Sei sulla pagina 1di 1

Fedro I, 4 - Canis per fluvium carnem ferens

adpetit : in forza del


prefisso AD: cerca
Amittit merito proprium qui alienum adpetit. di prendere (ma in
aggiunta a ciò che
già possiede)
qui = is qui «colui
Canis per flumen carnem dum ferret natans, che».
dum ferret: Dum, è
accompagnato dal
congiuntivo, perché
lympharum in speculo vidit simulacrum suum, qui implica in
aggiunta al valore
temporale una
aliamque praedam ab altero ferri putans, relazione causale tra
la principale e le
subordinate.
Lympharum:
eripere voluit. Verum decepta aviditas Poetico per acqua
cum: introduce una
prop. narrativa
temporale. –
et quem tenebat ore dimisit cibum, Canis ... natans:
costruisci: Canis
cum ferret carnem
nec quem petebat potuit adeo attingere. natans per flumen. –
decepta aviditas:
Fedro
spesso usa l’astratto
«Perde giustamente il proprio chi brama l’altrui (bene)». per il concreto.
«Un cane, portando un pezzo di carne, mentre attraversava un fiume, vide la sua quem tenebat: prop.
immagine (riflessa) nello specchio delle acque, e ritenendo che un’altra preda sub. relativa che
fosse portata da un altro cane, volle strappargliela “anticipa” la
«Ma l’avidità ingannata lasciò cadere dalla bocca il cibo che teneva e tanto meno reggente così come
poté raggiungere (il cibo) che desiderava». avviene per la
successiva quem
petebat. –

• amittit: pres. ind. di amitto, -is, amisi, amissum, -ere,
• adpetit: pres. indic. di adpeto (da ad + peto).
• ferret: imperf. ind. di fero, fers, tuli, latum, ferre, irreg.
• natans: partic. pres di nato, -as (frequentativo di no, nas).
• putans: partic. pres. di puto, putas, congiunto a canis; regge l’infinitiva oggettiva aliam praedam ferri (inf.
pres. del pass. di fero, fers, tuli, latum, ferre, irreg.):
• voluit: perf. indic. di volo, vis, volui, velle, «volere», irregolare.
• eripere: inf. pres. di erı˘pı˘o, erı˘pis, erı˘pu˘ i, ere¯ptum, eripe˘re (da e + rapı˘o, rapis, rapu˘ i, raptum,
rape˘re, verbo in -io della 3ª).
• decepta: partic. perf. di decı˘pı˘o, decı˘pis, dece¯pi, deceptum, decipe˘re (da de + capio) «ingannare», verbo
in –io della 3ª.
• dimisit: perf. ind. di dimitto, -is,
• dimisi, dimissum, -e˘re, 3ª (da de + mitto): «lasciò cadere». – ore: abl. di moto da luogo (da os, oris) retto da
dimisit. –
• petebat: imperf. ind. di peto, -is, petı¯vi o petı˘i, petı¯tum, -e˘re, 3a.
• potuit: perf. indic. di possum, potes, potui, posse, «potere» (composto di sum).
• attingere: inf. pres. di attingo, -is, attı˘gi, attactum, -e˘re, 3ª (composto da ad + tango).