Sei sulla pagina 1di 16

UN I O N UNION: ITALIANA ORGAN|SM| NOT|FtCATt E AB|L|TATI

UNlstore -2016- 368024

NORMA Modifiche ad ascensori idraulici installlati in conformità


ITALIANA alla Direttiva 9S/16/CE e alla UNI EN B.it-2 uNt 10411.4

MABZO 201 6

Modific_alion of hydraulic lifts instailerd in accordirnce with Directive


95/16/EC and UNI EN 81-2

per la modifica cli ascensori idraulici


E, progettatie installati in conformità
e ad altre norme, armonizzate per la

La presente norma non tratta re modifiche che comportano


una
variazione delle misure di protezione contro l,in,r:endio.

TNSTÙ $TAffAru*

lcs 91.140.90

O UNI
Riproduzione vietata. Legge 22 apr|e
ENTE I LIANO Tutli i diritti sono riservati. Nessuna parte
1 941 N" 633 e successivi aggiornamenti.

'cel presente documento puólssere riprodotta o diffusa


trI NORMAZIONE c0n un mezzo qualsiasi, fotocopie, microlirÌm o altro, senza il
consenso scritto dell,uNl.

UNI 1041 1-4:2016 Pagina I


UN.I.O N UNIO[\IE ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI E ABILITATI
UNlstore -2016- 368024

PREMESSA
La presente norma è stata eraborata sotto ra c.mpetenza deila
Commissione Tecnica UNI
lmpianti di ascensori, montacarichi, scale mobiili e apparecchi
similari

La Commissione Centrale Tecnica dell,UNl hi:r dato la sua


approvazione il2 marzo 2016.

La presente norma è stata ratificata dal presidente dell,UNf ed


è
entrata a far parte der corpo normativo nazionare ir 10 marzo
2016.

Le norme uNl sono elaborate cercando di tenere conlo dei punil


di vista di tutte le parti
Interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per fappfesentare
il reale stato
dell'arte della materia ed il necessario grado di consenso.
dell
Chiunque ritenesse, a seguito a norma, 0l
gerimenti per un suo migliorament amento ad I
i
in evoluzione è pregato di inviare M, Ente Na
conside
Unificazione, che li terrà in revisione dl

Le norme uNl sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione


di nuove edizioni o
di aggiornamenti.
tr | si accertino di erisere in possesso
de
Si a di norme UNI corrispondenli alle
n0

UNI 1041 1-4:2016 @ UNI Pagina ll


UN I O N. UNIONE ITALIANA ORGANISM| NOT|FtCATt E ABtLtTA-r'l
UNlstore -2016- 368024

INDICE

INTRODUZIONE

SCOPO E CAMPO DIAPPLICAZIONE

RIFERIMENTI NORMATIVI

TERMINIE DEFINIZIONI

REQUISITI GENERALI

VARIAZIONE DEL CARICO SULLA STRUTTURA POFITANTE

vARtAZtONE DEL CAR!Co STATTCO ( r-) SUL TRATTO DELLE FUNI


LATO CABINA O SUL PISTONE NEL CASO DIAZIONANIENTO DIRETTO

RIDUZIONE DELLA DISTANZA FRA GLI ORGANI MOBILI E LE DIFESE


DEL VANO

SPAZIO DEL MACCHINARIO

SOSTÍIUZIONE O AMPLIAMENTO DELLE LINEE ELETTIìICHE ESISTENTI

t0 SOSTITUZIONE DEL QUADRO DI MANOVRA O DEI S|UOI COMPONENTI


CON O SENZA VARIAZIONE DELLO SC:HEMA 4
'r0.1
Sostituzione del quadro di manovra, ,. .,,.,.. . .... . .... 4
10.2 Sostituzione o aggiunta di componenti al quadro di manc,vra, con o senza
variazioni dello schema..,.,..,. . ..
. . . ... 4

11 SOSTITUZIONE APPARECCHIATURE IDRAULICHE 4


'11.1
Sostituzione del gruppo cilindro-pistone,.., 4
ILL Sostiluzione del macchinario,,., 4

12 VARIAZIONE DELLA VELOCITÀ NOMINALE


12.1 Generalità.,, 4
12.2 ....,, .. .. . . ... 4
Variazione della velocità nominale in discesa,,,,...,,,. , ,,
I Z.\) Variazione della velocità nominale in salila,,. . . . . . .... 5

13 AUMENTO DELLA CORSA CON RELATilVo AUMENTI) DELL'ALTEZZA


DEL VANO DI CORSA

14 SOSTITUZIONE DELLE FUNI DI SOSPENSIONE

15 SOSTITUZIONE DEL LIMITATORE DI VELOCITÀ

16 SOSTITUZIONE DELLE PORTE DI PIANO

17 SOSTITUZIONE DEL MOTORE

18 MODIFICA SOSTANZIALE DELL'IMPIANTO NEL VANI) DICORSA


PREESISTENTE

19 SOSTITUZIONE DELLA CABINA NELLA STESSA INTÍiLAIATURA

GUIDE DICABINA

21 DISPOSITIVO DI COMUNICAZIONE BIDIREZIONALE

22 DOCUMENTAZIONE

UNI 1041 1 -4:2016


uN.t.o.N. ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI E ABILIT
UNlstore - 2016 368024

APPENDICE A DOCUMENTAZIONETECNICA
(normaiiva)

ul UNI 1041 1-4:2016


UN I.O N. UNIONIE ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI E ABILITI\]-I
UNlstore -2016-368024

INTRODUZIONE
La presente norma è stata elaborata per perntettere a chi effettua
modifiche ad ascensori
idraulici che rientrano nello scopo e campo di applicazione di soddisfare quanto
dal Decreto del Ministero dello sviluppo Economico 22 gennaio 200grichiesto N. 37
"Regolamento concernente I'attuazione dell'articolo 11-quaterdeòies,
comma 13, lettera
a) della legge N" 248 del2 dicembrer 2005, reoante riordino delle disposizioni
in materia di
attività di installazione degli impianti all'internc degli edifici'.
Nota ll comma 1 dell'articolo 6 del Decreto del lVinistero dello Sviluppo Economico
22 gennaio 200g n. 37 afferma
ch anti secondo la re5lola dell'arle, in conformilà alla normativa vioente e
so -viqenre
cuzione degli stessi, Gli impianti realizzaÍi in conformità alla
no CEI o di altri Enli di normalizzazione appartenenli agli Stati mòmbri
de contraenti del 'accordo sullo spazio economtco europeo, si considerano
eseguili secondo la regola dell'arte.,'

II SCOPO E CAMPO DIAPPLICAZIONE


La presente norma specifica i requisiti per la rnodifica di ascensori idraulici
conformi alla
Direttiva 95/16/CE, progettati e installati in corrformità alla EN 81-2 ect
eventualmente ad
altre norme armonizzate per la stessa direttivar.
Sono esclusi gli ascensori muniti di attestato di esame CE del tipo di ascensore,
secondo
l'Allegato V della Direttiva g\l16/Cl=.
La presente norma tratta le moclifiche che più frequentemente sono effettuate
sugli
ascensori. Soluzioni diverse da quelle indicate nel testo non danno presunzione
ài
conformità alla presente norma.
La presente norma non tratta le modifiche che rlsrnpoliano una variazione
delle misure di
protezione contro l'incendio.
La presente norma, fino a un anno dalla suir data di pubblicazione, può non essere
applicata alle modifiche degli ascensori per i quali la conferma d'ordine delle modifiche
da
parte del proprietario dell'impianto è avvenutir prima della data di pubblicazione
della
presente norma.

RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma rimanda, mediante riferimernti datati e no, a disposizioni
contenute in
altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo
e
sono di seguito elencati. Per quanlo riguarda i riferimenti datati, successive modifiche
o
revisioni apportate a dette pubblicazionivalgorro unicamente se introdotte nella presente
norma come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale I'ultima
edizione
della pubblicazione alla quale si fa niferimento,
UNI EN 81'2:2010 Regole di sicurezza per ta costruzione e I'installazione di
ascensori - Parte 2: Ari;censori idraulici
UNI EN 81-21:2012 Regole di sicurezza per la costruzione e l'installazione di
ascensori - Ascensori per il trasporto di persone e cose _ parte
21: Ascensrori nuovi per persone e cose in edifici esistenti
UNf EN 81'28:2004 Regole di sicurezza per la costruzione e I'installazione di
ascensori - Ascensori per il trasporto di persone e merci _
Teleallarmi per ascensr)ri e ascensori per mercl
lso 1219-1:2o12 Fluid power systems a.nd components - Graphical symbols and
circuit diaglrams Graprhical symbols for conventional use and
data-processing applications
UNI EN ISO 13857:2008 Sicurezza <jel macchin,irrio - Distanze di sicurezza per impedire
il
raggiungimento di zone;, pericolose con gli arti r;uperiori e inferiori

UNI 1041l-4:2016
UN I O.N. UNIONIE ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI E ABILITI\I'I
UNlstore -2016-368024

TERMINIE DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma si applicano itermini e le clefinizioni di cui alla UNI EN g1-2:2010.

REQUISITI GENERALI
Per tutte le parti modificate o di nuova installazione,, i sisterni di fissaggio delle protezioni,
che sono usate specificatamente per fornire una protezione contro i rischi meccanici,
elettrici o di ogni altro tipo per mezzo di una barrielra fisica e che devono essere rimosse
durante le operazioni di manutenzione ed ispezione, devono rimanere attaccati alle
protezioni o all'apparecchiatura, quando le protezic,ni sono rimosse.
Per ogni singola modifica, I'esecutore della m<ldifica rjeve esaminare e tenere in
considerazione la documentazione rela,tiva all'ascensore.
La valutazione del livello di sicurezza di un ascens,ore, a seguito di un intervento e/o una
modifica rispetto alla situazione preesistente, derve tenere conto della sicurezza del
singolo componente modificato, di quella di tutti i crlmponenti influenzati dalla modifica e
della sicurezza globale dell'ascensore rnodificaro.

VARIAZIONE DEL CARICO SULLA SI'RUTTURA PORTANTE


Qualora, in seguito alle modifiche apportate all'asri)ensore, si verifichi un aumento delle
forze statiche e/o dinamiche agenti sulle strutture portanti dell'edificio e/o una variazione
a sfavore della sicurezza del loro punto di applicazione, il prroprietario deve documentare
che le strutture portanti dell'edificio siano idonee a sopportare le sollecitazioni indotte
dall'ascensore modificato.

VARIAZIONE DEL CARICO STATICO (T-)SUL TRATTO DELLE FUI.II LATO CABINA
O SUL PISTONE NEL CASO DIAZIONAMENTO TIIRETTO

6,1 Qualora, in seguito alle modifiche da apportare all'ilscensore, si verifichi un aumento del
carico statico f* sul tratto di fune lato cabina o l;ul pistone, nel caso di azionamento
diretto, si applicano i punti da 6.2 a 6.16.
Qualora, in seguito alle modifiche, si abbia una diminuzione di f *, gli eventuali ammortizzatori
preesistenti devono essere conformi ai punti 10.3 e 10 4 della UNI EN 81-2:2010 e l'eventuale
paracadute a presa progressiva deve essere c;onforme ai punti g.g e g.10 della
UNI EN 81-2:2010.
Per qualsiasi variazione di f * deve cornunque essere aggiornata la documentazione con
i nuovi valori dei carich..

6.2 Per le strutture portanti dell'edificio, si applica il punto 5.

6.3 Le funi, se l'impianto ne è dotato, devono essere conformi ai punti g.1 e 9.2 della
uNl EN 81-2"2010.

6.4 Nella fossa in corrispondenza della cabrina, se la massa della stessa risulta maggiore di
quella preesistente, devono essere installati ammortizzatori conformi ai punti 10.3 e 10.4
della UNI EN 81-2:2010.

6.5 La resistenza delle guide e dei loro anccrraggi deve essere verificata, in conformità ai punti
10.1 e 10.2 della UNI EN 81-2.2010.

6.6 ll paracadute della cabina, se esistente, deve essere conforme, per i nuovi carichi, ai punti
9.8 e 9.10 della UNI EN 81-2:2010, altrimentideve l'ssere sostituito.

6.7 In caso di sostituzione, il nuovo paracarJute, il suo tsistema di azionamento e l'eventuale


limitatore divelocità devono essere conformiai punti9.8 e g.10 della UNI EN 81-2:2010.

|ni UNI 104'11-4:2016 O UNI Pagina 2


UN.I O N UNIONE ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI E ABILITATI
UNlstore -2016- 368024

6.8 Gli attacchi delle funi, se previste, devorro essere conforfiìi al punto 9.2.3 della
uNl EN 81-2"2010.

6.9 ll gruppo cilindro/pistone, le tulcazioni, le parti meccaniche di sostegno del gruppo


cilindro/pistone, il capofisso deller funi, se es;istente, e l'intelaiatura della cabina, se non
sostituiti, devono essere verificati in relazione ai nuovi carichi.

6.10 Nel caso di sostituzione delle parti idrauliche di cui al punto 6.9, si applica il punto 1 1; per
le parti non idrauliche, se sostituite, si applici:r la UNI EN 81-2:2010.

6.11 La valvola di blocco o la valvola lirnitatrice di flusso oevono essere conformi ai punti '12,5.5
e 12.5.6 e al prospetto 3 del punto 9.5 della t.JNl EN 81-2:2010.

6.12 La valvola di sovra-pressione deve essere confc,rme al punto 12.5.3 della UNI EN 81-2:20i0.

6.13 Relativamente alle precauzioni contro la craduta, la discesa a velocità eccessiva e


l'abbassamento lento della cabinra, si applica il punto 9.5 della uNl EN g1-2.2010.

6.14 Le velocità nominali in salita v, e in discesa q., non devono essere maggiori di 1,0 m/s (per
le definizioni di v. e vo, vedere il punto 3 della UNI EN 81-2:2010).

6.15 ll dispositivo di controllo del carico deve esse,re adeguato ai nuovi carichi.

6.16 ll macchinario (complesso degli organi motcrri, comprendente la pompa, il motore della
pompa e le valvole di comando) deve essere verificato in relazione ai nuovi carichi. ll
macchinario, ove di nuova installazione, dev€r essere conforme al punto 11.

RIDUZIONE DELLA DISTANZA FRA GLIOÍ:IGANI MOBILI E LE DIFESE DEL VANO


Se all'interno del vano di corsa si sposta una parte mobile o se ne inserisce una nuova ad
una distanza minore di quella precedente rispetto alle difese del vano, dette difese, per il
tratto interessato da tale riduzione maggir:rato di 0,10 m su ciascun lato, devono
soddisfare ai seguenti requisiti:
a) siapplica il punto 5.2.1.2 della UNI EN {i}1-2;2010 con esclusione delcomma b):
b) è ammesso I'uso di pareti traforate, in conformità al punto 4.2.4.2 della
UNI EN ISO 13857:2008;
c) la resistenza meccanica derlle difese cleve essere conforme al punto 5.3.1 della
UNI EN 81-2:2010.

SPAZIO DEL MACCHINARIO


Qualora si crei un nuovo spazio del macchinilrio o si modifichi quello esistente oppure si
spostino e/o inseriscano apparec:chiature al rsuo interno, il nuovo spazio o la sua nuova
configurazione devono essere conformi al punto 6 della UNI EN 81r-2:2010.

SOSTITUZIONE O AMPLIAMEN'I'O DELLE I,.INEE ELETTRICHE ESISTENTI


Le linee elettriche, per i tratti aggiunti o sostituiti, devono essere conformi al punto 13 della
uNl EN 81-2.2010.

UNI 10411-4:2016 @ UNI Pagina 3


10 SOSTITUZIONE DEL QUADRO DI
MANOVRA O DEI SUOI COMPONENTI
SENZA VABIAZIONE DELLO SCHEMÀ CON O

10,1 Sostituzione delquadro di manovra


ll nuovo quadro di manovra, incrusi circuiti,-.c^omponenti e
conforme ai punti 12, .t3 e 14 delta protezit>ni, deve essere
Uf.f f ef.tér -21:2010.

10.2
aggiunta di componenti ar qua,dro
di manovra, con o senza varíazioní
:ffJ'.'.ilffio
In occasione di sostituzione o
aggiunta di componenti del quadro
di manovra con o senza
eééer<, utitizzattt c'mponenti conformi
;:iHr,i^?, ÉlrTi-"#?,devono ai punti 12, 19 e 14

11 s osTtTUZt ON r 4 p p4 p 5 gcH tATUll e r onau ria n È


11.1 Sostituzione del gruppo cilindro-pistone

11.1.1 Qualora sia sostituito ir


gr^r?pg cirindro-pistone )ompreto, ir nuovo gruppo
conforme aipunti 12.1 e 12..2 delta deve essere
UtNt ÉNf er_z;ZOf O.
11.1.2
j#ffi xff[': j'# jitrT?il,1i#:Ji:1?jifi
"'ffi #:T3,T,'l',ll: ÈfiT]2,,2î:,3?''epa*
1 1.1.3 Deve essere installata una valvola
di bilocco o una iralvola
limitatrice di flusso, in conformità
alpunti 12'5'5 e 12'5'6 e alprospetto
3 delpunt.9.5 della uNl EN g1'2:2010.
11.1.4 La valvola disovra-pressione deve
essere conforme i:rlpunto 12.5.3 delfa
uNl EN g1-2:2010.
11.2 Sostituzione del macchinario
In caso di sostituzione der macchinario
(compress,c degri organi motor,
pompa, ir motore deila pompa comprendente ra
e re varvore oi crmaioo;,-rr ,".lr,inarjo
conforme arpunto 12 deila uNr EN deve essere
ar2,zóìlo,con escrusione derpunto 12.15.

12 VARIAZIONEDELLM
12.1 Generalità
Le velocità nominari in sarita v, e in discesa uo norr devonc) essere maggi.ri di
1,0 m/s.
12.2 Variazione della velocità nomínale
in discesa
12.2.1 Per variazioni deila verocità nominare
in discesa si ,ilppricano i punti da 12.2.2 a 12.2.10.
12.2.2 ln fossa' in corrispondenza della cabina,
devono essere installati idoner ammo
conformiaipunti 10.3 e 10.4 deila UfVf rtizzalori,
nf.f Ài-z,zOf O.
't2.2.3
llparacadute della cabina deve essere
conforme aipurrtig.g e g.10 della
UNI EN g1-2:2010.
't2.2.4
se la nuova velocità nomilaleè maggiore
dio,4 m/sr, le caratteristiche deile guide
essere conformi ai punti 10.2.2 e t devono
o-.à.g ctetta uNr EiN 81-2:2010.
12.2,s
no essere conformi a quelle riportate
nell,attestato di
utilizzato, se esistente. La resLten
za delle guide, dei
ollegano gli elenrenti deve essere
conforme al punto

UNI10411-4:2016
O UNI Pagina 4
uN I o N uNloNI: ITALIANA oRGANrsMr NorFrcATr E ABrLrrA-fl
UNlstore -2016 - 1168024

12.2.6 Lo spazio libero e le distanze in fossa devono essere conformi


UNI EN 81-2:2010.
al punto s.7.2 della

12.2,7 se la configurazione dei ruoghi non permette di soddisfare ir punto


12.2.6,ir punto 5.7.2
della UNI EN 8'1-2:2010 deve essere soddisfatto mediante
i'instailazione di dispositivi
previsti nel punto 5.7 della UNt EN 81_21,.2012.

12.2.8 Se il gruppo cilindro-pistone è dotitto di valvola di blocco o valvola


lirnitatrice di flusso,
questa deve essere conforme rispettivamr:lnte al punto 12.5.5 0
uNt EN 81-2,2010.
12.5.6 della

12.2.9 La precisione di arresto al piano e di livellamelrto deve


essere conforme al punto 12.15
della UNI EN 81-2:2010, tranne il cetso in cui la 'variazione
della velocità nominale sia non
maggiore delt5%.

12.2.10 Nel caso in cui la variazione della v,elocità nominale sia


maggiore del +5%, la protezione
contro il movimento incontrollato derlla cabina cfeve essere
cònforme al punto g.1s della
uNl EN 81-2.2010.

12.3 Variazione della velocità nominale in salita

12.3,1 Per variazioni della verocità nominale in salita si applicano


i punti da 12.3.2 a12.g.6.
12.3.2 Lo spazio libero e le distanze in testata del vano devono
essere conformi al punto 5.7.1
della UNI EN 81-2:2010.

12.3,3 se la configurazione dei ruoghi non permette di soddisfare ir punto


12.s.2,i1 punto 5.7.1
della UNI EN 81-2:2010 deve ess€)re soddisfafto mediante
I'instàllazione di dispositivi
previsti nel punto 5.5 della UNI EN gi1_21i2012.

12,3.4 Devono essere previsti mezzi per arrestare il pistone con effetto ammortizzato, in
conformità al punto 12.2.3 della UNI EN g1-2:2Ct1O.

12.3.5 La precisione di arresto al piano e cli livellamento deve


essere conforme al punto.l 2.15
della UNI EN 81-2:2010, tranne il caso in cui la variazione
della velocità nominale sia non
maggiore del 15%.

12.3,6 Nel caso in cui la variazione della velocità nominale sia


maggiore del +b%, la protezione
contro il movimento incontrollato della cabina deve essere conforme
at punto g.13 della
uNl EN 81-2"2010.

13 AUMENTO DELLA CORSA CON RE|LATIVO ALIMENTO


DELL'ALTEZA oer. vnr,ro oI
CORSA
Devono essere soddisfatte le seguenti condizroni:
a) per l'eventuale spostamento dello spazio derl macchinario,
si apprica il punto g;
b) per l'eventuare spostamento der macchinari,r:, si
apprrica ir punto 5;
c) le difese del vano per i tratti aggiunti dev,ono essere conformi al punto
5 della
UNI EN 81-2:2010' Qualora il vano esistente presenti difese
forate, il nuovo tratto
può essere realizzato in conformità ai punti,5.1 a)e
b)della uNl EI\l g1-21:2012, sà
sussistono le condizioni che le hanno conserntite,
d) per la sostituzione elo l'ampliamento delle linee elettriche,
si applica ilpunto 13 della
UNI EN 81-2:2010;
e) perla modifica delquadro dimanovra, siapplica ilpunto
10.2;
f) le guide della cabina, per itrattiaggiunti, de,,rono sorldisfare
ipunti 10.1 e 10.2 della
UNI EN 81-2:2010;
g) per la sostituzione deile funi di sospensione, si apprica punto
ir 14;

UNI 1041 1-4:2016


UN I O N UNIONE ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI
E ABILITATI
UNlstore -2016-368024

h) per I'eventuare sostituzione deila fune der


rimi.tatore di verocità, si appricano i punti
9.1O.2,9.10.9 e g.10.6 deila UNt EN 81_2:201r);
per i nuovi spazi liberi alla/e estremità
del vano e in corrispondenza all,aumento
corsa, si applica il punto 5.7 della LJNt EN 81-2 della
2010. $oio qr"noìr" configurazione
dei luoghi non permette di soddisfare ir purrto
5.2 deila uNr EN 81_2:2010, si
applicano i punti 5.5.e S.7 della UNI EN Al_Zt:ZOIZ:
nel caso di sostituzione der gruppo cirindro-pisrione,
si apprica ir punto 11.1.

14 SOSTITUZIONE DELLE FUNI DI SOSPENSIOM


La sostituzione delle funi di sospensiorre con altre
simili, di pari diametro anche se di
formazione diversa, deve essere confornne ar punto
r1.1.2 deila uNr EN g1_2:2010.

15

L'eventuale limitatore di velocità il relativo tr:nditore,


la f,une di collegamento e i relativi contatti
elettrici devono essere conformi ai punti 9.10.1, g.10.2,9.10.6
della uNl EN g1-2:2010.

16 SOSTITUZIONE DELLE PORTE DIPIAN'


16.1 Le nuove porte di piano devono essere crcnformi
al 6runto 7 della uNl EN g1- 2:2010.
16.2 Qualora la porta preesistente abbia caratteristicrhe antincendio,
antincendio della nuova porta devono essere rispondenti le caratterístiche
legislazione
a quanto richiesto dalla
vigente in merito aila prevenzione incenciri deil'edificiol).

17 SOSTITUZIONE DEL MOTORE


ll.nuovo motore, comprese le linee dí alimentazrone
e le protezioni, deve essere conforme
ai punti 12.12,12.14 e 13 deila UNt EN 8.1_2:20j0.

18 MoDrFrcA sosrANzrAle oell'tmpnruro tr+ viiNo DtcoRsA pREES[STEr,rrE


Nel caso in cui si modifica in maniera sostanziale
un ascensore preesistente2),
l'ascensoremodificato deve essere conforme alla UfJl gN
at-e:2010 ed eventualmente
ad altre norme armonizzale per la stesser direttiva, t+nendo
presenti le norrne tecniche
UNI iltrasporto dei disabili.

dr pubbricazione deila presente norma è in


4lJq 94u vigore ir Decreto der pres
151 "Resotamento
"runrÀ
norma dell'articolo 49,
.àniprffiÎé,;ir; jir.'eri*r
o.i procedinrent îJ ,îSiitir#lJ, ?
comma,4-quater, del decreto_legge 31 maggio
legge 30 luglio 2010, n. 122" ,
2010, modjficazioni, dalla
l4l
ia una modifica sostanziale di un ascensore preersistente,
cioè cosa sja un inlervento che non si
o1^'::::t:191.-lY?tol si riporta diseguik;'quanto affermatò
'onu nela guida urrìupprió..iàr,,
95/16 in meríto al concetto di ascensore nuovo.
ll terzo paragrafo del punto 17 della Guída all'applicazione
della Direttiva /\scensori gs/16/Ec
[7] afferma quanto segue:
"La Direttiva agll ascensori quando essi sono immessi nel mr:rcato
qu
si applica uovi. ll comítato Ascensori, cosrituito secondo l'cLrticolo
e messi in esercizio per la prima volta. Essa

gli ascensori
o oella Direttiva na espresrio l,opinione che
aile prescrizioni dera oirettivà ós)ì0rcE, incrudc,noquaÀt. "
.,ùri,,
- ascensori installail in edifici nuovi:
- ascensori installati in edifici esistenti;
- ascensori installati in vani di corsa esistenti,
in sostituzione di ascenrsori esistenti, compreso il caso nel quale
mantengono le guide esistenti e i loro fissaggi oppure si
i soli fissaggi.,,

UNI 1041 1-4:2016


Pagina 6
UN I O N UNION,= ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI
E ABILITATI
UNlstore -2016- 368024

19 SOSTITUZIONE DELLA CABINA NIELLA


STE|SSA INTELAIATURA
all'impianto cottnportano la sola sostituzione
della cabina
caratteristiche creila nuova cabina, nonché
tutti i dispositivi
linee di alimentazione) su essa installati,
devono
N 81-2:2010. "a."r"

20 GUIDE DICABINA
Qualora, a seguito si sollecitazioni sulle
guide dicabina, co d
àl punto 12, le guid ;
velocità conforme
giunti, inclusi iloro
ancoraggi, devóno essere conformi ar punto 1 c.|r:

21 Dts p0stfl v0 Dt c0 MUNtCAZ|O


nÈ BtDt R EZi:lr,rnrr
Qualora si sostituisca il dispositivo, di comunir:azione
bidirezionale, esso deve essere
conforme al punto 5.10 dela uNr Er! g1-2:2O1Cr
e aila uNr EN g1_2g:2a04.

22 DOCUMENTAZIONE

22.1 A seguito di qualsiasi modifica di impianto, le


nuove caratteristiche dell,impianto stesso
devono risultare dalla documentazione indicata
nell'appendice A, che deve essere messa
del propríetario per la verifica straordinaria prevista
i,efl;f.ì]t'"ne rjaila legistazione
Qualora la modifica comporti una variazione del
manuale di manutenzione, quest,ultimo
deve essere aggiornato, in particolare per quanrrr
riguarda la manovra cri soccorso.
22.2
i da produt sistema di
e
"rigentea),
riportante
CE del tipo
cniche e il
tre,zza.

Alla data di pubblicazione della presente norma,


è in vigore il Decreto del presidente
0..'.,0 del Presidente obtt. Àep"roùri.r s ortobre 20101. ài+ della Repubblica B0 aprile 1999
l;iffijlJffi:'[îlo,,,3:, rù, ài. ararricoro r4, prevede re
Alla data di pubblicazione della presente norma,
è in vigore il Decreto del presidente della Repulrblica
30 aprile 1999
d;la Redubórica s <,ttoure zorò n. ziirài àrlarregatoìx,iievJ;i
iilt3î|,1tffil['|:,tjffjffi:î:tldPresidente 'l..

UNI 1041 1-4:2016


UN I. N. UNIONE ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI
E ABILITATI
UNls e-2016-368024

DOCUMENTAZIONE TECNICA

I
Punti della norma
Documenti da allegare
Riferimenti normativj per la modifica;
n0me e indirizzo dell'esecutore responsabile
della modifica, del proprietarro e/o deil,utente;
indirizzo dell'installazione;
numer0 di matricola dell,ascensore;
dichiarazione CE di conformità.

del carioo sulla struttura Dichiarazione di idoneità delle strutture portanti


OetteOìi[,0-J
[elazione tecnica e disegni da cui risultino le nuove posjzioni
e i nuovi valorl dei carichi applicati.
6 Varia,2ione del carico statico sul - Dichiarazione del nuovo valore del carho statlco
trattoldelle funi lato cabina o sul
srl tralio delb frrùtùblrìa.,,i pbt.Ì1e n
Se applicabile:
ptsr0îe - documentazione prevista al punto 5 (punto
6.2);
- copia dell'attestato di esame cE deltipol) del nuovo pari:rcadute
e relailva dichiarazione cE di conformità
(punto 6.6);
' copia dell'atteslato di esame CE del tipol) del nuovo
limitatore di velocità e relativa dichiarazione
conformità (punto
cE di
6.7);
' c.pia dell'attestato di esame cE der tip'l) degri ammortizzatori (se a drssipazione)
e rerativa
dichiarazione CE di conformità (punto 6,4);
- relazione di calcolo per la verifica del gruppo
cilindro/pistone e delle tubazioni, in relazione
ar nuovr
carichi (punto 6.9);
- lle funi dl sospensrione e dei relativi
- tà ai nuovi carichi per i componenli
e 6.g);

- dell,intelaiatura della cabina non soslit


nleressati clalla modlfica;
uovi carjchi (punto 6.9);

. i:iÍ::::i::i::l::yîi'1,:11'sfmmorrizzarori(s-e
ai reratividiagrammi);
relazione dl calcoro per ra verifica deile resistenze
deile {:ruide e der roro ,r*"isìid:'i,ii
e le difese del vano
Disegno d'assieme quotato der vano con disposizione
dr'il. p.ttm.bffir*t..,p..t.t,
del macchinario o delle Disegno d'assleme quotato relativo ai nrovi
spazl Oet ma
quale siano evidenziate le apparecchiature
installate e ol
dichiarazione dr idoneità delle strutture portanti
dell,edifi-crio:
se del caso, copia aggiornata del manuale di istruzioni
(ledere punto 1 6.3 della UNI EN 81 -2:201 0)
Caratteristiche dei cavi utilizzati (sezione. grudo di
linee elettriche esistenti
irolrinrnta

deicircuiti di potenra eGiiircu*k;rr,,'."".. grvrvvrrv'


3fî:':Y:.,,^r:tTj!jg
istruzioni per le prove di isolamenro;
- -- id.p.rtrffie',c, dlrir*era,
v'v(u'v' v' ù'uu'o4q'

copra aggi0rnata del manuale di istruzioni;


CE del tipo'r dei dispositivi elettr tenuttore di
ti elettronici, se presenti, e relati\
CE di conformità rilasciata dal cr
rurdzrur re auesranre re caratteristiche dei cavi utirizzati (serzione e grado
di isoramento), se sostituiti.
o aggiunta di - Eventuale schema erettrico aggiornato con
ruiorrirtu r* ,oo,fu.'u.pp.rtrt..
al quadro di manovra,
variazioni dello schema

- Relazione di calcolo del nuovo gruppo ciltndro-pistone:


CE deltrpol)della valvola di lrlocco o deila vatvota
:ÎlÎ,:Îii^T:*P-1
relativa dichiarazione :t3T.
CE di conformità
timftatrice dt ftusso e

- Eventuale schema idraulico aggiornato con .ui moOiii.f.,. ,pp*t.t"

UNI 10411-4:2016
uN.t.o.N
U

.:
Punti della norma
Documenti da allegare
Variazione della velocità nomiÀare
- copia dell'attestato di esame cEr del
tipol) del nuovo paracadute della cabina
e relativa dichiarazione cE
dt conformità (punto 12.2.3);

vt ammortizzatori (se a dissipazione)


e relativa

i (se ad accumulo di energia con caratteristica


lineare

delle guide e doi Inrn /^',^r^ { F\.


'nî^rò^^i ^^
i in tmtata e
Aumenlo della corsa con relativo
dell,edificic,
aumento dell'altezza del vano di - evenluale dlcnlarazione e/o documentazione
neci.sssaria a climostrare impedimenti
c0rsa oggettivi non
superabili allarealizzazione degll spazi di
sicurez:za agli estremi del vano corsa,
redatta ar sensi della
legislazionevigente2);
_ rvidenziati I tratti aggiunti e gli spazi liberi;
lrio, documentazione prevista al punto g;
,[azrone
prevista al punlo 5:
manovra, documentazione prevista
-- --'- --"v q'| wv"'p,c, ù,vu uc'a oara or rnsrarazioneì;;
;ffi;;;i
ai punti 10.1 e 10.2;

' copra det'attestato "di esam-ecE cler tipol) dei nuovi dispositivi
ic".;;ifiirllijii, ir"ì,,]i,il,
dichiarazione CE di conformità;
oi oro.co Geriàtu;;j;;;l*
- certificalo e BEI i;tggiunte;
- rerazione delle guide e dei loro qr
- "in nze^
uoùu
I n,-'-u,sA'w'
ceso r.ii
ur
'e
vo' llenze
v, uppu urrrr ruru-pistone, documentazione
ancoraggi per iI tratti
rewrqYvr vot Ud
prevista ar òúnio r r . l .
aggiunti;

cerlificato deile funi, comprensivo oetta oata


oi iruitattazone r d.r nrmer. d d"ntffi.*.*
dell'impianto:.
15 Bostituzlone del limitatore di velocjtà
Copia dell'attestato di esame
dichiarazione della rispond ì
dpl tinnl) /.1^l
del lipot) del limì+^r^"^
limitatore, ^^l
nel uasr.r ur soslruzrone del solo limifatore;
relazlone atlestante le caratteristiche
della eventuale nuova fune del limitatore
di velocità, con data di
installazione e numero di identificazione
dell,impiar.rto:
copia aggiornata del manuale di istruzioni,
se pertinente.
delle porte di piano Relazione atteslante le caratteristiche
Oette nu*e irorte:-
copia deil'attestato di esame cE der tipol)
dei nuovi dispositivi di brocco (serrature)
dichlarazione CE di conformltà; e rerativa
eventuale dichiarazione dj conformità delle porte
antincendio:
previsra, per re porte in verro
fl:Il*:îT,11T:.":i :îlîiillilSndo
copia aggiornata del manuale di isiruzioni,
se pertinenie.
o rerativo cerrificaro;

Relazione atteslante le nuove caralteristiche


Oef rnr;,tore

10411-4:2016
NOTIFICATI E ABILITATI

::--:::1-:::-:=:-:_::.::..
:!:::ì:::ì:ì:-<ìì:ì-\:ì:ìti..l:-::.:S-:..-.::: ì-:-ì:
Punti della norma
Documenti da allegare
1 B Modifica sostanziale dell'impianto a) Dati tecnici e disegni:
nel vano di corsa preesistente - dichiarazione attestanle:
- portala, velocità nominale e numero dei passeggeri;
- corsa dell'ascensore e numeÍo dei piani serviti;
- massa della cabina e del contrappeso o massa
di bilanciarnento;
- mezzi di accesso agli spazl del macchinarlo;
- . dichiarazione di idoneità delle strutture portanti
dell,edificio
- disegni e sezioni necessari per potersi rendere
conlo dell'installazione dell,ascensore, ivi compresr
i
drsegno degli spazi del macchinario e dell,apparecchiatura,
che devono indicare:
- spazi liberi all,estremità superiore del vano di
corsa e nella fossa:
- eventuali spazi accessibili sotto il vano di corsaj
- accesso alla fossa;
- difesa di protezione tra gr,i ascensori, se ve ne è più
di uno neto sresso vano di oorsa;
- indicazione dei fori per gll ancoraggi delle guide;
- posizione e principali dimensioni degli
spaii del rnacchinarí0, con Ia disposizionr; della macchina
e det principali dispositiv.
- aperture di ventirazione; soilecitazioni suil,edifici. e
sul foncro della fossa;
- accesso agli spazi del macchinario;
- postzione e dimensioni delle pulegge;
- disposizione e prlncipali dimensioni delle porte
cl,ei piani. Non è necessario rappresentare
porte se esse sono identiche.e se le distanze tutte le
tra le soglie delle porte oi plano sono inorcate;
- disposizione e dimensioni delle porte e degli sporlelli
ù ispezione e delle porte
- dimensioni della cabina e dei suoi accessi;
di soccorso,

- distanze tra ra soglia e tra la porta di cabina e ra r:rupericie


interna deila parete frontale;
- distanza orizzontare tra re porte deila cabina e
re porte dr piano chiuse;
- principali caratterisliche della sospensione:
coefli,:iente di sicurezza, funi (numero, diametro,
c0mp0sizi0ne, carico di rottura), catene (tipo, composizione,
passo, carico di rottura), se esistonoi
- disegno funzionale dispositivo a tacchetti, se esisiente:
- principalí caratteristiche della fune del
limitatore cli velocità eio della fune di sicurezza:
composizione, carico di rottura, coefficiente
di sicurezza: 'ramerro,
- dimensioni e calcolo delle guide, qualità e dimensiioni
delle supedicie di sconimento (trafilate,
fresale, rettificale):
- dimensioni e calcolo degli ammortizzalori ad accumulo
di energia con caratteristica rrneare;
-calcolo della pressione statica massimai
-calcolo del gruppo cilindro_pistone e delle tubazioni.
caratteristiche o tipo di fluido idraulico;
b) schemi elettrici:
- schemi elettrici di principio, nei quari clevono essere
ui:.irizzatiisimbori CENELEC:
- dei circuiti di potenza, e
- dei circuili connessi con i dispositivi elettrici di sicurezza;
- islruzioni per le prove di isolamento;
c) sistema idraulico:
- schema del sistema idraulico mediante i simboli
della ISO 1219_.1 :2012
d) certificati:
- copie degli attestati di esame CE del tipol) e relative
dichiamzioni CE cii conformità dei componenri
di
sicuÍeza.
- copia dei certifícati per gli attri elementi (funi, catene,
appan:;cchiature antideflagranti, vetro, ecc.)
' copia del manuale di istruzioni e dell'integrazione del
ilbretto riportante ré
se pemn€
rroiti.ni ,píortate e le
eventuali nuove caratteristiche dell,impianto,
19 Sostituzione della cabina nella Dichiarazioneattestante|ecaratteristichetecnicodirrrerlsir.ffi
stessa intelaiatura relativo disegno evidenziando, in particolare, gli
spazi liberi di sicurezza;
relazione attestante re cafatteristiche di eventuari
specchi rrlo parti vetrate.
Relazione di calcoro per ra verifica deile re.isterue
deile g-irio* ori r*..*.r.gg,
0 anal0g0 documento (vedere punto 22.2),
Alla data di pubblicazione della presente norma è
in vigore l'arlicolo 47 del Decreto der presidente
"Disposizioni legisrative in materia di documentazione - della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 448
aríminisiiativa. (reso n). ;
tz]

uf; UNI 1041 1-4:2016


@ UNI Paglna 10
UN I O N UNIONE ITALIANA ORGANISMI NOIIFICATI E ABILITATI
UNlstore -2016 - 368024

BIBLIOGRAFIA
t1l Decreto del presidente della Re
recante norme per l,attuaz:ione
semplificazione dei procedimenti pe
montacarichi, nonché della relativa I
Ufficiale della Repubblica ltaliana, N
I2l Decreto del Pres.idente..della Repubblica 28 dicembre
2000, n. 44s ,Disposizioni
legislative in materia di documentaziorre amministrativa.
(Testo A).,, (pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica ltaliana, rrrrÀeio
+à oet20 febbraio 2001,
Supplemento ordinario n, 30)
t3l Decreto del presidente della Re
recante modifiche al decreto del
162, per la parziale attuazione della
che modifica la Direttiva g5/16/CE
Gazzetta Ufficiale della Repurbblica lt
l4l Decreto del presidente della
recante semplificazione della
degli incendi, a norma dell,a
maggio 2010, n. 79, convertito, con
122" (pubblicato nella Gazzetta Uffici
22 settembre 2011)
t5l Decreto del presidente della Re
recante modifiche al decreto <iel p

i6l Decreto Ministeriale j9 marzo 2015


presentare ai fini dell'accordo prevent
cui non è possibile realizzare i pres
posizioni estreme della carbina,, (
Repubblica ltaliana, Numero 82 del 9
l7l Guida all'applicazione della Direttiva Asct,rnsori g5/16/EC,
scaricabile dalla pagina
qplî^":?,1i:11_"tqf!9" settore " ,r*Àà"ùà ensineering,, del
,dgtcr e
^?li*:*^ l a c o m m ;; ;; ; É,ril# ;jil'
flHiljn: *." "_=
1,"î:l:::^:,:.1 "1F tlll, i i
i g il';
"
UNI EN 81-71:2009 Regole di siicurezza per la costruzione e l,installazione
di
ascensori - ltpplicazioni.particolari per ascensorr per
trasporto di
persone e m<;rci - parte Z1: Ascensori resistenti
ai vandali
UNI EN 81-72:2018 Regole di sicurezza pr-.r la costruzione e I'installazione di
ascensori - lrpplicazioni particolari per ascensori per passeggeii
e per merci - Parte 72: Ascensori antincendio
UNI EN 81-73:2005 rezza par la costruzione e l,installazione di
licazioni partic_olari per ascensori per trasporto di
i - parte 73: Comportamento Oeiti asceirsorì in

UNI EN 81-80;2009 I ta coritruzione e l,installazione degli


esistenti - parte g0: Regole per il
rezza degli ascensori prer pàsseggeri e
esistenti
UNI EN 12015:2014 compatibilità erettromag.retica
- Norma per famigria di prodotti
per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili _ f-missiorìe
uNl EN 12016"2013 compatibilità erettromagnetica - Norma per famigria di prodotti
per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili _ lrimunitj
UNI EN 13015:2008 Manutenzione di ascensiori e scale mobili _ Regole per le
istruzioni di manutenzioner
UNI EN lso 12100:2010 Sicurezza dlel macchjneLrio - Principi generall
di progettazione -
Valutazione del ris:hio r_. riduzione del riscfrro
UNI EN lSo 14798:2013 Ascensori, scale mobili e marciapiedi mobiti
--Metodologia di
valutazione e riduzione dei rischi

tli UNI 1041 1-4:2016


O UNI Pagina 11
UN.I.O.N. UN ITALIANA ORGANISMI NOTIFICATI E ABILITATI
UNlstore - 2016 -

Via Sannio, 2 .20137 Milano Riproduzione vietata


I LIANO Via delle Colonnelle, 18.00196 Fomu tegge 22 aprile 1941 No 633
www,uni,com e successivi aggiornamenti.