Sei sulla pagina 1di 3

Indic

e
1.Geografia fisica
2.Territorio
3.Clima
4.Storia
5.Monumenti e luoghi d'interesse
6.Società
7.Cultura
8.Economia
9.Infrastrutture e trasporti
Geografia fisica

Veduta panoramica di Roma dalla cupola di San Pietro

Territorio
Il territorio comunale è ampio, avendo inglobato aree abbandonate da secoli, per la maggior parte
paludose e inadatte all'agricoltura e non appartenenti ad alcun municipio: con una superficie di 1
287,36 km² è il più vasto d'Italia ed è uno dei più estesi tra le capitali europee.La densità abitativa
non è elevatissima, per la presenza di aree verdi sparse nel territorio comunale:Roma rappresenta
un unicum nel mondo occidentale per la Il territorio su cui la città è sorta e si è sviluppata ha una
storia geologicamente complessa: il substrato recente è costituito dal materiale piroclastico prodotto
dai vulcani, ormai spenti, che cingono l'area della città a sud-est, il Vulcano Laziale negli attuali Colli
Albani, e a nord-ovest, i Monti Sabatini, tra 600 000 e 300 000 anni fa. Da questi depositi si formano
gran parte dei rilievi collinari dell'area. Successivamente l'attività fluviale del Tevere e dell'Aniene
contribuì all'erosione dei rilievi e alla sedimentazione, caratterizzando il territorio attuale.Il territorio di
Roma, pertanto, presenta diversi paesaggi naturali e caratteristiche ambientali: alcuni rilievi
montuosi e colline (compresi gli storici sette colli), le zone pianeggianti, il fiume Tevere e i suoi
affluenti, le marrane, i laghi di Bracciano e di Martignano e quelli artificiali, un'isola fluviale (l'isola
Tiberina), la costa sabbiosa del lido di Ostia, il mar Tirreno.
Clima