Sei sulla pagina 1di 8

Anno 6 - Marzo 2009 - Periodico di informazione e cultura territoriale a cura dell’Associazione culturale Cara Garbatella - Distribuzione gratuita

La speculazione immobiliare Ottantanovesimo:


Buon compleanno
Garbatella!
investe anche la Garbatella
Intervista all' urbanista Paolo Berdini: "La città è come un'infezione in mano
ai trafficanti di suolo urbano". Il gioco perverso delle compensazioni
di Eraldo Saccinto
ella sua ultima fatica, intito- ro annullate sulla base delle leggi

N lata esattamente come ripor-


tato nel sommario del nostro
della tutela paesistica che prevalgo-
no sui piani urbanistici. Ebbene, ttantanovesimo complean-
articolo, l'urbanista Paolo Berdini,
scrive che dalle periferie l'aggressio-
ne sta lentamente ma inesorabilmen-
l'amministrazione comunale di cen-
trosinistra del Comune di Roma
decise, nel piano elaborato negli anni
O no. Il prossimo anno la
Garbatella festeggerà i 90.
Per ora facciamole gli auguri, auspi-
te investendo i centri storici, quelle '90, che esistono dei diritti edificato- cando che, di qui a un anno, le stra-
parti delle città in cui più elevata e ri inalienabili nei fatti che pertanto de del quartiere abbiano trovato una
preziosa è l'identità stessa dei luoghi. quando si vuole cambiare un piano sistemazione definitiva, che il merca-
I centri storici si orientano quindi a Continua a pag. 2 to coperto di Via Passino abbia com-
soddisfare la domanda che ne conse- pletato la sua quasi decennale ristrut-
gue. Ed è così che artigiani e residen- turazione, che gli inquilini delle Case
ti scompaiono, sostituiti da negozi e Popolari siano subentrati nella pro-
megastore che potremmo trovare in
Come sarà il prietà delle loro abitazioni, che siano
qualsiasi posto del mondo. Anche la Campidoglio due avviate a conclusione le opere per il
Garbatella, che di Roma è ormai trasferimento di Campidoglio 2, che
parte del centro storico, è col tempo Servizi a pag. 2 siano stati recuperati nuovi spazi per
divenuta un luogo di grande fascino il parcheggio delle auto, che il quar-
che trae la sua caratteristica dall'equi- tiere possa essere vissuto con più
librio tra i ceti sociali che vi abitano Come è nata la mia poesia? serenità. Per il 18 febbraio del 2010
e il tessuto urbano. Un equilibrio che Piano Regolatore, sul futuro della corso di ultimazione tra Piazza dei ci auguriamo anche che sia stata alfi-
Nicola Di Gennaro, poeta della
le scelte fatte dalle amministrazioni città ed il particolare del nostro quar- Navigatori e gli ex Mercati Generali. ne restaurata la pietra di fondazione
comunali che si sono susseguite tiere. Per non parlare di Campidoglio 2, per
Garbatella, così si racconta del quartiere, murata a Piazza
durante gli ultimi anni stanno cercan- Partiamo subito dai due casi più il quale non sono stati previsti prov- di Carolina Zincone Benedetto Brin, ricordando che da
do di demolire, nel tentativo di crea- gravi che sono quelli legati al tentati- vedimenti atti a garantire un traffico pag. 4-5 anni ne abbiamo segnalato il degra-
re un nuovo modo di intendere il con- vo di realizzare 180 mila metri cubi decente. Alla fine nel nostro do, che due lapicidi privati si erano
testo urbano. In tempi non sospetti, di cemento all'ex Fiera di Roma e Municipio verranno realizzati oltre inutilmente offerti di operare a titolo
Berdini scriveva attaccando a testa all'enorme quartiere residenziale due milioni di metri cubi di cemento. All’epoca dei fatti gratuito il restauro, che da tempo è
bassa la giunta di centrosinistra. sulle aree ferroviarie dell'Ostiense, a Scelte irresponsabili, legate al mec- Le imprese del leggendario stato approvato in Municipio un ordi-
Lo abbiamo incontrato alla Villetta Via Palos. C'è poi da considerare canismo delle compensazioni edifi- Alvaro Nuvoloni ne del giorno che impegna l'istituzio-
durante una assemblea in cui si anche il riutilizzo dell'area dì Tor catorie, che nacque in seguito alla ne perché si effettui l'intervento.
il pugile della Garbatella
discuteva di urbanistica e gli abbia- Marancia, le costruzioni lungo la via cancellazione delle previsioni edifi- Auspichiamo pure che le Case
mo chiesto qual è la sua idea sul di Grotta Perfetta e le edificazioni in catorie di Tor Marancia. Esse venne- di Claudio D'Aguanno Popolari, magari sollecitate dal
pag. 4 Municipio, provvedano a ripristinare,
in Piazza Bonomelli, il festone in
muratura che recava la scritta "La
Garbatella" sotto il volto di una fan-
ciulla, sgretolatosi qualche mese fa.
Infine, auspichiamo che tornino a
funzionare i due orologi delle torri
dell'Albergo rosso e dalla scuola
Battisti. Con questi auguri diciamo:
Buon compleanno, Garbatella.

1
Anno 6 - Marzo 2009

Campidoglio Due

Esposti i progetti del bando


per il Campidoglio Due
a cura di Eraldo Saccinto
Tra i dodici presentati, la commissione giudicatrice ha dichiarato vincitore quello dello Studio Altieri spa
Architects responsabile per la proget-
tazione architettonica e costituito da:
Studio Altieri spa, capogruppo,
Mario Cucinella Architects srl, man-
dataria, TiFS Ingegneria Srl, manda-
taria, SVEI spa, mandataria, Land
srl, mandataria, Studio Foa, mandata-
ria, Ing. Franco Mola, mandataria,
Centostazioni spa, mandataria, Ing.
Alessandra Focaracci, mandataria,
Dott. Mara Memo.
Successivamente si provvederà al
versamento sia del premio per il vin-
citore del concorso, sia dei rimborsi
spese per i concorrenti non vincitori
che abbiano ottenuto un punteggio
tecnico di almeno 40 punti, come
resso la Casa dell'Architettura, tore si è potuto ammirare all'Acqua- Ostiense, approvato nell'ambito Lorusso, presidente, Arch. M. Lucia specificato nel bando di gara. Il pro-

P Piazza Manfredo Fanti 47,


l'Assessorato alle Politiche del
Patrimonio e il Dipartimento III
rio Romano, insieme agli altri undici
approdati dopo la prima fase alla pre-
qualificazione. Nel seguito ecco l'or-
dell'Accordo di Programma per
Roma Capitale (Legge 396/90 -
Riqualificazione e valorizzazione
Conti, Arch. Daniel Modigliani, Prof.
Eugenio La Rocca e Arch. Luciano
Lazzari) ha dichiarato vincitore fina-
getto preliminare vincitore, a seguito
di valutazione da parte di apposita
Conferenza dei Servizi, sarà sottopo-
Politiche del Patrimonio hanno espo- dine dei progetti presentati secondo il delle Stazioni Ferroviarie). Tale area, le il gruppo di progettazione coordi- sto ad approvazione della Giunta
sto tra il 2 ed i 7 febbraio i dodici punteggio ottenuto: 1) Studio Altieri; di proprietà delle Ferrovie dello Stato nato dallo Studio Altieri spa con comunale per la successiva attuazio-
progetti del Concorso Internazionale 2) Politecnica Ingegneria e e acquistata dal Comune di Roma, è sede in Via Colleoni 52 , Thiene ne, ivi incluse le modalità di realizza-
di Progettazione denominato "La Architettura; 3) Gregotti Associati stata destinata ad attività direzionali, (VC) - con lo Studio Mario Cucinella zione dell'opera.„
Casa dei Cittadini - International spa; 4) J. M. Wilmotte terziarie e commerciali. Il Piano pre-
CampidoglioDue". & Associes Sa..; 5) Alfonso Femia; vede anche l'utilizzo del complesso
Il concorso, bandito dal Comune di
Roma nel 2007, richiedeva la reda-
6) Proger spa; 7) Skidmore, Owings
& Merrill llp.; 8) Francis Soler; 9)
dell'ex Manifattura Tabacchi, di pro-
prietà del Demanio dello Stato, che,
Sono ancora occupate
zione di un progetto preliminare per
la realizzazione della nuova sede
Steven Holl Architects; 10) Capita
Percy; 11) Thomas; Buro Happold
pur non essendo incluso nel perime-
tro del Piano di Assetto Urbano le aree per Campidoglio 2
degli uffici centrali dell'Amministra- ltd.; 12) Mecanoo Architecten bv. Ostiense, risponde ai principi più
zione nella zona della Stazione Col programma generale generali del Progetto Urbano a cura di Fulvio De Pascale
Ostiense. Della mostra è stato pubbli- "Campidoglio Due: la Casa dei Ostiense- Marconi - approvato dal
cato un catalogo che, oltre ad illustra- Cittadini", il Comune ha inteso razio- Consiglio Comunale nel dicembre ualche giorno fa si è svolta una mostra di architettura sul progetto
re i dodici progetti, contiene le infor-
mazioni di carattere generale relative
all'intervento.
nalizzare, mediante l'accorpamento
dei propri uffici, l'organizzazione
complessiva delle sedi dipartimenta-
1999.
Il concorso internazionale è stato
articolato in unica fase concorsuale
Q Campidoglio 2, la Città dei Cittadini, un insieme di costruzioni.
Alcune, quali l'ex Manifattura Tabacchi ed il palazzo ex ETI, sono in
fase di ristrutturazione; altre, devono essere costruite ex novo nella zona del
Nella mostra sono state esposte le li, raggiungendo così gli obiettivi preceduta da prequalificazione in Terminal Ostiense. Una commissione tecnica comunale lo scorso anno ha esa-
48 tavole di sintesi dei dodici proget- della concentrazione degli uffici in forma palese, con la selezione dei minato i vari progetti presentati in base ad un concorso internazionale ed è risul-
ti preliminari e proiettate le videoani- un unico ambito, la realizzazione di partecipanti tra tutti i soggetti in pos- tato primo classificato il raggruppamento denominato R.T.I. Studio Altieri SpA
mazioni e gli elaborati grafici presen- nuovi uffici comunali progettati con sesso dei requisiti di qualificazione + Altri.
tati dai gruppi di progettazione. metodi moderni e la valorizzazione previsti dal bando ed una unica fase Tutti hanno la possibilità di constatare che le aree utilizzate come parcheg-
Come sarà il "Secondo Campido- del Campidoglio con lo spostamento concorsuale in forma anonima, con la gio, il cui sgombero era previsto ai primi del 2009 per dare inizio ai lavori,
glio" all' Ostiense? La nuova sede degli attuali. L'area individuata per redazione dei progetti preliminari sono ancora occupate.
comunale nasce - tra l'altro - per libe- l'insediamento degli uffici è quella di riservata ad un numero massimo di Nel frattempo il Terminal Ostiense sembra sia stato già venduto ad una socie-
rare il colle capitolino dagli uffici e Piazza Giovanni da Verrazzano 16 candidati selezionati nella prequa- tà privata da parte delle Ferrovie dello Stato ed analoga sorte toccherà all'edifi-
farne il primo assieme monumentale /Ostiense, area compresa nel Piano di lificazione. La Commissione giudi-
di Roma. Il progetto del bando vinci- Assetto Urbano della Stazione catrice (formata da: Avv. Enrico

Intervista a Paolo Berdini tuisce gli accordi di programma pre- do i gruppi più potenti dell'economia
Da pag. 1 vedeva espressamente che riguardas- del mattone: Acqua Marcia, che sta
sero progetti pubblici promossi da intervenendo a Piazza dei Navigatori
urbanistico, come Tor Marancia, istituzioni pubbliche. In quel caso la e a Via Giustiniano Imperatore; il
allora corre l'obbligo di compensare legge prevede che l'approvazione del gruppo Toti-Lamaro, all'ex Mercato
in qualche modo i proprietari dei ter- progetto diventi anche una variazione generale dell'Ostiense; le Ferrovie
reni. In barba alla legislazione urba- automatica al piano regolatore. dello Stato, alla Circonvallazione
nistica italiana che non prevede l'esi- Insomma un aiuto alle amministra- Ostiense. I valori immobiliari sono
stenza di "diritti edificatori" perché zioni pubbliche. Roma ha applicato saliti alle stelle, con gravi conseguen-
essa avviene solo tra privati. Così per questa scorciatoia istituzionale anche ze sulla parte più povera della popo-
compensare una previsione edificato- per i progetti privati e in questi ultimi lazione che ha dovuto trasferirsi
ria prevista in un altro luogo, il pro- anni ne ha approvati circa un centi- verso la lontana periferia. Le nuove Consueto degrado all’Airterminal Ostiense.
prietario del nuovo terreno pretende- naio. La differenza fondamentale con previsioni edificatorie avverranno
rà di essere pagato in metri cubi e le gli strumenti urbanistici è che in que- senza che venga realizzata alcuna cio che ospita il negozio di Rocco Balocco.
volumetrie del piano regolatore sto caso la decisione appartiene ai opera per migliorare la mobilità pub- A dicembre è anche caduta, per fortuna senza gravi conseguenze, una della
aumentano vertiginosamente, così Consigli comunali dove esiste il con- blica, in particolare non inquinante. enormi torri-faro che illuminavano il piazzale che il Comune di Roma ha acqui-
come è avvenuto per quello del trollo istituzionale e la partecipazio- E' del tutto evidente che si apre uno sito sempre dalle Ferrovie.
Comune di Roma. Nel caso di Tor ne. L'accordo di programma viene scenario di grande preoccupazione C'è quindi una stridente contraddizione tra il mega-progetto e l'attenzione e
Marancia invece del milione e otto- invece approvato dalla Giunta comu- per la vivibilità dei nostri quartieri e la cura che il Comune riserva attualmente al Piazzale 12 ottobre 1492; è assur-
centornila metri cubi di cemento pre- nale e soltanto "ratificato" dai non è difficile prevedere un gigante- do che continui l'attuale degrado sociale e materiale in cui versa la vasta area
visti ne sono stati compensati oltre 5 Consigli comunali. Sì salta insomma sco peggioramento della mobilità e pensando che a progetto finito sarà uno dei punti più sorvegliati e puliti della
milioni! un passaggio democratico e parteci- della vivibilità, mentre aumentano le città. Oltre alla grave carenza di illuminazione di gran parte del piazzale, spe-
La compensazione è il più grande pativo. funzioni e il verde cittadino non si cie verso la Garbatella, dove inspiegabilmente vengono tenuti spenti i lampio-
regalo che sia stato mai fatto alla spe- Il nostro Municipio, comprendente accresce di un metro quadrato. Oggi ni, ha raggiunto livelli preoccupanti lo stazionamento e l'ormai periodico sgom-
culazione immobiliare: è stato lo quartieri storici molto belli, è diven- bisogna saper dire tutti insieme, con- bero di profughi e senza fissa dimora. In certe giornate si ha l'idea di essere di
strumento che ha permesso il sacco tato uno dei luoghi più ambiti per gli cretamente: basta con la speculazione fronte ad un Centro di Permanenza Temporaneo i cui ospiti invece di diminui-
urbanistico in atto. La legge che isti- investimenti immobiliari, richiaman- immobiliare.„ re vanno ad aumentare ogni giorno.„

2
Anno 6 - Marzo 2009

Iniziativa del Municipio dedicata agli alunni fra i tre e i dodici anni 'La terrazza
Inaugurato un centro per l'infanzia sulla Garbatella'
festeggiata al
contro le difficoltà della comunicazione Palladium
La presentazione del
Si chiama "IntegrAr..te" ed è in funzione presso la media C.A.Dalla Chiesa in zona Via di Grotta Perfetta libro di Adelio Canali in
di Francesca Vitalini zialità inespresse. Allo stesso tempo i un teatro affollatissimo
genitori potranno confrontarsi e met-
di Lorena Guidaldi
stato inaugurato il 16 gennaio tersi in relazione in un percorso di

È scorso presso la Scuola


media "C. A. Dalla Chiesa",
in Via Tazio Nuvolari 250 (zona Via
condivisione delle difficoltà e delle
problematiche che incontrano nella
crescita dei loro figli. La struttura
Serata piacevole mercoledì 21 gen-
naio al Palladium. In un teatro affol-
lato si è svolta la presentazione del
di Grotta Perfetta), il Centro rappresenta, inoltre, uno spazio di libro "La terrazza sulla Garbatella"
Laboratori Integrati "IntegrAr..te". formazione e documentazione per le scritto da Adelio Canali. Erano pre-
La struttura nasce con l'impegno del- scuole del territorio e per i docenti, senti: il giornalista Paolo Franchi, il
l'assessorato alle Politiche Sociali e in particolare per l'area relativa allo professor Giacomo Marramao, il ret-
dei Servizi Psicopedagogico e sviluppo evolutivo dell'infanzia e tore dell'università Roma Tre,
Sociale del Municipio XI, in collabo- dell'adolescenza.„ Fabiani, e il senatore Giulio
razione con l'associazione culturale Andreotti.
"La Bottega Fantastica", per dare Per informazioni: Paolo Franchi ha introdotto il dibatti-
una risposta costruttiva alle esigenze Centro Laboratorio to sottolineando la facilità con cui
del bambino, della famiglia e della per i bambini IntegrAr...te Canali intreccia la grande storia con
scuola. "L'obiettivo - ha dichiarato Un momento dell’inaugurazione del centro “InterAr...te”. Scuola Media "Carlo Alberto Dalla la vita quotidiana, alternando dram-
Andrea Beccari, assessore alla Chiesa", via Tazio Nuvolari 250 - mi quali il massacro delle Fosse
Politiche sociali del Municipio che il Municipio sta impiantando sul Fondo Nazionale Politiche Sociali e Roma Ardeatine ai semplici giochi di stra-
Roma XI - è quello di garantire ai suo territorio - ha sostenuto Andrea sarà sovvenzionato per il suo primo orari: lunedì, mercoledì e venerdì ore da di bambini che non avevano nien-
bambini, alle famiglie e agli inse- Catarci, presidente del Municipio - anno di vita con 70mila euro circa. 16.30\18.30 te.
gnanti del territorio un punto di rife- pur in una complessa situazione poli- Offrirà gratuitamente agli alunni fra orari di segreteria: martedì e giovedì E' poi intervenuto il professor
rimento stabile e concreto contro le tica che vede molto spesso l'opposi- i tre e i dodici anni, che frequentano ore 9.00\12.00 Marramao il quale ha sottolineato la
difficoltà della comunicazione, uno zione da parte dell'amministrazione le scuole dell'XI Municipio, con par- grande passione con cui è stato scrit-
spazio di confronto sulle tematiche comunale ai progetti concreti che ticolare attenzione a quelli con disa- Servizio Psicopedagogico to questo libro, nonché il piacevole
pedagogiche ed educative". "Il stiamo realizzando". IntegrAr..te bilità, spazi, attività e laboratori che Roma Municipio XI impatto visivo delle numerose foto
Centro fa parte di una rete di servizi rientra nei progetti finanziati dal favoriscano l'emergere delle poten- 06.51603748 - fax 06.51600056 d'epoca tra una pagina e l'altra.

A Via Guglielmotti la colonia felina della signora Tina


di David Perlmutter mi descrive il carattere e in alcuni ti, ma spesso mancano le
casi la storia, alcuni si avvicinano ad risorse. La signora Tina
uono al campanello di casa annusarmi, altri più diffidenti si mi spiega che cosa occor-

S della signora Tina (Concettina


Labricciosa) e del marito
Silvio Fornasari De Silvi, ad acco-
nascondono e poi, incuriositi, fanno
nuovamente capolino. Si vede imme-
diatamente che sono curati e ben
rerebbe per rendere più
accogliente e sicura la
colonia: due casette di
gliermi oltre ai padroni umani di nutriti, nei rifugi non manca nemme- maggiori dimensioni
casa, due irrequieti cani, due trovatel- no il riscaldamento. Mi mostra il rispetto a quelle presenti
li, improbabili ma amabili guardie foglio delle vaccinazioni, le iniziative per agevolare non solo e
della colonia felina di Via di sensibilizzazione intraprese, le non tanto gli ospiti, quan-
Guglielmotti che mi accingo a visita- firme delle molte persone che hanno to le operazioni di soccor-
re. Il luogo si presta perfettamente ad manifestato la loro solidarietà alla so e cura; estendere il
ospitare questa famiglia allargata. Le colonia in occasione della costruzio- recinto all'intero perime-
strutture che ospitano i felini sono ne di un parcheggio adiacente, le pro- tro dell'area messa a La parola è poi passata al rettore
delle piccole casette-rifugio nel giar- messe in parte disattese della politica disposizione della colo- Fabiani. il quale ha posto l'accento
dino, un po' scomode per le persone, locale. nia, una parte infatti, sulla semplicità del racconto, con
ma estremamente accoglienti per gli Le colonie feline sono gestite gra- priva di recinzione, rima- ricordi personali che, visti all'interno
ospiti a cui non viene fatto mancare zie al lavoro volontario e spesso alle ne inutilizzata per paura che gli ani- Ciolina è una bellissima gatta delle tragedie del nostro tempo, sol-
nulla, cibo secco e umido, acqua, risorse economiche di chi se ne occu- mali possano finire in mezzo alla della Garbatella di cinque anni, ste- lecitano comunque delle riflessioni.
sabbietta per i bisogni e cucce. pa e ci vuole davvero passione e un strada; infine un aiuto economico per rilizzata e in buona salute, che cerca Ricorda in proposito la venuta di
La signora Tina mi presenta i suoi grande amore per gli esseri viventi le cure e l'alimentazione. La signora una casa affettuosa nella quale abi- Gandhi nel quartiere, il rastrellamen-
piccoli amici, me li nomina uno per per intraprendere iniziative di questo Tina insieme al marito svolge un tare. E' una micina dolce che, non to delle Fosse Ardeatine e poi i gio-
uno: Toni, Pallina, Gegia, Jenna, genere. Gli ospiti delle colonie feline compito davvero oneroso, ma anche andando d'accordo con gli altri chi di strada, lo sport, le amicizie, in
Gerri, Yuri, Topo, Bianchino, Zorro, spesso sono gatti abbandonati, ani- utile per il quartiere. Oltre alla solida- gatti, vorrebbe un padrone tutto per un tutt'uno completamente legato dal
Romana, Felix, Susi, Ernesto, Sissi, mali bisognosi di un riparo e di atten- rietà individuale, auspica che anche il sé. Per informazioni, rivolgersi al quotidiano di un bambino come
Nana, Luna, Eros, Tommi, Chicco, zioni. Esistono delle leggi che tutela- Municipio intervenisse per aiutare e Sig. Vincenzo 3491946648 o contat- tanti.
Osso. In tutto sono venti e di ognuno no gli animali i quali godono di dirit- sostenere l'iniziativa.„ tare la redazione E' stata poi la volta del senatore
Andreotti, amico di vecchia data di
Adelio Canali, il quale ha rimarcato
la differenza di questo libro rispetto
ai tanti che escono su Roma: chi lo
legge prova grandi sensazioni, i vec-
chi rivivono, i giovani imparano la
storia della nostra città oltre che della
Garbatella e si è augurato, oltre che il
successo per questo lavoro, di conti-
nuare a vedere cose belle e interes-
santi da quella "terrazza".
L'autore ha poi preso la parola e ha
parlato dei suoi tanti ricordi, piace-
voli e dolorosi, legati alle tragedie
ma anche alla semplicità del tempo e
forse è proprio per non dimenticare
tutto questo che è nata l'esigenza di
scrivere questo libro, dedicato nel
titolo a un quartiere ma adatto, per i
contenuti, a qualsiasi posto.
Successivamente, il 19 febbraio, alla
libreria Rinascita di Via Prospero
Alpino, c'è stata una nuova presenta-
zione del libro, a cura di Cosmo
Barbato e di Gianni Rivolta

3
Anno 6 - Marzo 2009

La musa della mia poesia?


Si chiama Garbatella
Un tavolino, due sedie e due tazzine al bar, per raccogliere i ricordi Nicola Di Gennaro, poeta
romanesco ma non troppo, ex facchino ai Mercati. Anche a Cara Garbatella ha dedicato versi
di Carolina Zincone te voi!". Però, "come diceva il grande Sandro (Pertini), la libertà I ricordi ormai sono
ome ci riconosciamo?". "Io ho una giacca rossa". tua finisce dove comincia la mia". In altre parole, "se m'acciacchi tanti. Ci sono quelli

"C "Io una nera". L'appuntamento è al Bar Biffi "ma


non stiamocene qui co' sti cazzari degli amici mia",
mi dice subito Nicola. Così ci spostiamo da Renata al Bar
un piede dico ahio".
Col passare del tempo, ammette Nicola, "me so' erudito mejo".
Dopo essere andato in pensione ha potuto dedicare più tempo alla
della "fatidica notte del
bombardamento di San
Lorenzo, nel luglio del
dell'Angolo. La Roma ha appena battuto il Bordeaux e siamo tutti poesia, a questa passione che tutte le altre esalta: quella per Roma '43". Nicola viveva lì,
e due di ottimo umore. Peccato che il mio registratore faccia le e per la Roma, per le donne, la moglie, le amiche vere, "che hai la sua famiglia fu
bizze. "Mejo, così ci rivediamo e quando ci rivediamo magari ti voja a di' che so' impossibili", e i veri amici, compresi quelli a costretta a trasferirsi e
porto pure una poesia su questo nostro incontro". Sì, perché quattro zampe come "Erik, er cane mio" (del quale sta scrivendo finì per stabilirsi alla
Nicola Di Gennaro, nato nel 1936, è un poeta, romanesco ma non una "autobiografia"), o "Felix, adorabile gattaccio". E' a loro che Garbatella. C'è il ricor-
troppo; ed è per parlare delle sue poesie, che sa tutte a memoria e Nicola dedica molti dei suoi pensieri in rima. Le note che lo com- do della morte del
recita volentieri, che ci incontriamo. Svelto a ispirarsi e fedele alla muovono sono quelle sulla fine della vita, che sente arrivare in padre, di lì a poco. Al
promessa, nelle rime con cui arriva il giorno dopo descrive , "Volto di nonno", e sull'amore che teme perduto, in "Le scuse": lotto 28 di Via Massaia,
"all'interno del bar/ un tavolino, due sedie, e due tazzine", il per- con la mamma, 4 fra-
ché di tutte quelle mie insistenti "domandine": "voleva saper della Er sole co' la scusa telli, 3 sorelle, gli zii e i
mia passione innata/di come era nata la mia poesia/dove attinge- De riscallà la terra cugini erano in troppi
vo l'ispirazione, la fantasia". Leggo la firma di Nik. Dig. ed osser- S'accenne la mattina per due stanze. Così, lui e il fratellino piccolo vengono mandati
vo quanti sono i nomignoli che Nicola si dà a seconda della poe- Pe' illuminatte a te. in collegio al Don Orione di Via Induno e poi alla Camilluccia,
sia e del momento in cui l'ha composta. Le stelle co' la scusa dove studiano fino al '52. "Non ci sono rimasto troppo male", rac-
Sono anni che scrive, da quando lavorava come fattorino ai De illumina' la notte conta, ma detta così la frase fa pensare che un po' male c'è rima-
Mercati generali e regalava stornelli alle ragazze dei negozietti S'accenneno la sera sto, Nicola, a lasciare i suoi e la Garbatella.
sull'Ostiense. Al mercato lo chiamavano Nik Sciabola, autore Pe' fa' contorno a te. Uniti da un unico destino, i fratelli Di Gennaro restano insieme
delle prime rime. Dai tempi del mercato Nik ne avrà prodotte Er vento co' la scusa anche a bottega dal pittore di Via Aldo Manuzio a Testaccio, e per
almeno 200, tutte belle, tutte diverse. Quella sul Natale, con cui si D'accarezza' la rosa fatalità il primo lavoro di Nicola è quello di dipingere le persiane
presenta quasi fosse un biglietto da visita, è tra le prime che ha S'arubba er su' profumo di Via Persico, sotto casa alla Garbatella. Passa poi per una pompa
scritto. Tanto per capire il personaggio, si conclude con un "vole- Pe' arigalallo a te. di benzina e infine lavora come fabbro meccanico prima di appro-
mose bene e così sia". L'indole è quella di un uomo che vuole star E a te che stai confusa dare, nel '55, ai mercati di Via Ostiense, dove rimane fino al 2002
tranquillo, godersi le cose belle della vita senza imporsi o impor- Tra tutti sti preziosi beni - anche se dice '92 "perché nun so' bono a di' 2000". 35 anni sotto
re nulla a nessuno. Quando faceva il militare voleva essere un sol- Quello der core mio padrone ad una ditta di frutta e verdura e poi, nel '91, la licenza di
dato semplice e anche adesso dice al resto del mondo: "comanda- Non t'interessa più. facchino patentato, per scaricare i camion "colla macchinetta per

All'epoca dei fatti / Er Chivecchia sui ring di tutta Europa


suo colpo secco portato col sinistro,
di Claudio D'Aguanno

abato 20 dicembre nella ex


Un Memorial rinnova una schicchera che ti lasciava senza
fiato. Con la sua boxe d'attacco c'è
diventato campione italiano battendo

S Fiera di Roma è andato in


scena il terzo Memorial dedi-
cato a Alvaro Nuvolosi. Organizzato le glorie di Alvaro Nuvoloni
Amleto Falcinelli a Verona".
Tra l'aprile del '50 e il settembre
del '54 il suo periodo migliore. Un
dalla Boxe Roma XI, diretta da Italo po' ovunque, da Johannesburg a
Mattioli e Gigi Ascani, il Memorial Nel dopoguerra fu uno dei migliori pugili usciti dalla scuola garbatellara Barcellona, dal Palais des Sports di
ha rinnovato sul ring un appunta- Parigi alla King's Hall di
mento ormai classico dedicato ad Boxe Ring portava la firma di Nato nella shangai di Manchester, saranno decine i teatri
uno dei migliori pugili della scuola Giuseppe Ballarati :"Chissà cosa Tor Marancia, emigrato con le dodici corde che vedranno
sarebbe stata poi al lotto 41 di piazza Alvaro come protagonista. "Allora -
la mia carrie- Biffi, Alvaro Nuvoloni riprende Catini - in trasferta erano
ra nel mondo mosse infatti i primi passi pochi quelli che s'avventuravano.
della boxe - da pugile proprio Per strappare un pari dovevi metterlo
sottolineava all'Indomita di Via kappao all'avversario. Eppure er
l'inventore Merulana diretta da Chivecchia andò a fare, da pari a
della Bibbia Ballarati. Sin dal suo esor- pari, con Vic Towel, campione del
del Pugilato dio trovò modo di farsi mondo, e poi con Luis Perez Romero
- se non rispettare. Manco dieci a casa sua a Barcellona".
avessi incon- presenze sui cartelloni Secco e entusiasta il resoconto di
trato sulla dilettanti e già per lui s'a- Enrico Venturi, inviato dell'Unità:
mia strada privano le porte del pro- "Nuvoloni si è battuto con cipiglio,
A l v a r o fessionismo. Pugile acerbo ha profuso nella battaglia tutto il suo
Nuvoloni". ma di gran fegato non impegno… Egli ha sorpreso con la
La dichiara- rifiutava le sfide anche se sua aggressività il campione Romero
zione faceva queste venivano da pic- che offeso nella sua arma migliore
parte di un chiatori esperti col record (l'attacco) non ha più saputo che
tributo dovu- gonfio di vittorie. Gallo pesci pigliare. Indovinata è stata la
to, ma egual- naturale con caratteristi- tattica del nostro campione, dote
mente molto che da fighter sapeva sem- messa in luce contro i vari Mousse,
a ff e t t u o s o , pre guadagnarsi il tifo dei Bobby Boland così come dicasi con-
da parte del più sfegatati. "A quei tro il campione del mondo Vic
maestro che tempi - ricorda sempre Towel… Un diluvio di applausi ha
lo aveva sco- Giuliano Catini ex inse- salutato alla fine i due cavallereschi
perto ai gnante della Noble Art - avversari. Fragorosi a Romero vinci-
Mercati tutta la pipinara degli tore. Fragorosissimi al piccolo tanito
Generali nel Alberghi faceva capo a Nuvoloni per aver saputo affrontare
Nuvoloni in un incontro con un pugile di colore. A fianco, alcuni titoli corso di una Renato er Gobbo, a Nino senza impaccio dinanzi il suo pubbli-
del giornale L'Unità sull'attività di Alvaro: il secondo e il terzo si riferi- di quelle sca- er Carnera, uno tozzo e di co Luis Romero campione
scono all'incontro a Barcellona col campione d'Europa Luis Romero del r a c o c c i a t e tutto rispetto, e soprattutto d'Europa…". La consacrazione uffi-
2 giugno 1951.
classiche tra a Mario detto Gatto. Ma, a ciale avverrà comunque dopo qual-
lui, pischello parte er Gatto, l'idolo vero che mese e da Washington sarà la
garbatellara dell'immediato dopo- ruzzicoso cresciuto agli Alberghi, e per tutti noi era Alvaro National Boxing Association a pro-
guerra. In ricordo di Alvaro, febbraio due tre facchini che quel giorno ave- soprannominato er clamare il pugile della Garbatella tra
di diversi anni fa, l'estremo saluto su vano sbagliato avversario. Chivecchia per via di quel i primi dieci della categoria.„

4
Anno 6 - Marzo 2009

Nicola Di Gennaro, in una foto scattata ai Mercati Generali. A fianco, il suo attuale “regno”: Piazza Biffi

sta...Certo, non ci sono più le botte dei bulli di un te per i romani come Alberto Sordi, Di Gennaro è pronto a dar
tempo". E racconta, "'na cosa n'antra", di quella voce a un sentimento collettivo, scrivendo una poesia di rimprove-
il trasporto merci". Talmente si affeziona alla gente e al mercato volta che a uno "je prese d'aceto" e gli buttò le carte da gioco in ro alla "cara comare" che si conclude immaginando un "celeste
che quando arriva il momento di andare in pensione Nicola non ci faccia. Adesso è diverso, da un lato ci sono miglioramenti, dall'al- siparietto" in cui Sordi fa divertire gli abitanti del cielo. Per lui,
riesce a lasciare tutto. Si presenta l'opportunità di rimanere ai mer- tro "te devi guarda' alle spalle". C'è troppo egoismo. Prendi la que- "donatore e portatore del sorriso/c'è un solo posto, il Paradiso".
cati come custode dei bagni pubblici e non se la fa sfuggire. E'così stione degli extracomunitari. "Non eravamo pure noi extracomuni- Una data "storica" viene commemorata insieme a quelle che la sto-
che, "stando lì senza far niente", Nik Sciabola trova il tempo e l'i- tari quando smucinavamo nella monnezza?". ria la faranno. "La politica", dice Nicola, "non mi interessa", ma il
spirazione per comporre poesie. Poesie che dedica, immancabil- Il bilancio è chiaro in "Che nostalgia, ricordi di Garbatella": 25 aprile si rispetta: "è successo, fijo mio/ (e dovemo ringrazià er
mente, alle cassiere che diletta nelle vicinanze. buon Dio)/che quer giorno/è stato sconfitto l'oppressore/è stato
Anche adesso che non lavora più, le poesie gli vengono in mente Ricordi, ricordi, quanti ricordi scacciato l'invasore". Si celebra la Liberazione e si celebra lo scu-
soprattutto di notte. Ma non gli va d'alzarsi a scriverle. "Er pigro" Ricordi di te, cara Garbatella detto della Roma: "E' un urlo pieno d'ardore/che dona un immen-
protagonista della bella poesia firmata Nik. Dig., è proprio lui - Ricordi della mia gioventù più bella. so calore/che ti fa sprofondare in coma/è un urlo
"perché io me guardo allo specchio e l'autoironia me se magna!". Ricordi di quando ancor bambino sovrumano:/Forza Roma!". Se poi l'"evento" ha luogo a
Però non gli sfugge niente di quel che succede nel quartiere e fuori, Seduto sul muretto, di un giardino Garbatella, tutto diventa più bello, ed è impossibile resistere alla
e quel che succede di importante trova posto in una sua poesia, Ascoltavo pazientemente i discorsi tentazione di cantarlo in rime. Ecco "La maratona a Garbatella":
andando ad arricchire un repertorio già ricco di affetti e ricordi Di tanta anziana gente. "E' passata la maratona a Garbatella/e non ho potuto far a meno di
indelebili. "Apro il rubinetto e le parole mi scorrono. Se a volte mi Ricordi delle tue accidentate strade/delle tue chiassose piazze. ammirarla./Era sì semplice, ma tanto bella/attraverso viali, piazze
blocco e non scrivo per un po' di tempo è perché non vedo la luce". Di quelle sfide pazze e giardini/correvano tanti, piccoli e grandi campioncini/correvano
Quella di una pubblicazione che racchiuda tutte le sue poesie. Fatte di battaglie, con lanci di sassi. giovani, anziani, bambini/e da infiltrati anche tanti cagnolini".
A "Roma mia, che ossessione", dedicata alla sua città di sempre, Di quelle partite di pallone Non sorprende, allora, che Nicola Di Gennaro si sia affezionato a
alla "piccola fontanella/meraviglioso angolo di Garbatella", alla Dove tutti ci sentivamo tanti assi. questo giornale, che vive e fa vivere il quartiere, e gli abbia dedi-
"romantica scalinata/dove salivo felice con l'innamorata", si Ricordi di quelle tiepide serate/coronate da splendide serenate. cato la poesia "Cara Garbatella, quel giornalino tanto caro":
aggiungono di volta in volta rime dedicate a "eventi" o "ricorren- Che dolci e piacevoli canzoni
ze" di rilievo. Volavano su in alto, verso i piccoli balconi
I "vecchi mercati", ad esempio, vengono cantati prima come Dove nascosto dietro una tendina Era ora, finalmente,
memoria del passato - "Vedendo questa struttura Palpitava, pazzamente innamorato Che a qualcuno gli venisse in mente.
abbandonata/quanti ricordi riaffiorano alla mente./Ricordi di una Il cuore di una piccola ragazzina. Di creare un giornale di quartiere,
vita, allegra e spensierata/ma lavorando, lavorando duramente" - e Ora il progresso ti ha cambiata Pieno delle sue e nostre storie,
poi con una poesia che ne celebra il futuro. E' vero, ti ha fatta più bella Storie un pò tristi,
Passato, presente e futuro convivono in molte delle poesie di Ma da povero romantico, nostalgico Colorate, vere.
Nicola, legato ai ricordi della giovinezza, agli "orticelli de guera", Ricorderò per sempre In queste storie, tutti ci rivediamo,
ma pronto a vedere quel che di buono c'è oggi. Allora gli chiedo, Quella cara vecchia Garbatella. Di come era, di come eravamo;
"quali sono i luoghi a te più cari?". "Piazza Biffi, la fontana di Storie che ai nostri figli tramandiamo.
Carlotta, Piazza S. Eurosia, è lì che mi incontri, al centro anziani Così, quando inaugurano la nuova Piazza Biffi nel 2004, Nicola Storie ormai passate, ma non dimenticate,
non ci vado", mi dice, "non mi ci vedo!". Si vede dove si è sempre scrive "E' nata una regina" e rammenta come, da bambino, sognas- Progetti di un futuro sempre migliore,
visto, anche se le cose sono cambiate: "una volta sposato la vita se "di vederla un giorno/distinguersi, da tutte le altre". Ma due anni Sempre più bello, più sicuro.
cambia, abbiamo smesso di starcene sul muretto a far birichinate dopo non può fare a meno di rammaricarsi per le sorti deludenti di Oggi sfogliando avidamente
fino a quando non venivano le guardie richiamate dai nostri schia- "Quel ponticello", che doveva essere "il fiore all'occhiello/ della Questo (piccolo) grande giornalino
mazzi". rinnovata piazza./Oggetto di attrazione/per la gente di questo Quante cose mi tornano in mente.
"E cos'altro è cambiato qui a Garbatella negli ultimi anni? Tu rione/e per tanti visitatori, di ogni razza", ed è di fatto "accantona- Mi portano indietro, risentir bambino.
che osservi e scrivi, che sei sensibile e racconti, dimmi un po', da to" e tanto "tristemente sgretolato". Accanto a tanti amici, che non ci sono più.
cosa sei stato colpito?". Mi dice: "La mentalità d'allora è rima- Anche quando viene a mancare una figura di rifemento importan- Pazienza, Cara Garbatella, adesso ci sei tu.

Cara Garbatella
Periodico di Informazione e Cultura Territoriale a cura
dell’Associazione culturale Cara Garbatella
Iscritto al tribunale di Roma n° 137 del 8 aprile 2004 anno 5 n° 19
via Francesco Passino 26 tel.06/5136557

caragarbatella@fastwebnet.it
www.caragarbatella.org
Direttore responsabile Direttore editoriale
Alessandro Bongarzone Giancarlo Proietti
Coordinatrice Francesca Vitalini
Redazione Ottavio Ono - Marcello Delogu - Antonella Di Grazia
Eraldo Saccinto - Tatiana Della Carità - Lorena Guidaldi

Distribuzione curata da Guido Barbato


Grafica e foto Giancarlo Proietti - Massimo De Carolis
Coordinatore informatico Remo Terenzi
Collaboratore organizzativo Tiziana Petrini
Collaboratori Cosmo Barbato - Antonio Angelucci - Gianni Rivolta

Stampato presso la Tipografia: “Gielle Grafica” Via Anton da Noli 42-44 00154 Roma

5
Anno 6 - Marzo 2009

Emozione nel quartiere per la morte di Mario Cecilia


Fu tra i principali animatori della Villetta. Straordinario diffusore dell'Unità, ne divenne ispettore alle vendite.
Il suo contributo alle lotte sociali della Garbatella
di Cosmo Barbato
dal governo De Gasperi, ministro zione notizie e fatti che avessero
l 13 dicembre scorso - mentre il della Difesa Randolfo Pacciardi, in rilievo giornalistico. Nella sua opera

I precedente numero di Cara


Garbatella era in stampa - è
morto all'età di 85 anni, nella sua
ottemperanza alle direttive del Patto
Atlantico.
Mario, già noto come i suoi fratel-
poneva entusiasmo e passione, a
dimostrazione che i giornali popolari
non li fanno solo i giornalisti. Scevro
casa alla Circonvallazione Ostiense, li per la sua attività politica (il fratel- da settarismo, guardò con interesse i
Mario Cecilia, personalità ben nota lo Renzo è stato segretario della movimenti del '68 e non mancò di
alla Garbatella per le sue trascorse Sezione Garbatella del Pci) e come dedicare consigli frutto della sua
lotte sociali. La sua scomparsa ha straordinario diffusore dell'Unità, fu esperienza anche alla distribuzione
suscitato emozione nel quartiere e assunto presso il quotidiano fondato del Manifesto.
rimpianto tra quanti ebbero occasio- da Antonio Gramsci come ispettore Difensore delle memorie del Pci,
ne di frequentarlo e di apprezzarne le interregionale della diffusione. In un visse con particolare sofferenza le
doti di squisita umanità. certo senso continuava idealmente lacerazioni che si verificarono in quel
La sua numerosa famiglia di origi- l'opera di uno zio, convivente nelle partito, convinto tuttavia che occor-
ne, otto persone, era arrivata da noi due stanze del Lotto 44, Pietro resse approdare a una sua innovazio-
negli anni 30 del secolo passato, Carniello, fratello della madre, arre- ne radicale che lo adeguasse ai tempi.
scacciata dai quartieri demoliti ai stato durante l'occupazione tedesca di Pur conservando un legame con la
piedi del Campidoglio: le furono Roma mentre diffondeva l'Unità e Villetta, aveva aderito al Partito
assegnate due stanze al Lotto 44, il scomparso nei campi di sterminio in Democratico, il cui circolo di quartie-
quarto Albergo di massa, di Via Germania: un episodio, questo, che re gli aveva assegnato la tessera
Francesco Orazio da Pennabilli. aveva fortemente segnato la famiglia. numero1. Affollatissima e commossa
Mario partecipò alla guerra come Più tardi anche l'ultimo dei fratelli, la cerimonia funebre civile che si è
sommergibilista in Corsica e al suo Giorgio, scomparso qualche anno fa, tenuta nel Tempietto egizio del
rientro fu tra gli appassionati organiz- lavorerà all'Unità come addetto alle Verano, dove Carlo Leoni ha tenuto
zatori delle lotte sociali della sezione spedizioni,. l'orazione di commiato.
comunista della Garbatella, la storica La sua attività di ispettore portava A Mario, Claudio D'Aguanno ha
Villetta, di cui fu tra i principali ani- Mario a percorrere ogni settimana dedicato un appassionato scritto, rac-
matori. Assunto a fine anni 40 pres- centinaia di chilometri in provincia colto in un volantino distribuito ai
so il Ministero della Marina, nei suc- per controllare le edicole, per favori- presenti al funerale, nel quale sono
cessivi anni 50 fu licenziato in tronco re la diffusione attuata dai volontari, ricordate le tappe salienti dell'intensa
nel corso della totale epurazione per organizzare manifestazioni pro- sua vita.
degli elementi di sinistra, sindacalisti mozionali a favore del quotidiano, Settembre 1959, il satellite sovietico Lunik gira intorno alla luna. Mario, diffusore del- Alla moglie, alle figlie e ai nipoti
inclusi, attuata nei ministeri militari molto spesso per segnalare alla reda- l'Unità, piazza il giornale con la notizia in prima pagina a un monsignore di passaggio le condoglianze di Cara Garbatella.„

Mario Cecilia fu uno straordinario diffusore stampa ( Unità, Vie Nuove, Calendario del popolo, Il
dell'Unità, molto prima che divenisse ispettore interre-
gionale del quotidiano. Ho trovato questo articolo di
Partito ) con punteggi, gironi, classifiche aggiornate in
un minuzioso calendario. Addirittura si lanciavano
Ancora un lutto al mercato:
Mario consultando "Il Partito", il quindicinale della
Federazione romana del Pci, del 1948 e mi è sembrato
sfide tra le sezioni. Il 22 agosto del 1949, in occasione
del Mese della stampa comunista di quell'anno, Gino
dopo Marisa muore Cesare
interessante pubblicarlo nella sua versione integrale. Si Testori, segretario di Testaccio, sfidò Garbatella, noto- di Cinzia Cenciarelli
era già dopo la sconfitta elettorale del Fronte Popolare riamente agguerrita, che allora aveva come segretario poco più di tre
del 18 aprile. Nel partito romano era in voga una sorta
di campionato interno basato sulla diffusione della
Vasco Butini, operaio metalmeccanico e sindacalista.
(Gianni Rivolta) A mesi dalla
scomparsa di
Marisa Sardella, una
delle figure storiche del
Come la sezione Garbatella ha organizzato la diffusione mercato della Garbatel-
la, suo marito Cesare è
di Mario Cecilia Volpi, Inches, morto. Massimiliano
I compagni della Sezione Garbatella, Laurenti, Bolli, uno dei quattro
anche prima della nota risoluzione Pietrolongo, i figli che con lui ha con-
della direzione del Partito sull'im- quali durante diviso trent'anni di
portante problema della stampa, questo lungo lavoro al banco del
hanno sempre posto in primo piano periodo di pesce, parlando di suo
questo delicato ed importantissimo tempo hanno padre ci testimonia: era
lavoro. lavorato per un uomo di un vigore
Infatti, presso la stessa, funziona portare la diffu- indescrivibile, sempre
regolarmente un Comitato diffusione sione del gior- in salute, nonostante
stampa che, originariamente, ebbe il nale l'Unità in l'impegno che metteva
compito di studiare politicamente la primo piano, in attività che avrebbero messo a dura prova chiunque. Tra l'altro aveva presta-
conformazione sociale degli abitanti così come è to la sua opera anche alla cooperativa di facchinaggio di Ostiense, sempre per
Mario, al centro della foto, volontario in una festa dell'Unità
della zona e di suggerire al Comitato nella aspirazio- poter mantenere la numerosa famiglia.
direttivo della Sezione i sistemi orga- tare il giornale in tutte le case del ne dei compagni di tutta Italia. Data la sua possanza fisica ci rimane difficile immaginarlo bambino quando,
nizzativi e politici capaci di sviluppa- quartiere. Avendo costruito così una Invece per Vie Nuove si possono cita- a 11 anni, già spingeva il carrettino a mano, carico di pesce, che insieme a suo
re con rapidità ed in senso positivo prima base di lavoro, si provvide alla re come veri amici ed ottimi diffusori padre andava a comprare ai Mercati Generali di Ostiense, per poi percorrere Via
questo settore del lavoro sezionale. impostazione della diffusione di Vie i compagni deRenato Peret e Pellegrino Matteucci diretto alla Garbatella al mercato di Via Passino.
Avendo allora la predetta commissio- Nuove. Anche per questo non sono Falasca responsabili Stampa delle Pur avendo raggiunto l'età della pensione era sempre al lavoro, insieme alla
ne rilevato che, nel quartiere mancate le esperienze. Infatti, nella suddette cellule. I risultati di cui moglie, al figlio, alla nuora e poi i nipoti e il genero: una presenza che si tra-
Garbatella, vivono numerose catego- normale attività svolta da un solo sopra non serviranno certamente a manda da quattro generazioni.
rie di cittadini con mentalità, esigen- banco di vendita che inizialmente fu far dormire sui proverbiali sette Era molto legato alla famiglia, una persona di compagnia, amante del bere e
ze e professioni diverse, suggerì la allestito presso i locali della Sezione, guanciali i compagni della del mangiare. Con la moglie e con le comitive di amici organizzavano viaggi,
creazione di un solido gruppo di si passò immediatamente alla diffu- Garbatella. Essi devono servire come vacanze e feste in casa; giocatore di bocce, aveva vinto molte coppe; era un fre-
Amici dell'Unità con il compito di sione tramite le cellule, per giungere base di studio per perfezionare sem- quentatore del Centro anziani, noto come appassionato ballerino.
diffondere il nostro giornale in larga ora alla mobilitazione larghissima pre più il lavoro della diffusione E' un pensiero un po' romantico, ma la sua scomparsa, così ravvicinata a
misura per vedere, sulla base dei dei compagni che settimanalmente Stampa in tutte le cellule rendendolo quella della sua compagna di vita, può far sospettare che sia stato il dolore a
primi risultati, le capacità di assorbi- portano Vie Nuove nelle case dei organico e soprattutto politico. sopraffarlo, piuttosto che una breve malattia.„
mento del popoloso quartiere. compagni e dei simpatizzanti rag- Discreti sono i lati positivi di questo
Numerose sono state le esperienze giungendo per i primi eccellenti per- primo risultato ma grave è l'errore
che i compagni della Garbatella centuali; per i secondi invece si pro- che si riscontra nel fatto che ancora
hanno fatto durante tutto questo cede ad ulteriori passi in avanti con troppi pochi sono i compagni i quali
periodo. Le maggiori fra esse sono: un poco più di lentezza. E' doveroso hanno compreso l'importanza politi-
l'applicazione del sistema di strillo- da parte della Sezione mettere in ca della nostra Stampa. Bisogna
naggio nel quartiere; la creazione di massimo rilievo il lavoro tenace, intensificare, anzi accelerare, la
banchi di vendita stampa nelle varie lodevole compiuto dai compagni per costituzione dei nuovi Gruppi di
giurisdizioni delle cellule; la orga- la realizzazione concreta di questa compagni che inizino il lavoro di dif-
nizzazione di una snella organizza- attività vitale del Partito. Fra i fusione dei libri, settore che oggi
zione di Gruppi di Amici dell'Unità in migliori si possono citare i seguenti rappresenta un lato veramente grave
tutte le cellule con il compito di por- compagni: Pierini, Sellati, Longo, della nostra attività.

6
Anno 6 - Marzo 2009

S
di Guido Barbato
i trova proprio a due passi dal
nucleo originario del nostro
quartiere, il cosiddetto
Non soltanto pesce con aceto balsamico, moscardini e
lattarini. Ma ovviamente potete
gustare anche gli antipasti freddi,
dalle insalate di mare alle ostriche e
Pincetto, questo grande ristorante tutti i secondi classici dalle orate in
diventato ormai un caposaldo della
ristorazione locale. L'indirizzo è
Vicolo della Garbatella 1/9, all'ango-
lo con Piazza Pantero Pantera.
all'Isola dei sardi 2 crosta di sale al rombo, dalle griglia-
te miste ai fritti. I frutti di mare, arsel-
le comprese, spesso vengono dalla
Sardegna, mentre la paranza è reperi-
La prima curiosità che vogliamo Dalla Sardegna con amore, ristorante e pizzeria per tutti nel cuore della Garbatella ta dai fornitori locali.
levarci è quella su quel numero 2 pre- Per chi non ama il pesce il menù
sente nel nome. Ci accoglie il titolare si decide a mettersi in proprio e rile- offre anche un certo numero di primi
del locale Luigi Meloni, un oste timi- va il ristorante di San Paolo, che e secondi di terra, compresa qualche
do e gentile che davanti a un buon gestirà fino al 1989. In quell'anno specialità come gli gnocchetti sardi
caffé ci spiega che fino al 1989 gesti- infine compra il locale della alla Campidanese, con salsiccia
va un locale analogo a San Paolo con Garbatella e lo amplia due anni dopo semistagionata, pomodoro e pecorino
lo stesso nome, e così ha voluto bat- annettendogli gli spazi adiacenti sardo. Sardi sono ovviamente i for-
tezzare quello attuale come il secon- dello storico ex ferramenta maggi, il vino in ampia scelta, i
do della serie, pur non esistendo più Ceccarelli. liquori e i dolci.
il primo. Oggi lo gestisce insieme ai Oggi il locale è uno dei più grandi Infine c'è la pizza, lavorata ad arte
figli Romina e Beniamino, servendo- del quartiere, con i suoi 350 m2 e 240 da Massimiliano, genero di Luigi,
si pure di alcuni camerieri sardi. posti, parte dei quali collocati in una lievitata 24 ore, preparata sottile "alla
Luigi ci racconta innanzitutto la veranda aperta in estate. Ci preme romana", cotta in forno a legna e ser-
sua storia. Arriva a Roma dal paese di sottolineare poi che, nel cuore storico vita in numerose varianti: tutti i clas-
Assolo, in provincia di Oristano, nel del nostro quartiere, è l'unico risto- sici più alcune creazioni dello chef
'61 in cerca di occupazione. Inizia a rante in cui si possa trovare un'ampia dai nomi curiosi: sole-luna e pizza-
lavorare come cameriere a Villa offerta di specialità di pesce. A stella.
Stritch, per l'arcivescovo Marcinkus dispetto del nome però non abbonda- Non resta da sottolineare che su
nell'istituzione creata per i sacerdoti no le pietanze tipiche sarde, ma si tutto il menù la scelta commerciale è
statunitensi impiegati nella Curia trovano tutti i grandi classici: dagli quella di porzioni ampie a prezzi con-
Romana. Nel frattempo lavora anche spaghetti alle linguine, con cozze, tenuti, il che rende il locale un'ottima
la sera in un ristorante di Trastevere o vongole, alla pescatora, allo scoglio o meta per tutti dove levarsi un po' di
per varie ditte di catering nell'orga- all'astice, più i classici risotti. Le spe- abbiamo provate e sono squisite) e i puntano è quello degli antipasti caldi: sfizi gastronomici.
nizzazione di cerimonie. Nel '76, cialità del momento sono le linguine maltagliati al pescespada con capperi cannolicchi e cappesante gratinate, Aperto tutti i giorni a pranzo e
insieme ad un socio, sardo anche lui, con telline pachino e bottarga (le olive e pachino. Altro settore su cui queste ultime anche scottate ai ferri cena. Chiuso il lunedì.„

Un incontro alla Villetta sulla strage di Gaza


La testimonianza del diplomatico palestinese Ali Rashid. L'appello congiunto con Moni Ovadia
di Pasquale Navarra denunciando il fatto nente palestinese, araba giunto di Ali Rashid e Moni Ovadia,
che i media, oscurando e musulmana, dello steso il 9 gennaio, quando il massa-
rganizzato da Sinistra le immagini e i filmati Stato d'Israele. E Tzipi cro di Gaza era ancora in corso. Ne

O Democratica del nostro


Municipio, giovedì 22 gen-
naio, alla "Villetta" di Via Passino 26,
del massacro della
popolazione civile di
Gaza, hanno dato
Livni - ex ministro
degli Esteri israeliano -
ha recentemente
riportiamo qui alcuni punti:
Le immagini che giungono da
Gaza ci parlano di una tragedia di
si è tenuta un'assemblea pubblica sui un'immagine dell'Italia dichiarato quello che dimensioni immani e le parole non
tragici avvenimenti verificatisi a lontana da quella reale: sarebbe un "progetto bastano per esprimere la nostra indi-
Gaza per quasi un mese tra dicembre la grande maggioranza guida" del suo gover- gnazione. Col passare dei giorni cre-
e gennaio. E' venuto a portare la sua degli italiani, infatti, è no: la progressiva sce la barbarie che insieme alla vita,
testimonianza Ali Rashid, diplomati- stata, è solidale con la espulsione dei palesti- alle abitazioni, agli affetti, ai luoghi
co palestinese naturalizzato italiano, popolazione di Gaza. nesi e di tutti i musul- della cultura e della memoria,
già membro dell'Unione generale Anche l'intimidazione, mani dal territorio distrugge in tutti noi l'umanità e con
degli scrittori e giornalisti palestinesi. il tentativo di censura, dello Stato israeliano - essa il sogno e la speranza. E defor-
Dal 1987 Primo segretario della operato nei confronti che diverrebbe dunque ma in noi il buon senso, mortifica la
Delegazione generale Palestinese in di Michele Santoro Stato Ebraico in toto - cultura del diritto, forgiata dalle tra-
Italia, nella passata legislatura è stato ("reo" di aver mostra- ed una ulteriore appro- gedie del secolo passato per preve-
deputato con Rifondazione to, nella trasmissione priazione di territorio nirne la ripetizione.
Ali Rashid e, a destra, il Segretario di sinistra Democratica Natale Di Schiena
Comunista. E' da tempo impegnato in "Anno Zero", ciò che a tramite l' intensifica- Così diventano carta straccia le
una indefessa lotta diplomatica per la Gaza stava realmente avvenendo) è mediorientale non potrà essere risol- zione di nuovi insediamenti ebraici. convenzioni internazionali e le
cessazione del conflitto armato nella chiaramente un atto estraneo alla ta. Ha ricordato che uno Stato, Si è ricordato che il bombardamen- norme basilari del diritto internazio-
questione palestinese e per la conclu- coscienza comune esistente nel Israele, si espande sempre di più, con to indiscriminato operato su Gaza nale nonché le sue istituzioni, para-
sione della controversia nel rispetto nostro Paese. Che il nostro Paese è la frequente creazione di nuovi inse- non era certamente "inevitabile", lizzate dai veti e svuotate di autore-
dei diritti dell'uomo e delle risoluzio- ben altro, lo si è visto anche sabato 17 diamenti, naturalmente a danno di un dato che gli israeliani avevano le volezza oltre che di strumenti per l'a-
ni dell'ONU. gennaio, a Roma, alla manifestazione popolo il cui Stato non è mai nato e le coordinate di ogni metro della città. gire.
Già nel primo contatto con Ali nazionale di solidarietà per la cui condizioni peggiorano costante- Non si è quindi trattato di un conflit- Noi sappiamo che l'occupazione
Rashid, si percepisce non soltanto il Palestina. Chi scrive, era presente a mente. Si è ricordato anche che allo to tra due eserciti o tra un esercito e genera resistenza, la guerra rafforza
suo garbo, la positività della sua per- quella manifestazione, alla quale gli Stato di Israele non si intende certo un gruppo di terroristi, bensì di una il terrorismo, la violenza cambia le
sona; nel suo modo di esprimersi, italiani hanno partecipato numerosi negare il diritto all'esistenza ma, al tragedia in cui vi sono stati carnefici persone e i fondamentalismi si ali-
persino in quei segni che un occhio ed hanno sventolato la bandiera pale- fine di permettere la nascita di uno e vittime. Molte vittime. Quelle mentano reciprocamente. Ma abbia-
attento può vedere in un volto, si può stinese sentendola come la loro ban- Stato per i palestinesi, Israele dovreb- donne, quei bambini, quegli uomini mo anche imparato in tutti questi
cogliere una sofferenza che non è di diera. Tutto ciò ravviva la convinzio- be tornare ai confini esistenti prima inermi di Gaza uccisi o gravemente anni che gli obiettivi di pace, sicurez-
un genere che siamo "abituati" a ne che in certi momenti, di noi italia- della guerra del 1967, il cui risultato feriti da bombe al fosforo e altri mici- za e prosperità non passano attraver-
vedere. E' la sofferenza, benché ni emerge l'anima migliore, la nostra fu l'occupazione, da parte di Israele, diali ordigni. Nell'ospedale di Gaza, so l'uso della forza delle armi, ma
addomesticata, di un uomo che storia più bella, che ci ricorda che di Gerusalemme Est, della dei medici europei sopraggiunti con attraverso l'adozione di scelte accet-
appartiene ad un popolo oppresso da non è un caso se siamo il Paese di Cisgiordania, della Striscia di Gaza e organizzazioni umanitarie, non sape- tabili per entrambe le parti in causa
sessant'anni e per il quale una parte Garibaldi. della penisola del Sinai. Ma l'attuale vano come curare molti di quei feriti, e l'avvio di un processo di riconosci-
del mondo vorrebbe che la privazio- Nel suo intervento, Ali Rashid ha leadership israeliana è su posizioni talmente devastante è l'effetto di mento reciproco, del dolore dell'altro
ne della libertà fosse irreversibile. ricordato che, finché non ci sarà uno ben diverse: infatti crescono le discri- quelle bombe. in primo luogo, che è il primo passo
Il nostro quartiere non si è certo Stato palestinese, l'intera questione minazioni nei confronti della compo- E' stato poi ricordato l'appello con- verso la riconciliazione.„
mostrato insensibile a questo incon-
tro: sono infatti convenuti molti citta-
dini. Natale Di Schiena, segretario
della sezione, ha svolto un'introdu-
zione in cui ha ricordato alcune fasi
dell'orrendo attacco militare perpe-
trato dall'esercito israeliano a Gaza,
nonché lo squallido atteggiamento
tenuto dal governo italiano e la con-
seguente censura operata da televi-
sioni e giornali. Ali Rashid ha poi
aperto il suo intervento proprio

7
Anno 6 - Marzo 2009

LETTERE Strage di pini nella Città Giardino


E l'auto inciampa
sul marciapiede
Abito al Lotto 24. Da quando hanno
effettuato i lavori su Vie delle Sette
Chiese il bordo del marciapiede
all'incrocio con Via Cristoforo Borri
viene continuamente spostato dalle
auto che, girando, inevitabilmente ci
battono contro, tra l'altro con danno
per i pneumatici. In quel punto, il di Gianni Rivolta
bordo del marciapiede andrebbe trage di pini nei lotti della Garbatella. Nelle ultime settimane, infatti, le
arretrato: è l'unica cosa che si possa
fare per eliminare l'inconveniente.
Già che ci siamo, torno a esprimere il
S motoseghe hanno già abbattuto per motivi di sicurezza una ventina di
esemplari ultradecennali dalle bellissime chiome.
L'intervento radicale, commissionato dall'Ater ( ex Iacp) e avvallato dalla
mio giudizio negativo sulla sistema- forestale e dai vigili del fuoco, interesserebbe circa 150 pini domestici ad alto
zione di quelle mini aiuole strette e fusto, che risulterebbero malati o troppo inclinati, tali da rappresentare un peri-
lunghe poste sul marciapiede di quel colo per le casette popolari e per gli inquilini della Città Giardino. La stabilità
tratto di Via delle Sette Chiese: sono delle alberature è indubbiamente peggiorata in seguito alla piogge straordinarie
un ricettacolo di rifiuti, contengono che hanno interessato la Capitale durante questo interminabile inverno.
cespuglietti difficoltosi da curare, Contro le motoseghe si sono mobilitati alcuni abitanti e i rappresentanti loca-
soprattutto intralciano il passaggio li della Legambiente, che denunciano lo scempio con un esposto alle autorità
dei pedoni. Ribadisco poi il giudizio competenti. "La potatura ordinaria, mai effettuata - sostengono gli ambientali-
negativo sulla sistemazione di Piazza sti- avrebbe alleggerito le chiome ed evitato l'attuale mattanza del verde". Tra
Sant'Eurosia, dove sono stati sottrat- l'altro gli storici pini abbattuti verrebbero sostituiti con altre essenze. Si parla di
ti spazi preziosi per il parcheggio per cipressi. Se così fosse cambierebbe notevolmente il paesaggio e la bellezza del
creare inutili ampie aree pedonali quartiere popolare sottoposto a numerosi vincoli. Inoltre si peggiorerebbe la
che non hanno motivo di essere uti- salubrità e si modificherebbero le correnti d'aria che nella stagione estiva rin-
lizzate come tali, essendo attigue alla frescano gli abitanti dei lotti. Il patrimonio arboreo del quartiere è di grande
grande area verde antistante la chie- interesse. Infatti accanto agli esemplari piantumati al momento della costruzio-
sa di San Filippo Neri. Ma c'è qual- ne del quartiere, tra il 1920 e il "30, stanno ancora in piedi alcuni pini che appar-
cuno che ascolta le critiche degli tengono alla settecentesca Tenuta dei 12 cancelli di proprietà dell'alto prelato
utenti? Nicola Maria Nicolai.„
Mario Zandonai

BREVI “La Garbatella” si è sgretolata


In Via Acquaviva
una fogna aperta
Le radici di un pino all'interno di un
lotto delle Case Popolari di Via
R.Acquaviva, nel cuore del quartie-
re, hanno sradicato un tombino, el numero di luglio abbiamo denunciato con un articolo dal titolo “La
lasciando defluire le acque sporche
delle fogne sottostanti.
Nonostante le molteplici sollecita-
N Garbatella” si sgretola, il crollo del festone di stucco con la scritta "La
Garbatella" sito in Piazza Bonomelli. Il 9 Febbraio la storica scritta
sovrastata dal volto di una figura femminile è crollato definitivamente. Ci
zioni all'Ater dei residenti, il tombi- poniamo la stessa domanda che ci siamo fatti qualche mese fa: quanto tempo ci
no non è stato sostituito. Insomma in vorrà per restaurare il festone? Se lo chiedono ansiosi gli "innamorati" della
Via Acquaviva c'è una vera e propria Garbatella.
fogna a cielo aperto. Inoltre, non si L'associazione culturale Il Tempo Ritrovato ha iniziato una raccolta di firme
accendono più i lampioni del luogo, da consegnare al Ministro dei Beni Culturali, al Sindaco, all'ATER e per cono-
anche se l'Acea ha rassicurato il scenza al Municipio XI, per chiedere il ripristino della storica scritta con il
Municipio circa un rapido interven- nome del quartiere. (G.P.)„
to. Il presidente del Municipio,
Catarci, ha sollecitato l'Ater ad inter-
Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa del 20 febbraio
venire per il ripristino delle condi-
zioni di igiene e sicurezza.
2009 del presidente del Municipio XI, Andrea Catarci
"Bilancio 2009: Alemanno azzera i Municipi!"
Ha venduto la casa Ater
"Il Bilancio previsionale approvato dalla Giunta Comunale, per la prima volta senza
Gli è stata riassegnata! aver preso in considerazione le indicazione dei Municipi, azzera la progettualità e
Situazione paradossale nella gestio- l'operatività locale. Alla faccia dello slogan: 'Roma riparte', i Municipi vengono
ne degli sfratti delle case Ater. Il 22 amputati di indispensabili funzioni e anziché svilupparne le caratteristiche di
gennaio doveva essere eseguito lo Governo Locale, si persegue l'obbiettivo di ridurli a semplice appendice del
sfratto, poi rinviato, in Via Campidoglio."
Guglielmo Massaia 14, di una donna "Nel caso del Municipio XI la Giunta Comunale intende ridurre dell'80% i fondi per
separata con due bambini in tenera le iniziative culturali (da 122.000 € a 20.000 €), affermando il proprio centralistico
età. Una sentenza di tribunale riasse- monopolio; intende dimezzare i fondi per le manifestazioni sportive (da 40.000 € a
gna infatti l'abitazione al precedente poco più di 20.000 €); intende ridurre di oltre il 40% i fondi per il verde pubblico
affittuario che nel 1998 aveva "ven- (da 44.000 € a 28.000€); intende, in ultimo, azzerare tutte quelle voci che contribui-
duto" per 80 milioni di lire il proprio scono a sviluppare la comunicazione, l'informazione e la sinergia con la comunità
contratto alla donna. Per tornare in territoriale. La destra cittadina ha deciso di azzerare il protagonismo del Municipio
possesso della casa egli avrebbe Roma XI e la connessione sentimentale con la sua comunità, ma non avrà vita faci-
dovuto restituire alla donna gli 80 le."
milioni indebitamente percepiti, cosa "Risulta poi particolarmente odioso il taglio dell'Assistenza Alloggiativa (da
che non è mai avvenuta. Applicando 140.000 € a 70.000€) e del Sostegno alle Famiglie (da 77.000€ a 44.000€). Ma è in
solo mezza sentenza e non garanten- generale la scelta di confermare gli importi per gli interventi sociali a essere assolu-
do il rimborso alla signora si inten- tamente non condivisibile: il Sindaco Alemanno e l'Assessore Castiglione conosco-
derebbe riconsegnare la casa popola- no il significato della parola 'Crisi' e le conseguenze sociali che comporta?".„
re a chi ne ha ricavato la cifra consi-
derevole di 80 milioni. Ha commen-
tato il presidente del Municipio,
Catarci: "Sarebbe questo il nuovo
corso di moralizzazione nella gestio-
ne del patrimonio pubblico sbandie-
rato dall'Amministrazione capitoli-
na? Noi continueremo ad opporci a
questo massacro sociale in cui i più
deboli vengono maltrattati e i privi-
Puoi scrivere a Cara Garbatella all’indirizzo:
legiati vengono addirittura premia-
ti".
caragarbatella@fastwebnet.it
8