Sei sulla pagina 1di 4

LARGO AL FACTOTUM - Il Barbiere di Siviglia

Gioachino Rossini

Voce: Dimitri Hvoroskovsky [Baritono]


Musica: Orchestra di Montereale.
Direttore: Charles Dutoit

Lalalalero, lalalala! Lalalalero, lalalala!

Largo al factotum della città.


Largo! Lalalalalalalalalala!
Presto a bottega che l'alba è già. Presto! Lalalalalalalalalala!

Ah, che bel vivere, che bel piacere, che bel piacere.
Per un barbiere. Di qualità! Di qualità!

Ah, bravo Figaro!


Bravo, bravissimo! Bravo! Lalalalalalalalalala!
Fortunatissimo per verità! Bravo! Lalalalalalalalalala!
Fortunatissimo per verità!
Fortunatissimo per verità! Lalala! Lalalalalalalalala!

Pronto a far tutto,


la notte e il giorno
sempre d'intorno in giro sta.
Miglior cuccagna per un barbiere,
vita più nobile, no, non si dà. Lalalalalalalalalala!

Rasori e pettini
lancette e forbici,
al mio comando
tutto qui sta.

Rasori e pettini,
lancette e forbici
al mio comando
tutto qui sta.

V'è la risorsa.
Poi del mestiere.
Colla donnetta, col cavaliere.
Colla donnetta. Lalaralalalera!
Col cavaliere. Lalala! Lalalalero! La! La! La! La!

Ah, che bel vivere, che bel piacere, che bel piacere.
Per un barbiere. Di qualità!
Di qualità!

Tutti mi chiedono!
Tutti mi vogliono!
Donne e ragazzi!
Vecchi e fanciulle!

Qua la parrucca!
Presto la barba!
Qua la sanguigna!
Presto il biglietto!

Tutti mi chiedono!
Tutti mi vogliono!
Tutti mi chiedono!
Tutti mi vogliono!

Qua la parrucca! Presto la barba!


Presto il biglietto! Ehi!

Figaro! Figaro! Figaro!


Ahimè, ahimè, che furia!
Ahimè, che folla!
Uno alla volta, per carità!
Per carità! Per carità!
Uno alla volta! Uno alla volta!
Uno alla volta, per carità!

Figaro! Son qua.


Ehi, Figaro! Son qua.
Figaro qua,
Figaro là,
Figaro qua,
Figaro là,
Figaro su,
Figaro giù,
Figaro su,
Figaro giù,

Pronto prontissimo!
Son come il fulmine!
Sono il factotum della città!
Della città! Della città! Della città! Della città!

Ah, bravo Figaro! Bravo, bravissimo!


Ah, bravo Figaro! Bravo, bravissimo!
Fortunatissimo! Fortunatissimo!
Fortunatissimo per verità! Lalalalalalalalalalalala!

A te fortuna! A te fortuna!
A te fortuna non mancherà!
Sono il factotum della città!
Sono il factotum della città!
Della città! Della città! Della città!
VESTI LA GIUBBA (RIDI PAGLIACCIO) – I Pagliacci
Ruggero Leoncavallo

Voce: Luciano Pavarotti [Tenore]

Recitar!
Mentre preso dal delirio
non so più quel che dico
e quel che faccio!

Eppur, è d'uopo sforzati! Bah


sei tu forse un uom?
Ah! ah! ah!
Tu sei Pagliaccio!

Vesti la giubba e
la faccia infarina.
La gente paga e
rider vuole qua.

E se Arlecchin
t'invo la Columbina,
ridi, Pagliaccio e ognun
applaudirà!

Tramuta in lazzi lo spasmo


ed il pianto;
in una smorfia il singhiozzo
e 'l dolor. Ah!

Ridi Pagliaccio,
sul tuo amore infranto!
Ridi del duol
che t'avvelena il cor!
O SOLE MIO
Testo napoletano: Giovanni Capurro
Musica: Edoardo di Capua

Voce: Enrico Caruso [Tenore]

Che bella cosa na jurnata 'e sole


N'aria serena doppo na tempesta
Pe' ll'aria fresca pare gia' na festa
Che bella cosa na jurnata 'e sole

Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne'


'O sole mio sta nfronte a te
'O sole, o sole mio
Sta nfronte a te, sta nfronte a te

Quanno fa notte e'sole se ne scenne


Me vene quase'na malincunia
Soto a fenesta toi restarria
Quando fa notte e'o sole se ne scenne

Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne'


'O sole mio sta nfronte a te
'O sole, o sole mio
Sta nfronte a te sta nfronte a te

Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne'


'O sole mio sta nfronte a te
'O sole, o sole mio
Sta nfronte a te sta nfronte a te