Sei sulla pagina 1di 1

Analisi del brano “Der dichter spricht” dalle Kinderszenen op.

15 di Schumann

2) (rielaborazione mia) Il brano è il pezzo finale della raccolta Kinderszenen di Schumann;


passaggio ardito di questa composizione è l’inizio, in cui il compositore fa esordire il brano con un
accordo di settima di dominante con la settima al basso(3 rivolto) e dove, inoltre, la tonica allo
stato fondamentale viene presentata solo alla fine del brano come ultima nota. Ciò può suggerire
che il compositore si prenda una licenza poetica di iniziare in maniera inusuale, oppure che crei la
sensazione che il “poeta” abbia già iniziato a parlare e che continui con il brano proposto. Il brano
è composto da cellule di quattro battute, in cui nella prima frase viene esposto il tema; la seconda
frase è una ripetizione della prima però in minore; la terza frase è di nuovo una ripetizione della
prima, questa volta in maggiore, che finisce con due sospensioni che introducono il recitativo. La
struttura è un aba.
Un dettaglio da notare è che nelle prime 4 battute il compositore fa seguire la struttura nota
lunga-nota corta per due volte con una durata della nota sempre piu stretta, come a voler
stringere il tempo (la sequenza si trova in battuta 2,3 e 7).
Il brano è composto come un corale a 4 voci.
1) (appunti dopo la lezione) inizia con una dominante al 3° rivolto, come se il “poeta” avesse gia
iniziato a parlare oppure il compositore si prende una licenza poetica. Il compositore scrive il
brano con delle frasi di 4 battute, nella prima frase viene esposto il tema, la seconda è simile
alla prima però in minore, la terza è una ripetizione della prima che però finisce con due
sospensioni che introducono il recitativo. La struttura è un aba. Nella prima riga troviamo la
struttura nota lunga seguita da nota corta che diventano sempre piu strette a battuta 2, 3 e 7.
Il brano è stato composto come un corale. L’accordo allo stato fondamentale viene presentato
solo nell’ultima battuta.

“Von fremden Landern und menschen”


Il brano si basa sulla ripetizione di una figura melodica e ritmica del tema quasi fosse una litania,
anche la parte b è basata sulla ripetizione.