Sei sulla pagina 1di 340

Indice

New approaches for land evaluation - J. Bouma 3


Bioalterazione di un basalto dell’Etna (Sicilia) operata dai licheni Stereocaulon vesuvianum
Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm.
- P. Adamo, S. Vingiani, P. Violante 15
Le sostanze umiche nello scheletro del suolo - A. Agnelli. L. Celi., A. Degl’Innocenti, G. Corti,
F.C. Ugolini 29
Le attività del Centro Tematico Nazionale “Suolo e siti contaminati” - R. Barberis, A. Pugliese 43
Suoli contaminati: biodisponibilità di elementi tossici accertata tramite test di eluizione in
colonna e in batch - E. Beccaloni, L. Musmeci 49
Interferenze nella determinazione di cadmio in campioni di suolo e sedimento con la
tecnica ICP-AES - G.M. Beone, C. Baffi, S. Silva 57
Effetto della lisciviazione di un suolo agrario con acque acidulate. Nota I
- F.A. Biondi, C. Di Dio, S. Socciarelli, A. Figliolia 63
Effetto di differenti sovesci sulla fertilità azotata di suoli condotti con metodo biologico
- S. Canali, S. Dell’Orco, G. Roccuzzo, A. Benedetti 71
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica
multivariata - A. Castrignanò, R. Colucci, D. Ferri, P. La Cava, N. Martinelli, M. Stelluti 81
Bruciatura ed interramento dei residui colturali: influenza sul contenuto di azoto minerale
e sulla biomassa microbica del suolo - G. Convertini, M. Maiorana, D. Ferri 103
Effetti di modalità di lavorazione del terreno e di gestione dei residui colturali sul contenuto
di azoto minerale e sulla biomassa microbica - G. Convertini, M. Maiorana, D. Ferri 113
Regime termico del suolo in alcuni campi sperimentali del Nord, Centro e Sud Italia
- E.A.C. Costantini, F. Castelli, M. Iori, S. Magini, P. Lorenzoni, S. Raimondi 125
Modifiche delle caratteristiche del sistema pianta - suolo indotte dalla riduzione delle
lavorazioni del terreno coltivato a frumento (Triticum durum Desf.) e fava (Vicia faba L:)
in rotazione- D. De Giorgio, G. Convertini, D. Ferri, V. Rizzo, F. Montemurro, P. La Cava 133
“No-tillage”, pacciamatura vegetale e sovescio: effetti combinati in un ventiquattrennio su di
un terreno coltivato a mandorlo - D. De Giorgio, D. Convertini, F. Montemurro, P. La Cava 145
Biodisponibilità del Cd in un suolo inquinato con diverse dosi dell’elemento e inoculato
con micorrize selezionate - P. Ferrazza, C. Beni, R. Aromolo, A. Marcucci, A. Figliolia 153
Ruscellamento sub-superficiale in pianura - R. Marchetti, P. Spallacci 165
Effetto della non lavorazione su alcune caratteristiche microbiologiche del terreno
- M. Mazzoncini, R. Risaliti, A. Coli, M. Ginanni, N. Silvestri 177
Confronto di modelli matematici nella gestione dell’irrigazione - G. Mecella, R. Francaviglia,
P. Scandella, A. Marchetti 185
La geostatistica applicata allo studio della variabilità territoriale della permeabilità dei suoli:
Alta Valle del Tevere - G. Mecella, P. Scandella, G. Raspa, L.H. Gomez 195
Comparazione dei flussi di mineralizzazione dell’azoto e del carbonio in due suoli forestali
a Quercus cerris - O. Miciulla, M.T. Dell’Abate, A. Alianello 205
Influenza del diverso uso del suolo sull’impatto ambientale e sull’evoluzione della fertilità in
una zona collinare del Centro Italia - R. Papini, A. Panichi, P. Bazzoffi, S. Pellegrini,
G. Montagna, L. Natarelli 215
Dinamica del Cadmio nel sistema suolo-pianta in un terreno inoculato con micorrize
selezionate: esperienza su orzo coltivato in vasche lisimetriche - B. Pennelli, G. Rossi,
V. Giacomi, A. Figliolia 227
Turnover della sostanza organica ed attività biologica di sostanze umiche provenienti da
faggete diverse - D. Pizzeghello, G. Nicolini, S. Nardi 237
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (Pa) - S. Raimondi, M. Lupo 245
Su di una toposequenza nel bosco di Piazza Armerina (EN) - S. Raimondi, M. Lupo, D. Tusa 261
La serie dei suoli Floresta sui Monti Nebrodi in Sicilia - S. Raimondi, A. Mirabella, S. Screpis 269
Modificazioni di funghi micorrizici vescicolo-arbuscolari indotte dalla somministrazione di
cadmio - E. Rea, M. Bragaloni, M. Tullio 283
Il rapporto acqua-terreno: un indicatore di qualità per il recupero e la salvaguardia di suoli
non agricoli - P. Scandella, C. Piccini, N. Di Blasi, G. Mecella 289
Caratterizzazione del turnover della sostanza organica del suolo e studio dell’attività biologica
di sostanze umiche in ecosistemi montani sottoposti a cambiamento d’uso del suolo
- E. Sessi, D. Pizzeghello, C. De Siena, M. Tomasi, G. Nicolini, P. Frosi, S. Nardi 297
Distribuzione di Cu, Fe, Mn e Zn nei suoli alluvionali della piana di Rieti e confronto tra la
loro concentrazione negli orizzonti superficiali e sottosuperficiali - M. Spadoni, A. Panusa,
P. Lorenzoni, C. De Simone 307
Dinamica della struttura in un suolo franco argilloso investito a vigneto e sottoposto a diverse
modalità di gestione - N. Vignozzi, S. Pellegrini, M. Pagliai 319
Messa a punto e prime applicazioni di un sistema sperimentale per lo studio delle
trasformazioni di materiali organici nel sistema suolo-pianta - P. Zaccheo, L. Crippa,
G. Ricca, G. Cabassi 329
Società Italiana
della Scienza del Suolo

Atti del Convegno annuale SISS 1999:

La scienza del suolo in Italia:


bilancio di fine secolo

Gressoney-Saint Jean (Aosta)


22-25 giugno 1999
3

NEW APPROACHES FOR LAND EVALUATION


Bouma J.
Scientific Council for Government Policy in the Netherlands and Soil Dept.
Wageningen University, Netherlands

Abstract
Changing land use is one of the major issues in the next century and application
of soil expertise is crucial here to: (i) use available soil data effectively and define
needs for new basic soil research by analysing holistic and interdisciplinary projects
that interact with stakeholders; (ii) use different types of simulation models and de-
velop pedotransferfunctions to feed them using available soil data; (iii) demonstrate
that field soils and landscapes are heterogeneous and that idealized modelling con-
cepts have limited validity. Soil scientists are needed to provide representative data;
(iv) use the soil series concept (soil genoform) and phenoforms of a given genoform,
as formed by management, as cartiers of dynamic information, obtained by model-
ling, for strategic application, and (v) facilitate and help develop participatory and
interactive procedures in land use studies at different scales, refiecting what was
learned during one hundred years of soil research.

Riassunto
Il cambiamento d’uso dei suoli sarà una delle principali questioni da dibattere nel
futuro secolo e l’applicazione delle competenze sul suolo diventa quindi cruciale per
: i) usare in modo efficiente le informazioni disponibili sul suolo e definire le ne-
cessità delle nuove ricerche di base analizzando progetti olistici e interdisciplinari
che interagiscano con gli utilizzatori finali; ii) usare diversi tipi di modelli di simu-
lazione e sviluppare funzioni pedotransfer in grado di alimentarli usando i dati di-
sponibili; iii) dimostrare che suolo e territorio nella relatà sono eterogenei e che i
concetti derivati da una modellizzazione idealizzata hanno una validità limitata: chi
studia il suolo deve fornire dati rappresentativi; iv) usare i concetti di serie di suoli
(genoforma del suolo) e fenoforme e genoforme date, derivanti dalla gestione, vet-
tore di informazioni dinamiche, ottenute dalla modellizzazione, per applicazioni
strategiche, e v) facilitare e aiutare lo sviluppo di procedure partecipative e interat-
tive negli studi di uso del territorio a differenti scale, riflettendo ciò che si è appre-
so in cento anni di ricerca sul suolo.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 3-14 (2001)
4 Bouma

Introduction

Land evaluation has been defined as: “the assessment of the per-
formance of land when used for a specified purpose”. In the forties and fif-
ties, agricultural production was the key area of concern when dealing with
land use. Increasingly, however, environmental concerns became more im-
portant as well as expressed by evaluations for non-agricultural applications.
This occurred while measurement and information technologies developed
strongly and users of soil information became more demanding and profes-
sional. In soil science, as in many other sciences, new technological deve-
lopments changed the discipline: remote sensing and GIS technologies, in-
cluding digital terrain modelling, strongly increased possibilities for soil cha-
racterization and flexible presentation of data. For instance, neutron probes
and, later, TDR and transducer tensiometry allowed quantification of soil wa-
ter regimes and its automatic measurement. Comparable developments oc-
curred in soil chemistry and soil biology. The introduction of simulation mo-
deling of water- and nutrient regimes as a function of soil management al-
lowed quantitative assessments of water-, nutrient and energy fluxes in land-
scapes, forming the basis for the exploration of alternative land-use scenarios.
Modern users of soil information increasingly desire alternative
options to choose from, rather than judgments by soil specialista: interacti-
ve learning experiences between scientists and stakeholders are most effec-
tive in stimulating real-world applications of soil expertise.
When dealing with issues of land use, the soil scientist is - or
should be!- a member of an interdisciplinary team, rather than a solo player.
The change from a disciplinary specialist to an interdisciplinary
team player with still a solid disciplinary knowledge, has not been easy for
many. For example, surveyors and specialista involved in soil survey felt
uneasy as they became alienated when reading “their” soil literature which
contained many new issues and techniques with, at first sight, little relevance
for their work. Even activities of related working groups of the Interna-tional
Union of Soil Science, such as the ones on:” Moisture variability in space and
time” and “Pedometrics” were restricted to a relatively small group of soil sur-
vey connected scientists (Bouma and Bregt, 1989; Wagenet and Bouma, 1993;
Wagenet and Bouma, 1996; Finke et al., 1998; De Gruijter et al., 1994; De
Gruijter et al., 1997; De Gruijter, 1999). Now, however, the picture appears
to be changing. Raw, fancy technology gets its turn to lose its shine.
Automated measuring- and monitoring equipment, new remote sensing data
and user-friendly software for simulation models and expert systems tends to
New approaches for land evaluation 5

change the perceived “data -crisis” of the past into a “data-avalanche” for the
future, burying scientists and stakeholders alike. More then ever, insight and
wisdom is needed to formulate the essence of problems to be studied and to
select the proper methods to allow effective research processes. But more im-
portantly, soil-related research is increasingly performed in close association
with stakeholders, be it farmers, other land users or planners. This requires
communication skills combined with technical abilities because stakeholders
are well trained and well informed these days and, just like everybody else,
hate to lose time. I am certainly not suggesting that insight and wisdom and
the ability to work in an effettive, interactive mode are qualities that are the
exclusive domain of a given category of scientists. But I do suggest that soil
survey specialista, who are the traditional land-evaluators, have been well trai-
ned on-the-spot “to see the trees in the forest as well as the forest itself”. By
defining soil patterns and soil behavior in the field, they have analysed flows
of energy, water and solutes in landscapes, be it often in a rather qualitative
manner. They have had frequent contacts with users of the land, with politi-
cians, lawyers and planners, sometimes to the level of nausea and exhaustion.
This type of experience is very much needed now when esta-
blishing effective communication between science and society and this ge-
neral conclusion applies to soil science as well. What was often seen as si-
de-activities that distracted the soil surveyor from finishing his maps and da-
tabases in time according to the agreed- upon format (the “real” work in the
viewpoint of many) is now a major asset. Again, there will be many soil
scientists, other than soil survey specialista, who are effective ambassadors
for our profession but I am prepared to defend the statement that soil survey
specialista are eminently suitable to fill the role of knowledge brokers in the
area of soil scienee and land evaluation. This, of course, is particularly at-
tractive now that the soil survey program has been completed in many coun-
tries and increasing emphasis can be given to use and application of our im-
mense quantity of soil data.
The remainder of this paper will be focussed on ways in which
we can effectively use our soil expertise for land evaluation in future, empha-
sizing: (i) relations between applied (holistic) research and basic (reductio-
nistic) research as expressed by knowledge chains; (ii) application of soil da-
ta in terms of pedotransferfunetions in dynamic simulation models to express
land-use options; (iii) heterogenity of field soils that do not fit most model
representations; (iv) use of functional data , derived by modelling, for soil
series and important phenoforms for strategie applications, and (v) need for
participatory and interactive approaches. Descriptions will be brief as refe-
rence is made to papers published elsewhere.
6 Bouma

Basic and applied research

An unfortunate gap exists between basic and applied research in


soil science. Basic, reductionistic studies in soil physics, -chemistry and -
biology, as reported in our Journals, often do not have obvious links with
practical problems. Some “disciplinary circuits” appear to have dynamics of
their own with conferences, symposia and workshops with frequentlyatten-
ding core-groups of researchers. There certainly is room for curiosity-driven
basic research, but I also make a plea for basic research that results from a
thorough, comprehensive and systematic analysis of soil systems , taking a
holistic approach starting from a practical problem that has been identified
in consultation with stakeholders. Land evaluators can give important con-
tributions to such analyses because of the character of their work. This analy-
sis, which presents an alternating cycle of holistic and reductionistic approa-
ches, the HRH approach, (Bouma, 1997a) allows cutting-edge basic resear-
ch, but then with a defined place in a research chain which includes
stakeholder expertise and expert knowledge. This approach can also be put
in a broader context, as a vehicle for setting research agenda’s in a more ge-
neral way. An important issue here is the need for a thorough analysis of the
problem to be studied. In many cases we can - after a hundred years of re-
search- solve problems by applying available data and expertise. We may not
need fancy computer models or data generating methodology and we should
have the courage to acknowledge this. The reader is referred to other publi-
cations for a more detailed discussion of this important issue (Bouma, 1993;
1997b, 1998).

Dynamic versus static characterization.

Traditionally, land evaluation and soil characterization had a


rather static character, which can, perhaps, be explained by the slow rate of
processes of soil genesis: an Alfisol has formed over periods of thousands of
years and what we see today from a genetic point of view will not be too dif-
ferent from what we will see in a hundred years from now. Texture, organic
matter - and carbonate content do, for instance, not change overnight. When
using soil information in modern land evaluation we are, however, interested
in dynamic processes to not only characterize actual behaviour but also po-
tential behaviour as a function of different forms of management. Not only do
we express our evaluations in terms of static “suitabilities” for a given use,
but also in terms of options following various types of different management
New approaches for land evaluation 7

practices. Different management can change soil properties overnight. Actual


dynamic soil behavior can be characterized by modern monitoring techniques,
as mentioned in the introduction. But future conditions cannot be monitored!
Here, use of simulation techniques for water and solute flow in soils has been
quite effective to explore the possible effects of proposed management meas-
ures. We have started this work in the seventies (e.g. Bouma et al., 1980) and
I regret that this type of work has not been more widely adopted in land eva-
luation studies. Of course, models cover only a small part of the complete sy-
stem but this can have an important function in the broader context.
Modeling and use of compatable software and data is now in-
ternationally being discussed and coordinateci by ICASA (International
Consortium of Agriculturel Systems Applications) which is chaired by Prof.
Jim Jones from the University of Florida in Gainesville and by the author.
This covers work of the former IBSNAT group in the USA, of the
Wageningen group in the Netherlands and of the APSRU group in Australia.
Outsiders indeed experience a rather statie image when consi-
dering soil survey and land evaluation. When discussing use of soil data for
precision agriculture, the National Resources Council (1997) concluded that
few relevant data could be derived from the massive databases of the Coope-
rative National Soil Survey. This is most unfortunate as we have attempted
to point out (Bouma et al., 1999a). Statie data, as such, may not be useable,
but they can be applied in pedotransferfunctions (e.g. Bouma, 1989; Batjes,
1996, Vereecken et al., 1989 and many others) to derive other useable soil
characteristics or parameters for simulation models (e.g. Breeuwsma et al,
1986). Wosten et al. (1998 ) have developed pedotransferfunctions for pre-
dicting hydraulic conductivity and moisture retention, using texture, density
and organic matter contents, covering major soils in Europe. In view of nat-
ural variability, such predictions are as good as real measurements (Wosten
et al, 1990 ). This is an important conclusion that might - in time- apply to
other soil characteristics as well. Thus, available data are used to the extent
that new measurements are not necessari any more.

The functioning of real soils, out there in the field

Use of models and databases to feed models, runs the risk of be-
coming a self-fulfilling activity. At all times, it should be clear that models
are only highly schematized representations of reality. Assumptions of soil
homogenuity and isotropy, underlying the water-flow models based on
Richard’s equation, do not apply in many field soils. Many examples have
8 Bouma

been given: (1) Bypass flow (flow of free water along macropores through
an unsaturated soil mass), (e.g. Hendriks et al., 1999); (2) internal catchment
(accumulation of free water at some depth in the soil when bypass water is
trapped in dead-end pores) (e.g. Van Stiphout et al., 1987); (3) hydrophobi-
city (irregular infiltration of water due to local repulsion at the soil surface)
(e.g. Ritsema et al., 1998) and (4) accessibility of water (water within large
peds that may be “available” but not accessible because roots at the surface
of the peds cannot extract it) (Droogers et al., 1997). Soil survey specialista
have observed irregular infiltration patterns in the field, they have seen wil-
ting crops on coarse structured soils with, theoretically, enough “available
water” or thriving crops on, theoretically, very dry soils where bypass flow
led to accumulation of free water at some depth in the soil where it was ac-
cessible to roots. They have observed unexplainable runoff in sandy soils
with high infiltratrion rates but with hydrophobic properties. We should not
get carried away with model representations of reality that are inherently un-
realistic and soil-models and their results should always be compared with
conditions in the field. Of particular concern is independent use of soil data
by agronomists and engineers. Their models all too often consider soils in
terms of texture only which is correlated with crop behaviour in ways that
does no justice to the major impact that soil conditions have on crop growth.
Again, soil survey specialista and land evaluators are in an excellent position
to make sure that modelrepresentations are acceptable and that validation
with real field data is part of the process.
Aside from being weary about unrepresentative representations
of soils in models, we should also be alert to the “reactive” character of mu-
ch of our input into broader studies. For instance, we are used to characteri-
ze effects of compaction and of leaching of agrochemicals. Rather than sup-
ply basic soil data for models to define such effects of management, we can
also use models to define “ideal” conditions in a given soil and use these
conditions’ to define the necessari type of management: a “pro-active” ap-
proach.
Bouma et al. (1999b) defined the “ideal” soil structure of a fine,
mixed, mesic Typic Haplaquent by simulating the water supply capacity and
nitrate leaching for a series of prepared soil structures. They defined an “ideal”
structure, occurring at a given site with defined weather conditions, that com-
bined relatively low leaching of nitrates with a relatively high water supply ca-
pacity and presented that structure to tillage experts, asking them to define til-
lage practices that would allow preparation of such a structure.We can more
effectively use our soil expertise by defining specific conditions to be realized
by management in any given soil, rather than spend much time on characteri-
New approaches for land evaluation 9

zing the effects of management: a pro-active rather than a reactive approach.

Strategic applications

Modern land-use questione in Europe deal with multifunctiona-


lity of land as farming becomes less important and many conflicting inter-
ests try to affect future land use patterns. Then, it is crucial to be able to
quickly present options for land use that reflect the natural potentials of the
land as there is general agreement that future land use should be sustainable
and in harmony with nature. The old assumption that any problem can be
solved by technology (wetness by drainage; drought by irrigation, poor fer-
tility by chemical fertilization etc) is being replaced by a feeling that man-
agement practices should be adapted to be more in tune with natural geo-
chemical cycles, in landscapes and in separate soils.
At this point in time we do not present our expertise effectively.
Data are presented by soil series that are, in turn, represented by mapping
areas on soil maps. But standard interpretations for soil series in terms of re-
lative limitations for a variety of land uses, is inadeguate for modern questio-
ne. Besides, management can have such strong effects on soil properties of a
given soil series that sometimes soils beloriging to different soil series, but
with identical management, show rather identical behavior while soils belon-
ging to the same soil series, with different management, function quite diffe-
rently. Droogers and Bouma (1997) proposed therefore to make a distinction
between genoforms (Taxonomic units) and phenoforms (variants of a given
phenoform formed by different types of management). Using simulation mo-
delling for a period of 30 years, they calculated yields of wheat for a wide
range of fertilization scenarios and expressed results as probability graphs.
Three phenoforms were distinguished for the genoform fine, mixed, mesic,
Typic Fluvaquent: CONV (Conventional arable land; org. matter 1.7%) BIO
(Biological farming; org. matter 3.3%) and PERM (Permanent grassland;
org.matter 5.0%). Results were significantly different for the three phe-
noforms. Potential yield was, of course, the same for all phenoforms. Yields
for BIO were highest, but, more importantly, the risks for nitrate leaching we-
re clearly the lowest. A median yield with a risk of 3% of exceeding the ni-
trate threshold was appr.5000 kg for BIO, 4000 kg for CONV and 4500 kg
for PERM. The latter had such a high organic matter content that the thre-
shold was always exceeded, whereas this was not the case for the other two
treatments even though yields would have to go down strongly to assure that
the threshold is never exceeded (BIO: 3800 kg and CONV: 2000 kg). BIO
10 Bouma

clearly has a more efficient intemal mechanism to balance nitrogen dynamics.


Results were also used to suggest a land quality indicator con-
sisting of the ratio between potential production and a production with a gi-
ven probability of being exceeded and of being associated with a certain pro-
bability of nitrate leaching exceeding the threshold established by law
(Bouma and Droogers, 1998). In all cases, data should be obtained on spa-
tial variabilitywithin mapping units named after a given soil series to pres-
ent some idea as to the accuracy and reliability of results obtained. Here,
(geo) statistics can play an important role.

Participatory and interactive approaches

Research used to be rather dominated by scientists and was, the-


refore, rather supply oriented. As a reaction, emphasis is increasingly being
given to demand orientation (Campbell, 1994). However, a more realistie ap-
proach is one where researchers and stakeholders work together in formula-
ting the problem to be studied, in choosing the methods and in executing
joint research as a mutual learning experience (e.g. Bouma, 1998). Clearly,
not all stakeholders are interested to be closely involved, nor are all resear-
chers. There is a clear “niche” here for knowledge brokers which effectively
communicate with various stakeholders while they remain in touch with their
colleague scientists. Here, again, soil survey specialista and land evaluators
can make a special contribution.
In the area of land evaluation we see different developments at
different spatial scales. At farm level the principles of precision agriculture
become increasingly important (NRC, 1997). Much research on precision
agriculture focuses on data obtained in past growing seasons. The farmer,
however, needs forward-looking approaches. A study now in progress (e.g.
Bouma, 1999a) uses real-time simulation modelling of water regimes and
plant growth to determine moments for optimal fertilization, which is asso-
ciated with absence of visible stress symptoms in the plant. Also, conditions
can be indicated (“hot-spot” analysis) when pests and diseases are likely to
occur as they often correlate with moisture status of the soil, weather condi-
tions, above-ground biomass and nutrient status of the soil, all of which are
part of the data used or generated by the model. This work is done in conti-
nuous interaction with the modern farmer, who nowadays communicates by
email and world-wìde-web. Running the model implied that a modern soil
inventarisation was available and that pedotransferfunctions were generated
for hydraulic and soil chemical characteristics, the latter mainly relating to
New approaches for land evaluation 11

N-transformations. But this is only a starting point. As the study evolves, it


is important to stay alert as to possible soil-inputs on the operational level
when solving problems that arise. Alternative forms of management can be
explored with the farmer on the strategic level using data for phenoforms,
studied elsewhere, of the soil series (genoforms) that occur within the farm.
Thus, it becomes possible to explore what the effects would be on yield and
nitrate leaching, for instance, if organic farming practices would be followed
in future leading to higher organic matter contents. To make such analyses
possible we should go out again in the field and establish major phenoforms
of established genoforms (soil series) by talking to farmers and by making
selective measurements on locations defined by the available soil map.
Stakeholders on the regional and higher levels are land-use
planners, regulators of various kinds and politicians. Inereasingly, the role of
the scientist is to fill a “Toolbox” with a large set of methods and models
which allow exploration of a wide range of possible land-use alternatives.
Emphasis is increasingly on interactive: “Land Use Negotiation” rather than
top-down: “Land Use Planning” which belongs in another era. The scienti-
sts, or at least some scientists, play the role of facilitators and knowledge
brokers as discussed earlier. Questions being raised are quite diverse, as is
explored in detail by Bouman et al., 1999, for the Atlantic Zone in Costa
Rica, leading to a set of projectory, exploratory and predictive tools and tools
for decision support, all very much in an interdisciplinary context. The rea-
der is referred to this detailed study for specifica. Only one aspect will be di-
scussed here. Initially a reconnaissance soil survey was made for the Atlantic
Zone at scale 100000. The map contained some 80 well defined soil types.
Interdisciplinary discussione increasingly focussed attention on economic
aspects and running of complicated interdisciplinary models of land use re-
quired simplifications by all disciplines to reduce data bases to a level that
still could be handled by the computers. After all, only 8 major soil types
were distinguished in the final analysis. Whether this is acceptable or
whether different results would have been obtained when more soil diffe-
rences had been represented cannot be ascertained at this time as it has not
been the object of study. What I intend to illustrate is that continuous invol-
vement is necessari when taking part in interdisciplinary research to make
sure that soil input is provided at a level which is in equilibrium with objec-
tives and with input of other discíplines which evolve over time. Not being
part of the process means that soils-input may not evolve along. Many re-
gional and global models use only soil texture as input. What then, one may
ask, is the input from soil scientists? Any lay person can pick a texture va-
lue for a given grid using existing databases. I would expect that we all agree
that soil behavior is crucial for land use and that soil texture by itself is a
12 Bouma

rather limited proxy to serve for soil characterization. Of course, weather and
the climate are important as well, but we can do little about it. Agronomy is
importanti but crops come and go while the soil remains.
I believe that we have a special responsibility as soil scientists
when dealing with the future of the land. When we intemalize our land eva-
luation experience on the basis of soil survey expertise and extend and shar-
pen it with cutting-edge research, we are in a unique position to deal with
the problems of land use in the next century. Indeed: by using our experien-
ce of the past we have a unique key to the future.

Conclusions

• Now that soil mapping has been completed in many countries, more
emphasis can be given to use of generated information in modern land eva-
luation. New ways have to be found to interact with various stakeholders in
the context of creating joint learning experiences rather than top-down ad-
vice. This requires interdisciplinary research approaches where the land eva-
luator in a member of a team.
• Soil survey specialista and land evaluators have observed soils in a
field- and landscape setting while interacting with stakeholders and they are
therefore in an excellent position to act as “knowledge brokers” between de-
manding and well-informed stakeholders on the one hand and scientists of
various disciplines on the other. Such knowledge brokers are very much nee-
ded in future.
• Simulation modeling has an important role to play in exploring possi-
ble effects of future types of land management and is therefore indispensible
in modern land evaluation. Pedotransferfunctions should be developed and
used to transform static soil data abundantly available in existing very large
databases) into model parameters.
• Links between reductionistic, disciplinary research and holistic, inter-
disciplinary research should become clearer in land evaluation. Excellent ba-
sic research can be done in the context of studying a practical land-evalua-
tion problem. Again, those having been involved with holistic soil survey are
in a good position to shape so called “knowledge chains”.
• Field soils hardly ever behave in an “ideal” manner. Soil data used in
many policyoriented models should reflect realistic conditions as expressed
by bypass flow, internal catchment, inaccessibility of water, hydrophobicity,
occurrence of irregular soil horizons etc. There is a clear danger that soil in-
New approaches for land evaluation 13

put into large interdisciplinary models, to be used for land evaluation, is


taken for granted. Assuring an acceptable degree of soildisciplinarity in any
interdisciplinary research approach for land evaluation should be a top prio-
rity of soil research in the future.
• Distinction of genoforms and phenoforms of a given soil series is im-
portant to acknowledge the major effects of management on soil properties.
Simulation techniques can be used to express dynamie properties of such
phenoforms in probabilistic terms, which is attractive to stakeholders who
like to be offered documented choices between options for land use rather
than judgements.

Cited literature

BATJES N.H., 1996. Development of a world data set of soil water retention properties using pedotransfer rules.
Geoderma 71: 31-52.
BOUMA J. 1989. Using soil survey data for quantitative land evaluation. Advances in Soil Science, Vol.9. B.A.Stewart
(Ed.): Springer Verlag, New York: 177-213.
BOUMA J. 1993. Soil behaviour under field conditions: differences in perception and their effects on research.
Geoderma: 60; l- I 5.
BOUMA J. 1997a. Soil environmental quality. A European Perspective. Journ. of Environm. Quality 26: 26-31.
BOUMA J. 1997b. Role of quantitative approaches in soil science when interacting with stakeholders. Geoderma 78: 1-12.
BOUMA J. 1998. Realizing basic research in applied research projects. Journal of Environmental Quality 27: 742-749.
BOUMA J. and A.K. BREGT (Eds.). 1989. Land Qualities in Space and Time. Pudoc Wageningen.
BOUMA J. and P. DROOGERS. 1998. A procedure to derive land quality indicators for sustainable agricultural pro-
duction. Geoderma 85: 103-1 1 0.
BOUMA J., P.J.M. de LAAT, R.H.C.M. AWATER, H.C. van HEESEN, A.F. van HOLST & Th.J. van de NES. 1980.
Use of soil survey data in a model for simulating regional soil moisture regimes. Soil Sci. Soc. Am.
J. 44 (4): 808-814.
BOUMA J., J. STOORVOGEL, B.J. van ALPHEN and H.W.G. BOOLTINK. 1999a. Pedology, precision agriculture and
the changing paradigns of agricultural research. Soil Sci. Soc. Amer. J. (in press).
BOUMA J., P. DROOGERS and P. PETERS. 1999b. Defining the “Ideal” soil structure in surface soil of a Typic
Fluvaquent in the Netherlands. Soil Sci. Soc. Amer. J. (in press).
BOUMAN B.A.M., H.P. JANSEN, R.A. SCHIPPER, H. HENGSDIJK and A.N. NIEUWENHUYSE. 1999. Tools for
land-use analysis at different scales. Kluwer Acad. Publishers. Dordrecht, Netherlands (in press).
BREEUWSMA A., J.H.M. WÖSTEN, J.J. VLEESHOUWER, A.M. van SLOBBE and J. BOUMA, 1986. Derivation of
land qualities to assess environmental problems form soil surveys. Soil Sci. Soc. Amer. J. 50 (1):
186-190.
CAMPBELL A. 1994. LAND CARE. Communities shaping the land and the future. Allen and Unwin Ltd. St-Leonards.
NSW Australia. LANDCARE Australia.
DROOGERS P. and J. BOUMA. 1997. Soil survey input in exploratory modeling of sustainable soil management prac-
tices. Soil Sci. Soc. Amer. J. 61: 1704-1710.
DROOGERS P., F.B.W. van der MEER and J. BOUMA. 1997. Water accessibility to plant roots in different soil struc-
tures occurring in the same soil type. Plant and Soil 188: 83-91.
14 Bouma

FINKE P.A., J. BOUMA and M.R. HOOSBEEK (Eds). 1998. Soil and water quality at different scales. Nutrient Cycling
in Agroecosystems 50: 5- 324. Also: Developments in Plant and Soil Sciences. Vol. 80. Kluwer
Publishing Comp. Dordrecht, Netherlands.
GRUIJTER J.J. de, R. WEBSTER and D.E. MYERS (Eds). 1994. Pedometrics-92: Developments in spatial statistics for
soil science. Geoderma 62: 1-326.
GRUIJTER J.J.de, Mc BRATNEY A.B. and K. Mc SWEENEY. 1997. Fuzzy sets in soil science. Geoderma 77: 85-339.
GRUIJTER J.J. de (Ed) .1999. Pedometrics “97. Geoderma 89: 1-175.
HENDRIKS R.F.A., K. OOSTINDIE and P. HAMMINGA. 1999. Simulation of bromide tracer and nitrogen transport
in a cracked clay soil with the FLOCR/ANIMO model combination. J. of Hydr. 215: 94-115.
National Research Council. 1997. Precision Agriculture in the 21th Century. National Academy Press. Washington, D.C.
USA.
RITSEMA C.J., L.W. DEKKER, J.L. NIEBER and T.S. STEENHUIS. 1998. Modeling and field evidence of finger for-
mation and finger recurrence in a water repellent sandy soil. Water Resources Res. 34: 555-567.
STIPHOUT T.J.P. van, H.A.J. van LANEN, O.H. BOERSMA and J. BOUMA. 1987. The effect of bypass flow and in-
ternal catchment of rain on the water regime in a clay loam grassland soil. J. of Hydrol. 95: 1-11.
VEREECKEN H., J. MAES, J. FEYEN and P. DARIUS. 1989. Estimating the moisture characteristic from texture, bulk
density and carbon content. Soil Sci. 148: 389-403.
WAGENET R.J., and J. BOUMA (Eds). 1993. Operational methods to characterize soil behaviour in space and time.
Geoderma 60: 1-382.
WAGENET R.J. and J. BOUMA (Eds.) 1996. The role of soll science in interdisciplinary research. SSSA Special
Publication 45. Soil Sci. of Amer. Madison, Wisc. USA.
WOSTEN J.H.M., C.H.J.E. SCHUREN, J. BOUMA and A. STEIN. 1990. Comparing four methods to generate soil hy-
draulic functions in terms of their effect on simulated soil water budgets. Soil Sci. Soc. Amer. J. 54:
827-832.
WOSTEN J.H.M., A. LILLY, A. NEMES and C.le BAS. 1998. Using existing soil data to derive hydraulic parameters
for simulation models in environmental studies and in land use planning: final report on the
European funded project. SC-DLO report 156. Wageningen, Netherlands.
15

BIOALTERAZIONE DI UN BASALTO DELL’ETNA


(SICILIA) OPERATA DAI LICHENI STEREOCAULON
VESUVIANUM PERS. E LECIDEA FUSCOATRA (L.)
ACH. E DAL MUSCHIO GRIMMIA PULVINATA
(HEDW.) SM.
Adamo Paola, Vingiani Simona, Violante Pietro
Dipartimento di Scienze Chimico-Agrarie, Università di Napoli «Federico II»
Via Università, 100 - 80055 Portici (NA)

Riassunto

Si riportano i risultati di un’indagine condotta per il riconoscimento e la ca-


ratterizzazione dei processi di bioalterazione di un baslto, che costituisce le colate
laviche presenti sulle pendici dell’Etna ad un’altitudine di 1550 m s.l.m., operata dai
licheni Stereocaulon vesuvianum Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio
Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm.
Con l’impiego della spettroscopia a fluorescenza X, è stata determinata la
composizione chimica della roccia non alterata, dei materiali raccolti all’interfaccia
roccia-organismi vegetali e dei tessuti dei licheni e del muschio.
La diffrattometria a raggi X ha consentito di avere informazioni dettagliate
sulla mineralogia della matrice rocciosa alterata dai processi biogeochimici.
Osservazioni al microscopio elettronico a scansione ed indagini microanali-
tiche condotte su frammenti di roccia colonizzata dai licheni e dal muschio hanno
evidenziato una notevole disgregazione della roccia e la presenza della whewellite,
calcio ossalato monoidrato, e di cristalli con abito tabulare, contenenti Cu e Fe, al-
lineati tangenzialmente sulle superfici dei rizoidi di Grimmia pulvinata.
Sono state determinate le proprietà fisiche e chimiche del «protosuolo» co-
perto dal muschio.
Con l’impiego della spettroscopia infrarossa sono stati caratterizzati gli acidi
umici separati dal materiale organico umificato presente nel materiale terroso e dal
cuscinetto muscinale di Grimmia pulvinata.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 15-27 (2001)
16 Adamo et al.

Introduzione

Licheni e muschi, organismi vegetali pionieri, colonizzano per


primi le superfici rocciose ed avviano i meccanismi biogeofisici e biogeo-
chimici di degradazione della roccia.
La zona di contatto matrici litologiche-crittogame rappresenta
un ambiente semplificato per lo studio dei meccanismi di bioalterazione che
definiscono, in molti casi, le fasi iniziali del processo di pedogenesi (Syers
e Iskandar, 1973; Jones et al., 1985; Adamo e Violante, 1989, 1991; Adamo
et al., 1993, 1997).
I processi biogeofisici si esplicano attraverso la penetrazione nel
substrato roccioso delle parti della struttura degli organismi vegetali prepo-
ste all’adesione determinando la disgregazione del materiale originario.
I processi biogeochimici, invece, agiscono sulla stabilità chimi-
ca delle rocce e dei minerali che le costituiscono. Acidi organici a basso pe-
so molecolare, con proprietà solubilizzanti e chelanti, e, nel caso dei licheni,
acidi organici di natura polifenolica, definiti acidi lichenici, sono capaci di
formare complessi metallici per reazione con i minerali primari.
Indagini sul potere di alterazione degli acidi organici hanno evi-
denziato una stretta relazione fra composizione mineralogica della matrice
rocciosa e natura dei composti organici caratterizzati da limitata solubilità,
in particolare ossalati, che si accumulano entro o immediatamente al di sot-
to del tallo lichenico e dei rizoidi muscinali (Jones et al., 1981, 1986). In par-
ticolare, Graustein et al. (1977) hanno messo in evidenza che la presenza di
cristalli di calcio ossalato, weddellite e whewellite, a contatto con la fase li-
quida percolante, può esercitare notevole influenza sui processi di alterazio-
ne biogeochimica dello sfatticcio derivante dai substrati litici colonizzati da
licheni. Infatti:
• i cristalli costituiscono riserva di calcio per l’ecosistema;
• la presenza anche se limitata di ioni ossalato in soluzione, conseguente
alla scarsa solubilità di CaC2O4 (prodotto di solubilità ≈ 10-8,5), contribui-
sce a mantenere in soluzione (induce aumento della solubilità del) ferro ed
alluminio;
• gli ioni ossalato, a debole carattere acido e chelatori di ferro e allumi-
nio, modificano il pH della soluzione;
• la chelazione di ferro e alluminio aumenta il contenuto delle forme di
fosforo disponibili per le piante, tenuto conto che il nutriente non viene im-
mobilizzato dagli ossidi di ferro e alluminio precipitati.
Bioalterazione di un basalto dell’Etna (Sicilia) operata dai licheni Stereocaulon vesuvianum
Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm. 17

In questa Nota vengono riportati i risultati di un’indagine con-


dotta per la caratterizzazione dei processi di alterazione di un basalto indot-
ti da crittogame in ambiente montano.

Materiali e metodi

Campioni di un basalto, colonizzato dal lichene fruticoso


Stereocaulon vesuvianum Pers., dal lichene crostoso Lecidea fuscoatra (L.)
Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata, sono stati raccolti sulle pendici
dell’Etna, ad un’altitudine di 1550 m s.l.m., sulle colate laviche del XX se-
colo (Figura 1). La roccia è composta prevalentemente da una massa vetro-
sa con abbondanti fenocristalli e microfenocristalli di plagioclasio calcico,
clinopirosseno, olivina e titanomagnetite (Tanguy e Clocchiatti, 1984).
Sono stati analizzati:
• frammenti di roccia non alterata,
• parti della superficie litica ricoperta dai licheni e dal muschio,
• materiale amminutato separato dalle superfici minerali nella zona di
contatto roccia-lichene,
• materiale terroso (protosuolo) intimamente associato ai rizoidi di
Grimmia pulvinata,
• campioni dei talli lichenici,
• campioni del cuscinetto muscinale.
La composizione chimica dei diversi campioni è stata determi-
nata mediante spettroscopia a fluorescenza (XRF). Dai valori ottenuti è sta-
to calcolato il fattore di arricchimento, Enrichment Factor (Bargagli, 1989),
che esprime il rapporto tra la concentrazione di un metallo (x) nei tessuti di
licheni e di muschi, riferita alla concentrazione dell’alluminio, e la concen-
trazione dello stesso metallo nel substrato roccioso, sempre riferita alla con-
centrazione dell’alluminio. Il contenuto dei diversi metalli nei tessuti degli
organismi vegetali e nel materiale litico viene riferito alla concentrazione
dell’alluminio tenuto conto che questo elemento, di limitato significato me-
tabolico nelle piante, è il terzo in ordine di abbondanza nella composizione
elementare della crosta terrestre.
Enrichment Factor = Cx/CAl (licheni-muschio)
Cx/CAl (roccia)
Cx= concentrazione di ciascun metallo;
CAl = concentrazione dell’Al.
18 Adamo et al.

Figura 1 - LEGENDA
MODIFICATA

b a
Colate laviche (a) e
piroclastiti (b) recenti,
prevalentemente non
datate.
Alcali basalti, hawaii-
ti, tefriti fonolitiche e
mugeariti basiche

b a
Colate laviche (a) e
piroclastiti (b) recenti,
prevalentemente da-
tate dal XVII
al XII secolo. Alcali
basalti, hawaiiti, tefri-
ti fonolitiche e mu-
geariti basiche

a
Colate laviche (a) del
XX secolo fino al
1974.
Hawaiiti, tefriti fono-
litiche e mugeariti ba-
siche
Bioalterazione di un basalto dell’Etna (Sicilia) operata dai licheni Stereocaulon vesuvianum
Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm. 19

Il calcolo del valore dell’Enrichment Factor consente di accer-


tare accumulo preferenziale nei tessuti vegetali dei metalli che caratterizza-
no la composizione chimica del substrato roccioso e di mettere in evidenza
possibili fenomeni di inquinamento.
Il materiale roccioso amminutato presente all’interfaccia roccia-
entità vegetale ed il materiale terroso, intimamente associati al tallo lichenico
e ai rizoidi del muschio, sono stati trattati con H2O2, al fine di rimuoverne i
residui organici. Successivamente, i costituenti minerali, dispersi in acqua per
trattamento con ultrasuoni, sono stati suddivisi nelle frazioni granulometriche
con diametro delle particelle compreso tra 200 e 20 µm, 20 e 2 µm e inferio-
re a 2 µm. La composizione mineralogica della roccia non alterata e della fra-
zione più sottile separata dai materiali considerati è stata determinata me-
diante diffrattometria X-polveri (XRD). E’ stato utilizzato un diffrattometro
Rigaku Geigerflex D/Max IIIC e la radiazione Co-kα ferro-filtrata. I diffrat-
togrammi sono stati ottenuti sommando quattro volte il segnale.
Su frammenti di roccia colonizzata dai licheni e dal muschio so-
no state condotte osservazioni al Microscopio Elettronico a Scansione (SEM)
ed indagini microanalitiche (EDXRA). I campioni sono stati fissati su sup-
porti di alluminio, ricoperti con oro o carbonio ed esaminati con un
Cambridge Stereoscan 250 Mk2 fornito di Analizzatore EDXR Link System
AN 1000.
Le caratteristiche fisiche e chimiche del «protosuolo» coperto
da Grimmia pulvinata, sono state determinate applicando i metodi italiani
normalizzati (MiRAAF, 1992).
Gli acidi umici (HA) che definiscono la composizione del ma-
teriale organico umificato sono stati separati dal «protosuolo» e dal cusci-
netto muscinale di Grimmia pulvinata con l’impiego della metodologia IHSS
(1985). La resa in HA è risultata pari al 5% del carbonio organico nel «pro-
tosuolo» ed inferiore allo 0,001% dei tessuti dei protonemi lavati con H2O
ed essiccati in stufa a ventilazione a 40 °C.
Gli acidi umici sono stati caratterizzati per spettroscopia FT-IR
utilizzando apparecchiatura Perkin-Elmer 1720 X.

Risultati e discussione

Nella Tabella 1 viene riportata la composizione chimica dei di-


versi materiali sottoposti ad analisi e, in parentesi, i valori dell’Enrichment
Factor.
20 Adamo et al.

Tabella 1 - Composizione chimica dei diversi materiali analizzati e (in parentesi)


valori del fattore di arricchimento (Enrichment Factor).
Roccia Grimmia pulvinata Stereocaulon vesuvianum Lecidea fuscoatra
Superficie Interfaccia Muschio Superficie Interfaccia Tallo Superficie Interfaccia Tallo
roccia roccia roccia
g kg-1
Si 22,8 23,2 25,0 n.d. 24,5 25,3 n.d. 22,8 23,3 n.d.
Ti 1,0 1,0 1,1 n.d. 1,1 1,1 n.d. 1,0 1,0 n.d.
Al 9,2 9,7 10,2 5,1 10,3 10,4 1,3 9,3 9,6 3,2
Fe 7,9 7,9 8,6 5,0 (1,1) 8,2 8,8 1,2 (0,7) 7,8 7,7 2,5 (0,9)
Mn 0,2 0,2 0,2 0,09 (0,8) 0,2 0,2 0,02 (0,8) 0,2 0,1 0,05 (0,7)
Mg 3,2 3,2 3,0 2,1 (1,2) 3,1 3,2 0,3 (0,8) 3,4 3,0 0,7 (0,6)
Ca 7,3 7,3 7,1 2,5 (0,6) 7,7 7,4 0,4 (0,4) 7,3 7,1 6,0 (2,4)
Na 3,0 2,8 2,8 4,3 2,8 3,2 3,3 3,0 3,4 5,7
K 1,3 1,3 1,7 5,0 1,4 1,7 2,8 1,3 1,3 4,1
P 0,3 0,2 0,3 n.d. 0,2 0,3 n.d. 0,3 0,2 n.d.

Rispetto alle quantità determinate nel basalto non alterato, il


contenuto di Si ed Al risulta sempre abbastanza più elevato nei campioni rac-
colti dalle superfici litiche ricoperte dai licheni e dal muschio e all’interfac-
cia roccia-talli lichenici e roccia-rizoidi muscinali. Il contenuto di questi me-
talli è risultato più basso nei tessuti degli organismi vegetali.
Il ferro è presente in concentrazione maggiore nei campioni se-
parati dalla zona di contatto basalto-Grimmia pulvinata e basalto-
Stereocaulon vesuvianum, in quantità più ridotta nei tessuti delle crittogame,
in particolare in quelli dello Stereocaulon.
Le quantità di magnesio e di calcio restano praticamente co-
stanti nei campioni in cui sono prevalenti i costituenti minerali.
Sodio e potassio risultano più concentrati nella struttura dei tal-
li lichenici e del cuscinetto muscinale, confermando il loro coinvolgimento
nel metabolismo vegetale.
I valori dell’E.F., di poco superiori all’unità, mettono in chiara
evidenza accumulo preferenziale di Fe e Mg nei tessuti di Grimmia pulvina-
ta e di Ca in quelli di Lecidea fuscoatra.
La diffrattometria a raggi X (XRD) ha evidenziato all’interfac-
cia roccia-entità vegetali la presenza di minerali con d = 1.430, 1.002 e 0.717
nm, riferibili a fillosilicati, e con d = 0.426 e 0.334 nm caratteristici del quar-
zo di sicuro apporto eolico (Figura 2).
Nel tallo della Lecidea fuscoatra e dello Stereocaulon vesuvia-
num sono stati evidenziati effetti di diffrazione a 0.593, 0.355 e 0.297 nm,
Bioalterazione di un basalto dell’Etna (Sicilia) operata dai licheni Stereocaulon vesuvianum
Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm. 21

caratteristici del calcio ossalato monoidrato (whewellite). Il minerale risulta


presente anche nei tessuti di Grimmia pulvinata. Questo dato è riconducibi-
le alla capacità di secrezione di acido ossalico da parte dei muschi, anche se
non può essere esclusa la possibilità che il calcio ossalato sia da riferire al-
l’attività metabolica di un preesistente lichene.
Figura 2 – Effetti di diffrazione ai raggi-X (radiazione Co-kα , ferro-filtrata) dei
diversi materiali sottoposti ad indagine analitica. Wh = whewellite; Q = quarzo;
Pl = plagioclasio; Au = augite; Mg = magnetite.
Q

Wh

QQ
Wh+Pl
55

orientato Tallo di Lecidea fuscoatra

Tallo di Stereocaulon
orientato vesuvianum

Cuscinetto muscinale
orientato
di Grimmia pulvinata

orientato Interfaccia muschio-roccia

random Roccia
22 Adamo et al.

Dalle osservazioni al microscopio elettronico a scansione e dal-


le indagini microanalitiche (SEM/EDXRA) risulta che:
- nella zona di contatto roccia-Lecidea fuscoatra, notevole di-
sgregazione dei costituenti litici (Figura 3) e presenza di cristalli tabulari di
whewellite (Figura 4);
- all’interfaccia basalto-Grimmia pulvinata sono allineati, tan-
genzialmente alla superficie dei rizoidi (Figura 5a), cristalli caratterizzati da
ben sviluppata morfologia piana (Figura 5b), da diametro compreso tra 2 e 5
µm e da composizione chimica definita dalla presenza di Cu e Fe (Figura 5c).
Figura 3 - Micrografia (SEM) della zona di contatto basalto-Lecidea fuscoatra.
E’ evidente la notevole disgregazione dei costituenti litici.

In Tabella 2 vengono riportate le caratteristiche chimico-fisiche


e chimiche del «protosuolo» coperto da Grimmia pulvinata.
Nel materiale terroso raccolto immediatamente al di sotto del
cuscinetto muscinale si accerta prevalenza di particelle con diametro com-
preso tra 200 e 20 µm. La reazione è tendenzialmente subacida. Il valore ele-
vato del rapporto C/N indica presenza di residui vegetali caratterizzati da
elevata resistenza al processo di mineralizzazione. Per il limitato contenuto
Bioalterazione di un basalto dell’Etna (Sicilia) operata dai licheni Stereocaulon vesuvianum
Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm. 23

percentuale di particelle ad elevata attività di superficie, il valore della ca-


pacità di scambio cationico risulta pari solamente a 6,4 cmol(+) kg-1. Il com-
plesso di scambio è insaturo, il grado di saturazione in basi, infatti, risulta
inferiore al 30%. Particolarmente ridotta è la presenza del calcio scambiabi-
le (circa il 14% della CSC) mentre relativamente elevata è la percentuale di
potassio utilizzabile dai vegetali (circa il 9% della CSC).
Figura 4 - Micrografia (SEM) (a) e microanalisi (EDXRA) (b) di cristalli tabulari
di whewellite, presenti nella zona di contatto basalto-Lecidea fuscoatra.

a)

*
b)
24 Adamo et al.

Figura 5 - Micrografia (SEM) della zona di contatto protosuolo - Grimmia pulvi-


nata. Sulle pareti del rizoide (a), allineati tangenzialmente, appaiono evidenti cri-
stalli a morfologia piana, ben sviluppati (b), con composizione chimica definita
dalla presenza di Cu e Fe (c).

a)

b)

c)
Bioalterazione di un basalto dell’Etna (Sicilia) operata dai licheni Stereocaulon vesuvianum
Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm. 25

Tabella 2 - Caratteristiche fisiche e chimiche del protosuolo coperto da


Grimmia pulvinata
Frazioni granulometriche
2 µm-200 µm g kg-1 69
200 µm-20µm " 752
20 µm-2µm " 80
< 2µm " 99
pH (H2O) 5,75
CO g kg-1 26,7
N totale g kg-1 0,5
C/N 53,4
CSC cmol(+) kg-1 6,4
Basi di scambio
Na " 0,3
K " 0,5
Ca " 0,88
Mg " 0,22
P2O5 assimilabile mg kg-1 40

Le consistenti quantità di fosforo assimilabile (40 mg kg-1di


P2O5) confermano i risultati e le osservazioni riportati in letteratura relativi
alla possibilità che le briofite costituiscano una importante riserva tempora-
nea di fosforo e, in ambienti particolari, possano svolgere un ruolo signifi-
cativo nella definizione del ciclo biogeochimico del nutriente (Graustein et
al., 1977; Chapin et al., 1987; Brown e Bates, 1990).
Lo spettro FT-IR degli acidi umici separati dal «protosuolo»
(Figura 6b) è molto simile a quelli comunemente accertati per gli acidi umi-
ci dei suoli. Si rilevano, in ogni caso, differenze significative con lo spettro
FT-IR degli acidi umici separati dal muschio (Figura 6a). In particolare, nel-
la zona dello spettro compresa tra 3700 e 2200 cm-1, la banda asimmetrica
con massimo a 3400 cm-1 appare più larga per probabile più elevata presen-
za di OH carbossilici. Meno intensi sono i picchi a 2920 e 2852 cm-1, rife-
ribili a vibrazioni di stretching di gruppi alchilici. La migliore definizione
della banda a 1716 cm-1 conferma l’incremento di gruppi COOH. Maggiore
è l’assorbimento intorno a 1534 cm-1 da ascrivere alla seconda banda del le-
game ammidico e da attribuire, in modo plausibile, a più elevato contenuto
della componente azotata La banda compresa tra 1100 e 1000 cm-1, da as-
segnare all’assorbimento di gruppi C-O dei carboidrati, risulta meno intensa
in conseguenza della degradazione enzimatica dell’amido, sostanza di riser-
va che caratterizza il metabolismo delle briofite.
26 Adamo et al.

Figura 6 - Spettri FT-IR degli acidi umici separati: (a) dai tessuti di
Grimmia pulvinata e (b) dal protosuolo.

a)

b)

cm-1

Conclusioni

Il valore dell’Enrichment Factor, calcolato utilizzando i dati ac-


certati per la composizione chimica del basalto alterato e delle crittogame
considerate, ha consentito di individuare accumulo preferenziale di alcuni
metalli nei tessuti vegetali e di mettere in evidenza probabili fenomeni d’in-
quinamento.
I diversi organismi vegetali non hanno determinato differenze
significative in termini di intensità di disgregazione dei materiali rocciosi e
di corrosione delle superfici colonizzate.
I risultati ottenuti hanno confermato il ruolo svolto dall’acido
ossalico nella decomposizione biogeochimica di matrici rocciose colonizza-
te da crittogame.
Il materiale terroso coperto dal cuscinetto muscinale della
Grimmia pulvinata presenta le caratteristiche chimiche e fisiche proprie dei
suoli poco pedogenizzati. Il valore elevato del rapporto C/N è da riferire al-
la presenza di residui vegetali con elevata resistenza al processo di minera-
lizzazione. Le consistenti quantità di fosforo assimilabile hanno confermato
la possibilità che le briofite costituiscano importante riserva temporanea di
fosforo svolgendo, in ambienti particolari, un ruolo significativo nella defi-
nizione del ciclo biogeochimico del nutriente.
Bioalterazione di un basalto dell’Etna (Sicilia) operata dai licheni Stereocaulon vesuvianum
Pers. e Lecidea fuscoatra (L.) Ach. e dal muschio Grimmia pulvinata (Hedw.) Sm. 27

Lo studio FT-IR comparato degli acidi umici separati dal «pro-


tosuolo» e dal muschio ha consentito di evidenziare solamente limitate dif-
ferenze, relative, in particolare, al diverso contributo quantitativo dei gruppi
funzionali che caratterizzano l’organizzazione molecolare di carboidrati, aci-
di organici e costituenti azotati.

Ringraziamenti
Gli autori ringraziano il Sig. Gennaro Cafiero del CIRUB-Napoli per la preziosa assistenza
nel corso delle osservazioni condotte al Microscopio Elettronico a Scansione (SEM) e delle
indagini microanalitiche (EDXRA).
Lavoro svolto con i fondi del Progetto cofinanziato PRIN 98-99, dal titolo «Crittogame co-
me biomonitors in ecosistemi terrestri».

Bibliografia
ADAMO P., VIOLANTE P., 1989. Bioalterazione di roccia dolomitica operata da una specie lichenica del genere
Lepraria. Agricoltura Mediterranea, 119: 460-464.
ADAMO P, VIOLANTE P., 1991. Weathering of volcanic rocks from Mt. Vesuvius associated with the lichen
Stereocaulon vesuvianum. Pedobiologia, 35: 209-217.
ADAMO P., MARCHETIELLO A., VIOLANTE P., 1993. The weathering of mafic rocks by lichens. Lichenologist, 25:
285-297.
ADAMO P., COLOMBO C., VIOLANTE P., 1997. Iron oxides and hydroxides in the weathering interface between
Stereocaulon vesuvianum and volcanic rock. Clay Minerals 32, 250-256.
BARGAGLI R., 1989. Determination of metal deposition patterns by epiphytic lichens, Toxicological and Environmental
Chemistry, 35: 249-256.
BROWN D.H., BATES J.W., 1990. Bryophites and nutrient cycling. Botanical Journal of the Linnean Society, 104: 129-147.
CHAPIN F.S., OECHEL W.C., VAN CLEVE K., LAWRENCE W., 1987. The role of mosses in the phosphorus cycling
of an Alaskan black spruce forest. Oecologia (Berlin), 74: 310-315.
GRAUSTEIN W.C., CROMACK K., SOLLINS P., 1977. Calcium oxalate: occurrence in soils and effect on nutrient and
geochemical cycles. Science, 198: 1252-1254.
IHSS, 1985. Outline of humic and fulvic acids extraction procedure. Communications of the International Humic
Substances Society, Colorado School of Mines, Golden, CO.
ISKANDAR I.K., SYERS J.K., 1972. Metal-complex formation by lichen compounds. Journal of Soil Science, 23,
JONES D., WILSON M.J., McHARDY W.J., 1981. Lichen weathering of rock forming minerals; applications scanning
electron microscopy and microprobe analysis. Journal of Microscopy, 124, 95-104.
JONES D., WILSON M.J., McHARDY W.J., 1985. Chemical activity of lichens on mineral surfaces; a review.
International Biodeterioration, 21: 99-104.
JONES D., WILSON M.J., McHARDY W.J., 1986. Biomineralization in crustose lichens. In Biomineralization in Lower
Plants and Animals (ed. B.S.C. Leadbeater and R.Riding). pp. 91-105. Clarendon Press, Oxford.
MiRAAF (Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali), 1992. Metodi Ufficiali di analisi chimica del suo-
lo. Osservatorio Nazionale Pedologico e per la qualità del suolo. Roma 1994, pp. 1-207.
SYERS J.K., ISKANDAR I.K., 1973. Pedogenetic significance of lichens. In The Lichens, (ed. V. Ahmadjian and M.E.
Hall) pp. 225-248, Academic Press, London.
TANGUY J.C., CLOCCHIATTI R., 1984. The etnean lavas, 1977-1983: petrology and mineralogy, Bull. Volcanol., 47:
497-516.
29

LE SOSTANZE UMICHE NELLO SCHELETRO DEL


SUOLO
Agnelli A.1, Celi L.2, Degl’Innocenti A.3, Corti G.1, Ugolini F.C.1
1 Dipartimento di Scienza del Suolo e Nutrizione delle Piante, Firenze;
2 DI.VA.P.R.A., Chimica Agraria, Torino;
3 Dipartimento di Chimica Organica, Firenze.

Introduzione

La sostanza organica è un importante costituente del suolo e il


concetto che la fertilità dipenda dal contenuto in humus è noto da lungo tem-
po (Liebig, 1840). La frazione umificata ha inoltre effetti sul pH e sulla ca-
pacità di scambio cationico, nonché su proprietà fisiche del suolo quali la sta-
bilità degli aggregati, la capacità di ritenzione idrica e la permeabilità.
Come per altre caratteristiche chimico-fisiche del suolo, gli stu-
di sulla sostanza organica sono generalmente rivolti alla terra fine, mentre la
frazione grossolana o scheletro (> 2 mm) non è mai stata presa in conside-
razione sotto questo aspetto. Recenti studi hanno però evidenziato che tale
frazione presenta proprietà, come il contenuto di C organico e di N, parago-
nabili a quelle della terra fine (Ugolini et al., 1996). Inoltre, è stato dimo-
strato che l’espressione di queste proprietà dipende dal grado di alterazione
dei clasti (Corti et al., 1998). Infatti, l’alterazione produce un aumento della
porosità (Ugolini et al., 1996) favorendo gli scambi tra l’interno dei clasti ed
il suolo circostante.
In questo lavoro sono stati caratterizzati gli acidi umici (AU) e
fulvici (AF) estratti da terra fine e scheletro di un suolo forestale, al fine di
valutare l’evoluzione della sostanza organica e avanzare ipotesi sui processi
di umificazione che avvengono in questa frazione del suolo.

Materiali e metodi

La ricerca è stata condotta nella Foresta di Vallombrosa


(Comune di Reggello, FI), i cui suoli si sono sviluppati da un’arenaria risa-

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 29-41 (2001)
30 Agnelli et al.

lente all’Oligocene (Arenaria del Falterona), costituita da banconi di arena-


ria intercalati da sottili strati di siltite. L’area di studio, Cavalla, si trova a
1100 m s.l.m., su una pendice esposta a N-NE, con pendenza di circa il 5%.
La vegetazione è costituita da un impianto di abete bianco (Abies alba Mill.)
dell’età di 75 anni. Il suolo è stato classificato Humic Dystrudept (Soil
Survey Staff, 1998).
Il campionamento è stato effettuato su base di volume (Corti et
al., 1998) ed i campioni suddivisi in terra fine (< 2 mm) e scheletro (> 2 mm)
tramite setacciatura a secco e ad umido. Dalla setacciatura ad umido si è ot-
tenuta un’altra frazione, la “lavatura dello scheletro” (che qui chiameremo
lavatura), costituita dal materiale fine aderente ai clasti. Lo scheletro è stato
poi suddiviso in classi di alterazione (Corti et al., 1998).
In questo lavoro sono stati analizzati: terra fine, lavatura, sche-
letro alterato e scarsamente alterato degli orizzonti A1 e A2.
Sui campioni, macinati a 0.5 mm, si è determinato il contenuto
di C organico e di N totale con un analizzatore Carlo Erba NA 1500, previo
trattamento con HCl 0.2M.
Gli acidi umici (AU) e fulvici (AF) sono stati estratti e purifi-
cati seguendo la procedura illustrata in Fig. 1. La composizione elementare
(N, C, S, H) degli AU e AF è stata determinata con un Carlo Erba NA 1500.
I valori sono stati corretti per il contenuto in umidità e ceneri. L’acidità to-
tale ed il contenuto di gruppi COOH sono stati determinati secondo il meto-
do di Schnitzer e Gupta (1965). I gruppi OH acidi (OH-fenolici ed –enolici)
sono stati calcolati per differenza. Il rapporto E4/E6 è stato determinato, se-
condo il metodo di Chen et al. (1977), con uno spettrofotometro Carlo Erba
Spectracomp 602. Gli spettri FT-IR sono stati registrati con uno spettrofoto-
metro 16F PC FT-IR Perkin Elmer, utilizzando pastiglie di KBr, preparate
pressando sotto vuoto una miscela costituita da 0.5 mg di sostanze umiche e
200 mg di KBr. Gli spettri sono stati acquisiti con una risoluzione di 4 cm-
1 e come media di 64 scansioni. Gli spettri 13C NMR allo stato liquido so-
no stati registrati in NaOH 0.5M (100 mg di AU o AF in 2 mL) a 50.3 MHz
con uno spettrometro Varian Gemini 200, alle condizioni indicate da
Schnitzer e Preston (1986).

Risultati e discussione

Il contenuto di C organico e di N totale diminuisce dall’oriz-


zonte A1 all’A2 e dalla terra fine allo scheletro scarsamente alterato (Fig. 2).
Le sostanze umiche nello scheletro del suolo 31

Fig. 1. Procedura di estrazione e purificazione degli acidi umici e fulvici.

campione

estrazione, in atmosfera di N2, con una


soluzione di NaOH 0.1M : Na4P2O7 0.1M
(rapporto solido:liquido 1:10);
centrifugazione e filtrazione a 0.45 mm

sostanza organica estratta

acidificazione con
HCl 6M

acidi fulvici grezzi acidi umici grezzi


(solubili) (precipitati)

trattamento con etanolo e


acidificazione con HCl 6M
passaggio su PVP

lavaggi con H2O


del precipitato

eluizione della fase


ritenuta con NaOH 0.1M trattamento con HF 1M : HCl 0.5M
(ca. 1 settimana)

lavaggi con acqua solubilizzazione con


dialisi NaOH 0.1M
(SpectraPor 6, MWCO 1000)

dialisi
passaggio su (SpectraPor 6, MWCO 1000)
amberlite IR 120 H+
passaggio su
amberlite IR 120 H+
liofilizzazione
liofilizzazione

acidi fulvici acidi umici


32 Agnelli et al.

Fig. 2. Contenuto di C organico ed N totale


50 3

2.5
40

2
30

1.5
20
1

10
0.5

0 0
A1 A2 A1 A2
orizzonti
horizons orizzonti
horizons

Terra fine Lavatura

Scheletro alterato Scheletro scarsamente


alterato

Sebbene la terra fine mostri i maggiori contenuti in entrambi gli


orizzonti, è evidente la notevole presenza di C organico nella lavatura e nel-
lo scheletro alterato. Lo scheletro scarsamente alterato mostra valori più bas-
si. La lavatura presenta un contenuto di C organico e di N totale simile a
quello dello scheletro alterato.
Acidi umici
Gli AU dello scheletro presentano una composizione elementa-
re (Tab. 1) comune di AU di suoli di climi temperati. Rispetto alla terra fine
hanno un più alto contenuto in C e in N e un più basso rapporto C/N. Ciò fa-
rebbe supporre un maggiore grado di incorporazione dell’N nella struttura
umica e potrebbe essere considerato come indice di buona attività biologica
(Kononova, 1966). Inoltre il più alto contenuto in H, cui consegue un più al-
to rapporto H/C, osservato nello scheletro di entrambi gli orizzonti, indiche-
rebbe la presenza di materiale a carattere più alifatico rispetto a quello ritro-
vato nella terra fine. Il contenuto in O è leggermente inferiore a quello della
terra fine così come l’acidità totale, dovuta totalmente a gruppi COOH
nell’A1. Nell’A2 si nota invece una rilevante concentrazione di OH fenolici.
Le sostanze umiche nello scheletro del suolo 33

Tabella 1. Composizione elementare e rapporti atomici degli AU


N C H S O C/N H/C O/C
%
A1 terra fine 3.90 60.26 4.62 2.38 28.84 18.05 0.92 0.36
lavatura 4.89 64.41 4.51 0.45 25.73 15.38 0.84 0.30
schel. alt. 5.77 62.73 4.76 0.35 26.38 12.69 0.91 0.32
schel. scar. alt. 6.16 60.81 5.00 1.10 26.93 11.52 0.99 0.33
A2 terra fine 3.78 58.10 4.17 3.86 30.08 17.93 0.86 0.39
lavatura 5.94 66.84 4.22 0.52 22.47 13.13 0.76 0.25
schel. alt. 5.78 61.18 4.33 0.40 28.30 12.35 0.85 0.35
schel. scar. alt. 5.03 61.80 4.48 1.29 27.40 14.35 0.87 0.33
schel. alt. = scheletro alterato; schel. scar. alt. = scheletro scarsamente alterato.

La lavatura presenta un contenuto in C e N simili a quello del-


lo scheletro mentre l’O, basso in entrambi gli orizzonti, è però accompagna-
to da alti valori di acidità totale e gruppi carbossilici, indicando che questi
sono i gruppi funzionali contenenti O maggiormente rappresentati nel mate-
riale umico.
Il rapporto E4/E6 (Tab. 2) decresce andando dalla terra fine al-
lo scheletro scarsamente alterato in entrambi gli orizzonti, seguendo l’anda-
mento dei gruppi COOH (Chen et al., 1977).
Tabella 2. Acidità totale, gruppi COOH e -OH acidi, e rapporto E4/E6 degli AU
Acidità totale COOH -OH acidi E4/E6
cmol kg-1
A1 terra fine 545 527 18 6.09
lavatura 639 553 86 5.70
schel. alt. 463 446 17 5.60
schel. scar. alt. 414 411 3 4.40
A2 terra fine 693 608 85 5.33
lavatura 548 540 8 5.27
schel. alt. 636 466 170 5.20
schel. scar. alt. 909 460 449 4.66

Gli spettri FT-IR di tutti gli AU (Fig. 3) mostrano un’ampia ban-


da centrata a 3400 cm-1 dovuta ai gruppi OH. Negli AU della lavatura e dello
scheletro scarsamente alterato sono evidenti bande a 2920 e 2856 cm-1 (stret-
ching dei -CH- e dei -CH2-), meno pronunciate nelle altre due frazioni. Le ban-
de a 1720 e a 1200 cm-1 (stretching del C-O di C=O e COOH) sono di mino-
re intensità negli AU dei clasti rispetto a quelli della terra fine, confermando i
dati dell’analisi chimica, mentre la spalla attorno a 1500 cm-1 (C=C di anelli
aromatici o C=O di amidi II) è marcata solo nella lavatura e nello scheletro.
34 Agnelli et al.
Le sostanze umiche nello scheletro del suolo 35
36 Agnelli et al.

Un’ampia banda da 1260 a 1200 cm-1 (stretching asimmetrico del


C-O e dell’OH di gruppi carbossilici, deformazione del C-OH di fenoli e alco-
li terziari) è presente in tutti gli spettri così come quella a 1150-1050 cm-1 sep-
pur più pronunciata nella terra fine e, in minor misura, nello scheletro scarsa-
mente alterato. Questa banda può essere attribuita allo stretching di C-O di al-
coli e polisaccaridi (Piccolo and Stevenson, 1982), ma non si può escludere la
possibilità di stretching di Si-O, causato dalla presenza di impurezze minerali.
Gli spettri 13C NMR allo stato liquido degli AU (Fig. 4) mo-
strano segnali nella zona del C alifatico più pronunciati per la lavatura e per
le due classi di scheletro che per la terra fine. Sono evidenti segnali a 16-32
ppm, attribuibili a (CH2)n di lunghe catene alifatiche e segnali a 40-105 ppm
dovuti a C alifatici legati ad atomi di O e N, attribuibili alla presenza di ami-
noacidi e carboidrati (Schnitzer e Preston, 1986). Negli spettri della lavatu-
ra e dello scheletro si osservano segnali molto ampi e complessi nella zona
del C aromatico (105-150 ppm), mentre in quelli relativi alla terra fine sono
evidenti segnali ben definiti a 120 e 127 ppm, dovuti ad anelli aromatici al-
tamente protonati (Hatcher et al., 1980). Negli spettri degli AU dello sche-
letro alterato e scarsamente alterato sono presenti segnali tra 150 e 165 ppm,
dovuti a C fenolici. I segnali dovuti al C dei carbossili (165-185 ppm) sono
comparabili in tutti gli spettri.
Questi risultati mettono in evidenza che gli AU estratti dallo
scheletro sono caratterizzati da un più alto contenuto in N e H, catene paraf-
finiche, OH alifatici e aromatici, rispetto a quelli della terra fine, indicando
una maggiore presenza di residui di carboidrati, lipidi e proteine legati al co-
re della struttura umica e solo parzialmente degradati (Schulten e Schnitzer,
1993; Stevenson, 1994). La modesta componente aromatica potrebbe essere
correlata ad una limitata capacità di penetrazione di materiale ligninico al-
l’interno dei clasti. Si potrebbe ipotizzare che il materiale organico dello
scheletro vada incontro ad un processo di trasformazione meno intenso ri-
spetto a quanto avviene nella terra fine, in quanto fisicamente e selettiva-
mente protetto dall’attacco microbico. Questa ipotesi è avvalorata dal fatto
che queste caratteristiche sono ancora più evidenti nei clasti scarsamente al-
terati. Un fenomeno simile è stato osservato in suoli argillosi (Verberne et
al., 1990) dove la sostanza organica, intrappolata all’interno dei micropori
degli aggregati, è inaccessibile ai microrganismi (Elliot e Coleman, 1988) e
subisce una minore degradazione rispetto a quella di suoli sabbiosi. D’altra
parte non è da escludere che, al contrario, le sostanze umiche dello schele-
tro siano soggette ad un turnover più rapido rispetto a quello che si verifica
nella terra fine, vista la presenza di materiale facilmente decomponibile nel-
la struttura degli AU dello scheletro. Questa ipotesi sarebbe suffragata dal
Le sostanze umiche nello scheletro del suolo 37

fatto che AU estratti da paleosuoli sono caratterizzati dall’assenza di poli-


saccaridi e materiali proteici e praticamente privi di strutture alifatiche
(Calderoni e Schnitzer, 1984).
Gli AU della lavatura, con bassi rapporti H/C e O/C ed un alto
contenuto di COOH, OH-acidi e anelli aromatici sostituiti, appaiono essere
molto più simili a quelli dello scheletro che a quelli della terra fine.
Acidi fulvici
La composizione elementare degli AF (Tab. 3) mostra un con-
tenuto in N simile in tutte le frazioni con valori inferiori nell’orizzonte A2.
Gli AF dello scheletro sono costituiti da un contenuto più alto in C e più bas-
so in H, cui corrispondono bassi valori in H/C. A differenza degli AU, gli
AF dello scheletro sono quindi più aromatici di quelli della terra fine. I più
alti valori di C si ritrovano nella lavatura in entrambi gli orizzonti. Il rap-
porto C/N degli AF dei clasti è simile a quello della terra fine e con valori
maggiori nell’orizzonte A2.
Tabella 3. Composizione elementare e rapporti atomici degli AF
N C H S O C/N H/C O/C
%
A1 terra fine 1.95 54.92 4.39 1.83 36.91 32.96 0.96 0.50
lavatura 1.73 58.44 3.78 0.99 35.06 39.38 0.78 0.45
schel. alt. 1.83 58.21 3.53 0.37 36.05 37.05 0.73 0.46
schel. scar. alt. 1.75 57.01 3.46 0.53 37.26 38.13 0.73 0.49
A2 terra fine 1.46 54.53 3.64 1.82 38.55 43.67 0.80 0.53
lavatura 1.56 56.49 3.68 1.29 36.98 42.14 0.78 0.49
schel. alt. 1.67 55.69 3.35 0.38 38.91 39.00 0.72 0.52
schel. scar. alt. 1.56 55.11 3.09 0.69 39.55 41.18 0.67 0.54

L’acidità totale (Tab. 4) è dovuta, anche in questo caso, in gran


parte a gruppi COOH, sebbene il contributo degli OH-acidi sia superiore a
quello riscontrato negli AU.
Tabella 4. Acidità totale, gruppi COOH e -OH acidi, e rapporto E4/E6 degli AF
Acidità totale COOH -OH acidi E4/E6
cmol kg-1
A1 terra fine 1253 1196 57 8.46
lavatura 1457 1231 226 13.39
schel. alt. 1608 1281 327 13.88
schel. scar. alt. 1694 1261 433 12.68
A2 terra fine 1503 1208 295 15.15
lavatura 1662 1345 317 10.48
schel. alt. 1608 1300 309 10.52
schel. scar. alt. 1652 1003 649 8.26
38 Agnelli et al.
Le sostanze umiche nello scheletro del suolo 39
40 Agnelli et al.

I contenuti maggiori di COOH si ritrovano negli AF della lavatu-


ra e dello scheletro alterato dell’orizzonte A2, mentre le più alte concentrazio-
ni di OH-acidi si ritrovano nei clasti scarsamente alterati dello stesso orizzonte.
Gli spettri FT-IR (Fig. 5) mostrano poche differenze tra le fra-
zioni nei due orizzonti. Le deboli bande a 2920 e 2856 cm-1 e quelle molto
pronunciate a 1720 e 1200 cm-1 indicano un minore grado di alifaticità ed
un maggiore contenuto di gruppi COOH rispetto agli AU.
Gli spettri 13C NMR degli AF (Fig. 6), mostrano segnali più
deboli nella regione del C alifatico (0-105 ppm) rispetto agli AU. La com-
plessità del segnale nella zona del C aromatico (105-150 ppm) aumenta an-
dando dalla terra fine allo scheletro e decresce dall’orizzonte A1 all’A2. I se-
gnali dovuti al C aromatico negli AF dello scheletro alterato sono però più
definiti rispetto a quelli degli AU, indicando una maggior presenza di anelli
aromatici non sostituiti.

Conclusioni

Lo scheletro contiene una quantità non trascurabile di C orga-


nico ed N, accumulati durante la formazione del suolo (Corti et al., 1995:
Ugolini et al., 1996). I processi di umificazione nei clasti conducono a so-
stanze umiche con differenti caratteristiche rispetto a quelle della terra fine.
In particolare, gli acidi umici dello scheletro sono caratterizzati dalla pre-
senza di residui polisaccaridici, lipidici e proteici, solo parzialmente degra-
dati. Questo potrebbe essere dovuto ad una protezione fisica dall’attacco mi-
crobico offerta dalla struttura stessa dei clasti o, al contrario, ad un più ve-
loce turnover della sostanza organica nello scheletro.
Gli acidi umici della lavatura hanno mostrato caratteristiche più
vicine a quelle dello scheletro che a quelle dalla terra fine suggerendo che que-
sta frazione potrebbe essersi originata in gran parte dalla disgregazione delle
superfici dei clasti, più che da fenomeni di illuviazione. Quindi, la lavatura rap-
presenterebbe la fase intermedia tra lo scheletro del suolo e la terra fine.
Gli acidi fulvici delle quattro frazioni mostrano una maggior
omogeneità rispetto agli acidi umici, probabilmente grazie alla loro mobili-
tà nella soluzione del suolo.
Lo scheletro del suolo non rappresenta quindi solo un reservoir
di C organico e di N fino ad oggi poco considerato, ma anche una frazione
attiva dal punto di vista chimico e biologico.
Le sostanze umiche nello scheletro del suolo 41

Bibliografia

CALDERONI G., M. SCHNITZER. 1984. Effect of age on the chemical structure of paleosol humic acids and fulvic
acids. Geochim. Cosmochim. Acta 48: 2045-2051.
CHEN Y., N. SENESI, M. SCHNITZER. 1977. Information provided on humic substances by E4/E6 ratios. Soil Sci.
Soc. Am. J. 41: 352-358.
CORTI G., F. PICCARDI, A. AGNELLI, F.C. UGOLINI. 1995. Carbonio e azoto nella frazione grossolana (> 2 mm)
del suolo: quali le implicazioni? In Atti XII Convegno Nazionale Società Italiana Chimica Agraria,
pp. 81-88. Patron Edizioni, Bologna, Italia.
CORTI G., F.C. UGOLINI, A. AGNELLI. 1998. Classing the soil skeleton (greater than two millimeters): proposed ap-
proach and procedure. Soil Sci. Soc. Am. J. 62: 1620-1629.
ELLIOTT E.T., D.C. COLEMAN. 1988. Let the soil work for us. In Ecological implications of contemporary
Agriculture. H. Ejjsackers and A. Quispel (eds.). Proc. 4th European Ecology Symposium,
Wageningen. Ecol. Bull. 39: 23-32.
HATCHER P.G., R. ROWAN, M.A. MATTINGLY. 1980. 1H and 13C NMR of marine humic acids. Org. Geochem. 2:
77-85.
KONONOVA M.M. 1966. Soil organic matter. Pergamon, Oxford, UK.
LIEBIG J. 1840. Organic chemistry in its application to agriculture and physiology. Taylor and Walton, London, UK
pp. 200.
PICCOLO A., F.J. STEVENSON. 1982. Infrared spectra of Cu2+, Pb2+ and Ca2+ complexes of soil humic substances.
Geoderma 27: 195-208.
SCHNITZER M., C.M. PRESTON. 1986. Analysis of humic acids by solution and solid-state Carbon-13 Nuclear
Magnetic Resonance. Soil Sci. Soc. Am. J. 50: 326-331.
SCHULTEN H.-R., M. SCHNITZER. 1993. A state of the art structural concept for humic substances.
Naturwissenschaften 80: 29-30.
SOIL SURVEY STAFF. 1998. Keys of to Soil Taxonomy. 8th edition. United States Department of Agriculture & Natural
Resources Conservation Service, Washington D.C., USA. 326 pp.
STEVENSON F.J. 1994. Humus chemistry: genesis, composition and reactions. John Wiley & Sons, New York, NY,
USA. pp. 496.
UGOLINI F.C., G. CORTI, A. AGNELLI, F. PICCARDI. 1996. Mineralogical, physical, and chemical properties of rock
fragments in soil. Soil Sci. 161: 521-542.
VERBERNE E.L.J., J. HASSINK, P. DE WILLIGEN, J.J.R. GROOT, J.A. VAN VEEN. 1990. Modelling organic mat-
ter dynamics in different soils. Neth. J. Agric. Sci. 38: 221-238.
43

LE ATTIVITÀ DEL CENTRO TEMATICO NAZIONALE


“SUOLO E SITI CONTAMINATI”
Renzo Barberis 1, Antonio Pugliese 2
1 Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte – Torino
2 Agenzia Nazionale per la Protezione Ambientale - Roma

Riassunto

Il CTN SSC si propone la definizione, la raccolta e l’organizzazione dei dati


e delle informazioni sul suolo che sono ritenuti utili per descrivere questa matrice am-
bientale a livello nazionale e per indirizzare correttamente le politiche di salvaguar-
dia ambientale ed utilizzo del territorio secondo i criteri dello sviluppo sostenibile.
Le attività del CTN comprendono dunque l’esame della domanda di cono-
scenza sul suolo derivante da atti di indirizzo, convenzioni, leggi e norme a livello
europeo e nazionale, l’individuazione di indicatori e indici utili a descrivere la ma-
trice suolo, le linee guida per la costruzione di questi indicatori e indici, il censi-
mento delle sorgenti dei dati necessari per la formulazione di indicatori e indici e
l’acquisizione dei dati disponibili, la qualificazione e l’integrazione di questi dati; il
CTN si occupa inoltre di molte altre attività correlate, legate ad esempio agli stan-
dard di qualità ambientale o alle guide tecniche sui metodi di analisi.
Nella prima fase di lavoro sono stati individuati gli indicatori e gli indici prio-
ritari per tutte le tematiche considerate, seguendo lo schema siglato DPSIR (Driving
forces, Pressure, State, Impact e Response), ed è stato svolto un capillare lavoro di
ricerca delle informazioni esistenti a livello nazionale.

Introduzione

In attuazione del decreto del Ministro dell’ambiente del 29 ot-


tobre 1998, che contiene le disposizioni e le modalità attuative del trasferi-
mento del programma SINA dal Ministero all’ANPA, così come previsto
dalla legge 21 gennaio 1994. n.61, l’ANPA sta organizzando il nuovo siste-
ma nazionale conoscitivo e dei controlli ambientali.
Nell’ambito di tale sistema (Figura 1), i CTN (Centri Tematici

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 43-48 (2001)
44

Nazionali) rappresentano il principale strumento di supporto operativo


dell’ANPA per l’espletamento di quelle attività di formazione delle regole
generali per favorire l’integrazione territoriale e tematica delle informazioni
ambientali e di coordinamento generale delle attività di alimentazione della
base conoscitiva a livello nazionale.

• Figura 1- Collocazione del CTN nell'ambito dello schema SINANET

ISTAT
1 ASS. CONSORTILI TRA ARPA/APPA
cooperano 2 ORG. TECNICO-TEMATICI
3 ASS. CONSORTILI TRA 1 E 2
seleziona
e incarica
ANPA CTN • ATMOSFERA, QUALITÀ ARIA ED EMISSIONI
ATMOSFERICHE
• ACQUE INTERNE E MARINO-COSTIERE
m (1 x tema) • SUOLO E SITI CONTAMINATI
• RIFIUTI
dà consulenza • AGENTI FISICI
e supporto a cooperano con • CONSERVAZIONE DELLA NATURA
dà direttive e
vigila su cooperano con
m (var)

MAMB IPR PFR


• ARPA/APPA
• STRUTTURE REGIONALI
designa e
• AUT. BACINO coordina
• AUT. PARCO
• ENEA REGIONI
• CNR PROV. AUTONOME
• DSTN
• UNIONCAMERE
• UNCEM
• ISS

Il CTN SSC si propone la definizione, la raccolta e l’organiz-


zazione dei dati e delle informazioni sul suolo che sono ritenuti utili per de-
scrivere questa matrice ambientale a livello nazionale e per indirizzare cor-
rettamente le politiche di salvaguardia ambientale ed utilizzo del territorio
secondo i criteri dello sviluppo sostenibile.

Le attività del CTN


Le attività del CTN comprendono l’esame della domanda di co-
noscenza sul suolo derivante da atti di indirizzo, convenzioni, leggi e norme
a livello europeo e nazionale, l’individuazione di indicatori e indici utili a de-
scrivere la matrice suolo, le linee guida per la costruzione di questi indica-
tori e indici, il censimento delle sorgenti dei dati necessari per la formula-
zione di indicatori e indici e l’acquisizione dei dati disponibili, la qualifica-
zione e l’integrazione di questi dati; il CTN si occupa inoltre di molte altre
attività correlate, legate ad esempio agli standard di qualità ambientale o al-
le guide tecniche sui metodi di analisi.
Per facilitare l’approccio ad una matrice così complessa come il
Le attività del Centro Tematico Nazionale “Suolo e siti contaminati” 45

suolo, pur essendo perfettamente consci della unicità della matrice stessa, so-
no state definite quattro diverse tematiche che vogliono rappresentare quat-
tro aspetti particolari, ampiamente correlati tra di loro, del suolo:
Ø qualità dei suoli (Tema 18) – riguarda la rappresentazione del suolo
attraverso le sue caratteristiche intrinseche, che meglio lo caratterizzano co-
me matrice naturale in grado di svolgere le numerose e ben note funzioni;
Ø degradazione fisica e biologica del suolo (Tema 19) – considera gli
aspetti di degradazione della matrice suolo che, soprattutto nell’ultimo seco-
lo, hanno portato o rischiano di portare ad una perdita di parte del suolo o
delle sue funzionalità a causa del verificarsi di fenomeni degradativi o di uti-
lizzo del suolo che possono considerarsi irreversibili, almeno nella scala tem-
porale umana;
Ø contaminazione dei suoli da fonti diffuse (Tema 20) – considera que-
gli aspetti qualitativi del suolo che possono risultare progressivamente com-
promessi da un utilizzo dello stesso, soprattutto da parte dell’uomo, con mo-
dalità tali da non rispettare i naturali tempi di riequilibrio, ovvero tali da
compromettere la funzione del suolo come filtro biologico;
Ø contaminazione puntuale del suolo e siti contaminati (Tema 21) –
considera uno dei fenomeni più preoccupanti degli ultimi decenni, cioè il
moltiplicarsi di situazioni di forte contaminazione di superfici ben definite di
suolo da parte di attività antropiche, con necessità di interventi di bonifica
che spesso non sono in grado di restituire al suolo la sua piena funzionalità.

Lo schema DPSIR
La definizione di indicatori ed indici che siano in grado di rap-
presentare una determinata matrice ambientale, sia nell’ambito di processi di
valutazione della matrice stessa, sia come reporting dello stato dell’ambien-
te, avviene generalmente attraverso l’utilizzo di schemi in grado di mettere
in relazione le pressioni esercitate sulla matrice, lo stato della matrice stessa
e le risposte che già ci sono o che sono ipotizzabili per il futuro.
Nel caso specifico, lo schema di riferimento è quello siglato
DPSIR, cioè Driving forces, Pressure, State, Impact e Response.
Lo schema è stato adottato dalla EEA (European Environmental
Agency), in modo da proporre con esso una struttura di riferimento genera-
le, un approccio integrato nei processi di reporting sullo stato dell’ambiente,
effettuati a qualsiasi livello europeo o nazionale. Esso permette di rappre-
sentare l’insieme degli elementi e delle relazioni che caratterizzano un qual-
siasi tema o fenomeno ambientale, mettendolo in relazione con l’insieme
46 Barberis e Pugliese

delle politiche esercitate verso di esso.


Lo schema (Figura 2), applicato al tema del suolo e dei siti con-
taminati, fornisce delle utili interpretazioni delle singole voci del DPSIR, e
precisamente:

• Figura 2- Schema DPSIR applicato al tema "suolo"


Sviluppo di politiche di Direttiva sui nitrati
protezione del suolo Riforma della PAC
Industria Direttiva sullo
Agricoltura spandimento di liquami
Popolazione
Turismo Responses
Trasporti
Driving
Forces

Cambiamento
del clima
Urbanizzazione
Pressures Impact Stress idrico
Deforestazione
Desertificazione
Incendi boschivi
Perdita di
biodiversità
State

Contaminazione, acidificazione, Compattamento ed


salinizzazione del suolo erosione del suolo
Carico di nutrienti

Ø D – Driving forces – Determinanti o Forze determinanti


popolazione umana, sviluppo del territorio, agricoltura, turismo, traspor-
ti, industria/energia, miniere, eventi naturali, cambiamenti climatici, utilizzo
risorsa idrica e stress idrico
Ø P – Pressures – Pressioni
emissioni nell’aria, nell’acqua e sul suolo, espansione urbana (consumo
di suolo), costruzione di infrastrutture, de-forestazione, incendi boschivi
Ø S – States – Stati
degradazione del suolo – contaminazione locale e diffusa, acidificazione
del suolo, salinizzazione, carico di nutrienti (eutrofizzazione del suolo), de-
gradazione fisica
perdita di suolo – erosione dall’acqua e dal vento, grandi movimenti di
terra per opere di diversa natura
Ø I – Impacts – Impatti
diretti – cambiamenti nelle funzioni del suolo, desertificazione
Le attività del Centro Tematico Nazionale “Suolo e siti contaminati” 47

indiretti (effetti su altre matrici ambientali) – cambiamenti nel numero e


nella distribuzione della popolazione, perdita di biodiversità, cambiamenti
nelle rese colturali, cambiamenti climatici, stress idrico
Ø R – Responses - Risposte
protezione primaria – convenzione sulla desertificazione, sviluppo della
politica comunitaria europea di protezione del suolo
protezione secondaria – riforma del CAP, direttiva nitrati, direttiva sul-
l’utilizzo agricolo dei fanghi, direttiva quadro sulle acque
Un lavoro analogo è stato condotto, anche questo a livello di
draft, per i siti contaminati dall’apposito gruppo di lavoro dell’ETC Soil
(Figura 3).

• Figura 3- Schema DPSIR applicato al tema "siti contaminati"

Piani di bonifica
Industrie
Normative ed
Discariche
incentivi sull'uso
Siti militari
Reponses del suolo
Driving
Forces

Rilascio di Cambiamenti
sostanze Pressures nelle funzioni
tossiche Impact dell'ecosistema
nell'aria, acqua
e suolo

State

Stato e qualità del suolo


(contaminazione)

Lo stato attuale dei lavori


La scelta degli indicatori per definire la qualità del suolo in tut-
te le sue componenti, chimica, fisica e biologica, nonché delle pressioni, dif-
fuse o puntuali, che su di esso sono esercitate, deve necessariamente accom-
pagnarsi ad un set di informazioni accessorie in grado di descrivere, nel mo-
do più esauriente possibile, la continua variazione dei caratteri principali del
suolo, legando il valore dell’indicatore a precisi riferimenti topografici terri-
toriali (es.: caratteristiche morfologiche, pedologiche, del paesaggio, uso del
suolo, ecc.).
48 Barberis e Pugliese

Sulla base di questi criteri, è stato definito un ampio elenco di


indicatori all’interno del quale si stanno scegliendo quelli prioritari sui qua-
li puntare l’attenzione sia per la redazione delle linee guida per la loro com-
pilazione, sia per la ricerca ed il reperimento dei dati necessari.
Contemporaneamente è stato predisposto un osservatorio sulla
domanda di informazione ed è in fase di realizzazione il catalogo delle sor-
genti dei dati.
Tra le altre attività del CTN merita un accenno particolare la
collaborazione alla redazione di linee-guida e guide tecniche relative alle me-
todologie analitiche e di monitoraggio sia in campo chimico fisico, sia in
campo biologico. Una prima necessità già individuata ed attualmente in fa-
se di valutazione riguarda la predisposizione di una guida tecnica per le me-
todiche analitiche sui suoli contaminati, riferita agli analiti compresi nelle
Tabelle di cui agli allegati tecnici dell’emanando regolamento ministeriale
sulle bonifiche. Altre necessità potrebbero essere individuate dagli esami che
si stanno conducendo sulle caratteristiche biologiche dei suoli, comprese le
metodiche ecotossicologiche e quelle basate su matrici biotiche.
I lavori del CTN-SSC sono in piena fase di svolgimento, per cui
ogni considerazione che voglia assumere un carattere in qualche modo con-
clusivo risulta essere assolutamente prematura; appare comunque chiaro che
i molti “dati” esistenti sono in grado di dare poche “informazioni” effettiva-
mente utilizzabili e che i controlli sul suolo sono attualmente pochi, dis-
omogenei, molto spesso legati a fenomeni di contaminazione, vera o pre-
sunta, del suolo stesso.
Il CTN-SSC vuole fornire il proprio contributo per una miglio-
re gestione delle conoscenze sul suolo, basata sui dati indispensabili per la
costruzione di alcuni indicatori ed indici condivisi a carattere nazionale ed in
grado di fornire quelle “informazioni” indispensabili per una corretta pro-
grammazione degli interventi che interessano il suolo nell’ottica dello svi-
luppo sostenibile.
49

SUOLI CONTAMINATI: BIODISPONIBILITÀ DI


ELEMENTI TOSSICI ACCERTATA TRAMITE TEST DI
ELUIZIONE IN COLONNA E IN BATCH
Beccaloni E., Musmeci L.
Laboratorio Igiene Ambientale – Reparto Igiene del Suolo
Istituto Superiore di Sanità

Riassunto

Il problema dei siti dismessi o in generale dei siti da bonificare, in quanto inqui-
nati da attività industriali o da smaltimento abusivo di rifiuti, da sversamenti acci-
dentali o da altre cause, è esploso in Italia solo nell’ultimo decennio. In altri paesi
europei ed extraeuropei tale problematica è stata già affrontata da molti anni, elabo-
rando specifiche normative/linee guida tecniche tese sia all’individuazione dei crite-
ri di valutazione dei suoli contaminati, sia all’individuazione delle migliori tecniche
di bonifica e risanamento.
Attualmente anche in Italia è in corso di definitiva stesura un Regolamento che
in base all’art. 17 del D.Lgs5/02/97 n. 22, fissa i criteri di valutazione dei suoli con-
taminati, di campionamento ed analisi, di valutazione del rischio ed in ultimo di bo-
nifica. Uno dei problemi che sono ancora di non facile risoluzione sia a livello na-
zionale che internazionale, è la messa a punto di idonei sistemi atti a valutare non
tanto il contenuto totale dei microinquinanti, in special modo quelli inorganici e me-
tallici, quanto la frazione “biodisponibile” degli stessi.
Il presente lavoro si prefigge l’obiettivo di dare un contributo in tal senso . E’
stato esaminato un suolo agricolo contaminato da Pb per cause non perfettamente
note, sottoponendolo sia a prove in colonna sia in batch sotto agitazione magnetica.
Come eluente è stata utilizzata sia acqua deionizzata, sia acqua deionizzata acidula-
ta con acido nitrico e solforico (pH circa 4) al fine di riprodurre le condizioni di di-
lavamento delle acque piovane definite “acide”.

Introduzione

Il problema dei siti dismessi o in generale dei siti da bonificare,


in quanto inquinati da attività industriali o da smaltimento abusivo di rifiuti, da
sversamenti accidentali o da altre cause, è esploso in Italia solo nell’ultimo de-

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 49-56 (2001)
50 Beccaloni e Musmeci

cennio. In altri paesi europei ed extraeuropei tale problematica è stata già af-
frontata da molti anni, elaborando specifiche normative/linee guida tecniche
tese sia all’individuazione dei criteri di valutazione dei suoli contaminati, sia
all’individuazione delle migliori tecniche di bonifica e risanamento (1).
Attualmente anche in Italia è in corso di definitiva stesura un
Regolamento che in base all’art. 17 del D.Lgs5/02/97 n. 22, fissa i criteri di
valutazione dei suoli contaminati, di campionamento ed analisi, di valuta-
zione del rischio ed in ultimo di bonifica (2). Uno dei problemi che sono an-
cora di non facile risoluzione sia a livello nazionale che internazionale, è la
messa a punto di idonei sistemi atti a valutare non tanto il contenuto totale
dei microinquinanti, in special modo quelli inorganici e metallici, quanto la
frazione “biodisponibile” degli stessi (3).
La biodisponibilità degli elementi inquinanti risulta essere un
parametro essenziale in special modo in relazione alla effettuazione di una
corretta valutazione del rischio ambientale e sanitario associabile al fenome-
no di contaminazione dei suoli. Tale valutazione del rischio sanitario ed am-
bientale, in base ai criteri riportati nell’art.17 del D.Lgs 22/97, è un requisi-
to fondamentale ove non sia possibile raggiungere neanche con le migliori
tecnologie possibili a costi sopportabili gli obiettivi fissati per la bonifica.
Pertanto si deve procedere a delle semplici “misure di messa in sicurezza de-
finitiva” del sito contaminato.
E’ dunque evidente che le modalità con cui condurre i tests di
eluizione al fine di valutare la biodisponibilità degli inquinanti presenti nel
sito contaminato, sono di primaria importanza.
Il presente lavoro si prefigge l’obiettivo di portare un contributo
in tal senso, paragonando due tipologie di tests di eluizione condotti sullo stes-
so tipo di suolo: un test condotto in colonna ed un test condotto in batch (4).

Materiali e metodi

Materiali
Un’area dell’azienda agricola da cui è stato prelevato il cam-
pione di suolo su cui condurre la sperimentazione, è risultata contaminata da
piombo inorganico a seguito di alcuni lavori condotti nell’azienda agricola
stessa. Pertanto i tests di eluizione riportati di seguito sono stati eseguiti sul
campione di terreno contaminato da Piombo inorganico, utilizzando come
campione di “bianco” lo stesso terreno agricolo non contaminato da Piombo
inorganico.
Suoli contaminati: biodisponibilità di elementi tossici accertata tramite test di eluizione in colonna
e in batch 51

Le caratteristiche chi- Tab. 1


mico – fisiche del terreno agricolo
pH in H2O 7,10
utilizzato sono riportate nella tab.1.
pH in KCl 6,22
Il campione di terreno è stato Peso Specifico g/cm3 2,61
preventivamente vagliato al vaglio Umidità Residua g/kg 140,20
di 2 mm di luce netta. CEC meq/100 grpeso secco 20,20
Il coefficiente di ritenzione del Ntot mg/kgpeso secco 28,40
terreno (capacità di campo) è pari Ptot mg/kgpeso secco 8,30
all’82 % del peso del terreno. TC % 0,66
TIC % 0,66
Il contenuto totale di Piombo TOC % 0,00
inorganico è il seguente:
• Campione terreno contaminato 300 mg/Kg ss
• Campione terreno non contaminato 120 mg /Kg ss

Metodi

Dissoluzione del campione per il contenuto totale di Piombo


Al fine di determinare il contenuto totale di Piombo inorganico
sono stati mineralizzati 300 mg di terreno in triplo, tramite forno a microon-
de ad alta pressione, utilizzando una soluzione di acqua regia (6 ml HCl + 2
ml HNO3) e acido fluoridrico (5 ml). La soluzione ottenuta viene neutraliz-
zata con 30 ml di soluzione satura di acido borico e il volume finale viene
portato a 50 ml con acqua demineralizzata (5).
Al fine di valutare la validità del risultato per la ricerca del con-
tenuto totale di Piombo è stato analizzato anche un materiale di riferimento
BCR n. 142.
I risultati sono:
• Valore certificato 37.8 ± 1.9 mg/Kg ss
• Valore ritrovato 36.3 ± 0.8 mg/Kg ss
Test di eluizione in batch
Il test di eluizione in batch è stato condotto in triplo sia sul terre-
no di bianco (campione A) sia sul terreno contaminato (campione B, C e D),
utilizzando due tipi di soluzione estraente: acqua deionizzata e acqua deioniz-
zata acidula a pH 4 per aggiunta di acido solforico e di acido nitrico.
Quest’ultima soluzione estraente è stata utilizzata per simulare le piogge acide.
52 Beccaloni e Musmeci

Il test in batch è stato condotto per entrambe le soluzioni


estraenti per 24 ore e sotto continua agitazione magnetica. Il rapporto soli-
do/liquido è di 100 g/l per entrambe le soluzioni estraenti.
Le soluzioni ottenute sono state centrifugate e filtrate su filtro
di acetato di cellulosa da 47 mm di diametro con porosità 0.45 µm ed infine
acidificate per l’analisi strumentale con HNO3 1% v/v.
Test di eluizione in colonna
Per ognuna delle due soluzioni estraenti utilizzate sono state al-
lestite tre colonne (lisimetri) con il terreno inquinato ed una colonna con il
terreno di bianco, per un totale di 8 colonne.
A partire dal basso verso l’alto, ogni colonna era così costituita:
• un primo strato di materiale inerte con funzione di filtro;
• uno strato intermedio di ghiaia preventivamente lavata;
• un secondo strato di materiale inerte;
• terreno.
Per ogni colonna è stato utilizzato 1Kg di terreno, distribuito in
un cilindro di altezza di 30 cm; la parte terminale della colonna presenta for-
ma conica in modo da facilitare la raccolta di percolato verso il rubinetto di
chiusura.
Sono state utilizzate come soluzioni estraenti le stesse due so-
luzioni utilizzate nel test in batch: acqua deionizzata e acqua deionizzata aci-
dula a pH 4 per aggiunta di H2SO4 e HNO3.
I volumi di acqua deionizzata e di acqua deionizzata acidula ag-
giunti sono stati calcolati sulla base del superamento della capacità di campo
al fine di avere sempre un quantitativo di eluente, eluito alla base della co-
lonna di suolo. La prima raccolta è stata effettuata subito dopo aver superato
la capacità di campo, mentre la seconda raccolta è stata effettuata a seguito di
ulteriore aggiunta di eluente, dopo 24 ore, al fine di poter paragonare il dato
in colonna con quello in batch. Le ulteriori raccolte sono state eseguite ogni
20 giorni. Al momento sono state effettuate in tutto 5 raccolte di eluato per
un periodo di tempo complessivo di studio di circa due mesi e mezzo.
Il contenuto di Piombo negli eluenti è stata determinato tramite
Spettrofotometro Varian A.A. con correttore di fondo al Deuterio e fornace
di grafite GTA 96, con autocampionatore, utilizzando dove è stato necessa-
rio un modificatore di matrice. Il limite di rivelabilità strumentale sulla so-
luzione eluita è di 0.8 µg/l calcolato su 3σ.
Suoli contaminati: biodisponibilità di elementi tossici accertata tramite test di eluizione in colonna
e in batch 53

Risultati e discussione
In tab. 2 vengono riportati i risultati delle prove in batch con en-
trambi gli eluati. Da tale tabella si evince che le tre prove effettuate per ogni
tipo di eluente esibiscono una buona riproducibilità. Inoltre si evidenzia che
i due tipi di eluente, ancorchè uno a pH 4 quindi relativamente aggressivo,
non dimostrano comportamenti differenti in termini di Piombo eluito.
Tab. 2. Test in batch: conc. di Pb nei due eluenti.
Concentrazioni in ng/ml
Eluente A B C D
H2O deion. 63,60 175,00 179,00 150,00
H2O deion. Acid. 57,60 225,00 260,00 217,00

Nelle tabb. 3 e 4 vengono riportati rispettivamente i risultati di


ognuna delle 5 raccolte di eluato effettuate per il test in colonna dei 4 lisime-
tri in cui, nella prima tabella, i dati riportati si riferiscono all’eluente acqua
deionizzata e nella seconda, all’eluente acqua deionizzata acidula a pH 4.
Tab. 3. Test in colonna: conc. di Pb in acqua deionizzata.
Concentrazioni in ng/ml
Data A B C D
29/03/99 18,80 102,00 102,50 126,00
30/03/99 19,50 39,40 31,20 43,30
16/04/99 1,67 7,97 4,14 33,00
06/05/99 0,80 5,33 6,40 12,50
26/05/99 0,80 10,64 5,50 11,00
SOMMA 41,57 165,34 149,74 225,80

Tab. 4. Test in colonna: conc. di Pb in acqua deionizzata acidula


Concentrazioni in ng/ml
Data A B C D
29/03/99 7,00 74,20 99,20 80,00
30/03/99 25,40 39,60 15,80 36,20
16/04/99 1,70 6,10 2,00 9,00
06/05/99 0,80 0,80 0,80 3,00
26/05/99 0,80 2,90 0,80 8,71
SOMMA 35,70 123,60 118,60 136,91
Legenda: A= terreno di riferimento; B,C,D=terreno contaminato;
SOMMA=concentrazione di Pb totale eluito nelle cinque raccolte

Nelle figure 1 – 3 vengono riportati gli andamenti della percen-


tuale di Piombo eluito in ogni singola raccolta rispetto a quello complessi-
vamente eluito nelle 5 raccolte effettuate, rispettivamente per:
• 2 colonne con terreno di riferimento (A);
• 3 colonne di suolo contaminato (B,C,D) eluito con acqua deionizzata;
54 Beccaloni e Musmeci

• 3 colonne di suolo contaminato (B,C,D) eluito con acqua deionizzata


acidula.
Fig. 1. Andamento delle % di Pb eluito dal terreno di riferimento (A)
Tempo
21/03/99 31/03/99 10/04/99 20/04/99 30/04/99 10/05/99 20/05/99 30/05/99
100,00
80,00
Conc Pb %

60,00
40,00
20,00
0,00
-20,00

Acqua Deionizzata Acqua Deionizzata Acidula

Fig. 2. Andamento delle % di Pb eluito dal terreno contaminato in Acqua


Deionizzata
Tempo
21/03/99 31/03/99 10/04/99 20/04/99 30/04/99 10/05/99 20/05/99 30/05/99
100,00
80,00
Conc Pb %

60,00
40,00
20,00 B
0,00 C
-20,00
D

Fig. 3. Andamento delle % di Pb eluito dal terreno contaminato in Acqua


Deionizzata Acidula
Tempo
21/03/99 31/03/99 10/04/99 20/04/99 30/04/99 10/05/99 20/05/99 30/05/99
100,00
80,00
Conc Pb %

60,00 B
40,00
C
20,00
0,00 D
-20,00
A = TERRENO DI RIFERIMENTO; B,C,D = TERRENO INQUINATO; CONC. Pb % = % DI Pb CALCOLATA RI-
SPETTO ALLA CONCENTRAZIONE TOTALE DI Pb ELUITO NELLE CINQUE RACCOLTE PER OGNI COLONNA.

Da tali figure è possibile evidenziare che anche per i test in co-


lonna i due eluenti presentano un andamento analogo rispetto al contenuto di
Piombo eluito e che il massimo di eluizione si ha nelle prime 24 h (circa
50% (80%).
Suoli contaminati: biodisponibilità di elementi tossici accertata tramite test di eluizione in colonna
e in batch 55

A conferma che i due eluenti hanno comportamenti analoghi nel-


le figure 4 e 5 si riportano i dati ottenuti interpolando i risultati tramite una
curva di regressione polinomiale di 2°, dell’andamento delle concentrazioni
di Piombo nel tempo, rispettivamente per il terreno di riferimento e il terreno
contaminato. Da tali figure infatti, è evidente che vi è praticamente una so-
vrapposizione completa delle curve appartenenti alle due famiglie di dati.
Fig. 4. Andamento delle concentrazioni di Pb eluito dal terreno di riferimento
Tempo
21/03/99 31/03/99 10/04/99 20/04/99 30/04/99 10/05/99 20/05/99 30/05/99
150,00

130,00

110,00

90,00
Conc in ppb

70,00

50,00

30,00

10,00

-10,00

-30,00

A in acqua deionizzata A in acqua deionizzata acidula


Poli. (A in acqua deionizzata) Poli. (A in acqua deionizzata acidula)

Fig. 5. Andamento delle concentrazioni di Pb eluito dal terreno contaminato

Tempo
21/03/99 31/03/99 10/04/99 20/04/99 30/04/99 10/05/99 20/05/99 30/05/99
150,00
130,00
110,00
Conc. in ppb

90,00
70,00
50,00
30,00
10,00
-10,00
-30,00

B in acqua deionizzata C in acqua deionizzata


D in acqua deionizzata B in acqua deionizzata acidula
C in acqua deionizzata acidula D in acqua deionizzata acidula
Poli. (B in acqua deionizzata) Poli. (C in acqua deionizzata)
Poli. (D in acqua deionizzata) Poli. (B in acqua deionizzata acidula)
Poli. (C in acqua deionizzata acidula) Poli. (D in acqua deionizzata acidula)
56 Beccaloni e Musmeci

Conclusioni

Dallo studio di cui si presentano i primi dati, si può dedurre che:


• il Piombo inorganico eluito è direttamente proporzionale a quello con-
tenuto nel campione di partenza in entrambi i tests utilizzati;
• l’eluente che simula le piogge acide sembra non influenzare in modo
evidente l’eluibilità del Piombo inorganico nel campione di terreno in studio,
sia contaminato che non contaminato;
• il test in colonna, che in generale viene ritenuto maggiormente rappre-
sentativo della situazione reale, ha dimostrato, nelle condizioni operative del-
lo studio, che nelle prime 24 h eluisce circa il 50% (80% del totale di Piombo
eluito nell’arco di due mesi e mezzo;
• il contenuto di Piombo eluito complessivamente è paragonabile a quel-
lo eluito nel test in batch a 24 h.
Tale studio, benché abbia evidenziato interessanti risultati per la
scelta dei più idonei tests di eluizione per i suoli contaminati, va ritenuto pre-
liminare poiché si deve ancora testare sia per altri contaminanti che per altre
tipologie di suoli.

Bibliografia

de FRAJA FRANGIPANE E. et al. Terreni contaminati. Identificazione-Normative-Indagini-Trattamento, Collana


Ambiente, vol. 5 CIPA Editore, Milano (1994).
D.Lgs 5 febbraio 1997, n.22, recante “Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti perico-
losi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggi”.
Supplemento G.U. 28 novembre 1997, n.278.
PRESTININZI A., ROMAGNOLI C. “La vulnerabilità degli acquiferi negli studi a scala regionale”. Atti del Congresso
biennale ANDIS ’91, Roma, 11-13 dicembre (1991).
Progetto di Norma UNI 10802 ( dicembre 1998 ) “Rifiuti liquidi, granulari, pastosi e fanghi. Campionamento manuale
e preparazione ed analisi degli eluati”.
GIORDANO R., BECCALONI E. et al. 1995. “ Problematiche connesse con la determinazione di elementi nei sedi-
menti marini. Risultati preliminari su campioni prelevati nella baia di Terranova”. Atti del 4°
Convegno Nazionale “Contaminazione Ambientale”, Venezia (1995) pp.123-128.
57

INTERFERENZE NELLA DETERMINAZIONE DI


CADMIO IN CAMPIONI DI SUOLO E SEDIMENTO
CON LA TECNICA ICP-AES
Beone G.M., Baffi C., Silva S.
Istituto di Chimica Agraria ed Ambientale, Facoltà di Agraria,
Università Cattolica del Sacro Cuore, via Emilia Parmense 84, 29100 Piacenza

Riassunto

Si descrive la messa a punto di un metodo per la determinazione di cadmio so-


lubile in acqua regia e totale in campioni di suolo e sedimenti usando la tecnica ICP-
AES. Lo studio è stato condotto su campioni certificati. I campioni sono stati mine-
ralizzati con forno a microonde utilizzando acqua regia, per la determinazione della
quota solubile in acqua regia, e una miscela acida HF-acqua regia (1:4) per la de-
terminazione del Cd totale. Lo studio degli interferenti è stato condotto su tre lun-
ghezze d’onda di emissione tipiche dell’elemento: λ1=214,438 nm, λ2=226,502 nm
e λ3=228,802 nm. E’ stato osservato che la lunghezza d’onda meno interferita è
quella a 228,802 nm. I risultati ottenuti mostrano valori di recovery per il Cd com-
presi fra il 90% e il 104% per entrambi i metodi di digestione.

Introduzione

Nella determinazione degli elementi in traccia in campioni am-


bientali di origine geologica (suoli, sedimenti, etc.) si ricorre sempre più fre-
quentemente all’impiego della digestione con forno a microonde
(Nieuwenhuize et al., 1991; HueyMeei et al., 1997; Skip Kingston et al.,
1997) associata a tecniche analitiche (ICP-AES, ICP-MS, GF-AAS)
(Krishnamurti et al., 1994; Carlosena et al., 1996; Pyle et al., 1996) che per-
mettano di ottenere migliori livelli di accuratezza e precisione rispetto a si-
stemi tradizionali meno innovativi. Scopo del presente lavoro è stato quello
di indagare e stimare possibili interferenti durante la determinazione del cad-
mio in suoli e sedimenti con la tecnica ICP-AES, per evitare sovrastime nel-
le valutazioni analitiche successive.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 57-62 (2001)
58 Beone et al.

Materiali e metodi

Standard certificati
I campioni utilizzati per il presente lavoro, della Community
Bureau of Reference Samples, sono: Calcareous Loam Soil CRM 141 R,
Sewage Sludge Amended Soil CRM 143 e Estuarine Sediment CRM 277. I
campioni sono stati seccati e omogeneizzati, in accordo con le istruzioni dei
fornitori.
Apparecchiature
Per la mineralizzazione è stato utilizzato un forno a microonde
CEM 2000 con potenza regolabile 0-100% ad incrementi dell’1% (potenza
massima: 600 W) e controllo di pressione. Le digestioni sono avvenute in si-
stema chiuso con contenitori in PTFE da 110 ml previamente lavati con 2 ml
di HNO3 conc. a caldo (irraggiamento per 10 min in forno a microonde alla
potenza massima). Lo studio degli interferenti e l’analisi del Cd è avvenuta
con ICP-AES sequenziale, modello Jobin Yvon 24, con nebulizzatore cross-
flow (camera Scott) o ultrasuoni (Cetac U-5000 AT).
Reagenti e calibrazione
Sono stati utilizzati i seguenti acidi superpuri (Merck,
Darmstadt, Germany): acido cloridrico al 32%, acido nitrico al 65% e acido
fluoridrico al 40%. La soluzione satura di acido borico è stata preparata par-
tendo da reagente RPE (BDH, Poole, England). La calibrazione è avvenuta
impiegando soluzioni ottenute per diluizione di uno standard alla concentra-
zione di 1000 mg l-1 (Merck, Darmstadt, Germany). Nelle determinazioni si
è utilizzata la tecnica analitica delle aggiunte tarate.
Procedure
Lo studio degli interferenti è stato eseguito su tre lunghezze d’on-
da di emissione fra quelle riconosciute essere (Varma, 1991) le più utilizzate
per la determinazione del cadmio: 214,438 nm, 226,502 nm e 228,802 nm.
I. solubile in acqua regia
Aliquote di 250 mg di campione sono state pesate in contenito-
re PTFE da 110 ml. Un totale di 4 campioni, incluso un bianco con acidi su-
perpuri, sono stati posti in un carosello del forno a microonde. Si sono addi-
zionati 2 ml di acqua bidistillata e 8 ml di acqua regia. In Tabella 1 viene ri-
portato il programma di mineralizzazione adottato. Dopo ogni serie di dige-
Interferenze nella determinazione di cadmio in campioni di suolo e sedimento con la tecnica
ICP-AES 59

stione i campioni sono stati filtrati, con filtri Whatman 42, e quindi portati
ad un volume finale di 50 ml con acqua distillata.
Tabella 1. Condizioni operative del forno a microonde
Parametri Stage
1 2 3
Potenza (%)* 40 60 80
Pressione (kPa) 270 550 825
Tempo (min) 10 10 20
Tempo ai parametri (min) 2 2 10
*Potenza massima = 600 W.

II. totale
Aliquote di 250 mg di campione sono state pesate in contenito-
re PTFE da 110 ml. Un totale di 4 campioni, incluso un bianco con acidi su-
perpuri, sono stati posti in un carosello del forno a microonde. Si sono addi-
zionati 2 ml di acido fluoridrico e 8 ml di acqua regia. Le condizioni opera-
tive alle quali si è lavorato per mineralizzare i campioni sono le stesse adot-
tate per la determinazione della frazione solubile in acqua regia (vedi Tabella
1). Una volta raffreddati si sono aggiunti 3 ml di soluzione satura di acido
borico per spegnere l’acido fluoridrico in eccesso. Dopo aver richiuso i pro-
vettoni in PTFE si è eseguito un’ulteriore irraggiamento con forno a mi-
croonde per 5 min alla potenza di circa 300 W. Successivamente i campioni
sono stati filtrati, con filtri Whatman 42, e quindi portati ad un volume fina-
le di 50 ml con acqua distillata.

Risultati e discussione

Nella determinazione del cadmio nei suoli e nel sedimento so-


no state osservate interferenze di tipo additivo alle lunghezze d’onda di
214,438 nm e 226,502 nm da parte di Fe e Al (Figura 1a,b) e, alla lunghez-
za d’onda di 228,802 nm, da parte di Co e As (Figura 1c). Tali interferenze
sono di due tipi: a) di background, facilmente eliminabili strumentalmente e
b) di sovrapposizione, eliminabili con la più complessa “correzione dell’ele-
mento interferente” (Tabella 2).
L’interferenza da Fe è stata stimata essere per CMR 141 R di cir-
ca il 13% a 214,438 nm e del 30% circa a 226,505 nm. Per il CRM 143 l’in-
terferenza da Fe è risultata essere del 4% a 214,438 e dell’ 11% a 226,505 nm
mentre per il CRM 277 è del 26% circa a 214,438 e del 64% a 226,505 nm.
60 Beone et al.

Figura 1. Profili di emissione del Cd e degli elementi interferenti alle lunghezze


d’onda di: (a) 214,438 nm; (b) 226,502 nm; (c) 228,802 nm.

a
∆=0,01 nm ∆=0,01 nm
Cd 100 µg l-1
Cd 100 µg l-1
Al 500 mg l-1 b -1
Al 500 mg l
Fe 500 mg l-1
Fe 500 mg l-1

∆=0,01 nm ∆=0,01 nm

Cd 100 µg l-1
As 4 mg l-1
Co 5 mg l-1

∆=0,01 nm
Interferenze nella determinazione di cadmio in campioni di suolo e sedimento con la tecnica
ICP-AES 61

Tabella 2. Quadro riassuntivo delle interferenze osservate alle diverse lunghezze


d’onda per il Cd
Lunghezza d'onda Interferenze
nm Background Sovrapposizione
214,438 Al Fe
226,505 Al Fe
228,802 - As, Co

L’interferenza da Al può essere eliminata con la “correzione di background”.


A 228,802 nm per il Co la stima di interferenza è sempre mi-
nore dello 0,1%, mentre per l’As è intorno a 1,3% per i suoli e del 9% per il
sedimento.
A seguito dello studio eseguito, per la determinazione del cad-
mio in campioni di suoli e sedimento, la lunghezza d’onda di 228,802 nm è
risultata essere la meno interferita. I risultati ottenuti a seguito sia di dige-
stioni con acqua regia che con acqua regia e HF, mostrano valori di recovery
per il Cd compresi fra il 90% e il 104% (Tabella 3).
Tabella 3. Valori di Cd nei campioni certificati di suolo e sedimento (µg g-1)
BCR Tipo di campione Tipo di digestione Valore osservato* Valore certificato
CRM 141 R suolo acqua regia 13,2±0,2 14,6±0,5
CRM 141 R suolo acqua regia + HF 13,2±0,9 14,0±0,4
CRM 143 suolo acqua regia 30,3±0,6 31,1±1,2
CRM 143 suolo acqua regia + HF 31,8±1,4 31,5±1,9
CRM 277 sedimento acqua regia + HF 12,3±1,1 11,9±0,4
* valore medio di quattro determinazioni e 95% CI.

Nei campioni presi in esame si nota che la quota estraibile con


acqua regia coincide con quella totale ad indicare che tutto il Cd presente
viene estratto dalla sola acqua regia.
Il metodo che prevede la dissoluzione totale con acido fluori-
drico e acqua regia richiede una procedura analitica più laboriosa e, data la
maggior complessità della matrice, fornisce dati meno precisi di quelli otte-
nibili con il metodo che prevede la dissoluzione con la sola acqua regia.

Conclusioni

La tecnica a microonde si conferma una tecnica rapida e affida-


bile per la preparazione di campioni geologici rispetto alle procedure di dis-
62 Beone et al.

soluzione convenzionali. Nell’analisi del Cd con ICP-AES, in campioni di


suolo e sedimento, fra le varie lunghezze d’onda comunemente utilizzate
(214,438 nm; 226,502 nm e 228,802 nm), quella meno interferita è risultata
essere la λ3=228,802 nm. Lavorando a questa lunghezza d’onda, prove con-
dotte su campioni di suolo e sedimento certificati hanno mostrato ottimi va-
lori di recovery (valori compresi fra il 90% e il 104%). Limitatamente ai
campioni esaminati appare consigliabile nell’estrazione dell’elemento la so-
la acqua regia per la maggiore semplicità operativa e la più ridotta disper-
sione dei dati.

Bibliografia

CARLOSENA A., PRADA D., ANDRADE J.M., LOPEZ P., MUNIATEGUI S. 1996. Cadmium analysis in soil by mi-
crowave acid digestion and grafite furnace atomic absorption spectrometry. Fresenius Journal of
Analytical Chemistry, 355, 289-291.
HUEYMEEI., JOEHUANG-KUNLOG, WEI Y.L., SHYU H.M., JOEHUANG K.L. 1997. Comparison of microwave
vs. hot-plate digestion for nine real-world river sediments. Journal of Environmental Quality, 26,
764-768.
KRISHNAMURTI G.S.R., HUANG P.M., VAN REES K.C.J., KOSAK L.M., ROSTAD H.P.W. 1994. Microwave di-
gestion technique for the determination of total cadmium in soils. Commun. Soil Sci. Plant Anal.,
25, 615-625.
NIEUWENHUIZE J., POLEY-VOS C.H., VAN DER AKKER A., VAN DELFT 1991. Comparison of microwave and
conventional extraction techniques for the determination of metals in soils, sediment and sludge
samples by atomic spectrometry. Analyst, 116, 187-192.
PYLE S.M., NOCERINO J., DEMING, S.N., PALASOTA J.A., PALASOTA J.M., MILLER E.L., HILLMAN D.C.,
KUHARIC C.A., COLE W.H., FITZPATRICK P.M., WATSON M.A., NICHOLS K.Y. 1996.
Comparison of AAS, ICP-AES, PSA, and XRF in determining lead and cadmium in soil.
Environmental Science & Technology, 30, 204-213.
SKIP KINGSTON H.M., WALTER P.J., CHALK S., LORENTZEN E., LINK D. 1997. Environmental microwave sam-
ple preparation: fundamentals, methods, and applications. In: Microwave-Enhanced Chemistry (eds
H.M Skip Kingston & S.J. Haswell, pp.223-340. American Chemical Society, Washington, USA.
VARMA A. 1991. Instrumental parameters for elemental analysis. Cadmium. In Handbook of iductively coupled plasma
atomic emission spectroscopy. pp.48. CRC Press, Inc., Florida, USA.
63

EFFETTO DELLA LISCIVIAZIONE DI UN SUOLO


AGRARIO CON ACQUE ACIDULATE. NOTA I
Biondi F.A., Di Dio C., Socciarelli S., Figliolia A.
Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante (Roma)

Introduzione

E’ stato calcolato che l’immissione nell’atmosfera dei gas di


combustione dei combustibili fossili è tra le principali cause delle piogge aci-
de, con conseguente aumento della CO2, SOx e NOx e quindi dei rispettivi
acidi in soluzione acquosa. E’ noto che le piogge acide provocano sensibili
alterazioni nel topsoil, sia fisiche che chimiche; in merito a queste ultime si
inserisce questa ricerca al fine di portare un contributo di maggiore cono-
scenza su determinate dinamiche che si hanno in un terreno agrario caratte-
rizzato da specifiche condizioni pedoclimatiche.
Tra le caratteristiche considerate nella valutazione dello “stato
di fertilità” di un suolo agrario, spesso non viene valutata in giusta maniera
l’aggressività espletata dall’ambiente, in particolare non viene tenuto in con-
siderazione il grado di lisciviazione reale e potenziale dei principali cationi
presenti nel suolo per effetto delle piogge acide.

Scopo del lavoro

Questo studio si propone di verificare la lisciviazione delle prin-


cipali basi di scambio del suolo ad opera delle “piogge acide”. In questa pri-
ma nota vengono riportati i risultati della lisciviazione effettuate dalle acque
acidulate con due componenti delle piogge acide; più precisamente: l’acido
carbonico e l’acido solforico, impiegati in forma separata ed in ambiente
controllato. E’ in corso di svolgimento la prova con l’acido nitrico. Sono
previste tre fasi di studio, in questa prima fase si vuole vedere e quantizzare
l’effetto della lisciviazione operata da ogni elemento acidificante usato se-
paratamente in ambiente controllato, nella seconda fase saranno condotte
prove, sempre in ambiente controllato con acque acidificate con tutti e tre i
componenti opportunamente miscelati, nella terza saranno eseguite prove in
campo con lisimetri e con acque piovane.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 63-70 (2001)
64 Biondi et al.

Inoltre è stata monitorata anche la lisciviazione di alcuni metal-


li pesanti, quali Cu e Zn, che vengono introdotti nelle comuni pratiche agri-
cole attraverso l’uso di fertilizzanti, ammendanti e pesticidi.

Materiali e metodi

Per questo studio è stato preso in esame un suolo agrario della


provincia di Roma (Biondi, Mecella, 1985), formatosi su detrito di falda di
rocce calcaree con apporto di materiale vulcanico, classificato secondo la
FAO come Mollic Calcic Cambisol (FAO/UNESCO, 1974) le cui caratteri-
stiche principali vengono riportate nella tabella 1.
Tabella 1. Caratteristiche dell'orizzonte Ap ad inizio e fine esperienza.
Parametri Inizio esperienza Fine esperienza Fine esperienza
Terreno non trattato Terreno trattato Terreno trattato
con soluzione A con soluzione B
pH (H2O) 7,8 7,8 7,8
CaCO3 (%) 2,0 1,7 1,8
Sost. org. (%) 2,3 2,3 2,3
CSC (meq 100g -1) 24,20 22,29 22,89
Ca++ (meq 100g -1) 21,90 20,40 21,00
++
Mg (meq 100g ) -1 1,50 1,40 1,50
Na+ (meq 100g -1) 0,70 0,40 0,30
K+ (meq 100g -1) 0,10 0,09 0,09
Tessitura F.A. F.A. F.A.
sabbia (%) 27,5 27,5 27,5
limo (%) 45,0 45,0 45,0
argilla (%) 27,5 27,5 27,5

Con l’orizzonte Ap di tale suolo, sono state allestite due serie di


colonnine di “lisciviazione” (h = 40 cm; 3 cm ∅ dotate di rubinetto per la
percolazione, contenenti ognuna 100 g di campione di suolo e 150 g di ma-
teriale inerte (palline di vetro di 1 mm ∅ al fine di creare le adatte condi-
zioni di drenaggio. Tale sistema è stato sottoposto a lavaggi mensili con due
tipi di soluzioni acquose acidulate.
La prima serie è stata sottoposta a lavaggi con 100 ml di H2O
+ CO2 a pH 4,9 (soluzione A); la seconda serie è stata sottoposta a lavaggi
con 100 ml di H2SO4 0,005N a pH 5,0 (soluzione B). Ogni tesi è stata ripe-
tuta in triplo. Negli eluati ottenuti dalla lisciviazione con le due soluzioni
considerate, è stato determinato il contenuto di Ca, Mg, K e Na, nonché di
Effetto della lisciviazione di un suolo agrario con acque acidulate. Nota I 65

Cu e Zn. Le concentrazioni dei cationi alcalino ed alcalino-terrosi sono sta-


te determinate mediante lettura allo spettrofotometro ad assorbimento ato-
mico, mentre quelle degli ioni metallici Cu e Zn, mediante spettrofotometria
al plasma (ICP) (Martin et al., 1987). E’ stata inoltre determinata secondo i
metodi ufficiali (MIRAAF, 1994), la variazione di: pH, CaCO3, e CSC al ter-
mine dell’esperienza.
Il tipo di associazione argillosa presente in tale suolo è stata de-
terminata mediante l’analisi termodifferenziale (TG e DSC) integrata con
analisi ai Raggi X.

Risultati e discussione

Dall’analisi risulta che la frazione argillosa è costituita da una


associazione di argille del gruppo delle “smectiti”, dove i cationi di coordi-
namento sono il magnesio e il ferro bivalente. La presenza di queste argille
smectitiche, formatesi in una situazione morfologica particolare (versante), è
giustificata dall’apporto di materiale ferro-magnesiaco da parte delle ceneri
vulcaniche di tipo basaltiche ad alto contenuto di vetro provenienti dal
Vulcano Laziale (Albano); inoltre la loro presenza giustifica i valori di CSC
lievemente elevati che sono stati riscontrati.
Prendendo in esame i singoli cationi, presenti nei percolati, ot-
tenuti per mezzo delle soluzioni acidulate, il Ca, è risultato essere maggior-
mente lisciviato dalla soluzione A. Tale elemento risulta avere mediamente,
nel corso dei lavaggi, un trend decrescente delle rette di regressione per en-
trambe le soluzioni estraenti, ovvero proseguendo con i cicli di lavaggio si
nota la tendenza a lisciviare sempre meno questo elemento (figure 1a e 1b).
Entrambe le curve presentano un andamento sinusoidale, ma per la soluzio-
ne A, la retta di regressione risulta più inclinata; probabilmente tale feno-
meno è collegato ad una maggiore dissoluzione iniziale dei carbonati da par-
te dell’HCO3-.
Anche per il Mg, la soluzione A è risultata possedere una mag-
giore forza estrattiva rispetto alla soluzione B. Entrambe le serie di percola-
ti, presentano un trend nella lisciviazione di questo catione leggermente po-
sitivo, con un coefficiente angolare della retta di regressione di poco mag-
giore, anche in questo caso, nei percolati ottenuti con la soluzione A (figure
2a e 2b), ciò sta ad indicare che le soluzioni acidulate tendono a portare in
soluzione con il corso dei cicli di lavaggio aliquote sempre maggiori di Mg.
66 Biondi et al.

Figure 1a - 1b. Andamento del rilascio dello ione Ca nel corso dei lavaggi con le
soluzioni acquose acidulate A e B.
300 300

Soluzione A Soluzione B
250 250
y = -24,757x + 209,73 y = -9,5228x + 118,4

200 200

mg kg-1
mg kg-1

150 150

100 100

50 50
(lavaggi) (lavaggi)
0 0
I II III IV V VI I II III IV V VI
Ca 108,45 273,88 167,67 29,73 79,29 79,49 Ca 108,26 122,24 81,50 52,71 62,46 83,23

Figure 2a -2b. Andamento del rilascio dello ione Mg nel corso dei lavaggi con le
soluzioni acquose acidulate A e B.
25 25
Soluzione A
Soluzione B
y = 0,4167x + 12,594
20 20 y = 0,3573x + 5,5014

15
mg kg-1

15
mg kg-1

10 10

5 5
(lavaggi) (lavaggi)

0 0
I II III IV V VI I II III IV V VI
Mg 11,15 19,63 6,85 17,11 14,42 15,15 Mg 7,68 6,53 3,50 6,21 7,57 9,02

Figure 3a - 3b. Andamento del rilascio dello ione Na nel corso dei lavaggi con le
soluzioni acquose acidulate A e B.

80 80
Soluzione A
70 70
y = 0,1802x + 43,35
60 60

50 50
mg kg-1
mg kg-1

40 40
30 30
20 20 Soluzione B
10 y = 8,7301x + 16,232
(lavaggi) 10
(lavaggi)
0 0
I II III IV V VI I II III IV V VI
Na 29,66 55,93 47,24 49,28 44,22 37,55 Na 10,92 33,32 57,08 62,07 65,75 51,57
Effetto della lisciviazione di un suolo agrario con acque acidulate. Nota I 67

Figure 4a - 4b. Andamento del rilascio dello ione K nel corso dei lavaggi con le
soluzioni acquose acidulate A e B.
0,70 0,70
Soluzione A Soluzione B
0,60 y = -0,0352x + 0,5956 0,60
y = 0,0167x + 0,2732
0,50 0,50

mg kg-1
mg kg-1

0,40 0,40

0,30 0,30

0,20 0,20

0,10 0,10
(lavaggi) (lavaggi)

0,00 0,00
I II III IV V VI I II III IV V VI

K 0,46 0,64 0,46 0,51 0,46 0,31 K 0,30 0,24 0,37 0,39 0,35 0,35

Figure 5a - 5b. Andamento del rilascio dello ione Cu nel corso dei lavaggi con le
soluzioni acquose acidulate A e B.
120 120
Soluzione A Soluzione B
100 y = 1,1802x + 48,651 100 y = -0,2421x + 76,048

80 80
mg kg-1

mg kg-1

60 60

40 40

20 20
(lavaggi) (lavaggi)
0 0
I II III IV V VI I II III IV V VI
Cu 43,43 52,96 55,08 52,96 70,96 41,31 Cu 60,37 100,62 72,02 65,67 80,50 72,02

Figure 6a - 6b. Andamento del rilascio dello ione Zn nel corso dei lavaggi con le
soluzioni acquose acidulate A e B.

80
80
Soluzione A 70 Soluzione B
70 y = -0,4359x + 28,404
y = 1,3699x + 22,011 60
60
50 50
mg kg-1

mg kg-1

40 40
30 30
20 20
10
(lavaggi) 10 (lavaggi)
0
I II III IV V VI 0
I II III IV V VI
Zn 26,81 1,09 51,21 5,45 75,19 1,09
Zn 18,52 43,59 29,42 11,99 31,60 26,15
68 Biondi et al.

Nel corso dei lavaggi, il Na presenta nei percolati trattati con la


soluzione B un trend nettamente positivo della retta di regressione, mentre
tale andamento risulta pressoché costante per i percolati ottenuti con la so-
luzione A. Inoltre quest’ultima soluzione ha estratto alla fine dei lavaggi me-
no della soluzione B (figure 3a e 3b) a differenza di quanto è accaduto per
le altre basi di scambio.
Per quanto riguarda il K, che rappresenta uno dei maggiori ele-
menti di fertilità del suolo, il coefficiente angolare della retta di regressione
relativa alla percolazione di questo catione nel corso dei lavaggi, risulta ap-
pena positivo per i percolati trattati con la soluzione B, mentre lievemente
negativo per i percolati trattati con la soluzione A. Quest’ultima soluzione ha
inoltre mostrato una maggiore forza estrattiva rispetto all’altra soluzione aci-
dulata (figure 4a e 4b), in quanto ha estratto molto all’inizio dei cicli di la-
vaggio.
In generale, considerando la sommatoria dei cationi (figure 7a,
7b e 8) rilasciata alla fine dei lavaggi, la soluzione A è risultata essere più li-
sciviante rispetto alla B. Il coefficiente angolare della retta di regressione del
trend di lisciviazione della sommatoria dei cationi è minore per i lavaggi con
la soluzione B rispetto all’altra soluzione. Ciò è riferibile all’effetto che ha
l’acido carbonico sui carbonati che tende a spostare l’equilibrio verso le for-
ma più solubili dello ione calcio nella soluzione circolante.
Valutando inoltre separatamente il rilascio di Cu e Zn in segui-
to alla lisciviazione con le due soluzioni, è stato rilevato che per entrambi i
metalli si hanno rette di regressione praticamente orizzontali (figure 5a, 5b.
6a e 6b). Tuttavia lo Zn, nei valori dei percolati ottenuti con la soluzione A,
presenta un trend dei rilasci con andamento sinusoidale, che tende ad aprirsi.
Figure 6a - 6b. Andamento del rilascio dello ione Zn nel corso dei lavaggi con le
soluzioni acquose acidulate A e B.

80
80
70 Soluzione B
70 Soluzione A
y = -0,4359x + 28,404
y = 1,3699x + 22,011 60
60
50 50
mg kg-1

mg kg-1

40 40
30 30
20 20
10 10
(lavaggi) (lavaggi)
0
I II III IV V VI 0
I II III IV V VI
Zn 26,81 1,09 51,21 5,45 75,19 1,09
Zn 18,52 43,59 29,42 11,99 31,60 26,15
Effetto della lisciviazione di un suolo agrario con acque acidulate. Nota I 69

Figure 7a - 7b. Sommatoria delle basi di scambio nel corso dei lavaggi con le so-
luzioni acquose acidulate A e B.

Trend somma basi di scambio (Ca+Mg+Na+K) Trend somma basi di scambio (Ca+Mg+Na+K)
in H2O + CO2 in H2SO4 0,005N
2 2
y = -0,1196x + 1,3444
1,5 1,5
(meq/100g)

(meq/100g)
1 1
c

0,5 0,5

y = -0,0065x + 0,7094
0 0
I II III IV V VI I II III IV V VI
Serie1 0,7659 1,7789 1,1029 0,5077 0,7109 0,6884 Serie1 0,6538 0,8118 0,6869 0,5873 0,6634 0,7174

Dalla tabella 1, si nota che nel suolo, monitorato a fine espe-


rienza, non sono variati i valori di pH, come si attendeva per l’effetto tam-
pone del suolo, mentre sono diminuiti i carbonati e modestamente i valori di
CSC. Tali risultati confermano sostanzialmente quanto riscontrato dall’ana-
lisi dei percolati.
Figura 8. Sommatoria delle singole basi di scambio alla fine dei 6 cicli di
lavaggio, presenti nei percolati delle soluzioni A e B.

mg kg-1 700

600

500

400

300

200

100

0
K (A) K (B) Na (A) Na (B) Ca (A) Ca (B) Mg (A) Mg (B)

sommat 2,83 1,99 263,89 280,72 738,51 510,40 84,32 40,51


70 Biondi et al.

Bibliografia

BEGON M., HARPER J.H., TOWNSEND C.R. 1997. Ecologia. Individui, popolazioni, comunità. Zanichelli. Bologna.
BIONDI F.A., MECELLA G. 1995. Carta dei suoli della Valle del Fiume Sacco. In: Produttività potenziale e classifi-
cazione dei terreni. Annali Istituto Sperimentale Nutrizione Piante. Roma.
FAO/UNESCO. 1974. Soil map of the World. Vol.1-10, UNESCO, Paris.
MACKENZIE C. 1957. Differential Thermal Investigation of Clays. Mineralogical Society, London
MARTIN T.D., E.R. MARTIN, G.D. MCKEE. 1987. Inductively Coupled Plasma Atomic Emission Spectrometric
Method for Trace Element Analysis. EPA Method 200.7
Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali. 1994. Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo. Osservatorio
Nazionale Pedologico e per la Qualità del Suolo. Roma.
71

EFFETTO DI DIFFERENTI SOVESCI SULLA


FERTILITÀ AZOTATA DI SUOLI CONDOTTI CON
METODO BIOLOGICO
Canali S., Dell’Orco S., Roccuzzo G., Benedetti A.
Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante, Via della Navicella 2-4, 00184 ROMA, Italy

Riassunto

Il lavoro è stato realizzato al fine di valutare l’effetto di differenti specie da so-


vescio sulla fertilità di suoli situati in zone interne del Lazio, con particolare atten-
zione alla dinamica delle forme minerali dell’azoto e all’effetto sulla successiva col-
tura del girasole (Helianthus annuus).
In due differenti aziende agricole biologiche situate in zone 5b del Lazio è stata
realizzata una prova di coltivazione mettendo a confronto, con uno schema speri-
mentale a blocchi randomizzati con tre replicazioni, l’effetto di differenti sovesci. Al
fine di stabilire l’apporto di azoto al terreno dei sovesci e l’asportazione dell’ele-
mento del girasole, sia per colture interrate che per il rinnovo, è stata determinata la
biomassa vegetale prodotta e la sua composizione. Per seguire la dinamica delle for-
me minerali dell’azoto nel terreno sono stati analizzati campioni si suolo prelevati
ogni 15 giorni, a partire dalla data dell’interramento dei sovesci sino alla fine del ci-
clo biologico del girasole.
I risultati ottenuti hanno mostrato che i differenti sovesci hanno consentito di ap-
portare al suolo, anticipatamente alla semina della coltura principale, quantità mol-
to differenti di N e che nei casi nei quali gli apporti sono stati alti, assicurano una
disponibilità di N per la coltura principale simile a quella dei suoli fertilizzati se-
condo gli itinerari tecnici convenzionali.

Introduzione

La conservazione ed il miglioramento della fertilità globale dei


suoli è uno dei principali obiettivi che vengono perseguiti con l’applicazio-
ne del metodo agricolo biologico. Tale obiettivo può essere raggiunto pro-
muovendo tutte le pratiche che concorrono al mantenimento o all’aumento

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 71-79 (2001)
72 Canali et al.

del tenore in sostanza organica dei terreni (Canali, 1997). Nello specifico
contesto un ruolo strategico riveste la pratica del sovescio, definita in passa-
to da alcuni Autori come la “concimazione verde”. Il sovescio è realizzato
con il fine principale di arricchire il terreno in sostanza organica e in elementi
della fertilità. Inoltre, le colture da sovescio possono svolgere anche il ruolo
di colture di copertura per la riduzione dei rischi di inquinamento delle ac-
que di falda da nitrati (catch crops) o di erosione (cover crops) (AA.VV.,
1989). Talvolta, inoltre, vengono coltivate al fine di controllare lo sviluppo
di erbe infestanti, insetti e crittogame dannose (Altieri et al., 1996).
Durante il proprio ciclo vegetativo la coltura da sovescio im-
magazzina elementi della fertilità, tra i quali il più importante è certamente
l’azoto, per restituirli al terreno dopo che la biomassa prodotta viene inter-
rata. Nel caso delle specie leguminose, a seguito dell’azotofissazione, si ot-
tiene un guadagno netto di azoto del sistema suolo-pianta. Con l’interra-
mento i residui della coltura da sovescio vengono in parte mineralizzati ed
in parte contribuiscono alla formazione delle sostanze umiche del suolo.
Appare rilevante prevedere quale potrà essere la dinamica nel suolo della tra-
sformazione dei residui della coltura da sovescio, in quanto da essa dipende
come ed in quale quantità l’azoto verrà reso disponibile per la coltura prin-
cipale seguente e per quelle successive (Atallah e Lopez-Real, 1991; von
Fragstein, 1995).
Scopo del lavoro è stato quello di determinare l’effetto di diffe-
renti specie da sovescio sulla fertilità di suoli, con particolare attenzione al-
la dinamica delle forme minerali dell’azoto e all’effetto sulla successiva col-
tura del girasole (Helianthus annuus).

Materiali e metodi

La prova è stata effettuata in due differenti aziende agricole bio-


logiche situate in zone 5b del Lazio (Reg. CEE 2081/93), rispettivamente nel
territorio dei comuni di Acquapendente (VT) (campo 1) e di Palombara
Sabina (RM) (campo 2).
Lo schema sperimentale adottato è stato il blocco randomizzato
con tre replicazioni e parcelle elementari di m 3x2. Le tesi a confronto sono
state: 1) controllo non concimato; 2) concimazione del girasole con urea in co-
pertura; 3) sovescio di favino (Vicia faba var. minor); 4) sovescio di veccia
(Vicia sativa) e avena (Avena sativa); 5) sovescio di colza (Brassica napus var.
oleifera); 6) sovescio di favino e concimazione al girasole con sangue fluido
Effetto di differenti sovesci sulla fertilità azotata di suoli condotti con metodo biologico 73

(concimazione fogliare alla levata). Le specie da sovescio coltivate sono state


scelte tra quelle più diffusamente utilizzate nella Regione con l’eccezione del
colza, il cui impiego è risultato di interesse anche in relazione alla sua capaci-
tà di controllare lo sviluppo delle erbe spontanee ed i fitofagi del terreno (AA.
VV., 1994). E’ stato poi previsto l’impiego del sangue fluido in quanto mezzo
tecnico ausiliario compreso tra quelli ammessi per la fertilizzazione in agri-
coltura biologica. Questo concime risulta infatti elencato nell’Allegato IIA del
Reg. CEE n. 2092/91 e previsto al punto 3 della voce 5.1.1 (concimi organici
azotati fluidi) dell’Allegato 1B (Concimi nazionali o concimi) della normativa
nazionale per la disciplina dei fertilizzanti (Legge n. 748/84).
Deve essere inoltre precisato che il metodo di coltivazione bio-
logica non consente l’impiego dell’urea per la concimazione azotata dei ter-
reni (cfr. Allegato IIA Reg. CEE 2092/91). Tuttavia, la tesi che prevede la
distribuzione del fertilizzante di sintesi è stata prevista al fine di poter ope-
rare un confronto diretto tra gli itinerari tecnici biologici e quello più fre-
quentemente utilizzato nel convenzionale.
Le colture da sovescio sono state seminate nell’autunno 1997,
sono state sfalciate nella primavera del 1998 e successivamente interrate.
Allo sfalcio sono stati prelevati campioni per la determinazione della bio-
massa prodotta e della sua composizione. Dopo la preparazione del terreno
è stato seminato il girasole, poi raccolto nell’estate del 1998. Anche in que-
sto caso è stata determinata la biomassa totale prodotta ed il relativo conte-
nuto di N, calcolando le asportazioni totali dell’elemento da parte della col-
tura da rinnovo.
Per seguire la dinamica delle forme minerali dell’azoto nel ter-
reno sono stati effettuati prelievi di terreno nello strato interessato dalle la-
vorazioni (0-25 cm) prima della semina delle colture da sovescio e ogni 15
giorni, a partire dalla data del loro interramento sino alla fine del ciclo bio-
logico del girasole.
La determinazione dell’azoto totale del materiale vegetale dei
sovesci e della coltura da rinnovo è stata eseguita per combustione a secco
(tecnica Dumas) mediante analizzatore automatico LECO. Le forme mine-
rali dell’azoto del terreno sono state misurate, dopo estrazione con KCl 2N
(1:10), mediante analizzatore a flusso continuo (autoanalyzer) ) in accordo
con Wall et al. (1975) per l’N-NH4, con Kampshake et al. (1967) per l’N-
NO3 e con una modifica della procedura di Griess-Ilosvay (Griess, 1879;
Ilosvay, 1889) per l’N-NO2 (Keeney e Nelson, 1982).
I dati sono stati elaborati e sottoposti all’analisi della varianza
(test multiplo di Duncan).
74 Canali et al.

Risultati e discussione

Nella tabella 1 sono riportate le principali caratteristiche fisico-


chimiche dei suoli dei due campi sperimentali. I suoli del campo 1 sono
Haploxeralf (Biondi et al., 1998) e quelli del campo 2 sono Xerochrept
(Biondi, comunicazione personale).
Tabella 1 - Caratteristiche fisico-chimiche dei suoli.

Parametro Campo 1 Campo 2


Sabbia % 40 53
Limo % 24 21
Argilla % 36 26
Tessitura USDA FA FAS
pH 6.5 6.5
Conducibilità elettrica mS cm-1 0.065 0.1
Calcare attivo % Assente Assente
Sostanza organica % 1.52 1.62
N totale % 0.12 0.123
P assimilabile mg kg-1 6 21
Fe assimilabile mg kg-1 24.8 16.4
Mn assimilabile mg kg-1 21.2 6.0
Cu assimilabile mg kg-1 3.4 4.8
Zn assimilabile mg kg-1 1.2 3.0
Ca scambiabile mg kg-1 3100 3500
Mg scambiabile mg kg-1 655 740
K scambiabile mg kg-1 328 176
Na scambiabile mg kg-1 64 175
C.S.C. meq 100 g-1 26.64 28.03
Ca meq 100 g-1 15.50 17.50
Mg meq 100 g-1 5.46 6.17
K meq 100 g-1 0.84 0.45
Na meq 100 g-1 0.28 0.76
H meq 100 g-1 4.56 3.15
Classificazione
(Soil taxonomy,USDA) Haploxeralf Xerochrept

I risultati relativi alla produzione di biomassa e al contenuto in


N delle specie da sovescio sono stati differenti nelle due aziende (tabelle 2 e
3). Nel campo 1 (tabella 2) la produzione di sostanza secca è stata maggiore
per le due tesi di favino e per il miscuglio veccia + avena rispetto a quella del
colza. Il contenuto in azoto totale delle biomasse (favino > colza > veccia +
avena) ha portato alla differenziazione degli apporti di N secondo l’ordine de-
crescente favino > veccia + avena > colza, con differenze significative per
p≤0,05. Nel campo 2 (tabella 3) si è registrata una produzione di sostanza sec-
Effetto di differenti sovesci sulla fertilità azotata di suoli condotti con metodo biologico 75

ca significativamente maggiore per il miscuglio veccia + avena rispetto alle


altre tesi, mentre il contenuto in azoto totale ha avuto andamento opposto. Gli
apporti stimati di N sono stati maggiori per veccia + avena rispetto a quelli
del colza, mentre sono stati registrati valori intermedi per il favino.
Tabella 2 - Sostanza secca prodotta, contenuto ed apporti di N dei sovesci nel campo 1.

tesi Sostanza secca N N


t ha-1 % kg ha-1
3. Favino 5.07 by 2.56 b 130.51 c
4. Veccia e avena 4.24 b 1.87 a 79.38 b
5. Colza 0.95 a 2.11 ab 18.69 a
6. Favino + sangue fluido 5.32 b 2.43 b 129.08 c
y Le medie in ciascuna colonna seguite dalla stessa lettera non sono significativamente
differenti al livello di probabilità del 5% in base al test multiplo di Duncan.

Tabella 3 - Sostanza secca prodotta, contenuto ed apporti di N dei sovesci nel campo 2.

tesi Sostanza secca N N


t ha-1 % kg ha-1
3. Favino 3.34 Ay 2.89 b 96.47 ab
4. Veccia e avena 9.60 B 1.64 a 158.66 b
5. Colza 1.19 A 3.61 b 42.50 a
6. Favino + sangue fluido 2.76 A 3.08 b 86.22 ab
y Le medie in ciascuna colonna seguite dalla stessa lettera non sono significativamente differenti
al livello di probabilità del 5% (lettere minuscole) o dell'1% (lettere maiuscole) in base al test
multiplo di Duncan.

Nelle tabelle 4 e 5 sono riportati i valori medi e delle forme mi-


nerali dell’azoto nei suoli. Le uniche differenze significative sono state rile-
vate nel campo 1, nel quale i contenuti medi di N-NO3 nelle parcelle in cui
erano stati sovesciati colza e veccia + avena sono risultati inferiori (tabella
4). Le figure 1 e 2 riportano, invece, la dinamica nel tempo dell’azoto mi-
nerale nei due campi.
Tabella 4 - Contenuto medio e speciazione dell'N minerale nel suolo nel campo 1.
tesi N-NH4 N-NO3 N (NO3 + NH4)
mg kg-1 suolo mg kg-1 suolo mg kg-1 suolo
1. Controllo 12.8 8.6 by 21.4
2. Urea 13.1 9.0 b 22.1
3. Favino 14.1 8.6 b 22.7
4. Veccia e avena 14.9 6.3 a 21.2
5. Colza 14.3 6.5 a 20.8
6. Favino + sangue fluido 15.3 7.3 b 22.6
y Le medie in ciascuna colonna seguite dalla stessa lettera non sono significativamente differenti
al livello di probabilità del 5% in base al test multiplo di Duncan.
76 Canali et al.

Tabella 5 - Contenuto medio e speciazione dell'N minerale nel suolo nel campo 2.

tesi N-NH4 N-NO3 N (NO3 + NH4)


mg kg-1 suolo mg kg-1 suolo mg kg-1 suolo
1. Controllo 11.7 12.5 24.1
2. Urea 12.3 14.0 26.4
3. Favino 12.2 13.3 25.4
4. Veccia e avena 12.1 14.6 26.7
5. Colza 10.8 13.4 24.2
6. Favino + sangue fluido 11.4 13.1 24.5

Figura 1 - Dinamica delle forme minerali dell'N nel campo 1.


N-(NO3-+NH4+) mg kg-1 suolo

50
1
40
2
30 3
20 4
5
10
6
0
t0 t1 t2 t3

Figura 2 - Dinamica delle forme minerali dell'N nel campo 2.


N-(NO3-+NH4+) mg kg-1 suolo

50
1
40
2
30 3
20 4
5
10
6
0
t0 t1 t2 t3
Effetto di differenti sovesci sulla fertilità azotata di suoli condotti con metodo biologico 77

Nelle due diverse condizioni pedoclimatiche sia per il contenu-


to medio delle forme minerali di N che per la loro dinamica sono stati rile-
vati valori differenti. Tali differenze sono attribuibili, in particolare, alla
componente N-NO3, come evidenziato dal valore medio più basso rilevato
per tutte le tesi nel campo 1.
Tuttavia, in entrambi i campi, le maggiori disponibilità medie di
N minerale sono state osservate nelle tesi in cui la quantità di N interrata con
i sovesci risultava maggiore e, in tali tesi, la concentrazione di N minerale
nel suolo risultava comparabile a quella delle tesi fertilizzate con urea. Più
precisamente, nel campo 1 i valori più alti sono stati rilevati nelle tesi in cui
era stata somministrata urea e sovesciato il favino (tesi 2, 3 e 6, rispettiva-
mente), mentre nel campo 2 sono stati rilevati per l’urea e per il sovescio di
veccia + avena (tesi 2 e 4 rispettivamente).
Nei due campi, come evidenziato nelle tabelle 6 e 7, non sono sta-
te registrate differenze statisticamente significative tra le tesi per quanto riguar-
da la produzione di biomassa della coltura principale del girasole. Analogamen
te, non sono stati evidenziati effetti dovuti alla presenza o al tipo di sovescio in
precessione colturale né all’impiego del sangue fluido. Il differente livello di fer-
tilità chimica riscontrato nei due campi, come precedentemente evidenziato,
congiuntamente alle scarse precipitazioni nella zona di Acquapendente (campo
1) ha portato a registrare valori produttivi non paragonabili.
Tabella 6 - Sostanza secca prodotta, contenuto ed asportazioni di N del girasole
nel campo 1.
tesi Sostanza secca N N
t ha-1 % kg ha-1
1. Controllo 5.02 0.87 44.55
2. Urea 8.34 0.74 63.92
3. Favino 3.36 0.89 29.44
4. Veccia e avena 4.61 0.87 39.99
5. Colza 3.22 0.71 22.79
6. Favino + sangue fluido 4.34 0.90 38.53

Tabella 7 - Sostanza secca prodotta, contenuto ed asportazioni di N del girasole


nel campo 2.
tesi Sostanza secca N N
t ha-1 % kg ha-1
1. Controllo 11.26 1.02 116.92
2. Urea 10.84 1.06 112.58
3. Favino 12.28 1.19 148.18
4. Veccia e avena 9.63 1.02 100.23
5. Colza 12.32 1.03 122.66
6. Favino + sangue fluido 12.43 1.06 132.06
78 Canali et al.

Conclusioni

La misura dell’azoto minerale, pur fornendo risultati caratteriz-


zati da una estrema variabilità spaziale e temporale, se ben interpretata ha
fornito indicazione utili per comprendere la dinamica delle forme più mobi-
li dell’azoto nel sistema suolo – pianta e per valutare la reale disponibilità
delle forme assimilabili dell’elemento per le colture.
I differenti sovesci hanno consentito di apportare al suolo, anti-
cipatamente alla semina della coltura principale, quantità molto differenti di
N, con i valori minimi (20 – 40 kg ha-1) nel caso del colza e valori più alti
(130 – 150 kg ha-1) nel caso delle leguminose, in coltura pura od in asso-
ciazione con graminacee.
I valori di azoto minerale misurati nei terreni nei quali i sovesci
avevano apportate le più alte quantità di azoto risultano paragonabili a quel-
li misurati nel terreno della tesi concimata con urea.
Tuttavia, non è stata evidenziata alcuna relazione tra le diffe-
renti disponibilità di azoto a livello del terreno, le asportazioni dell’elemen-
to e la produzione della coltura da rinnovo.

Ringraziamenti
Si ringraziano i tecnici dell’AIAB - CEDA per la conduzione agronomica dei campi speri-
mentali, ed in particolare il coordinatore, Dr. Leandro Dominicis.
Il presente lavoro è stato realizzato nell’ambito del progetto “La razionalizzazione della fer-
tilizzazione organica del suolo con particolare riguardo alle pratiche del sovescio in agricol-
tura biologica” finanziato dalla Regione Lazio (Reg. CEE n. 2052/88 e Reg. CEE n. 2081/93.
DOCUP Obiettivo 5/b Lazio 1994/99. Avviso pubblico allegato alla DGR n. 5037/95. Asse I
– Sottoprogramma 1 – Misura 1. Annualità 1996. Progetto n. 11106001).

Bibliografia

AA.VV. 1989. Covercrops for California Agriculture. University of California, Division of Agriculture and Natural
Resources. Publication N. 21471.
AA.VV. 1994. Perché coltivare le cover crops? Il sovescio: una tecnica antica per l’agricoltura moderna. Provincia di
Pordenone, Servizio Agricoltura.
ALTIERI M.A., NICHOLLS C.I., WOLFE M.S. 1996. Biodiversity - a central concept in organic agriculture: restrai-
ning pests and diseases. In: Fundamentals of Organic Agriculture, Proceedings of 11 th IFOAM
International Scientific Conference, Copenhagen, (ed T.V. Østergaard), Vol. 1, pp. 91-112.
ATALLAH T., LOPEZ-REAL J.M. 1991. Potential of green manure species in recycling nitrogen, phosphorus and po-
tassium. Biological Agriculture and Horticulture, 8, 53-65.
BIONDI F.A, DOWGIALLO G., DI DIO C., AVENA G.C. 1998. Carta dei suoli della Riserva Naturale di monte
Rufeno. Università “La Sapienza” Roma, Regione Lazio, Riserva Naturale di monte Rufeno (In cor-
Effetto di differenti sovesci sulla fertilità azotata di suoli condotti con metodo biologico 79

so di pubblicazione).
CANALI S. 1997. Aspetti tecnici e normativi della fertilizzazione in agricoltura biologica. In Atti del Seminario interna-
zionale sull’agricoltura biologica e sostenibile nel Mediterraneo. Acireale (CT), 12-16 maggio (cu-
ratore F. Ancona). Cooperativa Universitaria Editrice Catanese di Magistero, Catania, pp. 319-331.
FRAGSTEIN von P. 1995. Manuring, manuring strategies, catch crops and N-fixation. In: Nitrogen Leaching in
Ecological Agriculture, pp. 275-287. A B Academic Publishers, UK.
GRIESS P. 1879. Benerkungen zuder abhandlung der HH. Weselski und Benedikt “Ueberieinige hzoverbindun”. Chem.
Ber., 12, 426-428.
ILOSVAY M.L. 1889. L’acide azoteux dans la salive et dans l’aire exhale. Bullettin de la Societé de Chimie, 2, 388-391.
KAMPSHAKE L.J., HANNAH S.A., COMEN J.M. 1967. Automated analysis for nitrate by hydrazine reduction. Water
Resource Research, 1, 205-216.
KEENEY D.R., NELSON D.W. 1982. Nitrogen - Inorganic forms. In Methods of Soil Analysis: Part 2, Chemical and
Microbiological Properties, 2nd edn (eds A.L. Page et al.), pp. 682-687. American Society of
Agronomy, Madison, WI.
LAURETI D., PIERI S. 1999. Fertilizzazione biologica del girasole. Supplemento a L’Informatore Agrario, 55 (10), 23-25.
Legge n.748/84. Nuove norme per la disciplina dei fertilizzanti. Supplemento ordinario n. 64 alla Gazzetta Ufficiale n.
305 del 6 novembre 1984.
Regolamento CEE n. 2092/91, relativo al metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale
metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari. Gazzetta ufficiale delle Comunità europee n.
L 198 del 22 luglio 1991.
Regolamento CEE n. 2081/93, che modifica il regolamento CEE n. 2052/88 relativo alla missione dei Fondi a finalità
strutturali, alla loro efficacia e al coordinamento dei loro interventi e di quelli della Banca europea
per gli investimenti e degli altri strumenti finanziari esistenti. Gazzetta ufficiale delle Comunità eu-
ropee n. L 193 del 31 luglio 1993.
WALL L.L., GEHRKE C.W., NEUNER J.E., LATHEY R.D., REXNORD P.R. 1975. Cereal protein nitrogen: evalua-
tion and comparison of four different methods. Journal Association Official Analitical Chemists, 58,
811-817.
81

VALUTAZIONE E DESCRIZIONE DELLA FERTILITÀ


DI TERRENI MERIDIONALI MEDIANTE LA GEOSTATI-
STICA MULTIVARIATA
Castrignanò A., Colucci R., Ferri D., La Cava P., Martinelli N.,
Stelluti M.
Istituto Sperimentale Agronomico, Via C. Ulpiani n.5 – 70125 Bari

Riassunto
La variazione spaziale, sempre presente nelle proprietà del suolo, causa una man-
canza di omogeneità nella fertilità per cui, per garantire un livello accettabile di pro-
duttività, è necessario che le pratiche agronomiche siano adattate alle reali necessi-
tà locali sia del suolo che della coltura. In questo lavoro viene presentato un nuovo
approccio, basato sulle più recenti tecniche geostatistiche multivariate, finalizzato al-
la descrizione, valutazione e mappatura della fertilità del suolo.
L’area in studio ha riguardato una superficie di ~ 10000 ha, sita nell’agro di
Foggia e vocata tradizionalmente alla coltivazione del frumento duro, che è stata fat-
ta oggetto di un campionamento pedologico secondo una griglia a maglie approssi-
mativamente quadrate di lato pari a ~ 1000 m. Al centro delle celle della griglia so-
no stati prelevati sia campioni indisturbati che disturbati, a due profondità 0-25 cm
e 25-50 cm. I punti di prelievo sono stati georeferenziati utilizzando un sistema GPS
palmare.
I campioni sono stati quindi analizzati in laboratorio al fine di determinare i se-
guenti parametri: densità apparente, scheletro, tessitura, capacità di campo, punto di
appassimento, conducibilità elettrica, pH, N-NO3, N-NH4 scambiabile, C organico,
P assimilabile come P2O5, K scambiabile come K2O, Na, Mg e Ca. Per determina-
re e modellare la correlazione spaziale alcune variabili (scheletro, argilla, limo, ri-
serva d’acqua disponibile, pH, C, N-NO3, P2O5, K e Ca), ritenute più influenti nel
determinare la fertilità del territorio, sono state fatte oggetto di un’elaborazione di
tipo geostatistico multivariato. Un modello lineare di coregionalizzazione, com-
prendente un nugget (componente casuale della variabilità spaziale, per distanze <
800 m), una struttura spaziale sferica (per distanze comprese fra 800 m e 4700 m) e
un’altra struttura spaziale anch’essa sferica (per distanze comprese fra 4700 m e
7500 m), è stato adattato a tutti i semivariogrammi diretti e incrociati delle prece-
denti 10 variabili, opportunamente standardizzate a media 0 e varianza unitaria. Il
kriging fattoriale (Factor kriging) è stato quindi applicato al fine di separare le di-
verse cause di variabilità della fertilità in funzione della scala spaziale.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 81-102 (2001)
82 Castrignanò et al.

Il metodo precedente ha consentito di stimare un indice multivariato (I fattore re-


gionalizzato), sufficiente a descrivere circa il 90% della variabilità spaziale com-
plessiva per distanze superiori ai 4700 m. Alla definizione di questo indice influi-
vano significativamente e positivamente l’argilla, la riserva idrica disponibile, il C,
il pH e il Ca e negativamente lo scheletro, la P2O5 e il K, il che ha consentito di de-
limitare aree a diversa fertilità agronomica.
I risultati di questo studio si rivelano interessanti per le implicazioni sulle strate-
gie di conservazione della fertilità del suolo da adottare nelle aziende agricole rica-
denti nell’area di studio.
Parole chiave: agricoltura di precisione, fertilità, variabilità spaziale, geostatistica,
kriging fattoriale

Abstract - Fertility assessment and description of some soils in South


Italy using multivariate geostatistics
Spatial variability associated with all soil properties causes a loss of soil homo-
geneity. So, profitability in agriculture is related to how well agricultural inputs and
practices are matched to localised conditions. In this paper we propose a new ap-
proach based on the most recent multivariate geostatistical techniques, aimed at the
assessment, description and mapping of soil fertility.
The study site covers a 10000-ha area, located in the countryside of Foggia
(south Italy) and traditionally cropped with durum wheat. The area was submitted to
systematic sampling, where points were located at quite regular intervals (~ 1000
m). At the nodes of sampling grid, soil samples were collected to two depths (25 and
50 cm) and analysed in laboratory to measure the following parameters: gravel, tex-
ture, field capacity, wilting point, electric conductivity, pH, N-NO3, N-NH4, orga-
nic carbon, available P (expressed as P2O5), exchangeable K (expressed as K2O),
Na, Mg and Ca. The sampling points were georeferenced by GPS.
Ten variables (gravel, clay, silt, AWC, pH, Organic carbon, N-NO3, P2O5, K2O and
Ca) were standardised to 0 mean and 1 variance and used to fit a Linear Model of
Coregionalization (LMC). Three spatial structures: were used: a nugget effect, a short-
range spherical structure (range=4700 m) and a long-range spherical structure (range
= 7500 m). Factor kriging was used to estimate regionalized factors. The first long-
range factor, in particular, which explained more than 90% of total variance, proved
very useful in dividing the whole area in zones of different agronomic fertility.
The proposed approach may be then applied successfully in soil fertility man-
agement.
Key words: Precision agriculture, fertility, spatial variability, geostatistics, factor
kriging.
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 83

1.0 Introduzione

L’agricoltura di precisione e la sua implementazione in opera-


zioni agronomiche variabili spazialmente rappresenta un argomento di gran-
de interesse, sia per l’industria agricola che per il mondo della ricerca. L’idea
forza è che la variabilità spaziale è presente in tutti i campi agricoli e di que-
sto già da molto tempo gli scienziati del suolo e gli agricoltori ne erano a co-
noscenza. Nonostante ciò la concimazione, per esempio, dei principali ma-
cro-elementi nutritivi delle piante, azoto, fosforo e potassio, viene ancora
praticata essenzialmente in modo empirico, senza tener conto delle reali ne-
cessità della coltura e della effettiva disponibilità di elementi nutritivi da par-
te del suolo. I servizi regionali di divulgazione agricola basano le loro indi-
cazioni di fertilizzazioni su analisi di campioni compositi di suolo, ciascuno
dei quali consiste in un certo numero di prelievi, all’interno di un’area rite-
nuta omogenea, che vengono poi mescolati insieme per produrre un’unica
misura. Di conseguenza, per ciascun campo, si può fornire soltanto un’indi-
cazione media relativa all’utilizzo dei fertilizzanti. Un tale modo di operare
crea inevitabilmente problemi di vario tipo, con conseguenze negative sia a
livello della coltura (carenze nutritive della pianta, riduzione della produzio-
ne) che dell’ambiente (lisciviazione dei soluti, rischio di inquinamento della
falda freatica). Tra le colture erbacee estensive la barbabietola da zucchero,
per esempio, è una che risente maggiormente degli apporti non adeguati di
fertilizzanti, evidenziando perdite produttive di saccarosio o peggioramenti
della qualità industriale.
Attualmente l’introduzione dei computer in agricoltura, l’im-
plementazione di software sofisticato sui comuni PC da tavolo o portatili e
soprattutto la disponibilità di GPS (Global Positioning System) per la geore-
ferenziazione dei dati hanno reso possibile l’applicazione dell’agricoltura di
precisione, consistente essenzialmente nel modulare gli input alle colture
agrarie, in funzione delle loro reali esigenze definite localmente. Per la rea-
lizzazione di operazioni agronomiche variabili spazialmente, quattro sub-si-
stemi sono essenziali: 1) un sistema di campionamento e analisi del suolo;
2) un sistema di posizionamento in campo; 3) un sistema di mappatura del-
l’area esaminata e, infine, 4) un meccanismo di applicazione di precisione
dei vari input (acqua, diserbante, fertilizzante) con controllo automatico. Alla
fase di rilievo dei dati spaziali dovrebbero seguire quindi quelle di analisi e
di interpretazione delle misure, con successiva modellizzazione al fine di
realizzare un valido strumento di supporto all’attività decisionale dell’agri-
coltore o del politico preposto alla tutela e pianificazione dell’ambiente. I ri-
sultati finali di un tale complesso processo conoscitivo saranno delle mappe
84 Castrignanò et al.

di trattamento, che dovrebbero indirizzare le diverse operazioni agricole.


Si può giustamente discutere sull’effettivo vantaggio economi-
co derivabile, tuttavia un fatto indiscutibilmente positivo è che la conoscen-
za del territorio è un’idea chiave nell’agricoltura di precisione, che deve per-
tanto basarsi su un approccio razionale all’elaborazione dei dati. Tecniche
geostatistiche sono state diffusamente utilizzate nella scienza del suolo per
descrivere la struttura spaziale di determinate proprietà fisiche, chimiche e
idrologiche del suolo (Mc Bratney e Webster, 1986; Goovaerts e Webster,
1994; Dobermann et al., 1995; 1997; Castrignanò et al., 1995; 1998;
1999a,b; Castrignanò et al., in corso di stampa). Una caratteristica fonda-
mentale del paesaggio naturale è che esso mostra una variabilità spaziale che
è l’effetto combinato di differenti processi, ciascuno dei quali agisce a de-
terminate scale spaziali e temporali. Noi abbiamo applicato una tecnica par-
ticolare della geostatistica multivariata, il kriging fattoriale (FKA), in modo
da separare le diverse sorgenti di variazione in funzione della scala spaziale
a cui operano. Lo scopo di questo studio è stato appunto quello di ottenere
dettagliate mappe di fertilità del suolo, il che rappresenta una premessa in-
dispensabile alla definizione di piani ottimali di fertilizzazione. Il kriging fat-
toriale è stato anche impiegato per formulare ipotesi sui possibili processi re-
sponsabili della variabilità spaziale osservata della fertilità del suolo.

2.0 Materiale e Metodi

2.1 Descrizione del sito


L’area di studio ha riguardato una estensione di circa 10000 ha si-
tuata in agro di Lucera (Foggia), ricadente in una zona del Tavoliere pugliese,
che formatosi nel Quaternario si estende ad ovest della valle dell’Ofanto a se-
parare le masse calcaree del Gargano e delle Murge. Essa si caratterizza per la
presenza di ampi tavolati costituiti di depositi marini terrazzati del Pleistocene
medio, che verso l’interno si addossano alle Argille subappenniniche del
Pleistocene inferiore corrispondenti ai paesaggi collinari a morfologia piutto-
sto dolce e regolare, con quote non elevate e clima piuttosto arido. Per quanto
riguarda il pedoclima, il regime di umidità dei suoli è generalmente di tipo
Xerico, mentre quello termico è classificato come Thermic.
Per la caratterizzazione pedologica si è fatto riferimento alla car-
ta pedo-paesaggistica della regione Puglia, in cui le unità paesaggistiche ri-
sultano omogenee essenzialmente per geolitologia, geomorfologia, altimetria
relativa, pendenza, uso del suolo, forma e densità del reticolo di drenaggio,
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 85

erosione e deposizione e solo in misura più limitata, a causa dell’esiguità del-


le informazioni, per tipologie pedologiche. L’area in studio ricade nel sistema
di paesaggio del Tavoliere delle Puglie, in particolare nel sottosistema del-
l’alto Tavoliere, e le unità di paesaggio riguardano aree sommitali a morfolo-
gia pianeggiante o subpianeggiante. Le quote variano fra i 100 e i 350 m s.l.
e l’uso del suolo è principalmente a seminativi e subordinatamente a oliveti.
Il substrato geolitologico comprende conglomerati poligenici incoerenti o
ciottolame incoerente del Pleistocene. I suoli variano da scarsamente calcarei
a calcarei, da moderatamente profondi a molto profondi, la tessitura da mo-
deratamente fine a fine, lo scheletro da abbondante a molto abbondante negli
orizzonti profondi, mentre la pietrosità superficiale generalmente è scarsa e
solo occasionalmente diviene più elevata. Si registra talora anche la presenza
di orizzonti di accumulo di carbonati o di un orizzonte petrocalcico, seppure
di spessore alquanto limitato (1-3 cm). I suoli sono stati generalmente classi-
ficati come Haploxeralfs, Argixerolls e Haploxerolls (USDA, 1995).

2.2 Campionamento e misure


Una griglia approssimativamente regolare di 1 km x 1 km è sta-
ta stabilita sul campo, producendo 118 punti di campionamento (fig. 1). Al
centro di ciascuna cella sono stati prelevati campioni indisturbati (7 cm x 5
cm) e disturbati, a due profondità 0-25 cm e 25-50 cm nel novembre 1997.
A ciascuna profondità i campioni disturbati prelevati in punti diversi, nel rag-
gio di circa 1 m, furono quindi mescolati insieme per produrre un unico cam-
pione composito. I punti di prelievo sono stati georeferenziati utilizzando un
sistema GPS palmare del tipo GeoExplorer II della Trimble e la registrazio-
ne è stata effettuata, per un periodo continuato di almeno 15 min., solo quan-
do 5 o più satelliti erano visibili (più di 15° al di sopra dell’orizzonte), e il
PDOP (Position Dilution of Precision), che è un’indicazione della geometria
dei satelliti, era inferiore a 6. I dati sono stati quindi elaborati con il softwa-
re Pathfinder Office della Trimble, che fa riferimento come ellissoide mate-
matico al WGS-84 (World Geodetic System - 1984) e converte da coordina-
te geografiche a coordinate locali UTM, che utilizzano il sistema di proie-
zione trasversale Mercatore. I dati sono stati quindi mediati e le deviazioni
standard sono variate fra 12 e 81 m. I campioni di suolo sono stati quindi
analizzati in laboratorio al fine di determinare i seguenti parametri: schele-
tro (% vol) (SCHEL), sabbia grossa (0.2-2 mm, % ) (SG), sabbia fine (0.05-
0.2 mm, %) (SF), limo grosso (0.02-0.05 mm, %) (LG), limo fino (0.002-
0.02 mm, % ) (LF), argilla (< 2 µm, %) (ARG), capacità di campo (% p.s.)
(CC), punto di appassimento (% p.s.) (PA), conducibilità elettrica (dSm-1)
(CE), pH, N-NO3 (mg kg-1) (NO3), N-NH4 scambiabile (mg kg-1) (NH4), car-
86 Castrignanò et al.

bonio organico (mg kg-1) (CO), P assimilabile come P2O5 (mg kg-1) (P2O5),
K scambiabile come K2O (mg kg-1) (K), Na (mg kg-1) (NA), Mg (mg kg-1)
(MG), Ca (mg kg-1) (CA).
Fig.1 - Schema di campionamento. Fig. 1 - Sampling design

96000

95000

94000

93000

92000

91000

90000

89000

88000

87000

86000

85000

84000
18000 19000 20000 21000 22000 23000 24000 25000 26000 27000 28000 29000 30000 31000 32000 33000 34000

Per quanto riguarda le metodiche adottate sono state quelle uf-


ficializzate dal D.M. dell’11 maggio 1992 (G.U. n° 121, 25 maggio 1992)
per i metodi di analisi chimica del suolo e del D.M. del 1 agosto 1997 (G.U.
n° 204 del 2 settembre 1997) per quelli di analisi fisica. I dati analitici sono
stati quindi elaborati secondo le procedure della statistica classica per la ca-
ratterizzazione della variazione spaziale campionaria.

2.3 Analisi di coregionalizzazione


Si è svolta un’analisi geostatistica multivariata limitatamente al-
lo strato più superficiale su un numero più ristretto di 10 proprietà fisico-
chimiche del suolo: scheletro, limo totale (LIMO), argilla, acqua disponibi-
le (AWC), carbonio organico, P, K, Na, Mg e Ca. La scelta è ricaduta sulle
precedenti variabili in quanto ritenute più influenti a caratterizzare la fertili-
tà fisico.chimica di questi suoli, principalmente di tipo limoso-argilloso, con
elevati contenuti di argilla e conseguentemente significative concentrazioni
di cationi adsorbiti sul complesso di scambio. Si è voluto anche includere lo
scheletro, in quanto in alcuni suoli si è registrata una notevole presenza di
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 87

pietre sia in superficie che in profondità. Sono state considerate anche le


principali componenti della fertilità agronomica (P, K e carbonio organico),
mentre si sono omessi il pH, in quanto è risultato sufficientemente omoge-
neo, N-NO3 e N-NH4, per la loro natura estremamente dinamica e la condu-
cibilità elettrica per i suoi valori generalmente molto bassi. Quattro variabi-
li (scheletro, P, Na e Mg) sono state trasformate ai logaritmi naturali
(LSCHEL; LP2O5, LNA, LMG) ed inoltre tutte le 10 variabili sono state
standardizzate a media zero e varianza unitaria. Sono stati quindi calcolati i
coefficienti di correlazione ed è stata svolta un’analisi alle componenti prin-
cipali, seguita da una rotazione VARIMAX, sulla matrice di varianza-cova-
rianza. Questo approccio della statistica classica trascura però le relazioni
spaziali fra le variabili, mentre l’esame dei variogrammi diretti e incrociati
ha mostrato come la correlazione fra le suddette variabili non sia di tipo in-
trinseco (Wackernagel, 1994), ovvero con tutti i variogrammi proporzionali
ad una stessa funzione di correlazione di base. Si è applicata pertanto la pro-
cedura del kriging fattoriale (FKA), al fine di distinguere i vari processi spa-
ziali sulla base delle strutture di correlazione delle variabili in studio.
I principi teorici alla base della FKA e di altre procedure geo-
statistiche multivariate sono state ampiamente descritte in pubblicazioni spe-
cifiche (Matheron, 1982; Wackernagel, 1995; Goovaerts, 1997) e ad esse il
lettore interessato può fare riferimento per ulteriori approfondimenti. Qui ci
limiteremo ad indicare le fasi principali dell’analisi di coregionalizzazione
come è stata applicata ai nostri dati.
Sia [zi(xα ); i=1,. . . , p; (=1, . . . , N] l’insieme delle p variabili
del suolo (p=10 nel nostro caso) zi misurate alle stesse N (N=118) postazio-
ni. Questo insieme di valori misurati georeferenziati costituisce una partico-
lare “realizzazione” delle p funzioni casuali [Zi(x), i=1,. . . ,p]. Analizzare la
coregionalizzazione delle p variabili comprende le seguenti fasi:
• Calcolo della matrice)
dei variogrammi sperimentali. La matrice dei va-
riogrammi sperimentali Γ (h) è una matrice simmetrica pxp, in cui gli ele-
menti diagonali e quelli non diagonali rappresentano, rispettivamente, i va-
riogrammi diretti e incrociati calcolati per un dato vettore distanza h (lag) fra
coppie di postazioni:
 γˆ11 (h ) LLLL γˆ1 p (h )
)  
Γ (h ) =  M M  [1]
γˆ p1 (h ) LLLL γˆ pp (h )
 
ove i variogrammi sperimentali diretti e incrociati sono calcolati in base al-
la formula seguente:
88 Castrignanò et al.

γˆij (h ) =
1 Nh
{ }
∑ {zi (xα ) − zi (xα + h )} z j (xα ) − z j (xα + h)
2 N h α =1
[2]

ove h è il lag , Nh il numero delle coppie di valori corrispondenti ad un da-


to modulo e ad una data direzione del vettore h ed i e j sono due indici che
individuano le variabili.
• Modello della matrice dei variogrammi. Tutti i variogrammi diretti e in-
crociati vengono quindi modellati sotto forma di combinazioni lineari di uno
stesso insieme di NS funzioni di base di variogramma gu(h) (u-ma struttura):

Ns
γ ij (h ) = ∑ biju g u (h ) [3]
u =1

ove u è un indice che si riferisce ad una particolare scala spaziale. Il cosid-


detto modello lineare di coregionalizzazione (LMC) può essere espresso sot-
to forma matriciale:

Ns
Γ (h ) = ∑ B u g u (h ) [4]
u =1

ove Γ(h) è la matrice pxp dei variogrammi e Bu è una matrice semi-definita


positiva dei coefficienti buij, detta matrice di coregionalizzazione (Goovaerts,
1992). Adottare il modello lineare di coregionalizzazione equivale ad assu-
mere l’ipotesi che tutti i processi fisici e chimici nel suolo agiscano additi-
vamente alle loro scale spaziali caratteristiche e che i coefficienti buij costi-
tuiscano una misura dell’influenza delle variabili considerate sul particolare
processo spaziale. L’adattamento matematico del LMC procede nel modo se-
guente:
1. Scegliere il più piccolo insieme di strutture di base che definiscano le
principali caratteristiche dei variogrammi sperimentali. Generalmente solo
alcune funzioni di base gu(h) (un effetto di nugget e una o due funzioni ma-
tematiche consentite) sono sufficienti. Questa fase si avvale delle conoscen-
ze degli esperti del fenomeno in studio (geologi, pedologi, agronomi, am-
bientalisti) ed è in un certo senso abbastanza intuitiva.
2. Stimare il contributo (sill) delle strutture di base a ciascun modello sot-
to la condizione fondamentale che le matrici di coregionalizzazione Bu sia-
no semi-definite positive. Il modello LMC fu adattato usando una procedu-
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 89

ra iterativa, sviluppata da Goulard e Voltz, (1992). La somma pesata dei re-


sidui al quadrato è stata usata come criterio di confronto fra i numerosi ten-
tativi di adattamento del modello.
• Analizzare le matrici di coregionalizzazione. Ciascuna matrice di core-
gionalizzazione Bu descrive le relazioni fra le p variabili alla scala spaziale
u, definite sulla base delle funzioni elementari di variogramma gu(h). Una
misura adimensionale delle correlazioni fra le variabili Zi e Zj alla scala spa-
ziale u è il coefficiente di correlazione strutturale ρuij, così definito:

biju
ρ =u
ij [5]
biiu ⋅ b ujj

Mentre il coefficiente classico di correlazione misura global-


mente le relazioni fra le variabili, i coefficienti di correlazione strutturali si
focalizzano su una scala spaziale specifica, filtrando l’effetto delle altre sca-
le di variazione. I coefficienti ρuij, comunque, dipendono dall’inferenza del
modello di coregionalizzazione e, pertanto, contengono già implicitamente
delle assunzioni sul processo in studio.
Per esprimere sinteticamente le relazioni fra le variabili alle di-
verse scale spaziali u, si è applicata un’analisi alle componenti principali
(PCA) a ciascuna matrice di coregionalizzazione Bu (Wackernagel, 1989).
L’applicazione classica della PCA alla matrice di varianza-covarianza, indi-
pendentemente dalla scala spaziale, consente di estrarre dei fattori che espri-
mono le principali caratteristiche dei dati, ma mediate su tutte le scale spa-
ziali. Nel caso in cui le strutture spaziali cambino con la scala, la PCA, ap-
plicata singolarmente a ciascuna matrice di coregionalizzazione, produce un
insieme di fattori regionalizzati per ciascuna scala, consentendo così di di-
stinguere fra i processi che causano variazione a corto e a lungo raggio.
L’interpretazione dei fattori regionalizzati si basa su: 1) la loro correlazione
con le variabili originarie; 2) le conoscenze degli esperti sui processi geneti-
ci del suolo e 3) l’insieme delle mappe dei fattori ottenute con il cokriging.

3.0 Risultati e Discussione

3.1 Misura della variabilità spaziale


L’area in studio mostrava una elevata eterogeneità nelle sue pro-
prietà fisiche e chimiche ad eccezione del pH (tab. 1). Solo ARG, CC, PA,
90 Castrignanò et al.

CO, la sabbia totale (SAB), LIMO, AWC risultavano normalmente distri-


buite, secondo il test di Shapiro-Wilk (1965) al livello di probabilità p>0.90.
Le variabili SCHEL, SF, CE, NH4, NA, MG e P2O5 furono trasformate nei
logaritmi naturali, in quanto risultavano positivamente asimmetriche. Tale
trasformazione, tuttavia, non è risultata sufficiente a centrare la distribuzio-
ne di NH4 e ha normalizzato solamente le distribuzioni di SF e MG. Lo stra-
to più superficiale del suolo presentava una eccezionale variabilità nelle
componenti più grossolane della granulometria e nei costituenti chimici del-
la fertilità (N-NO3, N-NH4, P2O5). In particolare per i composti azotati con-
centrazioni particolarmente alte furono misurate in alcune locazioni.
Tabella 1 - Statistica descrittiva delle proprietà del suolo. Table 1: Simple statistics
of the soil properties

Variabile Media Min Max STDV Skweness CV


SCHEL (% Vol) 6.18 0.02 35.79 8.47 1.85 136.93
SG (%) 4.98 0.34 13.89 2.62 0.77 52.57
SF (%) 14.76 5.27 34.25 4.82 1.14 32.64
SAB (%) 19.74 6.32 39.96 6.06 0.53 30.70
LG (%) 12.15 4.38 22.92 3.44 0.80 28.35
LF (%) 26.45 15.63 41.41 5.57 0.27 21.07
LIMO (%) 38.60 25.31 54.94 6.39 0.12 16.55
ARG (%) 41.59 19.96 62.63 8.23 0.06 19.78
CE dSm-1 0.29 0.16 0.86 0.96 2.46 32.66
CC (% p.s.) 33.39 19.38 46.35 3.92 -0.04 11.75
PA (% p.s.) 19.59 12.37 26.33 2.78 -0.26 14.20
AWC (% p.s.) 13.79 7.01 22.37 2.49 0.31 18.07
pH 8.00 7.19 8.57 0.25 -0.83 3.17
NO3 (mg kg -1) 114.12 1.32 569.57 107.51 2.05 94.21
NH4 (mg kg -1) 3.22 0 35.62 3.84 6.28 119.20
CO (mg kg -1) 1.36 0.68 2.17 0.28 0.14 20.88
P2O5 (mg kg -1) 44.05 2.90 172.67 28.04 1.60 63.65
K (mg kg -1) 78.67 22.50 152.25 24.33 0.61 30.92
NA (mg kg -1) 4.37 1.25 23.25 3.10 3.06 71.03
MG (mg kg -1) 58.98 32.75 113.25 16.43 1.06 27.86
CA (mg kg -1) 619.96 298.75 939.00 170.74 -0.41 22.70
Trasformate logaritmiche
LSCHEL 0.66 -3.91 3.58 1.82 -0.41 272.72
LSF 2.64 1.66 3.53 0.32 0.01 11.93
LCE 5.64 5.09 6.76 0.28 0.94 4.88
LNH4 0.97 -0.40 3.57 0.59 1.25 60.23
LNA 1.31 0.22 3.15 0.54 0.67 41.35
LMG 4.04 3.49 4.73 0.27 0.26 6.56
LP2O5 3.56 1.06 5.15 0.75 -0.98 21.03
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 91

3.2 Modello di coregionalizzazione


Molto verosimilmente due sono le cause principali che deter-
minano la variabilità spaziale delle proprietà studiate del sito in esame: 1)
una a più corto raggio, legata alla gestione agronomica del suolo (tipo di la-
vorazioni; concimazioni azotata, fosfatica e potassica; rotazioni) e 2) l’altra
a raggio maggiore, più propriamente correlata ai fattori che hanno contribui-
to alla formazione dei suoli (materiale genetico, topografia, tessitura, classe
di drenaggio, contenuto in sostanza organica, pendenza, classificazione tas-
sonomica). Allo scopo di separare queste diverse fonti di variazione e carat-
terizzarle più approfonditamente, è stata svolta un’analisi multivariata di co-
regionalizzazione. I variogrammi diretti e alcuni dei 45 variogrammi incro-
ciati delle 10 variabili standardizzate in studio, unitamente al modello linea-
re adattato di coregionalizzazione (linea continua), sono mostrati in figg. 2 e
3. Eccetto CO e LP2O5 tutti i variogrammi diretti presentano effetti di nug-
get variabili fra il 20 e il 60% della varianza campionaria. Possiamo distin-
guere essenzialmente due tipi di variogrammi: 1) ARG, CO, LP2O5 e CA
presentano generalmente 3 distinte strutture: l’effetto di nugget, più o meno
accentuato, una componente a corto raggio che raggiunge un sill a circa 3000
m e un aumento più o meno pronunciato e continuo fino a distanze maggio-
ri, rivelando l’esistenza di una struttura a più lungo raggio, che raggiunge il
sill a circa 7500 m; 2) le rimanenti variabili sono semplicemente caratteriz-
zate da un effetto nugget e da una sola struttura spaziale a corto raggio (ran-
ge ~ 3000 m).
Tutti i variogrammi sperimentali, sia diretti che incrociati, furo-
no pertanto modellati come la somma di tre strutture spaziali: 1) un effetto
nugget; 2) una struttura sferica a corto raggio con range uguale a 3000 m e
3) una struttura sferica a lungo raggio con range uguale a 7500 m:

 3  h  1  h 3  2  3  h  1  h 3 
γ ij (h ) = bij0 + bij1   −    + bij   −    per 0 < h ≤ 3000
 2  3000  2  3000    2  7500  2  7500  

 3  h  1  h 3 
γ ij (h ) = bij0 + bij1 + bij2   −    per 3000 < h ≤ 7500
 2  7500  2  7500  

γ ij (h ) = bij0 + bij1 + bij2 per h > 7500 [6]

dove b0ij è la varianza di nugget; b1ij e b2ij le varianze di sill, rispettivamente


della struttura sferica a corto e a lungo raggio; gli apici (0, 1, 2) indicano le
diverse scale spaziali.
92 Castrignanò et al.

Fig. 2 - Variogrammi sperimentali diretti (punti) e modello lineare di coregionaliz-


zazione (linea continua). Fig. 2 - Experimental Auto-variograms (dots) and fitted
Linear Modell of coregionalization (continuos line)
LP2O 5
L S C H EL
1.2
1.2
1
1
0.8
0.8
0.6
0.6
0.4
0.4
0.2
0.2
0
0

LIMO K

1.2 1.2
1 1
0.8 0.8
0.6 0.6
0.4 0.4
0.2 0.2
0 0

ARG LNA
1.4 1.4
1.2 1.2
1 1
0.8 0.8
0.6 0.6
0.4 0.4
0.2 0.2
0 0

AWC LMG
1.4 1.2
1.2 1
1 0.8
0.8
0.6
0.6
0.4
0.4
0.2 0.2

0 0

CO CA
1.4 1.4
1.2 1.2
1 1
0.8 0.8
0.6 0.6
0.4 0.4
0.2 0.2
0 0
0 2000 4000 6000 8000 0 2000 4000 6000 8000
lag ( m ) lag (m )
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 93

Fig. 3 - Variogrammi sperimentali incrociati (punti) e modello lineare di coregio-


nalizzazione (linea continua). Fig. 3 - Experimental Cross-variograms (dots) and
fitted Linear Modell of coregionalization (continuos line)

L S H EL - LIMO K - ARG
0.4 0.5

0.3 0.4

0.3
0.2
0.2
0.1
0.1

0 0

A R G - LSC H EL K - CO
0 0.5

-0.1 0.4
0.3
-0.2
0.2
-0.3
0.1
-0.4 0
-0.5 -0.1

A W C - ARG LNA - K
0.3 0.6
0.25 0.5
0.2 0.4
0.15 0.3
0.1 0.2
0.05 0.1
0 0

C O - ARG LMG - K
0.3 0.35
0.2 0.3
0.25
0.1
0.2
0
0.15
-0.1 0.1
-0.2 0.05
-0.3 0

LP2O 5 - C O C A - LNA
0.5 0.2
0.4 0.15
0.1
0.3
0.05
0.2 0
0.1 -0.05
0 -0.1
-0.15
-0.1
0 2000 4000 6000 8000
0 2000 4000 6000 8000
lag (m)
lag ( m )
94 Castrignanò et al.

In base alle nostre ipotesi precedenti, la struttura a corto raggio


dovrebbe derivare essenzialmente dall’estrema variabilità del materiale pie-
troso mostrata dai suoli in esame e dalla fertilizzazione agronomica. Ciò
sembra confermato dal notevole contributo di questa struttura nei vario-
grammi diretti di LSCHEL e di LNA, LMG e K, che rappresentano i catio-
ni derivanti in parte dalle fertilizzazioni e che vengono adsorbiti sul com-
plesso di scambio. La struttura a più lungo raggio, d’altra parte , è presente
nella variazione di ARG, CO, LP2O5 e CA e sembra pertanto più legata al-
le caratteristiche tassonomiche dei suoli.

3.3 Coefficienti di correlazione strutturali


Per la struttura spaziale relativa all’effetto nugget (distanze<
800 m), le correlazioni fra molte coppie di variabili sono risultate elevate e
significative al livello di probabilità p<0.05 (tab. 2).
Tabella 2 - Coefficienti strutturali relativi alle 3 strutture spaziali e coefficienti di
correlazione. Table 2: Structural coefficients relative to the three spatial structures
and Pearson correlation coefficients
Struttura 1
LSCHEL LIMO ARG AWC CO LP2O5 K LNA LMG CA
LSCHEL 1 0.90 -0.85 -0.11 0.76 0.03 -0.43 0.21 -0.70 -0.31
LIMO 1 -0.94 -0.23 0.89 -0.22 -0.42 -1E-3 -0.81 -0.55
ARG 1 0.06 -0.81 0.44 0.56 0.29 0.87 0.63
AWC 1 -0.50 -0.21 -0.60 -0.44 -0.13 0.43
CO 1 -0.03 1E-3 0.07 -0.50 -0.74
LP2O5 1 0.65 0.87 0.65 0.50
K 1 0.49 0.84 0.01
LNA 1 0.38 0.49
LMG 1 0.42
CA 1
Struttura 2
LSCHEL LIMO ARG AWC CO LP2O5 K LNA LMG CA
LSCHEL 1 -0.41 -0.22 0.09 0.25 0.07 0.02 -0.44 -0.27 0.36
LIMO 1 -0.31 0.22 -0.52 -0.16 -0.10 -0.09 0.39 -0.26
ARG 1 0.28 0.54 0.02 0.13 0.33 3E-4 0.32
AWC 1 0.23 -0.01 0.62 0.53 0.27 0.28
CO 1 0.34 0.61 0.11 -0.09 0.84
LP2O5 1 0.39 -0.18 -0.23 -0.10
K 1 0.36 -0.14 0.49
LNA 1 0.52 0.01
LMG 1 0.04
CA 1
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 95

Struttura 3
LSCHEL LIMO ARG AWC CO LP2O5 K LNA LMG CA
LSCHEL 1 0.56 0.46 -0.74 0.68 0.11 -0.58 -0.58 -0.64 0.90
LIMO 1 -0.23 -0.94 -0.11 0.51 -0.14 0.31 -0.17 0.29
ARG 1 -0.12 0.95 0.29 0.13 -0.91 -0.92 0.80
AWC 1 -0.22 -0.62 0.11 0.01 0.50 -0.58
CO 1 0.12 -0.18 -0.97 -0.89 0.92
LP2O5 1 0.71 0.11 -0.56 0.26
K 1 0.28 -0.16 -0.30
LNA 1 0.75 -0.82
LMG 1 -0.89
CA 1
Coefficienti di correlazione
LSCHEL LIMO ARG AWC CO LP2O5 K LNA LMG CA
LSCHEL 1 0.05 -0.39 -0.03 0.35 0.15 -0.12 -0.21 -0.37 0.24
LIMO 1 -0.66 0.01 -0.07 -0.04 -0.26 0.02 -0.14 -0.31
ARG 1 0.19 0.13 -0.03 0.31 0.18 0.32 0.48
AWC 1 0.07 -0.09 0.11 0.15 0.16 0.27
CO 1 0.23 0.30 -0.17 -0.27 0.58
LP2O5 1 0.42 0.06 -0.16 -0.06
K 1 0.41 0.19 0.16
LNA 1 0.48 3E-3
LMG 1 0.06
CA 1

La variabile LSCHEL è risultata positivamente correlata con il


LIMO, ma negativamente con l’ARG; LIMO negativamente correlato con
ARG e MG, ma negativamente con CO; ARG, contrariamente a LIMO, ne-
gativamente con CO e positivamente con MG. L’AWC è risultata poco cor-
relata con tutte le variabili, fatta eccezione della correlazione negativa con
K: molto probabilmente ciò è dovuto alla sua variabilità essenzialmente di
tipo casuale, senza la presenza di chiare strutture spaziali. CO oltre alle ci-
tate correlazioni con ARG e LIMO è risultato negativamente correlato con
CA; LP2O5 in generale poco legato alle altre variabili, ad eccezione di NA,
con cui è correlato positivamente ; lo stesso vale anche per K correlato si-
gnificativamente e positivamente solo con MG; NA è poco correlato con gli
altri cationi del complesso di scambio, mentre risulta correlato, come già os-
servato, con il P; MG, oltre ad essere legato alle componenti granulometri-
che della matrice solida del suolo, è correlato a K e, infine, CA è risultato
anch’esso poco correlato ad eccezione della citata correlazione negativa con
CO. Tutto questo complesso insieme di correlazioni sembra essere collegato
alla diversa gestione agronomica dei vari campi, in particolare alle concima-
96 Castrignanò et al.

zioni e alla presenza di residui colturali che producono aree circoscritte di


materiale organico ricco in P, K , Ca e Mg. Filtrando l’effetto di nugget, di-
minuisce drasticamente il numero delle correlazioni significative e la corre-
lazione CA-CO cambia di segno e diviene più intensa. Questo fatto può es-
sere imputato a variazioni nella sostanza organica a fungere da riserva di Ca
potenzialmente assimilabile dalle piante.
A distanze superiori ai 3000 m aumentano nuovamente il nu-
mero e l’intensità delle correlazioni: le componenti granulometriche risulta-
no fortemente correlate, rispettivamente, LSCHEL positivamente con CA,
LIMO negativamente con AWC e ARG positivamente con CO. Per quanto
riguarda l’argilla essa risulta negativamente correlata con i cationi del com-
plesso di scambio Na e Mg, ma positivamente con Ca, il che sta ad indicare
una certa competizione fra i vari cationi relativamente alla loro presenza sul
complesso di scambio. La quantità di acqua disponibile appare negativa-
mente influenzata dal contenuto in limo e dalla presenza di scheletro; per
quanto riguarda CO si intensifica la sua correlazione positiva con CA e ne-
gativa con LNA e LMG. Anche in questo caso, pertanto, si osservano pro-
prietà antagoniste fra il Na e Mg da una parte e il Ca dall’altra. P e K come
al solito appaiono poco correlati, mentre sussiste una certa correlazione fra
di loro (0.71). Le intense correlazioni negative LNA-CA e LMG-CA con-
fermano le già citate proprietà antagoniste fra questi cationi. Le numerose e
intense correlazioni, sia positive che negative registrate alle distanze mag-
giori, stanno ad indicare l’esistenza di ben definite strutture di correlazione,
molto probabilmente legate alla natura geologica e morfologica dell’area in
esame. L’analisi dei coefficienti di correlazione strutturali ha mostrato chia-
ramente come le strutture di correlazione varino in funzione della scala spa-
ziale. In casi quindi di correlazione non-intrinseca il coefficiente di correla-
zione classico, che media su tutte le scale spaziali, non può fornirci delle in-
formazioni precise sui processi in atto; esso, inoltre, risulta fortemente in-
fluenzato dalle correlazioni contenute nell’effetto di nugget. Quest’ultimo,
d’altra parte, comprende sempre una componente non nota di varianza attri-
buibile agli errori di misura, per cui l’uso del coefficiente di correlazione
classico rischia di mascherare in parte le effettive relazioni fra le variabili.
Dall’esame della tab. 2 si nota infatti che la maggior parte delle correlazio-
ni, stimate sulla base dei valori del coefficiente di correlazione classico, so-
no risultate di scarso rilievo. Le uniche degne di una qualche considerazio-
ne sono: ARG-LIMO (-0.66), che nell’analisi strutturale è risultata signifi-
cativa solo a livello di nugget, per poi diminuire progressivamente a distan-
ze maggiori; LNA-LMG (0.48), che nell’analisi strutturale aumentava pro-
gressivamente in funzione della scala (0.38; 0.52; 0.75); CA-CO (0.58), che
nell’analisi strutturale cambia addirittura di segno, intensificandosi al cre-
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 97

scere della distanza. Questo variegato schema di correlazioni ci può far in-
tuire la complessità dei processi fisici, chimici e biologici che avvengono nel
suolo. A rendere più difficile il compito di interpretazione dei risultati otte-
nuti contribuisce il fatto che tutte le procedure di misura, dal campionamen-
to alla stima, sono affette da errore, come si evidenzia dai valori general-
mente elevati di nugget dei variogrammi diretti (figg.2 e 3). La tecnica FKA,
filtrando le diverse componenti spaziali, consente di rimuovere questo tipo
di rumore e di concentrare la nostra attenzione sui reali processi che causa-
no differenze nelle proprietà fisiche e chimiche del suolo, piuttosto che li-
mitare la nostra analisi ad un’uscita che deriva da un processo di mediazio-
ne su numerosi processi, così come si è fatto in passato.

3.4 Fattori regionalizzati


Un’analisi alle componenti principali è stata svolta sia sulla ma-
trice classica di correlazione che su ciascuna matrice di correlazione (B0, B1,
B2) e per ciascun caso le correlazioni fra i primi due fattori regionalizzati e
le variabili originarie sono state illustrate in cerchi di raggio unitario, detti
cerchi di correlazione (fig. 4). I primi due fattori spiegano più dell’82% del-
la varianza di nugget e sono altamente correlati: il primo all’argilla e al ma-
gnesio e negativamente al limo e in minor misura al carbonio organico; il se-
condo negativamente al contenuto di acqua disponibile e in minor misura e
positivamente al potassio. Rappresentano principalmente la variazione a li-
vello di campo, causata da differenze nella gestione agronomica delle conci-
mazioni, del diserbo, delle lavorazioni, dell’interramento dei residui coltura-
li o degli avvicendamenti colturali. Essa abbraccia anche una parte della va-
riazione naturale legata alla diversa composizione granulometrica e la va-
rianza d’errore, inevitabilmente associata a tutte le procedure di misura, sia
in campo che in laboratorio, e di stima.
Per quanto riguarda la componente a corto raggio (800-3000
m), i primi due fattori spiegano solo il 55% della varianza a questa scala: il
primo fattore è fortemente correlato con CO e K e in minor misura con CA;
il secondo, invece, con LNA e LMG. Data l’ortogonalità dei due fattori, pos-
siamo affermare che anche l’analisi FKA ha confermato l’alta affinità fra CO
e CA, contrapposta al ruolo svolto dagli altri due cationi del complesso di
scambio, Na e Mg, nel definire la fertilità chimica del suolo a questa scala
spaziale. Il primo fattore comprende quindi gli effetti positivi su carbonio or-
ganico, potassio e calcio, derivanti dalle concimazioni e dall’interramento
dei residui colturali. La mappa del 1 fattore, ottenuta con il cokriging (fig.
5a), mostra numerose aree di estensione limitata, soprattutto nella fascia tra-
sversale mediana, caratterizzate da elevati valori di carbonio organico e del-
98 Castrignanò et al.

le basi estraibili K e Ca. Il fattore 2 (fig. 5b) mostra anomalie locali nel con-
tenuto di Na e Mg ed è caratterizzato da una estrema variabilità, con zone ad
alta e bassa concentrazione dei due cationi spesso molto ravvicinate.
Fig. 4 - Cerchi di correlazione calcolati dalle 3 matrici di coregionalizzazione e
dalla matrice di varianza-covarianza. Fig. 4 - Correlation circles estimated from
the three coregionalizated matrices and from the variance-covariance matrix.
Struttura sferica (3000 m)
Nugget effect
PC2 (25.07%) PC2 (24.25%)

LMG LNA
K
CO
LNA AWC
LP2O5 LIMO

LIMO LMG ARG


LSCHEL K

PC1 (57.31%) CA PC1 (30.53%)


ARG CO

CA LP2O5
LSCHEL

AWC

Matrice di correlazione
Struttura sferica (7500 m)

PC2 (13.89%) PC2 (34.53%)


LP2O5
LIMO CO

K LSCHEL CA
LNA
LSCHEL LP2O5
CA
ARG K
PC1 (45.62%)
PC1 (75.82%) LIMO AWC
CO ARG

LMG LNA
LMG

AWC

A differenza del primo fattore, che mostra anche una maggiore


continuità spaziale, le aree ad alta concentrazione sembrano disporsi alla pe-
riferia di un’ampia zona centrale, quindi approssimativamente in maniera
simmetrica rispetto a quelle ad alti valori del 1 fattore. Generalmente una va-
riazione a corto raggio di questo tipo deriva dalla sovrapposizione di più pro-
cessi naturali di differenziazione dei suoli, che possono essere meglio evi-
denziati analizzando le strutture spaziali a più lungo raggio. A questa scala i
primi due fattori spiegano circa il 90% della varianza: il primo fattore è for-
temente e positivamente correlato con l’argilla, lo scheletro, il carbonio or-
ganico e negativamente col Na e il Mg. Anche questa volta emerge l’affini-
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 99

tà fra carbonio organico e Ca e l’antagonismo di quest’ultimo con Na e Mg.


Il secondo fattore è invece positivamente correlato con il P, ma negativa-
mente e in minor misura con l’acqua disponibile.
Fig. 5 - Mappe di cokriging del primo (a) e del secondo (b) fattore regionalizzato
associati alla struttura spaziale a corto raggio (3000 m). Fig. 5 - Cokriging maps of
the first (a) and the second (b) regionalized factor related to short-range variation.
94000.00
2.50
2.00
92000.00 1.50
1.00
(a)
90000.00 0.50
0.00
88000.00 -0.50
-1.00
-1.50
86000.00
-2.00
-2.50
84000.00 -3.00
18000.00 22000.00 26000.00 30000.00

94000.00
2.20
1.76
92000.00
1.32
0.88
90000.00
(b) 0.44
-0.00
88000.00
-0.44
-0.88
86000.00 -1.32
-1.76
84000.00 -2.20
18000.00 22000.00 26000.00 30000.00

La mappa del 1 fattore (fig. 6a) evidenzia la presenza di una ben


definita struttura spaziale nel settore N-W, caratterizzata dai più alti contenu-
ti in argilla, sostanza organica e Ca, che potremmo quindi classificare come
più fertile. La distribuzione spaziale cambia completamente quando si esami-
na la mappa del fattore 2 (fig. 6b), caratterizzata da una maggiore variabilità
anche su brevi distanze. E’ ancora possibile, tuttavia, evidenziare una struttu-
ra spaziale ben differenziata nella parte orientale del campo, caratterizzata dai
più alti valori di P assimilabile ma dai più bassi contenuti di acqua disponi-
bile. Colture cresciute in questa parte del campo, pur avvantaggiandosi di una
maggiore dotazione di P, possono andare soggette a stress idrici in corrispon-
denza ai frequenti periodi di siccità estiva. I bassi valori di AWC sono da im-
putarsi alla notevole presenza di materiale pietroso, sia in superficie che in
profondità, o all’esistenza talora di un orizzonte di accumulo di carbonati an-
100 Castrignanò et al.

che a profondità abbastanza superficiali. Si noti come nella parte occidentale


del campo, proprio in corrispondenza della citata struttura a maggiore fertili-
tà chimica (fig. 6a), si registrino i valori più bassi del fattore 2.
Fig. 6 - Mappe di cokriging del primo (a) e del secondo (b) fattore regionalizzato
associati alla struttura spaziale a lungo raggio (7500 m). Fig. 6 - Cokriging maps of
the first (a) and the second (b) regionalized factor related to long-range variation.

94000.00
2.00

92000.00 1.50
1.00
0.50
90000.00
0.00 (a)
-0.50
88000.00
-1.00
-1.50
86000.00
-2.00
-2.50
84000.00
-3.00
18000.00 22000.00 26000.00 30000.00

94000.00
0.80
92000.00 0.61
0.42

90000.00 0.23
(b) 0.04
-0.15
88000.00
-0.34
-0.53
86000.00
-0.72
-0.91
84000.00
-1.10
18000.00 22000.00 26000.00 30000.00

Data la correlazione negativa di questo fattore con AWC, si può


dire che questa struttura è caratterizzata anche da una maggiore disponibili-
tà di acqua alle colture, che vanno soggette pertanto a minori rischi di stress
idrici. Concludiamo, quindi, affermando che le componenti a lungo raggio
dei due fattori hanno ben evidenziato l’esistenza di due estese strutture spa-
ziali, con proprietà chiaramente differenziate: esse ci aiutano pertanto nella
comprensione della genesi del suolo, correlandone il comportamento super-
ficiale alle diverse proprietà delle rocce che ne costituiscono il substrato.
I risultati dell’analisi classica alle componenti principali, basa-
ta sulla matrice di correlazione (fig. 4), non permettono di distinguere fra i
processi spaziali che si manifestano alle diverse scale spaziali. I primi due
Valutazione e descrizione della fertilità di terreni meridionali mediante la geostatistica mutivariata 101

fattori, pur spiegando ~ 80% della varianza totale, non descrivono appieno
le relazioni fra le variabili. Il primo fattore è correlato positivamente con
ARG e negativamente con LIMO. Potrebbe quindi essere definito come un
fattore della tessitura, influenzato principalmente dalla distribuzione dell’ar-
gilla. Una mappa di kriging del tenore in argilla (fig.7) mostra la presenza di
due chiare strutture spaziali centrali, caratterizzate da valori elevati. Lo spo-
stamento di tali strutture spaziali rispetto a quelle evidenziate con l’analisi
multivariata, deriva dal fatto che le prime sono state ottenute semplicemen-
te con un’analisi univariata, che non tiene conto delle relazioni con le altre
variabili e che media su tutte le scale (processi) spaziali.
Il fattore 2 dell’analisi classica appare più correlato a variazioni
di Na e Mg, caratterizzate da estrema variabilità essenzialmente di tipo casua-
le, ed è quindi più legato a condizioni locali che a estesi processi genetici.
Fig. 7 - Mappa di kriging del contenuto in argilla. Fig. 7 - Kriging maps of the
clay content.

94000.0
0
92000.0
0
90000.0
0
88000.0
0
86000.0
0
84000.0
0 18000.0 22000.0 26000.0 30000.0 34000.0
0 0 0 0 0
3.0 Conclusioni

All’interno di una tipica area del Tavoliere pugliese, tradizio-


nalmente vocata alla produzione del grano duro, la variabilità delle proprie-
tà di fertilità dei suoli sono il risultato della sovrapposizione di più processi
fisici, chimici e biologici, agenti a differenti scale spazio-temporali. Alcuni
di essi rappresentano fattori intrinseci alla genesi del suolo, altri invece so-
no più legati al differente utilizzo del suolo. Una conoscenza della loro dis-
tribuzione spaziale è essenziale quando si vogliano ottimizzare talune pro-
cedure agricole o nella pianificazione del territorio.
102 Castrignanò et al.

Tecniche geostatistiche, come l’FKA, sono particolarmente adatte


a differenziare i vari processi che causano la variabilità spaziale alle diverse sca-
le. Il metodo si rivela interessante in quanto consente di combinare in maniera
vantaggiosa le tecniche numeriche della geostatistica con l’insostituibile e vali-
da conoscenza degli esperti. Rispetto alle tecniche della pedologia tradizionale,
tuttavia presenta il vantaggio di fornire una misura quantitativa delle comples-
se interazioni fra le proprietà del suolo e può risultare particolarmente utile a
formulare ipotesi sui processi che hanno portato alla formazione dei suoli.

Bibliografia
CASTRIGNANÒ A., CONVERTINI G., LOSAVIO N., HOXHA I., 1995. Studio delle relazioni tra le proprietà fisico-
chimiche di un suolo argilloso del litorale ionico-lucano mediante la geostatistica multivariata. Atti
del 13 Convegno della Società Italiana di Chimica. Firenze, 2-4 ottobre 1995: 61-70.
CASTRIGNANÒ A., MAZZONCINI M. GIUGLIARINI L., 1998. Spatial Characterisation of Soil Properties. Advances
in GeoEcology, 31: 105-11.
CASTRIGNANÒ A., GIUGLIARINI L., RISALITI R., MAZZONCINI, M., 1999a. An approach to soil management
decision making. Italian Journal of Agronomy, 2, 2: 133-140.
CASTRIGNANÒ A., STELLUTI M., 1999b. Fractal Geometry and Geostatistics for Describing Field Variability of Soil
Aggregation. Journal of Agricultural Engineering Research, 73, 1: 13-18.
CASTRIGNANÒ A., GIUGLIARINI L., N. MARTINELLI P., RISALITI R., 1998. Study of spatial relationships among
soil physical-chemical properties using Multivariate Geostatistics. Geoderma, in corso di stampa.
DOBERMANN A., GOOVAERTS P., GEORGE T., 1995. Sources of soil variation in an acid Ultisol of the Philippines.
Geoderma, Vol. 68: 173-191.
DOBERMANN A., GOOVAERTS P., NEUE H.U., 1997. Scale-Dependent Correlations among Soil Properties in Two
Tropical Lowland Rice Fields. Soil Sci. Soc. Am. J., 61: 1483-1496.
GOOVAERTS P., 1992. Factorial kriging analysis: a useful tool for exploring the structure of multivariate spatial soil
information. J. Soil Sci., 43: 597-619.
GOOVAERTS P., WEBSTER R., 1994. Scale-dependent correlation between topsoil copper and cobalt concentrations
in Scotland. Europ. J. Soil Sci., 45: 79-95.
GOOVAERTS P., 1997. Geostatistics for Natural Resources Evaluation. Oxford Univ. Press, New York, 512 pp.
GOULARD M., VOLTZ M., 1992. Linear Coregionalization Model: Tools for Estimation and Choice of Cross-
Variogram Matrix. Mathematical Geology, Vol. 24, No. 3: 269-286.
MATHERON G., 1982 Pour une analyse Krigeante des données regionalisées in Report 732. Centre de Geostatistique,
Fontainebleau.
McBRATNEY A.B., WEBSTER R., 1986. Choosing Functions for Semi-Variograms of Soil Properties and Fitting them
to Sampling Estimates. J. Soil Sci., Vol. 37: 617-639.
SHAPIRO S.S., WILK M.B., 1965. An Analysis of Variance Test for Normality (complete samples). Biometrika, 52:
591-611.
Soil Survey Staff 1995 Soil Taxonomy. A basic system of soil classification for making and interpreting soil surveys.
Handbook 436. United States Department of Agriculture, Washington, DC.
WACKERNAGEL H., et al. 1989 Overview of methods for coregionalization analysis. In Geostatistics. Ed. M
Amstrong. pp 409-4201. Kluwer, Dordrecht.
WACKERNAGEL H., 1994 Cokriging versus Kriging in regionalized multivariate data analysis in Geoderma 62, 83-92.
WACKERNAGEL H., 1995. Multivariate Geostatistics: An Introduction with Applications. Springer-Verlag, Berlin, 256 pp.
103

BRUCIATURA ED INTERRAMENTO DEI RESIDUI


COLTURALI: INFLUENZA SUL CONTENUTO DI
AZOTO MINERALE E SULLA BIOMASSA MICROBICA
DEL SUOLO
Convertini G., Maiorana M., Ferri D.
Istituto Sperimentale Agronomico, Via C. Ulpiani, 5 - 70125 Bari

Riassunto
Con lo scopo di valutare gli effetti determinati da diverse modalità di interra-
mento dei residui vegetali di una monocoltura di frumento duro sui contenuti nel
suolo di biomassa microbica (carbonio ed azoto) e di azoto minerale (N-NO3 + N-
NH4), sono stati posti a confronto i seguenti trattamenti sperimentali:
T1 = bruciatura dei residui vegetali del frumento;
T5 = interramento dei residui + 150 kg ha-1 di azoto sugli stessi;
T8 = come T5 + 500 m3 ha-1 di acqua sui residui;
T9 = interramento dei residui senza azoto su paglie e stoppie e sul frumento (te-
stimone).
I campioni di terreno sono stati prelevati a due profondità, 0-10 e 11-30 cm.
L’esame dei risultati ottenuti nel periodo 1992-1997 ha evidenziato, per la bio-
massa microbica, un sostanziale equilibrio tra le tesi considerate, tra le quali solo T5
si differenzia negativamente. Per l’azoto minerale, i contenuti maggiori sono stati,
invece, rilevati nei trattamenti T5 e T8, quelli più bassi in T9.
Le due profondità di campionamento del terreno non hanno determinato una si-
gnificativa differenziazione nei contenuti di carbonio ed azoto della biomassa e di
azoto minerale (nitrati + ammonio scambiabile), per i quali, tuttavia, i valori migliori
sono stati rilevati nello strato 11-30 cm.
Parole chiave: residui vegetali; azoto, acqua; biomassa microbica; azoto mi-
nerale.

Introduzione

I residui vegetali riciclati, anche se richiedono dosi supplemen-


tari di N per essere umificati, a causa dell’alto rapporto C/N che li caratte-
rizza, possono ugualmente costituire un’importante risorsa in grado di man-
tenere e reintegrare la fertilità del suolo. Questi effetti positivi non possono

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 103-111 (2001)
104 Convertini et al.

essere trascurati nel momento in cui lo sfruttamento intensivo dei terreni ha


causato un loro depauperamento in sostanza organica, non compensato dal-
la somministrazione di livelli più alti di fertilizzanti minerali, se non a costi
economici ed ambientali sempre maggiori.
Per questi motivi l’Istituto Sperimentale Agronomico sta con-
ducendo a Foggia dal 1977 una ricerca a lungo termine, tuttora in corso, che
ha lo scopo di confrontare bruciatura ed interramento dei residui colturali di
frumento duro in monosuccessione e di valutare, tra gli altri, gli effetti eser-
citati da queste due tecniche sulla fertilità del suolo.
In questa nota si riportano i risultati di un monitoraggio effettua-
to dal 1992 al 1997 sulla biomassa microbica e sull’azoto minerale del suolo.

Materiali e metodi

La ricerca è condotta a Foggia nell’azienda dell’Istituto, su un


vertisuolo tipico del “Tavoliere” pugliese, classificato come fine, mesic,
Typic chromoxerert, in un ambiente caratterizzato da un clima del tipo “ter-
momediterraneo accentuato”.
La prova prevede il confronto tra quattro dei nove trattamenti
previsti dal protocollo sperimentale (Rizzo et al., 1985), applicati su parcel-
le elementari di 80 m2, distribuite secondo uno schema sperimentale a bloc-
chi randomizzati, con cinque ripetizioni:
T1 = bruciatura dei residui colturali del frumento;
T5 = interramento dei residui + 150 kg ha-1 di azoto somministrati a pa-
glie e stoppie;
T8 = come T5 + 500 m3 ha-1 di acqua sui residui;
T9 = interramento dei residui senza alcun apporto di azoto sugli stessi e
sul frumento (test).
Ogni anno, sull’intero campo di prova, sono distribuiti 100 kg ha-1
di P2O5, al momento dell’aratura principale e 100 kg di N ha-1 (NH4NO3) sul
frumento, in copertura, tranne come si è appena detto, sul testimone T9.
Nel corso di ciascuna annata agraria vengono valutati gli effet-
ti determinati dalle quattro tesi in esame sulla biomassa microbica C e N
(Jenkinson e Powlson, 1976; Jenkinson, 1988) e sull’azoto minerale (N-NO3
+ N-NH4 - estrazione in KCl 1M e determinazione colorimetrica), mediante
prelievi parcellari realizzati a due profondità (0-10 e 11-30 cm). I prelievi di
Bruciatura ed interramento dei residui colturali: influenza sul contenuto di azoto minerale e sulla
biomassa microbica del suolo 105

terreno per la determinazione della biomassa microbica sono effettuati una


settimana dopo l’interramento della paglia, in quanto il valore più elevato di
biomassa viene rilevato circa sette giorni dopo l’interramento dei residui
(Ocio e Brookes, 1990; Ocio et al., 1991).

Risultati

I risultati rilevati durante il periodo di prova (1992-1997) evi-


denziano, per tutti e quattro i trattamenti dei residui, un andamento della
biomassa C ed N abbastanza costante negli anni, tranne che nel primo, che
presenta i valori più elevati in assoluto (Fig. 1); in questa stessa annata, le
tre tesi di interramento di paglie e stoppie (T5,T8,T9) hanno determinato i
più alti contenuti sia di Bc che di Bn, sebbene la quantità media di paglia in-
corporata nel suolo non fosse significativamente diversa da quella bruciata.
Altrettanto evidente appare la superiorità della bruciatura nel 1996, anche se
con differenze non significative; in quest’ultimo caso sembrerebbe, quindi,
che, anche quando i residui delle piante vengono bruciati, le masse radicali
rimaste nel terreno forniscono un apporto di materiale organico sufficiente
per favorire l’attività dei microrganismi (Powlson et al., 1987). Nelle restanti
quattro annate, le differenze tra i diversi trattamenti si attenuano, anche se in
alcune (1994, 1995 e 1996) è possibile osservare un effetto depressivo del-
l’azoto somministrato alle paglie senza l’aggiunta di acqua (T5).
La variabilità nel tempo dei contenuti di biomassa C e N è pro-
babilmente legata alle variazioni di temperatura dell’aria e del terreno e di
umidità del suolo e alla quantità di pioggia caduta prima e dopo l’interra-
mento e la bruciatura dei residui; potrebbe dipendere, inoltre, dall’accumulo
graduale nel terreno di paglia non trasformata, nel corso degli anni, dai mi-
crorganismi, a causa di sfavorevoli condizioni di temperatura e di umidità del
suolo stesso (Federico-Goldberg e Nannipieri, 1989; Badalucco, 1995).
Per quanto riguarda il contenuto di azoto minerale (Fig. 2), i
suoi livelli sono sempre più elevati nelle parcelle in cui l’incorporazione nel
suolo di paglie e stoppie avviene con l’aggiunta del concime azotato sui re-
sidui, senza (T5) o con (T8) l’ulteriore somministrazione di acqua sugli stes-
si. In caso di interramento, quindi, la carenza di azoto e di umidità nel terre-
no sembrerebbe rallentare la liberazione di N minerale, mentre in condizio-
ni ottimali viene favorito l’incremento di nitrati e di ammonio scambiabile,
la cui disponibilità è però influenzata dal grado di saturazione basica e dalla
temperatura del suolo, oltre che dalla quantità di C solubile associata alla so-
stanza organica (Jenny, 1980; Mann, 1986; Radaelli, 1989). Discreti appaio-
no i risultati conseguiti con la bruciatura dei residui.
106 Convertini et al.

Fig. 1 - Influenza delle quattro tesi in prova sulla biomassa microbica (Bc e Bn)
del suolo.

600

500
Bc µg/g terreno

400 T1
T5
300
T8
T9
200

100

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

100
90
80
Bn µg/g terreno

70
T1
60
T5
50
T8
40
T9
30
20
10
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
Bruciatura ed interramento dei residui colturali: influenza sul contenuto di azoto minerale e sulla
biomassa microbica del suolo 107

Fig. 2 - Effetto dei quattro trattamenti in prova sull’N minerale, sull’N nitrico e
sull’ammonio scambiabile del suolo.

70
N-NO3 mg/kg terreno

60
50 T1
40 T5
30 T8
20 T9

10
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

6
N-NH4 mg/kg terreno

4 T1
T5
3
T8
2 T9
1

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

Un effetto positivo del tutto analogo è stato determinato dalle


tesi T5 e T8 sul contenuto di N-NO3 del terreno in tutti gli anni, mentre per
l’ammonio scambiabile non sono state osservate differenze rilevanti né tra le
diverse annate, ad eccezione del 1996 che ha presentato i valori più alti di
N-NH4, né tra i quattro trattamenti in esame.
Ponendo a confronto le risposte ottenute con i trattamenti di in-
terramento che prevedono la distribuzione sui residui di 150 kg ha-1 di azo-
to e dell’acqua (media di T5 e T8) con quelle del testimone T9, si osserva
108 Convertini et al.

che i contenuti in biomassa microbica (Fig. 3) sono quasi simili negli anni,
tranne che nel primo; in questa stessa annata ed in quella successiva, i risul-
tati migliori sono stati conseguiti nelle parcelle in cui l’interramento dei re-
sidui era accompagnato dall’incorporazione nel suolo anche di azoto ed ac-
qua. Nei restanti quattro anni, invece, si è manifestato il prevalere del testi-
mone senza azoto, che è risultato minimo in tre dei sei anni considerati
(1994, 1996 e 1997), più netto nel 1995.
Fig. 3 - variazione della biomassa microbica (Bc e Bn) per effetto delle tesi inter-
ramento e del testimone in prova.
600

500
Bc µg/g terreno

400
Int
300
Test

200

100

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

90
80
70
Bn µg/g terreno

60
50 Int
40 Test

30
20
10
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
Bruciatura ed interramento dei residui colturali: influenza sul contenuto di azoto minerale e sulla
biomassa microbica del suolo 109

Fig. 4 - Influenza dell’interramento di residui colturali e del testimone sull’N mi-


nerale, sull’N nitrico e sull’ammonio scambiabile del suolo.

70
N min. mg/kg terreno

60
50
40
Int
30
20 Tes

10
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

60
N-NO 3 mg/kg terreno

50

40
Int
30
Test
20

10

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

6
N-NH 4 mg/kg terreno

4
Int
3
Test
2

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
110 Convertini et al.

Contrariamente a quanto appena osservato per la biomassa C ed


N, l’azoto minerale del suolo è stato positivamente influenzato dall’aggiunta
di azoto ed acqua sulle paglie e stoppie (Fig. 4), con valori sempre significati-
vamente più elevati rispetto a quelli del testimone, a dimostrazione del fatto
che azoto ed acqua agevolano la decomposizione della paglia e stimolano i
processi di mineralizzazione. In altre parole, l’enorme quantità di microrgani-
smi presente nel suolo è in una condizione di continua carenza alimentare, per
cui la somministrazione di azoto ed acqua sui residui ne favorisce l’attività.
L’esame della stessa figura 4 conferma, per i nitrati, quanto ap-
pena detto per l’azoto minerale (prevalere dell’interramento), mentre per
l’ammonio scambiabile i valori rilevati nelle parcelle sono ancora una volta
pressoché è equivalenti.
Infine, la diversa profondità di campionamento del terreno non
sembra aver determinato, per tutti i caratteri sinora considerati - biomassa N
e C, azoto minerale, nitrati ed ammonio scambiabile -, alcuna influenza, an-
che se i contenuti più alti sono stati misurati nello strato 11-30 cm.

Conclusioni

Le diverse modalità di trattamento dei residui colturali del fru-


mento non hanno determinato, nei sei anni di prova considerati, una signifi-
cativa differenziazione nei contenuti di biomassa microbica del terreno, con
valori più o meno simili che, peraltro, hanno mostrato di risentire in misura
maggiore dell’influenza esercitata dagli andamenti climatici. Più evidenti so-
no apparsi, per contro, gli effetti dei trattamenti in studio sull’azoto minera-
le, per il quale si è manifestata la superiorità dell’interramento delle paglie e
delle stoppie, soprattutto quando viene effettuato con l’aggiunta di concime
azotato, con o senza acqua, sulle stesse; in questo caso, infatti, viene favori-
ta la proliferazione dei microrganismi responsabili della decomposizione del
materiale organico incorporato nel terreno e, quindi, i processi di immobi-
lizzazione e di mineralizzazione dell’azoto.
Se si considera che la bruciatura dei residui vegetali contribui-
sce all’inquinamento dell’atmosfera, aumenta i rischi di incendio, determina
lo spreco di materiale riciclabile e la volatilizzazione dell’azoto contenuto
nelle paglie, mentre l’interramento di paglie e stoppie può contribuire all’ar-
ricchimento della dotazione organica del suolo e al riciclo delle biomasse ve-
getali, è possibile concludere affermando che il bilancio “costi-benefici” è
più favorevole a quest’ultima tecnica agronomica.
Bruciatura ed interramento dei residui colturali: influenza sul contenuto di azoto minerale e sulla
biomassa microbica del suolo 111

Ringraziamenti
Si ringrazia il P.a. Francesco Fornaro per la registrazione e l’elaborazione statistica dei dati.

Bibliografia

BADALUCCO L. 1995. Significato biologico della biomassa microbica del suolo e metodologie chimiche di determi-
nazione. Atti Convegno PANDA: Tecnologie chimiche avanzate per l’agricoltura, 109-116.
FEDERICO-GOLDBERG L., NANNIPIERI P. 1989. I cicli biogeochimici dei principali elementi nutritivi. In: Chimica
del suolo (ed P. Sequi), pp. 293-328. Patron.
JENKINSON D.S., POWLSON D.S. 1976. The effects of biocidal treatments on metabolism in soil. V. A method for
measuring soil biomass. Soil Biology & Biochemistry, 8, 209-213.
JENKINSON D.S. 1988. Determination of microbial carbon and nitrogen. In: Advances in nitrogen cycling (ed J.B.
Wilson), pp. 368-386. CAB International, Wallingford.
JENNY H. 1980. The soil resource. Springer-Verlag, New York.
MANN L.K. 1986. Changes in soil carbon storage after cultivation. Soil Science, 142, 279-288.
OCIO J.A., BROOKES P.C. 1990. An evaluation of methods for measuring the microbial biomass in soils following re-
cent additions of wheat straw and the characterization of the biomass that develops. Soil Biology &
Biochemistry, 22, 685-694.
OCIO J.A., BROOKES P.C., JENKINSON D.S. 1991. Field incorporation of straw and its effects on soil microbial bio-
mass and soil inorganic N. Soil Biology & Biochemistry, 23, 171-176.
POWLSON D.S., BROOKES P.C., CHRISTENSEN B.T. 1987. Measurement of soil microbial biomass provides an
early indication of changes in total soil organic matter due to straw incorporation. Soil Biology &
Biochemistry, 19, 159-164.
RADAELLI L. 1989. Le proprietà fisiche. In: Chimica del suolo (ed P. Sequi), pp. 335-355. Patron.
RIZZO V., DI BARI V., MAIORANA M. 1985. Confronto tra bruciatura e interramento dei residui vegetali del frumento
(Triticum durum Desf.). I. Aspetti agronomici. Monografie Genetica Agraria, VII, 285-298.
113

EFFETTI DI MODALITÀ DI LAVORAZIONE DEL


TERRENO E DI GESTIONE DEI RESIDUI COLTURALI
SUL CONTENUTO DI AZOTO MINERALE E SULLA
BIOMASSA MICROBICA
Convertini G., Maiorana M., Ferri D.
Istituto Sperimentale Agronomico, Via C. Ulpiani, 5 - 70125 Bari

Riassunto
La ricerca, condotta a Foggia (Tavoliere pugliese) dal 1991 e tuttora in corso, ha
lo scopo di valutare gli effetti determinati sugli aspetti quanti-qualitativi della pro-
duzione e sulle più importanti caratteristiche fisiche e chimiche del suolo da due pro-
fondità di lavorazione del terreno (L1 = aratura sino a 40-45 cm; L2 = aratura ri-
dotta, a 20-25 cm) e da quattro modalità di trattamento dei residui vegetali di fru-
mento duro in monosuccessione (T1 = bruciatura di paglie e stoppie, con 100 kg N
ha-1 distribuito in copertura sul frumento; T2 = interramento dei residui, con 100 kg
N ha-1 in copertura sul frumento; T3 = interramento dei residui con 50 kg di N sul-
le paglie e 50 kg ha-1 sul frumento, in copertura; T4 = interramento dei residui con
100 kg di N sugli stessi).
In questa nota è presa in esame l’influenza esercitata dalle tesi in studio sulla bio-
massa microbica (carbonio ed azoto) e sul contenuto in azoto minerale (N-NO3 + N-
NH4).
I risultati ottenuti hanno evidenziato che le due lavorazioni, soprattutto quando
interagiscono con l’interramento di paglie e stoppie, portano ad un incremento del-
la biomassa microbica e dell’azoto minerale, rispetto ai valori rilevati prima del-
l’avvio dell’esperienza; in particolare, le risposte migliori sono state conseguite con
l’aratura a 20-25 cm di profondità.
I diversi trattamenti dei residui non sembrano, invece, aver determinato diffe-
renze di rilievo per la biomassa microbica e l’azoto minerale, anche se è stato os-
servato il prevalere della tesi T4.
Parole chiave: residui colturali; lavorazioni; biomassa microbica; azoto mi-
nerale.

Introduzione

La riduzione della profondità di lavorazione del terreno e l’in-


corporazione nel suolo dei residui colturali appaiono da tempo tecniche agro-
nomiche la cui applicazione è giustificata non solo da motivi economici (ri-

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 113-124 (2001)
114 Convertini et al.

duzione dei costi di aratura e di concimazione), ma anche dal bisogno di pre-


servare la risorsa “suolo”, salvaguardandone la fertilità.
Con riferimento a queste problematiche, l’Istituto Sperimentale
Agronomico di Bari ha realizzato, nel corso degli anni, numerose ricerche.
Tra queste, è attualmente in corso un’indagine avviata nell’autunno del 1991,
che si pone come obiettivo quello di valutare, su una monosuccessione di
frumento duro, l’influenza esercitata da diverse profondità di lavorazione del
terreno e modalità di trattamento dei residui vegetali del frumento (paglie e
stoppie) sia sugli aspetti quantitativi e qualitativi della produzione, che sulle
principali caratteristiche fisiche e chimiche del terreno.
In questa nota sono esaminati gli effetti determinati nei primi sei
anni di prova (1992-1997) dai trattamenti sperimentali in studio sulla bio-
massa microbica e sul contenuto in azoto minerale (nitrati + ammonio scam-
biabile) del suolo.

Materiali e metodi

La ricerca viene effettuata nell’azienda sperimentale dell’Istitu-


to, sita in Foggia, su un vertisuolo argillo-limoso di origine alluvionale, di
medio impasto, discretamente dotato di fertilità (2,07% di sostanza organica).
Il clima è del tipo “termomediterraneo accentuato”, con tempe-
rature estive che spesso superano i 40 °C, temperature invernali che talvolta
scendono al disotto di 0 °C e piogge scarse (566,5 mm, per il periodo di ri-
ferimento 1952-1991) e per lo più concentrate nei mesi invernali.
Su parcelle elementari di 230 m2, distribuite in campo secondo
uno schema sperimentale a split-plot, con tre ripetizioni, sono posti a con-
fronto due profondità di lavorazione del suolo (L1 = aratura sino a 40-45 cm;
L2 = aratura ridotta, a 20-25 cm) e quattro trattamenti dei residui colturali,
derivanti dall’interazione tra modalità di gestione degli stessi e momento di
distribuzione di un’unica dose di concime azotato, 100 kg N ha-1 (T1 = bru-
ciatura di paglie e stoppie, con 100 kg N ha-1 distribuito in copertura sul fru-
mento; T2 = interramento dei residui, con 100 kg N ha-1, in copertura sul
frumento; T3 = interramento dei residui con 50 kg di N sulle paglie e 50 kg
ha-1 sul frumento, in copertura; T4 = interramento delle paglie, con 100 kg
N ha-1 sulle stesse).
Oltre la concimazione azotata somministrata nei tempi e nei
modi su indicati, sull’intero campo di prova sono distribuiti ogni anno anche
100 kg ha-1 di P2O5, al momento dell’aratura principale.
Effetti di modalità di lavorazione del terreno e di gestione dei residui colturali sul contenuto di
azoto minerale e sulla biomassa microbica 115

La biomassa microbica (biomassa C e biomassa N) è stata mi-


surata con il metodo Jenkinson (Jenkinson e Powlson, 1976; Jenkinson,
1988), l’azoto minerale (N-NO3 + N-NH4) mediante estrazione in KCl 1M
e determinazione colorimetrica.
Il prelievo dei campioni di terreno viene effettuato ogni anno
circa una settimana dopo l’interramento delle paglie e delle stoppie, in quan-
to è stato osservato che è il momento in cui si ottiene il valore più elevato in
biomassa microbica (Ocio e Brookes, 1990; Ocio et al., 1991).
Le profondità di campionamento sono comprese fra 0 e 45 cm
per la lavorazione tradizionale (L1) e tra 0 e 25 cm per quella più superfi-
ciale (L2).

Risultati

Nella figura 1 sono riportati i valori medi di biomassa C e N


(espressi in µg C e N per g di terreno secco) contenuti nelle parcelle sottopo-
ste alle due modalità di lavorazione del suolo (L1 e L2) durante il periodo di
prova. I risultati ottenuti evidenziano, seppure con una variabilità dei valori
negli anni, come la lavorazione più superficiale a 20-25 cm di profondità ab-
bia determinato quasi sempre un aumento di C e di N della biomassa; infatti,
solamente nel primo anno di prova (1992, in maniera più netta) e nel quarto
(1995, in misura minore) i valori più elevati in biomassa microbica sono sta-
ti rilevati nelle tesi con la lavorazione tradizionale a 40-45 cm.
La presenza di maggiori contenuti di Bc e Bn nelle parcelle con
aratura a 20-25 cm di profondità è, quasi certamente, da attribuirsi al fatto
che in un terreno non lavorato, o con interventi ridotti al minimo, si posso-
no determinare condizioni tali da favorire una composizione stabile e pres-
soché costante nel tempo dei microrganismi presenti, mentre lavorazioni del
suolo più complesse (per profondità di aratura e tipo di intervento) possono
provocare conseguenze negative sulle popolazioni microbiche (Carter, 1991;
Toderi, 1991; Matowo et al., 1999) e quindi sui contenuti di biomassa.
Le variazioni riscontrate negli anni per il contenuto in azoto mine-
rale del suolo (Fig. 2) per effetto delle due modalità di lavorazione del terreno
sono di segno opposto a quelle della biomassa C e N, con valori di azoto quasi
sempre più alti negli anni in cui quelli della biomassa sono risultati più bassi, a
prescindere dal tipo di lavorazione effettuata (Federico-Goldberg e Nannipieri,
1989; Ocio et al., l.c.); oltre l’azoto organico del terreno, infatti, viene minera-
lizzato, seppure con ritmi diversi, anche quello della biomassa, con conseguen-
te diminuzione dei contenuti di Bc e Bn ed aumento della mineralizzazione.
116 Convertini et al.

Fig. 1 - Variazioni della biomassa (Bc e Bn) del suolo per effetto delle due lavora-
zioni in prova.

450

400
Bc µg/g terreno

350
L1
L2
300

250

200
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

70

65

60
Bn µg/g terreno

55
L1
50
L2
45

40

35

30
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
Effetti di modalità di lavorazione del terreno e di gestione dei residui colturali sul contenuto di
azoto minerale e sulla biomassa microbica 117

Fig. 2 - Influenza delle lavorazioni in prova sull’N minerale, sull’N nitrico e sul-
l’ammonio scambiabile del suolo.

35
N min.mg/kg terreno

30
25
20 L1
15 L2
10
5
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
N-NO 3 mg/kg te rreno

30
25
20
L1
15
L2
10
5
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
N-NH4 mg/kg te rreno

6
L1
4
L2
2

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
118 Convertini et al.

Prendendo in considerazione gli effetti determinati dalle due


profondità di lavorazione sui livelli di N minerale del terreno, è possibile os-
servare il prevalere dell’aratura a 20-25 cm nel primo, quarto, quinto e sesto
anno; tenuto conto che in queste annate la quantità media di paglia interrata
non è risultata significativamente diversa nelle parcelle sottoposte alle due
lavorazioni, si potrebbe supporre che la velocità di mineralizzazione sia sta-
ta più elevata con la lavorazione superficiale, in quanto quella profonda dis-
tribuisce la paglia, diluendola, in uno strato arabile più profondo (40-45 cm).
Fig. 3 - Influenza delle quattro modalità di trattamento delle paglie sulla biomassa
(Bc e Bn) del suolo.
500

450
Bc µg/g terreno

400
T1
350 T2
300 T3
T4
250

200

150
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

70
65

60
Bn µg/g terreno

T1
55
T2
50
T3
45
T4
40

35
30
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
Effetti di modalità di lavorazione del terreno e di gestione dei residui colturali sul contenuto di
azoto minerale e sulla biomassa microbica 119

Se si considerano separatamente i contenuti di N-NO3 e di N-


NH4 (Fig. 2), si può osservare che l’azoto minerale del suolo è costituito pre-
valentemente dalla forma nitrica, che sicuramente perviene al terreno in se-
guito ad una vera e propria azione di intercettazione da parte dei residui ve-
getali (Bonciarelli, 1991).
Fig. 4 - Influenza delle quattro modalità di trattamento delle paglie sull’N minera-
le, sull’N nitrico e sull’ammonio scambiabile del suolo.
N min. mg/kg terreno

50
40
T1

30 T2

20 T3

10 T4

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
N-NO 3 mg/kg terreno

40
T1
30
T2
20 T3
10 T4

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
N-NH 4 mg/kg terreno

10
T1
8
T2
6
T3
4
T4
2
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
120 Convertini et al.

Per quanto riguarda l’influenza esercitata dai quattro trattamenti


dei residui (T1, T2, T3, T4) sulla variazione nel terreno della biomassa micro-
bica (Fig. 3), in linea generale si può affermare che l’interramento influisce po-
sitivamente sui suoi contenuti (Schnurer et al., 1985), anche perché al momen-
to dell’interramento di paglie e stoppie non è presente ancora alcuna coltura e
quindi non c’è competizione tra microrganismi e piante. In particolare, tra le tre
tesi di interramento esaminate – T2, T3 e T4 – è quest’ultima, cioè quella che
prevede la distribuzione del concime azotato al 100% sui residui colturali al mo-
mento della loro incorporazione nel suolo, a presentare i contenuti più elevati e
stabili nel tempo sia in biomassa C che N. Interessanti appaiono anche i risul-
tati ottenuti con la bruciatura (T1) che, infatti, evidenziano come non possa es-
sere considerato nullo l’input della biomassa bruciata, tenuto conto che il ma-
teriale carbonizzato derivato dalla bruciatura delle paglie e delle stoppie viene
trattenuto nel suolo insieme alle radici (Powlson et al., 1987).
I risultati relativi all’azoto minerale (Fig. 4) confermano l’an-
damento osservato in precedenza per effetto delle lavorazioni (cfr. Fig. 2), in
quanto negli anni intermedi (1994, 1995 e 1996) il suo contenuto è apparso
più elevato (con maggiore immobilizzazione di N che potrebbe rendersi dis-
ponibile per la coltura successiva), in coincidenza dei più bassi livelli di bio-
massa microbica. Il trattamento T4 è risultato il migliore anche per l’azoto
minerale, per l’effetto positivo che ha avuto sulla immobilizzazione dell’a-
zoto in seguito all’interramento dei residui vegetali del frumento.
Le variazioni del contenuto in nitrati del suolo (Fig. 4) sono si-
mili, ancora una volta, a quelle dell’azoto minerale, mentre l’ammonio scam-
biabile ha presentato un andamento più costante nel tempo (Fig. 4).
Si è voluto, infine, porre a confronto la tesi bruciatura (T1) con
l’interramento (il cui valore è rappresentato dalla media di tutti gli altri trat-
tamenti). Dall’esame della figura 5 appare evidente che la biomassa micro-
bica non sempre risulta più elevata nelle parcelle in cui i residui organici ven-
gono incorporati nel terreno, ma varia, probabilmente in funzione dell’umi-
dità e della temperatura del suolo, oltre che della temperatura dell’aria
(Radaelli, 1989; Badalucco, 1995). Questi parametri influiscono, infatti, sul-
la velocità di decomposizione della paglia, anche in presenza di biomassa ve-
getale bruciata rimasta nel suolo con le radici (Powlson et al., l.c.).
Un dato interessante è l’incremento del contenuto in N minera-
le (N-NO3+N-NH4, Fig. 6) negli anni intermedi della prova (1994, 1995 e
1996), indipendentemente dai trattamenti sperimentali. Se una parte dell’a-
zoto è stata immobilizzata, si avrà in seguito un vero e proprio processo di
rimineralizzazione.
Effetti di modalità di lavorazione del terreno e di gestione dei residui colturali sul contenuto di
azoto minerale e sulla biomassa microbica 121

Fig. 5 - Influenza della bruciatura e dell’interramento dei residui colturali sulla


biomassa (Bc e Bn) microbica del suolo.

500
450
400
Bc µg/g terreno

350
300
250 Bru

200 Int

150
100
50
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

80

70

60
Bn µg/g terreno

50
Bru
40
Int
30

20

10

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

Fig. 5 - Influenza della bruc iatura e dell'interramento


122 Convertini et al.

Fig. 6 - Influenza della bruciatura e dell’interramento dei residui colturali sull’N


minerale, sull’N nitrico e sull’ammonio scambiabile del suolo.
N m in.mg/kg terreno

40

30
Bru
20 Int
10

0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
N-NO 3 mg/kg terreno

35
30
25
Bru
20
15 Int
10
5
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni
N-NH 4 mg/kg terreno

35
30
25
Bru
20
15 Int
10
5
0
1992 1993 1994 1995 1996 1997
Anni

Fig. 6 - Influenza della bruciatura e dell'interramento


Effetti di modalità di lavorazione del terreno e di gestione dei residui colturali sul contenuto di
azoto minerale e sulla biomassa microbica 123

Conclusioni

I risultati conseguiti in sei anni di studio consentono di trarre le


seguenti conclusioni:
- la lavorazione superficiale determina, in generale, la presenza
di maggiori quantità di biomassa microbica e di azoto minerale, risultando,
nel complesso, più conveniente anche per i suoi minori costi di esecuzione;
- l’interramento dei residui colturali sembra preferibile, nel lun-
go periodo, alla bruciatura degli stessi, sia perché contribuisce ad arricchire
la dotazione organica del suolo, sia perché impedisce lo spreco di materiale
organico riciclabile;
- tra le modalità di incorporazione nel terreno di paglie e stop-
pie, quello che prevede la distribuzione dell’azoto solo su queste ultime (T4)
è risultato il migliore; in questo caso, infatti, i microrganismi del suolo ven-
gono favoriti in quanto, ricevendo il concime azotato in un momento in cui
le piante di frumento non sono ancora presenti in campo, non risentono del-
la probabile competizione che potrebbe instaurarsi nel terreno, a carico del
fertilizzante, tra di loro e le piante stesse.

Ringraziamenti
Gli autori ringraziano il P.a. Francesco Fornaro per aver effettuato l’elaborazione statistica dei
dati sperimentali.

Bibliografia

BADALUCCO L. 1995. Significato biologico della biomassa microbica del suolo e metodologie chimiche di determi-
nazione. Atti Convegno PANDA: Tecnologie chimiche avanzate per l’agricoltura, 109-116.
BONCIARELLI F. 1991. Azoto e ambiente: orientamenti per una concimazione azotata compatibile. In: Azoto
Agricoltura Ambiente, Federchinica Assofertilizzanti, 6, 1-19.
CARTER M.R. 1991. Influence of tillage on the proportion of organic carbon and nitrogen in the microbial biomass of
medium textured soils in a humid climate. Biology Fertility of Soils, 11, 135-139.
FEDERICO-GOLDBERG L., NANNIPIERI P. 1989. I cicli biogeochimici dei principali elementi nutritivi. In: Chimica
del suolo (ed P. Sequi), pp. 293-328. Patron.
JENKINSON D.S., POWLSON D.S. 1976. The effects of biocidal treatments on metabolism in soil. V. A method for
measuring soil biomass. Soil Biology & Biochemistry, 8, 209-213.
JENKINSON D.S. 1988. Determination of microbial carbon and nitrogen. In: Advances in nitrogen cycling (ed J.B.
Wilson), pp. 368-386. CAB International, Wallingford.
MATOWO P.R., PIERZYNSKI G.M., WHITNEY D., LAMOND R.E. 1999. Soil chemical properties as influenced by
tillage and nitrogen source, placement and rates after 10 years of continuous sorghum. Soil & Tillage
Research, 50, 11-19.
124 Convertini et al.

OCIO J.A., BROOKES P.C. 1990. An evaluation of methods for measuring the microbial biomass in soils following re-
cent additions of wheat straw and the characterization of the biomass that develops. Soil Biology &
Biochemistry, 22, 685-694.
OCIO J.A., BROOKES P.C., JENKINSON D.S. 1991. Field incorporation of straw and its effects on soil microbial bio-
mass and soil inorganic N. Soil Biology & Biochemistry, 23, 171-176.
POWLSON D.S., BROOKES P.C., CHRISTENSEN B.T. 1987. Measurement of soil microbial biomass provides an
early indication of changes in total soil organic matter due to straw incorporation. Soil Biology &
Biochemistry, 19, 159-164.
RADAELLI L. 1989. Le proprietà fisiche. In: Chimica del suolo (ed P. Sequi), pp. 335-355. Patron.
SCHNURER J., CLARHOLM M., ROSSWALL T. 1985. Microbial biomass and activity in an agricultural soil with dif-
ferent organic matter contents. Soil Biology & Biochemistry, 17, 611-618.
TODERI G. 1991. Problemi conservativi del suolo in Italia. In: Agricoltura e Ambiente, pp. 50-99. Edagricole.
125

REGIME TERMICO DEL SUOLO IN ALCUNI CAMPI


SPERIMENTALI DEL NORD, CENTRO E SUD ITALIA
Costantini E.A.C.1, Castelli F.2, Iori M.1, Magini S.1, Lorenzoni P.3,
Raimondi S.4
1 Ist. Sperimentale Studio e Difesa Suolo - Piazza M. D’Azeglio, 30 - 50121 Firenze
2 Ist. Sperimentale per il Tabacco - Via Canton, 14 - 37051 Bovolone (VR)
3 Ist. Sperimentale Studio e Difesa Suolo - Via Casette, 1 - 02100 Rieti
4 Ist. di Agronomia dell’Università - Viale delle Scienze - 90128 Palermo

Abstract
Soil classification according to Soil Taxonomy include the estimation of soil
temperature regime. However, measured data are generally scarce and even model
which are commonly used to classify pedoclimate have not been adequately tested
in Italy. This research provided a first evaluation of some Italian soil temperature re-
gimes, based upon medium-time measured data, and a comparison between some
estimation models. A five years set of observations, which has been carried out on
soils sited at different latitudes, highlighted that the Soil Taxonomy methodgives
correct estimations, while Newhall method is not equally suitable. Epic could run
daily estimations, nevertheless gave uncertain results in terms of pedoclimatic clas-
sification. Finally, the comparison between the soil water capacity, and the differen-
ce between mean multi-annual air and soil temperatures, permitted to find a signifi-
cative linear relationships between these two parameters. Such relationships can be
utilised for a better estimation of the temperature regime, on the basis of the mean
air temperature value, when soil hydrological characteristics are known.

Riassunto
La classificazione dei suoli secondo la Soil Taxonomy richiede, tra l’altro, la de-
terminazione del loro regime termico. Raramente però sono disponibili dati rilevati,
e anche i metodi di stima del regime termico del suolo attualmente in uso non sono
stati adeguatamente validati in Italia. Questa ricerca pertanto propone una prima va-
lutazione di alcuni regimi termici presenti nel nostro Paese basata su misurazioni di
medio periodo e una comparazione tra alcuni metodi di stima. Dalle osservazioni
quinquennali condotte su suoli situati a latitudini diverse, emerge che il metodo pro-
posto dalla Soil Taxonomy fornisce stime corrette, mentre quello di Newhall non è
altrettanto efficace. Epic è in grado di effettuare stime giornaliere, ma non sempre
dà risultati migliori in termini di classificazione pedoclimatica. Infine, il confronto
tra la capacità idrica di campo, e la differenza media pluriennale tra temperatura del-

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 125-132 (2001)
126 Costantini et al.

l’aria e del suolo, ha permesso di evidenziare una relazione lineare significativa tra
questi due parametri. Tale relazione può essere utilizzata per una migliore stima del
regime di temperatura, a partire dal valore medio di temperatura dell’aria, quando
siano conosciute le caratteristiche idrologiche del suolo.

Introduzione

I pedologi che utilizzano la classificazione dei suoli americana


(Soil Taxonomy, Soil Survey Staff, 1975) si trovano a dover affrontare la dif-
ficoltà di determinare correttamente il regime termico dei suoli. Il problema
è generalmente risolto affidandosi a stime basate sulla temperatura dell’aria,
presupponendo una certa uniformità nel potere di “trattenuta” del calore da
parte del suolo. Nella Soil Taxonomy la temperatura media annua del suolo
si considera più elevata di quella dell’aria di un grado, mentre nel caso del
metodo Newhall (Newhall, 1972) questo divario è valutato in due gradi e
mezzo. In realtà, tutti coloro che hanno esperienza di suolo sanno che, a pa-
rità di condizioni climatiche, la temperatura del terreno può variare notevol-
mente in funzione del livello e del tipo di copertura vegetale del suolo, e del-
la sua natura fisica, chimica e morfologica.
Allo scopo di approfondire queste tematiche, nell’ambito del
progetto PANDA - Produzione Agricola nella Difesa dell’Ambiente (Sequi,
1994), è stata realizzata un’esperienza di monitoraggio della temperatura del
suolo in alcuni campi sperimentali situati nel Nord, nel Centro e nel Sud
Italia. Gli obiettivi erano quelli di fornire utili indicazioni sui reali regimi ter-
mici dei suoli italiani e di valutare, mettendoli a confronto, alcuni metodi di
stima già in uso o di possibile applicazione (Calì et al., 1996; Costantini et
al., 1997).

Materiali e metodi

Le misure sono state rilevate nelle stazioni sperimentali PAN-


DA di Bovolone (VR), Cesa (AR), Rieti e Sparacia (AG), alle quali sono sta-
ti aggiunti, per maggior completezza del quadro nazionale, i dati forniti
dall’Istituto Agrario di San Michele all’Adige (TN) (Tab. 1). Tutti i suoli pre-
si in esame rispondono alle caratteristiche considerate standard per questo ti-
po di rilievi: giacitura pianeggiante, buona permeabilità, buona riserva idri-
ca, falda idrica superficiale assente, fenomeni vertici trascurabili. Inoltre, le
superfici interessate erano tutte investite a prato stabile. I dati geotermome-
Regime termico del suolo in alcuni campi sperimentali del Nord, Centro e Sud Italia 127

trici sono stati rilevati con cadenza giornaliera a S. Michele all’Adige, a


Bovolone, a Cesa, e a Rieti, e quindicinale a Sparacia. Tutti le stazioni pre-
se in esame erano dotate di capannina meteorologica per il rilievo dei dati
climatici. Ulteriori specifiche riguardanti i campi sperimentali sono riporta-
te in Costantini et al., (1996).
Tab. 1 - Regimi di temperatura del suolo delle stazioni sperimentali considerate, clas-
sificati secondo la Soil Taxonomy in base ai dati misurati e ad alcuni metodi di stima.

Località S. Michele a.A. Bovolone Cesa Rieti Sparacia


Caratteristiche
periodo di osservazione 1959-88 1991-98 1994-98 1995-97 1993-97
latitudine 46° N 45° N 43° N 42° N 37° N
altitudine (m s.l.m.) 210 24 350 405 385
Classificazione
in base ai dati misurati mesico mesico mesico termico termico
Soil Taxonomy (t dell'aria +1 °C) mesico mesico mesico termico termico
Newhall (t dell'aria +2,5 °C) mesico termico termico termico termico
Epic n.d. mesico mesico mesico termico

Sono stati considerati i dati di temperatura del suolo alle pro-


fondità di 0,1, 0,2 e 0,5 m a S. Michele all’Adige, di 0,05, 0,1, 0,2, 0,5 e 1
m a Bovolone, di 0,2 e 0,4 m a Cesa, di 0,15 e 0,45 m a Rieti, di 0,05, 0,15,
0,5, 0,75 e 1 m a Sparacia. In ogni località è stata misurata la temperatura
media dell’aria giornaliera.
La classificazione dei regimi termometrici dei suoli è stata ese-
guita adottando i seguenti metodi: sulla base dei dati rilevati, utilizzando la
metodologia proposta dall’ICOMMOTR (International Committee on Soil
Moisture and Temperature Regimes, 1994), secondo la Soil Taxonomy, se-
guendo le indicazioni di Newhall e, infine, utilizzando il modello EPIC
(Erosion-Productivity Impact Calculator; Williams et al., 1989).

Risultati e conclusioni

Lo scostamento tra temperatura dell’aria e temperatura del suo-


lo varia da suolo a suolo e differisce lungo l’arco dell’anno, con uno sfasa-
mento temporale tra i due andamenti e una più contenuta escursione della
temperatura tellurica. In Figura 1 e 2 sono riportati, come esempio, i dati ri-
levati a Bovolone e Cesa.
Il regime termometrico dei suoli studiati, valutato utilizzando i da-
ti misurati (Tab. 2), è risultato: mesico a San Michele all’Adige (11.8 °C a 0,5
128 Costantini et al.

m, valore medio di 40 anni), a Bovolone (14 °C a 0,5 m, media di 8 anni), a Cesa


(14,7 °C a 0,4 m, media di 5 anni) e a Rieti (17.8 °C a 0,45 m, media di 3 an-
ni); termico a Sparacia (17.3 °C a 0,5 m, media di 5 anni) (Tab. 1). Confrontando
i diversi metodi di classificazione esaminati con i risultati ottenuti in base ai da-
ti misurati, quello proposto dalla Soil Taxonomy appare in grado di classificare
in modo corretto i suoli di tutte le stazioni, mentre il sistema proposto da Newhall
porta a classificare erroneamente i suoli di Bovolone e Cesa.
Figura 1 - Temperature medie dell’aria e del suolo rilevate nella stazione di
Bovolone nel periodo 1991-98.

Figura 2 - Temperature medie dell’aria e del suolo rilevate nella stazione di Cesa
nel periodo 1994-98.
Regime termico del suolo in alcuni campi sperimentali del Nord, Centro e Sud Italia 129

Con Epic è possibile avere una stima giornaliera, quindi più accu-
rata, anche se a Rieti la classificazione non corrisponde esattamente a quella
reale in quanto il modello sembra sottostimare la temperatura del suolo. Questo
diverso comportamento risulta evidente anche osservando gli andamenti ripor-
tati nelle Figure 3, 4, 5 e 6, dove sono messi a confronto, per il periodo di os-
servazione, i dati misurati e quelli stimati con Epic delle stazioni PANDA.
Tabella 2 - Temperature medie stagionali del suolo e dell’aria osservate nelle
stazioni sperimentali considerate.
Parametro Medie stagionali Media
primavera estate autunno inverno annuale
S. Michele all'Adige
Aria 15.0 21.3 8.2 3.7 12.2
Suolo a 0,2 m 14.7 21.3 9.2 2.3 12.0
Suolo a 0,5 m 13.4 19.7 10.3 3.2 11.8
Bovolone
Aria 15.9 22.9 10.1 5.2 13.7
Suolo a 0,2 m 15.5 22.4 11.7 5.2 13.8
Suolo a 0,5 m 14.5 21.9 13.1 6.6 14.0
Cesa
Aria 13.8 21.2 10.2 5.6 13.1
Suolo a 0,2 m 15.5 23.7 13.0 7.5 15.3
Suolo a 0,4 m 14.9 23.0 13.1 7.6 14.7
Rieti
Aria 15.8 22.7 12.6 8.3 14.8
Suolo a 0,15 m 16.4 29.1 9.9 4.5 15.0
Suolo a 0,45 m 17.7 22.6 16.9 14.1 17.8
Sparacia
Aria 15.7 24.3 14.8 9.2 16.4
Suolo a 0,15 m 16.5 25.5 14.3 9.3 16.3
Suolo a 0,5 m 17.2 25.8 16.0 10.4 17.3

Figura 3 - Stazione di Bovolone: confronto tra valori di temperatura del suolo, a


0,5 m di profondità, misurati e simulati con Epic.
130 Costantini et al.

Più in dettaglio, la differenza media pluriennale tra la tempera-


tura dell’aria e del suolo a 0,5 m circa di profondità sotto prato stabile è ri-
sultata variare considerevolmente a seconda della stazione: 0,4 °C più bassa
in Trentino, 0,5 °C più alta a Bovolone, 1,7 °C più alta a Cesa, 3 °C più al-
ta a Rieti e 0,9 °C più alta a Sparacia.
Figura 4 - Stazione di Cesa: confronto tra valori di temperatura del suolo, a 0,4 m
di profondità, misurati e simulati con Epic.

Figura 5 - Stazione di Rieti: confronto tra valori di temperatura del suolo, a 0,45
m di profondità, misurati e simulati con Epic.
Regime termico del suolo in alcuni campi sperimentali del Nord, Centro e Sud Italia 131

Figura 6 - Stazione di Sparacia: confronto tra valori di temperatura del suolo, a 0,5
m di profondità, misurati e simulati con Epic.

Figura 7 - Relazioni lineari tra c.i.c., rilevata nel suolo a 0,15 m e a 0,75 m, e la
differenza tra le temperature misurate nell’aria e nel suolo a 0,5 m.

60
0,15 m ) y = 7 . 8 x + 20.9
R2 = 0.94
50
0,75 m ) y = 8 . 4 x + 2 4 . 3 Cesa
2
C.i.c. (% in volume)

R = 0 . 79
40
Rie ti
B o v o lo n e
30
0,15 m
S p a r a c ia
20 0,75 m
0,15 m
S.M ich e le
10 0,75 m

0
-0.5 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5
°C

Il diverso comportamento del suolo nei confronti della tempe-


ratura è stato messo in relazione con la capacità idrica di campo, eviden-
ziando una relazione diretta tra questi due parametri (Fig. 7). Le equazioni
riportate in figura possono essere utili per fornire un prima grossolana stima
della temperatura media del suolo, a partire da quella dell’aria, quando sia-
132 Costantini et al.

no note le sue caratteristiche idrologiche. È interessante, infatti, notare che a


valori di c.i.c. di circa il 28 % e di circa il 40 % corrispondono differenze tra
temperature medie dell’aria e del suolo, a 0,5 m di profondità, di 1 e 2,5 °C,
parametri, come abbiamo visto, utilizzati rispettivamente dalla Soil
Taxonomy e da Newhall per la stima della temperatura del suolo.

Riconoscimenti
Progetto Finalizzato PANDA, Sottoprogetto 1, Serie 1, Pubblicazione n. 53.
Responsabili dei campi sperimentali: S. Michele a/A, Istituto Agrario; Bovolone, F. Castelli;
Cesa, E. Costantini; Rieti, P. Lorenzoni; Sparacia, S. Raimondi. Ricerca coordinata da E.
Costantini. Elaborazioni condotte da M. Iori, S. Magini, E. Costantini e F. Castelli. Testo re-
datto da E. Costantini e F. Castelli.

Bibliografia

CALÌ A., CEOTTO E., COSTANTINI E.A.C. e DONATELLI M. - 1996. Applicazione del modello Epic per la classi-
ficazione del pedoclima e confronto con altri metodi e con indici climatici. Boll. Soc. It. Scienza del
Suolo, 6: 61-86.
COSTANTINI E.A.C., CALÌ A., CASTELLI F., LORENZONI P., RAIMONDI S. e RUSTICI L. - 1996. Esperienze di
applicazione e validazione di alcuni modelli tradizionali ed innovativi per la classificazione del pe-
doclima. Agricoltura Ricerca, XVlll, 164-165-166 p.7-24.
COSTANTINI E.A.C., CASTRIGNANÒ A., LORENZONI P., CALÌ A., RAIMONDI S. e CASTELLI F. - 1997. 1. Il
pedoclima e il suo ruolo di indicatore di sensibilità ambientale. In: Sensibilità e vulnerabilità del
suolo. Metodi e strumenti di indagine. A cura di P.Sequi e G.Vianello. Ed. Franco Angeli, Milano,
29-94.
ICOMMOTR - 1995. Circular Letter 4, National Soil Survey Center, Soil Conservation Service, USDA, Lincoln,
Nebraska, USA
NEWHALL F. - 1972. Calculation of Soil Moisture Regimes from Climatic Record. Rev. 4 Mimeographed, Soil
Conservation Service, USDA, Washington DC.
SEQUI P. 1994. Il progetto finalizzato Produzione Agricola Nella Difesa dell’Ambiente “PANDA”, Agricoltura e
Ricerca, 154: 151-192.
SOIL SURVEY STAFF - 1975. Soil Taxonomy: A basic system for making and interpreting soil surveys. USDA
Handbook, 436, pp. 754, Washington DC.
WILLIAMS J.R., JONES C.A., KINIRY J.R. e SPANEL D.A. - 1989. The Epic crop growth model. Trans. ASAE, 32:
497-511.
133

MODIFICHE DELLE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA


PIANTA - SUOLO INDOTTE DALLA RIDUZIONE DELLE
LAVORAZIONI DEL TERRENO COLTIVATO A FRUMEN-
TO (TRITICUM DURUM DESF.) E FAVA (VICIA
FABA L.) IN ROTAZIONE
De Giorgio D., Convertini G., Ferri D.,. Rizzo V, Montemurro F.,
La Cava P.
Istituto Sperimentale Agronomico – MiPA
Via C. Ulpiani, 5 70125 Bari

Riassunto
Nel Tavoliere pugliese, tipica zona cerealicola del sud Italia, è in corso una ri-
cerca volta a studiare la possibilità di ridurre il numero e le intensità delle lavora-
zioni del terreno in una rotazione biennale frumento-fava. Dal 1993 vengono a tal
fine esaminati i caratteri fisici, chimici e biologici del suolo ed i parametri produtti-
vi delle colture in un tipico ambiente mediterraneo (Foggia). In uno schema speri-
mentale a parcelle suddivise di 1.600 m2, sono messe a confronto le seguenti mo-
dalità di lavorazione del terreno: A) lavorazione tradizionale; B) lavorazione a due
strati; C) lavorazione superficiale; D) lavorazione minima. Prima della differenzia-
zione delle lavorazioni ed alla fine del ciclo colturale vengono determinati, nello
strato 0-70 cm, le caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche del suolo. Alla fine
del ciclo, su un’apposita area di saggio, viene determinata la produzione ed i suoi
componenti.
I risultati ottenuti hanno evidenziato come le diverse modalità di lavorazione ab-
biano influenzato significativamente la produzione e gli indici di resa sia per il fru-
mento che per la fava. Nel secondo anno di prova è stato anche rilevato un incre-
mento produttivo del frumento attribuibile al quantitativo di N asportato dalla pian-
ta e dovuto all’effetto residuo della coltura precedente (fava). Durante il periodo del-
la prova, i diversi trattamenti hanno modificato nel terreno la dinamica dell’N mi-
nerale, il contenuto in C organico ed il grado e tasso di umificazione. In definitiva
sembra configurarsi una lenta evoluzione del suolo verso un nuovo stato stazionario
per effetto delle diverse lavorazioni.
Parole chiave: lavorazioni, rotazione, caratteristiche chimiche del suolo.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 133-143 (2001)
134 De Giorgio et al.

Introduzione

Le nuove esigenze in termini di economicità delle colture e di


salvaguardia ambientale impongono nuovi indirizzi agrotecnici tesi all’in-
cremento della sostenibilità della produzione e al mantenimento della ferti-
lità del suolo. In questo ambito assumono notevole importanza la gestione
delle lavorazioni ed il ricorso ad opportune rotazioni adatte allo specifico
ambiente pedo-climatico. La profondità di lavorazione ed il numero di inter-
venti possono determinare variazioni della produttività, dei costi energetici
e, di conseguenza, dell’economia aziendale. Particolare attenzione va riser-
vata al turnover della sostanza organica del terreno (s.o.), anche se sono mol-
teplici i fattori che ne influenzano quantità e composizione. Tra questi van-
no considerati i processi pedogenetici, l’incorporazione o meno nel suolo dei
residui colturali, l’impiego di diverse modalità di lavorazione del terreno
(Odell et al., 1984; Tiessen et al., 1982) e l’effetto del compattamento dello
stesso (Soane, 1990). Lo stato fisico del terreno (rapporto aria/terreno, com-
pattezza, ecc.) influenza lo sviluppo delle radici e le ife fungine (organismi
viventi), i residui vegetali indecomposti presenti, il letame, i compost, i fan-
ghi o altro materiale in via di decomposizione ed, infine, l’humus. Di con-
seguenza, qualsiasi approfondimento a livello di s.o. del terreno va effettua-
to indagando, oltre che sul contenuto in C organico, anche sullo stato di umi-
ficazione dello stesso, soprattutto per comprendere l’incidenza che un deter-
minato trattamento sperimentale può avere sulla fertilità del terreno. Questo
approccio sperimentale assume un significato ancora più importante quando
si studiano le possibilità di ridurre le lavorazioni del terreno, in interazione
con gli avvicendamenti, su alcuni suoli meridionali.
Nell’Italia meridionale molti di questi terreni a causa delle tem-
perature estive elevate presentano velocità di decomposizione del materiale
organico piuttosto sostenute.
Il presente studio è stato condotto su un Vertisuolo del Tavoliere
pugliese al fine di indagare sui processi chimico-fisici che condizionano la
disponibilità dei nutrienti per le piante ed il turnover della s.o.

Materiali e Metodi

La ricerca è stata condotta a Foggia su un suolo argillo-limoso


(USDA, Gee et al., 1986), del quaternario antico, profondo e con profilo non
molto differenziato, classificato come Vertisuolo cromico, secondo la FAO-
UNESCO (1960) e come Typic Chromoxerert secondo la Soil Taxonomy
Modifiche delle caratteristiche del sistema pianta-suolo indotte dalla riduzione delle lavorazioni
del terreno coltivato a frumento (Triticum durum Desf.) e fava (Vicia faba L.) in rotazione 135

(1975), dotato di discreta fertilità agronomica (N totale = 0,122%; P2O5 as-


similabile = 41 ppm; K2O scambiabile = 1598 ppm; pH (acqua) = 8,33; s.o.
= 2,07%; C/N = 10).
Su uno schema sperimentale a parcelle suddivise, in parcelloni di
1600 m2, sono state messe a confronto 4 diverse modalità di lavorazione del
terreno: A - tradizionale (aratura a 40 cm con bivomere, 1 frangizollatura a 20
cm, fresatura a 10 cm); B - a due strati (attrezzo combinato - ripuntatore a 60
cm + fresa a 10 cm, fresatura a 10 cm; C - superficiale (aratura a 25 cm con
pentavomere, fresatura a 10 cm); D - minima (fresatura a 10 cm). La prova è
stata condotta su una rotazione frumento (senza concimazione azotata per va-
lutare l’effetto rotazione)-leguminosa da granella, a semina autunnale.
Prima della differenziazione delle lavorazioni, ad iniziare dal-
l’autunno del ’93, ed alla raccolta sono stati prelevati campioni di terreno,
per caratterizzarlo nei suoi aspetti chimici, determinando il Carbonio orga-
nico totale (TOC), il Carbonio organico estratto (TEC) ed umificato
(C[HA+FA]), l’azoto nitrico (N-NO3) e l’ ammonio scambiabile (N-NH4).
Le profondità di campionamento sono state di 0-10, 10-20, 20-
50, 50-70 cm per i trattamenti A, B e C e di 0 e 10, 10 e 20, 20 e 70 cm per
il trattamento D.
Le determinazioni chimiche sul suolo sono state effettuate se-
condo i metodi del MIRAAF (1994); per la valutazione dello stato di umifi-
cazione della s.o. del terreno, sono stati invece impiegati i metodi specifici
che consentono il dosaggio del C organico (TOC), del C organico estratto
(TEC) ed umificato (C[HA+FA]) (Sequi et al., 1986).
I dati rilevati hanno consentito di calcolare i seguenti coeffi-
cienti: a) Grado di umificazione (DH%) = C[HA + FA]/TEC*100; b) Tasso
di umificazione (HR%)= C[HA + FA]/TOC*100; c) Carbonio organico
estratto e non umificato (NH) = TEC - C[HA+FA]; d) Indice di umificazio-
ne (IU) = NH/ C[HA + FA].
Alla raccolta, su campioni prelevati da tutte le tesi poste a con-
fronto, sono state determinate la resa in granella e la produzione dei residui
colturali espresse in peso secco, ed il contenuto di azoto totale (CHN Fison
elemental analyzer - modello EA 1108); infine è stato calcolato l’azoto tota-
le asportato (kg ha-1) moltiplicando il contenuto totale di azoto (%) per la
biomassa secca raccolta (Kg ha-1).
Sono stati calcolati inoltre i seguenti parametri: a) indice di rac-
colta (HI) = rapporto fra la produzione ed il totale di peso secco prodotto dal-
la pianta (%); b) indice di utilizzazione dell’azoto (NHI) = rapporto fra il
136 De Giorgio et al.

contenuto di azoto nella granella ed il totale di azoto presente nella pianta al-
la maturazione (%); c) efficienza di utilizzazione dell’azoto (NUE) = rap-
porto fra la produzione ed il totale di azoto asportato (kg kg-1) (Delogu et
al., 1998; Raun e Johnson, 1998).
L’analisi statistica è stata effettuata usando le procedure del pac-
chetto statistico SAS (SAS Institute, 1990). Il test statistico di Tukey è stato
utilizzato per valutare la significatività delle differenze fra le medie.

Risultati e discussione

Dall’esame della tabella 1 è possibile notare che, nel secondo


anno di prova (1996), c’è stato un significativo incremento della produzione
di granella attribuibile sia all’azione miglioratrice della coltura precedente
(fava nel 1995), sia alla maggiore piovosità rispetto al ‘94 registrata nei me-
si invernali, più importanti per la coltura. Questo sostanziale incremento (da
220,3 a 300,8 Kg ha-1) è probabilmente attribuibile al diverso quantitativo di
N assorbito dalla coltura che è passato da 57,50 kg ha-1 del 1994 a 80,43 kg
ha-1 del 1996.
Tabella 1 Produzione, N asportato e parametri di efficienza (frumento).
Resa in N asportato HI NHI NUE
granella
(Kg ha-1) (Kg ha-1) (%) (%) (Kg Kg-1)
Anno
94 220,3 b 57,50 b 29,14 b 61,34 b 38,41 a
96 300,8 a 80,43 a 34,97 a 71,26 a 37,65 a
Lavorazione(*)
A 294,9 a 77,40 a 33,21 a 66,27 a 37,86 a
B 251,7 ab 66,24 ab 32,54 a 67,33 a 38,32 a
C 261,7 ab 68,89 ab 31,77 a 66,56 a 38,02 a
D 233,7 b 63,31 b 31,91 a 64,05 a 37,93 a
Nota: i valori indicati con la stessa lettera non sono significativamente
differenti per P<0.05 secondo il test di Tukey.
(*)valori medi dei due anni di prova; A -tradizionale; B - a due strati
C-superficiale; D - minima
Anche gli indici di resa (HI e NHI) sono significativamente in-
crementati, mentre la NUE è leggermente diminuita (differenza statistica-
mente non significativa), a conferma del maggiore quantitativo di N dispo-
nibile per la coltura. Infatti, molti autori hanno messo in evidenza che la
NUE decresce con l’incremento della fertilizzazione azotata (Delogu et al.,
1998; Koutrobas et al., 1998; Guillard et al., 1995). Anche l’intensità delle
lavorazioni ha avuto un effetto sulla produzione di frumento. In particolare,
Modifiche delle caratteristiche del sistema pianta-suolo indotte dalla riduzione delle lavorazioni
del terreno coltivato a frumento (Triticum durum Desf.) e fava (Vicia faba L.) in rotazione 137

il risultato produttivo ha subìto un significativo decremento, passando dalla


lavorazione di tipo tradizionale alle altre modalità di preparazione del terre-
no. Anche in questo caso il diverso risultato produttivo può essere attribuito
alla differente intensità di assorbimento dell’N. La modalità classica di pre-
parazione del letto di semina ha probabilmente favorito la mineralizzazione
ed incrementato la disponibilità di N; questo ha certamente influenzato la ri-
sposta produttiva del frumento in assenza di fertilizzante azotato.
Anche per la fava (Tab. 2) è stata riscontrata una differenza si-
gnificativa nella produzione, sia fra le annate che fra le modalità di lavora-
zione. In particolare, similmente a quanto riscontrato per il frumento, anche
per la fava la lavorazione tradizionale ha fatto registrare un risultato produt-
tivo significativamente più elevato rispetto alle altre modalità semplificate di
preparazione del terreno. In questo caso, invece, non è stata riscontrata una
significativa differenza per la quantità di azoto assorbito, probabilmente per-
ché trattasi di una coltura azotofissatrice e l’N viene assorbito dalla pianta
secondo le necessità. D’altra parte, una significativa differenza è stata ri-
scontrata nell’indice di raccolta e nell’efficienza di utilizzazione dell’N.
Queste risposte agronomiche trovano un parziale riscontro nel-
le variazioni rilevate a livello di parcelle sperimentali di terreno.
Tabella 2. Produzione, N asportato e parametri di efficienza (fava).
Resa in N asportato HI NHI NUE
granella
(Kg ha-1) (Kg ha-1) (%) (%) (Kg Kg-1)
Anno
95 167,9 b 120,98 a 27,77 b 52,38 b 13,45 b
97 272,3 a 125,67 a 51,79 a 73,72 a 22,91 a
Lavorazione(*)
A 240,6 a 117,45 a 42,04 a 63,09 a 20,62 a
B 205,3 b 127,05 a 37,37 b 61,28 a 16,39 b
C 207,9 b 130,11 a 36,90 b 61,95 a 16,27 b
D 226,6 ab 118,69 a 42,81 a 65,88 a 19,45 a
Nota: i valori indicati con la stessa lettera non sono significativamente differenti per P<0.05
secondo il test di Tukey.
(*)valori medi dei due anni di prova; A -tradizionale; B - a due strati C-superficiale; D - minima

Dopo 5 anni di prova (1998) i contenuti in N-NO3 (Fig. 1) di-


minuiscono soprattutto sotto i 50 cm nelle tesi B, C e D, mentre risultano
pressoché costanti con la lavorazione tradizionale. Questo potrebbe essere at-
tribuito, allorquando si effettua la lavorazione a due strati (B), ad una lisci-
viazione preferenziale lungo l’asse della ripuntatura, che trasporta i nitrati
negli strati più profondi, ma non è pienamente giustificato negli altri casi
(trattamenti C e D). Sembrerebbe, in definitiva che, con la lavorazione tra-
138 De Giorgio et al.

dizionale, la dinamica dell’N nel terreno subisca un’alterazione molto mo-


desta che non influisce negativamente sui valori produttivi.
Il contenuto in N-NH4 scambiabile del terreno (Fig. 1) presenta
una variazione significativa ma opposta con il passare degli anni (1993 – 98)
solo nelle parcelle di terreno con la lavorazione ordinaria (A) e a 2 strati (B).
Fig.1 - Variazioni nel contenuto di nitrati e ammonio scambiabile del terreno in
funzione delle 4 modalità di lavorazione (A=tradizionale; B=2 strati; C=superficia-
le; D=minima) all'inizio e alla fine della prova.
Modifiche delle caratteristiche del sistema pianta-suolo indotte dalla riduzione delle lavorazioni
del terreno coltivato a frumento (Triticum durum Desf.) e fava (Vicia faba L.) in rotazione 139

I valori dell’umidità del terreno, determinati per via gravimetri-


ca, al momento del campionamento autunnale (Fig. 2), si differenziano nel
periodo di prova solo nelle parcelle interessate al trattamento B. Gli strati di
terreno più superficiali (0-10, 10-20 cm) sono risultati più umidi con la la-
vorazione ordinaria (A) e quella minima (D), mentre negli strati compresi tra
20 e 50 e tra 50 e 70 cm, i valori massimi si registrano per la lavorazione D
nel 1° anno e per la B nell’ultimo.
Fig.2 - Variazione dell'umidità e del C organico totale (TOC) del terreno in funzio-
ne delle 4 modalità di lavorazione (A=tradizionale; B=2 strati; C=superficiale;
D=minima) all'inizio e alla fine della prova.
140 De Giorgio et al.

Le differenze riscontrate tra il 1993 ed il 1998 sul contenuto in


C organico totale (TOC - Fig.2), mettono in evidenza, come tendenza, sol-
tanto una maggiore stabilità del TOC in tutto il profilo colturale delle par-
celle interessate alla lavorazione superficiale (C).
Fig.3 - Variazione del contenuto in carbonio totale estratto (TEC) e di quello umi-
ficato [C(HA+FA)] del terreno in funzione delle 4 modalità di lavorazione (A=tra-
dizionale; B=2 strati; C=superficiale; D=minima) all'inizio e alla fine della prova.
Modifiche delle caratteristiche del sistema pianta-suolo indotte dalla riduzione delle lavorazioni
del terreno coltivato a frumento (Triticum durum Desf.) e fava (Vicia faba L.) in rotazione 141

Ad un andamento piuttosto costante lungo tutto il profilo rile-


vato per il Carbonio totale estratto del terreno (TEC – Fig. 3), nel 1° anno,
si contrappone l’elevata variabilità osservata nel 1998. Ciò indica che la fra-
zione “estraibile” della s.o. che nel corso degli anni tende mediamente ad au-
mentare (nel 1993 il rapporto TEC/TOC è in media del 50%, mentre nel ’98
è del 77%), è influenzato dalle tecniche di lavorazione del terreno.
Fig.4 - Variazione del grado (DH) e del tasso (HR) di umificazione del terreno per
effetto delle 4 modalità di lavorazione (A=tradizionale; B=2 strati; C=superficiale;
D=minima) all'inizio e alla fine della prova.
142 De Giorgio et al.

I valori di C [HA + FA] (Fig. 3) nello strato superficiale di ter-


reno (0–10 cm) risultano più elevati con i trattamenti B e D sia nel ’93 che
nel ’98, rispetto agli altri trattamenti, evidenziando come queste due moda-
lità di lavorazione non turbano sostanzialmente il turnover della s.o. in que-
sto strato di terreno. Al contrario, nello strato immediatamente successivo
(10–20 cm) si osserva nell’ultimo anno un incremento più significativo in C
[HA + FA] con il trattamento A (+ 128%) ed una diminuzione altrettanto
marcata con quello D (-52%). Al di sotto dei 20 cm le variazioni riscontrate
in C [HA + FA] sono invece più contenute ed i valori medi risultano pres-
soché costanti fino a 70 cm, con andamenti analoghi in tutti i trattamenti.
Nel 1998, il grado di umificazione (DH %, Fig. 4) presenta dif-
ferenze significative solo negli strati superficiali di terreno: è più elevato nel-
le tesi B e D (ca. 90%), rispetto al valore medio rilevato in A e C (ca. 38%).
Tale differenza tra i due gruppi si attenua nello strato di terreno più profon-
do (rispettivamente 64,5 % per B e D e 67% per A e C). A profondità mag-
giori ( 20 – 50, 50 – 70 cm) i valori di DH sono costanti nel tempo per tut-
ti i 4 trattamenti, attestandosi intorno al 70%.
Il tasso di umificazione (HR , Fig. 4) presenta nel corso degli
anni un andamento analogo a DH, in quanto nel 1998 i valori rilevati negli
strati superficiali per la coppia di trattamenti B e D e A e C sono significa-
tivamente diversi (rispettivamente 70 e 30%) e tendono ad attenuarsi negli
strati più profondi.

Conclusioni

Il confronto fra diverse modalità di lavorazione in un Vertisuolo


del Tavoliere pugliese, ha evidenziato che con la lavorazione ordinaria i va-
lori produttivi, sia del frumento senza apporto di fertilizzanti azotati che del-
la fava in avvicendamento biennale, tendono ad essere più elevati. Nelle la-
vorazioni diverse dalla tradizionale si osservano variazioni molto marcate nel
contenuto in nitrati del terreno, determinate dall’allontanamento dalla rizo-
sfera dell’N mineralizzatosi durante il ciclo colturale.
Il contenuto in s.o. del terreno rispecchia solo parzialmente gli
andamenti produttivi e la dinamica dell’N minerale del suolo. La perturba-
zione provocata dagli interventi agronomici al terreno si manifesta con: a)
valori piuttosto costanti di TOC nel profilo colturale con la lavorazione su-
perficiale; b) aumento medio di TEC nel tempo; c) incremento del C umifi-
cato nelle parcelle trattate con A; d) comportamento pressoché simile di DH
Modifiche delle caratteristiche del sistema pianta-suolo indotte dalla riduzione delle lavorazioni
del terreno coltivato a frumento (Triticum durum Desf.) e fava (Vicia faba L.) in rotazione 143

e HR nelle coppie di parcelle A e C, B e D. I risultati della ricerca mettono


comunque in evidenza che il sistema è in fase di transizione e che lenta-
mente, per effetto delle diverse lavorazioni del terreno, si sta evolvendo ver-
so un nuovo stato stazionario.

Ringraziamenti
Gli AA. ringraziano F. Fornaro e N. Martinelli per la collaborazione nella realizzazione del-
la ricerca.

Bibliografia

DELOGU G., CATTIVELLI L., PECCHINI N., DE FALCIS D., MAGGIORE T., STANCA A.M. 1998. Uptake and
agronomic efficiency of nitrogen in winter barley and winter wheat. European Journal of Agronomy,
9, pp.11-20.
FAO-UNESCO, 1960. Etude écologique de la zone méditerraneenne. Carte Bioclimatique de la zone méditerraneenne.
GEE G.W., BAUDER J.W. 1986. Particle-size analysis. p.383-411. In: A. Klute (ed.) Methods of soil analysis. Part 1.
2nd ed. Agron. Monogr. 9. ASA and SSSA, Madison, WI., pp.383-411.
GUILLARD K., GRIFFIN G.F., ALLISON D.W., RAFEY M.M., YAMARTINO W.R., PIETRZYK S.W. 1995. Nitrogen
utilization of selected cropping system In U.S. Northeast: I. Dry matter yield, N uptake, apparent N
recovery, and N use efficiency. Agronomy Journal, 87: pp.193-199.
KOUTROBAS S.D., PAPACOSTA D.K., GAGIANAS A.A. 1998. The importance of early dry matter and nitrogen ac-
cumulation in soybean yield. European Journal Agronomy, 9: pp.1-10.
MiRAAF 1994. Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo. ISMEA-Roma.
ODELL R.T., MELSTED S.W., WALKER W.M. 1984. Changes in organic carbon and nitrogen of morrow plot soils
under different treatments. Soil Science, 137,pp.160-171.
RAUN W.R., JOHNSON G.V.1998. Increasing nitrogen use efficiency in cereal production. Oklahoma State University,
Stillwater OK.
SAS Institute 1990. SAS/STAT Software SAS Insitute Inc, Cary, NC.
SOANE B.D. 1990. The role of organic matter in soil compactibility: a review of some pratical aspects. Soil & Tillage,
16: pp.179-201.
SEQUI P., DE NOBILI M., LEITA L., CERCIGNANI, G. 1986. A new index of humification. Agrochimica, 30, pp.
175-179.
TIESSEN H., STEWART J.W.B., BETTANY J.R. 1982. Cultivation effects on the amounts and concentration of car-
bon, nitrogen and phosphorus in grassland soils. Agronomy Journal, 74, pp.831-835.
U.S. Soil Survey Staff, 1975. Soil Taxonomy A basic system soil classification for making and interpreting soil survey.
U.S. Dept. Of Agriculture. Handbook n. 436.
145

“NO-TILLAGE”, PACCIAMATURA VEGETALE E


SOVESCIO: EFFETTI COMBINATI RILEVATI IN UN
VENTIQUATTRENNIO SU DI UN TERRENO COLTIVATO
A MANDORLO
De Giorgio D., Ferri D., Convertini G., Montemurro F., La Cava P.
Istituto Sperimentale Agronomico (MiPA) Via C. Ulpiani, 5 – 70125 Bari

Riassunto
In un terreno franco argilloso (Ruptic-Lithic), è in corso una ricerca sul confronto
tra tecniche agronomiche (lavorazioni del terreno e controllo delle infestanti).
La prova è stata realizzata presso il campo sperimentale del germoplasma del
mandorlo (Bitetto -BA) ove sono presenti 205 cv di mandorlo e prevede il confron-
to di cinque tesi: A) “No-tillage” e diserbo antigerminello; B) Sfalcio e pacciamatu-
ra; C) “No-tillage” e impiego di diserbo disseccante (gramoxone); D) Sovescio; E)
Sarchiatura (controllo). Da ogni parcella sperimentale si prelevano sistematicamen-
te campioni di terreno sui quali vengono determinate le principali caratteristiche
(pH, N, P, basi di scambio, ecc.) nonché i principali parametri collegati all’evolu-
zione quali-quantitativa della sostanza organica (carbonio organico totale, estraibile
ed umificato, grado, tasso ed indice di umificazione).
Gli effetti sul suolo dei diversi metodi di preparazione del terreno e di controllo
delle infestanti hanno evidenziato che le due tecniche con caratteristiche di minore
impatto (trattamenti B e D) conservano meglio la fertilità agronomica del suolo.
Infatti, nelle parcelle su cui ha luogo la pacciamatura (B) si osservano i valori
più alti di N, Pass., K scamb., Mg, di carbonio organico totale ed estraibile. Le va-
riazioni dei parametri di umificazione presentano andamenti più complessi, ma co-
munque abbastanza indicativi sul migliore intervento agronomico (trattamento D).
Pertanto ai fini della sostenibilità della coltura e della fertilità del suolo le tesi che
prevedono il sovescio e la pacciamatura con residui vegetali sono da preferire ri-
spetto alle altre tesi poste a confronto.
Parole chiave: “no-tillage”, pacciamatura, sovescio, caratteristiche chimi-
che del suolo, mandorlo.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 145-152 (2001)
146 De Giorgio et al.

Introduzione

Fra le tecniche agronomiche che consentono il miglior compro-


messo tra produttività e conservazione della fertilità del suolo, il “minimum
tillage” sta riscuotendo crescenti consensi, in particolare negli U.S.A., in
Australia e, in modo più limitato, anche in Europa. E’ una tecnica che se da
un lato consente di ottenere una riduzione dei costi produttivi ed è meno in-
vasiva rispetto alle lavorazioni tradizionali, dall’altro crea la necessità di un
maggior controllo della flora avventizia, che sottrae elementi nutritivi e ac-
qua. La scelta della tecnica agronomica più idonea ad un determinato ecosi-
stema non risulta facile, in quanto vi sono numerosi fattori che interagisco-
no, come quelli di natura economica, ambientale ed edafica (Abdewahed and
Albisu, 1983).
Le variazioni della fertilità del terreno sono molto complesse a
causa dell’interazione tra la natura intrinseca del suolo e l’operato dell’uo-
mo. Infatti, la presenza, la quantità e la tipologia della biomassa vegetale, i
diversi trattamenti adoperati (asportazione, interramento o distribuzione su-
perficiale) sono i principali fattori che determinano variazioni sulle trasfor-
mazioni biochimiche di molti elementi biogeni come C, N, P, S (Dommer-
gues and Mangenot, 1970; Alexander, 1977; Nannipieri, 1984; Streeter,
1987; Nuti et al., 1989).
Il ciclo del carbonio, che comprende processi di organicazione
e mineralizzazione, può essere modificato in funzione della natura chimica
della sostanza organica apportata. Poiché il ciclo dell’azoto è legato a quel-
lo del carbonio, i processi di azotofissazione, ammonificazione e nitrifica-
zione (Nuti e Lepidi, 1983, Nuti e Lepidi, 1985, Haynes, 1986) vengono in-
teressati dalle trasformazioni della sostanza organica. Peraltro, quando si ac-
cumula in superficie uno strato di materiale vegetale, possono determinarsi
forme di immobilizzazione dell’N minerale con riduzione di nitrificazione,
denitrificazione e dilavamento (Gosz e Fischer, 1984).
In base a tali considerazioni su un mandorleto, coltura tipica
dell’Italia meridionale, è stata avviata una ricerca in cui vengono esaminati
gli effetti dei trattamenti agronomici sui nutrienti del terreno. In questa nota
vengono esaminati gli effetti nel tempo dei trattamenti sui nutrienti del ter-
reno e fa seguito a una precedente lavoro (De Giorgio e Macchia, 1989) do-
ve sono stati esaminati gli aspetti agronomici.
“No-tillage”, pacciamatura vegetale e sovescio: effetti combinati in un ventiquattrennio su di un
terreno coltivato a mandorlo 147

Materiali e metodi

La ricerca è stata condotta su un appezzamento del campo del


“germoplasma del mandorlo” dell’ISA. Il campo, ubicato in agro di Bitetto
(BA), comprende 205 cv di diversa provenienza (nazionali, nuove costitu-
zioni ed estere). Su uno schema sperimentale a blocco randomizzato con 5
ripetizioni e con parcella elementare di 3 piante, cv Filippo Ceo e sesto di
impianto m 7x7, nel 1976 è stato avviato uno studio che confronta le seguenti
tesi: A) “no-tillage” e diserbo antigerminello; B) “no-tillage” con sfalcio del-
la flora avventizia; C) “no-tillage”con impiego di disseccante chimico delle
infestanti; D) sovescio di favino; E) sarchiato (testimone).
Nella tesi A, fino al 1990, sono stati utilizzati 4 diversi principi
attivi a rotazione (Bromacile, Propyzamide + Simazina, 2,6 Diclhorenil tio
bezamide, Chlorprophandiuron), successivamente, per il ritiro dal commer-
cio di alcuni di questi, è stato effettuando un diserbo precoce, in post-emer-
genza. Nelle tesi “no-tillage”, B e C, le parcelle vengono lasciate inerbite ed
a metà primavera la flora infestante viene falciata (B) e trattata con dissec-
cante (C), in entrambe la biomassa viene lasciata sul terreno con effetto pac-
ciamante. Per il trattamento D in autunno è prevista la semina del favino e
in primavera, al momento della fioritura, l’interramento della coltura. Nel te-
stimone (E) vengono effettuate le operazioni colturali normalmente eseguite
nell’ambiente di prova per mantenere il terreno privo di infestanti e ben col-
tivato. Nelle tesi B, C e D, prima di effettuare i trattamenti o l’interramento,
vengono prelevati campioni di massa vegetale per determinare i quantitativi
di sostanza secca per ettaro.
L’andamento climatico dell’ambiente di prova, nel ventiquat-
trennio, è stato caratterizzato da una piovosità media annua di 446 mm e da
una temperatura con valori minimi intorno allo zero in inverno e valori mas-
simi d’estate sui 35-38 °C (clima meso-mediterraneo attenuato). Il terreno di
prova è prevalentemente argilloso e classificato Ruphtic-Lithic secondo la
classificazione USDA (Gee et al., 1986). Lo strato arabile è di circa 30 cm,
molto ricco di scheletro di origine calcarea, e poggia su una roccia fessurata
che consente all’apparato radicale del mandorlo di esplorare strati profondi.
Nel 1999, dopo 24 anni di trattamenti ripetuti, è stato effettuato
il campionamento del terreno alla profondità di 0-30 cm. Le determinazioni
analitiche riguardano gli aspetti chimici del terreno (carbonio organico tota-
le-TOC, ed estratto-TEC, N-NO3, N-NH4, C/N, P assimilabile, K scambia-
bile, pH, calcare attivo, C.S.C.; - MIRAAF 1994).
I dati rilevati hanno consentito di calcolare i seguenti coeffi-
148 De Giorgio et al.

cienti: a) Grado di umificazione = DH% = C[HA + FA]/TEC*100; b) Tasso


di umificazione = HR% = C[HA + FA]/TOC*100; c) Carbonio organico
estratto e non umificato = NH = TEC - C[HA+FA]; d) Indice di umificazio-
ne = HI = NH/ C[HA + FA].
I dati rilevati sono stati sottoposti ad analisi statistica secondo
la procedura SAS (SAS Institute, 1990) e per valutare la significatività del-
le differenze fra le medie è stato utilizzato il Duncan Multiple Range Test.

Risultati e discussione

Nelle tesi del “no-tillage” B e C, che prevedevano lo sviluppo


della flora infestante e successiva falciatura e disseccamento, è stata prodot-
ta e utilizzata come pacciamatura una quantità di biomassa rispettivamente
di 325 e 360 Kg ha-1 di sostanza secca. Nelle tesi con sovescio mediamente
sono stati interrati 410 Kg ha-1.
Le principali caratteristiche chimico-agrarie delle parcelle spe-
rimentali in studio sono riportate in tabella 1.
Tabella 1 - Principali caratteristiche delle parcelle sperimentali in prova, dopo 24
anni di trattamenti (Bitetto 1999).
N totale N-NO3 N-NH4 P ass. K Na Ca Mg pH Calcare CSC
% H20 totale meq/100g
Trattamento mg/kg terreno
A 0,194 a 3,31 a 2,71 a 150 c 310 b 67,6 a 2904 b 342 b 7,73 tracce 28,77

B 0,076 b 0,61 c 0,50 c 190 c 566 a 50,8 b 3380 b 396 a 7,54 tracce 30,55

C 0,115 a 0,63 c 0,51 c 220 c 382 b 53,6 b 3404 b 330 b 7,45 tracce 28,77

D 0,091 b 0,59 c 0,48 c 320 b 276 b 66,8 a 3484 b 246 c 7,69 tracce 31,80

E 0,199 a 1,77 b 1,45 b 540 a 504 a 46,8 b 4100 a 336 b 7,84 tracce 29,14
A) "no-tillage" e diserbo antigerminello; B) Sfalcio e pacciamatura; C) "no-tillage" e im-
piego di diserbo disseccante (gramoxone); D) Sovescio di favino;
E) Sarchiatura (test).
Nota: i valori indicati con lettere diverse sono significativamente differenti per P<0.05 se-
condo il test di Duncan.
Nelle parcelle con sovescio (D), i contenuti in N totale ed in N
organico (differenza tra N totale ed N minerale) sono minimi a fronte di rap-
porti C/N massimi (Tabella 2). In queste parcelle, i processi di mineralizza-
zione dell’N organico hanno prevalso sull’immobilizzazione a seguito del-
l’incorporazione nel terreno di materiale vegetale costituito da frazioni orga-
“No-tillage”, pacciamatura vegetale e sovescio: effetti combinati in un ventiquattrennio su di un
terreno coltivato a mandorlo 149

niche facilmente decomponibili. Poiché rispetto al testimone (E), i contenu-


ti in N totale ed N minerale del terreno sono all’incirca la metà, si potrebbe
dedurre che l’aggiunta al terreno di materiale organico abbia favorito i mi-
crorganismi nitrificanti che, non solo hanno mineralizzato l’N organico pre-
sente nel materiale vegetale introdotto, ma anche quello presente originaria-
mente nel terreno. Un andamento a sé stante viene registrato nelle parcelle
trattate con “disseccante” che presentano, per quanto riguarda l’N, valori in-
termedi. Le parcelle “no-tillage” con pacciamatura (B) e diserbo antigermi-
nello (A) presentano gli stessi contenuti in N organico (del quale non viene
favorita la mineralizzazione), ma una evidente differenza in quello totale e
minerale: quest’ultimo è infatti molto più elevato in (A) che in (B) proba-
bilmente perché l’azione diserbante che impedisce la presenza di piante e
quindi di assorbire nitrati ed ammonio dal terreno, e consente un maggiore
accumulo nello strato arabile rispetto alle parcelle (B), in cui le piante prima
dello sfalcio sottraggono elementi nutritivi al suolo.
Il contenuto in P assimilabile (Olsen) del terreno è più elevato
nelle parcelle testimoni in confronto alle altre. Negli altri trattamenti vi è cer-
tamente una maggiore asportazione di fosfato da parte delle piante e di con-
seguenza, una quantità minore residua nel terreno.
Tra le basi di scambio, il K e il Mg del trattamento (D) sono si-
gnificativamente più bassi del controllo a causa di una maggiore efficienza
assimilatoria da parte delle piante determinata, in questo caso, dalla fertiliz-
zazione organica che ha la suddetta tesi (D).
Nelle tabelle 2 e 3 sono riportate le variazioni rilevate nelle par-
celle sperimentali per effetto dei trattamenti in prova su C organico e para-
metri di umificazione.
Tabella 2 - Contenuti in Carbonio organico totale, estraibile, umificato e non,
dopo 24 anni di trattamenti (Bitetto, 1999)
Trattamento TOC TEC C(HA+FA) NH C/N
g/kg terreno
A 12,57 c 8,48 c 3,08 b 5,40 b 6,5
B 18,42 a 13,84 a 4,57 a 9,27 a 24,2
C 17,10 b 10,20 b 3,64 b 6,56 b 14,8
D 18,20 a 10,11 b 5,05 a 5,06 b 20,0
E 12,88 c 12,24 ab 2,65 b 9,59 a 6,5
A)"no-tillage" e diserbo antigerminello; B) Sfalcio e pacciamatura; C) "no-tillage" e impiego
di diserbo disseccante (gramoxone) D) Sovescio di favino; E) Sarchiatura (test).
Nota: i valori indicati con lettere diverse sono significativamente differenti per P<0.05
secondo il test di Duncan.
150 De Giorgio et al.

Tabella 3 - Grado, tasso ed indice di umificazione del terreno sede della prova,
dopo 24 anni di trattamenti (Bitetto, 1999)
Trattamento DH HR HI
%
A 36,30 24,50 1,75
B 33,00 24,80 2,03
C 35,70 21,30 1,80
D 50,00 27,70 1,00
E 21,70 20,60 3,62
A) "no-tillage" e diserbo antigerminello; B) Sfalcio e
pacciamatura; C) "no-tillage" e impiego di diserbo
disseccante (gramoxone) D) Sovescio di favino; E) Sarchiatura (test).
Il carbonio organico totale (TOC) è massimo nelle tesi B e D;
intermedio in C; minimo in A ed E, perché è influenzato dall’aggiunta al ter-
reno di sostanza organica tramite sovescio di favino (D) o dallo sfalcio e pac-
ciamatura (B) della flora avventizia.
Il carbonio organico estraibile (TEC) risulta invece più elevato
solo nelle parcelle trattate con B ed E, e valori simili hanno fatto registrare
anche C e D. Va rilevato infine il valore minimo riscontrato in A. Tali risul-
tati sembrano confermare che il TEC è essenzialmente condizionato dal ma-
teriale organico incorporato nel terreno (B= pacciamatura) che è diverso da
A (diserbo precoce). Le parcelle interessate ai trattamenti B e D presentano
inoltre contenuti statisticamente più elevati in C(HA+FA), rispetto alle altre
tesi, evidenziando, in definitiva, che l’aggiunta al terreno di materiale orga-
nico induce anche un aumento di sostanze umificate. E’ interessante rileva-
re al riguardo che, sia con il sovescio che con la pacciamatura, il terreno pre-
senta un contenuto in C umificato quasi doppio dei valori rilevati nel testi-
mone (E). Per converso i quantitativi di C non umificato (NH) sono minimi
in (D) ma elevati sia nelle parcelle sarchiate (E) che in quelle con lo sfalcio
della biomassa avventizia (B). La differenza in “NH” fra i trattamenti (D) e
(B), potrebbe dipendere dalla diversa evoluzione del materiale organico.
La valutazione dei parametri di umificazione (Tab. 3) conferma
che il grado ed il tasso di umificazione del terreno sono stati influenzati dal-
l’aggiunta del materiale vegetale per 24 anni: infatti le parcelle in cui ha avu-
to luogo il sovescio (D) presentano grado e tasso di umificazione più elevati
degli altri trattamenti in studio. Questi risultati dimostrano che la fertilizza-
zione organica effettuata con materiale vegetale fresco incorporato nel terre-
no non solo arricchisce la sostanza organica del terreno ma modifica anche i
ritmi di umificazione e/o decomposizione della stessa, aumentando in defini-
tiva l’humus stabile che, in determinate condizioni agronomiche e microme-
teorologiche, migliora le proprietà fisiche del terreno, la regimazione idrica,
“No-tillage”, pacciamatura vegetale e sovescio: effetti combinati in un ventiquattrennio su di un
terreno coltivato a mandorlo 151

il rapporto aria-terreno, l’habitat della microflora e della microfauna, favori-


sce l’attività enzimatica e migliora anche lo stato nutrizionale (Sequi, 1989).

Conclusioni

I risultati della ricerca, condotta su un mandorleto allevato in


ambiente mediterraneo, evidenziano che i trattamenti agronomici sul terreno
hanno modificato sostanzialmente alcune caratteristiche del suolo. In partico-
lare, nelle parcelle in cui ha luogo il sovescio da 24 anni è stata favorita la
mineralizzazione dell’N organico del materiale vegetale e del suolo depaupe-
rando, in definitiva, il terreno in N. Anche se non statisticamente significati-
ve le tesi con pacciamatura e con sovescio dei residui vegetali (B e D) hanno
mostrato un incremento di carbonio totale nel suolo, del rapporto fra C/N e
del grado e tasso di umificazione. I risultati della ricerca indicano che con le
tesi B e D si ha una migliore conservazione della fertilità del suolo rispetto
all’impiego di prodotti chimici di sintesi ed al testimone sarchiato.
Tale risultato appare particolarmente importante e significativo
se si considera che la ricerca è stata condotta in un ambiente pedo-climatico
caratterizzato da temperature estive molto elevate, scarsa piovosità e da ter-
reni poco profondi, indici di una minore sostenibilità della coltivazione.

Ringraziamenti
Gli AA. ringraziano Nicola Martinelli e Franco Fornaro per la collaborazione nella realizza-
zione della ricerca.

Bibliografia

ABDEWAHED M., ALBISU L.M. 1993. I costi di produzione del mandorlo: possibilità e alternative con le innovazio-
ni tecniche. Rivista di frutticoltura, 12, pp.17-21.
ALEXANDER M. 1977. Organic matter decomposition. In “Introduction to soil microbiology”, J. Wiley and Sons Publ.
pp.128-147.
DE GIORGIO D., MACCHIA M. 1989. Dodici anni di confronto fra diversi metodi di preparazione del terreno e con-
trollo delle infestanti su mandorlo allevato in una zona dell’Italia meridionale a particolare voca-
zione mandorlicola. Annali Istituto Sperimentale Agronomico, 20, pp.67-80.
DOMMERGUES Y., MANGENOT F. 1970. Ecologie microbienne du sol. Ed. Masson et. C. ie., pp., 92-289.
GEE G. & W., BAUDER J.W. 1986. Particle-size analysis. In: A. Klute (ed.) Methods of soil analysis. Part 1. 2nd ed.
Agron. Monogr. 9. ASA and SSSA, Madison, WI., pp.383-411.
GOSZ J.R., FISCHER F.M. 1984. Influence on selected processes in forest soils. In: “Current perspective in microbial
ecology”, M.J. Klug and C.A. Reddy Eds., Amer. Soc. Microbiol. Publ. pp. 509-530.
HAYNES R.J. 1986. Mineral nitrogen in the plant-soil system. Academic Press, pp.483.
152 De Giorgio et al.

NANNIPIERI 1984. Microbiol biomass and activity measurements in soil; ecological significance. M.J. Klug and C.A.
Reddy Eds., Amer. Soc. Microbiol., Washington, pp. 515-521.
NUTI M.P., LEPIDI A. 1983. La fertilizzazione biologica del suolo: fissazione dell’azoto atmosferico. Piccin Ed.,
Padova, pp. 1-68.
NUTI M.P., LEPIDI A. 1985. Nutrient avalability to the plants as function of microbial activities. L’Agricoltura Italiana,
114, pp.99-116.
NUTI M.P, SQUARTINI A., CASELLA S. 1989. Gestione delle attività microbiche che controllano le trasformazioni
dell’azoto nel terreno e nella pianta. Rivista di Agronomia, 23, 1, pp.23-29.
SAS Institute, 1990. SAS/STAT Software SAS Institute Inc. Cary, NC.
STREETER J. 1987. Carbon mrtabolism and the exchange of metabolites between symbionts in legum nodules. In
“Symbiotic nitrogen fixation”, F. O’Gara and J.J.Decrevon Eds..
SEQUI P. 1989. Chimica del suolo. Patron Editore.
153

BIODISPONIBILITÀ DEL CDIN UN SUOLO


INQUINATO CON DIVERSE DOSI DELL’ELEMENTO
E INOCULATO CON MICORRIZE SELEZIONATE
Ferrazza P., Beni C., Aromolo R., Marcucci A., Figliolia A.
Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante, Roma

Sommario
E’ stata studiata la biodisponibilità del Cd a seguito di inquinamento artificiale
di un suolo in vasche lisimetriche, coltivato ad orzo, stimando la quantità nel suolo
e quella asportata dalla coltura, localizzando gli eventuali siti di accumulo dell’in-
quinante nel vegetale.
Il suolo è stato inquinato con Cd (nelle dosi di 0, 1, 10 e 100 ppm), allestendo
quattro repliche, metà delle quali è stata inoculata con due endofiti micorrizici. A fi-
ne coltura, sono state valutate le quote di Cd totale ed assimilabile nel suolo e le con-
centrazioni nelle diverse parti della pianta. Tutti i risultati sono stati sottoposti ad
analisi di regressione lineare e della varianza associata (ANOVA).
Mettendo in relazione le concentrazioni di Cd assimilabile sia con quelle totali
del suolo, che con le quantità rilevate nei tessuti vegetali, per tutte le tesi, ne è ri-
sultata una relazione lineare altamente significativa.
Nell’orzo si evidenziano elevati accumuli di Cd nella radice, scarsissime quanti-
tà nel fusto e soprattutto nella granella. Le piante risulterebbero dotate di un effi-
ciente sistema di barriera radicale, che impedisce la migrazione del Cd verso la par-
te aerea. Per quanto riguarda la capacità di assorbimento del metallo, tra le piante
micorrizate e quelle non inoculate, non sono state rilevate differenze sulle quantità
assorbite e sul loro destino.
La produttività (dati non pubblicati) è rimasta invariata tra le tesi, pur manife-
standosi sulle piante alcuni visibili sintomi di fitotossicità. Le quantità di Cd aspor-
tate risultano infine correlate col grado di inquinamento del suolo.

Introduzione

La presenza di cadmio nel terreno, e in particolare nei suoli col-


tivati, è di estremo interesse soprattutto in considerazione della possibilità
del suo ingresso nella catena alimentare (Burgatsacaze et al. 1996 – Rauser

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 153-164 (2001)
154 Ferrazza et al.

1995). Come molti altri metalli pesanti presenti nel terreno (Tyler 1981), l’e-
lemento viene assorbito dall’apparato radicale e traslocato agli altri organi
della pianta in misura diversa, a seconda del tipo di coltura e delle caratteri-
stiche del suolo (Herren & Feller 1997 – Kabata & Pendias 1992).
Il cadmio è presente nel suolo generalmente in concentrazioni
al di sotto di 1 ppm e, al contrario di molti altri metalli “micronutrienti”, es-
so non sembra indispensabile per le piante (Kookana & Naidu 1998 – Kabata
& Pendias 1992). Il problema principale, che rende importante lo studio del-
l’inquinamento da cadmio, è dato dalla sua estrema tossicità per l’organismo
umano, anche in concentrazioni molto basse, mentre la tossicità a livello ve-
getale si manifesta a concentrazioni discretamente alte (Aery & Jagetiiya
1997 - Allinson & Dzialo 1981 – Geuns et al. 1997). Per tale motivo, la pre-
senza dell’elemento nel terreno non può essere rilevata attraverso fenomeni
evidenti di fitotossicità, con conseguenti rischi per la catena alimentare.
Il metallo si accumula nell’uomo in vari organi, prevalente-
mente nei reni, nella zona corticale, inducendo stati di insufficienza funzio-
nale (Burgatsacaze et al. 1996); tale localizzazione è stabile, in quanto il cad-
mio non viene eliminato attraverso i meccanismi metabolici, con conseguenti
fenomeni di accumulo nel tempo.
La pericolosità dell’elemento, inoltre, è accentuata dal fatto che
il cadmio in forma assimilabile è percentualmente elevato rispetto al totale
presente nel terreno, arrivando anche a valori superiori al 50% (Vassilev et
al. 1998), con possibilità di essere assorbito in notevoli quantità; questa ca-
ratteristica lo pone in una posizione di tipo “preferenziale” per l’assorbi-
mento da parte della pianta, rispetto agli altri metalli (Gardiner et al.
1995).Nei vegetali, il cadmio si localizza prevalentemente a livello dell’ap-
parato radicale (Rauser & Meuwly 1995 – Seregin & Ivanov 1998), chelato
dalle fitochelatine; è la stessa quantità di cadmio disponibile a stimolare la
sintesi di fitochelatine e il trasporto vacuolare (Rauser 1995 – Sheller et al.
1987 – Keltjens & van Beusichem 1998 – Howden et al. 1995). L’elevata
quantità di cadmio assimilabile determina inoltre, una maggiore mobilità
lungo il profilo del suolo, con possibilità di inquinamento delle falde acqui-
fere (Breslin 1999 - Kookana & Naidu 1998).
Le maggiori quote di assimilabile si riscontrano in genere nei
suoli inquinati da apporti antropici. Tra questi, è bene ricordare l’inquina-
mento industriale (Dudka et al. 1996), le deposizioni atmosferiche (Eliksson
et al. 1996 – Perdikaki & Mason 1999), la somministrazione di fertilizzanti
fosfatici (Breslin 1999 – Eriksson et al. 1996) e di biomasse di risulta delle
attività civili e agricole (fanghi di depurazione, compost, reflui agricoli, ecc.)
Biodisponibilità del Cd in un suolo inquinato con diverse dosi dell’elemento e inoculato con
micorrize selezionate 155

(Breslin 1999 – Otabbong et al. 1997).


La capacità di assorbimento da parte delle piante varia, oltre che
in funzione della fisiologia delle diverse specie, anche in relazione ad alcu-
ni parametri fisico-chimici del suolo (Naidu et al. 1997).L’assorbimento vie-
ne favorito da condizioni di pH sub-acido e acido (Eriksson et al. 1996), da
elevati contenuti in sostanza organica (Vassilev et al. 1998) (in particolare
per le quote non umificate o quelle umificate a più basso peso molecolare)
(Sposito et al. 1982) e influenzato in maniera variabile dalla capacità di
scambio cationico e dalla tipologia di sali presenti nella soluzione circolan-
te (Kookana & Naidu 1998 – Gagnon et al. 1998).
Lo scopo della presente indagine è lo studio della variazione di
biodisponibilità del Cd a seguito di diversi livelli di inquinamento di un suo-
lo avente reazione sub-acida e coltivato ad orzo. Si è voluta inoltre valutare
la relazione esistente tra il contenuto dell’elemento in forma assimilabile nel
suolo e la localizzazione dell’inquinante nel vegetale, stimando la quantità di
Cd asportata dalle parti aeree. E’ stata esaminata, infine, la variazione del-
l’assorbimento radicale ponendo a confronto piante trattate con endomicor-
rize di un ceppo selezionato, con altre non trattate (Joner & Leyval 1997).

Materiali e metodi

L’esperienza è stata condotta in vasche lisimetriche del volume


di 1 m3, all’interno delle quali era contenuto un suolo mantenuto alla capa-
cità di campo; nelle vasche è stato coltivato orzo (Hordeum vulgare L., cv
Robur) nell’annata agraria 1997/98. La densità di semina era pari a 400 se-
mi per m2.
Prima della semina, il suolo, le cui caratteristiche sono riporta-
te in tabella 1, è stato inquinato con Cd (sottoforma di solfato), in dosi di 0,
1, 10 e 100 ppm, riservando un testimone non trattato.
Contemporaneamente, il terreno di metà delle quattro repliche
utilizzate per ogni tesi è stato inoculato con gli endofiti micorrizici Glomus
constrictum e Glomus mosseae, mediante un inoculo contenente circa 70
spore/seme ugualmente ripartite tra le due specie fungine. Dopo dieci giorni
dalla semina per ogni vasca è stata somministrata una quantità di 10 g di con-
cime minerale azotato (urea, titolo 46%).
E’ stato allestito un disegno sperimentale di 8 trattamenti (4 fat-
tori e 2 livelli): micorrizati C+, 1+, 2+, 3+ e non micorrizati C-, 1-, 2- e 3-.
156 Ferrazza et al.

Disponendo di 32 vasche, ogni trattamento è stato ripetuto su quattro di esse.


In seguito il suolo è stato lasciato a riposo ed esposto all’azio-
ne degli agenti atmosferici per tre mesi, in modo da uniformare il più possi-
bile la distribuzione dell’inquinante e l’infezione micorrizica.
A fine coltura, su tutte le tesi compreso il testimone, sono state
valutate: le quote di Cd assimilabile nel suolo dopo estrazione in DTPA, se-
condo il metodo Lindsay & Norwell (1969) (O’Connor 1988); le concentra-
zioni dell’elemento in forma totale nel suolo, con una miscela nitroperclori-
ca; la concentrazione nelle diverse parti della pianta (radici, granella, fusto e
foglie) utilizzando acido nitrico per l’estrazione (Izza et al., 1993).
Le determinazioni sono state eseguite mediante spettrometria di
emissione al plasma induttivo (ICP). I dati delle concentrazioni di Cd nel
suolo (totale e assimilabile) e nei vegetali sono stati sottoposti ad analisi di
regressione lineare e della varianza associata (ANOVA).
Nella tab. 1 sono stati riportate le caratteristiche chimico-fisiche
del terreno utilizzato con a confronto i limiti e valori medi dei metalli pe-
santi. Nella tab. 2 sono stati riportati i valori di produzione di biomassa rife-
riti al peso secco della parte aerea.
Tab. 1. Caratteristiche chimico-fisiche del terreno ad inizio prova.
Chimico-fisiche Limiti per
Metalli pesanti assimilabili
(ppm) Totali Assimilabili (ppm)
PH 6,7 Cadmio 0,8 0,05 0,2-1,1
CSC meq/100g 30,05 Piombo 85 4,5 0,5-1,8
TOC % 0,25 Nichel 21 0,03 1,0-10,0
N tot Tracce Zinco 59 1,3 2,0-9,0
P (Olsen) mg/kg 20 Rame 43 2,5 6,0-13,0
Granulometria %
Sabbia 51,4
Limo 30,4
Argilla 18,2
Tessitura F
Conducibilità mS 0,37
*I limiti riportati sono quelli indicati per i terreni agrari non inquinati, legge 748/84, gruppo
di lavoro "Metalli Pesanti".
Tab. 2. Produzione di biomassa. Valori medi del peso secco della parte aerea (kg).
Anova: F=1.28 per 7/14 g.l., N.S.
Produzione media (kg di peso secco parte aerea)
Trattamento Ctr 1 2 3
Mic 0,50 +/- 0,09 0,53 +/- 0,04 0,58 +/- 0,07 0,46 +/- 0,08
Non Mic 0,60 +/- 0,08 0,59 +/- 0,19 0,46 +/- 0,09 0,54 +/- 0,05
Biodisponibilità del Cd in un suolo inquinato con diverse dosi dell’elemento e inoculato con
micorrize selezionate 157

Risultati e discussione

La concentrazione di Cd in forma assimilabile (DTPA), presen-


te nel suolo, micorrizato e non, è risultata correlata linearmente con la for-
ma totale (R2 = 99 e 92% rispettivamente). L’analisi della varianza (ANO-
VA), riferita alle due rette di regressione, ha dato risultati significativi ad un
livello di probabilità dello 0.1% (Figg. 1a-1b). Lo studio è stato condotto sui
valori riferiti sia ai trattamenti micorrizati che a quelli non micorrizati.

Fig. 1a: Relazione tra Cd totale e assimilabile nei terreni non micorrizati

80

70

60
Cd assimilabile (ppm)

50

y = 0,6038x - 1,0775
40 2
R = 0,9247
30

20

10

0
0 20 40 60 80 100 120
-10

Cd totale (ppm)

Fig. 1b: Relazione tra Cd totale e assimilabile nei terreni micorrizati

100

90

80
Cd assimilabile (ppm)

70
y = 0,5074x + 0,3127
60 2
R = 0,9986
50

40

30

20

10

0
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200

Cd totale (ppm)
158 Ferrazza et al.

Si è osservato inoltre che la percentuale dell’elemento presente


in forma assimilabile aumenta progressivamente con l’incremento della do-
se inquinante, nei trattamenti micorrizzati e non (Figg. 4a-4b), passando da
una percentuale prossima al 6-7% nei controlli, a valori di 25-19% nella te-
si a 1 ppm, al 39-19% nella tesi inquinata con 10 ppm e 44-49% in quella a
100 ppm. Questo andamento conferma l’ipotesi di uno spostamento del Cd
verso le frazioni più mobili e biodisponibili in seguito all’apporto di questo
elemento al suolo.
Le concentrazioni di Cd rilevate nelle tre sezioni vegetali esa-
minate (radice, fusto e foglie, granella), sono state poste in relazione con le
concentrazioni di Cd assimilabile presenti nelle corrispondenti parcelle di
terreno, considerando i due raggruppamenti: micorrizato e non micorrizato.
Anche in questo caso è stata rilevata una stretta correlazione lineare e
l’ANOVA ha dato risultati altamente significativi; infatti, ad eccezione della
retta di regressione della granella micorrizata (P: 1%, R2: 53%), tutte le ret-
te sono risultate significative ad un livello di probabilità dello 0.1% (R2 per
radici e fusto: 99 e 92%), pur presentando valori di pendenza molto diffe-
renti (Figg. 2a-2b).
La differente pendenza è spiegata dalla variazione della riparti-
zione percentuale dei contenuti di Cd nelle tre sezioni vegetali considerate.
Infatti, come si osserva nella figura 5, nel controllo il 91% dell’elemento si
concentra nella radice, mentre soltanto il 9% si accumula in fusto e foglie;
nella granella, invece, non si rileva la presenza dell’inquinante.

Fig. 2a: Distribuzione del Cd nelle piante non micorrizate

45

y = 0,5749x + 1,6232
40 2
R = 0,9189
35
radici
30
fusto
Cd (ppm)

25 granella
Lineare (radici)
20 Lineare (fusto)
Lineare (granella)
15

10 y = 0,0578x + 0,1691
2
R = 0,9265
5
y = 0,0056x + 0,0211
2
0
R = 0,6646
0 10 20 30 40 50 60 70 80

Cd in forma assimilabile nel terreno (ppm)


Biodisponibilità del Cd in un suolo inquinato con diverse dosi dell’elemento e inoculato con
micorrize selezionate 159

Fig. 2b: Distribuzione del Cd nelle piante micorrizate

45

40
y = 0,439x + 0,784
2
35 R = 0,99

30
radici
25 fusto
Cd (ppm)

granella
20
Lineare (radici)
15 Lineare (fusto)
Lineare (granella)
10
y = 0,0345x + 0,3233
2
5 R = 0,9218
y = 0,0235x - 0,0711
0 2
R = 0,5325
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
-5

Cd in forma assimilabile nel terreno (ppm)

Nelle tesi con la concentrazione del metallo inferiore a 10 ppm


(19-39% Cd assimilabile), si riscontra una stabilizzazione della percentuale
di Cd nella parte ipogea (85-88%) e un aumento nella parte aerea, ad esclu-
sione della granella, nella quale non è stato rilevato il metallo. Nella tesi a
più elevata concentrazione (100 ppm con ~50% di Cd assimilabile), pur
mantenendosi stabile la percentuale nella radice, si riduce la quota relativa a
fusto e foglie, che torna ai livelli del controllo, mentre la quota rimanente si
rileva nella granella.
Dal confronto tra i grafici delle Figg. 4a e 4b, si può notare che
l’accumulo di Cd nei tessuti vegetali dipende in misura maggiore dalle fra-
zioni assimilabili, piuttosto che dai quantitativi totali di Cd nel suolo.
Le quantità di Cd asportate in assoluto dalle piante (parte aerea)
sono risultate direttamente correlate al grado di inquinamento del suolo; non
ci sono tuttavia differenze significative dovute alla micorrizazione, come si
rileva dalla Figura 3. Esaminando il grafico, inoltre, appare evidente l’esi-
stenza di una notevole dipendenza della quantità asportata dall’aumento del-
la quota assimilabile.
Relativamente all’esistenza di fenomeni di fitotossicità, va detto
che, pur essendo stati riscontrati sulle piante gli stessi sintomi identificati da
altri autori (Vassilev et al., 1998) (differenti gradi di clorosi sui tessuti foglia-
ri e di inbrunimenti della parte basale del culmo), la produttività dell’orzo è ri-
masta invariata all’aumentare dell’inquinamento da Cd. I suddetti sintomi so-
160 Ferrazza et al.

no apparsi solo nelle fasi iniziali della crescita, unitamente ad un rallentamen-


to della germinazione, evidente nelle tesi a media e massima concentrazione.
Fig. 3. Percentuale di asportazione del Cd nei trattamenti (valori medi). Il parametro è
calcolato per rapporto del Cd nelle parti aeree, in peso, con la biomassa delle stesse.

Percentuali di Cd rilevate nelle parti aeree (peso secco)


0,2

0,18

0,16

0,14

0,12

% 0,1

0,08

0,06

0,04

0,02

0
c+ c- 1+ 1- 2+ 2- 3+ 3-

Trattamenti

Percentuali di cadmio assimilabile nel suolo


Controllo D o se 1

N o n A s s im ila b ile

93%
N o n A s s imilabile
81%

As s im ila bile A s s i milabile

7% 19%

D o se 2 Dose 3
N o n A s s i m ilabile

81%
A s s im ilabile

49%

As s im ila bile N o n a s s im ila bile

19% 51%

Fig.
Fig. 4a: il contenuto di cadmio in forma assimilabile aumenta percentualmente
all’aumentare del contenuto del metallo nel suolo inoculato con micorrize.
micorrize.
Biodisponibilità del Cd in un suolo inquinato con diverse dosi dell’elemento e inoculato con
micorrize selezionate 161

Percentuali di cadmio assimilabile nel suolo


Controllo Dose 1

Non
A s s i m ilabile
Non
94% A s s im ila b i l e

75%

A s s i m ilabile
A s s i m i la b i l e 25%
6%

Dose 2 Dose 3

A s s imilabile
No n A s s im ilabile
Non 44%
A s s i m ililab i l e 39% A s s imilabile
61% 56%

Fig.
Fig. 4b: il contenuto di cadmio in forma assimilabile aumenta percentualmente
all’aumentare del contenuto del metallo nel suolo NON inoculato con micorrize.
micorrize.

Percentuali di cadmio nelle sezioni vegetali


C o n trollo Dose 1
G r a n e lla
Granella
Fusto e foglie Fusto e foglie
0%
9% 0% 12%

Radic i Radici

91% 88%

Dose 2 Dose 3
Granella Granella
Fusto e foglie F u s t o e f o g lie
0% 4%
15% 9%

Radic i Radic i

85% 87%

Fig. 5: il contenuto di cadmio nelle diverse sezioni vegetali varia


percentualmente all’aumentare del contenuto del metallo nel suolo
162 Ferrazza et al.

Fig. 6a: Andamento della distribuzione del Cd nei vegetali

200

180
terreno (totali)
160 radici
fusto
140
granella
120
Cd (ppm)

100

80

60

40

20

orzo non micorrizato orzo micorrizato

Fig. 6b: Andamento della distribuzione del Cd nei vegetali

200

180
terreno (assimilabile)
160
radici
140 fusto
granella
120
Cd (ppm)

100

80

60

40

20

orzo non micorrizato orzo micorrizato

Le piante di orzo risulterebbero quindi dotate di un efficiente si-


stema di barriera a livello radicale, che riduce la migrazione del Cd verso la
parte aerea; la radice quindi manifesta una capacità portante che varia in per-
centuale dall’85 al 91%. La quota di metallo in esubero rispetto a tale capa-
cità, viene traslocata in fusto e foglie, da dove può migrare verso la granel-
la solo se viene superato un ipotetico “effetto soglia”, legato ad elevate quan-
tità di Cd in forma assimilabile nel suolo. Per quanto riguarda la capacità di
Biodisponibilità del Cd in un suolo inquinato con diverse dosi dell’elemento e inoculato con
micorrize selezionate 163

assorbimento del metallo, tra le piante inoculate con micorrize e quelle non
inoculate, non si rilevano differenze né sulle quantità assorbite, né sul desti-
no all’interno della pianta.
Esaminando i quantitativi assorbiti dall’orzo in funzione delle
concentrazioni dell’elemento nel terreno (totali e assimilabili), appare evi-
dente che sono soprattutto le quote biodisponibili di Cd ad influenzare l’as-
sorbimento e la conseguente ripartizione nei vegetali (fig. 6). Si evidenzia
quindi che il Cd apportato dagli inquinamenti induce una maggiore perico-
losità in quanto va a incrementare la quota assimilabile.

Bibliografia

AERY N.C., JAGETIYA B.L. 1997. Relative toxicity of cadmium, lead and zinc on barley. Communication soil scien-
ce plant analysis, 28(11&12), 949-960.
ALLINSON D.W., DZIALO C. 1981. The influence of lead, cadmium and nickel on the growth of ryegrass and oats.
Plant and soil, 62, 81-89.
BRESLIN V.T. 1999. Retention of metals in agricultural soils after amending with MSW and MSW-biosolids compost.
Water, Air & Soil Pollution, 109, 163-178.
BURGATSACAZE V., CRASTE L., GUERRE P. 1996. Cadmium in the food chain – a review. Revue de Medecine
Veterinaire, 147, 671-680.
CANDELARIA L.M., CHANG A.C., 1997. Cadmium activities solution speciation and solid phase distribution of Cd
in Cadmium Nitrate and Sewage Sludge treated soil systems. Soil Science, 162, 722-732.
DUDKA S., PIOTROWSKA M., TERELAK H. 1996. Transfer of cadmium lead and zinc from industrially contami-
nated soil to crop pants: a field study. Environmental pollution, 94(2), 181-188.
ERIKSSON J., OBORN I., JANSSON G., ANDERSSON A. 1996. Factors influencing Cd-content in crops – Results
from Swedish field investigations. Swedish Journal of Agricultural Research, 26, 125-133.
GAGNON C., VAILLANCOURT G., PAZDERNIK L. 1998. Influence of water hardness on accumulation and elimi-
nation of cadmium into aquatic mosses under laboratory conditions. Archives of environmental con-
tamination and toxicology, 34, 12-20.
GARDINER D.T., MILLER R.W., BADAMKIAN B., AZZARI A.S., SISSON D.R. 1995. Effects of repeated sewage
sludge applications on plant accumulation of heavy metals. Agriculture, Ecosystems and Environ-
ment. 55, 1-6.
GEUNS J.M.C., CUYPERS A.J.F., MICHIELS T., COLPAERT J.V., VAN LAERE A., VAN DEN BROECK K.A.O.,
VANDECASTEELE C.H.A. 1997. Mung been seedlings as bio-indicators for soil and water con-
tamination by cadmium. The science of the total environment, 203, 183-197.
HERREN T., FELLER U. 1997. Transport of cadmium via xylem and phloem in maturing wheat shoots – Comparison
with the translocation of zinc, strontium and rubidium. Annals of Botany, 80, 623-628.
HOWDEN R., ANDERSEN C.N., GOLDSBROUGH P.B., COBBETT C.S. 1995. A cadmium-sensitive, glutathione-
deficient mutant of Arabidopsis thaliana. Plant physiology, 107, 1067-1073.
HOWDEN R., GOLDSBROUGH P.B., ANDERSEN C.N., COBBETT C.S. 1995. Cadmium-sensitive, Cad1 mutants of
Arabidopsis thaliana are phitochelatin-deficient. Plant physiology, 107, 1059-1066.
IZZA C., MANGIONE D., INDIATI R., FIGLIOLIA A. 1994. Heavy metal pollution: role of the soil organic matter in
the dynamics of Cd, Pb, Cu and Zn. Proceedings of the XXIV ESNA annual meeting. Varna.
JONER E.J., LEYVAL C. 1997. Uptake of Cd-109 by roots and hyphae of a glomus mosseae trifoliumsubterraneum mi-
164 Ferrazza et al.

corrhiza from soil amended with high and low concentrations of cadmium. New Phytologist, 135,
353-360.
KABATA-PENDIAS A., PENDIAS H., 1992. Trace elements in soil and plant. II edition, Boca Raton, CRC Press, 51-
66, 109-116.
KELTJENS W.G., van BEUSICHEM M.L. 1998. Phytochelatins as biomarkers for heavy metal stress in maize (Zea
mais L.) and wheat (Triticum aestivum L.): Combined effects of copper and cadmium. Plant & Soil,
203, 119-126.
KOOKANA R.S., NAIDU R. 1998. Effects of soil solution composition on cadmium transport through variable charge
soils. Geoderma, 84(1-3), 235-248.
LINDSAY W.L., NORWELL W.A., 1969. Equilibrium relationships of Zn, Fe, Ca and H with EDTA and DTPA in soils.
Soil Science American Proceedings, 33, 62-68.
McBRIDE M.B. 1998. Growing food crops on sludge-amended soils: Problems with the US Environmental Protection
Agency method of estimating toxic metal transfer. Environmental Toxicology & Chemistry, 17,
2274-2281.
Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali. 1994. Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo. MiRAAF,
Roma.
NAIDU R., KOOKANA R.S., SUMNER M.E., HARTER R.D., TILLER K.G. 1997. Cadmium sorption and transport
in a variable charge soils – a review. Journal of Environmental Quality, 26, 602-617.
O’CONNOR G.A. 1988. Use and measure of DTPA soil test. J. Environ. Qual. 17, 715-718.
OTABBONG E., SADOVNIKOVA L., IAKIMENKO O., NILSSON I., PERSSON J. 1997. Sewage sludge: Soil con-
ditioner and nutrient source – II. Availability of Cu, Zn, Pb and Cd to barley in a pot experiment.
Acta Agriculturae Scandinavica Section B-Soil & Plant Science, 47, 65-70.
PERDIKAKI K., MASON C.F. 1999. Impact of road run-off on receiving streams in Eastern England. Water Research,
33, 1627-1633.
RAUSER W.E. 1995. Phytochelatins and related peptides. Plant physiology, 109, 1141-.1149.
RAUSER W.E., MEUWLY P. 1995. Retention of cadmium in roots of maize seedlings. Plant physiology, 109, 195-202.
SCHELLER H.V., HUANG B., HATCH E., GOLSBROUGH P.B. 1987. Phytochelatin synthesis and glutathione levels
in response to heavy metals in tomato Cells. Plant physiology, 85, 1031-1035.
SEREGIN I.V., IVANOV V.B. 1998. The transport of cadmium and lead ions through root tissues. Russian Journal of
Plant Physiology, 45, 780-785.
SPOSITO G., HOLTZCLAW K.M., LeVESQUE C.S., JOHNSTON C.T., 1982. Trace metal chemistry in arid zone field
soils amended with sewagw sludge: II. Comparative study of the fulvic acid fraction. Soil Science
Society American Journal, 46, 265-270.
TYLER G. 1981. Heavy metals in soil biology and biochemistry. Soil Biochemistry, 5, 371-414.
VASSILEV A., TSONEV T., YORDANOV I. 1998. Physiological response of barley plants (Hordeum vulgare) to cad-
mium contamination in soil during ontogenesis. Environmental Pollution, 103, 287-293.
165

RUSCELLAMENTO SUB-SUPERFICIALE IN PIANURA


Marchetti R., Spallacci P.
Istituto Sperimentale Agronomico
Sezione Ricerche agronomiche applicate all’ambiente settentrionale
Viale Caduti in Guerra, 134, I-41100 Modena

Riassunto
L’entità delle perdite per ruscellamento in pianura merita di essere stimata per le
conseguenze agronomiche e ambientali cui tali perdite possono dar luogo. Obiettivo
di questo lavoro è stato la valutazione quantitativa delle perdite per ruscellamento
da un suolo argilloso-limoso della bassa pianura modenese rappresentativo di una ti-
pologia di suoli diffusa nella pianura emiliana.
Su parcella coltivata a mais è stata misurata l’entità del ruscellamento superfi-
ciale e sub-superficiale per eventi piovosi prodotti mediante simulatore di pioggia.
Il suolo (Camurana Vertic Ustochrept, fine, mixed, mesic) tende a formare crepac-
ciature ma non croste superficiali; è caratterizzato inoltre da presenza di suola d’a-
ratura. La parcella di prova (5 x 5 m2, pendenza media: 2.8%) era situata al bordo
di un appezzamento coltivato a mais. Sono stati effettuati 3 cicli di simulazioni, di
cui uno in luglio 1997 (mais alla fioritura), uno in novembre 1997 (dopo la raccol-
ta e prima della lavorazione) e uno a fine marzo 1998 (terreno lavorato e affinato
per la semina successiva). Ogni ciclo ha incluso 3 simulazioni (distanziate 24 ore
l’una dall’altra) per un totale di 9 eventi piovosi (intensità media di pioggia: 32 mm).
Sia per il ruscellamento superficiale, sia per quello sub-superficiale, si è misurata
l’altezza di pioggia necessaria per l’inizio del deflusso (Vlag). Il monitoraggio del-
l’idrogramma di deflusso superficiale e sub-superficiale ha avuto durata diversa in
relazione all’entità di Vlag. Il deflusso sub-superficiale è stato monitorato solo nei
cicli di novembre e marzo. Il collettore di deflusso sub-superficiale era collocato tra
-0.5 e -0.6 m di profondità.
In genere il deflusso superficiale o non ha avuto luogo o si è verificato dopo l’af-
flusso cumulato di molti mm di pioggia. Il deflusso sub-superficiale è cominciato
prima, o anche in assenza, di quello superficiale. Le condizioni di stazionarietà, nel
caso del deflusso sub-superficiale, sono state raggiunte più precocemente, e per va-
lori di deflusso inferiori, nelle simulazioni del ciclo autunnale rispetto a quelle del-
la primavera successiva. La dinamica del processo è stata interpretata alla luce del-
la formazione in autunno di una falda pensile, presumibilmente prodotta dalla pre-
senza di suola di aratura, e della risalita invernale della falda ipodermica. Nelle si-
mulazioni di pioggia estive, assimilabili a irrigazioni, le perdite per deflusso sub-su-
perficiale hanno ridotto considerevolmente l’efficienza di adacquamento.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 165-176 (2001)
166 Marchetti e Spallacci

Si conclude pertanto che l’entità delle perdite idriche per deflusso sub-superfi-
ciale verso le scoline può essere cospicua, almeno nei terreni di pianura come quel-
lo oggetto di indagine. La presenza di suola d’aratura, che frequentemente li carat-
terizza, può essere determinante sull’entità del fenomeno.

Introduzione

Le indicazioni reperibili in letteratura sull’entità del ruscella-


mento superficiale in pianura sono abbastanza contraddittorie. Se ci si limita
a quelle dove il ruscellamento misurato è quello prodotto da eventi piovosi
naturali (non simulati) il rapporto tra ruscellamento e afflusso (coefficiente di
deflusso, CD) è in genere contenuto. Acutis et al. (1992), ad esempio, ripor-
tano CD mediamente compresi fra il 5 e il 9% degli afflussi naturali, per ri-
lievi effettuati a scala di campo, in parcelle di 150 x 7,5 m, nella pianura pie-
montese, su terreni franchi e franco-sabbiosi. Silvestri et al. (1996), confron-
tando sistemi di conduzione agronomica diversi, hanno rilevato, per parcelle
di piccole dimensioni (0,7 m2) valori massimi di CD pari a 19,8%. A scala
territoriale, invece, secondo una valutazione del Consorzio di Bonifica del
Canale Emiliano-Romagnolo (CER, 1997) relativa a terreni limoso-argillosi
compresi in un’area di quasi 90 km2 servita dalla Bonifica Renana, la per-
centuale di ruscellato rispetto agli afflussi (piogge + irrigazioni), variabile
mensilmente e a seconda della coltura, si è aggirata nel biennio 1994-95 fra
il 28 e il 45%. Il contrasto fra dati ottenuti in prove parcellari e dati prove-
nienti da stime a scala territoriale può derivare dal fatto che, nei due casi, si
valutano processi diversi a scale diverse. In genere infatti nelle prove parcel-
lari si misura il ruscellamento superficiale da unità di piccole e medie di-
mensioni (da meno di un m2 ad alcune decine) mentre a livello territoriale la
stima del ruscellamento è basata sulla portata delle scoline e dei canali col-
lettori delle acque di deflusso in un’area di diversi km2. La stima a scala ter-
ritoriale include quindi non solo l’acqua che defluisce dal campo per ruscel-
lamento superficiale, ma anche quella che arriva alle scoline per infiltrazione
sub-superficiale in occasione sia di eventi piovosi, sia di irrigazioni.
Anche qualora, a livello di comprensorio, si considerino non ri-
levanti le perdite d’acqua per colatura dal singolo appezzamento in quanto
l’acqua può essere riutilizzata altrove, a scala di campo tuttavia queste per-
dite possono incidere sulla disponibilità idrica per le colture. Inoltre le acque
che escono dal campo trasferiscono ai corsi d’acqua il loro contenuto di nu-
trienti e di residui di fitofarmaci. Obiettivo di questo lavoro è stato pertanto
la valutazione quantitativa delle perdite per ruscellamento sub-superficiale
Ruscellamento sub-superficiale in pianura 167

da un suolo argilloso-limoso della bassa pianura modenese rappresentativo


di una tipologia di suoli diffusa nella pianura emiliana.

Materiali e metodi

Il ruscellamento superficiale e sub-superficiale durante la cre-


scita e dopo la raccolta del mais è stato monitorato per eventi piovosi pro-
dotti mediante simulatore di pioggia. Il suolo è un Vertic Ustochrept, fine,
mixed, mesic, serie Camurana, tendente a formare crepacciature ma non cro-
ste superficiali; è caratterizzato inoltre da presenza di suola d’aratura e di uno
strato meno permeabile per accumulo di limo a profondità compresa tra 0,8
e 1,2 m (Tabella 1).
Tabella 1. Valori assunti da alcuni parametri descrittivi del suolo di prova, località
S. Prospero (MO). ρa, massa volumica apparente; θ-1,5 MPa, contenuto idrico a -
1,5 MPa; θCIC, contenuto idrico a capacità di campo; θmax, contenuto idrico mas-
simo dello strato.
Strato del Argilla Limo C N ρa θ-1,5 MPa a θCIC a θmax
profilo organico Kjeldahl
/m /% /% / g kg-1 / g kg-1 / Mg m-3 / m3 m-3 / m3 m-3 / m3 m-3
0-0,20 45 47 13,7 1,65 1,37 0,30 0,46 0,51
0,20-0,40 46 44 13,9 1,68 1,44 0,29 0,45 0,55
0,40-0,60 46 48 11,4 1,43 1,44 0,29 0,44 0,50
0,60-0,80 41 49 7,8 1,03 1,46 0,27 0,43 0,54
0,80-1,00 35 55 5,7 0,74 1,38 0,26 0,41 0,55
1,00-1,20 36 57 5,2 0,67 1,38 0,27 0,39 ndb
1,20-1,40 47 47 5,6 0,80 1,56 0,28 0,41 nd
a Stimati mediante pedofunzioni
b nd: non determinato

Il contenuto idrico a –1,5 MPa e a capacità di campo è stato sti-


mato mediante pedofunzioni di trasferimento a partire da massa volumica ap-
parente, ρa, contenuto di C organico e tessitura; le altre proprietà sono state
misurate. I valori attribuiti a ρa sono da considerarsi indicativi in quanto af-
feriscono a misure effettuate in passato (col metodo dei cilindretti) per la ca-
ratterizzazione del suolo del sito di prova. La porosità occupata dall’aria
(AFPS, air filled pore space) in ognuno dei 5 strati di profilo in cui è stata
misurata l’umidità, fino a -1 m, è stata calcolata come differenza tra porosi-
tà e quantità d’acqua presente negli strati, espresse in mm. Anziché il valo-
re di porosità teorico, θs (θs = 1- ρa/ρw, dove ρw è la massa volumica rea-
le), è stato assunto come corrispondente a saturazione per un dato strato del
profilo il valore più elevato di contenuto idrico, θmax, misurato nell’arco del-
168 Marchetti e Spallacci

la durata della prova. La scelta si è resa necessaria in quanto i livelli di umi-


dità misurati erano talora superiori a quelli della saturazione teorica. La con-
ducibilità idrica satura, misurata in campo in prove precedenti col metodo
dei piezometri, era stata di 37 mm h-1, a 0,6 m; e di 1 mm h-1, a 1,2 m di
profondità.
Il mais è stato seminato il 7 aprile del 1997 e raccolto l’8 set-
tembre. Il terreno è stato lavorato a metà gennaio del 1998 per uno spessore
di 20 cm.
Sono stati effettuati 3 cicli di simulazioni, di cui uno “estivo”, in
luglio 1997 (mais alla fioritura); uno “autunnale”, in novembre 1997 (dopo la
raccolta e prima della lavorazione del terreno); e uno “primaverile”, a fine
marzo 1998 (terreno lavorato). Ogni ciclo ha incluso 3 simulazioni, per un to-
tale di 9 eventi piovosi (Tabella 2). A eccezione che nel ciclo estivo, la par-
cella è stata coperta, tra un evento e il successivo, per contenere le perdite per
evaporazione.
Tabella 2. Calendario delle simulazioni, caratteristiche degli eventi piovosi e con-
dizioni iniziali. P, altezza di pioggia; Ιp, intensità di pioggia; σs, indice di rugosità;
θ e AFPS, rispettivamente contenuto idrico medio e porosità occupata dall'aria fino
a 1 m di profondità.
Ciclo N.ro Data P Ιp CV di Ιp σsa θ AFPS
evento / mm / mm h-1 / % / cm / m3 m-3 / mm
Estivo 1 14/07/97 142 32b 3,52 0,34 188
2 15/07/97 164 32 0,44c 48c
3 16/07/97 129 32 0,47c 30c
Autunnale 1 17/11/97 61 30 34 3,14 0,38 153
2 20/11/97 50 33 9 0,41 114
3 24/11/97 29 30 56 0,43 101
Primaverile 1 30/03/98 117 29 25 4,79 0,44 87
2 31/03/98 80 34 16 0,51 23
3 01/04/98 90 35 13 0,49 43
a La scabrezza della superficie della parcella è stata misurata alle seguenti date: 04/07/1997
(ciclo estivo); 03/11/97 (ciclo autunnale); 26/02/98 (ciclo primaverile).
b Nel ciclo estivo è stato attribuito ad Ι il valore medio realizzato nelle simulazioni degli
p
altri cicli.
c Per gli eventi n.ro 2 e 3 del ciclo estivo i valori sono riferiti ai primi 0,6 m.

Il simulatore di pioggia, messo a punto da Panini et al. (1993), è


del tipo a pioggia continua, dotato di 4 ugelli a 6 m di altezza. A ogni even-
to piovoso è stata misurata l’intensità di pioggia, Ip (4 repliche per evento),
ad eccezione che nel ciclo estivo, in cui era presente la coltura. In questo ca-
so l’Ip è stata stimata come media degli altri eventi piovosi (32 mm h-1).
La parcella di prova, di forma romboidale e di area pari a 25,5
Ruscellamento sub-superficiale in pianura 169

m2, era situata in un appezzamento coltivato a mais. Durante il periodo di


prova, da luglio 1997 ad aprile 1998, la pendenza media longitudinale (ri-
spetto alle file del mais) è stata del 3,3 % (d.s.=1,18); quella trasversale,
dell’1,1% (d.s.=0,09). La parcella è stata isolata idraulicamente su tre lati
mediante lamiera, inserita nel terreno per uno spessore di 15 cm; sul quarto
lato, perpendicolare alle file del mais, è stata scavata una trincea, collegata
alla scolina di testata dell’appezzamento. Sulla parete verticale della trincea
sono stati disposti i collettori di deflusso: appena sotto lo spigolo tra la su-
perficie della parcella e la parete verticale della trincea, quello per la raccol-
ta delle acque di ruscellamento superficiale; a 0,5 m di profondità (poggian-
te sul fondo della trincea), il collettore delle acque di drenaggio sub-superfi-
ciale. I collettori erano di lamiera, a sezione trasversale triangolare, infissi
nel terreno perpendicolarmente alla parete della trincea mediante lamina la-
terale larga 8 cm. Essi sono stati dotati di lieve pendenza (2%), per agevola-
re lo scorrimento delle acque di ruscellamento. La continuità fra il terreno e
il collettore di deflusso superficiale, per impedire la formazione di percorsi
preferenziali, è stata assicurata mediante sigillamento del collettore al terre-
no con impasto di terra. Il dispositivo è stato controllato regolarmente per il
mantenimento dell’efficienza di funzionamento. Un ulteriore collettore di
plastica infisso perpendicolarmente alla parete della trincea appena sotto lo
sbocco del collettore superiore ha consentito di deviare il ruscellato impe-
dendogli di mescolarsi con quello del collettore inferiore. La scolina è stata
approfondita di una ventina di centimetri, subito a valle della trincea, per
consentire sia la collocazione del contenitore di raccolta dei campioni, sia un
rapido allontanamento degli afflussi. La trincea è stata coperta con un tetti-
no di plastica, per impedire alla pioggia, incidente fuori parcella sul lato di
raccolta dei deflussi, di cadere nei collettori.
Sia per il ruscellamento superficiale, sia per quello sub-superfi-
ciale, è stata misurata l’altezza di pioggia necessaria per l’inizio del deflusso
(Vlag). Il monitoraggio degli idrogrammi di deflusso superficiale e sub-su-
perficiale ha avuto durata diversa in relazione all’entità di Vlag e all’obietti-
vo, peraltro non sempre raggiunto, di ottenere un deflusso stazionario.
L’altezza di deflusso sub-superficiale è stata monitorata solo nei cicli autun-
nale e primaverile. Il monitoraggio è stato fatto mediante prelievo di campio-
ni di acqua di deflusso, a intervalli di tempo e per tempi differenziati a se-
conda dell’entità del deflusso stesso, con prelievi più frequenti in caso di de-
flusso più elevato. Il peso secco del terreno eroso è stato determinato e sot-
tratto a quello del campione per la determinazione del peso dell’acqua. Poiché
ogni evento piovoso ha avuto durata diversa, per rendere uniforme il con-
fronto tra eventi il coefficiente di deflusso, CD, è stato calcolato per uno stes-
170 Marchetti e Spallacci

so periodo di pioggia (la prima ora). Il deflusso nella prima ora è stato deter-
minato geometricamente, come area sottesa dagli idrogrammi di deflusso.
Prima dell’inizio di ogni simulazione e dopo l’ultimo evento di
ogni ciclo sono stati effettuati campionamenti di terreno, fino a un metro di
profondità e per strati di 0,2 m, per la determinazione gravimetrica dell’u-
midità. I prelievi sono stati effettuati in 4 punti della parcella (4 repliche), si-
tuati nella fascia di bordo della stessa per evitarne il calpestamento.
Prima di ogni ciclo di simulazione è stata misurata la rugosità
del profilo della superficie della parcella, mediante profiligrafo ad aghi. Il
profiligrafo era largo 125 cm e dotato di 73 aghi di lunghezza pari a 42,5 cm.
Sono state misurate le quote del terreno in due sezioni della parcella tra-
sversali alle file del mais e distanti tra loro 1,5 m (4 misure, a coprire la lar-
ghezza di ogni sezione), con quote di riferimento mantenute costanti per tut-
te le simulazioni. Come indice di rugosità (ordinata + random), σs, è stata
assunta la deviazione standard delle 8 serie di misure delle quote.

Risultati e discussione
Distribuzione dell’acqua nel profilo
In Figura 1 è riportato il contenuto idrico fino a 1 m di profon-
dità, per strati di 0,2 m, al tempo 0 e dopo ogni evento piovoso dei tre cicli
di simulazioni. Poiché il campionamento per la misura dell’umidità è stato
eseguito dopo un certo tempo dalla fine dell’evento piovoso (tempo variabi-
le da 24 a 96 ore, a seconda del ciclo e dell’evento), una quota dell’acqua di
afflusso è nel frattempo drenata, e il profilo di umidità non coincide con
quello della fine dell’evento. Tuttavia è stato possibile osservare un model-
lo di distribuzione analogo, in estate e in autunno: il terreno si è bagnato di
più in superficie e nello strato da 0,6 a 0,8 m di profondità; è rimasto più
asciutto da 0,8 a 1 m. Se si esamina l’andamento della porosità occupata dal-
l’aria (Figura 2), complementare a quello dell’umidità, nelle simulazioni esti-
ve e autunnali il profilo è rimasto più arieggiato, tra 0,2 e 0,4 m; più saturo,
tra 0,4 e 0,8 m. Nei cicli estivo e autunnale pertanto l’infiltrazione verticale
dell’acqua è stata rallentata dalla presenza di suola di aratura, con formazio-
ne di una faldina pensile e parziale allontanamento laterale dell’acqua dallo
strato di terreno più poroso soprastante la suola. Nel ciclo primaverile, a cau-
sa della risalita invernale della falda, situata a un metro di profondità all’e-
poca della simulazione, gli eventi piovosi hanno portato tutto il profilo a sa-
turazione.
Ruscellamento sub-superficiale in pianura 171
172 Marchetti e Spallacci
Ruscellamento sub-superficiale in pianura 173

Entità del ruscellamento


In genere il deflusso superficiale o non ha avuto luogo o si è ve-
rificato dopo l’afflusso cumulato di molti mm di pioggia (Tabella 3); e rara-
mente sono state raggiunte condizioni di stazionarietà (Tabella 3 e Fig. 3).
Tabella 3. Entità del ruscellamento superficiale (SUR) e sub-superficiale (SUB)
sotto mais. Vlag, altezza di pioggia (mm) che precede l'inizio del deflusso. VQmax,
altezza di pioggia necessaria per raggiungere Qmax, deflusso stazionario; CD, co-
efficiente di deflusso.
Ciclo N.ro Vlaga VQmax Qmax CDb
evento / mm / mm / mm h-1 /%
SUR SUB SUR SUB SUR SUB SUR SUB
Estivo 1 >142 38 - nd -c nd d - nd
2 >164 12 - nd - nd - nd
3 9 0 - nd - nd 0,6 nd
Autunnale 1 10 10 - 23 - 2,7 1,7 4,0
2 4 3 41 26 10,9 12,8 11,5 22,1
3 3 3 20 10 7,8 5,5 16,1 14,8
Primaverile 1 >117 22 - 53 - 18,0 - 1,8
2 18 8 - 49 - 25,0 0,6 18,0
3 4 5 43 52 9,5 20,4 9,8 16,5
a Al lordo dell'altezza d'acqua ristagnante nelle microdepressioni superficiali
b Riferito alla prima ora di pioggia.
c il trattino indica che non c'è stato deflusso o che, comunque, la fase stazionaria non è sta-
ta raggiunta nel tempo di simulazione.
d nd: non determinato.

D’altra parte è stato possibile osservare, per il deflusso superfi-


ciale da terreno lavorato a file, un andamento a scalini: il deflusso infatti co-
minciava non appena, in seguito a pressione dell’acqua a monte e per effet-
to dell’azione erosiva della pioggia, si rompeva a valle l’arginello (anche ap-
pena abbozzato) che impediva all’acqua accumulatasi tra le file rincalzate del
mais di defluire. A mano a mano che si vuotavano le pozzanghere dell’in-
terfila, il deflusso si stabilizzava, per aumentare di nuovo in seguito a rottu-
ra di un altro arginello; e così via, fino ad eventuale rottura di tutti gli argi-
nelli degli spazi interfila (le simulazioni sono state interrotte prima che ciò
accadesse). La maggior precocità osservata per il deflusso superficiale nel ci-
clo autunnale, rispetto a quelli estivo e primaverile, può essere attribuita a
una minore rugosità del terreno, e quindi alla ritenzione di una minor quan-
tità d’acqua nelle microdepressioni superficiali; in autunno peraltro il terre-
no era più bagnato che a luglio (Tabella 2).
Il deflusso sub-superficiale è cominciato prima, o anche in as-
senza, di quello superficiale (Tabella 3). Le condizioni di stazionarietà sono
state raggiunte più precocemente, e per valori di deflusso inferiori, nelle si-
174 Marchetti e Spallacci

mulazioni del ciclo autunnale (Fig. 4a) rispetto a quelle della primavera suc-
cessiva (Fig. 4b). L’equilibrio, in fase stazionaria, tra infiltrazione, I, e ru-
scellamento complessivo (superficiale + sub-superficiale, Q, in mm h-1), con
I = Ip - Q, in mm h-1, si è verificato per valori del rapporto I/Q compresi tra
1,3 e 10,1 (infiltrazione da poco a molto superiore al ruscellamento); in quel-
lo primaverile il rapporto è stato compreso tra 0,2 e 0,6 (ruscellamento su-
periore all’infiltrazione).
Figura 3. Idrogrammi di deflusso superficiale nel ciclo di simulazioni a) autunnale
e b) estivo.

a)
40 1° evento
30 2° evento
20 3° evento
10
0
0 100 200

b)
40
2° evento
30
3° evento
20
10
0
0 100 200

T e mpo dall'inizio
dell'evento / min
Questo risultato è da imputarsi alla diversa capacità d’invaso del
terreno nei due periodi: nel ciclo autunnale una parte dell’acqua è defluita la-
teralmente, a causa dell’ostacolo alla percolazione costituito dalla suola d’a-
ratura; ma una parte ha continuato a infiltrarsi in profondità, essendo ancora
disponibile una quota della porosità drenabile; nel ciclo primaverile la falda
Ruscellamento sub-superficiale in pianura 175

freatica, risalita a un metro di profondità, ha saturato il terreno, impedendo


ogni ulteriore percolazione profonda dell’acqua. Per il deflusso sub-superfi-
ciale è stata osservata, nel ciclo autunnale, una riduzione di intensità, col pro-
cedere della simulazione di pioggia (Fig. 4a). Questa riduzione potrebbe es-
sere stata provocata dal rigonfiamento delle argille del terreno. Lo stesso fe-
nomeno potrebbe essere stato causa, nella terza simulazione del ciclo autun-
nale, di un deflusso più ridotto che nella seconda.
Figura 4 Idrogrammi di deflusso sub-superficiale nel ciclo di simulazioni a) autun-
nale e b) estivo.

I valori di CD dopo un’ora di pioggia (per un’altezza media di


pioggia compresa tra 29 e 35 mm) per il deflusso sub-superficiale sono sta-
ti in genere superiori a quelli per il deflusso superficiale (Tabella 3).
Se assimiliamo le simulazioni di luglio a irrigazioni possiamo
determinare l’efficienza di applicazione dell’acqua in campo come rapporto
176 Marchetti e Spallacci

tra altezza dell’acqua conservata nello strato prevalentemente esplorato dal-


le radici (0,6 m) e altezza dell’acqua applicata. Alla prima simulazione, ef-
fettuata su terreno asciutto e con un afflusso di 142 mm, tale efficienza è sta-
ta pari a 0,54. Il dato, pur non estrapolabile in quanto non linearmente di-
pendente dall’altezza di pioggia distribuita, è indicativo dell’importanza
agronomica del ruscellamento sub-superficiale.

Conclusioni

Poiché l’entità del drenaggio in scolina dipende dalle caratteristi-


che del sistema drenante in relazione alle caratteristiche del suolo (Cavazza,
1987), i valori di ruscellamento sub-superficiale misurati in questa prova non
sono direttamente estrapolabili a realtà differenti. Tuttavia in questa esperien-
za è stato possibile evidenziare che l’entità delle perdite idriche per deflusso
sub-superficiale verso le scoline può essere cospicua, almeno nei terreni di pia-
nura come quello oggetto di indagine. La presenza di suola d’aratura, che fre-
quentemente li caratterizza, può essere determinante sull’entità del fenomeno.
L’individuazione di procedure di calcolo numerico per la stima quantitativa
delle perdite a scala di campo potrebbe consentire di valutare da un lato le con-
seguenze agronomiche (minor efficienza d’uso dell’acqua irrigua) e ambienta-
li (dilavamento di nutrienti) delle perdite idriche sottosuperficiali; dall’altro,
l’efficienza del sistema di sgrondo degli eccessi idrici invernali nelle scoline.

Ringraziamenti
Gli autori devono al prof. Cavazza (Università di Bologna) e al dott. Pagliai (ISSDS, Firenze)
preziosi suggerimenti a supporto dell’interpretazione dei risultati. Si ringraziano inoltre il si-
gnor R. Ghelfi per l’assistenza nella conduzione delle prove di campo; e le signore A. Orsi e
L. Sghedoni per la collaborazione tecnica di laboratorio.

Bibliografia

ACUTIS M., ALLAVENA L., CAVALLERO A., FERRARIS S.A. 1992. Deflusso per scorrimento superficiale da terreni si-
stemati a spianata e coltivati a mais (Zea mays L.). Primi risultati. Riv. di Agron., 26, 4 Suppl., 685-689.
CAVAZZA L. 1987. Aspetti agronomici del drenaggio. Irrigazione e drenaggio, 34, 31-36.
CER, 1997. Studio sulla circolazione ed accumulo nei suoli agricoli nonché rilascio nelle acque di superficie e di fal-
da di fertilizzanti, fitofarmaci e diserbanti. Rapporto di sintesi. CER, Bologna.
PANINI T., SALVADOR SANCHIS M.P., TORRI D. 1993. A portable rain simulator for rough and smooth morpholo-
gies. Quaderni di scienza del suolo, V, 47-58, CNR- Soil Genesis Res. Centre, Firenze.
SILVESTRI N., GINANNI M., PAMPANA S. 1996. Impatto ambientale e riduzione degli input nella omosuccessione
di mais. L’importanza dei fenomeni di superficie. In: Sistemi colturali alternativi in maiscoltura (eds
E. Bonari & M. Pagliai), pp. 173-197. CNR, Pisa.
177

EFFETTO DELLA NON LAVORAZIONE SU ALCUNE


CARATTERISTICHE MICROBIOLOGICHE DEL
TERRENO
Marco Mazzoncini, Rosalba Risaliti, Antonio Coli, Marco Ginanni,
Nicola Silvestri
Centro Interdipartimentale di Ricerche Agro-Ambientali “E. Avanzi”
Università degli Studi di Pisa

Introduzione

E’ ormai noto che nel lungo periodo il ripetuto ricorso alle tec-
niche convenzionali di lavorazione del terreno può determinare un peggio-
ramento della fertilità fisica e chimica del suolo. Le tecniche semplificate di
lavorazione possono rappresentare, in molti casi, una valida alternativa a
quelle convenzionali, sono infatti in grado di conservare o migliorare alcune
caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche dei terreni. In particolare, il ri-
corso alla non lavorazione ha sovente determinato effetti positivi sulle prin-
cipali caratteristiche chimiche e segnatamente sulla conservazione della so-
stanza organica alla quale spesso è associata una maggiore presenza e/o at-
tività dei microrganismi (Doran, 1980; Powlson e Jenkinson, 1981; Dick e
Daniel, 1987; Smith e Blevins, 1987; Unger e Cassel, 1991; Karlen et al.,
1994a; Tebrügge et al., 1994; Alvarez et al., 1995).
In questo contesto, assumono un interesse particolare le infor-
mazioni relative alla biologia del terreno ed agli aspetti biochimici in parti-
colare, sia per integrare le notizie relative ai parametri fisico-chimici e valu-
tare quindi complessivamente la fertilità del terreno, sia per il loro significa-
to di “indicatore biologico” della qualità del suolo. La risposta della micro-
flora del suolo ai cambiamenti indotti dal tipo di tecnica colturale adottato
ed alle condizioni di “stress” è infatti più rapidamente quantificabile rispet-
to alla variazione delle caratteristiche fisiche e chimiche, come per esempio
quelle della sostanza organica.
Tra i parametri biochimici, la respirazione del terreno ed il C
della biomassa microbica sono stati proposti come indicatori di base per la
qualità del suolo (Doran e Parkin, 1994). Questi parametri rispondono ai re-
quisiti di semplicità ed universalità; riguardando infatti larga parte dei mi-
crorganismi, possono assumere il significato di indici globali della presenza
e dell’attività della microflora del suolo (Alef, 1995).

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 177-184 (2001)
178 Mazzoncini et al.

In questa nota vengono riportati i risultati relativi ad una prova


sperimentale di lungo periodo che poneva a confronto, a partire dal 1986, la
convenzionale aratura del terreno (LC), e la semina diretta (NL), nell’ambi-
to di una rotazione soia-frumento tenero.
Le determinazioni analitiche relative alla microflora del suolo,
sono state effettuate dopo dieci anni, un periodo di sperimentazione che fa
supporre la raggiunta “maturità” dei due sistemi colturali a confronto e ren-
de possibile l’utilizzo delle informazioni per la comprensione dei fenomeni
legati al mantenimento della fertilità del suolo.

Materiali e metodi

La ricerca si inserisce in una esperienza di lungo periodo av-


viata nel 1986 e tuttora in corso presso il Centro Interdipartimentale di Ricer-
che Agro-Ambientali “Enrico Avanzi” dell’Università degli Studi di Pisa, su
un terreno sabbio-limoso rappresentativo dei suoli della bassa valle dell’Ar-
no, caratterizzati da falda freatica superficiale. Le principali caratteristiche
fisico-meccaniche e chimiche del terreno rilevate a 10 anni dall’inizio della
prova sono riportate in tabella 1.
Tabella 1. Principali caratteristiche fisiche e chimiche del terreno nel 1996 (dopo
10 anni dall’inizio della prova) nell’orizzonte 0-10 cm.
LC NL
Frumento Soia Frumento Soia
Tipo di suolo (*) Typic Xerofluvent
Scheletro Assente
Sabbia (%) 38.6 32.8 29.0 32.6
Limo (%) 42.5 47.1 51.8 50.7
Argilla (%) 18.9 20.1 19.2 16.7
Sostanza organica (%) (1) 1.92 1.81 2.69 3.25
pH 8.4 8.4 7.9 8.1
Azoto totale (%) (2) 0.12 0.12 0.19 0.20
Fosforo assimilabile (ppm) (3) 29.39 19.75 56.32 45.28
C/N 9.71 8.73 8.32 9.61
LC: lavorazione convenzionale; NL: non lavorazione; (*) classificazione USDA; (1) metodo
Lotti; (2) metodo Kjeldhal; (3) metodo Olsen.

Sono state poste a confronto due tecniche di lavorazione del ter-


reno, l’aratura convenzionale a 30-35 cm di profondità (LC) e la non lavo-
razione (NL), in un avvicendamento biennale soia-frumento tenero, realiz-
zato sia nel tempo che nello spazio. Le parcelle non arate sono state “gesti-
te” diversamente per la soia e per il frumento in rotazione. Per la soia, la pre-
Effetto della non lavorazione su alcune caratteristiche microbiologiche del terreno 179

senza sul mercato di idonee seminatrici da sodo, ha permesso la semina di-


retta già dal 1986. Questo tipo di seminatrice per il cereale autunno-vernino
è stato disponibile sul mercato solo a partire dal 1989, nei primi anni è sta-
ta quindi utilizzata una tecnica conservativa, consistente in una lavorazione
minima realizzata con erpice a dischi operante alla profondità di 7-10 cm. I
residui colturali sono stati lasciati sulla superficie del terreno nel caso della
non lavorazione ed interrati nel sistema arativo. Lo schema sperimentale
adottato è stato quello a blocco randomizzato con tre replicazioni. Al fine di
valutare le differenze statisticamente significative tra le medie dei tratta-
menti, i risultati ottenuti sono stati sottoposti ad analisi della varianza
(Gomez e Gomez, 1984).
Campionamento e preparazione dei campioni di terreno - A
dieci anni dall’inizio della prova, nell’ottobre del 1996, nelle parcelle prece-
dentemente investite a frumento tenero, sono stati prelevati, nell’orizzonte 0-
15 cm, 3 campioni di terreno per ogni replicazione per un totale di 9 cam-
pioni per tesi. I campioni, setacciati a 2 mm, sono stati conservati in cella fri-
gorifera a 4 °C in assenza di luce; al momento dell’analisi sono stati trasfe-
riti in recipienti di vetro ed imbibiti con acqua deionizzata fino al raggiun-
gimento del 60% della capacità idrica massima (fase di equilibratura). Suc-
cessivamente i campioni sono stati incubati per 5 giorni alla temperatura di
20-22 °C, in assenza di luce, in recipienti chiusi, in accordo con quanto pro-
posto da Isermeyer (1952).
Analisi della respirazione - Dopo la fase di “equilibratura” si è
passati alla fase di stima della respirazione del terreno utilizzando il metodo
descritto da Isermeyer (1952). In ciascun recipiente è stata inserita una “trap-
pola” per la CO2 contenente NaOH. Le trappole sono state periodicamente so-
stituite, per consentire la misurazione della CO2 svolta nei primi 5 giorni dal-
l’equilibratura (t0) e nei seguenti 7, 15 e 30 giorni (t7, t15 e t30 rispettiva-
mente). Parallelamente, sono stati preparati i “bianchi”, recipienti chiusi con-
tenenti soltanto NaOH. La quantificazione dell’anidride carbonica svolta dal
terreno è stata effettuata titolando con HCl una aliquota di NaOH, in presen-
za di cloruro di bario e timoftaleina. I valori ottenuti sono stati confrontati con
quelli relativi ai bianchi ed il valore è stato espresso in mg CO2 kg-1 di suo-
lo secco.
Analisi della biomassa microbica del terreno - Per la determi-
nazione della biomassa microbica è stato utilizzato il metodo della fumiga-
zione-estrazione (Vance et al., 1987). Con tale metodo la stima indiretta del-
la presenza della comunità microbica nel suolo, avviene misurando la con-
centrazione di C nelle cellule microbiche. Il carbonio solubile viene quindi
misurato sia su campioni di terreno sottoposti a fumigazione con clorofor-
180 Mazzoncini et al.

mio, sia sui campioni tal quali; dal confronto del parametro misurato sui
campioni fumigati e non fumigati si è ricavato il valore del carbonio della
biomassa microbica. La determinazione del carbonio solubile è stata effet-
tuata a distanza di 7 (t7), 15 (t15) e 30 (t30) giorni dal periodo di “equili-
bratura”. La concentrazione di carbonio è stata espressa in mg kg-1 di suolo,
riferito al peso secco.

Risultati e discussione

La quantità di carbonio della biomassa microbica è risultata in


ciascuna epoca di misurazione (t7, t15 e t30) significativamente maggiore
nel terreno non lavorato rispetto a quello arato (+262% al t7; +244% al t15
e +72% al t30) (tabella 2).
Tabella 2. Effetto della tecnica di lavorazione (LC e NL) e dell’epoca di misurazio-
ne (t7, t15 e t30) sul C della biomassa microbica (mg di C kg-1 di terreno secco).
LC NL Medie epoche Significatività
t 7 39.8 144.2 92.0 Effetto medio lavorazione **
t 15 44.0 151.4 97.7 Effetto medio epoca ns
t 30 66.4 114.5 90.5 Interazione *
Medie lavorazione 50.1 b 136.7 a
LC: lavorazione convenzionale; NL: non lavorazione; t7, t15 e t30 indicano rispettivamente
l’epoca di misurazione dopo 7, 15 e 30 giorni dalla fine del periodo di equilibratura; d.m.s.
per comparare due medie all’interno di una stessa colonna = 25.9 per P≤0.05; d.m.s. per com-
parare due medie all interno di una stessa riga = 42.2 per P≤0.05.

Tale risultato sembra connesso alla maggior concentrazione di


sostanza organica venutasi a determinare nei primi 10 cm di profondità do-
po 10 anni di ripetuta applicazione della semina su sodo sia per il frumento
che per la soia (tabella 1). Al tempo stesso, lo sviluppo della microflora può
esser messo in ralazione con le più stabili condizioni di strutturazione, umi-
dità e temperatura che si verificano in genere in un terreno indisturbato, co-
me già osservato da diversi Autori, soprattutto in prove di lungo periodo
(Doran, 1980; Carter e Rennie, 1982; Dick, 1983; Anderson e Domsch,
1989; Campbell et al., 1991; Rasmussen e Collins, 1991; Carter, 1992;
Karlen et al., 1994a e 1994b; Campbell et al., 1995; Hu et al., 1997; Wardle,
1998; Mazzoncini et al., 1999).
L’incremento del contenuto in C organico degli strati di terreno
più superficiali rappresenta uno dei principali vantaggi della non lavorazio-
ne; questo parametro viene frequentemente posto in relazione con il C della
biomassa microbica (Anderson e Domsch, 1989) e ritenuto responsabile del-
Effetto della non lavorazione su alcune caratteristiche microbiologiche del terreno 181

la sua stabilizzazione Wardle (1998). L’accumulo di sostanza organica nello


strato superficiale del terreno (prodotto da una maggiore concentrazione dei
residui colturali e da un tasso di mineralizzazione più lento e costante) può
aver determinato sul terreno sodo maggiori disponibilità energetiche per lo
sviluppo della biomassa microbica, anche in virtù di una diversa composi-
zione della sostanza organica, più ricca di componenti facilmente utilizzabi-
li come substrato di crescita, quali ad esempio i carboidrati (Hu et al., 1997).
Un parametro utile a valutare la effettiva disponibilità di sub-
strati, utili allo sviluppo della biomassa microbica è rappresentato dal rap-
porto tra C microbico (Cmic) e C organico (Corg), meglio ancora dal rap-
porto tra C da carboidrati e C microbico che fornisce indicazioni anche sul-
la natura della sostanza organica del terreno (Hu et al., 1997); bassi rappor-
ti del Cmic/Corg sono ritenuti indice di scarsa disponibilità di substrati.
Tale rapporto, calcolato sulla base delle misure effettuate a 7
giorni dalla stabilizzazione, è risultato pari a 0,39 nel caso della lavorazione
convenzionale e a 0,87 nel caso della semina su sodo, a conferma dell’ipo-
tesi precedentemente formulata in merito alla minore disponibilità di sub-
strati energetici rilevabile nei terreni arati.
Alla maggiore presenza di biomassa microbica nel terreno non
lavorato, è corrisposta anche una maggiore emissione di anidride carbonica,
risultata significativamente superiore a quella del terreno arato, in ciascuna
epoca di misurazione considerata (tabella 3).
Tabella 3. Effetto della tecnica di lavorazione (LC e NL) e dell’epoca di misurazione
(t0, t7, t15 e t30) sulla “respirazione” del terreno (mg di CO2 kg-1 di terreno secco).
LC NL Medie epoche Significatività
t 0 44.4 142.0 93.2 a Effetto medio lavorazione **
t 7 33.7 116.6 75.1 b Effetto medio epoca **
t 15 31.2 127.0 79.1 b Interazione *
t 30 17.6 70.9 44.2 c
Medie lavorazione 31.7 b 114.1 a
LC: lavorazione convenzionale; NL: non lavorazione; t0, t7, t15 e t30 indicano rispettiva-
mente l’epoca di misurazione dopo 0, 7, 15 e 30 giorni dalla fine del periodo di equilibratu-
ra; d.m.s. per comparare due medie all interno di una stessa colonna = 19.3 per P≤0.05; d.m.s.
per comparare due medie all interno di una stessa riga = 22.5 per P≤0.05;

La quantità di CO2 emessa da terreno sodo, nelle condizioni di


laboratorio, è risultata superiore di circa il 220% rispetto a quella del terre-
no arato al t0, del 246% al t7, del 307% al t15 e del 302% al t30.
Prendendo in considerazione la variabilità dei risultati ottenuti
nei giorni successivi alla stabilizzazione (figura 1), nei terreni arati è stato
182 Mazzoncini et al.

osservato un incremento significativo della biomassa microbica durante il


periodo di analisi (39.8 mg kg-1 di suolo a t7, 44.0 a t15 e 66.4 a t30) men-
tre nei terreni sodi non sono state osservate differenze significative tra i va-
lori misurati al t 7 e quelli al t30 (144.2 mg kg-1 di suolo al t7, 151.4 al t15
e 114.5 al t30).
Confrontando i risultati relativi all’emissione di CO2 dal terre-
no, tra le diverse epoche di misurazione è emersa, per entrambe le tecniche,
una progressiva riduzione del tasso di respirazione che si è manifestata con
ritmi decisamente più sostenuti nel caso del terreno non arato (figura 1).
Nel complesso i due parametri analizzati hanno seguito, nel
tempo, andamenti diversi. Nel caso del terreno non lavorato, le variazioni
della biomassa microbica sono state seguite da analoghe variazioni delle
emissioni di CO2 (r = 0.99*); il terreno arato ha fatto registrare un anda-
mento sostanzialmente divergente. In quest’ultimo, all’aumento della bio-
massa microbica col procedere dell’incubazione si è accompagnata una ri-
duzione della CO2 emessa (r = -0.99*) (figura 1).
Figura 1. Emissione di CO2 (mg kg-1 di terreno secco) e contenuto di C (mg kg-1
di terreno secco) della biomassa microbica.
160 160

di suolo secco)
CO 2 (mg kg di suolo secco)

120 120
-1

80 80
C biomassa (mg kg
-1

40 40

0 0
0 7 15 30
giorni dalla stabilizzazione

C-microbico NL C-microbico LC CO2-emessa NL CO2-emessa LC

Questo fenomeno potrebbe essere imputabile alla diversa cari-


ca microbica iniziale dei due terreni; sembra lecito ipotizzare, che nel terre-
no sodo la maggiore attività dei microrganismi abbia condotto, nelle condi-
zioni ottimali di laboratorio, ad un rapido esaurimento del substrato nutri-
zionale e ad una conseguente riduzione del metabolismo microbico e della
Effetto della non lavorazione su alcune caratteristiche microbiologiche del terreno 183

biomassa microbica stessa. Nel caso del terreno arato, invece, l’incubazione
in condizioni di umidità e temperatura ottimali per la moltiplicazione dei mi-
crorganismi potrebbe aver stimolato il loro sviluppo durante il periodo di os-
servazione in laboratorio.

Conclusioni

La continua applicazione di due tecniche di lavorazione così di-


verse tra loro come l’aratura a media profondità e la non lavorazione, ha de-
terminato, nel lungo periodo, la differenziazione di numerose caratteristiche
chimiche e fisiche del terreno. La modificazione dell’ambiente edafico e la
diversa sorte dei residui colturali, ha avuto effetti non trascurabili a carico
della componente biotica, come risulta evidente, almeno in termini di mi-
croflora, dai risultati ottenuti. Avendo effettuato questo tipo di osservazioni
a distanza di 10 anni dall’inizio della ricerca, risulta difficile individuare nel
tempo, l’inizio della differenziazione della componente biotica, che, nel suo
evolversi, ha contribuito al miglioramento di numerose caratteristiche fisiche
e chimiche del terreno oggetto della ricerca (dati non pubblicati).
A corredo di queste informazioni, sarebbe interessante estende-
re lo studio alla componente biologica del suolo, l’incremento delle attività
biotiche nei campi sperimentali non arati non si limita infatti alla microflora,
ma interessa anche macro e mesofauna terricola (Mazzoncini et al., 1996). In
prove sperimentali di lungo perodo, riguardanti i sistemi colturali in generale
e le lavorazioni in particolare, il monitoraggio periodico dei parametri biolo-
gici, biochimici e microbiologici del terreno, potrebbe fornire indicazioni uti-
li per la valutazione della fertilità del terreno considerata “in divenire”.

Bibliografia

ALEF K., 1995. Soil respiration. In Alef K. e Nannipieri P., (eds.). Methods in applied soil microbiology and bioche-
mistry. Academic Press London, 214-219.
CAMPBELL C.A., BIEDERBECK V.O., ZENTNER R.P., LAFOND G.P., 1991. Effect of crop rotations and cultural
practices on soil organic matter, microbial biomass and respiration on a thin Black Chernozem. Can.
J. Soil Sci., 71, 363-376.
CAMPBELL, C.A., McCONKEY, B.G., ZENTNER, R.P., SELLES, F., CURTIN, D., 1995. Carbon sequestration in a
Brown Chernozem as affected by tillage and rotation. Can. J. Soil Sci., 75: 449-458.
CARTER M.R. e RENNIE D.A., 1982. Changes in soil quality under zero-tillage farming systems: distribution of mi-
crobial biomass and mineralizable C and N potentials. Can. J. Soil Sci., 62, 587-597.
CARTER M.R., 1992. Influence of reduced tillage systems on organic matter, microbial biomass, macro-aggregate dis-
184 Mazzoncini et al.

tribution and structural stability of the surface soil in a humid climate. Soil Tillage Res., 23, 361-372.
DICK W.A., 1983. Organic carbon, nitrogen and phosphorus concentrations and pH in soil profiles as affected by tilla-
ge intensity. Soil Sci. Soc. Am. J., 47: 102-107.
DICK W.A., DANIEL T.C., 1987. Soil chemical and biological properties as affected by conservation tillage:
Environmental implications. In: Logan, T.J. et al. (Eds), Effects of conservation tillage on ground-
water quality: nitrates and pesticide. Lewis Pub., Chelsea, MI., pp. 125-147.
DORAN J.W. e PARKIN T.B., 1994. Defining and assessing soil quality, Soil Science Society of America, 677. Sogoe
Rd., Madison WI 53711, USA. In Defining soil quality for a Susteinable Environment, SSS Special
Publication n. 35.
DORAN J.W., 1980. Soil microbial and biochemical changes associated with reduced tillage. Soil Sci. Soc. Am. J., 44:
765-771.
GOMEZ A.K. e GOMEZ A.A., 1984. Statistical procedures for agricultural research. Second edition. J. Wiley & Sons,
New York.
HU S., COLEMAN D.C., CARROLL C.R., HENDRIX P.F., BEARE M.H., 1997. Labile soil carbon pools in subtropi-
cal forest and agricultural ecosystems as influenced by management practices and vegetation types.
Agriculture, Ecosystems and Environment, 65: 69-78.
ISERMEYER H., 1952. Eine Einfache Methode sur Bestimmung der Bodenatmung und der Karbonate im Boden. Z.
Pflanzanernah Bodenk 56: 26-38.
KARLEN D.L., WOLLENHAUPT N.C., ERBACH D.C., BERRY E.C., SWAN J.B., EASH N.S., JORDAHL J.L.,
1994a. Crop residue effects on soil quality following 10-years of no-till corn. Soil Tillage Res., 31:
149-167.
KARLEN D.L., WOLLENHAUPT N.C., ERBACH D.C., BERRY E.C., SWAN J.B., EASH N.S., JORDAHL J.L.,
1994b. Long-term tillage effects on soil quality. Soil Tillage Res., 32: 313-327.
MAZZONCINI M., BONARI E., GINANNI M., MENINI S., SANCARLO S., 1996. Earthworms presence as affected
by tillage system in clay soil. Atti 4th ESA Congress, 684-685.
MAZZONCINI M., CROCÈ L., BÀRBERI P., MENINI S., BONARI E., 1999. Crop management systems to conserve
soil fertility after long-term setaside in southern Italy. Proceeding of the Conference on “Sustainable
Management of Soil Organic Matter”, 15-17 September 1999, Edimburgh
POWLSON D.S. e JENKINSON D.S., 1981. A comparison of the organic matter, biomass, ATP and mineralizable N
contents of ploughed and direct-drilled soil. J. Agric. Sci., 97, 713-721.
SMITH M.S.e BLEVINS R.L., 1987. Effect of conservation tillage on biological and chemical soil conditions: regional
and temporal variability. In: Logan, T.J., Davidson, J.M., Baker, J.L., Overcash, M.R., (Eds), Effects
of conservation tillage on groundwater quality: nitrates and pesticide. Lewis Pub., Chelsea, MI., pp.
149-168.
TEBRÜGGE F., BÖRHRNSEN, A., GROSS U., DÜRING R.A, 1994. Advantages and disadvantages of no tillage com-
pared to conventional plough tillage. In: Jensen, H.E., Schjonning, S.A., Mikkelsen, S.A., Madsen,
K.B. (Eds.), Soil Tillage for Crop Production and Protection of the Environment. Proc. 13th ISTRO
Conf., Aalborg, DK, pp. 737-744.
UNGER P.W., CASSEL D.K., 1991. Tillage implement disturbance effects on soil properties related to soil and water
conservation: a literature review. Soil Tillage Res. 19, 363-382.
VANCE E.D., BROOKES P.C., JENKINSON D.S., 1987. An extraction method for measuring soil microbial biomass
C. Soil Biol. Biochem. 19: 703-707.
WARDLE D.A., 1998. Controls of temporal variability of the soil microbial biomass: a global-scale synthesis. Soil Biol.
Biochem., 13: 1627-1637.
185

CONFRONTO DI MODELLI MATEMATICI NELLA


GESTIONE DELL’IRRIGAZIONE
Mecella G., Francaviglia R., Scandella P., Marchetti A.

Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante, Via della Navicella 2-4, 00184 Roma

Introduzione

L’irrigazione in Italia costituisce uno strumento fondamentale di


progresso, in quanto l’agricoltura, non potendosi ormai espandere su nuovi
territori, è costretta a puntare su mezzi tecnici in grado di aumentare la pro-
duttività e quindi la competitività.
Nelle aree mediterranee, caratterizzate da peculiari situazioni
climatiche e pedologiche, nonché da carenze delle risorse idriche, in parti-
colare nei lunghi periodi di siccità estiva, nei quali le richieste idriche delle
colture aumentano, è fondamentale disporre di esatte valutazioni dei deficit
idrici, per programmare la gestione computerizzata dell’irrigazione.
Considerate le caratteristiche intrinseche dei fenomeni che re-
golano i movimenti dell’acqua nel suolo a seguito di irrigazione e le diffi-
coltà operative nell’ottenere dati reali sui flussi idrici dei suoli, si sono an-
dati sempre più diffondendo i modelli e i programmi di simulazione con ap-
procci spesso molto diversi tra loro e sempre con notevoli problemi di vali-
dazione dei risultati ottenuti.
I modelli disponibili non sempre sono in grado di simulare al-
cuni processi importanti per la realtà italiana (es. infiltrazione dell’acqua nel
suolo a seguito di modificazioni dello strato superficiale del suolo, effetto
delle vie di deflusso preferenziali, ecc.) e sono validi in alcune aree, meno
in altre, questo soprattutto in rapporto alla loro capacità previsionale.
La precisione nelle risposte (aderenza alle realtà sperimentali)
costituisce una condizione essenziale per l’adozione di un modello rispetto ad
un altro. Non sempre modelli elaborati in un particolare contesto pedologico
e climatico o con scopi specifici possono essere adottati, senza opportune mo-
difiche, in ambienti diversi o per finalità differenti da quelle “di nascita”.

Progetto Finalizzato Produzione Agricola Nella Difesa dell'Ambiente (PANDA)


Sottoprogetto I, Serie 2, Pubblicazione n. 48

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 185-193 (2001)
186 Mecella et al.

Nel presente lavoro vengono confrontati e discussi gli udo-


grammi relativi allo strato di suolo 0-50 cm registrati sperimentalmente e si-
mulati attraverso tre modelli: CropSyst, EPIC e il modello semideterministi-
co B.Idr.A.S. messo a punto dagli Autori e tarato per le caratteristiche pedo-
climatiche tipiche degli ambienti mediterranei, nei quali è sempre di prima-
ria importanza il problema delle risorse idriche.

Materiali e metodi

Nel lavoro si sono messi a confronto le stime dei bilancio idri-


co elaborato da tre modelli, il modello CropSyst, il modello EPIC ed il mo-
dello B.Idr.A.S., nati con finalità tra loro diverse, al fine di valutarne le pos-
sibilità di utilizzo per la gestione dell’irrigazione in ambienti pedoclimatici
caratteristici di aree agricole italiane.
Il modello EPIC (Erosion Productivity Impact Calculator), svi-
luppato negli USA per studi sull’erosione in funzione della produttività dei
suoli (Williams et al., 1984; Sharpley e Williams, 1990), è in grado di si-
mulare giornalmente il clima, le condizioni idrologiche, la temperatura del
terreno, l’erosione idrica ed eolica, il ciclo dei nutrienti, le operazioni coltu-
rali, il movimento di fitofarmaci e degli elementi nutritivi nelle acque e nei
sedimenti erosi. La previsione della distribuzione di acqua nel profilo si fon-
da su un metodo capacitivo, che simula il flusso da uno strato di terreno ver-
so quello sottostante quando il contenuto idrico supera la capacità di campo.
Data la natura dei fenomeni in studio, da qualche anno il modello ha trova-
to applicazione più in generale nella simulazione di sistemi colturali e delle
ricadute ambientali delle scelte tecniche effettuate.
CropSyst (Cropping Systems Simulation Model) nasce invece
come strumento per la valutazione dell’effetto della gestione dei sistemi col-
turali sulla produttività e l’ambiente (Stockle e Nelson, 1994). Il modello si-
mula con cadenza giornaliera il bilancio idrico e quello dell’azoto, la feno-
logia, la crescita delle colture e dell’apparato radicale, la formazione di bio-
massa, la produzione e la decomposizione di residui colturali ed infine l’ero-
sione idrica. La ridistribuzione dell’acqua nel terreno viene simulata o me-
diante un semplice sistema a cascata o con un metodo che utilizza una solu-
zione numerica dell’equazione di Richards per la stima dei flussi idrici nel
profilo del suolo.
Il modello B.Idr.A.S. è stato elaborato per monitorare nello spa-
zio e nel tempo il ristagno idrico (Mecella e Scandella, 1995; Mecella et al.,
Confronto di modelli matematici nella gestione dell’irrigazione 187

1996). Con l’integrazione gornaliera, combinata con la suddivisione dei pro-


filo in strati di 10 cm, B.Idr.A.S. consente di simulare i movimenti dell’ac-
qua nel suolo, evidenziando l’eventuale fenomeno di idrosaturazione nello
strato di suolo ed il tempo di permanenza dell’acqua nello strato stesso.
Poiché le relazioni che intercorrono tra il suolo, considerato co-
me sistema colloidale, e l’acqua si verificano sempre in termini energetici,
sia per la simulazione della dinamica dell’acqua nel suolo che per la stima
dell’evapotraspirazione reale in funzione del contenuto, idrico ci si è espres-
si in termini di potenziale Ψ.
Per quanto attiene il suolo, i criteri seguiti sono:
• calcolo, per ogni orizzonte del profilo, della regressione più idonea a
rappresentare matematicamente la curva tensione/umidità del suolo;
• suddivisione di ogni orizzonte interessato al bilancio in strati virtuali di
10 cm nei quali le caratteristiche fisiche ed idrologiche sono considerate
omogenee;
• stima dei mm di pioggia utile che penetrano nel primo strato di suolo
al netto del runoff e dei quantitativi che, attraverso le crepacciature, bagna-
no gli strati sottosuperficiali;
• stima della quantità di acqua che entra nello strato in funzione della ve-
locità di infiltrazione e della sorptività, dipendente dal grado di saturazione
idrica dello strato;
• stima, nell’intervallo tra capacità idrica massima e capacità di campo,
della quantità di acqua che percola nello strato successivo in funzione della
sua velocità di infiltrazione e del rapporto di saturazione idrica;
• confronto fra tasso di percolazione dello strato sovrastante e tasso di in-
filtrazione in quello sottostante: quando questo è inferiore la percolazione si
dimensione sul tasso di infiltrazione e lo strato sovrastante rimane in condi-
zioni di ristagno idrico; se lo strato è interessato da una rete di drenaggio,
l’eccesso idrico va ad alimentare la rete di scoline con un tasso di deflusso
proporzionale alla permeabilità laterale;
• quando, secondo le procedure descritte, tutta l’acqua gravitazionale si è
ripartita tra gli strati, tra quelli con contenuto idrico inferiore alla capacità di
campo si instaura un equilibrio sulla base dei potenziali ( con cui l’acqua è
trattenuta al suolo; in altri termini, i movimenti dell’acqua capillare vengo-
no rappresentati mettendo in equilibrio, per strati contigui, i potenziali pre-
senti in quelle particolari situazioni di umidità;
• stima della risalita capillare in presenza di falda, simulando un flusso di
188 Mecella et al.

umidità, sempre mediante l’equilibrio dei potenziali per strati contigui, con-
siderando lo strato che sovrasta la falda a potenziale corrispondente alla ca-
pacità idrica di campo (CIC);
• stima delle crepacciature sulla superficie del suolo, in funzione dei tipo
di suolo e del potenziale idrico degli strati: se presenti gli apporti idrici by-
passano gli strati crepacciati.
La validazione dei modelli è stata effettuata ponendo a con-
fronto le misure di campo delle umidità del suolo (metodo gravimetrico con
almeno tre repliche) con le previsioni generate dai modelli per lo strato di
terreno interessato agli apporti irrigui (0-50 cm di profondità).
Le misure sperimentali derivano da un monitoraggio dello sta-
to idrico del suolo, effettuato per due anni (1987-88) ai fini della gestione
automatizzata dell’irrigazione su colture estive, in campi sperimentali ubica-
ti in aree rappresentative di un’agricoltura intensiva ed in pedoambienti tipi-
ci dell’Italia (Tombesi et al. 1987; I.S.N.P. 1988).
In particolare si tratta di un ambiente semiumido della Pianura
Padana (Mantova) sul quale sono state allevate una coltura di mais da gra-
nella ed una coltura di soia. I suoli, derivati da sedimenti olocenici, sono
classificati come fluvisuoli calcici, con l’orizzonte di superficie limoso ar-
gilloso e gli orizzonti di profondità franco limosi. Tra 50 e 90 cm di profon-
dità è presente un orizzonte di accumulo calcareo, con permeabilità molto
bassa, che causa la formazione di stati di saturazione idrica negli orizzonti
sovrastanti. Le acque in eccesso non riescono a percolare attraverso di esso,
ma defluiscono lateralmente in una rete di drenaggio, che mantiene il livel-
lo di una falda superficiale a circa 200 cm di profondità.
Il secondo è un ambiente semiarido dell’Italia centrale (Paliano
- FR), con caratteristiche mediterranee, nel quale sono state allevate le col-
ture di silomais e di barbabietola da zucchero. I suoli sono classificati come
luvisuoli vertico-ferrici, derivano da cineriti micropomicee rossicce dei si-
stema vulcanico dei Colli Albani, presentano tessitura franco argillosa in su-
perficie ed argillosa in profondità.
L’irrigazione delle colture veniva effettuata in entrambi i pe-
doambienti con volumi medi di adacquamento di 40 mm quando l’umidità
del suolo per lo strato 0-50 cm superava di poco la soglia limite del punto di
intervento irriguo (pF = 3.2).
Le caratteristiche granulometriche ed idrologiche che sono sta-
te utilizzate nelle simulazioni sono riportate nella Tabella 1.
Confronto di modelli matematici nella gestione dell’irrigazione 189

Tabella 1. Principali input idropedologici dei terreni richiesti dai modelli


Strato cm Sabbia Limo Argilla Punto di Capacità Densità Conducibilità
% % % appassimento di campo apparente idrica
% Vol. % Vol. g cm-3 mm h-1
Mais da granella (Mantova)
0-50 19 53 28 0.213 0.276 1.16 40
50-75 16 55 29 0.190 0.255 1.12 48
75-100 13 63 24 0.151 0.241 1.08 64
100-125 9 70 21 0.155 0.253 1.13 37
125-165 5 55 40 0.212 0.277 1.06 23
165-180 13 57 30 0.170 0.254 1.13 17
180-200 14 66 20 0.155 0.261 1.28 14
Soia (Mantova)
0-50 19 57 24 0.216 0.261 1.15 43
50-75 22 57 21 0.161 0.251 1.20 43
75-100 28 58 14 0.119 0.199 1.22 43
100-130 33 59 8 0.076 0.146 1.23 15
130-155 6 57 37 0.239 0.297 1.11 24
155-200 3 59 38 0.229 0.289 1.10 20
Silomais (Paliano)
0-50 23 40 37 0.209 0.343 1.12 37
50-75 14 36 50 0.242 0.348 1.09 63
75-100 13 37 50 0.253 0.355 1.09 63
100-145 13 38 49 0.258 0.370 1.08 84
145-175 15 37 48 0.253 0.351 1.06 78
175-200 20 44 36 0.274 0.361 1.04 202
Barbabietola da zucchero (Paliano)
0-50 23 40 37 0.196 0.308 1.10 47
50-75 16 34 50 0.244 0.343 1.07 58
75-100 14 37 49 0.244 0.343 1.07 75
100-150 15 35 50 0.236 0.329 1.08 75

Risultati e discussione

Dall’esame dei risultati ottenuti e riportati negli udogrammi di


Figura 1 e negli scatterplots di Figura 2, si evidenzia come i modelli presi in
considerazione danno risposte significativamente diverse nei due ambienti
considerati.
Nell’ambiente semiumido della Pianura Padana le simulazioni
mostrano una buona aderenza con i dati sperimentali anche se, per tutti i mo-
delli, gli andamenti ottenuti con le simulazioni anticipano di qualche giorno
le umidità reali dei suolo (Figura 1). Va inoltre sottolineata una tendenza al-
la sottostima dei valori di umidità da parte dei modelli EPIC e CropSyst, leg-
germente più accentuata per EPIC (Figura 2).
190 Mecella et al.

Mantova Paliano
50 50
Mais da granella 1987
45 45 Silomais 1987
40 40
35 35
umidità % vol

umidità % vol
30 30
25 25
20 20
15 15
10 10
5 5
0 0
130 150 170 190 210 230 250 130 150 170 190 210 230 250

50 50
Soia 87 Silomais 1988
45 45
40 40
umidità % vol

35 35
umidità % vol

30 30
25 25
20 20
15 15
10 10
5 5
0 0
130 150 170 190 210 230 250 150 170 190 210 230 250 270
giorno giuliano

sperimentale B.Idr.A.S. CropSyst EPIC p


giorni di crescita p

50
45 Barba88
40
Figura 1 Udogrammi delle simulazioni 35
umidità % vol

per le colture considerate nei due am- 30


25
bienti pedoclimatici. 20
15
10
5
0
140 160 180 200 220 240 260
giorno giuliano
sperimentale B.Idr.A.S. CropSyst EPIC

Queste “imprecisioni” nei risultati sono probabilmente da ascri-


versi alla difficoltà dei modelli ad interpretare correttamente la permeabilità
dell’orizzonte di accumulo calcareo. La presenza di tale strato infatti provo-
ca un rallentamento nella velocità di percolazione dell’acqua, che viene sot-
tostimato da entrambi i modelli.
Nell’ambiente di Paliano, in clima subarido, i modelli
B.Idr.A.S. ed EPIC presentano una buona aderenza ai valori misurati; il mo-
dello CropSyst invece, a partire dalla seconda metà dell’estate, tende a so-
vrastimare i contenuti idrici del suolo, Tale deriva dovrebbe imputarsi alla
particolare natura dei minerali argillosi delle cineriti vulcaniche, che caratte-
rizzano questi suoli, conferendo loro una tessitura argillosa apparente, che
non corrisponde ad un analogo comportamento idrologico (Francaviglia et
al., 1999).
Confronto di modelli matematici nella gestione dell’irrigazione 191

Mantova Paliano
50 50
B.Idr.A.S. B.Idr.A.S.

40 40

umidità simulata % vol


umidità simulata % vol

30 30

20 20

10 10

0 0
0 10 20 30 40 50 0 10 20 30 40 50
umidità sperimentale % vol umidità sperimentale % vol
50 50
EPIC
EPIC

40 40
umidità simulata % vol
umidità simulata % vol

30 30

20 20

10 10

0 0
0 10 20 30 40 50 0 10 20 30 40 50
umidità sperimentale % vol umidità sperimentale % vol
50 50
CropSyst CropSyst

40 40
umidità simulata % vol
umidità simulata % vol

30 30

20 20

10 10

0 0
0 10 20 30 40 50 0 10 20 30 40 50
umidità sperimentale % vol umidità sperimentale % vol

Figura 2 Scatterplots delle umidità simulate per tutte le colture nei due ambienti
considerati.
192 Mecella et al.

Conclusioni

I risultati del confronto tra le umidità del suolo elaborate dai


modelli B.Idr.A.S., EPIC e CropSyst e i valori sperimentali derivati da pro-
ve irrigue devono intendersi ancora preliminari in quanto riferibili a pochi
ambienti pedoclimatici e solo ad alcune colture.
Possono comunque essere fatte alcune considerazioni di carat-
tere generale sulle capacità previsionali dei modelli considerati.
Gli esiti di queste simulazioni, relativamente al bilancio idrico,
sembrano indicare come tutti i modelli sovrastimino in tutti gli ambienti e
per tutte le colture considerate le perdite di acqua anticipando di qualche
giorno i reali contenuti idrici del suolo.
Particolarmente importante risulta la sovrastima delle umidità
elaborata da CropSyst nell’ambiente pedoclimatico di Paliano nel periodo di
massimo intervento irriguo.
Ne deriva che l’utilizzo generalizzato di questi modelli per la
gestione computerizzata dell’irrigazione appare al momento ottimistica, in
quanto le discrepanze evidenziate che nel caso specifico per EPIC e
B.Idr.A.S. risultano di poco conto, indicano comunque la necessità di vali-
dare e tarare al meglio i modelli per ciascuna zona di intervento. Ciò com-
porta l’ausilio di consistenti banche dati soprattutto in ambienti nei quali la
variabilità climatica e pedologica è elevata, come nel caso dell’Italia e dei
Paesi mediterranei.
La difficoltà di tali validazioni resta sempre infatti quella di re-
perire dati sperimentali attendibili, in particolare di umidità del suolo per dif-
ferenti colture e per lunghi periodi. Diversamente, l’utilizzo di modelli per
la gestione computerizzata dell’irrigazione rimane inficiato da errori, che
possono riflettersi negativamente sia nei confronti dell’ambiente che nel con-
sumo di acqua.

Bibliograria

FRANCAVIGLIA R., MECELLA O., SCANDELLA P., MARCHETTI A. 1999. Model Comparison to evaluate the soil
moisture content in different pedoclimatic regions. International Symposium “Modelling Cropping
Systems” ESA, Lleida (Spagna), Giugno 1999.
MECELLA G., SCANDELLA P., 1995. B.Idr.A.S. Il Bilancio Idrico per le Aree Sensibili. In “Il Ruolo della PEDO-
LOGL4 nella Pianificazione e Gestione del Territorio”. Atti del Convegno della Società Italiana del-
la Scienza del Suolo. Cagliari 6-10 giugno 1995.
Confronto di modelli matematici nella gestione dell’irrigazione 193

MECELLA G., SCANDELLA P., FRANCAVIGLIA R., COSTANTINI A. 1996. B.Idr.A.S. - Un modello per la stima
dei contenuti di acqua nel suolo ai fini della valutazione della sensibilità delle aree. Agricoltura
Ricerca 164, 165-166, 45-54, luglio-dicembre 1996.
SHARPLEY A.N., WILLIAMS J.R., 1990. EPIC - Erosion Productivity Impact Calculator. Model Documentation, U.S.
Department of Agriculture Technical Bulletin n. 1768, 235pp.
STOCKLE C.O., NELSON R.L., 1994. CropSyst, Cropping Systems Simulation Model. User’s manual. Department of
Biological Systems Engineering, Washington State University, Pullman, Washington.
TOMBESI L., MECELLA G., FRANCAVIGLIA R., COSTANTINI A., SCANDELLA P., MORETTI R., DI BLASI N.,
PIERANDREI F. 1987. L’informatica applicata alla gestione idrica delle colture. Nota 1 - Confronto
tra il metodo proposto dall’Istituto e quelli derivati dalla formula di Penman. Supplemento Annali
Ist. Sper. Nutr. Piante. Roma.
WILLIAMS J.R., JONES C.A., DYKE P.T., 1984. A modeling approach to determine the relationship between erosion
and soil productivity. Transaction of the ASAE. 27 (1): 129-144.
I.S.N.P. 1988. L’informatica applicata alla gestione idrica delle colture. Nota II - Confronto tra il metodo proposto
dall’Istituto e quelli derivati dalla formula di Penman. Supplemento Annali Ist. Sper. Nutr. Piante.
Roma.
195

LA GEOSTATISTICA APPLICATA ALLO STUDIO DELLA


VARIABILITÀ TERRITORIALE DELLA PERMEABILITÀ
DEI SUOLI: ALTA VALLE DEL TEVERE 1
Mecella G.*, Scandella P.*, Raspa G.**, Gomez L.H.**
* Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante
**Dipartimento I.C.M.M.P.M.- Università di Roma “La Sapienza”

Premessa

Per una efficace pianificazione della pratica irrigua, al fine di li-


mitare i fenomeni degenerativi del suolo e delle acque sottosuperficiali e pro-
fonde, l’attenzione deve essere concentrata soprattutto sugli strati superficiali
del suolo, dove ha luogo la ripartizione degli apporti meteorici e da dove
hanno origine i fenomeni di infiltrazione, deflusso superficiale, deflusso sot-
terraneo, evaporazione e traspirazione.
L’elaborazione di carte di isovalori di permeabilità, strumento
indispensabile per la pianificazione di una irrigazione sostenibile ed eco-
compatibile, risulta spesso compromessa dalla limitata disponibilità di dati
sperimentali relativi alle proprietà idrauliche dei suoli e dall’elevato costo in
termini economici e di tempo che le relative misure richiedono. Inoltre nel-
le problematiche di interesse pratico, la validità delle indispensabili interpo-
lazioni a cui si perviene è subordinata alla conoscenza della variabilità nello
spazio delle caratteristiche idropedologiche dei suoli e all’affidabilità delle
tecniche di interpolazione necessarie per ottenere stime attendibili per punti
in cui non sono disponibili informazioni.
Nel lavoro si è evidenziato come, attraverso i metodi geostati-
stici, sia possibile utilizzare al meglio l’informazione disponibile ai fini del-
la ricostruzione spaziale delle caratteristiche idrauliche dei suoli
(Wackernagel, 1995). L’informazione è costituita da misure della variabile
diretta, conducibilità idraulica, e da misure di variabili con essa correlate.

1 Progetto Finalizzato Produzione Agricola Nella Difesa dell'Ambiente (PANDA)


Sottoprogetto 1, Serie 2, Pubblicazione n. 49

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 195-203 (2001)
196 Mecella et al.

Materiali e metodi
Area in studio e caratteristiche fisico-idrologiche
Lo studio ha interessato il territorio dell’Alta Valle del Tevere
(Città di Castello) della superficie di circa 23.000 ha, già oggetto di prece-
denti indagini condotte negli anni ‘80. I suoli presenti nel territorio sono
Fluvisuoli eutrici, Regosuoli calcici, Luvisuoli ortici, talvolta gleyci e calci-
ci (Mecella et al., 1986). In particolare nel precedente studio, che aveva co-
me fine primario la redazione di una carta di classificazione dei terreni ai fi-
ni irrigui, erano stati rilevati dei profili e su 52 di essi erano state effettuate
le determinazioni analitiche necessarie per la caratterizzazione fisico-idrolo-
gica del suolo. La valutazione della permeabilità media di ciascuna unità di
suolo derivava sia da misure di infiltrazione superficiale in situ che da mi-
sure di conducibilità idraulica effettuate in laboratorio sui campioni di suolo
prelevati da ciascun orizzonte. Nella Tabella 1 sono riportati, per classi di
tessitura, i valori medi e le deviazioni standard delle caratteristiche fisico-
idrologiche dei suoli suddivise nei tre orizzonti normalmente intercettati en-
tro la profondità di investigazione di 120 cm.
Tabella 1 Valori delle caratteristiche fisico-idrologiche medie e Deviazioni
Standard per gli orizzonti compresi entro i 120 cm di profondità
Variabili analitiche Orizzonti
superficiale medio profondo
media D.S. media D.S. media D.S.
Tessitura equilibrata-argillosa
profondità superiore cm 0 0 40 9 80 25
profondità inferiore cm 40 9 80 25 120 23
sabbia grossa % 6.9 3.9 5.5 4.1 5.5 5.3
sabbia fine % 16.7 6.7 16.0 8.7 15.0 9.5
limo % 57.3 5.9 56.5 6.4 54.8 7.4
argilla % 19.1 6.3 22.0 8.5 24.7 9.0
pF = 2.0 (10 kPa) 32.1 5.5 32.7 6.4 34.4 5.9
pF = 2.5 (33.3 kPa) 24.0 4.0 25.8 4.8 27.1 5.0
pF = 3.0 (100 kPa) 19.1 3.8 21.1 4.9 22.1 4.7
pF = 4.2 (1500 kPa) 12.9 3.4 13.8 4.2 14.2 4.3
conducibilità idraulica mm/h 12.8 3.2 11.1 4.0 11.1 8.6
Tessitura equilibrata-sabbiosa
profondità superiore cm 0 0 40 9 80 16
profondità inferiore cm 40 9 80 16 115 25
sabbia grossa % 14.5 5.9 15.0 6.0 13.6 6.9
sabbia fine % 23.7 6.9 24.2 7.9 30.2 11.2
limo % 43.9 3.6 42.8 5.9 40.0 5.3
argilla % 17.9 5.1 18.0 5.2 16.2 6.6
pF = 2.0 (10 kPa) 28.7 3.5 29.2 4.5 26.8 3.9
pF = 2.5 (33.3 kPa) 22.1 3.4 22.5 3.2 20.0 3.5
pF = 3.0 (100 kPa) 17.3 3.0 17.8 3.3 15.4 3.2
pF = 4.2 (1500 kPa) 11.8 2.7 11.8 3.3 9.8 3.2
conducibilità idraulica mm/h 27.1 3.0 25.0 8.1 24.8 6.8
La geostatistica applicata allo studio della variabilità territoriale della permeabilità dei suoli: Alta
Valle del Tevere 197

Modellizzazione geostatistica
Per la ricostruzione del campo di permeabilità è stata impiegata
la metodologia del cokriging, che è basata sulle auto e mutue correlazioni del-
le variabili. In termini quantitativi tali correlazioni sono descritte dall’insieme
dei variogrammi sperimentali, diretti ed incrociati, le cui analisi ed interpre-
tazione sono tese ad evidenziare le differenti scale di variabilità del processo
(Raspa & Bruno, 1993). Aggiustato in forma matematica opportuna, l’insie-
me dei variogrammi costituisce il “modello di corregionalizzazione”.

Risultati e discussione

Analisi della variabilità


Le variabili prese in considerazione sono sabbia grossa, sabbia
fine, limo, argilla, curva di ritenzione idrica (pF = 2.0, pF = 2.5, pF = 3.0,
pF = 4.2) e conducibilità idraulica.
L’analisi ha messo in evidenza la presenza, per ognuno dei tre
orizzonti, di due strutture spaziali di variabilità, descritte quantitativamente da
due variogrammi isotropi di tipo sferico, uno avente un “range” 1.5 Km e l’al-
tro 20 Km. Sull’insieme delle variabili di ciascun orizzonte è stato aggiusta-
to un modello lineare di corre-
gionalizzazione.
Nella Figura 1 si riportano a
titolo d’esempio i variogrammi
sperimentali ed il modello di
uno dei tre orizzonti considera-
ti (orizzonte medio). Come si
può osservare anche macrosco-
picamente, le due strutture so-
no presenti, con peso diverso,
in tutte le variabili. E questo
avviene in maniera diversa per
ognuno degli orizzonti.
Figura 1 Variogrammi diretti ed
incrociati delle variabili conside-
rate in ordine di sequenza: sabbia
grossa, sabbia fine, limo, argilla,
curva di ritenzione idrica (pF =
2.0, pF = 2.5, pF = 3.0, pF = 4.2)
e conducibilità idraulica.
198 Mecella et al.

Nella Tabella 2 si riportano, relativamente a tutti e tre gli oriz-


zonti e per entrambe le strutture di variabilità e per quella complessiva, i sills
dei variogrammi diretti delle variabili prese in esame. Si ricorda che i sills
delle strutture di un variogramma rappresentano le dispersioni delle compo-
nenti spaziali delle variabili e la somma dei sills corrisponde alla dispersio-
ne complessiva delle variabili.
Tabella 2 Dispersione delle componenti spaziali delle variabili risultanti dall’ag-
giustamento del modello
Struttura 1.5 Km Struttura 20 Km Somma strutture
Variabile Or sup Or med Or prof Or sup Or med Or prof Or sup Or med Or prof
sabbia grossa 22.5 13.3 28.4 12.5 45.1 31.0 35.0 58.4 59.4
sabbia fina 38.3 65.6 132.5 23.2 24.2 34.8 61.5 89.8 167.3
limo 60.3 51.0 111.7 16.9 46.4 34.0 77.2 97.4 145.7
argilla 28.9 47.6 78.6 11.3 12.0 12.3 40.2 59.6 90.9
conducibilità idraulica 41.5 45.9 41.3 15.7 48.1 80.0 57.2 94.0 131.3
pF = 2.0 13.8 14 4 26 4 19 5 29.4 22.0 33.3 43.8 48.5
pF = 2.5 6.7 10.6 24.1 2.3 13.6 11.9 19.0 24.3 36.0
pF = 3.0 5.7 12.9 21.5 11.5 11.9 9.8 17.2 24.8 31.3
pF = 4.2 5.2 11.0 17.3 10.0 6.4 5.9 15.2 17.4 23.2

Osservando le ultime tre colonne si constata come la dispersio-


ne globale di tutte le variabili aumenta con la profondità. In particolare, pas-
sando dall’orizzonte superficiale a quello profondo, la dispersione comples-
siva aumenta da un minimo del 50 % per le ritenzioni idriche ad un massi-
mo del 170 % per la sabbia fina.
Se si passa invece a considerare le strutture spaziali, si nota che,
ad eccezione della conducibilità idraulica, l’aumento della dispersione con la
profondità si riscontra solo per la componente a piccola scala dove l’aumen-
to è molto più accentuato che non per la variabilità complessiva. Alla gran-
de scala la dispersione non mostra tendenza all’aumento. La variabilità com-
plessiva del fenomeno è dominata quindi dalla struttura a piccola scala.
Questi risultati confermano quanto rilevato durante l’indagine
di campo, durante la quale si è evidenziato come le pratiche agronomiche di
monocoltura utilizzate per anni nell’area hanno omogeneizzato le caratteri-
stiche fisiche dei suoli, limitatamente all’orizzonte superficiale.
Per quanto riguarda la conducibilità idraulica, caratteristica pre-
valentemente dipendente dalla successione degli orizzonti, che come già det-
to ha un comportamento opposto alle altre variabili, l’esame variografico
conferma come, alla grande scala, le condizioni strutturali dei suoli risultino
prevalenti sulle modificazioni imposte alle condizioni fisiche dalla condu-
zione agronomica.
La geostatistica applicata allo studio della variabilità territoriale della permeabilità dei suoli: Alta
Valle del Tevere 199

Un altro aspetto dell’analisi multivariata riguarda i legami tra le


variabili, che risultano fortemente correlate fra loro, denunciando un’infor-
mazione ridondante.
In particolare:
• i valori relativi alla curva di ritenzione idrica ed al contenuto di argilla
sono direttamente e fortemente correlati tra di loro, sia alla grande che alla
piccola scala, con coefficienti di correlazione che vanno da 0.7 a 0.9, al va-
riare della struttura e dell’orizzonte;
• alla grande scala, la curva di ritenzione idrica presenta una forte correla-
zione inversa con la sabbia grossa, la sabbia fine e la permeabilità, con coeffi-
cienti di correlazione che vanno da -0.74 a -0.97. Alla piccola scala invece,
mentre le correlazioni tra lo stesso gruppo di variabili con la sabbia fine si
mantengono come nella grande scala, le correlazioni con la sabbia grossa e la
permeabilità sono pressocchè inesistenti nei primi due orizzonti, mentre sono
presenti nel terzo, con coefficienti di correlazione che vanno da -0.5 a -0.7;
• il limo mostra un comportamento simile a quello del gruppo ritenzione
idrica-argilla, con una differenza particolare: alla grande scala il limo, come
le variabili del gruppo citato, con le quali è in forte correlazione diretta (co-
efficienti di correlazione da 0.78 a 0.98), presenta un forte legame inverso
con sabbia grossa, sabbia fine e permeabilità (coefficienti di correlazione da
-0.75 a -0.98). Alla piccola scala, il limo, analogamente alle variabili del
gruppo ritenzione idrica-argilla, non ha correlazione con sabbia grossa e sab-
bia fine (se non lievemente nel terzo orizzonte), mentre mostra una buona
correlazione inversa con la conducibilità idraulica. I relativi coefficienti di
correlazione sono di -0.56, -0.37 e -0,68 rispettivamente negli orizzonti su-
perficiale, medio e profondo.
L’esistenza di una correlazione inversa tra limo e conducibilità
idraulica anche alla piccola scala distingue il limo dall’argilla ed evidenzia
come la componente limosa sia la responsabile della debole struttura dei suo-
li e quindi della moderata permeabilità.
L’ACP (Analisi in Componenti Principali), applicata alle due
matrici di correlazione, risultanti dal modello lineare aggiustato, consente di
osservare più facilmente i legami statistici tra le componenti delle variabili
sopra descritti.
Per le componenti a grande scala i primi due fattori spiegano il
96.3%, il 92.6% ed il 98.7% della variabilità complessiva, rispettivamente
per il primo, secondo e terzo orizzonte. Il solo primo fattore ne spiega ri-
spettivamente l’89.2%, l’83.2% ed il 90.1%, mentre il secondo fattore ha una
200 Mecella et al.

incidenza trascurabile. Il primo fattore è fortemente correlato in maniera in-


versa con la ritenzione idrica, l’argilla ed il limo e in maniera diretta con sab-
bia grossa, sabbia fina e conducibilità idraulica. Tale fattore rappresenta chia-
ramente la granulometria.
Per le componenti a piccola scala i primi due fattori spiegano
per i tre orizzonti rispettivamente il 72.7%, l’80.3% e l’87.6%, mentre il pri-
mo ne spiega il 47.2%, il 58.8% ed il 74.0%. In questo caso la presenza con-
sistente di un secondo fattore, essenzialmente legato al contenuto di limo,
rende il fenomeno diverso rispetto al caso delle componenti a grande scala.
Si ricorda che la conducibilità idraulica della componente a piccola scala, al-
meno negli orizzonti superficiali e mediamente profondi è scarsamente cor-
relata con le altre variabili: solo con il limo presenta una discreta correla-
zione di tipo inverso.

Ricostruzione della permeabilità


Come è noto l’impiego del cokriging, che costituisce la meto-
dologia di stima principale della geostatistica multivariata, è particolarmen-
te vantaggioso in due situazioni:
• quando si devono stimare variabili che devono soddisfare relazioni li-
neari di coerenza;
• quando nei punti dove non è disponibile la misura della variabile di in-
teresse sono invece disponibili misure di variabili ausiliarie. In tal caso, se
le variabili ausiliarie sono ben correlate con quella di interesse, si può mi-
gliorare notevolmente la precisione della stima.
Nel caso oggetto del presente studio ricorrono le condizioni per
trarre i vantaggi offerti dal cokriging.
La prima situazione riguarda la stima delle percentuali delle va-
riabili che definiscono la tessitura del terreno, cioè sabbia fina, sabbia gros-
sa, limo e argilla. Le loro misure danno come somma 100 e questo legame
deve continuare a valere anche per i valori stimati. Se le stime sono effet-
tuate a mezzo dei cokriging questo vincolo è rispettato; non lo è invece se si
è utilizzato il kriging.
La seconda situazione si riferisce alla opportunità di utilizzare,
per la ricostruzione della carta della conducibilità idraulica, anche le percen-
tuali di sabbia grossa, sabbia fina, limo e argilla, in quanto esse, come è ri-
sultato dallo studio di corregionalizzazione, sono ben correlate con essa.
Questo consente di elaborare una carta di conducibilità idraulica (permeabi-
lità) con poche determinazioni (determinazioni di controllo) ed elaborare le
La geostatistica applicata allo studio della variabilità territoriale della permeabilità dei suoli: Alta
Valle del Tevere 201

linee di isovalori attraverso le determinazioni di tessitura normalmente più


numerose negli studi territoriali.
Una prima ricostruzione della permeabilità è stata effettuata tra-
mite kriging utilizzando esclusivamente le misure dirette della variabile in nu-
mero di 52. La carta ottenuta è riportata in Figura 2(a). Se si fossero utilizza-
te, tramite cokriging, anche le quattro variabili tessiturali misurate nei 52 pun-
ti campionati non si sarebbe ottenuto alcun miglioramento nella precisione
della stima, poiché le variabili ausiliarie, essendo note negli stessi punti in cui
è nota la variabile diretta, non costituiscono un supplemento di informazione.
Figura 2 Ricostruzione della permeabilità: solo con i 52 valori della misura diretta
(a); con 25 valori della misura diretta e le variabili della tessitura (b)

a) b)
Se invece si prova a fare a meno di alcune misure di conduci-
bilità idraulica, ed al loro posto si utilizzano le percentuali di sabbia grossa,
sabbia fine, limo e argilla, il contenuto informativo, date le correlazioni vi-
ste sopra, non diminuisce di molto e la carta risultante, ottenuta mediante co-
kriging, si avvicina a quella ottenuta con i soli 52 valori di conducibilità
idraulica. Nella Figura 2(b) si può osservare come la carta della permeabili-
tà ottenuta avendo rimosso più della metà (27) dei valori diretti e avendoli
sostituiti con le quattro variabili relative alla tessitura non differisce di mol-
to dalla carta di Figura 2(a).
202 Mecella et al.

Non facendo intervenire le variabili relative alla tessitura nei


punti in cui la permeabilità è stata rimossa, ma effettuando la stima con le
sole 25 misure residue, la carta che si ottiene è sensibilmente diversa.
L’aumento di precisione che si ottiene nella stima della per-
meabilità impiegando anche le misure di tessitura appare ancora più eviden-
te osservando la Figura 3. In essa il grafico (a) rappresenta lo scatterplot tra
i 52 valori della permeabilità misurati e quelli stimati negli stessi punti tra-
mite kriging a partire, ognuno, dagli altri 51. Il grafico (b) rappresenta lo
scatterplot tra i 52 valori misurati ed i corrispondenti stimati, tramite co-
kriging, a partire dagli altri 51 valori con l’aggiunta, nei punti di stima, del-
l’informazione relativa alla tessitura.
Figura 3 Cross-validazione con 52 campioni: (a) kriging, (b) cokriging
40 40

35 35
Conducibilità idraulica stimata mm/h
Conducibilità iraulica stimata mm/h

30 30

25 25

20 20

15 15

10 10

5 5

0 0
0 5 10 15 20 25 30 35 40 0 5 10 15 20 25 30 35 40
Conducibilità idraulica misurata mm/h Conducibilità idraulica misurata mm/h

a) b)
Conclusioni

La procedura di studio adottata (modello di corregionalizzazio-


ne) è di notevole interesse applicativo, in quanto con poche misure di per-
meabilità e numerose determinazioni granulometriche, è possibile redigere
carte di isopermeabilità confrontabili con quelle elaborate con studi più lun-
ghi e complessi (Figura 4).
Naturalmente tale procedura non può, come qualità e precisio-
ne, essere sostitutiva del rilevamento di campo, ma può consentire di meglio
pianificare il grado di dettaglio necessario negli studi per reperire le infor-
mazioni indispensabili ad una approfondita conoscenza delle caratteristiche
idropedologiche del territorio.
La geostatistica applicata allo studio della variabilità territoriale della permeabilità dei suoli: Alta
Valle del Tevere 203

Figura 6 Carta della permeabilità derivata La redazione di tali


dallo studio di Land Classification cartografie mediante elaborazio-
ni geostatistiche, che utilizzano
Permeabilità
grandezze fisiche facilmente re-
mm/h peribili, diviene propedeutica per
< 20
la progettazione e la realizzazio-
ne degli interventi irrigui; inoltre
≥ 20 essendo la permeabilità dei suoli
un indice di sensibilità delle aree
fortemente condizionato dagli
interventi antropici, l’applicazio-
ne della geostatistica diventa di
notevole ausilio per la pianifica-
zione del territorio.

Bibliografia

MECELLA G., SCANDELLA P., DI BLASI N., PIERANDREI F., BIONDI F.A. 1986. Land classification ed aspetti
climatici del territorio dell’Alta Valle del Tevere, Annali Istituto Sperimentale per la Nutrizione del-
le Piante. Vol XIII. I.S.N.P. Roma.
RASPA G., BRUNO R. 1993. Integration between geostatistical methodologies and GIS environments geo-data: then
factorial kriging. Conference Proceedings EGIS 93.
WACKERNAGEL H. 1995. Multivariate geostatistics, Springer, New York.
205

COMPARAZIONE DEI FLUSSI DI MINERALIZZAZIONE


DELL’AZOTO E DEL CARBONIO IN DUE SUOLI
FORESTALI A QUERCUS CERRIS
Orietta Micciulla, Maria Teresa Dell’Abate, Alberto Alianello
Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante di Roma

Riassunto
Nel presente lavoro vengono presentati i risultati di uno studio effettuato in due
siti forestali dell’Italia centrale, situati in aree caratterizzate da clima temperato e co-
pertura dominante a Quercus cerris, mirato a seguire la dinamica dell’azoto, che rap-
presenta una parte importante del ciclo dei nutrienti nell’ecosistema forestale. E’ sta-
to applicato un metodo sperimentale tarato sul suolo agrario, che permette di deter-
minare la mineralizzazione potenziale dell’azoto organico, verificando inoltre l’ido-
neità delle condizioni di incubazione per i suoli forestali. Le dinamiche microbiche,
che governano i processi di degradazione della sostanza organica del suolo, sono sta-
te investigate determinando la respirazione del terreno, il carbonio della biomassa
microbica e gli indicatori microbiologici correlati (Cb/TOC e qCO2)
I risultati hanno mostrato che la comunità microbica presente tende ad essere re-
calcitrante all’innesco della mineralizzazione: le quantità di azoto mineralizzato in
condizioni potenziali sono risultate infatti piuttosto basse (non superiori al 4% del-
l’azoto totale) e simili alle diverse profondità. L’andamento dei flussi del carbonio
attraverso la biomassa microbica del terreno, indicati dai parametri Cb/TOC e qCO2,
hanno evidenziato una condizione di instabilità del sistema, la cui possibile causa è
stata individuata nelle cure selvicolturali: in un caso per l’intervento di conversione
a bosco ad alto fusto e nell’altro a causa del processo di invecchiamento a cui il bo-
sco è soggetto.

Introduzione

Lo studio della qualità del suolo negli ecosistemi naturali viene


generalmente affrontato seguendo un approccio olistico, ed il concetto di
“qualità del suolo”, definito tuttora in modo non univoco, è stato descritto
come “l’abilità che il suolo ha di seguire le naturali successioni delle bioce-
nosi in esso presenti” (Doran & Parkin,1994). Essa è una componente fon-
damentale della stabilità dell’intero ecosistema ed una sua alterazione porta
nel tempo al degrado dello stesso.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 205-214 (2001)
206 Miciulla et al.

Studi condotti hanno messo in evidenza che la qualità di un suo-


lo può dipendere dal turnover della sostanza organica del suolo, a sua volta
controllato dalla biomassa microbica e da parametri fisici, quali l’umidità, la
temperatura, la salinità ed il pH, dall’intensità di illuminazione, dalla pre-
senza di sostanze chimiche prodotte dalle piante o dai microrganismi, che a
loro volta influenzano l’efficienza dei microrganismi tellurici nel degradare
e trasformare la sostanza organica del suolo (Anderson & Domsch, 1990).
In questo lavoro ci si è posti l’obiettivo di studiare la dinamica
dell’azoto, che rappresenta una parte importante del ciclo dei nutrienti nel-
l’ecosistema forestale, applicando un metodo sperimentale tarato sul suolo
agrario, che permette di determinare la mineralizzazione potenziale dell’a-
zoto organico (Stanford & Smith, 1972) ed è ampiamente utilizzato per i suo-
li agrari (Benedetti & Sebastiani, 1997). Le condizioni di incubazione di ta-
le metodo sono considerate infatti ottimali per l’attività microbica, tuttavia
non è mai stato verificato se nei suoli forestali possano indurre una situazio-
ne di stress. A tal fine, al termine della prova di mineralizzazione potenzia-
le dell’azoto, è stata allestita una prova di mineralizzazione del carbonio in
presenza di un substrato facilmente metabolizzabile dalla biomassa del suo-
lo, che ha consentito inoltre di valutare comparativamente i flussi di mine-
ralizzazione potenziale dell’azoto e del carbonio.
I campioni di suolo utilizzati provengono da due siti forestali
dell’Italia centrale situati in aree caratterizzate da clima temperato e coper-
tura dominante a Quercus cerris. La scelta è caduta su questi due siti in quan-
to presentavano i valori maggiori di pH, buona dotazione di calcio e magne-
sio nel complesso di scambio e quindi condizioni favorevoli alla mineraliz-
zazione: è noto infatti che la nitrificazione è inibita da bassi valori di pH,
mentre non è chiara la dipendenza dal pH dei processi globali di mineraliz-
zazione della sostanza organica del suolo (Curtin et al., 1998).
I due siti, con caratteristiche pedologiche diverse, sono stati
inoltre comparati sulla base dei parametri microbiologici già utilizzati nei si-
stemi agrari (quoziente metabolico, rapporto carbonio biomassa su carbonio
organico totale), che possono evidenziare eventuali situazioni di disturbo e
descrivere lo stato del sistema nel suo complesso.

Materiali e metodi

Aree di studio
Il presente lavoro è stato effettuato in due aree forestali dell’Ita-
lia centrale. I suoli sono stati classificati adottando la classificazione FAO del
Comparazione dei flussi di mineralizzazione dell’azoto e del carbonio in due suoli forestali a
Quercus cerris 207

1990: nel primo sito (Marche) è risultato essere un Haplic LUVISOLS mentre
il sito dell’Umbria un Eutric CAMBISOLS (tabella 1).
Tabella 1. Descrizione delle aree di studio.
Sito Quota Temperatura media Esposizione Substrato Erosione Biocenosi
annua (°C) Pedologico
Precipitazioni Pendenza
medie annue (mm)
Marche 775 m 10 SSE Calcari Forte Bosco ceduo
s.l.m. marnoso- diffusa invecchiato a
1250 46% arenacei Quercus cerris
Umbria 725m 11 NE Flisch Forte Bosco ceduo in
s.l.m. argilloso- diffusa - conversione a
1250 22% arenaceo incanalata Quercus cerris

Il campionamento è stato effettuato secondo i metodi adottati


dall’ICP-Forests (International Co-operative programme on assessment and
monitoring of air pollution effects on forest, 1994). In particolare il prelievo
dei campioni è stato effettuato all’interno di un’area omogenea, in cinque
punti scelti in prossimità di altrettanti alberi di Quercus cerris. Dopo aver ri-
mosso la lettiera si è proceduto al prelievo dei campioni dello strato minera-
le secondo 3 profondità fisse (0-10, 10-20, 20-40 cm). Lo strato organico su-
periore (orizzonte O) è stato campionato separatamente. I cinque campioni
di suolo, prelevati per ciascuna profondità, sono stati poi uniti in modo da
ottenere un campione medio rappresentativo. Tutti i campioni sono stati suc-
cessivamente seccati all’aria e setacciati a 2 mm. In tabella 2 sono riportati
i principali parametri chimici relativi ai campioni medi.
Tabella 2. Valori di pHH2O, azoto totale (Ntot%), carbonio organico totale (TOC
%) e rapporto C/N (Alianello et al., 1996).
Sito Strato pH Ntot % TOC % C/N
Marche Orizzonte O 6,7 0,76 15,4 20
0-10 6,6 0,18 2,7 15
10-20 6,6 0,15 2,6 17
20-40 6,8 0,12 2,4 20
Umbria Orizzonte O 6,6 0,74 14,5 19
0-10 6,7 0,38 4,3 11
10-20 7,2 0,28 2,5 9
20-40 7,1 0,22 1,5 7

La mineralizzazione potenziale dell’azoto è stata determinata


seguendo il metodo biochimico di Stanford e Smith modificato da Benedetti
(1983): i campioni di suolo sono stati incubati in condizioni idriche e termi-
che ottimali (30 °C, 100% WHC) per 32 settimane e sottoposti a liscivia-
zione ad intervalli prefissati (2, 4, 8, 12, 16, 20 e 32 settimane) dell’azoto
mineralizzato dalla sostanza organica del suolo. Le forme minerali in solu-
208 Miciulla et al.

zione sono state poi determinate mediante analizzatore automatico a flusso


continuo secondo Wall et al. (1975) per l’ammonio, secondo Kamshake et
al. (1967) per i nitrati e secondo Keeney, Nelson (1982) per i nitriti.
La valutazione della mineralizzazione del carbonio è stata con-
dotta seguendo la respirazione del terreno con il metodo descritto da isermayer
(1995) sia sul tal quale che in presenza di substrato; il metodo si basa sulla de-
terminazione della CO2 che si libera durante l’incubazione del suolo in un si-
stema chiuso, in condizioni di umidità e temperatura controllate. La respirazio-
ne indotta da substrato è stata utilizzata per evidenziare la parte della biomassa
del suolo ancora attiva nella sua globalità (Anderson, Domsch 1978; 1990) al
termine della prova di mineralizzazione potenziale. Il glucosio è stato aggiunto
al terreno nella misura di 2 mg di carbonio⋅g-1 suolo; il sistema così preparato
è stato incubato a 30 °C, analizzando per 25 giorni ad intervalli giornalieri la
CO2 prodotta, fino al raggiungimento di valori costanti di respirazione. La CO2
svolta, raccolta su una soluzione di soda a titolo noto, è stata determinata per ti-
tolazione della soda in eccesso con acido cloridrico dopo l’aggiunta di cloruro
di bario per far precipitare sotto forma di carbonati la CO2 presente.
E’ stato calcolato il quoziente di mineralizzazione (qmC = C-
CO2/TOC) che esprime la frazione di carbonio totale respirato durante il pe-
riodo di incubazione ed indica la capacità di degradare/ conservare la so-
stanza organica labile (Raich, Schlesinger 1992).
Il carbonio della biomassa microbica (Cb) è stato determinato
secondo il metodo della fumigazione-estrazione (Vance et al., 1987; Wu et
al., 1990), il calcolo del quoziente metabolico (qCO2) è stato eseguito se-
condo Anderson, Domsch (1978). Queste analisi sono state effettuate sul ter-
reno portato al 100% della ritenzione idrica calcolata a pF 2,5 (-33KPa) la
capacità di campo e condizionato per 10 giorni a 30 °C.
E’ stato infine calcolato il rapporto (Cb/TOC %) che da Brookes
(1995) è stato definito come un controllo interno alla comunità microbica del
terreno, utile a definire lo stato di equilibrio nei confronti della sostanza or-
ganica in esso presente. Tutti i risultati ottenuti sono riferiti a terreno secco
a 105°C e sono la media di tre misure.

Risultati e discussione

Azoto
L’andamento delle curve cumulative di mineralizzazione poten-
ziale dell’azoto sono riportate in figura 1: da esse si evidenzia che nei suoli
Comparazione dei flussi di mineralizzazione dell’azoto e del carbonio in due suoli forestali a
Quercus cerris 209

del sito dell’Umbria le percentuali di mineralizzazione lungo tutto il profilo,


a trentadue settimane, raggiungono valori che sono compresi tra un massimo
di 4,0 % ad un minimo di 2,1 %; molto vicini tra loro sono invece i valori
ottenuti nel suolo delle Marche, dove variano dal 3,1 al 3,9%. Per entrambi
i siti la percentuale di mineralizzazione non segue un andamento decrescen-
te lungo il profilo: infatti nella località delle Marche la mineralizzazione è
stata maggiore alla profondità di 10 – 20 cm, mentre per l’Umbria il valore
più alto è stato rilevato alla profondità 0 – 10 cm.
Figura 1: Curve cumulative dell’azoto potenzialmente mineralizzabile.

4 3,9
Marche 3,5
3,3
3 3,1
% Min

0
2 8 14 20 26 32
settimane

O 0 -10cm 10 -20cm 20 - 40cm

Umbria

4 4

3,2
3,1
3
% Min

2 2,1

0
2 8 14 20 26 32
settimane

O 0 -10cm 10 -20cm 20 - 40cm

Per terreni agrari, dove il metodo è stato tarato, le percentuali di


mineralizzazione possono arrivare alla fine del periodo di incubazione al
10% dell’azoto totale presente (Benedetti e Sebastiani, 1996).
I dati cumulativi della quantità di azoto mineralizzato sono sta-
210 Miciulla et al.

ti elaborati secondo tre modelli cinetici (ordine zero, esponenziale di primo


ordine e ordine misto). Dal confronto dei risultati ottenuti con i singoli mo-
delli cinetici (dati non mostrati) è stato possibile evidenziare che ogni sin-
gola funzione non è in grado di rappresentare le cinetiche di mineralizzazio-
ne dell’azoto in tutti gli strati. E’ probabile che, trattandosi di suoli naturali,
al loro interno esista una situazione di climax della comunità microbica pre-
sente che tende ad essere recalcitrante all’innesco della mineralizzazione: ciò
spiegherebbe anche perché per tutte le profondità si abbiano percentuali di
mineralizzazione tra loro molto simili. C’è da considerare inoltre che il pH
dei due suoli non può essere considerato un fattore limitante alla mineraliz-
zazione dell’azoto, avendo in tutti gli strati valori prossimi alla neutralità
(Curtin et al., 1998).

Carbonio
Respirazione indotta da substrato (SIR) dopo incubazione. I ri-
sultati della prova di respirazione indotta da substrato, condotta sui campioni
provenienti dalla prova di mineralizzazione potenziale dell’azoto, mostrano
valori che decrescono con la profondità, caratteristica comune ad entrambi i
siti, con valori maggiori negli orizzonti organici. I valori massimi raggiunti,
dopo 25 giorni di incubazione, sono dell’ordine di circa 2000 ppm di C-CO2.
Nella figura 2 sono riportate le curve cumulative della C-CO2 evoluta.
Figura 2. Curve di respirazione dei terreni tal quali e SIR a fine incubazione
Stanford.

Marche (SIR) Marche respirazione

2000 12000

10000
C-CO2 (ppm)

1500
8000
C-CO2 (ppm)

1000 6000
4000
500
2000
0 0
0 5 10 15 20 25
0 10 20 30 40 50 60
giorni giorni

Oriz. O 0 - 10 cm 10 - 20 cm 20 - 30 cm Oriz. O 0 - 10 cm
10 - 20 cm 20 - 30 cm

Umbria (SIR) Umbria respirazione

2000 18000

15000
1500
C-CO2 (ppm)

12000
C-CO2 (ppm)

1000 9000

6000
500
3000

0
0
0 10 20 30 40 50 60 70
0 5 10 giorni 15 20 25 giorni
Oriz. O 0 - 10 cm 10 - 20 cm 20 - 30 cm Oriz. O 0 - 10 cm 10 - 20 cm 20 - 30 cm
Comparazione dei flussi di mineralizzazione dell’azoto e del carbonio in due suoli forestali a
Quercus cerris 211

I due sistemi, provenienti da 32 settimane di incubazione, non


sembrano mostrare condizioni di stress, visto che in essi è presente una bio-
massa capace di produrre, dopo solo 24 ore dall’aggiunta di glucosio, una
quantità di C-CO2 (flush) paragonabile a quella ottenuta nella prova di re-
spirazione sul terreno tal quale; questo valore di C-CO2 dovrebbe pertanto
essere correlato all’attività di una popolazione microbica capace di metabo-
lizzare preferenzialmente gli zuccheri semplici.
Respirazione. Nella prova di respirazione allestita sui terreni tal
quali si osserva che la biomassa microbica del suolo alle diverse profondità
risponde prontamente al riumettamento, mineralizzando quote di carbonio
che diminuiscono passando dall’orizzonte organico allo strato più profondo.
Carbonio biomassa. I dati relativi al Carbonio biomassa mo-
strano poche differenze tra i due siti (Figura 3): per entrambi i valori di re-
spirazione seguono quelli di C-biomassa, diminuendo progressivamente con
la profondità ed inoltre la biomassa è quantitativamente doppia nell’Umbria
in tutti gli strati, tranne che in quello organico dove i valori dei due siti so-
no della stessa grandezza.
Figura 3. Andamento del carbonio della biomassa microbica alle diverse profondità.
Marche

(ug/g s.s. al 25 giorno)


1000 10000
Carbonio biomassa

C-CO2 totale

8000
750 7502
(ug/g s.s.)

6000
500
4000
250
2000
1314 1121
651
0 0
O 0 - 10 cm 10 - 20 cm 20 - 40 cm

Cb C-CO2

Umbria

1000 10000
Carbonio biomassa

(ug/g al 25 giorno)

9268
C-CO2 totale

8000
(ug/g s.s.)

750

6000
500
4000
3540
250
2000
848 628
0 0
O 0 - 10 cm 10 - 20 cm 20 - 40 cm

Cb C-CO2
212 Miciulla et al.

Per l’Umbria il C-biomassa risulta decrescere lungo il profilo a


partire da 950 µg/g dello strato organico fino ad arrivare a 132 µg/g nello
strato 20 – 40cm; nel sito delle Marche valori di C-biomassa passano da 818
µg/g nell’orizzonte organico fino a i valori di 40 µg/g.
Indicatori microbiologici. L’andamento del quoziente metaboli-
co (qCO2) verso il Cb/TOC, è rappresentato in figura 4: i due parametri ri-
flettono i flussi del carbonio attraverso la biomassa microbica del terreno e
forniscono indicazioni sullo sviluppo delle comunità microbiche e delle bio-
cenosi del suolo.
I valori di qCO2 sono più elevati nel sito delle Marche. I valo-
ri indicano maggiore stabilità dello strato 0 – 10cm per l’Umbria e 10 – 20
per le Marche.
Figura 4. Quoziente metabolico e Cb/TOC a diverse profondità nel suolo.

qCO2 Marche Cb/TOC


0,08 1,2
1
0,06
0,8
0,04 0,6
0,4
0,02
0,2
0 0
O 0 - 10cm 10 - 20cm 20 - 40cm
qCO2 Cb/TOC

qCO2 Umbria
Cb/TOC
0,04 1,2
1
0,03
0,8
0,02 0,6
0,4
0,01
0,2
0 0
O 0 - 10cm 10 - 20cm 20 - 40cm

qCO2 Cb/TOC

I valori di Cb/TOC utilizzati come controllo interno (Brookes,


1995) sono complessivamente bassi e sembrano indicare una condizione di
squilibrio della biomassa microbica. Probabilmente la comunità microbica
Comparazione dei flussi di mineralizzazione dell’azoto e del carbonio in due suoli forestali a
Quercus cerris 213

nei due siti non è in equilibrio: in un caso per l’intervento forestale di con-
versione a bosco ad alto fusto (Umbria) e nell’altro a causa del processo di
invecchiamento a cui il bosco è soggetto (Marche) (vedi tabella 1).

Conclusioni

Dai risultati ottenuti sulla dinamica dell’azoto si è evidenziato


come il metodo biochimico di Stanford e Smith, tarato per suoli agrari, ri-
esca a rappresentare anche la dinamica nel sistema forestale: il sistema a fi-
ne incubazione ha dimostrato di non aver subito condizioni di stress in quan-
to la biomassa microbica ha risposto prontamente all’aggiunta di un substra-
to facilmente metabolizzabile come il glucosio. Tuttavia, è emersa la neces-
sità di prolungare l’incubazione per poter effettuare una elaborazione cineti-
ca dei dati. Le percentuali di azoto mineralizzato in condizioni potenziali so-
no risultate infatti piuttosto basse (non superiori al 4% dell’azoto totale).
Per quanto riguarda la mineralizzazione del carbonio le curve di
respirazione hanno evidenziato la presenza di una biomassa microbica atti-
va. I parametri qCO2 ed il rapporto Cbiom./TOC, calcolati per verificare l’at-
tività della biomassa microbica nel suo complesso, hanno invece evidenzia-
to una possibile condizione di instabilità. Le possibili cause possono essere
individuate nelle cure selviculturali, il cui obiettivo è di portare l’ecosistema
ad un certo grado di stabilità, ma che durante le diverse fasi di esecuzione
provocano un certo grado di disturbo. Nel caso dell’Umbria la conversione
ad alto fusto e nelle Marche il processo di invecchiamento a cui il bosco è
soggetto possono esserne le cause.
Dal punto di vista metodologico, bisogna sottolineare come la
pratica di campionamento per profondità fisse, piuttosto diffusa anche in
programmi internazionali di monitoraggio (ICP-Forests, 1994), non sempre
risulta idonea agli studi di ecologia forestale, principalmente perché si può
incorrere nella mancata sovrapposizione con gli orizzonti pedologici. Infatti
i due siti studiati, con la stessa copertura vegetale a Quercus cerris, sono ri-
sultati all’analisi geo-pedologica differenti per alcuni fattori quali la morfo-
logia, il substrato, l’esposizione e la pendenza (tabella 1); è inoltre emerso
che le profondità prescelte per il campionamento non coincidono con quelle
degli orizzonti individuati dal profilo pedologico.
Non si può pertanto escludere un effetto di “diluizione” del
campione tra i diversi orizzonti. Soprattutto lo studio della sostanza organi-
ca e della biomassa microbica potrebbero risentire di un tale effetto.
214 Miciulla et al.

Bibliografia

ALIANELLO F., RIPA C., FERRARI C., MARCHI G., MOSCATELLI C., MARINARI S. (1997). Profili enzimatici in
suoli forestali a Quercus cerris. Atti XIV Convegno Nazionale della Società Italiana di Chimica
Agraria, Patron Editore, Bologna, 35-42.
ANDERSON J.P.E., DOMSCH K.H. (1978). A physiological method for quantitative measurement of microbial bio-
mass in soil. Soil Biol. Biochem. 10, 215-221.
ANDERSON T.H., DOMSCH K.H. (1990). Application of eco-physiological quotients (qCO2 and qD) on microbial bio-
mass from soils of different cropping histories. Soil Biol. Biochem. 10, 251-255.
BENEDETTI A. (1983). Fertilità biologica del terreno e concimi ad azoto lento. Annali dell’Istituto Sperimentale per
la Nutrizione delle Piante. Roma, XII 3, 1-14.
BENEDETTI A., SEBASTIANI G. (1996). Determination of potentially mineralizable nitrogen in agicultural soil. Biol.
Fertil. Soils 21, 114-120.
BROOKES P.C. (1995) The use of microbial parameters in monitoring soil pollution by heavy metals. Biol. Fert. Soils,
19: 269-279.
CURTIN D., CAMPBELL C.A., JALIL A.. (1998) Effect of acidity on minaralization: pH- dependence of organic mat-
ter mineralizazion in weakly acidic soils. Soil Biol. Biochem. 30, 57-64.
Doran J.W., Parkin B., (1994). Defining and assessing soil quality. In: Doran J.W., Coleman D.C., Bezdicek D.F., Stewart
B.A. (Eds.). Defining soil quality for a sustanable environment. SSA Special Publication n°35, pp
3-21.
FAO (1990). Guidelines for soil profile description (third edition revised). Foof and Agriculture Organization of the
United Nations. Soil Resources, Management and Conservation Service. Land and Water Develop-
ment Division. Rome, Italy.
INTERNATIONAL CO-OPERATIVE PROGRAMME ON ASSESSMENT AND MONITORING OF AIR POLLU-
TION EFFECTS ON FOREST (1994). Manual on methods and criteria for harmonized sampling,
assessment, monitoring and analysis of air pollution on forests. Programme Coordinatin Centres
Hamburg and Prague (Eds.), pp.35-67.
ISERMAYER H.(1995). Estimation of soil respiration in closed jars. In: Methods in Applied Soil Microbiology and
Biochemistry. (Alef K. and Nannipieri P., Eds) Academic Press, London, pp.214.
KAMSHAKE L.J., HANNAH S.A., COMEN J.M. (1967). Automated analysis for nitrate by hydrazine reduction. Water
Resour. 1, 205-216.
KEENEY D.R., NELSON D.W. (1982). Nitrogen inorganic forms, In: Methods of soil analysis Part. 2 (Black C.A.,
Evans D.D., White J.L., Ensminger L.E., Clark F.E., Eds.). Agronomy 9, Am. Soc. Agron., Madison
W.I., USA, pp. 682-687.
RAICH J.W., SCHLESINGER W.H. (1992). The global carbon dioxide flux in soil respiration and its relationship to ve-
getation and climate. Tellus 44B, 81-99.
STANFORD G., SMITH S.J. (1972). Nitrogen mineralization potentials of soils. Soil Sci. Soc. Am. Proc. 36, 465-472.
VANCE E.D., BROOKES P.C., JENKINSON D.S. (1987). An extraction method for measuring microbial biomass C.
Soil Biol. Biochem. 19, 703-707.
WALL L., GEHRKE C.W., NEUNER J.E., LATHEY R.D., REXNORD P.R. (1975). Cereal protein nitrogen: evolution
and comparation of four different methods. Assoc. Off. Anal. Chem .58, 811-817.
WU J., JOERGENSEN R.G., POMMERENING B., CHAUSSOD R., BROOKES P.C. (1990). Measurement of soil mi-
crobial biomass C by fumigation-extraction - an automated procedure. Soil Biol. Biochem. 22.
215

INFLUENZA DEL DIVERSO USO DEL SUOLO


SULL’IMPATTO AMBIENTALE E SULL’EVOLUZIONE
DELLA FERTILITÀ IN UNA ZONA COLLINARE DEL
CENTRO ITALIA
Papini R., Panichi A, Bazzoffi P., Pellegrini S., Montagna G.,
Natarelli L.
Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo
Piazza D’Azeglio, 30 - 50121 Firenze

Riassunto
Si riportano risultati di una prova triennale sulle perdite di nutrienti per ruscella-
mento superficiale in 8 unità parcellari localizzate nella collina argillosa del Volter-
rano, ove si sono messe a confronto 4 tesi: Cereale (orzo e frumento), Fresato con-
tinuo, Erba medica e Set aside con arbusti pascolabili (Atriplex halimus L). Per ogni
evento di deflusso sono stati determinati: i nitrati e il fosforo solubile nelle acque;
l’azoto totale, il fosforo totale ed il fosforo biodisponibile nei sedimenti. All’inizio
ed alla fine della prova sono stati determinati negli strati 0-20 e 20-40 cm il conte-
nuto di sostanza organica e di azoto totale. Dai risultati della ricerca è emerso che
l’Atriplex protegge molto bene il suolo dall’erosione e migliora le sue condizioni di
fertilità chimica; l’erba medica, una volta impiantata, ha perdite vi di nutrienti per
erosione molto basse che si innalzano al momento della rottura del prato, il suolo ri-
sulta comunque arricchito in azoto e sostanza organica alla fine del triennio. Il ce-
rale ha elevate perdite di nutrienti per erosione nei mesi in cui lascia nudo il suolo,
il terreno però non risulta impoverito in sostanza organica poiché la paglia viene in-
terrata con l’aratura; la tesi a fresato continuo perde una elevata quantità di suolo a
causa dell’intensa erosione, e in tre anni ciò causa una sensibile riduzione di sostanza
organica nel terreno. In questa tesi inoltre, si hanno anche elevate perdite di nitrati
nelle acque di ruscellamento, a causa degli intensi fenomeni di mineralizzazione del-
la sostanza organica.

Introduzione

Nell’ultimo decennio la ricerca in agricoltura si è dovuta occu-


pare spesso di ridurre l’impatto ambientale provocato dall’espandersi dell’a-
gricoltura intensiva. Lo sfruttamento massiccio della risorsa suolo, abbinato
all’impiego di elevate quantità di concimi e diserbanti, ha provocato fenome-

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 215-226 (2001)
216 Papini et al.

ni di inquinamento a carico delle acque di falda (Borin, 1997), eutrofizzazio-


ne dei corsi d’acqua (Baker e Laflen, 1982) ed un costante peggioramento del-
la qualità del suolo (Lal, 1997). In Italia in particolare si è assistito ad una
continua diminuzione del contenuto in sostanza organica del suolo (Toderi,
1991). Tale diminuzione nelle zone collinari è spesso dovuta ad una intensi-
ficazione dei fenomeni erosivi, causata dall’abbandono delle tradizionali pra-
tiche agrarie (De Simonie et al., 1995). E’ stato infatti ampiamente dimostra-
to che l’erosione riduce nel lungo periodo la produttività dei terreni agrari pro-
vocando una diminuzione del contenuto di sostanza organica ed un rilascio di
nutrienti nell’ambiente (Ulèn, 1997, Choudhary et al., 1997).
Allo scopo di quantificare l’impatto ambientale di diversi usi del
suolo è stata condotta una ricerca nell’ambiente collinare del centro Italia, sul-
l’influenza di diversi sistemi colturali sulle perdite di nutrienti per erosione e
sulla evoluzione dei principali parametri chimici di fertilità del suolo.

Materiali e metodi

La prova sperimentale si è svolta dal ‘94 al ‘96 presso il Centro


Sperimentale “S. Elisabetta” (Vicarello di Volterra - Pisa), su un suolo a tes-
situra argilloso-limosa classificato come Vertic Xerorthent, le cui principali
caratteristiche chimico fisiche sono riportate in tabella 1.
Il clima della zona è mesotermico, umido, mediterraneo, con
temperatura media annua di 12,7°C, piovosità media annua di 678 mm e pre-
cipitazioni concentrate in autunno e primavera.
Tabella 1 – Principali caratteristiche fisico-chimiche dello strato 0-40 cm del suolo
Sabbia (0-0,02 mm) 20 %
Limo (0,02-0,002 mm) 38 %
Argilla (<0,002 mm) 42 %
pH (H2O) 8,2
S.O. 1,1 %
CaCO3 attivo 8,4 %
N totale 0,1 %
P assimilabile 5,8 ppm
P totale 0,06 %
K2O 173,7 ppm
Il disegno sperimentale era costituito da due blocchi randomiz-
zati di 4 parcelle (75 x 15 m, pendenza 25%), isolate idraulicamente e at-
trezzate con unità elettroniche di misura e campionamento del deflusso su-
perficiale (Bazzoffi P., 1993).
Influenza del diverso uso del suolo sull’impatto ambientale e sull’evoluzione della fertilità in una
zona collinare del Centro Italia 217

Le tesi a confronto sono state le seguenti:


1-cereale (Hordeum vulgare L. nel ‘94 Triticum durum L. nel ‘95 e ‘96);
2-superfice nuda mantenuta in condizioni di letto di semina (fresato con-
tinuo);
3-arbusti pascolabili (Atriplex halimus L.) con trasemina iniziale di sulla
(Hedysarum coronarium L.);
4-erba medica (Medicago sativa L.).
Le parcelle a cereale sono state arate ogni estate con interra-
mento delle stoppie, ed hanno ricevuto 350 kg ha-1 di fosfato biammonico
alla semina e 100 kg ha-1 di nitrato ammonico in copertura; le parcelle fre-
sate sono state tenute prive di vegetazione con frequenti lavorazioni; le par-
celle ad Atriplex non sono state mai né arate né concimate; le parcelle di me-
dica hanno ricevuto 300 kg di fosfato biammonico alla semina. Dato che lo
schema agronomico prevedeva la rotazione grano-medica, le parcelle a me-
dica sono state arate nell’agosto 1996 e seminate a grano nel successivo ot-
tobre, mentre nelle parcelle a grano è stata seminata la medica.
I campioni di torbida, raccolti per ogni evento che dava deflus-
so, sono stati conservati in bottiglie di vetro (da 1 litro) in frigorifero a 4°C
fino al trasferimento in laboratorio.
Sul campione tal quale è stato misurato il pH, mentre una ali-
quota (250 ml) è stata filtrata a 0,45 µm e congelata sino al momento del-
l’analisi. Il sedimento è stato ottenuto seccando in stufa a 40°C il rimanente
campione.
Sul campione tal quale di acqua sono stati determinati: i nitrati
e gli ortofosfati solubili mediante reazione colororimetrica utilizzando un
Autoanalyzer II Techincon. Quest’ultima è avvenuta per i nitrati mediante ri-
duzione a nitriti su colonna di cadmio ramato e successiva reazione con sul-
fanamide (Keeney e Nelson, 1982) e per il fosforo tramite reazione con il blu
fosfomolibdico (Murphy e Riley, 1962).
Nei campioni di sedimento sono stati determinati: l’azoto tota-
le Kjeldhal; il fosforo totale previa digestione in forno a microonde con aci-
do solforico concentrato e perossido di idrogeno ed il fosforo potenzialmen-
te biodisponibile con estrazione in soluzione di soda 0,1M (Dorich et al.,
1985; Sharpley et al., 1991). La determinazione delle concentrazioni di fo-
sforo nelle varie forme è stata ottenuta con la metodica già descritta per il
fosforo solubile.
Su campioni di terreno prelevati a 0-20 cm e 20-40 cm all’ini-
218 Papini et al.

zio della prova (ottobre ’93) ed alla fine della stessa (ottobre ’96), seccati al-
l’aria e setacciati per ottenere la frazione <2mm, sono stati eterminati il con-
tenuto di sostanza organica, secondo il metodo Walkley-Black e l’azoto to-
tale Kjeldhal, (Gazzetta Ufficiale 21/10/1999).
L’elaborazione riguardanti le perdite di nutrienti con i deflussi,
è stata effettuata mediante analisi della varianza in uno schema fattoriale 4 x
3, su due blocchi randomizzati, ove il primo fattore è costituito dalle tesi,
mentre il secondo è costituito dagli anni (Cochran e Cox,1968).
I contenuti di azoto e sostanza organica misurati nel 1993 e nel
1996 in ogni sistema culturale sono stati testati statisticamente con il t di stu-
dent, e nel grafico sono state riportate le variazioni percentuali fra i conte-
nuti di azoto e sostanza organica dell’anno iniziale e di quello finale.

Risultati e discussione

Andamento della piovosità- L’ammontare totale della pioggia è


stato di 668, 691 e 1030 mm rispettivamente nei tre anni. Le prime due an-
nate sono state caratterizzate da una piovosità che non si discosta di molto
dalla piovosità media della zona, mentre nel terzo anno la quantità di piog-
gia caduta è stata nettamente superiore.
Osservando la distribuzione mensile della piovosità (Figura 1),
si può notare come, in tutti gli anni, i mesi più piovosi risultino aprile, mag-
gio, settembre ed novembre.
Figura 1- Andamento mensile della piovosità nel triennio 1994-1996.

1994 1995 1996


200
pioggia (mm)

150
100
50
0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
mesi

Perdite di nutrienti con i deflussi. - I sistemi colturali messi a


confronto si sono differenziati in modo significativo sia per il deflusso e l’e-
rosione, che per le quantità nutrienti asportati con le acque ed i sedimenti
Influenza del diverso uso del suolo sull’impatto ambientale e sull’evoluzione della fertilità in una
zona collinare del Centro Italia 219

(Tabella 2). In particolare il sistema più soggetto all’erosione risulta, come


era prevedibile, il fresato continuo che, fatta eccezione per il fosforo solubi-
le, presenta le maggiori perdite di nutrienti, seguito dal cereale, che eviden-
zia a sua volta le perdite più elevate di fosforo solubile. L’erba medica ha un
comportamento intermedio per quanto riguarda le perdite di elementi solu-
bili, mentre non si differenzia statisticamente dal cerale per le asportazioni
di nutrienti con i sedimenti. L’Atriplex presenta perdite di gran lunga infe-
riori a tutte le altre tesi, sia di elementi solubili che particolati.
Anche fra le tre annate si evidenzia una variabilità significativa,
in particolare nel il 1995 si hanno le minori perdite di nutrienti, a causa del-
la scarsa erosività degli eventi piovosi, messa in rilievo dalla bassa quantità
di materiale eroso rispetto ad i m3 di acqua defluita. Nel 1996 invece la mag-
giore piovosità ha provocato elevate quantità deflusso e di erosione provo-
cando un incremento delle perdite di nutrienti sia solubili che particolati.
Tabella 2- Analisi della varianza e test di Duncan dei deflussi e dei nutrienti aspor-
tati dai quattro sistemi colturali nel triennio di sperimentazione.

Deflusso Erosione N-NO3- P sol N P tot P bio


m3 ha-1 t ha-1 kg ha-1 kg ha-1 kg ha-1 kg ha-1 kg ha-1
Blocchi ns ns Ns ns ns ns ns
Sistemi (S) *** *** *** ** *** *** ***
Anni (A) *** *** *** * *** *** ***
SxA * *** *** ** *** *** ***
Sistemi
Cereale 1132 b 14,8 b 10,6 b 0,27 a 19,1 b 13,5 b 0,52 b
Fresato 1432 a 47,9 a 14,0 a 0,0 1 c 53,8 a 27, 4 a 1,01 a
Atriplex 605 c 0,8 c 0,10 d 0,02 c 2,0 c 0,7 c 0,0 3 c
Medica 1188 b 11,9 b 5,7 c 0,06 b 15,4 b 10,8 b 0,32 b
Anni
1994 482 b 8,8 b 7,6 b 0,06 b 9,6 b 7,2 b 0,14 b
1995 667 b 1,8 c 4,4 c 0,01 b 2,4 c 1,3 c 0,0 4 b
1996 2737 a 46,0 a 10,9 a 0,20 a 55,7 a 30,8 a 1,23 a

Se esaminiamo le perdite dei nutrienti nei quattro sistemi coltu-


rali anno per anno (Figura 2), viene messo in evidenza come per quanto ri-
guarda gli elementi solubili, che sono i più importanti per la valutazione del-
l’impatto ambientale delle diverse pratiche agricole, le diverse quantità
asportate, non dipendano tanto dalla quantità di acqua defluita, quanto dalla
concentrazione nelle acque del nutriente. Per i nitrati infatti nel cereale e nel
fresato si hanno sempre le perdite più elevate in quanto maggiore è in tutti e
tre gli anni la concentrazione media ponderata del N-NO3- nelle acque di de-
flusso (tab. 3). La medica invece presenta perdite di nitrati alte soltanto il pri-
mo anno, quando le acque hanno una elevata concentrazione di N-NO3- cau-
220 Papini et al.

sata dal rilascio dell’azoto apportato con la concimazione di impianto non


prontamente utilizzato dalle piante le quali, come rilevato dal grado di co-
pertura del suolo (Bazzoffi et al., 1994), hanno un lento sviluppo iniziale.
Irrisorie risultano le perdite dell’Atriplex, che a bassi deflussi ha unito anche
modeste concentrazioni di nitrati nelle acque.
Tabella 3 – Concentrazione media ponderata dei nutrienti nelle acque e nei sedimenti.
N-NO3- P sol N P tot P bio
(mg kg-1) (mg kg-1) (%) (mg kg-1) (mg kg-1)
Anno 1994 1995 1996 1994 1995 1996 1994 1995 1996 1994 1995 1996 1994 1995 1996

Cereale 18,1 13,5 6,6 0,18 0,02 0,29 0,12 0,13 0,13 866 722 940 19 22 39
Fresato 20,5 11,5 8,1 0,01 0,01 0,01 0,11 0,12 0,11 726 642 560 13 16 20
Atriplex 0,5 0,3 0,1 0,04 0,03 0,04 0,12 0,35 0,31 809 924 880 17 26 56
Medica 15,1 2,7 0,8 0,17 0,01 0,01 0,11 0,15 0,15 893 873 960 16 14 37

Le elevate perdite di nitrati che si evidenziano nel fresato, dove


non c’e mai apporto di fertilizzante, mettono in rilievo come sia elevata nel-
l’ambiente in cui ci troviamo ad operare la produzione di nitrati in seguito a
processi di ossidazione della sostanza organica, soprattutto nel periodo esti-
vo. Infatti sia nelle parcelle a fresato che in quelle a cereale è stato messo in
evidenza un notevole aumento della concentrazione dei nitrati nel suolo a
partire dal mese di luglio, quando anche il terreno a cereale rimane privo di
copertura vegetale; questo causa concentrazioni di N-NO3- molto elevate
nelle acque di ruscellamento dei primi deflussi autunnali (Papini et al., 1996,
Papini et al., 1999). Una elevata concentrazione di nitrati nelle acque prove-
nienti da terreno nudo in autunno viene messa in evidenza da vari autori:
Archer e Thompson (1993) rilevano come il picco della concentrazione dei
nitrati nelle acque dei fiumi si verifichi all’inizio dell’autunno quando arri-
vano ai campi le prime acque di scorrimento superficiale, Goss et al. (1988)
riscontrano perdite molto consistenti di nitrati per lisciviazione durante il pe-
riodo autunno invernale in seguito alla decomposizione dei residui colturali
di orzo e frumento.
Va inoltre rilevato come nel fresato e nel cerale nel 1994 e ’95
la concentrazione media dei nitrati sia superiore al valore consigliato come
massimo per le acque potabili (11,3 mg kg-1 di N-NO3-) dalla Organizzazio-
ne Mondiale della Sanità.
Le perdite fosforo solubile risultano influenzate dalla concima-
zione e dalla concomitanza di piogge in vicinanza dell’evento fertilizzante,
in quanto, a causa dell’elevata quantità di CaCO3 attivo presente in questi
suoli, il fosforo aggiunto con la concimazioni viene rapidamente trasforma-
Influenza del diverso uso del suolo sull’impatto ambientale e sull’evoluzione della fertilità in una
zona collinare del Centro Italia 221

to in forme meno solubili. Sia nel fresato che nell’Atriplex infatti (Figura 2),
si hanno perdite trascurabili in tutte e tre le annate, unitamente a concentra-
zioni medie ponderate di fosforo solubile molto basse (tabella 3); l’erba me-
dica evidenzia perdite elevate solo nel primo anno, in cui viene concimata;
il cereale presenta perdite molto elevaste nel ’96 in concomitanza con un ele-
vato numero di eventi di deflusso a poca distanza dalla concimazione. In
questi casi, sia nella medica che nel cereale, anche le concentrazioni medie
ponderate di fosforo solubile nelle acque di deflusso sono elevate (tabella 3)
e di gran lunga superiori alla quantità di 0,03 mg kg-1 considerata sufficien-
te per dare inizio ai fenomeni di eutrofizzazione (OXE).

Deflusso Erosione
5000 140
CEREALE 120
4000 LAVORATO 100
m3 ha-1

3000 ATRIPLEX t ha-1 80


MEDICA
2000 60
1000 40
20
0
0
1994 1995 1996
1994 1995 1996

30
N-NO3- 160 Azoto
25 140
20 120
kgha-1

100
kg ha-1

15 80
10 60
5 40
20
0 0
1994 1995 1996 1994 1995 1996

0.8 3.0
0.7
P solubile P biodisponibile
2.5
0.6
0.5 2.0
kg ha-1
g ha-1

0.4 1.5
0.3 1.0
0.2
0.1 0.5
0.0 0.0
1994 1995 1996 1994 1995 1996

Figura 2 -Andamento dei deflussi e dell' erosione; perdite di nitrati, fosforo solubile, azoto totale
e fosforo biodisponibile dei quattro sistemi colturali, nei singoli anni.

Le perdite di elementi con i sedimenti risultano, contrariamen-


te a quanto visto per gli elementi solubili, strettamente connesse alla quanti-
tà di materiale solido asportato (Figura 2), in quanto si riscontra una minore
variabilità nella composizione chimica dei sedimenti (tabella 3). In partico-
lare la tesi a fresato evidenzia perdite sia di sia di azoto che di fosforo tota-
le (non riportato in tabella perché presenta gli stessi andamenti dell’azoto to-
222 Papini et al.

tale) simili al cereale nel ’94 e ’95, mentre nel ’96 ha perdite tre volte supe-
riori. Ciò è dovuta al fatto che le parcelle a fresato risultano altamente vul-
nerabili all’erosione in tutti i mesi dell’anno, mentre quelle a cereale sono
protette dall’erosione nei mesi in cui si ha una buona copertura del suolo
(Bazzoffi et al., 1997). Nella medica è da rilevare come le predite piuttosto
elevate riscontrate nel ’96 siano da attribuire alla rottura del prato, avvenuta
nel mese di agosto, che ha reso le parcelle più suscettibili all’erosione nel pe-
riodo autunnale. Inoltre i sedimenti provenienti dalle parcelle dove per tre
anni è stata presente l’erba medica, risultano più ricchi di elementi di fertili-
tà (tabella 3).
I sedimenti provenienti dall’Atriplex nel’95 e ’96 risultano ave-
re una concentrazione i azoto totale molto elevata e ciò è dovuto alla pre-
senza di materiale vegetale.
Il fosforo biodisponibile, che dovrebbe fornire una stima della
velocità con cui le alghe sono in grado di prelevare fosforo dai sedimenti,
rappresentata nella maggior parte dei casi una frazione piuttosto costante del
P totale (2 % c.a.), anche se nel terzo anno della prova si osserva un aumento
della sua concentrazione nel cereale, nell’Atriplex e nell’erba medica, attri-
buibili ad un aumento della frazione organica presente nel sedimento di que-
ste ultime due tesi, ed ad un maggiore asportazione di fosforo derivante dal-
la fertilizzazione nel cereale, messa in evidenza anche dall’elevata asporta-
zione di fosforo solubile.
L’efficacia protettiva nei confronti delle perdite per erosione e
dei nutrienti ad essa associati della copertura vegetale sia naturale che me-
diante arbusti pascolabile è stata messa in rilevo in ambiente mediterraneo
sia da De Simone et al., (1995) che da Andrieu et al., (1995). Nel primo ca-
so infatti un confronto fra un suolo incolto ed un pascolo naturale, aveva evi-
denziato una riduzione molto elevata (da 20 a 40 volte) delle perdite sia di
materiale organico che di nutrienti azotati con il pascolo naturale; nel se-
condo caso invece un confronto fra inerbimento naturale, arbusti pascolabi-
li e suolo nudo aveva messo in rilievo la capacità degli arbusti pascolabili di
ridurre in modo cospicuo le perdite per erosione avute dal suolo nudo, che
era risultato molto vulnerabile. L’efficacia dei prati coltivati nel ridurre i nu-
trienti persi con l’erosione rispetto alla coltivazione di un cereale è stata mes-
sa in rilievo anche da Sharpley e Smith, (1995); dalla stessa prova è emerso,
come da noi riscontrato con la medica, l’incremento che queste perdite sub-
iscono al momento in cui il cui il prato viene arato.
Fertilità del suolo. I diversi usi del suolo hanno avuto ripercus-
sioni diverse sul contenuto di azoto e sostanza organica delle diverse parcel-
Influenza del diverso uso del suolo sull’impatto ambientale e sull’evoluzione della fertilità in una
zona collinare del Centro Italia 223

le dopo un triennio, sia per quanto ha riguardato lo strato 0-20 che in quello
20-40 cm. Nel cereale il contenuto, sia di azoto che di sostanza organica, ha
evidenziato un leggero aumento, non significativo dovuto alla pratica dell’in-
terramento delle stoppie momento dell’aratura (Addiscott e Dexter, 1994).
Nelle parcelle a fresato, si ha un leggero aumento del contenuto in azoto to-
tale, ed una diminuzione, anche se non significativa del contenuto in sostan-
za organica sia nello strato 0-20 che in quello 20-40 cm.

Azoto
1994 1996
140
0-20 cm 20-40 cm
a a
120 a a
variazione a a
(%) a a a b b a a a b b
100

80
Cerale Fresato Atriplex Medica Cerale Fresato Atriplex Medica

Sostanza organica
1994 1996
140 0-20 cm 20-40 cm

120 a
variazione a a
a
(%) a a a a b b a a a a a
100 a

80
Cerale Fresato Atriplex Medica Cerale Fresato Atriplex Medica

Rapporto C/N
1994 1996
20 0-20 cm 20-40 cm

15

% 10

0
Cerale Fresato Atriplex Medica Cerale Fresato Atriplex Medica

Figura 3- Variazione percentuale del contenuto di Azoto e Sostanza organica e modificazine


del rapporto C/N, fra l'anno iniziale e quello finale della prova,negli strati 0-20 e 20-40 cm.
224 Papini et al.

Tale diminuzione è senz’altro da imputare alla perdita di mate-


riale fine che si ha con gli intensi fenomeni erosivi ed ai processi di minera-
lizzazione della sostanza organica che, come dimostrato dalla elevata produ-
zione di nitrati (Papini et al., 1998), sono molto intensi; questa diminuzione
si ritrova anche nello strato 20-40 cm in quanto queste parcelle sono state ara-
te tutti gli anni contemporaneamente a quelle a cerale e quindi si è avuto un
continuo rimescolamento dei due strati. Un aumento significativo del conte-
nuto di azoto in entrambi gli strati si ha sia nell’erba medica (23%) che
nell’Atriplex (14%). Per quanto riguarda la sostanza organica nell’Atriplex si
ha un grosso incremento (15 %), nello strato 0-20 cm e nessuna modifica nel-
lo strato 20-40; nell’erba medica invece, si hanno incrementi più moderati
(8% circa), ma ugualmente significativi ad ambedue le profondità. Ciò può
essere stato provocato anche dall’aratura che si è avuto ad agosto al momen-
to della rottura del prato di erba medica.
Come conseguenza di quanto commentato fino ad ora, il rap-
porto C/N si è mantenuto costante nel cereale ad entrambi le profondità, a
nei primi 0-20 cm dell’Atriplex, è invece diminuito, se pur in modo diverso,
in tutte le alte tesi, mettendo in rilievo un sistema in cui la sostanza organi-
ca si accumula con maggiore difficoltà dell’azoto. Questo fenomeno è tipi-
co del clima mediterraneo e conferma la necessità di mettere in atto tutti li
interventi colturali volti ad aumentare il contenuto si sostanza organica del
suolo.

Conclusioni

Fra le tesi messe a confronto sicuramente l’Atriplex è risultata


quella con il minor impatto ambientale, in quanto protegge molto bene il suo-
lo dall’erosione e migliora le sue condizioni di fertilità chimica. L’erba me-
dica ha elevate perdite di nutrienti sia solubili che particolati nell’anno di im-
pianto, negli anni successivi le perdite di nutrienti solubili sono sempre mol-
to basse, mentre un aumento delle perdite di azoto e fosforo con i sedimen-
ti si ha al momento della rottura del prato; la medica comunque nel triennio
arricchisce il suolo in N e sostanza organica. Il cereale presenta elevate per-
dite di nutrienti per erosione nei mesi in cui lascia nudo il suolo, in partico-
lare alte risultano le concentrazioni di nitrati nelle acque di deflusso, e, nel
terzo anno, anche la concentrazione di fosforo solubile; il terreno nel trien-
nio non è impoverito in sostanza organica, poiché la paglia viene interrata
con l’aratura. Nella tesi a fresato si hanno le maggiori perdite di azoto e fo-
sforo con i sedimenti a causa della grande quantità di suolo allontanato per
Influenza del diverso uso del suolo sull’impatto ambientale e sull’evoluzione della fertilità in una
zona collinare del Centro Italia 225

erosione; l’intensa mineralizzazione della sostanza organica causa inoltre an-


che le più alte perdite di nitrati con le acque di ruscellamento. Si assiste nel
triennio ad una sensibile riduzione di sostanza organica nel terreno.
Questi risultati confermano l’elevato impatto ambientale nel-
l’ambiente mediterraneo delle pratiche agricole che lasciano nudo il suolo in
periodi di elevata piovosità e che stimolano la mineralizzazione della sostan-
za organica, che risulta in questo clima molto elevata. L’inserimento nella ge-
stione del territorio collinare di prati o arbusti pascolabili può essere conside-
rata una valida alternativa alla monocoltura ed al set aside non coltivato.

Note
Contributi : Papini R.: Impostazione della ricerca per gli aspetti chimici e della metodologia
di analisi, analisi statistica, stesura principale del testo. Panichi A.: Contributo alle analisi chi-
miche e alla stesura del testo. Bazzoffi P.: Impostazione generale della ricerca, sviluppo del-
le strumentazioni e dei softwares, rilievo ed elaborazione dei dati idrologici,. Pellegrini S.:
Gestione della ricerca in campo rilievo ed elaborazione dei dati idrologici. Brandi G.: Cam-
pionamento e analisi chimiche. Montagna G.: Campionamento e analisi chimiche.
Ricerca nell’ambito del Progetto finalizzato PANDA, Sottoprogetto 2, Serie 2, Pubblicazione
n° 97.

Bibliografia

ADDISCOTT T.M., DEXTER A.R., (1994), Tillage and crop residues management on losses of chemicals from soils.
Soil & Tillage Research, 30, 125-168.
ANDRIEU V., RUBIO J.L., CERNI, R., (1995) Effect of Mediterranean shrub on water erosion control. Environmental
Monitoring and Assessment, 37, 5-15.
ARCHER J., THOMPSON D., (1993), Background to the nitrate problem in UK, In: Solving the nitrate problem, MAFF
Pubb., London, 3-6.
BAKER J.L., LAFLEN J.M. (1982). Effects of corn residue and fertilizer management on soluble nutrient runoff los-
ses. TRANSACTIONS of the ASAE, 25, 344-348.
BAZZOFFI P. (1993). Fagna-type Hydrological unit for runoff measurement and sampling on experimental plots. Soil
Technology, 6, 251-259.
BAZZOFFI P., PELLEGRINI S., PAPINI R., SCAGNOZZI A., (1997) Erosione e deflussi a scala parcellare e di baci-
no in suoli argillosi a diversa utilizzazione nella Val d’Era. Agricoltura Ricerca, 170, 21-31.
BORIN M. (1997). Effects of agricultural practices on nitrate concentration in groundwater in north east Italy. Ital. J.
Agron. 1, 1, 47-54.
CHOUDARY M.A., LAL R. and DICK W.A. (1997). Long-term tillage effects on runoff and soil erosion under simu-
lated runoff for a central Ohio soil. Soil & Tillage Research, 42, 175-184.
DE SIMONE C., RAGLIONE M., FRANCIA V. and RINALDINI L. (1995). Influenza dell’uso del suolo sull’erosione
in aree collinari. Riv. Di Agron., 29, 3 Suppl.: 398-402.
DORICH R.A., NELSON D.W., SOMMERS L.E., (1985). Estimating algal available phosphorus in suspended sedi-
ments by chemical extraction. Journal of Environmental Quality, 14, n.3, pp. 400-405.
Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Supplemento al n° 248 del 21-10-1999. Decreto Ministeriale 13 settembre
226 Papini et al.

1999: Approvazione dei “Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo”.


GOSS M.J., COLBOURNE P., HARRIS G.L., HOWSE K.R., (1988), Leaching of nitrogen under autumn-sown crops
and the effects of tillage, In: Nitrogen Efficiency in Agricultural Soils, Eds. Jenkinson D.S. & Smith
K.A., Elsevier, New York, USA, 269-282.
KEENEY D.R., NELSON D.W., (1982), Nitrogen-inorganic forms, In: Methods of Soil Analysis, Part 2, ed. A.L.,
Madison, WI: ASA, 643-698.
LAL R. (1997). Long-term tillage and maize monoculture effects on a tropical Alfisol in western Nigeria. II. Soil che-
mical properties. Soil & Tillage Research, 42, 161-174.
MURPHY J. and J.P. RILEY, (1962) A modified single solution method for determination of phosphorus in nature wa-
ters. Anal. Chim. Acta 27:31-36.
PAPINI R., BAZZOFFI P., SCAGNOZZI A., PELLEGRINI S., BRANDI G., MONTAGNA G,. 1996. Effetto delle col-
ture e della concimazione sulla dinamica dei nitrati nel suolo e nelle acque di deflusso superficiale.
In : “Atti XIII Convegno Nazionale della Società Italiana di Chimica Agraria” Pàtron Editore,
Bologna, 161-169.
PAPINI R., PANICHI A., BAZZOFFI P., PELLEGRINI S., BRANDI G. (1999) Influence of soil use on nitrate losses
by erosion and leaching in a hilly clayey Mediterranean area. 6th International Meeting on Soils with
Mediterranean Type of Climate. Extended Abstract Ed. J. Bech , 4-9 July 1999 Barcellona (Spain),
1026-1028.
SHARPLEY A.N., SMITH S.J., (1994). Wheat tillage and water quality in the Southern Plains. Soil & Tillage Research,
30, 33-48.
ULÉN B. (1997). Nutrient losses by surface run-off from soils with winter crops and spring-ploughed soil in the South
of Sweden. Soil & Tillage Research, 44, 165-177.
TORERI G. (1991). Problemi conservativi del suolo in Italia. In: Agricoltura ed ambiente, Edagricole, Bologna.
227

DINAMICA DEL CADMIO NEL SISTEMA SUOLO-


PIANTA IN UN TERRENO INOCULATO CON MICORRI-
ZE SELEZIONATE: ESPERIENZA SU ORZO COLTIVATO
IN VASCHE LISIMETRICHE
Pennelli B., Rossi G., Giacomi V., Figliolia A.
Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante, Roma.

Sommario
E’ stato valutato l’effetto dell’inquinamento da Cadmio su piante d’orzo, colti-
vate in vasche lisimetriche, in termini di produzione, capacità di trasporto e traslo-
cazione dell’inquinante nelle porzioni vegetali, fattore di trasferimento suolo-pianta
e percentuale d’asportazione, nonché influenza sulla biomassa microbica del terre-
no. Prima della semina il terreno è stato inquinato con tre dosi crescenti di Cd (sol-
fato); all’atto della semina, metà dei semi sono stati inoculati con due endofiti mi-
corrizici. Al termine della prova sono state condotte le seguenti determinazioni: con-
centrazioni totali di Cd in suolo, radici, fusti e granella; C della biomassa microbi-
ca, attività respirometrica e quoziente metabolico q(CO2). L’analisi statistica ha ri-
velato, in primo luogo, che le concentrazioni di Cd di suolo, radici, fusto e granel-
la, nelle singole tesi, presentano un andamento decrescente, ma non sono confron-
tabili per l’eccessiva deviazione standard. In secondo luogo, il confronto tra i tratta-
menti, per concentrazioni di Cd in suolo, radici, fusto e granella, presi singolarmen-
te, ha rivelato accumuli significativi di Cd in suolo, radici e fusto, solo alla dose
massima. Le regressioni lineari tra le concentrazioni di Cd nel suolo e nei vegetali
degli stessi campionamenti, condotte a prescindere dal grado di inquinamento, dan-
no risultati significativi all’1 e 0.1%, indipendentemente dalla micorrizazione. Il C
della biomassa microbica diminuisce sensibilmente nelle tesi a maggiore inquina-
mento mentre il quoziente metabolico rimane pressoché invariato tra i trattamenti.
Si ipotizza che l’inquinante, pur provocando una diminuzione della dimensione di
popolazione alla dose massima, non abbia generato fenomeni di alterazione meta-
bolica nei ceppi resistenti.

Introduzione

L’attenzione rivolta nel corso degli anni recenti al problema del-


l’inquinamento da Cadmio, deriva dal fatto che questo elemento è tra i me-
talli maggiormente tossici per l’uomo insieme a Pb e Hg (McBride 1998).

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 227-236 (2001)
228 Pennelli et al.

Il Cd entra nell’ambiente a seguito di attività naturali ed antro-


piche. La pericolosità delle forme provenienti dal secondo gruppo di proces-
si, sta nella forte instabilità dei composti rilasciati; da ciò deriva la maggio-
re mobilità e biodisponibilità rispetto alle forme di origine naturale (Naidu
et al., 1997).
Studi condotti sugli ecosistemi acquatici escludono che il Cd dia
luogo a magnificazione biologica (Burgatsacaze et al., 1996) e se per questi
ambienti, a tutt’oggi, non c’è evidenza di pericolo, in ambiente emerso si
configura certamente una situazione di rischio.
La contaminazione della catena alimentare, ad esempio, è diret-
tamente correlata all’inquinamento ambientale; ciò è stato dimostrato per gli
allevamenti zootecnici (Burgatsacaze et al., 1996) in cui si verificano accu-
muli di Cd specialmente in fegato e reni del bestiame.
In agricoltura, poi, i problemi riguardano l’insorgenza di feno-
meni di fitotossicità a carico dello scambio idrico, gassoso e della nutrizio-
ne minerale (Vassilev et al., 1998), oltre naturalmente alla contaminazione
delle porzioni edibili delle piante. Numerosi autori sottolineano che la tossi-
cità del Cd su varie colture commerciali interessa specialmente l’apparato ra-
dicale (Seregin & Ivanov, 1998) e l’affinità chimica del Cd allo Zinco (con-
figurazione elettronica) sembra essere uno dei fattori che influenzano il tra-
sferimento nel vegetale, per l’insorgenza di fenomeni di vicarianza tra i due
elementi (Herren & Feller, 1997). E’ fondamentale far presente comunque
che la comparsa dei sintomi di fitotossicità avviene a concentrazioni che per
l’uomo sono già oltre i limiti di sicurezza per i cibi (Herren & Feller, 1997)
e che per l’uomo l’assunzione di Cd può essere causa di patologie come dis-
funzioni renali ed osteomalacìa (Burgatsacaze et al., 1996).
A tale proposito è da menzionare la questione riguardante i li-
miti di Cd, come degli altri metalli pesanti, negli ammendanti (fanghi di de-
purazione, principalmente) e nei terreni agricoli; rappresentando questi del-
le potenziali, consistenti, vie d’ingresso del metallo nella catena alimentare.
Il dibattito si articola fra chi opta per stabilire i limiti di inquinamento ba-
sandosi sui contenuti totali dei metalli pesanti e fra chi propende per le fra-
zioni di inquinante effettivamente assimilabili dalle colture. La prima posi-
zione trova giustificazione dal fatto che le quote assimilabili sono passibili
di variazioni, al mutare delle condizioni del terreno nel tempo (Mench,
1998); per di più, esiste la reale difficoltà di accordarsi su metodi ufficiali di
analisi che siano applicabili ed attendibili, allo stesso modo, sul territorio.
Dall’altra parte vi è la consapevolezza che, ponendo i limiti sul solo quanti-
tativo totale, si escluderebbero dall’utilizzo agricolo terreni e biomasse di ri-
Dinamica del Cadmio nel sistema suolo-pianta in un terreno inoculato con micorrize selezionate:
esperienza su orzo coltivato in vasche lisimetriche 229

ciclo, nei casi, non rari, in cui sussistano alti tenori di metalli pesanti, in for-
ma totale, ma a bassa biodisponibilità.
Il presente lavoro si pone come obiettivo di valutare l’entità e
la modalità del trasferimento del cadmio in piante di orzo, a diversi gradi di
inquinamento, con e senza micorrize. A tal fine sono stati analizzati gli ef-
fetti sul raccolto, l’accumulo dell’inquinante nei tessuti vegetali e la percen-
tuale d’asportazione. Inoltre per evidenziare fenomeni di alterazione del
comparto microbico del suolo, sono stati esaminati eventuali variazioni del
C-biomassa e del quoziente metabolico (Brookes P.C., 1995 e Grego et al.,
1996). Nella prova si è fatto riferimento ai quantitativi totali di Cd, per va-
lutare se il parametro, da solo, è sufficiente a descrivere le relazioni inqui-
nante-pianta.

Materiali e metodi

L’esperienza è stata condotta in vasche lisimetriche da 1 m3 col-


tivate ad orzo (Hordeum vulgare L., cv Robur).
Sul terreno utilizzato sono state determinate le principali carat-
teristiche chimico fisiche, secondo i metodi ufficiali (MiRAAF 1994) e la do-
tazione naturale di metalli pesanti (Tab. 1).
Tab. 1. Caratteristiche chimico-fisiche del terreno ad inizio prova.

Chimico-fisiche Metalli pesanti ppm Limiti e val. medio*


(totali) (ppm)
pH 6.7 Cadmio 0.8 0.5-1.7 (0.6)
CSC, meq/100 g 30.05 Piombo 85 2-100 (18)
TOC % 0.25 Nickel 21 3-120 (50)
N tot Tracce Zinco 59 10-300 (110)
P (Olsen) mg/kg 20 Rame 43 5-100 (50)
Granulometria %
Sabbia 51.4
Limo 30.4 *I limiti ed i valori medi riportati sono quelli
indicati per i terreni agrari non inquinati, leg-
Argilla 18.2 ge 748/84, gruppo di lavoro "Metalli Pesanti".
Tessitura Franco
Conducibilità mS 0.37

Prima della coltivazione, il suolo è stato inquinato con Cd sot-


toforma di solfato, a 0, 1, 10 e 100 ppm (trattamenti C, 1, 2 e 3, rispettiva-
mente). Il suolo quindi, è stato lasciato a riposo, esposto all’azione degli
agenti atmosferici, per tre mesi, in modo da uniformare il più possibile la dis-
230 Pennelli et al.

tribuzione dell’inquinante. Al momento della semina (circa 400 semi / m2 e,


in seguito, concimazione con 10 g di urea / m2) metà delle repliche di ogni
tesi sono state inoculate con 70 spore / seme, ugualmente ripartite tra gli en-
dofiti micorrizici G. constrictum e G. mosseae. E’ stato ottenuto un disegno
sperimentale di 8 trattamenti (4 fattori e 2 livelli): micorrizati C+, 1+, 2+, 3+
e non micorrizati C-, 1-, 2- e 3-. Disponendo di 32 vasche, ogni trattamento
è stato ripetuto su quattro di esse.
A fine coltura, sono stati prelevati campioni di suolo e piante da
ogni vasca, complessivamente 4 campioni a trattamento, e sono state otte-
nute le concentrazioni di Cd del suolo, in forma totale, per digestione nitro-
perclorica nel rapporto 2.5:1, a 140 °C per circa 20 ore. Le concentrazioni di
Cd nelle piante (radici, granella e fusto) sono state ottenute per digestione in
acido nitrico concentrato a 140°C per circa 2 ore. Le letture sugli estratti di
suolo e vegetali sono state eseguite mediante spettrometria al plasma (ICP).
Sui campioni di suolo inquinati, prima della semina dell’orzo, e
su quelli prelevati dopo la raccolta, sono stati determinati inoltre i seguenti
parametri biochimici: carbonio della biomassa (C-biomassa), mediante fu-
migazione-estrazione (Vance et al., 1987), respirazione del terreno, come
CO2 emessa, utilizzando un metodo titrimetrico (Badalucco et al., 1992) e il
relativo quoziente metabolico q(CO2) (Anderson & Domsch, 1990).
I valori della produzione vegetale e delle concentrazioni di Cd
nel suolo e nei vegetali sono stati sottoposti ad analisi della varianza (ANO-
VA) e dell’MDS; sugli ultimi si sono effettuate anche analisi di regressione
lineare e della varianza associata.
Sono stati calcolati altresì il fattore di trasferimento suolo-pian-
ta, e la percentuale di asportazione da parte della coltura. I dati relativi alle
determinazioni del carbonio della biomassa microbica e del quoziente meta-
bolico sono stati sottoposti al calcolo delle minime differenze significative
(MDS) per P≤0.05.

Risultati e discussione

La percentuale di micorrizazione (dati non pubblicati), ha mo-


strato un rapporto di inversa proporzionalità con il quantitativo di cadmio ap-
portato al suolo; è ipotizzabile un effetto tossico dose-dipendente sui funghi
simbionti.
I dati relativi alla produzione (non pubblicati), peso secco delle
Dinamica del Cadmio nel sistema suolo-pianta in un terreno inoculato con micorrize selezionate:
esperienza su orzo coltivato in vasche lisimetriche 231

parti aeree, non hanno evidenziato alcuna differenza significativa tra le tesi;
si presume da questo, che l’inquinamento da Cadmio e la micorrizazione, nel-
le condizioni sperimentali impostate, non siano stati discriminanti sulla pro-
duzione di biomassa vegetale (Anova: F=1.28 per 7/24 gradi di libertà, N.S.).
Dai contenuti medi di Cd del suolo e dei vegetali, riportati in
Fig. 1, risulta soltanto la chiara diminuzione della concentrazione d’inqui-
nante, dal terreno alla granella, per ogni tipo di trattamento. L’eccessiva de-
viazione standard dei valori medi non ha consentito, in questo caso, di ac-
certare una significatività tra i livelli di micorrizazione e tra le sezioni vege-
tali delle piante, nell’ambito dei singoli trattamenti.
Fig. 1. Sono riportati i valori delle concentrazioni di Cd rilevate nel suolo e nelle
sezioni vegetali per ogni trattamento

Distribuzione del Cd nei vegetali


110,30

120

100
79,48

80
ppm

60 C 1 2 3
30,13

40
24,63

20
7,27
6,16

4,39

4,43

2,76
2,40
1,45
1,34

1,08

1,14
0,82

0,79

0,76

0,67
0,31

0,34
0,11
0,15
0,01

0,03

0,06
0,04

0,00
0,00
0,02

0,00
0,00
0,02

0
terreno + terreno - radici + radici - fusto + fusto - granella + granella -
sezioni vegetali

Al contrario, le concentrazioni di Cd in suolo, radici, fusto e


granella prese singolarmente e confrontate tra trattamenti, hanno rivelato dif-
ferenze significative allo 0,1% in suolo, radici e fusto (F = 12.06, 14.23 e
12.69 rispettivamente, per 7/24 gradi di libertà). Per la granella non sono sta-
te evidenziate differenze dovute ai trattamenti. In seguito, il calcolo delle mi-
nime differenze significative (P: 5%) ha permesso di stabilire che gli accu-
muli in suolo, radici e fusto, hanno luogo solo nei trattamenti 3+ e 3- (mi-
corrizato e non micorrizato a 100 ppm di Cd). L’assenza di effetti sul com-
parto radicale, imputabili alla micorrizazione, trova conferma in precedenti
lavori (Joner & Leyval, 1997).
Il fattore di trasferimento (F), calcolato per ogni trattamento è
rappresentato in Fig. 2. I risultati, ottenuti per rapporto tra le concentrazioni
medie di Cd nelle piante e nel suolo, sembrano indicare che, ad eccezione
232 Pennelli et al.

del trattamento 1-, il fattore di trasferimento decresce all’aumentare dell’in-


quinamento. Si nota nel trattamento 1+ il valore più alto in assoluto, seguo-
no in ordine decrescente 2+, 2-, 3-, 1-, 3+ e i controlli. I valori ottenuti non
oltrepassano lo 0.47, proposto per il Cd, in terreni non inquinati, dal Gruppo
di Lavoro “Metalli Pesanti” operante nell’ambito della L. 748/84.
Fig. 2. Fattore di trasferimento. Il valore di ogni colonna è dato dal rapporto tra le
concentrazioni medie di Cd nelle piante e nel suolo.

Fattore di trasferimento
0,4

0,35

0,3

mic non mic


0,25

0,2

0,15

0,1

0,05

0
C 1 10 100

Trattamenti (ppm Cd)

Si è provveduto inoltre a verificare l’esistenza di relazioni linea-


ri tra le concentrazioni di Cd delle sezioni vegetali di ogni singola pianta ana-
lizzata e le concentrazioni presenti nel terreno corrispondente al singolo cam-
pionamento. In questo caso è stato possibile non tenere conto dei diversi gra-
di di inquinamento, ma soltanto della distinzione tra piante micorrizate e no.
E’ stata effettuata quindi l’analisi della varianza su tutte le rette di regressio-
ne, con risultati significativi all’1 e 0.1%. Come si nota dalla Fig. 3, per le
piante micorrizate, la variabilità delle concentrazioni di Cd, in radici, fusto e
granella è spiegata dalla relazione lineare con la concentrazione totale di Cd
del suolo, al 99, 91 e 53% rispettivamente, a livelli di significatività, nell’or-
dine, di 0.1, 0.1 ed 1%. In Fig. 4, piante non micorrizate, la variabilità delle
concentrazioni di Cd, in radici, fusto e granella è spiegata dalla relazione li-
neare con la concentrazione totale di Cd del suolo, al 99, 88 e 89% rispetti-
vamente, a livelli di significatività sempre dello 0.1%. E’ evidente da questi
risultati che, la concentrazione nel suolo di Cd, in forma totale, spiegando in
modo accurato le concentrazioni nei vegetali, potrebbe essere utilizzata in
modelli previsionali di accumulo in piante, in situazioni colturali simili.
Dinamica del Cadmio nel sistema suolo-pianta in un terreno inoculato con micorrize selezionate:
esperienza su orzo coltivato in vasche lisimetriche 233

Fig. 3. Andamento delle concentrazioni di Cd, nei tessuti delle piante micorrizate,
in relazione ai corrispondenti valori riscontrati nel suolo. Sono riportate le equa-
zioni, l'R2 ed il livello di significatività.
Relazioni Cd-vegetali / Cd-suolo (piante micorrizate)
45

40
Regr. Radici
y = 0,2224x + 0,9312 radici
35
2
R = 0,9856; P*** fusto
granella
30
Cd nei tessuti vegetali (ppm)

Lineare (radici)
25 Lineare (fusto)
Lineare (granella)
20

15
Regr. Fusto
y = 0,0174x + 0,3363
10 2
R = 0,9127; P***
5 Regr. Granella
y = 0,0119x - 0,0638
2
0 R = 0,5319; P**
-30 20 70 120 170 220
-5

Cd nel terreno (ppm)

Fig. 4. Andamento delle concentrazioni di Cd, nei tessuti delle piante non micorri-
zate, in relazione ai corrispondenti valori riscontrati nel suolo. Sono riportate le
equazioni, l'R2 ed il livello di significatività.

Relazioni Cd-vegetali / Cd-suolo (piante non micorrizate)

40 Regr. Radici
y = 0,3749x + 0,3859
2
35 R = 0,9911;P***

30
Cd nei tessuti vegetali (ppm)

25 radici
fusto
20 granella
Lineare (radici)
Lineare (fusto)
15
Lineare (granella)

Regr.Fusto
10
y = 0,0354x + 0,0949
2
R = 0,8833;P*** Regr. Granella
5
y = 0,004x + 0,0001
2
R = 0,8854;P***
0
0 20 40 60 80 100 120

Cd nel terreno (ppm)


234 Pennelli et al.

Particolare attenzione inoltre va posta anzitutto ai trasferimenti


nelle parti edibili, che se per le piante micorrizate sono spiegati al 53%, per
le altre sono in relazione più stretta (89%) con il Cd del suolo in forma tota-
le. E’ auspicabile, nell’immediato futuro, il trasferimento di questo metodo di
indagine in situazioni di campo, su un più ampio range di colture e di suoli.
La percentuale di asportazione, ottenuta dal rapporto tra conte-
nuto di Cd nelle parti aeree e il peso secco delle stesse (Fig. 5), conferma la
proporzionalità diretta tra accumulo nei vegetali e grado d’inquinamento. Al
di là di verificare tale relazione, il parametro è stato preso in considerazione
poiché utilizzato per identificare specie con caratteristiche di bioaccumula-
tori (Ow, 1996). Riguardo al Cd, si può parlare di fitoestrazione quando il
valore della percentuale d’asportazione eccede lo 0.02; tale è la situazione
nei trattamenti 2 e 3 della nostra prova. Il risultato, trattandosi di accumulo
in piante edibili, ribadisce l’invito a porre attenzione sul trasferimento del-
l’inquinante nell’orzo.
Fig. 5. Percentuale di asportazione del Cd nei trattamenti (valori medi). Il parametro è
calcolato per rapporto del Cd nelle parti aeree, in peso, con la biomassa delle stesse.
Percentuali di Cd rilevate nelle parti aeree (peso secco)

0,2

0,18

0,16

0,14

0,12

% 0,1

0,08

0,06

0,04

0,02

0
c+ c- 1+ 1- 2+ 2- 3+ 3-

Trattamenti

Al fine di evidenziare fenomeni di disturbo da Cd sul compar-


to microbico del suolo, sono state valutate eventuali variazioni a carico del-
la biomassa microbica e del quoziente metabolico. I parametri in esame si ri-
feriscono a tutte le tesi, relativamente ai periodi: pre-semina (dopo un mese
dall’inquinamento e in assenza di micorrize) e post-raccolto. Nel primo pe-
riodo (Tab. 2) si evidenzia un significativo decremento del carbonio della
biomassa solo in presenza della dose massima del metallo mentre il quo-
ziente metabolico resta pressoché inalterato. Dal campionamento post-rac-
Dinamica del Cadmio nel sistema suolo-pianta in un terreno inoculato con micorrize selezionate:
esperienza su orzo coltivato in vasche lisimetriche 235

colto, per il carbonio della biomassa, emergono decrementi significativi alle


dosi massime di Cd, sia nelle tesi micorrizate (-24%) che in quelle non mi-
corrizate (-20%); i valori dei quozienti metabolici non danno, invece, diffe-
renze significative a diverse concentrazioni di Cd. I risultati ottenuti sugge-
riscono l’esistenza di un effetto dose del metallo sulla dimensione della po-
polazione microbica ma non sulla sua attività; si evidenzia cioè una situa-
zione di relativo equilibrio metabolico (Anderson, 1994). Questo fenomeno
può trovare una plausibile spiegazione ipotizzando la presenza di una mi-
croflora nativa già adattata alla presenza di quantità relativamente elevate di
Cd nel suolo (Tab. 1). In casi analoghi, riduzioni della biodiversità e svilup-
po di ceppi resistenti sono già stati oggetto d’osservazione (Tyler, 1981).
Tab. 2. Valori del carbonio (mg/kg) e del quoziente metabolico, q(CO2) (µg C-
CO2/µg BC*h-1) della biomassa microbica in: terreno inquinato, prima della semi-
na e della micorrizazione (sopra) e a fine coltura (sotto). M.D.S. calcolati a livello
di significatività del 5% (n = 6).

Trattamento C-biomassa Quoziente metabolico q(CO2)


Pre-semina inquinato Pre-semina inquinato
C 208+/-4.5 0.3*10-2
1 215+/-5 0.4*10-2
2 209+/-8.8 0.4*10-2
3 190+/-6.5 0.4*10-2
M.D.S. 15 0.16*10-2
Trattamento C-biomassa post-coltura Quoziente metabolico q(CO2)
mic - no mic post-coltura mic - no mic
C 218+/-6.5 - 295+/-6.8 0.4*10-2 - 0.5*10-2
1 210+/-6.6 - 308+/-7.2 0.3*10-2 - 0.4*10-2
2 236+/-3.5 - 252+/-4 0.3*10-2 - 0.5*10-2
3 165+/-7.5 - 237+/-6.6 0.4*10-2 - 0.5*10-2
M.D.S. 44 0.16*10-2

Si conclude che la concentrazione di Cd nel suolo, rilevata in


forma totale, nelle condizioni sperimentali adottate, si presta a descrivere la
dinamica dell’inquinante da suolo a pianta, in forma di relazione lineare, con
differenze in funzione del grado di inquinamento. Resta da accertare quali
altri fattori intervengano nel trasferimento di Cd nella granella giacché non
si sono evidenziate differenze di concentrazione neanche tra i controlli e le
tesi inquinate a 100 ppm. In secondo luogo, nell’orzo micorrizato, la rela-
zione Cd suolo / Cd granella è spiegata solo al 53% (sebbene all’1% di si-
gnificatività).
L’esistenza, comunque, di relazioni lineari molto significative,
induce a considerare la possibilità di estendere il modello di studio in situa-
zioni agricole reali.
236 Pennelli et al.

Una considerazione finale è che, pur avendo rilevato bassi ac-


cumuli nella granella, le altre parti dei vegetali andrebbero, ad ogni modo,
considerate come possibili mezzi di ingresso del Cd nella rete trofica, stan-
do ai valori piuttosto elevati della percentuale d’asportazione (Fig. 5).

Bibliografia

ANDERSON T.H. 1994. Physiological analysis of microbial communities in soil: Applications and Limitations. In:
Beyond the Biomass. (eds K.Ritz et al.), 7, pp. 67-76. British Society of Soil Science (BSSS).
ANDERSON T.H., DOMSCH K.H. 1990. Application of eco-physiological quotients (qCO2 and qD) on microbial bio-
mass from soils of different cropping histories. Soil Biology & Biochemistry, 10, 251-255
BADALUCCO L., GREGO S., DELL’ORCO S., NANNIPIERI P. 1992. Effect of liming on some chemical, biochemi-
cal, and microbiological properties of acid soils under spruce (Picea abies L.). Biology & Fertility
of Soils, 14, 76-83.
BROOKES P.C. 1995. The use of microbial parameters in monitoring soil pollution by heavy metals. Biology & Fertility
of Soils, 19, 269-279.
BURGATSACAZE V., CRASTE L., GUERRE P. 1996. Cadmium in the food chain – a review. Revue de Medecine
Veterinaire, 147, 671-680.
GREGO S., BENEDETTI A., DELL’ORCO S., ROSSI G., MARINARI S., BADALUCCO L. 1996. Agricultural prac-
tices and biological activity in soil. Fresenius Environmental Bullettin, 5, 282-288.
HERREN T., FELLER U. 1997. Transport of cadmium via xylem and phloem in maturing wheat shoots – Comparison
with the translocation of zinc, strontium and rubidium. Annals of Botany, 80, 623-628.
JONER E.J., LEYVAL C. 1997. Uptake of Cd-109 by roots and hyphae of a glomus mosseae trifolium subterraneum
micorrhiza from soil amended with high and low concentrations of cadmium. New Phytologist, 135,
353-360.
McBRIDE M.B. 1998. Growing food crops on sludge-amended soils: Problems with the US Environmental Protection
Agency method of estimating toxic metal transfer. Environmental Toxicology & Chemistry, 17,
2274-2281.
MENCH M.J. 1998. Cadmium availability to plants in relation to major long term changes in agronomy systems.
Agriculture Ecosystem & Environment, 67, 175-187.
Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali. 1994. Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo. MiRAAF,
Roma.
NAIDU R., KOOKANA R.S., SUMNER M.E., HARTER R.D., TILLER K.G. 1997. Cadmium sorption and transport
in a variable charge soils – a review. Journal of Environmental Quality, 26, 602-617.
OW D.W. 1996. Heavy metal tollerance genes – Prospective tools for bioremediation. Resources Conservation &
Recycling, 18, 135-149.
SEREGIN I.V., IVANOV V.B. 1998. The transport of cadmium and lead ions through root tissues. Russian Journal of
Plant Physiology, 45, 780-785.
TYLER G. 1981. Heavy metals in soil biology and biochemistry. In: Soil Biochemistry (eds E. A. Paul et al.), 5, pp.
371-414. Marcel Dekker, New York.
VANCE E.D., BROOKES P.C., JENKINSON D.S. 1987. An extraction method for measuring microbial biomass C. Soil
Biology & Biochemistry, 19, 703-707.
VASSILEV A., TSONEV T., YORDANOV I. 1998. Physiological response of barley plants (Hordeum vulgare) to cad-
mium contamination in soil during ontogenesis. Environmental Pollution, 103, 287-293.
237

TURNOVER DELLA SOSTANZA ORGANICA ED


ATTIVITÀ BIOLOGICA DI SOSTANZE UMICHE
PROVENIENTI DA FAGGETE DIVERSE
Pizzeghello D.1, Nicolini G.1, Nardi S.2
1 Centro di Ecologia Alpina
38040 Viotte del Monte Bondone - Trento

2 Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Facoltà di Agraria, Università di Padova


Strada Romea 16, 35020 Legnaro - Padova.

Riassunto
I risultati dei parametri chimici e biochimici di 27 orizzonti A, suddi-
visi nei tre raggruppamenti faggete termofile, mesofile ed acidofile, sono stati stu-
diati mediante l’analisi della varianza univariata (ANOVA) e mediante i test non
parametrici di Kruskal-Wallis. Dai confronti a coppie multipli le faggete termofile e
mesofile sono uguali come C/N e come CU/CO, mentre differiscono entrambe dal-
le faggete acidofile. Per quanto riguarda l’attività biologica delle sostanze umiche
fra le faggete termofile e le acidofile e fra le faggete mesofile e le acidofile vi sono
differenze significative per l’attività auxino-simile, come pure per il contenuto di
acido indolacetico. In termini di attività gibberellino-simile risultano diversi i grup-
pi delle faggete termofile e mesofile e i gruppi termofile e acidofile, mentre sono si-
mili le mesofile-acidofile. L’attività biologica delle sostanze umiche può quindi es-
sere considerata un parametro importante nel distinguere le complesse relazioni suo-
lo-vegetazione.

Introduzione

La quantità di sostanza organica ed umica presente nel suolo è


regolata, secondo l’equazione di Jenny, da cinque fattori: tempo, clima, ve-
getazione, roccia madre e topografia. Questi fattori determinano dopo un cer-
to periodo di tempo l’instaurarsi di un equilibrio fra la sostanza organica e la
sostanza umica del suolo. Naturalmente, il risultato varia nei diversi terreni
cosicché la sostanza organica e quella umica non solo si accumulano in quan-
tità diverse ma raggiungono livelli differenti di maturità (Sparks, 1995).
L’effetto della sostanza organica sulla crescita delle piante è no-
ta da molto tempo, ma solo recentemente questo effetto è stato attribuito ai

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 237-244 (2001)
238 Pizzeghello et al.

composti umici. I numerosi studi effettuati negli ultimi vent’anni non solo
hanno evidenziato come le sostanze umiche a seconda delle loro caratteristi-
che strutturali influenzino diversamente la crescita e lo sviluppo delle piante
(Vaughan e Malcolm, 1985), ma anche come l’attività biologica svolta dalle
sostanze umiche dipenda dalle loro proprietà ormono-simili e dal contenuto
in acido indolacetico (Muscolo et al., 1998). Il presente lavoro ha voluto stu-
diare il turnover della sostanza organica proveniente da faggete termofile, me-
sofile ed acidofile sviluppatesi su substrati diversi con l’obiettivo di differen-
ziare i gruppi mediante lo studio dell’attività biologica delle sostanze umiche.

Materiali e metodi

Studio dell’area
Ventisette suoli situati nella Provincia di Trento sono stati stu-
diati in riferimento alla vegetazione, suolo e all’humus (Calabrese et al.,
1998). I suoli, tutti coperti da faggete, da un punto di vista fitosociologico
sono stati distinti in tre gruppi: faggete termofile (ID 1), mesofile (ID 2) ed
acidofile (ID 3).

Analisi chimiche e biochimiche


Le sostanze umiche sono state estratte dagli orizzonti A dei
campioni di terreno utilizzando il metodo di Dell’Agnola e Ferrari (1971).
La distribuzione dei pesi molecolari (I, II, III frazione: >100KD, 100-10KD
e <10KD) è avvenuta per cromatografia per Gel-filtrazione di ciascun estrat-
to umico attraverso una colonna 70 x 1.6 cm (Pharmacia) di Sephadex G-
100. Come eluente si è impiegato 0.02M Na2B4O7. L’attività auxino- (AIA)
e gibberellino-simile (AG) delle sostanze umiche è stata saggiata mediante i
test Audus (Audus, 1972). La quantità di acido indolacetico (ELISA) pre-
sente nelle sostanze umiche è stata determinata tramite immunosaggio
(Phytodetek-AIA, Sigma). Le attività enzimatiche sono state effettuate su
plantule di Picea abies cresciute per 12 gg in condizioni sterili con soluzio-
ne nutritiva Hoagland addizionata di sostanze umiche e/o di acido indolace-
tico o di acido gibberellico. Successivamente 1 g di germogli è stato omo-
geneizzato (1:10 w/v) in 0.1M K-acetato (pH 4.0) contenente 0.1M di sac-
carosio per la determinazione dell’attività invertasica (INV) o in 0.1M tam-
pone fosfato (pH 7.0) per l’attività perossidasica (PEROX). L’invertasi è sta-
ta valutata secondo la procedura di Arnold (1965) e la perossidasi secondo
Putter (1974).
Turnover della sostanza organica ed attività biologica di sostanze umiche provenienti da faggete
diverse 239

Analisi statistica
I risultati dei parametri chimici dei 27 orizzonti A, suddivisi nei
tre raggruppamenti (ID 1, ID 2, ID 3), sono stati studiati mediante l’analisi
della varianza univariata (ANOVA) per determinare la presenza di differenze
tra le medie dei gruppi. Successivamente, mediante il test di Student-
Newman-Keuls (S-N-K), sono stati effettuati confronti a coppie multipli per
identificare dei sottoinsiemi omogenei di medie che non differivano le une
dalle altre. Dato che nel nostro contesto i postulati del modello statistico su
cui si basa l’analisi della varianza non erano completamente soddisfatti, è sta-
ta successivamente applicata una tecnica non parametrica, il test di Kruskal-
Wallis (K-W) per verificare l’ipotesi nulla secondo la quale i tre gruppi con-
siderati provenivano da popolazioni caratterizzate dalla stessa mediana.
Mediante il test K-W sono stati eseguiti confronti a coppie multipli per indi-
viduare gruppi tra loro omogenei. I risultati dei test non parametrici sono sta-
ti quindi messi a confronto con quelli ottenuti dai test parametrici. Le analisi
statistiche sono state effettuate mediante il programma SPSS versione 8.0.

Risultati e discussione

Secondo l’ANOVA (Tab. 1) i parametri in base ai quali le tre


faggete ID 1, ID 2, ID 3 risultano diverse sono: pH, AIA, ELISA, PEROX
e INV, ad un livello di significatività pari a p0.001, CU/CO e AG ad un li-
vello di p≤0.01 e C/N per p≤0.05.
Dai confronti a coppie multipli del test S-N-K (Tab. 2) risulta
che le faggete termofile, mesofile ed acidofile differiscono tra loro per il pH
per p≤0.05, mentre le acidofile differiscono, sempre in termini di pH, dagli
altri due gruppi per p≤0.001. Le acidofile differiscono come C/N dalle fag-
gete termofile e mesofile per p≤0.05. I tre gruppi non sono diversi invece per
quanto concerne il CO e neppure per il CU. Considerando invece il CU/CO
le faggete acidofile differiscono dalle termofile e dalle mesofile per p≤0.01.
In termini di qualità delle sostanze umiche (I, II e III frazione umica) non vi
sono differenze significative.
Le faggete acidofile differiscono in termini di risposta auxino-
simile (AIA) dalle faggete termofile e mesofile ( p≤0.001); mentre le termo-
file differiscono dalle mesofile ed acidofile come attività gibberellino-simile
(AG) ( p≤0.01). Il contenuto in acido indolacetico (ELISA) delle acidofile è
diverso ( p≤0.001) da quello delle termofile e mesofile, come pure l’attività
perossidasica (PEROX). L’attività invertasica (INV) invece differisce signi-
ficativamente per p≤0.001 in tutti e tre i gruppi.
240 Pizzeghello et al.

Tab. 1. Risultati dell'analisi della varianza univariata (ANOVA) applicata ai tre


raggruppamenti di faggete (ID 1, ID 2, ID 3).
Parametro* Somma dei df Media dei F Sig.
quadrati quadrati
PH Fra gruppi 29.700 2 14.850 40.189 0.0003
Entro gruppi 8.868 24 0.369
Totale 38.567 26
CO Fra gruppi 19.462 2 9.731 0.958 0.3977
Entro gruppi 243.705 24 10.154
Totale 263.167 26
C/N Fra gruppi 114.620 2 57.310 4.610 0.0202
Entro gruppi 298.328 24 12.430
Totale 412.947 26
CU Fra gruppi 1.867 2 0.933 0.625 0.5436
Entro gruppi 35.825 24 1.493
Totale 37.691 26
CU/CO Fra gruppi 2529.370 2 1264.685 8.259 0.0019
Entro gruppi 3675.056 24 153.127
Totale 6204.425 26
I frazione Fra gruppi 130.277 2 65.139 2.056 0.1499
Entro gruppi 760.389 24 31.683
Totale 890.667 26
II frazione Fra gruppi 32.612 2 16.306 0.392 0.6799
Entro gruppi 998.129 24 41.589
Totale 1030.741 26
III frazione Fra gruppi 43.986 2 21.993 1.147 0.3343
Entro gruppi 460.014 24 19.167
Totale 504.000 26
AIA Fra gruppi 17.396 2 8.698 21.817 0.0001
Entro gruppi 9.568 24 0.399
Totale 26.964 26
AG Fra gruppi 33.548 2 16.774 9.136 0.0011
Entro gruppi 44.067 24 1.836
Totale 77.614 26
ELISA Fra gruppi 0.001 2 0.000 10.691 0.0005
Entro gruppi 0.001 24 0.000
Totale 0.001 26
PEROX Fra gruppi 126340.792 2 63170.396 26.546 0.0003
Entro gruppi 57111.875 24 2379.661
Totale 183452.667 26
INV Fra gruppi 35500.715 2 17750.358 44.014 0.0004
Entro gruppi 9678.914 24 403.288
Totale 45179.630 26
*CO, carbonio organico; CU, carbonio umico; I, II, III frazione >100KD, 100-10KD e
<10KD; AIA, attività auxino-simile; AG, attività gibberellino-simile; ELISA, acido indolace-
tico; Perox, attività perossidasica; Inv, attività invertasica.
Turnover della sostanza organica ed attività biologica di sostanze umiche provenienti da faggete
diverse 241

Tab. 2. Sottoinsiemi non omogenei a diversi livelli di significatività (p) in base al


test di Student-Newman-Keuls.
Sottoinsiemi
Parametro ID pΩ 1 2 3
pH 3 0.001 4.24
2 6.586
1 7.263
3 0.050 4.24
2 6.586
1 7.263
CO 3 0.050 5.92
2 6.714
1 8.25
C/N 1 0.050 12.663
2 12.986
3 18.16
CU 1 0.050 2.08
2 2.173
3 2.808
CU/CO 2 0.010 25.929
1 29.075
3 51.74
I frazione 3 0.050 14.8
1 16.625
2 20.143
II frazione 2 0.050 68.429
3 70.4
1 70.75
III frazione 2 0.050 11.357
1 12.5
3 14.8
AIA 1 0.001 0.142
2 0.276
3 2.288
AG 3 0.010 0.183
2 0.552
1 2.878
ELISA 1 0.001 0.009
2 0.012
3 0.022
PEROX 1 0.001 52.625
2 101
3 251
INV 3 0.001 34.6
2 101.857
1 142
242 Pizzeghello et al.
Turnover della sostanza organica ed attività biologica di sostanze umiche provenienti da faggete
diverse 243

Dal test di Kruskal-Wallis (Tab. 3) le variabili pH, AG, PEROX


e INV sono significative nel distinguere i diversi campioni per p≤0.001,
mentre le variabili AIA ed ELISA risultano significative per p≤0.01 e
CU/CO per un p≤0.05.
Dal confronto a due a due dei gruppi (Tab. 3) si evince che le
faggete termofile e mesofile si differenziano tra loro per AG e INV ad un
p≤0.01 e per pH e PEROX per p≤0.05.
Le faggete termofile differiscono dalle acidofile per pH, AIA,
AG, ELISA, PEROX e INV per p≤0.01 e per C/N e CU/CO per p≤0.05;
mentre le faggete mesofile e acidofile differiscono tra loro per pH, CU/CO,
AIA, ELISA, PEROX e INV per p≤0.01 e per la I frazione per p≤0.05.

Conclusioni

Le tre faggete studiate possono essere considerate diverse in ter-


mini di pH (test S-N-K, test K-W). Come rapporto C/N le faggete termofile
e mesofile sono uguali, mentre differiscono entrambe dalle faggete acidofi-
le. Nonostante non vi siano differenze significative né in termini di CO né
come produzione di CU, i rapporti CU/CO e C/N indicano un diverso turn-
over della sostanza organica nei gruppi delle faggete termofile-mesofile da
quello delle faggete acidofile. La resa in humus (CU/CO), quantitativamen-
te più bassa in ambiente termofilo-mesofilo rispetto all’ambiente acidofilo è
in accordo con il turn-over della sostanza organica (Sparks, 1995). Dal pun-
to di vista della qualità delle sostanze umiche, la frazione a peso molecolare
più elevato, indice di una maggiore evoluzione nel processo di umificazione
(Dell’Agnola e Ferrari, 1971), è significativa come elemento di distinzione
(test K-W) solo tra le faggete mesofile e le acidofile.
Per quanto riguarda l’attività biologica delle sostanze umiche
dai confronti fra le faggete termofile e le acidofile e fra le faggete mesofile
e le acidofile risultano differenze in termini di risposta auxinica, come pure
in contenuto di acido indolacetico, mentre i gruppi termofile e mesofile ri-
sultano simili. In termini di risposta gibberellino-simile risultano diversi i
gruppi delle faggete termofile e mesofile e i gruppi termofile e acidofile,
mentre sono simili le mesofile-acidofile.
Dall’elaborazione di questi dati si evince che sostanze umiche
prodotte da ecosistemi diversi e caratterizzate dal possedere attività biologi-
ca diversa attivano/stimolano nelle piante vie metaboliche differenti quali ri-
sposte per sopravvivere ad ambienti diversi. In particolare, tra i parametri
244 Pizzeghello et al.

considerati, il pH, l’attività auxino-simile, il contenuto in acido indolacetico,


l’attività perossidasica, l’attività invertasica, il rapporto C/N e CU/CO sono
risultati significativamente importanti. Da questo studio emerge che l’attivi-
tà biologica delle sostanze umiche può essere utilizzata per distinguere grup-
pi di suoli selezionati mediante analisi fitosociologiche.

Ringraziamenti
Gli autori ringraziano la Dr.ssa M.S. Calabrese e il Dr. G. Sartori per il lavoro pedologico
svolto in campagna e il Dr. A. Zanella per lo studio fitosociologico.

Bibliografia

ARNOLD W.N. 1965. Fructofuranosidase from grape berries. Biochem. Biophys. Acta, 110, 134-147.
AUDUS L.J. 1972. Plant growth substances Vol. I: Chemistry and Physiology. Leonard Hill London.
CALABRESE M.S., NARDI S., SARTORI G., PIZZEGHELLO D., ZANELLA A., NICOLINI G. 1998. Humus fore-
stali ed attività biologica di sostanze umiche provenienti da suoli sotto faggete e abieti-faggete del
trentino. Atti del XXXV Corso di Cultura in Ecologia. San Vito di Cadore, 7-11 Settembre 1998.
DELL’AGNOLA G. and FERRARI, G. 1971. Molecular sizes and functional groups of humic substances extracted by
0.1 M pyrophosphate from soil. Journal of Soil Scence, 22, 342-349.
MUSCOLO A., CUTRUPI S. and NARDI S. 1998. IAA detection in humic substances. Soil Biology and Biochemestry.
30, No 8/9, 1199-1201.
PUTTER J. 1974. Peroxidases. In: Methods of Enzymatic Analysis II, (H.V. Bergmeyer ed.), pp. 685-690. Academic
Press, New York.
SPARKS D.L. 1995. Environmental Soil Chemistry, Academic Press, New York.
VAUGHAN D., MALCOLM R.E. and ORD B.G. 1985. Influence of humic substances on biochemical process in plant.
In: Soil Organic Matter and Biological Activity, (D. Vaughan and R.E. Malcolm eds), Njihoff W.
Junk Publishers, Dordrecht.
245

IL CLIMA ED IL PEDOCLIMA DEI SUOLI DEI MONTI


DI PALERMO (PA)
Raimondi S., Lupo M. (*) 1
(*) Dipartimento di Agronomia Coltivazioni Erbacee e Pedologia
Viale delle Scienze, 90128 Palermo,

Riassunto
Gli Autori espongono i risultati dell’attività di ricerca sul clima e sul pedoclima
dei monti di Palermo. Essi sono stati ottenuti elaborando i dati termopluviometrici
di cinque stazioni di rilevamento. I risultati evidenziano un clima che oscilla dal se-
miarido (D) all’udico (C2); un regime di temperatura che varia dal termico maritti-
mo al mesico; un regime di umidità fluttuante fra l’intermedio xerico torrico e l’u-
dico. Dopo un’analisi dei risultati e delle caratteristiche dell’ambiente si sottolinea
la diversità fra i risultati ottenuti dall’elaborazione e le osservazioni di campagna sul-
l’attività vegetativa delle piante erbacee annuali, che evidenziano un’area mesico
udica di montagna più ampia. I pedoclimi più diffusi sono: il termico marittimo - in-
termedio xerico torrico, il termico continentale - xerico ed il mesico - udico.

Introduzione

Il presente lavoro, si inserisce in un filone di studi e ricerche che,


ha come obiettivo la definizione del pedoclima (regimi idrico e termico) dei
suoli siciliani a media scala. Esso segue i lavori che hanno riguardato: il cli-
ma ed il pedoclima del monte Etna (Raimondi et al., in corso di stampa), dei
monti Erei (Raimondi et al., 1997b), delle Madonie (Raimondi e Lupo,
1998), della Sicilia occidentale (Raimondi e Lupo, in corso di stampa).
Attraverso la definizione del pedoclima è possibile interpretare i
processi pedogenetici dominanti in un’area, prevedere i tipi pedologici che in
essa evolvono e contribuire alla classificazione dei suoli secondo la Soil
Taxonomy (Raimondi, 1995; in corso di stampa b); nel campo della Land
Evaluation tutti gli elementi climatici e gli aspetti pedoclimatici costituiscono
caratteristiche e qualità del territorio che determinano l’attitudine per qualsia-
si utilizzazione agricola o forestale (Raimondi e Lupo, 1998).
1 Il primo ha ideato il lavoro e ha curato la stesura del testo, il secondo ha effettuato l'elabo-
razione dei dati termopluviometrici ed ha redatto la cartografia tematica.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 245-259 (2001)
246 Raimondi e Lupo

La classificazione ottimale dei suoli, secondo la Soil Taxonomy


(Soil Survey Staff, 1997), è quella che armonizza i caratteri del suolo e la sua
attitudine nei confronti delle piante (Raimondi, 1998). Il pedoclima si defini-
sce sulla base dei dati rilevati di temperatura e di umidità del suolo a diversa
profondità, oppure applicando dei modelli che simulano la realtà (Raimondi,
in corso di stampa b).
L’area dei monti di Palermo ricade nel mezzo fra Le Madonie
ed i monti del trapanese (Sicilia occidentale).

Materiali e metodi

Il territorio preso in considerazione è ubicato nella fascia setten-


trionale della provincia di Palermo. Esso è delimitato ad est dal mare e da una
retta ad andamento nord-sud, tracciata in prossimità del sistema collinare po-
sto ad occidente di Partinico; a sud e ad est, da due linee tracciate un po’ sot-
to S. Cipirello la prima, ed a est del centro abitato di Villabate, la seconda.
Il rilievo montuoso ha andamento nord ovest - sud est. Le cime
più alte si raggiungono, nella parte centrale, con i monti Cuccio (1.050 m
s.l.m.), Gibilmesi (1.156 m s.l.m.), Signora (1.131 m s.l.m.), Mirabella
(1.165 m s.l.m.), La Pizzuta (1.133 m s.l.m.), Kumeta (1.233 m s.l.m.). A
nord ovest sono presenti alcuni monti che non raggiungono i 1.000 m di al-
tezza (Castellaccio 890 m s.l.m., Montanello 964 m s.l.m., Corvo 910 m
s.l.m.), mentre a sud è presente il monte Leardo con i suoi 1016 m s.l.m..
A nord e ad ovest della catena montuosa, si trovano le aree pia-
neggianti della Conca d’Oro, della piana di Carini e di Partinico. I fiumi più
importanti sono: l’Eleuterio, che sfocia nei pressi di Villabate; l’Oreto, che
attraversa Palermo; lo Iato che scorre ad ovest di Partinico; il Belice destro,
a sud di Piana degli Albanesi.
Le aree pianeggianti ed i rilievi più alti sono collegati da unità
morfologiche che, facilmente raggiungono i 700 - 800 m di quota e che, in-
sieme alla natura calcarea e dolomitica, conferiscono al paesaggio una note-
vole asprezza. Numerose sono le vallate strette ed aperte a nord.
Gli affioramenti litologici dominanti risultano di natura calcare-
nitica, calcareo magnesiaca, argilloso-arenacea e marnosa (Catalano et al.,
1978).
L’utilizzazione del suolo, nelle aree piane settentrionali ed oc-
cidentali, è rappresentata dall’agrumeto, dall’orto e dal vigneto, mentre nel-
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (PA) 247

la restante parte dominano il seminativo, l’agrumeto limitatamente ai fondi-


valle, l’uliveto ed il frutteto (pero, susino, albicocco e mandorlo). La gestio-
ne in pianura e nei fondivalle è in irriguo. Alle quote maggiori si riscontra-
no il pascolo ed il bosco (querce, pini, cipressi).
Il clima ed il pedoclima sono stati valutati tramite i dati termo-
pluviometrici di cinque stazioni. Queste, gestite dal Servizio Idrografico del
Genio Civile sono: Palermo Castelnuovo (54 m s.l.m.), Monreale (750 m
s.l.m.), Partinico (189 m s.l.m.), S. Giuseppe Iato (450 m s.l.m.), Piana de-
gli Albanesi (750 m s.l.m.). Il periodo storico preso in considerazione è il
1951-1994.
I dati termopluviometrici sono stati elaborati secondo i seguen-
ti concetti: bilancio idrico del suolo di Thornthwaite (Thornthwaite e Mather,
1957); rappresentazione grafica di Billaux (Billaux, 1978), per studiare la se-
zione di controllo dell’umidità; bilanci idrici in funzione dell’annata agraria
(periodo settembre - agosto); capacità di ritenzione idrica del suolo conside-
rata nei bilanci 25, 50, 100, 200 e 300 mm. Per ogni annata agraria è stato
classificato il clima, e sono stati valutati i regimi di temperatura e di umidi-
tà, secondo le indicazioni della Soil Taxonomy. Tutte le variabili del clima e
del pedoclima annuali sono state elaborate secondo i principi del calcolo pro-
babilistico (Raimondi et al., 1997a), per ottenere un dato che si deve ripete-
re per almeno 6 anni su 10 (cioè deve avere la probabilità del 60%).
La zonizzazione delle variabili ottenute è stata effettuata me-
diante l’interpolazione altimetrica e sono state redatte 10 carte tematiche.

Risultati e discussione

La fig. 1 mostra la distribuzione della temperatura media annua


dell’aria, che oscilla da valori di poco inferiori a 14 °C, sulle cime più ele-
vate (monti Kumeta, La Pizzuta, Mirabella, Signora e Cuccio), a valori su-
periori ai 18 °C, in tutta la fascia costiera settentrionale ed occidentale, con
una maggiore estensione in quella meridionale. Con l’isoterma 18 °C si è vo-
luto mettere in evidenza, come già effettuato per altre area, la fascia più cal-
da in cui domina l’agrumeto e si hanno condizioni climatiche diverse rispet-
to ai territori con temperatura < 18 °C (le escursioni giornaliere e stagionali
sono inferiori).
La fig. 2 mostra la distribuzione della piovosità totale annua
(mm). Il territorio con piovosità < 500 mm, interessa tutta la fascia costiera,
parte delle vallate collinari ed il sistema collinare posto ad ovest di S.
248 Raimondi e Lupo

Fig. 1 - Distribuzione della temperatura media annua dell’aria (°C).

Cipirello; la fascia 500-750 mm interessa un’area pedemontana il cui limite


si trova poco superiore ai 500 m s.l.m. ad ovest e intorno ai 300 m s.l.m. a
nord; la classe 750 - 1000 mm caratterizza il cuore del sistema montuoso,
mentre si superano i 1000 mm sulle cime più elevate.
Per quanto riguarda i tipi climatici (fig. 3) la variabilità è piut-
tosto limitata. Fra i tipi climatici del gruppo degli aridici, con indice di umi-
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (PA) 249

Fig. 2 - Distribuzione della piovosità media annua (mmm).

dità globale negativo (Im < 0), è presente il semiarido (D) e quello da sub-
umido a subarido (C1); il primo si riscontra in tutta l’area pianeggiante co-
stiera e in quella collinare sud occidentale, mentre il secondo interessa il
massiccio montuoso, le aree vallive interne e le collinari, specialmente quel-
le settentrionali. Del gruppo dei climi umidi (Im > 0), è presente soltanto il
tipo climatico da umido a subumido (C2; 20 > Im ≥ 0), individuato nella par-
250 Raimondi e Lupo

Fig. 3 - Distribuzione dei tipi climatici secondo la classificazione di


C. W. Thornthwaite (Im = indice di umidità globale).

te sommitale della catena montuosa, settore meridionale.


In base all’efficienza termica (evapotraspirazione potenziale)
sono state individuate tre varietà climatiche (fig. 4) comprese fra il primo
mesotermico (PE 427 - 570 mm) ed il terzo mesotermico (PE = 855 - 997
mm). La varietà climatica più diffusa è il terzo mesotermico, mentre il pri-
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (PA) 251

Fig. 4 - Distribuzione delle varietà climatiche


(PE = Evapotraspirazione potenziale in mm)
mo mesotermico è presente soltanto sulle cime più alte.
La fig. 5 mette in evidenza la distribuzione della temperatura
media del suolo. Il territorio considerato si inserisce prevalentemente nel re-
gime di temperatura termico (15 ≤ T °C < 22). L area interessata è posta a
quote inferiori ai 900-1000 m in relazione al versante. Quest’area sulla car-
252 Raimondi e Lupo

Fig. 5 - Distribuzione dei regimi termometrici dei suoli


(T = temperatura media annua del suolo in °C).

ta è stata suddivisa come termico marittima (T1), perché in essa è notevo-


le l’influenza del mare e, nel settore sud occidentale, l’effetto versante con-
seguente all’esposizione sud ed alla protezione dai venti freddi settentriona-
le operata dal sistema montuoso di Palermo, e termico continentale (T2).
Sulle cime più elevate si riscontra il regime mesico (8 ≤ T °C < 15).
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (PA) 253

Fig. 6 - Distribuzione dei regimi idrici dei suoli aventi una


capacità di ritenzione idrica disponibile di 25 mm.
Nelle figure 6, 7, 8, 9 e 10 vengono riportate le distribuzioni dei
regimi idrici dei suoli per valori crescenti di capacità di ritenzione in acqua
disponibile (A.W.C.): 25, 50, 100, 200 e 300 mm. Nel primo caso (fig. 6) ri-
sulta dominante il regime intermedio xerico torrico, mentre lo xerico è pre-
sente a quote superiori ai 300 m nel versante settentrionale, e al di sopra dei
500 m in quello meridionale. Nella fig. 7 (A.W.C. = 50 mm) l’area a regime
254 Raimondi e Lupo

Fig. 7 - Distribuzione dei regimi idrici dei suoli aventi una


capacità di ritenzione idrica disponibile di 50 mm.

intermedio xerico torrico è meno estesa. Essa risulta ubicata lungo la fascia
costiera pianeggiante e nel sistema collinare sud occidentale. Il limite alti-
metrico superiore è posto ad una quota di 300 m a sud e 100 m a nord. Nella
fig. 8 (A.W.C. = 100 mm), l’area a regime intermedio xerico torrico è di po-
co più piccola. Nella fig. 9 (A.W.C. = 200 mm) l’intermedio xerico torrico è
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (PA) 255

Fig. 8 - Distribuzione dei regimi idrici dei suoli aventi una


capacità di ritenzione idrica disponibile di 100 mm.

ancora meno esteso, riscontrandosi nella piana di Partinico, mentre lo xerico


risulta nettamente dominante. Sulle cime più alte Kumeta e la Pizzuta com-
pare l’udico. Nella fig. 10 (A.W.C. = 300 mm) l’intermedio xerico torrico è
scomparso, lo xerico domina e l’udico, alle quote più elevate della catena
montuosa, si presenta con un’area più ampia.
256 Raimondi e Lupo

Fig. 9 - Distribuzione dei regimi idrici dei suoli aventi una


capacità di ritenzione idrica disponibile di 200 mm.

Conclusioni
Gli elaborati cartografici mettono in evidenza un clima domi-
nante di tipo arido, che cede il posto al tipo umido, sulle cime più alte del ri-
lievo nel settore meridionale. La fascia costiera settentrionale ed occidenta-
le è fra le zone più calde ed aride.
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (PA) 257

Fig. 10 - Distribuzione dei regimi idrici dei suoli aventi una


capacità di ritenzione idrica disponibile di 300 mm.

Per quanto concerne il regime idrico, il presente lavoro, ha con-


fermato la presenza dell’intermedio xerico torrico e dello xerico, già indivi-
duati in altre elaborazioni (Raimondi, 1993). Il contributo di questo lavoro
consiste nell’aver individuato il regime idrico udico, sulle cime più alte.
La distribuzione dei parametri climatici e pedoclimatici nell’a-
258 Raimondi e Lupo

rea pianeggiante ed in quella collinare sud occidentale è influenzata dal ma-


re e dall’esposizione sud. L’area è protetta dai venti settentrionali. Nella par-
te sommitale a pedoclima mesico - udico si riscontrano aree a pascolo, roc-
cia affiorante, macchia mediterranea e piccole superfici boccate. Nell’area a
pedoclima termico marittimo - intermedio xerico torrico, è presente quasi
tutta la superficie adibita ad agrumeto dal palermitano. Nella vegetazione na-
turale è presente la palma nana.
Gli elaborati cartografici hanno evidenziato una influenza del-
l’effetto versante sulla distribuzione degli elementi climatici e pedoclimatici.
Questi risultati si armonizzano solo in parte con quanto è stato
osservato in pieno campo in questi anni. L’attività vegetativa mostra un cli-
ma decisamente più umido sul rilievo rispetto alla valutazione effettuata.
Tale discordanza probabilmente è dovuta ai valori termometrici rilevati nel-
le stazioni di Palermo e Monreale; questi sono più elevati per l’influenza del-
l’area urbana nella prima stazione e per l’esposizione ovest nella seconda
discostandosi da una esposizione nord a cui si fa prevalentemente riferimen-
to. L’area mesico - udico quindi, è sicuramente più ampia di quella carto-
grafata.

Bibliografia

BILLAUX P (1978). Estimation du <<regime hidrique>> des sols au moyen des données c1imatiques. La méthode gra-
phique: son utilisation dans 1e cadre de la Taxonomie Americaine des sols. ORSTOM, ser. Pedol.
Vol. XVI, n 3, France, pp 317-338.
CATALANO R., ABATE B., RENDA P (1978). Carta geologica dei monti di Palermo. Istituto di Geologia
dell’Università di Palermo.
RAIMONDI S. (1993). Il clima ed il pedoclima dei suoli siciliani durante il trentaduennio 1951 1982. Quaderni di
Agronomia, 13. Istituto di Agronomia generale e Coltivazioni erbacee di Palermo, Italia, pp. 24-51.
RAIMONDI S. (1995). I Torrerts siciliani: Caratteristiche morfologiche e distribuzione geografica. Atti del XII Convegno
Nazionale della Società di Chimica Agraria. Piacenza 19-21 Settembre 1994. Patron Editore.
Bologna. pp 127-136.
RAIMONDI S., POMA I., FRENDA A.S. (1997a). Il pedoclima come fattore di sensibilità ambientale: esempio di me-
todologia applicata all’agro di Sparacia - Cammarata (AG). Rivista di Agronomia, anno XXXI n. 3
suppl.. Bologna, luglio - settembre 1997.
RAIMONDI S., LUPO M., SARNO M. (1997b). Il clima ed il pedoclima dei monti Erei Meridionali. Sicilia Foreste,
anno IV, n. 15, 16, Palermo.
RAIMONDI S. (1998). Attività vegetativa delle piante erbacee e pedoclima nella Sicilia centro - occidentale durante il
1996. Lavoro presentato al convegno S.I.S.S. su “La qualità del suolo per un ambiente sostenibile,
Roma 3-5 giugno 1997.
RAIMONDI S., LUPO M. (1998). Il clima ed il pedoclima dei suoli delle Madonie (PA). Sicilia Foreste anno V N.
17/18. Palermo, pp 20-24.
RAIMONDI S. (in corso di stampa a). Gli Aridisuoli siciliani: caratteristiche morfologiche e distribuzione geografica.
Il clima ed il pedoclima dei suoli dei monti di Palermo (PA) 259

Lavoro presentato al XVI convegno nazionale della Società Italiana di Chimica Agraria (SICA).
Ravello 1998.
RAIMONDI S. (in corso di stampa b).Il pedoclima in Sicilia. Relazione presentata al convegno “Gli studi climatologi-
ci strumenti per la gestione del territorio” organizzato dall’Assessorato Agricoltura e Foreste -
Servizi allo sviluppo. Palermo 16/12/1998.
RAIMONDI S., LUPO M. (in corso di stampa). Il clima ed il pedoclima dei suoli della Sicilia occidentale (PA).
RAIMONDI S., LUPO M., TUSA D. (in corso di stampa). Il clima ed il pedoclima dei suoli vulcanici dell’Etna. Lavoro
presentato al convegno S.I.S.S. su “Suoli tra vulcanismo e antropizzazione”, Napoli 1-5 giugno
1998.
SOIL SURVEY STAFF (1997). Soil Taxonomy. Seventh Edition. United States Department of Agriculture. Washington:
544.
THORNTHWAITE C.W., MATHER J.R., (1957). Instructions and tables for computing potential evapotranspiration and
the water balance. Climatology, X, 3. Centerton N.Y. USA.
261

SU DI UNA TOPOSEQUENZA NEL BOSCO DI PIAZZA


ARMERINA (EN)
Salvatore Raimondi, Marcello Lupo, Delia Tusa
Dipartimento di Agronomia, Coltivazioni Erbacee e Pedologia
Università degli Studi di Palermo

Riassunto
Gli autori riportano i risultati di uno studio su una toposequenza che evolve sul-
le sabbie con intercalazioni calcarenitiche, nel bosco di Piazza Armerina. Dopo aver
descritto i suoli presenti nei pianalti, nelle doline e nei versanti di raccordo, pro-
pongono tre serie di suoli secondo i concetti della Soil Taxonomy dell’USDA, met-
tendo in evidenza la loro adattabilità per le piante e la loro sensibilità ad usi alter-
nativi.

Abstract
The AA. refer on results of a survey of a catena of soils evolving on sands with
calcarenitic intercalations on Piazza Armerina wood land. After described soils typi-
cal of the upper table lands of the dolinas and slopes, they propose three series of
soils according to the concepts of USDA Soil Taxonomy, descriving their suitability
for plants and for alternative uses.

Premessa

Il bosco di Piazza Armerina (EN), di proprietà dell’Azienda


Foreste Demaniali della Regione Sicilia è localizzato sui monti Erei meri-
dionali, a nord dell’omonimo centro abitato. E’ costituito da sei aree, per una
superficie complessiva di 5887 ettari. Si tratta di territori rimboschiti, ormai
da quaranta anni, in cui la copertura forestale è costituita prevalentemente da
Eucalyptus camaldulensis e E. globulus.
L’unità boscata più estesa, chiamata Bellia, è di 4051 ettari. Le
classi di pendenza maggiormente rappresentate sono la subpianeggiante (2-
6%) e la poco inclinata (6-15%). La quota massima è di 898,5 m s.l.m. (mon-
te Campana Bannata), mentre la quota minima è di 370 m s.l.m. (vallone S.
Bartolo). Nel comprensorio si effettuano da diversi anni delle osservazioni
sui suoli e sulla variazione del loro contenuto idrico nel corso dell’anno; lo

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 261-268 (2001)
262 Raimondi et al.

scopo è quello di realizzare una caratterizzazione pedo-agronomica finaliz-


zata alla redazione di piani di gestione e di utilizzazione del bosco. Secondo
la Carta dei Suoli di Ballatore e Fierotti (1968) nell’area si riscontrano
Regosuoli da rocce sabbiose e conglomeratiche, mentre secondo Fierotti et
al. (1988) i suoli si classificano Typic Xerochrepts, Typic Haploxeralfs e
Typic e/o Lithic Xerorthents. Raimondi et al. (1997) hanno investigato il cli-
ma ed il pedoclima mettendo in evidenza la presenza del pedoclima Mesico-
Udico.
Obiettivo della presente nota è quello di mettere in evidenza la
variabilità pedologica al variare delle condizioni topografiche, in una delle
unità morfologiche altimetricamente più elevate e cioè sul monte Grottascura
(896,3 m s.l.m.), il secondo per altezza del bosco. I due rilievi sono separa-
ti dal vallone Grottascura.

Materiali e metodi

Caratteristiche dell’area
La catena dei monti Erei è costituita da un insieme di moderati
rilievi e pianori, che dalla catena settentrionale dei monti Nebrodi-Madonie
si dirigono verso S-SE fino alla zona dell’Altipiano Ibleo. Nella loro parte
meridionale, da Calascibetta a Caltagirone, affiorano formazioni sabbioso-
arenitiche, di età plio-pleistocenica. I pianori degli Erei sono generalmente
separati da valli più o meno incise. Le potenti serie sabbiose si presentano
come altipiani dolcemente degradanti verso il mare in seguito al solleva-
mento quaternario.
La formazione geologica a sud della linea immaginaria che con-
giunge i rilievi monte Sambuco e Montagnola (agro di Piazza Armerina) fi-
no quasi a mare (Vittoria-RG) è costituita da sabbie del Siciliano (Pleistoce-
ne); mentre quella affiorante a nord (monte Grottascura), appartiene
all’Astiano (Pliocene superiore) (Servizio Geologico d’Italia, 1976). La gra-
nulometria evidenzia la presenza di 80% o più di sabbia quarzosa, prevalen-
temente fine, mista a carbonato di calcio. Il peso specifico reale (kg m-3) è
di 2,6, la densità apparente di 1,4 e la porosità del 45,4%. All’interno dei de-
positi sabbiosi si rinvengono intercalazioni di strati sub-paralleli rappresen-
tati da calcareniti (spessore compreso tra pochi centimetri e un metro).
In alcune zone si riscontrano delle doline di subsidenza (Casti-
glione, 1979), spesso con l’inghiottitoio otturato. Queste conche naturali, co-
me il lago di Pergusa, sono l’effetto del carsismo a carico dei gessi sotto-
Su di una toposequenza nel bosco di Piazza Armerina (EN) 263

stanti le sabbie con intercalazioni di arenarie.


Morfologicamente sono evidenti dei pianalti, delle conche e dei
versanti di raccordo con pendenze variabili.
Gli elementi del clima e del pedoclima dei monti Erei meridio-
nali (Raimondi et al., 1997), sono stati valutati tramite i dati termopluvio-
metrici delle stazioni di Piazza Armerina, Gela, Enna, Don Sturzo, Caltagi-
rone e Mazzarino. Il periodo storico considerato è il 1951-1994 e la base car-
tografica utilizzata per cartografare gli elementi climatici e pedoclimatici è
stata il 200.000. I dieci documenti cartografici mostrano la loro distribuzio-
ne geografica ottenuta mediante l’interpolazione altimetrica delle variabili.
Da essi, in contrada Grottascura si rileva quanto segue: temperatura media
dell’area fra 13 e 14 °C; piovosità media annua fra gli 800 ed i 900 mm; cli-
ma secondo la classificazione di Thornthwaite è da umido a sub-umido
(0≤Im<20), secondo mesotermico (714≤PE<855); regime di temperatura
mesico (8≤T°C<15); regime di umidità udico. Quest’ultimo, come riportato
da Raimondi et al. (1997), è udico in quanto il limite calcolato fra lo xerico
e l’udico, per i suoli molto profondi, si trova localizzato a quota 938 m; pe-
rò, considerando la morfologia dell’area (con ampi pianalti e vallate) e la co-
pertura boscata, l’ambiente nella realtà risulta essere più umido dello xerico
stimato attraverso l’elaborazione dei dati termopluviometrici. L’udicità, è
evidenziata dall’attività vegetativa delle piante erbacee annuali e dalla vite.
Infatti, il frumento si raccoglie alla fine di luglio sui suoli profondi e l’uva
dei vigneti adiacenti non raggiunge la piena maturazione e rimane acidula.
Le colture più diffuse nella zona sono il nocciolo ed il castagno (quest’ulti-
mo è in stato di abbandono) intercalate ai pascoli. Anche lo sviluppo delle
piante di eucalitto, con circonferenze a petto d’uomo di m 3,80, denota la
presenza di aree con buone condizioni di udicità.

L’indagine pedologica e le analisi fisico-chimiche


Durante il rilevamento pedologico sono stati aperti e osservati
numerosi profili e spacchi naturali. I suoli che si presentano in questa nota,
sono rappresentati dai profili Piazza Armerina 49, 50 e 53; evolvono rispet-
tivamente nei pianalti, nelle conche e sui versanti di raccordo. Risultano ubi-
cati a 890, 805 e 840 m s.l.m.. Il 49 è sito in prossimità della cima del mon-
te Grottascura, il 53 è ubicato circa 500 m a sud della cima, ed il 50 a 200
m a sud-ovest da quest’ultimo. I profili sono stati descritti e campionati, e
sui campioni di terra sono state effettuate le analisi fisico chimiche, seguen-
do le metodologie ufficiali (Osservatorio Nazionale Pedologico e per la
Qualità del Suolo, 1994). Infine, i suoli sono stati classificati a livello di se-
rie utilizzando la Soil Taxonomy (Soil Survey Staff, 1997).
264 Raimondi et al.

Risultati

I suoli qui descritti sono tipicamente forestali ed hanno una let-


tiera composta dai residui dell’eucalitto, quindi non facilmente trasformabi-
le dalla flora e fauna terricola. Lo strato di sostanza organica umificata (Oe)
è sottile e la porzione rimescolata dalla fauna terricola nel materiale terroso
del primo orizzonte minerale (A) è esigua. Il profilo tipo dei suoli meno dis-
turbati dall’attività antropica è O-A-E-Bt-Bw-C. Il processo pedogenetico
dominante nell’area investigata è caratterizzato da: decarbonatazione, lisci-
viazione di argilla e sesquiossidi, desaturazione del complesso di scambio.
Nella tabella 1 si riportano le caratteristiche fisico chimiche dei
campioni prelevati.
I suoli dei pianalti, rappresentati dal profilo Piazza Armerina 49,
risultano a profilo O-A-E-Bt-Bw-C, profondi o molto profondi, di colore
bruno (7,5YR 5/4) in superficie, bruno forte (da 7,5YR 4/6 a 5/8) nell’oriz-
zonte Bt, mentre nel Bw sono bruno giallastri (10YR 5/6). La struttura a gra-
nuli singoli nell’AE, diventa poliedrica sub-angolare ed angolare nel Bt e po-
liedrica sub-angolare ed a granuli singoli nel Bw. La tessitura oscilla dalla
sabbiosa, nell’orizzonte AE, alla franco sabbiosa nell’orizzonte Bt. E’ sab-
bioso franca nel materiale terroso del Bw. I granuli di quarzo nell’orizzonte
AE sono privi di rivestimenti. Lo scheletro generalmente è assente, con l’ec-
cezione del Bw in cui è comune e di natura calcarenitica. Sono generalmen-
te acalcarei, con l’eccezione dell’involucro terroso dello scheletro calcareni-
tico, in cui sono scarsamente calcarei (1% circa). La reazione è neutra nel-
l’orizzonte AE, moderatamente acida nel Bt e debolmente acida nel Bw. La
saturazione in basi del complesso di scambio è bassa nel Bt con punte del
35%, mentre è elevata in profondità (Bw) e nell’orizzonte AE.
Considerata la notevole diffusione di questi suoli si propone l’i-
stituzione della seguente serie:
Ultic Hapludalfs, sabbiosi, silicei, mesici sulle sabbie plioceni-
che, serie Grottascura (profilo Piazza Armerina 49).
I suoli delle conche (Piazza Armerina 50) risultano a profilo O-
A-2E-2Bt, molto profondi. La discontinuità è dovuta all’arrivo di materiale
terroso che si è depositato sulla superficie. E’ probabile che tale fenomeno
si sia verificato in seguito a disboscamento ed erosione dei versanti adiacen-
ti, o dopo un incendio. Alla base della buca è stata effettuata una trivellata,
e per un altro metro di profondità il materiale terroso manteneva inalterate le
sue caratteristiche.
Su di una toposequenza nel bosco di Piazza Armerina (EN) 265
266 Raimondi et al.

Il colore in superficie è bruno scuro (7,5YR 3/4), bruno forte


(7,5YR 4/6) nell’orizzonte 2E e bruno scuro (da 7,5YR 4/4 a 3/4) nell’oriz-
zonte 2Bt. La struttura è poliedrica sub-angolare in superficie, poliedrica
sub-angolare ed a granuli singoli nel 2E, poliedrica angolare tendente a pri-
smatica nel Bt. La tessitura dell’orizzonte superficiale è franco sabbiosa; è
sabbioso franca nel 2E, mentre è franca nel Bt. Lo scheletro è assente. Il suo-
lo è acalcareo ed ha reazione debolmente acida. La saturazione del com-
plesso di scambio è elevata ((75%), eccetto nell’orizzonte E in cui assume il
valore del 71%.
Per questi suoli, anche se meno diffusi dei precedenti, si propo-
ne la classificazione a livello di serie così definita:
Typic Hapludalfs, franco grossolani, misti, mesici sui depositi
colluviali recenti, serie Conca (profilo Piazza Armerina 50).
I suoli dei versanti di raccordo fra i pianalti e le conche sono
rappresentati dal profilo Piazza Armerina 53. Sono a profilo O-A-Bw-C, pro-
fondi o molto profondi, di colore da bruno giallastro (10YR 5/8) in superfi-
cie, a giallo brunastro (10YR 6/8) nell’orizzonte Bw. L’orizzonte C, durante
lo scavo della buca, non è stato raggiunto; lo stesso però è stato osservato
nelle vicinanze ed è di colore bruno giallastro chiaro (10YR 6/4). La tessi-
tura è sabbiosa in tutti gli orizzonti. Lo scheletro è assente nel primo metro
di profondità, mentre è comune sia nel Bw in profondità, che nell’orizzonte
C. In quest’ultimo è facile trovare sottili livelli di calcarenite in via di de-
composizione. Lo scheletro è di natura calcarenitica e costituisce i resti di li-
velli cementati. Questi suoli sono acalcarei, con l’eccezione di un sottile ri-
vestimento terroso, a contatto con lo scheletro, scarsamente calcareo (1% cir-
ca); il calcare è abbondante nel C. La reazione è neutra. La saturazione del
complesso di scambio è elevata ((75%).
Considerata la notevole diffusione di questi suoli lungo i versanti
dei rilievi più importanti si propone la seguente serie di suoli, così definita:
Typic Xerochrepts, sabbiosi, silicei, mesici sulle sabbie plioce-
niche, serie Marcato Grottascura (profilo Piazza Armerina 53).

Conclusioni

Gli affioramenti sabbioso-calcarenitici in Sicilia, escludendo la


fascia costiera, risultano maggiormente diffusi nelle provincie di Caltanis-
setta ed Enna, ove costituiscono unità morfologiche collinari e montane. I
Su di una toposequenza nel bosco di Piazza Armerina (EN) 267

suoli che su di essi evolvono hanno caratteristiche che risultano strettamen-


te legate al processo della lisciviazione. L’area investigata con il presente la-
voro è una delle zone siciliane in cui l’intensità della lisciviazione è più al-
ta, favorita dai seguenti fattori: substrato permeabile, clima umido, morfolo-
gia collinare-montana con ampie spianate e vallecole, e presenza del bosco.
L’orizzonte A naturale dei suoli delle spianate è stato eroso ed attualmente
tende a riformarsi a spese dell’orizzonte E, definito AE. L’orizzonte E, che
naturalmente si forma, tende a scomparire in seguito all’intervento dell’uo-
mo con: il disboscamento e la conseguente erosione, la messa a dimora di
piante, il taglio del sottobosco ed il calpestio degli animali al pascolo. Nelle
aree non disturbate dall’attività antropica l’orizzonte E è meglio espresso e
più desaturato (Raimondi e Lupo, 1999). La presenza dell’orizzonte E in
questi suoli costituisce un’altra espressione dell’udicità dell’area. Nelle aree
di conca l’orizzonte E tende a scomparire quando il suolo viene ricoperto da
apporti di materiale terroso proveniente dai versanti, e tende a riformarsi in
superficie (per le condizioni pedoclimatiche favorevoli). La prima caratteri-
stica che evidenzia questo processo è la presenza di granuli ben puliti.
Il bosco è l’utilizzazione migliore per queste superfici, perché
conserva il suolo e richiede pochi interventi di gestione. La trasformazione
delle superfici pianeggianti per fini agricoli è improponibile perchè:
1) richiederebbe notevoli capitali per la gestione, in quanto que-
sti suoli sono poveri dal punto di vista della fertilità e si renderebbero ne-
cessarie laute fertilizzazioni, con potenziali rischi per le acque di falda (nel-
l’area esistono falde idriche molto ricche utilizzate per usi civili);
2) il suolo diventa vulnerabile nei confronti del fenomeno erosivo;
3) la coltura del frumento (tipica in Sicilia) su questi suoli è a
rischio perchè l’acqua trattenuta dal sistema suolo è insufficiente per soddi-
sfare la sua attività biologica primaverile-estiva (subisce il fenomeno della
stretta).
La copertura forestale ha contribuito, almeno negli ultimi de-
cenni, a preservare il suolo da processi di degradazione naturali o antropici
e a indirizzare la pedogenesi verso condizioni di “naturalità”. Inoltre il so-
vrassuolo, rallentando il deflusso superficiale delle acque, ha favorito la ri-
carica delle falde acquifere e la loro persistenza. Nell’area, il bosco ha espli-
cato una grande funzione ecologica e paesaggistica sia per il ritorno delle
querce, che vi nascono naturalmente, sia per l’impronta estetica e di vivibi-
lità che dà al paesaggio (durante l’estate le superfici non boscate mostrano
una notevole aridità).
268 Raimondi et al.

E’ convinzione degli Autori del presente contributo che la co-


noscenza del processo pedogenetico dominante in questi suoli contribuisce a
risolvere importanti quesiti pratici come la scelta delle colture e la program-
mazione della tecnica gestionale più compatibile.

Bibliografia

BALLATORE G. P., FIEROTTI G., 1968. Carta dei Suoli della Sicilia., Istituto di Agronomia e Coltivazioni Erbacee,
Palermo.
CASTIGLIONE G. B., 1979. Geomorfologia, UTET, Torino, 436 pp..
FIEROTTI G., DAZZI C., RAIMONDI S., 1988. Commento alla Carta dei Suoli della Sicilia. Regione Sicilia,
Assessorato Territorio e Ambiente, Palermo, 19 pp..
OSSERVATORIO NAZIONALE PEDOLOGICO E PER LA QUALITÀ DEL SUOLO, 1994. Metodi Ufficiali di ana-
lisi chimica del suolo, Roma, 207 pp..
RAIMONDI S., LUPO M., SARNO M. 1997. Il clima ed il pedoclima dei monti Erei meridionali. Sicilia Foreste, an-
no IV N. 15/16: 39-45.
RAIMONDI S., LUPO M., 1999. Climate, soil climate, and soils over Pleistocene sands on the southern side of Erei
mountains (Sicily -Italy). Extended abstracts, 6 th International Meeting on Soils with Mediterranean
Type of Climate, Barcelona 4-9 July 1999, Spain, 480-482.
SERVIZIO GEOLOGICO D’ITALIA, 1976. Carta geologica d’Italia. Foglio n. 5.
SOIL SURVEY STAFF, 1997. Keys to Soil Taxonomy, Seventh Edition, United States Department of Agriculture,
Washington, 544 pp..

Note

Il primo è Professore associato, il secondo ed il terzo sono Dottorandi in Pedologia. Il primo


ha ideato ed ha coordinato il lavoro, il secondo ed il terzo hanno eseguito le analisi di labo-
ratorio. Il rilevamento pedologico e la stesura del testo sono da attribuire in parti uguali agli
autori.
269

LA SERIE DEI SUOLI FLORESTA SUI MONTI


NEBRODI IN SICILIA
Raimondi S.*, Mirabella A.**, Screpis S.**
*Dipartimento di Agronomia, Coltivazioni Erbacee e Pedologia - Università di Palermo
Viale delle Scienze. 90128 Palermo

**Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo -MIPAF


Piazza D’Azeglio 30, 50121 Firenze

Riassunto
L’indagine di campagna e le analisi fisico-chimiche e mineralogiche hanno per-
messo di definire la serie di suoli Floresta in agro di Floresta sui monti Nebrodi. I
dati raccolti hanno permesso di evidenziare una discontinuità litologica nel suolo in
esame, formatosi da un deposito di piroclastiti provenienti dall’Etna nella parte su-
periore e dall’alterazione della formazione litologica arenacea nella parte sottostan-
te. Inoltre, gli autori hanno descritto le caratteristiche pedoclimatiche, che sono mol-
to importanti in quest’area per l’uso dei suoli. Secondo la Soil Taxonomy, conside-
rando i dati attualmente disponibili, il suolo potrebbe rientrare fra gli Alic
Fulvudands, rappresentando la prima serie degli Andisuoli in Sicilia.

Abstract
By means of soil survey, physico-chemical and mineralogical investigations the
series of soils Floresta was defined in locality Floresta in the Nebrodi mountains. A
lithological discontinuity was detected in the examined soil, originated from pyro-
clastic deposits coming from Etna volcano in the higher part and from the weathe-
ring of the sandstone formation in the lower part. Furthermore, authors have descri-
bed the climate which is very important in this area for the use of soils. According
to Soil Taxonomy, and on the basis of the present available data, the soils could be-
long to gli Alic Fulvudands, representing the first Sicilian series of Andisols.

Introduzione

Nel 1991, dopo la realizzazione dell’elaborazione cartografica


sul pedoclima della Sicilia a piccola scala (Raimondi, 1991), questo autore
decise di iniziare a rilevare in campagna le condizioni di umidità di alcuni
suoli specifici e rappresentativi di ambienti tipici siciliani.
Un’area molto interessante dal punto di vista agronomico, per i

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 269-282 (2001)
270 Raimondi et al.

suoi pascoli primaverili estivi, è risultata essere quella dei monti Nebrodi e
precisamente la zona di Floresta (ME), perché è caratterizzata da un regime
idrico udico per i suoli profondi (Raimondi, 1991; 1993).
In seguito ai diversi sopralluoghi effettuati in questa area, è sta-
to selezionato un suolo tipico, che si contraddistingue, rispetto ai suoli della
maggior parte della Sicilia, per l’elevato contenuto idrico nel mese di agosto
(quasi sempre superiore al 20%), per il suo aspetto polverulento quando
asciutto e per la sua notevole potenzialità pastorale estiva. Gli abitanti del
luogo sottolineano che periodicamente, durante le eruzioni dell’Etna, che co-
me è noto è un vulcano che dà origine a rocce eruttive basiche (basalti) ed è
adiacente all’area in oggetto, la zona è interessata da accumulo di cenere e
scorie (piroclastiti). Tale fenomeno si sviluppa nell’area a monte dei 900 m
s.l.m. nel versante nord ed al di sopra dei 1000 m s.l.m. nel versante sud.
Questi sono stati i presupposti che hanno condotto ad effettua-
re, sul suolo selezionato, alcune indagini preliminari fisico-chimiche e mi-
neralogiche, allo scopo di determinarne i principali processi pedogenetici e
l’origine. Questa ricerca si inserisce in un filone di studi finalizzato alla co-
stituzione di un inventario pedologico siciliano a livello di serie, fondamen-
tale per l’applicazione di qualsiasi metodologia di Land Evaluation e per la
messa a punto di politiche agricole in armonia con le caratteristiche ambien-
tali (Sequi, 1994).

Materiali e metodi

Caratteristiche dell’area
Il suolo in esame si trova in un’area ubicata in contrada Polve-
rello ad una quota di 1200 m s.l.m. circa. Nell’area sono presenti affiora-
menti di arenarie o marnoso arenacee del miocene medio-inferiore (Servizio
Geologico d’Italia, 1976). I suoli sulle pendici sono generalmente erosi e po-
co o mediamente profondi, mentre quelli che raggiungono e superano il me-
tro di spessore si trovano in aree pianeggianti ed alla base dei pendii in cui
si è verificato un accumulo di materiale terroso eroso. E’ in queste aree che
si riscontrano i suoli meglio conservati la cui evoluzione è verosimilmente
influenzata da depositi piroclastici e le cui caratteristiche sono pertanto le-
gate a tale deposizione. Secondo la Carta dei Suoli della Sicilia (Fierotti et
al., 1988) l’ambiente è xerico ed i suoli rientrano nei sottogruppi tipici dei
Xerumbrepts, dei Xerochrepts e degli Haploxeralfs.
La serie dei suoli Floresta sui Monti Nebrodi in Sicilia 271

Il clima, dalla elaborazione dei dati termopluviometrici della sta-


zione di Floresta, risulta: secondo Koppen mesotermico temperato umido con
una stagione estiva arida dominante e con una temperatura del mese più cal-
do > 22 °C; secondo Lang temperato propriamente detto; secondo De
Martonne umido; secondo Crowther zona con eccessiva umidità; secondo
Bagnouls e Gaussen submediterraneo con 2 mesi secchi; secondo la classifi-
cazione fitoclimatica del Pavari Fagetum sottozona calda; secondo Thorn-
thwaite (Thornthwaite, 1957) umido (B3), primo mesotermico (B1’). La tem-
peratura media annua dell’aria risulta di 11,3 °C, la precipitazione media an-
nua di 1125 mm, il regime idrico (Billaux, 1978) è xerico (giorni asciutti
≤180) per i suoli aventi una A.W.C. inferiore o uguale a 200 mm, mentre ri-
sulta udico per una riserva idrica di 300 mm (Fig. 1). Il regime termometrico
è mesico (temperatura media annua del suolo compresa fra 8 e 15 °C).
L’uso attuale dei suoli è dominato dal pascolo, dal bosco di ca-
stagno, dal faggio e da noccioleti. Nell’ambito della vegetazione erbacea, ol-
tre alle graminacee ed alle leguminose è presente la felce (Pteridium aquili-
num).

L’indagine pedologica e le analisi fisico-chimiche e


mineralogiche
Per selezionare il suolo individuato e descritto sono stati aperti
e osservati diversi profili e spacchi naturali. Il suolo, risultato rappresentati-
vo delle aree pianeggianti, è stato descritto e campionato e sui campioni di
terra sono state effettuate le analisi fisico chimiche e mineralogiche.
Il suolo è stato classificato, utilizzando la Soil Taxonomy (Soil
Survey Staff, 1997), a livello di serie.
La tessitura è stata determinata, previa distruzione della sostan-
za organica con H2O2, per sedimentazione in acqua distillata col metodo del-
la pipetta; la densità apparente è stata eseguita su campioni indisturbati; la
ritenzione idrica è stata misurata con l’apparecchiatura di Richard a 33 e
1550 kPa; il pH è stato determinato potenziometricamente in acqua distilla-
ta (1:2.5), in KCl 1N (1:2.5) e in NaF 1N (1:50).
Le analisi chimiche sono state eseguite secondo le metodologie uf-
ficiali (Metodi Ufficiali di Analisi Chimica del Suolo dell’Osservatorio Nazio-
nale Pedologico e per la Qualità Del Suolo, 1994). La sostanza organica e l’a-
zoto totale sono stati determinati, rispettivamente, con i metodi Walkley-Black
e Kjeldahl; la capacità di scambio cationico e le basi di scambio per estrazione
con NH4OAc 1N e determinazione tramite spettrofotometria ad assorbimento
atomico; il Fe e l’Al per estrazione con ossalato di ammonio a pH 3.
272 Raimondi et al.

Fig. 1 - Rappresentazione grafica del bilancio idrico del suolo e della sezione di
controllo dell’umidità secondo Billaux.
La serie dei suoli Floresta sui Monti Nebrodi in Sicilia 273

L’analisi dei minerali argillosi (< 2µm) è stata eseguita su cam-


pioni orientati con scansioni da 2° a 15° 2θ e incrementi di 0.02° 2θ a inter-
valli di 4 secondi, con un diffrattometro a raggi X Rigaku D/MAX III C da
3 Kw, equipaggiato con goniometro orizzontale, monocromatore di grafite e
lampada al Cu. Le curve diffrattometriche digitalizzate sono state sottoposte
a smoothing e corrette con i fattori di Lorentz e della polarizzazione. I cam-
pioni sono stati sottoposti ai seguenti trattamenti: saturazione con Mg, sol-
vatazione con glicol etilenico, saturazione con K, seguita da riscaldamento a
335 °C e 550 °C per due ore.

Risultati e discussione

Nella Tabella 1 sono riportati alcuni caratteri morfologici ed i


risultati delle analisi fisico-chimiche effettuate sui campioni prelevati.
I suoli sono a profilo A-Bw-2C, da mediamente profondi a pro-
fondi; di colore umido, negli orizzonti A e B, rosso molto scuro (2.5YR
2.5/2), bruno giallastro scuro (10YR 4/4) nell’orizzonte 2C; lo scheletro è as-
sente. La tessitura è franco limosa, ad eccezione dell’orizzonte C dove è ri-
sultata franco sabbiosa. La struttura è grumosa, fine e media, moderata in su-
274 Raimondi et al.

perficie, poliedrica angolare debole negli orizzonti B, poliedrica angolare


molto debole ed a granuli singoli nell’orizzonte 2C. Il suolo è friabile allo
stato umido e asciutto, con attività radicale intensa negli orizzonti A e B; il
drenaggio è normale.
Tabella 1 - Dati morfologici ed analitici del profilo Floresta
(Tessitura: F.L.=Franco limosa; F.S.=Franco sabbiosa).

Profilo Floresta
Orizzonte A1 A2 Bw1 Bw2 2C
Profondità sup. (cm) 0 5 25 70 105
Profondità inf. (cm) 5 25 70 105 120
Colore (asciutto) 2.5YR 3/0 2.5YR 3/0 2.5YR 3/0 2.5YR 3/0 10YR 5/4
Colore (umido) 2.5YR 2.5/2 2.5YR 2.5/2 2.5YR 2.5/2 2.5YR 2.5/2 10YR 4/4
Scheletro (%) 0 0 0 0 4
Argilla (%) 12.2 13.4 13.8 13.9 8.6
Limo (%) 51.6 52.8 52.9 53.8 20.2
Sabbia (%) 36.2 33.8 33.3 32.3 71.2
Tessitura F.L. F.L. F.L. F.L. F.S.
pH 1:2,5 H2O 5.8 5.5 5.5 5.8 5.8
pH 1:2,5 KCl 5.2 4.5 4.6 4.7 4.0
pH (NaF) 10.0 10.7 11.6 11.6 7.3
Fe oss. (g/kg) 6.5 7.3 10.6 10.4 2.0
Al oss. g/kg) 3.6 4.6 11.9 11.0 0.3
C organico (g/kg) 64 46 53 40 1.5
Azoto (g/kg) 3.5 3.8 4.1 3.3 0.2
C/N 18 12 13 12 8
Sostanza organica (g/kg) 110 79 91 69 3
Ca++ scamb. (cmol(+)/kg) 6.1 4.2 6.0 5.6 3.0
Mg++ scamb. (cmol(+)/kg) 1.5 0.9 1.1 1.5 0.5
Na+ scamb. (cmol(+)/kg) 0.6 0.5 0.7 0.9 0.1
K+ scamb. (cmol(+)/kg) 1.8 1.5 1.0 0.8 0.2
H+ scamb. (cmol(+)/kg) 20.0 27.8 38.8 35.0 5.0
C.S.C. scamb. (cmol(+)/kg) 30.0 35.5 47.5 43.8 8.8
Sat. in Basi (%) 33 15 18 20 43
Densità apparente 0.78 0.80 0.81 0.81 1.45
pF 3 (33 KPa) 33.2 33.5 31.8 30.7 20.2
pF 4 (1500 KPa) 21.2 21.0 20.5 20.0 10.0

La tessitura ha messo in luce molto chiaramente la discontinui-


tà litologica riscontrata nel rilevamento di campagna. È molto evidente il sal-
to granulometrico sia a carico della sabbia, la cui percentuale è risultata dop-
pia nell’orizzonte 2C rispetto agli orizzonti superiori, dove essa rimane pres-
soché costante, che del limo risultato il 20% nell’orizzonte 2C contro il 50%
circa riscontrato negli orizzonti sovrastanti.
La serie dei suoli Floresta sui Monti Nebrodi in Sicilia 275

La reazione del suolo è risultata moderatamente acida e costan-


te lungo tutto il profilo. Il valore del pH in KCl diminuisce leggermente ne-
gli orizzonti A e Bw, più sensibilmente nell’orizzonte 2C. La reazione in NaF
è risultata alcalina in tutto il profilo ad eccezione dell’orizzonte 2C che ha
presentato reazione neutra.
Il suolo è ben dotato di sostanza organica negli orizzonti A e B;
nell’orizzonte A1 è in parte presente in forma inalterata, mentre se ne ri-
scontra una piccola quantità nell’orizzonte 2C. Gli orizzonti B sono inoltre
caratterizzati da una struttura poliedrica angolare con una consistenza, allo
stato asciutto, leggermente superiore rispetto agli orizzonti superiori.
Il ferro e l’alluminio estraibili in ossalato sono presenti in note-
vole quantità negli orizzonti superficiali A1 e A2, e tendono ad aumentare ne-
gli orizzonti Bw1 e Bw2, mentre diminuiscono notevolmente nell’orizzonte
2C, dove l’alluminio è presente in minime quantità. La migrazione di questi
elementi dagli orizzonti A a quelli B è agevolata dalla notevole piovosità.
Gli orizzonti A e Bw si differenziano dall’orizzonte 2C anche
nella capacità di scambio cationico, che è risultata molto più alta negli oriz-
zonti più superficiali, anche per via del maggiore contenuto di carbonio or-
ganico. Gli orizzonti A e Bw hanno presentato bassa densità apparente, ri-
sultata inferiore a 0,9, mentre l’orizzonte 2C ha evidenziato un valore di
1.45; questi orizzonti inoltre hanno una ritenzione idrica superiore a quella
riscontrata nell’orizzonte 2C.
L’analisi mineralogica ha messo in rilievo un cambiamento
molto evidente fra i campioni degli orizzonti A2, Bw1 e Bw2 (Fig. 2, 3 e 4)
e quello dell’orizzonte più profondo (3C) (Fig. 5).
Dalle curve diffrattometriche relative alla frazione argillosa dei
primi tre orizzonti (Fig. 2, 3 e 4) si può notare che il picco ad 1,4 nm resi-
ste, in gran parte, al trattamento con potassio, mentre collassa quasi total-
mente ad 1 nm in seguito al riscaldamento a 335 °C. Ciò denota la presenza
di vermiculite che risulta fortemente interstratificata con idrossidi di Al e/o
di Fe. Il picco ad 1 nm, che rimane invariato in seguito ai trattamenti dia-
gnostici, indica la presenza di illite, mentre la caolinite si identifica per il pic-
co a 0.72 nm che sparisce in seguito al riscaldamento a 550 °C. Si ritiene che
nei campioni sia presente caolinite e non halloysite, dato che il picco a 0.72
nm è stretto e non presenta la forma allargata tipica della halloysite.
Il campione dell’orizzonte 2C (Fig. 5) si differenzia notevol-
mente dagli altri, sia nella raffigurazione delle curve diffrattometriche che si
presentano molto lineari, sia nel contenuto di minerali argillosi.
276 Raimondi et al.

Fig. 2. Diffrattogrammi relativi all'orizzonte A2 del profilo in esame. I tracciati si


riferiscono ai seguenti trattamenti: Solvatazione con glicol etilenico (EG), satura-
zione con Mg, saturazione con K e riscaldamento per due ore a 335°C e 550°C.

0.72 nm
A2

1.0 nm
1.4 nm

EG Solv.

Mg Sat.

K Sat.

335°C

550°C

0 2 4 6 8 10 12 14 16

Cu °2θ
La serie dei suoli Floresta sui Monti Nebrodi in Sicilia 277

Fig. 3. Diffrattogrammi relativi all'orizzonte Bw1 del profilo in esame. I tracciati


si riferiscono ai seguenti trattamenti: Solvatazione con glicol etilenico (EG), satu-
razione con Mg, saturazione con K e riscaldamento per due ore a 335°C e 550°C.

0.72 nm
Bw1
1.0 nm
1.4 nm

EG Solv.

Mg Sat.

K Sat.

335°C

550°C

0 2 4 6 8 10 12 14 16
Cu °2θ
278 Raimondi et al.

Fig. 4. Diffrattogrammi relativi all'orizzonte Bw2 del profilo in esame. I tracciati


si riferiscono ai seguenti trattamenti: Solvatazione con glicol etilenico (EG), satu-
razione con Mg, saturazione con K e riscaldamento per due ore a 335°C e 550°C.

0.72 nm
Bw2
1.0 nm
1.4 nm

EG Solv.

Mg Sat.

K Sat.

335°C

550°C

0 2 4 6 8 10 12 14 16
Cu °2θ
La serie dei suoli Floresta sui Monti Nebrodi in Sicilia 279

Fig. 5. Diffrattogrammi relativi all'orizzonte 2C del profilo in esame. I tracciati si


riferiscono ai seguenti trattamenti: Solvatazione con glicol etilenico (EG), satura-
zione con Mg, saturazione con K e riscaldamento per due ore a 335°C e 550°C.

0.72 nm
2C

1.0 nm
EG Solv. 1.4 nm

Mg Sat.

K Sat.

335°C

550°C

0 2 4 6 8 10 12 14 16
Cu °2θ
280 Raimondi et al.

Infatti anche in questo caso sono presenti vermiculite, illite e


caolinite, ma la vermiculite, indicata dal picco a 1.4 nm, non risulta inter-
stratificata con idrossidi di Al e/o di Fe, dato che collassa a 1.0 nm in seguito
al trattamento con potassio.
Il processo di alterazione nei suoli conduce alla formazione di
vermiculite, in seguito all’alterazione della illite. Quando nel pedoambiente
l’attività dell’Al è alta, questo elemento tende a polimerizzarsi all’interno dei
pacchetti dei minerali di tipo 2:1, come si verifica nei campioni degli oriz-
zonti A2, Bw1 e Bw2, con la conseguente formazione di vermiculiti inter-
stratificate (Barnhisel e Bertsch, 1989; Dahlgren e Ugolini, 1989a). Questo
processo non è presente invece nell’orizzonte 2C del suolo esaminato, indi-
cando un diverso ambiente di alterazione.
Se poi si osservano le dimensioni relative dei picchi, che sono
proporzionali alla quantità di minerali presenti, possiamo notare che nei tre
orizzonti superiori in esame il rapporto tra la quantità di illite e di minerali
2:1 interstratificati rispetto alla caolinite è superiore rispetto a quello osser-
vato nell’orizzonte 2C, dove, al contrario, è presente un minor contenuto di
vermiculite e di illite rispetto alla caolinite.
Pertanto si nota che il campione 2C è caratterizzato da una mi-
nore quantità di illite e di vermiculite, che da essa si è formata per altera-
zione, rispetto a quella degli orizzonti sovrastanti. Questa considerazione do-
vrebbe indicare che l’orizzonte profondo 2C presenta un maggior grado di
alterazione rispetto a quelli superiori, rivelandosi incoerente con la logica ge-
netica di formazione degli orizzonti dei suoli. Una spiegazione più verosi-
mile, pertanto, è l’esistenza di una discontinuità litologica tra questo oriz-
zonte e quelli ad esso sovrapposti, che è stata confermata anche dalle anali-
si chimico-fisiche.
Non si può escludere che i tre orizzonti superiori si siano for-
mati dall’alterazione di materiale piroclastico; infatti, in letteratura si riscon-
trano suoli vulcanici che presentano minerali argillosi ben cristallizzati, co-
stituiti di caolinite e di minerali 2:1 interstratificati con idrossidi di Al
(Lorenzoni et al., 1995; Dahlgren et al., 1993).
Questi suoli sono stati inseriti nell’ordine degli Andisuoli (Soil
Survey Staff, 1997), per la presenza di un orizzonte A di colore rosso molto
scuro con caratteristiche andiche: bassa densità apparente (< 0.9) ed elevata
microporosità; elevato contenuto di sostanza organica (superiore rispetto ai
suoli poco profondi che evolvono sulle arenarie e sulle marne); alta desatu-
razione del complesso di scambio; contenuto in acqua a 1500 KPa > 20%;
pH in Na F > 9.4.
La serie dei suoli Floresta sui Monti Nebrodi in Sicilia 281

A livello di sottogruppo si inseriscono fra gli Alic Fulvudands


per il regime di umidità udico e per l’elevato contenuto di Al. Nell’ambito
di questo sottogruppo è stata definita la seguente serie:
- Alic Fulvudands, mediale, mista, mesica, da depositi pirocla-
stici su arenarie, serie Floresta.
Altre caratteristiche sono: moderata pendenza; contenuto eleva-
to di sostanza organica e di azoto.

Conclusioni

La presente nota costituisce il primo contributo alla caratteriz-


zazione pedologica dei monti Nebrodi. Altre osservazioni effettuate prece-
dentemente hanno riguardato poche caratteristiche di campagna. Nel passa-
to su questa formazione litologica erano stati rinvenuti soltanto suoli poco
evoluti, classificati come Typic Xerumbrepts, Typic Xerochrepts e Typic
Haploxeralfs (Fierotti, 1988).
Le analisi fisico-chimiche e mineralogiche hanno confermato la
discontinuità litologica del suolo evidenziata col rilevamento di campagna;
essi avvalorano l’ipotesi che la parte superiore del suolo sia interessata pre-
valentemente da apporti piroclastici. Il processo pedogenetico ha determina-
to la formazione di orizzonti poco differenziati lungo il profilo con un ele-
vato contenuto di sostanza organica, ferro ed alluminio.
Dal punto di vista gestionale, il quadro pedologico dell’area si
complica quando le superfici con vegetazione boscata (Faggio) vengono uti-
lizzate dall’uomo per fini agricoli. In tal caso, sulle superficie in pendio, si
favoriscono i movimenti orizzontali di materiale terroso (erosione).
Il nuovo uso è sempre quello pastorale alle alte quote, mentre si
passa al noccioleto e al castagneto ed in qualche caso al seminativo alle quo-
te più basse. Il pascolo presenta un’ottimale composizione floristica e la sua
gestione richiede un controllo del carico del bestiame per evitare il degrado
della cotica erbosa e del suolo. L’uso agricolo è giustificato dalla ottima ri-
sposta produttiva delle specie arboree coltivate. Le limitazioni agricole mag-
giori sono costituite dall’eccessiva pendenza, dagli affioramenti rocciosi e
dalle basse temperature invernali con presenza spesso di neve che vi perma-
ne anche per settimane.
282 Raimondi et al.

Bibliografia

BARNHISEL R.I. & BERTSCH P.M., 1989. Chlorites and Hydroxy-Interlayered Vermiculite and Smectite. Pp. 729-788
in Minerals in Soil Environments, Dixon J.B. e Weed S.B. (ed.), Madison, Wisconsin, USA: SSSA.
BILLAUX P., 1978. Estimation du <<regime hidrique>> des sols au moyen des données c1imatiques. La méthode gra-
phique: son utilisation dans 1e cadre de la Taxonomie Americaine des sols. ORSTOM, ser. Pedol.
Vol. XVI, n 3: 317-338.
DAHLGREN R., SHOJI S. & NANZYO M., 1993. Mineralogical characteristics of volcanic ash soils. Pp. 101-143 in:
Volcanic Ash Soils - Genesis, Properties and Utilization. Developments in Soil Science, 21. Elsevier,
Amsterdam.
DAHLGREN R.A. e UGOLINI F.C., 1989a. Formation and stability of imogolite in a tephritic Spodosol, Cascade
Range, Washington, USA. Geochim. Cosmochim. Acta, 45, 421-429.
FIEROTTI G., DAZZI C., RAIMONDI S., 1988. Commento alla Carta dei Suoli della Sicilia. Regione Sicilia,
Assessorato Territorio e Ambiente, Palermo, 19 pp..
LORENZONI P., MIRABELLA A., BIDINI D. & LULLI L., 1995. Soil genesis on trachytic and leucititic lavas of
Cimini volcanic complex (Latium-Italy). Geoderma 68: 79-89.
Osservatorio Nazionale Pedologico e per la Qualità Del Suolo, 1994. Metodi Ufficiali di analisi chimica del suolo, Roma,
207 pp..
RAIMONDI S., 1991. L’impiego dei dati termopluviometrici in Pedologia: il pedoclima dei suoli siciliani durante il tren-
tennio 1921-1950. Atti del convegno “Agrometeorologia e Telerilevamento”. Agronica, Palermo,
Italia, pp. 76-92.
RAIMONDI S. (1993). Il clima ed il pedoclima dei suoli siciliani durante il trentaduennio 1951-1982. Quaderni di
Agronomia 13. Istituto di Agronomia Generale e Coltivazioni Erbacee di Palermo, Italia, pp. 24-51.
SEQUI P., 1994. Il progetto finalizzato Produzione Agricola Nella Difesa dell’Ambiente (PANDA). Agricoltura e
Ricerca, n 154, Roma, Italia, pp. 151-192.
Servizio Geologico d’Italia, 1976. Carta geologica d’Italia. Foglio n. 5.
Soil Survey Staff, 1997. Keys to Soil Taxonomy, Seventh Edition, United States Department of Agriculture, Washington,
544 pp.
THORNTHWAITE C.W., MATHER J.R., 1957. Instructions and tables for computing potential evapotranspiration and
the water balance. Climatology, X, 3. Centerton N.Y. USA.

Note
Il primo ha curato il rilevamento pedologico e le analisi fisiche e chimiche, il secondo ed il
terzo hanno determinato l’aspetto mineralogico. L’impostazione e la stesura del testo sono sta-
te realizzate in collaborazione.
283

MODIFICAZIONI DI FUNGHI MICORRIZICI


VESCICOLO-ARBUSCOLARI INDOTTE DALLA
SOMMINISTRAZIONE DI CADMIO
Rea E., Bragaloni M., Tullio M.
Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante - Roma

Riassunto
E’ stato valutato l’effetto del trattamento con cadmio, somministrato al terreno
come sale e a diverse concentrazioni, sul numero di spore di micorrize appartenen-
ti alla famiglia delle Glomacee e Gigasporacee.
I risultati ottenuti hanno evidenziato un effetto diretto del metallo sul numero di
spore a 30 gg. dalla contaminazione del terreno, alla concentrazione più alta utiliz-
zata.

Introduzione

La contaminazione del suolo con metalli pesanti causata da pro-


cessi naturali o da attività umane è considerato uno dei problemi ambientali
più seri (Reedy and Prasad, 1990). Le simbiosi ecto e endomicorriziche svol-
gono un ruolo cruciale nella connessione tra il sistema pianta e il suolo
(Harley, 1978). E’ ormai noto, che i funghi simbionti possono migliorare le
relazioni idriche e nutrizionali della pianta ospite grazie al micelio esterno
alla matrice radicale che fornisce una più estesa esplorazione del suolo.
L’effetto dei funghi AM sull’assorbimento dei metalli pesanti non è ancora
del tutto chiarito. Alcuni autori riportano che la presenza di micorrize ne fa-
cilita l’assorbimento (Killham and Firestone, 1983; Wessenhorn and Leyval,
1995), mentre altri riportano un ruolo protettivo delle micorrize nei confron-
ti della pianta ospite (El-Kherbawy et al., 1989; Leyval et al., 1991; Wessen-
horn et al., 1995c).
L’efficienza di protezione in ogni modo differisce secondo l’i-
solato fungino e il tipo di metalli somministrati. Infatti, ceppi fungini isolati
da siti contaminati con cadmio si sono mostrati più resistenti di quelli isola-
ti da siti non contaminati (Leyval et al., 1995). Poiché la pressione selettiva
operata dai metalli pesanti può modificare quantitativamente e qualitativa-
mente la popolazione di funghi micorrizici, l’individuazione di parametri in

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 283-287 (2001)
284 Rea et al.

grado di descrivere modificazioni della loro presenza nel suolo è da auspi-


care. Infatti, le endomicorrize arbuscolari sono le più diffuse in natura e ne-
gli ecosistemi antropizzati. Comunque, negli studi riguardanti l’interazione
tra micorrize e metalli va anche considerato l’effetto dei metalli sulla popo-
lazione AM (Leyval et al., 1997).
Scopo del presente lavoro è stato quello di individuare le modi-
ficazioni indotte sulle micorrize vescicolo-arbuscolari presenti nel suolo dal
trattamento con cadmio, a 30 gg. dall’inquinamento del terreno e dopo un ci-
clo completo di coltivazione di una coltura di orzo.

Materiali e metodi

La ricerca è stata condotta in vasche di circa 1 mq di superficie


e 40 cm di profondità, su un terreno di tipo franco, con una ricchezza di spo-
re V.A di 1200 spore x 500ml di terreno. A questo suolo sono state sommi-
nistrate diverse dosi di cadmio, 1, 10, 100 ppm come solfato. Per ogni dose
e per il controllo sono state allestite quattro repliche, dopo 30 gg. dalla som-
ministrazione del cadmio, da ogni tesi sono stati prelevati campioni di suo-
lo di circa due litri, da tali campioni, dopo essiccamento all’aria e vagliatu-
ra a 2 mm, si sono ottenuti sub-campioni di 500ml. Successivamente è stato
effettuato l’isolamento delle spore, per sospensione da porzioni di 50 g in 5
l, decantazione per 5 min. e successivo setacciamento (luce netta del setac-
cio: 63 µ).Le spore così ottenute sono state moltiplicate in vaso (150 ml) uti-
lizzando come pianta trappola il Trifolium repens var. Huia,10 plantule per
vaso: Dopo 60 gg di allevamento in serra è stata effettuata, su 5 g. di sabbia,
dopo decantazione e setacciamento ( lume dei setacci: 177, 125, 63µ ), la de-
terminazione della presenza, del tipo di spore germinate e moltiplicate. In
queste vasche è stata allevata una coltura di orzo (Hordeum vulgaris L.
cv.Robur, a fine coltura è stato determinato, dopo setacciamento, con la stes-
sa metodica descritta in precedenza, la conta delle spore presenti.

Risultati

La ricchezza iniziale di micorrize V.A. presente naturalmente


nel terreno utilizzato per la prova era di 2400 spore/ l. di suolo. Le spore ot-
tenute dopo decantazione e setacciamento a 63 µ sono state identificate co-
me specie appartenenti alla famiglia delle Glomacee.
Modificazioni di funghi micorrizici vescicolo-arbuscolari indotte dalla somministrazione di cadmio 285

I risultati ottenuti dalla valutazione del numero delle spore otte-


nute dopo moltiplicazione su trifoglio vengono esposti nella tabella 1.
Tabella 1- Numero di spore ottenute dopo 60 gg. di moltiplicazione su trifoglio
(setacciamento a 63, 125, 177µ ). I valori sono espressi per l di suolo.

Trattamento 177µ 125µ 63µ


0 13800a 16400a 50200a
1 ppm 10000a 15600a 27200b
10 ppm 6000b 4400b 25800b
100 ppm 600c 2600c 7600c
* I valori seguiti da lettere diverse sono significati-
vamente differenti per P< 0.01 in accordo con il
Multiple Range Test (Duncan).
Come si può osservare, il numero delle spore ottenute dai tre di-
versi setacci, 63, 125 e 177µ ha subito una riduzione in funzione della con-
centrazione del cadmio utilizzato, rispetto al controllo non trattato.
In particolare, sulle spore ottenute dal setaccio 63 µ ove veni-
vano rinvenute solo specie fungine del genere Glomus, le concentrazioni di
1 ppm e di 10 ppm di cadmio hanno ridotto il numero di spore in modo sta-
tisticamente significativo. In particolare il trattamento con 100 ppm di cad-
mio ha avuto un effetto inibitorio marcato dell 85%.
Nessun decremento del numero delle spore ottenute dopo se-
tacciamento del terreno a 125 µ è stato osservato utilizzando 1 ppm di cad-
mio. In realtà su questo setaccio sono state rinvenute spore appartenenti
sempre alla famiglia delle Glomacee, in questo caso sono raccolte le spore
di dimensioni più grandi rispetto a quelle provenienti dal setaccio preceden-
te. Le concentrazioni 10 e 100 ppm di cadmio hanno provocato una riduzio-
ne del numero delle spore che nel 100 ppm è paragonabile a quella prodot-
ta sulle spore ottenute con setacciamento a 63 µ e cioè del 84%.
Per quanto riguarda il setacciamento a 177 µ, dove sono state
rinvenute spore appartenenti in prevalenza alla famiglia delle Gigasporacee,
ma anche alla famiglia delle Glomacee, l’effetto sul numero delle spore è ri-
sultato statisticamente significativo sia per la concentrazione di cadmio 10
ppm che 100 ppm con un’ inibizione molto accentuata che raggiunge il 96%
per la concentrazione più alta utilizzata.
I risultati ottenuti rapportando il numero totale delle spore, alla
fine dei 60 gg di moltiplicazione su trifoglio, alla dotazione iniziale già pre-
sente nel terreno prima della somministrazione del cadmio, sono esposti in
tabella 2. L’effetto esercitato dal cadmio è risultato direttamente proporzio-
nale alla concentrazione del trattamento imposto.
286 Rea et al.

Tabella 2- Fattore di moltiplicazione delle spore ottenuto rapportando il numero


delle spore dopo 60 gg. di moltiplicazione su trifoglio rispetto alla dotazione
iniziale del terreno. I valori sono espressi per l di suolo.
Trattamento Spore totali Aumento del numero
delle spore
n volte
0 80400 33
1 ppm 52800 22
10 ppm 36800 15
100 ppm 10800 4

Un altro aspetto da noi considerato è stato quello di valutare


l’entità della presenza delle spore dopo un ciclo completo di una coltura di
orzo. Il numero delle spore ottenute dopo decantazione e setacciamento del
terreno a 63 µ è risultato arricchito dopo la coltura di orzo. I diversi tratta-
menti con cadmio hanno ridotto, anche in questo caso l’arricchimento in spo-
re in modo statisticamente significativo solo a 100 ppm. (Tab. 3).
Tabella 3 - Numero di spore ottenute dopo un ciclo completo di una coltura di
orzo (setacciamento a 63 µ ). I valori sono espressi per l. di suolo.

Trattamento Spore totali


0 11200a
1 ppm 11200a
10 ppm 10250a
100 ppm 9700b
I valori seguiti da lettere diverse sono significativamente
differenti per P< 0.01 in accordo con il Multiple Range
Test (Duncan).

Conclusioni

In conclusione, nelle nostre condizioni sperimentali il cadmio


somministrato al terreno alla concentrazione 100 ppm ha influito negativa-
mente direttamente sul numero di spore presenti nel terreno già a trenta gior-
ni dalla somministrazione del metallo. Questo risultato è stato evidenziato an-
che dal confronto con la ricchezza iniziale del suolo utilizzato per la prova.
Le micorrize V.A. infatti, non possono essere mantenute in coltura pura quin-
di, per una valutazione della vitalità delle spore, si è proceduto alla moltipli-
cazione su trifoglio come pianta trappola delle spore stesse prelevate dopo 30
gg. dall’inquinamento del terreno. I risultati ottenuti dopo la coltura di orzo
si differenziano da quelli ottenuti dopo moltiplicazione su trifoglio, nel caso
Modificazioni di funghi micorrizici vescicolo-arbuscolari indotte dalla somministrazione di cadmio 287

dell’orzo solo la concentrazione 100 ppm ha ridotto il numero delle spore. C’è
da precisare che la moltiplicazione su trifoglio è stata effettuata su sabbia
mentre l’allevamento della coltura di orzo è avvenuto su terreno. E’ ipotizza-
bile che, in questo secondo caso, abbia avuto un ruolo fondamentale il pote-
re tampone del terreno che ha limitato i danni alla sola concentrazione più al-
ta utilizzata. La moltiplicazione su orzo inoltre è avvenuta in vasche di di-
menzioni maggiori (1 mq) rispetto al vaso della prova su trifoglio (150 ml).
I risultati ottenuti sono in accordo con i dati presenti in lettera-
tura che indicano la necessità, negli studi delle interazioni metalli pesanti,
piante e micorrize, della valutazione contemporanea dell’effetto diretto che i
metalli pesanti hanno sulle micorrize e sulla pianta, nel senso di quanto que-
sti organismi siano più o meno tolleranti prima ancora e comunque accom-
pagnate dalla valutazione del trasferimento dei metalli inquinanti nei vege-
tali (Leyval et al., 1997).

Bibliografia

EL-KHERBAWY M., ANGLE J.S., HEGGO A., CHANEY R.L. 1989. Soil pH, rhizobia and vesicular-arbuscolar
mycorrhizae inoculation effects on growth and heavy metal uptake of alfalfa (Medicago sativa L.).
Biol. Fertil. Soils 8: 61-65
HARLEY J.L. 1978. Ectomycorrhizas as nutrient absorbing organs. Proc. Royal. Soc. London, B 203: 1-21
KILLHAM K., FIRESTONE M.K. 1983. Vesicular arbuscolar mycorrhizal mediation of grass response to acid and
heavy metal deposition. Plant Soil 72: 39-48
LEYVAL C., BERTHELIN J., SCHONTZ D., WEISSENHORN I., MOREL J.L. 1991. Influence of endomycorrhizas
on maize uptake of Pb, Cu and Cd applied as mineral salts or sewage sludge. In: Farmer JG (ed)
Heavy metals in the environment. CEP Consultants. Edinburgh,pp 204-207
LEYVAL C., SINGH B.R., JONER E.J. 1995 Occurence and infectivity of arbuscolar mycorrhizalfungi in some
Norvegian soils influenced by heavy metal and soil properties. Water Air Soil Pollut. 84:203-216.
LEYVAL C., TURNAU K., HASELWANDTER K. 1997. Effect of heavy metal pollution on mycorrhizal colonization
and function: physiological, ecological and applied aspects. Mycorrhiza 7: 139-153
REEDY G.N., PRASAD M.N.V. 1990. Heavy metal-binding proteins/peptides: Occurrence, structure, synthesis and
functions. A review. Environ. Exp. Bot. 30:251-264.
WEISSENHORN I., LEYVAL C. 1995. Root colonization of maize by a Cd- sensitive and a Cd-tolerant Glomus
Mosseae and cadmium uptake in sand culture. Plant Soil 175: 233-238
WEISSENHORN I., LEYVAL C.,BELGY G., BERTHELIN J. 1995c. Arbuscolar mycorrhizal contribution to heavy me-
tal uptake by maize (Zea mays L.) in pot culture with contaminated soil. Mycorrhiza 5: 245-251
289

IL RAPPORTO ACQUA-TERRENO: UN INDICATORE


DI QUALITÀ PER IL RECUPERO E LA SALVAGUARDIA
DI SUOLI NON AGRICOLI
Scandella P., Piccini C., Di Blasi N., Mecella G.
Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante
Via della Navicella 2-4, 00184 Roma

Riassunto

Lo studio vuole evidenziare come molto spesso la conoscenza dei valori dei rap-
porti acqua-terreno (velocità di infiltrazione e curva di ritenzione idrica) e delle pro-
prietà ad essi legate risulti fondamentale in particolari ambienti, nei quali la natura
e l'opera dell'uomo sono fortemente interconnessi, quali ad esempio i suoli non na-
turali presenti nei giardini e parchi storici o nelle cave, ritenute esaurite come giaci-
menti, e reintegrate con i materiali di risulta dei processi estrattivi. In tali siti è ne-
cessario avvalersi di modelli che, trascurando i meccanismi della pedogenesi, ri-
specchino più efficacemente quelle caratteristiche dei suoli che sono peculiari per la
loro gestione e con-servazione o recupero.
Nel lavoro si riportano esempi di studio finalizzati alla risoluzione di problema-
tiche di gestione sia di alcuni giardini e parchi storici ad elevato valore culturale
(Castello di Guarene - Cuneo; Ville Pontificie - Castelgandolfo - Roma, Oasi
Faunistica Doganella di Ninfa - Latina), sia di siti di estrazione reintegrati con ma-
teriali di risulta (Priverno). I rlievi effettuati hanno evidenziato la fragilità di tali si-
ti, dovuta a squilibri di natura fisica, chimica, idropedologica, relativi quindi al rap-
porto acqua-terreno (pemeabilità differenziate nel profilo, contenuti di sodio elevati
in alcuni orizzonti, decrementi della stabilità strutturale, ecc.) di cui non si è tenuto
conto nella gestione.
Il rapporto acqua-terreno, fondamentale nei progetti di irrigazione, di utilizzo
delle acque reflue, nel controllo dell'erosione e dei dissesti idropedologici in gene-
re, costituisce pertanto un parametro altrettanto significativo nella gestione, conser-
vazione e recupero dei suoli costituiti e/o modificati dall'uomo.

Progetto Finalizzato Beni Culturali


Progetto Strategico Ambiente e Territorio

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 289-296 (2001)
290 Scandella et al.

Introduzione
La conoscenza dei valori della velocità di infiltrazione e delle
proprietà ad essa legate risulta fondamentale in particolari ambienti, nei qua-
li la natura e l’opera dell’uomo sono fortemente interconnessi, quali ad esem-
pio i suoli non naturali presenti nei giardini e parchi storici o nelle cave da
rinaturalizzare.
In tali siti, in cui una vera e propria classificazione, almeno se-
condo le metodologie più in uso, risulta insoddisfacente in quanto non valu-
ta appieno l’influenza dell’uomo sulle proprietà dei suoli, è necessario avva-
lersi di modelli che rispecchino più efficacemente le caratteristiche peculia-
ri per la gestione, la conservazione e/o il recupero dei suoli. Si tratta spesso
di “suoli” interamente prodotti dall’uomo con apporti di materiali artificiali
o immissione di terreni provenienti da altri siti oppure di suoli naturali, ma
così fortemente trasformati da processi “antropo-pedogenetici” che il solum
originale non è più riconoscibile, oppure è ormai “interrato”.
Tali situazioni sono usuali nei giardini storici, ambienti forte-
mente antropizzati, dove l’uomo è intervenuto modificando i suoli naturali
effettuando sbancamenti, livellamenti, sistemazioni idrauliche, apportando al
terreno altro materiale (terricci, concimi, rocce, ecc.) da aree esterne più o
meno limitrofe. Questi interventi, che tra l’altro continuano nel tempo, sia
pure in misura ridotta, durante la gestione ed il mantenimento dei giardini
stessi, sono responsabili di situazioni di forte disomogeneità nei profili, per
cui l’utilizzo delle metodologie proprie della pedologia talvolta non risolve
le problematiche di gestione.
Nelle cave reintegrate con i materiali di risulta dei processi
estrattivi ci si trova in una situazione ancora più estrema. Si tratta infatti di
substrati derivati interamente da attività umane, che, reintrodotti nei siti, van-
no a coprire gli orizzonti profondi o la roccia madre per spessori più o me-
no variabili, comunque di entità notevole.
La possibilità quindi di individuare in tali ambienti degli indi-
catori di qualità diviene di fondamentale importanza per la loro gestione e/o
recupero.
Nel lavoro si evidenzia, mediante studi effettuati in tre giardini
storici, i cui suoli sono caratterizzati da equilibri delicati, ed in una cava da
rinaturalizzare, nella quale vengono reintrodotti i fanghi di laveria di sabbie
silicee, come la composizione del complesso di scambio e le sue implica-
zioni sulla velocità di infiltrazione del suolo possano essere di ausilio nella
risoluzione di problematiche di gestione.
Il rapporto acqua-terreno: un indicatore di qualità per il recupero e la salvaguardia di suoli non
agricoli 291

Materiali e metodi

In seguito ad emergenti problemi di gestione sono state indaga-


te le caratteristiche chimico-fisico-idrologiche dei suoli del giardino sette-
centesco del Castello di Guarene (CN), del giardino storico delle Ville Ponti-
ficie di Castelgandolfo (RM), dell’Oasi Faunistica Doganella di Ninfa (LT)
(Mecella et al., 1998) e di una cava di reintegro di fanghi silicei nell’area
giacimentologica di Priverno-Fossanova (LT) (Burragato et al., 1999).
Il giardino settecentesco del Castello di Guarene è un tipico
giardino all’italiana, di dimensioni medie, con grandi quinte formate da tas-
so e da carpino, con parterre di bosso e alte siepi di tasso, caratterizzato da
morfologia sostanzialmente pianeggiante e situato all’apice di una collina
con forte pendenza. Al momento dell’impianto erano state progettate siste-
mazioni idrauliche di notevole entità, tali da consentire il drenaggio delle ac-
que che comunque pervengono sul suolo. I suoli del giardino derivano dai
substrati presenti nell’area. Dal punto di vista geologico Guarene si trova al-
l’interno del “Bacino Ligure-Piemontese terziario”, che si è sviluppato du-
rante la messa in posto delle catene alpina ed appenninica. I termini affio-
ranti sono arenarie in grosse bancate, più o meno cementate, contenenti bloc-
chi gessosi provenienti dalle formazioni evaporitiche (Boni e Casnedi, 1970).
Quest’area ha subito un notevole danno dovuto ad un esteso
evento di frana, che ha interessato un’ala del giardino, in concomitanza con
l’alluvione del 1994. La frana ha avuto ripercussioni sia sulle strutture por-
tanti che sulla vegetazione. Successivamente sono stati effettuati degli inter-
venti per limitare i danni meccanici dell’evento, ma non si sono ancora mes-
se in atto le misure necessarie per eliminare o comunque contenere il pro-
blema che è all’origine della frana stessa e che è strettamente connesso con
il tipo di suolo e con la morfologia del giardino.
Nel giardino storico delle Ville Pontificie di Castelgandolfo si è
verificato un grave deperimento del parterre di bosso, con ripercussioni este-
tiche non indifferenti. Ci troviamo all’interno dell’area vulcanica dei Colli
Albani ed i prodotti qui affioranti provengono da manifestazioni esplosive
eccentriche rispetto al vulcano centrale, in cui devono essere intervenute
grandi masse d’acqua talvolta anche marina (Civitelli et al., 1975).
Un terzo sito in studio è stata l’Oasi Faunistica Doganella di
Ninfa, un parco ricostruito a partire dal 1921 sulle rovine della cittadella me-
dievale di Ninfa, raro esempio nel Lazio di giardino all’inglese. L’attenzione
rivolta a questo parco è dovuta alla particolare fragilità dei suoli, poco pro-
fondi ed interessati da una falda sottosuperficiale, nei quali diviene fonda-
292 Scandella et al.

mentale mantenere un corretto rapporto acqua-terreno per il benessere e la


sopravvivenza delle specie vegetali.
Ninfa si trova ai piedi dei Monti Lepini, nella zona di contatto
tra il complesso carbonatico di piattaforma che costituisce la catena e i sedi-
menti neogenico-quaternari fluvio-lacustri della Pianura Pontina. In affiora-
mento vi sono terre rosse derivate dai processi di carsificazione dei calcari,
miste a materiali piroclastici rimaneggiati riferibili alla già menzionata atti-
vità dei Colli Albani (Boni et al., 1980).
Per quanto riguarda le cave di sabbie silicee, di origine eolica
dunare, delle aree giacimentologiche di Priverno-Fossanova, il materiale
asportato dalle cave viene sottoposto a processi di trattamento per l’estra-
zione delle sabbie; i materiali di scarto sono costituiti da fanghi flocculati pa-
labili, che vengono attualmente reimmessi nelle cave ritenute esaurite come
giacimenti. Si è osservato che i fanghi risultano scarsamente ricettivi e poco
idonei come supporto boschivo-forestale per l’attecchimento delle specie ve-
getali tipiche della zona.
Nei giardini in studio, non essendosi potuta effettuare la lettura
del profilo, in quanto distruttivo del parterre e di altre valenze estetiche, si è
proceduto alla lettura semplificata tramite sondaggio con trivella. Anche nel-
le cave l’indagine è stata effettuata con trivellazione: l’apertura del profilo
sarebbe stata del tutto inutile essendo il “suolo” costituito da un susseguirsi
di “colate” e quindi privo di orizzonti.
Sui campioni prelevati sono state eseguite le determinazioni
analitiche (MiRAAF, 1994; MiPA, 1997) riportate in Tabella 1 nella quale
sono illustrati per ciascun sito i risultati del sondaggio più rappresentativo.

Risultati e discussione

Dall’esame dei risultati ottenuti sia dalle osservazioni in sito sia


dalle determinazioni analitiche (Tabella 1), riferendosi alla metodologia pro-
posta dal “Référentiel pédologique” (AFES, 1995), i suoli dei giardini pos-
sono fare riferimento alla categoria degli Anthroposols ricostituiti, mentre i
suoli delle cave sono ascrivibili agli Anthroposols artificiali.
Per quanto riguarda il giardino del Castello di Guarene le inda-
gini fisico-chimiche ed idrologiche hanno messo in evidenza la fragilità di
questi suoli: sono calcarei, con tessitura equilibrata, struttura subangolare che
in profondità diventa massiva, e conducibilità idraulica superficiale media
che al di sotto dei 75 cm si riduce drasticamente.
Il rapporto acqua-terreno: un indicatore di qualità per il recupero e la salvaguardia di suoli non
agricoli 293
294 Scandella et al.

Nell’orizzonte 75-165 cm i bassi valori di conducibilità idrauli-


ca riscontrati non sono però da ascriversi alla composizione granulometrica
dello strato, che peraltro è caratterizzato da prevalenza di sabbia grossa
(41%), bensì al contenuto in sodio di scambio (6%). La presenza di sodio nel
complesso assorbente, come è noto, provoca la peptizzazione delle argille,
con grave danno alla stabilità della struttura, che si ripercuote negativamen-
te sulla velocità di infiltrazione dell’acqua anche in suoli sabbiosi. In prati-
ca l’argilla, disperdendosi, provoca l’occlusione dei pori, unica via di de-
flusso delle acque che pervengono nel suolo, ed induce di conseguenza una
saturazione di acqua nello strato sovrastante.
Lungo il profilo sono stati rilevati frequenti cristalli di gesso,
composto che risulta particolarmente utile nella correzione dei suoli sodici.
Nel caso specifico, invece, il gesso risulta praticamente inefficace in quanto,
presentandosi in forma macrocristallina, la sua già scarsa solubilità (0.2%)
diventa pressoché nulla.
In queste condizioni, in presenza di eventi meteorici notevoli o
addirittura eccezionali, come già si è verificato in passato, lo strato imme-
diatamente al di sopra dei 75 cm viene a trovarsi saturo di acqua, e ciò può
innescare fenomeni franosi anche di notevole entità. La saturazione in acqua
fa aumentare infatti il peso del terreno del 20-30%, fino a limiti eccezionali
del 60-70%.
Nel caso in studio dei giardini delle Ville Pontificie, si tratta di
suoli di tessitura equilibrata con buona struttura superficiale e conducibilità
idraulica superficiale media. Dallo studio del profilo (A) si è evidenziato che
il suolo presenta un gradiente crescente con la profondità di sodio di scam-
bio che, deflocculando l’argilla, condiziona la permeabilità inducendo negli
strati profondi fenomeni di asfitticità per sovrasaturazione idrica. I sintomi
di grave deperimento del parterre di bosso trovano quindi giustificazione nel-
l’andamento della conducibilità idraulica, che riducendosi intorno ai 50 cm
di profondità, provoca un pesante e duraturo ristagno idrico nella zona inte-
ressata dagli apparati radicali delle siepi.
Il fenomeno della asfitticità sottosuperficiale risulta meno evi-
dente in un giardino attiguo, il cui suolo (B), della stessa tessitura, presenta
valori costanti di sodio di scambio lungo il profilo; l’assenza quindi di un
gradiente tra l’orizzonte superficiale e quelli sottosuperficiali non induce
brusche variazioni nell’andamento della permeabilità.
L’indagine sui suoli dell’Oasi Faunistica Doganella di Ninfa ha
evidenziato una potenziale fragilità derivante dalla loro natura pedologica. Si
tratta di suoli poco profondi, in quanto giacciono sui resti della cittadella di
Il rapporto acqua-terreno: un indicatore di qualità per il recupero e la salvaguardia di suoli non
agricoli 295

Ninfa, e vi è presente una falda sottosuperficiale. I valori di conducibilità


idrica sono modesti ma costanti lungo tutto il profilo, parallelamente alla per-
centuale di sodio di scambio, che risulta elevata in tutti gli orizzonti investi-
gati. Nonostante queste caratteristiche, nel giardino non si evidenziano dan-
ni vegetativi, in quanto la gestione accurata dei suoli, con interventi mirati e
adeguati alle caratteristiche chimico-fisiche riscontrate, come le lavorazioni
non profonde e gli interventi fertilizzanti che si avvalgono soprattutto di ap-
porti di sostanze organiche, fanno sì che la conducibilità idraulica sia co-
stante lungo il profilo e non si verifichino quindi ristagni d’acqua sottosu-
perficiali e profondi particolarmente dannosi per la vegetazione.
Per quanto riguarda infine i “suoli” reintrodotti nelle cave di
estrazione di Priverno, essi risultano di composizione granulometrica molto
argillosa con le caratteristiche proprie dell’argilla: conducibilità idraulica
praticamente assente, scarsa presenza di pori all’interno degli aggregati, for-
te rischio di compattamento con formazione di struttura lamellare e conse-
guente impedimento al passaggio dell’acqua e dell’aria all’interno degli ag-
gregati. A ciò deve aggiungersi una sostanziale presenza di sodio nel com-
plesso di scambio, dovuto al flocculante impiegato nel processo industriale
di estrazione delle sabbie silicee. In queste condizioni le cave reintegrate
molto difficilmente possono supportare un utilizzo boschivo-forestale poiché
il “suolo” non è in grado di fornire un rapporto aria-acqua idoneo per lo svi-
luppo e la crescita delle essenze vegetali.

Conclusioni

Le situazioni illustrate sono esemplificative delle difficoltà che


si possono incontrare quando si debbano mettere in atto strategie di salva-
guardia, gestione e recupero di particolari siti ad elevata valenza storico-ar-
tistica e ambientale.
Al fine di disporre di rapidi strumenti di indagine che consen-
tano una corretta gestione di particolari suoli, nei quali i fattori della pedo-
genesi sono fortemente disturbati dall’intervento antropico, notevole impor-
tanza assume la misura dell’E.S.P. (exchangeable sodium percentage) e la
valutazione, attraverso misure di laboratorio, della velocità di infiltrazione
dell’acqua nei diversi orizzonti del profilo.
La correlazione tra misure di conducibilità idraulica e percen-
tuali di sodio di scambio può evidenziare infatti fenomeni di ristagno idrico
dovuti ad una drastica diminuzione della velocità di infiltrazione dell’acqua
296 Scandella et al.

nel suolo. Significativi incrementi della percentuale di sodio di scambio nel-


la successione degli orizzonti provocano la comparsa di gradienti nei valori
della permeabilità del suolo in quanto il sodio, deflocculando l’argilla, indu-
ce una variazione del rapporto macropori/micropori a favore di quest’ultimo.
Il gradiente di E.S.P. costituisce quindi un indicatore del rap-
porto acqua-terreno indispensabile quando non sia possibile effettuare misu-
re dirette della velocità di infiltrazione dell’acqua nei vari orizzonti del pro-
filo. La correzione dell’E.S.P. risulta l’unica pratica attuabile per il miglio-
ramento della permeabilità quando si sia nell’impossibilità di procedere a in-
terventi agronomici e/o sistematori in quanto distruttivi di valenze estetiche
(giardini) o troppo onerosi (cave).

Bibliografia

AFES 1995. Référentiel Pédologique. Paris, INRA.


BONI C., BONO P., CALDERONI G., LOMBARDI S., TURI B. 1980. Indagine idrogeologica e geochimica sui rap-
porti tra ciclo carsico e circuito idrotermale nella Pianura Pontina (Lazio meridionale). Geol. Appl.
e Idrogeol., 15, 203-247.
BONI A., CASNEDI R. 1970. Note illustrative al foglio 69 “Asti” della Carta Geologica d’Italia al 100.000. Servizio
Geologico d’Italia, Roma.
BURRAGATO F., MECELLA G., SCANDELLA P. 1999. I fanghi di laveria di sabbie silicee di Priverno: potenzialità
di utilizzo in agricoltura. Atti II Convegno Nazionale “Valorizzazione e riciclaggio dei residui in-
dustriali”, Università degli Studi dell’Aquila.
CIVITELLI G., FUNICIELLO R., PAROTTO M. 1975. Caratteri deposizionali dei prodotti del vulcanismo freatico dei
Colli Albani. Geol. Rom., 14, 1-39.
MECELLA G., SCANDELLA P., DI BLASI N., PALLUZZI R. 1998. Problematiche di gestione del suolo nei giardini
e parchi storici. Atti Convegno “Il giardino storico: rappresentazione, lettura e specie ornamenta-
li”. Torino.
Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali 1994. Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo con com-
menti e analisi. Osservatorio nazionale pedologico e per la qualità del suolo. ISMEA, Roma.
Ministero per le Politiche Agricole 1997. Metodi di analisi fisica del suolo. Osservatorio Nazionale Pedologico e per la
Qualità del Suolo. Franco Angeli, Milano.
297

CARATTERIZZAZIONE DEL TURNOVER DELLA SO-


STANZA ORGANICA DEL SUOLO E STUDIO DELL’AT-
TIVITÀ BIOLOGICA DI SOSTANZE UMICHE IN ECOSI-
STEMI MONTANI SOTTOPOSTI A CAMBIAMENTO
D’USO DEL SUOLO
Sessi E.a, Pizzeghello D.b, De Siena C.b, Tomasi M.b, Nicolini G.b,
Frosi P.a, Nardi S.a
a Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Facoltà di Agraria, Università di Padova
Strada Romea 16, 35020 Legnaro – Padova

b Centro di Ecologia Alpina


38040 Viote del Monte Bondone – Trento.

Sommario
Nell’ambito del progetto di ricerca Ecomont sono stati selezionati se-
dici profili pedologici: sette coperti da agrosteti, tre da nardeti e sei da rimboschi-
menti di conifere. Differenze significative tra le praterie ed i rimboschimenti sono
emerse dal test di Kruskal-Wallis: il Carbonio Organico (CO), la frazione umica ad
alto ed a basso peso molecolare distinguono i diversi gruppi ad un livello di signifi-
catività pari a pW0.01, mentre il pH ed la II frazione distinguono ad un livello di
pW0.05. Le sostanze umiche provenienti da alcuni rimboschimenti hanno manife-
stano elevata attività biologica di tipo auxinico evidenziando come il cambio d’uso
del suolo induca modificazioni non solo nel turnover della sostanza organica ma an-
che nelle loro interazioni con le piante.

Introduzione

Il suolo rappresenta la maggior riserva mondiale di carbonio il


cui contenuto dipende da condizioni ambientali, biogeochimiche e dall’uso
del suolo (Bouwman, 1990). Negli ecosistemi naturali l’evoluzione della so-
stanza organica del suolo dipende dalla densità e tipologia della copertura ve-
getale e dall’attività dei microrganismi; piante arboree ed erbacee produco-
no infatti lettiere aventi composizioni diverse e quindi dotate di quantità dif-
ferenti di lignina, cellulosa e fenoli (Johansson, 1986). Il cambiamento d’u-
so del suolo modifica in modo decisivo la quantità, composizione, turn-over
della sostanza organica e la fertilità del terreno (Bouwman, 1990). L’in-

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 297-306 (2001)
298 Sessi et al.

fluenza antropica sull’ecosistema suolo si riflette sulle caratteristiche strut-


turali e chimiche delle sostanze umiche (Hanschmann et al., 1997) e di con-
seguenza sull’attività biologica delle stesse. Le sostanze umiche interagisco-
no infatti con il metabolismo della pianta in relazione al loro peso moleco-
lare e alla struttura conformazionale dei polimeri (Vaughan et al., 1985). Gli
effetti delle sostanze umiche sulla pianta possono essere di tipo diretto e in-
diretto; tra i primi ricordiamo l’effetto sulla crescita e sullo sviluppo, tra i se-
condi l’azione sulla respirazione, fotosintesi, assorbimento di macro e micro
elementi dal terreno (Tan, 1998). I composti umici interagiscono con i mec-
canismi di ossidoriduzione di superficie delle radici dei vegetali (Pinton et
al., 1985) e con il grado di attività e il polimorfismo degli enzimi di parete.
Inoltre essi hanno attività auxino e gibberellino–simile, attività che può es-
sere collegata al contenuto in gruppi fenolici e carbossilici (Nardi et al.,
1999). Lo studio ha previsto l’analisi di suoli montani sottoposti a cambia-
mento d’uso. Sono stati caratterizzati il turnover della sostanza organica e
l’attività biologica delle sostanze umiche in tre diverse formazioni vegetali:
agrosteto, nardeto e rimboschimento artificiale di abete rosso.

Materiali e metodi

Area di studio
Nell’ambito del progetto UE Ecomont (No ENVA-CT95-0179)
è stato realizzato dal Centro di Ecologia Alpina un rilevamento pedologico
della Piana delle Viote (M. Bondone –Trento) alla scala di 1:5000 durante il
quale sono stati realizzati 45 profili secondo le indicazioni del Soil Survey
Division Staff e classificati in base alla tassonomia della FAO-Unesco
(1990). Sono stati selezionati 16 profili pedologici dei quali 6 appartenenti
ad aree soggette a rimboschimento con Picea abies L. Karst, 3 ricoperti da
associazioni Sirvesio-Nardetum-strictae e 7 dall’associazione Scorzonera
aristatae-Agrostidetum tenuis. Alcune caratteristiche stazionali dei suoli so-
no riportate in tabella 1.

Analisi chimiche e biochimiche


Il CO è stato determinato con il metodo ossidimetrico impie-
gando K2Cr2O7 1N (Walkley and Black, 1934) e l’azoto con il metodo
Kjeldahl. I componenti umici sono stati estratti con il metodo Brenner e Less
(1949) ed il contenuto di carbonio umico è stato determinato per via ossidi-
metrica utilizzando K2Cr2O7 0.1N.
Caratterizzazione del turnover della sostanza organica del suolo e studio dell’attività biologica di
sostanze umiche in ecosistemi montani sottoposti a cambiamenti d’uso del suolo 299

Tabella 1 Breve descrizione delle stazioni oggetto di studio.

Profilo Orizzonti Copertura Substrato pedogenetico Classificazione FAO


considerati vegetale† (1990)
P19 OH, A, BE, Bt R Depositi morenici misti Luvic Phaeozem
P23 A, BE, Bt R Loess su depositi morenici,
metamorfici Haplic Alisol
P35 OH, AE, Bs1 R Depositi morenici misti Cambic Podzol
P43 A, AE R Depositi morenici misti
calcarei ricoperti di loess Haplic Luvisol
P44 Ah, AE, BE, Bt1 R Loess su depositi di versante
calcarei Haplic Luvisol
P45 A, E, EB R Detrito calcareo di versante Haplic Luvisol
P1 Ah, A, Bw A Loess su depositi morenici
calcarei Haplic Luvisol
P4 Ah, AE, EB, Bt A Loess su depositi morenici
calcarei Haplic Luvisol
P5 A, Bw A Detrito calcareo di versante Eutric Cambisol
P31 AE, Ap, EB A Depositi morenici misti Luvic Phaeozem
P32 AE, BE, Bt A Depositi morenici misti Haplic Halisol
P34 A, BE, Bt A Depositi morenici misti Haplic Acrisol
P42 A, BE, Bt A Loess su depositi morenici
calcarei Ferric-Haplic Acrisol
P6 A, E, Bt N Depositi morenici metamorfici Haplic Acrisol
P7 Ah, AE, Bhs N Depositi morenici metamorfici Haplic Podzol
P22 AE, E, Bt N Depositi morenici metamorfici Gleyic Acrisol
† R = rimboschimento, A = agrosteto, N = nardeto

La ripartizione delle sostanze umiche estratte (I frazio-


ne>100Kdaltons, II frazione 100-10Kdaltons, III frazione<10Kdaltons), in
colonne di Sephadex G-100, è stata ottenuta con il metodo descritto da
Ferrari e Dell’Agnola (1963). La quantità di acido indolacetico (AIA) pre-
sente nelle sostanze umiche è stata determinata utilizzando un test immuno-
enzimatico (Phytodetek-IAA, Sigma) ed i fenoli mediante il reattivo Folin-
Ciocalteus (Box, 1983).
Le attività invertasica, esterasica e perossidasica sono state va-
lutate in germogli di Picea abies (L.) Karsten di 12 giorni cresciuti in pia-
stre Petri sterili alla temperatura di 25°C e umidità costante. La determina-
zione dell’attività invertasica è avvenuta seguendo il metodo indicato da
Arnold (1965), l’attività esterasica secondo la procedura di Junge e Klees
(1984) e quella perossidasica utilizzando il metodo di Putter (1974). L’analisi
elettroforetica degli estratti è stata eseguita come descritto da Laemmli
(1970).
300 Sessi et al.

Analisi statistica
Per evidenziare la presenza di correlazioni tra le diverse variabi-
li analizzate, i dati relativi ai parametri chimici dei 50 orizzonti sono stati uti-
lizzati per il calcolo della matrice di correlazione. I campioni sono stati quin-
di suddivisi in gruppi che tengono conto sia della diversa copertura sia del di-
verso tipo di orizzonte e, mediante il test non parametrico di Kruskal-Wallis,
si è determinata l’esistenza di differenze tra i diversi gruppi. In un secondo
tempo, è stata calcolata la matrice di correlazione per i parametri biochimici
relativi all’attività biologica degli orizzonti A, AE e Ap. Tutte le analisi sta-
tistiche sono state effettuate utilizzando il programma SPSS versione 8.0.

Risultati e discussioni

In tabella 2 è riportata la matrice di correlazione delle variabili


chimiche considerate per i 50 orizzonti relativi ai 16 profili oggetto di stu-
dio. Da un esame della tabella si evince come pH e rapporto carbonio umi-
co su carbonio organico (Cu/CO) e pH e CO siano inversamente correlati tra
loro rispettivamente per pW0.001 e per pW0.01, mentre pH e II frazione ri-
sultano inversamente correlati per pW0.05. Il CO e il rapporto C/N, come il
CO e il contenuto in fenoli sono direttamente correlati tra loro per pW0.01,
mentre il CO e la I frazione sono direttamente correlati per pW0.001. Il rap-
porto Cu/CO è direttamente correlato alla I ed alla II frazione rispettivamente
per pW0.05 e per pW0.01, mentre è inversamente correlato alla III frazione
per pW0.001. La presenza di una correlazione inversa tra il pH e il contenu-
to di sostanza organica, come tra il pH e la quantità in humus, spiega come
nei terreni acidi il turn-over della sostanza organica sia orientato verso un ac-
cumulo. La correlazione tra il pH e il peso molecolare apparente delle so-
stanze umiche, come tra il pH e la resa in humus giustifica la presenza del-
la III frazione nelle situazioni in cui l’evoluzione della sostanza organica è
più veloce (Stevenson, 1986). Il contenuto in sostanza organica è diretta-
mente correlato al rapporto C/N, alla presenza della I frazione ed al conte-
nuto in fenoli. Infatti è noto che ad elevati contenuti di sostanza organica cor-
rispondono elevati valori del rapporto C/N ed elevate quantità di fenoli
(Vaughan et al., 1985). Dall’analisi del test di Kruskal-Wallis si evince che
il CO, la I e la III frazione distinguono i diversi gruppi ad un livello di si-
gnificatività pari a pW0.01, mentre il pH ed la II frazione li distinguono ad
un livello di pW0.05. La matrice di correlazione dei parametri chimici e bio-
chimici degli orizzonti A, AE ed Ap mostra che il contenuto in fenoli e l’at-
tività esterasica e perossidasica sono inversamente correlati per pW0.05.
Caratterizzazione del turnover della sostanza organica del suolo e studio dell’attività biologica di
sostanze umiche in ecosistemi montani sottoposti a cambiamenti d’uso del suolo 301

Tabella 2 Matrice di correlazioni dei parametri chimici relativi ai 16 profili


studiati (N = 50 orizzonti).
pH CO C/N CU/CO I II III fenoli
frazione frazione frazione
pH Correlazione 1.000 -0.368 0.003 -0.765 -0.230 -0.334 0.440 -0.056
di Pearson
Sig. (2-code) 0 0.008 0.986 0.000 0.108 0.018 0.001 0.697
N 50 50 50 50 50 50 50 50
CO Correlazione -0.368 1.000 0.376 0.324 0.785 0.048 -0.583 0.399
di Pearson
Sig. (2-code) 0.008 0.0 0.007 0.022 0.000 0.742 0.000 0.004
N 50 50 50 50 50 50 50 50
C/N Correlazione 0.003 0.376 1.000 -0.032 0.139 0.138 -0.212 0.026
di Pearson
Sig. (2-code) 0.986 0.007 0.0 0.828 0.336 0.340 0.139 0.860
N 50 50 50 50 50 50 50 50
CU/CO Correlazione -0.765 0.324 -0.032 1.000 0.310 0.363 -0.520 0.052
di Pearson
Sig. (2-code) 0.000 0.022 0.828 0.0 0.028 0.009 0.000 0.718
N 50 50 50 50 50 50 50 50
I Correlazione -0.230 0.785 0.139 0.310 1.000 -0.163 -0.555 0.358
frazione di Pearson
Sig. (2-code) 0.108 0.000 0.336 0.028 0. 0.258 0.000 0.011
N 50 50 50 50 50 50 50 50
II Correlazione -0.334 0.048 0.138 0.363 -0.163 1.000 -0.730 -0.120
frazione di Pearson
Sig. (2-code) 0.018 0.742 0.340 0.009 0.258 0. 0.000 0.408
N 50 50 50 50 50 50 50 50
III Correlazione 0.440 -0.583 -0.212 -0.520 -.555 -0.730 1.000 -0.147
frazione di Pearson
Sig. (2-code) 0.001 0.000 0.139 0.000 0.000 0.000 0. 0.308
N 50 50 50 50 50 50 50 50
fenoli Correlazione -0.056 0.399 0.026 0.052 0.358 -0.120 -0.147 1.000
di Pearson
Sig. (2-code) 0.697 0.004 0.860 0.718 0.011 0.408 0.308 0.
N 50 50 50 50 50 50 50 50

L’attività esterasica è direttamente correlata al peso molecolare


apparente delle sostanze umiche per pW0.01. L’attività invertasica è inver-
samente correlata al pH per pW0.05, mentre è direttamente correlata al CO
per pW0.05. L’attività perossidasica è direttamente correlata alla I frazione
umica ad un livello di significatività pari a pW0.01 ed è direttamente corre-
lata al contenuto in acido indolacetico per pW0.01. L’attività invertasica e
l’attività esterasica sono inversamente correlate fra loro ad un livello di si-
302 Sessi et al.

gnificatività pari a pW0.05. Un approfondimento dello studio mediante l’at-


tività enzimatica è stato effettuato attraverso la tecnica elettroforetica, tecni-
ca che permette di evidenziare il polimorfismo isoenzimatico e di correlarlo
all’attività ormono-simile delle sostanze umiche (Nardi et al., 1996). Il pro-
filo elettroforetico, relativo all’attività esterasica (Fig. 1), evidenzia differen-
ze quantitative e qualitative rispetto al controllo nei germogli cresciuti in pre-
senza di AIA e delle sostanze umiche. Le diversità sono particolarmente evi-
denti nei campioni trattati con gli estratti umici degli orizzonti A, Ah e AE
dei siti rimboschiti P19 e P44. In questi zimogrammi infatti è presente una
banda proteica che non si riscontra nel controllo né negli altri campioni. Il
profilo elettroforetico delle perossidasi (Fig. 2) mette in luce la presenza di
una nuova banda nei trattati con AIA e con le sostanze umiche di P44Ah.
L’attività biologica dei composti umici provenienti dal sito P19 e P44 è para-
gonabile a quella indotta dall’AIA.
Fig. 1. Analisi elettroforetica dell'esterasi.

P1Ah P1A P4Ah P4AE P44Ah P44AE


Caratterizzazione del turnover della sostanza organica del suolo e studio dell’attività biologica di
sostanze umiche in ecosistemi montani sottoposti a cambiamenti d’uso del suolo 303

P5A P32AE P19A H2O AIA

Conclusioni

I parametri chimici impiegati hanno messo in luce la diversa


evoluzione della sostanza organica nei suoli oggetto di studio. In particola-
re: il pH, il contenuto in fenoli, la complessità molecolare delle sostanze
umiche ed il loro contenuto in acido indolacetico influenzano diversamente
le risposte metaboliche nei germogli di abete rosso. Differenze significative
tra le praterie ed i rimboschimenti sono emerse dal test di Kruskal-Wallis tut-
tavia, a causa della scarsità dei siti presi in esame, non è stato possibile adot-
tare il test per il confronto a due a due fra i gruppi. Studi precedenti aveva-
no delineato come le sostanze umiche provenienti da terreni acidi stimolas-
sero nelle piante attività auxino-simili, mentre frazioni umiche derivanti da
304 Sessi et al.

terreni neutri incrementassero le attività gibberellino-simili (Calabrese et al.,


1998). Questo studio dimostra che l’attività invertasica essendo inversamen-
te correlata al pH è tipica di ambienti neutri o basici, mentre l’attività este-
rasica manifestandosi in alternativa all’attività invertasica è caratterizzante
degli ambienti acidi. Le sostanze umiche provenienti da alcuni rimboschi-
menti hanno manifestano un comportamento simile a quello dell’acido in-
dolacetico indicando una spiccata attività biologica. Il cambio d’uso del suo-
lo può indurre quindi modificazioni non solo nel turn-over della sostanza or-
ganica, ma anche nell’evoluzione delle sostanze umiche e nelle loro intera-
zioni con le piante.

Fig. 2. Analisi elettroforetica della perossidasi.

P1Ah P1A P4Ah P44Ah P5A


Caratterizzazione del turnover della sostanza organica del suolo e studio dell’attività biologica di
sostanze umiche in ecosistemi montani sottoposti a cambiamenti d’uso del suolo 305

P32AE P19A H2O AIA

Ringraziamenti
Gli autori desiderano ringraziare i Dr. M.S. Calabrese, P. Magazzini e G. Sartori per la de-
scrizione ed il campionamento dei profili di suolo ad esclusione di P42, P43, P44, P45.

Bibliografia

ARNOLD, W.N. 1965. Biochim. Biophys. Acta, 100, 134.


BRENNER, J.R., LEES, M. 1949. Studies on soil organic matter II. J. Agric. Scienze. 39, 274.
BOX, J.D. 1983. Investigation of the Folin-Ciocalteu reagent for the determination of polyphenolic substances in natu-
ral waters. Water Res., 17, 511-525.
306 Sessi et al.

BOUWMAN, A.F. 1990. Soil and the Greenhouse Effect, (eds A.F. Bouwman), pp. 91-192. Wiley, Chichester.
CALABRESE, M.S., NARDI, S., SARTORI, G., PIZZEGHELLO, D., ZANELLA, A., NICOLINI, G. 1998. Forest hu-
mus in the provincia of Trento (Italian Alps). 16° Word Congress of Soil Science 20-26 agosto 1998,
Montpellier.
FAO-UNESCO 1990. Soil Map of the World. Revised Legend, Rome.
FERRARI G., DELL’AGNOLA, G. 1963. Fractionation of the organic matter of soil by gel filtration through Sephadex.
Soil Science, 96, 418-421.
HANSCHMANN, G., GEYER, W., FINDEISE, M., STARK, H.J. and POPP, P. 1997. The role of humic substances in
the ecosystems and in enviromental protection. Edited by Drozd J., Gonet S.S., Senesi N., Weber J.
JOHANSSON, M.B. 1996. The chemical composition of needle and leaf litter from Scots pine, Norway spruce and
White birch in Scandinavian forests. Forestry, 68, 49-61.
JUNGE, W. and KLEES, H. 1984. Peroxidase. Bergmeyer HV (ed), Methods of Enzimatic Analysis, A.P. New York.
LAEMMLI, U.K. 1987. Cleavage structural proteins during the assembly of the head of bacteriophage T 4. Nature, 227,
680-685.
NARDI, S., PIZZEGHELLO, D., RENIERO, F. and MUSCOLO, A. 1999. Biological activity fo humic substances ex-
tracted from soils under different vegetation cover. Communication in Soil Science and Plant
Analysis, 30 (5&6), 621-634.
PINTON, R., CESCO, S., SANTI, S. and VARANINI, Z. 1995. Effect of humic substances on surface redox activity of
oat roots. Journal of Plant Nutrition, 18 (10), 2111-2120.
PUTTER, J.1974. Peroxidase. In: Methods of Enzimatic Analysis II, HV Bergermeyer, Academic Press, New York.
STEVENSON, F.J. 1986. Cycles of Soil. Ed. Wiley & Sons, NY.
TAN, K.H. 1998. Principles of soil chemistry. Marcell Dekker Inc., NY.
TATE, R.L. 1987. Soil Organic Matter, Biological and Ecological Effect. pp. 26-53. Wiley, New York.
VAUGHAN, D. and MALCOM, R.E. 1985. Soil organic matter and biological activity, Dordrecht, Nijhoff Publiscers
WALKLEY, A. and BLACK, I.A. 1934. An examination of the Drgtjareff method for the determining soil organic mat-
ter and a proposed modification of the chromic acid titration method. Soil Science 37, 29-38.
307

DISTRIBUZIONE DI CU, FE, MN E ZN NEI SUOLI


ALLUVIONALI DELLA PIANA DI RIETI E CONFRONTO
TRA LA LORO CONCENTRAZIONE NEGLI ORIZZONTI
SUPERFÍCIALI E SOTTOSUPERFICIALI
Spadoni M.*, Panusa A.**, Lorenzoni P.*, De Simone C.*
* Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo. Sezione di Conservazione del Suolo
Via Casette, 1 - 02100 Rieti

** Agenzia Nazionale Protezione Ambiente


Via Vitaliano Brancati, 48 - 00144 Roma

Riassunto
Oggetto del presente lavoro è stato lo studio delle concentrazioni di Cu, Fe, Mn,
e Zn, nell’orizzonte arato (Ap) ed in quello sottostante, nei suoli della Piana di Rieti,
allo scopo di evidenziare analogie o diversità di comportamento in funzione delle
caratteristiche dei suoli e della contiguità con attività antropiche, collegate sia alla
vicinanza del centro urbano che alla presenza di un’agricoltura di tipo intensivo.
I risultati ottenuti indicano come l’analisi congiunta delle frazioni estraibili in
DTPA ed in Acqua Regia sia in grado di fornire informazioni riguardo alla natura
ed alla portata dei fenomeni di accumulo dei differenti metalli lungo il profilo, non-
ché suggerire alcuni valori di riferimento indispensabili allo studio dell’evoluzione
futura del contenuto e della distribuzione di Cu, Fe, Mn e Zn nell’area studiata.

Introduzione

La piana di Rieti è una delle maggiori aree alluvionali dell’Ap-


pennino centrale; presenta un uso intensivo del suolo a fini agronomici carat-
terizzato dalla diffusione di colture di tipo cerealicolo-industriale costituite pre-
valentemente da mais, frumento, barbabietola da zucchero e, in subordine, da
girasole e soia. L’area si trova in continuità con il centro urbano di Rieti che
occupa la sua parte sud orientale. Durante l’Olocene, l’evoluzione morfologi-
ca e sedimentaria della pianura è stata guidata dai processi idrodinamici del
Fiume Velino, che oggi la attraversa con un corso meandriforme, da SE a NW,
e da quelli dei suoi principali affluenti, i fiumi Turano e Cantaro (Ferreli et al.,
1990). Numerosi corsi d’acqua minori, provenienti dai rilievi immediatamen-
te circostanti, hanno dato origine a strutture sedimentarie, tipo conoide di deie-
zione, profondamente interdigitate con i sedimenti della piana.

Atti del Convegno SISS “La scienza del suolo in Italia: bilancio di fine secolo”,
Gressoney-Saint Jean, 22-25 giugno 1999: 307-317 (2001)
308 Spadoni et al.

Una considerevole azione di controllo morfologico e sedimen-


tario è stata svolta dall’uomo nel corso degli ultimi duemila anni, attraverso
una costante azione di bonifica (Leggio & Serva, 1991). Questa ha compor-
tato il parziale svuotamento del lago che originariamente occupava gran par-
te dell’area (Lacus Velinus), la creazione di canali preposti al drenaggio del-
le acque, la realizzazione di arginature artificiali a protezione dei coltivi ed
altro ancora. L’area è caratterizzata da un gradiente topografico, da sud a
nord, che porta la pianura dai 390 m s.l.m., a sud, fino ai 370 m s.l.m. nel
suo margine settentrionale. Qui persistono due specchi d’acqua residuali
(Lago Lungo e Lago di Ripasottile) la cui dinamica è rigidamente controlla-
ta da un impianto idrovoro.
La pedogenesi, avvenuta in quest’area su sedimenti alluvionali a
granulometria variabile, in regime di umidità udico, ha dato origine a suoli
scarsamente evoluti, appartenenti all’Ordine degli Entisuoli, in corrisponden-
za dei sedimenti maggiormente sabbiosi e ad Inceptisuoli in corrispondenza
dei sedimenti più fini. Questi ultimi presentano talora caratteristiche vertiche
in dipendenza della tipologia e dell’abbondanza della frazione argillosa.
In un tale ambiente, rappresentativo di numerose aree centroap-
penniniche, appare evidente l’utilità di valutare il comportamento dei princi-
pali micronutrienti in funzione sia delle caratteristiche chimico-fisiche dei
suoli, la cui influenza sulla mobilità e sulla biodisponibilità di tali elementi
è ben nota (Harter 1983; McGrath et al., 1988; Fernandez-Falcon et al.,
1994; Lorenzoni et al., 1996), che delle attività antropiche.
Il presente lavoro si è dunque prefisso di studiare le concentra-
zioni di Cu, Fe, Mn, e Zn, nell’orizzonte arato (Ap) ed in quello sottostante,
nei suoli della Piana di Rieti, allo scopo di evidenziare analogie o diversità
di comportamento in funzione sia del variare di alcuni parametri pedologici
(pH, contenuto in Carbonio organico totale e tessitura) che della presenza,
attuale o passata, di specifiche attività umane.

Materiali e metodi

Da un campionamento condotto secondo uno schema “random


stratificato”, su una superficie complessiva di 90 Km2 nella piana di Rieti,
sono stati selezionati 48 campioni di suolo rappresentativi di cinque distinte
aree geografiche e di differenti contesti morfo-pedologici. Le aree sono sta-
te denominate come segue: Comunali (Al), Laghi (A2), S.Pastore (A3), Città
(A4), Nucleo industriale (A5).
Distribuzione di Cu, Fe, Mn e Zn nei suoli alluvionali della piana di Rieti e confronto tra la loro
concentrazione negli orizzonti superficiali e sottosuperficiali 309

I campioni sono stati prelevati sia dall’orizzonte superficiale


arato (Ap: 0-45 cm) che da quello immediatamente sottostante (45-60 cm).
Sono state determinate le principali caratteristiche pedologiche dei suoli,
quali la tessitura, il pH in H2O e in KCl e il carbonio organico totale (COT).
Data la scarsità d’informazione che l’analisi del solo contenuto totale forni-
sce circa la frazione assimilatile (Tessler et al., 1979), le concentrazioni dei
micronutrienti presi in considerazione (Cu, Fe, Mn, e Zn) sono state analiz-
zate sia nella loro frazione estraibile in DTPA (acido dietilentriamminopen-
tacetico ad azione chelante), utilizzata come stima della frazione assimilati-
le, che in quella estraibile in acqua regia, rappresentativa della frazione tota-
le presente nel suolo. L’estrazione è stata eseguita in accordo con le indica-
zioni del MIRAAF (1994). Tutti gli estratti sono stati analizzati mediante
spettrofotometria ad assorbimento atomico (apparecchio Perkin Elmer,
Modello 1100 B).
Lo studio della correlazione lineare tra le variabili studiate (co-
efficiente di Pearson) e delle loro statistiche descrittive è stato condotto con
il software SPSS 6.1 (SPSS inc.).

Risultati

Uno schema riassuntivo dei principali suoli della piana di Rieti


è riportato in tabella 1. Le tessiture più fini sono presenti nelle aree morfo-
logicamente più depresse e generalmente distanti dall’attuale posizione de-
gli alvei principali; per contro, la diffusione di tessiture con una più marca-
ta componente sabbiosa si trova in prossimità del Fiume Velino. I suoli pre-
senti nelle aree depresse presentano altresì un considerevole contenuto in
carbonio organico totale in relazione ad uno stato di saturazione idrica del
suolo più prolungata nel tempo, e quindi ad una più lenta attivazione dei pro-
cessi di mineralizzazione.
Tabella 1 – Corrispondenza tra tessitura e classificazione dei suoli nella Piana di
Rieti (da Spadoni et al., 1999).
Tessitura prevalente dei suoli Classificazione secondo Soil Taxonomy 1997
Sabbiosi: Typic Udifluvents, Aeric Fluvaquents
Limosi: Fluventic Eutrochrepts, Fluvaquentic Eutrochrepts
Argilloso - Limosi: Vertic Eutrochrepts
Argillosi: Typic Chromuderts

Le aree di campionamento selezionate risultano rappresentative


di differenti contesti geografici e geomorfologici.
310 Spadoni et al.

• Comunali (A1). Area soggetta ad agricoltura di tipo intensivo, ubicata


nel settore meridionale della piana di Rieti ad una quota non inferiore ai 380
m s.l.m. e posizionata tra il F. Velino ed il F. Turano. Fino ad epoche relati-
vamente recenti veniva frequentemente alluvionata dalle periodiche esonda-
zioni dei due corsi d’acqua che innescavano processi di deposizione di sedi-
menti progressivamente più fini nelle aree più distali. Tessitura variabile in
dipendenza della distanza dai corsi d’acqua, da franco-sabbiosa a franco-li-
moso-argillosa.
• Laghi (A2). Area ubicata al margine settentrionale della piana di Rieti
in posizione morfologica depressa ad una quota di circa 370 m s.l.m., la cui
gestione è improntata ad un utilizzo agricolo intensivo. I suoli sono sogget-
ti a condizioni semipermanenti di idromorfia dovute alla superficialità della
falda idrica, presentano una tessitura caratterizzata da un contenuto in argil-
la mai inferiore al 35%, una notevole abbondanza di carbonio organico (an-
che superiore al 7%), che può aumentare nell’orizzonte sottosuperficiale in
presenza di condizioni di saturazione permanente dei suoli, e pH relativa-
mente basso (pHKCl sempre inferiore a 7).
• S. Pastore (A3). Area soggetta ad agricoltura intensiva, ubicata nella
parte centrale della piana di Rieti intorno ai 375 m s.l.m. in posizione mor-
fologica intermedia tra Al e A2. I suoli possiedono una sensibile componen-
te limosa, sempre superiore al 45%, e COT intorno all’1%.
• Città (A4). Area inserita nel perimetro urbano o in posizione limitrofa,
soggetta ad agricoltura di tipo intensivo ancora in atto o praticata fino a tem-
pi recenti. Contiguità con vie di comunicazione di medio-alta frequentazio-
ne. Suoli a tessitura franca con componenti argillose o limose più o meno
marcate e COT compreso tra l’1 e il 2 %.
• Nucleo industriale (A5). Area inserita nel territorio del nucleo indu-
striale della città, costituita da suoli incolti da oltre 15 anni, appartenenti ad
una conoide di deiezione limitrofa alla piana di Rieti. Vista l’assenza di una
recente omogeneizzazione dell’orizzonte superficiale Ap, il campionamento
è stato condotto considerando due orizzonti a profondità comprese tra 0-10
cm e 10-20 cm. Tessiture franche o franco-argillose, COT anche superiore al
2% e pH dell’orizzonte superficiale medio-bassi rispetto ai valori medi del-
la piana reatina.
I suoli campionati testimoniano diverse tipologie di gestione ed
utilizzo. I principali parametri pedologici nei suoli di ciascuna area e la loro
variabilità nei due orizzonti campionati sono riportati in tabella 2 e in figu-
ra la (pHKCl e pHH2O) e 1b (C organico totale %).
Distribuzione di Cu, Fe, Mn e Zn nei suoli alluvionali della piana di Rieti e confronto tra la loro
concentrazione negli orizzonti superficiali e sottosuperficiali 311

Tabella 2 – Valori assunti dai principali parametri pedologici nelle 5 aree studiate.
Sono riportati gli intervalli di oscillazione dei valori. FS=franco sabbioso,
FLA=franco limoso argilloso, AL=argilloso limoso, F=franco, FA=franco argilloso.
Area Profondità Tessitura pH(H2O) pH(KCl) COT%
Comunali 0-45 FS - FLA 8,0 - 8,2 7,1 - 7,3 0,8 - 1,9
A1 45-60 FS - FLA 8,0 - 8,2 7,1 - 7,2 0,7 - 1,0
Laghi 0-45 AL - FLA 7,9 - 8,1 6,8 - 7,0 1,8 - 7,3
A2 45-60 AL - FLA 7,5 - 8,2 6,8 - 7,4 1,4 - 7,2
S. Pastore 0-45 F - FL - FLA 8,1 - 8,2 7,0 - 7,3 0,9 - 2,4
A3 45-60 F - FL - FLA 8,0 - 8,3 7,0 - 7,3 0,6 - 1,1
Città 0-45 F - FL - FLA- FA 7,9 - 8,1 7,0 - 7,3 1,1 - 2,0
A4 45-60 F - FL - FLA- FA 8,0 - 8,2 7,3 - 7,6 0,7 - 1,3
Nucleo ind. 0-10 F - FA 7,5 - 8,0 6,9 - 7,0 1,2 - 2,3
A5 10-20 F - FA 8,0 - 8,1 7,2 - 7,3 0,9 - 1,4

Fig. 1 – a) pH in H2O e in KCl a confronto nei due orizzonti studiati. b) Contenuto


percentuale in Carbonio Organico Totale a confronto nei due orizzonti studiati.

b
312 Spadoni et al.

In tabella 3 sono riportati i valori di concentrazione rinvenuti


per Cu, Fe, Mn e Zn nei campioni studiati, mentre il confronto diretto tra
l’andamento delle concentrazioni dei vari elementi negli orizzonti superfi-
ciali e sottosuperficiali è illustrato in figura 2a-h.
Tab. 3 – Concentrazione di Cu, Fe, Mn e Zn nei due orizzonti superficiali dei suoli
studiati. Viene riportato il valore medio espresso in mg/kg e, tra parentesi, la
deviazione standard.
Area Prof. Cu (mg/kg) Fe (mg/kg) Mn (mg/kg) Zn (mg/kg)
cm DTPA TOT DTPA TOT DTPA TOT DTPA TOT
0-45 4,27 38,95 29,75 28418 21,0 596,2 2,51 71,2
Comunali (0,90) (19,31) (10,72) (10233) (11,8) (161,1) (0,71) (24,3)
A1 45-60 3,71 35,80 32,20 33045 14,7 682,4 1,05 77,9
(0,11) (12,02) (7,37) (7312) (2,3) (137,0) (0,22) (19,5)
0-45 4,76 48,92 84,27 36290 21,7 558,3 3,42 90,7
Laghi (2,08) (24