Sei sulla pagina 1di 12
rs CONOSCERAI: Raa ent AL TERMINE DI QUESTO CAPITOLO > diversi tipi di muscoli e oro funcioni bla loro strutture, ie zion colo eae faticae fire voloci ma facimente £ atraverso ta ptente > qual é la struttura di un muscolo an ‘muscoli $a rare Scheletricoe come awianeifenomeno > | vesitip i contraxone museolare elite pe della contrazione > Imeccanismi che permettono di reatizzare i! complesso i anear ene sass rogolae fnemente intesita guna ‘movment cheb fibre lente ma resistenti alla ‘ventrazione porta a: parent PP 2083 reales un movimento occore che una forza permeta ai segment corporei di spostarsi. Questo spostamento pud avvenire rispetto al resto del corpo o allambiente esterno e il suo responsabile é il muscolo attraverso la sua azione caratteristica: La contrazione. ‘Non tutti sanno perd che anche il mantenimento del corpo, o di una sua parte, in una determinata posizione richiede lavoro muscolare, La corretta gestione di questa funzione del nostro corpo 2 determinante nella prestazione sportiva, cosi come nell’economicita dei gesti quotidiani. I tipi di muscoli ‘Nel corpo umano riconosciamo tre tipi di muscoli: 1. muscoli scheletrici, detti anche volontari, perché innervati dal sistema ner- oso somatico che determina la volontarieta della contrazione, o striati perché formati da tessuto muscolare striato (al microscopio si possono osservate stri- sce chiare e scure alternate); 2. il muscolo cardiaco, anch’esso striato ma involontario, perché innervato dal sistema neurovegetativo (vedi a p. 56); 3.1 muscoli lisci, propri dei vasi sanguigni e degli organi interni, anch'essi con- trollati dal sistema nervoso autonomo e quindi involontari. In questo testo verti trattato solo il muscolo striato schelettco. (30 spancerrovoanewausaua ase oe wormenro De aL on we 08 Puc per Abt TEM Abe Vest Ape Fett ‘TRCIPTE BRACHIALE Estende I avambraccio sul brace, DENTATO ANTERIORE ‘Abducee porta in avant a seapoaavvcinandola ale cose (0B1IQUO ESTERNO, ‘TRASVERSO ‘0BLQUO INTERNO Ruotano ¢flettone la colonna in avant elaterlmente RETTO DELL'ADDOME ‘Abbassa le costee Fete i tronco, TENSORE DELLA FASCIA LATA Abduce, lett e ruta verso esterno a cosa, [ADDUTTORE LUNGO. Fettela coscia, la ruota verso festerno ela riporta verso il corpo, SARTORO Flete la coscia e la gamba e ruta la cosea verso Vesterno, (QUADRICIPTE FEMORALE Fltte la cosca sul bacino| ed estende la gamba sulla (GRANDE PETTORALE ‘Adduce lite eruota Imernamente i bracco, BICIITE aRACHYALE ———— Fete Tavambraccio sul braccio lo ruta verso lesterno, betTOIDe Fasc anterior: fletono ‘loraeco Fasc! median: abducons il braccio. Fasc poster: estendono i racco, Ltrapezio Fei superior: elevano la scapoia. Fase! median: adducono la scapola Fasc Inferortabbassano Ja scapola, “Gran porsae uot il bracioin dentro, lo porta indeto elo adduce al vonco, Estende i wore. L crane cuureo Ester fa cosci sul bacino fe ruota in fuer, BICIPTE FEMORALE Estende ia cosci sul bacinoe fete la gambe sulla cose, PERONEO LUNGO uot in fuori @soleva lateralmente i pede. GASTROCNEMIO $tende (lett plantarmente) i piedeeflette la gamba sulla cosci, SOLE Estonde il pied einsiome al gastocnemio formal vcbitesurale TIAL ANTERORE Fiette dorsalmente il piede lo ruota internamente, 2.1L SISTEMA MUSCOLARE 37 Vorganizzazi TI muscolo scheletrico & com; muscolari. Le fibre sono orga ne del muscolo scheletrico sposto da migliaia di cellule a forma allungata: le fibre nizzate in fasci che ne raccolgono un numero vari bile. Esse hanno lunghezze molto differenti: si va dal millimetro del muscolo del. Ja staffa nell’orecchio a diversi centimetri nel muscolo sartorio della coscia, Ogni fibra, fascio di fibre ¢ Pintero muscolo sono rivestiti da tessuto connettivo, Poiché raramente le fibre muscolari hanno una lunghezza pari a quella del muscolo, il {essuto connettivo di rivestimento svolge importante ruolo di collante fra le va- tie fibre, cost che la loro contrazione venga trasmessa lungo I Pestremita il tessuto connettivo si fonde e p ‘intero muscolo. Al- osegue con un tessuto pid denso che forma il tendine, che rappresenta la struttura suffcientemente elastica ma soprat. tutto robusta, attraverso la quale il muscolo, , ancorandosi al tessuto osseo, pud esercitare la trazione ¢ determinare lo spostamento di una parte del corpo. Come é fatto un muscolo Oltre $00 muscoli sono presenti nel corpo umano con forme, dimensioni ¢ fun- zioni molto diverse. I principali possono essere classifica in: fusif formi, pennati, semipennati, triangolari, nastriformi, a uno o pid ventri muscolari 1 muscoli fusiformi (a) hanno le fibre ghezza, col ventre muscolare che si as Ie bicipite. disposte parallelamente secondo la lun- sottigla verso le estremiti, come il brachia- T muscoli pennati (b) possiedono un lungo tendine centrale su cui sono disposte -obliquamente sui due lati le fibre, per esempio il retto femorale. I muscoli semipennati (c) hanno le fibre disposte su un solo lato di un lungo ten- dine, per esempio il tibiale posteriore della gamba, I muscoli triangolari (d) sono appiattiti e possiedono un piccolo tendine a un’e- stremita da dove le fibre si aprono a venta piatta superficie tendinea detta aponevrosi (per esempio il gran pettorale). { muscoli nastriformi (e) hanno fibre parallele alla langhezzainterrotte da pid in- iglio per terminare con un’ampia e |entri muscolari""_serzioni tendinee (per esempio il retto dell'addome). | relareecamosadel’ Un muscolo con un tratto tendineo intermedio trai venri muscolat si chiama di- | museato, i ltessuto muscolare possiede crateristiche di estensibilit, lastcita econtrattlita | muscoloe, in misura moto mi- ‘nore, i tendini e legament, sottopost a una trazione, pos sono essere allungati(estensiblt) per po itornare ala ur- ‘heza originale (elastic). La contatita ela capacta dec- ~~ gastrico (f): un muscolo di questo tipo si trova nella regione del collo, A seconda orciamento, una propreta specifica del muscolo. indicati- vvarente la fibra muscolae pud accorcatsi fino a met del- la sua lunghezza a riposo, mentre pus essere clstesa fino a luna volta e mezza. La diferenza fra lunghezza minima e ‘massima & chiamata eapacta d'azione della fibra. ‘58 ( PRINCIPI FONDAMENTALI ALLA BASE DEL MOVIMENTO