Sei sulla pagina 1di 190

Manuale uso MOONRAY - Rev.

21 - 29/01/2013

Manuale d’uso

• blueline dual
• blueline compact

FOCUSED ON C-ARM
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

SIMAD si riserva il diritto di effettuare modifiche sia a questo Manuale d’uso che al dispositivo in esso
descritto. Le specifiche possono essere soggette a modifiche senza preavviso. Niente di quanto contenuto
all’interno di questo “Manuale d’Uso” può essere inteso come un’offerta, una garanzia, una promessa o
condizione contrattuale. Tutti i cambiamenti saranno conformi alle regolazioni vigenti.
© Copyright SIMAD srl 2011
Nessun parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, immagazzinata in un si-
stema di ricerca dell’informazione o tradotta o trasformata in formato diverso dall’originale o in qualunque
altra forma o mezzo senza il consenso scritto di SIMAD.

NOME DOCUMENTO: moixxx_21_manuale_uso_moonray

REVISIONI - MODIFICHE
REV DATA NOTE FIRMA
13 12/04/2010 Aggiunto note per 60601-1 terza edizione Emilio Carnevale
Aggiunto patch 2.5.15.3 salvataggio immagini, nuova tastiera Grafos
e nuove maniglie, note rischio residuo/zone intrappolamento, schede
14 22/06/2010 Emilio Carnevale
monitor nuovi. Plugin DbExporter. Marcatura CE in copertina. Modificati
§ 3/3.12/4.2/4.3/9.1/11.12/11.19 - Aggiunto § 6.25
Aggiunto DiPCon controllo inverter. Note norma 60601-2-43
“Interventistica” (da ver. Digital Memory 2.5 ….). Aggiunto consolle
touch. Modificati recapiti per assistenza tecnica. Rivisto impaginazione.
15 04/11/2010 Emilio Carnevale
Aggiunto ES6191 Cavo EASY. Modificati § 2.1/ 2.9/ 3.1/ 3.10/ 4.4.3/ 5.1.1/
5.2/ 5.3.1/ 5.3.2/ 5.3.3/ 6.8.3/ 9.2/ 9.4.2/ 11.14/ 11.15/ 12 - Aggiunti §
2.2.1/ 3.10.1/ 5.3.4/ 5.3.5/ 7.4
16 19/01/2011 Aggiunto indicazioni per movimentazione CARRELLO. Modificato § 4.3.1 Emilio Carnevale
17 03/02/2011 Aggiunto schermate di allarme per DiPCon. Modificato § 7.4 Emilio Carnevale
Aggiunto indicazioni per porta USB, filtri immagine, radiazione di fuga.
Modifica manutenzione programmata. Aggiunto valore Filtrazione,
18 18/03/2011 Risoluzione, ampiezza campo di radiazione. Avvertenza termostato Emilio Carnevale
monoblocco e test periodico pulsante di emergenza. Modificati § 3.12/
5.2/ 6.9.4/ 6.23.3/ 9.2/ 9.3/ 11.6 - Aggiunto § 11.20/ 11.21/ 11.22
Aggiunto tolleranze per test report. Distinzione accessori/optional,
correzione codici stampanti SONY. Note per ripristino monoblocco dopo
fermo prolungato. Immagini Blue line. Note per 60601-1-3. Aggiunto
19 28/04/2011 Emilio Carnevale
tabella validità per modelli Blue/Select. Avvertenze per uso improprio
griglia IB. Modificati § 1.1.1/ 2.1/ 3/ 3.4/ 3.10/ 3.12/ 5.3.5/ 9.2/ 11.1.4/
11.1.5/ 11.15
Modificato tolleranze ammesse e misure base nei test d’accettazione.
20 24/05/2011 Emilio Carnevale
Correzioni varie. Modificato § 5.3.2/ 11.1.5
21 29/01/2013 Modificato “Procedura d’Emergenza: Spegnimento” §3.1 Giuseppe Fogliani

2   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 Sommario

Sommario
1 Generalità
1.1 Manuale  ......................................................................................................................................   8
1.1.1 Validità  . .................................................................................................................................................................   8
1.2 Aggiornamenti  ............................................................................................................................   9
1.3 Convenzioni usate nel manuale.  ...............................................................................................   10
1.3.1 Note e avvertimenti  ............................................................................................................................................   10

2 Introduzione
2.1 Il dispositivo Moonray, parti costituenti  ...................................................................................   12
2.2 Funzionalità del dispositivo  .......................................................................................................   14
2.2.1 Punto interventistico di riferimento   ..................................................................................................................   14
2.3 Certificazioni  .............................................................................................................................   15
2.4 Autorizzazione all’utilizzo del Moonray / Moonray Compact  ...................................................   15
2.5 Addestramento  .........................................................................................................................   15
2.6 Autorizzazione per Interventi di Manutenzione e/o Riparazione  . ............................................   16
2.7 Modifiche non autorizzate  ........................................................................................................   16
2.8 Installazione di dispositivi esterni  .............................................................................................   16
2.9 Numeri d’Assistenza Tecnica  .....................................................................................................   17
2.10 Riferimenti tecnici  .....................................................................................................................   17

3 Sicurezza
3.1 Procedura d’Emergenza: Spegnimento  . ...................................................................................   21
3.1.1 Opzioni di spegnimento di Moonray Dual  . .........................................................................................................   21
3.1.2 Opzioni di spegnimento di Moonray Compact  ...................................................................................................   22
3.2 Sicurezza Elettrica.  ....................................................................................................................   23
3.2.1 Connessioni Equipotenziali di Terra  ....................................................................................................................   23
3.3 Trasporto in Sicurezza.  ..............................................................................................................   23
3.4 Sicurezze Meccaniche.  ..............................................................................................................   24
3.5 Rischio d’Esplosione.  . ...............................................................................................................   24
3.6 Sicurezza da incendio.  ...............................................................................................................   24
3.7 Sicurezza da Cellulari e prodotti simili.  . ....................................................................................   25
3.8 Rischio di Contatto di Parti Elettroniche con Liquidi Conduttori.  . ............................................   25
3.9 Compatibilità Elettromagnetica  ................................................................................................   25
3.10 Rischio d’Esposizione alle Radiazioni Ionizzanti  ........................................................................   26
3.10.1 Elenco dispositivi di protezione personale ed accessori   . ..................................................................................   27

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Sommario   3
Sommario Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

3.11 Sicurezza da Laser  .....................................................................................................................   28


3.12 Accoppiamento RETE / DATI, porta USB, uscita segnale video.  ................................................   28

4 Guida all’Uso del Moonray


4.1 Sicurezza  ...................................................................................................................................   30
4.2 Trasporto  . .................................................................................................................................   31
4.3 Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili  . ........................................   32
4.3.1 Impugnatura  ........................................................................................................................................................   34
4.3.2 Direzione dello Spostamento  ..............................................................................................................................   35
4.3.3 Frenatura Base Arco a C e carrello workstation  .................................................................................................   36
4.3.4 Movimento wig-wag  . ..........................................................................................................................................   36
4.3.5 Movimento Rotazionale  ......................................................................................................................................   37
4.3.6 Movimento orbitale  ............................................................................................................................................   38
4.3.7 Movimentazione slitta longitudinale  ..................................................................................................................   38
4.3.8 Movimentazione verticale motorizzata  ..............................................................................................................   39
4.3.9 Movimentazione Carrello Workstation  . .............................................................................................................   39
4.4 Accensione / Spegnimento del Moonray  ..................................................................................   40
4.4.1 Connessione delle diverse unità  .........................................................................................................................   40
4.4.2 Alimentazione elettrica del Dispositivo  . ..............................................................................................................  41
4.4.3 Accensione del Dispositivo  ...................................................................................................................................  41
4.4.4 Spegnimento  .......................................................................................................................................................   42

5 Console di controllo e comando arco


5.1 Descrizione  . ..............................................................................................................................   44
5.1.1 Comandi raggi  . ....................................................................................................................................................   45
5.2 Impostazioni generali  . ..............................................................................................................   46
5.3 Selezione del modo raggi   .........................................................................................................   58
5.3.1 Fluoroscopia  ........................................................................................................................................................   58
5.3.2 Cine/DSA (solo Moonray)  .....................................................................................................................................  61
5.3.3 Roadmap (solo Moonray)  ....................................................................................................................................   64
5.3.4 Valori tipici in GRAFIA  . ........................................................................................................................................   65
5.3.5 Valori massimi di Kerma in Aria di Riferimento  ..................................................................................................   65
5.4 Elenco degli allarmi  ...................................................................................................................   66

6 Guida all’uso del software


6.1 Organizzazione delle informazioni  ............................................................................................   68
6.1.1 Serie/sequenza  ....................................................................................................................................................   68
6.1.2 Serie anonima  . ....................................................................................................................................................   68
6.1.3 Serie sbloccata/bloccata  .....................................................................................................................................   69
6.1.4 Pianificazione dei lavori  . .....................................................................................................................................   69
6.1.5 Applicare/Togliere un filtro di ricerca  .................................................................................................................   70
6.1.6 Eliminazione di una serie/sequenza  ....................................................................................................................   70

4   Sommario
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 Sommario

6.1.7 Ripristino di una serie/sequenza eliminata  .........................................................................................................   71


6.1.8 Catalogo delle sequenze dell’esame corrente  ....................................................................................................   71
6.2 Dispositivi di input  ....................................................................................................................   72
6.3 Modificare il valore di un campo  ..............................................................................................   74
6.4 Organizzazione delle viste  . .......................................................................................................   75
6.5 Interfaccia utente  . ....................................................................................................................   75
6.6 Impostazione data e ora del sistema  ........................................................................................   76
6.7 Impostazioni dei parametri di rete  ...........................................................................................   77
6.8 Descrizione delle viste  . .............................................................................................................   78
6.8.1 Vista Monitor A  ...................................................................................................................................................   79
6.8.2 Vista “Monitor B”  ................................................................................................................................................   82
6.8.3 Elenco dei comandi sulle viste e d’interazione sulle immagini  ...........................................................................   83
6.8.4 Vista “Dati paziente”  ...........................................................................................................................................   84
6.8.5 Vista “Archivio”  ...................................................................................................................................................   85
6.8.6 Archivio – “Esami”  ...............................................................................................................................................   86
6.8.7 Archivio – “Pianificati”  . .......................................................................................................................................   91

7 Guida all’uso degli Accessori


7.1 Teli sterili  .................................................................................................................................   156
7.2 Portacassette  ..........................................................................................................................   156
7.3 Controllo Remoto ad Infrarossi  ...............................................................................................   157
7.4 Dispositivo di controllo inverter DiPCon  .................................................................................   158

8 Messaggi d’errore
8.1 Problemi e soluzioni  ................................................................................................................   162

9 Manutenzione
9.1 Introduzione  . ..........................................................................................................................   164
9.2 Manutenzione programmata  ..................................................................................................   164
9.3 Routine di controllo dell’utilizzatore  .......................................................................................   166
9.4 Pulizia & Disinfezione  ..............................................................................................................   168
9.4.1 Pulizia  . ...............................................................................................................................................................   168
9.4.2 Disinfezione  .......................................................................................................................................................   168
9.4.3 Printer  ................................................................................................................................................................   168
9.4.4 CD / DVD ROM  ...................................................................................................................................................   168

10 Riciclaggio del dispositivo


10.1 Introduzione  . ..........................................................................................................................   170
10.2 Trasferimenti del Dispositivo  ..................................................................................................   170
10.3 Riciclaggio  ...............................................................................................................................   170

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Sommario   5
Sommario Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

10.4 Batterie  ...................................................................................................................................   171


10.4.1 Telecomando  ......................................................................................................................................................  171
10.4.2 Laser  ...................................................................................................................................................................  171
10.4.3 UPS  . ....................................................................................................................................................................  171

11 Dati tecnici
11.1 Specifiche  ................................................................................................................................   174
11.1.1 Condizioni Ambientali di Funzionamento  ..........................................................................................................  174
11.1.2 Generatore  .........................................................................................................................................................   174
11.1.3 Valori Massimi di Funzionamento  ......................................................................................................................  174
11.1.4 Accuratezza mostrata a display  . ........................................................................................................................  175
11.1.5 Misure base per i test d’accettazione  ................................................................................................................  175
11.2 Inserto Tubo RX  . .....................................................................................................................   177
11.3 Monoblocco  ............................................................................................................................   178
11.4 Collimatori Iride  ......................................................................................................................   178
11.5 Collimatore Semitrasparente  ..................................................................................................   178
11.6 Fattore di radiazione di perdita  . .............................................................................................   178
11.7 Temperatura monoblocco  ......................................................................................................   179
11.8 Calore Immagazzinato dall’Anodo  . .........................................................................................   179
11.9 Griglia  ......................................................................................................................................   179
11.10 Intensificatore di Brillanza  . .....................................................................................................   179
11.11 Telecamera  . ............................................................................................................................   180
11.12 Monitor  ...................................................................................................................................   180
11.13 Imaging digitale  . .....................................................................................................................   181
11.14 Alimentazione  .........................................................................................................................   181
11.15 Optional, Accessori e Parti Staccabili  ......................................................................................   182
11.16 Dimensioni e pesi  ....................................................................................................................   182
11.17 Dispersione RX  ........................................................................................................................   183
11.18 Etichettatura  ...........................................................................................................................   184
11.19 Rumore  ...................................................................................................................................   185
11.20 Filtrazione  ...............................................................................................................................   185
11.21 Risoluzione  ..............................................................................................................................   185
11.22 Estensione del campo di radiazione  . ......................................................................................   185

12 Elenco Icone / Comandi Console


12.1 Elenco icone/comandi  .............................................................................................................   188

6   Sommario
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
1 Generalità
1

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


1 Generalità Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

1.1 Manuale
Questo manuale serve per aiutare gli utenti e gli operatori nell’impiego
sicuro ed efficace del dispositivo.
Prima di mettere in funzione il dispositivo, leggere e osservare rigorosamen-
te tutti gli AVVERTIMENTI di PERICOLO, di SICUREZZA e le NOTE. Prestare
attenzione speciale a tutte le informazioni fornite ed alle procedure descrit-
te nel capitolo SICUREZZA.
All’interno di questo manuale sono descritte le più complete configurazio-
ni, con optional e accessori; pertanto alcune configurazioni od operazioni
descritte possono non essere disponibili sul vostro sistema.

1.1.1 Validità
Il presente manuale si applica al dispositivo Moonray / Moonray Compact
nelle sue versioni 1k fino alla serie 06 e alle versioni 576 per quello che
riguarda il modello Compact fino alla serie 15. Vedere la tabella sotto per le
parti del manuale diversificate o applicabili solo ad alcuni modelli.

PARAGRAFO NOTE
6.9.14 Solo BLUE line
6.14 Solo BLUE line
6.15 Solo BLUE line
6.16 Solo BLUE line
11.1.5 Parte riguardante il 13” valida solo per BLUE line
11.4 Parte riguardante il 13” valida solo per BLUE line
11.10 Parte riguardante il 13” valida solo per BLUE line
11.15 Parte riguardante il 13” valida solo per BLUE line
11.21 Parte riguardante il 13” valida solo per BLUE line
11.22 Parte riguardante il 13” valida solo per BLUE line
11.9 Indicazioni differenziate per modello 576
11.21 Indicazioni differenziate per modello 576

8  Manuale © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 1 Generalità

1.2 Aggiornamenti
Essendo possibili cambiamenti delle funzioni del sistema dopo la pubblica-
zione di questo manuale, è necessario che gli operatori prendano visione
del capitolo “Aggiornamenti” presente in appendice. Qualora non ci fossero
indicazioni diverse, le diverse funzioni del sistema devono essere utilizzate
secondo le direttive inserite in questo manuale.

Cap.
1

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Aggiornamenti   9
1 Generalità Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

1.3 Convenzioni usate nel manuale.


Il presente manuale fornisce, passo dopo passo, tutte le istruzioni e le
informazioni per l’utilizzo del dispositivo Moonray / Moonray Compact.
Le caratteristiche del sistema dipendono dalla configurazione del sistema
stesso. Inoltre sono fornite immagini ed illustrazioni per aiutare l’utente a
comprendere il sistema.

1.3.1 Note e avvertimenti


Nel manuale sono usati i seguenti simboli grafici per segnalare all’utente di
usare una particolare attenzione:

“AVVERTIMENTO”: sono indicazioni che se non seguite potrebbero causare


ferite mortali o serie all’operatore, al paziente o a qualunque altra perso-
na, o potrebbero condurre ad un’errata diagnosi.

“ATTENZIONE”: sono indicazioni che se non seguite possono causare danni


al dispositivo, ad altre apparecchiature o causare inquinamento ambienta-
le. In tale caso SIMAD non garantisce la perfetta funzionalità del dispositi-
vo.

“NOTA”: Informa l’utente di prestare una particolare attenzione a deter-


minate condizioni o settaggi per agevolarlo ed evitare malfunzionamenti
indesiderati.

10   Convenzioni usate nel manuale


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
2 Introduzione
In questo capitolo è descritto brevemente il dispositivo spostabile Moonray
/ Moonray Compact, indicato anche semplicemente come “dispositivo”,
nelle sue parti principali e nel modo di funzionamento.
2

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


2 Introduzione Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

2.1 Il dispositivo Moonray, parti


costituenti
Il portatile per fluoroscopia digitale Moonray è un dispositivo avanzato ad
alta definizione per acquisizione, elaborazione, gestione e valutazione di
immagini fluoroscopiche.
Può presentare due diverse configurazioni meccaniche.

Moonray
che si compone di una Workstation ed una unità mobile ad arco a “C”.

Figura 1: Esempio Moonray versione BLUE Line

12   Il dispositivo Moonray, parti costituenti


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 2 Introduzione

Moonray Compact
un unico dispositivo compatto dove la Workstation è integrata nell’unità
mobile

Cap.

Figura 2: Esempi Moonray Compact versione BLUE e SELECT


2
Le differenti versioni disponibili permettono di soddisfare le particolari
richieste per procedure diagnostiche.
Il dispositivo è inteso per essere installato e usato soltanto in conformità
con le procedure di sicurezza e le istruzioni di funzionamento date in questo
manuale e per gli scopi per cui è stato progettato, cioè il supporto radio-
logico a procedure cliniche e diagnostiche. Niente di quanto dichiarato nel
presente manuale, limita la responsabilità degli operatori riguardo giudizi
clinici o nella scelta della procedura clinica migliore.
Il dispositivo può essere destinato all’effettuazione di procedure interven-
tistiche sotto controllo radioscopico a lunga durata comprese quelle in cui
esiste il rischio di livelli di dose pelle talmente elevati da causare effetti
deterministici (CEI EN 60601-2-43 - §6.8.3 a).
L’indicazione della dose è ottenuta tramite l’impiego di una camera di ioniz-
zazione (CEI EN 60601-1-3 - §5.2.4.3).

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Il dispositivo Moonray, parti costituenti   13
2 Introduzione Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

2.2 Funzionalità del dispositivo


Il complesso radiogeno emette raggi X che, in base alla differenza d’assor-
bimento dei diversi tessuti attraversati, formano un’immagine sul campo
d’ingresso dell’Intensificatore di Brillanza. Da qui è generato un segnale
luminoso inviato alla CCD camera che lo trasforma in segnale elettrico. Il
segnale elettrico è digitalizzato dal sistema di Imaging Digitale che si incarica
della produzione ed elaborazione di segnali video da inviare ai monitor (A) e
(B), e della gestione della memoria.

2.2.1 Punto interventistico di riferimento


Il punto interventistico di riferimento è inteso essere rappresentativo del
punto di incidenza dell’asse del fascio principale di radiazione (asse di riferi-
mento) con la cute del paziente.
Poiché il dispositivo Moonray è dotato di isocentro, si assume come punto
interventistico di riferimento il punto sull’asse di riferimento a distanza di 15
cm dall’isocentro verso la macchia focale, quindi la distanza dalla macchia
focale risulta di 50,3 cm.
Il punto interventistico di riferimento è utilizzato come luogo di riferimento
per l’indicazione del Kerma in aria e del Rateo di Kerma in aria incidente sul
paziente (CEI EN 60601-2-43 - § 6.8.2 ff).

14   Funzionalità del dispositivo


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 2 Introduzione

2.3 Certificazioni
SIMAD segue le leggi nazionali e internazionali e gli standard EMC per questi
tipi di dispositivi. Tali leggi e standard definiscono i livelli elettromagnetici
ammissibili da parte del dispositivo e dalla relativa immunità da interferen-
za elettromagnetica di fonti esterne. Per i dettagli e per la dichiarazione di
conformità contattare SIMAD.
Il dispositivo Moonray / Moonray Compact è conforme alla IEC 60601-1 ed è
classificato come Classe I tipo B (classe elettrica).
Il dispositivo Moonray / Moonray Compact è conforme alla Direttiva 93/42/
CEE, e sue successive modificazioni, ed è classificato come Classe di Rischio
II b (dispositivo attivo destinato ad emettere radiazioni ionizzanti).
Ai sensi della direttiva 2007/47, SIMAD garantisce, per la fabbricazione di
questo dispositivo, di non fare utilizzo di derivati del sangue umano e di
tessuti di origine animale. Cap.
2
2.4 Autorizzazione all’utilizzo del Moonray
/ Moonray Compact
L’installazione, l’uso e l’impiego di questi dispositivi sono soggetti alle leggi
nazionali in cui lo stesso è installato e a cui gli utenti / operatori sono obbli-
gati a sottostare.
Gli usi del dispositivo per scopi diversi da quelli espressamente dichiarati
dal produttore, come pure l’uso o il funzionamento errato, possono solle-
vare il produttore (o il suo agente) da tutte o parte delle responsabilità per
mancanza di conformità, danni o per ferite risultanti da un uso improprio.
L’utilizzo del sistema radiologico deve essere eseguito esclusivamente da
personale in possesso d’abilitazione all’uso di apparecchiature radiologiche,
in conformità alle normative nazionali vigenti.
SIMAD declina ogni responsabilità legata al malfunzionamento del Moonray
/ Moonray Compact e ad eventuali danni causati a cose e persone derivanti
dall’utilizzo da parte di personale non abilitato.

2.5 Addestramento
Gli operatori devono ricevere l’addestramento sufficiente sulla sicurezza e
l’uso prima di mettere in funzione il dispositivo, come descritto in questo
manuale. I requisiti di formazione per questo tipo di dispositivo variano da
paese a paese. Gli operatori devono ricevere addestramento in conformità
con le leggi o le norme che hanno carattere cogente.
SIMAD è in grado di fornire l’addestramento necessario all’utilizzo corretto
del dispositivo e fornire materiale informativo al riguardo su richiesta.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Addestramento   15
2 Introduzione Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

2.6 Autorizzazione per Interventi di


Manutenzione e/o Riparazione
Ogni intervento di manutenzione e/o riparazione deve essere compiuto
esclusivamente da personale in possesso di abilitazione alla manutenzione
o riparazione di apparecchiature radiologiche, in conformità alle normative
nazionali vigenti.
SIMAD declina ogni responsabilità legata al malfunzionamento del dispositi-
vo in seguito all’utilizzo di ricambi non originali o non autorizzati.

2.7 Modifiche non autorizzate


Non sono ammesse modifiche di alcun tipo al dispositivo se non autorizzate
in forma scritta da parte di SIMAD. In caso di modifiche non autorizzate,
SIMAD declina ogni responsabilità su malfunzionamenti ed eventuali danni
causati a cose e persone.

2.8 Installazione di dispositivi esterni


Possono essere installati esclusivamente dispositivi esterni autorizzati da
SIMAD. Per l’eventuale compatibilità richiedere direttamente in SIMAD. Tali
cambiamenti e/o aggiunte devono soddisfare tutte le leggi e regolamenti
applicabili che hanno la forza di legge all’interno dello stato in cui è installa-
to il dispositivo.
In caso d’installazioni non autorizzate di dispositivi esterni, SIMAD declina
ogni responsabilità su malfunzionamenti ed eventuali danni causati a cose e
persone.
I cambiamenti e/o le aggiunte al dispositivo che sono effettuate dalle
persone senza addestramento specifico e/o, usando pezzi di ricambio non
autorizzati portano al decadimento della garanzia.
Prestare attenzione a quanto dichiarato nei manuali dei dispositivi esterni.

16  Autorizzazione per Interventi di Manutenzione e/o Riparazione © Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 2 Introduzione

2.9 Numeri d’Assistenza Tecnica


In caso di malfunzionamento del dispositivo, fare riferimento ai seguenti
numeri di telefono e di fax per comunicare direttamente con il servizio
d’assistenza tecnica:
SIMAD srl
Via 25 Aprile n 22
41037 Mirandola (MO) – Italia
Tel: + 39 051 686 08 11
Fax: +39 051 686 12 46
Numero Verde (solo Italia): 800 111515

Cap.

2.10 Riferimenti tecnici


2
Per tutte le caratteristiche e le funzionalità tecniche non espressamente
indicate in questo manuale fare riferimento al manuale tecnico fornito su
CD-ROM o rivolgersi ai numeri di assistenza tecnica SIMAD.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Riferimenti tecnici   17
2 Introduzione Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

18   Riferimenti tecnici


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
3 Sicurezza
Questo capitolo fornisce indicazioni relativamente alle precauzioni da adot-
tare nel corso dell’utilizzo e manutenzione e sulle sicurezze del dispositivo.
Deve essere letto al fine di garantire la conoscenza dei rischi inerenti all’uti-
3
lizzo del dispositivo. È importante osservare rigorosamente tutti gli avvisi
di PERICOLO, AVVERTIMENTO e SICUREZZA presenti in questo manuale per
garantire la sicurezza del paziente e del personale.
In particolare leggere, capire e conoscere le procedure d’emergenza descrit-
te in questa sezione prima di utilizzare il dispositivo.

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


3 Sicurezza Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Manutenzione & Difetti : non usare il Moonray / Moonray Compact per


applicazioni fino a che non sia terminata la procedura di controllo interna,
e che il programma di manutenzione prevista sia aggiornato. Se una parte
del dispositivo è difettosa o mal riparata, non usarlo fino a riparazione
ultimata. Utilizzare il dispositivo con difetti o riparazioni non adeguate può
esporre l’operatore ed il paziente a pericoli (ferite, morte o errate diagnosi
/ trattamenti).
Conoscenza delle Sicurezze : non usare il Moonray / Moonray Compact
fino a che si sia letto e capito e non si conoscano tutte le informazioni di
sicurezza, procedure di sicurezza e procedure di emergenza contenute in
questa sezione. Il funzionamento senza adeguata conoscenza può condurre
a ferite / morte o ad errate diagnosi / trattamenti.
Addestramento sufficiente : non usare il Moonray / Moonray Compact
per applicazioni fino a che non si sia ricevuto l’addestramento sufficiente
ed adeguato relativo al funzionamento sicuro ed efficace. Se non siete
sicuri delle vostre capacità nell’uso NON UTILIZZARLO. Il funzionamento
senza adeguato addestramento può condurre a ferite / morte o a errate
diagnosi / trattamenti.
Collegamenti Esterni : accertarsi che il dispositivo non sia collegato ad
alcun tipo di rete informatica durante l’utilizzo su paziente. Collegarsi a reti
solo per post-processing o backup.
Dispositivi di sicurezza : non tentare di rimuovere, modificare, escludere i
dispositivi di sicurezza. Può portare a ferite / morte.
Uso & Compatibilità : non usare il Moonray / Moonray Compact per alcun
scopo tranne quelli per cui è inteso.
Non utilizzare la griglia dell’Intensificatore di Brillanza come piano di lavo-
ro o come appoggio per oggetti e per il paziente.
Usare prodotti riconosciuti compatibili da SIMAD. Il funzionamento per
scopi non intenzionali, o con apparecchiatura incompatibile, può condurre
a ferite / morte o a errata diagnosi / trattamento.

Rischi residui
SIMAD ha intrapreso le azioni ritenute necessarie per mitigare il rischio
dovuto all’utilizzo del dispositivo, tuttavia non è possibile una eliminazione
totale dei rischi. Si riportano alcune avvertenze per informare l’operatore
dei rischi comunque presenti.

L’azionamento fortuito del pulsante a fungo di emergenza provoca lo


spegnimento della parte radiologica con conseguente interruzione della
procedura in corso e la necessità di riaccensione dell’arco. La versione
omologata 60601-2-43 ha il pulsante non sporgente per evitare questo.
E’ possibile lo spegnimento totale del dispositivo in seguito ad azionamen-
to fortuito dell’interruttore generale, della rottura di fusibili, di variazione
dell’alimentazione di rete o altre anomalie della sezione di alimentazione.
In caso di riavvio è necessario attendere il sistema operativo ed in alcuni
casi potrebbe non essere possibile riprendere la procedura in corso. Con-
sultare i regolamenti interni per stabilire la necessità di un dispositivo di
riserva da utilizzarsi in caso di emergenza.

20   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 3 Sicurezza

3.1 Procedura d’Emergenza: Spegnimento

3.1.1 Opzioni di spegnimento di Moonray Dual


Blocco della motorizzazione della “C”
Opzione A Premere il pulsante rosso d’emergenza

Il pulsante di emergenza è un pulsante di tipo “a ritenuta”, pertanto la


funzione rimarrà disabilitata fintanto che il pulsante stesso non verrà
sbloccato manualmente.

Spegnimento della “C”


Cap.
Opzione B
Girare la chiave verso la posizione OFF 3
Quando parte del dispositivo non è spenta, corrente elettrica è presente in
parte dei circuiti fino a quando non avviene lo spegnimento totale e non è
rimossa la spina d’alimentazione dal quadro corrente.
In presenza di UPS (solo nella versione Moonray) la Workstation resta
alimentata a sufficienza solo per garantire lo spegnimento del PC.

Spegnimento completo
Opzione C Spostamento dell’interuttore magnetotermico su posizione 0
Opzione D Rimozione della presa dal quadro corrente

D
B

60601-2-43
Non-Projecting Version

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Procedura d’Emergenza: Spegnimento   21
3 Sicurezza Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

3.1.2 Opzioni di spegnimento di Moonray Compact


Blocco della motorizzazione della “C”
Opzione A Premere il pulsante rosso d’emergenza

Il pulsante di emergenza è un pulsante di tipo “a ritenuta”, pertanto la


funzione rimarrà disabilitata fintanto che il pulsante stesso non verrà
sbloccato.

Spegnimento completo

Opzione B
Girare la chiave verso la posizione OFF
Opzione C Spostamento dell’interuttore magnetotermico su posizione 0
Opzione D Rimozione della presa dal quadro corrente

22   Procedura d’Emergenza: Spegnimento


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 3 Sicurezza

3.2 Sicurezza Elettrica.

Non rimuovere cover e cavi dal dispositivo se non indicato nel presente
manuale. É presente alta tensione. L’inosservanza può portare a ferimenti
o morte.
Cover e cavi possono essere rimossi solo da personale qualificato e auto-
rizzato.
Utilizzare il dispositivo solo in luoghi o aree che soddisfano i requisiti previ-
sti per legge per i dispositivi di questo tipo.
Staccare sempre dalla presa il cavo di alimentazione quando si eseguono
pulizie e disinfezioni

3.2.1 Connessioni Equipotenziali di Terra


Cap.
Il dispositivo deve essere utilizzato solo in aree conformi ai requisiti di sicu-
rezza elettrica previsti per le apparecchiature mediche (IEC 60601).
3
Il dispositivo è fornito di punto e di cavo di terra.

3.3 Trasporto in Sicurezza.


Quando si trasporta o si muove il dispositivo, evitare di urtare oggetti e
persone. L’utilizzatore deve essere a conoscenza del sistema di frenatura e
di sterzo del dispositivo.
Per il trasporto del dispositivo su tragitti particolarmente lunghi, si racco-
manda di muoverlo solo se nella posizione più compatta possibile: colonna
verticale in posizione di fondo corsa inferiore, braccio orizzontale completa-
mente retratto, arco a C in posizione verticale.

Attraversare rampe, scendere gradini e ostacoli il più lentamente possibile.


Prestare particolare attenzione a pendii ripidi.
Il dispositivo deve essere sempre frenato se fermo.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Trasporto in Sicurezza   23
3 Sicurezza Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

3.4 Sicurezze Meccaniche.

I carter di protezione e le altre coperture possono essere rimosse solo da


personale autorizzato e qualificato.

3.5 Rischio d’Esplosione.


L’uso del dispositivo in presenza di gas infiammabili (anestetici o altro) può
causare esplosioni ed incendi, pertanto non alimentarlo.

Spray disinfettanti infiammabili o potenzialmente esplosivi non devono


essere utilizzati poiché i vapori residui possono prendere fuoco e causare
feriti / morti oltre a danni al dispositivo stesso.

3.6 Sicurezza da incendio.


L’uso di materiale elettrico in un ambiente per il quale non è stato proget-
tato può condurre ad incendio o all’esplosione. Le disposizioni antincendio
devono essere applicate, osservate e fatte rispettare. Gli estintori dovreb-
bero essere forniti sia per fuochi elettrici sia non elettrici. Tutti gli operatori
dovrebbero essere completamente informati ed addestrati nell’uso degli
estintori e d’altre attrezzature d’antincendio.

Utilizzare soltanto estintori specifici per apparecchiature elettriche. Utiliz-


zare acqua o altri liquidi su apparecchiature elettriche può causare ferite /
morte.

Qualora sia necessario procedere con liquidi, isolare prima il dispositivo


dalla rete elettrica per evitare scosse elettriche.

24  Sicurezze Meccaniche © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 3 Sicurezza

3.7 Sicurezza da Cellulari e prodotti simili.


Il Moonray / Moonray Compact soddisfa i requisiti degli standard EMC.
Alcune apparecchiature (es.: telefoni cellulari) eccedono i limiti definiti negli
standard EMC e in particolari condizioni possono alterare le funzioni.

Non permettere l’utilizzo d’alcun dispositivo radio all’interno dell’ambiente


dove è presente il Moonray / Moonray Compact sia che l’apparecchio sia
acceso che spento. Qualora la loro emissione EMC superi gli standard, in
talune situazioni possono portare a malfunzionamenti in casi estremi a
ferite / morte o a diagnosi errate.

Cap.
3.8 Rischio di Contatto di Parti
Elettroniche con Liquidi Conduttori. 3
Nel caso di contatto delle parti elettriche ed elettroniche con liquidi con-
duttori, ad esempio detergenti, possono verificarsi cortocircuiti ed incendi.
Evitare di utilizzare liquidi che si possono infiltrare all’interno del dispositivo:
per la pulizia utilizzare solo panni umidi che non rilascino liquidi. Nel caso si
verifichi un’infiltrazione di liquidi, prima di alimentare il dispositivo attende-
re che il liquido sia completamente evaporato.

3.9 Compatibilità Elettromagnetica


Il Moonray / Moonray Compact soddisfa ai requisiti standard EMC. L’inter-
ferenza elettromagnetica delle emissioni (irradiata o condotta) non eccede i
livelli consentiti, ed il dispositivo è inoltre resistente ad interferenze d’altre
apparecchiature all’interno di questi livelli.

Tutte le apparecchiature circostanti devono aderire agli standard EMC. In


caso contrario si possono avere interferenze con il funzionamento e in casi
estremi, essere fonte di ferite / morte o diagnosi errate.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Compatibilità Elettromagnetica   25
3 Sicurezza Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

3.10 Rischio d’Esposizione alle Radiazioni


Ionizzanti
Il Moonray / Moonray Compact produce radiazioni ionizzanti: adottare gli
accorgimenti previsti dalle normative vigenti, in modo da garantire l’efficace
radioprotezione delle persone esposte.
Il dispositivo può essere destinato per esami in cui il livello della dose pelle
può essere abbastanza elevato nell’uso normale e tale da costituire un
rischio da effetti deterministici (CEI EN 60601-2-43 - § 6.8.2 aa).
La corretta gestione delle modalità di esposizione permette di ridurre tale
rischio (CEI EN 60601-2-43 - § 6.8.2 a).
I raggi X sono potenzialmente pericolosi. Le precauzioni devono essere sem-
pre prese e l’attenzione deve essere posta in particolar modo nei casi:
• Protezione dell’embrione o del feto durante esami
• Organi sensibili del corpo (occhi, gonadi, etc.)
• Ustioni acute della pelle (pazienti)
• Radioesposizione continua (staff).

Durante l’utilizzo deve essere montato il distanziale fuoco-pelle fornito in


dotazione. Il distanziale permette di mantenere la distanza minima di 20
centimetri tra la macchia focale e la pelle del paziente.

All’aumentare della distanza tra paziente ed IB, si ottengono minore cam-


po di vista, minore definizione delle immagini e maggiore dose cutanea. La
radiazione diffusa risulta maggiore rispetto alla posizione corretta (CEI EN
60601-1-3 9.2)
E’ possibile registrare dosi maggiori rispetto a quanto previsto a causa di
oggetti interposti insieme al paziente nel fascio di radiazione X, come ad
esempio un tavolo operatorio. Vedere la documentazione del dispositivo
utilizzato per conoscere l’equivalente di attenuazione (CEI EN 60601-1-10.2)

Soltanto personale qualificato e autorizzato può far funzionare questo


dispositivo. Il personale che fa funzionare il dispositivo ed il personale all’in-
terno dell’ambiente di lavoro devono osservare tutte le leggi e regole che
hanno la forza di legge all’interno del paese interessato. Nel caso di dubbi
non utilizzare il dispositivo. Gli utenti sono invitati a tenersi informati sulle
raccomandazioni correnti della Commissione Internazionale di Radiologia e
del Consiglio nazionale USA per la Protezione Radiologica.

Non alterare in alcun modo le sicurezze presenti: in particolare accertarsi


che quando il dispositivo non è utilizzato sia bloccato e non sia possibile
causare l’emissione di raggi accidentale.

Utilizzare solo le dosi necessarie per ogni trattamento o particolare esame.


Linee guida per le radiazioni:
• Produrre raggi solo se necessario e per il minor tempo possibile.
• Fare uso delle tecniche a raggi pulsati e wuando è possibile utilizzare il
controllo automatico delle radiazioni.

26   Rischio d’Esposizione alle Radiazioni Ionizzanti


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 3 Sicurezza

• Stare il più lontano possibile dalla sorgente raggi e dal soggetto che ne è
colpito.
• Indossare dispositivi di protezione individuale e il dosimetro per rilevare
i valori assorbiti.
• Utilizzare il collimatore a iride (riduzione del fascio).
• Tenere la macchia focale alla maggiore distanza possibile (almeno 200
mm) per ridurre al massimo la dose assorbita.
• Eliminare ogni oggetto lungo il fascio raggi e mettere la sorgente raggi
sotto il tavolo per ridurre la diffusione Rx.

3.10.1 Elenco dispositivi di protezione personale ed


accessori
Durante l’utilizzo del sistema Moonray è necessaria la protezione persona-
le degli operatori tramite i dispositivi e gli indumenti indicati nelle vigenti Cap.
norme nazionali di radioprotezione.
In particolare, sono raccomandate la protezione del corpo tramite grembiu-
3
le piombato, della tiroide tramite collare piombato e del cristallino tramite
adeguati occhiali di protezione.
Sono inoltre raccomandati i guanti piombati per la protezione degli arti
superiori degli operatori che si trovano a distanza molto ravvicinata rispetto
al fascio principale.
Si raccomanda, per quanto possibile, l’utilizzo di paratie di protezione op-
portunamente posizionate. (CEI EN 60601-2-43 - § 6.8.2 dd)

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Rischio d’Esposizione alle Radiazioni Ionizzanti   27
3 Sicurezza Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

3.11 Sicurezza da Laser


Il centratore laser SIMAD, qualora installato, deve essere utilizzato solo in
presenza di personale qualificato e che sia a conoscenza dei pericoli che
implica l’utilizzo di un laser. É responsabilità dell’utilizzatore rispettare le
normative e leggi vigenti. Consultare il relativo manuale del laser installato
per ulteriori informazioni sulla sicurezza.

3.12 Accoppiamento RETE / DATI, porta


USB, uscita segnale video.
Il Moonray / Moonray Compact può essere collegato ad altre apparecchia-
ture per mezzo di una presa di rete e/o un sistema di acquisizione e visualiz-
zazione video. SIMAD non può garantire l’idoneità di tale collegamento e la
rispondenza alle normative delle apparecchiature che saranno collegate, nè
la sicurezza e la rispondenza alle normative vigenti del sistema elettromedi-
cale così generato.

Non collegare la presa di rete LAN durante l’utilizzo del dispositivo su


paziente
Accertarsi che la rete informatica alla quale sarà collegato il Moonray sia
sicura ed ESENTE DA VIRUS INFORMATICI, in caso contrario c’è la possibi-
lità che il Moonray / Moonray Compact si blocchi e che la configurazione
del computer ed i dati in esso contenuti possano subire alterazioni
La connessione ad altri apparecchi può portare rischi non identificabili in
anticipo per i pazienti, gli operatori o terzi. Le modifiche alla configura-
zione della rete, la connessione, disconnessione o aggiornamento di altri
apparecchi connessi può introdurre nuovi rischi non prevedibili
La connessione deve essere valutata dal responsabile della gestione della
rete informatica per identificare, valutare e controllare i rischi che ne
derivano
Qualsiasi cambiamento nel sistema di rete (configurazioni, dispositivi
aggiunti, disconnessione di dispositivi, aggiornamenti ed upgrade) può
introdurre nuovi rischi

Come optional è possibile installare un FIREWALL internamente al Moonray


per la protezione da virus informatici. Operazione possibile anche su dispo-
sitivi già in uso.
Non è possibile l’installazione del firewall nella versione Compact.
La modifica non altera la funzionalità e le modalità operative del dispositi-
vo. Non viene modificata la destinazione d’uso e l’aggiunta del FIREWALL è
ininfluente durante l’uso normale.

La connessione USB con il computer è riservata ad un utilizzo da parte di


tecnici a scopo di manutenzione
Non collegare dispositivi alla porta USB del Moonray durante l’utilizzo del
dispositivo su paziente

28  Sicurezza da Laser © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
4 Guida all’Uso
del Moonray
4
Questo capitolo descrive come utilizzare il Moonray / Moonray Compact.
Per la parte software Digital Memory si rimanda al capitolo 6.

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


4 Guida all’Uso del Moonray Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

4.1 Sicurezza
L’operatore è tenuto ad essere a conoscenza di quanto riportato nel capito-
lo relativo alla sicurezza, e alle procedure d’emergenza riportate nel capitolo
dedicato.

Sicurezza : non iniziare ad utilizzare il Moonray / Moonray Compact senza


avere prima letto e capito tutte le informazioni sulla sicurezza e l’emergen-
za riportate nel capitolo relativo. L’uso senza aver preso conoscenza delle
procedure di sicurezza ed emergenza può causare ferite / morte o portare
a diagnosi errate.
Manutenzione : utilizzare il Moonray / Moonray Compact dopo aver
eseguito la procedura di controllo da parte dell’utente assicurandosi che
la manutenzione ordinaria sia stata eseguita. Se si valuta che vi siano di-
fettosità NON UTILIZZARE il dispositivo fintanto che non sia stato riparato.
Utilizzare in ogni caso il dispositivo può esporre l’operatore ed il paziente a
radiazioni o ad altri pericoli. Per informazioni riguardo alla manutenzione
vedi il capitolo relativo.
Conoscenza da parte dell’operatore : prendere dimestichezza con le fun-
zionalità del Moonray / Moonray Compact prima dell’utilizzo.

30  Sicurezza © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 4 Guida all’Uso del Moonray

4.2 Trasporto

Il dispositivo ha un grado di stabilità limitato. Attenersi alle indicazioni


riportate per il trasporto e la movimentazione.

• Abbassare completamente
l’arco tramite il movimento
verticale motorizzato.
• Far rientrare completamente il
braccio orizzontale di supporto
dell’arco.
• Portare l’arco in posizione
verticale con l’Intensificatore di
Brillanza in alto. Cap.
• Portare in posizione centrale il
movimento wig - wag dell’arco. 4
• Collocare in posizione centrale
la consolle comandi e farla rien-
trare completamente.
• Bloccare tutte le leve di frena-
tura.
• Scollegare il cavo d’alimenta-
zione ed il cavo di collegamento
Arco-Workstation se presente.
• Spegnere il dispositivo.
Solo ed esclusivamente in queste
condizioni l’apparecchiatura è per-
fettamente stabile per il trasporto.

Durante il trasporto le ruote devono essere tenute in posizione diritta (ster-


zo in posizione centrale).
Per la movimentazione, impugnare unicamente i maniglioni B posti a lato
del pannello di controllo.
Per frenare e sbloccare la base arco agire sul pedale.
Prima del trasporto del carrello workstation assicurarsi che le ruote siano
tutte frenate.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Trasporto   31
4 Guida all’Uso del Moonray Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

4.3 Spostamento del dispositivo e


Movimentazione delle parti mobili
Di seguito sono illustrate le modalità di spostamento del dispositivo ed i
movimenti delle varie parti con i relativi comandi di bloccaggio.

A - Punti di attenzione - Arco a C

Nella Figura A sono numerati i punti dell’arco a C che possono presentare


rischi di intrappolamento. Vedere i paragrafi seguenti per una descrizione
dettagliata.

Prestare attenzione particolare ai punti 10 (gancio per pedale, pericolo di


taglio alle dita), 11 (porta guaina girevole, pericolo di incastro delle dita) e
17 (connettore cavo arco, pericolo di incastro).

32  Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili © Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 4 Guida all’Uso del Moonray

Cap.
4

B - Punti di attenzione - Carrello Workstation

Nella Figura B sono numerati i punti del carrello workstation che possono
presentare rischi di intrappolamento. Vedere i paragrafi seguenti per una
descrizione dettagliata.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili   33
4 Guida all’Uso del Moonray Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

4.3.1 Impugnatura
Per spostare la Base Arco C, impugnare le maniglie di fianco al pannello di
controllo e spostare il dispositivo ove desiderato. Le maniglie possono esse-
re di colore bianco o giallo a seconda delle versioni del dispositivo.

Figura 3: Impugnatura

Impugnare il dispositivo utilizzando solo le maniglie previste e prestare


attenzione ai punti 1 e 2 indicati in figura A per non rimanere intrappolati
con la mano o il braccio.

Per spostare il Carrello Workstation sono previste analoghe maniglie


laterali. Le maniglie possono essere di colore bianco o giallo a seconda delle
versioni del dispositivo.

Prestare attenzione nella movimentazione del carrello in presenza di super-


fici non piane ed orizzontali.
Prestare particolare attenzione in caso di dislivelli o gradini, come per
esempio quelli degli ascensori. Non tentare di superare questi dislivelli a
spinta o prendendo una rincorsa ma farsi aiutare possibilmente da un’altra
persona e sollevare leggermente il carrello aiutandolo nel superamento di
tali soglie.
Il peso dei monitor e la loro posizione possono rendere il carrello instabile
se lanciato a velocità elevata contro un gradino o un dislivello.
Impugnare il dispositivo utilizzando solo le maniglie previste e prestare
attenzione al punto 1 indicato in figura B per non rimanere intrappolati
con la mano o il braccio.

34  Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili © Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 4 Guida all’Uso del Moonray

4.3.2 Direzione dello Spostamento


Il dispositivo è dotato di una doppia ruota anteriore pivottante. Questo
sistema permette alle ruote anteriori di auto orientarsi con la direzione che
l’utilizzatore richiede manovrando semplicemente sul manubrio posteriore.
Il dispositivo è anche provvisto di un sistema di orientamento parallelo delle
ruote posteriori. Questo sistema è azionabile con un comando posto sulla
parte superiore della base arco. Orientando le ruote posteriori è possibile
spostare la base arco su di un’unica direttrice scelta e riposizionarsi sul pun-
to precedente, molto utile per entrare ed uscire dal campo operatorio. Non
è invece conveniente utilizzare il volantino per lunghi spostamenti (trasferi-
menti da una sala operatoria ad un’altra).

Cap.
4

Figura 4 : Sterzo

Durante lo spostamento dell’arco a C e del carrello workstation prestare


attenzione a non tirare il dispositivo verso se stessi ma spingerlo in avanti.
Attenzione a non lasciare i piedi sotto il dispositivo durante la movimenta-
zione, vedi i punti 4 nelle figure A e B.
Attenzione a non restare intrappolati con la mano o il polso nel comando
sterzo (punto 5 di figura A)

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili   35
4 Guida all’Uso del Moonray Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

4.3.3 Frenatura Base Arco a C e carrello workstation


Per bloccare l’arco a C premere il pedale di destra, sbloccare premere il
pedale di sinistra.

Figura 5 : Pedale Freno

Prestare attenzione a non infilare il piede tra i due pedali quando l’arco a C
è frenato (3 figura A).

Per bloccare/sbloccare il carrello workstation agire sui comandi freno inte-


grati in ciascuna delle quattro ruote

4.3.4 Movimento wig-wag


Sbloccare il freno corrispondente ruotando il comando in senso antiorario.
Muovere l’arco fino al raggiungimento della posizione desiderata.
Per bloccare il freno corrispondente, ruotare il comando in senso orario.

Figura 6 : Movimento Wig Wag

36  Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili © Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 4 Guida all’Uso del Moonray

4.3.5 Movimento Rotazionale


Sbloccare il freno corrispondente ruotando il comando verso il simbolo
“lucchetto aperto”.
Muovere l’arco fino al raggiungimento della posizione desiderata, utilizzan-
do come riferimento, qualora fosse necessario, la scala graduata posta sul
fronte del braccio orizzontale.
Per bloccare il freno corrispondente, ruotare il comando verso il simbolo
“lucchetto chiuso”.

Cap.
4

Figura 7 : Maniglia Movimento Rotazionale

Non ruotare oltre i +/- 360°, oltrepassare questo limite può portare al dan-
neggiamento del cavo o al malfunzionamento del dispositivo.
Nell’effettuare il movimento prestare particolare attenzione a non rima-
nere intrappolati o schiacciati. Prestare attenzione alle dita, mani, piedi,
braccia e testa. Vedere la figura A ai punti 12 (dita), 13 (mano, braccio), 14
(mano, polso), 15 (corpo, testa), 16 (dita, mano) e 18 (piede).

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili   37
4 Guida all’Uso del Moonray Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

4.3.6 Movimento orbitale


Sbloccare il freno corrispondente ruotando il comando in senso antiorario.
Muovere l’arco fino al raggiungimento della posizione desiderata, utilizzan-
do come riferimento, qualora fosse necessario, la scala graduata posta sul
retro dell’arco a C.
Per bloccare il freno corrispondente, ruotare il comando in senso orario.

Figura 8 : Maniglia Movimento Orbitale

Nell’effettuare il movimento orbitale prestare attenzione a non rimanere


intrappolati o schiacciati. Prestare attenzione alle dita, mani, piedi, braccia
e testa. Vedere la figura A ai punti 12 (dita), 13 (mano, braccio), 14 (mano,
polso), 15 (corpo, testa), 16 (dita, mano) e 18 (piede).

4.3.7 Movimentazione slitta longitudinale


Sbloccare il freno corrispondente ruotando il comando in senso antiorario.

Figura 9: Maniglia Movimento Slitta Longitudinale

Muovere orizzontalmente il braccio di supporto fino al raggiungimento della


posizione desiderata, utilizzando come riferimento, qualora fosse necessa-
rio, la scala graduata posta sul lato del braccio orizzontale.
Per bloccare il freno corrispondente, ruotare il comando in senso orario.

Nell’effettuare il movimento della slitta prestare particolare attenzione a


non rimanere intrappolati o schiacciati. Prestare attenzione alle dita, mani,
e braccia. Vedere la figura A ai punti 7 (mano, polso), 8 e 9 (dita).

38  Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili © Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 4 Guida all’Uso del Moonray

4.3.8 Movimentazione verticale motorizzata


Lo spostamento verticale dell’arco è motorizzato e si attiva dai comandi
posti a destra e a sinistra della consolle (eseguibile solo alimentando il
dispositivo).
Tenere premuta la freccia corrispondente al movimento che si desidera
effettuare fino al raggiungimento della posizione voluta, utilizzando come
riferimento, qualora fosse necessario, la scala graduata posta sulla colonna
verticale di supporto dell’arco a C.
Nel caso di utilizzo della nuova consolle touch screen i pulsanti per la movi-
mentazione verticale sono posti ai lati della stessa, vedere il paragrafo 5.1.
I pulsanti sono metallici ed illuminati in blu mentre la funzionalità rimane
invariata.

Cap.
4

Figura 10: Comandi Movimento Verticale

Nell’effettuare il movimento motorizzato prestare particolare attenzione


a non rimanere intrappolati o schiacciati. Prestare attenzione al braccio.
Vedere la figura A al punto 6.

4.3.9 Movimentazione Carrello Workstation


Durante la movimentazione del carrello ed il posizionamento e l’utilizzo dei
suoi componenti e accessori (monitor, stampante ecc) prestare particolare
attenzione a non rimanere incastrati, impigliati o schiacciati.

Prestare particolare attenzione a non rimanere intrappolati o schiacciati.


Vedere la figura B al punto 2 (dita, mano, braccio), 3 (corpo, testa), 5 (dita,
mano, polso, braccio, testa), 6 (mano, polso, braccio), 7 (mano, polso,
braccio, piede) e 8 (pericolo di rimanere incastrati con le dita nell’apertura
di passaggio cavi).

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Spostamento del dispositivo e Movimentazione delle parti mobili   39
4 Guida all’Uso del Moonray Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

4.4 Accensione / Spegnimento del


Moonray

4.4.1 Connessione delle diverse unità


Prima di accendere il dispositivo verificare che tutte le connessioni con
l’Unità Mobile a Raggi X siano corrette.

Connessione tra Arco C e Workstation


Inserire il connettore prestando attenzione che la tacca sulla parte fissa e il
perno nella spina del cavo coincidano.
Ruotare la ghiera del connettore con forza in senso orario fino a rotazione
ultimata (si avverte un leggero scatto).

Connessione tra Arco C e Workstation


Ruotare con forza la ghiera del connettore in senso antiorario
Estrarre il connettore.
Riavvolgere il cavo nell’avvolgicavo a giri ampi per non danneggiare il cavo.

40  Accensione / Spegnimento del Moonray © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 4 Guida all’Uso del Moonray

4.4.2 Alimentazione elettrica del Dispositivo


Inserire la spina del cavo d’alimentazione in una presa di corrente adeguata
e alimentarla.

Portare su ON l’interruttore magnetotermico


generale posto sul retro del Carrello Monitor;
Moonray
la spia bianca sulla parte destra si accende
informando che il dispositivo è ora alimentato.
Portare su ON l’interruttore magnetotermico
Moonray Compact
generale posto sul lato cavo alimentazione.

Se il Moonray / Moonray Compact è già acceso, non spegnerlo usando


tale interruttore, ma seguire la corretta procedura di spegnimento; in caso
contrario è possibile causare un danni, malfunzionamenti o una perdita di
dati.
Cap.
4.4.3 Accensione del Dispositivo 4
Prima di accendere il dispositivo, accertarsi che non siano inseriti dischi
removibili che possono causare errori nella sequenza d’avvio del pc.

Per accendere l’Unità Mobile a Raggi-X e il Sistema


d’Imaging Digitale, ruotare l’interruttore a chiave
posto sulla parte destra del Carrello Porta Monitor
Moonray nella posizione (On).
Dopo circa 2 minuti la sequenza di inizializzazione
termina e viene caricato il software del Sistema di
Imaging digitale.
Per l’accensione dell’Unità Mobile a Raggi-X e del
Sistema d’Imaging Digitale, ruotare l’interruttore a
chiave posto sulla parte sinistra della base arco, in
Moonray Compact posizione (On).
Dopo circa 2 minuti la sequenza di inizializzazione
termina e viene caricato il software del Sistema di
Imaging digitale.

Durante l’accensione dell’arco a C, la console di controllo e comando visua-


lizza il messaggio che indica che il firmware si sta caricando e la versione
installata.
In caso di consolle touch screen prima dell’indicazione del firmware vi è una
fase che dura 10 secondi durante la quale viene mostrata una barra di stato
che indica l’avanzamento dell’attività.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Accensione / Spegnimento del Moonray   41
4 Guida all’Uso del Moonray Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

4.4.4 Spegnimento

Spegnimento Moonray
Lo spegnimento del dispositivo può avvenire secondo diverse procedure, in
base alla sezione del sistema stesso che si desidera mantenere accesa.
Spegnimento Workstation + Arco a C
Nel caso si desideri spegnere completamente il dispositivo, posizionare
l’arco nella configurazione più compatta ed agire, cliccando, sull’icona di
spegnimento posizionata nell’angolo inferiore destro del monitor B.
Una volta terminata la fase di spegnimento, portare nella posizione OFF
l’interruttore magneto-termico posto sul retro del carrello Workstation.
Disconnettere l’alimentazione principale. Disconnettere le parti scollegando
la base dell’arco a C dal carrello Workstation.
Spegnimento Arco a C
Nel caso si desideri spegnere solo l’arco a C, mantenendo attivo il carrello
Workstation, posizionare l’arco nella configurazione più compatta, girare la
chiave a lato del carrello Workstation in posizione 0.
Spegnimento Workstation
Nel caso si desideri spegnere il carrello Workstation e l’arco a C sia già stato
disconnesso, agire cliccando sull’icona di spegnimento posizionata nell’an-
golo inferiore destro del monitor B.
Una volta terminata la fase di spegnimento, portare nella posizione OFF
l’interruttore magnetotermico posto sul retro del carrello Workstation.
Disconnettere l’alimentazione principale.

Spegnimento Moonray Compact


Nel caso si desideri spegnere completamente il dispositivo, posizionare
l’arco nella configurazione più compatta (vedi documentazione trasporto
arco C) ed agire, cliccando, sull’icona di spegnimento posizionata nell’angolo
inferiore destro del monitor.
Una volta che il sistema ha terminato la fase di spegnimento, portare nella
posizione OFF l’interruttore magnetotermico posto sul lato cavo alimenta-
zione.
Disconnettere l’alimentazione principale.

42  Accensione / Spegnimento del Moonray © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
5 Console di
controllo e
5
comando arco

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

5.1 Descrizione
La produzione dei raggi X, per l’ottenimento dell’immagine da gestire trami-
te il sistema d’imaging digitale, è accessibile tramite il pannello/console di
controllo e comando dell’arco a C.

Figura 11: Consolle tradizionale e nuova Consolle Touch Screen

Per un più agevole accesso al pannello di controllo, è possibile orientarlo in


modo che sia visibile da ciascun lato dell’arco. Per ottenere la rotazione, sfi-
lare verso il retro dell’unità mobile il pannello di controllo e quindi ruotarlo
in un senso o nell’altro (il pannello è fisso nella versione Compact).
Più avanti sono descritte le icone presenti sul pannello di controllo e le mo-
dalità per effettuare selezioni e regolazioni nei vari casi.
La console touch screen è distinguibile dall’assenza della manopola gialla
di controllo e dei tasti ai lati dello schermo presenti sulla console classica.
La manopola è stata sostituita da coppie di tasti che compaiono di volta in
volta sullo schermo.
Nella console touch screen tutti i comandi sono attivabili toccando diretta-
mente con un dito le icone di comando o di stato sullo schermo.
Nel caso in cui si cerchi di effettuare un’azione non ammessa, al centro del
pannello di controllo è visualizzata la seguente icona:

Figura 12: Icona “Avvertimento Azione Non Ammessa”

44   Descrizione
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

5.1.1 Comandi raggi


Per effettuare l’esposizione radiologica, l’operatore ha a disposizione diversi
comandi:

L’esposizione in modalità
radiografia è accessibile
esclusivamente tramite
Pending grafia. il comando manuale
pending grafia collocato
sul lato sinistro dell’unità
a raggi x:

Figura 13: Pending Grafia

Nella configurazione
a singolo pedale,
l’esposizione in modalità
Cap.
Pedale singolo.
fluoroscopia è
accessibile tramite il
5
pedale stesso.
Figura 14: Pedale Singolo

Nella configurazione a
doppio pedale, l’utente ha
a disposizione il comando
Pedale doppio. di fluoroscopia (pedale
di sinistra) e il comando di
fluoroscopia + (pedale di
destra).

Figura 15: Doppio Pedale versione standard e Interventistica

Il comando manuale
d’esposizione in modalità
Comando manuale fluoroscopia si trova
di fluoroscopia. sulla parte superiore delle
maniglie di spostamento
della base Arco C.
Figura 16: Comando manuale di Fluoroscopia

Il dispositivo è dotato di luce di avvertimento per indicare lo stato di emis-


sione a tutto il personale in ogni posizione del locale esami contenente il
dispositivo stesso. (CEI EN 60601-2-43 - § 6.8.3 aa)

Quando il dispositivo emette raggi si illuminano i comandi manuali e la spia


arancione posta sopra i monitor.
Figura 17: Lampada Spia

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione   45
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

5.2 Impostazioni generali


Le icone presenti sul pannello di controllo sono di seguito descritte:

Indicazione della Macchia Focale.


Il dispositivo indica la macchia focale in uso tramite le due seguenti icone:

Macchia focale piccola, selezionata automaticamente in


modalità Fluoroscopia

Macchia focale grande, selezionata automaticamente in


modalità Radiografia

Tabella 1: Macchia Focale

L’utente non ha la possibilità di selezionare manualmente la macchia focale


da utilizzare.

Preparazione all’esposizione.
L’icona indica che è in corso la regolazione automatica dei parametri
dell’esposizione. É visualizzata spenta nel caso in cui non si effettua la pro-
duzione dei raggi x e si accende nel momento in cui vengono determinati i
valori dell’esposizione

Preparazione all’esposizione

Funzionamento del generatore raggi X.


L’icona indica che è in corso un’esposizione. É visualizzata spenta, nel caso in
cui non si effettua la produzione dei raggi x, e si accende nel momento in cui
si producono raggi.

Stato del generatore raggi x

46   Impostazioni generali


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Stato rotazione dell’anodo.


L’icona indica lo stato dell’anodo: è visualizzata spenta nel caso in cui non si
effettua la produzione dei raggi x e si accende nel corso dell’esposizione.

Stato rotante

Rotazione anodo a bassa velocità

Rotazione anodo ad alta velocità

Tabella 2: Rotazione Anodo

Cap.
Stato della tensione di alimentazione.
Indica se la rete d’alimentazione fornisce o meno la corretta tensione. In 5
base alla tensione d’alimentazione sono visualizzate le seguenti icone:

Alimentazione corretta

La rete fornisce una tensione superiore alla soglia massima di


funzionamento.

La rete fornisce una tensione inferiore alla soglia minima di


funzionamento.

Tabella 3: Tensione Alimentazione

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Impostazioni generali   47
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Stato termico dell’anodo.


L’attività di produzione dei raggi x comporta come conseguenza il riscalda-
mento dell’anodo. Il livello termico è indicato dalle icone seguenti:

Livello termico iniziale

Livello termico basso

Livello termico medio

Livello termico alto

Autonomia raggiunta, si udirà un allarme acustico intermittente.


Sarà consentita l’erogazione raggi per il tempo di seguito indicato:
• modalità continua: massimo di 1 minuto effettivo
• modalità pulsata alta dose: massimo 4 sequenze da 12 sec =
circa 4 secondi raggi (12/25 f/sec)
• modalità continua + pulsata: inferiore al minuto
poi l’erogazione verrà inibita, solo la discesa della temperatura
sotto il limite permetterà una riattivazione.

Tabella 4: Livello Termico

Possibilmente non arrivare mai a livello termico di fine autonomia.


Raggiungere ripetutamente questo limite può comportare danneggiamen-
ti permanenti del Moonray.

48   Impostazioni generali


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Regolazione della posizione angolare della telecamera.


L’icona indica se è attiva o meno la possibilità di rotazione angolare della te-
lecamera. Se l’icona è spenta, la rotazione della telecamera non è abilitata.

Nel modo di lavoro “Grafia” non è possibile ruotare la telecamera dato che
questa non contribuisce alla generazione dell’immagine radiografica.

Per abilitare la rotazione della telecamera, premere l’icona “Rotazione Tele-


camera” ed utilizzare la manopola di controllo per ruotarla.

Rotazione telecamera

Nel caso di consolle touch screen saranno visualizzati i due tasti di comando
per la rotazione accanto all’icona appena premuta.
Cap.

Tasti rotazione 5
Per disabilitare la rotazione della telecamera, premere l’icona “Rotazione
Telecamera” per spegnerla. Il sistema nasconderà i due tasti di rotazione.
La telecamera ruoterà per tutto e solo il tempo di attivazione del comando
e si arresterà se raggiunge il finecorsa o se si attiva un’emissione raggi dopo
aver avviato la rotazione.

La rotazione reale della telecamera e quindi quello che sarà visualizzato


sul “Monitor A” durante la movimentazione della stessa, potrà differire
dalla direzione indicata dall’icona del comando attivato, dipendentemente
dall’attivazione o meno dei ribaltamenti orizzontale o verticale

Per la procedura riguardante la rotazione della telecamera, e la conseguen-


te rotazione delle immagini a monitor, fare riferimento al paragrafo 6.9.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Impostazioni generali   49
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Regolazione della posizione del diaframma a iride.


L’icona accesa indica che è attiva la regolazione dell’apertura del diaframma
a iride.

Attivazione regolazione diaframma ad iride

Per attivare la possibilità di regolazione della posizione, premere il tasto a


fianco dell’icona. Quando accesa abilita la movimentazione del diaframma.
Per posizionare il diaframma muovere la manopola in senso orario (chiusu-
ra) o antiorario (apertura) (vedere 6.9.13).
Nel caso di consolle touch screen saranno visualizzati i due tasti di comando
seguenti. Per aprire il collimatore a iride premere e mantenere premuto il
tasto di apertura, per chiudere il collimatore a iride premere e mantenere
premuto il tasto chiusura. Il sistema continuerà a cambiare la dimensione
dell’apertura del collimatore a iride per tutto il tempo di attivazione di uno
dei comandi.

Tasti apertura e chiusura

Per disabilitare la possibilità di movimentazione del diaframma, premere


sul tasto a lato dell’icona. Quando spenta il diaframma non può più essere
regolato. In caso di consolle touch screen il sistema nasconderà i tasti di
comando.

Nel modo di lavoro “Grafia” non è possibile regolare l’apertura dell’iride


dato che questa viene completamente aperta.
La dimensione massima e minima dell’apertura del diaframma ad iride
dipende dal “livello di zoom” attivato sull’intensificatore di brillanza.
In nessun caso la dimensione dell’apertura supererà quella consentita per
il livello di zoom selezionato.

50   Impostazioni generali


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Regolazione della posizione del filtro compensatore.


Le icone indicano se è attiva o meno la possibilità di regolazione della posi-
zione del filtro compensatore detto anche semitrasperente.

Apertura/chiusura filtro compensatore

Attivazione rotazione filtro compensatore

Tabella 5: Regolazione Filtro

Per attivare la possibilità di regolazione della posizione, premere il tasto a


fianco dell’icona. Quando accesa abilita la movimentazione del filtro. Per
posizionare il filtro ruotare la manopola in senso orario (chiusura) o antiora-
rio (apertura) (vedere 6.9.13). Cap.
Nel caso di consolle touch screen il sistema visualizzerà i tasti seguenti:
5
Tasti apertura e chiusura

Per aprire o chiudere i semitrasparenti premere i tasti, la regolazione


dell’apertura durerà fintanto che è mantenuto attivo il comando.
Per attivare la possibilità di regolare la rotazione premere e mantenere pre-
muta l’icona corrispondente. Il sistema visualizzerà i tasti di rotazione visti in
precedenza.

Trascorsi 2 sec dall’attivazione del comando di apertura o di chiusura, il


sistema aumenterà di 10 volte la velocità di variazione. Questo permette di
ridurre il tempo richiesto per effettuare grandi spostamenti. Per effettuare
spostamenti più “fini”, rilasciare il comando e riattivarlo.

Per disabilitare la possibilità di movimentazione del filtro, premere sul tasto


a lato dell’icona. Quando spenta il filtro non può più essere regolato.

Nel modo di lavoro “Grafia” non è possibile regolare l’apertura e/o la


rotazione dei filtri compensatori, dato che questi vengono completamente
aperti.
La regolazione dell’apertura o della rotazione si interrompe se si attiva
l’emissione dei raggi x successivamente all’attivazione di uno dei comandi.
La direzione visualizzata sul “Monitor A” può non corrispondere a quella
indicata dall’icona del comando in conseguenza dell’attivazione del ribalta-
mento orizzontale e/o verticale applicato all’immagine.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Impostazioni generali   51
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Ribaltamento dell’immagine.
La pressione del tasto a lato dell’icona effettua il ribaltamento speculare
dell’immagine presente sul monitor A. Ad ogni pressione del tasto corri-
sponde a un ribaltamento.

Ribaltamento orizzontale

Ribaltamento verticale

Tabella 6: Ribaltamento Immagine

Gli effetti dei comandi di ribaltamento dell’immagine sono visibili solamen-


te in assenza di emissione dei raggi x.

52   Impostazioni generali


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Campo di vista dell’intensificatore di brillanza.


L’icona accesa indica quale campo d’ingresso dell’intensificatore di brillanza
è selezionato. All’accensione, il dispositivo si posiziona sempre sul cam-
po massimo disponibile. Per scegliere un diverso campo d’ingresso, e di
conseguenza un diverso fattore di magnificazione in acquisizione, premere
sul tasto del pannello di controllo alla sinistra delle icone. Ad ogni pressione
del tasto, s’illumina l’icona corrispondente al campo di visione selezionato.
Premendo successivamente il tasto, si selezionano i diversi campi di visione
disponibili ed infine si ritorna a quello iniziale. Il numero di campi di ingresso
e il loro diametro dipendono dalle versioni del dispositivo.

Campo massimo

Campo medio
Cap.
5
Campo piccolo

Campo minimo

Tabella 7: Versione 4 Campi d’Ingresso

Campo massimo

Campo medio

Campo minimo

Tabella 8: Versione 3 Campi d’Ingresso

Il “campo di vista” dell’intensificatore di brillanza (I.B.) è la zona usata dallo


stesso per rilevare l’immagine radiografica da mostrare a video. Quando
l’area colpita dal fascio dei raggi x coincide con l’area massima dell’I.B. non
si hanno magnificazioni. Quando invece l’area dell’I.B. colpita dal fascio dei
raggi x è più piccola dell’area a disposizione, l’immagine viene ingrandita.

Questa impostazione è permessa solamente in assenza di emissione dei


raggi x.
Questa impostazione non è permessa nel modo di lavoro “Grafia” perchè
l’intensificatore di brillanza non concorre alla creazione dell’immagine
radiografica.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Impostazioni generali   53
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Selezione del tipo di controllo dei parametri d’esposizione.


L’icona accesa indica quale tipo di controllo dei parametri è attivato. All’ac-
censione si attiva sempre la modalità automatica.

Controllo Automatico

Controllo Manuale

Controllo Manuale per Radiografia

Tabella 9: Tipo di Controllo dell’Esposizione

Per attivare la modalità manuale, premere il tasto a sinistra dell’icona. Il


sistema “spegnerà” le altre icone corrispondenti agli altri modi di lavoro /
tipi di controllo.
Per attivare la modalità radiografia, deve essere già attiva la modalità
manuale. Premere e tenere premuta l’icona per 2,5 secondi fino a quando
si accende. La modalità radiografia prevede esclusivamente un controllo
manuale dei parametri d’esposizione.

Entrando nel modo “Radiografia” il sistema apre completamente i dia-


frammi compensatori, l’iride di collimazione, blocca i comandi attivabili
con le icone nella parte destra dello schermo della console e “spegne”
l’icona corrispondente alla fluoroscopia.
In “Radiografia”, il sistema disabilita i comandi di movimentazione della
telecamera, dei diaframmi collimatori, di ribaltamento orizzontale e verti-
cale e di selezione del campo di vista dell’I.B.
Uscendo dal modo “Radiografia”, vengono riabilitati tutti i controlli, il
diaframma a iride viene riportato alla posizione precedente l’ingresso alla
“Radiografia”.

Per ritornare alla modalità automatica, premere il tasto a lato delle icone.
Quando si accende quella relativa alla modalità automatica questa risulta
attivata.

54   Impostazioni generali


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Durata di emissione raggi X.


Di fianco all’icona è visualizzato il tempo totale di esposizione dal momento
dell’ultima accensione dell’apparecchio, in formato “minuti:secondi”.

Tempo d’esposizione

In tutti i modi di lavoro che non siano “Radiografia”, il valore indica la durata
totale delle emissioni dei raggi x effettuate dall’accensione dell’apparecchia-
tura o dall’ultimo reset di questo parametro.
Nel modo di lavoro “Radiografia”, il valore indica la durata dell’impulso che
sarà emesso in corrispondenza dell’attivazione del comando di erogazione
dei raggi x.
Per attivare la possibilità di regolare la durata di emissione, premere il tasto
a fianco dell’icona. Quando accesa abilita la modifica, muovere la manopola Cap.
gialla per variare il valore.
In caso di consolle touch screen premere l’icona finchè non si “accende”. Il 5
sistema visualizzerà i tasti di comando seguenti:

Tasti incremento / decremento

Per disattivare la modifica di questo valore, premere l’icona di fino a che


non si “spegne”. Il sistema nasconderà i tasti di variazione.
L’apparecchiatura è dotata di un doppio dispositivo di sicurezza che funziona
nel modo seguente:
Emissione di raggi x continui a bassa corrente: ogni volta che la somma
delle durate di emissione raggiunge i 4’:30” è emesso un segnale acustico di
avvertimento che deve essere tacitato (reset) premendo l’icona del tempo
di esposizione per non più di 1 sec.
In mancanza del reset, il segnale acustico di avvertimento viene emesso ad
ogni attivazione di uno dei comandi di emissione dei raggi x, fino al raggiun-
gimento dei 5 min a cui il sistema revoca il consenso all’emissione dei raggi
x, per cui l’attivazione di uno dei comandi di emissione dei raggi x, produrrà
solamente l’accensione del segnale acustico e nessuna emissione di raggi x.
Emissione boost dei raggi x: a causa delle più alte correnti usate ( 6 o 10
mA) questo tipo di emissione produce una dose almeno doppia di quella del
caso continuo. Per questo motivo il sistema impone un ulteriore limite alla
durata dell’attivazione del comando dii emissione dei raggi x che dipen-
de “tipo di boost” selezionato. Il meccanismo di segnalazione acustica è
il medesimo: a 2 sec dal limite di durata dell’attivazione del comando di
emissione, il sistema attiva la segnalazione acustica che rimane attiva fino
al raggiugimento del limite di durata di emissione imposto dal sistema. Al
raggiungimento del limite, il sistema interrompe l’erogazione dei raggi x
nonostante l’attivazione del comando. Per riprendere l’erogazione dei raggi
x, l’utilizzatore deve disattivare il comando e riattivarlo.
Di seguito sono riepilogate le durate dall’attivazione del comando di emis-
sioni dei raggi x corrispondenti alla frequenza di pulsazione della Boost.
• Boost 0,5: 240 sec
• Boost 1: 120 sec

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Impostazioni generali   55
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

• Boost 2: 60 sec
• Boost 4: 30 sec
• Boost 6: 20 sec
• Boost 12: 20 sec

N.B.: Sull’immagine a video è riportata la durata dell’emissione dei raggi x


e non la durata dell’attivazione del comando. Quindi p.e. l’attivazione del
comando di scopia per 10 sec con emissione di tipo Boost 12 produrrà un
dato di 5 sec

Per azzerare il cronometro di durata totale dell’erogazione dei raggi x,


premere e mantenere premuto l’icona fino a che il sistema non visualizza il
valore “0:0”.
Per azzerare il timer di 5 min di erogazione dei raggi x, premere l’icona fino
a che non si illumina e poi rilasciarla. Il sistema continuerà a visualizza il
valore totale di durata di emissione, ma reimposterà il timer a 5 min.

Impostazione manuale della tensione di esposizione (kV).


Nel modo di lavoro “Radiografia” e nel modo di controllo “Fluoroscopia
manuale” l’utente deve impostare il valore della tensione anodo-catodo per
la generazione dei raggi x :

Visualizzazione Regolazione tensione

Per attivare la possibilità di regolare la tensione:


1 Premere il tasto a sinistra dell’icona corrispondente: l’icona si accende ad
indicare l’attivazione della funzione,
2 Ruotare in senso orario o antiorario la manopola di selezione per scegliere il
valore desiderato, che verrà indicato sul pannello.
3 Premere ancora lo stesso tasto di selezione e l’icona si spegne e rimane
confermato il valore visualizzato.
In caso di consolle touch screen premere l’icona fino a che non si “accende”.
Il sistema visualizzerà i due tasti di variazione alla destra del valore.

Tasti incremento / decremento

Mantenendo attiva la pressione sui tasti “+” e “-” il sistema incrementerà /


decrementerà il valore di una unità alla volta per i primi 1,5 sec dall’inizio
dell’attivazione, trascorsi i quali, il sistema varierà il valore di 10 unità alla
volta.

Per disattivare l’impostazione del valore, premere l’icona di fino a che non si
spegne.

56   Impostazioni generali


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Impostazione della corrente (mA)

Visualizzazione/regolazione corrente e tavole esposimetriche

Nel modo di lavoro “Radiografia” e nel modo di controllo “Fluoroscopia


manuale” si deve impostare il valore della corrente di filamento per la gene-
razione dei raggi x. Nel modo di lavoro “DSA”, “Cine”, “Roadmapping”, si può
specificare la tavola di corrente massima.
Per attivare l’impostazione del valore mA:
1 Premere il tasto a sinistra dell’icona corrispondente. L’icona si accende ad
indicare l’attivazione della funzione.
2 Scegliere il valore desiderato in modalità Radiografia, che sarà indicato sul
pannello, muovendo in senso orario o antiorario la manopola di selezione,
3 Premere ancora lo stesso tasto di selezione. L’icona si spegne e rimane con- Cap.
fermato il valore visualizzato.
In caso di consolle touch screen premere l’icona fino a che non si “accende”.
5
Il sistema visualizzerà i due tasti di variazione alla destra del valore. Per di-
sattivare l’impostazione del valore, premere l’icona fino a che non si spegne.

Tasti incremento / decremento

Radiografia: il valore di corrente può essere impostato da 25 mA fino a 100


mA per i monoblocchi da 8kW

Il valore massimo di corrente è vincolato dal valore impostato per la


tensione anodo-catodo. Il valore kV x mA non può superare il valore di
potenza nominale del monoblocco.

Fluoroscopia manuale: il valore di corrente può essere impostato da 0,02


mA fino a 3 mA

La regolazione della corrente può avvenire solamente durante l’attivazione


del comando di emissione dei raggi x.

Boost, DR: il valore della tavola di corrente può essere impostato a 6 o 10


DSA, Cine: la tavola di corrente può essere impostata a uno dei seguenti
valori: 1, 2, 3, 30, 40 ,50, 60, 70, 80 (per monoblocchi da 8kW di potenza).
L’attivazione dei comandi di incremento / decremento, visualizzerà i valori
successivi, precedenti al valore correntemente impostato. Per esempio se 3
è il valore della corrente, la pressione del tasto “+” lo porterà a 30.
Roadmap: la tavola di corrente può essere impostata ad uno dei seguenti
valori: 1, 2, 3.

L’impostazione del valore della tavola di corrente per Boost, DR, DSA, Cine
e Roadmap può essere effettuata solamente in assenza di emissione dei
raggi x.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Impostazioni generali   57
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

5.3 Selezione del modo raggi


In base alla tipologia delle procedure cliniche sono disponibili diverse moda-
lità di lavoro:

5.3.1 Fluoroscopia
La selezione della modalità avviene premendo il tasto accanto alle icone de-
scritte e ruotando la manopola. É attiva la funzione corrispondente all’icona
accesa.
In caso di consolle touch screen premere l’icona fino a che non si “accende”
e premere successivamente l’icona relativa alla modalità desiderata. Se
viene scelta la modalità boost o pulsata, il sistema si predispone per la mo-
dalità selezionata e visualizza i tasti di incremento / decremento. L’utente
può selezionare una modalità diversa oppure accettare quella corrente. Per
uscire dalla selezione premere la stessa icona fino a che non si “spegne”.
Sono abilitati i comandi manuali di fluoroscopia e il comando a pedale (nella
versione a due pedali, il pedale sinistro).

Fluoroscopia Continua.
vengono emessi raggi in modo continuo. L’utilizzatore può impostare ma-
nualmente o automaticamente il valore dei parametri di corrente e tensio-
ne. La corrente massima erogabile è di 3 mA.
Questa modalità di emissione è definita MODO DI FUNZIONAMENTO NOR-
MALE (CEI EN 60601-2-43 - § 51.101.4)
Il valore in Fluoroscopia Continua che fornisce il più alto Rateo di Kerma in
Aria di Riferimento è 120 kV, 3 mA. (CEI EN 60601-2-43)

Fluoroscopia Continua

58  Selezione del modo raggi © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Boost.
vengono emessi raggi in modo pulsato, con la frequenza indicata nella
parte superiore dell’icona accesa. Il valore di tensione e corrente è stabilito
in modo automatico. L’utilizzatore può indicare la corrente di fondo scala.
L’impostazione iniziale è 6 mA e, accedendo alla regolazione dei mA (vedi
Impostazione della corrente (mA)) si può impostare fino a 10 mA.
Il valore in Boost che fornisce il più alto Rateo di Kerma in Aria di Riferimen-
to è 120 kV, 10 mA, 12 impulsi/sec (CEI EN 60601-2-43)

12 impulsi/sec. (vedi nota 1)

6 impulsi/sec.
Cap.

4 impulsi/sec.
5

2 impulsi/sec.

1 impulsi/sec.

1 impulso ogni 2 sec.

Tabella 10:Boost

DR (Digital Radiography).
DR (Digital Radiography): in questo modo di emissione dei raggi x, viene
emesso un singolo impulso. Il valore di tensione e corrente è stabilito in
modo automatico. L’utilizzatore può indicare la corrente di fondo scala:
l’impostazione iniziale è 6 mA e accedendo alla regolazione dei mA si può
impostare a 10 mA (vedi Impostazione della corrente (mA)).

DR (Digital Radiography)

1  La selezione Boost 12 F/S è possibile solo su sistemi Moonray equipaggiati con telecamera 1k x 1k quan-
do si usa una tavola di corrente superiore ai 3 mA.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Selezione del modo raggi   59
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Fluoroscopia pulsata.
vengono emessi raggi in modo pulsato, con la frequenza indicata nella parte
superiore dell’icona accesa. Il valore di tensione e corrente è stabilito in
modo automatico. La corrente massima disponibile è 3 mA.
Il valore in Fluoroscopia Pulsata che fornisce il più alto Rateo di Kerma in
Aria di Riferimento è 120 kV, 3 mA, 12 impulsi/sec (CEI EN 60601-2-43)

12 impulsi/sec. (vedi nota 2)

6 impulsi/sec.

4 impulsi/sec.

2 impulsi/sec.

1 impulsi/sec.

1 impulso ogni 2 sec.

Tabella 11: Fluoroscopia Pulsata

Affinchè la console di comando e controllo visualizzi i comandi di selezione


“Boost”, “DR” o “Pulsed”, sul PC deve essere selezionato il modo di lavoro
“Fluoroscopia”.

2  La selezione Boost 12 F/S è possibile solo su sistemi Moonray equipaggiati con telecamera 1k x 1k quan-
do si usa una tavola di corrente superiore ai 3 mA.

60  Selezione del modo raggi © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

5.3.2 Cine/DSA (solo Moonray)


La selezione della modalità Cine o DSA avviene dal PC, cliccando sulla moda-
lità di lavoro desiderata.
• La funzione Cine è disponibile solo nella versione con doppio pedale.
• La funzione DSA è disponibile solo nella versione con doppio pedale
e software vascolare ed endovascolare. Non è disponibile sui modelli
Compact.
Selezionando le modalità Cine o DSA il sistema disabilita (nascondendole)
le icone di selezione “Boost”, “DR” e “Pulsed”., sul pannello di controllo
spariscono le icone della modalità Fluoroscopia (descritte sopra) e appaiono
le seguenti icone:

Fluoroscopia Continua
Cap.
5
Esposizione continua Pulsata 25 imp/sec

Tramite la procedura di regolazione dei mA l’operatore può impostare diffe-


renti tavole di riferimento, in base alle necessità. (vedi Impostazione della
corrente (mA)).
Sono disponibili tavole di esposizione continua o pulsata:
• nella versione a 12 imp./sec., l’unica frequenza disponibile è 12 impulsi
al secondo;
• nella versione a 25 imp./sec., l’operatore può selezionare la frequenza
della a 12 o 25 imp./sec.
Per impostare la frequenza desiderata premere sul tasto a fianco delle icone
della modalità fluoroscopia e con la manopola accendere l’icona corrispon-
dente alla pulsata 25 o 12 imp./sec. In caso di consolle touch-screen pre-
mere sull’icona. Le icone corrispondenti alle diverse frequenze della pulsata
sono le seguenti:

Esposizione pulsata 12 imp./sec. (vedi nota 3)

Esposizione pulsata 25 imp./sec.

Tabella 12: Esposizione Cine

In base al comando di emissione dei raggi x utilizzato, si ottengono differenti


effetti:

3  La selezione 12 F/S è possibile solo su sistemi Moonray equipaggiati con telecamera 1k x 1k quando si
usa una tavola di corrente superiore ai 3 mA.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Selezione del modo raggi   61
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Comando Fluoroscopia (manuale e con pedale di sinistra)


i comandi manuali di fluoroscopia e scopia (il comando a pedale di sinistra)
attivano esclusivamente la fluoroscopia continua. (4). L’emissione è effettua-
ta esclusivamente con controllo automatico. Tramite la procedura Imposta-
zione della corrente (mA) l’operatore può impostare 4 tavole di corrente
di riferimento per l’emissione dei raggi x. L’emissioni dei raggi x in “scopia”
verrà effettuata con un valore a fondo scala di 1, 2 o 3 mA se il valore della
tavola di corrente di riferimento è impostato rispettivamente uguale 1, 2 o
3. Le emissioni saranno effettuate con una corrente di fondo scala di 6 mA
se per la tavola di corrente saranno impostati valori tra 30 e 80. La tabella
13 riepiloga la corrente massima di fondo scala.
Quando è selezionata la tavola di regolazione n. 3 la modalità di emissione
è definita MODO DI FUNZIONAMENTO NORMALE, quando è selezionata la
tavola di regolazione n. 1 la modalità di emissione è definita MODO DI FUN-
ZIONAMENTO A BASSA INTENSITA’. (CEI EN 60601-2-43 - § 51.101.4).
Il valore in Fluoroscopia Continua che fornisce il più alto Rateo di Kerma in
Aria di Riferimento è 120 kV, 6 mA. (CEI EN 60601-2-43).

Comando manuale fluoroscopia e pedale sinistro (scopia):


Valore
Allarme acustico dopo
Corrente di fondo scala Durata max esposizione Tipo di esposizione
(4)

1 Max 1 mA
2 Max 2 mA 4’:30” 5’:0”
3 Max 3 mA
30
40 Continua
50
Max 6 mA 2’:15” 2’:30”
60
70
80
Tabella 13: Comando Manuale Fluoroscopia e Scopia

4  Un’esposizione raggi continuativa della dura superiore a questo valore attiva un allarme acustico (tasto)
che indica il raggiungimento della durata massima. Per tacitare l’allarme, sollevare il piede dal pedale di
scopia.

62  Selezione del modo raggi © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Comando di Scopia + (comando a pedale di destra):


il comando “scopia +” (il comando a pedale di destra) attiva la funzione
impostata dalla Workstation (ovvero la “Cine” o la “DSA”). L’emissione è
effettuata esclusivamente con controllo automatico. Tramite la procedura
Impostazione della corrente (mA) l’operatore può impostare differenti
tavole di corrente di riferimento, in base alle proprie necessità. Nella Tabella
14 sono riassunte le tavole disponibili. Per i valori 1, 2 e 3, l’esposizione è
continua; per i valori tra 30 e 80, l’esposizione è pulsata. In entrambi i casi,
la corrente massima di fondo scala varia a seconda della scelta effettuata,
come descritto in Tabella 14.
Il valore numerico alla destra dell’icona

Visualizzazione/regolazione corrente e tavole


esposimetriche

ha due significati diversi a seconda della attivazione / disattivazione dei Cap.


comandi di emissione dei raggi x:
5
• comandi di emissione dei raggi x disattivi: il valore numerico indica la
tavola di corrente impostata per l’emissione con comando di scopia +.
• comando di emissione dei raggi x attivo: il valore numerico indica il
valore attuale di corrente della corrente di filamento.
Il valore in Fluoroscopia + pulsata che fornisce il più alto Rateo di Kerma in
Aria di Riferimento è 120 kV, 80 mA, 12 imp/sec (o 25 imp/sec nelle versioni
in cui questo valore è disponibile). (CEI EN 60601-2-43)

Comando pedale destro (Scopia +):


Valore
Corrente di fondo scala Tipo d’esposizione selezionata

1 Max 1 mA
2 Max 2 mA
3 Max 3 mA Continua
30 Max 30 mA
40 Max 40 mA Pulsata 25 imp./sec Pulsata 12 imp./sec
50 Max 50 mA
60 Max 60 mA
70 Max 70 mA
80 Max 80 mA

Tabella 14: Comando Pedale Destro

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Selezione del modo raggi   63
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

5.3.3 Roadmap (solo Moonray)


La selezione della modalità avviene dalla Workstation, cliccando sulla
modalità di lavoro desiderata (vedi §5.2 Impostazione della corrente (mA)).
La funzione Roadmap è disponibile solo nella versione con doppio pedale e
software vascolare ed endovascolare.
Selezionando la modalità Roadmap, sulla console di comando e controllo,
rimane la sola icona di Fluoroscopia Continua:

Fluoroscopia Continua

In base al comando di emissione dei raggi x utilizzato si ottengono differenti


risultati:

Comando manuale di Fluoroscopia e Scopia (comando a peda-


le di sinistra):
i comandi manuali di fluoroscopia e il comando a pedale di sinistra (scopia)
attivano esclusivamente la fluoroscopia continua. L’emissione è effettuata
esclusivamente con controllo automatico. Tramite la procedura Imposta-
zione della corrente (mA) l’operatore può impostare differenti tavole di
corrente di riferimento, in base alle proprie necessità (si veda la tabella qui
sotto). Nella modalità Roadmap, non è consentito l’uso dell’esposizione
pulsata.
Quando è selezionata la tavola di regolazione n. 3 la modalità di emissione
è definita MODO DI FUNZIONAMENTO NORMALE, quando è selezionata la
tavola di regolazione n. 1 la modalità di emissione è definita MODO DI FUN-
ZIONAMENTO A BASSA INTENSITA’. (CEI EN 60601-2-43 - § 51.101.4)
Il valore in Fluoroscopia Continua che fornisce il più alto Rateo di Kerma in
Aria di Riferimento è 120 kV, 3 mA. (CEI EN 60601-2-43)

Comando manuale fluoroscopia e pedale sinistro:


Valore
Corrente di fondo scala Tipo di esposizione

1 Max 1 mA
2 Max 2 mA Continua
3 Max 3 mA

Tabella 15: Comando Manuale Fluoroscopia e Pedale Sinistro

64  Selezione del modo raggi © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 5 Console di controllo e comando arco

Comando Scopia + (comando a pedale di destra):


il comando a pedale di destra (scopia +) attiva la funzione impostata (Ro-
admapping). L’emissione è esclusivamente di tipo continuo con controllo
automatico. Tramite la procedura Impostazione della corrente (mA) l’ope-
ratore può impostare differenti tavole di corrente di riferimento, in base alle
proprie necessità (si veda la tabella qui sotto).
Il valore in Fluoroscopia + che fornisce il più alto Rateo di Kerma in Aria di
Riferimento è 120 kV, 3 mA. (CEI EN 60601-2-43)

Comando pedale destro (Scopia +):


Valore
Corrente di fondo scala Tipo d’esposizione

Cap.
5
1 Max 1 mA
2 Max 2 mA Continua
3 Max 3 mA

Tabella 16: Comando Pedale Destro

5.3.4 Valori tipici in GRAFIA


Valori tipici in GRAFIA per diversi tipi di esame per cul l’apparecchio è desti-
nato a funzionare. (CEI EN 60601-2-43 - § 6.8.2 bb)

Esame Valori di esposizione Tipo di esposizione


Angiografia periferica 60 kV – 2 mA Continua
Angiografia toraco/addominale 80 kV – 3 mA Continua
Angiografia toraco/addominale 12/25 impulsi/
80 kV – 30 mA
alta risoluzione secondo

5.3.5 Valori massimi di Kerma in Aria di Riferimento


Massimo valore di KERMA IN ARIA DI RIFERIMENTO (RATEO) [mGy/s] (CEI EN
60601-2-43 - § 6.8.2 cc):

Fluoroscopia
Fluoroscopia AUTO : 120 kV, 3 mA 0.92
Boost : 120 kV, 10 mA, 12 impulsi/sec 1.5
Fluoroscopia Pulsata : 120 kV, 3 mA, 12 impulsi/sec 0.65

Cine/DSA
Fluoroscopia Continua : 120 kV, 1 (3) [6] mA 0.4 (0.92) [1.5]
120 kV, 30 mA, 12 (25)
Fluoroscopia Pulsata : 2.1 (5)
impulsi/sec
120 kV, 80 mA, 12 (25)
Fluoroscopia Pulsata : 4.0 (9)
impulsi/sec
Massimo valore di KERMA IN ARIA DI RIFERIMENTO in GRAFIA per immagine
Un oggetto di prova specifico rappresentativo di un paziente medio può
essere indicato in un fantoccio di PMMA a forma di parallelepipedo di 20 cm
di spessore e 25 cm di lato (CEI EN 60601-1-3 - § 5.2.4.2).

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Selezione del modo raggi   65
5 Console di controllo e comando arco Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

5.4 Elenco degli allarmi


Nella parte superiore del pannello di controllo, alla destra dell’icona relativa
alle dimensioni della macchia focale, sono presenti le icone di stato e di
diagnostica descritte di seguito:

Indica malfunzionamento dell’anodo. Fare riferimento all’appendice


Errore anodo rotante
relativa alla risoluzione dei problemi.

La batteria d’alimentazione della scheda CPU è sotto il livello di carica


Batteria scarica
ottimale. Avvisare il servizio d’assistenza.

L’icona appare nel momento in cui si verifica un errore della


telecamera: non sono più possibili la rotazione della telecamera e
Errore nella catena video la scelta dei vari campi d’ingresso è inibita. Questa icona è anche
visualizzata quando il non viene ricevuto dalla telecamera il segnale
di Frame Sync. Erogazione raggi inibita.

segnala un errore di comunicazione tra l’unità mobile raggi X e il


Errore comunicazione
sistema imaging digitale.

La CPU della scheda MMT ha generato un errore e il sistema Watch


Errore scheda principale arco Dog è intervenuto, bloccando tutte l’erogazione di potenza e le
funzioni.

L’unita di controllo dei collimatori ha generato una condizione di


Errore dei diaframmi
guasto

Errore filamento Il Filamento o il suo controllo è in condizione di guasto

Errore di tensione Il sistema inverter / monoblocco è in condizione di guasto

L’autonomia è raggiunta si udirà un allarme acustico. Il dispositivo


consentirà di erogare raggi per il tempo indicato:
• modalità continua: per un tempo massimo di 1 min effettivo di
raggi RX
• modalità pulsata alta dose: al massimo 4 sequenze da 12 sec =
circa 4 sec raggi (12/25 f/sec)
Surriscaldamento anodo
• modalità continua + pulsata: per un tempo inferiore al minuto.
• poi l’erogazione di potenza verrà inibita. Solo una discesa
della temperatura sotto il limite consentito permetterà una
riattivazione della erogazione di potenza. Lo spegnimento
del dispositivo inibisce immediatamente le sue funzioni e la
riaccensione non resetta questa condizione.

Possibilmente non arrivare a livello termico di fine autonomia. Raggiunge-


re ripetutamente questo limite può comportare danneggiamenti perma-
nenti del dispositivo.

66  Elenco degli allarmi © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
6 Guida all’uso
del software
6
Questo capitolo vuole riassumere quelli che sono i concetti e le nozioni che
si presentano nell’uso del sistema.

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.1 Organizzazione delle informazioni


All’interno del sistema Moonray sono presenti due tipi d’informazioni: quel-
le di carattere testuale e le sequenze.
• Le informazioni di carattere testuale sono raccolte per poter descrivere
e documentare le informazioni archiviate. Queste informazioni compren-
dono i dati del paziente, del medico che richiede l’esame, del medico che
esegue l’esame, del medico che referta l’esame ecc. Altri dati permetto-
no al sistema di identificare univocamente gli esami effettuati.
• Le sequenze rappresentano il prodotto della registrazione delle immagini
mostrate a video durante un’acquisizione. Le sequenze acquisite sono
automaticamente inserite in un contenitore detta serie, che rappresenta
la “Cartella” dell’esame. Ogni sequenza appartiene ad una serie ed è
caratterizzata dai dati di esposizione, ovvero dai parametri usati per la
sua produzione, dal suo nome, dall’identificatore univoco, ecc. Non è
possibile avere alcuna immagine al di fuori di quelle presenti nelle serie.

6.1.1 Serie/sequenza
Ogni serie è identificata univocamente dal valore “ID Serie” e contiene tutti i
dati testuali relativi all’esame.
L’identificazione della serie è indipendente dall’anagrafica dei pazienti, quin-
di è possibile che uno stesso paziente compaia in più serie.
Ogni acquisizione effettuata attivando uno dei comandi che aziona l’emissio-
ne dei raggi X, produce immagini (fotogrammi) che sono visualizzate a video
e registrate all’interno del supporto di memoria permanente della macchi-
na. Sono denominate sequenze.
Le sequenze possono avere un solo fotogramma, più fotogrammi, foto-
grammi di maschera, in base alla modalità correntemente impostata e dal
comando raggi usato per generare la sequenza stessa.

6.1.2 Serie anonima


All’avvio, il sistema presenta automaticamente una serie anonima, rico-
noscibile dal valore del campo “ID Serie” che è “000000”, in altre parole
senza i dati anagrafici del paziente, pronta per ricevere le sequenze. La serie
anonima è anche presentata ogni qualvolta l’utente apre una nuova serie
tramite il comando Nuova Serie, o chiude la serie corrente tramite il coman-
do Chiudi serie (vedi 6.1.3).
Se non ci sono motivi di particolare urgenza è consigliabile inserire i dati
prima dell’inizio dell’esame, così da rendere più facile il riconoscimento
della serie che si andrà a creare. L’utente può modificare i dati anagrafici in
un qualunque momento, sia prima, che dopo l’esame, richiamando la serie e
modificandola.
Non appena sono inseriti e confermati i dati del paziente, la serie passa da
anonima a identificata.

68  Organizzazione delle informazioni © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.1.3 Serie sbloccata/bloccata


Tutte le serie, quando sono create, sono sbloccate, cioè possono ricevere
delle sequenze. Se la serie corrente non contiene alcuna sequenza, è possi-
bile riaprirla per inserire nuove sequenze.
Una serie bloccata è riconoscibile dall’icona di Figura 18 presente sul “Moni-
tor A” che notifica all’utente il blocco della parte raggi e quindi è consentita
la sola visione delle sequenze contenute, ma non l’aggiunte di altre sequen-
ze.

Figura 18: Icona “Blocco RX”


Cap.
La chiusura di una serie avviene nel momento in cui l’utente esegue il co-
mando Chiudi Serie (vedi Tabella 18). 6
6.1.4 Pianificazione dei lavori
É possibile pianificare una lista di esami da effettuare in tempi successivi,
creando delle serie e, compilando i dati dei pazienti, senza inserire delle
sequenze. Le serie così create saranno memorizzate e rimarranno aperte, in
altre parole potranno ricevere delle immagini. Il giorno dell’esame, l’ope-
ratore selezionerà la serie precedentemente preparata e la riempirà con le
immagini dell’esame.
Come già detto, non appena una serie riceve almeno una sequenza ed è
chiusa, una successiva riapertura consente solamente la revisione e non
l’aggiunta di ulteriori sequenze.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Organizzazione delle informazioni   69
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.1.5 Applicare/Togliere un filtro di ricerca


Per effettuare ricerche mirate il sistema offre la possibilità di applicare filtri
di ricerca, utilizzando la maschera “Impostazioni filtro” (Figura 19).
Per l’applicazione dei filtri:
1 occorre riempire uno o più campi con i criteri di filtraggio prescelti
2 cliccare il tasto Applica filtro
Impostando un valore in un campo, ad es. “Cognome”: “Rossi”, dall’archivio
sono selezionate solamente le righe che hanno nel campo “Cognome” il
valore “Rossi”. Se sono riempiti due o più campi, il numero di righe mostrate
a video può diminuire perché sono aumentati i vincoli di ricerca impostati.
Ad es. il valore “Rossi” (senza apici) nel campo “Cognome”, e il valore “Ma-
rio” (senza apici) nel campo “Nome”, saranno mostrati solamente gli esami
di Mario Rossi (se sono presenti).

Applica filtro

Rimuovi filtro

Figura 19: Finestra “Ricerca” e icone “Applicazione Filtri”.

Se dopo aver applicato un filtro l’utente chiude la maschera “Impostazioni


Filtro” e la riapre, questa mostra di nuovo i criteri di filtraggio precedente-
mente specificati.
Il comando Rimuovi Filtro elimina i criteri di filtraggio impostati.

6.1.6 Eliminazione di una serie/sequenza


Per eliminare una serie o una sequenza, selezionare l’oggetto e attivare il
comando Elimina (vedi oltre). All’interno del sistema, l’eliminazione di una
serie o di una sequenza non implica il recupero automatico dello spazio
occupato sul dispositivo di memoria permanente. L’operazione di elimina-
zione sposta la serie o la sequenza selezionata all’interno del cestino, dove
rimane fino a quando l’utente non decide di eliminarla esplicitamente in
modo definitivo.
Per recuperare lo spazio occupato dall’entità, occorre aprire la vista del
cestino e azionare il comando Svuota Cestino (vedi Archivio - Cestino). L’eli-
minazione di una serie comporta l’eliminazione di tutte le sue sequenze.

70  Organizzazione delle informazioni © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.1.7 Ripristino di una serie/sequenza eliminata


Come spiegato nel paragrafo “Eliminazione di una serie/sequenza” fino a
che l’utente non procede all’eliminazione definitiva degli oggetti dal cestino,
questi sono mantenuti sul dispositivo di memorizzazione permanente.
Per poter rivedere delle serie e/o delle sequenze spostate all’interno del ce-
stino occorre riattivarle tramite il comando Ripristina. Per fare ciò, attivare
la vista del cestino (vedi Archivio - Cestino), selezionare l’oggetto da ripristi-
nare e attivare il comando Ripristina.

6.1.8 Catalogo delle sequenze dell’esame corrente


Il catalogo delle immagini dell’esame corrente, si trova sul lato sinistro
del monitor B e mostra l’elenco delle anteprime delle immagini e/o delle
sequenze presenti all’interno dell’esame correntemente selezionato per la
visualizzazione.
Cap.
Alla creazione di una nuova serie (quando si comincia un nuovo esame),
il catalogo delle immagini è vuoto e durante lo svolgimento dell’esame,
viene riempito dalle anteprime delle sequenze generate dall’emissione dei
6
raggi X e memorizzate (sia manualmente oppure automaticamente) oppure
dalle istantanee create con il comando “cattura istantanea”. Normalmente
il catalogo mostra 1 sola colonna di anteprime (colonna A di Figura 20): se
all’interno della serie sono presenti un numero sufficiente di anteprime sul
lato destro del catalogo si attiva una barra di scorrimento verticale con la
quale l’utente può scorrere le immagini. Nella parte superiore del catalogo
sono presenti 3 tasti (gli ingrandimenti sono nella parte bassa di Figura 20)
che ne permettono l’espansione/riduzione: la pressione del tasto centrale
espande il catalogo a 2 colonne, la pressione del tasto più a destra lo espan-
de al numero massimo di colonne.
Per richiamare un’immagine, l’utente la individua con la barra di scorrimen-
to e la richiama posizionando il cursore sull’anteprima e facendo click una
sola volta col tasto sinistro del puntatore sulla stessa.
La dimensione del catalogo viene riportata automaticamente a 1 colonna
se: si seleziona un’immagine da visualizzare sul monitor B oppure se si attiva
l’emissione dei raggi X.

A B C

2
1 colonna colonne Espansione al numero massimo di colonne

Figura 20: Catalogo Immagini

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Organizzazione delle informazioni   71
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.2 Dispositivi di input


L’utente può interagire col software della Workstation attraverso la tastiera
e la TrackBall incorporata che funge da mouse (Figura 221 e 22) .

Figura 21: Tastiera Workstation

La tastiera permette all’utente sia di modificare il valore dei campi che di at-
tivare più rapidamente alcuni comandi (scorciatoie) anziché dover spostare
la mano sulla trackball, posizionare il puntatore sul comando e attivarlo.

Figura 22: Tastiera Workstation “new”

72   Dispositivi di input


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

Invia al Monitor B (solo


MOONRAY).

Scatta istantanea.

Attiva il successivo livello del


filtro ricorsivo.

Visualizza/Nasconde gli
strumenti.

Decrementa, incrementa
Window.

Decrementa, incrementa Level.

Cap.
Attiva la modalità successiva.
6
Vai all’inizio
Avvia / Ferma riproduzione
Vai alla fine.
Tabella 17: Comandi Tastiera

La TrackBall nell’area a destra della tastiera consente all’utente di posizio-


nare il puntatore sul monitor e di interagire con gli oggetti presentati dal
sistema attraverso la pressione dei suoi tasti sinistro e destro.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Dispositivi di input   73
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.3 Modificare il valore di un campo


Per modificare il valore di un campo occorre posizionare il puntatore sulla
casella contenente il valore e premere il tasto sinistro del puntatore (clicca-
re). Si entra così nella modalità “modifica”, indicata dal cambio dello sfondo
del campo, come si vede nella Figura 23.

Figura 23

Non appena il valore del campo è modificato, il tasto di salvataggio delle


modifiche passa da disattivato ad abilitato (vedi Figura 24).

Salva (disattivato) Salva (abilitato)

Figura 24: Tasto Salvataggio

Come si può notare dalla Figura 23, i caratteri precedentemente inseriti


sono automaticamente selezionati e, digitando un qualunque carattere si ha
l’eliminazione della stringa di caratteri precedentemente inserita.
• Per spostare il cursore a destra e a sinistra all’interno del campo usare i
tasti freccia destra e sinistra (vedi Figura 25)
• eliminare i caratteri che precedono il cursore tramite il tasto “Backspa-
ce”;
• Per uscire dalla modalità “modifica” premere il tasto “Enter” o cliccare
col tasto destro del con il puntatore su una zona che non contiene campi
modificabili.

Enter Backspace Freccia sinistra Freccia destra

Figura 25

Per rendere permanenti le modifiche occorre usare il comando Salva identi-


ficato dal tasto con l’icona del floppy (Figura 24).

74   Modificare il valore di un campo


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.4 Organizzazione delle viste


Il sistema è stato organizzato a viste sovrapposte.
Nelle configurazioni a doppio monitor (solo Moonray), il monitor di sinistra
contiene sempre e solo la vista “Monitor A” che mostra le immagini prove-
nienti dalla parte d’acquisizione, il monitor di destra ha una vista principale
“Monitor B” e una serie d’altre viste selezionabili attraverso le corrispon-
denti linguette (Tab Strip).
Per passare da una vista all’altra occorre posizionare il puntatore e clicca-
re sulla linguetta che rappresenta il nome della vista desiderata. I moduli
aggiuntivi possono essere richiamati posizionando il puntatore e cliccando
sull’icona corrispondente.
Il sistema può avere altre viste che permettono all’utente di interagire con
i moduli aggiuntivi acquistabili separatamente. La parte alta del monitor
di destra mostra le scorciatoie agli eventuali moduli aggiuntivi presenti nel Cap.
sistema (vedi Figura 26): in questo caso sono presenti 3 moduli aggiuntivi.
6

Figura 26: Esempio Moduli

6.5 Interfaccia utente


Gli elementi che permettono all’utente di interagire col sistema sono: i mo-
nitor, la tastiera, la trackball (il mouse), la pedaliera.
Il sistema mostra le informazioni all’utente attraverso i monitor, i quali con-
sentono all’utente di ritrovare e consultare le informazioni. All’interno dei
monitor sono presenti delle aree contenenti tre tipi d’oggetti: oggetti che
informano l’utente sullo stato del sistema, oggetti che mostrano le informa-
zioni richieste e oggetti di comando.
Attraverso i dispositivi d’input l’utente interagisce col sistema invocando un
comando per richiedere un servizio.
Gli oggetti di comando sono stati identificati attraverso delle immagini (ico-
ne) che richiamano un concetto o indicano una metafora.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Interfaccia utente   75
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.6 Impostazione data e ora del sistema


Per modificare la data e l’ora usate all’interno del sistema:
1 Selezionare la vista “Impostazioni”,
2 Visualizzare la categoria “Software”
3 Cliccare sulla riga “Impostazioni data / ora” per attivare la finestra “Proprie-
tà – Data/Ora” (Figura 27).
4 Modificare data e ora corrente, usare il tasto “Ok” per confermare o il tasto
“Annulla” per chiudere senza apportare le modifiche.
Per impostare il formato usare i valori dei campi “Formato dell’ora” e “For-
mato della data” della vista “Impostazioni” – Software.

Figura 27: Finestra “impostazione Ora e Data”

76   Impostazione data e ora del sistema


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.7 Impostazioni dei parametri di rete

“NOTA”: questa impostazione é accessibile solo ad utenti dotati di privilegi


di amministrazione del PC.

procedimento
1 Selezionare vista “Impostazioni”,
2 Visualizzare la categoria “Software”
3 Cliccare sulla riga “Impostazioni di
Rete” per attivare la finestra “Rete e
connessioni remote” (Figura 28). Se non
appare la finestra di “rete e connessioni
remote”, ricercare la cartella “Pannello
di Controllo” e accedere a “Rete e con- Cap.
nessioni remote”
4 Mostrare le proprietà cliccando col
6
tasto destro sulla voce “Connessione
alla rete locale” (Figura 29) e poi sulla
voce “Proprietà”. Figura 28: Finestra “Rete e Connessioni Remote”

5 Dalla finestra “Proprietà - Connessione


alla rete locale” selezionare “Protocollo
Internet (TCP/IP)” e cliccare su “Pro-
prietà”.

Figura 29: Menù “Proprietà”

Figura 30: Finestra “Protocollo TCP/IP”

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Impostazioni dei parametri di rete   77
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.8 Descrizione delle viste


Il software montato suli dispositivi Moonray / Moonray Compact consente
all’utente di interagire col sistema a raggi X, permettendo di selezionare una
delle quattro possibili configurazioni di lavoro preimpostate (modalità) per
le varie tipologie d’interventi.
In ognuna di queste modalità è possibile specificare il valore predefinito
dei parametri (default) come ad esempio la tipologia di registrazione della
sequenza, il livello di filtraggio, ecc (vedi Impostazioni).
Questi valori preimpostati sono caricati ad ogni accensione e non sono
persi, passando da una modalità all’altra e permettono all’utente di perso-
nalizzare il dispositivo secondo il proprio modo di lavorare.
Il software è stato organizzato a viste, ognuna delle quali è focalizzata su
di un particolare aspetto funzionale o di dati dell’applicazione. Per facilita-
re l’interazione con l’utente, l’interfaccia uomo-macchina è stata pensata
come un insieme di bottoni (tasti) di una console di lavoro.
La mancanza dei menù consente all’utente di avere sott’occhio tutti i servizi
che è possibile richiedere al sistema, evitandogli il tedioso scorrimento di li-
ste di menù presenti nei classici software commerciali, e l’attivazione diretta
del servizio.
Sono stati usati i simboli grafici (le icone) sia per mostrare i tasti che atti-
vano comandi, che le icone spie usate dal sistema per segnalare all’utente
eventuali anomalie e/o condizioni di funzionamento, come avviene nei cru-
scotti delle automobili. Si è cercato di dotare tutti i tasti dell’icona che me-
glio richiama alla mente dell’utente l’azione associata al tasto, usando, ove
possibile, i simboli standard nel campo radiologico (CEI/IEC/TR 60878:2003)
Ogni tasto/icona è accompagnato anche da una breve descrizione/suggeri-
mento (tooltip) dell’azione/segnalazione che è preposto a svolgere. Questa
appare come un fumetto, un piccolo rettangolo contenente il testo, quando
il puntatore è sopra l’oggetto di cui si vuole il suggerimento.
Durante la fase di progettazione del software si è cercato il più possibile di
raggruppare i tasti e le spie di segnalazione conformemente alla loro funzio-
nalità, cercando di uniformare questi gruppi nelle varie viste.

78   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.8.1 Vista Monitor A

Moonray
All’avvio, il sistema multi - monitor, si presenta con le due viste principali:
• monitor A (Figura 31)
• monitor B (Figura 34)
Il monitor A, solitamente posto alla sinistra della console, è preposto alla
visualizzazione delle immagini dal vivo, ovvero delle immagini ottenute
durante l’acquisizione.

Cap.
6

Figura 31: Vista “Monitor A”

La vista “Monitor A”:


• visualizza e permette di selezionare la modalità di lavoro correntemente
impostata nella macchina attraverso i tasti del riquadro “Modalità”;
• visualizza il modo raggi correntemente impostato sulla console raggi nel
riquadro “Modo raggi rx”.
Nell’angolo in basso a sinistra del “Monitor A” sono mostrati i riquadri
“Disco”, “Temp”, “Allarmi” che mostrano lo stato del sistema, indicando
rispettivamente:
• l’ammontare dello spazio disponibile sulla memoria permanente del
sistema;
• lo stato termico in tempo reale del complesso radiogeno (solo nella
versione MOONRAY 1K);
• gli eventuali allarmi presenti. (vedi Indicatori & Allarmi).

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   79
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

La parte centrale del “Monitor A” visualizza le immagini durante l’acquisizio-


ne. Inizialmente è nera ma non appena è attivato il comando di “scopia” o di
“scopia +”, è mostrata l’immagine acquisita e/o in corso d’acquisizione (vedi
Figura 32).
Il lato superiore ed inferiore sinistro dell’immagine è occupato da una serie
di campi e dai loro valori (vedi Figura 32).

Figura 32:Vista “Monitor A”

• In posizione 1 dall’alto vero il basso sono presenti: il numero progressivo


della serie, i dati “Cognome”, “Nome” “Data nascita” del paziente e lo
stato di “Marcata”.
• La posizione 2 mostra il numero progressivo della sequenza.
• Nella posizione 3 sono mostrati i dati che caratterizzano l’acquisizione:
data e ora dell’acquisizione, diametro dell’intensificatore di brillan-
za (“Diam. I.B.”), intensità di corrente, valore di tensione usata per la
generazione dei raggi X, la dose di radiazioni subita dal paziente durante
l’acquisizione di quella sequenza, il modo raggi X (“M.R.”) usato nell’ac-
quisizione e la durata dell’acquisizione.
• Il punto 4 mostra lo stato di ribaltamento e di rotazione +90°, -90° cor-
rentemente applicato all’immagine.
Come si può notare, durante l’acquisizione il “Monitor A” nasconde i tasti
degli strumenti per diminuire il più possibile il disturbo arrecato all’utente.
Questi sono mostrati solo al rilascio del comando di “scopia” / “scopia +”
quando il puntatore si sposta sulla parte laterale destra o sinistra del “Moni-
tor A” o attraverso il tasto .

80   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

Moonray Compact
All’avvio il sistema si presenta con la Vista Monitor A. Per poter visualizzare
la Vista Monitor B occorre selezionare la linguetta presente in alto nella
vista (vedi Figura 33).

Cap.
6

Figura 33: Moonray Compact “Monitor A”

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   81
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.8.2 Vista “Monitor B”

Figura 34: Vista “Monitor B”

La vista del “Monitor B” permette di sfogliare le immagini (sequenze)


dell’esame corrente (serie) e di richiamarle a video. La funzione principale
è quella di monitor di riferimento, usato dall’utente per poter confrontare
l’immagine sul “Monitor A” con quella sul “Monitor B”.
Come si nota dalla Figura 34, sulla parte sinistra del “Monitor B” è presente
il catalogo delle sequenze disponibili all’interno della serie corrente. Du-
rante lo svolgimento dell’esame, l’anteprima dell’ultima sequenza acquisita
sarà aggiunta al catalogo, solo in dopo ogni salvataggio (manuale o auto-
matico) della stessa e solo se lo spazio all’interno del sistema è sufficiente a
contenerla.
L’utente può richiamare a video una qualunque delle sequenze, individuan-
dola attraverso lo scorrimento dell’elenco e, richiamandola alla visualizzazio-
ne cliccando sulla miniatura dell’immagine.
Le immagini mostrate nel catalogo rappresentano l’anteprima delle sequen-
ze e mostrano in basso a sinistra il numero progressivo della sequenza e a
destra l’icona della modalità usata per la loro generazione.
È possibile visualizzare il catalogo con 2 o con 5 colonne (3 per le macchine
ad bassa risoluzione), attivando i tasti presenti nella parte superiore del
catalogo: il tasto a forma di lineetta riporta il catalogo a 1 colonna; il tasto
centrale a 2 colonne; quello più a destra al numero massimo di colonne
visualizzabili. L’azione di richiamare un’immagine alla visualizzazione sul
monitor B, riporterà il catalogo delle immagini a 1 colonna.
Invia al monitor A
È possibile inviare sul “Monitor A” l’immagine correntemente mostrata sul
“Monitor B” e viceversa agendo rispettivamente sui comandi “Invia al Moni-
Invia al monitor B
tor A” e “Invia al Monitor B” (vedi Figura 35).
È possibile eliminare la sequenza correntemente visualizzata attivando il
Elimina
comando “Elimina” (vedi Figura 35).
Figura 35: Comandi “Invia” ed
“Elimina”

82   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.8.3 Elenco dei comandi sulle viste e d’interazione


sulle immagini
Di seguito sono elencati i comandi che è possibile attivare dai Monitor A, B e
dagli Appunti, che saranno spiegati nei paragrafi successivi:

Chiudi serie corrente Scatta un’istantanea

Evidenziazione Sì/No Ingrandisci

Rimpicciolisci Invia al monitor A

Aggiungi al compositore di
Invia al monitor B
stampa

Ribaltamento orizzontale Ribaltamento verticale Cap.


Mostra / Nasconde il tool di
luminosità/contrasto
Inverti bianchi con neri
6
Mostra / Nasconde il tool dei Mostra / Nasconde il tool di
marcatori misura

Modifica la nota di testo Elimina

Mostra il riepilogo dose raggi Invia agli appunti

Spegni sistema Disabilita Raggi X (60601-2-43)

Tabella 18: Comandi “Vista A”

Il comando disabilita raggi X viene visualizzato nell’angolo in basso a destra


sul monitor A, permette di inibire l’emissione di raggi. Premere per disabi-
litare l’emissione, premere nuovamente per riabilitarla. (CEI EN 60601-2-43
- § 6.8.2 gg)

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   83
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.8.4 Vista “Dati paziente”


Questa vista consente la gestione dei dati testuali relativi alla serie corrente-
mente aperta, che saranno riportati sulle immagini.
Come si vede dalla Figura 36, la vista presenta due colonne:
• la colonna “Campo”, che elenca il nome dei campi contenenti le informa-
zioni
• la colonna “Valore”, che elenca il valore corrispondente al campo
Il grigio più scuro, presente in alcune caselle della vista, indica che il valore
di quel campo non è direttamente modificabile dall’utente, mentre le celle
con sfondo più chiaro permettono all’utente di modificarne il valore.
La casella “Elenco completo dei campi” permette di mostrare l’elenco com-
pleto dei campi.

Figura 36: Finestra elenco dei campi

In basso a destra è visibile il comando di uscita, il quale è usato dall’utente


per spegnere il sistema.
L’elenco dei campi modificabili dall’utente é personalizzabile, per questa
personalizzazione é necessario possedere “diritti di amministrazione”.

84   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.8.5 Vista “Archivio”


Questa vista permette di consultare l’archivio delle informazioni presenti
all’interno al sistema. Per richiamarla occorre posizionarsi sulla linguetta
“Archivio” e cliccare col tasto sinistro del puntatore.

Cap.
6

Figura 37: Finestra “Archivio”

Questa vista è divisa in due parti:


• la parte superiore contiene le sottoviste a cui è possibile accedere
• la parte inferiore contiene i comandi che è possibile attivare nella sotto-
vista selezionata
Ognuna delle 3 sottoviste può essere attivata tramite la corrispondente
linguetta di Figura 38.

Figura 38

• la sottovista “Esami” mostra l’elenco delle serie presenti all’interno del


sistema
• la sottovista “Pianificati” elenca l’insieme di serie create ma non ancora
riempite da almeno una sequenza
• la sottovista “Cestino” permette di gestire le serie e/o sequenze elimina-
te
In ogni sottovista è presente il comando di “Aggiorna” (vedi Tabella 19) che
aggiorna la sottovista corrente rileggendo i dati dal database interno.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   85
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

6.8.6 Archivio – “Esami”


La parte alta della sottovista “Esami” (vedi Figura 37) mostra l’elenco delle
serie presenti all’interno del sistema in ordine decrescente rispetto il valore
del campo “ID Serie”.
Il tipo di ordinamento può essere cambiato. Cliccando sul nome di una
colonna col tasto sinistro sono mostrati i dati riordinati in base al valore del
campo specificato. Cliccando col tasto sinistro più volte sulla stessa colon-
na, viene cambiato il tipo di ordinamento da crescente a decrescente o da
decrescente a crescente.
È possibile scorrere l’elenco sia orizzontalmente che verticalmente per mo-
strare le colonne non visibili delle serie.
Cliccando col tasto sinistro su una riga dell’elenco delle serie, il sistema
visualizza nel riquadro “Dati paziente” i dati del paziente relativi alla serie
selezionata e nel riquadro “Elenco sequenze” l’elenco delle sequenze appar-
tenenti alla serie selezionata.
Dall’elenco delle sequenze è possibile selezionare una sequenza apparte-
nente alla serie selezionata cliccando col tasto sinistro sulla riga desiderata.
Questa azione mostra l’immagine di anteprima della sequenza nel riquadro
“Anteprima”.
I comandi della sottovista “Esami” sono elencati nella Tabella 19.

Apri Invia agli appunti

Stampa Elimina

Crea report dose Apri esportazione

Mostra impostazioni filtro Apri importazione

Marca la sequenza Aggiorna sotto-vista

Tabella 19: Comandi Esami

86   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

“Apri serie”
permette di aprire una serie precedentemente creata e non ancora riempita
con qualche sequenza.
Modalità operativa:
1 posizionare il puntatore sulla riga corrispondente alla serie da aprire
2 selezionarla tramite un click con il tasto sinistro
3 attivare il comando di “Apri”. Se è già presente una serie aperta al momen-
to dell’attivazione del comando, viene chiesto all’utente di confermare la
chiusura della serie corrente
Se al momento dell’azione è presente una serie aperta, il sistema chiede
all’utente di confermare la chiusura della serie corrente mostrando il mes-
saggio di Figura 39.

Cap.
6
Figura 39

Se l’utente conferma l’azione d’apertura, il sistema scarica la serie corren-


te, apre la serie selezionata, commuta sulla vista “Monitor B” e carica le
sequenze della serie nel catalogo delle immagini.
È da notare che se nella serie che si apre è presente almeno una sequen-
za, la serie è bloccata e non può ricevere altre acquisizioni, consentendo
all’utente di operare solamente in modalità post-processing sulle sequenze
già acquisite.

‘Stampa’
invia le sequenze selezionate al compositore di stampa (vedi Compositore
di stampa). Selezionare la serie contenente le sequenze che si vuole stam-
pare, nel riquadro ‘Elenco sequenze’ vengano elencata le sue sequenze. Nel
riquadro ‘Elenco sequenze’ selezionare una o più sequenze che si desidera
stampare: posizionarsi col puntatore sulla riga che descrive la sequenza,
fare un click col tasto sinistro per selezionare la sequenza da stampare.
Ripetere l’operazione precedente, tenendo premuto il tasto ‘Ctrl’ della ta-
stiera per selezionare più sequenze da stampare. Posizionarsi col puntatore
sul comando ‘Stampa’ e cliccare col tasto sinistro sul comando, si attiverà
il compositore di stampa che mostrerà le immagini selezionate pronte per
essere stampate.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   87
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

‘Crea report DAP’


permette di conoscere la DAP (Dose Area Product) di radiazioni subita dal
paziente durante l’esame. Selezionare la serie di cui si vuole stampare il
report di DAP, posizionarsi col puntatore sulla riga della serie, selezionarla
attraverso un click del tasto sinistro e attivare il comando posizionandosi
con il puntatore sull’icona corrispondente e cliccando col tasto sinistro.
Viene mostrata la finestra che riassume i dati raggruppati per tipo di espo-
sizione. Confermando la stampa tramite il tasto di stampa viene stampato
un documento come quello di Figura 40. per i dettagli vedere il paragrafo
riservato alla “Stampa report DAP”

Figura 40

88   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

‘Mostra impostazioni filtro’


attiva una finestra che premette specificare i criteri con cui mostrare le serie
nell’elenco delle serie (vedi Applicare/Togliere un filtro).

‘Marca la sequenza’
permette di contrassegnare le sequenze particolarmente importanti per
poterle agevolmente ritrovare in un secondo momento.
per contrassegnare una sequenza:
1 selezionarla portando il puntatore sulla corrispondente riga del riquadro
‘Elenco sequenze’
2 cliccare sopra col tasto sinistro
3 attivare il comando. Si noterà che cambierà il contenuto del campo ‘Eviden-
ziata dall’utente’ della riga selezionata
per togliere l’evidenziazione basta ripetere l’operazione precedente su di Cap.
una riga già contrassegnata
6
Ove abilitato esiste la possibilità di marcare le sequenze o le serie con sim-
boli grafici diversi dal semplice simbolo di “Spunta”.
Per marcare una serie o sequenza è sufficiente selezionare la serie o la se-
quenza e premere il tasto destro del puntatore.
Se la funzione di marcatura delle serie è abilitata apparirà una finestra di
selezione di simboli di marcatura, vedi Figura 41 Simboli di marcatura:

Figura 41 Simboli di marcatura

Facendo un click sul simbolo desiderato la serie mostrerà nella colonna


“Evidenziata dall’ utente” il simbolo selezionato.
Il simbolo “Lucchetto” è speciale. In particolar modo, si può attribuire al luc-
chetto la funzione di blocco cancellazione. Attivando questa opzione le serie
dotate di lucchetto non possono essere cancellate a meno che il simbolo
lucchetto non sia stato rimosso.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   89
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

‘Invia agli Appunti’


permette all’utente di inviare la sequenza selezionata negli appunti. Sele-
zionare la serie a cui appartiene la sequenza, selezionare la serie da inviare
posizionando il puntatore sulla riga e cliccandola col tasto sinistro attivare il
comando.

‘Elimina’
permette di eliminare la serie e/o la sequenza selezionata. Prima di spostare
l’elemento o gli elementi selezionati nel cestino, il sistema chiede conferma
dell’operazione.
per eliminare una serie
1 selezionare una serie posizionando il puntatore sulla riga corrispondente
2 cliccando col tasto sinistro attivare il comando di elimina
per eliminare una sequenza
1 selezionare una sequenza posizionando il puntatore sulla riga corrispondente
2 cliccando col tasto sinistro attivare il comando di elimina

‘Aggiorna sotto-vista’
permette all’utente di propagare alla vista corrente le eventuali modifiche
apportate in altre viste. Attivando questo comando il sistema ricarica tutti i
dati dal database sottostante e azzera gli eventuali filtri impostati sulla vista.

‘Apri esportazione’
attiva il modulo aggiuntivo che permette all’utente di gestire le esportazioni
dei dati.

‘Apri importazione’
attiva il modulo aggiuntivo che permette all’utente di gestire le impostazioni
dei dati.

90   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

6.8.7 Archivio – “Pianificati”


Questa vista (vedi Figura 42) permette all’utente di visualizzare le serie che
sono state create e non sono ancora state riempite.
La parte alta della vista è divisa in due parti:
• l’elenco delle serie pianificate
• i dati della serie correntemente selezionata
L’insieme dei comandi che possono essere attivati è rappresentato dalla
Tabella 20

Apri serie Imposta filtro

Elimina serie Gestione Worklist DICOM

Cap.
6
Tabella 20: Comandi “Archivio Pianificati”

Figura 42: Finestra “Archivio Pianificati”

“Apri serie”
permette di aprire una serie precedentemente creata e non ancora riempita
con qualche sequenza.
Modalità operativa:
1 posizionare il puntatore sulla riga corrispondente alla serie da aprire
2 selezionarla tramite un click
3 attivare il comando di “Apri”. Se è già presente una serie aperta al momen-
to dell’attivazione del comando, viene chiesto all’utente di confermare la
chiusura della serie corrente

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   91
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

“Imposta filtro”
permette all’utente di filtrare gli elementi mostrati in questa vista. Dopo l’at-
tivazione del comando è mostrata la finestra delle impostazioni del filtro da
applicare (vedi “Applicare/Togliere un filtro“).

“Elimina serie”
permette all’utente di eliminare una serie dall’elenco dei lavori pianificati
spostandola nel cestino. A volte un esame pianificato per un certo giorno,
può essere annullato a causa di vari fattori, rendendo inutile la serie che era
stata creata in modalità operativa
istruzioni
1 selezionare la serie da eliminare portando il puntatore sulla riga corrispon-
dente
2 cliccare una volta con il tasto sinistro
3 attivare il comando di elimina, il sistema richiederà di confermare l’elimina-
zione della serie selezionata

“Gestione Worklist DICOM”


questo comando attiva il gestore di Worklist DICOM sulle macchine nelle
quali questa opzione è presente.
Archivio – “Cestino”
Questa sottovista (vedi Figura 43) è stata pensata per dare modo all’utente
di ritrovare tutti gli oggetti che sono stati cancellati tramite i comandi “Eli-
mina” presenti nelle varie viste e che non sono ancora stati definitivamente
eliminati dalla memoria permanente del sistema.

Figura 43: Finestra “Archivio Cestino”


Questa vista è simile alla sottovista “Esami”, l’unica differenza è il tipo di
comandi che possono essere attivati (vedi Tabella 21).

Ripristina
Svuota cestino

Elimina
Tabella 21: Comandi “Archivio Cestino”
“Ripristina” è usato per riportare l’oggetto selezionato tra l’insieme degli
oggetti a disposizione per l’utente per le operazioni di elaborazione.
• selezionare dall’elenco delle serie la serie da ripristinare o dall’elenco
delle sequenze la sequenza da ripristinare posizionando il puntatore sulla
riga corrispondente
• evidenziarla tramite il click del tasto sinistro
• attivare il comando di ripristina
• il sistema chiederà di confermare l’azione
“Elimina oggetto” è usato dall’utente per eliminare singole sequenze di una

92   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

serie o l’intera serie con tutte le sue sequenze.


• selezionare l’oggetto che si vuole definitivamente rimuovere posizio-
nando il puntatore sulla riga corrispondente
• cliccare col tasto sinistro per evidenziarla
• azionare il comando “Elimina oggetto”
• il sistema chiederà di confermare l’azione. Dopo la conferma da
parte dell’utente dell’azione, lo spazio occupato dall’elemento in memoria
permanente è definitivamente liberato
“Svuota Cestino” toglie definitivamente tutti gli oggetti dal cestino, liberan-
do lo spazio da loro occupato.
• attivare il comando posizionando il puntatore sul corrispondente
tasto
• cliccare col tasto sinistro
• il sistema chiederà di confermare l’azione. Se l’utente conferma Cap.
l’azione, la vista è aggiornata mostrando gli elenchi delle serie e delle se-
quenze vuoti 6
Compositore di stampa
Nelle viste in cui è presente l’apposito comando, è possibile attivare il
compositore di stampa che permette di impaginare e stampare le imma-
gini. Il compositore di stampa è attivabile in ognuna delle viste che mostra
l’anteprima di una sequenza: “Monitor A”, “Monitor B”, Archivio – Esami e
Archivio – Cestino. Affinché l’attivazione del compositore di stampa ab-
bia successo occorre che nella vista il riquadro dell’anteprima mostri una
sequenza.
Attivando il comando “Stampa” (vedi Figura 44) è mostrata la finestra del
compositore di stampa (vedi Figura 45). Il compositore di stampa può essere
DICOM compatibile in quelle installazioni in cui è compresa l’opzione DICOM
PRINT.
Stampa
Figura 44: Icona “Stampa”

Figura 45: Finestra “Compositore di Stampa”


Vista “Appunti”
La Vista Appunti funge da supporto per le viste:
• Monitor A. Ove presente e abilitata, la vista Monitor A può usare la
vista Appunti per mostrare il filmato senza sottrazione acquisito in scopia +
sia nella modalità DSA che nella modalità RoadMap.
• Monitor B. Dalla vista Monitor B è possibile inviare l’immagine cor-
rentemente visualizzata sulla vista Appunti.
• Vista Archivio. Dalla vista Archivio è possibile consultare le sequen-
ze di un esame senza aprirlo direttamente. È così possibile confrontare le
immagini degli esami precedenti con le immagini dell’esame corrente del
paziente.
I comandi disponibili su questa vista sono un sottoinsieme dei comandi della
vista del “Monitor B”.
Acquisizione delle sequenze

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   93
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

L’acquisizione delle sequenze è quella fase di lavoro in cui una sequenza, ovvero una serie d’immagini, è
mostrata a video ed eventualmente registrata sul supporto di memorizzazione permanente.
Tipi di scopia
Per generare le sequenze sono presenti due tipologie di comandi:
• il comando di “Scopia”
• il comando di “Scopia +”
rappresentati dai simboli elencati nella Tabella 22:
1
Scopia
2
Scopia +
Tabella 22: Comandi “Scopia”
Nelle versioni con singolo pedale non è presente il comando di “Scopia +”.
I comandi manuali di esposizione fluoroscopica, (vedi paragrafo 5.1.1), hanno la stessa funzione del coman-
do a pedale “scopia”.
Il comando “Scopia +” può essere attivato solo se la modalità corrente lo consente.
La differenza principale tra i due comandi è che il comando di “scopia” produce le immagini esclusivamente
in modalità fluoroscopica, mentre il comando “scopia +” attiva le funzioni preimpostate dall’operatore.

Modo raggi X
Il “Modo raggi X” è mostrato sul “Monitor A” per indicare il tipo di forma d’onda dell’esposizione e il tipo di
regolazione dei parametri di esposizione correntemente impostati sull’arco a C.
Sono possibili i modi raggi elencati nella Tabella 23, compatibilmente con le modalità di lavoro visualizzate.
MODALITÁ RX MOONRAY 1k
Modo Raggi X Icona Tipo exp kV mA Fluoro Cine DSA RM
Cont Puls

Continua Ok Auto Auto max 3 – 6 Ok Ok Ok


Ok
Boost 0.5
Ok Auto 6 – 10 Ok
Boost 1 Ok Auto 6 – 10 Ok

Boost 2 Ok Auto 6 – 10 Ok

94   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software


Boost 4
Ok Auto 6 – 10 Ok
Boost 6 Ok Auto 6 – 10 Ok

Boost 12
Ok Auto 6 – 10 Ok
Boost 0.5
Ok Auto 6 – 10 Ok
DR
Ok Auto 6 – 10 Ok
Pulsata 0.5
Cap.
Ok Auto Auto max 3 Ok
Pulsata 1 Ok Auto Auto max 3 Ok 6

Pulsata 2 Ok Auto Auto max 3 Ok

Pulsata 4
Ok Auto Auto max 3 Ok
Pulsata 6
Ok Auto Auto max 3 Ok
Pulsata 12
Ok Auto Auto max 3 Ok
Manuale Ok Manuale Manuale max 3 Ok

Film 12
Ok Ok Auto 3 ÷ 80 Ok Ok Ok
Film 25
Ok Ok Auto 3 ÷ 80 Ok Ok Ok
Radiografia Manuale Manuale Pending di radiografia
Tabella 23: Modalità RX
Nelle modalità “DSA”, “RoadMap”, “Cine” il comando di scopia attiva la modalità continua, mentre il co-
mando di “scopia +” usa la modalità impostata sulla console, continua o pulsata. (solo Moonray).
La modalità di fluoroscopia (“Fluoro”) permette di specificare per il comando di “scopia” la più ampia gam-
ma di forme d’onda, ma non consente l’uso del comando di “scopia +”.

Modalità di lavoro
MOONRAY
È possibile GENERARE le immagini in quattro differenti modalità di lavoro:
• “Fluoroscopia”,
• “DSA” (angiografia con sottrazione digitale),

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   95
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

• “RM” (roadmap)
• “CINE”,
Ognuna delle quali è usata per deteminate esigenze cliniche (vedi Tabella 24).
La modalità di GENERAZIONE delle sequenze correntemente impostata nel sistema è mostrata nel riquadro
“Modalità:” della vista del “Monitor A”, dove è presente un tasto la cui icona rappresenta il modo di lavoro
correntemente impostato. Questo tasto permette anche di muoversi tra le varie modalità (p.e.: se si è in
fluoroscopia cliccare sul tasto attiva la successiva modalità che è DSA, dalla DSA con un successivo click
sullo stesso tasto ci si sposta nella modalità di RM, ecc).
Simbolo Descrizione dell’attività principale Comandi disponibili:
1
Fluoroscopia
(vedi paragrafo 6.12)

2 DSA
(vedi paragrafo 6.13)

3
RM
(vedi paragrafo 6.14)

4
Cine
(vedi paragrafo 6.15)

Tabella 24: Modalità di lavoro


Moonray Compact
Il Moonray Compact nella configurazione base lavora solo nella modalità fluoroscopica nelle sue varie
modalità.
1
Fluoroscopia

Filtro ricorsivo
Un parametro che influenza la qualità delle immagini mostrate a video e registrate è il valore del livello del
filtro ricorsivo digitale, mostrato dalla casella “Filtro:” del Monitor A.
Il valore del livello di questo filtro permette di ridurre gli effetti del rumore inevitabilmente presente sulle
immagini radiologiche. Più il livello del filtro ricorsivo è alto, meno l’immagine apparirà rumorosa. Per con-
tro l’effetto di trascinamento aumenta all’aumentare del livello del filtro.
Nella fluoroscopia a bassa corrente (1 - 3 mA) l’utilizzo del filtro ricorsivo F0 o F1 a causa della bassa dose
erogata, e quindi del basso rapporto segnale/rumore, è consigliato solo nel caso in cui una modesta soglia
di contrasto a basso livello sui dettagli non è determinante per la pratica in corso.
Moonray utilizza di default il filtro F2, per le attività nelle quali è necessario l’utilizzo di un filtro infe-
riore si consiglia l’utilizzo di correnti anodiche superiori a 3mA.

96   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

L’arco a C in genere è da considerarsi dispositivo per radiologia complementare, le immagini prodotte con
archi a C non sono valide ai fini diagnostici
Come indicato nella Tabella 25, sono possibili 4 livelli per il filtro ricorsivo.
1
Filtro ricorsivo disattivato
2
Filtro ricorsivo a 50 %
3
Filtro ricorsivo a 75%
4
Filtro ricorsivo a 87,5%
Tabella 25: Filtri
Cap.
Per passare da un livello al successivo, occorre cliccare sul tasto del filtro ricorsivo. Ad esempio se il tasto
mostra l’icona 2 della Tabella 25, un click del puntatore sul tasto mostrerà l’icona 3 della stessa tabella,
un’ulteriore pressione mostrerà l’icona 4 e un’ulteriore pressione mostrerà l’icona 1 (disattivato).
6
Ribaltamento orizzontale/verticale dell’immagine
1
Ribaltamento orizzontale
2
Ribaltamento verticale
Tabella 26: Ribaltamento
• Premendo il tasto 1 della Tabella 26 l’immagine correntemente mostrata a video è ribaltata orizzon-
talmente .
• Premendo il tasto 2 l’immagine correntemente mostrata a video è ribaltata verticalmente.
Se sono applicati entrambi i tipi di ribaltamento, l’immagine apparirà come se fosse stata ruotata di 180°.

Senza ribaltamento Ribaltamento orizzontale Ribaltamento verticale Ribaltamento orizzontale e


verticale
Figura 46: Effetto Ribaltamento
In Figura 46 si nota l’effetto del ribaltamento verticale e/o orizzontale.
Regolazione luminosità e contrasto
3
Mostra/Nasconde la finestra “Luminosità / Contrasto”
Sia la vista del “Monitor A” che quella del “Monitor B” permettono una regolazione indipendente di:
• luminosità,
• contrasto,
• ribaltamenti

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   97
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

• negativo delle immagini che mostrano.


Per poter agire sul contrasto e sulla luminosità occorre agire sul tasto 3 per visualizzare / nascondere la
finestra “Luminosità / Contrasto” (vedi Figura 47).
Come si vede dalla Figura 47, il titolo della finestra indica il monitor su cui si sta lavorando.
Da questo strumento è possibile regolare i parametri sia tramite i cursori, se si vuole una regolazione più
veloce, che tramite tasti, se si vuole una regolazione più fine.

Figura 47: Finestra “Regolazione Luminosità e Contrasto”


• Il parametro di “W” (Window) indica il numero di grigi disponibili per la visualizzazione dell’imma-
gine. Spostando il cursore verso l’alto il numero di grigi aumenterà, spostando il cursore vero il basso il
numero di grigi diminuirà con un conseguente aumento del contrasto dell’immagine.
• Il parametro “L” (Level) permette di traslare i grigi dell’immagine nei grigi indicati dal cursore. Es.:
un’immagine con una gamma centrata sulla metà della scala di grigi può essere resa più chiara spostando
questo cursore verso il basso o più scura spostandolo verso l’alto.
• Il parametro “B” (Brightness) agisce sull’insieme dei livelli di grigio presenti: spostando questo curso-
re verso l’alto si schiarisce l’immagine, sposando il cursore verso il basso si annerisce l’immagine.
I cursori più a destra permettono di virare verso la direzione opposta rispettivamente i bianchi ed i neri
presenti nell’immagine.
Il tasto di Reset riporta i parametri al valore specificato dalla impostazioni utente mentre il tasto di “Undo”
permette di ripristinare il valore dei parametri precedentemente impostato.
Regolando questi parametri deve essere tenuto presente che le regolazioni saranno attuate sull’eventuale
immagine visualizzata e per le successive sequenze acquisite.
Inversione bianco/nero
4
Inversione bianchi/neri
Agendo sul comando 4 si ha l’inversione dei grigi della sequenza visualizzata.
Note dell’immagine
5
Modifica la nota di testo
Su ogni sequenza è possibile inserire un commento. Attivando il comando 5 si visualizza la finestra seguen-
te:

Figura 48: Finestra “Note”


• Inserire il commento
• Confermare l’immissione tramite il tasto “Ok”. Il commento verrà memorizzato nell’archivio.
• Per annullare l’immissione premere il tasto “Annulla”.
Marcatori a video
6 Visualizza/Nasconde la finestra dei comandi dei marcatori a video (vedere Figura 49: Tool
“MARCATORI”)
Tramite il “tool marcatori” (vedi Figura 49) è possibile disegnare direttamente sull’immagine per creare dei
riferimenti visivi che sono mantenuti fino a che non sono esplicitamente cancellati o nascosti.
Si possono disegnare vari tipi di marcatori: simboli di varie forme (vedere Tabella 27), linee, cerchi / ellissi,

98   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

testo e riferimenti numerati. I simboli e le forme geometriche possono essere personalizzati nel colore e
nel loro spessore. Il testo, che può essere creato solo all’interno di una “casella di testo”, può essere per-
sonalizzato nel colore, nel tipo di carattere, nella dimensione del carattere e nel colore di sfondo che può
essere anche trasparente.
Le due modalità di lavoro, creazione e modifica, sono riconoscibili dalla forma che assume il cursore (vede-
re colonna “cursore” della Tabella 27).

Figura 49: Tool “Marcatori”


Comando Cursore Descrizione
B1 Modalità “modifica”
B2 Modalità “Crea marcatore casella di testo”
B3 Modalità “Crea linea”
Cap.
B4 Modalità “Crea ellisse”
B5 Modalità “Crea marcatore a forma di freccia” 6
B6 Modalità “Crea marcatore a forma di pallino aperto”
B7 Modalità “Crea marcatore a forma di pallino chiuso”
B8 Modalità “Crea marcatore a forma di croce”
B9 Modalità “Crea marcatore numerato”
B10 n.a. ( ) Comando “disfa ultimo comando”
B11 n.a. Comando “rifai ultimo comando”
B12 n.a. Comando “Elimina”
Tabella 27: Tasti e cursori del “Tool marcatori”

Figura 50: Selettore “tipo marcatore”


Creazione di una casella di testo:
• Premere il tasto corrispondente a C2 della Tabella 27, per entrare in questa modalità.
• Identificare l’angolo superiore sinistro della casella di testo cliccando col tasto sinistro sull’immagi-
ne,
• Identificare l’angolo inferiore destro della casella di testo cliccando col tasto sinistro sull’area
dell’immagine.
• Appare la finestra di inserimento/modifica del testo (vedere Figura 51).
• Digitare il testo desiderato ed eventualmente modificare i parametri “colore di sfondo”, “dimensio-
ne” e “nome della fonte”,
• Confermare con il tasto “Ok” o annullare col tasto Annulla.
Tutte le azioni di creazione sono “abortite” da una nuova esposizione raggi.

Figura 51: Editor del marcatore “Nota di testo”


Creazione di marcatori:
• Premere uno dei tasti da B3 a B9 della Tabella 27 per entrare in questa modalità.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   99
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

• Posizionare il marcatore nella posizione desiderata cliccando col tasto sinistro.


• Completare la creazione del marcatore cliccando per la seconda volta (solo per i marcatori da B3,
B4, B5 e B9).
Suggerimento:
1. Durante la creazione di una linea, la pressione del tasto Shift della tastiera permette la creazione di
linee orientate ad angoli multipli di 45°.
2. Durante la creazione di un ellisse la pressione/il rilascio del tasto Ctrl della tastiera indica che il
primo punto identifica rispettivamente il centro del rettangolo/il primo vertice del rettangolo contenente
l’ellisse. La pressione del tasto Shift della tastiera rende identici i due lati del rettangolo contenente l’ellisse
(così è possibile creare un cerchio).
Modifica dei marcatori:
• Premere il tasto con l’icona di colonna B1 per entrare in questa modalità.
• Selezionare gli oggetti da modificare con un rettangolo di selezione (posizionare il puntatore, preme-
re il tasto sinistro e rilasciarlo in una posizione diversa da quella iniziale. Tutti gli oggetti i cui vertici cadono
all’interno di questo rettangolo sono selezionati. Gli oggetti selezionati sono riconoscibili dalla presenza di
piccoli quadrati neri di bordo bianco (detti maniglie) sui loro vertici).
- Modifica della posizione:
• Posizionare il puntatore su uno degli oggetti selezionati,
• Premere e mantenere premuto il tasto sinistro muovere il puntatore fino a che gli oggetti selezionati
non raggiungono la posizione desiderata
• Rilasciare il tasto
- Modifica del colore o dello spessore:
• Cambiare la caratteristica agendo sul corrispondente controllo della finestra dei marcatori.
- Modifica dell’orientazione/dimensione:
• Posizionarsi su di una maniglia,
• Premere e mantenere premuto il tasto Ctrl, premere e mantenere premuto il tasto sinistro
• Orientare/ridimensionare l’oggetto
• Rilasciare il tasto sinistro del puntatore.
- Modifica della nota di testo:
• fare doppio click sulla nota di testo in stato “selezionata” da modificare così da richiamare la finestra
di Figura 51.
Eliminazione:
• Premere il tasto B12
• Verrà richiesto di confermare l’operazione di eliminazione. Se sono presenti alcuni marcatori selezio-
nati, verranno eliminati solo questi. Se non è selezionato alcun marcatore allora sono eliminati tutti i marca-
tori presenti.
Disfare/Rifare:
• Tramite il tasto B10 è possibile “disfare” l’ultimo comando inviato.
• Tramite il tasto B11 è possibile rifare l’ultimo comando “disfatto”. Sono annullabili solamente gli
ultimi 8 comandi più recenti.
Nascondi: nasconde i marcatori presenti a video. Dopo la pressione il titolo di questo tasto diventa “Mo-
stra”.
Mostra: visualizza i marcatori nascosti. Dopo la pressione il titolo di questo tasto diventa “Nascondi”.

100   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

La pressione di un qualunque tasto di modifica o di creazione dei marcatori li rende visibili.


Modulo di misura
7 Visualizza/Nasconde la finestra del modulo di misura (vedere Figura 52 – Tool Misure)
Tramite il “tool misure” (vedi Figura 52 – Tool Misure) è possibile disegnare direttamente sull’immagine per
creare delle misure di lunghezza, di angolo e delle note di testo che sono mantenute fino a quando esplici-
tamente cancellate o nascoste.
B1 Modalità “modifica”
B2 Modalità “Crea casella testo di misura”
B3 Modalità “Crea misura di lunghezza”
B4 Modalità “Crea misura d’angolo”
B5 n.a. Comando “disfa ultimo comando”
B6 n.a. Comando “rifai ultimo comando”
B7 n.a. Comando “Elimina” Cap.
Tabella 28: Tasti e cursori del “Tool misure” 6
Figura 52 – Tool Misure

Figura 53: conferma condizioni d’uso del modulo di misura


All’apertura del “tool misure” è mostrata una richiesta di conferma delle condizioni d’uso del tool di misura
(vedere Figura 52 – Tool Misure).
Il messaggio di conferma è mostrato ad ogni nuova serie.
Se manca il campione di lunghezza di riferimento non è possibile la creazione di misure di lunghezza con
unità di misura diversa da Pixel.
Se il campione della lunghezza di riferimento è creato e poi cancellato, tutte le misure già create sono ripor-
tate in Pixel.
Si possono creare fino a 2 campioni di lunghezza: uno per le lunghezze in % e l’altro per le lunghezze in Fr o
mm.
Creazione del campione di lunghezza:
• Premere in tasto “R” della Figura 52 – Tool Misure
• Selezionare l’unità di misura del campione
• Creare una misura di lunghezza, inserire il valore corrispondente alla lunghezza del segmento a
video
• Disattivare il tasto “R”. La presenza del campione di lunghezza è riconoscibile grazie alla coppia di
valori di misura, uno in Pixel e l’altro in mm o in Fr.
Dopo la creazione del campione di lunghezza per l’unità di misura specificata, questa è inserita tra le unità
di misura selezionabili per le misure di lunghezza.
L’unità di misura in Fr è direttamente legata all’unità di misura in mm tramite una costante. Per cui,
se si imposta un campione di lunghezza in mm diverrà disponibile anche l’unità di misura in Fr e viceversa.
La creazione del “campione di lunghezza” per l’unità di misura in % assume implicitamente un valore di
100% corrispondente alla lunghezza del segmento disegnato a video, indipendentemente da ciò che inseri-
sce l’utente.
É possibile creare una serie di misure di lunghezza senza alcuna “lunghezza campione”, successivamente
identificare la “lunghezza campione” e cambiare le unità di misura delle misure di lunghezza già presenti.
Se il campione di lunghezza è modificato tutte le misure che si riferiscono a quel campione sono ricalcolate.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   101
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Creazione di una misura di lunghezza:


• Premere il tasto B3 della Figura 52 – Tool Misure per entrare in questa modalità (il puntatore diven-
ta uguale a quello della colonna corrispondente).
• Selezionare l’unità di misura che si vuole usare per la misura di lunghezza, usando la casella di sele-
zione a discesa etichettata “U.M.” della finestra di Figura 52 – Tool Misure.
• Cliccare col tasto sinistro sul primo estremo da misurare. Spostare il puntatore fino al secondo
estremo e cliccare col tasto sinistro per terminare la misura di lunghezza. Il sistema crea una casella di testo
che ospita il valore della misura creata a metà del segmento di misura, che può essere spostato (vedere
oltre).
Identificazione del campione di lunghezza:
• Selezionare una nuova misura di lunghezza,
• Premere il tasto “R” della Figura 52 – Tool Misure, selezionare l’unità di misura del campione di lun-
ghezza,
• Impostare il valore corrispondente alla lunghezza del segmento di misura nella casella “Valore”.
• Disattivare il tasto “R”. Tutte le misure di lunghezza nell’unità di misura del campione già presenti
sono ricalcolate in base al nuovo campione di lunghezza.
Creazione di una misura d’angolo:
• Premere il tasto B4 della Figura 52 – Tool Misure per entrare in questa modalità (il puntatore diven-
ta uguale a quello della colonna corrispondente). Per identificare l’angolo da misurare occorre identificare
2 segmenti (ciascuno identificato da 2 punti). La misura d’angolo è fatta sull’angolo che si ha all’intersezione
delle rette su cui giacciono i due segmenti.
• Portare il puntatore in corrispondenza del primo punto del primo segmento, cliccare col tasto sini-
stro. Spostare il puntatore sul secondo punto del primo segmento e cliccare col tasto sinistro. Si noterà che
durante lo spostamento è disegnata una linea tra il primo ed il secondo punto del segmento.
• Posizionare il puntatore in corrispondenza al primo punto del secondo segmento, cliccare col tasto
sinistro,
• Spostare il puntatore sul secondo punto del secondo segmento.
• Cliccare col tasto sinistro. Il sistema disegna l’intersezione delle rette contenenti i due segmenti,
numera i vertici del triangolo con le lettere Ai, Oi, Bi (dove i è sostituito con un opportuno numero univoco)
e inserisce un’etichetta con la misura dell’angolo evidenziato e del suo angolo complementare.
Le misure di angoli possono essere fatte solamente in gradi.
Creazione di una casella di testo: vedere la descrizione nel paragrafo 6.9.9
Modifica di una misura:
• Premere il tasto B1 di Figura 52 – Tool Misure e entrare in questa modalità
Selezionare gli oggetti da modificare con un rettangolo di selezione (posizionare il puntatore, premere il
tasto sinistro e rilasciarlo in una posizione diversa da quella iniziale). Tutti gli oggetti i cui vertici cadono
all’interno di questo rettangolo sono selezionati. Gli oggetti selezionati sono riconoscibili dalla presenza di
piccoli quadrati neri di bordo bianco (detti maniglie) sui loro vertici
- Modifica della posizione:
• Posizionare il puntatore su uno degli oggetti selezionati,
• Premere e mantenere premuto il tasto sinistro e muovere il puntatore fino a che gli oggetti selezio-
nati non raggiungono la posizione desiderata,
• Rilasciare il tasto sinistro.
- Modifica del colore:
• Cambiare la caratteristica agendo sul corrispondente controllo della finestra “tool misure”.

102   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

- Modifica dell’orientazione/dimensione:
• Posizionarsi su di una maniglia,
• Premere e mantenere premuto il tasto Ctrl, premere e mantenere premuto il tasto sinistro, orien-
tare/ridimensionare l’oggetto e rilasciare il tasto sinistro. Se si agisce su di una misura di lunghezza varierà
il corrispondente valore. Se si agisce su di una misura di angolo allora varierà la corrispondente misura d’an-
golo.
- Modifica della posizione del testo della misura:
• Portarsi sul rettangolo di testo della misura,
• Premere e mantenere premuto il tasto Ctrl, premere e mantenere premuto il tasto sinistro, sposta-
re il puntatore per cambiare posizione all’oggetto. Rilasciare il tasto sinistro quando l’oggetto raggiunge la
posizione desiderata.
- Modifica della nota di testo: fare doppio click sulla nota di testo in stato “selezionata” da modificare così
da richiamare la finestra di Figura 51.
Eliminazione: Cap.
• Premere il tasto B7,
• Verrà richiesto di confermare l’operazione di eliminazione. Se sono presenti alcuni oggetti selezio-
6
nati, verranno eliminati solo questi. Se non è selezionato alcun oggetto saranno eliminati tutti gli oggetti di
misura presenti.
Disfare/Rifare: tramite il tasto B5 è possibile “disfare” l’ultimo comando inviato. Tramite il tasto B6 è possi-
bile rifare l’ultimo comando “disfatto”. Sono annullabili solamente gli ultimi 8 comandi più recenti.
Nascondi: nascondere gli oggetti di misura presenti a video. Dopo la pressione il titolo di questo tasto
diventa “Mostra”.
Mostra: visualizza gli oggetti di misura nascosti. Dopo la pressione il titolo di questo tasto diventa “Nascon-
di”.
La pressione di un qualunque tasto di modifica o di creazione degli oggetti di misura, rende visibili gli
eventuali oggetti di misura nascosti.
Tipi di salvataggio
In ognuna delle modalità elencate dalla Tabella 32 è possibile specificare il tipo di salvataggio delle sequen-
ze associato ai comandi di “Scopia” e “Scopia +” (vedi Tabella 22). Per selezionare il tipo di salvataggio per il
comando di scopia e scopia + occorre cliccare sul corrispondente riquadro che visualizza il tipo di salvatag-
gio impostato per il comando (vedi Figura 54).
Riquadro “Tipo di salvataggio per la scopia”
Riquadro “Tipo di salvataggio per la scopia +”
Figura 54: Comando “Identificazione Tipo di salvataggio”
Sono a disposizione le seguenti possibilità:
Simbolo Descrizione del salvataggio Scopia Scopia+
1
Salvataggio Disattivato Sì Sì
2
Manuale Sì Sì
3
Registra la sola ultima immagine Sì Sì
4

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   103
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Registra tutta la sequenza No Sì


5
Impossibile salvare, spazio insufficiente Sì Sì
Tabella 29: Comandi “Tipo di salvataggio”
Quando l’utente seleziona il salvataggio manuale (icona 2), verrà registrata comunque la sequenza e alla
fine dell’acquisizione verrà mostrata nel riquadro “Immagini”, del Monitor A, uno dei due tasti di Figura 55.

Salva l’ultima immagine Salva tutta la sequenza


Figura 55: Comandi di salvataggio
Il click da parte dell’utente indica alla macchina di inserire nella serie corrente l’ultima acquisizione effettua-
ta. Questa acquisizione andrà definitivamente persa se l’utente spegnerà la macchina o se attiverà uno dei
due comandi di scopia prima della pressione di uno dei due tasti della Figura 55.
L’icona 5, della Tabella 29, può attivarsi per segnalare che è impossibile salvare a causa dell’insufficiente
spazio disponibile.
Dopo ogni salvataggio, il sistema crea un’anteprima dell’immagine all’interno del catalogo. Questa
operazione consuma risorse del sistema e poco alla volta ne degrada le prestazioni. Per mantenere al mas-
simo le prestazioni del sistema si consiglia di non superare le 600 immagini. Al raggiungimento delle 1000
immagini il sistema revoca il consenso all’emissione dei raggi X.
Posizione angolare della telecamera
La telecamera d’acquisizione può ruotare di circa 360°, per orientare correttamente le immagini radiologi-
che. Un fermo meccanico impedisce rotazioni superiori ai 360°.
Il “Monitor A”, mostra in tempo reale con un “pallino” l’angolo in cui è posizionata la telecamera e con un
rettangolo il fermo meccanico della rotazione (vedi Figura 56 – A).
Il comando di attivazione della rotazione è presente sulla console di controllo dell’arco a C (vedi §4 Guida
all’uso del Moonray). Attivando tale comando, si regola l’angolo della telecamera agendo sulla manopola.
• Se l’utente agisce sul comando di rotazione senza emettere raggi, il sistema visualizza la posizione
angolare della telecamera con una freccia (vedi Figura 56 – B). Per orientare la telecamera, la freccia deve
essere allineata all’asse verticale dell’immagine sottostante. La freccia scompare circa 150 ms dopo l’arre-
sto della rotazione (Figura 56– C). Al momento dell’emissione raggi X, il sistema riporta l’indicatore della
posizione angolare della telecamera a “ore 12” per indicare che quello mostrato a video è “l’alto” dell’im-
magine (vedi Figura 56 – D).
• Se l’utente agisce sul comando di rotazione della telecamera mentre sta effettuando raggi, vede
ruotare in tempo reale le immagini prodotte dalla telecamera.

A – Marcatori posizione
B – Ricerca posizione.

C – Posizione telecamera prima dell’acquisizione.


D – Posizione telecamera dopo l’acquisizione.
Figura 56: Marcatori di Posizione
Anteprima della posizione dei collimatori
Ove presente e abilitata, è possibile avere l’anteprima di posizione dei filtri compensatori e del diaframma
a iride senza l’emissione dei raggi x. Durante la movimentazione viene mostrato a video l’anteprima della
sua posizione finale (vedi sotto); l’anteprima sparisce dopo 1 secondo dall’arresto della movimentazione o
all’inizio dell’esposizione raggi x. (vedere 5.2).

104   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

Anteprima della posizione del diaframma a iride durante la movimentazione


Posizione dopo l’emissione raggi X
Anteprima della posizione dei filtri compensatori durante la movimentazione
Posizione dopo l’emissione raggi X

La rotazione della telecamera non provoca uno spostamento dei collimatori rispetto l’anatomia ma
sicuramente li sposta dalla loro posizione precedente a video. Per vedere la loro nuova posizione, spostarli
leggermente e riportali nella posizione desiderata.
Sottrazione digitale (solo MOONRAY VE)
Nella generazione delle sequenze in sottrazione digitale, un fotogramma particolare detto “maschera” è
prima acquisito e poi sottratto alle immagini prodotte durante l’acquisizione, così da evidenziare quelle
particolari zone che differiscono dall’immagine di maschera stessa (vedi Figura 57).

Cap.
M - maschera
F - fotogramma 6
differenza F-M
Figura 57
Il fotogramma di maschera, una volta acquisito, è visibile attivando la finestra “Catalogo delle maschere”
(vedi Figura 58) che viene mostrata tramite il tasto 1 della Tabella 30.
Un fotogramma di maschera è associato ad ogni sequenza prodotta in modalità sottrazione digitale.
1
Mostra/Nasconde il catalogo delle maschere
2
Mostra/Nasconde le impostazioni di sottrazione
3
Aggiunge il fotogramma corrente al catalogo delle maschere
4
Sottrazione disattivata/attivata
5
Attiva/disattiva la funzione massima opacità
Tabella 30: Comandi “Sottrazione Digitale”
I parametri della sottrazione digitale possono essere modificati, usando la finestra “Impostazione della
Sottrazione” che è mostrata dalla pressione del tasto 2 della Tabella 30.
È anche possibile cambiare la maschera da usare per la sottrazione, aggiungendo un nuovo fotogramma al
catalogo delle maschere e usandolo al posto di quello automaticamente generato.
Durante la fase di riproduzione è possibile disattivare momentaneamente e successivamente riattivare la
sottrazione digitale tramite il tasto 4 della Tabella 30.
Il tasto 5 della Tabella 30 permette di selezionare la massima opacità di ogni punto di una sequenza.
Catalogo delle maschere
Il catalogo delle maschere (vedi Figura 58) raggruppa fino a quattro maschere appartenenti ad una stessa
sequenza e permette di selezionare una maschera di sottrazione differente da quella originale.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   105
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Dalla Figura 58 si vede che la finestra ha quattro tasti corrispondenti alle quattro funzionalità elencate nella
Tabella 31.

Figura 58
1 Elimina la maschera corrente
2 Elimina tutte le maschere
3 Aggiungi maschera dagli appunti
4 Invia copia della maschera negli appunti
Tabella 31: Comandi “Catalogo Maschere”
• Il tasto 1 permette all’utente di togliere dal catalogo la maschera selezionata: questo comando non
può essere usato sulla maschera originale, ma solo su quelle create in post processing.
• Il tasto 2 elimina tutte le maschere presenti nel catalogo tranne la maschera originale.
• Il tasto 3 si attiva quando negli appunti è presente un’immagine e permette di copiare questa imma-
gine all’interno del catalogo maschere e usarla come maschera di sottrazione.
• Il tasto 4 permette di inviare la maschera correntemente selezionata negli appunti.
Impostazioni della sottrazione
I parametri della sottrazione digitale possono essere variati tramite la finestra “Impostazione della Sottra-
zione” (vedi Figura 59).

Figura 59: Finestra “Regolazione Impostazione Sottrazione”


La finestra è divisa nel seguente modo:
• La casella “Tipo di rinforzo” permette di scegliere l’algoritmo usato per rinforzare gli effetti della
sottrazione digitale specificandone il valore tramite il riquadro “Livello di rinforzo”. Un valore di rinforzo
basso, produrrà un basso contrasto dei grigi del fotogramma risultato della sottrazione. Il rinforzo lineare
permette di aumentare il contrasto dei punti del fotogramma in base ad una legge lineare, mentre il tipo di
rinforzo logaritmico (ove presente e abilitato) usa una legge logaritmica che esalta maggiormente i valori di
grigio più vicini tra loro.
• La casella “Auto sub” (ove presente e abilitata) se attivata, indica al software, nelle modalità DSA e
RoadMap, di riattivare automaticamente la sottrazione alla pressione del pedale di scopia + indipenden-
temente dall’impostazione corrente del tasto di sottrazione. La casella “Auto sub” disattivata, indica al
software che l’acquisizione della sequenza in scopia + è, se l’utente l’ha disabilitata, senza la sottrazione.
• La casella “Video su appunti” permette all’utente di visualizzare sulla vista degli appunti, le immagini
provenienti dalla telecamera senza sottrazione, simultaneamente alla vista del monitor A. Questa modalità
si disattiva quando l’utente, dopo l’invio di un’immagine negli appunti dalla vista del monitor B o dalla vista
dell’Archivio, confermare l’operazione di disattivazione di questo parametro.
• Il riquadro “Trasparenza” consente di miscelare il risultato della sottrazione con il fotogramma che
è stato sottratto (LandMarking). Un valore di trasparenza dello 0% mostra a video solamente il fotogram-
ma risultato della sottrazione, un valore di trasparenza del 100% mostra a video solamente il fotogramma
senza la sottrazione della maschera; valori intermedi aumentano/diminuiscono il peso dei due fotogrammi
nel risultato finale.
• Il parametro “Scostamento” permette di aggiungere uno scostamento al valore di grigio di ogni
punto del fotogramma di sottrazione così che i valori prossimi al nero vengano rimappati al valore dello
scostamento.
• Il riquadro contenente i valori delle coordinate X e Y permette, tramite i tasti disposti orizzontal-
mente e verticalmente, di modificare l’allineamento della maschera usato nella sottrazione (Pixel shift). Per
azzerare l’allineamento cliccare col tasto sinistro del puntatore al centro del quadrato.
• Il tasto “Reset” riporta le impostazioni al valore predefinito della modalità corrente.

106   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

• Il tasto di uscita chiude la finestra.


Velocità di registrazione
Tramite il riquadro “Veloc. reg. f/sec” è possibile impostare una velocità di registrazione a discrezione
dell’operatore, per diminuire lo spazio occupato in memoria dalla sequenza. I valori consentiti sono elencati
nella Tabella 32.
1
25 Immagini/sec. 5
4 Immagini/sec.
2
12 Immagini/sec. 6
2 Immagini/sec.
3
8 Immagini/sec. 7 Cap.
1 Immagini/sec. 6
4
6 Immagini/sec. 8
0,5 Immagini/sec.
Tabella 32: Velocità Registrazione
Se il riquadro “Modo raggi x” mostra il valore “Film 25”, cliccando su uno di questi tasti si passa da una
velocità di salvataggio alla successiva; se nel riquadro “Modo raggi x” è presente un valore diverso da “Film
25”, i tasti che impostano la velocità di registrazione sono bloccati.
È possibile personalizzarsi il valore predefinito di questo parametro, vedere impostazioni.
Generazione delle immagini
La generazione delle immagini avviene con l’emissione dei raggi X, quando l’utente preme uno dei comandi
di scopia o scopia+ (vedi Tipi di scopia).
Figura 60
Emissione raggi in corso Figura 61
Preparazione acquisizione Figura 62
Raggi bloccati
Figura 63
Scopia a durata limitata Figura 64
Pausa di raffreddamento Figura 65
Effettuare un reset
Durante la generazione dei raggi X sul Monitor A appare l’icona di “emissione raggi in corso” (vedi Figura
60), che indica l’emissione dei raggi e altre icone di segnalazione dello stato dell’arco o del tipo di attività
correntemente svolta con l’arco.
Durante i primi istanti appare un simbolo di clessidra al centro del monitor A per indicare che è in corso
la fase di preparazione: tale simbolo scompare non appena la fase di preparazione finisce e lascia il posto
all’immagine radiologica (vedi Figura 61). Se l’utente rilascia il comando di scopia o scopia + prima della fine
della fase preparatoria dell’immagine, l’immagine radiologica non compare.
Se sul monitor A è presente la Figura 62, il sistema non emette raggi.
Quando l’utente esegue una scopia + ad alta corrente, compare l’icona di Figura 63 che è “riempita” per

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   107
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

mostrare il trascorrere del tempo residuo di scopia +.


L’icona di Figura 64 compare alla fine di una scopia + ad alta corrente per indicare l’impossibilità di fare
raggi fino a che non si è completata la pausa di raffreddamento.
L’icona di Figura 65 indica che si è richiesto un reset del tempo raggi della console dell’arco perché si è rag-
giunta la durata massima d’uso dell’arco.
Indicatori & Allarmi
Indicatori

Figura 66: Indicatore Spazio Disco e Temperatura


Indicatore a barra Spazio su Disco: La barra indica la percentuale di disco rigido disponibile/occupato dalle
immagini.
Quando lo spazio raggiunge il limite inferiore (0%) automaticamente le immagini acquisite non saranno più
salvate sebbene la visualizzazione sulla vista “Monitor A” proseguirà normalmente cioè non sarà possibile
rivederle in seguito. L’operatore che utilizza l’apparecchio deve sempre mantenere una “ragionevole” per-
centuale di disco libero, adeguato al suo stile di lavoro e utilizzo del dispositivo. Per liberare spazio su disco
si consiglia di procedere come segue:
• Per conservare copia dei dati seguire la procedura indicata in Esportazione e poi procedere alla
successiva cancellazione dall’Archivio e dal Cestino.
• Per non conservare copia dei dati procedere alla cancellazione dall’Archivio e dal Cestino
Indicatore a barra Temperatura (solo versione MOONRAY 1k): La barra indica la temperatura del monobloc-
co.
Durante l’emissione raggi il monoblocco aumenta la sua temperatura verso uno stato di saturazione
termica raggiunto il quale, l’emissione dei raggi X è disabilitata e si attiva l’allarme “Temperatura massima
raggiunta” (vedi Elenco degli allarmi della consolle e Tabella 33).
La crescita della temperatura del monoblocco dipende dalla potenza erogata. In generale aumentando i
kV/mA aumenta la potenza erogata. Utilizzando modalità d’esposizione ad impulsi e bassi valori di dose si
riduce la potenza erogata al monoblocco. L’operatore deve sempre verificare lo stato di temperatura del
monoblocco ed accertarsi che sia compatibile con l’attività radiologica da effettuare sul paziente.
Allarmi
La vista del “Monitor A”, interagendo direttamente con la parte raggi, ha delle icone che si accendono per
segnalare all’utente una qualche condizione d’allarme. Di seguito sono elencati le icone presenti:
A1
Calibrazione del dosimetro fallita
A2
Temperatura massima raggiunta (solo nella versione MOONRAY 1K)
A3
Malfunzionamento del dosimetro
A4
Time-out della comunicazione
A5
Arco scollegato o spento
A6 Raggiunta la durata massima d’uso continuo dell’arco.
A7 Mancanza alimentazione dalla rete, il computer è alimentato dall’UPS.

108   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

A8 Le batterie dell’UPS quasi scariche.


A9 Le batterie dell’UPS non si ricaricano o sono guaste.
A10 Il software di controllo dell’UPS disattivo.
Tabella 33: Allarmi “Monitor A”
Il messaggio della Figura 67 informa l’utente che l’esame in corso è diventato troppo lungo. Questo mes-
saggio non comporta alcuna variazione del comportamento della macchina, ma sconsiglia l’utente dal
proseguire l’esame corrente, visto il numero di immagini che sono state già inserite nell’esame.
Per far scomparire il messaggio, fare click col tasto sinistro sul tasto “OK” o premere il tasto “Enter” della
tastiera.

Figura 67 Avvertimento “Esame troppo lungo”


Il messaggio della Figura 68 informa l’utente che non è più possibile inserire altre immagini create tramite
l’emissione dei raggi X perché il sistema ha raggiungo il numero massimo di immagini al di sopra del quale
le prestazioni del sistema non sono più adeguate. Cap.
6
Figura 68 Revoca del consenso all’emissione dei raggi x
Indicazioni di malfunzionamento
La vista del “Monitor A”, può mostrare un messaggio come quello di Figura 69 per segnalare all’utente che
il sistema sta funzionando in condizioni anomale. In questa condizione, il sistema continua ad acquisire le
sequenze di immagini ma può avere altre funzionalità disattivate (come p.e. il DICOM query/retrive ove
presente) o non funzionanti appieno. Provare a riavviare il sistema:
• chiudere la finestra del messaggio
• riavviare il sistema.
Se il messaggio persiste e si ha la necessità di usare il sistema, chiudere la finestra del messaggio e iniziare
l’attività.

Figura 69: Segnalazione guasto


L’indicazione del malfunzionamento rimane visibile a video (del monitor A) che mostra una scritta
come quella di Figura 70.
Questa informazione viene non trasferita sull’immagine visualizzata o memorizzata.

Figura 70: Indicazione guasto del disco


UPS (opzionale)
I sistemi dotati di UPS (Gruppo di Continuità) dispongono di un sistema di alimentazione elettrica autono-
mo a batteria in grado di garantire continuità di alimentazione al computer e così salvaguardare i dati ed il
sistema operativo da spegnimenti accidentali o cadute di tensione.
Il sistema autonomo non permette di continuare l’erogazione di raggi X, ma in caso di caduta di tensione,
il computer interno attiva una procedura di auto spegnimento che consente uno spegnimento corretto del
sistema così da evitare possibili danni ai dati e alle immagini contenute nel sistema.
Al ritorno della tensione di alimentazione è richiesto che l’utente riaccenda il sistema agendo sulla chiave di
accensione (operazione possibile solo se il sistema non ha ancora iniziato l’autospegnimento).
Quando le batterie sono pienamente efficienti, la procedura di spegnimento automatico prevede lo
spegnimento del computer in un tempo di circa 3 minuti (configurabile diversamente).

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   109
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Quando le batterie NON sono pienamente efficienti, la procedura di spegnimento automatico prevede lo
spegnimento del computer in un tempo relativamente breve, circa 10 secondi (configurabile diversamente).
Spie presenti sull’UPS:
• spia verde: presenza rete
• spia gialla: batterie scariche
• spia arancione: batterie cariche
Se le batterie non sono perfettamente cariche e non si ricaricano in un periodo ragionevole il
computer segnala all’utente la necessità di assistenza tecnica, lasciando comunque la possibilità di erogare
raggi e lavorare normalmente.
Non garantendo un’autonomia adeguata, in caso di caduta di tensione il software interno al computer può
subire danni e in tal caso dovrà essere ripristinato.
Legenda delle icone:
Mancanza rete: il computer sta lavorando utilizzando le batterie proprie
Le batterie dell’UPS non sono perfettamente cariche. É possibile che si siano scaricate a causa di un
precedente black out o a causa di un lungo periodo di inutilizzo. É ragionevole pensare che in alcune ore di
lavoro (circa 10) la spia si spenga
Il sistema che controlla UPS é disattivato. In caso di mancanza rete o guasto alle batterie non è intra-
presa nessuna azione da parte del computer, in particolare lo spegnimento automatico non avviene.
Richiesta di manutenzione al sistema UPS, probabilmente le batterie sono esaurite e non si ricarica-
no.
Tabella 34: stati dell’UPS

Figura 71: ubicazione allarmi dell’UPS


Se l’UPS è installato abilitato, interagisce con l’utente tramite la serie di icone di Tabella 34. Vedere Figura
71 per l’ubicazione a video.
In caso di mancanza dell’alimentazione dalla rete, appare un messaggio che notifica all’utente l’inizio della
procedura spegnimento automatico del sistema (vedere Figura 72: segnalazione mancanza alimentazione).

Figura 72: segnalazione mancanza alimentazione


Per disattivare la procedura di spegnimento automatico del sistema, occorre cliccare col tasto sinistro del
puntatore su di un punto qualunque della scritta. Appare quindi una finestra che richiede di confermare
l’arresto della procedura automatica di spegnimento (vedere Figura 73).

Figura 73: conferma disabilitazione UPS


Se non ritorna l’alimentazione di rete o se ritorna l’alimentazione di rete ma non si riattiva il dispositivo
agendo sulla chiave di alimentazione, il computer esaurirà le batterie e si spegnerà in modo anomalo poten-
zialmente, danneggiando i dati ed il software installato.
Parametri dell’UPS all’interno delle impostazioni del software:
Parametro Descrizione
Enabled Attiva la funzione di controllo delle stato UPS
COM port Seleziona la porta seriale che controlla lo stato UPS
Delay before start service (sec) Indica dopo quanti secondi deve avviarsi il controllo di stato UPS
Check battery signal Controlla/Ignora il segnale di batteria scarica (DTR pin 4 com port)
Check power failure signal Controlla/Ignora il segnale di batteria scarica (DTR pin 7 com port)

110   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

Ask assistance if Batt Low Abilita la richiesta di assistenza in caso di problemi alle batterie (vedi
Tabella 34)
Non appare mai l’icona richiesta assistenza
Delay before shutdown (sec) Indica quanti secondi dura il conto alla rovescia.
Short delay before shutdown (sec) In caso di conto alla rovescia se le batterie sono scariche il conto
alla rovescia è più breve e parte da questo valore
Tabella 35: Parametri configurazione del gestore dell’UPS
Fluoroscopia
Nella modalità “Fluoroscopia” il sistema mostra a video le sequenze acquisite e registra in memoria solo
l’ultimo fotogramma.
Per la registrazione d’immagini fluoroscopiche, seguire i seguenti passi:
• Posizionarsi nella modalità Fluoroscopia cliccando ripetutamente il tasto nel riquadro “Modalità”
del “Monitor A”, fino a quando non appare l’icona corrispondente alla modalità “Fluoroscopia” (vedi Tabella
24). Cap.
• Regolare il livello di filtraggio, se necessario, agendo sul tasto del riquadro “Filtro” del “Monitor A”
(vedi “Filtro ricorsivo“).
6
• Specificare, se necessario, il tipo di salvataggio dell’immagine (vedi “Tipi di salvataggio“).
• Posizionarsi sulla parte anatomica d’interesse fino a raggiungere il punto desiderato.
• Attivare il comando scopia fino a quando non compare l’immagine sul “Monitor A”.
• Eventualmente regolare la luminosità e/o contrasto dell’immagine (vedi “Regolazione luminosità e
contrasto”).
DSA (solo MOONRAY VE)
Nella modalità “DSA” il comando di scopia produce sequenze di immagini fluoroscopiche e, in base all’im-
postazione, può memorizzare solo l’ultimo fotogramma di ogni sequenza.
La registrazione di una sequenza in sottrazione avviene attivando il comando di “Scopia +” e tenendolo
premuto.
Per la registrazione di sequenze in “DSA” seguire i seguenti passi:
• Posizionarsi nella modalità “DSA” cliccando ripetutamente il tasto nel riquadro “Modalità” del Moni-
tor A, fino a quando non appare l’icona corrispondente alla modalità “DSA” (vedi Tabella 24).
• Regolare il livello di filtraggio, se necessario, agendo sul tasto del riquadro “Filtro” del “Monitor A”
(vedi “Filtro ricorsivo “);
• Specificare, se necessario, il tipo di salvataggio dell’immagine (vedi “Tipi di salvataggio”) per en-
trambi i comandi di scopia;
• Centrare la parte anatomica d’interesse utilizzando il comando scopia per verificare il corretto posi-
zionamento.
• Eventualmente regolare la luminosità/contrasto dell’immagine (vedi “Regolazione luminosità e con-
trasto”).
• Iniziare la sottrazione digitale usando il comando Scopia +. Si ha la successione d’eventi seguente:
• acquisizione automatica del fotogramma da sottrarre agli altri fotogrammi (fotogramma di masche-
ra)
• fase di sottrazione digitale, segnalata dalla comparsa dell’icona “Iniezione del liquido di contrasto
possibile” (vedi Figura 74). Iniezione del mezzo di contrasto
• Per ottenere un adeguato risultato, deve essere mantenuto attivo il comando di scopia + per tutto il
tempo.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   111
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Figura 74
Figura 75
Iniezione liquido di contrasto con iniettore (Figura 74) e senza (Figura 75)

• Terminare la sottrazione disattivando il comando di scopia +.


L’acquisizione finisce quando si rilascia il comando di scopia + e per pochi istanti è segnalata sul Monitor A
dall’icona di “raggi bloccati” (vedi Figura 62) che indica un’elaborazione in corso del sistema.
Tra un comando di scopia + e il successivo è possibile disattivare/riattivare la sottrazione digitale (vedi Sot-
trazione digitale).
Roadmap (solo MOONRAY VE)
É una modalità di funzionamento in sottrazione digitale. La differenza sostanziale rispetto la modalità DSA
è che l’iniezione del mezzo di contrasto è necessaria durante la fase di creazione della maschera. In questa
modalità sono attivabili entrambi i comandi di scopia e scopia +.
Il comando scopia produce sequenze d’immagini fluoroscopiche e, in base all’impostazione, può memoriz-
zare solo l’ultimo fotogramma di ogni sequenza; inoltre, permette di effettuare un “reset” per l’eventuale
riacquisizione della maschera di sottrazione.
Il comando scopia + attiva la funzione di roadmap. Per la registrazione di immagini in “RoadMap” seguire i
seguenti passi:
• Posizionarsi nella modalità “RoadMap”, cliccando ripetutamente il tasto nel riquadro “Modalità” del
Monitor A, fino a quando non appare l’icona corrispondente alla modalità “RoadMap” (vedi Tabella 24);
• Regolare, se necessario, il livello di filtraggio agendo sul tasto del riquadro “Filtro” del “Monitor A”
(vedi “Filtro ricorsivo“);
• Specificare, se necessario, il tipo di salvataggio dell’immagine (vedi “Tipo di Salvataggio”) per en-
trambi i comandi di scopia;
• Centrare la parte anatomica di interesse utilizzando il comando “scopia” per verificare il corretto
posizionamento.
• Eventualmente regolare la luminosità/contrasto dell’immagine (vedi “Regolazione luminosità e con-
trasto”).
• Iniziare la fase di formazione del fotogramma di maschera attivando il comando “scopia +”. Si ha la
successione d’eventi seguente:
• Acquisizione automatica del fotogramma da sottrarre agli altri fotogrammi (fotogramma di masche-
ra)
• Comparsa dell’icona “Iniezione del liquido di contrasto possibile” (vedi Figura 74).
• Iniezione del mezzo di contrasto
• Terminare la fase di formazione del fotogramma di maschera disattivando il comando di “scopia +”.
• Iniziare la fase di sottrazione attivando il comando di “Scopia+”. É utilizzata per la sottrazione digitale
la maschera creata.
• Terminare la fase di sottrazione disattivando il comando di “Scopia +”.
• Tutte le attivazioni del comando di “Scopia +” successive alla fase d’acquisizione della maschera di
sottrazione usano la maschera di sottrazione e la sottraggono ai fotogrammi acquisiti.
Ad ogni disattivazione del comando di “Scopia +” è possibile disattivare la sottrazione digitale tramite l’ap-
posito interruttore (vedi Sottrazione digitale).
L’utilizzo del comando “scopia” riporta il sistema alla fase di creazione di una nuova maschera.

112   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

Cine (solo MOONRAY VE)


Questa modalità è utilizzata per registrare delle sequenze fluoroscopiche. In questa modalità il comando
di “scopia” è preposto alla registrazione del singolo fotogramma e il comando di “Scopia +” è usato per la
registrazione delle sequenze complete.
Per la registrazione di immagini in “Cine” seguire i seguenti passi:
• Posizionarsi nella modalità “Cine” cliccando il tasto nel riquadro “Modalità” del Monitor A, fino a
quando non appare l’icona corrispondente alla modalità “Cine” (vedi Tabella 24);
• Regolare, se necessario, il livello di filtraggio agendo sul tasto del riquadro “Filtro” del “Monitor A”
(vedi “Filtro ricorsivo“);
• Specificare il tipo di salvataggio dell’immagine (vedi “Tipi di Salvataggio”) per entrambi i comandi di
scopia;
• Centrare la parte anatomica d’interesse utilizzando il comando di “Scopia” per verificare il corretto
posizionamento.
• Iniziare l’acquisizione attivando il comando di “Scopia +”. Cap.
• Terminare l’acquisizione disattivando il comando di “Scopia +”.
Compositore di stampa
6
Ogni volta che l’utente invia al sistema un richiesta di stampa dell’immagine correntemente mostrata a
video, è attivato il server di composizione di stampa.
Questo componente è stato pensato par facilitare la raccolta e la disposizione delle immagini di cui l’utente
ha bisogno, consentendogli di stampare le immagini in parallelo all’esecuzione dell’esame. È possibile com-
porre le pagine da stampare selezionando le immagini da quasi tutte le viste.
Descrizione
Il server di stampa si presenta con una finestra al di sopra della vista corrente (vedi Figura 76).
Se l’utente clicca col puntatore al di fuori della finestra del compositore di stampa, questa automaticamen-
te è nascosta (non chiusa). È possibile riattivarla o tramite il tasto di scorciatoia presente nella parte alta
destra del “Monitor B” o inviando un’altra immagine alla stampa.

Figura 76: Finestra “Server di Stampa”


Per spostare la finestra del compositore di stampa occorre:
• Posizionare il puntatore sul titolo della finestra (riquadro superiore della finestra il cui colore di sfon-
do è più scuro a sinistra e sfuma verso destra),
• Premere il tasto sinistro del puntatore e tenerlo premuto, trascinare la finestra nella posizione volu-
ta,
• Rilasciare il tasto sinistro.
La finestra ricorda l’ultima posizione in cui si trova e alla successiva apertura si presenta nell’ultima posizio-
ne occupata prima della chiusura.

Figura 77: Finestra “Compositore di Stampa”


La finestra del compositore di stampa (vedi Figura 77) presenta:
• Nella colonna di sinistra i controlli che permettono di impostare le caratteristiche della pagina da
stampare,
• Nella parte centrale l’anteprima della pagina da stampare,
• Nella parte bassa i comandi che possono essere attivati sul compositore, i tasti che permettono di
sfogliare le pagine pronte per essere stampate e la casella che indica la pagina correntemente mostrata.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   113
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Finché l’utente non chiude il compositore tramite l’apposito tasto (vedi oltre) può inviare le immagini scelte
alla stampante.
Impostazioni
L’utente può impostare i parametri che indicano al compositore di stampa come stampare le immagini
attraverso i riquadri della Tabella 36.

Seleziona la stampante correntemente usata

Seleziona l’orientamento della carta

Imposta il numero di celle della griglia delle immagini

Regolazione dell’interlinea del testo


Tabella 36: Comandi “Impostazione parametri di Stampa”
Il riquadro “Stampante” permette di specificare su quale stampante inviare le pagine create.
Il riquadro “Orientamento” specifica se creare le pagine orientate orizzontalmente o verticalmente (vedi
Figura 78).

Verticale Orizzontale
Figura 78: “Orientamento Stampa”
Il riquadro “Colonne x Righe” permette d’impostare la griglia usata per l’impaginazione delle immagini. Se
il numero di righe e di colonne è 1, verrà creata un’immagine per pagina, se si imposta R righe e C colonne
verranno mostrate RxC immagini per pagina (vedi Figura 79).

Figura 79: Disposizione di stampa


Comandi del compositore
I comandi del compositore sono mostrati nella Tabella 37.

Stampa
Preferenze utente

Sfoglia indietro
Sfoglia avanti

Esci
Tabella 37: Comandi del Compositore di Stampa
“Stampa” invia le pagine alla stampante.
“Preferenze utente” attiva la finestra di Figura 80, che è usata per impostare il valore di alcuni parametri
che influenzano la generazione della pagina:
• “Intestazione”: se abilitato mostra su ogni pagina l’intestazione, ovvero il nome dell’ospedale

114   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

specificato nella personalizzazione (vedi Personalizzazioni) e abilita la casella che permette di impostare la
dimensione del suo carattere.
• “Mostra dati immagine”: se attivato, inserisce nella stampa il valore dei parametri usati per acquisire
la sequenza e abilita la casella che permette di impostare la dimensione del carattere.
• “Mostra nota dell’immagine”: se attivato sovrappone all’immagine l’eventuale nota allegata all’im-
magine (vedi Inversione bianco/nero.)
• “Riempi vuoti”: a volte, per poter valutare meglio le immagini, si preferisce avere la pagina comple-
tamente nera anche se il tipo d’impaginazione lascerebbe dei vuoti. Attivando questo campo le celle della
griglia che non contengono delle immagini sono completamente riempite di nero (vedi Figura 81).
• “Nota a piè di pagina”: permette di impostare un commento che è aggiunto nella parte bassa di ogni
pagina. Attivando questa casella è abilitata la casella di testo sottostante con la quale è possibile specificare
la nota a piè di pagina.

Figura 80: Finestra “Preferenza Utente”


Cap.
6
Senza riempimento vuoti Con riempimento vuoti
Figura 81: Riempimento della stampa
Reimpaginazione
“Creare la composizione delle immagini”. Dopo aver aperto il compositore di stampa tramite l’attivazione
del comando “Stampa” è possibile, prima di confermare la stampa, inviargli ulteriori immagini: per fare ciò
si ripete il comando “Stampa” da una qualsiasi delle viste “Monitor A”, “Monitor B”, “Archivio – Esami”,
“Archivio – Cestino”.
“Impostare la griglia d’impaginazione”. Per aumentare il numero d’immagini presenti in ogni pagina, agire
sul riquadro “Colonne x Righe” e modificare il numero di righe e/o di colonne della griglia all’interno della
quale sono allineate le immagini.
“Spostare un’immagine”. Per spostare un’immagine da una posizione all’altra della griglia, posizionare il
puntatore sull’immagine da spostare, premere e tenere premuto il tasto sinistro (la forma del puntatore
cambia) e trascinare l’immagine nella posizione voluta, lasciare il tasto. Le immagini si scambiano di posizio-
ne (vedi Figura 82).

Riposizionamento di un’immagine Eliminazione di un’immagine


Figura 82
“Eliminare un’immagine”. Per eliminare un’immagine da una composizione di stampa. posizionare il pun-
tatore sull’immagine da eliminare: cliccando col tasto destro sull’immagine appare il menù contestuale,
selezionare la voce “Elimina”, confermare la rimozione dell’immagine (vedi Figura 82).
Compositore di stampa DICOM
Questa interfaccia é opzionale e può non essere presente sul sistema che state utilizzando.
Ogni volta che l’utente invia al sistema un richiesta di stampa dell’immagine correntemente mostrata a vi-
deo, è attivato il server di composizione di stampa. Qualora fosse disponibile l’opzione di stampa su server
DICOM il compositore disponibile apparirà dotato delle funzioni di selezione e stampa su printer server
DICOM remoti e su stampante locale. L’attivazione del compositore di stampa DICOM disabilita automatica-
mente il compositore di Stampa standard
Questo componente è stato pensato par facilitare la raccolta e la disposizione delle immagini di cui l’utente
ha bisogno, consentendogli di stampare le immagini in parallelo all’esecuzione dell’esame.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   115
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

È possibile comporre le pagine da stampare selezionando le immagini da quasi tutte le viste.


Descrizione
Il server di stampa DICOM si presenta con una finestra al di sopra della vista corrente vedi Figura 83.

Figura 83: Finestra “Compositore di stampa DICOM”


Se l’utente clicca col puntatore al di fuori della finestra del compositore di stampa, questa automatica-
mente è nascosta (non chiusa). È possibile riattivarla tramite il tasto di scorciatoia presente nella parte alta
destra del “Monitor B” .
Per spostare la finestra del compositore di stampa occorre:
• Posizionare il puntatore sul titolo della finestra (riquadro superiore della finestra il cui colore di sfon-
do è più scuro a sinistra e sfuma verso destra);
• Premere il tasto sinistro del puntatore e tenerlo premuto, trascinare la finestra nella posizione volu-
ta;
• Rilasciare il tasto sinistro. La finestra ricorda l’ultima posizione in cui si trova e alla successiva riaper-
tura si presenta nell’ultima posizione occupata prima della chiusura.
La finestra del compositore di stampa (Figura 83) presenta:
• nella colonna di sinistra i controlli che permettono di impostare le caratteristiche della pagina da
stampare,
• nella parte centrale l’anteprima della pagina da stampare,
• nella parte bassa i comandi che possono essere attivati sul compositore, i tasti che permettono di
sfogliare le pagine pronte per essere stampate e la casella che indica la pagina correntemente mostrata.
Finché l’utente non chiude il compositore tramite l’apposito tasto (vedi oltre) può inviare le immagini scelte
alla stampante.
Impostazioni
L’utente può impostare i parametri che indicano al compositore di stampa come stampare le immagini
attraverso i riquadri della Tabella 38.
Seleziona la stampante o il server di stampa su cui si desidera stampare.
Seleziona l’orientamento della carta e il tipo d’algoritmo di manipolazione dell’immagine
Seleziona il formato carta e il tipo di carta
Imposta il numero di celle della griglia delle immagini.
Numero di copie richiesto
Profilo
Tabella 38: Impostazione “Parametri di Stampa”
Il riquadro “Printer name” permette di specificare su quale stampante inviare le pagine create.
Il riquadro “Magnification” stabilisce il tipo di algoritmo di interpolazione usato durante la stampa.
Il riquadro “Film size” seleziona il formato di carta su cui stampare.
Il riquadro “Medium type” stabilisce il tipo di carta usato durante la stampa.
Il riquadro “Orientation” specifica se creare le pagine orientate orizzontalmente o verticalmente (vedi
Tabella 39).
Verticale/portrait
Orizzontale/landscape
Tabella 39
Il riquadro “Row/Col” permette d’impostare la griglia usata per l’impaginazione delle immagini. Se il nume-

116   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

ro di righe e di colonne è 1, verrà creata un’immagine per pagina, se si imposta righe e colonne verranno
mostrate RxC immagini per pagina (vedi Figura 84).

Figura 84: Modalità di stampa


Comandi del compositore
I comandi del compositore sono mostrati nella Tabella 40
Stampa
Test di connessione in rete
Test di connessione con il server selezionato
Sfoglia indietro
Sfoglia avanti
Esci
Cap.
Tabella 40: Comandi del “Compositore di stampa DICOM”
“Stampa” invia le pagine alla stampante. 6
“NetWork test” esegue un “ping” al server che ospita il nodo DICOM selezionato
“Dicom test” esegue un comando C - echo al nodo DICOM selezionato
“Next page” muove il compositore verso la pagina successiva
“Prev page” muove il compositore verso la pagina precedente
Reimpaginazione
“Creare la composizione delle immagini”. Dopo aver aperto il compositore di stampa tramite l’attivazione
del comando “Stampa” è possibile, prima di confermare la stampa, inviargli ulteriori immagini. Per fare ciò
ripetere il comando “Stampa” da una qualsiasi delle viste “Monitor A”, “Monitor B”, “Archivio – Esami”,
“Archivio – Cestino”.
“Impostare la griglia d’impaginazione”. Per aumentare il numero d’immagini presenti in ogni pagina, agire
sul riquadro “Colonne x Righe” e modificare il numero di righe e / o di colonne della griglia all’interno della
quale sono allineate le immagini.
“Spostare un’immagine”. Per spostare un’immagine da una posizione all’altra della griglia:
• posizionare il puntatore sull’immagine da spostare,
• premere e tenere premuto il tasto sinistro (la forma del puntatore cambia) e trascinare l’immagine
nella posizione voluta,
• lasciare il tasto del puntatore. Le immagini nelle due posizioni si scambiano di posizione (vedi Figura
85).

Riposizionamento di un’immagine Eliminazione di un’immagine


Figura 85
“Eliminare un’immagine”. Per eliminare un’immagine da una composizione di stampa:
• posizionare il puntatore sull’immagine da eliminare
• cliccando col tasto destro sull’immagine appare il menù contestuale,
• selezionare la voce “Elimina”,
• confermare la rimozione dell’immagine (vedi Figura 85).
Logging

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   117
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Le operazioni effettuate sono commentate nel riquadro “Dicom Log message”. La finestra riporta i messag-
gi d’errore e commento delle operazioni effettuate.

Figura 86: Finestra Dicom Log Message


Configurazione dei server remoti
Per inserire ed amministrare i server remoti richiedere assistenza e consultare la documentazione di confi-
gurazione.
Lista di lavoro DICOM (DICOM WorkList)
Questa interfaccia è opzionale e può non essere presente sul sistema che state utilizzando. Con l’opzione
DICOM worklist è possibile scaricare i dati anagrafici di un paziente e una notevole quantità di informazioni
relativi ad un esame da eseguire, semplicemente consultando i server DICOM di worklist collegati in rete
LAN. Questo componente è stato pensato par facilitare l’inserimento dei dati paziente e tutti gli altri dati
che normalmente sono di competenza dell’apparato di gestione del flusso dei pazienti.
Descrizione
L’applicazione DICOM worklist è attivata tramite un tasto (vedi Figura 87) posizionato nella vista ARCHIVIO
sotto la voce degli esami “Pianificati” (vedi Figura 88)

Figura 87: Icona DICOM Worklist

Figura 88

Figura 89: Finestra “Worklist”


L’applicazione DICOM worklist si presenta con una finestra al di sopra della vista corrente vedi Figura 88.
Se l’utente clicca col puntatore al di fuori della finestra dell’interfaccia di richiesta dati, questa automatica-
mente è nascosta (non chiusa). È possibile riattivarla tramite il tasto di scorciatoia presente nella parte alta
destra del “Monitor B” (vedi Figura 90, prima icona a sinistra)

Figura 90: Tasti scorciatoia


Per spostare la finestra occorre:
• posizionare:il puntatore sul titolo della finestra (riquadro superiore il cui colore di sfondo è più scuro
a sinistra e sfuma a destra)
• premere il tasto sinistro del puntatore e tenerlo premuto, trascinare la finestra nella posizione volu-
ta,
• rilasciare il tasto del puntatore. La finestra ricorda l’ultima posizione in cui si trova alla successiva
riapertura si presenta nell’ultima posizione occupata prima della chiusura.
Procedendo dall’alto verso il basso, la finestra presenta i comandi per:
• Selezione del server Worklist DICOM da interrogare
• Selezione dei criteri di ricerca sul server DICOM worklist
• Test della connessione al server remoto
• Importazione dei dati selezionati
Finché l’utente non chiude la finestra tramite l’apposito tasto non sono importati dati nell’archivio locale
Selezione del server

118   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

L’utente può selezionare il server WorkList a cui intende connettersi tramite il selezionatore a tendina pro-
posto nella prima parte della finestra (vedi Figura 91). Alla sinistra del nome del server selezionato appaio-
no i dati identificativi di rete del server.
L’elenco dei server proposti è popolato al momento dell’installazione o manutenzione del software MOON-
RAY, in accordo con il gestore della rete locale di computer.

Figura 91
Una volta selezionato il server, si può testare la connessione con i tasti di test della rete locale (LAN) e i tasti
di test di connessione DICOM (Vedi Figura 92)
Test di connessione in rete
Test di connessione con il server selezionato
Accede alla Finestra di “Log”
Figura 92: Tasti Test DICOM
Cap.
I rapporti di connessione sono visualizzati nella finestra “Log”. Per accedere a questa finestra cliccare l’ap-
posito tasto. (Vedi Figura 92). La finestra di “Log” riporta tutti i dati od errori relativi alla connessione (vedi
Figura 93)
6
Figura 93: Finestra di Log
Selezione dei criteri di ricerca
L’utente procede ad impostare i criteri di ricerca agendo sui selettori messi a disposizione dell’interfaccia
DICOM worklist (vedi Tabella 41).

Selezione del periodo di ricerca all’interno della lista


Selezione del nome paziente
Selezione dell’ID paziente
Selezione del sesso del paziente
Selezione della data di nascita del paziente
Selezione del nome della stazione di lavoro locale
Selezione della modalità
Selezione del medico che deve eseguire
Selezione dell’identificatore di procedura richiesta
Selezione della descrizione di procedura richiesta
Selezione “Accession number”
Tabella 41: Modalità di ricerca DICOM
Comandi dell’interfaccia Worklist
I comandi sono mostrati nella Tabella 42
Esegue una richiesta di dati che soddisfa i criteri di selezione impostati
Chiude la finestra corrente
Visualizza la finestra elenco dei risultati
Tabella 42: Comandi interfaccia Worklist
“Worklist Query” Esegue una richiesta di dati che soddisfa i criteri di selezione impostati

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   119
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

“Done” Chiude la finestra corrente


“View Result” Visualizza la finestra elenco dei risultati
Importazione dati paziente
“Attivare interfaccia worklist”. Dopo aver aperto la vista ARCHIVIO – Pianificati premere sul tasto di attiva-
zione dell’interfaccia DICOM worklist tramite il tasto dedicato (vedi Figura 87)
“Visualizzare i dati remoti” Selezionare il server che contiene i dati richiesti, impostare il criterio di sele-
zione dei dati specificando alcuni dei criteri di ricerca, al fine di ridurre la lista dei risultati. Premere sul
comando “Query worklist” per visualizzare l’elenco dei dati che soddisfa i criteri selezionati. I dati sono
elencati nella finestra che appare sopra al tasto “Query worklist” (vedi Tabella 42). Se la finestra non è atti-
va premere il tasto “View result” (vedi Tabella 42)
“Importazione dati remoti su archivio locale” Selezionare le righe che contengono i dati d’interesse
dall’elenco mostrato dopo la richiesta di dati e premere il tasto “Done” Tabella 42. Dopo alcuni secondi la fi-
nestra sparirà e potrete ritrovare i vostri dati elencati nella vista ARCHIVIO - Pianificati. Se i dati non fossero
immediatamente visibili premere il tasto d’aggiornamento della vista.

Figura 94
Logging
Le operazioni effettuate sono commentate nel riquadro “Dicom Log message”, controllare il riquadro per la
verifica dell’operazione e degli errori incontrati durante la fase di importazione dati.
Per accedere alla finestra di “Log” utilizzare i tasti dedicati a questa funzione (vedi Tabella 42)

Figura 95
Configurazione dei server remoti
Per inserire ed amministrare i server DICOM remoti richiedere assistenza e consultare la relativa documen-
tazione di configurazione.
Query retrieve
Il visualizzatore di Immagini DICOM utilizzato da questa modalità è una versione di software libera-
mente utilizzabile (free), quindi non potendo garantire la tracciabilità del programma non è utilizzabile per
uso diagnostico, ma solo a scopo di consultazione e ricerca di studi già esistenti.
Descrizione
Questa interfaccia é opzionale e può non essere presente sul sistema che state utilizzando.
L’utilità Query Retrieve permette di consultare archivi di immagini DICOM. L’ interfaccia Query Retrive
consente d’ interrogare server remoti ed ottenere l’ elenco di studi od esami già fatti. L’elenco esami può
essere filtrato in base a diversi parametri:
• Nome paziente
• Cognome paziente
• Modalità
• Data d’esecuzione
• Identificatore paziente
• Ecc.
È possibile selezionare immagini che risiedono sul server remoto e farne una copia (retrieve) sul computer
locale Moonray. Le immagini importate sono sfogliabili tramite un visualizzatore DICOM. Il visualizzatore
di Immagini DICOM utilizzato da questa modalità è una versione di software liberamente utilizzabile (free),
quindi non potendo garantire la tracciabilità del programma non è utilizzabile per uso diagnostico.

120   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

È possibile attivare l’opzione Query retrieve cliccando sull’apposita Icona che si presenta nell’angolo in alto
a destra dell’interfaccia Digital memory Moonray.

Figura 96 Icona Query retrieve


L’interfaccia utente che consente di interrogare i server remoti si presenta come Figura 96.

Figura 97 Interfaccia QR
Alla chiusura dell’interfaccia di Query retrieve è avviato il visualizzatore Dicom che consente di sfogliare gli
esami importati Figura 97.

Figura 98 Dicom viewer

Query Retrieve da server remoti Cap.


È possibile eseguire il Query Retrieve da server remoti. Per farlo procedere come segue: 6
• Selezionare il server Dicom da interrogare tramite l’apposito menu a tendina in alto a destra dell’in-
terfaccia DICOM vedi Figura 98. Se non appaiono server nell’elenco contattare l’amministratore di rete ed
inserire i dati, seguendo la procedura di configurazione DICOM per Moonray (vedi indice di questo manua-
le). Una volta selezionato il Server desiderato inserire alcuni criteri di ricerca allo scopo di ridurre l’elenco
degli esami risultanti dalla ricerca.

Figura 99 Selezione server remoto


• Premere il Tasto di ricerca su server remoto Tasto “FIND” (Figura 99).

Figura 100 Ricerca su server remoto


• Selezionare le immagini che interessano dall’elenco (vedi Figura 100).

Figura 101 Lista risultati


• Attivare importazione di immagini sul server Locale tramite il tasto di Retrieve (vedi Figura 102 Im-
portazione in locale). Il tasto attiverà il modulo che movimenta una copia di immagini dal server remoto al
computer locale (Figura 103 Move)

Figura 102 Importazione in locale

Figura 103 Move


• Premere il tasto “move”. Inizierà la copia delle immagini Se il processo va a buon fine oppure ci sono
errori questi ultimi saranno segnalati nella finestra “Dicom log message” (vedi: Figura 102)
• Alla fine della copia premere il tasto di chiusura Close. Se non si desidera importare altre immagini
premere il tasto Close dell’interfaccia Query retrieve (vedi Figura 96). La chiusura dell’interfaccia Query
retrieve attiverà il modulo di visualizzazione delle immagini (Vedi Figura 97) è possibile scorrere gli studi
Dicom importati tramite gli appositi tasti di scorrimento posti ai due angoli in alto del visualizzatore (vedi
Figura 103)

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   121
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Figura 104 Sfoglia


Comandi dell’interfaccia Query retrieve
Mostra la finestra contenente le informazioni o gli errori avvenuti durante il collegamento
Mostra la finestra contenente i risultati della ricerca su server remoto
Importa in locale le immagini selezionate
Cancella le immagini selezionate, funziona solo quando si lavora su immagini memorizzate localmen-
te.
Selezione del server da amministrare
Attiva l’interfaccia di Query retrieve sul server Locale installato su MOONRAY
Attiva l’interfaccia di Query retrieve sul server remoto selezionabile tramite la tendina a lato del
tasto stesso.
Configurazione dei server remoti
Per inserire ed amministrare i server DICOM remoti richiedere assistenza e consultare la documentazione
di configurazione.
Esportazione
Per scopi diagnostici esportare immagini e filmati senza compressione e/o ridimensionamenti.
Ogni immagine o filmato che contiene compressione e/o ridimensionamenti viene marcata.
Se l’utente desidera esportare su supporto permanente o su supporto rimovibile le immagini create duran-
te la sessione di lavoro è sufficiente chiudere la serie, entrare nella vista “Archivio - Esami” e premere sul
tasto d’esportazione. Il tasto attiva un server d’esportazione di sequenze.
Il server mostra la lista delle sequenze selezionate e permette di specificare dove esportare le sequenze ed
il formato d’esportazione.
Questo componente è stato pensato per facilitare la raccolta e l’esportazione delle sequenze.
Descrizione
Il server di esportazione si presenta con una finestra al di sopra della vista corrente (vedi Figura 105).
Se l’utente clicca col puntatore al di fuori della finestra dell’esportatore, questa automaticamente è nasco-
sta (non chiusa). È possibile riattivarla o tramite il tasto di scorciatoia presente nella parte alta destra del
“Monitor B” o inviando un’altra sequenza all’esportazione.
Per spostare la finestra dell’esportatore, occorre posizionare il puntatore sul titolo della finestra (riquadro
superiore della finestra il cui colore di sfondo è più scuro a sinistra e sfuma verso destra), premere il tasto
sulla posizione voluta, rilasciare il tasto del puntatore. La finestra ricorda l’ultima posizione in cui si trova e
alla successiva riapertura si presenta nell’ultima posizione occupata prima della chiusura.

Figura 105: Server d’esportazione


Selezione del formato d’esportazione
L’utente può selezionare uno dei formati d’esportazione disponibili (vedi Tabella 43). Per utilizzare alcuni tipi
di formato è necessario ottenere una chiave d’abilitazione.
Seleziona il formato d’uscita “AVI”
Seleziona il formato d’uscita “BITMAPPED”
Seleziona il formato d’uscita “DICOM”
Seleziona il formato d’uscita “Proprietario SIMAD”
Tabella 43: Formati d’esportazione

122   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

“AVI” è acronimo di Audio Video Interleaved (Audio e Video Inframezzati). AVI è un “formato contenitore”,
ovvero un formato contenente video/audio compressi usando varie combinazioni di codifica. Il formato AVI
è indicato nella realizzazione di presentazioni e la produzione d’immagini in movimento a scopo dimostrati-
vo.
“BMP” è il formato nativo dell’applicazione Paint, in dotazione con Windows. Il formato BITMAPPED si
presta per la visualizzazione e il salvataggio di immagini formate da un singolo elemento,quindi immagini
statiche. Il formato BMP è indicato nella realizzazione di presentazioni e la produzione di immagini a scopo
dimostrativo. Le immagini salvate in questo formato possono agevolmente essere modificate con program-
mi di ritocco fotografico.
“DICOM” ha lo scopo di regolamentare i formati di trasferimento delle immagini medicali e dei dati relativi
ai pazienti e ai loro esami clinici, cosa di notevole importanza vista la diffusione dei PACS e dei sistemi infor-
mativi ospedalieri. Il formato DICOM è indicato per lo scambio di immagini a scopo medicale, i dati paziente
e dell’esposizione accompagnano l’immagine stessa e sono visualizzabili con appropriate Workstation o
personal computer dotati di software dedicati alla visualizzazione di tale formato.
“SIMAD”. Salvando in formato proprietario “SIMAD” si salvano le sequenze fatte preservando l’integrità
delle informazioni. Utilizzare questo formato per fare copie del lavoro svolto riservandosi così la possibilità Cap.
di ricaricare il lavoro salvato sulla Workstation Digital Memory. Il lavoro salvato non è leggibile con stru-
menti informatici standard, occorre utilizzare il software Digital Memory. 6
Selezione della destinazione
L’utente può selezionare la destinazione delle sequenze contenute nella “lista selezione”. La destinazione
può essere un server di rete DICOM, una cartella condivisa in rete (se ne esiste una), un dispositivo rimovi-
bile o un CD rom (vedi Tabella 44).
CD rom Seleziona come destinazione finale il masterizzatore di CD rom
DVD Seleziona come destinazione finale il masterizzatore di DVD
DVD 2l Seleziona come destinazione finale il masterizzatore di DVD dual layer
Unità rimovibile Seleziona come destinazione finale il dispositivo rimovibile
Rete locale Seleziona come destinazione un percorso di rete
Dicom Server Seleziona come destinazione finale un server DICOM
Dicom Server printer Seleziona come destinazione finale un server di stampa DICOM
Sfoglia la rete Apre la finestra per la ricerca di una destinazione in rete
Tabella 44: Destinazione dell’esportazione
Premendo uno dei tasti indicati si attiva il comando corrispondente.
Comandi dell’esportatore
L’utente attiva o interrompe la procedura d’esportazione con i comandi messi a disposizione dell’interfaccia
utente (vedi Tabella 45).
Inizia processo d’esportazione
Interrompi processo d’esportazione

Preferenze utente

Esci
Tabella 45: Comandi esportatore
“Inizia processo” avvia l’attività d’esportazione selezionata dall’utente
“Interrompi” interrompe l’attività avviata dall’utente

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   123
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

“Esci” esce dall’applicazione azzerando la lista d’esportazione


“Preferenze utente “ attiva la finestra che è usata per impostare il valore di alcuni parametri che influenza-
no la presentazione dell’interfaccia utente e le caratteristiche del formati di output selezionati. Raggruppa
tutti i parametri di configurazione del sistema divisi per categoria (vedi Figura 106). Le categorie sono rap-
presentate come linguette “tab strip”. I gruppi sono riconoscibili da un’unica riga che li separa dal gruppo
precedente. I parametri sono rappresentati su due colonne: la colonna di sinistra rappresenta il nome del
parametro quella di destra il suo valore.

Figura 106
Comandi della finestra d’impostazione:
Salva le modifiche Applica le modifiche
Impostazioni di fabbrica Esci
Tabella 46: Comandi finestra impostazione
I comandi della finestra di impostazione sono di seguito riassunti (Vedi: Tabella 46 ).
“Salva” salva le modifiche.
“Impostazioni di fabbrica” ripristina i parametri così come erano stati impostati al momento della conse-
gna. Dopo averlo attivato, occorre salvare le modifiche.
“Applica le modifiche” invia i nuovi valori alle viste. Non tutti i valori possono essere reimpostati senza riav-
viare il computer. È consigliabile riavviare il sistema.
“Esci” esce dalla finestra d’impostazione.
Parametri modificabili
Di seguito sono elencati i parametri ordinati alfabeticamente per categoria, gruppo e nome del parametro.
Le celle di colore più scuro indicano che il valore del parametro corrispondente non è modificabile. Nelle
categorie in cui, come ad es. “Generale”, uno stesso parametro compare più volte, questo significa che il
valore di quel parametro è distinto per ogni gruppo. I parametri che presentano “L1” sono visibili solamen-
te all’amministratore della macchina.
• AVI
• Funzione abilitata (L1): se attivata l’utente ha a disposizione un tasto per l’esportazione in questo
formato, altrimenti la funzionalità non è disponibile all’utilizzatore.
• SIMAD
• Funzione abilitata (L1): se attivata l’utente ha a disposizione un tasto per l’esportazione in questo
formato, altrimenti la funzionalità non è disponibile all’utilizzatore.
• DICOM
• Funzione abilitata (L1): se attivata l’utente ha a disposizione un tasto per l’esportazione in questo
formato, altrimenti la funzionalità non è disponibile all’utilizzatore.
• BMP
• Funzione abilitata (L1): se attivata l’utente ha a disposizione un tasto per l’esportazione in questo
formato, altrimenti la funzionalità non è disponibile all’utilizzatore.
• Removable
• Funzione abilitata (L1): se attivata l’utente ha a disposizione un tasto per l’esportazione su dispositi-
vo rimovibile, altrimenti la funzionalità non è disponibile all’utilizzatore.
• Drive (L1): identifica la lettera dell’unità disco associata al tasto che rappresenta l’unità rimovibile.
• Burner
• Funzione abilitata (L1): se attivata l’utente ha a disposizione un tasto per l’esportazione su CD rom,

124   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

altrimenti la funzionalità non è disponibile all’utilizzatore.


• Drive (L1): identifica la lettera dell’unità disco associata al tasto che rappresenta il CD rom.
• Speed (L1): velocità di scrittura del masterizzatore
• ID (L1): Identificativo del dispositivo IDE
• Port(L1): porta del dispositivo IDE
• NET
• Funzione abilitata (L1): se attivata l’utente ha a disposizione un tasto per l’esportazione su rete, altri-
menti la funzionalità non è disponibile all’utilizzatore.
• Dimensione max (MB) (L1): dimensione massima della mole di dati trasferibile tramite rete, in una
singola operazione d’esportazione
• DICOM STORE
• Modifica lista dei PACS / server conosciuti (L1): consente di amministrare la lista dei server DICOM
presentata all’utente quando si vuole salvare le immagini su un server DICOM. Cap.
Visualizzazione della lista delle sequenze
La lista delle serie e sequenze selezionate dall’utente appare nella vista ad albero denominata “Serie” (Vedi
6
Figura 107). La radice rappresenta la destinazione delle serie selezionate (CD ROM: G:\).
Le serie sono rappresentate da cartelline gialle: cliccando sul nodo collegato alla cartellina. la cartellina si
apre mostrando l’elenco delle sequenze selezionate dall’utente per quella serie.
Al fianco della serie appare il numero identificativo progressivo, che normalmente si vede nella vista “Archi-
vio - esami”. Di seguito appaiono nome, cognome e data di nascita del paziente.
Le sequenze sono rappresentate da piccoli simboli azzurri, che identificano il tipo di sequenza; a fianco del
simbolo appare il numero progressivo della sequenza all’interno della serie (fra parentesi tonde) e a seguire
il nome del file su disco contenente la sequenza.

Figura 107
“Anteprima”. Premendo con il tasto sinistro del puntatore su una sequenza si attiva l’anteprima della se-
quenza stessa nella finestra d’anteprima
“Riproduzione di una sequenza”. Selezionare una sequenza premendo con il tasto sinistro del puntatore
sull’icona azzurra che rappresenta la sequenza. Premere il tasto destro per attivare il menù a tendina conte-
nente i comandi di modifica / riproduzione della sequenza (Vedi Figura 108 ). Se la sequenza contiene più di
un fotogramma premere la voce “Riproduci”. La sequenza sarà riprodotta nella finestra di anteprima.
“Attivazione della sottrazione digitale di una sequenza” Selezionare una sequenza premendo con il tasto
sinistro del puntatore sull’ icona azzurra che rappresenta la sequenza. Premere il tasto destro per attivare
il menù a tendina contenente i comandi di modifica / riproduzione della sequenza (Vedi Figura 108). Se la
sequenza contiene più di un fotogramma e contiene una maschera utilizzabile per effettuare una sottrazio-
ne digitale, premere la voce.
“Sottrazione digitale”. La sequenza sarà riprodotta nella finestra d’anteprima o esportata con la sottrazione
digitale attivata/disattivata in base alle preferenze dell’utente.

Figura 108
Modifica della collezione di sequenze-serie da esportare
“Eliminare una sequenza”. Selezionare la sequenza da eliminare premendo con il tasto sinistro del puntato-
re sull’icona azzurra che la rappresenta. Premere il tasto destro per attivare il menù a tendina contenente i
comandi di modifica / riproduzione della sequenza (Vedi Figura 108 ); premere la voce “Rimuovi”.
“Eliminare una serie”. Selezionare la serie da eliminare premendo con il tasto sinistro del puntatore sull’ico-

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   125
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

na della cartellina che la rappresenta. Premere il tasto destro per attivare il menù a tendina contenente i
comandi di modifica/riproduzione della serie (Vedi Figura 109 ); premere la voce “Rimuovi”

Figura 109
Esportazione su LAN (rete locale)
Collegare Moonray alla rete locale solo in fase di post processing e non durante le operazioni di esposizio-
ne raggi sul paziente
Per esportare le immagini, utilizzando la rete locale, premere il tasto destinazione “Rete locale” (vedi Tabel-
la 47).
Esporta su CD Esporta su Rete
Esporta su DVD Esporta su Rimovibile
Esporta su DVD double layer Esporta verso DICOM server
Esporta verso DICOM printer
Tabella 47: Tipi di Esportazione
La configurazione dei tasti di selezione della destinazione varierà come proposto in Figura 110.

Figura 110
Premere il tasto di ‘Sfoglia la rete” (vedi Tabella 47) e selezionare un percorso appropriato (vedi Figura 111).
Premere il tasto di inizio processo d’esportazione.

Figura 111
Esportazione su CDrom
Per esportare le sequenze su CD rom locale premere il tasto destinazione “CD rom” (vedi Tabella 45).
Premere il tasto di inizio processo d’esportazione. Il sistema inizierà la preparazione del primo CD rom e
la conversione dei formati. Quando il sistema presenta la finestra di masterizzazione, inserire un supporto
vuoto e premere il comando MASTER (vedi Figura 112)

Figura 112
Al termine della scrittura del CD rom apparirà la scritta “CD burning OK” che indica il termine della opera-
zione di scrittura su CDROM.
Se si vuole fare una seconda copia del Cdrom premere nuovamente il Tasto “Master”. Se si desidera passa-
re al secondo CD rom, della serie da masterizzare, premere il tasto Close.
Esportazione su Cdrom avanzata
Ove presente, il sistema si avvale di una interfaccia di masterizzazione avanzata che si integra perfettamen-
te con il modulo di esportazione vedi (Figura 105). In questo caso l’utente può seguire lo stato d’avanza-
mento dell’operazione d’esportazione direttamente nella finestra dei messaggi posta in basso a sinistra.
L’amministratore di sistema può configurare Moonray per eseguire una simulazione di scrittura prima di
scrivere su disco. Questa opzione è disabilitata per velocizzare la fase di esportazione
Esportazione su DVD
Ove presente, il sistema si avvale di una interfaccia di masterizzazione avanzata che si integra perfettamen-
te con il modulo di esportazione vedi (Figura 105). In questo caso l’utente può seguire lo stato d’avanza-
mento dell’operazione d’esportazione direttamente nella finestra dei messaggi posta in basso a sinistra.
L’amministratore di sistema può configurare Moonray per eseguire una simulazione di scrittura prima di

126   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

scrivere su disco. Questa opzione e’ disabilitata per velocizzare la fase di esportazione


Importazione
Se l’utente desidera importare sequenze memorizzate su supporto permanente da un altro apparecchio
che utilizza il software Digital Memory, è sufficiente entrare nella vista “Archivio - Esami” e premere sul
tasto d’importazione.
Il tasto attiva un server di ricerca e importazione di sequenze. Il server mostra una griglia che esporrà la
lista delle serie importabili nel sistema, tramite opportuna selezione l’utente attiverà il trasferimento di una
copia delle serie selezionata comprendente tutti i dati paziente, esposizione e sequenze di quella serie.
Descrizione
Il server di importazione si presenta con una finestra al di sopra della vista corrente (vedi Figura 113).
Se l’utente clicca col puntatore al di fuori della finestra d di importazione, questa automaticamente è na-
scosta (non chiusa). È possibile riattivarla o tramite il tasto di scorciatoia presente nella parte alta destra del
“Monitor B” o inviando una sequenza all’importatore.
Per spostare la finestra del server d’importazione, occorre posizionare il puntatore sul titolo della finestra Cap.
(riquadro superiore della finestra il cui colore di sfondo è più scuro a sinistra e sfuma verso destra), preme-
re il tasto sinistro del puntatore e tenerlo premuto, trascinare la finestra nella posizione voluta, rilasciare il
tasto del puntatore. La finestra ricorda l’ultima posizione in cui si trova alla successiva riapertura si presen-
6
ta nell’ultima posizione occupata prima della chiusura.

Figura 113
Comandi dell’importatore
L’utente attiva o interrompe la procedura d’importazione usando i tasti di comando messi a disposizione
dell’interfaccia utente (vedi Tabella 48).
Inizia processo
Esci
Interrompi processo d’importazione Importa serie

Preferenze utente
Tabella 48: Comandi dell’Importatore
“Inizia processo” avvia l’attività di ricerca delle serie da importare.
“Esci” esce dall’applicazione azzerando la lista d’importazione.
“Interrompi processo d’importazione” interrompe l’attività avviata dall’utente.
“Importa serie” inizia l’attività d’importazione delle serie dalla sorgente remota.
“Preferenze utente” attiva la finestra che è usata per impostare il valore di alcuni parametri che influenzano
la presentazione dell’interfaccia utente e le caratteristiche del formati di output selezionati. Raggruppa tutti
i parametri di configurazione del sistema divisi per categoria (vedi Figura 114). Le categorie sono rappresen-
tate come linguette “tab strip” mentre i gruppi sono riconoscibili da un’unica riga che li separa dal gruppo
precedente; i parametri sono rappresentati su due colonne dalla coppia nome (parametro, valore).

Figura 114
Comandi della finestra d’impostazione:
Salva le modifiche Applica le modifiche
Impostazioni di fabbrica Esci

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   127
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Tabella 49: Comandi della finestra impostazione


I comandi della finestra di impostazione sono di seguito riassunti (Vedi:Tabella 49).
• “Impostazioni di fabbrica” ripristina i parametri così come erano stati impostati al momento della
consegna. Dopo averlo attivato, occorre salvare le modifiche.
• “Applica le modifiche” invia i nuovi valori alle viste. Non tutti i valori possono essere reimpostati
senza riavviare il computer: è consigliabile riavviare il sistema.
• “Esci” esce dalla finestra d’impostazione
• “Salva” salva le modifiche.
Parametri modificabili
Di seguito sono elencati i parametri ordinati alfabeticamente per categoria, gruppo e nome del parametro.
Le celle di colore più scuro indicano che il valore del parametro corrispondente non è modificabile.
Nelle categorie in cui, come ad es. “Generale”, uno stesso parametro compare più volte, questo significa
che il valore di quel parametro è distinto per ogni gruppo.
I parametri che presentano “L1” sono visibili solamente all’amministratore della macchina.
• GENERALE
• Cartella di lavoro (L1): L’utilizzatore specifica dove creare i file temporanei di lavoro della procedura
d’importazione.
Importazione di serie
“Ricerca delle serie da importare”:
• Attivare il server d’importazione dalla vista “Archivio – serie” premendo il tasto importazione.
• Attivare la ricerca utilizzando il tasto avvio ricerca (vedi:Tabella 48
• Selezionare il percorso da cui partire per la ricerca delle serie (vedi:Figura 115).

Figura 115
• Premere il tasto “Ok” ed attendere che il sistema compia una ricerca in tutte le sotto cartelle.
Al termine della ricerca la lista delle serie trovate si popolerà con i dati delle serie disponibili all’importazio-
ne (vedi:Figura 116).

Figura 116
“Importazione delle serie”.
• Selezionare le serie da importare contrassegnando il quadratino nero alla sinistra del cognome del
paziente (Vedi:Figura 117).

Figura 117: Selezione Importazione Serie


• Premere il tasto d’avvio importazione.
Ogni serie importata anche solo parzialmente è contrassegnata da un identificativo interno. All’in-
terno di uno stesso archivio non possono esservi due serie aventi il medesimo identificativo
Report DAP
Il modulo report DAP (vedi Figura 118 Modulo report DAP) è attivabile tramite il tasto presente nella vista
MonitorB e la vista Archivio

128   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

Figura 118 Modulo report DAP


I comandi sono riassunti di seguito, Tabella 50 Comandi modulo report
Posiziona sul report precedente Posiziona sul report successivo
Salva report come immagine Stampa
Procedi con l’esportazione dei dettagli Esci
Tabella 50 Comandi modulo report DAP
Stampa del report DAP
Selezionare uno o più pazienti, posizionarsi sul report che si intende stampare usando le frecce “Posiziona
sul report precedente/successivo”
Premere sul tasto “Stampa”, selezionare una stampante e attendere la stampa del report vedi Figura 119
Report DAP stampato
Selezionando una lista di serie all’utente viene richiesto se stampare solo il report corrente o se
stampare o i report di ciascuna serie. Cap.
6
Figura 119 Report DAP stampato
Salvataggio report DAP come immagine nel database
Selezionare uno o più pazienti, posizionarsi sul report per il quale si vuole creare l’immagine del ‘report di
DAP’ usando le frecce “Posiziona sul report precedente/successivo”, fare click col tasto sinistro del puntato-
re sul tasto “Salva come immagine” e si aprirà la finestra di conferma come quella di Figura 120.

Figura 120 Conferma della creazione dell’immagine del report DAP


Confermare facendo click sul tasto “Sì” per creare l’immagine del report DAP e all’interno della serie sele-
zionata sarà creata un’immagine come quella di Figura 121 Immagine del report DAP allegata alla serie.

Figura 121 Immagine del report DAP allegata alla serie


Se sono selezionate più serie, viene richiesto all’utente di specificare se la creazione dell’immagine
del report è richiesta per la sola serie corrente o se per ciascuna serie selezionata.
Esportazione dei dettagli DAP
Questa funzione consente di salvare su disco rigido, chiave USB (vedi note al paragrafo 3.12) o una risorsa
esterna collegata a Moonray un sunto dei dettagli di dose erogata per ogni serie distinguendo ogni singola
immagine.
Selezionare la funzione di esportazione dei dettagli (vedi Figura 122 Selezione funzioni esportazione detta-
gli)

Figura 122 Selezione funzioni esportazione dettagli


I tipi di formato d’esportazione disponibili sono:
• Testo strutturato
• Microsoft Access
Premendo il tasto “Prosegui” l’utente sarà invitato scegliere il percorso e il nome di file in cui salvare i dati.
I dati potranno poi essere salvati od elaborati con applicazioni scientifiche.
Personalizzazioni

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   129
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

La vista “Impostazioni” raggruppa tutti i parametri di configurazione del sistema divisi per categoria (vedi
Figura 123).
Le categorie sono rappresentate come linguette “tab strip” mentre i gruppi sono riconoscibili da un’unica
riga che li separa dal gruppo precedente; i parametri sono rappresentati su due colonne dalla coppia nome
(parametro, valore).

Figura 123: Finestra “Personalizzazioni”


“Impostazioni di fabbrica” ripristina i parametri così come erano stati impostati al momento della conse-
gna. Dopo averlo attivato, occorre salvare le modifiche.
“Applica le modifiche” invia i nuovi valori alle viste. Non tutti i valori possono essere reimpostati “a caldo” è
consigliabile riavviare il sistema.
Parametri modificabili
Di seguito sono elencati i principali parametri. Per la configurazione si rimanda alla documentazione spe-
cifica. I parametri sono ordinati alfabeticamente per categoria, gruppo e nome del parametro. Le celle di
colore più scuro indicano che il valore del parametro non è modificabile.
Nelle categorie in cui, come ad es. “Generale”, uno stesso parametro compare più volte, questo significa
che il valore di quel parametro è distinto per ogni gruppo.
I parametri che presentano “L1” sono visibili solamente all’amministratore della macchina.
• Archivio
• Svuota archivio: permette di azzerare la memoria permanente del sistema. Attivando questo coman-
do il sistema richiede all’utente di confermare l’azzeramento dell’archivio. Se l’utente conferma il sistema
si assicura che l’utente non si sia sbagliato chiedendogli se vuole abortire lo svuotamento dell’archivio. Se
l’utente risponde “No” significa che era sua intenzione svuotare l’archivio e quindi viene svuotato.
• Generale
• Lingua corrente (L1): indica la lingua correntemente impostata nel sistema.
• Local AE title (L1): nome DICOM attributo al sistema.
• Nome ospedale (L1): in questo campo è possibile inserire il nome dell’ospedale o del reparto cui
appartiene il sistema. Questo testo è mostrato come intestazione p.e. del “Report DAP” (vedi Archivio –
“Esami”).
• Spegnimento automatico (L1): valore predefinito dell’evento spegnimento della macchina all’uscita
del software. Abilitato: alla chiusura del programma il carrello si spegne. Disabilitato: alla chiusura del pro-
gramma il carrello presenta il sistema operativo.
• Generale – Fluoro
• Brightness: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità fluoroscopia (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Cicla sequenza: valore predefinito della variabile che abilita/disabilita il riavvolgimento della se-
quenza alla fine della riproduzione. Abilitato: quando la sequenza raggiunge l’ultimo fotogramma auto-
maticamente si riporta al primo fotogramma e continua la riproduzione ciclando all’infinito. Disabilitato la
riproduzione della sequenza si arresta al raggiungimento dell’ultimo fotogramma della sequenza.
• Inversione bianchi/neri: valore predefinito della variabile che indica se invertire i bianchi con i neri.
Abilitato alla partenza il sistema mostra l’immagine in negativo. Disabilitato il sistema mostra l’immagine
normale.
• Level: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto” nella
modalità fluoroscopia (vedi ‘Regolazione luminosità e contrasto”).
• Livello filtro ricorsivo: valore predefinito del filtro ricorsivo in modalità fluoroscopia (vedi Filtro ricor-
sivo).

130   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

• Compensazione del bianco: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Lumino-
sità/Contrasto” nella modalità fluoro (vedi “Regolazione luminosità e contrasto”).
• Compensazione del nero: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosi-
tà/Contrasto” nella modalità fluoro (vedi “Regolazione luminosità e contrasto”).
• Riproduzione automatica: valore predefinito del parametro che indica se riprodurre automatica-
mente una sequenza alla fine dell’acquisizione.
• Window: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità fluoroscopia (vedi “Regolazione luminosità e contrasto”).
• Generale – DSA
• Brightness: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità DSA (vedi “Regolazione luminosità e contrasto”).
• Cicla sequenza: valore predefinito della variabile che abilita/disabilita il riavvolgimento della se-
quenza alla fine della riproduzione. Abilitato: quando la sequenza raggiunge l’ultimo fotogramma auto-
maticamente si riporta al primo fotogramma e continua la riproduzione ciclando all’infinito. Disabilitato la
riproduzione della sequenza si arresta al raggiungimento dell’ultimo fotogramma della sequenza. Cap.
• Inversione bianchi/neri: valore predefinito della variabile che indica se invertire i bianchi con i neri.
Abilitato alla partenza il sistema mostra l’immagine in negativo. Disabilitato il sistema mostra l’immagine
6
normale.
• Level: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto” nella
modalità DSA (vedi “Regolazione luminosità e contrasto”).
• Livello filtro ricorsivo: valore predefinito del filtro ricorsivo in modalità DSA (vedi Filtro ricorsivo).
• Livello landmark: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Landmark” (vedi Impo-
stazioni della sottrazione).
• Livello rinforzo sottrazione: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Livello di
rinforzo” (vedi Impostazioni della sottrazione).
• Compensazione del bianco: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Lumino-
sità/Contrasto” nella modalità DSA.
• Compensazione del nero: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosi-
tà/Contrasto” nella modalità DSA (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Riproduzione automatica: valore predefinito del parametro che indica se riprodurre automatica-
mente una sequenza alla fine dell’acquisizione.
• Scostamento sottrazione: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Scostamento”
(vedi Impostazioni della sottrazione).
• Tipo di rinforzo della sottrazione: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Tipo di
rinforzo” (vedi Impostazioni della sottrazione).
• Window: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità DSA (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Generale – Roadmap
• Brightness: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità Roadmap (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Cicla sequenza: valore predefinito della variabile che abilita/disabilita il riavvolgimento della se-
quenza alla fine della riproduzione. Abilitato: quando la sequenza raggiunge l’ultimo fotogramma auto-
maticamente si riporta al primo fotogramma e continua la riproduzione ciclando all’infinito. Disabilitato la
riproduzione della sequenza si arresta al raggiungimento dell’ultimo fotogramma della sequenza.
• Inversione bianchi/neri: valore predefinito della variabile che indica se invertire i bianchi con i neri.
Abilitato alla partenza il sistema mostra l’immagine in negativo. Disabilitato il sistema mostra l’immagine
normale.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   131
6 Guida all’uso del software Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

• Level: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto” nella
modalità Roadmap (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Livello filtro ricorsivo: valore predefinito del filtro ricorsivo in modalità Roadmap (vedi Filtro ricorsi-
vo).
• Livello landmark: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Landmark” (vedi Sot-
trazione digitale).
• Livello rinforzo sottrazione: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Livello di
rinforzo” (vedi Sottrazione digitale).
• Compensazione del bianco: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Lumino-
sità/Contrasto” nella modalità Roadmap (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Compensazione del nero: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosi-
tà/Contrasto” nella modalità Roadmap (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Riproduzione automatica: valore predefinito del parametro che indica se riprodurre automatica-
mente una sequenza alla fine dell’acquisizione.
• Scostamento sottrazione: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Scostamento”
(vedi Sottrazione digitale).
• Tipo di rinforzo della sottrazione: valore predefinito del parametro della sottrazione digitale “Tipo di
rinforzo” (vedi Sottrazione digitale).
• Window: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità Roadmap (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Generale – Cine
• Brightness: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità Cine (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Cicla sequenza: valore predefinito della variabile che abilita/disabilita il riavvolgimento della se-
quenza alla fine della riproduzione. Abilitato: quando la sequenza raggiunge l’ultimo fotogramma auto-
maticamente si riporta al primo fotogramma e continua la riproduzione ciclando all’infinito. Disabilitato la
riproduzione della sequenza si arresta al raggiungimento dell’ultimo fotogramma della sequenza.
• Inversione bianchi/neri: valore predefinito della variabile che indica se invertire i bianchi con i neri.
Abilitato alla partenza il sistema mostra l’immagine in negativo. Disabilitato il sistema mostra l’immagine
normale.
• Level: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto” nella
modalità Cine (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Livello filtro ricorsivo: valore predefinito del filtro ricorsivo in modalità Cine (vedi Filtro ricorsivo).
• Compensazione del bianco: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Lumino-
sità/Contrasto” nella modalità Cine (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Compensazione del nero: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosi-
tà/Contrasto” nella modalità Cine (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Riproduzione automatica: valore predefinito del parametro che indica se riprodurre automatica-
mente una sequenza alla fine dell’acquisizione.
• Window: valore predefinito del corrispondente parametro della finestra “Luminosità/Contrasto”
nella modalità Cine (vedi Regolazione luminosità e contrasto).
• Stampante
• Aggiungi stampante: cliccando sull’area si attiva la procedura di installazione guidata della stampan-
te.
• Gestione “Coda di Stampa”: rappresenta il programma che gestisce la “Coda di Stampa” della stam-
pante.
• Su evento stampa: cliccando sull’area è mostrata la cartella stampanti.

132   Descrizione delle viste


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 Guida all’uso del software

• Software
• Formato dell’ora: indica il formato di rappresentazione dell’ora all’interno del sistema.
• Formato della data: indica il formato di rappresentazione della data all’interno del sistema.
• Impostazioni data/ora: cliccando sull’area si attiva la finestra delle proprietà di impostazione della
data e dell’ora del sistema.
• Impostazioni di rete: cliccando sull’area si attiva la finestra “Rete e connessioni remote” con la quale
è possibile impostare i parametri della configurazione di rete del sistema.
• Proprietà del sistema: cliccando sull’area si attiva la finestra “Proprietà di sistema”.
• Splash: imposta il valore della variabile che indica se mostrare o nascondere la schermata iniziale
all’avvio del pc.
• Virtual control network: attiva il server di desktop remoto per la tele-assistenza.
Esportazione dei dati per STATLAB (plugin DbExporter)
Il software STATLAB effettua elaborazioni statistico-matematiche a partire dai dati raccolti da Moonray nel Cap.
corso della sua attività. Il modulo aggiuntivo DbExporter consente di estrarre direttamente su CD / DVD i
dati richiesti da STATLAB. 6
Per il corretto funzionamento è necessario che sulla macchina sia disponibile almeno un masterizzatore CD
o DVD. Se fosse presente più di un masterizzatore, verrà automaticamente selezionato il primo disponibile.
Descrizione
Quando il modulo è installato e attivo, nella parte alta del monitor di destra compare il tasto di scorciatoia

tramite il quale si può accedere all’interfaccia utente del modulo che consiste in una finestra che si apre al
di sopra della vista corrente:
.
Se l’utente clicca col puntatore al di fuori della finestra, questa automaticamente viene nascosta (non chiu-
sa), è possibile riattivarla tramite il tasto di scorciatoia.
Utilizzo
Per effettuare l’esportazione basta inserire un CD scrivibile e premere il tasto Esporta. Si può anche utilizza-
re un DVD, ma non è necessario, vista la ridotta dimensione del file che verrà creato sul disco.
Se il supporto è riscrivibile e non vuoto prima di effettuare la scrittura il modulo procede automaticamente
alla cancellazione del contenuto del disco, previa richiesta di autorizzazione all’utente.
Durante le operazioni di esportazione i messaggi di progresso ed eventualmente di errore sono visualizzati
nella finestra al centro dell’interfaccia e la barra di scorrimento indica lo stato di completamento dell’attivi-
tà. Terminata l’esportazione il disco viene espulso dal masterizzatore e sarà possibile chiudere l’interfaccia
utente del modulo tramite l’apposito tasto Esci.
Per caricare i dati in STATLAB, basta aprire il menu di importazione di STATLAB, selezionare il file contenuto
nel disco e avviare l’importazione (vedi il manuale d’uso del software STATLAB).

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Descrizione delle viste   133
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

134   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    135
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

136   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    137
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

138   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    139
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

140   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    141
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

142   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    143
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

144   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    145
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

146   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    147
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

148   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    149
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

150   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    151
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

152   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 6 6

Cap.
6

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190    153
6 6 Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

154   © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
7 Guida all’uso
degli Accessori
7

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


7 Guida all’uso degli Accessori Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

7.1 Teli sterili


Fare riferimento al foglietto illustrativo contenuto nelle confezioni delle
coperture sterili disposable SIMAD.

7.2 Portacassette
Solo per Intensificatore di Brillanza da 9’
(23 cm).
Per ottenere Film Radiografici utilizzando
il sistema Moonray, è necessario montare
l’apposito supporto portacassette, davanti
Intensificatore
all’intensificatore di brillanza. di Brillanza da
9’ (23 cm)
Facendo riferimento alla figura bisogna
allineare i tre pernetti di fissaggio del por-
tacassette, in posizione “SBLOCCATO” con
i rispettivi fori d’ancoraggio sulla corona
esterna dell’IB.
Inserire i perni negli alloggiamenti, e poi
bloccare il supporto portacassette ruotan-
do la camma di bloccaggio nella posizione
“BLOCCATO”.

Per evitare danni accidentali al pa-


ziente, accertarsi che il portacassette
sia correttamente fissato.

Figura 124: Montaggio Portacassette

156  Teli sterili © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 7 Guida all’uso degli Accessori

7.3 Controllo Remoto ad Infrarossi


Il controllo remoto ad infrarossi consente l’attivazione a distanza di alcune
funzioni del sistema.
Di seguito è descritta la tastiera del comando remoto ad infrarossi, con le
funzioni associate ad ogni tasto.

Non attivo

Non attivo

Non attivo
Cap.

Trasferisce l’immagine dal monitor A al monitor B


7
Muove verso l’alto il cursore nella barra delle icone

Seleziona l’icona evidenziata dal cursore

Muove verso il basso il cursore nella barra delle icone

Non attivo

SUB Non attivo

Memorizza nel database l’immagine presente sul monitor


A

Diminuisce/aumenta la Finestra di contrasto

Diminuisce/aumenta il Livello di contrasto

F Seleziona ciclicamente i valori del filtro ricorsivo

Enter

F1 Non attivo

F2 Non attivo

F3 Non attivo

F4 Non attivo

Tabella 51: Comandi Telecomando

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Controllo Remoto ad Infrarossi   157
7 Guida all’uso degli Accessori Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

7.4 Dispositivo di controllo inverter


DiPCon
DiPCon è un accessorio che consente di discriminare le scariche non di-
struttive nel monoblocco ed altri malfunzionamenti hardware riguardanti
l’inverter, evitando lo spegnimento non necessario del Moonray. In questo
modo viene garantita la continuità operativa senza necessità di eseguire la
procedura di riaccensione. DiPCon è dotato di una funzione diagnostica, che
visualizza eventuali anomalie attraverso led permettendone la diagnosi e la
valutazione successiva.
In aggiunta DiPCon contiene un’area riservata, consultabile da un tecnico
autorizzato, vedere il manuale tecnico al riguardo. Per i dettagli operativi
avanzati e le funzioni di diagnostica consultare il manuale tecnico.
DiPCon è compatibile con i Moonray serie 1K e può essere installato come
upgrade sui dispositivi che ne sono sprovvisti.

Figura 125 : Pannello di Controllo DiPCon

All’accensione il display del pannello di controllo visualizza una schermata


iniziale per poi passare automaticamente alla modalità STANDBY:

Nella modalità STANDBY nella riga inferiore possono apparire i seguenti


messaggi :
STANDBY Segnali “Preparation” e “XR Command” OFF
PREPARATION “Preparation” ON, “XR Command” OFF
X-RAY “XR Command” ON

Questa schermata viene automaticamente sostituita da eventuali messaggi


di allarme attivi. Comandi attivi in STANDBY:

Tenuto premuto per tre secondi si accederà alla successiva


schermata DISPLAY DATA (anche in caso di allarme presente e non
resettabile)

lampeggia in presenza di microscariche del monoblocco

158   Dispositivo di controllo inverter DiPCon


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 7 Guida all’uso degli Accessori

si accende con il segnale “Preparation”

spento

DISPLAY DATA.
Per accedere a questa schermata tenere premuto per 3 secondi il tasto .
Nella modalità DISPLAY DATA il display visualizza :

In questa modalità gli allarmi non vengono visualizzati, eventuali allarmi Cap.
presenti verranno visualizzati appena tornati alla modalità STANDBY.
Legenda delle indicazioni :
7
P/G P = Scopy / G = Graphy
S segnale Preparation
X segnale XR Command
* KV ≥ 85%
120.0 KV Set (1V = 2KV)
119.9 KV Read (1V = 2KV)
R Reset
F Fuse Fault
K KV Fault
U KV Unbalanced
1 KV>110%
XX.X mA Scopy (1V = 1mA : 10V = 10.0mA)
XXX mA Graphy (1V = 10mA : 10V = 100mA)

Per i dettagli operativi avanzati e le funzioni di diagnostica consultare il


manuale tecnico.
Comandi attivi in DISPLAY DATA:

La pressione di un qualunque tasto causa il ritorno


alla modalità STANDBY

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Dispositivo di controllo inverter DiPCon   159
7 Guida all’uso degli Accessori Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

SCHERMATE DI ALLARME
Da tutti gli allarmi è sempre possibile accedere alle schermate DISPLAY DATA
e DIAGNOSTICA come indicato sopra.
• KV FAULT: quando l’inverter segnala una condizione di blocco tramite il
segnale “KV Fault”, si accende il LED Rosso e il display segnala (solo se in
STANDBY) l’allarme:

XXX può assumere le seguenti sigle :


STD KV Fault Standard
110 KV Fault > 110%
UBC KV Fault Unbalanced

Quando, a seconda dell’impostazione di fabbrica, è attivo il reset automati-


co, al posto di RESET, appare per 5 secondi il messaggio AUTO-RESET.
DiPCon è in grado di intervenire per risolvere la situazione generando un
impulso di “Reset” per l’inverter secondo 2 modalità:
• RESET MANUALE: L’impulso di “Reset” per l’inverter deve essere genera-
to manualmente premendo il tasto
• RESET AUTOMATICO: L’impulso di “Reset” per l’inverter viene generato
automaticamente dopo 1 secondo
Questo avviene per un numero limitato di volte (definito dalle impostazioni
di fabbrica) dopo l’accensione della scheda, superato il quale si passerà in
ogni caso alla modalità di funzionamento manuale fino alla prossima riac-
censione della scheda.
Se dopo aver effettuato l’azzeramento l’allarme fosse ancora presente, il
messaggio di allarme si ripresenterà.
• FUSE FAULT: Quando l’inverter segnala la rottura del proprio fusibile
tramite il segnale “Fuse Fault”, DiPCon accende il LED Rosso e segnala a
display (se in STANDBY) l’allarme :

A differenza del precedente allarme, DiPCon non ha modo di risolvere la


situazione e si rende necessario spegnere il sistema e riavviarlo dopo aver
sistemato il problema al fusibile.
• MICROSCARICA: Quando durante un’emissione viene rilevata una
differenza significativa fra la tensione impostata e quella effettivamente
misurata sull’inverter, DiPCon segnala l’anomalia tramite un lampeggio
con il LED Rosso senza visualizzare nulla sul display.

Si noti che un tale evento non costituisce di per sé una evidenza di mal-
funzionamento: può ad esempio verificarsi quando la tensione impostata
viene modificata o dall’operatore o automaticamente dal sistema durante
un bilanciamento.

160   Dispositivo di controllo inverter DiPCon


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
8 Messaggi
d’errore
8
Possibili malfunzionamenti del sistema e soluzioni proposte. Vedere al
riguardo il manuale tecnico per quanto non specificato in questo manuale.

Per ogni tipo di malfunzionamento è comunque indispensabile contattare il


Servizio d’Assistenza autorizzato SIMAD.
SIMAD declina ogni responsabilità per interventi sul sistema che non siano
stati autorizzati in forma scritta dalla stessa SIMAD.

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


8 Messaggi d’errore Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

8.1 Problemi e soluzioni


PROBLEMA SOLUZIONE

Dopo aver inserito la spina nella rete


Controllare l’integrità dei fusibili F2 e F3
d’alimentazione ed aver portato l’interruttore
Soluzione 1 posti nel Pannello Fusibile sul retro del
magnetotermico in posizione ON, la spia bianca sul
carrello porta monitor
lato del carrello porta monitor non si accende.

Verificare che il dispositivo sia


correttamente alimentato, e che
l’interruttore magnetotermico principale
Soluzione 1
sia in posizione ON e che la spia gialla
Ruotando la chiave d’accensione in posizione I, non posta sul lato del carrello porta monitor
si accendono né il sistema d’imaging digitale, né sia accesa.
l’unità mobile a raggi x
Controllare l’integrità dei fusibili F2 e F3
Soluzione 2 posti nel pannello fusibili sul retro del
carrello porta monitor

Ruotando la chiave di accensione in posizione I, si Controllare l’integrità del fusibile F1


accende l’unità mobile a raggi x, ma rimane spento Soluzione 1 posto nel pannello fusibili sul retro del
il sistema d’imaging digitale carrello porta monitor

Ruotando la chiave di accensione in posizione I, si Controllare l’integrità del fusibile F4


accendono i led di alimentazione dei monitor, ma Soluzione 1 posto nel pannello fusibili sul retro del
sugli stessi non appare nessuna immagine carrello porta monitor

Verificare la corretta connessione delle


Soluzione 1
due unità
Ruotando la chiave di accensione in posizione I,
si accende il sistema di imaging digitale ma non si
accende l’unità mobile a raggi x Controllare l’integrità del fusibile F1
Soluzione 2 posto nel pannello fusibili dell’unità
mobile a raggi x

Dopo la procedura di accensione, il pannello


Controllare l’integrità del fusibile F4
di controllo dell’unità mobile a raggi X è
Soluzione 1 posto nel pannello fusibili dell’unità
retroilluminato, ma non sono visibili le icone delle
mobile a raggi x
funzioni

Sul pannello di controllo Controllare l’integrità del fusibile F2


dell’unità mobile a raggi posto nel pannello fusibili sul lato del
Soluzione 1
X appare l’icona a lato e il carrello principale dell’unità mobile a
sistema non produce raggi raggi x.

Sul pannello di controllo


Controllare l’integrità del fusibile F3
dell’unità mobile a raggi
Soluzione 1 posto nel pannello fusibili dell’unità
X appare l’icona a lato e il
mobile a raggi x.
sistema non produce raggi.

162     Problemi
162 Problemieesoluzioni
soluzioni
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
9 Manutenzione
9

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


9 Manutenzione Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

9.1 Introduzione
Il Moonray / Moonray Compact non solo richiede un corretto utilizzo, ma
devono anche essere pianificate ed eseguite le procedure di controllo previ-
ste e di manutenzione programmata.

Durante qualsiasi operazione di manutenzione ma soprattutto durante ma-


nutenzioni che coinvolgono la parte elettrica, assicurarsi di scollegare se
possibile il cavo di alimentazione ed in ogni caso NON TOCCARE il paziente
o altre persone durante le operazioni stesse

9.2 Manutenzione programmata


La manutenzione prevista può essere effettuata soltanto dai tecnici qualifi-
cati ed autorizzati.
L’operatore deve assicurarsi che il programma di manutenzione previsto sia
effettuato prima dell’utilizzo del dispositivo.

Oggetto Controllo Frequenza

Terra Controllare la terra di tutto il sistema


Annuale

Dispersione di terra: Controllare la dispersione di terra


Annuale

Alimentazione Controllare il voltaggio AC/DC


Annuale
Controllare l’ancoraggio, sporco e
PCB e schede
corrosione Annuale

Monitor Controllare il corretto funzionamento


Annuale

Movimento verticale Controllare il funzionamento


Annuale

Interruttori Controllato il funzionamento


Annuale
Controllato il sporco e perdite di
Cuscinetti
grasso Annuale

Ventole Verificare il funzionamento e sporco


Annuale
Controllare tensione e allineamento
Catene dello sterzo
ruote Annuale

Allarmi & indicatori Controllo visivo e acustico


Annuale

X ray control Controllare il funzionamento corretto


Annuale

164   Introduzione
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 9 Manutenzione

Allineamento e centraggio del fascio


Controllare centraggio e collimazione
Allineamento
del fascio Annuale
Allineamento e centraggio del laser
Controllare fissaggio cablaggi, fine
Meccanica corsa, serraggio viti e dadi
Controllo spazza cavi - Freni Annuale

Controllare la stampante – Dicom -


Optional
Telecomando Annuale

UPS Controllare il funzionamento


Annuale

Immagine a monitor Controllo dell’immagine visualizzata


Annuale

Etichettatura Controllare la leggibilità


Annuale
Controllare accuratezza e Cap.
funzionamento
Dosimetro
Per eventuale necessità di
calibrazione del dispositivo, Annuale
9
contattare SIMAD.(CEI EN 60601-2-43
- §6.8.2 jj)
Filtri prese aria
ventilazione (solo Trimestrale
Sostituzione panno filtro
per Moonray o Semestrale (in
predisposto) base all’utilizzo)

“ATTENZIONE”: in caso di inutilizzo prolungato del dispositivo (da due a


più settimane), si consiglia, prima di eseguire una qualunque procedura
clinica, di procedere ad una preparazione della parte radiologica al fine di
prevenire fenomeni transitori che potrebbero ridurne la vita e l’efficacia.
Seguire la procedura descritta sotto:
1 -GRAFIA / SCOPIA: 70 KV, 3 MA PER 5 MINUTI + 5 MINUTI DI PAUSA.
RIPETERE 5 VOLTE
2 -GRAFIA: 70 KV, 20MA, PER 0.5 SECONDI + 30 MINUTI DI PAUSA. INCRE-
MENTARE DI 5 KV FINO A KV MAX
SIMAD declina ogni responsabilità legata al non rispetto di tale avverten-
za.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Manutenzione programmata   165
9 Manutenzione Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

9.3 Routine di controllo dell’utilizzatore


Controlli di routine da eseguire da parte dell’utilizzatore:

Oggetto Controllo Frequenza

Accessori Disponibilità e integrità


Giornaliero

Spazzacavi Controllare presenza e danni


Giornaliero
Controllare il corretto
Freno, ruote e sterzo
funzionamento Giornaliero
Controllare il cavo per eventuali
Cablaggio
presenza di nodi o rotture Giornaliero
Controllare funzionamento
Lampada raggi
luminoso e sonoro Ogni accensione
Controllare la presenza di danni
Connettori
e la corretta connessione Giornaliero
Controllare monitor per la
Accensione
presenza di messaggi d’errore Giornaliero
Verificare il corretto
funzionamento - Controllare
X ray
lampada e cicalino - Controllare Giornaliero
iride setting e posizione
Controllare il corretto
Base arco C
funzionamento della console Giornaliero

Pending grafia Controllare il funzionamento


Giornaliero
Pedale / Doppio
Controllare il funzionamento
Pedale Giornaliero
Controllare il funzionamento
Movimento verticale
corretto Giornaliero
Controllare il funzionamento
dei monitor - Controllare il
funzionamento della tastiera -
Workstation Controllare lo spazio disponibile
Giornaliero
su disco (si consiglia di
mantenere sempre lo spazio
massimo)

Telecomando Controllare il funzionamento


Giornaliero
Controllare allineamento e
Laser
funzionamento Giornaliero
Controllare funzionamento e
Printer
presenza carta / film Giornaliero

Dicom Verificare il funzionamento


Giornaliero

166   Routine di controllo dell’utilizzatore


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 9 Manutenzione

Controllo RX
Eseguire il seguente controllo giornalmente senza oggetti nel
fascio raggi:
1 Selezionare scopia manuale
2 Selezionare il valore di 60 kV
3 Dare un colpo di RX
4 Selezionare scopia automatica
5 Premere raggi e verificare che il valore kV sia ora 40 - 45 kV

Controllo collimatore iride


Eseguire il seguente controllo giornalmente senza oggetti nel
fascio raggi:
1 Selezionare l’icona collimatore iride nella console base arco Cap.
2 Premere il pulsante raggi.
9
3 Agire sulla manopola della consolle facendo chiudere/aprire il collimatore
iride.
4 Verificare il comportamento sui monitor della workstation.

Controllo puntatore laser


1 Installarlo sull’Intensificatore di Brillanza.
2 Accendere il puntatore laser.
3 Verificare sulla bocca raggi la presenza della croce rossa del laser.

Controllo lampada
Verificare premendo raggi l’accensione della lampada raggi sulla worksta-
tion e sulla base arco insieme al funzionamento dell’indicatore acustico
raggi.

Controllo pulsante di EMERGENZA

Prima di ogni utilizzo dell’apparecchiatura assicurarsi del corretto fun-


zionamento del pulsante di emergenza verificando lo spegnimento del
dispositivo e il blocco del movimento motorizzato del saliscendi.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Routine di controllo dell’utilizzatore   167
9 Manutenzione Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

9.4 Pulizia & Disinfezione


Il Moonray / Moonray Compact deve essere pulito e disinfettato regolar-
mente.

Scollegare il dispositivo dalla rete prima di eseguire la pulizia e la disinfe-


zione. Questo eviterà possibili cortocircuiti.
Non permettere mai a liquidi di entrare nel dispositivo perché potrebbero
provocare cortocircuiti o corrosioni.

La disinfezione e la pulizia deve essere eseguita secondo quanto previsto


per legge.

9.4.1 Pulizia
Le superfici d’alluminio possono essere pulite usando un panno umido e
un detersivo neutro, ed asciugate con un panno asciutto di lana. Non usare
detergenti corrosivi, i solventi, i detersivi abrasivi.
Per conservare la vernice usare una cera antiabrasiva.

9.4.2 Disinfezione
Tutte le parti del dispositivo, compreso gli accessori ed i cavi di collegamen-
to, possono essere disinfettati pulendoli con un panno inumidito con un
agente adatto. Non usare MAI agenti disinfettanti basati su fenoli, agenti
corrosivi o solventi. Se non si è sicuri circa le proprietà di un agente disinfet-
tante, non utilizzarlo.

Non utilizzare spray infiammabili o potenzialmente esplosivi.Non è consi-


gliato utilizzare spray per la pulizia poiché i vapori potrebbero penetrare
all’interno causando cortocircuiti, corrosione o altri danni. In caso di neces-
sità prima dell’utilizzo assicurarsi che il dispositivo sia spento e freddo.

Prima di accendere il dispositivo assicurarsi che non vi siano tracce di vapori.


Per la disinfezione si consiglia un prodotto tipo MadaCide-FD specifico per
uso ospedaliero, registrato EPA. Efficace contro influenza tipo A, HIV, epatite
B e C, TB, MRSA, VRE, SARS, fungicida. Non è corrosivo. (CEI EN 60601-2-43)

9.4.3 Printer
Per la procedura di pulizia della stampante vedere il manuale relativo.

9.4.4 CD / DVD ROM


Per la pulizia utilizzare un “cleaning disk”. Non utilizzare panni o liquidi. Puli-
re solo quando è necessario.
10 Riciclaggio del Dispositivo

168   Pulizia & Disinfezione


© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
10
dispositivo
10
Riciclaggio del

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


10 Riciclaggio del dispositivo Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

10.1 Introduzione
Il dispositivo contiene materiali che sono inquinanti per l’ambiente.
Occorre pertanto prestare attenzione nello smaltimento del dispositivo o
parti di essa qualora si decida di dismetterla dall’uso.

10.2 Trasferimenti del Dispositivo


Nel caso il dispositivo sia ceduto a terzi, deve essere consegnata tutta la
documentazione annessa. Il nuovo utente deve prendere conoscenza del
presente manuale.
Deve inoltre essere comunicato al produttore e conservata traccia scritta
della nuova ubicazione per garantire la rintracciabilità della stessa come
previsto per legge.

10.3 Riciclaggio

INFORMAZIONE AGLI UTENTI


Informazione ai sensi dell’art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n.
151 “Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,
relative alla riduzione dell’uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature
elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti”.
Il simbolo del cassonetto barrato riportato sul dispositivo indica che il pro-
dotto alla fine della propria vita utile deve essere raccolto separatamente
dagli altri rifiuti.
L’utente dovrà pertanto conferire il dispositivo giunto a fine vita a idonei
centri di raccolta differenziata dei rifiuti elettrici/elettronici, oppure riconse-
gnarlo al rivenditore al momento dell’acquisto di un nuovo prodotto equiva-
lente, in ragione di uno a uno.
L’adeguata raccolta differenziata per l’avvio successivo del dispositivo
dismesso al riciclaggio, al trattamento ed allo smaltimento ambientalmente
compatibile contribuisce ad evitare possibili effetti negativi sull’ambiente e
sulla salute e favorisce il riciclo dei materiali di cui è composto il dispositivo
stesso.
Lo smaltimento abusivo da parte dell’utente comporta l’applicazione delle
sanzioni amministrative di cui al D.Lgs. n. 22/1997”

170   Introduzione
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 10 Riciclaggio del dispositivo

10.4 Batterie

10.4.1 Telecomando
Per l’utilizzo del controllo remoto ad infrarossi il telecomando è dotato di
batteria. Per un funzionamento ottimale sostituire la batteria ad intervalli
regolari. Buttare la batteria negli appositi contenitori e non nell’ambiente.

10.4.2 Laser
Per l’utilizzo del puntatore Laser il medesimo è dotato di batteria. Per un
funzionamento ottimale sostituire la batteria ad intervalli regolari. Buttare la
batteria negli appositi contenitori e non nell’ambiente.

10.4.3 UPS Cap.

Per salvaguardare il PC da interruzioni di corrente, che potrebbero danneg- 10


giare il software, la workstation è provvista di UPS (gruppo di continuità).
L’UPS è munito di batterie al gel ricaricabili che non richiedono alcuna ma-
nutenzione. Qualora la batteria si esaurisca buttarla negli appositi conteni-
tori e non nell’ambiente.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Batterie   171
10 Riciclaggio del dispositivo Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

172   Batterie
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
11 Dati tecnici
11

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


11 Dati tecnici Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

11.1 Specifiche

11.1.1 Condizioni Ambientali di Funzionamento


SIMAD garantisce il corretto funzionamento del sistema Moonray / Moon-
ray Compact nelle seguenti condizioni ambientali:

Condizione: Valore:
+10 a + 40 °C (massima)
Funzionamento normale
+10 a + 40 °C (ottimale)
Umidità relativa in funzionamento 10% - 90% (in assenza di condensa)
Stoccaggio -25°C / +55°C
Umidità relativa in stoccaggio 5% - 95%
Pressione 700/1100 hPa
Vibrazione 10 – 150 Hz, 0.35 mm peak

11.1.2 Generatore
Definizione Dati
Tipo Alta Frequenza,Generatore DC
Dati di carico: Fluoroscopia Fuoco 0,3 (IEC 613)
kV range 40-120kV
mA range 0,2-10mA
Dati carico Cinegrafia Fuoco 0,6 (IEC 613)
kV range 40-120kV
mA range 30-80 mA
Dati carico Grafia Fuoco 0,6 (IEC 613)
kV range 40-120kV
mA range fino a 100 mA

11.1.3 Valori Massimi di Funzionamento


Fluoroscopia Grafia
Tensione nominale tubo Rx 120 kV 120 kV
Max Corrente al tubo Rx 10 mA 100 mA (a 80 kV)
Max potenza elettrica assorbita 600 W 6600 W
0,5 mAs (0,02ms,
Min prodotto corrente / tempo
25mA da 40 a 120 kV)

174  Specifiche © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 11 Dati tecnici

11.1.4 Accuratezza mostrata a display


Deviazione sui kV ±4%
Deviazione mA Fluoroscopia ± 10 %
Deviazione mAs ± 10 %
± 20 % accuratezza della camera di ionizzazione
Dose indicata a monitor
utilizzata (60601-1-3 6.4.5)

11.1.5 Misure base per i test d’accettazione


Misurato usando un non invasivo kV pk meter. (Tutti i filtri
kV pk
addizionali devono essere rimossi)
mA Misurati direttamente sul rettificatore ad alta tensione
Il tempo d’esposizione (grafia) è misurato usando la funzione tempo Cap.
Tempo

mAs
del dosimetro.
I mAs sono calcolati facendo il prodotto delle due misure mA e
11
Tempo.

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Specifiche   175
11 Dati tecnici Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Tolleranze ammesse nelle varie misurazioni


Il dispositivo rientra in queste tolleranze di funzionamento, come verificato
dalle prove di serie riportate nel Test Report che accompagna ogni apparec-
chiature nuova:
TENSIONE TUBO – Test Report §3
Tensione Tubo [kV] ± 10 %
Corrente Tubo [mA] ± 10 %
Tempo di esposizione [s] ± 1 % se ≥ 0.1 [s]
MAS [mAs] ± 10 %
FILTRAZIONE TOTALE – Test Report §4
Filtrazione inerente @ 80 kV ≥ 1.8
Filtrazione Totale @ 80 kV Misurata [mm] ≥ 3.5
Half Value Layer @ 80 kV ≥ 2.3
LIMITAZIONI & INDICAZIONI DEL FASCIO RAGGI – Test Report §5
Differenza A+C e B+D 3 % SID
Differenza A+B+C+D 4 % SID
Differenza Centro-Centro 1 % SID
Radiografia
Estensione Fascio Raggi Orizzontale 300 +5/-20
9” 13”
Estensione Fascio Raggi Verticale
240 +5/-20 300 +5/-20
Differenza A+C e B+D 3 % SID
Differenza A+B+C+D [mm] 4 % SID
Differenza Centro-Centro 1 % SID
Diametro Fascio Raggi Campo 13” 300 +10/-20
Fluoroscopia
Diametro Fascio Raggi Campo 9” 210 +10/-20
9” 13”
Diametro Fascio Raggi Campo 7”
155 +10/-20 160 +10/-20
Diametro Fascio Raggi Campo 4” 110 +10/-20
DISPERSIONE DI RADIAZIONE – Test Report §6
Dispersione in stato di carico @ 1 m [mGy/h] ≤ 1.0
Dispersione fuori stato di carico @ 5 cm [µGy/h] ≤ 20
LINEARITA’ & RIPRODUCIBILITA’ DEL KERMA DI RADIAZIONE – Test Report §7
Valori tipici (tolleranza ± 10 %)
Air Kerma
Minimo Massimo
80 [kV] – 0.1 [s] – 25/100 [mA] 7 35
80 [kV] – 25 [mA] – 0.02-3 [s] [nGy] 1 380
80 [kV] – 7.5 [mAs] – (25-75 [mA] – 0.1-0.3[s]) 22 38
FUNZIONAMENTO DELL’AERC – Test Report §9
Valori tipici (tolleranza ± 20 %)
Fluoroscopia Automatica
[kV] [mA] [nGy/s]
Campo 13” 55 1.5 3400
Campo 9” 70 2.5 19000
10 mmAl
Campo 7” 84 2.8 34000
Campo 4” 110 2.9 76000
Campo 13” 65 2.4 2500
Campo 9” 82 2.8 12000
20 mmAl
Campo 7” 100 2.9 24000
Campo 4” 116 2.9 40000
RISOLUZIONE – Test Report §10
≥ 8 campo 13”
≥ 10 campo 9”
Coppia di linee visibili – Fluoroscopia Manuale @ 40 [kV] – 0.5 [mA] [lp/cm]
≥ 14 campo 7”
≥ 20 campo 4”

176  Specifiche © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 11 Dati tecnici

11.2 Inserto Tubo RX


Tipo Anodo rotante
Costruttore IAE SPA
Modello RTM 70 (HS)
Potenza nominale Fuoco Piccolo 6kW (3000 rpm IEC 613)
Potenza nominale Fuoco Grande 25kW (3000 rpm IEC 613)
Potenza nominale Fuoco Piccolo 10 kW (10000 rpm IEC 613)
Potenza nominale Fuoco Grande 45 kW (10000 rpm IEC 613)
Diametro Anodico 73 mm
Capacità termica anodica 225 kj (300kHU)
Dissipazione continua massima 750 W
Materiale anodico RTM
Angolo Anodico 10º Cap.
11
Macchie Focali 0,3 – 0,6 (IEC 336)
Filtrazione inerente 0,7 mm Al eq (IEC 522)
Alta tensione nominale 130 kV
Massima corrente di filamento 5,4 A

Tipo Anodo rotante


Costruttore IAE SPA
Modello X 20 P
Potenza nominale Fuoco Piccolo 5 kW (3000 rpm IEC 613)
Potenza nominale Fuoco Grande 17 kW (3000 rpm IEC 613)
Diametro Anodico 64 mm
Capacita` termica anodica 150 kj (200kHU)
Dissipazione continua massima 300 W
Materiale anodico RTM
Angolo Anodico 10º
Macchie Focali 0,3 – 0,6 (IEC 336)
Filtrazione inerente 0,7 mm Al eq (IEC 522)
Alta tensione nominale 130 kV
Massima corrente di filamento 5,4 A

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Inserto Tubo RX   177
11 Dati tecnici Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

11.3 Monoblocco
DEFINIZIONE SPECIFICHE
Costruttore Simad srl
Modello HF0 R/2 20K/2 RTM70
Modello HF0 R/2 20K/2 X20P
Tensione nominale monoblocco 120 kV
Filtrazione inerente minima @ 75 kV 1,4 mm Al
Strato emivalente @ 75 kV 2.0 mm Al

DEFINIZIONE SPECIFICHE
Costruttore IMD Spa
Modello HF2
Tensione nominale monoblocco 120kV
Filtrazione inerente minima @ 75 kV 1,4 mm Al
Strato emivalente @ 75 kV 2.0 mm Al

11.4 Collimatori Iride


Definizione Versione 9’ Versione 13’
Minimo diametro d’apertura < 7 cm < 5 cm
Regolazione Passi Passi

11.5 Collimatore Semitrasparente


DEFINIZIONE SPECIFICHE
Regolazione finestra Tutto chiuso/ tutto aperto
Rotazione 360
Regolazione Remota
Semitrasparente A lamelle vincolate (2)

11.6 Fattore di radiazione di perdita


CONDIZIONI DI PROVA VALORE
Fluoroscopia 120kV 3mA @ 1m ≤ 1 [mGy/h]
Macchina accesa senza emissione raggi @ 5c ≤ 20 [µGy/h]

178   Monoblocco
© Copyright SIMAD srl 2013
Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 11 Dati tecnici

11.7 Temperatura monoblocco


AVVISO TEMPERATURA OLIO
Indicazione a video Temperatura <67° +/- 3°
Acustico intermittente e Visivo Temperatura >67° +/- 3°

11.8 Calore Immagazzinato dall’Anodo


É visualizzata un’icona con gradini progressivi che indicano i joule forniti
all’anodo. In questo modo si ha una guida per non avere danneggiamenti
all’anodo da sovraccarico. Cap.
11
11.9 Griglia
DEFINIZIONE SPECIFICHE
Tipo Circolare
Materiale Fibra di carbonio
Ratio h/D (ccd 1k x 1k) 17
Ratio h/D (ccd 576 x 782) 12
Linee/cm (ccd 1k x 1k) 70
Linee/cm (ccd 576 x 782) 40

11.10 Intensificatore di Brillanza


DEFINIZIONE SPECIFICHE
Tipo 9’ tre campi
Dimensioni campi di ingresso 210 / 155 / 110 mm +10/-20mm
Distanza piano esterno di ingresso –
71,5 mm +/-1mm
schermo ingresso intensificatore
Tipo 13’ quattro campi
Dimensioni campi di ingresso 300 / 210 / 160 / 120 mm +10/-20mm
Distanza piano esterno di ingresso –
76 mm +/-1mm
schermo ingresso intensificatore

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Intensificatore di Brillanza   179
11 Dati tecnici Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

11.11 Telecamera
DEFINIZIONE SPECIFICHE
Tipo A ccd ad alta risoluzione
Scansione Progressiva
Uscita Camera Link
Matrice 1K x 1K
Ottica Lenti ad altissima qualità

DEFINIZIONE SPECIFICHE
Tipo A ccd ad alta risoluzione
Scansione Interfacciata
Uscita Video 75 Ohm
Matrice 752 x 582 12bit
Ottica Lenti ad altissima qualità

11.12 Monitor
DEFINIZIONE SPECIFICHE
Tipo LCD TFT SIEMENS 18” monocromatico
Risoluzione Max. 1280 x 1024 schermo intero
Contrast Ratio Tipico 400 : 1
Luminosità` immagine Tipico 700 Cd/m²

Tipo LCD TFT SIEMENS 19” monocromatico


Risoluzione Max. 1280 x 1024 schermo intero
Contrast Ratio Tipico 900 : 1
Luminosità` immagine Tipico 1000 Cd/m²

Tipo LCD TFT TECNINT 19” monocromatico


Risoluzione Max. 1280 x 1024 schermo intero
Contrast Ratio Tipico 900 : 1
Luminosità` immagine Picco 1000 Cd/m²

Tipo LCD TFT TECNINT 19” colore


Risoluzione Max. 1280 x 1024 schermo intero
Contrast Ratio Tipico 800 : 1
Luminosità` immagine Picco 270 Cd/m²

180  Telecamera © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 11 Dati tecnici

11.13 Imaging digitale


DEFINIZIONE SPECIFICHE
Matrice d’acquisizione 1024 x 1024 12bit
Capacita` minima disco 120 Mb
Principali processi Sottrazione digitale / Roadmapping
Zoom / Measure / Real time pixel shift
Landmarking / Inversione dei grigi
Matrice d’acquisizione 752 x 582 12bit
Capacità minima disco 120 Mb
Principali processi Zoom / Measure / Inversione dei grigi

Cap.
11.14 Alimentazione 11
DEFINIZIONE SPECIFICHE
Voltaggio 115, 230, 240 V
Max deviazione di Voltaggio ± 10 %
Configurazione Monofase (Fase, Neutro, Terra)
Frequenza 50, 60 Hz
Max deviazione di frequenza ± 1 Hz

Prima di connettere il sistema alla rete d’alimentazione elettrica, l’operatore


deve accertarsi che la presa di rete sia omologata per i requisiti di corren-
te e tensione necessari al funzionamento del sistema stesso. La presa del
quadro corrente deve essere provvista di una connessione di terra secondo
quando previsto dalle leggi cogenti presenti.
In caso di non conformità, consultare il personale qualificato dell’ente dove
è installato il sistema e il servizio di assistenza tecnica SIMAD.
Non dovrebbero essere installati interblocchi sulle porte dei locali conte-
nenti l’apparecchio. (CEI EN 60601-2-43 - § 6.8.3 aa)

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Alimentazione   181
11 Dati tecnici Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

11.15 Optional, Accessori e Parti Staccabili


Per informazioni su nuovi accessori e disponibilità rivolgersi al servizio clien-
ti SIMAD.

Elenco accessori – parti staccabili:


DESCRIZIONE CODICE
Pending, comando di Grafia ES4037
Pedale Singolo scopia - Doppio scopia/cine ES6042 / ES6097
Distanziale fuoco-pelle 1k D00789Z1
Cavo arco-workstation ES6185
Cavo arco-workstation EASY ES6191

Elenco optional:
DESCRIZIONE CODICE
Telecomando ad infrarossi EG8509
UPS gruppo di continuità ES6220
Centratore laser 9” / 13” EG8525 / EG8526
Portacassette 9” / 13” ES4035 / ES4079
Sistema Firewall BZZ60000
Piano Mano ES4108
Stampante SONY UP-D72XR ES6139
Stampante SONY UP-970AD ES6241
Stampante SONY UP-D897 ES6240
Kit Teli Sterili monoblocco ventilato / Ortho ESATELI001 / 002
DipCOn, scheda controllo inverter ES4009

11.16 Dimensioni e pesi


Fare riferimento alla scheda tecnica del modello desiderato.

182  Optional, Accessori e Parti Staccabili © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 11 Dati tecnici

11.17 Dispersione RX

Cap.
11

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Dispersione RX   183
11 Dati tecnici Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

11.18 Etichettatura

Etichetta matricola

NUMERI DI SERIE: 0000-0000-00 = AAMM – XXXX – XX


AA = ANNO.
MM = MESE
XXXX = PROGRESSIVO SERIE
XX = VERSIONE.

Spiegazione dei simboli utilizzati:

Rifiuto speciale. Vedere le


Marcatura CE attestante il rispetto
avvertenze al paragrafo 10.3 di
dei requisiti di sicurezza in vigore
questo manuale

L’apparecchio presenta una parte


Indicazione del costruttore
applicata di tipo B

Avvertenza generica. Consultare le


Anno di fabbricazione
istruzioni prima dell’utilizzo

184  Etichettatura © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 11 Dati tecnici

11.19 Rumore
Il massimo livello di rumorosità di picco è pari a 80dB(A) riferito all’attivazio-
ne del freno di stazionamento a pedale dell’arco a C.

11.20 Filtrazione
DEFINIZIONE VALORE
FILTRAZIONE INERENTE 1.8 [mmAl] @ 80 [kV]
FILTRAZIONE TOTALE 3.5 [mmAl] @ 80 [kV]

Cap.
11
11.21 Risoluzione
Risoluzione [lp/cm] Campo 13” Campo 9” Campo 7” Campo 4”
Valore MINIMO 8 10 14 20
Valore tipico Moonray 576 12 18 20 22
Valore tipico Moonray 1k 16 22 28 34

11.22 Estensione del campo di radiazione


Estensione [mm] Grafia Campo 13” Campo 9” Campo 7” Campo 4”
Moonray 9” 300x300 +5/-20 -- 210 +5/-20 155 +5/-20 110 +5/-20
Moonray 13” 300x240 +5/-20 300 +5/-20 210 +5/-20 160 +5/-20 110 +5/-20

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Estensione del campo di radiazione   185
11 Dati tecnici Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

186  Estensione del campo di radiazione © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
12
/ Comandi
12
Elenco Icone
Console

Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013


12 Elenco Icone / Comandi Console Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

12.1 Elenco icone/comandi

Avvertimento Azione Non Attivazione regolazione


1 18
Ammessa diaframma ad iride
Macchia focale piccola,
2 selezionata automaticamente in Attivazione apertura / chiusura
19
modalità Fluoroscopia. filtro compensatore
Macchia focale grande,
3 selezionata automaticamente in Attivazione rotazione filtro
20
modalità Radiografia. compensatore

4 Preparazione all’esposizione 21 Ribaltamento orizzontale

5 Stato del generatore raggi x 22 Ribaltamento verticale

6 Stato rotante 23 Campo massimo

7 Rotazione anodo a bassa velocità 24 Campo medio

8 Rotazione anodo ad alta velocità 25 Campo piccolo

9 Alimentazione corretta 26 Campo minimo

La rete d’alimentazione fornisce


10 una tensione superiore alla soglia 27 Controllo Automatico
massima di funzionamento.
La rete d’alimentazione fornisce
11 una tensione inferiore alla soglia 28 Controllo Manuale
minima di funzionamento.

12 Livello termico iniziale 29 Controllo Manuale per Radiografia

13 Livello termico basso 30 Tempo d’esposizione

14 Livello termico medio Visualizzazione / Regolazione


31
tensione

Visualizzazione/regolazione
15 Livello termico alto 32 corrente. Visualizzazione tavole
esposimetriche
Autonomia del sistema raggiunta.
16 33 12 impulsi/sec
Surriscaldamento Anodo.

17 Attivazione rotazione telecamera 34 6 impulsi/sec.

188  Elenco icone/comandi © Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013 12 Elenco Icone / Comandi Console

35 4 impulsi/sec. 52 Errore comunicazione

36 2 impulsi/sec. 53 Errore scheda principale arco

37 1 impulsi/sec. 54 Errore dei diaframmi

38 1 impulso ogni 2 sec. 55 Errore filamento

Cap.
39 DR (Digital Radiography) 56 Errore di tensione
12
40 Fluoroscopia Continua
Consolle touch screen
41 12 impulsi/sec
57 Visualizza menù Manutenzione

42 6 impulsi/sec.
58 Incrementa valore

43 4 impulsi/sec.
59 Decrementa valore

44 2 impulsi/sec. 60 Apertura iride

45 1 impulsi/sec. 61 Chiusura iride

46 1 impulso ogni 2 sec. 62 Apertura semitrasparente

Esposizione continua Pulsata 25


47 63 Chiusura semitrasparente
imp/sec

Rotazione in senso orario


48 Esposizione pulsata 12 imp./sec 64
telecamera o semitrasparente

Rotazione in senso antiorario


49 Errore anodo rotante 65
telecamera o semitrasparente

50 Batteria scarica

51 Errore nella catena video

© Copyright SIMAD srl 2013


Totale pagine documento: 190 Elenco icone/comandi   189
Manuale uso MOONRAY - Rev.21 - 29/01/2013

Manuale d’uso

ISO 9001:2008 ISO 13485:2004

A Sago Medica Company

www.simad.net
info@simad.net SIMAD | MADE IN ITALY

SIMAD s.r.l. RICERCA & SVILUPPO VENDITA & MARKETING NUMERO VERDE
Società Unipersonale PRODUZIONE AMMINISTRAZIONE ASSISTENZA TECNICA
CENTRO DI FORMAZIONE
“Direzione e coordinamento di Via XXV Aprile 22 Via Zallone 25
Sago Medica s.r.l.” 41037 Mirandola, Modena 40066 Pieve di Cento, Bologna
Tel: +39 0535 24 305 Tel: 39 051 686 08 11
Fax: +39 0535 25 010 Fax: +39 051 686 12 46