Sei sulla pagina 1di 6

Apparecchiatura automa-

tica combinata per rego-


lazione e sicurezza Con-
trolBloc con bruciatore
automatico installato
MPC

n !
i o
at
r m
n fo e!
r i or
o u m
r y ny
fo le a
n ly ab
O i l
- va
n a
t io ot
n ta is n
e t
u m u c
oc od
d Pr
ld
O
Caratteristiche tecniche Campo di impiego
Il ControlBloc, è la combinazione di Il ControlBloc, è adatto a seconda del
bruciatore automatico di gas a norma modello, per bruciatori di gas a sof-
EN 298 e di regolatore multiplo della fiante o atmosferici, per esercizio ad
famiglia di bruciatori di gas DUNGS intermittenza e per gas conformi alla
Printed in Germany • Rösler Druck • Edition 03.01 • Nr. 229 483

GB ... a norma EN 126. norma EN 437 ed altri gas combusti-


bili neutri.

Approvazioni
Certificato di modello d’utilità secon-
do le normative CE per apparecchia-
ture per gas:

MPC BG/EC 87/99/100

1…6
Varianti del GasBloc

Denominazione Impiego
GB… Apparecchi per riscaldamento ad alto grado di combustione, afmosferici,
monostadio, opzionalmente senza regolatore di pressione
GB-M… Apparecchi per riscaldamento ad alto grado di combustione, afmosferici, a
modulazione elettrica
GB-G… Apparecchi per riscaldamento ad alto grado di combustione, con combina-
zione gas-aria 1:1
GB-N… Apparecchi per riscaldamento ad alto grado di combustione, con combina-
zione gas-aria, regolazione pressione zero
GB-WND… Apparecchi per riscaldamento ad alto grado di combustione, con sistema di
combinazione gas-aria Whirlwind integrato

Apparecchiatura combinata per re- Bruciatore automatico MPC


golazione e sicurezza ControlBloc L’MPC è alloggiato in un corpo in ma- Nei modelli M ... per accensione di-
L’apparecchiatura ControlBloc è co- teria plastica, appositamente previsto retta del bruciatore del gas principa-
stituita dal regolatore multiplo GasBloc per il montaggio al regolatore mutiplo le, esiste una sola valvola di uscita.

!
e dal bruciatore automatico MPC. GasBloc. Il bruciatore automatico, Se entro il tempo di sicurezza di avvio
montato su una piastra conduttrice
o n
(SZA), non viene generata la fiamma,

i
at
Regolatore multiplo GasBloc funziona con la più moderna tecnica viene chiusa la valvola del gas pilota
La vista generale dei tipi principali di di microprocessori. Ciò permette la e viene bloccata in posizione di gua-
apparecchi GasBloc, è riportata nel- realizzazione anche dello svolgimen-
r m
sto oppure vengono fatti i tentativi di

fo e!
la rispettiva tabella. to dei programmi più complessi (per riavvio programmati. In caso di man-

n
i or
Per dettagli consultare il foglio dati es. più tentativi di avvio). Inoltre ven- canza di fiamma durante l’esercizio,

r
GB..., no. 228 533. gono garantiti tempi di inserimento vengono chiuse tutte le valvole del gas

u m
esatti anche in caso di oscillazioni di
o
entro il tempo di sicurezza di eserci-

y ny
tensione o di temperatura oppure di zio (SZB) e quindi, a seconda del

r
fo le a
Valvole elettromagnetiche cicli di inserimento molto brevi. modello, avviene il bloccaggio in po-
Valvole elettromagnetiche a norma EN Nei modelli senza controllo dell’aria, sizione di guasto, viene fatto un ten-
161, classe B, con bobine a corrente
l y b
alla richiesta di calore del regolatore, tativo di riaccensione oppure di riav-

n la
continua assicurate contro tensioni di dopo il tempo di avvio avviene l’ac- vio.
punta.
- O a i
censione e viene aperta la valvola del Nel disinserimento regolare, vengono

n ta
gas pilota Y1.
v chiuse le valvole del gas. Se avviene

io
Dispositivo antipolvere Nei modelli con controllo dell’aria, la segnalazione di fiamma prima del

at no
Filtro a rete fine per la protezione del- l’MPC attende finchè viene aperto il consenso di alimentazione di gas, a
l’armatura.
t
contatto del pressostato dell’aria; vie-
n is
seconda del modello, viene bloccato

e
ne quindi attivato il soffiante e viene l’avvio, finché è presente la segnala-

Sul lato entrata e lato uscita. m


Presa per misuratore della pressione
c t
atteso l’inserimento da parte del pres- zione di fiamma oppure avviene il

c u du sostato dell’aria. Al termine del tem- bloccaggio in posizione di guasto.

do valvola oelet-
po di prelavaggio, avviene l’accensio-
Tipi di esercizio della
P r Sblocco disinserimento da guasto
ne e viene aperta la valvola del gas

Le valvole 1 led
tromagnetica pilota. A seconda del modello, l’MPC viene

O Valvola 1 aperta: con-


2 vengono comandate sbloccato in caso di guasto mediante
Al termine del tempo di sicurezza di
separatamente. avvio (SZA), viene disinserita l’accen-
un contatto esterno oppure disinse-
senso uscita gas di accensione. sione. In presenza della fiamma, dopo rendo e inserendo l’alimentazione di
In presenza della fiamma avviene il il tempo di stabilizzazione (STZ) vie- corrente.
consenso e si apre la valvola 2. ne aperta la valvola del gas principa-
le Y2.
Per l’accensione diretta del bruciato- Nei modelli T..., la valvola del gas pi-
re del gas principale, l’MPC comanda lota rimane aperta durante la richie-
contemporaneamente le valvole 1 e 2. sta di calore.

2…6
Decorso del programma

Modelli senza controllo aria Modelli con controllo aria


Avvio con generazione di fiamma
Avvio con generazione di fiamma
R R
LPG BF
Z PS
Y1 Z
F Y1
Y2 F
AL Y2
AWZ SZA STZ NSZ AL
VSZ SZA STZ NSZ
Avvio senza generazione di fiamma (esempio con 2 tentativi di avvio)
Avvio senza generazione di fiamma (esempio con 2 tentativi di avvio)
R R
LPG BF
Z
PS
Y1
Z
F
Y1

!
Y2

n
F
AL

o
Y2

i
AWZ SZA NSZ AWZ SZA

at
AL
VSZ SZA NSZ VSZ SZA

m
Mancanza di fiamma senza riaccensione oppure riavvio

r
fo e!
Mancanza di fiamma senza riaccensione oppure riavvio
R

n
R

i or
LPG
BF

r
Z

u m
Y1 PS

o
Z

y ny
F
Y2 Y1

r
fo le a
AL F
SZB Y2

ly ab
AL

n l
Mancanza di fiamma con riavvio SZB

- O a i
v
R Mancanza di fiamma con riavvio

n a
LPG R

io ot
Z

t
BF

ta is n
Y1 PS
F Z

n
e t
Y2
AL
Y1

m c
F

u u
SZB NSZ AWZ STZ Y2

oc od AL

d Pr
Mancanza di fiamma con riaccensione
SZB NSZ VSZ STZ

ld
R
Mancanza di fiamma con riaccensione

O
LPG
R
Z
Y1 BF
PS
F
Z
Y2
AL Y1
SZB STZ
F
Y2
AL
SZB STZ

non per i modelli non per i modelli


MRV, MCL MRV, MCL

AL Indicatore di guasto esterno NSZ Tempo di lavaggio posteriore SZB Tempo di sicurezza esercizio
AWZ Tempo di attesa di avvio PS Pressostato aria VSZ Tempo di prelavaggio
BF Motore soffiante R Regolatore X1...5 Spine di collegamento
F Fiamma RS Tasto sblocco disinserimento Y1 Valvola gas pilota
IE Elettrodo di ionizzazione da guasto Y2 Valvola gas principale
IZE Elettrodo comune di ionizza- S Interruttore misurazione corren- Z Accensione
zione ed accensione te di ionizzazione ZE Elettrodo di accensione
LPG Valvola preliminare gas liqui- STZ Tempo di stabilizzazione
do SZA Tempo di sicurezza di avvio

3…6
Sistema di sorveglianza della fiamma a Messa in funzione
Schema di collegamento eser-
ionizzazione Prima della messa in funzione controllare
cizio ad un elettrodo
X2
Un elettrodo di ionizzazione funge da son- la correttezza di tutti i collegamenti. Alla
(4,8 x 0,8) da nella fiamma, il beccuccio del brucia- messa in funzione controllare le seguenti
tore funge normalmente da massa. Va fatta funzioni di sicurezza:
X3
(2,8 x 0,5) attenzione che al beccuccio del bruciato- -disinserimento del regolatore, dispositi-
X4 re sia sempre presente una fiamma suffi- vo di sorveglianza e limitatore (se presen-
(2,8 x 0,5)
ciente. Il beccuccio del bruciatore deve ti)
IZE
X5
essere ben collegato con il conduttore PE -i punti di inserimento del pressostato del
(6,3 x 0,8) per il ritorno della corrente di ionizzazio- gas (se presente)
ne. La capacità di isolamento dell’elettro- -interruzione cavo di ionizzazione sorve-
do di ionizzazione deve superare 50 MΩ. glianza fiamma oppure cortocircuito elet-
Schema di collegamento eser-
trodo di massa
cizio a due elettrodi
X2
Misurazione della corrente di ionizza-
(4,8 x 0,8) zione Protezioni
X3
La potenza della corrente di ionizzazione Protezione esterna del bruciatore automa-
(2,8 x 0,5) si può misurare con un microamperome- tico di gas con fusibile in entrata 6,3 A len-
X4 tro per corrente continua. La corrente to oppure 10 A rapido. Osservare le ca-
(2,8 x 0,5)
d’esercizio non dovrebbe essere inferiore pacità di collegamento ammissibili!

!
IE ZE
a 3 µA. Il disinserimento per guasto av-
n
X5

o
(6,3 x 0,8) viene quando la corrente di ionizzazione
i
at
scende al disotto di ca. 1 µA. Per effettua- In caso di valvole di sicu-
re la misurazione inserire il microampero- rezza (fusibili) difettosi, ef-
m
Schema di collegamento eser-
r
metro tra l’elettrodo di ionizzazione e la fettuare un controllo della funzio-

fo e!
cizio a tre elettrodi
spina di collegamento (misurazione della ne di sicurezza tecnica del bru-

n
(una scintilla di accensione)
i or
ionizzazione per l’esercizio ad un elettro- ciatore. Pericolo di saldatura per

r
X2
do, vedi in basso a sinistra). fusione dei contatti a causa di
u m
(4,8 x 0,8)

o
cortocircuito!

y nLay non osservanza delle


X3
Montaggio
r
(2,8 x 0,5)

a istruzioni di montaggio e di
foposi-le esercizio,
X4 La posizione di montaggio del bruciatore
(2,8 x 0,5)
automatico, è predeterminata dalla

l y b persone opuò
IE ZE ZE
zione di montaggio della valvola. implicare danni a
n ila ciò indispensabilmente le istru-
X5
cose. Osservare per-
O
(6,3 x 0,8)

a median- zioni. In caso di interventi sull’im-


L’allacciamento-elettrico avviene
Allacciamento elettrico

n il cablaggio v
a secondo ledipre-12 pianto
Misurazione corrente di
t o t
i locali eolo schema elettrico.
te un connettore innestabile MOLEX elettronico si perdono i

ta is n
ionizzazione per esercizio ad poli. Eseguire diritti di garanzia.

n
un elettrodo scrizioni

e Schema
X2 S

t di collegamento per modelli senza sorveglianza dell’aria


(4,8 x 0,8) C

X3 +
m
u du
-
c
c
(2,8 x 0,5)

do Pro
= 0…100 µA

X4
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
(2,8 x 0,5)

d
X1

l
IZE

O
X5 N
(6,3 x 0,8)
R

RS AL LPG
Attenzione! Per la protezione del
misuratore, l’interruttore S deve
rimanere immancabilmente chiu-
Vedi leggenda alla pagina 3 L1 N PE
so durante la fase di accensio-
ne! Nella fase di esercizio la cor-
rente di ionizzazione viene misu- Schema di collegamento per modelli con sorveglianza dell’aria
rata con interruttore S aperto. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
Alternativamente si può fare uso
del condensatore C (100 µF). In X1

questo caso si può effettuare la N N


misurazione anche durante la
fase di accensione. M R

RS AL PS BF

Vedi leggenda alla pagina 3 Vedi leggenda alla pagina 3 L1 N PE


4…6
Dimensioni in mm
105 7

58

125 7

10

n !
i o
at
r m
fo e!
Flachstecker
1 4,8 x 0,8 mm

n
2 2,8 x 0,5 mm 1

i or
3 2,8 x 0,5 mm

r
4 6,3 x 0,8 mm 2

o u m
r y ny
fo le a
3

n ly ab
O i l
- a
4

v
M4

n
24

a
t io ot
ta is n
31

n
e t
24

m c
58

u u
84

oc od
d Pr
d
Dati tecnici

O l
GasBloc Diametro nominale
Attacco gas principale
DN 15
Rp 1/2 ISO 7/1
G 1/2 DIN ISO 228, interno
Flangia con filettaura tubo Rp 1/2 ISO 7/1
G 3/4 DIN ISO 228 esterno
Pressione massima all’entrata 65 mbar
Temperatura ambiente 0 ... 60 °C
Valvole di chiusura automatiche classe B a norma EN 126
Gruppo 2
Regolatore di pressione classe C
Tipo di protezione IP 40
Tempo di chiusura <1s
Tempo d’intervento 100 % ED
Tensione / frequenza bobina ~(AC) 50 - 60 Hz, 24 V +10 % -15 %
~(AC) 50 - 60 Hz, 230 V +10 % -15 %
Carico della bobina (24 V, 230 V) 2 x 5,5 VA
Collegamento elettrico sistema Molex
Dotazione opzionale dispositivo di sicurezza mancanza
gas GW ... A3,
pressostato gas GW ... A5
Posizione di montaggio da verticale fino a orizzontale

5…6
Apparecchiatura automatica combi-
nata per regolazione e sicurezza
ControlBloc con bruciatore automa-
tico installato MPC

Dati tecnici
MPC
Tensione nominale ~(AC) 230 V -15 % + 10 %
Frequenza 50 Hz
Potenza assorbita ca. 15 VA

!
Fusibile interno 4A
Fusibile all’entrata
n
max. 6,3 A lento oppure 10 A rapido
o
i
at
Potenze d’inserimento:
Valvola preliminare gas liquido 230 VAC / 1 A
Motore soffiante 230 VAC / 1 A
r m
fo e!
Segnale di guasto 230 VAC / 1 A

n
i or
Sorveglianza fiamma a inonizzazione

r
Corrente di inonizzazione/esercizio > 3 µA
Sensibilità di disattivazione
o u m
< 1 µA

y ny
Limitazione corrente cortocircuito ca. 100 µA

r
fo le a
Lunghezza del cavo di ionizzazione max. 1 m
Accensione a scintilla intermittente

ly ab
Tensione di accensione ca. 15 kV

O n
Frequenza di accensione
i l
ca. 25 Hz

- a
Distanza tra gli elettrodi 3-4 mm

n v
Lunghezza del cavo di accensione
a
max. 1 m

io ot
Sblocco disinserimento per guasto a distanza

t
Indicatore di guasto esterno

n ta is n
Tipo di protezione IP 40
0 ... 60 °C
e t
Temperatura ambiente

m c
Tecnica di allacciamento Molex kk3003 (12 poli)

u
c od u Collegamento conduttore di terra integrato

o
Peso 0,25 kg

d Pr
ld
Dati di ordinazione Disinserimento da guasto

O d’ordine ne secondo VSZ


Tipo Codice Classificazio- AWZ/ SZA SZB STZ NSZ Numero di non variabile Riaccen- Riavvio Sorve- LPG-
tentativi variabile sione glianza Valvola
EN 298 di avvio aria

MPC 5.1.0 MRV 229 462 AMRVXN 2s 5s 1s 1s 2s 3


MPC 5.1.0 TLL 229 464 ATLLXN 2s 5s 1s 3s 2s 3
MPC 5.1.0 TCL 229 465 ATCLXN 2s 5s 1s 3s 2s 3
MPC 25.1.0 TRL 229 441 ATRLXN 2 s 25 s 1 s 7s 5s 3
MPS 25.1.0 TCV 229 378 ATCVXN 2 s 25 s 1 s 25 s 10 s 2
MPC 3.1.10 MCL 229 463 FMCLXN 10 s 3 s 1 s 1s 2s 3
MPC 5.1.30 TLL 229 467 FTLLXN 30 s 5 s 1 s 3s 2s 3
MPC 5.1.10 TCL 229 468 FTCLXN 10 s 5 s 1 s 3s 2s 3
MPC 5.1.15 TCV 229 469 FTCVXN 15 s 5 s 1 s 3 s 15 s 3
MPC 45.1.2 TRV 229 379 FTRVXN 2 s 45 s 1 s 2 s 10 s 5
Altri tipi a richiesta
Ci riserviamo eventuali modifiche rivolte al progresso tecnologico.
Karl Dungs S.r.l. Karl Dungs GmbH & Co.
Via Carolina Romani, 35 Siemensstraße 6-10
I-20091 Bresso (MI) D-73660 Urbach, Germany
Tel.: +39-02-66 50 54 28 Telefon +49 (0)7181-804-0
Fax: +39-02-66 50 54 27 Telefax +49 (0)7181-804-166
e-mail info.i@dungs.com e-mail info@dungs.com
Internet www.dungs.com 6…6