
2. l’adozione di un linguaggio erm etico e di procedure ritu ali non
giustificate sul piano razionale;
3. l’assenza della verifica e del confronto critico con le posizioni
degli altri.
Il sapere magico non accetta di essere messo in discussione: il suo
fine non è infatti conoscere la realtà, m a soggiogare le persone; esso
non m ira a convincere con argomenti e prove, ma a suscitare am m i­
razione nel pubblico per ottenerne il favore e il controllo.

Il «fanatico e m ostruoso» P a rac els o


Paracelso, uno dei più noti maghi del Rinascimento - il suo vero n o ­
me era Philipp Theophrast Bombast von Hohenheim (1493-1541) - ,
vedeva nella magia una grande saggezza segreta e considerava invece
la ragione una follia pubblica. Il suo insegnamento raccoglieva molti
proseliti, ma anche m olti nemici. Egli, infatti, che aveva un carattere
violento, attaccava la m edicina, la teologia e il sapere tradizionale,
presentando se stesso come uomo eccezionale. Nella sua concezione
medica, che ebbe grande notorietà, egli conferiva particolare im por­
tanza all’osservazione del paziente, ma anche all’influsso astrale. Dal
momento che considerava i corpi come involucri in cui si nasconde­
vano gli spiriti invisibili, riteneva che il mago dovesse conoscere tali
spiriti o elem enti (o archetipi) per poter ottenere la guarigione. In-
somma, la mentalità magica, che tanto rilievo ebbe in Europa all’in i­
zio dell’età m oderna, è alla base di una forma di sapere fantastico e
superstizioso, che la scienza non poteva accettare.
Il rifiuto della m agia da parte di Bacone e dei padri della rivolu­
zione scientifica non si fece attendere: nell’opera II parto maschio del
tem po (1602) Bacone definisce Paracelso personaggio «f anatico e
mostruoso» e «triviale buffoneria» la magia.

3 La s c ie n za dei m oderni

L’intreccio di sc ie n za e m a g ia
Quello che più colpisce leggendo le opere di Bacone e di Cartesio è
l’insistenza sul carattere pubblico della scienza che, basata sulla ra­
gione illuminata dall’esperienza, aspira a sottoporre i propri risultati
3 La scienza dei moderni 59

al vaglio degli altri ricercatori. L’esigenza di tale evidente e decisa


contrapposizione alla magia dimostra comunque il grande influsso
di quest’ultim a nell’ età del Rinascim ento e nel Seicento; magia e
scienza, infatti, alle soglie dell’epoca m oderna si intrecciano e si so­
vrappongono.
N iccolò Copernico, padre della rivoluzione astronomica, in base
alla quale la Terra perde la sua antica centralità, si richiam a proprio
all’autorità di Erm ete Trismegisto, attribuendogli la prima intuizio­
ne della teoria eliocentrica; quest’ultima viene così a trovare un ap­
piglio nella mentalità teologico-astrale, cara alla letteratura ermetica
del Rinascimento.
Eppure, tra difficoltà e impedimenti, la nuova scienza si veniva af­
fermando nel Seicento e nel Settecento, e con essa il suo m etodo, at­
tento all’osservazione senza pregiudizi della natura.

Gli aspetti essenziali della s c ie n za


Quando il distacco dalla m agia è orm ai un fatto compiuto, il sapere
scientifico si profila nei seguenti term ini essenziali:
1. tutti gli uomini, essendo dotati per natura di ragione, se seguono
il giusto metodo possono conoscere le leggi della natura: la scien­
za è perciò com unicabile e pubblica;
2. i m etodi di cui si serve l’indagine della natura non sono procedi­
menti complicati, astratti né tantomeno segreti, ma sem plici e
chiari. Esposti in un linguaggio comprensibile, devono essere ac­
cessibili a tutti e verificabili;
3. la conoscenza scientifica, non essendo altro che un potenziamen­
to della conoscenza naturale (tema molto caro alla Logica di Port-
Royal > cap. 2, pp. 14-18), è alla portata di tutti, purché si segua
la ricerca della verità con mente priva di pregiudizi e con onestà
intellettuale.

Il nuovo m e to d o scientifico
Ricordiamo a tal proposito il celebre inizio del Discorso sul metodo
cartesiano, che considera la ragione («il buon senso») come la cosa
meglio distribuita al mondo e la facoltà di discernere il vero dal falso
come una capacità connaturata nell’essere umano. Quest’ultimo ha
soltanto bisogno di essere sorretto da un m etodo sicuro ed efficace,
basato sul criterio dell’ evidenza, comunicabile e insegnabile.
Sempre nel primo libro del suo Discorso, il filosofo dichiara di vo­
ler sottoporre le nuove regole del metodo all’opinione (e alla critica)
degli altri:
60 C apitolo 6 Induzione e scienza

Tuttavia può darsi che mi inganni e che scambi per oro e diamanti
ciò che forse è solo un po’ di rame e di vetro. So quanto siamo sog­
getti a ingannarci in ciò che ci riguarda e quanto anche i giudizi dei
nostri amici ci debbano insospettire, quando sono a noi favorevoli.
Ma sarò lieto di mostrare in questo discorso quali sono le vie che ho
seguito, e di rappresentare la mia vita come in un quadro, affinché
ciascuno possa giudicarla, e perché io, apprendendo dalla voce pub­
blica le opinioni degli altri, possa così acquistare un nuovo mezzo
per istruirmi, che aggiungerò a quelli di cui sono solito servirmi.
(Cartesio, Discorso sul metodo, I, in E. Lojacono - D. Massaro,
Tra utopia e realtà. Il progetto metodico di Descartes dalle “Regulae"
ai “Principia", Loffredo, Napoli 1996, p. 42)

Siamo di f ronte a una cautela e ad un umiltà, non disgiunte dall’ ap­


pello al giudizio critico degli altri, che sono significative dell’etica
della scienza e che segnano una netta linea di separazione tra la m en­
talità scientifica e quella magica.

La fig u ra d e ir “u om o di s c ie n za ”
Con l’avvento della scienza moderna una nuova immagine della cul­
tura e dell’ intellettuale prende il posto della magia e del mago. Alla
figura dell’ antico sapiente, il “filosofo naturale”, si sostituisce quella
dell’uomo di scienza, che trova la propria dimensione nelle società
scientifiche che si diffondono in Europa, specialmente in Inghilterra,
in Italia, in Olanda e in Francia. Contro la concezione elitaria e chiu­
sa del sapere si sviluppa la cultura dei tecnici e degli ingegneri. Nel
Settecento, l’ Encyclopédie dell’illuminista Diderot presenta già una
tale abbondanza di voci dedicate alla scienza e alla tecnica da susci­
tare scandalo presso i gesuiti, legati a una visione tradizionale e dog­
matica del sapere. La tecnica, o l’insieme delle arti m eccaniche - co­
m e allora essa veniva def inita - , viene a rappresentare una form a di
conoscenza fondamentale.

Il valo re d ell’e s p e rie n za


Uno dei pilastri della nuova prospettiva scientifica è rappresentato,
inoltre, dal ricorso all’esperienza o, meglio, all’ esperim ento e all’os­
servazione metodica della natura. Il grande scienziato inglese Isaac
Newton, autore dei P rin cip i m a tem a tici d ella filo s o fia n atu rale
(1687), guardato da tutta l’Europa dei dotti come modello, formula­
va la sua più celebre tesi affermando hypotheses non fingo, «io non
invento ipotesi», intendendo, con tale dichiarazione, non già rinun­
ciare all’ ipotesi matematica, bensì segnare il proprio distacco dalla
m entalità aprioristica e astratta della cultura precedente.
4 La critica alla concezione “ingenua” del metodo scientifico 61

La critic a alla co n c e zio n e “in genua”


del m e to d o scientifico

In che cosa consiste concretamente il metodo scientifico di cui abbia­


mo considerato le origini storiche? Si basa soltanto sull’osservazione
attenta dei fenomeni naturali? E il procedimento induttivo quale fun­
zione riveste, in esso? E come si coniuga con la formulazione delle
ipotesi e l’adozione del metodo matematico? In questo paragrafò cer­
cheremo di dare risposta a questi interrogativi.

Un m o d o di p ro c e d e re alla c ie c a
Nell’opinione comune è molto diffusa una visione riduttiva del me­
todo scientifico, per la quale la scienza è costituita di osservazioni
e teorie. Tale visione “ingenua” implica che, nell’ esaminare un de­
terminato fenomeno, si parta dall’accumulazione di un gran num e­
ro di dati osservativi e, se si riscontra in essi una certa regolarità e
costanza, si proceda a formulare la legge scientifica. Il ricercatore si
baserebbe dunque unicam ente sull’osservazione e sull’induzione,
come nel caso in cui, volendo stabilire a quale temperatura bolle l’ac­ 4 UNESEMPIOPRATICO
qua, muovendosi per tentativi ed errori (cioè alla cieca) iniziasse a
riscaldare l’acqua a diverse gradazioni, fino ad accorgersi che essa
bolle a cento gradi centigradi. Una volta raggiunto tale risultato, e ve­
rificatolo in differenti condizioni di temperatura e pressione, egli
opererebbe la sua generalizzazione, arrivando ad affermare la legge
secondo cui l’acqua bolle a cento gradi centigradi.:Ora, un simile
modo di pensare non corrisponde realmente al complesso lavoro del­
lo scienziato, specialmente oggi.

Il ra p p o rto tr a osservazioni e ipotesi


Innanzitutto, l’impulso alla ricerca non viene dai dati osservati, ma
dal fatto che le teorie scientifiche precedenti, di fronte all’ insorgere
di determinati fenomeni “nuovi”, non riescono più ad offrire spie­
gazioni soddisfacenti ed esaustive, e dunque diventano “problemati­
che” richiedendo l’elaborazione di ipotesi differenti. Inoltre, come è
stato messo in rilievo dall’epistemologia del Novecento, e in partico­
lare dal filosofo della scienza austriaco Karl Popper ( 1902 - 1994), non
si danno mai osservazioni allo stato puro, in quanto per poter osser­
vare qualcosa bisogna già avere una prospettiva teorica e sapere dove
e che cosa osservare. La scienza non registra soltanto i fatti, ma li
interpreta alla luce delle teorie e delle ipotesi già formulate.
62 C a p ito lo 6 Induzione e scie n za

Un a tte g g ia m e n to critico
A differenza del pensiero pre-scientifico e dogmatico, che si chiude
nelle sue inconfutabili certezze e non ammette obiezioni, la scienza
ha com e suo tratto peculiare il fatto di essere aperta agli attacchi del­
la critica, ossia di essere confutabile.
Nel dominio della scienza, quindi, anche se comunemente si parla
di “leggi”, esistono realmente soltanto ipotesi, perché la spiegazione
scientifica non è m ai un dogma, m a procede per congetture e con­
futazioni. Tutta la storia della scienza lo dimostra: al meccanicismo
della f isica classica è subentrata l’idea dell’ azione a distanza della gra­
vitazione universale di Newton, a cui ha fatto seguito, nel Novecento,
la teoria della relatività di Einstein ecc.

5 Le ta p p e d e ll’Indagine scientifica

In questa parte conclusiva illustrerem o quello che oggi appare lo


schem a generale del processo conoscitivo proprio della scienza,
mostrando com e T induzione e la deduzione, spesso contrapposte
nelle dispute epistemologiche, debbano essere utilizzate congiunta-
mente in un circolo che si rivela virtuoso e positivo, perché fonte di
risultati scientif ici importanti. In estrema sintesi, le tappe dell’ inda­
gine scientif ica sono rappresentate dai seguenti momenti:
a. identificazione del problem a;
b. ipotesi prelim inari;
c. raccolta dei fatti;
d. ipotesi esplicativa;
e. deduzione delle conseguenze dell’ipotesi;
f. verifica dell’ipotesi e delle deduzioni che ne derivano.
Queste f asi non vanno considerate rigidamente separate, in quan­
to molto spesso nella pratica della ricerca risultano complementari;
tuttavia è utile mantenerle distinte a scopo didattico.

L e s s ic o filo s o fic o
ipotesi i problemi “tecnici” incontrati nel loro lavoro;
Le ipotesi non sono che congetture (o teo- congetture che devono poi essere sotto­
rie) che gli scienziati avanzano per risolvere poste a severi tentativi di confutazione.
5 Le ta p p e d e ll’indagine scien tifica 63

L’identificazione del p ro b le m a
A lla base di ogni indagine si pone l’insorgenza di un problem a o
1’incorrere in una difficoltà. ;Non ho mai attribuito particolare im ­ 4 UNESEMPIOPRATICO
portanza al gradino che ho in casa in fondo al corridoio che porta in
cucina, ma da quando mi sono rotto un piede, inciampando l’altra
notte in quel gradino, è diventato per me un problem a.;«!’origine del
pensiero - scrive il filosofo e pedagogista statunitense John Dewey
(1859-1952) - sta sempre in una qualche perplessità, conf usione o
dubbio. Il pensiero non è un caso di combustione spontanea; non ac­
cade punto secondo “principi generali”. Vi è qualcosa che lo occasio­
na e lo evoca» (J. Dewey, Com e pensiam o, trad. it. di A. Guccione
Monroy, La Nuova Italia, Firenze 1973, p. 76). La presenza di una si­
tuazione iniziale problematica non basta però per intraprendere l’in ­
dagine o la riflessione; occorre che i termini del problema siano ben
definiti e circoscritti, in altre parole che il problem a sia identificato.

La fo rm u lazion e di ipotesi prelim inari


Im mediatam ente dopo, la nostra m ente tende ad avanzare alcune
ipotesi di soluzione; si tratta di una prim a teorizzazione prelim ina­
r e .;! poliziotto, appena arriv to sul luogo del delitto, osserva l’acca­ A UNESEMPIOPRATICO
duto, cerca gli indizi, avvia le sue indagini, ma contemporaneamente
elabora delle ipotesi provvisorie. Analogamente, lo scienziato racco­
glie fatti, ma sempre guidato da qualche ipotesi o teoria precedente.
Per riprendere un’immagine di Popper, si può dire che la sua mente
agisca come un faro, che illum ina una porzione ben delim itata del­
la realtà, facendola emergere dall’oscurità: il ricercatore scientifico
non procede a caso, ma concentra il suo sguardo su una serie di dati
selezionati in f unzione dei propri interessi e degli scopi dell’ indagine.

La ra c c o lta dei fatti


Elaborata un’ipotesi preliminare, lo scienziato procede a raccogliere
altri elementi,;come il detective che, essendosi fatto una qualche idea UNESEMPIOPRATCO
sul delitto, la controlla attraverso una più organica e sistematica ana­
lisi di prove e indizi.;Si tratta di un momento importante e delicato,
perché il reperim ento delle prove addizionali può giungere a m et­
tere in crisi le prim e ipotesi le quali, eventualmente, devono essere
modificate.
64 C apitolo 6 Induzione e scienza

La fo rm u lazio n e di un ’ipotesi esp licativa


A questo punto lo scienziato ha a disposizione sufficienti indizi per
suffragare la prima ipotesi o sostituirla con un’ altra. Volgendosi a
considerare il lavoro svolto, egli sarà in grado di formulare l’ipotesi
definitiva, capace di spiegare il problema iniziale. Ogni ipotesi valida
e rilevante sul piano scientifico non si limita però a chiarire i dati os­
servativi, cioè relativi all’esperienza presente o passata, ma consente
di avanzare previsioni circa l’andamento del fenomeno studiato nel
futuro.

La d ed uzio ne
Da un’ipotesi o da un complesso di ipotesi lo scienziato può far di­
pendere una serie di fatti nuovi, deducendoli come loro conseguenze.
UNESEMPIOPRATICOA Ciò si verifica aricfxe nel caso del nostro detective, il quale, una vol­
ta formulata l’ ipotesi sull’ omicida, procede a qualche legittima de­
duzione, ad esempio aspettandosi che egli cercherà di nascondere
l’ arma del delitto o di trasferire su un conto all’ estero il denaro ru ­
bato alla vittim a ecc.

La verifica
Come si vede, queste deduzioni hanno anche la funzione di verifica-
re ulteriormente la validità dell’ipotesi, che comunque è sempre
esposta alla possibilità di essere falsificata, nel momento in cui nuove
prove le si opponessero o le sue conseguenze si scontrassero con fat­
ti inediti, rilevanti e non spiegabili nei termini e nei limiti dell’ ipote­
si avanzata in precedenza.
C hiarito nei suoi caratteri essenziali il processo dell’ indagine
scientifica - che può essere assunto com e percorso di ogni analisi ra­
zionale - siamo giunti alla fine del nostro discorso, in cui abbiamo
cercato di mostrare come la scienza non proceda in modo schemati­
co né lineare, e come essa adoperi, congiuntamente, il pensiero e l’e-
sperienza, la deduzione e l’induzione.
M e ttiti alla p ro v a 65

METTITI alla PROVA


1. Leggi a tte n ta m e n te le te o rie s e g u e n ti, a ttrib u ite a E rm e te T ris m e g is to . In d iv id u a in
e s s e p rin c ip i e u si d e l lin g u a g g io vicin i a lla s c ie n z a , d is tin g u e n d o li d a q u e lli p ro p ri
d e lla filo s o fia n a tu ra lis tic a .
a. Tutto ciò che è soggetto al movimento [...] non si muove forse in qualcosa e per azione
di qualcosa? [...] E non è necessario che ciò in cui l’essere mobile si muove sia più gran­
de di ciò che si muove? [...] E dunque ciò che è causa del moto non è più forte di ciò
che è mosso? [...] E ciò che si muove deve necessariamente avere una natura diversa da
ciò in cui si muove?
b. Il luogo, dove l’universo si muove, deve essere [... ] incorporeo; ma l’incorporeo è qual­
cosa di divino, o meglio è Dio stesso. [... ] Se dunque l’incorporeo è qualcosa di divino,
la sua natura è quella dell’essenza, se è Dio stesso, è anche privo di essenza. Inoltre è
anche intelligibile, perché per noi l’intelligibile primo è Dio, ma egli non è tale per se
stesso. Ciò che è intelligibile cade infatti sotto i sensi di colui che lo pensa; Dio quindi
non può essere pensato da se stesso, poiché non è altro dall’oggetto pensato, per il fatto
che pensa se stesso.
c. [... ] è ciò che si trova nell’interno del corpo che muove la cosa inanimata, e non il co r­
po stesso che genera il movimento di ambedue, sia del corpo che porta, sia del corpo
che è portato; è per questo che un corpo inanimato non potrà muovere un altro corpo
inanimato.
d. [L’incorporeo è un] intelletto, che nella sua totalità contiene interamente se stesso, libe­
ro da ogni corpo, immobile, impassibile, intangibile [... ] tale da contenere in sé tutte le
cose esistenti, da mantenerle in vita, e i cui raggi possono essere def initi il bene, il vero,
il principio primo del soffio vitale e dell’anima.
(da Corpo ermetico e Asclepio,
a cura di B. M. Tordini Portogalli, SE Srl, Milano 1997)

2 . Q u e s t’e s ta te v o rre s ti c o m p ie re la G ra n d e R a n d o n n é e d e lla C o rs ic a , un m a g n ific o


p e rc o r s o c h e a ttra v e rs a tu t t a l ’is o la d a S u d -E s t a N o rd -O v e s t. S e rv ira n n o a lm e n o
15 g io rn i di c a m m in o e v u o i e s s e re c e r t o di a v e re a b b a s ta n z a p ro v v is te e d e n e rg ia
p e r q u e s ta s fid a ! In te n d i quindi s c o p rire q u a l è la tu a re s is te n z a e q u a le p e s o p uoi
r e g g e r e su lle tu e s p a lle . C o m e p u o i a rriv a re a u n a ris p o s ta il più “ s c ie n tific a ”
p o s s ib ile ?

3 . Fai u n a ric e r c a in s ie m e c o n i tu o i c o m p a g n i e illu s tra u n a te o r ia s c ie n tific a c h e nel


c o r s o d e l te m p o è s ta ta s m e n tita e a b b a n d o n a ta . S p ie g a le ra g io n i c h e h a n n o
c o n d o tto al s u o rip u d io e in d ic a s e in s e g u ito è s ta ta re c u p e ra ta e d e v e n tu a lm e n te
a d a tta ta .

4 . R ifletti in m o d o c ritic o e p ro b le m a tic o sul s e g u e n te p e n s ie ro , tr a tto d a un lib ro d e llo


s c ritto re e filo s o fo s ta tu n ite n s e R o b e rt M. P irs ig (n a to n e l 1928), c h e s o lle v a
in te re s s a n ti in te rro g a tiv i s u lla s c ie n z a e s u lla te c n o lo g ia . P ro v a q u in d i a e la b o ra re
un b re v e te s to in cui a rg o m e n ti la tu a p o s iz io n e in p ro p o s ito .

Si dice a volte che non c e un progresso vero e proprio: che una civiltà che uccide milioni
di persone in guerre di massa, che inquina la terra e gli oceani con quantità sempre m ag­
66 C apitolo 6 Induzione e scie n za

giori di rifiuti, che distrugge la dignità degli individui soggiogandoli a un’esistenza forza­
tamente meccanizzata, difficilmente può essere def inita un progresso rispetto all’esistenza
più semplice delle società primitive. Ma quest’argomentazione, benché abbia un fascino
romantico, non regge. Le tribù primitive permettevano una libertà individuale molto infe­
riore a quella concessa dalla società moderna. Le guerre venivano perpetrate con molte
meno giustificazioni morali. Una tecnologia che produca rif iuti è in grado di trovare, e li
sta trovando, i mezzi per eliminarli senza sconvolgimenti ecologici. E il quadro che i libri
di scuola forniscono dell’uomo primitivo omette a volte il dolore, le malattie, la fame, il
lavoro stremante che la mera sopravvivenza richiedeva. Il passaggio dalle sofferenze di
quell’esistenza cruda alla vita moderna si può definire un progresso senza timore di esage­
rare, e l’unico fattore determinante di questo progresso è chiaramente la ragione stessa.
È fàcile vedere come i processi, sia naturali che formalizzati, dell’ipotizzare, dello speri­
mentare, del trarre conclusioni, abbiano generato secolo dopo secolo le gerarchie del pen­
siero che hanno eliminato la maggior parte dei nemici dell’uomo primitivo. In una certa
misura, la condanna rom antica della razionalità trae la sua origine proprio dall’efficacia
della razionalità stessa nel sollevare l’uomo dalle sue condizioni primitive. La razionalità è
infatti un fattore della civilizzazione umana così potente ed egemonico che ha eliminato
tutto il resto e ora domina addirittura l’uomo.
(R. M. Pirsig, Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta,
trad. it. di D. Vezzoli, Adelphi, Milano 1993, p. 130)

5 . A s s u m e n d o c o m e p u n to di rife rim e n to lo s c h e m a d e ll'in d a g in e s c ie n tific a d e lin e a to


nel c a p ito lo (p p . 6 2 -6 4 ), p ro v a a d a n a liz z a re la s tru ttu ra di u n a te o ria s c ie n tific a o di
un ra c c o n to p o liz ie s c o o di u n a s p ie g a z io n e s to ric a .
67

n questa sezione proponiamo una serie ■ verifica della com peten za relativa alla

I di test di logica incentrati prevalente­


mente sui ragionamenti induttivi, carat­
teristici, oltre che dei discorsi ordinari, di
logica numerica, m ediante eserci­
zi sul riconoscim ento delle regolarità
logiche che presiedono alle serie nu­
quei testi (ad esempio, scientifici, giornalisti­ m eriche
ci ecc.) che si basano soprattutto sull’os­ ■ verifica della com petenza relativa al
servazione e sull’esperienza. Per favorire ragionamento critico, m ediante eser­
l’Identificazione dei ragionamenti induttivi li cizi sulla struttura logica, sul significato
metteremo a confronto con quelli deduttivi. e sulle condizioni di validità di proposi­
Le batterie di esercizi che proponiamo so­ zioni e ragionamenti
no raggruppate in base ai criteri seguenti: ■ verifica della com prensione e della
■ verifica della com petenza relativa alla capacità deduttiva e induttiva in ri­
logica linguistica, m ediante eserci­ ferim ento a testi, mediante esercizi
zi sul corretto significato di term ini/ sull’Individuazione di analogie, di parti
espressioni, sulle analogie concettuali, m ancanti e del messaggio del brani
su sinonimi e contrari, sui nessi logici... esaminati.
T e st di logica

L o g ica linguistica
1 Tra quelli elencati di seguito, qual è l’abbinamento errato?

□ igiene/sudicio
0 rigore / inflessibile
B estro / banale
0 armonia / dissonante
0 condiscendenza / irremovibile

2 Qual è l’intruso fra i termini seguenti?

Q forma
0 materia
B genere
0 forza
0 fine

3 Qual è il contrario di “laconico”?


□ lacustre
0 prolisso
B lacunoso
0 conciso
0 bugiardo

4 Qual è il sinonimo di “empatia”?

Q intesa
0 immedesimazione
B freddezza
0 risolutezza
0 rivalità

5 Indica, fra i termini proposti, quello che designa l’atto giuridico con cui
si trasferisce a un altro soggetto la proprietà di un bene:
□ patrocinio
0 delega
B capitalizzazione
0 attestazione
0 alienazione

6 Considera la proporzione verbale “x : bibita = y : evidenziatore”. Quale


coppia di termini ne rappresenta il completamento logico?
□ x = bicchiere y= tappo
0 x = bollicine y= carta
0 x = lattina y= portapenne
0 x = bere y= evidenziare
0 x = gusto y= brio
L o g ica linguistica 69

7 Indica il significato dell’aggettivo “pop”:

□ di massa
0 musicale
0 folcloristico
0 di rottura
0 all’avanguardia

8 Indica la serie di parole con cui è corretto sostituire i numeri per dare un
senso compiuto e logico alla frase seguente:
In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per (1).................................e
basta. Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di
(2)............................... le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare
indignazione, di aprire un po’ le teste. (Dario Fo, II mondo secondo Fo)
□ (1) scrivere (2) alimentare
0 (1) divertire (2) mandare in crisi
0 (D vendere (2) comprare
0 (1) convincere (2) annichilire
0 ( 1 ) lottare (2) contrariare

9 L’espressione a le a ia c ta e s t si usa quando:


□ si compie un gesto superficialmente, senza pensare alle conseguenze
0 si è ormai vicini alla conclusione di un lavoro
0 si compie un’azione d ’impeto, con spirito temerario
0 ci si affida a una ritirata strategica
0 si è presa una decisione dalla quale non si può più recedere

10 Quale di queste espressioni non si riferisce all’ambito musicale?


□ frasario
0 scala
0 canone
0 legatura intermedia
0 a cappella

11 Completa con l’aggettivo corretto la frase “L’altorilievo è una composi­


zione ..................................... in cui le figure emergono nettamente dal fondo”.

□ decorativa
0 pittorica
0 architettonica
0 scultorea
0 parietale

12 Qual è, tra le seguenti, la parola da scartare?


□ telecomunicazione
0 telecinesi
0 teleferica
0 telecomando
0 telescopio
70 Test di logica

L o g ica n u m e rica
1 Individua il num ero che c o m p le ta la serie 1 0 7 ,1 1 0 ,1 1 6 ,1 2 5 ,1 3 7 ...

□ 152
0 146
0 140
0 161
0 155

2 Qual è il num ero m a n ca n te nella serie 306, 297, 288, 279, 270...?

□ 317
0 259
0 281
0 311
0 261

3 Ind ivid ua il num ero m ancante nella serie 3, 5, 8 ,1 2 ,1 7 , 23...

□ 25
□ 30
0 35
0 41
0 29

4 C om pleta in m odo c o rre tto la serie seguente: 1873, 1973, 2173, ...,
2873, 3373.

□ 2273
□ 2373
0 2473
0 2573
0 2673

5 C o n sid e ra la se rie num erica seguente: 512, 2 5 6 ,1 2 8 ,6 4 ... Quale num e­


ro d e v e essere a g giunto per com pletarla?

□ 16
□ 34
0 32
0 18
0 24

6 Individua il num ero m a n ca n te nella se rie 3, 8 ,1 0 ,1 5 ,1 7 , 22...

□ 24
0 27
0 25
0 30
0 33
Logica n um e ric a 71

7 Qual è il num ero da inserire nella serie 2, 24, 8, 28, 32, 3 2 ,1 2 8 ...?

□ 512
□ 132
B 128
0 36
0 48

8 Individua il num ero da aggiungere nella serie 3, 3, 5, 8 ,7 ,1 3 , 9...

□ 11
□ 18
B 14
B 22
0 15

9 Individua il num ero che c o m p le ta la serie 4, 9 ,1 9 , 34, 54...

□ 109
□ 59
B 84
0 79
0 104

10 Qual è il num ero m ancante?


CO

7
co

C\J

co
co

14

□ 28
□ 16
B 42
0 27
0 3

11 C onsidera la tabella seguente e indica il num ero m ancante.

21 18 7
27 14

□6
□ 13
B 9
0 4
0 11

12 C om pleta in m odo c o rre tto la serie seguente: 40, 2 0 ,..., 9, 7.


Q 18
□ 10
B 11
0 22
0 17
72 Test di logica

R a g io n a m e n to critico
1 Uno studio condotto in Italia su un campione significativo di soggetti rile­
va che l’assunzione giornaliera di almeno due tavolette di cioccolato fonden­
te contenente cacao puro all’80% aiuta a mantenere sani i vasi sanguigni e
ne migliora la condizione nei pazienti affetti da arteriosclerosi. È legittimo
supporre che, a parità di condizioni, questi effetti benefici possano verifi­
carsi nell’intera popolazione non solo italiana, ma addirittura del pianeta.
Quale ragionamento, tra i seguenti, ha la struttura logica di quello proposto?
□ I cani di Paolo abbaiano sempre (e soltanto) quando passa qualcuno
davanti al cancello di casa. Un giorno, mentre sono a casa sua, I cani si
mettono ad abbaiare. Ne deduco che, senza ombra di dubbio, sta passando
qualcuno davanti al cancello della casa di Paolo.
IO Devo comprare la mia prima automobile e sono Incerta tra il modello A e il
modello B. Faccio una rapida inchiesta tra amici e conoscenti. Scopro che II
modello A è molto diffuso, mentre II modello B è stato scelto da pochi. Mio
zio mi magnifica II modello A, così pure un mio professore e alcuni amici,
che storcono il naso quando parlo del modello B. Ne concludo che il
modello A è meglio del B: la mia scelta ricadrà con ogni probabilità su A.
0 Poiché tutta la nostra conoscenza deriva dai sensi e dato che non abbiamo
alcuna sensazione relativa a Dio, ne consegue che non abbiamo alcuna
conoscenza di Dio, anche se buona parte dell’umanità crede in lui.
0 Le aule in cui si trovano cartacce sparse per terra dopo la lezione sono aule
che ospitano persone maleducate. In quest’aula ci sono cartacce per terra
e la lezione è appena finita. Quest’aula ha ospitato persone maleducate.
0 Ieri ho mostrato alle mie amiche Alessandra e Stefania una serie di Immagini
e ho chiesto loro di Indicarmi quale fosse più Indicativa dell’Intelligenza: la
lampadina, gli ingranaggi di un meccanismo o il punto esclamativo.
Entrambe hanno risposto “la lampadina’’. È evidente, quindi, che la lampadina
è In assoluto la più efficace rappresentazione ¡conografica dell’Intelligenza.

2 I coralli sono essenziali alla vita dei nostri oceani. A loro volta, gli ocea­
ni sono essenziali alla sopravvivenza del pianeta. È doveroso concludere
che la distruzione dei coralli causerebbe la morte del pianeta.
Quali ragionamenti, tra i seguenti, hanno la struttura logica di quello proposto?
□ Tutti gli uomini generosi sono virtuosi. Antonio offre sempre una moneta a
chi chiede l’elemosina. Bisogna quindi convenire che Antonio è virtuoso.
0 Secondo Pascal, tutta l’infelicità degli uomini deriva dal fatto che non sanno
stare da soli con se stessi. L’esperienza gli dà ragione: ognuno di noi
preferisce la compagnia anche di persone sgradite, pur di non essere
costretto a riflettere su di sé In solitudine.
B Giovanni è un bambino di sei anni e già sa che le pirofile che escono dal
forno bollente bruciano. Non lo ha imparato certo a scuola, ma dall’espe­
rienza: più di una volta, Infatti, si è scottato mentre cercava di sbocconcella­
re una torta appena uscita dal forno preparata dalla sua mamma.
0 È convinzione popolare che porti sfortuna allo sposo vede la futura moglie il
giorno prima del matrimonio. Sempre più spesso le coppie sposate si
separano... dev’essere perché i giovani si vedono prima delle nozze.
0 Soltanto I sapienti sanno che cosa è veramente la felicità. Socrate fu un
grande sapiente. Lui sì che se ne intendeva di felicità!
R a g io n a m e n to critico 73

3 In occasione dell’apertura di un nuovo autolavaggio automatico, ai


clienti viene offerta la seguente promozione:
C o s to d i u n la v a g g io a u to 11 e u ro
D o p o tr e la v a g g i, i l q u a rto è g ra tis
Quale promozione, tra le seguenti, ha la struttura logica di quella proposta?

□ In un negozio specializzato in abbigliamento per bambini, il costo di un paio


di calzini è di 9 euro. In occasione delle svendite estive il prezzo di 4 paia è
di 27 euro.
0 II costo del biglietto per un ingresso al museo è di 11 euro. Per i gruppi
superiori a 4 persone si pratica uno sconto del 10%.
0 L’acquisto on line di prodotti cosmetici offre per questo mese vantaggi sulle
spese di spedizione: acquistando più di 4 prodotti la spedizione è gratuita.
0 II biglietto per l’ingresso al parco giochi costa 11 euro a persona. È gratuito
per bambini di età inferiore a quattro anni.
0 Chiunque esibisca un vecchio biglietto di ingresso acquistato in questo
cinema, otterrà uno sconto di 2 euro sul nuovo biglietto.

4 Oggi sono molti i giovani italiani che cercano lavoro all’estero. Tra i
paesi che più attraggono manodopera straniera c’è senza dubbio l’Australia.
Francesco vuole tentare una vacanza-lavoro in quel paese, per poi magari
stabilirvisi definitivamente. Per farlo, servono però alcuni requisiti: deve
avere un conto corrente con un saldo di almeno 1.000 euro e non più di 30
anni di età. Francesco possiede il primo requisito, ma ha più di 30 anni e
quindi non può richiedere il visto per l’Australia.
Quale ragionamento, tra i seguenti, ha la struttura logica di quello proposto?

□ Per avere diritto al sussidio di disoccupazione straordinario previsto dal


governo in caso di grave crisi economica, bisogna rispettare due condizioni:
non avere un lavoro e avere una famiglia numerosa. Laura è disoccupata e
ha tre figli. Dal momento che viviamo in un periodo di grave crisi economica,
Laura ha diritto all’assegno straordinario di disoccupazione.
0 Per poter votare alle elezioni politiche bisogna avere almeno 18 anni ed
essere cittadino italiano. Carlo è cittadino italiano e ha 29 anni. Carlo però
non voterà alle prossime elezioni politiche perché ha deciso di astenersi.
0 Per accedere a una prestigiosa università, bisogna avere non più di 20 anni
e aver superato l’esame di Stato con una votazione di almeno 90/100.
Nonostante abbia concluso gli studi superiori con ¡I massimo dei voti,
Antonio, avendo più di vent’anni, non può accedere all’università a cui
tanto aspirava.
0 Chi appare sulle prime pagine dei giornali è indubbiamente famoso. Questo
mese Anna è apparsa sulla copertina di un noto magazine. Anna è famosa.
0 Per vincere la gara indetta all'Interno dell’azienda è necessario non soltanto
fare più scale di tutti gli altri, ma anche salire almeno 100 rampe in un mese.
A dispetto delle previsioni, questo mese Bruno non si è piazzato al primo
posto e, avendo preso perlopiù l’ascensore, non si è nemmeno avvicinato
al requisito minimo richiesto per ottenere la vittoria.
74 Test di logica

5 Per avere una c o rre tta alim entazione bisogna seguire una d ie ta bilan­
ciata, cio è assum ere con il cib o tu tti i nutrienti di cui ha b iso g no il nostro
organism o. In media, si co n sig lia di assum ere g io rnalm ente alm eno 300
gram m i di verdura e 50 gram m i di fru tta , 25/30 gram m i di fibre e da 0,8 a 1
gram m o di carne per ch ilo g ra m m o di peso corporeo. M olto im portante,
poi, è variare sem pre i p ro d o tti della nostra dieta, scegliere cib i co lo ra ti e
praticare l’esercizio fisico.
Individua la considerazione che non è in linea con il ragionam ento precedente:

□ Bisogna fare attenzione anche al colore dei piatti in cui si serve il cibo,
perché i piatti colorati, come c'insegna la psicologia, favoriscono il buon
umore.
10 Non bisogna trascurare l’esercizio fisico quotidiano, anche a costo di
qualche sacrificio.
B La dieta giornaliera più corretta è quella che assortisce i cibi e si basa su
frutta e verdura.
0 C’è una stretta relazione tra alimentazione e salute, sebbene il nostro
benessere dipenda anche da altri fattori.
b Non si deve assumere una quantità di proteine eccessiva se ci si vuole
mantenere in forma.

6 In una m e tropoli statunitense è s ta to m isurato il quoziente in te lle ttivo a


due gru p p i di bam bini due vo lte in uno stesso anno, a distanza di sei mesi.
D urante l’intervallo tra le due m isurazioni al g ru p p o A sono stati som m ini­
strati q u o tid ia n a m e n te integratori vita m in ici, che invece non sono sta ti dati
al gru p p o B. L’esperim ento si è c o n clu so con un risu lta to che ha visto s i­
g n ificativi progressi nel g ru p p o A, a differenza del g ru p p o B, i cui progressi
sono s ta ti del tu tto tra scu ra b ili. È ragionevole ritenere che gli integratori
abbiano e sercitato u n ’influenza positiva sul risu lta to del prim o gruppo.
Indica le due afferm azioni co rre tte in riferim ento al ragionam ento proposto:

□ si tratta di un ragionamento induttivo


0 si tratta di una dimostrazione
B si tratta di un sillogismo deduttivo
0 si tratta di una congettura
0 si tratta di un ragionamento scientifico

7 Facendo riferim ento a ll’e sperim ento precedente, quale delle seguenti
condizioni lo avrebbe invalidato?

□ i bambini dei due gruppi erano a conoscenza del fatto che il test sarebbe
stato ripetuto a distanza di due mesi
0 i bambini dei due gruppi erano a conoscenza dell’importanza del test
ai fini della loro carriera scolastica
B nessun bambino era stato preparato specificamente per il test di
misurazione del quoziente intellettivo
0 nell’intervallo tra le due misurazioni, alcuni genitori dei bambini del gruppo B
avevano somministrato ai figli integratori vitaminici di propria iniziativa
0 in passato alcuni bambini del gruppo A avevano già preso Integratori
vitaminici per un breve periodo
Comprensione di testi 75

C o m p re n s io n e di testi
1 U n b u o n m e d ic o p e r e s s e re ta le d e v e c o n o s c e re n o n s o lo il c o rp o
d e ll’a m m a la to , m a a n c h e le c o n d izio n i a m b ie n ta li in c u i e g li vive. Q u e ste in ­
fa tti g li fa n n o c a p ire le c a u s e n a s c o s te d e lla m a la ttia e g li p e rm e tte ra n n o d i
c u ra re l ’a m m a la to nella sua in te g rità . N e s e g u e che c o lu i che voglia e s s e re
m e d ic o d e v e s tu d ia re le s ta g io n i d e ll’an n o, g li influ ssi c h e o g n u n a d i esse
p u ò e s e rc ita re ; i venti, sia i c a ld i c h e i fre d d i, in n a n zitu tto q u e lli co m u n i a
tu tti i luog hi, p o i q u e lli s p e c ific i d i u n a d e te rm in a ta re g io n e . D e v e a n c o ra in ­
d a g a re le p ro p rie tà d e lle a c q u e , p e rc h é c o s ì c o m e e s s e d iffe ris c o n o n e l g u ­
s to e n e l p e s o , a ltre tta n to n e s o n o b e n d iv e rs e le p ro p rie tà . (Ippocrate, A rie ,
a c q u e e luoghi')
Quale dei seguenti testi ha la struttura logica di quello proposto?
□ «Intorno alla metà del XVII secolo mappamondi e carte geografiche
costituivano un lusso costoso, ma più ancora un simbolo di scienza
umanistica, e nel rappresentarle Vermeer Intende fornire indicazioni sui
rapporti politici dell’epoca. Il dipinto “Militare e giovinetta sorridente’’, nel
quale compare un soldato, reca sulla parete la riproduzione di una carta
geografica realizzata nel 1620 da Balthasar Florisz. Tale dipinto allude quindi
probabilmente alla guerra anglo-olandese (1652-1654), nel corso della
quale l’ammiraglio de Ruyter aveva conseguito vittorie di fondamentale
importanza per le repubbliche delle Province Unite». (Norbert Schneider,
Vermeer)
0 «Studiando un campione di 300 donne homeless [senza dimora] Smith e
Morth (1994) riportano che le madri di figli minori di 16 anni erano meno
propense a soffrire di malattie psichiatriche, mentre tra le madri di minori
che non vivevano più con i figli la presenza di patologia psichiatrica cronica
saliva notevolmente. La mancanza dei figli sembrerebbe quindi un fattore di
forte destabilizzazione psichica, in senso depressivo [...]. Una corretta
pianificazione dei servizi sanitari e sociali dovrebbe quindi tenere conto non
solo di un’analisi dei bisogni immediati delle pazienti, ma anche del loro
sistema di valori e delle loro aspirazioni». (Giovanni G. Valtolina, Fuori dai
margini. Esclusione sociale e disagio psichico)
0 «La scrittura è in una strana condizione, simile veramente a quella della
pittura. I prodotti cioè della pittura ci stanno davanti come se vivessero; ma
se li interroghi, tengono un maestoso silenzio. Nello stesso modo si
comportano le parole scritte: crederesti che possano parlare quasi che
abbiano in mente qualcosa; ma se tu chiedi loro qualcosa di ciò che dicono
essi ti manifestano una sola cosa e sempre la stessa». (Platone, Fedro, 275d)
0 «[Il califfo di Ispahan] si recò presso il saggio Ibn Al Houdaìda. [...] Gli
raccontò del disamore che si stava instaurando tra lui e la regina, del velo di
infelicità che abitualmente le copriva il viso [...]. “Ebbene, - disse il saggio -
ecco la chiave del mistero! Quando affronti la regina di fronte, con durezza,
senza amore, come un giudice, quando la squadri come se volessi contare
le sue rughe o i suoi capelli grigi, allora la getti in una solitudine che
l’addolora e rimbruttisce”». (Michel Tournier, Lo specchio magico, in
Racconti d ’amore del ‘900)
B «La materia è in ogni cosa, dicono i filosofi, perché è il principio radicale di
tutti i misti. Essa è in tutto ed è simile a tutto, perché è suscettibile di tutte le
forme». (Antoine-Joseph Pernéty, Favole greche ed egiziane svelate)
76 Test di logica

2 L a c u ra d e lle a n im e n o n p u ò a p p a rte n e re a llo S ta to , p o ic h é tu tto il su o


p o te r e c o n s is te n e lla c o s triz io n e . M a la re lig io n e v e ra e s a lu ta re c o n s is te
n e lla fe d e in te rn a d e ll’a n im a , s e n z a la q u a le n u lla h a v a lo r e p re s s o D io . L a
n a tu ra d e ll'In te llig e n z a u m a n a ............................................
S i c o n fis c h in o i b e n i, s i to rm e n ti il c o rp o c o n il c a r c e r e o la to rtu ra , tu tto
s a rà vano, s e co n q u e s ti s u p p liz i s i v u o le m u ta re il g iu d izio d e lla m e n te
s u lle c o s e . (John Locke, L e tte r a s u lla to lle ra n za )
Indica l’espressione che nel te s to è stata om essa:

□ è imperfetta e lacunosa
0 nulla può di fronte a Dio
B è in contraddizione costante con la fede
0 è tale che può essere facilmente costretta dalla forza dello Stato
0 è tale che non può essere costretta da nessuna forza esterna

3 L ’a m o r e h a il p la u s o d e l m o n d o . L a .......................................... è fu rtiva,
v e rg o g n o s a e im b a ra z z a n te . L ’a m o r e p e rs e g u e l ’a m o r e d e ll’a ltro con a u to ­
c o n tro llo , c u ra , ra g io n e e p a z ie n z a . L a .................................................. c e rc a
so lo la s u a g ra tific a z io n e , a c a p o fitto , in s o ffe re n te a q u a ls ia s i c o n tro llo ,
in c u ra n te d e lla ra g io n e . L ’a m o r e p ro s p e ra con il d ia lo g o a lu m e d i c a n d e la .
La .......................................... s i re a liz z a in d iffe re n te m e n te in u n p o r to n e o in
un ta x i e il s u o le s s ic o è c o s titu ito d a g ru g n iti e su o n i a n im a le s c h i; p re n d e
q u e l c h e c a p ita . (Simon B la c k b u rn ,............................................. )
Quale, tra le seguenti, è la parola chiave omessa nel te sto e nelle in d ica zio ­
ni bibliografiche?

□ prostituzione
0 vanità
B lussuria
0 disonestà
B tentazione

4 Se lo c h ie d e te a l ro s p o [c h e c o s ’è il b e llo ] v i d irà c h e è la s u a fe m m in a ,
c o n i su o i d u e o c c h i r o to n d i s p o rg e n ti d a lla p ic c o la te s ta , la g o la la rg a e
p ia tta , il v e n tre g ia llo , il d o rs o b ru n o , la d d o v e il filo s o fo vi ris p o n d e rà c o n
in c o n g ru e n z e d iffu s e e il d ia v o lo , c o n p iù d is in c a n to , c h e è u n p a io d i c o r­
na, q u a ttro z a m p e a g rin fia , e una c o d a . (Voltaire, in D iz io n a rio filo so fico )
Quale delle seguenti afferm azioni e sprim e il m essaggio del te sto ?

□ non ci può essere una scienza oggettiva della bellezza


0 l’arte contemporanea, che spesso predilige II brutto, è la vera scienza
del bello
B soltanto la filosofia è In grado di cogliere il sentimento del bello
0 i rospi, i filosofi e i diavoli non hanno alcuna affinità con II bello
0 anche II brutto può essere bello se si è innamorati
Comprensione di testi 77

5 Inizialm ente non a vvertite che un le g g ero torp o re , un languore. P o i la


pressione d e l p e tto c o n tro il suolo diventa p iù forte, il re sp iro s i fa p iù lento,
le fo rm e sfum ano, le g rid a lontane affievoliscono. N on avvertite che il calore
sulla schiena com e fosse una co p e rta che v i rassicura e la secchezza delle
gam be. Un venticello leggero vi aiuta a non s e n tirv i in fa s tid iti d a l calore.
A vvertite soltanto la p ro te zio n e d e lla luce calda, il suo d o lce p ropagarsi.
(Roger-Pol Droit, P iccola filo so fia p o rtatile)
Sulla base degli Indizi fo rn iti Indica la p osizione d e s c ritta nel testo:

□ sdraiati sul lettino di uno yacht


0 sdraiati sotto potenti lampade in un centro estetico
B sdraiati nel letto, sognando di abbronzarsi al sole
0 sdraiati con la schiena sulla sabbia
0 sdraiati con la pancia sulla sabbia

6 Era te m p o d i d isfa rsi d e l c a rico : ora o m a i più . A l rich ia m o d e ll’a lto p a r­


lante la fo lla d e i c lie n ti era presa da una fu ria frenetica, co m e se si trattasse
d e g li u ltim i m in u ti d e ll’u ltim o su p e rm e rca to in tu tto il m ondo, una furia non
s i ca p iva se d i p rend e re tu tto q u e l che c ’era o d i lasciarlo lì, in so m m a uno
s p in g i s p in g i in to rn o a i banchi, e M a rco va ld o co n D om inila e fig li ne a p p ro ­
fittavano p e r rim e tte re la m ercanzia s u i b a n c h i o p e r farla scivolare nei
ca rre lli d ’a ltre persone. (Italo C alvino, M arcovaldo)
Sulla base degli Indizi fo rn iti indica la situazione In cui si trova M arcovaldo:

□ sta cercando di rubare prodotti che non può comprare


0 sta cercando di raggiungere per primo la cassa
del supermercato
B si sta buttando sugli ultimi prodotti in saldo ancora disponibili
0 sta cercando di approfittare della folla per sottrarre dal carrello degli altri
prodotti che vorrebbe acquistare, ma che sono esauriti
0 sta cercando di disfarsi di prodotti che non intende o non può acquistare,
ma che comunque ha messo nel carrello della spesa

7 M io p a d re si ferm ò d a va n ti a u n g ra n d e p o rto n e d i legno a nnerito dal


tem po e d a ll’um idità. D i fro n te a noi s i ergeva quella che a me p a rve la
carcassa d i un palazzo, un m ausoleo d i echi e d i om bre. [...] Era un tem pio
tenebroso, un la b irin to d i b a llatoi con s c a ffa li a ltis s im i [...]. [...] N on co n o ­
scevo né il tito lo né l ’autore, m a non m i im p o rta va . Era una d e cisio n e irre ­
vocabile, d a entram be le p a rti. P resi il lib ro e lo s fo g lia i con cautela: le p a ­
g in e p a lp ita ro n o co m e le a li d i una farfalla a c u i viene re s titu ita la libertà,
sp rigionando una nuvola d i polvere. S o d d isfa tto della scelta, tornai sui m ie i
p a ssi rip e rco rre n d o i l la b irin to co n il volum e so tto b ra c c io e un so rriso sul­
le labbra. (Carlos Ruiz Zafón, L’om bra d e l vento)
Sulla base degli indizi fo rn iti indica il luogo v is ita to dal p rotagonista:

Q una biblioteca magica


0 un luogo misterioso dove sono custoditi libri destinati all’oblio
B un museo di antichi reperti
0 un moderno negozio specializzato in libri rari
11 un luogo misterioso, che in tempo di guerra dava rifugio ai perseguitati
78 T e st di logica

8 N e ll’estate d e l 1969 i l s ig n o r E ric K arlsson d i Lyby (Svezia) era an d a to a


trovare a lc u n i p a re n ti in D anim arca. P rim a d ip a rtire aveva le g a to la fedele
cavalla Linnea con una catena a un palo in mezzo a un p ra to . Aveva in o ltre
d a to in c a ric o alla m oglie K arin d i allungare ogni giorno d i m ezzo m e tro la
catena, in m o d o che la cavalla avesse la p o s s ib ilità d i a m pliare la c irc o n fe ­
renza d e i suoi passi, e b ru ca re così nuova erba.

la cavalla ha d iv o ra to quasi tu tta la vegetazione d e lla Svezia m e rid io n a le e


gran p a rte d e i p ra ti della N orvegia. (Stefano Benni, L’u ltim a lacrim a)
Nel brano è sta ta om essa la parte centrale, con te n e n te lo s vilu p p o della
vicenda. In base agli indizi fo rn iti, che c o s a pensi sia successo?

□ Karin si è dimenticata di allungare la catena


0 ¡I signor Eric, pentito per aver legato Linnea al palo, scrive un’e-mail alla
moglie chiedendo di liberare la cavalla
B la cavalla è scappata dietro al suo padrone
0 il signor Eric non ha più fatto ritorno per molto tempo
0 la catena è così lunga che dopo qualche settimana la cavalla si è ritrovata
in un altro paese

9 Lontano, n e i d im e n tic a ti spazi non se g n a ti sulle ca rte g e o g ra fich e d e l


lim ite estrem o d e lla S p ira le Ovest della Galassia, c ’è un p ic c o lo e in s ig n ifi­
cante sole giallo.
A o rbita re in to rn o a esso, a lla distanza d i ce n to quarantanove m ilio n i d i c h i­
lom etri, c ’è un p ic c o lo , tra scu ra b ilissim o p ia n eta azzurro-verde, le c u i fo r­
me d i vita, d isce n d e n ti dalle scim m ie, sono così in c re d ib ilm e n te p rim itiv e
che cre d o n o ancora che g li o ro lo g i da p o ls o d ig ita li siano una b rilla n te in ­
venzione.
Q uesto pia n eta h a - o aveva - un p ro b le m a , e il p ro b le m a era che la m a g ­
g io r p a rte d e i suoi a b ita n ti era q u a s i co sta n te m e n te infelice. [...]
E p o i, un ce rto giovedì, q u a s i duem ila a nni d o p o che un uom o era s ta to
in ch io d a to a un p a lo p e r ave r d e tto che sarebbe s ta ta una gran cosa p ro ­
vare, tan to p e r cam biare, a vole rsi bene, una ragazza seduta da sola a un
p ic c o lo ca ffè d i R ickm answ oth capì a un tra tto c o s ’era che p e r tutto q uel
te m p o non e ra a ndato p e r il verso giusto, e fin a lm e n te co m p re se in che
m o d o il m ondo sarebbe p o tu to diventare un lu o g o d i bontà e felicità. [...]
P u rtro p p o p erò, p rim a che la ragazza riuscisse a ragg iu n g e re un telefono
p e r com u n ica re a qu a lcun o la sua scoperta, successe una stu p id a quanto
te rrib ile catastrofe, e d i qu e ll’idea non s i se p p e m a i p iù n u lla
Questa non è la sto ria d e lla ragazza.
È ia storia d i quella stu p id a qu a n to te rrib le catastrofe, e d i a lcu n e delle sue
conseguenze.
Quello p ro p o sto è l’in c ip it di un libro m o lto fam oso: in base agli indizi fo rn i­
ti, quale pensi p o ssa essere?

□ José Saramago, Il Vangelo secondo Gesù Cristo


0 Isaac Asimov, lo, robot
B Pierre Boulle, Il pianeta delle scimmie
0 Douglas Adams, Guida galattica per gli autostoppisti
0 Paolo Crepet, Impara a essere felice
«Indice dei nomi
A ristotele, 9 ,1 0 , 11, 34, 38-39 L a Bruyère, Jean de, 34
Arnauld, Antoine, 14, 15 Lenin (pseud, di Vladimir Ili’ic
Astell, Mary, 30 Ul’janov), 48
Locke, John, 35, 76
B a co n e , Francesco, 8-13, 46, 58 Lojacono, Ettore, 28, 60
Benni, Stefano, 78 b m
Blackburn, Simon, 76 IVIachiavelli, Niccolò, 46
Bunge, Mario, 41, 42, 44, 45 Marco Antonio, 48
Massaro, Domenico, 28, 60
C alv in o , Italo, 77 Mill, John Stuart, 18-24, 25, 37, 38
Carr, Edward Hallet, 45, 46, Montesquieu, Charles-Louis
47, 48, 49 de Secondât, barone di, 46
Cartesio, 15, 27, 28, 32, 33, 34, 42, 60
Cleopatra, 48 N ew ton , Isaac, 13, 42, 46, 60, 62
Cohen, Cari, 24, 30, 34 Nicole, Pierre, 14, 15
Condillac, Etienne Bonnot de, 35
Copernico, Niccolò, 8, 59 r aracelso (Philipp Theophrast
Copi, Irving Marmer, 24, 30, 34 Bombast von Hohenheim), 58
Pascal, Blaise, 25, 53-55
D ewey, John, 63 Pernéty, Antoine-Joseph, 75
Diderot, Denis, 60 Pirsig, Robert Maynard, 65, 66
Doyle, Arthur Conan, 19 Pitagora, 57
Droit, Roger-Pol, 77 Platone, 38, 57, 75
Popper, Karl, 61, 63
Einstein, Albert, 56, 62
Ermete Trismegisto, 5 7 , 5 9 , 6 5 rie id , Thomas, 34
Erodoto, 46 Rossi, Paolo, 57

F e rm at, Pierre de, 53 Schneider, Norbert, 75


Ficino, Marsilio, 57 Stalin (pseud, di Iosif Vissarionovic
Dzugasvili), 48
G alilei, Galileo, 8,13, 29, 39
Gombaud, Antoine de, 53 [ ournier, Michel, 75
Trotzkij, LevDavydovic (pseud.
H egei, Georg Wilhelm Friedrich, di Leiba Bronstein), 48
34, 48 Tucidide, 46
Hume, David, 39-41, 42 »m
V altolina, Giovanni Giulio, 75
ppocrate, 75 Voltaire (pseud, di François-Marie
Arouet), 76
K ahnem a, Daniel, 55
Kamenev, LevBorisovic, 48 ,afón, Carlos Ruiz, 77
Keplero, Giovanni, 8 Zinov’ev, Grigorij Evseevic, 48
80

• Indice dei lessici filosofici


c I
causa, 36 inferenza analogica, 26
condizione necessaria, 37 inferenza induttiva, 5
condizione sufficiente, 37 informazione semantica, 20
ipotesi, 62
E
esperienza, 8 L
esperimento, 10 leggi statistiche, 51

P
probabilità, 50

Coordinam ento editoriale: Chiara Sottile


Coordinam ento red azion ale e redazion e: Chiara Fenoglio
Progetto grafico: Raffaella Petrucci
Copertina: Sunrise Advertising, Torino
Coordinam ento grafico: Massimo Alessio
Im paginazione elettronica: Essegi, Torino
Controllo qu alità. Andrea Mensio
Segreteria di redazion e: Enza Menel
LIBRI DI TESTO E SUPPORTI DIDATTICI
Il sistema di gestione p e rla qualità della Casa Editrice è certificato
in conformità a lla norma UNI EN ISO 9001:2008 per l’attività d
progettazione, realizzazione e commercializzazione di prodotti
editoriali scolastici, lessicografici, universitari e di varia.

Member of CISQ Federation

R IN A A
ISO 9001:2008
Tutti i diritti riservati Sistema Qualità Certificato
© 2015, Pearson Italia, Milano - Torino
978 88 395 20197 B- 978 88 395 25451 B
P e r i p a s s i a n to l o g ic i, p e r le c ita z io n i, p e r l e r ip r o d u z io n i g r a f ic h e , c a r to g r a f ic h e e f o to g r a f ic h e a p p a r t e n e n t i a lla p r o ­
p r i e t à d i t e r z i , i n s e r i t i i n q u e s t ’o p e r a , l ' e d i t o r e è a d i s p o s i z i o n e d e g l i a v e n t i d i r i t t o n o n p o t u t i r e p e r i r e n o n c h é p e r
e v e n t u a li n o n v o lu t e o m i s s i o n i e / o e r r o r i d i a ttr ib u z io n e n e i r if e r im e n ti.
È v ie ta ta la r ip r o d u z io n e , an ch e p a r z ia le o ad u so in te r n o d id a ttic o , con q u a ls ia s i m ezzo, non a u to r iz z a ta .
L e f o t o c o p i e p e r u s o p e r s o n a l e d e l l e t t o r e p o s s o n o e s s e r e e f f e t t u a t e n e i li m it i d e l 1 5 % d i c i a s c u n v o l u m e d i e t r o p a g a ­
m e n t o a l l a S I A E d e l c o m p e n s o p r e v i s t o d a l l ’a r t . 6 8 , c o m m i 4 e 5 , d e l l a l e g g e 2 2 a p r i l e 1 9 4 1 , n . 6 3 3 .
L e r i p r o d u z i o n i e f f e t t u a t e p e r f in a l it à d i c a r a t t e r e p r o f e s s i o n a l e , e c o n o m i c o o c o m m e r c ia le o c o m u n q u e p e r u s o d i­
v e rso da q u e llo p e r s o n a le p o sson o essere e ffe ttu a te a s e g u ito di s p e c ific a a u to r iz z a z io n e r i l a s c i a t a d ii C L EA R e-
d i. C orso di P o r ta Rom ana 108, 20122 M ila n o , e - m a il a u to r iz z a z io n i@ c le a r e d i.o r g e s ito w eb w w w .c le a r e d i.o r g

Stampato p e r co n to della casa editrice presso


E cob ook s.r.l., Rho (MI), Italia

Ristampa Anno
0 1 2 3 4 5 6 7 8 15 16 17 18 19 20