Sei sulla pagina 1di 1

2-8-2017 Supplemento ordinario n. 43/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n.

179

e) la corresponsione a soggetti diversi dalle banche e 2. La disposizione di cui al comma 1 non si applica agli
dagli intermediari finanziari autorizzati, di interessi pas- enti di cui all’articolo 4, comma 3.
sivi, in dipendenza di prestiti di ogni specie, superiori di 3. L’indicazione di ente del Terzo settore o dell’acro-
quattro punti al tasso annuo di riferimento. Il predetto li- nimo ETS, ovvero di parole o locuzioni equivalenti o in-
mite può essere aggiornato con decreto del Ministro del gannevoli, non può essere usata da soggetti diversi dagli
lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro enti del Terzo settore.
dell’economia e delle finanze.
Art. 13.
Art. 9.
Scritture contabili e bilancio
Devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento
1. Gli enti del Terzo settore devono redigere il bilancio
1. In caso di estinzione o scioglimento, il patrimonio di esercizio formato dallo stato patrimoniale, dal rendi-
residuo è devoluto, previo parere positivo dell’Ufficio di conto finanziario, con l’indicazione, dei proventi e degli
cui all’articolo 45, comma 1, e salva diversa destinazione oneri, dell’ente, e dalla relazione di missione che illustra
imposta dalla legge, ad altri enti del Terzo settore secondo le poste di bilancio, l’andamento economico e finanzia-
le disposizioni statutarie o dell’organo sociale competen- rio dell’ente e le modalità di perseguimento delle finalità
te o, in mancanza, alla Fondazione Italia Sociale. Il pare- statutarie.
re è reso entro trenta giorni dalla data di ricezione della 2. Il bilancio degli enti del Terzo settore con ricavi, ren-
richiesta che l’ente interessato è tenuto a inoltrare al pre- dite, proventi o entrate comunque denominate inferiori a
detto Ufficio con raccomandata a/r o secondo le disposi- 220.000,00 euro può essere redatto nella forma del rendi-
zioni previste dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, conto finanziario per cassa.
decorsi i quali il parere si intende reso positivamente. Gli 3. Il bilancio di cui ai commi 1 e 2 deve essere redat-
atti di devoluzione del patrimonio residuo compiuti in as- to in conformità alla modulistica definita con decreto del
senza o in difformità dal parere sono nulli. Ministro del lavoro e delle politiche sociali, sentito il con-
siglio nazionale del terzo settore.
Art. 10. 4. Gli enti del Terzo settore che esercitano la propria
Patrimoni destinati ad uno specifico affare attività esclusivamente o principalmente in forma di im-
presa commerciale devono tenere le scritture contabili di
1. Gli enti del Terzo settore dotati di personalità giuri- cui all’articolo 2214 del codice civile.
dica ed iscritti nel registro delle imprese possono costitu- 5. Gli enti del Terzo settore di cui al comma 4 devono
ire uno o più patrimoni destinati ad uno specifico affare redigere e depositare presso il registro delle imprese il
ai sensi e per gli effetti degli articoli 2447-bis e seguenti bilancio di esercizio redatto, a seconda dei casi, ai sen-
del codice civile. si degli articoli 2423 e seguenti, 2435-bis o 2435-ter del
codice civile.
Art. 11. 6. L’organo di amministrazione documenta il carattere
secondario e strumentale dell’attività di cui all’articolo 6
Iscrizione nella relazione al bilancio o nella relazione di missione.
1. Gli enti del Terzo settore si iscrivono nel registro 7. Gli enti del Terzo settore non iscritti nel registro del-
unico nazionale del Terzo settore ed indicano gli estremi le imprese devono depositare il bilancio presso il registro
dell’iscrizione negli atti, nella corrispondenza e nelle co- unico nazionale del Terzo settore.
municazioni al pubblico.
2. Oltre che nel registro unico nazionale del Terzo set- Art. 14.
tore, gli enti del Terzo settore che esercitano la propria Bilancio sociale
attività esclusivamente o principalmente in forma di im-
presa commerciale sono soggetti all’obbligo dell’iscrizio- 1. Gli enti del Terzo settore con ricavi, rendite, proventi
ne nel registro delle imprese. o entrate comunque denominate superiori ad 1 milione di
euro devono depositare presso il registro unico nazionale
3. Per le imprese sociali, l’iscrizione nell’apposita del Terzo settore, e pubblicare nel proprio sito internet,
sezione del registro delle imprese soddisfa il requisi- il bilancio sociale redatto secondo linee guida adottate
to dell’iscrizione nel registro unico nazionale del Terzo con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche so-
settore. ciali, sentiti la Cabina di regia di cui all’articolo 97 e il
Consiglio nazionale del Terzo settore, e tenendo conto,
Art. 12. tra gli altri elementi, della natura dell’attività esercitata e
Denominazione sociale delle dimensioni dell’ente, anche ai fini della valutazione
dell’impatto sociale delle attività svolte.
1. La denominazione sociale, in qualunque modo for- 2. Gli enti del Terzo settore con ricavi, rendite, proven-
mata, deve contenere l’indicazione di ente del Terzo set- ti o entrate comunque denominate superiori a centomila
tore o l’acronimo ETS. Di tale indicazione deve farsi uso euro annui devono in ogni caso pubblicare annualmen-
negli atti, nella corrispondenza e nelle comunicazioni al te e tenere aggiornati nel proprio sito internet, o nel sito
pubblico. internet della rete associativa di cui all’articolo 41 cui

— 4 —