Sei sulla pagina 1di 40

STRUMENTI A SUPPORTO DEL PASSAGGIO

GENERAZIONALE NELLE IMPRESE AGRICOLE

Notaio Giammatteo Rizzonelli


Passaggio generazionale
La pianificazione del passaggio generazionale è l'insieme
delle operazioni volte a garantire la successione degli
eredi nell'esercizio, diretto o indiretto, dell'impresa,
conservando il più possibile la capacità di produrre
ricchezza dell'impresa a favore dei proprietari, dei
lavoratori e più in generale di tutti gli stakeholders.

notaio rizzonelli 2
 Livello minimo di pianificazione.
Soddisfare il diritto dei legittimari (coniuge, figli,
ascendenti) a ricevere la quota minima legale di
patrimonio (c.d. legittima), salvaguardando la gestione
dell'azienda.
 Due funzioni fondamentali:
• Esonero degli eredi dall'obbligo di collazione;
• Attribuzione di beni specifici a eredi specifici per
evitare la comunione ereditaria.

notaio rizzonelli 3
 Gli interventi devono mirare a :
- distribuire il patrimonio tra gli eredi;
- evitare futuri conflitti tra gli eredi;
- precostituire adeguati sistemi decisionali o di
governance;
- pianificare fiscalmente il passaggio generazionale;
- se possibile, creare condizioni di segregazione
patrimoniale

notaio rizzonelli 4
 Beni di primo grado:
- detenuti direttamente dalla persona fisica

- Beni di secondo grado:


- detenuti indirettamente per il tramite di strutture
societarie o altre forme

notaio rizzonelli 5
Azienda agricola e fondo rustico
 La distinzione fra trasferimento di azienda agricola o ramo di
azienda agricola e fondo rustico con relative pertinenze deve
essere operata in concreto, caso per caso.
 Si ha trasferimento di azienda agricola e non di fondo rustico
quando, ferma restando l'organizzazione del complesso dei beni
destinati all'esercizio dell'impresa, si abbia la mera sostituzione
della persona del titolare.
 Si sottolinea il carattere dinamico dell'azienda rispetto a quello
statico del fondo rustico, rilevando che ricorre l'ipotesi
dell'acquisto o dell'affitto di azienda, allorché il dinamismo
impresso dal precedente titolare assume rilievo nella concreta
operazione economica, posto che il programma del precedente
titolare è atto ad escludere la scelta di un altro tipo di impresa da
parte del nuovo titolare.

notaio rizzonelli 6
Strumenti più utilizzati
mantenendo il controllo all’interno della famiglia

 Donazione
 Disposizioni testamentarie
 Vitalizio atipico
 Family buy-out
 Patto di famiglia
 Trust

notaio rizzonelli 7
Donazione
 Argomenti a favore:
 Produce effetti immediati
 Semplice da realizzare
• Donazione
 Fiscalmente in molti casi neutrale
• Testamento
 È possibile scindere la nuda proprietà
• Vitalizio dall’usufrutto
atipico
• Family buy-
 Argomenti contro:
out
 non consente “pentimenti” qualora il
• Patto di beneficiario si riveli inadatto;
famiglia  il trasferimento è soggetto all’azione di
• Trust riduzione, aggravata in caso di donazione
di beni immobili

notaio rizzonelli 8
Donazione
regime fiscale – Imposta sulle successioni e donazioni (D. Lgs. 346/1990)

• Donazione
• Testamento
• Vitalizio
atipico
• Family buy-
out
• Patto di
famiglia
• Trust

notaio rizzonelli 9
Donazione
regime fiscale – Imposta sulle successioni e donazioni (D. Lgs. 346/1990)

• L'importo va pagato per la sola eccedenza


• Donazione
sulla franchigia.
• In caso di immobili sono dovute altresì
• Testamento
l'imposta ipotecaria (1,00%) e l'imposta
• Vitalizio
catastale (2,00%).
atipico
• Base imponibile pari al patrimonio netto
• Family buy-
contabile (escluso l'avviamento), per gli
out
immobili determinazione catastale.
• Patto di
• Ai fini della franchigia rilevano altresì tutte
famiglia
le donazioni effettuate in vita dal de cuius
• Trust
(anche quelle poste in essere tra il 2001 ed il
2006)

notaio rizzonelli 10
Donazione
regime fiscale – Art. 3, comma 4-ter, D. Lgs. 346/1990

• Donazione • Nessuna tassazione (azienda)


• Testamento
• Vitalizio Ai fini dell'imposta di successione
atipico (e delle imposte ipotecaria e catastale in
• Family buy- presenza di immobili)
out se l'azienda è donata ai discendenti o al
• Patto di coniuge e il donatario si impegna a svolgere
famiglia l’attività per almeno cinque anni,
• Trust dichiarandolo nell’atto di donazione.

notaio rizzonelli 11
Donazione
regime fiscale – Art. 3, comma 4-ter, D. Lgs. 346/1990

• Nessuna tassazione (partecipazioni)


• Donazione
• Testamento Esenzione da imposta di successione per il
• Vitalizio trasferimento di partecipazioni:
atipico • in società di persone, purché i discendenti ed il
• Family buy- coniuge proseguano l'esercizio dell’attività;
out • in società di capitali, purché sia acquisito o
• Patto di
integrato il requisito del controllo ai sensi dell'art.
famiglia 2359, comma 1, c.c. (anche "controllo indiretto").
• Trust Dichiarazione da parte degli aventi causa che il
controllo sarà mantenuto per almeno cinque anni.

notaio rizzonelli 12
Testamento
 Argomenti a favore:
 Semplice da realizzare
 Fiscalmente in molti casi neutrale
• Donazione
 Esonero degli eredi dall’obbligo di
• Testamento collazione
• Vitalizio  Attribuzione di specifici beni agli eredi per
atipico evitare la comunione ereditaria
• Family buy-  Divisione fatta dal testatore
out
• Patto di  Argomenti contro:
famiglia  Non produce effetti immediati
• Trust  Non è un vero passaggio generazionale
 Il trasferimento è soggetto all’azione di
riduzione

notaio rizzonelli 13
Testamento
regime fiscale – Imposta sulle successioni e donazioni (D. Lgs. 346/1990)

• Donazione
• Testamento
• Vitalizio
atipico
• Family buy-
out
• Patto di
famiglia
• Trust

notaio rizzonelli 14
Testamento
regime fiscale – Art. 3, comma 4-ter, D. Lgs. 346/1990

• Donazione • Nessuna tassazione (azienda)


• Testamento
• Vitalizio Ai fini dell'imposta di successione
atipico (e delle imposte ipotecaria e catastale in
• Family buy- presenza di immobili) i trasferimenti mortis
out causa a favore dei figli e/o del coniuge sono
• Patto di esenti se si impegnano a proseguire l’attività
famiglia per almeno cinque anni (la dichiarazione di
• Trust voler proseguire va resa nella dichiarazione di
successione).

notaio rizzonelli 15
Testamento
regime fiscale – Art. 3, comma 4-ter, D. Lgs. 346/1990

• Nessuna tassazione (partecipazioni)


• Donazione
• Testamento Esenzione da imposta di successione per il
• Vitalizio trasferimento di partecipazioni:
atipico • in società di persone, purché i discendenti ed il
• Family buy- coniuge proseguano l'esercizio dell’attività;
out • in società di capitali, purché sia acquisito o
• Patto di
integrato il requisito del controllo ai sensi dell'art.
famiglia 2359, comma 1, c.c. (anche "controllo indiretto").
• Trust Dichiarazione da parte degli aventi causa che il
controllo sarà mantenuto per almeno cinque anni.

notaio rizzonelli 16
Vitalizio atipico

• Donazione  L’azienda viene ceduta ad un figlio, in cambio


• Testamento di un vitalizio alimentare (tipico o atipico).
• Vitalizio  Spesso usata per «superare» il problema della
atipico quota di legittima.
• Family buy-  Operazione che potrebbe dissimulare in realtà
out una donazione e ridurre la quota di legittima
• Patto di degli altri.
famiglia
• Trust

notaio rizzonelli 17
Vitalizio atipico
 La cessione di un «bene» in cambio di
• Donazione un vitalizio è un contratto simulato per
• Testamento nascondere in realtà una donazione,
solamente se le due prestazioni non appaiono
• Vitalizio
proporzionate al valore, anche tenendo conto
atipico
del rischio caratteristico insito nell’accordo.
• Family buy-
out
 L’età avanzata del genitore, la misura del
• Patto di
vitalizio, il valore del bene trasferito, sono
famiglia
tutti elementi che entrano in gioco.
• Trust

notaio rizzonelli 18
Family buy-out
 Il family buy out è la variante "familiare"
del leveraged buy out o del management buy
• Donazione out.
• Testamento  Si tratta di tecniche di acquisizione di aziende
• Vitalizio o di società mediante il ricorso
atipico all'indebitamento bancario.
• Family buy-  Nel caso del family buy out, il familiare che
out intende acquistare le partecipazioni societarie
• Patto di degli altri familiari, ma che non abbia la
famiglia necessaria capacità finanziaria, ricorre ad un
• Trust mutuo bancario, garantito dalla consistenza
del patrimonio della società di famiglia (detta
"bersaglio" o "target").

notaio rizzonelli 19
Family buy-out
 Il familiare che intende acquisire il controllo
della società di famiglia crea una "newco", la
• Donazione quale ottiene il finanziamento bancario che
• Testamento servirà per acquistare le quote di titolarità
degli altri familiari nella società di famiglia
• Vitalizio
atipico ("target"). Le quote della "newco" vengono
immediatamente girate in pegno alla banca a
• Family buy-
out garanzia del finanziamento.
• Patto di  La "newco" procede quindi ad acquistare le
famiglia quote della "target", utilizzando, quale prezzo,
• Trust il ricavato dall'erogazione del finanziamento
bancario.

notaio rizzonelli 20
Family buy-out
 Successivamente la "target" viene fusa per
incorporazione nella "newco", che diviene così
• Donazione capace, con i propri flussi di cassa e i propri
• Testamento redditi (o anche con la cessione di
alcuni asset) a rimborsare alla banca il
• Vitalizio
atipico finanziamento ottenuto per l'acquisizione.
• Family buy-
out  Così facendo, il familiare che intende acquisire
• Patto di l'intero capitale sociale della società di
famiglia famiglia ottiene le risorse finanziarie
• Trust necessarie allo scopo.

notaio rizzonelli 21
Family buy-out
 Argomenti a favore:
 Produce effetti immediati
• Donazione  Consente di risolvere il passaggio tra soci
• Testamento acquisendo le partecipazioni dagli altri
• Vitalizio (fratelli, cugini, …)
atipico  Argomenti contro:
• Family buy-
 Complicazioni di carattere tecnico ed
out
economico
• Patto di
famiglia  Si tratta di una operazione inadeguata o
eccessiva se la volontà di attuare il
• Trust
passaggio generazionale parte
dall’imprenditore che abbia i mezzi per
soddisfare tutti gli eredi
notaio rizzonelli 22
Patto di famiglia
 Serve ad assicurare continuità nella gestione delle
• Donazione imprese, attraverso:
• Testamento
 l’individuazione di uno o più discendenti (figli,
• Vitalizio
nipoti) dell’imprenditore ritenuti idonei alla
atipico
gestione;
• Family buy-  il trasferimento ad esso/essi dell’azienda o delle
out partecipazioni (quando l’impresa è svolta attraverso
• Patto di una struttura societaria);
famiglia  la liquidazione dei diritti economici dei legittimari ai
• Trust quali non viene assegnata l’azienda o non vengono
assegnate le partecipazioni.

notaio rizzonelli 23
Patto di famiglia
 Il patto di famiglia è utilizzabile da qualunque
• Donazione imprenditore, anche piccolo?
• Testamento
• Vitalizio  La risposta è sì, senza esitazioni. Le imprese
atipico possono essere di grandi, medie, o piccole
• Family buy- dimensioni; possono essere strutturate come
out società per azioni, a responsabilità limitata,
• Patto di società di persone, imprese individuali o
famiglia familiari: tutti gli imprenditori, quando
vogliono, possono usufruire di questo
• Trust
strumento.

notaio rizzonelli 24
Patto di famiglia
 Il patto può avere ad oggetto il trasferimento del
• Donazione solo ramo d’azienda ovvero la concessione di un
diritto di usufrutto sull’azienda, in conseguenza
• Testamento
del quale il titolare mantiene il diritto di usufruire
• Vitalizio della stessa e il discendente assegnatario consegue
atipico la nuda proprietà.
• Family buy-  Sono certamente attuabili i Patti di famiglia se
out l’effetto che ne deriva è quello di assicurare
• Patto di effettivamente il passaggio generazionale nella
famiglia gestione dell’azienda.
• Trust

notaio rizzonelli 25
Patto di famiglia
 È importante valutare bene il valore: stimare
• Donazione un’azienda non è attività semplice, e ben lo sanno i
commercialisti che assistono gli imprenditori. Le
• Testamento
loro valutazioni sono estremamente importanti, ed
• Vitalizio è opportuno, anche se non è necessario, che si
atipico predisponga un documento, una perizia, che potrà
• Family buy- essere allegata all’atto notarile.
out
• Patto di  La perizia è utile ad ancorare il valore della stessa
famiglia azienda o delle partecipazioni trasferite al
• Trust momento in cui è stato concluso il Patto di
famiglia.

notaio rizzonelli 26
Patto di famiglia
 La legge prevede (a fronte dell’assegnazione
• Donazione effettuata dall’imprenditore a favore di uno dei
discendenti o di più discendenti per realizzare il
• Testamento
passaggio generazionale) una compensazione delle
• Vitalizio ragioni dei legittimari non assegnatari, sempre che
atipico questi non vi abbiano rinunciato in tutto o in
• Family buy- parte.
out  La base di calcolo, ai fini della determinazione del
• Patto di valore delle quote riservate ai non assegnatari
famiglia dell’azienda o delle partecipazioni societarie, è
• Trust rappresentata dai beni attribuiti all’assegnatario a
seguito del patto e senza che rilevino mutamenti di
valore intervenuti successivamente.

notaio rizzonelli 27
Patto di famiglia
 La liquidazione può avvenire in denaro, in
• Donazione tutto o in parte, ma anche mediante
• Testamento trasferimento di altri diritti (ad esempio i
• Vitalizio diritti su immobili).
atipico  Ciò impedisce che sorga rispettivamente in
• Family buy- tutto o in parte la corrispondente obbligazione
out pecuniaria: in parole più semplici, se c’è
• Patto di l’accordo, la compensazione del legittimario
famiglia può avvenire con beni e non con denaro.
• Trust

notaio rizzonelli 28
Patto di famiglia
 La principale difficoltà che si incontra nella
• Donazione liquidazione degli altri legittimari è rappresentata
dal fatto che il discendente assegnatario
• Testamento
dell’azienda o delle partecipazioni non ha mezzi, e
• Vitalizio più spesso ne ha il genitore che trasferisce
atipico l’azienda. Ma la legge non prevede che sia
• Family buy- quest’ultimo a eseguire la liquidazione.
out  Per evitare qualsiasi incertezza in termini di
• Patto di stabilità del patto e di legittimità delle scelte
famiglia effettuate, sarebbe necessario un intervento
• Trust correttivo sulla normativa, che consenta
espressamente all’imprenditore di provvedere, lui
stesso, alla liquidazione.

notaio rizzonelli 29
Patto di famiglia
 Argomenti a favore:
 Previene il rischio di disgregazione
• Donazione dell’impresa;
• Testamento  Consente anche il trasferimento di una sola
parte dell’azienda o delle partecipazioni sociali,
• Vitalizio
o di diritti reali minori
atipico
 “..quanto è ricevuto dai contraenti non è
• Family buy-
soggetto a collazione o a riduzione” (art. 768
out
quater)
• Patto di
 Regime fiscale
famiglia
• Trust

notaio rizzonelli 30
Patto di famiglia
 Argomenti contro:
 Ha per oggetto solo l’azienda o le
• Donazione partecipazione sociali
• Testamento  Va solo a favore dei discendenti diretti

• Vitalizio  Richiede il consenso di tutti i legittimari


atipico  In caso di minori o incapaci, occorre
• Family buy- l’autorizzazione del giudice tutelare
out  L’assegnatario dell’azienda deve liquidare gli
• Patto di altri legittimari
famiglia  Il legittimario sopravvenuto potrà avanzare le
• Trust proprie pretese parametrandosi sul valore
originario dell’azienda o delle partecipazioni

notaio rizzonelli 31
Patto di famiglia
 L’art. 1, comma 78, L. n. 296/2006, che ha integrato
la disposizione dell’art. 3, D.Lgs. n. 346/1990,
prevede un regime agevolato (non assoggettabilità
• Donazione
all’imposta) per i trasferimenti di aziende familiari
• Testamento (individuali o collettive), effettuati anche tramite i
• Vitalizio patti di famiglia a favore dei discendenti, che si
atipico impegnino a continuare l’attività nei successivi
• Family buy- cinque anni.
out  Questo regime è estremamente vantaggioso, e
• Patto di prevede:
famiglia  l’esenzione dall’imposta di donazione;
• Trust  l’esenzione dall’imposta di trascrizione per le
formalità relative;
 l’esenzione dall’imposta catastale per le volture
relative.
notaio rizzonelli 32
Il Trust
 Convenzione de L’Aja del 1 luglio 1985 sulla
• Donazione legge applicabile ai trusts e al loro
• Testamento riconoscimento, ratificata dall’Italia con L. 16
• Vitalizio ottobre 1989 N. 364, entrata in vigore il 1
atipico gennaio 1992.
• Family buy-  Riconosce i trust istituiti all’estero affinché
out producano effetti anche in Italia, e i trust c.d.
• Patto di interni, ovvero i trust istituiti in Italia e
famiglia riconducibili alle norme nazionali in tutti gli
• Trust elementi caratterizzanti.

notaio rizzonelli 33
Il Trust
 La nozione di trust interno viene desunta dall’art.
13 della Convenzione de L’Aja.
• Donazione  Da essa si ricava che è trust interno l’istituto fonte
di un rapporto giuridico i cui elementi
• Testamento
importanti sono localizzati all’interno del nostro
• Vitalizio ordinamento.
atipico
Elementi che devono essere localizzati all’interno del
• Family buy- nostro ordinamento giuridico:
out
 Il luogo in cui i beni sono ubicati
• Patto di
 Il luogo in cui lo scopo del trust deve essere
famiglia
perseguito
• Trust
 La cittadinanza e la residenza del disponente e dei
beneficiari (secondo la tesi prevalente)

notaio rizzonelli 34
Il Trust
 Elementi indefettibili di internazionalità del
Trust:
• Donazione  La legge regolatrice (indefettibilmente)
• Testamento  Il luogo di amministrazione del trust
• Vitalizio (eventuale)
atipico  La residenza abituale del trustee
• Family buy- (eventuale)
out
• Patto di
famiglia
• Trust

notaio rizzonelli 35
Il Trust
• Disponente: autodichiarato
• Familiare
• Trustee professionale

• Solitamente genitori o parenti in linea


retta (fiscalità favorevole)
• Beneficiario: autodestinato (fiscalità ?)
• Terzi (fiscalità sfavorevole) • Familiare
• Professionista di fiducia
Il Trust
 Argomenti a favore. Esso permette di:
 di pianificare fiscalmente il passaggio
• Donazione generazionale
• Testamento  rinviare ad un secondo momento la scelta del
“delfino”
• Vitalizio
atipico  saltare una generazione o individuare il
successore al di fuori dei discendenti in linea
• Family buy-
retta
out
 non dovere contare sul consenso dei legittimari
• Patto di
famiglia  stabilizzare gli interessi proprietari meglio di
quanto facciano i patti parasociali
• Trust

notaio rizzonelli 37
Il Trust
 mantenere l’unità nella proprietà dell’azienda
anche se i rami famigliari sono più di uno
• Donazione  ottenere un effetto segregativo, e non limitato
solo ad azienda o partecipazioni sociali
• Testamento
 conservare nel disponente alcuni poteri di
• Vitalizio
controllo sull’impresa o renderlo beneficiario
atipico
del reddito generato dai beni conferiti in trust
• Family buy-
 gestire, entro certi limiti, l’ipotesi di eventuali
out
azioni di riduzione intentate da legittimari
• Patto di
famiglia
• Trust

notaio rizzonelli 38
Il Trust
 Argomenti contro:

• Donazione  E’ regolato da leggi straniere


• Testamento  E’ sicuramente più costoso in termini sia di
• Vitalizio costituzione che di mantenimento
atipico  Non supera il problema della quota di
• Family buy- legittima, ed è soggetto a riduzione e collazione
out  Impone un trasferimento immediato della
• Patto di proprietà (anche se può essere inizialmente
famiglia solo conferita la nuda proprietà)
• Trust

notaio rizzonelli 39
Il Trust

• Donazione  Al fine di poter meglio cogliere gli aspetti


• Testamento positivi del patto di famiglia e del trust, nella
• Vitalizio prassi applicativa più evoluta si utilizzano i
atipico due strumenti in maniera combinata,
• Family buy- attraverso la conclusione di uno o più patti di
out famiglia, se le famiglie sono più d’una,
• Patto di collegati negozialmente con un trust.
famiglia
• Trust

notaio rizzonelli 40