Sei sulla pagina 1di 4

Metodo degli spostamenti - Metodo delle forze

Cominciando ad esaminare il caso di una semplice molla (o un’asta), la relazione elastica si


può scrivere in due modi concettualmente distinti

K, C F FKx x si risolve mediante problema inverso


x x CF x si risolve mediante problema diretto

Ovviamente si ha che C  K 1
Il primo metodo utilizza i coefficienti di rigidezza e viene chiamato metodo degli
spostamenti
Il secondo metodo utilizza i coefficienti di flessibilità e viene chiamato metodo delle forze

Nel caso esaminato C e K sono scalari e quindi è agevole passare dall’uno all’altro, se la
struttura è più complessa si tratta di matrici e per il passaggio occorre invertire queste ultime

Si intenderanno nel seguito gli spostamenti e le forze come generalizzati nel senso
che non si distinguono i g.d.l. traslazionali e rotazionali nella simbologia
Definiamo correttamente i coefficienti delle matrici:

Fi Forza misurata nel gdl i quando alla struttura viene imposto


Ki j  il solo spostamento unitario nel gdl j (tutti altri nulli)
xj
xi Spostamento misurato nel gdl i quando alla struttura viene
Ci j 
Fj imposto la sola forza unitaria nel gdl j (tutte altre nulle)

Se il sistema in studio è lineare, vale la reciprocità dei coefficienti Ki j  K j i Ci j  C j i

Mediante l’ausilio di una trave inflessa nel piano si può evidenziare la differenza nella risoluzione
Metodo spostamenti Metodo forze
F1 F3 x3

F2 F4 x4
Coefficienti rigidezza definibili Coefficienti flessibilità definibili
F F
K1 3  1 ; K1 4  1 C1 3  0 ; C1 4  0
x3 x4
F F C2 3  0 C2 4  0
K23  2 ; K2 4  2 ;
x3 x4
x3 x3
F
K3 3  3 ;
F
K3 4  3 C3 3  ; C3 4 
x3 x4 F3 F4
x4 x4
K43  4
F
;
F
K4 4  4 C4 3  ; C4 4 
x3 x4 F3 F4
Applicando la sovrapposizione degli effetti (sistema lineare)

F1  K1 3 x 3  K1 4 x 4 x 3  C3 3 F3  C3 4 F4
F2  K 2 3 x 3  K 2 4 x 4 x 4  C4 3 F3  C4 4 F4
F3  K 3 3 x 3  K 3 4 x 4
F4  K 4 3 x 3  K 4 4 x 4 + altri equilibri per risoluzione

Le incognite sono: 2 spostamenti (x3 x4)


2 reazioni vincolari (F1 F2)

Le equazioni consentono di Le 2 equazioni consentono di determinare


determinare (x3 x4) mediante inversione (x3 x4) mediante risoluzione diretta, ma
matriciale 2 x 2 occorrono condizioni aggiuntive per
Le equazioni consentono di trovare (F1 F2)
determinare (F1 F2) mediante risoluzione
diretta
Considerazioni sul confronto tra i due metodi di impostazione

Nel metodo degli spostamenti si scrivono tante equazioni quante sono


le forze applicabili alla struttura (compresi i vincoli)
Nel metodo delle forze si scrivono tante equazioni quante sono gli
spostamenti generalizzati possibili
Nel primo caso si avrà sempre un numero di equazioni sufficienti a risolvere il problema nel
secondo si risolveranno sempre gli spostamenti ma possono nascere complicazioni nelle
reazioni vincolari
Se la struttura è iperstatica (negli elementi finiti è quasi la regola) il metodo degli spostamenti si
scrive indipendentemente dai vincoli, che modificano solo la ripartizione delle equazioni dei
due tipi
Le strutture iperstatiche, con il metodo delle forze, richiedono passi ulteriori per conoscere le
reazioni vincolari

Si può scrivere la matrice di rigidezza di una struttura labile (ma non si può risolvere)

Non si può scrivere la matrice di flessibilità di una struttura labile


Per calcolare i termini di una colonna della matrice di rigidezza si può (per definizione)
considerare solo la parte della struttura confinante con il grado di libertà j considerato per lo
spostamento
Per calcolare i termini di una colonna della matrice di flessibilità occorre considerare sempre
l’intera struttura, con i suoi vincoli
Il metodo delle forze è stato più utilizzato nel passato perché fornisce sistemi più snelli da
manipolare e non richiede inversione di matrici nella soluzione
Il metodo degli spostamenti si implementa decisamente meglio su elaboratore elettronico,
fornisce sempre sistemi completi, ed è pertanto quello più largamente utilizzato nei codici di
calcolo
I termini di C sono legati ai vincoli presenti, quelli di K no