Sei sulla pagina 1di 1

La battaglia di Iwo Jima si svolse durante la guerra nel Pacifico nell'omonima

isola giapponese tra le forze statunitensi al comando dell'ammiraglio Raymond


Spruance e le truppe dell'esercito imperiale giapponese al comando del generale
Tadamichi Kuribayashi, coadiuvate da reparti della marina guidati dal
contrammiraglio Toshinosuke Ichimaru.

Insieme a Okinawa, Iwo Jima rappresentava uno scudo avanzato per le isole
metropolitane dell'Impero giapponese che potevano essere coinvolte in uno sbarco
degli Alleati: le due posizioni erano perci� presidiate da guarnigioni numerose e
bene armate. Anche per gli Stati Uniti, Iwo Jima rivestiva notevole interesse,
poich� dagli aeroporti dell'isola sarebbero potute decollare le scorte di caccia ai
bombardieri strategici Boeing B-29 Superfortress basati nelle isole Marianne e in
Cina, che dal giugno 1944 colpivano le industrie e le infrastrutture giapponesi.

I lavori di fortificazione precedenti lo sbarco avevano trasformato l'isola in una


vera e propria fortezza che, nonostante i bombardamenti preliminari effettuati
dall'8 dicembre 1944, oppose una strenua resistenza alle unit� statunitensi,
principalmente del Corpo dei Marine, sbarcate il 19 febbraio sotto lo schermo
protettivo di una completa supremazia aeronavale. La feroce battaglia si concluse
ufficialmente il 26 marzo 1945 con il quasi totale annientamento della guarnigione
giapponese e la perdita di oltre 23 000 uomini fra morti e feriti per gli Stati
Uniti (unico episodio della campagna di riconquista del Pacifico in cui gli USA
soffrirono pi� perdite dei giapponesi).