Sei sulla pagina 1di 2

DOMENICA DELL’ADORAZIONE DELLA SS.

MA CROCE
Alla fine della Doxologhia, si forma la Processione uscendo dalla porta Nord
dell’Iconostasi. Prima lo stavroforos, i lampaduchi, gli esapteruchi, il Coro, infine i
Celebranti, con il primo Celebrante che reca la reliquia della SS.ma Croce. La proces-
sione si dirige verso il fondo della chiesa sul lato dell’ambone, poi torna al centro pas-
sando dalla navata centrale.
Durante la processione si cantano i seguenti stichirà:
P. Làmpson, o tù Kirìu stavròs, tès fen- Illumina, o Croce del Signore, con i
govòlis astrapès su tìs chàritos, kardìas lampi luminosi della tua grazia, i cuori
tòn sè timòndon, ke theolìpto storghì di quanti ti venerano e ti abbracciano,
periptissomènon, kosmopòthite; di’ù tu che sei l’aspirazione del mondo, con
tòn dakrìon exifanìsthi katìfia, kè tù tenerezza divinamente ispirata. Per te è
thanàtu tòn paghìdon errìsthimen, kè stata distrutta la tristezza delle lacrime,
pròs àlikton evfrosìnin metìlthomen; siamo liberati dalle catene della morte
dìxon tìs oreòtitos tìs sìs efprèpian, tàs e ci avviciniamo alla gioia senza fine.
antidòsis parèchon tìs egkratìas tìs dù- Manifesta lo splendore della tua bel-
lis su, pistòs etumènis sìn plusìan pro- lezza e ricompensa la continenza dei
stasìan, kè mèga èleos. tuoi servi che chiedono con fede la tua
ricca protezione e la grande misericor-
dia.
Chèris, o zoifòros stavròs, tìs Ekklisìas Rallegrati, o Croce portatrice di vita,
o orèos paràdisos, tò xìlon tìs afthar- paradiso della Chiesa, legno dell’incor-
sìas, tò exanthìsan imìn eonìu dòxis tìn rutibilità che fa fiorire per noi il gaudio
apòlafsin; di’ù tòn demònon apo- della gloria eterna. Per te le falangi dei
diòkonde fàlanghes, kè tòn Anghèlon demoni sono respinte e gli eserciti an-
sinevfrènonde tàgmata, kè sistìmata gelici si rallegrano e la folla dei fedeli
tòn pistòn eortàzusin; òplon akata- festeggia: arma invincibile, forza indi-
gòniston, kratèoma àrrikton, tòn vasi- struttibile, vittoria dei Re, vanto dei sa-
lèon tò nìkos, tòn Ierèon tò kàfchima; cerdoti. E concedici di poter anticipare
Christù nìn tà pàthi kè imìn dìdu sin da adesso la Passione e la Resurre-
profthàse kè tìn anàstasin. zione di Cristo.
Chèris, o zoifòros stavròs, tìs efsevìas Rallegrati, o Croce portatrice di vita,
tò aìttiton tròpeon, i thìra tù paradìsu, trofeo invincibile della pietà, porta del
o tòn pistòn stirigmòs, tò tìs Ekklisìas paradiso sostegno dei fedeli, baluardo
peritìchisma; di’ù exifàniste i arà, kè della Chiesa. Per te viene sciolta la ma-
katìrghite ke katepòthi tù thanàtu i dì- ledizione ed inghiottita la potenza del-
namis, kè ipsòthimen apò ghìs pròs la morte, e noi siamo innalzati dalla
urània, òplon akatamàchiton, de- terra ai cieli. Arma non combattibile,
mònon antìpale, dòxa martìron, osìon avversario dei demoni, gloria dei mar-
2
os alithòs enkallòpisma, limìn sotirìas, tiri, ornamento vero dei santi, porta di
o dorùmenos tò kòsmo tò mèga èleos. salvezza che dà al mondo la grande
misericordia.
Dèvro, tòn protoplàston diàs, i tìs oho- Venite, voi nostri due primi genitori,
rìas ekpesùsa tìs ànothen tò fthòno tù voi che siete decaduti dallo stato origi-
vrotoktònu, dià pikràs idonìs tìs tù xìlu nale superiore per il malanimo dell’o-
pàle apoghèvseos; idù, tò pansèvaston micida, a causa dell’amaro piacere di
òndos xìlon prosèrchete, ò prosdra- gustare il frutto dell’albero antico. Ecco
mòndes en charà periptìxasthe, kè che ci viene presentato il vero legno
voìsate pròs aftò metà pìsteos; Sì imòn, venerabilissimo. Correte ed abbraccia-
i antìlipsis stavrè pansevàsmie, ù tù telo nella gioia e gridate con fede: Tu
karpù metaschòntes, tìs aftharsìas etì- sei la nostra protezione, o Croce vene-
chomen, Edèm tìn protèran komi- rabilissima. Comunicando al tuo frutto,
sàmeni vevèan, kè mèga èleos. troveremo la vita incorruttibile e rag-
giungeremo l’antico sicuro paradiso e
la grande misericordia
Arrivati al centro il Coro torna al suo posto e il primo Celebrante gira tre volte attor-
no al tetrapodio.
D. Sofìa, orthì. Sapienza, in piedi
Il primo Celebrante depone la Croce sul tetrapodio e la incensa sui quattro lati, can-
tando:
S. Sòson Kirie ton laòn su ke evlòghi- Salva, o Signore, il tuo popolo e bene-
son tin klironomian su, nìkas tis vasi- dici la tua eredità. Concedi ai Re la vit-
lèvsi katà varvàron dhorùmenos ke to toria sui barbari e custodisci il tuo po-
son filàtton dhià tu Stavrù su polite- polo per mezzo della tua Croce.
vma.
Questo inno viene ripreso due volte dal Coro. Infine il primo Celebrante canta:
S. Ton Stavròn su proskinùmen, Dhè- Adoriamo la tua Croce, o Sovrano, e
spota, ke tin aghìan su anàstasin glorifichiamo la tua santa Risurrezione.
dhoxàzomen.
Mentre i celebranti e tutto il popolo venerano la SS.ma Croce lo stesso inno viene ri-
petuto dal Coro
Riprende la Divina Liturgia, durante la quale in luogo del consueto Trisaghion si can-
ta:
P. Ton Stavròn su proskinùmen, Adoriamo la tua Croce, o Sovrano, e
Dhèspota, ke tin aghìan su anàstasin glorifichiamo la tua santa Resurrezio-
dhoxàzomen. ne.