Sei sulla pagina 1di 2

CONTRASTO AGLI ESTREMISMI VIOLENTI:AVVIO DE... http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:pKn...

Questa è la copia cache di Google di http://www.comune.torino.it/ucstampa/comunicati


/article_1017.shtml. È un'istantanea della pagina visualizzata il 14 gen 2019 08:35:37 GMT. Nel
frattempo la pagina corrente potrebbe essere stata modificata. Ulteriori informazioni.

Versione completa Versione solo testo Visualizza sorgente


Suggerimento. Per trovare rapidamente il termine di ricerca su questa pagina, digita Ctrl+F o ⌘-F
(Mac) e utilizza la barra di ricerca.

Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico


Ufficio Stampa
Pubblicato il 11 Gennaio 2019

Comunicato stampa
CONTRASTO AGLI ESTREMISMI VIOLENTI:AVVIO DEL PERCORSO DI
FORMALIZZAZIONE DEL TAVOLO DI LAVORO
Nell’ambito del contrasto e della prevenzione degli estremismi violenti, si è svolto il primo incontro del
Gruppo di Lavoro scientifico del Tavolo di Lavoro Multi-Agenzia del Comune di Torino.

Torino è stata fra le prime città in Italia ad essersi attivata in progetti pilota sul terreno della prevenzione delle
radicalizzazioni e degli estremismi violenti, sia attraverso progetti europei che in collaborazione con altri enti,
istituzioni, accademia e società civile.

“La Commissione consiliare speciale per la promozione della cultura della Legalità ha affrontato fin dal suo
insediamento il tema degli estremismi violenti indipendentemente dalla sua origine o matrice”, sostiene la
Presidente della Commissione Carlotta Tevere. “La creazione di un Tavolo ad hoc mira a favorire l’incontro, il
dialogo, il confronto tra i diversi soggetti che conoscono ed operano da tempo con i soggetti a rischio.
L’obiettivo è affrontare il problema tenendo conto dei diversi punti di vista dei vari attori.”

A seguito di alcune riunioni di tale organismo avvenute negli ultimi due anni, si è giunti alla conclusione della
necessità di formalizzare la nascita del Tavolo come strumento di lavoro. Proprio per rafforzare e arricchire la
dimensione plurale del Tavolo, l’Assessorato ai Diritti, con il supporto del Centro Interculturale, ha coinvolto
network internazionali attivi nella lotta alla discriminazione, ricercatori e ricercatrici accademiche e
practicioners con esperienza pluridecennale nel settore. Il compito dei componenti di questo Gruppo di
Lavoro scientifico, la cui collaborazione sarà a titolo volontario e gratuito, è quello di contribuire alle basi
teoriche e pratiche della delibera che, entro l’estate del 2019, formalizzerà la nascita del Tavolo.

L’attuale Gruppo di Lavoro comprende: Stefano BONINO, Paolo DI MOTOLI, Luca OZZANO, Stefania
PALMISANO, Maria Gloria POLIMENO, Roberta RICUCCI, Francesca SCRINZI, Claudia MARA’, Luciano
SCAGLIOTTI, Luca GUGLIELMINETTI; saranno possibili innesti e inclusioni se ritenuto necessario, a
seconda delle competenze specifiche.

“Il percorso” sottolinea l’Assessore ai Diritti Marco Giusta “è lo stesso seguito per la redazione di altre
iniziative, come le linee guida per le politiche interculturali e il piano antiviolenza sulle donne: il
coinvolgimento di una pluralità di soggetti e di voci sin da subito. Sono particolarmente soddisfatto della
nascita di questo Gruppo di Lavoro e del fatto che il primo incontro abbia già portato a spostare il focus dalla

1 di 2 01/02/19 08.33
CONTRASTO AGLI ESTREMISMI VIOLENTI:AVVIO DE... http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:pKn...

radicalizzazione agli estremismi violenti, allargando lo sguardo e compiendo un’operazione di pulizia del
linguaggio. Sono sicuro che questo lavoro porterà a un documento condivisibile anche a livello
internazionale.”

Fra i compiti previsti per il Tavolo vi sarà lo studio dei fenomeni di estremismo violento nonché il porre in
essere azioni e strategie di prevenzione primaria, secondaria a terziaria.

Dal lato pubblico, possono/devono svolgere un ruolo non solo i tradizionali attori della comunità
antiterrorismo (forze dell’ordine, intelligence, magistratura inquirente), ma anche i servizi socio-sanitari, la
scuola, la polizia locale e i servizi penitenziari. La società civile gioca un ruolo ugualmente importante, sia
quella del mondo del volontariato e dell’associazionismo, sia quella delle comunità religiose e dei movimenti
politici e sociali, così come le famiglie e, ovviamente, il mondo dell’università e della ricerca.(p.v.)

2 di 2 01/02/19 08.33