Sei sulla pagina 1di 4

PER LA SETTIMANA – 5 ORDINARIO C

Traccia commento Lc 5,1-11


«Signore, allontanati da me,
perché sono un peccatore». Sono le
parole di Pietro dopo aver
partecipato, in qualche modo, al
miracolo del Maestro. E Gesù gli
disse: «Non temere; d’ora in poi
sarai pescatore di uomini».
Avete notato? Gesù cambia
totalmente la vita di Pietro
sostituendo la c di peccatore in s di
pescatore. E voglio fermarmi un momento proprio su questo
mandato che Gesù dà a Pietro: "d’ora in poi sarai pescatore
di uomini". Mandato che arriva ad ognuno di noi cristiani.
Tutti siamo pescatori. Importante è sapere cosa si
pesca. Molti vanno a pesca di denaro e non si preoccupano
d'altro che di cogliere ogni buona occasione per pescarlo.
C'è chi pesca nel torbido per arrivare ad un posto, ad una
poltrona, ad un nome, con ogni mezzo. C'è chi pesca nella
palude e nel fango del piacere, e muore invece per noia e
tristezza. C'è chi pesca anche uomini, per farsene servi e
portarli al mercato se non addirittura al macello.
Io, noi, che peschiamo? Sabbia, gusci vuoti, spine,
rancori, invidie, delusioni. Forse dobbiamo lasciare le nostre
reti rotte, scendere dalla nostra barca che fa acqua da tutte le
parti e gettarci in questo mare dell'umanità. Fra i flutti degli
errori e gli scogli degli odi, fra le ondate della violenza e i
vortici del vizio, c'è gente che annega e che mi sta
chiamando. Gente che viene adescata con tutte le seduzioni,
fratelli spinti alla strage, gioventù drogata dalla corruzione,
infanzia contaminata dallo scandalo.
E' gente che aspetta, noi, i cristiani, coloro che
amano il grande Pescatore che ci ha dato gli attrezzi giusti:
la rete della fede, l'esca della speranza e l'amo della carità.
"Non temere - ci dice Gesù -non temere, d'ora in poi anche
tu sarai pescatore di uomini".
LA BOTTEGA DI DIO

Un giorno, Dio decise di aprire anche Lui un


negozio sulla Terra. Chiamò l’Angelo più bello e più gentile e gli
disse: “Tu sarai il mio commesso e venderai i Miei Prodotti ”.
Non appena si sparse la notizia del “Negozio di Dio”, tutti
corsero per gli acquisti.
“Che cosa vendi, Angelo bello?” – domandò il primo
arrivato. “Ogni ben di Dio!”. “E fai pagare caro?”.
“Oh, no! I Doni di Dio sono tutti gratuiti”.
Il cliente, stupefatto, non sapeva
darsi una spiegazione. Contemplava,
meravigliato, il grande scaffale con
“anfore d’amore”, “pacchi di speranza”,
“scatole di pace”, “flaconi di gioia”…
Si fece coraggio e, poiché aveva un immenso
bisogno di tutto, chiese: “Dammi un po' di ‘Perdono – un po’
d’Amor di Dio – un cartoccio di Felicità – un vasetto di pazienza
– una mestola di Umorismo – un barile di Coraggio e Speranza
quanto basta!”.

L’Angelo, gentile, si mise immediatamente a preparare


tutta quella merce. Dopo un po’, ritorno' con un pacco
piccolissimo, grande quanto un cuore. Il cliente non può pote' a
meno di esclamare: “Tutto qui?”.
L’Angelo, con voce solenne, gli spiego':

“Eh, sì, mio caro: nella Bottega di Dio non si vendono frutti
maturi, solo piccoli semi da coltivare.
PREGHIAMO CON PREGHIAMO
I SALMI CON LA CHIESA

Beato chi cammina Ascoltaci, Signore


nella legge del
Signore
Per il nostro
Beato chi eè integro mondo: l'ingiustizia
nella sua via e e l'oppressione
cammina nella legge
del Signore. Beato chi provocano la collera
custodisce i suoi dei poveri, percheè
insegnamenti e lo cerca accolga la Parola di
con tutto il cuore.
Dio che indica la via
Tu hai promulgato i della giustizia.
tuoi precetti perché
siano osservati Per gli oppressi ed
interamente. Siano emarginati: non si
stabili le mie vie nel
custodire i tuoi decreti. lascino sedurre
dalla via della
Sii benevolo con il tuo violenza e dell'odio,
servo e avroè vita,
osserveroè la tua parola. ma cerchino sempre
Aprimi gli occhi percheé la pace e il perdono
io consideri
le meraviglie della tua Percheè ognuno di
legge. noi si lasci giudicare
Insegnami, Signore, la dalla Parola di Dio
via dei tuoi decreti e la ed abbia il coraggio
custodirò sino alla fine. di prenderla sul
Dammi intelligenza,
perché io custodisca la serio.
tua legge e la osservi
con tutto il cuore.
LA PAROLA DI DIO
E' LUCE E SALE
PER LA NOSTRA
AL MATTINO
AL MATTINO
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
volontà e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
volontà e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
AMEN
AMEN
ALLA SERA
ALLA SERA
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN

LA PAROLA DEL PAPA

Tutti siamo chiamati ad offrirci al Padre con Gesù e


come Gesù, facendo della nostra vita un dono generoso,
nella famiglia, nel lavoro, nel servizio alla Chiesa, nelle
opere di misericordia. Tuttavia, tale consacrazione è vissuta
in modo particolare dai religiosi, dai monaci, dai laici
consacrati, che con la professione dei voti
appartengono a Dio in modo pieno ed
esclusivo.
Questa appartenenza al Signore
permette a quanti la vivono in modo
autentico di offrire una testimonianza speciale al Vangelo del
Regno di Dio. Totalmente consacrati a Dio, sono totalmente
consegnati ai fratelli, per portare la luce di Cristo là dove più
fitte sono le tenebre e per diffondere la sua speranza nei
cuori sfiduciati.

elaborazione del portale www.graficapastorale.it