Sei sulla pagina 1di 9

Una cometa all’origine del cambiamento

climatico del Dryas recente?

Posted By Donato Barone


Data di pubblicazione: 14 Giugno 2017
Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44570

Circa cinque anni fa L. Mariani pubblicò ( qui, su CM) un post dedicato al


sito archeologico turco di Göbekli Tepe. Esso sorge nel sud della Turchia,
non lontano dal confine con la Siria ed è stato portato alla luce dal gruppo
dell’archeologo tedesco K. Schmidt intorno alla metà degli anni ’90 del
secolo scorso. L’area fu riconosciuta di interesse archeologico, però, fin
dal 1963 a causa della presenza di cumuli di selce prodotti dal deposito
degli scarti di industrie litiche preistoriche.

Si tratta di uno spettacolare cerchio costituito da pilastri megalitici


decorati da bellissime sculture zoomorfe ed antropomorfe. Il complesso si
trovava all’interno di un cumulo di terra alto circa 15 metri dal quale
emergevano delle pietre: furono proprio questi affioramenti a incuriosire un
pastore che riferì alle autorità la circostanza e innescò la catena fattuale
che portò allo scavo del sito.

Nel post di L. Mariani, si commentavano i risultati dello studio di alcuni


resti biologici (semi carbonizzati ed altri residui vegetali, per la
precisione) trovati nel sito che avevano consentito di datare le origini del
complesso megalitico a circa 9500 anni fa. Tale datazione è riferita, però, a
reperti biologici trovati all’interno del muro che unisce i pilastri e,
quindi, non appare rappresentativa dell’età dell’intero complesso. Le ultime
datazioni relative all’epoca di costruzione del manufatto hanno consentito di
stabilire la data di nascita di quello che gli archeologi definiscono “primo
tempio del mondo” a 11,530 BP ± 220 anni (Dietrich & Schmidt, 2010).

Questa data è molto importante nella storia del clima terrestre, in quanto
corrisponde ad un periodo climatico conosciuto come Dryas Recente (Younger
Dryas event). Si tratta di un evento molto ben documentato nella stratigrafia
geologica del nostro pianeta, durante il quale si registrò una brusca
riduzione della temperatura terrestre, un avanzamento dei ghiacciai e
l’estinzione di molte specie che costituivano la megafauna asiatica ed
europea e che sottopose ad una profondissima pressione anche la specie umana.
La presenza nella stratigrafia di anomale quantità di platino in
corrispondenza dell’inizio di quel periodo geologico, rendono plausibile
l’origine cosmica del cambiamento climatico: un corpo celeste si è schiantato
sulla Terra provocando un lungo “inverno” o una mini-glaciazione durata circa
un millennio.

Tale ipotesi trova conferma nella “teoria catastrofista” che Clube & Napier
enunciarono in un loro articolo del 1980. Secondo questa teoria le comete che
stazionano lontane dal sistema solare (fuori della zona occupata dai pianeti,
tanto per intenderci) possono entrare all’interno del sistema planetario
muovendosi lungo orbite ellittiche molto eccentriche. Circa ventimila anni fa
una cometa dal diametro di circa 100 km fece il suo ingresso nel sistema
solare e, grazie alle forti azioni mareali del Sole, si frantumò generando
pezzi di diverse dimensioni. Il nucleo generò la cometa di Encke, i frammenti
più piccoli sono responsabili degli sciami meteoritici noti come Tauridi e
Perseidi, quelli intermedi sono i responsabili dei bolidi che si vedono
quando l’orbita terrestre li incrocia. Uno dei pezzi di maggior diametro
della cometa potrebbe essere stato il responsabile dell’innesco dell’evento
del Dryas recente. La successione temporale che ho descritto è compatibile
con la data di innesco dell’evento.

Si tratta, come si può vedere, di una bella teoria che spiega un po’ tutto,
ma teoria resta. Sarebbe bello se tutta questa ricostruzione trovasse un
riscontro in una prova archeologica, magari un bel documento scritto.
Purtroppo per noi la scrittura comparve in Europa solo 8000 anni fa: troppo
tardi per essere utile per confermare o rigettare la teoria dell’impatto di
un corpo celeste utilizzata per spiegare l’origine dell’evento del Dryas
recente. Questo si pensava fino a qualche mese fa. Le cose sono cambiate a
seguito della pubblicazione sulla rivista Mediterranean Archaeology and
Archaeometry dell’articolo

DECODING GOBEKLY TEPE WITH ARCHAEOASTRONOMY: WHATH DOES THE FOX SAY?

di M.B. Sweatman e D. Tsikritsis (da ora Sweatman et al., 2017).

I due ricercatori hanno concentrato la loro attenzione sulle figure zoomorfe


e sulle figure astratte scolpite sulle colonne megalitiche del complesso
monumentale. Lo scopo era quello di individuare il significato delle sculture
e dei simboli che le circondano: è normale cercare di capire cosa avesse
spinto i nostri antenati a disporre le colonne in quel modo ed a scolpire
quelle figure e non altre.

Sweatman et al., 2017 parte dallo studio di un particolare pilastro: il


pilastro 43 che è rappresentato nella figura che segue.

Fig. 1. In questa figura (elaborata da quella tratta da qui) si vede il


pilastro 43: a sinistra l’immagine del pilastro originale, a destra la sua
replica custodita nel Museo di Sanliurfa (Turchia).

La parte più interessante del pilastro è quella inferiore (quella coperta


nella versione originale). In essa si vede chiaramente una figura zoomorfa
che gli autori in modo condivisibile individuano con uno scorpione. Nella
parte superiore del pilastro alcuni uccelli di cui quello più evidente
potrebbe essere un avvoltoio o un’aquila. Dalle foto non possiamo individuare
altre specie animali, ma gli autori descrivono cani o lupi, un serpente o
pesce e una piccola figura antropomorfa decapitata. Ai fini del nostro
discorso non è importante individuare, però, la specie esatta degli animali
rappresentati quanto la loro posizione reciproca. Particolarmente degne di
nota le “borse” scolpite nella parte superiore del pilastro e le forme
animali rappresentate, ma anche i simboli astratti (sembrano delle V disposte
di diritto e di rovescio e incastrate le une nelle altre).

Secondo gli autori questo pilastro rappresenta una data ben precisa (date
stamp).

Lo studio di altri pilastri del complesso evidenzia una ripetizione dei


simboli di questo pilastro anche se disposti in modo diverso. In particolare
suscita interesse il pilastro 3 in cui compare una figura zoomorfa detta
volpe e, soprattutto, alcuni simboli apparentemente astratti o
rappresentativi di un qualche monile. Essi sono visibili nella fig. 3
allegata più in basso.

Secondo Sweatman et al., 2017 lo scorpione raffigurato sul pilastro 43


costituisce un chiaro riferimento alla costellazione dello Scorpione per cui
il complesso di Göbekli Tepe più che un tempio potrebbe essere un
osservatorio astronomico ante-litteram. Fondare un’ipotesi del genere solo
sulla figura dello scorpione farebbe sorridere chiunque (anch’io mi sono
messo a ridere, quando ho letto la prima volta), ma leggendo il resto
dell’articolo mi sono reso conto che i ragionamenti degli autori non sono
affatto campati in aria. Essi si basano, infatti, su dati di fatto piuttosto
convincenti. Procediamo, però, con ordine.

L’idea che i nostri progenitori fossero dei bruti in perenne lotta per il
cibo è semplicistica e, secondo me, profondamente sbagliata. Le sculture di
Göbekli Tepe ne sono una prova concreta, ma anche i siti della civiltà
nuragica (in particolare il pozzo sacro di Paulilatino o Santa Cristina, in
provincia di Oristano che io ho avuto occasione di visitare qualche anno fa),
pur se posteriori a quello di cui stiamo discutendo di diversi millenni,
testimoniano la complessità di quelle associazioni umane così antiche.

Sweatman et al., 2017 è dell’avviso che il pilastro 43 del complesso di


Göbekli Tepe sia una mappa del cielo in una data ben precisa. Vediamo su cosa
gli autori fondano la loro ipotesi.

Utilizzando un programma di calcolo in grado di rappresentare le


costellazioni nel corso dei secoli, gli autori hanno ricostruito il cielo
come appariva da Göbekli Tepe circa 11000 anni fa. La posizione reciproca
delle costellazioni in tale ricostruzione appare sorprendentemente simile a
quella rappresentata nel pilastro 43. Secondo Sweatman et al., 2017 l’aquila
rappresenta quella che oggi conosciamo come la costellazione del Sagittario,
l’uccello sulla destra in basso rispetto all’aquila, rappresenta la
costellazione dell’Ofiuco (se si dispongono le stelle che formano la
costellazione sulla sagoma dell’uccello, esiste una certa corrispondenza e
ciò spiegherebbe la particolare conformazione dell’animale), lo scorpione la
costellazione dello Scorpione ed il cerchio al centro del pittogramma
sull’ala dell’aquila (Fig. 1.) il Sole. Su questo è opportuno, però,
soffermarsi un attimo.

Guardiamo per prima cosa come appariva il cielo nell’area in cui si trova il
sito archeologico circa 11000 anni fa (ricostruita con un programma di
calcolo).

Fig. 2: Coincide con la figura 5 dell’articolo originale e consente di


vedere alla sinistra del Sole la costellazione del Sagittario, sulla
destra, in basso, quella dell’Ofiuco e in basso, al centro, la
costellazione dello Scorpione.

Confrontando i pittogrammi del pilastro 43 si vede come l’avvoltoio assuma


una posa (ali spalancate e testa voltata verso la nostra destra) che
rappresenta in modo piuttosto fedele la costellazione del Sagittario. Lo
scorpione posto sotto l’avvoltoio rappresenta la costellazione dello
Scorpione e il piccolo uccello sulla destra l’Ofiuco. Le dimensioni
dell’Ofiuco non corrispondono a quelle dell’uccello e le distanze tra le
figure non sono in proporzione a quelle tra le costellazioni, ma le posizioni
reciproche coincidono (soprattutto la posizione del Sole). Ciò probabilmente
deve ricercarsi nelle dimensioni del pilastro che hanno costretto l’artista a
deformare la scena. Se proviamo ad ingrandire la figura dell’uccello in basso
a destra, come già accennato, vediamo che essa va a sovrapporsi a quella
della costellazione e ciò spiega anche la forma sbilenca dell’uccello
scolpito nella roccia.

Gli autori portano anche altri ragionamenti a sostegno della loro tesi, ma
per semplicità mi limito a quanto ho già scritto. La principale obiezione che
può essere fatta a questi ragionamenti, è che, nel corso dei millenni, altre
date corrispondono a questa particolare configurazione delle costellazioni.
Sweatman et al., 2017 si è posto il problema ed ha individuato altre tre date
alternative a quella privilegiata: 2000 AD, 4350 BC e 18000 BC. Escludendo la
prima perché inverosimile e l’ultima perché anteriore di diversi millenni al
complesso, restano 10950 BC e 4350 BC: la datazione al radiocarbonio dei
resti biologici trovati nelle murature del sito, rende molto più plausibile
la data 10950 BC. Gli autori analizzano anche le altre figure presenti sul
pilastro, in particolare le “borse” ed altre figure zoomorfe. Le “borse”
potrebbero essere dei simboli astratti che rappresentano date fondamentali
dell’anno astronomico: solstizi ed equinozi. Le piccole figure animali
potrebbero rappresentare le costellazioni in cui si verificano tali eventi
salienti. Utilizzando il programma di simulazione del cielo stellato nel
corso dei millenni, gli autori trovano un’ulteriore conferma della loro tesi:
gli equinozi ed i solstizi nel 10950 BC caddero in costellazioni particolari
che potrebbero essere proprio quelle rappresentate nel pittogramma (per
semplicità espositiva rinuncio a descrivere i ragionamenti degli autori a
sostegno della loro tesi, ma li condivido).

Vista così, nonostante i riscontri scientifici, la cosa sembra, però, una


favoletta. Potrebbe trattarsi, infatti, di una pura coincidenza. Utilizzando,
però, delle analisi statistiche, gli autori hanno potuto verificare che la
disposizione reciproca dei pittogrammi e soprattutto la loro forma,
confrontate con quelle delle costellazioni, avrebbe avuto una probabilità di
coincidere in maniera causale di 1/5000000. O l’artista preistorico è stato
molto fortunato, oppure ha effettivamente rappresentato il cielo di quella
zona nel 10950+/-250 BC.

A questo punto ci si chiede come mai quella particolare disposizione delle


costellazioni ed il corrispondente periodo temporale, furono reputati
talmente importanti da essere immortalati nella roccia. L’unica spiegazione
possibile è che in quel momento storico, dovette verificarsi qualcosa di
eccezionale e senza precedenti, qualcosa che colpì a tal punto la
collettività, da essere assunto ad evento fondamentale nella storia e da
tramandare ai posteri.

Analizzando la struttura di Göbekli Tepe, gli archeologi hanno potuto vedere


che il sito è stato utilizzato per molte generazioni, probabilmente per
millenni. I pilastri che caratterizzano il sito, sono in parte inglobati
nella muratura e questo significa che il complesso ha subito vari
rimaneggiamenti. Una delle spiegazioni di queste ristrutturazioni deve essere
ricercata nelle modifiche del cielo. Le costellazioni non occupano le stesse
posizioni, ma esse cambiano la loro disposizione sulla volta celeste nel
corso dei millenni. Questo fenomeno è conosciuto come precessione degli
equinozi. Nel corso dei secoli il popolo di Göbekli Tepe ha modificato il
sito per adeguarlo alle mutate configurazioni celesti: essi conoscevano il
fenomeno delle precessioni e lo studiavano. Abbiamo visto che i muri che
uniscono i pilastri del complesso risalgono a circa 9500 anni fa. I pilastri
risultano certamente precedenti in quanto scolpiti interamente e poi
conglobati nella muratura. Sarebbe stato del tutto inutile scolpirli per poi
coprirli. Appare logico supporre che essi per lungo tempo restarono esposti
alla vista e, solo in un secondo tempo, furono coperti. Possiamo concludere,
pertanto, che a Göbekli Tepe le stelle si osservavano molti anni, secoli se
non millenni, prima che si costruissero i muri. In questa ottica appare
sensato pensare che il pilastro 43 sia stato realizzato molti secoli prima
del muro che ora lo contiene in parte, probabilmente in contemporanea con la
particolare disposizione delle costellazioni che vi sono scolpite sopra, cioè
nel 10950 BC +/-250.

Sempre su questo pilastro fu scolpita una figura antropomorfa con la testa


mozzata e diversi serpenti. Entrambi i simbolismi rappresentano la morte, la
sofferenza, la distruzione. Dobbiamo dedurne che l’evento corrispondente alla
disposizione delle costellazioni sul pilastro 43, sia stato un evento
tragico.

Per capire di che tipo di evento si sia trattato, bisogna dare un’occhiata
agli altri pilastri, in particolare il pilastro 3 su cui sono riportati dei
segni apparentemente astratti.

Fig. 3. Nella figura è visibile una


specie di H con una fossetta nella parte
intermedia ed una forma circolare
incastonata in una falce. Questa figura
costituisce la chiave di volta
dell’interpretazione dei pittogrammi del
complesso monumentale.

Secondo gli autori la H forata rappresenta delle stelle particolarmente


importanti e molto luminose, mentre il cerchio e la falce rappresentano
l’oscurità. I due pittogrammi accoppiati dovrebbero avere, a questo punto, un
significato molto chiaro: un evento drammatico ha oscurato il cielo ed ha
impedito di vedere le stelle. Analizzando la posizione dei punti di
osservazione nella struttura (enclosure, nel testo originario), la posizione
dei pilastri ed i pittogrammi rappresentati sui pilastri, ci si rende conto
che il sito di Gobelki Tepe rappresenta un osservatorio astronomico che
privilegiava l’osservazione degli sciami meteoritici che noi conosciamo come
Tauridi, cioè dei residui della cometa che secondo alcuni studiosi determinò
l’evento del Dryas recente.

A questa conclusione ci porta un altro simbolismo che troviamo scolpito sui


pilastri: l’immagine di una volpe. Analizzando la successione di alcuni
simbolismi zoomorfi, Sweatman et al., 2017, giungono alla conclusione, con un
margine di incertezza del 2% che il pilastro sul quale è scolpita la volpe
rappresentava la posizione in base alla quale osservare lo sciame meteorico
delle Tauridi che, come abbiamo visto, è legato alla cometa i cui resti
avrebbero causato l’evento del Dryas recente.

Come al solito ho cercato di riassumere nel miglior modo possibile un


articolo scientifico piuttosto complesso. Spero di esserci riuscito e,
comunque, l’articolo è liberamente accessibile.

Su questo sito ci occupiamo di clima e di cambiamenti climatici. Non è una


novità per l’essere umano. Se Sweatman et al., 2017 dovessero aver visto
giusto, i nostri lontani antenati hanno potuto sperimentare sulla loro pelle
un cambiamento climatico feroce che fece piombare l’umanità in un periodo
freddo e che causò la morte di centinaia di migliaia di persone (quando la
popolazione umana era di circa un milione di individui). Un evento talmente
traumatico da essere scolpito nella roccia affinché le future generazioni non
lo dimenticassero e fossero pronte ad affrontarlo di nuovo. Un messaggio
terribile, ma non disperato, perché l’Uomo era riuscito a sopravvivere al
disastro cosmico ed a ricominciare daccapo. Un messaggio che mi sembra
profondamente attuale.

E per finire questa lunga maratona (sperando che qualcuno abbia avuto la
costanza e la pazienza di arrivare a questo punto) qualche considerazione
circa le capacità dei nostri antenati. A prima vista quello di Sweatman et
al., 2017 sembra un ragionamento a posteriori, adattato a delle circostanze
fortuite. Non è così perché noi esseri umani tendiamo a sopravvalutare il
presente ed a sottovalutare il passato: i nostri antenati erano in grado di
elaborare scenari di una complessità unica.

In “L’evoluzione dei miti” di Julien d’Huy, pubblicato recentemente su “Le


Scienze”, è stato analizzato il processo di evoluzione dei miti. Secondo
quanto ipotizzato da Jung i miti avrebbero avuto origini di tipo psichico.
Ultimamente questa ipotesi sembrerebbe vacillare. Analizzando alcuni miti
diffusi tra popolazioni di diversi continenti, è stato possibile individuare
dei caratteri ricorrenti all’interno di essi che l’autore chiama “mitemi”. Si
tratta di caratteri tipologici che possono essere paragonati ai geni
biologici che ci caratterizzano. Applicando ai mitemi le metodiche utilizzate
per studiare la propagazione dei caratteri genetici dai biologi
evoluzionisti, d’Huy ha potuto ricostruire “l’albero evolutivo” dei miti
scoprendo che essi hanno avuto origine millenni addietro. Tutti i miti
relativi alle costellazioni celesti, per esempio, possono essere raggruppate
in un albero filogenetico il cui mito originario risale a circa 15000 anni
fa. Esso è il mito della Caccia Cosmica in cui un animale, inseguito dai
cacciatori, viene trasformato in una costellazione. Anche questo articolo è
molto più complesso di quanto sembri da ciò che ho scritto, ma io mi sono
limitato ad estrarne il concetto saliente per l’argomento che sto trattando
in questo post. Esso serve a dimostrare, infatti, che già 15000 anni fa e,
quindi, prima che a Göbekli Tepe venissero scolpiti i pilastri di cui abbiamo
discusso fino ad ora, l’uomo è stato in grado di elaborare concetti
assolutamente astratti. In altre parole gli esseri umani fin dalle origini
hanno visto nella configurazione delle stelle, la trasfigurazione della loro
quotidianità esaltando, fino ad elevarle al livello della divinità, le loro
azioni e le loro prede. Come dargli torto? Essi vivevano grazie a ciò che
cacciavano e cosa c’è di più sacro di quello che ci consente di vivere?

Alla luce di queste considerazioni l’ipotesi suggestiva di Sweatman et al.,


2017 non appare più tanto peregrina. E spiegherebbe un altro mistero
antropologico, ovvero l’idea che le comete siano foriere di sventura e che
preannuncino morte e distruzione: la distruzione e la morte provocata dalla
cometa che innescò l’evento del Dryas recente e che, forse, il popolo di
Göbekli Tepe raffigurò sul pilastro del suo osservatorio astronomico
preistorico.

Roberto

Attività Solare