Sei sulla pagina 1di 8

Anno 8 - Novembre 2012 - Periodico di informazione e cultura territoriale a cura dell’Associazione culturale Cara Garbatella - Distribuzione gratuita

Campidoglio 2 - Si riparte?
Aggiudicata la gara d'appalto per i nuovi uffici di Roma Capitale Solodali con
Carla Di Veroli
Carla Di Veroli, assessora alla
Cultura con delega alla Memoria del
di Eraldo Saccinto

A
eccessivamente frammentata, riqua- circa 2 anni e mezzo ed il nostro Municipio, è stata insultata e
ppena insediato, il sindaco lificando fortemente la qualità dei risparmio previsto è di offesa sul WEB attraverso un forum
Alemanno azzerò il vecchio servizi e il rapporto con il cittadino". circa 30 milioni di euro razzista presente su Waterfront
concorso per Campidoglio Lo spostamento degli uffici riguar- l'anno. Italia, un sito palesemente neonazi-
Due, rinunciando al progetto vincito- derà gran parte della struttura ammi- La realizzazione di sta. L'assessora è stata derisa per le
re del concorso internazionale lan- nistrativa capitolina, mentre solo Campidoglio Due, con la sue origini ebraiche, per la solidarie-
ciato da Veltroni, quello del team di alcuni settori continueranno ad occu- trasformazione delle aree tà da lei espressa verso le organizza-
Mario Cucinella. La gara, all'epoca, pare le sedi attuali, in particolare dove sarà ospitata il nuovo zioni gay, nonché per essersi a suo
aveva visto in campo numerosi studi quelle che si trovano tra il Colle polo, e le connessioni con tempo opposta all'intitolazione di
Capitolino e quelle circostanti, saranno una strada al fascista della repubbli-
Via Petroselli, occasione di ricucitura dei ca di Salò e ex segretario dell'MSI
secondo una diversi settori e motore della riquali- realtà di quartieri con una forte iden- Giorgio Almirante. Nell'attacco si è
strategia di ficazione di un'area che, nonostante tità locale - come Garbatella, San richiamato il fatto che l'assessora sia
delocalizza- la sua posizione centrale e la sua alta Saba, Testaccio - aree industriali dis- nipote di Settimia Spizzichino, l'uni-
zione dalle accessibilità, risulta oggi disgregata e messe e in corso di trasformazione ca donna sopravvissuta ai rastrella-
aree più cen- isolata. Il contesto territoriale presen- quali l'ex Mattatoio, l'area Italgas, ex menti del Ghetto, definita sprezzan-
trali e di accor- ta infatti un mix particolarmente Mercati Generali, ex Manifattura temente "olomiracolata" nei campi
pamento degli complesso, in cui a funzioni alte - Tabacchi - ed elementi storici e pae- di sterminio. Carla Di Veroli è stata
uffici lanciata quali Università, uffici direzionali, sistici quali il Parco dell'Appia Anti- anche accusata di doppiezza, per
dalla Giunta sedi di rappresentanza - si affiancano ca, il Tevere e le Mura Aureliane. presentarsi da noi come persona
Veltroni. democratica e all'estero come sioni-
Nello stori- sta, "tanto da deridere i pacifisti
co sito del
E' uscito a fine ottobre il nuovo libro di Gianni Rivolta della Freedom Flottilla".
Campidoglio
saranno man-
“Dalla Villetta ai Gazometri” Cara Garbatella esprime a Carla la
più viva solidarietà, nel momento in
tenuti gli orga- Una ricerca storica incrociata con la vita nei nostri quartieri nei primi cui si moltiplicano qua e là rigurgiti
In biancol'ex manifattura tabacchi.In rosso l'area dove deve sorgere ni politici e le
anni del dopoguerra. La presentazione alla Garbatella neonazisti o quando si innalza in una
il Campidoglio2.
funzioni di l'8 novembre al Teatro Ambra di Piazza Giovanni da Triora cittadina del Lazio addirittura un
italiani e stranieri. Evidentemente, il r a p p r e s e n t a n z a di Giancarlo Proietti monumento al criminale di guerra
progetto preliminare, che comunque dell'Amministrazione, mentre nella Rodolfo Graziani.n
costò all'amministrazione comunale nuova sede saranno concentrate le
500mila euro previsti come compen- funzioni amministrative, tecniche e Pagina 2
so al vincitore, non era piaciuto alla di relazione con il pubblico. Nel Lavori pubblici nel quartiere:
nuova Giunta. Ora, l'intervento nuovo polo saranno accorpati uffici e ed ora tiriamo le somme
riparte, sarà realizzato in projectfi- dipartimenti per un totale di 4350 dalla Redazione
nancing, col duplice obiettivo, otti- addetti. La realizzazione di Pagina 4 e 5
mizzare l'attività attraverso il rispar- Campidoglio Due prevede nuove Callisto, il papa che non trovò posto
nella catacomba che aveva costruito
mio sugli affitti e di riqualificare l'a- edificazioni per un totale di 134.700
di Cosmo Barbato
rea urbana interessata, motivandolo mq: 53.300 mq di uffici, 13.500 di
esattamente con le stesse spiegazioni archivi, 59.400 di parcheggi, 8.600 Grande successo all’ottava edizione
della precedente amministrazione. per servizi alla cittadinanza. Il pro- del Garbatella Jazz Festival
Tant'è, comunque, l'appalto è stato gramma prevede la ristrutturazione di Benedetto Mercuri

L
aggiudicato finalmente all'Impresa dell'ex Manifattura Tabacchi, la sua
Pagina 6
Astaldi Spa. L'ha annunciato l'asses- urbanizzazione, la realizzazione di a storia dei partiti politici e le lotte popolari nel primo dopoguerra nella
sore al Patrimonio e Casa di Roma parcheggi, verde pubblico, piazze e zona industriale di Roma e nei quartieri Iacp di Garbatella e Testaccio-
Capitale, Lucia Funari, in una nota spazi pedonali. San Saba. E' questo l'argomento del nuovo libro di Gianni Rivolta, che
nella quale si sottolinea che "la rea- L'investimento previsto da parte si apre con la presentazione di Massimiliano Smeriglio e Continua apag .3
lizzazione di Campidoglio Due per- dei privati per la realizzazione del
metterà la razionalizzazione del progetto è di circa 193 milioni di
sistema delle sedi e degli uffici cen- euro, da realizzarsi a fronte di un
trali dell'Amministrazione Capitoli- canone annuale di offerta di 15 Gli alunni diversamente abili
na, ottimizzando il funzionamento milioni di euro per un periodo di 25 senza assistenza scolastica
della macchina amministrativa oggi anni. Il progetto sarà ultimato in di Eraldo Saccinto
Pagina 7
Lorenzo Petrucci, sedici anni primo
nell'Easykart classe 125 Master
di Claudio Cima

1
Anno 8 - Novembre 2012

Lavori pubblici nel quartiere:


ed ora tiriamo le somme
dalla Redazione

S
residuo dei
iamo alla fine dell'anno ed è bombarda-
tempo di tirare le somme, di menti del '44,
misurare cioè quel che si è rea- e l'edifica-
lizzato rispetto a quanto programma- zione di
to. Un rendiconto con una marcia in nuovi manu-
più quando parliamo di interventi tesi fatti, per un
a migliorare la vita della comunità totale di circa
nella quale viviamo. 5000 metri
Molti sono stati gli interventi di cubi, come
manutenzione edilizia, altri stanno prescritto dal
partendo, per una spesa complessiva nuovo Piano
di oltre 6 milioni di euro. Nella tipo- Regolatore.
logia degli interventi si va dalla Sono state
manutenzione straordinaria per l'ade- inoltre avvia-
guamento alla legge 626/94 della te le proce- verso Via di Villa Belardi e Via delle In tutto questo bailamme di attività,
Scuola Cesare Battisti e della dure prelimi- Sette Chiese. Regolare l'intersezione progettate ed eseguite, si trova anche
Leonardo Da Vinci, ai lavori di riqua- nari che por- con un semaforo non è stato possibi- qualche nota fuori posto, e riguarda
lificazione e ristrutturazione degli teranno alla le: sarebbe stato necessario, infatti, principalmente la disastrosa situazio-
istituti superiori e la manutenzione riqualifica- impedire alcune manovre di svolta, ne dell'antico ponticello di Piazza
straordinaria di alcuni edifici in Via zione di ovvero istituire una regolazione a Biffi e l'incuria dimostrata verso il
Costantino e in Via delle Sette Chiese. P i a z z a quattro fasi semaforiche, che avrebbe portale di Via delle Sette Chiese, ai
Per quel che riguarda la manuten- Pecile. ulteriormente complicato il deflusso. quali il nostro giornale ha già dedica-
zione stradale, un intervento impor- Sopra il portale di accesso alla tenuta di monsignor Nicolai in attesa di Per ciò che Con la soluzione individuata, cioè la to più di un intervento. Il primo è un
tante è stato il rifacimento dei marcia- un vero restauro, più volte il nostro giornale ha denunciato lo stato di c o n c e r n e rotatoria compatta, si è in grado di manufatto, recuperato durante l'ope-
piedi di Viale Guglielmo Massaia, abbandono. A destra il rifacimento dei marciapiedi alla fine di viale invece i lavo- limitare la velocità dei veicoli in razione di scavo per il parcheggio sot-
dove sono state ripristinate le albera- Massaia incrocio piazza Biffi. ri a Piazza entrata, incanalando le manovre su terraneo, ed è ancora in attesa di un
ture, e quello di Via Prospero Alpino, Ignazio Persico e Circonvallazione Oderico da Pordenone, è opportuno una apposita corsia. Saranno conse- intervento di consolidamento e di una
prodromo degli interventi per Ostiense, nel tratto dei negozi com- un approfondimento. La piazza è un guentemente sistemati gli spazi pedo- barriera di protezione. L'altro è l'uni-
Campidoglio 2. Aggiungiamo la preso tra Via Usodimare e Via di nodo in cui converge il traffico che nali e i passi carrabili laterali. L'intero co superstite dei dodici accessi dell'e-
nuova asfaltatura di Via Rosa S.Galla. entra e esce dalla Garbatella. Da un intervento è stato coordinato con il norme tenuta settecentesca di monsi-
Guarnieri Carducci in cui è stato rifat- Inoltre sta per essere avviato l'ap- lato da Via Massaia, dall'altro da Via progetto previsto dal "Contratto di gnor Nicolai (su di esso è quasi certo
to lo square, di Via Girolamo palto per la manutenzione straordina- Macinghi Strozzi, da Via Genocchi e quartiere Garbatella". La riorganizza- che ci fu l'intervento del grande archi-
Benzoni, di Via della Moletta e di Via ria di alcune delle strade più interne da Via Rosa Raimondi Garibaldi. E', zione di Piazza Oderico da Pordenone tetto Valadier): si trova sulla recinzio-
Palos. Sono stati, inoltre, effettuati della Circonvallazione Ostiense tra in termini tecnici, una intersezione a è un esempio di attuazione dei piani ne della "Libera Università San Pio
interventi di manutenzione straordi- cui Via Usodimare, Via Citerni, Via cinque braccia non semaforizzata, del traffico del "Piano Generale del V", trascurato e assediato da piante
naria in strade e marciapiedi di Piazza Candeo, Via Frediani e Via Camperio. dove mancano canalizzazioni e Traffico Urbano", che puntano alla infestanti. Tempo fa, per interessa-
Longobardi, Piazza Pantera, Via E' poi programmato un intervento di segnaletica adeguate, per cui la circo- riduzione dei livelli di inquinamento, mento di padre Guido Chiaravalli, su
Roberto De Nobili, Via Fincati, riqualificazione dell'area di Via lazione è spesso lenta e, soprattutto, alla riduzione dell'incidentalità e al di esso fu eseguito un superficiale
Vicolo della Garbatella, Via Benzoni che riguarderà l'abbattimen- poco sicura. Attualmente sono con- miglioramento delle condizioni di cir- intervento. Occorre invece un vero
Guglielmotti, Via Magnaghi, Via to del rudere presente in quella strada, sentite tutte le manovre, anche quelle colazione. restauro e una messa in sicurezza.n

PETIZIONE

Raccolta firme per la sicurezza Per garantire la sicurezza dei pedoni in prossimità dell'incrocio tra Via
Macinghi Strozzi, Via Anna Maria Taigi e Via Filippo Tolli. Questo incrocio

di Via Alessandra Macinghi Strozzi


rappresenta un passaggio obbligato per tutti coloro che intendono recarsi a
piedi presso:
" i giardini pubblici Monsignor De Nobles
" l'oratorio San Filippo Neri
" la parrocchia di Via delle Sette Chiese
settembre presso il parco di " il mercato ortofrutticolo di Via Rosa Raimondi Garibaldi
Via Rosa Raimondi " il parco pubblico di Via Rosa Raimondi Garibaldi
Garibaldi) ad ospitare presso " l'Istituto Cesare Baronio
uno degli stand la raccolta " l'Università San Pio V
delle firme. Se non dovesse- " la Regione
ro bastare le firme ottenute Si tratta di un flusso di persone elevatissimo, soprattutto bambini e anziani,
durante questo evento, pro- quotidianamente esposte al rischio di essere investite a causa dell'elevata velo-
seguirò nella raccolta delle cità dei veicoli che percorrono Via Macinghi Strozzi, un tratto di strada che per
sottoscrizioni anche grazie circa 800 metri risulta privo di semafori. Come testimoniano i numerosi inci-
all'interesse e al supporto denti avvenuti negli anni, anche recentemente, le strisce pedonali non rappre-
che sto riscontrando in tutti i sentano una soluzione adeguata per garantire la sicurezza dei pedoni, anche per
cittadini abitanti nei nume- via delle macchine spesso parcheggiate in prossimità del suddetto incrocio o
rosi palazzi presenti nelle addirittura sopra le strisce. Per evitare ulteriori vittime, si richiede pertanto al
zone limitrofe ad ambo i lati Comune di Roma e al Municipio XI di intervenire con urgenza con l'installa-
di Via Macinghi Strozzi. zione di un semaforo a chiamata in prossimità di questo incrocio o alternativa-
Una volta raccolto un nume- mente con dossi artificiali lungo Via Macinghi Strozzi o qualsivoglia sistema di
ro sufficiente di firme (mi rallentamento della velocità ad effetto ottico, acustico o vibratorio compatibile
sono prefissato un minimo con le normative vigenti.
di circa 500) provvederò ad
allegare le stesse a una lette-
ra da inoltrare a tutti i
responsabili presso il

S
ono un abitante del quartiere scorso: vedi http://www.caragarba- Comune di Roma e l'XI Municipio
Garbatella che, stanco di dover tella.it/index.php/2004/54-ottobre- affinché adottino con urgenza prov-
rischiare la propria vita e quel- 2004/599 ("Piazza Oderico da vedimenti concreti, quali ad esempio
la delle proprie bimbe per attraversa- Pordenone e Via Macinghi Strozzi, a l'installazione di un semaforo a
re Via Macinghi Strozzi, angolo Via rischio la sicurezza stradale") Visto richiesta.Non so se vorrete supportar-
Tolli, e dopo avere assistito in questo che l'impegno del comitato di Lotto mi nella battaglia che sto conducen-
punto a numerosi incidenti, ha deciso non ha sortito effetti, ho pensato che do pubblicizzando questa petizione
di avviare una raccolta di firme per solo coinvolgendo un maggior nume- sul vostro sito. Io in ogni caso vado
convincere il Comune e il Municipio ro di abitanti (ed elettori) potesse avanti e magari tra meno di un anno
XI a trovare una soluzione al proble- sensibilizzare le istituzioni preposte riuscirò ad evitare che qualche altra
ma. ad intervenire. A tale proposito vole- persona lasci le penne in quel punto
Si tratta dello stesso tema che sol- vo segnalare che sono riuscito a con- maledetto. A fianco la nota che tenta
levato da Cara Garbatella in data 9 vincere gli organizzatori della festa di spiegare le ragioni della petizione.
luglio di Legambiente (svoltasi dal 13 al 16 Stefano Guicciardi

2
Anno 8 - Novembre 2012

Gravi problemi di viabilità Da pag 1

una suggestiva testi-


Dalla Villetta ai Gazometri

nell'area intorno a Eataly


monianza di Cosmo
Barbato e che verrà
presentato il prossimo
8 novembre alle ore
16,30 presso il Teatro
Criticità esistenti a Via Matteucci, Via Benzoni e Piazzale 12 ottobre 1492. I disagi e le pro- Ambra, in Piazza
poste degli abitanti della zona. Le iniziative dell'associazione "Insieme per l'Ostiense" Giovanni da Triora
15, alla Garbatella.
di Fulvio De Pascale per l'associazione insieme per l'ostiense
Si tratta di una
ricerca storica, i cui
protagonisti sono i
facchini dei Mercati
generali, i macellai
del Mattatoio, gli ope-
rai dell'Ottica mecca-
nica, i gassisti delle
Officine di San Paolo,
gli edili e le donne dei
quartieri popolari,
mossi da grandi spe-
ranze di cambiamento
e di giustizia sociale,
impegnati strenua-
mente in quegli anni
dopo la Liberazione di
Roma nelle battaglie contro la disoccupazione, il carovita e per i miglioramen-
di Eataly, il col rosso, chi suona, chi impreca, ti contrattuali. Ad organizzare questi uomini e queste donne furono la Camera
traffico è ecc. del lavoro, i sindacati e i giovani partiti usciti dalla Resistenza: il nuovo Pci di
aumentato in Allora è da chiedersi: Togliatti, la Democrazia cristiana, il Psi e il Partito d'Azione, ma anche le forze
maniera -È possibile che nella Capitale si che per la pregiudiziale antimonarchica non avevano aderito al Comitato di
esponenziale possa aprire un esercizio commercia- Liberazione nazionale come il Partito Repubblicano e il Movimento comunista
specie sulla le così importante e grande e d'Italia, meglio conosciuto come "Bandiera Rossa" dal nome del giornale omo-
direttrice Via l'Amministrazione comunale non nimo.
Ostense- Via preveda controlli ed un presidio per- Ancora una volta Gianni Rivolta, come aveva fatto nei "Ribelli di Testaccio,
Matteucci (è manente di vigili, e non vengano Ostiense e Garbatella" (ed. Cara Garbatella 2006), ripercorrendo le vicende di
stato festeg- chiesti controlli di polizia o carabi- questi quartieri sulla riva sinistra del Tevere e l'impegno politico dei suoi abi-
giato già in nieri ? tanti, racconta la storia della città di Roma e i passaggi salienti della vita nazio-

D
luglio il -E' possibile che, nonostante vari nale, dalle prime elezioni amministrative per il Campidoglio nel novembre del
Il 5 giugno, a nome milione di visitatori a Eataly) e che si abitanti di Via Matteucci e Via '46 a quelle per la Costituente, dal referendum Monarchia-Repubblica fino al 18
dell'Associazione Insieme è creato il caos al semaforo di Via Benzoni si lamentino e forniscano la aprile del 1948. In più di 200 pagine, corredate da inedite foto d'archivio, l'au-
per Ostiense, avevamo scrit- Matteucci il cui verde dura 40 secon- soluzione del problema al semaforo tore ci conduce per mano in quei quattro anni della vita politica romana, densi
to una lettera indirizzata al sindaco, di alternato al rosso (con possibilità (piccolo spostamento della linea di di avvenimenti straordinari.
all'assessore alla Mobilità di svolta a destra su Via Benzoni con mezzeria per consentire il transito Tra le righe del testo non c'è spazio per la retorica, tant'è che vengono narra-
Aurigemma e al presidente e al vice- durata 30 secondi). Pur essendo pre- verso Via Benzoni, nonostante la ti anche episodi tragici e scomodi come l'uccisione di Angela Novelli, colpita
presidente del Municipio Roma XI, sente da anni il divieto di sosta con sosta dei mezzi in divieto di sosta- sul terrazzo del lotto 2 in Via della Garbatella da un proiettile sparato dalle
in previsione dell'apertura di Eataly zona rimozione dal civico 128 di Via zona rimozione) a nessuna venga in colonne alleate mentre imboccavano Via delle Sette Chiese o l'omicidio in
dentro l'ex Terminal Ostiense, chie- Matteucci fino all'angolo, le violazio- mente di venire a vedere e risolvere Villetta di Martino Malù due giorni dopo la Liberazione. A sparare sul militan-
dendo che venissero presi provvedi- ni non solo non sono state mai definitivamente il problema, magari te del Pci, scambiato per un ladro, da una finestra del primo piano della Villetta,
menti idonei ad evitare il caos per la represse in maniera idonea ma spesso prevedendo una grande rotatoria che fu il mitra di un partigiano, di cui non si saprà mai l'identità. E ancora le storie
viabilità ed i parcheggi. Nella missi- alcuni veicoli sostano anche in elimini l'incrocio ed il relativo sema- drammatiche dei vecchi confinati allontanati dal Pci come quella del maestro
va erano state evidenziate le criticità seconda fila. Tutto ciò comporta per foro? Jatosti o del capopolo della borgata di Shangai Pippo De Cupiis, detto
già esistenti sia relative al semaforo chi abita in quel punto il disturbo -Possibile che nessuno si preoccu- "Marsaletta".
all'incrocio con Via Matteucci, Via continuo del suono dei clacson dei pi del fatto non siano state ripristina- Emergono in queste pagine testimonianze orali di grande valore storico, ma
Benzoni e Piazzale 12 ottobre 1492 e veicoli che, provenendo da Via te le strisce e la segnaletica orizzon- anche rari documenti d'archivio. E' il caso della relazione di scioglimento della
l'utilizzo dei parcheggi su tutto il Ostiense e diretti a Via Benzoni , tro- tale all'incrocio né le corsie di prese- Settima zona dei Gap del Pci, stilata dal commissario politico Giovanni
piazzale citato, sia circa i molto scar- vando la corsia impegnata, non lezione, considerando i rischi per i Valdarchi, l'organigramma completo dei patrioti lasciato nel fondo di Roberto
si controlli dell'Atac sulla sosta tarif- riescono agevolmente a girare a pedoni diretti anche verso i treni Forti alla Fondazione Gramsci, l'occupazione di Bandiera Rossa della Scuola
fata su Via Matteucci . Qualche gior- destra. Sono stati anche spediti brevi della NTV? dei Bimbi, i verbali del Cln Garbatella, gli articoli dell'Unità del giugno '45
no dopo fummo ricevuti dall'asses- filmati di ciò che accadeva sia alla -Visto l'assoluto disinteresse dimo- sulla commovente e prematura morte di Spartaco Proietti, già comunista clan-
sore Aurigemma: sia a lui che ai suoi Polizia municipale sia strato in questi mesi dall'Ammini- destino negli anni Trenta e la visita di Cino Moscatelli, il mitico comandante
collaboratori evidenziammo di nuovo all'Assessorato alla Mobilità. La strazione comunale sulla vicenda, c'è partigiano del Nord, alle Officine del Gas di Via Ostiense.
le criticità e chiedemmo se era possi- Presidenza del Municipio Roma XI il da chiedersi che succederà quando, La sommossa di popolo dopo l'attentato a Togliatti del 1948 e un'appendice
bile allargare la carreggiata all'incro- 9 agosto ha sollecitato l'XI Gruppo per l'incrocio di Via Matteucci-Via con l'assalto missino alla Villetta nel 1950 chiudono la nuova ricerca di Gianni
cio Matteucci-Benzoni provenendo della Polizia municipale ad interveni- Benzoni, passeranno anche le Rivolta, che costituisce un altro importante tassello dell'identità di questi quar-
da Via Ostiense in modo da agevola- re essendo stati anche manomessi sia migliaia di dipendenti comunali e gli tieri e dei suoi abitanti, che hanno dato un contributo straordinario allo svilup-
re la svolta a destra su Via Benzoni la segnaletica che il semaforo. Prima utenti diretti verso gli uffici in allesti- po della vita democratica nella città di Roma.n
anche in presenza delle auto parcheg- la Polizia urbana ci ha risposto che mento di Campidoglio 2.n
giate in zona rimozione. Ci fu evi- non aveva computer idonei a visiona- (Dalla Villetta ai Gazometri - Partiti politici e movimenti popolari nel dopo-
denziato che per i problemi inerenti il re i filmati, poi a fine agosto ci ha guerra tra Garbatella e Ostiense, Iacobelli editore, euro 15,00)
semaforo citato esistevano già dei confermato di aver fatto i controlli e
divieti e quindi bisognava rivolgersi di essere intervenuta, ma in base a
alla Polizia di Roma Capitale per la quanto consente l'organico a disposi-
loro applicazione. Mentre, per un'e- zione. In conclusione attualmente la
ventuale previsione della sosta tarif- situazione è peggiorata ulteriormente
fata anche sul piazzale, dovevano perché la freccia verde che si accen-
essere effettuati dei rilievi, ma even- deva col semaforo rosso e permetteva
tuali provvedimenti dell'amministra- la svolta a destra non funziona più
zione avrebbero avuto tempi medio- (non sappiamo se per guasto o per
lunghi. scelta del Comune) e così dal caos
Inutile dire che, dall'inaugurazione siamo passati al delirio: c'è chi passa

3
Anno 8 - Novembre 2012

Nel grande complesso cimiteriale alle porte della Garbatella

Callisto, il papa che non trovò posto


nella catacomba che aveva costruito
Personaggio molto discusso, morì martire nel 222, lapidato durante una rivolta anticristiana del popolo di Trastevere.
Fautore di una politica di tolleranza, si scontrò col rigore del primo antipapa Sant'Ippolito

La mirabile statua di Santa Cecilia, capolavoro dello s


all'apertura dell'urna originaria custodita nella chiesa
Effige in grafica di Callisto I, ricavata dalla raccolta dei ritratti papali della Basilica di San Callisto, ma se ne era perduta la collocazione. Fu
San Paolo conserva una copia della scultura.

di Cosmo Barbato ditori truffati. Tra questi, anche il suo da dimostrazione del prestigio che i

I
ex padrone, Carpoforo, che lo ridusse cristiani erano riusciti a conquistare
l San Callisto, il papa cui è inti- nuovamente in schiavitù e lo destinò nella capitale dell'impero.
tolata la grande e venerata cata- alla macina finché non avesse risarci- Callisto morì martire il 14 ottobre
comba che si trova tra l'Appia to il denaro sottratto. Ma Callisto era La più lunga scala sotterranea (99 gradini) delle catacombe romane. Si trova nel cimite- del 222 sotto Severo Alessandro. Ma
Antica, la Via Ardeatina e la Via delle nato con la camicia: ben presto il ro di Basileo, attiguo alla Via Ardeatina, nel grande complesso delle catacombe di San non fu vittima del potere imperiale,
Sette Chiese, alle porte della padrone lo perdonò, rinunciando Callisto. ché anzi quell'imperatore, come del
Garbatella, fu martire e quindi è anche al risarcimento delle somme resto il suo predecessore Eliogabalo,
santo, ma non si può dire che fu "uno perdute. damento proprio nello spirito intra- prio interesse, egli acquistò nuovi ter- fu ben disposto verso i cristiani, bensì
stinco di santo", stando ai giudizi Tornato libero, Callisto, che presu- prendente di Callisto e volendo pre- reni adiacenti, creando quell'enorme sarebbe stato vittima del popolo di
severi che hanno lasciato su di lui meva di possedere il bernoccolo degli miare i buoni risultati dell'incarico complesso che poi si allargò ulterior- Trastevere. Ci sono due versioni che
eminenti scrittori cristiani che non lo affari, riprese la sua attività finanzia- affidatogli ad Anzio dal suo prede- mente nei secoli successivi, al quale parlano di una violenta rivolta popo-
amarono e lo bollarono come "uomo ria, dedicandosi anche al prestito cessore, lo richiamò a Roma nomi- lasciò il suo nome ma non le sue spo- lare che si concluse con l'assassinio
industrioso per il male e pieno di usuraio. Nell'ambito di questa nuova nandolo suo segretario. Nella nuova glie, come vedremo. La catacomba del papa. Entrambe testimoniano del-
risorse per l'errore". Fu comunque proficua attività commise però un veste di arcidiacono, egli prese in comprende, oltre alla parte callistia- l'intolleranza del popolo minuto
personaggio di notevole spessore errore che gli fu fatale. Un giorno, a mano l'amministrazione della comu- na, le cripte di Lucina, il cimitero di verso i cristiani. La prima fa scaturire
nella storia del cristianesimo delle caccia di un debitore ebreo insolven- nità e nel contempo divenne il sugge- Santa Soteride, il cimitero di Balbina la caccia al cristiano da un prodigio
origini. te, irruppe di sabato nella sinagoga ritore della politica di tolleranza e quello di Basileo. Inoltre, nel sopra- che si sarebbe verificato durante una
Callisto fu il sedicesimo vescovo interrompendo una cerimonia religio- verso quei cristiani che, nei periodi di terra, si trovano numerosi edifici, cerimonia religiosa pagana: un fulmi-
di Roma, cioè il sedicesimo papa sa. Fatto gravissimo questo, secondo persecuzione, avevano abiurato cappelle e basiliche. Complessiva- ne sarebbe caduto su un altare sacrifi-
dopo San Pietro. Occupò il soglio la legge romana, qualunque fosse la (erano i cosiddetti lapsi), sostenendo mente nell'area trovarono sepoltura cale uccidendo alcuni sacerdoti.
pontificio per cinque anni, tra il 217 e religione offesa. Callisto, denunciato la loro riammissione in seno alla sedici papi del III e del IV secolo: L'episodio sarebbe stato interpretato
il 222, un periodo relativamente dalla comunità ebraica, fu arrestato, Chiesa, in dura polemica con l'in- Ponziano, Antérote, Fabiano, Lucio I, dalla folla come un segno dell'ira di
breve che però incise profondamente frustato e condannato ai lavori forza- fluente prete Ippolito. Questi, asser- Stefano I, Sisto II, Dionigi, Felice I, Giove per la profanazione della reli-
nella comunità cristiana che andava ti (ad metalla) nelle miniere della tore di un intransigente rigorismo Eutichiano, Gaio, Eusebio, Milziade, gione dei padri compiuta dagli adepti
affermandosi tra periodi di tolleranza Sardegna. dogmatico, detestava Callisto. Zefirino, Cornelio, Marco, Damaso. della nuova religione che andava dif-
e di persecuzioni e tra non pochi dis- Ma il futuro papa era nato proprio Quando nel 217, morto Zefirino, Quell'enorme complesso situato fondendosi. Sarebbero stati i traste-
accordi nel suo seno. Romano del con la camicia. Nel periodo della sua Callisto fu eletto papa, Ippolito, che lungo la Regina viarum sta lì a testi- verini a cercare una vendetta, inva-
Trastevere, era di origini servili, era detenzione ci fu un'amnistia per i cri- in realtà aspirava al soglio pontificio, moniare la relativa autonomia di cui dendo la casa del vescovo Callisto
stato cioè schiavo di un padrone, stiani deportati in Sardegna ( l'isola gli si contrappose energicamente, godeva la comunità cristiana tranne situata nella loro regione e precipi-
Aurelio Carpoforo, un facoltoso "malsana" era normale luogo di pena riuscendo a sua volta a farsi eleggere che nei periodi di persecuzioni e al tandolo a testa in giù nel pozzo di
liberto di Commodo, l'imperatore che per i colpevoli di gravi reati, tra i papa da una fazione dissidente: fu il tempo stesso rappresentava una soli- casa, coprendo poi il corpo di sassi.
regnò tra il 180 e il 192 figlio degene- quali, in alcuni periodi, era annovera- primo antipapa della storia, ricono-
re del grande Marco Aurelio. Fu ta la professione della fede cristiana). sciuto però come santo per aver in Cara Garbatella
avviato alla nuova religione proprio L'atto di clemenza era stato ottenuto seguito testimoniato col martirio la
dal suo padrone cristiano, che prese a dal papa Vittore I tramite i buoni uffi- sua fede cristiana. La lotta di Ippolito www.caragarbatella.it
ben volerlo, lo affrancò e gli donò ci di Marcia, l'amante cristiana del- non conobbe tregua: egli considerava Periodico di Informazione e Cultura Territoriale a cura
anche un capitale che gli permise di l'imperatore Commodo. Callisto non Callisto un permissivo nei confronti dell’Associazione culturale Cara Garbatella
esercitare la sua vocazione per gli era incluso nell'elenco degli amni- di adulteri e prostitute che avessero
affari aprendo un banco di cambiava- stiati, fornito dallo stesso papa, che lo fatto pubblica penitenza, verso il Iscritto al Tribunale di Roma n° 137 dell’8 aprile 2004 anno 8 n° 30
lute non lontano dal Circo Massimo, riteneva un tipo poco raccomandabi- matrimonio di diaconi, di preti e di via Francesco Passino 26 tel.06/5136557
nella zona dove più tardi sorgeranno le: e poi, Callisto non era stato con- vescovi. Callisto in realtà aveva una
le Terme di Caracalla. Ma Callisto si dannato per motivi religiosi, bensì visione più aperta e in definitiva più Direttore responsabile Direttore editoriale
lanciò in operazioni avventate, dila- per reati comuni. Ma Callisto riuscì a consona al messaggio di perdonanza Alessandro Bongarzone Giancarlo Proietti
pidando il denaro ricevuto e probabil- introdursi furtivamente tra gli amni- e di amore cristiano. Redazione Ottavio Ono - Antonella Di Grazia - Eraldo Saccinto
mente appropriandosi anche di capi- stiati al momento dell'imbarco. Già sotto il pontificato di Zefirino, Distribuzione curata da Guido Barbato
tali dell'ex padrone. Sta di fatto che a Quando Vittore se lo trovò a Roma Callisto aveva avuto l'incarico di uni- Grafica e foto Giancarlo Proietti - Massimo De Carolis
un certo punto dovette abbandonare fece buon viso a cattivo gioco ma ficare i cimiteri in parte sotterranei di Coordinatore informatico Remo Terenzi
precipitosamente il banco, inseguito cercò di toglierselo di torno, asse- proprietà del clero cristiano sorti in Collaboratore organizzativo Tiziana Petrini
dai clienti cui aveva sottratto denaro. gnandolo a un compito di scarsa quell'area tra l'Appia e l'Ardeatina a Collaboratori Cosmo Barbato - Antonio Angelucci - Gianni Rivolta
Fu beccato però a Porto, dove cerca- importanza ad Anzio. partire dal II secolo. Sfruttando le sue Responsabile del sito Vincenzo Lioi
va di imbarcarsi per una qualsiasi Nel 199, morto Vittore, fu eletto capacità imprenditoriali e il suo senso
Stampato presso la Tipografia: “Gielle Grafica” Via Anton da Noli 42-44 00154 Roma
direzione pur di sfuggire ai tanti cre- papa Zefirino, il quale, facendo affi- degli affari, esercitato anche nel pro-

4
Anno 8 - Novembre 2012

L'altra versione racconta invece della Augusto ). Quel fenomeno era stato del papa sorse poi la chiesa di San
reazione dei trasteverini alla conces- interpretato dalla numerosa comunità Callisto, non lontana da Santa Maria
sione ai cristiani, da parte dell'impe- ebraica che viveva nel Trastevere in Trastevere. Adiacente alla chiesa
ratore Eliogabalo, di un'area pubbli- come preannuncio del prossimo arri- di San Callisto si conserva ancora
ca, occupata da una taberna meritoria vo di un Messia e successivamente una vera del pozzo in cui il pontefice
destinata ai soldati veterani. dalla comunità cristiana, che da quel- sarebbe stato precipitato e lapidato.
Quest'area, sulla quale sorse poi una la ebraica derivava, come una profe- Secondo una variante, la casa e il
cappella e più tardi la grande basilica zia dell'avvento di Gesù. Il trasferi- pozzo non sarebbero quelli di
di Santa Maria in Trastevere, era par- mento di un edificio pubblico dedica- Callisto, ma del capo dei suoi perse-
ticolarmente venerata dai cristiani to ai veterani a una comunità che non cutori, Ponziano, Comunque sia, la
per via di un fenomeno che vi si era godeva di buona fama e simpatia sca- tradizione testimonia della diffidenza
verificato nell'anno 38 a.C. e di cui tenò, al tempo di Severo Alessandro, che le classi popolari nutrivano verso
era rimasta memoria: lo sgorgare di successore dell'imperatore Eliogaba- i cristiani, che invece avevano fatto
una fonte d'olio (più probabilmente lo, una reazione di rigetto che si proseliti nelle classi più agiate: la
nuova religione rompeva l'equilibrio
che si era consolidato tra il popolo e
gli dei.
Perché Callisto non trovò sepoltura
nel cimitero che aveva contribuito ad
apprestare a favore della crescente
comunità cristiana? Probabilmente
per l'ostracismo verso la sua persona
della fazione avversa che lo aveva
combattuto fin dal periodo preceden-
te alla sua assunzione al papato: non
godeva di buona fama. Le sue spoglie
tuttavia furono raccolte in una mode-
sta catacomba intitolata a uno scono-
sciuto Calepodio che si trova al III
miglio dell'Aurelia Antica, poco
prima dell'attuale Piazza Carpegna.
Nello stesso cimitero molto più tardi,
nel 352, trovò sepoltura un altro Vera del pozzo in cui sarebbe stato gettato Callisto durante la rivolta dei Trasteverini. Si
importante papa, Giulio I, ma non in trova accanto alla chiesa di San Callisto, nel luogo dove forse si trovava in Trastevere la
casa del pontefice.
catacomba, bensì in un edificio sopra
terra. Giulio fu il pontefice che regnò venerata di Santa Cecilia, che fu tras- tura che si conserva sotto il ciborio di
tra il 337 e il 352 e che diede inizio lata nel IX secolo nella basilica a lei Arnolfo della chiesa trasteverina.
all'edificazione della basilica di Santa intitola anch'essa nel Trastevere. Nella catacomba di San Callisto,
scultore seicentesco Stefano Maderno. La santa è rappresentata poggiata su un fianco, come apparve Maria in Trastevere, la prima a Roma Nel corso dei restauri della chiesa nella cripta che originariamente
trasteverina di Santa Cecilia. Qui era stata traslata fin dal IX secolo, proveniente dalla catacomba di
dedicata al culto della Madonna. in previsione del Giubileo del 1600, accolse il corpo venerato della giova-
u ritrovata e aperta il 20 ottobre 1599. Nella catacomba, nel luogo dove la santa era stata sepolta, si
La catacomba di San Callisto, oltre fu rintracciata l'urna di legno di ne martire, si conserva una copia
a chilometri di gallerie e alle memo- cipresso che conteneva il suo corpo della scultura del Maderno. Insieme
acqua inquinata proveniente dal pes- sarebbe conclusa con l'assassinio a rie storiche della Chiesa delle origini, che apparve piegato su un fianco, alla attigua cripta dei papi è uno dei
simo acquedotto Alsietino, che ali- furor di popolo del capo di quella contiene epigrafi, sarcofagi, affre- come lo rappresentò nel marmo luoghi più visitati e venerati dai pel-
mentava la vicina Naumachia di comunità. Dove c'era la presunta casa schi. Qui si trovava anche la tomba Stefano Maderno nella mirabile scul- legrini e dai fedeli.n

L'ottava edizione della ormai affermata manifestazione

Quanta gente
livello in una rassegna dedicata que-
st'anno al jazz donna: questo anche
grazie alla collaborazione di musici-
sti molto validi. E' parsa piuttosto

al Garbatella Jazz Festival


riuscita anche la collaborazione con
la Scuola Popolare di Musica di
Testaccio la quale, attraverso i propri
laboratori di improvvisazione jazz,
Tre serate di ottima musica a fine settembre nel giardino della Villetta di Via ha presentato dei giovani musicisti,
Passino. Quest'anno privilegiato il jazz donna. sicuramente preparati. Magari di
qualcuno di loro, chissà, fra qualche
ria), Reinaldo Hernandes Ramirez anno si sentirà parlare. Il resto, e non
(tumbadora). Ancora una volta è la è poco, lo hanno fatto i volontari
Scuola Popolare di Musica di dell'Associazione Cara Garbatella i
Testaccio ad inaugurare la serata con quali , come ogni anno, con il loro
il progetto "Starships On Approach", impegno, per mesi, hanno reso possi-
composizioni originali per quartetto bile la realizzazione del Garbatella
jazz, coordinato da Paolo Cintio. Jazz Festival, mantenendo la prero-
Nina Pedersen, Alice Claire gativa che da sempre caratterizza
Ranieri e Carmen Falato, ognuna questa rassegna, quella di offrire gra-
Sopra Pino Sallusti direttore artistico secondo il proprio stile, hanno sicura- tuitamente un prodotto culturale di
delle ultime tre edizioni del GjF. Sulla mente offerto delle performanches di qualità.n
destra un momento musicale della prima
serata da parte della scuola popolare di
musica di Testaccio
di Benedetto Mercuri

Q
ualcuno avrebbe potuto pen-
sare alla classicacrisi del set-
timo anno, invece per l'otta-
va volt, e più che nel passato, una
folla numerosissima di appassionati è
tornata a calpestare il giardino della 27 settembre alle 22.00 è stata Nina Quartet, composto da Alice Claire
Villetta di via Passino, il 27, 28 e 29 Pedersen "Songs from the Top of the Ranieri (voce), Andrea Frascaroli
settembre alla Garbatella, cornice World", gruppo composto da: Nina (piano e arrangiamenti), Stefano
ideale per ascoltare ottima musica. Jori Pedersen (voce), Aldo Bassi Cesare (contrabbasso), Gianni Di
Sarà per le scelte del direttore artisti- (tromba), Enrico Zanisi (pianoforte), Renzo (batteria), preceduto dalla
co Pino Sallusti di fare esibire tre Carlo Cossu (violino), Luca Pirozzi classe di ImproTrioJazz tenuta da
belle e piuttosto brave ragazze, sarà (basso), Massimo Carrano (percus- Carlo Cittadini della Scuola
stato per il tempo che invitava ancora sioni). Il gruppo è stato preceduto Popolare di Musica di Testaccio che
a passare una serata all'aperto, o forse alle 20,30 dalla Scuola Popolare di presenta Trio in Jazz.
perché l'esperienza aiuta a migliorare Musica di Testaccio che presenta J. Infine, sabato 29 settembre, è stata
l'organizzazione, ma tanta gente Henderson Project, classe di Impro3 la volta di Carmen Falato "Cayo
come quest'anno non si era mai vista tenuta da Antonello Sorrentino. Hueso" con Carmen Falato (sax e
nelle tre serate del Garbatella Jazz Venerdì 28 settembre, invece, a voce), Paolo Tombolesi (piano),
Festival. calcare il palco della Villetta è stato, Pino Sallusti (basso elettrico e con-
Ad inaugurare la rassegna giovedì alle 22.00, Alice Claire Ranieri trabbasso), Marco Rovinelli (batte-

5
Anno 8 - Novembre 2012

Gli alunni diversamente abili "11 Radio" al parco in festa


e ricomincia a trasmettere
senza assistenza scolastica
G
li ascoltatori di 11radio non giunti in pullman dall'Emilia; "San
potevano dare migliore Carlo non molla", lo slogan della
dimostrazione di come fun- serata, campeggiava su tantissime
Totalmente insufficienti i fondi stanziati dall'Amministrazione centrale.
ziona una rete sociale in una città che magliette con raffigurato un centurio-
Grido d'allarme dell'assessore municipale Beccari troppo spesso vede i propri spazi ne romano (con la scritta "11Radio")
di Eraldo Saccinto rita la necessità di rivolgere una pre- verdi schiacciati dal cemento. Sabato nell'atto di sorreggere il mondo frat-

I
cisa richiesta di impegno 22 settembre al Parco Don Alberione, turato.
l nostro Municipio, come del all'Amministrazione centrale, in rela- un parco lungo via Giustiniano Fra gli stand diversi negozianti del
resto tutti gli altri municipi zione alle integrazioni finanziarie Imperatore conosciuto più per le territorio che hanno aderito alla cam-
romani, ha l'obbligo di assicura- necessarie a realizzare un concetto di polemiche di degrado che per la sua pagna lanciata dalla radio
re il servizio di assistenza scolastica integrazione scolastica quanto meno centralità nella zona San Paolo, si è "Commercianti Contro il Terremoto",
in favore degli alunni con disabilità: dignitoso. Il bilancio però non è svolta "On Air, 11Radio in festa" . ma anche tante associazioni e, in
nelle scuole dell'infanzia, nelle scuo- approvato e la minaccia è quella di E' stata così lanciata la nuova sta- prima fila, i cittadini del Comitato
le primarie e nelle scuole secondarie dover sopprimere servizi sociali che gione radiofonica del Network della Inquilini sfrattati dall'ENPAIA.
di primo grado. Nel nostro quartiere, non possono essere tagliati. "Nel Comunicazione Sociale dell'XI "Abbiamo ritenuto fondamentale"
l'assistenza viene erogata attraverso nostro Municipio, ci confida Municipio, "ma non solo" dice continua Valerio "dare uno spazio
piani strutturati e personalizzati, pre- l'Assessore Beccari, c'è il rischio di Federico Valerio, responsabile del centrale agli abitanti del Municipio
disposti dal Servizio psico-pedagogi- blocco del servizio di assistenza agli progetto "l'evento del 22 è stato che stanno subendo la più grave delle
co in costante sinergia con la ASL deguati, soprattutto rispetto alle esi- studenti disabili per l'assenza di
RM/C e con le istituzioni scolastiche, genze del servizio ed alle richieste fondi. L'abbiamo già segnalato ma
al fine di coordinare e ottimizzare le provenienti dal territorio. Ancor più nessuna risposta è mai arrivata! Nelle
risorse e di promuovere interventi in significativo appare il limite dello casse del nostro Municipio ci sono a
linea con le peculiarità e le effettive stanziamento ove si consideri, la malapena i soldi per arrivare a fine
necessità di assistenza. Il servizio necessità di un adeguamento delle mese. E poi saremo costretti a lascia-
scolastico viene svolto dal personale tariffe orarie spettanti agli operatori. re senza sostegno i 112 alunni con
AEC (Assistente Educativo La stima della spesa, per l'anno sco- disabilità che frequentano la scuola
Culturale), appartenente perlopiù ad lastico corrente, rapportata al previ- dell'obbligo. Dal prossimo mese
organismi esterni accreditati ed in sto numero di alunni interessati e rap- questi bambini non potranno più
minima parte da personale interno portata alle tariffe orarie aggiornate, andare a scuola essendo l'Aec una
all'Amministrazione. secondo gli accordi di settore porta a figura indispensabile che quasi sem-
L'assistenza di base agli alunni con quantificare delle necessità di bilan- pre divide il parco ore scolastiche del
disabilità al momento attuale interes- cio che dovrebbero essere di gran bambino disabile con l'insegnante di
sa oltre un centinaio di ragazzi inseri- lunga maggiori rispetto a quelle sostegno. Poiché la scure si sta abbat-
ti nelle diverse strutture educative e messe in campo. Né può pensarsi, in tendo anche sui docenti (molte fami-
scolastiche, e costituisce, da tempo, un contesto caratterizzato dalla gene- glie hanno già avuto la brutta notizia
un qualificato punto di riferimento rale contrazione delle risorse e delle che ai loro figli verranno ridotte le
per le politiche di integrazione ed un disponibilità, ad aggiustamenti o ore di sostegno) gli Aec diventano
delicato fattore di equilibrio nella compensazioni tutte interne al bilan- essenziali. Lo sappiamo bene. - anche l'occasione per festeggiare il ingiustizie. Abbiamo voluto ricordare
vita quotidiana e sociale di famiglie e cio municipale, se non a rischio di aggiunge l'assessore - Gli assistenti gemellaggio fra XI Municipio e San che nel nostro territorio, pur senza
genitori, grazie anche all'enorme pregiudicare l'offerta sociale com- nelle nostre scuole sono 52, di cui Carlo, paese dell'Emilia colpito dal terremoti, c'è chi rischia di perdere la
lavoro svolto dall'Ufficio Psico- plessiva del Municipio, nonché gli uno solo è dipendente comunale. recente terremoto, di cui 11Radio è casa e che a loro va rivolta, adesso, la
Pedagogico del Municipio. Lo stan- standard e i livelli di sviluppo e di Quindi tutto il servizio è a carico del stata promotrice insieme alla Prociv nostra attenzione e solidarietà di con-
ziamento che l'Amministrazione cen- coerenza dei servizi. Municipio. Se non si interverrà - ci Arci Brigata Garbatella e che ha riba- cittadini".
trale, in relazione alla spesa per l'as- Non sono difficili da immaginare confida Beccari - inserendo nella dito ancora una volta la forte compo- Durante la serata il sindaco di San
sistenza scolastica di base, ci ha asse- le ripercussioni sui bambini, il loro manovra economica la cifra mancan- nente solidale presente tra gli abitan- Carlo ha ringraziato la cittadinanza
gnato, risente pesantemente dei tagli disagio e la ferita che ciò ha prodotto te di circa 125.000 euro, saremo ti del nostro territorio". insieme con il presidente del
imposti agli Enti locali, ai quali si è sulle famiglie. Il Municipio, in parti- costretti a ridurre questo delicato ser- A partire dal pomeriggio fino a Municipio Andrea Catarci, l'assesso-
aggiunta l'inadeguatezza di chi non è colare, l'assessore alle Politiche vizio, eludendo il rispetto di uno dei mezza notte, fra musica, spettacoli re alle Politiche sociali Andrea
stato in grado dall'inizio dell'anno ad Sociali Andrea Beccari, ha organiz- principi fondamentali della sportivi, stand e disegnatori di fumet- Beccari, il consigliere della Provincia
oggi di predisporre uno straccio di zato una serie di incontri con gli ope- Costituzione: il diritto allo studio". ti, più di 1000 persone hanno inaugu- di Roma Gianluca Peciola e la capo-
bilancio degno di questo nome. Per ratori, con le famiglie, con le rappre- Aggravato dal fatto che si tratta di rato la ripartenza delle trasmissioni e gruppo di SEL nel XI Municipio
cui gli importi risultano del tutto ina- sentanze sindacali, dai quali è scatu- scuola dell'obbligo.n incontrato gli abitanti di San Carlo, Paola Angelucci.

Se n'è andato Nik, cantore della Garbatella vano le cose, le persone. Ti affezionavi e facevi

Nicola Di Gennaro, poeta:


affezionare. E per restare in contatto ti eri tenu-
to al passo coi tempi, dilettandoci coi tuoi sms
in rima. Ricordo i tuoi auguri: "Felice Natale a
te e famiglia. Fatti sentire, un accidenti che ti

grazie per quel che c'hai donato


piglia!". E ricordo la promessa di vederci dopo
Pasqua, perché avevi un regalo da darmi.
Non abbiamo mantenuto la promessa: io non
ti ho ancora chiamato e tu te ne sei già andato.

M
Quando toccò ad Alberto Sordi scrivesti che
a davvero te ne sei avevi scritto "Volto di nonno", perché quella per lui, "donatore e portatore del sorriso/c'è un
andato così, Nik, senza fine un po' la sentivi arrivare. Ma intanto la solo posto, il Paradiso". Potremmo dire lo stes-
dir niente? Non ho mai vita te la godevi, gli amici, i parenti, la tua so per te, ringraziandoti per tutto quello che ci
scritto un "coccodrillo" in vita Garbatella. Quel posto un po' magico dove hai dato e per questa poesia che una volta ci hai
mia, ed eccomi qua a farlo per te, eri approdato, mi dicevi, dopo la fatidica dedicato:
urgentemente, perché la voglia di notte del bombardamento di San Lorenzo, Carolina Zincone
ricordarti è tanta e il rimpianto per dove vivevi, nel luglio del '43. "Cara Garbatella,
non averti potuto salutare forte. "Apro il rubinetto - mi spiegavi - e le paro- quel giornalino tanto caro"
Mi torna in mente il nostro le mi scorrono. Se a volte mi blocco e non Era ora, finalmente,
primo incontro al Bar Biffi: dove scrivo per un po' di tempo è perché non vedo che a qualcuno gli venisse in mente.
altro avrei potuto conoscere un la luce". La luce che volevi vedere era quel- Di creare un giornale di quartiere,
personaggio come te, se non alla la di una pubblicazione che racchiudesse pieno delle sue e nostre storie,
Garbatella? Era il dicembre del tutte le tue poesie. E chissà che tra poco tu storie un po' tristi,
2008 e dovevo farti un'intervista non possa vederla. Sicuramente ti cantereb- colorate, vere.
da pubblicare su Cara Garbatella. be De Gregori. Ora già vedi tutto più chiaro In queste storie, tutti ci rivediamo,
In quell'occasione mi avevi spie- che qui. di come era, di come eravamo;
gato com'era nata la tua poesia, Ti è sempre piaciuto vedere e cantare le storie che ai nostri figli tramandiamo.
mentre lavoravi ai Mercati genera- cose belle, ma la tua sensibilità ti faceva Storie ormai passate, ma non dimenticate,
li. Da allora non avevi più smesso vedere anche quelle brutte. Mi avevi fatto progetti di un futuro sempre migliore,
e, una volta in pensione, ti eri notare un egoismo nuovo, che non ti piace- sempre più bello, più sicuro.
"erudito mejo", dedicandole anco- va. "Prendi la questione degli extracomuni- Oggi sfogliando avidamente
ra più tempo. fare: i tuoi progetti, l'idea di scrivere l' "autobio- tari", mi avevi detto. "Non eravamo pure noi questo (piccolo) grande giornalino
Parlavi, parlavi, parlavi...e recitavi le tue poe- grafia" del tuo cane Erik e tanto altro. Anche se extracomunitari quando smucinavamo nella quante cose mi tornano in mente.
sie, che ricordavi tutte a memoria. Poi racconta- un po' di paura del fututo ce l'avevi e ti com- monnezza?". Mi portano indietro, risentir bambino.
vi tutto quello che avevi combinato nella vita, muovevi da solo al pensiero che a un certo Era il tuo modo di fare politica, anche se dice- Accanto a tanti amici, che non ci sono più.
insieme a tutto ciò che avresti ancora voluto punto questa vita dovesse finire. Per questo vi che la politica non ti interessava. Ti interessa- Pazienza, Cara Garbatella, adesso ci sei tu.

6
Anno 8 - Novembre 2012

C'è un altro campione italiano alla Garbatella tra noi un Campione italiano. Chissà,

Lorenzo Petrucci, sedici anni primo


magari fra 10 anni lo vedremo in tv
alla guida di un'auto da corsa di colo-
re rosso con il numero 58, sì, lo stes-
so di Simoncelli, il nome che forte-

nell'Easykart classe 125 Master


mente Lorenzo ha preteso di avere
sul suo Kart rosso nella stagione
2012 in ricordo del grande SIC cui si
sono ispirati lui e altri quattro ragaz-
L'esempio di un ragazzo bravo nello sport e insieme promosso a scuola zi, anche loro Campioni italiani, che
nelle varie categorie del Karting si
di Claudio Cima

S
arriva la prima prestigiosa vittoria, sono imposti tutti con il numero 58
ì, un altro campione, perché il con un vantaggio di quasi dieci sulla carena.
nostro quartiere è da sempre secondi sul suo avversario dell'anno; Sembra una favola, sembrano lon-
fucina di cmpioni dello sport e si prosegue con Viterbo, Lignano tani decenni i momenti nei quali
dello spettacolo. Essere campioni è Sabbiadoro, Cervia, Pomposa, Lorenzo aveva come obiettivo quello
una cosa strana, da una parte è molto Corridonia, fino ad Ottobiano (PV) di rientrare nei primi 30 classificati e
rara, dall'altra, quando li vedi da vici- sede del doppio appuntamento finale disputare una finale. Ora è lui l'uomo
no, ti rendi conto che sono persone al quale Lorenzo giunge, a metà set- da battere, e lui si porta dentro tutta la
tranquille come noi. Non conta se tembre, con un buon vantaggio sugli storia e l'orgoglio della sua città e del
guadagnano milioni o no. Sono per- inseguitori e con un doppio secondo suo quartiere: suo nonno, suo padre,
sone che hanno raggiunto un obietti- posto. In totale controllo, conclude sua madre e lui, tutti sono nati alla
vo, che nella loro specialità hanno vittoriosamente il campionato. Il Garbatella, che non è solo il quartie-
saputo essere campioni. Significa bilancio è eccezionale: tre vittorie, re dei Cesaroni, ma anche il quartiere
essere i più bravi, e difficilmente si è due secondi, un terzo e tre quarti dove sono nati Maurizio Arena,
i più bravi se non si è sofferto tanto posti, un campionato regionale vinto Enrico Montesano, Agostino Di
per diventarlo. già a giugno ed il Campionato italia- Bartolomei e ora anche Lorenzo
Lorenzo Petrucci, 16 anni, da sem- no conquistato a settembre, in attesa Petrucci. Il numero 515 è il canale
pre appassionato di motori e pilota di del Mondiale di ottobre. dove SKY ha trasmesso in diretta il
Kart, ha finalmente coronato il suo Tutto questo oramai è storia, 21 ottobre 2012 la gara finale del
sogno ed ha vinto il Campionato ita- rimangono però vive le emozioni vis- campionato mondiale Easykart.
liano Easykart nella classe 125 Il Kart di Lorenzo Petrucci, col numero 58 sulla carena sute, la scoperta che si può essere Lorenzo è in pista con il numero 58,
Master. campioni anche essendo promossi a a Pavia, con la voglia di sentire la
Detto così, scritto con queste giungendo un obiettivo che solo due Schumacher o Alonso, di frequentare scuola, che si possono battere anche vicinanza del suo quartiere, quello
poche parole, sembra quasi una cita- anni fa sembrava impossibile. con la fantasia le mitiche piste di avversari di 30 o 35 anni, che la pas- che tanto ama. La categoria è la 125
zione di altri tempi, un piccolo trafi- Nel 2012, Lorenzo, dopo due sta- tutto il mondo. sione, la serietà, la dedizione non Master e lui è il Campione italiano.
letto che lascia il tempo che trova. gioni ai vertici, si presenta con l'o- Si comincia a Pavia, dove 4 mesi hanno nazionalità o età, sono caratte- Sul Kart reca i nomi di due sponsor,
Invece non è così. Chi vi scrive ha biettivo di vincere: una gara, il cam- prima si è conclusa la stagione 2011, ristiche che si hanno dentro o non si uno è lo scudetto della Roma, l'altro
avuto la possibilità di vivere diretta- pionato, qualsiasi cosa, ma vincere, e subito è pole position, con un quar- hanno. è la scritta "Nonno Remino", il nonno
mente la lunga avventura che ha por- dare un senso ai sacrifici che la sua to posto finale che sa di beffa per una Io che lo conosco da quando è nato che lo ha lasciato a novembre del
tato il nostro giovane concittadino a famiglia e lui da sei lunghi anni fanno serie di vicissitudini superflue da nar- vorrei trasferire a tutti gli abitanti 2009 e al quale Lorenzo dedica tutte
coronare il suo sogno di sempre, rag- per consentirgli di sognare di essere rare; si prosegue con Siena, dove della Garbatella l'orgoglio di avere le sue vittorie.n

di Enrico Recchi
Una volta il "picchio" tra i giochi di strada
N
ei numeri scorsi abbiamo
passato in rassegna i giochi
con i quali i ragazzi si diver- uno zio, che lancio che permettesse alla trottola di le. Quando pioveva, per non bagnar-
tivano nelle strade del quartiere. Un avessero girare il più a lungo possibile. Quindi si, non era però consigliabile giocare
altro dei giochi "di una volta" che dimestichez- contava il tempo che il picchio gira- in casa. Mi spiego meglio. Il pavi-
praticavano i bambini era il cosiddet- za coi lavori va, oppure la distanza che, scorrendo mento di casa, in mattonelle o meglio
to "picchio" altrimenti conosciuto manuali e in terra, riusciva a percorrere. I "mae- ancora di marmo, era un buon terreno
come trottola da lancio. attrezzi a stri" del picchio riuscivano poi a fare di lancio. Ma guai a fare un lancio
Si trattava di una piccola trottola di disposizione anche esercizi di virtuosismo, racco- sbagliato che andasse a colpire una
legno, della grandezza e della forma per la lavo- gliendo il picchio in mano da terra, parete o peggio il mobile o la vetri-
di una cipolla. Lungo il suo corpo razione della senza interromperne le evoluzioni, netta con gli oggetti esposti. Fuggi
conico, ovvero lungo la superficie trottolina. per poi depositarlo a terra di nuovo fuggi generale e accorato appello al
obliqua del picchio, venivano inta- Trovato il mentre il picchio continuava a girare. "si salvi chi può!".
gliate delle scanalature che servivano pezzo di In un recente passato c'è stato I più grandicelli poi in strada si
per consentire di avvolgere lo stru- legno giusto, anche un timido ritorno di questo cimentavano in un gioco più pesante,
mento con lo spago necessario per il lo si riduce- gioco. La trottola, che si chiamava lo "Spaccapicchio". Si giocava in
lancio. All'estremità inferiore invece va alle "Beyblade" naturalmente era più tec- due. Consisteva nel colpire col lan-
veniva inserito un perno metallico dimensioni nologica, di materiali più leggeri e cio del proprio picchio quello dell'av-
indispensabile perché il picchio, una di un cipol- resistenti. versario che già girava. Se il lancio
volta lanciato, restasse in equilibrio lotto. Poi A volte capitava che il lancio fosse era sufficientemente vigoroso, si
girando velocemente su se stesso. con la fresa sbagliato e la trottolina, invece di riusciva a colpire e a spaccava l'altro
Anche qui la produzione e l'esecu- (per chi ce mettersi a girare su se stessa, andasse trottolino. Perciò si munivano i pic-
zione del pezzo erano tutte artigiana- l'aveva) o a colpire qualcosa o qualcuno. chi di una robusta punta acuminata,
li. Provvidenziale, a volte, si rivela- con altro Naturalmente determinante era il possibilmente d'acciaio o di ferro
va l'intervento di un adulto, il papà o strumento luogo dove si lanciava. Gli ampi e artigianalmente temperato. E spesso
metallico (un coltellino, una raspa) si del filo andava tenuta tra le dita della ben asfaltati marciapiedi erano l'idea- il gioco si concludeva con una lite
intagliava delicatamente il legno per mano, ed il picchio veniva lanciato
fare le scanalature. Infine si inseriva verso il basso. La trottola, liberata
il perno metallico che, in mancanza dallo spago, iniziava il suo movimen-
di un elemento adeguato, veniva to rotatorio fino a che la spinta non si
sostituito dalla punta di un chiodo. esauriva e il picchio si fermava cori-
Tutto fatto? Nossignore, questa era candosi su di un lato. C'era chi tene-
solo la parte, potremmo definirla, va lo spago tra mignolo e anulare, chi
progettuale. Restava poi l'applicazio- usava anulare e medio, chi era spe-
ne, la pratica, cioè le tecniche di lan- cializzato con altre dita. E lì nasceva-
cio. no i raffronti sulle varie tecniche da
Sì, perché, dopo aver avvolto lo usare per ottenere un buon lancio.
spago intorno al picchio, l' estremità Infatti la maestria stava nel fare un

7
Anno 8- Novembre 2012

BREVI LETTERE
Postazione del 118 presso il Municipio Affascinante Garbatella
Dal 10 agosto, presso la sede del nostro Municipio, è operativa con mezzi di Voglio solo dirvi quanto mi piace il vostro periodico e complimentarmi con la redazione tutta. In verità amo in maniera
soccorso una postazione ARES 118. Da settembre poi si sono insediate anche viscerale la Garbatella, pur vivendo ai margini della zona storica, ossia alla Circonvallazione Ostiense. Quando però mi
le associazioni territoriali di protezione civile Millenium e Prociv Arci Brigata chiedono dove abito, rispondo con orgoglio "alla Garbatella". E di fatto la Garbatella si espande e vive pure oltre i suoi
Garbatella con il proprio personale. In questo modo si concilieranno la vocazio- confini geografici. Per molto tempo ho vissuto il quartiere solo attraverso le vostre pagine, ora lo sto scoprendo di perso-
ne dell'ARES 118 di garantire i livelli essenziali di soccorso sanitario nei tempi na, sempre guidata dai vostri articoli. Il fatto è che ora sono in pensione e ho il tempo per vivere delle cose che non avevo
minimi di intervento con una postazione utile per le realtà associative di emer- prima apprezzato, in primo luogo il dialogo con le persone vicine di casa ed i negozianti che prima neppure conoscevo.
genza territoriale e di protezione civile. Poi le passeggiate per le vie della Garbatella, con la testa all'insù a guardare i particolari delle case che hanno qualcosa di
fantastico: è come immergersi in una dimensione atemporale, essere sospesi tra passato e presente, oppure passeggiare nel
Va in tv il bel giardino di un Lotto di Garbatella bel mezzo di una favola, e ti aspetti che,voltando l'angolo, spunti Biancaneve, i sette nani, o altro. Ed è vero che girando
Il 6 ottobre, su La7, a mezzogiorno, ospite della trasmissione "L'erba del vici- l'angolo comunque vedi altre meraviglie, le strade, le case, i giardini, i pr ofumi, gli odori della vita quotidiana. Che quar-
no…", il Lotto di Via Roberto de' Nobili 5 ha mostrato il suo magico giardino, tiere meraviglioso, che isola di pace nella nostra Roma distante e caotica. Grazie Cara Garbatella per avermi guidata in
che ora grandi e piccoli curano con amore. E' stata un'iniziativa questa scoperta di bellezza e di condivisione del quotidiano nella sua più profonda realtà
dell'Associazione "Il tempo ritrovato".
Maria Teresa Grano
CC'è stato un tempo non tanto lontano nel quale chi abitava alla Garbatella quasi si vergognava di dichiararlo. La bor-
Storie di donne come in un racconto gata era simbolo di povertà, sia pure immersa in un disegno urbanistico e in un'architettura semplici ma accurati e per
Il 10 settembre, nella sala del Municipio, l'Associazione "Il tempo ritrovato" ha molti versi geniali. Poi c'è stata la "scoperta" della Garbatella, meta di visitatori che quotidianamente vengono a veder-
presentato il progetto "La storia è donna", episodi da tramutare in racconto e la, un quartiere che ispira lettere come questa che volentieri pubblichiamo..
fiaba per le nuove generazioni. Si è iniziato con la storia delle cinque donne
cadute l'8 settembre del 1943 nella battaglia della Montagnola; si è proseguito
con la storia di Iole Zedde, la sedicenne uccisa da un soldato tedesco alla Nasce il comitato Ostiense-Garbatella
Stazione Ostiense; si è concluso con quella di Maria Rosaria Lopez, uccisa il Cara Garbatella,
29 settembre 1975 nella tragica nota vicenda del delitto del Circeo. con il vostro gentile aiuto volevamo far sapere a tutti gli abitanti della zona che, finalmente, è nato il Comitato di quar-
tiere Ostiense/Garbatella. Il Comitato abbraccia tutta la zona che dalla Via Ostiense, angolo Via Pellegrino Matteucci, arri-
Mercatino aSanta Galla va alla Cristoforo Colombo, estendendosi dalla Garbatella fino a San Paolo. Non si tratta della solita aggregazione con
fini non sempre chiari. E' nato da un'idea di alcune donne stanche di assistere al lento degrado dei loro quartieri, di vede-
Le donne del "Club della lana"hanno organizzato un mercatino di beneficenza
re la sfiducia, la delusione, la rabbia degli abitanti nell'assistere impotenti a quanto accade attorno a loro. I problemi sono
presso la Parrocchia di Santa Galla. Non le solite chincaglierie - viene precisa-
noti a tutti: viabilità, parcheggi, trascuratezza, pulizia, mancanza di aree verdi e tanto altro. Queste donne si sono messe
to - bensì scarpe, giacchetti, scarpe da notte e tanti altri manufatti rigorosamen-
in testa che qualcosa si può fare rimboccandosi le maniche e che, aiutate da coloro che non hanno ancora perso del tutto
te fatti a mano con amore e passione dalle donne del Club, che offrono il pro-
la speranza, la situazione può cambiare. Non s'illudono di risolvere tutto, lo sanno benissimo, vogliono solo essere una
prio lavoro per beneficenza. Il ricavato serve ad aiutare nel quartiere tanta fami-
voce del quartiere, un tramite che permetta alle istituzioni di venire a conoscenza più rapidamente delle criticità e di esse-
glie in difficoltà. Mercatino attivo sabato 4 novembre dalle 17 allwv19,30 e
re di aiuto nel trovare le soluzioni migliori. Il Comune potrà dire di non avere i fondi a disposizione; si potrà sempre
domenica 5 dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 19,30.
rispondere che: una maggiore presenza di vigili urbani non costa molto; a spazzare più a fondo non costa molto; mettere
più cestini per le strade non costa molto; a piantare qualche albero in più non costa molto; a curare di più i giardini che ci
"Eventi romani" a Piazza Sauli sono non costa molto; a costruire nuovi palazzi si creerebbe caos, pericolo e renderebbe invivibili queste zone. Ci vuole
Eventi Romani è una Associazione culturale che ha tra le proprie finalità quel- solo buon senso e voglia di fare.Chiediamo in cambio l'appoggio della gente ("Più siamo, meglio stiamo"!). Sino a oggi
la di organizzare eventi culturali, mostre e gallerie d'arte nonché mostre merca- possiamo contare sul sostegno di duecento iscritti, ma siano determinate ad andare avanti. Perciò chi intende iscriversi
to di artigianato ed antiquariato per finanziarsi. Al momento operiamo sul ter- può contrattare il 3335352674 o scrivere un'e-mail a comitatoostiensegarbatella@hotmail.it. Troveranno Simonetta, Anna
ritorio capitolino, ma successivamente la nostra associazione potrebbe estende- Maria, Carolina, Claudia, Emanuela e Graziella disposte ad ascoltarli.
re i propri orizzonti. Il Comitato di quartiere Ostiense-Garbatella
Il primo evento nel quartiere Garbatella si è svolto il 21 ottobre in Piazza
Damiano Sauli, con una mostra mercato di vario genere: dall'artigianato, alla L'ing. Massimo e non Marcello
bigiotteria e al collezionismo nonché l'esposizione di mobili, il vintage e per In Cara Garbatella di luglio, nel pur pregevole articolo "Piazza Brin elevata a patrimonio culturale", l'autore prende il soli-
finire la possibilità per il visitatore di assaggiare, assaporare e acquistare pro- to grossolano abbaglio. Il progettista della Garbatella, unitamente a Gustavo Giovannoni, fu l'ing. Massimo Piacentini (poi
dotti tipici regionali. direttore generale dell'Iacp nel secondo dopoguerra) e non il suo procugino più famoso Marcello. Dare a Cesare quel ch'è
La manifestazione si ripeterà ogni terza domenica del mese: per il 2012, oltre di Cesare.
all'appuntamento del 21 ottobre, si replicherà il 18 novembre e il 16 dicembre. Claudio Lo Jacono
Nel 2013 si riprenderà da gennaio sempre ogni terza domenica del mese. Per
informazioni 3281858774.
Selvaggi a Via Passino
Non è stato ancora inaugurato (misteri della burocrazia politica!) il mercato coperto di Via Passino che già sulle sue mura
CTO: rafforzare la sua vocazione sanitaria esterne si sono accaniti i selvaggi graffitari con scritte e disegni tracciati a pennello o con lo spray e con l'issare sulla fac-
ciata una bandiera rossa, come simbolo di un'occupazione simbolica di parte. Sporcare una parete, anche quelle pregiate

I
in laterizio, sembra un'arrogante pretesa di chi crede di esprimere in tal modo un messaggio trasgressivo che non può tro-
n un comunicato del presidente di Roma XI, Catarci, e del delegato munici-
vare comprensione tra i cittadini ma può solo provocare riprovazione e rigetto. Non è certo questo il modo per conquista-
pale alla Sanità, dottor Antonio Bertolini, si legge che sono sconosciute al
re solidarietà e simpatie. Forse ai selvaggi farsi accettare dagli altri diversi da loro non interessa. Sono troppo tronfi della
Municipio sia le dinamiche che hanno portato la Asl RmC a prendere in affit- loro prepotente arroganza. Spiace costatare che la selvaggia deturpazione dell'edificio del mercato reca esplicitamente
to i locali di Via Primo Carnera (a Roma 70) per la propria sede amministrativa, pure una firma: il Centro sociale La Strada.
sia le considerazioni per cui se ne sta valutando l'eventuale acquisto. Mariano Dentice e Giuseppina Villa
Nel comunicato si vuole inoltre riaffermare, in coerenza con la pluriennale bat-
taglia condotta in difesa del CTO, che l'eventuale destinazione ad uffici dell'ospe-
Via A.M.Strozzi: appello al Municipi
dale della Garbatella costituirebbe la pietra tombale sulla sua vocazione sanita- Più volte su Cara Garbatella è stata segnalata la pericolosità della immissione delle auto da Via Filippo Tolli nella velo-
ria. Abbiamo difeso, si legge nel comunicato, il Punto di Primo Soccorso, il cissima Via Macinghi Strozzi. Esiste sì la segnalazione del pericolo con un lampeggiatore giallo che però non induce nes-
Poliambulatorio, l'Unità spinale e tutti i reparti rimasti operativi e siamo favore- suno a moderare la velocità. Tra l'altro è pure parzialmente coperto da i rami di un albero. In quell'incrocio si sono già
voli all'ipotesi del ritorno dell'INAIL presso la struttura con il mantenimento verificati numerosi incidenti. Malgrado le richieste dei cittadini, raccolte a volte anche dal vostro giornale, non si inter-
viene radicalmente. Circa un anno fa, per evitare che le auto parcheggino agli angoli dell'incrocio, sono stati modificati i
delle altre realtà.n
marciapiedi. Non è bastato. E poi le auto spesso vanno a parcheggiare fin sopra i marciapiedi. Comunque la visibilità di
chi transita su quell'incrocio è estremamente limitata. Mi appello a questo punto al Municipio, che sicuramente conosce
Tanti auguri a mamma Francesca e papà Amilcar da il problema. Lì serve un semaforo che regoli il traffico e nel contempo limiti la velocità delle auto che percorrono Via
Macinghi Strozzi. Spero di avere una risposta tramite Cara Garbatella.
parte di tutta la redazione di Cara Garbatella per la Simone Denigro
nascita della splendida Anais

www.caragarbatella.it
Puoi anche scriverci